il 1. alle alle l 11 alle alle il 20 alle alle 17.29

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "il 1. alle 01.44 alle 11-29 l 11 alle 08.29 alle 22-00 il 20 alle 06.09 alle 17.29"

Transcript

1 Il sole Sorge Tramonta Il 1. alle alle l 11 alle alle il 21 alle alle La luna Tramonta Sorge il 1. alle alle l 11 alle alle il 20 alle alle Il 1 febbraio si hanno 10 h di luce solare e il h e 13 m. guadagnando 73 m di luce.

2 Febbraio 1 Mercoledì s. Verdiana Luna crescente Terzo giorno della merla Tempo in peggioramento Neve a quote basse Ierii accadde:: Con testamento dell 1 febbraio 1892 il sacerdote Angelo Franzini, fu Giuseppe e Elisabetta Cominassi dispone tra l altro, che entro sei mesi dalla sua morte siano pagate senza frutto, in mano del sig.prevosto locale L.1200 da dispensare ai poveri del paese e agli infermi più bisognosi. 2 Giovedì La Candelora Presentazione di Gesù al tempio 3 Venerdì s. Biagio Invocato contro le malattie della gola, tosse convulsa, protettore dei laringoiatri 4 Sabato s. Gilberto 5 Domenica s. Agata Protettrice delle balie e delle nutrici, delle puerpere, dei fonditori di campane e commercianti di tessuti Ierii accadde Il 5 febbraio 1889 nasce a Gardone Guglielmo Arnaboldi di Luigi Vittorio. Con il fratello Achille si avvicina al socialismo e, in breve tempo, assume nel movimento importanti cariche. Vice presidente della Biblioteca Popolare, nel 1914 è eletto conigliere comunale ed entra come assessore effettivo nella Giunta Rossa. Nel 1915 è internato per aver letto il quotidiano socialista Avanti. Nel dopoguerra continua l attività politica fino all avvento del Fascismo. Nel 1926 si trasferisce a Roma a capo di una squadra di tecnici della Breda Armi. Muore nel Lunedì s. Dorotea Protettrice dei giardinieri e dei fiorai 7 Martedì s. Teodoro martire Protettore dei militari, delle reclute e anche dei ladri

3 Luna piena alle ore Maltempo con basse temperature Piogge diffuse e neve sui monti 8 Mercoledì s. Girolamo Emiliani 9 Giovedì s. Apollonia Protettrice dei denti e dei dentisti 10 Venerdì s. Scolastica Protettrice dai fulmini, dalle tempeste e dagli uragani 11 Sabato Nostra Signora di Lourdes Ierii accadde L 11 febbraio 1663 un diverbio tra alcuni gardonese provoca una zuffa brutale, fortunatamente senza morti. Ma la gran lite precipitò tutto il paese in uno stato di guerra civile, con bastonate, urla, risse, confusione e gran chiasso. 12 Domenica s. Damiano 13 Lunedì s. Maura 14 Martedì s. Valentino martire protettore degli innamorati Ultimo quarto di luna alle ore Alta pressione con nuvolosità irregolare Nebbie 15 Mercoledì ss. Faustino e Giovita Patroni della città di Brescia 16 Giovedì s. Giuliana di Nicomedia vergine Protettrice dalle malattie contagiose Giovedì Grasso si brucia la vecchia 17 Venerdì s. Donato martire 18 Sabato s. Simeone Ierii accadde

4 La sera del 18 febbraio 1661 Lorenzo Chinelli, G. Maria Franzini e Marco della Cisterna rimangono vittime di un attentato, ordito contro di loro secondo la voce comune dei contemporanei da Giulio Rampinelli. Nessun morto ma tutti rimangono feriti in modo più o meno grave. 19 Domenica s. Tullio Il sole lascia il segno dell Acquario ed entra in quello dei pesci 20 Lunedì s. Silvano Protettore contro la lebbre 21 Martedì s. Pier Damiani Protettore dall emicrania Martedì grasso ( ultimo giorno di carnevale) 22 Mercoledì s. Margherita Le Ceneri (inizio Quaresima) 23 Giovedì s. Policarpo Il sole alle lascia il segno del Capricorno ed entra in Acquario Luna nuova alle ore Piogge scarse nebbie Schiarite e poi piogge sparse e intense con neve a quote basse 24 Venerdì s. Sergio patrono dei militari Ierii accadde Nella riunione del 24 febbraio 1742 il Consiglio generale di Sarezzo approva la proposta degli abitanti del piccolo borgo di Ponte Zanano ch intendono costruire ua chiesetta nel loro paesino. Promotore e finanziatore dell opera in realtà è il gardonese Michele Rampinello che anche attraverso le famiglie dei suoi congiunti ha vaste proprietà nella zona. Ma nonostante il favorevole voto dell assemblea saretina, la chiesetta non si costruisce 25 Sabato s. Cesario Termine del Carnevale Ambrosiano 26 Domenica s. Vittorio

5 27 Lunedì s. Nestore 28 Martedì s. Romano abate 29 Mercoledì s. Giusto Ierii accadde Il 28 febbraio 1938, alle prime ore del mattino, muore il prevosto Giacomo Zanetti, guida spirituale ella popolazione dal 4 settembre Durante gli anni del suo parrocchiano ha dedicato particolare attenzione allo sviluppo delle istituzioni oratoriale, al rinnovamento elle strutture parrocchiali e al decoro della prepositurale di S. Marco. Oratore fecondo e sacerdote di elevate virtù fu amato e pianto da tutti i gardonesi

6 Il Santo del mese S. BIAGIO DI SEBASTE 3 febbraio Protettore della gola come si può vedere dalla popolare iconografia in cui è raffigurato mentre guarisce un bambino incrociandogli due candele sul collo e ancor oggi in occasione della sua ricorrenza si ripete la suggestiva cerimonia. Era vescovo di Sebaste, in Armenia, e subì il martirio sotto Licinia ( ). Si era rifugiato in una caverna, dove guariva con un segno di croce gli animali ammalati. Scoperto ed arrestato, in carcere continuò a guarire quelli che gli si presentavano. Una donna gli portò un bambino che aveva una lisca di pesce conficcata in gola, e lui lo sanò. Una donna aveva visto il suo unico maialino portato via da un lupo; il Santo glielo fece riavere e lei per riconoscenza gli portò cibo e candele. Biagio, commosso, ler chiese di offrirne una ogni anno nella chiesa che gli sarebbe stata dedicata dopo morto. Dopo aver subito la tortura tramite una specie di pettine di ferro ( lo strumento dei cardatori, dei quali è patrono), finì decapitato.

7 Proverbi del mese A San Faustì èl sul èl bat sö töcc i dusilì A San Faustino il sole batte su tutte le ripe Per S. Faustì metà pa e metà vì Per S. Faustino non bisogna aver consumato più della metà delle provviste San Faustì mércant dé vì / mércant dé nef San Faustino mercante di vino / mercante di neve Per San Faustì l oca la fa l nì Per S. Faustino l oca cerca il nido A la Madona de la seriöla da l inverno som za föra Alla Candelora siamo finalmente fuori dall inverno San Pàol ciar, scura la Candelóra, l inverno l fa mia piö pora Se il giorno di San Paolo (25 gennaio) il tempo è migliore di quello della Candelora l inverno sta per finire Quando l sul èl bat söla candéla ghe sarà na bèla primaéra Una giornata di sole alla Candelora annuncia una bella primavera Sant Antone dèla barba bianca, s èl fioca mia poc ghe manca San Antonio (17 gennaio) dalla barba bianca, se non nevica poco ci manca Sant Antone e San Faustì gli ultim mèrcanc dè nef Sant'Antonio e San Faustino gli ultimi mercanti di neve A santa Agnés la lözèrta l è fò dala ses A santa Agnese (21 gennaio) la lucertola è fuori dalla siepe

8 Zenér èl fa i poncc, febrér i a romp Gennaio fa i ponti di ghiaccio, febbraio li rompe A la fì dè zenér ghe piö galine nel polér Alla fine di gennaio non vi sono più galline nel pollaio A la fì dè zenér ghè öt èl pursil e sé öda l polér Alla fine di gennaio i porcili sono ormai vuoti e si vuotano anche i pollai La néf dè zenér, la mpienés èl granèr La neve di gennaio riempie il granaio Se zenèr nò zenerèza, febrér l trà na gran scorèza Se a gennaio non farà freddo, il tempo si sfogherà in gennaio Tra l an èc e l an noèl l è facil lasaga la pèl Nei primi giorni dell anno è facile abbandonare il nostro mondo

9 LE PIANTE DELLA SALUTE GINEPRO (Juniperus communis) Arbusto cespuglioso ramificato appartenente alla famiglia delle conifere è frequente nei boschi, pascoli incolti e dirupi, ha foglie lineari e pungenti rade e riunite a tre con fiori maschili in amenti globosi, femminili verdi e coccole turchine sferoidali. Se ne utilizzano il legno duro, le foglie ed i frutti del secondo e terzo anno. Legno duro: raccolto in autunno si usa in decotto ( mezza manciata di polvere in mezzo litro di acqua. 2/3 tazze al giorno; vino (1-2 pugni a macero in un litro di vino bianco per 10 giorni e poi filtrato) con proprietà sudorifere e in decotto per bagni esterni antigottosi

10 Le foglie: si raccolgono dalla primavera all autunno ed usate in decotto ( una manciata per un litro l acqua 2/3 tazze al giorno prese tra i pasti) con proprietà diuretiche e antieczemataose Frutti dal secondo- terzo anno : Raccolti da settembre a novembre si usano in infuso ( mezzo pugno schiacciati in un litro di acqua bollente per un ora, poi filtrato. Una tazzina ogni due ore) con proprietà balsamiche, sudorifere, stimolanti digestive e diuretiche Infuso: 20 frutti pestati in una tazza di acqua la sera prima dell inizio delle mestruazioni Olio essenziale: II-VI gocce in acqua e zucchero o nel vino per l atonia gastrica, ventosità e artrite Vino: 60 gr. di frutti a macero 8-10 giorni in un litro di vino bianco rinforzato da 80 gr. di alcol (90 ) asma, bronchiti, nefrite, renella, cistite ed uricemia Uso esterno: suffumigi nell abbassamento di voce 6/8 bacche masticate durante il giorno conferiscono un buon odore all alito e preservano dai contagi Rametti bruciati su tizzoni accesi disinfettano e profumano l ambiente. Il ginepro rientra poi nella distillazione di numerosi liquori.

11 ALBERI E FOGLIE DEI NOSTRI BOSCHI LA QUERCIA Un albero gigante che può vivere diversi secoli è l albero più diffuso dei nostri boschi. Il bordo delle foglie, né dentato né liscio, forma solo onde irregolari che disegnano dei lobi, per questo si dice che queste sono foglie lobate. Se le ghiande sono attaccate all estremità di un lungo peduncolo, si è in presenza di una quercia peduncolata, altrimenti si tratta certamente di un rovere.

12 Come si giocava un tempo ÈL CIANCOL Il l Ciàncol si giocava con un corto pezzo di legno ( circa 10 cm.) appuntito sulle due estremità. Veniva lanciato con decisi colpi vibrati al volo con un altro legno che fungeva da lanciatore ( canèla) Il ciàncol era sollevato da terra colpendolo su una delle due estremità appuntite e quindi attraverso la canèla era lanciato il più lontano possibile. Il punteggio era basato sulla stima della lunghezza del tiro del tiro che veniva effettuata dal lanciatore e poi misurato tenendo come unità di misura la canèla. L errore di valutazione comportava l assegnazione del punteggio all avversario. Era opportuno giocare lontano dalle case onde evitare urgenti e costosi interventi da parte della mitica Borsa, vetraia locale o, nel peggiore dei casi, di un qualche improvvisato infermiere.

13 PRINCIPALI FIERE E SAGRE IN PROVINCIA 2 FEBBRAIO Nelle chiese benedizione delle candele 3 FEBBRAIO S. Biagio. Nelle chiese benedizione della gola 15 FEBBRAIO BRESCIA Sagra di S. Faustino CHIARI Sagra di S. Faustino DARFO Sagra di S. Faustino PONTE S. MARCO Sagra di S. Faustino SAREZZO Sagra di S. Faustino prima domenica dopo il 15 BAGOLINO Carnevale Bagoss BRENO Festa patronale di S. Valentino CARPENEDOLO Carnevale di Carpendolo CLUSANE D ISEO Carnevale di Clusane ERBUSCO Carnevale di Franciacorta LENO Carnevale lenese MANERBIO Carnevale di Manerbio MONTICHIARI Antichità in Fiera VALTENESI Sagra del Coregone Per la tua salute La bronchite è una delle malattie che molto spesso accompagna i freddi giorni di gennaio per favorire una veloce guarigione si consigliano le inalazioni con l aggiunta di due gocce di olio di eucalipto. L olio di eucalipto è consigliato anche per i massaggi contro le crisi di reumatismi

14 I CONSIGLI DELLA NONNA Ricordava la nonna che l aglio per molti stomaci risulta indigesto anche se è indicatissimo perfino per combattere e prevenire i tumori. Non va quindi tritato, ma va fatto colorire a spicchi interi nel condimento per poi toglierlo. Rimarranno nella pietanza profumo e sapore e la digestione sarà assicurata. Si ricordava che in caso ci si trovasse nella necessità di usare l aglio crudo, sarebbe bastato privarlo della cosiddetta anima ( la parte verdognola centrale). L aglio crudo ha quindi notevoli proprietà e svariati utilizzi ( ipertensione ecc.), ma certo non aiuta l alito in particolari situazioni; un rimedio consigliato era quello di masticare due o tre chicchi di caffè tostato dopo averlo consumato.

15 LAVORI NELL ORTO In luna calante continuare la raccolta di residui vegetali e porli nel contenitore del composti. Se si ha un frutteto lo si può concimare con letame maturo ma senza interrare. Nel caso gli alberi abbiano subito danni, curare le ferite con manicotti di argilla e propoli tenuti da una garza ben avvolta Seminare carote, spinaci, prezzemolo e piselli se il terreno non è gelato e in posizione riparata Seminare in coltura protetta porri, ri, cavolfiori, cicoria, lattuga da taglio, ravanelli e valeriana Si piantano o trapiantano bulbi di aglio e di cipolla, carciofi e zampe di asparagi In luna crescente: Si seminano in letto caldo basilico e cetriolo, melanzane, peperone e pomodoro Si piantano in coltura protetta cicoria, rape, ravanelli, rucola e sedano In febbraio si raccolgono nell orto cavolfiori, verza e radicchi, nel frutteto arance, mele e pere

16 LE RICETTE DEL MESE PRIMI PIATTI RISOTTO CON LA SALSICCIA Far rosolare in olio e burro mezza cipolla tritata poi aggiungere la salsiccia spellata e sminuzzata. Aggiungere il riso, mescolare e lasciar insaporire. Spruzzare con mezzo bicchiere di vino bianco, sfumare e poi versare a poco il brodo bollente lasciandolo assorbire. A cottura quasi q ultimata aggiungere un pezzo di burro, controllare la salatura e servire con formaggio gratuggiato SECONDI PIATTI ORATA MARINATA Si inizia squamando il pesce ( tenendolo possibilmente immerso in una bacinella colma d acqua), quindi lo si priva delle d branchie e poi lo si sventra togliendo ventre ed interiora. Si pulisce quindi accuratamente la cavità addominale e vi si introduce una fetta di cipolla, uno spicchio di aglio,ed un paio di foglie di alloro, cospargendo poi con sale e pepe. Richiudiamo quindi il pesce e lo adagiamo su un piatto ovale. Vi si versa quindi sopra un miscuglio di olio, limone spremuto sale e pepe e lasciarlo marinare per un oretta rigirandolo spesso. Si mette quindi sul fuoco una graticola e la si lascia arroventare ponendovi poi sopra il pesce e lasciandolo cuocere per una ventina di minuti ungendolo ripetutamente con la marinata. Lo si rigira e lo si fa cuocere per una decina di minuti dall altro lato. Al termine della cottura lo si adagia nel piatto ovale guarnendolo con fette di limone e ciuffi di prezzemolo quindi lo si serve con fette di patate lesse. La ricetta è indicata anche per altri tipi di pesce di grossa e media dimensione.

17 Il racconto del mese Vecchi racconti d amore, d avventura e di mistero, nella versione moderna curata da Pierantonio Bolognini e Sandra Zubiani Febbraio 2012 IL COCCODRILLO DEI FARAONI Oreste Pasvera si sentì obbligato a trasportare il suo prezioso tesoro di notte usando solo le proprie forze dato che gli arabi, anche anche a pagamento, avrebbero rifiutato d aiutarlo e non si sarebbero mai fatti complici di quella specie di profanazione che, secondo le loro antiche superstizioni, non avrebbe potuto che portare dolore e male.

18 Il trasferimento non era una fatica da poco dato che il villaggio di Matarieh distava più di nove chilometri dalle grandi piramidi e che l unica via per raggiungerlo era la strada di Abbasieh, tracciata tra le dune e le sabbie del deserto. Certo che se qualcuno avesse potuto vedere il giovane studioso spingere alla luce della luna la sua cigolante carriola con stesa sopra una strana forma allungata avvolta in un sacco, si sarebbe sicuramente chiesto quale fosse l oggetto misterioso trasportato con tanta segretezza e tanta cura. Il giovane archeologo aveva infatti rinvenuto qualcosa che, come aveva da sempre desiderato, sarebbe appartenuto solo a lui e che avrebbe, da solo, potuto ammirare con tutta la calma e la tranquillità del proprietario assoluto, non come accadeva per le ricchezze dei musei, chiuse in vetrina, che parevano di tutti ma che in realtà non sono di nessuno. E da decine d anni che fra i monumenti e le rovine frugano ed esplorano egittologi, scienziati e storici, tanto da far pensare che nulla di veramente importante possa più venir scoperto! Che cosa dunque aveva portato alla luce il nostro Pasvera? Da tempo, secondo le sue ansie di giovane studioso, si era installato in una locanda di Matarieh, zona poco lontana da dove, un tempo, sorgeva l antica Heliopolis. Ma, nonostante nostante l importanza archeologica e storica del sito, Pasvera si rese ben presto conto che senza mezzi e con le sue sole forze, ben poco poteva fare e sperare di ottenere. Le rovine dell antica città non erano che mucchi di macerie a contorno di un unico integro obelisco. Allargando poi il raggio delle sue ricerche si spinse verso le grandi piramidi di Gizah che, di fronte al Cairo, formano l estremo confine alla necropoli dell immensa città.

19 L area delle piramidi è colma di monumenti sepolcrali di epoche diverse e verso nord-ovest ovest erano state infatti scoperte tombe risalenti alla 4-5 dinastia. Proprio qui il nostro Pasvera fece la sua grande scoperta. Non contando più ormai di poter legare nome e fama ad un importante rinvenimento in un luogo ormai ampiamente sfruttato, egli si accontentò di raccogliere i frammenti rinvenuti sul posto che poi scheggiava col suo piccone e che riponeva con ogni cura. In un pomeriggio in cui il sole accecava, spargendo una luce dalla gamma di tinte bionde e rosse a colorar le pietre, Pasvera aveva cercato riparo dal calore e dalla luce in una tomba aperta e da tempo profanata, le cui pareti però conservano vivaci pitture originarie raffiguranti scene di caccia e di lavoro agricolo. Tanto i dipinti lo avevano colpito che avrebbe desiderato staccarne un pezzo per conservarlo, quando il destino volle che si verificasse un movimento franoso che causò la caduta di alcuni blocchi di pietra uno dei quali gli rotolò ai piedi. Svanita la polvere, Pasvera restò stupefatto vedendo che in un muro si era aperta una stretta fessura larga abbastanza da permettere ad un uomo di potervisi introdurre. Si avvicinò cercando di vedere nella spaccatura da cui usciva un soffio gelido. Dovette però desistere da ogni iniziativa nonostante la curiosità e l ansia di conoscere che lo pervadevano da capo a piedi: non possedeva al momento alcun strumento, nemmeno una lanterna e a solo a fatica riuscì a trovare la forza per allontanarsi dal luogo che avrebbe potuto costituire l avvio di un percorso ignoto. L indomani, fornito di alcune torce a vento, si inoltrò nel passaggio che lo attirava con tutte le attrattive del mistero. Come le grandi tombe di Gizah anche questa si rivelò divisa in tre parti : la cappella la esteriore, i sotterranei e nel mezzo la camera funeraria, caratterizzati però da una estrema semplicità.

20 Discesi pochi gradini, attraverso un sotterraneo circolare si accedeva alla stanza funeraria posta esattamente sotto la cappella esterna. L ingresso era aperto, il che lasciava dedurre che la tomba non apparteneva ad una defunto di grande importanza e la stessa cosa Pasvera dedusse dalla modestia dei dipinti parietali. Il sobrio cofano della mummia era collocato poi contro una parete. Nelle camere funerarie un tempo gli egizi erano soliti collocare il maggior numero possibile di statue raffiguranti il defunto ma in questa tomba non era così. Non vi erano statue né simulacri, solo alcuni geroglifici dipinti sui muri che riuscirono però a chiarire c come la tomba fosse il luogo del riposo eterno di Khelmis, custode dei coccodrilli sacri di Pepi I, faraone della V dinastia. Una sagoma di un vero coccodrillo giaceva ai piedi del sarcofago e due pipistrelli a membrane spiegate erano fissati i sulle pareti a rendere ancor più lugubre l ambiente. Non era certo una grande scoperta, o almeno non era quella che in cuor suo aveva sognato, ma comunque la sua mummia il nostro Pasvera l aveva trovata. S avvicinò al cofano, tentò di aprirlo, ma questo cadde in polvere suscitando nel giovane un sentimento di sconforto: anche la mummificazione del personaggio era stata di modesto livello ed i risultati lo dimostravano. I parenti del defunto non si erano molto impegnati economicamente, forse non ne avevano vano le possibilità e al povero guardiano era stata negata l eternità. A Pasvera restava quindi il coccodrillo e questo ad una prima occhiata pareva conservarsi meglio del defunto; l animale ed un pipistrello divennero il suo tesoro. Questo era quanto trasportava, in quella notte lunare, sulla sua carriola. Giunto alla locanda trasferì con fatica nella sua camera i due animali e si stese sul letto per godersi un meritato riposo. Al mattino ordinò una cassa di legno che potesse contenere la sua scoperta e trascorse poi la giornata impegnato in numerose faccende. La sera, dopo

21 una frugale cena, si ritirò nella sua camera e riprese una lettura che da tempo lo interessava particolarmente. Gli egiziani credevano all immortalità dell anima e alla sua trasmigrazione in vari corpi, compresi gli animali. Credevano al doppio spirito che si divideva dopo la morte: quello celeste, il BA,, passava alle beatitudini dell Amentit o alle pene dell inferno, il doppio spirito terreno restava invece nella tomba. L uomo non era dunque che una riproduzione del doppio e, malgrado l apparente fine dell esistenza, la materia continuava a vivere. Bastava conservare il cadavere e metterlo in relazione col suo doppio per assicurarsi l immortalità; il problema era stato risolto con l imbalsamazione. La trasmigrazione dell anima era valida anche verso gli animali, ma dagli animali all uomo? Lo doveva essere, il testo che Pasvera stava consultando non dava risposte e così lui su questo meditava con attenzione, lanciando di tanto in tanto sguardi ai suoi ospiti mummificati e domandandosi se anche in quei corpi vi era quell influsso misterioso che molti fatti inspiegabili sembrano confermare. Pasvera non si accorse che le ore passavano e il suo modesto orologio sul tavolo iniziò a scandire i dodici rintocchi della mezzanotte; prima che potessero terminare uno strano rumore fece alzare gli occhi dal libro al concentrato lettore. Pareva uno strisciare lento e pesante che aveva origine dall angolo in cui stava il coccodrillo ccodrillo ed a questo terrificante rumore si accompagnò un sibilante scuoter d ali. Al nostro archeologo si imperlò la fronte di sudore e si rizzarono i capelli, gli parve improvvisamente di vivere in un incubo. Intorno alla luce della lanterna vide svolazzare s il pipistrello e ai suoi piedi scorse strisciare la mostruosa sagoma del coccodrillo che sollevando con un preciso ritmo la testa spalancava le mandibole fissando i suoi occhi gialli sul suo possessore con una espressione beffarda nella loro fissità. f

22 Tutte le sue letture, mischiandosi allo sconvolgente spettacolo che gli stava innanzi, lo resero quasi folle. Nella sua mente si combatteva una lotta tremenda tra lo sgomento e la forza della ragione che tentava di ricondurre il tutto alla realtà normalmente vissuta. Quanto stava avvenendo era solo un incubo spaventoso? Pervaso dal terrore, Pasvera si sentì vicino a rasentare la follia e si accasciò quasi inerte sul tavolo. Si risvegliò al mattino, scosso dalla luce del sole che entrava sempre più luminoso dalla finestra socchiusa: il coccodrillo se ne stava ai suoi piedi immobile, il pipistrello sul tavolo. Nulla si muoveva e tutto era tranquillo; era stato tutto un sogno? aveva immaginato o vissuto un incubo vero e proprio? Pasvera era convinto che tutto fosse stato reale, ma era proprio così? Non riuscì però a ripetere l esperienza, ritornò in Europa dove si affrettò a sbarazzarsi dei suoi animali donandoli ad un museo dove, a quanto risultava fino a pochi anni or sono, gli animali ali erano ancora conservati senza che nessuno avesse mai registrato nulla di strano e di spaventoso.. Il racconto scritto da Mario Saviolo agli inizi del 900 è tratto dal libro: I racconti dei mesi vecchi racconti presentati da Pierantonio Bolognini nella trascrizione in lingua moderna.

----------------------------------------------- ------------------------------------------------- --------------------------------------------------

----------------------------------------------- ------------------------------------------------- -------------------------------------------------- ESERCITAZIONE PRATICA N 9 CARPACCIO DI CARCIOFI CON BRESAOLA DELLA VALTELLINA SU LETTO DI RUGHETTA CON MOUSSE DI FORMAGGIO ALLE ERBE ----------------------------------------------- CREMA PARMANTIER -------------------------------------------------

Dettagli

Calendario del Contadino

Calendario del Contadino Parrocchia,Natività Maria SS., Mussotto Consorzio Socio-Assistenziale Alba-Langhe-Roero CAM DO N M ILA N I Calendario del Contadino 00 Dedica al contadino: Grazie a Bruno esperto contadino...è bello quando

Dettagli

FANTASTICA ZUCCA! Classe III B Scuola Primaria G.P. Meucci

FANTASTICA ZUCCA! Classe III B Scuola Primaria G.P. Meucci FANTASTICA ZUCCA! Classe III B Scuola Primaria G.P. Meucci LA STORIA ZUCCA: LA STORIA Sul luogo e sul periodo di provenienza della zucca non ci sono dati certi. Conosciuta in Perù già dal 1200 a.c., si

Dettagli

sappiamo sempre che pesci prendere ASSESSORATO ALLA PESCA

sappiamo sempre che pesci prendere ASSESSORATO ALLA PESCA sappiamo sempre che pesci prendere ASSESSORATO ALLA PESCA COZZE PASTELLATE - 2 Kg di cozze - 2 uova - 2 cucchiai di farina - ½ bicchiere di birra - sale - pepe Preparazione: Prendere le cozze, dopo averle

Dettagli

ricette per cucinare le rane

ricette per cucinare le rane 2 Introduzione Come già detto, le rane sono una prelibatezza per palati fini e anche nel passato, quando era possibile catturarne, venivano cucinate in vari modi, in base anche alla quantità di cui si

Dettagli

la Festa di FINE ANNO

la Festa di FINE ANNO Piatti golosi e simbolici celebrano con successo la Festa di FINE ANNO PER LA TUA FESTA DI FINE ANNO SULLA TAVOLA NON DEVE MANCARE: UVA: Perché porta soldi; MELAGRANA: Perché porta soldi e Amore; LENTICCHIE:

Dettagli

Per ricordare le origini a tavola

Per ricordare le origini a tavola Per ricordare le origini a tavola LA CUCINA CON AMORE... di Lucia Tardelli. ANTIPASTO : alici marinate ingredienti per 4 persone : 400gr alici fresche un po grosse 70gr farina olio per fritture 2 dl di

Dettagli

Medicina in cucina. insaporire per prevenire. Scuola elementare G.Pascoli I.P.S.S. L.Cossa

Medicina in cucina. insaporire per prevenire. Scuola elementare G.Pascoli I.P.S.S. L.Cossa Medicina in cucina insaporire per prevenire Scuola elementare G.Pascoli I.P.S.S. L.Cossa L'anno scorso la scuola elementare Pascoli e l' Istituto Professionale Cossa hanno sviluppato il progetto: La chimica

Dettagli

il Ricettario Primi Spaghetti al Guazzetto

il Ricettario Primi Spaghetti al Guazzetto Spaghetti al Guazzetto 4 cicale 4 scampi medi 4 pezzi di razza 4 piccole pescatrici calamaretti seppioline prezzemolo, aglio, olio d oliva pomodorini, sale peperoncino a discrezione. tempo di realizzazione

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

!" # " $% &'"!" ( # #!" #) * * ! * #"! 0# &!0 " #. 1-! #

! #  $% &'! ( # #! #) * * ! * #! 0# &!0  #. 1-! # ! # $% &'! ( # #! #) * * +, -.) # )- ) -# )- /)- # )-! )-# #! # -! * #! 0# &!0 #. 1-! # ( 2 &3'' ' '324% & 2%432 5 / # # # 0# # 0) #! *! 1! ) /5 )! 0 # #) )!0! #) 6 # 0#.0 #.1! - # ) 75/+88/8+7679$/$7

Dettagli

PROGRAMMA: Spaghetti con vongole veraci,astici,pomodorino,mandorle e pistacchi. Risotto alla Gualtiero Marchesi

PROGRAMMA: Spaghetti con vongole veraci,astici,pomodorino,mandorle e pistacchi. Risotto alla Gualtiero Marchesi CORSO DI CUCINA 4-5 DICEMBRE 2012 PRIMI PIATTI 1 PROGRAMMA: Spaghetti con vongole veraci,astici,pomodorino,mandorle e pistacchi Risotto alla Gualtiero Marchesi Agnolotti al burro,timo e salsa ai due peperoni

Dettagli

RICETTARIO LE PIÙ GRADITE RICETTE DEL NIDO. Anno 2013. Asilo Nido Comunale. Comune di Vittorio Veneto Assessorato alle Politiche Sociali

RICETTARIO LE PIÙ GRADITE RICETTE DEL NIDO. Anno 2013. Asilo Nido Comunale. Comune di Vittorio Veneto Assessorato alle Politiche Sociali RICETTARIO LE PIÙ GRADITE RICETTE DEL NIDO Anno 2013 Comune di Vittorio Veneto Assessorato alle Politiche Sociali Asilo Nido Comunale 1 PRIMI PIATTI Crema di piselli con riso Vellutata di zucchine con

Dettagli

Festa dei nonni: Festa dei nonni

Festa dei nonni: Festa dei nonni Festa dei nonni: La tradizione non si può ereditare, chi la vuole deve conquistarla con grande fatica. (Thomas Steans Eliot) La Festa dei nonni è una ricorrenza giovane introdotta in Italia solo nel 2005,

Dettagli

Un invito a mangiare a colori. Scopri perchè fanno bene al tuo corpo.

Un invito a mangiare a colori. Scopri perchè fanno bene al tuo corpo. I Colori per vivere meglio Un invito a mangiare a colori. Scopri perchè fanno bene al tuo corpo. Questo progetto è stato realizzato con il contributo scientifico del prof. Carlo Cannella, direttore dell

Dettagli

Editore: Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro - Sede Operativa: via San Vito 7, 20123 Milano, Tel. 02 7797.1, www.airc.

Editore: Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro - Sede Operativa: via San Vito 7, 20123 Milano, Tel. 02 7797.1, www.airc. Editore: Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro - Sede Operativa: via San Vito 7, 20123 Milano, Tel. 02 7797.1, www.airc.it Numero Verde 800.350.350 - Coordinamento redazionale: Patrizia Brovelli

Dettagli

Ricette. al fresco. Gli 85 modi per cucinare nel carcere di Pisa. Edizioni ETS. a cura di Giovanna Baldini

Ricette. al fresco. Gli 85 modi per cucinare nel carcere di Pisa. Edizioni ETS. a cura di Giovanna Baldini Ricette al fresco Gli 85 modi per cucinare nel carcere di Pisa a cura di Giovanna Baldini Edizioni ETS 80 3 hg di pazienza 1 ½ hg di calma 1 ½ hg di umiltà 1 ½ hg di fiducia in sé 1 ½ hg di riflessione

Dettagli

Ricettario sui Funghi Porcini Porcini trifolati

Ricettario sui Funghi Porcini Porcini trifolati Ricettario sui Funghi Porcini Porcini trifolati 500 gr di porcini 3 agli prezzemolo olio evo mezzo bicchiere di vino bianco farina Procedimento Pulite i porcini, grattando il gambo e la cappella con un

Dettagli

Ricettario e consigli pratici per cucinare la Lumaca Helix

Ricettario e consigli pratici per cucinare la Lumaca Helix Ricettario e consigli pratici per cucinare la Lumaca Helix Consigli pratici per la preparazione delle Lumache vive Le nostre lumache Helix Aspersa Muller, sono allevate all aperto e seguono il ciclo biologico

Dettagli

Le 4 fasi della dieta Dukan

Le 4 fasi della dieta Dukan Assistente Virtuale Le 4 fasi della dieta Dukan 1 L'introduzione alla Dieta Dukan: la Bibbia di chi vuole dimagrire Menu tipo della Dukan per la prima e la seconda settimana Fase 1 : Attacco La dieta Dukan

Dettagli

www.ricettegustose.it Pagina 1

www.ricettegustose.it Pagina 1 www.ricettegustose.it Pagina 1 Indice primi piatti di pesce 1 Iscriviti alla NewsLetter per conoscere tutte le nuove ricette inserite Bucatini pesce spada e olive nere Farfalle patate e trota salmonata

Dettagli

METTIAMO IN TAVOLA I PRIMI I SECONDI DI CARNE I SECONDI DI PESCE

METTIAMO IN TAVOLA I PRIMI I SECONDI DI CARNE I SECONDI DI PESCE INDICE PRESENTAZIONE 5 GLOSSARIO ESSENZIALE 6-9 Celti, greci, latini: la cucina racconta la storia 10-11 Comuni, signorie, regioni: le cento cucine d Italia 12-13 Le differenze regionali nel lessico della

Dettagli

CANNELLONI RICOTTA E SPINACI

CANNELLONI RICOTTA E SPINACI Ricettario Primi BRODO VEGETALE Preparare la verdura (sedano, carota, cipolla) e gli aromi (maggiorana, timo, alloro, basilico) e farli cuocere in acqua per un'ora a fuoco moderato. Colare il brodo ed

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

ALCUNI SUGGERIMENTI RISO BASMATI PILAF ALLE VERDURE FRITTATA DI DI VERDURA AL FORNO

ALCUNI SUGGERIMENTI RISO BASMATI PILAF ALLE VERDURE FRITTATA DI DI VERDURA AL FORNO RISO BASMATI PILAF ALLE VERDURE ALCUNI 12 cucchiai di verdure stufate 6 tazzine piccole di riso Basmati 12 tazzine di acqua calda 3 cucchiai da tavola di parmigiano grattugiato 1 cucchiaio di olio extravergine

Dettagli

Ricette con le verdure dell orto

Ricette con le verdure dell orto Laboratorio di scienze Ricette con le verdure dell orto Cucinare è un attività che ti permette di conoscere meglio i cibi e di apprezzarli di più, contemporaneamente ti consente di sperimentare in modo

Dettagli

La dieta della Manager Assistant

La dieta della Manager Assistant La dieta della Manager Assistant TUTTI I GIORNI COLAZIONE - 1 vasetto di yogurt oppure 1 tazza di latte parzialmente scremato oppure 1 cappuccino - 3 biscotti secchi oppure 4 fette biscottate oppure 1

Dettagli

cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani!

cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani! cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani! Cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione Le Gusto ti permette di fare una scelta facile e veloce,

Dettagli

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina.

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina. Perché è necessaria la dieta nella IRC? La principale funzione dei reni è quella di eliminare con le urine le scorie, l acqua e sali minerali nella quantità necessaria. Nella Insufficienza renale cronica

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Piccolo ricettario della lumaca

Piccolo ricettario della lumaca Piccolo ricettario della lumaca Di me puoi gustare il meglio solo quando mi chiudo in casa Quando sono opercolate ed è autunno inoltrato, prendi delle belle e grosse lumache, immergile in acqua bollente

Dettagli

RICETTARIO Menù invernale

RICETTARIO Menù invernale RICETTARIO Menù invernale Condimenti Parmigiano Reggiano per insaporire i primi piatti Olio extravergine di oliva per la preparazione dei piatti e per il condimento a crudo Succo di limone, erbe aromatiche

Dettagli

secondi piatti Spezzato di cervo al Teroldego, ginepro e verdure con le more Carrè d agnello in crosta d avocado e mandorle su dadolata di ciliegie

secondi piatti Spezzato di cervo al Teroldego, ginepro e verdure con le more Carrè d agnello in crosta d avocado e mandorle su dadolata di ciliegie C A S T E L P E R G I N E Quando i piccoli frutti Sant Orsola incontrano le sapienti mani dello chef del Castello di Pergine nasce un perfetto connubio di sapore e colori che siamo lieti ed orgogliosi

Dettagli

RAMATE MONTEBUGLIO GATTUGNO CORPUS DOMINI. TUTTI MANGIARONO A SAZIETA E FURONO PORTATI VIA I PEZZI LORO AVANZATI. Luca 9, 17

RAMATE MONTEBUGLIO GATTUGNO CORPUS DOMINI. TUTTI MANGIARONO A SAZIETA E FURONO PORTATI VIA I PEZZI LORO AVANZATI. Luca 9, 17 RAMATE MONTEBUGLIO GATTUGNO CORPUS DOMINI TUTTI MANGIARONO A SAZIETA E FURONO PORTATI VIA I PEZZI LORO AVANZATI. Luca 9, 17 Anno 2010 Parrocchia dei SS. Lorenzo ed Anna Ramate di Casale Corte Cerro (VB)

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Ricette da Gustare: sapore e qualità dei prodotti. Calleris in tavola.

Ricette da Gustare: sapore e qualità dei prodotti. Calleris in tavola. La natura soddisfa il palato con un alimentazione sana ed equilibrata. Fagioli, lenticchie, ceci, piselli, soia, da apprezzare in zuppe e piatti ricchi di proteine vegetali, vitamine e sali minerali. Legumi

Dettagli

L INCENDIO. In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può

L INCENDIO. In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può L INCENDIO Che cos è un incendio? In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può essere dannoso per le piante e per gli animali e pericoloso per tutti gli esseri viventi

Dettagli

Manuale di Cucina Trappeur

Manuale di Cucina Trappeur Manuale di Cucina Trappeur La cucina trappeur é un tipico modo di cucinare i cibi che ha origine dai pionieri del West e che ora é usata dagli scouts. Il principio della cucina trapper é il non uso di

Dettagli

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE Studio Dietistico dott.ssa Francesca Pavan - Via G. Falcone 16-30024 Musile di Piave (Ve) Tel. 0421331981 Fax. 0421456889 www.studiodietisticopavan.it Esistono

Dettagli

Cucinare con il Microonde. Le Ricette di Casa. a cura di Federica Castiglioni PAGINE GRATUITE DI ASSAGGIO. SeBook. Simonelli electronic Book

Cucinare con il Microonde. Le Ricette di Casa. a cura di Federica Castiglioni PAGINE GRATUITE DI ASSAGGIO. SeBook. Simonelli electronic Book Cucinare con il Microonde Le Ricette di Casa a cura di Federica Castiglioni PAGINE GRATUITE DI ASSAGGIO SeBook Simonelli electronic Book Il forno a Microonde non è soltanto un utile pronto intervento per

Dettagli

Ricette per una Dieta Mista con DietaVita

Ricette per una Dieta Mista con DietaVita Ricette per una Dieta Mista con DietaVita Le nostre ricette DietaVita sono studiate secondo i principi di una dieta equilibrata e varia, e ognuna fornisce circa 500-600 calorie. Snack e bevande contenenti

Dettagli

Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Educative per l'infanzia

Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Educative per l'infanzia COMUNE DI SASSARI Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Educative per l'infanzia NIDI D'INFANZIA DI VIA SATTA, SEZIONE SPERIMENTALE DI VIA BARBAGIA E SEZIONE PRIMAVERA DI VIA BERLINGUER

Dettagli

Ricetta Spaghetti al Caffè

Ricetta Spaghetti al Caffè Ricetta Spaghetti al Caffè Per gli appassionati del caffè e della pasta, ecco un accoppiata vincente: gli spaghetti al caffè. Ingredienti per preparare gli spaghetti al caffè: DOSI PER 4/5 PERSONE 400

Dettagli

TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO

TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO L.A.R.N. (livelli di assunzione giornalieri raccomandati di energia) da tener presenti nella definizione delle grammature. ETA MASCHI

Dettagli

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia PARROCCHIA S. BARTOLOMEO CARUGO SOGNI E REALTA Foglio di comunicazione e fraternità Ciclostilato in proprio del 4 maggio 2014 - www.parrocchiacarugo.it PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia Ci sono

Dettagli

che ancora avvertivo in me e nell aria. Quanto visto continuava a punteggiare il nero delle palpebre e della stanza: forse impressioni nervose la cui

che ancora avvertivo in me e nell aria. Quanto visto continuava a punteggiare il nero delle palpebre e della stanza: forse impressioni nervose la cui Arturo Lini LUCI La casa dove da tanti anni abito è posta sulle prime pendici di una delle molte colline che fiancheggiano e si aprono sul paesaggio versiliese fatto di diverse cittadine, una accanto all

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

PASTA DI FILIERA ECOR. Un progetto per creare un legame tra agricoltori e consumatori in difesa della terra I VALORI

PASTA DI FILIERA ECOR. Un progetto per creare un legame tra agricoltori e consumatori in difesa della terra I VALORI PASTA DI FILIERA ECOR Un progetto per creare un legame tra agricoltori e consumatori in difesa della terra I VALORI Il progetto di filiera di Ecor nasce dall idea che, per dare un futuro all agricoltura

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

Tinozza vasca da bagno in legno massello Istruzioni di montaggio 1/9

Tinozza vasca da bagno in legno massello Istruzioni di montaggio 1/9 Tinozza vasca da bagno in legno massello 1/9 Tinozza vasca da bagno in legno massello 2/9 Tinozza vasca da bagno in legno massello 3/9 Tinozza vasca da bagno in legno massello 4/9 Tinozza vasca da bagno

Dettagli

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Conserve: verdure sott'olio e sott'aceto VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Le verdure non possono essere conservate semplicemente sott'olio: infatti, non hanno sufficiente acidità per scongiurare il pericolo

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

TIMO (Thymus) Nomi popolari: erba povera, serpolino

TIMO (Thymus) Nomi popolari: erba povera, serpolino TIMO (Thymus) Nomi popolari: erba povera, serpolino È una piccola pianta perenne alta ca. 20-30 cm, appartenente alla famiglia delle Labiatae. Il genere Thymus comprende un centinaio di specie ; le varietà

Dettagli

IN CUCINA CON FANTASIA

IN CUCINA CON FANTASIA IN CUCINA CON FANTASIA CLASSI 2 A E 2 B SCUOLA PRIMARIA E. TOTI ISTITUTO COMPRENSIVO FERMI CAVARIA CON PREMEZZO PROGETTO IL VALORE DEL CIBO REALIZZATO IN COLLABORAZIONE CON LA DOTT. ZAMBELLI E INTERAMENTE

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

A tavola Gli Egizi mangiavano molti cibi diversi. Soprattutto mangiavano cereali, verdure, legumi e frutta: orzo, grano, farro, cipolle, aglio,

A tavola Gli Egizi mangiavano molti cibi diversi. Soprattutto mangiavano cereali, verdure, legumi e frutta: orzo, grano, farro, cipolle, aglio, A tavola Gli Egizi mangiavano molti cibi diversi. Soprattutto mangiavano cereali, verdure, legumi e frutta: orzo, grano, farro, cipolle, aglio, cetrioli,lattuga, lenticchie, fichi, uva, datteri, meloni.

Dettagli

Alimentazione al Nido d Infanzia

Alimentazione al Nido d Infanzia L ALIMENTAZIONE AL NIDO D INFANZIA L alimentazione riveste un ruolo importante nella vita di ognuno e sicuramente deve essere particolarmente attenta quando si rivolge a bambini piccoli come gli ospiti

Dettagli

I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno

I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno Kangourou Italia Gara del 21 marzo 2002 Categoria Cadet Per studenti di terza media e prima superiore Regole: La prova è individuale. Ogni tipo di calcolatrice è vietato Vi è una sola risposta esatta per

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 8

Esercitazione pratica di cucina N 8 Esercitazione pratica di cucina N 8 Cocktail di Gamberetti In Salsa Aurora ------------------------ Spaghetti di Mare Al Cartoccio ------------------------ Ravioli di Astice e pomodori Al burro Aromatizzato

Dettagli

MATTONELLA DELLO CHEF di Sale dolce di Cervia

MATTONELLA DELLO CHEF di Sale dolce di Cervia MATTONELLA DELLO CHEF di Sale dolce di Cervia Mattonella di puro Sale dolce di Cervia ideale per la cottura a caldo o per preparazioni a freddo delle pietanze. Il sale della millenaria Salina di Cervia

Dettagli

Levi Gregoris affina i migliori prosciutti del territorio e ti offre uno speciale assaggio di polpa di prosciutto crudo macinata e conservata in

Levi Gregoris affina i migliori prosciutti del territorio e ti offre uno speciale assaggio di polpa di prosciutto crudo macinata e conservata in le ricette di Levi Gregoris affina i migliori prosciutti del territorio e ti offre uno speciale assaggio di polpa di prosciutto crudo macinata e conservata in atmosfera protettiva per poterla cucinare

Dettagli

2. NUMERO DA INDOVINARE

2. NUMERO DA INDOVINARE 1. L ASINO DI TOBIA (Cat. 3) Tobia è andato in paese ed ha acquistato 6 sacchi di provviste. Li vuole trasportare con il suo asino fino alla sua casa sulla cima del monte. Ecco i sacchi di provviste sui

Dettagli

MyCard Ricette d autunno

MyCard Ricette d autunno MyCard Ricette d autunno Un azienda del Gruppo Aduno www.aduno-gruppe.ch Ricetta 1 Piatto di Berna 400 g Carne per bollito (collo o costole) Verdure da minestra (per es. porro, sedano, carota, cipolla)

Dettagli

Fili d'argento. Il giornale scritto dagli Ospiti della Casa di Riposo "Cusani Visconti" di Chignolo Po

Fili d'argento. Il giornale scritto dagli Ospiti della Casa di Riposo Cusani Visconti di Chignolo Po Fili d'argento Il giornale scritto dagli Ospiti della Casa di Riposo "Cusani Visconti" di Chignolo Po Settembre 2014 1 Sommario Feste e usanze del mese pagina 3 Ai nostri tempi pagina 5 Proverbi e Filastrocche

Dettagli

Quattro semplici ricette per un pesce speciale: la platessa. Delizie. dei. Mari del Nord

Quattro semplici ricette per un pesce speciale: la platessa. Delizie. dei. Mari del Nord Quattro semplici ricette per un pesce speciale: la platessa P Delizie dei Mari del Nord h D alle fredde e basse acque del Mare del Nord alle nostre tavole, la platessa porta con sé tutte le qualità che

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI : MERCOLEDI :

Dettagli

ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE

ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE Le festività civili, militari e religiose scandiscono, come le stagioni, la vita scolastica e i componimenti degli alunni, in particolare nella scuola

Dettagli

Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA. Storie di uomini, alberi e animali. Dieci racconti e una riflessione. Disegni di Ernesto Roversi

Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA. Storie di uomini, alberi e animali. Dieci racconti e una riflessione. Disegni di Ernesto Roversi Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA Storie di uomini, alberi e animali Dieci racconti e una riflessione Disegni di Ernesto Roversi Gianpiero Andreatta, Il bosco racconta Copyright 2014 Edizioni del Faro

Dettagli

Istituto Paritario S. Giuseppe Via Bazzini 10 20131 Milano Anno 17

Istituto Paritario S. Giuseppe Via Bazzini 10 20131 Milano Anno 17 Istituto Paritario S. Giuseppe Via Bazzini 10 20131 Milano Anno 17 Stampato in proprio dicembre 2008 Una lettera catechesi del cardinale Tettamanzi per gustare la gioia del Natale e raccontare la straordinaria

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

Le ricette della Scuola di Cucina delle Bollicine!

Le ricette della Scuola di Cucina delle Bollicine! Le ricette della Scuola di Cucina delle Bollicine! CALENDARIO1.indd 11 12/08/14 13.22 Mousse al cioccolato 2 uova, 150 g. di cioccolato fondente, 50 g. di burro, 2 cucchiai di zucchero. Sminuzzate il cioccolato

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

TABELLA DELLE CONSOCIAZIONI ORTICOLE

TABELLA DELLE CONSOCIAZIONI ORTICOLE TABELLA DELLE CONSOCIAZIONI ORTICOLE In questa tabella troverete indicazioni circa le consociazioni utili fra ortaggi aromatiche/essenziali e fiori frutto di sperimentazioni personali e ricerche sul web

Dettagli

FLEPY E L ACQUA. Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia

FLEPY E L ACQUA. Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia FLEPY E L ACQUA Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia A G E N Z I A P E R L A P R O T E Z I O N E D E L L A M B I E N T E E P E R I S E R V I Z I T

Dettagli

Calendario Parrocchiale 2014-2015

Calendario Parrocchiale 2014-2015 Calendario Parrocchiale 2014-2015 Unità Pastorale del Centro Storico di Brescia Parrocchia di sant Afra e santa Maria in Calchera Piccola legenda dei colori Appuntamenti liturgici Appuntamenti di Pastorale

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Simonetta Cosentino!!!!!!!!!!!!!!! MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI

Simonetta Cosentino!!!!!!!!!!!!!!! MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI Menu Scuole Don Luciano Sarti Simonetta Cosentino 2013-2014 MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI Imparare a mangiare bene per crescere bene La refezione scolastica ha un ruolo fondamentale nell alimentazione

Dettagli

Davanti allo specchio di un anniversario

Davanti allo specchio di un anniversario Davanti allo specchio di un anniversario 1. La religiosità popolare è una porzione della cultura di un territorio e di una società, un elemento costitutivo della comune identità. Lo è perché riguarda tutti,

Dettagli

Realizzare la frutta martorana

Realizzare la frutta martorana Realizzare la frutta martorana istruzioni La frutta martorana, è un dolce Palermitano, fatto con pasta reale (simile al marzapane), che, modellata e decorata, vi consente di riprodurre, appunto, la frutta

Dettagli

Sedano rapa: un regalo per tutte le stagioni!

Sedano rapa: un regalo per tutte le stagioni! Sedano rapa: un regalo per tutte le stagioni! Tutte le ricette di questo mese sono frutto di esperienza, creatività e. passaparola, e sono redatte da Eleonora Berto, presenza quotidiana al banchetto de

Dettagli

Il taccuino dell esploratore

Il taccuino dell esploratore Il taccuino dell esploratore a cura di ORESTE GALLO (per gli scout: Lupo Tenace) UNDICESIMA CHIACCHIERATA CUCINARE ALLA TRAPPER All inizio del 800 solo pochi bianchi percorrevano le grandi praterie e le

Dettagli

Rese medie per Piano assicurativo nazionale 2013

Rese medie per Piano assicurativo nazionale 2013 Rese medie per Piano assicurativo nazionale 2013 Fascia altimetrica Colture vegetali MEDIA REGIONALE ettaro/coltura Pianura ACTINIDIA 300,00 Collina ACTINIDIA 275,00 Pianura ACTINIDIA SOTTO RETE ANTIGRANDINE

Dettagli

CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA

CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA E una dieta ipocalorica, caratterizzata da un modulo alimentare basato su tre pasti principali: colazione, pranzo, cena con due spuntini: mattina e pomeriggi. Mangiare

Dettagli

EV A SION E NOISAVE. Evasion era una bella strega dai capelli corvini e occhi verdi da gatta.

EV A SION E NOISAVE. Evasion era una bella strega dai capelli corvini e occhi verdi da gatta. EV A SION E NOISAVE Evasion era una bella strega dai capelli corvini e occhi verdi da gatta. Viveva in un bosco pieno d alberi maestosi e funghi dai colori più strani. Non era proprio cattiva ma, a volte,

Dettagli

CANZONI NEL CERCHIO I VOLUME

CANZONI NEL CERCHIO I VOLUME CANZONI NEL CERCHIO I VOLUME 1. IL SERPENTE FILIBERTO 2. BUONGIORNO 3. IL TORO NASO D ORO 4. LA RANA 5. IL LUPO DANTE 6. IL GATTO FIFONE 7. SE VUOI CUCINARE 8. IL PICCOLO SEMINO IL SERPENTE FILIBERTO Il

Dettagli

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe Nei giorni 11 e 12 aprile sono andata in gita scolastica a Venezia. Prima di questo viaggio, nel mio immaginario, Venezia era una città triste,

Dettagli

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO La gioia del dono ono emozioni di grande intensità e gioia quelle rimaste nel cuore dei Trentini all indomani della sciata memorabile di Papa Giovanni Paolo

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

GIAPPONE. Dolce di carote (Gajar Halwa) dosi per 10 porzioni

GIAPPONE. Dolce di carote (Gajar Halwa) dosi per 10 porzioni GIAPPONE Dolce di carote (Gajar Halwa) 2 kg di carote 250 g di zucchero 80 g di mandorle pelate 120 g di burro chiarificato 80 g di pistacchi 2 l di latte cardamomo verde pelare e grattuggiare le carote

Dettagli

Progetto di istituto logicamente Scuola d infanzia S. Carlo sezione 3 anni a.s. 2012-2013. Logicamente insieme

Progetto di istituto logicamente Scuola d infanzia S. Carlo sezione 3 anni a.s. 2012-2013. Logicamente insieme Progetto di istituto logicamente Scuola d infanzia S. Carlo sezione 3 anni a.s. 2012-2013 Logicamente insieme PRESENTAZIONE DEL PROGETTO DI ISTITUTO Logicamente insieme All età di tre anni ciascun bambino

Dettagli

50 zucca candita 10 fichi secchi 1 mela 1 bicchierino anice 1 pizzico semi di anice 1 cucchiaino lievito

50 zucca candita 10 fichi secchi 1 mela 1 bicchierino anice 1 pizzico semi di anice 1 cucchiaino lievito DOLCE EPIFANIA Pinza de Marantega 300 gr. farina gialla 200 gr. farina bianca 200 gr. zucchero 200 gr. burro 50 gr. uvetta 50 gr. cedri canditi 50 zucca candita 10 fichi secchi 1 mela 1 bicchierino anice

Dettagli

WWW.ORTO2000.COM ANGURIA PIANTE DA ORTO INNESTATE

WWW.ORTO2000.COM ANGURIA PIANTE DA ORTO INNESTATE PIANTINE daorto WWW.ORTO2000.COM 190 ANGURIA produce frutti di grosse dimensioni, particolarmente zuccherini. Irrigare abbondantemente. WWW.ORTO2000.COM 191 CETRIOLO adatto per le zone climatiche calde

Dettagli

Ti ringrazio per aver acquistato questo libro di ricette, spero tu possa trovare molte ricette di tuo gradimento.

Ti ringrazio per aver acquistato questo libro di ricette, spero tu possa trovare molte ricette di tuo gradimento. Ti ringrazio per aver acquistato questo libro di ricette, spero tu possa trovare molte ricette di tuo gradimento. Quando negli ingredienti trovi la parola sottolineata (ES: Besciamella), significa che

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA G.RODARI

SCUOLA DELL INFANZIA G.RODARI SCUOLA DELL INFANZIA G.RODARI Camminando all interno della nostra scuola, scopriamo una porta che dà sul nostro giardino aperta! Andiamo a curiosare Ma cosa c è lì per terra?... Una lettera.misteriosa,

Dettagli

DOVE SI TROVA L EGITTO? IL NILO

DOVE SI TROVA L EGITTO? IL NILO Scuola dell infanzia G. Rodari Anno scolastico 2009/2010 IL GIORNO 4 NOVEMBRE 2009 SIAMO STATI AL MUSEO EGIZIO DI TORINO E CLAUDIA, LA NOSTRA GUIDA, CI HA SPIEGATO TANTE COSE SUGLI ANTICHI EGIZI E STATO

Dettagli

Cracker di grano arso, caglio di capra, uova di trota e cardi al nero di seppia

Cracker di grano arso, caglio di capra, uova di trota e cardi al nero di seppia LE RICETTE DI CARLO CRACCO Cracker di grano arso, caglio di capra, uova di trota e cardi al nero di seppia Cracker di grano arso, caglio di capra, uova di trota e cardi al nero di seppia ingredienti pasta

Dettagli