Servizio Prestazioni. FONDAZIONE ENASARCO: tutti i diritti riservati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Servizio Prestazioni. FONDAZIONE ENASARCO: tutti i diritti riservati"

Transcript

1 1

2 PRESTAZIONI INTEGRATIVE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI PENSIONE ai SUPERSTITI Gestione INDENNITÀ di SCIOGLIMENTO del RAPPORTO di AGENZIA PENSIONE di VECCHIAIA PENSIONE di INVALIDITÀ PENSIONE di INABILITÀ RENDITA CONTRIBUTIVA Polizza infortuni e malattia Erogazioni straordinarie Assegni per nascita e adozione Assegni per gravidanza Contributo asili nido Borse di studio e colonie estive Premi per tesi di laurea Soggiorni termali e climatici Contributo famiglie con portatori di handicap L. 104/92 Assegni per case di riposo Assegni funerari 2

3 OBBLIGO di ISCRIZIONE Agenti che operano in Italia per preponenti italiani/stranieri con sede/dipendenza in Italia Agenti che abitualmente operano oppure esercitano una parte sostanziale dell attività in Italia (normativa comunitaria) FACOLTÀ di ISCRIZIONE Agenti che, pur non essendo obbligati, ne facciano richiesta 3

4 Agenti che, pur non essendo obbligati, ne facciano richiesta L iscrizione è sottoposta a verifica della Fondazione Il contributo si calcola come quello obbligatorio Il contributo è interamente a carico dell agente 4

5 PREPONENTE entro 30 giorni comunica l inizio/ la cessazione del rapporto d agenzia AGENTE aggiorna costantemente i dati comunicati dal preponente 5

6 CONTRIBUTO PREVIDENZIALE OBBLIGATORIO Art. 4 finanzia la PREVIDENZA degli agenti che FINALITÀ operano in forma individuale o associata (illimitatamente responsabili) PRESUPPOSTO rapporto d agenzia con maturazione di provvigioni BASE di CALCOLO del CONTRIBUTO tutte le somme (anche se non ancora pagate) che spettano all agente a qualsiasi titolo, compresi acconti e premi (provvigioni da comunicare obbligatoriamente) OBBLIGO CONTRIBUTIVO agente e preponente in misura paritetica RESPONSABILE del PAGAMENTO preponente TERMINI di PAGAMENTO 20 maggio, 20 agosto, 20 novembre, 20 febbraio 6

7 Per gli AGENTI OPERANTI in FORMA di SOCIETÀ di PERSONE Il contributo: 1. È obbligatorio in relazione al singolo CONTRATTO a prescindere dal numero di soci illimitatamente responsabili. 2. È calcolato sulla base delle provvigioni liquidate alla società d agenzia. 3. È ripartito tra i soci illimitatamente responsabili per le obbligazioni sociali (es. accomandatario nella s.a.s.) in base alle quote di partecipazione societaria. 7

8 CONTRIBUTO PREVIDENZIALE OBBLIGATORIO 14% a calcolo delle prestazioni previdenziali ALIQUOTA CONTRIBUTIVA A REGIME 17% 3% al ramo previdenza a titolo di solidarietà 8

9 MASSIMALI PROVVIGIONALI E MINIMALI CONTRIBUTIVI ART. 5 MASSIMALI PROVVIGIONALI Tipologia rapporto di agenzia Monomandatario Plurimandatario Anno di decorrenza I massimali provvigionali sono rivalutati annualmente secondo l indice ISTAT dal

10 MINIMALI CONTRIBUTIVI Agente monomandatario 834 Agente plurimandatario 417 I minimali contributivi sono rivalutati annualmente secondo l indice ISTAT dal I contributi di importo inferiore al minimale sono utili per l incremento del montante contributivo ma non per l anzianità contributiva. 10

11 QUANDO è dovuto e COME SI CALCOLA il MINIMALE? É dovuto SE nell anno è maturata almeno una provvigione (NO provvigioni = NO minimale) É calcolato per quote trimestrali in ragione dei trimestri di effettiva durata del rapporto di agenzia nell anno solare FRAZIONABILE (1 trimestre = ¼ del minimale annuo) 11

12 CONTRIBUTO per AGENTI OPERANTI in FORMA di SOCIETÀ di CAPITALI Art. 6 FINALITÀ finanzia le PRESTAZIONI INTEGRATIVE DI PREVIDENZA e la solidarietà di categoria PRESUPPOSTO rapporto d agenzia con agenti in forma di S.d.C. che matura provvigione BASE di CALCOLO del CONTRIBUTO tutte le somme (anche se non ancora pagate) che OBBLIGO CONTRIBUTIVO spettano all agente a qualsiasi titolo, compresi acconti e premi (provvigioni da comunicare obbligatoriamente) in parte a carico dell agente ed in parte del preponente RESPONSABILE del PAGAMENTO preponente TERMINI di PAGAMENTO 20 maggio, 20 agosto, 20 novembre, 20 febbraio 12

13 CONTRIBUTO per AGENTI OPERANTI in FORMA di SOCIETÀ di CAPITALI ALIQUOTA CONTRIBUTIVA Anno di decorrenza Provvigioni annue 2011 Fino a 13 mln 2% Da 13 mln a 20 mln 1% Da 20 mln a 26 mln 0,5% Oltre 26 mln 0,1% ,40% 2,80% 3,20% 3,60% 4,00% 2,20% + 0,20% 2,40% + 0,40% 2,60% + 0,60% 2,80% + 0,80% 3,00% + 1,00% 1,20% 1,40% 1,60% 1,80% 2,00% 1,10% + 0,10% 1,20% + 0,20% 1,30% + 0,30% 1,40% + 0,40% 1,50% + 0,50% 0,60% 0,70% 0,80% 0,90% 1,00% 0,55% + 0,05% 0,60% + 0,10% 0,65% + 0,15% 0,70% + 0,20% 0,75% + 0,25% 0,15% 0,20% 0,30% 0,40% 0,50% 0,125% + 0,025% 0,15% + 0,05% 0,20% + 0,10% 0,25% + 0,15% 0,30% + 0,20% Parte di contributo a carico del preponente Parte di contributo a carico della società di capitali 13

14 CONTRIBUTO FACOLTATIVO Art. 7 FINALITÀ incrementa il montante contributivo per migliorare la pensione PRESUPPOSTO rapporto d agenzia con maturazione di provvigioni BASE di CALCOLO del CONTRIBUTO l importo è determinato dall agente, ma non inferiore alla metà del contributo minimo annuo previsto per il plurimandatario OBBLIGO CONTRIBUTIVO non sussiste RESPONSABILE agente (per gli iscritti antecedentemente al 1/1/2004 la facoltà è riconosciuta al solo fine di incrementare la quota di pensione calcolata ai sensi dell art.18 comma 2 let.c) TERMINI di PAGAMENTO saranno indicati dalla Fondazione 14

15 CONTRIBUTO VOLONTARIO Art. 9 FINALITÀ incrementa il montante contributivo e l anzianità contributiva per gli anni di cessazione dell attività di agenzia cessazione, temporanea o definitiva, PRESUPPOSTO dell attività d agenzia BASE di CALCOLO del CONTRIBUTO media delle provvigioni liquidate negli ultimi tre OBBLIGO CONTRIBUTIVO non sussiste RESPONSABILE del PAGAMENTO agente TERMINI di PAGAMENTO anni di contribuzione obbligatoria, anche non consecutivi previsti dalla Fondazione 15

16 Le CONDIZIONI di AMMISSIBILITÀ alla CONTRIBUZIONE VOLONTARIA sono: Cessazione temporanea o definitiva dell attività Almeno 5 anni di anzianità contributiva di cui 3 nel quinquennio antecedente alla cessazione Non essere titolare di pensione Enasarco Istanza di ammissione entro 2 anni dal 1 gennaio successivo alla cessazione (termine di decadenza) 16

17 La MISURA del CONTRIBUTO VOLONTARIO ANNUO: Si determina sulla base della media delle provvigioni liquidate negli ultimi 3 anni di contribuzione obbligatoria, anche non consecutivi Non può essere inferiore al contributo minimo previsto per gli agenti monomandatari È totalmente a carico dell agente È comprensivo del contributo destinato al ramo di previdenza a titolo di solidarietà 17

18 Le CAUSE di CESSAZIONE del DIRITTO alla CONTRIBUZIONE VOLONTARIA sono: La ripresa dell attività Il raggiungimento dei requisiti validi per la pensione di vecchiaia Il godimento della pensione di inabilità o invalidità o della rendita contributiva 18

19 MODALITÀ DI AMMISSIONE ALLA PROSECUZIONE VOLONTARIA Art. 10 TERMINI per il VERSAMENTO GIORNI dalla comunicazione del provvedimento (a pena di decadenza) per i contributi volontari relativi all anno in corso giorni dalla comunicazione del provvedimento per i contributi volontari relativi a periodi pregressi autorizzati 3. entro il 30 novembre di ogni anno oppure in quattro rate (28 febbraio, 31 maggio, 31 agosto, 30 novembre) per i contributi volontari relativi alle annualità successive 19

20 EFFETTI del MANCATO PAGAMENTO del CONTRIBUTO VOLONTARIO nella MISURA o nei TERMINI PREVISTI L ISCRITTO PAGA in ritardo rispetto alla scadenza del 30 novembre Il versamento è imputato a copertura di periodi successivi in misura inferiore a quella autorizzata Il versamento, purché superiore al minimale del monomandatario, copre un numero di trimestri equivalenti alla minor somma e l eventuale residuo incrementa il solo montante 20

21 AREA ISTITUZIONALE Servizio Studi e Analisi Attuariali PENSIONE DI VECCHIAIA art.14 REQUISITI Regolamento 2012 s.m.i. a regime nel 2024 età minima anzianità contributiva minima anzianità contributiva/età QUOTA 67 anni 20 anni

22 REQUISITI PENSIONE DI VECCHIAIA (REGIME TRANSITORIO) ART

23 COSA CAMBIA per CHI è GIÀ ISCRITTO? L agente che ha già maturato 20 anni di anzianità contributiva, coperti da contribuzione obbligatoria o volontaria, può: presentare domanda di prosecuzione volontaria entro 3 anni dall entrata in vigore del Regolamento ( ) attendere il compimento del 72 anno di età e presentare domanda per la pensione di vecchiaia 23

24 PENSIONE DI VECCHIAIA ANTICIPATA 1. Possono chiedere l anticipazione della pensione di vecchiaia, di uno o due anni, gli agenti che abbiano almeno 65 anni compiuti di età e almeno 20 compiuti di anzianità contributiva, quando la somma tra gli anni compiuti di età anagrafica e di anzianità contributiva risulti almeno pari a L ammontare della pensione anticipata è ridotto in maniera permanente nella misura del 5% per ciascuno degli anni di anticipazione rispetto all età anagrafica altrimenti necessaria per maturare il diritto alla pensione di vecchiaia 3. La richiesta di anticipazione può essere presentata dagli anni 2017 per gli uomini e 2021 per le donne 24

25 CALCOLO DELLA PENSIONE DI VECCHIAIA Art. 18 ISCRITTI DAL 2004 PENSIONE Montante contributivo Coefficiente di trasformazione SISTEMA CONTRIBUTIVO ISCRITTI ANTE 2004 PENSIONE SISTEMA MISTO QUOTA A + QUOTA B + QUOTA C quota A corrispondente all anzianità acquisita anteriormente all' , calcolata con il sistema retributivo secondo la legge 12/73 quota B corrispondente all anzianità acquisita tra l e il , calcolata con il sistema retributivo secondo il Regolamento 1998 quota C corrispondente all anzianità successiva al calcolata con il sistema contributivo 25

26 Fondazione Enasarco I ESEMPIO DI PENSIONE DI VECCHIAIA CALCOLO QUOTA -A- - Miglior triennio nell ultimo decennio : 2007/2008/ totale provvigionale quota A = ,96 Anno di rif. Contributi % Sommatoria provvigioni ,29 13, , ,00 13, , ,49 13, , ,36 13, , ,00 13, , ,50 13, , ,00 13, , ,00 13, , ,98 X 70 : 100 : 40 x 18,75 = ,00 13, ,69 - riduzione annua ex art ,23 12, ,84 - Media ,96 : 3 = ,98 Anzianità Contributiva Importo annuale quota A 8.606, ,88 = 7.556,50 Importo mensile quota A = 7.556,50/13 =581,27 26

27 Fondazione Enasarco I ESEMPIO DI PENSIONE DI VECCHIAIA CALCOLO QUOTA -BAnno di rif. Contributi % provvigioni ,29 13, , ,00 13, , ,49 13, , ,36 13, , ,00 13, , ,50 13, , ,00 13, , ,00 13, , ,00 13, , ,23 12, , ,49 11, , , ,49 11,50 11, , , ,49 11, , ,30 11, ,90 -Si considera l ultimo quindicennio : dal 1995 al totale provvigionale quota B = ,23 - Media ,23 : 15 = ,42 Anzianità ,42 Contributiva , ,45 X 1.15% = 115, ,32 313,44 X 5,25 = 1.645,56 COEFFICIENTI QUOTA B: SCAGLIONI Fino a 6.197,48 Coeff. 1,75% IMPORTO 108,46 TOTALE 0 Da 6197,49 a 9.296,22 1,55% 48,03 156,49 Da 9.296,23 a ,97 Oltre ,97 1,35% 1,15% 41, ,32 0 Importo mensile quota B = 1.645,56/13 =126,58 27

28 Fondazione Enasarco I ESEMPIO DI PENSIONE DI VECCHIAIA Determinare montante contributivo CALCOLO QUOTA -C- Contributi versati dal 1/1/04 in poi raggruppati secondo l anno in cui sono stati versati al netto del contributo di solidarietà Anno versamento Contributi 2.355, , ,00 Indice ricap.ne % 3,9272 4,0506 3,5386 contributi Anno corr , , , ,00 3, , ,50 3, , ,00 3, , ,36 1, , ,49 1, , ,00 1, , , ,29 Ricapitalizzati anni precedenti , , , , , , , , ,65 Coefficiente di trasformazione , ,29 = ,94 X 5,467% = 1.583,79 (Importo annuale quota C) Importo mensile quota C = 1.583,79/13 = 121,83 RIEPILOGO: Importo quota A- annuale: 7.556,50 mensile: 581,27 Importo quota B- annuale: 1.645,56 mensile: 126,58 Importo quota C- annuale: 1.583,79 mensile: 121,83 TOTALE PENSIONE annuale: ,85 mensile: 829,68 28

29 TASSI di CAPITALIZZAZIONE del MONTANTE CONTRIBUTIVO per la PENSIONE DI VECCHIAIA dal 2004 al 2008 La variazione media quinquennale del PIL con riferimento al quinquennio precedente l'anno da rivalutare (L. 335/95) dal 2009 al 2011 Il maggiore tra il tasso medio dei rendimenti netti degli investimenti finanziari della gestione previdenziale realizzati nel triennio precedente l anno da rivalutare e la variazione media quinquennale del PIL (L. 335/95) dal 2012 Il 90% del tasso medio dei rendimenti netti degli investimenti finanziari della gestione previdenziale realizzati nel quinquennio precedente l anno da rivalutare con un valore minimo garantito dell 1,5%. Il restante 10% alimenta un apposito fondo da utilizzare a copertura del rendimento minimo 29

30 DECORRENZA della PENSIONE DI VECCHIAIA 1 giorno del mese successivo a quello del Domanda entro un anno dal conseguimento del diritto con pagamento degli arretrati senza interessi conseguimento del diritto Domanda oltre l anno dal conseguimento del diritto Nel caso di anticipazione 1 giorno del mese successivo a quello di presentazione della domanda con maggiorazione del 3% per ogni anno compiuto di ritardo La pensione decorre dal primo giorno del mese successivo a quello di presentazione della domanda ed è calcolato in base alla data di presentazione 30

31 RENDITA CONTRIBUTIVA Art. 16 REQUISITI CALCOLO iscrizione dal anni di età almeno 5 anni di anzianità contributiva sistema contributivo con riduzione del 2% per ciascuno degli anni mancanti al raggiungimento di quota 92 N.B. Potrà essere chiesta dall anno

32 PENSIONE DI INVALIDITÁ Art. 19 REQUISITI CALCOLO DECORRENZA invalidità del 67% della capacità lavorativa nell attività d agente effettivamente esercitata; almeno 5 anni di anzianità contributiva obbligatoria di cui 3 anni nel quinquennio antecedente la presentazione della domanda di pensione Sistema contributivo o misto (Vedi pensione vecchiaia). La pensione di invalidità è proporzionata al grado di riduzione della capacità lavorativa. 1 giorno del mese successivo a quello di presentazione della domanda 1 giorno del mese successivo alla data di insorgenza dell invalidità pensionabile se questa interviene dopo la presentazione della domanda (purché a questa data sussistano ancora i requisiti amministrativi) 32

33 PENSIONE DI INABILITÁ Art. 20 REQUISITI - assoluta e permanente qualsiasi attività lavorativa; incapacità all esercizio di - almeno 5 anni di anzianità contributiva obbligatoria di cui 1 nel quinquennio precedente la domanda di pensione (l anno nel quinquennio non è richiesto in caso di inabilità sopraggiunta per aggravamento invalidità) 33

34 PENSIONE DI INABILITÁ CALCOLO Sistema contributivo o misto (Vedi pensione vecchiaia) CONDIZIONE DI AMMISSIBILITÀ Cessazione di tutti i rapporti di agenzia se al momento di presentazione della domanda sono cessati tutti i rapporti di agenzia DECORRENZA la pensione decorre dal primo giorno del mese successivo a quello di presentazione della domanda; se la cessazione dei rapporti avviene in un momento successivo a quello di presentazione della domanda la pensione decorre dal primo giorno del mese successivo a quello di scioglimento dell ultimo rapporto di agenzia, e il calcolo è effettuato con riferimento alla data di cessazione rapporti lavorativi 34

35 TRASFORMAZIONE DELLA PENSIONE DI INVALIDITÀ/INABILITÀ in VECCHIAIA Art. 21, comma 3 1) ISCRITTI DAL 2004 Al raggiungimento dei requisiti per la pensione di vecchiaia il pensionato di invalidità/inabilità può chiedere la liquidazione della pensione di vecchiaia sulla base dei soli contributi pervenuti successivamente alla data del pensionamento. 2) ISCRITTI ANTE 2004 Al raggiungimento dei requisiti per la pensione di vecchiaia il pensionato di invalidità/inabilità può chiedere la trasformazione della pensione in godimento in pensione di vecchiaia. 35

36 ACCERTAMENTO e VERIFICA STATO INVALIDITÁ/ INABILITÁ Accerta al momento della domanda Verifica d ufficio in ogni momento in caso di rifiuto della visita medica sospensione revoca (decorsi 90 gg.) su richiesta 36

37 PENSIONE AI SUPERSTITI Art. 23 REQUISITI Pensione di reversibilità superstiti dell agente già pensionato superstiti dell agente non pensionato che abbia maturato: Pensione indiretta Rendita contributiva (dal 2024) almeno 20 anni di anzianità contributiva Oppure almeno 5 anni di anzianità contributiva di cui 1 nel quinquennio precedente il decesso superstiti dell agente non pensionato: iscritto dal 2012 con almeno 5 anni di anzianità contributiva (riduzione del 2% per ciascuno degli anni mancanti al 20 di a.c.) 37

38 BENEFICIARI DELLE PENSIONI DI REVERSIBILITA ED INDIRETTE Art. 24 A. BENEFICIARI il coniuge, anche se separato con addebito purché goda di assegno alimentare, ovvero il coniuge divorziato purché ricorrano le condizioni di cui all'articolo 9, Legge 1 dicembre 1970, n. 898; i figli di età inferiore ai 18 anni; i figli maggiorenni permanentemente inabili a proficuo lavoro ed a carico dell agente; i figli maggiorenni che seguono corsi di studi sino al compimento del 21 o 26 anno di età. Si intendono equiparati ai figli legittimi, i figli adottivi, quelli naturali legalmente riconosciuti o giudizialmente dichiarati nonché i minori regolarmente affidati dagli organi competenti a norma di legge; in mancanza dei superstiti indicati ai punti precedenti, i genitori di età superiore a 65 anni, non titolari di pensione e che alla data del decesso dell'agente risultavano a totale suo carico; in mancanza dei superstiti di cui ai punti precedenti, i fratelli celibi e le sorelle nubili non titolari di pensione permanentemente inabili ed a carico dell agente. 38

39 B. SOGGETTI VIVENTI A CARICO Sono considerati a carico dell'agente: i figli maggiorenni studenti con un reddito non superiore all importo del trattamento minimo INPS ( 467,43 per il 2011) maggiorato del 30% i figli inabili aventi reddito non superiore al limite stabilito per la concessione della pensione in favore degli invalidi civili totali aumentato dell importo dell indennità di accompagnamento, qualora ne siano titolari i genitori, i fratelli inabili e le sorelle inabili si considerano a carico dell agente qualora non siano percettori di alcun reddito 39

40 PERDITA DIRITTO ALLA PENSIONE AI SUPERSTITI Perdono il diritto a pensione con decorrenza dal primo giorno del mese successivo a quello in cui si verifica l'evento: il coniuge che passi a nuove nozze o i figli che contraggano matrimonio prima del 18 anno di età; i figli maggiorenni già riconosciuti inabili, quando cessi lo stato di inabilità o quando abbiano un reddito proprio annuo superiore al limite stabilito per la vivenza a carico; tutti gli interessati, quando vengano comunque a mancare gli altri requisiti. 40

41 RIPARTO IN QUOTE DELLA PENSIONE AI SUPERSTITI B) in mancanza del coniuge o alla sua morte: A) coniuge e figli: 60% al coniuge superstite 70% ad un solo figlio 80% al coniuge con un figlio 80% a due figli 100% al coniuge con 2/più figli 100% a tre o più figli C) per i genitori ultra65enni già a carico dell agente: D) per i fratelli inabili già a carico dell'agente: 15% per 1 genitore 15% per 1 fratello o sorella 30% per 2 genitori 30% per 2 o più fratelli e sorelle 41

42 PENSIONE AI SUPERSTITI Art. 23, commi 5-6 CALCOLO Sistema contributivo o misto (vedi pensione di vecchiaia). DECORRENZA 1 giorno del mese successivo a quello del decesso dell agente. Se il requisito posteriormente pensionistico al decesso, si per perfeziona effetto di versamenti successivi, la pensione indiretta decorre dal primo giorno del mese successivo al perfezionamento del requisito stesso. 42

43 SUPPLEMENTO di PENSIONE Art. 27 S U P P L E M E N T O VECCHIAIA INVALIDITÀ RENDITA CONTRIBUTIVA INABILITÀ REVERSIBILITÀ INDIRETTA CALCOLO Decorsi 5 anni dal pensionamento o precedente supplemento Almeno 72 anni di età Decorsi 5 anni dal pensionamento Decorsi 5 anni dalla data di pensionamento dell agente deceduto o dalla liquidazione del precedente supplemento Decorsi 5 anni dalla data del decesso sistema contributivo utilizzando la contribuzione pervenuta successivamente alla data di acquisizione del diritto alla prestazione in godimento 43

44 ASPETTATIVA DI VITA (Art. 49) VERIFICA dell ASPETTATIVA di VITA della CATEGORIA Adeguamento del requisito dell età pensionabile Variazione dei coefficienti di trasformazione 44

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÁ ISTITUZIONALI

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÁ ISTITUZIONALI Approvato con delibere C. di A. n. 95/2010 e n. 35/2011 e con nota del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali prot. 24/VI/0012674/MA004.A007 del 19/7/2011 REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÁ ISTITUZIONALI

Dettagli

ISCRIZIONE FACOLTATIVA

ISCRIZIONE FACOLTATIVA Sintesi operative Enasarco: novità dal 2012 prima parte a cura di Giuseppe Rodà Esperto in materia previdenziale Paghe e contributi E La Fondazione Enasarco si sta attrezzando per l attuazione del nuovo

Dettagli

Enasarco: costruiamo domani a partire da oggi

Enasarco: costruiamo domani a partire da oggi Enasarco: costruiamo domani a partire da oggi Giornata Nazionale della Previdenza Milano 5 Maggio 2011 2 Art. 3, comma 12, L. 335/95 (modificato con Legge Finanziaria 2007) STABILITÀ 15 anni Finanziaria

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÁ ISTITUZIONALI

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÁ ISTITUZIONALI Approvato con delibere C. di A. n. 95/2010 e n. 35/2011 e con nota del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali prot. 24/VI/0012674/MA004.A007 del 19/7/2011 REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÁ ISTITUZIONALI

Dettagli

Pensione di reversibilità. ENPAM INPS ( ex-inpdap)

Pensione di reversibilità. ENPAM INPS ( ex-inpdap) Pensione di reversibilità ENPAM INPS ( ex-inpdap) La pensione di reversibilità, anche conosciuta come pensione ai superstiti, è una prestazione economica erogata, a domanda, in favore dei superstiti La

Dettagli

OGGETTO: Il nuovo regolamento Enasarco

OGGETTO: Il nuovo regolamento Enasarco Informativa per la clientela di studio N. 07 del 11.01.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Il nuovo regolamento Enasarco Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo, intendiamo

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÁ ISTITUZIONALI

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÁ ISTITUZIONALI Delibere del Consiglio di Amministrazione n. 95 del 22.12.2010 e n.35 del 04.05.2011 Approvazione del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, di concerto con il Ministero dell Economia e delle

Dettagli

Requisiti Ammontare del contributo

Requisiti Ammontare del contributo 1 Requisiti Rapporto professionale con il Servizio Sanitario Nazionale (o altri Istituti) in qualità di Medici di Medicina Generale, Pediatri di libera scelta ed addetti ai servizi di continuità assistenziale

Dettagli

Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA 2012

Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA 2012 Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA 2012 1 Art. 4 Art. 5 Art. 7 Contributo soggettivo c.2 Contributo facoltativo c.4 Contributo figurativo Contributo integrativo

Dettagli

Il sistema previdenziale di categoria. Fondi di Previdenza ENPAM

Il sistema previdenziale di categoria. Fondi di Previdenza ENPAM Il sistema previdenziale di categoria Fondi di Previdenza ENPAM Obbligatorietà dei Fondi I Fondi di Previdenza ENPAM sono tutti ad iscrizione obbligatoria ed automatica: 1) FONDO DI PREVIDENZA GENERALE

Dettagli

Pensione di reversibilità ENPAM-INPS ( EX-INPDAP)

Pensione di reversibilità ENPAM-INPS ( EX-INPDAP) Pensione di reversibilità ENPAM-INPS ( EX-INPDAP) INDICE Definizione- Differenti regole in ENPAM ed in INPS Slide 3 ENPAM - Pensione indiretta e pensione di reversibilità ai superstiti-superstiti Slide

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI (REVERSIBILITA )

LA PENSIONE AI SUPERSTITI (REVERSIBILITA ) LA PENSIONE AI SUPERSTITI (REVERSIBILITA ) DUE TIPI DI PENSIONE La pensione ai superstiti può essere: 1) DI REVERSIBILITA' : se il defunto è già titolare di pensione diretta (vecchiaia, inabilità, anzianità).

Dettagli

La pensione ai superstiti

La pensione ai superstiti Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Pensioni La pensione ai superstiti Aggiornato al Febbraio 2006 E' la pensione che, alla morte del lavoratore assicurato o pensionato, spetta ai componenti del

Dettagli

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA ENPAPI

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA ENPAPI Approvato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministero dell Economia e delle Finanze in data 29 marzo 2013 REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA

Dettagli

n. 7/8 - luglio/agosto 2010

n. 7/8 - luglio/agosto 2010 n. 7/8 - luglio/agosto 2010 A cura di Roberto Battaglia Segretario SPI-CGIL Emilia Romagna Roberta Lorenzoni Dipartimento previdenza SPI-CGIL Emilia Romagna Argomenti Pensione di reversibilità: requisiti

Dettagli

Comitato dei Delegati

Comitato dei Delegati Comitato dei Delegati 9 settembre 2013 La necessità di una riforma del sistema previdenziale I provvedimenti adottati 1. Aumento dell'aliquota del soggettivo e del massimale sul reddito; 2. Aumento del

Dettagli

CIRCOLARE PER L APPLICAZIONE DEGLI ARTICOLI 9, 10 E 15, COMMA 2, DEL REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA ISTITUZIONALI 2012

CIRCOLARE PER L APPLICAZIONE DEGLI ARTICOLI 9, 10 E 15, COMMA 2, DEL REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA ISTITUZIONALI 2012 D I R E Z I O N E G E N E R A L E A R E A I S T I T U Z I O N A L E Roma, 15 dicembre 2011 Prot. N. 6/2011 CIRCOLARE PER L APPLICAZIONE DEGLI ARTICOLI 9, 10 E 15, COMMA 2, DEL REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

Dettagli

LA PENSIONE LA PENSIONE. INPDAP informa

LA PENSIONE LA PENSIONE. INPDAP informa LA PENSIONE INPDAP informa LA PENSIONE Pensione ordinaria di vecchiaia Pensione ordinaria di anzianità Cumulo tra prestazione pensionistica diretta e redditi da lavoro Pensione di inabilità Altre tipologie

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI TITOLO II TRATTAMENTO PENSIONISTICO INTEGRATIVO

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI TITOLO II TRATTAMENTO PENSIONISTICO INTEGRATIVO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 Natura giuridica e compiti 1. L Ente Nazionale Assistenza Agenti e Rappresentanti di Commercio ENASARCO Fondazione costituita ai sensi dell art. 1 del Decreto Legislativo

Dettagli

FONDAZIONE ENASARCO. Regolamento delle Attività Istituzionali

FONDAZIONE ENASARCO. Regolamento delle Attività Istituzionali FONDAZIONE ENASARCO Regolamento delle Attività Istituzionali 1 Gennaio 2004 FONDAZIONE ENASARCO VIA ANTONIOTTO USODIMARE, 31-00154 ROMA, ITALIA, TEL. (+39) 06.5793.1 WWW.ENASARCO.IT REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ

Dettagli

DIREZIONE PRESTAZIONI

DIREZIONE PRESTAZIONI DIREZIONE PRESTAZIONI Regolamento di disciplina del Regime Previdenziale (Deliberazione dell AdD del 27-28/11/2003) (D.I. 14 luglio 2004) La svolta del sistema previdenziale: come cambiano le prestazioni

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI

LA PENSIONE AI SUPERSTITI LA PENSIONE AI SUPERSTITI CHE COS'È È la pensione che, alla morte del lavoratore assicurato o pensionato, spetta ai componenti del suo nucleo familiare. Questa pensione può essere: di reversibilità: se

Dettagli

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti Analisi degli Enti del decreto 509/1994 LA PENSIONE DELL AVVOCATO CASSA FORENSE Indice Considerazioni di carattere generale La contribuzione

Dettagli

LA PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

LA PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE LA PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE Premessa Il sistema previdenziale per gli operatori del Servizio Sanitario Nazionale, come quello dei pubblici dipendenti, risulta notevolmente

Dettagli

Comitato dei Delegati

Comitato dei Delegati Comitato dei Delegati 9 settembre 2013 La necessità di una riforma del sistema previdenziale I provvedimenti adottati 1. Aumento dell'aliquota del soggettivo e del massimale sul reddito; 2. Aumento del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI. Art. 1 PRESTAZIONI

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI. Art. 1 PRESTAZIONI REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI Art. 1 PRESTAZIONI 1. La Cassa corrisponde le seguenti prestazioni previdenziali: a) Pensione di vecchiaia; b) Pensione di anzianità; c) Pensione di invalidità;

Dettagli

BREVE VADEMECUM IN MATERIA DI - PREVIDENZA FORENSE -

BREVE VADEMECUM IN MATERIA DI - PREVIDENZA FORENSE - BREVE VADEMECUM IN MATERIA DI - PREVIDENZA FORENSE - Premessa La Previdenza Forense è materia complessa, che riguarda tutti gli Avvocati. Oggi è argomento di dibattito, spesso anche acceso, date le novità

Dettagli

Istituzione dell integrazione al minimo vitale per trattamenti pensionistici calcolati esclusivamente con il sistema contributivo.

Istituzione dell integrazione al minimo vitale per trattamenti pensionistici calcolati esclusivamente con il sistema contributivo. Istituzione dell integrazione al minimo vitale per trattamenti pensionistici calcolati esclusivamente con il sistema contributivo. A) La prestazioni per invalidità nel regime generale obbligatorio La legge

Dettagli

superstiti sono cu-mulabili con i redditi del beneficiario, nei limiti di cui al-la Tabella F allegato 1. Il trattamento derivante dal cumulo dei

superstiti sono cu-mulabili con i redditi del beneficiario, nei limiti di cui al-la Tabella F allegato 1. Il trattamento derivante dal cumulo dei Circolare INPS del 25 agosto 1995 n. 234 Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensio- nistico obbligatorio e complementare. Pensioni ai superstiti e trattamenti di invalidità. Nuovi limiti

Dettagli

La Previdenza del Pediatra di libera scelta

La Previdenza del Pediatra di libera scelta ENTE NAZIONALE PREVIDENZA ED ASSISTENZA ENTE NAZIONALE MEDICI PREVIDENZA ED ODONTOIATRI ED ASSISTENZA DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI La Previdenza del Pediatra di libera scelta Pietro Fusilli Responsabile

Dettagli

INPGI GESTIONE SEPARATA LAVORO AUTONOMO

INPGI GESTIONE SEPARATA LAVORO AUTONOMO INPGI GESTIONE SEPARATA LAVORO AUTONOMO 1 PRINCIPALI FONTI NORMATIVE E REGOLAMENTARI Legge 335/1995, art. 2, comma 25; Dlgs 103/96; Legge 247/07, art 1, comma 80 (norme di attuazione del Protocollo welfare

Dettagli

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO IL SISTEMA CONTRIBUTIVO M I L A N O, 1 8 M A G G I O 2 0 1 3 D O T T. F I L I P P O B O N A N N I I N P S - D I R E Z I O N E C E N T R A L E P E N S I O N I 1 SISTEMA CONTRIBUTIVO Nell Ordinamento previdenziale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI (Testo approvato dal Comitato dei Delegati nella seduta del 5 settembre 2012) ART. 1 PRESTAZIONI 1. La Cassa corrisponde le seguenti prestazioni previdenziali:

Dettagli

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO Facciamo il punto sulla normativa pensionistica di cui sono destinatari i lavoratori delle forze di polizia attualmente vigente, a seguito

Dettagli

È il sistema di calcolo valido per coloro che sono stati assunti dopo il 31 dicembre 1995 ed è legato alla totalità dei contributi versati.

È il sistema di calcolo valido per coloro che sono stati assunti dopo il 31 dicembre 1995 ed è legato alla totalità dei contributi versati. PENSIONI In virtù del principio della territorialità dell obbligo assicurativo, i lavoratori devono essere assicurati ai fini previdenziali ed assistenziali nel Paese in cui svolgono attività lavorativa.

Dettagli

15 lezione Le prestazioni previdenziali e assistenziali

15 lezione Le prestazioni previdenziali e assistenziali L'attività dell Inps consiste nella liquidazione e nel pagamento delle prestazioni che possono essere di natura previdenziale assistenziale sono liquidate sulla base di rapporti assicurativi e finanziate

Dettagli

La Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti. Latina, 18 novembre 2014

La Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti. Latina, 18 novembre 2014 La Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti Latina, 18 novembre 2014 La Previdenza dei Dottori Commercialisti o1 La previdenza dei Dottori Commercialisti: La posizione assicurativa Dottore Commercialista

Dettagli

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA La Gestione separata (G.S.) è una gestione pensionistica separata di nome e di fatto. Infatti la contribuzione ivi versata viene accreditata

Dettagli

MISURE PER LA SOSTENIBILITÁ DI LUNGO PERIODO DELLA PREVIDENZA INTEGRATIVA OBBLIGATORIA DEGLI AGENTI

MISURE PER LA SOSTENIBILITÁ DI LUNGO PERIODO DELLA PREVIDENZA INTEGRATIVA OBBLIGATORIA DEGLI AGENTI MISURE PER LA SOSTENIBILITÁ DI LUNGO PERIODO DELLA PREVIDENZA INTEGRATIVA OBBLIGATORIA DEGLI AGENTI Relazione illustrativa del nuovo Regolamento delle Attività Istituzionali Il direttore Area Istituzionale

Dettagli

ipost Edizione 2010 LA MIA PENSIONE DOPO LE RIFORME

ipost Edizione 2010 LA MIA PENSIONE DOPO LE RIFORME ipost Edizione 2010 LA MIA PENSIONE DOPO LE RIFORME a ipost LA MIA PENSIONE DOPO LE RIFORME indice 5 Presentazione 6 Dalla Riforma Amato al Protocollo sul Welfare: evoluzione e cambiamento del sistema

Dettagli

LA CASSA FORENSE CARATTERISTICHE DELLA CASSA

LA CASSA FORENSE CARATTERISTICHE DELLA CASSA LA CASSA FORENSE CARATTERISTICHE DELLA CASSA La Cassa è stata istituita con legge 8 gennaio 1952 ed è stata trasformata, a decorrere da 1 gennaio 1995, in fondazione con personalità giuridica di diritto

Dettagli

Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza a favore dei Dottori Commercialisti

Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza a favore dei Dottori Commercialisti Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza a favore dei Dottori Commercialisti Le prestazioni previdenziali LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI DIRETTE Pensione di vecchiaia Pensione di vecchiaia anticipata Supplemento

Dettagli

La riforma della previdenza della CNPR

La riforma della previdenza della CNPR La riforma della previdenza della CNPR La riforma del sistema previdenziale: le cause Il decreto c.d. "Salva Italia", convertito con legge n. 214 del 2011, ha imposto nuovi obiettivi di stabilità economico-finanziaria,

Dettagli

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI Gentili Clienti Loro sedi Oggetto: nuovo regolamento ENASARCO 2013 1. Premesse, riferimenti normativi ed entrata in vigore Dal 1 Gennaio 2013 è entrato in vigore il

Dettagli

Applicazione del Regolamento delle attività istituzionali in vigore dal 1 gennaio 2004

Applicazione del Regolamento delle attività istituzionali in vigore dal 1 gennaio 2004 Applicazione del Regolamento delle attività istituzionali in vigore dal 1 gennaio 2004 Premessa. Il nuovo Regolamento delle attività istituzionali della Fondazione, in vigore dal 1 gennaio 2004, ha voluto

Dettagli

La previdenza dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri tra rischi e opportunità. L impatto delle riforme sulla Casse CNPADC e CNPR

La previdenza dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri tra rischi e opportunità. L impatto delle riforme sulla Casse CNPADC e CNPR La previdenza dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri tra rischi e opportunità L impatto delle riforme sulla Casse CNPADC e CNPR Il sistema previdenziale obbligatorio dei liberi professionisti Previdenza

Dettagli

MINIGUIDA PER UNA RAPIDA CONSULTAZIONE ALLA PENSIONE DEL FONDO GENERALE ENPAM. a cura di Marco Perelli Ercolini

MINIGUIDA PER UNA RAPIDA CONSULTAZIONE ALLA PENSIONE DEL FONDO GENERALE ENPAM. a cura di Marco Perelli Ercolini MINIGUIDA PER UNA RAPIDA CONSULTAZIONE ALLA PENSIONE DEL FONDO GENERALE ENPAM a cura di Marco Perelli Ercolini 2005 LA PREVIDENZA DEI MEDICI CON ATTIVITA PROFESSIONALE A RAPPORTO DI LAVORO IN DIPENDENZA

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO DELLE PENSIONI DEI DEPUTATI

SCHEMA DI REGOLAMENTO DELLE PENSIONI DEI DEPUTATI SCHEMA DI REGOLAMENTO DELLE PENSIONI DEI DEPUTATI ART. 1 (Ambito di applicazione) l. Il presente Regolamento disciplina il sistema previdenziale dei deputati in carica alla data del l gennaio 2012 ovvero

Dettagli

TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI

TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI A chi si rivolge La totalizzazione può essere esercitata dai soggetti iscritti a due o più forme di previdenza obbligatoria. Requisiti Pensione di vecchiaia: occorre avere

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI E LA SUCCESSIONE AGLI EREDI

LA PENSIONE AI SUPERSTITI E LA SUCCESSIONE AGLI EREDI LA PENSIONE AI SUPERSTITI E LA SUCCESSIONE AGLI EREDI A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Emilia Romagna Stefania Trombetti

Dettagli

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS.

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. Roma, 12 febbraio 2009 Le pensioni nel 2009 Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE

Dettagli

LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI I TIPI DI PENSIONE

LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI I TIPI DI PENSIONE LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI I TIPI DI PENSIONE Le PRESTAZIONI PREVIDENZIALI sono un trasferimento di denaro che sostituisce il reddito da lavoro nel momento in cui si verificano determinati eventi, quali:

Dettagli

CORSO TEORICO E PRATICO PER AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO

CORSO TEORICO E PRATICO PER AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO CORSO TEORICO E PRATICO PER AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO FOCUS SU CASI PARTICOLARI NELLA GESTIONE Gestione pensioni Investimenti Intervengono: Dott.ssa Tiziana Bocus Dott.ssa Giuseppina Castiglione Esperte

Dettagli

Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap)

Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap) Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap) ENPAM La pensione di inabilità assoluta e permanente è una prestazione economica che viene erogata da ENPAM ai medici e odontoiatri

Dettagli

I sistemi previdenziali INPDAP ed ENPAM dopo le riforme

I sistemi previdenziali INPDAP ed ENPAM dopo le riforme I sistemi previdenziali INPDAP ed ENPAM dopo le riforme - quando si può andare in pensione - come si calcola la pensione 1 Tutele previdenziali per i medici attività libero professionale attività lavoro

Dettagli

MINIGUIDA PER UNA RAPIDA CONSULTAZIONE ALLA PENSIONE DEL FONDO GENERALE ENPAM. a cura di Marco Perelli Ercolini

MINIGUIDA PER UNA RAPIDA CONSULTAZIONE ALLA PENSIONE DEL FONDO GENERALE ENPAM. a cura di Marco Perelli Ercolini MINIGUIDA PER UNA RAPIDA CONSULTAZIONE ALLA PENSIONE DEL FONDO GENERALE ENPAM a cura di Marco Perelli Ercolini 2009 LA PREVIDENZA DEI MEDICI e DEGLI ODONTOIATRI CON ATTIVITA PROFESSIONALE A RAPPORTO DI

Dettagli

LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. Vademecum

LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. Vademecum LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. Vademecum 2015 FONDO DI PREVIDENZA GENERALE Contributi Obbligatorietà della contribuzione pag. 4 Contributi fissi Quota A pag. 5 Contributi di riscatto Quota A

Dettagli

Enasarco: Regolamento di Previdenza, nuova aliquota contributiva e nuovi massimali provvigionali dal 2015

Enasarco: Regolamento di Previdenza, nuova aliquota contributiva e nuovi massimali provvigionali dal 2015 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 14 14 MARZO 2015 Enasarco: Regolamento di Previdenza, nuova aliquota contributiva e nuovi

Dettagli

LA MANOVRA SALVA ITALIA. Sintesi delle norme di riordino del sistema pensionistico

LA MANOVRA SALVA ITALIA. Sintesi delle norme di riordino del sistema pensionistico LA MANOVRA SALVA ITALIA Legge 214 del 22 dicembre 2011 (G.U. n. 300 del 27-12-2011 supplemento ordinario n. 276) Sintesi delle norme di riordino del sistema pensionistico Gennaio 2012 A cura di Vanna Giantin

Dettagli

PREVIDENZA. obbligatoria degli Agrotecnici TITOLO I: DEI SOGGETTI - DEI CONTRIBUTI - DELLE SANZIONI ARTICOLO 1 ARTICOLO 2

PREVIDENZA. obbligatoria degli Agrotecnici TITOLO I: DEI SOGGETTI - DEI CONTRIBUTI - DELLE SANZIONI ARTICOLO 1 ARTICOLO 2 Regolamento della gestione approvato con decreto interministeriale del 25 marzo 1998 PREVIDENZA obbligatoria degli Agrotecnici TITOLO I: DEI SOGGETTI - DEI CONTRIBUTI - DELLE SANZIONI CAPO PRIMO DEI SOGGETTI

Dettagli

La Riforma Previdenziale Cosa cambia. Cosa cambia in breve R O M A, D I C E M B R E 2 0 1 2

La Riforma Previdenziale Cosa cambia. Cosa cambia in breve R O M A, D I C E M B R E 2 0 1 2 La Riforma Previdenziale Cosa cambia Cosa cambia in breve R O M A, D I C E M B R E 2 0 1 2 Indice I contributi soggettivo integrativo di solidarietà per i pensionati Le pensioni di Vecchiaia Unificata

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA LA PENSIONE DI REVERSIBILITA La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl.n. 636) spetta a: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità Superstiti dell assicurato

Dettagli

Rinnovo 2011 - Tabelle

Rinnovo 2011 - Tabelle Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione centrale delle Pensioni Rinnovo 2011 - Tabelle Perequazione provvisoria Pensioni e limiti di reddito 1,4% Limiti di reddito INVCIV totali 1,0% Indennità

Dettagli

LE PENSIONI Il sistema pensionistico italiano è quotidianamente oggetto di dibattito perché se da un lato la c.d. "Riforma Fornero" pone l'italia fra

LE PENSIONI Il sistema pensionistico italiano è quotidianamente oggetto di dibattito perché se da un lato la c.d. Riforma Fornero pone l'italia fra LE PENSIONI Il sistema pensionistico italiano è quotidianamente oggetto di dibattito perché se da un lato la c.d. "Riforma Fornero" pone l'italia fra i Paesi più avanzati sotto il profilo della sostenibilità

Dettagli

LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. Vademecum

LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. Vademecum LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. Vademecum Gennaio 2014 1 FONDO DI PREVIDENZA GENERALE Contributi Obbligatorietà della contribuzione pag. 4 Contributi fissi Quota A pag. 5 Contributi di riscatto

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA' ISTITUZIONALI DM 24/09/1998

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA' ISTITUZIONALI DM 24/09/1998 REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA' ISTITUZIONALI DM 24/09/1998 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 (Natura giuridica e compiti) 1. L' Ente Nazionale Assistenza Agenti e Rappresentanti di Commercio - ENASARCO

Dettagli

TRATTAMENTO DI PENSIONE AI SUPERSTITI Vademecum

TRATTAMENTO DI PENSIONE AI SUPERSTITI Vademecum TRATTAMENTO DI PENSIONE AI SUPERSTITI Vademecum 1 TRATTAMENTO DI PENSIONE AI SUPERSTITI Vademecum 1. Premessa Preliminarmente va sottolineato che la reversibilità ha natura previdenziale e non assistenziale.

Dettagli

PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE ENPAM. Marzo 2003

PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE ENPAM. Marzo 2003 LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE Marzo 2003 ENPAM LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE ENPAM A cura della Direzione dei Servizi del Dipartimento della Previdenza Marzo 2003 I INDICE Contributi FONDO DI PREVIDENZA

Dettagli

REGOLAMENTO RISCATTI E RICONGIUNZIONI. Art. 1 - Soggetti, modalità e termini per i riscatti

REGOLAMENTO RISCATTI E RICONGIUNZIONI. Art. 1 - Soggetti, modalità e termini per i riscatti REGOLAMENTO RISCATTI E RICONGIUNZIONI Art. 1 - Soggetti, modalità e termini per i riscatti 1.1 - Gli iscritti ad Inarcassa possono riscattare: a) il periodo legale dei corsi di laurea d ingegneria e di

Dettagli

VIIa Alzaia Trieste, 6 20094 Corsico - MI Tel.: 02.4070.9073 Fax: 02.3650.5617 Avv.cassano@fastwebnet.it www.contralegem.

VIIa Alzaia Trieste, 6 20094 Corsico - MI Tel.: 02.4070.9073 Fax: 02.3650.5617 Avv.cassano@fastwebnet.it www.contralegem. VIIa Alzaia Trieste, 6 20094 Corsico - MI Tel.: 02.4070.9073 Fax: 02.3650.5617 Avv.cassano@fastwebnet.it www.contralegem.it/studiocassano Tutela previdenziale Contenuti I.N.P.S. E.N.AS.A.R.CO. Contenuti

Dettagli

SEMINARIO. Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012

SEMINARIO. Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012 SEMINARIO I LAVORATORI ATIPICI NELLE PROFESSIONI Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012 Dr. Gianbattista Guzzetti (Unione Confcommercio Imprese per l Italia-Milano-Lodi-Monza

Dettagli

PRESTAZIONI PREVIDENZIALI

PRESTAZIONI PREVIDENZIALI PRESTAZIONI PREVIDENZIALI 1 TIPOLOGIA DI PRESTAZIONI Pensione di vecchiaia Pensione di vecchiaia anticipata Pensione di vecchiaia contributiva Pensione anzianità Pensione di inabilità Pensione di invalidità

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 14/06/2012

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 14/06/2012 Direzione Centrale Pensioni Roma, 14/06/2012 Circolare n. 84 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

CIRCOLARE SETTIMANALE

CIRCOLARE SETTIMANALE PRO.GE.A. PROGETTO GESTIONE AZIENDA Sede Legale: Via XXV Aprile, 206 21042 Caronno Pertusella (Va) Sede Operativa: Via IV Novembre, 455 21042 Caronno Pertusella (Va) Tel. 02.96515611 Fax 02.96515655 Uffici

Dettagli

LEGGE REGIONALE 21 SETTEMBRE 2012, N. 6

LEGGE REGIONALE 21 SETTEMBRE 2012, N. 6 CONSIGLIO REGIONALE LEGGE REGIONALE 21 SETTEMBRE 2012, N. 6 Trattamento economico e regime previdenziale dei membri del Consiglio della Regione autonoma Trentino-Alto Adige 1 Art. 1 (Trattamento economico

Dettagli

PER L ATTUAZIONE DELLA FACOLTA DI PROSECUZIONE DELLA CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE SU BASE VOLONTARIA DI CUI ALL ART. 19 REGOLAMENTO EPPI EPPI

PER L ATTUAZIONE DELLA FACOLTA DI PROSECUZIONE DELLA CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE SU BASE VOLONTARIA DI CUI ALL ART. 19 REGOLAMENTO EPPI EPPI REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DELLA FACOLTA DI PROSECUZIONE DELLA CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE SU BASE VOLONTARIA DI CUI ALL ART. 19 REGOLAMENTO EPPI EPPI REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DELLA FACOLTA DI PROSECUZIONE

Dettagli

Esempi di calcolo del contributo Enasarco sul fondo PREVIDENZA

Esempi di calcolo del contributo Enasarco sul fondo PREVIDENZA Esempi di calcolo del contributo Enasarco sul fondo PREVIDENZA Sono stati utilizzati i criteri di calcolo validi dal 1 gennaio 2012 al 31 dicembre 2012, e quindi: Monomandatario Plurimandatario Aliquota

Dettagli

IL SISTEMA PENSIONISTICO

IL SISTEMA PENSIONISTICO IL SISTEMA PENSIONISTICO LA CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE : CONTRIBUZIONE, FONDO PENSIONE LAVORATORI DIPENDENTI IL SISTEMA PENSIONISTICO ITALIANO Il cardine della tutela previdenziale riguarda la soddisfazione

Dettagli

INDICE. (clicca per andare al documento)

INDICE. (clicca per andare al documento) INDICE (clicca per andare al documento) 1. Proposta di Legge della Fap 2. Relazione 3. Documento tecnico di accompagnamento 4. Presentazione della proposta di legge a cura di Damiano Bettoni Istituzione

Dettagli

Osservatorio sull ENPAPI

Osservatorio sull ENPAPI Novembre 2011 www.logicaprevidenziale.it Sommario Osservatorio sull ENPAPI Ente di Previdenza per gli Infermieri (E.N.P.A.P.I)... 3 1.1 Quadro Generale... 3 1.2 L Assetto Contabile... 6 1.3 Dal 2000 al

Dettagli

REGOLAMENTO. per l attuazione delle attività di previdenza TITOLO I ISCRITTI CAPO PRIMO ISCRITTI. Articolo 1 Iscritti all Ente

REGOLAMENTO. per l attuazione delle attività di previdenza TITOLO I ISCRITTI CAPO PRIMO ISCRITTI. Articolo 1 Iscritti all Ente REGOLAMENTO per l attuazione delle attività di previdenza TITOLO I ISCRITTI CAPO PRIMO ISCRITTI Articolo 1 Iscritti all Ente 1. Gli psicologi iscritti agli Albi degli Ordini regionali e provinciali, nelle

Dettagli

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato Previdenza LE Pensioni Gli ultimi aggiornamenti sugli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato il tetto di retribuzione

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI. La Pensione ai superstiti può essere:

LA PENSIONE AI SUPERSTITI. La Pensione ai superstiti può essere: LA PENSIONE AI SUPERSTITI La Pensione ai superstiti può essere: - di reversibilità: nel caso in cui il defunto fosse già titolare di pensione (di vecchiaia, di anzianità, di inabilità) prima del decesso.

Dettagli

Aggiornati i minimali e massimali Enasarco

Aggiornati i minimali e massimali Enasarco PERIODICO INFORMATIVO N. 29/2010 Aggiornati i minimali e massimali Enasarco Sono stati aggiornati i minimali contributivi ed i massimali provvigionali Enasarco per il biennio 2010 2011. Le nuove misure

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

Le pensioni di tutti. by Salvatore Martorelli per Previdenza Flash. Fonte - Giornata nazionale della Previdenza" Milano 4-5 maggio 2011

Le pensioni di tutti. by Salvatore Martorelli per Previdenza Flash. Fonte - Giornata nazionale della Previdenza Milano 4-5 maggio 2011 Le pensioni di tutti Fonte - Giornata nazionale della Previdenza" Milano 4-5 maggio 2011 Rielaborazione di Salvatore Martorelli Aggiornato al 09/05/2011 SOMMARIO SOMMARIO... 2 DIPENDENTI DEL SETTORE PRIVATO...

Dettagli

RIFORMA DELLE PENSIONI I POSSIBILI SCENARI

RIFORMA DELLE PENSIONI I POSSIBILI SCENARI RIFORMA DELLE PENSIONI I POSSIBILI SCENARI Si sintetizzano, nelle schede che seguono, gli effetti che, in materia di pensionamento e di trattamento pensionistico, si avranno qualora dovessero essere approvate

Dettagli

Come sono cambiate le regole sulle pensioni

Come sono cambiate le regole sulle pensioni Foglio Informativo Anno 2012 - Numero 1 9 febbraio 2012 Newsletter per i soci Associazione Nazionale Seniores Enel Viale Regina Margherita, 125 00198 Roma - Tel. 0683057422 Fax 0683057440 http://www.anse-enel.it

Dettagli

INFORMATIVA DICEMBRE 2012

INFORMATIVA DICEMBRE 2012 1 DELEGATO INARCASSA PROV. DELL AQUILA ING. RENATO DI LORETO Via A. Tirabassi, 4 67051 Avezzano (AQ) TEL/FAX 0863.455920-393.9687826-348.0720128 e-mail: diloreto.renato@tiscali.it INFORMATIVA DICEMBRE

Dettagli

Legge 7 febbraio 1979, n. 29 Ricongiunzione dei periodi assicurativi dei lavoratori ai fini previdenziali.

Legge 7 febbraio 1979, n. 29 Ricongiunzione dei periodi assicurativi dei lavoratori ai fini previdenziali. Legge 7 febbraio 1979, n. 29 Ricongiunzione dei periodi assicurativi dei lavoratori ai fini previdenziali. Art. 1. 1. Al lavoratore dipendente, pubblico o privato, che sia o sia stato iscritto a forme

Dettagli

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA REGOLAMENTO DI PREVIDENZA INDICE PARTE I DEI SOGGETTI, DEI CONTRIBUTI E DELLE SANZIONI pag. 6 PARTE II ATTUAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI PREVIDENZA A FAVORE DEGLI ISCRITTI E DEI LORO FAMILIARI pag. 18 PARTE

Dettagli

WORKSHOP PER I DELEGATI

WORKSHOP PER I DELEGATI WORKSHOP PER I DELEGATI PRINCIPI IN MATERIA PREVIDENZIALE: il retributivo ed il contributivo; il Dott.ssa Paola Celli ROMA, 20 FEBBRAIO 2014 PRINCIPI IN MATERIA PREVIDENZIALE: il retributivo ed il contributivo;

Dettagli

Approvato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministero dell Economia e delle Finanze.

Approvato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministero dell Economia e delle Finanze. Approvato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministero dell Economia e delle Finanze. REGOLAMENTO DI PREVIDENZA INDICE PARTE I DEI SOGGETTI, DEI CONTRIBUTI E DELLE SANZIONI

Dettagli

Testi e commenti a cura di Morena dall Olio - Villiam Zanoni Redazione a cura di Giorgia Zani Si ringrazia della collaborazione l Inca Nazionale

Testi e commenti a cura di Morena dall Olio - Villiam Zanoni Redazione a cura di Giorgia Zani Si ringrazia della collaborazione l Inca Nazionale Testi e commenti a cura di Morena dall Olio - Villiam Zanoni Redazione a cura di Giorgia Zani Si ringrazia della collaborazione l Inca Nazionale I documenti contenuti in questo manuale hanno la funzione

Dettagli

1.1 - LAVORATORI DIPENDENTI - REQUISITI E DECORRENZA DELLA PENSIONE DI VECCHIAIA

1.1 - LAVORATORI DIPENDENTI - REQUISITI E DECORRENZA DELLA PENSIONE DI VECCHIAIA 1.1 - LAVORATORI DIPENDENTI - REQUISITI E DECORRENZA DELLA PENSIONE DI VECCHIAIA 1.1.1 - Nel sistema di calcolo retributivo e misto (legge 23.12.1994, n. 724, art. 11, comma 1; D.lgs. 30.12.1992 n. 503,

Dettagli

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Fabio Fioretto

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Fabio Fioretto Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI di Fabio Fioretto PREMESSA Il diritto ad ottenere trattamenti pensionistici al raggiungimento dei requisiti stabiliti dalla normativa trae diretto fondamento

Dettagli