Contribuenti.it GENNAIO 2012 ANNO IX NUMERO 1 MAGAZINE. PRIMO PIANO di NINO BUONOCORE DENTRO LA GIUSTIZIA di RAFFAELLO MAGI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Contribuenti.it GENNAIO 2012 ANNO IX NUMERO 1 MAGAZINE. PRIMO PIANO di NINO BUONOCORE DENTRO LA GIUSTIZIA di RAFFAELLO MAGI"

Transcript

1 Contribuenti.it GENNAIO 2012 ANNO IX NUMERO 1 MAGAZINE ISSN LA SVOLTA NEL 2012 Ecco da dove partire PRIMO PIANO di NINO BUONOCORE DENTRO LA GIUSTIZIA di RAFFAELLO MAGI SPECIALE PARTE LA BANCA DEL MEZZOGIORNO INTERNET RITARDI E PROSPETTIVE DEL WI-FI GRATUITO

2

3

4 PRIMO PIANO di NINO BUONOCORE DENTRO LA GIUSTIZIA di RAFFAELLO MAGI SPECIALE PARTE LA BANCA DEL MEZZOGIORNO INTERNET RITARDI E PROSPETTIVE DEL WI-FI GRATUITO Sommario Contribuenti.it Gennaio Anno -IX - Numero 1 EDITORE Contribuenti.it Associazione Contribuenti Italiani PRESIDENTE Vittorio Carlomagno Dottore Commercialista e Giornalista Pubblicista 4 05 Il Direttore di Antonella Di Benedetto COMINCIAMO DAI NOSTRI FIGLI 07 Il Presidente di Vittorio Carlomagno CORTINA. ORA SI FA SUL SERIO 08 Primo Piano di Nino Buonocore TRECENTO GIORNI DI SOLE ALL ANNO 10 Interviperando di Serena Pane CONDONO LITI FISCALI, UN EXPLOIT INATTESO 12 Economia di Daniela Castellano SUD. RITARDI E PROSPETTIVE PER IL NUOVO ANNO 15 Speciale di Giuseppe De Stefano BANCA DEL MEZZOGIORNO, L IMPRESA DEL SUD RIPARTE DA QUI? 17 Speciale di Daniela Castellano PRONTO L INGRESSO NEL MONDO DEL CREDITO MERIDIONALE 19 Dalle Istituzioni di Daniela Castellano EQUITALIA. IN BALLO IL RAPPORTO TRA CONTRIBUENTI-STATO 20 Good News di Daniela Castellano POVERI DI DIRITTI, DIFENDERLI COSTA 8 TRECENTO GIORNI DI SOLE ALL ANNO 15 BANCA DEL MEZZOGIORNO 22 Fisco di Valentina Tortelli 2012, TORNA LA TASSA SULLA PRIMA CASA 23 Giurisprudenza di Giuseppe De Stefano CREDERE NELLA GIUSTIZIA 24 Curiosando di Valentina Acri TELEFONARE GRATIS 26 Sportello Consumatori di Amabile Amato ITALIANI. POPOLO DI POETI, SANTI E NAVIGATORI... MA CON QUALCHE DIFFICOLTÀ 28 Sportello Lavoro di Amabile Amato ANNO NUOVO, SISTEMA NUOVO 30 Sport di Giuseppe De Stefano TORINO: UN NUOVO STADIO PER L ECONOMIA 30 JUVENTUS STADIUM VICE PRESIDENTE Serafina Pane Dottore Commercialista e Giornalista Pubblicista CONTRIBUENTI.IT MAGAZINE DIRETTORE RESPONSABILE Antonella Di Benedetto Sociologo della Comunicazione e Giornalista Pubblicista IN REDAZIONE Daniela Castellano, Giuseppe De Stefano COMITATO SCIENTIFICO Enrico Carlomagno - Dottore Commercialista e Pubblicista, Salvatore Coppola - Dottore Commercialista, Raffaele D Alessio - Avvocato, Luigi Del Prete - Avvocato, Maria Rosaria Imperatore - Avvocato, Gaetano Laghi - Avvocato, Luigi Romano - Dottore Commercialista, Antonio Scherillo - Dottore Commercialista, Valentina Tortelli - Giornalista Pubblicista, Marco Carlomagno - Coordinatore Didattico Medialo, Nora Capece - Referente Scientifico Medialo, Stefano Dumontet - Professore Ordinario Università Parthenope, Ezio Sciarra - Professore Ordinario Università G. D Annunzio HANNO COLLABORATO Amabile Amato, Valentina Acri, Nino Buonocore, Valentina Tortelli PROGETTO GRAFICO Antonio Matarese STAMPA In proprio AUTORIZZAZIONI Registrazione Tribunale di Napoli n.6 del Iscrizione al R.O.C. n Poste Italiane Sped. in A.P. - D.L. 353/2003 (conv. L. 46/2004) art.1, c.1, DCB Napoli REDAZIONE DI NAPOLI Via R. Bracco, 45 - Tel Fax REDAZIONE DI ROMA Via Piave, 61 - Tel Fax RESPONSABILE TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Gennaro Morra ABBONAMENTO A CONTRIBUENTI.IT MAGAZINE Euro 50,00 comprensivo della quota di iscrizione all'associazione Contribuenti Italiani DIRITTI SULLA PRIVACY In relazione a quanto disposto dall articolo 11del D.lgs. 30 giugno 2003, n.196, i dati personali oggetto di trattamento sono: a) trattati in modo lecito e secondo correttezza; b) raccolti e registrati per scopi determinati, espliciti e legittimi, ed utilizzati in altre operazioni del trattamento in termini compatibili con tali scopi; c) esatti e, se necessario, aggiornati; d) pertinenti, completi e non eccedenti rispetto alle finalità per le quali sono raccolti o successivamente trattati; e) conservati in una forma che consenta l'identificazione dell'interessato per un periodo di tempo non superiore a quello necessario agli scopi per i quali essi sono stati raccolti o successivamente trattati. Ai sensi dell art. 7 del D. lgs. n. 196/2003, Lei potrà chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge. I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che non impegnano pertanto l editore, la direzione, le redazioni e il comitato scientifico. Infatti gli articoli firmati possono non rappresentare la linea dell editore ma, per una più ampia e completa informazione, vengono pubblicate anche le opinioni non condivise. Associato USPI Unione Stampa Periodica Italiana Contribuenti.it GENNAIO 2012 ANNO IX NUMERO 1 MAGAZINE LA SVOLTA NEL 2012 Ecco da dove partire ISSN

5 IL DIRETTORE di Antonella Di Benedetto COMINCIAMO DAI NOSTRI FIGLI Cominciamo da loro, dai nostri figli. Perché faranno esattamente quello che avranno visto fare da noi. Cominciamo a garantire loro le armi della conoscenza e la consapevolezza dei propri diritti, visto che i doveri saranno comunque imposti. Nulla di più semplice se trasferiamo questi concetti nella dimensione del quotidiano: sono gli esempi, quelli legati alla vita quotidiana, che lasciano impronte indelebili nel comportamento e nell'atteggiamento di chi ci seguirà. Il senso di lealtà, onestà o correttezza non può essere insegnato, può essere solo trasmesso. Il rispetto per gli altri passa attraverso il rispetto di se stessi. L'appropriazione dei propri diritti passa attraverso la consapevolezza dei propri doveri. Per intenderci, se insegniamo ai nostri figli a richiedere lo scontrino, predisponiamo le basi di un uomo consapevole dei propri diritti e di un cittadino dotato del senso della collettività; se indichiamo ai nostri figli semplici soluzioni di vita, legate ad esempio alla raccolta differenziata, avremo degli uomini che si prenderemmo cura dell'ambiente che li circonda, a partire dalla cura di se stessi; se accendiamo in loro la passione per il sapere e la conoscenza, avremo degli uomini informati e coscienti, ma prima di tutto degli individui liberi. Certo è che per garantire tale continuità, a genitori esemplari dovrebbero subentrare persone responsabili e capaci soprattutto di formare delle "teste ben fatte": ovviamente mi riferisco al ruolo chiave che l'istruzione gioca nel processo di formazione dell'individuo. Ebbene, a questo punto il processo si interrompe. Cosa aggiungere se i sistemi di istruzione e formazione, in Italia, non riescono ad assumere la sfida della mondializzazione, a preparare generazioni poliglotte o "tecnologiche", in grado di affrontare i diversi livelli della competizione sul mercato del lavoro? Cosa dire se la maggior parte degli insegnanti è impreparata all'uso dell'informatica e alle nuove competenze di tecnologia digitale? Cosa dire se dall'alto del nostro onorevole sistema politico non si riesce a gestire le risorse e non si riesce a garantire la formazione delle teste delle nuove generazioni; di quelle teste che dovranno risolvere tutte le problematiche e gli aspetti controversi di una realtà ereditata dai loro padri? E allora, con estrema razionalità, cominciamo dai nostri figli! RIPRODUZIONE RISERVATA 5

6 Autore Dino Izzo - Anno Tecnica Acrilico e Stampa Digitale su Carta cm. 70X100 Arabo Urlò tutta la sua rabbia Stando al centro della sabbia Ebbe allora un grosso dubbio E se fossi già in Arabia?

7 IL PRESIDENTE di Vittorio Carlomagno CORTINA. ORA SI FA SUL SERIO Gentile Presidente, il blitz delle fiamme gialle a Cortina ha scatenato uno spropositato circo mediatico: è davvero scattata, finalmente, l'ora della lotta all'evasione oppure si tratta del solito fuoco di paglia? Lei che ne pensa? Grazie Abbiamo più volte sottolineato nelle pagine del nostro magazine la necessità di rafforzare, nella popolazione italiana, la leva psicologica della cosiddetta tax compliance, l'adesione al patto sociale tra il popolo e lo Stato, tra il contribuente ed il Fisco. Un patto sociale è, però, per definizione stipulato tra due parti: se da un lato sono i cittadini che devono sentirsi membri di una comunità per cui pagare le tasse è un obbligo, un dovere cui ottemperare, dall'altra lo Stato deve restituire quanto pagato in termini di servizi erogati, di garanzia dei diritti. Una grossa falla del sistema contributivo italiano secondo diversi opinionisti sarebbe la consuetudine per cui "non si paga perché è facile evadere". È in questo senso che si può leggere l'impatto della notizia sul blitz della Guardia di Finanza a Cortina. I numeri di questa operazione comunicati dall'agenzia delle Entrate sono apparsi clamorosi: tra 30 e 31 dicembre gli oltre 80 agenti hanno svolto controlli fiscali su 35 esercizi commerciali registrando aumenti di fatturazione tra il 300% e il 400%. Altrettanto notevole la verifica sulle 251 auto di lusso: su 133 intestate a persone fisiche 42 sono risultate di proprietà di cittadini che dichiarano circa euro lordi l'anno. Indignazione e clamore hanno segnato i giorni a seguire, ma ciò che conta è porre le giuste domande con lucidità, e in questo mi unisco alla voce del sindaco di Cortina, Andrea Franceschi: vogliamo la verità! Vogliamo tutti i numeri ufficiali! Vogliamo nomi e cognomi! L'Agenzia delle Entrate non può dare in pasto ai media dei numeri perché le istituzioni si facciano pubblicità: 80 agenti, che per legge devono agire in coppia, hanno inevitabilmente svolto dei controlli solo parziali, come possono essere 35 esercizi sugli oltre mille della nota località veneta. Scavando sotto i titoli cubitali, tra dati già disponibili, per altro, si scopre che gli aumenti tra il 300 e il 400% sarebbero riferiti a casi isolati, poiché alcuni esercizi pare abbiano registrato addirittura dei cali di fatturazione. Il dato sulle auto di lusso, poi, si commenta da solo, poiché le istituzioni hanno tutti i mezzi per incrociare a monte il reddito dichiarato dai cittadini con l'immatricolazione di vetture di lusso: non c'è alcuna necessità di prendere le targhe nei parcheggi degli alberghi a cinque stelle. Un'operazione mediatica, dunque, che sembra voler riconciliare il cittadino medio con le istituzioni, individuando in un luogo ed in alcune categorie "il nemico". Un esercizio che, però, è pericoloso e solleva pure un riso amaro. Siamo usciti da poco da quella che alcuni hanno definito "Videocrazia": speravamo che in luogo di essa i tecnici portassero la sobrietà, la risposta dei fatti ad anni di annunci urlati. Invece ci ritroviamo a puntare il dito contro le categorie dei commercianti, delle piccole e medie imprese, sia pure in un contesto lussuoso. È giusto che chi evade sia punito e azioni come quella di Cortina non devono essere criminalizzate, ma neppure andrebbero amplificate con tanto fragore. La sensazione, altrimenti, è quella che si voglia spostare l'attenzione degli italiani dai grandi evasori che dissanguano sul serio lo Stato e dalla sua classe dirigente che è professionista di prediche ma razzola malissimo. E che, soprattutto, non tiene fede a quel patto sociale. 7

8 Primo Piano di Nino Buonocore TRECENTO GIORNI DI SOLE ALL ANNO ERA UNA FAMOSA PUBBLICITÀ DEGLI ANNI 70 «SE ESTENDIAMO QUESTA VISIONE A TUTTO IL SUD POTREMMO DIRE PER PARADOSSO CHE LA NARCO- SI DI CUI ESSO HA SOFFERTO PER DECENNI È STATA FORSE INDOTTA DA UNA IMPOSTAZIONE PUBBLICITARIA INGANNEVOLE CHE HA PRODOTTO COME CONSEGUENZA L ASSOPIMENTO DI QUALSIASI IMPETO CREATIVO» 8 La pubblicità di un noto villaggio turistico/residenziale alle porte di Napoli diceva pressappoco così: "Trecento giorni di sole all'anno". Un appeal decisamente ammaliante se si pensa che il sole produce sensazioni di benessere che rendono piacevole la vita e qualunque attività, sia essa lavorativa o creativa. Era una pubblicità degli anni '70 ed è naturalmente dettata da una diversa impostazione pubblicitaria rispetto a quella che si sarebbe ideata per qualunque sito residenziale ubicato al Nord il quale, come tutti possono dedurre, non può che puntare su altri requisiti per attirare insediamenti. Un'impostazione che, creata sulla distorsione di alcuni bisogni, ha finito per condizionare inevitabilmente un intero modo di concepire la vita. Se è vero infatti che lavorare e creare al sole è indubbiamente più sano e piacevole è pur tuttavia vero che al calore del sole ci si rilassa più facilmente. Oggi ovviamente, il sole c'è sempre, forse non per trecento giorni, come annunciava esagerando quella pubblicità, ma quel villaggio è ridotto ad uno stato di triste abbandono. Credo sia la metafora di come tutto il Sud sia scivolato malinconicamente sulla via del declino nel corso degli anni. Il sogno di un luogo paradisiaco dal punto di vista climatico e paesaggistico ha abilmente nascosto quelle tante ed evidenti carenze funzionali e strutturali che lo avrebbero reso alla lunga invivibile. Se estendiamo questa visione a tutto il Sud potremmo dire per paradosso che la narcosi di cui esso ha sofferto per decenni è stata forse indotta da una impostazione pubblicitaria ingannevole che ha prodotto come conseguenza finale l'assopimento di qualsiasi impeto creativo ed imprenditoriale fino ad arrivare all'encefalogramma piatto attuale. Il Sud è stato per secoli, lo è ancora e lo sarà sempre, culla di intellettuali, grandi poeti, grandi musicisti e pensatori i quali arrangiandosi come potevano sono riusciti tuttavia a sfornare continuamente pani di progresso e di cultura. Il segreto di queste menti è stata la dura forgia che le ha rese capaci di partorire una genialità di bassa spesa ma di grande ricavo se sapientemente sfruttata. Se parliamo di musica ad esempio (il mio campo) potrei dire tranquillamente che gran parte del movimento di rinnovamento musicale sia partito dal Sud. Nonostante il fatto che al Sud non ci sia mai stata un'industria discografica degna di tale nome. Eppure avremmo potuto creare una vera e propria industria del turismo e della cultura impedendo che troppi avventurieri cinici, spregiudicati se non collusi con la criminalità organizzata

9 rovinassero una risorsa praticamente inesauribile e molto remunerativa per lo stato. Di errori purtroppo ne sono stati fatti tanti. Come in una partita di calcio se lasci l'iniziativa agli avversari prima o poi il gol lo incassi pur sapendo giocare bene. Ma si può sempre rimontare e forse anche vincere la partita. Come? Cominciando ad esempio a considerare l'istruzione una importante risorsa. La cecità (voglio essere buono) dei governi che si sono succeduti ha ridotto la scuola italiana, ed in maniera ancora più colpevole nel Sud, ad una sorta di boy-sitting di Stato Eppure sono convinto che da lì bisogna ripartire, lì dove confluiscono e si sviluppano le energie migliori e più sane. E nel Sud ho l'impressione che di queste energie esplosive siamo ricchi adesso più che mai dopo anni di sofferenza. Il volano di ogni società civile è sempre stato l'istruzione. Dai movimenti studenteschi è partita sempre la scintilla che ha acceso la consapevolezza e la forza dell'azione di ogni singolo cittadino quando armonicamente inserito in un quadro di cambiamento collettivo. Non è un caso che in un sistema che tutela lo status quo non si faccia nulla per l'istruzione. Chi non sa non pretende. Per anni il core system dell'intero paese è stato tenuto nascosto al buio per permetterne il funzionamento a volte anche perverso. E quella condizione di oscurità ha consentito al potere di tarpare le ali di tante coscienze libere quando non sia riuscita ad asservirla. E in quella stessa oscurità lo spirito di un progresso comune è stato mortificato dall'opportunismo individualista di una minoranza tesa a guardare il prossimo come un competitore anziché una risorsa. Abbiamo un meraviglioso paese che fa invidia per il suo patrimonio paesaggistico, culturale, artistico, oltre che per il suo clima. E il Sud ne costituisce la parte più assolata. Una enorme fortuna che dovremmo considerare di tutti. Ma occorre ricostruire una forte coscienza di unità nazionale, incoraggiando e proteggendo (volere è potere) ad esempio una sana attività di impresa su ogni parte di territorio tenendo conto delle sue specificità finalmente come un valore aggiunto e non come una tara. Noi del Sud stiamo già cominciando a darci da fare. Io lo sento. Stiamo ripartendo da una moralizzazione capillare, volta a sconfiggere quella mentalità gretta di interessi di parte che degenera facilmente in attività criminale quando passa attraverso la sopraffazione dell'interesse comune. Stiamo provando a rimettere insieme quei valori etici basilari, difendendone strenuamente il senso attraverso una costante opera di rieducazione. Forse potrà apparire come un inizio troppo timido ma sono sicuro che scatenerà in breve tempo una vera rivoluzione culturale che coinvolgerà l'intera nazione, concorrendo inoltre a scardinare quegli stupidi pregiudizi sul Sud che nulla hanno prodotto in tutto questo tempo se non lo stallo di ogni processo di sviluppo organico nel paese. Forse oggi anche il Nord, nella dura realtà della globalizzazione, ha bisogno di aggrapparsi a nuove armonie. Intanto noi proviamo a dare il "la". Magari si smetterà una buona volta per tutte di pensare che il Sud è la palla al piede di questo paese e converremo tutti che l'italia non potrà andare mai da nessuna parte rinunciando ai piedi, alle braccia, ma soprattutto al cuore e al genio di anche noi meridionali. RIPRODUZIONE RISERVATA 9

10 di Serena Pane INTERVIPERANDO CONDONO LITI FISCALI UN EXPLOIT INATTESO 10 Un po' di ossigeno per le casse dell'erario dal condono delle liti fiscali pendenti. Lo scorso dicembre, infatti, risultavano pervenute all'agenzia delle Entrate ben domande di definizione agevolata dei micro contenziosi fino a euro pendenti innanzi la giustizia tributaria. Lo strumento, come ricorderete, era stato inserito nella manovra correttiva dello scorso luglio, approvata dal governo Berlusconi, e prevedeva la possibilità di chiudere i contenziosi in corso con l'agenzia delle Entrate pagando aliquote ridotte dal 10 al 50% del valore della causa. Il record di adesioni porta nei forzieri dello Stato maggiori entrate stimabili in oltre 138 milioni di euro senza conteggiare gli ulteriori versamenti ancora non comunicati all'amministrazione Finanziaria. La realtà è andata quindi ben oltre la rosea aspettativa di circa 112 milioni di euro di maggiori introiti preventivati a luglio. La conferma ufficiale con i dati certi sarà pronta solo dopo il prossimo 2 aprile, scadenza ultima di invio delle domande telematiche, ma le previsioni sono più che attendibili. Due i vantaggi conseguenti al mini condono. Da una parte un bel gettito imprevisto per l'erario, dall'altro un effetto deflattivo sul carico di lavoro delle Commissioni tributarie spesso ingolfate dai numeri esorbitanti dei litigi fiscali, con la possibilità di liberare tempo e risorse per i contenziosi più significativi. Stesso effetto, si spera, che sarà conseguito con l'introduzione, a pena di ammissibilità del ricorso, della mediazione anche in materia tributaria a partire dal prossimo 1 aprile per le controversie di valore pari o inferiore a 20mila euro. RIPRODUZIONE RISERVATA

11

12 Economia di Daniela Castellano SUD RITARDI E PROSPETTIVE PER IL NUOVO ANNO Equità e sviluppo. Intervista al Sen. Mario Baldassarri 12 Senatore, l'attuale contesto di crisi ha portato all'ordine del giorno i temi di equità e sviluppo. Contribuenti.it promuove da sempre un rapporto più trasparente tra cittadini e Fisco; eppure, a fronte di nuovi sacrifici ci sono stati altrettanti tagli ai servizi. In qualità di economista, potrebbe farci una panoramica della situazione in cui ci troviamo e delle prospettive per il nuovo anno? Intanto bisogna dire che la discontinuità del nuovo governo si rivela su alcune grandi verità. La prima è che la manovra di agosto non era sufficiente ad azzerare il deficit nel 2013: mancavano ancora 20 miliardi e per di più ce n erano ancora 20 che venivano previsti come tagli orizzontali a tutte le detrazioni fiscali, quindi una macelleria sociale. Il nuovo governo Monti ha dovuto tappare questi 40 miliardi di buco, contrariamente a quanto ci hanno raccontato in precedenza, ed è chiaro che di fronte a questa prima verità il nuovo governo si è trovato di fronte ad un'emergenza. I 20 miliardi che dovevano essere ottenuti attraverso i tagli orizzontali alle detrazioni fiscali saranno ottenuti tramite un aumento dell'iva e dei 20 miliardi veri e propri di deficit che mancavano, 18 verranno da un aumento di tasse, 2 da tagli di spesa; quindi la manovra è fortemente sbilanciata sul fronte del puro rigore finanziario e, per di più, manca la parte dello sviluppo e dell'equità. Ecco perché occorre chiarire che, fatta questa manovra per evitare il baratro della crisi del debito pubblico, adesso viene il compito vero: realizzare le cinque grandi riforme strutturali che servono al Paese, da fare entro Pasqua perché con la crisi in atto la crescita del 2012 rischia di scendere attorno al -2%, e a maggio/giugno prossimo qualcuno ci chiederà addirittura un'altra manovra. Se non saremo in grado di rispondere dicendo "ok, abbiamo fatto le 4/5 riforme necessarie e permanenti e quindi l'italia esce dal tunnel in maniera stabile e definitiva", allora la situazione tornerà ad essere grave per tutti. Quali sono, secondo Lei, le riforme di cui il Paese avrebbe bisogno con urgenza? Le cinque riforme da fare, che nessun governo ha portato a termine e, in alcuni casi, neanche messo in cantiere, vedono in testa la madre di tutte le riforme: il taglio verticale di almeno miliardi di spesa pubblica corrente, in cui rientrano i veri costi della politica, gli sprechi e le aree grigie tra economia e politica che vanno anche a finanziare le organizzazioni criminali. Solo tagliando queste voci di spesa si L Italia deve capire, tutta intera, che il Paese cresce se cresce il Sud, altrimenti la crescita non è possibile. Non è una cortesia da fare agli abitanti del Meridione ma una necessità nazionale. ottengono le risorse da mettere a disposizione per famiglie, ricerca, impresa, investimenti, infrastrutture e per sviluppo e crescita. La seconda riforma riguarda il sistema pensionistico, in gran parte già contenuto nella manovra appena varata; il principio del contributivo pro rata per tutti è, secondo me, sacrosanto e arriva con 17 anni di ritardo, perché andava inserito già nella riforma Dini del La terza è quella che riguarda il mercato del lavoro e il welfare, cioè la necessità di cucire la spaccatura nel mondo del lavoro tra generazioni di ipergarantiti e giovani, in parte donne, che stanno fuori, al freddo e al gelo senza protezioni, nella più totale precarietà. La quarta linea di riforma è quella che concerne le liberalizzazioni e la quinta è un progetto per abbattere il debito pubblico, l'unico possibile, praticabile e serio: mettere in vendita il patrimonio pubblico immobiliare e mobiliare attraverso un "fondo immobiliare Italia" al quale conferire gli immobili pubblici, valorizzarli nel tempo e venderli nel momento in cui assumono un valore più alto. Ciò significa che l'abbattimento del debito pubblico non può essere fatto con la bacchetta magica delle iperboliche patrimoniali una tantum ma con un progetto a lungo termine in cui il debito scende e nel frattempo la crescita aumenta. Entrambi devono contribuire alla riduzione progressiva del rapporto deficit/pil e a farlo arrivare al di sotto del 100% prima possibile per liberare quelle risorse che oggi, purtroppo, siamo costretti a dedicare agli interessi sul debito pubblico. Dai 70 miliardi di qualche anno fa saliranno, per ovvie ragioni, circa a 100 miliardi ogni anno. Secondo alcune stime di Contribuenti.it i titoli di Stato emessi vengono acquistati principalmente nel Sud Italia. Eppure è dall'epoca del governo Amato che gli investimenti pubblici non raggiungono il 45% in queste regioni. Dunque, cosa significa questo? Che gli investimenti continuano a concentrarsi al Nord? Bisogna intanto dire che i titoli del debito pubblico italiano vengono in gran parte acquistati all'estero, e poi, per circa la metà, acquistati dagli italiani. Purtroppo però, poiché gli italiani più ricchi si concentrano al Nord, i titoli si acquistano più facilmente al Nord che al Sud: è diverso dal dire che gli investimenti infra-

13 IL SENATORE MARIO BALDASSARRI Presidente della Commissione Finanze strutturali vengono fatti più nel centro Nord e il Sud rimane sempre in grave ritardo. La necessità di modernizzare il Sud con investimenti mirati è una priorità nazionale dell'italia, che non va legata solo alla questione del debito pubblico. Dunque, quella meridionale è una questione che va ampliata e contestualizzata a più livelli. Contribuenti.it è da sempre convinta che "solo il Sud può salvare l'italia" e farla uscire da questa buia fase della sua storia. Secondo Lei questa affermazione può e deve essere sostenuta da una "normalizzazione" della gestione economica, legata sia allo sviluppo che allo snellimento della burocrazia, oppure ci dobbiamo rassegnare a considerare l'emergenza come una condizione abituale? L Italia deve capire, tutta intera, che il Paese cresce se cresce il Sud, altrimenti la crescita non è possibile. Non è una cortesia da fare agli abitanti del Sud ma una necessità nazionale; l'intervento al Meridione va fatto in maniera mirata e precisa in termini di capitale infrastrutturale e capitale umano, nel senso di formazione e ricerca. Su queste due linee vanno spese le risorse; purtroppo nei trent'anni passati al sud sono state investite tante risorse andate perse in mille rivoli; soprattutto, mi riferisco ai famosi fondi perduti per lo sviluppo: teoricamente avrebbero dovuto aiutare la nascita delle imprese ma in realtà sono stati sprecati o addirittura incassati dalle organizzazioni criminali e il Sud è rimasto sempre indietro. Quindi uscire dall'idea di un assistenzialismo "parassitario" Sono totalmente d'accordo, questa questione è una delle più annose nella storia del Paese. Dopo la caduta del Muro di Berlino, Le faccio un esempio internazionale per allargare gli orizzonti della nostra chiacchierata, la Germania in poco più di dieci anni ha investito nelle regioni orientali tanto da azzerare il divario tra Est e Ovest Mi scusi se la interrompo ma non sono d'accordo; intanto dopo dieci anni la Germania non ha azzerato il divario tra Est e Ovest. Ma va detto che ha trasferito nei land dell'est capitali pari al doppio di quelli che l'italia ha trasferito al Sud negli ultimi trent'anni, quindi lo sforzo tedesco è stato molto più forte di quello che l'italia ha fatto per il Sud e molto più mirato in termini di infrastrutture, di adeguamento delle strutture e quindi di un miglioramento generale della produttività. Nonostante questo il divario tra Est e Ovest si azzererà non prima del Certo, ma resta comunque un esempio da seguire, seppure con obiettivi a lungo termine Si, in termini di risorse investite ma soprattutto dei modi in cui ciò è stato fatto: non certo sotto forma di sussidi a pioggia o false occupazioni, nei lavori socialmente utili o nelle ruberie delle organizzazioni criminali. Secondo Lei, perché non si è riuscito ad innescare un processo simile in Italia? A cosa imputa questa mancanza? Alla forza dei soggetti che ho appena citato. Quindi una questione culturale, di politica economica o cosa? Una questione puramente economica, secondo me, perché quando lei toglie dalle grinfie di quei soggetti e da quelle ragnatele miliardi di euro all'anno, è chiaro che gli toglie l'acqua nella quale sguazzano. Occorre anche una ben precisa e forte scelta politica, a vantaggio di 57 milioni di italiani e di 18 milioni di abitanti del Sud contro i 3 o 400 mila italiani che sguazzano in quelle ruberie, in quegli sprechi di spesa pubblica. Spesso le lacune del nostro Paese sono anche di tipo normativo. Per recuperare i ritardi del "sistema Italia" potrebbe essere una soluzione l'omologazione fiscale dell'unione Europea? Potrebbe creare delle opportunità in più per il Sud oppure lascerebbe tutto invariato? Guardi, io ho proposto già vent'anni fa il 3 per 15 al Sud, cioè basta con i fondi perduti: 15% di Irpef, 15% di contributi sociali e 15% di Ires per tutti i nuovi insediamenti produttivi al Sud e per la nuova occupazione. Cosa vuol dire? Che l'aiuto allo sviluppo e alla crescita va dato alle imprese che esistono, ai lavoratori veri che vengono occupati e non a fondo perduto; è successo molto spesso: aziende fantasma che su un progetto incassano milioni di euro di sussidio, non fanno il progetto, dopo due anni spariscono, i soldi sono spesi e lo sviluppo non c'è. Quindi la trasformazione del fondo perduto in credito d'imposta è una scelta fondamentale che ha bisogno di un grande coraggio politico, da trovare a tutti i costi per dare la svolta che serve all intero Paese. RIPRODUZIONE RISERVATA 13

14

15 Speciale di Giuseppe De Stefano BANCA DEL MEZZOGIORNO L IMPRESA DEL SUD RIPARTE DA QUI? PROPOSITI DA MANTENERE E PROMESSE DA NON DISATTENDERE L OPINIONE DEL PROF. MARCO MUSELLA Era il settembre 2009 quando Giulio Tremonti, a Napoli, rilanciava la questione meridionale come questione nazionale annunciando il disegno di legge per il progetto della Banca del Mezzogiorno: un istituto bancario che, almeno nelle originali dichiarazioni dell'ex Ministro, superasse le derive regionalistiche nate negli anni Novanta er ricondurre gli investimenti ad una regia nazionale senza,però, allontanarsi dalle realtà locali. All'alba del 2012 iniziamo a vedere concretizzarsi quel progetto: dopo il brusco cambio di governo che rischiava di archiviare tutto, 15

16 16 Speciale Poste Italiane lancerà i primi 250 sportelli nelle regioni del Sud. Il progetto di una banca di secondo livello, e cioè con il ruolo di fornire servizi alle banche che aderiranno al progetto, nasce per finanziare quegli imprenditori meridionali che obiettivamente hanno una situazione di svantaggio rispetto a quelli del centronord. "Certamente per tutto il Mezzogiorno una banca più dedicata che abbia anche delle pratiche attente alla sua situazione è una cosa buona e giusta - dice il Prof. Musella, preside della facoltà di Scienze Politiche dell'università degli Studi di Napoli, Federico II, nonchè docente ordinario di Economia Politica - non so se questa specifica esperienza concreta possa essere la soluzione o una soluzione delle tante possibili, però certamente il Mezzogiorno ha bisogno di banche". Una lacuna forte, in effetti, quella a cui voleva rispondere il progetto di Tremonti, se consideriamo che negli ultimi anni sono venute meno istituti come la Banca del Salento, confluita in Monte dei Paschi, il Banco di Napoli oggi Intesa San Paolo o ancora Banca Apulia ora del Gruppo Veneto Banca. "Una delle ragioni per le quali è molto più difficile fare impresa, specie 'microimpresa', al Sud - spiega Musella - è proprio il fatto che il rapporto col mondo del credito non è un rapporto facile. Le banche tradizionali fanno molta poca attenzione a quelle che potrebbero essere le esigenze dei piccoli imprenditori, e questo nel Mezzogiorno è ancora più vero che in tutto il Paese, poiché sappiamo che la distribuzione territoriale del sistema creditizio ha uno squilibrio forte tra Nord e Sud." La Banca del Mezzogiorno avrà una regia ed una prima partecipazione statale, ma poi il suo ruolo di 'facilitatore' dovrà essere dismesso entro cinque anni con l'intenzione di lanciare i privati locali: sapendo di poter fare affidamento sulla rigida ossatura di Mediocredito Centrale, ci dovrà essere il coinvolgimento dei piccoli istituti di credito presenti sul territorio, e forse rientreranno nella partita anche le Banche di Credito Cooperativo che pure erano state parte attiva in primissima battuta a sostegno dell'acquisto da parte di Poste Italiane dello stesso Mcc. "Per l'attività bancaria, che è anche un'attività che IL PROGETTO DI UNA BANCA DI SECONDO LIVELLO NASCE PER FINANZIARE QUEGLI IMPRENDITORI DEL SUD CHE HANNO UNA SITUAZIONE DI SVANTAGGIO RISPETTO A QUELLI DEL CENTRONORD IL PROFESSORE MARCO MUSELLA Preside della Facoltà di Scienze Politiche Università Federico II Napoli presuppone raccolta e gestione delle informazioni, avere una conoscenza del territorio in linea teorica è un elemento importantissimo - precisa il prof. Musella - il mercato del credito, come diciamo noi economisti, è un mercato in cui ci sono asimmetrie informative. Quindi le banche spesso non conoscono la situazione, lo stato di salute delle imprese che devono finanziarie e quindi si basano su indicatori o su garanzie. Un sistema più vicino al territorio, che ha più elementi di conoscenza del territorio, almeno in teoria dovrebbe funzionare meglio come sistema che finanzia le iniziative buone di quello stesso territorio." Non a caso, del resto, Giulio Tremonti, in quel lontano settembre, diceva "in questa banca non si parlerà inglese". Da gennaio la Banca del Mezzogiorno è operativa con l'obiettivo di dare accesso al credito alle imprese meridionali che non hanno i requisiti patrimoniali per ottenere affidamenti dalle banche tradizionali, ma c'è il dubbio che tutti i buoni propositi del progetto originale vengano disattesi. L'ex-ministro allora allontanava i dubbi di chi lo interrogava sul rischio di creare una banca pubblica affermando che era impossibile, in quanto vietato dall'europa. Ad oggi, però, l'istituto procede senza soci privati: in attesa dell'effettivo ingresso delle Bcc e delle popolari Sarmi, l'amministratore delegato di Poste Italiane, dopo avere acquisito da Unicredit le azioni di Mediocredito Centrale rinominandolo "Banca del Mezzogiorno s.p.a." ne è rimasto unico vero amministratore. Ma se le Poste fanno capo al Tesoro al 100%, la nascita della Banca del Mezzogiorno allora è stata, sia pure indirettamente, pagata interamente dal Tesoro. Il progetto di Tremonti, ispirato, sia pure alla lontana, all'esperienza del Crédit Agricole francese, voleva incoraggiare e sfruttare la rete della federazione delle ex casse rurali e artigiane: se l'ingresso delle Bcc dovesse venir meno saremmo di fronte all'ennesimo "buono proposito fallimentare" per dare un occasione alle eccellenze che troppo spesso sono impossibilitate ad esprimersi nel Mezzogiorno che le ha generate "le misure da seguire dovrebbero puntare su alcune cose, di cui il credito è certamente un pezzo importante. L'altro slancio sarebbe una maggiore efficienza della Pubblica Amministrazione: andiamo dai servizi di base, quindi dalla registrazione alla Camera di commercio, per dire cose ordinarie, fino a cose più complesse e articolate come il funzionamento dei servizi comunali e il sistema universitario informativo." Ci sarebbero, quindi, secondo il prof. Musella dei punti da cui ripartire, ma "non si tratta tanto di individuare a tavolino delle misure - precisa - sarebbe più necessario mettere in piedi una procedura con cui si selezionano le idee che hanno possibilità di successo. Non ci sono misure specifiche per un settore piuttosto che per un altro: servirebbe organizzare un tavolo serio dove si prendono delle decisioni e si diventa operativi in tempi brevi." Ritrovare, dunque, una nuova mentalità, progettuale e collaborativa in tutti i settori: questa sarebbe la vera svolta per il Sud e per tutto il Paese. Sperando che la Banca del Mezzogiorno possa essere un primo passo. RIPRODUZIONE RISERVATA

17 Speciale di Daniela Castellano PRONTO L INGRESSO NEL MONDO DEL CREDITO MERIDIONALE Intervista all Avv. Augusto Dell Erba Con l'accelerazione data da Poste Italiane alla concretizzazione della Banca del Mezzogiorno, molto si è detto sia a proposito della reale aderenza al progetto originario sia sulle possibilità di dare un significativo input all'economia del meridione. Abbiamo chiesto un parere ad Augusto Dell'Erba, che dal marzo 2010 presiede il Comitato promotore per la costituzione della Banca del Mezzogiorno Nel 2009 l'allora ministro dell'economia Tremonti annunciava la costituzione della S.P.A. Banca del Mezzogiorno, con l'obiettivo dichiarato di aumentare la disponibilità di credito destinato al Meridione, grazie anche all'emissione di bond per il sostegno dell'imprenditoria. Come valuta l'impatto del progetto sulla struttura economica del Sud del nostro Paese? Le banche da molto tempo non appartengono per definizione né al Sud né al Nord; ormai il sistema bancario nel suo complesso, specie dopo la riforma del '93, si è delineato: ci sono le banche spa, le banche popolari, quelle di credito cooperativo. Ciascuna di queste tre ha assolto in questi anni alla propria funzione. Ora, l'idea della Banca del Mezzogiorno, per come era contenuta nella legge finanziaria, che diede poi luogo alla costituzione del Comitato promotore che io fui chiamato a presiedere, aveva l'intento di creare ex novo una banca che fosse però banca di secondo livello e che potesse veicolare liquidità, raccolte a condizioni di favore, da girare ad altri istituti di credito con i quali esercitare più efficacemente il credito. Quindi, diciamo che si tratta di una iniziativa suggerita dall'attività di governo, latu sensu di ispirazione politica, ma che doveva avere un'operatività ed un sostegno assolutamente privatistico. Partimmo noi delle BCC e poi valutammo ancora l'apertura alle popolari con le quali abbiamo rapporti di relazione. Ero convinto allora, e lo sono anche oggi, che una banca che riuscisse ad avere questo ruolo, cioè avere la capacità di immettere efficacemente liquidità e supportare le banche di primo livello sarebbe una buona cosa. Nelle intenzioni di Tremonti, come riportato da più parti, il modello di riferimento è quello del Credit Agricole francese, quindi una banca che nasce dal territorio per poi confluire in una struttura unica. Un modello che se da un lato è disegnato dallo Stato, nel ruolo di socio promotore, dall'altro viene fattivamente realizzato da privati. Noi non abbiamo mai condiviso questa opinione col ministro Tremonti, nel senso che il modello del Credit Agricole che lui ha evocato, seppur in contesti diversi da quello della Banca del Mezzogiorno, è un modello che non trova condivisione presso il sistema del credito cooperativo italiano; AUGUSTO DELL ERBA LA SCHEDA Avvocato civilista, è il nuovo presidente del Fondo di Garanzia dei Depositanti del Credito Cooperativo italiano e succede a Francesco Liberati. Vice presidente della Federazione Italiana delle Bcc (Federcasse), dell'erba, spiega una nota, e' anche presidente della Cassa Rurale di Castellana Grotte (Bari) e della Federazione Puglia e Basilicata delle Banche di Credito Cooperativo nonché componente del consiglio dell'abi e già presidente di Iccrea Banca, dal marzo 2010 dell'erba presiede il Comitato promotore per la costituzione della Banca del Mezzogiorno. 17

18 Speciale il Credit Agricole rappresenta le vecchie casse rurali, che negli anni sono diventate, come si dice, un player internazionale. Noi, invece, siamo sempre stati molto legati alla nostra autonomia territoriale; per questo siamo nati come banche del territorio e tali vogliamo restare. In più stiamo rendendo più efficienti le nostre strutture di secondo livello, ma questa è una cosa diversa dalla Banca del Mezzogiorno. A proposito di territorio, quanto conta la conoscenza dello stesso per una più consapevole interpretazione delle dinamiche del suo sviluppo? Questo è un concetto fondamentale, nel senso che qualsiasi operatore che giunge su un territorio, sia che debba cedere danaro sia che debba fare qualsiasi altra impresa, ha la difficoltà di conoscere interlocutori del territorio, per cui normalmente si utilizzano degli strumenti di osservazione, di conoscenza della controparte di indole tecnica. Però molto spesso l'eccessivo tecnicismo, efficiente dal punto di vista teorico, finisce per non esserlo nella pratica, soprattutto nella grande diversificazione dell'italia in generale e del Meridione in particolare; per cui l'esigenza di banche territoriali, promosse dagli stessi territori e non calate dall'alto, è un fattore essenziale per la microeconomia del Meridione, formata da microimprese, da piccolissime realtà che non hanno evidentemente gli strumenti tecnici per farsi conoscere. Dunque è bene che ci siano le grandi banche che fanno il loro lavoro ma è altrettanto importante che ci siano, per una clientela di dettaglio, le piccole banche espressione del territorio Dopo diversi cambi di direzione e non poche polemiche, il progetto è stato preso in mano da Poste Italiane. L'innegabile forza d'urto della rete postale nelle regioni meridionali può essere considerato un valore aggiunto al progetto o piuttosto una deviazione dal modello originario? Questo lo vedremo alla prova dei fatti. E' recente la notizia sui giornali che la Banca del Mezzogiorno, secondo la diversa formulazione alla quale fa riferimento, prenderà corpo entro la fine di Un buon passo sarebbe riuscire ad utilizzare per investimenti al Mezzogiorno le grandi liquidità che in questi giorni la Banca Centrale Europea sta mettendo a disposizione delle banche a tassi molto bassi. gennaio; pare che Poste metterà disposizione 250 sportelli per fare questo. Può essere una buona partenza. Ci può spiegare, in poche parole, in cosa consistono queste deviazioni a cui accennavamo? Io non userei il verbo deviare, piuttosto siamo di fronte ad un diverso modo di vedere le cose nel senso che, mentre il progetto di Banca per il Mezzogiorno, secondo l'originaria idea, era in itinere, Medio credito Centrale è diventato un asset cedibile da parte di Unicredit e quindi a quel punto l'indicazione è stata verso l'acquisto di MCC da trasformare poi in Banca del Mezzogiorno. In quella fase Poste ha ritenuto di acquistarlo e di trasformarlo, cosa che è già avvenuta, in Banca per il Mezzogiorno. Per cui, non è che il progetto sia deviato, per carità, ma ha potuto prendere un'altra piega in ragione del fatto che Medio Credito Centrale, che è una banca già operante, è andata sul mercato; poi è chiaro che ogni soggetto si approccia al tema in maniera diversa. Per quanto riguarda i cosiddetti Tremonti bond, che impatto possono avere sul versante della liquidità? In realtà i Tremonti bond non erano uno strumento di liquidità, ma prevalentemente di patrimonializzazione e credo che abbiano ormai assolto alla loro funzione; sono in via di restituzione, le banche che li avevano sottoscritti ormai li hanno restituiti e sono stati, per quelli che li hanno utilizzati, evidentemente uno strumento di patrimonializzazione che può essere servito. Nell'ottica più generale di misure atte ad incentivare, agevolare e sostenere imprenditoria e occupazione nel Meridione, quali possono essere le modalità da seguire per colmare il divario sia con il Nord del Paese che con il resto d'europa? Questa è una domanda che si pone circa dal 1860 e quindi ho difficoltà a formulare una risposta compiutamente seria ed è chiaro che poi ognuno ha una visione, come dire, meridionalistica delle cose. Io, limitatamente ad un punto di vista bancario, posso dirle che un buon passo sarebbe riuscire ad utilizzare per investimenti al Sud le grandi liquidità che in questi giorni la Banca Centrale Europea sta mettendo a disposizione delle banche a tassi molto bassi; però, come si dice in certi momenti, "il cavallo non beve", perché la situazione è cupa e quindi magari la prospettiva negativa frena gli investimenti ma con le misure che stanno adottando i governi centrali vedo che la liquidità non sta mancando. Il problema è utilizzarla in maniera corretta. RIPRODUZIONE RISERVATA 18

19 Dalle Istituzioni di Daniela Castellano EQUITALIA. IN GIOCO IL RAPPORTO CONTRIBUENTI-STATO Il sistema di riscossione al centro di proteste e polemiche. Intervista all On. Pili Contribuenti.it ha condannato con fermezza l'episodio di violenza ai danni del direttore di Equitalia, Marco Cuccagna, ma ritiene che vada fatta una seria riflessione sia sulle drammaticità economico-sociali innescate dalle vessazioni del sistema di riscossione, sia sul ruolo di Equitalia. In ballo non c'è solo la riscossione dei tributi ma il rapporto tra Contribuenti e Stato; se la lotta all'evasione va comunque sostenuta ed appoggiata nell'interesse di tutti, non possono essere giustificati atteggiamenti vessatori e lesivi della dignità delle persone, che provocano ingenti danni economici e morali. Da più parti si sono levate proteste e si è arrivati ad invocare l'eliminazione di Equitalia. La proposta di legge di iniziativa popolare, sostenuta in Parlamento già da 90 deputati, è stata accolta con entusiasmo dai contribuenti, che stanno firmando a sostegno dell'iniziativa. Secondo il suo parere, quali sono le problematiche legate al sistema di riscossione e quali i rischi connessi a una gestione troppo autoritaria dei poteri di Equitalia? Prima di tutto: non mettiamo bombe e nemmeno alimentiamo odio ma svolgiamo un doveroso compito per trasformare la protesta in proposta e rispediamo al mittente i tentativi di confondere la nostra azione legislativa con il clima anti Equitalia che si sta generando nel Paese. Siamo davanti a palesi violazioni e perciò diventa indispensabile intervenire per ridefinire gli indebiti compensi di Equitalia S.p.A. tagliando gli aggi e gli oneri accessori, veri e propri balzelli ai danni del contribuente. Alle difficoltà nell'ottemperare agli oneri delle imposte il cittadino deve aggiungere il peso di somme che non trovano alcuna logica. È evidente che una gestione invasiva della riscossione spesso porta al fallimento del IL PARLAMENTARE L ON. MAURO PILI (PDL) soggetto economico, sia persona fisica che impresa, provocando all'erario un danno superiore a quello della mancata riscossione del capitale. La nostra proposta di legge prende in esame la questione dei compensi di Equitalia S.p.A. per l'esercizio dell'attività pubblica al fine di rideterminarli, considerato che gli stessi a volte raddoppiano le somme che i contribuenti devono pagare. Puntiamo a cancellare tutti gli elementi della riscossione che generano un guadagno indebito e ingiustificato di Equitalia S.p.A: dal diritto all'aggio (oggi 9%) all'interesse di mora (oggi 0,615%), dalle spese di esecuzione alle spese di notifica, al diritto al rimborso delle quote inesigibili. Sono introiti da cancellare: non corrispondono al costo del servizio e diventano una rapina ai danni del contribuente. Quanto influisce anche questa problematica nel deteriorarsi progressivo dei rapporti tra Stato e cittadini? Quando lo Stato insiste su una riscossione illegittima e violenta e non comprende che il danno è maggiore con un fisco che strozza le imprese piuttosto di uno che esige il giusto, vuol dire che il fossato è ormai profondo. Quando a tasse stellari non corrispondono servizi adeguati, quando non si comprende che un carico fiscale eccessivo schiaccia le imprese, quando uno Stato è semplicemente un esattore, significa che il distacco con la società è totale. Bisogna intervenire subito: pagare le tasse è un obbligo, vessare i contribuenti è un abuso. Ripristinare la legalità della riscossione è l'imperativo che muove la proposta di legge avanzata; in che modo si può, concretamente, fare in modo che vengano colpiti i veri evasori e non imprese e cittadini? La riscossione vessatoria, incostituzionale e spavalda colpisce i contribuenti noti e salva quelli ignoti. Il problema non è quello di non pagare le tasse, ma quello di pagarle tutti con parametri equi legati all'effettivo costo della riscossione. La base imponibile va ampliata, identificata. Faccio un esempio: quanti comuni sono dotati di aerofotogrammetria, indispensabile per individuare il numero di edifici presenti nel territorio comunale? Sicuramente pochi, rispetto ad un vasto territorio dove sfuggono all'erario persino i beni immobili, figuriamoci il resto. Non serve uno Stato di polizia tributaria, ma un piano serio di censimento dei beni, da quelli immobili a quelli finanziari. Sono in molti a chiedere l'abolizione di Equitalia, che è una S.P.A. e come tale ha delle entrate, e ad auspicare un ritorno alla gestione diretta da parte dello Stato, come messo in evidenza dall'associazione Contribuenti Italiani. E' possibile, secondo Lei, modificarne dall'interno la struttura per rendere più equa la riscossione senza eliminare Equitalia? Solo una legge dello Stato può cancellare le vessazioni di Equitalia. Per farlo serve una grande mobilitazione parlamentare e popolare. Servono 50 mila firme, ma contiamo di raccoglierne molte di più. Il Parlamento deve sentire il peso di una riscossione iniqua che genera drammi economico-sociali da affrontare con urgenza, nell'interesse dei contribuenti ma anche dello Stato. Basti solo un dato: in Sardegna sono fallite 2351 imprese sotto la pressione di Equitalia, hanno lasciato inevaso un debito di 1mld e 200mln. Lo Stato vessatore ha perso tutto, imprese che producono Pil, quota capitale del debito, oneri accessori e quant'altro. Il disastro Equitalia è il comune denominatore di tutte le regioni e la massiccia partecipazione alla mobilitazione ci lascia ben sperare in una risposta rapida del Parlamento. Il nostro obiettivo è mettere il governo alle strette su questo tema. Lo faremo, speriamo entro gennaio, non appena avremo raggiunto un sostegno popolare tale da rendere ineludibile la legge di riforma della Riscossione nel nostro paese". RIPRODUZIONE RISERVATA 19

20 Good News di Daniela Castellano POVERI DI DIRITTI DIFENDERLI COSTA ETICA E VALORI PER LA DIFESA DEL CITTADINO - CONTRIBUENTE Siamo davanti a un'emergenza economica che sta assumendo le sembianze di una vera catastrofe sociale, stravolgendo abitudini e costumi e andando a impoverire quel "paniere" di diritti che, in fondo, è l'ultimo e più importante anello di congiunzione tra Stato e cittadini. Alla povertà materiale va sommato, dunque, anche l'indebolimento della catena di difesa sociale; in altre parole, la crisi economica influisce in maniera considerevole anche sulla possibilità di pagare avvocati, commercialisti e professionisti in genere per problemi come multe, cartelle esattoriali ecc. Contribuenti.it, ormai da dieci anni, si avvale del network KRLS mettendo in RAPPORTO CARITAS campo un'imponente mobilitazione che si propone di diffondere l'etica degli affari contestualmente a una gestione valoriale delle competenze professionali, come precisa il fondatore e presidente onorario di KRLS, padre Rastrelli: " Il network nasce dalla volontà di un gruppo di professionisti ispirati dai principi etici di S.Ignazio di Loyola, fondatore della Compagnia di Gesù, che invita a prestare la propria opera gratuitamente nei confronti dei meno abbienti". Non solo. I professionisti che collaborano forniscono assistenza alle vittime di terremoti, agli anziani, ai malati, ai diversamente abili e a chi è caduto nelle mani degli usurai, confermando la sua vocazione a difesa degli inderogabili principi sanciti dallo Statuto dei diritti del contribuente. L ultimo rapporto Caritas fotografa una realtà allarmante: gli italiani che versano in uno stato di povertà relativa sono 8 milioni e 272 mila, cioè il 13,2% dell'intera popolazione; quelli che si trovano ad essere, invece, in condizioni di assoluta povertà sono 3 milioni e 129mila individui, pari al 5,2% degli italiani. Nel meridione si toccano punte del 7,7% a fronte di un 25% di cittadini impoveriti, che hanno visto peggiorare progressivamente le proprie condizioni di vita, con i nuovi poveri aumentati in 4 anni del 13,8%. Contro il mostro della burocrazia, che spesso finisce per costringere i cittadini nelle paludi del sistema fiscale italiano, togliendo tempo, denaro ed entusiasmo, ci sono dunque gli "angeli del fisco"; professionisti che considerano il volontariato una forma attiva di solidarietà, impegnandosi nella difesa gratuita dei diritti dei cittadini in difficoltà all'interno di quella giungla di uffici tributari, esattorie, amministrazione finanziaria e fiscale che è diventata l'italia. Come per gli altri anni, anche nel 2012 Contribuenti.it ha rinnovato la convenzione con KRLS lasciando invariata la simbolica quota associativa di 50 euro annui e confermando ancora una volta di essere in grado di mettersi sulla stessa lunghezza d'onda dei cittadini che difende. La quota associativa garantisce a chi si rivolge a Contribuenti.it di poter usufruire di assistenza circa pratiche legali, ricorsi tributari, problematiche riguardanti categorie "deboli" come quelle degli anziani o dei diversamente abili, il tutto all'insegna dell'equità e dell'efficienza nel pieno rispetto dei diritti. RIPRODUZIONE RISERVATA 20

Una manovra di rigore ed equità.

Una manovra di rigore ed equità. Una manovra di rigore ed equità. Ispirata all'art. 3 della Costituzione: "È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che impediscono il pieno sviluppo della persona".

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una vera Europa sociale ed un altra politica industriale Roma Camera dei Deputati 14 Gennaio 2015 Maurizio LANDINI segretario generale

Dettagli

Firmato accordo Unicredit-Poste su cessione Mcc per 136 mln euro

Firmato accordo Unicredit-Poste su cessione Mcc per 136 mln euro Firmato accordo Unicredit-Poste su cessione Mcc per 136 mln euro lunedì 20 dicembre 2010 20:59 MILANO (Reuters) - UniCredit e Poste Italiane oggi hanno firmato l'accordo finalizzato alla cessione del 100%

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO MAROTTA

DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO MAROTTA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 738 DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Relazione dei Presidente CIDA, Silvestre Bertolini La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Prima di iniziare, vorrei ringraziare le autorità presenti in sala, che è sempre

Dettagli

Rassegna Stampa. Giovedì 23 Gennaio 2014

Rassegna Stampa. Giovedì 23 Gennaio 2014 Rassegna Stampa 23 Gennaio 2014 Sommario Testata Data Pag. Titolo p. 1. Fondi pensione MF mercati finanziari 1 Dalla sanità un assist al mattone (Messia Anna) 1 2. Previdenza Sole 24 Ore (Il) 23 Le cartelle

Dettagli

MANIFESTO PER PARMA UNITA

MANIFESTO PER PARMA UNITA MANIFESTO PER PARMA UNITA Parma è una città piena di risorse, ricca di intelligenze vivaci, di saperi e cultura, fatta da persone intraprendenti che non possono non avvertire la responsabilità di questo

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

LA NUOVA ATTIVITA DI ACCERTAMENTO ICI, TARSU E COLLABORAZIONE CON L AGENZIA DELLE ENTRATE. di Cesare Cava

LA NUOVA ATTIVITA DI ACCERTAMENTO ICI, TARSU E COLLABORAZIONE CON L AGENZIA DELLE ENTRATE. di Cesare Cava LA NUOVA ATTIVITA DI ACCERTAMENTO ICI, TARSU E COLLABORAZIONE CON L AGENZIA DELLE ENTRATE di Cesare Cava L attività di accertamento dei tributi locali e la collaborazione con l Agenzia delle Entrate per

Dettagli

E quindi un emorragia di cervelli

E quindi un emorragia di cervelli Intervistato: Angelo Colaiacovo, Sindaco di Aliano Soggetto: prospettive per i giovani, Parco Letterario Carlo Levi, vivibilità di Aliano Luogo e data dell intervista: Aliano, agosto 2007 Audio file: Colaiacovo_2

Dettagli

DECRETI ATTUATIVI DELLA LEGGE DI RIFORMA FISCALE (Consiglio dei ministri venerdì 4 settembre 2015)

DECRETI ATTUATIVI DELLA LEGGE DI RIFORMA FISCALE (Consiglio dei ministri venerdì 4 settembre 2015) DECRETI ATTUATIVI DELLA LEGGE DI RIFORMA FISCALE (Consiglio dei ministri venerdì 4 settembre 2015) Il Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell economia e delle finanze, Pier Carlo Padoan,

Dettagli

Non è un Paese per giovani. E neppure per vecchi

Non è un Paese per giovani. E neppure per vecchi Non è un Paese per giovani. E neppure per vecchi Sei idee per una riforma delle pensioni Position Paper - Draft Settembre 2011 Il documento costituisce una prima bozza di un position paper che Vision svilupperà

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Il Veneto letto dai Bilanci dei Comuni IX RAPPORTO DI RICERCA NOBEL

Il Veneto letto dai Bilanci dei Comuni IX RAPPORTO DI RICERCA NOBEL Il Veneto letto dai Bilanci dei Comuni IX RAPPORTO DI RICERCA NOBEL SINTESI a cura di Giacomo Vendrame e Paolo Vallese ottobre 2008 Nobel è un progetto dell Ires Veneto promosso da Il Veneto letto dai

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 998 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato ANGELA NAPOLI Disposizioni per la tutela dei risparmiatori e istituzione del Fondo di garanzia

Dettagli

Palermo, al Grand Hotel et des Palmes due giorni di dibattiti, Busetta: "In 30 anni persi 200 mila posti di lavoro" - 05-

Palermo, al Grand Hotel et des Palmes due giorni di dibattiti, Busetta: In 30 anni persi 200 mila posti di lavoro - 05- Palermo, al Grand Hotel et des Palmes due giorni di dibattiti, Busetta: "In 30 anni persi 200 mila posti di lavoro" di Teresa Fabiola Calabria - 29, mag, 2015 http://www.siciliajournal.it/palermo-al-grand-hotel-et-des-palmes-due-giorni-di-dibattiti-busettain-30-anni-persi-200-mila-posti-di-lavoro-485/

Dettagli

LA VERITA' SULLE PENSIONI

LA VERITA' SULLE PENSIONI LA VERITA' SULLE PENSIONI Siamo bombardati dalla mattina alla sera da una serie di messaggi mediatici sulla crisi, sugli spread, sulle borse che crollano, sui miliardi che si bruciano. Ci dicono che siamo

Dettagli

Diritto.it. Il bene si può definire statico, il servizio si può definire dinamico.

Diritto.it. Il bene si può definire statico, il servizio si può definire dinamico. Prestazione di servizi e contratto di assicurazione: resoconto del convegno sull argomento e intervista al Prof. Gabriele Racugno Presidente dell AIDA Sardegna, Ordinario di Diritto Commerciale e Avvocato

Dettagli

Dichiarazioni e Contributi dei rappresentanti dei Confidi 10 Aprile 2014

Dichiarazioni e Contributi dei rappresentanti dei Confidi 10 Aprile 2014 Dichiarazioni e Contributi dei rappresentanti dei Confidi 10 Aprile 2014 www.confidicampani.it Pag. 1 di 5 Rosario Caputo Presidente Ga.Fi. Sud Se si vuole ridare slancio alla già stremata economia campana,

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Finanze e Tesoro Segnalazione del Presidente dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in merito agli effetti pregiudizievoli per il consumatore derivanti

Dettagli

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 Contributi di licenziamento, nuova Aspi, «decantierizzazione». La macchina

Dettagli

Moratoria indebitamento aziende agricole. Gli agricoltori di diverse Organizzazioni professionali e Movimenti,

Moratoria indebitamento aziende agricole. Gli agricoltori di diverse Organizzazioni professionali e Movimenti, Moratoria indebitamento aziende agricole. Gli agricoltori di diverse Organizzazioni professionali e Movimenti, premesso che: la crisi economica che, a livello mondiale, ha colpito ogni comparto produttivo

Dettagli

Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding. Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan

Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding. Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan venerdì 25 giugno 2010 Buon pomeriggio. Un cordiale saluto al Ministro

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi.

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. LA CENTRALE RISCHI Di Emanuele Bellano MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. Noi volevamo avere qualche informazione per un mutuo. Allora

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili COME PARTIRE Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online Questo report si pone l obiettivo di dare una concreta speranza a chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Dettagli

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Non aspettare, il tempo non potrà mai essere " quello giusto". Inizia da dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento di cui disponi, troverai

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Strumenti chiari e strategie efficaci per Vincere!

Strumenti chiari e strategie efficaci per Vincere! Luca d Alessandro COME VIVERE PROSPERANDO ATTRAVERSO L INVESTIMENTO IMMOBILIARE ----------- O ----------- Strumenti chiari e strategie efficaci per Vincere! 2 Titolo COME VIVERE PROSPERANDO ATTRAVERSO

Dettagli

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la Il vero Amore L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la maggior parte delle nostre azioni, inoltre credo che esso sia la cosa più bella che Dio ci ha donato,

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi

TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi Gentili ospiti e convenuti, dopo un incontro così denso di interventi e ricco di stimoli cercare di tirare

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO

MILENA GABANELLI IN STUDIO COME VA A FINIRE? Contanti saluti al nero aggiornamento del 15/4/2012 Di Stefania Rimini MILENA GABANELLI IN STUDIO Il 15 aprile scorso abbiamo proposto di ridurre drasticamente l uso del contante. Perché

Dettagli

Intervento del Presidente Vasco Errani

Intervento del Presidente Vasco Errani Intervento del Presidente Vasco Errani Ci sono aspetti del confronto tra Governo e Regioni sui temi della crisi, dell utilizzo dei fondi comunitari e degli ammortizzatori sociali che vanno chiariti. La

Dettagli

Stipendio antiviolenza

Stipendio antiviolenza Stipendio antiviolenza L idea di proporre uno stipendio antiviolenza nasce dall esperienza maturata nel corso dell intensa e lunga attività svolta da Doppia Difesa Onlus in favore delle donne. Abbiamo

Dettagli

PROGETTO Interventi a supporto delle Riforme della PA

PROGETTO Interventi a supporto delle Riforme della PA PROGETTO Interventi a supporto delle Riforme della PA LINEA ATTIVITA 3 - ULTERIORI INTERVENTI PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE NELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI E LOCALI DEL MEZZOGIORNO Prevenire la corruzione

Dettagli

LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013

LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013 LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013 LE COOPERATRICI E I COOPERATORI PROTAGONISTI DEL FUTURO DELL ITALIA UN NUOVO IMPEGNO PER LO SVILUPPO

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7 1/7 CAMERA DEI DEPUTATI SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECIRE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE MARTEDÌ 14 LUGLIO 2009 PRESIDENZA

Dettagli

Da Il Sole 24 Ore del 20 aprile 2014

Da Il Sole 24 Ore del 20 aprile 2014 Da Il Sole 24 Ore del 20 aprile 2014 Tutti i prelievi nascosti per imprese e famiglie Il bonus Irap «bilanciato» dalla rata unica sulla plusvalenza degli asset aziendali - Più tasse anche sul risparmio

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO Sommario Questo capitolo l aiuterà a pensare al suo futuro. Ora che è maggiormente consapevole dei suoi comportamenti di gioco e dell impatto che l azzardo

Dettagli

La Manovra Monti da 30 miliardi

La Manovra Monti da 30 miliardi La Manovra Monti da 30 miliardi { Il nuovo Governo Monti ha presentato, dopo 17 giorni dal suo insediamento, un decreto legge definito dallo stesso Monti decreto salva-italia che contiene una nuova Manovra

Dettagli

Il Microcredito. Caterina Spadaro Corso di Laurea Magistrale in Relazioni internazionli Facoltà di Scienze Politiche

Il Microcredito. Caterina Spadaro Corso di Laurea Magistrale in Relazioni internazionli Facoltà di Scienze Politiche Il Microcredito Caterina Spadaro Corso di Laurea Magistrale in Relazioni internazionli Facoltà di Scienze Politiche Elisa Di Gloria Corso di Laurea Magistrale in Matematica Facoltà di SMFN Introduzione

Dettagli

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE.

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PUNTO N. 6 DEL 27/06/2011 OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PRESIDENTE: Prima di passare al punto successivo, volevo dire che probabilmente per quanto

Dettagli

La manovra del governo Monti

La manovra del governo Monti 1 La manovra del governo Monti La manovra del governo Monti realizza un intervento di dimensioni sostanzialmente costanti, tra i 20 e i 21 miliardi, in ciascuno degli anni del triennio 2012-2014 (20,185

Dettagli

Ti presento il POR FESR

Ti presento il POR FESR UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale CONCORSO ALLA SCOPERTA DEL POR LOMBARDIA. Seconda edizione Ti presento Guida alle tematiche del concorso Alla scoperta del POR Lombardia 1 1. La politica

Dettagli

I PENSIONATI VOGLIONO DELLE RISPOSTE

I PENSIONATI VOGLIONO DELLE RISPOSTE CGIL SPI TORINO TORINO TORINO I PENSIONATI VOGLIONO DELLE RISPOSTE Nel corso degli ultimi anni la fase di contrattazione con i Comuni sulle loro politiche di bilancio, è andata incontro a molte difficoltà.

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 Oggetto: Quarto Punto all OdG: Modifica Elenco Annuale LL.PP. Anno 2013 e Piano Triennale OO.PP. 2013-2015. PRESIDENTE: Quarto Punto all OdG: Modifica

Dettagli

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA Signore Consigliere e Signori Consiglieri, Mai, dal dopoguerra ad oggi, ci siamo trovati ad affrontare una crisi economica e sociale delle dimensioni e della durata pari a quella che stiamo vivendo. Negli

Dettagli

Perché no al progetto Meloni sulle pensioni d oro

Perché no al progetto Meloni sulle pensioni d oro Perché no al progetto Meloni sulle pensioni d oro Giampaolo Galli Il progetto di legge proposto dall On. Giorgia Meloni che la Camera si accinge a discutere prevede che al di sopra di una certa soglia,

Dettagli

FISCO. di Fattore famiglia. Verso la riforma fiscale. Una nuova proposta: il Fattore famiglia. F O R U M delle ASSOCIAZIONI FAMILIARI

FISCO. di Fattore famiglia. Verso la riforma fiscale. Una nuova proposta: il Fattore famiglia. F O R U M delle ASSOCIAZIONI FAMILIARI F O R U M delle ASSOCIAZIONI FAMILIARI FISCO Il Fattore Aggiornato all 1 ottobre 2010 famiglia Verso la riforma fiscale. La riforma fiscale che il governo ha deciso ora di affrontare, pur essendo più nella

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

DIETA ZONA, SUBITO IN FORMA E PER SEMPRE

DIETA ZONA, SUBITO IN FORMA E PER SEMPRE DIETA ZONA, SUBITO IN FORMA E PER SEMPRE di Daniela Morandi Prefazione di Barry Sears. Con la partecipazione di Claudio Belotti Copyright 2012 Good Mood ISBN 978-88-6277-409-3 Prefazione del dottor Barry

Dettagli

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI 1057 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: Editoriale de Il Giornale, 1 novembre 2015 1 novembre 2015 a cura di Renato Brunetta 2 Era fine agosto e la confusione

Dettagli

La contabilità generale in 3.000 parole Facile e comprensibile. Ovviamente gratis.

La contabilità generale in 3.000 parole Facile e comprensibile. Ovviamente gratis. La contabilità generale in 3.000 parole Facile e comprensibile. Ovviamente gratis. Ma è davvero così difficile la contabilità? Io direi complessa difficile no, almeno se hai compreso bene le basi! In sole

Dettagli

MALTRATTAMENTO DI ANIMALI E LEGGI SPECIALI: CONFERME GIURISPRUDENZIALI O QUESTIONI ANCORA APERTE?

MALTRATTAMENTO DI ANIMALI E LEGGI SPECIALI: CONFERME GIURISPRUDENZIALI O QUESTIONI ANCORA APERTE? MALTRATTAMENTO DI ANIMALI E LEGGI SPECIALI: CONFERME GIURISPRUDENZIALI O QUESTIONI ANCORA APERTE? Commento alle sentenze n. 116066 del 26 marzo 2012 e n. 46784 del 21 dicembre 2005 della III Sezione Penale

Dettagli

PENSIONI ED EQUITA SOCIALE. Mino Schianchi

PENSIONI ED EQUITA SOCIALE. Mino Schianchi PENSIONI ED EQUITA SOCIALE Mino Schianchi SEMPRE APERTI I CANTIERI DELLE PENSIONI Nei tempi che viviamo, è l incertezza la connotazione della vita sociale dei pensionati ai quali è resa quasi impossibile

Dettagli

PIÙ TURISMO PER LO SVILUPPO, PIÙ SOSTEGNO AL TURISMO SOCIALE

PIÙ TURISMO PER LO SVILUPPO, PIÙ SOSTEGNO AL TURISMO SOCIALE Rappresentanza italiana PIÙ TURISMO PER LO SVILUPPO, PIÙ SOSTEGNO AL TURISMO SOCIALE La ricorrenza del 50 anniversario dell O.I.T.S. (Organizzazione Internazionale del Turismo Sociale), ex B.I.T.S., ci

Dettagli

Fondi Europei e politiche di sviluppo: nuove strategie sono necessarie Carlo Trigilia 1

Fondi Europei e politiche di sviluppo: nuove strategie sono necessarie Carlo Trigilia 1 Fondi Europei e politiche di sviluppo: nuove strategie sono necessarie Carlo Trigilia 1 ECONOMIA SICILIANA Si pubblica l intervento del Ministro per la coesione territoriale, Carlo Trigilia, in occasione

Dettagli

Data: 26 Ottobre 2012 Snag

Data: 26 Ottobre 2012 Snag Data: 26 Ottobre 2012 Snag EDITORIA: GIORNALAI,NIENTE ACCORDO SU ABBONAMENTO IN EDICOLA SNAG, SINAGI, UILTUCS E USIAGI ABBANDONANO TAVOLO CON FIEG (ANSA) - ROMA, 26 OTT - Niente accordo tra i sindacati

Dettagli

i dossier ECCO COME RENDERE LA TASSA E SALVARE I CONTI DELLO STATO www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta

i dossier ECCO COME RENDERE LA TASSA E SALVARE I CONTI DELLO STATO www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta 315 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECCO COME RENDERE LA TASSA E SALVARE I CONTI Editoriale de Il Giornale, 4 febbraio 2013 4 febbraio 2013 a cura di Renato Brunetta 2 Dopo l impegno

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

I Pareri della Fondazione Studi

I Pareri della Fondazione Studi ANNO 2014 NUMERO 4 I Pareri della Fondazione Studi n.4 del 13.10.2014 ACCERTAMENTI BANCARI: I PRELIEVI NON SONO MAGGIOR REDDITO La Consulta mette un freno alle presunzioni di maggior reddito sui prelevamenti

Dettagli

REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON-LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI

REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON-LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON-LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI LICEO SCIENTIFICO GUGLIELMO MARCONI PESARO PROGETTO REALIZZATO DA: LETIZIA CARONI, THOMAS PARADISI, DENIS ESPOSITO

Dettagli

Come è noto, in Europa sussistono grandi differenze tra i servizi sanitari, sia per quel

Come è noto, in Europa sussistono grandi differenze tra i servizi sanitari, sia per quel FO Focus on La revisione della spesa 6 Spesa sanitaria e sistema di welfare in tempi di crisi economica di Giuseppe Zuccatelli Presidente Agenas Come è noto, in Europa sussistono grandi differenze tra

Dettagli

Finanze Cantone La situazione oggi Premessa: I limiti della situazione attuale nella politica di risanamento finanziario

Finanze Cantone La situazione oggi Premessa: I limiti della situazione attuale nella politica di risanamento finanziario Finanze Cantone La situazione oggi Premessa: Da anni ormai il bilancio del Cantone segna rosso, con elevati deficit ricorrenti ormai consolidati. Il che significa che si tratta di un problema strutturale

Dettagli

LA QUESTIONE MERIDIONALE

LA QUESTIONE MERIDIONALE ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI Centro Linceo Interdisciplinare Beniamino Segre I LINCEI PER LA SCUOLA Lezioni Lincee di Economia Roma, 9 febbraio 2011 LA QUESTIONE MERIDIONALE Anna Giunta agiunta@uniroma3.it

Dettagli

Tutto quello che avreste voluto sapere su Banca d Italia

Tutto quello che avreste voluto sapere su Banca d Italia Tutto quello che avreste voluto sapere su Banca d Italia Ma non avete mai osato chiedere Un vademecum alla riforma dell assetto proprietario di Banca d Italia A cura di Marco Causi Capogruppo PD in Commissione

Dettagli

Istituto Comprensivo De Amicis- Laterza A.S 2012-2013. Classe II D. Prof.ssa Daniela Simone

Istituto Comprensivo De Amicis- Laterza A.S 2012-2013. Classe II D. Prof.ssa Daniela Simone Istituto Comprensivo De Amicis- Laterza A.S 2012-2013 Classe II D Prof.ssa Daniela Simone PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Radio Kreattiva, web radio scolastica per la diffusione della cultura della legalità,

Dettagli

IL CONTROLLO DI GESTIONE Un opportunità per l imprenditore

IL CONTROLLO DI GESTIONE Un opportunità per l imprenditore IL CONTROLLO DI GESTIONE Un opportunità per l imprenditore Il controllo di gestione è uno strumento che consente di gestire al meglio l impresa e viene usato abitualmente in tutte le imprese di medie e

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA. riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013

ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA. riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013 ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013 Considerato che: Il 7 agosto u.s. si è tenuto un incontro tra il Presidente del Consiglio dei Ministri Enrico Letta, affiancato

Dettagli

Polo didattico per la formazione PNL e Coaching Divisione Ebook

Polo didattico per la formazione PNL e Coaching Divisione Ebook 1 Alla ricerca di se stessi Federica Cortina 2 Titolo Alla ricerca di se stessi Autore Federica Cortina Editore PNL e Coaching edizioni Sito internet www.pnlecoaching.it ATTENZIONE: Tutti i diritti sono

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 5/2014 del 18/2/2014 DEFINZIONE AGEVOLATA DELLE CARTELLE DI PAGAMENTO (rif. L.147/2013);

CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 5/2014 del 18/2/2014 DEFINZIONE AGEVOLATA DELLE CARTELLE DI PAGAMENTO (rif. L.147/2013); CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 5/2014 del 18/2/2014 ARGOMENTO: DEFINZIONE AGEVOLATA DELLE CARTELLE DI PAGAMENTO (rif. L.147/2013); Gentile Cliente, l art. 1 co. 618-624 della L. 27.12.2013 n. 147 ha introdotto

Dettagli

L ALTRA MANOVRA POSSIBILE PATRIMONIALE PER LA GIUSTA CRESCITA

L ALTRA MANOVRA POSSIBILE PATRIMONIALE PER LA GIUSTA CRESCITA L ALTRA MANOVRA POSSIBILE PATRIMONIALE PER LA GIUSTA CRESCITA I contenuti della manovra Monti ci fanno esprimere un giudizio del tutto negativo. Sembrano passati secoli dal discorso d insediamento in cui

Dettagli

La Grecia strozzata Lunedì 20 Giugno 2011 23:00. di Ilvio Pannullo

La Grecia strozzata Lunedì 20 Giugno 2011 23:00. di Ilvio Pannullo di Ilvio Pannullo Sembra quasi si nascondano. Le decisioni da prendere sono molto importanti e invece di condividere la responsabilità delle scelte con le popolazioni interessate, i governanti europei

Dettagli

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100%

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% Risparmiare in acquisto è sicuramente una regola fondamentale da rispettare in tutti i casi e ci consente di ottenere un ritorno del 22,1% all

Dettagli

La lente sul fisco. Le novità della Legge di Stabilità 2012 e del Decreto Salva Italia. Guida Operativa. L Aggiornamento Professionale on-line

La lente sul fisco. Le novità della Legge di Stabilità 2012 e del Decreto Salva Italia. Guida Operativa. L Aggiornamento Professionale on-line La lente sul fisco L Aggiornamento Professionale on-line Guida Operativa Le novità della Legge di Stabilità 2012 e del Decreto Salva Italia A cura della Redazione La Lente sul Fisco Coordinamento scientifico

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione cattolica nel Mondo del Lavoro MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune I Promotori del Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

Le nuove prospettive della Previdenza Complementare

Le nuove prospettive della Previdenza Complementare Le nuove prospettive della Previdenza Complementare Andrea Lesca 1 Milano, 10 maggio 2012 Lo sviluppo delle forme pensionistiche complementari passa all interno del progressivo mutamento delle forme di

Dettagli

"IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO"

IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO Intervento al Convegno organizzato dall associazione assistenti sociali il 3 dicembre 2011 sul tema "IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO" Titolo dell intervento:

Dettagli

Intervento del Dott. Costanzo Jannotti Pecci Presidente Federturismo - Confindustria

Intervento del Dott. Costanzo Jannotti Pecci Presidente Federturismo - Confindustria 30 settembre 1 ottobre 2006 Montesilvano - Pescara Intervento del Dott. Costanzo Jannotti Pecci Presidente Federturismo - Confindustria III CONFERENZA ITALIANA PER IL TURISMO 30 settembre 1 ottobre 2006

Dettagli

A scagliarsi contro la mediazione civile obbligatoria sono stati soprattutto gli avvocati.

A scagliarsi contro la mediazione civile obbligatoria sono stati soprattutto gli avvocati. MEDIAZIONE decreto del fare di Claudia Di Pasquale DA CHE TEMPO CHE FA DEL 29/09/2013 ENRICO LETTA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO Tra le cose che abbiamo fatto in questi cinque mesi c è stata una riforma della

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano GABRIELLA tanti master,

Dettagli

La Scuola dei Diritti Umani

La Scuola dei Diritti Umani La Scuola dei Diritti Umani «Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza.»

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO Restiamo in Italia e parliamo del Fondo Italiano Investimenti, istituito, nato un anno e mezzo fa.

MILENA GABANELLI IN STUDIO Restiamo in Italia e parliamo del Fondo Italiano Investimenti, istituito, nato un anno e mezzo fa. FONDO ITALIANO Di Claudia Di Pasquale MILENA GABANELLI IN STUDIO Restiamo in Italia e parliamo del Fondo Italiano Investimenti, istituito, nato un anno e mezzo fa. DAL TG1 del 15/11/2010 Presentato oggi

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

LAVORO & MATERNITÀ: DA PROBLEMA A OPPORTUNITÀ PER RIDARE COMPETITIVITÀ ALL ITALIA

LAVORO & MATERNITÀ: DA PROBLEMA A OPPORTUNITÀ PER RIDARE COMPETITIVITÀ ALL ITALIA LAVORO & MATERNITÀ: DA PROBLEMA A OPPORTUNITÀ PER RIDARE COMPETITIVITÀ ALL ITALIA indagine AstraRicerche per Manageritalia e Edwi HR - 19 maggio 2014-1 LAVORO & MATERNITÀ: DA PROBLEMA A OPPORTUNITÀ PER

Dettagli