OSSFIN Osservatorio sugli intermediari finanziari specializzati nel leasing, factoring e credito al consumo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OSSFIN Osservatorio sugli intermediari finanziari specializzati nel leasing, factoring e credito al consumo"

Transcript

1 r OSSFIN Osservatorio sugli intermediari finanziari specializzati nel leasing, factoring e credito al consumo Settore: Factoring Rapporto 2010 Divisione Ricerche Claudio Dematté Copyright 2010 SDA Bocconi School of Management

2 Ossfin - Factoring Sintesi del rapporto tassi attivi e passivi L evoluzione del mercato del factoring: nel 2009 il flusso di crediti acquistati ha rilevato una riduzione pari a 3,09 per cento rispetto al Il turnover complessivo delle 31 società rientranti nel campione Return on equity Soff. nette/ant. Fact. 14,00% 12,00% 1 8,00% 6,00% 4,00% 2,00% RN/MP 7,03% 8,70% 8,84% 12,58% 11,79% 9,72% 6,00% 5,00% 4,00% 3,00% 2,00% 1,00% SPREAD 1,46% 1,23% 0,87% 1,34% 1,14% 1,37% IA 3,79% 3,65% 3,86% 4,64% 5,03% 2,75% IP 2,33% 2,42% 2,98% 3,30% 3,89% 1,38% 2,50% 2,00% 1,50% 1,00% 0,50% SOFF. N./ANT. FACT. 2,15% 1,01% 0,50% 0,69% 0,51% 0,52% RETT.NETTE/ANT.FACT. -1,19% -0,67% -0,78% -0,46% -0,54% -0,71% 1,60% 1,40% 1,20% 1,00% spread 0,80% 0,60% 0,40% 0,20% -0,20% -0,40% -0,60% -0,80% -1,00% -1,20% -1,40% Rett. nette/ant. Fact. Ossfin 2010 è stato di circa 116,07 miliardi di euro. La variazione del turnover rispetto all anno precedente misurata sulla base del campione Ossfin ad assetto costante è stata pari a 3,48%. E proseguita nel 2009 la concentrazione del mercato. Le cinque società di maggiori dimensioni detenevano alla fine del 2009 una quota complessivamente pari al 73,16%. La società con la più elevata quota di mercato in termini di turnover controllava alla fine del 2009 il 23,26% del mercato. La redditività e la dinamica dei margini: la performance economica del complesso delle società di factoring è lievemente peggiorata rispetto all esercizio precedente sia in termini di return on equity (ROE) sia in termini di return on assets (ROA). Lo spread fra tasso medio attivo e tasso medio passivo è aumentato rispetto all'esercizio precedente. La gestione servizi nel 2009 ha avuto un minor peso nella determinazione del complessivo margine di intermediazione, in conseguenza della forte riduzione della componente pro soluto del turnover complessivo. Le commissioni unitarie sono aumentate rispetto all esercizio precedente. La gestione operativa e la produttività: nel 2009 la gestione operativa ha evidenziato risultati contrastanti in termini di efficienza e di produttività. La composizione dell attivo e la qualità dei crediti: mentre la composizione dell attivo non presenta significative variazioni rispetto all esercizio precedente, la qualità del portafoglio crediti è lievemente peggiorata in termini di rapporto fra sofferenze nette e anticipi factoring. Le politiche di finanziamento: la struttura finanziaria del complesso delle società di factoring è stata caratterizzata nel 2009 da un minor utilizzo della leva finanziaria, pur permanendo significativamente diverso il grado di sfruttamento della leva all interno dei due peer group. Copyright 2010 SDA Bocconi School of Management 1

3 Ossfin - Factoring Indice SINTESI DEL RAPPORTO OSSFIN: OSSERVATORIO SUGLI INTERMEDIARI FINANZIARI SPECIALIZZATI NEL LEASING, FACTORING E CREDITO AL CONSUMO LE CARATTERISTICHE E L EVOLUZIONE DEL SETTORE DEL FACTORING L ANALISI DELLA PERFORMANCE L ANALISI DEGLI EQUILIBRI ECONOMICI COMPLESSIVI La redditività delle società di factoring nel Il confronto con la redditività passata La redditività del capitale proprio La redditività del capitale investito L evoluzione del margine finanziario Il contributo della gestione servizi LA GESTIONE OPERATIVA E LA PRODUTTIVITÀ LA COMPOSIZIONE DELL ATTIVO E LA QUALITÀ DEI CREDITI LE POLITICHE DI FINANZIAMENTO UNA VISIONE COMPLESSIVA DELLA PERFORMANCE APPENDICE 1: I CRITERI DI RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO E DI CALCOLO DEGLI INDICATORI APPENDICE 2: IL CAMPIONE OSSFIN APPENDICE 3: I BILANCI DELLE SINGOLE SOCIETÀ COMPRESE NEL CAMPIONE OSSFIN APPENDICE 4: IL CAMPIONE COSTANTE OSSFIN NEL PERIODO APPENDICE 5: GLI EQUILIBRI GESTIONALI DELLE SOCIETÀ COMPRESE NEL CAMPIONE OSSFIN AD ASSETTO COSTANTE APPENDICE 6: IL RANKING DELLE DIVERSE SOCIETÀ IN TERMINI DI REDDITIVITÀ Copyright 2010 SDA Bocconi School of Management 3

4 Ossfin Factoring Appendice 6 Il ranking delle diverse società in termini di redditività Copyright 2010 SDA Bocconi School of Management 133

5 Ossfin Factoring NOTA METODOLOGICA Le tabelle che seguono propongono un ranking delle società comprese nel campione costante Ossfin Factoring in funzione della redditività media del patrimonio e della redditività media del capitale investito nel periodo Allo scopo di considerare, oltre al livello, anche la stabilità/variabilità dei risultati economici delle diverse società, sono state elaborate due ulteriori classifiche nelle quali la redditività media nell orizzonte temporale è stata rapportata rispettivamente alla deviazione standard del ROE medio e del ROA medio di ciascuna società. L idea sottostante a questo secondo ranking è quella di privilegiare società che, a parità di livello di redditività, hanno presentato una variabilità più contenuta del ROE e del ROA nell arco temporale considerato e, di conseguenza, una più ridotta deviazione standard di tali indicatori. 3 Il ROE è inteso, come di consueto, nell accezione Reddito netto all epoca N/Patrimonio netto all epoca N. Il patrimonio netto a denominatore è pertanto comprensivo del risultato economico dell esercizio. L accezione di ROA presa in considerazione fa invece riferimento a Reddito operativo all epoca N/Totale dell attivo all epoca N. Copyright 2010 SDA Bocconi School of Management 134

6 Ossfin Factoring ROE Medio CREDEM FACTOR 21,75% UNICREDIT FACTORING 19,98% ENEL.FACTOR 19,33% UBI FACTOR bilancio somma (1) 18,87% UBI FACTOR 17,59% FARMA FACTORING 17,20% FACTORIT 16,48% BANCA IFIS 16,05% COM FACTORING 15,91% S.G. FACTORING 15,80% UNICREDIT FACTORING bilancio somma (2) 15,16% AOSTA FACTORING 14,26% MEDIOFACTORING 12,84% MELIORFACTOR 12,26% MEDIOFACTORING bilancio somma (3) 11,90% FERCREDIT 10,49% CENTRO FACTORING 9,58% FACTORCOOP 8,13% FIDIS 7,65% IFITALIA 7,20% EMIL-RO FACTOR 6,89% SER FACTORING 6,28% ABF FACTORING 5,59% GENERAL FINANCE 1,72% MPS LEASING&FACTORING 1,55% G.E. CAPITAL FINANCE -3,48% RIES FACTORING -18,31% (1) I dati di UBI Factor bilancio somma si riferiscono alla somma dei bilanci di CBI Factor per il periodo , di Veneta Factoring per il 2004 e di UBI Factor per il periodo (2) I dati di Unicredit Factoring bilancio somma si riferiscono alla somma dei bilanci di Unicredit Factoring per il periodo e di MCC per il periodo , in virtù dell integrazione in Unicredit Factoring del ramo aziendale factoring di MCC a fine (3) I dati di Mediofactoring bilancio somma si riferiscono alla somma dei bilanci di Mediofactoring per il periodo e di Faber Factor per il periodo Copyright 2010 SDA Bocconi School of Management 135

La valutazione della performance degli operatori specializzati nel factoring: un confronto temporale e un analisi intersettoriale

La valutazione della performance degli operatori specializzati nel factoring: un confronto temporale e un analisi intersettoriale La valutazione della performance degli operatori specializzati nel factoring: un confronto temporale e un analisi intersettoriale di Pierpaolo Ferrari Università degli Studi di Brescia e SDA Bocconi Discussion

Dettagli

Emilia Romagna Factor SpA. I Soci. Il Gruppo BPER. Cos è il factoring. Factoring pro solvendo. Factoring pro soluto.

Emilia Romagna Factor SpA. I Soci. Il Gruppo BPER. Cos è il factoring. Factoring pro solvendo. Factoring pro soluto. Emilia Romagna Factor SpA I Soci Il Gruppo BPER Cos è il factoring Factoring pro solvendo Factoring pro soluto Export factoring Maturity factoring Vantaggi Contatti Emil-Ro Factor S.p.A. è stata costituita

Dettagli

Leasing, factoring e credito al consumo: l impatto della crisi finanziaria sulla performance di settore

Leasing, factoring e credito al consumo: l impatto della crisi finanziaria sulla performance di settore 07-Ferrari (III)_73_83_07-Ferrari (III)_73_83 10/11/14 16.30 Pagina 73 73, factoring e credito al : l impatto della crisi finanziaria sulla performance di settore, factoring and consumer credit in Italy:

Dettagli

LA RIVISTA DELLA LOCAZIONE FINANZIARIA. anno XI n. 5 Settembre-Ottobre 2015 5,00. creative C/1516/2008

LA RIVISTA DELLA LOCAZIONE FINANZIARIA. anno XI n. 5 Settembre-Ottobre 2015 5,00. creative C/1516/2008 LA RIVISTA DELLA LOCAZIONE FINANZIARIA anno XI n. 5 Settembre-Ottobre 2015 5,00 C/1516/2008 creative La funzione di finanziamento che si realizza mediante il prodotto factoring (e.g. factoring con accredito

Dettagli

Negli ultimi anni è cresciuto in modo significativo, nell ambito

Negli ultimi anni è cresciuto in modo significativo, nell ambito LEASING, FACTORING E CREDITO Caratteristiche settoriali e performance degli intermediari finanziari PIERPAOLO FERRARI SDA Professor Area Intermediazione Finanziaria e Assicurazioni, professore associato

Dettagli

STAR Conference 2008 Londra 9 Ottobre

STAR Conference 2008 Londra 9 Ottobre STAR Conference 2008 Londra 9 Ottobre Highlights Mercato del factoring e posizionamento del Gruppo Strategia Dati economico-finanziari consolidati Allegati Il Credit Crunch : impatto sull operatività di

Dettagli

Highlights. Strategia e Piano Industriale. Dati economico-finanziari consolidati. Allegati

Highlights. Strategia e Piano Industriale. Dati economico-finanziari consolidati. Allegati 2 Q 2009 Highlights Strategia e Piano Industriale Dati economico-finanziari consolidati Allegati L attuale contesto di mercato: un opportunità per Banca IFIS Le difficoltà delle PMI e e le opportunità

Dettagli

STAR CONFERENCE 2008. Amministratore Delegato Giovanni Bossi. Direttore Generale Alberto Staccione

STAR CONFERENCE 2008. Amministratore Delegato Giovanni Bossi. Direttore Generale Alberto Staccione STAR CONFERENCE 2008 Amministratore Delegato Giovanni Bossi Direttore Generale Alberto Staccione Highlights Mercato del factoring e posizionamento del Gruppo Dati economico-finanziari consolidati Strategia

Dettagli

L ANALISI PER INDICI

L ANALISI PER INDICI Obiettivo dell analisi per indici è la valutazione delle scelte dell imprenditore attraverso la misurazione degli effetti economici, finanziari e patrimoniale prodotti dalle stesse. La corretta misurazione

Dettagli

Sommario. 1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio. 2. Come impostare l analisi di bilancio

Sommario. 1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio. 2. Come impostare l analisi di bilancio 1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio 1.1. Premessa... 3 1.2. L evoluzione dell analisi di bilancio... 3 1.3. Utilità e limiti dell analisi di bilancio... 6 1.4. Gli strumenti di analisi...

Dettagli

AEF 15 aprile 2005: Modelo de éxito del factoring en Italia

AEF 15 aprile 2005: Modelo de éxito del factoring en Italia AEF 15 aprile 2005: Modelo de éxito del factoring en Italia Alessandro Carretta Professore ordinario di Economia degli intermediari finanziari Università Tor Vergata Roma Segretario Generale Associazione

Dettagli

Risultati 30 settembre 2010

Risultati 30 settembre 2010 Risultati 30 settembre 2010 Il modello di business Strategia e linee di sviluppo Dati economico-finanziari consolidati Allegati Banca IFIS: innovazione per le PMI In un contesto di mercato ancora difficile,

Dettagli

Benvenuti in Banca di San Marino. Welcome to Banca di San Marino

Benvenuti in Banca di San Marino. Welcome to Banca di San Marino Benvenuti in Banca di San Marino Welcome to Banca di San Marino INDICE / CONTENTS LE FILIALI / THE BRANCHES IL GRUPPO / THE GROUP N. Azionisti 1.987 9,87% N. Soci 399 90,13% Cap. Sociale 114.616.800

Dettagli

La redditività e l efficienza delle Sgr immobiliari

La redditività e l efficienza delle Sgr immobiliari 37 La redditività e l efficienza delle Sgr immobiliari The challenge of efficiency for Italian real estate fund management companies Claudio Giannotti, Università Lum Jean Monnet di Casamassima Gianluca

Dettagli

1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio. 2. Come impostare l analisi di bilancio. 3. La riclassificazione dello Stato patrimoniale

1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio. 2. Come impostare l analisi di bilancio. 3. La riclassificazione dello Stato patrimoniale 1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio 1.1. Premessa... pag. 3 1.2. L evoluzione dell analisi di bilancio... pag. 3 1.3. Utilità e limiti dell analisi di bilancio... pag. 6 1.4. Gli strumenti

Dettagli

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring La finanza delle imprese tra crisi e ripresa Mario Valletta Università degli Studi

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

Regole, reputazione e mercato Cagliari, 4 febbraio 2011

Regole, reputazione e mercato Cagliari, 4 febbraio 2011 Regole, reputazione e mercato Cagliari, 4 febbraio 2011 Gli intermediari finanziari: quadro competitivo e fabbisogni di regolamentazione Alessandro Carretta Università di Roma Tor Vergata Associazione

Dettagli

Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V. Indice. Introduzione

Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V. Indice. Introduzione Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V Indice XI Introduzione 3 CAPITOLO 1 Il valore come sintesi degli obiettivi aziendali 3 1.1 Evoluzione e contenuti della funzione finanziaria d

Dettagli

Anno 17 Numero 2 Maggio - Giugno 2015 ISSN 1972-3970 INDICE

Anno 17 Numero 2 Maggio - Giugno 2015 ISSN 1972-3970 INDICE ASSIFACT VIA CERVA, 9 20122 MILANO TEL. 0276020127 FAX 027609 ASSIFACT@ASSIFACT.IT WWW.ASSIFACT.IT Anno 17 Numero 2 Maggio - Giugno ISSN 1972-3970 INDICE Pag. 2 Pag. 4 Il mercato italiano del factoring

Dettagli

RELAZIONE ASSEMBLEA ANNUALE ASSIFACT

RELAZIONE ASSEMBLEA ANNUALE ASSIFACT ASSIFACT VIA CERVA, 9 20122 MILANO TEL. 0276020127 FAX 0276020159 ASSIFACT@ASSIFACT.IT WWW.ASSIFACT.IT Anno 17 Numero 3 Luglio - Agosto 2015 ISSN 1972-3970 INDICE RELAZIONE ASSEMBLEA ANNUALE ASSIFACT 16

Dettagli

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017. Milano, 25.03.2014

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017. Milano, 25.03.2014 Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017 Milano, 25.03.2014 Agenda I Profilo del Gruppo II Dinamica delle attività III Risultati di esercizio al 31.12.2013

Dettagli

Gestione finanziaria e ciclo di vita dell impresa

Gestione finanziaria e ciclo di vita dell impresa Gestione finanziaria e ciclo di vita dell impresa Condizioni di equilibrio finanziario Il modello di equilibrio finanziario dinamico dell impresa può essere definito con l impiego delle seguenti variabili:

Dettagli

I dati riportati nella presente sezione 3 INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE sono aggiornati al 31.12.2012 e vengono rivisti annualmente.

I dati riportati nella presente sezione 3 INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE sono aggiornati al 31.12.2012 e vengono rivisti annualmente. 3. INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE AVIVA VITA - PRO FUTURO PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO FONDO PENSIONE Data di efficacia della presente Sezione: 1 aprile 2013 INFORMAZIONI

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

la banca italiana per l impresa CONVEGNO APIVERONA Finanza per le PMI : Come perché cedere i crediti nel 2011

la banca italiana per l impresa CONVEGNO APIVERONA Finanza per le PMI : Come perché cedere i crediti nel 2011 la banca italiana per l impresa CONVEGNO APIVERONA Finanza per le PMI : Come perché cedere i crediti nel 2011 Febbraio 2011 Finanza a supporto della crescita delle PMI Finanza a breve termine La capacità

Dettagli

Fondi Managed, oltre gli alti e bassi dei mercati

Fondi Managed, oltre gli alti e bassi dei mercati Fondi Managed, oltre gli alti e bassi dei mercati Oltre gli schemi, verso nuove opportunità d investimento Adottare un approccio di gestione standard, che utilizza l esposizione azionaria come un indicatore

Dettagli

Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 12 Novembre 2015

Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 12 Novembre 2015 Rapporto sulla Stabilità Finanziaria Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia Università Bocconi, 12 Novembre 2015 Indice o I rischi macroeconomici o I rischi settoriali: famiglie e imprese

Dettagli

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto)

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2.1. Dati significativi di gestione Nelle pagine che seguono sono rappresentate le principali grandezze economico-patrimoniali, ottenute dalla

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione Relazione economica Posso dire che ritengo oggi ci siano tutte le condizioni per riportare la Banca al ruolo che le compete anche grazie all impegno dei colleghi, che ho potuto apprezzare in questo periodo,

Dettagli

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio.

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio. anno centodiciannovesimo esercizio Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013 esercizio CXIX 16. Il sistema finanziario Gli andamenti nell anno Nel il sistema finanziario

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione, denominata

Dettagli

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI In un contesto ancora debole, il esprime una redditività in crescita continuando

Dettagli

EVOLUZIONE E TENDENZE DEL MERCATO BANCARIO ITALIANO

EVOLUZIONE E TENDENZE DEL MERCATO BANCARIO ITALIANO EVOLUZIONE E TENDENZE DEL MERCATO BANCARIO ITALIANO Giorgio Gobbi Servizio Stabilità finanziaria Banca d Italia Traccia dell intervento La crisi segna uno spartiacque epocale per le banche italiane come

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

LEASING, FACTORING E CREDITO AL CONSUMO: BUSINESS MATURI E IN DECLINO O CASH COW?

LEASING, FACTORING E CREDITO AL CONSUMO: BUSINESS MATURI E IN DECLINO O CASH COW? Università degli Studi di Brescia Dipartimento di Economia Aziendale Pierpaolo FERRARI LEASING, FACTORING E CREDITO AL CONSUMO: BUSINESS MATURI E IN DECLINO O CASH COW? Paper numero 77 Giugno 2008 LEASING,

Dettagli

continuazione CORSO ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI II Testi di riferimento PROGRAMMA Parte relativa alla gestione dei rischi bancari

continuazione CORSO ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI II Testi di riferimento PROGRAMMA Parte relativa alla gestione dei rischi bancari continuazione CORSO ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI II 3) Rischi e redditività ruolo del capitale allocazione del capitale valutazione della performance della banca e dei singoli centri operativi

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E IL BILANCIO D ESERCIZIO A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LE NOZIONI DI CONTABILITÀ GENERALE E BILANCIO

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con il Consiglio Regionale dell Economia

Dettagli

Gli equilibri gestionali degli intermediari finanziari

Gli equilibri gestionali degli intermediari finanziari Gli equilibri gestionali degli intermediari finanziari I tre equilibri gestionali Equilibrio reddituale capacità di generare performance positive nel tempo Dipende dalla struttura dei costi e dei ricavi

Dettagli

Milano, mercoledì 20 febbraio 2013. Park Hyatt Hotel INDICE PRESS KIT

Milano, mercoledì 20 febbraio 2013. Park Hyatt Hotel INDICE PRESS KIT L Italia non è un Paese per crediti? La finanza delle imprese italiane nel 2013 tra deleverage, debiti della Pubblica Amministrazione e sofferenze bancarie: una sfida per il nuovo governo Milano, mercoledì

Dettagli

ECCELLENZA IMPRENDITORIALE: IL VALORE

ECCELLENZA IMPRENDITORIALE: IL VALORE ECCELLENZA IMPRENDITORIALE: IL VALORE DELL INTERNAZIONALIZZAZIONE PER LE IMPRESE ITALIANE Copyright SDA Copyright Bocconi 2008 SDA Bocconi 2008 Alberto Dell Acqua - Leonardo L. Etro SDA Bocconi School

Dettagli

1.3. Le analisi di bilancio nell azienda di oggi pag. 7 1.4. La struttura del volume pag. 11

1.3. Le analisi di bilancio nell azienda di oggi pag. 7 1.4. La struttura del volume pag. 11 1. Le analisi di bilancio: note evolutive ed introduttive 1.1. Introduzione pag. 3 1.2. Le analisi di bilancio nella tradizione degli studi economicoaziendali italiani pag. 3 1.3. Le analisi di bilancio

Dettagli

Prestiti bancari alle imprese (1) (variazioni percentuali sui 12 mesi e punti percentuali) -10 2007

Prestiti bancari alle imprese (1) (variazioni percentuali sui 12 mesi e punti percentuali) -10 2007 . IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE..1 I prestiti alle imprese Nei dodici mesi terminanti a giugno 14, i prestiti bancari alle imprese si sono contratti del, per cento al Centro Nord e del,4 per cento nelle

Dettagli

I modulo - Bilancio ed indicatori -

I modulo - Bilancio ed indicatori - I modulo - Bilancio ed indicatori - sommario INTRODUZIONE INTRODUZIONE Basics Basicssul sul bilancio bilancio Il Il bilancio bilancio XYZ XYZ e le le riclassificazioni riclassificazionidegli degli schemi

Dettagli

FINANZA D IMPRESA Z6055 20 NOVEMBRE 2015 20 FEBBRAIO 2016. IV Edizione / Formula weekend. Amministrazione finanza e controllo

FINANZA D IMPRESA Z6055 20 NOVEMBRE 2015 20 FEBBRAIO 2016. IV Edizione / Formula weekend. Amministrazione finanza e controllo FINANZA D IMPRESA 2015 Amministrazione finanza e controllo Z6055 IV Edizione / Formula weekend 20 NOVEMBRE 2015 20 FEBBRAIO 2016 REFERENTE SCIENTIFICO DELL'INIZIATIVA Raffaele Oriani, Professore Associato

Dettagli

Analisi finanziaria: indici di bilancio

Analisi finanziaria: indici di bilancio Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Analisi finanziaria: indici di bilancio Capitolo 4 degli argomenti 1. I quozienti nelle analisi finanziarie A. Equilibrio finanziario

Dettagli

CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A.

CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A. CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A. IMPORTANTE SOSTEGNO ALL ECONOMIA Prestiti a clientela (1) : +5,3% a/a (vs sistema -0,6%

Dettagli

L analisi complessiva della struttura del bilancio aziendale e la valutazione delle singole poste: la descrizione complessiva

L analisi complessiva della struttura del bilancio aziendale e la valutazione delle singole poste: la descrizione complessiva Lunedì 19 gennaio 2004 L analisi complessiva della struttura del bilancio aziendale e la valutazione delle singole poste: la descrizione complessiva 9.30-10.00 Dott.ssa. D. Ventrone Presentazione del corso.

Dettagli

PRINCIPI DI FINANZA. Formula Week end 9 Maggio 2014 / 12 Luglio 2014 Z6041 AREA AMMINISTRAZIONE FINANZA E CONTROLLO

PRINCIPI DI FINANZA. Formula Week end 9 Maggio 2014 / 12 Luglio 2014 Z6041 AREA AMMINISTRAZIONE FINANZA E CONTROLLO - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA AMMINISTRAZIONE FINANZA E CONTROLLO

Dettagli

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO COMUNICATO STAMPA Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO In forte accelerazione i flussi commerciali, 56.000 nuovi clienti nei primi quattro mesi

Dettagli

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 SCHEDA DI SINTESI E INDICATORI DI GESTIONE Situazione al Variazione % 31/12/07 30/09/07 31/12/06

Dettagli

rappor r to t sul leasing anno 2013

rappor r to t sul leasing anno 2013 rapporto sul leasing anno chiuso per la stampa il 26 aprile 2014 edito a cura dell Area Studi e Statistiche Assilea Servizi S.u.r.l. responsabile del progetto Beatrice Tibuzzi realizzato con la collaborazione

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario Gli indici di bilancio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie

Dettagli

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS Comunicato stampa Mestre, 29 aprile 2010 Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS UTILI IN FORTE CRESCITA: +107,8% SUL 4 TRIMESTRE 2009, +13,9% SUL 1 TRIMESTRE

Dettagli

Claudio Teodori, Cristian Carini Università degli Studi di Brescia - Health & Wealth. Il focus sui bilanci e la valutazione del rischio

Claudio Teodori, Cristian Carini Università degli Studi di Brescia - Health & Wealth. Il focus sui bilanci e la valutazione del rischio Claudio Teodori, Cristian Carini Università degli Studi di Brescia - Health & Wealth Il focus sui bilanci e la valutazione del rischio Struttura dell intervento 1. Gli obiettivi perseguiti 2. La metodologia

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Utile netto consolidato a 75,3 milioni di euro: risente dell andamento negativo

Dettagli

Investimento Immobiliare Mercato, valutazione, rischio e portafogli

Investimento Immobiliare Mercato, valutazione, rischio e portafogli Investimento Immobiliare Mercato, valutazione, rischio e portafogli Martin Hoesli Giacomo Morri Capitolo 2 RENDIMENTO E RISCHIO DI UN INVESTIMENTO IMMOBILIARE Agenda Rendimento - Rendimenti immediati -

Dettagli

10 domande e 10 risposte

10 domande e 10 risposte 10 domande e 10 risposte Lo sapevate che... Il factoring è uno strumento per gestire professionalmente i crediti ed è un complemento ideale del finanziamento bancario. Il factoring è utile per tutte le

Dettagli

Il Roe è il migliore indicatore di performance? Il Roe è il migliore indicatore di performance? Le alternative al reddito sono molto significative.

Il Roe è il migliore indicatore di performance? Il Roe è il migliore indicatore di performance? Le alternative al reddito sono molto significative. Il Roe è il migliore indicatore di performance? Gli schemi di analisi si basano sull assunto che il Roe sia un valido indicatore sintetico della performance. In realtà, il Roe è solamente uno degli indicatori

Dettagli

L analisi del bilancio di esercizio

L analisi del bilancio di esercizio L analisi del bilancio di esercizio 1 Le Fasi A. Raccolta dei dati di bilancio B. Riclassificazione del bilancio C. Determinazione ed utilizzo di uno schema di analisi D. Interpretazione dei risultati

Dettagli

ALFA BETA SRL. Report Analitico. - Riclassificazione finanziaria Stato Patrimoniale - Riclassificazione Conto Economico a Valore aggiunto

ALFA BETA SRL. Report Analitico. - Riclassificazione finanziaria Stato Patrimoniale - Riclassificazione Conto Economico a Valore aggiunto Report Analitico RICLASSIFICAZIONI - Riclassificazione finanziaria Stato Patrimoniale - Riclassificazione Conto Economico a Valore aggiunto PROFILI DI ANALISI PER INDICI - A) Analisi dello sviluppo, dei

Dettagli

Università degli Studi di Teramo Facoltà di Scienze della comunicazione Corso di Management e strategie aziendali prof.

Università degli Studi di Teramo Facoltà di Scienze della comunicazione Corso di Management e strategie aziendali prof. Corso di Management e strategie aziendali prof. Manuel e Nicola Università degli Studi di Teramo Facoltà di Scienze della Comunicazione Corso di Management e strategie aziendali Unità 1 Economia e management

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE ECONOMICA DELLO S.P. E DEL C.E.

RICLASSIFICAZIONE ECONOMICA DELLO S.P. E DEL C.E. RICLASSIFICAZIONE ECONOMICA DELLO S.P. E DEL C.E. La riclassificazione economica dello SP: La gestione dell impresa viene idealmente scomposta in aree omogenee di attività Le attività e le passività, i

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Abstract La relazione sulla gestione costituisce uno dei principali documenti allegati al bilancio d esercizio, il

Dettagli

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 30.06.2015 Il Piano Industriale 2015-2017. Roma, 23.09.2015

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 30.06.2015 Il Piano Industriale 2015-2017. Roma, 23.09.2015 Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 30.06.2015 Il Piano Industriale 2015-2017 Roma, 23.09.2015 Agenda I Profilo del Gruppo II Dinamica delle attività III Risultati di esercizio al 30.06.2015

Dettagli

L ANALISI DI BILANCIO E LA STRUTTURA FINANZIARIA OTTIMALE

L ANALISI DI BILANCIO E LA STRUTTURA FINANZIARIA OTTIMALE L ANALISI DI BILANCIO E LA STRUTTURA FINANZIARIA OTTIMALE 2015 Amministrazione finanza e controllo Z6050.1 III Edizione / Formula weekend 11 APRILE 9 MAGGIO 2015 REFERENTE SCIENTIFICO DELL'INIZIATIVA Raffaele

Dettagli

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Offerta al pubblico di RAIFFPLANET Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Raiffplanet Prudente Raiffplanet Equilibrata Raiffplanet Aggressiva (Mod. V 70REGFI-0311

Dettagli

Fondato nel 1910. Il Gruppo Credem TOP MANAGEMENT. Filiali, centri imprese e negozi finanziari. Dipendenti 5.852. Promotori finanziari

Fondato nel 1910. Il Gruppo Credem TOP MANAGEMENT. Filiali, centri imprese e negozi finanziari. Dipendenti 5.852. Promotori finanziari Il Gruppo Credem dati aggiornati al 30/06/2015 636 5.852 804 Filiali, centri imprese e negozi finanziari Dipendenti Promotori finanziari Fondato nel 1910 TOP MANAGEMENT Presidente Giorgio Ferrari Direttore

Dettagli

INDAGINE SUI CREDITI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 2011

INDAGINE SUI CREDITI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 2011 INDAGINE SUI CREDITI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 2011 Il presente rapporto riporta i principali risultati dell indagine sui crediti verso la Pubblica Amministrazione, svolta dall Associazione fra

Dettagli

Il bilancio per non addetti

Il bilancio per non addetti Il bilancio per non addetti Analisi di bilancio Relazione del Dr. Luca De Stefani info@studiodestefani.com Analisi di bilancio Il bilancio d esercizio non Å sufficiente ad esprimere tutte le informazioni

Dettagli

Indici di redditività. Gli indici di redditività. Pag. 1

Indici di redditività. Gli indici di redditività. Pag. 1 1 Indici di redditività Gli indici di redditività L analisi della redditività si pone l obiettivo di apprezzare l attitudine della gestione aziendale a remunerare il capitale che ha concorso alla sua formazione.

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Lindt Academy. Percorso di Formazione Manageriale

Lindt Academy. Percorso di Formazione Manageriale Academy Lindt Academy Percorso di Formazione Manageriale EDIZIONE 2010-2011 Academy Da dove siamo partiti Dal desiderio di definire un percorso che miri a soddisfare i fabbisogni formativi di giovani con

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 5. STRATEGIA, PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Pianificazione d azienda Pianificazione strategica Pianificazione

Dettagli

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2 RiViSTA PIANO DI LAVORO Eugenio Astolfi, Lucia Barale & Giovanna Ricci Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2 Tramontana Di seguito presentiamo il Piano di lavoro tratto dai materiali digitali per il docente

Dettagli

Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione

Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione Claudia Pelliccia CO.BA.CO. Srl ROMA, 12-13 DICEMBRE 2012

Dettagli

Analisi delle performance delle imprese del comparto macchine ACIMGA

Analisi delle performance delle imprese del comparto macchine ACIMGA Analisi delle performance delle imprese del comparto macchine ACIMGA - Jacopo Mattei SDA Bocconi e Università di Ferrara Milano, 2 Luglio 2015 SITUAZIONE GENERALE L analisi è stata condotta su un campione

Dettagli

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii Presentazione, di Roberto Ruozi 1 L attività bancaria 1.1 Una definizione di banca 1.2 Le origini del sistema bancario moderno 1.3 L evoluzione del sistema creditizio nel quadro europeo: concorrenza e

Dettagli

Capitolo XV. La gestione della finanza: investimenti e finanziamenti

Capitolo XV. La gestione della finanza: investimenti e finanziamenti Capitolo XV La gestione della finanza: investimenti e finanziamenti La funzione finanziaria Nella funzione finanziaria si comprende il complesso di decisioni e di operazioni volte a reperire e ad impiegare

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Il Bilancio delle Banche L impatto degli IAS nelle valutazioni di fine esercizio 2 Le tipicità delle banche Le valutazioni

Dettagli

Le politichedegliimpieghi

Le politichedegliimpieghi Economia e Gestione degli Intermediari Finanziari Set 3 Le politichedegliimpieghi LIUC Università Cattaneo A.A. 2014-2015 Valter Lazzari I temi della lezione I prestiti nella gestione bancaria. I rischi

Dettagli

Anno 9 Numero 5 Novembre - Dicembre 2007 ISSN 1972-3970

Anno 9 Numero 5 Novembre - Dicembre 2007 ISSN 1972-3970 SUPPLEMENTO: ASSEMBLEA ASSIFACT 2007 Anno 9 Numero 5 Novembre - Dicembre 2007 ISSN 1972-3970 ORGANIZZAZIONE E GOVERNO SOCIETARIO: COSA CAMBIA PER LE BANCHE ITALIANE Negli ultimi anni, il miglioramento

Dettagli

Risultati di Gruppo 2013. 17 Marzo 2014

Risultati di Gruppo 2013. 17 Marzo 2014 Risultati di Gruppo 213 17 Marzo 214 Principali evidenze Margine di Intermediazione in crescita anno su anno (+2,5%) grazie al: Margine Finanziario sostanzialmente stabile, -,4% a/a, ed in significativo

Dettagli

BANCHE ARGOMENTI. Struttura finanziaria delle aziende di credito Principali aree gestionali La performance bancaria Struttura del sistema bancario

BANCHE ARGOMENTI. Struttura finanziaria delle aziende di credito Principali aree gestionali La performance bancaria Struttura del sistema bancario BANCHE A.A. 2015/2016 Prof. Alberto Dreassi adreassi@units.it DEAMS Università di Trieste ARGOMENTI Struttura finanziaria delle aziende di credito Principali aree gestionali La performance bancaria Struttura

Dettagli

LA MISURAZIONE DELLE PERFORMANCE COMMERCIALI NEL MODELLO ABI-SDA BOCCONI

LA MISURAZIONE DELLE PERFORMANCE COMMERCIALI NEL MODELLO ABI-SDA BOCCONI Workshop ABI Metriche di misurazione delle performance commerciali LA MISURAZIONE DELLE PERFORMANCE COMMERCIALI NEL MODELLO ABI-SDA BOCCONI Associazione Bancaria Italiana Funzione Ricerche e Analisi Daniela

Dettagli

2014 RAPPORTO SUL LEASING

2014 RAPPORTO SUL LEASING RAPPORTO SUL LEASING INDICE PREMESSA Leasing motore dell economia I numeri che contano di più 1. ll leasing nell attuale contesto economico di riferimento 1.1 Le dinamiche di PIL e investimenti Focus:

Dettagli

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 COMUNICATO STAMPA BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 Performance commerciale: +20% turnover factoring nei primi nove mesi 2015 a/a Outstanding CQS/CQP al 30 settembre 2015 pari

Dettagli

Perché le imprese ricorrono al factoring: evoluzione e prospettive del mercato del factoring

Perché le imprese ricorrono al factoring: evoluzione e prospettive del mercato del factoring Perché le imprese ricorrono al factoring: evoluzione e prospettive del mercato del factoring Nicoletta Burini Associazione Italiana per il Factoring - Assifact Reggio Emilia 5 giugno 2015 La gestione del

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

SDA Bocconi School of Management. seconda edizione

SDA Bocconi School of Management. seconda edizione SDA Bocconi School of Management seconda edizione l obiettivo del progetto formativo Creare condivisione, costruire e rafforzare l alleanza tra management della banca e direttori di filiale, fondata sulla

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 BILANCI Elaborazioni a: Settembre 2015 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Risultati economici 0. Analisi

Dettagli

Il Risk Management nelle SGR immobiliari tra regole e best practice

Il Risk Management nelle SGR immobiliari tra regole e best practice Il Risk Management nelle SGR immobiliari tra regole e best practice Gallipoli, Venerdì 2 luglio 2010 Claudio Giannotti Università LUM Laboratorio di Finanza immobiliare Dottorato di Ricerca in Banca e

Dettagli

FABBISOGNO DI FINANZIAMENTO

FABBISOGNO DI FINANZIAMENTO FABBISOGNO DI FINANZIAMENTO Fonti interne: autofinanziamento Fonti esterne: capitale proprio e capitale di debito Capitale proprio: deriva dai conferimenti dei soci dell azienda e prende il nome, in contabilità,

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE FONDO PENSIONE APERTO CARIGE INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE I dati e le informazioni riportati sono aggiornati al 31 dicembre 2006. 1 di 8 La SGR è dotata di una funzione di Risk Management

Dettagli

Il Factoring e le piccole e medie imprese

Il Factoring e le piccole e medie imprese Il Factoring e le piccole e medie imprese Uno strumento per migliorare le performance aziendali e ridurre i rischi finanziari delle PMI anche in ottica di Basilea 2 Marino Baratti Amministratore Delegato

Dettagli

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO Banche Intermediari creditizi non bancari Intermediari della securities industry Assicurazioni LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO Fonte Banca d Italia, Relazione

Dettagli