Il PrandtlPlane ed il Polo Tecnologico di Capannori Piano di insediamento e sviluppo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il PrandtlPlane ed il Polo Tecnologico di Capannori Piano di insediamento e sviluppo"

Transcript

1 Il PrandtlPlane ed il Polo Tecnologico di Capannori Piano di insediamento e sviluppo Autori: Aldo Frediani 1 Vittorio Cipolla 2 Emanuele Rizzo 3 1 Professore Ordinario presso il Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale dell Università di Pisa 2 SkyBox Engineering S.r.l., Pisa 3 SkyBox Engineering S.r.l., Pisa

2 2

3 Sommario Introduzione... 5 Il PrandtlPlane... 6 Dal Best Wing System al PrandtlPlane... 6 Velivoli ultraleggeri PrandtlPlane I prototipi Proprietà intellettuale L offerta di prodotti e servizi Velivoli ultraleggeri PrandtlPlane Il problema: la sicurezza del volo La soluzione: la tecnologia PrandtlPlane UAV PrandtlPlane Servizi Energie rinnovabili Piano di insediamento e sviluppo Panoramica Dettaglio Cronoprogramma Soggetti e risorse coinvolte Il team La SkyBox Engineering Srl Storia dell attività di ricerca Attività della società Competenze Curricula dei soci Aldo Frediani Contatti Risorse on-line

4 4

5 1. Introduzione Il presente documento descrive a grandi linee un piano di sviluppo finalizzato alla creazione di attività di ricerca ed industriali in Toscana nel campo della aviazione. Il progetto è nato presso il Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale di Pisa in seguito agli sviluppi di ricerche su configurazioni innovative di aeroplani civili. In seguito alla attenzione che la Regione Toscana e la Amministrazione del Comune di Capannori hanno dedicato alle ricerche del Dipartimento, è nato il progetto di fare dell aeroporto di Tassignano la sede di un centro per lo sviluppo della aviazione in Toscana, nell ambito delle iniziative del Polo Tecnologico di Capannori. Le attività proposte sono sia di carattere innovativo, come ad esempio lo sviluppo e la costruzione di velivoli ultraleggeri non convenzionali o di droni ad energia solare, sia di carattere tradizionale, quali la manutenzione dei velivoli e la scuola di volo. L aspetto innovativo gioca un ruolo primario nel presente piano di sviluppo e trova le sue radici nelle attività di ricerca condotte dal Prof. Aldo Frediani dell Università di Pisa e dai suoi collaboratori, riguardante il disegno di velivoli non convenzionali noti come PrandtlPlane, così chiamati in onore del fisico tedesco Ludwig Prandtl, padre dell aerodinamica moderna ed ideatore del concetto su cui si basa l oggetto di questo studio. Nel corso degli ultimi anni, le attività di ricerca del gruppo pisano hanno portato ad una serie di progetti, tutt ora in corso, relativi alla realizzazione di modelli volanti e prototipi di PrandtlPlane, finanziati grazie agli interventi della Regione Toscana. A tali attività di ricerca si aggiunge, inoltre, la creazione di una società spin-off del Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale, chiamata SkyBox Engineering S.r.l., il cui obiettivo principale è il trasferimento tecnologico delle idee relative al PrandtlPlane, dalla ricerca all industria. La SkyBox Engineering rappresenta, ad oggi, il luogo in cui si raccolgono le conoscenze e l esperienza accumulata nel corso degli ultimi anni intorno al tema del PrandtlPlane e la possibilità di usufruire di una struttura quale quella dell aeroporto di Capannori è una importante occasione di sviluppo per la società. Allo stesso tempo, lo sviluppo del PrandtlPlane può fungere da driver tecnologico per il Polo Tecnologico e, in generale, per il territorio. La SkyBox Engineering, tuttavia, necessita di partner industriali e soprattutto di acquisire competenze al fine di essere efficace sotto il punto di vista produttivo e commerciale. Pertanto all interno del piano qui di seguito esposto, sono presenti elementi finalizzati alla creazione di un team di lavoro, il cui successo è 5

6 legato anche alle collaborazioni di cui la SkyBox Engineering può usufruire. La SkyBox Engineering si propone, pertanto, di costituire una nuova compagine sociale in cui sia presente almeno un partner dal mondo delle costruzioni aeronautiche e, eventualmente, istituzioni ed investitori. La costituenda società verrà indicata di qui in avanti con il nome fittizio di PrandtlPlane Company o PrP-Co. Il piano di sviluppo è stato costruito su una base quinquennale, con particolare attenzione alle attività dei primi 2-3 anni in cui la validazione della tecnologia, la prototipizzazione, la certificazione dei velivoli e l acquisizione delle competenze mancanti, rappresentano fattori chiave di successo per il futuro della PrP-Co. 2. Il PrandtlPlane 2.1. Dal Best Wing System al PrandtlPlane In un velivolo da trasporto, durante il volo in crociera, la resistenza aerodinamica è principalmente dovuta alla resistenza d attrito e a quella indotta, la quale dipende dalla distribuzione di portanza lungo l apertura alare. Negli odierni velivoli da trasporto, quest ultima è così ottimizzata che significative migliorie non sono più ottenibili ed un possibile balzo in avanti nel mondo del trasporto aereo può giungere dall introduzione di una nuova configurazione di velivolo non-convenzionale. Basata su un intuizione di Ludwig Prandtl, la caratteristica peculiare della configurazione PrandtlPlane è una forte riduzione della resistenza. Secondo Prandtl, assegnata la portanza, il sistema alare che minimizza la resistenza indotta è un ala a box (chiamata Best Wing System da Prandtl), nella quale si realizzano le seguenti condizioni: stessa distribuzione di portanza sulle due ali orizzontali e distribuzione di portanza lineare ad integrale nullo sulle paratie verticali. Figura 1. Best Wing System 6

7 Per un monoplano convenzionale la minima resistenza indotta si ha quando la distribuzione di portanza è ellittica. La resistenza indotta di un biplano è minima quando la portanza è equamente ripartita tra le due ali. La minima resistenza indotta di un biplano, inoltre, è inferiore rispetto a quella che si ottiene per un monoplano ottimo e si riduce al crescere del rapporto tra distanza verticale tra ali e apertura alare. Analogamente accade che il triplano ottimo abbia minor resistenza indotta del biplano ottimo. Facendo tendere il numero di ali all infinito, la resistenza indotta tende ad un valore minimo; la configurazione alare corrispondente a tale situazione è l ala a box che, in accordo con Prandtl, è il caso limite di un multiplano con infinite ali, in cui la portanza delle ali interne tende a zero, mentre le ali laterali generano una distribuzione analoga ai vortici d estremità delle ali interne. A parità di portanza ed apertura, l efficienza aerodinamica del Best Wing System è maggiore di quella del biplano ottimo e di qualsiasi altro sistema alare Il PrandtlPlane non è altro che l applicazione del concetto del Best Wing System all ingegneria aeronautica e rappresenta la sintesi della teoria di Prandtl con i requisiti di volo di un normale velivolo da trasporto. Figura 2. Esempio di PrandtlPlane commerciale Il PrandtlPlane è dunque un biplano con ali a freccia contrapposta, che non necessita di stabilizzatori (es. coda o canard) in quanto il sistema alare, se opportunamente progettato, risulta intrinsecamente stabile. Figura 3. Rappresentazione di un PrandtlPlane per il trasporto merci 7

8 Presso il Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale di Pisa (DIA), sono oggetto di studio PrandtlPlane per il trasporto di passeggeri e merci, disegnati al fine di introdurre innovazione nel trasporto e portare a benefici in termini di riduzione dei consumi e dei costi di gestione, riduzione del rumore e delle emissioni nocive, incremento della sicurezza in volo, ottimizzazione del della logistica e del sistema di trasporto aereo. Si riporta, a titolo d esempio, il caso di un velivolo da posti, dotato di due piani di carico, uno superiore per i passeggeri ed uno inferiore per le merci e i bagagli. Il cockpit è posizionato al livello del piano delle merci cargo per soddisfare i requisiti di visibilità e, per questioni di sicurezza, è completamente isolato dai passeggeri; dietro il cockpit è presente uno spazio per il riposo dei piloti. Figura 4. Allestimento interno di un PrandtlPlane da trasporto La riduzione di resistenza indotta dovuta all ala a box comporta consumi ridotti e la possibilità di utilizzare sistemi di ipersostentazione più semplici attenua il rumore durante la fase di atterraggio. La forma della fusoliera, priva di interruzioni del piano di carico per via dell attraversamento dell ala al di sotto di esso, consente di accelerare le operazioni di carico e scarico a terra, con un conseguente incremento dei tempi di operatività ed un minor costo nella gestione della macchina. 8

9 Figura 5. Operazioni di carico e scarico La configurazione PrandtlPlane può essere impiegata per il progetto di un intera famiglia di velivoli, da quelli regionali ai Very Large Aircraft con dimensioni superiori all odierno A380. Tutti i velivoli sarebbero compatibili con gli aeroporti esistenti. Infatti, nel caso di velivoli più grandi dell A380, la maggior efficienza della configurazione potrebbe essere sfruttata per ridurre l apertura alare al di sotto degli 80 m, ottenendo comunque valori di resistenza aerodinamica inferiori a quelli dei velivoli convenzionali. Figura 6. Famiglia di PrandtlPlane (DIA Pisa, Airbus Deutschland, 2008) L architettura del PrandtlPlane è inoltre adatta per l integrazione per tipologie diverse di propulsori, nonché per l utilizzo di carburanti alternativi, quali ad esempio l idrogeno. 9

10 Figura 7. PrandtlPlane con motori turbofan ad alto BPR (DIA Pisa, Bauhaus Luftfahrt Munich, 2008) Figura 8. Disegno preliminare di un PrandtlPlane ad idrogeno 2.2. Velivoli ultraleggeri PrandtlPlane Sebbene il concetto del PrandtlPlane nasca con il fine di ridurre i costi e l inquinamento del trasporto aereo commerciale, la sua applicazione ai velivoli da diporto e sportivi presenta aspetti di interesse dal punto di vista dell incremento della sicurezza. Figura 9. Esempio di PrandtlPlane ultraleggero I velivoli ultraleggeri convenzionali vengono spesso coinvolti in incidenti, causati dalla scarsa esperienza dei piloti e talvolta resi fatali dall infelice collocazione di componenti pericolosi (es.: carburante, motore, ecc.). La diversa configurazione del PrandtlPlane, invece, consente di rendere meno critiche alcune 10

11 caratteristiche di queste macchine, facilitando il compito del pilota, aumentandone la visibilità ed introducendo accorgimenti sul posizionamento dei componenti interni, tali da incrementare la sicurezza passiva del velivolo I prototipi Lo sviluppo delle configurazioni PrandtlPlane ha portato nel corso degli ultimi anni alla realizzazione di diversi prototipi, di dimensioni e complessità crescenti. Tra questi, riportiamo qui di seguito i più significativi: Modello volante radiocomandato in scala 1:5 di PrandtlPlane ULM per piloti affiancati Figura 10. Modello side-by-side in scala 1:5 Modello volante radiocomandato in scala 1:3 di PrandtlPlane ULM per piloti in tandem Figura 11.Modello tandem in scala 1:3 Prototipo scala 1:1 di PrandtlPlane ULM per piloti in tandem 11

12 Figura 12. Prototipo biposto per piloti in tandem 2.4. Proprietà intellettuale La configurazione PrandtlPlane ha ottenuto i seguenti brevetti nel campo dei velivoli da trasporto: Large Dimension Aircraft : US Patent Office n , Inventore A. Frediani, New Large Aircraft : European Patent Office n. EP B1, Inventore A. Frediani, (in Germania con il titolo Grossraumflugzeug ) Velivolo biplano ad ali contrapposte ad elevata stabilità statica : Ministero Dello Sviluppo Economico, Ufficio Brevetti e Marchi, Brevetto n , inventore A. Frediani,

13 Figura 13.Il brevetto statunitense del Prof. Frediani 3. L offerta di prodotti e servizi Una volta insediata all interno del Polo Tecnologico, la PrP-Co tradurrà il know-how e la sperimentazione sui velivoli PrandtlPlane in diverse tipologie di velivoli, da proporre in diversi segmenti del mercato aeronautico. Data l esperienza accumulata nell ambito della ricerca universitaria, il primo settore di interesse sarà quello dei velivoli ultraleggeri biposto, mentre successivamente, grazie alle esperienze sui modelli radiocomandati, la PrP-Co lancerà sui mercati velivoli pilotati in remoto, detti UAV (Unmanned Aerial Vehicles), di tipo PrandtlPlane. La sfida di lanciare prodotti innovativi a forte contenuto tecnologico verrà affrontata grazie anche alle competenze del team di progettazione che ad oggi si raccoglie nella SkyBox Engineering. Tale gruppo, già operativo sul mercato, sarà in grado di affiancare alle attività di produzione servizi di consulenza nei diversi campi dell ingegneria industriale, nonché nel settore dell energia eolica e solare. D altro canto, la creazione di un team di costruttori e collaudatori ai fini della produzione degli ultraleggeri e degli UAV, darà la possibilità alla PrP-Co di fornire ulteriori servizi di manutenzione di velivoli (inclusi quelli convenzionali) e scuola di volo. 13

14 Inoltre, grazie alle specifiche competenze nell ambito aeronautico e tecnologico e la propensione all innovazione tecnologica, la PrP-Co è in grado di offrire prodotti e servizi nel campo delle energie rinnovabili, in particolare l eolico Velivoli ultraleggeri PrandtlPlane La PrP-Co intende sviluppare attività finalizzate alla produzione e alla commercializzare di velivoli ultraleggeri di tipologia PrandtlPlane Il problema: la sicurezza del volo In Italia, i velivoli ultraleggeri sono classificati tra i velivoli da diporto o sportivi (VDS) e sono distinti dai velivoli di aviazione generale in base a limiti sul peso e sulle prestazioni. I VDS a motore di tipo convenzionale, cioè con ala singola e stabilizzatori in coda, sebbene realizzati secondo i criteri dell ingegneria aeronautica e sottoposti a controlli da parte degli enti istituzionali, sono spesso protagonisti di incidenti, causati da errore umano e nella maggior parte dei casi fatali per gli occupanti. A titolo d esempio, l Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo (ANSV) solo nel 2009 ha registrato 17 incidenti, di cui 13 mortali; mentre le statistiche dell ultimo decennio evidenziano come il fattore umano sia determinante nel 67% dei casi. 4 Figura 14.Incidenti di volo e decessi (fonte ANSV 1 ) L ANSV ritiene inoltre che l aviazione turistico-sportiva continui a caratterizzarsi per un elevata criticità sotto il profilo della sicurezza del volo ed invita gli enti competenti ad un maggiore controllo sul comparto VDS al fine di mitigare le criticità ricorrenti, riconducibili, in sintesi, ad una generalizzata carenza di cultura della sicurezza del volo, riscontrabile sia a livello di piloti, sia di organizzazioni a terra. 4 ANSV, Rapporto informativo sull'attività svolta dall'agenzia - anno

