La responsabilità del proprietario. (art. 2054, 3º e 4º co., c.c.; art. 115 c.d.s.)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La responsabilità del proprietario. (art. 2054, 3º e 4º co., c.c.; art. 115 c.d.s.)"

Transcript

1 La responsabilità del proprietario 5. L autoscuola B La disciplina delle autoscuole, contenuta nell art. 123 c.d.s., conferma il principio della facoltatività del metodo di apprensione della guida dei veicoli a motore (Giarrusso, Tito, 250): come noto, infatti, non è obbligatorio ricorrere alle autoscuole, giacchè l esercitazione alla guida può essere svolta privatamente, sotto la supervisione di un istruttore non professionista. Le norme relative al funzionamento delle autoscuole (art. 123 c.d.s.; art. 335 e art. 336 reg. c.d.s.; d.m , n. 317) esulano dalle finalità della presente trattazione (in argomento, si rinvia a Bellagamba, Cariti, 220 ss.). Ai nostri fini, pare unicamente opportuno individuare i presupposti della responsabilità civile delle autoscuole. In primo luogo, le autoscuole risponderanno, di norma e qualora siano proprietarie (ovvero usufruttuarie, o acquirenti con patto di riservato dominio) dei veicoli adibiti alle esercitazioni di guida, secondo il principio generale stabilito dall art. 2054, 3º co., c.c.; si osservi che l art. 6, 4º co., d.m , n. 317, dispone che tutti i veicoli siano immatricolati a nome del titolare dell autoscuola ovvero a nome dell ente o della società o del consorzio che ha costituito il centro di istruzione; il successivo 5º co. ammette anche il ricorso al contratto di leasing. In secondo luogo, qualora gli istruttori addetti alle esercitazioni di guida siano dipendenti dell autoscuola, la stessa a norma dell art risponderà, in solido con i primi, per i danni da loro arrecati. La responsabilità del proprietario (art. 2054, 3º e 4º co., c.c.; art. 115 c.d.s.) Norma di riferimento: Art c.c. Circolazione di veicoli [1] Il conducente di un veicolo senza guida di rotaie è obbligato a risarcire il danno prodotto a persone o a cose dalla circolazione del veicolo, se non prova di aver fatto tutto il possibile per evitare il danno. [2] Nel caso di scontro tra veicoli si presume, fino a prova contraria, che ciascuno dei conducenti abbia concorso ugualmente a produrre il danno subìto dai singoli veicoli 1. [3] Il proprietario del veicolo o, in sua vece, l usufruttuario o l acquirente con patto di riservato dominio, è responsabile in solido col conducente, se non prova che la circolazione del veicolo è avvenuta contro la sua volontà. [4] In ogni caso le persone indicate dai commi precedenti sono responsabili dei danni derivati da vizi di costruzione o da difetto di manutenzione del veicolo. 1 La C. Cost., , n. 205, ha dichiarato l illegittimità costituzionale dell art. 2054, 2º co., c.c., limitatamente alla parte in cui nel caso di scontro tra veicoli, esclude che la presunzione di egual concorso dei conducenti operi anche se uno dei veicoli non abbia riportato danni. Norma di riferimento: Art. 115, d.lg , n. 285 Requisiti per la guida dei veicoli e la conduzione di animali [1] Chi guida veicoli o conduce animali deve essere idoneo per requisiti fisici e psichici e aver compiuto: a) anni quattordici per guidare veicoli a trazione animale o condurre animali da tiro, da soma o da sella, ovvero armenti, greggi o altri raggruppamenti di animali; 131

2 Parte II - I soggetti obbligati al risarcimento b) anni quattordici per guidare ciclomotori purché non trasporti altre persone oltre al conducente 1 ; c) anni sedici per guidare: motoveicoli di cilindrata fino a 125 cc che non trasportino altre persone oltre al conducente; macchine agricole o loro complessi che non superino i limiti di sagoma e di peso stabiliti per i motoveicoli e che non superino la velocità di 40 km/h, la cui guida sia consentita con patente di categoria A, sempreché non trasportino altre persone oltre al conducente; d) anni diciotto per guidare: 1) ciclomotori, motoveicoli; autovetture e autoveicoli per il trasporto promiscuo di persone e cose; autoveicoli per uso speciale, con o senza rimorchio; macchine agricole diverse da quelle indicate alla lettera c), ovvero che trasportino altre persone oltre al conducente; macchine operatrici 2 ; 2) autocarri, autoveicoli per trasporti specifici, autotreni, autoarticolati, adibiti al trasporto di cose la cui massa complessiva a pieno carico non superi 7,5 t; 3) i veicoli di cui al punto 2) la cui massa complessiva a pieno carico, compresa la massa dei rimorchi o dei semirimorchi, superi 7,5 t, purché munito di un certificato di abilitazione professionale rilasciato dal competente ufficio del Dipartimento per i trasporti terrestri 3 ; e) anni ventuno per guidare: i veicoli di cui al punto 3) della lettera d), quando il conducente non sia munito del certificato di abilitazione professionale; motocarrozzette ed autovetture in servizio di piazza o di noleggio con conducente; autobus, autocarri, autotreni, autosnodati, adibiti al trasporto di persone, nonché i mezzi adibiti ai servizi di emergenza. [2] Chi guida veicoli a motore non può aver superato: a) anni sessantacinque per guidare autotreni ed autoarticolati la cui massa complessiva a pieno carico sia superiore a 20 t; b) anni sessanta per guidare autobus, autocarri, autotreni, autoarticolati, autosnodati, adibiti al trasporto di persone. Tale limite può essere elevato, anno per anno, fino a sessantacinque anni qualora il conducente consegua uno specifico attestato sui requisiti fisici e psichici a seguito di visita medica specialistica annuale, secondo le modalità stabilite nel regolamento. [3] Chiunque guida veicoli o conduce animali e non si trovi nelle condizioni richieste dal presente articolo è soggetto, salvo quanto disposto nei successivi commi, alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 71 a euro 286. Qualora trattasi di motoveicoli e autoveicoli di cui al comma 1, lettera e), è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 143 a euro 573. [4] Il minore degli anni diciotto, munito di patente di categoria A, che guida motoveicoli di cilindrata superiore a 125 cc o che trasporta altre persone su motoveicoli di cilindrata non superiore a 125 cc è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 35 a euro 143. La stessa sanzione si applica al conducente di ciclomotore che trasporti un passeggero senza aver compiuto gli anni diciotto 4. [5] Chiunque, avendo la materiale disponibilità di veicoli o di animali, ne affida o ne consente la condotta a persone che non si trovino nelle condizioni richieste dal presente articolo è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 35 a euro 143 se si tratta di veicolo o alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 21 a euro 85 se si tratta di animali. [6] Le violazioni alle disposizioni che precedono, quando commesse con veicoli a 132

3 La responsabilità del proprietario motore, importano la sanzione accessoria del fermo amministrativo del veicolo per giorni trenta, secondo le norme di cui al Capo I, Sezione II, del Titolo VI 5. 1 Lettera così sostituita dall art. 5, d.lg , n. 9, con la decorrenza indicata nell art. 19 dello stesso decreto. 2 Numero così modificato dall art. 5, d.lg , n. 9, con la decorrenza indicata nell art. 19 dello stesso decreto. 3 La denominazione dell ufficio è stata così sostituita ai sensi di quanto disposto dall art. 17, d.lg , n. 9, con la decorrenza indicata nell art. 19 dello stesso decreto. 4 Comma così modificato dall art. 5, d.lg , n. 9, con la decorrenza indicata nell art. 19 dello stesso decreto. 5 Articolo così modificato, con effetto dal , dall art. 56, d.lg , n Con d.m si è provveduto, ai sensi dell art. 195, 3º co. e 3º co. bis del presente decreto, all aggiornamento biennale della sanzione nella misura sopra riportata. Riferimenti normativi: Artt. 2043, 2046, 2048, 2049, 2051 c.c.; art. 28, l , n. 142; artt. 140, 141, 283, d.lg , n Bibliografia: Alpa, Costruzione di autoveicoli, clausole di esonero e responsabilità dell impresa. Per una diversa lettura dell articolo 2054, ultimo comma, codice civile, ingi, I, 1975; Alpa, Bessone, Zeno Zencovich, Obbligazioni e contratti, VI, in Tratt. Rescigno, XIV, 2ª ed., Torino, 1995; Autorino Stanzione, Sica, Circolazione di autoveicoli e responsabilità civile, Milano, 1995; Bianca, Diritto Civile, V, La responsabilità, Milano, 1994; Carnevali, Persone trasportate e art c.c.: la nuova giurisprudenza della Cassazione, inrcp, 1999; Franzoni, Dei fatti illeciti, incomm. Scialoja, Branca, Bologna-Roma, 1993; Galgano, Diritto civile e commerciale, II, 2, 4ª ed., Padova, 2005; Griffey, La responsabilità civile per la circolazione dei veicoli e dei natanti, Milano, 1995; Monateri, La responsabilità civile, intratt. Sacco, III, Torino, 1998; Peccenini, La responsabilità civile per la circolazione dei veicoli, inaa.vv., La responsabilità civile, diretta da Alpa e Bessone, II, 2, in Giur. sist. Bigiavi, Torino, 1987; Rovelli, Responsabilità civile per danni cagionati da vizi di costruzione e da difetti di manutenzione di veicoli senza guida di rotaia, inrgct, 1972; Salvi, La responsabilità civile, in Tratt. Iudica, Zatti, 2ª ed., Milano, 2005; Trimarchi, Rischio e responsabilità oggettiva, Milano, 1961; Venditti, Sull obbligo del proprietario di risarcire i danni non patrimoniali causati dall illecito penale del conducente, ingc, 1962; Visintini, Trattato breve della responsabilità civile, 3ª ed., Padova, Sommario: 1. La responsabilità del proprietario: natura e funzione. 2. Proprietario, usufruttuario e acquirente con patto di riservato dominio. Prova della proprietà. 3. Presupposti soggettivi ed oggettivi della responsabilità del proprietario. 4. Eventuali titoli concorrenti di responsabilità del proprietario (cenni). 5. La responsabilità del proprietario nei confronti del terzo trasportato a titolo di cortesia. 6. La prova liberatoria: la circolazione contro la volontà del proprietario. 7. La responsabilità per vizi di costruzione o difetti di manutenzione La responsabilità del proprietario: natura e funzione L art. 2054, 3º co., c.c., dispone che il proprietario del veicolo o, in sua vece, l usufruttuario o l acquirente con patto di riservato dominio, è responsabile per i danni prodotti a persone o cose dalla circolazione del veicolo, in solido con il conducente, se non prova che la circolazione è avvenuta contro la sua volontà. B La dottrina prevalente, ritiene che la norma citata introduca un ipotesi di responsabilità oggettiva, poiché il proprietario è tenuto a risarcire i danni prodotti dalla circolazione 133

4 Parte II - I soggetti obbligati al risarcimento dal veicolo anche ove non sussista una propria colpa, in relazione alla causazione dell evento. Invero, la prova della mancanza di una colpa specifica del proprietario, non varrebbe a liberare quest ultimo dalla responsabilità, poiché la norma in esame richiede la ben più rigorosa dimostrazione del fatto che il veicolo è stato messo in circolazione contro la volontà del proprietario (Bianca, Diritto Civile, V, La responsabilità, Milano, 1994, 758; Salvi, La responsabilità civile, intratt. Iudica, Zatti, Milano, 2ª ed., 2005, 206). La responsabilità del proprietario si configura, inoltre, come responsabilità indiretta, poiché quest ultimo è chiamato a rispondere del fatto del conducente del proprio veicolo. In virtù del carattere indiretto della responsabilità, si ritiene che il proprietario, ove sia chiamato a risarcire i danni prodotti, può rivalersi nei confronti del conducente per l intero (Franzoni, Dei fatti illeciti,incomm. Scialoja, Branca, Bologna-Roma, 1993, 695). Del pari, si afferma che il proprietario è tenuto in solido anche al risarcimento del danno morale, senza che sia necessario accertare la sussistenza di un illecito autonomo, imputabile al proprietario stesso (Monateri, La responsabilità civile, intratt. Sacco, III, Torino, 1998, 1106; Venditti, Sull obbligo del proprietario di risarcire i danni non patrimoniali causati dall illecito penale del conducente, ingc, 1962, I, 2188). A Va segnalato, a quest ultimo riguardo, che, recentemente, la Suprema Corte, mutando il precedente orientamento, ha affermato la risarcibilità del danno morale, anche nel caso in cui la colpa del conducente sia soltanto presunta, ai sensi dell art. 2054, 2º co., c.c. (C. civ., Sez. III, , n. 8827; C. civ., Sez. III, , n. 7283; C. civ., Sez. III, , n. 7281). La soluzione ha ricevuto l autorevole avallo della Corte Costituzionale (C. Cost., , n. 233). Quale ulteriore conseguenza della responsabilità indiretta del proprietario, ai sensi della norma in commento, occorre considerare il fatto che quest ultimo, ove abbia riportato danni in proprio nel sinistro (danni alla persona, oppure danni materiali al proprio veicolo) ed intenda agire nei confronti del conducente dell altro veicolo, può vedersi eccepito il concorso di colpa del proprio conducente, con conseguente decurtazione del risarcimento. Resta salva, in quest ultima ipotesi, la possibilità diagire nei confronti del conducente del proprio veicolo, per la residua parte dei danni subiti (Ô C. civ., Sez. III, , n. 726; C.civ.,Sez.III, ,n.2260;P.Spezia, ). La disposizione in esame, è ispirata da una essenziale funzione di garanzia nei confronti dei soggetti danneggiati, contro il pericolo di insolvenza dell autore del danno: l affermazione della responsabilità solidale del proprietario, invero, attribuisce al danneggiato la possibilità di far valere una distinta responsabilità patrimoniale, in relazione al credito inerente al risarcimento dei danni. Sotto questo profilo, la norma in commento, introduce una peculiare ipotesi di responsabilità, fondata sul criterio dell imputazione al proprietario del rischio inerente alla circolazione del veicolo, per l intrinseca pericolosità della stessa (Ô C. civ., Sez. III, , n ; C. civ., Sez. III, , n ). 2. Proprietario, usufruttuario e acquirente con patto di riservato dominio. Prova della proprietà B Per quanto concerne i soggetti responsabili, si ritiene che la responsabilità dell usufruttuario, o, dell acquirente con patto di riservato dominio, sia alternativa rispetto a quella del proprietario: vale a dire che in caso di usufrutto, o di vendita con riserva della proprietà, la responsabilità dei primi, esclude quella del proprietario (Galgano, Diritto civile e commerciale, II, 2, 4ª ed., Padova, 2004, 449). In caso di pluralità di comproprietari del veicolo, tutti sono responsabili, in solido con il conducente, nei confronti del danneggiato, per il risarcimento dei danni. Del pari, nel caso di veicolo composto da più parti, ciascuna delle quali sia di proprietà di 134

5 La responsabilità del proprietario soggetti tra loro distinti, ciascuno dei proprietari è considerato responsabile. A Così, nel caso di un semirimorchio, agganciato ad una motrice, appartenenti, rispettivamente, a due diversi proprietari, anche il proprietario del semirimorchio è stato condannato a risarcire i danni prodotti dal conducente della motrice (C. pen., ; A. Firenze, ). Più complesso è il problema della responsabilità del coniuge comproprietario del veicolo, in virtù del regime patrimoniale della comunione dei beni. La tesi per la quale il coniuge in regime di comunione dei beni deve essere ritenuto responsabile, in via solidale, ai sensi dell art. 2054, 3º co., c.c., ha ricevuto il riconoscimento della Corte Costituzionale (C. Cost., , n. 301). In termini analoghi, la Suprema Corte, in un caso in cui si discuteva del problema della esclusione del coniuge comproprietario dal novero dei soggetti aventi diritto ai benefici dell assicurazione obbligatoria (nel regime anteriore alle modifiche introdotte dall art. 28, l , n. 142, che come è noto ha esteso la copertura assicurativa anche al coniuge comproprietario, per i danni alla persona), ha ribadito che tale esclusione risultava interamente collegata alla qualità di comproprietario del veicolo, qualità cui ineriva la relativa responsabilità solidale del coniuge. Per questa ragione, la Corte ha dichiarato manifestamente infondata l eccezione di illegittimità costituzionale proposta in relazione all art. 4, lett. a), l , n. 990, nel testo precedente alla modifica di cui all art. 28, l , n. 142 (C. civ., Sez. III, , n. 1292). La Suprema Corte ha inoltre recentemente deciso che, in caso di comunione dei beni tra coniugi, la comunione medesima deve considerarsi pro indiviso, sicché il diritto di ciascuno dei coniugi investe l intera cosa. Donde l esclusione di una responsabilità (meramente) pro quota, al 50%, del coniuge comproprietario, poiché quest ultimo deve invece ritenersi responsabile per l intero, in solido con l altro coniuge (C. civ., Sez. III, , n. 487). L onere della prova, per quanto concerne la proprietà del veicolo, ai fini della sussistenza della responsabilità di cui alla norma in commento, incombe sul danneggiato. Le risultanze del Pubblico Registro Automobilistico, sotto questo profilo, hanno soltanto valore presuntivo, sicché è sempre consentito fornire la prova contraria (C. civ., Sez. III, , n. 4196). La prova contraria, può essere data con ogni mezzo, anche mediante testimoni (C. civ., Sez. III, , n. 503). 3. Presupposti soggettivi ed oggettivi della responsabilità del proprietario A Passando ai presupposti per la condanna del proprietario, va, in primo luogo, posto in rilievo che, secondo la Suprema Corte, l affermazione della responsabilità di quest ultimo, postula la capacità di intendere e di volere del responsabile operando, in caso contrario, la clausola generale di esonero di cui all art c.c., ciò, sia nel caso in cui proprietario e conducente coincidano, sia nel caso che si tratti di persone diverse (C. civ., Sez. III, , n. 5024). Vengono poi in rilievo i presupposti richiesti per l applicazione dell art c.c. In primo luogo, deve trattarsi di sinistro verificatosi su una strada pubblica, ovvero su strada privata soggetta ad uso pubblico, sulla quale vi sia traffico di veicoli, o, pedoni (Ô C. civ., Sez. III, , n ; C. civ., Sez. III, , n. 7015; C. civ., Sez. III, , n. 965). L esistenza di un divieto di transito, non esclude il carattere di strada pubblica di una strada comunale, ai fini dell applicabilità della norma menzionata (C. civ., Sez. III, , n ). Secondo la Suprema Corte, nel caso di sinistro avvenuto all interno di un fondo agricolo, sulla carreggiata di un podere, non può trovare applicazione la norma in esame, trattandosi di area privata (C. civ., Sez. III, , n. 7015). Del pari, si è deciso che nell ipotesi di danni causati da una errata manovra di retromarcia, nello spazio interno di uno stabilimento privato, non aperto al pubblico transito, non trovi applicazione 135

6 Parte II - I soggetti obbligati al risarcimento l art. 2054, 3º co., c.c., bensì l art c.c. (T. Palermo, ). Si è invece concluso per l applicabilità della norma, con conseguente affermazione di responsabilità nei confronti dell associazione proprietaria del veicolo, in caso di investimento di un pedone ad opera di una golf car, in base al rilievo che all interno di un circolo sportivo, pur trattandosi di area privata, si verificano sistematici spostamenti di giocatori, a piedi, o, mediante apposti veicoli, all uopo messi a disposizione dall ente gestore dell impianto (T. Milano, ). Come è noto, la norma in commento presuppone che il danno sia stato prodotto dalla circolazione del veicolo. Sul punto, la giurisprudenza privilegia una nozione estensiva di circolazione. Si ritiene, in particolare, che la responsabilità del proprietario ricorra anche nel caso di incidente causato da veicolo in sosta (Ô C. civ., Sez. III, , n. 9051; C. civ., Sez. III, , n. 6750; C. civ., Sez. III, , n. 2660). Si è pertanto affermata la responsabilità del proprietario, per i danni causati a terzi, a seguito dell incauta apertura dello sportello da parte di un soggetto trasportato, pur essendo la vettura in sosta, per consentire la discesa del passeggero (Ô C. civ., Sez. III, , n. 8216; C. civ., Sez. III, , n. 6445). Nel caso da ultimo considerato, tra l altro, si è affermata la sussistenza di una peculiare ipotesi di solidarietà passiva tra il proprietario, ed il terzo trasportato, i quali rispondono per titoli tra loro diversi, posto che la responsabilità del proprietario si configura ai sensi dell art. 2054, 3º co., c.c., mentre il terzo trasportato risponde ai sensi dell art c.c. Anche in considerazione di quanto sopra, si è deciso che l assicuratore del proprietario che abbia corrisposto il risarcimento dei danni prodotti, può rivalersi nei confronti del terzo trasportato, autore materiale dell illecito, poiché quest ultimo non rientra tra i soggetti assicurati (C. civ., Sez. III, , n. 8216). In questa prospettiva, volta, come si è detto, ad estendere l ambito di operatività della norma in commento, si tende, altresì, ad elidere l ulteriore elemento tradizionalmente richiesto ai fini dell applicazione dell art c.c.: vale a dire, il presupposto dello scontro tra veicoli. Si è, infatti, affermata la responsabilità del proprietario, ai sensi della norma in commento, nel caso di sosta irregolare sulla via pubblica, che abbia causato l interruzione temporanea del traffico, in relazione ai danni subiti dall azienda tranviaria per l impedimento al servizio, pur in assenza di collisione (G.d.P. Torino, ). Particolarmente dibattuta è la questione dell applicabilità della presunzione di responsabilità del proprietario, nel caso di danni provocati dall incendio di veicolo. L orientamento giurisprudenziale prevalente è nel senso che il proprietario deve rispondere dei danni causati dall incendio propagatosi da veicolo in sosta sulla pubblica via (G.d.P. Bari, ). La responsabilità deve essere invece esclusa nel caso di incendio provocato dolosamente da terzi, rimasti ignoti (C. civ., Sez. III, , n. 4575). In senso contrario, rispetto all orientamento maggioritario sopra esaminato, si è tuttavia, deciso che, anche in caso di incendio accidentale, il proprietario non possa essere chiamato a rispondere in virtù dell art c.c., poiché l incendio rappresenta evento estraneo rispetto al rischio tipico derivante dalla circolazione. La responsabilità del proprietario, in tale ipotesi, è stata pertanto affermata ai sensi dell art c.c. (T. Taranto, ). B In dottrina, nel medesimo senso della sentenza da ultimo menzionata: Franzoni, 603. Per la diversa fattispecie ricorrente nel caso in cui l incendio sia stato causato da vizi e/o difetti del veicolo, si rinvia al successivo par Eventuali titoli concorrenti di responsabilità del proprietario (cenni) Va aggiunto, per completezza, che, accanto allo specifico titolo di responsabilità previsto dall art c.c., possono concorrere 136

7 La responsabilità del proprietario ulteriori profili di imputazione del medesimo fatto in capo al proprietario, nel caso concreto. Così, se il conducente è un dipendente del proprietario del veicolo, che cagiona il danno nell esercizio delle mansioni alle quali è adibito, si configura, accanto alla responsabilità ai sensi dell art. 2054, 3º co., c.c., una concorrente responsabilità del proprietario/datore di lavoro, ai sensi dell art c.c. Del pari, ove il conducente sia, invece, figlio minore d età del proprietario del veicolo, ricorre la fattispecie di cui all art c.c. Come si è sopra evidenziato, la responsabilità del proprietario può, altresì, venire in rilievo ai sensi dell art c.c., in relazione al peculiare regime di responsabilità introdotto dalla norma menzionata per le cose in custodia. Per l esame di tali ulteriori profili si rinvia alla specifica trattazione riservata a ciascuna delle norme sopra citate. 5. La responsabilità del proprietario nei confronti del terzo trasportato a titolo di cortesia A In base all orientamento giurisprudenziale prevalente, fino a pochi anni fa, il terzo trasportato a titolo di cortesia non era ammesso ad avvalersi delle presunzioni di responsabilità di cui all art. 2054, 1º e 3º co., c.c., nei confronti, rispettivamente, del conducente e del proprietario del veicolo sul quale il terzo danneggiato viaggiava, al momento del sinistro. I principali argomenti posti alla base di tale orientamento, possono essere riassunti nei termini seguenti: a) il trasportato, non può essere assimilato ai terzi estranei alla circolazione, in quanto quest ultimo, accettando il passaggio, avrebbe assunto, consapevolmente, il rischio insito nella circolazione del veicolo; b) la norma sopra menzionata sarebbe esclusivamente posta a tutela dei terzi estranei, con esclusione dei trasportati, in relazione alle difficoltà che i primi incontrerebbero nel fornire la prova del conducente (Ô C. civ., Sez. III, , n. 2424; C. civ., Sez. III, , n ; C. civ., Sez. III, , n. 2471; C. civ., Sez. III, , n. 39; C. civ., Sez. III, , n. 1287). In senso contrario, rispetto al monolitico orientamento della Suprema Corte, sopra esaminato, si registravano soltanto alcune pronunzie di merito, favorevoli all applicazione della presunzione di responsabilità a tutti i terzi, indipendentemente dal titolo del trasporto (Ô T. Roma, ; T. Firenze, ). L orientamento preclusivo di cui sopra, ha, peraltro, ricevuto l autorevole avallo della Corte costituzionale, che ha dichiarato infondata la questione di illegittimità costituzionale dell art. 2054, 3º co., c.c. sollevata in relazione alla menzionata esclusione della presunzione di responsabilità del proprietario, nei confronti del terzo trasportato (C. Cost., , n. 192). In base a tale orientamento, il terzo trasportato poteva soltanto avvalersi della presunzione iuris tantum di responsabilità del vettore, ai sensi dell art c.c., nel caso di trasporto a titolo contrattuale. Nel caso del trasporto di cortesia, invece, il trasportato era costretto a superare lo stringente regime probatorio imposto dalla norma generale di cui all art c.c. Si riteneva salva, tuttavia, la possibilità di invocare l art. 2054, 1º e 3º co., c.c.. nei confronti del proprietario e del conducente dell altro veicolo eventualmente coinvolto nel sinistro, rispetto al quale il terzo danneggiato era considerato terzo estraneo alla circolazione (Ô C. civ., Sez. III, , n ; C. civ., Sez. III, , n. 2471). Recentemente, la Suprema Corte ha mutato il proprio orientamento, affermando l applicabilità dell art c.c. anche al trasportato a titolo di cortesia (C. civ., Sez. III , n ). La pronunzia da ultimo menzionata ha sottoposto a revisione critica i principali argomenti che fondavano la soluzione negativa: in particolare, è stata considerata una mera finzione la tesi secondo la quale il terzo trasportato a titolo di cortesia, a differenza dei terzi estranei alla circolazione, sarebbe in grado di valutare preventivamente il rischio. 137

8 Parte II - I soggetti obbligati al risarcimento Nell accettazione del trasporto a titolo di cortesia, invero, non sarebbe possibile rinvenire alcuna forma di accettazione del rischio, da parte del trasportato. Del pari infondato è stato ritenuto l ulteriore argomento in base al quale il terzo trasportato avrebbe maggiori facilità di prova, in ordine alla dinamica del sinistro, rispetto ai terzi estranei alla circolazione del mezzo. A favore della equiparazione tra terzi trasportati e terzi estranei militerebbe poi l argomento testuale, poiché il testo della norma in esame non consentirebbe alcuna distinzione tra le due categorie di terzi danneggiati (C. civ., Sez. III , n ). Il nuovo indirizzo, pare essersi consolidato nelle pronunzie successive della Corte di cassazione, che hanno confermato la soluzione dell applicabilità della norma in esame al trasporto di cortesia: (Ô C. civ., Sez. III, , n. 4022; C. civ., Sez. III, , n. 681; C. civ., Sez. III, , n. 4801). B La dottrina, ha aderito alla tesi della applicabilità delle presunzioni di responsabilità a favore dei terzi trasportati (Carnevali, Persone trasportate e art c.c.: la nuova giurisprudenza della Cassazione, inrcp, 1999, 92). La questione può comunque dirsi superata alla luce del disposto dell art. 141, Cod. Ass. Priv. La disposizione citata, invero, sancisce il diritto del terzo trasportato al risarcimento dei danni subiti da parte dell impresa assicuratrice del veicolo sul quale il danneggiato viaggiava, al momento del sinistro, facendo salva (soltanto) l ipotesi di sinistro cagionato da caso fortuito. Si possono segnalare, al riguardo, due profili assolutamente peculiari della nuova disciplina. In primo luogo, il trasportato ha azione «diretta» nei confronti del proprietario del veicolo, indipendentemente dall accertamento in concreto della responsabilità di quest ultimo, nella causazione dell evento. La compagnia assicuratrice del proprietario del veicolo sul quale viaggiava il trasportato, quindi, salvo il caso di sinistro cagionato da caso fortuito, sarà tenuta a corrispondere il risarcimento, entro i limiti del massimale minimo di legge, anche laddove il conducente del veicolo in questione non abbia concorso colposamente alla causazione dello stesso. È fatto espressamente salvo, tuttavia, il diritto di rivalsa dell impresa d assicurazione menzionata, nei confronti dell impresa assicuratrice del responsabile civile per l evento (art. 141, 4º co., Cod. Ass. Priv.). L altro profilo degno di nota, riguarda, invece, il richiamo espresso al caso fortuito, quale circostanza che esclude l obbligazione risarcitoria. Pare, al riguardo, che il richiamo al caso fortuito, quale (unica) circostanza idonea ad escludere la responsabilità, valga a connotare in senso obiettivo la fattispecie in esame, ponendo il trasportato in una posizione processuale e sostanziale di particolare favore (sul concetto di caso fortuito: Trimarchi, Rischio e responsabilità oggettiva, Milano, 1961, 223 ss.). La particolare tutela riservata al trasportato (indipendentemente dal titolo del trasporto) si concreta, inoltre, nella menzionata regola dell azione «diretta» verso il trasportante, che, specialmente nel caso di scontro tra più veicoli, semplifica notevolmente la posizione processuale del soggetto trasportato, limitando il rapporto processuale a tali soggetti, a prescindere dalla effettiva responsabilità per il sinistro. Poiché - come si è già avuto modo di segnalare - l impresa assicuratrice del trasportante è tenuta entro i limiti del massimale minimo di legge, l art. 141, 1º co., Cod. Ass. Priv., prevede che il danneggiato possa richiedere il risarcimento dell eventuale maggior danno all impresa assicuratrice del responsabile civile (laddove il massimale assicurativo garantito da tale ultima compagnia risulti superiore al minimo). L impresa assicuratrice del responsabile civile, in ogni caso, potrà intervenire nel giudizio, riconoscendo la responsabilità del proprio assicurato, ed estromettendo la compagnia assicuratrice convenuta dal trasportato. Nel caso di pluralità di danneggiati, si applica quanto previsto dall art. 140, Cod. Ass. Priv.. Ne deriva che, ove l importo complessivo da risarcire superi il massimale assicura- 138

9 La responsabilità del proprietario to, le somme dovute a ciascuno dei danneggiati devono essere proporzionalmente ridotte, fino a concorrenza del massimale. In considerazione della ratio che ispira la nuova disciplina del risarcimento dei danni al terzo trasportato, pare che la disposizione di cui sopra debba applicarsi con riferimento alla copertura assicurativa del responsabile civile (non anche, invece, con riferimento al massimale di polizza del trasportante che esegua una mera anticipazione, alla luce del nuovo regime, nei casi in cui tale ultimo soggetto non abbia alcuna responsabilità nella causazione del sinistro). 6. La prova liberatoria: la circolazione contro la volontà del proprietario Il proprietario del veicolo può liberarsi della responsabilità, in primo luogo, dimostrando che il conducente ha fatto tutto il possibile per evitare il danno, ai sensi dell art. 2054, 1º co., c.c. B Ciò in virtù del principio generale, comune a tutte le fattispecie di responsabilità indiretta, in base al quale il responsabile per fatto altrui può avvalersi della prova liberatoria prevista per il responsabile principale (Franzoni, 700). Fuori da questa ipotesi, viene in rilievo la prova liberatoria tipica prevista dall art. 2054, 3º co., c.c. La norma menzionata, come è noto, dispone che il proprietario, per andare esente da responsabilità, deve fornire la prova del fatto che la circolazione del veicolo è avvenuta contro la sua volontà. A L orientamento giurisprudenziale consolidato, al riguardo, è nel senso che la prova liberatoria in questione non può ritenersi assolta ove risulti il mero fatto che la circolazione sia avvenuta senza il consenso del proprietario (cosiddetta circolazione invito domino). Occorre, invece, che il proprietario fornisca la prova di aver adottato misure idonee ad impedire la circolazione (cosiddetta circolazione prohibente domino)(ô C. civ., Sez. III, , n ; C. civ., Sez. III, , n ; C. civ., Sez. III, , n. 8461; C. civ., Sez. III, , n. 3138; T. Catania, ). Si è pertanto deciso che il proprietario può essere ritenuto responsabile anche in caso di furto del veicolo, occorrendo anche nel caso in esame, la prova della adozione delle necessarie cautele, per impedire la circolazione (T. Monza, ). La responsabilità del proprietario, in tale caso, è stata, tuttavia, esclusa, ove quest ultimo abbia proposto tempestivamente la relativa denuncia all autorità di Pubblica Sicurezza (T. Milano, ). Nel caso di cui sopra, si è peraltro deciso che la compagnia assicuratrice del proprietario, è comunque tenuta a risarcire i danni prodotti dalla circolazione del veicolo, salvo poi potersi rivalere nei confronti dei terzi responsabili (T. Milano, ). Sempre in linea con l orientamento giurisprudenziale consolidato sopra esaminato, si è deciso che il fatto di lasciare le chiavi per l accensione all esterno della cabina di guida di un autotreno, in un posto accessibile a tutti, costituisce comportamento gravemente colposo, tale da fondare la responsabilità, anche in caso di illecita sottrazione del veicolo (C. civ., Sez. III, , n. 3038). Del pari, nel caso di utilizzazione dell autoveicolo da parte del figlio del proprietario, contro il divieto del genitore, si è deciso che non valga ad esimere quest ultimo da responsabilità il fatto di aver nascosto le chiavi (T. Roma, ). In un caso analogo, si è deciso che costituisce condotta prudenziale, tale da integrare causa liberatoria da ogni responsabilità, il comportamento del padre che - di fronte ai reiterati tentativi del figlio di utilizzare la vettura - ha fatto diffidare il minore dai carabinieri; ha sostituito la serratura del garage; ha tenuto con sé le chiavi dell automobile e del garage (C. civ., Sez. III, , n. 8495). Non è sufficiente, ai fini dell esonero dalla responsabilità, il mero fatto di aver affidato il veicolo in custodia a terzi. Anche in tale caso, infatti, viene richiesta la prova dell adozione, da parte del proprietario, delle cautele necessarie affinché il veicolo non venga posto in circolazione contro la sua volontà (Ô C. civ., Sez. III, , n ; C. civ., Sez. III, , n ; C. civ., Sez. III, , n. 8461; C. civ., Sez. III, 139

10 Parte II - I soggetti obbligati al risarcimento , n. 3138). Così, nel caso di affidamento dell automobile ad una autofficina, ovvero, ad una autorimessa, occorre che il proprietario dimostri di aver preventivamente verificato che l esercizio in questione operi regolarmente e presenti garanzie di serietà (Ô C. civ., Sez. III, , n. 981; C. civ., Sez. III, , n. 5045). Si è pertanto affermata la responsabilità del proprietario nel caso di affidamento dell automobile al figlio minorenne del gestore dell officina, al quale, notoriamente, veniva consentito di circolare con i mezzi ospitati presso l esercizio del padre (C. civ., Sez. III, , n. 7118). Si è peraltro recentemente stabilito che, in caso di affidamento del veicolo ad un officina, non può porsi a carico del proprietario il rischio derivante dall uso illegittimo del veicolo da parte di un soggetto non abilitato alla guida (nella specie, titolare di patente di guida scaduta, non rinnovata), poiché, secondo la pronunzia in commento, l uso illegittimo del veicolo escluderebbe il nesso causale tra l apporto consapevole del proprietario, che pure - all atto dell affidamento del proprio veicolo - non ha espressamente proibito l utilizzo, ed il fatto illecito dell utilizzatore (A. Milano, , n. 2177). Non basta tuttavia ad esimere il proprietario da responsabilità il fatto di aver espressamente fatto divieto al depositario di consegnare a terzi le chiavi del mezzo (Ô C. civ., Sez. III, , n ; C. civ., Sez. III, , n. 8461). Né assume rilevanza il fatto che il veicolo sia stato affidato in custodia ad uno stretto congiunto (nella specie, il padre del proprietario del mezzo), qualora il veicolo sia stato posto in circolazione da altro parente (C. civ., Sez. III, , n. 3138). Analogamente, si ritiene che la responsabilità del proprietario sussista anche nel caso della consegna del veicolo ad un mandatario, incaricato di vendere il mezzo (C. civ., Sez. III, , n. 3476). Identico principio, è stato applicato, inoltre, nel caso della consegna del mezzo ad un mediatore, per la vendita dello stesso (G.d.P. Napoli, ). Nel caso di danni cagionati da veicoli posti in circolazione contro la volontà del proprietario, ai sensi dell art. 2054, 3º co., c. c., potrà comunque operare, a favore dei danneggiati, la copertura garantita dal Fondo di garanzia per le vittime della strada (art. 283, 1º co., lett. d), Cod. Ass. Priv.). 7. La responsabilità per vizi di costruzione o difetti di manutenzione L art. 2054, 4º co., c.c. dispone che il proprietario e gli altri soggetti indicati nei commi precedenti della medesima norma rispondono «in ogni caso» nell ipotesi di sinistro causato da «vizi di costruzione» o «difetti di manutenzione». A Il conducente ed il proprietario sono tenuti a risarcire i danni derivanti dai vizi e difetti di cui sopra in via solidale (C. pen., ). Secondo l orientamento giurisprudenziale consolidato, la norma in esame introduce una presunzione assoluta di colpa, a carico dei soggetti indicati, ai quali non sarebbe consentito di liberarsi dalla responsabilità neppure provando l impossibilità di rendersi conto del vizio o del difetto, usando l ordinaria diligenza. L unica prova liberatoria ammessa, secondo l orientamento giurisprudenziale prevalente, consisterebbe nel dimostrare che l incidente è stato determinato da una causa diversa dal vizio, oppure da una circostanza integrante caso fortuito (C. civ., Sez. III, , n. 1019). B In dottrina si è denunciato il carattere finzionistico della tesi della presunzione assoluta di colpa, evidenziando come la norma in esame introduca, in realtà, una ipotesi di responsabilità oggettiva, nella quale il proprietario e gli altri soggetti indicati rispondono anche senza colpa (Salvi, 165 ss.). Si è peraltro obiettato che la responsabilità ai sensi della norma in esame si fonderebbe, invece, sulla colpa, nel caso di difetto di manutenzione (Bianca, 758). A Con la responsabilità dei soggetti sopra indicati, concorre, altresì, la responsabilità solidale del produttore del veicolo, nel caso che il sinistro sia stato causato da un difetto di costruzione del mezzo (C. civ., Sez. III, , n. 577). B La responsabilità del fabbricante di vei- 140

11 La responsabilità dei genitori coli concerne sia i difetti di costruzione del mezzo, sia i difetti di progettazione, configurandosi come ipotesi di responsabilità per rischio d impresa (Alpa, Costruzione di autoveicoli, clausole di esonero e responsabilità dell impresa. Per una diversa lettura dell articolo 2054, ultimo comma, codice civile, ingi, 1975, I, 1, 751). Tale responsabilità è disciplinata dal d.p.r , n. 224, in materia di danni da prodotti difettosi. Il proprietario (o il conducente) che sia stato costretto a risarcire i danni causati esclusivamente dal difetto di costruzione del veicolo può, quindi, rivalersi per l intero nei confronti del fabbricante. Del pari, la rivalsa integrale può essere esercitata nei confronti del riparatore, ove il difetto sia imputabile alla difettosa riparazione del mezzo (Galgano, 448). A L onere della prova della sussistenza dei vizi e/o dei difetti, nonché della rilevanza causale del vizio in questione, nella produzione dell evento, è a carico del danneggiato. In giurisprudenza, per tale configurazione dell onere della prova (T. Spoleto, ). B Del pari la dottrina prevalente è concorde nel ritenere che la prova dei presupposti dell applicazione della norma in esame è a carico del danneggiato. (Alpa, Bessone, Zeno Zencovich, Obbligazioni e contratti, VI, in Tratt. Rescigno, XIV, 2ª ed., Torino, 1995, 367). A La responsabilità del proprietario, ai sensi della norma in esame, è stata esclusa nel caso di sinistro causato dall improvviso scoppio di un pneumatico, in base alla considerazione che tale esplosione, in quanto circostanza improvvisa ed imprevedibile, costituisce caso fortuito (T. Milano, ). La responsabilità è stata invece affermata, nel caso di scoppio del pneumatico provocato dalla eccessiva velocità e dalla difettosa manutenzione del veicolo (T. Milano, ; T. Bari, ). Si è inoltre deciso che la responsabilità, nel caso di sinistro causato da difetto di costruzione (nella specie, si trattava di anomalo posizionamento dei fari), deve essere esclusa in presenza di regolare omologazione ed immatricolazione del veicolo, da parte degli organi tecnici all uopo preposti (C. civ., Sez. III, , n. 2964). La norma in esame può infine trovare applicazione anche in caso di incendio del veicolo, quando tale evento sia ascrivibile ad una anomalia costruttiva del mezzo, o ad una difettosa manutenzione dello stesso (P. Reggio Emilia, ). La responsabilità dei genitori (art c.c.; art. 144, d.lg , n. 209) Norma di riferimento: Art c.c. Responsabilità dei genitori, dei tutori, dei precettori e dei maestri d arte... [1] Il padre e la madre, o il tutore, sono responsabili del danno cagionato dal fatto illecito dei figli minori non emancipati o delle persone 2048 soggette alla tutela, che abitano con essi. La stessa disposizione si applica all affiliante. [2] I precettori e coloro che insegnano un mestiere o un arte sono responsabili del danno cagionato dal fatto illecito dei loro allievi e apprendisti nel tempo in cui sono sotto la loro vigilanza. [3] Le persone indicate dai commi precedenti sono liberate dalla responsabilità soltanto se provano di non avere potuto impedire il fatto. 141

INDENNIZZO DIRETTO EX ART. 149 CODICE DELLE ASSICURAZIONI

INDENNIZZO DIRETTO EX ART. 149 CODICE DELLE ASSICURAZIONI INDENNIZZO DIRETTO EX ART. 149 CODICE DELLE ASSICURAZIONI di Guido Belli Cultore di diritto civile nell Università di Bologna SOMMARIO: 1. Il risarcimento diretto. 2. Ambito di applicazione. 3. Questioni

Dettagli

2.1. Le regole dell art. 2054 c.c.

2.1. Le regole dell art. 2054 c.c. Il danno da circolazione di veicoli nell art. 2054 c.c. Il danno da circolazione di veicoli nell art. 2054 c.c. 2. Il danno da circolazione di veicoli nell art. 2054 c.c. 2.1. Le regole dell art. 2054

Dettagli

AutoMia Reale. 6 a 4 a. 2 a A B C D E F G H I. 26 a 30 a 34 a 36 a. 38 a. Contratto di assicurazione per la tutela nella circolazione e nei viaggi

AutoMia Reale. 6 a 4 a. 2 a A B C D E F G H I. 26 a 30 a 34 a 36 a. 38 a. Contratto di assicurazione per la tutela nella circolazione e nei viaggi a14 a 12 10 a 8 a 6 a 4 a a a18 16 a 20 22 a A UTO M I 24 a 26 a 28 a 30 a 32 a 34 a 36 a 38 a CLASSI DI MERITO 2 a A B C L D E F G H I AUTOVETTURE AutoMia Reale Contratto di assicurazione per la tutela

Dettagli

FATTI ILLECITI. Responsabilità da fatto illecito. (art. 2043 c.c.)

FATTI ILLECITI. Responsabilità da fatto illecito. (art. 2043 c.c.) Responsabilità da fatto illecito (art. 2043 c.c.) Qualunque fatto doloso o colposo, che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno Responsabilità extra-contrattuale

Dettagli

La culpa in educando e la culpa in vigilando

La culpa in educando e la culpa in vigilando La culpa in educando e la culpa in vigilando Art. 30 della Costituzione E dovere e diritto dei genitori (mantenere, istruire ed) educare i figli. Art. 147 del Codice Civile prevede ( )l obbligo di (mantenere,

Dettagli

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese Assolombarda - CdS slides 1 1 Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese CHIARA SOMARE Avvocato STUDIO LEGALE I - 20122 MILANO - VIA CURTATONE,

Dettagli

TAMPONAMENTO A CATENA

TAMPONAMENTO A CATENA TAMPONAMENTO A CATENA Un caso abbastanza classico di incidente stradale, che ha avuto una sua regolamentazione sia stragiudiziale (accordo Ania) che un ampia trattazione giudiziale, è quello del tamponamento

Dettagli

LA SURROGA DELL ASSICURATORE

LA SURROGA DELL ASSICURATORE LA SURROGA DELL ASSICURATORE L ASSICURATORE CHE HA PAGATO L INDENNITÀ È SURROGATO, FINO ALLA CONCORRENZA DELL AMMONTARE DI ESSA NEI DIRITTI DELL ASSICURATO VERSO I TERZI RESPONSABILI. (Art. 1916 C.C.)

Dettagli

SEMINARIO 18 APRILE 2013 PREPARAZIONE ALLA MOOT COURT

SEMINARIO 18 APRILE 2013 PREPARAZIONE ALLA MOOT COURT Università degli Studi di Pavia Diritto, Scienza e Nuove Tecnologie A.A. 2012/2013 SEMINARIO 18 APRILE 2013 PREPARAZIONE ALLA MOOT COURT Dott.ssa Chiara Boscarato chiara.boscarato@unipv.it La stampa e

Dettagli

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Errata applicazione dell articolo 126 bis al titolare di patente rilasciata da uno Stato estero All atto di rilascio della patente viene attribuito un

Dettagli

LA RESPONSABILITA CIVILE DELL ASSISTENTE SOCIALE. Avv. Sibilla Santoni

LA RESPONSABILITA CIVILE DELL ASSISTENTE SOCIALE. Avv. Sibilla Santoni LA RESPONSABILITA CIVILE DELL ASSISTENTE SOCIALE Avv. Sibilla Santoni Società sempre più complessa e problematica necessità degli assistenti sociali di conoscere i rischi giuridici a cui vanno incontro

Dettagli

La presente normativa si applica sia alla patente di guida che al certificato di idoneità alla guida di ciclomotori.

La presente normativa si applica sia alla patente di guida che al certificato di idoneità alla guida di ciclomotori. La presente normativa si applica sia alla patente di guida che al certificato di idoneità alla guida di ciclomotori. Procedura Accertamento della violazione da cui consegue decurtazione di punteggio (1)

Dettagli

N. 300/A/1/44285/101/3/3/9 Roma 7 settembre 2005

N. 300/A/1/44285/101/3/3/9 Roma 7 settembre 2005 N. 300/A/1/44285/101/3/3/9 Roma 7 settembre 2005 OGGETTO: Modifiche al Codice della Strada. Legge 17 agosto 2005, n. 168, di conversione con modificazioni del decreto-legge 30 giugno 2005, n. 115 recante

Dettagli

Circolare 21. del 3 novembre 2014. Veicoli concessi in comodato Adempimenti nei confronti della Motorizzazione Civile INDICE

Circolare 21. del 3 novembre 2014. Veicoli concessi in comodato Adempimenti nei confronti della Motorizzazione Civile INDICE Circolare 21 del 3 novembre 2014 Veicoli concessi in comodato Adempimenti nei confronti della Motorizzazione Civile INDICE 1 Premessa... 2 2 Decorrenza... 2 3 Ambito soggettivo... 3 3.1 Soggetti legittimati

Dettagli

POLIZZA RC FAMIGLIA INDICE DICHIARAZIONI DEL CONTRAENTE O ASSICURATO 2 DEFINIZIONI 2 CONDIZIONI GENERALI DI ASSICURAZIONE 3

POLIZZA RC FAMIGLIA INDICE DICHIARAZIONI DEL CONTRAENTE O ASSICURATO 2 DEFINIZIONI 2 CONDIZIONI GENERALI DI ASSICURAZIONE 3 POLIZZA RC FAMIGLIA INDICE DICHIARAZIONI DEL CONTRAENTE O ASSICURATO 2 DEFINIZIONI 2 CONDIZIONI GENERALI DI ASSICURAZIONE 3 NORME CHE REGOLANO L'ASSICURAZIONE IN GENERALE 5 Il presente fascicolo è redatto

Dettagli

L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 4 DEL 9 AGOSTO 2006 REGOLAMENTO CONCERNENTE GLI OBBLIGHI INFORMATIVI A CARICO DELLE IMPRESE IN OCCASIONE DI CIASCUNA SCADENZA ANNUALE DEI CONTRATTI R.C.AUTO DI CUI AL TITOLO XIV (VIGILANZA

Dettagli

PATENTI DI GUIDA (Nota riassuntiva della normativa vigente) 1 - Patente di guida secondo il modello comunitario

PATENTI DI GUIDA (Nota riassuntiva della normativa vigente) 1 - Patente di guida secondo il modello comunitario PATENTI DI GUIDA (Nota riassuntiva della normativa vigente) 1 - Patente di guida secondo il modello comunitario Il 1 luglio 1996 è entrata in vigore la Direttiva n. 91/439/CEE del 29 luglio 1991, recepita

Dettagli

I movimenti franosi da fondi finitimi alle strade appartenenti a pubblico demanio Ipotesi di responsabilità

I movimenti franosi da fondi finitimi alle strade appartenenti a pubblico demanio Ipotesi di responsabilità I movimenti franosi da fondi finitimi alle strade appartenenti a pubblico demanio Ipotesi di responsabilità Dirigente della Avvocatura Provinciale di Vicenza La disciplina civilistica dei rapporti di responsabilità

Dettagli

istruttore di autoscuola

istruttore di autoscuola Standard formativo relativo alla formazione iniziale propedeutica per il conseguimento dell abilitazione e formazione periodica istruttore di autoscuola ai sensi Decreto ministeriale 26 gennaio 2011, n.

Dettagli

PERITI & PERIZIE. manuale per la preparazione dell esame scritto CONSAP RUOLO DEI PERITI ASSICURATIVI

PERITI & PERIZIE. manuale per la preparazione dell esame scritto CONSAP RUOLO DEI PERITI ASSICURATIVI Salvatore Infantino - Alessio Stefano Burato PERITI & PERIZIE manuale per la preparazione dell esame scritto CONSAP RUOLO DEI PERITI ASSICURATIVI Tutti i Questionari d'esame dal 2008 al 2013 commentati

Dettagli

Patente AM CIGC patentino

Patente AM CIGC patentino Patente AM CIGC patentino MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE ED I SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICI Direzione generale per la motorizzazione Divisione

Dettagli

CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it

CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it DANNO DA MORTE: PER OGNI CONGIUNTO SE AGISCE AUTONOMAMENTE VALE IL MASSIMALE CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE, SENTENZA 09.02.2005 N 2653 Svolgimento

Dettagli

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA INDICE SOMMARIO Prefazione........................................ 1 PARTE PRIMA TESTO DELLA LEGGE 24 DICEMBRE 1969 N. 990, come modificato dal D.L. 23 dicembre 1976 n. 857, convertito, con modificazioni,

Dettagli

ISTRUZIONI E ADEMPIMENTI A CARICO DEI PROFESSIONISTI PER LA RICHIESTA DELL ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

ISTRUZIONI E ADEMPIMENTI A CARICO DEI PROFESSIONISTI PER LA RICHIESTA DELL ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale della Toscana Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi ISTRUZIONI E ADEMPIMENTI A CARICO DEI PROFESSIONISTI PER LA RICHIESTA DELL ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI

Dettagli

Come è cambiata la norma

Come è cambiata la norma Come è cambiata la norma Articolo 116 Patente, certificato di abilitazione professionale per la guida di motoveicoli e autoveicoli e certificato di idoneità alla guida di ciclomotori. 1. Non si possono

Dettagli

I produttori di veicolo difettoso (art. 2054, ult. co., c.c.)

I produttori di veicolo difettoso (art. 2054, ult. co., c.c.) diffuso e risponde alle esigenze di un soggetto che ha necessità di reperire dei beni ma non ha i capitali o non ritiene opportuno investirli. Si rivolge all uopo ad una società di leasing che acquista

Dettagli

REGOLAMENTO n. X del XX / XXXX / 2015 L IVASS

REGOLAMENTO n. X del XX / XXXX / 2015 L IVASS REGOLAMENTO n. X del XX / XXXX / 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

L urto nella navigazione da diporto Inquadramento della disciplina ed aspetti applicativi

L urto nella navigazione da diporto Inquadramento della disciplina ed aspetti applicativi L urto nella navigazione da diporto Inquadramento della disciplina ed aspetti applicativi Avv. Enrico Mordiglia Studio Legale Mordiglia Genova - Milano Inquadramento normativo > Codice della nautica da

Dettagli

2. La responsabilità dell amministratore è solo verso i condomini o si riverbera anche nei confronti dei terzi?

2. La responsabilità dell amministratore è solo verso i condomini o si riverbera anche nei confronti dei terzi? LE RESPONSABILITÀ DELL AMMINISTRATORE A cura di: Avv. Salvatore Chiacchio Unioncasa 1. In cosa si sostanzia la responsabilità dell amministratore? 2. La responsabilità dell amministratore è solo verso

Dettagli

Queste le novità introdotte nell articolo 115 del codice della strada, nella versione attuale rispetto a quella modificata.

Queste le novità introdotte nell articolo 115 del codice della strada, nella versione attuale rispetto a quella modificata. Queste le novità introdotte nell articolo 115 del codice della strada, nella versione attuale rispetto a quella modificata. Articolo 115 Requisiti per la guida dei veicoli e la conduzione di animali Prima

Dettagli

SEZIONE RESPONSABILITÀ CIVILE

SEZIONE RESPONSABILITÀ CIVILE COSA ASSICURA COSA ASSICURA 2.1 OGGETTO DEL CONTRATTO Reale Mutua tiene indenne l Assicurato, entro i massimali convenuti in polizza, di quanto questi sia tenuto a pagare, quale civilmente responsabile

Dettagli

UTILIZZAZIONE DI AUTOCARRI PRESI IN COMODATO D USO GRATUITO SENZA CONDUCENTE di Maurizio PIRAINO *

UTILIZZAZIONE DI AUTOCARRI PRESI IN COMODATO D USO GRATUITO SENZA CONDUCENTE di Maurizio PIRAINO * UTILIZZAZIONE DI AUTOCARRI PRESI IN COMODATO D USO GRATUITO SENZA CONDUCENTE di Maurizio PIRAINO * Ai sensi dell art. 1803 del codice civile, approvato con R.D. 16 marzo 1942, n. 262, «il comodato è il

Dettagli

Speciale Asaps TUTTO SU IL SOVRACCARICO Il calcolo, le sanzioni e i punti da decurtare * di Franco MEDRI

Speciale Asaps TUTTO SU IL SOVRACCARICO Il calcolo, le sanzioni e i punti da decurtare * di Franco MEDRI Speciale Asaps TUTTO SU IL SOVRACCARICO Il calcolo, le sanzioni e i punti da decurtare * di Franco MEDRI Due profili identificano l applicazione dell articolo 167 (Trasporto di cose su veicoli a motore

Dettagli

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa a cura dell Avv. Elio Garibaldi 1 RECENTI ORIENTAMENTI DOTTRINALI E GIURISPRUDENZIALI IN ARGOMENTO DI RESPONSABILITA SANITARIA Responsabilità contrattuale

Dettagli

L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 4 DEL 9 AGOSTO 2006 REGOLAMENTO CONCERNENTE GLI OBBLIGHI INFORMATIVI A CARICO DELLE IMPRESE IN OCCASIONE DI CIASCUNA SCADENZA ANNUALE DEI CONTRATTI R.C.AUTO DI CUI AL TITOLO XIV (VIGILANZA

Dettagli

www.vigilaresullastrada.it

www.vigilaresullastrada.it Com è noto, la lettera d) del 1 comma dell articolo 54 c.d.s. definisce gli autocarri come veicoli destinati al trasporto di cose e delle persone addette all'uso o al trasporto delle cose stesse. Per questo

Dettagli

Le procedure stragiudiziali per il risarcimento del danno

Le procedure stragiudiziali per il risarcimento del danno 115 Capitolo VI Le procedure stragiudiziali per il risarcimento del danno Sommario: 1. La denuncia di sinistro - 2. La procedura di risarcimento ordinario - 3. La procedura di risarcimento a favore dei

Dettagli

ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA

ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA 11 UN OBBLIGO O UN OPPORTUNITA? LINEE GUIDA PER UNA SCELTA CONSAPEVOLE Vicenza, 13 giugno 2012 AGENDA DELL INCONTRO 22 NOVITA LEGISLATIVE IL NUOVO OBBLIGO DI

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 luglio 2009 OGGETTO: Modifiche alla disciplina della deducibilità degli interessi passivi dal reddito di impresa Articolo 96 del TUIR.

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE DERIVANTE DALLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI A MOTORE E NATANTI

CAPITOLATO SPECIALE PER LA POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE DERIVANTE DALLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI A MOTORE E NATANTI CAPITOLATO SPECIALE PER LA POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE DERIVANTE DALLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI A MOTORE E NATANTI CONTRAENTE: COMUNE DI BIBBIENA ASSICURAZIONE NELLA FORMA LIBRO MATRICOLA 1 SEZ. 1

Dettagli

I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra

I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra Lecco - 31-10 2009 - acuradi S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it Principi generali della

Dettagli

Articolo 193 comma 4 bis: assicurazione falsa o contraffatta. Come agire? di Maurizio Marchi*

Articolo 193 comma 4 bis: assicurazione falsa o contraffatta. Come agire? di Maurizio Marchi* Articolo 193 comma 4 bis: assicurazione falsa o contraffatta. Come agire? di Maurizio Marchi* Soffermiamoci prima di tutto sulle parole circolazione, veicoli a motore e rimorchi. Circolazione: tenuto conto

Dettagli

POLIZZA AUTO. Nota informativa

POLIZZA AUTO. Nota informativa POLIZZA AUTO Nota informativa La presente nota informativa è stata predisposta dall impresa Credemassicurazioni S.p.A. in conformità alle indicazioni contenute nel D.Lgs. 7 settembre 2005, n. 209, nelle

Dettagli

TEMPI DI GUIDA E DI RIPOSO

TEMPI DI GUIDA E DI RIPOSO TEMPI DI GUIDA E DI RIPOSO L art. 174 del CDS disciplina, come ben sappiamo, la durata della guida degli autoveicoli adibiti al trasporto di persone o cose. Tale articolo, completamente rinnovato dalla

Dettagli

LeggeMania ~ Quos ego

LeggeMania ~ Quos ego LeggeMania ~ Quos ego L AZIONE RISARCITORIA NEL PROCESSO AMMINISTRATIVO Il codice del processo amministrativo ha inciso in modo consistente sull azione di condanna al risarcimento del danno. Prima dell

Dettagli

FLAVIO PECCENINI CIRCOLAZIONE DEIVEICOLI. EESPONSABILITÀ E ASSICURAZIONE

FLAVIO PECCENINI CIRCOLAZIONE DEIVEICOLI. EESPONSABILITÀ E ASSICURAZIONE FLAVIO PECCENINI CIRCOLAZIONE DEIVEICOLI. EESPONSABILITÀ E ASSICURAZIONE CASA EDITRICE DOTT. ANTONIO MILANI 2004 INDICE SOMMARIO Introduzione Pag. XIII PARTE PRIMA Capitolo Primo I VEICOLI E LA CIRCOLAZIONE

Dettagli

OGGETTO: Servizio di rimozione e/o blocco dei veicoli SCHEMA DI CONVENZIONE. Art. 1

OGGETTO: Servizio di rimozione e/o blocco dei veicoli SCHEMA DI CONVENZIONE. Art. 1 OGGETTO: Servizio di rimozione e/o blocco dei veicoli SCHEMA DI CONVENZIONE Art. 1 Il Comune di Bagno a Ripoli, avvalendosi della facoltà attribuita dall art. 354 del D.P.R. 16.12.92 n. 495, affida in

Dettagli

Sezione II - Responsabilità Civile

Sezione II - Responsabilità Civile 10 di 36 Sezione II - Responsabilità Civile Articolo 5 - Oggetto dell assicurazione La Società assicura sino a concorrenza del massimale indicato sul modulo di polizza (partita 3) la somma che l Assicurato

Dettagli

Sintesi delle nuove polizze gratuite per gli iscritti alla UIL Scuola migliorative rispetto alle precedenti e con effetto dal 1 febbraio 2012.

Sintesi delle nuove polizze gratuite per gli iscritti alla UIL Scuola migliorative rispetto alle precedenti e con effetto dal 1 febbraio 2012. Sintesi delle nuove polizze gratuite per gli iscritti alla UIL Scuola migliorative rispetto alle precedenti e con effetto dal 1 febbraio 2012. 1. INFORTUNI polizza numero 1331/ 77 / 327 1. L assicurazione

Dettagli

MANUALE DEL RISARCIMENTO PER IL DANNO ALLA PERSONA

MANUALE DEL RISARCIMENTO PER IL DANNO ALLA PERSONA Novità Aprile 2014 Con Rassegna delle più significative sentenze suddivisa in base alle più importanti e attuali questioni giurisprudenziali Patrimoniale Non patrimoniale Biologico Morale Esistenziale

Dettagli

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE INFORMA. Circolare informativa - ottobre 2009 Materia Giuridica: Mediazione tipica e mediazione atipica: i nuovi profili di responsabilità delineati dalla pronuncia della Cassazione civile 14.07.2009 n.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Le patenti sono 15, ciascuna con una sua autonomia, senza categorie e sottocategorie.

Le patenti sono 15, ciascuna con una sua autonomia, senza categorie e sottocategorie. ENTRA IN VIGORE LA PATENTE UNICA EUROPEA (parte generale) 19 gennaio 2013: entra in vigore la patente dell Unione Europea, unica ed uguale per tutti i cittadini europei, in formato card, con la foto digitale

Dettagli

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Napoli, lì 11 aprile

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 750 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato PANIZ Introduzione dell articolo 283-bis e modifica all articolo 286 del codice delle assicurazioni

Dettagli

Annotazione sulla carta di circolazione dei dati dell utilizzatore dell auto solo per gli atti posti in essere dal 03.11.2014

Annotazione sulla carta di circolazione dei dati dell utilizzatore dell auto solo per gli atti posti in essere dal 03.11.2014 Ai gentili clienti Loro sedi Annotazione sulla carta di circolazione dei dati dell utilizzatore dell auto solo per gli atti posti in essere dal 03.11.2014 Con riferimento all'obbligo previsto dall'art.

Dettagli

Pag. 1 di 10. Certificato di idoneità alla guida del ciclomotore

Pag. 1 di 10. Certificato di idoneità alla guida del ciclomotore Pag. 1 di 10 Certificato di idoneità alla guida del ciclomotore DCRUO Relazioni Industriali Settembre 2005 Pag. 2 di 10 INDICE Scopo e campo di applicazione pag. 3 Principi generali pag. 3 Riferimenti

Dettagli

Art. 116. Patente, certificato di abilitazione professionale per la guida di motoveicoli e autoveicoli e certificato di idoneità alla guida di ciclomotori 1. Non si possono guidare autoveicoli e motoveicoli

Dettagli

Cass. Sez. III 02 Luglio 2010 n 15706

Cass. Sez. III 02 Luglio 2010 n 15706 Il danno tanatologico Cass. Sez. III 02 Luglio 2010 n 15706 Veronica Maina Valeria Mastrolembo Barnà Parti Familiari della vittima Generali Assicurazioni SpA T.R. Fatti Il minore viaggiava sul ciclomotore

Dettagli

LE NUOVE PATENTI DI GUIDA (dal 19 gennaio 2013)

LE NUOVE PATENTI DI GUIDA (dal 19 gennaio 2013) LE NUOVE PATENTI DI GUIDA (dal 19 gennaio 2013) N.B. LA PATENTE AM E RICOMPRESA IN OGNI ALTRA CATEGORIA CATEGORIA (Età minima) VEICOLI AM (14 anni) ciclomotori a due ruote (cat. L1e) con velocità massima

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BUBBICO e FIORONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 5 LUGLIO 2010 Modifiche al codice delle assicurazioni

Dettagli

La responsabilità da illeciti tributari

La responsabilità da illeciti tributari La responsabilità da illeciti tributari La disciplina della responsabilità amministrativa nei casi di violazioni che abbiano inciso sulla determinazione o sul pagamento del tributo è differente a seconda

Dettagli

1) SULL OPERATIVITA IN PRIMO O SECONDO RISCHIO DELLE DUE

1) SULL OPERATIVITA IN PRIMO O SECONDO RISCHIO DELLE DUE A.- POLIZZA R.C. PROFESSIONALE 1) SULL OPERATIVITA IN PRIMO O SECONDO RISCHIO DELLE DUE POLIZZE. La polizza Assicuratrice Milanese spa regolamenta il profilo in esame all art. 16 n. 2 delle condizioni

Dettagli

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila)

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) Studio Legale Celotti www.studiolegalecelotti.it CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sezione Lavoro Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006 (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Dettagli

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale del Veneto Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Il visto di conformità, disciplinato dall

Dettagli

INCIDENTE STRADALE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE SENTENZA

INCIDENTE STRADALE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE SENTENZA INCIDENTE STRADALE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE SENTENZA 28 settembre 2012, n.16520 Persona danneggiata non è solo la vittima diretta dell'incidente, ma anche i prossimi congiunti o gli aventi

Dettagli

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO www.collegioperitiagrarisa.it - e-mail: collegio.salerno@pec.peritiagrari.it - collegio.salerno@peritiagrari.it Prot.

Dettagli

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale del Veneto Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Il visto di conformità, disciplinato dall

Dettagli

- ALLE PREFETTURE-UFFICI TERRITORIALI DEL GOVERNO

- ALLE PREFETTURE-UFFICI TERRITORIALI DEL GOVERNO \ Dipartimento Pubblica Sicurezza Servizio Polizia Stradale Registrato il 1310812015 Prot.300lA/5718/151149J2015103 IIIIII~IIIIH 227539 DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LA POLIZIA

Dettagli

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita 1 La Cassazione chiarisce le conseguenze penali della sottrazione agli obblighi di mantenimento (cd. assegno) e l'ambito di applicazione dell'art. 3 della legge n. 54/2006. Corte di Cassazione, Sezione

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo I LA FASE STRAGIUDIZIALE. F004 Denuncia di sinistro ex art. 143 D.Lgs. n. 209/ 2005 (I ipotesi)... Pag.

INDICE SOMMARIO. Capitolo I LA FASE STRAGIUDIZIALE. F004 Denuncia di sinistro ex art. 143 D.Lgs. n. 209/ 2005 (I ipotesi)... Pag. Capitolo I LA FASE STRAGIUDIZIALE F001 Denuncia di sinistro ex art. 143 D.Lgs. n. 209/ 2005 (I ipotesi)... Pag. 3 F002 Denuncia di sinistro ex art. 143 D.Lgs. n. 209/ 2005 (II ipotesi)...» 4 F003 Denuncia

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

STRALCIO DEI PRINCIPALI ARTICOLI DEL CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE INERENTI L RC AUTO APPENDICE NORMATIVA

STRALCIO DEI PRINCIPALI ARTICOLI DEL CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE INERENTI L RC AUTO APPENDICE NORMATIVA ART. 129 - SOGGETTI ESCLUSI DALL ASSICURAZIONE 1 Non e considerato terzo e non ha diritto ai benefici derivanti dal contratto di assicurazione obbligatoria il solo conducente del veicolo responsabile del

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Membro designato dalla Banca d'italia Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio Membro designato dalla Banca d'italia

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli

LE DELEGHE IN ASSEMBLEA

LE DELEGHE IN ASSEMBLEA LE DELEGHE IN ASSEMBLEA La forma della delega Il Regolamento di Condominio La delega all Amministratore Contrasti tra condomino e delegato I comproprietari e altri casi Commenti e precisazioni A CURA DEL

Dettagli

SULPL ALESSANDRIA NEWS Periodico di informazione tecnica, giuridica, sindacale e di attualità per gli operatori della polizia locale

SULPL ALESSANDRIA NEWS Periodico di informazione tecnica, giuridica, sindacale e di attualità per gli operatori della polizia locale REGIONE PIEMONTE SEGRETERIA PROVINCIALE ALESSANDRIA e_mail: alessandria@sulpm.net SULPL ALESSANDRIA NEWS Periodico di informazione tecnica, giuridica, sindacale e di attualità per gli operatori della polizia

Dettagli

DANNI DA RESPONSABILITA' (OGGETTIVA?) DI CHI SI SERVE DELL'ANIMALE Riccardo MAZZON

DANNI DA RESPONSABILITA' (OGGETTIVA?) DI CHI SI SERVE DELL'ANIMALE Riccardo MAZZON DANNI DA RESPONSABILITA' (OGGETTIVA?) DI CHI SI SERVE DELL'ANIMALE Riccardo MAZZON P&D.IT La responsabilità oggettiva per il danno causato dall'animale non riguarda solo il proprietario, ma anche chi eventualmente

Dettagli

Roma, 20 febbraio 2008

Roma, 20 febbraio 2008 RISOLUZIONE N. 6/DPF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE FISCALI Roma, 20 febbraio 2008 UFFICIO STUDI E POLITICHE GIURIDICO TRIBUTARIE Prot. 1619/2008 OGGETTO: Imposta

Dettagli

Cosa dobbiamo sapere prima di metterci alla guida di un ciclomotore?

Cosa dobbiamo sapere prima di metterci alla guida di un ciclomotore? a cura del Comando di Polizia Locale del Comune di Trasacco Cosa dobbiamo sapere prima di metterci alla guida di un ciclomotore? COS E UN VEICOLO? Per veicoli si intendono tutte le macchine di qualsiasi

Dettagli

Inabilità temporanea totale al lavoro dell assicurato

Inabilità temporanea totale al lavoro dell assicurato UD4 UD4 Lesione degli interessi e protezione del credito L interesse comune di di portare a termine il il rimborso dei canoni di di leasing può subire una lesione nel caso in in cui l utilizzatore non

Dettagli

Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati

Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati La Responsabiilliità Verso ii Prestatorii d Opera Studio Assicurativo Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati La copertura R.C.O. La Ratio della Garanzia RCO Non sempre è chiaro per

Dettagli

Responsabilità Civile Natanti a Motore

Responsabilità Civile Natanti a Motore Responsabilità Civile Natanti a Motore Condizioni Generali di Assicurazione L Impresa assicura, in conformità alle norme della Legge e del Regolamento, i rischi della responsabilità civile per i quali

Dettagli

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Cassazione Sentenza n. 3922/2012 commento e testo Studio legale law In materia

Dettagli

DIZIONARIO. Contraente: il soggetto che stipula l assicurazione. Relativamente alla presente Polizza esso è identificato come il Co.E.S.

DIZIONARIO. Contraente: il soggetto che stipula l assicurazione. Relativamente alla presente Polizza esso è identificato come il Co.E.S. Polizza Tutela giudiziaria ad personam e Indennità di sospensione/perdita punti della patente (polizza n. 58/30.314.506 e appendice n. 31.631.543) DIZIONARIO Alle seguenti denominazioni le parti attribuiscono

Dettagli

SISTRI Obblighi e responsabilità del produttore, del trasportatore, del destinatario e del delegato

SISTRI Obblighi e responsabilità del produttore, del trasportatore, del destinatario e del delegato SISTRI Obblighi e responsabilità del produttore, del trasportatore, del destinatario e del delegato Paola Ficco Roma, 26 aprile 2010 Nulla cambia in ordine al riparto di responsabilità tra produttore e

Dettagli

!!"#$#%&'()!*'++'!,$-(.%&(/&&/('!!!!!!!!!!!!!!'!*'#!0(.%1)(&#!

!!#$#%&'()!*'++'!,$-(.%&(/&&/('!!!!!!!!!!!!!!'!*'#!0(.%1)(&#! !!"#$#%&'()!*'++'!,$-(.%&(/&&/('!!!!!!!!!!!!!!'!*'#!0(.%1)(&#! DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE DIREZIONE GENERALE PER IL TRASPORTO STRADALE E PER L INTERMODALITA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

POLIZZA NAUTICA. per l assicurazione di unità da diporto

POLIZZA NAUTICA. per l assicurazione di unità da diporto POLIZZA NAUTICA per l assicurazione di unità da diporto Condizioni di Assicurazione Sommario 1 Definizioni 2 Condizioni Generali di Assicurazione valide per tutte le garanzie 3 Garanzie: Responsabilità

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO I CIRCOLAZIONE STRADALE E PROFILI DI RESPONSABILITÀ CIVILE. Sezione I LA FASE STRAGIUDIZIALE

INDICE SOMMARIO CAPITOLO I CIRCOLAZIONE STRADALE E PROFILI DI RESPONSABILITÀ CIVILE. Sezione I LA FASE STRAGIUDIZIALE INDICE SOMMARIO CAPITOLO I CIRCOLAZIONE STRADALE E PROFILI DI RESPONSABILITÀ CIVILE Sezione I LA FASE STRAGIUDIZIALE 1. La denuncia di sinistro... Pag. 3 2. La richiesta di informazioni ai sensi dell art.

Dettagli

Inquadramento giuridico e responsabilità

Inquadramento giuridico e responsabilità Proprietario Custode Detentore Inquadramento giuridico e responsabilità Proprietario Proprietà Definizione La proprietà è il diritto di godere e di disporre delle cose in modo pieno ed esclusivo, entro

Dettagli

COMUNE DI MASSA MARITTIMA

COMUNE DI MASSA MARITTIMA COMUNE DI MASSA MARITTIMA DISCIPLINARE CONDIZIONI COPERTURA ASSICURATIVA R.C. VEICOLI DEL COMUNE DI MASSA MARITTIMA A) ASSICURAZIONE RESPONSABILITA' CIVILE AUTOMEZZI (n. 17 veicoli) Copertura assicurativa

Dettagli

POLIZZA PER L ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ CIVILE AUTO LIBRO MATRICOLA

POLIZZA PER L ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ CIVILE AUTO LIBRO MATRICOLA Contraente / Ente POLIZZA PER L ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ CIVILE AUTO LIBRO MATRICOLA Partita I.V.A. COMUNE DI GUALTIERI 00440630358 sede legale c.a.p. Località Piazza Bentivoglio 26 42044 GUALTIERI

Dettagli

CATEGORIE delle PATENTI di GUIDA e CERTIFICATI PROFESSIONALI

CATEGORIE delle PATENTI di GUIDA e CERTIFICATI PROFESSIONALI CATEGORIE delle PATENTI di GUIDA e CERTIFICATI PROFESSIONALI A3 21 A2 18 A1 16 Motocicli leggeri Tricicli a 3 ruote Quadricicli di (Max 125 cm 3 e 11 kw) simmetriche massa a vuoto con o senza sidecar fino

Dettagli

COMUNIONE: LA RAPPRESENTANZA RECIPROCA CON LEGITTIMAZIONE SOSTITUTIVA Annotazione a Corte di appello di Roma, sezione quarta, sentenza del 13.2.2013.

COMUNIONE: LA RAPPRESENTANZA RECIPROCA CON LEGITTIMAZIONE SOSTITUTIVA Annotazione a Corte di appello di Roma, sezione quarta, sentenza del 13.2.2013. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 ----------------------------------------------- COMUNIONE: LA RAPPRESENTANZA RECIPROCA CON LEGITTIMAZIONE SOSTITUTIVA Annotazione

Dettagli

Corpo Polizia Municipale Terre Estensi DIVISIONE Iª COMPARTO ATTIVITÀ INTERNE VICECOMANDANTE - COORDINAMENTO UFFICIO STUDI

Corpo Polizia Municipale Terre Estensi DIVISIONE Iª COMPARTO ATTIVITÀ INTERNE VICECOMANDANTE - COORDINAMENTO UFFICIO STUDI Corpo Polizia Municipale Terre Estensi DIVISIONE Iª COMPARTO ATTIVITÀ INTERNE VICECOMANDANTE - COORDINAMENTO UFFICIO STUDI Ferrara, 7 agosto 2015 Ai Sigg. Ispettori per l adeguata diffusione CIRCOLARE

Dettagli

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI Studio n. 100/2003/T DECADENZA DALLE C.D. AGEVOLAZIONI PRIMA CASA Approvato dalla Commissione studi tributari il 19 dicembre 2003. 1. Introduzione Con il comma 5 dell art. 41

Dettagli

Cassazione Penale - Sez. III n. 11820 del 13 marzo 2013

Cassazione Penale - Sez. III n. 11820 del 13 marzo 2013 Responsabilità del comproprietario per opere su area in comunione di Avv. Rosa Bertuzzi. inviato il 13 aprile 2013 Cassazione Penale - Sez. III n. 11820 del 13 marzo 2013 Il comproprietario ha il potere

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOVEICOLI DI SERVIZIO INDICE:

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOVEICOLI DI SERVIZIO INDICE: REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOVEICOLI DI SERVIZIO INDICE: Art. 1 - Oggetto del regolamento Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Destinazione degli autoveicoli Art. 4 - Uso degli autoveicoli destinati ai

Dettagli