COMUNE DI DORGALI Provincia di Nuoro STUDIO IMPATTO AMBIENTALE PROGETTO LAVORI DI SISTEMAZIONE DELL ALVEO DEL RIO FLUMINEDDU IN LOCALITÀ S ADDE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI DORGALI Provincia di Nuoro STUDIO IMPATTO AMBIENTALE PROGETTO LAVORI DI SISTEMAZIONE DELL ALVEO DEL RIO FLUMINEDDU IN LOCALITÀ S ADDE"

Transcript

1 COMUNE DI DORGALI Provincia di Nuoro STUDIO IMPATTO AMBIENTALE PROGETTO LAVORI DI SISTEMAZIONE DELL ALVEO DEL RIO FLUMINEDDU IN LOCALITÀ S ADDE SINTESI NON TECNICA D.Lgs. n. 4 del 16 gennaio 2008

2 1. PREMESSA Il presente documento, proposto dal Sig. Giovanni Mereu, è lo Studio di Impatto Ambientale (SIA) finalizzato ad accertare la compatibilità ambientale del progetto di pulizia dell alveo del Rio Flumineddu mediante la valutazione degli effetti da esso indotti sull'ambiente, intendendo quest'ultimo come un sistema complesso delle risorse naturali, antropiche e delle loro interazioni. Esso è stato sviluppato in conformità a quanto disposto dagli artt. 3, 4 e 5 ed Allegati I e II del D.P.C.M. 27 dicembre 1988 Norme tecniche per la redazione degli studi di impatto ambientale e la formulazione del giudizio di compatibilità di cui all art. 6 della legge 8 luglio 1986, n. 349, adottate ai sensi dell art. 3 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 10 agosto 1988, n. 377 e al punto 2 dell Allegato I al D.P.R. 2 settembre 1999, n. 348 Regolamento recante norme tecniche concernenti gli studi di impatto ambientale per talune categorie di opere. Il presente SIA è stato altresì sviluppato in conformità alla norma tecnica italiana UNI 10742:1999 Impatto ambientale Finalità e requisiti di uno studio di impatto ambientale, tenuto conto della terminologia di cui alla norma tecnica italiana UNI 10745:1999 Studi di impatto ambientale Terminologia. Infine il presente studio si basa su quanto disposto dalla deliberazione 5/11 del Modifica della delibera G. R. 2 agosto 1999, n. 36/39. Procedure per l attuazione dell art. 31 della L.R. 18 gennaio 1999, n. 1 recante Norme transitorie in materia di valutazione d impatto ambientale e per ultima la deliberazione N. 24/23 del Direttive per lo svolgimento delle procedure di valutazione di impatto ambientale e di valutazione ambientale strategica. La ditta Giovanni Mereu ha la propria sede legale in via Trieste, 10 a Dorgali (NU), mentre esplica la propria attività di movimento terra in diversi cantieri della provincia di Nuoro. L attività svolta dalla ditta Giovanni Mereu, si articola principalmente nell escavazione, trasporto, deposito temporaneo e avvio allo smaltimento di rifiuti inerti nelle discariche autorizzate. Il progetto si inserisce in un area scarsamente antropizzata ma che per diversi mesi all anno viene sommersa dalle acque del Lago del Cedrino dovuto allo sbarramento di Pedra Othoni per cui l ambiente interessato dall intervento non si può più considerare naturale.

3 È evidente che in queste condizioni lo sviluppo ambientale dell area è già condizionato a prescindere dall intervento proposto. Anzi con la realizzazione dell intervento si impedirà in modo considerevole l interrimento dell invaso suddetto. Tenuto conto di quanto sopra la ditta, ha predisposto il seguente progetto per la pulizia e sistemazione dell alveo del Rio Flumineddu in località S Adde in comune di Dorgali (NU). In particolare modo si auspica: Il miglioramento dei deflussi nell alveo; L asporto dei detriti impedirà che questi vadano ad incrementare l apporto solido verso il lago; I materiali asportati potranno essere utilizzati nell attività edilizia limitando il prelievo da cave di versante. Con il presente intervento si contribuirà anche ad incrementare la forza lavoro.

4 2. DESCRIZIONE DEL PROGETTO 2.1. INQUADRAMENTO GENERALE Il sito in esame è situato nella zona a W dell abitato di Dorgali e dal punto di vista idrografico appartiene al bacino del Riu Flumineddu, tributario del fiume Cedrino. L inquadramento cartografico dell area è il seguente: Carta topografica d Italia, Foglio 500 sezione II (DORGALI) dell I.G.M.I. (scala 1:25.000); Carta tecnica regionale della Sardegna, Foglio (MONTE OMENE); Carta geologica d Italia, Foglio 208 DORGALI (scala 1:10.000); Carta geologica della Sardegna, foglio Nord, scala 1: (Carmignani et alii); Carta catastale del Comune di Dorgali Foglio 52 mapp. 27, Foglio 53 mapp. 119 e 125, Foglio 67 mapp ASPETTI GEOLOGICI E GEOTECNICI La caratterizzazione geologica, geomorfologica e idrogeologica dell area ha permesso di individuarne le problematiche geologico-ambientali e fornire indicazioni progettuali adeguate. Tali indicazioni sono scaturite da una analisi geologica e geotecnica dei litotipi, dalla definizione dell assetto geomorfologico e idrogeologico dell area e dallo studio della circolazione idrica. L assetto geologico dell area è caratterizzato dall affioramento del basamento cristallino e metamorfico su cui poggiano le rocce della copertura post-ercinica, rappresentate da sedimenti mesozoici e cenozoici, vulcaniti terziarie e sedimenti quaternari di natura detritica e alluvionale. L analisi geologica e geolitologica si è concentrata principalmente sulle formazioni immediatamente vicine al corso del Flumineddu, in particolare le formazioni calcaree e granitoidi che sono attraversate dal corso d acqua ma soprattutto i depositi alluvionali recenti legati alla dinamica deposizionale del fiume. Le alluvioni sono rappresentate da depositi ciottolosi e sabbiosi nei quali può essere presente la frazione argillosa; la composizione chimica, mineralogica e granulometrica di questi depositi è fortemente condizionata dalla dinamica fluviale che agisce in modo differente sia durante la fase erosiva sia nella fase di deposito.

5 Nell area oggetto di studio affiorano diffusamente formazioni clastiche terziarie (Conglomerato di Cuccuru e Flores), generalmente in contatto tettonico sia con il basamento paleozoico che con le orazioni calcaree e i basalti plio-quaternari. Queste formazioni rappresentano depositi sintettonici connessi con il complesso sistema di faglie trascorrenti, molto evidenti nella Sardegna centro-settentrionale; sono costituiti da megabrecce con giacitura caotica, conglomerati, arenarie e localmente da calcilutiti a liste e noduli di selce. I prodotti del vulcanismo plio-pleistocenico sono principalmente rappresentati dai basalti alcalini e subalcalini che affiorano diffusamente nell area coprendo un vasto areale. Depositi quaternari sono inoltre rappresentati dalle ampie fasce di alluvioni antiche e recenti che si estendono soprattutto lungo l alveo e il paleoalveo del Rio Flumineddu. Le alluvioni sono costituite da depositi ciottolosi e sabbiosi nei quali può essere presente la frazione argillosa. La composizione chimica, mineralogica e sedimentologica di questi depositi è fortemente condizionata dalla dinamica dei processi fluviali, che agisce in modo differente a seconda della natura delle litologie attraversate. La morfologia del massiccio calcareo è particolarmente accidentata e caratterizzata da ripide scarpate che evidenziano ulteriormente come l impronta della tettonica nell area sia fortemente marcata. Questa situazione si osserva in prossimità dei tratti di alveo e di paleoalveo del Flumineddu, che scorre all interno di una gola a pareti molto ripide. L erosione ad opera dell azione idraulica del fiume, essendo molto più attiva sulle formazioni cristalline rispetto ai calcari ha determinato la graduale esumazione di antiche superfici di faglia che spesso delimitano i rilievi calcarei. Localmente il forte accumulo di materiale alluvionale causa un restringimento delle sezioni d alveo con aumento della velocità della massa fluida e conseguente trasporto solido nell area dell invaso determinandone un interrimento marcato. Da un punto di vista idraulico un restringimento dell alveo che si estende per un tratto sufficientemente lungo comporta un aumento delle portate liquide per unità di larghezza, quindi un incremento della capacità di trasporto della corrente. Essa diventa eccedente rispetto alla portata solida e causa quindi una tendenza ad una fase erosiva. I sedimenti alluvionali presenti lungo il corso del Flumineddu sono permeabili in piccolo per porosità, tuttavia il modesto spessore dei depositi e la piccola estensione areale non

