L'innovazione tecnologica nelle eco-stazioni di rifornimento carburanti. Salvo Carbonaro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L'innovazione tecnologica nelle eco-stazioni di rifornimento carburanti. Salvo Carbonaro"

Transcript

1 L'innovazione tecnologica nelle eco-stazioni di rifornimento carburanti Salvo Carbonaro

2 Innovazione tra passato e futuro Le politiche comunitarie, nazionali e regionali di sostenibilità energetica nei trasporti ormai non lasciano più spazio ad investimenti di stazioni di servizio convenzionali: le leggi regionali sulla distribuzione carburanti puntano a stimolare, con iter autorizzativi preferenziali, la realizzazione di stazioni di rifornimento con nuovi standard di eco-sostenibilità. L Idea business-idea innovativa è quella di puntare su un nuovo paradigma di ecostazione di rifornimento carburanti focalizzato sull innovazione tecnologica, su nuovi standard energetico-ambientali e sull erogazione multienergy ecologica. Il fattore di successo per l ammodernamento della rete sta diventando il ricorso ai nuovi protocolli di bio-architettura e bio-edilizia in discontinuità con i tradizionali canoni costrutti, di format e layout in un settore-commodity, che si trascina da troppo tempo criteri costruttivi obsoleti ed ripetitivi. La sfida per i retisti, proprio in un momento di non facile passaggio generazionale, è quella di aumentare il tasso di imprenditorialità e management in azienda facendo innovazione a costi competitivi, investendo nella propria immagine, sviluppando nuovi accordi commerciali di co-branding con le compagnie petrolifere focalizzati su una maggiore riconoscibilità e caratterizzazione della propria rete Sviluppare un nuovo format di stazioni ghost- low cost, ad alta automazione per una utenza giovane( studenti,l avorator etc) abituata a gestire sistemi informatizzati e sensibile al costo di rifornimento carburanti, contribuendo cosi a ridurre lo stacco prezzi con il resto dell Europa I benefici per il retista: maggiore competitività, immagine d imprenditore sensibile ai grandi temi ambientali, alla riqualificazione energetica dei trasporti e della mobilità sostenibile in linea con gli obiettivi di Kyoto con la possibile contropartita di realizzare nuove stazioni ecomultienergy diversamente non facilmente autorizzabili in futuro visto i nuovi orientamenti del MSE.

3 Cosa fare Valutazioni del posizionamento delle reti carburanti : asset della rete, analisi comportamento della clientela, segmentazione per erogato benchmarking, individuazione del market drive territoriale,azioni di upgrading per migliorare le vendite, sviluppo della comunicazione, interventi di rebranding Servizi di progettazione e realizzazione d impianti oil e non oil : nuovi format e bioarchitettura delle aree di servizio e relative facilities Innovazione tecnologica : ricorso alle fonti rinnovabili per l autosufficienza energetica e, dove possibile, la generazione distribuita di EE sfruttando gli incentivi previsti per le Smart Grid (direttiva 2009/72/CE ) Interventi di sostenibilità energetico-ambientale : risparmio ed efficienza energetica, certificazione energetico-ambientale secondo i nuovi standard regionali di consumo energetico di kwh/mq. Carburanti ecologici : multicarburanti a bassa emissività ( metano, Gpl, biocarburanti, idrogeno, idrometano, centraline di ricarica elettriche etc ) per godere di incentivi e premialità autorizzative Architettura telecomunicazioni : piattaforme di gestione in remoto, telecontrolli, teleassistenza, Pos bancario, multimedia per una rete più selfizzata ed automatizzata Ghost Station : Pv senza personale di gestione e completamente automatizzate per la gestione in remoto del delivery, gestione dati, cambio prezzi, diagnostica, allarmi tecnici etc

4 Le eco-stazioni multienergy: un opportunità di crescita per la rete italiana Favoriscono lo sviluppo di un sistema innovativo di mobilità ecologica attraverso il binomio: infrastrutture di erogazione a basso/zero impatto e flotte di veicoli ad alta efficienza energetica. Consentono di realizzare PV carburanti a fonti rinnovabili, energeticamente autosufficienti, con multi-combustibili a bassa/zero emissività: biocarburanti, biogas, idrogeno, miscela di metano-idrogeno, centraline di ricariche per veicoli elettrici, alimentate da fonti rinnovabili, attività non oil innovative, etc. Sviluppano competenze di eccellenza territoriali e best practice di sostenibilità energetica-ambientale, creando nuove professionalità sul business dei carburanti alternativi, tecnologie e materiali innovativi ed i nuovi format di PV Coinvolgono centri di eccellenza, architetti, ingegneri etc. per lo studio dell immagine delle stazioni di rifornimento, attraverso soluzioni di rebranding e di bioarchitettura meglio armonizzate con il contesto paesaggistico. Migliorano i rapporti con Regioni e Comuni per i migliori standard costruttivi in linea con le nuove leggi regionali ed i piani carburanti territoriali che incentivino gli investimenti e l innovazione tecnologica della rete carburanti secondo standard qualitativi e di sostenibilità di livello europeo. Facilitano il coinvolgimento delle PA in progetti pilota di riqualificazione energetica dei trasporti di persone e merci con possibilità di ricorrere a finanziamenti a livello europeo, nazionale e regionale.

5 Road map realizzativa di una green station Carburanti alternativi Metano,.Gpl, Biocombustibili, Idrogeno,Idrometano, Centraline ricar. elettriche Generazione distribuita poli/cogenerazione microgenerazione pompe ad assorbimento Rete El Nazionale Eco-buildings involucro climatizzazione avanzata qualità aria illuminazione integrazione fotovoltaico solar cooling Informatica & T (ICT) gestione ottimale del Power Station progettazione Power Station Nuova architettura TLC Ghost Station Delivery ordini Rinnovabili biomasse, biocombustibili solare (Termico/Fotovolt) Rete El/T Locale Recupero energetico recupero energetico da ciclo recupero da residui industriali Logistica rete del combustibile rete di trasporto veicoli basso consumo/impatto

6 Mobilità sostenibile action plan UE Gestione della mobilità Piani di spostamento casa-scuola, casa -lavoro e turistici Piani di clean delivery delle merci in ambito urbano Carburanti e veicoli alternativi Biocarburanti ed in prospettiva idrogeno Analisi comparativa di tutti i carburanti e i veicoli alternativi Valutazione ambientale delle flotte di veicoli comunali/della collettività Incentivazione all acquisto di veicoli a bassa emissione ( metano, gpl, elettrici, ibridi etc Gestione della domanda Schemi di tariffazione stradale Gestione dell accesso a ZTL Limitazioni ai veicoli inquinanti Campagne di comunicazione e sensibilizzazione Comunicazioni per gruppi bersaglio e promozione di eventi specifici Sviluppare sistemi di guida Ecodriving

7 Le sfide ambientali

8 Le sfide ambientali Qualità dell aria Aumento delle emissioni (NOx, CO, HC) Standard emissioni Espansione ai paesi in via di sviluppo Variazione del clima Aumento CO2 Standard di vita Fabbisogno energetico Mix energetico Petrolio, Nucleare, Gas naturale, Carbone Energie rinnovabili Fonte: Toyota Motor Corporation 1,2 miliardi di veicoli nel 2020!

9 Trasporti su strada ed emissioni di CO 2 accordi acea - ue CO 2 ( g/km ) Fonte CRF ACEA MEDIO Vetture e Van anno Litri / 100 km ACCORDO ACEA COMMISSIONE UE ? BENZINA DIESEL

10 Motori Sostenibilità dei trasporti: una necessità!

11 Il binomio fuel - motori : possibili evoluzioni oggi domani Tecnologia Fuel Cell Fuel da fossili Veicoli ibridi Fuel Alternativi Miglioramento dei Fuel convenzionali Ottimizzazione della Combustione motori fonte Daimler Chrysler

12 Sostenibilità Road map per motori e combustibili BREVE MEDIO LUNGO Motori Bz con consumi equivalenti al Ds, e ulteriore miglioramento efficienza. Propulsori alternativi, Ibridi, Metano, Biocombustibili, miscele Metano-Idrogeno Motori Ds con emissioni equivalenti al Bz con Emissioni EURO 6. ALTERNATIVE FUELS Produzione Idrogeno da Energia Rinnovabile, Infrastrutture per la disdtribuzione di Idrogeno Veicoli Fuel Cell HYDROGEN ICE fonte CRF anni 2030

13 Road map per motori e combustibili

14 Fuel alternativi un quadro d insieme

15 New fuel economy new In 200 anni, l economia del carbonio è migliorata passando all uso di combustibili sempre più puliti in rapporto C/H da L industria automobilistica ha diminuito del 12,4% tra il 1995 e il 2004 le emissioni di CO 2 prodotte neile nuove autovetture vendute nell UE.

16 combustibili alternativi Obiettivi UE : Diversificare le fonti primarie di energia Ridurre le emissioni di gas ad effetto serra Sviluppare e diffondere i combustibili alternativi nel settore dei trasporti su strada, responsabili di circa il 25%circa delle emissioni totali di CO 2 nella eu15 Le soluzioni indicate: Biocombustibili 10 % Gas naturale ( Metano ), Biogas, miscele metano-idrogeno, LNG, GPL Elettrico (Ibrido) Idrogeno (soluzione di lungo termine)

17 vettori energetici e mix combustibili oggi disponibili La R&D sta studiando carburanti alternativi a bassa emissione Vettori energetici H 2 Biodiesel Metanolo Elettricità Fonti di energia alternativa BTL Etanolo CNG LPG GTL

18 Market Share, % Roadmap dei carburanti in Europa 100 Idrogeno da rinnovabilii H ppm Zolfo Senza - Zolfo Clean Gasoline Designed Gasoline Metano GPL Benzina Biocarburanti Rinnovabili Di Sintesi. Rinnovabili zero. CO2 Carburanti da rinnovabile Clean Diesel Designed Diesel Diesel 20 Senza- Zolfo Fonte EUCAR 0 50 ppm Zolfo Gas to Liquid

19 multi-dispenser per flotte di veicoli a bassa /zero emissione

20 I BIOCARBURANTI Prodotti liquidi per autotrazione prodotti da materie prime rinnovabili ( biomasse di origine vegetale ed animale ) bioetanolo e biodiesel - grandi rivali Mercato da 60 mld di dollari, cresce a ritmi annui di oltre il 25%. L Europa punta sul biodiesel, additivo del gasolio al 5%, con in testa Francia e Germania ; ogni kg di gasolio sostituito con biodiesel corrisponde alla riduzione di 2,5 kg di C0 2 Se il biodiesel dovesse essere miscelato al 5% in tutto il gasolio consumato in Italia, la produzione agricola dovrebbe aumentare del 200%, occupando il 50% di terreno in più, econsumando il 20% in più di acqua. Brasile e Stati Uniti coprono il 90% della produzione mondiale di etanolo (prodotto rispettivamente dalla fermentazione di canna da zucchero, e mais più recentemente da residui cellulosici concorrenziali al petrolio con un costo di circa 45$ a barile). 1. E85 / miscela all 85% di etanolo in benzina più usato in USA 2. E100 etanolo puro, largamente usato in Brasile ed Argentina

21 biocarburanti 1 generazione Idrolisi Fermentazione Recupero etanolo Etanolo Biomassa (zuccheri) residuo Biomassa (oleaginose) Estrazione olio Metanolo o etanolo Transesterificazione Recupero esteri glicerolo Biodiesel (FAME o FAEE)

22 biocarburanti 2 generazione Oli veg. Hydro processing Diesel da oli vegetali Biomassa (oleaginose) BIOMASSA. Gassificazione FT BTL Idrolisi Fermentazione Recupero alcoli Etanolo Butanolo Biomassa (lignocellulosa) Assicurano bassissime emissioni di CO2 Ha caratteristiche migliorate rispetto al gasolio convenzionale e quindi offre addirittura l opportunità di ulteriori sviluppi per I motori Diesel Non richiede adattamenti dei veicoli e alla rete di distribuzione

23 NATURAL GAS/ METANO Perché un nuovo piano metano nazionale E una soluzione valida per la diversificazione della fonti energetiche e realistica per il contenimento delle emissioni nelle aree urbane Riduce sensibilmente forma liquida LNG i costi energetici nel trasporto pesante se erogato In Rappresenta un ponte tecnologico verso l H 2 e, attraberso il Biometano, si configura come fonte energetica rinnovabile Finalità del nuovo piano nazionale metano Creare le condizioni favorevoli per lo sviluppo del mercato del metano per autotrazione (crescita dell offerta automotive e diffusione della rete carburanti.) attraverso il : Riconoscimento merceologico di carburante con potenziale ecologico e come unica alternativa reale, oggi disponibile, al petrolio Definizione di un quadro fiscale e normativo stabile fino al 2020 (10 anni), indispensabile per incoraggiare investimenti nel settore automotive. Definizione di impegni condivisi e degli incentivi da parte dell industriaistituzioni in termini di espansione della rete e sviluppo della gamma carburanti

24 BIOMETANO city fuel La conversione di biomasse rappresenta un potenziale significativo in termini di fonti energetiche alternative; le stime indicano un potenziale pari al 16% del fabbisogno energetico complessivo europeo e capace di sostenere il 25% dei consumi energetici del settore trasporti all orizzonte 2030 (EEA report 07/2006). La filiera di produzione del BIOGAS, successivamente depurato in BIOMETANO, si dimostra come quella con il maggior rendimento di conversione rispetto ad altri combustibili alternativi. Tale filiera risulta, inoltre, complementare e non in conflitto con quella del settore agroalimentare permettendo la valorizzazione energetica degli scarti dei prodotti organici.

25 un opportunità di sviluppo della rete metano e soluzione economica per il trasporto pesante APPLICAZIONI STRATEGICHE del METANO LIQUIDO nel settore TRASPORTI sua FLESSIBILITA d impiego La STAZIONE DI RIFORNIMENTO alimentata a METANO LIQUIDO può erogare e METANO GASSOSO CNG METANO GASSOSO + IDROGENO IDROMETANO LNG METANO LIQUIDO LNG STAZIONE RIFORNIMENTO LCNG > FLOTTE MUNICIPALIZZATE rifornimento bus e mezzi pubblici urbani > VEICOLI LEGGERI rifornimento furgoni, taxi e auto STAZIONE RIFORNIMENTO LNG > TRASPORTO PESANTE rifornimento camion media / lunga percorrenza

26 MISCELE METANO/IDROGENO city fuel I vantaggi dal punto di vista ambientale L incremento del contenuto in idrogeno nel combustibile riduce ulteriormente le emissioni di CO2 in atmosfera: nel caso di una miscela contenente il 30% di idrogeno, a pari energia introdotta, la riduzione ottenuta è pari all 11% rispetto al metano, e complessivamente pari al 34% rispetto alla benzina; Le emissioni inquinanti (THC, CO, NOx) diminuiscono per effetto di una combustione più completa ed efficiente. Le implicazioni sulle tecnologie motore/veicolo Fino a percentuali di idrogeno dell ordine del 20-30% v/v è possibile utilizzare la stessa tecnologia dei motori a metano, conservandone anche lo stesso livello prestazionale; Sono tuttavia neccesari interventi per la verifica e l adeguamento dei materiali dei componenti a contatto diretto con la miscela, in relazione alla presenza dell idrogeno nella miscela; Valenza strategica Grazie alla relativa semplicità tecnologica e a costi contenuti derivanti dalle modifiche all impianto di alimentazione, tale soluzione si presta come utile palestra per l utilizzo dell idrogeno e come acceleratore della sua diffusione nel settore trasporti.

27 VEICOLI IBRIDI I veicoli ibridi per il traffico urbano: La tecnologia Ibrida consente la massima riduzione dei consumi nel traffico congestionato, tipico delle grandi aree urbane e suburbane. L evoluzione del propulsore a combustione interna verso l impiego di motori turbo a cilindrata ridotta, ad iniezione diretta e con il controllo dell aria, garantirà il miglior utilizzo delle soluzioni ibride in termini di ingombri,prestazioni e consumi. La riduzione dei costi delle tecnologie ibride (batterie, elettronica di potenza, macchine elettriche) ne favorirà l adozione dai Delivery Van, SUV, Bus per arrivare alle vetture cittadine. Le nuove batterie al Litio consentiranno l utilizzo del solo propulsore elettrico in aree urbane critiche (ca km autonomia) e grazie alla ricarica dalla rete elettrica (Plug-In) e Stazioni di Servizio si ridurranno ulteriormente i consumi di combustibili e le emissioni.

28 VEICOLI ELETTRICI L introduzione del veicolo elettrico è stimolato anche dall introduzione del decreto Ronchi - l art. 5del decreto 27/03/1998 che stabilisce infatti che, per rinnovare il proprio parco veicolare, gli enti pubblici e aziende di capitali pubblici e le società che gestiscono pubblici servizi devono prevedere una quota di veicoli a basso impatto ambientale. Le previsioni però indicano una quota di mercato del 20-25% entro i prossimi 5-10 anni. Le auto ibride, in particolare, potranno raggiungere il 10-15% nei prossimi 5 anni, mentre per le auto esclusivamente ad alimentazione elettrica l'obiettivo è del 10% entro una decina di anni. Si prevede che entro il 2015 in Europa circoleranno più di auto elettriche»,

29 The need for infrastructure Clients parking facilities 32% Private box 34% Private parking indoor or outdoor (e.g. apartment) 66% of clients will usually charge their EV at home 34% No private parking 34% of clients will depend on public charging infrastructure Clients shall always be confident they can find an available public charge point when needed.

30 City fuel idrogeno drive di cambiamento di lungo periodo Collaborazione più organica fra Ministeri, Centri di eccellenza, Regioni, e retista, per sviluppare progetti- pilota di mini rete multienergy ad H 2 nel trasporto etc. Concertazione più attiva dei retisti con regioni e comuni nell elaborazione di politiche energetico-ambientali territoriali di sviluppo dell idrogeno nei trasporti ( Piattaforma europeo dell idrogeno, JTI etc) Sviluppo di piani di mobilità locali attraverso l uso di miscela metano idrogeno e veicoli a metano come via italiana, di breve periodo e ponte tecnologico, verso l idrogeno ai fini di un immediato contributo agli obiettivi di Kyoto di riduzione della CO 2 Politiche fiscali agevolate per favorire l introduzione del vettore idrogeno in autotrazione e sollecitare azioni di incentivazione efficaci mediante sistemi di premialità per la mobilità sostenibile come per la circolazione nei centri urbani e ZTL, parcheggi gratis, uso di corsie preferenziali etc.

31 Schema di stazioni di servizio ad idrogeno Reforming Eletrolizzatore

32 Veicoli a celle combustibili

33 200

34 La Regione Lombardia ed il progetto Zero Regio 5 classe A 3 Panda FC

35 ZERO REGIO, and Europe s approach to the hydrogen era Service Station in Mantova, Italy inaugurata nel settembre 2007 Area = m2, produzione H2 onsite,stoccaggio a 350 bar dispenser a 220 bar

36 ZERO REGIO, and Europe s approach to the hydrogen era Francoforte Produzione idrogeno nello stabilimento chimico Hoechst adiacente Compressore ionico a 1100 bar Trasporto tramite pipeline di km. 1,7 ad alta pressione (1000 bar) alla stazione di servizio Erogazione CNG a 350 bar ed LNG 700 bar Inaugurata nel 2008

37 Service Station Frankfurt

38 Interventi di sostenibilità energetica ed ambientale : Il risparmio e dl efficienza energetica nelle AdS Le energie rinnovabili per l auto produzione di EE Il progetto green station

39 Interventi di risparmio ed efficienza energetica sulla rete carburanti Obiettivo Azioni in sintesi Ridurre del 30 % minimo i consumi dei PV esistenti Realizzare nuovi P.V a bassissimo consumo (classe A e B standard Casaclima ) Ricorrere a sistemi bioarchitettura e bio-edilizia Uso di fonti rinnovabili Interventi di risparmio EE per il fabbricato ed il piazzale Illuminazione ad alta efficienza Gestione delle acque Tecnologie particolari

40 Sistema di certificazione energetico per le stazioni Per nuove stazioni Per rete esiste nte Per classe A e B : Consumi : 3-5 litri/m 2 /a di gasolio o mc di metano Benefici ambientali : 6 kg/m 2 / a di CO2 (- 20% rispetto edilizia tradiz.le )

41 Fonti rinnovabili per le power station FV, solare termico, mini-wind, mini- trigenerazione, geotermia,centraline di ricarica

42 La micro-cogenerazione Collesalvetti: esempio di Smart Grids Generazione distribuita di EE ed Et con una turbina a gas in assetto trigenerativo con utilizzo on-site dell energia prodotta Gas naturale Sistema CHP* di taglia 30kW localizzato presso l utilizzatore finale Energia termica Energia elettrica * CHP: Combined Heat and Power

43 Caratteristiche impianto di trigenerazione da 30 kw EE risparmiata per recupero ET per climatizzazione 85 kwh/a Recuperatore Fumi ACQUA GAS ARIA Generatore Combustore Energia Elettrica Compressore Turbina Boiler Energia Termica EE prodotta kwh/a

44 La geotermia

45 Layout tipodi una stazione di serviziostazione multienergy

46 Le Ghost Station Nuovi format di stazioni completamente automatizzate, senza l ausilio di personale di gestione

47

48 Architettura impianti ghost Sistemi gestionali : connessioni di tutte le apparecchiature di piazzale Nuova versione del terminale di piazzale: Erogatori, Pannelli prezzi collegati al sistema gestionale, Video-sorveglianza con accesso remoto, Car wash collegato al sistema gestionale, Remotizzazione dei dati e dati accessibili on line, Sonde di livello collegate, Allarmi,TLC via rete, Sistemi di controllo dei flussi di traffico Ricatute Stampante: diagnostica Cassaforte : diagnostica,sincronismo,accesso controllato POS gestionale: Cambio prezzi automatizzato, Chiusura giornata programmabile su evento, Riconciliazione cassa a posteriori, Connessione ADSL o broadband per diagnostica remota, Invio allarmi via SMS ed , Scambio dati in automatico con concentratori, UPS con diagnostica aggiuntiva, Connessione a pannello allarmi

49 Sonde di livello Ricatute Livelli installati Abilitante per scarico non presidiato Modalità di fed back con stampa inventory report Alarmi ed eventi inoltrati a sistema POS Piazzale Distributore.: Diagnostica aggiuntiva, gusto recupero vapori in locale e remoto Pannello prezzi : Collegamento integrato al sistema Pannelli allarmi : Centralina elettronica per raccolti allarmi (sensori antincendio,antiintrusione ecc ), Connessione con linea di backup ( GPRS/GSM ), Controllo dello stato di funzionamento continuo

50 Monitoraggio ambientale ½ nelle stazioni di rifornimento Acquisizione dati ambientali mediante sensori installati sul territorio: principali parametri: monossido di carbonio; biossido di zolfo; ozono; rumore; vibrazioni; onde elettromagnetiche informazioni archiviate in una Postazione di Misura Locale La PML interagisce con il Centro Servizi (CS) in modalità Push/Pull attraverso rete GPRS/UMTS (WiFi in roadmap): Push - CS vs. PML per configurazioni, acquisizione dati per l archiviazione e successiva produzione report, monitoraggio real-time Pull - PML vs. CS per la trasmissione allarmi e stato funzionamento

51 Video-sorveglianza Visualizzazione webcam attraverso terminali mobili Fruizione diretta del video in tempo reale attraverso terminali wireless (cellulari/palmari) Gestione notifiche ed invio via SMS con link al video/telecamera interessata Registrazione ed autenticazione utente ed abilitazione personalizzata funzionalità

52 Le stazioni marine

53

54 Servono idee progettuali di autosostenibilità energetica in un nuovo contesto di radicale rivisitazione di stazione di servizio Un nuovo format e rebranding di arredo urbano per svilupparne le potenzialità formali e funzionali, rendendola un punto di sosta,d incontro e di informazione anche per i pedoni e turisti. Ricerca e sviluppo architettonico nuovi format, rebranding e comunicazione

55 Comportamenti noti del consumatore Premessa Le abitudini di rifornimento confermano che : 2/3 degli automobilisti si rifornisce presso lo stesso distributore e meno di 1/ 3 dove capita 2/3 non associano al marchio alcuna caratteristica del carburante Viceversa si conferma la fedeltà del consumatore al pv specie se questo è ben caratterizzato ed accogliente Azjoni Innovare e differenziare per : Migliorare gli asset economici delle rete Acquisire un vantaggio competitivo territoriale : Migliorare l efficienza e la redditività dei PV per stimolare la propensione al rifornimento tecnologico e non emozionale Migliorare l immagine e la comunicazione del PV per polarizzare l attenzione del cliente e per caratterizzarlo la stazione come punto,d incontro e di informazione anche per i pedoni e/o turisti.

56 Le stazioni di servizio nelle migliori realizzazioni - soddisfano diverse funzioni d uso... Fai benzina e vai Il bar sotto casa La stazione all ultimo grido Elementi di base: carburanti pensilina cassa Elementi di base carburanti pensilina cassa Elementi di base carburanti pensilina cassa Ulteriori connotazioni toilette bar/ristorante/basic convenient store car wash attività di promozione del territorio Ulteriori connotazioni toilette bar/ristorante/convenient store prodotti innovativi (oil, non oil) connessioni Internet gratuite rispetto dell ambiente

57 Studi stilistici - nuovi format stazioni di servizio Studo Archigia Roma

58 Studi stilistici - nuovi format stazioni di servizio Studo Archigia Roma

59

60 Studi stilistici - nuovi format stazioni di servizio

61 Giochi per stazioni di servizio

62 Studio Marchisciana saverio_gela-cl-

63 Penta servizi srl

64

65

66 Studi stilistici

67 Studi stilistici

68 Green Curve Station BP

69 Green Curve Station : characteristics This is a gas station, a little better for the environment than a typical station. And yet, still not as green as might be possible with today s technology. Not as green as we hope to make it in the future. Water From the rain to the drain, this station requires less water, wastes less water and pollutes less than a typical gas station. The Facility This station was built by upcycling an old, not-so-green gas station. The new design incorporates a lot of unusual features that reduce its environmental impact and allow us to operate a gas station here in a much more sustainable way. Some of these features could be added to other stations and other kinds of businesses. Materials Recyclable, recycled, sustainable and non-toxic materials were used to build this station, including even the reuse of scrap materials from the construction job itself. Lighting The generation of electricity is the biggest source of greenhouse gas emissions, and more efficient lighting is one of the easiest ways to save electricity.

70 Nuova stazione multienergy - Bolzano

71

72 Nuova stazione multienergy Bolzano Caratteristiche Multicarburante : 11 prodotti differenti : Benzina 98 Benzina 95 E 85 Gasolio Urea Ad Blu Diesel Tech Biodiesel 100% Metano self 24h senza assistenza operatore Idrometano Biometano GPL Ricarica elettrica lenta e veloce Certificazione Casaclima Gold Impianto solare 20kWp Turbina eolica verticale 20kWp

73 Nuova stazione multienergy - Bolzano Grazie per l attenzione Qualche domanda? Cell

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL Ing. Maurizio Rea (Gruppo SOL) ECOMONDO - Sessione Tecnologie di Produzione Rimini, 3 Novembre 2010 IL GRUPPO SOL Profilo aziendale

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Nuove risorse energetiche. 30 Settembre Donne e società civile

Nuove risorse energetiche. 30 Settembre Donne e società civile Nuove risorse energetiche 30 Settembre Donne e società civile Tema di enorme importanza e attualità, con implicazioni politiche e ambientali Esempi: Germania nella II guerra mondiale Iran, Iraq, Afganistan

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Veicoli più puliti e carburanti alternativi

Veicoli più puliti e carburanti alternativi O2 P o l i c y A d v i C E n ot e s L iniziativa CIVITAS è un azione europea che sostiene le città nell attuazione di una politica integrata dei trasporti sostenibile, pulita ed efficiente in termini energetici.

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

Scenari ENEA per la Strategia Energetica Nazionale: metodologie e problemi

Scenari ENEA per la Strategia Energetica Nazionale: metodologie e problemi Scenari ENEA per la Strategia Energetica Nazionale: metodologie e problemi Maria Rosa Virdis ENEA - Unità Centrale Studi e Strategie Università Bocconi - Milano, 5 Dicembre 2012 1 SOMMARIO Le attività

Dettagli

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Innovazione e investimenti in campo energetico Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Sommario Considerazioni sulle peculiarità del sistema energetico Italiano e Piemontese

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Idrogeno - Applicazioni

Idrogeno - Applicazioni Idrogeno - Applicazioni L idrogeno non è una fonte di energia, bensì un mezzo per accumularla, un portatore di energia che potrà cambiare in futuro molti settori della nostra vita e, con la cella a combustibile,

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Prof. Paolo Redi Solar Energy Italia S.p.A. Prato Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni- Facolt dingegneria Universit di Firenze Dopo la crisi

Dettagli

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO Seminario di promozione del biometano in Veneto Veneto Agricoltura, Corte Benedettina Legnaro (PD), 23 ottobre 2013 Silvia Silvestri

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

Ha fatto notizia in queste

Ha fatto notizia in queste di Antonio Boschetti APPROFONDIMENTI Biodiesel e olio di colza, dov è la convenienza Ha fatto notizia in queste ultime settimane scoprire che alcuni automobilisti, a quanto pare soprattutto al Nord, stavano

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

ACCENDIAMO IL RISPARMIO

ACCENDIAMO IL RISPARMIO ACCENDIAMO IL RISPARMIO PUBBLICA ILLUMINAZIONE PER LA SMART CITY Ing. Paolo Di Lecce Tesoriere AIDI Amministratore Delegato Reverberi Enetec srl LA MISSION DI REVERBERI Reverberi Enetec è una trentennale

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Università di Torino - Italia RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE Stefano Bechis Francesco Marangon

Dettagli

: il metano ha messo il turbo

: il metano ha messo il turbo Torino, 14 Giugno 2010 Nuovo DOBLO : il metano ha messo il turbo A pochi mesi dal lancio commerciale, Nuovo DOBLO ha già raggiunto la leadership nel segmento delle vetture multi spazio, riscuotendo un

Dettagli

RETE DI RICARICA il Nuovo Servizio il Terzo Prodotto. ev-now! Ente Privato di Ricerca, Sviluppo e Promozione della Mobilità Elettrica

RETE DI RICARICA il Nuovo Servizio il Terzo Prodotto. ev-now! Ente Privato di Ricerca, Sviluppo e Promozione della Mobilità Elettrica RETE DI RICARICA il Nuovo Servizio il Terzo Prodotto ev-now! Ente Privato di Ricerca, Sviluppo e Promozione della Mobilità Elettrica AUTOGRILL: un esempio di successo! Installata la prima colonnina di

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

L EFFICIENZAENERGETICANEITRASPORTI

L EFFICIENZAENERGETICANEITRASPORTI L EFFICIENZAENERGETICANEITRASPORTI A cura di: G. Messina, M.P. Valentini, G. Pede INDICE 1. QUADRO DI RIFERIMENTO EUROPEO E NAZIONALE 5 Normativa e indirizzi politici 5 Analisi energetica del settore 5

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

Le véhicule électrique, avenir de l automobile? Il veicolo elettrico, futuro dell automobile? Jean-Pierre Corniou

Le véhicule électrique, avenir de l automobile? Il veicolo elettrico, futuro dell automobile? Jean-Pierre Corniou Roma Milano Paris Bruxelles Amsterdam Casablanca Dubai Le véhicule électrique, avenir de l automobile? Il veicolo elettrico, futuro dell automobile? Jean-Pierre Corniou EXECUTIVE SUMMARY Convegno Nuove

Dettagli

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del del : /12/2012. Il documento

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici.

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici. DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! PNEUMATICI MIGLIORI SULLE STRADE SVIZZERE Dire la propria nella scelta dei pneumatici? Dare

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta?

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta? Pagina 1 di 7 FAQ passaggio dalla misurazione lorda a quella netta Con la revisione dell Ordinanza sull energia (OEn) e la sua entrata in vigore con effetto al 1 gennaio 2010 è stata introdotta, nell ambito

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità 25 Gennaio 2012, Roncegno Terme Workshop: la micro-cogenerazione con celle a combustibile SOF e i progetti in corso in Italia RISORSE ENERGETIHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità Omar

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Mobilita' sostenibile nelle aree urbane (GU n. 179 del 3-8-1998) Registrato alla Corte dei conti il 9 luglio 1998 Registro n. 1 Ambiente, foglio n. 212

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3988 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Sviluppo dell efficienza energetica e delle fonti rinnovabili per la salvaguardia del clima Presentata

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014 AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager Novembre 2014 AZZEROCO 2 AzzeroCO 2 è una società di consulenza energetico-ambientale creata da Legambiente, Kyoto

Dettagli

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Federesco Le Energy Service Company La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Seminario Strumenti, opportunità e potenzialità dell efficienza energetica a supporto del sistema locale

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Idrogeno da fonti energetiche rinnovabili Le potenzialità dell Italia

Idrogeno da fonti energetiche rinnovabili Le potenzialità dell Italia Idrogeno da fonti energetiche rinnovabili Le potenzialità dell Italia di Fabio Orecchini L adozione diffusa dell idrogeno come vettore energetico di larghissimo utilizzo mostra tutto il suo interesse nel

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

PIANO ENERGETICO della

PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO 2 Documento di aggiornamento - 2011 Nuove politiche energetiche Offerta e Domanda di energia al 2010 Fonti di Energie Rinnovabili al 2010 Bilancio

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

La stazione di rifornimento. M. Rea (SOL S.p.A.)

La stazione di rifornimento. M. Rea (SOL S.p.A.) La stazione di rifornimento M. Rea (SOL S.p.A.) Chi è SOL Il Gruppo SOL Fondata nel 1927, SOL è una multinazionale italiana presente in 23 paesi con oltre 2.500 dipendenti. SOL è focalizzata in due aree

Dettagli

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani relazione del professor Alberto Mirandola direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica all Università degli

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

LUBRIFICANTI TOTAL L'INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLE PRESTAZIONI. Prodotto e distribuito in Italia da

LUBRIFICANTI TOTAL L'INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLE PRESTAZIONI. Prodotto e distribuito in Italia da LUBRIFICANTI TOTAL L'INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLE Prodotto e distribuito in Italia da EMISSIONI INQUINANTI: EVOLUZIONE EUROPEA DEI LIMITI REGOLAMENTARI LIMITI ALLE EMISSIONI INQUINANTI HC g/km Euro 2

Dettagli

Osservatorio Internet of Things

Osservatorio Internet of Things Osservatorio Internet of Things Internet of Things, mercato e applicazioni: quali segnali dall Italia e dal mondo? Angela Tumino, angela.tumino@polimi.it Innovation Day, 25 Settembre 2014 L Internet of

Dettagli

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse ADVANCE Easy Moving www.advanceeasymoving.com Il pellet diventa facile! Caldaia sempre alimentata... senza pensarci! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da

Dettagli

ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO I PROGETTO ELIOS

ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO I PROGETTO ELIOS Istituto d Istruzione Superiore Statale Enrico Mattei Via Martiri di Cefalonia 46-20097 San Donato Milanese Tel. 0255691411 - Fax 025276676 itisando@tin.it www.itismattei.it ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

PRINCIPI DI BASE. GPL e METANO: l alternativa in movimento. stop allo smog, dai gas al risparmio

PRINCIPI DI BASE. GPL e METANO: l alternativa in movimento. stop allo smog, dai gas al risparmio PRINCIPI DI BASE GPL e METANO: l alternativa in movimento stop allo smog, dai gas al risparmio Con un impianto GPL o Metano la tua auto inquinerà meno, scoprirai un modo di viaggiare più rispettoso dell

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

4. L ENERGIA. Informazioni ricavate dai dati di bilancio energetico nazionale. 60

4. L ENERGIA. Informazioni ricavate dai dati di bilancio energetico nazionale. 60 4. L ENERGIA 4.1. Premessa L 80% circa dell energia consumata nell UE deriva dai combustibili fossili: petrolio, gas naturale e carbone. Di questa percentuale, una parte considerevole, in costante aumento,

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE Ing. Leonardo Maffia Maffia@studiolce.it Formato del Certificato (aggiornabile) Certificato Energetico-Ambientale Prestazione energetica dell edificio EPi come

Dettagli

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Nuovi obiettivi di pianificazione energetica Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Fonti rinnovabili

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

fotovoltaico chiavi in mano

fotovoltaico chiavi in mano chiavi in mano 1 Tetto a falda - silicio monocristallino ad altissima efficienza / disponibile da 1 a 20KWp I moduli fotovoltaici più efficienti al mondo (19,5%) ed inverters di stringa SUNPOWER garantiti

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli