ALLEGATO 1) PROGRAMMA DI GESTIONE ANNO 2015 OBIETTIVI STRATEGICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATO 1) PROGRAMMA DI GESTIONE ANNO 2015 OBIETTIVI STRATEGICI"

Transcript

1 ALLEGATO 1) PROGRAMMA DI GESTIONE ANNO 2015 OBIETTIVI STRATEGICI

2

3 Provincia Autonoma di Trento PROGRAMMA DI GESTIONE ANNO 2015 DIP. SVILUPPO ECONOMICO E LAVORO 3

4 1.OBIETTIVI STRATEGICI DESCRIZIONE OBIETTIVO DIP. SVILUPPO ECONOMICO E LAVORO Obiettivo: 01 Codice Intervento 1_1_1. Interventi per la validazione e certificazione delle competenze Avviata dall'agenzia del Lavoro la sperimentazione della validazione delle competenze nell'ambito dell'apprendistato professionalizzante, con la nomina delle Commissioni di valutazione di settore, per le figure professionali di acconciatore, falegname ed elettricista. Conclusione dei lavori delle commissioni di valutazione e prime indicazioni sulla validità del modello - entro ottobre 2015 Obiettivo: 02 Codice Intervento 1_2_1. Orientamento dell'investimento in ricerca verso gli ambiti di eccellenza - orientamento dei finanziamenti alla ricerca industriale, tenendo conto delle aree della Smart Specialisation Inoltre: - sostegno all'attività di innovazione delle imprese Con la legge finanziaria provinciale 2015 è stata modificata la disciplina degli aiuti per la promozione della ricerca e sviluppo e degli aiuti alle piccole imprese innovative in fase di avviamento (articoli 5 e 24 septies della legge provinciale sugli incentivi alle imprese - L.p. 6/1999), per garantire conformità al Regolamento UE n. 651/ Definizione della proposta di nuovi criteri per il sostegno alla ricerca industriale, con l utilizzo di risorse FESR entro dicembre Predisposizione della proposta di nuovi criteri per il sostegno all innovazione aziendale e alle nuove imprese innovative, con l'utilizzo di risorse FESR entro dicembre 2015 Obiettivo: 03 Codice Intervento 2_1_1. Innovazione del ruolo dell'agenzia del lavoro e piena operatività della Rete provinciale dei servizi per il lavoro 1) promozione: - dell'evoluzione dell'agenzia del Lavoro; 1) Nella prima fase di operatività della rete, è stata affidata ai soggetti accreditati l attuazione di una parte del Piano provinciale della Garanzia Giovani. 1) - Definizione del progetto di riassetto organizzativo dell Agenzia del Lavoro e di governo delle politiche del lavoro entro giugno Formulazione della proposta di indirizzi strategici per l attuazione delle politiche del Pag. 2 di 10 4

5 DIP. SVILUPPO ECONOMICO E LAVORO - della riorganizzazione territoriale dei Centri per l'impiego; - della valorizzazione del concorso dei soggetti privati accreditati. Chiara definizione degli obiettivi per tutti i soggetti della Rete provinciale dei servizi per il lavoro 2) messa a punto di sistemi di valutazione dell'efficacia e dell'efficienza della Rete 2) La deliberazione della Giunta Provinciale n. 607 del 17 aprile 2014 rinvia a successivo provvedimento la definizione dei criteri di misurazione dell'efficacia ed efficienza dei servizi erogati nonché dei requisiti di efficacia progettuale ed occupazionale, espressi da indicatori di performance. lavoro, anche mediante la valorizzazione del concorso dei soggetti accreditati della Rete entro giugno Individuazione delle tipologie di servizi per il lavoro da affidare ai soggetti accreditati entro dicembre ) Definizione della proposta di criteri di misurazione dell'efficacia ed efficienza dei servizi erogati dalla Rete e di indicatori di performance - entro dicembre 2015 Obiettivo: 04 Codice Intervento 2_1_2. Miglioramento delle politiche attive del lavoro, per l ingresso o il reingresso nel mercato del lavoro in tempi mediamente brevi - rafforzamento dei servizi per le persone in cerca di lavoro e configurazione di interventi più mirati per i diversi gruppi di destinatari (giovani, donne,...); - efficaci politiche attive specifiche per le persone in situazione di disagio o disabilità; - maggiore attenzione alla domanda di lavoro, con il potenziamento dei servizi alle aziende, attraverso il contatto diretto con le imprese sul territorio, la messa in rete dei servizi domanda/offerta di lavoro e più strette collaborazioni con tutti i detentori di informazioni sul mercato del lavoro; - miglioramento del monitoraggio del fabbisogno di competenze, soprattutto in chiave prospettica. Il Documento degli interventi di politica del lavoro , approvato nella scorsa legislatura in data 29 luglio 2011, è stato più volte modificato. L'efficacia del Documento è prorogata fino all'adozione del successivo. Definizione della proposta di nuovo Documento degli interventi di politica del lavoro avente validità per la restante parte della legislatura, in coerenza con il Programma di sviluppo provinciale e con gli indirizzi strategici per le politiche del lavoro - entro dicembre 2015 Pag. 3 di 10 5

6 DIP. SVILUPPO ECONOMICO E LAVORO Obiettivo: 05 Codice Intervento 2_1_3. Riforma degli ammortizzatori sociali in direzione di un ulteriore sviluppo di un modello omogeneo, equilibrato e sostenibile di flexicurity - monitoraggio degli impatti del Reddito di attivazione sulla partecipazione al mercato del lavoro, valutando interventi di rimodulazione, in chiave di attivazione verso lo svolgimento di un'attività lavorativa, che deve rimanere più conveniente; - definizione di un paniere di strumenti da utilizzare su base negoziale, sul tema della continuità dei rapporti di lavoro, nei casi di crisi, riorganizzazione aziendale, riduzione, trasformazione o sospensione temporanea di attività o di lavoro. Nel 2015 è previsto: 1) la rimodulazione del reddito di attivazione anche alla luce dei nuovi istituti del Jobs Act (NASPI e nuova ASDI) 1) La disciplina del reddito di attivazione è contenuta nella deliberazione della Giunta provinciale n del 25 agosto 2014 che ha integrato il Documento degli interventi di politica del lavoro con l'intervento 24 quater. 1) - Elaborazione, in collaborazione con il Dipartimento salute e solidarietà sociale, di un progetto di armonizzazione del reddito di attivazione con il reddito di garanzia - entro luglio Predisposizione della proposta di deliberazione di aggiornamento della disciplina provinciale del reddito di attivazione entro settembre Definizione di modalità di erogazione del reddito di attivazione volte a perseguire il mantenimento della presenza sul territorio provinciale del beneficiario - entro settembre ) la promozione di un accordo territoriale, sul tema della continuità dei rapporti di lavoro, nei casi di crisi, riorganizzazione aziendale, riduzione, trasformazione o sospensione temporanea di attività o di lavoro. Al riguardo, va segnalato che con nota del 28 gennaio 2015, il Ministero del Lavoro e delle politiche sociali ha espresso parere favorevole alla costituzione su base territoriale di un fondo di solidarietà intersettoriale. 2) Promozione di un accordo territoriale per la costituzione di un fondo di solidarietà intersettoriale, anche mediante specifici incontri con le parti sociali - entro giugno 2015 Obiettivo: 06 Codice Intervento 2_1_4. Stretta connessione delle politiche passive del lavoro e del reddito di garanzia con le politiche attive del lavoro Le disposizioni sulla condizionalità sono contenute nelle Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro approvate dalla Giunta provinciale con deliberazione n. 145 del 7 - Integrazione delle Direttive per il collocamento e l'avviamento al lavoro, con disposizioni volte a rendere cogente la partecipazione a lavori socialmente utili dei Pag. 4 di 10 6

7 DIP. SVILUPPO ECONOMICO E LAVORO - necessità di un'operante condizionalità, anche supportata da un sistema informativo per la gestione unitaria degli interventi di politica attiva e passiva; - orientamento delle politiche di spesa in via prevalente sulle politiche attive rispetto a quelle di sostegno. febbraio 2014, che ha precisato in termini più stringenti e impegnativi il principio della condizionalità". percettori di indennità di mobilità - attuato con deliberazione n. 208 del 16 febbraio Promozione, presso gli enti pubblici, dell'utilizzo diretto in lavori socialmente utili di lavoratori titolari del trattamento straordinario di integrazione salariale, del trattamento di indennità di mobilità e di altro trattamento speciale di disoccupazione - entro dicembre Avvio della sperimentazione del Diario di attivazione da parte dei disoccupati in tutti i Centri per l impiego - a partire da aprile Prosecuzione degli interventi di attivazione per tutti i beneficiari del reddito di garanzia, in età di lavoro e abili al lavoro - entro dicembre 2015 Obiettivo: 07 Codice Intervento 2_1_5. Affinamento del sistema dei lavori socialmente utili e, in particolare, del Progettone In tale direzione: - introduzione, nei criteri di selezione, della valutazione della condizione economico-patrimoniale; - rafforzamento del carattere transitorio dello strumento, favorendo il rientro nel mercato del lavoro ordinario, attraverso idonee politiche attive, anche formative e di riqualificazione. Nello specifico, è prevista la revisione del Progettone, anche attraverso: - la riduzione dei costi di intermediazione organizzativa; - la revisione del contratto di lavoro; - l introduzione della compartecipazione dei beneficiari; - l attivazione, tramite la Rete provinciale dei servizi per il I criteri di accesso e di selezione sono attualmente previsti dalla deliberazione della Commissione provinciale per l'impiego n. 387 del 14 marzo La pesante crisi occupazionale ha acuito le criticità del sistema Progettone : aumento del numero di lavoratori da gestire, costi elevati di gestione, difficoltà di individuazione di nuovi ambiti lavorativi, mancato rientro nel mercato del lavoro ordinario. - Definizione e avvio dell attuazione del progetto di revisione del Progettone entro settembre Presentazione del progetto per l attuazione di politiche per la rioccupazione dei lavoratori licenziati cui manchino dai 5 ai 10 anni al raggiungimento dei requisiti pensionistici, a valere sulle risorse nazionali del Fondo Politiche Attive entro giugno 2015 Pag. 5 di 10 7

8 DIP. SVILUPPO ECONOMICO E LAVORO lavoro, di politiche attive volte a favorire il rientro nel mercato del lavoro ordinario dei lavoratori in mobilità e di quelli assunti a tempo determinato nel Progettone per 18/24 mesi (cosiddetto intervallo costruttivo ). Obiettivo: 08 Codice Intervento 2_1_6. Efficace attuazione del Piano provinciale della "Garanzia Giovani" Programmazione ed avvio della Garanzia Giovani. Con particolare riferimento al Percorso A Orientamento specialistico, tirocinio e accompagnamento al lavoro, dal mese di novembre 2014 attivate le prime edizioni, realizzate su tutto il territorio provinciale, con il coinvolgimento di 261 giovani in 14 percorsi. Prosecuzione dell attuazione del Piano provinciale della Garanzia Giovani, con l attivazione di 90 Percorsi A di Orientamento specialistico, tirocinio e accompagnamento al lavoro per 1350 giovani - entro dicembre 2015 Obiettivo: 09 Codice Intervento 3_1_1. Revisione delle politiche di incentivazione - concentrazione degli incentivi attorno a pochi obiettivi prioritari, tra cui apertura del sistema produttivo ai mercati internazionali (esportazioni e investimenti diretti) e sviluppo di innovazione tecnologica, organizzativa e sociale; - progressiva sostituzione dei contributi diretti alle imprese con agevolazioni fiscali IRAP e con l introduzione del credito di imposta; - focalizzazione delle ulteriori agevolazioni prioritariamente in favore delle imprese che mantengono o incrementano i livelli occupazionali. Nell ambito della riforma dei meccanismi di agevolazione alle imprese sono stati adottati nuovi criteri di attuazione della L.p. n. 6/99. Nell ambito del Programma Techpeaks attuato in collaborazione con Trentino Sviluppo, con deliberazioni n del 4 agosto 2014 e n del 29 dicembre 2014, sono stati approvati i criteri per incentivare, mediante seed-money, le start up selezionate con il primo bando (fase 2 "Matching fund") e con il secondo bando del Programma. Con deliberazione n del 28 luglio 2014, sono stati approvati i nuovi criteri per l applicazione della legge sugli incentivi alle imprese in materia di servizi a favore dell internazionalizzazione, di investimenti fissi, di servizi alle imprese. Con deliberazione n del 4 agosto 2014, - Definizione della proposta di criteri per le agevolazioni sugli investimenti fissi, progetti di ricerca, ricorso a servizi consulenziali e azioni di internazionalizzazione fruibili in forma di compensazione di imposta - entro aprile Formulazione della proposta di sostegno alla formazione aziendale mediante credito d imposta, sulla base degli esiti della prima fase applicativa entro dicembre Predisposizione della proposta di nuove modalità di applicazione dei vincoli economico-finanziari per le imprese beneficiarie di incentivi entro maggio Predisposizione della proposta di nuove modalità di applicazione dei vincoli occupazionali fissati nei progetti di insediamento delle imprese beneficiarie di incentivi entro settembre 2015 Pag. 6 di 10 8

9 DIP. SVILUPPO ECONOMICO E LAVORO sono stati definiti i criteri per la concessione di contributi per progetti di riorganizzazione aziendale finalizzati al radicamento delle unità locali e alla salvaguardia dell occupazione (Fondo per la riorganizzazione aziendale). - Definizione della proposta di criteri a sostegno degli interventi volti ad accrescere la competitività delle piccole-medie imprese, con l utilizzo di risorse FESR entro dicembre Definizione della proposta di integrazione dei criteri per il riconoscimento del credito d'imposta agli operatori economici, per favorire lo sviluppo dei servizi di connettività in banda ultralarga - entro giugno 2015 Obiettivo: 10 Codice Intervento 3_1_2. Rafforzamento dei servizi reali alle imprese 1) iniziative e interventi per: - lo sviluppo di conoscenze, competenze e professionalità a supporto dei servizi reali alle imprese, da erogare tramite Trentino Sviluppo, con la co-partecipazione dei privati e delle organizzazioni di categoria; - l'adeguamento dei servizi per la crescita dell'internazionalizzazione delle imprese, concentrando attenzione e risorse nell'assistenza per attività di investimento estero e di partnership internazionale, per il reperimento di capitale di rischio e per operazioni di finanza straordinaria. 1) Con deliberazione n dell'11 agosto 2014, è stato approvato il Piano attività 2014, di cui agli artt. 20, 21 e 24 della L.p. 6/99 e il relativo dettaglio presentato da Trentino Sviluppo S.p.a. Con deliberazione n del 14 luglio 2014, sono stati approvati i nuovi Indirizzi per gli interventi effettuati da Trentino Sviluppo S.p.a. ai sensi degli articoli articoli 33, comma 2, e 34 della L.p. 6/99. Con deliberazioni n del 18 novembre 2014 e n del 29 dicembre 2014, è stato approvato il Piano triennale , con riferimento agli interventi attuati da Trentino Sviluppo S.p.a. nell ambito del «Fondo attività economiche». Nel processo di progressivo cambiamento dei compiti affidati alla società, risulta significativo il ruolo di regia affidato alla stessa su alcuni progetti già delineati, quali il polo della Meccatronica. Con deliberazione n del 29 dicembre 2014, è stato approvato il Progetto Filiera della Meccatronica quale 1) - Rafforzamento del ruolo di Trentino Sviluppo come interfaccia della rete di sportelli e di servizi, informativi e formativi, per la nuova imprenditorialità a partire da aprile 2015, in attuazione dello specifico progetto - Affinamento del Progetto integrato di filiera per la Meccatronica e analisi di fattibilità di ulteriori progetti di filiera sui mercati esteri entro dicembre 2015 Pag. 7 di 10 9

10 DIP. SVILUPPO ECONOMICO E LAVORO Inoltre: specifico obiettivo di politica economica locale. 2) Interventi per la semplificazione della gestione amministrativa delle iniziative finanziate ai sensi dell'articolo 33 della L.p. 6/99 2) E' stato introdotto, con la legge finanziaria provinciale per il 2015, il fondo unico per la gestione dei finanziamenti assegnati a Trentino Sviluppo, secondo modalità unitarie di amministrazione e gestione da definire nella convenzione quadro. 2) Adeguamento della convenzione con Trentino di sviluppo - entro settembre 2015 Obiettivo: 11 Codice Intervento 3_1_3. Razionalizzazione degli interventi di sostegno al credito e sviluppo di strumenti alternativi al canale bancario per il finanziamento degli investimenti produttivi In particolare, nel breve periodo: - conferma delle azioni per facilitare l'accesso al credito e rafforzamento dell'attività dei Confidi; - prosecuzione dell'operatività del Fondo di rotazione ad alimentazione mista; - concreto avvio del Fondo strategico del Trentino-Alto Adige. Inoltre, avvio o prosecuzione delle seguenti azioni di medio periodo: - creazione di un pacchetto di poche misure che coprano le diverse esigenze delle imprese (investimenti innovativi in settori a forte crescita, start-up, patrimonializzazione, superamento di problemi di liquidità nel finanziamento della gestione corrente), in un ottica di rafforzamento del partenariato pubblico-privato; - sostegno alla sperimentazione di forme di aggregazione delle piccole imprese, con favorevoli prospettive di crescita, per l'accesso a nuovi strumenti di finanziamento degli investimenti (Fondi BEI, finanziamenti del Fondo strategico Trentino-Alto Adige, ). Approvate, con deliberazione n del 22 dicembre 2014, determinazioni in ordine alle risorse destinate ai fondi rischi degli enti di garanzia. Definite, con deliberazione n del 9 dicembre 2014, le disposizioni applicative per il rimborso degli oneri sostenuti per le anticipazioni dei crediti certificati, ai sensi dell'art. 7 bis del decreto legge 8 aprile 2013, n Monitoraggio del progetto e delle condizioni di unificazione dei Confidi entro dicembre Valutazione, in collaborazione con Cassa del Trentino, della possibilità di accedere a fondi BEI per il finanziamento degli investimenti aziendali - entro dicembre 2015 Pag. 8 di 10 10

11 DIP. SVILUPPO ECONOMICO E LAVORO Obiettivo: 12 Codice Intervento 3_1_4. Sostegno allo sviluppo imprenditoriale del Trentino, puntando sia sulla nascita di nuova imprenditorialità che sull'attrazione nel territorio di iniziative imprenditoriali da fuori Trentino 1) razionalizzazione e concentrazione delle azioni per lo sviluppo di nuova imprenditorialità; 2) forti azioni di marketing territoriale. 1) Effettuata la ricognizione degli interventi esistenti e formulata una proposta di razionalizzazione e concentrazione delle azioni per la nuova imprenditorialità. La proposta è stata discussa con tutte le strutture provinciali coinvolte nella sua attuazione, nonchè con il Tavolo per le start up cooperative. 1) - Definizione del progetto per la nuova imprenditorialità - attuato con deliberazione n. 598 del 13 aprile Avvio dell'attuazione del progetto, con: la predisposizione di un bando seedmoney, a valere su risorse del FESR entro ottobre 2015 l'attivazione di una linea di sostegno unica all'avvio di nuove attività imprenditoriali, razionalizzando le misure esistenti - entro settembre ) Promozione dell'insediamento sul territorio di nuove imprese, tramite la task force "imprese" costituita presso Trentino Sviluppo - a partire da aprile 2015 Obiettivo: 13 Codice Intervento 6IM_1_1. Rafforzamento del processo di modernizzazione del sistema pubblico trentino con attenzione al miglioramento dei servizi e alla riduzione degli oneri burocratici per cittadini e imprese - attuazione del Piano di miglioramento della pubblica amministrazione Vedi stato di attuazione degli interventi descritto nell'aggiornamento 2015 del Piano di miglioramento Attuazione degli interventi di competenza previsti dall'aggiornamento 2015 del Piano di miglioramento, secondo le azioni e i tempi ivi previsti Pag. 9 di 10 11

12 DIP. SVILUPPO ECONOMICO E LAVORO Obiettivo: 14 Codice Intervento 9_1_1. Attuazione del Progetto Cooperazione territoriale, con l obiettivo di valorizzare, attraverso azioni integrate tra turismo, ambiente, agricoltura e cultura, le potenzialità di sviluppo di alcuni macro-ambiti territoriali con caratteristiche omogenee e vocazioni economiche affini - definizione in via sperimentale, a partire da uno dei macroambiti territoriali individuati, di un progetto integrato di cooperazione territoriale; - individuazione, con il supporto di un apposito gruppo di lavoro intersettoriale e interistituzionale, delle misure concrete per lo sviluppo dell area di riferimento, dei soggetti attuatori, dei tempi e modalità di attuazione del progetto; - progressiva attuazione del progetto. Delineato il progetto intersettoriale dal nuovo Programma di sviluppo provinciale (PSP), approvato dalla Giunta provinciale con deliberazione n del 22 dicembre 2014 Individuazione, nell'ambito delle attività del gruppo di lavoro, delle misure relative al commercio da sviluppare mediante il Progetto secondo i tempi e le modalità ivi definite Pag. 10 di 10 12

13 Provincia autonoma di Trento PROGRAMMA DI GESTIONE ANNO 2015 DIP. PROTEZIONE CIVILE 13

14 1.OBIETTIVI STRATEGICI DESCRIZIONE OBIETTIVO DIP. PROTEZIONE CIVILE Obiettivo: 01 Codice Intervento 5_1_1. Salvaguardia del territorio, dell'ambiente e del paesaggio - prosecuzione di interventi per la stabilità del territorio Approvate, con la deliberazione n del 6 ottobre 2014, le disposizioni tecniche e organizzative per la redazione e l aggiornamento delle carte della pericolosità di cui all art. 10 della L.P. n. 9/2011 in materia di protezione civile Completamento della redazione tecnica delle carte della pericolosità - attuato entro febbraio redazione delle carte della pericolosità, strumento per la rilevazione dei pericoli localizzati sul territorio provinciale Obiettivo: 02 Codice Intervento 5_1_2. Interventi per garantire la sicurezza idrogeologica - valutazione e gestione del rischio alluvioni Approvato, con la deliberazione n del 9 dicembre 2014, il progetto di Piano di gestione del rischio alluvioni (PGRA) riguardante il territorio provinciale, in attuazione della direttiva 2007/60/CE Definizione del testo finale del "Piano di gestione del rischio alluvioni" - entro novembre 2015 Obiettivo: 03 Codice Intervento 5_5_1. Interventi per il sistema della Protezione Civile 1) assunzione del coordinamento della "Commissione Speciale per la Protezione Civile", istituita nell'ambito della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, e di tutte le attività connesse; 1) Ruolo a rotazione, in capo alla Regione Friuli Venezia Giulia dal mese di maggio ) La legge finanziaria provinciale 2015 prevede all articolo 54 che la Giunta provinciale individui, sentita la federazione dei corpi volontari, la nuova Scuola provinciale antincendi, quale struttura formativa e di addestramento in materia di servizi antincendi dei vigili del fuoco volontari, al fine di garantire: 1) Subentro alla Regione Friuli Venezia Giulia nel ruolo di coordinamento della Commissione, per la durata di un biennio - entro maggio ) Predisposizione della proposta di deliberazione di individuazione della nuova Scuola provinciale antincendi - entro dicembre ) Predisposizione della proposta di deliberazione recante i nuovi criteri - entro Pagina 2 di 3 14

15 DIP. PROTEZIONE CIVILE 2) unificazione della Scuola provinciale antincendi con il centro formativo e addestrativo della Federazione dei corpi dei VVFF volontari; 3) contenimento delle spese per gli interventi relativi alle caserme dei corpi dei vigili del fuoco volontari; 4) miglioramento del sistema di allertamento delle strutture operative della protezione civile in caso di emergenza. Obiettivo: 04 Codice Intervento 6IM_1_1. Rafforzamento del processo di modernizzazione del sistema pubblico trentino con attenzione al miglioramento dei servizi e alla riduzione degli oneri burocratici per cittadini e imprese - attuazione del Piano di miglioramento della pubblica amministrazione - una programmazione organica delle attività formative; - un'omogeneizzazione delle offerte formative; - una gestione centralizzata dei dati relativi ai corsi di formazione frequentati dai vigili del fuoco permanenti e volontari. 3) La legge finanziaria provinciale 2015 prevede all articolo 55 la definizione da parte della Giunta provinciale, previo parere della competente commissione permanente del Consiglio provinciale, di nuovi criteri diretti a garantire la sobrietà, l essenzialità e la selettività nella programmazione, progettazione e realizzazione degli interventi relativi alle caserme dei corpi dei vigili del fuoco volontari, ivi compresi gli interventi finanziati sui fondi della finanza locale. 4) La Centrale 115 allerta le strutture chiamate a gestire l'emergenza tramite protocolli che si basano su attività essenzialmente manuali da parte dell'operatore di Centrale vedi stato di attuazione interventi descritto nell'aggiornamento 2015 del Piano di miglioramento maggio ) Sviluppo di un nuovo software in grado di attivare le strutture operative della protezione civile in caso di emergenza, attraverso un sistema codificato - entro giugno attuazione degli interventi di competenza previsti dall'aggiornamento 2015 del Piano di miglioramento, secondo le azioni e i tempi ivi previsti Pagina 3 di 3 15

16 Provincia Autonoma di Trento PROGRAMMA DI GESTIONE ANNO 2015 DIPARTIMENTO DELLA CONOSCENZA 16

17 1.OBIETTIVI STRATEGICI DESCRIZIONE OBIETTIVO DIP. DELLA CONOSCENZA Obiettivo: 01 Codice Intervento 1_1_1. Sostegno all'istruzione della prima infanzia, con servizi qualificati e con orari e modelli di gestione più flessibili Obiettivo: 02 Codice Intervento 1_1_2. Ulteriore qualificazione del corpo insegnante 1) rafforzamento della formazione, anche in attuazione del Piano Trentino trilingue ; E stata predisposta una proposta di delibera sui nuovi requisiti strutturali e sui criteri di realizzazione dei nidi di infanzia. E stata completata l'analisi tecnico/ scientifica riguardo la proposta di revisione organizzativa dei nidi d infanzia, con mappatura degli standard riferiti alle realtà europee di maggior peso e valutazione di impatto sul funzionamento dei servizi. E stata avviata l analisi per la revisione dei criteri organizzativi per i nidi familiari - servizio tagesmutter. - Predisposizione della nuova disciplina dei requisiti strutturali, organizzativi e professionali per il sistema dei servizi socio educativi, comprensivo dei nidi familiari entro dicembre 2015; - Definizione del progetto formativo per l applicazione nei contesti operativi - entro dicembre 2015; - Pianificazione e attuazione di due sessioni formative per l acquisizione della qualifica professionale di educatore dei servizi prima infanzia, volte a regolarizzare tutte le posizioni presenti nel sistema, preliminarmente all entrata in vigore dei nuovi requisiti entro ottobre 2015; - Predisposizione della proposta tecnica di revisione della legge di ordinamento dei servizi socio educativi per la prima infanzia, con particolare attenzione alle procedure di accreditamento e autorizzazione per lo svolgimento dei servizi e alla governance complessiva del sistema entro dicembre ) Coordinamento e attuazione, anche in collaborazione con IPRASE, dei programmi di formazione linguistica e metodologica previsti dal Piano Trentino trilingue, rivolti al personale insegnante del sistema educativo provinciale: Pag. 2 di 15 17

18 DIP. DELLA CONOSCENZA 2) promozione di un aumento dell'autonomia delle singole istituzioni scolastiche, anche per la selezione dei docenti, accompagnata da una rigorosa valutazione degli esiti sugli apprendimenti; 3) promozione di percorsi di carriera degli insegnanti, fondati su merito, formazione e partecipazione a iniziative di sistema e valutazione. - avvio di specifici percorsi di formazione metodologica per l insegnamento delle lingue rivolto agli insegnanti della scuola dell infanzia entro dicembre 2015; - avvio dei percorsi di formazione in metodologia CLIL Inglese e Tedesco, per i docenti della scuola primaria (marzo/aprile) e per i docenti degli altri ordini di scuola entro ottobre 2015; - avvio di percorsi di rafforzamento linguistico di lingua inglese e tedesco, anche all estero entro dicembre 2015; - realizzazione di un evento internazionale di approfondimento sulla metodologia CLIL entro maggio 2015; - predisposizione di una piattaforma on line per la raccolta di materiali e buone pratiche sul CLIL e sull insegnamento delle lingue straniere entro maggio ) Proposta di prima ridefinizione del modello di autonomia scolastica entro dicembre 2015 Obiettivo: 03 Codice Intervento 1_1_3. Ulteriori interventi di miglioramento della qualità del sistema educativo trentino 1) a) Per la scuola dell infanzia: - sono state effettuate le assunzioni 3) Avvio di percorsi con rilascio di crediti formativi riconoscibili a fini di percorsi di carriera entro maggio ) a) Per la scuola dell infanzia: - attivazione e svolgimento della procedura Pag. 3 di 15 18

19 DIP. DELLA CONOSCENZA 1) progressiva attuazione del piano straordinario pluriennale per la stabilizzazione del personale docente, accompagnato dalla promozione di azioni per garantire una maggiore continuità didattica, l'inclusione dei ragazzi in difficoltà e il progressivo potenziamento dell'apprendimento delle lingue straniere; 2) attenzione specifica all'inclusione dei soggetti con bisogni educativi speciali e di quelli in situazioni di disagio. Inoltre: 3) promozione dell'educazione motoria come strumento di educazione responsabile e di prevenzione. straordinarie sulle graduatorie attive, in numero conseguente alle misure di flessibilizzazione concertate con le organizzazione sindacali b) Per il personale docente della scuola a carattere statale: - sono state completate le procedure concorsuali per l assunzione in ruolo dei docenti di religione; - è stata istituita e regolamentata la dotazione organica provinciale speciale ai fini delle assunzioni straordinarie; - sono state effettuate le assunzioni straordinarie sulle graduatorie attive, in numero conseguente alle misure di flessibilizzazione concertate con le organizzazione sindacali c) Per il personale Amministrativo, tecnico e ausiliario (A.T.A): - è stata effettuata l apertura della procedura volta ad attualizzare la conferma della permanenza nelle graduatorie a tempo determinato del personale collaboratore scolastico (bidelli); - è stata definita una proposta di revisione dell istituto della mobilità e per l introduzione di una disciplina specifica per le figure apicali delle segreterie scolastiche; - sono state effettuate le assunzioni per la stabilizzazione del personale precario, in numero conseguente agli accordi con le organizzazione sindacali concorsuale per l assunzione di insegnanti di sezione e sezione/lingua straniera - entro agosto 2015; - assunzioni nell ambito del piano pluriennale di stabilizzazione del personale insegnante, comprensive degli insegnanti con competenza di lingua straniera, nei limiti della dotazione organica complessiva - entro agosto 2015; b) Per il personale docente della scuola a carattere statale - apertura ulteriore fascia delle graduatorie provinciali per titoli - entro giugno 2015; - attivazione e svolgimento della procedura concorsuale per assunzioni di personale docente di scuola primaria - lingua straniera - entro agosto 2015; - assunzioni nell ambito del piano pluriennale di stabilizzazione, nei limiti della dotazione organica complessiva e della dotazione organica speciale entro agosto 2015; - proposta di modello per unificazione del canale di accesso all'insegnamento con l istituzione di una graduatoria unica entro ottobre c) Per il personale Amministrativo, tecnico e ausiliario (A.T.A.): - indizione procedura concorsuale per la stabilizzazione di 60 collaboratori scolastici - entro agosto Pag. 4 di 15 19

20 DIP. DELLA CONOSCENZA 2) Assicurati gli interventi per i ragazzi con bisogni educativi speciali e in situazioni di disagio. In particolare, per l anno scolastico 2014/2015, previsti oltre 14,7 milioni di euro, 618 docenti, 184 assistenti educatori provinciali 3) Sono state approvate linee guida per l educazione motoria con delibera n. 2065/ ) - Elaborazione di indicazioni operative per il miglioramento del grado di inclusione del sistema educativo provinciale, anche sulla base degli esiti della specifica ricerca azione effettuata da Iprase entro novembre Definizione degli avvisi per il finanziamento con il Fondo sociale europeo (FSE) di progetti di inclusione e contro la dispersione scolastica/formativa per l anno scolastico. 2015/16 entro agosto 2015 Obiettivo: 04 Codice Intervento 1_1_4. Riorganizzazione dell'offerta scolastica 1) valutazione di opportune riorganizzazioni dei tempi della scuola; 3) - Promozione di incontri tra il mondo della scuola e dello sport per sostenere la cultura dello sport come diritto di cittadinanza entro giugno Introduzione nel quinto anno della scuola primaria di due ore obbligatorie di scienze motorie e sportive da effettuare con docenti abilitati all insegnamento di questa disciplina entro dicembre Proposta per una nuova modalità di insegnamento dello sport nel IV e V anno di scuola secondaria di II grado entro dicembre ) Studio di fattibilità - entro dicembre sull introduzione del tempo scuola su 5 giorni per il sistema educativo trentino, con: - verifica della compatibilità organizzativa e didattica; Pag. 5 di 15 20

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia Art. 1 (Innovazione nel sistema educativo di istruzione

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Oggetto: schema di decreto recante linee guida in materia di semplificazione e promozione dell istruzione tecnico professionale a norma dell articolo 52 del decreto legge 9 febbraio 2012, n.5, convertito

Dettagli

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 20 febbraio 2014, n. 5) CAPO I Principi generali

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 20 febbraio 2014, n. 5) CAPO I Principi generali Legge regionale 18 dicembre 2013, n. 53 Disciplina del Sistema Regionale dell Istruzione e Formazione Professionale. (BUR n. 24 del 16 dicembre 2013, supplemento straordinario n. 6 del 27 dicembre 2013)

Dettagli

TRA LA REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE, SPORT E TURISMO ASSESSORATO AL LAVORO E FORMAZIONE PROFESSIONALE

TRA LA REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE, SPORT E TURISMO ASSESSORATO AL LAVORO E FORMAZIONE PROFESSIONALE Regione Piemonte Assessorato all Istruzione, Sport e Turismo e Assessorato al Lavoro e alla Formazione Professionale Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Accordo per la realizzazione di percorsi

Dettagli

TRA LA REGIONE PUGLIA ASSESSORATO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE

TRA LA REGIONE PUGLIA ASSESSORATO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE Regione Puglia Assessorato per il diritto allo studio e la formazione professionale Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Accordo per la realizzazione nell anno scolastico 2011/2012 di percorsi di

Dettagli

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010)

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 7 DICEMBRE 2010 N. 19 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) Il Consiglio regionale

Dettagli

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa 1. Premessa Le criticità e le difficoltà che incontrano i giovani ad entrare

Dettagli

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di Istruzione e Formazione Professionale

Dettagli

Il sistema scolastico ed educativo

Il sistema scolastico ed educativo Il sistema scolastico ed educativo La scuola, in provincia di Siena, in questi ultimi anni, è cresciuta in quantità e qualità. La popolazione scolastica, che ammonta nel 2008-2009 a 32.861 studenti, dalla

Dettagli

OT 10 - INVESTIRE NELL ISTRUZIONE, FORMAZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE, PER LE COMPETENZE E L APPRENDIMENTO PERMANENTE

OT 10 - INVESTIRE NELL ISTRUZIONE, FORMAZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE, PER LE COMPETENZE E L APPRENDIMENTO PERMANENTE La formazione continua nella programmazione FSE 2014-2020 di Franco Silvestri Insieme con i Fondi Interprofessionali è il Fondo Sociale Europeo la principale fonte di finanziamento per gli interventi di

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Investimento sull istruzione e formazione dei giovani Articolazione unitaria del sistema libertà di scelta Flessibilità strutturale

Investimento sull istruzione e formazione dei giovani Articolazione unitaria del sistema libertà di scelta Flessibilità strutturale Investimento sull istruzione e formazione dei giovani per favorire la crescita personale, culturale e professionale in linea con le politiche del capitale umano, assicurando loro conoscenze, abilità, capacità

Dettagli

Legge Provinciale 1 luglio 2013 n. 10 Interventi per favorire l'apprendimento permanente e la certificazione delle competenze.

Legge Provinciale 1 luglio 2013 n. 10 Interventi per favorire l'apprendimento permanente e la certificazione delle competenze. Legge Provinciale 1 luglio 2013 n. 10 Interventi per favorire l'apprendimento permanente e la certificazione delle competenze. (Trentino-Alto Adige, Provincia autonoma di Trento, BUR 2 luglio 2013, n.

Dettagli

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i.

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Allegato A Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Indirizzi per la regolamentazione dell apprendistato

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 196 del 7-12-2009 25631 LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31 Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione e alla formazione. La seguente legge:

Dettagli

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI AGENZIA DEL LAVORO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L IMPIEGO 1. LA CONDIZIONE GIOVANILE SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI TRENTO

Dettagli

CORSO IPRASE REFERENTI ISTITUTI PER ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. L alternanza in Trentino: stato dell arte prospettive di sviluppo

CORSO IPRASE REFERENTI ISTITUTI PER ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. L alternanza in Trentino: stato dell arte prospettive di sviluppo CORSO IPRASE REFERENTI ISTITUTI PER ALTERNANZA SCUOLA LAVORO L alternanza in Trentino: stato dell arte prospettive di sviluppo Daniela Carlini Trento 14 marzo 2016 DA DOVE PARTIAMO IN TRENTINO La costruzione

Dettagli

Piano straordinario per l'occupazione.

Piano straordinario per l'occupazione. Piano straordinario per l'occupazione. Sintesi I PILASTRI Più occupazione. Più competitività. Più credito. Meno burocrazia. Sono questi i quattro pilastri sui quali si regge il piano straordinario della

Dettagli

SCHEMA DI ACCORDO PER LA DISCIPLINA E LA DURATA DELL APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE NELLA REGIONE ABRUZZO

SCHEMA DI ACCORDO PER LA DISCIPLINA E LA DURATA DELL APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE NELLA REGIONE ABRUZZO ALLEGATO A GIUNTA REGIONALE D ABRUZZO DIREZIONE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO, FORMAZIONE ED ISTRUZIONE, POLITICHE SOCIALI REGIONE ABRUZZO GIUNTA REGIONALE D ABRUZZO DIREZIONE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 40/I-II del 06/10/2015 / Amtsblatt Nr. 40/I-II vom 06/10/2015 43

Bollettino Ufficiale n. 40/I-II del 06/10/2015 / Amtsblatt Nr. 40/I-II vom 06/10/2015 43 Bollettino Ufficiale n. 40/I-II del 06/10/2015 / Amtsblatt Nr. 40/I-II vom 06/10/2015 43 101788 Accordi e contratti collettivi - Parte 1 - Anno 2015 Provincia Autonoma di Trento A.P.Ra.N. - AGENZIA PROVINCIALE

Dettagli

Allegato A) 1. PREMESSA

Allegato A) 1. PREMESSA Delibera N. 1193 del 10.04.2006 Riforma scolastica nelle scuole primarie e secondarie di primo grado in lingua italiana. Anno scolastico 2006/200 (modificata con delibera n. 4926 vom 29.12.2006) omissis

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 PROTOCOLLO D INTESA TRA Regione del Veneto Ministero dell'istruzione,dell'università e della Ricerca - Ufficio Scolastico

Dettagli

Provincia Autonoma TRENTO

Provincia Autonoma TRENTO Provincia Autonoma TRENTO 1 INDICE :::::::::::::: 1. Introduzione a. processo di ascolto 2. Principali temi emersi 3. Le buone pratiche regionali 2 Introduzione 1La Provincia Autonoma di Trento ha attivato

Dettagli

7995 05/09/2013 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO. Identificativo Atto n. 738

7995 05/09/2013 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO. Identificativo Atto n. 738 Identificativo Atto n. 738 7995 05/09/2013 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO APPROVAZIONE DELLA GRADUATORIA DI PRE-SELEZIONE DEI PROGETTI DI CUI ALL AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Schema di regolamento recante Revisione dell assetto ordinamentale, organizzativo e didattico della scuola dell infanzia e del primo ciclo di istruzione ai sensi dell'articolo 64 del decreto legge 25 giugno

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 5 febbraio 2015) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL

Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL Scheda di lettura del Capo V Apprendistato del decreto legislativo n. 81/15 recante Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni Premessa La parte relativa

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca INTESA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA e LA REGIONE LOMBARDIA VISTI - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA. Regione del Veneto

PROTOCOLLO D'INTESA TRA. Regione del Veneto REGIO NE DELVENETO CONFINDUSTRIA Veneto PROTOCOLLO D'INTESA TRA Regione del Veneto Ministero dell'istruzione,dell'università e della Ricerca - Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto (di seguito denominato

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 29 ottobre 2014) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

Giornata di Formazione per referenti delle Scuole Polo

Giornata di Formazione per referenti delle Scuole Polo Giornata di Formazione per referenti delle Scuole Polo Milano, 18 gennaio 2013 1 NORMATIVA RELATIVA ALLA SOLIDARIETA, AL BENESSERE DEGLI STUDENTI E ALL AUTONOMIA DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI L. 285/97 relativa

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Schema di regolamento recante Revisione dell assetto ordinamentale, organizzativo e didattico della scuola dell infanzia e del primo ciclo di istruzione ai sensi dell'articolo 64, comma 4, del decreto

Dettagli

ACCORDO TERRITORIALE

ACCORDO TERRITORIALE ACCORDO TERRITORIALE TRA REGIONE CALABRIA Dipartimento Lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato, in persona del Dirigente Generale Avv. Bruno Calvetta E UFFICIO

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

MODALITA DI ATTUAZIONE DEI POLI FORMATIVI Annualità 2006/2007

MODALITA DI ATTUAZIONE DEI POLI FORMATIVI Annualità 2006/2007 ALLEGATO A MODALITA DI ATTUAZIONE DEI POLI FORMATIVI Annualità 2006/2007 a-premessa Le presenti modalità di attuazione riprendono le linee fondamentali espresse nell Avviso pubblico, omogenee per ogni

Dettagli

Manifattura diffusa creativa e tecnologica 4.0

Manifattura diffusa creativa e tecnologica 4.0 Legge Regionale 24 settembre 2015, n. 26 Manifattura diffusa creativa e tecnologica 4.0 (BURL n. 40, suppl. del 28 Settembre 2015 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2015-09-24;26 Art. 1 (Finalità) 1. La

Dettagli

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A.

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. La Regione Abruzzo, rappresentata dal componente la Giunta preposto alle Politiche attive del lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali,

Dettagli

progetto LiDi Lingue e Didattica CENTRO PER LA FORMAZIONE CONTINUA E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE INSEGNANTE

progetto LiDi Lingue e Didattica CENTRO PER LA FORMAZIONE CONTINUA E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE INSEGNANTE progetto LiDi Lingue e Didattica CENTRO PER LA FORMAZIONE CONTINUA E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE INSEGNANTE Il Centro per la formazione continua e l aggiornamento del personale insegnante cura iniziative

Dettagli

Si inverte la rotta TRA LE MISURE PREVISTE:

Si inverte la rotta TRA LE MISURE PREVISTE: RIPARTE LA SCUOLA, RIPARTE IL FUTURO Dopo la mortificazione dei tagli di risorse finanziarie e professionali degli ultimi anni, Si inverte la rotta A regime il decreto restituisce a istruzione università

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 33, sesto comma, 76 e 87, quinto comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 33, sesto comma, 76 e 87, quinto comma, della Costituzione; Schema di decreto legislativo recante la disciplina per la programmazione, il monitoraggio e la valutazione delle politiche di bilancio e di reclutamento degli atenei in attuazione della delega prevista

Dettagli

ACCORDO TERRITORIALE TRA REGIONE DEL VENETO E UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE

ACCORDO TERRITORIALE TRA REGIONE DEL VENETO E UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE ALLEGATO 1 ACCORDO TERRITORIALE TRA REGIONE DEL VENETO E UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE per la realizzazione di un offerta sussidiaria di percorsi di istruzione e formazione

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Schema di regolamento recante Norme generali per la ridefinizione dell assetto organizzativo didattico dei Centri d istruzione per gli adulti, ivi compresi i corsi serali, ai sensi dell articolo 64, comma

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO

REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO PROGRAMMA D AZIONE 2006 - prime linee - Premessa La sottoscrizione

Dettagli

LEGGE 7 agosto 2015, n. 124. Deleghe al Governo in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche. (15G00138) Vigente al: 17-11-2015

LEGGE 7 agosto 2015, n. 124. Deleghe al Governo in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche. (15G00138) Vigente al: 17-11-2015 LEGGE 7 agosto 2015, n. 124 Deleghe al Governo in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche. (15G00138) Vigente al: 17-11-2015 Capo IV DELEGHE PER LA SEMPLIFICAZIONE NORMATIVA Art. 17

Dettagli

CONSIDERATO CONSIDERATO VISTA VISTA VISTA PRESO ATTO VISTA VISTO

CONSIDERATO CONSIDERATO VISTA VISTA VISTA PRESO ATTO VISTA VISTO INTESA BIENNALE PER GLI ANNI SCOLASTICI 2015/2016 E 2016/2017 TRA L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L EMILIA-ROMAGNA E LA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA PROGRAMMAZIONE E LA GESTIONE COMPLESSIVA DELLE SEZIONI

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali LE PRINCIPALI CARATTERISTICHE DEL PIANO ITALIANO PER LA GARANZIA GIOVANI Procedure informative - Audizione del Ministro del lavoro e delle politiche sociali,

Dettagli

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI Convegno «LE PMI INNOVATIVE - LEGGE SULLE AGEVOLAZIONI» Pordenone, 28 aprile 2015 1 Obiettivi della Riforma

Dettagli

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione 5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) N 1698/2005. Punto 5.3.1.1.1. dell allegato II

Dettagli

Obiettivi didattici e di ricerca Linee generali del bilancio di previsione anno 2015

Obiettivi didattici e di ricerca Linee generali del bilancio di previsione anno 2015 Obiettivi didattici e di ricerca Linee generali del bilancio di previsione anno 2015 INTRODUZIONE L Ateneo per gestire al meglio la complessità del momento presente e sfruttare le opportunità del futuro,

Dettagli

Il riordino del sistema d istruzione e formazione. Vera riforma? Razionalizzazione per ridurre la spesa? Restaurazione?

Il riordino del sistema d istruzione e formazione. Vera riforma? Razionalizzazione per ridurre la spesa? Restaurazione? Il riordino del sistema d istruzione e formazione Vera riforma? Razionalizzazione per ridurre la spesa? Restaurazione? di Paolo Gallana Marzo 2010 Dove nasce il riordino La fonte normativa d origine è

Dettagli

ampania! Donne Giovani Disoccupati Piano d azione per il lavoro www.regione.campania.it www.fse.regione.campania.it www.arlas.campania.it I.P.

ampania! Donne Giovani Disoccupati Piano d azione per il lavoro www.regione.campania.it www.fse.regione.campania.it www.arlas.campania.it I.P. I.P. ampania! prospettive FUTURO informazione crescita produttività Capitale umano LAVORO azione crescita OCCUPAZIONE programmione azione prospettive INTEGRAZIONE giovani I inserimento INCLUSIONE sicurezza

Dettagli

ampania! Donne Giovani Disoccupati Piano d azione per il lavoro www.regione.campania.it www.fse.regione.campania.it www.arlas.campania.it I.P.

ampania! Donne Giovani Disoccupati Piano d azione per il lavoro www.regione.campania.it www.fse.regione.campania.it www.arlas.campania.it I.P. I.P. ampania! prospettive FUTURO informazione crescita produttività Capitale umano LAVORO azione crescita OCCUPAZIONE programmione azione prospettive INTEGRAZIONE giovani I inserimento INCLUSIONE sicurezza

Dettagli

REGIONE CAMPANIA CONTRATTO DI PROGRAMMA REGIONALE

REGIONE CAMPANIA CONTRATTO DI PROGRAMMA REGIONALE REGIONE CAMPANIA CONTRATTO DI PROGRAMMA REGIONALE FONTI LEGISLATIVE 1. Decreto Legislativo 31 marzo 1998, n. 123: "Disposizioni per la razionalizzazione degli interventi di sostegno pubblico alle imprese,

Dettagli

MIUR.AOODGEFID.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI.0000050.25-11-2015

MIUR.AOODGEFID.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI.0000050.25-11-2015 MIUR.AOODGEFID.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI.0000050.25-11-2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca IL DIRETTORE GENERALE VISTA la legge 18 dicembre 1997, n. 440, recante istituzione

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Allegato parte integrante regolamento PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Regolamento per l inserimento e l integrazione degli studenti stranieri nel sistema educativo provinciale (articolo 75 della legge provinciale

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E REGIONE LOMBARDIA

CONVENZIONE TRA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E REGIONE LOMBARDIA CONVENZIONE TRA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E REGIONE LOMBARDIA (di seguito, denominate PARTI) VISTO Il Regolamento (UE) n. 1303/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17

Dettagli

All'albo della scuola e sul sito web

All'albo della scuola e sul sito web Prot. n. 4684 Roma, 28 settembre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E p.c. Al Consiglio d istituto Alle famiglie Agli alunni Al personale ATA All'albo della scuola e sul sito web OGGETTO: ATTO DI INDIRIZZO DEL

Dettagli

Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE

Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE Il programma Operativo del FSE Obiettivo 3 è strutturato per Assi a ciascuno dei quali corrisponde l attuazione degli obiettivi

Dettagli

(Finalità e oggetto)

(Finalità e oggetto) Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale Art. 1. (Finalità e oggetto) 1. Il Governo è delegato ad adottare, entro dodici

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CONCERNENTE: NORME SUL SISTEMA EDUCATIVO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CONCERNENTE: NORME SUL SISTEMA EDUCATIVO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CONCERNENTE: NORME SUL SISTEMA EDUCATIVO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE SOMMARIO CAPO I Disposizioni generali Art. 1 Oggetto e finalità Art. 2 Collaborazione istituzionale

Dettagli

AVVISO PUBBLICO IL DIRETTORE GENERALE

AVVISO PUBBLICO IL DIRETTORE GENERALE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema

Dettagli

BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE VENETO

BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE VENETO COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI NOTIZIARIO SPECIALE N.08/2009 AGLI ENTI ASSOCIATI DEL VENETO - LORO SEDI BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE VENETO Contributi per interventi finalizzati

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 313 del 21/06/2011

Delibera della Giunta Regionale n. 313 del 21/06/2011 Delibera della Giunta Regionale n. 313 del 21/06/2011 A.G.C.3 Programmazione, piani e programmi Settore 2 Pianificazione e collegamento con le aree generali di coordinamento Oggetto dell'atto: PO FSE E

Dettagli

27 ottobre 2015. Dip. MdL, Formazione, Ricerca e Scuola

27 ottobre 2015. Dip. MdL, Formazione, Ricerca e Scuola Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Lombardia. Modifiche alle ll.rr. 19/2007 sul sistema di istruzione e formazione e 22/2006 sul mercato del

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 13 marzo 2014) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 1 - CODICE PROGETTO 4.1.1- IL POLO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO SPECIALIZZAT O NEI SETTORI DELLE PRODUZIONI VITICOLE, ENOLOGICHE, DELLE GRAPPE E DELLE ACQUAVITI DI CONEGLIANO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 18 del 21/01/2014

Decreto Dirigenziale n. 18 del 21/01/2014 Decreto Dirigenziale n. 18 del 21/01/2014 Dipartimento 54 - Dipartimento Istr., Ric., Lav., Politiche Cult. e Soc. Direzione Generale 11 - Direzione Generale Istruzione, Formazione,Lavoro e Politiche Giovanili

Dettagli

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N. 7 Sviluppo Economico, Lavoro, Formazione e Politiche Sociali SETTORE N. 3

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N. 7 Sviluppo Economico, Lavoro, Formazione e Politiche Sociali SETTORE N. 3 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N. 7 Sviluppo Economico, Lavoro, Formazione e Politiche Sociali SETTORE N. 3 DECRETO DEL DIRIGENTE GENERALE (Assunto il 11/05/2016 prot. n.1361) Registro

Dettagli

Schema di regolamento concernente la formazione iniziale degli insegnanti (Atto 205) PARERE APPROVATO

Schema di regolamento concernente la formazione iniziale degli insegnanti (Atto 205) PARERE APPROVATO Schema di regolamento concernente la formazione iniziale degli insegnanti (Atto 205) PARERE APPROVATO La Commissione VII (Cultura, scienza, istruzione), esaminato lo schema di decreto del Presidente della

Dettagli

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015 Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria 16 novembre 2015 1 Vision La nuova maggioranza crede fermamente nello sviluppo sostenibile della propria economia e nella possibilità di portare

Dettagli

DALLA FORMAZIONE PER L'OCCUPABILITA' ALLA FORMAZIONE PER L'OCCUPAZIONE. Antonella Chiusole

DALLA FORMAZIONE PER L'OCCUPABILITA' ALLA FORMAZIONE PER L'OCCUPAZIONE. Antonella Chiusole DALLA FORMAZIONE PER L'OCCUPABILITA' ALLA FORMAZIONE PER L'OCCUPAZIONE Antonella Chiusole 1 II) FORMAZIONE PER DISOCCUPATI E OCCUPATI Intervento 3: FORMAZIONE PER DISOCCUPATI E A RISCHIO DISOCCUPAZIONE

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE Il progetto In Pratica Idee alla pari e alcuni esempi di pratiche realizzate e di esperienze regionali di successo IRS Istituto per la Ricerca

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale

Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale Prot. n. 560 Bari, 25 gennaio 2012 Il Dirigente : Anna Cammalleri BANDO per la selezione di proposte progettuali per attività di ricerca azione in rete verticale tra istituti di istruzione secondaria di

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Documento condiviso tra le Università di Macerata e Camerino in attuazione degli indirizzi dell accordo di programma dell 11 febbraio 2010 tra Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca,

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA "PROMOZIONE DELL'ACCESSO AL LAVORO DELLE PERSONE DISABILI". Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 49 del 24 luglio 2001 IL CONSIGLIO

Dettagli

ALLEGATO B. D.I. n. 436/2000 artt. 1 e 4 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI

ALLEGATO B. D.I. n. 436/2000 artt. 1 e 4 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI ALLEGATO B D.I. n. 436/2000 artt. 1 e 4 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI 2 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI Le caratteristiche strutturali dei percorsi dell IFTS (modularità, unità capitalizzabili,

Dettagli

PROGRAMMA PLURIENNALE DELLA RICERCA. XV legislatura

PROGRAMMA PLURIENNALE DELLA RICERCA. XV legislatura PROGRAMMA PLURIENNALE DELLA RICERCA XV legislatura Il programma pluriennale della ricerca (PPR) è lo strumento di programmazione provinciale di settore. Ha il compito di garantire una programmazione coordinata

Dettagli

Ridurre l abbandono precoce, con attenzione particolare a specifici target

Ridurre l abbandono precoce, con attenzione particolare a specifici target Obiettivo tematico 10 Istruzione e Formazione Risultati attesi Obiettivi Specifici Azioni Interventi di sostegno agli studenti caratterizzati da particolari fragilità (azioni di tutoring e mentoring, attività

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante:

Schema di decreto legislativo recante: Schema di decreto legislativo recante: Incentivi all autoimprenditorialità e all autoimpiego, in attuazione della delega conferita dall articolo 45, comma 1, della legge 17 maggio 1999, n. 144. Visti gli

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 06-08-2007 REGIONE LOMBARDIA. Norme sul sistema educativo di istruzione e formazione della Regione Lombardia

LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 06-08-2007 REGIONE LOMBARDIA. Norme sul sistema educativo di istruzione e formazione della Regione Lombardia LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 06-08-2007 REGIONE LOMBARDIA Norme sul sistema educativo di istruzione e formazione della Regione Lombardia Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LOMBARDIA N. 32 del 6 agosto

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

PROGETTO SPECIALE MULTIASSE PIÙ RICERCA E INNOVAZIONE

PROGETTO SPECIALE MULTIASSE PIÙ RICERCA E INNOVAZIONE Allegato 1 alla D.G.R. 14/11/2011, nr. 765 GIUNTA REGIONALE DELL'ABRUZZO PROGETTO SPECIALE MULTIASSE PIÙ RICERCA E INNOVAZIONE Con il presente progetto si intende, attraverso una Sovvenzione Globale (artt.

Dettagli

Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013

Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013 Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013 INTEGRAZIONI AL PIANO DEGLI INTERVENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLE POLITICHE DELL ISTRUZIONE, DELLA FORMAZIONE E DEL LAVORO INDICAZIONI

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA E IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA PROGRAMMA SPECIALE PER L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE NEGLI ISTITUTI PENITENZIARI 1 VISTO

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Schema di decreto recante: 11.11.2014 Organizzazione e compiti degli uffici di livello dirigenziale non generale istituiti presso l Ufficio scolastico regionale per il Molise. IL MINISTRO Visti gli articoli

Dettagli

Le competenze per l autoimprenditorialità nel Fondo Sociale Europeo

Le competenze per l autoimprenditorialità nel Fondo Sociale Europeo Le competenze per l autoimprenditorialità nel Fondo Sociale Europeo Lunedì 26 gennaio Incubatore d impresa Herion Venezia Santo Romano Direttore Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro Programmazione

Dettagli

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 337 del 6.03.2012 pag. 1/9 Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009 - Art. 1 Definizioni...2 - Art.

Dettagli

È finanziato con risorse del Fondo sociale europeo pari a 74 milioni di euro. Ha avvio il I maggio 2014.

È finanziato con risorse del Fondo sociale europeo pari a 74 milioni di euro. Ha avvio il I maggio 2014. La Garanzia Giovani è un progetto che intende assicurare ai ragazzi e alle ragazze tra i 15 e i 29 anni che non studiano e non lavorano opportunità per acquisire nuove competenze e per entrare nel mercato

Dettagli

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Decreto 25 ottobre 2007 [pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 3 del 4.1.2008] Riorganizzazione dei centri territoriali permanenti per l'educazione degli adulti e dei

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE LOMBARDIA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE LOMBARDIA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE LOMBARDIA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

PIANO TRIENNALE REGIONALE DELLA FORMAZIONE SUPERIORE RETE POLITECNICA 2013-2015

PIANO TRIENNALE REGIONALE DELLA FORMAZIONE SUPERIORE RETE POLITECNICA 2013-2015 PIANO TRIENNALE REGIONALE DELLA FORMAZIONE SUPERIORE RETE POLITECNICA 2013-2015 ALLEGATO A) 1. PREMESSA In un quadro economico connotato dal perdurare della crisi e da una forte accelerazione delle modificazioni

Dettagli

DDL Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti

DDL Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti DDL Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti A.C. 2994, approvato dalla Camera il 20 maggio 2015, trasmesso al Senato il

Dettagli

Una Garanzia PER i Giovani

Una Garanzia PER i Giovani Una Garanzia PER i Giovani Lo stato dell arte dalla Raccomandazione al Jobs Act Giulia Rosolen Cos è e cosa non è la Garanzia Giovani La Garanzia Giovani non è una misura contro la disoccupazione giovanile,

Dettagli

Capo I Disposizioni in materia di ammortizzatori sociali, servizi per il lavoro e politiche attive

Capo I Disposizioni in materia di ammortizzatori sociali, servizi per il lavoro e politiche attive Delega al Governo in materia di riforma degli ammortizzatori sociali, dei servizi per il lavoro e delle politiche attive, nonché in materia di riordino dei rapporti di lavoro e di sostegno alla maternità

Dettagli

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane LEGGE REGIONALE 16 dicembre 1996, N. 34 Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane (BURL n. 51, 1º suppl. ord. del 19 Dicembre 1996 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1996-12-16;34

Dettagli