6 consentono di definire la presenza di acquiferi importanti, inoltre si può escludere la presenza di una falda importante che possa interferire con il regime idraulico del fiume. I progetti di sistemazione idraulica con prelievo di materiale dal fiume devono essere effettuati tenendo conto degli effetti indotti: modifiche e scompensi del regime idraulico con possibili fenomeni di esondazione ed alluvionamento; accentuazione di erosioni spondali con danni al territorio; alterazione del profilo longitudinale degli alvei con possibile scalzamento delle fondazioni delle opere idrauliche e dei manufatti; aumento dell azione erosiva dell acqua nel tratto del reticolo idrografico a monte cui si accompagnano fenomeni di erosione regressiva che causano ulteriore instabilità dei versanti; effetti sull eventuale falda acquifera che interagisce con le acque del fiume; intorbidimenti delle acque; variazioni morfologiche dal punto di vista ambientale e naturalistico. 2.3 LE OPERE IN PROGETTO Il progetto è indirizzato ad una pulizia di un tratto dell'alveo del Rio FLUMINEDDU in località "s Adde, in prossimità del lago Cedrino su cui sbocca il rio Flumineddu. In questa zona il rio è inserito in una vallata molto stretta le cui pareti fanno da sponda al fiume. La Ditta Giovanni Mereu con sede in Dorgali, propone il presente studio allo scopo di soddisfare in maniera ottimale il compromesso, piuttosto delicato, tra necessità lavorative ed equilibrio idraulico-ecologico-paesaggistico del Rio Flumineddu. 2.4 CONDIZIONI ATTUALI DELL ALVEO Il tipo e le caratteristiche dell'alveo sono quelle di un fiume che scorre in gole e che nella zona oggetto di intervento (in prossimità dello sbocco sul lago Cedrino) in corrispondenza di un allargamento dell alveo si presenta sovralluvionato con cumuli di detriti che restringono le linee di deflusso delle acque aumentandone la capacità erosiva.

7 A questo proposito si è potuto constatare come, anche con portate non eccezionali, elevate quantità di materiale venissero trasportate all interno del bacino d invaso del lago artificiale. La vegetazione presente è costituita per lo più da tamerici, rovi e giunchi. La realizzazione dell opera non comporta l alterazione dello stato dei luoghi e i movimenti di terra sono limitati a massimo mc/anno e tali da rendere la sezione d alveo regolare ed uniforme per tutta la lunghezza dell area di intervento L impatto ambientale e paesaggistico è assai limitato e la tipologia di intervento si mimetizza con l habitat circostante caratterizzato dalla presenza di essenze arboree e arbustive tipiche della flora mediterranea. 2.5 TIPOLOGIA DEI MEZZI UTILIZZATI PER L INTERVENTO La Ditta Mereu conferirà gli inerti movimentati dall area di intervento presso un altra sede in via di individuazione, comunque distante dall alveo. I mezzi che verranno utilizzati per il prelievo e la movimentazione degli inerti sono i seguenti: n 1 escavatore n 1 pala meccanica gommata n. 2 autoarticolati. Tali mezzi non stazioneranno, una volta terminata l'attività di prelievo degli inerti, in prossimità dell'area di intervento, ma verranno portati in zona sicura a quota maggiore dell'altezza massima di invaso del lago Cedrino. Le manutenzioni ai mezzi verranno effettuate in area attrezzata in modo tale da non avere perdite di liquidi oleosi o combustibili che possano in alcuna maniera interessare il lago stesso. Lo studio effettuato prevede lo scavo di 10,000 mc di materiale inerte ed il riporto di 227 mc di materiale di risulta per un tratto del rio di lunghezza pari a circa 1000 m, con larghezza prevista della sezione d alveo compresa tra 10 e i 25 m. Si è ritenuto opportuno imporre la sponda destra di progetto sull'attuale bordo alveo (sinistra per chi guarda verso valle) in quanto è ben evidente la superficie di contenimento dei materiali alluvionali. Obiettivi fondamentali del progetto sono:

8 1) razionalizzare e regolarizzare l'asta fluviale, facendo sì che possa smaltire portate massime senza inconvenienti, non trascurando gli aspetti ecologici e paesaggistici; 2) garantire lavoro alla ditta concessionaria per un certo arco di tempo. I lavori saranno articolati m maniera razionale tenendo presenti i due vincoli prioritari costituiti da: a) intervento di prelievo dilatato nel tempo e quantità progressive di materiale prelevato dipendenti sia dalle richieste di mercato che dalla capacità di prelievo effettivo da parte dei mezzi utilizzati. b) necessità di garantire in qualsiasi momento, durante i lavori, un ottimale deflusso delle acque Si richiede una concessione con una validità di almeno cinque anni in previsione del fatto che ad ogni stagione invernale vi è apporto di nuovo materiale alluvionale. Il prelievo avviene su una superficie di circa 2.5Ha con una lunghezza di circa 1000 mt e larghezze a seconda della sezione da un minimo di 10 mt in corrispondenza della sez. di imbocco ad un max di 25 mt in corrispondenza della sez. 26 Il prelievo non avverrà lungo tutto l'arco dell'anno in quanto soprattutto nel periodo invernale il livello del lago interesserà l area di prelievo. Si prevede quindi di operare nel periodo che diparte dalla primavera inoltrata fino all'inizio dell'autunno, compatibilmente con la possibilità di intervenire nell area oggetto di scavo (leggi quando iniziando la stagione siccitosa il bilancio al lago fra flussi e deflussi perviene ad un valore negativo) 2.6 TIPOLOGIA E MODALITA' DI LAVORO 1) l'operazione di prelievo procede da valle verso monte intaccando solamente lo strato più superficiale; 2) lo scavo avviene per canali longitudinali, paralleli all'asse di progetto, d'ampiezza legata alle possibilità dei mezzi meccanici, sempre procedendo da valle verso monte e contemporaneamente dall'asse verso le sponde, con fronti non superiori a 1,5 m. Si è optato per tale criterio di intervento per garantire sia la massima precisione nell'intervento che per non compromettere il libero deflusso delle acque;

9 3) si procede quindi alla sistemazione definitiva consistente nel compattamento dell'alveo, nella sagomatura delle sponde con pendenza non superiore a 1/2 e nell'inerbimento delle stesse con essenze naturali locali (tamerici, salici, canne). I lavori procederanno secondo le indicazioni di progetto e quelle impartite dagli organi tutori a garanzia di una completa salvaguardia idrogeologica e ambientale del tratto del Rio Flumineddu interessato. L'intervento sarà realizzato con particolare cura limitandone la pendenza allo 0,5% evitando assolutamente brusche variazioni di pendenza e sbarramenti al deflusso delle acque. Il raccordo di monte, precedente alla sez. 1 sarà realizzato in modo tale da non superare la pendenza dell' 1%, onde evitare in tal punto velocità eccessive, delle acque. Nell'elaborazione del progetto si è tenuto conto di quanto previsto nel T.U. delle acque, pubbliche e sistemazioni idrauliche di cui al R.D. 25/7/1904 n 523 e successive modifiche e integrazioni, nella delibera n 18/26 del 4/5/1982 della R.A.S. e, per quanto inerente la sistemazione dei suoli e l'aspetto paesistico ambientale della Legge 431/85 e delle ultime disposizioni dell'ufficio Tutela del Paesaggio delle provincie di Nuoro e Sassari. Non sì esclude la richiesta di proroga qualora non si riuscisse a portare a termine i lavori entro i termini stabiliti, rimanendo possibili estrazioni di volumi di materiali: inerti inferiori al previsto. 2.7 CONTROLLO DEI LAVORI Il controllo dei lavori potrà essere effettuato dagli organi preposti in quanto le sezioni trasversali verranno materializzate sul terreno con picchetti di ferro numerati da monte verso valle. Possiamo quindi schematizzare l'intervento in oggetto che prevede: - garanzia d'occupazione - sistemazione dell'alveo da un punto di vista idraulico a tutela dei terreni adiacenti e limitando il fenomeno di interrimento del lago - nessun danno all'ecosistema fiume, se non durante i lavori; la sistemazione dell'alveo

10 infatti non causerà apprezzabili variazioni di velocità alla corrente e quindi non vi saranno fenomeni erosivi che possano inficiare il naturale deflusso delle acque fluviali 2.8 COSIDERAZIONI SULL INTERVENTO Le opere di sbarramento costruite per la captazione e modulazione delle acque creano laghi artificiali che costituiscono una riserva d acqua utilizzabile per molteplici usi (produzione di energia, irrigazione, uso potabile ). Nel tempo il serbatoio per effetto dell interrimento viene a perdere parzialmente o totalmente la sua capacità di invaso. Questa perdita di capacità nel caso di serbatoi che alimentano impianti idroelettrici avrà influenza sulla quantità di energia prodotta mentre nel caso di serbatoi per uso idropotabile vengono a diminuire sia la qualità che la quantità di acqua. Controllare e limitare la sedimentazione nei bacini permette la salvaguardia di una risorsa economica ed ambientale. Quindi uno dei problemi più attuali nell'ambito dell'ingegneria idraulica é legato al progressivo interrimento delle dighe e bacini, con i sedimenti apportati dai corsi d'acqua immissari e trattenuti dalle strutture stesse. Questo fenomeno porta in essere molteplici problemi fra cui: la progressiva perdita di capacità degli invasi. la diminuzione della capacità di laminazione degli invasi, con conseguente aumento del rischio idrico a valle; l'intasamento degli scarichi; l'intasamento delle prese degli impianti idroelettrici ed il conseguente ridursi della capacità produttiva degli stessi; la trattenuta dei sedimenti a monte. Ognuno di questi fenomeni comporta gravi conseguenze e rischi al territorio così come costi diretti ed indiretti. A queste problematiche si può ovviare con la rimozione dei sedimenti a cui corrispondono notevoli vantaggi: - vantaggi diretti, legati al ripristino della capacità di invaso; - vantaggi indiretti, legati al possibile riutilizzo del materiale rimosso.

11 Tali materiali infatti possono essere commercializzati sul mercato in ambito industriale, agricolo, ambientale. Concepire il sedimento come una risorsa, materia prima o materie prime secondarie, piuttosto che un rifiuto é già insito nei possibili impieghi già descritti, tanto più se si procede alla commercializzazione dei sedimenti stessi, trasformandoli in un vero e proprio prodotto. Gli impieghi possibili sono molteplici e riguardano l'ambito industriale, edilizio, agricolo ed ambientale. Per poter riutilizzare in questi settori i sedimenti é opportuno procedere al loro trattamento per suddividerli in classi granulometriche omogenee e liberarli dall'acqua residua. 2.9 LE ALTERNATIVE PROGETTUALI La scelta della soluzione considerata ottimale dal punto di vista della capacità di raggiungere gli obiettivi richiesti entro limiti accettabili di spesa e compatibili con gli impatti ambientali da sostenere è stata effettuata sulla base anche di un confronto della stessa l alternativa opzione zero, cioè il mantenimento della soluzione attuale, ovvero nessun intervento; 2.10 ALTERNATIVA 1 Il mantenimento della situazione attuale comporta l accettazione dello stato in cui viene a trovarsi l ambiente fluviale del Rio Flumineddu all imbocco con il Lago del Cedrino. E importante evidenziare che il mantenimento dell attuale situazione comporta anche l accettazione dell attuale dinamica morfo-evolutiva in atto e quindi la previsione di un processo di interrimento del lago che andrà via via aggravandosi nel tempo.

12 3 QUADRO DI RIFERIMENTO AMBIENTALE 3.1) INDIVIDUAZIONE DEGLI AMBITI DI INFLUENZA Il presente capitolo riassume le considerazioni preliminari che hanno orientato la redazione dello SIA con riferimento agli impatti potenziali più significativi relativamente alle fasi di: - costruzione dell impianto; - esercizio dell impianto; - dismissione dell impianto. Come anticipato nel 1, nel redigere lo SIA si è tenuto conto di tutta la documentazione progettale di cui il presente SIA costituisce parte integrante insieme a due importanti riferimenti normativi e a due coppie di norme tecniche (una italiana ed una europea): - artt. 3, 4 e 5 ed Allegati I e II del D.P.C.M. 27 dicembre 1988 Norme tecniche per la redazione degli studi di impatto ambientale e la formulazione del giudizio di compatibilità di cui all art. 6 della legge 8 luglio 1986, n. 349, adottate ai sensi dell art. 3 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 10 agosto 1988, n. 377 ; - punto 2 dell Allegato I al D.P.R. 2 settembre 1999, n. 348 Regolamento recante norme tecniche concernenti gli studi di impatto ambientale per talune categorie di opere ; - norma tecnica italiana UNI 10742:1999 Impatto ambientale Finalità e requisiti di uno studio di impatto ambientale ; - norma tecnica italiana UNI 10745:1999 Studi di impatto ambientale Terminologia, In particolare: - gli Allegati I e II del D.P.C.M. 27 dicembre 1988 e la definizione data nella norma tecnica UNI 10745:1999 definiscono le componenti ed i fattori ambientali elencati di seguito; Nella Tabella che segue sono riportate le componenti e i fattori ambientali di interesse nella redazione degli SIA (in accordo con gli Allegati I e II del D.P.C.M. 27 dicembre 1988 e la definizione data nella norma tecnica UNI 10745:1999).

13 COMPONENTI E FATTORI AMBIENTALI a) atmosfera: qualità dell'aria e caratterizzazione meteoclimatica; b) ambiente idrico: acque sotterranee e acque superficiali (dolci, salmastre e marine), considerate come componenti, come ambienti e come risorse; c) suolo e sottosuolo: intesi sotto il profilo geologico, geomorfologico e pedologico, nel quadro dell'ambiente in esame, ed anche come risorse non rinnovabili; d) vegetazione, flora, fauna: formazioni vegetali ed associazioni animali, emergenze più significative, specie protette ed equilibri naturali; e) ecosistemi: complessi di componenti e fattori fisici, chimici e biologici tra loro interagenti ed interdipendenti, che formano un sistema unitario e identificabile (quali un lago, un bosco, un fiume, il mare) per propria struttura, funzionamento ed evoluzione temporale; f) salute pubblica: come individui e comunità; g) rumore e vibrazioni: considerati in rapporto all'ambiente sia naturale che umano; h) radiazioni ionizzanti e non ionizzanti: considerati in rapporto all'ambiente sia naturale, che umano; i) paesaggio: aspetti morfologici e culturali del paesaggio, identità delle comunità umane interessate e relativi beni culturali. Ciò premesso, l effettuazione di un analisi preliminare degli impatti ha determinato la classificazione delle componenti e dei fattori (a cui, per completezza, si è inteso aggiungere le voci rifiuti e traffico indotto ) in quattro famiglie caratterizzate da impatti via via decrescenti. Tale suddivisione ha consentito di orientare in modo più opportuno lo studio delle singole forme di impatto. 3.2) IMPATTI SIGNIFICATIVI (o PRIMARI)

14 Riguardano quelle componenti o quei fattori ambientali che subiscono un impatto importante da parte dell opera. Tali impatti richiedono particolari attenzioni sia in fase di quantificazione che di definizione delle misure di mitigazione. ambiente idrico: soprattutto in relazione al potenzialmente possibile versamento di idrocarburi sulle aree di lavorazione per avarie meccaniche dei mezzi; salute e sicurezza: rischio di incidenti. 3.3) IMPATTI SECONDARI Riguardano quelle componenti o quei fattori ambientali che subiscono da parte dell opera un impatto apprezzabile ma comunque tale da non determinarne alterazioni significative. Tali impatti richiedono particolare attenzioni soprattutto in relazione alla definizione delle misure di mitigazione. atmosfera: impatti contenuti durante le operazioni di trasporto e scavo; traffico: esclusivamente in fase di trasporto del materiale da trattare alla zona artigianale di Dorgali; rumore e vibrazioni: impatti contenuti e limitati alle operazioni di particolari fasi delle lavorazioni nonché al traffico veicolare. 3.4) IMPATTI DI ENTITÀ TRASCURABILE Riguardano quelle componenti o quei fattori ambientali che subiscono un impatto del tutto trascurabile da parte dell opera. Tali impatti richiedono attenzione limitatamente alla definizione delle misure di mitigazione. flora e fauna: nessuna modifica apprezzabile in quanto l'area è urbanizzata da diversi anni per cui si ha la presenza solo di quelle specie che comunemente si trovano anche nelle città quali il passero domestico; paesaggio: percezione visiva delle opere

15 3.5) IMPATTI NULLI (o DI ENTITÀ NON APPREZZABILE) Riguardano quelle componenti o quei fattori ambientali che non subiscono alcun impatto apprezzabile da parte dell opera. Tali impatti non richiedono alcuna attenzione particolare. suolo e sottosuolo: solo utilizzo di suolo e sua totale fruibilità a seguito della dismissione dell impianto; alterazione dei livelli di permeabilità dei terreni rispetto allo status quo. ecosistemi: nessuna modifica apprezzabile; radiazioni ionizzanti e non ionizzanti: emissioni del tutto assenti. 4 PREVENZIONE DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO Il presente capitolo è specificatamente dedicato alla prevenzione dell inquinamento atmosferico. 4.1 STIMA DEGLI IMPATTI Gli interventi previsti presentano un impatto sulla qualità dell aria solamente in fase di cantiere dovuto sia alle emissioni di gas di scarico dei mezzi d opera sia alle polveri originate dagli scavi ed, in genere, dalle operazioni di cantiere. Data l ubicazione del cantiere, che si sviluppa al di fuori di centri urbani o residenziali, i bersagli potenziali sono principalmente costituiti dalle aree vegetate presenti. L indicatore considerato è pertanto costituito dalla presenza di habitat di rilievo, specialmente se protetti, potenzialmente investiti dalle emissioni. I massimi impatti in fase di cantiere sono potenzialmente negativi medi e temporanei, a motivo della presenza di un area S.I.C. all interno della quale ricade l intervento e solo per alcune azioni di progetto. Gli altri impatti sono ritenuti trascurabili. 5 TUTELA DELLE ACQUE DALL INQUINAMENTO Il presente capitolo è specificatamente dedicato alla tutela delle acque dall inquinamento.

16 5.1 STIMA DEGLI IMPATTI 5.1.1) Impatti in fase di esecuzione dei lavori Per la definizione degli impatti previsti su tale componente si sono valutate le eventuali modifiche indotte al regime idrologico del corso d acqua ed al Deflusso Minimo Vitale. Gli impatti potenziali, in fase di cantiere, sul regime quantitativo delle acque superficiali sono da ritenersi trascurabili dato che non viene alterata né la portata media mensile né la portata minima disponibile. I lavori in alveo, infatti, verranno effettuati senza alcuna diversione delle acque. Inoltre tali impatti sono da ritenersi mitigati dalla realizzazione di parzializzazioni dell alveo che consentiranno di mantenere la continuità di flusso. Qualità delle acque superficiali. Gli impatti potenziali su tale componente, relativi alla fase di cantiere, sono stati individuati prevalentemente nelle azioni di riporto di materiale in alveo e nelle azioni legate alla demolizione del ponte. Per quanto riguarda l attività prevista si possono generare impatti sulla qualità delle acque a causa di sversamenti accidentali di idrocarburi, oli minerali, combustibili, ecc. In considerazione della loro accidentalità, comunque, tali impatti sono da ritenere trascurabili ed in ogni caso mitigabili. In fase di esercizio sono invece emersi dei benefici attribuibili principalmente alle conseguenze derivanti dal nuovo assetto geomorfologico assunto dal fiume. Infatti grazie all asportazione dei depositi detritici lungo l asta fluviale si avrà una riduzione dell apporto solido verso l invaso e quindi si ritarderà il suo interrimento. Regime delle acque sotterranee. Gli interventi previsti non provocano interferenze con il regime idrogeologico in quanto non sono previste azioni di scavo in falda per cui non sono stati individuati impatti afferenti a tale componente. Qualità delle acque sotterranee. Gli interventi previsti non provocano interferenze con la qualità delle acque sotterranee in quanto non sono previste azioni interessanti le acque sotterranee.

17 5.2 ASPETTI QUALIFICANTI DEL PROGETTO IN RELAZIONE ALLA TUTELA DELLE ACQUE DALL INQUINAMENTO I mezzi utilizzati nei lavori nei periodi in cui non si svolgono lavorazioni verranno parcheggiati in un area attrezzata posta a distanza di sicurezza dall alveo del fiume. In tale area verranno eseguite tutte le operazioni di manutenzione e rifornimento dei mezzi. 6 SUOLO E SOTTOSUOLO Il presente capitolo è specificatamente dedicato alla descrizione del suolo e del sottosuolo nonché degli effetti indotti dall impianto in progetto. 6.1 STIMA DEGLI IMPATTI Gli interventi in progetto prevedono un occupazione del suolo minima a causa della modesta dimensione delle opere da realizzare inoltre la localizzazione dell impianto è senza dubbio interessante visto che esso va a collocarsi in un ampia sommersa per circa 6-7 mesi all anno dalle acque del lago. Non si prevede alcuna modifica nella fruizione del territorio al di fuori dell'area dell'impianto. 7 TRAFFICO Il presente capitolo è specificatamente dedicato al traffico connesso al trasporto dei materiali dall alveo del fiume sino all impianto di trattamento. 7.1) Traffico da e per l'impianto L'area industriale di Dorgali dispone di collegamenti stradali adeguati alla gestione del traffico cresciuto in questi ultimi anni insieme alla rilevanza strategica di questo settore. 7.2) STIMA DEGLI IMPATTI 7.2.2) Impatti in fase di esercizio L impatto da traffico in fase di esercizio è assai limitato. Si prevede infatti un traffico in di circa 5-6 camion di media portata al giorno.

18 Sicuramente si tratta di un impatto modestissimo che non appesantirà il traffico sulle arterie normalmente utilizzate. 8 RUMORE Il presente capitolo è specificatamente dedicato al rumore connesso alla realizzazione ed esercizio intervento. 8.1 STIMA DEGLI IMPATTI In relazione alle emissioni sonore prodotte dai mezzi di scavo in opera, si è applicata una formula di attenuazione del rumore in funzione della distanza, al fine di valutare l entità del livello sonoro indotto in corrispondenza dei ricettori sensibili ubicati in prossimità dell area estrattiva in oggetto. La formula applicata è cautelativa poiché, come si è detto, tiene conto soltanto dell'attenuazione per effetto della distanza, trascurando gli smorzamenti dovuti ad altri effetti: essa, tuttavia, tiene conto soltanto del rumore prodotto dall'attività estrattiva in oggetto, non essendo disponibili dati relativi alle altre sorgenti sonore individuate, (si evidenzia, peraltro, che tali sorgenti sonore sono già esistenti sul territorio ed esulano dalla presente trattazione). Essendo r 1 ed r 2 le distanze di due punti generici dalla sorgente di rumore, si può stimare l'attenuazione del livello sonoro in funzione della distanza con la formula: Leq 2 = L eq 1-20 Log (r 2 / r 1 ) In relazione alla distanza dei ricettori sensibili individuati, quindi, si è stimato il livello sonoro equivalente indotto dall'attività dei mezzi di scavo in opera sul sito estrattivo. Non disponendo di misure effettive, si è fatto riferimento ad un range di livelli sonori emessi da macchine di movimento terra, variabile tra 70 e 8O db(a) misurato in prossimità del mezzo in funzione (2 m) e, tenendo conto dell'attenuazione del rumore per divergenza geometrica (attenuazione in funzione della distanza), si possono prevedere i seguenti livelli sonori: Distanza dalla sorsente sonora [m] Sorgente 70 db(a) Sorgente 80 db(a) Leq [db(a)] Leq [db(a)]

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

ALLEGATO I Flussi documentali

ALLEGATO I Flussi documentali ALLEGATI 1 ALLEGATO I Flussi documentali INTERVENTI SOGGETTI A PERMESSO A COSTRUIRE e DICHIARAZIONE DI VINCOLO IDROGEOLOGICO La Richiesta di Permesso a costruire all Edilizia Privata munita di ricevuta

Dettagli

6. INDIVIDUAZIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI INTERESSATI DAL PROGETTO

6. INDIVIDUAZIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI INTERESSATI DAL PROGETTO 6. INDIVIDUAZIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI INTERESSATI DAL PROGETTO L esercizio dell attività estrattiva, svoltasi in passato nell area in oggetto, ha comportato inevitabilmente la variazione dell assetto

Dettagli

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA Oggetto: Progetto per la coltivazione di una cava di calcare nel Comune di. San Calogero loc. San Pietro COMMITTENTE Edil Sibio di Sibio Cosma Damiano Relazione Tecnica

Dettagli

DOCUMENTAZIONE PER LA VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA A VIA (Screening)

DOCUMENTAZIONE PER LA VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA A VIA (Screening) Allegato 2 DOCUMENTAZIONE PER LA VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA A VIA (Screening) Indice: 1. Contenuti del Progetto preliminare di coltivazione e sistemazione finale 2. Contenuti della Relazione di individuazione

Dettagli

Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano

Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano Variante parziale al vigente PRG ai sensi dell art. 26 della L.R. 34/92 e s.m.i. relativa al comparto edificatorio

Dettagli

COMUNE DI ACERRA. Oggetto: Fondi strutturali Europei 2007-2013 PON FESR IT 16 1 PO 004 AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO ASSE II OBIETTIVO C - Lavori di

COMUNE DI ACERRA. Oggetto: Fondi strutturali Europei 2007-2013 PON FESR IT 16 1 PO 004 AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO ASSE II OBIETTIVO C - Lavori di COMUNE DI ACERRA Provincia di Napol i Medaglia d Oro al Merito Civile (D.P.R. del 17/06/1999) 5 ª DIREZIONE - INFRASTRUTTURE Lavori Pubblici - Manutenzione ed Arredo Urbano Oggetto: Fondi strutturali Europei

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee NORME DI ATTUAZIONE Art. 1 Norma transitoria Le norme relative al dissesto sono da ritenersi transitorie fino all'approvazione (previa intesa con l'autorità di Bacino) del PTCP 2007. Il PSC dovrà adeguarsi

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE IN REGIONE PIEMONTE

ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE IN REGIONE PIEMONTE ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE 5 DETTAGLI E MISURE Direttiva 79/409/CEE sugli uccelli selvatici e successivi atti

Dettagli

Indicazioni per la predisposizione del Piano di Gestione dei Rifiuti di Estrazione PGRE

Indicazioni per la predisposizione del Piano di Gestione dei Rifiuti di Estrazione PGRE Indicazioni per la predisposizione del Piano di Gestione dei Rifiuti di Estrazione PGRE Il Piano di Gestione dei Rifiuti di Estrazione (PGRE), che costituirà l All. n. 5 o successivi, al provvedimento

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian dell Asso, nel comune di Montalcino, delimitata a nord e ad est da aree

Dettagli

PROGETTO DI CANTIERIZZAZIONE

PROGETTO DI CANTIERIZZAZIONE 1 EMPOLI PIANO DI RECUPERO EX VETRERIA BETTI PROGETTO DI CANTIERIZZAZIONE Introduzione: L area interessata dal Piano di Recupero, di proprietà della ditta IMMARTIN s.r.l., coincide con l immobile conosciuto

Dettagli

5 DIRETTIVA PER LA PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI E LA FORMULAZIONE DI PROGRAMMI DI MANUTENZIONE

5 DIRETTIVA PER LA PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI E LA FORMULAZIONE DI PROGRAMMI DI MANUTENZIONE Norme di attuazione - Direttive di Piano 5 DIRETTIVA PER LA PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI E LA FORMULAZIONE DI PROGRAMMI DI MANUTENZIONE approvata con deliberazione di C.I. n. 1 in data 15 aprile 1998

Dettagli

Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC

Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Applicazione dell art. 14.1 del Testo Coordinato delle Norme di PSC-POC-RUE RAPPORTO PRELIMINARE (ART. 12 D.LGS. N. 152/2006

Dettagli

PROGETTO DI COLTIVAZIONE DELLA CAVA DI INERTE DENOMINATA ISCHIELLO IN COMUNE DI ZAMBANA OGGETTO

PROGETTO DI COLTIVAZIONE DELLA CAVA DI INERTE DENOMINATA ISCHIELLO IN COMUNE DI ZAMBANA OGGETTO COMUNE DI ZAMBANA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROGETTO DI COLTIVAZIONE DELLA CAVA DI INERTE DENOMINATA ISCHIELLO IN COMUNE DI ZAMBANA OGGETTO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE SU PROGETTO DEFINITIVO - RIASSUNTO

Dettagli

Piano di Gestione area psic Foresta di Monte Arcosu

Piano di Gestione area psic Foresta di Monte Arcosu Figura 4 Carta sentieri presenti nella Riserva WWF Monte Arcosu. 7.3 DITTA SANAI srl 7.3.1 Descrizione e ubicazione L azienda di proprietà della SANAI s.r.l. si estende su una superficie complessiva di

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo.

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo. RELAZIONE TECNICA Il Comune di Predosa ha conferito incarico ai sottoscritti ing. Italo BRUNO con recapito in Novi Ligure Via Manzoni n. 14. per la redazione del progetto di Consolidamento ponte e difesa

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO Il territorio comunale di Capestrano è compreso, dal punto di vista cartografico, nel Foglio della Carta Geologica di Italia n. 146 Sulmona scala 1 : 100.000 e nel Foglio della

Dettagli

ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO

ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO Nell ambito delle misura di conservazione obbligatorie per i Siti della Rete Natura 2000, la normativa

Dettagli

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume Corso sulla: Riqualificazione dei corsi d acqua e tecniche di ingegneria naturalistica Milano, 16 Novembre 2005 ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO. L.R. 8 Agosto 1998 n. 14 Nuove norme per la disciplina della coltivazione di sostanze minerali di cava ;

NORMATIVA DI RIFERIMENTO. L.R. 8 Agosto 1998 n. 14 Nuove norme per la disciplina della coltivazione di sostanze minerali di cava ; CRITERI PER LA PREDISPOSIZIONE DEI PROGETTI DI GESTIONE PRODUTTIVA DEGLI AMBITI TERRITORIALI ESTRATTIVI (Art. 11 della L.R. 8 Agosto 1998, N. 14 Nuove norme per la disciplina della coltivazione di sostanze

Dettagli

Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale

Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale Per il terzo anno il Consorzio Brenta arriva al prestigioso traguardo dell approvazione del Bilancio Ambientale, introdotto in modo innovativo

Dettagli

Valsat Sintesi non tecnica

Valsat Sintesi non tecnica Valsat Sintesi non tecnica Pagina 1 di 7 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 3 2 CONTENUTI ED OGGETTO... 3 3 VERIFICA DI COERENZA... 4 4 ANALISI AMBIENTALI... 5 5 CONCLUSIONI... 7 Pagina 2 di 7 1 INTRODUZIONE La

Dettagli

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997)

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) R e g i o n e L o m b a r d i a Provincia di Milano COMUNE DI NERVIANO Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) Marzo 2003 PRESCRIZIONI GEOLOGICHE PER LE N.T.A. Studio Associato di

Dettagli

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10 PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA DIREZIONE GENERALE DELLA AGENZIA REGIONALE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SARDEGNA DIRETTIVA PER LO SVOLGIMENTO DELLE VERIFICHE DI SICUREZZA DEI CANALI DI GUARDIA ESISTENTI (ARTICOLO

Dettagli

Consiglio Nazionale Geologi.it

Consiglio Nazionale Geologi.it Consiglio Nazionale Geologi.it Circolari A tutti gli Ordini Regionali dei Geologi Roma, 25 gennaio 2007 Rif. P/CR.c/381 LORO SEDI CIRCOLARE N 252 OGGETTO: Parere relativo alla competenza del geologo a

Dettagli

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI PREMESSA La caratterizzazione ambientale di un sito è identificabile con l insieme delle attività che permettono di ricostruire

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI Il sottoscritto: Arch. Riccardo Palestra Iscritto all'albo Professionale: Ordine degli Architetti con il n 444 della Provincia di Terni

Dettagli

E STATA PREPARATA APPOSITA MODULISTICA DA PRESENTARE AL COMUNE PER:

E STATA PREPARATA APPOSITA MODULISTICA DA PRESENTARE AL COMUNE PER: Legge Forestale della Toscana n. 39/2/R del 5/9/2001 - Regolamento di La L.R.T. n.1/2003, di modifica ed integrazione della L.R.T.39/2000 Legge forestale della Toscana ha attribuito ai Comuni il rilascio

Dettagli

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Come previsto dalle norme tecniche del Piano stralcio (autorità Bacini Romagnoli) l area è soggetta al rispetto del principio di invarianza

Dettagli

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE B IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE Premessa Il quadro conoscitivo del PTCP restituisce un analisi del sistema naturale ed ambientale del territorio provinciale che pone limiti ed offre opportunità alle

Dettagli

ELABORATO 5 Impatti ambientali dell opera

ELABORATO 5 Impatti ambientali dell opera Impianto di depurazione S. Giustina (RN) Verifica di assoggettabilità L.R. 9/99 come integrata ai sensi del D. Lgs. 152/06 e s.m.i. STUDIO DI COMPATIBILITÀ AMBIENTALE Sezione di recupero fanghi di depurazione

Dettagli

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI... RELAZIONE GEOLOGICA E GEOMROFOLOGICA SOMMARIO 1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...8 5. CONCLUSIONI...11

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4:

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4: ALLEGATO 4: STABILITÀ DEI VERSANTI: METODOLOGIA DA ADOTTARE COME STANDARD PROVINCIALE PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA DELLA STABILITÀ POTENZIALE INTEGRATA DEI VERSANTI AI SENSI DELLA DCR 94/85. Allegato

Dettagli

TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA

TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA TERRE E ROCCE DA SCAVO art. 186 del D.lgs. n. 152/2006, così come modificato dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 LINEE GUIDA Con le modifiche apportate dall art. 2, comma 23 del D.lgs n. 4/2008 al

Dettagli

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA TIPOLOGIA DI POLO LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA L area è ubicata a nord degli abitati di Porotto e Cassana, nel Comune di Ferrara, confina a nord

Dettagli

Indice. Premessa 11. 1.10.2 Permeabilità 37. 1.10.3 Trasmissività 40 1.11 La circolazione idrica nelle rocce 46 1.11.1 Gli acquiferi 48.

Indice. Premessa 11. 1.10.2 Permeabilità 37. 1.10.3 Trasmissività 40 1.11 La circolazione idrica nelle rocce 46 1.11.1 Gli acquiferi 48. Indice Indice Indice Premessa 11 1 Le acque sotterranee 13 1.1 Principali caratteristiche delle acque sotterranee 13 1.2 La circolazione idrica nelle terre sciolte 14 1.2.1 Gli acquiferi 14 1.2.2 Classificazione

Dettagli

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione Individuazione delle misure di conservazione per i siti protetti della Rete Natura 2000 Indicazioni sulla gestione degli habitat e delle specie

Dettagli

Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente

Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente LINEE-GUIDA PER LA GESTIONE DEI MATERIALI/RIFIUTI INERTI DERIVANTI DALLE ATTIVITÀ DI DEMOLIZIONE, COSTRUZIONE E SCAVO, COMPRESE LE COSTRUZIONI

Dettagli

Distretto Idrografico dell Appennino Meridionale

Distretto Idrografico dell Appennino Meridionale PIANO DI GESTIONE ACQUE (Direttiva Comunitaria 2000/60/CE, D.L.vo. 152/06, L. 13/09, D.L 194/09) Relazione Regionale Allegato 1 QUADRO NORMATIVO E DELLE COMPETENZE INERENTE LE RISORSE IDRICHE REGIONE MOLISE

Dettagli

Autorità di Bacino Interregionale del Fiume Fiora PIANO DI ASSETTO IDROGEOLOGICO

Autorità di Bacino Interregionale del Fiume Fiora PIANO DI ASSETTO IDROGEOLOGICO REGIONE TOSCANA REGIONE LAZIO Autorità di Bacino Interregionale del Fiume Fiora PIANO DI ASSETTO IDROGEOLOGICO Legge 18 maggio 1989 n. 183 art. 17 comma 6 - ter, Legge 3 agosto 1998 n. 267 modificata con

Dettagli

Siti contaminati: rischi ambientali, tecniche e costi di risanamento

Siti contaminati: rischi ambientali, tecniche e costi di risanamento Consulta provinciale dei Geologi di Parma 22 Giugno 2011 Siti contaminati: rischi ambientali, tecniche e costi di risanamento Dott. Geol. Giovanni Dondi (ECOVIVA S.a.s.).) ECOVIVA S.a.s. Via Passo della

Dettagli

Valutazione di Incidenza di Piani e Progetti su i Siti Natura 2000.

Valutazione di Incidenza di Piani e Progetti su i Siti Natura 2000. Valutazione di Incidenza di Piani e Progetti su i Siti Natura 2000. COSÉ LA VALUTAZIONE DI INCIDENZA La valutazione di incidenza è un provvedimento indispensabile per valutare gli effetti che le pianificazioni

Dettagli

Direzione Ambiente. Guida tecnica

Direzione Ambiente. Guida tecnica Direzione Ambiente Guida tecnica Procedimento di verifica di assoggettabilita alla VAS dei Programmi di interventi di sistemazione idrogeologica e manutenzione montana (PISIMM) ( art. 12 d. lgs. 152/2006

Dettagli

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette Piano di gestione dei bacini idrografici delle Alpi Orientali Bacino del fiume Lemene Capitolo 3 Bacino del fiume Lemene INDICE 3. CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE PROTETTE... 1 3.1. AREE PER L ESTRAZIONE

Dettagli

- SCENARI DI RISCHIO - Idrogeologico 1/8

- SCENARI DI RISCHIO - Idrogeologico 1/8 Idrogeologico 1/8 3.2.1 INTRODUZIONE E CONCETTI GENERALI Il rischio idrogeologico è conseguenza di una modificazione geomorfologica e climatica in un tempo più o meno breve e si può definire come dissesto

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO Nelle tavole seguenti si esaminano rispettivamente i valori storico-culturali e il patrimonio storico architettonico con la viabilità storica; in questo caso non si rilevano situazioni di particolare interesse.

Dettagli

Il Consorzio di Bonifica delle Marche

Il Consorzio di Bonifica delle Marche Il Consorzio di Bonifica delle Marche CONSORZIO DI BONIFICA DELLE MARCHE Caratteri generali Costituito e regolato dalla L.R. 17 giugno 2013 n. 13, di «riordino degli interventi in materia di bonifica e

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010 DIRETTIVE PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE, GEOTECNICHE E SISMICHE AI SENSI DELLE NTC, D.M. 14.01.2008, E DELLA NORMATIVA NAZIONALE E PROVINCIALE COLLEGATA DOCUMENTO DI SINTESI Trento, Bolzano,

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS PIANO DI PROTEZIONE CIVILE

UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS PIANO DI PROTEZIONE CIVILE UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS COMUNE DI VILLASPECIOSA PIANO DI PROTEZIONE CIVILE DOSSIER RISCHIO IDROGEOLOGICO IL TECNICO COLLABORATORI IL COMMITTENTE Ottobre 2011 DOTT. ING. DANIELA

Dettagli

ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO MORFOLOGIA FLUVIALE. INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO

ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO MORFOLOGIA FLUVIALE. INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO MORFOLOGIA FLUVIALE INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO Classe 4^ - 3 ore settimanali Schede a cura del prof. Romano Oss Come tutti

Dettagli

COMUNE DI GUSPINI - PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO -

COMUNE DI GUSPINI - PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO - COMUNE DI GUSPINI - PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO - MICROINTERVENTI IDRAULICO FORESTALI A CARATTERE SISTEMATORIO PER LA PREVENZIONE E IL RECUPERO DEI CONTESTI CON PROPENSIONE ALL EROSIONE E AL DISSESTO

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore)

CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore) CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore) PROGETITO FORMATIVO MODULO 1 PRESENTAZIONE DEI PARCHI ED AREE PROTETTE (8 ore) Definizione dei concetti di Parco,

Dettagli

--------------------------------------------------------------------------------

-------------------------------------------------------------------------------- D.P.R. 14 aprile 1993 "Atto di indirizzo e coordinamento alle regioni recante criteri e modalità per la redazione dei programmi di manutenzione idraulica e forestale." Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale

Dettagli

37. AMBITO AVA FIUME SECCHIA OPERE DI INTERESSE PUBBLICO: CENTRALE IDROELETTRICA A VALLE DEL VIADOTTO DELLA STRADA PEDEMONTANA Il progetto di impianto idroelettrico è previsto su un area demaniale, a ridosso

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

LA NOSTRA STORIA DI SINERGIA CON TERRA, ACQUA E AMBIENTE

LA NOSTRA STORIA DI SINERGIA CON TERRA, ACQUA E AMBIENTE TERRACQUAMBIENTE LA NOSTRA STORIA DI SINERGIA CON TERRA, ACQUA E AMBIENTE Fondata nel 1992, Sinergeo è una struttura indipendente con sede a Vicenza. Essa riunisce figure professionali altamente qualificate,

Dettagli

ECOMONDO. Quali indicazioni dall esperienza Lombarda Petroli. Nicola Di Nuzzo

ECOMONDO. Quali indicazioni dall esperienza Lombarda Petroli. Nicola Di Nuzzo ECOMONDO Quali indicazioni dall esperienza Lombarda Petroli Nicola Di Nuzzo Workshop Pronto intervento ambientale: le professionalità per gestire l inaspettato 7 novembre 2013 Emergenza fiume Lambro

Dettagli

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs.

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale Articolo 15, comma 1, d.lgs. 152/2006 Valutazione ambientale strategica del Piano regionale di miglioramento della

Dettagli

ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE IN N

ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE IN N Provincia dell Aquila Settore Ambiente Genio Civile Protezione Civile Modulo Discarica rifiuti inerti ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE IN N. 3 ESEMPLARI IN ORIGINALE ALLA DOMANDA DI

Dettagli

CASTELNUOVESE INERTI S.R.L. Via S.R. 69 Via Ponte alle Forche, 27 52028 San Giovanni Valdarno (Ar) P.IVA 01923580516

CASTELNUOVESE INERTI S.R.L. Via S.R. 69 Via Ponte alle Forche, 27 52028 San Giovanni Valdarno (Ar) P.IVA 01923580516 Via S.R. 69 Via Ponte alle Forche, 27 52028 San Giovanni Valdarno (Ar) P.IVA 01923580516 CAVA RIMANDOLI 7 COMUNE DI PERGINE VALDARNO (AR) ai sensi del Decreto Legislativo 30 maggio 2008 n 117 Attuazione

Dettagli

Dott. Geologo Antonio Santaguida Tel. 3474865331 Via Dante Alighieri 36/e, 89900 Vibo Valentia

Dott. Geologo Antonio Santaguida Tel. 3474865331 Via Dante Alighieri 36/e, 89900 Vibo Valentia INDICE 1. PREMESSA pag. 2 2. AGGIORNAMENTO DELLA CARTA DEI VINCOLI GENERATORI DI RISCHIO pag. 3 2.1 rischio idrogeologico pag. 5 3 CARTA DI SINTESI FINALIZZATA ALL EDIFICABILITA pag. 7 1 1. PREMESSA Per

Dettagli

Modulo Stoccaggio rifiuti speciali non pericolosi da attività di costruzione e demolizione

Modulo Stoccaggio rifiuti speciali non pericolosi da attività di costruzione e demolizione Provincia dell Aquila Settore Ambiente Genio Civile Protezione Civile Modulo Stoccaggio rifiuti speciali non pericolosi ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE IN N. 3 ESEMPLARI IN ORIGINALE

Dettagli

DESTEC UNIVERSITÀ DI PISA ANALISI DI SOSTENIBILITÀ DI OPPORTUNI CASI STUDIO TRAMITE IL SOFTWARE EUREKA

DESTEC UNIVERSITÀ DI PISA ANALISI DI SOSTENIBILITÀ DI OPPORTUNI CASI STUDIO TRAMITE IL SOFTWARE EUREKA DESTEC UNIVERSITÀ DI PISA ANALISI DI SOSTENIBILITÀ DI OPPORTUNI CASI STUDIO TRAMITE IL SOFTWARE EUREKA Pisa, Gennaio 2015 Ing. Giulia Ludovici, Ph.D. Indice 1. Introduzione... 3 2. Parco eolico... 4 2.1

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

Area Risorse Ambientali Smart City e Innovazione Manutenzione dei corpi idrici superficiali Indicazioni generali

Area Risorse Ambientali Smart City e Innovazione Manutenzione dei corpi idrici superficiali Indicazioni generali Comune di Perugia Area Risorse Ambientali Smart City e Innovazione Manutenzione dei corpi idrici superficiali Indicazioni generali 1 Manutenzione dei corpi idrici superficiali Indicazioni generali. 1.

Dettagli

DI GABBIA ADOLFO E FIGLIO S.R.L. Via dello Struggino 24 loc. Picchianti 57121 Livorno (LI)

DI GABBIA ADOLFO E FIGLIO S.R.L. Via dello Struggino 24 loc. Picchianti 57121 Livorno (LI) DI GABBIA ADOLFO E FIGLIO S.R.L. Via dello Struggino 24 loc. Picchianti 57121 Livorno (LI) VERIFICHE GEOLOGICHE E IDROGEOLOGICHE A SUPPORTO DELLARICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE EX ART. 208 D.LGS. 152/06 SEDE:

Dettagli

Consiglio Nazionale Geologi.it Circolari. A tutti gli Ordini Regionali dei Geologi LORO SEDI. Roma, 28 giugno 2007 Rif. P/CR.c/2996 CIRCOLARE N 259

Consiglio Nazionale Geologi.it Circolari. A tutti gli Ordini Regionali dei Geologi LORO SEDI. Roma, 28 giugno 2007 Rif. P/CR.c/2996 CIRCOLARE N 259 Consiglio Nazionale Geologi.it Circolari A tutti gli Ordini Regionali dei Geologi LORO SEDI Roma, 28 giugno 2007 Rif. P/CR.c/2996 CIRCOLARE N 259 OGGETTO: Competenze del Geologo in materia di progettazione,

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

IL CONTO EPEA DELLA PROVINCIA DI FERRARA

IL CONTO EPEA DELLA PROVINCIA DI FERRARA IL CONTO EPEA DELLA PROVINCIA DI FERRARA Premessa Il progetto CLEAR, ha come obiettivo finale l approvazione del bilancio ambientale da parte dell ente. Nella costruzione e approvazione del bilancio ambientale

Dettagli

PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI UN POZZO E PROVE DI PORTATA

PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI UN POZZO E PROVE DI PORTATA E dott. geol. Gianluigi Giannella IL RUOLO DEL GEOLOGO PROGETTISTA Qual è il ruolo del geologo nell esecuzione dei pozzi? Spesso è solo il tramite tra il committente e la ditta di perforazione. Altre volte

Dettagli

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE ASSESSORATO TERRITORIO E AMBIENTE DIPARTIMENTO TERRITORIO E AMBIENTE SERVIZIO VALUTAZIONE AMBIENTALE PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE OGGETTO : DICHIARAZIONE DI NON ASSOGGETTABILITÀ A PROCEDURA DI VAS E A PROCEDURA

Dettagli

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dipartimento Risorse Forestali e Montane Servizio Bacini Montani PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI Valutazione

Dettagli

S.G.M. geologia e ambiente. ingegneria ambientale

S.G.M. geologia e ambiente. ingegneria ambientale S.G.M. geologia e ambiente ingegneria ambientale S.G.M. Geologia e Ambiente INGEGNERIA AMBIENTALE GESTIONE DEI RIFIUTI S.G.M. Geologia e Ambiente offre un ampia gamma di servizi specifici per le problematiche

Dettagli

D 2 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_d2_-_rel_tec_idro e idrogeo ed ev_eccez.docm \\save.13

D 2 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_d2_-_rel_tec_idro e idrogeo ed ev_eccez.docm \\save.13 COMUNE DI SEUI PROVINCIA DELL OGLIASTRA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE R EGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE "Disposizioni urgenti di protezione civile per fronteggiare

Dettagli

1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana

1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana IL PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO PAI Relazione introduttiva 1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana 1.1 La disciplina La difesa del suolo

Dettagli

Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua

Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua 1. Premessa Nel 2010 ISPRA ha pubblicato il metodo per la valutazione della qualità morfologica dei corsi d acqua basato sull Indice di Qualità

Dettagli

Dichiarazione di inizio lavori ai fini del vincolo idrogeologico L.R. n.39/2000-art. 84 Reg. Attuazione D.P.G.R. n 48/R del 08.08.

Dichiarazione di inizio lavori ai fini del vincolo idrogeologico L.R. n.39/2000-art. 84 Reg. Attuazione D.P.G.R. n 48/R del 08.08. MARCA DA BOLLO Comune di Capannori (Prov. di Lucca) Al Sindaco del Comune di Capannori Piazza Aldo Moro, 1 55012 Capannori (LU) Dichiarazione di inizio lavori ai fini del vincolo idrogeologico L.R. n.39/2000-art.

Dettagli

STUDIO IDROLOGICO IDRAULICO

STUDIO IDROLOGICO IDRAULICO COMUNE DI CAPOLIVERI Provincia di Livorno STUDIO IDROLOGICO IDRAULICO a cura del dott. Ing. Filippo Ginanni Il Sindaco: Ruggero Barbetti I Progettisti: arch. Gianni Vivoli e arch. Sergio Seritti Collaborazione:

Dettagli

R 2 - LINEE DI INTERVENTO

R 2 - LINEE DI INTERVENTO Accordo di Pianificazione ai sensi dell art. 57 della L.R. 36/1997 tra Autorità di bacino del fiume Po Regione Liguria e Provincia di Genova R 2 - LINEE DI INTERVENTO PROGETTO Codice : 1.2/17/04 VARIANTE

Dettagli

Nota in merito alla gestione delle terre e rocce da scavo

Nota in merito alla gestione delle terre e rocce da scavo Nota in merito alla gestione delle terre e rocce da scavo Indice 1 PREMESSA... 2 2 RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3 BILANCIO DEI MATERIALI IN PROGETTO... 6 4 CONFERIMENTO A IMPIANTI DI TRATTAMENTO... 7 5 CARATTERIZZAZIONE

Dettagli

RELAZIONE. 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico

RELAZIONE. 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico RELAZIONE 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico L area oggetto del presente piano di lottizzazione è sita in località Marina del Comune di Rocca Imperiale (CS). Le particelle catastali interessate

Dettagli

COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO RELAZIONE TECNICA INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO

COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO RELAZIONE TECNICA INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO D.G.R. 22 dicembre n. IX/2762, SEMPLIFICAZIONE DEI CANONI DI POLIZIA IDRAULICA E RIORDINO DEI RETICOLI IDRICI agosto 2012

Dettagli

CIRCOLARE M. LL.PP. 28 AGOSTO 1986, N. 1125

CIRCOLARE M. LL.PP. 28 AGOSTO 1986, N. 1125 CIRCOLARE M. LL.PP. 28 AGOSTO 1986, N. 1125 OGGETTO: modifiche ed integrazioni alle precedenti circolari 9.2.1985 n. 1959 e 29.11.1985 n. 1391 concernenti sistemi d'allarme e segnalazioni di pericolo per

Dettagli

ELABORATI CARTOGRAFICI di Riferimento geologico

ELABORATI CARTOGRAFICI di Riferimento geologico / COMMITTENTE: Comune di VARENNA Provincia di Lecco PROGETTO: Costruzione di una nuova rotatoria all intersezione di viale Polvani con la strada provinciale 72 in comune di Varenna Progetto definitivo

Dettagli

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Fulvio CERFOLLI, PhD Che cos e un PIANO DI GESTIONE di un sito Natura 2000? E uno strumento di pianificazione del territorio

Dettagli

PROCEDURE PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI, LICENZE E NULLA OSTA

PROCEDURE PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI, LICENZE E NULLA OSTA PROCEDURE PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI, LICENZE E NULLA OSTA Art. 1 : Oggetto delle concessioni e licenze Il presente documento, relativo alle opere pubbliche di bonifica, le opere idrauliche e le opere

Dettagli

Proposta di legge concernente Norme in materia di difesa del suolo, tutela delle risorse idriche e tutela della costa e degli abitati costieri

Proposta di legge concernente Norme in materia di difesa del suolo, tutela delle risorse idriche e tutela della costa e degli abitati costieri Proposta di legge concernente Norme in materia di difesa del suolo, tutela delle risorse idriche e tutela della costa e degli abitati costieri RELAZIONE ILLUSTRATIVA Premessa La presente proposta di legge,

Dettagli

Allegato Tecnico. Normativa ambientale di riferimento e adempimenti per i porticcioli turistici e i campi da golf. Autore. Direzione Scientifica ARPAL

Allegato Tecnico. Normativa ambientale di riferimento e adempimenti per i porticcioli turistici e i campi da golf. Autore. Direzione Scientifica ARPAL LIFE 04 ENV/IT/000437 PHAROS LINEE GUIDA per La predisposizione di sistemi di gestione ambientale secondo i requisiti del Regolamento EMAS II di strutture turistiche importanti (Porticcioli Turistici e

Dettagli

Bacino scolante nella Laguna di Venezia

Bacino scolante nella Laguna di Venezia Bacino scolante nella Laguna di Venezia QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO L. 18 maggio 1989, n. 183 Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo Definisce il Bacino scolante in

Dettagli

EnviCons. Profilo Aziendale e Campi di Attività

EnviCons. Profilo Aziendale e Campi di Attività EnviCons Profilo Aziendale e Campi di Attività EnviCons Srl Headquarters: Lungo Po Antonelli 21 10153, Torino P.IVA: 10189620015 Telefono: (+39) 011.81.28.684 Fax: (+39) 011.81.27.528 Web: www.envicons.com

Dettagli

INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDRICO MINORE...

INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDRICO MINORE... INDICE 1. PREMESSA... 2 2. INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDRICO MINORE... 4 2.1 CARATTERISTICHE DEL RETICOLO IDRICO COMUNALE... 4 2.2 CRITERI DI INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO MINORE E COMPETENZE DI GESTIONE....

Dettagli

COMUNE DI PADERNO DUGNANO (MILANO)

COMUNE DI PADERNO DUGNANO (MILANO) COMUNE DI PADERNO DUGNANO (MILANO) PIANO DI RECUPERO DE CAPITANI D ARZAGO DOCUMENTO DI SINTESI RAPPORTO AMBIENTALE PRELIMINARE PER VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PIANO DI RECUPERO DI VIA GRAMSCI

Dettagli

Responsabilità A mbientale e soluzioni assicurative

Responsabilità A mbientale e soluzioni assicurative Responsabilità A mbientale e soluzioni assicurative Il rischio di danno ambientale coinvolge potenzialmente TUTTE le aziende manifatturiere, ANCHE LA VOSTRA. Vi invitiamo a scorrere le successive slides

Dettagli

Rapporto sullo stato di conservazione della biodiversità in Sardegna: dalla conoscenza alla programmazione

Rapporto sullo stato di conservazione della biodiversità in Sardegna: dalla conoscenza alla programmazione Rapporto sullo stato di conservazione della biodiversità in Sardegna: dalla conoscenza alla programmazione Servizio Tutela della Natura Assessorato Difesa Ambiente Roma, 28 febbraio 2014 SOMMARIO: Il monitoraggio

Dettagli

RETICOLO IDRICO MINORE

RETICOLO IDRICO MINORE RETICOLO IDRICO MINORE Fondazione Idra ha ottenuto l affidamento per il continuo dei lavori del progetto FESTO, iniziato ormai da più di un anno e che ha visto l individuazione del reticolo principale,

Dettagli