CONVENZIONE PER L ESERCIZIO ASSOCIATO DELLA FUNZIONE CATASTO, AD ECCEZIONE DELLE FUNZIONI MANTENUTE ALLO STATO DALLA NORMATIVA VIGENTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONVENZIONE PER L ESERCIZIO ASSOCIATO DELLA FUNZIONE CATASTO, AD ECCEZIONE DELLE FUNZIONI MANTENUTE ALLO STATO DALLA NORMATIVA VIGENTE"

Transcript

1 CONVENZIONE PER L ESERCIZIO ASSOCIATO DELLA FUNZIONE CATASTO, AD ECCEZIONE DELLE FUNZIONI MANTENUTE ALLO STATO DALLA NORMATIVA VIGENTE L anno DUEMILATREDICI, il giorno del mese di nella residenza municipale di MERATE con la presente Convenzione TRA Il Comune di Airuno (Lc) in persona del Sindaco sig.ra GATTI ADELE domiciliata per la sua carica presso il Comune di Airuno; Il Comune di Brivio (Lc) in persona del Sindaco sig. PANZERI UGO domiciliato per la sua carica presso il Comune di Brivio; Il Comune di Calco (Lc) in persona del Sindaco sig. FUMAGALLI GILBERTO domiciliato per la sua carica presso il Comune di Calco; Il Comune di Cernusco Lombardone (Lc) in persona del Sindaco sig.ra DE CAPITANI GIOVANNA domiciliata per la sua carica presso il Comune di Cernusco Lombardone; Il Comune di Imbersago (Lc) in persona del Sindaco sig. GHISLANDI GIOVANNI domiciliato per la sua carica presso il Comune di Imbersago; Il Comune di Lomagna (Lc) in persona del Sindaco sig. FUMAGALLI STEFANO domiciliato per la sua carica presso il Comune di Lomagna; Il Comune di Merate (Lc) in persona del Sindaco sig. ROBBIANI ANDREA AMBROGIO domiciliato per la sua carica presso il Comune di Merate; Il Comune di Montevecchia (Lc) in persona del Sindaco sig. CAPRA SANDRO domiciliato per la sua carica presso il Comune di Montevecchia; Il Comune di Olgiate Molgora (Lc) in persona del Sindaco sig.ra ZUCCHI DORINA domiciliata per la sua carica presso il Comune di Olgiate Molgora; Il Comune di Osnago (Lc) in persona del Sindaco sig. STRINA PAOLO domiciliato per la sua carica presso il Comune di Osnago; Il Comune di Paderno d Adda (Lc) in persona del Sindaco sig. MOTTA VALTER domiciliato per la sua carica presso il Comune di Paderno d Adda; Il Comune di Robbiate (Lc) in persona del Sindaco sig. VILLA DANIELE domiciliato per la sua carica presso il Comune di Robbiate; Il Comune di Verderio Inferiore (Lc) in persona del Sindaco sig. ORIGO ALESSANDRO domiciliato per la sua carica presso il Comune di Verderio Inferiore; Il Comune di Verderio Superiore (Lc) in persona del Sindaco sig. BELLOTTO PAOLO domiciliato per la sua carica presso il Comune di Verderio Superiore; PREMESSO CHE la legge 15 marzo 1997, n. 59 Delega al Governo per il conferimento di funzioni e compiti alle regioni ed agli enti locali, per la riforma della Pubblica Amministrazione e per la semplificazione amministrativa e successive modificazioni ed integrazioni, ha costituito un importante tassello nel mosaico delle riforme in atto nella Pubblica Amministrazione; il decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112, Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle regioni ed agli enti locali, in attuazione del capo I della legge

2 15 marzo 1997, n. 59 e successive modificazioni, all art. 66 prevede tra le funzioni conferite agli enti locali quelle relative alla conservazione, utilizzazione e aggiornamento degli atti del catasto terreni e del catasto edilizio urbano, nonché alla revisione degli estimi e del classamento, fermo restando quanto previsto a carico dello Stato in materia di gestione unitaria e certificata dei flussi di aggiornamento delle informazioni ed il coordinamento operativo per la loro utilizzazione attraverso la rete unitaria delle pubbliche amministrazioni; con il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, emanato in attuazione della legge delega contenuta nell art. 12 della sopracitata legge 15 marzo 1997, n. 59, si è proceduto alla riorganizzazione dell organo esecutivo di governo, istituendo, tra l altro, il Ministero dell Economia e delle Finanze e l Agenzia del Territorio, individuandone le relative competenze; con i DPCM 19 dicembre 2000 e 21 marzo 2001, rispettivamente pubblicati in data 27 febbraio 2001 e 25 giugno 2001, si è attuato quanto previsto dall art. 7 del decreto legislativo 31 marzo 1998 n. 112, per l individuazione e la ripartizione, a livello provinciale, dei quantitativi delle risorse finanziarie e la determinazione del contingente necessario all esercizio delle funzioni di cui all art. 66 del medesimo provvedimento, per i quali sono stati acquisiti in data 03 agosto e 06 dicembre 2000, i pareri della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano unificata, ai sensi dell art. 8 del D. Lgs. 28 agosto 1997, n. 281, con la Conferenza Stato, città e autonomie locali; ai sensi dei citati DPCM è fatto carico all Agenzia del Territorio di definire e promuovere le condizioni tecnico-operative ed i requisiti per il trasferimento alle realtà locali delle funzioni e dei servizi catastali, nonché di concordare la pianificazione delle risorse, dei tempi e delle attività necessarie per completare le procedure richiamate nel punto 3.4 dell accordo sancito in materia di catasto nella Conferenza unificata dal 01 giugno 2000; l intero percorso di decentramento doveva completarsi entro tre anni dalla data del 27 febbraio 2001 di pubblicazione del citato DPCM 19/12/2000, al fine di regolare i rapporti finanziari tra Stato, Agenzia del Territorio ed enti locali interessati; il termine del processo di decentramento delle funzioni catastali, con il quale dovranno essere adottate tutte le procedure per il trasferimento ai Comuni delle funzioni e delle risorse catastali, già fissato per il ai sensi del D.P.C.M. 19 dicembre 2000, è stato prorogato al per effetto del D.P.C.M pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 222 del 21 settembre 2004; con decreto del direttore dell Agenzia del Territorio del , pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 210 del , è stato approvato lo schema di convenzione speciale per la disciplina delle modalità operative di sportello catastale decentrato ai sensi dell art. 11 del D.P.R. n. 305/91; in data 05/12/2005 l Amministrazione comunale di Merate, quale Comune capofila ha sottoscritto con l Agenzia del Territorio: - prot. n : Protocollo d Intesa tra Agenzia del Territorio e il Comune di Merate per l attivazione di uno sportello catastale decentrato presso il Comune di Merate; - prot. n : Convenzione Speciale per la disciplina delle modalità operative di sportello catastale decentrato ai sensi dell art.11 del D.P.R. n. 305/91; il DPCM 14 giugno 2007 avente per oggetto Decentramento delle funzioni catastali ai Comuni ai sensi dell articolo 1, comma 197, della legge 27 dicembre 2006 n. 296 : - all art. 3 prevede le funzioni e i processi catastali gestibili in forma diretta dai Comuni; - definisce le modalità, i requisiti e gli elementi utili per l esercizio e la gestione delle funzioni catastali da parte dei Comuni in forma diretta, singola o associata, ovvero per il convenzionamento con l allora Agenzia del Territorio, ora Agenzia delle Entrate; le funzioni fondamentali dei Comuni e modalità di esercizio associato di funzioni e servizi comunali, definite all art. 19 della Legge n. 135 del 07/08/2012 ricomprendono, alla lettera c) il catasto, ad eccezione delle funzioni mantenute allo Stato dalla normativa vigente ; ai sensi della citata Legge n. 135/2012 i Comuni con popolazione fino a abitanti, ovvero fino a abitanti se appartengono o sono appartenuti a comunità montane, (omissis) esercitano obbligatoriamente in forma associata, mediante unione di comuni o

3 convenzione, le funzioni fondamentali dei Comuni di cui al comma 27, ad esclusione della lettera l); i Comuni interessati assicurano l'attuazione delle disposizioni di cui sopra: a) entro il 1 gennaio 2013 con riguardo ad almeno tre delle funzioni fondamentali di cui al comma 28 della citata Legge n. 135/2012; b) entro il 1 gennaio 2014 con riguardo alle restanti funzioni fondamentali di cui al comma 28 della citata Legge n. 135/2012; i Comuni firmatari della presente convenzione, congiuntamente con i Comuni di Perego, Rovagnate, Santa Maria Hoè, a seguito di sottoscrizione di apposito accordo di programma in data 08/11/2005, hanno esercitato le Funzioni Catastali decentrate fino al 30/09/2012; i Comuni, sulla base dei risultati conseguiti a seguito dell attuazione dei servizi catastali decentrati di cui all Accordo di programma sopra citato, convengono sull opportunità di stipulare una nuova convenzione per l esercizio associato della funzione di catasto, individuando quale Comune Capofila quello di Merate; la presente Convenzione per l esercizio associato della funzione di catasto ha lo scopo di disciplinare le modalità di collaborazione e cooperazione fra i Comuni sopra indicati, al fine di promuovere un coordinato servizio sul territorio e ricercare il miglior impiego delle risorse disponibili; la presente Convenzione disciplina le modalità di gestione per l esercizio associato della funzione di catasto da attuare mediante successivo protocollo di intesa da sottoscrivere con l Agenzia delle Entrate sulla base delle vigenti disposizioni di legge; si conviene e si stipula quanto segue: TUTTO CIO PREMESSO Art. 1 Premessa La premessa costituisce parte integrante e sostanziale del presente atto. Art. 2 Enti interessati alla convenzione 1. I soggetti firmatari della presente convenzione sono i Comuni di Airuno, Brivio, Calco, Cernusco Lombardone, Imbersago, Lomagna, Merate, Montevecchia, Olgiate Molgora, Osnago, Paderno d'adda, Robbiate, Verderio Inferiore, Verderio Superiore. 2. Possono essere ammessi a farne parte altri Comuni i quali accettino integralmente gli articoli di cui alla presente convenzione. Per ogni Comune incluso successivamente alla firma della presente convenzione, il calcolo della quota parte di attività da finanziare decorre dal giorno in cui ha effetto l inclusione. Art. 3 - Comune capofila 1. Il Comune di Merate è individuato come Comune capofila per portare a buon fine la presente convenzione e pertanto in nome e per conto dei Comuni di Airuno, Brivio, Calco, Cernusco Lombardone, Imbersago, Lomagna, Montevecchia, Olgiate Molgora, Osnago, Paderno d'adda, Robbiate, Verderio Inferiore, Verderio Superiore, è deputato a definire gli accordi con l Agenzia delle Entrate per il mantenimento di uno sportello catastale oltre che per l adozione di ogni occorrente atto. 2. Il Comune capofila opera per nome e per conto di tutti i Comuni aderenti alla convenzione nel rispetto delle forme di consultazione e di partecipazione di cui agli articoli seguenti. Art. 4 Oggetto 1. La presente convenzione disciplina la funzione di catasto. 2. Lo sportello catastale sarà aperto al pubblico, presso il Comune di Merate, per due giorni alla settimana e precisamente il martedì ed il venerdì dalle 9.00 alle 12.00, mentre l orario di servizio sarà dalle 8.00 alle La Conferenza dei Sindaci potrà modificare gli orari di apertura.

4 Art. 5 Finalità 1. La convenzione è finalizzata a garantire: a) la razionalizzazione delle procedure relative al funzionamento dello sportello catastale; b) la gestione dei contratti con eventuali fornitori, l affiancamento e la formazione del personale assegnato allo sportello catastale decentrato; c) l applicazione uniforme, fra tutte le Amministrazioni aderenti alla convenzione, dei carichi finanziari necessari alla gestione del servizio; d) le relazioni con l Agenzia delle Entrate per la corretta gestione dello sportello catastale; e) la gestione contabile delle attività di sportello nei confronti dell Agenzia delle Entrate; f) la formazione del personale comunale disponibile a gestire le attività di sportello catastale. Art. 6 Segni distintivi 1. L ufficio che ospita lo sportello catastale deve essere dotato dei seguenti segni distintivi: a) il logo dell Agenzia delle Entrate; b) l insegna Sportello Catastale Decentrato - per l esercizio associato della funzione di catasto. Art. 7 - Decorrenza e durata della Convenzione 1. La presente Convenzione decorre dalla data della sua sottoscrizione e ha durata di tre anni e comunque pari alla durata del protocollo d intesa sottoscritto tra il Comune di Merate e l Agenzia delle Entrate per la gestione dello sportello catastale decentrato. Allo scadere di tale termine, i Comuni possono rinnovare la convenzione alla luce delle nuove direttive eventualmente formulate dal Governo. In caso di mancato rinnovo della convenzione, il Comune sede dello sportello mantiene la piena proprietà dei supporti informatici eventualmente acquistati per l integrazione e gestione del servizio. Art. 8 - Beni strumentali 1. Ogni postazione deve essere attrezzata con beni strumentali individuati in accordo con l Agenzia delle Entrate; pertanto per lo sportello vengono individuate le strumentazioni hardware e software necessarie al buon funzionamento del servizio, in conformità a quanto è attualmente in uso nel Comune di Merate, sede dello sportello catastale. Art. 9 Piano finanziario 1. Il piano finanziario previsionale per l esercizio 2013 della convenzione risulta composto da quote di cofinanziamento da parte degli enti aderenti stabilite sulla base del criterio di ripartizione pro-capite abitanti al Il Comune di Merate, nella sua qualità di Comune capofila, cura il versamento dei diritti erariali all Agenzia delle Entrate, secondo quanto indicato nel protocollo di intesa con la medesima Agenzia ed in particolare con le modalità di cui alla convenzione speciale per la disciplina delle modalità operative di sportello catastale decentrato allegata al predetto protocollo. Lo stesso Comune di Merate introita la quota relativa ai diritti comunali, e versa all Agenzia delle Entrate la quota relativa alle tariffe statali. I diritti comunali sono introitati dal Comune di Merate ed in sede di riparto delle spese (di cui al successivo articolo 11 sono detratti dall importo dei contributi dovuti dai Comuni (spese di personale, ecc.). 3. Le spese per acquisto di ulteriori eventuali supporti informatici per lo sportello catastale saranno ripartite tra i Comuni firmatari della presente convenzione sulla base del criterio di ripartizione pro-capite abitanti al Le ulteriori attrezzature informatiche acquistate rimangono di proprietà del Comune di Merate che potrà quindi impiegare tali attrezzature anche per altri impieghi compatibili con le attività istituzionali.

5 Art. 10 Impegni dell Ente capofila 1. Il Comune capofila si impegna a: a) mettere a disposizione la struttura tecnica e organizzativa per attuare le finalità della convenzione; b) predisporre tutti gli atti amministrativi, finanziari e contabili relativi alla convenzione; c) intraprendere gli opportuni contatti con l Agenzia delle Entrate di Lecco per addivenire alla stipulazione di Protocollo di Intesa per la prosecuzione in modalità autogestita dell attività dello sportello catastale decentrato già operativo; d) informare periodicamente i Comuni aderenti dello stato dei rapporti con l Agenzia delle Entrate di Lecco con riferimento al punto precedente; e) sottoscrivere in qualità di Comune Capofila, il protocollo di intesa e la convenzione speciale con l Agenzia delle Entrate di Lecco, dandone tempestiva informazione ai Comuni aderenti; l) informare con periodicità almeno semestrale sull andamento del servizio e comunicare per tempo eventuali ed impreviste necessità di maggiori oneri. 2. L indisponibilità dell Agenzia delle Entrate a sottoscrivere il Protocollo di Intesa esonera il Comune capofila da ogni responsabilità con riferimento alla mancata attuazione della presente Convenzione. Art. 11 Impegni dei soggetti firmatari 1. I Comuni di Airuno, Brivio, Calco, Cernusco Lombardone, Imbersago, Lomagna, Montevecchia, Olgiate Molgora, Osnago, Paderno d'adda, Robbiate, Verderio Inferiore, Verderio Superiore, per tutte le attività, i servizi e le spese affrontate dal Comune capofila, si impegnano a versare a quest ultimo la quota forfettaria annua complessiva di Euro ,41 (tredicimilacinquecentosedici/41) - (Tabella A) -, suddivisa per numero di abitanti al , al netto delle entrate registrate al 31 dicembre di ogni anno e della quota eventualmente derivante dalla convenzione con altri Enti. (Tabella B). Il Comune Capofila si impegna a trasmettere a tutti gli Enti aderenti al Polo Catastale comunicazione indicante il preventivo di spesa annua e successiva richiesta di rimborso a consuntivo. Art. 12 Conferenza dei Sindaci 1. La vigilanza sull esecuzione della Convenzione è svolta dal collegio formato dai Sindaci dei Comuni aderenti alla presente convenzione, presieduto dal Sindaco del Comune capofila o suo delegato. Art. 13 Personale 1. La gestione operativa dello sportello catastale decentrato che svolge la funzione di catasto è garantita mediante l utilizzo di personale dipendente del Comune di Merate. 2. Entro tre mesi dalla stipula della presente Convenzione i Comuni sottoscrittori si impegnano a designare proprio personale con formazione tecnico/amministrativa, che in corrispondenza delle principali scadenze fiscali (IMU, dichiarazione dei redditi o altro derivante da modifiche normative) per un periodo di tempo pari a quattro mesi l anno, supporti le attività di sportello presso la sede operativa di Merate. (Tabella C). 3. L incremento del personale è garantito, a rotazione per tre settimane al mese, dai Comuni aderenti alla presente convenzione (ad esclusione del Comune di Merate) e dai Comuni/Enti che vi aderissero successivamente, senza alcuna modifica dell inquadramento contrattuale del personale impiegato e senza oneri finanziari aggiuntivi per i Comuni. 4. Qualora, in alternativa al precedente punto 3, si dovesse ricorrere a personale aggiuntivo di un solo Comune, i costi che ne deriveranno verranno ripartiti tra tutti i Comuni firmatari della presente convenzione e dei Comuni / Enti firmatari di convenzioni aggiuntive con il Comune capofila. Art. 14 Recesso Revoca Scioglimento della Convenzione 1. Il recesso di un Comune aderente alla presente convenzione, deve essere comunicato al Comune capofila e agli altri Comuni partecipanti alla convenzione ed ha effetto dal 1 gennaio dell anno successivo.

6 2. Il recesso di un Comune non fa venir meno la gestione unitaria delle funzioni associate di sportello catastale decentrato, per i restanti Comuni. 3. In ogni caso il Comune recedente non può far valere alcun diritto in riferimento alla proprietà delle attrezzature comuni. Art. 15 Controversie 1. La risoluzione di eventuali controversie che possono sorgere tra i Comuni anche in caso di difforme e contrastante interpretazione della presente convenzione, deve essere ricercata prioritariamente in via bonaria. 2. Qualora non si addivenisse ad alcuna risoluzione, le controversie sono affidate al Tribunale di Lecco. Letto, approvato e sottoscritto. Per il Comune di Airuno (Adele Gatti) Per il Comune di Brivio (Ugo Panzeri) Per il Comune di Calco (Gilberto Fumagalli) Per il Comune di Osnago (Paolo Strina) Per il Comune di Paderno d Adda (Valter Motta) Per il Comune di Cernusco Lombardone (Giovanna De Capitani) Per il Comune di Imbersago (Giovanni Ghislandi) Per il Comune di Robbiate (Villa Daniele) Per il Comune di Lomagna (Stefano Fumagalli) Per il Comune di Merate (Andrea Ambrogio Robbiani) Per il Comune di Montevecchia (Sandro Capra) Per il Comune di Verderio Superiore (Paolo Bellotto) Per il Comune di Verderio Inferiore (Alessandro Origo) Per il Comune di Olgiate Molgora (Dorina Zucchi) Allegati : tabella A costi previsionali esercizio (art.11); tabella B ripartizione contributo forfettario (art.11); tabella C rotazione personale aggiuntivo (art.13).

in data 22/08/2008 i Sindaci dei medesimi Comuni hanno sottoscritto l atto costitutivo dell Unione VAL D ENZA ;

in data 22/08/2008 i Sindaci dei medesimi Comuni hanno sottoscritto l atto costitutivo dell Unione VAL D ENZA ; CONVENZIONE FRA I COMUNI DI BIBBIANO, CAMPEGINE, CANOSSA, CAVRIAGO, GATTATICO,, MONTECCHIO EMILIA, SAN POLO D ENZA, SANT ILARIO D ENZA, UNIONE VAL D ENZA PER IL TRASFERIMENTO E LA GESTIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

R E T E S A L U T E. Azienda Speciale Consortile

R E T E S A L U T E. Azienda Speciale Consortile R E T E S A L U T E Azienda Speciale Consortile per la gestione associata delle attività di carattere socio-assistenziale e di integrazione socio-sanitaria Comuni di Airuno, Barzago, Barzanò, Brivio, Calco,

Dettagli

L anno duemila il giorno del mese di TRA

L anno duemila il giorno del mese di TRA CONVENZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELLE FUNZIONI CATASTALI DI CUI ALL ART. 3, COMMA 2, lett. A), D.P.C.M. 14 GIUGNO 2007 (OPZIONE DI 1 LIVELLO). L anno duemila il giorno del mese di TRA 1.

Dettagli

Il giorno 31 del mese di marzo dell anno 2014, nella Sede dell Unione dei Comuni Terre di Pianura, con la presente convenzione TRA

Il giorno 31 del mese di marzo dell anno 2014, nella Sede dell Unione dei Comuni Terre di Pianura, con la presente convenzione TRA Repertorio n. 27 del 31.03.2014 CONVENZIONE PER IL CONFERIMENTO ALL UNIONE DEI COMUNI TERRE DI PIANURA DELLE FUNZIONI DI PROTEZIONE CIVILE (art.7, co. 3, lr 21/2012 e decreto legge n. 78/2010, art. 14,

Dettagli

Prot. N 27741 del 31.12.2013 REP. N 21 del 31.12.2013

Prot. N 27741 del 31.12.2013 REP. N 21 del 31.12.2013 CONVENZIONE PER IL CONFERIMENTO ALL UNIONE RENO GALLIERA DELL UFFICIO DI PIANO DEL DISTRETTO PIANURA EST PER LA GESTIONE E REALIZZAZIONE DEI PROGETTI E DELLE FUNZIONI SOCIO- SANITARIE AD ESSO ATTRIBUITE.

Dettagli

L anno duemiladue, il giorno (23) ventitre del mese di Aprile in. Vignola nella sede dell Unione dei Comuni Terre di Castelli con

L anno duemiladue, il giorno (23) ventitre del mese di Aprile in. Vignola nella sede dell Unione dei Comuni Terre di Castelli con CONVENZIONE PER LA GESTIONE UNITARIA NEL TERRITORIO DELL UNIONE DEI COMUNI TERRE DI CASTELLI DEI SERVIZI E DELLE OPERAZIONI CIMITERIALI L anno duemiladue, il giorno (23) ventitre del mese di Aprile in

Dettagli

COMUNE DI TONARA. Provincia di Nuoro SCUOLA CIVICA DI MUSICA DELLA MONTAGNA. dei COMUNI di: FONNI DESULO OROTELLI ORGOSOLO OLIENA - TONARA

COMUNE DI TONARA. Provincia di Nuoro SCUOLA CIVICA DI MUSICA DELLA MONTAGNA. dei COMUNI di: FONNI DESULO OROTELLI ORGOSOLO OLIENA - TONARA COMUNE DI TONARA Provincia di Nuoro SCUOLA CIVICA DI MUSICA DELLA MONTAGNA dei COMUNI di: FONNI DESULO OROTELLI ORGOSOLO OLIENA - TONARA Schema di Convenzione della SCUOLA CIVICA DI MUSICA DELLA MONTAGNA

Dettagli

CENTRALE DI COMMITTENZA SCHEMA CONVENZIONE ATTUATIVA

CENTRALE DI COMMITTENZA SCHEMA CONVENZIONE ATTUATIVA A l l e g a t o A ) CENTRALE DI COMMITTENZA SCHEMA CONVENZIONE ATTUATIVA L'anno... il giorno... del mese di... presso la sede della Comunità Montana dei Monti Sabini Tiburtini Cornicolani Prenestini, in

Dettagli

Oggetto: Risposta ad interrogazione nr 5-04542 del 06/04/2011

Oggetto: Risposta ad interrogazione nr 5-04542 del 06/04/2011 ; 28 luglio2011 Ai Sindaci in indirizzo Oggetto: Risposta ad interrogazione nr 5-04542 del 06/04/2011 Mercoledì mattina il Sottosegretario Saglia ha risposto alla mia interrogazione presentata il 6 aprile

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE

CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE SCHEMA CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE L anno il giorno del mese di TRA Il Comune di con sede in via n., Codice

Dettagli

di seguito indicate anche semplicemente come le Parti, PREMESSI

di seguito indicate anche semplicemente come le Parti, PREMESSI ACCORDO DI PROGRAMMA FRA GLI ENTI PARTECIPANTI ALLA COSTITUZIONE DI UN CENTRO SERVIZI TERRITORIALE NELLA PROVINCIA DI TORINO PER L INCLUSIONE DEI PICCOLI COMUNI NELL ATTUAZIONE DELL E-GOVERNMENT La Regione

Dettagli

COMUNITA' MONTANA DELL'APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi n. 1209-41059 Zocca MO

COMUNITA' MONTANA DELL'APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi n. 1209-41059 Zocca MO COMUNITA' MONTANA DELL'APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi n. 1209-41059 Zocca MO SEDUTA DEL CONSIGLIO IN DATA 26 SETTEMBRE 2007 VERBALE DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO N. 13 (ESTRATTO) OGGETTO: CONVENZIONE

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEGLI INTERVENTI STRAORDINARI ED INTEGRATIVI DEL PROGRAMMA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEGLI INTERVENTI STRAORDINARI ED INTEGRATIVI DEL PROGRAMMA Allegato 2 SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEGLI INTERVENTI STRAORDINARI ED INTEGRATIVI DEL PROGRAMMA DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DI CUI ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

CONVENZIONE ATTUATIVA

CONVENZIONE ATTUATIVA CAVACURTA, CORNO GIOVINE, FOMBIO E MALEO CONVENZIONE ATTUATIVA PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLA FUNZIONE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA

Dettagli

L anno 2011 il giorno.. del mese di., nelle sede dell Unione Pratiarcati ubicata ad Albignasego in Via Roma n. 224 TRA

L anno 2011 il giorno.. del mese di., nelle sede dell Unione Pratiarcati ubicata ad Albignasego in Via Roma n. 224 TRA CONVENZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DEL SERVIZIO DI GESTIONE GLOBALE DEL CICLO DELLE VIOLAZIONI AL CODICE DELLA STRADA IVI COMPRESA LA RISCOSSIONE DELLE STESSE. L anno 2011 il giorno.. del mese

Dettagli

CONVENZIONE PER IL CONCORSO NEL FINANZIAMENTO P.O.R. 1.2.4 PRESTITI RIMBORSABILI INGEGNERIA FINANZIARIA. Bando DGR n. 186 del 22/02/2013 TRA

CONVENZIONE PER IL CONCORSO NEL FINANZIAMENTO P.O.R. 1.2.4 PRESTITI RIMBORSABILI INGEGNERIA FINANZIARIA. Bando DGR n. 186 del 22/02/2013 TRA CONVENZIONE PER IL CONCORSO NEL FINANZIAMENTO P.O.R. 1.2.4 PRESTITI RIMBORSABILI INGEGNERIA FINANZIARIA Bando DGR n. 186 del 22/02/2013 la Finanziaria Ligure per lo Sviluppo Economico - FI.L.S.E. S.p.A.,

Dettagli

CONVENZIONE, EX ART. 30 TUEL D. LGS. N. 267/2000, TRA I COMUNI RICOMPRESI NELL AMBITO TERRITORIALE MASSA - CARRARA PER L ESPLETAMENTO DELLA

CONVENZIONE, EX ART. 30 TUEL D. LGS. N. 267/2000, TRA I COMUNI RICOMPRESI NELL AMBITO TERRITORIALE MASSA - CARRARA PER L ESPLETAMENTO DELLA CONVENZIONE, EX ART. 30 TUEL D. LGS. N. 267/2000, TRA I COMUNI RICOMPRESI NELL AMBITO TERRITORIALE MASSA - CARRARA PER L ESPLETAMENTO DELLA PROCEDURA RELATIVA ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27)

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27) CONVENZIONE TRA LA REGIONE DELL UMBRIA, LE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI DI PERUGIA E TERNI, I COMUNI DELL UMBRIA LE COMUNITÀ MONTANE DELL UMBRIA PREMESSO CHE: - La legge regionale 31 luglio 1998, n. 27

Dettagli

Anticipata via Fax n. 0341482211

Anticipata via Fax n. 0341482211 Prot. 0004444/ep Brivio, 10/03/2009 Anticipata via Fax n.0341.266853 Anticipata via Fax n. 0341482211 Anticipata via Fax n. 02.9090096 Anticipata via Fax n. 02.80294232 Anticipata via Fax n. 02.72023269

Dettagli

Convenzione tra i Comuni per la costituzione di una società mista Agenzia di Sviluppo del Patto Territoriale della Zona Ovest di Torino

Convenzione tra i Comuni per la costituzione di una società mista Agenzia di Sviluppo del Patto Territoriale della Zona Ovest di Torino Convenzione tra i Comuni per la costituzione di una società mista Agenzia di Sviluppo del Patto Territoriale della Zona Ovest di Torino CONVENZIONE TRA I COMUNI DI ALPIGNANO, BUTTIGLIERA ALTA, COLLEGNO,

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE REGIONE DEL VENETO Azienda Unità Locale Socio Sanitaria n. 9 Treviso Sede Legale Borgo Cavalli, 42 31100 Treviso DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE 28/03/2013, n. 228 Il Direttore generale di questa

Dettagli

REGOLAMENTO GESTIONE ASSOCIATA SERVIZIO TRIBUTI. Art. 1 - Oggetto del servizio associato

REGOLAMENTO GESTIONE ASSOCIATA SERVIZIO TRIBUTI. Art. 1 - Oggetto del servizio associato REGOLAMENTO GESTIONE ASSOCIATA SERVIZIO TRIBUTI Art. 1 - Oggetto del servizio associato 1. La gestione associata del servizio tributi, realizzata attraverso una struttura di coordinamento operativo a supporto

Dettagli

CONCILIARE FAMIGLIA E LAVORO

CONCILIARE FAMIGLIA E LAVORO CONCILIARE FAMIGLIA E LAVORO BANDO PUBBLICO VOUCHER SOCIALE PER L ACCESSO AI SERVIZI DI CONCILIAZIONE (riapertura dei termini per la presentazione delle domande) A cura dell Alleanza locale di Merate per

Dettagli

Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale

Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale COMUNE DI CALUSCO D ADDA Provincia di Bergamo Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale ORIGINALE N. 13 del 12/05/2014 OGGETTO: PRESA D'ATTO RECESSO CONSENSUALE DALLA CONVENZIONE DI SEGRETERIA. APPROVAZIONE

Dettagli

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO -----------------------

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- Verbale n. 15 Adunanza 30 aprile 2013 OGGETTO: PROPOSTA DI ACCORDO PER L ATTUAZIONE DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE APPROVAZIONE. Protocollo:

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 100 DEL 19.12.2007

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 100 DEL 19.12.2007 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 100 DEL 19.12.2007 OGGETTO: CONVENZIONE TRA LA COMUNITÀ MONTANA ED I COMUNI ADERENTI ED ALTRI ENTI PER LA GESTIONE UNIFICATA DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E SICUREZZA

Dettagli

CONTRATTO DI CONFERIMENTO DELL INCARICO DI DIRETTORE. Il giorno del mese di.. dell anno 20.. sono. On.le Stefano Caldoro, nato a il,

CONTRATTO DI CONFERIMENTO DELL INCARICO DI DIRETTORE. Il giorno del mese di.. dell anno 20.. sono. On.le Stefano Caldoro, nato a il, CONTRATTO DI CONFERIMENTO DELL INCARICO DI DIRETTORE GENERALE DI AA.OO.UU. Il giorno del mese di.. dell anno 20.. sono presenti i sigg. : On.le Stefano Caldoro, nato a il, nella sua qualità di Presidente

Dettagli

COMUNITA DELLA VALLE DI SOLE PROVINCIA DI TRENTO

COMUNITA DELLA VALLE DI SOLE PROVINCIA DI TRENTO L145-0002497-19/12/2014 A - Allegato Utente 2 (A02) COMUNITA DELLA VALLE DI SOLE PROVINCIA DI TRENTO REP. n. /PR. del. SCHEMA DI CONVENZIONE DEL SERVIZIO DI APPLICAZIONE DELLA TARIFFA DI CUI AL D.P.R.

Dettagli

Deliberazione del Commissario Straordinario

Deliberazione del Commissario Straordinario COMUNE DI GEMMANO PROVINCIA DI RIMINI PIAZZA ROMA N. 1-47855 GEMMANO (RN) TEL. 0541 85.40.60 / 85.40.80 FAX 0541 85.40.12 C.F. 82005670409 - P.IVA 01188110405 www.comune.gemmano.rn.it Deliberazione del

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI INPS. L anno duemilasette, il giorno del mese di in Roma Via

CONVENZIONE QUADRO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI INPS. L anno duemilasette, il giorno del mese di in Roma Via CONVENZIONE QUADRO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI INPS L anno duemilasette, il giorno del mese di in Roma Via TRA L Istituto Nazionale della Previdenza Sociale,

Dettagli

TEL. 0575/3738214 C. F. 92080740514 COD. MECC. ARMM06700C e-mail: armm06700c@istruzione.it PEC:armm06700c@pec.istruzione.it

TEL. 0575/3738214 C. F. 92080740514 COD. MECC. ARMM06700C e-mail: armm06700c@istruzione.it PEC:armm06700c@pec.istruzione.it Prot. n 142 C/14 Arezzo lì, 19/12/2014 Spett/le Agenzia Assicurativa Sua propria sede OGGETTO: Bando per la gestione dei servizi assicurativi Periodo 01/02/2015 31/01/2016 Questa Istituzione scolastica

Dettagli

COMUNE DI SANT'ANGELO IN VADO PESARO E URBINO

COMUNE DI SANT'ANGELO IN VADO PESARO E URBINO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI SANT'ANGELO IN VADO PESARO E URBINO C O P I A APPROVAZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE CON PROVINCIA DI PESARO E URBINO PER RINNOVO ADESIONE AL CENTRO SERVIZI TERRITORIALE

Dettagli

COMUNE DI QUINGENTOLE PROVINCIA DI MANTOVA

COMUNE DI QUINGENTOLE PROVINCIA DI MANTOVA COPIA COMUNE DI QUINGENTOLE PROVINCIA DI MANTOVA DELIBERAZIONE N 16 PROT. N DEL 03.03.2015 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: PRESA D ATTO SCHEMA DI CONVENZIONE TRA I SISTEMI BIBLIOTECARI

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA - ISTITUTI OSPITALIERI DI VERONA

AZIENDA OSPEDALIERA - ISTITUTI OSPITALIERI DI VERONA AZIENDA OSPEDALIERA - ISTITUTI OSPITALIERI DI VERONA CONVENZIONE PER ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO Rep. n. Verona, L'anno duemilanove il giorno del mese di TRA L'Azienda Ospedaliera Istituti Ospitalieri di

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA ATTO AGGIUNTIVO AL CONTRATTO DI CONCESSIONE PER LA COSTRUZIONE E GESTIONE DELL IMPIANTO DI CREMAZIONE

REPUBBLICA ITALIANA ATTO AGGIUNTIVO AL CONTRATTO DI CONCESSIONE PER LA COSTRUZIONE E GESTIONE DELL IMPIANTO DI CREMAZIONE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI TRECATE PROVINCIA DI NOVARA ATTO AGGIUNTIVO AL CONTRATTO DI CONCESSIONE PER LA COSTRUZIONE E GESTIONE DELL IMPIANTO DI CREMAZIONE NELL AREA CIMITERIALE. Repertorio n. 6198

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA E SOLIDARIETÀ SOCIALE

REGIONE LOMBARDIA DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA E SOLIDARIETÀ SOCIALE PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA E SOLIDARIETÀ SOCIALE E UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA E FONDAZIONE ISMU FONDAZIONE PER LE INIZIATIVE E LO STUDIO SULLA

Dettagli

UNIONE DI COMUNI: FEDERAZIONE DEI COM UNI DEL CAM POSAMPI ERESE

UNIONE DI COMUNI: FEDERAZIONE DEI COM UNI DEL CAM POSAMPI ERESE UNIONE DI COMUNI: FEDERAZIONE DEI COMUNI DEL CAMPOSAMPIERESE STATUTO Delibera Giunta Unione n. del 21 settembre 2010 1 Titolo I Principi Fondamentali Art. 1 Oggetto Il presente Statuto disciplina, ai sensi

Dettagli

Città di Minerbio Provincia di Bologna

Città di Minerbio Provincia di Bologna Città di Minerbio Provincia di Bologna 2 SETTORE PIANIFICAZIONE GESTIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Determinazione n. 54 del 06/04/2012 Oggetto: AFFIDAMENTO INCARICO LAVORO AUTONOMO OCCASIONALE ALLA SIG.A

Dettagli

SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole

SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole ACCORDO DI COORDINAMENTO DELLE RETI SCOLASTICHE PER LA SICUREZZA DEL VENETO Premesso che: la Regione Veneto - Assessorato alle Politiche

Dettagli

TITOLO I OPERE INCLUSE NEI PROGRAMMI REGIONALI. Capo I PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI. Art. 1 (Norme generali) Art. 2 (Finalita')

TITOLO I OPERE INCLUSE NEI PROGRAMMI REGIONALI. Capo I PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI. Art. 1 (Norme generali) Art. 2 (Finalita') L.R. 16 Febbraio 1981, n. 12 Norme in materia di edilizia scolastica (1). TITOLO I OPERE INCLUSE NEI PROGRAMMI REGIONALI Capo I PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI Art. 1 (Norme generali) I programmi di edilizia

Dettagli

Deliberazione del Commissario Straordinario

Deliberazione del Commissario Straordinario Comune di Gemmano PROVINCIA DI RIMINI PIAZZA ROMA N. 1-47855 GEMMANO (RN) TEL. 0541 85.40.60 / 85.40.80 FAX 0541 85.40.12 C.F. 82005670409 - P.IVA 01188110405 www.comune.gemmano.rn.it Deliberazione del

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Criteri per la concessione da parte del Dipartimento della Protezione Civile dei contributi per il finanziamento di progetti presentati dalle Organizzazioni di Volontariato di Protezione Civile nel triennio

Dettagli

Unione di Comuni Unione dei Miracoli Sede di Casalbordino (CH) Piazza Umberto I Codice fiscale 02385890690 - tel. 0873/92191 - fax 0873/9219233

Unione di Comuni Unione dei Miracoli Sede di Casalbordino (CH) Piazza Umberto I Codice fiscale 02385890690 - tel. 0873/92191 - fax 0873/9219233 Unione di Comuni Unione dei Miracoli Sede di Casalbordino (CH) Piazza Umberto I Codice fiscale 02385890690 - tel. 0873/92191 - fax 0873/9219233 CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO CENTRALE

Dettagli

AUSER VOLONTARIATO FILO D'ARGENTO DEL MERATESE

AUSER VOLONTARIATO FILO D'ARGENTO DEL MERATESE AUSER VOLONTARIATO FILO D'ARGENTO DEL MERATESE ASSEMBLEA ANNUALE DEI SOCI ESERCIZIO 2014 PADERNO 28 Marzo 2015 CONTENUTO: ORDINE DEL GIORNO pag. 3 SITUAZIONE ASSOCIATIVA pag. 4 CONSUNTIVI DELLE ATTIVITA'

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE TRA ISTITUTO REGIONALE PER LE VILLE VENETE E ISTITUTI BANCARI PER LA GESTIONE DI FORME DI FINANZIAMENTO

SCHEMA DI CONVENZIONE TRA ISTITUTO REGIONALE PER LE VILLE VENETE E ISTITUTI BANCARI PER LA GESTIONE DI FORME DI FINANZIAMENTO SCHEMA DI CONVENZIONE TRA ISTITUTO REGIONALE PER LE VILLE VENETE E ISTITUTI BANCARI PER LA GESTIONE DI FORME DI FINANZIAMENTO TRA l Istituto Regionale per le Ville Venete (IRVV) rappresentato dal Direttore

Dettagli

COMUNE DI SOSPIROLO Provincia di Belluno

COMUNE DI SOSPIROLO Provincia di Belluno COMUNE DI SOSPIROLO Provincia di Belluno DELIBERA DELLA GIUNTA COMUNALE n. 53 del 14.10.2014 Prot. n. 7548 OGGETTO: Cat. 1 Cl. XI Fasc. 4 Pratica 0. RINNOVO CONVENZIONE TRA I COMUNI DI SEDICO, SOSPIROLO

Dettagli

Tra la spin-off (d ora innanzi denominata ), con sede legale in, P.IVA, in persona del Suo Legale Rappresentante

Tra la spin-off (d ora innanzi denominata ), con sede legale in, P.IVA, in persona del Suo Legale Rappresentante CONVENZIONE DI COLLABORAZIONE SCIENTIFICA E CONCESSIONE IN COMODATO D USO DI POSTAZIONE DI LAVORO per IMPRESE SPIN OFF Tra la spin-off (d ora innanzi denominata ), con sede legale in, P.IVA, in persona

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEI SERVIZI DI GESTIONE DEL PERSONALE E SVILUPPO RISORSE UMANE.

CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEI SERVIZI DI GESTIONE DEL PERSONALE E SVILUPPO RISORSE UMANE. CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEI SERVIZI DI GESTIONE DEL PERSONALE E SVILUPPO RISORSE UMANE. L anno duemilaunidici e questo giorno del mese di in Montescudaio nella sede dei servizi Associati:

Dettagli

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto;

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto; VISTO il decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (di seguito,

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE AUTONOMA PER LO SVOLGIMENTO DI UN SUPPORTO TECNICO SPECIALISTICO DI TIPO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE AUTONOMA PER LO SVOLGIMENTO DI UN SUPPORTO TECNICO SPECIALISTICO DI TIPO Reg. Inc. n. Pordenone, lì CONTRATTO DI COLLABORAZIONE AUTONOMA PER LO SVOLGIMENTO DI UN SUPPORTO TECNICO SPECIALISTICO DI TIPO INFORMATICO ALL ATTIVITÀ DI ESTRAPOLAZIONE, ELABORAZIONE E MONITORAGGIO STATISTICO

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU2 09/01/2014

REGIONE PIEMONTE BU2 09/01/2014 REGIONE PIEMONTE BU2 09/01/2014 Provincia di Alessandria Accordo di programma tra la Provincia di Alessandria e il Comune di Ovada per la realizzazione del nuovo Polo scolastico di Ovada III lotto - I

Dettagli

Conferenza dei Comuni ATO di Lecco 29 luglio 2015 o.d.g. 3: espressione del parere sulla deliberazione del Consiglio di

Conferenza dei Comuni ATO di Lecco 29 luglio 2015 o.d.g. 3: espressione del parere sulla deliberazione del Consiglio di Conferenza dei Comuni ATO di Lecco 29 luglio 2015 o.d.g. 3: espressione del parere sulla deliberazione del Consiglio di amministrazione dell Ufficio d ambito di Lecco n. 52/15 avente ad oggetto Affidamento

Dettagli

CONTRATTO DI MUTUO. il Comune/Provincia di

CONTRATTO DI MUTUO. il Comune/Provincia di CONTRATTO DI MUTUO Con il presente atto redatto in tre originali, tra l Istituto per il Credito Sportivo, Ente Pubblico Economico con sede legale in Roma Via G. Vico, n. 5, costituito con legge 24 dicembre

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

Le fasi di costituzione ed attivazione dell Unione dei Comuni. Criticità e soluzioni

Le fasi di costituzione ed attivazione dell Unione dei Comuni. Criticità e soluzioni Le fasi di costituzione ed attivazione dell Unione dei Comuni. Criticità e soluzioni Abstract: La costituzione dell Unione dei Comuni per la gestione associata delle funzioni fondamentali dei comuni è

Dettagli

TRA. La Banca con sede in,, rappresentata dal (nel seguito Banca) e quando congiuntamente Parti PREMESSO

TRA. La Banca con sede in,, rappresentata dal (nel seguito Banca) e quando congiuntamente Parti PREMESSO CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL FONDO REGIONALE DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO Legge Regione Piemonte del 18 maggio 2004, n. 12, art. 8 come sostituito dalla Legge Regionale del 4 dicembre 2009, n. 30,

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 23 DI DATA 19.06.2014 OGGETTO: Approvazione del progetto definitivo per la realizzazione del centro raccolta materiali a servizio dei Comuni di Roncone, Lardaro,

Dettagli

BROKERAGGIO ASSICURATIVO DISCIPLINARE DI INCARICO. Tra:

BROKERAGGIO ASSICURATIVO DISCIPLINARE DI INCARICO. Tra: BROKERAGGIO ASSICURATIVO DISCIPLINARE DI INCARICO Tra: l Agenzia per la Mobilità metropolitana, C.F.: 97639830013 in persona del direttore generale, nato a, il C.F., nella sua qualità di, a quanto infra

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DELLA BRIANZA EST PER IL CIRCONDARIO

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DELLA BRIANZA EST PER IL CIRCONDARIO REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DELLA BRIANZA EST PER IL CIRCONDARIO Adottato con deliberazione del Commissario Straordinario n. 48 del 4 maggio 2006 Titolo I ELEMENTI COSTITUTIVI Art. 1 - Oggetto

Dettagli

Oggetto: Approvazione convenzione tra i Comuni di Fossò e Vigonovo per la gestione della videosorveglianza del territorio comunale.

Oggetto: Approvazione convenzione tra i Comuni di Fossò e Vigonovo per la gestione della videosorveglianza del territorio comunale. Oggetto: Approvazione convenzione tra i Comuni di Fossò e Vigonovo per la gestione della videosorveglianza del territorio comunale. Svoltosi il seguente dibattito: Il Sindaco illustra l argomento posto

Dettagli

N. 4 IN QUESTO NUMERO. 23 febbraio 2015

N. 4 IN QUESTO NUMERO. 23 febbraio 2015 N. 4 23 febbraio 2015 Reg. Tribunale di Milano n. 51 del 1 marzo 2013 IN QUESTO NUMERO Ministero dell Interno: Documentazione rendiconti spese elettorali anticipate dai comuni. Dematerializzazione dei

Dettagli

PROVINCIA DI BARI CONVENZIONE PER AFFIDAMENTO INCARICO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PROFESSIONALE FINALIZZATA ALL ESPLETAMENTO DELLE

PROVINCIA DI BARI CONVENZIONE PER AFFIDAMENTO INCARICO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PROFESSIONALE FINALIZZATA ALL ESPLETAMENTO DELLE PROVINCIA DI BARI CONVENZIONE PER AFFIDAMENTO INCARICO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PROFESSIONALE FINALIZZATA ALL ESPLETAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI SUPPORTO ALLE A.T.O. RIFIUTI PROVINCIALI

Dettagli

COMUNE DI VILLAREGGIA Provincia di Torino

COMUNE DI VILLAREGGIA Provincia di Torino COMUNE DI VILLAREGGIA Provincia di Torino COPIA ALBO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 14 ==================================================================== OGGETTO : APPROVAZIONE DEL

Dettagli

CONVENZIONE, EX ART. 30 TUEL D. LGS. N. 267/2000, TRA I COMUNI RICOMPRESI NELL AMBITO TERRITORIALE BERGAMO 2 NORD EST AL

CONVENZIONE, EX ART. 30 TUEL D. LGS. N. 267/2000, TRA I COMUNI RICOMPRESI NELL AMBITO TERRITORIALE BERGAMO 2 NORD EST AL CONVENZIONE, EX ART. 30 TUEL D. LGS. N. 267/2000, TRA I COMUNI RICOMPRESI NELL AMBITO TERRITORIALE BERGAMO 2 NORD EST AL FINE DI DEMANDARE AL COMUNE DI LOVERE IL RUOLO DI STAZIONE APPALTANTE PER LA GESTIONE

Dettagli

Protocollo d intesa per l implementazione del progetto GIS Montagna Toscana

Protocollo d intesa per l implementazione del progetto GIS Montagna Toscana Protocollo d intesa per l implementazione del progetto GIS Montagna Toscana L anno 2011 nel giorno del mese di 2011, in Firenze, presso la sede di Uncem Toscana posta in via Cavour n 15, sono presenti,

Dettagli

NUOVO CIRCONDARIO IMOLESE IMOLA (BO) CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA

NUOVO CIRCONDARIO IMOLESE IMOLA (BO) CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA NUOVO CIRCONDARIO IMOLESE IMOLA (BO) CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA ZOOIATRICA PER IL TRIENNIO 2013/2015 Rep. N.C.I. n. 189 L anno duemilatredici, il giorno ventinove (29) del mese di luglio

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Tra

PROTOCOLLO D INTESA. Tra ALLEGATO A PROTOCOLLO D INTESA Tra Poste Italiane S.p.A. con sede legale in Roma, Viale Europa 190, rappresentata dall Ing. Massimo Sarmi, (omissis) nella sua qualità di Amministratore Delegato di Poste

Dettagli

Regione Calabria Assessorato alle Attività Produttive Dipartimento 5 Settore 1 - Servizio 3. Avviso

Regione Calabria Assessorato alle Attività Produttive Dipartimento 5 Settore 1 - Servizio 3. Avviso Regione Calabria Assessorato alle Attività Produttive Dipartimento 5 Settore 1 - Servizio 3 Avviso Interventi a favore dei Comuni finalizzati allo sviluppo del sistema dei SUAP nella Regione Calabria Indagine

Dettagli

Allegato A) alla delibera consiliare n. di data.11.2014 IL SEGRETARIO COMUNALE - dott. Giorgio Osele -

Allegato A) alla delibera consiliare n. di data.11.2014 IL SEGRETARIO COMUNALE - dott. Giorgio Osele - Allegato A) alla delibera consiliare n. di data.11.2014 IL SEGRETARIO COMUNALE - dott. Giorgio Osele - PROVINCIA DI TRENTO SCHEMA DI CONVENZIONE per lo svolgimento in modo coordinato del servizio di trasporto

Dettagli

CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELL IMPIANTO SPORTIVO REPUBBLICA ITALIANA XX 2015. In Ancona, in Largo XXIV Maggio 1, nella Sede istituzionale del Comune

CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELL IMPIANTO SPORTIVO REPUBBLICA ITALIANA XX 2015. In Ancona, in Largo XXIV Maggio 1, nella Sede istituzionale del Comune REP. CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELL IMPIANTO SPORTIVO SALONE CARLO URBANI DI ANCONA. REPUBBLICA ITALIANA L anno duemilaquindici, il giorno del mese di XX 2015 In Ancona, in Largo XXIV Maggio 1, nella

Dettagli

CONVENZIONE FRA CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO, AGRICOLTURA DI TORINO, CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO

CONVENZIONE FRA CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO, AGRICOLTURA DI TORINO, CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO CONVENZIONE FRA CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO, AGRICOLTURA DI TORINO, CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO E MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIREZIONE GENERALE PER I SISTEMI INFORMATIVI

Dettagli

settore : Servizi Finanziari servizio : 3.4 Patrimonio

settore : Servizi Finanziari servizio : 3.4 Patrimonio CITTÀ DI I MPERIA settore : Servizi Finanziari servizio : 3.4 Patrimonio Determinazione di rigenziale n. 0701 del 18/04/2012 OGGETTO: Riorganizzazione Sistema Telefonico Comunale con fornitura Full VoIP

Dettagli

SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZAASSICURATIVA (BROKERAGGIOASSICURATIVO) CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO

SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZAASSICURATIVA (BROKERAGGIOASSICURATIVO) CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO Provincia Regionale di Catania Ufficio Provveditorato-Economato (codice fiscale 00397470873) SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZAASSICURATIVA (BROKERAGGIOASSICURATIVO) CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO ART.

Dettagli

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N. 10 del 28 gennaio 2011

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N. 10 del 28 gennaio 2011 CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 10 del 28 gennaio 2011 OGGETTO: Disciplina dei prestiti personali mediante l istituto della delegazione di pagamento. Approvazione

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

IL NUOVO REGIME FORFETARIO, LA RETTIFICA DELLA DETRAZIONE IVA E IL MOD. IVA 2015

IL NUOVO REGIME FORFETARIO, LA RETTIFICA DELLA DETRAZIONE IVA E IL MOD. IVA 2015 INFORMATIVA N. 073 09 MARZO 2015 IVA IL NUOVO REGIME FORFETARIO, LA RETTIFICA DELLA DETRAZIONE IVA E IL MOD. IVA 2015 Art. 1, commi da 54 a 89, Finanziaria 2015 Art. 19-bis2, DPR n. 633/72 Circolare Agenzia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ROCCASTRADA

ISTITUTO COMPRENSIVO ROCCASTRADA 1 CONTRATTO INTEGRATIVO PER L ATTUAZIONE NORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO ISTITUTO COMPRENSIVO ROCCASTRADA Roccastrada Via S. d Acquisto s.n. Protocollo d intesa tra il Dirigente

Dettagli

COMUNE DI TAVIGLIANO

COMUNE DI TAVIGLIANO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI BIELLA COMUNE DI TAVIGLIANO COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 10 OGGETTO : CONFERMA ADESIONE AL "POLO TELEMATICO DEL BIELLESE". L anno duemilatredici,

Dettagli

Allegato alla delibera CC/35/2014 Del 20/10/2014 IL SEGRETARIO COMUNALE F.to BACCHETTA Dott. Carmelo Mario CONVENZIONE

Allegato alla delibera CC/35/2014 Del 20/10/2014 IL SEGRETARIO COMUNALE F.to BACCHETTA Dott. Carmelo Mario CONVENZIONE Allegato alla delibera CC/35/2014 Del 20/10/2014 IL SEGRETARIO COMUNALE F.to BACCHETTA Dott. Carmelo Mario CONVENZIONE TRA I COMUNI DI CARDE, TORRE SAN GIORGIO, CAVALLERLEONE, RUFFIA E MONASTEROLO DI SAVIGLIANO

Dettagli

PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI VILLAR PELLICE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 25

PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI VILLAR PELLICE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 25 Originale PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI VILLAR PELLICE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 25 OGGETTO: Destinazione dei proventi derivanti da sanzioni per violazioni al codice della strada

Dettagli

d iniziativa dei senatori VALENTINI, ZANDA, AMATI, ALBANO, DI GIORGI, GRANAIOLA e PAGLIARI

d iniziativa dei senatori VALENTINI, ZANDA, AMATI, ALBANO, DI GIORGI, GRANAIOLA e PAGLIARI Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 900 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori VALENTINI, ZANDA, AMATI, ALBANO, DI GIORGI, GRANAIOLA e PAGLIARI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 1º LUGLIO 2013

Dettagli

DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA, DEL CAMPO SPORTIVO E DEI LOCALI SCOLASTICI.

DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA, DEL CAMPO SPORTIVO E DEI LOCALI SCOLASTICI. DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA, DEL CAMPO SPORTIVO E DEI LOCALI SCOLASTICI. A.S. 2012/2013 L Istituto scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO VIA LUIGI RIZZO, 1 di seguito chiamato scuola,

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA Legge 1980033 Pagina 1 di 9 LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA

Dettagli

Allegato O C.C.N.L. Accordo attuativo sulla previdenza complementare

Allegato O C.C.N.L. Accordo attuativo sulla previdenza complementare In data 29 gennaio 2000 Allegato O C.C.N.L. Accordo attuativo sulla previdenza complementare ANCE FENEAL UIL FILCA CISL FILLEA - CGIL tra e quali Parti unitariamente intese come Parti istitutive rispettivamente

Dettagli

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 Decreto legislativo 3 novembre 2003 n. 307, di attuazione delle direttive 2002/12 CE e 2002/13 CE, che modifica i decreti legislativi 17 marzo 1995 nn. 174 e 175

Dettagli

ATTO DI SUBLOCAZIONE AD USO DIVERSO DA QUELLO ABITATIVO. Rep. n /Atti Privati del 2011

ATTO DI SUBLOCAZIONE AD USO DIVERSO DA QUELLO ABITATIVO. Rep. n /Atti Privati del 2011 Filiale Emilia Romagna ATTO DI SUBLOCAZIONE AD USO DIVERSO DA QUELLO ABITATIVO Rep. n /Atti Privati del 2011 L anno 2011 addì del mese di, presso la sede dell Agenzia del Demanio Filiale Emilia Romagna

Dettagli

TRA IN ATTUAZIONE PREMESSI

TRA IN ATTUAZIONE PREMESSI PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE PIEMONTE, UNIONE DELLE PROVINCE PIEMONTESI, ANCI PIEMONTE, UNCEM PIEMONTE, LEGA DELLE AUTONOMIE LOCALI, CONSULTA UNITARIA DEI PICCOLI COMUNI DEL PIEMONTE, PER LA COSTITUZIONE

Dettagli

PREMESSO CHE: DATO ATTO CHE PRESO ATTO

PREMESSO CHE: DATO ATTO CHE PRESO ATTO ACCORDO ex art. 15 legge 241/90 e s.m.i fra i comuni di BALZOLA, CAMAGNA MONFERRATO, CONZANO, CUCCARO MONFERRATO, FRASSINELLO MONFERRATO, LU, MIRABELLO MONFERRATO, MORANO SUL PO, OCCIMIANO, OLIVOLA, OTTIGLIO,

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA IL MINISTERO

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 571 del 11-8-2015 O G G E T T O

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 571 del 11-8-2015 O G G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n. 571 del 11-8-2015 O G G E T T O Convenzione per attività di consulenza libero-professionale in radioprotezione con

Dettagli

Premesso che: Considerato che:

Premesso che: Considerato che: REGIONE PIEMONTE BU39 25/09/2014 Codice DB2101 D.D. 26 maggio 2014, n. 145 Convenzione per la condivisione di esperienze e soluzioni finalizzate allo sviluppo, alla realizzazione, all'avviamento e alla

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali IL MINISTRO Prot. 0008809 VISTO il decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 102 e successive modifiche, concernente interventi finanziari a sostegno delle imprese agricole; VISTI i Capi I, III e IV del medesimo

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 23 febbraio 2015 Modalita' di utilizzo delle risorse non utilizzate del Fondo rotativo per il sostegno alle imprese e gli investimenti di ricerca e riparto

Dettagli

RELAZIONE SULLO STATO DELL AMBIENTE 2011. 5.2 Impianti termici

RELAZIONE SULLO STATO DELL AMBIENTE 2011. 5.2 Impianti termici 9-9-211 Pagina 151 RELAZIONE SULLO STATO DELL AMBIENTE 211 5.2 Impianti termici L art. 31, comma 3, della Legge n. 1 del 9 gennaio 1991 - Norme per l attuazione del piano energetico nazionale in materia

Dettagli

SCHEMA TRA. parti della presente convenzione

SCHEMA TRA. parti della presente convenzione ALLEGATO 3 Ministero delle infrastrutture Cassa depositi e prestiti S.p.A. SCHEMA Convenzione per la gestione delle risorse destinate al finanziamento del Programma Straordinario di Edilizia Residenziale

Dettagli

DGR DEL. DPCM del 27 febbraio 2004.

DGR DEL. DPCM del 27 febbraio 2004. giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/11 DGR DEL. DPCM del 27 febbraio 2004. Affidamento ad ARPAV delle attività di supporto al funzionamento del Centro Funzionale Decentrato presso

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO. Provincia di Verona CONVENZIONE URBANISTICA PER ACCORDO PUBBLICO-PRIVATO

COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO. Provincia di Verona CONVENZIONE URBANISTICA PER ACCORDO PUBBLICO-PRIVATO COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO Provincia di Verona Repertorio n. CONVENZIONE URBANISTICA PER ACCORDO PUBBLICO-PRIVATO (come previsto dall articolo 6 della Legge Regionale del Veneto n. 11/2004) Repubblica

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Dipartimento dell organizzazione Giudiziaria, del personale e dei servizi Direzione Generale delle risorse materiali, dei beni e dei servizi Schema di contratto di locazione dell

Dettagli

CITTÀ DI GALATINA PROV. DI LECCE. Copia Deliberazione della Giunta Comunale N. 247/ 2013

CITTÀ DI GALATINA PROV. DI LECCE. Copia Deliberazione della Giunta Comunale N. 247/ 2013 CITTÀ DI GALATINA PROV. DI LECCE Copia Deliberazione della Giunta Comunale N. 247/ 2013 OGGETTO: PSR PUGLIA 2007\2013 ASSE IV LEADER - MISURA 313 AZIONE INVESTIMENTI FUNZIONALI ALLA CREAZIONE DI CENTRI

Dettagli