Il PrandtlPlane ed il Polo Tecnologico di Capannori Piano di insediamento e sviluppo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il PrandtlPlane ed il Polo Tecnologico di Capannori Piano di insediamento e sviluppo"

Transcript

1 Il PrandtlPlane ed il Polo Tecnologico di Capannori Piano di insediamento e sviluppo Autori: Aldo Frediani 1 Vittorio Cipolla 2 Emanuele Rizzo 3 1 Professore Ordinario presso il Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale dell Università di Pisa 2 SkyBox Engineering S.r.l., Pisa 3 SkyBox Engineering S.r.l., Pisa

2 2

3 Sommario Introduzione... 5 Il PrandtlPlane... 6 Dal Best Wing System al PrandtlPlane... 6 Velivoli ultraleggeri PrandtlPlane I prototipi Proprietà intellettuale L offerta di prodotti e servizi Velivoli ultraleggeri PrandtlPlane Il problema: la sicurezza del volo La soluzione: la tecnologia PrandtlPlane UAV PrandtlPlane Servizi Energie rinnovabili Piano di insediamento e sviluppo Panoramica Dettaglio Cronoprogramma Soggetti e risorse coinvolte Il team La SkyBox Engineering Srl Storia dell attività di ricerca Attività della società Competenze Curricula dei soci Aldo Frediani Contatti Risorse on-line

4 4

5 1. Introduzione Il presente documento descrive a grandi linee un piano di sviluppo finalizzato alla creazione di attività di ricerca ed industriali in Toscana nel campo della aviazione. Il progetto è nato presso il Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale di Pisa in seguito agli sviluppi di ricerche su configurazioni innovative di aeroplani civili. In seguito alla attenzione che la Regione Toscana e la Amministrazione del Comune di Capannori hanno dedicato alle ricerche del Dipartimento, è nato il progetto di fare dell aeroporto di Tassignano la sede di un centro per lo sviluppo della aviazione in Toscana, nell ambito delle iniziative del Polo Tecnologico di Capannori. Le attività proposte sono sia di carattere innovativo, come ad esempio lo sviluppo e la costruzione di velivoli ultraleggeri non convenzionali o di droni ad energia solare, sia di carattere tradizionale, quali la manutenzione dei velivoli e la scuola di volo. L aspetto innovativo gioca un ruolo primario nel presente piano di sviluppo e trova le sue radici nelle attività di ricerca condotte dal Prof. Aldo Frediani dell Università di Pisa e dai suoi collaboratori, riguardante il disegno di velivoli non convenzionali noti come PrandtlPlane, così chiamati in onore del fisico tedesco Ludwig Prandtl, padre dell aerodinamica moderna ed ideatore del concetto su cui si basa l oggetto di questo studio. Nel corso degli ultimi anni, le attività di ricerca del gruppo pisano hanno portato ad una serie di progetti, tutt ora in corso, relativi alla realizzazione di modelli volanti e prototipi di PrandtlPlane, finanziati grazie agli interventi della Regione Toscana. A tali attività di ricerca si aggiunge, inoltre, la creazione di una società spin-off del Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale, chiamata SkyBox Engineering S.r.l., il cui obiettivo principale è il trasferimento tecnologico delle idee relative al PrandtlPlane, dalla ricerca all industria. La SkyBox Engineering rappresenta, ad oggi, il luogo in cui si raccolgono le conoscenze e l esperienza accumulata nel corso degli ultimi anni intorno al tema del PrandtlPlane e la possibilità di usufruire di una struttura quale quella dell aeroporto di Capannori è una importante occasione di sviluppo per la società. Allo stesso tempo, lo sviluppo del PrandtlPlane può fungere da driver tecnologico per il Polo Tecnologico e, in generale, per il territorio. La SkyBox Engineering, tuttavia, necessita di partner industriali e soprattutto di acquisire competenze al fine di essere efficace sotto il punto di vista produttivo e commerciale. Pertanto all interno del piano qui di seguito esposto, sono presenti elementi finalizzati alla creazione di un team di lavoro, il cui successo è 5

6 legato anche alle collaborazioni di cui la SkyBox Engineering può usufruire. La SkyBox Engineering si propone, pertanto, di costituire una nuova compagine sociale in cui sia presente almeno un partner dal mondo delle costruzioni aeronautiche e, eventualmente, istituzioni ed investitori. La costituenda società verrà indicata di qui in avanti con il nome fittizio di PrandtlPlane Company o PrP-Co. Il piano di sviluppo è stato costruito su una base quinquennale, con particolare attenzione alle attività dei primi 2-3 anni in cui la validazione della tecnologia, la prototipizzazione, la certificazione dei velivoli e l acquisizione delle competenze mancanti, rappresentano fattori chiave di successo per il futuro della PrP-Co. 2. Il PrandtlPlane 2.1. Dal Best Wing System al PrandtlPlane In un velivolo da trasporto, durante il volo in crociera, la resistenza aerodinamica è principalmente dovuta alla resistenza d attrito e a quella indotta, la quale dipende dalla distribuzione di portanza lungo l apertura alare. Negli odierni velivoli da trasporto, quest ultima è così ottimizzata che significative migliorie non sono più ottenibili ed un possibile balzo in avanti nel mondo del trasporto aereo può giungere dall introduzione di una nuova configurazione di velivolo non-convenzionale. Basata su un intuizione di Ludwig Prandtl, la caratteristica peculiare della configurazione PrandtlPlane è una forte riduzione della resistenza. Secondo Prandtl, assegnata la portanza, il sistema alare che minimizza la resistenza indotta è un ala a box (chiamata Best Wing System da Prandtl), nella quale si realizzano le seguenti condizioni: stessa distribuzione di portanza sulle due ali orizzontali e distribuzione di portanza lineare ad integrale nullo sulle paratie verticali. Figura 1. Best Wing System 6

7 Per un monoplano convenzionale la minima resistenza indotta si ha quando la distribuzione di portanza è ellittica. La resistenza indotta di un biplano è minima quando la portanza è equamente ripartita tra le due ali. La minima resistenza indotta di un biplano, inoltre, è inferiore rispetto a quella che si ottiene per un monoplano ottimo e si riduce al crescere del rapporto tra distanza verticale tra ali e apertura alare. Analogamente accade che il triplano ottimo abbia minor resistenza indotta del biplano ottimo. Facendo tendere il numero di ali all infinito, la resistenza indotta tende ad un valore minimo; la configurazione alare corrispondente a tale situazione è l ala a box che, in accordo con Prandtl, è il caso limite di un multiplano con infinite ali, in cui la portanza delle ali interne tende a zero, mentre le ali laterali generano una distribuzione analoga ai vortici d estremità delle ali interne. A parità di portanza ed apertura, l efficienza aerodinamica del Best Wing System è maggiore di quella del biplano ottimo e di qualsiasi altro sistema alare Il PrandtlPlane non è altro che l applicazione del concetto del Best Wing System all ingegneria aeronautica e rappresenta la sintesi della teoria di Prandtl con i requisiti di volo di un normale velivolo da trasporto. Figura 2. Esempio di PrandtlPlane commerciale Il PrandtlPlane è dunque un biplano con ali a freccia contrapposta, che non necessita di stabilizzatori (es. coda o canard) in quanto il sistema alare, se opportunamente progettato, risulta intrinsecamente stabile. Figura 3. Rappresentazione di un PrandtlPlane per il trasporto merci 7

8 Presso il Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale di Pisa (DIA), sono oggetto di studio PrandtlPlane per il trasporto di passeggeri e merci, disegnati al fine di introdurre innovazione nel trasporto e portare a benefici in termini di riduzione dei consumi e dei costi di gestione, riduzione del rumore e delle emissioni nocive, incremento della sicurezza in volo, ottimizzazione del della logistica e del sistema di trasporto aereo. Si riporta, a titolo d esempio, il caso di un velivolo da posti, dotato di due piani di carico, uno superiore per i passeggeri ed uno inferiore per le merci e i bagagli. Il cockpit è posizionato al livello del piano delle merci cargo per soddisfare i requisiti di visibilità e, per questioni di sicurezza, è completamente isolato dai passeggeri; dietro il cockpit è presente uno spazio per il riposo dei piloti. Figura 4. Allestimento interno di un PrandtlPlane da trasporto La riduzione di resistenza indotta dovuta all ala a box comporta consumi ridotti e la possibilità di utilizzare sistemi di ipersostentazione più semplici attenua il rumore durante la fase di atterraggio. La forma della fusoliera, priva di interruzioni del piano di carico per via dell attraversamento dell ala al di sotto di esso, consente di accelerare le operazioni di carico e scarico a terra, con un conseguente incremento dei tempi di operatività ed un minor costo nella gestione della macchina. 8

9 Figura 5. Operazioni di carico e scarico La configurazione PrandtlPlane può essere impiegata per il progetto di un intera famiglia di velivoli, da quelli regionali ai Very Large Aircraft con dimensioni superiori all odierno A380. Tutti i velivoli sarebbero compatibili con gli aeroporti esistenti. Infatti, nel caso di velivoli più grandi dell A380, la maggior efficienza della configurazione potrebbe essere sfruttata per ridurre l apertura alare al di sotto degli 80 m, ottenendo comunque valori di resistenza aerodinamica inferiori a quelli dei velivoli convenzionali. Figura 6. Famiglia di PrandtlPlane (DIA Pisa, Airbus Deutschland, 2008) L architettura del PrandtlPlane è inoltre adatta per l integrazione per tipologie diverse di propulsori, nonché per l utilizzo di carburanti alternativi, quali ad esempio l idrogeno. 9

10 Figura 7. PrandtlPlane con motori turbofan ad alto BPR (DIA Pisa, Bauhaus Luftfahrt Munich, 2008) Figura 8. Disegno preliminare di un PrandtlPlane ad idrogeno 2.2. Velivoli ultraleggeri PrandtlPlane Sebbene il concetto del PrandtlPlane nasca con il fine di ridurre i costi e l inquinamento del trasporto aereo commerciale, la sua applicazione ai velivoli da diporto e sportivi presenta aspetti di interesse dal punto di vista dell incremento della sicurezza. Figura 9. Esempio di PrandtlPlane ultraleggero I velivoli ultraleggeri convenzionali vengono spesso coinvolti in incidenti, causati dalla scarsa esperienza dei piloti e talvolta resi fatali dall infelice collocazione di componenti pericolosi (es.: carburante, motore, ecc.). La diversa configurazione del PrandtlPlane, invece, consente di rendere meno critiche alcune 10

11 caratteristiche di queste macchine, facilitando il compito del pilota, aumentandone la visibilità ed introducendo accorgimenti sul posizionamento dei componenti interni, tali da incrementare la sicurezza passiva del velivolo I prototipi Lo sviluppo delle configurazioni PrandtlPlane ha portato nel corso degli ultimi anni alla realizzazione di diversi prototipi, di dimensioni e complessità crescenti. Tra questi, riportiamo qui di seguito i più significativi: Modello volante radiocomandato in scala 1:5 di PrandtlPlane ULM per piloti affiancati Figura 10. Modello side-by-side in scala 1:5 Modello volante radiocomandato in scala 1:3 di PrandtlPlane ULM per piloti in tandem Figura 11.Modello tandem in scala 1:3 Prototipo scala 1:1 di PrandtlPlane ULM per piloti in tandem 11

12 Figura 12. Prototipo biposto per piloti in tandem 2.4. Proprietà intellettuale La configurazione PrandtlPlane ha ottenuto i seguenti brevetti nel campo dei velivoli da trasporto: Large Dimension Aircraft : US Patent Office n , Inventore A. Frediani, New Large Aircraft : European Patent Office n. EP B1, Inventore A. Frediani, (in Germania con il titolo Grossraumflugzeug ) Velivolo biplano ad ali contrapposte ad elevata stabilità statica : Ministero Dello Sviluppo Economico, Ufficio Brevetti e Marchi, Brevetto n , inventore A. Frediani,

13 Figura 13.Il brevetto statunitense del Prof. Frediani 3. L offerta di prodotti e servizi Una volta insediata all interno del Polo Tecnologico, la PrP-Co tradurrà il know-how e la sperimentazione sui velivoli PrandtlPlane in diverse tipologie di velivoli, da proporre in diversi segmenti del mercato aeronautico. Data l esperienza accumulata nell ambito della ricerca universitaria, il primo settore di interesse sarà quello dei velivoli ultraleggeri biposto, mentre successivamente, grazie alle esperienze sui modelli radiocomandati, la PrP-Co lancerà sui mercati velivoli pilotati in remoto, detti UAV (Unmanned Aerial Vehicles), di tipo PrandtlPlane. La sfida di lanciare prodotti innovativi a forte contenuto tecnologico verrà affrontata grazie anche alle competenze del team di progettazione che ad oggi si raccoglie nella SkyBox Engineering. Tale gruppo, già operativo sul mercato, sarà in grado di affiancare alle attività di produzione servizi di consulenza nei diversi campi dell ingegneria industriale, nonché nel settore dell energia eolica e solare. D altro canto, la creazione di un team di costruttori e collaudatori ai fini della produzione degli ultraleggeri e degli UAV, darà la possibilità alla PrP-Co di fornire ulteriori servizi di manutenzione di velivoli (inclusi quelli convenzionali) e scuola di volo. 13

14 Inoltre, grazie alle specifiche competenze nell ambito aeronautico e tecnologico e la propensione all innovazione tecnologica, la PrP-Co è in grado di offrire prodotti e servizi nel campo delle energie rinnovabili, in particolare l eolico Velivoli ultraleggeri PrandtlPlane La PrP-Co intende sviluppare attività finalizzate alla produzione e alla commercializzare di velivoli ultraleggeri di tipologia PrandtlPlane Il problema: la sicurezza del volo In Italia, i velivoli ultraleggeri sono classificati tra i velivoli da diporto o sportivi (VDS) e sono distinti dai velivoli di aviazione generale in base a limiti sul peso e sulle prestazioni. I VDS a motore di tipo convenzionale, cioè con ala singola e stabilizzatori in coda, sebbene realizzati secondo i criteri dell ingegneria aeronautica e sottoposti a controlli da parte degli enti istituzionali, sono spesso protagonisti di incidenti, causati da errore umano e nella maggior parte dei casi fatali per gli occupanti. A titolo d esempio, l Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo (ANSV) solo nel 2009 ha registrato 17 incidenti, di cui 13 mortali; mentre le statistiche dell ultimo decennio evidenziano come il fattore umano sia determinante nel 67% dei casi. 4 Figura 14.Incidenti di volo e decessi (fonte ANSV 1 ) L ANSV ritiene inoltre che l aviazione turistico-sportiva continui a caratterizzarsi per un elevata criticità sotto il profilo della sicurezza del volo ed invita gli enti competenti ad un maggiore controllo sul comparto VDS al fine di mitigare le criticità ricorrenti, riconducibili, in sintesi, ad una generalizzata carenza di cultura della sicurezza del volo, riscontrabile sia a livello di piloti, sia di organizzazioni a terra. 4 ANSV, Rapporto informativo sull'attività svolta dall'agenzia - anno

15 Infine, è importante sottolineare che talvolta incidenti di per sé non fatali, lo diventano per via dello sviluppo di incendi causati dalla fuoriuscita di carburante. Infatti, per motivi legati al centraggio dei velivoli, i serbatoi del carburante, le parti calde (es. motore) e la cabina di pilotaggio, si trovano a breve distanza l uno dall altro, rendendo ancora più critico un eventuale incidente La soluzione: la tecnologia PrandtlPlane Prescindendo dall efficacia degli organismi di controllo e delle organizzazioni a terra, il problema della sicurezza nei velivoli ultraleggeri, e in generale nei VDS, è più legato all attitudine dei piloti nei confronti della macchina, che alle caratteristiche tecniche della stessa. È dunque possibile rivedere la progettazione di velivoli di questo tipo, ed introdurre accorgimenti che aumentino i margini di tolleranza nei confronto degli errori umani? È possibile pensare ad un diverso arrangiamento dei componenti interni e la cabina dei piloti al riparo da eventuali incendi? L innovazione introdotta dalla tecnologia PrandtlPlane è la risposta affermativa a queste domande, e dimostra che è possibile pensare ad aerei diversi in cui l incremento di sicurezza non comporta necessariamente una riduzione delle performance e del piacere di volare. Due sono le caratteristiche principali che conferiscono al PrandtlPlane maggiori margini di sicurezza: il sistema alare a box si oppone allo stallo molto più di quanto non accada in un sistema monoala, evitando così la perdita accidentale della forza di portanza, causata da un errore di manovra. Esperimenti in galleria del vento mostrano un ingresso nello stallo molto graduale ed un ampia capacità portante post-stallo5, il che può tradursi in una maggior capacità della macchina di tollerare errori di manovra; grazie alla doppia ala, in condizioni di volo è possibile equilibrare il velivolo anche se le masse sono distribuite lungo la fusoliera. Questo consente di porre i piloti a distanza di sicurezza dalle parti pericolose, cosa che nei velivoli monoala non è possibile, in quanto, le masse principali (ala, piloti, motore, carburante) sono tutte concentrate in una area ristretta. 5 G. Chiocchia, G. Iuso, E. Carrera, A. Frediani, A wind tunnel model of a ULM configuration of PrandtlPlane: Design, Manufacturing and Aerodynamic Testing, Proceedings of the XVII AIDAA Congress, Roma, September

16 Figura 15. Allestimento dei componenti all'interno di due PrandtlPlane (tandem sopra, side-byside sotto) La configurazione PrandtlPlane, inoltre, presenta un ulteriore caratteristica innovativa, tale da incrementare la sicurezza di volo: le superfici di governo per il controllo in beccheggio, gli equilibratori, sono presenti su ambo le ali e ruotano in versi opposti. Mentre in un velivolo convenzionale ala-coda, ad una rotazione di queste superfici mobili corrisponde una rotazione del velivolo (a cabrare o a picchiare) a cui si associa un moto verticale dovuto alla variazione di portanza, nel caso del PrandtlPlane l avere due superfici controrotanti fa sì che il velivolo ruoti senza variazioni di quota. Questa caratteristica dà la possibilità di un controllo più preciso della traiettoria di volo durante le manovre longitudinali e riduce i fattori di rischio nelle operazioni a bassa quota, in particolare in vicinanza della pista. Figura 16. Comportamento del PrandtlPlane in una manovra di richiamata 16

17 3.2. UAV PrandtlPlane L interesse nei confronti del settore degli Unmanned Aerial Vehicles (UAV), detti anche droni, nasce innanzitutto dalle esperienze sui modelli in scala radiocomandati e dal riscontro delle buone qualità di volo dei medesimi. In questo settore, i vantaggi principali offerti dalla configurazione PrandtlPlane sono i seguenti: le due ali, poste una davanti ed una dietro il baricentro del velivolo, agiscono sull aerodinamica della macchina come degli smorzatori di vibrazioni, conferendo all UAV caratteristiche ottimali come piattaforma per i sensori elettro-ottici. Di conseguenza, è possibile utilizzare dispositivi più semplici, privi di complessi sistemi di smorzamento meccanico, e dunque più economici; in analogia con quanto detto per i velivoli ultraleggeri, anche per gli UAV è possibile sfruttare la maggior flessibilità nel posizionamento dei componenti lungo l asse del velivolo; è pertanto possibile optare per diverse configurazioni di installazione per quanto riguarda gruppi propulsivi, accumulatori di energia (batterie o celle al combustibile) e sensori. Tra i possibili vantaggi che scaturiscono da qui, vi è la possibilità di realizzare velivoli a decollo e atterraggio verticale (VTOL) con ventole intubate in fusoliera. Figura 17.Concept di UAV PrandtlPlane di tipo VTOL 3.3. Servizi Grazie al know-how e alle competenze del personale che oggi si raccoglie all interno della SkyBox Engineering, nel futuro la PrP-Co potrà offrire ai propri clienti studi di progettazione e consulenze in diversi settori dell ingegneria, quali quello aeronautico, meccanico, navale, fotovoltaico, eolico e laddove si richiedano competenze a proposito di: modellazione CAD e CAE; 17

18 analisi strutturali mediante software FEM commerciali, sia statiche che dinamiche, lineari e non; analisi aerodinamiche con codici a pannelli o software CFD commerciali; studi di fattibilità e progettazione di impianti fotovoltaici e loro integrazione in componenti strutturali. Parte di tali attività potranno essere svolte medianti codici di calcolo sviluppati internamente all azienda e già a disposizione della SkyBox Engineering Energie rinnovabili Le particolari proprietà della configurazione aerodinamica del Best Wing Sysytem, in particolare la superiore efficienza aerodinamica rispetto alle configurazioni convenzionali, offre spunti per ulteriori applicazioni non direttamente legate alla produzione dei velivoli, ma che ne sfruttano le tecnologie ed i principi dell aerodinamica, quali le applicazioni legate all estrazione di energia eolica. Le attuali turbine eoliche possono classificarsi in due categorie: ad asse orizzontale (Figura 18) e ad asse verticale (Figura 19). Le prime, molto diffuse, sono solitamente montate su torri e sono caratterizzate da elevate potenze e rendimenti prossimi al 50%, a fronte di un massimo rendimento teorico del 59% circa. Tuttavia, problemi di natura aeroelastica e di generazione di rumore, ne impediscono l impiego per grandi potenze (la più grande al mondo con rotore di oltre 100 m di diametro ha una potenza nominale di 6 MW) e, di fatto, le turbine ad asse orizzontale hanno dimensioni di circa 40 m con potenze di kw in installazione multipla (parchi eolici). Inoltre, l elevato impatto visivo dei parchi eolici ne limita l installazione in aree popolate o paesaggisticamente rilevanti. Esse, pertanto, sono di solito installate in aree remote caratterizzate da venti costanti in direzione e a bassa turbolenza, quali, ad esempio, il mare aperto. Figura 18. Esempi di turbine eoliche ad asse orizzontale 18

19 La seconda tipologia di turbine è caratterizzata da potenze più basse, dimensioni più contenute e rendimenti dell ordine del 30%-40%. Inoltre, il loro funzionamento è indipendente dalla direzione del vento e del livello di turbolenza; sono, pertanto, adatte all installazione urbana ed alla produzione elettrica tipica del cosiddetto micro-eolico (potenze inferiori ai 20kW), oltre una loro installazione in parco necessita di una superficie inferiore rispetto a quelle ad asse orizzontale. Altre importanti caratteristiche sono: la semplicità costruttiva, la scarsa manutenzione, il basso rumore ed il contenuto impatto visivo, tutte caratteristiche che le rendono particolarmente attraenti per l impiego domestico e per la produzione di energia in aree urbane o in aree remote con scarso accesso alle grandi infrastrutture elettriche. Versioni trasportabili di turbine eoliche ad asse verticale possono essere concepite per la creazione di veri e propri generatori trasportabili. Tipiche taglie da 3-5kW hanno una dimensione di circa 3m x 2m. Figura 19. Esempi di turbine eoliche ad asse verticale La configurazione aerodinamica PrandtlPlane, da adattarsi alle pale delle turbine eoliche, è applicabile ad entrambe le tipologie e, per entrambe, presenta indubbi vantaggi. Oltre a vantaggi di natura strutturale, il più importante è senza dubbio l incremento di efficienza, stimabile tra il 10%-20% in più. La PrP-Co si propone dunque lo studio, lo sviluppo, la costruzione e la commercializzazione di turbine eoliche innovative basate sul concetto di boxwing da affiancarsi al core business dello sviluppo di velivoli innovativi. In particolare, vista la maggiore semplicità costruttiva e di installazione oltre che alla minore efficienza attuale, la tipologia ad asse verticale è quella più interessante per la presente applicazione. 19

20 4. Piano di insediamento e sviluppo 4.1. Panoramica L insediamento durerà circa tre anni, durante i quali la PrP-Co svolgerà attività finalizzate alla validazione della tecnologia PrandtlPlane, al test di prototipi e alla creazione di un team di lavoro in grado di operare in loco e rendere operativo l impianto di produzione. Validazione della tecnologia Formazione del personale Produzione di velivoli ULM Produzione di velivoli UAV Manutenzione Scuola di volo Q1 Q2 Q3 Q4 Q1 Q2 Q3 Q4 Q1 Q2 Q3 Q4 Q1 Q2 Q3 Q4 Q1 Q2 Q3 Q4 Terminata la fase di insediamento, la PrP-Co entrerà nella fase di industrializzazione, il cui primo step sarà rivolto verso la produzione di velivoli ultraleggeri da diporto (ULM, LSA). Successivamente, grazie alle esperienze sui modelli in scala, proporrà nel segmento di mercato degli UAV, o droni, da ricognizione. la PrP-Co si Parallelamente a queste due attività produttive, la PrP-Co avrà modo di sviluppare servizi di manutenzione e scuola di volo, da affiancare ad attività di progettazione e consulenza, ad oggi già avviate presso la SkyBox Engineering. 20

21 4.2. Dettaglio Cronoprogramma Modello Tandem (scala 1:3) - test di volo (in corso) - test di volo VAL Prototipo Tandem (scala reale) IDA - costruzione (in corso) ZIO NE - test e certificazione TEC Modello Anfibio (scala 1:3) NO - progettazione (prog. IDINTOS) LO - costruzione e test (prog. GIA IDINTOS) E - test di volo (prog. IDINTOS) AC QUI Prototipo Anfibio (scala reale) SIZI - progettazione (prog. IDINTOS) ON - costruzione (prog. IDINTOS) E CO - test (prog. IDINTOS) MPE- certificazione TENAcquisizione competenze ZE tecniche - formazione personale produzione - formazione pilota/i VEL Produzione IVO Impianto di produzione LI Produzione velivoli "beta" + UL Marketing M Produzione in serie e vendita Ricerca UAV ibridi e ad energia solare Costruzione prototipo Test DR Prove di volo ONI Certificazioni (UA V) Produzione Impianto di produzione (espansione) Produzione velivoli "beta" + Marketing Produzione in serie e vendita Manutenzione ALT Velivoli ULM/LSA RE Scuola Volo ATT Scuola di volo "L. Prandtl" IVIT A' Altro Progettazione e Consulenza Q1 Q2 Q3 Q4 Q1 Q2 Q3 Q4 Q1 Q2 Q3 Q4 Q1 Q2 Q3 Q4 Q1 Q2 Q3 Q4 21

22 4.2.2.Soggetti e risorse coinvolte Modello Tandem (scala 1:3) Polo dell'innovazione Capannori Necessità di finanziamenti Soggetti coinvolti oggi - test di volo (in corso) SGfly Domani VALI DAZ - test di volo Prototipo Tandem (scala reale) sì sì "PrP Co" ION - costruzione (in corso) sì BASIS (SGfly) E - test e certificazione sì sì "PrP Co" TEC Modello Anfibio (scala 1:3) NOL - progettazione (prog. IDINTOS) OGI DIA A E - costruzione e test (prog. IDINTOS) da assegnare ACQ UISI - test di volo (prog. IDINTOS) Prototipo Anfibio (scala reale) sì da assegnare ZIO - progettazione (prog. IDINTOS) DIA, EDI + altri NE - costruzione (prog. IDINTOS) CO EDI (SGfly) MPE TEN ZE - test (prog. IDINTOS) - certificazione Acquisizione competenze tecniche sì sì sì "PrP Co" "PrP Co" - formazione personale produzione sì sì "PrP Co" - formazione pilota/i sì sì "PrP Co" VELI Produzione VOL Impianto di produzione sì sì "PrP Co" I Produzione velivoli "beta" + Marketing sì sì "PrP Co" ULM Produzione in serie e vendita sì sì "PrP Co" Ricerca UAV ibridi e ad energia solare sì DIA, SkyBox "PrP Co" Costruzione prototipo sì "PrP Co" DRO NI (UA V) Test Prove di volo Certificazioni Produzione sì sì sì sì "PrP Co" "PrP Co" Impianto di produzione (espansione) sì "PrP Co" Produzione velivoli "beta" + Marketing sì sì "PrP Co" Produzione in serie e vendita sì sì "PrP Co" Manutenzione ALT Velivoli ULM/LSA sì "PrP Co" RE Scuola Volo ATTI Scuola di volo "L. Prandtl" VIT A' Altro Progettazione e Consulenza sì SkyBox "PrP Co" All interno del Polo dell innovazione di Capannori, si identificano i seguenti spazi e risorse necessarie per l attuazione delle attività sopraelencate: 1. creazione di una rete intranet interna collegata alla rete internet; 2. esperto informatico del Polo in grado di fornire assistenza durante l orario di lavoro; 3. spazio (anche in open space) per l insediamento di No. 4-6 postazioni per PC attrezzate per il collegamento telefonico ed intranet/internet; 22

23 4. spazio per l insediamento di uno o più server di calcolo ad uso esclusivo di PrP-Co per lo stoccaggio dati ed il calcolo (lo spazio necessario è equivalente a quello di 2 computer); 5. sala riunioni/di rappresentanza (anche in comune con altri soggetti all interno del Polo) attrezzata con collegamento internet/intranet e proiettore ottico, in grado di effettuare servizio di teleconferenza; 6. Mq 1000 di area da adibire ad officina/hangar dedicati alla stiva dei prototipi, dei velivoli in manutenzione, oltre ad ospitare la parte manifatturiera di costruzione ed assemblaggio di velivoli, modelli in scala e prototipi per il proseguimento delle attività di ricerca e sviluppo. Annessa all area va previsto uno spazio di 20mq circa ad uso ufficio; 7. spazio ludico-ricreativo (soprattutto in comune!) attrezzato per il consumo del tanto amato caffè. 23

24 5. Il team 5.1. La SkyBox Engineering Srl La Società SkyBox Engineering Srl è una società di capitale, nata nel 2009, i cui soci fondatori sono accomunati dall'esperienza lavorativa e formativa trascorsa presso l'università di Pisa. Si tratta, infatti, del Prof. Aldo Frediani, Professore Ordinario a tempo pieno di Aeroelasticità Applicata, afferente al Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale e dei Dottori di ricerca in Ingegneria Aerospaziale Emanuele Rizzo e Vittorio Cipolla, la cui formazione si è svolta all interno del gruppo di ricerca guidato dal Prof. Frediani Storia dell attività di ricerca I risultati circa lo studio di velivoli non convenzionali, noti come PrandtlPlane, conseguiti negli ultimi anni dal gruppo di ricerca del Prof. Aldo Frediani sono documentati da numerose pubblicazioni sia su riviste nazionali che internazionali e da partecipazioni a congressi e lectures series tenute presso Centri di Ricerca Internazionali; inoltre lo stesso Prof. Frediani è depositario di brevetti nazionali e internazionali (US Patent Office, EC Patent Office) su velivoli di configurazioni innovative. Le attività di ricerca, iniziate negli anni 90 presso il Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale, sono diventate di grande attualità in seguito alle indicazioni della Comunità Europea (Vision 2020) sulla aviazione commerciale del futuro; in tali documenti, lo sviluppo della aviazione commerciale in Europa è diventato strategico per la Comunità stessa e dovrà essere rivolto ad un drastico aumento della efficienza in modo tagliare le emissioni inquinanti ed il rumore. Per raggiungere tali obiettivi sono necessarie nuove configurazioni aerodinamiche degli aeromobili. Al fine di favorire il rapporto con l Università e massimizzare le sinergie con il Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale, la SkyBox Engineering ha richiesto il conferimenti del marchio Spin-Off dell Università di Pisa Attività della società La SkyBox Engineering si propone di preservare il know-how acquisito nel corso degli anni intorno ai velivoli PrandtlPlane, approfondire la ricerca e sviluppare nuove applicazioni di tale tecnologia e favorirne il trasferimento tecnologico verso il mondo dell industria aeronautica. La società, inoltre, si propone di svolgere le seguenti attività: 24

PRESENTAZIONE ZEFIRO RICERCA&INNOVAZIONESRL IL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO E IL FLIGHT TEST CENTER NELL AEROPORTO DI CAPANNORI LUCCA

PRESENTAZIONE ZEFIRO RICERCA&INNOVAZIONESRL IL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO E IL FLIGHT TEST CENTER NELL AEROPORTO DI CAPANNORI LUCCA PRESENTAZIONE ZEFIRO RICERCA&INNOVAZIONESRL IL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO E IL FLIGHT TEST CENTER NELL AEROPORTO DI CAPANNORI LUCCA Contestualmente alle attività tradizionali di aviazione civile e ai servizi

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-840

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-840 Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-840 Parte 1 - AERODINAMICA 1 Come si definisce la velocità? A) la distanza percorsa moltiplicata per il tempo impiegato

Dettagli

CNR INSEAN - Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale

CNR INSEAN - Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale CNR INSEAN - Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale INSEAN 01 - Stabilità idrodinamica di scafi ad alta velocità... 2 INSEAN 02 - Stima delle caratteristiche di resistenza e

Dettagli

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA (SECOND LEVEL DEGREE IN MECHANICAL ENGINEERING)

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA (SECOND LEVEL DEGREE IN MECHANICAL ENGINEERING) POLITECNICO DI BARI I Facoltà di Ingegneria Laurea specialistica in Ingegneria Meccanica (classe 36/S) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA (SECOND LEVEL DEGREE

Dettagli

Ingegneria Aeronautica

Ingegneria Aeronautica Facoltà di Ingegneria Laurea Specialistica in Ingegneria Aeronautica 1 OBIETTIVI Elevato standard di qualità dei laureati Ampia formazione di base Estensione della formazione a nuovi settori Riduzione

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA AERONAUTICA e SPAZIALE. Laboratorio di Aerodinamica Modesto Panetti

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA AERONAUTICA e SPAZIALE. Laboratorio di Aerodinamica Modesto Panetti e SPAZIALE Laboratorio di Aerodinamica Modesto Panetti e SPAZIALE Laboratorio di Aerodinamica Modesto Panetti ATTIVITA Ricerca Didattica Collaborazioni con l industria ed enti di ricerca Prove conto terzi.

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE MECCANICA;PRODUZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE;IMPIANTISTICA Processo Lavorazioni aeronautiche

Dettagli

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA (SECOND LEVEL DEGREE IN MECHANICAL ENGINEERING)

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA (SECOND LEVEL DEGREE IN MECHANICAL ENGINEERING) Allegato n..2 POLITECNICO DI BARI I Facoltà di Ingegneria Laurea specialistica in Ingegneria Meccanica (classe 3/S) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA (SECOND

Dettagli

Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo (ANSV) Aero Club d Italia Roma, 25 giugno 2009

Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo (ANSV) Aero Club d Italia Roma, 25 giugno 2009 Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo (ANSV) Aero Club d Italia Roma, 25 giugno 2009 SISTEMA AVIAZIONE CIVILE Ministero dei trasporti Ente nazionale per l aviazione i civile il (ENAC) Aero club d

Dettagli

SCEGLI CON IL CUORE. YACHT DESIGN corso master

SCEGLI CON IL CUORE. YACHT DESIGN corso master SCEGLI CON IL CUORE YACHT DESIGN pag. 2 YACHT DESIGN Master patrocinato dall Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori di Roma e provincia, con rilascio di crediti formativi professionali

Dettagli

Materia: MECCANICA E MACCHINE

Materia: MECCANICA E MACCHINE Modulo SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Programmazione Moduli Didattici Indirizzo Trasporti e Logistica Ist. Tec. Aeronautico Statale Arturo Ferrarin Via Galermo, 172 95123 Catania (CT) Codice M PMD

Dettagli

DESCRIZIONE DI EOLPOWER

DESCRIZIONE DI EOLPOWER 1/11 EOLPOWER, energia pulita dal vento per la microgenerazione distribuita Società di Spin-off Accademico DESCRIZIONE DI EOLPOWER La società EOLPOWER nasce nel 2006 come società di spin-off accademico

Dettagli

C.I.R.I. Aeronautica. L arte di Innovare, Cesena, 8 aprile 2011. Prof. Franco Persiani

C.I.R.I. Aeronautica. L arte di Innovare, Cesena, 8 aprile 2011. Prof. Franco Persiani Tecnopolo di Forlì C.I.R.I. Aeronautica L arte di Innovare, Cesena, 8 aprile 2011 Prof. Franco Persiani C.I.R.I. Aeronautica Centro Interdipartimentale di Ricerca Industriale Aeronautica D.I.E.M. Dipartimento

Dettagli

Volume CORSO DI AEROMODELLISMO. Elementi di aerodinamica semplice. Sommario

Volume CORSO DI AEROMODELLISMO. Elementi di aerodinamica semplice. Sommario Volume 1 CORSO DI AEROMODELLISMO Elementi di aerodinamica semplice Sommario Introduzione CAPITOLO I Perché volano i modelli pag. 2 Il centro di gravità pag. 2 La stabilita pag. 3 Gli stabilizzatori d assetto

Dettagli

II Facoltà di Ingegneria

II Facoltà di Ingegneria II Facoltà di Ingegneria La II Facoltà di Ingegneria è una Facoltà giovane come te, in continua evoluzione, dove le nuove idee sono di casa. Ti offre la possibilità di seguire, sin dal primo anno, un percorso

Dettagli

Istituto Tecnico Settore Tecnologico Giulio Cesare Falco. Studio dell elica aeronautica Parte 2

Istituto Tecnico Settore Tecnologico Giulio Cesare Falco. Studio dell elica aeronautica Parte 2 Istituto Tecnico Settore Tecnologico Giulio Cesare Falco nuovo indirizzo in Trasporti e Logistica articolazione Costruzione del Mezzo opzione Costruzioni Aeronautiche Studio dell elica aeronautica Parte

Dettagli

www.units.it ateneo@pec.units.it

www.units.it ateneo@pec.units.it ULTIMA REVISIONE 16 luglio 2012 SCUOLA DI DOTTORATO IN INGEGNERIA E ARCHITETTURA Avviso: questa scheda contiene solo delle informazioni parziali. Le modalità di iscrizione al concorso di ammissione e tutte

Dettagli

Eolic Ligthstreet Distributed Energy Resource [ELDER] Eolic Ligthstreet Distributed Energy Resource [ELDER] I ndice Premessa...3 L idea...4 Elementi di ricerca e innovazione....6 Analisi economica...8

Dettagli

Engineering Computation. 2002 Analisi mediante gli Elementi Finiti

Engineering Computation. 2002 Analisi mediante gli Elementi Finiti Engineering Computation Vol. 1 N. 1 2002 Analisi mediante gli Elementi Finiti Marzo ITERA S.r.l. è una società di ingegneria che da molti anni opera nel mercato della simulazione numerica. Una delle attività

Dettagli

Pag 1 di 41. BUSACCA Alessandro

Pag 1 di 41. BUSACCA Alessandro BUSACCA Alessandro Giudizio del Prof. Castagnolo Il candidato ha svolto un attività di ricerca di buon livello ed arricchita da periodi di ricerca all estero, come testimoniato dalla produzione scientifica.

Dettagli

ANALISTA PROGRAMMATRICE e PROGRAMMATORE

ANALISTA PROGRAMMATRICE e PROGRAMMATORE Aggiornato il 9 luglio 2009 ANALISTA PROGRAMMATRICE e PROGRAMMATORE 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione

Dettagli

produzione e gestione di energia da fonti rinnovabili

produzione e gestione di energia da fonti rinnovabili produzione e gestione di energia da fonti rinnovabili Attività R.E.WIND nata nel 2002 a Firenze, fin dall inizio ha sviluppato le competenze scientifiche e tecnologiche per affrontare con successo tutte

Dettagli

Nome Anna Stradella Indirizzo Via Ruffini 1/8 (16032)Camogli GE- Telefono 3342011124 Fax E-mail annastradella@alice.it

Nome Anna Stradella Indirizzo Via Ruffini 1/8 (16032)Camogli GE- Telefono 3342011124 Fax E-mail annastradella@alice.it F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Anna Stradella Indirizzo Via Ruffini 1/8 (16032)Camogli GE- Telefono 3342011124 Fax E-mail annastradella@alice.it Nazionalità Italiana

Dettagli

Soluzioni green oggi per vivere meglio domani.

Soluzioni green oggi per vivere meglio domani. Soluzioni green oggi per vivere meglio domani. Enel è la più grande azienda di energia elettrica d Italia e la seconda utility quotata d Europa per capacità installata. È un operatore integrato, attivo

Dettagli

Xerces blue. Associazione O.n.l.u.s. Generazione eolica in quota Il Rotokite

Xerces blue. Associazione O.n.l.u.s. Generazione eolica in quota Il Rotokite Xerces blue Associazione O.n.l.u.s. Generazione eolica in quota Il Rotokite Xerces Blue e rotokite? Il brevetto del Rotokite nasce da un idea di Gianni Vergnano amministratore della Soc Sequoia.it. presso

Dettagli

NUOVI ORIZZONTI NUOVE PROFESSIONI CORSO DI FORMAZIONE

NUOVI ORIZZONTI NUOVE PROFESSIONI CORSO DI FORMAZIONE NUOVI ORIZZONTI NUOVE PROFESSIONI CORSO DI FORMAZIONE Operatori di Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto SAPR per applicazioni di aerofotografia, aerofotogrammetria e telerilevamento Corso base di gestione

Dettagli

SIMULAZIONE E ANALISI SOFTWARE PER MACCHINE UTENSILI

SIMULAZIONE E ANALISI SOFTWARE PER MACCHINE UTENSILI SIMULAZIONE E ANALISI SOFTWARE PER MACCHINE UTENSILI Antonio Scippa u macchine utensili u Ottimizzare i parametri per una lavorazione di fresatura su macchina a controllo numerico significa sfruttare in

Dettagli

Bando per il Master Universitario di II livello in Yacht Design

Bando per il Master Universitario di II livello in Yacht Design Bando per il Master Universitario di II livello in Yacht Design Anno accademico /13 L Università degli Studi di Camerino, VISTO lo Statuto di Ateneo, emanato con decreto rettorale n. 19 del 30 luglio e

Dettagli

www.interaviosup.it ias@interaviosup.it tel. +39 0831 555625 GALLERIA DEL VENTO SUBSONICA

www.interaviosup.it ias@interaviosup.it tel. +39 0831 555625 GALLERIA DEL VENTO SUBSONICA www.interaviosup.it ias@interaviosup.it tel. +39 0831 555625 GALLERIA DEL VENTO SUBSONICA L azienda Nata nel 1985 come fornitore internazionale di ricambi aeronautici, sia per il settore militare che per

Dettagli

Scuola Superiore Sant Anna di Studi Universitari e di Perfezionamento Divisione Alta Formazione. Master. Management e Sanità.

Scuola Superiore Sant Anna di Studi Universitari e di Perfezionamento Divisione Alta Formazione. Master. Management e Sanità. Scuola Superiore Sant Anna di Studi Universitari e di Perfezionamento Divisione Alta Formazione Master Management e Sanità III edizione La Scuola Quattro sono le fonti dell apprendimento Un quarto colui

Dettagli

Università degli Studi di Messina Dipartimento Ingegneria Civile,Informatica, Edile, Ambientale e Matematica Applicata

Università degli Studi di Messina Dipartimento Ingegneria Civile,Informatica, Edile, Ambientale e Matematica Applicata Università degli Studi di Messina Dipartimento Ingegneria Civile,Informatica, Edile, Ambientale e Matematica Applicata C.da Di Dio Nuova Panoramica dello Stretto-98166 Villaggio S.Agata - Messina, Italy

Dettagli

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA CIVILE (Classe Ingegneria Civile)

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA CIVILE (Classe Ingegneria Civile) 139 CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA CIVILE (Classe Civile) Referente del Corso di Laurea - Prof. Giovanni Vannucchi (Tel. 0/479621 e-mail: giovan@dicea.unifi.it.) OBIETTIVI FORMATIVI Il corso

Dettagli

Attività sperimentali per l allestimento di un vaporetto ad idrogeno. Marco SCAPIN

Attività sperimentali per l allestimento di un vaporetto ad idrogeno. Marco SCAPIN Attività sperimentali per l allestimento di un vaporetto ad idrogeno Venezia - VEGA Marco SCAPIN 15 marzo 2008 Venezia Tecnologie S.p.a. ha tra i propri azionisti ENI e VEGA ha la propria sede a Porto

Dettagli

Sezione A 19 Giugno 2014 TEMA N. 1 Elettrotecnica/Energetica Macchine Elettriche TEMA N. 2 Elettrotecnica/Energetica Impianti elettrici

Sezione A 19 Giugno 2014 TEMA N. 1 Elettrotecnica/Energetica Macchine Elettriche TEMA N. 2 Elettrotecnica/Energetica Impianti elettrici Esame di Stato per l'abilitazione all esercizio della professione di Ingegnere Industriale I sessione 2014 Sezione A SECONDA PROVA SCRITTA (prova di classe) 19 Giugno 2014 TEMA N. 1 Elettrotecnica/Energetica

Dettagli

Politecnico di Bari I Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica ENERGIA EOLICA

Politecnico di Bari I Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica ENERGIA EOLICA Politecnico di Bari I Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica ENERGIA EOLICA turbine eoliche ad asse verticale VAWT A.A. 2008/09 Energie Alternative Prof.B.Fortunato

Dettagli

ALMASpace space to your business

ALMASpace space to your business L'ARTE di INNOVARE La Cultura dell'innovazione 2009 Castrocaro Terme Grand Hotel Terme OUTLINE L azienda ALMASat-1 e ALMASat-EO Prodotti e Servizi Settore Aerospaziale Settore Industriale, Ambientale,

Dettagli

CORSO DI LAUREA E DI LAUREA SPECIALISTICA. IN INGEGNERIA GESTIONALE (www.ingegneria.unical.it/cdl/ges) (www.ingegneria.unical.

CORSO DI LAUREA E DI LAUREA SPECIALISTICA. IN INGEGNERIA GESTIONALE (www.ingegneria.unical.it/cdl/ges) (www.ingegneria.unical. CORSO DI LAUREA E DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA GESTIONALE (www.ingegneria.unical.it/cdl/ges) (www.ingegneria.unical.it/cdls/ges) 1. Informazioni Generali Presidente del Consiglio di Corso di Laurea:

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA ENERGETICA

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA ENERGETICA Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale in INGEGNERIA ENERGETICA D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione del

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Classe LM 33 Ingegneria Meccanica Ordine degli Studi 2010/2011 Anni attivati I e II Obiettivi formativi specifici Nell ambito

Dettagli

data Da Febbraio 2014

data Da Febbraio 2014 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Domicilio Telefono E-mail Codice fiscale P.Iva Nazionalità Data di nascita MORETTI MICHELE ESPERIENZE LAVORATIVE data Da Febbraio 2014 Nome e indirizzo del datore di Università

Dettagli

EOLICO E MINI EOLICO OPPORTUNITÀ E TENDENZE

EOLICO E MINI EOLICO OPPORTUNITÀ E TENDENZE EOLICO E MINI EOLICO OPPORTUNITÀ E TENDENZE Energie Rinnovabili Green Open Day Torricella Peligna, sabato 26/11/2011 Ing. Luigi Imperato Studio Rinnovabili INDICE GENERALE Premessa Aspetti generali di

Dettagli

Consultazione delle organizzazioni rappresentative della produzione e delle professioni

Consultazione delle organizzazioni rappresentative della produzione e delle professioni Consultazione delle organizzazioni rappresentative della produzione e delle professioni Questionario Ridefinizione del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica INTRODUZIONE Il Consiglio di Corso

Dettagli

f a c o l t à d i INGEGNERIA

f a c o l t à d i INGEGNERIA f a c o l t à d i INGEGNERIA UNIVERSITÀ politecnica delle marche facoltà di Via Brecce Bianche, 12 60131 Tel. 071 2204778 INGEGNERIA Per informazioni più approfondite relative alla didattica dei singoli

Dettagli

Strategie di sviluppo per il settore aerospaziale: l esperienza del Piemonte. Dario Moncalvo Finpiemonte SpA

Strategie di sviluppo per il settore aerospaziale: l esperienza del Piemonte. Dario Moncalvo Finpiemonte SpA Strategie di sviluppo per il settore aerospaziale: l esperienza del Piemonte Dario Moncalvo Finpiemonte SpA ACARE-Italia e i Distretti Regionali, Roma, 9 luglio 2009 L aerospazio in Piemonte I numeri chiave:

Dettagli

ESPERTO IN DIAGNOSI E CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

ESPERTO IN DIAGNOSI E CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI C.R.E.A CENTRO STUDI SUL RISPARMIO ENERGETICO E SULLA QUALITA AMBIENTALE ENERGY SAVING AND ENVIRONMENTAL QUALITY RESEARCH CENTRE Via S.Giustina 14 55100 Lucca ITALY www.studienergetici.it Phone: 0039 0583

Dettagli

Agenda. ROBOTICA e NUOVE STRATEGIE per l APPRENDIMENTO. Interv ento a cura di : JARNO PUFF - A2TECH

Agenda. ROBOTICA e NUOVE STRATEGIE per l APPRENDIMENTO. Interv ento a cura di : JARNO PUFF - A2TECH Agenda Breve introduzione al mondo UAV Applicazioni civili per UAV UAV, modellismo e didattica Valore aggiunto per l apprendimento didattico Kit di base per la didattica Kit avanzato CANaerospace Problemi

Dettagli

Company profile. Photo property of Tozzi Nord

Company profile. Photo property of Tozzi Nord Company profile 1 Photo property of Tozzi Nord eta Blades Introduzione Eta wind blades solutions: filiera italiana, innovazione, sostenibilità eta Blades è una società italiana, fondata e finanziata da

Dettagli

8. Realizzazione di prototipi di endoscopi

8. Realizzazione di prototipi di endoscopi 8. Realizzazione di prototipi di endoscopi 8.1 Introduzione In parallelo al lavoro di analisi e sintesi riportato nel capitolo 6, sono stati realizzati vari prototipi per verificare la fattibilità pratica

Dettagli

Ingegneria Aeronautica Ingegneria Spaziale

Ingegneria Aeronautica Ingegneria Spaziale Facoltà di ngegneria OBETTV Presentazione Lauree Specialistiche in ngegneria Aeronautica ngegneria Spaziale Elevato standard di qualità dei laureati Ampia formazione di base Estensione della formazione

Dettagli

Progetto SOLAR. Prototipo Eliostato realizzato dall'unità Operativa di Catania

Progetto SOLAR. Prototipo Eliostato realizzato dall'unità Operativa di Catania Progetto SOLAR Prototipo Eliostato realizzato dall'unità Operativa di Catania L Unità Operativa di Catania, afferente al Dipartimento di Ingegneria Industriale, nell ambito del progetto SOLAR prevede lo

Dettagli

giulia.lisena@rai.it / ing.glisena@gmail.com

giulia.lisena@rai.it / ing.glisena@gmail.com C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Giulia Lisena Telefono 334-6215404 / 320-7503489 E-mail giulia.lisena@rai.it / ing.glisena@gmail.com Nazionalità Italiana Data di nascita 11-05

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INFORMATICA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELL AUTOMAZIONE

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INFORMATICA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELL AUTOMAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI LECCE FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Informatica/Automazione (Ad esaurimento) Sbocchi occupazionali Le ragioni che hanno spinto ad attivare questo corso di

Dettagli

CORSO TECNICO DI PROGETTAZIONE IMPIANTI FOTOVOLTAICI MODULO BASE PROGRAMMA GENERALE

CORSO TECNICO DI PROGETTAZIONE IMPIANTI FOTOVOLTAICI MODULO BASE PROGRAMMA GENERALE CORSO TECNICO DI PROGETTAZIONE IMPIANTI FOTOVOLTAICI MODULO BASE PROGRAMMA GENERALE 1. La radiazione solare Fisica e posizione del sole, conformazione della luce, l'irraggiamento, tecniche per la stima

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2008/09 Art. 1. Articolazione del corso di laurea Specialistica

Dettagli

SpA NAVICELLI di Pisa. Navicelli verso APEA

SpA NAVICELLI di Pisa. Navicelli verso APEA SpA NAVICELLI di Pisa Navicelli verso APEA Indice della presentazione: IL CANALE DEI NAVICELLI LO SVILUPPO FUTURO SPA NAVICELLI DI PISA APEA PROGETTO APEA 2020 NAVICELLI ALTRI PROGETTI PER L ECOSOSTENIBILITA

Dettagli

PROPOSTA PER UN PIANO TRIENNALE PER LA RICERCA E PER UN BANDO DI GARA PER I PROGETTI DI RICERCA

PROPOSTA PER UN PIANO TRIENNALE PER LA RICERCA E PER UN BANDO DI GARA PER I PROGETTI DI RICERCA PROPOSTA PER UN PIANO TRIENNALE PER LA RICERCA E PER UN BANDO DI GARA PER I PROGETTI DI RICERCA 1 PREMESSA Il presente documento si inquadra in quanto previsto dal DM 28 febbraio 2003 Modalita' di gestione

Dettagli

Linee Guida per l adozione di Insegnamenti Integrativi sulla Proprietà Intellettuale nelle Facoltà Scientifiche delle Università italiane 1

Linee Guida per l adozione di Insegnamenti Integrativi sulla Proprietà Intellettuale nelle Facoltà Scientifiche delle Università italiane 1 Linee Guida per l adozione di Insegnamenti Integrativi sulla Proprietà Intellettuale nelle Facoltà Scientifiche delle Università italiane 1 1. Premessa. Contesto e motivazione Nell attuale economia della

Dettagli

U.S.R. DECRETO N. 3010 IL RETTORE. VISTO il Regolamento Didattico di Ateneo (R.D.A.) emanato con D.R. n. 2440 del 16 luglio 2008;

U.S.R. DECRETO N. 3010 IL RETTORE. VISTO il Regolamento Didattico di Ateneo (R.D.A.) emanato con D.R. n. 2440 del 16 luglio 2008; U.S.R. DECRETO N. 3010 IL RETTORE VISTO lo Statuto vigente; VISTO il decreto ministeriale 22 ottobre 2004 n. 270; VISTO il Regolamento Didattico di Ateneo (R.D.A.) emanato con D.R. n. 2440 del 16 luglio

Dettagli

Discretizzazione di superfici per analisi CFD: messa a punto di un modulo automatico per la modellazione di assiemi complessi.

Discretizzazione di superfici per analisi CFD: messa a punto di un modulo automatico per la modellazione di assiemi complessi. Facoltà di Ingegneria Civile ed Industriale Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Discretizzazione di superfici per analisi CFD: messa a punto di un modulo automatico per la modellazione di

Dettagli

Anche la nautica si industrializza utilizzando software d avanguardia

Anche la nautica si industrializza utilizzando software d avanguardia Anche la nautica si industrializza utilizzando software d avanguardia Una esperienza con Catia ed Enovia di Dassault Systèmes dimostra come sia possibile, anzi vincente, costruire imbarcazioni da diporto

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN PROGETTAZIONE STRATEGICA PER LA VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE ARCHITETTONICHE, URBANE E AMBIENTALI

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN PROGETTAZIONE STRATEGICA PER LA VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE ARCHITETTONICHE, URBANE E AMBIENTALI MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN PROGETTAZIONE STRATEGICA PER LA VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE ARCHITETTONICHE, URBANE E AMBIENTALI SCHEDA RIASSUNTIVA Direzione Direttore Scientifico: Prof. Sergio

Dettagli

Allo stato attuale dell arte, gli otturatori delle valvole

Allo stato attuale dell arte, gli otturatori delle valvole INGEGNERIA DI MANUTENZIONE Innovazioni sulle valvole dei compressori alternativi Studi ed esperienze per migliorarne la capacità di tenuta e l efficienza fluidodinamica M. Schiavone, A. Bianchi, Dott.

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome PARIS LUCA Indirizzo di residenza Via Pertini - 67040 - Aielli (AQ) Nazionalità Italiana Luogo di nascita

Dettagli

Ing. Fabio Nicolai Direttore Centrale Attività Aeronautiche. ENAC - Ente Nazionale per l Aviazione Civile

Ing. Fabio Nicolai Direttore Centrale Attività Aeronautiche. ENAC - Ente Nazionale per l Aviazione Civile Ing. Fabio Nicolai Direttore Centrale Attività Aeronautiche ENAC - Ente Nazionale per l Aviazione Civile 1 Incidenti con perdita del velivolo (Jet di costruzione occidentale) per Milione di Tratte Giugno

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA MECCANICA

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA MECCANICA Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale in INGEGNERIA MECCANICA D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione del

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2001/2002 Corso di laurea in MATEMATICA APPLICATA Classe 32 : Scienze Matematiche NUOVA ORGANIZZAZIONE DIDATTICA Le novità contenute

Dettagli

Generatore eolico Darrieus

Generatore eolico Darrieus DTI / ICIMSI / PRODURRE ENERGIA CON IL VENTO 36 Generatore eolico Darrieus Il funzionamento è basato sulla portanza esercitata dal profilo alare della sezione delle pale. VAWT 37 Giromill ( H-Bar) Darrieus

Dettagli

I3D LAUREA IN INGEGNERIA INDUSTRIALE

I3D LAUREA IN INGEGNERIA INDUSTRIALE ID LAUREA IN INGEGNERIA INDUSTRIALE 1. CARATTERISTICHE DEL CORSO CLASSE DI CORSO: L-9 Ingegneria Industriale NORMATIVA DI RIF.: DM 270/2004 CDCS DI RIFERIMENTO: PERCORSI FORMATIVI: DURATA: SEDE: Ingegneria

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA Classe LM - 33 AI SENSI DEL D.M. 270/2004

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA Classe LM - 33 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA Classe LM - 33 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 Comma 1 ARTICOLO 1 Funzioni e struttura del regolamento Il presente regolamento disciplina

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Obiettivo didattico L obiettivo principale del corso di laurea è quello di formare

Dettagli

Bando per il Master Universitario di II livello in INGEGNERIA DELL AUTOVEICOLO PER LA MOBILITA SOSTENIBILE

Bando per il Master Universitario di II livello in INGEGNERIA DELL AUTOVEICOLO PER LA MOBILITA SOSTENIBILE Bando per il Master Universitario di II livello in INGEGNERIA DELL AUTOVEICOLO PER LA MOBILITA SOSTENIBILE Anno accademico 2011/20 L Università degli Studi di Camerino, VISTO lo Statuto, emanato con Decreto

Dettagli

GUIDA BREVE DI FACOLTA - CORSI DI LAUREA IN FISICA A.A. 2003-2004

GUIDA BREVE DI FACOLTA - CORSI DI LAUREA IN FISICA A.A. 2003-2004 GUIDA BREVE DI FACOLTA - CORSI DI LAUREA IN FISICA A.A. 2003-2004 Nell A.A. 2003/2004 viene attivato presso la Facolta di Scienze il Corso di Laurea Triennale in Fisica, al quale è possibile l iscrizione

Dettagli

Scuola di Dottorato in Scienze dell Ingegneria

Scuola di Dottorato in Scienze dell Ingegneria Università degli studi di Trieste Scuola di Dottorato in Scienze dell Ingegneria Indirizzo in Ingegneria Meccanica, Navale, dell Energia e della Produzione XXVII ciclo Report sull attività svolta nel corso

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO Pagina 1/8 SUPPLEMENTO AL DIPLOMA Numero protocollo: ###### Data protocollo: ##/##/#### Numero registro: ####-#### PREMESSA Il presente Supplemento al Diploma è stato sviluppato dalla Commissione Europea,

Dettagli

9/10 GIUGNO 2015 TOSCANA LIVORNO. TEATRO GOLDONI REGENERATION CONVEGNO. La rigenerazione urbana ed edilizia

9/10 GIUGNO 2015 TOSCANA LIVORNO. TEATRO GOLDONI REGENERATION CONVEGNO. La rigenerazione urbana ed edilizia GIUGNO LIVORNO. TEATRO GOLDONI REGENERATION La rigenerazione urbana ed edilizia CONVEGNO Con il Patrocinio di Media Partner CONVEGNO REGENERATION La rigenerazione urbana ed edilizia --------------- DATE

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO Registrato il 14.11.2005 Reg. 1 Fog. 15 N 165/AD-ID POLITECNICO DI MILANO IL RETTORE VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 22.10.2004, n. 270; VISTO il Regolamento Didattico di Ateneo;

Dettagli

POLITECNICO DI BARI. I Facoltà di Ingegneria. Laurea specialistica in Ingegneria Gestionale (classe 34/S)

POLITECNICO DI BARI. I Facoltà di Ingegneria. Laurea specialistica in Ingegneria Gestionale (classe 34/S) POLITECNICO DI BARI I Facoltà di Ingegneria Laurea specialistica in Ingegneria Gestionale (classe 34/S) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA GESTIONALE (SECOND LEVEL DEGREE

Dettagli

Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi

Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi Ing. Davide Palumbo Prof. Ing. Umberto Galietti Politecnico di Bari, Dipartimento di Meccanica, Matematica e Management

Dettagli

Percorso didattico A Piano didattico Titolo dell attività* FAD CFU Struttura del credito N. ore N. ore Lezione

Percorso didattico A Piano didattico Titolo dell attività* FAD CFU Struttura del credito N. ore N. ore Lezione Bando per il Master Universitario di II livello in ECOSOSTENIBILITA ED EFFICIENZA ENERGETICA PER L ARCHITETTURA Anno accademico 20/20 L Università degli Studi di Camerino, VISTO lo Statuto, emanato con

Dettagli

FACOLTÀ DI INGEGNERIA MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2012/2013 CONFORME AL D.M. 270

FACOLTÀ DI INGEGNERIA MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2012/2013 CONFORME AL D.M. 270 4 FACOLTÀ DI INGEGNERIA MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 20/2013 CONFORME AL D.M. 270 Il Consiglio della Facoltà di Ingegneria, nella seduta del 31 maggio 20, ha approvato il seguente Manifesto annuale degli

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA Università degli Studi di Bergamo Facoltà di INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Classe di appartenenza: L-9 Ingegneria Industriale Mechanical Engineering REGOLAMENTO DIDATTICO (modificato

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI di MESSINA Dipartimento di Ingegneria Elettronica, Chimica e Ingegneria Industriale Contrada Di Dio, 98166 - Messina (ITALIA)

UNIVERSITA' DEGLI STUDI di MESSINA Dipartimento di Ingegneria Elettronica, Chimica e Ingegneria Industriale Contrada Di Dio, 98166 - Messina (ITALIA) UNIVERSITA' DEGLI STUDI di MESSINA Dipartimento di Ingegneria Elettronica, Chimica e Ingegneria Industriale Contrada Di Dio, 98166 - Messina (ITALIA) DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ELETTRONICA, CHIMICA E INGEGNERIA

Dettagli

PROGETTO GENERATORE EOLICO

PROGETTO GENERATORE EOLICO PROGETTO GENERATORE EOLICO STUDIO DI FATTIBILITA RELAZIONE TECNICA San Giuliano Terme, 12/04/2004 Autore: Dott. Ing. Federico GUIDI INDICE DEL DOCUMENTO INDICE DELLE FIGURE DEL DOCUMENTO...3 INDICE DELLE

Dettagli

Milano, 30 Aprile 2009

Milano, 30 Aprile 2009 Sviluppo della generazione diffusa in Italia Risultati del monitoraggio della generazione diffusa effettuato dall Autorità per l energia elettrica e il gas Milano, 30 Aprile 2009 Dott. Arturo Cocco, Coordinamento

Dettagli

METEOROLOGIA AERONAUTICA

METEOROLOGIA AERONAUTICA METEOROLOGIA AERONAUTICA Parte I 24/07/12 enav.it METEOROLOGIA AERONAUTICA La meteorologia aeronautica è la scienza che descrive i fenomeni meteorologici pericolosi per il volo. Questi sono: la turbolenza

Dettagli

Progetto Rafforzamento Lauree Professionalizzanti di I Livello

Progetto Rafforzamento Lauree Professionalizzanti di I Livello Progetto Rafforzamento Lauree Professionalizzanti di I Livello SECONDA DIRETTIVA Anni accademici 2003/2004-2004/2005 Facoltà Sede Corso Corso di Laurea Moduli I e II ciclo Arch. I 1. Tecniche della rappresentazione

Dettagli

Smart Grids. Le reti intelligenti guidano il futuro.

Smart Grids. Le reti intelligenti guidano il futuro. Smart Grids. Le reti intelligenti guidano il futuro. Reti intelligenti Reti intelligenti Generalità Una rete elettrica intelligente è in grado di integrare le azioni di tutti gli attori connessi, produttori

Dettagli

Modena, 14 settembre 2015 AVVISO DI SELEZIONE

Modena, 14 settembre 2015 AVVISO DI SELEZIONE Modena, 14 settembre 2015 AVVISO DI SELEZIONE Democenter-Sipe gestisce e coordina il progetto denominato PROGRAMMA DI ACCELERAZIONE TERRITO- RIALE 2014-15, finanziato dalla Fondazione di Vignola, realizzato

Dettagli

Lezione 03: Il mezzo aereo e le infrastrutture aeroportuali

Lezione 03: Il mezzo aereo e le infrastrutture aeroportuali Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Ingegneria e Architettura Laurea Magistrale: Ingegneria Civile Corso di INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI Lezione 03: Il mezzo aereo e le infrastrutture aeroportuali

Dettagli

INGEGNERIA INFORMATICA ED ELETTRONICA CORSO DI LAUREA TRIENNALE

INGEGNERIA INFORMATICA ED ELETTRONICA CORSO DI LAUREA TRIENNALE INGEGNERIA INFORMATICA ED ELETTRONICA CORSO DI LAUREA TRIENNALE Obiettivo didattico CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INGEGNERIA INFORMATICA ED ELETTRONICA Il Corso di Laurea triennale (I livello, classe L-8,

Dettagli

Room 2005 Zhongshang Building No.100 HongKong Middle Road Qingdao China code 266071 tel 008653285891039 e-mail: fazio@cinaservizi.

Room 2005 Zhongshang Building No.100 HongKong Middle Road Qingdao China code 266071 tel 008653285891039 e-mail: fazio@cinaservizi. TURBINE EOLICHE 2012/2 Controllo della qualità Tutti i sistemi eolici, ad eccezione della torre, sono prodotti all interno della fabbrica che dispone all interno di tutti i settori meccanico, elettrico

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA. Corso di laurea in Ingegneria Informatica ed Elettronica. Dipartimento di Ingegneria

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA. Corso di laurea in Ingegneria Informatica ed Elettronica. Dipartimento di Ingegneria UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA Corso di laurea in Ingegneria Informatica ed Elettronica Dipartimento di Ingegneria INGEGNERIA INFORMATICA ED ELETTRONICA Obiettivo didattico Gli insegnamenti offerti

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI di MESSINA Dipartimento di Ingegneria Elettronica, Chimica e Ingegneria Industriale Contrada Di Dio, 98166 - Messina (ITALIA)

UNIVERSITA' DEGLI STUDI di MESSINA Dipartimento di Ingegneria Elettronica, Chimica e Ingegneria Industriale Contrada Di Dio, 98166 - Messina (ITALIA) UNIVERSITA' DEGLI STUDI di MESSINA Dipartimento di Ingegneria Elettronica, Chimica e Ingegneria Industriale Contrada Di Dio, 98166 - Messina (ITALIA) DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ELETTRONICA, CHIMICA E INGEGNERIA

Dettagli

Ing. Giovandomenico Caridi

Ing. Giovandomenico Caridi PRODUZIONE COGENERATIVA DI ENERGIA ELETTRICA E CALORE DA FONTI RINNOVABILI: OTTIMIZZAZIONE DI RETI ELETTRICHE E DI CALORE SULLA BASE DELLO SVILUPPO DELLE RINNOVABILI Ing. Giovandomenico Caridi CONFERENZA

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Eolico di alta quota Massimo Ippolito - Gian Mauro Maneia Sequoia Automation Srl Breve introduzione al volo Leggerezza Potenza Efficienza aerodinamica Volo planato Effetto del vento Volo librato Vwind

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE E SCIENZE MATEMATICHE orientamento.diism.unisi.it www.diism.unisi.it Nuovo Ordinamento degli Studi Universitari Dall Anno Accademico

Dettagli

SCEGLI CON IL CUORE. INDUSTRIAL DESIGN corso master

SCEGLI CON IL CUORE. INDUSTRIAL DESIGN corso master SCEGLI CON IL CUORE INDUSTRIAL DESIGN pag. 2 INDUSTRIAL DESIGN Master patrocinato dall Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori di Roma e provincia, con rilascio di crediti formativi

Dettagli