API Progettazione e realizzazione di un software di gestione del corpus AVIP-API

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "API Progettazione e realizzazione di un software di gestione del corpus AVIP-API"

Transcript

1 API Progettazione e realizzazione di un software di gestione del corpus AVIP-API Alessandro Esposito, Francesco Cutugno

2 1. INTRODUZIONE 1.1 OBIETTIVI DEL LAVORO Il presente lavoro è stato svolto presso il centro di ricerche CIRASS nell ambito di uno stage di formazione gestito dal Diploma Universitario di Ingegneria Informatica dell ateneo Federico II di Napoli, ed è il frutto di una revisione e sinterizzazione della tesi di laurea del primo autore. Il lavoro é stato di prezioso supporto alle attività svolte nell ambito del progetto di ricerca AVIP ed ha riguardato la progettazione e la realizzazione di un sistema software di gestione dei dati del corpus. La condizione iniziale da cui è partito il lavoro, consisteva nell esistenza di un insieme di files che costituivano una base di dati non convenientemente interrogabile. Gli interessati allo studio dei dialoghi, infatti, avrebbero potuto ricercare le informazioni, in assenza di un sistema di gestione, soltanto procedendo tramite ricerche manuali all interno dei numerosi e complessi file che originariamente costituivano il corpus, ottenendo così risultati in tempi non ragionevoli. Il lavoro svolto ha avuto come obiettivi la progettazione e la realizzazione dei seguenti componenti: un Data Base (attraverso l utilizzo di un DBMS) con il fine di strutturare e gestire tutte le informazioni del Corpus linguistico AVIP. un Parser con il fine di analizzare, correggere ed immettere in modo diretto i dati contenuti nei files AVIP nel Data Base realizzato con l utilizzo del DBMS. Un Generatore di Query capace di offrire specifiche funzionalità di interrogazione. 1.2 CICLI DI VITA DEL SOFTWARE ADOTTATI La descrizione dell attività svolta è suddivisa nei successivi capitoli come le fasi relative ai cicli di vita seguiti per la produzione dei singoli componenti richiesti e realizzati. La figura 1 illustra sinteticamente la sequenza delle fasi svolte durante l attività di sviluppo.

3 Figura 1: Sequenza fasi di sviluppo Ogni singolo componente, come evidenziato in figura 1, è stato progettato e realizzato separatamente, rispettando il seguente ordine: Data Base, Parser, QueryGenerator. Per la realizzazione del Data Base si è utilizzato il modello di cicli di vita dei sistemi informativi. Si è applicata una metodologia ampiamente consolidata e riconosciuta, quella cioè di scomporre la progettazione in Progettazione concettuale ed in Progettazione Logica. Il modello di ciclo di vita del software adottato invece per lo sviluppo del Parser e del QueryGenerator è stato un modello a cascata con feedback (v. figura 2) analisi requisiti e specifiche convalida disegno convalida codifica e testing validazione integrazione e collaudo validazione rilascio e manutenzione validazione Figura 2: Modello a Cascata con feedback La metodologia di sviluppo utilizzata per la realizzazione del Parser e del QueryGenerator è stata quella Object-Oriented. Lo sviluppo è stato suddiviso nelle comuni fasi di OOA Object Oriented Analisys, OOD Object Oriented Design ed OOP Object Oriented Programming.

4 2. DESCRIZIONE DEL DOMINIO AVIP 2.1 INTRODUZIONE Il progetto AVIP ha definito con adeguatezza, rispetto ad obiettivi primariamente stabiliti e circoscritti, criteri e norme di costruzione, d organizzazione e di rappresentazione dei dati del corpus [1]. In questo capitolo sono descritti alcune norme e alcune entità costituenti il Corpus AVIP quali: i Dialoghi, i Turni, i Livelli di Etichettatura, i Parametri d Analisi, ecc. con il fine di fornire supporto alla comprensione dei modelli d analisi e di progettazione illustrati nei capitoli successivi. 2.2 I DIALOGHI Ogni dialogo è svolto da due persone dette informatori. Il dialogo è basato sulla spiegazione di un ipotetico percorso indicato su una mappa. L informatore che indica il percorso ha un ruolo detto di Information Giver mentre l altro che richiede spiegazioni ha un ruolo detto di Information Follower. Di ogni Informatore sono stati annotati e memorizzati Nome, Età, Sesso, Luogo di Nascita. Per quanto concerne le mappe, in AVIP esistono coppie di mappe diverse indicate con le prime quattro lettere dell alfabeto a,b,c,d più altre due coppie indicate con la lettera p o s relative alla porzione del corpus a dedicata al parlato infantile; per tale porzione sono state prese in esame le sole produzioni del bambino (sempre Follower) che può essere Normoudente o Ipoacusico. Un dialogo è suddiviso logicamente in Turni dove per turno si intende la presa di parola da parte di un informatore. Attributi relativi all attività di registrazione sono inoltre la durata, la condizione di registrazione, la frequenza di campionamento (in AVIP sempre uguale a 22050Hz), la data di registrazione, ecc. Ogni dialogo è sottoposto ai processi di etichettatura e di analisi descritti nei prossimi paragrafi. 2.3 LE TRASCRIZIONI AVIP: I LIVELLI DI ETICHETTATURA Una classificazione delle trascrizioni d interesse per il dominio applicativo descritto è la seguente: Trascrizione fonetica: studia ed identifica con elevato grado di dettaglio ciascun suono (fono) articolato dall informatore. Trascrizione fonologica: evidenzia soltanto gli esiti dei fonemi (ciascun suono che assume funzione semanticamente distintiva in un linguaggio) e i mutamenti che per essi si sono verificati. Trascrizione ortografica che è la forma ortografica convenzionale.

5 Siccome l associazione di un codice dell alfabeto di trascrizione ad un elemento fonico è detta etichettatura parleremo d ora in avanti non di diversi tipi di trascrizione ma di diversi livelli di etichettatura. Il termine livelli è stato utilizzato per indicare l esistenza di una gerarchia definita nel progetto tra le varie etichettature e descritta nei paragrafi successivi. Per la codifica dei dati fonici nel corpus AVIP sono stati utilizzati i seguenti livelli di etichettatura. PHN: etichettatura fonetica stretta. PHB: etichettatura fonetica larga o fonologica della varietà PHM: trascrizione fonemica parola per parola. WRD: trascrizione ortografica parola per parola. TON: etichettatura intonativa foneticamente orientata AUT: etichettatura intonativa fonologicamente orientata. Il livello AUT è stato utilizzato soltanto dall unità di ricerca di Bari e non rientra nel dominio informativo d interesse per l applicazione qui presentata.. 2. I MARKERS I Markers sono dei dati numerici utilizzati per delimitare l istante d inizio e quello di fine di un evento acustico etichettato in un dato livello. Essi rappresentano il numero d ordine del campione di segnale acquisito corrispondente all evento acustico etichettato. 2.5 RELAZIONI TRA I LIVELLI DI ETICHETTATURA PHN, PHB, PHM, WRD. Tra i livelli PHN, PHB, PHM e WRD esistono le seguenti relazioni: 1. Inclusione temporale. Partendo dall elementare e comune concetto che le parole includono generalmente più suoni distinti (solitamente rappresentati da lettere nella forma scritta) è facile comprendere come un etichetta di parola (livelli WRD o PHM) includa più etichette di fonemi (livelli PHB e PHN). L inclusione è espressa dai valori dei marker. 2. Corrispondenza tra i valori dei marker. Il Marker di inizio di un etichetta di parola deve essere uguale al marker di inizio del fono o del fonema etichettato corrispondente alla lettera.ovviamente non vale il contrario. La figura che segue riassume quanto finora illustrato:

6 Figura 3: Relazioni tra i Markers dei livelli PHN,PHB,PHM,WRD Le linee verticali rappresentano graficamente la segmentazione attuata dai marker di inizio e fine associati ad ogni entità trascritta in un dato livello. Ad esempio per il livelli PHN e PHB la s ha come marker iniziale 1201 e come marker finale Il livello PHN utilizza come unità fonica i singoli foni, il livello PHB utilizza come unità fonica i singoli fonemi mentre i livelli PHM e WRD utilizzano come unità le singole parole. Dalle dimensioni delle unità etichettate è possibile definire una relazione di inclusione temporale tra i livelli di etichettatura. Le norme che regolano il progetto AVIP garantiscono che i markers delimitatori di un entità ad un dato livello, hanno sempre un corrispondente (stesso valore) nei livelli di gerarchia temporale paritetica o inferiore. Nell esempio il marker destro dell entità fonica a livello WRD (entità fonologica di tipo parola codificata con Sara) ha un marker corrispondente (stesso valore) sia nel livello gerarchicamente paritetico PHM (entità fonologica di tipo parola codificata con s ara) sia nei livelli gerarchicamente inferiori (PHB e PHN) che analizzano entità fonologiche diverse (PHB entità fonologica di tipo fonema codificata con r-a, PHN entità fonetica di tipo fono codificata con r). Ragionando in verso opposto sulla gerarchia espressa in Figura 3 è evidente che l esistenza di un corrispondente non è garantita per i livelli gerarchicamente superiori ad un dato livello. Le relazioni d inclusione e di corrispondenza tra i marker sono fondamentali per relazionare un entità con se stessa codificata in diversi livelli. Per la coppia di livelli (PHM, WRD) i marker sono in sostanza gli stessi poiché uguali sono le unità fonologiche analizzate (detti livelli Paritetici). Tali livelli sono gerarchicamente superiori ai livelli PHN e PHB. Per coppia di livelli (PHN, PHB) invece la corrispondenza dei marker avviene per tutte le entità trascritte tranne per la trascrizione dei dittonghi, dei trittonghi o nei casi particolari di monottongazione e sinalefe. In questi casi il livello PHB non segmenta le entità è quindi è un livello gerarchicamente superiore al PHN. Tutti i turni dei dialoghi del progetto AVIP sono stati etichettati ai livelli PHN, PHB, PHM, WRD. E da rilevare, infine, una differenza nell etichettatura ai livelli WRD-PHM per la varietà

7 pisana in cui non è stato segnalato il marker d inizio della prima parola assoluta del turno. L informazione relativa al confine sinistro di parola è recuperabile ai livelli inferiori PHB e PHN. 2.6 IL LIVELLO DI ETICHETTATURA TON Il livello TON è un livello utilizzato per l analisi prosodica e quindi segmenta un testo parlato in unità prosodiche anche dette unità tonali. E un livello indipendente in termini temporali nel senso che non è prevista alcuna relazione di corrispondenza dei marker con quelli degli altri livelli. Le etichette del livello TON trascrivono con uno specifico alfabeto le seguenti entità: L inizio o la fine di un unità tonale Le variazioni della curva interpolante linearmente i campioni di frequenza fondamentale o Pitch. Gli accenti. L inizio e la fine di un unità tonale sono etichettate con i simboli [ e ]. Le variazioni del Pitch sono etichettate con le lettere T, B, H, L, U, D, S mentre gli accenti sono etichettati con le cifre 0,1,2,3. Accade spesso che in corrispondenza di una variazione del Pitch si verifica anche la presenza di un accento e quindi i due eventi sono etichettati insieme con stringhe tipo L1, H1, ecc. oppure che un determinato valore di Pitch avviene all inizio o alla fine di un unità tonale con stringhe del tipo ]T, B[, ecc. La figura ha lo scopo di descrivere il livello d etichettatura TON e di porlo in confronto con altri livelli d etichettatura. Si è scelto di utilizzare nel confronto un livello d etichettatura di parola WRD ed un livello d etichettatura per singolo fono PHN. Figura : Livello Ton in relazione con i livelli PHN e WRD E evidente la totale mancanza di una corrispondenza dei marker del livello TON con quelli di un altro livello. Lo stesso inizio o fine dell unità tonale può non corrispondere all inizio o alla fine di una sequenza di trascrizioni degli altri livelli.

8 Allo stato attuale in AVIP il livello TON è stato utilizzato per etichettare soltanto alcuni turni di alcuni dialoghi. 2.7 I PARAMETRI D ANALISI I parametri fisici definiti ed utilizzati nel progetto AVIP verranno in seguito indicati come parametri d analisi. I parametri d analisi sono: Pitch, Energia, Formanti, Durata. La durata di un frame in AVIP è costante e pari a 5ms. 2.8 RELAZIONI TRA I LIVELLI D ETICHETTATURA PHN, PHB, WRD E PHM E I PARAMETRI D ANALISI Ogni etichetta ha associati due markers che rappresentano il numero di campione d inizio e fine dell evento acustico registrato e rappresentato simbolicamente dall etichetta stessa. Tali valori dei markers divisi per la frequenza di campionamento forniscono come dimensione degli istanti di tempo che sono appunto l istante d inizio e l istante di fine dell evento acustico. Le informazioni d analisi sono valori discreti memorizzati in sequenza e riferiti a sezioni (frame) di segnale di 5ms. Figura5- Relazione tra Etichette e i Parametri d'analisi 2.9 I FILES DEL PROGETTO AVIP

9 Nei paragrafi precedenti sono state descritte le entità e le relazioni esistenti tra esse. Ora passiamo ad una breve descrizione della base di dati esistente prima dell inizio del lavoro. La base di dati AVIP era costituita da un insieme di files indipendenti ottenuti attraverso un certo insieme di operazioni. Molte operazioni esulano dagli scopi di questo documento e quindi non saranno descritte. Quelle di interesse per quest ambito sono: Etichettatura, cioè l associazione di simboli (etichette) definiti nel progetto AVIP a ciascun determinato elemento del corpus. Come descritto nei precedenti paragrafi esistono più livelli d etichettatura. Segmentazione cioè la suddivisione in segmenti del segnale fonico. Per ogni segmento è definito l inizio e la fine di un evento fonico Analisi, cioè la determinazione di parametri di significato fisico relazionati agli eventi fonici (Frequenza fondamentale, Energia, Formanti) Tutto il corpus AVIP è stato segmentato ed etichettato mediante un sistema software progettato e realizzato dall unità di ricerca del Politecnico di Bari che si chiama SegWin. Allo stato attuale tutti i dialoghi sono stati etichettati con le etichettature dei livelli WRD, PHM, PHB e PHN mentre l etichettatura TON è stata eseguita solo per alcuni turni. L operazione di Analisi è stata eseguita con l ausilio di routine software sviluppate presso il CIRASS. I files sono sostanzialmente di tre tipi: 1. Files d Analisi (contengono singolarmente per ogni frame informazioni circa lo Spettro, l Energia, Pitch, ecc.) Il formato di ogni file è il seguente: Pitch: per ogni frame, valore del Pitch in Hz (intero a 16 bit) e flag voiced/unvoiced (8 bit, 0 se unvoiced, 1 se voiced) Energia: per ogni frame, energia in db (intero a 16 bit) ed alla fine il valore massimo dell energia, calcolato per tutto il file Formanti: Per ogni frame, valore della 1, della 2 e della 3 formante (int a 16 bit). 2. Files d Etichettatura (contengono l etichettatura dei livelli segmentali secondo quanto definito nel progetto AVIP) Ciascun file d etichettatura ha l'estensione corrispondente al livello d etichettatura e contiene un record per ogni marker, in formato testo. Ogni record è così composto: Tipo d etichettatura Marker iniziale Marker finale Num. della parola Stringa Il Tipo d'etichettatura è un campo di tre lettere coincidente con l'estensione del file relativo. Il Marker iniziale e il Marker finale sono allineati al file di segnale. Il campo "Num. della parola" è al momento non utilizzato ed è pertanto sempre uguale a 0.

10 Il campo Stringa è l etichetta di trascrizione dell elemento. 3. File Header (contiene informazioni varie il cui significato dipende da tre lettere identificative della riga) Ogni file d intestazione è riferito ad un intero dialogo e quindi a più turni. Alcune righe presentano un codice identificativo di riga che ne indica il contenuto informativo e che può assumere uno dei seguenti valori: ING: informazioni sull Instruction Giver. Iniziali del nome, età, sesso, altre caratteristiche utili, ecc. INF: informazioni sull Instruction Follower. Iniziali nome, età, sesso, altre caratteristiche utili, ecc. LET: informazioni sul lettore. LOC: luogo e data di registrazione. CMP: frequenza di campionamento. COD: numero e ordine dei byte utilizzati nel file di segnale. DUR:durata totale del dialogo o della lettura. CON:condizioni generali della registrazione. CMT:commenti.

11 3. ANALISI E SPECIFICA DEI REQUISITI 3.1 INTRODUZIONE E stato eseguito un attento studio dei documenti del progetto AVIP esistenti ed in particolare l attenzione è stata rivolta al documento descrittivo del formato dei Files AVIP [2] ed al documento di specifica delle Norme e dei Codici che regolano l attività di trascrizione nel progetto AVIP [1]. Allo stesso tempo sono state eseguite interviste ai soggetti interessati all applicazione. I requisiti sono stati quindi specificati in maniera quanto più completa, consistente e non ambigua e trascritti in un documento di specifica dei requisiti SRS sviluppato secondo lo standard IEEE199 che qui non riprodurremo ma che è disponibile a richiesta contattando gli autori del presente documento. In tale documento sono inclusi i requisiti relativi all intero progetto. Inoltre è stato sviluppato un documento di specifica dell interfaccia utente in cui è stato è stata descritta l iterazione attesa con l utente. La fase di analisi ha richiesto l utilizzo e l applicazione di modelli e di metodologie diversi per modellare i componenti Data Base, Parser e Generatore di Query. Infatti, per il Data Base è stata utilizzata la metodologia di sviluppo dei sistemi informativi, mentre per il Parser ed il Generatore di Query è stata utilizzata una metodologia Object Oriented. Ogni singolo componente è stato quindi analizzato separatamente, rispettando il seguente ordine: Data Base, Parser, QueryGenerator. 3.2 SPECIFICHE RIGUARDANTI L INTERFACCIA UTENTE Nella progettazione di una interfaccia utente entrano in gioco tre modelli diversi, quello progettuale, quello implementativo e quello denominato modello dell utente o percezione del sistema (v. figura 6). Ovviamente quest ultimo risente della tipologia e del grado di esperienza che il committente/utente ha nell utilizzo di software.

12 Figura 6- Percezione del sistema In questo paragrafo è descritta la percezione dell interfaccia di interrogazione dei livelli di etichettatura del sistema da realizzare dal punto di vista del committente/utente. In particolare si è descritto la successione di selezioni che il committente/ utente immagina di eseguire durante le interrogazioni. La sequenza di selezioni previste è la seguente: 1. La selezione del sottoinsieme del corpus oggetto di interrogazione 2. Input di stringhe nei livelli di etichettatura 3. La selezione degli output desiderati La selezione della parte del corpus oggetto di interrogazione è descritta in figura (v. fig.7) in cui le frecce indicano che la selezione di una opzione attiva una ulteriore richiesta di input. Figura 7- Selezione della parte del Corpus oggetto di interrogazione

13 L input di stringhe nei livelli di etichettatura deve essere eseguito in apposite caselle di testo riferite ai singoli livelli etichettatura. Le richieste potranno avere come obiettivo la ricerca di elementi presenti con opportuna codifica (etichettatura) in diversi livelli. Tipiche interrogazioni saranno quelle che relazioneranno elementi tra due/tre livelli di etichettatura differenti. In figura 8 ad esempio è illustrata la modalità attesa dal committente per la ricerca di tutte le etichette che a livello PHN sono uguali a!a e che (AND) a livello WRD iniziano per k o (OR) iniziano per p. Figura 8- Interfaccia interrogazione livelli di etichettatura. Nelle caselle l utente potrà digitare tutti i simboli dell alfabeto di etichettatura previsti per quel livello. Sarà cura dell utente verificare la correttezza dei simboli forniti in input in quanto non è richiesto che il sistema riconosca gli alfabeti dei singoli livelli per segnalare eventuali errori di digitazione. Infine, una volta terminata la fase di input nei livelli di etichettatura il sistema dovrà fornire agli utenti la possibilità di selezionare il livello dove visualizzare l Output. Figura 9 - Selezione Output

14 L utente potrà quindi selezionare una istanza di etichettatura trovata ed indicare i parametri di analisi d interesse. Su tali parametri l utente potrà inoltre indicare se calcolare media e/o scarto quadratico medio. 3.3 MODELLAZIONE CONCETTUALE DATA BASE La modellazione concettuale ha come obiettivo la rappresentazione accurata e naturale dei dati d interesse dal punto di vista del significato che hanno per l applicazione da realizzare. Il modello sviluppato, detto Modello Entità Relazione (E.R.) è un modello concettuale di dati atto a descrivere la realtà d interesse a prescindere dai criteri di organizzazione degli elaboratori. E costituito da costrutti il cui significato logico è dettagliatamente descritto in [3]. Come documentazione di tale modello sono stati prodotti la tabella descrittiva delle entità e la tabella descrittiva delle relazioni. Per lo sviluppo dello schema concettuale E.R. a partire dalle specifiche sono applicabili tutte le comuni tecniche ingegneristiche quali la strategia top-down, la strategia bottom-up, la strategia inside-out o le strategie miste. La strategia scelta per il modello concettuale del corpus AVIP è di tipo misto. Sono stati inizialmente individuati i concetti principali (definendo il cosiddetto schema a scheletro ) e si è proceduto poi nello sviluppo separato dei concetti per raffinamenti successivi. Tale scelta progettuale ha consentito di ottenere i seguenti vantaggi: 1. La scomposizione del problema in sottoproblemi. 2. L inizio della progettazione prima che tutte le specifiche fossero complete. 3. L integrazione immediata senza fasi di composizione.

15 3. MODELLO E-R NOME ETA SESSO NORMOUDNTE/ IPOACUSICO RUOLO INFORMATORE BAMBINO PARAMETRI LUOGO DI NASCITA MAPPE VARIETA SESSIONE Interlocuzione DIALOGO Acquisizione (2,2) DURATA (1,N) TEMPO Analisi (1,N) Composizione ORDINE TURNO SEGNALE DATA REGISTRAZIONE CONDIZIONE (,5) PITCH FORMANTI PITCH HZ VOICED / UNVOICED ENERGIA ENERGIA DB Inclusione (1,N) Temporale TRASCRIZIONE ETICHETTATURA MARKER FINALE MARKER INIZIALE STRINGA (1,\) PHN INCLUSIONE TON - PHN Corrispondenza Non eccezione (2,2) Inclusione Eccezione (1,N) PHB PHB ECCEZIONI INCLUSIONE TON - PHB INCLUSIONE PHM-PHB (1,N) (1,N) (1,N) PHM INCLUSIONE PHM- PHN INCLUSIONE TON - PHM Corrispondenza PHM WRD Figura 10- Modello Entità Relazione (1,N) INCLUSIONE WRD - PHB (1,N) (1,N) WRD INCLUSIONE WRD_PHN TON (1,N) INCLUSIONE TON - WRD Documentazione del modello E- R: Dizionario dei Dati Entità Descrizione Attributi Identificatore Dialogo Conversazione tra due Informatori Mappe,Varietà,Sessione, Durata Registrazione Dialogo memorizzato Data,Frequenza Campionamento (CMP), Condizione, Nome File Audio Informatore Bambino Turno Persona che effettua il Dialogo Persona di Età Inferiore ad anni 15 che effettua il Dialogo Parte del Dialogo. Inizia ogni volta che l informatore prende parola. Parametri Informazioni per l analisi "fisica" del segnale. Pitch Frequenza fondamentale in Hz riferita ad un frame del segnale. Nome, Età, Sesso, Luogo di nascita, ruolo Normoudente/ Ipoacusico Ordine del turno Tempo PitchHz, Voiced/Unvoiced Mappe,Varietà,Sessione Nome File Audio Nome, Età, Sesso Ordine del turno, Dialogo Tempo, Turno.

16 Formanti 1, 2 e 3 Formante riferita ad un frame del segnale 1 Formante,2 Formante, 3 Formante. Energia Energia del segnale vocale espressa in Decibel Energia DB Etichettatura E una trascrizione di un elemento acustico Marker Inizio, Marker fine, Stringa Marker Finale, Turno. PHN Trascrizione fonetica PHB PHB Eccezione PHM WRD Trascrizione fonologica Fonema x Fonema Trascrizione fonologica di un eccezione. Il termine eccezione indica che nei casi di trascrizione PHB di dittonghi, trittonghi, sinalefe o monottongazioni non vi è corrispondenza con i Marker della trascrizione di livello PHN Trascrizione fonemica per forma di citazione Trascrizione ortografica TON Trascrizione intonativa Foneticamente Orientata Tabella descrittiva delle Relazioni. Relazione Descrizione Entità Coinvolte Interlocuzione Associa un informatore al dialogo Informatore, Dialogo Composizione Associa un dialogo ai turni di cui è composto Dialogo, Turno Acquisizione Associa un dialogo alla sua registrazione Dialogo, Registrazione Inclusione temporale Associa ad un etichetta i parametri ad essa relativi Parametri, Etichettatura Trascrizione Associa un turno alla sua etichettatura Turno, Etichettatura Corrispondenza PHB PHN- Inclusione PHB eccezione PHN Inclusione PHM-PHN Inclusione WRD PHB Inclusione WRD- PHN Inclusione PHB-PHM Corrispondenza WRD PHM Associa una trascrizione PHN con una trascrizione PHB con gli stessi Marker Associa una trascrizione PHB che trascrive un eccezione (dittongo, trittongo, ecc.) alle trascrizioni PHN che include Associa una trascrizione PHM alle trascrizioni PHN che include Associa una trascrizione WRD alle trascrizioni PHB che include. Associa una trascrizione WRD alle trascrizioni PHN che include. Associa una trascrizione PHM alle trascrizioni PHB che include. Associa una trascrizione WRD alle trascrizioni PHM che include. PHN, PHB PHN, PHB eccezione PHM, PHN WRD, PHN WRD, PHN PHB, PHM WRD, PHM

17 Inclusione TON WRD Inclusione TON PHM Inclusione TON PHB Inclusione TON PHN Associa una trascrizione TON alle trascrizioni WRD che include. Associa una trascrizione TON alle trascrizioni PHM che include. Associa una trascrizione TON alle trascrizioni PHB che include. Associa una trascrizione TON alle trascrizioni PHN che include. TON, WRD TON, PHM TON, PHB TON, PHN 3.5 OBJECT ORIENTED ANALISYS La metodologia di sviluppo utilizzata per la realizzazione del Parser e del QueryGenerator è stata quella Object-Oriented. Per le fasi di analisi e di progettazione (OOA ed OOD) si è utilizzato il linguaggio di modellazione UML, allo stato largamente diffuso, con cui si è potuto modellare il sistema. Tra gli strumenti dello standard UML sono stati utilizzati i seguenti: L Analisi dei casi d uso I Diagramma delle classi 3.6 ANALISI DEI CASI D USO I casi D uso relativi al Corpus AVIP sono descritti di seguito in tre sezioni. Nella prima sezione sono descritti gli attori ed i casi d uso.nella seconda sezione sono descritte le relazioni tra i casi d uso.infine nella terza sezione sono descritti in modo testuale degli scenari relativi ai singoli casi d uso. Descrizione degli attori e dei casi d uso. Dall analisi dei requisiti del software di gestione del corpus è stato individuato un singolo attore del sistema. Tale attore, denominato Linguista, rappresenta la classe degli utilizzatori del sistema che sono sostanzialmente persone che svolgono attività di studio della lingua parlata. Il Caso d uso Interrogazioni Etichettatura rappresenta il processo per ricercare le stringhe di etichettatura all interno del Data Base AVIP. Il Caso d uso Calcolo Durata Etichettatura rappresenta il processo per calcolare la durata di una stringa di etichettatura all interno del Data Base AVIP. Il Caso d uso Calcolo Media Durata rappresenta il processo per calcolare la media delle durate delle stringhe di etichettatura all interno del Data Base AVIP.

18 Il Caso d uso Calcolo Scarto Q.M. Durata rappresenta il processo per calcolare lo scarto quadratico medio delle durate delle stringhe di etichettatura all interno del Data Base AVIP. Il Caso d uso Interrogazione Parametri rappresenta il processo per ricercare i valori di un parametro relativi ad una stringa di etichettatura. Il Caso d uso Calcolo Media Parametri rappresenta il processo per calcolare la media dei valori dei parametri relativi ad una stringa di etichettatura. Il Caso d uso Calcolo Scarto Q. M. Parametri rappresenta il processo per calcolare lo scarto quadratico medio dei parametri relativi ad una stringa di etichettatura. Il Caso d uso Parser Dialogo rappresenta il processo per analizzare, correggere ed immettere i dati AVIP nel Data Base AVIP. I Casi d uso AVIP CASI D'USO CORPUS AVIP C alcolo S carto Q. M. Durata C alco lo M e dia Dura ta Calcolo Durata E tichetta Linguista Interrogazioni E tichettatura Interrogazione P aram etri Calcolo M edia P aram etri Calcolo S.Q.M. P aram etri P arser Dialogo Figura 11- Diagramma dei Casi D'uso

19 La Struttura dei Casi D Uso. RELAZIONI TRA I CASI D'USO <<extends>> Parser Dialogo <<extends>> Interrogazioni Etichettatura <<extends>> Calcolo Media Durate <<extends>> Interrogazione Parametri Calcolo Scarto Q. M. Durate Calcolo Durata Etichetta <<extends>> <<extends>> Calcol Media Parametri Calcolo Scarto.Q.M. Parametri Figura 12 - Struttura dei Casi D'uso Descrizione degli scenari. Gli scenari sono di seguito descritti secondo il seguente formato. Numero Caso D uso: Nome Caso D Uso Scenario: Numero scenario/totale scenari del caso D uso : Nome scenario Numero Transizione. Descrizione Inoltre EX indica la relazione di estensione. Esempio : EX 2.5 significa sostituire alla riga le righe del caso d uso 2 che iniziano per CASO D USO: Interrogazione Etichettatura. Scenario 1/3: Interrogazione d Etichettatura richiesta su Dialoghi non presenti nel Data Base. 1. Il linguista immette i dati dei Dialoghi su cui vuole ricercare le stringhe di etichettatura. 2. Il sistema ricerca nel Data Base le informazioni relative ai Dialoghi. Rileva l assenza dei Dialoghi nel Data Base, quindi visualizza un messaggio d errore e termina l esecuzione. Scenario 2/3: Interrogazione d Etichettatura richiesta su Dialoghi presenti nel Data Base. Le stringhe ricercate non sono presenti nei dialoghi. 1. Il linguista immette i dati dei Dialoghi su cui vuole ricercare le stringhe di etichettatura. 2. Il sistema ricerca nel Data Base le informazioni relative ai Dialoghi. Rileva la presenza dei dialoghi nel Data Base e ne preleva i record visualizzando i dati dei Dialoghi a video.

20 3. Il linguista immette le stringhe da ricercare e i livelli di etichettatura dove cercarle.. Il sistema ricerca relativamente ai dialoghi richiesti le stringhe di etichettatura. Rileva l assenza di stringhe nel Data Base. Visualizza un messaggio di errore e termina l esecuzione. Scenario 3/3: Interrogazione d Etichettatura richiesta su Dialoghi presenti nel Data Base. Le stringhe ricercate sono presenti nel Data Base. 1. Il linguista immette i dati dei Dialoghi su cui vuole ricercare le stringhe di etichettatura. 2. Il sistema ricerca nel Data Base le informazioni relative ai Dialoghi. Rileva la presenza dei dialoghi nel Data Base, ne preleva i record e visualizza i dati dei Dialoghi a video. 3. Il linguista immette le stringhe da ricercare e i livelli di etichettatura dove cercarle.. Il sistema ricerca nel Data Base AVIP le stringhe di etichettatura cercate e rileva la presenza delle stringhe nel Data Base AVIP. 5. EX 2.5, EX 3.5: EX.5, EX 5.5, EX 6.5 Il sistema visualizza i dati delle stringhe trovate. 6. Il sistema attende nuove richieste di ricerca. 2. CASO D USO: Calcolo Durata Etichetta. Scenario 1/1: Richiesta del calcolo della durata di una stringa di etichettatura. Sostituire EX 2.5 nel caso d uso Interrogazioni di etichettatura scenario 3/3 riga 5 con: 5.1 Il sistema visualizza i dati delle stringhe trovate. 5.2 Il linguista chiede il calcolo della durata di una stringa di etichettatura. 5.3 I sistema determina la durata e visualizza il risultato. 3. CASO D USO: Calcolo Media Durata. Scenario 1/1: Richiesta della media della durata di più stringhe di etichettatura. Sostituire EX 3.5 nel caso d uso Interrogazioni di etichettatura scenario 3/3 riga 5 con: 5.1 Il sistema visualizza i dati delle stringhe trovate. 5.2 Il linguista chiede il calcolo della media delle durate delle stringhe di etichettatura. 5.3 I sistema determina la media delle durate e visualizza il risultato.. CASO D USO: Calcolo Scarto Q. M. Durata. Scenario 1/1: Richiesta del calcolo dello scarto quadratico medio delle durate di più stringhe di etichettatura. Sostituire EX.5 nel caso d uso Interrogazioni di etichettatura scenario 3/3 riga 5 con: 5.1 Il sistema visualizza i dati delle stringhe trovate. 5.2 Il linguista chiede il calcolo dello scarto quadratico medio della durata delle stringhe di etichettatura. 5.3 Il sistema determina lo scarto quadratico medio delle durate e visualizza il risultato.

Manuale Utente QueryGenerator

Manuale Utente QueryGenerator SOFTWARE DI GESTIONE DEL CORPUS API Manuale Utente QueryGenerator Cirass Sommario Introduzione 1 1. Presentazione 1 2. Requisiti di Sistema 2 3. Installazione 2 4. Utilizzo 3 5. Logica d interrogazione

Dettagli

Basi di Dati Relazionali

Basi di Dati Relazionali Corso di Laurea in Informatica Basi di Dati Relazionali a.a. 2009-2010 PROGETTAZIONE DI UNA BASE DI DATI Raccolta e Analisi dei requisiti Progettazione concettuale Schema concettuale Progettazione logica

Dettagli

Progettazione concettuale

Progettazione concettuale Progettazione concettuale Strategie top-down A partire da uno schema che descrive le specifiche mediante pochi concetti molto astratti, si produce uno schema concettuale mediante raffinamenti successivi

Dettagli

Progettazione di basi di dati. Progettazione di basi di dati. Ciclo di vita dei sistemi informativi. Fasi del ciclo di vita [1]

Progettazione di basi di dati. Progettazione di basi di dati. Ciclo di vita dei sistemi informativi. Fasi del ciclo di vita [1] Progettazione di basi di dati Progettazione di basi di dati Requisiti progetto Base di dati Struttura Caratteristiche Contenuto Metodologia in 3 fasi Progettazione concettuale Progettazione logica Progettazione

Dettagli

Modellazione di sistema

Modellazione di sistema Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Modellazione di sistema E. TINELLI Contenuti Approcci di analisi Linguaggi di specifica Modelli di

Dettagli

Il modello Entity-Relationship per il progetto delle basi di dati

Il modello Entity-Relationship per il progetto delle basi di dati 1 Il modello Entity-Relationship per il progetto delle basi di dati Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Le metodologie di progettazione delle Basi di Dati 2 Una metodologia

Dettagli

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti:

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti: PRINCIPI DI INFORMATICA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE Gennaro Cordasco e Rosario De Chiara {cordasco,dechiara}@dia.unisa.it Dipartimento di Informatica ed Applicazioni R.M. Capocelli Laboratorio

Dettagli

Basi di dati. Microsoft Access. Cosa è. Pietro Pala (pala@dsi.unifi.it) Come iniziare. Aprire un database. Creare un database. Creare un database

Basi di dati. Microsoft Access. Cosa è. Pietro Pala (pala@dsi.unifi.it) Come iniziare. Aprire un database. Creare un database. Creare un database Cosa è Basi di dati Pietro Pala (pala@dsi.unifi.it) Microsoft Access Access è un DBMS relazionale in grado di supportare: Specifica grafica dello schema della base dati Specifica grafica delle interrogazioni

Dettagli

70555 Informatica 3 70777 Sicurezza 2. 70555 Mario Rossi 70777 Anna Bianchi. Esempio istanza:

70555 Informatica 3 70777 Sicurezza 2. 70555 Mario Rossi 70777 Anna Bianchi. Esempio istanza: DOMANDE 1) Definire i concetti di schema e istanza di una base di dati, fornendo anche un esempio. Si definisce schema di una base di dati, quella parte della base di dati stessa che resta sostanzialmente

Dettagli

Progettaz. e sviluppo Data Base

Progettaz. e sviluppo Data Base Progettaz. e sviluppo Data Base! Progettazione Basi Dati: Metodologie e modelli!modello Entita -Relazione Progettazione Base Dati Introduzione alla Progettazione: Il ciclo di vita di un Sist. Informativo

Dettagli

Progettazione di Basi di Dati

Progettazione di Basi di Dati Progettazione di Basi di Dati Prof. Nicoletta D Alpaos & Prof. Andrea Borghesan Entità-Relazione Progettazione Logica 2 E il modo attraverso il quale i dati sono rappresentati : fa riferimento al modello

Dettagli

Appunti lezione Database del 07/10/2015

Appunti lezione Database del 07/10/2015 Appunti lezione Database del 07/10/2015 Nelle lezioni precedenti si è visto come qualunque applicazione informativa è almeno formata da tre livelli o layers che ogni progettista conosce e sa gestire: Livello

Dettagli

INFORMATICA PER LE APPLICAZIONI ECONOMICHE PROF.SSA BICE CAVALLO

INFORMATICA PER LE APPLICAZIONI ECONOMICHE PROF.SSA BICE CAVALLO Basi di dati: Microsoft Access INFORMATICA PER LE APPLICAZIONI ECONOMICHE PROF.SSA BICE CAVALLO Database e DBMS Il termine database (banca dati, base di dati) indica un archivio, strutturato in modo tale

Dettagli

Object Oriented Programming

Object Oriented Programming OOP Object Oriented Programming Programmazione orientata agli oggetti La programmazione orientata agli oggetti (Object Oriented Programming) è un paradigma di programmazione Permette di raggruppare in

Dettagli

Impresa di raccolta e riciclaggio di materiali metallici e di rifiuti.

Impresa di raccolta e riciclaggio di materiali metallici e di rifiuti. Impresa di raccolta e riciclaggio di materiali metallici e di rifiuti. Indice Cognome Nome Matr.xxxxxx email Cognome Nome Mat. Yyyyyy email Argomento Pagina 1. Analisi dei requisiti 1 a. Requisiti espressi

Dettagli

Corso di Access. Prerequisiti. Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base. Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati

Corso di Access. Prerequisiti. Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base. Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati Corso di Access Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base 1 Prerequisiti Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati 2 1 Introduzione Un ambiente DBMS è un applicazione che consente

Dettagli

Data Base. Prof. Filippo TROTTA

Data Base. Prof. Filippo TROTTA Data Base Definizione di DataBase Un Database può essere definito come un insieme di informazioni strettamente correlate, memorizzate su un supporto di memoria di massa, costituenti un tutt uno, che possono

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

TEORIA sulle BASI DI DATI

TEORIA sulle BASI DI DATI TEORIA sulle BASI DI DATI A cura del Prof. Enea Ferri Cos è un DATA BASE E un insieme di archivi legati tra loro da relazioni. Vengono memorizzati su memorie di massa come un unico insieme, e possono essere

Dettagli

Design di un database

Design di un database Design di un database Progettare un database implica definire quanto i seguenti aspetti: Struttura Caratteristiche Contenuti Il ciclo di design di un database si suddivide in tre fasi principali: progettazione

Dettagli

DATABASE RELAZIONALI

DATABASE RELAZIONALI 1 di 54 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE STORICHE ETTORE LEPORE DATABASE RELAZIONALI Dott. Simone Sammartino Istituto per l Ambiente l Marino Costiero I.A.M.C. C.N.R.

Dettagli

Sistemi Informativi e Basi di Dati

Sistemi Informativi e Basi di Dati Sistemi Informativi e Basi di Dati Laurea Specialistica in Tecnologie di Analisi degli Impatti Ecotossicologici Docente: Francesco Geri Dipartimento di Scienze Ambientali G. Sarfatti Via P.A. Mattioli

Dettagli

MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE PRIMI PASSI

MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE PRIMI PASSI MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE Si tratta di un software appartenente alla categoria dei fogli di calcolo: con essi si intendono veri e propri fogli elettronici, ciascuno dei quali è diviso in righe e colonne,

Dettagli

Corso di Informatica (Basi di Dati)

Corso di Informatica (Basi di Dati) Corso di Informatica (Basi di Dati) Lezione 1 (12 dicembre 2008) Introduzione alle Basi di Dati Da: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone - Basi di Dati Lucidi del Corso di Basi di Dati 1, Prof. Carlo Batini,

Dettagli

Componenti di una applicazione. Un programma applicativo è strutturato come un insieme organizzato di tre componenti funzionali:

Componenti di una applicazione. Un programma applicativo è strutturato come un insieme organizzato di tre componenti funzionali: Componenti di una applicazione Un programma applicativo è strutturato come un insieme organizzato di tre componenti funzionali: Un sottosistema di interfaccia con l utente (IU, user interface o anche presentation

Dettagli

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico 1 Finestra principale di Excel 2 Finestra principale di Excel Questi pulsanti servono per ridurre ad icona, ripristinare e chiudere la finestra dell applicazione.

Dettagli

Database. Appunti di Amaranto Oronzo e Giancane Diego Lezione dell Ing. Lucia Vaira 24/04/2014

Database. Appunti di Amaranto Oronzo e Giancane Diego Lezione dell Ing. Lucia Vaira 24/04/2014 Database Appunti di Amaranto Oronzo e Giancane Diego Lezione dell Ing. Lucia Vaira 24/04/2014 Cos'è un database? È una struttura di dati composta da tabelle a loro volta composte da campi. Caratteristiche

Dettagli

Cultura Tecnologica di Progetto

Cultura Tecnologica di Progetto Cultura Tecnologica di Progetto Politecnico di Milano Facoltà di Disegno Industriale - DATABASE - A.A. 2003-2004 2004 DataBase DB e DataBase Management System DBMS - I database sono archivi che costituiscono

Dettagli

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1 Le Basi di dati: generalità Unità di Apprendimento A1 1 1 Cosa è una base di dati In ogni modello di organizzazione della vita dell uomo vengono trattate informazioni Una volta individuate e raccolte devono

Dettagli

Lezione 5: Progettazione di Software e Database. Ingegneria del Software. Il Software 19/11/2011. Dr. Luca Abeti

Lezione 5: Progettazione di Software e Database. Ingegneria del Software. Il Software 19/11/2011. Dr. Luca Abeti Lezione 5: Progettazione di Software e Database Dr. Luca Abeti Ingegneria del Software L ingegneria del software è la disciplina che studia i metodi e gli strumenti per lo sviluppo del software e la misura

Dettagli

Metodologia di Progettazione database relazionali

Metodologia di Progettazione database relazionali Informatica e Telecomunicazioni S.p.A. Metodologia di Progettazione database relazionali I&T Informatica e Telecomunicazioni S.p.A Via dei Castelli Romani, 9 00040 Pomezia (Roma) Italy Tel. +39-6-911611

Dettagli

L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE

L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE Roccatello Ing. Eduard L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE Agenda Presentazione docente Definizione calendario Questionario pre corso

Dettagli

7. Microsoft Access. 1) Introduzione a Microsoft Access

7. Microsoft Access. 1) Introduzione a Microsoft Access 1) Introduzione a Microsoft Access Microsoft Access è un programma della suite Microsoft Office utilizzato per la creazione e gestione di database relazionali. Cosa è un database? Un database, o una base

Dettagli

Database. Organizzazione di archivi mediante basi di dati. ing. Alfredo Cozzi 1

Database. Organizzazione di archivi mediante basi di dati. ing. Alfredo Cozzi 1 Database Organizzazione di archivi mediante basi di dati ing. Alfredo Cozzi 1 Il database è una collezione di dati logicamente correlati e condivisi, che ha lo scopo di soddisfare i fabbisogni informativi

Dettagli

La base di dati (database)

La base di dati (database) La base di dati (database) La costruzione, analisi e interrogazione delle basi di dati Il Database e la sua organizzazione Un DATABASE è una raccolta strutturata di dati Database relazionali Organizzazione

Dettagli

Progettazione di un Database

Progettazione di un Database Progettazione di un Database Per comprendere il processo di progettazione di un Database deve essere chiaro il modo con cui vengono organizzati e quindi memorizzati i dati in un sistema di gestione di

Dettagli

Istituto Angioy Informatica BASI DI DATI. Prof. Ciaschetti

Istituto Angioy Informatica BASI DI DATI. Prof. Ciaschetti Istituto Angioy Informatica BASI DI DATI Prof. Ciaschetti Introduzione e prime definizioni Una Base di dati o Database è un archivio elettronico opportunamente organizzato per reperire in modo efficiente

Dettagli

DD - Design Document

DD - Design Document Politecnico di Milano Progetto di Ingegneria del Software 2 DD - Design Document Autori: Claudia Foglieni Giovanni Matteo Fumarola Massimo Maggi Professori: Elisabetta Di Nitto Raffaela Mirandola 1 gennaio

Dettagli

BASI DI DATI INGEGNERIA INFORMATICA SPECIFICHE DI PROGETTO PER L ANNO ACCADEMICO 2013 2014 Prof. Gigliola Vaglini, Ing. Francesco Pistolesi

BASI DI DATI INGEGNERIA INFORMATICA SPECIFICHE DI PROGETTO PER L ANNO ACCADEMICO 2013 2014 Prof. Gigliola Vaglini, Ing. Francesco Pistolesi BASI DI DATI INGEGNERIA INFORMATICA SPECIFICHE DI PROGETTO PER L ANNO ACCADEMICO 2013 2014 Prof. Gigliola Vaglini, Ing. Francesco Pistolesi 1 Descrizione dei requisiti delle fasi di progettazione Si desidera

Dettagli

PROGETTAZIONE CONCETTUALE

PROGETTAZIONE CONCETTUALE Fasi della progettazione di basi di dati PROGETTAZIONE CONCETTUALE Parte V Progettazione concettuale Input: specifiche utente Output: schema concettuale (astrazione della realtà) PROGETTAZIONE LOGICA Input:

Dettagli

Strumenti di modellazione. Gabriella Trucco

Strumenti di modellazione. Gabriella Trucco Strumenti di modellazione Gabriella Trucco Linguaggio di modellazione Linguaggio formale che può essere utilizzato per descrivere (modellare) un sistema Il concetto trova applicazione soprattutto nell

Dettagli

Organizzazione degli archivi

Organizzazione degli archivi COSA E UN DATA-BASE (DB)? è l insieme di dati relativo ad un sistema informativo COSA CARATTERIZZA UN DB? la struttura dei dati le relazioni fra i dati I REQUISITI DI UN DB SONO: la ridondanza minima i

Dettagli

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1 MICROSOFT ACCESS Premessa ACCESS è un programma di gestione di banche dati, consente la creazione e modifica dei contenitori di informazioni di un database (tabelle), l inserimento di dati anche mediante

Dettagli

1. Analisi dei requisiti

1. Analisi dei requisiti 1. Analisi dei requisiti 1a. Requisiti espressi in linguaggio naturale 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 Si vuole realizzare una base di dati

Dettagli

Informatica (Basi di Dati)

Informatica (Basi di Dati) Corso di Laurea in Biotecnologie Informatica (Basi di Dati) Introduzione alle Basi di Dati Anno Accademico 2009/2010 Da: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone - Basi di Dati Lucidi del Corso di Basi di Dati

Dettagli

Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica. Ingegneria del Software. La fase di Analisi

Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica. Ingegneria del Software. La fase di Analisi Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Ingegneria del Software La fase di Analisi Giulio Destri Ing. del software: Analisi - 1 Scopo del modulo Definire

Dettagli

Vincoli di Integrità

Vincoli di Integrità Vincoli di Integrità Antonella Poggi Dipartimento di informatica e Sistemistica Sapienza Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Anno accademico 2010-2011 Questi lucidi sono stati prodotti

Dettagli

Volumi di riferimento

Volumi di riferimento Simulazione seconda prova Esame di Stato Gestione di un centro agroalimentare all ingrosso Parte prima) Un nuovo centro agroalimentare all'ingrosso intende realizzare una base di dati per l'attività di

Dettagli

Foglio elettronico. Foglio elettronico EXCEL. Utilizzo. Contenuto della cella. Vantaggi EXCEL. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.

Foglio elettronico. Foglio elettronico EXCEL. Utilizzo. Contenuto della cella. Vantaggi EXCEL. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio. Foglio elettronico Foglio elettronico EXCEL Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.it Il foglio elettronico è un programma interattivo, che mette a disposizione dell utente una matrice di righe

Dettagli

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Progettazione OO E. TINELLI Punto di Partenza Il modello di analisi E una rappresentazione minima del

Dettagli

Indice generale. OOA Analisi Orientata agli Oggetti. Introduzione. Analisi

Indice generale. OOA Analisi Orientata agli Oggetti. Introduzione. Analisi Indice generale OOA Analisi Orientata agli Oggetti Introduzione Analisi Metodi d' analisi Analisi funzionale Analisi del flusso dei dati Analisi delle informazioni Analisi Orientata agli Oggetti (OOA)

Dettagli

Microsoft Office 2007 Master

Microsoft Office 2007 Master Microsoft Office 2007 Master Word 2007, Excel 2007, PowerPoint 2007, Access 2007, Outlook 2007 Descrizione del corso Il corso è rivolto a coloro che, in possesso di conoscenze informatiche di base, intendano

Dettagli

Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2014-2015 Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Strutture di dati: DB e DBMS DATO E INFORMAZIONE Dato: insieme

Dettagli

PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0

PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0 PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0 PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO ELEMENTI FONDAMENTALI PER LO SVILUPPO DI SISTEMI INFORMATIVI ELABORAZIONE DI

Dettagli

Basi di Dati. Introduzione ai sistemi di basi di dati. K.Donno - Introduzione ai sistemi di basi di dati

Basi di Dati. Introduzione ai sistemi di basi di dati. K.Donno - Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di Dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Gestione dei Dati Una prospettiva storica File system verso DBSM Vantaggi di un DBMS Modelli dei dati Utenti

Dettagli

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO MOSSOTTI

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO MOSSOTTI CLASSE III INDIRIZZO S.I.A. UdA n. 1 Titolo: conoscenze di base Conoscenza delle caratteristiche dell informatica e degli strumenti utilizzati Informatica e sistemi di elaborazione Conoscenza delle caratteristiche

Dettagli

Introduzione ai sistemi di basi di dati

Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di Dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Alessandro.bardine@gmail.com alessandro.bardine@iet.unipi.it Introduzione ai sistemi di basi di dati Gestione dei Dati Una prospettiva storica File

Dettagli

Alessandra Raffaetà. Basi di Dati

Alessandra Raffaetà. Basi di Dati Lezione 2 S.I.T. PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO Corso di Laurea Magistrale in Scienze Ambientali Alessandra Raffaetà Dipartimento di Informatica Università Ca Foscari Venezia Basi di Dati

Dettagli

Vincoli di Integrità Approccio dichiarativo alla loro implementazione

Vincoli di Integrità Approccio dichiarativo alla loro implementazione Vincoli di Integrità Approccio dichiarativo alla loro implementazione Antonella Poggi Dipartimento di informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Anno accademico

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 B1 - Progettazione dei DB 1 Prerequisiti Ciclo di vita del software file system Metodologia di progettazione razionale del software 2 1 Introduzione Per la realizzazione

Dettagli

Sistemi di Elaborazione delle Informazioni (C.I. 15) Access

Sistemi di Elaborazione delle Informazioni (C.I. 15) Access Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica Sistemi di Elaborazione delle Informazioni (C.I. 15) Anno Accademico 2009/2010 Docente: ing. Salvatore Sorce Access C.d.L. in Igiene

Dettagli

Sistemi Informativi e WWW

Sistemi Informativi e WWW Premesse Sistemi Informativi e WWW WWW: introduce un nuovo paradigma di diffusione (per i fornitori) e acquisizione (per gli utilizzatori) delle informazioni, con facilità d uso, flessibilità ed economicità

Dettagli

I Problemi e la loro Soluzione. Il Concetto Intuitivo di Calcolatore. Risoluzione di un Problema. Esempio

I Problemi e la loro Soluzione. Il Concetto Intuitivo di Calcolatore. Risoluzione di un Problema. Esempio Il Concetto Intuitivo di Calcolatore Fondamenti di Informatica A Ingegneria Gestionale Università degli Studi di Brescia Docente: Prof. Alfonso Gerevini I Problemi e la loro Soluzione Problema: classe

Dettagli

Analisi dei Requisiti

Analisi dei Requisiti Analisi dei Requisiti Pagina 1 di 16 Analisi dei Requisiti Indice 1 - INTRODUZIONE... 4 1.1 - OBIETTIVO DEL DOCUMENTO...4 1.2 - STRUTTURA DEL DOCUMENTO...4 1.3 - RIFERIMENTI...4 1.4 - STORIA DEL DOCUMENTO...4

Dettagli

ITI M. FARADAY Programmazione modulare a.s. 2014-2015

ITI M. FARADAY Programmazione modulare a.s. 2014-2015 Indirizzo: INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI Disciplina: Informatica Docente:Maria Teresa Niro Classe: Quinta B Ore settimanali previste: 6 (3 ore Teoria - 3 ore Laboratorio) ITI M. FARADAY Programmazione

Dettagli

I livelli di progettazione possono essere così schematizzati: Esistono tre tipi diversi di modelli logici: Modello gerarchico: Esempio SPECIFICHE

I livelli di progettazione possono essere così schematizzati: Esistono tre tipi diversi di modelli logici: Modello gerarchico: Esempio SPECIFICHE I DATABASE o basi di dati possono essere definiti come una collezione di dati gestita dai DBMS. Tali basi di dati devono possedere determinati requisiti, definiti come specifiche, necessarie per il processo

Dettagli

DESIGNAZIONE: Rappresenta una relazione tra due entità di tipo 1 ad M. Esempio tipico è : REPARTO ------- IMPIEGATO

DESIGNAZIONE: Rappresenta una relazione tra due entità di tipo 1 ad M. Esempio tipico è : REPARTO ------- IMPIEGATO DESIGNAZIONE: Rappresenta una relazione tra due entità di tipo 1 ad M. Esempio tipico è : REPARTO ------- IMPIEGATO (designata) (designante) Viene rappresentata inserendo, nella tabella dell entità designante,

Dettagli

Creazione ed uso di un data base in ACCESS Lezioni ed esercizi

Creazione ed uso di un data base in ACCESS Lezioni ed esercizi Creazione ed uso di un data base in ACCESS Lezioni ed esercizi 1 ACCESS Gli archivi Gli archivi sono un insieme organizzato di informazioni. Aziende Clienti e fornitori Personale Magazzino Enti pubblici

Dettagli

Facoltà di Farmacia - Corso di Informatica

Facoltà di Farmacia - Corso di Informatica Basi di dati Riferimenti: Curtin cap. 8 Versione: 13/03/2007 1 Basi di dati (Database, DB) Una delle applicazioni informatiche più utilizzate, ma meno conosciute dai non informatici Avete già interagito

Dettagli

Progettazione di un DB....in breve

Progettazione di un DB....in breve Progettazione di un DB...in breve Cosa significa progettare un DB Definirne struttura,caratteristiche e contenuto. Per farlo è opportuno seguire delle metodologie che permettono di ottenere prodotti di

Dettagli

Sistemi Informativi DERIVAZIONE DEI REQUISITI FUNZIONALI. Obiettivi Specifica dei Requisiti Assembly Lines Esercizi

Sistemi Informativi DERIVAZIONE DEI REQUISITI FUNZIONALI. Obiettivi Specifica dei Requisiti Assembly Lines Esercizi Sistemi Informativi DERIVAZIONE DEI REQUISITI FUNZIONALI Obiettivi Specifica dei Requisiti Assembly Lines Esercizi Obiettivi Nelle lezioni precedenti abbiamo descritto come modellare i requisiti funzionali

Dettagli

La Progettazione Concettuale

La Progettazione Concettuale La Progettazione Concettuale Università degli Studi del Sannio Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica CorsodiBasidiDati Anno Accademico 2006/2007 docente: ing. Corrado Aaron Visaggio

Dettagli

Excel_2000 DataBase Capitolo 13. 13-1 - Introduzione

Excel_2000 DataBase Capitolo 13. 13-1 - Introduzione Capittol lo 13 DataBase 13-1 - Introduzione Il termine DATABASE è molto utilizzato, ma spesso in modo inappropriato; generalmente gli utenti hanno un idea di base di dati sbagliata: un database è una tabella

Dettagli

Linguaggi di Programmazione I Lezione 5

Linguaggi di Programmazione I Lezione 5 Linguaggi di Programmazione I Lezione 5 Prof. Marcello Sette mailto://marcello.sette@gmail.com http://sette.dnsalias.org 1 aprile 2008 Diagrammi UML 3 UML: richiami..........................................................

Dettagli

Progettare una basi di dati vuole dire progettare la struttura dei dati e le applicazioni

Progettare una basi di dati vuole dire progettare la struttura dei dati e le applicazioni LA PROGETTAZIONE DI BASI DI DATI Progettare una basi di dati vuole dire progettare la struttura dei dati e le applicazioni La progettazione dei dati è l attività più importante Per progettare i dati al

Dettagli

Database Modulo 3 DEFINIRE LE CHIAVI

Database Modulo 3 DEFINIRE LE CHIAVI Database Modulo 3 DEFINIRE LE CHIAVI Nell organizzazione di un archivio informatizzato è indispensabile poter definire univocamente le informazioni in esso inserite. Tale esigenza è abbastanza ovvia se

Dettagli

ALGEBRA BOOLEANA FONDAMENTI DI INFORMATICA 1. Algebra di Boole. Definizione NOT, AND, OR

ALGEBRA BOOLEANA FONDAMENTI DI INFORMATICA 1. Algebra di Boole. Definizione NOT, AND, OR Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea in Ingegneria Biomedica, Chimica, Elettrica e Meccanica FONDAMENTI DI INFORMATICA 1 http://www.diee.unica.it/~marcialis/fi1 A.A. 2010/2011 Docente: Gian

Dettagli

Il diagramma dei casi d uso

Il diagramma dei casi d uso Il diagramma dei casi d uso Laboratorio di Ingegneria del Software Prof. Paolo Ciancarini Dott. Sara Zuppiroli A.A. 2010/2011 Lab di Ingegneria del Software () Il diagramma dei casi d uso A.A. 2010/2011

Dettagli

I Sistemi Informativi

I Sistemi Informativi I Sistemi Informativi Definizione Un Sistema Informativo è un mezzo per acquisire, organizzare, correlare, elaborare e distribuire le informazioni che riguardano una realtà che si desidera descrivere e

Dettagli

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1 Microsoft Access - Determinare l input appropriato per il database...2 Determinare l output appropriato per il database...2 Creare un database usando l autocomposizione...2 Creare la struttura di una tabella...4

Dettagli

Introduzione ai database relazionali. www.mariogentili.it mario.gentili@mariogentili.it

Introduzione ai database relazionali. www.mariogentili.it mario.gentili@mariogentili.it Introduzione ai database relazionali 1 Introduzione ai database relazionali 2 Elementi di progetto di un DB relazionale 3 Costruzione e visita di una base di dati 4 Access ed i suoi oggetti 5 Operare sui

Dettagli

Informatica B. Contenuti. Introduzione alle Basi di Dati e ai DBMS. Introduzione a dati e basi dati DBMS Modello dei dati

Informatica B. Contenuti. Introduzione alle Basi di Dati e ai DBMS. Introduzione a dati e basi dati DBMS Modello dei dati Informatica B Introduzione alle Basi di Dati e ai DBMS Contenuti Introduzione a dati e basi dati DBMS Modello dei dati Informazioni e dati Dato: elemento semanticamente significativo (data, codice, ecc.),

Dettagli

Esercitazioni di Basi di Dati

Esercitazioni di Basi di Dati Esercitazioni di Basi di Dati A.A. 2008-09 Dispense del corso Utilizzo base di pgadmin III Lorenzo Sarti sarti@dii.unisi.it PgAdmin III PgAdmin III è un sistema di progettazione e gestione grafica di database

Dettagli

PROGRAMMA DI INFORMATICA CLASSE: 1 C Indirizzo: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING Anno Scolastico 2014-2015

PROGRAMMA DI INFORMATICA CLASSE: 1 C Indirizzo: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING Anno Scolastico 2014-2015 CLASSE: 1 C Indirizzo: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING MODULO HARDWARE 1. Che cos è il PC - Gli elementi del computer- Unità centrale:uc-alu- RAM - La memorizzazione delle informazioni:bit-byte. Sistemi

Dettagli

GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE

GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE di K A T H A G E D O R N, A R G U S A S S O C I A T E S MARZO 2 0 0 0 traduzione di: BARBARA WIEL MARIN DICEMBRE 2009 1 GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE

Dettagli

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE.

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. INFORMATICA Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. APPLICAZIONI WEB L architettura di riferimento è quella ampiamente diffusa ed

Dettagli

Progetto Finale: Progettazione di un database e di una applicazione

Progetto Finale: Progettazione di un database e di una applicazione Progetto Finale: Progettazione di un database e di una applicazione Roberto Basili Corso di Basi Di Dati a.a. 2002-2003 Norme Generali Il progetto fa parte della valutazione gobale del corso e la data

Dettagli

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Cos è un linguaggio Definizione 1 Un linguaggio è un insieme di parole e di metodi di combinazione delle parole usati e compresi da una comunità di persone. È una

Dettagli

Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07

Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07 Relazione Pinakes3 Analisi modello di business (BOZZA) di Valeriano Sandrucci 08/09/07 1. Introduzione...3 1.2. Application vs Tool... 3 2. Componenti logiche di un modello... 6 3. Ontologie e Semantic

Dettagli

ARCHIVIA Plus. Archiviazione ottica e conservazione sostitutiva documenti

ARCHIVIA Plus. Archiviazione ottica e conservazione sostitutiva documenti ARCHIVIA Plus Archiviazione ottica e conservazione sostitutiva documenti ARCHIVIA Plus Archivia Plus è il software per la conservazione sostitutiva e per la gestione dell archivio informatico. Offre la

Dettagli

Progettazione esterna

Progettazione esterna Progettazione esterna Processi: Successive scomposizioni funzionali: Data Flow Diagram fino all ennesimo livello (DFD) Tutte le bolle di un DFD dell applicazione devono essere ulteriormente scomposte applicando

Dettagli

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia Panoramica di Access 2010 A B C D E Elementi dell interfaccia A Scheda File (visualizzazione Backstage) Consente l accesso alla nuova visualizzazione backstage di Access 2010, che contiene un menu di comandi

Dettagli

Uso delle basi di dati DBMS. Cos è un database. DataBase. Esempi di database

Uso delle basi di dati DBMS. Cos è un database. DataBase. Esempi di database Uso delle basi di dati Uso delle Basi di Dati Il modulo richiede che il candidato comprenda il concetto di base dati (database) e dimostri di possedere competenza nel suo utilizzo. Cosa è un database,

Dettagli

Corso di Basi di Dati A.A. 2013/2014

Corso di Basi di Dati A.A. 2013/2014 Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Sapienza - Università di Roma Corso di Basi di Dati A.A. 2013/2014 8 - Progettazione Concettuale Tiziana Catarci, Andrea Marrella Ultimo aggiornamento : 27/04/2014

Dettagli

Basi di dati. Gabriella Trucco gabriella.trucco@unimi.it

Basi di dati. Gabriella Trucco gabriella.trucco@unimi.it Basi di dati Gabriella Trucco gabriella.trucco@unimi.it Esempio Quando si pensa ad un database, generalmente si immagina una tabella contenente grandi quantità di informazioni, sulla quale è possibile

Dettagli

LINGUAGGI - COMPILATORI - INTERPRETI

LINGUAGGI - COMPILATORI - INTERPRETI LINGUAGGI - COMPILATORI - INTERPRETI Per poter risolvere un dato problema utilizzando un computer è necessario che questo venga guidato da una serie di istruzioni che specificano, passo dopo passo, la

Dettagli

Struttura logica di un programma

Struttura logica di un programma Struttura logica di un programma Tutti i programmi per computer prevedono tre operazioni principali: l input di dati (cioè l inserimento delle informazioni da elaborare) il calcolo dei risultati cercati

Dettagli

I Database con ACCESS. Prof. Michele SIMONE

I Database con ACCESS. Prof. Michele SIMONE I Database con ACCESS Archivi tradizionali Database Definizione di ARCHIVIO Un archivio è un insieme organizzato di informazioni tra cui esiste un nesso logico, cioè una raccolta di dati correlati tra

Dettagli

INFORMATICA CORSI DELL'INDIRIZZO TECNICO CLASSI PRIME AMMINISTRAZIONE - FINANZA E MARKETING

INFORMATICA CORSI DELL'INDIRIZZO TECNICO CLASSI PRIME AMMINISTRAZIONE - FINANZA E MARKETING INFORMATICA CORSI DELL'INDIRIZZO TECNICO CLASSI PRIME AMMINISTRAZIONE - FINANZA E MARKETING Modulo propedeutico Le lezioni teoriche sono sviluppate sui seguenti argomenti: Struttura dell elaboratore: CPU,

Dettagli