NUOVO POLO OSPEDALIERO DI FERRARA Arcispedale S.Anna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NUOVO POLO OSPEDALIERO DI FERRARA Arcispedale S.Anna"

Transcript

1 lenco Pagine - Piano +15,60 Blocco 41 pag. 1 Blocco 35 pag. 2 Blocco 38 pag. 3 Blocco 39 pag. 4 Blocco 30 pag. 5 Blocco 34 pag. 6 Blocchi 1-2 pag. 7 Blocchi 4-5 pag. 8 Blocco 3 pag. 9 Blocchi 9-27 pag. 10 Blocco 33 pag. 11 Blocchi pag. 12 Blocco 24 pag. 13 NUOVO POLO OSPDALIRO DI FRRARA Arcispedale S.Anna Località CONA stampa del 27 giu PIANO TCNOLOGICO - QUOTA FUORI SCALA

2 pag. 1 LGNDA COMPARTIMNTAZION RI PRCORSO SODO PRCORSO DI FUGA VRSO L'ALTO Q.. PORTA RI STINTOR IDRANT PULSANT DI ALLARM INCNDIO ATTRZZATURA ANTINCNDIO QUADRO LTTRICO PRCORSO DI FUGA ORIZZONTAL PRCORSO DI FUGA VRSO IL BASSO USCITA DI SICURZZA USCITA VRSO L'STRNO SCAL DI SODO QUADRO D'INTRCTTAZION GAS MDICALI QUADRO D'INTRCTTAZION ALIMNTAZION LTTRICA - UTA 41 NUOVO POLO OSPDALIRO ARCISPDAL S.ANNA BLOCCO 41

3 pag. 2 LGNDA COMPARTIMNTAZION RI PRCORSO SODO PRCORSO DI FUGA VRSO L'ALTO PRCORSO DI FUGA ORIZZONTAL PRCORSO DI FUGA VRSO IL BASSO USCITA DI SICURZZA USCITA VRSO L'STRNO SCAL DI SODO PORTA RI STINTOR IDRANT Q.. PULSANT DI ALLARM INCNDIO ATTRZZATURA ANTINCNDIO QUADRO LTTRICO QUADRO D'INTRCTTAZION GAS MDICALI QUADRO D'INTRCTTAZION ALIMNTAZION LTTRICA - UTA NUOVO POLO OSPDALIRO ARCISPDAL S.ANNA BLOCCO 35

4 pag LGNDA PORTA RI STINTOR IDRANT COMPARTIMNTAZION RI PULSANT DI ALLARM INCNDIO PRCORSO SODO ATTRZZATURA ANTINCNDIO PRCORSO DI FUGA VRSO L'ALTO Q.. QUADRO LTTRICO PRCORSO DI FUGA ORIZZONTAL PRCORSO DI FUGA VRSO IL BASSO USCITA DI SICURZZA USCITA VRSO L'STRNO SCAL DI SODO QUADRO D'INTRCTTAZION GAS MDICALI QUADRO D'INTRCTTAZION ALIMNTAZION LTTRICA - UTA NUOVO POLO OSPDALIRO ARCISPDAL S.ANNA BLOCCO 38

5 pag. 4 LGNDA COMPARTIMNTAZION RI PRCORSO SODO PRCORSO DI FUGA VRSO L'ALTO PRCORSO DI FUGA ORIZZONTAL PRCORSO DI FUGA VRSO IL BASSO USCITA DI SICURZZA USCITA VRSO L'STRNO SCAL DI SODO PORTA RI STINTOR IDRANT PULSANT DI ALLARM INCNDIO ATTRZZATURA ANTINCNDIO Q.. QUADRO LTTRICO QUADRO D'INTRCTTAZION GAS MDICALI QUADRO D'INTRCTTAZION ALIMNTAZION LTTRICA - UTA NUOVO POLO OSPDALIRO ARCISPDAL S.ANNA BLOCCO 39

6 pag. 5 LGNDA COMPARTIMNTAZION RI PRCORSO SODO PRCORSO DI FUGA VRSO L'ALTO PRCORSO DI FUGA ORIZZONTAL PRCORSO DI FUGA VRSO IL BASSO USCITA DI SICURZZA 30 USCITA VRSO L'STRNO SCAL DI SODO PORTA RI STINTOR IDRANT PULSANT DI ALLARM INCNDIO Q.. ATTRZZATURA ANTINCNDIO QUADRO LTTRICO 29 QUADRO D'INTRCTTAZION GAS MDICALI QUADRO D'INTRCTTAZION ALIMNTAZION LTTRICA - UTA NUOVO POLO OSPDALIRO ARCISPDAL S.ANNA BLOCCO 30

7 pag. 6 LGNDA COMPARTIMNTAZION RI PRCORSO SODO PRCORSO DI FUGA VRSO L'ALTO PRCORSO DI FUGA ORIZZONTAL PRCORSO DI FUGA VRSO IL BASSO USCITA DI SICURZZA USCITA VRSO L'STRNO SCAL DI SODO PORTA RI STINTOR IDRANT PULSANT DI ALLARM INCNDIO Q.. ATTRZZATURA ANTINCNDIO QUADRO LTTRICO QUADRO D'INTRCTTAZION GAS MDICALI QUADRO D'INTRCTTAZION ALIMNTAZION LTTRICA - UTA NUOVO POLO OSPDALIRO ARCISPDAL S.ANNA BLOCCO 34

8 pag LGNDA COMPARTIMNTAZION RI PRCORSO SODO PRCORSO DI FUGA VRSO L'ALTO Q.. PORTA RI STINTOR IDRANT PULSANT DI ALLARM INCNDIO ATTRZZATURA ANTINCNDIO QUADRO LTTRICO PRCORSO DI FUGA ORIZZONTAL PRCORSO DI FUGA VRSO IL BASSO USCITA DI SICURZZA USCITA VRSO L'STRNO SCAL DI SODO QUADRO D'INTRCTTAZION GAS MDICALI QUADRO D'INTRCTTAZION ALIMNTAZION LTTRICA - UTA NUOVO POLO OSPDALIRO ARCISPDAL S.ANNA BLOCCHI 1-2

9 pag LGNDA COMPARTIMNTAZION RI PRCORSO SODO PRCORSO DI FUGA VRSO L'ALTO Q.. PORTA RI STINTOR IDRANT PULSANT DI ALLARM INCNDIO ATTRZZATURA ANTINCNDIO QUADRO LTTRICO PRCORSO DI FUGA ORIZZONTAL PRCORSO DI FUGA VRSO IL BASSO USCITA DI SICURZZA USCITA VRSO L'STRNO SCAL DI SODO QUADRO D'INTRCTTAZION GAS MDICALI QUADRO D'INTRCTTAZION ALIMNTAZION LTTRICA - UTA NUOVO POLO OSPDALIRO ARCISPDAL S.ANNA BLOCCHI 4-5

10 pag. 9 LGNDA COMPARTIMNTAZION RI PRCORSO SODO PRCORSO DI FUGA VRSO L'ALTO PRCORSO DI FUGA ORIZZONTAL PRCORSO DI FUGA VRSO IL BASSO USCITA DI SICURZZA USCITA VRSO L'STRNO SCAL DI SODO PORTA RI 03 Q.. STINTOR IDRANT PULSANT DI ALLARM INCNDIO ATTRZZATURA ANTINCNDIO QUADRO LTTRICO 07 QUADRO D'INTRCTTAZION GAS MDICALI QUADRO D'INTRCTTAZION ALIMNTAZION LTTRICA - UTA NUOVO POLO OSPDALIRO ARCISPDAL S.ANNA BLOCCO 03

11 pag. 10 LGNDA COMPARTIMNTAZION RI PRCORSO SODO PRCORSO DI FUGA VRSO L'ALTO Q.. PORTA RI STINTOR IDRANT PULSANT DI ALLARM INCNDIO ATTRZZATURA ANTINCNDIO QUADRO LTTRICO PRCORSO DI FUGA ORIZZONTAL PRCORSO DI FUGA VRSO IL BASSO USCITA DI SICURZZA USCITA VRSO L'STRNO SCAL DI SODO QUADRO D'INTRCTTAZION GAS MDICALI QUADRO D'INTRCTTAZION ALIMNTAZION LTTRICA - UTA NUOVO POLO OSPDALIRO ARCISPDAL S.ANNA BLOCCHI 9-27

12 pag LGNDA COMPARTIMNTAZION RI PRCORSO SODO PRCORSO DI FUGA VRSO L'ALTO Q.. PORTA RI STINTOR IDRANT PULSANT DI ALLARM INCNDIO ATTRZZATURA ANTINCNDIO QUADRO LTTRICO PRCORSO DI FUGA ORIZZONTAL PRCORSO DI FUGA VRSO IL BASSO USCITA DI SICURZZA USCITA VRSO L'STRNO SCAL DI SODO QUADRO D'INTRCTTAZION GAS MDICALI QUADRO D'INTRCTTAZION ALIMNTAZION LTTRICA - UTA NUOVO POLO OSPDALIRO ARCISPDAL S.ANNA BLOCCO 33

13 pag. 12 LGNDA COMPARTIMNTAZION RI PRCORSO SODO PRCORSO DI FUGA VRSO L'ALTO Q.. PORTA RI STINTOR IDRANT PULSANT DI ALLARM INCNDIO ATTRZZATURA ANTINCNDIO QUADRO LTTRICO PRCORSO DI FUGA ORIZZONTAL PRCORSO DI FUGA VRSO IL BASSO USCITA DI SICURZZA USCITA VRSO L'STRNO SCAL DI SODO QUADRO D'INTRCTTAZION GAS MDICALI QUADRO D'INTRCTTAZION ALIMNTAZION LTTRICA - UTA NUOVO POLO OSPDALIRO ARCISPDAL S.ANNA BLOCCHI 21-22

14 pag. 13 LGNDA COMPARTIMNTAZION RI PRCORSO SODO PRCORSO DI FUGA VRSO L'ALTO Q.. PORTA RI STINTOR IDRANT PULSANT DI ALLARM INCNDIO ATTRZZATURA ANTINCNDIO QUADRO LTTRICO PRCORSO DI FUGA ORIZZONTAL PRCORSO DI FUGA VRSO IL BASSO USCITA DI SICURZZA USCITA VRSO L'STRNO SCAL DI SODO QUADRO D'INTRCTTAZION GAS MDICALI QUADRO D'INTRCTTAZION ALIMNTAZION LTTRICA - UTA NUOVO POLO OSPDALIRO ARCISPDAL S.ANNA BLOCCO 24

VIA CARLO ALBERTO VIA SAN GIACOMO

VIA CARLO ALBERTO VIA SAN GIACOMO VIA CARLO ALBRTO VIA SAN GIACOMO VIA SAN GIACOMO istruzioni di sicurezza valide per tutte le situazioni di pericolo mantieni la calma; interrompi immediatamente ogni attività lascia tutto l equipaggiamento

Dettagli

PSC_02 Scala: 1: SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA POLICLINICO "G. MARTINO" - MESSINA

PSC_02 Scala: 1: SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA POLICLINICO G. MARTINO - MESSINA STRALCIO 1 50 70 60 35.62 LGNDA RCINZION CANTIR STABIL - h 2,00m RCINZION CANTIR PROVVISORIO - h 2,00m ARA CANTIR STABIL ARA CANTIR PROVVISORIO PR SCARICO COLLOCAZION ACCSSO MOVIMNTAZION AUTOGRU ACCSSO

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Interventi di risanamento conservativo e adeguamento alle norme

Interventi di risanamento conservativo e adeguamento alle norme Intrvnti risanamnto consrvativo adguamnto all norm SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO G. MAMELI IN VIA BLIGNY La scuola scondaria primo grado G. Mamli, in via Bligny ha sd in ficio ch si sviluppa su tr livlli

Dettagli

Comune di Crespellano. Lotto 3. (Loc. Pragatto) Borgo Verdi Colline. Tel. 051-6722277

Comune di Crespellano. Lotto 3. (Loc. Pragatto) Borgo Verdi Colline. Tel. 051-6722277 Lotto 3 PLANIMETRIA GENERALE Quote, dati metrici, elementi strutturali e disposizioni interne potranno subire lievi variazioni durante la definizione dei particolari costruttivi 1 2 3 4 VENDUTO 2 3 PROSPETTIVA

Dettagli

Capitolo 27: Quotatura di un disegno

Capitolo 27: Quotatura di un disegno Capitolo 27: Quotatura di un disegno Avviate MasterChef dall icona presente sul vostro Desktop. Nota: Se state utilizzando una versione dimostrativa, una volta caricato il programma, un messaggio vi comunicherà

Dettagli

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori 3.5 ascensori se attraversano due compartimenti, vano corsa protetto EI come strutture (vale anche per le scale) H > 24 m almeno un ascensore antincendio 1 4.1 affollamento aree vendita dettaglio alimentari

Dettagli

COMUNE DI MONTERIGGIONI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RICOGNITIVA DEI RISCHI INTERFERENTI STANDARD PARTE II SEZIONE IDENTIFICATIVA DEI RISCHI SPECIFICI DELL AMBIENTE E MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

Dettagli

Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro

Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro 1/1 generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro 1/25 Contenuti DM 10/03/98 1/2 Valutazione dei rischi di incendio, protettive e precauzionali di esercizio Controllo

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA...3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI...6 NORME DI RIFERIMENTO...7 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 7 NORME RELATIVE

Dettagli

OBIETTIVI DI UN PIANO DELLE EMERGENZE E DI EVACUAZIONE

OBIETTIVI DI UN PIANO DELLE EMERGENZE E DI EVACUAZIONE OBIETTIVI DI UN PIANO DELLE EMERGENZE E DI EVACUAZIONE MINIMIZZARE I DANNI ALLE PERSONE AGEVOLARE L ESODO DALLE STRUTTURE PREVENIRE O LIMITARE I DANNI AL PATRIMONIO, ALL ATTIVITA LAVORATIVA ED AGLI AMBIENTI

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

REGISTRO DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGISTRO DI SORVEGLIANZA PERIODICA DIREZIONE DIDATTICA STATALE Via G. Deledda, 2-09036 GUSPINI (Codice Fiscale 91011420923 Tel 070/970051-Fax 070/9783069) e-mail mail: caee046004@istruzione.it sito: www.direzionedidatticastataleguspini.it

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE FASI

PIANO DI EVACUAZIONE FASI PIANO DI EVACUAZIONE Lo scopo principale del piano di evacuazione è quello di attivare comportamenti corretti di autodifesa singoli e collettivi in caso di emergenza a scuola e nel territorio, contribuendo

Dettagli

SGS ITALIA FORMAZIONE SGS ACADEMY SETTEMBRE - DICEMBRE 2013

SGS ITALIA FORMAZIONE SGS ACADEMY SETTEMBRE - DICEMBRE 2013 > SGS ITALIA FORMAZIONE SGS ACADEMY SETTEMBRE - DICEMBRE 2013 IL GRUPPO SGS Fondata nl 1878, con sd a Ginvra, SGS è riconosciuta intrnazionalmnt pr la massima qualità di srvizi forniti pr la assoluta intgrità

Dettagli

(ai sensi dell art. 26, comma 3 del D. Lgs. 81/08) Fondazione Don Mozzatti D Aprili. direzione@donmozzatti.it. Dott.

(ai sensi dell art. 26, comma 3 del D. Lgs. 81/08) Fondazione Don Mozzatti D Aprili. direzione@donmozzatti.it. Dott. VALUTAZIONE DEI RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DA ADOTTARE PER LA FORNITURA PER 36 MESI DI DERRATE ALIMENTARI D.U.V.R.I. PRELIMINARE PER PROCEDURA DI AFFIDAMENTO (ai snsi dll art. 26, comma

Dettagli

INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA

INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA Compilare la seguente scheda di valutazione finalizzata alla valutazione delle conoscenze relative alla gestione delle emergenze in una qualsiasi realtà operativa.

Dettagli

Le 4 tappe del processo

Le 4 tappe del processo Sistma Rifrimnto Vnto pr la Sicurzza nll Scuol Il Piano vacuazion scolastico CORSO DI FORMAZIONE PER 6.1b DIRIGENTI SCOLASTICI E PER DIRETTORI DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI L 4 tapp dl procsso

Dettagli

Verifica da effettuarsi a cura dell Addetto ai Servizi di emergenza antincendio ed evacuazione di emergenza

Verifica da effettuarsi a cura dell Addetto ai Servizi di emergenza antincendio ed evacuazione di emergenza ESTINTORI A POLVERE La scheda serve per annotare la verifica mensile della funzionalità degli estintori portatili a polvere (integrità complessiva e posizionamento della lancetta del manometro sul campo

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

PIANO DELLE ATTIVITÀ

PIANO DELLE ATTIVITÀ Dscrizion Lavori Rischi idntificati Misur di sicurzza Mzzi di protzion Comptnza Dlimitazion ara di cantir Progttazion viabilità intrna al cantir Trasporto di prsonal attrzzatur Disfacimnto pavimntazion

Dettagli

Decreto 3 agosto 2015

Decreto 3 agosto 2015 Decreto 3 agosto 2015 Controllo e manutenzione impianti e attrezzature antincendio Marino Mariani CEA Estintori SpA Sviluppo e Supporto ai Servizi di Sicurezza e Antincendio Imola, 12 novembre 2015 Controllo

Dettagli

1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI

1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI 1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI Con riferimento al DPR 151/2011 "Regolamento recante disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione incendi, a norma

Dettagli

REGISTRO ANTINCENDIO D.P.R. 37 del 12.1.1998

REGISTRO ANTINCENDIO D.P.R. 37 del 12.1.1998 Timbro scuola PLESSO: SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE REGISTRO ANTINCENDIO D.P.R. 37 del 12.1.1998 CONTROLLI E MANUTENZIONE DI SISTEMI, DISPOSITIVI, ATTREZZATURE - IMPIANTI ANTINCENDIO CASSETTE DI

Dettagli

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze

Materiale didattico validato da: Gestione emergenze Gestione emergenze 1. Piano di emergenza 2. Misure di prevenzione 3. Misure di Protezione 4. Estintori e fuochi 5. Evacuazione dai locali 6. Controlli periodici Rev. 1 ott. 2009 Situazioni di emergenza

Dettagli

Istituti Tecnici Industriali. Le curvature dei percorsi scolastici verso. Robotica/Meccatronica avanzata

Istituti Tecnici Industriali. Le curvature dei percorsi scolastici verso. Robotica/Meccatronica avanzata Istituti Tcnici Industriali L curvatur di prcorsi scolastici vrso Robotica/Mccatronica avanzata MACRO-COMPETENZE IN USCITA VERSO LA ROBOTICA/MECCATRONICA AVANZATA Quattro Macro-Comptnz Spcialistich: 1.

Dettagli

Allegato B.11 - Tabella SLA interventi di manutenzione correttiva IMPIANTO. Porte tagliafuoco ed emergenza Standard 9x5 Intervento in 8 ore

Allegato B.11 - Tabella SLA interventi di manutenzione correttiva IMPIANTO. Porte tagliafuoco ed emergenza Standard 9x5 Intervento in 8 ore TIPOLOGIA COPERTURA LIVELLO DI Elettrici (prese PdL e servizio) Standard 9x5 Ripristino entro giorno successivo Impianti speciali TVCC Standard 9x5 Intervento in 8 ore Sale CED Critico 9x5 Ripristino in

Dettagli

4.145.975,19 4.004.200,03 3.966.659,30 1.379.472,74 650.000,00 450.000,00 1.596.503,33 850.000,00 635.000,00. s s. (+) Entrate titoli IV (riscosse)

4.145.975,19 4.004.200,03 3.966.659,30 1.379.472,74 650.000,00 450.000,00 1.596.503,33 850.000,00 635.000,00. s s. (+) Entrate titoli IV (riscosse) PROSPTTO CONTNNT L PRVISIONI DI COMPTNZA DI CASSA DGLI AGGRGATI RILVANTI AI FINI DL PATTO DI STABILITA' INTRNO 2014 2015 2016 C o m p e t e n z a (+) ntrate titoli I II III (da stanziamento di bilancio

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI LODI

ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI LODI PROGRAMMA CORSO BASE 10 ORE ORDINE ARCHITETTI PPC Moduli h OBIETTIVI DIRETTIVE LEGISLAZIONE E REGOLE TECNICHE DI PREVENZIONE INCENDI A 6 FISICA E CHIMICA DELL'INCENDIO B 10 TECNOLOGIA DEI MATERIALI E DELLE

Dettagli

PROCEDURE DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE

PROCEDURE DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE PROCEDURE DI EMERGENZA E DI EVACUAZIONE C 1 - Compiti della Squadra di Evacuazione per funzione SCHEDA 1 - COMPITI DEL COORDINATORE DELLE EMERGENZE Ricevuta la segnalazione di "inizio emergenza" il Coordinatore

Dettagli

Prevenzione incendi nei condomini

Prevenzione incendi nei condomini Prevenzione incendi nei condomini Perché la prevenzione incendi nei condomini? per la nostra incolumità, dei nostri familiari e dei nostri beni perché lo prevede la legge D.P.R. 151/11 - Attività soggette

Dettagli

PIAZZALE DELLE MUSE. roma. www.rigamontireagency.com

PIAZZALE DELLE MUSE. roma. www.rigamontireagency.com BOX AUTO/VENDITA E LOCAZIONE PIAZZALE DELLE MUSE roma grupporigamonti.com www.rigamontireagency.com ROMA COMMERCIALE VENDITA Ubicazione Esclusivi box auto di nuova costruzione, ubicati in Piazzale delle

Dettagli

SQUADRA ANTINCENDIO e COMPITI ANNESSI

SQUADRA ANTINCENDIO e COMPITI ANNESSI Codic mccanografico: VEIC87300D - C.F. 82011580279 Via Virgilio n. 1-30173 MESTRE (VE) Tl. 041614863 0415344334 - Fax 0415346917 http://www.iclonardodavincivnzia.gov.it vic87300d@istruzion.it vic87300d@pc.istruzion.it

Dettagli

Corso di FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEI LAVORATORI SULLA SICUREZZA

Corso di FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEI LAVORATORI SULLA SICUREZZA Istituto Comprensivo MAHATMA GANDHI Via Corinaldo, 41 00156 Roma Corso di FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEI LAVORATORI SULLA SICUREZZA D.Lgs. n. 81/2008, art. 32, comma 2 >Figure sensibili addette all antincendio

Dettagli

Rendiconto Finanziario Gestionale. U S C I T E Allegato 6

Rendiconto Finanziario Gestionale. U S C I T E Allegato 6 Gstion di passivi Dfinitiv 1.1.1 1 dnnità di prsidnza di dirzion 1.1.1 2 Compnsi, indnnità di mission rimborsi ai componnti di organi 1.1.1 3 Compnsi, indnnità di mission rimborsi ai componnti il collgio

Dettagli

SOLUZIONI STANDARD MONITOR

SOLUZIONI STANDARD MONITOR V I D O S O R V G L I A N Z A C O A S S I A L SOLUZIONI STANDARD CARATTRISTICH PRINCIPALI > DA POLSO: UNO STRUMNTO D AUSILIO NLL INSTALLAZIONI > LCD LCD LARG SIZ: UN RANG DI SOLUZIONI PR L DIVRS NCSSITÀ

Dettagli

Software Stampa Cambiali - Guida all'uso

Software Stampa Cambiali - Guida all'uso Software Stampa Cambiali - Guida all'uso Per avviare il programma fare un doppio click su "CambialeDemo.exe" o su "Stampa Cambiale" se è stato acquistato il programma. 1. Inserire i dati delle cambiale:

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Residenza Universitaria Varlungo

Dettagli

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI RIGUARDANTI LA GESTIONE DELLA SICUREZZA

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI RIGUARDANTI LA GESTIONE DELLA SICUREZZA REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI RIGUARDANTI LA GESTIONE DELLA SICUREZZA RAGIONE SOCIALE O TIMBRO DELL AZIENDA : Responsabile della gestione del registro : DI ISTITUZIONE DEL REGISTRO: REV. REDAZIONE DESCRIZIONE

Dettagli

PARTE IV DUVRI DOCUMENTO EX - ART. 26 - D.LGS.81 / 08 - DUVRI - VALUTAZIONE RISCHIO APPALTO E PIANO MISURE PREV. / PROT.

PARTE IV DUVRI DOCUMENTO EX - ART. 26 - D.LGS.81 / 08 - DUVRI - VALUTAZIONE RISCHIO APPALTO E PIANO MISURE PREV. / PROT. PARTE IV DUVRI DOCUMENTO EX - ART. 26 - D.LGS.81 / 08 - DUVRI - VALUTAZIONE RISCHIO APPALTO E PIANO MISURE PREV. / PROT. APPALTO: COMMITTENTE: REFERENTE PER COMUNE GALLIATE: IMPRESA APPALTATRICE: RESPONSABILE

Dettagli

ALLEGATO 1. Edizione Novembre 2015 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA

ALLEGATO 1. Edizione Novembre 2015 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA ALLEGATO Edizione Novembre 05 FORNITURA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA SEGNALETICA DI SICUREZZA PER TUTTI GLI AMBIENTI DI LAVORO ANTINCENDIO Cartello fotoluminescente o dell estintore Cartello fotoluminescente

Dettagli

Innovazione Tecnologica e Gestionale per gli Impianti Speciali. Marino Mariani

Innovazione Tecnologica e Gestionale per gli Impianti Speciali. Marino Mariani 1 Innovazione Tecnologica e Gestionale per gli Impianti Speciali Marino Mariani LA CULTURA DELL INNOVAZIONE L UNITA IMPIANTI E SISTEMI MODENA CEA Estintori S.p.A dal 1967 si occupa con passione di tutte

Dettagli

RIGENERAZIONE COMPLETA DELLA PARTE ELETTRICA ESSICCATOI ORIZZONTALI

RIGENERAZIONE COMPLETA DELLA PARTE ELETTRICA ESSICCATOI ORIZZONTALI RIGENERAZIONE COMPLETA DELLA PARTE ELETTRICA ESSICCATOI ORIZZONTALI La ditta E.G., operante nel settore ceramico da più di un decennio, ha maturato l'esperienza per la rigenerazione di molte macchine automatiche.

Dettagli

CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI FINALIZZATO ALL ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL INTERNO

CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI FINALIZZATO ALL ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL INTERNO PROGRAMMA CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI FINALIZZATO ALL ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL INTERNO (in bas al D.M. Agosto 011, art. succssiv modifich)

Dettagli

NUOVO POLO CULTURALE DIOCESANO IN VIA MONS. C. ENDRICI PP.FF. 1723/2 1718/1 1050/1 1051/1 C.C. TRENTO

NUOVO POLO CULTURALE DIOCESANO IN VIA MONS. C. ENDRICI PP.FF. 1723/2 1718/1 1050/1 1051/1 C.C. TRENTO Comune di Trento Provincia di Trento ELENCO ELABORATI Oggetto: NUOVO POLO CULTURALE DIOCESANO IN VIA MONS. C. ENDRICI PP.FF. 1723/2 1718/1 1050/1 1051/1 C.C. TRENTO Progetto architettonico a cura di Fraier

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

gozzi 1 RELAZIONE elaborato n. Visto: Il Direttore generale dell Ardiss - dott.ssa Cinzia Cuscela - Il progettista dott. arch.

gozzi 1 RELAZIONE elaborato n. Visto: Il Direttore generale dell Ardiss - dott.ssa Cinzia Cuscela - Il progettista dott. arch. Agenzia regionale per il diritto agli studi superiori c.f./p.iva 01241240322 www.ardiss.fvg.it direzione@ardiss.fvg.it ardiss@certregione.fvg.it gozzi Procedura aperta per la fornitura, il trasporto, l

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA... 3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI... 6 NORME DI RIFERIMENTO... 8 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 8 NORME RELATIVE

Dettagli

Rivelatori di. funzionanti

Rivelatori di. funzionanti Rivelatori di funzionanti I rivelatori di fumo salvano la vita La maggioranza degli incendi domestici mortali avviene di notte, quando si dorme. Contrariamente a quanto si crede, l'odore del fumo potrebbe

Dettagli

Le immagini dell'insicurezza

Le immagini dell'insicurezza Le immagini dell'insicurezza Anno 13 numero 2559 di venerdì 04 febbraio 2011 Uscite di sicurezza ed estintori, una nuova carrellata di immagini di violazioni in materia di sicurezza. Vigilia di Natale

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA. Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza. Liceo Morgagni

ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA. Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza. Liceo Morgagni ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza Liceo Morgagni ll presente documento è da considerarsi integrazione e aggiornamento del Documento

Dettagli

Un nodo ci stringe, la carità ci lega, siamo una vera famiglia nel Cuore di Gesù S. F. Cabrini

Un nodo ci stringe, la carità ci lega, siamo una vera famiglia nel Cuore di Gesù S. F. Cabrini Un nodo ci stringe, la carità ci lega, siamo una vera famiglia nel Cuore di Gesù S. F. Cabrini 1 Carissima Studente Universitaria, questo pensionato vuole offrire a te, come a tante altre giovani che incontrerai

Dettagli

Quadro normativo. Obbligo di richiesta del Certificato di Prevenzione Incendi (CPI) per le scuole con più di 100 persone D.M.

Quadro normativo. Obbligo di richiesta del Certificato di Prevenzione Incendi (CPI) per le scuole con più di 100 persone D.M. Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Il Piano antincendio scolastico 6.1a CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SCOLASTICI E PER DIRETTORI DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI Quadro

Dettagli

VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA

VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA INTRODUZIONE A norma del Decreto 26 Agosto 1992 il Dirigente scolastico

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI Servizio di Prevenzione e Protezione Registro controlli antincendio SCHEDA CONTROLLO DELLE USCITE DI SICUREZZA Controllo periodico Controllo straordinario Piano Controllo

Dettagli

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA EDIFICIO SITO IN VIA FORTEZZA N. 11 - MILANO SEDE TERRITORIALE INPDAP ATTIVITA

Dettagli

EIB APPLICATIONS. ABB STOTZ-KONTAKT GmbH - Folie 1

EIB APPLICATIONS. ABB STOTZ-KONTAKT GmbH - Folie 1 ILLUMINAZIONE NELLA CASA Controllo di tutti i tipi di lampade (Lampade ad incandescenza, Lampade fluorescenti, LED, Lampade alogene) Commutazione da uno o più punti Dimmerizzazione con diverse funzioni

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI DELLE SERRATURE ELETTRICHE DI SICUREZZA

CARATTERISTICHE GENERALI DELLE SERRATURE ELETTRICHE DI SICUREZZA CARATTRISTICH GNRALI DLL SRRATUR LTTRICH DI SICURZZA GAMMA DI PRODUZION INFORMAZIONI ULTRIORI SICURZZA MATRIALI UTILIZZATI FINITUR ACCSSORI DISPONIBILI IMBALLO GARANZIA PR CANCLLI STRNI PORT IN FRRO Cilindro

Dettagli

Estratto. ANAS S.p.A. Condirezione Generale Tecnica Direzione Centrale Progettazione

Estratto. ANAS S.p.A. Condirezione Generale Tecnica Direzione Centrale Progettazione ANAS S.p.A. Condirezione Generale Tecnica Direzione Centrale Progettazione Linee Guida per la progettazione della sicurezza nelle Gallerie Stradali secondo la normativa vigente Ottobre 2009 Pag. 71 di

Dettagli

Registro antincendio e dei controlli periodici

Registro antincendio e dei controlli periodici Registro antincendio e dei controlli periodici Art. 12 del D. M. 26 agosto 1992 Art. 4. D.M 10 marzo 1998 D.Lgs 81/08 e successive modifiche e integrazioni D.P.R. 1 agosto 2011, n. 151 www.sicurezzainnanzitutto.it

Dettagli

I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO

I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO Finestre, pavimenti, porte, termosifoni, costituiscono il rischio maggiore all interno della classe. Le ante delle finestre in particolare causano un infinità

Dettagli

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza:

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: 1. Probabili cause di pericolo Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: incendio all interno dell edificio incendio esterno all edificio o nelle vicinanze crolli dovuti a cedimenti

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE EDILIZIA Procsso Costruzion di difici di opr di inggnria civil/industrial Squnza di procsso

Dettagli

Registro antincendio e dei controlli periodici

Registro antincendio e dei controlli periodici Registro antincendio e dei controlli periodici Art. 12 del D. M. 26 agosto 1992 Art. 4. D.M 10 marzo 1998 D.Lgs 81/08 e successive modifiche e integrazioni D.P.R. 1 agosto 2011, n. 151 www.sicurezzainnanzitutto.it

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

RISCHIO INCENDIO NEI CANTIERI

RISCHIO INCENDIO NEI CANTIERI RISCHIO INCENDIO NEI CANTIERI Normalmente poco considerato nei cantieri. Tuttavia possono costituire fonte di innesco con conseguenze devastanti: - Uso fiamme libere per operazioni di impermeabilizzazioni

Dettagli

CHECK LIST per i Controlli di Sicurezza sul lavoro

CHECK LIST per i Controlli di Sicurezza sul lavoro AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA (D.Lgs. n. 517/1999 - Art. 3 L.R.Vnto n. 18/2009) SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE Dirttor: Ing. Maurizio Lornzi Sd di Borgo Roma P.l L.A. Scuro, 10-37134

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RIVAROLO Scuola e Sicurezza Semplici norme di comportamento in caso di emergenze Glossario emergenze e figure di riferimento 1 Piano di Emergenza: insieme di norme e di istruzioni

Dettagli

Lampade di. emergenza MY HOME. emergenza. Lampade di

Lampade di. emergenza MY HOME. emergenza. Lampade di Lampad di Lampad di MY HOME 97 Lampad Carattristich gnrali Scopi dll illuminazion Ngli ambinti rsidnziali gli apparcchi di illuminazion non sono imposti da lggi o norm, ma divntano comunqu prziosi ausilii.

Dettagli

.CE 1BH=JEL +6.47) )1,) 62 1.4)11 57) *)+) +0 +5 1 +6.47) )1,) 62 241+12)1 +,111 +1+0 37)6 27 +56)4 1.1, 6=II )K BBAJJEL />=A 6)/ )64 +,111 +1+0 !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Dettagli

B5-1. Gestione del rischio incendio nella scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica

B5-1. Gestione del rischio incendio nella scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Gestione del rischio incendio nella scuola MODULO B Unità didattica B5-1 CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03 Il quadro

Dettagli

Elenco Atti. Filtri impostati - atti adottati; tipo atto: Determine di Impegno (DIM); adottati dal: 01/09/2010 al: 30/09/2010

Elenco Atti. Filtri impostati - atti adottati; tipo atto: Determine di Impegno (DIM); adottati dal: 01/09/2010 al: 30/09/2010 lenco Atti Filtri impostati - atti adottati; tipo atto: Determine di Impegno (DIM); adottati dal: 01/09/2010 al: 30/09/2010 Archiviate Atto Tipo Atto Oggetto Proponente N. 2010/572 DIM 2010/568 DIM 2010/569

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

REGISTRO ANTINCENDIO (ex art. 5 del DPR n. 37 del 12 gennaio 1998 ad uso dell Addetto)

REGISTRO ANTINCENDIO (ex art. 5 del DPR n. 37 del 12 gennaio 1998 ad uso dell Addetto) REGISTRO ANTINCENDIO (ex art. 5 del DPR n. 37 del 12 gennaio 1998 ad uso dell Addetto) CONTROLLI E MANUTENZIONE DI SISTEMI, DISPOSITIVI, ATTREZZATURE ED IMPIANTI ANTINCENDIO INFORMAZIONE E FORMAZIONE ANTINCENDIO

Dettagli

M.A.C.C. Ristrutturazione Edilizia piani T, 1, 2, 3 del Palaffari di Pisa con modifiche della Organizzazione Funzionale e degli Impianti

M.A.C.C. Ristrutturazione Edilizia piani T, 1, 2, 3 del Palaffari di Pisa con modifiche della Organizzazione Funzionale e degli Impianti Piano PRIMO Ottobre 2013 SCALA 1 : 100 TAVOLA 24 Piano SECONDO Ottobre 2013 SCALA 1 : 100 TAVOLA 25 Piano TERZO Ottobre 2013 SCALA 1 : 100 TAVOLA 26 Piano QUARTO Ottobre 2013 SCALA 1 : 100 TAVOLA 27 Piano

Dettagli

TABELLA RIASSUNTIVA: STATO DOCUMENTAZIONE PREVENZIONE SICUREZZA PLESSI SCOLASTICI del CIRCOLO di CASATENOVO (aggiornato il 13.12.

TABELLA RIASSUNTIVA: STATO DOCUMENTAZIONE PREVENZIONE SICUREZZA PLESSI SCOLASTICI del CIRCOLO di CASATENOVO (aggiornato il 13.12. TABELLA RIASSUNTIVA: STATO DOCUMENTAZIONE PREVENZIONE SICUREZZA PLESSI SCOLASTICI del CIRCOLO di CASATENOVO (aggiornato il 13.12.2012) PLESSI CAPOLUOGO BRACCHI CROTTA GRASSI VALAPERTA C.P.I. - C.P.I. 11.07.2008

Dettagli

D.Lgs. 9 aprile 2008, n. n. 81

D.Lgs. 9 aprile 2008, n. n. 81 D.Lgs. 9 aprile 2008, n. n. 81 81 La prevenzione incendi Disposizioni generali Restano inalterate, rispetto al D.Lgs. 626/94, le disposizioni sulla prevenzioni incendi La prevenzione incendi è la funzione

Dettagli

Esempi posizionamento moduli in Layout

Esempi posizionamento moduli in Layout solergo 2012 Esempi posizionamento moduli in Layout Dopo l impostazione in Layout della planimetria su cui rappresentare l impianto si passa al posizionamento dei moduli fotovoltaici. Tramite la finestra

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA. Esistono due squadre per la gestione delle emergenze, una INFN ed una congiunta INFN/UNIFE.

PIANO DI EMERGENZA. Esistono due squadre per la gestione delle emergenze, una INFN ed una congiunta INFN/UNIFE. PIANO DI EMERGENZA PREMESSA Per emergenza si intende un evento improvviso, un fatto o una circostanza imprevista tali da mettere in situazione di pericolo reale o potenziale persone o cose rappresentano

Dettagli

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio per il Personale, Ufficio per la sicurezza sul lavoro EDIFICIO REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 Responsabile della gestione del

Dettagli

P R O G R A M M A Z I O N E A N N O 2 0 1 5

P R O G R A M M A Z I O N E A N N O 2 0 1 5 PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI ANNI 20152017 P R O G R A M M A Z I O N E A N N O 2 0 1 5 Struttura C. costo Sottoconto Dscrizion sottoconto Importo Amm.n C.l B9901 341,80,10 Costi manut. ripar. fabbricati

Dettagli

GARA COMUNITARIA CENTRALIZZATA A PROCEDURA APERTA FINALIZZATA ALL AFFIDAMENTO DEL MULTISERVIZIO TECNOLOGICO

GARA COMUNITARIA CENTRALIZZATA A PROCEDURA APERTA FINALIZZATA ALL AFFIDAMENTO DEL MULTISERVIZIO TECNOLOGICO GARA COMUNITARIA CENTRALIZZATA A PROCEDURA APERTA FINALIZZATA ALL AFFIDAMENTO DEL MULTISERVIZIO TECNOLOGICO E FORNITURA DEI VETTORI ENERGETICI AGLI IMMOBILI IN PROPRIETÀ O NELLA DISPONIBILITÀ DELLE AZIENDE

Dettagli

Corso di FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEI LAVORATORI SULLA SICUREZZA

Corso di FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEI LAVORATORI SULLA SICUREZZA 120 C.D. M. GANDHI via Corinaldo n. 41 00156 Roma Corso di FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEI LAVORATORI SULLA SICUREZZA ai sensi degli artt. 36 e 37 del D.Lgs. 81/08 a.s. 2010/2011 -Figure sensibili del primo

Dettagli

INFORMAZIONE E FORMAZIONE ANTINCENDIO DEL PERSONALE

INFORMAZIONE E FORMAZIONE ANTINCENDIO DEL PERSONALE Datore di Lavoro Unico Sicurezza Lavoro CONTROLLI E MANUTENZIONE DI SISTEMI, DISPOSITIVI, ATTREZZATURE ED IMPIANTI ANTINCENDIO INFORMAZIONE E FORMAZIONE ANTINCENDIO DEL PERSONALE Registro antincendio scuola

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE. art. 7, Decreto 22 gennaio 2008, n. 37 0013-2010. Data.

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE. art. 7, Decreto 22 gennaio 2008, n. 37 0013-2010. Data. DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE art. 7, Decreto 22 gennaio 2008, n. 37 Prot. N 0013-2010 Data 22/03/2010 Committente: Ubicazione Descrizione: Roberto Rossi Via Via Rosselli

Dettagli

COMUNE DI ASSEMINI AREA TECNICA REGISTRO GENERALE: 451 DEL: 19/04/2013 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE

COMUNE DI ASSEMINI AREA TECNICA REGISTRO GENERALE: 451 DEL: 19/04/2013 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE COMUNE DI ASSEMINI Provincia di Cagliari AREA TECNICA REGISTRO GENERALE: 451 DEL: 19/04/2013 OGGETTO: LIQUIDAZIONE FATTURA ALL AVV. ANTONELLO ROSSI DELLO STUDIO REG ROSSI GIUA MARASSI E ASSOCIATI QUALE

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PER TUTTO IL PERSONALE Via Vulcano, 12-95047 Paternò (CT) Tel./Fax 095841054 e-mail ctee06800n@istruzione.it

Dettagli

REGOLE TECNICHE VERTICALI Attività ricettive turistico - alberghiere

REGOLE TECNICHE VERTICALI Attività ricettive turistico - alberghiere Capitolo V 6 REGOLE TECNICHE VERTICALI ricettive turistico - alberghiere Scopo e campo di applicazione...2 Classificazioni...2 Profili di rischio...3 Strategia antincendio...3 Vani degli ascensori..6 Capitolo

Dettagli

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI 3.1. Descrizione dell edificio 3.2. Descrizione delle vie di esodo 3.3. Impianto elettrico 3.3.1. Impianto di illuminazione 3.3.2. Impianto di illuminazione

Dettagli

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile)

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Norme di comportamento per tutto il personale in caso di Emergenza: Tutto

Dettagli

REGIONE TOSCANA PROGETI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE - ANNO 2008 PROGETTI FINANZIATI E MESSI A BANDO

REGIONE TOSCANA PROGETI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE - ANNO 2008 PROGETTI FINANZIATI E MESSI A BANDO Allgato A) REGIONE TOSCANA PROGETI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE - ANNO 2008 PROGETTI FINANZIATI E MESSI A BANDO CODICE ENTE DENOMINAZIONE ENTE TITOLO PROGETTO SETTORE N. AREA DI INTERVENTO PROVINCIA COMUNE

Dettagli

Verifica da effettuarsi a cura dell Addetto ai Servizi di emergenza antincendio ed evacuazione di emergenza

Verifica da effettuarsi a cura dell Addetto ai Servizi di emergenza antincendio ed evacuazione di emergenza Verifica da effettuarsi a cura dell Addetto ai Servizi di emergenza antincendio ed evacuazione di emergenza Scheda di verifica ESTINTORI A POLVERE Data Risultato della verifica Eventuali Interventi firma

Dettagli

NUOVO SISTEMA DI TELE-VIDEO CONTROLLO TR AMI T E GSM /ADSL

NUOVO SISTEMA DI TELE-VIDEO CONTROLLO TR AMI T E GSM /ADSL NUOVO SISTEMA DI TELE-VIDEO CONTROLLO TR AMI T E GSM /ADSL MY FIDO GSM _ MY FIDO GSM + WEB Controlla la tua casa dal tuo cellulare e con un click vedi in tempo reale ciò che succede! SEM PL I C E DA I

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELL EMRGENZA

PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELL EMRGENZA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELL EMRGENZA EMRGENZA Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione INCENDIO E ESPLOSIONE Ai fini della valutazione del rischio incendio il Datore di Lavoro classifica

Dettagli

Schema di decreto ministeriale, recante Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi per le attività di ufficio, ai sensi dell'articolo 15

Schema di decreto ministeriale, recante Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi per le attività di ufficio, ai sensi dell'articolo 15 Schema di decreto ministeriale, recante Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi per le attività di ufficio, ai sensi dell'articolo 15 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139. Il Ministro

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. (art. 26 comma 3 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I. (art. 26 comma 3 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.) SERVIZIO DI MANUTENZIONE HARDWARE E SOFTWARE DEL SISTEMA INFORMATIVO DELL ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CASERTA DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D.U.V.R.I.

Dettagli

POLO EDUCATIVO CITTADINO Azioni valutate e scelte AREA RELAZIONE

POLO EDUCATIVO CITTADINO Azioni valutate e scelte AREA RELAZIONE POLO EDUCATIVO CITTADINO Azioni valutate e scelte AREA RELAZIONE 1 Criteri di valutazione delle azioni 1 - Aderenza ai nodi efficacia 1= poco; 2=abbastanza; 3=molto 2 Sostenibilità economica 1= poco; 2=abbastanza;

Dettagli

SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Istituto Comprensivo TALIERCIO Via Commercio, 1 Marina di Carrara SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE REGISTRO ANTINCENDIO CONTROLLI E MANUTENZIONE DI SISTEMI, DISPOSITIVI, ATTREZZATURE ED IMPIANTI ANTINCENDIO

Dettagli

Tipo di intervento Tipo di controllo Periodicità (g) Sorveglianza 30

Tipo di intervento Tipo di controllo Periodicità (g) Sorveglianza 30 Scheda N 1 Estintori Tipo di controllo Sorveglianza 30 A1 Verificare i seguenti aspetti: a) l estintore sia presente e segnalato con apposito cartello, secondo quanto prescritto dalla legislazione vigente;

Dettagli