API Progettazione e realizzazione di un software di gestione del corpus AVIP-API

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "API Progettazione e realizzazione di un software di gestione del corpus AVIP-API"

Transcript

1 API Progettazione e realizzazione di un software di gestione del corpus AVIP-API Alessandro Esposito, Francesco Cutugno

2 1. INTRODUZIONE 1.1 OBIETTIVI DEL LAVORO Il presente lavoro è stato svolto presso il centro di ricerche CIRASS nell ambito di uno stage di formazione gestito dal Diploma Universitario di Ingegneria Informatica dell ateneo Federico II di Napoli, ed è il frutto di una revisione e sinterizzazione della tesi di laurea del primo autore. Il lavoro é stato di prezioso supporto alle attività svolte nell ambito del progetto di ricerca AVIP ed ha riguardato la progettazione e la realizzazione di un sistema software di gestione dei dati del corpus. La condizione iniziale da cui è partito il lavoro, consisteva nell esistenza di un insieme di files che costituivano una base di dati non convenientemente interrogabile. Gli interessati allo studio dei dialoghi, infatti, avrebbero potuto ricercare le informazioni, in assenza di un sistema di gestione, soltanto procedendo tramite ricerche manuali all interno dei numerosi e complessi file che originariamente costituivano il corpus, ottenendo così risultati in tempi non ragionevoli. Il lavoro svolto ha avuto come obiettivi la progettazione e la realizzazione dei seguenti componenti: un Data Base (attraverso l utilizzo di un DBMS) con il fine di strutturare e gestire tutte le informazioni del Corpus linguistico AVIP. un Parser con il fine di analizzare, correggere ed immettere in modo diretto i dati contenuti nei files AVIP nel Data Base realizzato con l utilizzo del DBMS. Un Generatore di Query capace di offrire specifiche funzionalità di interrogazione. 1.2 CICLI DI VITA DEL SOFTWARE ADOTTATI La descrizione dell attività svolta è suddivisa nei successivi capitoli come le fasi relative ai cicli di vita seguiti per la produzione dei singoli componenti richiesti e realizzati. La figura 1 illustra sinteticamente la sequenza delle fasi svolte durante l attività di sviluppo.

3 Figura 1: Sequenza fasi di sviluppo Ogni singolo componente, come evidenziato in figura 1, è stato progettato e realizzato separatamente, rispettando il seguente ordine: Data Base, Parser, QueryGenerator. Per la realizzazione del Data Base si è utilizzato il modello di cicli di vita dei sistemi informativi. Si è applicata una metodologia ampiamente consolidata e riconosciuta, quella cioè di scomporre la progettazione in Progettazione concettuale ed in Progettazione Logica. Il modello di ciclo di vita del software adottato invece per lo sviluppo del Parser e del QueryGenerator è stato un modello a cascata con feedback (v. figura 2) analisi requisiti e specifiche convalida disegno convalida codifica e testing validazione integrazione e collaudo validazione rilascio e manutenzione validazione Figura 2: Modello a Cascata con feedback La metodologia di sviluppo utilizzata per la realizzazione del Parser e del QueryGenerator è stata quella Object-Oriented. Lo sviluppo è stato suddiviso nelle comuni fasi di OOA Object Oriented Analisys, OOD Object Oriented Design ed OOP Object Oriented Programming.

4 2. DESCRIZIONE DEL DOMINIO AVIP 2.1 INTRODUZIONE Il progetto AVIP ha definito con adeguatezza, rispetto ad obiettivi primariamente stabiliti e circoscritti, criteri e norme di costruzione, d organizzazione e di rappresentazione dei dati del corpus [1]. In questo capitolo sono descritti alcune norme e alcune entità costituenti il Corpus AVIP quali: i Dialoghi, i Turni, i Livelli di Etichettatura, i Parametri d Analisi, ecc. con il fine di fornire supporto alla comprensione dei modelli d analisi e di progettazione illustrati nei capitoli successivi. 2.2 I DIALOGHI Ogni dialogo è svolto da due persone dette informatori. Il dialogo è basato sulla spiegazione di un ipotetico percorso indicato su una mappa. L informatore che indica il percorso ha un ruolo detto di Information Giver mentre l altro che richiede spiegazioni ha un ruolo detto di Information Follower. Di ogni Informatore sono stati annotati e memorizzati Nome, Età, Sesso, Luogo di Nascita. Per quanto concerne le mappe, in AVIP esistono coppie di mappe diverse indicate con le prime quattro lettere dell alfabeto a,b,c,d più altre due coppie indicate con la lettera p o s relative alla porzione del corpus a dedicata al parlato infantile; per tale porzione sono state prese in esame le sole produzioni del bambino (sempre Follower) che può essere Normoudente o Ipoacusico. Un dialogo è suddiviso logicamente in Turni dove per turno si intende la presa di parola da parte di un informatore. Attributi relativi all attività di registrazione sono inoltre la durata, la condizione di registrazione, la frequenza di campionamento (in AVIP sempre uguale a 22050Hz), la data di registrazione, ecc. Ogni dialogo è sottoposto ai processi di etichettatura e di analisi descritti nei prossimi paragrafi. 2.3 LE TRASCRIZIONI AVIP: I LIVELLI DI ETICHETTATURA Una classificazione delle trascrizioni d interesse per il dominio applicativo descritto è la seguente: Trascrizione fonetica: studia ed identifica con elevato grado di dettaglio ciascun suono (fono) articolato dall informatore. Trascrizione fonologica: evidenzia soltanto gli esiti dei fonemi (ciascun suono che assume funzione semanticamente distintiva in un linguaggio) e i mutamenti che per essi si sono verificati. Trascrizione ortografica che è la forma ortografica convenzionale.

