In questo numero. Editoriale Elezioni RSA Fiscale Sicurezza Donne Economia Libri, film e ricetta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "In questo numero. Editoriale Elezioni RSA Fiscale Sicurezza Donne Economia Libri, film e ricetta"

Transcript

1 La FISMIC si conferma come l Organizzazione che ha avuto la maggiore crescita nelle elezioni RSA in FIAT e conquista il primo posto a Termoli. Il primo dato che va sottolineato è la straordinaria partecipazione dei lavoratori al voto (83,59% sui circa 27mila lavoratori chiamati al voto); questo dato dimostra inequivocabilmente l adesione della stragrande maggioranza dei lavoratori e delle lavoratrici al modello partecipativo nato con l accordo di Pomigliano che ha prodotto come risultato maggiore occupazione e salvaguardia dei diritti, nonostante l opposizione e le chiacchiere false della FIOM. Risalta in questo quadro positivo l ottimo risultato della FISMIC che passa dal 20 al 25,1% dei consensi elettorali rispetto alla tornata elettorale di tre anni orsono, registrando la crescita maggiore in termini di voti e percentuali rispetto a tutte le altre Organizzazioni Sindacali. La FISMIC inoltre vince le elezioni nello stabilimento FCA di Termoli e nella Sirio e risulta seconda in FMA, in SATA e MM di Melfi, in CNHI di Modena, alla Costruzione Stampi di TO e registra un importantissimo risultato a Pomigliano e a Lecce, dove cresce sia in termini di delegati che in voti. Più in generale la FISMIC registra una crescita di 13 RSA rispetto alla tornata precedente (57 ed erano 44): vogliamo sottolineare che la FISMIC ha eletto finora tra le sue fila due donne in FMA (Ida Bianco e Alfonsina Ciccarelli) e che Cantone di Pomigliano e Ditolve di SATA hanno superato le 200 preferenze personali, superando di gran lunga ogni precedente risultato individuale di candidati. Questi risultati lusinghieri si sommano inoltre a quelli sicuramente buoni dell AQCF, organizzazione con cui la FISMIC ha una solida alleanza. Viene quindi premiato particolarmente il Sindacato che per primo e con maggiore vigore ha creduto che la rinascita della FIAT in Italia passava per accordi sindacali innovativi che hanno permesso la salvaguardia dei diritti e l introduzione di nuovi sistemi di lavorazione con decine di miliardi di Euro di investimenti sia nei prodotti, che nei processi produttivi che sulle risorse umane. La FCA e la CNHI sono realtà completamente diverse dal precedente mondo FIAT, che era tutto ancorato sul mercato nazionale; oggi si producono vetture prestigiose e di grande qualità che vanno sul mercato mondiale (basti pensare a Jeep, Maserati, a Ferrari e tra poco all Alfa). Il risultato elettorale lusinghiero ottenuto dalla FISMIC premia l impegno dei candidati che ci hanno messo la faccia, ma è anche la naturale conseguenza della nostra coerenza di linea dell ultimo decennio. Ringrazio quindi, conclude il Segretario Generale Roberto Di Maulo, tutti i candidati e le candidate alle elezioni, ma soprattutto i lavoratori che hanno espresso finora in oltre voti di lista la loro preferenza alla nostra Organizzazione Sindacale. Siamo anche convinti che nelle prossime settimane tale tendenza si consoliderà, ripagando i sacrifici che in questi anni abbiamo fatto per mantenere in Italia il settore automobilistico. In questo numero Editoriale Elezioni RSA Fiscale Sicurezza Donne Economia Libri, film e ricetta Il lavoro rivela il carattere delle persone: alcuni si tirano le maniche, altri girano al largo e altri ancora non si fanno proprio vedere. Sam Ewing DIRETTORE RESPONSABILE VINCENZO BACARANI PROGETTO GRAFICO E REDAZIONE MARTINA ROMANO FEDERICA CICCARELLI SARA RINAUDO CONTATTI

2 Viene quindi premiato particolarmente il Sindacato che per primo e con maggiore vigore ha creduto che la rinascita della FIAT in Italia passava per accordi sindacali innovativi che hanno permesso la salvaguardia dei diritti e l introduzione di nuovi sistemi di lavorazione con decine di miliardi di Euro di investimenti sia nei prodotti, che nei processi produttivi che sulle risorse umane. La FISMIC, ricordiamo, ha sostenuto con impegno gli importanti accordi che stanno consolidando e riconoscendo i lavoratori della Ferrari, non solo attraverso il CCSL ma principalmente con l accordo di Premio (in un periodo non certamente facile) che riconosce ai lavoratori il loro impegno per il raggiungimento degli obiettivi aziendali. Venerdì 27 Febbraio assemblee con i lavoratori Nella giornata del 25 Febbraio l azienda incontra i sindacati firmatari dell accordo 2010 (Fismic, Uilm, Fim e Ugl) per affrontare gli aspetti relativi alle produzioni della Jeep Renegade e della Fiat 500X a Melfi. Venerdì 27, inoltre, si svolgeranno nello stabilimento assemblee per rendere partecipi i lavoratori della trattativa, informarli della prima fase e raccoglierne le indicazioni e valutazioni.

3 Aumentano le convenzioni tra Giubileo, impresa di onoranze funebri leader in Italia, e organizzazioni sindacali o Cral aziendali. Ultime in ordine di tempo quelle con Siulp (Sindacato Italiano Unitario dei Lavoratori della Polizia) e Uil (Unione Italiana del Lavoro), che si aggiungono a quelle stipulate col sindacato metalmeccanici Fismic e col Cral del Gruppo Trasporti Torinesi. Le convenzioni nascono dall intento di offrire condizioni agevolate al maggior numero possibile di famiglie spiegano da Giubileo Ciò si concretizza in due aspetti: sconti sui servizi funebri e collaborazione nel disbrigo delle pratiche burocratiche che purtroppo inevitabilmente seguono dopo la conclusione del servizio funebre. Giubileo, a questo proposito, ha da tempo allestito un gruppo di lavoro del quale fanno parte un patronato e alcuni professionisti. Per quel che riguarda l assistenza in ambito pensionistico, il gruppo ora si allarga accogliendo il patronato della Fismic- Confsal. Peculiarità di quest ultima collaborazione è che, all occorrenza, il servizio può ora anche svolgersi a domicilio di anziani e di chi, più in generale, ha difficoltà nel raggiungere la sede di Giubileo specificano dalla sede di corso Bramante In generale, è strutturato in modo da risolvere le pratiche in modo efficace e nel minor tempo possibile. Quando ha raccolto tutta la documentazione (in base a un elenco che riceve dalla segret e r i a d i G i u b i l e o ), l interessato fissa un appuntamento con l addetto del Patronato. Spetta a lui verificare che ci siano tutti i documenti necessari, e poi compilare il modulo da inviare all Inps o ad altro ente. La documentazione parte con sollecitudine, per via telematica, ed è seguit a d a l p l i c o c o n l incartamento, che viene consegnato all Ente a cura del Patronato. A quel punto la pratica viene presa in carico dall Ente Previdenziale I Patronati si occupano della liquidazione della pensione di r e v e r s i b i l i t à, o p p u r e dell accredito dei ratei di pensione non riscossi (recupero delle rate pregresse) nel caso ci siano degli eredi. Grazie a Giubileo è inoltre possibile il contatto con un Caf (Centro di assistenza fiscale) che si occupa delle dichiarazioni 730 e Unico, cessazione di rapporti contrattuali (per es. Telepass, finanziamenti, ecc.), cessazione di rapporti con badanti e colf. Giubileo è inoltre in contatto con una agenzia di pratiche auto, che può intervenire in c a s o d i v a r i a z i o n e d intestazione, vendita, voltura del veicolo. Tocchiamo ogni giorno con mano quanto questi servizi siano graditi dicono da Giubileo - Evitano ai famigliari del defunto la peregrinazione tra uffici e uffici, senza avere la certezza di aver assolto a tutti gli obblighi burocratici. Giubileo, inoltre, da tempo collabora con un gruppo di Professionisti in grado di inquadrare i problemi di tipo legale che conseguono a un decesso: Il primo incontro è gratuito, e non vincolante sottolineano dall impresa di corso Bramante Se emergerà la necessità del ricorso a un professionista, il cliente potrà decidere se proseguire con gli specialisti che ha già conosciuto grazie a noi, oppure rivolgersi ad altri. In particolare si possono conoscere esperti in materia di successione, oppure chi è in grado di rispondere a quesiti legali a più ampio raggio: per esempio chiusura di attività, oppure cessazione di conti bancari, trasferimento di mutui o, ancora, verifica di eventuali coperture assicurative. Inoltre, dove occorresse, siamo convenzionati con un Notaio. Non pensate che ciò che Giubileo offre sia un di più, rispetto ai suoi compiti istituzionali? Perché andare oltre? Rientra in quello che definiamo lo stile Giubileo : non dimentichiamo mai di avere di fronte delle persone, che attraversano un momento particolarmente difficile della loro esistenza. Cerchiamo allora di alleggerire il più possibile il loro peso: nei giorni delle esequie, ma anche per affrontare il domani con qualche preoccupazione in meno.

4 Si annunciano tempi duri per i colossi industriali che inquinano. E l avviso ai naviganti vale anche per chi entrerà nella complessa partita della gestione dell Ilva. C è, infatti, una nuova consapevolezza in Europa sulla necessità di salvaguardare la salute dei lavoratori. Non solo e non tanto per nobili ragioni, ma perché «prevenire i rischi e promuovere condizioni di lavoro più sicure e sane comporta vantaggi non solo per la forza lavoro, ma anche per l economia perché migliora la produttività e la competitività delle imprese, specie in tempi di crisi». Questo recita almeno il documento adottato il 6 giugno scorso dalla Commissione europea che presto si tradurrà in direttiva e che è stato discusso nei giorni scorsi dal Comitato delle Regioni. Prevenire, ha scoperto l Ue, è meglio che curare e «una più solida regolamentazione in materia contribuisce a migliorare la sostenibilità dei sistemi di sicurezza sociale (compreso quello sanitario) e a rimediare agli effetti dell invecchiamento». Secondo un rapporto dell Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro, infatti, ogni anno muoiono di incidenti sul lavoro più di 4mila lavoratori (e oltre tre milioni sono coinvolti in incidenti gravi sul lavoro) che comportano un assenza dal lavoro di oltre tre giorni. I costi delle assenze per malattia e quelli previdenziali «sono diventati intollerabilmente elevati», si legge nel rapporto. La Germania, che ha fatto i conti, ha calcolato «460 milioni di giorni di assenza per malattia all anno che si traducono in una perdita di produttività stimata pari al 3,1 per cento del Pil» recita il rapporto. Così ora le politiche della Ue in materia vanno adeguandosi su tre parametri: tolleranza zero per i colossi industriali; sostegno economico delle micro e piccole imprese affinché mettano in atto misure di prevenzione, superando il gap dei costi elevati e la gravosità delle procedure che spesso induce a eludere queste direttive. Terzo: affrontare i rischi nuovi ed emergenti delle malattie da lavoro. Necessario anche far fronte al cambiamento demografico. Sul piatto della bilancia della Commissione oggi pesa di più la salute che la sicurezza sul lavoro, che ha ormai un sistema di regole codificate, anche se spesso ancora inapplicate. «La nuova strategia della Commissione spiega Mauro D Attis, appena eletto vicepresidente della delegazione Ppe al Comitato delle Regioni e relatore del parere in materia, offerto alla Commissione qualche giorno fa sposta l interesse dall antinfortunistica classica alla classificazione dei rischi emergenti e delle nuove malattie. Errori come sono stati fatti per l Ilva difficilmente si ripeteranno in futuro. C è una forte spinta, che sarà leggibile già nella prossima direttiva, che punta a inasprire il controllo in fabbrica su tutte le patologie croniche, sulle malattie cancerogene e sulle nuove malattie da nanomateriali. Le direttive d ora in avanti si annunciano molto più restrittive che in passato per le industrie che creano questo tipo di danno». L Italia, intanto, fa già le prime prove tecniche. Il ministro dell Ambiente, Gian Luca Galletti, proprio ieri ha dichiarato che «non c è salvataggio dell Ilva, se non c è anche la realizzazione del piano ambientale. Questo lo sanno tutti e lo sa anche chi vuole investire nell Ilva. Le due cose stanno insieme. Nessuno può pensare di fare un azienda lì se non c è una completa salvaguardia dell ambiente». E, quindi, della salute. «Noi abbiamo una scadenza, che è il 30 agosto del 2016, da questa non si scappa ha detto ancora entro quella data dobbiamo realizzare un Piano ambientale che è molto ambizioso. Per portarlo a compimento ci vogliono risorse e le stiamo reperendo». Il tesoretto sta «nel sequestro di 1,2 miliardi dei Riva da parte del tribunale di Milano che sta andando in porto e quei soldi andranno alla realizzazione del piano», ha chiuso il ministro. Sempre ieri è stato presentato un emendamento in commissione Industria, al Senato, per il quale è previsto lo stanziamento di 5 milioni di euro per la realizzazione del polo di onco-ematologia pediatrica, in particolare per le leucemie. Secondo l emendamento, la Regione Puglia è autorizzata alla spesa di 500mila euro per il 2015 e di 4,5 milioni per il Lo stanziamento era stato annunciato dal premier Renzi alla vigilia di Natale, quando venne varato il decreto salva-ilva, ma era poi scomparso dal decreto pubblicato in Gazzetta ufficiale. Ora un emendamento lo ripristina. La copertura si ricaverà da una parte residua dei fondi destinati al Mef per l anno 2015.

5 Sorella. Madre. Moglie: Amante. Amica. Compagna di classe. Collega. Vicina. Cugina. Estranea. DONNA. Ma soprattutto, in questo articolo, lavoratrice. Ogni donna per ogni persona, per ognuno di noi assume uno di questi ruoli. Ma il ruolo che la donna ha dovuto combattere per ottenere è quello di: LAVORA- TRICE e in quanto tale ha dei diritti e dei doveri. Il lavoro femminile rappresenta un aspetto importante dello sviluppo occupazionale ed è un fattore in continua evoluzione. Le donne considerano il lavoro un'attività fondamentale da preservare lungo l'arco della vita perché importante per l'identità personale, in quanto garanzia di indipendenza e di riconoscimento sociale. Un riconoscimento sociale che fino agli anni 60 non aveva riscontro nella modo di pensare delle famiglie Italiane. Le donne sono, in alcuni ambiti, sempre più presenti in ambito lavorativo e raggiungono tra l altro posizioni di rilievo. Nonostante il continuo sviluppo del lavoro femminile ci sono ancora forti squilibri rappresentati dalla tuttora scarsa presenza delle donne nei livelli alti d'inquadramento e dalla loro quasi assenza nei livelli al vertice. Per questo che la legge è intervenuta, più volte, al fine di garantire le pari di opportunità e di trattamento fra gli uomini e le donne in ambito lavorativo e sociale. Il primo punto di riferimento a garanzia della parità dei sessi è proprio la Costituzione Italiana. Ed è proprio nei primi articoli che si parla delle pari opportunità: Art. 3. Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese. Art. 37. La donna lavoratrice ha gli stessi diritti e, a parità di lavoro, le stesse retribuzioni che spettano al lavoratore. Le condizioni di lavoro devono consentire l'adempimento della sua essenziale funzione familiare e assicurare alla madre e essere degradanti, hanno l'effetto di violare la dignità di una lavoratrice e di creare un clima intimidatorio, ostile, umiliante e in oltre offensivo (art. 4, comma 2-bis, Legge n. 125/1991). In ambito lavorativo, purtroppo, le molestie più frequenti sono quello a sfondo sessuale e sono considerate tali espresse in forma fisica, verbale o non verbale. È un fenomeno più diffuso di quanto si pensi, basta pensare che secondo l Istat sono un milione e 224mila le donne tra i 15 e i 65 anni che hanno subito molestie o ricatti sessuali nell arco della loro vita lavorativa. Un dato pari all 8,5 per cento delle lavoratrici attuali o passate, incluse le donne in cerca di occupazione. Le molestie rappresentano il 31,2 per cento, i ricatti e le richieste di disponibilità il restante 68,8 per cento. Un altro problema non indifferente è la diversità di stipendio, l importo della busta paga tra tra colleghi con mansioni e incarichi equivalenti risulta differente in base al sesso. Le cause di questo fenomeno sono complesse e correlate. In media un uomo guadagna il 16% in più di una donna. Uno dei principali fondamenti del nostro Paese è la famiglia e, in uno scenario contemporaneo in cui la crisi economica e sociale è sempre più accentuata, la donna in quanto fulcro del nucleo familiare dovrebbe essere più tutelata. All'interno delle aziende, queste discriminazioni basate sul genere sono scaturite da molti fattori, ma il principale è la maternità e al luogo comune che le donne debbano occuparsi interamente ed esclusivamente alla cura della famiglia; le donne infatti, si trovano ad affrontare una molteplicità di compiti sia lavorativi che nella cura del nucleo familiare. Questo meccanismo complica particolarmente l accesso o lo sviluppo delle opportunità lavorative, rispetto ai colleghi uomini impiegati alla loro stessa mansione. Già le lavoratrici non godono di tutte le tutele previste per legge, poi quando la lavoratrice decide di mettere su famiglia i rischi per la propria occupazione e il pro- Per ricevere l assegno si deve tenere conto del reddito del nucleo familiare di appartenenza del genitore che richiedente. Per effettuare questo c a l c o l o dell ISEE, non deve essere superiore a 25mila euro annui (secondo quanto stabilito dal decreto del presidente del Consiglio dei ministri 159/2013). Se il valore dell'isee dovesse essere inferiore a 7mila euro annui l intero importo è raddoppiato. I beneficiari di tale agevolazione saranno: i cittadini italiani o di uno stato membro dell'unione europea o cittadini di stati e- xtracomunitari, muniti di un regolare permesso di soggiorno. Un altro bonus, che interessa le mamme lavoratrici è il bonus asili e babysitter. Come recita l articolo 4, comma 24, lettera b) della legge 28 giugno 2012, n. 92, le lavoratrici Neo- Mamme avranno la possibilità di chiedere un contributo economico che può essere utilizzato per pagare la babysitter oppure l asilo nido, pubblico o privato convenzionato. Il contributo sarà riconosciuto nei limiti delle risorse erogate dal ministero del lavoro attraverso l ordine di presentazione delle domante. Ne usufruiranno le lavoratrici dipendenti di amministrazioni pubbliche o private comprese le libere professioniste. Qualcosa sta cambiando e questi Bonus ne sono la prova, ora sta a noi continuare in questa direzione. Perché un paese senza forza lavoro femminile e senza natalità infantile è un Paese destinato a scomparire. Articolo a cura di : Romano Martina

6 Di Sara Rinaudo l 20 febbraio si è dimostrata una giornata importante per il Paese, sono stati varati finalmente i decreti attuativi previsti dalla riforma del Jobs Act, che in molti attendevano da tempo. Rimane solo da aspettare la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale dei decreti nella loro interezza, anche se il contenuto di ognuno è già ben conosciuto. Il Consiglio dei ministri ha approvato i decreti senza variazioni di rilievo, via libera, dunque al contratto a tutele crescenti, alle liberalizzazioni, alla semplificazione dell uscita dai contratti, alla nuovo assegno di disoccupazione (Naspi), alle nuove agevolazioni per la maternità e all introduzione dei nuovi ammortizzatori sociali. Non c è dubbio che per il nostro Paese il via libera ai decreti attuativi del Jobs Act, soprattutto quelli sul nuovo contratto a tutele crescenti e quelli degli ammortizzatori sociali, sia una tappa importante di questo 2015, che porteranno ad una svolta concreta e positiva, non solo nell ambito del mercato del lavoro ma anche nella ripresa della crescita economica generale. Come dichiara il Segretario Generale Fismic Roberto Di Maulo: la Fismic ha auspicato con fermezza l introduzione del decreto legislativo del Jobs Act; è un passo importante nella storia del nostro Paese che farà sì che la ruota economica torni a girare, promuovendo produzione ed innovazione. Il Jobs Act è una spinta forte per le aziende che, come previsto, da Gennaio di quest anno già tornano ad assumere: basti pensare alle 1500 nuove assunzioni a Melfi e allo stop unito alla richiesta di straordinari nello stabilimento di Pomigliano da parte del gruppo FCA. Insieme a numerose altre misure previste dalla Legge di Stabilità, il Jobs Act crea finalmente un inversione a favore del lavoro, rimarcando lo sforzo positivo e l attenzione al lavoro che il governo Renzi sta portando avanti. Il Jobs Act può essere riassunto in 5 punti fondamentali, ma guardiamo punto per punto cosa sta cambiando realmente nel mondo del lavoro. Il primo e principale cambiamento è previsto nell ambito della stipulazione dei Immagine da lavoroediritti.com contratti: il contratto a tempo indeterminato, diventa il contratto privilegiato per assumere anche per controbilanciare la liberalizzazione dei contratti a termine del decreto Poletti. Per le aziende sarà appetibile assumere con contratti a tempo indeterminato grazie a sgravi fiscali previsti per i primi 36 mesi della durata del contratto. in cui le tutele andranno poi a crescere in base all'anzianità del lavoratore superando così l ormai vecchio art.18. Sarà inoltre più semplice far passare il lavoratore da una mansione all'altra, compreso il cosiddetto demansionamento, in caso di riorganizzazione, ristrutturazione o conversione aziendale. Un ulteriore intervento di semplificazione riguarda la smaterializzazione del DURC, superando l attuale sistema che impone ripetuti adempimenti burocratici alle imprese. Per dare un idea della rilevanza del provvedimento, si ricorda che nel 2013 i DURC presentati sono stati circa 5 milioni Gli ammortizzatori sociali. La delega è finalizzata a garantire la fruizione dei servizi essenziali in materia di politica attiva del lavoro su tutto il territorio nazionale, nonché ad assicurare l esercizio unitario delle relative funzioni amministrative. Gli ammortizzatori saranno estesi a tutti i lavoratori indipendentemente dall'azienda e del rapporto di lavoro, dove non sarà più prevista la cassa integrazione per la cessazione di attività. Ne segue l introduzione della nuova assicurazione per l impiego, Naspi. La durata del nuovo ammortizzatore è, infatti, rapportata alla storia contributiva del lavoratore e potrà arrivare ad un massimo di 24 mesi per chi abbia lavorato negli ultimi quattro anni, per scendere a18 mesi a far data dall 1 Gennaio Saranno rafforzato le politiche attive per favorire il venirsi incontro di domanda e offerta con la costituzione di un'agenzia nazionale per il lavoro Nuove tutele in campo di maternità. Sarà estesa anche alle lavoratrici prive di contratto a tempo indeterminato, sarà fatto attraverso contratti di solidarietà "attivi" che dovrebbero permettere a tutti di conciliare meglio i tempi di lavoro e di vita al di fuori del lavoro. Questo e molte altre sono le disposizioni che il governo ha messo in atto e che daranno una spinta concreta al

7 Il gip di Roma ha convalidato l'arresto dei 6 tifosi olandesi del Feyenoord fermati giovedì 19 nella zona di piazza di Spagna disponendo per tutti il divieto di dimora in Italia. La decisione è arrivata al termine degli interrogatori di garanzia svolti nel carcere di Regina Coeli. Gli hooligans nelle prossime ore saranno quindi rimpatriati. Nei loro confronti resta l'accusa di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni. "Un'amichevole Olanda-Italia da giocare a Rotterdam, un grande appuntamento di sport e amicizia il cui ricavato servirà a riparare i danni di piazza di Spagna". E' la proposta lanciata dal sindaco di Roma Ignazio Marino e dall'assessore allo Sport Paolo Masini. "In questi giorni - spiegano - abbiamo ricevuto migliaia di messaggi di solidarietà e rammarico da tifosi olandesi ed europei. La maggior parte degli appassionati sa che il calcio è prima di tutto rispetto e condivisione. Proponiamo alla FIGC di fare propria questa idea, confidando che venga accolta positivamente anche dalle autorità olandesi. Al brutto spettacolo cui abbiamo assistito in occasione di Roma-Feyenoord - concludono Marino e Masini - dobbiamo rispondere con i valori più sani e costruttivi dello sport". Arrivano direttamente dall'olanda le scuse al governo italiano per la devastazione dei tifosi del Feyenoord, che per due giorni hanno "invaso" il cuore di Roma danneggiando monumenti e luoghi-simbolo della Capitale. Il premier Mark Rutte ha telefonato oggi pomeriggio a Matteo Renzi per esprimergli vicinanza e disponibilità e ribadire i legami di amicizia tra i due Paesi. Nel frattempo in Italia non accenna a placarsi la polemica tra il sindaco di Roma, Ignazio Marino, ed il questore Nicolò D'Angelo. Questa mattina il primo cittadino ha incontrato il ministro dell'interno Angelino Alfano, al quale ha espresso la sua insoddisfazione per le affermazioni di ieri del questore. "Non può essere considerato un successo il fatto che non ci siano stati morti", ha tagliato corto Marino. Questa volta la replica è arrivata direttamente dal capo della Polizia, Alessandro Pansa, che si è detto "orgoglioso di tutti i poliziotti che hanno svolto il loro lavoro a Roma durante gli episodi di violenza di cui si sono resi protagonisti i tifosi olandesi". Da parte sua, Alfano ha ribadito che "Roma è una priorità nazionale sul tema della sicurezza", confermando l'invio di 500 militari nella Capitale e l'intenzione di proporre un daspo europeo contro la violenza nel calcio. Intanto la scorsa notte altri sei olandesi sono stati arrestati per danneggiamenti in diverse zone della città, prima contro segnali stradali e poi contro auto in sosta. Processati per direttissima sono stati tutti condannati con pene di alcuni mesi convertite in multe da 45mila euro. Nell'incontro di questa mattina al Viminale, Marino ed Alfano hanno discusso degli episodi di violenza degli ultimi due giorni ad opera dei tifosi olandesi. "Non abbiamo fatto analisi delle colpe o delle responsabilità - ha detto il sindaco - ma parlato delle soluzioni che devono arrivare immediatamente".tra queste l'arrivo in città di 500 militari e la convocazione, entro le prossime 72 ore, di un comitato per l'ordine e la sicurezza con la presenza dello stesso ministro dell'interno. "Non militarizzeremo la città - ha tenuto a precisare Marino -, ma libereremo da compiti di sorveglianza gli agenti delle forze dell'ordine". Da parte sua, Alfano ha assicurato che la sicurezza della Capitale sarà ulteriormente potenziata attraverso una legge che riguardi specificamente il tema del "contrasto al degrado urbano e il diritto alla vita sicura nelle città italiane". Immancabile, anche oggi, la bufera politica, con Maurizio Gasparri che accusa Alfano di "chiacchierare al vento". Accuse che il ministro Maurizio Lupi definisce "ridicole", così come le richieste di dimissioni del titolare del Viminale. "E' come tornare agli slogan del '68 - dice -, che tutto riconducevano al governo". Anche il capogruppo Ncd-Udc al Senato, Renato Schifani, difende l'operato di Alfano che "risponde con misure efficaci e concrete alle ingiuste e ingenerose accuse mosse in questi giorni". Non mancano accuse anche al sindaco Marino, definito da Fabrizio Cicchitto (Ncd) un "demagogo incapace". Nel frattempo, proprio nel giorno in cui vengono rimosse le transenne dalla fontana della Barcaccia - danneggiata durante l'"invasione" olandese a piazza di Spagna - in Campidoglio si comincia a pensare a nuove misure per tutelare le numerose opere d'arte in città, come un potenziamento delle già esistenti telecamere di vigilanza e una "maggiore collaborazione con le forze dell'ordine", come spiegato dall'assessore alla Cultura, Giovanna Marinelli. Proseguono poi le indagini parallele della procura di Roma, che procede per devastazione, e della polizia olandese. Mentre a piazzale Clodio si analizzano foto, video ed informative di polizia e carabinieri, da Rotterdam fanno sapere che "molto, molto presto" saranno in grado di fornire i nomi dei tifosi violenti. E dal suo profilo Twitter l'olimpionica italiana di nuoto, Federica Pellegrini, commenta le foto delle devastazioni con un laconico "Ma a casa loro no, eh?".

8 Amy e Nick si incontrano a una festa in una gelida sera di gennaio. Uno scambio di sguardi ed è subito amore. Lui la conquista con il sorriso sornione, l'accento ondulato del Missouri, il fisico statuario. Lei è la ragazza perfetta, bella, spigliata, battuta pronta, il tipo che non si preoccupa se bevi una birra di troppo con gli amici. Sono felici, innamorati, pieni di futuro. Qualche anno dopo però tutto è cambiato. Da Brooklyn a North Carthage, Missouri. Da giovani professionisti in carriera a coppia alla deriva. Amy e Nick hanno perso il lavoro e sono stati costretti a reinventarsi: lui proprietario del bar di quartiere accanto alla sorella Margo, lei casalinga in una città di provincia anonima e sperduta. Fino a che, la mattina del loro quinto anniversario, Amy scompare. È in quel momento, con le tracce di sangue e i segni di colluttazione a sfregiare la simmetria del salotto, che la vera storia del matrimonio di Amy e Nick ha inizio. Che fine ha fatto Amy? Quale segreto nasconde il diario che teneva con tanta cura? Chi è davvero Nick Dunne? Un marito devoto schiacciato dall'angoscia, o un cinico mentitore e violento, forse addirittura un assassino? Raccontato dalle voci alternate di Nick e Amy, "L'amore bugiardo" è una incursione nel lato oscuro del matrimonio. Un thriller costruito su una serie di rovesciamenti e colpi di scena che costringerà il lettore a chiedersi se davvero sia possibile conoscere la persona che gli dorme accanto. Fusilli: 400 gr. Broccoli: 400 gr. Basilico: 12 foglie Pecorino romano: 40 gr. Mandorle tostate (o pinoli): 50 gr. Olio d oliva: 50 ml. circa Sale Pepe Pulite i broccoli tagliando le cime e lavatele. Sbollentale le cime di broccolo in acqua salata e quando saranno al dente, scolatele e mettetele in acqua fredda per bloccarne la cottura. Scolate ben bene i broccoli e teneteli da parte. Prendete il mixer e nel boccale mettete i broccoli lessi, le foglie di basilico, le mandorle tostate tagliate al coltello (o pinoli), il pecorino romano grattugiato, sale, pepe e olio d oliva. Frullate il tutto, assaggiate ed aggiustate a vostro piacimento. Cucinate la pasta ed intanto prendete una padella, versateci il pesto di broccoli e diluitelo con alcuni cucchiai di acqua di cottura della pasta. Scolate la pasta al dente e trasferitela nella padella con il pesto di broccoli. Mantecate ed aggiungete acqua di cottura della pasta per diluire. Servite la pasta al pesto di broccoli con delle scagli di pecorino romano e delle mandorle tostate a lamelle. Nella primavera del 1965 un gruppo di manifestanti, guidati dal reverendo Martin Luther King, scelsero la cittadina di Selma, in Alabama, nel profondo sud degli Stati Uniti, per manifestare pacificamente contro gli impedimenti opposti ai cittadini afroamericani nell'esercitare il proprio diritto di voto. L'afroamericana 42enne Ava DuVernay, miglior regista al Sundance Film Festival del 2012 per Middle of Nowhere, sceglie a sua volta quell'episodio storico come cartina di tornasole della battaglia per i diritti civili in America e offre un ritratto complesso e sfaccettato di una delle personalità più influenti e meno cinematograficamente documentate del passato americano. DuVernay realizza una serie di piccoli miracoli: primo fra tutti togliere MLK dall'agiografia per restituirci la sua umanità, comprensiva di dubbi, sconfitte e cedimenti, senza per questo (o anzi, proprio per questo) sminuire la sua statura etica e politica e la sua importanza nell'evoluzione di una coscienza civile collettiva. L'interpretazione di David Oyelowo (già protagonista di Middle of Nowhere), incomprensibilmente privata di una candidatura all'oscar, è da brividi, soprattutto in lingua originale, durante la riproposizione dei discorsi pubblici del Dottor King che iniziano in tono sommesso e si gonfiano di travolgente potenza retorica, culminando nei toni trascinanti della predica che ricordano al pubblico la formazione religiosa del pastore protestante e la convinzione che ha sostenuto la sua capacità di resistere pacificamente a umiliazioni e violenze, spingendolo verso un traguardo alto e collettivo - una lezione quanto mai adatta ai nostri tempi su come un credo dovrebbe essere strumento di elevazione spirituale e di rifiuto della barbarie, non di aggressione e oppressione.

Il Consiglio Generale riunitosi a Torino in data 14 Luglio 2015, ha stabilito il seguente Ordine Del Giorno specifico per il settore della Formazione:

Il Consiglio Generale riunitosi a Torino in data 14 Luglio 2015, ha stabilito il seguente Ordine Del Giorno specifico per il settore della Formazione: CONSIGLIO GENERALE (1) ORDINE DEL GIORNO SU FORMAZIONE Il Consiglio Generale riunitosi a Torino in data 14 Luglio 2015, ha stabilito il seguente Ordine Del Giorno specifico per il settore della Formazione:

Dettagli

15 proposte concrete per migliorare la vita delle donne

15 proposte concrete per migliorare la vita delle donne 15 proposte concrete per migliorare la vita delle donne (e quella degli uomini) Per un maggior sostegno alla maternità e alla paternità 1 UNA TUTELA PER TUTTE LE MAMME L Italia ha uno dei tassi di natalità

Dettagli

Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore

Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore di Gianni Trovati19 maggio 2015 il sole 24 ore Un rimborso quasi integrale per le più basse fra le pensioni coinvolte dal blocco-monti appena bocciato dalla

Dettagli

Belgio Francia Italia

Belgio Francia Italia Cronologie comparate: Evoluzione del diritto comunitario e delle legislazioni in Belgio, Francia e Italia Data 1791 1804 Diritto internazionale e comunitario Belgio Francia Italia Le donne ottengono il

Dettagli

GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI 2015:

GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI 2015: GUIDA AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI 2015: NASPI ASDI DIS-COLL 2015 Con il Jobs Act ideato dal Governo Renzi, l Aspi diventa Naspi, la Nuova prestazione di Assicurazione sociale dell impiego, l indennità

Dettagli

Comunicato del 23.02.2015 JOBS ACT: il decreto per NASPI e ASDI

Comunicato del 23.02.2015 JOBS ACT: il decreto per NASPI e ASDI FEDERAZIONE ITALIANA TRASPORTI DIPARTIMENTO POLITICHE SOCIALI Comunicato del 23.02.2015 JOBS ACT: il decreto per NASPI e ASDI Come noto il Consiglio dei Ministri ha approvato i primi due decreti attuativi

Dettagli

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO Federazione Italiana Sindacale Lavoratori Assicurazioni e Credito Comprensorio di Alessandria Via Cavour, 27-15121 Alessandria - Tel. 0131 308254 e-mail: fisacal@libero.it - Sito Internet www.fisacalessandria.it

Dettagli

IL JOBS ACT È UNA VERA RIFORMA DEL LAVORO (è la riforma del lavoro attesa da tempo).

IL JOBS ACT È UNA VERA RIFORMA DEL LAVORO (è la riforma del lavoro attesa da tempo). IL JOBS ACT È UNA VERA RIFORMA DEL LAVORO (è la riforma del lavoro attesa da tempo). È un cambiamento radicale: si passa dalla tutela del posto di lavoro alla tutela del lavoratore. Basta precarietà. Abbiamo

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3153 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI DELL ARINGA, SENALDI, PREZIOSI, BAZOLI, BORGHI, SGAMBATO, PATRIARCA, NICOLETTI, BENAMATI,

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Il 2007 Un anno di scelte importanti

Il 2007 Un anno di scelte importanti Il 2007 Un anno di scelte importanti Liberalizzazione, rinnovo contrattuale, elezioni RSU e previdenza complementare. Queste le sfide che impegneranno l Slp Cisl nell anno appena cominciato. Molte le decisioni

Dettagli

I DIRITTI DELLE DONNE DAL 1900 AD OGGI

I DIRITTI DELLE DONNE DAL 1900 AD OGGI I DIRITTI DELLE DONNE DAL 1900 AD OGGI TUTELA DELLA DONNA E DEL FANCIULLO: LEGGE 242/1902 CARCANO Riveste un importanza notevole per aver introdotto il congedo di maternità di un mese dopo il parto, riducibile

Dettagli

Tesi di laurea triennale. Università degli Studi di Macerata. Corso di laurea di servizio sociale

Tesi di laurea triennale. Università degli Studi di Macerata. Corso di laurea di servizio sociale Tesi di laurea triennale Università degli Studi di Macerata Corso di laurea di servizio sociale Titolo della tesi: Lavoro femminile e pari opportunità Anno accademico 2012-2013 Studentessa: Michela Santarelli

Dettagli

Legge di Stabilità 2015 Misure in materia di credito e finanza

Legge di Stabilità 2015 Misure in materia di credito e finanza Legge di Stabilità 2015 Misure in materia di credito e finanza Febbraio 2015 INDICE 1. Premessa 2. Fondo di Garanzia per le PMI 3. Liquidazione TFR in busta paga 4. Moratoria dei mutui 5. Pagamento debiti

Dettagli

FATTI. Dalle parole ai

FATTI. Dalle parole ai 2 Notiziario della Segreteria Generale del Sindacato Autonomo di Polizia Direttore Politico: NICOLA TANZI Direttore Responsabile: MASSIMO MONTEBOVE Registrazione Tribunale Roma n. 98 del 21 febbraio 2000

Dettagli

I Contributi dei Soci 2/2015 CENTRO STUDI

I Contributi dei Soci 2/2015 CENTRO STUDI I Contributi dei Soci 2/2015 CENTRO STUDI Marzo 2015 Carissimi amici e amiche, Ancora un contributo proveniente dal mondo produttivo, che sarà interessato molto dai decreti sugli ammortizzatori sociali,

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 67 del 6 Maggio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Dall ASPI alla NASPI: da maggio sono cambiate le tutele dei lavoratori che hanno perso l impiego Gentile cliente, con

Dettagli

Jobs Act : i nuovi ammortizzatori sociali NASPI ASDI DIS-COLL

Jobs Act : i nuovi ammortizzatori sociali NASPI ASDI DIS-COLL Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Numero 114 Marzo 2015 Jobs Act : i nuovi ammortizzatori sociali NASPI ASDI DIS-COLL Riprendiamo l argomento sui nuovi ammortizzatori sociali già sommariamente

Dettagli

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 11 15/06/2014 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 5 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 9 DOSSIER CONFCOMMERCIO

Dettagli

Fondo Pensione Complementare

Fondo Pensione Complementare Fondo Pensione Complementare Per i lavoratori dei Ministeri, Enti Pubblici non Economici, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, dell Enac e del Cnel Sirio incontra i lavoratori dell Università La

Dettagli

COSTRUIRE PREVIDENZA. Diamo Dignità alla Nostra Pensione. -Programma elettorale-

COSTRUIRE PREVIDENZA. Diamo Dignità alla Nostra Pensione. -Programma elettorale- COSTRUIRE PREVIDENZA Diamo Dignità alla Nostra Pensione -Programma elettorale- Una risposta alla crisi Negli ultimi anni il calo dei redditi dei professionisti è stato di significativo. Il risultato è

Dettagli

La riforma delle pensioni: il «superbonus» e il punto sulla situazione

La riforma delle pensioni: il «superbonus» e il punto sulla situazione 21 Agevolazioni Contributive Politiche del lavoro La riforma delle pensioni: il «superbonus» e il punto sulla situazione Con il decreto del 6 ottobre 2004 il Ministro del Lavoro ha reso note le disposizioni

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

NEWSLETTER LAVORO 06 2014

NEWSLETTER LAVORO 06 2014 AVVOCATI COMMERCIALISTI CONSULENTI del LAVORO NEWSLETTER LAVORO 06 2014 Normativa lavoro 1. Legge di Stabilità 2. Jobs Act 3. Reminder: tempi determinati 4. Lavoro intermittente: verifica e nuova applicazione

Dettagli

Stipendio antiviolenza

Stipendio antiviolenza Stipendio antiviolenza L idea di proporre uno stipendio antiviolenza nasce dall esperienza maturata nel corso dell intensa e lunga attività svolta da Doppia Difesa Onlus in favore delle donne. Abbiamo

Dettagli

SICUREZZA: SINDACATI INCONTRANO ALFANO E CESA, DA GOVERNO SILENZIO ASSORDANTE

SICUREZZA: SINDACATI INCONTRANO ALFANO E CESA, DA GOVERNO SILENZIO ASSORDANTE PENSIONI: SINDACATI COMPARTO SICUREZZA VEDONO ALFANO E CESA PENSIONI: SINDACATI COMPARTO SICUREZZA VEDONO ALFANO E CESA DOMANI BERSANI, PREOCCUPAZIONE SU SCELTE GOVERNO (ANSA) - ROMA, 18 APR - ''Molto

Dettagli

MARONI TOGLIE IL BOLLO AI MOTORINI La proposta della Lega Nord ora è realtà

MARONI TOGLIE IL BOLLO AI MOTORINI La proposta della Lega Nord ora è realtà Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e siti web Regione Lombardia) MARONI TOGLIE IL BOLLO AI MOTORINI La proposta

Dettagli

23 novembre 2012 Plesso scolastico Cinisello Balsamo. L immagine nella comunicazione e stereotipi A cura di Paola Bentivegna

23 novembre 2012 Plesso scolastico Cinisello Balsamo. L immagine nella comunicazione e stereotipi A cura di Paola Bentivegna 23 novembre 2012 Plesso scolastico Cinisello Balsamo L immagine nella comunicazione e stereotipi A cura di Paola Bentivegna 1. proiezione video Occhi 1 minuto 2. Stereotipi 10 minuti 3. Proiezione diapositive

Dettagli

Fondo Pensione Complementare

Fondo Pensione Complementare Fondo Pensione Complementare Per i lavoratori dei Ministeri, Enti Pubblici non Economici, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, dell Università e Ricerca, dell Enac e del Cnel 1 Costituito il con

Dettagli

Caritas/Migrantes. Dossier Statistico Immigrazione 2009. XIX Rapporto. Immigrazione: conoscenza e solidarietà

Caritas/Migrantes. Dossier Statistico Immigrazione 2009. XIX Rapporto. Immigrazione: conoscenza e solidarietà Caritas/Migrantes Dossier Statistico Immigrazione 2009 XIX Rapporto Immigrazione: conoscenza e solidarietà In Europa, e specialmente nel nostro Paese, l immigrazione continua a crescere nonostante la crisi,

Dettagli

Pensioni delle donne: un analisi di genere

Pensioni delle donne: un analisi di genere Argomento A cura dello Spi-Cgil dell Emilia-Romagna n. 1 gennaio 2015 Pensioni delle donne: un analisi di genere Questo numero è a cura di Roberto Battaglia e Gabriella Dionigi con la collaborazione di

Dettagli

Chi manovra? La calura di questa seconda metà d'agosto non ferma l'attività del SAP che sta seguendo e monitorando. La vera battaglia si combatte

Chi manovra? La calura di questa seconda metà d'agosto non ferma l'attività del SAP che sta seguendo e monitorando. La vera battaglia si combatte 34 Notiziario della Segreteria Generale del Sindacato Autonomo di Polizia Direttore Politico: NICOLA TANZI Direttore Responsabile: MASSIMO MONTEBOVE Registrazione Tribunale Roma n. 98 del 21 febbraio 2000

Dettagli

CENTRO DI AIUTO PSICOLOGICO ONLUS Associazione Psicoanalitica per la Prevenzione e la Cura del Disagio Psichico

CENTRO DI AIUTO PSICOLOGICO ONLUS Associazione Psicoanalitica per la Prevenzione e la Cura del Disagio Psichico CENTRO DI AIUTO PSICOLOGICO ONLUS Associazione Psicoanalitica per la Prevenzione e la Cura del Disagio Psichico R E G O L A M E N T O 2012 Art. 1 SCOPI DELL' ASSOCIAZIONE Al fine di realizzare gli scopi

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

OSSERVATORIO PREVIDENZA Anno VII n. 2 6 FEBBRAIO 2015

OSSERVATORIO PREVIDENZA Anno VII n. 2 6 FEBBRAIO 2015 OSSERVATORIO PREVIDENZA Anno VII n. 2 6 FEBBRAIO 2015 IN PRIMO PIANO IN QUESTO NUMERO In primo piano INPS. Sindacati, con Poletti incontro interlocutorio, attesa proposta Governo (Adnkronos) p. 1 Lo sciopero

Dettagli

JOBS ACT. Servizio Politiche del Lavoro e della Formazione

JOBS ACT. Servizio Politiche del Lavoro e della Formazione JOBS ACT Riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione involontaria e di ricollocazione dei lavoratori disoccupati Roma 19 gennaio 2015 Servizio Politiche del

Dettagli

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Relazione dei Presidente CIDA, Silvestre Bertolini La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Prima di iniziare, vorrei ringraziare le autorità presenti in sala, che è sempre

Dettagli

Il privilegio di essere Poliziotti

Il privilegio di essere Poliziotti 51 Notiziario della Segreteria Generale del Sindacato Autonomo di Polizia Direttore Politico: NICOLA TANZI Direttore Responsabile: MASSIMO MONTEBOVE Registrazione Tribunale Roma n. 98 del 21 febbraio 2000

Dettagli

Audizione Camera dei Deputati 10-04-2015 ----------------------------------

Audizione Camera dei Deputati 10-04-2015 ---------------------------------- FORUM DELLE ASSOCIAZIONI 9-04-2015 ---------------------------------- Audizione Camera dei Deputati 10-04-2015 ---------------------------------- Contributo del Movimento Studenti Cattolici FIDAE sul disegno

Dettagli

JOBS ACT. Servizio Politiche del Lavoro e della Formazione

JOBS ACT. Servizio Politiche del Lavoro e della Formazione JOBS ACT Riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione involontaria e di ricollocazione dei lavoratori disoccupati Roma 16 marzo 2015 Servizio Politiche del Lavoro

Dettagli

Solidarietà Veneto - Fondo Pensione. Tavola rotonda. Giovani e Pensioni: quale educazione alla previdenza 1

Solidarietà Veneto - Fondo Pensione. Tavola rotonda. Giovani e Pensioni: quale educazione alla previdenza 1 Solidarietà Veneto - Fondo Pensione Tavola rotonda Giovani e Pensioni: quale educazione alla previdenza 1 Intervento di Antonio Finocchiaro Presidente della COVIP Vicenza, 22 novembre 2012 1 Il testo costituisce

Dettagli

JOBS ACT IN PROGRESS Diritti dei lavoratori e occupazione nella riforma del mercato del lavoro

JOBS ACT IN PROGRESS Diritti dei lavoratori e occupazione nella riforma del mercato del lavoro JOBS ACT IN PROGRESS Diritti dei lavoratori e occupazione nella riforma del mercato del lavoro Decreto Poletti marzo 2014 I parte Jobs Act Legge n. 183 del 10 dicembre 2014 Delega lavoro DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

SOMMARIO DEL 5 SETTEMBRE 2013. Investimenti a Mirafiori frutto degli accordi. In Piemonte nascerà polo delle auto di lusso

SOMMARIO DEL 5 SETTEMBRE 2013. Investimenti a Mirafiori frutto degli accordi. In Piemonte nascerà polo delle auto di lusso SOMMARIO DEL 5 SETTEMBRE 2013 La Stampa Uff.Stampa Fismic Il Messaggero Il Mattino Il Sole 24 Ore Il Giornale La Stampa CronacaQui Asca Corriere della Sera La Repubblica Avvenire Il Sole 24 Ore Il Messaggero

Dettagli

www.inas.it febbraio 2015

www.inas.it febbraio 2015 www.inas.it febbraio 2015 Ammortizzatori sociali Il Jobs act prevede l istituzione di nuove prestazione a sostegno del reddito: si tratta di Naspi, Dis-coll e Asdi. La legge ha stabilito che, in caso di

Dettagli

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 COMUNE DI VANZAGHELLO PROVINCIA DI MILANO Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015 Il Decreto Legislativo 11 aprile 2006 n. 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell art.

Dettagli

I lavoratori maturi Over 40 sono dimenticati: sono zavorra?

I lavoratori maturi Over 40 sono dimenticati: sono zavorra? I lavoratori maturi Over 40 sono dimenticati: sono zavorra? Il problema Nel particolare momento di elezioni, tutti gli animi si scaldano: i politici promettono tutto a tutti pur di guadagnare qualche punto

Dettagli

Speciale Jobs Act NEWSLETTER. i primi due decreti attuativi RUCELLAI&RAFFAELLI. Studio Legale

Speciale Jobs Act NEWSLETTER. i primi due decreti attuativi RUCELLAI&RAFFAELLI. Studio Legale RUCELLAI&RAFFAELLI Studio Legale Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524 Roma Via dei Due Macelli, 47 Telefono: +39 06 6784778 Fax: +39 06 6783915 Bologna Via Cesare

Dettagli

IL SINDACATO DEI CITTADINI. Prima nota della UIL - Servizio Politiche del Lavoro -

IL SINDACATO DEI CITTADINI. Prima nota della UIL - Servizio Politiche del Lavoro - IL SINDACATO DEI CITTADINI Servizio Politiche del Lavoro e della Formazione Schema di Decreto legislativo recante disposizioni per il riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in caso

Dettagli

DIRETTORE RESPONSABILE

DIRETTORE RESPONSABILE Nei prossimi giorni, gli oltre 430.000 lavoratori che si sono iscritti negli anni al fondo di previdenza integrativa COMETA, saranno chiamati ad esprimere il loro voto per il rinnovo degli organi statutari

Dettagli

CASA E LAVORO: LE PRIORITÀ CONDIVISE

CASA E LAVORO: LE PRIORITÀ CONDIVISE La trasparenza nelle Istituzioni: FACCIAMO IL PUNTO SULL ATTIVITÀ DI GOVERNO Aggiornato al 28 agosto 2013 IL GOVERNO LETTA E LA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO: CASA E LAVORO: LE PRIORITÀ CONDIVISE Nelle pagine

Dettagli

Il futuro della bilateralità. Relatrice: Giovanna Petrasso La Spezia, 19 novembre 2014

Il futuro della bilateralità. Relatrice: Giovanna Petrasso La Spezia, 19 novembre 2014 Il futuro della bilateralità Relatrice: Giovanna Petrasso La Spezia, 19 novembre 2014 Bilateralità come sottosistema del sistema delle relazioni industriali. Sede stabile e specializzata di confronto tra

Dettagli

Piacenza, 7 gennaio 2015 Alle Cooperative in indirizzo

Piacenza, 7 gennaio 2015 Alle Cooperative in indirizzo SERVIZIO SINDACALE Piacenza, 7 gennaio 2015 Alle Cooperative in indirizzo Prot. n. 1 Oggetto: Legge di stabilità 2015 - Legge 23 dicembre 2014, n. 190 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale

Dettagli

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI.

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. Con la Circolare 94/2015, pubblicata lo scorso 12 Maggio 2015, l INPS, dopo una lunga attesa ha reso note le istruzioni definitive per la presentazione

Dettagli

COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI

COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI Gli ultimi eventi ai quali si sta assistendo, soprattutto a seguito della crisi economica e finanziaria

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

LÊINDENNITAÊ DI MOBILITAÊ (Legge n 223 del 23/07/1991)

LÊINDENNITAÊ DI MOBILITAÊ (Legge n 223 del 23/07/1991) LÊINDENNITAÊ DI MOBILITAÊ (Legge n 223 del 23/07/1991) CHI HA DIRITTO AD ESSERE INSERITO NELLE LISTE DI MOBILITA : 1) CON INDENNITA DI MOBILITA : a) Gli operai, impiegati e quadri dipendenti da imprese

Dettagli

Un partito della sicurezza?

Un partito della sicurezza? 35 Notiziario della Segreteria Generale del Sindacato Autonomo di Polizia Direttore Politico: NICOLA TANZI Direttore Responsabile: MASSIMO MONTEBOVE Registrazione Tribunale Roma n. 98 del 21 febbraio 2000

Dettagli

Oggetto: Disegno di legge Concorrenza Osservazioni di Altroconsumo

Oggetto: Disegno di legge Concorrenza Osservazioni di Altroconsumo Milano, 22 ottobre 2015 Alla c.a. Matteo Renzi Presidente del Consiglio Federica Guidi Ministro dello Sviluppo Economico Massimo Mucchetti Presidente X Commissione permanente Senato Industria, commercio,

Dettagli

Aggiornamento settembre 2012

Aggiornamento settembre 2012 ESODI SULLA BASE DELL ACCORDO DEL 2 GIUGNO 2012 Aggiornamento settembre 2012 INDICE 1. Incentivi pag. 3 2. Assistenza Sanitaria pag. 4 3. Fondo pensione di gruppo pag. 4 4. Ulteriori norme per il personale

Dettagli

SISTEMA PENSIONISTICO ITALIANO

SISTEMA PENSIONISTICO ITALIANO SISTEMA PENSIONISTICO ITALIANO Il sistema pensionistico italiano è a ripartizione, ovvero i contributi versati oggi da chi lavora non vengono conservati, ma servono per pagare le pensioni di coloro che

Dettagli

Economia: dal Fisco all Immigrazione, la terapia d urto della Cgil contro la crisi

Economia: dal Fisco all Immigrazione, la terapia d urto della Cgil contro la crisi Economia: dal Fisco all Immigrazione, la terapia d urto della Cgil contro la crisi I 6 punti del manifesto-piattaforma oggi all'assemblea quadri e delegati Roma, 5 novembre - Un vero e proprio manifesto-piattaforma

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Comunicato stampa. Roma, 29 maggio 2012. Ufficio stampa tel. 0659055085

Comunicato stampa. Roma, 29 maggio 2012. Ufficio stampa tel. 0659055085 Ufficio Stampa Comunicato stampa Roma, 29 maggio 2012 Il Rapporto annuale dell Inps viene presentato, nella Sala della Lupa della Camera dei Deputati, per la quarta volta. Questa edizione restituisce l

Dettagli

Fondo di solidarietà per il personale del Credito

Fondo di solidarietà per il personale del Credito Fondo di solidarietà per il personale del Credito La denominazione completa e corretta del fondo è: Fondo di solidarietà per il sostegno al reddito, all occupazione e alla riconversione e riqualificazione

Dettagli

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 Contributi di licenziamento, nuova Aspi, «decantierizzazione». La macchina

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 33 del 4 Marzo 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Jobs act: le novità in materia di tutele crescenti e ammortizzatori sociali Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

Tutela PENSIONE COMPLEMENTARE: COME FUNZIONA? Anno 64 n. 299 - Lunedì 27 dicembre 2012 INAS CISL - NUMERO VERDE 800 249 307 - WWW.INAS.

Tutela PENSIONE COMPLEMENTARE: COME FUNZIONA? Anno 64 n. 299 - Lunedì 27 dicembre 2012 INAS CISL - NUMERO VERDE 800 249 307 - WWW.INAS. quotidiano della Cisl IISN 0010-6348 Sped. in abb. postale 45% Roma - art. 2 comma 20 b legge 662/96 Anno 64 n. 299 - Lunedì 27 dicembre 2012 Tutela INAS CISL - NUMERO VERDE 800 249 307 - WWW.INAS.IT PENSIONE

Dettagli

Sede Centrale Area delle Politiche dei diritti e del benessere. Roma 07/07/15 Prot. n. 80

Sede Centrale Area delle Politiche dei diritti e del benessere. Roma 07/07/15 Prot. n. 80 Sede Centrale Area delle Politiche dei diritti e del benessere 00198 Roma - Via Giovanni Paisiello 43 Telefono 06-855631 - Fax 06-85563268 Internet : http: //www.inca.it E-mail : politiche-previdenziali@inca.it

Dettagli

LAVORO. Ecco le nostre proposte: Combattere il lavoro nero e rivedere la normativa sulla sicurezza nei luoghi di lavoro.

LAVORO. Ecco le nostre proposte: Combattere il lavoro nero e rivedere la normativa sulla sicurezza nei luoghi di lavoro. OGGI PRECARIETÀ LAVORO Ridurre di 5 punti il carico contributivo sul lavoro dipendente entro il primo anno della legislatura.è un provvedimento che aiuterà le imprese (che avranno una riduzione della pressione

Dettagli

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare Le riforme del sistema previdenziale attuate negli anni 90 hanno apportato una serie di interventi restrittivi alle pensioni erogate dal sistema pubblico,

Dettagli

Cosa è necessario sapere sulla riforma pensionistica per non incorrere in sorprese sgradevoli al momento della pensione

Cosa è necessario sapere sulla riforma pensionistica per non incorrere in sorprese sgradevoli al momento della pensione La breve nota che segue, redatta dal Comitato Pari Opportunità della Provincia, invita i lavoratori e le lavoratrici a riflettere sulle recenti modiche alla normativa pensionistica, al fine di poter pianificare,

Dettagli

CATTOLICA&FAMIGLIA. dedicata a chi ami di più

CATTOLICA&FAMIGLIA. dedicata a chi ami di più CATTOLICA&FAMIGLIA dedicata a chi ami di più CATTOLICA&FAMIGLIA IN SINTESI TUTELA I BENI PRIMARI: SALUTE, FAMIGLIA, CASA GARANTISCE UN AIUTO CONCRETO IN CASO DI EVENTI IMPREVEDIBILI PREVEDE delle TUTELE

Dettagli

SOMMARIO DEL 30 GENNAIO 2013. Maserati Grugliasco, sfida di alta gamma. Grugliasco conferma l impegno di Fiat in Italia

SOMMARIO DEL 30 GENNAIO 2013. Maserati Grugliasco, sfida di alta gamma. Grugliasco conferma l impegno di Fiat in Italia SOMMARIO DEL 30 GENNAIO 2013 Il Sole 24 Ore Uff.Stampa Fismic La Stampa Adnkronos Asca MF-Dow Jones Il Sole 24 Ore Il Messaggero Corriere della Sera Prima Pagina Maserati Grugliasco, sfida di alta gamma

Dettagli

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI)

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) L Assicurazione Sociale per l Impiego (ASPI) costituisce il nuovo trattamento contro la disoccupazione ed entrerà in vigore il 1 gennaio 2013, sostituendo quindi:

Dettagli

COMETA. Fondo nazionale pensione complementare per i lavoratori dell industria metalmeccanica, dell installazione di impianti e dei settori affini

COMETA. Fondo nazionale pensione complementare per i lavoratori dell industria metalmeccanica, dell installazione di impianti e dei settori affini COMETA Fondo nazionale pensione complementare per i lavoratori dell industria metalmeccanica, dell installazione di impianti e dei settori affini IL FONDO COMETA Lo scopo Fondo Nazionale Pensione Complementare

Dettagli

XI COMMISSIONE PERMANENTE

XI COMMISSIONE PERMANENTE Giovedì 2 luglio 2015 162 Commissione XI XI COMMISSIONE PERMANENTE (Lavoro pubblico e privato) S O M M A R I O INTERROGAZIONI: 5-04981 Ciprini: Condizioni dei lavoratori impiegati in attività di call center

Dettagli

La riforma degli ammortizzatori sociali. Legge n. 92 del 28 giugno 2012

La riforma degli ammortizzatori sociali. Legge n. 92 del 28 giugno 2012 La riforma degli ammortizzatori sociali Legge n. 92 del 28 giugno 2012 1 Il nuovo sistema degli ammortizzatori sociali si fonda su 3 pilastri: O Istituzione dell ASPI (Assicurazione Sociale per l Impiego)

Dettagli

La riforma degli ammortizzatori sociali ASPI e MINIASPI

La riforma degli ammortizzatori sociali ASPI e MINIASPI La riforma degli ammortizzatori sociali ASPI e MINIASPI La legge 28 giugno 2012 n. 92, di riforma del mercato del lavoro, opera un riassetto dell intera disciplina degli ammortizzatori sociali. Sul fronte

Dettagli

Politiche del lavoro

Politiche del lavoro Politiche del lavoro insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione Ampia gamma di politiche pubbliche, riconducibili a 3 tipi principali: 1) politiche per

Dettagli

Attuazione dell articolo 1 comma 2 legge 183/2014. Titolo I Disciplina della Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego (NASpI)

Attuazione dell articolo 1 comma 2 legge 183/2014. Titolo I Disciplina della Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego (NASpI) Attuazione dell articolo 1 comma 2 legge 183/2014 Titolo I Disciplina della Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego (NASpI) Art. 1 Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego

Dettagli

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI 1057 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: Editoriale de Il Giornale, 1 novembre 2015 1 novembre 2015 a cura di Renato Brunetta 2 Era fine agosto e la confusione

Dettagli

JOBS ACT IL TESTO UNICO DEI CONTRATTI DI LAVORO E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI

JOBS ACT IL TESTO UNICO DEI CONTRATTI DI LAVORO E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI JOBS ACT IL TESTO UNICO DEI CONTRATTI DI LAVORO E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI Con la presente si segnalano le principali novità introdotte dal d. lgs. 15 giugno 2015, n. 81, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

BONUS 80 EURO, BONUS BEBÈ E TFR IN BUSTA PAGA

BONUS 80 EURO, BONUS BEBÈ E TFR IN BUSTA PAGA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO NUOVI ADEMPIMENTI FISCALI DOPO LA LEGGE DI STABILITÀ BONUS 80 EURO, BONUS BEBÈ E TFR IN BUSTA PAGA Francesca Gerosa Commissione Diritto Tributario Nazionale

Dettagli

Documento sulle politiche contrattuali Presentato da Gianni Rinaldini, segretario generale Fiom-Cgil

Documento sulle politiche contrattuali Presentato da Gianni Rinaldini, segretario generale Fiom-Cgil Documento sulle politiche contrattuali Presentato da Gianni Rinaldini, segretario generale Fiom-Cgil Cervia 16 Maggio 2008 UNA NUOVA FASE DI CONTRATTAZIONE La contrattazione collettiva di tutti gli aspetti

Dettagli

La riforma del lavoro del governo Renzi: qualche (primo) commento. TOMMASO NANNICINI Università Bocconi e Presidenza del Consiglio dei Ministri

La riforma del lavoro del governo Renzi: qualche (primo) commento. TOMMASO NANNICINI Università Bocconi e Presidenza del Consiglio dei Ministri La riforma del lavoro del governo Renzi: qualche (primo) commento TOMMASO NANNICINI Università Bocconi e Presidenza del Consiglio dei Ministri Dispositivi legislativi e tempistica Decreto Poletti (L. conv.

Dettagli

Legge 9 dicembre 1977, n. 903 (G.U. 17.12.1977 n. 343) Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro

Legge 9 dicembre 1977, n. 903 (G.U. 17.12.1977 n. 343) Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro Legge 9 dicembre 1977, n. 903 (G.U. 17.12.1977 n. 343) Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro Art. 1 1. E vietata qualsiasi discriminazione fondata sul sesso per quanto riguarda

Dettagli

Donne tra passato e futuro in rapporto alla famiglia, il lavoro, la società e la politica

Donne tra passato e futuro in rapporto alla famiglia, il lavoro, la società e la politica Donne tra passato e futuro in rapporto alla famiglia, il lavoro, la società e la politica Il Segretario Confederale Liliana Ocmin Indice I valori delle donne, i valori della Cisl pg. 3 Il sistema di Welfare

Dettagli

Il traguardo della pensione si sposta in avanti per effetto di due interventi

Il traguardo della pensione si sposta in avanti per effetto di due interventi LE PENSIONI Nella manovra sui conti pubblici il pacchetto di misure introdotte dalla Legge n. 122/2010 in materia di pensioni si può considerare una vera e propria riforma, destinata ad imprimere una svolta

Dettagli

Atti Parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI

Atti Parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI Atti Parlamentari - 1 - Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NARDUCCI Modifica agli articoli 1, 2, 3 e 4 della legge 5 giugno 1997, n. 147, concernente la

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

LEGALITA e concretezza

LEGALITA e concretezza 20 Notiziario della Segreteria Generale del Sindacato Autonomo di Polizia Direttore Politico: NICOLA TANZI Direttore Responsabile: MASSIMO MONTEBOVE Registrazione Tribunale Roma n. 98 del 21 febbraio 2000

Dettagli

MERCATODELLAVORO: COSACAMBIA? INAS CISL - NUMERO VERDE 800 249 307 - WWW.INAS.IT. quotidiano della Cisl Anno 64 n. 249 - Lunedì 29 ottobre 2012

MERCATODELLAVORO: COSACAMBIA? INAS CISL - NUMERO VERDE 800 249 307 - WWW.INAS.IT. quotidiano della Cisl Anno 64 n. 249 - Lunedì 29 ottobre 2012 TUTELA ottavo 10-2012:Layout 1 18-10-2012 14:44 Pagina 3 quotidiano della Cisl Anno 64 n. 249 - Lunedì 29 ottobre 2012 Tutela IISN 0010-6348 Sped. in abb. postale 45% Roma - art. 2 comma 20 b legge 662/96

Dettagli

La struttura del sistema previdenziale

La struttura del sistema previdenziale QUANDO ANDRÒ IN PENSIONE? QUANTI SOLDI PRENDERÒ? E IL MIO TFR? Il sistema previdenziale pubblico e complementare 1 La struttura del sistema previdenziale I pilastro: la previdenza pubblica II pilastro:

Dettagli

i dossier L EMPLOYMENT OUTLOOK 2013 DELL OCSE E IL RAPPORTO INPS SULLE PENSIONI www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta

i dossier L EMPLOYMENT OUTLOOK 2013 DELL OCSE E IL RAPPORTO INPS SULLE PENSIONI www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com L EMPLOYMENT OUTLOOK 2013 DELL OCSE E IL RAPPORTO INPS SULLE PENSIONI 16 luglio 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 In data 16 luglio

Dettagli

Pensioni: correggere le gravi criticità della riforma Futuro a rischio per 350 mila lavoratori. La questione non è chiusa

Pensioni: correggere le gravi criticità della riforma Futuro a rischio per 350 mila lavoratori. La questione non è chiusa Pensioni: correggere le gravi criticità della riforma Futuro a rischio per 350 mila lavoratori. La questione non è chiusa Secondo le stime più attendibili, di 350 mila lavoratori che si trovano a dover

Dettagli

12 GIUGNO 2012 CARTA PARI OPPORTUNITÀ INAIL

12 GIUGNO 2012 CARTA PARI OPPORTUNITÀ INAIL 12 GIUGNO 2012 CARTA PARI OPPORTUNITÀ INAIL Presentazione Alessandra Servidori Desidero sottolineare l importanza che questa Carta ha grazie all impulso che il Ministro Fornero ha voluto dare al documento

Dettagli

LA NUOVA LEGGE SU CONTRATTI A TEMPO DETERMINATO E APPRENDISTATO

LA NUOVA LEGGE SU CONTRATTI A TEMPO DETERMINATO E APPRENDISTATO VERSIONE DIGITALE 2 Giugno 2014 LA NUOVA LEGGE SU CONTRATTI A TEMPO DETERMINATO E APPRENDISTATO Cosa cambia e cosa prevede il cosiddetto Decreto Poletti, trasformato nella legge 78/2014 È diventato legge

Dettagli

Prot. n. 310/07/NDM Roma, 19 luglio 2007. Ai Segretari Regionali e Territoriali CISL FP. Ai Coordinatori Generali SAS di Ministero - LORO SEDI -

Prot. n. 310/07/NDM Roma, 19 luglio 2007. Ai Segretari Regionali e Territoriali CISL FP. Ai Coordinatori Generali SAS di Ministero - LORO SEDI - Prot. n. 310/07/NDM Roma, 19 luglio 2007 Ai Segretari Regionali e Territoriali CISL FP Ai Coordinatori Generali SAS di Ministero - LORO SEDI - Cari Amici, come a tutti voi noto, presso la nostra sede nazionale

Dettagli