RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE PER L ANNO 2005: CONSIDERAZIONI DI SINTESI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE PER L ANNO 2005: CONSIDERAZIONI DI SINTESI"

Transcript

1 INTRODUZIONE RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE PER L ANNO 2005: CONSIDERAZIONI DI SINTESI Il Nucleo di Valutazione, a seguito dell analisi dei dati in riferimento all anno 2005, ha elaborato l allegata relazione tecnica che tiene conto delle peculiarità della Scuola Normale Superiore nel sistema universitario nazionale dettagliando le esigenze che ne derivano in termini di parametri e indicatori di valutazione specifici per le Scuole di Eccellenza. Peculiarità: La Scuola integra e approfondisce il percorso formativo dei propri allievi che contemporaneamente sono anche allievi iscritti all Università di Pisa. Gli allievi, che entrano per concorso, fino a che soddisfano gli obblighi 1 stabiliti dalla Scuola, vivono e studiano nei collegi della Scuola stessa a titolo completamente gratuito per l intera durata del corso di studi. Una prima generale riflessione, spinta anche dall esame dei documenti e dei dati disponibili, ha confermato al Nucleo la sostanziale peculiarità istituzionale della Scuola Normale, da cui discende che il riferimento a parametri, standard o comunque criteri, validi per l assegnazione alle Università delle risorse e per la valutazione dell attività, non è comunque opportuno e coerente con la realtà. Del resto è ben noto che Istituzioni quali la Scuola Normale Superiore, Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati di Trieste e la Scuola Superiore di Studi Universitari e di Perfezionamento Sant Anna, rispetto agli atenei italiani, presentano tratti specifici di grande rilievo; sono caratteristiche che dovrebbero essere considerate dal legislatore e dal Governo, ogni qual volta si interviene sull ordinamento universitario, perché è reale e consistente il rischio di una non corretta rappresentazione nell ambito del panorama universitario. A proposito delle particolarità delle Scuole Superiori ad ordinamento speciale, il Nucleo, nel richiamare la relazione redatta dalla apposita Commissione costituita dal Ministero nel 1994, ritiene opportuno sottolineare qui di seguito un passo interessante e significativo. Le tre Scuole esistenti hanno caratteristiche diverse, età anche diverse e quindi diverse tradizioni, ma rappresentano tre positivi modelli per la formazione dell eccellenza: la Normale, nota per la formazione del personale docente di alta qualità, ha conservato caratteristiche che la rendono prevalentemente (anche se non esclusivamente) adatta alla formazione di eccellenza scientifica e umanistica. La citazione evidenzia sinteticamente che non solo rispetto al quadro complessivo dell istruzione universitaria le tre istituzioni si distinguono, ma anche tra loro esistono rilevanti differenze che costituiscono il valido contributo che singolarmente recano per il soddisfacimento delle esigenze di formazione e di sviluppo del Paese. La base su cui poggiano le tre Scuole è indubbiamente l eccellenza e ciò è dimostrato dai risultati che sono stati conseguiti nel corso del tempo 2. Come emerge dalla documentazione, dal 1995 il M.U.R.S.T. ha, in coerenza con quanto esposto, espressamente sottolineato la necessità di definire criteri ad hoc per le tre Scuole speciali. Tutto ciò considerato, il Nucleo ribadisce ancora che nel procedere alla valutazione dell attività della Scuola è indispensabile adottare criteri propri ed eventualmente diversi da quelli generalmente utilizzati 1 Art. 37 dello Statuto della Scuola: Ogni allievo del corso ordinario deve riportare negli esami universitari e in quelli interni sostenuti durante l'anno accademico la media di almeno ventisette su trenta e in ciascun esame il punteggio di almeno ventiquattro su trenta. 2 L eccellenza dovrebbe essere valutata e dichiarata ex post, da qualcun altro e non da chi si autodichiara «eccellente» in partenza. [ ] [La Normale] non si è mai autodefinita tale. Quando ci tocca autodefinirci, lo facciamo in termini istituzionali e sulla base di un esperienza secolare; e se parliamo di qualità dei nostri studenti, ha senso, io credo, che lo facciamo solo in due modi: o parlando al passato, e non vedo chi possa negare la qualità di normalisti come Fermi o Ciampi; o parlando al futuro, ma in termini di strategie per garantire la qualità piuttosto che di vuote formule che danno per scontato il risultato. Estratto da Quale Eccellenza, pg. 149 e 150, di Salvatore Settis. 1

2 INTRODUZIONE per le istituzioni universitarie che ad essa non sono comparabili per dimensioni, organizzazione, piani strutturali e attività prodotta (si ricorda ad esempio che le due Scuole pisane sono tenute per Statuto a fornire servizi di ospitalità per una vita integralmente collegiale). Pur nell ottica degli indicatori prescelti dal Comitato Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario, il Nucleo ha sempre ritenuto necessario un sistema di indicatori e parametri appropriato per rappresentare la realtà delle Scuole d eccellenza. Grazie alla positiva considerazione degli indicatori proposti dalle Scuole d eccellenza, avvenuto nel 2003, si sono create le condizioni oggettive per un percorso di significativo progresso. Una delle caratteristiche più importanti della Scuola è che tutti i suoi allievi sono in corso, con medie per esame elevatissime e il conseguimento della laurea con il massimo dei voti. Il modello seguito alla Scuola e la formazione in essa impartita supera e va oltre il sistema dei crediti formativi universitari. Aspetti strutturali: Alla Scuola Normale si insegnano discipline umanistiche e scientifiche, e l intera organizzazione didattica e scientifica è divisa in due Classi Accademiche: L intera organizzazione didattica e scientifica è articolata in due Classi Accademiche: la Classe di Lettere e Filosofia, che comprende cinque aree disciplinari: Storia Antica e Filologia Classica, Letteratura Italiana e Linguistica, Storia dell Arte e Archeologia, Storia e Paleografia, Filosofia; la Classe di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali che comprende cinque aree disciplinari: Matematica; Fisica; Chimica; Scienze Biologiche; Informatica. L offerta formativa della Normale comprende: l orientamento universitario, la formazione universitaria (corso ordinario), la formazione post-laurea (corso di perfezionamento) e le iniziative formative di tipo professionalizzante o specialistico che prevedono Corsi di alta formazione e Tirocini formativi. Al corso ordinario ed al corso di perfezionamento si accede per concorso. Di seguito se ne riporta uno schema esemplificativo: La Scuola integra e approfondisce il percorso formativo dei propri allievi che contemporaneamente sono anche allievi iscritti all Università di Pisa. Gli allievi, che entrano per concorso, vivono e studiano nei collegi della Scuola a titolo completamente gratuito per l intera durata del corso di studi Si tratta di corsi specializzati, di durata variabile, destinati a laureati, anche già inseriti nel mondo del lavoro e della ricerca. Alta formazione Orientamento alla scelta universitaria Formazione universitaria (corsi ordinari) Ingresso al 1 e 4 anno La scuola offre a studenti di talento, provenienti dalle scuole medie superiori italiane, l opportunità di frequentare i propri corsi Formazione post laurea (perfezionamento) Corso di studi triennale equiparato al dottorato di ricerca. Gli allievi perfezionandi, che entrano per concorso, hanno una borsa di studio e vivono e studiano all interno della comunità della Scuola Formazione professionalizzante (tirocini/stage) Si rivolge agli allievi ed ex allievi della Scuola Normale per orientarli nella scelta della professione 2

3 INTRODUZIONE Valutazione 2005 e indicazioni di miglioramento: Un primo aspetto di riflessione riguarda la c.d. fuga dalle facoltà scientifiche universitarie: rispetto a questo fenomeno, ormai caratteristico della realtà del nostro paese, che vede una netta prevalenza degli iscritti alle facoltà umanistiche rispetto a quelle scientifiche, con un rapporto di 60 a 40 3, la realtà nella Scuola Normale è esattamente opposta. Alla Scuola la proporzione è infatti del 60% di domande raccolte per la Classe di Scienze, verso il 40% della Classe di Lettere: è interessante inoltre notare la crescita in valore assoluto delle domande di ammissione alla Scuola, in particolare di quelle per la Classe di Scienze 4. Questo dato può essere ulteriormente analizzato grazie al questionario che viene distribuito agli aspiranti normalisti in occasione del concorso di ammissione 5, da cui emerge che fra i principali aspetti attrattivi della Scuola vi è l impegno richiesto, e che la possibilità di fare ricerca è fra i principali fattori motivazionali che spingono verso la Scuola. Tali percezioni corrispondono esattamente agli elementi che la Scuola Normale intende rafforzare sin dall inizio del percorso formativo dei normalisti. Un secondo elemento si può apprezzare osservando il bilancio consuntivo 2005: la ricerca assume un peso sempre crescente, corrispondente al 30% delle entrate. Fra i segnali positivi vi è una netta crescita dei finanziamenti FIRB e di altri Enti, per un totale di k/, con risultati in termini di autofinanziamento particolarmente lusinghieri per alcune strutture 6. Dai dati di outcome sugli esiti professionali degli ex allievi, ricostruiti attraverso un apposita indagine 7, emerge un chiaro orientamento verso la carriera accademica e più in generale verso il settore della ricerca. Fra gli allievi che hanno concluso il corso ordinario, circa il 43% dichiara di essere docente o ricercatore universitario; fra i perfezionati la percentuale sfiora il 70%. Questi valori crescono ulteriormente se si considera l attività dell azienda/ente presso cui gli intervistati operano: circa il 63% degli ordinari e il 90% dei perfezionati dichiara di dedicarsi al settore dell istruzione, formazione, ricerca e sviluppo. La scelta prevalente dell istruzione, formazione e ricerca, determina una caratterizzazione della Scuola nel panorama nazionale. Negli altri atenei, questo sbocco professionale interessa una quota marginale di individui da non renderne addirittura possibile una quantificazione precisa. Considerando i soli allievi ordinari (quindi i laureati) nel periodo / , si osserva che mentre a livello nazionale la percentuale di docenti e ricercatori (universitari e non) si mantiene al di sotto del 9% per Scienze e dell 11% per Lettere 8, per la Scuola la stessa percentuale arriva al 26% per Scienze e al 32% per Lettere, a cui si aggiunge il 21% degli ordinari di Lettere che svolge attività di insegnamento nelle scuole medie inferiori e superiori. E inoltre di interesse il dato relativo al numero degli ex normalisti che lavora all estero, pari al 20% del campione intervistato, spesso occupati in prestigiose università e centri di ricerca di alto livello. Si sottolinea inoltre la rinnovata potenzialità dei corsi di orientamento universitario della Scuola. E rilevante infatti ricordare che il loro scopo principale non è quello di presentare la Scuola Normale 3 In riferimento all anno accademico 2005/2006 gli iscritti alle facoltà di Lettere e Filosofia erano pari a , quelli alle facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali erano pari a (fonte MIUR-USTAT). Gli iscritti ai corsi di orientamento scientifico, rapportati al totale degli studenti universitari, sono in forte diminuzione, passando dal quasi 50% dell anno accademico 1951/1952 al circa 30% del 2000/2001, anche utilizzando l espressione orientamento scientifico in senso lato ovverosia includendovi i raggruppamenti di Medicina, Agraria e Ingegneria. 4 Si veda la sezione II. Formazione Universitaria della presente relazione, pg. 88 per un esame dei risultati. 5 Per un analisi più approfondita dei risultati si rimanda alla sezione II. Formazione Universitaria della presente relazione, pagine da 87 ss. 6 Per un approfondimento si veda la sezione I. Ricerca, pg. 9 7 L indagine è stata condotta sugli ex allievi ordinari ammessi alla Scuola Normale dal 1980 al 1999, e sui perfezionandi ammessi dal 1980 al 2001, per un campione di soggetti, l 80% dei quali ha risposto all iniziativa. Per un approfondimento dei risultati si legga l allegato 3 della presente relazione. 8 Dati Almalaurea, rapporto

4 INTRODUZIONE Superiore ma quello di fornire un ampio panorama di esperienze e temi di studio interdisciplinari presenti nel mondo universitario, nella ricerca, nelle attività istituzionali e professionali. I corsi di orientamento rispondono pienamente all obiettivo generale che la Scuola Normale si è posta sin dalle origini cioè fare cultura a vasto spettro. A conferma di questo vi è l elevato numero di coloro che, dopo aver frequentato i corsi di orientamento, hanno provato e superato il concorso di ammissione in prestigiose sedi universitarie. Negli ultimi anni in media il 20% dei neo normalisti proviene dai corsi di orientamento e da un analisi dei dati è inoltre emerso che chi ha frequentato i corsi di orientamento ha, rispetto a chi non lo ha fatto, probabilità più che doppie di entrare alla Normale. Questo risultato testimonia il valore dei criteri di selezione delle candidature per la partecipazione ai corsi. Il Nucleo si compiace in particolare dello sforzo che la Scuola ha fatto nel 2005 e 2006 per la realizzazione di un corso nel Sud del paese, a Camigliatello Silano, che va ad aggiungersi ai tre corsi realizzati in Toscana e a quello di Rovereto (TN), in collaborazione con l università di Trento. Ciò rappresenta un segnale importante per ribadire il respiro nazionale dell iniziativa 9. Il Nucleo saluta inoltre positivamente la realizzazione nel 2006 di corsi di orientamento alla laurea magistrale aventi lo scopo di presentare a un gruppo selezionato di giovani meritevoli l ambiente di studio e le specifiche linee di ricerca offerte agli allievi della Scuola Normale. Passando a considerazioni di natura più strettamente organizzativa, il Nucleo considera molto positive le principali novità del nuovo Statuto della Scuola ed in particolare l istituzione del Collegio Accademico che permetterà di affrontare in maniera sistematica i grandi temi strategici della Scuola. La nascita del nuovo Statuto sottolinea la volontà della Scuola di tenersi al passo con le trasformazioni che stanno avvenendo nel mondo universitario: in quest ottica va letta sia l introduzione della possibilità per i normalisti di iscriversi presso altri Atenei, oltre all Università di Pisa, previa la stipula di accordi con i medesimi, sia l ipotesi di istituire fondazioni per lo svolgimento di attività strumentali e di ricerca o comunque utili per il conseguimento dei propri fini istituzionali. Il Nucleo ha continuato nel percorso di maggiore partecipazione mediante lo svolgimento di audizioni con tutti i responsabili di centri e gruppi di ricerca e questo al fine di comprendere eventuali aree di miglioramento su cui indirizzare l attività della Scuola. Le audizioni hanno confermato la viva partecipazione dei responsabili che hanno contribuito a far emergere punti di forza e di debolezza, ed in particolare: 1. Flessibilità e riduzione, per quanto possibile, del precariato esistente: la presenza di unità precarie incide sul lavoro determinandone, in molti casi, un frazionamento. Il continuo turnover del personale richiede continui sforzi di formazione delle nuove persone introdotte in sostituzione delle precedenti, con un conseguente spreco di energie e risorse. La situazione normativa pone indubbiamente un freno alla soluzione di questo problema, anche se la costruzione di un database delle figure professionali ritenute indispensabili per lo svolgimento delle attività di ricerca, condotta a livello complessivo nella struttura, potrà consentire una rimodulazione appropriata alle esigenze della ricerca e della didattica; 2. Attrattività di ricercatori esterni e fuga degli interni: nel settore della ricerca è presente una elevata concorrenza a livello internazionale e la retribuzione che è offerta nel nostro paese, a parità di competenze e mansioni, è spesso largamente inferiore ai livelli esteri. Ovviamente questo determina una situazione fortemente penalizzante nella capacità di attrarre ricercatori dall estero e mantenere in sede i più bravi. Questo si riversa a cascata sulla composizione di alcuni gruppi di ricerca che sono praticamente privi di livelli intermedi. La soluzione di questo problema dipende ancora una volta solo in parte dalla Scuola. Tenuto conto dei vincoli normativi che ostacolano interventi sul valore della borsa, un auspicabile alternativa potrebbe 9 Si vedano le pg per un analisi dei risultati dell attività 4

5 5 Nucleo di Valutazione - Relazione 2005 INTRODUZIONE essere rappresentata dalla messa a disposizione dei ricercatori, in particolare stranieri, di una idonea foresteria che risolva in modo adeguato il problema dell alloggio e della permanenza; 3. Locali a disposizione: la Scuola ha di recente compiuto alcune importanti acquisizioni patrimoniali che hanno migliorato le condizioni di lavoro di molti laboratori. Permane una situazione di disagio in alcuni casi che potrebbe essere in parte ovviata tramite una generale verifica dell utilizzazione degli spazi presenti, in modo da osservare se è possibile una razionalizzazione del loro uso; 4. Gestione dei progetti di ricerca: è sentita l esigenza da parte dei centri di ricerca di poter contare su personale tecnico-amm.vo a supporto nella ricerca di bandi di finanziamento di progetti di ricerca (in particolare europei) e nella fase di preparazione, gestione e rendicontazione dei suddetti. Anche in questo caso si potrebbe effettuare una ricerca interna per verificare se esistono professionalità da impiegare per lo svolgimento di tali attività. Qualora internamente non esistessero, si ritiene utile formare una o più unità di personale oppure valutare l opportunità di una assunzione. Altri aspetti sui quali il Nucleo richiama l attenzione sono: - il respiro internazionale delle attività svolte dalla Scuola: questo è indubbiamente il risultato del notevole sviluppo delle strutture, anche logistiche, ma soprattutto della crescita dei laboratori e degli ambiti di ricerca esistenti che ha intensificato le collaborazioni scientifiche nazionali e internazionali. Tuttavia si ritiene che il respiro internazionale potrebbe essere ulteriormente potenziato. Una leva potrebbe essere quella di tener conto dei vincoli normativi in materia di immigrazione nel momento in cui si definiscono le tempistiche dei bandi per l ingresso alla Scuola. Altra leva, come già in parte suggerito dal Nucleo negli anni scorsi con riferimento ai cosi di orientamento universitario, potrebbe essere quella di realizzare all estero (soprattutto nei paesi emergenti) iniziative di preselezione di allievi, eventualmente in collaborazione con altri prestigiosi atenei; - il servizio di placement offerto agli allievi: il Nucleo ritiene indispensabile proseguire il percorso avviato grazie al progetto CaPS (Career and Placement Service) finanziato dal MIUR, anche dopo la conclusione dello stesso. E necessario che venga costituita una vera e propria rete di contatto con gli ex allievi e che il servizio continui a fornir loro informazioni nel corso degli anni. Ciò permetterà una osservazione delle tendenze e scelte professionali dei normalisti e costituirà uno strumento di riflessione per la didattica; - la valutazione della ricerca: confermando la validità del metodo delle audizioni con i responsabili dei centri e laboratori di ricerca, il Nucleo ritiene inoltre utile porre un attenzione particolare al set di indicatori di valutazione della ricerca; - la valutazione dei servizi: il Nucleo ritiene utile la diffusione di questionari di valutazione dei servizi offerti dalla Scuola agli studenti: la segreteria, il convitto, la mensa, il centro di calcolo, la biblioteca e ciò con il duplice obiettivo di valorizzare queste risorse e di individuare possibili spunti di miglioramento. In conclusione, il Nucleo torna anche quest anno a sottolineare l apporto, presente e futuro, che la Scuola è in grado di dare al progresso del Paese, così come ha sempre fatto durante la sua storia. L ingrediente fondamentale di questo successo è lo spirito critico e la curiosità intellettuale che la Scuola Normale incoraggia nei propri allievi, che si sostanzia nella rapidità e adattabilità al cambiamento. Su questa strada, visti i successi conseguiti, la Scuola deve continuare a procedere, non rimanendo indifferente ai cambiamenti sociali, ma utilizzandoli a proprio vantaggio per rafforzare la propria posizione di guida e sviluppo nella società contemporanea. Il Nucleo esprime un sentito ringraziamento al Direttore, al Prorettore al Bilancio e allo Sviluppo, al Prorettore alla Valutazione, ai Presidi delle Classi, ai Direttori dei Laboratori, al Direttore della Biblioteca, ed al Responsabile della Segreteria del Nucleo di Valutazione, per la disponibilità ad una piena interazione, elemento fondamentale per individuare prospettive di miglioramento.

6 INTRODUZIONE INTRODUZIONE: LA STRUTTURA SEGUITA E I NUOVI INDICATORI Obiettivo di questa relazione è di fornire un quadro dell attività svolta da parte della Scuola Normale nel corso del Il processo di valutazione del sistema universitario ha preso avvio da diversi anni in Europa e in Italia. La normativa nazionale al riguardo ha mirato a disciplinare e standardizzare la valutazione con l obiettivo di assicurare il miglioramento qualitativo delle attività degli atenei attraverso la verifica di tre importanti leve: l efficienza, l efficacia, l economicità delle attività didattiche, di ricerca e di gestione amm.va. Fra l altro la valutazione delle istituzioni universitarie è uno dei punti qualificanti della politica attuata dal MIUR per il rilancio e il miglioramento qualitativo del sistema italiano nel contesto europeo, ed una conferma di questa politica si può chiaramente leggere nel meccanismo di valutazione triennale della ricerca affidato al CIVR. In sostanza sta prendendo piede una c.d. esigenza della valutazione e ne è segno evidente il proliferare di organi e strumenti di valutazione che si stanno affermando non solo in ambito universitario. Il problema consiste nell associare il termine valutazione a quello di esigenza. Il rischio è quello di svilire il ruolo principale che la valutazione deve avere: l accompagnamento. Valutare non significa semplicemente misurare. Con il termine misurazione ci si riferisce infatti ad un attività che postula la presenza di riferimenti o elementi oggettivi che non consentono incertezze. Valutare invece implica necessariamente una componente discretiva, di giudizio, che si avvale di misure ma non si riduce a queste. Proprio in ragione di questi aspetti, il Nucleo di Valutazione, già da alcuni anni, considera importante condurre il suo lavoro attraverso un attenta e continua interazione con la Scuola ed in particolare con il Direttore, i Responsabili dell area amministrativa, i Presidi ed i professori impiegati nelle principali aree di attività didattica e scientifica. In quest ottica, anche nel corso del 2005 sono stati riproposti incontri con i vari responsabili dei laboratori e centri di ricerca della Scuola. Questo è stato fatto sia per avere una panoramica generale delle attività di ricerca svolte all interno della Scuola, che per raccogliere spunti e suggerimenti utili al miglior funzionamento della struttura. L obiettivo delle audizioni è quello di innescare un effetto sinergico tra i soggetti aventi come obiettivo l aumento del livello qualitativo del servizio fonrnito all utenza, in particolare per quanto riguarda la produzione, la didattica, le altre attività formative e culturali, i servizi in genere. Il Nucleo infatti sperimentando la difficoltà oggettiva di riferire alla Scuola parametri quantitativi utilizzati per la valutazione di attività universitarie tradizionali, si è trovato a riflettere sulla cultura dei risultati. Nell attuale dibattito scientifico-metodologico sull organizzazione stanno in realtà emergendo perplessità su quei sistemi di controllo e ricompensa legati troppo strettamente ai risultati economicofinanziari di breve periodo. E forse interessante ricordare come nella dottrina si evidenzi un significativo passaggio da modelli focalizzati su grandezze misurabili con elevato grado di certezza a sistemi complessi, nei quali la capacità di raggiungere i risultati è profondamente legata al coinvolgimento degli stessi utenti e alla capacità della struttura di recepire le loro aspettative per un effettivo miglioramento dei meccanismi di gestione. Per quanto riguarda l attività di valutazione della didattica da parte degli studenti, il Nucleo ha proceduto alla distribuzione di questionari agli allievi. Sono stati definiti indicatori ripresi da quelli del CNVSU ed adattati alle peculiarità della Scuola In generale la produzione di indici oggettivi e comparabili dovrebbe essere oggetto di meditata attenzione in una prospettiva analitica e interpretativa ampia e complessa considerando che il rigore e la possibilità di effettuare un corretto benchmarking poggiano sulla capacità dei parametri utilizzati di rappresentare correttamente la realtà osservata. Se i parametri sono non idonei tutte le operazioni 6

7 INTRODUZIONE successive rischiano ancorché condotte con rigore quantitativo formale di sortire effetti distorsivi. Anche nella problematica più strettamente aziendale, cui sempre più spesso l Università e le Scuole superiori fanno riferimento, la diffusione del management per obiettivi e la valutazione ed il controllo sui risultati possono condurre a giudizi positivi su persone e strutture le cui performances appaiono fortemente correlate a contingenze favorevoli penalizzando invece altre i cui risultati sono stati ottenuti in condizioni più difficili o comunque assai differenti. E viceversa. Dunque ciò che è significativo non è l oggettività delle misurazioni bensì una coerente rappresentazione della realtà. Per poter perseguire e realizzare tale obiettivo, nel corso del 2002, la Scuola Normale e la Scuola Sant Anna hanno deciso di stilare un documento contenente criteri di valutazione capaci di rappresentare in modo efficace le peculiarità delle due Scuole Superiori ad ordinamento speciale. Gli indicatori proposti si differenziano da quelli applicati a livello nazionale agli altri atenei, in considerazione delle diversità con questi intercorrenti. Il Comitato Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario, nella formulazione degli indicatori per la valutazione dell attività degli atenei nel 2002 (DOC 5/03), ha recepito gran parte degli indicatori proposti, prevedendo delle tabelle dedicate alle due Scuole d eccellenza. Anche per gli indicatori relativi all anno 2005, il CNVSU ha confermato, sulla base delle esperienze compiute negli anni scorsi, la richiesta di un set di informazioni specifico per le Scuole superiori ad ordinamento speciale, ripartendo i dati in cinque moduli di attività: Formazione Universitaria Formazione post-laurea alta formazione e formazione continua ricerca scientifica risorse, strutture e servizi complementari La presente relazione, come quella dello scorso, inserisce nella propria struttura i moduli di attività in cui sono ripartiti gli indicatori proposti, con un aggiunta relativa all attività edilizia ed alle evoluzioni che si sono avute nel corso del La relazione inizia con una breve parte introduttiva di carattere descrittivo della Scuola e dell attività svolta all interno della stessa da parte del Nucleo di Valutazione. 7

8 INTRODUZIONE IL NUCLEO DI VALUTAZIONE: ATTIVITÀ E COMPOSIZIONE Attività La legge n. 537/93 esige l istituzione presso le università di nuclei di valutazione interna aventi il compito di verificare, mediante analisi comparative dei costi e dei rendimenti, la corretta gestione delle risorse pubbliche, la produttività della ricerca e della didattica, nonché l imparzialità ed il buon andamento dell azione amministrativa. A completare la disciplina della materia è intervenuta la legge 370/99. L attività di valutazione assegnata ai Nuclei è direttamente correlata all autonomia che la legge ha affidato agli atenei. Autonomia implica infatti maggiore responsabilità e quindi un incremento delle responsabilità di governo. In quest ottica i Nuclei assumono un ruolo centrale per la valutazione dei risultati dell attività dell Ateneo, valutandone in specie l efficienza nell utilizzo delle risorse e l efficacia, soprattutto in termini di qualità dell attività didattica e di ricerca. Il Nucleo di Valutazione non svolge comunque soltanto questo ruolo verso l interno, ma ne assume anche un altro verso l esterno con natura prevalentemente certificatoria. Fra i suoi compiti il Nucleo ha infatti quello di inviare una volta l anno al Comitato Nazionale di Valutazione e al Ministero tutti i dati relativi all attività di Ateneo, in modo da contribuire alla costruzione di una Banca dati sul Sistema Universitario Italiano. In conclusione si può sostenere che l esistenza e il buon funzionamento del Nucleo è condizione indispensabile per la piena realizzazione dell autonomia universitaria e per la costruzione di una base di dati informativa a livello di Ateneo e nazionale per la valutazione del sistema universitario. I documenti redatti nel corso del 2005 sono stati: - Valutazione dei requisiti di idoneità dei corsi di perfezionamento Relazione sulla rilevazione delle opinioni degli allievi in merito alle attività didattiche (anno accademico ) - Relazione annuale Audizioni con in responsabili dei laboratori e centri di ricerca della Scuola Normale Composizione La Scuola Normale Superiore ha regolamentato il Nucleo di Valutazione con Provvedimento del Consiglio Direttivo del 30/11/2005. Il totale dei componenti del Nucleo è 5 e tutti i membri sono esterni all Ateneo. Il Nucleo è attualmente composto da: o Prof. Padroni Giovanni, ordinario di Organizzazione aziendale presso l Università degli studi di Pisa, Presidente o Prof. Gregory Tullio ordinario di Storia della filosofia presso l Università La Sapienza di Roma o Prof.ssa Messerini Virginia associato di Diritto regionale presso l Università degli studi di Pisa o Prof.ssa Miolo Paola ordinario di "Economia aziendale" presso l'università degli studi di Pisa o Prof. Vesentini Edoardo ordinario di Metodi matematici per l ingegneria presso il Politecnico di Torino L organizzazione dell Ufficio di Supporto Il supporto alle attività del Nucleo è affidata all Ufficio di Gabinetto della Direzione, con funzioni nello specifico di amministrazione e segreteria, di elaborazione dati e statistiche e per attività e studi specifici. Il Capo di Gabinetto è il Dr. Daniele Altamore e il Responsabile della Segreteria del Nucleo di Valutazione è il Dr. Federico Papini. 8

9 I. RICERCA A) LA RICERCA Organi e strutture interne principalmente coinvolte: DIRETTORE VICEDIRETTORE PRESIDI DELLE CLASSI SEGRETERIA DELLE CLASSI PRO RETTORE ALLA RICERCA DIRETTORI LABORATORI SEGRETERIA PER LA RICERCA CONSIGLIO DIRETTIVO DIRETTORI CENTRI AUTONOMI SEGRETERIA DEI CENTRI AUTONOMI Il modello formativo della Normale è fortemente basato sul continuo contatto con la ricerca. La ricerca, svolta in strutture d avanguardia ed in settori accuratamente selezionati, è lo strumento fondamentale per dotare i normalisti di una forma mentis ideale non per riprodurre lo stato dell arte, ma per portarlo in avanti, per affrontare problemi nuovi con approcci nuovi. La Scuola ha saputo cogliere per tempo l accelerata evoluzione della ricerca pura in ricerca applicata, in applicazioni. Nella storia quasi bisecolare della Normale questa è un acquisizione relativamente recente, ma ha determinato l investimento di crescenti risorse ed attenzione alla matematica applicata, alla nanotecnologia, alla gestione e valorizzazione dei beni culturali. Di seguito si riportano alcuni dati inerenti i programmi e l attività di ricerca: 9

10 I. RICERCA Dati relativi ai bandi per Programmi di Ricerca di Interesse Nazionale (PRIN) programmi presentati programmi finanziati co-finanziamento richiesto finanziamento ateneo finanziamento MIUR partecipanti partecipanti finanziati Mesi-uomo impegnati Classe di Lettere ,00 138,70 49,50 38,20 113,30 89, Classe di Scienze ,50 232,00 121,50 74,50 286,50 173, Totale ,50 370,70 171,00 112,70 381,80 262, Incassi e pagamenti per ricerca scientifica dei Dipartimenti, Istituti e Centri dell'ateneo Da UE Da altre istituzioni pubbliche estere (*) Da MIUR (**) Da altre amministrazioni pubbliche italiane (centrali e locali) Enti pubblici di ricerca italiani Entrate Imprese italiane Soggetti privati italiani non profit Soggetti privati esteri (imprese e istituzioni non profit) Da Ateneo (***) Altre entrate Totale entrate (al netto partite di giro) Totale entrate per attività in conto terzi Classe di Lettere Classe di Scienze Totale spese correnti Uscite Totale spese in conto capitale Totale (*) Comprese università straniere e istituzioni internazionali (esclusa la UE). (**) Le assegnazioni di provenienza MIUR comprendono anche quelle per i Programmi di interesse nazionale (PRIN), per il Fondo per gli investimenti della ricerca di base (FIRB) e per il Fondo speciale integrativo ricerca (FISR). (***) Università di appartenenza o altra università italiana. Totale spese (al netto partite di giro) 10

11 I. RICERCA Dati sulla ricerca scientifica Totale finanziamenti (keuro) di cui di provenienza esterna (keuro) N totale di progetti di ricerca in corso nell'anno di riferimento di cui di livello internazionale di cui nell'ambito dell'ue N di partner impegnati in progetti finanziati coordinati da docenti e ricercatori della Scuola N dei collaboratori assunti a contratto per le attività di ricerca (anni uomo) Totale finanziamenti per la ricerca N totale di progetti di ricerca in corso di cui di provenienza interna (keuro) di cui di provenienza esterna (keuro)

12 I. RICERCA Numero totale convegni e Workshop organizzati dalla Scuola Pubblicazione a stampa su riviste internazionali * di cui con la partecipazione degli allievi Libri di cui con la partecipazione degli allievi 2 8 Brevetti 1 2 di cui con la partecipazione degli allievi 1 1 * i dati riguardano i professori, i ricercatori, i borsisti e gli assegnisti 12

13 I. RICERCA Classe di Lettere Dettaglio dei dati per Classe Progetti di ricerca Progetti di ricerca internazionali Progetti di ricerca in ambito UE Partner di ricerca Partner di ricerca in progetti UE Partner di ricerca in progetti c/terzi Collaboratori di ricerca a contratto Fondi disponibili per la ricerca (K Euro) Fondi da finanziamenti esterni (K Euro) Classe di Scienze Progetti di ricerca Progetti di ricerca internazionali Progetti di ricerca in ambito UE Partner di ricerca Partner di ricerca in progetti UE Partner di ricerca in progetti c/terzi Collaboratori di ricerca a contratto Fondi disponibili per la ricerca (K Euro) Fondi da finanziamenti esterni (K Euro)

14 I. RICERCA Elenco dei progetti di ricerca e relativi partner CLASSE DI SCIENZE N. Tipo progetto e titolo Responsabile Ente finanziatore/ Committente 1 Progetto europeo - The Physics of Hybrid Organic-Inorganic Heterostructures for Photonics and Telecomunications BASSANI Giuseppe Franco Unione Europea University of Sheffield Ludwing Maximilians Universitae Muenchen Technische Universitat Dresden Imperial College of Science, Technology and Medicine-UK Foundation for Research and Technology Ecole Normale Superiore de Cachan 2 Progetto europeo - SQUBIT-2: Superconducting Qubits: Quantum computing with Josephson Junctions FAZIO Rosario Unione Europea Chalmers University of Technology Teknillinen Korkeakoulu Kunliga Tekniska Uhoegskolan Technische Universiteit Delft Universitaet Karlsruhe Commissariat a l'energie Atomique Physikalisch-Technische Bundesaltaalt Jyvaeskylaen Yliopisto 3 Progetto europeo - HPRN-CT DA PRATO Giuseppe Unione Europea Universitè de Bretagne Occidentale JRU Ecole Polytechnique Crea Techniche Universiteit Delft Frierich Schiller Universitat Vienna University of Technology 4 Progetto Europeo SAG & SNS BARBIERI Riccardo Unione Europea 14

15 I. RICERCA 5 Rientro cervelli Giovannetti FAZIO Rosario MIUR 6 SNS02 - Studio della violazione di CP nei decadimenti dei mesoni K carichi MANNELLI Italo SNS 7 SNS02 pluriennale - Teoria dei superfluidi TOSI Mario SNS/MIUR (quota assegni di ricerca) 8 SNS02 pluriennale - Laboratorio di biologia molecolare GIACCA Mauro SNS 9 SNS02 pluriennale - Disegno e realizzazione del rivelatore di vertice di CMS FOA' Lorenzo SNS 10 SNS03 pluriennale - Integrazione per contratto relativo alla costruzione di un rilevatore di vertice CMS FOA' Lorenzo SNS 11 SNS03 pluriennale - La metafisica di Giovanni Duns: ricostruzione genetica ed analitica DEL PUNTA Francesco SNS 12 SNS03 pluriennale - Ottica atomica BASSANI Giuseppe Franco SNS 13 SNS03PIZZ05 PIZZORUSSO Tommaso SNS 14 SNS04PARRI - multiscale modeling in biological simulation PARRINELLO Emanuele SNS 15 SNS04 biennale - Analisi strutturale e funzionale della regione genica VERGARA Mariarosaria SNS 16 SNS04 biennale - Fenomeni di superfluidità e loro relazioni con fenomeni cosmologici TOSI Mario SNS 17 SNS04 biennale -Ricdrca del Bosone di Higgs FOA' Lorenzo SNS 18 SNS04 biennale - Ruolo della serotonina DE LUCCHINI Stefania SNS 19 SNS04 biennale - Ruolo del ciclo cellulare 15 CREMISI Federico 20 SNS04 biennale - Sviluppo di sistemi virali ricombinati CERESETO ANNA SNS 21 SNS05annuale - osservatorio mostre e- ZANKER Paul Eugen SNS 22 SNS05 biennale - Matematica alla SNS TOMASSINI Giuseppe SNS 23 SNS05 biennale - transizione di fase quantistica.. TOSI Mario SNS 24 SNS05 biennale - epifilia come espressione.. SALVINI Mariangela 25 SNS05 biennale - l'emicrania emiplegica familiare PIZZORUSSO Tommaso SNS 26 SNS05 biennale - predizioni da principi primi. PARRINELLO Michele SNS 27 SNS05 biennale - Matematica alla SNS MARMI Stefano SNS 28 SNS05 biennale - effetti dell'interazione spin-orbita LA ROCCA Giuseppe SNS 29 SNS05 biennale - esperimento CMS FOA' Lorenzo SNS 30 SNS05 biennale - land of last resort activities DE CECCO Marcello SNS 31 SNS05 biennale - scienze dello spirito e scienze della natura CILIBERTO Michele SNS 32 SNS05 biennale - supefluidità risonante.. CHIOFALO Maria 33 SNS05pluriennale - informazione quantistica in sisitemi a stato solido FAZIO Rosario SNS SNS SNS SNS

16 I. RICERCA 34 INV02BARBIERI - inviti vari BARBIERI Riccardo SNS 35 INV05MARMI - inviti vari MARMI Stefano SNS 36 INV05LAROCCA - inviti vari LA ROCCA Giuseppe SNS 37 INV05CHIOF- inviti vari CHIOFALO Maria SNS 38 INV05TOSI - invito TOSI Mario SNS 39 FIRB Sviluppo di tecniche di trasfezione non virali e loro applicazione allo studio dello sviluppo della CELLERINO Alessandro MIUR 40 FIRB Uso di Modelli animali per l'analisi proteomica dei complessi molecolari coinvolti nel traffico intr PIZZORUSSO Tommaso MIUR Fondazione Centro S. Raffaele del Monte Tabor - Milano Università degli Studi di Milano 41 PRIN03 - Orbite quasiperiodiche e condizioni aritmetiche. Estensioni della teoria KAM. MARMI Stefano MIUR/SNS Università degli Studi di Milano Bicocca Università degli Studi di Milano Università degli Studi di Padova Politecnico di Torino 42 PRIN03 - Studio dei progenitori dei Gamma Ray VIETRI Mario MIUR/SNS Università degli Studi di Ferrara INAF Osservatorio Astronomico di Brera INAF Osservatorio Astronomico di Roma 43 PRIN04 - approssimazione Diofantea ZANNIER Unberto MIUR)/SNS Università degli Studi di Genova Universita IUAV di Venezia Università degli Studi di Udine 44 PRIN04 - modellazione e implementazionedi data base PROFETI Alessandro MIUR)/SNS Università degli Studi di Bologna Soprintendenza Archeologica di Pompei Centro Internazionale di Studi di Architettura Andrea Palladio Deutsche Archeologisches Institut in Rom Istituto Centrale per il Restauro 45 PRIN04 - plasticità sinaptica.. MAFFEI Lamberto MIUR)/SNS Consiglio Nazionale delle Ricerche 16

17 I. RICERCA 46 PRIN04 - crescita e studi di floruri. DI LIETO Alberto MIUR)/SNS Università degli Studi di Siena INFM Università degli Studi di Pisa 47 PRIN04 - equazioni di Kolmogorov DA PRATO Giuseppe MIUR/SNS Università degli Studi di Pisa Università degli Studi di Firenze 48 PRIN04 - fisica teorica, interazioni fondamentali BARBIERI Riccardo MIUR/SNS 49 PRIN04 - calcolo delle variazioni AMBROSIO Luigi MIUR/SNS Università degli Studi di Roma 50 FIRB Strategie innovative per lo sviluppo di vettori virali per la terapia genica umana GIACCA Mauro MIUR International centre for genetic engineering and biotechnology Istituto nazionale neurologico Besta Università degli Studi di Bologna Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Milano Università degli Studi di Padova Università degli Studi di Pisa Università degli Studi di Siena 51 FIRB Plasticità sinaptica e riparazione del danno celebrale MAFFEI Lamberto MIUR Università degli Studi di Torino Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Firenze Istituto Superiore di Sanità 52 FIRB Analisi biochimica Ras/MAPK PIZZORUSSO Tommaso MIUR Istituto di Neuroscienze CNR di Roma Università degli Studi di Torino Università di Roma Tor Vergata Università S. Raffaele - Milano 53 GR05COLLAZ - Giovani ricercatori COLLAZUOL Gianmaria SNS 17

18 I. RICERCA 54 GR05SINIBA - Giovani ricercatori SINIBALDI Edoardo SNS 55 GR05VALENZ - Giovani ricercatori VALENZANO Dario SNS 56 GR05GIOMON - Giovani ricercatori GIOVANNETTI Vittorio SNS 57 GR05MARTIN - Giovani ricercatori MARTINELLI Massimiliano SNS 58 GR05GOVERN - Giovani ricercatori GOVERNALE Michele SNS 59 GR05PATTAR- Giovani ricercatori PATTARINI Lucia SNS 60 GR05ONORAT- Giovani ricercatori ONORATI Marco SNS 61 GR05CIUCCI- Giovani ricercatori CIUCCI Francesca SNS 62 UNIPI05FIS - Collaborazione scientifica FOA' Lorenzo Università di Pisa 63 INV05DAPRA - Inviti prof. Zabczyk e prof. Goldys DA PRATO Giuseppe SNS 64 ITALCINA05 - Protocollo Italia - Cina 2005 LA ROCCA Giuseppe MAE - MIUR 65 JVISITINGP - JIUNIOR VISITING POSITIONS GIAQUINTA Mariano Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca 66 MPIERI05 - Proseguimento Cattedra Mario Pieri GIAQUINTA Mariano Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca 67 SANITACERE - eziopatogenesi e studi immunologici. CERESETO Anna Istituto Superiore Sanità 68 IBM AWARD05 - IBM Faculty Award FAZIO Rosario IBM Corporate Technology 69 Development of a Global Network for Secure Communication based on Quantum Cryptography. - ARC Seibersdorf research GmbH BELTRAM Fabio Commissione europea - Laboratoire de Physique de la Matière Condensée, Nice, F - CNRS - Délégation Côte d Azur, Valbonne, F - CNR-IMM Istituto per la Microelettronica e Microsistemi Dip. di Bologna - Heriot-Watt University, School of Engineering and Physical Sciences, Edinburgh, UK 18

19 I. RICERCA - Politecnico di Milano, Dipartimento di Elettronica e Informazione (DIE) - The Chancellor, Masters and Scholars of the University of Cambridge, Department of Physics, Cavendish Laboratory, UK - TOSHIBA Research Europe Limited, Quantum Information Group, Cambridge, UK - University of Copenhagen, Niels Bohr Institute, Nano-Science Centre, DK - The University of Sheffield, Department of Electronic and Electrical Engineering - Centre National de la Recherche Scientifique Laboratoire Charles Fabry de l Institut d Optique - University of Bristol, Department of Electrical and Electronic Engineering, Bristol, UK - Hewlett-Packard Limited, Bristol, UK - id Quantique SA, Geneve, CH - Institut fuer Experimentalphysik, Universitaet Wien, A - Kungliga Tekniska Högskolan, Department of Microelectronics and Information Technologies, Kista, SE - Ludwig-Maximilians-Universitaet Muenchen, Sektion Physik, D - THALES Research and Technology, Orsay, F - Friedrich-Alexander Universitaet Erlangen-Nuernberg, Institute of Optics, Information and Photonics and Max Planck Research Group/QIV, Germany - Palacky University, Olomouc, Department of Optics, Faculty of Natural Sciences, CZ - Friedrich-Alexander Universitaet Erlangen-Nuernberg, Institut fuer Theoretische Physik I, D - Technische Universitaet Darmstadt, Institut für Angewandte Physik, Theoretischen Quantenphysik, D - Universita of Aarhus, BRICS, Dept. of Computer Science, Dk - Universite Libre de Bruxelles, Faculté des Sciences Appliquées / Ecole Polytechnique, Centre for Quantum Information and Communication, BE - Universite de Geneve, Group of Applied Physics (GAP), CH - Universitaet Hannover, Institut fuer Quantenoptik, D - Universitaet Karlsruhe (TH), Fakultaet fuer Informatik / IAKS / E.I.S.S., D - Università di Pavia, Dipartimento di Fisica A. Volta - AvenTec Handels-, Produktions- und Beratungsgesellschaft mbh, AT - Biometric Technologies, LTD. - Steinbeis Technologietransfer GmbH Österreich, Klagenfurt, AT - Universitaet Klagenfurt, Department of Mathematics, Research Group of Applied Statistics, AT 19

20 I. RICERCA - University of Warwick, Department of Computer Science, UK - Bearingpoint INFONOVA GmbH, System Integration, AT - Ernst and Young AG Wirtschaftspruefungsgesellschaft, D - Siemens Aktiengesellschaft Oesterreich, Siemens PSE SMC MI SA, AT - GET Ecole Nationale Supérieure des Télécommunications, Computing and Networking Department, F - Universite de Lausanne, Institut d Informatique et Organisation, CH - Universitaet Klagenfurt, Faculty of Economic and Computer Sciences, Department of Business Informatics and Application Systems, System Security, AT - THALES Communications S.A., Thales Information Dominance Systems, F - QinetiQ Limited, Systems Assurance Group, Trusted Information Management. KI Systems, UK 69 Novel Terahertz Sensing & Imaging Systems for Biotechnology, Healthcare, Security & Process Monitoring. TREDICUCCI Alessandro Commissione europea - University of Leeds, UK - University of Durham, UK - Rheinisch Westfälische Techni sche Hochschule Aachen (Aachen University) RWTH Aachen, Germany - University of Siegen, Germany - Alpes Lasers Switzerland - BAe Systems (Operations) Ltd BAE SYSTEMS, UK - Technical University of Delft DUT, Netherlands - Evotec Technologies ET, Germany - Femtolasers Produktions GmbH FEMTOLAS, Austria - Technical University of Denmark - University of Neuchatel UniNE-IPH, Switzerland - Université Paris 7 Denis Diderot UP7 DD, France - Renishaw Plc Renishaw SPD, UK - TeraView Limited TVL, UK - Alcatel - Thales III-V Lab, France - Technische Universitaet Wien FKE-TUW, Austria 20

Finanziamento approvato (in euro) Anno 2005. Progr. Proponente. Anno 2006 3.100,00. 1 Chiofalo Maria Luisa Servaas Kokkelmans S 6.

Finanziamento approvato (in euro) Anno 2005. Progr. Proponente. Anno 2006 3.100,00. 1 Chiofalo Maria Luisa Servaas Kokkelmans S 6. ALLEGATO A - TABELLA 1 Elenco Inviti Approvati dalla Commissione per la Ricerca nelle sedute del 08/03/2005 e 29/03/2005 INVITI A DOCENTI STRANIERI PER I QUALI NON PUO' ESSERE IMPEGNATA UNA CIFRA SUPERIORE

Dettagli

PROGETTO NAZIONALE DI TIPO INTERUNIVERSITARIO MODELLO A

PROGETTO NAZIONALE DI TIPO INTERUNIVERSITARIO MODELLO A DIPARTIMENTO PER L'UNIVERSITÀ, L'ALTA FORMAZIONE ARTISTICA, MUSICALE E COREUTICA E PER LA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA PROGETTO LAUREE SCIENTIFICHE RICHIESTA DI COFINANZIAMENTO (DM n. del ) PROGETTO

Dettagli

Il corso di laurea in Fisica

Il corso di laurea in Fisica Facolta di Scienze MM.FF.NN. Il corso di laurea in Fisica Alessandro Vicini Dipartimento di Fisica - Universita degli Studi di Milano Milano 11 marzo 2006 - Open Day della Facolta di Scienze Il Dipartimento

Dettagli

FOTO. Facoltà di Scienze XXXXX matematiche, fisiche e naturali. Lauree magistrali. Servizio orientamento. Brescia a.a. 2014-2015. www.unicatt.

FOTO. Facoltà di Scienze XXXXX matematiche, fisiche e naturali. Lauree magistrali. Servizio orientamento. Brescia a.a. 2014-2015. www.unicatt. Percorsi Formativi Facoltà di Scienze XXXXX matematiche, fisiche e naturali Servizio orientamento FOTO Brescia - Via Trieste, 17 Scrivi a orientamento-bs@unicatt.it Telefona al numero 030 2406 246 Siamo

Dettagli

Con l occasione si porgono cordiali saluti.

Con l occasione si porgono cordiali saluti. Roma, 23 maggio 2007 Prot. n. 1517/2007 Al Ministro on. Fabio Mussi Al Sottosegretario on. Luciano Modica Ministero dell Università e Ricerca LORO SEDI OGGETTO: Consultazione telematica. Gentile Ministro,

Dettagli

SBOCCHI OCCUPAZIONALI: Il contesto di riferimento. Bruno Chiandotto

SBOCCHI OCCUPAZIONALI: Il contesto di riferimento. Bruno Chiandotto SBOCCHI OCCUPAZIONALI: Il contesto di riferimento Bruno Chiandotto Pisa 24 maggio 2011 Il MONDO del LAVORO Il dottorato in Italia 1998-2008 Numero di dottori di ricerca per anno di conseguimento del titolo

Dettagli

Articolo 1 (Definizioni)

Articolo 1 (Definizioni) REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI PROFESSIONALIZZANTI: MASTER UNIVERSITARI, CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Articolo 1 (Definizioni) Ai sensi del presente

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2015-2017

Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2015-2017 Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2015-2017 1 Introduzione: organizzazione e funzioni dell amministrazione Chi siamo: definizione,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI TELEMATICA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI TELEMATICA D.R. n. 3 del 30/06/2009 IL RETTORE VISTO lo Statuto dell Università degli Studi Guglielmo Marconi pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 127 del 31 maggio 2008; VISTO il Regolamento Didattico

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

Le scelte strategiche degli atenei nel nuovo modello di finanziamento. Settembre 2009

Le scelte strategiche degli atenei nel nuovo modello di finanziamento. Settembre 2009 Le scelte strategiche degli atenei nel nuovo modello di finanziamento Prof. Giuseppe Catalano, Politecnico di Milano Settembre 2009 Agenda 1.La spesa pubblica per il sistema universitario italiano fino

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2014 2016

Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2014 2016 Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2014 2016 1 Introduzione: organizzazione e funzioni dell amministrazione Chi siamo: definizione,

Dettagli

Scuola di Scienze e Tecnologie. corso di laurea (I livello) Fisica

Scuola di Scienze e Tecnologie. corso di laurea (I livello) Fisica Scuola di Scienze e Tecnologie corso di laurea (I livello) Fisica L-30 3 anni sede: Camerino via Madonna delle Carceri 9 crediti complessivi da acquisire: 180 www.unicam.it www.sst.unicam.it/sst Presentazione

Dettagli

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA Pavia, 9 luglio 2009 2 Finalità e principi In attuazione delle proprie finalità istituzionali, la Fondazione Alma Mater Ticinensis ha deciso

Dettagli

Il Dottorato di Ricerca in Campania per il settore chimico e biotecnologico

Il Dottorato di Ricerca in Campania per il settore chimico e biotecnologico La formazione post lauream in Italia e le interrelazioni con le Imprese Università di Salerno, Aula Magna Campus di Fisciano, 4 Luglio 2014 Il Dottorato di Ricerca in Campania per il settore chimico e

Dettagli

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza Promuovere Il problema In società sempre più basate sulla conoscenza, una delle condizioni necessarie ad affrontare con successo il processo di riqualificazione del sistema economico è la disponibilità

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Nota tecnica 2 a) i corsi di studio da istituire e attivare nel rispetto dei requisiti minimi essenziali in termini di risorse strutturali ed umane, nonché quelli da sopprimere a.1 Proporzione di corsi

Dettagli

Corso di laurea triennale in Disegno industriale e multimedia classe L-4 a.a. 2013-2014 Rapporto 2014

Corso di laurea triennale in Disegno industriale e multimedia classe L-4 a.a. 2013-2014 Rapporto 2014 Corso di laurea triennale in Disegno industriale e multimedia classe L-4 a.a. 2013-2014 Rapporto 2014 Direttore del corso: prof.ssa Laura Badalucco Servizio Quality Assurance e gestione banche dati ministeriali

Dettagli

ECONOMIA E FINANZA (MEF)

ECONOMIA E FINANZA (MEF) ECONOMIA E FINANZA (MEF) Coorte: 2008/2009 Il Corso di laurea magistrale in Economia e Finanza si propone di fornire una formazione di livello avanzato per l'esercizio di attività di natura specialistica

Dettagli

SSAS Scuola superiore di studi avanzati

SSAS Scuola superiore di studi avanzati SSAS Scuola superiore di studi avanzati a.a. 2015/2016 1 Scuola Superiore di Studi Avanzati Ogni Allievo è seguito sia da un tutor che da un relatore specializzato per l approfondimento di un progetto

Dettagli

Università degli Studi di Trieste Facoltà di Medicina e Chirurgia Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Università degli Studi di Trieste Facoltà di Medicina e Chirurgia Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Università degli Studi di Trieste Facoltà di Medicina e Chirurgia Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Regolamento didattico del Corso di Laurea interclasse ed interfacoltà in Scienze e Tecnologie

Dettagli

Politecnico di Torino Corsi di Laurea a Verrès

Politecnico di Torino Corsi di Laurea a Verrès Politecnico di Torino Corsi di Laurea a Verrès formazione ricerca tecnologia innovazione DOVE SIAMO Valle d Aosta Verrès Verrès (Valle d Aosta - Italia) 391 m slm, 2.677 abitanti, 39 km da Aosta, 78 km

Dettagli

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015 PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015 L Assemblea della CRUI, riunitasi il giorno 7.5.2015, preso atto della nota MIUR del 6.5.2015, esprime,

Dettagli

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Indice Presentazione 4 Norme per il Corso di laurea specialistica in Disegno industriale del prodotto

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE Classe delle Lauree Magistrali in Servizio sociale e politiche sociali (LM-87) Sede didattica del Corso di Laurea Magistrale: Alessandria

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Genova, 16 marzo 2006 Via Balbi, 1a - 16126 GENOVA Tel. 010/2095962 Fax 010/2095961 e-mail: cared@unige.it Master

Dettagli

1.1 I corsi di laurea

1.1 I corsi di laurea 1. Didattica 1.1 I corsi di laurea All offerta formativa per l a.a. 2013/2014, in preparazione agli inizi del 2013, viene applicato il D.M. 47 del 30 gennaio 2013 Autovalutazione, accreditamento iniziale

Dettagli

L indagine 2015. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 45

L indagine 2015. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 45 1. L indagine 2015 Il Profilo dei Laureati 2014 (indagine 2015) prende in considerazione quasi 230.000 laureati di 64 Atenei italiani. Cinque Atenei (Roma La Sapienza, Bologna, Napoli Federico II, Padova

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

La porta d accesso alle aziende

La porta d accesso alle aziende Laurea Magistrale Economia e Management La porta d accesso alle aziende Presidente: Prof. Maria Francesca Renzi (renzi@uniroma3.it) (lm.economia.management@uniroma3.it ) Indice Obiettivi Struttura e articolazione

Dettagli

LA DIDATTICA NELLA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA E IL SUO RAPPORTO CON IL TERRITORIO

LA DIDATTICA NELLA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA E IL SUO RAPPORTO CON IL TERRITORIO LA DIDATTICA NELLA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA E IL SUO RAPPORTO CON IL TERRITORIO La tanto attesa e temuta classifica Censis relativa alla valutazione degli Atenei italiani è stata di recente pubblicata

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Titolo I - Istituzione ed attivazione Art. 1 - Informazioni generali 1. Il presente Regolamento didattico si riferisce al Corso di Laurea in Informatica,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II RELAZIONE SULLE ATTIVITÀ DI RICERCA, DI FORMAZIONE E DI TRASFERIMENTO TECNOLOGICO (L. 1/2009 * ) - ANNO 2014 - * Ex art.3 quater D.L. n. 180/2008 convertito con legge 1/2009. Disposizioni urgenti per il

Dettagli

Università: Ricerca e Innovazione

Università: Ricerca e Innovazione 7 Intervento dal titolo Università: Ricerca e Innovazione A cura di Prof. Silverio Bolognani Prorettore con delega per la Ricerca dell Università di Padova 8 9 Premessa Si coglie l occasione di questo

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI PROFESSIONALIZZANTI (emanato con DR n. 1629/2014 del 07.11.2014 pubblicato nel BU n. 218 del 17.11.

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI PROFESSIONALIZZANTI (emanato con DR n. 1629/2014 del 07.11.2014 pubblicato nel BU n. 218 del 17.11. Alma Mater Studiorum-Università di Bologna NormAteneo - sito di documentazione sulla normativa di Ateneo vigente presso l Università di Bologna - REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI PROFESSIONALIZZANTI (emanato

Dettagli

SCUOLA SUPERIORE DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO

SCUOLA SUPERIORE DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO SCUOLA SUPERIORE DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO ART. 1 NORME GENERALI ART. 2 OBBLIGHI DEGLI ALLIEVI ART. 3 PERCORSO INTEGRATIVO ART. 4 DIDATTICA FRONTALE ART. 5 DIDATTICA INTERATTIVA ART. 6 ACCESSO AI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE E TECNOLOGIE PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO DEI BENI CULTURALI (LM-11

Dettagli

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM)

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) Le note riportate corrispondono ad alcune sezioni estratte dalla documentazione accessibili online all indirizzo www.pqm.indire.it. Le sezioni integralmente riportate

Dettagli

LA QUALITÀ DELLA RICERCA NELLE 14 AREE: DIPARTIMENTI E SOTTOSTRUTTURE

LA QUALITÀ DELLA RICERCA NELLE 14 AREE: DIPARTIMENTI E SOTTOSTRUTTURE dipartimenti delle università e delle sottostrutture degli enti Salerno Informatica 1,49 78,9 Roma La Sapienza Informatica 1,39 68,8 Pavia Matematica F. Casorati 1,39 61,9 MEDIE Trieste SISSA *** n.d.

Dettagli

Salvo Mura Coordinamento Area Didattica. Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future

Salvo Mura Coordinamento Area Didattica. Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future Salvo Mura Coordinamento Area Didattica Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future Il Coordinamento Area Didattica è stato costituito come unità organizzativa nel 2008 e le

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI FI FIRENZE SCUOLA DI SCIENZE DELLA SALUTE UMANA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN FISICA MEDICA REGOLAMENTO DIDATTICO

UNIVERSITA DEGLI STUDI FI FIRENZE SCUOLA DI SCIENZE DELLA SALUTE UMANA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN FISICA MEDICA REGOLAMENTO DIDATTICO UNIVERSITA DEGLI STUDI FI FIRENZE SCUOLA DI SCIENZE DELLA SALUTE UMANA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN FISICA MEDICA REGOLAMENTO DIDATTICO 1 DEFINIZIONE La scuola di specializzazione in Fisica Medica, Area

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA

Dettagli

Ripensare le votazioni? Napoli, 22 maggio 2012 Gian Piero Mignoli (ALMALAUREA)

Ripensare le votazioni? Napoli, 22 maggio 2012 Gian Piero Mignoli (ALMALAUREA) Ripensare le votazioni? Napoli, 22 maggio 2012 Gian Piero Mignoli (ALMALAUREA) Indice Popolazioni analizzate Lauree di 1 livello e magistrali a ciclo unico Il voto medio negli esami L incremento di voto

Dettagli

Cosa vuoi fare dopo la scuola superiore?

Cosa vuoi fare dopo la scuola superiore? Cosa vuoi fare dopo la scuola superiore? Agenda L Università oggi Cosa fare, come muoversi? Cosa si studia in Cattolica I perché di una scelta L orientamento in Cattolica L università oggi E dopo la scuola

Dettagli

Allegati dal n. 1.1 al n. 1.14 al Verbale n. 4. Giudizi Collegiali. Allegato 1.1 Giudizio Collegiale candidato: Annaluisa COGO

Allegati dal n. 1.1 al n. 1.14 al Verbale n. 4. Giudizi Collegiali. Allegato 1.1 Giudizio Collegiale candidato: Annaluisa COGO Allegati dal n. 1.1 al n. 1.14 al Verbale n. 4 Giudizi Collegiali Allegato 1.1 Giudizio Collegiale candidato: Annaluisa COGO La Prof.ssa Cogo è nata a Milano il 20/03/1951. Ha conseguito la laurea in Medicina

Dettagli

Anno 2007 - dati aggiornati al 3 settembre 2008

Anno 2007 - dati aggiornati al 3 settembre 2008 IMT ALTI STUDI LUCCA ISTITUTO NAZIONALE DI ASTROFISICA/ISTITUTO DI ASTROFISICA SPAZIALE ISTITUTO NAZIONALE DI ASTROFISICA/ISTITUTO DI RADIOASTRONOMIA SEDE BOLOGNA ISTITUTO NAZIONALE DI ASTROFISICA/OSSERVATORIO

Dettagli

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità Convegno rivolto a dirigenti e personale docente della scuola Fondazione CUOA Altavilla Vicentina, 21 maggio 2008 15.00 18.00 1 Il 21 maggio scorso, la Fondazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI DOTTORATO DI RICERCA (cf Regolamenti art. 82 7)

REGOLAMENTO DI DOTTORATO DI RICERCA (cf Regolamenti art. 82 7) PONTIFICIA FACOLTÀ DI SCIENZE DELL EDUCAZIONE «AUXILIUM» via Cremolino, 141-00166 ROMA tel. 06.61564226 fax. 06.61564640 e-mail: segreteria@pfse-auxilium.org ALLEGATO 1 REGOLAMENTO DI DOTTORATO DI RICERCA

Dettagli

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2014 Approvato dall Assemblea Generale CRUI Roma, 11 settembre 2014 L Assemblea della CRUI, riunitasi il

Dettagli

Scuola di Scienze del Farmaco e dei Prodotti della Salute. corso di laurea magistrale a ciclo unico Chimica e tecnologia farmaceutiche

Scuola di Scienze del Farmaco e dei Prodotti della Salute. corso di laurea magistrale a ciclo unico Chimica e tecnologia farmaceutiche Scuola di Scienze del Farmaco e dei Prodotti della Salute corso di laurea magistrale a ciclo unico Chimica e tecnologia farmaceutiche LM-13 5 anni a ciclo unico sede: Camerino crediti complessivi da acquisire:

Dettagli

60 Corso di Orientamento Universitario

60 Corso di Orientamento Universitario Comune di San Miniato 2008 60 Corso di Orientamento Universitario SCUOLA NORMALE SUPERIORE Pisa San Miniato (PI) 4 10 settembre Cortona 29 giugno 5 luglio Colle di val d elsa 12 18 luglio Camigliatello

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO Rep. n. 2235 Prot. n. 25405 Data 05 agosto 2013 Titolo I Classe 3 UOR AG POLITECNICO DI MILANO IL RETTORE VISTA la Legge 09.05.1989, n. 168 Istituzione del Ministero dell'università e della ricerca scientifica

Dettagli

IL RETTORE DECRETA. E' emanato, nel testo allegato, il regolamento di funzionamento del Corso.

IL RETTORE DECRETA. E' emanato, nel testo allegato, il regolamento di funzionamento del Corso. U.S.R. DECRETO N. 4009 lo Statuto di Ateneo; il Regolamento Didattico di Ateneo (R.D.A.); il decreto ministeriale 22 ottobre 2004 n. 270; il Regolamento per l'istituzione ed il funzionamento dei Corsi

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente regolamento, emanato

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERNAZIONALE INTERCLASSE IN ECONOMIA E POLITICHE PUBBLICHE,AMBIENTE, CULTURA (EPPAC)

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERNAZIONALE INTERCLASSE IN ECONOMIA E POLITICHE PUBBLICHE,AMBIENTE, CULTURA (EPPAC) CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERNAZIONALE INTERCLASSE IN ECONOMIA E POLITICHE PUBBLICHE,AMBIENTE, CULTURA (EPPAC) classe delle lauree Magistrali in Scienze economiche per l ambiente e la cultura (LM-76).

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 6 del 20/7/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione locale dei corsi

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2007/2008 *8,'$'(//2678'(17( &256,',/$85($

ANNO ACCADEMICO 2007/2008 *8,'$'(//2678'(17( &256,',/$85($ 81,9(56,7$'(*/,678',',1$32/,)('(5,&2,, )$&2/7$',,1*(*1(5,$ ANNO ACCADEMICO 2007/2008 *8,'$'(//2678'(17( &256,',/$85($ (Ai sensi del D.M. n.509 del 3 novembre 1999, del D.M. del 4 agosto 2000, del Regolamento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN FARMACIA (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA INDUSTRIALE) Art. 1

Dettagli

I giudizi sull esperienza universitaria

I giudizi sull esperienza universitaria . I giudizi sull esperienza universitaria Tra i laureati si rileva una generale soddisfazione per l esperienza universitaria nei suoi diversi aspetti. Sono molto apprezzati il corso di studio inteso come

Dettagli

Università. Il metodo, naturalmente, è. Lo scudetto va alle piccole

Università. Il metodo, naturalmente, è. Lo scudetto va alle piccole Torino che si gode il primato tra i mega atenei e tra i politecnici. Padova che piazza ben tre facoltà al top. E poi le oasi Siena e Camerino. E il Sud in ritardo che si salva solo con Salerno e Cosenza.

Dettagli

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5.1 DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ 82 Sono più spesso le donne ad intraprendere gli studi universitari A partire

Dettagli

Regolamento programma TOPSport

Regolamento programma TOPSport Regolamento programma TOPSport 1. Il programma TopSport, consiste in un portfolio di offerte volto ad aiutare organizzativamente gli atleti di alto livello a conciliare le carriere accademica ed agonistica.

Dettagli

Pag 1 di 41. BUSACCA Alessandro

Pag 1 di 41. BUSACCA Alessandro BUSACCA Alessandro Giudizio del Prof. Castagnolo Il candidato ha svolto un attività di ricerca di buon livello ed arricchita da periodi di ricerca all estero, come testimoniato dalla produzione scientifica.

Dettagli

INGEGNERIA GESTIONALE

INGEGNERIA GESTIONALE SCUOLA DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE INDICE Introduzione: il profilo dell Ingegnere Gestionale Informazioni generali sulla figura professionale e sulle caratteristiche

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

f a c o l t à d i INGEGNERIA

f a c o l t à d i INGEGNERIA f a c o l t à d i INGEGNERIA UNIVERSITÀ politecnica delle marche facoltà di Via Brecce Bianche, 12 60131 Tel. 071 2204778 INGEGNERIA Per informazioni più approfondite relative alla didattica dei singoli

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA CORSO DI LAUREA IN TECNOLOGIE PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO DEI BENI CULTURALI (43 - Classe delle Lauree

Dettagli

55 Corso di Orientamento Universitario San Miniato 2 8 settembre

55 Corso di Orientamento Universitario San Miniato 2 8 settembre Comune di San Miniato 2007 Orientamento il talento oltre la competenza 55 Corso di Orientamento Universitario San Miniato 2 8 settembre SCUOLA NORMALE SUPERIORE Pisa Cortona 1 7 luglio Colle di val d elsa

Dettagli

Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA

Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE LA CONFERENZA DEI PRESIDI

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente? Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro? Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011)

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) TITOLO I MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E DI SECONDO LIVELLO

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014) Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016

Dettagli

Master Universitario di II Livello in

Master Universitario di II Livello in Master Universitario di II Livello in Health Technology Assessment & Management (Valutazione e gestione delle tecnologie sanitarie) Anno Accademico 2009-2010 Master Universitario di II Livello 1 Presentazione

Dettagli

SCUOLE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

SCUOLE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ALLEGATI SCUOLE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE SCUOLA SUPERIORE DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE La Scuola Superiore dell Economia e delle Finanze (SSEF) è la Scuola nazionale per la formazione del personale

Dettagli

Il Valore Economico dalla Scelta Universitaria

Il Valore Economico dalla Scelta Universitaria 19 novembre 2013 Il Valore Economico dalla Scelta Universitaria Studio su Scuola, Università e Lavoro dei giovani Milanesi tra il 1985 e il 2011 Autori: Massimo Anelli e Giovanni Peri (UC Davis) Introduzione

Dettagli

Valutazione: strumento necessario per la crescita degli atenei. Donatella Spano spano@uniss.it

Valutazione: strumento necessario per la crescita degli atenei. Donatella Spano spano@uniss.it Valutazione: strumento necessario per la crescita degli atenei Donatella Spano spano@uniss.it Lo strumento della valutazione Contribuisce a fornire informazioni per individuare i punti di eccellenza, di

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA

Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA Finalità Formare laureati specialistici in grado di effettuare la pianificazione, la progettazione, lo sviluppo, la direzione dei lavori, la stima, il collaudo

Dettagli

IL GOVERNO DEI GIOVANI GUIDA PRATICA ALLE MISURE PER I GIOVANI ITALIANI NEI PRIMI DUE ANNI DEL GOVERNO BERLUSCONI

IL GOVERNO DEI GIOVANI GUIDA PRATICA ALLE MISURE PER I GIOVANI ITALIANI NEI PRIMI DUE ANNI DEL GOVERNO BERLUSCONI IL GOVERNO DEI GIOVANI GUIDA PRATICA ALLE MISURE PER I GIOVANI ITALIANI NEI PRIMI DUE ANNI DEL GOVERNO BERLUSCONI introduzione del Presidente Silvio Berlusconi e del Ministro Giorgia Meloni 2010: PARTE

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

MANIFESTO ANNUALE DEGLI STUDI. Corso di laurea magistrale in ECONOMIA E FINANZA

MANIFESTO ANNUALE DEGLI STUDI. Corso di laurea magistrale in ECONOMIA E FINANZA MANIFESTO ANNUALE DEGLI STUDI Corso di laurea magistrale in ECONOMIA E FINANZA Anno Accademico 2014/2015 1 ANNO 2 ANNO Economia e Finanza (Classe LM16 D.M. 270/2004) Attivato Attivato Il corso di laurea

Dettagli

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Le linee di indirizzo dell Università di Ferrara sono state definite già a partire dal piano strategico triennale 2010-2012: garantire la qualità

Dettagli

LAUREA e LAUREA MAGISTRALE in INGEGNERIA INFORMATICA D.M. 270/04. a cura di Letizia Leonardi, Presidente Consiglio Interclasse

LAUREA e LAUREA MAGISTRALE in INGEGNERIA INFORMATICA D.M. 270/04. a cura di Letizia Leonardi, Presidente Consiglio Interclasse LAUREA e LAUREA MAGISTRALE in INGEGNERIA INFORMATICA D.M. 270/04 a cura di Letizia Leonardi, Presidente Consiglio Interclasse POSTER (1/2) Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria

Dettagli

La Ripartizione del Fondo Finanziamento Ordinario nell anno 2011

La Ripartizione del Fondo Finanziamento Ordinario nell anno 2011 Università degli Studi di Firenze Area Servizi Economici e Finanziari Ufficio Programmazione, Pianificazione Risorse Finanziarie e Controllo di Gestione a cura di Laura Bartolini La Ripartizione del Fondo

Dettagli

Corso di laurea in Comunicazione Pubblica, Sociale e d Impresa (cl. 14)

Corso di laurea in Comunicazione Pubblica, Sociale e d Impresa (cl. 14) Corso di laurea in Comunicazione Pubblica, Sociale e d Impresa (cl. 14) RELAZIONE SULLA VALUTAZIONE DELLE ATTIVITA DIDATTICHE DA PARTE DEGLI STUDENTI a.a. 2006/2007 1 1. MODALITA E TEMPI DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

INDAGINE ALMALAUREA 2015 SUI DOTTORI DI RICERCA Tra perfomance di studio e mercato del lavoro

INDAGINE ALMALAUREA 2015 SUI DOTTORI DI RICERCA Tra perfomance di studio e mercato del lavoro INDAGINE ALMALAUREA 2015 SUI DOTTORI DI RICERCA Tra perfomance di studio e mercato del lavoro Pochi, molto qualificati e con performance occupazionali brillanti: l Indagine AlmaLaurea del 2015 fotografa

Dettagli

NET Training Network Electronics & Telecommunications Training

NET Training Network Electronics & Telecommunications Training ALTRAN ITALIA S.p.A. a socio unico Via Goito, 52 00185 Roma Tel : +39 06 91 659 500 Fax : +39 06 91 659 502 www.altran.it NET Training Network Electronics & Telecommunications Training REGOLAMENTO Altran

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E COMMERCIO XXVIII Scienze economiche Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione dei contenuti e le modalità

Dettagli

In fucsia evidenziato le modifiche apportate rispetto all a.a. 2014/15 ALMALAUREA - SCHEDA DI RILEVAZIONE

In fucsia evidenziato le modifiche apportate rispetto all a.a. 2014/15 ALMALAUREA - SCHEDA DI RILEVAZIONE In fucsia evidenziato le modifiche apportate rispetto all a.a. 2014/15 ALMALAUREA - SCHEDA DI RILEVAZIONE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOTECNOLOGIE MEDICHE CLASSE LM-9 Avvertenze per la compilazione:

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Verbale della riunione del Nucleo di Valutazione di Ateneo del 1 luglio 2008

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Verbale della riunione del Nucleo di Valutazione di Ateneo del 1 luglio 2008 Oggi in Pavia, alle ore 14.30, presso la Sala del Consiglio di Amministrazione, Palazzo Centrale, Università di Pavia, C.so Strada Nuova n 65, si riunisce il Nucleo di Valutazione dell'ateneo. Il Nucleo

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2007/2008 CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN FISICA

ANNO ACCADEMICO 2007/2008 CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN FISICA ANNO ACCADEMICO 2007/2008 CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN FISICA Manifesto degli Studi Il Corso di Studi per il conseguimento della Laurea triennale in Fisica richiede l acquisizione di 180 crediti formativi

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in. Classe di laurea specialistica n. 91/S Statistica Economica, Finanziaria e Attuariale. Manifesto degli Studi

Corso di Laurea Specialistica in. Classe di laurea specialistica n. 91/S Statistica Economica, Finanziaria e Attuariale. Manifesto degli Studi UNIVERSITA DELLA CALABRIA Facoltà di Economia Corso di Laurea Specialistica in Statistica e Informatica per l Economia e la Finanza Classe di laurea specialistica n. 91/S Statistica Economica, Finanziaria

Dettagli

Definizione delle conoscenze richieste per l accesso p. 4. Quadro generale delle attività formative p. 5. Struttura didattica e sistemi di valutazione

Definizione delle conoscenze richieste per l accesso p. 4. Quadro generale delle attività formative p. 5. Struttura didattica e sistemi di valutazione Sommario Caratteri e finalità del corso Obiettivi formativi p. 3 Definizione delle conoscenze richieste per l accesso p. 4 Ambiti professionali tipici p. 4 Prospettive formative successive p. 4 Quadro

Dettagli

Complements of Mathematical Physics 6 Electromagnetism 6 Numerical Methods of Physics 6 Theoretical Physics I 6 Advanced Physics Laboratory 12

Complements of Mathematical Physics 6 Electromagnetism 6 Numerical Methods of Physics 6 Theoretical Physics I 6 Advanced Physics Laboratory 12 Scuola di Scienze e Tecnologie corso di laurea magistrale Physics in convenzione internazionale con il Politecnico di Danzica, Polonia LM-17 +2 anni sede: Camerino via Madonna delle Carceri 9 crediti complessivi

Dettagli

La dotazione di risorse minime necessarie per l istituzione di nuove università non statali legalmente riconosciute

La dotazione di risorse minime necessarie per l istituzione di nuove università non statali legalmente riconosciute MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Comitato nazionale per la valutazione del sistema universitario La dotazione di risorse minime necessarie per l istituzione di nuove università

Dettagli

PREMESSA. (1) È la stessa Commissione delle Comunità Europee a sottolineare che la preparazione

PREMESSA. (1) È la stessa Commissione delle Comunità Europee a sottolineare che la preparazione PREMESSA I risultati della ricerca compiuta presentano due caratteristiche di particolare rilevanza nel panorama degli studi e delle analisi dedicati ad approfondire le peculiarità della mobilità internazionale

Dettagli

NOTA DI ACCOMPAGNAMENTO AL DECRETO MINISTERIALE

NOTA DI ACCOMPAGNAMENTO AL DECRETO MINISTERIALE NOTA DI ACCOMPAGNAMENTO AL DECRETO MINISTERIALE DI RIFORMA DEL DOTTORATO DI RICERCA 1. Il dottorato di ricerca costituisce il terzo livello della formazione universitaria, nel quale si fondono in maniera

Dettagli