5 Siccome l associazione di un codice dell alfabeto di trascrizione ad un elemento fonico è detta etichettatura parleremo d ora in avanti non di diversi tipi di trascrizione ma di diversi livelli di etichettatura. Il termine livelli è stato utilizzato per indicare l esistenza di una gerarchia definita nel progetto tra le varie etichettature e descritta nei paragrafi successivi. Per la codifica dei dati fonici nel corpus AVIP sono stati utilizzati i seguenti livelli di etichettatura. PHN: etichettatura fonetica stretta. PHB: etichettatura fonetica larga o fonologica della varietà PHM: trascrizione fonemica parola per parola. WRD: trascrizione ortografica parola per parola. TON: etichettatura intonativa foneticamente orientata AUT: etichettatura intonativa fonologicamente orientata. Il livello AUT è stato utilizzato soltanto dall unità di ricerca di Bari e non rientra nel dominio informativo d interesse per l applicazione qui presentata.. 2. I MARKERS I Markers sono dei dati numerici utilizzati per delimitare l istante d inizio e quello di fine di un evento acustico etichettato in un dato livello. Essi rappresentano il numero d ordine del campione di segnale acquisito corrispondente all evento acustico etichettato. 2.5 RELAZIONI TRA I LIVELLI DI ETICHETTATURA PHN, PHB, PHM, WRD. Tra i livelli PHN, PHB, PHM e WRD esistono le seguenti relazioni: 1. Inclusione temporale. Partendo dall elementare e comune concetto che le parole includono generalmente più suoni distinti (solitamente rappresentati da lettere nella forma scritta) è facile comprendere come un etichetta di parola (livelli WRD o PHM) includa più etichette di fonemi (livelli PHB e PHN). L inclusione è espressa dai valori dei marker. 2. Corrispondenza tra i valori dei marker. Il Marker di inizio di un etichetta di parola deve essere uguale al marker di inizio del fono o del fonema etichettato corrispondente alla lettera.ovviamente non vale il contrario. La figura che segue riassume quanto finora illustrato:

6 Figura 3: Relazioni tra i Markers dei livelli PHN,PHB,PHM,WRD Le linee verticali rappresentano graficamente la segmentazione attuata dai marker di inizio e fine associati ad ogni entità trascritta in un dato livello. Ad esempio per il livelli PHN e PHB la s ha come marker iniziale 1201 e come marker finale Il livello PHN utilizza come unità fonica i singoli foni, il livello PHB utilizza come unità fonica i singoli fonemi mentre i livelli PHM e WRD utilizzano come unità le singole parole. Dalle dimensioni delle unità etichettate è possibile definire una relazione di inclusione temporale tra i livelli di etichettatura. Le norme che regolano il progetto AVIP garantiscono che i markers delimitatori di un entità ad un dato livello, hanno sempre un corrispondente (stesso valore) nei livelli di gerarchia temporale paritetica o inferiore. Nell esempio il marker destro dell entità fonica a livello WRD (entità fonologica di tipo parola codificata con Sara) ha un marker corrispondente (stesso valore) sia nel livello gerarchicamente paritetico PHM (entità fonologica di tipo parola codificata con s ara) sia nei livelli gerarchicamente inferiori (PHB e PHN) che analizzano entità fonologiche diverse (PHB entità fonologica di tipo fonema codificata con r-a, PHN entità fonetica di tipo fono codificata con r). Ragionando in verso opposto sulla gerarchia espressa in Figura 3 è evidente che l esistenza di un corrispondente non è garantita per i livelli gerarchicamente superiori ad un dato livello. Le relazioni d inclusione e di corrispondenza tra i marker sono fondamentali per relazionare un entità con se stessa codificata in diversi livelli. Per la coppia di livelli (PHM, WRD) i marker sono in sostanza gli stessi poiché uguali sono le unità fonologiche analizzate (detti livelli Paritetici). Tali livelli sono gerarchicamente superiori ai livelli PHN e PHB. Per coppia di livelli (PHN, PHB) invece la corrispondenza dei marker avviene per tutte le entità trascritte tranne per la trascrizione dei dittonghi, dei trittonghi o nei casi particolari di monottongazione e sinalefe. In questi casi il livello PHB non segmenta le entità è quindi è un livello gerarchicamente superiore al PHN. Tutti i turni dei dialoghi del progetto AVIP sono stati etichettati ai livelli PHN, PHB, PHM, WRD. E da rilevare, infine, una differenza nell etichettatura ai livelli WRD-PHM per la varietà

