Noi PA: Prontuario Time Management

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Noi PA: Prontuario Time Management"

Transcript

1 Noi PA: Prontuario Time Management Pagina 1/34

2 INDICE 1. SCOPO DEL DOCUMENTO CONFIGURAZIONE DI BASE DEL SISTEMA TIME MANAGEMENT Configurazione Orario di Lavoro Configurazione delle Assenze Configurazione delle Spettanze Configurazione delle Indennità Configurazione Regole Calcolo Buoni Pasto CONFIGURAZIONE DATI LEGATI AI TRANSITI Causali da Lettore Anagrafica Lettori Anagrafica Badge ACQUISIZIONE DELLE TIMBRATURE Servizio web per la trasmissione delle timbrature Trasmissione di file in formato testo ALLEGATI Configurazione proposta Tracciati per acquisizione timbrature...33 Pagina 2/34

3 1. SCOPO DEL DOCUMENTO Il sistema Time Management è un applicativo che fornisce una soluzione completa di tutte le funzionalità proprie di un sistema di rilevazione presenze del personale interno di una Pubblica Amministrazione, nel pieno rispetto della normativa in vigore. L avvio del sistema Time Management presso un nuovo Ente prevede le attività di configurazione in modo da rendere rispondente il sistema sia alla normativa in vigore per l Ente sia all organizzazione operativa che l Ente si è data. In particolare, per agevolare l Ente nelle attività di configurazione, il sistema Time Management è reso disponibile con una configurazione di base coerente al comparto contrattuale di riferimento per l Ente; compito dell Ente, pertanto, è quello di verificare la configurazione di base per apportare le modifiche o integrare quanto già proposto. L obiettivo del documento è quello di fornire una prima panoramica informativa sulle principali entità che caratterizzano la rilevazione presenze in modo che l Ente possa da subito organizzarsi per un rapido svolgimento delle attività di sua competenza. Nel documento vengono descritte per ogni entità (es. Assenze, Indennità, Profili Orari, ) le variabili che le catterizzano e vengono riportati esempi per una maggiore comprensione di quanto descritto. Si riporta, inoltra, tra gli allegati una cartella excel contenente la configurazione proposta per ogni entità descritta. Pagina 3/34

4 2. CONFIGURAZIONE DI BASE DEL SISTEMA TIME MANAGEMENT L avvio del sistema Time Management presso una nuova Amministrazione richiede come prima operazione la configurazione di strumenti che, agendo parametricamente sulle principali variabili della rilevazione presenze, permettono di definire in modo omogeneo le regole utilizzate all interno del sistema Configurazione Orario di Lavoro Un profilo orario deve consentire la definizione degli orari di lavoro che un dipendente, associato a quel profilo, deve effettuare per garantire la copertura della settimana lavorativa. La configurazione di un profilo orario, pertanto, consente di definire: la fascia di prestazione, caratterizzata da una presenza obbligatoria, da un eventuale pausa per il pranzo, da un eventuale flessibilità in entrata, da un eventuale serie di giustificazioni automatiche di periodi di mancata presenza obbligatoria; il ciclo della prestazione, con cui viene definita la sequenza settimanale delle prestazioni che devono essere garantite dal dipendente. Fascia di prestazione Per la configurazione della fascia di prestazione bisogna, per ogni elemento caratterizzante la fascia, valorizzare le seguenti variabili: Presenza Obbligatoria Con presenza obbligatoria si intende il debito orario giornaliero che deve essere coperto dal dipendente con la propria presenza (prestazione giornaliera). Le variabili che catterizzano la presenza obbligatoria sono: Tipo gestione: indica le modalità con cui deve essere gestita la prestazione giornaliera; sono previste le seguenti gestioni: o Normale: prevede l obbligatorietà delle timbrature per certificare la presenza; o Presenza automatica: non prevede timbrature per certificare la presenza; o Presenza automatica con almeno due timbrature: timbrature per certificare la presenza sull intera fascia oraria; prevede l obbligatorietà di almeno due Pagina 4/34

5 o Timbratura presenza a semiturni prevede l obbligatorietà di una timbratura all interno di ciascun semiturno definito, per certificare la presenza sul rispettivo semiturno; o Timbratura presenza prevede l obbligatorietà di una timbratura all interno della fascia oraria per certificare la presenza sull intera fascia; o Singola timbratura nelle 24 ore per determinare la presenza: prevede l obbligatorietà di una timbratura qualsiasi nelle 24 ore per certificare la presenza sull intera fascia oraria; Tipo turno: indica il turno in cui ricade la prestazione giornaliera (Mattino, Pomeriggio, Notte, Mattino/Pomeriggio); Ore lavorabili: indica il numero di ore lavorabili nella giornata (es.: 6 ore, 7 ore e 12 minuti, ); Timbrature: si indicano gli orari di entrata e di uscita (mattina e pomeriggio, quest ultimo se previsto dalla prestazione giornaliera); Pausa Pranzo Un profilo orario può prevedere o meno la presenza della pausa pranzo sulla base sia della durata della prestazione giornaliera sia di quanto previsto nei CCNL dei comparti della Pubblica Amministrazione. Se prevista, le variabili che caratterizzano la gestione della pausa pranzo sono: Durata: indica la durata della pausa pranzo, Inizio Intervallo: indica l orario di inizio dell intervallo all interno del quale è ammessa l uscita per il pranzo, Fine Intervallo: indica l orario di fine massimo dell intervallo all interno del quale è ammesso il rientro dalla pausa pranzo. Nel caso non sia prevista la pausa pranzo oppure il dipendente non effettua la pausa, il sistema TM applica comunque uno stacco sull orario prevendo l interruzione dell orario per una la durata prevista dallo stacco (solitamente 30 minuti ma parametrizzabile dal singolo Ente). Flessibilità in Entrata La flessibilità in entrata consente di rendere flessibili gli orari di inizio e di fine della prestazione giornaliera sulla base dell orario in cui avviene la prima timbratura in entrata del dipendente rispetto alla prima Pagina 5/34

6 timbratura prevista dal profilo (timbratura teorica). Se prevista dal profilo orario, le variabili che caratterizzano la gestione della flessibilità in entrata sono: Tipo flessibilità: indica le modalità con cui deve essere gestita la flessibilità; sono previste le seguenti gtipologie di gestioni: o Nessuna flessibilità o Standard: prevede che al superamento della flessibilità l orario inizia dal teorico della fascia; Esempio: Inizio orario teorico Flessibilità Timbratura Entrata 08:40 Inizio orario effettivo 08:00 Debito Orario 00:40 o Standard1: prevede che al superamento della flessibilità l orario teorico della fascia inizia dalla massima flessibilità; Esempio: Inizio orario teorico Flessibilità Timbratura Entrata 08:40 Inizio orario effettivo 08:30 Debito Orario 00:10 o Semiturni: da utilizzare per orari definiti a semiturni, mattina/pomeriggio, in modo da gestire la flessibilità delle due prestazioni indipendentemente l una dall altra; al superamento della flessibilità l orario inizia dal teorico della fascia; o Semiturni1: da utilizzare per orari definiti a semiturni, mattina/pomeriggio, in modo da gestire la flessibilità delle due prestazioni indipendentemente l una dall altra; al superamento della flessibilità l orario teorico della fascia inizia dalla massima flessibilità; Pagina 6/34

7 Entrata Negativa: indica la quantità di flessibilità anticipata applicabile alla prima timbratura teorica; ad es.: se è prevista una flessibità anticipata di 30 minuti, è possibile iniziare la prestazione giornaliera con 30 minuti di anticipo rispetto all orario di inizio teorico e conseguentemente è possibile terminare la prestazione giornaliera con 30 minuti di anticipo rispetto all orario di fine teorico; Entrata Positiva: indica la quantità di flessibilità posticipata applicabile alla prima timbratura teorica; ad es.: se è prevista una flessibità posticipata di 1 ora, è possibile iniziare la prestazione giornaliera con 1 ora di ritardo rispetto all orario di inizio teorico e conseguentemente è possibile terminare la prestazione giornaliera con 1 ora di ritardo rispetto all orario di fine teorico. Assenze Automatiche La gestione delle assenze automatiche consente di definire l impostazione di periodi temporali all interno dei quali giustificare automaticamente le assenze in fase di quadratura della giornata. Le variabili che caratterizzano tale gestione sono: Causale assenza: indica l assenza da usare per la giustificazione automatica; Quantità massima: indica la durata massima dell assenza giustificabile automaticamente in fase di quadratura. Durata: indica l intervallo temporale (Dalle, Alle) all interno del quale un assenza viene automaticamente giustificata. Ciclo di Prestazione Solitamente un ciclo prestazione è articolato su base settimanale e la sua configurazione richiede sia la valorizzazione di alcune varibaili sia la distribuzione delle fascie prestazioni sui giorni della settimana con eventuale indicazione dei giorni di riposo. In particolare sono da valorizzare le seguenti variabili: Riposo festivo: indica come trattare la giornata lavorativa in caso di festività; se valorizzato la giornata festiva viene gestita come riposo; Presenza automatica: se valorizzato gestisce come presente il dipendente a cui è associato il ciclo anche in assenza di timbrature; Fascia di prestazione: identifica la fascia prestazione che viene associata al ciclo; Pagina 7/34

8 Numero Ripetizioni: indica il numero di giorni consecutivi in cui è valida la fascia prestazione: Riposo: è alternativo alla fascia prestazione e indica il tipo di riposo previsto nel giorno. A titolo puramente esemplificativo per una maggiore comprensione dei parametri sopra indicati riportimao di seguito due esempi di profili orari: Esempio 1: Profilo orario che prevede 7h12m come prestazione oraria giornaliera per cinque giorni settimanali, con pausa pranza di 30 minuti prevista dalle 13:00 alle 15:00, flessibilità positiva di 90 minuti e giustificazione automatica assenza per la flessibilità in entrata Fascia Prestazione Presenza Obbligatoria Tipo Gestione Tipo Turno Ore Lavorabili Entrata 1 Uscita 1 Entrata 2 Uscita 2 Normale Mattina 07:12 08:00 13:00 13:30 15:42 Si é assunto che la prestazione giornaliera abbia inizio alle 08:00 e termini alla 15:12 con una pausa pranzo prevista dalle 13:00 alle 13:30. Fascia Prestazione Pausa Pranzo Durata Dalle Alle 00:30 13:00 15:00 Se Uscita 1 e Entrata 2 avvengono nell arco temporale dalle 13:00 alla 15:00, il sistema assume TM che ci sia stata la pausa pranzo e tenderà a giustificare la mancata presenza con i 30 minuti previsti per la pausa pranzo. Se il dipendente non effettua alcuna timbratura, il sistema TM inserisce uno stacco di 30 minuti a partire dalle non considerando come presenza il periodo intercorrente tra le e le Fascia Prestazione Flessibilità Entrata Negativa Entrata Positiva Pagina 8/34

9 00:00 01:30 Se la prima timbratura viene effettuata entro le 9:30, il sistema assume l orario della prima timbratura come Entrata 1 e posticipa di conseguenza Uscita 2: se la prima timbratura è stata fatta alle 09:00, la prestazione giornaliera termina alle 16:42. Fascia Prestazione Assenze Automatica Causale Assenza Quantità Massima Dalle Alle Flessibilità in Entrata 01:30 08:00 09:30 Se la prima timbratura viene effettuata entro le 9:30, il sistema giustificherà automaticamente il debito orario intercorrente tra le 08:00 (orario previsto come inizio della prestazione giornaliera) e l ora della prima timbratura con la causale di assenza Flessibilità in Entrata ; se la prima timbratura è stata fatta alle 09:00, la mancata presenza dalle 08:00 alle 09:00 sarà giustificata come flessibilità in entrata. Ciclo della Prestazione Se assumiamo che sia codificata come Fascia1 la fascia prestazione indicata sopra, il ciclo della prestazione si articola come di seguito riportato Progressivo Fascia Riposo Numero Ripetizioni 1 Fascia Riposo Sabato 1 3 Riposo Domenica 1 Il ciclo della prestazione inizia con la Fascia1 che si ripete da lunedì a venerdi (5 ripetizioni). Esempio 2: Profilo orario che prevede un articolazione su cinque giorni con due rientri pomeridiani da effettuarsi il martedì e giovedi dalle 15:00 alle 18:00; su tutti i giorni è prevista una flessibilità negativa e positiva di 30 minuti e nei giorni di riento è prevista una pausa pranzo dalle 14:00 alle 15:00. Pagina 9/34

10 Il profilo orario richiede la configurazione di due fascie di prestazione: la prima per configurare le giornate di corta (Fascia 1), la seconda per configurare le giornate di lunga (Fascia 2). Fascia 1 Presenza Obbligatoria Tipo Gestione Tipo Turno Ore Lavorabili Entrata 1 Uscita 1 Entrata 2 Uscita 2 Normale Mattina 06:00 08:00 14:00 Si é assunto che la prestazione giornaliera abbia inizio alle 08:00 e termini alla 14:00. Fascia 1 Pausa Pranzo Durata Dalle Alle 00:00 00:00 00:00 La fascia non prevede pausa pranzo Fascia 1 Flessibilità Entrata Negativa Entrata Positiva 00:30 00:30 Se la prima timbratura viene effettuata tra le 7:30 e le 08:00, il sistema assume l orario della prima timbratura come Entrata 1 e anticipa di conseguenza Uscita 2: se la prima timbratura è stata fatta alle 07:45, la prestazione giornaliera termina alle 13:45. Se la prima timbratura viene effettuata entro le 8,30, il sistema assume l orario della prima timbratura come Entrata 1 e posticipa di conseguenza Uscita 2: se la prima timbratura è stata fatta alle 08:20, la prestazione giornaliera termina alle 14:20. Fascia 2 Presenza Obbligatoria Pagina 10/34

11 Tipo Gestione Tipo Turno Ore Lavorabili Entrata 1 Uscita 1 Entrata 2 Uscita 2 Normale Mattina/Pomeriggio 09:00 08:00 14:00 14:30 17:30 Si é assunto che la prestazione giornaliera abbia inizio alle 08:00 e termini alla 17:30 con una pausa pranzo prevista dalle 14:00 alle 14:30. Fascia 2 Pausa Pranzo Durata Dalle Alle 00:30 14:00 15:00 Se Uscita 1 e Entrata 2 avvengono nell arco temporale dalle 14:00 alla 15:00, il sistema assume TM che ci sia stata la pausa pranzo e tenderà a giustificare la mancata presenza con i 30 minuti previsti per la pausa pranzo. Se il dipendente non effettua alcuna timbratura, il sistema TM inserisce uno stacco di 30 minuti a partire dalle non considerando come presenza il periodo intercorrente tra le e le Fascia 2 Flessibilità Entrata Negativa Entrata Positiva 00:30 00:30 Se la prima timbratura viene effettuata tra le 7:30 e le 08:00, il sistema assume l orario della prima timbratura come Entrata 1 e anticipa di conseguenza Uscita 2: se la prima timbratura è stata fatta alle 07:45, la prestazione giornaliera termina alle 13:45. Se la prima timbratura viene effettuata entro le 8,30, il sistema assume l orario della prima timbratura come Entrata 1 e posticipa di conseguenza Uscita 2: se la prima timbratura è stata fatta alle 08:20, la prestazione giornaliera termina alle 14:20. Ciclo della Prestazione il ciclo della prestazione si articola come di seguito riportato Pagina 11/34

12 Progressivo Fascia Riposo Numero Ripetizioni 1 Fascia Fascia Fascia Fascia Fascia Riposo Sabato 1 7 Riposo Domenica 1 Con questa configurazione del ciclo il dipendente effettuerà le seguenti prestazioni orarie: Lunedì, Mercoledì, Venerdi 08:00 14:00 Martedì, Giovedì 08:00 17:30 In particolare, con le fascie così configurate è possibile definire più cicli prestazione modificando solo la sequenza delle fascie per gestire giornate di corta e di lunga nei diversi giorni della settimana a parità di prestazione oraria Configurazione delle Assenze Per la gestione delle assenze è necessario configurare una serie di regole che permettono di caratterizzare l assenza al fine della sua corretta gestione nel Sistema Time Management e di giustificare i periodi di mancata presenza da parte del dipendente. Tali regole devono consentire di definire la natura dell assenza (ferie, malattia, permessi, sciopero, altro.) e se la stessa deve essere: considerata come un periodo di presenza, fruibile esclusivamente in giornate intere, Pagina 12/34

13 fruibile in quantità inferiori alla giornata, soggetta alla verifica di eventuali limiti di utilizzo, soggetta al recupero tramite l utilizzo di una maggior presenza in altri periodi, soggetta ad un ciclo autorizzativo, soggetta all inserimento da Self-Service. La definizione di tali regole avviene attraverso la valorizzazione delle seguenti variabili: spettanza: indica l eventuale spettanza legata all assenza; quantità ore sul singolo evento giornaliero: si indica la quantità minima e massima di ore che deve essere impostata all atto dell associazione dell assenza al personale; quantità ore per intera giornati a: indica la quantità minima e massima di ore con cui l assenza può essere associata al personale nell arco di un intera giornata; copertura: indica se l'assenza deve ricoprire obbligatoriamente l'intera giornata e che quindi non può essere usufruita a ore. La catterizzazione di un assenza avviene anche attraverso parametri che possono assumere solo i valori di configurazione indicati nella tabella che segue. Codice Caratteristica Descrizione Caratteristica Possibili Valori AG01 Tipologia Giuridica dell Assenza Tale parametro viene utilizzato per identificare la tipologia di assenza nell ambito della classificazione delle Posizioni di Stato e dell assenza per malattia. Identifica tra l altro una potenziale diversità nella modalità di gestione e validazione dell assenza. - NA: Non applicabile (nessuna gestione, normalmente usato per le assenze automatiche interne all applicazione) - PDS_A: Posizione di Stato di Tipo "A" (assenze orarie senza approvazione o semplicemente con notifica informativa) - PDS_B: Posizione di Stato di Tipo "B" (assenze giornaliere con possibile approvazione da parte di un Ufficio Giuridico Competente) - PDS_C: Posizione di Stato di Tipo "C" (assenze orarie/giornaliere con possibile approvazione da parte del Dirigente o suo incaricato es. Ferie) - PDS_D: Posizione di Stato di Tipo D (assenze gestite direttamente da un Ufficio Giuridico Competente es. Pagina 13/34

14 Codice Caratteristica Descrizione Caratteristica Possibili Valori Aspettative e Disciplinari) - MALATTIA: Malattia (assenze riconducibile alla gestione delle Malattie e affini) AG02 Riduzione dell Anzianità di Servizio Individua le assenze che impattano sull anzianità di servizio - SI: Riduce l anzianità di servizio - NO: Non riduce l anzianità di servizio - NA: Non applicabile ASP1 Assenza valida per il controllo dei 122 gg (ASPET) Individua le assenze che concorrono o meno ad interrompere il periodo dei 122 giorni di servizio che devono intercorrere tra due eventi di aspettativa - 0: Non valida per il controllo dei 122 gg per l'aspet - 1: Valida per il controllo dei 122 gg per l'aspet ASP2 Assenza da sottoporre al controllo dei 122 gg Asp Individua le assenze per le quali all atto dell inserimento si deve controllare o meno la presenza di 122 giorni servizio prima di concedere il nuovo periodo di aspettativa - 0: Da non sottoporre al controllo dei 122 gg Aspett - 1: Da sottoporre al controllo dei 122 gg Aspett ASS1 Trattamento Economico dell Assenza Permette di classificare l assenza in base al suo trattamento economico. In particolare si suddividono le assenze in: retribuita (senza compensazione) non retribuita e recuperabile (si compensazione) non retribuita e non recuperabile (no compensazione) retribuita tramite parametro Generazione Prestazioni (causale che genera ordinario e quindi come tale retribuita) - 0: Retribuita - 1: Non retribuita recuperabile - 2: Non retribuita non recuperabile - 3: Retribuita tramite parametro Generazione Prestazioni ASS2 Giorni di Inserimento per l Assenza Ogni tipologia di assenza ha un trattamento differente se presa in giorni consecutivi a cavallo del fine settimana. Il parametro individua quelle che necessitano di conteggiare anche i giorni festivi e di riposo - 0: Nei soli giorni Lavorativi - 1: In tutti i giorni - 2: Nei Lavorativi ed equiparabili al Sabato ASS3 Tipologia Statistica dell Assenza Ai fini del calcolo statistico. Definisce la macrocategoria di assenza - 0: Generica (Motivi Vari) - 1: Malattia - 2: Servizio / Missione - 3: Permesso Retribuito - 4: Convalescenza e Ricovero - 5: Infortunio - 6: Permesso Sindacale - 7: Permesso Non Retribuito Pagina 14/34

15 Codice Caratteristica Descrizione Caratteristica Possibili Valori - 8: Maternità - 9: Malattia Figlio - 10: Aspettativa ASS4 Tipologia della Quantità dell Assenza Individua le modalità di comunicazione dell assenza (giorni interi / ore - minuti) - 0: Espressa in Ore e Minuti - 1: Espressa in Intere Giornate e Parziali (0.5) - 2: Espressa in Intere Giornate ASS5 Tipologia della Validità dell Assenza Parametro che individua la necessità di conteggiare/non conteggiare l assenza in alcune voci di calcolo statistico (es. Numero di Giorni lavorati in un mese) - 0: Non Valida per la Presenza Giornaliera - 1: Valida per la Presenza Giornaliera ASS6 Tipologia delle Assenze Identifica se questa assenza rientra/non rientra tra le spettanze e in caso affermativo se sono generate automaticamente o definite dall utente - 0: Assenza senza spettanza matricolare - 1: Assenza con spettanza automatica - 2: Assenza con spettanza matricolare a cura utente ASS8 Fruibile per l'intera giornata Indica se l assenze può essere fruita per coprire l intero periodo di servizio o meno - 0: Non fruibile per l'intera giornata - 1: Fruibile per l'intera giornata AS10 Validità per il calcolo Indennità anagrafiche Consente l individuazione delle assenze che devono essere equiparate alle prestazioni lavorative ai fini del riconoscimento delle indennità anagrafiche (retributivo) - 0: Non valida ai fini delle Indennità Anagrafiche - 1: Valida ai fini delle Indennità Anagrafiche AS11 Validità dell Assenza per l Assegnazione Ticket Consente l individuazione delle assenze che devono essere conteggiate insieme alle ore effettivamente lavorate ai fini dell assegnazione del buono pasto - 0: Non Valida per l'assegnazione del Ticket - 1: Valida per l assegnazione del Ticket - 2: Valida per l assegnazione Ticket tranne regola 1 AS15 Priorità dell Assenza rispetto all Ordinario Se valorizzato definisce la priorità dell assenza rispetto all ordinario, non conteggiando quest ultimo in caso di periodi di accavallamento - 0: Assenza senza priorità rispetto all Ordinario - 1: Assenza che ha priorità rispetto all Ordinario AS16 Modalità di utilizzo rispetto alla Flessibilità Varia l imputazione del periodo di assenza all interno della eventuale flessibilità oraria prevista - 0: Assenza che non influenza la Flessibilità - 1: Assenza che influenza la flessibilità: inizio dal teorico - 2: Assenza che influenza Flessibilità: inizio dal teorico + Flessibilità AS17 Generazione Prestazioni Tramite questo parametro si stabilisce se l assenza è assimilabile o meno ad una presenza giornaliera e se quindi l inserimento dell assenza deve generare una simulazione della presenza in Ufficio (es. Servizio fuori sede) - 0: Assenza che non genera Prestazione - 1: Assenza che genera Prestazione Pagina 15/34

16 Codice Caratteristica Descrizione Caratteristica Possibili Valori AS18 Totalizzazione sul cartellino Permette di indicare alla procedura di stampa del Cartellino delle presenze di fine mese, se visualizzare o meno l assenze nel dettaglio giornaliero e/o nel riepilogo complessivo mensile - 0: Visualizzazione completa (dettaglio Giornaliero e Riepilogo) - 1: Visualizzazione solo nel dettaglio Giornaliero - 2: Visualizzazione solo nel Riepilogo - 3: Nessuna Visualizzazione AS19 Validità per lo stacco Individua le assenze che devono essere conteggiate insieme alla presenza effettiva in ufficio per il computo delle ore minime previste per la generazione dello stacco obbligatorio - 0: Assenza non valida per il conteggio ore di stacco - 1: Assenza valida per il conteggio ore di stacco - 2: Assenza valida per conteggio ore di stacco Comparto pubblico impiego AS20 Procedura designata alla gestione della causale Permette di decidere la gestione dell assenza tra Procedura Esterna e SPRING (assenze ad eventi) e tra GIORNALIERA o AD EVENTI - 0: Gestione Giornaliera (SPRING) - 1: Gestione ad Eventi (SPRING) - 2: Gestione ad eventi (Proc. Esterna) AS21 Controllo di Capienza Gruppi Generali Consente di suddividere le assenze in base alla presenza o meno di tetti complessivi e generali (ad es: per le assenze sindacali occorre un monte ore comune imputabile dall utente) - 0: Assenza senza controllo di capienza generale - 1: Assenza con controllo generale automatico - 2: Assenza con controllo generale a cura utente AS24 Assegnazione per Ticket Giornaliero Permette la gestione dell assegnazione del buono pasto in base a parametri personalizzabili dall utente - NO TICKET: Non valida per l assegnazione Ticket - SI TICKET: Valida per l assegnazione del Ticket - TICKET MAT: Valida per il Ticket solo la mattina - TICK SIND: Valida per il ticket permessi sindacali retribuiti AS26 Continuità Assenza Consente, se applicabile, di definire le assenze che non possono essere fruite in giorni consecutivi - 0: Fruibile in Giorni anche continuativi - 1: Non Fruibile in Giorni continuativi AS30 Assenza Collettiva Indica se l assenza è comunicabile per tutto un ufficio contemporaneamente attraverso un apposita funzione - 0: Non Gestibile per inserimenti Collettivi - 1: Gestibile per inserimenti Collettivi AS31 Periodi precedenti l assunzione INAM Percentuale su Indennità Amministrazione Indica se l assenza può essere comunicata per periodi precedenti l assunzione o meno Indica se l assenza abbatte o meno il valore economico dell Indennità di Amministrazione - 0: L assenza non può essere comunicata per periodi precedenti l assunzione - 1: L assenza può essere comunicata per periodi precedenti l assunzione - NA: Non applicabile - 30: Indennità Amministrazione ridotta al 30% - 50: Indennità Amministrazione ridotta al 50% Pagina 16/34

17 Codice Caratteristica Descrizione Caratteristica Possibili Valori RELA Raggruppamento per Relazione Annuale Permette di raggruppare le assenze secondo le categorie di totalizzazione richieste dalla Relazione del Conto Annuale di Funzione Pubblica - 00: Nessun Raggruppamento - 15: Part-Time - 16: Ferie - 17: Permessi Retribuiti - 18: Permessi Studio - 19: Altri Permessi e Assenze Retribuite - 20: Malattia - 21: Maternità - 22: Legge 104/92-23: Aspettativa - 24: Altre Assenze non Retribuite - 25: Incarichi Istituzionali - 26: Incarichi Personali - 27: Permessi Sindacali - 28: Corsi Formazione Riqualificazione - 29: Scioperi RSPT Algoritmo per riduzioni SPT Identifica l algoritmo usato per la determinazione riduzioni economiche generate da inviare al sistema Economico SPT - ASI: Assegni Interi - GCUM: Gestione Cumuli - RFIS: Riduzione Fissi SSDG Approvazione Assenze con o senza delega Permette di indicare al sistema se l assenza prevede una Approvazione formale, un parere o nessuna nota da parte del proprio Dirigente responsabile - 0: Approvazione - 1: Nessuna approvazione - 2: Parere MONASS Monitoraggio Assenze Permette di indicare al sistema se l assenza deve essere utilizzata al fine del monitoraggio assenze rrichesto da Funzione Pullica - 0: Monitoraggio Assenze - 1: Monitoraggio Assenze L : Altre assenze - 3: Assenza da non considerare TASASS Tassi di Assenza Permette di indicare al sistema se l assenza deve essere utilizzata al fine del monitoraggio dei tassi di assenza rrichesto da Funzione Pullica - 0: Tassi di assenza - 1: Assenza da non considerare Per le assenze che prevedono una capienza definita, cioè una certa quantità di assenza di cui poter usufruire in un determinato arco temporale (ad es. assenze per malattia, aspettativa per motivi di famiglia), è necessario valorizzare le seguenti variabili: Pagina 17/34

18 tipologia controllo capienza: indica se il controllo di capienza è generale (es. Permessi Sindacali il cui tetto di fruizione è unico per tutti i dipendenti) o matricolare (ogni dipendente ha il proprio contatore); tipo quantità: indica l unità di misura della capienza (a giorni oppure ad ore); quantità: indica la capienza; mesi periodo: indica il periodo all interno del quale è necessario effettuare il controllo sulla capienza; tipo gestione capienza: indica se il controllo è rispetto all evento o rispetto al periodo; bloccante: indica se l eventuale superamento della capienza deve essere bloccante o meno rispetto al nuovo tentativo di inserimento dell assenza; riproporzionamento part time: indica se la quantità della capienza deve essere riproporzionata per i dipendenti in part time. Esempio 1: La malattia è il caso tipico di assenza a cui è associata una capienza matricolare, anzi nel caso specifico sono associate tre capienze: entro i 9 mesi, entro i 12 mesi, entro 18 mesi. Di seguito riportiamo la valorizzazione delle variabili relative alla capienza per i 9 mesi (le restanti due differiscono solo per la quantità della capienza). Tipologia Tipo Quantità Mesi Tipo Gestione Bloccante Riproporzionamento Controllo Capienza Quantità Capienza Periodo Capienza Part Time Singola Persona Giorni Su singolo evento N N Esempio 2: il permesso sindacale è il caso tipico di assenza a cui è associata una capienza generale non legata al singolo dipendente; in particolare viene definita una capienza per ogni sigla sindacale presente nell Ente. Tipologia Tipo Quantità Mesi Tipo Gestione Bloccante Riproporzionamento Controllo Capienza Quantità Capienza Periodo Capienza Part Time Generale Giorni 99 1 Su singolo evento N N Pagina 18/34

19 Con questa configurazione, i dipendenti possono usufruire permessi sindacali riferibili ad una stessa sigla sindacale fino al massimo di 99 ore nel corso del mese solare Configurazione delle Spettanze Per spettanze si intendono quelle assenze che spettano di diritto e possono essere fruite solo nel rispetto di massimali e limiti di concedibilità temporali stabiliti univocamente dalla normativa (es. congedi parentali, legge 104,.). La configurazione delle spettanze richiede la valorizzazione delle seguenti variabili: tipologia spettanza: indica se si tratta di una spettanza generale (es. Ferie ed Ex-Festività associate di default a tutto il personale e il cui periodo è normalmente l anno solare) o matricolare (es. Congedi Parentali: l associazione è puntuale a ogni dipendente che ne ha diritto rispetto a determinati criteri e il periodo di fruibilità è personale per ogni associazione); tipo gestione: indica se il controllo sulla spettanza matricolare deve essere effettuato rispetto al periodo di validità della spettanza stessa o rispetto al verificarsi del primo evento ; tipo quantità: indica l unità di misura (Giorni oppure Ore) utilizzata per una spettanza; quantità: indica il valore di default di una spettanza matricolare; durata periodo: indica il periodo di validità della spettanza (può essere espressa in anni/mesi/giorni); riproporzionamento part time: indica se l indennità è soggetta ad un riprozionamento per i dipendenti in part time con possibilità di specificare il tipo di part time (orizzontale, verticale, misto) per il quale applicare il riprorzionamento; bloccante: indica se l eventuale superamento della spettanza deve essere bloccante o meno rispetto al nuovo tentativo di inserimento dell assenza; familiare: indica l obbligatorietà o meno di indicare il familiare per il quale si ha diritto alla spettanza (es. Assistenza a familiare portatore di Handicap L. 104, malattia figlio,..); data di nascita: indica l obbligatorietà o meno di indicare la data di nascita del familiare per il quale si ha diritto alla spettanza (es. Congedi Parentali per malattia figlio). A titolo puramente esemplificativo per una maggiore comprensione dei parametri sopra indicati riportiamo di seguito due esempi di configurazione Pagina 19/34

20 Esempio 1: Malattia figlio fino a 3 anni Tipologia Tipo Tipo Quantità Durata Riproporzionamento Bloccante Familiare Data di Spettanza Gestione Quantità Periodo Part Time Nascita Matricolare Su singolo evento Giorni 30 1 Anno N N S N Con la gestione su singolo evento, il sistema all atto dell inserimento dell assenza effettua un controllo di capienza considerando tutte le assenze usufruite per quella spettanza dalla data di decorrenza della spettanza alla data dell assenza che si sta inserendo. Questa modalità deve essere utilizzata quando è possibile inserire assenze pregresse. Esempio 2: Assistenza Familiari portatori di handicap Tipologia Tipo Tipo Quantità Durata Riproporzionamento Bloccante Familiare Data di Spettanza Gestione Quantità Periodo Part Time Nascita Matricolare Su intero periodo Giorni 3 1 Mese N S S N Con la gestione su intero periodo, il sistema all atto dell inserimento dell assenza effettua un controllo di capienza rispetto al periodo di riferimento; nel caso specifico il periodo di riferimento è tipicamente il mese solare Configurazione delle Indennità Time Management prevede la definizione sia di indennità anagrafiche (associate al dipendente) calcolate sia sui dati giornalieri (indennità anagrafica giornaliera) che sui dati riepilogativi di fine mese (indennità anagrafica mensile) sia indennità di prestazione (associata a particolari orari di lavoro) che potranno riguardare l intera giornata lavorativa o parti di essa. La maturazione dell indennità si basa su regole definite per la singola indennità. La configurazione delle indennità richiede la valorizzazione delle variabili: Pagina 20/34

REGOLAMENTO SULL'ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEL COMUNE DI PADRIA

REGOLAMENTO SULL'ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEL COMUNE DI PADRIA REGOLAMENTO SULL'ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEL COMUNE DI PADRIA Il presente regolamento, ai sensi dell art. 5, comma 2, del D.Lgs. n. 165/2001, disciplina i tempi e le modalità

Dettagli

Manuale Utente. Gestione Presenze. Versione 1.0 del 27/12/2012. Pagina 1 di 184

Manuale Utente. Gestione Presenze. Versione 1.0 del 27/12/2012. Pagina 1 di 184 Manuale Utente Gestione Presenze Versione 1.0 del 27/12/2012 Pagina 1 di 184 Indice 1 Introduzione... 5 2 Aspetti generali... 6 2.1 Interfaccia grafica... 7 2.2 Standard di utilizzo... 9 3 NoiPA Gestione

Dettagli

COMUNE DI PLOAGHE PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI PLOAGHE PROVINCIA DI SASSARI / COMUNE DI PLOAGHE PROVINCIA DI SASSARI REGOLAMENTO DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO ED EROGAZIONE BUONI PASTO approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 92 in data 06.11.2014 modificato con

Dettagli

Polo Universitario della Provincia di Agrigento

Polo Universitario della Provincia di Agrigento Polo Universitario della Provincia di Agrigento DIRETTIVA DEL RESPONSABILE DEL SETTORE AA.GG. N. 3 del _15/02/2013_ OGGETTO: GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO COMUNE DI OMEGNA

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO COMUNE DI OMEGNA REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO COMUNE DI OMEGNA Approvato con delibera G.C. n.24 in data 11 febbraio 2009 Modificato con deliberazione di Giunta Comunale n.126 del 15/07/2009 Modificato con

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE POLITICHE DEGLI ORARI

REGOLAMENTO SULLE POLITICHE DEGLI ORARI REGOLAMENTO SULLE POLITICHE DEGLI ORARI Approvato con deliberazione n. 61 del 23.10.2006 ART. l Orario di servizio Per orario di servizio si intende il periodo di tempo giornaliero necessario per assicurare

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ALLEGATO A ALLA DELIBERA DI G.C. N. 71 DEL 05.11.2009 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI

Dettagli

Easy Time. Software per la Rilevazione Presenze. Via Vic.le Terracina Infermeria, 10-80125 Napoli (NA)

Easy Time. Software per la Rilevazione Presenze. Via Vic.le Terracina Infermeria, 10-80125 Napoli (NA) Easy Time Software per la Rilevazione Presenze Easy Time... 1 Software per la... 1 Rilevazione Presenze... 1 2M... Errore. Il segnalibro non è definito. 1. PRESENTAZIONE... 3 2. DESCRIZIONE... 3 3. ANAGRAFICA

Dettagli

Per tutti i profili la prestazione lavorativa dovrà essere resa fra le 7.30 e le 20.00.

Per tutti i profili la prestazione lavorativa dovrà essere resa fra le 7.30 e le 20.00. A far data da marzo 2011 entrerà in funzione il nuovo sistema di gestione presenze che snellirà tutte le procedure ad esso connesse con particolare riguardo alla rilevazione delle timbrature e dei giustificativi.

Dettagli

COMUNITA MONTANA LL9:SiNO FRASASSI

COMUNITA MONTANA LL9:SiNO FRASASSI COMUNITA MONTANA LL9:SiNO FRASASSI (Anibito 3) 60044 FABRIAN() (AN) (Provincia di Ancona) REGOLAMENTO PER LA D1SCIPLIN DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO E PER LA EROGAZIONE ED UTILIZZO DEI BUONI PASTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO Allegato alla deliberazione di G.C. n. 23 del 16.02.2013 Art. 1 - Definizioni 1. Nel presente regolamento alle sotto elencate espressioni

Dettagli

COMUNE DI TAIBON AGORDINO REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO

COMUNE DI TAIBON AGORDINO REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO COMUNE DI TAIBON AGORDINO REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO Approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 96 del 30.12.2014 In vigore dal 01.01.2015 ART. 1 ORARIO DI LAVORO 1. Per orario di

Dettagli

Regolamento sull orario del personale del comparto ARPAV

Regolamento sull orario del personale del comparto ARPAV Raccolta Regolamenti ARPAV n. 28 Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto Regolamento sull orario del personale del comparto ARPAV Approvato con deliberazione del Decreto

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI POLITICHE DELL ORARIO DI LAVORO

REGOLAMENTO IN MATERIA DI POLITICHE DELL ORARIO DI LAVORO REGOLAMENTO IN MATERIA DI POLITICHE DELL ORARIO DI LAVORO ART. 1 - OGGETTO 1. Il presente regolamento, adottato con la capacità e i poteri del privato datore di lavoro, ai sensi dell art. 89, comma 6,

Dettagli

GERIPWEB MANUALE UTENTE DIPENDENTE

GERIPWEB MANUALE UTENTE DIPENDENTE GERIPWEB MANUALE UTENTE DIPENDENTE Sommario INIZIALIZZAZIONE ACCESSO... 3 INTERFACCIA GESTIONE GIORNALIERA... 4 GESTIONE ANOMALIE INSERIRE UN GIUSTIFICATIVO... 6 MODIFICARE O CANCELLLARE UN GIUSTIFICATIVO...

Dettagli

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO, DI SERVIZIO E DI APERTURA AL PUBBLICO. Art. 1 Fonti e campo di applicazione

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO, DI SERVIZIO E DI APERTURA AL PUBBLICO. Art. 1 Fonti e campo di applicazione REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO, DI SERVIZIO E DI APERTURA AL PUBBLICO Art. 1 Fonti e campo di applicazione 1. Il presente regolamento disciplina l orario di lavoro del personale tecnico e amministrativo

Dettagli

Lavoro supplementare / straordinario. pag. 08-10. Orario settimanale / turno. pag. 11-13 Straordinario pag. 14-15

Lavoro supplementare / straordinario. pag. 08-10. Orario settimanale / turno. pag. 11-13 Straordinario pag. 14-15 1 Indice PRESENTAZIONE pag. 03 TASTI FUNZIONE pag. 04 ACCESSO AL PROGRAMMA. pag. 06 TABELLE E PARAMETRI... pag. 08 CCNL Contratti Collettivi Nazionali Lavoro.. pag. 08 Lavoro supplementare / straordinario.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Dall hardware al software, Rivetta Sistemi è in grado di fornire la soluzione migliore per il controllo delle presenze del personale

Dall hardware al software, Rivetta Sistemi è in grado di fornire la soluzione migliore per il controllo delle presenze del personale Un'attenta gestione delle risorse umane non può prescindere da quella delle Presenze. Rivetta Sistemi opera nel settore specifico con una serie di pacchetti applicativi atti a risolvere le problematiche

Dettagli

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Le presente direttive vengono adottate al

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO. (Approvato con delibera Giunta Comunale n. 29 del 3 marzo 2010)

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO. (Approvato con delibera Giunta Comunale n. 29 del 3 marzo 2010) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO (Approvato con delibera Giunta Comunale n. 29 del 3 marzo 2010) 1 INDICE Art. 1 Definizioni Art. 2 Articolazione dell orario di lavoro Art.

Dettagli

Manuale Utente. Documento di sintesi Versione 2.7 del 24/02/2015. Pagina 1 di 243

Manuale Utente. Documento di sintesi Versione 2.7 del 24/02/2015. Pagina 1 di 243 Manuale Utente Documento di sintesi Versione 2.7 del 24/02/2015 Pagina 1 di 243 Indice 1 Introduzione... 6 2 Aspetti generali... 7 2.1 Interfaccia grafica... 9 2.2 Standard di utilizzo... 11 3 NoiPA Gestione

Dettagli

Dall hardware al software, Rivetta Sistemi è in grado di fornire la soluzione migliore per il controllo delle presenze del personale

Dall hardware al software, Rivetta Sistemi è in grado di fornire la soluzione migliore per il controllo delle presenze del personale Un'attenta gestione delle risorse umane non può prescindere da quella delle Presenze. Rivetta Sistemi opera nel settore specifico con una serie di pacchetti applicativi atti a risolvere le problematiche

Dettagli

Sistema di gestione del personale: servizi per gli Enti del comparto Regioni e Autonomie Locali

Sistema di gestione del personale: servizi per gli Enti del comparto Regioni e Autonomie Locali Sistema di gestione del personale: servizi per gli Enti del comparto Regioni e Autonomie Locali Gennaio 2014 INDICE 1. Premessa... 3 2. Anagrafiche... 4 2.1. Dati Ente... 4 2.2. Dati anagrafici degli Amministrati...

Dettagli

LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO Art. 1 (Orario di lavoro Dovuto Ordinario Straordinario Orario di Servizio. Definizioni)

LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO Art. 1 (Orario di lavoro Dovuto Ordinario Straordinario Orario di Servizio. Definizioni) LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO Art. 1 (Orario di lavoro Dovuto Ordinario Straordinario Orario di Servizio. Definizioni) 1. Nell ambito dell orario di lavoro si distinguono: Dovuto è il complesso teorico

Dettagli

COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012

COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012 COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012 ACCORDO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Il presente accordo

Dettagli

COMUNE DI LANCIANO (Provincia di Chieti)

COMUNE DI LANCIANO (Provincia di Chieti) COMUNE DI LANCIANO (Provincia di Chieti) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO, DEL LAVORO STRAORDINARIO, DEI PERMESSI, DEI RITARDI E DELLE ASSENZE DEI DIPENDENTI

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CELANO

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CELANO REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CELANO ART. 1. DEFINIZIONI ART. 2. ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI SERVIZIO ART. 3. ORARIO ORDINARIO

Dettagli

AZIENDA SPECIALE TORINO INCONTRA Regolamento della gestione organizzativa e del personale

AZIENDA SPECIALE TORINO INCONTRA Regolamento della gestione organizzativa e del personale AZIENDA SPECIALE TORINO INCONTRA Regolamento della gestione organizzativa e del personale Articolo 1 Orario di lavoro 1. L orario normale di lavoro è di 40 ore settimanali corrispondenti a 8 ore al giorno

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI. Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 40 del 20/03/2014. REGOLAMENTO PER LA

Dettagli

Disciplinare relativo alle modalità di gestione delle presenze, assenze ed orario di lavoro del personale dipendente

Disciplinare relativo alle modalità di gestione delle presenze, assenze ed orario di lavoro del personale dipendente Disciplinare relativo alle modalità di gestione delle presenze, assenze ed orario di lavoro del personale dipendente Approvato con delibera Giunta Comunale n. 97 del 27/08/2013 1 Articolo 1 OGGETTO DEL

Dettagli

SOFTWARE PER LA RILEVAZIONE PRESENZE TIME & WORK

SOFTWARE PER LA RILEVAZIONE PRESENZE TIME & WORK SOFTWARE PER LA RILEVAZIONE PRESENZE TIME & WORK Descrizione Per la gestione del rilevamento presenze, nell ambiente Start, Solari ha concepito Time&Work, un applicazione che rappresenta una soluzione

Dettagli

DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO, DI SERVIZIO E DI APERTURA AL PUBBLICO

DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO, DI SERVIZIO E DI APERTURA AL PUBBLICO Prot. 74899 Corso Vittorio Emanuele II, 17 26100 CREMONA c.f. 80002130195 DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO, DI SERVIZIO E DI APERTURA AL PUBBLICO (NORME ORGANIZZATIVE DI CARATTERE GENERALE) 1. ORARIO DI

Dettagli

COMUNE DI TRENTINARA

COMUNE DI TRENTINARA REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI ACCESSO DEL PUBBLICO Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n.142 del 9 dicembre 2013 Art. 1 - Finalità e ambito di intervento Il presente Regolamento,

Dettagli

REGOLAMENTO per la disciplina dell orario di servizio e di lavoro

REGOLAMENTO per la disciplina dell orario di servizio e di lavoro REGOLAMENTO per la disciplina dell orario di servizio e di lavoro Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento alle sotto elencate espressioni si attribuisce il significato a fianco di ciascuno indicato:

Dettagli

Art. 3 Articolazione dell orario di lavoro settimanale Art. 4 Norme generali e modalità di rilevazione e controllo delle presenze

Art. 3 Articolazione dell orario di lavoro settimanale Art. 4 Norme generali e modalità di rilevazione e controllo delle presenze REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO, DEL LAVORO STRAORDINARIO, DELLE FERIE, DEI PERMESSI, DEI RITARDI E DELLE ASSENZE DEI DIPENDENTI SOMMARIO Art. 1 Finalità e ambito di intervento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO SANITA IN SERVIZIO PRESSO ARPA UMBRIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO SANITA IN SERVIZIO PRESSO ARPA UMBRIA Allegato A) alla D.D.G. n. 521 del 28/12/2011 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO SANITA IN SERVIZIO PRESSO ARPA UMBRIA Art.

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI QUARTU SANT ELENA

REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI QUARTU SANT ELENA REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI QUARTU SANT ELENA ART.1 OGGETTO 1. Il presente regolamento, adottato con la capacità e i poteri del privato datore di lavoro, ai sensi dell

Dettagli

Comune di Albissola Marina Provincia di Savona

Comune di Albissola Marina Provincia di Savona Comune di Albissola Marina Provincia di Savona Regolamento dell orario di lavoro, dell orario di servizio e di apertura al pubblico degli uffici comunali Approvato con deliberazione della G.C. n. 112 del

Dettagli

DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO

DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO CITTÀ DI OZIERI PROVINCIA DI SASSARI DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO APPROVATO CON DELIBERAZIONE G.C. N.101 DEL 05.06.2013 1 Indice A Orario di Lavoro B Flessibilità dell'orario C Pausa

Dettagli

COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI

COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI ********************** Approvato con Deliberazione di

Dettagli

Regolamento interno del personale dell OMCeO di Monza e Brianza

Regolamento interno del personale dell OMCeO di Monza e Brianza Regolamento interno del personale dell OMCeO di Monza e Brianza 1. Applicabilità. Il presente regolamento interno viene predisposto dall OMCeO di Monza e Brianza al fine di regolarizzare lo svolgimento

Dettagli

COMUNE di BUSACHI Provincia di Oristano

COMUNE di BUSACHI Provincia di Oristano COMUNE di BUSACHI Provincia di Oristano Piazza Italia, 1 Tel. 0783 62010-62274 - Fax 0783 62433 - P. IVA 00541880951 REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO Approvato

Dettagli

Prot. n. 124092/50/IV/7.4.6 Palermo, 28.08.2008

Prot. n. 124092/50/IV/7.4.6 Palermo, 28.08.2008 REPUBBLICA ITALIANA CODICE FISCALE 80012000826 PARTITA I.V.A. 02711070827 DIPARTIMENTO REGIONALE DEL PERSONALE, DEI SERVIZI GENERALI, DI QUIESCENZA, PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEL PERSONALE AREA INTERDIPARTIMENTALE

Dettagli

Manuale Utente Infoweb e Gestione amministrativa modelli giustificativi

Manuale Utente Infoweb e Gestione amministrativa modelli giustificativi Manuale Utente Infoweb e Gestione amministrativa modelli giustificativi Versione Aggiornata a Gennaio 2010 Sommario 1 Manuale utente d utilizzo della procedurainfoweb... 3 1.1 Accesso a InfoWeb... 3 1.2

Dettagli

COMUNE DI CALITRI ( Provincia di Avellino )

COMUNE DI CALITRI ( Provincia di Avellino ) COMUNE DI CALITRI ( Provincia di Avellino ) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO Art. 1 - Definizioni 1. Ai fini del presente Regolamento alle sotto elencate espressioni si

Dettagli

FERIE, PAR, RIDUZIONI ORARIO, LAVORO STRAORDINARIO e RIPOSI PERMESSI PER FERIE

FERIE, PAR, RIDUZIONI ORARIO, LAVORO STRAORDINARIO e RIPOSI PERMESSI PER FERIE FERIE, PAR, RIDUZIONI ORARIO, LAVORO STRAORDINARIO e RIPOSI PERMESSI PER FERIE Di seguito l indicazione della spettanza ferie per ciascuna categoria di beneficiari, come prevista dal vigente CONTRATTO

Dettagli

Gestione Presenze. Ufficio Personale

Gestione Presenze. Ufficio Personale Indispensabile strumento di controllo dell attività dei dipendenti delle PA. Gestione e monitoraggio delle ore lavorative di tutto il personale. Verifica in tempo reale della presenza di un dipendente.

Dettagli

LE PARTI PREMESSO CHE

LE PARTI PREMESSO CHE AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE DI MODENA ACCORDO RELATIVO ALLA REGOLAMENTAZIONE DELL ORARIO DI SERVIZIO, DELL ORARIO DI LAVORO E RELATIVA ARTICOLAZIONE DEL PERSONALE DELL AREA COMPARTO Il giorno 28 marzo

Dettagli

CITTA METROPOLITANA DI MESSINA L.R. n. 15/2015

CITTA METROPOLITANA DI MESSINA L.R. n. 15/2015 CITTA METROPOLITANA DI MESSINA L.R. n. 15/2015 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO, DEL LAVORO STRAORDINARIO, DEI PERMESSI, DEI RITARDI E DELLE ASSENZE DEI DIPENDENTI

Dettagli

Direzione Personale Contratti di Lavoro DIRETTORE GENERALE

Direzione Personale Contratti di Lavoro DIRETTORE GENERALE MONTEPASCHI SE.RI.T. SERVIZIO RISCOSSIONE TRIBUTI S.p.A. Numero testo: D 00032 002 Data pubblicazione: 30.03.2005 Serie: 1 Sezione: 3 Servizio: 7 Oggetto: Direzione Personale Contratti di Lavoro Nuova

Dettagli

Comune di Casal di Principe Provincia di caserta

Comune di Casal di Principe Provincia di caserta Comune di Casal di Principe Provincia di caserta Regolamento per la gestione dell orario di lavoro e di servizio, del lavoro straordinario, delle ferie, dei permessi, dei ritardi e delle assenze dei dipendenti.

Dettagli

ORARIO DI LAVORO. L orario di lavoro giornaliero è fissato in 7 ore e 30 minuti, secondo i seguenti nastri orari:

ORARIO DI LAVORO. L orario di lavoro giornaliero è fissato in 7 ore e 30 minuti, secondo i seguenti nastri orari: L ORARIO DI LAVORO IN INTESASANPAOLO Aggiornamento al 5 Aprile 2013 0 ORARIO DI LAVORO Orario di lavoro giornaliero e settimanale L orario di lavoro giornaliero è fissato in 7 ore e 30 minuti, secondo

Dettagli

SOFTWARE PER LA RILEVAZIONE PRESENZE TIME & WORK

SOFTWARE PER LA RILEVAZIONE PRESENZE TIME & WORK SOFTWARE PER LA RILEVAZIONE PRESENZE TIME & WORK Descrizione Per la gestione del rilevamento presenze, nell ambiente Start, Solari ha concepito Time&Work, un applicazione che rappresenta una soluzione

Dettagli

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Approvato dal CONSIGLIO DIRETTIVO nella seduta del 3 marzo 2009,

Dettagli

Gestione cartellino mensile

Gestione cartellino mensile Indispensabile strumento di controllo dell attività dei dipendenti delle PA. Gestione e monitoraggio delle ore lavorative di tutto il personale. Verifica in tempo reale della presenza di un dipendente.

Dettagli

COMUNE DI GROTTAMMARE

COMUNE DI GROTTAMMARE COMUNE DI GROTTAMMARE 63013 PROVINCIA DI ASCOLI PICENO P.IVA 00403440449 * Tel. 0735-7391 * Fax 0735-735077 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO (approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE ART. 1 RILEVAZIONE DELLE PRESENZE Ai sensi della vigente disciplina contrattuale, l orario di lavoro dei dipendenti è accertato mediante controlli

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA Ufficio Risorse Umane Ripartizione Personale Tecnico Amministrativo

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA Ufficio Risorse Umane Ripartizione Personale Tecnico Amministrativo REGOLE DI CARATTERE GENERALE PER LA RILEVAZIONE INFORMATIZZATA DELLE PRESENZE Al fine della corretta gestione della rilevazione informatizzata delle presenze e in applicazione del C.C.N.L. 9.8.2000, sono

Dettagli

MANUALE TECNICO. per l OPERATORE. ( e-presenz v.6.4 ) Gennaio 2014. ALIAS INFORMATICA S.r.l. Soluzioni informatiche per Enti Pubblici

MANUALE TECNICO. per l OPERATORE. ( e-presenz v.6.4 ) Gennaio 2014. ALIAS INFORMATICA S.r.l. Soluzioni informatiche per Enti Pubblici Rilevazione Presenze MANUALE TECNICO per l OPERATORE ( e-presenz v.6.4 ) Gennaio 2014 ALIAS INFORMATICA S.r.l. Soluzioni informatiche per Enti Pubblici Via Cattaneo, 26/A 73054 Presicce (LE) - Codice Fiscale

Dettagli

CITTÀ DI ALESSANDRIA

CITTÀ DI ALESSANDRIA CITTÀ DI ALESSANDRIA Approvato con deliberazione G.C. n. 295 del 04.11.2015. - Disciplina per l erogazione dei buoni pasto in vigore dal 09 novembre 2015-1 Art. 1 - PRINCIPI GENERALI 1. La presente Disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO Articolo 1 (Orario di lavoro Dovuto Ordinario Straordinario Orario di Servizio. Definizioni) 1. Nell ambito dell orario di lavoro si distinguono:

Dettagli

Regolamento dell orario di lavoro e di servizio

Regolamento dell orario di lavoro e di servizio ENTE-PARCO REGIONALE MIGLIARINO SAN ROSSORE MASSACIUCCOLI Tenuta di San Rossore - Località Cascine Vecchie - 56122 PISA Regolamento dell orario di lavoro e di servizio Approvato con deliberazione Consiglio

Dettagli

Sistema integrato per la gestione automatizzata delle PRESENZE/ASSENZE

Sistema integrato per la gestione automatizzata delle PRESENZE/ASSENZE SCHEDA PRODOTTO PAG. 1 J O B T I M E P L U S Sistema integrato per la gestione automatizzata delle PRESENZE/ASSENZE Versione 6.1 Fase Sigla e data Redazione e modifica ga 07/02/2005 Verifica e approvazione

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO. Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 179/07.12.

PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO. Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 179/07.12. PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 179/07.12.2011 In vigore dal 1 gennaio 2012 Articolo 1 - (Definizioni) 1.

Dettagli

DISCIPLINARE ORARIO DI LAVORO. Art. 1 Generalità

DISCIPLINARE ORARIO DI LAVORO. Art. 1 Generalità DISCIPLINARE ORARIO DI LAVORO Art. 1 Generalità Il presente disciplinare è volto a normare l'articolazione dell'orario di lavoro per tutto il personale dell'istituto sulla base di quanto previsto dalla

Dettagli

TIME & WORK. software per la rilevazione presenze

TIME & WORK. software per la rilevazione presenze software per la rilevazione presenze DESCRIZIONE Per la gestione della rilevazione delle presenze, nell ambiente START, Solari ha concepito Time&Work, un applicazione che rappresenta una soluzione integrata

Dettagli

Autorità Idrica Toscana

Autorità Idrica Toscana REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO, DELLE ASSENZE E DEI PERMESSI DEL PERSONALE DIPENDENTE Approvato con decreto del Direttore Generale n. 21 del 18 febbraio 2013 e successivamente modificato

Dettagli

BOZZA DEL 29 OTTOBRE 2013. Regole generali relative all orario di lavoro. ottobre 2014

BOZZA DEL 29 OTTOBRE 2013. Regole generali relative all orario di lavoro. ottobre 2014 BOZZA DEL 29 OTTOBRE 2013 Regole generali relative all orario di lavoro ottobre 2014 1 INDICE 1. ORARIO DI LAVORO pag. 3 2. ORARIO DI LAVORO PERSONALE APPARTENENTE AI LIVELLI IV-VIII pag. 3 2.1 Flessibilità

Dettagli

100 PERMESSI RETRIBUITI

100 PERMESSI RETRIBUITI 100 PERMESSI RETRIBUITI. I permessi retribuiti spettano al dipendente, in presenza dei presupposti richiesti dal contratto o da altre disposizioni di legge, senza decurtazione della retribuzione e della

Dettagli

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO. Art. 1 - Finalità e definizioni

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO. Art. 1 - Finalità e definizioni REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO Art. 1 - Finalità e definizioni 1. Ai fini del presente regolamento si intende: - per ufficio l insieme funzionale di competenze amministrative e tecniche attribuite ad una

Dettagli

CRITERI GENERALI PER LE POLITICHE DEGLI ORARI DI LAVORO

CRITERI GENERALI PER LE POLITICHE DEGLI ORARI DI LAVORO La delegazione trattante di Parte Pubblica e La delegazione trattante di Parte Sindacale visti gli artt. 21 e 25 del vigente CCNL; visto il D.lgs 66/2003 e s.m.i.; visto il D.lgs 150 del 27.10.2009 ed

Dettagli

MARANELLO PATRIMONIO SRL

MARANELLO PATRIMONIO SRL MARANELLO PATRIMONIO SRL REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO approvato con determina dell Amministratore Unico nr. 15 del 13/12/2012 e modificato con determina dell Amministratore Unico nr.4 del 10/02/2014

Dettagli

REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO AL PUBBLICO

REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO AL PUBBLICO CITTÀ DI BAVENO Provincia del Verbano Cusio Ossola Ufficio Segreteria REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO AL PUBBLICO 1 Titolo 1 : Personale Comunale. Art. 1 Orario di Servizio. 1. Il comune di

Dettagli

COMUNE DI BOTTIDDA Provincia di Sassari Via Goceano n 2 - c.a.p. 07010

COMUNE DI BOTTIDDA Provincia di Sassari Via Goceano n 2 - c.a.p. 07010 COMUNE DI BOTTIDDA Provincia di Sassari Via Goceano n 2 - c.a.p. 07010 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA IN FAVORE DEL PERSONALE DIPENDENTE Allegato alla Deliberazione di

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA COMUNE DI BORDIGHERA Provincia di Imperia REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO, PER LA FRUIZIONE DELLE FERIE E PER GLI ISTITUTI DEL TURNO E DELLA REPERIBILITA

Dettagli

Comune di Capannori Provincia di Lucca

Comune di Capannori Provincia di Lucca Allegato 1 Comune di Capannori Provincia di Lucca Regolamento Comunale per la disciplina dell orario di servizio e di lavoro 1 Premessa Il presente regolamento è approvato nel rispetto dei contratti vigenti.

Dettagli

CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO ISTITUTO NAZIONALE TUMORI - AVIANO

CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO ISTITUTO NAZIONALE TUMORI - AVIANO REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO del personale dirigente adottato con deliberazione n. 78 del 09.05.2011 Art. 1. ORARIO DI LAVORO 1. Per Orario di Lavoro è da intendersi qualsiasi periodo in cui il Dirigente

Dettagli

COMUNE DI TERTENIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO

COMUNE DI TERTENIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO COMUNE DI TERTENIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO (Approvato con Delibera di Giunta Comunale n 17 del 31/03/2014) 1 Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Regolamento per la disciplina delle modalità di gestione delle politiche dell orario di lavoro

Regolamento per la disciplina delle modalità di gestione delle politiche dell orario di lavoro C O M U N E D II P A D U L II P rr o v ii n c ii a d ii B e n e v e n tt o Regolamento per la disciplina delle modalità di gestione delle politiche dell orario di lavoro allegato alla deliberazione di

Dettagli

REGOLE APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEL COMUNE DI COTIGNOLA

REGOLE APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEL COMUNE DI COTIGNOLA AREA PERSONALE E ORGANIZZAZIONE Servizio Amministrazione del Personale Corso Garibaldi, 62 48022 Lugo Tel. 0545 38311 Fax 0545 38442 marinid@unione.labassaromagna.it REGOLE APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO

Dettagli

Come è composto il sistema?

Come è composto il sistema? Come è composto il sistema? Da terminali elettronici dotati di lettori (RFID, magnetici, multistandard, biometrici), installati in opportuni punti di transito, e nei reparti; Da badges identificativi (RFID,

Dettagli

Fasce di Flessibilità L'articolazione dell'orario di lavoro prevede le seguenti fasce di flessibilità:

Fasce di Flessibilità L'articolazione dell'orario di lavoro prevede le seguenti fasce di flessibilità: Articolo 1 Sistema automatico di controllo delle presenze Il rispetto dell'orario viene accertato mediante sistemi automatizzati di rilevazione. All'uopo l'amministrazione fornisce a ciascun dipendente

Dettagli

C O M U N E D I L U V I N A T E

C O M U N E D I L U V I N A T E C O M U N E D I L U V I N A T E P R O V I N C I A D I V A R E S E REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE Definizioni:

Dettagli

Ccnl Lavoro Domestico

Ccnl Lavoro Domestico Ccnl Lavoro Domestico Parti contraenti Parti contraenti FIDALDO, DOMINA Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil, Federcolf Data CCNL 01/02/2007 Rinnovo economico 20/01/2009 parte economica Decorrenza

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO INDICE: Art.1 Definizioni Art.2 L orario di servizio Art.3 L orario di apertura al pubblico Art.4 L orario di lavoro Art.5 L orario dei

Dettagli

(APPROVATO CON DELIBERA DELLA GIUNTA N. 68 DEL 25/06/2015)

(APPROVATO CON DELIBERA DELLA GIUNTA N. 68 DEL 25/06/2015) REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL DI LAVORO, DI SERVIZIO, DI APERTURA AL PUBBLICO, DEL LAVORO STRAORDINARIO, DELLE FERIE, DEI PERMESSI, DEI RITARDI E DELLE ASSENZE DEI DIPENDENTI. (APPROVATO CON DELIBERA

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PERSONALE CONSORTILE

REGOLAMENTO DEL PERSONALE CONSORTILE REGOLAMENTO DEL PERSONALE CONSORTILE Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione n. 15 del 28 marzo 2011 1 Art. 1 - Oggetto del Regolamento 1. Il presente regolamento, in attuazione dello Statuto

Dettagli

COMUNE DI CAMPEGINE ART. 1 NORME DI PRINCIPIO

COMUNE DI CAMPEGINE ART. 1 NORME DI PRINCIPIO COMUNE DI CAMPEGINE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Il presente Regolamento

Dettagli

1. I PARAMETRI AZIENDALI 2. I CONTRATTI 3. LE SEDI 4. I DIPARTIMENTI 5. LE POSTAZIONI 6. I TIMBRATORI 7. I DIPARTIMENTI 8. I DIPENDENTI 9.

1. I PARAMETRI AZIENDALI 2. I CONTRATTI 3. LE SEDI 4. I DIPARTIMENTI 5. LE POSTAZIONI 6. I TIMBRATORI 7. I DIPARTIMENTI 8. I DIPENDENTI 9. QUICK START Per poter incominciare ad utilizzare il sistema per la rilevazione delle presenze Tap&Go bisogna procedere con i seguenti passi definendo: 1. I PARAMETRI AZIENDALI 2. I CONTRATTI 3. LE SEDI

Dettagli

Normativa contrattuale relativa a ferie e permessi.

Normativa contrattuale relativa a ferie e permessi. Elenco dei tipi di assenza previsti dal contratto Enti Locali: Permesso per matrimonio Controlli prenatali. Congedo di maternità. Interdizione anticipata dal lavoro per maternità. Congedo di paternità.

Dettagli

della DIRIGENZA MEDICA e VETERINARIA

della DIRIGENZA MEDICA e VETERINARIA Regolamento AZIENDALE della DIRIGENZA MEDICA e VETERINARIA dell Azienda U.S.L. di FERRARA (C.C.N.L. 3.11.2005) Ferrara, 21.5.2009 (sigla) 7.10.2009 (sottoscrizione) Ufficio Relazioni Sindacali Regolamento

Dettagli

Quaderno: Il rapporto di Lavoro Istituti di maggior rilievo

Quaderno: Il rapporto di Lavoro Istituti di maggior rilievo Quaderno: Il rapporto di Lavoro Istituti di maggior rilievo Versione 1.0 17/11/2009 Giustificativo Pagina 1 Aspettativa altra esperienza lavorativa 3 2 Aspettativa dottorato di ricerca e borse di studio

Dettagli

ACCORDO SULL ORARIO DI LAVORO

ACCORDO SULL ORARIO DI LAVORO Direzione Provinciale di Belluno ACCORDO SULL ORARIO DI LAVORO Il Direttore della Direzione Provinciale di Belluno, i componenti della RSU ed i rappresentanti delle Organizzazioni Sindacali territoriali

Dettagli

ORARIO DI LAVORO. (CCNL AF c/o MIT Orario 19.10.11) 2.1 Definizioni: c) agli stessi fini..

ORARIO DI LAVORO. (CCNL AF c/o MIT Orario 19.10.11) 2.1 Definizioni: c) agli stessi fini.. (CCNL AF c/o MIT Orario 19.10.11) ORARIO DI LAVORO 1.7 Per orario spezzato di cui alle lettere c) e d) del precedente punto 1.6, si intende il periodo di lavoro giornaliero nel corso del quale è previsto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA DI RILEVAMENTO DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA DI RILEVAMENTO DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA DI RILEVAMENTO DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE Articolo 1 Principi generali e definizioni 1. Il presente regolamento disciplina l orario di lavoro e

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ARSOLI

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ARSOLI REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ARSOLI ART. 1. DEFINIZIONI ART. 2. ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI SERVIZIO ART. 3. ORARIO ORDINARIO

Dettagli

decorrenze Scadenze 1/10/84 30/09/87 1/04/88 31/03/91 15/07/92 15/07/95 16/07/96 15/07/2000 8/03/2001 7/3/2005 1/03/2007 28/02/2011

decorrenze Scadenze 1/10/84 30/09/87 1/04/88 31/03/91 15/07/92 15/07/95 16/07/96 15/07/2000 8/03/2001 7/3/2005 1/03/2007 28/02/2011 SINTESI CCNL LAVORO DOMESTICO decorrenze Scadenze 1/10/84 30/09/87 1/04/88 31/03/91 15/07/92 15/07/95 16/07/96 15/07/2000 8/03/2001 7/3/2005 1/03/2007 28/02/2011 Indice della Sintesi Contrattuale Artt.

Dettagli