Vorrei fare Guida alla scelta dopo la scuola media Deshiroj te bej Orientim (drejtim) per zgjedhjen pas shkolles 9- vjeçare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Vorrei fare Guida alla scelta dopo la scuola media Deshiroj te bej Orientim (drejtim) per zgjedhjen pas shkolles 9- vjeçare"

Transcript

1 Vorrei fare Guida alla scelta dopo la scuola media Deshiroj te bej Orientim (drejtim) per zgjedhjen pas shkolles 9- vjeçare Querría hacer Guía a la elección después de la Educación General Básica

2 2 INTRODUZIONE

3 Cari ragazzi, il futuro è nelle vostre mani e parte di questo futuro lo costruite tra i banchi di scuola, luogo in cui apprendete e formate la vostra essenza di cittadini del mondo. Essere cittadini del mondo significa conoscere la propria cultura, le proprie origini ed allo stesso tempo essere pronti per cogliere le opportunità che la modernità ci offre, accorciando le distanze e avvicinando luoghi che, grazie alle nuove tecnologie, sembrano dietro l angolo. A scuola si impara anche questo, si impara ad affrontare le sfide della contemporaneità con sicurezza e consapevolezza. Nel presentarvi questa breve guida all offerta didattica del nostro territorio, vi auguro di trovare la strada giusta e soprattutto di avere sempre voglia di imparare, confrontarvi e migliorare perché, come disse Sir. Isaac Newton, Ciò che sappiamo è una goccia, ciò che ignoriamo è un oceano e in quell oceano dobbiamo avere il coraggio di tuffarci. Marino Fiasella Commissario straordinario della Provincia della Spezia INTRODUZIONE 3

4 Te dashur djem e vajza, e ardhmja eshte ne duart tuaja, e nje pjese te kesaj te ardhme, e ndertoni ne bankat e shkolles, vend ne te cilin kuptoni e formoni esencen baze si qytetare te botes. Te jesh qytetar i botes, do te thote te njohesh kulturen tende, origjinen tende, e ne te njejten kohe te jesh gati te shfrytezosh mundesite qe na jep modernizimi, duke shkurtuar distancat e afruar vende, te cilat, fale edhe teknologjive te reja, na duken kaq afer. Ne shkolle mesohet edhe kjo, mesohet si te perballohen sfidat bashkekohore duke qene te sigurte e te vetedijshem. Duke ju prezantuar, kete orientues te shkurter te drejtimeve arsimore ne zonen tone, ju uroj te gjeni rrugen e drejte, e mbi te gjitha, te keni gjithmone deshire te studioni, te perballoheni e te permiresoheni, sepse, ashtu si thoshte Zoti Isaac Newton, Ajo qe dijme eshte nje pikez, ajo qe injorojme eshte nje oqean dhe ne ate oqean, duhet te kemi kurajo te zhytemi. Ufficio Comunicazione Via Vittorio Veneto, La Spezia Tel ; Cell Skype: marzia.ilari FB: UfficioComunicazione ProvinciadellaSpezia Twitter: ProvinciaSP Marino Fiasella Komisari i jashtezakonshem i Provinces se La Spezia وجزء من هذا المستقبل تبنوه إن المستقبل فى أيديكم " أيها الشباب ا لا عزاء بين مقاعد المدرسة فهو المكان الذى تتعلمون فيه وتشكلون جوهركم كمواطنين فى. العالم أن تكون من مواطني العالم يعنى معرفة المرء بثقافته وأصوله وفي الوقت نفسه أن يكونوا على استعداد لاغتنام الفرص لالتي ي هتايح هم العصر الحديث وذلك بفضل للا ماكن التى قد تبدو خلف الزاوية مقتصر بذلك ا لمسافات ومتقربا التكنولوجيات. الجديدة في المدرسة ي عل م هذا أيضا ي عل م مواجهة تحديات العالم المعاصر بكل ثقة. ووعي في تقديمى لكم هذا الدليل الا رشادى الموجز للعرض الدراسى المتوفر في وخاصة أن تكون لديكم داي ما أتمنى لكم أن ت اوجد الطريق الصحيح م نطقتنا كما قال السيد : إسحاق نيوتن: والمقارنة مع الا خرين و التقدم الرغبة فى التعل م جب أن تتحلى بالشجاعة للقفز ما لا نعرفه هو ن المحيط " "ما نعرفه هو نقطة و في ذالك ". المحيط الخاص لمحافظة لاسبيتسيا المفوض : فيازيلا لا مارينو 4 INTRODUZIONE

5 我 想 当 初 中 毕 业 后 指 引 手 册 亲 爱 的 小 伙 伴 们, 你 们 的 将 来 在 你 们 的 手 里, 其 中 的 一 部 分 是 在 校 园 里 打 造 的, 也 是 在 那 里 你 们 会 得 到 成 为 世 界 公 民 所 需 的 精 髓. 世 界 的 公 民, 也 就 是 说 知 道 自 己 的 传 统, 自 己 的 根, 同 时 也 时 刻 准 备 着 接 受 这 个 时 代 给 我 们 创 造 的 机 会, 拉 近 各 个 地 方 的 距 离, 感 谢 高 科 技, 仿 佛 任 何 地 方 都 在 转 角 后 在 学 校 也 能 学 会 用 明 确 和 坚 定 的 方 式 来 面 对 时 代 带 给 我 们 的 挑 战 为 你 们 介 绍 这 本 指 南 的 同 时 也 祝 愿 你 们 能 够 找 到 你 们 自 己 的 道 路, 永 远 抱 着 一 颗 求 学 心, 上 进 心 和 渴 望 竞 争 的 心 态, 就 如 牛 顿 所 说 : 我 们 知 道 的 只 是 一 滴 水, 忽 略 的 确 是 一 片 汪 洋 恰 恰 我 们 因 该 大 胆 的 往 洋 里 跳 Marino Fiasella, La Spezia 省 委 特 派 员 Queridos muchachos, ustedes tienen el futuro en sus manos y parte de este futuro lo construyen entre los pupitres de la escuela, lugar donde aprenden a formarse como ciudadanos del mundo. Ser ciudadanos del mundo significa conocer la propia cultura, los propios orígenes y al mismo tiempo estar preparados para coger la oportunidad que nos ofrece la vida moderna, acortando las distancias y acercando lugares que gracias a las nuevas tecnologías parecen estar a la vuelta de la esquina. En la escuela se aprende también esto, se aprende a afrontar los desafíos del mundo contemporáneo con seguridad y conciencia. Presentándoles esta breve guía a la oferta didáctica de nuestro territorio, les deseo que encuentren el camino correcto y sobre todo que siempre tengan ganas de aprender, de compararse con los demás y de mejorar, porque, como dijo Sir Isaac Newton, Lo que sabemos es una gota, lo que ignoramos es un océano y es en ese océano donde debemos tener el coraje de lanzarnos. Marino Fiasella Comisario extraordinario de la Provincia della Spezia INTRODUZIONE 5

6 6 INTRODUZIONE Italiano

7 GUIDA ALLA SCELTA DOPO LA SCUOLA MEDIA Per studenti stranieri La Scuola: cosa dice la Costituzione della Repubblica Italiana p. 8 L assolvimento dell obbligo di istruzione e del diritto/dovere di istruzione e formazione p. 8 Com è organizzata la scuola in Italia p. 10 La scelta dopo la terza media: I tipi di scuola: licei - istituti tecnici - istituti professionali p. 10 L istruzione e formazione professionale p. 12 Aree formative di interesse p. 12 ITALIANO 7

8 LA COSTITUZIONE Art. 34: La scuola è aperta a tutti. L istruzione inferiore, impartita per almeno otto anni, è obbligatoria e gratuita. I capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi. La Repubblica rende effettivo questo diritto con borse di studio, assegni alle famiglie ed altre provvidenze, che devono essere attribuite per concorso. L ASSOLVIMENTO DELL OBBLIGO DI ISTRUZIONE E DEL DIRITTO/DOVERE DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE A partire dal 2007 anche in Italia, come in altri paesi dell Unione Europea, l obbligo di istruzione è stato elevato a 10 anni (legge n. 296 del 27 dicembre 2006) e quindi prevede che i ragazzi frequentino la scuola dai 6 ai 16 anni oppure che, al termine del primo ciclo di studi, possano assolvere il diritto-dovere anche nei percorsi di istruzione e formazione professionale, quindi fino al conseguimento di un titolo di studio di scuola superiore o di una qualifica professionale. Già la legge 53/2003 aveva promosso l apprendimento in tutto l arco della vita assicurando a tutti il diritto all istruzione e alla formazione per almeno dodici anni o, comunque, sino al conseguimento di una qualifica entro il diciottesimo anno di età. Al compimento del diciottesimo anno di età, il diritto-dovere all istruzione e formazione si considera assolto. PERTANTO, DOVE SI ASSOLVE IL DIRITTO-DOVERE ALL ISTRUZIONE E FORMAZIONE? Nel sistema scolastico: (presso scuole statali o paritarie private) Chi sceglie il percorso scolastico prosegue gli studi nella scuola secondaria. Si possono iscrivere al primo anno della scuola secondaria superiore i ragazzi che hanno ottenuto la licenza di scuola media inferiore. Conseguendo un titolo di studio di scuola secondaria superiore sarà espletato in prima istanza l obbligo scolastico e quindi il diritto-dovere all istruzione e alla formazione. Il titolo conseguito permette l iscrizione ai corsi universitari, ai corsi di Istruzione Tecnica Superiore (ITS), ai corsi post-diploma degli Istituti Superiori. Il sistema scolastico favorisce l integrazione con la formazione professionale e il mondo del lavoro attraverso percorsi integrati. Nel sistema della formazione professionale Si possono iscrivere ai percorsi triennali di istruzione e formazione professionale i ragazzi che hanno ottenuto la licenza di scuola media inferiore. I percorsi di istruzione e formazione professionale, che sono svolti da agenzie ed enti di formazione, scuole superiori, associazioni di categoria ecc., consentono l assolvimento del diritto-dovere poiché rilasciano la qualifica richiesta dalla normativa. Al termine del corso di formazione i giovani devono sostenere un esame finale finalizzato al conseguimento dell attestato di qualifica. I corsi sono gratuiti. In apprendistato al compimento del quindicesimo anno di età. La tipologia di apprendistato per la qualifica ed il diploma professionale disciplinata dal D.Lgs 167/2011 è attuabile secondo il dettato normativo, in tutti i settori di attività, anche per l assolvimento dell obbligo ITALIANO 8

9 di istruzione e formazione, con i giovani che abbiano compiuto quindici anni e fino al compimento del venticinquesimo anno di età. La Regione Liguria con Deliberazione di Giunta 18 maggio 2012, n. 553 ha approvato le linee guida e i profili formativi dell apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale. Questa tipologia di apprendistato si rivolge ai giovani in possesso di scuola secondaria di primo grado. Sono coinvolti in questa attività i giovani che: stanno frequentando percorsi di istruzione o di istruzione e formazione professionale; hanno frequentato in tutto o in parte percorsi di istruzione o di istruzione e formazione professionale; sono in possesso di una qualifica professionale intendano acquisire un diploma professionale. La Provincia della Spezia ha emanato l avviso pubblico per la selezione dell organismo formativo a cui affidare le attività previste. L esito della selezione ha visto l individuazione dell ATS formata da Formimpresa liguria (capofila), CIOFS-FP, C.P.F.P. L. Durand De La Penne, C.N.A, Confartigianato, Confcommercio, Stella S.r.l, Motorvela S.r.l e Consorzio Primo. I percorsi formativi per la qualifica ed il diploma prevedono uniformemente una durata di 990 ore differenziata tra le varie attività ed aree professionali in base all età del giovane (inferiore o superiore ai 18 anni) e secondo il conseguimento dell attestazione finale (qualifica o diploma professionale). I percorsi formativi saranno attuati tramite voucher secondo la seguente organizzazione: - voucher di inserimento, riconoscibile una sola volta sull intero percorso, - voucher base, riconoscibile una sola volta ad anno, - voucher aggiuntivo, riconoscibili fino ad un massimo di 3 all anno. Per iniziare le attività siamo in attesa che la Regione attivi il catalogo formativo e la piattaforma informatica per la gestione delle attività previste. E, dopo il compimento dei 16 anni: anche nei corsi di IFP di durata minore o per target specifici per il conseguimento della qualifica; nei Centri Provinciali per l Istruzione degli Adulti. È bene ricordare che responsabilità dell adempimento del dovere di istruzione e formazione sono i genitori dei minori, o coloro che a qualsiasi titolo ne facciano le veci, che sono tenuti ad iscriverli alle istituzioni scolastiche o formative, per non incorrere nelle sanzioni previste dalla legge. La legge 53/03 indica che le sanzioni per il mancato assolvimento sono le stesse dell evasione dall obbligo scolastico. Il dlgs 76/05 definisce con chiarezza che i soggetti deputati al controllo dell assolvimento degli obblighi sono: il Tutore del minore; il Sindaco del comune di residenza (che è l unico che può irrogare le sanzioni); il Dirigente scolastico (se il minore è a scuola); il Responsabile del Centro per l Impiego cui fa capo l alunno; il Responsabile dell Agenzia formativa (se il minore sta frequentando un corso di formazione); il Responsabile e il Tutor aziendali (se il minore è in apprendistato e non ha ancora una qualifica professionale). Questo obbligo riguarda anche tutti gli alunni stranieri, regolari e irregolari, con o senza il permesso di soggiorno. ITALIANO 9

10 COM È ORGANIZZATA LA SCUOLA IN ITALIA La scuola è organizzata secondo i principi dell autonomia, delinea percorsi educativi che tengono conto della personalità, degli interessi, delle attitudini, degli stili e dei tempi di apprendimento di ciascun alunno, mira al perseguimento di finalità quali la formazione e lo sviluppo di un soggetto attivo. La scuola deve essere per i ragazzi e le ragazze un ambiente accogliente, stimolante e di socializzazione, deve garantirgli sicurezza emotiva e pluralità di offerte formative con percorsi educativi individualizzati. L attività educativo-didattica è permeata dai valori della Costituzione della Repubblica e della Dichiarazione dei Diritti dell Infanzia: Fine ultimo dell insegnamento è la formazione dell uomo e del cittadino. La scuola dà un sostanziale contributo a rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che, limitando di fatto la libertà e l uguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana (art. 3 Costituzione). Scuola dell infanzia: è un servizio educativo rivolto alle bambine ed ai bambini dai tre ai sei anni, con la finalità di promuovere lo sviluppo e l acquisizione delle capacità di tipo comunicativo, espressivo, relazionale, cognitivo. Esistono scuole dell infanzia statali, comunali o paritarie. Scuola primaria: a 5/6 anni in Italia i bambini vengono inseriti nella scuola primaria che dura cinque anni. Nella maggior parte delle scuole i genitori possono scegliere fra più possibilità di orario e di organizzazione scolastica con classi a tempo pieno che comprende rientri pomeridiani dal lunedì al venerdì e classi a modulo con possibilità di effettuare 24, 27 o 30 ore settimanali con orari stabiliti da ogni singola scuola. Scuola secondaria di primo grado (o scuola media inferiore): la durata di questo ciclo di studi è di 3 anni. L orario settimanale della scuola secondaria di primo grado va, in media, da un minimo di 27 ore ad un massimo di 40 ore. Nel corso del terzo anno della scuola media i ragazzi e le loro famiglie devono decidere in che tipo di scuola superiore o a quale corso di istruzione e formazione professionale iscrivere i loro figli. Questi tre gradi diversi di scuola - Scuola dell infanzia - Scuola Primaria - Scuola Secondaria di 1 grado costituiscono l Istituto Comprensivo, un istituzione scolastica di base che ha come fondamento pedagogico la continuità e l unitarietà dell intervento educativo-didattico. LA SCELTA DOPO LA TERZA MEDIA Nel nostro paese ci sono numerosi tipi di scuole diversamente caratterizzate per quanto riguarda i corsi di studio e le diverse finalità di sbocco, ognuna con molti corsi e piani di studio. Tutti i corsi della durata di 5 anni si concludono con un esame di stato. Gli alunni che superano l esame ottengono un diploma. Dopo il diploma si può iniziare a lavorare oppure proseguire gli studi nelle Università. Per l istruzione professionale è possibile frequentare corsi della durata di 3 anni presso i Centri di Formazione Professionale o presso alcuni Istituti Superiori e al termine del percorso viene rilasciata una qualifica professionale. La Provincia ha il compito di programmare gli indirizzi dell offerta scolastica del territorio. In base all autonomia scolastica, ogni scuola deve invece progettare e realizzare i percorsi formativi adeguandoli al contesto territoriale, economico e sociale, inoltre, può introdurre sperimentazioni, proporre iniziative di recupero e attivare insegnamenti integrativi. I TIPI DI SCUOLA: I LICEI L istruzione liceale prevede cinque anni di studio al termine dei quali gli studenti raggiungono una formazione culturale approfondita e ottengono un diploma di maturità che permette di continuare gli studi nelle Università, anzi, non essendo il Liceo un percorso professionalizzante, il proseguimento degli studi è consigliabile. ITALIANO 10

11 Per scegliere un liceo bisogna avere un alta propensione allo studio con buoni risultati personali, perché viene richiesto molto impegno. Le materie comuni a tutti i licei sono: italiano, storia e geografia, filosofia (dal terzo anno), storia dell arte, scienze naturali, matematica, fisica, scienze motorie, religione o attività alternative. La lingua straniera è studiata per tutti e 5 gli anni. Il sistema dei licei comprende: liceo artistico (con 6 indirizzi): - arti figurative - architettura e ambiente - audiovisivo e multimediale - design - grafica - scenografia liceo classico liceo musicale e coreutico liceo linguistico liceo scientifico - opzione delle scienze applicate - indirizzo sportivo liceo delle scienze umane - opzione economico sociale I TIPI DI SCUOLA: GLI ISTITUTI TECNICI L istruzione tecnica prevede cinque anni di studio al termine dei quali gli studenti ottengono un diploma ed hanno una preparazione di carattere scientifico e tecnologico che consente di lavorare con alta qualificazione nel proprio settore di specializzazione. Possono altresì iscriversi a Università ed agli Istituti Tecnici Superiori. Il percorso scolastico è ripartito in un biennio iniziale di funzione orientativa che garantisce una preparazione di base comune e un triennio che permette di acquisire una adeguata competenza professionale di settore. La predominanza di ore dedicate alle materie tecniche garantisce una preparazione finalizzata all ingresso nel mondo del lavoro dopo il diploma, mentre le materie di carattere generale consentono la prosecuzione degli studi universitari. Gli istituti tecnici si articolano in due Settori - Tecnologico e Economico - e sono divisi in 11 indirizzi: Settore economico (2 indirizzi con biennio comune) - Amministrazione, Finanza e Marketing - Turismo Settore tecnologico (9 indirizzi con biennio comune) - Meccanica, Meccatronica ed Energia - Trasporti e Logistica - Elettronica ed Elettrotecnica - Informatica e Telecomunicazioni - Grafica e Comunicazione - Chimica, Materiali e Biotecnologie - Sistema Moda - Agraria, Agroalimentare e Industria - Costruzioni, Ambiente e Territorio ITALIANO 11

12 I TIPI DI SCUOLA: GLI ISTITUTI PROFESSIONALI L istruzione professionale prevede cinque anni di studio al termine dei quali gli studenti ottengono un Diploma di Istruzione Professionale che offre possibilità di lavoro qualificato e permette anche di proseguire gli studi nelle Università. Gli istituti professionali hanno piani di studio tecnico-operativi e pratici, per fare apprendere un mestiere o una professione. Sono articolati in un primo biennio, dedicato all acquisizione dei saperi e delle competenze previsti per l assolvimento dell obbligo di istruzione e di apprendimenti che orientano alla scelta dell indirizzo e in un triennio in cui solitamente gli indirizzi si articolano nelle opzioni richieste dal territorio e dal mondo del lavoro. Inoltre, gli Istituti Professionali realizzano percorsi di durata triennale. Al termine dei tre anni gli studenti conseguono una qualifica professionale regionale. Gli studenti possono poi proseguire gli studi fino al quinto anno e conseguire il diploma. Gli istituti professionali si articolano in 2 settori - Servizi e Industria e Artigianato e sono divisi in 6 indirizzi. Settore servizi - Servizi per l Agricoltura e lo sviluppo rurale - Servizi Socio Sanitari - Servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera - Servizi Commerciali Settore Industria e Artigianato - Produzioni Industriali e Artigianali - Manutenzione e Assistenza Tecnica L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE L istruzione e formazione professionale consiste in percorsi triennali finalizzati al conseguimento di un titolo di qualifica professionale valido per il lavoro e il riconoscimento di crediti formativi utili per l eventuale passaggio alla scuola superiore. Nei percorsi triennali si ha la possibilità di imparare subito una professione spendibile sul territorio. Questi corsi autorizzati dalla Regione Liguria si svolgono nei centri di formazione professionale o negli istituti scolastici. I corsi triennali previsti nella nostra Provincia sono: operatore del legno operatore della ristorazione operatore meccanico operatore grafico operatore elettronico operatore dei servizi di promozione operatore impianti termoidraulici operatore del benessere ed accoglienza turistica operatore amministrativo segretariale operatore dell abbigliamento e moda AREE FORMATIVE DI INTERESSE Area classica/umanistica Ha l obiettivo di fornire una solida base culturale, sviluppare un metodo di studio e ricerca e stimolare la riflessione critica; per questo chi sceglie questo percorso deve avere una buona preparazione di base, amare lo studio e la lettura ed essere interessato ad ogni aspetto del sapere. Bisogna, inoltre, avere particolare interesse per le materie umanistiche poiché è dato ampio spazio a italiano, latino, greco, storia e filosofia, lingua straniera anche se il piano di studio non è privo di attenzione per le discipline scientifiche ITALIANO 12

13 (matematica è presente nell intero quinquennio, scienze naturali, chimica e fisica nel triennio finale). È possibile quindi avere accesso a tutti i percorsi universitari, iscriversi a corsi di Formazione post diploma, partecipare ai concorsi pubblici e inserirsi nel mondo del lavoro. Liceo classico Titolo di studio conseguito: Diploma di maturità liceale Nella nostra Provincia trovi questo corso di studio: Liceo Classico L. Costa Istituto di Istruzione Superiore T. Parentucelli - C. Arzelà Area scientifica Ha l obiettivo di fornire un rigore metodologico e uno spirito critico e di far acquisire una buona sensibilità culturale, in quanto coniuga la tradizione umanistica con quella scientifica; per questo chi sceglie questo percorso deve avere una buona preparazione di base, buona capacità di memoria e concentrazione. Bisogna, inoltre, avere particolare interesse per le materie scientifiche poiché è dato ampio spazio a matematica, scienze, chimica, fisica; a questo studio è affiancato quello delle discipline umanistiche (italiano, latino, filosofia), assicurando un rapporto equilibrato tra le due. Èpossibile quindi avere accesso a tutti i percorsi universitari, iscriversi a corsi di formazione post diploma, partecipare ai concorsi pubblici e inserirsi nel mondo del lavoro. Liceo scientifico Titolo di studio conseguito: Diploma di maturità liceale Nella nostra Provincia trovi questo corso di studio: Liceo Scientifico A. Pacinotti Istituto di Istruzione Superiore T. Parentucelli - C. Arzelà Liceo scientifico - opzione scienze applicate Nel liceo scientifico è prevista l opzione scienze applicate, un percorso che non prevede lo studio del latino che viene sostituito con approfondimenti delle materie scientifiche e per questo chi sceglie questo percorso deve avere particolare interesse per le nuove tecnologie ed essere appassionato di informatica, chimica, biologia, fisica. Al termine di questo percorso è possibile avere accesso a tutti i percorsi universitari, iscriversi a corsi di Formazione post diploma, partecipare ai concorsi pubblici e inserirsi nel mondo del lavoro. Titolo di studio conseguito: Diploma di maturità liceale Nella nostra Provincia trovi questo corso di studio: Istituto di Istruzione Superiore G. Capellini - N. Sauro Liceo scientifico - opzione indirizzo sportivo Nel liceo scientifico è prevista l opzione indirizzo sportivo che risponde all esigenza, diffusa tra i giovani e avvertita dalle famiglie, di conciliare l interesse e la pratica sportiva con la formazione scolastica e, da parte delle istituzioni, di favorire la cultura dello sport come valido strumento di promozione dei valori della solidarietà e dell integrazione culturale e di prevenzione del disagio giovanile. Titolo di studio conseguito: Diploma di maturità liceale (diploma di liceo scientifico, con l indicazione di Sezione ad indirizzo sportivo ). Nella nostra Provincia trovi questo corso di studio: Liceo Scientifico A. Pacinotti ITALIANO 13

14 Area artistica Ha l obiettivo di promuovere l insegnamento e l amore per l arte e lo sviluppo di una sensibilità che riesca a coniugare la conoscenza e i saperi della tradizione artistica con tutti gli stimoli e le innovazioni di tecniche e linguaggi attuali ed in continua evoluzione. Chi sceglie questo percorso deve possedere una certa sensibilità e curiosità per l arte e per lo spazio in cui si vive, avere una buona manualità e senso estetico, possedere una certa creatività e buona capacità di progettazione, oltre a nutrire particolare interesse per materie artistiche e tecnologiche. Quest area nella nostra Provincia si articola in diversi percorsi formativi: due liceali (liceo artistico con gli indirizzi arti figurative, architettura e ambiente, grafica, audiovisivo e multimediale e liceo musicale), un percorso tecnico ed uno professionale. Nell area artistica rientrano i seguenti percorsi di istruzione: Liceo artistico Titolo di studio conseguito: Diploma di maturità liceale Nella nostra Provincia trovi questo corso di studio: Istituto d Istruzione Superiore V. Cardarelli - Liceo Artistico con sede in Via Montepertico 1 Liceo musicale e coreutico Titolo di studio conseguito: Diploma di maturità liceale Nella nostra Provincia trovi questo corso di studio: Istituto d Istruzione Superiore V. Cardarelli - Liceo Artistico con sede in Via Montepertico 1 Istituto Tecnico - Settore Tecnologico: Grafica e Comunicazione Titolo di studio conseguito: Diploma di perito in grafica e comunicazione Nella nostra Provincia trovi questo corso di studio: Istituto Tecnico A. Fossati - M. Da Passano Istituto Professionale - Servizi Commerciali: Promozione Commerciale e Pubblicitaria Titolo di studio conseguito: Diploma professionale di tecnico della grafica pubblicitaria Qualifica regionale di operatore grafico (al termine del terzo anno) Nella nostra Provincia trovi questo corso di studio: Istituto Professionale L. Einaudi - D. Chiodo Istituto Professionale - Settore industria e Artigianato - Produzioni Industriali ed Artigianali: Produzioni tessili sartoriali Titolo di studio conseguito: Diploma professionale di tecnico abbigliamento e moda Qualifica regionale di operatore dell abbigliamento (al termine del terzo anno) Nella nostra Provincia trovi questo corso di studio: Istituto Professionale L. Einaudi - D. Chiodo ITALIANO 14

15 Area sociale e socio sanitaria Ha l obiettivo di rispondere all esigenza attuale di apprendere competenze utili nel campo delle scienze umane e sociali e quindi di formare individui che sceglieranno l ambito professionale dei servizi sociali e socioeducativi. Coloro che vogliono intraprendere un percorso nell area sociale devono avere interesse per tematiche quali l educazione, la psicologia, la pedagogia, la sociologia. Invece, chi vuole affrontare studi nell area socio-sanitaria deve avere una certa inclinazione verso le professioni sanitarie, avere buona manualità, rispettare norme in materia di igiene e sicurezza. Per affrontare questi percorsi è necessario saper ascoltare, essere disponibili a rapportarsi con diverse persone, avere una buona capacità di comunicare e di lavorare in gruppo. Quest area nella nostra Provincia si articola in diversi percorsi formativi: due liceali e due professionali. Nell area sociale e socio sanitaria rientrano i seguenti percorsi di istruzione: Liceo scienze umane e scienze umane opzione economico sociale Titolo di studio conseguito: Diploma di maturità liceale Nella nostra Provincia trovi questo corso di studio: Liceo G. Mazzini Istituto Professionale - Settore Servizi - Servizi socio sanitari Titolo di studio conseguito: Diploma professionale di tecnico per i servizi socio-sanitari Nella nostra Provincia trovi questo corso di studio: Istituto Professionale L. Einaudi - D. Chiodo Istituto Professionale - Settore Servizi - Servizi socio sanitari - Articolazione Odontotecnico Titolo di studio conseguito: Diploma professionale di odontotecnico Nella nostra Provincia trovi questo corso di studio: Istituto Professionale L. Einaudi - D. Chiodo Area linguistica Ha l obiettivo, attraverso la conoscenza e lo studio delle lingue straniere e della cultura di altri paesi, di promuovere la crescita personale sia umana sia sociale e di sviluppare competenze comunicative, favorendo altresì un arricchimento culturale di dimensione europea. Chi intraprende un percorso di questo tipo deve ovviamente amare le lingue straniere, avere flessibilità e facilità nel relazionarsi con soggetti e culture diverse, così come essere disposti a viaggiare o lavorare all estero. Gli sbocchi lavorativi sono molteplici anche se bisogna tener presente che ai fini lavorativi è richiesta anche una conoscenza specialistica legata al settore in cui si andrà ad operare. Nell area linguistica rientra il seguente percorso di istruzione: Liceo linguistico Titolo di studio conseguito: Diploma di maturità liceale Nella nostra Provincia trovi questo corso di studio: Liceo G. Mazzini ITALIANO 15

16 Area Turistica Ha l obiettivo di fornire una formazione ed una preparazione professionale specifica per l inserimento nelle varie attività del settore turistico e del settore alberghiero. Infatti, si acquisiscono specifiche competenze linguistiche, operative e tecniche indispensabili per supportare le molteplici realtà lavorative del settore turistico. Le prospettive di lavoro sono abbastanza concrete in quanto il turismo nel nostro Paese è molto sviluppato. Èpossibile anche andare a svolgere un attività in proprio, tenendo però presente che si tratta di una scelta complessa ed impegnativa. Nell area turistica rientrano i seguenti percorsi di istruzione e formazione professionale: Istituto tecnico - Settore Economico - Indirizzo Turismo Titolo di studio conseguito: Diploma di perito nel turismo Nella nostra Provincia trovi questo corso di studio: Istituto Tecnico A. Fossati - M. Da Passano Istituto di Istruzione Superiore T. Parentucelli - C. Arzelà Istituto Professionale - Settore Servizi- Indirizzo Servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera Titolo di studio conseguito: Diploma professionale di tecnico dei servizi turistici Qualifica regionale di operatore dei servizi di accoglienza turistica (al termine del terzo anno) Nella nostra Provincia trovi questo corso di studio: Istituto Professionale G. Casini Istituto Professionale - Settore Servizi- Indirizzo Servizi Commerciali Titolo di studio conseguito: Diploma professionale di tecnico dei servizi commerciali Qualifica regionale di operatore dei servizi di promozione e accoglienza turistica (al termine del terzo anno) Nella nostra Provincia trovi questo corso di studio: Istituto Professionale L. Einaudi - D. Chiodo Area Economico-Aziendale Ha l obiettivo di fornire ampie conoscenze nell ambito della gestione aziendale sotto il profilo economico, contabile, commerciale oltre che giuridico ed organizzativo. Molta importanza viene attribuita anche allo studio approfondito delle lingue straniere, dell informatica e delle tecniche di comunicazione, elementi ormai indispensabili per tutti coloro che sono alla ricerca di un inserimento lavorativo in azienda. Pertanto, per affrontare al meglio questo percorso, è necessario nutrire un certo interesse per le materie economiche, giuridiche e per l informatica. Nell area economico-aziendale rientrano i seguenti percorsi di istruzione e formazione professionale: Istituto tecnico - Settore Economico - Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing Titolo di studio conseguito: Diploma di perito in amministrazione, finanza e marketing Nella nostra Provincia trovi questo corso di studio: Istituto Tecnico A. Fossati - M. Da Passano Istituto di Istruzione Superiore T. Parentucelli - C. Arzelà ITALIANO 16

17 Istituto Professionale - Settore Servizi - Indirizzo Servizi Commerciali Titolo di studio conseguito: Diploma professionale di tecnico dei servizi commerciali Qualifica regionale di operatore amministrativo segretariale (al termine del terzo anno) Nella nostra Provincia trovi questo corso di studio: Istituto Professionale L. Einaudi - D. Chiodo Area Edile Ha l obiettivo, principalmente, di preparare professionisti per il settore delle costruzioni, delle opere pubbliche e dei comparti collegati. Chi vuole intraprendere questo percorso deve avere una certa predisposizione per la matematica, buone capacità nel disegno tecnico, senso organizzativo e sensibilità per tematiche ambientali. Conseguito il diploma, dopo due anni di praticantato presso uno studio tecnico e il superamento dell esame di abilitazione, è possibile iscriversi all albo dei geometri e svolgere la libera professione. Nell area edile rientrano i seguenti percorsi di istruzione e di formazione professionale: Istituto Tecnico - Settore Tecnologico - Indirizzo Costruzioni, Ambiente e Territorio (anche con opzione Tecnologie del legno nelle costruzioni ) Titolo di studio conseguito: Diploma di perito delle costruzioni, ambiente e territorio Qualifica regionale di operatore del legno (al termine del terzo anno) Nella nostra Provincia trovi questo corso di studio: Istituto di Istruzione Superiore V. Cardarelli Ente di formazione professionale Cisita Area Informatica-Telecomunicazioni Ha l obiettivo di formare figure professionali con competenze informatiche specifiche per lo studio, la progettazione e la gestione di software e programmi per i sistemi industriali e gestionali e di telecomunicazione. Per affrontare questo percorso è utile una certa familiarità con l uso del computer e la passione per i linguaggi dell informatica e della matematica ed è necessario avere anche interesse per l utilizzo e l evoluzione delle nuove tecnologie, unitamente a versatilità e capacità di risoluzione dei problemi. Nell area informatica - telecomunicazioni rientrano i seguenti percorsi di istruzione: Istituto Tecnico - Settore Tecnologico - Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni Titolo di studio conseguito: Diploma di perito informatico - telecomunicazioni Nella nostra Provincia trovi questo corso di studio: Istituto di Istruzione Superiore G. Capellini - N. Sauro Istituto Tecnico A. Fossati - M. Da Passano Area Meccanica Ha l obiettivo di formare tecnici in grado di affrontare i problemi specifici del settore meccanico e di inserirsi in molteplici campi di attività come industrie e uffici tecnici. Il percorso quinquennale fornisce le competenze per leggere ed interpretare gli schemi funzionali e i disegni tecnici degli impianti industriali; scegliere i materiali, le macchine e le attrezzature; gestire sistemi di automazione; utilizzare strumenti informatici per la progettazione, la lavorazione, la movimentazione; ITALIANO 17

18 utilizzare le tecnologie per la gestione e il controllo del processo industriale. Con il triennio si è in grado di eseguire controlli, preparare e fare la manutenzione degli strumenti di lavoro; leggere un disegno tecnico, eseguire lavori su macchine tradizionali o su CNC. Le prospettive di lavoro nel territorio sono buone per la presenza di molte imprese di piccole e medie dimensioni. Per affrontare questo percorso è utile avere propensione per le materie tecniche, scientifiche e per la tecnologia, essere interessati alle attrezzature meccaniche di vario tipo e al disegno tecnico. Èopportuno possedere una certa attitudine alla manualità, all uso del computer, essere portati per progettare e organizzare le fasi produttive. Occorre infine l interesse per l utilizzo e l evoluzione delle nuove tecnologie e una certa capacità di risolvere problemi. Nell area meccanica rientrano i seguenti percorsi di istruzione e formazione professionale: Istituto Tecnico -Settore Tecnologico - Indirizzo Meccanica Meccatronica ed Energia Titolo di studio conseguito: Diploma di perito in meccanica, meccatronica ed energia Nella nostra Provincia trovi questo corso di studio: Istituto di Istruzione Superiore G. Capellini - N. Sauro Istituto Professionale - Settore Industria e Artigianato - Indirizzo Manutenzione e Assistenza Tecnica Titolo di studio conseguito: Diploma professionale di tecnico della manutenzione ed assistenza tecnica Qualifica regionale di operatore meccanico (al termine del terzo anno) Nella nostra Provincia trovi questo corso di studio: Istituto Professionale L. Einaudi - D. Chiodo Ente di Formazione Professionale Cisita Area Chimica Ha l obiettivo di fornire un ampia formazione di base nel settore chimico, unitamente ad una buona preparazione scientifica nell ambito tecnologico. Per affrontare questo percorso è necessario possedere un forte interesse per le materie scientifiche e per le sperimentazioni, ed è utile una certa destrezza nell utilizzo di macchinari e strumentazioni e attitudine a utilizzare le nuove tecnologie in quanto è possibile poi lavorare in settori diversificati. Nell area chimica rientrano i seguenti percorsi di istruzione: Istituto Tecnico -Settore Tecnologico - Indirizzo Chimica Materiali e Biotecnologie Titolo di studio conseguito: Diploma di perito in chimica, materiali e biotecnologie Nella nostra Provincia trovi questo corso di studio: Istituto di Istruzione Superiore G. Capellini - N. Sauro Area Elettrica - Elettronica - Elettrotecnica Ha l obiettivo di fornire una buona preparazione di base per tutti coloro che svolgeranno una professione propria del settore elettrico, consentendo così l inserimento, sia nei settori di produzione di energia elettrica e di apparecchiature elettriche ed elettroniche, sia nei settori dove vengono utilizzate. Il percorso quinquennale prepara figure professionali che possono lavorare sia in proprio (come progettisti, collaudatori e installatori di sistemi elettrici anche complessi) sia oppure svolgere attività dipendente presso industrie che producono macchine e apparecchiature elettriche, installano impianti elettrici normali o con applicazioni elettroniche sovrintendendo alla manutenzione degli stessi. ITALIANO 18

19 Il percorso triennale, invece, prepara professionisti capaci di installare, collaudare e curare la manutenzione di linee e quadri elettrici e apparecchiature automatiche di controllo. Nell area elettrica-elettronica-elettrotecnica rientrano i seguenti percorsi di istruzione e formazione professionale: Istituto Tecnico - Settore Tecnologico - Indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica Titolo di studio conseguito: Diploma di perito in elettronica ed elettrotecnica Nella nostra Provincia trovi questo corso di studio: Istituto di Istruzione Superiore G. Capellini - N. Sauro Istituto Professionale - Settore Industria e Artigianato - Indirizzo Manutenzione e Assistenza Tecnica Titolo di studio conseguito: Diploma professionale di tecnico della manutenzione ed assistenza tecnica Qualifica regionale di operatore elettronico (al termine del terzo anno) Qualifica regionale di operatore di impianti termoidraulici (al termine del terzo anno) Nella nostra Provincia trovi questo corso di studio: Istituto Professionale L. Einaudi - D. Chiodo Ente di Formazione Professionale ATS Formimpresa, Einaudi-Chiodo, D. De La Penne (Termoidraulici) Area Trasporti e Logistica Ha l obiettivo di formare professionisti in grado di lavorare nelle industrie di costruzione di mezzi di trasporto o in società di trasporti o di navigazione aerea e marittima e, per l area logistica, capaci di operare nella gestione del traffico e del carico-scarico merci. Per affrontare questo percorso bisogna possedere un forte interesse per il settore dei trasporti (terrestri, aereo, navale) e delle nuove tecnologie collegate, nonché buone capacità organizzative. Nell area trasporti e logistica rientrano i seguenti percorsi di istruzione: Istituto Tecnico - Settore Tecnologico - Indirizzo Trasporti e Logistica Titolo di studio conseguito: Diploma di perito dei trasporti e logistica Nella nostra Provincia trovi questo corso di studio: Istituto di Istruzione Superiore G. Capellini - N. Sauro Area Agricola Ha l obiettivo di fornire una preparazione articolata nel settore tecnico scientifico soprattutto agrario e le competenze che si acquisiscono consentono poi di operare nei cicli produttivi di aziende agricole di piccole e medie dimensioni e di svolgere attività di tipo operativo nell ambito delle produzioni vegetali. Per affrontare questo percorso bisogna amare la natura e i processi naturali, essere interessati al mondo vegetale e animale, essere disposti a lavorare spesso all aperto ed avere buona manualità. Nell area agricola rientrano il seguente percorso di istruzione e formazione professionale: Istituto Professionale - Settore Servizi - Servizi per l agricoltura e lo sviluppo rurale Titolo di studio conseguito: Diploma di perito agrario Qualifica regionale di operatore agricolo (al termine del terzo anno) Nella nostra Provincia trovi questo corso di studio: Istituto di Istruzione Superiore T. Parentucelli - C. Arzelà ITALIANO 19

20 Area Alimentare e della ristorazione Ha l obiettivo di preparare figure professionali in grado di affrontare, sia autonomamente sia in gruppo, numerosi compiti in svariati contesti lavorativi quali: - la preparazione, cottura e distribuzione di alimenti, bevande, generi alimentari vari; - l organizzazione e la gestione dei servizi di sala e bar. Le competenze acquisite consentono di trovare uno sbocco lavorativo nelle imprese di ristorazione appartenenti al comparto alberghiero e ristorativo ed in settori produttivi e di distribuzione commerciale. Per affrontare questo percorso bisogna avere buone capacità relazionali e di comunicazione, essere in grado sia a cooperare con altri sia a lavorare autonomamente, amare le lingue straniere. Indispensabile è la disponibilità ad orari di lavoro flessibili e irregolari (week end - festività,-lavori stagionali). Nell area alimentare e della ristorazione rientrano i seguenti percorsi di istruzione e formazione professionale: Istituto Professionale - Settore Servizi - Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera Titolo di studio conseguito: Diploma di tecnico per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera Qualifica professionale regionale di Operatore della Ristorazione (al termine del terzo anno) Nella nostra Provincia trovi questo corso di studio: Istituto Professionale G. Casini Ente di Formazione Professionale CIOFS Area Professionale Estetica Ha l obiettivo di preparare figure polivalenti in grado di eseguire prestazioni e trattamenti sul corpo, sui capelli e sulla cute, oltre a conoscere e scegliere i prodotti più idonei e a saper affrontare una corretta diagnosi tecnica. Le competenze di base sono propedeutiche per la prosecuzione formativa nei diversi profili di qualifica del settore quali estetista ed acconciatore. Questi operatori trovano uno sbocco lavorativo come dipendenti presso laboratori di estetica, di acconciature, studi medici specializzati oppure come lavoratori autonomi avviando un attività imprenditoriale di negozi o saloni specializzati nel settore. Titolo di studio conseguito: Qualifica professionale regionale di Operatore del Benessere (al termine del terzo anno) Nella nostra Provincia trovi questo corso di studio: Ente di Formazione Professionale ATS Formimpresa ITALIANO 20

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE. nel Circondario

GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE. nel Circondario GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE nel Circondario anno scolastico 2012/2013 INDICE dei Contenuti Premessa 1. Introduzione 1.1. Come usare questa guida: obiettivi, cosa contiene 1.2. Per gli studenti

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Schema di regolamento recante Disposizioni per la razionalizzazione ed accorpamento delle classi di concorso a cattedre e a posti di insegnamento,

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici ALLEGATO A Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione per gli Istituti Tecnici 1. Premessa I percorsi degli Istituti

Dettagli

ore 1 biennio DISCIPLINE unitario Lingua inglesee Storia Matematica Diritto ed economia alternative Totale ulteriori lingue

ore 1 biennio DISCIPLINE unitario Lingua inglesee Storia Matematica Diritto ed economia alternative Totale ulteriori lingue ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI GENERALI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE ECONOMICO Lingua e letteratura italiana 1^ 2^ secondo biennio e quinto anno costituiscono un percorso formativo unitario 3^ 4^ 5^ Lingua

Dettagli

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso tabella A 1/A Aerotecnica e costruzioni aeronautiche 2/A Anatomia, fisiopatologia oculare e laboratorio di misure oftalmiche 3/A Arte del

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Vigente al: 11-3-2015

Vigente al: 11-3-2015 MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO 29 gennaio 2015, n. 10 Regolamento recante norme per lo svolgimento della seconda prova scritta degli esami di Stato conclusivi dei corsi

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Tasso di copertura della rilevazione. Numero di scuole che hanno risposto

Tasso di copertura della rilevazione. Numero di scuole che hanno risposto MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva de Biasio S. Croce 1299-30135 VENEZIA Ufficio IV - Ordinamenti scolastici -

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

delle qualifiche professionali in favore dei soggetti provenienti da fuori Regione Piemonte che se

delle qualifiche professionali in favore dei soggetti provenienti da fuori Regione Piemonte che se FAQ REQUISITI PER IL COMMERCIO D: La pratica svolta per 2 anni negli ultimi 5, in qualità di coadiuvante in un attività di commercio al dettaglio di alimentari, può essere riconosciuta valida, ai fini

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali Il sistema educativo italiano 29 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca (MIUR)

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano IO E PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Il diploma accademico di primo livello è equipollente alla laurea triennale. La scuola, a livello universitario, intende

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato?

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato? INDAGINE POST-DIPLOMA 2014 Diplomati nel 2012: n. 264 Indagini compilate: n. 128 (48,5%) Indirizzo liceale frequentato Risposta 1) linguistico (Utenti: 46 Perc.: 35.94%) Risposta 2) naturalistico (Utenti:

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI Ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi: nei bandi che fanno riferimento all ordinamento previgente

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 5.2.4 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, gennaio 2009 CIRCOLARE N. 4/2008 Abroga la circolare n. 4/2007 del gennaio 2008 DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 2. Scuole

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA

Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA La presenza di un biennio COMUNE offre la possibilità, di potere scegliere il successivo triennio al termine del secondo anno con maggiore consapevolezza e convinzione!

Dettagli

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 -

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Dal 1 maggio al 31 ottobre 2015 Milano ospiterà l Esposizione Universale dal tema Nutrire il Pianeta, Energia per

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo 1 2 Guida all accesso ai Corsi di Laurea (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo Anno Accademico 2014/2015 3 4 Concept and graphic design: Marketing e Fundraising

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli