La responsabilità del proprietario. (art. 2054, 3º e 4º co., c.c.; art. 115 c.d.s.)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La responsabilità del proprietario. (art. 2054, 3º e 4º co., c.c.; art. 115 c.d.s.)"

Transcript

1 La responsabilità del proprietario 5. L autoscuola B La disciplina delle autoscuole, contenuta nell art. 123 c.d.s., conferma il principio della facoltatività del metodo di apprensione della guida dei veicoli a motore (Giarrusso, Tito, 250): come noto, infatti, non è obbligatorio ricorrere alle autoscuole, giacchè l esercitazione alla guida può essere svolta privatamente, sotto la supervisione di un istruttore non professionista. Le norme relative al funzionamento delle autoscuole (art. 123 c.d.s.; art. 335 e art. 336 reg. c.d.s.; d.m , n. 317) esulano dalle finalità della presente trattazione (in argomento, si rinvia a Bellagamba, Cariti, 220 ss.). Ai nostri fini, pare unicamente opportuno individuare i presupposti della responsabilità civile delle autoscuole. In primo luogo, le autoscuole risponderanno, di norma e qualora siano proprietarie (ovvero usufruttuarie, o acquirenti con patto di riservato dominio) dei veicoli adibiti alle esercitazioni di guida, secondo il principio generale stabilito dall art. 2054, 3º co., c.c.; si osservi che l art. 6, 4º co., d.m , n. 317, dispone che tutti i veicoli siano immatricolati a nome del titolare dell autoscuola ovvero a nome dell ente o della società o del consorzio che ha costituito il centro di istruzione; il successivo 5º co. ammette anche il ricorso al contratto di leasing. In secondo luogo, qualora gli istruttori addetti alle esercitazioni di guida siano dipendenti dell autoscuola, la stessa a norma dell art risponderà, in solido con i primi, per i danni da loro arrecati. La responsabilità del proprietario (art. 2054, 3º e 4º co., c.c.; art. 115 c.d.s.) Norma di riferimento: Art c.c. Circolazione di veicoli [1] Il conducente di un veicolo senza guida di rotaie è obbligato a risarcire il danno prodotto a persone o a cose dalla circolazione del veicolo, se non prova di aver fatto tutto il possibile per evitare il danno. [2] Nel caso di scontro tra veicoli si presume, fino a prova contraria, che ciascuno dei conducenti abbia concorso ugualmente a produrre il danno subìto dai singoli veicoli 1. [3] Il proprietario del veicolo o, in sua vece, l usufruttuario o l acquirente con patto di riservato dominio, è responsabile in solido col conducente, se non prova che la circolazione del veicolo è avvenuta contro la sua volontà. [4] In ogni caso le persone indicate dai commi precedenti sono responsabili dei danni derivati da vizi di costruzione o da difetto di manutenzione del veicolo. 1 La C. Cost., , n. 205, ha dichiarato l illegittimità costituzionale dell art. 2054, 2º co., c.c., limitatamente alla parte in cui nel caso di scontro tra veicoli, esclude che la presunzione di egual concorso dei conducenti operi anche se uno dei veicoli non abbia riportato danni. Norma di riferimento: Art. 115, d.lg , n. 285 Requisiti per la guida dei veicoli e la conduzione di animali [1] Chi guida veicoli o conduce animali deve essere idoneo per requisiti fisici e psichici e aver compiuto: a) anni quattordici per guidare veicoli a trazione animale o condurre animali da tiro, da soma o da sella, ovvero armenti, greggi o altri raggruppamenti di animali; 131

2 Parte II - I soggetti obbligati al risarcimento b) anni quattordici per guidare ciclomotori purché non trasporti altre persone oltre al conducente 1 ; c) anni sedici per guidare: motoveicoli di cilindrata fino a 125 cc che non trasportino altre persone oltre al conducente; macchine agricole o loro complessi che non superino i limiti di sagoma e di peso stabiliti per i motoveicoli e che non superino la velocità di 40 km/h, la cui guida sia consentita con patente di categoria A, sempreché non trasportino altre persone oltre al conducente; d) anni diciotto per guidare: 1) ciclomotori, motoveicoli; autovetture e autoveicoli per il trasporto promiscuo di persone e cose; autoveicoli per uso speciale, con o senza rimorchio; macchine agricole diverse da quelle indicate alla lettera c), ovvero che trasportino altre persone oltre al conducente; macchine operatrici 2 ; 2) autocarri, autoveicoli per trasporti specifici, autotreni, autoarticolati, adibiti al trasporto di cose la cui massa complessiva a pieno carico non superi 7,5 t; 3) i veicoli di cui al punto 2) la cui massa complessiva a pieno carico, compresa la massa dei rimorchi o dei semirimorchi, superi 7,5 t, purché munito di un certificato di abilitazione professionale rilasciato dal competente ufficio del Dipartimento per i trasporti terrestri 3 ; e) anni ventuno per guidare: i veicoli di cui al punto 3) della lettera d), quando il conducente non sia munito del certificato di abilitazione professionale; motocarrozzette ed autovetture in servizio di piazza o di noleggio con conducente; autobus, autocarri, autotreni, autosnodati, adibiti al trasporto di persone, nonché i mezzi adibiti ai servizi di emergenza. [2] Chi guida veicoli a motore non può aver superato: a) anni sessantacinque per guidare autotreni ed autoarticolati la cui massa complessiva a pieno carico sia superiore a 20 t; b) anni sessanta per guidare autobus, autocarri, autotreni, autoarticolati, autosnodati, adibiti al trasporto di persone. Tale limite può essere elevato, anno per anno, fino a sessantacinque anni qualora il conducente consegua uno specifico attestato sui requisiti fisici e psichici a seguito di visita medica specialistica annuale, secondo le modalità stabilite nel regolamento. [3] Chiunque guida veicoli o conduce animali e non si trovi nelle condizioni richieste dal presente articolo è soggetto, salvo quanto disposto nei successivi commi, alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 71 a euro 286. Qualora trattasi di motoveicoli e autoveicoli di cui al comma 1, lettera e), è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 143 a euro 573. [4] Il minore degli anni diciotto, munito di patente di categoria A, che guida motoveicoli di cilindrata superiore a 125 cc o che trasporta altre persone su motoveicoli di cilindrata non superiore a 125 cc è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 35 a euro 143. La stessa sanzione si applica al conducente di ciclomotore che trasporti un passeggero senza aver compiuto gli anni diciotto 4. [5] Chiunque, avendo la materiale disponibilità di veicoli o di animali, ne affida o ne consente la condotta a persone che non si trovino nelle condizioni richieste dal presente articolo è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 35 a euro 143 se si tratta di veicolo o alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 21 a euro 85 se si tratta di animali. [6] Le violazioni alle disposizioni che precedono, quando commesse con veicoli a 132

3 La responsabilità del proprietario motore, importano la sanzione accessoria del fermo amministrativo del veicolo per giorni trenta, secondo le norme di cui al Capo I, Sezione II, del Titolo VI 5. 1 Lettera così sostituita dall art. 5, d.lg , n. 9, con la decorrenza indicata nell art. 19 dello stesso decreto. 2 Numero così modificato dall art. 5, d.lg , n. 9, con la decorrenza indicata nell art. 19 dello stesso decreto. 3 La denominazione dell ufficio è stata così sostituita ai sensi di quanto disposto dall art. 17, d.lg , n. 9, con la decorrenza indicata nell art. 19 dello stesso decreto. 4 Comma così modificato dall art. 5, d.lg , n. 9, con la decorrenza indicata nell art. 19 dello stesso decreto. 5 Articolo così modificato, con effetto dal , dall art. 56, d.lg , n Con d.m si è provveduto, ai sensi dell art. 195, 3º co. e 3º co. bis del presente decreto, all aggiornamento biennale della sanzione nella misura sopra riportata. Riferimenti normativi: Artt. 2043, 2046, 2048, 2049, 2051 c.c.; art. 28, l , n. 142; artt. 140, 141, 283, d.lg , n Bibliografia: Alpa, Costruzione di autoveicoli, clausole di esonero e responsabilità dell impresa. Per una diversa lettura dell articolo 2054, ultimo comma, codice civile, ingi, I, 1975; Alpa, Bessone, Zeno Zencovich, Obbligazioni e contratti, VI, in Tratt. Rescigno, XIV, 2ª ed., Torino, 1995; Autorino Stanzione, Sica, Circolazione di autoveicoli e responsabilità civile, Milano, 1995; Bianca, Diritto Civile, V, La responsabilità, Milano, 1994; Carnevali, Persone trasportate e art c.c.: la nuova giurisprudenza della Cassazione, inrcp, 1999; Franzoni, Dei fatti illeciti, incomm. Scialoja, Branca, Bologna-Roma, 1993; Galgano, Diritto civile e commerciale, II, 2, 4ª ed., Padova, 2005; Griffey, La responsabilità civile per la circolazione dei veicoli e dei natanti, Milano, 1995; Monateri, La responsabilità civile, intratt. Sacco, III, Torino, 1998; Peccenini, La responsabilità civile per la circolazione dei veicoli, inaa.vv., La responsabilità civile, diretta da Alpa e Bessone, II, 2, in Giur. sist. Bigiavi, Torino, 1987; Rovelli, Responsabilità civile per danni cagionati da vizi di costruzione e da difetti di manutenzione di veicoli senza guida di rotaia, inrgct, 1972; Salvi, La responsabilità civile, in Tratt. Iudica, Zatti, 2ª ed., Milano, 2005; Trimarchi, Rischio e responsabilità oggettiva, Milano, 1961; Venditti, Sull obbligo del proprietario di risarcire i danni non patrimoniali causati dall illecito penale del conducente, ingc, 1962; Visintini, Trattato breve della responsabilità civile, 3ª ed., Padova, Sommario: 1. La responsabilità del proprietario: natura e funzione. 2. Proprietario, usufruttuario e acquirente con patto di riservato dominio. Prova della proprietà. 3. Presupposti soggettivi ed oggettivi della responsabilità del proprietario. 4. Eventuali titoli concorrenti di responsabilità del proprietario (cenni). 5. La responsabilità del proprietario nei confronti del terzo trasportato a titolo di cortesia. 6. La prova liberatoria: la circolazione contro la volontà del proprietario. 7. La responsabilità per vizi di costruzione o difetti di manutenzione La responsabilità del proprietario: natura e funzione L art. 2054, 3º co., c.c., dispone che il proprietario del veicolo o, in sua vece, l usufruttuario o l acquirente con patto di riservato dominio, è responsabile per i danni prodotti a persone o cose dalla circolazione del veicolo, in solido con il conducente, se non prova che la circolazione è avvenuta contro la sua volontà. B La dottrina prevalente, ritiene che la norma citata introduca un ipotesi di responsabilità oggettiva, poiché il proprietario è tenuto a risarcire i danni prodotti dalla circolazione 133

4 Parte II - I soggetti obbligati al risarcimento dal veicolo anche ove non sussista una propria colpa, in relazione alla causazione dell evento. Invero, la prova della mancanza di una colpa specifica del proprietario, non varrebbe a liberare quest ultimo dalla responsabilità, poiché la norma in esame richiede la ben più rigorosa dimostrazione del fatto che il veicolo è stato messo in circolazione contro la volontà del proprietario (Bianca, Diritto Civile, V, La responsabilità, Milano, 1994, 758; Salvi, La responsabilità civile, intratt. Iudica, Zatti, Milano, 2ª ed., 2005, 206). La responsabilità del proprietario si configura, inoltre, come responsabilità indiretta, poiché quest ultimo è chiamato a rispondere del fatto del conducente del proprio veicolo. In virtù del carattere indiretto della responsabilità, si ritiene che il proprietario, ove sia chiamato a risarcire i danni prodotti, può rivalersi nei confronti del conducente per l intero (Franzoni, Dei fatti illeciti,incomm. Scialoja, Branca, Bologna-Roma, 1993, 695). Del pari, si afferma che il proprietario è tenuto in solido anche al risarcimento del danno morale, senza che sia necessario accertare la sussistenza di un illecito autonomo, imputabile al proprietario stesso (Monateri, La responsabilità civile, intratt. Sacco, III, Torino, 1998, 1106; Venditti, Sull obbligo del proprietario di risarcire i danni non patrimoniali causati dall illecito penale del conducente, ingc, 1962, I, 2188). A Va segnalato, a quest ultimo riguardo, che, recentemente, la Suprema Corte, mutando il precedente orientamento, ha affermato la risarcibilità del danno morale, anche nel caso in cui la colpa del conducente sia soltanto presunta, ai sensi dell art. 2054, 2º co., c.c. (C. civ., Sez. III, , n. 8827; C. civ., Sez. III, , n. 7283; C. civ., Sez. III, , n. 7281). La soluzione ha ricevuto l autorevole avallo della Corte Costituzionale (C. Cost., , n. 233). Quale ulteriore conseguenza della responsabilità indiretta del proprietario, ai sensi della norma in commento, occorre considerare il fatto che quest ultimo, ove abbia riportato danni in proprio nel sinistro (danni alla persona, oppure danni materiali al proprio veicolo) ed intenda agire nei confronti del conducente dell altro veicolo, può vedersi eccepito il concorso di colpa del proprio conducente, con conseguente decurtazione del risarcimento. Resta salva, in quest ultima ipotesi, la possibilità diagire nei confronti del conducente del proprio veicolo, per la residua parte dei danni subiti (Ô C. civ., Sez. III, , n. 726; C.civ.,Sez.III, ,n.2260;P.Spezia, ). La disposizione in esame, è ispirata da una essenziale funzione di garanzia nei confronti dei soggetti danneggiati, contro il pericolo di insolvenza dell autore del danno: l affermazione della responsabilità solidale del proprietario, invero, attribuisce al danneggiato la possibilità di far valere una distinta responsabilità patrimoniale, in relazione al credito inerente al risarcimento dei danni. Sotto questo profilo, la norma in commento, introduce una peculiare ipotesi di responsabilità, fondata sul criterio dell imputazione al proprietario del rischio inerente alla circolazione del veicolo, per l intrinseca pericolosità della stessa (Ô C. civ., Sez. III, , n ; C. civ., Sez. III, , n ). 2. Proprietario, usufruttuario e acquirente con patto di riservato dominio. Prova della proprietà B Per quanto concerne i soggetti responsabili, si ritiene che la responsabilità dell usufruttuario, o, dell acquirente con patto di riservato dominio, sia alternativa rispetto a quella del proprietario: vale a dire che in caso di usufrutto, o di vendita con riserva della proprietà, la responsabilità dei primi, esclude quella del proprietario (Galgano, Diritto civile e commerciale, II, 2, 4ª ed., Padova, 2004, 449). In caso di pluralità di comproprietari del veicolo, tutti sono responsabili, in solido con il conducente, nei confronti del danneggiato, per il risarcimento dei danni. Del pari, nel caso di veicolo composto da più parti, ciascuna delle quali sia di proprietà di 134

5 La responsabilità del proprietario soggetti tra loro distinti, ciascuno dei proprietari è considerato responsabile. A Così, nel caso di un semirimorchio, agganciato ad una motrice, appartenenti, rispettivamente, a due diversi proprietari, anche il proprietario del semirimorchio è stato condannato a risarcire i danni prodotti dal conducente della motrice (C. pen., ; A. Firenze, ). Più complesso è il problema della responsabilità del coniuge comproprietario del veicolo, in virtù del regime patrimoniale della comunione dei beni. La tesi per la quale il coniuge in regime di comunione dei beni deve essere ritenuto responsabile, in via solidale, ai sensi dell art. 2054, 3º co., c.c., ha ricevuto il riconoscimento della Corte Costituzionale (C. Cost., , n. 301). In termini analoghi, la Suprema Corte, in un caso in cui si discuteva del problema della esclusione del coniuge comproprietario dal novero dei soggetti aventi diritto ai benefici dell assicurazione obbligatoria (nel regime anteriore alle modifiche introdotte dall art. 28, l , n. 142, che come è noto ha esteso la copertura assicurativa anche al coniuge comproprietario, per i danni alla persona), ha ribadito che tale esclusione risultava interamente collegata alla qualità di comproprietario del veicolo, qualità cui ineriva la relativa responsabilità solidale del coniuge. Per questa ragione, la Corte ha dichiarato manifestamente infondata l eccezione di illegittimità costituzionale proposta in relazione all art. 4, lett. a), l , n. 990, nel testo precedente alla modifica di cui all art. 28, l , n. 142 (C. civ., Sez. III, , n. 1292). La Suprema Corte ha inoltre recentemente deciso che, in caso di comunione dei beni tra coniugi, la comunione medesima deve considerarsi pro indiviso, sicché il diritto di ciascuno dei coniugi investe l intera cosa. Donde l esclusione di una responsabilità (meramente) pro quota, al 50%, del coniuge comproprietario, poiché quest ultimo deve invece ritenersi responsabile per l intero, in solido con l altro coniuge (C. civ., Sez. III, , n. 487). L onere della prova, per quanto concerne la proprietà del veicolo, ai fini della sussistenza della responsabilità di cui alla norma in commento, incombe sul danneggiato. Le risultanze del Pubblico Registro Automobilistico, sotto questo profilo, hanno soltanto valore presuntivo, sicché è sempre consentito fornire la prova contraria (C. civ., Sez. III, , n. 4196). La prova contraria, può essere data con ogni mezzo, anche mediante testimoni (C. civ., Sez. III, , n. 503). 3. Presupposti soggettivi ed oggettivi della responsabilità del proprietario A Passando ai presupposti per la condanna del proprietario, va, in primo luogo, posto in rilievo che, secondo la Suprema Corte, l affermazione della responsabilità di quest ultimo, postula la capacità di intendere e di volere del responsabile operando, in caso contrario, la clausola generale di esonero di cui all art c.c., ciò, sia nel caso in cui proprietario e conducente coincidano, sia nel caso che si tratti di persone diverse (C. civ., Sez. III, , n. 5024). Vengono poi in rilievo i presupposti richiesti per l applicazione dell art c.c. In primo luogo, deve trattarsi di sinistro verificatosi su una strada pubblica, ovvero su strada privata soggetta ad uso pubblico, sulla quale vi sia traffico di veicoli, o, pedoni (Ô C. civ., Sez. III, , n ; C. civ., Sez. III, , n. 7015; C. civ., Sez. III, , n. 965). L esistenza di un divieto di transito, non esclude il carattere di strada pubblica di una strada comunale, ai fini dell applicabilità della norma menzionata (C. civ., Sez. III, , n ). Secondo la Suprema Corte, nel caso di sinistro avvenuto all interno di un fondo agricolo, sulla carreggiata di un podere, non può trovare applicazione la norma in esame, trattandosi di area privata (C. civ., Sez. III, , n. 7015). Del pari, si è deciso che nell ipotesi di danni causati da una errata manovra di retromarcia, nello spazio interno di uno stabilimento privato, non aperto al pubblico transito, non trovi applicazione 135

6 Parte II - I soggetti obbligati al risarcimento l art. 2054, 3º co., c.c., bensì l art c.c. (T. Palermo, ). Si è invece concluso per l applicabilità della norma, con conseguente affermazione di responsabilità nei confronti dell associazione proprietaria del veicolo, in caso di investimento di un pedone ad opera di una golf car, in base al rilievo che all interno di un circolo sportivo, pur trattandosi di area privata, si verificano sistematici spostamenti di giocatori, a piedi, o, mediante apposti veicoli, all uopo messi a disposizione dall ente gestore dell impianto (T. Milano, ). Come è noto, la norma in commento presuppone che il danno sia stato prodotto dalla circolazione del veicolo. Sul punto, la giurisprudenza privilegia una nozione estensiva di circolazione. Si ritiene, in particolare, che la responsabilità del proprietario ricorra anche nel caso di incidente causato da veicolo in sosta (Ô C. civ., Sez. III, , n. 9051; C. civ., Sez. III, , n. 6750; C. civ., Sez. III, , n. 2660). Si è pertanto affermata la responsabilità del proprietario, per i danni causati a terzi, a seguito dell incauta apertura dello sportello da parte di un soggetto trasportato, pur essendo la vettura in sosta, per consentire la discesa del passeggero (Ô C. civ., Sez. III, , n. 8216; C. civ., Sez. III, , n. 6445). Nel caso da ultimo considerato, tra l altro, si è affermata la sussistenza di una peculiare ipotesi di solidarietà passiva tra il proprietario, ed il terzo trasportato, i quali rispondono per titoli tra loro diversi, posto che la responsabilità del proprietario si configura ai sensi dell art. 2054, 3º co., c.c., mentre il terzo trasportato risponde ai sensi dell art c.c. Anche in considerazione di quanto sopra, si è deciso che l assicuratore del proprietario che abbia corrisposto il risarcimento dei danni prodotti, può rivalersi nei confronti del terzo trasportato, autore materiale dell illecito, poiché quest ultimo non rientra tra i soggetti assicurati (C. civ., Sez. III, , n. 8216). In questa prospettiva, volta, come si è detto, ad estendere l ambito di operatività della norma in commento, si tende, altresì, ad elidere l ulteriore elemento tradizionalmente richiesto ai fini dell applicazione dell art c.c.: vale a dire, il presupposto dello scontro tra veicoli. Si è, infatti, affermata la responsabilità del proprietario, ai sensi della norma in commento, nel caso di sosta irregolare sulla via pubblica, che abbia causato l interruzione temporanea del traffico, in relazione ai danni subiti dall azienda tranviaria per l impedimento al servizio, pur in assenza di collisione (G.d.P. Torino, ). Particolarmente dibattuta è la questione dell applicabilità della presunzione di responsabilità del proprietario, nel caso di danni provocati dall incendio di veicolo. L orientamento giurisprudenziale prevalente è nel senso che il proprietario deve rispondere dei danni causati dall incendio propagatosi da veicolo in sosta sulla pubblica via (G.d.P. Bari, ). La responsabilità deve essere invece esclusa nel caso di incendio provocato dolosamente da terzi, rimasti ignoti (C. civ., Sez. III, , n. 4575). In senso contrario, rispetto all orientamento maggioritario sopra esaminato, si è tuttavia, deciso che, anche in caso di incendio accidentale, il proprietario non possa essere chiamato a rispondere in virtù dell art c.c., poiché l incendio rappresenta evento estraneo rispetto al rischio tipico derivante dalla circolazione. La responsabilità del proprietario, in tale ipotesi, è stata pertanto affermata ai sensi dell art c.c. (T. Taranto, ). B In dottrina, nel medesimo senso della sentenza da ultimo menzionata: Franzoni, 603. Per la diversa fattispecie ricorrente nel caso in cui l incendio sia stato causato da vizi e/o difetti del veicolo, si rinvia al successivo par Eventuali titoli concorrenti di responsabilità del proprietario (cenni) Va aggiunto, per completezza, che, accanto allo specifico titolo di responsabilità previsto dall art c.c., possono concorrere 136

7 La responsabilità del proprietario ulteriori profili di imputazione del medesimo fatto in capo al proprietario, nel caso concreto. Così, se il conducente è un dipendente del proprietario del veicolo, che cagiona il danno nell esercizio delle mansioni alle quali è adibito, si configura, accanto alla responsabilità ai sensi dell art. 2054, 3º co., c.c., una concorrente responsabilità del proprietario/datore di lavoro, ai sensi dell art c.c. Del pari, ove il conducente sia, invece, figlio minore d età del proprietario del veicolo, ricorre la fattispecie di cui all art c.c. Come si è sopra evidenziato, la responsabilità del proprietario può, altresì, venire in rilievo ai sensi dell art c.c., in relazione al peculiare regime di responsabilità introdotto dalla norma menzionata per le cose in custodia. Per l esame di tali ulteriori profili si rinvia alla specifica trattazione riservata a ciascuna delle norme sopra citate. 5. La responsabilità del proprietario nei confronti del terzo trasportato a titolo di cortesia A In base all orientamento giurisprudenziale prevalente, fino a pochi anni fa, il terzo trasportato a titolo di cortesia non era ammesso ad avvalersi delle presunzioni di responsabilità di cui all art. 2054, 1º e 3º co., c.c., nei confronti, rispettivamente, del conducente e del proprietario del veicolo sul quale il terzo danneggiato viaggiava, al momento del sinistro. I principali argomenti posti alla base di tale orientamento, possono essere riassunti nei termini seguenti: a) il trasportato, non può essere assimilato ai terzi estranei alla circolazione, in quanto quest ultimo, accettando il passaggio, avrebbe assunto, consapevolmente, il rischio insito nella circolazione del veicolo; b) la norma sopra menzionata sarebbe esclusivamente posta a tutela dei terzi estranei, con esclusione dei trasportati, in relazione alle difficoltà che i primi incontrerebbero nel fornire la prova del conducente (Ô C. civ., Sez. III, , n. 2424; C. civ., Sez. III, , n ; C. civ., Sez. III, , n. 2471; C. civ., Sez. III, , n. 39; C. civ., Sez. III, , n. 1287). In senso contrario, rispetto al monolitico orientamento della Suprema Corte, sopra esaminato, si registravano soltanto alcune pronunzie di merito, favorevoli all applicazione della presunzione di responsabilità a tutti i terzi, indipendentemente dal titolo del trasporto (Ô T. Roma, ; T. Firenze, ). L orientamento preclusivo di cui sopra, ha, peraltro, ricevuto l autorevole avallo della Corte costituzionale, che ha dichiarato infondata la questione di illegittimità costituzionale dell art. 2054, 3º co., c.c. sollevata in relazione alla menzionata esclusione della presunzione di responsabilità del proprietario, nei confronti del terzo trasportato (C. Cost., , n. 192). In base a tale orientamento, il terzo trasportato poteva soltanto avvalersi della presunzione iuris tantum di responsabilità del vettore, ai sensi dell art c.c., nel caso di trasporto a titolo contrattuale. Nel caso del trasporto di cortesia, invece, il trasportato era costretto a superare lo stringente regime probatorio imposto dalla norma generale di cui all art c.c. Si riteneva salva, tuttavia, la possibilità di invocare l art. 2054, 1º e 3º co., c.c.. nei confronti del proprietario e del conducente dell altro veicolo eventualmente coinvolto nel sinistro, rispetto al quale il terzo danneggiato era considerato terzo estraneo alla circolazione (Ô C. civ., Sez. III, , n ; C. civ., Sez. III, , n. 2471). Recentemente, la Suprema Corte ha mutato il proprio orientamento, affermando l applicabilità dell art c.c. anche al trasportato a titolo di cortesia (C. civ., Sez. III , n ). La pronunzia da ultimo menzionata ha sottoposto a revisione critica i principali argomenti che fondavano la soluzione negativa: in particolare, è stata considerata una mera finzione la tesi secondo la quale il terzo trasportato a titolo di cortesia, a differenza dei terzi estranei alla circolazione, sarebbe in grado di valutare preventivamente il rischio. 137

8 Parte II - I soggetti obbligati al risarcimento Nell accettazione del trasporto a titolo di cortesia, invero, non sarebbe possibile rinvenire alcuna forma di accettazione del rischio, da parte del trasportato. Del pari infondato è stato ritenuto l ulteriore argomento in base al quale il terzo trasportato avrebbe maggiori facilità di prova, in ordine alla dinamica del sinistro, rispetto ai terzi estranei alla circolazione del mezzo. A favore della equiparazione tra terzi trasportati e terzi estranei militerebbe poi l argomento testuale, poiché il testo della norma in esame non consentirebbe alcuna distinzione tra le due categorie di terzi danneggiati (C. civ., Sez. III , n ). Il nuovo indirizzo, pare essersi consolidato nelle pronunzie successive della Corte di cassazione, che hanno confermato la soluzione dell applicabilità della norma in esame al trasporto di cortesia: (Ô C. civ., Sez. III, , n. 4022; C. civ., Sez. III, , n. 681; C. civ., Sez. III, , n. 4801). B La dottrina, ha aderito alla tesi della applicabilità delle presunzioni di responsabilità a favore dei terzi trasportati (Carnevali, Persone trasportate e art c.c.: la nuova giurisprudenza della Cassazione, inrcp, 1999, 92). La questione può comunque dirsi superata alla luce del disposto dell art. 141, Cod. Ass. Priv. La disposizione citata, invero, sancisce il diritto del terzo trasportato al risarcimento dei danni subiti da parte dell impresa assicuratrice del veicolo sul quale il danneggiato viaggiava, al momento del sinistro, facendo salva (soltanto) l ipotesi di sinistro cagionato da caso fortuito. Si possono segnalare, al riguardo, due profili assolutamente peculiari della nuova disciplina. In primo luogo, il trasportato ha azione «diretta» nei confronti del proprietario del veicolo, indipendentemente dall accertamento in concreto della responsabilità di quest ultimo, nella causazione dell evento. La compagnia assicuratrice del proprietario del veicolo sul quale viaggiava il trasportato, quindi, salvo il caso di sinistro cagionato da caso fortuito, sarà tenuta a corrispondere il risarcimento, entro i limiti del massimale minimo di legge, anche laddove il conducente del veicolo in questione non abbia concorso colposamente alla causazione dello stesso. È fatto espressamente salvo, tuttavia, il diritto di rivalsa dell impresa d assicurazione menzionata, nei confronti dell impresa assicuratrice del responsabile civile per l evento (art. 141, 4º co., Cod. Ass. Priv.). L altro profilo degno di nota, riguarda, invece, il richiamo espresso al caso fortuito, quale circostanza che esclude l obbligazione risarcitoria. Pare, al riguardo, che il richiamo al caso fortuito, quale (unica) circostanza idonea ad escludere la responsabilità, valga a connotare in senso obiettivo la fattispecie in esame, ponendo il trasportato in una posizione processuale e sostanziale di particolare favore (sul concetto di caso fortuito: Trimarchi, Rischio e responsabilità oggettiva, Milano, 1961, 223 ss.). La particolare tutela riservata al trasportato (indipendentemente dal titolo del trasporto) si concreta, inoltre, nella menzionata regola dell azione «diretta» verso il trasportante, che, specialmente nel caso di scontro tra più veicoli, semplifica notevolmente la posizione processuale del soggetto trasportato, limitando il rapporto processuale a tali soggetti, a prescindere dalla effettiva responsabilità per il sinistro. Poiché - come si è già avuto modo di segnalare - l impresa assicuratrice del trasportante è tenuta entro i limiti del massimale minimo di legge, l art. 141, 1º co., Cod. Ass. Priv., prevede che il danneggiato possa richiedere il risarcimento dell eventuale maggior danno all impresa assicuratrice del responsabile civile (laddove il massimale assicurativo garantito da tale ultima compagnia risulti superiore al minimo). L impresa assicuratrice del responsabile civile, in ogni caso, potrà intervenire nel giudizio, riconoscendo la responsabilità del proprio assicurato, ed estromettendo la compagnia assicuratrice convenuta dal trasportato. Nel caso di pluralità di danneggiati, si applica quanto previsto dall art. 140, Cod. Ass. Priv.. Ne deriva che, ove l importo complessivo da risarcire superi il massimale assicura- 138

9 La responsabilità del proprietario to, le somme dovute a ciascuno dei danneggiati devono essere proporzionalmente ridotte, fino a concorrenza del massimale. In considerazione della ratio che ispira la nuova disciplina del risarcimento dei danni al terzo trasportato, pare che la disposizione di cui sopra debba applicarsi con riferimento alla copertura assicurativa del responsabile civile (non anche, invece, con riferimento al massimale di polizza del trasportante che esegua una mera anticipazione, alla luce del nuovo regime, nei casi in cui tale ultimo soggetto non abbia alcuna responsabilità nella causazione del sinistro). 6. La prova liberatoria: la circolazione contro la volontà del proprietario Il proprietario del veicolo può liberarsi della responsabilità, in primo luogo, dimostrando che il conducente ha fatto tutto il possibile per evitare il danno, ai sensi dell art. 2054, 1º co., c.c. B Ciò in virtù del principio generale, comune a tutte le fattispecie di responsabilità indiretta, in base al quale il responsabile per fatto altrui può avvalersi della prova liberatoria prevista per il responsabile principale (Franzoni, 700). Fuori da questa ipotesi, viene in rilievo la prova liberatoria tipica prevista dall art. 2054, 3º co., c.c. La norma menzionata, come è noto, dispone che il proprietario, per andare esente da responsabilità, deve fornire la prova del fatto che la circolazione del veicolo è avvenuta contro la sua volontà. A L orientamento giurisprudenziale consolidato, al riguardo, è nel senso che la prova liberatoria in questione non può ritenersi assolta ove risulti il mero fatto che la circolazione sia avvenuta senza il consenso del proprietario (cosiddetta circolazione invito domino). Occorre, invece, che il proprietario fornisca la prova di aver adottato misure idonee ad impedire la circolazione (cosiddetta circolazione prohibente domino)(ô C. civ., Sez. III, , n ; C. civ., Sez. III, , n ; C. civ., Sez. III, , n. 8461; C. civ., Sez. III, , n. 3138; T. Catania, ). Si è pertanto deciso che il proprietario può essere ritenuto responsabile anche in caso di furto del veicolo, occorrendo anche nel caso in esame, la prova della adozione delle necessarie cautele, per impedire la circolazione (T. Monza, ). La responsabilità del proprietario, in tale caso, è stata, tuttavia, esclusa, ove quest ultimo abbia proposto tempestivamente la relativa denuncia all autorità di Pubblica Sicurezza (T. Milano, ). Nel caso di cui sopra, si è peraltro deciso che la compagnia assicuratrice del proprietario, è comunque tenuta a risarcire i danni prodotti dalla circolazione del veicolo, salvo poi potersi rivalere nei confronti dei terzi responsabili (T. Milano, ). Sempre in linea con l orientamento giurisprudenziale consolidato sopra esaminato, si è deciso che il fatto di lasciare le chiavi per l accensione all esterno della cabina di guida di un autotreno, in un posto accessibile a tutti, costituisce comportamento gravemente colposo, tale da fondare la responsabilità, anche in caso di illecita sottrazione del veicolo (C. civ., Sez. III, , n. 3038). Del pari, nel caso di utilizzazione dell autoveicolo da parte del figlio del proprietario, contro il divieto del genitore, si è deciso che non valga ad esimere quest ultimo da responsabilità il fatto di aver nascosto le chiavi (T. Roma, ). In un caso analogo, si è deciso che costituisce condotta prudenziale, tale da integrare causa liberatoria da ogni responsabilità, il comportamento del padre che - di fronte ai reiterati tentativi del figlio di utilizzare la vettura - ha fatto diffidare il minore dai carabinieri; ha sostituito la serratura del garage; ha tenuto con sé le chiavi dell automobile e del garage (C. civ., Sez. III, , n. 8495). Non è sufficiente, ai fini dell esonero dalla responsabilità, il mero fatto di aver affidato il veicolo in custodia a terzi. Anche in tale caso, infatti, viene richiesta la prova dell adozione, da parte del proprietario, delle cautele necessarie affinché il veicolo non venga posto in circolazione contro la sua volontà (Ô C. civ., Sez. III, , n ; C. civ., Sez. III, , n ; C. civ., Sez. III, , n. 8461; C. civ., Sez. III, 139

10 Parte II - I soggetti obbligati al risarcimento , n. 3138). Così, nel caso di affidamento dell automobile ad una autofficina, ovvero, ad una autorimessa, occorre che il proprietario dimostri di aver preventivamente verificato che l esercizio in questione operi regolarmente e presenti garanzie di serietà (Ô C. civ., Sez. III, , n. 981; C. civ., Sez. III, , n. 5045). Si è pertanto affermata la responsabilità del proprietario nel caso di affidamento dell automobile al figlio minorenne del gestore dell officina, al quale, notoriamente, veniva consentito di circolare con i mezzi ospitati presso l esercizio del padre (C. civ., Sez. III, , n. 7118). Si è peraltro recentemente stabilito che, in caso di affidamento del veicolo ad un officina, non può porsi a carico del proprietario il rischio derivante dall uso illegittimo del veicolo da parte di un soggetto non abilitato alla guida (nella specie, titolare di patente di guida scaduta, non rinnovata), poiché, secondo la pronunzia in commento, l uso illegittimo del veicolo escluderebbe il nesso causale tra l apporto consapevole del proprietario, che pure - all atto dell affidamento del proprio veicolo - non ha espressamente proibito l utilizzo, ed il fatto illecito dell utilizzatore (A. Milano, , n. 2177). Non basta tuttavia ad esimere il proprietario da responsabilità il fatto di aver espressamente fatto divieto al depositario di consegnare a terzi le chiavi del mezzo (Ô C. civ., Sez. III, , n ; C. civ., Sez. III, , n. 8461). Né assume rilevanza il fatto che il veicolo sia stato affidato in custodia ad uno stretto congiunto (nella specie, il padre del proprietario del mezzo), qualora il veicolo sia stato posto in circolazione da altro parente (C. civ., Sez. III, , n. 3138). Analogamente, si ritiene che la responsabilità del proprietario sussista anche nel caso della consegna del veicolo ad un mandatario, incaricato di vendere il mezzo (C. civ., Sez. III, , n. 3476). Identico principio, è stato applicato, inoltre, nel caso della consegna del mezzo ad un mediatore, per la vendita dello stesso (G.d.P. Napoli, ). Nel caso di danni cagionati da veicoli posti in circolazione contro la volontà del proprietario, ai sensi dell art. 2054, 3º co., c. c., potrà comunque operare, a favore dei danneggiati, la copertura garantita dal Fondo di garanzia per le vittime della strada (art. 283, 1º co., lett. d), Cod. Ass. Priv.). 7. La responsabilità per vizi di costruzione o difetti di manutenzione L art. 2054, 4º co., c.c. dispone che il proprietario e gli altri soggetti indicati nei commi precedenti della medesima norma rispondono «in ogni caso» nell ipotesi di sinistro causato da «vizi di costruzione» o «difetti di manutenzione». A Il conducente ed il proprietario sono tenuti a risarcire i danni derivanti dai vizi e difetti di cui sopra in via solidale (C. pen., ). Secondo l orientamento giurisprudenziale consolidato, la norma in esame introduce una presunzione assoluta di colpa, a carico dei soggetti indicati, ai quali non sarebbe consentito di liberarsi dalla responsabilità neppure provando l impossibilità di rendersi conto del vizio o del difetto, usando l ordinaria diligenza. L unica prova liberatoria ammessa, secondo l orientamento giurisprudenziale prevalente, consisterebbe nel dimostrare che l incidente è stato determinato da una causa diversa dal vizio, oppure da una circostanza integrante caso fortuito (C. civ., Sez. III, , n. 1019). B In dottrina si è denunciato il carattere finzionistico della tesi della presunzione assoluta di colpa, evidenziando come la norma in esame introduca, in realtà, una ipotesi di responsabilità oggettiva, nella quale il proprietario e gli altri soggetti indicati rispondono anche senza colpa (Salvi, 165 ss.). Si è peraltro obiettato che la responsabilità ai sensi della norma in esame si fonderebbe, invece, sulla colpa, nel caso di difetto di manutenzione (Bianca, 758). A Con la responsabilità dei soggetti sopra indicati, concorre, altresì, la responsabilità solidale del produttore del veicolo, nel caso che il sinistro sia stato causato da un difetto di costruzione del mezzo (C. civ., Sez. III, , n. 577). B La responsabilità del fabbricante di vei- 140

11 La responsabilità dei genitori coli concerne sia i difetti di costruzione del mezzo, sia i difetti di progettazione, configurandosi come ipotesi di responsabilità per rischio d impresa (Alpa, Costruzione di autoveicoli, clausole di esonero e responsabilità dell impresa. Per una diversa lettura dell articolo 2054, ultimo comma, codice civile, ingi, 1975, I, 1, 751). Tale responsabilità è disciplinata dal d.p.r , n. 224, in materia di danni da prodotti difettosi. Il proprietario (o il conducente) che sia stato costretto a risarcire i danni causati esclusivamente dal difetto di costruzione del veicolo può, quindi, rivalersi per l intero nei confronti del fabbricante. Del pari, la rivalsa integrale può essere esercitata nei confronti del riparatore, ove il difetto sia imputabile alla difettosa riparazione del mezzo (Galgano, 448). A L onere della prova della sussistenza dei vizi e/o dei difetti, nonché della rilevanza causale del vizio in questione, nella produzione dell evento, è a carico del danneggiato. In giurisprudenza, per tale configurazione dell onere della prova (T. Spoleto, ). B Del pari la dottrina prevalente è concorde nel ritenere che la prova dei presupposti dell applicazione della norma in esame è a carico del danneggiato. (Alpa, Bessone, Zeno Zencovich, Obbligazioni e contratti, VI, in Tratt. Rescigno, XIV, 2ª ed., Torino, 1995, 367). A La responsabilità del proprietario, ai sensi della norma in esame, è stata esclusa nel caso di sinistro causato dall improvviso scoppio di un pneumatico, in base alla considerazione che tale esplosione, in quanto circostanza improvvisa ed imprevedibile, costituisce caso fortuito (T. Milano, ). La responsabilità è stata invece affermata, nel caso di scoppio del pneumatico provocato dalla eccessiva velocità e dalla difettosa manutenzione del veicolo (T. Milano, ; T. Bari, ). Si è inoltre deciso che la responsabilità, nel caso di sinistro causato da difetto di costruzione (nella specie, si trattava di anomalo posizionamento dei fari), deve essere esclusa in presenza di regolare omologazione ed immatricolazione del veicolo, da parte degli organi tecnici all uopo preposti (C. civ., Sez. III, , n. 2964). La norma in esame può infine trovare applicazione anche in caso di incendio del veicolo, quando tale evento sia ascrivibile ad una anomalia costruttiva del mezzo, o ad una difettosa manutenzione dello stesso (P. Reggio Emilia, ). La responsabilità dei genitori (art c.c.; art. 144, d.lg , n. 209) Norma di riferimento: Art c.c. Responsabilità dei genitori, dei tutori, dei precettori e dei maestri d arte... [1] Il padre e la madre, o il tutore, sono responsabili del danno cagionato dal fatto illecito dei figli minori non emancipati o delle persone 2048 soggette alla tutela, che abitano con essi. La stessa disposizione si applica all affiliante. [2] I precettori e coloro che insegnano un mestiere o un arte sono responsabili del danno cagionato dal fatto illecito dei loro allievi e apprendisti nel tempo in cui sono sotto la loro vigilanza. [3] Le persone indicate dai commi precedenti sono liberate dalla responsabilità soltanto se provano di non avere potuto impedire il fatto. 141

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

SCHEMI OPERATIVI. Indice: COPIA AGGIORNATA 07.04.2013. Redatti dal Commissario Aggiunto Gianni Sansonne

SCHEMI OPERATIVI. Indice: COPIA AGGIORNATA 07.04.2013. Redatti dal Commissario Aggiunto Gianni Sansonne SCHEMI OPERATIVI COPIA AGGIORNATA 07.04.2013 Redatti dal Commissario Aggiunto Gianni Sansonne Indice:. Pagina 2: Equiparazione delle patenti rilasciate fino al 18.01.13 alle nuove categorie previste dal19.01.13;.

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

Le patenti sono 15, ciascuna con una sua autonomia, senza categorie e sottocategorie.

Le patenti sono 15, ciascuna con una sua autonomia, senza categorie e sottocategorie. ENTRA IN VIGORE LA PATENTE UNICA EUROPEA (parte generale) 19 gennaio 2013: entra in vigore la patente dell Unione Europea, unica ed uguale per tutti i cittadini europei, in formato card, con la foto digitale

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

I CONTRATTI. DI merci. avv. prof. Maurizio Riguzzi

I CONTRATTI. DI merci. avv. prof. Maurizio Riguzzi I CONTRATTI NELL autotrasporto DI merci avv. prof. Maurizio Riguzzi 532 CONTRATTO DI TRASPORTO DELLE MERCI E OBBLIGAZIONI DELLA FILIERA Sommario: 532.0 QUADRO GENERALE 532.1 CONTRATTO DI TRASPORTO DI

Dettagli

Cons. autom. Serie A CIRCOLAZIONE STRADALE

Cons. autom. Serie A CIRCOLAZIONE STRADALE PROINCIA DI TARANTO Cons. autom. Serie A CIRCOLAZIONE STRADALE A0001 A0002 A0003 A0004 A0005 A0006 Sono classificati veicoli secondo il CDS 1 le macchine uso bambini 2 i ciclomotori 3 le macchine uso disabili

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C.

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C. L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 La responsabilità dell appaltatore per i vizi e le difformità dell opera: la verifica e il collaudo Avv. Alessandro SCIOLLA LA

Dettagli

Cosa fanno gli altri?

Cosa fanno gli altri? Cosa fanno gli altri? Sig. Morgan Moras broker di riassicurazione INCENDIO (ANIA) Cosa fanno gli altri? rami assicurativi no copertura polizza incendio rischi nominali - rischio non nominato - esplosione,

Dettagli

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese DIRIGENTI PUBBLICI Nozione di giustificatezza nel licenziamento di Marilena Cortese Il rapporto di lavoro, in generale, sia esso a tempo determinato che indeterminato, può estinguersi per cause diverse

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

Condizioni contrattuali polizza motocicli, ciclomotori e altri veicoli

Condizioni contrattuali polizza motocicli, ciclomotori e altri veicoli Condizioni contrattuali polizza motocicli, ciclomotori e altri veicoli La Compagnia di assicurazione diretta del INDICE Servizio Assistenza Clienti Servizio Sinistri +390306762100 Per chiamate dall estero

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Nobis Compagnia di Assicurazioni INFORMATIVA, COMPRENSIVA DEL GLOSSARIO NOBISTRUCK A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE LA CIRCOLAZIONE

Nobis Compagnia di Assicurazioni INFORMATIVA, COMPRENSIVA DEL GLOSSARIO NOBISTRUCK A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE LA CIRCOLAZIONE Indice Nobis Compagnia di Assicurazioni I. NOTA NOBISTRUCK INFORMATIVA, COMPRENSIVA DEL GLOSSARIO Pagina della Nota informativa A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE... 1.... 2. DI RESPONSABILITÀ... CIVILE PER

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B)

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) Avvocato Maurizio Iorio, presidente di ANDEC Seminario organizzato da ANDEC Martedì 17 giugno 2014 Milano, Confcommercio - Corso Venezia 47 Sala Turismo LA GARANZIA

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni.

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni. Il danno non patrimoniale costituisce una categoria ampia ed onnicomprensiva, all interno della quale non è possibile ritagliare ulteriori sotto-categorie. Pertanto il c.d. danno esistenziale, inteso quale

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Liquidazione dei danni causati ai veicoli privati utilizzati nell ambito dell esercizio del mandato parlamentare

Liquidazione dei danni causati ai veicoli privati utilizzati nell ambito dell esercizio del mandato parlamentare Liquidazione dei danni causati ai veicoli privati utilizzati nell ambito dell esercizio del mandato parlamentare 1. In generale Conformemente all articolo 4 capoverso 2 dell ordinanza dell Assemblea federale

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI DIREZIONE GENERALE PER LA MOTORIZZAZIONE

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI DIREZIONE GENERALE PER LA MOTORIZZAZIONE MODULARIO TRASPORTI 29OTT010046 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI DIREZIONE GENERALE PER LA MOTORIZZAZIONE DOMANDA PER IL RILASCIO DELLA PATENTE DI GUIDA

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Fascicolo informativo

Fascicolo informativo Polizza Auto Fascicolo informativo Contratto di Assicurazione per Autovetture Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Nota Informativa comprensiva del Glossario e le Condizioni di Assicurazione,

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l.

Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l. Studio n. 836-2014/I Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l. Approvato dall Area Scientifica Studi d Impresa il 10 ottobre 2014 Approvato dal CNN nella seduta del 9 gennaio 2015

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

LIGURIA PROTEGGE Polizza di Assicurazione della Responsabilità Civile Rischi Diversi

LIGURIA PROTEGGE Polizza di Assicurazione della Responsabilità Civile Rischi Diversi 1 LIGURIA PROTEGGE Polizza di Assicurazione della Responsabilità Civile Rischi Diversi S OMMARIO DEFINIZIONI pag. 2 CONDIZIONI GENERALI DI ASSICURAZIONE Oggetto dell assicurazione R.C.T. pag. 3 Oggetto

Dettagli

MODULO DICHIARAZIONE PER VALUTAZIONE CAPACITA FINANZIARIA EX ART. 6 COMMA2, D.LGS 395/2000.

MODULO DICHIARAZIONE PER VALUTAZIONE CAPACITA FINANZIARIA EX ART. 6 COMMA2, D.LGS 395/2000. MODULO DICHIARAZIONE PER VALUTAZIONE CAPACITA FINANZIARIA EX ART. 6 COMMA2, D.LGS 395/2000. Domanda per l esercizio del servizio passeggeri effettuato mediante NCC-bus nella provincia di Bologna. Alla

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO Si chiede di precisare quali sono gli effetti delle

Dettagli

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE Al Comune di Lamporecchio Ufficio Tecnico Lavori Pubblici - Piazza Berni, 1-51035 Lamporecchio (PT) OGGETTO: CONCESSIONE DEI LAVORI DI COSTRUZIONE E GESTIONE DI UN IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO ALIMENTATO

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA:

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: il Sig. nato a il residente a, codice fiscale, di seguito denominato parte locatrice E: il Sig. nato a il residente a, codice

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

Contra non valentem agere non currit praescriptio

Contra non valentem agere non currit praescriptio PER GLI ENTI DI PATRONATO 1 TERMINI DI PRESCRIZIONE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE MALATTIE PROFESSIONALI E TERMINE DI REVISIONE DELLE RENDITE UNIFICATE DA EVENTI POLICRONI LIMITE INTERNO ED ESTERNO

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA ART.1 - DEFINIZIONE DEL SERVIZIO Sono definiti

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati I circoli privati rappresentano, da sempre, un problema nella gestione delle attività di controllo sul territorio

Dettagli