15 Infine, è importante sottolineare che talvolta incidenti di per sé non fatali, lo diventano per via dello sviluppo di incendi causati dalla fuoriuscita di carburante. Infatti, per motivi legati al centraggio dei velivoli, i serbatoi del carburante, le parti calde (es. motore) e la cabina di pilotaggio, si trovano a breve distanza l uno dall altro, rendendo ancora più critico un eventuale incidente La soluzione: la tecnologia PrandtlPlane Prescindendo dall efficacia degli organismi di controllo e delle organizzazioni a terra, il problema della sicurezza nei velivoli ultraleggeri, e in generale nei VDS, è più legato all attitudine dei piloti nei confronti della macchina, che alle caratteristiche tecniche della stessa. È dunque possibile rivedere la progettazione di velivoli di questo tipo, ed introdurre accorgimenti che aumentino i margini di tolleranza nei confronto degli errori umani? È possibile pensare ad un diverso arrangiamento dei componenti interni e la cabina dei piloti al riparo da eventuali incendi? L innovazione introdotta dalla tecnologia PrandtlPlane è la risposta affermativa a queste domande, e dimostra che è possibile pensare ad aerei diversi in cui l incremento di sicurezza non comporta necessariamente una riduzione delle performance e del piacere di volare. Due sono le caratteristiche principali che conferiscono al PrandtlPlane maggiori margini di sicurezza: il sistema alare a box si oppone allo stallo molto più di quanto non accada in un sistema monoala, evitando così la perdita accidentale della forza di portanza, causata da un errore di manovra. Esperimenti in galleria del vento mostrano un ingresso nello stallo molto graduale ed un ampia capacità portante post-stallo5, il che può tradursi in una maggior capacità della macchina di tollerare errori di manovra; grazie alla doppia ala, in condizioni di volo è possibile equilibrare il velivolo anche se le masse sono distribuite lungo la fusoliera. Questo consente di porre i piloti a distanza di sicurezza dalle parti pericolose, cosa che nei velivoli monoala non è possibile, in quanto, le masse principali (ala, piloti, motore, carburante) sono tutte concentrate in una area ristretta. 5 G. Chiocchia, G. Iuso, E. Carrera, A. Frediani, A wind tunnel model of a ULM configuration of PrandtlPlane: Design, Manufacturing and Aerodynamic Testing, Proceedings of the XVII AIDAA Congress, Roma, September

16 Figura 15. Allestimento dei componenti all'interno di due PrandtlPlane (tandem sopra, side-byside sotto) La configurazione PrandtlPlane, inoltre, presenta un ulteriore caratteristica innovativa, tale da incrementare la sicurezza di volo: le superfici di governo per il controllo in beccheggio, gli equilibratori, sono presenti su ambo le ali e ruotano in versi opposti. Mentre in un velivolo convenzionale ala-coda, ad una rotazione di queste superfici mobili corrisponde una rotazione del velivolo (a cabrare o a picchiare) a cui si associa un moto verticale dovuto alla variazione di portanza, nel caso del PrandtlPlane l avere due superfici controrotanti fa sì che il velivolo ruoti senza variazioni di quota. Questa caratteristica dà la possibilità di un controllo più preciso della traiettoria di volo durante le manovre longitudinali e riduce i fattori di rischio nelle operazioni a bassa quota, in particolare in vicinanza della pista. Figura 16. Comportamento del PrandtlPlane in una manovra di richiamata 16

17 3.2. UAV PrandtlPlane L interesse nei confronti del settore degli Unmanned Aerial Vehicles (UAV), detti anche droni, nasce innanzitutto dalle esperienze sui modelli in scala radiocomandati e dal riscontro delle buone qualità di volo dei medesimi. In questo settore, i vantaggi principali offerti dalla configurazione PrandtlPlane sono i seguenti: le due ali, poste una davanti ed una dietro il baricentro del velivolo, agiscono sull aerodinamica della macchina come degli smorzatori di vibrazioni, conferendo all UAV caratteristiche ottimali come piattaforma per i sensori elettro-ottici. Di conseguenza, è possibile utilizzare dispositivi più semplici, privi di complessi sistemi di smorzamento meccanico, e dunque più economici; in analogia con quanto detto per i velivoli ultraleggeri, anche per gli UAV è possibile sfruttare la maggior flessibilità nel posizionamento dei componenti lungo l asse del velivolo; è pertanto possibile optare per diverse configurazioni di installazione per quanto riguarda gruppi propulsivi, accumulatori di energia (batterie o celle al combustibile) e sensori. Tra i possibili vantaggi che scaturiscono da qui, vi è la possibilità di realizzare velivoli a decollo e atterraggio verticale (VTOL) con ventole intubate in fusoliera. Figura 17.Concept di UAV PrandtlPlane di tipo VTOL 3.3. Servizi Grazie al know-how e alle competenze del personale che oggi si raccoglie all interno della SkyBox Engineering, nel futuro la PrP-Co potrà offrire ai propri clienti studi di progettazione e consulenze in diversi settori dell ingegneria, quali quello aeronautico, meccanico, navale, fotovoltaico, eolico e laddove si richiedano competenze a proposito di: modellazione CAD e CAE; 17

18 analisi strutturali mediante software FEM commerciali, sia statiche che dinamiche, lineari e non; analisi aerodinamiche con codici a pannelli o software CFD commerciali; studi di fattibilità e progettazione di impianti fotovoltaici e loro integrazione in componenti strutturali. Parte di tali attività potranno essere svolte medianti codici di calcolo sviluppati internamente all azienda e già a disposizione della SkyBox Engineering Energie rinnovabili Le particolari proprietà della configurazione aerodinamica del Best Wing Sysytem, in particolare la superiore efficienza aerodinamica rispetto alle configurazioni convenzionali, offre spunti per ulteriori applicazioni non direttamente legate alla produzione dei velivoli, ma che ne sfruttano le tecnologie ed i principi dell aerodinamica, quali le applicazioni legate all estrazione di energia eolica. Le attuali turbine eoliche possono classificarsi in due categorie: ad asse orizzontale (Figura 18) e ad asse verticale (Figura 19). Le prime, molto diffuse, sono solitamente montate su torri e sono caratterizzate da elevate potenze e rendimenti prossimi al 50%, a fronte di un massimo rendimento teorico del 59% circa. Tuttavia, problemi di natura aeroelastica e di generazione di rumore, ne impediscono l impiego per grandi potenze (la più grande al mondo con rotore di oltre 100 m di diametro ha una potenza nominale di 6 MW) e, di fatto, le turbine ad asse orizzontale hanno dimensioni di circa 40 m con potenze di kw in installazione multipla (parchi eolici). Inoltre, l elevato impatto visivo dei parchi eolici ne limita l installazione in aree popolate o paesaggisticamente rilevanti. Esse, pertanto, sono di solito installate in aree remote caratterizzate da venti costanti in direzione e a bassa turbolenza, quali, ad esempio, il mare aperto. Figura 18. Esempi di turbine eoliche ad asse orizzontale 18

19 La seconda tipologia di turbine è caratterizzata da potenze più basse, dimensioni più contenute e rendimenti dell ordine del 30%-40%. Inoltre, il loro funzionamento è indipendente dalla direzione del vento e del livello di turbolenza; sono, pertanto, adatte all installazione urbana ed alla produzione elettrica tipica del cosiddetto micro-eolico (potenze inferiori ai 20kW), oltre una loro installazione in parco necessita di una superficie inferiore rispetto a quelle ad asse orizzontale. Altre importanti caratteristiche sono: la semplicità costruttiva, la scarsa manutenzione, il basso rumore ed il contenuto impatto visivo, tutte caratteristiche che le rendono particolarmente attraenti per l impiego domestico e per la produzione di energia in aree urbane o in aree remote con scarso accesso alle grandi infrastrutture elettriche. Versioni trasportabili di turbine eoliche ad asse verticale possono essere concepite per la creazione di veri e propri generatori trasportabili. Tipiche taglie da 3-5kW hanno una dimensione di circa 3m x 2m. Figura 19. Esempi di turbine eoliche ad asse verticale La configurazione aerodinamica PrandtlPlane, da adattarsi alle pale delle turbine eoliche, è applicabile ad entrambe le tipologie e, per entrambe, presenta indubbi vantaggi. Oltre a vantaggi di natura strutturale, il più importante è senza dubbio l incremento di efficienza, stimabile tra il 10%-20% in più. La PrP-Co si propone dunque lo studio, lo sviluppo, la costruzione e la commercializzazione di turbine eoliche innovative basate sul concetto di boxwing da affiancarsi al core business dello sviluppo di velivoli innovativi. In particolare, vista la maggiore semplicità costruttiva e di installazione oltre che alla minore efficienza attuale, la tipologia ad asse verticale è quella più interessante per la presente applicazione. 19

20 4. Piano di insediamento e sviluppo 4.1. Panoramica L insediamento durerà circa tre anni, durante i quali la PrP-Co svolgerà attività finalizzate alla validazione della tecnologia PrandtlPlane, al test di prototipi e alla creazione di un team di lavoro in grado di operare in loco e rendere operativo l impianto di produzione. Validazione della tecnologia Formazione del personale Produzione di velivoli ULM Produzione di velivoli UAV Manutenzione Scuola di volo Q1 Q2 Q3 Q4 Q1 Q2 Q3 Q4 Q1 Q2 Q3 Q4 Q1 Q2 Q3 Q4 Q1 Q2 Q3 Q4 Terminata la fase di insediamento, la PrP-Co entrerà nella fase di industrializzazione, il cui primo step sarà rivolto verso la produzione di velivoli ultraleggeri da diporto (ULM, LSA). Successivamente, grazie alle esperienze sui modelli in scala, proporrà nel segmento di mercato degli UAV, o droni, da ricognizione. la PrP-Co si Parallelamente a queste due attività produttive, la PrP-Co avrà modo di sviluppare servizi di manutenzione e scuola di volo, da affiancare ad attività di progettazione e consulenza, ad oggi già avviate presso la SkyBox Engineering. 20

21 4.2. Dettaglio Cronoprogramma Modello Tandem (scala 1:3) - test di volo (in corso) - test di volo VAL Prototipo Tandem (scala reale) IDA - costruzione (in corso) ZIO NE - test e certificazione TEC Modello Anfibio (scala 1:3) NO - progettazione (prog. IDINTOS) LO - costruzione e test (prog. GIA IDINTOS) E - test di volo (prog. IDINTOS) AC QUI Prototipo Anfibio (scala reale) SIZI - progettazione (prog. IDINTOS) ON - costruzione (prog. IDINTOS) E CO - test (prog. IDINTOS) MPE- certificazione TENAcquisizione competenze ZE tecniche - formazione personale produzione - formazione pilota/i VEL Produzione IVO Impianto di produzione LI Produzione velivoli "beta" + UL Marketing M Produzione in serie e vendita Ricerca UAV ibridi e ad energia solare Costruzione prototipo Test DR Prove di volo ONI Certificazioni (UA V) Produzione Impianto di produzione (espansione) Produzione velivoli "beta" + Marketing Produzione in serie e vendita Manutenzione ALT Velivoli ULM/LSA RE Scuola Volo ATT Scuola di volo "L. Prandtl" IVIT A' Altro Progettazione e Consulenza Q1 Q2 Q3 Q4 Q1 Q2 Q3 Q4 Q1 Q2 Q3 Q4 Q1 Q2 Q3 Q4 Q1 Q2 Q3 Q4 21

22 4.2.2.Soggetti e risorse coinvolte Modello Tandem (scala 1:3) Polo dell'innovazione Capannori Necessità di finanziamenti Soggetti coinvolti oggi - test di volo (in corso) SGfly Domani VALI DAZ - test di volo Prototipo Tandem (scala reale) sì sì "PrP Co" ION - costruzione (in corso) sì BASIS (SGfly) E - test e certificazione sì sì "PrP Co" TEC Modello Anfibio (scala 1:3) NOL - progettazione (prog. IDINTOS) OGI DIA A E - costruzione e test (prog. IDINTOS) da assegnare ACQ UISI - test di volo (prog. IDINTOS) Prototipo Anfibio (scala reale) sì da assegnare ZIO - progettazione (prog. IDINTOS) DIA, EDI + altri NE - costruzione (prog. IDINTOS) CO EDI (SGfly) MPE TEN ZE - test (prog. IDINTOS) - certificazione Acquisizione competenze tecniche sì sì sì "PrP Co" "PrP Co" - formazione personale produzione sì sì "PrP Co" - formazione pilota/i sì sì "PrP Co" VELI Produzione VOL Impianto di produzione sì sì "PrP Co" I Produzione velivoli "beta" + Marketing sì sì "PrP Co" ULM Produzione in serie e vendita sì sì "PrP Co" Ricerca UAV ibridi e ad energia solare sì DIA, SkyBox "PrP Co" Costruzione prototipo sì "PrP Co" DRO NI (UA V) Test Prove di volo Certificazioni Produzione sì sì sì sì "PrP Co" "PrP Co" Impianto di produzione (espansione) sì "PrP Co" Produzione velivoli "beta" + Marketing sì sì "PrP Co" Produzione in serie e vendita sì sì "PrP Co" Manutenzione ALT Velivoli ULM/LSA sì "PrP Co" RE Scuola Volo ATTI Scuola di volo "L. Prandtl" VIT A' Altro Progettazione e Consulenza sì SkyBox "PrP Co" All interno del Polo dell innovazione di Capannori, si identificano i seguenti spazi e risorse necessarie per l attuazione delle attività sopraelencate: 1. creazione di una rete intranet interna collegata alla rete internet; 2. esperto informatico del Polo in grado di fornire assistenza durante l orario di lavoro; 3. spazio (anche in open space) per l insediamento di No. 4-6 postazioni per PC attrezzate per il collegamento telefonico ed intranet/internet; 22

23 4. spazio per l insediamento di uno o più server di calcolo ad uso esclusivo di PrP-Co per lo stoccaggio dati ed il calcolo (lo spazio necessario è equivalente a quello di 2 computer); 5. sala riunioni/di rappresentanza (anche in comune con altri soggetti all interno del Polo) attrezzata con collegamento internet/intranet e proiettore ottico, in grado di effettuare servizio di teleconferenza; 6. Mq 1000 di area da adibire ad officina/hangar dedicati alla stiva dei prototipi, dei velivoli in manutenzione, oltre ad ospitare la parte manifatturiera di costruzione ed assemblaggio di velivoli, modelli in scala e prototipi per il proseguimento delle attività di ricerca e sviluppo. Annessa all area va previsto uno spazio di 20mq circa ad uso ufficio; 7. spazio ludico-ricreativo (soprattutto in comune!) attrezzato per il consumo del tanto amato caffè. 23

24 5. Il team 5.1. La SkyBox Engineering Srl La Società SkyBox Engineering Srl è una società di capitale, nata nel 2009, i cui soci fondatori sono accomunati dall'esperienza lavorativa e formativa trascorsa presso l'università di Pisa. Si tratta, infatti, del Prof. Aldo Frediani, Professore Ordinario a tempo pieno di Aeroelasticità Applicata, afferente al Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale e dei Dottori di ricerca in Ingegneria Aerospaziale Emanuele Rizzo e Vittorio Cipolla, la cui formazione si è svolta all interno del gruppo di ricerca guidato dal Prof. Frediani Storia dell attività di ricerca I risultati circa lo studio di velivoli non convenzionali, noti come PrandtlPlane, conseguiti negli ultimi anni dal gruppo di ricerca del Prof. Aldo Frediani sono documentati da numerose pubblicazioni sia su riviste nazionali che internazionali e da partecipazioni a congressi e lectures series tenute presso Centri di Ricerca Internazionali; inoltre lo stesso Prof. Frediani è depositario di brevetti nazionali e internazionali (US Patent Office, EC Patent Office) su velivoli di configurazioni innovative. Le attività di ricerca, iniziate negli anni 90 presso il Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale, sono diventate di grande attualità in seguito alle indicazioni della Comunità Europea (Vision 2020) sulla aviazione commerciale del futuro; in tali documenti, lo sviluppo della aviazione commerciale in Europa è diventato strategico per la Comunità stessa e dovrà essere rivolto ad un drastico aumento della efficienza in modo tagliare le emissioni inquinanti ed il rumore. Per raggiungere tali obiettivi sono necessarie nuove configurazioni aerodinamiche degli aeromobili. Al fine di favorire il rapporto con l Università e massimizzare le sinergie con il Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale, la SkyBox Engineering ha richiesto il conferimenti del marchio Spin-Off dell Università di Pisa Attività della società La SkyBox Engineering si propone di preservare il know-how acquisito nel corso degli anni intorno ai velivoli PrandtlPlane, approfondire la ricerca e sviluppare nuove applicazioni di tale tecnologia e favorirne il trasferimento tecnologico verso il mondo dell industria aeronautica. La società, inoltre, si propone di svolgere le seguenti attività: 24

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale.

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. L analisi modale è un approccio molto efficace al comportamento dinamico delle strutture, alla verifica di modelli di calcolo

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente.

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. Solar Impulse Revillard Rezo.ch Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. La visione di ABB ABB è orgogliosa della sua alleanza tecnologica e innovativa con Solar Impulse, l aereo

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

Per confronto, un 1kg di un combustibile rinnovabile come una biomassa legnosa può in genere contenere 4.2kWh.

Per confronto, un 1kg di un combustibile rinnovabile come una biomassa legnosa può in genere contenere 4.2kWh. Guida del principiante sull Energia e la Potenza L'articolo presentato da N Packer, Staffordshire University, UK, febbraio 2011. Energia L'energia è la capacità di fare lavoro. Come spesso accade, le unità

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

Idrogeno - Applicazioni

Idrogeno - Applicazioni Idrogeno - Applicazioni L idrogeno non è una fonte di energia, bensì un mezzo per accumularla, un portatore di energia che potrà cambiare in futuro molti settori della nostra vita e, con la cella a combustibile,

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti INFORMAZIONI PERSONALI Paolo Degl Innocenti POSIZIONE RICOPERTA Responsabile di U.O. Agenzia del Demanio ESPERIENZA PROFESSIONALE Dal 1/7/2012 7/2006-6/2012 11/2005-7/2006 4/2004-10/2005 Responsabile Servizi

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA.

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI /MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. Switzerland PNEUMATICI SU MISURA. Lo sviluppo di uno pneumatico originale /MINI ha inizio già

Dettagli

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Art. 1 - Attivazione Master di II livello L Istituto di MANAGEMENT ha attivato presso la Scuola Superiore Sant Anna di Pisa, ai sensi dell art. 3 dello

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

Impianto elettrico nelle applicazioni aeronautiche. ITIS Ferentino Trasporti e Logistica Costruzione del Mezzo Aeronautico

Impianto elettrico nelle applicazioni aeronautiche. ITIS Ferentino Trasporti e Logistica Costruzione del Mezzo Aeronautico Impianto elettrico nelle applicazioni aeronautiche ITIS Ferentino Trasporti e Logistica Costruzione del Mezzo Aeronautico prof. Gianluca Venturi Indice generale Richiami delle leggi principali...2 La prima

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

Art. 1. (Indizione concorso)

Art. 1. (Indizione concorso) Allegato 1 al Provvedimento del Direttore dell Istituto TeCIP n. 66 del 10/02/2015 Concorso per l attribuzione di due Borse di studio per attività di ricerca della durata di 12 mesi ciascuna presso l Istituto

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza V90-3,0 MW Più efficienza per generare più potenza Innovazioni nella tecnologia delle pale 3 x 44 metri di efficienza operativa Nello sviluppo della turbina V90 abbiamo puntato alla massima efficienza

Dettagli

Linee guida per la compilazione della SUA-RD da parte di docenti, ricercatori, dottorandi e assegnisti

Linee guida per la compilazione della SUA-RD da parte di docenti, ricercatori, dottorandi e assegnisti Linee guida per la compilazione della SUA-RD da parte di docenti, ricercatori, dottorandi e assegnisti Versione 1.1 2 dicembre 2014 Sommario 1 Introduzione... 3 2 Cosa devono fare docenti, ricercatori,

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE ARTURO MALIGNANI UDINE SEZIONE COSTRUZIONI AERONAUTICHE TESINA ESAME DI STATO SU-27 FLANKER NICOLETTI MATTEO

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE ARTURO MALIGNANI UDINE SEZIONE COSTRUZIONI AERONAUTICHE TESINA ESAME DI STATO SU-27 FLANKER NICOLETTI MATTEO ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE ARTURO MALIGNANI UDINE SEZIONE COSTRUZIONI AERONAUTICHE TESINA ESAME DI STATO SU-27 FLANKER NICOLETTI MATTEO CLASSE QUINTA SEZIONE B ANNO SCOLASTICO 2011-2012 Introduzione

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALLEGATO I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti (MSNP) Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate Questo capitolo presenta alcune metodologie per gestire al meglio

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)...

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... INDICE 0. Profilo Sintetico... 2 I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... 3 II. Titoli scientifici o di progettazione (ultimi 5 anni)... 4 III. Titoli di formazione post- laurea... 6 IV.

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 presentazione FPA PROGETTI SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 1 1. DATI SOCIETÀ FPA PROGETTI SRL SEDE IN MILANO VIA PALMANOVA 24 20132 TEL.02/2360126 02/26681716

Dettagli

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI Dalla tecnica PSInSAR al nuovo algoritmo SqueeSAR : Principi, approfondimenti e applicazioni 30 Novembre - 1 Dicembre 2010 Milano Il corso è accreditato

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY THE FUTURE IS CLOSER Il primo motore di tutte le nostre attività è la piena consapevolezza che il colore è

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano IO E PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Il diploma accademico di primo livello è equipollente alla laurea triennale. La scuola, a livello universitario, intende

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI (Versione Abbreviata) Ultimo Aggiornamento: 24 Febbraio 2011 1 Posizioni Enrico Nardelli si è laureato nel 1983 in Ingegneria Elettronica (110/110 con lode) presso l

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA SVILUPPO DI METODI DECONVOLUTIVI PER L INDIVIDUAZIONE DI SORGENTI INDIPENDENTI

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Keywords: dighe a gravità in calcestruzzo, verifica sismica, metodi semplificati, programmi di calcolo. Autore: L. Furgoni, Relatore: Prof. C. Nuti,

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O Il Centro della Innovazione Nato inizialmente per ospitare alcune attività didattiche dell Università di Torino, il complesso polifunzionale di Via

Dettagli

Appunti delle Lezioni di Disegno e Progettazione Aeronautica. Soluzioni costruttive tipiche

Appunti delle Lezioni di Disegno e Progettazione Aeronautica. Soluzioni costruttive tipiche Unità 1 1.1 (prof. Luigi Mascolo) Soluzioni costruttive tipiche Funzione, disegno e forma di una fusoliera La fusoliera è il corpo vero e proprio dell aereo e come tale deve assolvere molteplici funzioni

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE)

QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE) QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE) Sono pervenuti in merito al Bando riservato alle P.M.I. pubblicato sul sito dell ASI in data 11 agosto 2010

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli