CHE FATICA STARE AL MONDO Ogni tanto ricordiamoci che siamo dei privilegiati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CHE FATICA STARE AL MONDO Ogni tanto ricordiamoci che siamo dei privilegiati"

Transcript

1 Giornale della Scuola Media Statale di Carmagnola - Corso Sacchirone, Carmagnola (TO) Anno V - Numero 2 - Aprile 2009 CHE FATICA STARE AL MONDO Ogni tanto ricordiamoci che siamo dei privilegiati DOMINIQUE LAPIERRE Noi viviamo in un area privilegiata del pianeta, in un benessere più o meno diffuso. Abbiamo il necessario per vivere e tutti i servizi indispensabili. Possiamo mangiare ogni varietà di cibi e ne abbiamo a volontà. Appena stiamo male possiamo andare dal nostro medico o correre alla farmacia sotto casa. Facciamo la doccia ogni volta che desideriamo, sprecando tantissima acqua, shampoo, saponi o balsami e non ci rendiamo conto che tutto ciò è un privilegio. La gran parte del resto del mondo non vive nelle nostre stesse condizioni. C è ancora chi muore di fame o di malattie facilmente curabili, come in alcune zone dell Africa e dell Asia, dove si stimano in all anno i bambini che muoiono di una malattia per noi innocua come il morbillo, e almeno altrettanti a causa dell acqua infetta che bevono. Nel 2006, l'anno più recente per il quale sono disponibili dati ufficiali, 9,7 milioni di bambini sono morti prima di compiere i cinque anni; ciò secondo il rapporto 2008 dell UNICEF, l'organismo dell'onu che si occupa dell'infanzia. Sono 26 mila i bambini sotto i cinque anni che muoiono in media ogni giorno in tutto il mondo, per cause legate alla povertà, come fame e malattie, e per le guerre. Sono cifre spaventose. Basti pensare che si sono intere popolazioni prive di qualsiasi tipo di assistenza sanitaria e dei servizi minimi essenziali. Noi, che ne abbiamo la possibilità, ci lamentiamo quando dobbiamo andare a scuola o fare compiti nel pomeriggio, ma abbiamo a nostra disposizione libri, penne colorate e la possibilità di stare tutti i giorni con ragazzi come noi. Il programma Strade più belle e sicure è nato nel 2006 per iniziativa della Provincia di Torino e, tra i Comuni che vi aderiscono, da quest anno c è anche Carmagnola. Le nostre città non godono di buona salute: traffico e inquinamento incidono pesantemente sulla qualità della vita. Iniziative come I walk to school e questa servono appunto a sensibilizzare la popolazione. In altre parti del mondo i ragazzi della nostra età sono già molti anni che lavorano, anziché andare a scuola e istruirsi per poter sperare in una vita migliore. Più di 100 milioni sono i ragazzi della nostra età che già lavorano, e questo non solo nei Paesi in via di sviluppo, ma anche nelle aree più industrializzate. continua a pag. 2 STRADE PIÙ BELLE E SICURE La nostra scuola aderisce all iniziativa della Provincia Anche le scuole devono fare la loro parte, insegnando ai ragazzi a diventare cittadini consapevoli dei problemi della propria città. Usare di meno i mezzi di trasporto è il primo passo per rendere migliore l ambiente in cui viviamo, più respirabile l aria, meno caotico il traffico. In questo modo si riduce anche il numero degli incidenti stradali, che si susseguono ormai continua a pag. 3 Al mondo ci sono alcuni grandi uomini che hanno fatto grandi cose, ma nessuno gliene ha mai reso merito, o almeno non finché erano in vita. Non è questo il caso di Dominique Lapierre, per fortuna. Dominique Lapierre è uno scrittore francese, candidato al premio Nobel per la Pace, che ha appena ricevuto la cittadinanza onoraria di Carmagnola. Per noi carmagnolesi è stato un grande evento, verificatosi in precedenza solo un altra volta, per una persona altrettanto straordinaria, Don Luigi Ciotti, colui che ha creato la prima chiesa Le sette Meraviglie del Mondo a pag. 7 continua a pag. 2

2 2 S C U O L A scuolacittà Laboratorio di italiano per alunni stranieri È attivo da quest anno nella nostra scuola un laboratorio di lingua italiana per stranieri. È suddiviso in due corsi (uno di base e uno più avanzato) e si tiene al mercoledì pomeriggio dalle alle Quello avanzato lo tiene la professoressa Merlo ed è rivolto agli stranieri che sono in Italia da almeno sei-sette mesi; quello di base è tenuto dalla professoressa Macotto ed è rivolto a chi è arrivato in Italia da poco e non conosce nulla dell italiano. I ragazzi che partecipano sono molti e di lingue diverse, principalmente rumeni e arabi. Libri, dizionari e altro materiale didattico sono messi a disposizione dalla scuola. Qualche difficoltà iniziale si è riscontrata sul piano della comunicazione, non essendo raro il caso di ragazzi che non conoscono nemmeno una parola di italiano, e in questi casi è stato prezioso l aiuto di ragazzi stranieri che si trovano in Italia già da tempo e delle mamme che partecipano e che conoscono l inglese e il francese. C è da dire che già all inizio dell anno scolastico un mediatore culturare e la professoressa Sergi avevano lavorato nelle ore curricolari sull alfabetizzazione di questi ragazzi in modo da farli arrivare al corso pomeridiano con un minimo di conoscenze. Gli studenti sono solo nel corso di base e si rivelano vogliosi di imparare in fretta. Si prevedono ora uscite didattiche per far loro conoscere meglio il posto in cui vivono. Nadia Baravalle DOMINIQUE LAPIERRE segue da pag. 1 in in strada, che aiuta i più emarginati, drogati, prostitute, ladri ecc., ad avere una diversa prospettiva di vita. Sabato 28 febbraio,in piazza Antichi Bastioni, si è svolta la cerimonia di conferimento della cittadinanza onoraria a Dominique Lapierre, alla presenza dell interessato e delle autorità locali. La cerimonia è stata preceduta, nella serata di venerdì 20, da un incontro di presentazione in biblioteca e seguita dalla cena con l autore, nel corso della quale Dominique Lapierre ha presentato il suo ultimo libro, Un arcobaleno nella notte, e incontrato i carmagnolesi. Dominique Lapierre è nato in Francia nel 1931 e a 17 anni ha lasciato Parigi per andare negli Stati Uniti, dove ha scritto il suo primo libro, Un dollaro mille chilometri, e poi in India, dove ha iniziato a collaborare con Madre Teresa di Calcutta nella sua mis- Ognuno di noi ha tempo libero da dedicare allo sport, allo svago, ai suoi hobby preferiti. Possiamo trovarci con gli amici per chiacchierare, fare due risate e divertirci. Abbiamo a disposizione ogni tipo di nuova tecnologia Possiamo ascoltare musica con gli ipod, navigare in Internet e chattare con tutto il mondo, abbiamo a disposizione SKY o il digitale terrestre per guardare programmi alla TV. Cosa possiamo volere di più? Eppure, ci lamentiamo ancora. Il fatto è che non ci rendiamo sione a beneficio dei poveri indiani. Per i suoi numerevoli libri, come Parigi brucia? e Mezzanotte e cinque a Bhopal, Dominique Lapierre ha ricevuto il premio Humanitas Prize, che premia gli enormi valori che trasmette con la sua opera. Ogni anno Dominique Lapierre parte con la moglie per l India a portare personalmente i soldi che riceve dalla vendita dei suoi libri e dalle associazioni che con il tempo si sono create nel mondo per sostenere la sua missione. Una di queste associazioni è nata anche qui a carmagmola e si chiama Amici di Dominique Lapierre ; presidente Renzo Agasso. È stato un piacere sentire dalle vive parole di Dominique Lapierre che gli italiani sono il popolo più generoso e accogliente che abbia mai incontrato. Nadia Baravalle CHE FATICA STARE AL MONDO segue da pag. 1 conto di quanto siamo fortunati. Ogni tanto dovremmo fermarci un attimo a riflettere su tutto questo e magari, quando ne abbiamo la possibilità, fare qualcosa per aiutare chi è meno fortunato di noi. A volte basta davvero poco per alleviare la pena di chi si trova in condizioni disagiate e giustamente va alla ricerca di una vita migliore. Faremmo lo stesso anche noi, se fossimo nelle loro condizioni. Sara Tirante Cristiana Badeanca

3 scuolacittà S C U O L A 3 BUON COMPLEANNO MISTER DARWIN Sì, era proprio il 6 marzo che saremmo andati in scena. Quanto duro lavoro per noi della 3ª I prima di arrivare a quel giorno tanto atteso con ansia! Il nostro spettacolo in onore di Charles Darwin stava per essere presentato. Quante risate, gioie, delusioni con i compagni durante le prove, e poi quei giovani dell'oami e del CST che ci hanno aperto gli occhi su una realtà difficile, per noi quasi impossibile da comprendere. Tutto è iniziato ad ottobre, quando ci hanno parlato del progetto teatrale, che sarebbe stato seguito dai proff. Franchi e Appendino. C era soprattutto tanta paura: era difficile pensare che una classe bella ma confusionaria come la 3ª I sarebbe riuscita a portare avanti un simile impegno. Infatti all'inizio vedevamo la cosa come una semplice perdita di tempo, ma abbiamo poi capito che la faccenda si faceva piuttosto seria. La prima preoccupazione è arrivata quando a "Simo" hanno affidato il ruolo principale: Charles Darwin. Eh sì, parecchie battute per un ragazzo come lui. Anche le altre parti ci hanno messi un po a disagio: tra scimmie, bambine, preti, vescovi, soldati e scienziati non capivamo più niente. Ma si trattava poi solo di immedesimarsi al meglio nel proprio ruolo. Molte emozioni hanno segnato i nostri volti: la rabbia di "Kikka" razzo di "Cla" quando ha saputo che sarebbe diventato vescovo. Le ore perse a scegliere musiche, provare balletti e costumi e a sistemare il teatro... Impossibile da credere di non ridere durante lo spettacolo, e poi c era la paura di dimenticare le battute e di fare brutta figura davanti agli amici... E infine venne il giorno, la resa dei conti! A sipario chiuso ci STRADE PIÙ BELLE E SICURE segue da pag. 1 a ritmo continuo. Quanto all inquinamento, è ormai a livelli insostenibili nelle nostre città, anche a Carmagnola, e trovare dei rimedi è assolutamente indispensabile. Si tratta di un problema che colpisce tutti, naturalmente, ma in particolar modo gli anziani e i più giovani, che sono i più sensibili. quando la parte che voleva fu assegnata ad un'altra persona, la vergogna di "Selo" a mettersi in mostra davanti a tutti, l'imbaconfidammo le nostre paure, poi lo spettacolo... l'agitazione... E alla fine quanta malinconia nel pensare che tutto fosse finito... Ma siamo stati noi, la 3ª I, a rendere tutto così speciale... e quanta soddisfazione per questo... Insieme abbiamo vinto tutte le emozioni e ce l'abbiamo fatta! Questo perché abbiamo creduto in noi stessi! E abbiamo ricevuto anche una lezione che non dimenticheremo facilmente: un GRAZIE a Natale, Giorgio, Alessio, Paola, Andrea e a tutti i loro educatori, che ci hanno dimostrato che nulla è impossibile, e che nonostante le diversità fisiche erano come noi. Questa fantastica esperienza non sarebbe stata possibile senza di loro. Mattia Molinero Francesca Ventimiglia Non a caso questo progetto è indirizzato a noi. In quanto soggetti passivi, poiché non guidiamo e non inquiniamo, ma subiamo i problemi del traffico e respiriamo aria inquinata, dovremmo avere una maggiore sensibilità. Oltre al diritto che ci sia assicurato un corretto sviluppo in questo mondo così maltrattato dagli adulti. STRADE PIÙ BELLE E SICURE Le classi pilota propongono Quando ci hanno mostrato le tabelle relative a incidenti stradali e morti ci siamo stupiti del fatto che il Paese europeo con più morti sia proprio il nostro. A noi ragazzi della 1ª I e 1ª F, cioè delle due classi pilota del progetto, è stato chiesto quindi di proporre idee per rendere le strade cittadine più sicure. In breve, ecco le nostre proposte: - tutelare i pedoni, con marciapiedi rialzati con barriere; - tutelare i ciclisti, con piste promiscue o esclusive possibilmente con barriera; - estendere le zone 30 nelle aree più popolate; - educare giovani e adulti a usare l auto solo in caso di spostamenti lunghi e in assenza di mezzi pubblici. L Italia è il secondo Paese europeo nell utilizzo della bicicletta, e questo è un bene perché così diminuisce l inquinamento nelle nostre città; però i ciclisti sono ancora troppo poco tutelati con zone protette. Per ciò ci siamo impegnati in questo progetto: per sensibilizzare da una parte la gente ad usare meno l auto e più la bici, ma anche per insistere con Regione, Provincia e Comune sulla necessità di costruire zone pedonali e ciclabili più sicure. Noi ragazzi siamo i primi a volere strade più sicure: ne va della nostra autonomia, perché i genitori ci lascerebbero andare in giro più volentieri. Alessandro Del Grosso Erica Defacis

4 4 C I T T À scuolacittà GLI IMMIGRATI CARMAGNOLAMUSEI RIFANNO LE VALIGIE Nata nel 2004, Carmagnolamusei Gli immigrati sono ormai talmente tanti nel nostro Paese che gli italiani se ne preoccupano, per tanti motivi, in parte anche giustificabili. Ma c è una novità in queste ultime settimane: molti di loro stanno rifacendo le valigie per tornare ai propri paesi d origine. La crisi economica che abbiamo qui, la sempre maggiore difficoltà di trovare posti di lavoro, i problemi di integrazione li stanno convincendo che non ne vale la pena. Tanto vale tornarsene a casa. In particolare, per gli immigrati arrivati più di recente si pone addirittura un problema di sopravvivenza. Ammassati nei centri di prima accoglienza, dove restano in condizioni spesso invivibili, in attesa di essere accettati dal nostro Paese, dopo un viaggio terribile e pericoloso pagato a prezzo carissimo a gente senza scrupoli, è qui che conoscono la vera disperazione. Dunque non c è da stupirsi se molti stanno riconsiderando il loro progetto migratorio. Perché restare? E, soprattutto, a quali condizioni? L Italia accoglie immigrati ucraini, russi, georgiani, turkmeni, polacchi, rumeni, albanesi, bulgari, maghrebini, africani. Molti sono clandestini, cioè non in possesso di permesso di soggiorno, e alcuni sono del tutto privi di documenti, ma ciò non vuol dire che siano persone di cui avere paura. Quasi sempre si tratta di persone oneste e gentilissime, e non è giusto avere pregiudizi. Gli italiani invece provano molta diffidenza nei loro confronti, quando non addirittura razzismo. Recentemente tre giovani di 29, 19 e 16 anni sono stati arrestati per l aggressione ad un immigrato indiano alla stazione di Nettuno (Roma). L uomo è stato prima picchiato e poi dato alle fiamme, ma per fortuna si è salvato. Nei giorni successivi ci sono state manifestazioni di protesta da parte degli immigrati, che non vogliono vivere nella paura. Siamo vittime, non delinquenti gridavano. Qui ci ammazzano come animali solo per il colore della nostra pelle. E qualcuno comincia a tornarsene a casa. Sara Baroudi Cristiana Badeanca MINORI CHE IMMIGRANO Nell ambito di un fenomeno così drammatico quale la migrazione in massa dai paesi poveri verso quelli più sviluppati, cui stiamo assistendo in questi ultimi tempi, c è un aspetto ancor più drammatico: quello dell immigrazione dei minori non accompagnati. In Italia attualmente sono ben i minorenni arrivati senza accompagnatore, di cui solo a Lampedusa. Sono tutti provenienti da aree di crisi e hanno un età media tra i 16 e i 17 anni. La maggior parte di loro arriva su mandato familiare, cioè con il consenso dei genitori. Non si tratta di una partenza costretta, ma di una scelta condivisa con la propria famiglia per tentare di uscire dalla miseria estrema in cui vivono e avere qualche possibilità di un futuro migliore. Ma se già gli immigrati adulti, in grado di lavorare e di sopportare stenti e sacrifici, incontrano difficoltà enormi a farsi accettare dal nostro Paese, ben poche speranze restano a questi poveri ragazzi. Sara Baroudi Cristiana Badeanca è la rete museale di Carmagnola, che riunisce cinque luoghi di comunicazione della cultura e della tradizione carmagnolesi, ossia Ecomuseo della Canapa, Museo Tipografico Rondani, Museo Civico di Storia Naturale, Sinagoga e Museo Civico Navale, operanti sul territorio già da diverso tempo e riuniti in un sistema di gestione e promozione più organizzato e fruibile, interessante punto di attrazione per un turismo culturale diversificato. Carmagnolamusei propone la visita dei principali musei carmagnolesi come viaggio alla riscoperta del territorio piemontese, secondo percorsi di visita personalizzati che inseriscono le diverse realtà museali all interno di un ambiente pensato come Ecomuseo del Territorio. Le visite all interno dei musei si intendono tutte accompagnate da personale addetto, mentre per la visita del Centro Storico, dell Abbazia di Casanova e del bosco del Gerbasso sono disponibili, a richiesta, servizi di guide turistiche e naturalistiche. Pensati per le scuole e per chi desidera vivere i musei in modo più partecipato e attivo, sono disponibili proposte di laboratori didattici. Tutti e cinque questi musei riapriranno dal primo Aprile, ogni sabato e domenica con orario (Sinagoga solo alla domenica); ingressi singoli a 2 euro, biglietto cumulativo (cioè uno per tutti e 5) a 6 euro. Alla seconda domenica di ogni mese apertura anche al mattino in occasione del Mercantico. Per finire, qualche curiosità: la Sinagoga testimonia la presenza di una comunità ebraica a Carmagnola sin dalla fine del 500; il Museo Tipografico «Rondani» espone libri stampati a Carmagnola che risalgono al 1500; l Ecomuseo della Canapa ha delle attrezzature e delle corde del 1930; il siluro posizionato all ingresso del Museo Civico Navale è un Whitehead, modello utilizzato nella seconda guerra mondiale. Stefano Borsello Riparte la stagione museale carmagnolese

5 scuolacittà C O S T U M E 5 Se fumate, puzzate! E questo è solo il minore dei rischi Il signor biro La più semplice e geniale delle invenzioni Tutti dicono che smettere di fumare è importante, ma sarebbe ancora più importante non iniziare proprio. Basta ricordarsi che esistono molte malattie dovute al fumo: malattie cardiache, cancro ai polmoni, enfisema La sigaretta contiene 401 veleni e 43 agenti chimici che possono causare il cancro. E oggigiorno la percentuale dei morti per cancro è altissima: il 70 % per le donne, addirittura vicina al 90 % per gli uomini. Non in tutti questi casi ciò è dovuto al fumo, naturalmente, però il fumo incide in modo decisivo. Ma, oltre ad accorciare la durata della vita, quando si fuma si causano danni anche al proprio aspetto esteriore: rughe, denti macchiati e alito cattivo, cattivo odore, ossa fragili, depressione ecc Se fumate potete scordarvi il bellissimo aspetto che avete sempre sognato per quando sarete grandi. Molti dicono che fumare rilassa, attenua lo stress, ma ci sono molti altri modi per farlo, e più innocui: per esempio masticare un cicles, oppure stringere una pallina morbida... In Italia gli amanti del tabacco sono 14 milioni, ma negli ultimi anni i consumi hanno fatto registrare un lieve calo: questo vuol dire che alcuni stanno smettendo di fumare perché si sono accorti che i rischi di malattie stanno crescendo. Oltre tutto c è da dire che le sigarette costano parecchio (e aumentano in continuazione). Pensate a qualcosa di meglio da fare con quei quattro euro che spendete per le sigarette. Poi c è la questione del fumo passivo, da tenere presente soprattutto in presenza di minori. Il fumo passivo rende i bambini dipendenti dalla nicotina, mentre una donna in gravidanza che fuma è causa di gravi effetti sulla salute del nascituro, incluso il basso peso alla nascita e la ridotta funzionalità respiratoria. Siete avvertiti! CIOCCOLATO Chi può vivere senza? Attraverso le varie epoche, molti alimenti sono stati definiti cibo degli dei (vino, miele ecc.), ma nessuno più del cioccolato lo merita. Furono forse gli aztechi a utilizzarlo per primi, non solo nei banchetti, ma anche come offerta agli dei e per consacrare i neonati sulle mani, sui piedi e sul viso. Montezuma, re azteco, secondo un racconto, beveva continuamente la bevanda da coppe d oro. Questo cibo divino veniva aromatizzato dai più nobili con vaniglia, miele, pita juice e talvolta peperoncino (ecco perché assumeva un colore rossastro). I funzionari spagnoli utilizzavano invece mandorle, anice, cannella e nocciole. I Fiorentini aromatizzavano la cioccolata con il gelsomino, molto apprezzato dalla corte del Granduca Cosimo III; la be- vanda veniva preparata anche con acqua calda e accompagnata dallo zucchero di canna, che venne introdotto poi nel cosiddetto Nuovo Mondo. Per ottenere la schiuma in superficie, gli schiavi usavano una frusta in legno chiamata mulinello. Nel tempo, i cioccolatai mutarono la formula della cioccolata, magari aggiungendo nuovi prodotti: Henri Nestlè scoprì un metodo di produrre il latte in polvere grazie all evaporazione; anche Rudolphe Lindt modificò la sua ricetta, aumentando la quantità di burro e di cacao. Oggi i gusti sono tanti: dal fondente al latte, dal bianco al nocciolato, dal peperoncino al gianduia, dai pistacchi alle mandorle, dalla tavoletta ripiena alla tavoletta candita. Laura Dalpozzi Ci sono oggetti che utilizziamo così spesso che non ci rendiamo conto di quanto siano geniali e di quanto abbiano influito sulla nostra vita e su quella dell umanità intera. Uno di questi è la penna biro, semplice oggetto di uso comune che ciascuno di noi ha nel portapenne. Deve il suo nome all argentino-ungherese Laszlo Biro, che la inventò, intorno alla fine degli anni 30, insieme al fratello Georg. Pare che abbia avuto la prima intuizione del meccanismo alla base della penna a sfera osservando alcuni bambini che giocavano a biglie sulla strada. Dopo gli opportuni perfezionamenti, nel 1943 Biro brevettò la sua invenzione e cominciò a produrla in proprio. I costi di produzione erano però piuttosto elevati e la penna a sfera risultava un prodotto d elite. Fu così che i fratelli Biro finirono per cedere il brevetto al barone francese Marcel Bich, che nel 1945 riuscì a produrre il nuovo tipo di penna abbattendo i costi del 90% e la commercializzò in tutto il mondo. Marcel Bich era, con Edouard Buffard, il fondatore e proprietario dell azienda francese BIC, avviata proprio nel 1945 allo scopo di produrre di matite e penne stilografiche. Nel dicembre 1950, quando Marcel Bich presentò la sua nuova penna a sfera, la chiamò proprio BIC (la h finale fu tolta per evitare una possibile pronuncia inappropriata in lingua inglese). Come spesso accade in questi casi, il signor Biro morì povero (nel 1985 a Buenos Aires), mentre oggi la BIC è una multinazionale potente che produce di tutto (accendini, rasoi ecc.). Nel settembre 2005 la BIC annunciò di aver raggiunto il numero di 100 miliardi di penne a sfera usa e getta vendute. Alice Graziotto

6 6 S C I E N Z A scuolacittà CHE CI FANNO LASSÙ? QUANTI SATELLITI CI GIRANO INTORNO L ASTRONAVE GIALLA L ultimo dei prodotti made in Cina Sin dal 1957, quando l Unione Sovietica lanciò in orbita il primo satellite artificiale (lo Sputnik), lo spazio intorno alla Terra si è riempito di ogni genere d oggetti. Da qualche tempo in orbita si lancia anche l immondizia e alcune scorie radioattive molto pericolose che sulla Terra non sappiamo come smaltire. I satelliti artificiali sono oggetti costruiti dall uomo e la maggior parte di essi è usata per il funzionamento delle linee telefoniche o per i servizi metereologici. Alcuni satelliti hanno lo scopo di monitorare alcune zone del nostro pianeta o persino di sondare altri pianeti. Infatti i satelliti sono dotati di apparecchiature supertecnologiche che sono in grado di scannerizzare l ambiente circostante a distanza di diversi chilometri. I satelliti vagano nello spazio per circa sei anni e sfruttano l energia solare per far funzionare il loro sistema di propulsione e tutte le apparecchiature di bordo. Alcuni di essi sono in grado di avvistare e segnalare oggetti volanti non identificati. Dai satelliti adibiti a questo genere di missione arrivano numerose foto di piccoli oggetti che ne hanno intralciato l orbita, grazie a sofisticati sistemi di ripresa fotografica. Alcuni satelliti hanno anche delle sonde in grado di vedere se in un territorio sconosciuto, come può essere quello di un altro pianeta, è presente dell acqua o qualunque altra sostanza. Ci sono anche i satelliti adibiti alla navigazione, che permettono di rilevare la propria posizione sulla superficie terrestre con un margine di errore di 10 cm. Questo tipo di satellite è molto utile per dirigere le operazioni di salvataggio in mare. In totale il numero dei satelliti che ci girano intorno è di quasi , posizionati in varie orbite intorno alla Terra oppure intorno ad altri pianeti, come Marte, forse il più studiato, e alla Luna. Diego Mattis Fino a poco tempo fa la Cina era considerata immobile. Oggi invece è il Paese in più rapida mutazione in tutto il mondo e si sta avviando verso un ruolo di potenza di primo piano nel mondo. Sull esempio di Stati Uniti ed ex Unione Sovietica, anche la Cina guarda con interesse allo spazio interstellare e si propone di riuscire a portare sulla Luna un astronauta cinese entro il Già nel Natale scorso alcuni astronauti cinesi sono partiti con CIBI TRANSGENICI Abbiamo sempre meno idea di cosa mangiamo Siamo sicuri di sapere cosa mangiamo? Esistono cibi che si chiamano transgenici, quelli cioè che vengono modificati in laboratorio, che tengono in allarme i nutrizionisti. Spesso si tratta di cose formidabili: esiste del riso che diventa rosso perché è addizionato alle proteine e alla vitamina A, oppure delle fragole che resistono al freddo grazie all aggiunta di un gene prelevato dal pesce artico. Ma andiamo per ordine. Prima di tutto bisogna capire che cosa significa cibi transgenici. Trans in latino significa «oltre», «al di là», quindi «al di là dei geni», nel senso che va oltre la composizione genetica, modificandola. In pratica sono prodotti alimentari ottenuti da Organismi Geneticamente Modificati (OGM) grazie alle tecniche raffinate e potenti messe a punto dalla biologia moderna. Per ottenere un prodotto agricolo sempre più perfetto si utilizzano queste tecniche di laboratorio, ma così facendo si modifica il patrimonio genetico di questi organismi e quindi alla fine di questa catena di manipolazioni il consumatore, cioè noi tutti, si nutrirà immettendo nel proprio corpo delle proteine che non siamo sicuri di tollerare. Solo il tempo e ulteriori sperimentazioni ci chiariranno tutti i dubbi. Letizia Sbrana una speciale navetta prodotta al 40% in plastica e hanno mandato sulla Terra i loro auguri di capodanno direttamente dalla stazione spaziale internazionale! In realtà le imprese spaziali cinesi che sono iniziate nel lontano 1965, in collaborazione con l URSS, e proseguite poi indipendentemente. Il programma fu portato avanti dall esercito per la sicurezza nazionale. Lo scopo del programma era creare missili teleguidati sull esempio delle V-2 tedesche e dei Jupiter americani, e a questo scopo furono creati dei missili balistici chiamati Donfeng. Il 1970 vide poi il lancio del Dongfanghong 1, primo vero satellite cinese. Grazie a ciò, la Cina divenne il quinto Paese ad essere arrivato nello spazio. Nel 2003 l impresa fu compiuta con un uomo a bordo e la Cina divenne così il terzo Paese al mondo, dopo URSS e Stati Uniti, a mandare un uomo nello spazio. Una nuova missione fu ripetuta nel 2008, con una seconda navetta, questa volta con tre astronauti cinesi a bordo. La navetta fu urtata da un oggetto volante non identificato (probabilmente un asteroide) e si scalfì uno dei pannelli protettivi. Fu necessario intervenire con una riparazione immediata, ma l astronauta che se ne occupò diede inavvertitamente un colpo alla sua cassetta degli attrezzi che, spinta dal moto perpetuo presente nello spazio, si perse nell universo. Probabilmente non sarà mai ritrovata. Mattia Molinero

7 scuolacittà S T O R I A 7 Luoghi maledetti I campi di sterminio al tempo del nazismo LE SETTE MERAVIGLIE DEL MONDO Nuove o antiche, ma sempre meraviglie La tetra immagine qui sopra si riferisce al campo di Auschwitz- Birkenau, il più famigerato tra i campi di sterminio sorti durante il regime nazista. Si trova però non in Germania, ma in Polonia, a circa 60 chilometri ad ovest di Cracovia. Auschwitz svolse un ruolo fondamentale nei progetti che Hitler aveva per il popolo ebraico, ossia il suo sterminio totale, divenendo rapidamente il più grande ed efficiente di tutti. Oggi quel che ne resta è Patrimonio dell Umanità, secondo l Unesco. Il campo di Auschwitz fu operativo dal 14 giugno Qui i prigionieri venivano privati completamente della loro dignità umana: dovevano svolgere lavori durissimi e subivano violenze, torture e punizioni di ogni genere. Il numero di prigionieri che questo campo poteva contenere fluttuava tra le e le oltre unità. Eppure vi morirono centinaia di migliaia di persone: non solo ebrei, ma anche intellettuali polacchi e prigionieri di guerra sovietici. Non era l unico campo del genere, naturalmente. Un altro fu quello di Ravensbrück, destinato prevalentamente a donne e bambini, poi quelli di Belzec, Chelmno, Majdanek, Sobibór, Treblinka e infine quello di Bergen-Belsen. In quest ultimo finì Anna Frank ( ), ragazza ebrea divenuta un simbolo della Shoah (il termine ebraico con cui si indica lo sterminio) per via del suo celebre Diario. In esso Anna raccolse le sue speranze di ragazza e le sue amare considerazioni per quanto vedeva accadere intorno a sé. Descrisse diligentemente come si svolgevano le sue giornate da reclusa durante i due anni in cui visse nascosta con la sua famiglia nella soffitta di una casa di Amsterdam per sfuggire ai rastrellamenti nazisti, fino al giorno in cui una soffiata condusse la Gestapo (la polizia nazista) a catturarli. Anna fu internata dapprima ad Auschwitz e poi a Bergen-Belsen, dove morì di tifo, un mese appena prima che il campo venisse liberato dalle truppe inglesi. Aveva solo tredici anni. Alice Graziotto L originario elenco delle meraviglie del mondo antico, ossia delle grandi opere costruite dall uomo, fu stilato dal poeta Antipatro di Sidone e dal matematico Filone di Bisanzio nel 250 e 226 a.c. Erano sette: la piramide di Cheope a Giza, i giardini pensili di Babilonia, il colosso di Rodi, il Mausoleo di Alicarnasso, il tempio di Artemide ad Efeso, il faro di Alessandria in Egitto, la statua di Zeus ad Olimpia. Caso vuole che proprio la più antica di tutte, la piramide di Cheope, sia l unica rimasta in piedi. I giardini pensili di Babilonia (che in realtà pensili non erano, ma appoggiati su terrazze) furono fatti costruire dal re Nabucodonosor per la moglie. Il colosso di Rodi (vedi immagine) era un enorme statua bronzea situata all imbocco del porto nell omonima isola. Era dedicato a Elio, il dio Sole protettore dell isola; restò in piedi per pochi anni, poi fu distrutto da un terremoto. Il Mausoleo di Alicarnasso era la grandiosa tomba del re Mausolo, edificata dalla vedova che volle mostrare al mondo la grandezza del marito. Alicarnasso è l attuale città di Bodrum, in Turchia. Il tempio di Artemide ad Efeso richiese cento anni per la sua costruzione e pare avesse pareti di marmo e oro e si innalzasse fino alle nuvole. Le sue rovine sono visibili ad Efeso in Turchia. Il faro di Alessandria in Egitto prese il nome dall isola di Pharos che si trovava davanti al porto di Alessandria e diede il nome ai tutti fari moderni. Alla base si accendeva un fuoco e con un gioco di specchi applicati alle pareti la luce era portata fino alla sua sommità. Fu anch esso distrutto da un terremoto. La statua di Zeus ad Olimpia fu costruita dal grande scultore greco Fidia ed era tutta in avorio e oro. La statua è andata distrutta, ma è ancora presente in molte raffigurazioni. Queste le meraviglie classiche. Ma il mondo è andato avanti, non si è fermato all età antica, così capita ogni tanto che qualcuno proponga nuove meraviglie per aggiornare il celebre elenco che ormai denuncia i suoi 2000 e più anni. Recentemente l Unesco si è incaricata di stilare un elenco di sette nuove meraviglie. Dopo una prima selezione, conclusasi il 24 dicembre 2005, restavano ancora 77 opere, sottoposte a giudizio ulteriore di sette giudici internazionali che hanno ridotto il numero a 21 tra opere e siti archeologi. Vi figurano, tra le altre, il Colosseo, la Grande Muraglia cinese, il Taj Mahal in India; esclusa invece la Statua della Libertà. Ma le meraviglie di oggi non sono solo monumenti: basti pensare a Internet, una vera meraviglia tecnologica che raccoglie insieme tutte le conoscenze del mondo. Magalì Giordano

8 8 S P O R T - T E M P O L I B E R O SPORT Una parte importante nella storia dell uomo ipod e itunes Quanti ragazzi si vedono in giro per strada (ma anche a scuola) con gli auricolari alle orecchie? È segno che da qualche parte nelle tasche hanno un ipod (o comunque un lettore mp3). L ipod è un lettore musicale digitale arrivato sul mercato nel Da allora ha subito una grande evoluzione, a partire dalle dimesioni e dalla capacità di memoria (dai 128 Kb iniziali ai 120 Gb di oggi), e già è annunciata l uscita di un nuovo ipod 7g con schermo più grande e memoria da 250 GB e di un ipod: shuffle che non utilizza un hard disk, ma memoria allo stato Sull ultimo numero di Scuolacittà dello scorso anno è stato pubblicato un articolo in cui si parlava della fiction 5 sotto canestro prodotta da MTV italia e di Andrea Becchio, cestista carmagnolese quattordicenne scelto come protagonista insieme ad altri ragazzi. Non avevamo parlato però di Jury Ferretto, altro alunno della nostra scuola che ha fatto la comparsa nella stessa fiction. Lo sport ha origini molto antiche, come tutti sanno. Tra le discipline praticate ancora oggi, la più antica di tutte è probabilmente la corsa, seguita da lanci e salti. Per la sopravvivenza, ma anche per svago, gli uomini dell età antica si esercitavano negli sport che oggi chiamiamo nuoto, canoa, equitazione, lotta, pugilato, scherma, a cui si aggiungevano giochi con palle fatte di erba o grossi frutti. Sono stati ritrovati nel deserto libico dei graffiti che rappresentano uomini intenti a nuotare e a tirare con l arco. Proprio il tiro con l arco venne praticato molto dagli Ebrei, insieme al tiro con la fionda e al gioco della pietra di paragone (una gara che consisteva nel sollevare un macigno pesante). La ginnastica ebbe il suo primo sviluppo nell antica Cina, insieme alle Arti Marziali e all acrobatica. Successivamente fu praticata presso gli Egizi e i Greci; oggi, con l atletica leggera, è la regina delle Olimpiadi e delle manifestazioni sportive in genere. Gli Egizi praticavano gli sport quasi esclusivamente per divertimento; per i Greci era un modo per sviluppare certe abilità che sarebbero tornate utili in guerra (per esempio il lancio del giavellotto, del disco, la corsa dei carri e il pentathlon). Nel 776 a.c. vennero istituiti a Olimpia i primi Giochi Olimpici, in onore di Zeus, durante i quali perfino le guerre erano sospese. A Roma gli sport esaltavano la competizione fisica. Gli antichi romani amavano i giochi violenti come il pugilato, la lotta e il pancrazio (una variante del pugilato). Nel Medioevo si diffusero la cavalleria come sport aristocratico e i giochi con la palla destinati al popolo. Da questi ultimi nacquero poi diverse discipline, molto seguite ancora oggi: il rugby, il tennis, il golf, il baseball e in particolare il calcio, che in Italia è considerato lo sport nazionale. Sara Tirante solido non espandibile. ITunes è invece il nome di un programma che serve per scaricare musica, immagini, video e addirittura film! Una specie di internet portatile, che supporta tutti i tipi di formati. Sono strumenti formidabili, ma con qualche controindicazione: dermatiti e allergie dovute ai materiali utilizzati (nichel principalmente) e, in caso di uso eccessivo, mal di testa e disturbi all udito sono sempre in agguato, benché temporanei, per fortuna. Nadia Baravalle Ehiiii... c ero anch io! Un po stizzito, è venuto a farci notare che anche lui era stato scelto, che anche lui aveva partecipato e che anche il suo nome compariva nei titoli di coda. Rimediamo ora, scusandoci. Jury è un ragazzo molto simpatico, alunno della classe 3ª I del plesso di corso Sacchirone, un po svampito magari, ma in gamba. Mattia Molinero SCUOLACITTÀ Anno V - n. 2 - Aprile 2009 Redazione Stefano Borsello Alessandro Cauduro Laura Dalpozzi Davide Ferrero Magalì Giordano Francesca Isoardi Diego Mattis Mattia Molinero Ilaria Parola Andrea Tamburro Sara Tirante Diego Vernacchia Collaboratori Cristiana Badeanca Nadia Baravalle Sara Baroudi Marica Bertero Erica Defacis Alessandro Del Grosso Alice Graziotto Affou Ouattara Letizia Sbrana Christopher Serra Francesca Ventimiglia Luca Zanfini coordinamento generale: prof. Gianni Zunino

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Quando eravamo scimmie

Quando eravamo scimmie Quando eravamo scimmie Zio, è vero che tu insegni antro... non mi ricordo più come si chiama. Antropologia, sì è vero Chiara. Mi spieghi cos è? Che non è mica tanto chiaro. Sedetevi qui, anche tu, Elena.

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

MIGRANTI. La classe I B. incontra la professoressa Giovanna Cipollari (CVM) docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti. Progetto di intercultura

MIGRANTI. La classe I B. incontra la professoressa Giovanna Cipollari (CVM) docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti. Progetto di intercultura MIGRANTI La classe I B incontra la professoressa Giovanna Cipollari (CVM) docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti Progetto di intercultura Essere giovani nella società globale: in viaggio da me a

Dettagli

Psoprattutto nella fase di informazione,

Psoprattutto nella fase di informazione, UNA VISIONE DALLA PARTE DELL UTENZA DEBOLE, CICLISTI E PEDONI Marco Passigato FIAB, Federazione Italiana Amici della Bicicletta rima di iniziare vorrei ringraziare le associazioni che hanno collaborato,

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone.

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone. La nuova adozione a distanza della Scuola Secondaria di Primo Grado di Merone. Riflessione sull Associazione S.O.S. INDIA CHIAMA L' India è un' enorme nazione, suddivisa in tante regioni (circa 22) ed

Dettagli

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE CATERINA ROMANO 27/01/2012 Nonna, posso sedermi vicino a te? Ho paura. In televisione ci sono dei brutti film. Fanno vedere tante persone malate e dicono

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

A dire la verità è molto simpatica, ha tanta intelligenza e una pazienza così lunga da superare perfino il Nilo!

A dire la verità è molto simpatica, ha tanta intelligenza e una pazienza così lunga da superare perfino il Nilo! Lo scorso aprile la nostra scuola ha ospitato Maria Luisa Mesiano, un egittologa che ha partecipato agli scavi. Ci ha parlato di questa sua esperienza in Egitto e dei ritrovamenti effettuati. L egittologa

Dettagli

Noi della scuola di Pontegradella siamo così : INCHIESTE STATISTICHE

Noi della scuola di Pontegradella siamo così : INCHIESTE STATISTICHE ANNO II NUMERO 2 a.s. 2007/2008 AUTORI CLASSE 5 ^ Noi della scuola di Pontegradella siamo così : INCHIESTE STATISTICHE Durante le lezioni di matematica, noi di classe quinta abbiamo studiato l indagine

Dettagli

Non sapevo veramente cosa aspettarmi Pensavo sarebbe stato qualcosa di simile a quello che avevo fatto a casa mia a Briarwood. Pensavo di trovare famiglie senza casa, gente povera, e senso di isolamento.

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

COMUNITA LA CRISALIDE

COMUNITA LA CRISALIDE COMUNITA LA CRISALIDE Via Aquila 144 80143 Napoli Tel. Fax. 081 269834 cell: 335235916 e-mail: ass.margherita@fastwebnet.it sito: www.casafamiglialacrisalide.it LA FALSA DOMANDA Quante volte abbiamo detto,

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE FEBBRAIO 2014 ANNO III N. 7 SCUOLA PRIMARIA STATALE DI GRANTORTO AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE Questo numero parla di un argomento un po scottante : IL BULLISMO! I PROTAGONISTI LA VITTIMA Nel mese

Dettagli

AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE

AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE G.B. GUARINI Sezioni A B C Progetto di educazione ambientale AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE Anno scolastico 20011/2012 Le insegnanti hanno deciso di predisporre questo

Dettagli

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank.

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank. Anna Frank era una ragazza ebrea-tedesca, oggi divenuto simbolo dell'olocausto, ovvero dello sterminio degli Ebrei per mano della Germania nazista e dai suoi alleati ai tempi della seconda guerra mondiale.

Dettagli

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Saluti alle autorità Presidente dott. Silvagni Segretario di stato alla cultura Segretario

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO Io racconto, tu mi ascolti. Noi ci conosciamo Istituto comprensivo n.8 ( Fe ) SCUOLA PRIMARIA DI BAURA Classe seconda Ins: Anna Maria Faggioli, Marcello Gumina, Stefania Guiducci.

Dettagli

CENTRO - PERIFERIA: ANDATA E RITORNO NEWSPAPER IN RETE EDIZIONE STRAORDINARIA NUMERO UNICO-TIRATURA LIMITATA MAGGIO 2014

CENTRO - PERIFERIA: ANDATA E RITORNO NEWSPAPER IN RETE EDIZIONE STRAORDINARIA NUMERO UNICO-TIRATURA LIMITATA MAGGIO 2014 CENTRO - PERIFERIA: ANDATA E RITORNO NEWSPAPER IN RETE EDIZIONE STRAORDINARIA NUMERO UNICO-TIRATURA LIMITATA MAGGIO 2014 5 scuole per un Curricolo verticale di Rete I.C. VIA DELLE CARINE I.C. MARINO CENTRO

Dettagli

VISITA GUIDATA 8 MARZO

VISITA GUIDATA 8 MARZO VISITA GUIDATA 8 MARZO 2013 SPERONE (AVELLINO) - laboratori italiani del cioccolato PROGRAMMA DELLA VISITA - Arrivo in pullman a La Cioccolateria - Accoglienza e brevi nozioni sulla storia del cioccolato

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

1 livello: alfabetizzazione di base per alunni neo immigrati 2 livello: rinforzo, consolidamento della lingua italiana

1 livello: alfabetizzazione di base per alunni neo immigrati 2 livello: rinforzo, consolidamento della lingua italiana dal POF 6.. Progettii comunii a tuttii ii pllessii Progetto di accoglienza per alunni di lingua non italiana Il Progetto di Accoglienza del nostro Istituto è articolato in diversi interventi educativo

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE

1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE 1. FUMO PERCHÉ È PIACEVOLE Si dicono un sacco di cose brutte sulle sigarette, ma la verità è che si fuma perché è piacevole. È piacevole aspirare il fumo con calma, è piacevole sentirlo impossessarsi dei

Dettagli

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie Guida per gli insegnanti insegnanti-interno Marco 18-10-2006 17:30 Pagina 3 Cari insegnanti, Cosa intendiamo per stile di vita sano? come certamente sapete

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

SCUOLA MEDIA EINSTEIN REGGIO EMILIA

SCUOLA MEDIA EINSTEIN REGGIO EMILIA SCUOLA MEDIA EINSTEIN REGGIO EMILIA ELEZIONE DEL 1 Qualora io venissi eletto, intendo proporre le seguenti 1) Abbellire la nostra scuola e costruire altre aule nuove. 2) Mettere più giochi per ragazzi

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO.

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO. SEMPLICEMENTE INSIEME per condividere esperienze, notizie, gioie, conquiste, vittorie, delusioni, difficoltà, sofferenze come in famiglia, senza giudizi, rispettando l opinione di ciascuno, certi che ognuno

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA?

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA? CAPITOLO XXX MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA VALLE, TROVARONO COMPAGNI CHE ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «TANTA GENTE ATTIRA I SOLDATI. POVERO ME!» BORBOTTAVA DON ABBONDIO. «NEI PERICOLI È MEGLIO

Dettagli

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A Periodico della classe IV A Scuola elementare A. Sabin Anno Scolastico 2011/2012 INDICE 1. Presentazione: perché un giornalino 2. Cosa succede a scuola: elezioni del consiglio dei ragazzi 3. Scrittori

Dettagli

RICORDO DI TRENTO. 1Fc - Piero Zin L HOMO SAPIENS SCOPRE TRENTO

RICORDO DI TRENTO. 1Fc - Piero Zin L HOMO SAPIENS SCOPRE TRENTO RICORDO DI TRENTO Ricordo che, più o meno, siamo arrivati a Trento sulle 11 e alle 11.45 eravamo dentro in museo per vedere la mostra sull homo sapiens, che si è rivelata molto bella e interessante. Ricordo

Dettagli

MACARIOPOLI POLLUTION CITY? Racconto con immagini realizzato dagli studenti della Classe I B della Scuola Secondaria di I Grado di San Macario

MACARIOPOLI POLLUTION CITY? Racconto con immagini realizzato dagli studenti della Classe I B della Scuola Secondaria di I Grado di San Macario MACARIOPOLI O POLLUTION CITY? Racconto con immagini realizzato dagli studenti della Classe I B della Scuola Secondaria di I Grado di San Macario La Terra sembra essere divisa in due parti Una di queste

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Presentazione. di Donatella Spinelli*

Presentazione. di Donatella Spinelli* Presentazione di Donatella Spinelli* Parole in corso è un libro e allo stesso tempo un gioco, pieno di consigli e di strumenti preziosi per chi vuole aiutare i bambini con difficoltà di lettura a progredire

Dettagli

Chiara, Giada, Maria, Matteo, Matteo

Chiara, Giada, Maria, Matteo, Matteo Eccoci pronti a partire per Aprica, dove ci aspetta un tranquillo weekend in montagna. Ci andiamo spesso e conosciamo perfettamente tutto il tragitto. Appena ci spostiamo in direzione nord le case iniziano

Dettagli

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA ANNO SCOLASTICO 2011/ 12 UNA GIORNATA A BRERA Venerdì 17 febbraio sono andato con la mia classe e la IV E a Brera. Quando siamo arrivati le guide ci hanno diviso

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI Intorno al 1200 a.c. nuovi popoli arrivano in Grecia. Questi popoli partono dal Nord dell'asia e dal Nord dell'europa. Queste persone diventano i nuovi padroni del territorio.

Dettagli

CULTURA ITALIANA. (5 minuti di proiezione del film)

CULTURA ITALIANA. (5 minuti di proiezione del film) CULTURA ITALIANA Introduzione Bologna è una città medievale, dove la bellezza è nascosta, bisogna scoprirla. Ma ha anche dei segreti, per esempio la qualità della cucina. Il tortellino è il principe della

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

Christian, Riccardo, Camilla, Andrea

Christian, Riccardo, Camilla, Andrea Giovedì pomeriggio ci siamo recati in biblioteca per fare una ricerca sull'illuminismo. Cercavamo un libro abbastanza antico, non trovandolo la bibliotecaria ci ha portati nell'archivio e ci ha dato un

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

Cari genitori, solo poche righe di diario su quello che hanno fatto i vostri figli nella settimana di campo/collegiale:

Cari genitori, solo poche righe di diario su quello che hanno fatto i vostri figli nella settimana di campo/collegiale: Cari genitori, solo poche righe di diario su quello che hanno fatto i vostri figli nella settimana di campo/collegiale: PRIMA SETTIMANA "Ho cercato di alternare momenti strutturati a momenti liberi...la

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita)

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) Credevo di essere pronta a questa esperienza. Credevo di essere pronta a passare un intero mese dall altra

Dettagli

"Mangiare è una necessità. Mangiare intelligentemente è un'arte."francois de La Rochefoucauld

Mangiare è una necessità. Mangiare intelligentemente è un'arte.francois de La Rochefoucauld "Mangiare è una necessità. Mangiare intelligentemente è un'arte."francois de La Rochefoucauld Ma chi sono i veri padroni del cibo? I signori dell'industria alimentare sono 10 e hanno un enorme guadagno

Dettagli

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi Articolo 1: Il bambino (o bambina) è ogni essere umano fino a 18 anni. Articolo 2: Gli Stati devono rispettare, nel

Dettagli

2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8. 4.Conclusione... 9

2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8. 4.Conclusione... 9 1.Introduzione... 2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8 4.Conclusione... 9 Elisa Boffi 2009/2010 Opzione Storia 2 1) Introduzione In questo lavoro parlerò del mio sport, il nuoto sincronizzato.

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante.

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante. I RAGAZZI E LE RAGAZZE RACCONTANO Daniele Quando aveva 13 anni Daniele viveva vicino a Milano con la sua famiglia: mamma, papà e Emanuele, il fratello maggiore, con cui andava molto d accordo; anzi, possiamo

Dettagli

RIASSUNTO DELLO SPETTACOLO

RIASSUNTO DELLO SPETTACOLO Voci Narrazione di Claudio Milani Con Claudio Milani Testo Francesca Marchegiano Illustrazioni e Scene Elisabetta Viganò, Armando Milani Musiche e canzoni Sulutumana, Andrea Bernasconi Cantante lirica

Dettagli

Augustin BAUDOUIN. Buongiorno a tutti ragazzi, non so se la vostra professoressa vi ha detto perché sono qui oggi?

Augustin BAUDOUIN. Buongiorno a tutti ragazzi, non so se la vostra professoressa vi ha detto perché sono qui oggi? Augustin BAUDOUIN Buongiorno a tutti ragazzi, non so se la vostra professoressa vi ha detto perché sono qui oggi? Vengo per parlare della vita nei campi di concentramento. Prima dovete sapere che i deportati

Dettagli

GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA

GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA Mercoledì 11 dicembre abbiamo accolto gli amici delle quinte: vi raccontiamo la giornata...speciale. E' stato molto interessante ed istruttivo, a parer mio, far visitare, nel

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Pio Lando Di Stefano, un arzillo nonnino di novanta anni, ha vissuto gli orrori della seconda guerra Mondiale ed ha

Pio Lando Di Stefano, un arzillo nonnino di novanta anni, ha vissuto gli orrori della seconda guerra Mondiale ed ha Libertà. Per capire il significato di questa parola, bisogna conoscere il significato della parola opposta: prigionia. Questo termine significa essere prigionieri, schiavi, servitori di un padrone. Non

Dettagli

GIOCHIAMO CHE IO ERO...?

GIOCHIAMO CHE IO ERO...? QUADERNO DIDATTICO GIOCHIAMO CHE IO ERO...? SI APRE IL SIPARIO Il titolo del quaderno, che riprende una delle frasi spontanee più ricorrenti nei giochi dei bambini, esprime da solo la relazione esistente

Dettagli

I.C.PETRITOLI SCUOLA DELL INFANZIA E PRIMARIA DI MONTE GIBERTO

I.C.PETRITOLI SCUOLA DELL INFANZIA E PRIMARIA DI MONTE GIBERTO I.C.PETRITOLI SCUOLA DELL INFANZIA E PRIMARIA DI MONTE GIBERTO INSEGNANTI SCUOLA PRIMARIA:TESORATI LUISA E CIARROCCHI ANNA MARIA INSEGNANTI SCUOLA DELL INFANZIA: ANNA MARIA ISOLINI, PASQUALINI MARGHERITA

Dettagli

Carabiniere e Fiumefreddesi volontari in Tanzania. Esempio di carità e altruismo.

Carabiniere e Fiumefreddesi volontari in Tanzania. Esempio di carità e altruismo. Carabiniere e Fiumefreddesi volontari in Tanzania. Esempio di carità e altruismo. Carissimi colleghi, non è il titolo di un articolo di giornale, ma la sintesi di una esperienza vera, reale e concreta.

Dettagli

Programmazione 2014/15: Scuola dell Infanzia Santa Marta

Programmazione 2014/15: Scuola dell Infanzia Santa Marta Programmazione 2014/15: Scuola dell Infanzia Santa Marta IL GUSTO DI CRESCERE INSIEME NELLA GIOIA. Per l anno educativo 2014/15 proponiamo ai bambini un viaggio nel mondo dell alimentazione: partendo dalla

Dettagli

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 La relazione di Sergio Veneziani contiene tutta la struttura dell idea che noi abbiamo di Auser attraverso gli strumenti per qualificare e migliorare,

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI - - diario di bordo - classi seconde 27 febbraio 2012 La ciurma della danza Oggi è il primo giorno della settimana interculturale e chissà cosa sta facendo il gruppo del ballo;

Dettagli

Parrocchia di San Paolo

Parrocchia di San Paolo Parrocchia di San Paolo Consiglio pastorale 27 Novembre 2011 Questa speciale edizione del Consiglio Pastorale prende vita in una soleggiata domenica novembrina: presenti 45 persone che, dopo aver celebrato

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

10 priorità dei bambini e dei ragazzi

10 priorità dei bambini e dei ragazzi 2 Indagine campionaria sui diritti percepiti dai bambini nella Provincia 1 PROVINCIA DI TERAMO Centro Provinciale di Documentazione e Analisi sull infanzia e l adolescenza Risultati del questionario sui

Dettagli

16 0 RMT Finale maggio 2008 ARMT.2008 1

16 0 RMT Finale maggio 2008 ARMT.2008 1 16 0 RMT Finale maggio 2008 ARMT.2008 1 1. PERLE ROSSE (Cat. 3) ARMT.2008-16 - finale Martina e Carlotta hanno trovato delle perle gialle, blu e rosse. Decidono di farsi una collana ciascuna e infilano

Dettagli

INSIEME A LUPO ROSSO

INSIEME A LUPO ROSSO Istituto Comprensivo n.1 Bologna Anno Scolastico 2007-2008 Scuola dell'infanzia "Giovanni XXIII" INSIEME A LUPO ROSSO IMPARIAMO LE REGOLE DELLA STRADA PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE GUIDATO DA SILVIA

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Programmi elettorali per le elezioni del Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze novembre 2006 SCUOLA PRIMARIA MANZONI

Programmi elettorali per le elezioni del Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze novembre 2006 SCUOLA PRIMARIA MANZONI Programmi elettorali per le elezioni del Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze CITTÀ verde Più natura in città La città di Paderno Dugnano me la immagino con nuovi parchi, con molti alberi e molto

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Anno scolastico 2007-2008

Anno scolastico 2007-2008 Anno scolastico 2007-2008 I BAMBINI CHE SI PERDONO NEL BOSCO di Andrea Canevaro Quando un bambino va a scuola, è come se fosse portato nel bosco, lontano da casa. Ci sono bambini che si riempiono le tasche

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

PROGETTO LUDICO - DIDATTICO OLYMPIC VILLAGE 2014

PROGETTO LUDICO - DIDATTICO OLYMPIC VILLAGE 2014 Olympic Village, un percorso ludico-didattico che ha come tema l origine dei Giochi Olimpici e la Magna Grecia. Il progetto propone un viaggio indietro nel tempo di migliaia di anni alla scoperta della

Dettagli

Opere di misericordia 1

Opere di misericordia 1 Percorso di riscoperta delle Opere di misericordia 1 DAR DA MANGIARE AGLI AFFAMATI INSEGNARE AGLI IGNORANTI Spunti di riflessione per un dibattito sull Opera di misericordia corporale Dar da mangiare agli

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

SCUOLA INFANZIA RINASCITA

SCUOLA INFANZIA RINASCITA SCUOLA INFANZIA RINASCITA ******************** PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE MANGIARE E' UN GIOCO NON E' MAI TROPPO PRESTO PER IMPARARE A MANGIARE BENE PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE E' importante,

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

I Cristiani e gli Ebrei

I Cristiani e gli Ebrei I Cristiani e gli Ebrei La casa del Papa: Basilica di San Pietro e Musei Vaticani Le catene di San Pietro e la neve estiva nella Basilica di San Pietro in vincoli e nella Basilica di Santa Maria Maggiore

Dettagli

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI LA STORIA DEI DIRITTI UMANI IL DOCUMENTO CHE SEGNA UNA TAPPA FONDAMENTALE NELL AFFERMAZIONE DEI DIRITTI UMANI È LA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL UOMO SIGLATA NEL 1948. OGNI DIRITTO PROCLAMATO

Dettagli

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN 1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN Aprile 2013 ESAME FINALE LIVELLO 3 Nome: Cognome: E-mail & numero di telefono: Numero tessera: 1 2 1. Perché Maria ha bisogno di un lavoro? PROVA DI ASCOLTO

Dettagli

CENA PASQUALE EBRAICA

CENA PASQUALE EBRAICA PARROCCHIA B.V.M. IMMACOLATA CENA PASQUALE EBRAICA per i ragazzi della Prima Comunione Sabato 4 aprile 2009 - Ore 16,00 CAPPUCCINI ORISTANO 1 momento - La schiavitù del popolo d Israele (I ragazzi sono

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli