Lombardia in nomi e cifre

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lombardia in nomi e cifre"

Transcript

1 Stato dell acqua

2 Lombardia in nomi e cifre I grandi fiumi Po, Ticino, Adda, Oglio, Cherio,, Chiese, e Mincio Olona, Lambro, Brembo,, Serio e Mella Regime di deflusso stabile Regime di deflusso stabile Regime torrentizio Regime torrentizio I grandi laghi Garda, Maggiore, Como, Iseo e Lugano Annone, Pusiano,, Varese, Monate, Garlate, ecc Lago di Lei, lago di Livigno,, lago di Venina, ecc I più grandi bacini italiani I più grandi bacini italiani E altri numerosi laghi E altri numerosi laghi Bacini artificiali Bacini artificiali I canali artificiali km di rete di canali artificiali e 600 fra invasi e piccole dighe

3 Lombardia in nomi e cifre I fontanili Nella sola provincia di Milano sono inoltre presenti circa 600 fontanili.

4 Lombardia in nomi e cifre Dati regionali: Superficie regionale: km 2 42% montagna e 13% collina Piovosità media: 1000 mm/anno Afflusso medio di 27 mld di m 3 all anno anno Volumi di riserve non rinnovabili pari a 120 mld nei laghi, 500 mld nelle falde e 4 mld nei ghiacciai alpini. Sono Sono le le vere vere e proprie riserve riserve della della regione che che devono devono essere essere conservatec In poche parole una regione ricca d acquad

5 Lombardia in nomi e cifre Dati regionali: gli usi dell acqua In Lombardia è preponderante l uso l dell acqua per la produzione di energia: 67%

6 Gli usi dell acqua acqua Uso idroelettrico: Un quinto e più del fabbisogno energetico lombardo è coperto dall attivit attività delle centrali idroelettriche. I contro Forti alterazioni del deflusso naturale dei corsi d acqua d e degli equilibri ecologici Pericolosità I pro: La risorsa viene restituita invariata a livello qualitativo e di portata

7 Gli usi dell acqua acqua Uso idroelettrico: Il deflusso minimo vitale (DMV) Il Il valore valore di di portata minima minima che che deve deve essere essere garantita in in un un corso corso d acqua soggetto a derivazioni, al al fine fine di di tutelare gli gli ecosistemi fluviali fluvialie, e, in in particolare, la la vita vita acquatica Concetto che che compare per per la la prima prima volta volta nel nel dlgs dlgs183/89 poi poi nel nel dlgs dlgs152/99 Ad Ad oggi oggi la la Regione Lombardia ha ha approvato il il Programma di di Tutela Tutela ed ed Uso Uso delle delle Acque Acque (2006) (2006) in in cui cui ha ha definito modalità e tempi tempi (dicembre 2008) 2008) per per l adeguamento l del del DMV DMV

8 Gli usi dell acqua acqua Uso irriguo: Superficiali: % Sotterranee: Sotterranee: 11% Sotterranee: 11% Metodi Metodi di di irrigazione: scorrimento: 50% 50% non non va va alle alle piante piante pioggia: grande grande percentuale di di acqua acqua che che evapora Il Il territorio di di pianura è diviso diviso in in comprensori di di Bonifica. In In ognuno ognuno di di essi essi sono sono stati stati costituiti dei dei Consorzi di di gestione della della risorsa risorsa idrica idricache che in in collaborazione con con la la Regione regolano gli gli utilizzi utilizzi degli degli utenti utenti

9 Gli usi dell acqua acqua Uso irriguo: L acqua è stata stata considerata per per anni anni un un bene bene senza senza limiti limiti e anche anche il il settore agricolo si si è adeguato a tale tale condizione Problemi collegati: Utilizzo eccessivo di di acqua acqua per per il il suo suo basso basso costo: costo: volte volte meno meno che che per per l uso ll uso civile civile Colture idroesigenti Inquinamento delle delle acque acque da da azoto, azoto, nitrati nitrati e fitofarmaci

10 Gli usi dell acqua acqua Uso civile: Si Si intendono: uso uso potabile, uso uso igienico-sanitario,, uso uso anticendio e uso uso zootecnico. L 84 % dell acqua sfruttata viene viene emunta da da pozzi pozzi Il Il % dalle dalle sorgenti montane e il il 6 % dai dai corpi corpi superficiali. Gli Gli utilizzi utilizzi si si concentrano nell area milanese e in in corrispondenza delle delle zone zone più piùurbanizzate. A Milano Milano ogni ogni anno anno vengono emunti emuntimediamente m 3 3 Consumo procapite giornaliero m 3 3

11 Gli usi dell acqua acqua Uso civile: Anche Anche in in questo questo caso caso i i fruitori del del bene bene acqua acqua tendono a farne farne un uun uso uso intenso da da ricondursi all innalzamento della della qualità qualitàdell acqua e del del reddito. Problemi: Uso Uso intenso e comportamenti spreconi dovuti dovuti anche anche a tariffe tariffe eccessivamente basse basse Perdite nazionali della della rete rete nell ordine del del 40%. 40%. In In Lombardia del del 20% 20% Caso: Caso: Utilizzo delle delle acque acque minerali in in bottiglia

12 Gli usi dell acqua acqua Uso industriale: I prelievi più piùconsistenti sono sono legati legati al al raffreddamento delle delle centrali termoelettriche (7) (7) che che usano usano acque acque superficiali. Per Per i i processi produttivi veri veri e propri propri viene viene emunta acqua acqua dalla dalla falda falda (84%) (84%) Fra Fra i i settori settori più piùidroesigenti: Metalmeccanico Tessile Tessile Cuoio Cuoio e calzature Gomma Gomma Plastica Ma Ma dagli dagli anni anni 90 90è fortemente diminuita la la richiesta d acquad Innalzamento della della falda falda

13 Gli usi dell acqua acqua Uso industriale: Problemi: Utilizzo intenso d acqua d (fino (fino anni anni 90) 90) Alterazione qualitativa dell elemento elemento (chimica, termica, microbiologica) Acna di Cesano Maderno Acna di Cesano Maderno Polo chimico di Mantova Polo chimico di Mantova Caffaro di Brescia Caffaro di Brescia Solventi, trielina Solventi, trielina IPA, Metalli, Solventi IPA, Metalli, Solventi PCB, Diossina PCB, Diossina

14 Normative in materia di tutela delle acque Direttiva 2000/60/CE Istituisce un un quadro per per la la protezione e la la gestione delle acque Obiettivi: Individuazione dei dei bacini bacini idrografici Monitoraggio e condizione dei dei bacini bacini idrografici Piani Piani di di gestione per per la la protezione delle delle acque acque superficiali e sotterranee e degli degli ecosistemi collegati Scadenze temporali: entro entro 2015 tutti tutti i i corsi corsi d acqua d devono devono raggiungere lo lo stato stato buono di di conservazione, ad ad oggi oggi solo solo il il 39% 39% dei dei fiumi fiumi e il il 33% 33% dei dei laghi laghi ha ha raggiunto l obiettivo. l

15 Normative in materia di tutela delle acque Dlgs 152/06 Testo Unico Ambientale E E la la principale normativa vigente che che regola la la tutela dell acqua e recepisce la la Direttiva europea

16 Le posizioni di Legambiente sull Acqua Acqua Legambiente trova fondamentale un impegno attivo per portare avanti azioni di lotta contro: Inquinamento Uso eccessivo della risorsa Progetti che minacciano lo stato dei corsi d acqua d e degli ambienti acquatici Propone

17 Le posizioni di Legambiente sull Acqua Acqua Azioni ad ampio raggio Azioni ad ampio raggio Azioni a medio raggio Azioni a medio raggio Mitigare le le cause dei dei cambiamenti climatici Corretta gestione della risorsa idrica che che ne ne riduca la la domanda Ripensare al al sistema di di irrigazione e convertire quello a pioggia in in sistemi di di microirrigazione a goccia con con risparmio del del 50% 50% di di acqua Riconversione verso colture meno Idroesigenti con con incentivi fiscali

18 Le posizioni di Legambiente sull Acqua Acqua Azioni a medio raggio Azioni a medio raggio Cercare di di migliorare il il recupero delle acque reflue degli impianti produttivi e delle aziende agricole Premiare i virtuosi dell acqua Premiare i virtuosi dell acqua Rivedere i i sistemi di di tariffazione dell acqua e i i canoni di di concessione Riduzione delle perdite attraverso interventi puntuali e non non con con grandi opere

19 Le posizioni di Legambiente sull Acqua Acqua Azioni a ristretto raggio Azioni a ristretto raggio Uso Uso di di sistemi duali nelle case: divisione acque nere ed ed acque bianche Riutilizzo e raccolta dell acqua piovana Riduzione quantità d acqua utilizzata nelle nostre azioni quotidiane

20 Siti interessanti Siti interessanti

21 Siti interessanti Siti interessanti

22 Siti interessanti Siti interessanti

23 Siti interessanti Siti interessanti

24 Fine

25 Normative in materia di tutela delle acque Dlgs 152/06 Testo Unico Ambientale Tipologie di di acque reflue: Acque reflue industriali, provengono da da attività produttive sono sono le le più piùimportanti perché perchépossono contenere sostanze inquinanti pericolose per per l ambientel Acque reflue domestiche, provengono da da insediamenti abitativi sono sono gli gli scarichi delle delle acque acque nere nere delle delle abitazioni e delle delle attivit attività colturali e di di selvicoltura Acque reflue urbane, sono sono miscugli di di quelle industriali e domestiche

26 Normative in materia di tutela delle acque Dlgs 152/06 Testo Unico Ambientale Per Per tutti tutti i i tipi tipi di di acque acque reflue reflue visti visti sono sono definiti Metodi di analisi Metodi di analisi Valori limite di emissione Valori limite di emissione Metodi Metodi di di campionamento campionamento ed ed enti enti di di riferimento riferimento La La Provincia e l ARPA ll ARPA effettuano i i controlli

27 Normative in materia di tutela delle acque Dlgs 152/06 Testo Unico Ambientale Come Come individuare scarichi abusivi abusivi Verificare autorizzazione Verificare autorizzazione Provincia Provincia (piccoli (piccoli scarichi) scarichi) Regione, Regione, ARPA ARPA Controllare Controllare se se vi vi sono sono cambiamenti cambiamenti di di colore colore e e di di odore odore A volte volte gli gli scarichi scarichi nascondono nascondono sistemi sistemi più piùcomplessi Provincia Provincia (con (con funzione funzione di di polizia polizia giudiziaria), giudiziaria), ARPA ARPA

28 Normative in materia di tutela delle acque Dlgs 152/06 Testo Unico Ambientale Gli Gli allevamenti intensivi di di animali animali determinano la la produzione di di liquidi liquidi inquinanti (sostanze azotate) che che possono provocare eutrofizzazione ed ed inquinamento La fertirrigazione è consentita ma solo se: La fertirrigazione è consentita ma solo se: Non Non èè eccessiva eccessiva la la frequenza frequenza e e la la quantità quantitàutilizzata utilizzata Non Non èè fatta fatta su su terreno terreno di di proprietà proprietàdi di terzi terzi Non Non èè fatta fatta in in terreni terreni ove ove èè inutile inutile Non Non èè fatta fatta senza senza il il trattamento trattamento dei dei liquami liquami

Piano di Gestione delle Acque: uso efficiente e sostenibile delle acque per uso agricolo

Piano di Gestione delle Acque: uso efficiente e sostenibile delle acque per uso agricolo Piano di Gestione delle Acque: uso efficiente e sostenibile delle acque per uso agricolo Andrea Braidot Autorità di Bacino fiumi Alto Adriatico San Vito al Tagliamento, 12 maggio 2015 Cosa ci chiede la

Dettagli

Emergenza idrica 2005 D.G. Agricoltura - Situazione aggiornata a seguito della riunione del 24 giugno

Emergenza idrica 2005 D.G. Agricoltura - Situazione aggiornata a seguito della riunione del 24 giugno Emergenza idrica 2005 D.G. Agricoltura - Situazione aggiornata a seguito della riunione del 24 giugno Scenario di riferimento Il sistema irriguo della pianura lombarda è costituito da un sistema idraulico

Dettagli

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A INQUINAMENTO IDRICO Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A L inquinamento idrico è la contaminazione dei mari e delle acque interne superficiali (fiumi e laghi) e di falda tramite l immissione, da parte

Dettagli

Quando si parla di inquinamento dell'acqua, si intende sia l'inquinamento dell'acqua superficiale (fiumi, laghi, mare) sia dell'acqua presente sotto

Quando si parla di inquinamento dell'acqua, si intende sia l'inquinamento dell'acqua superficiale (fiumi, laghi, mare) sia dell'acqua presente sotto L'acqua inquinata Quando si parla di inquinamento dell'acqua, si intende sia l'inquinamento dell'acqua superficiale (fiumi, laghi, mare) sia dell'acqua presente sotto il suolo (falde acquifere). Va tenuto

Dettagli

valori, qualità, consigli Il corso della vita.

valori, qualità, consigli Il corso della vita. Utenze Servizio domestiche idrico acqua Acqua Hera valori, qualità, consigli Il corso della vita. L acqua è un valore che non va mai fuori corso il ciclo dell acqua Siamo la seconda società italiana nei

Dettagli

nei PROCESSI DI RAFFREDDAMENTO delle centrali TERMOELETTRICHE attraverso lo sfruttamento dell energia associata alle MAREE

nei PROCESSI DI RAFFREDDAMENTO delle centrali TERMOELETTRICHE attraverso lo sfruttamento dell energia associata alle MAREE AD USO INDUSTRIALE per la produzione di ENERGIA IDROELETTRICA nei PROCESSI DI RAFFREDDAMENTO delle centrali TERMOELETTRICHE attraverso lo sfruttamento dell energia associata alle MAREE attraverso lo sfruttamento

Dettagli

Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali

Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali Relatore: SERGIO CANOBBIO Seriate,,

Dettagli

Piano Regionale di Tutela delle Acque del Friuli Venezia Giulia

Piano Regionale di Tutela delle Acque del Friuli Venezia Giulia Associazione Imprenditori Idroelettrici del Friuli Venezia Giulia Monitoraggio dei corsi d'acqua per la realizzazione e la gestione delle derivazioni Palazzo Torriani, Udine, 20 settembre 2013 Piano Regionale

Dettagli

Michele Pisante Commissario Delegato CREA 02/03/2016 1

Michele Pisante Commissario Delegato CREA 02/03/2016 1 Michele Pisante Commissario Delegato CREA 02/03/2016 1 RISORSE IDRICHE: finalità e attività da svolgere 5 linee: Programmazione investimenti irrigui; Condizionalità Ex ante; Integrazione e sinergie con

Dettagli

il Piano di Tutela delle Acque

il Piano di Tutela delle Acque Direzione centrale ambiente, energia e politiche per la montagna servizio idraulica Gestione delle acque sotterrane e superficiali in Friuli Venezia Giulia il Piano di Tutela delle Acque ing. D. Iervolino

Dettagli

Spett.le. OGGETTO: D. Lgs 152/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Domanda di autorizzazione allo scarico di acque meteoriche di dilavamento

Spett.le. OGGETTO: D. Lgs 152/2006 e successive modifiche ed integrazioni. Domanda di autorizzazione allo scarico di acque meteoriche di dilavamento PROVINCIA DI MATERA Ufficio Ambiente Servizio di vigilanza e controllo Via Ridola, 60 tel. 0835/306245-322 Marca da Bollo Spett.le PROVINCIA di Matera Ufficio Ambiente Via Ridola,60 75100 MATERA OGGETTO:

Dettagli

Il progetto Seminare Acqua

Il progetto Seminare Acqua Il progetto Seminare Acqua Conililcontributo contributodi: di: Con Il progetto Obiettivo: Parlare di di acqua e dei servizi ad ad essa collegati e creare uno strumenti di di conoscenza per la la cittadinanza

Dettagli

Valutazione dello stato dei corsi d acqua attraverso le comunità biologiche

Valutazione dello stato dei corsi d acqua attraverso le comunità biologiche Valutazione dello stato dei corsi d acqua attraverso le comunità biologiche Simone Ciadamidaro Ricercatore ENEA Laboratorio di Ecologia UTTS PhD in Biologia Animale Informazioni: eventienea_ispra@enea.it

Dettagli

La gestione degli eventi di scarsità idrica e siccità nel bacino del Po

La gestione degli eventi di scarsità idrica e siccità nel bacino del Po Progetto WARBO Water Re-born Artificial recharge Innovative technologies for the Sustainable Management of Water Resources Copparo, 31 gennaio 2012 La gestione degli eventi di scarsità idrica e siccità

Dettagli

Bergamo Agricoltura Energia Industria Trasporti Rifiuti Aria Acqua

Bergamo Agricoltura Energia Industria Trasporti Rifiuti Aria Acqua 13-Province01.qxd 5-04-2007 9:23 Pagina 161 I territori provinciali - Bergamo Il territorio provinciale di Bergamo delimitato a ovest dal fiume Adda e ad est dal fiume Oglio si estende per una larghezza

Dettagli

Le opere di difesa. Le opere di derivazione delle acque superficiali. Le opere di immissione nelle acque superficiali

Le opere di difesa. Le opere di derivazione delle acque superficiali. Le opere di immissione nelle acque superficiali Le opere di difesa Le opere di derivazione delle acque superficiali Le opere di immissione nelle acque superficiali I corsi d acqua ricevono svariati apporti liquidi derivanti dalle attività antropiche,

Dettagli

Indagine sui carichi inquinanti e relativi impatti sulle acque nei bacini Olona, Seveso, Lambro e Mella

Indagine sui carichi inquinanti e relativi impatti sulle acque nei bacini Olona, Seveso, Lambro e Mella Workshop CONTRATTI DI FIUME 12 giugno 2009 Indagine sui carichi inquinanti e relativi impatti sulle acque nei bacini Olona, Seveso, Lambro e Mella ARPA Lombardia Settore Suolo, Risorse Idriche e Meteoclimatologia

Dettagli

Da consorzio irriguo e di bonifica a consorzio di valorizzazione delle acque

Da consorzio irriguo e di bonifica a consorzio di valorizzazione delle acque Est Ticino Villoresi Consorzio di bonifica via Ariosto 30-20145 Milano tel. +39 02 4856 1301 fax +39 02 4801 3031 sito www.etvilloresi.it mail info@etvilloresi.it Da consorzio irriguo e di bonifica a consorzio

Dettagli

VERBALE SINTETICO DEL I INCONTRO GRUPPO TEMATICO Acqua

VERBALE SINTETICO DEL I INCONTRO GRUPPO TEMATICO Acqua PROVINCIA DI PRATO Ufficio Agenda 21 Via Giovanni Pisano, 12-59100 Prato Tel.: 0574 534260 Fax: 0574 534329 E-mail: agenda21@provincia.prato.it Web: http:\\www.provincia.prato.it PTC 2008 Variante di adeguamento

Dettagli

SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI

SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI A) IDENTIFICAZIONE DELLA DITTA SCHEDA TECNICA PER SCARICHI INDUSTRIALI I Identificazione dell Azienda Denominazione Sede legale in via n CAP Comune Tel Fax Email Attività Codice ISTAT CF dell impresa Partita

Dettagli

Siamo a Vs. disposizione per qualsiasi chiarimento tecnico-normativo e con l occasione porgiamo distinti saluti.

Siamo a Vs. disposizione per qualsiasi chiarimento tecnico-normativo e con l occasione porgiamo distinti saluti. Con la presente Vi informiamo che da febbraio 2014 è entrato in vigore il REGOLAMENTO REGIONALE n. 26/2013 sulla Disciplina delle acque meteoriche di dilavamento e di prima pioggia, che obbliga ad una

Dettagli

Le misure del Piano Regionale di Tutela delle Acque -Collettamento e trattamento acque reflue-

Le misure del Piano Regionale di Tutela delle Acque -Collettamento e trattamento acque reflue- Le misure del Piano Regionale di Tutela delle Acque -Collettamento e trattamento acque reflue- ALESSANDRO ZUCCA Regione Autonoma FVG Direzione Ambiente ed Energia Palmanova- 19 MAGGIO 2015 Indirizzi e

Dettagli

Azioni sul settore idrico, tra urgenza e opportunità per le imprese

Azioni sul settore idrico, tra urgenza e opportunità per le imprese Azioni sul settore idrico, tra urgenza e opportunità per le imprese Lorenzo Frattini Presidente Legambiente Emilia Romagna Giorgio Zampetti - Responsabile scientifico nazionale Legambiente Quali urgenze?

Dettagli

Integrare le politiche per tutelare e riqualificare le risorse idriche!

Integrare le politiche per tutelare e riqualificare le risorse idriche! Integrare le politiche per tutelare e riqualificare le risorse idriche! VIVIANE IACONE! DG AMBIENTE ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE! Strumenti di pianificazione per la tutela delle risorse idriche! E in

Dettagli

Disciplina organica in materia di difesa del suolo e di utilizzazione delle acque

Disciplina organica in materia di difesa del suolo e di utilizzazione delle acque Legge regionale n.11, 29 aprile 2015 Disciplina organica in materia di difesa del suolo e di 1 QUADRO NORMATIVO NAZIONALE E COMUNITARIO Regio decreto 523/1904 (testo unico sulle opere idrauliche) Legge

Dettagli

D LE INTERAZIONI TRA IL SISTEMA TERRITORIALE E QUELLO NATURALE ED AMBIENTALE

D LE INTERAZIONI TRA IL SISTEMA TERRITORIALE E QUELLO NATURALE ED AMBIENTALE D LE INTERAZIONI TRA IL SISTEMA TERRITORIALE E QUELLO NATURALE ED AMBIENTALE D.1 LE RETI IDRICHE E GLI SPANDIMENTI SUL SUOLO AGRICOLO D.1.1 IL SISTEMA ACQUEDOTTISTICO Introduzione ed inquadramento generale

Dettagli

Il Serio: agire per tutelare

Il Serio: agire per tutelare Il Serio: agire per tutelare * 17 ottobre 2015 Bergamo a cura di ing. Merati Claudio ing. Rota Sperti Loretta STER Bergamo Perché tutelare? Risorse essenziali: funzioni Ambientale Culturale Energetica

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE IN REGIONE PIEMONTE

ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE IN REGIONE PIEMONTE ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE 5 DETTAGLI E MISURE Direttiva 79/409/CEE sugli uccelli selvatici e successivi atti

Dettagli

L acqua in più e l acqua in meno: alluvioni e siccità in Calabria

L acqua in più e l acqua in meno: alluvioni e siccità in Calabria L acqua in più e l acqua in meno: alluvioni e siccità in Calabria Coordinatori: Giuseppe MENDICINO & Maria Luisa RONCONI Lotta contro la siccità: Definizione e programmazione degli interventi Giuseppe

Dettagli

Acque minerali. Acque potabili

Acque minerali. Acque potabili Acque minerali La classe di appartenenza di un'acqua minerale, dipende dalla quantità residuale di sali in essa contenuti, definita residuo fisso, determinata facendo bollire a 180 un litro d'acqua sino

Dettagli

Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE

Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE Evoluzione della normativa sulle acque in Italia RIFERIMENTO NORMATIVO APPROCCIO ALLA TUTELA L. 319/76 Limiti

Dettagli

INVARIANZA IDRAULICA DEL SUOLO E PROGETTAZIONE DI BACINI DI INFILTRAZIONE

INVARIANZA IDRAULICA DEL SUOLO E PROGETTAZIONE DI BACINI DI INFILTRAZIONE Corso di Perfezionamento Tutela e gestione del suolo e delle acque nella pianificazione di bacino Venezia 20 aprile 2012 INVARIANZA IDRAULICA DEL SUOLO E PROGETTAZIONE DI BACINI DI INFILTRAZIONE Prof.

Dettagli

Marco Maglionico Università di Bologna Dipartimento DICAM

Marco Maglionico Università di Bologna Dipartimento DICAM La gestione delle acque meteoriche nelle aree urbane: aspetti idraulici e ambientali Marco Maglionico Dipartimento marco.maglionico@unibo.it Effetti dell urbanizzazione sul ciclo idrologico L urbanizzazione

Dettagli

Acque. RSA Provincia di Milano. Acque

Acque. RSA Provincia di Milano. Acque RSA Provincia di Milano Acque Fig.1: utilizzo della risorsa idrica superficiale (fonte: SIA) Fig. 2: incidenza dei fenomeni inquinanti sulla risorsa idrica sotterranea (fonte: Provincia di Milano) La provincia

Dettagli

Gli acquiferi costieri della Regione Emilia-Romagna. Paolo Severi Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli - Regione Emilia-Romagna

Gli acquiferi costieri della Regione Emilia-Romagna. Paolo Severi Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli - Regione Emilia-Romagna Gli acquiferi costieri della Regione Emilia-Romagna Paolo Severi Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli - Regione Emilia-Romagna Acquiferi nella pianura costiera emiliano romagnola Acquiferi alluvionali

Dettagli

Le interazioni tra i PSR 2007-2013 e gli obiettivi ambientali della DQA e del PdG del Po Applicazioni e integrazioni Parma 13 maggio2013

Le interazioni tra i PSR 2007-2013 e gli obiettivi ambientali della DQA e del PdG del Po Applicazioni e integrazioni Parma 13 maggio2013 Le interazioni tra i PSR 2007-2013 e gli obiettivi ambientali della DQA e del PdG del Po Applicazioni e integrazioni Parma 13 maggio2013 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Gruppo

Dettagli

Direttiva 2000/60/CE che istituisce un quadro per l azione comunitaria in materia di acque

Direttiva 2000/60/CE che istituisce un quadro per l azione comunitaria in materia di acque Direttiva 2000/60/CE che istituisce un quadro per l azione comunitaria in materia di acque Principio del recupero dei costi dei servizi idrici : modalità di attuazione nella Regione vallona (Belgio) Andrea

Dettagli

area tematica: RISORSE IDRICHE

area tematica: RISORSE IDRICHE Tabella A. area tematica: RISORSE IDRICHE sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Utilizzo di acqua di qualità in quantità ingenti per le attività produttive che comporta l abbassamento generalizzato

Dettagli

Investimenti nel settore idrico e depurativo, tra urgenza di risanamento e opportunità per le imprese. Giorgio Zampetti

Investimenti nel settore idrico e depurativo, tra urgenza di risanamento e opportunità per le imprese. Giorgio Zampetti Investimenti nel settore idrico i e depurativo, tra urgenza di risanamento e opportunità per le imprese Giorgio Zampetti Responsabile scientifico di Legambiente L Italia è uno dei Paesi più ricchi di acqua

Dettagli

6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano

6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano 6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano Art. 1 Finalità generali del Piano 1. Il presente Piano costituisce piano stralcio di bacino ai sensi del c.6 ter dell art.17

Dettagli

Il sottoscritto. nato a il. residente a in via n. del fabbricato ad uso civile abitazione e/o laboratorio, sito in. via n. chiede

Il sottoscritto. nato a il. residente a in via n. del fabbricato ad uso civile abitazione e/o laboratorio, sito in. via n. chiede Marca da bollo Euro 10,33 AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS OGGETTO: Tutela delle acque dall inquinamento. D.Lgs. 11.05.1999, n. 152. Richiesta di autorizzazione allo scarico di

Dettagli

RISORSA ACQUA Le risorse idriche del nostro territorio

RISORSA ACQUA Le risorse idriche del nostro territorio RISORSA ACQUA Le risorse idriche del nostro territorio Chi & dove Scuola Elementare di Manerbio Via Galliano, 10 25025 Manerbio Brescia manerbiodoc@ddmanerbio.it Classi coinvolte : Scuola Primaria - Classe

Dettagli

ecofarm Dagli scarti della tua azienda, energia pulita e concime. Domino Nuova energia per la tua azienda

ecofarm Dagli scarti della tua azienda, energia pulita e concime. Domino Nuova energia per la tua azienda Dagli scarti della tua azienda, energia pulita e concime. Domino Nuova energia per la tua azienda Domino Come funziona un impianto biogas Il biogas si ottiene dalla fermentazione anaerobica di biomasse

Dettagli

Verso un economia al servizio della famiglia umana. Persona, Società, Istituzioni. Sessione: Economia ed Ecologia

Verso un economia al servizio della famiglia umana. Persona, Società, Istituzioni. Sessione: Economia ed Ecologia Verso un economia al servizio della famiglia umana. Persona, Società, Istituzioni. Sessione: Economia ed Ecologia La gestione del ciclo dell acqua nell Italia Mediterranea Pierluigi Martini Introduzione

Dettagli

Il Torrente Lura Problematiche e Prospettive

Il Torrente Lura Problematiche e Prospettive Sergio Canobbio Il Torrente Lura Problematiche e Prospettive Caronno P., 09-04 04-2010 La problematica Ambientale ALTERAZIONI: 1. QUALITA DELL ACQUA 1 3 2. REGIME IDRAULICO 3. MORFOLOGIA DELL AMBIENTE

Dettagli

BIOGAS: UN OPPORTUNITÀ PER LA GESTIONE SOSTENIBILE IN AGRICOLTURA Merigo Giambattista Dipartimento agricoltura, sviluppo sostenibile ed energie rinnovabili CONAF Giorgio Provolo Dipartimento di Scienze

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA Comune di Faenza Sportello Unico per le Attività produttive 7 Incontro Tecnico - 23 Giugno 2005 OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA ing. Michele Lotito

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PROGRAMMATICO PER LA TUTELA E LA SALVAGUARDIA DEL FIUME CLITUNNO PRIMI INTERVENTI FRA

PROTOCOLLO D INTESA PROGRAMMATICO PER LA TUTELA E LA SALVAGUARDIA DEL FIUME CLITUNNO PRIMI INTERVENTI FRA PROTOCOLLO D INTESA PROGRAMMATICO PER LA TUTELA E LA SALVAGUARDIA DEL FIUME CLITUNNO PRIMI INTERVENTI FRA REGIONE UMBRIA AUTORITA DI AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE N.3 AGENZIA REGIONALE PER L AMBIENTE (ARPA)

Dettagli

IL VALORE AMBIENTALE DELL IRRIGAZIONE LA RICARICA DELLA FALDA

IL VALORE AMBIENTALE DELL IRRIGAZIONE LA RICARICA DELLA FALDA Con il patrocinio di 14 SETTEMBRE 2015 IL VALORE AMBIENTALE DELL IRRIGAZIONE LA RICARICA DELLA FALDA Relatore: ing. Umberto Niceforo direttore Consorzio Brenta Le radici nella geografia e nella storia

Dettagli

L importanza dell acqua dolce. Bene sempre più raro e prezioso, l acqua è una risorsa non rinnovabile e per questo non va sprecata.

L importanza dell acqua dolce. Bene sempre più raro e prezioso, l acqua è una risorsa non rinnovabile e per questo non va sprecata. L importanza dell acqua dolce Bene sempre più raro e prezioso, l acqua è una risorsa non rinnovabile e per questo non va sprecata. Il deficit mondiale di acqua L acqua è un bene indispensabile per la sopravvivenza

Dettagli

2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato

2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato 2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato La VAS prevede l avvio di un sistema di monitoraggio dei caratteri territoriali. Obiettivo del monitoraggio è assicurare il controllo sugli impatti significativi

Dettagli

VAS PSC e RUE PIANO DI MONITORAGGIO PIANO URBANISTICO COMUNALE. Comune di Sant'Ilario d'enza. Provincia di Reggio Emilia

VAS PSC e RUE PIANO DI MONITORAGGIO PIANO URBANISTICO COMUNALE. Comune di Sant'Ilario d'enza. Provincia di Reggio Emilia Comune di Sant'Ilario d'enza Provincia di Reggio Emilia L.1150/1942 - L.R. 20/2000 e s.m.i PIANO URBANISTICO COMUNALE Capoluogo Calerno Sindaco Assessore all'urbanistica Segretario Comunale Ufficio Tecnico

Dettagli

Redazione Verifica Approvazione Mauro Marani Cristian Peotta

Redazione Verifica Approvazione Mauro Marani Cristian Peotta RAPPORTO FINALE TASK 4.1 PIANO DI MONITORAGGIO Territorio e Area industriale della Provincia di Rovigo Redazione Verifica Approvazione Mauro Marani Cristian Peotta Data emissione 20-10-2006 Il Piano di

Dettagli

ALLEGATO C TARIFFE A CARICO DEI CLIENTI ED A FAVORE DEL GESTORE NEL PERIODO DI CUI ALL ART. 3, C.1 DELLA CONVENZIONE

ALLEGATO C TARIFFE A CARICO DEI CLIENTI ED A FAVORE DEL GESTORE NEL PERIODO DI CUI ALL ART. 3, C.1 DELLA CONVENZIONE ALLEGATO C TARIFFE A CARICO DEI CLIENTI ED A FAVORE DEL GESTORE NEL PERIODO DI CUI ALL ART. 3, C.1 DELLA CONVENZIONE SISTEMA A MISURA Servizio Acquedotto 2012 USO ABITATIVO RESIDENTE tariffa agevolata

Dettagli

ARPAT Dipartimento provinciale di Prato. Relazione sullo stato dell ambiente in Toscana

ARPAT Dipartimento provinciale di Prato. Relazione sullo stato dell ambiente in Toscana ARPAT Dipartimento provinciale di Prato Relazione sullo stato dell ambiente in Toscana Firenze 15 gennaio 2010 Alcune criticità ambientali e peculiarità del controllo nella provincia di Prato 1- abbandono

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 4 5 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

Profilo climatico locale: risultati ed evidenze

Profilo climatico locale: risultati ed evidenze Profilo climatico locale: risultati ed evidenze Lucio Botarelli Servizio IdroMeteoClima ARPA - Emilia-Romagna www.arpa.emr.it/sim 7 aprile 2014 Bologna Cosa ha indagato il profilo climatico locale Variabilità

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA DELLA REGIONE UMBRIA PARTE PRIMA. Sezione II ATTI DELLA REGIONE

REPUBBLICA ITALIANA DELLA REGIONE UMBRIA PARTE PRIMA. Sezione II ATTI DELLA REGIONE Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 38 del 7 settembre 2005 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Seminario di studi. Gorizia 5 novembre 2011. Motivazioni dell introduzione del principio di invarianza idraulica

Seminario di studi. Gorizia 5 novembre 2011. Motivazioni dell introduzione del principio di invarianza idraulica MASTER AVAMIRI Seminario di studi Gorizia 5 novembre 2011 INVARIANZA IDRAULICA DEL SUOLO E PROGETTAZIONE DI BACINI DI INFILTRAZIONE Prof. Ing. Giorgio Verri Università degli Studi di Udine Motivazioni

Dettagli

8895 07/08/2008. Identificativo Atto N. 621 DIREZIONE GENERALE TERRITORIO E URBANISTICA

8895 07/08/2008. Identificativo Atto N. 621 DIREZIONE GENERALE TERRITORIO E URBANISTICA 8895 07/08/2008 Identificativo Atto N. 621 DIREZIONE GENERALE TERRITORIO E URBANISTICA REGOLARIZZAZIONE DI PICCOLA DERIVAZIONE DI ACQUE SOTTERRANEE DA 3 POZZI AD USO INDUSTRIALE IN COMUNE DI CREMONA (CR).

Dettagli

Parte B: anagrafica dell azienda

Parte B: anagrafica dell azienda DOMANDA DI NUOVA AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE O AMPLIAMENTO/ADEGUAMENTO DELL'IMPIANTO AI SENSI DEL D.LGS 152/2006 Bollo 14,62 Spett.le Provincia del Medio Campidano Assessorato all Ambiente

Dettagli

Allestimento di una rete di monitoraggio per il rilascio dei nutrienti nei suoli agricoli

Allestimento di una rete di monitoraggio per il rilascio dei nutrienti nei suoli agricoli Allestimento di una rete di monitoraggio per il rilascio dei nutrienti nei suoli agricoli Milano 24 Novembre 2009 - Il comportamento di nitrati e fitofarmaci nel suolo Lorenzo Bassi ERAF - Dipartimento

Dettagli

Acqua: oro per noi. Piano di Tutela delle Acque della Regione Emilia-Romagna

Acqua: oro per noi. Piano di Tutela delle Acque della Regione Emilia-Romagna GIORNATA MONDIALE DELL ACQUA 22 MARZO 2006 Acqua: oro per noi Sala del Consiglio Provinciale Reggio Emilia Piano di Tutela delle Acque della Regione Emilia-Romagna Romagna: : obiettivi ed azioni di risparmio

Dettagli

Scheda tecnica e documentazione elencata al punto 7) della stessa dovranno essere presentate in duplice copia.

Scheda tecnica e documentazione elencata al punto 7) della stessa dovranno essere presentate in duplice copia. SCHEDA N. 4 Documentazione tecnica da produrre per il rilascio dell autorizzazione all allacciamento alla rete fognaria e dell autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali che recapitano in

Dettagli

Verso un drenaggio urbano sostenibile

Verso un drenaggio urbano sostenibile Verso un drenaggio urbano sostenibile Con il patrocinio di OGGETTO INTERVENTO IL DRENAGGIO URBANO SOSTENIBILE I sistemi di drenaggio urbano sono formati da reti di condotti e manufatti destinati alla raccolta

Dettagli

RINNOVO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO NELLE RETI CONSORTILI

RINNOVO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO NELLE RETI CONSORTILI RINNOVO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO NELLE RETI CONSORTILI INCONTRO TECNICO CON LE IMPRESE Venerdì 20 Aprile 2012, ore 17:00 Piano Primo Autorizzazione allo scarico nelle Reti Fognarie Consortili

Dettagli

5.2: Reti tecnologiche

5.2: Reti tecnologiche 5.2: Reti tecnologiche Presentazione: Il corretto funzionamento e l efficienza delle reti tecnologiche di distribuzione e depurazione delle acque è senza dubbio alla base di una gestione corretta e sostenibile

Dettagli

Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento

Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento DIREZIONE LL. PP., CICLO IDRICO INTEGRATO, DIFESA DEL SUOLO E DELLA COSTA, PROTEZIONE CIVILE Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento Le attività della Regione

Dettagli

LE ANALISI SULL ACQUA

LE ANALISI SULL ACQUA LE ANALISI SULL ACQUA L'acqua e i suoi composti naturali Chimicamente l acqua è una molecola composta da due atomi di idrogeno e uno di ossigeno. Durante il suo percorso attraverso il terreno e le rocce,

Dettagli

Valutazione degli usi compatibili e possibili integrazioni di piani, programmi e regolamenti

Valutazione degli usi compatibili e possibili integrazioni di piani, programmi e regolamenti Valutazione degli usi compatibili e possibili integrazioni di piani, programmi e regolamenti Inquinamento un vecchio problema ancora attuale! Carenza d acqua: l altra faccia della medaglia obiettivo: buono

Dettagli

La proge&azione dei pozzi per acqua e la tutela delle falde - Il proge&o di Norma UNI

La proge&azione dei pozzi per acqua e la tutela delle falde - Il proge&o di Norma UNI La proge&azione dei pozzi per acqua e la tutela delle falde - Il proge&o di Norma UNI Tavola rotonda sul tema Proge&azione e sostenibilità dei pozzi per lo scambio termico nelle falde padane Ing. Roberto

Dettagli

PROGETTO QUADRO DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE

PROGETTO QUADRO DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE PROGETTO QUADRO DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE RILEVAZIONE DEI FATTORI METEO-CLIMATICI E IDROLOGICI PER IL CALCOLO DEL BILANCIO IDRICO DEGLI ACQUIFERI PREMESSA Con riferimento a quanto indicato

Dettagli

La Città di Milano al centro delle Valli dei Lamber

La Città di Milano al centro delle Valli dei Lamber Comune di Milano La Città di Milano al centro delle Valli dei Lamber Dott.ssa Annalisa Gussoni Settore Attuazione Politiche Ambientali Comune di Milano Necessità di passare da politiche di tutela delle

Dettagli

I libri bianchi del Touring Club Italiano n. 12. Rapporto sullo stato del paesaggio italiano - 2001

I libri bianchi del Touring Club Italiano n. 12. Rapporto sullo stato del paesaggio italiano - 2001 I libri bianchi del Touring Club Italiano n. 12 Un Paese spaesato Rapporto sullo stato del paesaggio italiano - 2001 A cura del Comitato per la Bellezza e del Centro Studi TCI I libri bianchi del Touring

Dettagli

Premessa 23/05/2014 2

Premessa 23/05/2014 2 Regione Toscana NORMATIVA sulla DIFESA DEL SUOLO Legge Reg. 27 dicembre 2012 n. 79 Nuova Disciplina in materia di Consorzi di bonifica. Modifiche (Ver. alla l.r. 69/2008 e alla l.r. 91/98. 1.0) Abrogazione

Dettagli

LA SEGUENTE SCHEDA INFORMATIVA DEVE ESSERE COMPILATA, FIRMATA E TIMBRATA DA TECNICO ABILITATO NONCHE FIRMATA DAL RICHIEDENTE

LA SEGUENTE SCHEDA INFORMATIVA DEVE ESSERE COMPILATA, FIRMATA E TIMBRATA DA TECNICO ABILITATO NONCHE FIRMATA DAL RICHIEDENTE DATI TECNICI SULLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE O ASSIMILABILI CHE RECAPITANO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE SUL SUOLO E NEL SOTTOSUOLO (STRATI SUPERFICIALI DEL SOTTOSUOLO). Documentazione da produrre:

Dettagli

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO Piano di Gestione delle Acque I Aggiornamento Rapporto tra PDGAcque e altri piani di indirizzo: PDGAlluvioni, Piano di Sviluppo Rurale, Piano di Indirizzo

Dettagli

ALLEGATO 1 NOTIZIE GENERALI

ALLEGATO 1 NOTIZIE GENERALI ALLEGATO 1 DATI TECNICI SULLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E/O ASSIMILABILI CHE RECAPITANO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE, SUL SUOLO E NEGLI STRATI SUPERFICIALI DEL SOTTOSUOLO. NOTIZIE GENERALI SCARICO

Dettagli

Utilizzi dell'acqua. Il consumo di acqua. Dove va l acqua? Acqua e agricoltura

Utilizzi dell'acqua. Il consumo di acqua. Dove va l acqua? Acqua e agricoltura Utilizzi dell'acqua Il consumo di acqua All uomo interessa in particolare l acqua potabile, sempre più scarsa in rapporto all aumento della popolazione mondiale e per effetto dell inquinamento. Oggi sono

Dettagli

Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio Università degli Studi di Milano - Bicocca. Sergio Canobbio

Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio Università degli Studi di Milano - Bicocca. Sergio Canobbio Sergio Canobbio Il Torrente Lura Problematiche e Prospettive Saronno, 16-11-2009 La problematica Ambientale ALTERAZIONI: 1. QUALITA DELL ACQUA 1 3 2. REGIME IDRAULICO 3. MORFOLOGIA DELL AMBIENTE FLUVIALE

Dettagli

Premessa L ACQUA E I PROCESSI PRODUTTIVI. Le acque per uso industriale e agricolo L ACQUA E L UOMO. Dlgs 152/99 e DLgs 258/2000:

Premessa L ACQUA E I PROCESSI PRODUTTIVI. Le acque per uso industriale e agricolo L ACQUA E L UOMO. Dlgs 152/99 e DLgs 258/2000: L ACQUA E L UOMO L ACQUA E I PROCESSI PRODUTTIVI Le acque per uso industriale e agricolo Prof. Fabio Conti Straordinario di Ingegneria Sanitaria e Ambientale Premessa Dlgs 152/99 e DLgs 258/2000: Obiettivi:

Dettagli

1900 - BACINO DEL MARECCHIA

1900 - BACINO DEL MARECCHIA 19 - BACINO DEL MARECCHIA CARATTERISTICHE DEL BACINO IDROGRAFICO E IMPATTO DELL'ATTIVITÀ ANTROPICA Superficie del bacino Portata media alla foce Carico generato nel bacino Carichi sversati nei corpi idrici

Dettagli

ASSESSORATO ALL AMBIENTE ED ALLO SVILUPPO SOSTENIBILE. Servizio Risorse Idriche e Rischio Idraulico

ASSESSORATO ALL AMBIENTE ED ALLO SVILUPPO SOSTENIBILE. Servizio Risorse Idriche e Rischio Idraulico REGIONE UMBRIA ASSESSORATO ALL AMBIENTE ED ALLO SVILUPPO SOSTENIBILE La pianificazione regionale del Lago Trasimeno Ing. Angelo Viterbo Ing. Angelo Raffaele Di Dio (2 dicembre 2010) Obbiettivi di Piano

Dettagli

AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS

AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS Marca da bollo da euro 14,62 AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS OGGETTO: Tutela delle acque dall inquinamento. D.Lgs. 11.05.1999, n. 152. Richiesta di autorizzazione allo scarico

Dettagli

acqua Hera valori, qualità, consigli

acqua Hera valori, qualità, consigli Utenze Servizio domestiche idrico acqua Hera valori, qualità, consigli L acqua è un valore che non va mai fuori corso Siamo una delle maggiori società italiane nei servizi idrici. Negli ultimi 5 anni abbiamo

Dettagli

Prescrizioni per Autorizzazione allo Scarico in Pubblica Fognatura Giugno 2014

Prescrizioni per Autorizzazione allo Scarico in Pubblica Fognatura Giugno 2014 Prescrizioni per Autorizzazione allo Giugno 2014 Sommario Riferimenti... 1 Documenti Allegati... 1 Premessa... 1 L autorizzazione potrà essere rilasciata alle seguenti condizioni... 2 D. Lgs 152/06 (Parte

Dettagli

6 Derivazioni superficiali dal fiume Adige e bilancio di primo livello

6 Derivazioni superficiali dal fiume Adige e bilancio di primo livello 6 Derivazioni superficiali dal fiume Adige e bilancio di primo livello Le derivazioni dai fiume Adige e dai suoi principali affluenti rappresentano, nel bilancio idrico superficiale di bacino, il principale

Dettagli

DATI TECNICI SULLO SCARICO DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI E INDUSTRIALI/DOMESTICHE

DATI TECNICI SULLO SCARICO DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI E INDUSTRIALI/DOMESTICHE ALLEGATO 2 DATI TECNICI SULLO SCARICO DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI E INDUSTRIALI/DOMESTICHE Documentazione da presentare: LA SCHEDA DEVE ESSERE COMPILATA, FIRMATA E TIMBRATA DA TECNICO NONCHE FIRMATA E

Dettagli

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado ECOLOGIA A MIRABILANDIA Gli organismi delle comunità di un ambiente naturale non vivono isolati. Ciascuno

Dettagli

I regolamenti regionali sulle acque del 24 marzo 2006

I regolamenti regionali sulle acque del 24 marzo 2006 I regolamenti regionali sulle acque del 24 marzo 2006 Paolo Casciano Direzione Generale Reti e servizi di pubblica utilità e sviluppo sostenibile Regione Lombardia Ordine Ingg BG 26/11/2007 - ing. Casciano

Dettagli

Fig. 25. Classi di qualità (S.E.C.A) dei corsi d acqua (stato ecologico) anno 2003.

Fig. 25. Classi di qualità (S.E.C.A) dei corsi d acqua (stato ecologico) anno 2003. Fig. 25. Classi di qualità (S.E.C.A) dei corsi d acqua (stato ecologico) anno 2003. In base ai risultati analitici rilevati nel corso del triennio 2000-2002, la Regione Lombardia con Deliberazione Regionale

Dettagli

Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica.

Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica. 1 Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica. A2A Calore & Servizi, società del gruppo A2A attiva nella gestione del teleriscaldamento nelle città di Milano, Brescia

Dettagli

Le osservazioni presentate e le risposte fornite

Le osservazioni presentate e le risposte fornite Percorso di consultazione e partecipazione pubblica del Piano di gestione del rischio di alluvioni e dell aggiornamento del Piano di gestione del distretto idrografico delle Alpi orientali Le osservazioni

Dettagli

Spett.le Ufficio d Ambito della Città di MILANO Via Dogana n. 4 20123 MILANO

Spett.le Ufficio d Ambito della Città di MILANO Via Dogana n. 4 20123 MILANO Spett.le Ufficio d Ambito della Città di MILANO Via Dogana n. 4 20123 MILANO Il/La sottoscritto/a: in qualità di Legale Rappresentante e/o Titolare altro della Ditta con attività di: e con insediamento

Dettagli

AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO

AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO Soluzioni per la tutela, la gestione e la valorizzazione del patrimonio naturale Pianificazione sostenibile significa individuare soluzioni per la gestione e la tutela delle

Dettagli

Regione Emilia-Romagna Servizio Tutela e Risanamento Risorsa Acqua

Regione Emilia-Romagna Servizio Tutela e Risanamento Risorsa Acqua Società Metropolitana Acque Torino S.p.A. Concorrente Breve presentazione del soggetto concorrente Il Gruppo SMAT è leader nel campo del servizio idrico integrato nel quale opera progettando, realizzando

Dettagli

Finalità delle indagini e del progetto

Finalità delle indagini e del progetto Caffaro e Brescia I nuovi dati Finalità delle indagini e del progetto Maria Luisa Pastore Brescia, 20 Ottobre 2015 Stato delle conoscenze prima del progetto 2002 2005 2003 2006 Le indagini condotte da

Dettagli

AUTORITA INTERREGIONALE

AUTORITA INTERREGIONALE AUTORITA INTERREGIONALE di BACINO della BASILICATA www.adb.basilicata.it Piano di bacino stralcio del bilancio idrico e del deflusso minimo vitale RELAZIONE Collaborazione Sogesid S.p.A. Consulenza scientifica

Dettagli

DIPARTIMENTO REGIONALE PER LA SICUREZZA DEL TERRITORIO CONSIDERAZIONI SUL BILANCIO IDRICO DEL LAGO DI GARDA

DIPARTIMENTO REGIONALE PER LA SICUREZZA DEL TERRITORIO CONSIDERAZIONI SUL BILANCIO IDRICO DEL LAGO DI GARDA DIPARTIMENTO REGIONALE PER LA SICUREZZA DEL TERRITORIO ARPAV Dipartimento Regionale per la Sicurezza del Territorio Alberto Luchetta Progetto e realizzazione Italo Saccardo Gianmario Egiatti (autore) Dipartimento

Dettagli