Venerdì 3 giugno gli alunni della III e IV EDITORIALE. Cari lettori, LA MONTALE ALLA PAPAIZ PER SALUTARE IL MINISTRO TREMAGLIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Venerdì 3 giugno gli alunni della III e IV EDITORIALE. Cari lettori, LA MONTALE ALLA PAPAIZ PER SALUTARE IL MINISTRO TREMAGLIA"

Transcript

1 EDITORIALE Cari lettori, questo numero documenta una serie di attività formative che hanno interessato la Scuola Primaria, la Scuola Secondaria di I Grado e il Liceo Scientifico nell arco del secondo quadrimestre dell anno scolastico , che volge ormai al suo termine. Ci preme sottolineare l alta professionalità del corpo docente nell elaborazione di nuove strategie metodologiche che hanno consentito agli alunni di sviluppare in modo dinamico, ludico e creativo un paniere di conoscenze, abilità e competenze. Ma tutto ciò sarebbe stato impossibile senza l impegno costante della direzione nell accompagnamento dell intero processo educativo. L attuazione del Comitato Gestore nella persona del suo presidente, la dott.ssa Sandra Papaiz, è stata altrettanto decisiva per il superamento dialettico delle antitesi in funzione di una sintesi sempre aperta a nuovi cambiamenti. Una svolta epocale proposta dal Comitato è stata approvata nella riunione dei soci fondatori, benemeriti e contribuenti l 11 giugno Si tratta dell introduzione della figura del socio sostenitore, il cui compito sarà quello di dotare la Scuola di nuove risorse umane e materiali per il rafforzamento del nostro progetto educativo. Ringraziamo tutti quelli che hanno collaborato alla stesura di questa edizione. Abbiamo sudato sette camicie per farvi avere IL GIRASOLE prima delle vacanze di luglio, credeteci! Ora vi lasciamo in buona compagnia. E ci auguriamo che la lettura di queste pagine possa offrirvi nuovi orizzonti di riflessione, di piacere e di scoperta. Buona degustazione! E buone vacanze! Carlo Alberto Dastoli LA MONTALE ALLA PAPAIZ PER SALUTARE IL MINISTRO TREMAGLIA Venerdì 3 giugno gli alunni della III e IV del Liceo Scientifico Eugenio Montale sono andati, accompagnati dalla preside Mariangela Lanzillotta e dal prof. Lorenzo Gemma, alla sede dell industria Papaiz a Diadema dove si è tenuto un evento d inaugurazione della sezione brasiliana della Confederazione degli Imprenditori Italiani nel Mondo (CIIM). A questa cerimonia era presente l On. Ministro Mirko Tremaglia, ministro per gli italiani nel mondo, che ha tenuto un bellissimo discorso sull operosità e sull imprenditorialità del popolo italiano, citando spesso il virus dell italianità precedentemente menzionato dalla nostra presidente Sandra Papaiz. da sinistra: L On. Tremaglia, la preside Lanzillotta, l allievo D Amico; in fondo: la dott.ssa Sandra Papaiz Alcuni alunni della III e IV Liceo Prima della conclusione dell incontro, l allievo Danilo D Amico (IV liceo) ha offerto un piccolo omaggio in nome della nostra comunità scolastica consegnando al ministro una medaglia commemorativa della scuola. Gilda Silva, III Liceo 01

2 CRONACA DELLA GIORNATA DEI Maria Lúcia è la mamma di una nostra compagna di classe, Laura. Lavora in uno studio odontoiatrico ed è medico. Il sette marzo Maria Lúcia è venuta a scuola per insegnarci come prendere cura dei denti. Prima abbiamo imparato come si realizza un modello dell arcata dentaria. La maestra si è prestata come volontaria e Maria Lúcia ha fatto l impronta dei suoi denti. (testo collettivo) Molto tempo fa... Gli uomini primitivi avevano le mascelle e i denti molto forti. Tutti avevano i denti del giudizio. Il dente del giudizio è il terzo molare ed è l ultimo a nascere. Ci sono alcune persone a cui il dente del giudizio non nasce; ad altre persone nasce, ma alle volte bisogna toglierlo perché la mascella è molto piccola. (Luna, Ana Paula e Sylvia) Cos è e come si forma la placca batterica La placca batterica si forma con la saliva e attacca principalmente di notte perché non c è molta saliva nella bocca. La placca batterica si forma con i resti di cibo uniti alla saliva ed è per questo che dobbiamo lavare i denti e passare il filo interdentale dopo i pasti e anche prima di andare a dormire. (Heitor e Gianmarco) La grandezza della bocca della maestra Raffaella è numero 2. (La grandezza della bocca della Daniela Cicarelli deve essere numero 1952). La maestra ha 2 dei 4 denti del giudizio. Maria Lúcia ha portato anche l impronta dei denti di Laura e Ana Paula. I denti di Laura e di Ana Paula sono dentizioni miste perché hanno denti da latte e permanenti. La differenza dei denti da latte e dei permanenti è che i denti da latte cadono e i permanenti no. Noi abbiamo visto la radiografia della bocca di Ana Paula e abbiamo potuto vedere i suoi denti permanenti dentro la gengiva. Quando i permanenti sono pronti per uscire, i denti da latte cadono. (Vitoria e Laura) 24

3 La carie La mamma di Laura ci ha spiegato che l ora preferita dei batteri per attaccare i denti è di notte. Di giorno la lingua e la saliva puliscono un po i denti e di notte no perché non parliamo. I batteri provocano la carie: cominciano a mangiare il cibo e con il tempo fanno un buco piccolo nel dente. Il dentista, se lo vede, lo copre con la resina ma se noi non andiamo dal dentista, la carie corrode la dentina e dopo va nella polpa e comincia a fare male. A questo punto il dente perde la vita perché si deve togliere il nervo, e un dente senza vita diventa piú fragile e si può rompere. Se l infezione è molto grave, bisogna togliere il dente. (Bianca, Giuliana, Beatriz) La corretta igiene boccale Metti lo spazzolino inclinato lungo la linea della gengiva. Pulisci delicatamente la superficie esterna dei denti superiori e inferiori con movimenti circolari. Pulisci le superfici interne di ogni dente. Continua con la superficie masticatoria, facendo movimenti circolari. Delicatamente pulisci la lingua per non alimentare i batteri e per rinfrescare l alito. Taglia approssimativamente 45 cm di filo interdentale e arrotolalo alle dita medie di tutte e due mani lasciando più o meno 12 cm tra l una e l altra mano. Scivola delicatamente tra i denti fino ad arrivare sotto la linea della gengiva. È importante avere una alimentazione sana e, più importante ancora, controllare l uso dello zucchero e dei carboidrati. Devi evitare i residui di cibo che rimangono per molto tempo nella bocca, per evitare l aumento del livello di acidità e quindi il rischio della carie. (Gabriela, Mariana, Giovanna) Maria Lúcia ci ha detto che non si può tenere molto il ciuccio e il biberon perchè se no ti vengono i denti sporgenti. Maria Lúcia ci ha raccontato anche che c`era una bambina che da piccolina aveva tenuto molto, anzi troppo il ciuccio. Quando è diventata grande, si metteva il rossetto, sorrideva e si vedeva brutta. Per risolvere questo problema ha dovuto mettere l apparecchio. Oggi il suo sorriso è molto più bello. C era anche una bambina che aveva un po lo stesso problema dell`altra bambina, cioè aveva i denti sporgenti, ma poi si sono messi a posto da soli. (Giulia, Maria Clara e Mikaela) Brutte abitudini Il signor Carlos, da piccolo non lavava i denti e non aveva una dentizione perfetta. Aveva un serio problema dentale perché aveva la gengiva infiammata e l osso del dente è rimasto piccolo. I denti permanenti hanno cominciato a muoversi e a cadere. Quando Carlos era piccolo non c erano dentisti professionisti. Ma oggi sta trattando meglio i denti con un professionista. (Filippo, Gabriel, Giovanni) 25

4 PICCOLI CONSUMATORI CRESCONO SI IMPARA ANCHE ALL IPERMERCATO A volte può essere utile uscire da scuola e imparare altrove La vita è una sfida continua che ci presenta difficoltà generalmente proporzionali alle nostre capacità risolutive. Ogni problema risolto costituirà comunque un esperienza in più che ci potrà aiutare a risolvere meglio le difficoltà future. Di fronte ad una situazione problematica l ideale sarebbe riuscire a mantenere la calma per analizzare obiettivamente la situazione, ipotizzare le alternative, ascoltare e considerare le opinioni altrui, esporre e difendere il proprio punto di vista, riconsiderare i propri concetti, decidere il percorso risolutivo, concentrarsi sull obiettivo con fiducia e determinazione. Tutto è semplice, in teoria. Nella pratica, affrontare le situazioni problematiche in modo adeguato è un abilità che si può acquisire solo con una buona dose di esperienza. La scuola può offrire ai bambini l opportunità di esercitare queste pratiche e di stimolare quindi una necessaria crescita a livello individuale e sociale. Le moderne linee educative mirano infatti a formare cittadini coscienti, socialmente integrati e collaborativi, onesti, rispettosi e in grado di risolvere le problematiche in forma autonoma e democratica. Ma come sviluppare nei giovani queste capacità? Applicando tecniche specifiche, si possono creare in laboratorio delle dinamiche di gruppo affinché i bambini possano esercitare queste abilità e possano percepire e correggere tendenze e atteggiamenti pregiudiziali. Il successo è garantito: tutti sappiamo quanto sia più efficace per un bambino ricevere una lezione di morale dai coetanei che non dall insegnante o da un genitore. Venerdì 1º aprile i bambini della IIIA e IIIB si sono recati al supermercato a fare la spesa. Avventura all Extra, come l ha definita un bambino. L attività aveva come obiettivo programmatico quello di fornire stimoli e materiale di lavoro per la comprensione del sistema monetario brasiliano, per comprendere situazioni problematiche più complesse, per operare con i numeri decimali. Ogni bambino disponeva di 5 reais da spendere autonomamente per comprare la merenda, e dopo, con i soldi avanzati, ognuno avrebbe potuto acquistare altri prodotti a scelta. Alcuni bambini, dopo aver verificato che era più conveniente comprare una merenda da dividere in gruppo che non tante porzioni individuali, si sono accordati con altri per trovare una soluzione più vantaggiosa. Bambini particolarmente economi hanno addirittura comprato il pane e il prosciutto e hanno montato là i loro panini. Dopo la merenda si sono formati altri gruppi; non piú con gli stessi interessi gastronomici, ma con l intento di riunire i loro averi per fare altri acquisti comunitari. 04

5 Le esperienze vissute sono state di una incredibile ricchezza. Per tutti. Dei bambini sono arrivati alla cassa con due giocattoli. Il totale però è risultato superiore a quello previsto (avevano contato male i loro averi) e così hanno dovuto rinunciare ad uno dei due giochi. Ma l attesa del supervisore che doveva annullare l acquisto, è stata troppo lunga e a poco a poco i componenti del gruppo si sono dispersi. Alla cassa è rimasto un unico bambino che, finalmente in possesso dello scontrino e del resto, mi ha chiesto se fra tutti i componenti. Gli insegnanti avevano la funzione di osservare e registrare tutte le dinamiche e le discussioni accese dalle innumerevoli varianti situazionali. Gli interventi sono stati minimi. Personalmente ho sentito il dovere di intervenire quando ho notato che i bambini si associavano apportando contributi economici di diverso valore. Ragionando cioè come un adulto e avendo come riferimento il pensiero matematicamente corretto, pensavo e speravo che i bambini La risposta è stata illuminante e rispecchia la logica socialmente corretta dei bambini: ognuno ha potuto partecipare secondo le proprie possibilità. È un atteggiamento presumibilmente istintivo, che ci può far riflettere su quanto sia potenzialmente facile educare un bambino all integrazione sociale. Una bella lezione per noi adulti matematicamente corretti. Forse il modo migliore per aiutare i bambini a crescere è più semplice di quanto possa sembrare. In fondo, in questo mondo così contradditorio, molti problemi siamo proprio noi che glieli creiamo. poteva comprare delle caramelle. Gli ho ricordato che l accordo era che avrebbero dovuto gestire i loro soldi in forma autonoma e che pertanto questa era una decisione che spettava a lui. Quando gli altri componenti del gruppo l hanno rivisto, il bambino in questione si stava avviando alla cassa per effettuare il dolce acquisto. Gli hanno chiesto spiegazioni e si sono sentiti dire che i soldi glieli aveva dati la cassiera. È sorta una discussione. Subito qualcuno ha suggerito di sedersi a terra in cerchio e la riunione sul pavimento del supermercato si è risolta rapidamente in un comune consenso: i soldi erano di tutti. Così le caramelle sono state comprate e suddivise equamente mettessero in moto le loro calcolatrici per dividere il prezzo dell acquisto in tante parti rigorosamente uguali. Ho chiesto quindi al gruppo che stavo accompagnando, se considerava giusto che un bambino partecipasse con 1 real e un altro con 4, considerando anche che quest ultimo si era prodigato per spendere poco per la merenda. Col tono paziente di un saggio guru, un bimbo mi ha detto: Certo che è giusto, perché cosí possiamo comprare il gioco. Lo sanno anche i bambini È ora di cominciare a farci un bell esame di coscienza per vedere se, nella pratica della quotidianità, il nostro comportamento è coerente con i principi e le abilità che noi vorremmo sviluppare in loro. Magari potremmo sederci anche noi in cerchio, per discutere civilmente e trovare un consenso su come collaborare in modo costruttivo alla crescita dei nostri bambini. Investire in questo senso è fondamentale. E quando c è un obiettivo comune e un comune rispetto, il percorso per risolvere le questioni problematiche è più facile. Raffaella Pezzilli 05

6 Una giornata di acquisti all ipermercato L Extra è un ipermercato grande ed è vicino alla nostra scuola. Un giorno ci siamo andati con le insegnanti. La luce era forte, bianca, rettangolare e la distanza di una dall altra era, più o meno, di 4 metri. C erano elettrodomestici, alimenti caldi, freddi e a temperatura ambiente, giochi, piante, indumenti sportivi e intimi per tutte le età. In fondo all Extra c erano dei banconi-bar con alimenti pronti. All ingresso c erano delle telecamere che registravano tutte le persone che entravano. E c erano casse rapide per chi faceva poca spesa e casse comuni per chi aveva i carrelli pieni. Si sentivano molte voci, i carrelli che passavano, le voci registrate che indicavano promozioni e, il rumore delle casse. C erano odori delle piante, della frutta e del caffè. Io ho mangiato solo un hot dog e mi ricordo solo del suo gusto. (Gianmarco Castro) Un grande ipermercato Appena entrati nell ipermercato, abbiamo visto una televisione che riprendeva le persone che entravano e uscivano dall Extra per ragioni di sicurezza. Le immagini cambiavano quindi c era piú di una telecamera. Dopo essere entrati nell Extra ci siamo inoltrati nei vari reparti di ogni genere: di giochi, della scuola, dei Cd, degli elettrodomestici... Poi abbiamo fatto i gruppi, per andare a prendere i giochi o altre cose. Arrivati agli scaffali abbiamo iniziato a guardare i giochi, noi abbiamo notato che gli scaffali hanno dei cartellini con su scritto il prezzo del gioco. C erano tipi di prodotti diversi: c erano le bambole, le Barbie, i quaderni, i colori, le matite... C erano cose per maschi e cose per femmine e cose per tutti e due, tipo: i quaderni, le matite, gli astucci... Quando siamo arrivati alla cassa ce n erano di diversi tipi; c erano delle casse dove andavano solo le persone col carrello pieno di cose, invece c era una cassa dove andavano le persone che avevano poche cose, che si chiama cassa rapida. Lì ci siamo andati anche noi, ed è stato molto utile perché abbiamo velocizzato i tempi. (Mariana Jeannetti e Giulia Impelluso) 06

7 Una giornata all ipermercato Siamo entrati all ipermercato e abbiamo fatto la merenda in un bar. Dopo abbiamo organizzato i gruppi e alcuni gruppi hanno comprato giochi, cd e cose per la scuola con il resto dei soldi della merenda. É stato molto difficile scegliere i giochi, ma siamo riusciti ad organizzare tutto. E dopo i gruppi si sono recati alla cassa per pagare quello che avevano comprato. I gruppi e le maestre sono andati in un bar fuori dell Extra, lì ci siamo riuniti e insieme siamo tornati a scuola. (Laura Oliva e Maria Clara Sosa) Una giornata al mercato: quale sistema di spesa è risultato più conveniente? Maria Clara è stata quella che più ha speso con la merenda, Igor Von e Ramon sono quelli che hanno speso meno con la merenda. Chi ha comprato un dolce e l acqua ha speso piú di un pacchetto di pane. Chi ha fatto un gruppo ha speso di meno e ha avuto più resto per comprare delle cose o per avere dei giochi, gomme da masticare o caramelle alla menta. Il gruppo delle bimbe ha risparmiato di più del gruppo dei bimbi. Le bambine hanno risparmiato R$ 11,60 per comprare le matite, che costano R$0,60 e pastelli a cera che costano R$ 0,99 e quaderni che costano R$ 1,00. (Heitor Gartner, Mikaela Bonetto, Ana Paula Percario) Una giornata ll ipermercato: le scelte del gruppo Ci siamo uniti in gruppi di due, tre, eccetera... e abbiamo mangiato la merenda in gruppo. Uno dei gruppi era formato da Giovanni (ossia io) e Gabriel. Quando abbiamo finito abbiamo detto a Pippo, Gianmarco e Heitor se volevano mettere i soldi insieme per comprare un gioco. Quando siamo arrivati alla sezione dei giochi Pippo vedeva i giochi da tavolo mentre io e Gabriel vedevamo se c erano i lego, quando abbiamo trovato i lego abbiamo visto i prezzi. Costavano R$144, 99, 24, 177 e 97. Heitor guardava i pupazzi, invece Gianmarco aspettava che qualcuno gli dicesse cosa gli piaceva. Alla fine abbiamo comprato con i soldi di Igor, Maria Clara, Pippo, Gabriel, Gianmarco, Heitor e Giovanni (ossia io) il Super Trunfo degli squali!!!. (Giovanni D Ermoggine e Igor Vecchi) 07

8 Il 6 maggio la Scuola ha allestito la tradizionale Mostra di Scienze, in cui gli alunni si apprestano ad approfondire in modo pratico gli argomenti che hanno suscitato maggiormente il loro interesse. È sempre un ottima occasione per loro, sia dal punto di vista didattico, sia perché hanno modo di mettere in atto le abilità e capacità che tutti possiedono. Ci sono stati, infatti, bellissimi lavori, creativi, spiegati a puntino e che contemporaneamente rispettavano il rigore scientifico richiesto. Non si evidenziano mai abbastanza le potenzialità dei nostri ragazzi, ma le Mostre, di Scienze, di Arte, del Libro, tanto per nominarne alcune, ne mettono in risalto le grandi capacità. I lavori sono stati valutati da una giuria composta da insegnanti che avevano attinenza con la Scienza, in questo caso i professori Giorgio Bianchini, Susanna Battaglio, Maria Santancini e Mariangela Lanzillotta. I voti ricevuti dagli allievi sono stati un riflesso del loro impegno ed entusiasmo. Nelle foto che illustrano questa pagina vediamo alcuni esempi di quanto vi dicevo. Anna Laura Andreotti 6 e 7: i giorni che sconvolsero la Scuola I giorni 6 e 7 maggio si è svolta presso i locali della scuola la IX Mostra di Scienze. Nata anni fa per iniziativa della prof.ssa Andreotti, questa mostra si è innestata nel tessuto della Montale ed è divenuta tappa fondamentale, quasi un arrivo finale, del processo didattico delle Scienze. Il lavoro creativo dei nostri piccoli uomini di Scienza può essere a volte poco tecnico o poco metodico, però è sempre originale e simpatico. Al di là delle classifiche (sempre discusse) tutti i nostri sono arrivati bene! Complimenti a tutti. Giorgio Bianchini 26

9 Questo gruppo ha scelto come tema lo Tsunami: Sabrina Mela, Julia Battistetti, Giulia Brancher e Giulia Trufelli Un esempio di Maremoto, lavoro scelto da Giacomo Matrone, Dario Dragone, Giovanni Bartolini e Donato Galvez, della II media. Il gruppo formato da Luca Castro, Fabio Piatti, Thiago Graziano e Carlo Mazzaferro ha costruito e fatto funzionare una Centrale Idroelettrica, che ha reso loro il 1º posto della classe. L Energia Eolica, ottimo lavoro della III media. Da sin. Nicholas Brancher, Enrico Susini, Luca Lasalandra e Marco Brancher. 1º posto. Questo gruppo ha scelto di studiare il Sangue. Da sin. Stefani Vicidomini, Pierluigi Papaiz, Rebecca Brissi, Isadora Martins e Theodora Toldo. La Gravità. Da sin. Bruna Custodio, Carolina Lelis dos Santos, Luciana Sanches, Carolina Monteiro e Renata Castanho. 27

10 Uma porta para a Educação e a Cultura A Montale é, desde sua origem (1982), um projeto educativo bilingüe e bicultural que tem como diferencial a formação integral do aluno e a convivência com a diversidade; Oferece todos os segmentos da escolaridade (de Educação Infantil a Ensino Médio); Reconhecida pelos governos italiano e brasileiro com títulos de estudo válidos no Brasil e na União Européia; Associação Educacional sem fins lucrativos em que a participação dos pais é diferenciada; Período Integral das 8h às 15h30; Oferece também cursos livres de dança, capoeira, música, teatro, entre outros.

RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero)

RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero) RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero) Ins. Margherio Guglielmina. Scuola Primaria di Mazzè. Classe Seconda. Anno scolastico 2013-2014 Gli incontri con il prof. Trinchero sono stati molto

Dettagli

Nella stesura del percorso di scienze per la classe seconda ho desiderato

Nella stesura del percorso di scienze per la classe seconda ho desiderato LA LINGUA E I DENTI dall albero al corpo umano in seconda primaria di Silvia Bonati* Può iniziare il percorso di conoscenza del corpo umano nella classe seconda della scuola primaria. Un percorso che,

Dettagli

Igiene orale Conoscenza e cura dell'apparato dentale

Igiene orale Conoscenza e cura dell'apparato dentale Scuola Primaria Paritaria «San Giuseppe» Foggia Igiene orale Conoscenza e cura dell'apparato dentale 17 e 24 aprile 2012 Dott. Felice Lipari odontoiatra IL SORRISO Ciao, amici, sapete che il nostro sorriso

Dettagli

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati *Dopo il primo incontro con la monaca buddista Doyu Freire, i bambini sono stati invitati a raccontare liberamente l esperienza, appena fatta,

Dettagli

Workshop al Liceo Scientifico G. Galilei sulla Globalizzazione e Fraternità

Workshop al Liceo Scientifico G. Galilei sulla Globalizzazione e Fraternità Workshop al Liceo Scientifico G. Galilei sulla Globalizzazione e Fraternità Il 6 dicembre 2013, grazie alla collaborazione tra il Liceo Scientifico G. Galilei e L Associazione AMU-Azione per un Mondo Unito

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

SPORCHICINI NASCOSTI TRA I DENTINI

SPORCHICINI NASCOSTI TRA I DENTINI Daniela Batisti SPORCHICINI NASCOSTI TRA I DENTINI Guida per mamme e papà alla prevenzione della carie Daniela Batisti, Sporchicini nascosti tra i dentini Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale

Dettagli

IN BOCCA: VARIE FASI DELLA MASTICAZIONE

IN BOCCA: VARIE FASI DELLA MASTICAZIONE IN BOCCA: VARIE FASI DELLA MASTICAZIONE (Disegni e idee dei bambini) Noi, prima di introdurre il cibo nella bocca, la apriamo. Ora siamo pronti ad introdurre il cibo in bocca. Introdotto il cibo, la bocca

Dettagli

Un sorriso da salvare

Un sorriso da salvare R O T A R Y I N T E R N A T I O N A L Service Above Self He Profits Most Who Serves Best DISTRETTO 2110 SICILIA E MALTA - ROTARY CLUB COSTA GAIA Un sorriso da salvare Progetto prevenzione della carie dentale

Dettagli

Unità di Lavoro su GRUPPO. Direzione Didattica Russo Milano Classe II A docente Giulia Cipolla

Unità di Lavoro su GRUPPO. Direzione Didattica Russo Milano Classe II A docente Giulia Cipolla Unità di Lavoro su GRUPPO Direzione Didattica Russo Milano Classe II A docente Giulia Cipolla MAPPA CONCETTUALE TRIBÙ insieme di CLAN insieme di FAMIGLIE GRUPPO organizzato variabile nel TEMPO SPAZIO generato

Dettagli

A tutti i bambini Grazie per i vostri dentini!

A tutti i bambini Grazie per i vostri dentini! A tutti i bambini Grazie per i vostri dentini! I denti sono un bene prezioso! Ci aiutano a: 1. MASTICARE 2. PRONUNCIARE BENE LE PAROLE 3. AVERE UN BEL SORRISO Sai chi è l igienista dentale? L igienista

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA G. PASCOLI - SCUOLA PRIMARIA L. DA VINCI

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA G. PASCOLI - SCUOLA PRIMARIA L. DA VINCI PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA G. PASCOLI - SCUOLA PRIMARIA L. DA VINCI INSEGNANTI DELLA SEZIONE 5 ANNI G. PASCOLI INSEGNANTI DELLE CLASSI 1ª E 5ª DELLA SCUOLA PRIMARIA L. DA VINCI ANNO SCOLASTICO

Dettagli

U.O.C. MATERNO INFANTILE U.O. PEDIATRIA DI COMUNITA

U.O.C. MATERNO INFANTILE U.O. PEDIATRIA DI COMUNITA Regione del Veneto Azienda Unità Locale Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO U.O.C. MATERNO INFANTILE U.O. PEDIATRIA DI COMUNITA educazione alla salute come avere denti da campione prevenzione

Dettagli

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e siccome la valutazione si basa sulle abilità dimostrate

Dettagli

ECONOMIA E QUALITA DELLA VITA a misura di bambino RICORDANDO DANIELA FURLAN IL PROF. BARATELLA E TANTI ALTRI...

ECONOMIA E QUALITA DELLA VITA a misura di bambino RICORDANDO DANIELA FURLAN IL PROF. BARATELLA E TANTI ALTRI... ECONOMIA E QUALITA DELLA VITA a misura di bambino RICORDANDO DANIELA FURLAN IL PROF. BARATELLA E TANTI ALTRI... 1 2 DENARO EURO ALTRE VALUTE CAMBIO CALCOLI BANCONOTE MONETE STORIA del denaro CONIO ALTRI

Dettagli

ALL ARREMBAGGIO DELLA MATEMATICA!

ALL ARREMBAGGIO DELLA MATEMATICA! ISTITUTO COMPRENSIVO SAN FRANCESCO D ASSISI SCUOLA PRIMARIA EX REDENTORISTI COSSILA SAN GIOVANNI- BIELLA Classe seconda, A.S. 2013/2014 ALL ARREMBAGGIO DELLA MATEMATICA! DOCENTE: BRUNA RAMELLA PRALUNGO

Dettagli

Perche l, igiene orale si impara da piccoli!

Perche l, igiene orale si impara da piccoli! Prevenzione avanzata della carie Perche l igiene orale si impara da piccoli! I tuoi denti.. un mondo pieno di sorprese Lo sapevi che......i tuoi primi dentini si sono formati ancor prima di nascere? Nella

Dettagli

SCONFIGGERE LA CARIE DENTALE OGGI SI PUO! COME FARE CE LO SVELA L IGIENISTA DENTALE

SCONFIGGERE LA CARIE DENTALE OGGI SI PUO! COME FARE CE LO SVELA L IGIENISTA DENTALE ARTICOLO CASTELLETTO TICINO SCONFIGGERE LA CARIE DENTALE OGGI SI PUO! COME FARE CE LO SVELA L IGIENISTA DENTALE Esiste un miglior biglietto da visita di un bel sorriso? La nostra epoca è sicuramente dominata

Dettagli

Corsista: Monica Cucchiaro Neoassunti 2008. Costruire unità di apprendimento a partire dalla propria esperienza professionale

Corsista: Monica Cucchiaro Neoassunti 2008. Costruire unità di apprendimento a partire dalla propria esperienza professionale Costruire unità di apprendimento a partire dalla propria esperienza professionale Obiettivi: 1. Analizzare un percorso educativo realizzato in riferimento ai nuovi ordinamenti 2. Individuare il riferimento

Dettagli

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA!

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! I piccoli reporter della Guglielmo Marconi intervistano la dott.ssa Laura Bottini, psicologa che collabora con il nostro istituto. A cura del gruppo 4 dei Piccoli Reporter Quando

Dettagli

GUIDA PER L INSEGNANTE

GUIDA PER L INSEGNANTE LEGGO IO CONCORSO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Progetto didattico: Maria Corno Progetto grafico e realizzazione editoriale: Noesis - Milano Illustrazioni: Archivio Piemme 2015 - Edizioni Piemme S.p.A., Milano

Dettagli

AREA DISCIPLINARE : ITALIANO - EDUCAZIONE ALL'IMMAGINE

AREA DISCIPLINARE : ITALIANO - EDUCAZIONE ALL'IMMAGINE CLASSE 4^ A -Soresina AREA DISCIPLINARE : ITALIANO - EDUCAZIONE ALL'IMMAGINE FINALITA' Riflettere sulla propria identità - maschio-femmina- per imparare a valorizzare le differenze come un'opportunità

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE «PANTINI PUDENTE» VASTO (CH) IL MAGGIO DEI LIBRI nella SCUOLA

Dettagli

Un sano sorriso... per il tuo bambino

Un sano sorriso... per il tuo bambino Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Provincia Autonoma di Trento Direzione per la promozione e l educazione alla salute Dipartimento di Odontostomatologia Un sano sorriso... per il tuo bambino Progetto

Dettagli

Dopo le vacanze natalizie l attenzione dei bambini si è rivolta. prevalentemente nella ricostruzione della propria storia.

Dopo le vacanze natalizie l attenzione dei bambini si è rivolta. prevalentemente nella ricostruzione della propria storia. Dal diario di bordo, relazione lavoro di storia, terzo bimestre. La mia storia, alla ricerca delle fonti. Dopo le vacanze natalizie l attenzione dei bambini si è rivolta prevalentemente nella ricostruzione

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

4 Consigli per una gita in fattoria. La guida per organizzare al meglio la visita alla fattoria didattica. Una guida a cura della Redazione di:

4 Consigli per una gita in fattoria. La guida per organizzare al meglio la visita alla fattoria didattica. Una guida a cura della Redazione di: 4 Consigli per una gita in fattoria La guida per organizzare al meglio la visita alla fattoria didattica Una guida a cura della Redazione di: PERCHÉ UNA GITA IN FATTORIA? I motivi per fare una gita in

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

IL PERCORSO DEL MAESTRO ENRICO GALLO E DEI BAMBINI DELLA V^A DI BANCHETTE (IVREA) E DEL LABORATORIO DI INFORMATICA a.s. 2011-2012

IL PERCORSO DEL MAESTRO ENRICO GALLO E DEI BAMBINI DELLA V^A DI BANCHETTE (IVREA) E DEL LABORATORIO DI INFORMATICA a.s. 2011-2012 IL PERCORSO DEL MAESTRO ENRICO GALLO E DEI BAMBINI DELLA V^A DI BANCHETTE (IVREA) E DEL LABORATORIO DI INFORMATICA a.s. 2011-2012 Ho seguito, insieme ai miei alunni, due percorsi differenti che poi si

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM Biblioteca Interculturale Mobile Nei libri il mondo Classe I - II A docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti

Dettagli

La storia di Quim....ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay

La storia di Quim....ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay La storia di Quim...ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay Editorial Glosa, S.L. Avinguda de Francesc Cambò, 21 V Piano 08003 Barcellona Telefono: 932 684946 / 932

Dettagli

Laboratorio in classe: tra forme e numeri Corso organizzato dall USR Lombardia. GRUPPO FRAZIONI SCUOLA PRIMARIA-CLASSE I a.s.

Laboratorio in classe: tra forme e numeri Corso organizzato dall USR Lombardia. GRUPPO FRAZIONI SCUOLA PRIMARIA-CLASSE I a.s. Laboratorio in classe: tra forme e numeri Corso organizzato dall USR Lombardia GRUPPO FRAZIONI SCUOLA PRIMARIA-CLASSE I a.s.2009/2010 Componenti del gruppo Mimma Dinoi è insegnante di scuola primaria e

Dettagli

Eccoci qua a raccontarvi la prima tappa del nostro viaggio di crescita, di scoperte e di conquiste!!! CONIGLIETTI SCOIATTOLI VOLPI TOPINI

Eccoci qua a raccontarvi la prima tappa del nostro viaggio di crescita, di scoperte e di conquiste!!! CONIGLIETTI SCOIATTOLI VOLPI TOPINI Eccoci qua a raccontarvi la prima tappa del nostro viaggio di crescita, di scoperte e di conquiste!!! CONIGLIETTI Siamo il gruppo più numeroso della scuola e assieme alle maestre Meri e Silvia siamo diventati

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

La nostra biografia. Chi era Arturo Varaia?

La nostra biografia. Chi era Arturo Varaia? La nostra biografia Ecco la rielaborazione degli alunni di 5^ dell anno scolastico 2006/2007 delle notizie acquisite dalla lettura della sua biografia e dall incontro con il prof. Paolo Storti, ex allievo

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE?

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE? SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 PROGETTO SCIENTIFICO di Marica Loppo Gruppo anni 5 LA MEMORIA è una GRANDE CASA in cui si depositano le informazioni recuperate con l aiuto dei sensi (LE FINESTRE)

Dettagli

GLI ALUNNI DELLA I A

GLI ALUNNI DELLA I A GLI ALUNNI DELLA I A Descrivi la festa di Halloween soffermandoti sui preparativi, che l hanno preceduta, sul suo svolgimento e parla delle tue impressioni al riguardo. Con la scuola elementare di Puccianiello

Dettagli

E LA SALUTE DEI DENTI

E LA SALUTE DEI DENTI IO & OTTAVIO Due amici per denti più felici E LA SALUTE DEI DENTI Yep! La salute della comunità degli emofilici passa anche attraverso la salute della bocca. La FedEmo promuove l alleanza tra il S.S.N.,

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C Il percorso didattico dedicato agli alberi è iniziato il 19 11 2010, all'interno del progetto Ambiente dedicato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 Il Progetto Teatro viene proposto ogni anno a gruppi di classe individuati in base alle scelte

Dettagli

So quello che voglio! Compro quello che voglio!

So quello che voglio! Compro quello che voglio! So quello che voglio! Compro quello che voglio! Le persone con disturbi dell apprendimento hanno la capacità di scegliere i loro servizi di assistenza. Questo libricino è scritto in modo che sia facile

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Anno Scolastico 2012/2013 Scuola Primaria G. Lodi Crevalcore

Anno Scolastico 2012/2013 Scuola Primaria G. Lodi Crevalcore Anno Scolastico 2012/2013 Scuola Primaria G. Lodi Crevalcore Gemellaggio tra la Classe V B della Scuola Primaria G. Lodi e le Classi V A e V E della Scuola Primaria di Bollate Insegnante Carla Poppi La

Dettagli

Scuola dell infanzia di Montefano Progetto per la Valutazione e il miglioramento del POF RELAZIONE FINALE

Scuola dell infanzia di Montefano Progetto per la Valutazione e il miglioramento del POF RELAZIONE FINALE INDICE 1. Premessa 2. Percorso Progettuale 2.1 Nuclei concettuali affrontati durante gli incontri con il gruppo dei bambini 2.2 Didattica sul metodo scelto 3. Conclusione del Progetto Relazione dell insegnante

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare. Disciplina: Lingua italiana IL DIARIO

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare. Disciplina: Lingua italiana IL DIARIO Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Disciplina: Lingua italiana IL DIARIO Livello: A2 Gruppo 12 Autori: Bombini Lucia, Dal Pos Claudia, Galet Daniela, Pradal Paola Anna, Simionato Francesca

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali

Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali Autore: Fabio Bocci Insegnamento di Pedagogia Speciale, Università degli Studi Roma Tre 1. Quando l insegnante parla alla classe, di solito io :

Dettagli

Perché affrontare il tema dell inquinamento?

Perché affrontare il tema dell inquinamento? Perché affrontare il tema dell inquinamento? Il problema dell'inquinamento dell'aria a Piacenza è serio e grave. Naturalmente sappiamo che non è grave solo nella nostra città, ma in tutta l Emilia Romagna

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

PROBLEMI DI MISURA. Graziella Marcus I.C.di Roveredo in Piano e San Quirino - PN. Classe Quinta 22/02/12

PROBLEMI DI MISURA. Graziella Marcus I.C.di Roveredo in Piano e San Quirino - PN. Classe Quinta 22/02/12 PROBLEMI DI MISURA Graziella Marcus I.C.di Roveredo in Piano e San Quirino - PN Classe Quinta 22/02/12 Panoramica progetto Descrizione generale di argomento e contenuto Obiettivi formativi (conoscenze/abilità/

Dettagli

1. Come è nata l esperienza

1. Come è nata l esperienza Storia di una collaborazione di Maurizio Cattaneo, docente di sostegno pedagogico e Antonella Frezza, docente di matematica Rivista del Servizio di sostegno pedagogico della Scuola media, no. 12, marzo

Dettagli

Concorso CESAR Cibo sano, cibo per tutti

Concorso CESAR Cibo sano, cibo per tutti Classi terze A e B Scuola Primaria Statale Teresio Olivelli - Sale di Gussago (BS) ISTITUTO COMPRENSIVO DI GUSSAGO Concorso CESAR Cibo sano, cibo per tutti A.S. 2013/2014 Ho sentito che il 20 novembre

Dettagli

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alice (15 anni, II ITIS, 8 sett. Appr. Cooperativo, marzo-aprile 2005) E una ragazzina senza alcun problema di apprendimento

Dettagli

scuola elementari kugy - scuola materna rutteri 13 maggio 2011 LA PRIMA FESTA DI PRIMAVERA che bella giornata o no?!!

scuola elementari kugy - scuola materna rutteri 13 maggio 2011 LA PRIMA FESTA DI PRIMAVERA che bella giornata o no?!! scuola elementari kugy - scuola materna rutteri 13 maggio 2011 LA PRIMA FESTA DI PRIMAVERA che bella giornata o no?!! Quest anno il comitato genitori della scuola di Banne ha organizzato in concomitanza

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Fate clic per aggiungere testo

Fate clic per aggiungere testo Fate clic per aggiungere testo UN PESCE IN CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Sandro Pertini Vernio Fate clic per PRATO aggiungere testo Scuola dell Infanzia Collocazione del percorso effettuato nel curricolo

Dettagli

L esperienza della. quando Una città è a misura di bambino? Luca Signorelli ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

L esperienza della. quando Una città è a misura di bambino? Luca Signorelli ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE L esperienza della progettazione partecipata della ludoteca di Cortona ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Luca Signorelli La ludoteca di cortona Lunedì, mercoledì e venerdì, dalle 16:00 alle 19:00. Luogo

Dettagli

Introduzione Surfing time,navigare nel tempo, è stato il filo conduttore che il consiglio di classe si è dato per sviluppare il progetto, come illustrato nella mappa inserita nel documento di progettazione.

Dettagli

attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli

attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli QUADERNO DI LAVORO PER I GENITORI attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli Percorso per genitori di studenti/studentesse in uscita dalla scuola

Dettagli

Sostegno a Distanza. Scuola San José Honduras

Sostegno a Distanza. Scuola San José Honduras Sostegno a Distanza Scuola San José Honduras COMUNICAZIONE GENERALE 2010 222 I.- INTRODUZIONE- Cari amici, con la presente comunicazione desideriamo raccontarvi le attività realizzate grazie al sostegno

Dettagli

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B (Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B A.s. 2010/2011 1 Con un genitore o di un adulto che ti conosce bene, rivivi il momento bellissimo della tua nascita e poi, con il suo aiuto, raccogli foto,

Dettagli

Una bocca sana. ad ogni età

Una bocca sana. ad ogni età Una bocca sana ad ogni età La bocca e i denti Attraverso la bocca possiamo nutrirci e assaporare il cibo, parlare e comunicare, sorridere. Prendersi cura della bocca è importante, per tutta la durata della

Dettagli

Didattica del numero e dei problemi

Didattica del numero e dei problemi Scienze della Formazione Primaria Livorno 8-3-2010 Didattica del numero e dei problemi Pietro Di Martino dimartin@dm.unipi.it www.dm.unipi.it/~dimartin Emerge che Spesso chi ha grosse difficoltà in matematica

Dettagli

A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI

A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI Proseguire il lavoro svolto lo scorso anno scolastico sulle funzioni dei numeri proponendo ai bambini storie-problema

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

Gli alunni delle classi IV e V, il dieci marzo duemilaotto, hanno ospitato nella palestra dell edificio scolastico, il direttore della banca Popolare di Ancona, ente che ha finanziato il progetto Ragazzi

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

1 modulo. CREAZIONE DI POESIE tra metafore e similitudini

1 modulo. CREAZIONE DI POESIE tra metafore e similitudini 1 modulo CREAZIONE DI POESIE tra metafore e similitudini Con questo primo modulo si vuole intraprendere un percorso di individuazione di immagini e comportamenti diffusi fra i bambini riguardo alle figure

Dettagli

Come si fa a stare bene insieme?

Come si fa a stare bene insieme? Come si fa a stare bene insieme? Stare insieme è bello. Alle volte per noi bambini è difficile. Abbiamo intrapreso questo viaggio alla scoperta di un modo migliore per vivere a scuola e non solo. Progetto

Dettagli

Scuola Primaria I circolo didattico Marsciano a.s. 2010/2011. Percorso didattico tra educazione alla prosocialità e cooperative learning

Scuola Primaria I circolo didattico Marsciano a.s. 2010/2011. Percorso didattico tra educazione alla prosocialità e cooperative learning Scuola Primaria I circolo didattico Marsciano a.s. 2010/2011 Percorso didattico tra educazione alla prosocialità e cooperative learning Studio e riflessione sui distinguo teorici e analisi delle affinità

Dettagli

ZERUNO Quando la realtà si incontra con la fantasia.

ZERUNO Quando la realtà si incontra con la fantasia. ZERUNO Quando la realtà si incontra con la fantasia. Alunni: Samuele Bagnato; Irene Barilà; Greta Bellantone; Carmelo Calabrò; Gabriele Campo; Concetta Caratozzolo; Graziella Caratozzolo; Rosario Carmelo

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

- si realizzano attività di composizione e scomposizione additiva attraverso le quali

- si realizzano attività di composizione e scomposizione additiva attraverso le quali L U.D MONETE E PREZZI è di grande importanza perché in questo campo d esperienza : - si struttura il significato valore del numero - si realizzano attività di composizione e scomposizione additiva attraverso

Dettagli

EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA

EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA Accompagnare i nostri figli nel cammino dell amore di Rosangela Carù QUALE EDUCAZIONE IN FAMIGLIA? Adolescenti Genitori- Educatori Educazione 1. CHI E L ADOLESCENTE?

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Intervista iniziale Raccolta delle storie di vita Nome dell'apprendente Pablo sesso: m Data di nascita Paese di provenienza Brasile Nome dell'interprete

Dettagli

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone.

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone. La nuova adozione a distanza della Scuola Secondaria di Primo Grado di Merone. Riflessione sull Associazione S.O.S. INDIA CHIAMA L' India è un' enorme nazione, suddivisa in tante regioni (circa 22) ed

Dettagli

un saluto di ben ritrovati dopo la pausa estiva (in Italia) con una foto che noi troviamo essere assai dolce e poetica:

un saluto di ben ritrovati dopo la pausa estiva (in Italia) con una foto che noi troviamo essere assai dolce e poetica: Varanasi, Settembre 2009 Cari amici, un saluto di ben ritrovati dopo la pausa estiva (in Italia) con una foto che noi troviamo essere assai dolce e poetica: Lisa ed Indra: com'è bello diventare grandi

Dettagli

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici Dott.ssa Monica Dacomo Attività per la scuola secondaria di I grado Chi o cosa provoca le nostre emozioni? Molti pensano che siano le altre

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO Scuola dell Infanzia di Brusnengo PREMESSA: La programmazione annuale si sviluppa attraverso sette unità di apprendimento. Il presente compito di

Dettagli

L anno scolastico era cominciato tra mille difficoltà, al punto che, a causa delle

L anno scolastico era cominciato tra mille difficoltà, al punto che, a causa delle L anno scolastico era cominciato tra mille difficoltà, al punto che, a causa delle proteste dei docenti contro le ultime disposizioni del governo, avevamo deciso di non offrire nessuna attività extra-

Dettagli

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A Periodico della classe IV A Scuola elementare A. Sabin Anno Scolastico 2011/2012 INDICE 1. Presentazione: perché un giornalino 2. Cosa succede a scuola: elezioni del consiglio dei ragazzi 3. Scrittori

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

grazie per la vostra lettera! E stato emozionante vedervi nella vostra bellissima natura!

grazie per la vostra lettera! E stato emozionante vedervi nella vostra bellissima natura! Carissimi amici, grazie per la vostra lettera! E stato emozionante vedervi nella vostra bellissima natura! Purtroppo per noi, però, è arrivato il momento di salutarvi, perché non solo siamo alla fine dell

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Una parola per te Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Prima edizione Fabbri Editori: aprile

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Proposta di attività di educazione socio-emotiva SUPSI / DFA Progetto Chiamale Emozioni Jone Galli. Lo scialle magico PAURA

Proposta di attività di educazione socio-emotiva SUPSI / DFA Progetto Chiamale Emozioni Jone Galli. Lo scialle magico PAURA Jone Galli Lo scialle magico PAURA Esprimere, in forma ludica ed espressiva, le proprie emozioni riguardo il tema della paura. 20-30 minuti Lo scialle magico, I. Mylo e M.J. Sacré, Ed. Arka Uno scialle,

Dettagli

Ciao, siamo Ma e Tita due bambini che frequentano la scuola primaria di Ranco. Vieni con noi a scoprire le meraviglie della nostra scuola

Ciao, siamo Ma e Tita due bambini che frequentano la scuola primaria di Ranco. Vieni con noi a scoprire le meraviglie della nostra scuola Ciao, siamo Ma e Tita due bambini che frequentano la scuola primaria di Ranco. Vieni con noi a scoprire le meraviglie della nostra scuola La scuola inizia alle 7.50. Noi bambini ci ritroviamo nel cortile

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISTRETTO SCOLASTICO N.10 66043 CASOLI (CHIETI) Via San Nicola, 34 Tel

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISTRETTO SCOLASTICO N.10 66043 CASOLI (CHIETI) Via San Nicola, 34 Tel ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO DISTRETTO SCOLASTICO N.10 66043 CASOLI (CHIETI) Via San Nicola, 34 Tel 0872/981187 Fax 0872993450 Cod.Fiscale 81002140697 Cod.Mecc.

Dettagli

VADEMECUM PASSAGGIO SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA

VADEMECUM PASSAGGIO SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA VADEMECUM PASSAGGIO SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA Rispetto delle regole SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA FAMIGLIA Giochi di gruppo motori e/o in scatola con regole già conosciute e/o da inventare

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli