Lombardia in nomi e cifre

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lombardia in nomi e cifre"

Transcript

1 Stato dell acqua

2 Lombardia in nomi e cifre I grandi fiumi Po, Ticino, Adda, Oglio, Cherio,, Chiese, e Mincio Olona, Lambro, Brembo,, Serio e Mella Regime di deflusso stabile Regime di deflusso stabile Regime torrentizio Regime torrentizio I grandi laghi Garda, Maggiore, Como, Iseo e Lugano Annone, Pusiano,, Varese, Monate, Garlate, ecc Lago di Lei, lago di Livigno,, lago di Venina, ecc I più grandi bacini italiani I più grandi bacini italiani E altri numerosi laghi E altri numerosi laghi Bacini artificiali Bacini artificiali I canali artificiali km di rete di canali artificiali e 600 fra invasi e piccole dighe

3 Lombardia in nomi e cifre I fontanili Nella sola provincia di Milano sono inoltre presenti circa 600 fontanili.

4 Lombardia in nomi e cifre Dati regionali: Superficie regionale: km 2 42% montagna e 13% collina Piovosità media: 1000 mm/anno Afflusso medio di 27 mld di m 3 all anno anno Volumi di riserve non rinnovabili pari a 120 mld nei laghi, 500 mld nelle falde e 4 mld nei ghiacciai alpini. Sono Sono le le vere vere e proprie riserve riserve della della regione che che devono devono essere essere conservatec In poche parole una regione ricca d acquad

5 Lombardia in nomi e cifre Dati regionali: gli usi dell acqua In Lombardia è preponderante l uso l dell acqua per la produzione di energia: 67%

6 Gli usi dell acqua acqua Uso idroelettrico: Un quinto e più del fabbisogno energetico lombardo è coperto dall attivit attività delle centrali idroelettriche. I contro Forti alterazioni del deflusso naturale dei corsi d acqua d e degli equilibri ecologici Pericolosità I pro: La risorsa viene restituita invariata a livello qualitativo e di portata

7 Gli usi dell acqua acqua Uso idroelettrico: Il deflusso minimo vitale (DMV) Il Il valore valore di di portata minima minima che che deve deve essere essere garantita in in un un corso corso d acqua soggetto a derivazioni, al al fine fine di di tutelare gli gli ecosistemi fluviali fluvialie, e, in in particolare, la la vita vita acquatica Concetto che che compare per per la la prima prima volta volta nel nel dlgs dlgs183/89 poi poi nel nel dlgs dlgs152/99 Ad Ad oggi oggi la la Regione Lombardia ha ha approvato il il Programma di di Tutela Tutela ed ed Uso Uso delle delle Acque Acque (2006) (2006) in in cui cui ha ha definito modalità e tempi tempi (dicembre 2008) 2008) per per l adeguamento l del del DMV DMV

8 Gli usi dell acqua acqua Uso irriguo: Superficiali: % Sotterranee: Sotterranee: 11% Sotterranee: 11% Metodi Metodi di di irrigazione: scorrimento: 50% 50% non non va va alle alle piante piante pioggia: grande grande percentuale di di acqua acqua che che evapora Il Il territorio di di pianura è diviso diviso in in comprensori di di Bonifica. In In ognuno ognuno di di essi essi sono sono stati stati costituiti dei dei Consorzi di di gestione della della risorsa risorsa idrica idricache che in in collaborazione con con la la Regione regolano gli gli utilizzi utilizzi degli degli utenti utenti

9 Gli usi dell acqua acqua Uso irriguo: L acqua è stata stata considerata per per anni anni un un bene bene senza senza limiti limiti e anche anche il il settore agricolo si si è adeguato a tale tale condizione Problemi collegati: Utilizzo eccessivo di di acqua acqua per per il il suo suo basso basso costo: costo: volte volte meno meno che che per per l uso ll uso civile civile Colture idroesigenti Inquinamento delle delle acque acque da da azoto, azoto, nitrati nitrati e fitofarmaci

10 Gli usi dell acqua acqua Uso civile: Si Si intendono: uso uso potabile, uso uso igienico-sanitario,, uso uso anticendio e uso uso zootecnico. L 84 % dell acqua sfruttata viene viene emunta da da pozzi pozzi Il Il % dalle dalle sorgenti montane e il il 6 % dai dai corpi corpi superficiali. Gli Gli utilizzi utilizzi si si concentrano nell area milanese e in in corrispondenza delle delle zone zone più piùurbanizzate. A Milano Milano ogni ogni anno anno vengono emunti emuntimediamente m 3 3 Consumo procapite giornaliero m 3 3

11 Gli usi dell acqua acqua Uso civile: Anche Anche in in questo questo caso caso i i fruitori del del bene bene acqua acqua tendono a farne farne un uun uso uso intenso da da ricondursi all innalzamento della della qualità qualitàdell acqua e del del reddito. Problemi: Uso Uso intenso e comportamenti spreconi dovuti dovuti anche anche a tariffe tariffe eccessivamente basse basse Perdite nazionali della della rete rete nell ordine del del 40%. 40%. In In Lombardia del del 20% 20% Caso: Caso: Utilizzo delle delle acque acque minerali in in bottiglia

12 Gli usi dell acqua acqua Uso industriale: I prelievi più piùconsistenti sono sono legati legati al al raffreddamento delle delle centrali termoelettriche (7) (7) che che usano usano acque acque superficiali. Per Per i i processi produttivi veri veri e propri propri viene viene emunta acqua acqua dalla dalla falda falda (84%) (84%) Fra Fra i i settori settori più piùidroesigenti: Metalmeccanico Tessile Tessile Cuoio Cuoio e calzature Gomma Gomma Plastica Ma Ma dagli dagli anni anni 90 90è fortemente diminuita la la richiesta d acquad Innalzamento della della falda falda

13 Gli usi dell acqua acqua Uso industriale: Problemi: Utilizzo intenso d acqua d (fino (fino anni anni 90) 90) Alterazione qualitativa dell elemento elemento (chimica, termica, microbiologica) Acna di Cesano Maderno Acna di Cesano Maderno Polo chimico di Mantova Polo chimico di Mantova Caffaro di Brescia Caffaro di Brescia Solventi, trielina Solventi, trielina IPA, Metalli, Solventi IPA, Metalli, Solventi PCB, Diossina PCB, Diossina

14 Normative in materia di tutela delle acque Direttiva 2000/60/CE Istituisce un un quadro per per la la protezione e la la gestione delle acque Obiettivi: Individuazione dei dei bacini bacini idrografici Monitoraggio e condizione dei dei bacini bacini idrografici Piani Piani di di gestione per per la la protezione delle delle acque acque superficiali e sotterranee e degli degli ecosistemi collegati Scadenze temporali: entro entro 2015 tutti tutti i i corsi corsi d acqua d devono devono raggiungere lo lo stato stato buono di di conservazione, ad ad oggi oggi solo solo il il 39% 39% dei dei fiumi fiumi e il il 33% 33% dei dei laghi laghi ha ha raggiunto l obiettivo. l

15 Normative in materia di tutela delle acque Dlgs 152/06 Testo Unico Ambientale E E la la principale normativa vigente che che regola la la tutela dell acqua e recepisce la la Direttiva europea

16 Le posizioni di Legambiente sull Acqua Acqua Legambiente trova fondamentale un impegno attivo per portare avanti azioni di lotta contro: Inquinamento Uso eccessivo della risorsa Progetti che minacciano lo stato dei corsi d acqua d e degli ambienti acquatici Propone

17 Le posizioni di Legambiente sull Acqua Acqua Azioni ad ampio raggio Azioni ad ampio raggio Azioni a medio raggio Azioni a medio raggio Mitigare le le cause dei dei cambiamenti climatici Corretta gestione della risorsa idrica che che ne ne riduca la la domanda Ripensare al al sistema di di irrigazione e convertire quello a pioggia in in sistemi di di microirrigazione a goccia con con risparmio del del 50% 50% di di acqua Riconversione verso colture meno Idroesigenti con con incentivi fiscali

18 Le posizioni di Legambiente sull Acqua Acqua Azioni a medio raggio Azioni a medio raggio Cercare di di migliorare il il recupero delle acque reflue degli impianti produttivi e delle aziende agricole Premiare i virtuosi dell acqua Premiare i virtuosi dell acqua Rivedere i i sistemi di di tariffazione dell acqua e i i canoni di di concessione Riduzione delle perdite attraverso interventi puntuali e non non con con grandi opere

19 Le posizioni di Legambiente sull Acqua Acqua Azioni a ristretto raggio Azioni a ristretto raggio Uso Uso di di sistemi duali nelle case: divisione acque nere ed ed acque bianche Riutilizzo e raccolta dell acqua piovana Riduzione quantità d acqua utilizzata nelle nostre azioni quotidiane

20 Siti interessanti Siti interessanti

21 Siti interessanti Siti interessanti

22 Siti interessanti Siti interessanti

23 Siti interessanti Siti interessanti

24 Fine

25 Normative in materia di tutela delle acque Dlgs 152/06 Testo Unico Ambientale Tipologie di di acque reflue: Acque reflue industriali, provengono da da attività produttive sono sono le le più piùimportanti perché perchépossono contenere sostanze inquinanti pericolose per per l ambientel Acque reflue domestiche, provengono da da insediamenti abitativi sono sono gli gli scarichi delle delle acque acque nere nere delle delle abitazioni e delle delle attivit attività colturali e di di selvicoltura Acque reflue urbane, sono sono miscugli di di quelle industriali e domestiche

26 Normative in materia di tutela delle acque Dlgs 152/06 Testo Unico Ambientale Per Per tutti tutti i i tipi tipi di di acque acque reflue reflue visti visti sono sono definiti Metodi di analisi Metodi di analisi Valori limite di emissione Valori limite di emissione Metodi Metodi di di campionamento campionamento ed ed enti enti di di riferimento riferimento La La Provincia e l ARPA ll ARPA effettuano i i controlli

27 Normative in materia di tutela delle acque Dlgs 152/06 Testo Unico Ambientale Come Come individuare scarichi abusivi abusivi Verificare autorizzazione Verificare autorizzazione Provincia Provincia (piccoli (piccoli scarichi) scarichi) Regione, Regione, ARPA ARPA Controllare Controllare se se vi vi sono sono cambiamenti cambiamenti di di colore colore e e di di odore odore A volte volte gli gli scarichi scarichi nascondono nascondono sistemi sistemi più piùcomplessi Provincia Provincia (con (con funzione funzione di di polizia polizia giudiziaria), giudiziaria), ARPA ARPA

28 Normative in materia di tutela delle acque Dlgs 152/06 Testo Unico Ambientale Gli Gli allevamenti intensivi di di animali animali determinano la la produzione di di liquidi liquidi inquinanti (sostanze azotate) che che possono provocare eutrofizzazione ed ed inquinamento La fertirrigazione è consentita ma solo se: La fertirrigazione è consentita ma solo se: Non Non èè eccessiva eccessiva la la frequenza frequenza e e la la quantità quantitàutilizzata utilizzata Non Non èè fatta fatta su su terreno terreno di di proprietà proprietàdi di terzi terzi Non Non èè fatta fatta in in terreni terreni ove ove èè inutile inutile Non Non èè fatta fatta senza senza il il trattamento trattamento dei dei liquami liquami

Emergenza idrica 2005 D.G. Agricoltura - Situazione aggiornata a seguito della riunione del 24 giugno

Emergenza idrica 2005 D.G. Agricoltura - Situazione aggiornata a seguito della riunione del 24 giugno Emergenza idrica 2005 D.G. Agricoltura - Situazione aggiornata a seguito della riunione del 24 giugno Scenario di riferimento Il sistema irriguo della pianura lombarda è costituito da un sistema idraulico

Dettagli

Piano di Gestione delle Acque: uso efficiente e sostenibile delle acque per uso agricolo

Piano di Gestione delle Acque: uso efficiente e sostenibile delle acque per uso agricolo Piano di Gestione delle Acque: uso efficiente e sostenibile delle acque per uso agricolo Andrea Braidot Autorità di Bacino fiumi Alto Adriatico San Vito al Tagliamento, 12 maggio 2015 Cosa ci chiede la

Dettagli

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A INQUINAMENTO IDRICO Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A L inquinamento idrico è la contaminazione dei mari e delle acque interne superficiali (fiumi e laghi) e di falda tramite l immissione, da parte

Dettagli

La gestione degli eventi di scarsità idrica e siccità nel bacino del Po

La gestione degli eventi di scarsità idrica e siccità nel bacino del Po Progetto WARBO Water Re-born Artificial recharge Innovative technologies for the Sustainable Management of Water Resources Copparo, 31 gennaio 2012 La gestione degli eventi di scarsità idrica e siccità

Dettagli

Bergamo Agricoltura Energia Industria Trasporti Rifiuti Aria Acqua

Bergamo Agricoltura Energia Industria Trasporti Rifiuti Aria Acqua 13-Province01.qxd 5-04-2007 9:23 Pagina 161 I territori provinciali - Bergamo Il territorio provinciale di Bergamo delimitato a ovest dal fiume Adda e ad est dal fiume Oglio si estende per una larghezza

Dettagli

Piano Regionale di Tutela delle Acque del Friuli Venezia Giulia

Piano Regionale di Tutela delle Acque del Friuli Venezia Giulia Associazione Imprenditori Idroelettrici del Friuli Venezia Giulia Monitoraggio dei corsi d'acqua per la realizzazione e la gestione delle derivazioni Palazzo Torriani, Udine, 20 settembre 2013 Piano Regionale

Dettagli

6 Derivazioni superficiali dal fiume Adige e bilancio di primo livello

6 Derivazioni superficiali dal fiume Adige e bilancio di primo livello 6 Derivazioni superficiali dal fiume Adige e bilancio di primo livello Le derivazioni dai fiume Adige e dai suoi principali affluenti rappresentano, nel bilancio idrico superficiale di bacino, il principale

Dettagli

IL VALORE AMBIENTALE DELL IRRIGAZIONE LA RICARICA DELLA FALDA

IL VALORE AMBIENTALE DELL IRRIGAZIONE LA RICARICA DELLA FALDA Con il patrocinio di 14 SETTEMBRE 2015 IL VALORE AMBIENTALE DELL IRRIGAZIONE LA RICARICA DELLA FALDA Relatore: ing. Umberto Niceforo direttore Consorzio Brenta Le radici nella geografia e nella storia

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE IN REGIONE PIEMONTE

ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE IN REGIONE PIEMONTE ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE 5 DETTAGLI E MISURE Direttiva 79/409/CEE sugli uccelli selvatici e successivi atti

Dettagli

INVARIANZA IDRAULICA DEL SUOLO E PROGETTAZIONE DI BACINI DI INFILTRAZIONE

INVARIANZA IDRAULICA DEL SUOLO E PROGETTAZIONE DI BACINI DI INFILTRAZIONE Corso di Perfezionamento Tutela e gestione del suolo e delle acque nella pianificazione di bacino Venezia 20 aprile 2012 INVARIANZA IDRAULICA DEL SUOLO E PROGETTAZIONE DI BACINI DI INFILTRAZIONE Prof.

Dettagli

Distretto Idrografico dell Appennino Meridionale

Distretto Idrografico dell Appennino Meridionale PIANO DI GESTIONE ACQUE (Direttiva Comunitaria 2000/60/CE, D.L.vo. 152/06, L. 13/09, D.L 194/09) Relazione Regionale Allegato 1 QUADRO NORMATIVO E DELLE COMPETENZE INERENTE LE RISORSE IDRICHE REGIONE MOLISE

Dettagli

ASSESSORATO ALL AMBIENTE ED ALLO SVILUPPO SOSTENIBILE. Servizio Risorse Idriche e Rischio Idraulico

ASSESSORATO ALL AMBIENTE ED ALLO SVILUPPO SOSTENIBILE. Servizio Risorse Idriche e Rischio Idraulico REGIONE UMBRIA ASSESSORATO ALL AMBIENTE ED ALLO SVILUPPO SOSTENIBILE La pianificazione regionale del Lago Trasimeno Ing. Angelo Viterbo Ing. Angelo Raffaele Di Dio (2 dicembre 2010) Obbiettivi di Piano

Dettagli

Finalità delle indagini e del progetto

Finalità delle indagini e del progetto Caffaro e Brescia I nuovi dati Finalità delle indagini e del progetto Maria Luisa Pastore Brescia, 20 Ottobre 2015 Stato delle conoscenze prima del progetto 2002 2005 2003 2006 Le indagini condotte da

Dettagli

Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE

Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE Evoluzione della normativa sulle acque in Italia RIFERIMENTO NORMATIVO APPROCCIO ALLA TUTELA L. 319/76 Limiti

Dettagli

Il progetto Seminare Acqua

Il progetto Seminare Acqua Il progetto Seminare Acqua Conililcontributo contributodi: di: Con Il progetto Obiettivo: Parlare di di acqua e dei servizi ad ad essa collegati e creare uno strumenti di di conoscenza per la la cittadinanza

Dettagli

La Città di Milano al centro delle Valli dei Lamber

La Città di Milano al centro delle Valli dei Lamber Comune di Milano La Città di Milano al centro delle Valli dei Lamber Dott.ssa Annalisa Gussoni Settore Attuazione Politiche Ambientali Comune di Milano Necessità di passare da politiche di tutela delle

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA Comune di Faenza Sportello Unico per le Attività produttive 7 Incontro Tecnico - 23 Giugno 2005 OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA ing. Michele Lotito

Dettagli

Utilizzi dell'acqua. Il consumo di acqua. Dove va l acqua? Acqua e agricoltura

Utilizzi dell'acqua. Il consumo di acqua. Dove va l acqua? Acqua e agricoltura Utilizzi dell'acqua Il consumo di acqua All uomo interessa in particolare l acqua potabile, sempre più scarsa in rapporto all aumento della popolazione mondiale e per effetto dell inquinamento. Oggi sono

Dettagli

Risorse naturali comuni

Risorse naturali comuni Aalborg Commitment 3 Ci impegniamo ad assumerci la piena responsabilità per la protezione, la conservazione e la disponibilità per tutti delle risorse naturali comuni. Lavoreremo quindi, in tutta la nostra

Dettagli

DATI AGGREGATI ATTIVITA AMMINISTRATIVA ANNO 2012

DATI AGGREGATI ATTIVITA AMMINISTRATIVA ANNO 2012 DATI AGGREGATI ATTIVITA AMMINISTRATIVA ANNO 2012 ARPA Lazio svolge le attività tecnico-scientifiche d interesse regionale [ ] connesse all esercizio delle funzioni pubbliche per la protezione dell ambiente,

Dettagli

Investimenti nel settore idrico e depurativo, tra urgenza di risanamento e opportunità per le imprese. Giorgio Zampetti

Investimenti nel settore idrico e depurativo, tra urgenza di risanamento e opportunità per le imprese. Giorgio Zampetti Investimenti nel settore idrico i e depurativo, tra urgenza di risanamento e opportunità per le imprese Giorgio Zampetti Responsabile scientifico di Legambiente L Italia è uno dei Paesi più ricchi di acqua

Dettagli

Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento

Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento DIREZIONE LL. PP., CICLO IDRICO INTEGRATO, DIFESA DEL SUOLO E DELLA COSTA, PROTEZIONE CIVILE Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento Le attività della Regione

Dettagli

acqua Hera valori, qualità, consigli

acqua Hera valori, qualità, consigli Utenze Servizio domestiche idrico acqua Hera valori, qualità, consigli L acqua è un valore che non va mai fuori corso Siamo una delle maggiori società italiane nei servizi idrici. Negli ultimi 5 anni abbiamo

Dettagli

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume Corso sulla: Riqualificazione dei corsi d acqua e tecniche di ingegneria naturalistica Milano, 16 Novembre 2005 ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei

Dettagli

Il Serio: agire per tutelare

Il Serio: agire per tutelare Il Serio: agire per tutelare * 17 ottobre 2015 Bergamo a cura di ing. Merati Claudio ing. Rota Sperti Loretta STER Bergamo Perché tutelare? Risorse essenziali: funzioni Ambientale Culturale Energetica

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale

Programma di Sviluppo Rurale Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 STATO MEMBRO: ITALIA REGIONE: ABRUZZO Criteri di Selezione misura 112/121/123 Approvati dal Comitato di Sorveglianza Procedura scritta n. 1/2014 1 Misura 112 "Insediamento

Dettagli

libro blu tutela e gestione delle acque in Lombardia

libro blu tutela e gestione delle acque in Lombardia libro blu tutela e gestione delle acque in Lombardia libro blu tutela e gestione delle acque in Lombardia Libro Blu Tutela e Gestione delle Acque in Lombardia 2008 Regione Lombardia Direzione Generale

Dettagli

L utilizzo sostenibile delle risorse idriche nel settore agricolo: le iniziative della Regione Toscana

L utilizzo sostenibile delle risorse idriche nel settore agricolo: le iniziative della Regione Toscana L utilizzo sostenibile delle risorse idriche nel settore agricolo: le iniziative della Regione Toscana Stefania Nuvoli Gestione e Tutela delle Risorse Idriche In Agricoltura Regione Toscana USO SOSTENIBILE

Dettagli

ecofarm Dagli scarti della tua azienda, energia pulita e concime. Domino Nuova energia per la tua azienda

ecofarm Dagli scarti della tua azienda, energia pulita e concime. Domino Nuova energia per la tua azienda Dagli scarti della tua azienda, energia pulita e concime. Domino Nuova energia per la tua azienda Domino Come funziona un impianto biogas Il biogas si ottiene dalla fermentazione anaerobica di biomasse

Dettagli

Azioni sul settore idrico, tra urgenza e opportunità per le imprese

Azioni sul settore idrico, tra urgenza e opportunità per le imprese Azioni sul settore idrico, tra urgenza e opportunità per le imprese Lorenzo Frattini Presidente Legambiente Emilia Romagna Giorgio Zampetti - Responsabile scientifico nazionale Legambiente Quali urgenze?

Dettagli

INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDRICO MINORE...

INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDRICO MINORE... INDICE 1. PREMESSA... 2 2. INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDRICO MINORE... 4 2.1 CARATTERISTICHE DEL RETICOLO IDRICO COMUNALE... 4 2.2 CRITERI DI INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO MINORE E COMPETENZE DI GESTIONE....

Dettagli

Allestimento di una rete di monitoraggio per il rilascio dei nutrienti nei suoli agricoli

Allestimento di una rete di monitoraggio per il rilascio dei nutrienti nei suoli agricoli Allestimento di una rete di monitoraggio per il rilascio dei nutrienti nei suoli agricoli Milano 24 Novembre 2009 - Il comportamento di nitrati e fitofarmaci nel suolo Lorenzo Bassi ERAF - Dipartimento

Dettagli

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA TAVOLO TECNICO INTERAGENZIALE GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE IDRICHE RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA Enio Decorte (Referente di ARPA Friuli Venezia Giulia nel Tavolo Tecnico) Quadro storico

Dettagli

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette Piano di gestione dei bacini idrografici delle Alpi Orientali Bacino del fiume Lemene Capitolo 3 Bacino del fiume Lemene INDICE 3. CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE PROTETTE... 1 3.1. AREE PER L ESTRAZIONE

Dettagli

REGIONE ABRUZZO DIREZIONE LAVORI PUBBLICI, SERVIZIO IDRICO INTEGRATO, GESTIONE INTEGRATA DEI BACINI IDROGRAFICI, DIFESA DEL SUOLO E DELLA COSTA.

REGIONE ABRUZZO DIREZIONE LAVORI PUBBLICI, SERVIZIO IDRICO INTEGRATO, GESTIONE INTEGRATA DEI BACINI IDROGRAFICI, DIFESA DEL SUOLO E DELLA COSTA. . PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE D. Lgs. 3 Aprile 2006, n. 152 e s.m.i. ELABORATO N. TITOLO N1.1 SCALA RELAZIONE GENERALE CODICE DOCUMENTO IL PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE FILE

Dettagli

SISTEMI INNOVATIVI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE

SISTEMI INNOVATIVI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE SISTEMI INNOVATIVI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE Geoplast www.geoplast.it Ciclo naturale dell acqua La gestione delle acque meteoriche è importante al fine di ripristinare il naturale ciclo dell

Dettagli

PTS TUTELA RISORSE NATURALI

PTS TUTELA RISORSE NATURALI PTS TUTELA RISORSE NATURALI PREMESSA Se la proposta di ripartizione della spesa tiene conto che la Calabria ha ancora tanta necessità di spendere sull asse I per garantire un adeguato intervento sull ancora

Dettagli

IL RIUTILIZZO IRRIGUO DELLE ACQUE REFLUE DEPURATE

IL RIUTILIZZO IRRIGUO DELLE ACQUE REFLUE DEPURATE IL RIUTILIZZO IRRIGUO DELLE ACQUE REFLUE DEPURATE Introduzione In occasione delle celebrazioni del 22 marzo della Giornata Mondiale dell Acqua 1 si sono affrontati diversi aspetti relativi alle risorse

Dettagli

Le Politiche Regionali in tema di BONIFICHE AMBIENTALI

Le Politiche Regionali in tema di BONIFICHE AMBIENTALI Le Politiche Regionali in tema di BONIFICHE AMBIENTALI 13 dicembre 2011 Direzione Ambiente Relatore: Ing. Giorgio Schellino La situazione dei siti contaminati in Piemonte 700 siti contaminati con procedimento

Dettagli

PROGETTO QUADRO DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE

PROGETTO QUADRO DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE PROGETTO QUADRO DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE RILEVAZIONE DEI FATTORI METEO-CLIMATICI E IDROLOGICI PER IL CALCOLO DEL BILANCIO IDRICO DEGLI ACQUIFERI PREMESSA Con riferimento a quanto indicato

Dettagli

Scheda tecnica e documentazione elencata al punto 7) della stessa dovranno essere presentate in duplice copia.

Scheda tecnica e documentazione elencata al punto 7) della stessa dovranno essere presentate in duplice copia. SCHEDA N. 4 Documentazione tecnica da produrre per il rilascio dell autorizzazione all allacciamento alla rete fognaria e dell autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali che recapitano in

Dettagli

ENERGIA PULITA DALL ALTO ADIGE PER LALTO ADIGE

ENERGIA PULITA DALL ALTO ADIGE PER LALTO ADIGE La nostra energia ENERGIA PULITA DALL ALTO ADIGE PER LALTO ADIGE SEL SPA Società Elettrica Altoatesina I-39100 Bolzano Via Canonico Michael Gamper 9 T +39 0471 060 700 F +39 0471 060 703 www.sel.bz.it

Dettagli

Rapporto sullo stato dell Ambiente 2010-2011

Rapporto sullo stato dell Ambiente 2010-2011 Rapporto sullo stato dell Ambiente 2010-2011 Il contesto socio-economico Alberto Brugnoli Direttore Generale Éupolis Lombardia Rapporto sullo Stato dell Ambiente 2010-2011 Venerdì 11 Maggio 2012, Palazzo

Dettagli

una questione economica? Claudio Lubello Università di Firenze

una questione economica? Claudio Lubello Università di Firenze Risparmio i idrico: i una necessità ambientale o una questione economica? Claudio Lubello Università di Firenze Cosa è il risparmio idrico? Sistema integrato di pratiche ed interventi finalizzati alla

Dettagli

Marco Maglionico Università di Bologna Dipartimento DICAM

Marco Maglionico Università di Bologna Dipartimento DICAM La gestione delle acque meteoriche nelle aree urbane: aspetti idraulici e ambientali Marco Maglionico Dipartimento marco.maglionico@unibo.it Effetti dell urbanizzazione sul ciclo idrologico L urbanizzazione

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DELLE ACQUE REFLUE URBANE Decreto Legislativo 3 aprile 2006 n. 152

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DELLE ACQUE REFLUE URBANE Decreto Legislativo 3 aprile 2006 n. 152 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DELLE ACQUE REFLUE URBANE Decreto Legislativo 3 aprile 2006 n. 152 Provincia di Brescia Settore Ambiente Ufficio Acqua Via Milano n.13 25126 Brescia OGGETTO: Decreto

Dettagli

Organismo di Sorveglianza. Milano, 25giugno 2014

Organismo di Sorveglianza. Milano, 25giugno 2014 Organismo di Sorveglianza Milano, 25giugno 2014 PAR-FSC 2007-2013 Linea di azione 1.4.1 Infrastrutture e tecnologie per la sicurezza idraulica (priorità per la messa in sicurezza dell area Expo, con valorizzazione

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE EUROPEA DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE che concede una deroga richiesta dall Italia con riguardo alle regioni Emilia - Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto a norma della direttiva

Dettagli

CONSIGLI PRATICI PER RIDURRE IL CONSUMO DI ACQUA

CONSIGLI PRATICI PER RIDURRE IL CONSUMO DI ACQUA «Sono le azioni che contano. I nostri pensieri, per quanto buoni possano essere, sono perle false fintanto che non vengono trasformati in azioni. Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo.» Mahatma

Dettagli

AMMODERNAMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE MIS. 121 Bando ANNO 2013 SCADENZA : 30 MARZO 2013

AMMODERNAMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE MIS. 121 Bando ANNO 2013 SCADENZA : 30 MARZO 2013 AMMODERNAMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE MIS. 121 Bando ANNO 2013 SCADENZA : 30 MARZO 2013 La Regione del Veneto offre alle aziende agricole Venete che vogliono fare investimenti utili per ammodernare la

Dettagli

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997)

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) R e g i o n e L o m b a r d i a Provincia di Milano COMUNE DI NERVIANO Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) Marzo 2003 PRESCRIZIONI GEOLOGICHE PER LE N.T.A. Studio Associato di

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE ACQUE MODALITÀ DI CODIFICA DEI MANUFATTI E DEGLISCARICHI AUTORIZZATI PER PROVINCE E UFFICI D AMBITO

SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE ACQUE MODALITÀ DI CODIFICA DEI MANUFATTI E DEGLISCARICHI AUTORIZZATI PER PROVINCE E UFFICI D AMBITO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE ACQUE MODALITÀ DI CODIFICA DEI MANUFATTI E DEGLISCARICHI AUTORIZZATI PER PROVINCE E UFFICI D AMBITO Maggio 2013 1 PREMESSA L attività di unificazione delle banche dati sulle

Dettagli

AUTORITA INTERREGIONALE

AUTORITA INTERREGIONALE AUTORITA INTERREGIONALE di BACINO della BASILICATA www.adb.basilicata.it Piano di bacino stralcio del bilancio idrico e del deflusso minimo vitale RELAZIONE Collaborazione Sogesid S.p.A. Consulenza scientifica

Dettagli

INDICATORI E MONITORAGGIO

INDICATORI E MONITORAGGIO COMUNI DI AZZIO, BEDERO VALCUVIA, BRINZIO, CASALZUIGNO, CASSANO VALCUVIA, DUNO, FERRERA DI VARESE, MASCIAGO PRIMO, ORINO, RANCIO VALCUVIA Provincia di Varese INDICATORI E MONITORAGGIO VALUTAZIONE AMBIENTALE

Dettagli

Labelab srl Via Mirasole 2/2 40124 Bologna (BO) C.F./P.Iva: 02151361207

Labelab srl Via Mirasole 2/2 40124 Bologna (BO) C.F./P.Iva: 02151361207 USO SOSTENIBILE E METODOLOGIE DI INCREMENTO DELLA RISORSA IDRICA gentilmente inviato da Paolo Carretto Tesi di Laurea Redattore: Paolo Carretto Relatore: Prof.ssa Alessandra Bonoli Facoltà di Ingegneria

Dettagli

ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO E DI PRIMA PIOGGIA: NORME E SPECIFICHE TECNICHE. Normativa, procedure e modulistica

ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO E DI PRIMA PIOGGIA: NORME E SPECIFICHE TECNICHE. Normativa, procedure e modulistica ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO E DI PRIMA PIOGGIA: NORME E SPECIFICHE TECNICHE Normativa, procedure e modulistica 1 ART. 39 D.Lgs 11 maggio 1999 n. 152 ART. 113 D.Lgs 3 aprile 2006 n. 152 Art.113 prevede

Dettagli

Consumo di acqua. Uomo città 450 800 litri/giorno Industria. Carta 185 m 3 /TONN Cereali 450 m 3 /TONN Carne bovina 31.

Consumo di acqua. Uomo città 450 800 litri/giorno Industria. Carta 185 m 3 /TONN Cereali 450 m 3 /TONN Carne bovina 31. Acque Consumo di acqua Uomo città 450 800 litri/giorno Industria Carta 185 m 3 /TONN Cereali 450 m 3 /TONN Carne bovina 31.500 m 3 /TONN Civili 5% Industria 20% Agricoltura 70% Quantità di acqua (%) nell

Dettagli

Diffusione delle Metodologie e Tecnologie Scientifiche Integrate utilizzate per lo studio della Risorsa Idrica

Diffusione delle Metodologie e Tecnologie Scientifiche Integrate utilizzate per lo studio della Risorsa Idrica Diffusione delle Metodologie e Tecnologie Scientifiche Integrate utilizzate per lo studio della Risorsa Idrica A cura di: Daniel Nieto Yabar Marina Poropat Alessandro Affatato 1 Diffusione delle Metodologie

Dettagli

Risorse idriche globali e alimentazione

Risorse idriche globali e alimentazione Risorse idriche globali e alimentazione sfide per il futuro Guido Santini FAO Land and Water Division ACQUA 2.0 - II EDIZIONE, Roma, 27 Marzo 2014 Introduzione Quadro diagnostico: Panoramica sulle risorse

Dettagli

ARPA Lombardia A fianco delle istituzioni Al servizio di cittadini e imprese Per la tutela dell ambiente

ARPA Lombardia A fianco delle istituzioni Al servizio di cittadini e imprese Per la tutela dell ambiente ARPA Lombardia A fianco delle istituzioni Al servizio di cittadini e imprese Per la tutela dell ambiente INDICE Identità e ruolo di ARPA Lombardia pag. 4 Struttura organizzativa di ARPA Lombardia pag.

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA PIANO REGIONALE DI RISANAMENTO DELLE ACQUE SETTORI FUNZIONALI PUBBLICI SERVIZI ACQUEDOTTO, FOGNATURA, COLLETTAMENTO E DEPURAZIONE

REGIONE LOMBARDIA PIANO REGIONALE DI RISANAMENTO DELLE ACQUE SETTORI FUNZIONALI PUBBLICI SERVIZI ACQUEDOTTO, FOGNATURA, COLLETTAMENTO E DEPURAZIONE REGIONE LOMBARDIA PIANO REGIONALE DI RISANAMENTO DELLE ACQUE SETTORI FUNZIONALI PUBBLICI SERVIZI ACQUEDOTTO, FOGNATURA, COLLETTAMENTO E DEPURAZIONE ALLEGATI TECNICI ALLA DELIBERA D.C.R. VII/0402 (Atti

Dettagli

Costi sproporzionati - limiti e soluzioni pratiche nell'applicazione dei metodi di valutazione degli ERC

Costi sproporzionati - limiti e soluzioni pratiche nell'applicazione dei metodi di valutazione degli ERC Costi sproporzionati - limiti e soluzioni pratiche nell'applicazione dei metodi di valutazione degli ERC Davide Viaggi Dipartimento di Scienze Agrarie - Università di Bologna -GIORNATA di STUDIO -VALUTAZIONE

Dettagli

La razionalizzazione degli impieghi irrigui e della fertilizzazione per la tutela delle acque

La razionalizzazione degli impieghi irrigui e della fertilizzazione per la tutela delle acque La razionalizzazione degli impieghi irrigui e della fertilizzazione per la tutela delle acque Stefania Nuvoli ARSIA Seminario Tecnico La razionalizzazione dell irrigazione e della fertilizzazione nel settore

Dettagli

DESTEC UNIVERSITÀ DI PISA ANALISI DI SOSTENIBILITÀ DI OPPORTUNI CASI STUDIO TRAMITE IL SOFTWARE EUREKA

DESTEC UNIVERSITÀ DI PISA ANALISI DI SOSTENIBILITÀ DI OPPORTUNI CASI STUDIO TRAMITE IL SOFTWARE EUREKA DESTEC UNIVERSITÀ DI PISA ANALISI DI SOSTENIBILITÀ DI OPPORTUNI CASI STUDIO TRAMITE IL SOFTWARE EUREKA Pisa, Gennaio 2015 Ing. Giulia Ludovici, Ph.D. Indice 1. Introduzione... 3 2. Parco eolico... 4 2.1

Dettagli

Risparmio nella fase di utilizzo della risorsa

Risparmio nella fase di utilizzo della risorsa L efficienza nell uso dell acqua potabile Gli interventi possibili nel settore civile Obiettivi PTUA 3 Le misure per la programmazione e l uso delle risorsa idrica a scala regionale dovrà essere finalizzata

Dettagli

STATO DELL ARTE DEL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE IDRAULICA

STATO DELL ARTE DEL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE IDRAULICA SEMINARIO NAZIONALE La tutela della risorsa idrica in montagna Applicazione della direttiva acque negli ambienti alpini italiani STATO DELL ARTE DEL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE IDRAULICA Tolmezzo,

Dettagli

La Rete dei Laboratori di ARPA Lombardia

La Rete dei Laboratori di ARPA Lombardia La Rete dei Laboratori di ARPA Lombardia Pierluisa Dellavedova Direttore Settore Laboratori ARPA Lombardia UNIDEA, Rimini, 8-9 maggio 2014 I Laboratori di ARPA Lombardia: La Struttura del Settore DIRETTORE

Dettagli

Angelo Robotto Direttore Generale Arpa Piemonte

Angelo Robotto Direttore Generale Arpa Piemonte Angelo Robotto Direttore Generale Arpa Piemonte Home del portale relazione.ambiente.piemonte.gov.it Clima L anno 2014 è stato il secondo più caldo dopo il 2011 e il terzo più piovoso, dopo il 1977 e il

Dettagli

Aggiornamento della situazione idrologica in Italia ai fini della prevenzione delle crisi idriche (al 6 maggio 2007)

Aggiornamento della situazione idrologica in Italia ai fini della prevenzione delle crisi idriche (al 6 maggio 2007) SETTORE RISCHIO IDRICO - CENTRO FUNZIONALE CENTRALE Aggiornamento della situazione idrologica in Italia ai fini della prevenzione delle crisi idriche (al 6 maggio 2007) Servizio Rischio idro-geologico,

Dettagli

ARPAT Dipartimento provinciale di Prato. Relazione sullo stato dell ambiente in Toscana

ARPAT Dipartimento provinciale di Prato. Relazione sullo stato dell ambiente in Toscana ARPAT Dipartimento provinciale di Prato Relazione sullo stato dell ambiente in Toscana Firenze 15 gennaio 2010 Alcune criticità ambientali e peculiarità del controllo nella provincia di Prato 1- abbandono

Dettagli

Dighe e territorio. Benefici e problemi: una possibile soluzione

Dighe e territorio. Benefici e problemi: una possibile soluzione Dighe e territorio Benefici e problemi: una possibile soluzione Mario Trogni Bolzano, 15 maggio 2014 La Società Costituzione 1 giugno 2010 60% 40% 1 Il maggiore produttore dell Alto Adige Produzione media

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Sede legale e laboratorio: Via A. Moro 6-24020 Scanzorosciate (BG)

Sede legale e laboratorio: Via A. Moro 6-24020 Scanzorosciate (BG) Sede legale e laboratorio: Via A. Moro 1-24020 Scanzorosciate (BG) Unità locali: Via A. Moro 6-24020 Scanzorosciate (BG) Via B. D Este 16-20017 Rho (MI) Fatturato medio annuo ultimi tre anni: Euro 5.500.000

Dettagli

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE B IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE Premessa Il quadro conoscitivo del PTCP restituisce un analisi del sistema naturale ed ambientale del territorio provinciale che pone limiti ed offre opportunità alle

Dettagli

EX COMPRENSORIO 11 VERSILIA MASSACIUCCOLI IL PIANO DI CLASSIFICA DEGLI IMMOBILI PER IL RIPARTO DELLA CONTRIBUENZA E MODALITÀ DI CALCOLO DEL CONTRIBUTO

EX COMPRENSORIO 11 VERSILIA MASSACIUCCOLI IL PIANO DI CLASSIFICA DEGLI IMMOBILI PER IL RIPARTO DELLA CONTRIBUENZA E MODALITÀ DI CALCOLO DEL CONTRIBUTO EX COMPRENSORIO 11 VERSILIA MASSACIUCCOLI IL PIANO DI CLASSIFICA DEGLI IMMOBILI PER IL RIPARTO DELLA CONTRIBUENZA E MODALITÀ DI CALCOLO DEL CONTRIBUTO Il Piano di Classifica degli Immobili ha il fine di

Dettagli

Premessa 23/05/2014 2

Premessa 23/05/2014 2 Regione Toscana NORMATIVA sulla DIFESA DEL SUOLO Legge Reg. 27 dicembre 2012 n. 79 Nuova Disciplina in materia di Consorzi di bonifica. Modifiche (Ver. alla l.r. 69/2008 e alla l.r. 91/98. 1.0) Abrogazione

Dettagli

L ACQUA INTORNO A NOI Brevi indicazioni per l insegnante.

L ACQUA INTORNO A NOI Brevi indicazioni per l insegnante. L ACQUA INTORNO A NOI Brevi indicazioni per l insegnante. Iniziamo il percorso con una fase di spiegazione e un esperimento; successivamente lavoriamo in maniera cooperativa-guidata sul quaderno e con

Dettagli

Il sottoscritto. Nato a il..residente a.. Via.. N.. in qualità di Legale rappresentante della Società..:. Gestore del servizio idrico integrato CHIEDE

Il sottoscritto. Nato a il..residente a.. Via.. N.. in qualità di Legale rappresentante della Società..:. Gestore del servizio idrico integrato CHIEDE Domanda autorizzazione scarichi urbani D.Lgs. 152/06 Marca da Bollo Al Dirigente del Settore Ambiente della Provincia di Frosinone Via Brighindi 03100 F R O S I N O N E Il sottoscritto. Nato a il..residente

Dettagli

Il torrente Bozzente caratteristiche e criticità

Il torrente Bozzente caratteristiche e criticità Sergio Canobbio Il torrente Bozzente caratteristiche e criticità Gerenzano,, 27 aprile 2011 37 km, dal Parco Pineta a Rho Sorgenti: (1) torrente Antiga (2) Vari rami interni al Parco Pineta Gradaluso (separato

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale

Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale Per il terzo anno il Consorzio Brenta arriva al prestigioso traguardo dell approvazione del Bilancio Ambientale, introdotto in modo innovativo

Dettagli

ESPERIENZE DI RIUTILIZZO IRRIGUO DEI REFLUI NEL CONSORZIO DI BONIFICA DELLA NURRA

ESPERIENZE DI RIUTILIZZO IRRIGUO DEI REFLUI NEL CONSORZIO DI BONIFICA DELLA NURRA ESPERIENZE DI RIUTILIZZO IRRIGUO DEI REFLUI NEL CONSORZIO DI BONIFICA DELLA NURRA Ing. Franco Moritto DIRETTORE DELL AREA TECNICA AGRARIA II CONSORZIO DI BONIFICA DELLA NURRA II CONSORZIO DI BONIFICA

Dettagli

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente. Dipartimento di Como. della Lombardia

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente. Dipartimento di Como. della Lombardia Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Dipartimento di Como della Lombardia Presentazione Perché un documento sulla qualità dell ambiente nella Provincia di Como? Da sempre prosperità e benessere

Dettagli

Impatto ambientale delle aziende agricole ed illustrazione delle norme di natura ambientale

Impatto ambientale delle aziende agricole ed illustrazione delle norme di natura ambientale Impatto ambientale delle aziende agricole ed illustrazione delle norme di natura ambientale Come ogni attività umana l agricoltura crea un impatto sull ambiente derivante da tutte le attività svolte in

Dettagli

Lavoro di. Istituto Comprensivo Statale Console Marcello MILANO

Lavoro di. Istituto Comprensivo Statale Console Marcello MILANO Lavoro di Istituto Comprensivo Statale Console Marcello MILANO Anno Scolastico 2009/2010 INDICE Presentazione Prima parte : -Gli elementi del computer (presentazione degli elementi del computer al fine

Dettagli

Piano di Azione PROPOSTA

Piano di Azione PROPOSTA Piano di Azione PROPOSTA N GRUPPO AZIONE/RACCOMANDAZIONE A1 PREDISPORRE ED ATTUARE UN PIANO DI EDUCAZIONE E COMUNICAZIONE Spiegare cos è la tariffa, come si calcola, e cosa paga ; capire quando e perché

Dettagli

rapporto irrigazione RAPPORTO SULLO STATO DELL IRRIGAZIONE IN LOMBARDIA MONITORAGGIO DEI SISTEMI IRRIGUI DELLE REGIONI CENTRO SETTENTRIONALI

rapporto irrigazione RAPPORTO SULLO STATO DELL IRRIGAZIONE IN LOMBARDIA MONITORAGGIO DEI SISTEMI IRRIGUI DELLE REGIONI CENTRO SETTENTRIONALI Istituto Nazionale di Economia Agraria PROGRAMMA INTERREGIONALE MONITORAGGIO DEI SISTEMI IRRIGUI DELLE REGIONI CENTRO SETTENTRIONALI RAPPORTO SULLO STATO DELL IRRIGAZIONE IN LOMBARDIA rapporto irrigazione

Dettagli

Valutazione dei costi ambientali e della risorsa Direttiva Quadro Acque 2000/60/CE Giornata di studio ROMA 16 aprile 2015

Valutazione dei costi ambientali e della risorsa Direttiva Quadro Acque 2000/60/CE Giornata di studio ROMA 16 aprile 2015 Valutazione dei costi ambientali e della risorsa Direttiva Quadro Acque 2000/60/CE Giornata di studio ROMA 16 aprile 2015 Autorità di Bacino dei fiumi Liri Garigliano e Volturno Distretto Idrografico Appennino

Dettagli

CONFERENZA STAMPA DEL 5.3.2009 SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE LIQUAMI DI OLMETO

CONFERENZA STAMPA DEL 5.3.2009 SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE LIQUAMI DI OLMETO CONFERENZA STAMPA DEL 5.3.2009 SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE LIQUAMI DI OLMETO 1. PREMESSA L impianto di Olmeto è entrato in funzione nel 1987 ed è stato uno dei primi esempi in Italia di depurazione dei

Dettagli

COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA

COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA MARCA DA BOLLO COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Riservato all Ufficio ESTREMI DI RIFERIMENTO ARCHIVIAZIONE: Pratica Edilizia: n. Prot. gen. del / / RICHIESTA DI

Dettagli

I dati di ARPAV del monitoraggio delle acque interne

I dati di ARPAV del monitoraggio delle acque interne I dati di ARPAV del monitoraggio delle acque interne Filippo Mion RETI DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELLE ACQUE SAI predispone i piani di monitoraggio e raccoglie e valuta i risultati dei monitoraggi

Dettagli

Dal Panperduto a Milano Expo un esempio di innovazione per la multifunzionalita' dei canali

Dal Panperduto a Milano Expo un esempio di innovazione per la multifunzionalita' dei canali Dal Panperduto a Milano Expo un esempio di innovazione per la multifunzionalita' dei canali Dott. Massimo Lazzarini Direttore Area Programmazione ---- Padova 20 marzo 2013 Le acque del Comprensorio di

Dettagli

Il digestato alla luce del nuovo decreto

Il digestato alla luce del nuovo decreto Rimini, 10-11-12 Il digestato alla luce del nuovo decreto Giorgia Zaffrani DIGESTATO 1. CARATTERISTICHE OGGETTIVE: - Valore agronomico 2. DEFINIZIONI NORMATIVE: - Possibilità d uso: - Esclusione dalla

Dettagli

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua RIASSUNTO Il fatto che più di un miliardo di persone non abbiano diritto all acqua potabile e che più di due miliardi non godano di servizi igienici adeguati, unitamente al degrado dell ecosistema acquatico

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE AGRICOLTURA BIOLOGICA: CERTIFICAZIONE DI QUALITA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI ENTE DI FORMAZIONE: CO.S.P.A. Cooperativa Servizi Professionali Agroalimentari F.I.P.A. Federazione

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

Gestione delle risorse idriche in aree rurali del Libano

Gestione delle risorse idriche in aree rurali del Libano Gestione delle risorse idriche in aree rurali del Libano Il caso della Piana di Marjayoun Khiam Arianna Facchi Unità di Ingegneria Agraria CICSAA INQUADRAMENTO GEOGRAFICO LIBANO SIRIA ISRAELE GIORDANIA

Dettagli

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale La risorsa idrica sotterranea tra pressione Marco Petitta Società Geologica Italiana Dipartimento di Scienze della Terra Università di Roma La Sapienza Compiti del geologo (idrogeologo) sul tema acqua

Dettagli

SCHEDA INSEDIAMENTO 1.1 LEGALE RAPPRESENTANTE PROVINCIA COMUNE CAP. VIA N.ro civico TELEFONO FAX E-MAIL CODICE FISCALE P.IVA RAGIONE SOCIALE

SCHEDA INSEDIAMENTO 1.1 LEGALE RAPPRESENTANTE PROVINCIA COMUNE CAP. VIA N.ro civico TELEFONO FAX E-MAIL CODICE FISCALE P.IVA RAGIONE SOCIALE Catasto scarichi - Scheda ac. reflue domestiche Pag. 1 CATASTO SCARICHI - ACQUE REFLUE DOMESTICHE O ASMILABILI SCHEDA INSEDIAMENTO Data compilazione: 1. GENERALITA 1.1 LEGALE RAPPRESENTANTE PROVINCIA COMUNE

Dettagli