7 pisana in cui non è stato segnalato il marker d inizio della prima parola assoluta del turno. L informazione relativa al confine sinistro di parola è recuperabile ai livelli inferiori PHB e PHN. 2.6 IL LIVELLO DI ETICHETTATURA TON Il livello TON è un livello utilizzato per l analisi prosodica e quindi segmenta un testo parlato in unità prosodiche anche dette unità tonali. E un livello indipendente in termini temporali nel senso che non è prevista alcuna relazione di corrispondenza dei marker con quelli degli altri livelli. Le etichette del livello TON trascrivono con uno specifico alfabeto le seguenti entità: L inizio o la fine di un unità tonale Le variazioni della curva interpolante linearmente i campioni di frequenza fondamentale o Pitch. Gli accenti. L inizio e la fine di un unità tonale sono etichettate con i simboli [ e ]. Le variazioni del Pitch sono etichettate con le lettere T, B, H, L, U, D, S mentre gli accenti sono etichettati con le cifre 0,1,2,3. Accade spesso che in corrispondenza di una variazione del Pitch si verifica anche la presenza di un accento e quindi i due eventi sono etichettati insieme con stringhe tipo L1, H1, ecc. oppure che un determinato valore di Pitch avviene all inizio o alla fine di un unità tonale con stringhe del tipo ]T, B[, ecc. La figura ha lo scopo di descrivere il livello d etichettatura TON e di porlo in confronto con altri livelli d etichettatura. Si è scelto di utilizzare nel confronto un livello d etichettatura di parola WRD ed un livello d etichettatura per singolo fono PHN. Figura : Livello Ton in relazione con i livelli PHN e WRD E evidente la totale mancanza di una corrispondenza dei marker del livello TON con quelli di un altro livello. Lo stesso inizio o fine dell unità tonale può non corrispondere all inizio o alla fine di una sequenza di trascrizioni degli altri livelli.

8 Allo stato attuale in AVIP il livello TON è stato utilizzato per etichettare soltanto alcuni turni di alcuni dialoghi. 2.7 I PARAMETRI D ANALISI I parametri fisici definiti ed utilizzati nel progetto AVIP verranno in seguito indicati come parametri d analisi. I parametri d analisi sono: Pitch, Energia, Formanti, Durata. La durata di un frame in AVIP è costante e pari a 5ms. 2.8 RELAZIONI TRA I LIVELLI D ETICHETTATURA PHN, PHB, WRD E PHM E I PARAMETRI D ANALISI Ogni etichetta ha associati due markers che rappresentano il numero di campione d inizio e fine dell evento acustico registrato e rappresentato simbolicamente dall etichetta stessa. Tali valori dei markers divisi per la frequenza di campionamento forniscono come dimensione degli istanti di tempo che sono appunto l istante d inizio e l istante di fine dell evento acustico. Le informazioni d analisi sono valori discreti memorizzati in sequenza e riferiti a sezioni (frame) di segnale di 5ms. Figura5- Relazione tra Etichette e i Parametri d'analisi 2.9 I FILES DEL PROGETTO AVIP

9 Nei paragrafi precedenti sono state descritte le entità e le relazioni esistenti tra esse. Ora passiamo ad una breve descrizione della base di dati esistente prima dell inizio del lavoro. La base di dati AVIP era costituita da un insieme di files indipendenti ottenuti attraverso un certo insieme di operazioni. Molte operazioni esulano dagli scopi di questo documento e quindi non saranno descritte. Quelle di interesse per quest ambito sono: Etichettatura, cioè l associazione di simboli (etichette) definiti nel progetto AVIP a ciascun determinato elemento del corpus. Come descritto nei precedenti paragrafi esistono più livelli d etichettatura. Segmentazione cioè la suddivisione in segmenti del segnale fonico. Per ogni segmento è definito l inizio e la fine di un evento fonico Analisi, cioè la determinazione di parametri di significato fisico relazionati agli eventi fonici (Frequenza fondamentale, Energia, Formanti) Tutto il corpus AVIP è stato segmentato ed etichettato mediante un sistema software progettato e realizzato dall unità di ricerca del Politecnico di Bari che si chiama SegWin. Allo stato attuale tutti i dialoghi sono stati etichettati con le etichettature dei livelli WRD, PHM, PHB e PHN mentre l etichettatura TON è stata eseguita solo per alcuni turni. L operazione di Analisi è stata eseguita con l ausilio di routine software sviluppate presso il CIRASS. I files sono sostanzialmente di tre tipi: 1. Files d Analisi (contengono singolarmente per ogni frame informazioni circa lo Spettro, l Energia, Pitch, ecc.) Il formato di ogni file è il seguente: Pitch: per ogni frame, valore del Pitch in Hz (intero a 16 bit) e flag voiced/unvoiced (8 bit, 0 se unvoiced, 1 se voiced) Energia: per ogni frame, energia in db (intero a 16 bit) ed alla fine il valore massimo dell energia, calcolato per tutto il file Formanti: Per ogni frame, valore della 1, della 2 e della 3 formante (int a 16 bit). 2. Files d Etichettatura (contengono l etichettatura dei livelli segmentali secondo quanto definito nel progetto AVIP) Ciascun file d etichettatura ha l'estensione corrispondente al livello d etichettatura e contiene un record per ogni marker, in formato testo. Ogni record è così composto: Tipo d etichettatura Marker iniziale Marker finale Num. della parola Stringa Il Tipo d'etichettatura è un campo di tre lettere coincidente con l'estensione del file relativo. Il Marker iniziale e il Marker finale sono allineati al file di segnale. Il campo "Num. della parola" è al momento non utilizzato ed è pertanto sempre uguale a 0.

10 Il campo Stringa è l etichetta di trascrizione dell elemento. 3. File Header (contiene informazioni varie il cui significato dipende da tre lettere identificative della riga) Ogni file d intestazione è riferito ad un intero dialogo e quindi a più turni. Alcune righe presentano un codice identificativo di riga che ne indica il contenuto informativo e che può assumere uno dei seguenti valori: ING: informazioni sull Instruction Giver. Iniziali del nome, età, sesso, altre caratteristiche utili, ecc. INF: informazioni sull Instruction Follower. Iniziali nome, età, sesso, altre caratteristiche utili, ecc. LET: informazioni sul lettore. LOC: luogo e data di registrazione. CMP: frequenza di campionamento. COD: numero e ordine dei byte utilizzati nel file di segnale. DUR:durata totale del dialogo o della lettura. CON:condizioni generali della registrazione. CMT:commenti.

11 3. ANALISI E SPECIFICA DEI REQUISITI 3.1 INTRODUZIONE E stato eseguito un attento studio dei documenti del progetto AVIP esistenti ed in particolare l attenzione è stata rivolta al documento descrittivo del formato dei Files AVIP [2] ed al documento di specifica delle Norme e dei Codici che regolano l attività di trascrizione nel progetto AVIP [1]. Allo stesso tempo sono state eseguite interviste ai soggetti interessati all applicazione. I requisiti sono stati quindi specificati in maniera quanto più completa, consistente e non ambigua e trascritti in un documento di specifica dei requisiti SRS sviluppato secondo lo standard IEEE199 che qui non riprodurremo ma che è disponibile a richiesta contattando gli autori del presente documento. In tale documento sono inclusi i requisiti relativi all intero progetto. Inoltre è stato sviluppato un documento di specifica dell interfaccia utente in cui è stato è stata descritta l iterazione attesa con l utente. La fase di analisi ha richiesto l utilizzo e l applicazione di modelli e di metodologie diversi per modellare i componenti Data Base, Parser e Generatore di Query. Infatti, per il Data Base è stata utilizzata la metodologia di sviluppo dei sistemi informativi, mentre per il Parser ed il Generatore di Query è stata utilizzata una metodologia Object Oriented. Ogni singolo componente è stato quindi analizzato separatamente, rispettando il seguente ordine: Data Base, Parser, QueryGenerator. 3.2 SPECIFICHE RIGUARDANTI L INTERFACCIA UTENTE Nella progettazione di una interfaccia utente entrano in gioco tre modelli diversi, quello progettuale, quello implementativo e quello denominato modello dell utente o percezione del sistema (v. figura 6). Ovviamente quest ultimo risente della tipologia e del grado di esperienza che il committente/utente ha nell utilizzo di software.

12 Figura 6- Percezione del sistema In questo paragrafo è descritta la percezione dell interfaccia di interrogazione dei livelli di etichettatura del sistema da realizzare dal punto di vista del committente/utente. In particolare si è descritto la successione di selezioni che il committente/ utente immagina di eseguire durante le interrogazioni. La sequenza di selezioni previste è la seguente: 1. La selezione del sottoinsieme del corpus oggetto di interrogazione 2. Input di stringhe nei livelli di etichettatura 3. La selezione degli output desiderati La selezione della parte del corpus oggetto di interrogazione è descritta in figura (v. fig.7) in cui le frecce indicano che la selezione di una opzione attiva una ulteriore richiesta di input. Figura 7- Selezione della parte del Corpus oggetto di interrogazione

13 L input di stringhe nei livelli di etichettatura deve essere eseguito in apposite caselle di testo riferite ai singoli livelli etichettatura. Le richieste potranno avere come obiettivo la ricerca di elementi presenti con opportuna codifica (etichettatura) in diversi livelli. Tipiche interrogazioni saranno quelle che relazioneranno elementi tra due/tre livelli di etichettatura differenti. In figura 8 ad esempio è illustrata la modalità attesa dal committente per la ricerca di tutte le etichette che a livello PHN sono uguali a!a e che (AND) a livello WRD iniziano per k o (OR) iniziano per p. Figura 8- Interfaccia interrogazione livelli di etichettatura. Nelle caselle l utente potrà digitare tutti i simboli dell alfabeto di etichettatura previsti per quel livello. Sarà cura dell utente verificare la correttezza dei simboli forniti in input in quanto non è richiesto che il sistema riconosca gli alfabeti dei singoli livelli per segnalare eventuali errori di digitazione. Infine, una volta terminata la fase di input nei livelli di etichettatura il sistema dovrà fornire agli utenti la possibilità di selezionare il livello dove visualizzare l Output. Figura 9 - Selezione Output

14 L utente potrà quindi selezionare una istanza di etichettatura trovata ed indicare i parametri di analisi d interesse. Su tali parametri l utente potrà inoltre indicare se calcolare media e/o scarto quadratico medio. 3.3 MODELLAZIONE CONCETTUALE DATA BASE La modellazione concettuale ha come obiettivo la rappresentazione accurata e naturale dei dati d interesse dal punto di vista del significato che hanno per l applicazione da realizzare. Il modello sviluppato, detto Modello Entità Relazione (E.R.) è un modello concettuale di dati atto a descrivere la realtà d interesse a prescindere dai criteri di organizzazione degli elaboratori. E costituito da costrutti il cui significato logico è dettagliatamente descritto in [3]. Come documentazione di tale modello sono stati prodotti la tabella descrittiva delle entità e la tabella descrittiva delle relazioni. Per lo sviluppo dello schema concettuale E.R. a partire dalle specifiche sono applicabili tutte le comuni tecniche ingegneristiche quali la strategia top-down, la strategia bottom-up, la strategia inside-out o le strategie miste. La strategia scelta per il modello concettuale del corpus AVIP è di tipo misto. Sono stati inizialmente individuati i concetti principali (definendo il cosiddetto schema a scheletro ) e si è proceduto poi nello sviluppo separato dei concetti per raffinamenti successivi. Tale scelta progettuale ha consentito di ottenere i seguenti vantaggi: 1. La scomposizione del problema in sottoproblemi. 2. L inizio della progettazione prima che tutte le specifiche fossero complete. 3. L integrazione immediata senza fasi di composizione.

15 3. MODELLO E-R NOME ETA SESSO NORMOUDNTE/ IPOACUSICO RUOLO INFORMATORE BAMBINO PARAMETRI LUOGO DI NASCITA MAPPE VARIETA SESSIONE Interlocuzione DIALOGO Acquisizione (2,2) DURATA (1,N) TEMPO Analisi (1,N) Composizione ORDINE TURNO SEGNALE DATA REGISTRAZIONE CONDIZIONE (,5) PITCH FORMANTI PITCH HZ VOICED / UNVOICED ENERGIA ENERGIA DB Inclusione (1,N) Temporale TRASCRIZIONE ETICHETTATURA MARKER FINALE MARKER INIZIALE STRINGA (1,\) PHN INCLUSIONE TON - PHN Corrispondenza Non eccezione (2,2) Inclusione Eccezione (1,N) PHB PHB ECCEZIONI INCLUSIONE TON - PHB INCLUSIONE PHM-PHB (1,N) (1,N) (1,N) PHM INCLUSIONE PHM- PHN INCLUSIONE TON - PHM Corrispondenza PHM WRD Figura 10- Modello Entità Relazione (1,N) INCLUSIONE WRD - PHB (1,N) (1,N) WRD INCLUSIONE WRD_PHN TON (1,N) INCLUSIONE TON - WRD Documentazione del modello E- R: Dizionario dei Dati Entità Descrizione Attributi Identificatore Dialogo Conversazione tra due Informatori Mappe,Varietà,Sessione, Durata Registrazione Dialogo memorizzato Data,Frequenza Campionamento (CMP), Condizione, Nome File Audio Informatore Bambino Turno Persona che effettua il Dialogo Persona di Età Inferiore ad anni 15 che effettua il Dialogo Parte del Dialogo. Inizia ogni volta che l informatore prende parola. Parametri Informazioni per l analisi "fisica" del segnale. Pitch Frequenza fondamentale in Hz riferita ad un frame del segnale. Nome, Età, Sesso, Luogo di nascita, ruolo Normoudente/ Ipoacusico Ordine del turno Tempo PitchHz, Voiced/Unvoiced Mappe,Varietà,Sessione Nome File Audio Nome, Età, Sesso Ordine del turno, Dialogo Tempo, Turno.

16 Formanti 1, 2 e 3 Formante riferita ad un frame del segnale 1 Formante,2 Formante, 3 Formante. Energia Energia del segnale vocale espressa in Decibel Energia DB Etichettatura E una trascrizione di un elemento acustico Marker Inizio, Marker fine, Stringa Marker Finale, Turno. PHN Trascrizione fonetica PHB PHB Eccezione PHM WRD Trascrizione fonologica Fonema x Fonema Trascrizione fonologica di un eccezione. Il termine eccezione indica che nei casi di trascrizione PHB di dittonghi, trittonghi, sinalefe o monottongazioni non vi è corrispondenza con i Marker della trascrizione di livello PHN Trascrizione fonemica per forma di citazione Trascrizione ortografica TON Trascrizione intonativa Foneticamente Orientata Tabella descrittiva delle Relazioni. Relazione Descrizione Entità Coinvolte Interlocuzione Associa un informatore al dialogo Informatore, Dialogo Composizione Associa un dialogo ai turni di cui è composto Dialogo, Turno Acquisizione Associa un dialogo alla sua registrazione Dialogo, Registrazione Inclusione temporale Associa ad un etichetta i parametri ad essa relativi Parametri, Etichettatura Trascrizione Associa un turno alla sua etichettatura Turno, Etichettatura Corrispondenza PHB PHN- Inclusione PHB eccezione PHN Inclusione PHM-PHN Inclusione WRD PHB Inclusione WRD- PHN Inclusione PHB-PHM Corrispondenza WRD PHM Associa una trascrizione PHN con una trascrizione PHB con gli stessi Marker Associa una trascrizione PHB che trascrive un eccezione (dittongo, trittongo, ecc.) alle trascrizioni PHN che include Associa una trascrizione PHM alle trascrizioni PHN che include Associa una trascrizione WRD alle trascrizioni PHB che include. Associa una trascrizione WRD alle trascrizioni PHN che include. Associa una trascrizione PHM alle trascrizioni PHB che include. Associa una trascrizione WRD alle trascrizioni PHM che include. PHN, PHB PHN, PHB eccezione PHM, PHN WRD, PHN WRD, PHN PHB, PHM WRD, PHM

17 Inclusione TON WRD Inclusione TON PHM Inclusione TON PHB Inclusione TON PHN Associa una trascrizione TON alle trascrizioni WRD che include. Associa una trascrizione TON alle trascrizioni PHM che include. Associa una trascrizione TON alle trascrizioni PHB che include. Associa una trascrizione TON alle trascrizioni PHN che include. TON, WRD TON, PHM TON, PHB TON, PHN 3.5 OBJECT ORIENTED ANALISYS La metodologia di sviluppo utilizzata per la realizzazione del Parser e del QueryGenerator è stata quella Object-Oriented. Per le fasi di analisi e di progettazione (OOA ed OOD) si è utilizzato il linguaggio di modellazione UML, allo stato largamente diffuso, con cui si è potuto modellare il sistema. Tra gli strumenti dello standard UML sono stati utilizzati i seguenti: L Analisi dei casi d uso I Diagramma delle classi 3.6 ANALISI DEI CASI D USO I casi D uso relativi al Corpus AVIP sono descritti di seguito in tre sezioni. Nella prima sezione sono descritti gli attori ed i casi d uso.nella seconda sezione sono descritte le relazioni tra i casi d uso.infine nella terza sezione sono descritti in modo testuale degli scenari relativi ai singoli casi d uso. Descrizione degli attori e dei casi d uso. Dall analisi dei requisiti del software di gestione del corpus è stato individuato un singolo attore del sistema. Tale attore, denominato Linguista, rappresenta la classe degli utilizzatori del sistema che sono sostanzialmente persone che svolgono attività di studio della lingua parlata. Il Caso d uso Interrogazioni Etichettatura rappresenta il processo per ricercare le stringhe di etichettatura all interno del Data Base AVIP. Il Caso d uso Calcolo Durata Etichettatura rappresenta il processo per calcolare la durata di una stringa di etichettatura all interno del Data Base AVIP. Il Caso d uso Calcolo Media Durata rappresenta il processo per calcolare la media delle durate delle stringhe di etichettatura all interno del Data Base AVIP.

18 Il Caso d uso Calcolo Scarto Q.M. Durata rappresenta il processo per calcolare lo scarto quadratico medio delle durate delle stringhe di etichettatura all interno del Data Base AVIP. Il Caso d uso Interrogazione Parametri rappresenta il processo per ricercare i valori di un parametro relativi ad una stringa di etichettatura. Il Caso d uso Calcolo Media Parametri rappresenta il processo per calcolare la media dei valori dei parametri relativi ad una stringa di etichettatura. Il Caso d uso Calcolo Scarto Q. M. Parametri rappresenta il processo per calcolare lo scarto quadratico medio dei parametri relativi ad una stringa di etichettatura. Il Caso d uso Parser Dialogo rappresenta il processo per analizzare, correggere ed immettere i dati AVIP nel Data Base AVIP. I Casi d uso AVIP CASI D'USO CORPUS AVIP C alcolo S carto Q. M. Durata C alco lo M e dia Dura ta Calcolo Durata E tichetta Linguista Interrogazioni E tichettatura Interrogazione P aram etri Calcolo M edia P aram etri Calcolo S.Q.M. P aram etri P arser Dialogo Figura 11- Diagramma dei Casi D'uso

19 La Struttura dei Casi D Uso. RELAZIONI TRA I CASI D'USO <<extends>> Parser Dialogo <<extends>> Interrogazioni Etichettatura <<extends>> Calcolo Media Durate <<extends>> Interrogazione Parametri Calcolo Scarto Q. M. Durate Calcolo Durata Etichetta <<extends>> <<extends>> Calcol Media Parametri Calcolo Scarto.Q.M. Parametri Figura 12 - Struttura dei Casi D'uso Descrizione degli scenari. Gli scenari sono di seguito descritti secondo il seguente formato. Numero Caso D uso: Nome Caso D Uso Scenario: Numero scenario/totale scenari del caso D uso : Nome scenario Numero Transizione. Descrizione Inoltre EX indica la relazione di estensione. Esempio : EX 2.5 significa sostituire alla riga le righe del caso d uso 2 che iniziano per CASO D USO: Interrogazione Etichettatura. Scenario 1/3: Interrogazione d Etichettatura richiesta su Dialoghi non presenti nel Data Base. 1. Il linguista immette i dati dei Dialoghi su cui vuole ricercare le stringhe di etichettatura. 2. Il sistema ricerca nel Data Base le informazioni relative ai Dialoghi. Rileva l assenza dei Dialoghi nel Data Base, quindi visualizza un messaggio d errore e termina l esecuzione. Scenario 2/3: Interrogazione d Etichettatura richiesta su Dialoghi presenti nel Data Base. Le stringhe ricercate non sono presenti nei dialoghi. 1. Il linguista immette i dati dei Dialoghi su cui vuole ricercare le stringhe di etichettatura. 2. Il sistema ricerca nel Data Base le informazioni relative ai Dialoghi. Rileva la presenza dei dialoghi nel Data Base e ne preleva i record visualizzando i dati dei Dialoghi a video.

20 3. Il linguista immette le stringhe da ricercare e i livelli di etichettatura dove cercarle.. Il sistema ricerca relativamente ai dialoghi richiesti le stringhe di etichettatura. Rileva l assenza di stringhe nel Data Base. Visualizza un messaggio di errore e termina l esecuzione. Scenario 3/3: Interrogazione d Etichettatura richiesta su Dialoghi presenti nel Data Base. Le stringhe ricercate sono presenti nel Data Base. 1. Il linguista immette i dati dei Dialoghi su cui vuole ricercare le stringhe di etichettatura. 2. Il sistema ricerca nel Data Base le informazioni relative ai Dialoghi. Rileva la presenza dei dialoghi nel Data Base, ne preleva i record e visualizza i dati dei Dialoghi a video. 3. Il linguista immette le stringhe da ricercare e i livelli di etichettatura dove cercarle.. Il sistema ricerca nel Data Base AVIP le stringhe di etichettatura cercate e rileva la presenza delle stringhe nel Data Base AVIP. 5. EX 2.5, EX 3.5: EX.5, EX 5.5, EX 6.5 Il sistema visualizza i dati delle stringhe trovate. 6. Il sistema attende nuove richieste di ricerca. 2. CASO D USO: Calcolo Durata Etichetta. Scenario 1/1: Richiesta del calcolo della durata di una stringa di etichettatura. Sostituire EX 2.5 nel caso d uso Interrogazioni di etichettatura scenario 3/3 riga 5 con: 5.1 Il sistema visualizza i dati delle stringhe trovate. 5.2 Il linguista chiede il calcolo della durata di una stringa di etichettatura. 5.3 I sistema determina la durata e visualizza il risultato. 3. CASO D USO: Calcolo Media Durata. Scenario 1/1: Richiesta della media della durata di più stringhe di etichettatura. Sostituire EX 3.5 nel caso d uso Interrogazioni di etichettatura scenario 3/3 riga 5 con: 5.1 Il sistema visualizza i dati delle stringhe trovate. 5.2 Il linguista chiede il calcolo della media delle durate delle stringhe di etichettatura. 5.3 I sistema determina la media delle durate e visualizza il risultato.. CASO D USO: Calcolo Scarto Q. M. Durata. Scenario 1/1: Richiesta del calcolo dello scarto quadratico medio delle durate di più stringhe di etichettatura. Sostituire EX.5 nel caso d uso Interrogazioni di etichettatura scenario 3/3 riga 5 con: 5.1 Il sistema visualizza i dati delle stringhe trovate. 5.2 Il linguista chiede il calcolo dello scarto quadratico medio della durata delle stringhe di etichettatura. 5.3 Il sistema determina lo scarto quadratico medio delle durate e visualizza il risultato.

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Progettazione di un DB....in breve

Progettazione di un DB....in breve Progettazione di un DB...in breve Cosa significa progettare un DB Definirne struttura,caratteristiche e contenuto. Per farlo è opportuno seguire delle metodologie che permettono di ottenere prodotti di

Dettagli

Informatica Industriale Modello funzionale: Informazione Progettazione concettuale

Informatica Industriale Modello funzionale: Informazione Progettazione concettuale DIIGA - Università Politecnica delle Marche A.A. 2006/2007 Informatica Industriale Modello funzionale: Informazione Progettazione concettuale Luca Spalazzi spalazzi@diiga.univpm.it www.diiga.univpm.it/~spalazzi/

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it UML: Class Diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Class Diagram Forniscono una vista strutturale

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 1 alla base 16 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base sedici sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c (le c i sono cifre

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO

ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO 1 INDICE 1) ASPETTI GENERALI 2) CONTENUTO DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO 2.1) OPERAZIONI 2.2) RAPPORTI 2.3) LEGAMI TRA SOGGETTI 3) CRITERI

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

Progettazione di Database

Progettazione di Database Progettazione di Database Progettazione Concettuale: strutturazione della realtà che si vuole rappresentare secondo uno schema concettuale Dallo schema concettuale si ricava lo schema del database relazionale

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Percorsi didattici, interdisciplinari ed innovativi per la Statistica Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Presidente Federazione Europea delle Società Nazionali di Statistica Scuola Estiva di Matematica

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

Corso di Programmazione ad Oggetti

Corso di Programmazione ad Oggetti Corso di Programmazione ad Oggetti Introduzione alla programmazione ad oggetti a.a. 2008/2009 Claudio De Stefano 1 La programmazione modulare Un programma può essere visto come un insieme di moduli che

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

Editor vi. Editor vi

Editor vi. Editor vi Editor vi vi 1 Editor vi Il vi è l editor di testo standard per UNIX, è presente in tutte le versioni base e funziona con qualsiasi terminale a caratteri Permette di visualizzare una schermata alla volta

Dettagli

Dati importati/esportati

Dati importati/esportati Dati importati/esportati Dati importati Al workspace MATLAB script Dati esportati file 1 File di testo (.txt) Spreadsheet Database Altro Elaborazione dati Grafici File di testo Relazioni Codice Database

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN

2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane e per le informazioni bibliografiche APPLICATIVO SBN-UNIX IN ARCHITETTURA CLIENT/SERVER 2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN Manuale d uso (Versione

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Algebra Relazionale. algebra relazionale

Algebra Relazionale. algebra relazionale Algebra Relazionale algebra relazionale Linguaggi di Interrogazione linguaggi formali Algebra relazionale Calcolo relazionale Programmazione logica linguaggi programmativi SQL: Structured Query Language

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Elementi di UML (7): Diagrammi dei componenti e di deployment

Elementi di UML (7): Diagrammi dei componenti e di deployment Elementi di UML (7): Diagrammi dei componenti e di deployment Università degli Studi di Bologna Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Scienze di Internet Anno Accademico 2004-2005 Laboratorio

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

Introduzione. Esempio 1. Soluzione: SPOSTA_1.BAT

Introduzione. Esempio 1. Soluzione: SPOSTA_1.BAT Introduzione Un file batch è un file di testo di tipo ASCII che contiene una sequenza di comandi DOS. I file batch devono avere estensione.bat I comandi DOS all interno dei programmi batch sono eseguiti

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Manipolazione di testi: espressioni regolari

Manipolazione di testi: espressioni regolari Manipolazione di testi: espressioni regolari Un meccanismo per specificare un pattern, che, di fatto, è la rappresentazione sintetica di un insieme (eventualmente infinito) di stringhe: il pattern viene

Dettagli

Inter-Process Communication

Inter-Process Communication Inter-Process Communication C. Baroglio a.a. 2002-2003 1 Introduzione In Unix i processi possono essere sincronizzati utilizzando strutture dati speciali, appartenti al pacchetto IPC (inter-process communication).

Dettagli

Compilare il primo programma. Primo programma in C. Esercizio Somma due numeri. Compilare il primo programma. Analisi. Analisi

Compilare il primo programma. Primo programma in C. Esercizio Somma due numeri. Compilare il primo programma. Analisi. Analisi Primo in C Un semplice L ambiente di sviluppo Dev-C++ Codifica del Compilazione e correzione errori Esecuzione e verifica 2 Esercizio Somma due numeri Si realizzi un in linguaggio C che acquisisca da tastiera

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

Guida rapida di IBM SPSS Statistics 20

Guida rapida di IBM SPSS Statistics 20 Guida rapida di IBM SPSS Statistics 20 Nota: Prima di utilizzare queste informazioni e il relativo prodotto, leggere le informazioni generali disponibili in Note legali a pag. 162. Questa versione si applica

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it PROCEDURA E-COMMERCE BUSINESS TO BUSINESS Guida alla Compilazione di un ordine INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it INDICE 1. Autenticazione del nome utente

Dettagli

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML La terza lezione, come le precedenti, ha avuto una durata di due ore, di cui una in aula e l altra in laboratorio, si è tenuta alla presenza della

Dettagli

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A.

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Reti di Calcolatori Livello di applicazione DNS A.A. 2013/2014 1 Livello di applicazione Web e HTTP FTP Posta elettronica SMTP, POP3, IMAP DNS Applicazioni P2P

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Specifiche tecnico-funzionali per comunicazione e conservazione dati da parte dei Sistemi Controllo Accessi. INDICE

Specifiche tecnico-funzionali per comunicazione e conservazione dati da parte dei Sistemi Controllo Accessi. INDICE Specifiche tecnico-funzionali per comunicazione e conservazione dati da parte dei Sistemi Controllo Accessi. INDICE 1.1 CARATTERISTICHE DEL SUPPORTO IMMODIFICABILE E SUO FILE-SYSTEM... 2 1.2 SICUREZZA

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Definizione. File di dati. Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa. Record. Bianchi. Anna Roma 1980. Verdi. Luca Milano 1960.

Definizione. File di dati. Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa. Record. Bianchi. Anna Roma 1980. Verdi. Luca Milano 1960. File di dati Definizione File di dati Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa Bianchi Verdi Neri Verdi Anna Roma 1980 Luca Milano 1960 Andrea Torino 1976 Paola Bari 1954 Record Operazioni

Dettagli

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico IRCCS Burlo Garofolo U.O. Neuropsichiatria Infantile Trieste Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico Dott.ssa Isabella Lonciari Bolzano, 28 Febbraio 2008 Disortografia Aspetti linguistici

Dettagli

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo White paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo Pagina 2 Sintesi

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 1 RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 Numeri Binari 2 Sistemi di Numerazione Il valore di un numero può essere espresso con diverse rappresentazioni. non posizionali:

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12

Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12 Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Dal modello concettuale al modello logico

Dal modello concettuale al modello logico Dal modello concettuale al modello logico Traduzione dal modello Entita - Associazione al modello Relazionale Ciclo di sviluppo di una base di dati (da parte dell utente) Analisi dello scenario Modello

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Così come le macchine meccaniche trasformano

Così come le macchine meccaniche trasformano DENTRO LA SCATOLA Rubrica a cura di Fabio A. Schreiber Il Consiglio Scientifico della rivista ha pensato di attuare un iniziativa culturalmente utile presentando in ogni numero di Mondo Digitale un argomento

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Permutazione degli elementi di una lista

Permutazione degli elementi di una lista Permutazione degli elementi di una lista Luca Padovani padovani@sti.uniurb.it Sommario Prendiamo spunto da un esercizio non banale per fare alcune riflessioni su un approccio strutturato alla risoluzione

Dettagli

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Email Ras - CARROZZIERI Pag. 1 di 17 Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Notizie Generali Email Ras - CARROZZIERI Pag. 2 di 17 1.1 Protocollo Gruppo RAS Questo opuscolo e riferito al Protocollo

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Manuale utente Data ultima revisione: 22/10/2008 Fondamenti di informatica Università Facoltà Corso di laurea Politecnico di Bari 1 a Facoltà di

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale Analisi esplorative di dati testualilezione 2 Le principali tecniche di analisi testuale Facendo riferimento alle tecniche di data mining,

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli