FACTORING E CONCENTRAZIONE DEI RISCHI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FACTORING E CONCENTRAZIONE DEI RISCHI"

Transcript

1 FACTORING E CONCENTRAZIONE DEI RISCHI Il 31 dicembre 1998 ha rappresentato una data importante per gli intermediari finanziari sottoposti alla vigilanza prudenziale della Banca d Italia, ai sensi dell art. 107, comma 2, del Testo Unico. Intorno a tale data ruotano infatti alcune disposizioni transitorie relative alla disciplina della concentrazione dei rischi. Tali disposizioni riguardano prima di tutto la definizione dei grandi rischi, che fino al 31 dicembre 1998 sono considerati tali per le posizioni di rischio risultanti pari o superiori al 15% del patrimonio di vigilanza (anziché al 10%, come previsto dalle disposizioni generali). SOMMARIO - Il mercato estero - Le statistiche - Notizie dai siti Web - Da: "Il Factoring: 10 domande e 10 risposte" - Notizie dalle Associate - Notizie dal Consiglio e dalle Commissioni Tec-niche - Le circolari Assifact - Attività associative - Documentazione distribuita - Ordina oggi Per quanto riguarda il limite individuale, fino alla stessa data del ASSIFACT Via Cerva, Milano Tel Fax Internet NUMERO CHIUSO IL dicembre 1998 si applica un limite del 60% agli intermediari finanziari appartenenti ai gruppi bancari (anziché del 40%). Più in generale, agli intermediari finanziari è consentito riallineare le posizioni di rischio verso la clientela (clienti singoli o connessi in gruppo) alle disposizioni, secondo i seguenti termini: 60% del patrimonio di vigilanza entro il 31 dicembre 1996; 40% del patrimonio di vigilanza entro il 31 dicembre 1998; 25% del patrimonio di vigilanza entro il 31 dicembre Per quanto riguarda, da ultimo, i grandi rischi, questi devono essere ricondotti dagli intermediari entro il limite globale nel più breve tempo possibile e comunque, ancora una volta, entro il 31 dicembre Non vi è dubbio quindi che tale scadenza abbia prodotto effetti rilevanti sulle relazioni tra gli intermediari finanziari e la clientela di maggiori dimensioni. La portata degli effetti delle norme in tema di concentrazione dei rischi è peraltro ampiamente differenziata in relazione alle caratteristiche delle specifiche attività finanziarie non bancarie. Nell ambito del rischio di credito, le norme di vigilanza prudenziale esplicitamente previste per gli intermediari finanziari sono rappresentate da disposizioni in materia di frazionamento dei rischi, volte ad evitare l assunzione di posizioni eccessivamente concentrate. Gli intermediari sono tenuti, in primo luogo, ad osservare un limite globale, cioè a contenere l ammontare complessivo dei grandi rischi entro il limite di otto volte il patrimonio di vigilanza. I grandi rischi sono costituiti in particolare dalle posizioni di rischio di importo pari o superiore al 10% del patrimonio di vigilanza. In secondo luogo gli intermediari sono tenuti ad osservare un limite individuale, cioè a contenere ciascuna posizione di rischio verso singoli clienti (o gruppi di questi) entro il limite del 25% del patrimonio di vigilanza. Nel caso del factoring, gli anticipi erogati a fronte di acquisti di crediti rappresentano attività a rischio nei confronti del debitore ceduto, per le operazioni pro soluto, e del cedente, per le operazioni pro solvendo. In quest ultimo caso è lasciata all intermediario la facoltà di considerare l esposizione in capo al debitore ceduto, applicando la relativa ponderazione; tale opzione deve essere mantenuta con riferimento a tutte le operazioni concluse con il medesimo cedente. Gli impegni assunti a fronte di acquisti di crediti pro soluto relativi ad importi non anticipati, così come gli importi relativi a crediti ceduti a terzi pro solvendo rientrano tra le attività di rischio fuori bilancio. I crediti per cui l intermediario si limiti a curare l incasso senza alcun anticipo o

2 garanzia a fronte della cessione, non costituiscono attività di rischio. La normativa non si applica comunque ai rapporti intercorrenti tra società appartenenti al medesimo gruppo bancario; ai crediti vantati nei confronti di altri soggetti iscritti nell elenco speciale appartenenti al medesimo gruppo dell intermediario finanziario; ai crediti acquistati da terzi e vantati nei confronti di società appartenenti al gruppo dell intermediario finanziario (fattispecie tipica, ad esempio, nel factoring cosiddetto monoceduto, posto in essere dalle società captive operanti nell ambito di gruppi non finanziari), a condizione che l intermediario stesso non abbia in essere operazioni di raccolta del risparmio presso il pubblico ai sensi dell art. 11 del Testo Unico; ai crediti acquistati da terzi e vantati nei confronti di società partecipanti al capitale dell intermediario, ancorché non appartenenti al medesimo gruppo (pluricaptive), a condizione che queste svolgano la propria attività prevalentemente nei confronti degli stessi soci (con preventiva comunicazione alla Banca d Italia, corredata dai riferimenti sulla compagine sociale e sui soggetti nei confronti dei quali viene svolta l attività di factoring). Gli intermediari finanziari appartenenti a gruppi bancari non sono inoltre sottoposti ad alcun limite globale nell ammontare complessivo dei grandi fidi; per essi vige un limite individuale pari al 40% del patrimonio di vigilanza (anziché al 25%). Certamente il modello di vigilanza prudenziale proposto dalla Banca d Italia per gli intermediari finanziari tiene conto dell esigenza di assicurare la parità di trattamento tra i diversi soggetti operanti nel settore finanziario, perseguendo un obiettivo di neutralità degli strumenti di controllo rispetto alle formule istituzionali e organizzative utilizzabili per lo svolgimento dell attività (intermediario finanziario specializzato o pluriprodotto, offerta diretta da parte della banca). Esso si propone peraltro anche di rispettare, attraverso la differenziazione delle caratteristiche tecniche degli strumenti di vigilanza, le peculiarità delle tipologie di attività svolte e delle modalità operative utilizzate, cosi come prospettato dalla delibera CICR del 29 marzo Tale finalità deve essere tenuta presente nel valutare l impatto delle norme sulla concentrazione dei rischi sull attività di factoring. Il factoring si caratterizza infatti per la particolarità del rapporto tra il factor ed il cliente cedente e fa leva proprio sull acquisizione di un importo rilevante di crediti nell ambito dell economia dell impresa cliente, che consente a quest ultima di sfruttare i vantaggi del ricorso allo strumento, in termini di risparmio di costi amministrativi e organizzativi, ed alla società di factoring di acquisire una visione ed un controllo più ampi ed efficaci dell attività della clientela. Nel factoring il controllo sulla concentrazione del rischio è assicurato in via principale dalle politiche di composizione dei portafogli crediti acquistati (in termini di diversificazione e frazionamento dei debitori ceduti), piuttosto che da una parcellizzazione dei cedenti, che porta ad alterare le specificità dello strumento creando le premesse per l assunzione di generici e più pericolosi rischi economici e finanziari. In questo senso le norme generali sulla concentrazione dei rischi non risultano adatte alle caratteristiche dell attività di factoring e rischiano di segnare l avvio di un processo di alterazione dei connotati distintivi dello strumento, spingendo il comparto a modificare significativamente la natura delle relazioni con la clientela, nella direzione dell offerta di generici apporti finanziari al capitale circolante dell impresa più che di sostegno operativo alla sua gestione dei crediti commerciali, per rispettare gli obblighi previsti dalla vigilanza. Ciò può compromettere l evoluzione del settore del factoring, da tempo impegnato in una importante opera di riconversione, tesa a consolidare le differenze dei prodotti offerti rispetto ai finanziamenti tradizionali, a tutto svantaggio di una equilibrata e diversificata offerta di servizi all economia reale da parte del sistema finanziario. La Banca d Italia ha reagito positivamente all evidenziazione delle problematiche sopra esposte ed ha per il momento prorogato la disciplina transitoria vigente. Alessandro Carretta tel IL MERCATO ESTERO EUROPAFACTORING LEGAL AFFAIRS COMMITTEE In occasione della Conferenza Annuale di Europafactoring, Federazione Europea delle Associazioni Nazionali del Factoring, tenutasi il 3 luglio 1998 a Stoccolma, è stato nominato chairman della Europafactoring Legal Affairs Committee il Dr. Jur. Ulrich Brink, responsabile della Deutsche Factoring Verband. Il giorno 19 maggio 1999 è prevista la prima riunione del suddetto Comitato, che tratterà i seguenti temi: 1. UNCITRAL Draft convention on international receivables; 2. Value Added Tax and Factoring in Europe. Liliana Corti tel

3 LE STATISTICHE IL MERCATO DEL FACTORING Nel 1998 il mercato del factoring conferma, per il terzo anno consecutivo, una netta propensione alla crescita. Se nel 1997, infatti, il turnover complessivo segnava un incremento pari al 20%, nel 1998 tale percentuale si è innalzata fino a raggiungere il 25%. Anche l'ammontare dei crediti acquistati in essere ha conosciuto un sensibile sviluppo, aumentando di 14 punti percentuali rispetto al medesimo campione censito nel I dettagli delle statistiche ed i valori aggiornati sono disponibili anche presso il sito web Assifact, nella sezione "Statistiche 98". (per informazioni : Enrico Memo tel NOTIZIE DAI SITI WEB Il sito Web di Assifact è stato aggiornato: (http://www.assifact.it) Notizie sull'impatto dell'euro sono disponibili al seguente indirizzo: Tutto sulla privacy: Enrico Memo tel DA: "IL FACTORING, 10 DOMANDE E 10 RISPOSTE" Il factoring è un'alternativa al finanziamento bancario? Il factoring è uno strumento per gestire professionalmente i crediti e, come tale, comprende diversi servizi: Amministrazione, gestione ed incasso dei crediti Assistenza legale nella fase di recupero dei crediti Valutazione dell'affidabilità della clientela Anticipo dei crediti prima della relativa scadenza Garanzia di buon fine delle operazioni Alessandro Carretta tel Crediti acquistati Crediti acquistati Turnover Turnover in essere in essere al al RILEVAZIONE DATI STATISTICI ANNO 1998 Scadenza restituzione dischetto: 25 febbraio 1999 NOTIZIE DALLE ASSOCIATE Variazione di denominazione Dal 1 gennaio 1999 l Istituto Bancario San Paolo di Torino ha cambiato denominazione in San Paolo IMI. Nuove cariche Comit Factoring S.p.A. ha nominato come Direttore, in sostituzione del Sig. Ugo Ingrassia, il Sig. Luciano Menegotto. Barbara Perego tel

4 NOTIZIE DAL CONSIGLIO E DALLE COMMISSIONI TECNICHE Dal Consiglio Dal 2 febbraio il Sig. Luciano Menegotto (Direttore Comit Factoring S.p.A.) ed il Sig. Giorgio Burchi (Amministratore Delegato Mediofactoring S.p.A.) sostituiscono in Consiglio Assifact rispettivamente il Sig. Ugo Ingrassia ed il Dott. Carlo Alfei. Il Consiglio Assifact, in data 2 febbraio, ha designato due nuovi membri del Comitato Esecutivo nella persona del Sig. Luciano Menegotto (Comit Factoring S.p.A.) e del Sig. Giorgio Burchi (Mediofactoring S.p.A.). Il Consiglio di Assifact ha recentemente ammesso una nuova Associata. Le Associate Assifact sono attualmente 35: ABF Factoring, Banca Carige, Banca di Roma, Banca Monte dei Paschi di Siena, Banco di Desio e della Brianza, C.B.I. Factor, Centro Factoring, Cofiri F&L, Comit Factoring, Credem Factor, Credit Factoring, Deutsche Bank Factoring, Faber Factor, Factorcoop, Factor Industriale, Factorit, Farmafactoring, Fercredit, Fin-Eco Factoring, Fivefactor, Gallo & C., Ge Capital Finance, Ifis Factoring, Ifitalia, Mediofactoring, Merchant Leasing & Factoring, Padana Factoring, Pool Factor, Presto Leasing, Riesfactoring, San Paolo IMI, Savagest, Serfactoring, UFB Factoring Italia, Veneta Factoring. Il Consiglio di Assifact ha recentemente deciso di trasformare la preesistente Commissione Centrale Rischi nella nuova Commissione Tecnica Segnalazioni di vigilanza e di Centrale Rischi, la quale si prenderà carico di tutte le problematiche connesse alle segnalazioni in parola. Liliana Corti tel LE CIRCOLARI ASSIFACT Circolari Informative n. 03 del Calendario riunioni periodo gennaio-febbraio Circolari Tecniche n. 01 del Composizione Commissione Segnalazioni di vigilanza e di Centrale Rischi. Circolari Statistiche n. 04 del Risultati rilevazione sull attività di factoring nel 1998 n. 05 del Dischetto per la rilevazione dei dati statistici relativi all ANNO Barbara Perego tel ATTIVITA ASSOCIATIVE Svolte nel mese di febbraio Milano Stato avanzamento lavori progetto formazione (c/o Dida.El) Milano Consiglio Milano Stato avanzamento lavori progetto formazione (c/o Dida.El). Previste per il mese di marzo Milano Centrale Rischi Associativa (ABI) Milano Sottocomitato Associazioni di Prodotto (ABI) Barbara Perego tel DOCUMENTAZIONE DISTRIBUITA - Opuscolo associativo 10 domande e 10 risposte (ai Direttori) - Modulo d ordine copie aggiuntive rapporto Euro e intermediazione finanziaria non bancaria (ai Direttori) - Provvedimento dell Autorità Garante per la protezione dei dati personali in tema di esonero dall obbligo di informativa agli interessati relativamente ai dati raccolti presso terzi (Commissione Legale) Barbara Perego tel ORDINA OGGI Supplemento al numero 1 anno 1 MARZO 1999 di Fact & News Liliana Corti tel

5 O R D I N A O G G I... Supplemento al numero 1 - anno 1 - marzo 1999 di "Fact & News"

6 SOMMARIO DEL VOLUME ASSIFACT Associazione Italiana per il Factoring Gli Organi dell Associazione Il mercato del factoring e l attività associativa nel 1996/1997 Dati statistici Le Commissioni Tecniche Attività 1997 La domanda di factoring Sintesi dell indagine promossa da ASSIFACT Supporto multimediale alla formazione IL FACTORING Gli Associati Lo Statuto Sociale MODULO D'ORDINE Desideriamo acquistare n.... copie del volume al prezzo: riservato alle Associate di Lit (spedizione compresa) riservato alle non Associate di Lit (spedizione compresa) L'indirizzo al quale spedire i volumi è il seguente: La fattura dovrà essere indirizzata a: (NB: compilare se diverso dal destinatario dei volumi). (data) (timbro e firma) Da restituire a: ASSIFACT Via Cerva, MILANO FAX N

7 SOMMARIO DEL VOLUME ASSIFACT Associazione Italiana per il Factoring Gli Organi dell Associazione Struttura Il mercato del factoring e l attività associativa nel 1997/1998 Dati statistici Le Commissioni Tecniche Attività 1998 Il factoring: 10 domande e 10 risposte Supporti multimediali alla formazione: - Il Factoring - Valutazione della convenienza del factoring per la clientela Gli Associati Lo Statuto Sociale Elenco delle pubblicazioni Assifact MODULO D'ORDINE Desideriamo acquistare n.... copie del volume al prezzo: riservato alle Associate di Lit (spedizione compresa) riservato alle non Associate di Lit (spedizione compresa) L'indirizzo al quale spedire i volumi è il seguente: La fattura dovrà essere indirizzata a: (NB: compilare se diverso dal destinatario dei volumi). (data) (timbro e firma) Da restituire a: ASSIFACT Via Cerva, MILANO FAX N

8 1. Presentazione SOMMARIO DEI VOLUMI VOLUME I 2. Obiettivi e metodologie dell indagine 3. La domanda di factoring: una visione d insieme 4. Le caratteristiche delle imprese indagate 5. L analisi della domanda di factoring per zone geografiche, classi dimensionali, attività delle imprese 6. Il punto di vista dei non utilizzatori del factoring e dei debitori ceduti 7. Il comportamento delle diverse tipologie di clientela 8. Conclusioni VOLUME II 1. I risultati dell indagine: l analisi delle risposte 2. L analisi del campione di imprese MODULO D'ORDINE Desideriamo prenotare n.... copie del volume al prezzo: riservato alle Associate di Lit IVA riservato alle non Associate di Lit IVA L'indirizzo al quale spedire i volumi è il seguente:... C.A.. La fattura dovrà essere indirizzata a: (compilare se diverso dal destinatario dei volumi)... (data) (timbro e firma) 3. Il questionario d indagine Da restituire a: ASSIFACT FAX N

9 INDICE INTRODUZIONE TANCREDI BIANCHI Presidente dell'abi PAOLO SCIUMÉ Presidente dell'assifact ROBERTO RUOZI Prorettore dell'università.commerciale Luigi Bocconi, Presidente Onorario dell'assifact LE BANCHE ED IL FACTORING ROBERTO MAZZOTTA Presidente della Cassa di Risparmio delle Province Lombarde. LE IMPRESE ED IL FACTORING PAOLO SCOPAZZI Vice Direttore Generale Affari Economici e Societari, IBM Semea IL FACTORING E LO SVILUPPO DEL SISTEMA INDUSTRIALE LUCIO SCIALPI Direttore Centrale dell'area Economia e Impresa, Confindustria LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE COME UTENTE DEL FACTORING ANTONIO CATRICALÀ Consigliere di Stato IL FACTORING NELLA PROSPETTIVA DEL TESTO UNICO SUL CREDITO RENZO COSTI Ordinario di diritto commerciale, Università di Bologna MODULO D'ORDINE Desideriamo acquistare n.... copie del volume al prezzo di (spedizione compresa). L'indirizzo al quale spedire i volumi è il seguente: C.A.... La fattura dovrà essere indirizzata a: (compilare se diverso dal destinatario dei volumi) (data) (timbro e firma) LA REGOLAMENTAZIONE DELL'ATTIVITÀ DI FACTORING MARIO CARDILLO Capo Servizio della Vigilanza sulla Intermediazione Finanziaria, Banca d'italia IL SETTORE DEL FACTORING E LA LEGGE 52/91 ALESSANDRO CARRETTA Associato di Economia delle Aziende di credito, Università Commerciale Luigi Bocconi, Segretario Generale dell'assifact LEGGE 52 E NUOVO CONTRATTO DI FACTORING GIORGIO DE NOVA Ordinario di Diritto Civile, Università Statale di Milano PROFILI FISCALI DELL'OPERAZIONE DI FACTORING REMO DOMINICI Professore a contratto di Diritto Tributario, Università di Modena PROFILI CONTABILI DELL'OPERAZIONE DI FACTORING BRUNO GRILLO Audit Partner IL FACTORING NELLE ESPERIENZE INTERNAZIONALI PAOLO BOLZONI Direttore alla Pianificazione e Sviluppo,Factors Chain International CONCLUSIONI GIUSEPPE ZADRA Direttore Generale dell'associazione Bancaria Italiana Da restituire a: ASSIFACT FAX N

10 INDICE GENERALE Introduzione 1. LA TRANSIZIONE VERSO L'EURO: ASPETTI GENERALI 1.1. L'Euro nel quadro della prospettiva dell'unione Monetaria e dell'integrazione dei mercati europei 1.2. Gli aspetti istituzionali ed il quadro regolamentare dell'introduzione dell'euro 1.3. Euro e sistema economico: le principali implicazioni per famiglie, imprese e pubblica amministrazione 2. L'IMPATTO DELL'EURO SUL SISTEMA FINANZIARIO E SULLE ATTIVITÀ FINAN- ZIARIE NON BANCARIE 2.1. Le principali direttrici di cambiamento nel sistema finanziario: una visione d'insieme 2.2. La struttura dei bilanci e le performances degli intermediari finanziari 2.3. La contrattualistica e la tutela dei rapporti con la clientela 2.4. I profili tecnici, informatici e organizzativi 2.5. L'informazione della clientela e la tutela del consumatore 3. PROBLEMI E PROSPETTIVE DELLA TRAN- SIZIONE VERSO L'EURO DELL'INTERME- DIAZIONE FINANZIARIA NON BANCARIA 3.1. Percezione dell'euro e direttrici di cambiamento negli intermediari finanziari: risultati di una indagine empirica 3.2. Le principali conseguenze della transizione verso 1'euro ed i problemi aperti 4. ALLEGATI: I risultati dell'indagine empirica sull'impatto dell'euro sulle attività di credito al consumo e immobiliare, factoring e leasing MODULO D'ORDINE Desideriamo acquistare n.... copie del volume al prezzo di Lit IVA esclusa. L'indirizzo al quale spedire i volumi è il seguente: C.A.... La fattura dovrà essere indirizzata a: (compilare se diverso dal destinatario dei volumi) (data) (timbro e firma) Da restituire a: ASSIFACT FAX N

11 Numero copie Costo in lire (2) Personalizzazione (1) IL FACTORING - 10 DOMANDE E 10 RISPOSTE SI NO IL FACTORING - 10 DOMANDE E SI NO RISPOSTE (1): In caso di personalizzazione, invieremo, su richiesta, il nostro logo e altro materiale su file (2): IVA esclusa - Spedizione inclusa MODULO D'ORDINE Desideriamo acquistare n.... copie del volume al prezzo di Lit IVA esclusa. L'indirizzo al quale spedire i volumi è il seguente: C.A.... La fattura dovrà essere indirizzata a: (compilare se diverso dal destinatario dei volumi) (data) (timbro e firma) Da restituire a: ASSIFACT FAX N

12 Numero copie Costo in lire (2) Personalizzazione (1) SINTESI DELL' INDAGINE SULLA DOMANDA DI FACTORING SI NO SINTESI DELL' INDAGINE SULLA SI NO DOMANDA DI FACTORING (1): In caso di personalizzazione, invieremo, su richiesta, il nostro logo su file (2): IVA esclusa - Spedizione inclusa L'indirizzo al quale spedire i volumi è il seguente: TIMBRO E FIRMA Alla c.a. di:.. La fattura dovrà essere indirizzata a: (NB: compilare se diverso dal destinatario dei volumi) Restituire il presente modulo a: ASSIFACT FAX N

13 Corso multimediale di formazione factoring-base Il prodotto, disponibile in ambiente CD-Rom, ma riversabile anche su dischetti in ambiente DOS, presenta i diversi argomenti (Inquadramento del factoring nelle problematiche di gestione e finanziamento dei crediti dell'impresa; caratteristiche e tipologie dello strumento; mercato del factoring; valutazione della convenienza del factoring per la clientela; attività delle società di factoring; vendita del factoring) secondo una logica unitaria ed è orientato a porre in risalto le specificità dello strumento dal punto di vista sia della domanda che dell'offerta. Esso può essere destinato, nell'ambito di piani di "autoformazione" individuale o con il supporto di tutor/docenti interni, al personale commerciale e amministrativo delle società di factoring, al personale di banche o di altri soggetti comunque preposti alla distribuzione e vendita del factoring, alla clientela finale. Il supporto multimediale è stato inoltre concepito in modo tale da consentire, in relazione alle diverse tipologie di utenti e ad altre specifiche esigenze formative ed informative, una "navigazione" selettiva tra le diverse tematiche presentate, opportunamente prescelte da ciascuna Associata. Il Sig. della Società RICHIESTA DI INFORMAZIONI desidera essere contattato da Assifact per avere maggiori informazioni (contenuto, prezzo, ecc.) relativamente al corso di formazione factoring-base. (data) (timbro e firma) Da restituire a: ASSIFACT - FAX N

14 Corso multimediale di formazione Valutazione della convenienza del factoring per la clientela L' Associata (Nome società) aderisce al progetto SI NO Costo previsto: Lit IVA (*) (*) Il costo potrà essere precisamente individuato una volta noto il numero di Associate aderenti. Restituire il presente modulo a: ASSIFACT Via Cerva, MILANO FAX N

15 S E G NA L I A M O I N O LT R Ẹ.....

16 Assifact Associazione Italiana per il Factoring Presidenza e Segreteria: Via Cerva, Milano MI Telefono(02) Telefax: (02) SITO WEB: Codice Fiscale Partita I.V.A

F A C T O R I N G REGOLAMENTAZIONE, MERCATO E GESTIONE. A cura di Alessandro Carretta

F A C T O R I N G REGOLAMENTAZIONE, MERCATO E GESTIONE. A cura di Alessandro Carretta A cura di Alessandro Carretta F A C T O R I N G REGOLAMENTAZIONE, MERCATO E GESTIONE Con la collaborazione di Gianfranco Antognoli, Gianpiero Bertoli, Giorgio Bondioli Antonio De Martini, Massimo Ferraris,

Dettagli

con un incremento particolarmente La struttura dell offerta A dicembre del 1999 gli intermediari

con un incremento particolarmente La struttura dell offerta A dicembre del 1999 gli intermediari SUPPLEMENTO Relazione del Consiglio sull attività associativa nell esercizio 1999-2000 L INTERMEDIAZIONE FINAN- ZIARIA NON BANCARIA NEL 1999 Nel 1999 i prestiti concessi dagli intermediari finanziari non

Dettagli

Emilia Romagna Factor SpA. I Soci. Il Gruppo BPER. Cos è il factoring. Factoring pro solvendo. Factoring pro soluto.

Emilia Romagna Factor SpA. I Soci. Il Gruppo BPER. Cos è il factoring. Factoring pro solvendo. Factoring pro soluto. Emilia Romagna Factor SpA I Soci Il Gruppo BPER Cos è il factoring Factoring pro solvendo Factoring pro soluto Export factoring Maturity factoring Vantaggi Contatti Emil-Ro Factor S.p.A. è stata costituita

Dettagli

Il Factoring come soluzione alternativa alle garanzie internazionali. Bergamo, 22/ 23 Novembre 2010

Il Factoring come soluzione alternativa alle garanzie internazionali. Bergamo, 22/ 23 Novembre 2010 Il Factoring come soluzione alternativa alle garanzie internazionali Bergamo, 22/ 23 Novembre 2010 UBI Factor, da trent anni il protagonista del Factoring in Italia e in Europa Offriamo servizi di Factoring

Dettagli

OSSFIN Osservatorio sugli intermediari finanziari specializzati nel leasing, factoring e credito al consumo

OSSFIN Osservatorio sugli intermediari finanziari specializzati nel leasing, factoring e credito al consumo r OSSFIN Osservatorio sugli intermediari finanziari specializzati nel leasing, factoring e credito al consumo Settore: Factoring Rapporto 2010 Divisione Ricerche Claudio Dematté Copyright 2010 SDA Bocconi

Dettagli

La Centrale dei Rischi. Dott. Claudio Orsini Arcadia Consulting Srl Bologna Finanza d impresa e Consulenza di direzione http://www.arcadiafinance.

La Centrale dei Rischi. Dott. Claudio Orsini Arcadia Consulting Srl Bologna Finanza d impresa e Consulenza di direzione http://www.arcadiafinance. La Centrale dei Rischi Dott. Claudio Orsini Arcadia Consulting Srl Bologna Finanza d impresa e Consulenza di direzione http://www.arcadiafinance.eu Obiettivi della Centrale dei Rischi La Centrale dei Rischi

Dettagli

SOLO IMPRESA CREDITO E FINANZA

SOLO IMPRESA CREDITO E FINANZA SOLO IMPRESA CREDITO E FINANZA E uno strumento finanziario moderno e funzionale Il factoring dalle mille risorse Pur ampiamente utilizzato, sono tuttora poco conosciute le sue caratteristiche da parte

Dettagli

Assifact ANNUARIO 2013 DEL FACTORING

Assifact ANNUARIO 2013 DEL FACTORING Assifact ANNUARIO 2013 DEL FACTORING Assifact, Annuario 2013 del Factoring Copyright 2013 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

Il factoring tra finanza e servizi

Il factoring tra finanza e servizi Il factoring tra finanza e servizi Intervento di Antonio De Martini Firenze, 6 febbraio 2007 Introduzione: il factoring in Italia In Italia la prima società di factoring nasce nel 1963. Il mercato italiano

Dettagli

10 domande e 10 risposte

10 domande e 10 risposte 10 domande e 10 risposte Lo sapevate che... Il factoring è uno strumento per gestire professionalmente i crediti ed è un complemento ideale del finanziamento bancario. Il factoring è utile per tutte le

Dettagli

Assifact ANNUARIO 2014 DEL FACTORING

Assifact ANNUARIO 2014 DEL FACTORING Assifact ANNUARIO 2014 DEL FACTORING Assifact, Annuario 2014 del Factoring Copyright 2015 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

Assifact. Annuario 2012 del Factoring

Assifact. Annuario 2012 del Factoring Assifact Annuario 2012 del Factoring Assifact, Annuario 2012 del Factoring Copyright 2013 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

Il factoring tra finanza e servizi

Il factoring tra finanza e servizi in collaborazione con Factorit spa Il factoring tra finanza e servizi Giuseppe Nardone Resp. Sviluppo Affari e Canali e Distributivi Il factoring: definizione Il factoring è oggi il solo prodotto presente

Dettagli

la banca italiana per l impresa CONVEGNO APIVERONA Finanza per le PMI : Come perché cedere i crediti nel 2011

la banca italiana per l impresa CONVEGNO APIVERONA Finanza per le PMI : Come perché cedere i crediti nel 2011 la banca italiana per l impresa CONVEGNO APIVERONA Finanza per le PMI : Come perché cedere i crediti nel 2011 Febbraio 2011 Finanza a supporto della crescita delle PMI Finanza a breve termine La capacità

Dettagli

Foglio informativo n. 2204. OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLVENDO

Foglio informativo n. 2204. OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLVENDO Foglio informativo n. 2204. OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLVENDO Informazioni sulla banca Denominazione: MEDIOCREDITO ITALIANO S.P.A. Sede legale e amministrativa : Via Montebello 18-20121 Milano Numero

Dettagli

Foglio informativo n. 2209. OPERAZIONI DI FACTORING GARANZIA DEI CREDITI COMMERCIALI

Foglio informativo n. 2209. OPERAZIONI DI FACTORING GARANZIA DEI CREDITI COMMERCIALI Foglio informativo n. 2209. OPERAZIONI DI FACTORING GARANZIA DEI CREDITI COMMERCIALI Informazioni sulla banca Denominazione: MEDIOCREDITO ITALIANO S.P.A. Sede legale e amministrativa : Via Montebello 18-20121

Dettagli

Il Factoring, strumento di gestione e finanziamento del circolante

Il Factoring, strumento di gestione e finanziamento del circolante Il Factoring, strumento di gestione e finanziamento del circolante Sarda Factoring S.p.A. Via S. Margherita n. 8 09124 CAGLIARI Tel. 070 668139 Fax 070 660884 www.sardafactoring.it - sardafactoring@tiscali.it

Dettagli

consulenza alle Imprese a 360

consulenza alle Imprese a 360 consulenza alle Imprese a 360 Ai gentili clienti Loro sedi Circolare del 15 gennaio 2010 Oggetto: ULTIMI CHIARIMENTI MORATORIA BANCHE L ABI ha di recente fornito importanti chiarimenti in tema di moratoria

Dettagli

Risultati 30 settembre 2010

Risultati 30 settembre 2010 Risultati 30 settembre 2010 Il modello di business Strategia e linee di sviluppo Dati economico-finanziari consolidati Allegati Banca IFIS: innovazione per le PMI In un contesto di mercato ancora difficile,

Dettagli

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008 FERCREDIT spa Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Pag. 1/12 Premessa La Circolare della Banca d Italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007 al capitolo V ha introdotto

Dettagli

Foglio informativo n. 2211. OPERAZIONI DI FACTORING TRAVELFACTORING

Foglio informativo n. 2211. OPERAZIONI DI FACTORING TRAVELFACTORING Foglio informativo n. 2211. OPERAZIONI DI FACTORING TRAVELFACTORING Informazioni sulla banca Denominazione: MEDIOCREDITO ITALIANO S.P.A. Sede legale e amministrativa : Via Montebello 18-20121 Milano Numero

Dettagli

LA RIVISTA DELLA LOCAZIONE FINANZIARIA. anno XI n. 5 Settembre-Ottobre 2015 5,00. creative C/1516/2008

LA RIVISTA DELLA LOCAZIONE FINANZIARIA. anno XI n. 5 Settembre-Ottobre 2015 5,00. creative C/1516/2008 LA RIVISTA DELLA LOCAZIONE FINANZIARIA anno XI n. 5 Settembre-Ottobre 2015 5,00 C/1516/2008 creative La funzione di finanziamento che si realizza mediante il prodotto factoring (e.g. factoring con accredito

Dettagli

Factoring Flessibilità per la gestione ottimale del capitale circolante

Factoring Flessibilità per la gestione ottimale del capitale circolante Factoring Flessibilità per la gestione ottimale del capitale circolante GE Capital è leader europeo nel settore del factoring: GE Capital è leader europeo nel settore del factoring: oltre 8.000 clienti;

Dettagli

QUESTIONARIO PER LA RICHIESTA DI SERVIZI DI FACTORING

QUESTIONARIO PER LA RICHIESTA DI SERVIZI DI FACTORING QUESTIONARIO PER LA RICHIESTA DI SERVIZI DI FACTORING Il richiedente, nel dichiarare la veridicità delle informazioni fornite per la compilazione del presente questionario, prende atto che tali dati verranno

Dettagli

Nuove soluzioni di Factoring e nuovi rapporti con la Clientela

Nuove soluzioni di Factoring e nuovi rapporti con la Clientela Nuove soluzioni di Factoring e nuovi rapporti con la Clientela Intervento di Antonio De Martini Milano, 16 maggio 2006 Il vantaggio competitivo Principali elementi di soddisfazione: o Velocità e sicurezza

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI ACQUISTO DEI CREDITI DI IMPRESA (FACTORING) (Aggiornamento in vigore dal 01/04/2011)

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI ACQUISTO DEI CREDITI DI IMPRESA (FACTORING) (Aggiornamento in vigore dal 01/04/2011) FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI ACQUISTO DEI CREDITI DI IMPRESA (FACTORING) (Aggiornamento in vigore dal 01/04/2011) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca IFIS S.p.A. Sede Legale via Terraglio, 63 30174 Venezia

Dettagli

Il factoring sul territorio: opportunità e vincoli. Dr. Enrico Dehò Direttore Generale Aosta Factor Spa

Il factoring sul territorio: opportunità e vincoli. Dr. Enrico Dehò Direttore Generale Aosta Factor Spa 1 Il factoring sul territorio: opportunità e vincoli Dr. Enrico Dehò Direttore Generale Aosta Factor Spa 2 Targets: Imprenditori locali Grandi aziende Piccole e medie imprese Indotto locale Fornitori di

Dettagli

IL FACTORING: UN PRODOTTO BANCARIO ANTICICLICO Utilità per le imprese e per le banche in un periodo di congiuntura economica negativa

IL FACTORING: UN PRODOTTO BANCARIO ANTICICLICO Utilità per le imprese e per le banche in un periodo di congiuntura economica negativa IL FACTORING: UN PRODOTTO BANCARIO ANTICICLICO Utilità per le imprese e per le banche in un periodo di congiuntura economica negativa Le operazioni di factoring rappresentano un prodotto anticiclico utile

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLVENDO

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLVENDO FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLVENDO INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING UBI FACTOR S.P.A. Società con Socio Unico UBI BANCA S.C.P.A. Sede legale Via Fratelli Gabba, 1 20121 MILANO

Dettagli

TANTI AUGURI DI BUON ANNO

TANTI AUGURI DI BUON ANNO TANTI AUGURI DI BUON ANNO IL SERVIZIO ACCENTRATO DI RILEVAZIONE DEI RISCHI DI IMPORTO CONTENUTO Il Comitato Interministeriale per il Credito e il Risparmio CICR, con Delibera del 3 maggio 1999, pubblicata

Dettagli

Foglio informativo n. 2206. OPERAZIONI DI FACTORING MATURITY

Foglio informativo n. 2206. OPERAZIONI DI FACTORING MATURITY Foglio informativo n. 2206. OPERAZIONI DI FACTORING MATURITY Informazioni sulla banca Denominazione: MEDIOCREDITO ITALIANO S.P.A. Sede legale e amministrativa : Via Montebello 18-20121 Milano Numero verde:

Dettagli

serfactoring CONDIZIONI ECONOMICHE MASSIME APPLICABILI San Donato Milanese, 25 novembre 2013 Pagina 1 di 6

serfactoring CONDIZIONI ECONOMICHE MASSIME APPLICABILI San Donato Milanese, 25 novembre 2013 Pagina 1 di 6 TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI FINANZIARI Schema foglio informativo Operazioni di factoring pro solvendo Servizio offerto da Serfactoring S.p.A. Via dell Unione Europea, 3-20097 San Donato

Dettagli

serfactoring San Donato Milanese, 25 novembre 2013 Pagina 1 di 6

serfactoring San Donato Milanese, 25 novembre 2013 Pagina 1 di 6 - serfactoring TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI FINANZIARI Schema di foglio informativo Operazioni Maturity Servizio offerto da Serfactoring S.p.A. Via dell Unione Europea, 3-20097 San Donato

Dettagli

Regole, reputazione e mercato Cagliari, 4 febbraio 2011

Regole, reputazione e mercato Cagliari, 4 febbraio 2011 Regole, reputazione e mercato Cagliari, 4 febbraio 2011 Gli intermediari finanziari: quadro competitivo e fabbisogni di regolamentazione Alessandro Carretta Università di Roma Tor Vergata Associazione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING MATURITY FACTORING

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING MATURITY FACTORING FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING MATURITY FACTORING INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING UBI FACTOR S.P.A. Società con Socio Unico UBI BANCA S.C.P.A. Sede legale Via Fratelli Gabba, 1 20121

Dettagli

Gli intermediari finanziari non bancari

Gli intermediari finanziari non bancari Gli intermediari finanziari non bancari Intermediari creditizi non bancari A. Leasing B. Factoring C. Credito al consumo Art. 106 e 107 TUB Le società di leasing Elenco generale presso UIC Condizioni per

Dettagli

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS Comunicato stampa Mestre, 29 aprile 2010 Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS UTILI IN FORTE CRESCITA: +107,8% SUL 4 TRIMESTRE 2009, +13,9% SUL 1 TRIMESTRE

Dettagli

Il Factoring per le piccole e medie imprese

Il Factoring per le piccole e medie imprese Il Factoring per le piccole e medie imprese Direttore Generale Centro Factoring SpA Caratteristiche delle P.M.I Elevata specializzazione dei processi produttivi e di distribuzione. Normalmente, carenze

Dettagli

serfactoring San Donato Milanese, 1 giugno 2015 Pagina 1 di 6

serfactoring San Donato Milanese, 1 giugno 2015 Pagina 1 di 6 TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI FINANZIARI Schema foglio informativo Dilazioni di pagamento Servizio offerto da Serfactoring S.p.A. Via Fabiani, 1/B - 20097 San Donato Milanese (MI) Fax:0252045730/8/9

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLUTO

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLUTO FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLUTO INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING UBI FACTOR S.P.A. Società con Socio Unico UBI BANCA S.C.P.A. Sede legale Via Fratelli Gabba, 1 20121 MILANO

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA DEL 51 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154

NOTA ESPLICATIVA DEL 51 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154 AREA RISORSE INFORMATICHE E RILEVAZIONI STATISTICHE Servizio Rilevazioni ed Elaborazioni Statistiche NOTA ESPLICATIVA DEL 51 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154 Con la presente nota si forniscono alcune

Dettagli

CENTRALE DEI RISCHI (*)

CENTRALE DEI RISCHI (*) Filiale di MILANO SEDE CENTRALE DEI RISCHI (*) Intestatario : WEST LINE S.P.A. Sede legale : ROMA CCIAA : 0188888 Codice fiscale : 000000077777770 Codice censito : 11111777 Date contabili richieste : set-10

Dettagli

Foglio informativo n. 2203. OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLUTO

Foglio informativo n. 2203. OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLUTO Foglio informativo n. 2203. OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLUTO Informazioni sulla banca Denominazione: MEDIOCREDITO ITALIANO S.P.A. Sede legale e amministrativa : Via Montebello 18-20121 Milano Numero

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Acquisto dei Crediti di Impresa Factoring

FOGLIO INFORMATIVO Acquisto dei Crediti di Impresa Factoring FOGLIO INFORMATIVO Acquisto dei Crediti di Impresa Factoring Norme per la Trasparenza delle Operazioni e dei Servizi Bancari e Finanziari ai sensi degli artt. 115 e segg. TUB Informazioni su Milliora Finanzia

Dettagli

serfactoring San Donato Milanese, 25 novembre 2013 Pagina 1 di 6

serfactoring San Donato Milanese, 25 novembre 2013 Pagina 1 di 6 TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI FINANZIARI Schema foglio informativo Operazioni di factoring pro soluto Servizio offerto da Serfactoring S.p.A. Via dell Unione Europea, 3-20097 San Donato Milanese

Dettagli

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50.

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) oltre 50. Allegato A RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL'USURA (*) MEDIE ARITMETICHE DEI TASSI SULLE SINGOLE OPERAZIONI DELLE BANCHE E DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

AIAS ACADEMY Srl Socio Unico AIAS

AIAS ACADEMY Srl Socio Unico AIAS Mod.07.02.01.AA brochure_corso_aggiornamento rev. 01 del 19/11/2012 Corso di approfondimento L obbligo formativo per i lavoratori, preposti e dirigenti di cui all art. 37 D.Lgs. 81/08 e agli Accordi Stato

Dettagli

BANDO A TEMA RICERCA DI BASE 2008 (Anno del centenario)

BANDO A TEMA RICERCA DI BASE 2008 (Anno del centenario) BANDO A TEMA RICERCA DI BASE 2008 (Anno del centenario) La Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, nell ambito della propria attività istituzionale relativa al 2008, promuove un Bando a tema per il finanziamento

Dettagli

FOCUS. Esercitazioni pratiche sulle procedure concorsuali. Bologna, dal 21 al 28 novembre 2014

FOCUS. Esercitazioni pratiche sulle procedure concorsuali. Bologna, dal 21 al 28 novembre 2014 FOCUS Esercitazioni pratiche sulle procedure concorsuali Bologna, dal 21 al 28 novembre 2014 Programma I incontro 21 novembre CONCORDATO PREVENTIVO Ricorso per l ammissione al concordato preventivo Concordato

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI FACTORING

FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI FACTORING FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI FACTORING Le condizioni di seguito pubblicizzate non costituiscono offerta al pubblico. SI CONSIGLIA UNA LETTURA ATTENTA PRIMA DI FIRMARE IL CONTRATTO. La F.I.S. Factoring

Dettagli

Banca Tercas S.p.A. Sede Legale e Amministrativa: Teramo, Corso San Giorgio n.36 Iscritta all albo delle Banche al n.5174 ABI 6060 Capogruppo del

Banca Tercas S.p.A. Sede Legale e Amministrativa: Teramo, Corso San Giorgio n.36 Iscritta all albo delle Banche al n.5174 ABI 6060 Capogruppo del Banca Tercas S.p.A. Sede Legale e Amministrativa: Teramo, Corso San Giorgio n.36 Iscritta all albo delle Banche al n.5174 ABI 6060 Capogruppo del Gruppo bancario Tercas, iscritto all Albo dei Gruppi Bancari

Dettagli

bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali

bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali budget complessivo del bando 450.000 euro termine per la presentazione dei progetti 31 agosto 2011 contenuti: 1.

Dettagli

Foglio Informativo PRESTITO PERSONALE

Foglio Informativo PRESTITO PERSONALE Foglio Informativo n. 5000/37 Data ultimo aggiornamento: 01 Luglio 2010 Dati e qualifica del soggetto che entra in rapporto con il cliente (in caso di offerta fuori sede) Istituto Bancario del Lavoro S.p.A.

Dettagli

URP. documentazione. di accesso alla. Il diritto. diritti. e servizi Il diritto di accesso alla documentazione. L ufficio relazioni con il pubblico

URP. documentazione. di accesso alla. Il diritto. diritti. e servizi Il diritto di accesso alla documentazione. L ufficio relazioni con il pubblico URP diritti collana e servizi Il diritto di accesso alla documentazione Il diritto di accesso alla documentazione UR L ufficio relazioni con il pubblico P TRASPARENZA è comunicare con semplicità, garantire

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA BANCA

INFORMAZIONI SULLA BANCA Mutuo chirografario offerto ai consumatori MUTUO CREDITO AMICO Riservato ai Soci persone fisiche (alla data richiesta finanziamento) INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa Rurale di Trento - Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

Vado Ligure, 26 Gennaio 2015 Alla c.a. del TITOLARE

Vado Ligure, 26 Gennaio 2015 Alla c.a. del TITOLARE Vado Ligure, 26 Gennaio 2015 Alla c.a. del TITOLARE OGGETTO: Programma formativo fiscale del 1 semestre 2015 Nell intento di fornire a Professionisti e Aziende un servizio sempre più completo abbiamo ritenuto

Dettagli

Il factoring in Italia: evoluzione operativa e regolamentare

Il factoring in Italia: evoluzione operativa e regolamentare Il factoring in Italia: evoluzione operativa e regolamentare Marco Troiani Titolare Divisione Intermediari ex art. 107 TUB Servizio Supervisione Intermediari Specializzati Banca d Italia Convegno Assifact

Dettagli

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale FINDOMESTIC GRUPPO Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale Aggiornamento al 31 dicembre 2013 * * * Terzo Pilastro dell accordo di

Dettagli

L Antiriciclaggio nel Factoring: punti aperti

L Antiriciclaggio nel Factoring: punti aperti L Antiriciclaggio nel Factoring: punti aperti Tavola Rotonda Assemblea Annuale Assifact Paola Sassi Milano, 21 giugno 2013 Criteri di valutazione Cliente Natura giuridica e caratteristiche Attività svolta

Dettagli

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 POLITICA DEI PRESTITI La valutazione dei fidi il controllo dei crediti concessi il recupero dei crediti problematici

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2014 NOTA:

Dettagli

Operazioni di finanziamento alla controllata FAST FINANCE SPA

Operazioni di finanziamento alla controllata FAST FINANCE SPA Sede legale in Via Terraglio 63, 30174 Venezia Mestre Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Venezia e codice fiscale 02505630109 Partita IVA 02992620274 - Numero REA: VE - 0247118 Capitale

Dettagli

AEF 15 aprile 2005: Modelo de éxito del factoring en Italia

AEF 15 aprile 2005: Modelo de éxito del factoring en Italia AEF 15 aprile 2005: Modelo de éxito del factoring en Italia Alessandro Carretta Professore ordinario di Economia degli intermediari finanziari Università Tor Vergata Roma Segretario Generale Associazione

Dettagli

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO AVVISO 3/12bis Modalità per la richiesta dei voucher formativi per i lavoratori delle imprese aderenti a For.Te. 1.

Dettagli

Il sistema creditizio e le banche. Classe V A

Il sistema creditizio e le banche. Classe V A Il sistema creditizio e le banche Classe V A Il credito è il diritto del creditore, che ha effettuato una prestazione attuale, di ottenere una controprestazione futura. CREDITO INDIRETTO: Trasferimento

Dettagli

FACTORING PRO SOLVENDO

FACTORING PRO SOLVENDO Ifitalia INTERNATIONAL FACTORS ITALIA S.P.A. FOGLIO INFORMATIVO FACTORING PRO SOLVENDO Condizioni in vigore dal 30.05.2011 e valide fino a nuovo avviso Informazioni sull intermediario Sede legale e amministrativa:

Dettagli

LEGGE REGIONALE 9 GIUGN0 1994, N. 18 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI

LEGGE REGIONALE 9 GIUGN0 1994, N. 18 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI MODULO B LEGGE REGIONALE 9 GIUGN0 1994, N. 18 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI DOMANDA PER INVESTIMENTI IMMOBILIARI/IMPIANTI TECNICI/TITOLO CONCESSIONI DI SERVIZIO Punto 4 lettere b), d) del Programma

Dettagli

CORSO PER RESPONSABILI E ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE MODULO C

CORSO PER RESPONSABILI E ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE MODULO C Torino, 27/7/06 Prot. 80 Ai Responsabili Personale e Formazione Ai Responsabili Sicurezza Lavoro delle Aziende associate CORSO PER RESPONSABILI E ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE MODULO

Dettagli

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO Verona 25 Novembre 2010 Le principali tappe del progetto Il Progetto del Fondo Italiano di Investimento (FII) è nato nel mese di dicembre 2009, su iniziativa del Ministero

Dettagli

GE Capital Interbanca: Risultati di Bilancio consolidati al 30.06.2010 (In conformità ai principi contabili internazionali IAS/IFRS)

GE Capital Interbanca: Risultati di Bilancio consolidati al 30.06.2010 (In conformità ai principi contabili internazionali IAS/IFRS) GE Capital Interbanca Corso Venezia 56 20121 Milano T +39 02 77311 F +39 02 784321 COMUNICATO STAMPA GE Capital Interbanca: Risultati di Bilancio consolidati al 30.06.2010 (In conformità ai principi contabili

Dettagli

serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009

serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009 serfactoring Informativa al Pubblico Anno 2009 SERFACTORING S.p.A. Sede Legale in San Donato Milanese (MI), Via dell Unione europea 3 Capitale Sociale Euro 5.160.000 i. v. Registro Imprese di Milano Codice

Dettagli

Parma, dal 14 ottobre 2015 al 29 aprile 2016 IL PROGRAMMA

Parma, dal 14 ottobre 2015 al 29 aprile 2016 IL PROGRAMMA Parma, dal 14 ottobre 2015 al 29 aprile 2016 LA STRUTTURA PRIMO 14 Ottobre 2015 SECONDO 4 Novembre 2015 TERZO 3 Dicembre 2015 QUARTO 14 Gennaio 2016 QUINTO 9 Febbraio 2016 SESTO 2 Marzo 2016 SETTIMO 29

Dettagli

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 21 dicembre 2015. Rilevazione dei tassi effettivi globali medi, ai sensi della legge sull usura. Periodo di rilevazione

Dettagli

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua)

CATEGORIE DI OPERAZIONI CLASSI DI IMPORTO TASSI MEDI TASSI SOGLIA in unità di euro (su base annua) (su base annua) RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL'USURA (*) MEDIE ARITMETICHE DEI TASSI SULLE SINGOLE OPERAZIONI DELLE BANCHE E DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI NON BANCARI,

Dettagli

Dati e qualifica soggetto incaricato dell offerta fuori sede

Dati e qualifica soggetto incaricato dell offerta fuori sede Cassa Lombarda S.p.A. Pagina 1 di 5 INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO SCONTO DI PORTAFOGLIO Denominazione e forma giuridica: CASSA LOMBARDA SPA Sede legale: Via Alessandro Manzoni, 12/14 20121

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea ORIENTAMENTI

Gazzetta ufficiale dell'unione europea ORIENTAMENTI 6.9.2014 L 267/9 ORIENTAMENTI INDIRIZZO DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 3 giugno 2014 che modifica l'indirizzo BCE/2013/23 sulle statistiche di finanza pubblica (BCE/2014/21) (2014/647/UE) IL COMATO ESECUTIVO

Dettagli

SANPAOLO IMI ACQUISISCE IL 100% DI BN HOLDING A

SANPAOLO IMI ACQUISISCE IL 100% DI BN HOLDING A Comunicato stampa SANPAOLO IMI ACQUISISCE IL 100% DI BN HOLDING A seguito della scissione parziale di INA lancia l OPA totalitaria sulle azioni ordinarie di Banco di Napoli Torino, 13 giugno 2000 - Il

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI MATURITY FACTORING INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI MATURITY FACTORING INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI MATURITY FACTORING INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING BCC Factoring S.p.A. - Società di Factoring del Credito Cooperativo con socio unico Soggetta a direzione e coordinamento

Dettagli

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Sede Legale e Direzione Generale in Asti, Piazza Libertà n. 23 - Iscritta all Albo delle Banche autorizzate al n. 5142 - Capogruppo del Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di Asti S.p.A. - Iscritto all

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI FACTORING

FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI FACTORING FOGLIO INFORMATIVO PER OPERAZIONI DI FACTORING Le condizioni di seguito pubblicizzate non costituiscono offerta al pubblico. SI CONSIGLIA UNA LETTURA ATTENTA PRIMA DI FIRMARE IL CONTRATTO. La F.I.S. Factoring

Dettagli

BANCA D ITALIA. Istruzioni di Vigilanza per le banche

BANCA D ITALIA. Istruzioni di Vigilanza per le banche BANCA D ITALIA Istruzioni di Vigilanza per le banche Circolare n. 229 del 21 aprile 1999-4 Aggiornamento del 10 agosto 2000 ISTRUZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE RIEPILOGO AGGIORNAMENTI Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

Il sottoscritto quale legale rappresentante di (COGNOME E NOME) Associazione Sportiva (denominazione) Associazione Tempo Libero (denominazione)

Il sottoscritto quale legale rappresentante di (COGNOME E NOME) Associazione Sportiva (denominazione) Associazione Tempo Libero (denominazione) Oggetto: Domanda di contributo per la realizzazione di iniziative sportive e del tempo libero. (Ogni domanda deve essere presentata per una singola iniziativa o progetto unitario.) L.R. 9 marzo 1988 n.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLVENDO INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLVENDO INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLVENDO INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING BCC Factoring S.p.A. - Società di Factoring del Credito Cooperativo con socio unico Soggetta a direzione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLVENDO INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING

FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLVENDO INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI FACTORING PRO SOLVENDO INFORMAZIONI SULLA SOCIETA DI FACTORING BCC Factoring S.p.A. - Società di Factoring del Credito Cooperativo con socio unico Soggetta a direzione

Dettagli

RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL USURA. Nota metodologica

RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL USURA. Nota metodologica RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL USURA Nota metodologica La legge 7 marzo 1996, n. 108, volta a contrastare il fenomeno dell usura, prevede che siano resi

Dettagli

INVENTARIO DI MAGAZZINO AL 31.12.05, ELENCO DEBITI E CREDITI

INVENTARIO DI MAGAZZINO AL 31.12.05, ELENCO DEBITI E CREDITI Dott. ENRICO LONGO Dottore Commercialista D.ssa ROBERTA CARRERA Dottore Commercialista D.ssa MICHELA GIACOMINI Dott. ALESSANDRO CARRERA Treviso, 13 Marzo 2006 CIRCOLARE N. 02/2006 A TUTTI I CLIENTI LORO

Dettagli

FACTORING PRO SOLUTO

FACTORING PRO SOLUTO Ifitalia INTERNATIONAL FACTORS ITALIA S.P.A. FOGLIO INFORMATIVO FACTORING PRO SOLUTO Condizioni in vigore dal 01.07.2010 e valide fino a nuovo avviso Informazioni sull intermediario Sede legale e amministrativa:

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE UBI Banca Private Investment Società per Azioni avente unico socio Sede Legale e Direzione Generale: Brescia, Via Cefalonia, 74 Codice Fiscale ed Iscrizione al Registro delle Imprese di Brescia n. 00485260459,

Dettagli

INDAGINE SUI CREDITI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 2011

INDAGINE SUI CREDITI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 2011 INDAGINE SUI CREDITI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 2011 Il presente rapporto riporta i principali risultati dell indagine sui crediti verso la Pubblica Amministrazione, svolta dall Associazione fra

Dettagli

Smobilizzo crediti verso il Sistema Sanitario della Toscana

Smobilizzo crediti verso il Sistema Sanitario della Toscana Smobilizzo crediti verso il Sistema Sanitario della Toscana Avviso alle imprese creditrici delle Asl e altri enti del SST Sono pubblicati i due seguenti avvisi con aggiornamenti alla data del 31 luglio

Dettagli

Factoring e convenzione fornitori

Factoring e convenzione fornitori Factoring e convenzione fornitori Reggio Emilia, 25 marzo 2015 Giuliano Casagrande Direttore Commerciale Credemfactor S.p.A. Il Factoring Il concetto può essere sintetizzato in 4 parole chiave: 1. Valutazione

Dettagli

FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI

FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI P R E M E S S A Il FEI è un istituzione finanziaria creata dalla BEI (Banca Europea degli Investimenti), dall Unione Europea e dalle istituzioni finanziarie pubbliche

Dettagli

ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI DETERIORATE: ADOZIONE DEL LIMITE DI 90 GIORNI IN LUOGO DI QUELLO DI 180 GIORNI

ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI DETERIORATE: ADOZIONE DEL LIMITE DI 90 GIORNI IN LUOGO DI QUELLO DI 180 GIORNI VIGILANZA BANCARIA E FINANZIARIA ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI DETERIORATE: ADOZIONE DEL LIMITE DI 90 GIORNI IN LUOGO DI QUELLO DI 180 GIORNI DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE Eventuali osservazioni,

Dettagli

Agenzia Mobilita Metropolitana Torino Consorzio tra Enti Locali ESTRATTO DAL VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE

Agenzia Mobilita Metropolitana Torino Consorzio tra Enti Locali ESTRATTO DAL VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE Agenzia Mobilita Metropolitana Torino Consorzio tra Enti Locali ESTRATTO DAL VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE N. 5/2010 OGGETTO: Notifica atto di cessione di crediti a scopo di

Dettagli

OPERAZIONI DI SCONTO PRO SOLVENDO AI SENSI DELLA LEGGE 1329/65 (SABATINI)

OPERAZIONI DI SCONTO PRO SOLVENDO AI SENSI DELLA LEGGE 1329/65 (SABATINI) OPERAZIONI DI SCONTO PRO SOLVENDO AI SENSI DELLA LEGGE 1329/65 (SABATINI) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20

Dettagli

PUBBLICA SOLLECITAZIONE DI OFFERTE PER LA GESTIONE FINANZIARIA

PUBBLICA SOLLECITAZIONE DI OFFERTE PER LA GESTIONE FINANZIARIA PUBBLICA SOLLECITAZIONE DI OFFERTE PER LA GESTIONE FINANZIARIA Il Consiglio di Amministrazione di PREVEDI Fondo Pensione Complementare per i Lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini,

Dettagli

Studio Paolo Simoni. Dottori Commercialisti Associati CIRCOLARE N. 15/2014 DOMANDA PER FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI (SABATINI-BIS)

Studio Paolo Simoni. Dottori Commercialisti Associati CIRCOLARE N. 15/2014 DOMANDA PER FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI (SABATINI-BIS) Dott. Paolo Simoni Dott. Grazia Marchesini Dott. Alberto Ferrari Dott. Federica Simoni Rag. Lidia Gandolfi Dott. Francesco Ferrari Dott. Enrico Ferra Dott. Agostino Mazziotti Bologna, 27 febbraio 2014

Dettagli