FACTORING E CONCENTRAZIONE DEI RISCHI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FACTORING E CONCENTRAZIONE DEI RISCHI"

Transcript

1 FACTORING E CONCENTRAZIONE DEI RISCHI Il 31 dicembre 1998 ha rappresentato una data importante per gli intermediari finanziari sottoposti alla vigilanza prudenziale della Banca d Italia, ai sensi dell art. 107, comma 2, del Testo Unico. Intorno a tale data ruotano infatti alcune disposizioni transitorie relative alla disciplina della concentrazione dei rischi. Tali disposizioni riguardano prima di tutto la definizione dei grandi rischi, che fino al 31 dicembre 1998 sono considerati tali per le posizioni di rischio risultanti pari o superiori al 15% del patrimonio di vigilanza (anziché al 10%, come previsto dalle disposizioni generali). SOMMARIO - Il mercato estero - Le statistiche - Notizie dai siti Web - Da: "Il Factoring: 10 domande e 10 risposte" - Notizie dalle Associate - Notizie dal Consiglio e dalle Commissioni Tec-niche - Le circolari Assifact - Attività associative - Documentazione distribuita - Ordina oggi Per quanto riguarda il limite individuale, fino alla stessa data del ASSIFACT Via Cerva, Milano Tel Fax Internet NUMERO CHIUSO IL dicembre 1998 si applica un limite del 60% agli intermediari finanziari appartenenti ai gruppi bancari (anziché del 40%). Più in generale, agli intermediari finanziari è consentito riallineare le posizioni di rischio verso la clientela (clienti singoli o connessi in gruppo) alle disposizioni, secondo i seguenti termini: 60% del patrimonio di vigilanza entro il 31 dicembre 1996; 40% del patrimonio di vigilanza entro il 31 dicembre 1998; 25% del patrimonio di vigilanza entro il 31 dicembre Per quanto riguarda, da ultimo, i grandi rischi, questi devono essere ricondotti dagli intermediari entro il limite globale nel più breve tempo possibile e comunque, ancora una volta, entro il 31 dicembre Non vi è dubbio quindi che tale scadenza abbia prodotto effetti rilevanti sulle relazioni tra gli intermediari finanziari e la clientela di maggiori dimensioni. La portata degli effetti delle norme in tema di concentrazione dei rischi è peraltro ampiamente differenziata in relazione alle caratteristiche delle specifiche attività finanziarie non bancarie. Nell ambito del rischio di credito, le norme di vigilanza prudenziale esplicitamente previste per gli intermediari finanziari sono rappresentate da disposizioni in materia di frazionamento dei rischi, volte ad evitare l assunzione di posizioni eccessivamente concentrate. Gli intermediari sono tenuti, in primo luogo, ad osservare un limite globale, cioè a contenere l ammontare complessivo dei grandi rischi entro il limite di otto volte il patrimonio di vigilanza. I grandi rischi sono costituiti in particolare dalle posizioni di rischio di importo pari o superiore al 10% del patrimonio di vigilanza. In secondo luogo gli intermediari sono tenuti ad osservare un limite individuale, cioè a contenere ciascuna posizione di rischio verso singoli clienti (o gruppi di questi) entro il limite del 25% del patrimonio di vigilanza. Nel caso del factoring, gli anticipi erogati a fronte di acquisti di crediti rappresentano attività a rischio nei confronti del debitore ceduto, per le operazioni pro soluto, e del cedente, per le operazioni pro solvendo. In quest ultimo caso è lasciata all intermediario la facoltà di considerare l esposizione in capo al debitore ceduto, applicando la relativa ponderazione; tale opzione deve essere mantenuta con riferimento a tutte le operazioni concluse con il medesimo cedente. Gli impegni assunti a fronte di acquisti di crediti pro soluto relativi ad importi non anticipati, così come gli importi relativi a crediti ceduti a terzi pro solvendo rientrano tra le attività di rischio fuori bilancio. I crediti per cui l intermediario si limiti a curare l incasso senza alcun anticipo o

