FAMIGLIA È BELLO! NUOVO 2013 PACCHETTO FAMIGLIA REGIONALE E PREVIDENZA SOCIALE REGIONE AUTONOMA TRENTINO-ALTO ADIGE REGION AUTONÓMA TRENTIN-SÜDTIROL

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FAMIGLIA È BELLO! NUOVO 2013 PACCHETTO FAMIGLIA REGIONALE E PREVIDENZA SOCIALE REGIONE AUTONOMA TRENTINO-ALTO ADIGE REGION AUTONÓMA TRENTIN-SÜDTIROL"

Transcript

1 IP FAMIGLIA È BELLO! PACCHETTO FAMIGLIA REGIONALE E PREVIDENZA SOCIALE 2013 REGIONE AUTONOMA TRENTINO-ALTO ADIGE REGIONE AUTONOME AUTONOMA REGION TRENTINO-ALTO TRENTINO-SÜDTIROL ADIGE REGIONE AUTONOME AUTONOMA AUTONÓMA REGION TRENTINO-ALTO TRENTINO-SÜDTIROL ADIGE AUTONOME REGION AUTONÓMA REGION TRENTINO-SÜDTIROL TRENTIN-SÜDTIROL1 REGION AUTONÓMA TRENTIN-SÜDTIROL

2 PREMESSA Famiglia è bello! e le famiglie sono le colonne della nostra società. Tanto sono variegate le forme che assume la vita familiare, altrettanto variegati devono essere gli interventi a sostegno della famiglia nelle diverse fasi del suo cammino, e tali interventi devono risultare legati in un progetto coerente e sostenibile capace di abbracciare le varie realtà e situazioni di vita. Bolzano 2013 Editore: Regione Autonoma Trentino-Alto Adige Situazione luglio 2013 Con riserva di errori di stampa Testi a cura di: dott.ssa Martha Stocker dott.ssa Siegrid Pescoller dott.ssa Stefania Tomazzoni Rielaborazione 2013: Astrid Pichler Impaginazione e grafica: Simon Abler, Sybille Naderer Fotos: Sybille Naderer, allesfoto.com Stampa: Centro Stampa Regione Autonoma Trentino-Alto Adige In provincia di Bolzano le politiche a sostegno della famiglia puntano in particolare a creare i presupposti affinché i genitori possano conciliare i tempi del lavoro con il tempo che essi vogliono e devono dedicare ai loro figli ma anche ai familiari bisognosi di assistenza. Le iniziative promosse dalla Regione e illustrate nel presente opuscolo si inseriscono a pieno titolo nel quadro delle politiche familiari attivate a livello provinciale. Fin dal 2005 abbiamo messo in campo una serie di importanti misure sia nell ambito delle politiche familiari, con il Pacchetto Famiglia, che in quello previdenziale. Con l assegno regionale al nucleo familiare intendiamo dare un doveroso riconoscimento economico al lavoro svolto in seno alla famiglia, mentre con i contributi previdenziali a copertura dei periodi di cura dei figli o di assistenza a familiari non autosufficienti vogliamo venire incontro soprattutto a coloro che proprio per il loro impegno a favore della famiglia non sono riusciti a garantirsi una continuità contributiva. Con il progetto PensPlan infine la Regione punta a sostenere i propri cittadini nella costruzione di una pensione complementare e a promuovere in generale la diffusione di una cultura della previdenza. L estrema criticità della fase economica che stiamo attraversando impone misure di contenimento e tagli anche al bilancio regionale e a quello provinciale. A maggior ragione siamo lieti di poter dire che nonostante i tempi difficili siamo riusciti, con ferma volontà politica, a potenziare ulteriormente gli interventi regionali a sostegno della famiglia e della previdenza pensionistica. Ci auguriamo che questo opuscolo possa costituire un utile guida per conoscere gli strumenti del welfare. L Agenzia per lo sviluppo sociale ed economico (ASSE) della Provincia di Bolzano e gli istituti di patronato saranno lieti di fornirvi tutti i chiarimenti necessari in merito a specifiche problematiche e richieste. Rosa Zelger Thaler Dr. Luis Durnwalder Dr. in Martha Stocker Presidente del Consiglio Regionale Presidente della Provincia Assessora regionale di Bolzano 2 3

3 SOMMARIO Famiglia L assegno regionale al nucleo familiare...p. 6 Informazioni: Regione autonoma Trentino-Alto Adige dott.ssa Martha Stocker Assessora regionale alla previdenza sociale e al pacchetto famiglia, all ordinamento delle aziende pubbliche di servizi alla persona e alla previdenza complementare Piazza Universitá, 3 Tel.: Fax: download brochure: Provincia autonoma di Bolzano Agenzia per lo sviluppo sociale ed economico (ASSE) Palazzo 12 Via Canonico Michael Gamper, 1 Tel.: Fax: Presso tutti gli istituti di patronato della provincia è possibile ottenere informazioni dettagliate sui singoli interventi previdenziali ed assistenza nella compilazione delle domande. Gli indirizzi sono riportati in calce alla brochure. Copertura previdenziale Contributi previdenziali per il lavoro di cura ed educazione dei figli Contributo previdenziale per i periodi di cura dei figli entro il 3 anno di età... p. 7 Contributo previdenziale per i periodi di cura dei figli fino al 18 anno di età nel caso di versamenti previdenziali volontari...p. 9 Contributo previdenziale per i periodi di cura dei figli fino al 18 anno di età nel caso di iscrizione ad una forma di previdenza complementare... p. 10 Contributi previdenziali per il lavoro di assistenza a familiari non autosufficienti Contributo previdenziale per i periodi di assistenza a familiari non autosufficienti (livelli 2, 3 e 4)...p. 11 Contributo previdenziale per i periodi di assistenza a familiari non autosufficienti (livelli 1 e 2) nel caso di versamenti previdenziali volontari... p. 13 Contributo previdenziale per i periodi di assistenza a familiari non autosufficienti (livelli 1 e 2) nel caso di iscrizione ad una forma di previdenza complementare...p. 14 Altri contributi previdenziali Sostegno della contribuzione previdenziale obbligatoria per coltivatori diretti / coltivatrici dirette, mezzadri/e, coloni/e... p. 15 Sostegno della previdenza complementare per coltivatori diretti / coltivatrici dirette, mezzadri/e, coloni/e... p. 15 Riscatto di lavoro all estero...p. 16 La pensione complementare La previdenza complementare... p. 17 Gli interventi della Regione... p. 17 Informazioni sul territorio: i PensPlan-Infopoints...p. 20 Lavoro Indennità integrativa dell assicurazione sociale per l impiego (ASPI)...p. 20 Indennità di disoccupazione per lavoratori frontalieri/lavoratrici frontaliere... p. 21 Interventi previdenziali a sostegno delle persone disoccupate o che riducono l attivitá lavorativa... p

4 FAMIGLIA L assegno regionale al nucleo familiare L assegno regionale al nucleo familiare è un assegno che viene erogato a partire dal primo figlio fino al compimento del 7 anno di età (se figlio unico) e dal secondo figlio fino al compimento del 18 anno d età. Spetta anche a famiglie con figli disabili a prescindere dall etá. L importo varia in funzione della condizione economica del nucleo richiedente. Possono presentare domanda coloro che: hanno un nucleo familiare la cui condizione economica non supera determinati limiti (v. tabella a pag. 22 ); sono residenti nella regione Trentino-Alto Adige da almeno 2 anni (o sono coniugati/e con persona in possesso dei medesimi requisiti); in alternativa è richiesta la residenza storica in regione da almeno 10 anni. sono cittadini/e comunitari/e; se prestano in regione la propria attività lavorativa l assegno spetta anche se non sono residenti. A quanto ammonta il contributo? vedi le tabelle a pag Quando presentare la domanda? In ogni momento: l assegno al nucleo familiare viene erogato a partire dal mese seguente all inoltro della domanda. Per percepire l assegno al nucleo familiare continuativamente, la domanda deve essere inoltrata in via anticipata fra il 1 settembre e il 31 dicembre di ogni anno. Presso gli Istituti di patronato (v. elenco) tramite apposito modulo, dopo aver compilato la dichiarazione unificata del reddito e del patrimonio (DURP). Alle famiglie con più figli ed un solo figlio minorenne l assegno spetta fino al 18 anno di età (finora spettava solo fino al 7 anno di età). Gli importi degli assegni ed i livelli di condizione economica sono stati rivalutati. Qualora la domanda venga presentata entro novanta giorni dalla data della nascita del/la bambino/a, l assegno spetta a decorrere dal primo mese successivo a tale data. In presenza di figli riconosciuti invalidi civili minorenni o con una invaliditá pari o superiore al 74% l assegno spetta già a partire dal primo figlio e senza limiti d età. I figli devono convivere con la persona richiedente e apparire sul suo stato famiglia, salvo quanto diversamente disposto da atto giudiziale in caso di separazione o divorzio. I nuclei familiari con un figlio a carico percepiranno, a seconda della condizione economica, un assegno annuale compreso tra 600 e 840 euro. La condizione economica viene valutata sulla base della dichiarazione unificata di reddito e patrimonio (DURP). COPERTURA PREVIDENZIALE Contributi previdenziali per il lavoro di cura ed educazione dei figli Contributo previdenziale per i periodi di cura dei figli entro il compimento del terzo anno di età. L.R. 1/2005 Si tratta di un contributo per la copertura previdenziale del genitore che, per poter accudire il proprio figlio fino al compimento del terzo anno di età (dopo il congedo parentale obbligatorio e almeno di 5 mesi di congedo facoltativo), non esercita alcuna attività lavorativa o lavora a tempo parziale. Possono presentare la domanda le/i dipendenti del settore privato in aspettativa non retribuita e senza copertura previdenziale, i lavoratori/le lavoratrici autonomi/e, i/le liberi/e professionisti/e, gli studenti e le studentesse, nonché le persone casalinghe che hanno la residenza in regione da almeno 5 anni (oppure la residenza storica di 15 anni). 6 7

5 A quanto ammonta il contributo? Il contributo spetta per un periodo di astensione dal lavoro di 24 mesi che diventano 27 se il padre del bambino fruisce del congedo parentale per almeno tre mesi. Lavoro a tempo parziale Fino a euro per la prosecuzione dei versamenti previdenziali volontari, fino a euro per i versamenti in una forma di previdenza complementare. NB: se il/la richiedente effettua versamenti volontari all INPS per un importo rapportato all anno inferiore a euro, può chiedere che la differenza per arrivare ai euro venga versata per la previdenza complementare. I contributi a sostegno della previdenza complementare vengono versati direttamente dalla Provincia rendendone quindi superfluo l anticipo da parte degli assicurati. Fino a un importo di euro per i/le lavoratori/trici autonomi/e che mantengono la loro forma previdenziale obbligatoria e assumono in loro sostituzione una persona a tempo parziale (eccezione: coltivatrici dirette). Diversamente l importo viene ridotto della metà. Fino a un importo di euro anche per le/i libere/i professioniste/i che mantengono la loro forma previdenziale obbligatoria. A chi svolge attività lavorativa a tempo parziale nel settore privato ed effettua i versamenti volontari al fine di integrare al 100% l importo dei contributi previdenziali previsti per il tempo pieno, o aderisce a una forma di previdenza complementare, spetta la metà del suddetto contributo. In questo caso però il contributo spetta fino al 5 anno di vita del bambino non solo per un periodo di 24 mesi, bensì di 48 mesi che diventano 51 se il padre usufruisce del congedo parentale per almeno 3 mesi. Quando presentare la domanda? Entro il 30 giugno di ogni anno; per i lavoratori e le lavoratrici autonomi/e e le/i libere/i professioniste/i entro il 30 settembre. (ASSE) della Provincia tramite apposito modulo. Tali contributi non sono vincolati al livello del reddito. Il contributo regionale a sostegno della prosecuzione volontaria viene erogato a titolo di rimborso successivamente al pagamento, da parte dei soggetti interessati, dei contributi volontari presso l INPS, l INPDAP o una delle casse di previdenza dei/delle liberi/e professionisti/e. I contributi a sostegno della previdenza complementare vengono trasferiti direttamente dalla Provincia alla società PensPlan Centrum e da questa accantonati su un conto individuale del/della richiedente che viene annualmente rivalutato sulla base di un tasso corrispondente a quello di rivalutazione del TFR. Le persone interessate non devono quindi anticipare alcun importo. Al momento del pensionamento, le somme così rivalutate sono versate nella forma pensionistica a cui il soggetto interessato è iscritto. I contributi spettano anche in caso di adozione e affidamento. Si puó fare domanda pure per le due misure che vengono spiegate in seguito (L.R. 7/1992), anche entro il terzo anno di vita, ma non a copertura del medesimo periodo di astensione dal lavoro. Contributo previdenziale per i periodi di cura dei figli fino al 18 anno di età nel caso di versamenti previdenziali volontari L.R. 7/1992 Si tratta di un contributo per la prosecuzione volontaria dei versamenti previdenziali per le persone casalinghe. Può presentare domanda chi: ha la residenza in regione da almeno 5 anni (oppure la residenza storica di 15 anni); è autorizzato a proseguire i versamenti volontari in favore di una forma previdenziale obbligatoria; non supera il reddito previsto; ha figli minorenni o ha compiuto i 55 anni. A quanto ammonta il contributo? Il contributo annuale è pari all importo dei contributi volontari versati fino ad un importo massimo che per il 2012 è pari a 1.700,40 euro (l importo viene aggiornato ogni anno dall INPS) e spetta fino al raggiungimento dei requisiti per la pensione di vecchiaia (al massimo per 40 anni di contribuzione). 8 9

6 Quando presentare la domanda? Entro il 30 giugno di ogni anno. (ASSE) della Provincia tramite apposito modulo Il contributo è vincolato al livello di reddito. Se una persona raggiunge l età prevista per la pensione di vecchiaia, ma non ha ancora maturato gli anni necessari di contribuzione, il contributo viene comunque concesso fino a un massimo di 20 anni di contribuzione obbligatoria. Il contributo regionale viene erogato a titolo di rimborso del versamento effettuato. Contributo previdenziale per i periodi di cura dei figli fino al 18 anno di età nel caso di iscrizione a una forma di previdenza complementare L.R. 7/1992 Il contributo mira a sostenere le persone casalinghe, non in possesso dei requisiti per la prosecuzione volontaria dei versamenti previdenziali, nella costituzione di una pensione complementare. Può presentare domanda chi: ha la residenza in regione da almeno 5 anni (oppure la residenza storica di 15 anni); non percepisce una pensione diretta; è iscritto presso una forma di previdenza complementare; non supera i limiti di reddito stabiliti; ha figli minorenni o ha più di 55 anni di età. A quanto ammonta il contributo? Il contributo arriva fino a 500 euro annui e viene erogato fino a un massimo di dieci anni. Quando presentare la domanda? Entro il 30 giugno di ogni anno. (ASSE) della Provincia tramite apposito modulo. Il contributo è vincolato al livello di reddito. Il contributo regionale viene erogato a titolo di rimborso del versamento effettuato. Contributi previdenziali per il lavoro di assistenza a familiari non autosufficienti Contributo previdenziale per i periodi di assistenza a familiari non autosufficienti (livelli 2, 3 e 4) L.R. 1/2005 Si tratta di un contributo per la copertura previdenziale di persone che assistono familiari non autosufficienti e che non esercitano alcuna attività lavorativa o che lavorano a tempo parziale. Il contributo viene concesso per il periodo in cui l assistenza è possibile ed effettivamente garantita. Può presentare domanda chi: assiste un familiare fino al 4 grado o un affine fino al 3 grado che rientrano nei livelli di non autosufficienza 3 o 4; assiste familiari non autosufficienti, che rientrano nel livello 2 con invaliditá al 100%; non è titolare di pensione diretta; dipendenti del settore privato, lavoratrici/lavoratori autonome/i, persone casalinghe; ha la residenza in regione da almeno 5 anni (oppure la residenza storica di 15 anni). Tale contributo spetta anche alle/ai libere/i professioniste/i. A quanto ammonta il contributo? Fino a euro annui nel caso di versamenti ad un istituto di previdenza obbligatoria o ad una forma di previdenza complementare. Fino a euro annui per i/le lavoratori/trici autonomi/e e i/le liberi/e professionisti/e che mantengono la loro forma previdenziale obbligatoria. Tempo parziale A chi svolge attività lavorativa a tempo parziale (anche nel settore pubblico) e versa i contributi volontari o aderisce ad una forma di previdenza complementare spetta la metà del contributo

7 Contributo previdenziale per genitori di figli disabili Ai genitori di bambini/e minori di 5 anni riconosciuti/e invalidi/e civili spetta un contributo maggiore per la copertura previdenziale e cioè fino a euro, se il/ la bambino/a viene assistito/a esclusivamente a casa (sia in caso di prosecuzione volontaria dei versamenti previdenziali, sia in caso di versamenti ad una forma di previdenza complementare). Qualora il/la bambino/a frequenti una struttura o un istituto (asilo, scuola, centri diurni) l importo del contributo arriva fino a euro annui. Quando presentare la domanda? Entro il 30 giugno di ogni anno; per le lavoratrici autonome/i lavoratori autonomi e le/i libere/i professioniste/i entro il 30 settembre. Dove presentare la domanda? (ASSE) della Provincia tramite apposito modulo. Contributo previdenziale per il lavoro di assistenza a familiari non autosufficienti (livelli 1 e 2) nel caso di versamenti previdenziali volontari L.R. 7/1992 E un contributo per i versamenti previdenziali volontari per le persone casalinghe. Il contributo non è vincolato al livello del reddito. Il contributo regionale a sostegno della prosecuzione volontaria viene erogato a titolo di rimborso successivamente al pagamento, da parte dei soggetti interessati, dei contributi volontari presso l INPS, l INPDAP o una delle casse di previdenza dei/delle liberi/e professionisti/e. I contributi a sostegno della previdenza complementare vengono trasferiti direttamente dalla Provincia alla società PensPlan Centrum e da questa accantonati su un conto individuale del/della richiedente che viene annualmente rivalutato sulla base di un tasso corrispondente a quello di rivalutazione del TFR. Le persone interessate non devono quindi anticipare alcun importo. Al momento del pensionamento, le somme così rivalutate sono versate nella forma pensionistica a cui il soggetto interessato è iscritto. A chi spetta? Può presentare domanda chi: ha la residenza in regione da almeno 5 anni (oppure la residenza storica di 15 anni); è autorizzato a proseguire i versamenti volontari in favore di un forma previdenziale obbligatoria; non supera il reddito previsto; assiste familiari non autosufficienti che rientrano nel livello 1 o 2; ha piú di 55 anni di etá. A quanto ammonta il contributo? Il contributo annuale è pari all importo dei contributi volontari versati fino ad un importo massimo che per il 2012 è pari a 1.700,40 euro (l importo viene aggiornato ogni anno dall INPS) e spetta fino al raggiungimento dei requisiti per la pensione di vecchiaia (al massimo per 40 anni di contribuzione). Quando presentare la domanda? Entro il 30 giugno di ogni anno. (ASSE) della Provincia tramite apposito modulo. Il contributo è vincolato al livello del reddito. Se una persona raggiunge l età prevista per la pensione di vecchiaia, ma non ha ancora maturato gli anni necessari di contribuzione, il contributo viene comunque concesso fino ad un massimo di 20 anni di contribuzione. Il contributo regionale viene erogato a titolo di rimborso del versamento effettuato

8 Altri contributi previdenziali Sostegno alla contribuzione previdenziale obbligatoria per coltivatori diretti/coltivatrici dirette, mezzadri/e, coloni/e L.R. 7/1992 Contributo previdenziale per i periodi di assistenza a familiari non autosufficienti (livelli 1 e 2) nel caso di iscrizione ad una forma di previdenza complementare L.R. 7/1992 Il contributo mira a sostenere le persone casalinghe non in possesso dei requisiti per la prosecuzione volontaria dei versamenti previdenziali nella costituzione di una pensione complementare. A chi spetta? Può presentare domanda chi: ha la residenza in regione da almeno 5 anni (oppure la residenza storica di 15 anni); è iscritto ad una forma di previdenza complementare; non supera il reddito previsto; assiste familiari non autosufficienti che rientrano nel livello 1 o 2 o ha piú di 55 anni di etá. A quanto ammonta il contributo? Il contributo annuale può arrivare fino a 500 euro per max. 10 anni. Quando presentare la domanda? Entro il 30 giugno di ogni anno. (ASSE) della Provincia tramite apposito modulo. Può presentare domanda: chi è iscritto alla gestione dei contributi unificati in agricoltura (ex SCAU); opera in aziende che si trovino in condizioni particolarmente sfavorite, vale a dire che al 31 dicembre dell anno di riferimento presentino i seguenti requisiti: - almeno 25 punti di svantaggio, ai sensi delle disposizioni riguardanti il sostegno dell agricoltura montana. Per le aziende agricole vitivinicole con forte pendenza sono necessari almeno 20 punti di svantaggio (calcolati secondo i criteri in vigore prima della delibera della Giunta Provinciale del , n. 1057); - non più di 40 unità di bestiame adulto (situazione al 31 dicembre dell anno di riferimento); - un reddito lordo extra-agricolo del titolare e degli eventuali familiari attivi non superiore a euro, (sono esclusi dal reddito complessivo lordo il reddito agrario e dominicale nell ambito dell attività agricola, il reddito da assicurazione previdenziale dei coltivatori diretti, il reddito da attività secondo l art del codice civile); - superficie di frutteto o vigneto non superiore a 3 ettari. Il contributo è vincolato al livello del reddito. Il contributo regionale viene erogato a titolo di rimborso del versamento effettuato. A quanto ammonta il contributo? Fino al 50% della contribuzione previdenziale dovuta per l assicurazione Invalidità-Vecchiaia-Superstiti. Tale percentuale è determinata annualmente dalla Giunta regionale. Quando presentare la domanda? Entro 3 mesi dalla scadenza dell ultima rata della contribuzione previdenziale (questo significa ca. 15 aprile di ogni anno). (ASSE) della Provincia, tramite apposito modulo. Sostegno della pensione complementare per giovani coltivatori diretti/coltivatrici dirette, mezzadri/e, coloni/e L.R. 7/1992 Può presentare domanda: chi è iscritto alla gestione dei contributi unificati in agricoltura (ex SCAU); opera in aziende zootecniche che si trovino in condizioni particolarmente sfavorite (almeno 50 punti di svantaggio) chi è iscritto a un fondo pensione complementare e versa almeno 500 euro annui nel fondo 14 15

9 A quanto ammonta il contributo? Il contributo è pari a 500 euro e spetta per un massimo di 10 anni e comunque non oltre il 40 anno di età. I contributi a sostegno della previdenza complementare vengono trasferiti direttamente dalla Provincia alla società PensPlan Centrum e da questa accantonati su un conto individuale del/della richiedente che viene annualmente rivalutato sulla base di un tasso corrispondente a quello di rivalutazione del TFR. Le persone interessate non devono quindi anticipare alcun importo. Al momento del pensionamento, le somme così rivalutate sono versate nella forma pensionistica a cui il soggetto interessato è iscritto. Quando presentare la domanda? I termini saranno stabiliti dalle due Provincie Autonome. (ASSE) della Provincia, tramite apposito modulo. LA PENSIONE COMPLEMENTARE Le forme di previdenza complementare sono forme pensionistiche finalizzate ad erogare una prestazione pensionistica aggiuntiva rispetto a quella del sistema obbligatorio. Al fine di promuovere al meglio la previdenza complementare la Regione ha costituito la società Pensplan Centrum S.p.A. che ha il compito di supportare i fondi pensione nella loro fase di costituzione e di funzionamento, fornire servizi amministrativo-contabili, logistici e di consulenza finanziaria e attuare le necessarie misure di marketing per promuovere in generale la previdenza complementare regionale. Riscatto di lavoro all estero Contributo sul riscatto a fini pensionistici del lavoro subordinato prestato in Paesi esteri privi di convenzioni con l Italia in materia di assicurazioni sociali. Può presentare domanda: chi è cittadino italiano; chi al momento dell espatrio era residente in un comune della regione Trentino-Alto Adige ed è rientrato in un comune della regione; chi é in possesso dell autorizzazione a riscatto contributivo da parte dell INPS. A quanto ammonta il contributo? Il limite massimo del contributo è pari al 75% dell importo versato all INPS e non può comunque mai superare l importo di euro (se il richiedente ha compiuto, al momento del rimpatrio, il sessantesimo anno di età. L importo è ridotto dell 1,5% per ogni anno di età inferiore al sessantesimo). Il contributo è concesso per il raggiungimento dei requisiti minimi per ottenere la pensione di anzianità o di vecchiaia. (ASSE) della Provincia, mediante apposito modulo. Gli interventi della Regione 1. Gli interventi sociali: Prevedono il sostegno dei contributi per un periodo massimo di 36 mesi nel corso della vita lavorativa e fino ad un massimo di euro a favore di coloro che si trovano in situazioni di difficoltà. A chi spettano? Ulteriori requisiti Gli interventi sociali prevedono il sostegno dei versamenti contributivi a favore di tutti coloro che si trovano in una situazione di difficoltà economica e familiare. Per poter aver diritto al sostegno bisogna possedere i seguenti requisiti: a) residenza in un comune della regione da almeno due anni; b) adesione ad un fondo pensione (no PIP o fondi preesistenti) da almeno due anni; c) non aver sospeso volontariamente i versamenti al fondo pensione di appartenenza nell anno solare precedente alla situazione di difficoltà ed in ogni caso non aver omesso volontariamente il versamento delle contribuzioni ai fondi pensione per un periodo continuativo di almeno cinque anni; d) disponibilità di un reddito del nucleo familiare, al netto delle imposte sul reddito, non superiore a euro e patrimonio, calcolato al netto dell eventuale residenza di proprietà, non superiore a euro

10 Quando e dove presentare la domanda? A Pensplan Centrum o tramite gli Infopoint al termine della situazione di difficoltà, ovvero dopo 36 mesi dall insorgere della stessa, se perdurante. Il limite temporale massimo è il 30 giugno dell anno successivo a quello in cui è terminata la condizione di difficoltà. La domanda può essere presentata più volte al fine del sostegno di diversi periodi di difficoltà fino ad un massimo di 36 mesi e comunque per un importo complessivo non superiore a euro. 2. Supporto legale gratuito in caso di omissioni contributive da parte del datore di lavoro: Prevede il supporto legale gratuito nel caso in cui il datore di lavoro ometta il versamento dei contributi destinati a fondi di previdenza complementare. 4. Accantonamento in luogo di prestazione gratuita di servizi: E previsto l accantonamento di un importo pari a 7,50 euro annui, in luogo della prestazione gratuita dei servizi amministrativi, contabili e logistici, agli iscritti dei fondi non convenzionati con PensPlan Centrum S.p.A. La richiesta deve essere presentata a Pensplan Centrum o agli Infopoint. 3. Gratuità dei servizi amministrativi, contabili, logistici: I servizi amministrativi, contabili e logistici essenziali sono forniti in forma gratuita agli aderenti dei fondi pensione convenzionati con PensPlan Centrum S.p.A. Gli iscritti a Laborfonds, PensPlan Profi e PensPlan Plurifonds, accedono pertanto in via diretta al beneficio della gratuità dei servizi. Coloro che non sono iscritti a tali fondi hanno diritto all accantonamento di seguito descritto. Condizioni per l erogazione del sostegno Quando e dove presentare la domanda? Per poter aver diritto all accantonamento bisogna possedere i seguenti requisiti: residenza in un comune della Regione da almeno due anni; regolarità dei versamenti contributivi al fondo pensione da parte del richiedente da almeno un anno. Gli interventi spettano a coloro che al momento della maturazione dei requisiti di accesso alle prestazioni stabiliti nel regime obbligatorio di appartenenza: a) non hanno interrotto volontariamente le contribuzioni ai fondi pensione per un periodo continuativo di almeno cinque anni; b) accedono alle prestazioni pensionistiche complementari trasformando almeno 2/3 del capitale in rendita ovvero, in alternativa, riscattano per pensionamento. A Pensplan Centrum o tramite gli Infopoint annualmente a decorrere dal 1 gennaio e comunque entro il 30 giugno dell anno successivo a quello di riferimento per l accantonamento richiesto

11 Infomazioni sul territorio Per informazioni bisogna rivolgersi alle sedi PensPlan di Trento (p.zza Erbe, /274800) o di Bolzano (via della Mostra 11/ /317600), oppure presso qualsiasi sportello informativo PensPlan Infopoint, istituito in regione in collaborazione con il patronato ACLI/KVW, INAS Cisl/SGBCisl, INCA Cgil/CAAF Servizi Cgil/Agb, Epaca Coldiretti/ Enapa SBB, ASGB, 50&Più Enasco, ITAL-Uil/UIL Sgk. Informazioni sono disponibili anche sul sito A quanto ammonta il contributo? L indennità è pari ad euro 850,00 mensili ed è proporzionata all orario di lavoro del rapporto di lavoro cessato. L indennità è erogata per un periodo massimo di quattro mesi ad integrazione della durata dell ASpI e non può essere corrisposta successivamente alla liquidazione della pensione anticipata o di vecchiaia. (ASSE) della Provincia, mediante apposito modulo. Indennità di disoccupazione per lavoratori frontalieri/lavoratrici frontaliere Può presentare domanda: chi svolge un lavoro dipendente in Svizzera con permesso di lavoro stagionale; chi al momento della domanda è residente in un comune della regione Trentino-Alto Adige; è escluso dal diritto al trattamento ordinario di disoccupazione statale per uno dei seguenti motivi: - la disoccupazione è conseguenza di una sospensione stagionale, quindi non di un licenziamento; - successivamente alla data di erogazione dell ultimo trattamento ordinario di disoccupazione da parte dello Stato è stato effettuato un periodo di lavoro dipendente inferiore a 12 mesi, nei 2 anni precedenti la fine del lavoro. A quanto ammonta il contributo? L indennità giornaliera é stabilita attualmente nella misura delle seguenti percentuali della retribuzione convenzionale, determinata dallo Stato: 60 % per i primi 6 mesi, 50 % per i prossimi 2 mesi, 40 % per gli ultimi 4 mesi. LAVORO Indennità integrativa dell assicurazione sociale per l impiego (ASPI) persone disoccupate residenti e con domicilio nella regione Trentino-Alto Adige, per gli eventi di disoccupazione verificatisi dal al ; persone che sono state licenziate per giustificato motivo oggettivo connesso a riduzione, trasformazione o cessazione di attività o di lavoro, ma che non possiedono i requisiti per beneficiare dell indennità di mobilità prevista dalla legge n. 223 del 1991; anzianitá aziendale di 12 mesi di cui gli ultimi 3 a tempo indeterminato con la medesima azienda; persone beneficiarie dell ASPI o del trattamento ordinario di disoccupazione agricola. (ASSE) della Provincia, mediante apposito modulo. Interventi previdenziali a sostegno delle persone disoccupate o che riducono l attività lavorativa persone disoccupate persone sospese per crisi di mercato non coperte da contribuzione previdenziale persone che accettano di ridurre l attività lavorativa al fine di favorire nuove assunzioni a tempo indeterminato A quanto ammonta il contributo? Il contributo può arrivare fino a euro ed è corrisposto in proporzione ai versamenti volontari effettuati (ASSE) della Provincia, mediante apposito modulo

12 NUCLEI FAMILIARI CON ENTRAMBI I GENITORI (IN CUI NON SONO Importo complessivo mensile dell assegno per livello di condizione economica PRESENTI FIGLI ED EQUIPARATI DISABILI) del nucleo familiare e numero dei figli Le tabelle per l assegno al nucleo familiare Condizione economica Numero di figli da a figlio unico 2 o 1* oltre 7 0, ,00 76,16 108,06 216,13 324,19 432,25 540,31 648,38 648, , ,00 70,72 103,80 204,75 307,48 411,41 516,15 621,49 621, , ,00 65,28 99,53 193,38 290,78 390,54 491,97 594,60 594, , ,00 59,84 95,27 182,00 274,07 369,69 467,80 567,72 567, , ,00 54,40 91,00 170,63 257,36 348,83 443,63 540,82 540, , ,00 54,40 86,74 159,25 240,65 327,98 419,46 513,95 513, , ,00 54,40 82,47 147,88 223,95 307,13 395,28 487,05 487, , ,00 54,40 78,21 136,50 207,24 286,27 371,11 460,18 460, , ,00 73,94 125,13 190,53 265,42 346,94 433,29 433, , ,00 69,68 113,75 173,82 244,56 322,77 406,40 406, , ,00 65,41 102,38 157,12 223,71 298,59 379,52 379, , ,00 61,15 91,00 140,42 202,85 274,43 352,63 352, , ,00 56,88 79,63 123,71 182,00 250,25 325,74 325, , ,00 68,25 106,99 161,15 226,08 298,85 298, , ,00 56,88 90,29 140,29 201,91 271,97 271, , ,00 73,58 119,44 177,74 245,07 245, , ,00 56,88 98,58 153,56 218,20 218, , ,00 77,73 129,40 191,30 191, , ,00 56,88 105,22 164,43 164, , ,00 81,05 137,53 137, , ,00 56,88 110,65 110, , ,00 83,77 83, , ,00 56,88 56,88 NUCLEI FAMILIARI CON UN UNICO GENITORE (IN CUI NON SONO Importo complessivo mensile dell assegno per livello di condizione economica PRESENTI FIGLI ED EQUIPARATI DISABILI) del nucleo familiare e numero dei figli Condizione economica Numero di figli da a figlio unico 2 o 1* oltre 7 0, ,00 76,16 117,17 216,13 500,50 671,13 841,75 949,81 949, , ,00 65,28 102,95 202,85 468,81 632,74 798,16 905,17 905, , ,00 54,40 97,82 189,58 437,14 594,34 754,54 860,52 860, , ,00 92,71 176,31 405,44 555,96 710,94 815,87 815, , ,00 87,58 163,04 373,75 517,56 667,34 771,23 771, , ,00 82,47 149,77 342,06 479,18 623,73 726,58 726, , ,00 77,35 136,50 310,38 440,78 580,13 681,94 681, , ,00 72,23 123,23 278,69 402,40 536,53 637,29 637, , ,00 67,11 109,96 247,00 364,00 492,92 592,64 592, , ,00 61,99 96,69 215,32 325,61 449,31 547,99 547, , ,00 56,88 83,42 183,63 287,22 405,72 503,34 503, , ,00 70,15 151,94 248,83 362,10 458,70 458, , ,00 56,88 120,25 210,44 318,50 414,05 414, , ,00 88,56 172,05 274,90 369,41 369, , ,00 56,88 133,66 231,29 324,76 324, , ,00 95,27 187,69 280,11 280, , ,00 56,88 144,08 235,46 235, , ,00 100,48 190,81 190, , ,00 56,88 146,17 146, , ,00 101,52 101, , ,00 56,88 56,88 NUCLEI FAMILIARI IN CUI SONO PRESENTI FIGLI O EQUIPARATI DISABILI Importo complessivo mensile dell assegno per livello di condizione economica del nucleo familiare e numero dei figli Condizione economica Numero di figli da a figlio unico 2 o 1* oltre 7 0, ,00 341,25 449,31 557,38 665,44 949, , , , , ,00 312,81 416,61 521,62 627,41 900, , , , , ,00 284,38 383,91 485,87 589,37 850,60 957, , , , ,00 255,94 351,21 450,12 551,33 801,00 907, , , , ,00 227,50 318,50 414,39 513,30 751,39 857,68 964,29 964, , ,00 199,06 285,80 378,63 475,26 701,77 807,63 913,89 913, , ,00 170,63 253,09 342,88 437,23 652,17 757,57 863,47 863, , ,00 142,19 220,40 307,13 399,20 602,56 707,53 813,05 813, , ,00 113,75 187,69 271,37 361,16 552,95 657,48 762,64 762, , ,00 85,31 154,99 235,62 323,11 503,34 607,43 712,24 712, , ,00 56,88 122,28 199,87 285,09 453,74 557,38 661,82 661, , ,00 89,58 164,14 247,05 404,14 507,32 611,41 611, , ,00 56,88 128,38 209,02 354,52 457,28 560,99 560, , ,00 92,63 170,98 304,92 407,23 510,58 510, , ,00 56,88 132,95 255,30 357,18 460,18 460, , ,00 94,92 205,70 307,13 409,76 409, , ,00 56,88 156,08 257,07 359,34 359, , ,00 106,48 207,02 308,94 308, , ,00 56,88 156,98 258,52 258, , ,00 106,93 208,10 208, , ,00 56,88 157,71 157, , ,00 107,29 107, , ,00 56,88 56, * in presenza di altri figli maggiorenni

13 Gli indirizzi dei patronati ACLI/KVW via Alto Adige 28 Tel.: Fax: via Goethe 8 Tel.: Fax: via Principale Silandro Tel.: Fax: Vicolo Streuntun Vipiteno Tel.: Fax: via Dante Brunico Tel.: Fax: via Vescovado Varna/Bressanone Tel.: Fax: Largo Municipio 3/ Egna Tel.: Fax: Vicolo Mercato Malles Tel.: Fax: ENAS Vicolo S. Quirino 2 Tel.: Fax: via Otto-Huber 13 Tel.: Fax: ENASCO (Commercio) via di mezzo ai piani 5 Tel.: Fax: ENAPA (Bauernbund) via Konrad-Lechner 4/A Varna/Brixen Tel.: Fax: Via S. Lorenzo 8/A Brunico Tel.: Fax: via Schiller 12 Tel.: Fax: via Dr.-Heinrich-Vögele Silandro Tel.: Fax: via Stazione Vipiteno Tel.: Fax: via Pinis S. Martino in Badia Tel.: Fax: via Canonico-Michael-Gamper 5 Tel.: Fax: via Canonico-Michael-Gamper 10 Tel.: Fax: EPASA SHV/CNA via Milano 68 Tel.: Fax: EPACA (Coldiretti) via Buozzi 16 Tel.: Fax: INAPA (Handwerksverband) via di mezzo ai piani 7 Tel.: Fax: via A.-Kuperion 30 Tel.: Fax: via Brunico 14/A San Lorenzen Tel.: Fax: INAS-CISL via Siemens 23 Tel.: Fax: via Palermo 79/B Tel.: Fax: via Bastoni Maggiori Bressanone Tel.: Fax: via Stegona Brunico Tel.: Fax: Piazza F. Bonatti Egna Tel.: Fax: via Pietralba Laives Tel.: Fax: via Gen. Verdross Malles Tel.: Fax: INCA-AGB-CGIL via Trieste 70/A Tel.: Fax: via Piacenza 54 Tel.: Fax: via Claudia Augusta 81 Tel.: via Otto Huber 54 Tel.: Fax: via Fallmerayer Bressanone Tel.: Fax: Via Europa Brunico Tel.: Fax: via Kennedy Laives Tel.: Fax: via Principale Silandro Tel.: Fax: via P.-P.-Reiner San Candido Tel.: Largo Municipio Egna Tel.: Fax: ITACO via Roma. 80/A Tel.: Fax: ITAL-SGK/UIL via Ada-Buffulini 14 Tel.: Fax: via Wolkenstein 32 Tel.: Fax: via Stazione Bressanone Tel.: Fax: Largo Municipio Egna Tel.: Fax: via dei Vigneti Laives Tel.: Fax: SBR-ASGB via Bottai 22 Tel.: Fax: Corso Libertà 182/C Tel.: Fax: via Vittorio-Veneto Bressanone Tel.: Fax: Piazza Fuori Porta Vipiteno Tel.: Fax: via S. Lorenzo Brunico Tel.: Fax: via Ponte di Legno Silandro Tel.: Fax: via Stazione Egna Tel.: Fax: via Meinhard. 2 Tel.: Fax: via Geizkofler Vipiteno Tel.: Fax: Via Vecchie Fondamenta Egna Tel.: Fax:

PREVIDENZA LEGGE REGIONALE 18 FEBBRAIO 2005, N. 1. Pacchetto famiglia e previdenza sociale 1. Capo I. Previdenza e assicurazioni sociali

PREVIDENZA LEGGE REGIONALE 18 FEBBRAIO 2005, N. 1. Pacchetto famiglia e previdenza sociale 1. Capo I. Previdenza e assicurazioni sociali PREVIDENZA LEGGE REGIONALE 18 FEBBRAIO 2005, N. 1 Pacchetto famiglia e previdenza sociale 1 Capo I Previdenza e assicurazioni sociali Art. 1. Copertura previdenziale dei periodi di assistenza ai figli

Dettagli

Donne e previdenza. I periodi assicurativi. Il sistema pensionistico in Italia. Le prestazioni pensionistiche. Maternità, periodi di cura e assistenza

Donne e previdenza. I periodi assicurativi. Il sistema pensionistico in Italia. Le prestazioni pensionistiche. Maternità, periodi di cura e assistenza Donne e previdenza Opuscolo informativo del Comitato provinciale Pari Opportunità I periodi assicurativi Il sistema pensionistico in Italia Le prestazioni pensionistiche Maternità, periodi di cura e assistenza

Dettagli

IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO

IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO PENSIONI: DAL 1 GENNAIO 2012 è CAMBIAto TUTTO Una nuova riforma pensionistica L evoluzione demografica ha determinato un aumento esponenziale del numero dei pensionati rispetto

Dettagli

La pensione complementare

La pensione complementare La pensione complementare La pensione complementare Perché una pensione complementare A causa della diminuita copertura della pensione pubblica dopo la riforma del 1995 rispetto agli anni precedenti diventa

Dettagli

IL SISTEMA PENSIONISTICO

IL SISTEMA PENSIONISTICO IL SISTEMA PENSIONISTICO LA CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE : CONTRIBUZIONE, FONDO PENSIONE LAVORATORI DIPENDENTI IL SISTEMA PENSIONISTICO ITALIANO Il cardine della tutela previdenziale riguarda la soddisfazione

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

www.inas.it febbraio 2015

www.inas.it febbraio 2015 www.inas.it febbraio 2015 Ammortizzatori sociali Il Jobs act prevede l istituzione di nuove prestazione a sostegno del reddito: si tratta di Naspi, Dis-coll e Asdi. La legge ha stabilito che, in caso di

Dettagli

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI Indennità di disoccupazione Mini-ASpI COSA E E una prestazione economica istituita dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti ridotti. E una

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro ASPI (Assicurazione Sociale per l Impiego) COSA E E una prestazione economica istituita per gli eventi di disoccupazione che si verificano a partire dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro LINEA DI PRODOTTO PREVIDENZA PA OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro Nei giorni scorsi è stato varato dal Governo il disegno di legge recante disposizioni in materia di

Dettagli

La nuova Previdenza: riforma e offerta. Direzione commerciale - Sviluppo previdenza e convenzioni

La nuova Previdenza: riforma e offerta. Direzione commerciale - Sviluppo previdenza e convenzioni La nuova Previdenza: riforma e offerta Direzione commerciale - Sviluppo previdenza e convenzioni Previdenza: situazione attuale 140 Alcuni fattori rilevanti: 120 100 80 22 2015 pensionamento persone nate

Dettagli

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. INCENTIVO DESTINATARI Giovani (l.99/2013) L incentivo è pari: -ad 1/3 della retribuzione

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

PATRONATO INCA CGIL Lombardia. Patronato INCA CGIL Lombardia

PATRONATO INCA CGIL Lombardia. Patronato INCA CGIL Lombardia PATRONATO INCA CGIL Lombardia Il Fondo Complementare Sirio I tre pilastri della Previdenza Previdenza Obbligatoria Previdenza Complementare Forme di risparmio a finalità previdenziale (P.I.P.) I tre pilastri

Dettagli

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

I Fondi pensione nel pubblico impiego

I Fondi pensione nel pubblico impiego 38 I Fondi pensione destinati ai lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni dello Stato, il cui rapporto di lavoro è disciplinato tramite contrattazione collettiva, possono essere istituiti

Dettagli

I servizi dello Sportello Enasco di Confcommercio Cosenza

I servizi dello Sportello Enasco di Confcommercio Cosenza I servizi dello Sportello Enasco di Confcommercio Cosenza Introduzione Da trent anni al servizio della società che lavora, l Enasco (Ente Nazionale di Assistenza Sociale per i Commercianti) è l ente di

Dettagli

Lista dei Pensplan Infopoint in Trentino Alto Adige/Südtirol

Lista dei Pensplan Infopoint in Trentino Alto Adige/Südtirol Lista dei Pensplan Infopoint in Trentino Alto Adige/Südtirol Pensplan nome documento 1 Pensplan Infopoint in Alto Adige/Südtirol In collaborazione con KVW KVW Bolzano Via Alto Adige, 28 Tel. 0471 978677

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDAV Fondo Pensione Complementare Personale Navigante di Cabina Sede Legale: Viale A. Marchetti, 111 00148 Roma Uffici: Piazza Fernando de Lucia, 37 00139 Roma Telefono: 06/88291308 Telefax: 06/8803298

Dettagli

GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI 2015:

GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI 2015: GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI 2015: NASPI ASDI DIS-COLL 2015 Con il Jobs Act ideato dal Governo Renzi, l Aspi diventa Naspi, la Nuova prestazione di Assicurazione sociale dell impiego, l indennità

Dettagli

1 pilastro, AVS / AI Garanzia del minimo esistenziale

1 pilastro, AVS / AI Garanzia del minimo esistenziale 1 pilastro, AVS / AI Garanzia del minimo esistenziale La previdenza statale, nell ambito dell AVS/ AI, garantisce il minimo di sussistenza a tutta la popolazione. 1. Contesto In Svizzera la previdenza

Dettagli

NOTA INFORMATIVA AI LAVORATORI

NOTA INFORMATIVA AI LAVORATORI NOTA INFORMATIVA AI LAVORATORI LA RIFORMA DEL TFR informativa ai sensi e per gli effetti dell articolo 8, comma 8 del D.Lgs. 252/2005 Egregio dipendente, con la presente vogliamo informarla che a partire

Dettagli

ASpI Assicurazione Sociale per l Impiego

ASpI Assicurazione Sociale per l Impiego 11. ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO di Barbara Buzzi Dal 1 gennaio 2013 è istituita una nuova prestazione di sostegno al reddito (Assicurazione Sociale per l Impiego ASpI) che sostituisce le attuali

Dettagli

Assicurazione sociale per l impiego

Assicurazione sociale per l impiego Aspi Assicurazione sociale per l impiego La riforma del lavoro voluta dal Governo Monti Fornero ha introdotto una nuova prestazione Inps a sostegno dei disoccupati. Si tratta dell Assicurazione sociale

Dettagli

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione)

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione) La previdenza complementare La previdenza complementare ha lo scopo di pagare pensioni che si aggiungono a quelle del sistema obbligatorio, in modo da assicurare migliori condizioni di vita ai pensionati.

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA Il decreto legislativo n. 252 del 5 dicembre 2005 ha rinviato al 1 gennaio 2007 esclusivamente l obbligo della destinazione del TFR maturando alla previdenza

Dettagli

DIPARTIMENTO WELFARE Politiche Previdenziali

DIPARTIMENTO WELFARE Politiche Previdenziali DIPARTIMENTO WELFARE Politiche Previdenziali SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO DEL MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE DI CONCERTO CON IL MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE

Dettagli

LEGGE 92 DEL 28/6/2012 ART. 2. Nuove indennità di disoccupazione: ASPI e mini-aspi

LEGGE 92 DEL 28/6/2012 ART. 2. Nuove indennità di disoccupazione: ASPI e mini-aspi ASPI e MINI ASPI LEGGE 92 DEL 28/6/2012 ART. 2 Cessazioni dal 1/1/2013 Nuove indennità di disoccupazione: ASPI e mini-aspi sostituiscono disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti normali disoccupazione

Dettagli

COSA ACCADE IN CASO DI VERSAMENTO CONTRIBUTIVO IN UN FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE. Informazioni di approfondimento

COSA ACCADE IN CASO DI VERSAMENTO CONTRIBUTIVO IN UN FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE. Informazioni di approfondimento COSA ACCADE IN CASO DI VERSAMENTO CONTRIBUTIVO IN UN FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE Informazioni di approfondimento Come vengono gestiti i versamenti ai fondi pensione complementare? Prima dell adesione

Dettagli

PREVIDENZA LEGGE REGIONALE 27 FEBBRAIO 1997, N. 3

PREVIDENZA LEGGE REGIONALE 27 FEBBRAIO 1997, N. 3 LEGGE REGIONALE 27 FEBBRAIO 1997, N. 3 Interventi di previdenza e sanità integrativa a sostegno dei fondi pensione e dei fondi sanitari a base territoriale regionale 1 2 3 Art. 1 (Agevolazione al funzionamento

Dettagli

Speed Date Previdenziale ASPI MINI ASPI

Speed Date Previdenziale ASPI MINI ASPI Speed Date Previdenziale ASPI MINI ASPI I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia, disoccupazione

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali assicurati

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INTRODUZIONE IL TFR LA PREVVIDENZA COMPLEMENTARE IL FINANZIAMENTO DELLE FORME PENSIONISTICHE FORME DI ADESIONE AGEVOLAZIONI FISCALI TASSAZIONE DELLE PRESTAZIONI TRASFERIMENTO

Dettagli

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Complementare

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Complementare Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Complementare www.logicaprevidenziale.it A Albo (delle forme pensionistiche complementari): Elenco ufficiale tenuto dalla COVIP cui le forme pensionistiche

Dettagli

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE AL PERSONALE DELLA SCUOLA La legge di riforma del lavoro (la n. 92 del 28 giugno 2012 - riforma Fornero) ha introdotto a partire dal 1.1.2013 il nuovo sussidio di disoccupazione

Dettagli

I Fondi pensione nel pubblico impiego

I Fondi pensione nel pubblico impiego I Fondi pensione nel pubblico impiego I scheda Fondi pensione destinati ai lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni dello Stato, il cui rapporto di lavoro è disciplinato tramite contrattazione

Dettagli

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI Esonero contributivo triennale Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI API Torino 5 marzo 2015 Beniamino Gallo Esonero triennale per le assunzioni a tempo indeterminato Il legislatore si è posto

Dettagli

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI.

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. Con la Circolare 94/2015, pubblicata lo scorso 12 Maggio 2015, l INPS, dopo una lunga attesa ha reso note le istruzioni definitive per la presentazione

Dettagli

i fondi pensione: in che consistono, come utilizzarli

i fondi pensione: in che consistono, come utilizzarli LA GUIDA DEL CONTRIBUENTE è una pubblicazione del Ministero delle Finanze Segretariato generale Ufficio per l informazione del contribuente Per ulteriori informazioni: www.finanze.it La Guida è distribuita

Dettagli

Comunicato del 23.02.2015 JOBS ACT: il decreto per NASPI e ASDI

Comunicato del 23.02.2015 JOBS ACT: il decreto per NASPI e ASDI FEDERAZIONE ITALIANA TRASPORTI DIPARTIMENTO POLITICHE SOCIALI Comunicato del 23.02.2015 JOBS ACT: il decreto per NASPI e ASDI Come noto il Consiglio dei Ministri ha approvato i primi due decreti attuativi

Dettagli

Sintesi del Rapporto annuale 2013

Sintesi del Rapporto annuale 2013 Ufficio Stampa Comunicato stampa Roma, 8 luglio 2014 Sintesi del Rapporto annuale 2013 L Inps al servizio del Paese L Inps esercita da sempre un ruolo di riferimento e di guida nell ambito della sicurezza

Dettagli

IL NUOVO TFR, GUIDA ALL USO A cura di Tommaso Roberto De Maria

IL NUOVO TFR, GUIDA ALL USO A cura di Tommaso Roberto De Maria LIBERA Confederazione Sindacale Li.Co.S. Sede nazionale Via Garibaldi, 45-20092 Cinisello Balsamo (MI) Tel.: 02 / 39.43.76.31. Fax: 02 / 39.43.75.26. e-mail: sindacatolicos@libero.it IL NUOVO TFR, GUIDA

Dettagli

DISCIPLINA NUOVA PRESTAZIONE DI ASSISTENZA SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI)

DISCIPLINA NUOVA PRESTAZIONE DI ASSISTENZA SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) ISTITUTO TUTELA ASSISTENZA COMMERCIO TURISMO E SERVIZI CONFESERCENTI DISCIPLINA NUOVA PRESTAZIONE DI ASSISTENZA SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) ART. 1 - NASPI A decorrere dal 1 Maggio 2015 è istituita una

Dettagli

Gli Organismi di Previdenza Complementare

Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli organismi di previdenza complementare, o fondi pensione, sono stati introdotti nell ordinamento italiano attraverso le disposizioni del Decreto legislativo

Dettagli

4 INCONTRO NAZIONALE A.I.G. Associazione Italiana GIST Onlus. 26 febbraio 2011 Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori Aula Magna

4 INCONTRO NAZIONALE A.I.G. Associazione Italiana GIST Onlus. 26 febbraio 2011 Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori Aula Magna 4 INCONTRO NAZIONALE A.I.G. Associazione Italiana GIST Onlus 26 febbraio 2011 Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori Aula Magna I diritti del malato oncologico Silvia Bettega Servizio Sociale Adulti

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

CIRCOLARE N 13 DEL 23 SET. 2013

CIRCOLARE N 13 DEL 23 SET. 2013 AREA RISORSE E SISTEMI Settore Personale e Sviluppo Organizzativo Unità Organizzativa Sitpendi e altri Compensi Unità Organizzativa Personale Tecnico ed Amministrativo e Dirigenti A tutto il Personale

Dettagli

Servizi pubblici che offrono informazioni e/o consulenza anche alle lavoratrici e ai lavoratori con contratti di lavoro atipici

Servizi pubblici che offrono informazioni e/o consulenza anche alle lavoratrici e ai lavoratori con contratti di lavoro atipici Servizi pubblici che offrono informazioni e/o consulenza anche alle lavoratrici e ai lavoratori con contratti di lavoro atipici UFFICI DEL LAVORO UFFICIO SERVIZIO LAVORO Via L. da Vinci 7 39100 Bolzano

Dettagli

Nel TUO. scoprilo adesso. c è un DIRITTO in più: contratto di lavoro FOND

Nel TUO. scoprilo adesso. c è un DIRITTO in più: contratto di lavoro FOND FOND PERSEO SIRIO Il Fondo pensione complementare dei lavoratori della P.A. e della Sanità Nel TUO contratto di lavoro c è un DIRITTO in più: scoprilo adesso PERSEO SIRIO è il Fondo pensione complementare

Dettagli

Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.

Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli. Centro Studi Cafasso Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Circolare informativa n 5/2007 Napoli, lì 9 marzo

Dettagli

I diritti previdenziali dei lavoratori stranieri: mutua, malattia, congedi parentali, maternità, ecc..

I diritti previdenziali dei lavoratori stranieri: mutua, malattia, congedi parentali, maternità, ecc.. I diritti previdenziali dei lavoratori stranieri: mutua, malattia, congedi parentali, maternità, ecc.. A cura di Simonetta Zini Servizio Previdenza Che cos è? L assicurazione obbligatoria è la forma con

Dettagli

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE Chiarimenti sulla disciplina fiscale del d. lgs. n. 252/2005 (c.d. Testo Unico della previdenza complementare) Circolare dell

Dettagli

FONDO SIRIO IL TUO FUTURO NELLE TUE MANI ORGOGLIOSI DI ESSERE DIPENDENTI PUBBLICI.

FONDO SIRIO IL TUO FUTURO NELLE TUE MANI ORGOGLIOSI DI ESSERE DIPENDENTI PUBBLICI. FONDO SIRIO IL TUO FUTURO NELLE TUE MANI ORGOGLIOSI DI ESSERE DIPENDENTI PUBBLICI. SIRIO IL FONDO DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE DEI DIPENDENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. Possono aderire al fondo Sirio

Dettagli

10 GIUGNO 2015 PRESSO ENFAP PIEMONTE

10 GIUGNO 2015 PRESSO ENFAP PIEMONTE Seminario Jobs Act PRESSO ENFAP PIEMONTE Jobs Act FLESSIBILITA IN ENTRATA E IN USCITA POLITICHE SOSTEGNO AL REDDITO POLITICHE ATTIVE PER IL LAVORO Jobs Act LEGGE 10 DICEMBRE 2014, N.183 (legge delega)

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI PER I LAVORATORI DIPENDENTI COSA SONO I versamenti volontari hanno lo scopo di consentire ai lavoratori che hanno cessato l'attività di aumentare il numero

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (A) Regime fiscale applicabile agli iscritti a partire dal 1 gennaio 2007ed ai contributi versati dal 1 gennaio 2007dai lavoratori già iscritti 1. I Contributi 1.1 Il regime

Dettagli

MERCATODELLAVORO: COSACAMBIA? INAS CISL - NUMERO VERDE 800 249 307 - WWW.INAS.IT. quotidiano della Cisl Anno 64 n. 249 - Lunedì 29 ottobre 2012

MERCATODELLAVORO: COSACAMBIA? INAS CISL - NUMERO VERDE 800 249 307 - WWW.INAS.IT. quotidiano della Cisl Anno 64 n. 249 - Lunedì 29 ottobre 2012 TUTELA ottavo 10-2012:Layout 1 18-10-2012 14:44 Pagina 3 quotidiano della Cisl Anno 64 n. 249 - Lunedì 29 ottobre 2012 Tutela IISN 0010-6348 Sped. in abb. postale 45% Roma - art. 2 comma 20 b legge 662/96

Dettagli

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare Le riforme del sistema previdenziale attuate negli anni 90 hanno apportato una serie di interventi restrittivi alle pensioni erogate dal sistema pubblico,

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

2. Maternità e Paternità nel

2. Maternità e Paternità nel 2. Maternità e Paternità nel LAVORO AUTONOMO, PROFESSIONALE, PARASUBORDINATO 2.1 Lavoro autonomo La normativa: La tutela della maternità nell ambito del lavoro autonomo ha trovato il primo riconoscimento

Dettagli

PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER DICEMBRE 2012

PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER DICEMBRE 2012 PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER DICEMBRE 2012 PENSIONI 2013 PUBBLICATO IN GAZZETTA UFFICIALE IL DECRETO PER LA PEREQUAZIONE AUTOMATICA DELLE PENSIONI 2012 E 2013 La perequazione automatica - o rivalutazione

Dettagli

In materia di conferimento del TFR dei lavoratori silenti ad un fondo pensione, i datori di lavoro rientranti in una delle seguenti casistiche:

In materia di conferimento del TFR dei lavoratori silenti ad un fondo pensione, i datori di lavoro rientranti in una delle seguenti casistiche: CIRCOLARE PER I CONSULENTI E I DATORI DI LAVORO Gentile signora/egregio signore WWWWWWWWWWWWWWWWWW, 2007 Conferimento del TFR dei lavoratori silenti al Fondo Pensione Aperto Regionale TFR al posto del

Dettagli

FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione

FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione 1 L ADESIONE L adesione alle forme pensionistiche complementari è libera e volontaria 2 L ADESIONE SI PUO ADERIRE A FONTEMP: IN MANIERA

Dettagli

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare Stampa Aspetti fiscali sulla previdenza complementare admin in LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: ASPETTI FISCALI Come è noto, la riforma, attuata con il Decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, in vigore

Dettagli

Forme pensionistiche complementari Introduzione Le forme pensionistiche complementari sono forme di previdenza finalizzate alla costituzione di una

Forme pensionistiche complementari Introduzione Le forme pensionistiche complementari sono forme di previdenza finalizzate alla costituzione di una Forme pensionistiche complementari Introduzione Le forme pensionistiche complementari sono forme di previdenza finalizzate alla costituzione di una prestazione pensionistica integrativa, autorizzate e

Dettagli

Analizziamo quali possibilità di scelta, in concreto, hanno ciascuna delle citate tipologie di medici dipendenti.

Analizziamo quali possibilità di scelta, in concreto, hanno ciascuna delle citate tipologie di medici dipendenti. Fondo Pensione CAIMOP Via C.Pavese 360 00144 Roma Tel.065022185 Fax 065022190 www.caimop.it A seguito dell entrata in vigore del Dlgs. 5 dicembre 2005 n.252, dal 1 gennaio 2007 ciascun lavoratore dipendente

Dettagli

INAS CISL - NUMERO VERDE 800 249 307 - WWW.INAS.IT

INAS CISL - NUMERO VERDE 800 249 307 - WWW.INAS.IT quotidiano della Cisl Anno 66 n. 187 - Lunedì 25 Agosto 2014 utela IISN 0010-6348 Sped. in abb. postale 45% Roma - art. 2 comma 20 b legge 662/96 Previdenza complementare: Cos è e perché conviene averla

Dettagli

CONFEDERAZIONE GENERALE UNITARIA CGU - CISAL. Segreteria Regionale Friuli Venezia Giulia. Oggetto: Fondo Perseo. Prime indicazioni.

CONFEDERAZIONE GENERALE UNITARIA CGU - CISAL. Segreteria Regionale Friuli Venezia Giulia. Oggetto: Fondo Perseo. Prime indicazioni. Oggetto: Fondo Perseo. Prime indicazioni. Premessa Perseo è il Fondo Nazionale pensione complementare destinato a tutti i lavoratori delle Regioni, delle Autonomie Locali e della Sanità. Nasce con l obiettivo

Dettagli

Conta su di noi! I vantaggi della pensione complementare

Conta su di noi! I vantaggi della pensione complementare Conta su di noi! I vantaggi della pensione complementare per il personale dell Amministrazione provinciale e per il personale docente ed educativo delle scuole elementari, medie e superiori dell Alto Adige.

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza CIRCOLARE Febbraio 2014 Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Gentili clienti! Con la presente circolare vorremmo portarla a conoscenza delle

Dettagli

Circolare di studio n. 1/2015 STUDIO COMMERCIALE E DEL LAVORO DANIELA DI CIOCCIO

Circolare di studio n. 1/2015 STUDIO COMMERCIALE E DEL LAVORO DANIELA DI CIOCCIO Circolare di studio n. 1/2015 STUDIO COMMERCIALE E DEL LAVORO DANIELA DI CIOCCIO Gentile_Cliente, pensando di fare cosa gradita, lo studio Di Cioccio Daniela, vi invia una circolare informativa, riguardante

Dettagli

Il quadro d insieme del sistema di previdenza complementare

Il quadro d insieme del sistema di previdenza complementare Il quadro d insieme del sistema di previdenza complementare Agenda La funzione della previdenza complementare Caratteristiche e modalità di funzionamento Tipologia di forme pensionistiche complementari

Dettagli

LA SCELTA SULLA DESTINAZIONE DEL TFR

LA SCELTA SULLA DESTINAZIONE DEL TFR Ai lavoratori dipendenti della Cooperativa Sociale Terr.A. Idee e servizi di animazione nel territorio Prot. Padova, MODULISTICA ED INFORMATIVA PER L INDICAZIONE ALLA COOPERATIVA DELLA SCELTA SULLA DESTINAZIONE

Dettagli

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore:

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore: Disoccupazione Una quota dei contributi versati serve per assicurarsi contro la disoccupazione, causata dall estinzione di un rapporto di lavoro per cause non attribuibili alla volontà del lavoratore stesso.

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Aggiornato al 23 febbraio 2015)

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Aggiornato al 23 febbraio 2015) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Aggiornato al 23 febbraio 2015) Il presente documento integra il contenuto della Nota informativa per l adesione al fondo pensione aperto a contribuzione definita PENSPLAN

Dettagli

JOBS ACT. 9 febbraio 2015, Ancona. Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI. www.an.camcom.gov.

JOBS ACT. 9 febbraio 2015, Ancona. Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI. www.an.camcom.gov. JOBS ACT I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI 9 febbraio 2015, Ancona Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro www.an.camcom.gov.it 1 IL CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI Nonostante

Dettagli

È nato Fondo Pensione Perseo

È nato Fondo Pensione Perseo È nato Fondo Pensione Perseo / Il futuro in cassaforte è nato Perseo Da oggi puoi pensare più serenamente al tuo futuro. Perseo è il Fondo pensione complementare destinato ai lavoratori delle Regioni

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

MOBILITÀ: QUELLO CHE OCCORRE SAPERE PER POTER DECIDERE (e che di solito si chiede) scheda a cura dei delegati FIOM- CGIL Aprilia

MOBILITÀ: QUELLO CHE OCCORRE SAPERE PER POTER DECIDERE (e che di solito si chiede) scheda a cura dei delegati FIOM- CGIL Aprilia MOBILITÀ: QUELLO CHE OCCORRE SAPERE PER POTER DECIDERE (e che di solito si chiede) scheda a cura dei delegati FIOM- CGIL Aprilia 1) Cosa succede se ci vado? Viene chiuso il rapporto di lavoro: il lavoratore,

Dettagli

Art. 1 (Principi e finalità)

Art. 1 (Principi e finalità) Regione Lazio L.R. 20 Marzo 2009, n. 4 Istituzione del reddito minimo garantito. Sostegno al reddito in favore dei disoccupati, inoccupati o precariamente occupati (1) Art. 1 (Principi e finalità) 1. La

Dettagli

Tabelle di sintesi in materia di ammortizzatori sociali e disoccupazione involontaria D.L.vo n. 22/2015

Tabelle di sintesi in materia di ammortizzatori sociali e disoccupazione involontaria D.L.vo n. 22/2015 Tabelle di sintesi in materia di ammortizzatori sociali e disoccupazione involontaria D.L.vo n. 22/2015 Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego (NASpI) Argomento CAMPO DI APPLICAZIONE

Dettagli

5. Prestazioni di natura previdenziale

5. Prestazioni di natura previdenziale 5. Prestazioni di natura previdenziale Premessa Il tema della riforma delle pensioni in questi ultimi anni, è stato materia di grande dibattito e di aspri scontri. Ricordiamo ad esempio la riforma Maroni

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR A cura di Maria Rosa Gheido 1 LEGGE DELEGA n. 243/2004 (luglio 2004) AVVISO COMUNE DELLE PARTI SOCIALI (febbraio e luglio 2005) DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

La pensione di anzianità

La pensione di anzianità La pensione di anzianità AI LETTORI Che cosa è la pensione di anzianità? Al verificarsi di quali condizioni il lavoratore può richiedere tale prestazione? Che cosa sono le finestre? A queste ed a numerose

Dettagli

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE Come viene alimentata la posizione previdenziale? Il finanziamento è attuato mediante contribuzione a carico del lavoratore, del datore di lavoro e tramite

Dettagli

FONDO PENSIONE ARTIFOND DOMANDE E RISPOSTE

FONDO PENSIONE ARTIFOND DOMANDE E RISPOSTE Via di S. Croce in Gerusalemme, 63 00185 Roma Tel. +039 06 77205055 Fax 06 77591946 www.artifond.it FONDO PENSIONE ARTIFOND DOMANDE E RISPOSTE a) GENERALITÀ SUL FONDO CHE COS È UN FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE?

Dettagli

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO Il 1 gennaio 2007 è entrato in vigore il d. lgs. 252/05 e i lavoratori, compresi i soci delle cooperative di lavoro, avranno 6 mesi

Dettagli

PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL FONDO PERSEO

PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL FONDO PERSEO PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL FONDO PERSEO PERSEO, il Fondo pensione complementare dei dipendenti delle Regioni, Autonomie locali e della Sanità Chi può aderire PERSEO può contare su una platea di potenziali

Dettagli

Le parole della previdenza.

Le parole della previdenza. Le parole della previdenza. Aliquota contributiva percentuale della retribuzione imponibile utilizzata per determinare l importo della contribuzione previdenziale dovuta in parte dal datore di lavoro e

Dettagli

Incentivi alle assunzioni, politiche attive e NASpI

Incentivi alle assunzioni, politiche attive e NASpI Incentivi alle assunzioni, politiche attive e NASpI Dott. Salvatore Vitiello Consulente del lavoro Convegno «La riforma del lavoro - Jobs Act. COSA CAMBIA DAVVERO» Milano, 24 marzo 2015 www.hrcapital.it

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 1 Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 27 marzo 2015 Sommario REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI... 3 Contributi versati fino al 31 dicembre 2006... 3 Contributi versati

Dettagli

BONUS 80 EURO, BONUS BEBÈ E TFR IN BUSTA PAGA

BONUS 80 EURO, BONUS BEBÈ E TFR IN BUSTA PAGA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO NUOVI ADEMPIMENTI FISCALI DOPO LA LEGGE DI STABILITÀ BONUS 80 EURO, BONUS BEBÈ E TFR IN BUSTA PAGA Francesca Gerosa Commissione Diritto Tributario Nazionale

Dettagli

Dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018 i lavoratori del settore privato potranno chiedere l erogazione del Tfr in busta paga.

Dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018 i lavoratori del settore privato potranno chiedere l erogazione del Tfr in busta paga. Lavorofisco.it Dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018 i lavoratori del settore privato potranno chiedere l erogazione del Tfr in busta paga. La legge di Stabilità 2015 prevede, infatti, in via sperimentale

Dettagli

Tutela PENSIONE COMPLEMENTARE: COME FUNZIONA? Anno 64 n. 299 - Lunedì 27 dicembre 2012 INAS CISL - NUMERO VERDE 800 249 307 - WWW.INAS.

Tutela PENSIONE COMPLEMENTARE: COME FUNZIONA? Anno 64 n. 299 - Lunedì 27 dicembre 2012 INAS CISL - NUMERO VERDE 800 249 307 - WWW.INAS. quotidiano della Cisl IISN 0010-6348 Sped. in abb. postale 45% Roma - art. 2 comma 20 b legge 662/96 Anno 64 n. 299 - Lunedì 27 dicembre 2012 Tutela INAS CISL - NUMERO VERDE 800 249 307 - WWW.INAS.IT PENSIONE

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Federazione Lavoratori della Conoscenza LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Schede informative A partire dal 1 gennaio 2007, per 16 milioni di lavoratori dipendenti del settore

Dettagli

Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007

Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 12 17 MARZO 2008 Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007 Copyright

Dettagli

INDICE. Sezione Prima ASPETTI CIVILISTICI

INDICE. Sezione Prima ASPETTI CIVILISTICI INDICE Sezione Prima ASPETTI CIVILISTICI Definizione di TFR... pag. 10 Fonti normative...» 10 Soggetti beneficiari... pag. 12 Decesso del dipendente...» 12 Cessione e pignoramento del TFR...» 13 Calcolo

Dettagli