LA CERTIFICAZIONE UNICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA CERTIFICAZIONE UNICA"

Transcript

1 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CERTIFICAZIONE UNICA MAURIZIO AGATE 6 febbraio 2015

2 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Fonti normative art. 4, D.P.R. n. 322/1998 D.Lgs. n. 175/2014 (decreto semplificazioni)

3 L art. 4, comma 6-ter, D.P.R. n. 322/1998 I soggetti indicati nel comma 1 rilasciano un apposita certificazione unica anche ai fini dei contributi dovuti all Istituto nazionale per la previdenza sociale (I.N.P.S.) attestante l ammontare complessivo delle dette somme e valori, l ammontare delle ritenute operate, delle detrazioni di imposta effettuate e dei contributi previdenziali e assistenziali, nonché gli altri dati stabiliti con il provvedimento amministrativo di approvazione dello schema di certificazione unica. La certificazione è unica anche ai fini dei contributi dovuti agli altri enti e casse previdenziali. Con decreto del Ministro dell economia e delle finanze, emanato di concerto con il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, sono stabilite le relative modalità di attuazione. La certificazione unica sostituisce quelle previste ai fini contributivi. 3

4 L adempimento obbligatorio consiste in: - Obbligo di certificazione dei redditi di lavoro dipendente, dei redditi di lavoro autonomo, dei redditi diversi e delle provvigioni (nuovo modello CU); - Obbligo di certificazione dei dividendi (modello CUPE). 4

5 L art. 4, comma 6-quater e quinquies, D.P.R. n. 322/ quater. Le certificazioni di cui al comma 6-ter, sottoscritte anche mediante sistemi di elaborazione automatica, sono consegnate agli interessati entro il 28 febbraio dell anno successivo a quello in cui le somme e i valori sono stati corrisposti ovvero entro dodici giorni dalla richiesta degli stessi in caso di interruzione del rapporto di lavoro. Quest anno il termine è il 2 marzo. 6-quinquies. Le certificazioni di cui al comma 6-ter sono trasmesse in via telematica all Agenzia delle entrate entro il 7 marzo dell anno successivo a quello in cui le somme e i valori sono stati corrisposti. [...]. Quest anno il termine è il 9 marzo. 5

6 N.B. NON è previsto l invio telematico per le certificazioni degli utili distribuiti e dei proventi ad essi equiparati 6

7 art. 1, comma 1, D.Lgs. n. 175/ A decorrere dal 2015, in via sperimentale, l Agenzia delle entrate, utilizzando le informazioni disponibili in Anagrafe tributaria, i dati trasmessi da parte di soggetti terzi e i dati contenuti nelle certificazioni di cui all articolo 4, comma 6-ter, del decreto del Presidente della Repubblica 22 luglio 1998, n. 322, rende disponibile telematicamente, entro il 15 aprile di ciascun anno, ai titolari di redditi di lavoro dipendente e assimilati indicati agli articoli 49 e 50, comma 1, lettere a), c), c-bis), d), g), con esclusione delle indennità percepite dai membri del Parlamento europeo, i) e l), del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, la dichiarazione precompilata relativa ai redditi prodotti nell anno precedente, che può essere accettata o modificata. 7

8 N.B. L invio telematico della certificazione unica non elimina l obbligo di presentazione del Mod. 770, da inviare telematicamente entro il 31 luglio di ciascun anno. Devono, infatti essere inviate entro il 7 marzo tutte le Certificazioni Uniche, anche quelle relative a redditi che potenzialmente non possono essere dichiarati con il Mod. 730 (ad esempio, reddito di lavoro autonomo abituale). La C.U dovrà essere consegnata al percipiente ed inviata telematicamente all Agenzia delle Entrate anche qualora allo stesso, a fronte di una cessazione avvenuta nel corso dell anno 2014, sia già stato rilasciato un Modello CUD

9 REDDITI OGGETTO DI CERTIFICAZIONE redditi di lavoro dipendente, redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente, assoggettati a tassazione ordinaria, a tassazione separata, nonché a ritenuta a titolo d imposta e ad imposta sostitutiva; redditi di lavoro autonomo di cui all art. 53, TUIR, soggetti a ritenuta; redditi diversi di cui all art. 67, comma 1, TUIR, soggetti a ritenuta; provvigioni comunque denominate per prestazioni, anche occasionali, inerenti a rapporti di commissione, di agenzia, di mediazione, di rappresentanza di commercio e di procacciamento d affari; corrispettivi erogati dal condominio, quale sostituto d imposta, per prestazioni relative a contratti d appalto; provvigioni derivanti da vendita a domicilio; 9

10 (segue): indennità corrisposte per la cessazione: di rapporti di agenzia delle persone fisiche [art. 17, comma 1, lett. d), TUIR]; da funzioni notarili [art. 17, comma 1, lett. e), TUIR]; dell attività sportiva quando il rapporto di lavoro è di natura autonoma [art. 17, comma 1, lett. f), TUIR]. Oltre ai redditi occorre indicare: - le relative ritenute operate; - le detrazioni effettuate; - dati previdenziali ed assistenziali relativi alla contribuzione versata o dovuta all INPS (comprensiva delle Gestioni ex ENPALS ed ex INPDAP) - dati assicurativi INAIL. 10

11 Criteri di imputazione I dati fiscali contenuti nella C.U. riguardano solo i compensi effettivamente pagati nel periodo d imposta (criterio di cassa). I dati previdenziali comprendono i contributi e le somme ad essi attinenti dovuti anche se non corrisposti al percipiente nel corso dell anno (criterio di competenza). 11

12 SOGGETTI OBBLIGATI ALLA C.U. persone fisiche che esercitano arti e professioni; persone fisiche che esercitano imprese commerciali o imprese agricole; aziende coniugali se l attività è esercitata in società, tra coniugi residenti nel territorio italiano; condomìni; società di capitali (Spa, Sapa, Srl, società cooperative e di mutua assicurazione) residenti nel territorio italiano; enti commerciali equiparati alle società di capitali (enti pubblici e privati che hanno per oggetto esclusivo o principale l esercizio di attività commerciali) residenti nel territorio italiano; 12

13 (segue): i Trust; enti non commerciali (enti pubblici, tra cui Regioni, Province, Comuni, e privati non aventi per oggetto esclusivo o principale l esercizio di attività commerciali) residenti nel territorio italiano; Amministrazioni dello Stato (comprese quelle con ordinamento autonomo); associazioni non riconosciute, consorzi, aziende speciali di cui agli artt. 22 e 23, Legge n. 142/1990 e altre organizzazioni non appartenenti ad altri soggetti; società e gli enti di ogni tipo, con o senza personalità giuridica, non residenti nel territorio italiano; 13

14 (segue): società di persone (società semplici, Snc, Sas) residenti nel territorio italiano; società di armamento residenti nel territorio italiano; società di fatto o irregolari residenti nel territorio italiano; società o associazioni senza personalità giuridica costituite fra persone fisiche per l esercizio in forma associata di arti e professioni residenti nel territorio italiano; gruppi europei di interesse economico (GEIE); curatori fallimentari e commissari liquidatori; eredi che non proseguono l attività del sostituto d imposta deceduto. 14

15 SOGGETTI ESONERATI privati datori di lavoro, per i compensi erogati a collaboratori familiari, agli autisti e ai giardinieri soggetti che erogano esclusivamente indennità e rimborsi che non determinano reddito per il percipiente (es. coniuge del professionista che lavora in qualità di lavoratore subordinato) 15

16 LA TRASMISSIONE TELEMATICA Il soggetto obbligato: - PROVVEDE AUTONOMAMENTE (trattasi di facoltà non di obbligo) - PROVVEDE TRAMITE INTERMEDIARIO ABILITATO il flusso telematico può essere scisso in due inviando separatamente: - la certificazione dei redditi di lavoro dipendente equiparati ed assimilati, - La certificazione dei redditi di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi 16

17 N.B. Se la trasmissione telematica è effettuata da un intermediario, questo può inviare in un unico file le comunicazioni relative a più clienti sostituti d imposta. 17

18 Intermediari abilitati alla trasmissione telematica art. 3, comma 3, D.P.R. n. 322/1998 gli iscritti negli albi dei dottori commercialisti, dei ragionieri e dei periti commerciali e dei consulenti del lavoro; i soggetti iscritti, alla data del 30 settembre 1993, nei ruoli di periti ed esperti tenuti dalle Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura per la subcategoria tributi, in possesso di diploma di laurea in giurisprudenza o in economia e commercio o equipollenti o diploma di ragioneria; gli iscritti negli albi degli avvocati; gli iscritti nel registro dei revisori contabili di cui al D.Lgs. n. 88/1992; le associazioni sindacali di categoria tra imprenditori di cui all art. 32, comma 1, lettere a), b) e c), D.Lgs. n. 241/1997; le associazioni che raggruppano prevalentemente soggetti appartenenti a minoranze etnico-linguistiche; i centri di assistenza fiscale per i lavoratori dipendenti e pensionati; 18

19 (segue): i centri di assistenza fiscale per i lavoratori dipendenti e pensionati; i centri di assistenza fiscale per le imprese; gli studi professionali in cui almeno la metà degli associati sia costituita da soggetti iscritti in albi, collegi o ruoli (decreto dirigenziale ); le società di servizi in cui più della metà del capitale sociale sia posseduta da soggetti iscritti in albi, collegi o ruoli (decreto dirigenziale ); coloro che esercitano abitualmente l attività di consulenza fiscale; gli iscritti negli albi dei dottori agronomi e dei dottori forestali, degli agrotecnici e dei periti agrari. i notai iscritti nel ruolo dei notai esercenti nel collegio di cui all art. 24, Legge n. 89/1913 (Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate 11 giugno 2012); 19

20 Altri soggetti abilitati alla trasmissione telematica della C.U.: le Amministrazioni dello Stato; le società appartenenti a gruppi societari individuate dall art. 3, comma 2-bis, D.P.R. n. 322/1998, in cui almeno una società o ente sia obbligato alla presentazione telematica. La trasmissione telematica può essere effettuata da uno o più soggetti dello stesso gruppo. 20

21 N.B. Gli intermediari sopra individuati sono obbligati ad utilizzare esclusivamente il servizio telematico Entratel. 21

22 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La modulistica

23 FRONTESPIZIO Prima selezione: - Comunicazione ORDINARIA nessuna casella deve essere barrata - Comunicazione di ANNULLAMENTO La barratura produce la cancellazione di una C.U. trasmessa; per l annullamento si trasmette solo la parte anagrafica della C.U da annullare - Comunicazione SOSTITUTIVA La barratura produce la sostituzione di una C.U. trasmessa; occorre allegare la nuova C.U. completa 23

24 (segue): firma della dichiarazione Occorre riportare il numero delle C.U. dei redditi di lavoro dipendente e assimilati e il numero delle C.U. dei redditi di lavoro autonomo e assimilati che compongono il flusso telematico. La CASELLA CT deve essere barrata se il flusso telematico contiene i dati per la ricezione dei dati del

25 (segue): firma della dichiarazione Fino al 31/12/2014, i sostituti d imposta, entro il 31 marzo, utilizzando il modello CSO, Comunicazione per la ricezione in via telematica dei dati relativi ai mod resi disponibili dall Agenzia delle Entrate, dovevano segnalare: l utenza telematica da utilizzare ovvero l intermediario presso il quale ricevere i Modd Ora l adempimento concernente la PRIMA SEGNALAZIONE viene eliminato e, con l inserimento nella C.U., anticipato al 7 marzo. 25

26 (segue): firma della dichiarazione Se il Sostituto d imposta aveva in passato già validamente presentato una comunicazione CSO, non deve compilare il quadro CT. I sostituti che intendono variare i dati già comunicati in precedenza (es. modifica dell intermediario) NON devono usare la C.U., ma il modello CSO già in uso, Comunicazione per la ricezione in via telematica dei dati relativi ai mod resi disponibili dall Agenzia delle Entrate. Il quadro CT non va compilato per la C.U. contenente solo redditi di lavoro autonomo e assimilati e per annullamenti e sostituzioni. 26

27 C.U. redditi di lavoro dipendente e assimilati PREMESSA I DATI FISCALI della C.U. sono gli stessi che dovevano essere indicati nella PARTE B del modello CUD. Le indicazioni che venivano fornite nelle ANNOTAZIONI del modello CUD ora sono riportate in specifiche caselle. 27

28 (segue): DATI FISCALI I dati fiscali sono suddivisi nelle seguenti SEZIONI: Dati per la eventuale compilazione della dichiarazione dei redditi Ritenute Acconti 2014 dichiarante Acconti 2014 coniuge Crediti non rimborsati dichiarante Crediti non rimborsati coniuge Oneri detraibili Detrazioni e crediti 28

29 (segue): Previdenza complementare Oneri deducibili Altri dati Somme erogate per l incremento della produttività del lavoro Redditi assoggettati a ritenuta a titolo di imposta Compensi relativi agli anni precedenti Dati relativi ai conguagli in caso di redditi erogati da altri soggetti TFR, indennità equipollenti, altre indennità e prestazioni in forma di capitale soggette a tassazione separata Dati relativi al coniuge e ai familiari a carico. 29

30 (segue): Nel modello CUD i redditi corrisposti, erano suddivisi in sole due categorie: quelli per i quali è possibile fruire della detrazione di cui all articolo 13, commi 1, 3 e 4 del TUIR (ex campo 1) quelli (solo redditi assimilati) per i quali è possibile fruire della detrazione di cui all articolo 13, comma 5 e 5-bis del TUIR (campo 2). 30

31 (segue): Nella C.U. i redditi corrisposti sono suddivisi in 4 categorie: quelli per cui è possibile fruire della detrazione di cui all articolo 13, comma 1 e dell agevolazione dell 1-bis, del TUIR (campo 1); quelli per cui è possibile fruire della detrazione di cui all articolo 13, commi 3 e 4 del TUIR, evidenziati nel campo 3 (nel CUD l importo era compreso nel campo 1), quelli (solo redditi assimilati) per cui è possibile fruire della detrazione di cui all articolo 13, comma 5 del TUIR (nel CUD l importo era compreso nel campo 1), ora campo 4 assegni erogati dal coniuge per i quali è possibile fruire della detrazione di cui all articolo 13, comma 5-bis del TUIR (nel CUD l importo era compreso nel campo 2) ora esposti a campo 5. 31

32 (segue): L indicazione «tempo determinato»/«tempo indeterminato» (che era nelle annotazioni) ora viene data in una specifica casella. La durata del rapporto di lavoro (nell anno solare), e l indicazione di eventuali interruzioni, è riportata in specifiche caselle. La data di inizio deve sempre essere quella di assunzione (pertanto per la C.U. 2015, tale data potrà anche essere precedente al 1 gennaio 2014). La data di cessazione non va compilata se al 31 dicembre il rapporto è ancora in corso. 32

33 (segue): CAMPO 1 Redditi che devono essere indicati nel campo 1: Stipendi Mensilita aggiuntive Indennita di trasferta Indennita e compensi corrisposti da terzi (indenn. malattia/maternità) Compensi derivanti da rapporti di co.co.co/co.co.pro. Borse di studio Trattamenti periodici corrisposti dai fondi pensione complementare Compensi corrisposti ai soci di cooperative di produzione e lavoro Compensi in natura ecc 33

34 (segue): Le erogazioni liberali in natura (=cessione beni o servizi o buoni rappresentativi degli stessi), dovranno essere incluse nel campo 1 della C.U. se di valore superiore a euro 258,23; se inferiore, invece, non si riportano nel campo 1. In entrambi i casi dovrà esserne data indicazione nelle Annotazioni della C.U. utilizzando il codice AH. Se lo stesso sostituto d imposta ha corrisposto redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati sia a tempo indeterminato che determinato, dovrà compilare 2 moduli per dare distinta indicazione dell importo del reddito erogato in relazione alle due diverse tipologie di rapporto. 34

35 (segue): Se lo stesso sostituto d imposta ha corrisposto redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati sia a tempo indeterminato che determinato, dovrà compilare 2 moduli per dare distinta indicazione dell importo del reddito erogato in relazione alle due diverse tipologie di rapporto. In particolare, vanno compilate DUE SEZIONI REDDITI e UNA SOLA SEZIONE RITENUTE (con i dati complessivi del conguaglio). Non è stato chiarito se la sezione RITENUTE deve essere compilata sul primo oppure sul secondo modulo. 35

36 (segue): CAMPO 4 Redditi che devono essere indicati nel campo 4: le indennità, i gettoni di presenza e altri compensi corrisposti dallo Stato, dalle Regioni, dalle Province e dai Comuni per l esercizio di pubbliche funzioni, sempreché tali prestazioni non siano rese come esercizio di arti e professioni o d impresa commerciale; le indennità percepite per l esercizio di cariche pubbliche elettive; i compensi per l attività libero professionale intramuraria svolta dal personale dipendente del Servizio sanitario nazionale; rendite vitalizie e a tempo determinato. nel CUD l importo era compreso nel campo 1 36

37 (segue): sezione RITENUTE Punto 11: ritenute IRPEF Le ritenute riportate in questo campo sono già al netto delle detrazioni IRPEF Punti 12, 16, 17 e 19: addizionali IRPEF Il D.Lgs. 175/2014 ha previsto che la data di riferimento per la verifica del domicilio fiscale del contribuente è il 1 gennaio dell anno per il quale le addizionali sono dovute (quindi l addizionale regionale si adegua alle regole previste per quella comunale). 37

38 (segue): sezioni ACCONTI Il modello di C.U. distingue, in due sezioni distinte, gli acconti del contribuente e quelli del coniuge. Nel modello CUD gli acconti riguardanti il coniuge erano riportati nelle annotazioni (con codice BA). 38

39 (segue): CREDITI NON RIMBORSATI I campi di questa sezione erano presenti anche nel modello CUD. Nella C.U. sono separatamente evidenziati i dati relativi al coniuge del contribuente (che nel modello CUD andavano riportati nelle annotazioni). 39

40 (segue): ONERI DETRAIBILI Trattasi di somme direttamente gestite dal datore di lavoro per conto del dipendente, altri oneri sostenuti direttamente dal dipendente e presentati al proprio datore di lavoro per il riconoscimento della detrazione fiscale Questi dati erano riportati anche nel modello CUD, tuttavia con differente modalità di esposizione. Nella C.U. gli oneri detraibili dovranno essere esposti al lordo dell eventuale franchigia prevista dalla legge. 40

41 (segue): sezione DETRAZIONE E CREDITI I punti da 101 a 114 sono gli stessi del modello CUD. Sono stati aggiunti tre punti dedicati all indicazione del «bonus Renzi». Per le DETRAZIONI PER CARICHI DI FAMIGLIA, nel modello CUD i dati dei familiari dovevano essere indicati nelle annotazioni. Nel modello di C.U. è stata introdotta un apposita sezione (che conclude la parte fiscale della C.U.). 41

42 (segue): I punti da 115 a 118 DATI RELATIVI ALLE IMPOSTE PAGATE ALL ESTERO, nel modello CUD erano riportati solo nelle annotazioni. 42

43 (segue): sez. PREVIDENZA COMPLEMENTARE Le informazioni riguardanti i punti riportati nella sezione PREVIDENZA COMPLEMENTARE erano presenti anche nel modello CUD sia pure con differente esposizione. Per evidenziare, in capo allo stesso percipiente, più situazioni, verificatesi nel corso dell anno e riconducibili a diversi codici numerici, il sostituto deve dare distinta indicazione di ciascuna situazione compilando più volte i campi interessati (c.d. compilazione «multi-modulo»). 43

44 (segue): sezione ONERI DEDUCIBILI In questa sezione si indicano gli oneri deducibili: di cui all articolo 10 del TUIR, nonché gli oneri che, anche se deducibili, non hanno ridotto l imponibile fiscale nel periodo d imposta, la contribuzione versata ad Enti e Casse aventi esclusivamente fini assistenziali le assicurazioni sanitarie stipulate dal sostituto d imposta o semplicemente pagate dallo stesso con o senza trattenuta a carico del sostituito. 44

45 (segue): Nel punto 161 non devono essere riportati i contributi e premi versati alle forme pensionistiche complementari (questi vanno indicati nella sezione PREVIDENZA COMPLEMENTARE). Il punto 161 rimane «mono-modulo» e il dettaglio degli oneri deducibili, considerato dal sostituto di imposta, viene evidenziato nelle annotazioni con il codice AR. 45

46 (segue): sezione ALTRI DATI La sezione ALTRI DATI contiene informazioni relative: al contributo di solidarietà a carico dei contribuenti con reddito complessivo superiore a euro ,00; al contributo di solidarietà sulle c.d. «pensioni d oro»; al reddito dei frontalieri; all incapienza in sede di conguaglio; all applicazione della maggiore ritenuta; ad altri casi particolari. 46

47 (segue): sezione SOMME PER INCR.PR.LAV. I punti presenti nel modello di C.U. sono gli stessi del modello CUD. Cambia la numerazione dei campi da compilare. 47

48 (segue): sezione REDDITI A RIT. D IMPOSTA Anche in questo caso i dati sono gli stessi del modello CUD. Va solo segnalato che per i lavori socialmente utili sono stati introdotti alcuni campi dedicati all esposizione separata dei predetti redditi e delle relative ritenute. Il campo 221 non risulta essere «multi-modulo» pertanto, in caso più situazioni contemporanee da esporre, il campo 221 dovrà contenere il totale, mentre i dettagli dovranno essere forniti nelle annotazioni con codice AX. 48

49 (segue): sezione COMPENSI ANNI PRECED. Anche in questo caso i dati sono gli stessi del modello CUD. 49

50 (segue): sezione TFR ( ) La struttura della sezione è analoga rispetto a quella del modello CUD. 50

51 (segue): DATI PREVIDENZIALI E ASSIST. Le informazioni da fornire sono sostanzialmente le stesse che, fino al 31 dicembre 2014, dovevano essere esposte nella parte C del modello CUD. I dati previdenziali ed assistenziali devono essere inseriti seguendo il criterio di competenza, quindi esponendo nella Certificazione Unica gli importi maturati dal dipendente nel corso dell anno solare oggetto di dichiarazione, anche se relativi a retribuzioni totalmente o parzialmente non corrisposte. 51

52 (segue): DATI ASSICURATIVI INAIL La C.U., a differenza del modello CUD, prevede l indicazione, nei nuovi campi da 35 a 40, dei dati assicurativi riferiti a tutti i soggetti per i quali ricorre l obbligo di assicurazione all INAIL. Trattasi delle stesse informazioni che, fino al 31 dicembre 2014, trovavano esposizione nella parte C del modello 770 Semplificato. 52

53 C.U. redditi di lavoro autonomo e provvigioni REDDITI DA CERTIFICARE: redditi di lavoro autonomo di cui all art. 53, TUIR, soggetti a ritenuta; redditi diversi di cui all art. 67, comma 1, TUIR, soggetti a ritenuta; provvigioni comunque denominate per prestazioni, anche occasionali, inerenti a rapporti di commissione, di agenzia, di mediazione, di rappresentanza di commercio e di procacciamento d affari; corrispettivi erogati dal condominio, quale sostituto d imposta, per prestazioni relative a contratti d appalto; provvigioni derivanti da vendita a domicilio; indennità corrisposte per la cessazione: di rapporti di agenzia delle persone fisiche [art. 17, comma 1, lett. d), TUIR]; da funzioni notarili [art. 17, comma 1, lett. e), TUIR]; dell attività sportiva quando il rapporto di lavoro è di natura autonoma [art. 17, comma 1, lett. f), TUIR]. 53

54 N.B. Contribuenti MINIMI (art. 27, commi 1 e 2, D.L. n. 98/2011) e NUOVE INIZIATIVE PRODUTTIVE (art. 13, Legge n. 388/2000): anche se non subiscono ritenute devono ricevere la C.U. Nel caso di erogazione al medesimo percipiente di più compensi, il sostituto ha la facoltà di: compilare un unica C.U. sommando i compensi, sempre che riferiti alla stessa causale; compilare tante comunicazioni quanti sono i compensi erogati nel 2014, numerando progressivamente le singole comunicazioni relative al medesimo percipiente. 54

55 (segue): DECESSO DEL PERCETTORE (dopo aver percepito i redditi) il sostituto d imposta deve rilasciare la C.U. agli eredi relativamente al soggetto deceduto; nella sezione Dati anagrafici devono essere indicati i dati relativi al defunto. REDDITI CORRISPOSTI DIRETTAMENTE AGLI EREDI il sostituto d imposta deve rilasciare la C.U. agli eredi indicando nella sezione Dati anagrafici i dati dell erede. Al punto 8 ( categorie particolari ) indicare Z. 55

56 (segue): Punto 1: TIPOLOGIA REDDITUALE Si indica il codice riportato nelle istruzioni. Punto 4: AMMONTARE LORDO Il contributo integrativo previdenziale non va in questo campo. Contribuenti minimi e nuove iniziative produttive, il reddito si indica in questo campo anche se non è stato oggetto di ritenuta. L EVENTUALE QUOTA DI REDDITO NON IMPONIBILE SI RIPORTA NEL SUCCESSIVO PUNTO 7, INDICANDO NEL PUNTO 6 IL CODICE DI ESENZIONE 56

57 (segue): Casistica redditi esenti: il 25% della quota di redditi derivanti dall utilizzazione economica, da parte dell autore, di marchi di fabbrica, di opere dell ingegno dove la ritenuta a titolo d acconto del 20% è calcolata sulla base imponibile ridotta al 75% o, se l autore ha un età inferiore a 35 anni, al 60%; i compensi di importo inferiore a 25,82 non imponibili ai sensi dell art. 25, comma 3, D.P.R. n. 600/1973 (sempreché non si tratti di acconti); le somme che non determinano reddito imponibile per attività sportive dilettantistiche (fino a 7.500,00); le somme che non hanno concorso a formare il reddito imponibile dei lavoratori rientrati in Italia dopo un esperienza professionale estera (l 80% dell ammontare erogato per le lavoratrici e il 70% per i lavoratori); 57

58 (segue): i rimborsi ottenuti per le spese anticipate dai percipienti per conto dei preponenti, mandanti o committenti; le quote di provvigioni non soggette a ritenuta (50% oppure 80%); il 15%, a titolo di deduzione forfetaria delle spese, relativamente ai compensi per levata di protesti da parte di segretari comunali; la deduzione forfetaria del 22% sulle provvigioni corrisposte ad incaricati per le vendite a domicilio (cod. V, punto 1); l intero ammontare di compensi erogati ai nuovi contribuenti minimi e quelli che adottano il regime delle nuove iniziative produttive. 58

59 (segue): Punto 8: IMPONIBILE Trattasi della differenza tra somme erogate e somme esenti. Punto 9: RITENUTE A TITOLO DI ACCONTO. Punto 10: RITENUTE A TITOLO DI IMPOSTA. Punto 12, 13, 15 e 16: ADDIZIONALE REGIONALE e COMUNALE La trattenuta si solo per compensi, rimborsi e indennità relativi all esercizio diretto di attività sportive dilettantistiche 59

60 (segue): Punto 20, 21: CONTRIBUTI PREVIDENZIALI La contribuzione previdenziale a carico del committente è prevista solo per: C utili derivanti da contratti di associazione in partecipazione e da contratti di cointeressenza, quando l apporto è costituito esclusivamente dalla prestazione di lavoro; M prestazioni di lavoro autonomo non esercitate abitualmente; M1 redditi derivanti dall assunzione di obblighi di fare, di non fare o permettere; V provvigioni corrisposte a incaricati per le vendite a domicilio, provvigioni corrisposte a incaricati per la vendita porta a porta e per la vendita ambulante di giornali quotidiani e periodici (Legge 25 febbraio 1987, n. 67); 60

61 (segue): Punto 22: SPESE RIMBORSATE Occorre indicare le spese sostenute da soggetti esercenti attività di lavoro autonomo occasionale rimborsate dal committente. Per i lavoratori autonomi occasionali, le spese di cui all oggetto riducono l imponibile previdenziale 61

62 SCHEDA DESTINAZIONE 2, 5, 8 PER MILLE Ciascun contribuente può destinare una quota pari: all otto per mille dell IRPEF allo Stato oppure ad una Istituzione religiosa, al 5 per mille dell IRPEF a determinate finalità al 2 per mille dell IRPEF a favore di un partito politico. Queste destinazioni non sono tra loro alternative e, pertanto, possono essere tutte quante manifestate. 62

63 (segue): Per comunicare la scelta/le scelte, il contribuente che non ha l obbligo di presentare la dichiarazione dei redditi deve presentare la scheda, in busta chiusa, entro il termine di invio dell UNICO 2015 Persone Fisiche: allo sportello di una banca o ufficio postale che provvederà a trasmetterla all Amministrazione finanziaria. ad un intermediario abilitato alla trasmissione telematica (professionista, CAF, ecc.). L intermediario abilitato deve rilasciare una ricevuta attestante l impegno a trasmettere la scelta. Gli intermediari hanno facoltà (NON OBBLIGO) di accettare la scheda. 63

64 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO SANZIONI

65 art. 2, comma 1, D.Lgs. 175/2014 Per ogni certificazione omessa, tardiva o errata si applica la sanzione di cento euro in deroga a quanto previsto dall articolo 12, del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n Nei casi di errata trasmissione della certificazione, la sanzione non si applica se la trasmissione della corretta certificazione è effettuata entro i cinque giorni successivi alla scadenza indicata nel primo periodo. 65

66 (segue): Il periodo «in deroga a quanto previsto dall art. 12, D.Lgs. n. 472/97» significa che non è possibile beneficiare della c.d. sanzione unica derivante dal cumulo giuridico. Es. Il tardivo invio telematico di venti C.U. comporta una sanzione pari a 2000,00 euro. 66

CIRCOLARE n. 09/2015 Nuova Certificazione Unica - Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate

CIRCOLARE n. 09/2015 Nuova Certificazione Unica - Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate CIRCOLARE n. 09/2015 Nuova Certificazione Unica - Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate 1 PREMESSA Il DLgs. 21.11.2014 n. 175 ha previsto la precompilazione dei modelli 730 da parte

Dettagli

Circolare 7. del 13 febbraio 2015. Nuova Certificazione Unica Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate INDICE

Circolare 7. del 13 febbraio 2015. Nuova Certificazione Unica Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate INDICE Circolare 7 del 13 febbraio 2015 Nuova Certificazione Unica Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 3 2 Ambito applicativo della certificazione unica... 3 2.1 Redditi

Dettagli

Modello 770 SEMPLIFICATO 2012

Modello 770 SEMPLIFICATO 2012 genzia ntrate 770 Modello 770 SEMPLIFICATO 2012 Redditi 2011 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA PER L ANNO 2011 DATI RELATIVI A CERTIFICAZIONI COMPENSI ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI LA (Comunicazione CU) Il Decreto Legislativo Semplificazioni fiscali (art. 2, comma 1 del D.Lgs. n. 175/2014), introduce una novità assoluta in ambito fiscale: il Modello 730 pre-compilato a valere già

Dettagli

GIORNATA DI FORMAZIONE PER L ODCEC DI TORINO CERTIFICAZIONE UNICA 2015 12/02/2015. Relatore:

GIORNATA DI FORMAZIONE PER L ODCEC DI TORINO CERTIFICAZIONE UNICA 2015 12/02/2015. Relatore: GIORNATA DI FORMAZIONE PER L ODCEC DI TORINO CERTIFICAZIONE UNICA 2015 12/02/2015 Relatore: Alessandro Dott. TODESCHELLI Dott. Comm.sta materia «Lavoro» OPEN Dot Com Servizio: Nome servizio Pag. 1 Torino,

Dettagli

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: LA CERTIFICAZIONE UNICA 2015: APPROVAZIONE DEL MODELLO DEFINITIVO PAG.

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: LA CERTIFICAZIONE UNICA 2015: APPROVAZIONE DEL MODELLO DEFINITIVO PAG. CIRCOLARE N. 06 DEL 27/01/2015 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: LA CERTIFICAZIONE UNICA 2015: APPROVAZIONE DEL MODELLO DEFINITIVO PAG. 2 IN SINTESI: Con il Provvedimento

Dettagli

VideoLavoro 19 febbraio 2015. Nuova Certificazione Unica 2015

VideoLavoro 19 febbraio 2015. Nuova Certificazione Unica 2015 VideoLavoro 19 febbraio 2015 Nuova Certificazione Unica 2015 rubrica: novità e piccoli focus di periodo A cura di Alberto Bortoletto e Laurenzia Binda 1 Certificazione Unica 2015 2 DICHIARAZIONE PRECOMPILATA

Dettagli

Oggetto: LA CERTIFICAZIONE UNICA

Oggetto: LA CERTIFICAZIONE UNICA Legnano, 10 Febbraio 2015 Alle imprese assistite Oggetto: LA CERTIFICAZIONE UNICA Il Decreto Semplificazioni a seguito dell introduzione del mod. 730 precompilato è stato previsto l obbligo in capo ai

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. N. 7786/2016 Approvazione della Certificazione Unica CU 2016, relativa all anno 2015, unitamente alle istruzioni di compilazione, nonché del frontespizio per la trasmissione telematica e del quadro

Dettagli

CERTIFICAZIONE LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE

CERTIFICAZIONE LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE CERTIFICAZIONE LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE ADEMPIMENTO NOVITÀ 2016 SOGGETTI INTERESSATI OGGETTO COME SI COMPILA CASI PRATICI CASI PARTICOLARI La certificazione lavoro dipendente,

Dettagli

Nuova Certificazione Unica CU 2015: redditidilavorodipendente Cristina Piseroni e Marco Mangili - Dottori commercialisti in Bergamo

Nuova Certificazione Unica CU 2015: redditidilavorodipendente Cristina Piseroni e Marco Mangili - Dottori commercialisti in Bergamo Nuova Certificazione Unica CU 2015: redditidilavorodipendente Cristina Piseroni e Marco Mangili - Dottori commercialisti in Bergamo ADEMPIMENTO " NOVITÀ " LAVORO I sostituti d imposta, a seguito delle

Dettagli

I L M O D E L L O 7 7 0 E I L T E R M I N E D I P R E S E N T A Z I O N E CIRCOLARE INFORMATIVA 8/2013 L U G L I O 2 0 1 3

I L M O D E L L O 7 7 0 E I L T E R M I N E D I P R E S E N T A Z I O N E CIRCOLARE INFORMATIVA 8/2013 L U G L I O 2 0 1 3 I L M O D E L L O 7 7 0 E I L T E R M I N E D I P R E S E N T A Z I O N E CIRCOLARE INFORMATIVA 8/2013 L U G L I O 2 0 1 3 I L M O D E L L O 7 7 0 E I L T E R M I N E D I P R E S E N T A Z I O N E I sostituti

Dettagli

Certificazione Unica 2016 - Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate

Certificazione Unica 2016 - Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate Circolare 3 del 12 febbraio 2016 Certificazione Unica 2016 - Consegna al contribuente e invio all Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 3 2 Ambito applicativo della certificazione unica 2016... 3

Dettagli

CERTIFICAZIONE UNICA CU 2015

CERTIFICAZIONE UNICA CU 2015 CERTIFICAZIONE UNICA CU 2015 Da quest anno, vi sono due importanti innovazioni in merito alle certificazioni che i sostituti d imposta devono rilasciare ai percipienti, per attestare i redditi loro corrisposti

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA

IL DIRETTORE DELL AGENZIA P Approvazione della Certificazione Unica CU 2015, relativa all anno 2014, unitamente alle istruzioni di compilazione, nonché del frontespizio per la trasmissione telematica e del quadro CT con le relative

Dettagli

Circolare N. 29 del 25 Febbraio 2015

Circolare N. 29 del 25 Febbraio 2015 Circolare N. 29 del 25 Febbraio 2015 Il nuovo modello CU (Provvedimento n. 4790/E del 15.01.2015, circolare ASSONIME n. 4 del 19.02.2015) Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ASSONIME,

Dettagli

Al fine di dare attuazione alle disposizioni del D.L.vo 175/2014 in tema di semplificazioni fiscali, è stato predisposto un nuovo schema di

Al fine di dare attuazione alle disposizioni del D.L.vo 175/2014 in tema di semplificazioni fiscali, è stato predisposto un nuovo schema di Il modello di Certificazione Unica dei redditi 2015 AUDITORIUM GAM - Torino, 16 dicembre 2014 LUISELLA FASSINO CONSIGLIERE ORDINE CDL DI TORINO Al fine di dare attuazione alle disposizioni del D.L.vo 175/2014

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE UNICA 2016

LA CERTIFICAZIONE UNICA 2016 LA CERTIFICAZIONE UNICA 2016 L Agenzia delle entrate, con provvedimento del 15 gennaio 2016, ha reso disponibile la versione definitiva della Certificazione Unica 2016, meglio nota come CU, da utilizzare

Dettagli

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE la comunicazione richiede tutti i dati già presenti nelle certificazioni rilasciate ai dipendenti. In particolare i

Dettagli

Circolare n. 36 del 9 dicembre 2014

Circolare n. 36 del 9 dicembre 2014 Circolare n. 36 del 9 dicembre 2014 DLgs. 21.11.2014 n. 175 di semplificazioni fiscali - Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE 1 Premessa...

Dettagli

31 Gennaio 2015. Indice. 1- La nuova CU 2015 1. Notiziario del Lavoro N.1 31 Gennaio 2015. Tutti i diritti sono riservati alla Zucchetti S.p.a.

31 Gennaio 2015. Indice. 1- La nuova CU 2015 1. Notiziario del Lavoro N.1 31 Gennaio 2015. Tutti i diritti sono riservati alla Zucchetti S.p.a. Tutti i diritti sono riservati alla Zucchetti S.p.a. Indice 1- La nuova CU 2015 1 Redazione: Pedrazzini Raffaella, Calzari Alessandra, Fedele Barbara, Balestrieri Gloria, Preda Elisa 1 La nuova CU 2015

Dettagli

Gruppo Buffetti S.p.A. Via F. Antolisei 10-00173 Roma

Gruppo Buffetti S.p.A. Via F. Antolisei 10-00173 Roma VERSIONI CONTENUTE NEL PRESENTE CD...2 CERTIFICAZIONE UNICA REVISIONE 01.00.00...4 Premessa...4 Lavorare con il modulo...5 Importazione dati da moduli attivi...5 Certificazione unica 2015...8 Stampe...14

Dettagli

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015 Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Soggetti interessati Sono obbligati alla presentazione della dichiarazione dei redditi (Mod. Unico PF 2015) i contribuenti

Dettagli

NOVITÀ NEL MODELLO 770/2009 SEMPLIFICATO

NOVITÀ NEL MODELLO 770/2009 SEMPLIFICATO NOVITÀ NEL MODELLO 770/2009 SEMPLIFICATO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI PARTE B - DATI FISCALI SOMME EROGATI PER STRAORDINA- RI E PREMI PRODUTTIVITÀ PARTE D - ASSISTENZA 2008 ALTRI PROSPETTI Provv. Ag. Entrate

Dettagli

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale IANUTOLO GROS E ASSOCIATI - BIELLA

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale IANUTOLO GROS E ASSOCIATI - BIELLA IANUTOLO GROS E ASSOCIATI - BIELLA Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale 1 1 PREMESSA In attuazione della delega per la riforma del sistema fiscale

Dettagli

MODELLI 770/2014 SEMPLIFICATO e ORDINARIO NOVITÀ

MODELLI 770/2014 SEMPLIFICATO e ORDINARIO NOVITÀ Circolare informativa per la clientela Luglio Nr. 1 MODELLI 770/2014 SEMPLIFICATO e ORDINARIO NOVITÀ In questa Circolare 1. Modelli 770/2014 Semplificato e Ordinario 2. Quadri che compongono il 770 3.

Dettagli

La nuova Certificazione Unica Modello CU 2015. Paolo Meneguzzo, 17-18-19 febbraio 2015

La nuova Certificazione Unica Modello CU 2015. Paolo Meneguzzo, 17-18-19 febbraio 2015 La nuova Certificazione Unica Modello CU 2015 Paolo Meneguzzo, 17-18-19 febbraio 2015 Norma istitutiva Art.4, DPR n.322/1998 ( ) 6-quater. Le certificazioni di cui al comma 6-ter, sottoscritte anche mediante

Dettagli

Certificazione Unica 2016 e novità per i Sostituti d imposta

Certificazione Unica 2016 e novità per i Sostituti d imposta Videolavoro 18 febbraio 2016 Certificazione Unica 2016 e novità per i Sostituti d imposta A cura di Alberto Bortoletto 1 Doppia CU: semplificata e ordinaria La Certificazione Unica, da quest anno, si divide

Dettagli

I lavoratori dipendenti e i pensionati (in possesso di determinati redditi), possono presentare la dichiarazione con il modello 730.

I lavoratori dipendenti e i pensionati (in possesso di determinati redditi), possono presentare la dichiarazione con il modello 730. 03 giugno 2013 Più tempo per consegnare il modello 730 ai Caf o ai professionisti abilitati. Un Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, firmato il 29 maggio scorso, ha fatto slittare dal 31

Dettagli

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale STUDIO RENZO GORINI DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE LEGALE COMO 12.12.2014 22100 COMO - VIA ROVELLI, 40 TEL. 031.27.20.13 www.studiogorini.it FAX 031.27.33.84 E-mail: segreteria@studiogorini.it INFORMATIVA

Dettagli

La comunicazione dati certificazioni di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi

La comunicazione dati certificazioni di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 25/2002 La comunicazione dati certificazioni di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi

Dettagli

DALLA CERTIFICAZIONE UNICA AL MODELLO 730 Casi pratici di compilazione

DALLA CERTIFICAZIONE UNICA AL MODELLO 730 Casi pratici di compilazione Ebook gratuito DALLA CERTIFICAZIONE UNICA AL MODELLO 730 Casi pratici di compilazione A cura di: Rita Martin Sommario Premessa... 3 IN GENERALE... 3 Redditi attestati... 3 Termini di consegna... 4 Sanzioni...

Dettagli

SEMPLIFICATO. Anno 2014. Informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 d.lgs. n. 196/2003)

SEMPLIFICATO. Anno 2014. Informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 d.lgs. n. 196/2003) SEMPLIFICATO 0 Anno 0 Informativa sul trattamento dei dati personali (art. d.lgs. n. 9/00) Con questa informativa l Agenzia delle Entrate spiega come utilizza i dati raccolti e quali sono i diritti riconosciuti

Dettagli

Circolare 28. del 12 dicembre 2014. Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE

Circolare 28. del 12 dicembre 2014. Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE Circolare 28 del 12 dicembre 2014 Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE 1 Premessa... 3 2 Precompilazione dei modelli 730 da parte dell Agenzia

Dettagli

STRUMENTI DI LAVORO CHECK LIST PER

STRUMENTI DI LAVORO CHECK LIST PER STRUMENTI DI LAVORO CHECK LIST PER COMPILAZIONE DELLA CERTIFICAZIONE UNICA 2016 CHECK LIST PER COMPILAZIONE DELLA CERTIFICAZIONE UNICA 2016 Contribuente Codice fiscale Partita IVA Presentazione della CU

Dettagli

Circolare n. 7 del 19 maggio 2014

Circolare n. 7 del 19 maggio 2014 Circolare n. 7 del 19 maggio 2014 Bonus IRPEF: chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Indice 1. Premessa 2. Soggetti beneficiari 2.1 Possesso di redditi di lavoro dipendente o di alcuni redditi assimilati

Dettagli

CERTIFICAZIONE UNICA 2015

CERTIFICAZIONE UNICA 2015 CERTIFICAZIONE UNICA 201 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART., COMMI -ter e -quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 199, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 201 DATI ANAGRAFICI AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO

Dettagli

Presentazione della dichiarazione 770/2015 semplificato e ordinario di Marco Peverelli e Roberta Matrone

Presentazione della dichiarazione 770/2015 semplificato e ordinario di Marco Peverelli e Roberta Matrone Presentazione della dichiarazione 770/2015 semplificato e ordinario di Marco Peverelli e Roberta Matrone ADEMPIMENTO " FISCO Il Mod. 770, Semplificato ed Ordinario, riepiloga tutti i dati fiscali relativi

Dettagli

La certificazione unica CUD

La certificazione unica CUD La certificazione unica CUD Il datore di lavoro sostituto d'imposta dei propri dipendenti: il CUD Entro il 28 febbraio di ogni anno (fino al 2007 il termine era il 15 marzo) il sostituto deve rilasciare

Dettagli

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale 2.2015 Gennaio Sommario 1. PREMESSA... 2 2. PRECOMPILAZIONE DEI MODELLI 730 DA PARTE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE...

Dettagli

Nuova Certificazione unica CU 2015: redditidilavoroautonomo Edoardo Sesini e Valerio Artina - Dottori commercialisti in Bergamo

Nuova Certificazione unica CU 2015: redditidilavoroautonomo Edoardo Sesini e Valerio Artina - Dottori commercialisti in Bergamo Nuova Certificazione unica CU 2015: redditidilavoroautonomo Edoardo Sesini e Valerio Artina - Dottori commercialisti in Bergamo ADEMPIMENTO " NOVITÀ " LAVORO I sostituti d imposta sono tenuti ad utilizzare

Dettagli

DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI: NOVITÀ PER AZIENDE, PROFESSIONISTI E LAVORATORI

DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI: NOVITÀ PER AZIENDE, PROFESSIONISTI E LAVORATORI Modena, 03 dicembre 2014 DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI: NOVITÀ PER AZIENDE, PROFESSIONISTI E LAVORATORI D.Lgs n. 175 del 21 novembre 2014 È stato pubblicato sulla G.U. n. 277 del 28 novembre 2014 il

Dettagli

730/2015: la dichiarazione precompilata Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

730/2015: la dichiarazione precompilata Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista Carmela Di Rosa - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. MODELLO 730/2015 730/2015: la dichiarazione precompilata Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " FISCO Da quest anno

Dettagli

SEMPLIFICATO. Anno 2014. Informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 d.lgs. n. 196/2003)

SEMPLIFICATO. Anno 2014. Informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 d.lgs. n. 196/2003) SEMPLIFICATO 205 Anno 204 Informativa sul trattamento dei dati personali (art. 3 d.lgs. n. 9/2003) Con questa informativa l Agenzia delle Entrate spiega come utilizza i dati raccolti e quali sono i diritti

Dettagli

Circolare n. 7. Del 21 maggio 2014. Bonus 80,00 Euro in busta paga INDICE

Circolare n. 7. Del 21 maggio 2014. Bonus 80,00 Euro in busta paga INDICE Circolare n. 7 Del 21 maggio 2014 Bonus 80,00 Euro in busta paga INDICE 1 Premessa...3 2 Soggetti beneficiari...3 2.1 Possesso di redditi di lavoro dipendente o di alcuni redditi assimilati...3 2.1.1 Beneficiari

Dettagli

CAPITOLO PRIMO MODELLO CUD 2012

CAPITOLO PRIMO MODELLO CUD 2012 CAPITOLO PRIMO MODELLO CUD 2012 In questo capitolo si illustrano le modalità utilizzate dal sostituto d imposta per la compilazione del Modello CUD 2012. Riteniamo, infatti, che ciò possa aiutare a riportare

Dettagli

CUD 2005 INFORMAZIONI PER IL CONTRIBUENTE AGENZIA DELLE ENTRATE. 1.1 Finalità. del trattamento. 1.2 Dati comuni. 1.

CUD 2005 INFORMAZIONI PER IL CONTRIBUENTE AGENZIA DELLE ENTRATE. 1.1 Finalità. del trattamento. 1.2 Dati comuni. 1. CUD 2005 AGENZIA DELLE ENTRATE INFORMAZIONI PER IL CONTRIBUENTE ALLEGATO 1 La certificazione unica dei redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati deve essere consegnata, in duplice copia, al

Dettagli

ART. 23 - RITENUTA SUI REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE 13 PREMESSA 16 1. SOSTITUTI DI IMPOSTA E INCAPIENZA DELLA RITENUTA (CO. 1) 22

ART. 23 - RITENUTA SUI REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE 13 PREMESSA 16 1. SOSTITUTI DI IMPOSTA E INCAPIENZA DELLA RITENUTA (CO. 1) 22 TITOLO III - RITENUTE ALLA FONTE ART. 23 - RITENUTA SUI REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE 13 PREMESSA 16 1. SOSTITUTI DI IMPOSTA E INCAPIENZA DELLA RITENUTA (CO. 1) 22 2. REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE PRESTATO

Dettagli

Fiscal Flash N. 41. Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) La notizia in breve 20.02.2014. Premessa

Fiscal Flash N. 41. Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) La notizia in breve 20.02.2014. Premessa Fiscal Flash La notizia in breve N. 41 20.02.2014 Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: CUD La certificazione unica dei redditi di lavoro

Dettagli

CUD 2010 ISTRUZIONI PER IL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D IMPOSTA. ntrate COMPILAZIONE DATI FISCALI. genzia.

CUD 2010 ISTRUZIONI PER IL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D IMPOSTA. ntrate COMPILAZIONE DATI FISCALI. genzia. genzia ntrate CUD 2010 ISTRUZIONI PER IL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D IMPOSTA ALLEGATO 2 COMPILAZIONE DATI FISCALI Generalità La certificazione unica dei redditi di lavoro dipendente,

Dettagli

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista 1/8 OGGETTO DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA DELL ANNO 2012 MODELLO 770/2013 SEMPLIFICATO E MODELLO 770/2013 ORDINARIO RIFERIMENTI NORMATIVI ARTT. 4 8/8BIS DPR 22.07.1998 N. 322; ART. 4 DPR 7.12.2001

Dettagli

CERTIFICAZIONE UNICA

CERTIFICAZIONE UNICA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CERTIFICAZIONE UNICA VITTORIA LETIZIA LEONE 06 Febbraio 2015 - ODCEC Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Esempio 1 La Società Pollicino

Dettagli

Modalità di presentazione delle dichiarazioni dei redditi, dei sostituti d imposta, IVA e IRAP: il testo aggiornato del D.P.R. 22 luglio 1998, n.

Modalità di presentazione delle dichiarazioni dei redditi, dei sostituti d imposta, IVA e IRAP: il testo aggiornato del D.P.R. 22 luglio 1998, n. Pag. 906 n. 8/2000 26/02/2000 Modalità di presentazione delle dichiarazioni dei redditi, dei sostituti d imposta, IVA e IRAP: il testo aggiornato del D.P.R. 22 luglio 1998, n. 322 Decreto del Presidente

Dettagli

MODELLO 730/2011 NOVITÀ

MODELLO 730/2011 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 11/2011 del 24 marzo 2011 MODELLO 730/2011 NOVITÀ In questa Circolare 1. Quadri del Modello 730/2011 2. Contribuenti che possono utilizzare il Modello 730/2011

Dettagli

REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE CORRISPOSTI NEL 2008...pag. 19. REDDITI ASSIMILATI A QUELLI DI LAVORO DIPENDENTE...pag. 24

REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE CORRISPOSTI NEL 2008...pag. 19. REDDITI ASSIMILATI A QUELLI DI LAVORO DIPENDENTE...pag. 24 INDICE Sezione Prima - INTRODUZIONE INTRODUZIONE...pag. 14 Lo schema del CUD 2009 - Certificazione Unica Dipendenti...» 14 Termini di consegna al dipendente...» 15 Il trattamento dei dati personali...»

Dettagli

Mod. 730/2011: novita` del modello e scadenze

Mod. 730/2011: novita` del modello e scadenze Mod. 730/2011: novita` del modello e scadenze di Roberta Aiolfi e Valerio Artina (*) L ADEMPIMENTO Sono stati approvati i modelli di dichiarazione dei redditi Mod. 730/2011 inerenti l assistenza fiscale

Dettagli

Il modello 770 semplificato e ordinario

Il modello 770 semplificato e ordinario Il modello 770 semplificato e ordinario Relatrice: Dott.ssa Laura Demaria Modello 770 è il modello principe per il sostituto d imposta Tramite esso il sostituto d imposta trasmette all agenzia delle entrate

Dettagli

CUD 2012 INFORMAZIONI PER IL CONTRIBUENTE. ntrate. genzia. 1.1 Finalità del trattamento. 1.2 Dati personali. 1.3 Dati sensibili

CUD 2012 INFORMAZIONI PER IL CONTRIBUENTE. ntrate. genzia. 1.1 Finalità del trattamento. 1.2 Dati personali. 1.3 Dati sensibili genzia ntrate CUD 2012 INFORMAZIONI PER IL CONTRIBUENTE ALLEGATO 1 La certificazione unica dei redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati deve essere consegnata, in duplice copia, al contribuente

Dettagli

La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi

La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale È stato approvato con provvedimento dell Agenzia delle Entrate del 15 gennaio 2014 Prot.5131-2014

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL CONTRIBUENTE

INFORMAZIONI PER IL CONTRIBUENTE genzia ntrate CUD 2006 INFORMAZIONI PER IL CONTRIBUENTE ALLEGATO 1 La certificazione unica dei redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati deve essere consegnata, in duplice copia, al contribuente

Dettagli

Certificazione Unica

Certificazione Unica Nota Salvatempo Contabilità 13.0 15 GENNAIO 2014 Certificazione Unica Premessa normativa Il decreto legislativo n. 175/2014 pubblicato in G.U. il 29 novembre 2014, recante disposizioni in materia di semplificazioni

Dettagli

Gecom Paghe C.U. 2016 Prelievo dati PAGHE

Gecom Paghe C.U. 2016 Prelievo dati PAGHE Gecom Paghe C.U. 2016 Prelievo dati PAGHE ( Rif. rilascio vers. PAGHE 2016.0.1 del 02.02.2016) C.U. 2016 2 / 116 INDICE Certificazione Unica 2016... 4 Generalità... 4 Introduzione... 4 Composizione del

Dettagli

SEMPLIFICATO. BOZZA INTERNET del 9/12/2013. Anno 2013. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n.

SEMPLIFICATO. BOZZA INTERNET del 9/12/2013. Anno 2013. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. BOZZA INTERNET del 9//0 SEMPLIFICATO 0 Anno 0 Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. del D.Lgs. n. 9 del 00 Il D.Lgs. 0 giugno 00, n. 9, Codice in materia di protezione dei dati

Dettagli

Via De Amicis n.10 27029 Vigevano. CIRCOLARE n. 16 / 2014. Mod. 770/2014

Via De Amicis n.10 27029 Vigevano. CIRCOLARE n. 16 / 2014. Mod. 770/2014 Terrazzini & partners consulenti del lavoro p.i./c.f. 05505810969 www.terrazzini.it Via Campanini n.6 20144 Milano Via Marsala n.29 26900 Lodi Via De Amicis n.10 27029 Vigevano t. +39 02 6773361 f. +39

Dettagli

SCADENZE FEBBRAIO 2015

SCADENZE FEBBRAIO 2015 SCADENZE FEBBRAIO 2015 MARTEDì 10 FEBBRAIO IMU TERRENI Scade il termine per il versamento dell IMU sui terreni; l imposta è calcolata in base alle aliquote standard (7,6 per mille) tranne quando i Comuni

Dettagli

Ai Sigg. Clienti Loro Uffici Amministrativi. Milano, lì 19/01/2015. Circolare n. 02/2015

Ai Sigg. Clienti Loro Uffici Amministrativi. Milano, lì 19/01/2015. Circolare n. 02/2015 20121 Milano via San Primo 4, Italia t. +39 02 76.07.671 f. +39 02 76.00.64.74 Ai Sigg. Clienti Loro Uffici Amministrativi Milano, lì 19/01/2015 Circolare n. 02/2015 Giuseppe Chiaravalli RAGIONIERE COMMERCIALISTA

Dettagli

SEMPLIFICATO. Anno 2012. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003

SEMPLIFICATO. Anno 2012. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 SEMPLIFICATO 0 Anno 0 Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. del D.Lgs. n. 9 del 00 Il D.Lgs. 0 giugno 00, n. 9, Codice in materia di protezione dei dati personali, prevede un

Dettagli

MODELLO 770 / 2015. Modello 770 2015 Redditi 2014 Dati previdenziali ed assistenziali

MODELLO 770 / 2015. Modello 770 2015 Redditi 2014 Dati previdenziali ed assistenziali MODELLO 770 / 2015 Modello 770 2015 Redditi 2014 Dati previdenziali ed assistenziali Con provvedimento del 12/05/2015 è stato approvato, dal Direttore dell Agenzia delle Entrate ai sensi dell'art. 1, comma

Dettagli

LE NOVITÀ DEL MODELLO 770/2015 SEMPLIFICATO 2 A PARTE

LE NOVITÀ DEL MODELLO 770/2015 SEMPLIFICATO 2 A PARTE INFORMATIVA N. 198 22 MAGGIO 2015 Fiscale LE NOVITÀ DEL MODELLO 770/2015 SEMPLIFICATO 2 A PARTE Agenzia delle Entrate, Provvedimento n. 4793 del 15 gennaio 2015 Agenzia delle Entrate, Provvedimento prot.

Dettagli

CUD 2013 INFORMAZIONI PER IL CONTRIBUENTE. ntrate. genzia. 1.1 Finalità del trattamento. 1.2 Dati personali. 1.3 Dati sensibili

CUD 2013 INFORMAZIONI PER IL CONTRIBUENTE. ntrate. genzia. 1.1 Finalità del trattamento. 1.2 Dati personali. 1.3 Dati sensibili genzia ntrate CUD 2013 INFORMAZIONI PER IL CONTRIBUENTE ALLEGATO 1 La certificazione unica dei redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati deve essere consegnata, in duplice copia, al contribuente

Dettagli

Certificazione dei redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati Novità Modello CUD 2014

Certificazione dei redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati Novità Modello CUD 2014 n 07 del 14 febbraio 2014 circolare n 143 del 13 febbraio 2014 referente BERENZI/mr Certificazione dei redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati Novità Modello CUD 2014 Con il Provvedimento

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL CONTRIBUENTE

INFORMAZIONI PER IL CONTRIBUENTE genzia ntrate CUD 2006 BOZZA INTERNET 14/9/2005 INFORMAZIONI PER IL CONTRIBUENTE ALLEGATO 1 La certificazione unica dei redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati deve essere consegnata, in

Dettagli

GENNAIO INFORMATIVA N. 329 29 DICEMBRE 2014

GENNAIO INFORMATIVA N. 329 29 DICEMBRE 2014 INFORMAT N. 329 29 DICEMBRE 2014 Si riportano di seguito le principali scadenze del PRIMO TRIMESTRE 2015. A seguito dell entrata in vigore delle semplificazioni contenute nel D.Lgs. n. 175/2014 alcuni

Dettagli

Termini e modalità di presentazione del 770/2014. La presentazione entro il 31 luglio 2014

Termini e modalità di presentazione del 770/2014. La presentazione entro il 31 luglio 2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 190 16.07.2014 Termini e modalità di presentazione del 770/2014 La presentazione entro il 31 luglio 2014 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria:

Dettagli

CUD 2013 ISTRUZIONI PER IL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D IMPOSTA. ntrate COMPILAZIONE DATI FISCALI. genzia.

CUD 2013 ISTRUZIONI PER IL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D IMPOSTA. ntrate COMPILAZIONE DATI FISCALI. genzia. genzia ntrate CUD 2013 ISTRUZIONI PER IL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D IMPOSTA ALLEGATO 2 COMPILAZIONE DATI FISCALI Generalità La certificazione unica dei redditi di lavoro dipendente,

Dettagli

Certificazione Unica: le risposte dell'agenzia delle entrate al Telefisco 2015, Videoforum Italia Oggi e Forum lavoro

Certificazione Unica: le risposte dell'agenzia delle entrate al Telefisco 2015, Videoforum Italia Oggi e Forum lavoro A cura della Redazione Directio Certificazione Unica: le risposte dell'agenzia delle entrate al Telefisco 2015, Videoforum Italia Oggi e Forum lavoro Quesito n. 1 - CU e Ravvedimento operoso Rispetto all

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 14 marzo 2011. Direzione Centrale Servizi ai contribuenti

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 14 marzo 2011. Direzione Centrale Servizi ai contribuenti CIRCOLARE N. 14/E Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 14 marzo 2011 OGGETTO: Modello 730/2011 - Redditi 2010 - Assistenza fiscale prestata dai sostituti di imposta, dai Centri di assistenza

Dettagli

La Gestione Separata. Giornata nazionale della previdenza Milano 18 maggio 2013

La Gestione Separata. Giornata nazionale della previdenza Milano 18 maggio 2013 La Gestione Separata Giornata nazionale della previdenza Milano 18 maggio 2013 1 2 L iscrizione E a carico del lavoratore o del professionista Deve essere presentata entro 30 giorni dall inizio dell attività.

Dettagli

III. Informazioni per il contribuente

III. Informazioni per il contribuente III. Informazioni per il contribuente La Certificazione Unica 2015 dei sostituti d imposta, contenente i dati relativi ai redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati e ai redditi di lavoro autonomo,

Dettagli

Modello 730/2015 novità

Modello 730/2015 novità Modello 730/2015 novità Saverio Cinieri Dottore Commercialista Revisore Contabile Giornalista pubblicista Agg. 24/03/2015 1 Principali riferimenti normativi Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle

Dettagli

Direzione Centrale Gestione Tributi INDICE

Direzione Centrale Gestione Tributi INDICE CIRCOLARE N. 10/E Roma, 13 febbraio 2003 Direzione Centrale Gestione Tributi Oggetto: Modello 730/2003 redditi 2002. Assistenza fiscale prestata dai sostituti d imposta e dai Centri di assistenza fiscale

Dettagli

I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE

I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE E IL QUADRO C INDICAZIONI GENERALI I redditi di lavoro dipendente e assimilati Sono redditi di lavoro dipendente quelli che derivano da rapporti

Dettagli

Dottore Commercialista

Dottore Commercialista DECRETO SEMPLIFICAZIONI: DAL 2015 NUOVO MODELLO 730 PRECOMPILATO a cura del Dott. Vito SARACINO e in Bitonto (BA) Il D.Lgs. 21.11.2014, n. 175 pubblicato sulla G.U. del 28 novembre 2014 ed entrato in vigore

Dettagli

n 5 maggio 2014 Regime Enti non commerciali

n 5 maggio 2014 Regime Enti non commerciali 1. Agevolazioni per l imposta sul reddito: IMPOSTE DIRETTE 2. Agevolazioni per l imposta sul reddito: IRAP 3. Detrazione IRPEF per la pratica sportiva dilettantistica 4. Cinque per Mille 5. Adempimenti

Dettagli

I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE E IL QUADRO C

I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE E IL QUADRO C I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE E IL QUADRO C INDICAZIONI GENERALI I redditi di lavoro dipendente e assimilati Sono redditi di lavoro dipendente quelli che derivano da rapporti

Dettagli

Ad uso degli Uffici 50&Più Caaf e strutture convenzionate Anno IX - N. 1 / 2014

Ad uso degli Uffici 50&Più Caaf e strutture convenzionate Anno IX - N. 1 / 2014 ORIENTAMENTI FISCALI Ad uso degli Uffici 50&Più Caaf e strutture convenzionate Anno IX - N. 1 / 2014 Mod. CUD 2014: dati rilevanti per la compilazione del mod. 730/2014 Dichiarazione congiunta: i contribuenti

Dettagli

QUESITI FORUM LAVORO 2015 L AGENZIA DELLE ENTRATE RISPONDE

QUESITI FORUM LAVORO 2015 L AGENZIA DELLE ENTRATE RISPONDE QUESITI FORUM LAVORO 2015 * * * L AGENZIA DELLE ENTRATE RISPONDE 1. Stampa progressivo certificazione Ai fini della compilazione della dichiarazione precompilata, il numero di progressivo della certificazione

Dettagli

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI Modello 730/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 INTRODUZIONE 1. Perché conviene il Modello 730 2. Modello 730 precompilato 3. Modello 730 ordinario (non precompilato) 4. Chi è

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: 1. Approvazione del modello 770/2015 Semplificato.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: 1. Approvazione del modello 770/2015 Semplificato. Prot.2015/4793 Approvazione del modello 770/2015 Semplificato, relativo all anno 2014, con le istruzioni per la compilazione, concernente le comunicazioni da parte dei sostituti d imposta dei dati delle

Dettagli

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO IL MODELLO 730-3: La STRUTTURA e i DATI IDENTIFICATIVI. Le sezioni del prospetto di liquidazione 730-3 Il risultato dell elaborazione dei dati esposti nel modello

Dettagli

Studio Della Frera Borboni & Associati

Studio Della Frera Borboni & Associati Commercialisti - Revisori Mauro Della Frera Maurizio Borboni Marisa Coppi Elena Picen Sonia Bianchi Carolina Bianchi Alessandro Co' Jenni Lombardi Fabio Navoni Elena Pancari Isabella Smussi Consulenti

Dettagli

SEMPLIFICATO. Modello DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA PER L ANNO 2003 AGENZIA ENTRATE DELLE DATI RELATIVI A: CERTIFICAZIONI COMPENSI

SEMPLIFICATO. Modello DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA PER L ANNO 2003 AGENZIA ENTRATE DELLE DATI RELATIVI A: CERTIFICAZIONI COMPENSI AGENZIA DELLE ENTRATE 2004 Modello SEMPLIFICATO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA PER L ANNO 2003 DATI RELATIVI A: CERTIFICAZIONI COMPENSI ASSISTENZA FISCALE VERSAMENTI

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

SCADENZE SETTEMBRE 2013

SCADENZE SETTEMBRE 2013 SCADENZE SETTEMBRE 2013 LUNEDì 2 SETTEMBRE IMPOSTE RATEIZZATE - Ultimo giorno utile per effettuare il versamento della rata delle imposte rateizzate da parte dei contribuenti non titolari di partita Iva.

Dettagli

SEMPLIFICATO. Anno 2010. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003

SEMPLIFICATO. Anno 2010. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 SEMPLIFICATO 0 Anno 00 Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. del D.Lgs. n. 9 del 00 Il D.Lgs. 0 giugno 00, n. 9, Codice in materia di protezione dei dati personali, prevede

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

APPROVAZIONE MODELLO PER L ANNO 2012

APPROVAZIONE MODELLO PER L ANNO 2012 APPROVAZIONE MODELLO PER L ANNO 2012 Con i provvedimenti dell Agenzia delle entrate 15.1.2013 e 4.3.2013 è stato approvato in via definitiva (rettifiche comprese), il modello 730/2013 per l adempimento

Dettagli

Roma, 27 marzo 2010 INDICE CIRCOLARE N. 16/E

Roma, 27 marzo 2010 INDICE CIRCOLARE N. 16/E CIRCOLARE N. 16/E Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 27 marzo 2010 OGGETTO: Modello 730/2010 - Redditi 2009 - Assistenza fiscale prestata dai sostituti di imposta, dai Centri di assistenza

Dettagli