SALDATURA DI ACCIAI INOSSIDABILI NELL'IMPIANTISTICA. La gestione della garanzia di qualità nell'ambito di una società di ingegneria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SALDATURA DI ACCIAI INOSSIDABILI NELL'IMPIANTISTICA. La gestione della garanzia di qualità nell'ambito di una società di ingegneria"

Transcript

1 SALDATURA DI ACCIAI INOSSIDABILI NELL'IMPIANTISTICA. La gestione della garanzia di qualità nell'ambito di una società di ingegneria Caspani M., Guerra O. Relazione presentata a: "LA SALDATURA E GLI ACCIAI INOSSIDABILI" 3 Incontro : II controllo e la qualità Milano. 27 novembre 1987 Con il patrocinio del CENTRO INOX Piazza Velasca, Milano

2 Estratto dalla Rivista LA MECCANICA ITALIANA n novembre 1987 SALDATURA DI ACCIAI INOSSIDABILI NELL'IMPIANTISTICA. La gestione della garanzia di qualità nell'ambito di una società di ingegneria THE QUALITY ASSURANCE/QUALITY CONTROL RELEVANT TO STAI N LE SS STEEL. Materlal welded equlpment for process plants as managed. by an engineering company Caspani M., Guerra O. Foster Wheeler Italiana - Milano Sommario Scopo di quanto segue è la descrizione delle metodologie organizzative ed operative adottate da una Società di ingegneria al fine di ottenere, nel campo delle saldatura degli acciai inossidabili, un prodotto finito avente requisiti di qualità e caratteristiche adeguate al servizio e conformi alle richieste delle specifiche del Cliente. Vengono inoltre fornite alcune indicazioni in merito a quanto di norma viene prescritto, a livello tecnico, per le saldature di acciai inossidabili nelle applicazioni più comuni di impiantistica. Summary The purpose of what written hereafter, is to describe how an Engineering Company organisation operates in order to assure thè production of welded stainless steel equipment which shatf have leatures complying with thè service needs and with thè Client's requirements. Some highlights are also given about thè standard technical specifications relevant to thè welding of stainless steel material in thè most commonly used applications in thè process plants. 1. Applicazioni tipiche di acciai inossidabili I campi di applicazione tipici degli acciai inossidabili nelle realizzazioni impiantistiche trattate dalla nostra società coprono principalmente le seguenti esigenze: 1) resistenza alla corrosione in impianti di distillazione atmosferica e sottovuoto, e dì desolforazione di gasoli e nafte nell'industria petrolifera; 2) resistenza meccanica in servizi operanti ad elevata temperatura; 3) requisiti di sterilità e cessione limitata di sostanze inquinanti. Nel primo caso gli acciai inox sono utilizzati in qualità di rivestimento anticorrosivo applicato per laminazione sulle superfici delle apparecchiature che vengono in contatto con i fluidi aggressivi. I tipi di acciaio utilizzati con maggior frequenza sono quelli a struttura martensitico-ferritica (AISI 405, AISI 410S) e quelli a struttura austenitica nella forma stabilizzata oppure a basso contenuto di carbonio (AISI 321, AISI, AISI 304L, AISI L). Il secondo caso riguarda principalmente l'utilizzazione nella zona di rigenerazione degli impianti di «cracking» catalitico in regime fluido dei. gasoli. Le condizioni di temperatura elevata ( C) richiedono l'utilizzazione di acciai del tipo AISI 304H a causa della sua maggiore resisten- 74 LA MECCANICA ITALIANA novembre 1987 n* 211

3 za allo scorrimento viscoso ad alta temperatura. L'ultimo gruppo copre quelle applicazioni tipiche dell'industria alimentare e farmaceutica in cui i prodotti, a contatto dei manufatti, non devono subire modificazioni causate da cestoni di molecole provenienti dai prodotti di corrosione dovute alla reazione fluido/metallo o a distacchi di molecole dagli strati di passivazione formatisi sulla superficie del metallo stesso. In queste applicazioni si utilizzano gonordlmonto gli acciai a struttura tustenitica (AISI 304, AISI ). Ognuno dei campi di applicazione sopracitati presenta caratteristiche tati da richiedere un approccio particolare, nella esecuzione delle saldature e nel loro controllo, al fine di de* terminare la qualità ottenuta. Va ricordato che, nella maggior parte dei casi,!a selezione del tipo di materiale da utilizzare è definita dal Licenziatario del processo secondo cui l'impianto opera; è sempre presente quindi la necessità di uno stretto contatto tra la Società di ingegneria a quest'ultimo. Tavola 1 POSTER TTALIAW TECHNICAL SPECIFICATION SPEC. N" REVISION 0 DATE PAGE /1 TABLE 1 - Acceotable Filler Metals for Joining Austenitic Stainless Steels and High-Ntckel Allovs Hat'ls to be welded L 3O9S S 31fi L L L S S 310 L 1 L 321 L L L L L L Inc.y 800 Inc.l 600 ENlCrFe-3 ENlCrFe-3 EWUCr-3 2. Fase di progettazione Procedure finalizzate all'ottenimento della qualità (metodologia di controllo) Come per le altre attività coordinate da una Società di ingegneria, anche l'esecuzione delle saldature di componentistica in acciaio inox è sottoposta a uno stretto controllo che inizia nella fase di progettazione e si conclude al momento dell'installazione/messa in marcia del componente. 321 IncoLov 400 tncone 000 ENlCrFe-3 EMiCrFe-3 EHNiCr-3 ENlCrFe-3 Il controllo, in fase di progettazione, viene esplicato attraverso la produzione e verifica di documenti quali: i i 1) specifiche generali e disegni di ingegneria; 2) specifiche di procedimento di saldatura; 3) rapporti di qualifica di procedimento di saldatura Disegni di ingegneria e specifiche generali Questi documenti, preparati all'ini- zio della elaborazione del progetto, contengono, oltre alla descrizione del componente, tutte le indicazioni riguardanti le sue condizioni operative, i fluidi con cui viene in contatto, i richiami ai codici di progettazione applicabili nonché le particolarità esecutive derivanti dalle esperienze precedenti maturate dal Licenziatario del processo e/o dalla Società di ingegneria stessa. La specifica generale di saldatura richiamerà quindi le raccomandazioni tipiche relative all'esecuzione di saldatura ed al loro controllo, sia nella fase di qualifica del procedimento che nella fase di produzione. A scopo illustrativo presentiamo due tavole tratte da una specifica generale tipica per un impianto di raffinazione. 75 LA MECCANICA ITALIANA novembre 1987 n 211

4 Nella tavola 1 sono illustrati gli elettrodi consigliati per la realizzazione di saldature tra vari acciai inox classificati in accordo alla numerazione AISJ. La tavola 2 illustra invece i tipi di materiale d'apporto raccomandati nell'esecuzione di depositi per saldatura nel ripristino di placcature. Tavola 2 TABLE 2. - rnu-iama TECHHICAJL SPECIMCATION SPEC. N" REVISION 0 DATE PAGE 39 Filler Metals for Held Peposlt and CUd Reatorlng -1100/ Controllo dei disegni dei Fornitori, delle specifiche dei procedimenti di saldatura e dei relativi rapporti di qualifica Entro un tempo relativamente limitato dopo il piazzamento dell'ordine e prima dell'inizio delle lavorazioni per la costruzione delle apparecchiature, al costruttore viene richiesto di presentare alla Società di ingegneria i disegni di dettaglio. Questi disegni vengono sottoposti a controllo che dovrà accertare, tra l'altro, che siano rappresentati tutti i dettagli di saldatura e che per ogni giunto saldato siano indicati i riferimenti alla singola specifica di saldatura che dovrà guidare l'operatore nell'esecuzione del giunto. Assieme ai disegni di dettaglio, viene richiesto che vengano sottoposte anche la raccolta completa delle specifiche di saldatura di cui è prevista l'utilizzazione e la raccolta dei rapporti di qualifica relativi alte specifiche presentate. I rapporti di qualifica di procedimento di saldatura devono essere certificati da rappresentanti di un Ente autonomo di controllo riconosciuto dalla Società di ingegneria oppure dai rappresentanti del sistema di controllo qualità (Q.A./Q.C.) interno del Costruttore, sempre che esso sia riconosciuto in possesso della certificazione rilasciata dalle ASME (ASME Stamp). I documenti sopraccitati vengono verificati al fine di accertarne la rispondenza ai requisiti del codice applicabile nonché alle richieste del Licenziatario del processo riportate nel disegno di ingegneria ed alle raccomandazioni incluse nella specifica generale di saldatura. I parametri di saldatura che devono essere inclusi in ciascuna specifica sono i seguenti: Cladding materlai 12Z Cr Type Z Cr Type 410 S Austeri itic stainless steel type L L 321/ Filler materlals Do not overlay Cyclic service Lou sulohur High sulphur First pass L L 3O9L 3O9L 3O9L 1) dettaglio geometrico del giunto rappresentato; 2) tutte le informazioni relative al materiale/i base e d'apporto in accordo al codice di progettazione; 3) i parametri elettrici; 4) i preriscaldi e le temperature di interpass minime e massime; 5) i trattamenti termici (velocità di salita, temperatura e tempo di mantenimento, velocità di discesa). f verbali di qualifica di procedimento di saldatura dovranno riportare, oltre ai parametri tipici della specifica di saldatura da essi supportata, i risultati delle prove richieste al fine di verificare l'assenza di difetti del giunto e cioè: 1) trazioni; 2) pieghe; for veld deposit and clad restoring E Ni Cr FB 2/3 ER Ni Cr 3 T -e 425'C : T > ù25"c : EL ERL 1 ERL Subsequent passes 3O8L 3O8L L E Ni Cr Fé 2/3 ER Ni Cr 3 1 3) resilienze, se necessarie; 4) durezze, se necessarie; 5) micrografie e macrograffe, quando richieste; 6) analisi chimiche del deposito, se richieste; 7) numero di ferrite, se richiesto; 8) controllo a liquidi penetranti. Una volta verificata la completezza e la correttezza dei documenti sopraccitati, gli stessi vengono restituiti al fornitore e viene autorizzato l'inizio della costruzione. Questi documenti saranno tenuti a disposizione dei supervisori che eseguiranno i controlli durante la costruzione. Le tavole 3 e 4 rappresentano due formati tipici per la preparazione delie specifiche e delle qualifiche di procedimento di saldatura tratti dal codice ASME - Section IX. 76 i LA MECCANICA ITALIANA novembre 1987 n 211

5 Tavola 3 - Formato tipico per specifiche di saldatura secondo codice ASME. ( *QW30l l.5*c n IX. ASMI BsJhi me rrmoi VMMI C*6«) jopwriiopf-i*)* *-* o t*, - «.. _.,, r f H. nu il 3. Controlli tipici richiesti in fase di qualifica dei procedimenti di saldatura e in produzione Per ciascuno dei campi di applicazione citati in precedenza illustreremo ora i «tests» che permettono di controllare i parametri tipici ed indicativi della qualità di un giunto saldato. A) Nel caso di ripristini, in corrispondenza delle saldature del materiale base, di placcati austenitici e martensitico/ferritici, che sono in genere effettuati con elettrodi a struttura austenitica (tipo, L, L, 304L, L), come indicato nella tavola 2, i controlli fondamentali richiesti sono: l'esecuzione di pieghe laterali; l'esecuzione dell'analisi chimica; l'esecuzione del controllo a liquidi penetranti sulla prima ed ultima passata. A questi controlli di routine si aggiunge quello del numero di ferrite 5, qualora il manufatto debba essere sottoposto a trattamenti termici di distensione a causa delle caratteristiche del materiale base. L'esecuzione di pieghe laterali, tendente ad evidenziare zone infragilite alla base del deposito, essendo una prova distruttiva, è eseguito esclusivamente sui talloni di qualifica di procedimento e sui talloni di produzione. L'esecuzione dell'analisi chimica viene richiesta alla profondità di almeno 2,5 mm (essendo 3 mm lo spessore generalmente richiesto per il riporto). Ciò per verificare che su tutto lo spessore richiesto per resistere alla corrosione il materiale sia omogeneo e non diluito nel materiale base in modo anomalo. Nel caso di riporti realizzati in acciaio AISI l'analisi chimica deve essere completata anche dalla valutazone del rapporto tra ti contenuto di Nb e quello di C L'esecuzione delle analisi chimiche nel caso in oggetto, viene richiesta sia per il tallone di qualifica che per le saldature di produzione. In quest'ultimo caso l'analisi viene richiesta, almeno su ogni ripristino di placcatura, sia in corrispondenza di giunti longitudinali che di giunti circonferenziali. Nel caso di apparecchi interamente rivestiti per deposito di saldatura viene chiesto un controllo con analisi per ogni virola e per ogni fondo. Il controllo con liquidi penetranti viene richiesto sia sulla prima passata di deposito che sull'ultima. Questo controllo viene esteso alla totalità della superficie rivestita sia per i talloni di qualifica che per le saldature di produzione. Il controllo della ferrite S viene richiesto sia sul tallone di qualifica che sulle saldature di produzione: il cam- 77 LA MECCANICA ITALIANA novembre 1987 n 211

6 pò dei valori in cui le letture dovranno localizzarsi à compreso tra FN3 e FN10. Il numero e la frequenza delle misurazioni richieste è uguale a quello per le analisi chimiche. Il controllo può essere effettuato con strumenti magnetici oppure calcolando il valore FN sulla base del diagramma di Delong. La misurazione di FN (numero di ferrite) va effettuata prima del trattamento termico poiché, durante l'esecuzione di quest'ultimo, parte della ferrite 6 si trasforma in fase a non più rilevabiie da sensori basati sul magnetismo. B) Nel caso dì applicazioni adatte al funzionamento ad alte temperature, nell'ambito degli impianti di cracking catalitico, l'utilizzazione di AISI 304H è dovuta essenzialmente alla sua convenienza economica ed alla sua ottimale resistenza allo scorrimento viscoso garantita dal contenuto di carbonio non inferiore a 0.04%, e da un tenore di ferrite 6 dì circa 11 5%. Poiché è stato riscontrato che i depositi di saldatura che presentano una rete continua di ferrite, corrispondente ad un contenuto intorno al 15%, permettono una facile propagazione di rotture e quindi una perdita di duttilità dopo esposizione ad alte temperature, si cercherà di ottenere nelle saldature un tenore di ferrite che rimanga nel campo dal 3% al 9%. Questo è il campo ottimale per evitare da un lato il rischio di cricche a caldo e dall'altro l'infragilimento dovuto alla formazione di fase a (figura 1). Da quanto sopra descritto deriva che il controllo del contenuto di ferrite nelle saldature di qualifica e di produzione è una delle indagini essenziali per garantire la qualità e la sicurezza del manufatto finito. Il controllo del contenuto di ferrite viene generalmente eseguito con ferritoscopi portatili opportunamente tarati. Per quanto riguarda l'estensione del controllo, è generalmente richiesta una misurazione ogni tre metri di saldatura (con almeno quattro misurazioni su ogni giunto circonferenziale e 2 misurazioni per ogni giunto longitudinale) e una misurazione per ogni saldatura di collegamento degli stacchi per connessioni. Qualora qualche lettura dia risultati eccedenti il limite ammesso, dovranno essere ripetute due misurazioni in zone adiacenti a quella che ha prodotto il risultato negativo. In aggiunta a quanto sopra, tutti i giunti vengono controllati al 100% con liquidi penetranti in prima ed ultima passata, al fine di individuare la presenza di eventuali cricche a caldo. Dai tallóni di qualifica di procedimento e dai talloni di produzione vengono inoltre ricavati i provini per l'e- Tavota 4 Formato tipico per qualifiche di procedimento di saldatura secondo codice ASME. OW-4tl tuociitio FOKMAT FON PHOCIDUM OUAUftCATIOtt RICOHD (POW MH «W tlll, I H M I«, «IMI M«W P.HW» VIUM CM^ tk«< Attuai CaMillani UiM u W*w I dvmu (Bacili UMlVHI ili / 1 XàT * 1 11 IL '1 w > 78 LA MECCANICA ITALIANA novembre 1987 n 211

7 secuzione delle trazioni, pieghe laterali e rovescie come normalmente richiesto dal codice di progettazione applicabile. Pur se non connesso alle problematiche del controllo della qualità delle saldature, vale la pena di menzionare un parametro il cui controllo è richiesto di norma sia sui materiali base del tipo AISI 304H che sugli elettrodi utilizzati per la loro saldatura. Il parametro in questione è il contenuto di molibdeno che è consigliabile limitare allo 0,3% massimo. Scopo di questa limitazione è quello di assicurare manufatti che non siano soggetti a ossidazione catastrofica, fenomeno che si manifesta sugli acciai inossidabili contenenti molibdeno, esposti in ambiente con scarsa circolazione d'aria, a temperature intorno a 800 C (questa temperatura può essere anche inferiore (650 C) nel caso siano presenti inquinanti superficiali quali i silicati, contenuti nel refrattarl antlabraslvl largamente usati nelle applicazioni ora illustrate). I t I II I II Fig. 1 - Valori di resilienza a temperatura ambiente su depositi di saldatura tipo AISI dopo esposizioni prolungate ad elevata temperatura (600 C). (Da: D. Hauser) J.A. Van Echo - Battette Columbus Laboratories). C) Nel caso di impianti farmaceutici o alimentari la sterilità è uno dei requisiti fondamentali. In genere i componenti di questi impianti sono sottoposti a cicli di pulizia meccanica e/o elettrochimica più o meno spinti a seconda del servizio cui sono destinati. I sistemi di tubazioni a contatto con acqua distillata per iniezioni ipodermiche, ad esempio, sono sottoposti a pulizia elettrochimica per tre ragioni fondamentali: aspetto finale di gran lunga più liscio di quello prodotto da qualsiasi pulizia meccanica e di più agevole sterilìzzabilità per la mancanza di microrugosità; mancanza di zone di inclusione in corrispondenza di sfogliature causate dalle azioni meccaniche che, inglobando le paste abrasive usate per le pulizie meccaniche stesse, non permetterebbero la completa sterilizzazione; migliore resistenza alla corrosione come risultato di una superficie estremamente liscia e coperta da _ un uniforme film passivato. Le operazioni di saldatura della componentistica avente le caratteri- stiche sopraccitate devono essere eseguite con procedimenti che non inducano zone difettose tali da compromettere le caratteristiche di finitura. Il procedimento di saldatura adottato per la giunzione di testa dei componenti delle tubazioni è il TIG con movimento orbitale automatico attorno al tubo. Non è previsto l'uso di materiale d'apporto. La scelta di questo processo è motivata dalla qualità del giunto finito e dalla riproducibilità e costanza di risultati anche nelle condizioni più difficili. L'accuratezza dell'assiemaggio è essenziale per il buon esito qualitativo della saldatura eseguita con il processo orbitale automatico; la puntatura viene quindi effettuata mediante opportune cravatte che assicurino il corretto allineamento dei componenti durante l'esecuzione della saldatura stessa. Dopo la puntatura e la successiva rimozione delle cravatte, l'allineamento dovrà essere verificato in modo da accertare che: la distanza tra i lembi non superi 1 mm; il disallineamento dei lembi non superi '1% del diametro nominale; l'inclinazione del piano su cui giace il giunto rispetto al piano perpendicolare all'asse del tubo non superi lo O,5 /o; lo scostamento del percorso della testa di saldatura orbitante dall'asse del giunto non superi 1,5 mm. Durante la preparazione della qualifica di procedimento di saldatura, al fabbricante è richiesto di preparare, oltre ad un tallone da cui verranno estratti i provini per le consuete prove distruttive (trazioni e pieghe), una serie di campioni, uno per ogni diametro di tubo previsto in produzione. Il campione, sottoposto al Cliente per accettazione, costituirà il riscontro a fronte del quale verranno verificate visivamente tutte le saldature di produzione (l'ispezione visiva interna viene eseguita a mezzo di endoscopi). 79 LA MECCANICA ITALIANA novembre 1987 n 211

8 Ognuno dei campioni preparati è accompagnalo da un certificato che indichi tutti f parametri Imposti al dispositivo automatico durante la saldatura (intensità di corrente, tensione, velocità di avanzamento della testina, portate di gas di schermatura e di purga) nonché il numero di serie della macchina. In produzione ogni saldatura eseguita con il processo orbitale automatico sarà accompagnata da un certificato numerato indicante le seguenti informazioni: firma e data certificanti l'esecuzione del controllo sulla corretta preparazione dei lembi; firma e data certificanti l'esecuzione del controllo sul corretto assemblaggo; identificazione del saldatore che ha eseguito l'assemblaggio; parametri di saldatura adottati per l'esecuzione dell'assemblaggio; numero di identificazione della macchina che esegue la saldatura orbitale; identificazione dell'operatore alla macchina per l'esecuzione della saldatura orbitale; parametri di saldatura adottati per l'esecuzione de! giunto; data di esecuzione del giunto; firma e data certificanti l'esecuzione e l'accettazione dei controlli non distruttivi eseguiti; firma e data certificanti l'esecuzione e l'accettazione del controllo visivo interno ed esterno. Ogni componente prefabbricato verrà accompagnato da un «Dossier» di fabbricazione contenente i certificati numerati relativi a tutte le saldature eseguite. Durante la produzione, all'inizio di ciascuna giornata lavorativa, è richiesta la fabbricazione di un campione di giunto da sezionare e confrontare con il provino di riscontro accettato in precedenza dal Cliente. Il campione di produzione dovrà avere requisiti relativi all'assenza di difetti, alfa finltura superficiale ed alla sporgenza all'interno della saldatura almeno pari a quello del provino di riscontro preparato in qualifica. Le procedure sopra indicate sono state applicate dalla consociata inglese della Poster Wheeler Italiana durante la realizzazione di un sistema di tubazioni «sterili» commissionati da un'industria farmaceutica locale. Le stesse procedure sono in corso di applicazione per i materiali di un impianto in fase di realizzazione in Italia per la stessa società farmaceutica. 4. Procedure e metodologie di controllo più propriamente relative alle attività dei fornitori Nello sviluppo delle attività espletate o coordinate dalla Società di ingegneria nel corso delle gestione di una commessa, l'insieme delle attività finalizzate all'ottenimento della qualità comprende anche quelle gestite ed attuate dall'ufficio collaudi. Questo gruppo esplica tutta una serie di interventi diretti sui fornitori delle apparecchiature, con l'obiettivo di assicurare la produzione di manufatti rispondenti al livello qualitativo specificato, in particolare per quanto riguarda le saldature. I tipi di intervento sono sommariamente riassunti qui sotto e verranno più in dettaglio descritti nei paragrafi appropriati: qualifica preventiva dei fornitori; verifica dell'organizzazione e del corretto funzionamento del «sistema qualità» dei fornitori; sorveglianza della qualità dei prodotti attraverso ispezioni e collaudi nelle varie fasi del processo di fabbricazione. 4.1 Qualifica preventiva del fornitori Viene valutata la capacità e l'affidabilità dei fornitori in merito alla possibilità, da parte loro, di fabbricare un'apparecchiatura che abbia determinate caratteristiche. Nel caso specifico in esame, verrà valutata la capacità di costruire apparecchiature saldate in acciaio inossidabile. La valutazione, eseguita nel corso di visite presso il possibile fornitore, si basa su tutta una serie di punti che sono riassunti qui di seguito: esistenza di un ufficio tecnico organizzato e valutazione dell'esistenza di una cultura relativa alle problematiche connesse agli acciai inossidabili, con particolare riguardo all'esperienza nella elaborazione delle specifiche di saldatura; esperienza reale nella costruzione di manufatti in acciaio inossidabile (lista di referenze, disegni, esistenza di un archivio di specifiche e qualifiche dei procedimenti di saldatura relative alla classe dei materiali in questione); esistenza di un sistema di garanzia e controllo della qualità consolidato ed efficiente; organizzazione dei magazzini. In particolare, considerando che si tratta di acciai inossidabili, si verifiche rà che i materiali da lavorare siano convenientemente segregati per tipo di acciaio, stoccati incondizioni accettabili di pulizia e protetti da inquinanti. Si verificherà inoltre che nel magazzino dei materiali di apporto per la saldatura esista un corretto sistema di segregazione dei vari tipi di materiate e che gfi stessi siano conservati nelle migliori condizioni; organizzazione dell'officina. Si verificherà che il flusso delle lavorazioni dell'acciaio inossidabile segua un percorso indipendente nel caso che : il fornitore lavorasse anche altri tipi di materiale. Si verificherà anche che tutte queste lavorazioni, ed in particolare le saldature, avvengano in un ambiente il più possibile pulito. Al termine della visita verrà prodotto un rapporto che, oltre ad altri elementi come la potenzialità produttiva, la descrizione dell'organizzazione, ecc, fornirà informazioni relative a quanto si è riscontrato in merito a ciascuno dei punti dì valutazione sopra descritti. Il rapporto darà inoltre una valutazione complessiva del fornitore in merito alla sua capacità ed affidabilità relativamente alla costruzione di manufatti saldati in acciaio inossidabile. In caso di valutazione conclusiva positiva, il fornitore verrà considerato qualificato per quel tipo di prodotto ed incluso in una apposita lista. Come conseguenza di quanto so- 80 I LA MECCANICA ITALIANA novembre 1987 n 211

9 pra, e già in una fase abbastanza lontana dalle attività di costruzione e saldatura, si pongono le premesse che determinano l'ottenimento di manufatti con saldature di livello qualitativo elevato; infatti, a livello di gara commerciale, verranno, interpellati solamente i possibili fornitori di cui è stata valutata positivamente la capacità in relazione at prodotto specifico. 4.2 Verifica dell'organizzazione e del corretto funzionamento del «sistema qualità» dei fornitori Successivamente al piazzamento dell'ordine e prima dell'inizio della fabbricazione, l'ufficio collaudi esplica delle attività che hanno una notevole importanza nel determinare la bontà del risultato finale. Queste attività, che peraltro hanno carattere preventivo, sono: il controllo del piano di ispezione e collaudo; l'organizzazione di una riunione che ha come scopo la discussione delle ispezioni e collaudi da eseguirsi durante la fabbricazione. Il piano di ispezione e collaudo è un documento che viene elaborato dal fornitore e che deve riportare tutta una serie di informazioni come l'indicazione del componente interessato alle prove, it tipo di prova, l'indicazione della procedura di esecuzione ed il criterio di accettabilità, l'indicazione degli enti ispettivi che devono presenziare al collaudo, ecc. Questo documento, che costituisce la guida per tutti i collaudi che verranno effettuati durante la fabbricazione, viene controllato al fine di accertare la completezza delle prove ivi previste in accordo a quanto è stato prescritto in fase di progettazione. Viene inoltre indicato il tipo di intervento dell'ispettore della Società di ingegneria per ognuna delle fasi di controllo indicate sul piano, tipo di intervento che viene codificato come punto di arresto, punto di convocazione o controllo della certificazione. Viene inoltre verificato che le procedure di esecuzione dei vari tests non distruttivi siano corrette ed adatte al materiale per ciò che riguarda la sensibilità nel rilevare i difetti tipici riscontrabili nella saldatura del materiale stesso. Successivamente alla trasmissione al fornitore sia dei commenti al piano di ispezione e collaudo, sia di quelli relativi ai disegni ed alle specifiche di saldatura, viene organizzata una riunione con i responsabili del controllo qualità del Fornitore stesso. Durante questa riunione vengono esaminate e discusse le prescrizioni relative alla produzione ed al collaudo contenute nelle specifiche e nei disegni prodotti in fase di progettazione. Questo esame dettagliato costituisce una fase fondamentale e permette di impostare tutto ciò che segue in modo corretto e di pilotare in maniera molto efficace l'organizzazione della qualità del fornitore stesso. 4.3 Ispezioni e collaudi Questa fase di attività si esplica nel corso del processo di produzione. A garanzia di un controllo efficace, vale la pena di ricordare che il personale preposto alle ispezioni e collaudi è personale qualificato sia secondo ASNT che secondo CIC-PND per i principali controlli non distruttivi riguardanti le saldature. Detto personale, durante fé varie fasi di costruzione, ed avendo come guida il piano di controllo, verificherà anche una serie di punti molto importanti agli effetti della qualità delle saldature. Tra questi: si accerterà che i saldatori assegnati siano qualificati; si accerterà che prima dell'inìzio di ogni saldatura le specifiche dei procedimenti ed i relativi verbali di qualifica siano stati approvati; si accerterà che i saldatori siano in possesso della corretta specifica e siano al corrente in merito ai vari controlli non distruttivi intermedi e finali a cui il giunto saldato deve essere sottoposto; verificherà la qualità delle preparazioni dei lembi di saldatura, il corretto accostamento degli stessi e la puntatura prima dell'inizio della saldatura. Una preparazione di livello qualitativo elevato si rivela della massima importanza nella riuscita di un giunto saldato privo di difetti; verificherà, all'inizio della saldatura e con controlli casuali successivi, che venga usato il prescritto materiale di apporto, che lo stesso venga conservato correttamente sul posto di saldatura, e verificherà la corretta regolazione dei parametri di saldatura; verificherà che tutti gli utensili usati {scalpelli, mole, ecc.) siano de! tipo adatto per l'acciaio inossidabile. L'esecuzione puntuale delle verifiche sopra descritte è uno strumento molto efficace nel pilotare la qualità del fornitore ed ha un effetto molto importante nel determinare la riuscita di saldature senza difetti. Alla fase preventiva sin qui descritta segue (o talvolta si intreccia con essa) la fase di controllo vera e propria, eseguita mediante tutta quella serie di test, che permettono di accertare, sia in fase intermedia che sulla saldatura finita, l'assenza di difetti, ovvero permettono di accertare che la saldatura stessa abbia determinate caratteristiche. Detti test sono principalmente: la prova con liquidi penetranti; l'esame con raggi X o raggi gamma; l'analisi chimica del metallo depositato; la determinazione del contenuto di ferrite 6. Anche qui è importante verificare che l'operatore sia qualificato e che i tests vengano eseguiti secondo le procedure corrette ed approvate. In particolare per l'esame a raggi X (o raggi gamma), l'ispettore controllerà, rileggendo le lastre, che la relativa valutazione sia corretta e che le lastre stesse abbiano caratteristiche di densità e contrasto tali da permettere una loro sicura valutazione. in aggiunta a quanto sopra e nell'ottica di garantire in maniera più stringente la aderenza delle saldature a quanto specificato come analisi del materiale depositato, particolarmente nel caso dei servizi più critici dal punto di vista della corrosione, va 81 } LA MECCANICA ITALIANA novembre 1987 n 211

10 prendendo sempre più piede quella attività di identificazione dei materiali conosciuta, con definizione inglese, come «Positive Material Identification» o P.M.I. Questo tipo di controllo viene eseguito sulle saldature finite, fin dove possibile, sul lato in contatto con il fluido di processo. Esso ha lo scopo di verificare se la composizione del materiale depositato è corrispondente a quella specificata, e di accertare che non vi siano stati errori nell'uso del materiale di apporto. Quando questo programma viene applicato, la Società di ingegneria produce una specifica generale che stabilisce quali sono i materiali o i componenti che vanno sottoposti a verifica di P.M.I. e, per ogni tipo di materiale, quali sono gli elementi di lega per i quali vanno rilevate le percentuali. Il controllo viene eseguito con apparecchi portatili, che funzionano sul principio della spettrometria. La percentuale di elementi di lega determinata con questi metodi non ha la precisione di una analisi chimica per via umida, ma, a valle di tutto un sistema di controlli come quelli precedentemente descritti, offre una sicurezza sufficiente ed in linea con i fini che si prefigge. Un limite di questi metodi è l'impossibilità di determinare il contenuto di carbonio, per cui, nel caso di acciai inossidabili per i quali questo sia un componente a contenuto critico (ad esempio 304L, L), per implementare il programma di P.M.I. occorre per forza ricorrere all'analisi per via umida. 82 LA MECCANICA ITALIANA novembre 1987 n 211

11

Cos è l acciaio inossidabile? Fe Cr > 10,5% C < 1,2%

Cos è l acciaio inossidabile? Fe Cr > 10,5% C < 1,2% Cr > 10,5% C < 1,2% Cos è l acciaio inossidabile? Lega ferrosa con contenuti di cromo 10,5% e di carbonio 1,2% necessari per costituire, a contatto dell ossigeno dell aria o dell acqua, uno strato superficiale

Dettagli

SAFAP 2012, Napoli 14-15 giugno ISBN 978-88-7484-230-8

SAFAP 2012, Napoli 14-15 giugno ISBN 978-88-7484-230-8 Valutazione della Minimum Pressurizing Temperature (MPT) per reattori di elevato spessore realizzati in acciai bassolegati al Cr-Mo, in esercizio in condizioni di hydrogen charging Sommario G. L. Cosso*,

Dettagli

Misure di temperatura nei processi biotecnologici

Misure di temperatura nei processi biotecnologici Misure di temperatura nei processi biotecnologici L industria chimica sta mostrando una tendenza verso la fabbricazione di elementi chimici di base tramite processi biotecnologici. Questi elementi sono

Dettagli

CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI

CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI La classificazione e la designazione degli acciai sono regolamentate da norme europee valide in tutte le nazioni aderenti al Comitato Europeo di Normazione (CEN).

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099

Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099 Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099 Misure precise e affidabili in applicazioni ad alta temperatura, come il trattamento termico e i processi di combustione Materiali ceramici

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Gli acciai inox e la resistenza alla corrosione

Gli acciai inox e la resistenza alla corrosione materiali Gli inossidabili sono leghe ferrose che riescono a unire le proprietà meccaniche, tipiche degli acciai, alle caratteristiche intrinseche dei materiali nobili quali, tipicamente, le notevoli doti

Dettagli

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici.

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici. IL FERRO Fe 1 Il ferro è un metallo di colore bianco grigiastro lucente che fonde a 1530 C. E uno dei metalli più diffusi e abbondanti sulla terra e certamente il più importante ed usato: navi, automobili,

Dettagli

Saldatura ad arco Generalità

Saldatura ad arco Generalità Saldatura ad arco Saldatura ad arco Generalità Marchio CE: il passaporto qualità, conformità, sicurezza degli utenti 2 direttive europee Direttiva 89/336/CEE del 03 maggio 1989 applicabile dall 01/01/96.

Dettagli

Essi possono contenere, oltre al cromo (12% 30%) e al nichel (0% 35%), anche altri componenti chimici a seconda delle specifiche esigenze.

Essi possono contenere, oltre al cromo (12% 30%) e al nichel (0% 35%), anche altri componenti chimici a seconda delle specifiche esigenze. Gli acciai inossidabili sono leghe FERRO-CROMO o FERRO-CROMO-NICHEL, di varia composizione, la cui principale caratteristica è la resistenza alla corrosione. Essi possono contenere, oltre al cromo (12%

Dettagli

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 Piano di manutenzione della parte strutturale dell opera Pag. 1 SOMMARIO 1 MANUALE D USO...3 1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 2 MANUALE DI MANUTENZIONE...3

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

John Ruskin (1819-1900) 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042. A1foro.

John Ruskin (1819-1900) 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042. A1foro. 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042 TRASPORTATORI LEGGERI Non è saggio pagare troppo. Ma pagare troppo poco è peggio. Quando si paga troppo si

Dettagli

per impieghi ingegneristici ad alto snervamento Tubi in acciaio senza saldatura

per impieghi ingegneristici ad alto snervamento Tubi in acciaio senza saldatura Tubi in acciaio senza saldatura ad alto snervamento per impieghi ingegneristici Tenaris produce un estesa gamma dimensionale di tubi senza saldatura, in acciaio ad alto snervamento, che trovano la loro

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale I Leader nella Tecnologia dell'agitazione Agitatori ad Entrata Laterale Soluzione completa per Agitatori Laterali Lightnin e' leader mondiale nel campo dell'agitazione. Plenty e' il leader di mercato per

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

Procedimenti di saldatura elettrica

Procedimenti di saldatura elettrica Procedimenti di saldatura elettrica SALDATURA AD ELETTRODO Raddrizzatori a regolazione meccanica Sono le macchine più semplici ed economiche per saldare. Ricevono in ingresso un voltaggio in corrente alternata

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra Classificazione dei sistemi in categorie secondo la loro tensione nominale In relazione alla loro tensione nominale i sistemi

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni Condensatori per rifasamento industriale in Bassa Tensione: tecnologia e caratteristiche. Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni 1 Tecnologia dei condensatori Costruzione Com è noto, il principio costruttivo

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali

Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali Scheda Tecnica Edizione14.10.11 Sikadur -31CFNormal Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali Indicazioni generali Descrizione Sikadur -31CFNormalèunamaltaepossidicabicomponente,contenenteaggregatispeciali,perincollaggieriparazionistrutturali,tolleral

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Correnti Vaganti 29/10/2007 9.18. GRIFONE\Road Show Presentation\New Road Show Presentation\19 Road-Show presentation (No Pansa).ppt 1.

Correnti Vaganti 29/10/2007 9.18. GRIFONE\Road Show Presentation\New Road Show Presentation\19 Road-Show presentation (No Pansa).ppt 1. Correnti Vaganti Introduzione Correnti Vaganti Una struttura metallica in un mezzo avente conducibilità ionica, quale ad esempio acqua, terreno o calcestruzzo, nel quale sia presente un campo elettrico

Dettagli

Il vantaggio della velocità. SpeedPulse, SpeedArc, SpeedUp. Saldare è ora chiaramente più veloce, offrendoti maggior produttività.

Il vantaggio della velocità. SpeedPulse, SpeedArc, SpeedUp. Saldare è ora chiaramente più veloce, offrendoti maggior produttività. Il vantaggio della velocità SpeedPulse, SpeedArc,. Saldare è ora chiaramente più veloce, offrendoti maggior produttività. Perche velocità = Produttività Fin da quando esiste l'umanità, le persone si sforzano

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria Quale frequenza di lavoro scegliere Geometria del pezzo da trattare e sue caratteristiche elettromagnetiche

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano www.mpmsrl.com pavimentazioni re sine materiali protettivi milano Tradizione, esperienza, innovazione tecnologica. Da oltre 50 anni MPM materiali protettivi milano s.r.l opera nel settore dell edilizia

Dettagli

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott.

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott. RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013 Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO Curatore Dott.ssa Elena MOGNONI Facciamo seguito all incarico conferitoci dalla Dott.ssa Elena MOGNONI

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili Sistema Multistrato per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili LISTINO 05/2012 INDICE Pag. Tubo Multistrato in Rotolo (PEX/AL/PEX) 4065 04 Tubo Multistrato in Barre (PEX/AL/PEX)

Dettagli

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante trasporto pesante Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante www.brembo.com trasporto pesante L i m p i a n t o f r e n a n t e d i u n v e i c ol o pesante per trasporto d i m e r

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

una saldatura ad arco

una saldatura ad arco UTENSILERIA Realizzare una saldatura ad arco 0 1 Il tipo di saldatura Saldatrice ad arco La saldatura ad arco si realizza con un altissima temperatura (almeno 3000 c) e permette la saldatura con metallo

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

Tecnologia della fermentazione

Tecnologia della fermentazione Effettivo riscaldamento del fermentatore BIOFLEX - BRUGG: tubo flessibile inox per fermentazione dalla famiglia NIROFLEX. Il sistema a pacchetto per aumentare l efficienza dei fermentatori BIOFLEX- tubazione

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

Sensore su fascetta stringitubo 0085 Rosemount

Sensore su fascetta stringitubo 0085 Rosemount Bollettino tecnico Gennaio 2013 00813-0102-4952, Rev. DC Sensore su fascetta stringitubo 0085 Rosemount Design non intrusivo per una misura di temperatura facile e veloce in applicazioni su tubazioni Sensori

Dettagli

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote Opere Provvisionali Linee guida per il montaggio e smontaggio di ANVVFC,, Presidenza Nazionale, dicembre 2008 pag 1 Il DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 (Pubblicato sulla G.U del 30 aprile 2008)

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

L'importanza di una corretta carteggiatura

L'importanza di una corretta carteggiatura L'importanza di una corretta carteggiatura La preparazione delle superfici, ed in particolare la carteggiatura, concorrono al risultato finale del trattamento di pitturazione, giocando un ruolo fondamentale

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Rapporto CESI. Cliente: Oggetto: Ordine: Contratto CESI n. 71/00056. Note: N. pagine: 13 N. pagine fuori testo: Data: 30.05.2000.

Rapporto CESI. Cliente: Oggetto: Ordine: Contratto CESI n. 71/00056. Note: N. pagine: 13 N. pagine fuori testo: Data: 30.05.2000. A0/010226 Pag.1/13 Cliente: Ricerca di Sistema Oggetto: Determinazione della tenacità di acciai eserciti - Correlazioni per stime di FATT da prove Small Punch Ordine: Contratto CESI n. 71/00056 Note: DEGRADO/GEN04/003

Dettagli

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione UNI 10389 Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione 1. Scopo e campo di applicazione La presente norma prescrive le procedure per la misurazione in opera del rendimento di

Dettagli

TICONTROL MOD. DEP. attraversa il Livello per mezzo di viti. Attraverso una ricca. i nostri livelli riescono a soddisfare le esigenze più particolari,

TICONTROL MOD. DEP. attraversa il Livello per mezzo di viti. Attraverso una ricca. i nostri livelli riescono a soddisfare le esigenze più particolari, LV LIVELLI VISIVI SERIE MULTICONTR TICONTROL OL I Livelli Visivi danno la possibilità di controllare in ogni istante il livello del liquido in modo chiaro e preciso. Il principio utilizzato è quello dei

Dettagli

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne DESCRIZIONE DI-CLASS è un sistema composito a base resina caratterizzato da elevata flessibilità di intervento ed

Dettagli

Scotchcal serie IJ 20

Scotchcal serie IJ 20 3M Italia, Dicembre 2010 Scotchcal serie IJ 20 Bollettino Tecnico 3M Italia Spa COMMERCIAL GRAPHICS 3M, Controltac, Scotchcal, Comply and MCS sono marchi 3M Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello Fax:

Dettagli

9. La fatica nei compositi

9. La fatica nei compositi 9.1. Generalità 9. La fatica nei compositi Similmente a quanto avviene nei materiali metallici, l'applicazione ad un composito di carichi variabili ciclicamente può dar luogo a rottura anche quando la

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

Resistenza a compressione (EN 196-1) 80 N/mm 2 Resistenza a flessione (EN 196-1) 17 N/mm 2 Densità 1,65 Kg/dm 2

Resistenza a compressione (EN 196-1) 80 N/mm 2 Resistenza a flessione (EN 196-1) 17 N/mm 2 Densità 1,65 Kg/dm 2 MIT-SE Plus 300 e 400 Ancorante Chimico Strutturale Vinilestere/Epossiacrilato certificato ETA/CE DESCRIZIONE Mungo MIT-SE Plus è un ancorante chimico strutturale ad alte prestazioni e rapido indurimento,

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 1. Introduzione IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 Ottobre 1970 Caratteristica saliente dell'epoca odierna sembra essere quella della transitorietà. E- spansione, andamento

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Tubo di Pitot Modello FLC-APT-E, versione estraibile Modello FLC-APT-F, versione fissa

Tubo di Pitot Modello FLC-APT-E, versione estraibile Modello FLC-APT-F, versione fissa Misura di portata Tubo di Pitot Modello FLC-APT-E, versione estraibile Modello FLC-APT-F, versione fissa Scheda tecnica WIKA FL 10.05 FloTec Applicazioni Produzione di petrolio e raffinazione Trattamento

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

CB 1 CB 2. Manuale di istruzioni 810737-00 Valvola di non ritorno a clapet 1..., CB 2...

CB 1 CB 2. Manuale di istruzioni 810737-00 Valvola di non ritorno a clapet 1..., CB 2... CB 1 CB 2 Manuale di istruzioni 810737-00 Valvola di non ritorno a clapet 1..., CB 2... 1 Indice Note importanti Pagina Corretto impiego...8 Note di sicurezza...8 Pericolo...8 Applicabilità secondo articolo

Dettagli

Tubi in acciaio senza saldatura trafilati a freddo

Tubi in acciaio senza saldatura trafilati a freddo Tubi in acciaio senza saldatura trafilati a freddo per impieghi meccanici I tubi di precisione senza saldatura per impieghi meccanici sono prodotti mediante trafilatura a freddo e trovano applicazione

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

TRATTAMENTI TERMOCHIMICI DEGLI ACCIAI

TRATTAMENTI TERMOCHIMICI DEGLI ACCIAI TRATTAMENTI TERMOCHIMICI DEGLI ACCIAI m12 Scopi dei trattamenti diffusivi Trattamenti di Carbocementazione,, Nitrurazione, Borurazione Proprietà ed applicazioni TRATTAMENTI TERMOCHIMICI di DIFFUSIONE TRATTAMENTI

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA.

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT ALPHA ORIENT Il colore è ovunque, basta saperlo cercare. Finitura altamente decorativa

Dettagli

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli)

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SCHEDA TECNICA N 25 PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 4. 5 8 7 E-mail:

Dettagli

Le applicazioni della Dome Valve originale

Le applicazioni della Dome Valve originale Le applicazioni della Dome Valve originale Valvole d intercettazione per i sistemi di trasporto pneumatico e di trattamento dei prodotti solidi Il Gruppo Schenck Process Tuo partner nel mondo Il Gruppo

Dettagli

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45 CUT 20 P CUT 30 P UNA SOLUZIONE COMPLETA PRONTA ALL USO 2 Sommario Highlights Struttura meccanica Sistema filo Generatore e Tecnologia Unità di comando GF AgieCharmilles 4 6 8 12 16 18 CUT 20 P CUT 30

Dettagli