2 garanzia a fronte della cessione, non costituiscono attività di rischio. La normativa non si applica comunque ai rapporti intercorrenti tra società appartenenti al medesimo gruppo bancario; ai crediti vantati nei confronti di altri soggetti iscritti nell elenco speciale appartenenti al medesimo gruppo dell intermediario finanziario; ai crediti acquistati da terzi e vantati nei confronti di società appartenenti al gruppo dell intermediario finanziario (fattispecie tipica, ad esempio, nel factoring cosiddetto monoceduto, posto in essere dalle società captive operanti nell ambito di gruppi non finanziari), a condizione che l intermediario stesso non abbia in essere operazioni di raccolta del risparmio presso il pubblico ai sensi dell art. 11 del Testo Unico; ai crediti acquistati da terzi e vantati nei confronti di società partecipanti al capitale dell intermediario, ancorché non appartenenti al medesimo gruppo (pluricaptive), a condizione che queste svolgano la propria attività prevalentemente nei confronti degli stessi soci (con preventiva comunicazione alla Banca d Italia, corredata dai riferimenti sulla compagine sociale e sui soggetti nei confronti dei quali viene svolta l attività di factoring). Gli intermediari finanziari appartenenti a gruppi bancari non sono inoltre sottoposti ad alcun limite globale nell ammontare complessivo dei grandi fidi; per essi vige un limite individuale pari al 40% del patrimonio di vigilanza (anziché al 25%). Certamente il modello di vigilanza prudenziale proposto dalla Banca d Italia per gli intermediari finanziari tiene conto dell esigenza di assicurare la parità di trattamento tra i diversi soggetti operanti nel settore finanziario, perseguendo un obiettivo di neutralità degli strumenti di controllo rispetto alle formule istituzionali e organizzative utilizzabili per lo svolgimento dell attività (intermediario finanziario specializzato o pluriprodotto, offerta diretta da parte della banca). Esso si propone peraltro anche di rispettare, attraverso la differenziazione delle caratteristiche tecniche degli strumenti di vigilanza, le peculiarità delle tipologie di attività svolte e delle modalità operative utilizzate, cosi come prospettato dalla delibera CICR del 29 marzo Tale finalità deve essere tenuta presente nel valutare l impatto delle norme sulla concentrazione dei rischi sull attività di factoring. Il factoring si caratterizza infatti per la particolarità del rapporto tra il factor ed il cliente cedente e fa leva proprio sull acquisizione di un importo rilevante di crediti nell ambito dell economia dell impresa cliente, che consente a quest ultima di sfruttare i vantaggi del ricorso allo strumento, in termini di risparmio di costi amministrativi e organizzativi, ed alla società di factoring di acquisire una visione ed un controllo più ampi ed efficaci dell attività della clientela. Nel factoring il controllo sulla concentrazione del rischio è assicurato in via principale dalle politiche di composizione dei portafogli crediti acquistati (in termini di diversificazione e frazionamento dei debitori ceduti), piuttosto che da una parcellizzazione dei cedenti, che porta ad alterare le specificità dello strumento creando le premesse per l assunzione di generici e più pericolosi rischi economici e finanziari. In questo senso le norme generali sulla concentrazione dei rischi non risultano adatte alle caratteristiche dell attività di factoring e rischiano di segnare l avvio di un processo di alterazione dei connotati distintivi dello strumento, spingendo il comparto a modificare significativamente la natura delle relazioni con la clientela, nella direzione dell offerta di generici apporti finanziari al capitale circolante dell impresa più che di sostegno operativo alla sua gestione dei crediti commerciali, per rispettare gli obblighi previsti dalla vigilanza. Ciò può compromettere l evoluzione del settore del factoring, da tempo impegnato in una importante opera di riconversione, tesa a consolidare le differenze dei prodotti offerti rispetto ai finanziamenti tradizionali, a tutto svantaggio di una equilibrata e diversificata offerta di servizi all economia reale da parte del sistema finanziario. La Banca d Italia ha reagito positivamente all evidenziazione delle problematiche sopra esposte ed ha per il momento prorogato la disciplina transitoria vigente. Alessandro Carretta tel IL MERCATO ESTERO EUROPAFACTORING LEGAL AFFAIRS COMMITTEE In occasione della Conferenza Annuale di Europafactoring, Federazione Europea delle Associazioni Nazionali del Factoring, tenutasi il 3 luglio 1998 a Stoccolma, è stato nominato chairman della Europafactoring Legal Affairs Committee il Dr. Jur. Ulrich Brink, responsabile della Deutsche Factoring Verband. Il giorno 19 maggio 1999 è prevista la prima riunione del suddetto Comitato, che tratterà i seguenti temi: 1. UNCITRAL Draft convention on international receivables; 2. Value Added Tax and Factoring in Europe. Liliana Corti tel

3 LE STATISTICHE IL MERCATO DEL FACTORING Nel 1998 il mercato del factoring conferma, per il terzo anno consecutivo, una netta propensione alla crescita. Se nel 1997, infatti, il turnover complessivo segnava un incremento pari al 20%, nel 1998 tale percentuale si è innalzata fino a raggiungere il 25%. Anche l'ammontare dei crediti acquistati in essere ha conosciuto un sensibile sviluppo, aumentando di 14 punti percentuali rispetto al medesimo campione censito nel I dettagli delle statistiche ed i valori aggiornati sono disponibili anche presso il sito web Assifact, nella sezione "Statistiche 98". (per informazioni : Enrico Memo tel NOTIZIE DAI SITI WEB Il sito Web di Assifact è stato aggiornato: (http://www.assifact.it) Notizie sull'impatto dell'euro sono disponibili al seguente indirizzo: Tutto sulla privacy: Enrico Memo tel DA: "IL FACTORING, 10 DOMANDE E 10 RISPOSTE" Il factoring è un'alternativa al finanziamento bancario? Il factoring è uno strumento per gestire professionalmente i crediti e, come tale, comprende diversi servizi: Amministrazione, gestione ed incasso dei crediti Assistenza legale nella fase di recupero dei crediti Valutazione dell'affidabilità della clientela Anticipo dei crediti prima della relativa scadenza Garanzia di buon fine delle operazioni Alessandro Carretta tel Crediti acquistati Crediti acquistati Turnover Turnover in essere in essere al al RILEVAZIONE DATI STATISTICI ANNO 1998 Scadenza restituzione dischetto: 25 febbraio 1999 NOTIZIE DALLE ASSOCIATE Variazione di denominazione Dal 1 gennaio 1999 l Istituto Bancario San Paolo di Torino ha cambiato denominazione in San Paolo IMI. Nuove cariche Comit Factoring S.p.A. ha nominato come Direttore, in sostituzione del Sig. Ugo Ingrassia, il Sig. Luciano Menegotto. Barbara Perego tel

4 NOTIZIE DAL CONSIGLIO E DALLE COMMISSIONI TECNICHE Dal Consiglio Dal 2 febbraio il Sig. Luciano Menegotto (Direttore Comit Factoring S.p.A.) ed il Sig. Giorgio Burchi (Amministratore Delegato Mediofactoring S.p.A.) sostituiscono in Consiglio Assifact rispettivamente il Sig. Ugo Ingrassia ed il Dott. Carlo Alfei. Il Consiglio Assifact, in data 2 febbraio, ha designato due nuovi membri del Comitato Esecutivo nella persona del Sig. Luciano Menegotto (Comit Factoring S.p.A.) e del Sig. Giorgio Burchi (Mediofactoring S.p.A.). Il Consiglio di Assifact ha recentemente ammesso una nuova Associata. Le Associate Assifact sono attualmente 35: ABF Factoring, Banca Carige, Banca di Roma, Banca Monte dei Paschi di Siena, Banco di Desio e della Brianza, C.B.I. Factor, Centro Factoring, Cofiri F&L, Comit Factoring, Credem Factor, Credit Factoring, Deutsche Bank Factoring, Faber Factor, Factorcoop, Factor Industriale, Factorit, Farmafactoring, Fercredit, Fin-Eco Factoring, Fivefactor, Gallo & C., Ge Capital Finance, Ifis Factoring, Ifitalia, Mediofactoring, Merchant Leasing & Factoring, Padana Factoring, Pool Factor, Presto Leasing, Riesfactoring, San Paolo IMI, Savagest, Serfactoring, UFB Factoring Italia, Veneta Factoring. Il Consiglio di Assifact ha recentemente deciso di trasformare la preesistente Commissione Centrale Rischi nella nuova Commissione Tecnica Segnalazioni di vigilanza e di Centrale Rischi, la quale si prenderà carico di tutte le problematiche connesse alle segnalazioni in parola. Liliana Corti tel LE CIRCOLARI ASSIFACT Circolari Informative n. 03 del Calendario riunioni periodo gennaio-febbraio Circolari Tecniche n. 01 del Composizione Commissione Segnalazioni di vigilanza e di Centrale Rischi. Circolari Statistiche n. 04 del Risultati rilevazione sull attività di factoring nel 1998 n. 05 del Dischetto per la rilevazione dei dati statistici relativi all ANNO Barbara Perego tel ATTIVITA ASSOCIATIVE Svolte nel mese di febbraio Milano Stato avanzamento lavori progetto formazione (c/o Dida.El) Milano Consiglio Milano Stato avanzamento lavori progetto formazione (c/o Dida.El). Previste per il mese di marzo Milano Centrale Rischi Associativa (ABI) Milano Sottocomitato Associazioni di Prodotto (ABI) Barbara Perego tel DOCUMENTAZIONE DISTRIBUITA - Opuscolo associativo 10 domande e 10 risposte (ai Direttori) - Modulo d ordine copie aggiuntive rapporto Euro e intermediazione finanziaria non bancaria (ai Direttori) - Provvedimento dell Autorità Garante per la protezione dei dati personali in tema di esonero dall obbligo di informativa agli interessati relativamente ai dati raccolti presso terzi (Commissione Legale) Barbara Perego tel ORDINA OGGI Supplemento al numero 1 anno 1 MARZO 1999 di Fact & News Liliana Corti tel

5 O R D I N A O G G I... Supplemento al numero 1 - anno 1 - marzo 1999 di "Fact & News"

6 SOMMARIO DEL VOLUME ASSIFACT Associazione Italiana per il Factoring Gli Organi dell Associazione Il mercato del factoring e l attività associativa nel 1996/1997 Dati statistici Le Commissioni Tecniche Attività 1997 La domanda di factoring Sintesi dell indagine promossa da ASSIFACT Supporto multimediale alla formazione IL FACTORING Gli Associati Lo Statuto Sociale MODULO D'ORDINE Desideriamo acquistare n.... copie del volume al prezzo: riservato alle Associate di Lit (spedizione compresa) riservato alle non Associate di Lit (spedizione compresa) L'indirizzo al quale spedire i volumi è il seguente: La fattura dovrà essere indirizzata a: (NB: compilare se diverso dal destinatario dei volumi). (data) (timbro e firma) Da restituire a: ASSIFACT Via Cerva, MILANO FAX N

7 SOMMARIO DEL VOLUME ASSIFACT Associazione Italiana per il Factoring Gli Organi dell Associazione Struttura Il mercato del factoring e l attività associativa nel 1997/1998 Dati statistici Le Commissioni Tecniche Attività 1998 Il factoring: 10 domande e 10 risposte Supporti multimediali alla formazione: - Il Factoring - Valutazione della convenienza del factoring per la clientela Gli Associati Lo Statuto Sociale Elenco delle pubblicazioni Assifact MODULO D'ORDINE Desideriamo acquistare n.... copie del volume al prezzo: riservato alle Associate di Lit (spedizione compresa) riservato alle non Associate di Lit (spedizione compresa) L'indirizzo al quale spedire i volumi è il seguente: La fattura dovrà essere indirizzata a: (NB: compilare se diverso dal destinatario dei volumi). (data) (timbro e firma) Da restituire a: ASSIFACT Via Cerva, MILANO FAX N

8 1. Presentazione SOMMARIO DEI VOLUMI VOLUME I 2. Obiettivi e metodologie dell indagine 3. La domanda di factoring: una visione d insieme 4. Le caratteristiche delle imprese indagate 5. L analisi della domanda di factoring per zone geografiche, classi dimensionali, attività delle imprese 6. Il punto di vista dei non utilizzatori del factoring e dei debitori ceduti 7. Il comportamento delle diverse tipologie di clientela 8. Conclusioni VOLUME II 1. I risultati dell indagine: l analisi delle risposte 2. L analisi del campione di imprese MODULO D'ORDINE Desideriamo prenotare n.... copie del volume al prezzo: riservato alle Associate di Lit IVA riservato alle non Associate di Lit IVA L'indirizzo al quale spedire i volumi è il seguente:... C.A.. La fattura dovrà essere indirizzata a: (compilare se diverso dal destinatario dei volumi)... (data) (timbro e firma) 3. Il questionario d indagine Da restituire a: ASSIFACT FAX N

9 INDICE INTRODUZIONE TANCREDI BIANCHI Presidente dell'abi PAOLO SCIUMÉ Presidente dell'assifact ROBERTO RUOZI Prorettore dell'università.commerciale Luigi Bocconi, Presidente Onorario dell'assifact LE BANCHE ED IL FACTORING ROBERTO MAZZOTTA Presidente della Cassa di Risparmio delle Province Lombarde. LE IMPRESE ED IL FACTORING PAOLO SCOPAZZI Vice Direttore Generale Affari Economici e Societari, IBM Semea IL FACTORING E LO SVILUPPO DEL SISTEMA INDUSTRIALE LUCIO SCIALPI Direttore Centrale dell'area Economia e Impresa, Confindustria LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE COME UTENTE DEL FACTORING ANTONIO CATRICALÀ Consigliere di Stato IL FACTORING NELLA PROSPETTIVA DEL TESTO UNICO SUL CREDITO RENZO COSTI Ordinario di diritto commerciale, Università di Bologna MODULO D'ORDINE Desideriamo acquistare n.... copie del volume al prezzo di (spedizione compresa). L'indirizzo al quale spedire i volumi è il seguente: C.A.... La fattura dovrà essere indirizzata a: (compilare se diverso dal destinatario dei volumi) (data) (timbro e firma) LA REGOLAMENTAZIONE DELL'ATTIVITÀ DI FACTORING MARIO CARDILLO Capo Servizio della Vigilanza sulla Intermediazione Finanziaria, Banca d'italia IL SETTORE DEL FACTORING E LA LEGGE 52/91 ALESSANDRO CARRETTA Associato di Economia delle Aziende di credito, Università Commerciale Luigi Bocconi, Segretario Generale dell'assifact LEGGE 52 E NUOVO CONTRATTO DI FACTORING GIORGIO DE NOVA Ordinario di Diritto Civile, Università Statale di Milano PROFILI FISCALI DELL'OPERAZIONE DI FACTORING REMO DOMINICI Professore a contratto di Diritto Tributario, Università di Modena PROFILI CONTABILI DELL'OPERAZIONE DI FACTORING BRUNO GRILLO Audit Partner IL FACTORING NELLE ESPERIENZE INTERNAZIONALI PAOLO BOLZONI Direttore alla Pianificazione e Sviluppo,Factors Chain International CONCLUSIONI GIUSEPPE ZADRA Direttore Generale dell'associazione Bancaria Italiana Da restituire a: ASSIFACT FAX N

10 INDICE GENERALE Introduzione 1. LA TRANSIZIONE VERSO L'EURO: ASPETTI GENERALI 1.1. L'Euro nel quadro della prospettiva dell'unione Monetaria e dell'integrazione dei mercati europei 1.2. Gli aspetti istituzionali ed il quadro regolamentare dell'introduzione dell'euro 1.3. Euro e sistema economico: le principali implicazioni per famiglie, imprese e pubblica amministrazione 2. L'IMPATTO DELL'EURO SUL SISTEMA FINANZIARIO E SULLE ATTIVITÀ FINAN- ZIARIE NON BANCARIE 2.1. Le principali direttrici di cambiamento nel sistema finanziario: una visione d'insieme 2.2. La struttura dei bilanci e le performances degli intermediari finanziari 2.3. La contrattualistica e la tutela dei rapporti con la clientela 2.4. I profili tecnici, informatici e organizzativi 2.5. L'informazione della clientela e la tutela del consumatore 3. PROBLEMI E PROSPETTIVE DELLA TRAN- SIZIONE VERSO L'EURO DELL'INTERME- DIAZIONE FINANZIARIA NON BANCARIA 3.1. Percezione dell'euro e direttrici di cambiamento negli intermediari finanziari: risultati di una indagine empirica 3.2. Le principali conseguenze della transizione verso 1'euro ed i problemi aperti 4. ALLEGATI: I risultati dell'indagine empirica sull'impatto dell'euro sulle attività di credito al consumo e immobiliare, factoring e leasing MODULO D'ORDINE Desideriamo acquistare n.... copie del volume al prezzo di Lit IVA esclusa. L'indirizzo al quale spedire i volumi è il seguente: C.A.... La fattura dovrà essere indirizzata a: (compilare se diverso dal destinatario dei volumi) (data) (timbro e firma) Da restituire a: ASSIFACT FAX N

11 Numero copie Costo in lire (2) Personalizzazione (1) IL FACTORING - 10 DOMANDE E 10 RISPOSTE SI NO IL FACTORING - 10 DOMANDE E SI NO RISPOSTE (1): In caso di personalizzazione, invieremo, su richiesta, il nostro logo e altro materiale su file (2): IVA esclusa - Spedizione inclusa MODULO D'ORDINE Desideriamo acquistare n.... copie del volume al prezzo di Lit IVA esclusa. L'indirizzo al quale spedire i volumi è il seguente: C.A.... La fattura dovrà essere indirizzata a: (compilare se diverso dal destinatario dei volumi) (data) (timbro e firma) Da restituire a: ASSIFACT FAX N

12 Numero copie Costo in lire (2) Personalizzazione (1) SINTESI DELL' INDAGINE SULLA DOMANDA DI FACTORING SI NO SINTESI DELL' INDAGINE SULLA SI NO DOMANDA DI FACTORING (1): In caso di personalizzazione, invieremo, su richiesta, il nostro logo su file (2): IVA esclusa - Spedizione inclusa L'indirizzo al quale spedire i volumi è il seguente: TIMBRO E FIRMA Alla c.a. di:.. La fattura dovrà essere indirizzata a: (NB: compilare se diverso dal destinatario dei volumi) Restituire il presente modulo a: ASSIFACT FAX N

13 Corso multimediale di formazione factoring-base Il prodotto, disponibile in ambiente CD-Rom, ma riversabile anche su dischetti in ambiente DOS, presenta i diversi argomenti (Inquadramento del factoring nelle problematiche di gestione e finanziamento dei crediti dell'impresa; caratteristiche e tipologie dello strumento; mercato del factoring; valutazione della convenienza del factoring per la clientela; attività delle società di factoring; vendita del factoring) secondo una logica unitaria ed è orientato a porre in risalto le specificità dello strumento dal punto di vista sia della domanda che dell'offerta. Esso può essere destinato, nell'ambito di piani di "autoformazione" individuale o con il supporto di tutor/docenti interni, al personale commerciale e amministrativo delle società di factoring, al personale di banche o di altri soggetti comunque preposti alla distribuzione e vendita del factoring, alla clientela finale. Il supporto multimediale è stato inoltre concepito in modo tale da consentire, in relazione alle diverse tipologie di utenti e ad altre specifiche esigenze formative ed informative, una "navigazione" selettiva tra le diverse tematiche presentate, opportunamente prescelte da ciascuna Associata. Il Sig. della Società RICHIESTA DI INFORMAZIONI desidera essere contattato da Assifact per avere maggiori informazioni (contenuto, prezzo, ecc.) relativamente al corso di formazione factoring-base. (data) (timbro e firma) Da restituire a: ASSIFACT - FAX N

14 Corso multimediale di formazione Valutazione della convenienza del factoring per la clientela L' Associata (Nome società) aderisce al progetto SI NO Costo previsto: Lit IVA (*) (*) Il costo potrà essere precisamente individuato una volta noto il numero di Associate aderenti. Restituire il presente modulo a: ASSIFACT Via Cerva, MILANO FAX N

15 S E G NA L I A M O I N O LT R Ẹ.....

16 Assifact Associazione Italiana per il Factoring Presidenza e Segreteria: Via Cerva, Milano MI Telefono(02) Telefax: (02) SITO WEB: Codice Fiscale Partita I.V.A

Con la presente scrittura tra

Con la presente scrittura tra Accordo per assicurare la liquidità alle imprese creditrici dei Comuni e delle Province della Regione Emilia-Romagna attraverso la cessione pro-soluto dei crediti a favore di banche od intermediari finanziari

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO BANCA DEGLI ERNICI di Credito Cooperativo SCpA VIA ROMANA SELVA, SNC - 03039 - SORA (FR) Tel. : 07768520 - Fax: 0776852030 Email:info@bancadegliernici.it

Dettagli

AFFIDAMENTI PER ANTICIPI SU FATTURE E CONTRATTI

AFFIDAMENTI PER ANTICIPI SU FATTURE E CONTRATTI DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI - (Titolo VI Testo Unico Bancario - D. Lgs. 385/1993) FOGLIO INFORMATIVO Il presente Foglio

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE.

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. Casi pratici sulla corretta registrazione delle operazioni attinenti la gestione collettiva del risparmio

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008.

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008. Offerta pubblica di sottoscrizione di CAPITALE SICURO prodotto finanziario di capitalizzazione (Codice Prodotto CF900) Il presente Prospetto Informativo completo si compone delle seguenti parti: Parte

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo Agrobresciano Soc. Coop. Piazza Roma, 17-25016 - GHEDI (BS) Tel. : 03090441 - Fax: 0309058501 Email:

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY

25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY 25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY Milano, ATAHOTELS Via Don Luigi Sturzo, 45 LA GESTIONE DEI PROGETTI NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DEL FUTURO. I SUOI RIFLESSI NEI

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Ai Signori Segretari Regionali

Ai Signori Segretari Regionali Venezia, 14 GEN. 1993, prot. n. 313/SGP Oggetto: L. 7 agosto 1990, n. 241 Ai Signori Segretari Regionali Ai Signori Assistenti Alla Segreteria Generale Ai Signori Assistenti Alla Segreteria per il Territorio

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI PESCIA-CREDITO COOPERATIVO SOC.COOP. Via Alberghi n. 26-51012 - PESCIA (PT) Tel. : 0572-45941 - Fax: 0572-451621 Email:

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI SEZIONE I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE 1. Premessa La disciplina delle operazioni con parti

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30 11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI Il settore della PA è tra le priorità dell agenda

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

Price list per il servizio di Non-Executing Broker. Ai sensi di quanto previsto all art. 3.3.4 del Regolamento

Price list per il servizio di Non-Executing Broker. Ai sensi di quanto previsto all art. 3.3.4 del Regolamento Price list per il servizio di Non-Executing Broker Ai sensi di quanto previsto all art. 3.3.4 del Regolamento In vigore dal 1 marzo 2015 Indice 1.0 2.0 3.0 Corrispettivo annuale di accesso al servizio

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

CASSETTE DI SICUREZZA, DEPOSITI CHIUSI, CUSTODIA PELLICCE INFORMAZIONI SULLA BANCA

CASSETTE DI SICUREZZA, DEPOSITI CHIUSI, CUSTODIA PELLICCE INFORMAZIONI SULLA BANCA Conforme alle disposizioni di vigilanza sulla trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari e degli artt. 115 e segg. T.U.B aggiornamento 21-apr-2015 CASSETTE DI SICUREZZA, DEPOSITI CHIUSI,

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

STUDIO E REALIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI GESTIONE INTEGRATO DEI COLOMBI DI CITTÀ

STUDIO E REALIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI GESTIONE INTEGRATO DEI COLOMBI DI CITTÀ Il 6 e 7 novembre 2014 INFFU organizza a Roma il I corso nazionale di Igiene Urbana: STUDIO E REALIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI GESTIONE INTEGRATO DEI COLOMBI DI CITTÀ Accreditato ECM dall Istituto Zooprofilattico

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE OPERAZIONI CON SOGGETTI COLLEGATI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE OPERAZIONI CON SOGGETTI COLLEGATI REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE OPERAZIONI CON SOGGETTI COLLEGATI EDIZIONE NOVEMBRE 2010 Approvato dal Consiglio d Amministrazione in data 30 Novembre 2010 Indice Premessa...3 A. PARTE GENERALE...5 1. Inquadramento...5

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

OPERATIVITA' ESTERO E ORDINARI IN DIVISA

OPERATIVITA' ESTERO E ORDINARI IN DIVISA Foglio N. 6.07.0 informativo Codice Prodotto Redatto in ottemperanza al D.Lgs. 385 del 1 settembre 1993 Testo Unico delle leggi in materia bancarie creditizia (e successive modifiche ed integrazioni) e

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI CONFERITI DAL COMUNE DI DESIO

INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI CONFERITI DAL COMUNE DI DESIO Area Affari Generali Servizio Società Partecipate INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI CONFERITI DAL COMUNE DI DESIO Di seguito si riportano i dati relativi alle partecipazioni in società

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04 SWIM SKF World-class Invoice Matching Specifiche SKF per fatture e documenti di consegna Rev 04 Indice 1 Scopo...3 2 Introduzione...3 3 Dati contenuti in fattura...3 4 Dati obbligatori richiesti in una

Dettagli

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Articolo 1 - Costituzione E' costituita una Associazione denominata: Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione (CIIP)

Dettagli

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Premessa I Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi - sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Comune di Bagnacavallo

Comune di Bagnacavallo CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: SETTORE SEGRETERIA RESPONSABILE: GRATTONI ANGELA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Settore Segreteria 1 SETTORE SEGRETERIA

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

www.pwc.com PwC Forensic Services La nostra esperienza 5 novembre 2014

www.pwc.com PwC Forensic Services La nostra esperienza 5 novembre 2014 www.pwc.com La nostra esperienza 5 novembre 2014 La nostra esperienza Quando intervenire? 1. Preventivamente, nel caso in cui l'azienda operi in misura rilevante con soggetti che si dichiarano esportatori

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli