Servizio Prestazioni. FONDAZIONE ENASARCO: tutti i diritti riservati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Servizio Prestazioni. FONDAZIONE ENASARCO: tutti i diritti riservati"

Transcript

1 1

2 PRESTAZIONI INTEGRATIVE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI PENSIONE ai SUPERSTITI Gestione INDENNITÀ di SCIOGLIMENTO del RAPPORTO di AGENZIA PENSIONE di VECCHIAIA PENSIONE di INVALIDITÀ PENSIONE di INABILITÀ RENDITA CONTRIBUTIVA Polizza infortuni e malattia Erogazioni straordinarie Assegni per nascita e adozione Assegni per gravidanza Contributo asili nido Borse di studio e colonie estive Premi per tesi di laurea Soggiorni termali e climatici Contributo famiglie con portatori di handicap L. 104/92 Assegni per case di riposo Assegni funerari 2

3 OBBLIGO di ISCRIZIONE Agenti che operano in Italia per preponenti italiani/stranieri con sede/dipendenza in Italia Agenti che abitualmente operano oppure esercitano una parte sostanziale dell attività in Italia (normativa comunitaria) FACOLTÀ di ISCRIZIONE Agenti che, pur non essendo obbligati, ne facciano richiesta 3

4 Agenti che, pur non essendo obbligati, ne facciano richiesta L iscrizione è sottoposta a verifica della Fondazione Il contributo si calcola come quello obbligatorio Il contributo è interamente a carico dell agente 4

5 PREPONENTE entro 30 giorni comunica l inizio/ la cessazione del rapporto d agenzia AGENTE aggiorna costantemente i dati comunicati dal preponente 5

6 CONTRIBUTO PREVIDENZIALE OBBLIGATORIO Art. 4 finanzia la PREVIDENZA degli agenti che FINALITÀ operano in forma individuale o associata (illimitatamente responsabili) PRESUPPOSTO rapporto d agenzia con maturazione di provvigioni BASE di CALCOLO del CONTRIBUTO tutte le somme (anche se non ancora pagate) che spettano all agente a qualsiasi titolo, compresi acconti e premi (provvigioni da comunicare obbligatoriamente) OBBLIGO CONTRIBUTIVO agente e preponente in misura paritetica RESPONSABILE del PAGAMENTO preponente TERMINI di PAGAMENTO 20 maggio, 20 agosto, 20 novembre, 20 febbraio 6

7 Per gli AGENTI OPERANTI in FORMA di SOCIETÀ di PERSONE Il contributo: 1. È obbligatorio in relazione al singolo CONTRATTO a prescindere dal numero di soci illimitatamente responsabili. 2. È calcolato sulla base delle provvigioni liquidate alla società d agenzia. 3. È ripartito tra i soci illimitatamente responsabili per le obbligazioni sociali (es. accomandatario nella s.a.s.) in base alle quote di partecipazione societaria. 7

8 CONTRIBUTO PREVIDENZIALE OBBLIGATORIO 14% a calcolo delle prestazioni previdenziali ALIQUOTA CONTRIBUTIVA A REGIME 17% 3% al ramo previdenza a titolo di solidarietà 8

9 MASSIMALI PROVVIGIONALI E MINIMALI CONTRIBUTIVI ART. 5 MASSIMALI PROVVIGIONALI Tipologia rapporto di agenzia Monomandatario Plurimandatario Anno di decorrenza I massimali provvigionali sono rivalutati annualmente secondo l indice ISTAT dal

10 MINIMALI CONTRIBUTIVI Agente monomandatario 834 Agente plurimandatario 417 I minimali contributivi sono rivalutati annualmente secondo l indice ISTAT dal I contributi di importo inferiore al minimale sono utili per l incremento del montante contributivo ma non per l anzianità contributiva. 10

11 QUANDO è dovuto e COME SI CALCOLA il MINIMALE? É dovuto SE nell anno è maturata almeno una provvigione (NO provvigioni = NO minimale) É calcolato per quote trimestrali in ragione dei trimestri di effettiva durata del rapporto di agenzia nell anno solare FRAZIONABILE (1 trimestre = ¼ del minimale annuo) 11

12 CONTRIBUTO per AGENTI OPERANTI in FORMA di SOCIETÀ di CAPITALI Art. 6 FINALITÀ finanzia le PRESTAZIONI INTEGRATIVE DI PREVIDENZA e la solidarietà di categoria PRESUPPOSTO rapporto d agenzia con agenti in forma di S.d.C. che matura provvigione BASE di CALCOLO del CONTRIBUTO tutte le somme (anche se non ancora pagate) che OBBLIGO CONTRIBUTIVO spettano all agente a qualsiasi titolo, compresi acconti e premi (provvigioni da comunicare obbligatoriamente) in parte a carico dell agente ed in parte del preponente RESPONSABILE del PAGAMENTO preponente TERMINI di PAGAMENTO 20 maggio, 20 agosto, 20 novembre, 20 febbraio 12

13 CONTRIBUTO per AGENTI OPERANTI in FORMA di SOCIETÀ di CAPITALI ALIQUOTA CONTRIBUTIVA Anno di decorrenza Provvigioni annue 2011 Fino a 13 mln 2% Da 13 mln a 20 mln 1% Da 20 mln a 26 mln 0,5% Oltre 26 mln 0,1% ,40% 2,80% 3,20% 3,60% 4,00% 2,20% + 0,20% 2,40% + 0,40% 2,60% + 0,60% 2,80% + 0,80% 3,00% + 1,00% 1,20% 1,40% 1,60% 1,80% 2,00% 1,10% + 0,10% 1,20% + 0,20% 1,30% + 0,30% 1,40% + 0,40% 1,50% + 0,50% 0,60% 0,70% 0,80% 0,90% 1,00% 0,55% + 0,05% 0,60% + 0,10% 0,65% + 0,15% 0,70% + 0,20% 0,75% + 0,25% 0,15% 0,20% 0,30% 0,40% 0,50% 0,125% + 0,025% 0,15% + 0,05% 0,20% + 0,10% 0,25% + 0,15% 0,30% + 0,20% Parte di contributo a carico del preponente Parte di contributo a carico della società di capitali 13

14 CONTRIBUTO FACOLTATIVO Art. 7 FINALITÀ incrementa il montante contributivo per migliorare la pensione PRESUPPOSTO rapporto d agenzia con maturazione di provvigioni BASE di CALCOLO del CONTRIBUTO l importo è determinato dall agente, ma non inferiore alla metà del contributo minimo annuo previsto per il plurimandatario OBBLIGO CONTRIBUTIVO non sussiste RESPONSABILE agente (per gli iscritti antecedentemente al 1/1/2004 la facoltà è riconosciuta al solo fine di incrementare la quota di pensione calcolata ai sensi dell art.18 comma 2 let.c) TERMINI di PAGAMENTO saranno indicati dalla Fondazione 14

15 CONTRIBUTO VOLONTARIO Art. 9 FINALITÀ incrementa il montante contributivo e l anzianità contributiva per gli anni di cessazione dell attività di agenzia cessazione, temporanea o definitiva, PRESUPPOSTO dell attività d agenzia BASE di CALCOLO del CONTRIBUTO media delle provvigioni liquidate negli ultimi tre OBBLIGO CONTRIBUTIVO non sussiste RESPONSABILE del PAGAMENTO agente TERMINI di PAGAMENTO anni di contribuzione obbligatoria, anche non consecutivi previsti dalla Fondazione 15

16 Le CONDIZIONI di AMMISSIBILITÀ alla CONTRIBUZIONE VOLONTARIA sono: Cessazione temporanea o definitiva dell attività Almeno 5 anni di anzianità contributiva di cui 3 nel quinquennio antecedente alla cessazione Non essere titolare di pensione Enasarco Istanza di ammissione entro 2 anni dal 1 gennaio successivo alla cessazione (termine di decadenza) 16

17 La MISURA del CONTRIBUTO VOLONTARIO ANNUO: Si determina sulla base della media delle provvigioni liquidate negli ultimi 3 anni di contribuzione obbligatoria, anche non consecutivi Non può essere inferiore al contributo minimo previsto per gli agenti monomandatari È totalmente a carico dell agente È comprensivo del contributo destinato al ramo di previdenza a titolo di solidarietà 17

18 Le CAUSE di CESSAZIONE del DIRITTO alla CONTRIBUZIONE VOLONTARIA sono: La ripresa dell attività Il raggiungimento dei requisiti validi per la pensione di vecchiaia Il godimento della pensione di inabilità o invalidità o della rendita contributiva 18

19 MODALITÀ DI AMMISSIONE ALLA PROSECUZIONE VOLONTARIA Art. 10 TERMINI per il VERSAMENTO GIORNI dalla comunicazione del provvedimento (a pena di decadenza) per i contributi volontari relativi all anno in corso giorni dalla comunicazione del provvedimento per i contributi volontari relativi a periodi pregressi autorizzati 3. entro il 30 novembre di ogni anno oppure in quattro rate (28 febbraio, 31 maggio, 31 agosto, 30 novembre) per i contributi volontari relativi alle annualità successive 19

20 EFFETTI del MANCATO PAGAMENTO del CONTRIBUTO VOLONTARIO nella MISURA o nei TERMINI PREVISTI L ISCRITTO PAGA in ritardo rispetto alla scadenza del 30 novembre Il versamento è imputato a copertura di periodi successivi in misura inferiore a quella autorizzata Il versamento, purché superiore al minimale del monomandatario, copre un numero di trimestri equivalenti alla minor somma e l eventuale residuo incrementa il solo montante 20

21 AREA ISTITUZIONALE Servizio Studi e Analisi Attuariali PENSIONE DI VECCHIAIA art.14 REQUISITI Regolamento 2012 s.m.i. a regime nel 2024 età minima anzianità contributiva minima anzianità contributiva/età QUOTA 67 anni 20 anni

22 REQUISITI PENSIONE DI VECCHIAIA (REGIME TRANSITORIO) ART

23 COSA CAMBIA per CHI è GIÀ ISCRITTO? L agente che ha già maturato 20 anni di anzianità contributiva, coperti da contribuzione obbligatoria o volontaria, può: presentare domanda di prosecuzione volontaria entro 3 anni dall entrata in vigore del Regolamento ( ) attendere il compimento del 72 anno di età e presentare domanda per la pensione di vecchiaia 23

24 PENSIONE DI VECCHIAIA ANTICIPATA 1. Possono chiedere l anticipazione della pensione di vecchiaia, di uno o due anni, gli agenti che abbiano almeno 65 anni compiuti di età e almeno 20 compiuti di anzianità contributiva, quando la somma tra gli anni compiuti di età anagrafica e di anzianità contributiva risulti almeno pari a L ammontare della pensione anticipata è ridotto in maniera permanente nella misura del 5% per ciascuno degli anni di anticipazione rispetto all età anagrafica altrimenti necessaria per maturare il diritto alla pensione di vecchiaia 3. La richiesta di anticipazione può essere presentata dagli anni 2017 per gli uomini e 2021 per le donne 24

25 CALCOLO DELLA PENSIONE DI VECCHIAIA Art. 18 ISCRITTI DAL 2004 PENSIONE Montante contributivo Coefficiente di trasformazione SISTEMA CONTRIBUTIVO ISCRITTI ANTE 2004 PENSIONE SISTEMA MISTO QUOTA A + QUOTA B + QUOTA C quota A corrispondente all anzianità acquisita anteriormente all' , calcolata con il sistema retributivo secondo la legge 12/73 quota B corrispondente all anzianità acquisita tra l e il , calcolata con il sistema retributivo secondo il Regolamento 1998 quota C corrispondente all anzianità successiva al calcolata con il sistema contributivo 25

26 Fondazione Enasarco I ESEMPIO DI PENSIONE DI VECCHIAIA CALCOLO QUOTA -A- - Miglior triennio nell ultimo decennio : 2007/2008/ totale provvigionale quota A = ,96 Anno di rif. Contributi % Sommatoria provvigioni ,29 13, , ,00 13, , ,49 13, , ,36 13, , ,00 13, , ,50 13, , ,00 13, , ,00 13, , ,98 X 70 : 100 : 40 x 18,75 = ,00 13, ,69 - riduzione annua ex art ,23 12, ,84 - Media ,96 : 3 = ,98 Anzianità Contributiva Importo annuale quota A 8.606, ,88 = 7.556,50 Importo mensile quota A = 7.556,50/13 =581,27 26

27 Fondazione Enasarco I ESEMPIO DI PENSIONE DI VECCHIAIA CALCOLO QUOTA -BAnno di rif. Contributi % provvigioni ,29 13, , ,00 13, , ,49 13, , ,36 13, , ,00 13, , ,50 13, , ,00 13, , ,00 13, , ,00 13, , ,23 12, , ,49 11, , , ,49 11,50 11, , , ,49 11, , ,30 11, ,90 -Si considera l ultimo quindicennio : dal 1995 al totale provvigionale quota B = ,23 - Media ,23 : 15 = ,42 Anzianità ,42 Contributiva , ,45 X 1.15% = 115, ,32 313,44 X 5,25 = 1.645,56 COEFFICIENTI QUOTA B: SCAGLIONI Fino a 6.197,48 Coeff. 1,75% IMPORTO 108,46 TOTALE 0 Da 6197,49 a 9.296,22 1,55% 48,03 156,49 Da 9.296,23 a ,97 Oltre ,97 1,35% 1,15% 41, ,32 0 Importo mensile quota B = 1.645,56/13 =126,58 27

28 Fondazione Enasarco I ESEMPIO DI PENSIONE DI VECCHIAIA Determinare montante contributivo CALCOLO QUOTA -C- Contributi versati dal 1/1/04 in poi raggruppati secondo l anno in cui sono stati versati al netto del contributo di solidarietà Anno versamento Contributi 2.355, , ,00 Indice ricap.ne % 3,9272 4,0506 3,5386 contributi Anno corr , , , ,00 3, , ,50 3, , ,00 3, , ,36 1, , ,49 1, , ,00 1, , , ,29 Ricapitalizzati anni precedenti , , , , , , , , ,65 Coefficiente di trasformazione , ,29 = ,94 X 5,467% = 1.583,79 (Importo annuale quota C) Importo mensile quota C = 1.583,79/13 = 121,83 RIEPILOGO: Importo quota A- annuale: 7.556,50 mensile: 581,27 Importo quota B- annuale: 1.645,56 mensile: 126,58 Importo quota C- annuale: 1.583,79 mensile: 121,83 TOTALE PENSIONE annuale: ,85 mensile: 829,68 28

29 TASSI di CAPITALIZZAZIONE del MONTANTE CONTRIBUTIVO per la PENSIONE DI VECCHIAIA dal 2004 al 2008 La variazione media quinquennale del PIL con riferimento al quinquennio precedente l'anno da rivalutare (L. 335/95) dal 2009 al 2011 Il maggiore tra il tasso medio dei rendimenti netti degli investimenti finanziari della gestione previdenziale realizzati nel triennio precedente l anno da rivalutare e la variazione media quinquennale del PIL (L. 335/95) dal 2012 Il 90% del tasso medio dei rendimenti netti degli investimenti finanziari della gestione previdenziale realizzati nel quinquennio precedente l anno da rivalutare con un valore minimo garantito dell 1,5%. Il restante 10% alimenta un apposito fondo da utilizzare a copertura del rendimento minimo 29

30 DECORRENZA della PENSIONE DI VECCHIAIA 1 giorno del mese successivo a quello del Domanda entro un anno dal conseguimento del diritto con pagamento degli arretrati senza interessi conseguimento del diritto Domanda oltre l anno dal conseguimento del diritto Nel caso di anticipazione 1 giorno del mese successivo a quello di presentazione della domanda con maggiorazione del 3% per ogni anno compiuto di ritardo La pensione decorre dal primo giorno del mese successivo a quello di presentazione della domanda ed è calcolato in base alla data di presentazione 30

31 RENDITA CONTRIBUTIVA Art. 16 REQUISITI CALCOLO iscrizione dal anni di età almeno 5 anni di anzianità contributiva sistema contributivo con riduzione del 2% per ciascuno degli anni mancanti al raggiungimento di quota 92 N.B. Potrà essere chiesta dall anno

32 PENSIONE DI INVALIDITÁ Art. 19 REQUISITI CALCOLO DECORRENZA invalidità del 67% della capacità lavorativa nell attività d agente effettivamente esercitata; almeno 5 anni di anzianità contributiva obbligatoria di cui 3 anni nel quinquennio antecedente la presentazione della domanda di pensione Sistema contributivo o misto (Vedi pensione vecchiaia). La pensione di invalidità è proporzionata al grado di riduzione della capacità lavorativa. 1 giorno del mese successivo a quello di presentazione della domanda 1 giorno del mese successivo alla data di insorgenza dell invalidità pensionabile se questa interviene dopo la presentazione della domanda (purché a questa data sussistano ancora i requisiti amministrativi) 32

33 PENSIONE DI INABILITÁ Art. 20 REQUISITI - assoluta e permanente qualsiasi attività lavorativa; incapacità all esercizio di - almeno 5 anni di anzianità contributiva obbligatoria di cui 1 nel quinquennio precedente la domanda di pensione (l anno nel quinquennio non è richiesto in caso di inabilità sopraggiunta per aggravamento invalidità) 33

34 PENSIONE DI INABILITÁ CALCOLO Sistema contributivo o misto (Vedi pensione vecchiaia) CONDIZIONE DI AMMISSIBILITÀ Cessazione di tutti i rapporti di agenzia se al momento di presentazione della domanda sono cessati tutti i rapporti di agenzia DECORRENZA la pensione decorre dal primo giorno del mese successivo a quello di presentazione della domanda; se la cessazione dei rapporti avviene in un momento successivo a quello di presentazione della domanda la pensione decorre dal primo giorno del mese successivo a quello di scioglimento dell ultimo rapporto di agenzia, e il calcolo è effettuato con riferimento alla data di cessazione rapporti lavorativi 34

35 TRASFORMAZIONE DELLA PENSIONE DI INVALIDITÀ/INABILITÀ in VECCHIAIA Art. 21, comma 3 1) ISCRITTI DAL 2004 Al raggiungimento dei requisiti per la pensione di vecchiaia il pensionato di invalidità/inabilità può chiedere la liquidazione della pensione di vecchiaia sulla base dei soli contributi pervenuti successivamente alla data del pensionamento. 2) ISCRITTI ANTE 2004 Al raggiungimento dei requisiti per la pensione di vecchiaia il pensionato di invalidità/inabilità può chiedere la trasformazione della pensione in godimento in pensione di vecchiaia. 35

36 ACCERTAMENTO e VERIFICA STATO INVALIDITÁ/ INABILITÁ Accerta al momento della domanda Verifica d ufficio in ogni momento in caso di rifiuto della visita medica sospensione revoca (decorsi 90 gg.) su richiesta 36

37 PENSIONE AI SUPERSTITI Art. 23 REQUISITI Pensione di reversibilità superstiti dell agente già pensionato superstiti dell agente non pensionato che abbia maturato: Pensione indiretta Rendita contributiva (dal 2024) almeno 20 anni di anzianità contributiva Oppure almeno 5 anni di anzianità contributiva di cui 1 nel quinquennio precedente il decesso superstiti dell agente non pensionato: iscritto dal 2012 con almeno 5 anni di anzianità contributiva (riduzione del 2% per ciascuno degli anni mancanti al 20 di a.c.) 37

38 BENEFICIARI DELLE PENSIONI DI REVERSIBILITA ED INDIRETTE Art. 24 A. BENEFICIARI il coniuge, anche se separato con addebito purché goda di assegno alimentare, ovvero il coniuge divorziato purché ricorrano le condizioni di cui all'articolo 9, Legge 1 dicembre 1970, n. 898; i figli di età inferiore ai 18 anni; i figli maggiorenni permanentemente inabili a proficuo lavoro ed a carico dell agente; i figli maggiorenni che seguono corsi di studi sino al compimento del 21 o 26 anno di età. Si intendono equiparati ai figli legittimi, i figli adottivi, quelli naturali legalmente riconosciuti o giudizialmente dichiarati nonché i minori regolarmente affidati dagli organi competenti a norma di legge; in mancanza dei superstiti indicati ai punti precedenti, i genitori di età superiore a 65 anni, non titolari di pensione e che alla data del decesso dell'agente risultavano a totale suo carico; in mancanza dei superstiti di cui ai punti precedenti, i fratelli celibi e le sorelle nubili non titolari di pensione permanentemente inabili ed a carico dell agente. 38

39 B. SOGGETTI VIVENTI A CARICO Sono considerati a carico dell'agente: i figli maggiorenni studenti con un reddito non superiore all importo del trattamento minimo INPS ( 467,43 per il 2011) maggiorato del 30% i figli inabili aventi reddito non superiore al limite stabilito per la concessione della pensione in favore degli invalidi civili totali aumentato dell importo dell indennità di accompagnamento, qualora ne siano titolari i genitori, i fratelli inabili e le sorelle inabili si considerano a carico dell agente qualora non siano percettori di alcun reddito 39

40 PERDITA DIRITTO ALLA PENSIONE AI SUPERSTITI Perdono il diritto a pensione con decorrenza dal primo giorno del mese successivo a quello in cui si verifica l'evento: il coniuge che passi a nuove nozze o i figli che contraggano matrimonio prima del 18 anno di età; i figli maggiorenni già riconosciuti inabili, quando cessi lo stato di inabilità o quando abbiano un reddito proprio annuo superiore al limite stabilito per la vivenza a carico; tutti gli interessati, quando vengano comunque a mancare gli altri requisiti. 40

41 RIPARTO IN QUOTE DELLA PENSIONE AI SUPERSTITI B) in mancanza del coniuge o alla sua morte: A) coniuge e figli: 60% al coniuge superstite 70% ad un solo figlio 80% al coniuge con un figlio 80% a due figli 100% al coniuge con 2/più figli 100% a tre o più figli C) per i genitori ultra65enni già a carico dell agente: D) per i fratelli inabili già a carico dell'agente: 15% per 1 genitore 15% per 1 fratello o sorella 30% per 2 genitori 30% per 2 o più fratelli e sorelle 41

42 PENSIONE AI SUPERSTITI Art. 23, commi 5-6 CALCOLO Sistema contributivo o misto (vedi pensione di vecchiaia). DECORRENZA 1 giorno del mese successivo a quello del decesso dell agente. Se il requisito posteriormente pensionistico al decesso, si per perfeziona effetto di versamenti successivi, la pensione indiretta decorre dal primo giorno del mese successivo al perfezionamento del requisito stesso. 42

43 SUPPLEMENTO di PENSIONE Art. 27 S U P P L E M E N T O VECCHIAIA INVALIDITÀ RENDITA CONTRIBUTIVA INABILITÀ REVERSIBILITÀ INDIRETTA CALCOLO Decorsi 5 anni dal pensionamento o precedente supplemento Almeno 72 anni di età Decorsi 5 anni dal pensionamento Decorsi 5 anni dalla data di pensionamento dell agente deceduto o dalla liquidazione del precedente supplemento Decorsi 5 anni dalla data del decesso sistema contributivo utilizzando la contribuzione pervenuta successivamente alla data di acquisizione del diritto alla prestazione in godimento 43

44 ASPETTATIVA DI VITA (Art. 49) VERIFICA dell ASPETTATIVA di VITA della CATEGORIA Adeguamento del requisito dell età pensionabile Variazione dei coefficienti di trasformazione 44

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

R E G O L A M E N T O. per l attuazione delle attività statutarie dell'ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale E P A P

R E G O L A M E N T O. per l attuazione delle attività statutarie dell'ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale E P A P E.P.A.P. Ente di Previdenza e Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza,7,9,11-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 R E

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

3.04 Prestazioni dell AVS Età flessibile di pensionamento

3.04 Prestazioni dell AVS Età flessibile di pensionamento 3.04 Prestazioni dell AVS Età flessibile di pensionamento Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l età ordinaria di pensionamento. Gli

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA Fino al 31/12/97 l arrotondamento veniva fatto ai sensi del comma 2 dell art. 40 del DPR 1092/73 (vedi allegato 1). L anzianità complessiva era arrotondata in

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

Per il Fondo Mario Negri, dopo

Per il Fondo Mario Negri, dopo FONDO MARIO NEGRI/1 Cambia il sistem delfondo M Alessandro Baldi 6 Per il Fondo Mario Negri, dopo un lungo e ponderato studio avviato dal proprio Consiglio di gestione con il concorso di esperti qualificati,

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

1.03 Stato al 1 gennaio 2012

1.03 Stato al 1 gennaio 2012 1.03 Stato al 1 gennaio 2012 Accrediti per compiti assistenziali Base legale 1 Le disposizioni legali prevedono che, per il calcolo delle rendite, possano essere conteggiati anche accrediti per compiti

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it di Aldo Forte Pubblicista Esperto in materia previdenziale L'Inps, con la circolare n. 16/2013, chiarisce che per i soggetti con un'anzianita'

Dettagli

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Le schede di approfondimento della Federazione Confsal-Unsa A cura dell Avv. Pasquale Lattari n. 2 Il sistema previdenziale per i pubblici dipendenti. Le competenze.

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE Il presente documento costituisce parte integrante della nota informativa della forma pensionistica individuale denominata Piano Individuale Pensionistico di tipo

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti 2 Questo opuscolo La informa sulla Sua situazione assicurativa spiegandole se e in che misura Lei è coperto

Dettagli

Roma, 12/05/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 94

Roma, 12/05/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 94 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs 3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l'età ordinaria

Dettagli

TABELLE A.N.F. dal 1.1.2007 al 30.06.2007 redditi 2005 dal 1.7.2007 al 30.06.2008 redditi 2006 INDICE

TABELLE A.N.F. dal 1.1.2007 al 30.06.2007 redditi 2005 dal 1.7.2007 al 30.06.2008 redditi 2006 INDICE TABELLE A.N.F. dal 1.1.2007 al 30.06.2007 redditi 2005 dal 1.7.2007 al 30.06.2008 redditi 2006 INDICE Tabelle Descrizione Pagina Tabella 11 nuclei familiari con entrambi i genitori e almeno un figlio minore

Dettagli

SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA

SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Sanità e previdenza - Pubblica amministrazione - Lavoro Statistiche della previdenza e dell assistenza

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato

Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato Tipo di assenza e fonti A) Ferie Art. 13 CCNL 2007. B) Festività soppr. artt.14 ccnl 2007 e art.1, lett.b, L.937/77 Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato Durata

Dettagli

Capire il certificato di previdenza

Capire il certificato di previdenza Previdenza professionale Capire il certificato di previdenza Questo foglio informativo illustra la struttura del certificato di previdenza. Fornisce spiegazioni e contiene informazioni utili su temi importanti.

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 RECUPERO CREDITI L agente in attività finanziaria può svolgere l attività di ristrutturazione e recupero dei crediti? Si. L art. 128-quaterdecies del TUB

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008

FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008 FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008 INSERIMENTO/AGGIORNAMENTO GRADUATORIE ATA DI 1^ FASCIA GUIDA ANALITICA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA (modelli di domanda - allegati B1, B2, F, G, H) 0) La modulistica

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

Direzione Centrale Credito e Welfare Progetto High School Program. Bando di Concorso HIGH SCHOOL PROGRAM

Direzione Centrale Credito e Welfare Progetto High School Program. Bando di Concorso HIGH SCHOOL PROGRAM Pagina1 Direzione Centrale Credito e Welfare Progetto High School Program Bando di Concorso HIGH SCHOOL PROGRAM Per i figli e gli orfani dei dipendenti e dei pensionati della pubblica amministrazione utenti

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO 1 premessa La tutela della lavoratrice madre è un principio fondamentale sancito dall articolo 37 della

Dettagli

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità 6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le donne che esercitano un attività lucrativa hanno diritto all indennità di maternità

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

Riscatto degli anni di laurea

Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea scuola Chi è giovane e fresco di laurea, di regola, non vede l ora di mettersi a lavorare e, certamente, per prima cosa non pensa alla pensione.

Dettagli

Oggetto: obbligo contribuzione Enasarco per gli agenti che operano all estero.

Oggetto: obbligo contribuzione Enasarco per gli agenti che operano all estero. INTERPELLO N. 32/2013 Roma, 19 novembre 2013 Direzione generale per l Attività Ispettiva A Confimi Impresa Confederazione dell Industria Manifatturiera Italiana e dell Impresa Privata prot. 37/0020183

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI Marzo 2014 Con il presente riepilogo si forniscono indicazioni di dettaglio sulle prestazioni creditizie erogate

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Provincia Autonoma di Trento Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Testo adottato dalla Giunta Provinciale con deliberazione n. xxxx del xx/xx/xxxx ART. 1. ELENCO ANAGRAFICO DEI LAVORATORI

Dettagli

LO SAI CHE? Il Vademecum del giornalista pubblico

LO SAI CHE? Il Vademecum del giornalista pubblico LO SAI CHE? Il Vademecum del giornalista pubblico a cura di Renzo Santelli (FNSI - Federazione della Stampa Italiana) e Claudia Cichetti (TelePA Com, la tv della comunicazione pubblica) 1 INTRODUZIONE

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

Le pensioni: quali novità?

Le pensioni: quali novità? Le pensioni: quali novità? di Giovanni Muttillo, Francesco Fanari e Laura Aletto Riportiamo di seguito una selezione di informazioni dalla pubblicazione di Domenico Comegna Come cambiano le pensioni guida

Dettagli

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte?

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte? Kanton Zürich Finanzdirektion Scheda informativa per i dipendenti assoggettati all imposta alla fonte nel Cantone di Zurigo Valida dal 1 gennaio 2015 Kantonales Steueramt Dienstabteilung Quellensteuer

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 5 LEGGE 10 ottobre 2014, n. 147 Modifiche alla disciplina dei requisiti per la fruizione delle deroghe riguardanti l'accesso al trattamento pensionistico. (14G00161) (GU n.246 del 22-10-2014)

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli