Madre Scolastica (81)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Madre Scolastica (81)"

Transcript

1 Gennaio/Febbraio 2015 Anno XLI Madre Scolastica (81) N. 1 Dal Governo Generale: Nuovo Governo della Provincia Italia Dalle Circoscrizioni: Prime Professioni e Professioni Perpetue di alcune sorelle Anniversari di nostre presenza in alcune Nazioni Assemblee e sessioni formative Dalla Famiglia Paolina: Capitolo Generale e nuovo Governo della Società San Paolo Centenario di Fondazione delle Figlie di San Paolo Dalla Chiesa/Mondo: Inizio della Quaresima con Papa Francesco 1

2 BOLLETTINO INFORMATIVO CONGREGAZIONE DELLE PIE DISCEPOLE DEL DIVIN MAESTRO Casa Generalizia Via Gabriele Rossetti, Roma Coordinamento e Redazione: Sr M. Sara Galati Sommario Scrivo a voi 3 Dal Governo Generale 5 Visite fraterne 5 Nuovo Governo della Provincia Italia 5 Formazione 5 Licenza in designi della comunicazione visiva 5 Madre Scolastica (81) 6 Dalle Circoscrizioni 8 Messico Riunione annuale delle Suore che svolgono il servizio 8 sacerdotale in Messico Irlanda Assemblea della Delegazione Irlanda 9 Brasile Nuovo sito web delle Pie Discepole in Brasile 9 Professione Perpetua di Sr. M. Júlia Cristina de Almeida 9 Italia Incontri per la Lectio Divina a Fabriano 10 Festa della Presentazione del Signore, nella Cattedrale di 10 Fabriano Corso biblico: il Vangelo secondo Marco e la sequela di Gesù 11 Corea/Nuova Zelanda 50 anniversario della presenza delle Pie Discepole in Corea 11 Prima Professione in Corea 11 Filippine/Taiwan/Hong-Kong Nuovo centro Apostolico nelle Filippine 12 Servizio dato dalle Pie Discepole durante il Viaggio Apostolico 12 di Papa Francesco nelle Filippine Polonia Incontro formativo nella Provincia Polonia 13 Colombia/Ecuador Esercizi spirituali e sessione formativa a Bogotà 13 Professione Perpetua di Sr. M. Elena Arcila Galeano 14 Cile Professione Perpetua di Sr. Liza María González Calderón anni di presenza delle Pie Discepole in Cile e 50 di vita 14 consacrata Portogallo Davanti al Divin Maestro per i consacrati e le consacrate 14 India Prima Professione nella Provincia India 15 Perù Settimana per catechisti a Lima 15 Africa Benedizione della casa della Delegazione a Kinshasa 15 Prima Professione nella Delegazione Africa 16 Venezuela Professione Perpetua di Sr. M. Chris Amador Farfan 16 Giappone Celebrazione del Dies Natalis nella Provincia Giappone 16 Argentina Prima Professione di Sr. M. Veronica Caramello 16 Dalla Famiglia Paolina 17 Società San Paolo X Capitolo Generale 17 Nuovo Governo generale ( ) 18 Figlie di San Paolo Apertura del centenario di Fondazione delle Figlie di San Paolo 18 Sito web del centenario delle Figlie di San Paolo 19 Suore di Gesù Buon Pastore Paysandú: in continuità e in novità! 19 Notizie Chiesa/Mondo 19 Nella Casa del Padre 21 Anniversari di Professione Religiosa 22 2

3 Carissime sorelle, Vi scrivo dalla comunità di New Delhi (India) dove mi trovo in visita alla Provincia con Sr Ana Maria Mazzurana e Sr M. Leticia Bantolinao. In questa grande Nazione dell immensa Asia, dove la presenza cristiana è una minoranza, iniziamo il cammino quaresimale in comunione con la Chiesa universale. La Parola di Dio ci accompagna nell itinerario pasquale di configurazione a Gesù Maestro che è sempre per noi Via, Verità, Vita. Da Lui impariamo a vivere le tre dimensioni della quaresima: preghiera, digiuno, elemosina. Così continua, per noi sue discepole, un esercizio continuo di uscita da sé, in una vita trasformata dalla carità. Papa Francesco nel suo messaggio quaresimale ricorda a tutta la comunità cristiana che La Quaresima è un tempo di rinnovamento per la Chiesa, le comunità e i singoli fedeli. Soprattutto però è un tempo di grazia (2 Cor 6,2). Dio non ci chiede nulla che prima non ci abbia donato: Noi amiamo perché egli ci ha amati per primo (1 Gv 4,19). Lui non è indifferente a noi. Ognuno di noi gli sta a cuore, ci conosce per nome, ci cura e ci cerca quando lo lasciamo. Ciascuno di noi gli interessa; il suo amore gli impedisce di essere indifferente a quello che ci accade. Però succede che quando noi stiamo bene e ci sentiamo comodi, certamente ci dimentichiamo degli altri (cosa che Dio Padre non fa mai), non ci interessano i loro problemi, le loro sofferenze e le ingiustizie che subiscono allora il nostro cuore cade nell indifferenza: mentre io sto relativamente bene e comodo, mi dimentico di quelli che non stanno bene. Questa attitudine egoistica, d indifferenza, ha preso oggi una dimensione mondiale, a tal punto che possiamo parlare di una globalizzazione dell indifferenza. Si tratta di un disagio che, come cristiani, dobbiamo affrontare. Quando il popolo di Dio si converte al suo amore, trova le risposte a quelle domande che continuamente la storia gli pone. Una delle sfide più urgenti sulla quale voglio soffermarmi in questo Messaggio è quella della globalizzazione dell indifferenza. L indifferenza verso il prossimo e verso Dio è una reale tentazione anche per noi cristiani. Abbiamo perciò bisogno di sentire in ogni Quaresima il grido dei profeti che alzano la voce e ci svegliano. Dio non è indifferente al mondo, ma lo ama fino a dare il suo Figlio per la salvezza di ogni uomo. Nell incarnazione, nella vita terrena, nella morte e risurrezione del Figlio di Dio, si apre definitivamente la porta tra Dio e uomo, tra cielo e terra. E la Chiesa è come la mano che tiene aperta questa porta mediante la proclamazione della Parola, la celebrazione dei Sacramenti, la testimonianza della fede che si rende efficace nella carità (cf Gal 5,6). Tuttavia, il mondo tende a chiudersi in se stesso e a chiudere quella porta attraverso la quale Dio entra nel mondo e il mondo in Lui. Così la mano, che è la Chiesa, non deve mai sorprendersi se viene respinta, schiacciata e ferita. Il popolo di Dio ha perciò bisogno di rinnovamento, per non diventare indifferente e per non chiudersi in se stesso. Il Papa propone tre passi per rompere quella mortale chiusura in se stessi che è l indifferenza. Il primo passo è il servizio per diventare come Gesù servo di Dio e degli uomini. Ce lo ricorda bene la liturgia del Giovedì santo con il rito della lavanda dei piedi. ( ) Questo servizio può farlo solo chi prima si è lasciato lavare i piedi da Cristo. Solo questi ha parte con lui (Gv 13,8) e così può servire l uomo. La Quaresima è un tempo propizio per lasciarci servire da Cristo e così diventare come Lui. Ciò avviene quando ascoltiamo la Parola di Dio e quando riceviamo i sacramenti, in particolare l Eucaristia. In essa diventiamo ciò che riceviamo: il corpo di Cristo. In questo corpo quell indifferenza che sembra prendere così spesso il potere sui nostri cuori, non trova posto. Poiché chi è di Cristo appartiene ad un solo corpo e in Lui non si è indifferenti l uno all altro. Quindi se un membro soffre, tutte le membra soffrono insieme; e se un membro è onorato, tutte le membra gioiscono con lui (1 Cor 12,26). La Chiesa è communio sanctorum perché vi partecipano i santi, ma anche 3

4 perché è comunione di cose sante: l amore di Dio rivelatoci in Cristo e tutti i suoi doni. Tra essi c è anche la risposta di quanti si lasciano raggiungere da tale amore. In questa comunione dei santi e in questa partecipazione alle cose sante nessuno possiede solo per sé, ma quanto ha è per tutti. E poiché siamo legati in Dio, possiamo fare qualcosa anche per i lontani, per coloro che con le nostre sole forze non potremmo mai raggiungere, perché con loro e per loro preghiamo Dio affinché ci apriamo tutti alla sua opera di salvezza. Il secondo passo riguarda la condivisione in quanto ognuna di noi è chiamata a rispondere alla domanda esigente: Dov è tuo fratello? (Gen 4,9). Infatti, continua il Papa: Per ricevere e far fruttificare pienamente quanto Dio ci dà vanno superati i confini della Chiesa visibile in due direzioni. In primo luogo, unendoci alla Chiesa del cielo nella preghiera. Quando la Chiesa terrena prega, si instaura una comunione di reciproco servizio e di bene che giunge fino al cospetto di Dio. Con i santi che hanno trovato la loro pienezza in Dio, formiamo parte di quella comunione nella quale l indifferenza è vinta dall amore. ( ) Anche noi partecipiamo dei meriti e della gioia dei santi ed essi partecipano alla nostra lotta e al nostro desiderio di pace e di riconciliazione. La loro gioia per la vittoria di Cristo risorto è per noi motivo di forza per superare tante forme d indifferenza e di durezza di cuore. D altra parte, ogni comunità cristiana è chiamata a varcare la soglia che la pone in relazione con la società che la circonda, con i poveri e i lontani. La Chiesa per sua natura è missionaria, non ripiegata su se stessa, ma mandata a tutti gli uomini. ( ) Quanto abbiamo ricevuto, lo abbiamo ricevuto anche per loro. Il terzo passo ci chiama a svegliarci e ad agire perché davanti a tanta sofferenza dell umanità come singoli abbiamo la tentazione dell indifferenza, afferma il Papa. Siamo infatti saturi di notizie e immagini sconvolgenti che ci narrano la sofferenza umana e sentiamo nel medesimo tempo tutta la nostra incapacità ad intervenire. La forza per intervenire efficacemente la troviamo in primo luogo nella preghiera in quanto possiamo pregare nella comunione della Chiesa terrena e celeste. Accogliamo il desiderio del santo Padre ravvivando la dimensione apostolica della nostra adorazione eucaristica perpetua, in adesione all iniziativa 24 ore per il Signore, che auspico si celebri in tutta la Chiesa, anche a livello diocesano, nei giorni 13 e 14 marzo, vuole dare espressione a questa necessità della preghiera. In secondo luogo, possiamo aiutare con gesti di carità, raggiungendo sia i vicini che i lontani, grazie ai tanti organismi di carità della Chiesa. La Quaresima è un tempo propizio per mostrare questo interesse all altro con un segno, anche piccolo, ma concreto, della nostra partecipazione alla comune umanità. E in terzo luogo, la sofferenza dell altro costituisce un richiamo alla conversione, perché il bisogno del fratello mi ricorda la fragilità della mia vita, la mia dipendenza da Dio e dai fratelli. Se umilmente chiediamo la grazia di Dio e accettiamo i limiti delle nostre possibilità, allora confideremo nelle infinite possibilità che ha in serbo l amore di Dio. E potremo resistere alla tentazione diabolica che ci fa credere di poter salvarci e salvare il mondo da soli. Per superare l indifferenza e le nostre pretese di onnipotenza, vorrei chiedere a tutti di vivere questo tempo di Quaresima come un percorso di formazione del cuore, come ebbe a dire Benedetto XVI (enciclica Deus caritas est, 31). Avere un cuore misericordioso non significa avere un cuore debole. Chi vuole essere misericordioso ha bisogno di un cuore forte, saldo, chiuso al tentatore, ma aperto a Dio. Un cuore che si lasci compenetrare dallo Spirito e portare sulle strade dell amore che conducono ai fratelli e alle sorelle. In fondo, un cuore povero, che conosce cioè le proprie povertà e si spende per l altro. ( ). Allora avremo un cuore forte e misericordioso, vigile e generoso, che non si lascia chiudere in se stesso e non cade nella vertigine della globalizzazione dell indifferenza.. Con questo desiderio di conversione, per me e per tutte, vi saluto con affetto e vi auguro un bel cammino quaresimale, sorretto dalla benedizione del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Sr. M. Regina Cesarato 4

5 Nuovo Governo della Provincia Italia Il 25 gennaio, durante i Vespri della 3ª domenica del Tempo Ordinario, nella Chiesa Gesù Maestro, la Superiora Generale, Sr. M. Regina Cesarato, ha conferito il mandato al nuovo Governo provinciale delle Pie Discepole della Provincia Italia. Le sorelle chiamate a questo ministero di autorità nel servizio alla comunione per il prossimo triennio ( ) sono: Sr. M. Giovanna Colombo (superiora provinciale), Sr. M. Vittoria Berloco, Sr. M. Cecilia Cantamessa, Sr. M. Bernardetta Pascucci, Sr. M. Provvidenza Raimondo (consigliere provinciali), Sr. M. Gian Paola Czech (economa provinciale) e Sr. M. Vanna Cavallazzi (segretaria provinciale). Licenza in design della comunicazione visiva Sr. M. Veronica Lee della Provincia Corea-N.Z, ha completato il percorso di studi in visual communication design al dipartimento di Design presso la Ewha Womans University di Seoul. Sr. M. Veronica ha presentato la tesi di Licenza con il tema: Una ricerca per un orientamento sullo studio dell identità della Chiesa cattolica in Corea, sulla base delle parrocchie della diocesi di Seoul. Questo lavoro di ricerca nella Chiesa cattolica in Corea è stato fatto per la prima volta e i professori si sono dimostrati molto interessati. SINTESI: La parrocchia è il volto della Chiesa cattolica, in cui viene compreso tutto l uomo, con la sua storia, tradizione e cultura. Allo stesso tempo la comunità parrocchiale vive in una località concreta e ha la sua propria identità. Identity Design cioè il modo di presentarsi della parrocchia alla gente, compie il suo ruolo di comunicazione con la stessa gente, anche attraverso i mezzi visivi. La ricerca di Sr. M. Veronica è stata eseguita in 125 parrocchie della Diocesi di Seoul e vuole sottolineare l importanza dell uso dei mezzi della comunicazione per la vita della comunità cristiana di oggi. Il risultato dell indagine ha portato a scoprire l importanza di tenere presente il rapporto con la storia della parrocchia, la caratteristica geografica e l ambiente circostante. Come Pia Discepola e membro della Famiglia Paolina, Sr. M. Veronica, con la sua ricerca vuole aiutare gli uomini e le donne di oggi ad avvicinarsi alla Verità per mezzo dei simboli visivi come ha desiderato il nostro Beato Giacomo Alberione. 5

6 a cura di Sr. M. Joseph Oberto Papa Francesco nella lettera apostolica per l'anno della vita consacrata dopo la domanda "se e come noi ci lasciamo interpellare dal Vangelo", ne pone una seconda: GESÙ, dobbiamo domandarci ancora, è davvero il primo e l unico amore, come ci siamo prefissi quando abbiamo professato i nostri voti? Soltanto se è tale, possiamo e dobbiamo amare nella verità e nella misericordia ogni persona che incontriamo sul nostro cammino, perché avremo appreso da Lui che cos è l amore e come amare: sapremo amare perché avremo il suo stesso cuore. Madre M. Scolastica, a questa domanda, in ogni stagione della sua vita può rispondere: SÌ! Il "TU SOLO", al quale si era legata nella giovinezza, è il "SOLO" sempre, nelle gioie e nelle prove, e a Lui solo indirizza le persone che lungo il cammino le sono affidate. La cosa più importante per lei "è portare a Gesù un cuore così caldo di amore" che ci faccia sentire continuamente "la sua sete" per lavorare il più possibile alla sua gloria ed al bene di tutte le persone che si incontrano. Madre Scolastica ci regala qualche "pillola" da mettere nello zaino per alimentare la nostra corsa nella storia con "il primo e l'unico Amore". MIRARE A LUI SOLO! Siate proprio sempre tutte solo di Gesù, non desiderate mai soddisfazioni da parte degli uomini, ma solo di far contento Gesù. Egli solo sia sempre tutto il vostro Amore, il vostro unico desiderio ardente, unica mira ove tenete lo sguardo fisso senza girarvi né a destra né a sinistra. Cercate però per amor di Gesù di far più bene che potete agli uomini perché vostro prossimo (1933). Gesù solo sia sempre l unico vostro tutto! (1934). Il nostro cuore si è aperto a nuovi e più ferventi atti di lode e di ringraziamento al nostro Divin Maestro, unico nostro Tutto. Che il cammino sia lungo o corto, non importa, tutto è già predisposto da Lui, che noi amiamo e che vogliamo seguire in ogni suo volere. (1947, nel tempo della prova) Sii tutta e sempre solo di Gesù, fai tutto per il Signore e studiati di piacergli in tutto con una vita spesa generosamente per Lui abbracciando con generosità tutti quei piccoli sacrifici che Egli ti chiede con molto, molto amore (1945). Non rivolgere più il pensiero a me stessa o alle creature, nulla. Gesù solo! che pensa a tutto e a me solo amarlo incessantemente (su notes). Egli è il vero Amore geloso, che vuole la morte di tutto... di tutto ciò che non è Lui (1947). 6

7 Il tuo cuore sia tutto e sempre solo per Gesù. Amalo tanto! Vivi nella sua gioia. Cerca di piacergli ogni giorno più, e siigli sempre fedele (1973). L unico tuo sogno sia di amare incessantemente Gesù, tuo unico Amore e tuo Unico Tutto. Tutto il resto è nulla! (1974). Se la tua ambizione è quella di farti santa di' sempre Sì a tutto ciò che il Divin Maestro ti chiede, anche se Lui permettesse qualche umiliazione, sappi goderne e amare tutti come Gesù (1978). Digli solo: Credo alla tua presenza in me, col Padre e lo Spirito Santo e con essa voglio amarti dell amore più sublime. Aumenta in me la mia Fede e Amore. Ti assicuro che guardare Gesù è ben più valido che guardare le stelle (1979). L'UNICO SPOSO Madre Scolastica nella sua persona manifesta la tensione di tutta la Chiesa Sposa verso l'unione con l'unico Sposo. Frequenti e in crescendo negli ultimi anni della vita sono le espressioni che rivelano la sua relazione con Gesù Maestro come canto d'amore per lo Sposo. Coraggio, cerchiamo di piacere sempre più allo Sposo dei Vergini, con una vita sempre più pura ed immacolata con un amore generoso ed ardente (1939). Egli sebbene nascosto è sempre attento ad ascoltarci ed in tutti i bisogni vuol che ricorriamo a Lui, anche nelle più piccole cose. Egli è geloso e ci vuole tutte solo per Lui. Vuol essere Lui il nostro Maestro, pensiamo solo a Lui, consigliamoci e conversiamo a tu per tu con Lui Gesù sarà sempre il nostro dolce Sposo, il nostro conforto, il nostro tutto (1944). Amiamo tanto Gesù, accettiamo tutto ciò che ci costa con gratitudine, perché ci si fa più sante e ci avvicina di più al nostro Divino Sposo crocifisso (1946). Chiedo solo al Signore questa grazia per me per tutte: la fedeltà; una fedeltà che sia al di sopra di tutte le fedeltà. Perché la regola del vero Amore è senza misura. Tutte le soddisfazioni umane, anche più innocenti non sfuggono allo Sposo delle anime nostre, che è al tempo stesso nostro Sacrificatore. Egli è il vero Amore geloso, che vuole la morte di tutto... di tutto ciò che non è Lui (1947, al tempo della prova). Il dono di essere sue discepole è tanto grande che solamente in cielo riusciremo a comprenderlo. Ora ognuna è chiamata a corrispondere amandolo molto, molto, come fanno le vere spose con lo sposo che amano più di se stesse (1971). Preghiamo il Signore che aumenti la nostra fede e non stanchiamoci mai di pregare, anche nel compimento dei nostri quotidiani doveri ripetiamo incessantemente a Gesù che l amiamo, come fanno gli innamorati che non cessano di ripetersi quella parola: ti amo. Gesù, non merita forse altrettanto? E noi non siamo le spose di Gesù? Dobbiamo essere innamorate di Lui e non solo ripetergli ad ogni istante che l amiamo, ma che glielo dimostriamo coi fatti ( 1971). La parola che Gesù gradisce di più è questa: Gesù ti amo, ripetila le mille volte al giorno e renderai felice il tuo Sposo Gesù, ed Egli farà pur felice e beata te qui e lassù (1974). Per te particolarmente ora ti dico: Tieniti sempre ben vicina al tuo dolce Sposo Gesù. Chiedigli ogni giorno l aumento della tua fede. Più è grande la tua fede più grande sarà pure il tuo amore per Lui. Allora non temerai più nulla, certa che tutto proviene da Lui e la salute e la infermità, e la vita e la morte (1975, a una sorella gravemente ammalata). Gesù, non sia mai uno straniero ma il dolce Sposo della tua anima, e tieniti sempre stretta al Suo Cuore nella semplicità, umiltà e piccolezza. Queste tre virtù sono quelle che fanno trasalire di gioia il tuo Celeste Amore (1975). 7

8 Egli ti vuole indissolubilmente unita a Lui in un amore incondizionato, come la sposa collo Sposo, sempre insieme, sia nel silenzio che nel servizio del tuo prossimo che è Lui (1976). Amor di Dio e carità verso il prossimo, particolarmente tra Sorelle, Spose del medesimo Sposo Gesù. Che possiamo imitarlo e farlo contento nell esercizio dell amore e della carità (1977). Egli che ci ama più di quanto possiamo immaginarlo è gelosissimo del nostro amore. Non permettiamoci mai di metterlo a confronto di uomini o di altre creature di questo mondo. Amate Sorelle, non diamo così grande pena a quel Re, che essendo Dio, si è degnato di eleggerci a sue spose, tirandoci su dalla nostra estrema miseria. Ha steso la sua Mano divina, e stretta la nostra meschina alla sua, mise al nostro anulare il suo Anello, per un Amore indissolubile! In un ineffabile amplesso ci strinse al suo Cuore, e con una gioia tutta divina ci disse: Ora sei mia, esclusivamente mia. Rispondiamogli anche noi, con le parole e coi fatti: Sì, Signore, ora sono tua, tutta ed esclusivamente tua. Ogni mattina nella S. Comunione in realtà, formiamo con Lui un unica Unità: Lui in noi e noi in Lui, per il tempo e per l eternità. * * * Nei Vota dei Teologi che hanno studiato la causa di Madre Scolastica si legge: «Il "Tu solo", centro della fede e della speranza della Madre Scolastica, viene sempre più messo a tema della sua attenzione, soprattutto a partire dal 1947, sino a dar vita ad una spiritualità dell Amore nuziale, ove lo Sposo, "l Amore geloso", occupa completamente il centro dell esistenza. Gli altri, il prossimo, divengono coloro ai quali il Signore la invia quale madre, perché tutta ad essi si doni, sull esempio di Maria. Del Cristo Sposo vuole avere un "cuore largo", esortando le Consorelle a fare, come lei: "ad allargare il cuore". Lo sposalizio è vissuto particolarmente nell Adorazione eucaristica, quando nel silenzio del suo cuore incontra il suo Amato. L esperienza forte della presenza di Dio nella sua vita la fa trasalire di gioia, per cui si sente sinceramente ricambiata nell amore». Messico Riunione annuale delle Suore che svolgono il servizio sacerdotale in Messico Dal 27 al 29 dicembre 2014, le Pie Discepole presenti in case sacerdotali e terapeutiche si sono riunite a Guadalajara per riflettere sulla nostra missione Eucaristico-Sacerdotale-Liturgica, sulla creatività e novità di vita nell esercizio del nostro servizio nella Chiesa. Nutrite ogni mattina alla mensa della Parola e dell'eucaristia, in un clima di armonia e di fraternità, le sorelle hanno condiviso la loro esperienza professionale arricchendosi a vicenda attraverso tre aree chiavi della missione della Pia Discepola: 1. Nell area umana, Sr. M. Bernardita Meraz Sotelo ha accompagnato le sorelle sul tema: Il "Coach" ( allenatore ), il quale si propone di aiutare le persone a sviluppare le abilità naturali. 2. Nella dimensione carismatica, Sr. M. Inmaculada Hernández Avilés ha sviluppato il tema: Anima sacerdotale, sulla base degli articoli della nostra Regola di Vita, attraverso i quali ha mostrato la vocazione eucaristica della Pia Discepola come sorgente e destinazione della missione. Come icona ha presentato la 8

9 testimonianza e la donazione di Madre Scolastica Rivata, come donna identificata con la vita e la missione eucaristica sacerdotale liturgica. 3. Per quanto riguarda il Magistero della Chiesa, Sr. Maria del Refugio Saldate Lizardi, ha approfondito la seconda lettera ai consacrati e alle consacrate: Scrutate, fornendo alcune indicazioni per capire e vivere nell ascolto della voce della Chiesa, invitandoci così ad un sereno discernimento e a vivere il passato con gratitudine, il presente con passione e il futuro con speranza. Grazie all'approfondimento di queste tre dimensioni, le sorelle partecipanti hanno fatto un passo avanti nel vivere l ideale alberioniano Finché Cristo sia formato in noi (Gal 4,19), accogliendo i segni dei tempi che ci spingono a diventare segni visibili dell amore e della misericordia di Dio. Irlanda Assemblea della Delegazione Irlanda Dal 24 al 30 dicembre 2014 le Pie Discepole del Divin Maestro dell Irlanda si sono riunite ad Athlone per celebrare insieme il Natale e l'assemblea annuale della Delegazione Irlandese, che si è svolta dal 27 al 30 dicembre. Nel primo giorno, le sorelle sono state guidate nella riflessione e nella preghiera da don John Cullen, che ha preso spunti per le conferenze dalle lettere per l'anno della Vita Consacrata: "Rallegratevi" e "Scrutate". Dal 28 al 30, seguendo le indicazioni per l'anno della Vita Consacrata: "Guardare il passato con gratitudine, vivere il presente con passione ed abbracciare il futuro con speranza" le sorelle si sono poste le seguenti domande: "Guardare il passato con gratitudine": per che cosa sono grata nell'anno passato? "Vivere con passione il presente": dove la mia passione può essere utilizzata in un modo migliore; in quale aspetto abbiamo bisogno di crescere come Delegazione? "Abbracciare il futuro con speranza": Dove trovo la mia speranza? Dove vedo i segni di speranza per il futuro? Così hanno risposto: Anche se la nostra Delegazione è piccola: attualmente è composta da 9 sorelle di 7 nazionalità: cinese, colombiana, filippina, indiana, neozelandese, irlandese e italiana, tuttavia la condivisione fatta in questi giorni è stata molto arricchente per ciascuna e ha contribuito alla crescita nella comprensione delle gioie e delle sfide da affrontare. È stato molto incoraggiante sentire l'entusiasmo delle sorelle per la missione in Irlanda, in particolare per quanto riguarda la collaborazione con i laici che sono un pilastro di sostegno e, a volte, di competenza per noi. Guardando verso il futuro si sente una chiamata ad aprire i nostri cuori e le nostre menti a nuove forme della missione per rispondere alle necessità della Chiesa in Irlanda. Ringraziamo Dio perché, dalla più giovane alla più anziana, abbiamo un forte desiderio di condividere la bellezza della vita consacrata come Discepole del Divin Maestro e una ferma speranza che l'anno della Vita Consacrata porterà tante benedizioni per la Delegazione e per la Chiesa tutta. Brasile Nuovo sito web delle Pie Discepole del Brasile È online il nuovo sito istituzionale delle Pie Discepole del Divin Maestro del Brasile: Professione Perpetua di Sr. M. Júlia Cristina de Almeida Nella veglia della celebrazione della 4ª Domenica del Tempo Ordinario, il 31 gennaio 2015, alle 19.00, Sr. M. Júlia Cristina de Almeida ha fatto la Professione Perpetua come Pia Discepola de Divin Maestro nella sua parrocchia d origine: Sant Antonio, nella città di Gouveia, Brasile, Il parroco, Don Franciane Bretas, ha presieduto la Santa Messa. Erano presenti Sr. M. Veronice Fernandes, superiora provinciale, Sr. M. Dilza Pacheco, maestra di juniorato, Sr. M. Terezinha Lubiana, Sr. Vera Maria Galvan e diversi presbiteri, amici e familiari della sorella. 9

10 Questo evento è stato preceduto da un triduo vocazionale - dal 28 al 30 gennaio vissuto in clima celebrativo e fraterno, che si concludeva ogni sera con la Messa. Durante il triduo, le suore, insieme alle ministre straordinarie della Comunione, hanno anche visitato i malati della comunità parrocchiale. Siamo certe che il Sì definitivo di Sr. M. Júlia è stato un momento di rendimento di grazie per la sua vita donata come Discepola e di gratitudine a Dio che l ha consacrata al servizio del suo Regno. Continuiamo ad invocare per lei il dono della perseveranza nella sequela di Gesù Maestro Via, Verità e Vita e nella missione specifica delle Pie Discepole del Divin Maestro. Italia Incontri per la Lectio Divina a Fabriano Nella lettera ai consacrati e alle consacrate Scrutate leggiamo: La Parola, fonte genuina di spiritualità da cui attingere la sublimità della conoscenza di Cristo Gesù (Fil 3,8), deve abitare il quotidiano della nostra vita. Solo così la sua potenza (cf 1Ts 1,5) potrà incunearsi nelle fragilità dell umano, fermentare ed edificare i luoghi del vivere comune, rettificare i pensieri, gli affetti, le decisioni, i dialoghi intessuti negli spazi fraterni. Sull esempio di Maria, l'ascolto della Parola deve diventare respiro di vita in ogni istante dell'esistenza. ("Scrutate, 9) Anche noi, Pie Discepole del Divin Maestro a Fabriano, ci impegniamo con costanza nell animazione del tradizionale incontro di Lectio divina. Il gruppo che vi partecipa sono persone provenienti dalle parrocchie presenti in Fabriano e dalle comunità religiose della cittadina fabrinese. Inizialmente, questo momento spiritualmente formativo, era guidato dalle monache benedettine del monastero di san Luca di Fabriano. Attualmente viene continuato da noi. Da due anni, ogni martedì, esso si svolge nei locali dell Azione Cattolica della diocesi di Fabriano Matelica, sui brani della Liturgia della Parola della domenica. L incontro è considerato come una scuola di preghiera biblico-liturgica. Per alcune persone costituisce una tappa importante per prepararsi a vivere più intensamente la domenica, per altre è un utile risposta alle proprie domande esistenziali, per altre ancora costituisce uno strumento necessario per assolvere più coscientemente i compiti della liturgia loro assegnati come, per esempio, preparare la preghiera dei fedeli e scegliere i canti per le celebrazioni eucaristiche. Inoltre, la nostra presenza a Fabriano è una presenza di animazione della preghiera anche per le adorazioni eucaristiche sostenute nella cappella della Madonna del buon Gesù e nella chiesa di San Filippo. Festa della Presentazione del Signore, nella Cattedrale di Fabriano Il 2 febbraio, festa della Presentazione del Signore, nella Cattedrale di Fabriano si è svolta la celebrazione presieduta dal nostro vescovo S. E. Mons. Giancarlo Vecerrica, ricordando la XIX Giornata della Vita Religiosa. Inoltre, con questa celebrazione, la diocesi ha inaugurato l anno dedicato alla vita religiosa voluto da papa Francesco. Pertanto erano presenti tutti i consacrati e le consacrate della diocesi, comprese le sorelle dei monasteri. Gli Istituti religiosi maschili e femminili, nella nostra diocesi, sono tanti e per questa circostanza la presenza dei consacrati e delle consacrate era davvero numerosa, più di un centinaio tra frati, monache e suore: eravamo davvero un esercito! La Messa è stata animata con la partecipazione di tutti. Le sorelle Francescane Clarisse, di fondazione indiana, all offertorio hanno cantato un canto nella loro lingua. Le giovani sorelle Francescane dell Immacolata hanno cantato un canto alla comunione. Le Cappuccine di Madre Rubatto e le monache Clarisse Cappuccine hanno proclamato le letture e le monache Benedettine Cassinesi hanno preparato e proclamato la preghiera dei fedeli. Le offerte sono state portate all altare da Federica, l eremita, dalle suore dell Assunzione e dalle Pie Discepole del Divin Maestro. I padri Silvestrini, Camaldolesi, Francescani e della Misericordia, hanno concelebrato con il clero diocesano e il Vescovo e, tutti insieme, abbiamo rinnovato la promessa di totale consacrazione al Signore. Per ricordare e render presenti anche i fratelli e le sorelle che non avevano potuto partecipare all evento, al termine della celebrazione ci siamo scambiati i nomi di tutti i componenti degli Istituti presenti in diocesi. Tutto questo è stato possibile grazie al lavoro svolto dall USMI diocesano, riattivatosi da un anno, anche grazie alla sollecitudine del Vescovo che ha riallacciato le relazioni fra i numerosi Istituti presenti in diocesi. Ringraziamo il Signore per questa giornata di testimonianza, di fraternità e di unità della Chiesa. Maria Madre del buon Gesù ci conceda la grazia di diffondere sempre il buon profumo di Cristo, perché sia fugata l attuale peste della violenza e dell odio e tutti siano attratti dal suo fascino di bontà, di bellezza e di verità. 10

11 Corso biblico: Il Vangelo secondo Marco e la sequela di Gesù Nell anno della Vita Consacrata (30 novembre febbraio 2016) le Pie Disce-pole del Divin Maestro della Provincia Italia offrono, in Via Portuense 739, Roma, una serie di lezioni sul Vangelo secondo Marco, tenute da Mons. Ermenegildo Manicardi, professore presso la Facoltà di Teologia della Pontificia Università Gregoriana e presso l Università della Santa Croce. Con questa proposta siamo invitati a rinnovare la consapevolezza che il Vangelo è la regola suprema della vita Consacrata (cf. Scrutate p. 47). Corea/Nuova Zelanda 50 anniversario della presenza delle Pie Discepole in Corea Il 5 gennaio 1965, esattamente 50 anni fa, ha avuto inizio la nostra Congregazione in Corea. Questo importante evento è stato ricordato nella solenne Celebrazione Eucaristica presieduta da S.E. Mons. Pietro Chung, O.C.D, vescovo ausiliare nella diocesi di Seoul e concelebrata dal vescovo emerito S.E. Mons. Joseph Lee, S.J, e da una trentina di presbiteri. Erano convenute a Seoul tutte le Pie Discepole della Provincia, incluse le sorelle della comunità di Auckland (Nuova Zelanda). Insieme alla Madre generale, Sr M. Regina Cesarato, hanno partecipato alcune pioniere della fondazione venute dall Italia e dal Giappone, sorelle che molto hanno aiutato agli inizi. Come parte della nostra famiglia, ci ha rallegrato molto, in questo giorno, anche il numeroso gruppo dei Cooperatori Amici del Divin Maestro. Alla celebrazione è seguito il pranzo per tutti. Nella mostra storica come nella serata ricreativa, le sorelle della Provincia Corea/Nuova Zelanda hanno espresso la propria gratitudine, facendo memoria del passato ma con il linguaggio del presente aperto al futuro. Unendo creatività, finezza e buona organizzazione, la giornata è trascorsa nella gioia della vita fraterna celebrando le abbondanti ricchezze della grazia che Dio ha riversato su di noi, Pie Discepole del Divin Maestro, in questi 50 anni di presenza in Corea. Dopo gli inizi umili e poveri, oggi si vede la crescita delle persone e dell apostolato. Ci sono tanti motivi per rendere grazie a Dio e a moltissime persone che lungo questi anni e ancora oggi, ci sostengono nella nostra missione e in molti altri modi. L elenco sarebbe interminabile, ma Dio, che conosce profondamente il cuore di ogni persona darà ad ognuno la ricompensa del suo amore. Prima Professione in Corea In questo Anno della Vita consacrata, il 10 febbraio, mentre la Chiesa celebrava la memoria di Santa Scolastica e noi Pie Discepole del Divin Maestro la festa degli inizi, nella nostra Provincia Corea/Nuova Zelanda la novizia Park Jinhee Ellizabeth ha emesso la Prima Professione. La Celebrazione eucaristica con il rito della Professione è stata presieduta da Don Rifugio Kim, maestro dei novizi della Società San Paolo, e concelebrata con P. Gioele Park, fratello della neo-professa Sr. M. Ellizabeth della diocesi di Seoul. Don Rifugio ha sottolineato il rapporto tra lo Sposo e la sposa, commentando il libro del Cantico dei cantici 8,6 ss. Mettimi come sigillo sul tuo cuore, come sigillo sul tuo braccio.... Ha ricordato anche la nostra festa degli inizi e ha parlato della preziosità della nostra parte migliore, che non ci sarà tolta, ricordando anche la nostra vocazione e missione nella Famiglia Paolina per essere cuore e radice. Il 9 febbraio, vigilia della nostra festa, le 9 Juniores, Sr. M. Hyoim Columba Kim, Sr. M. Susanna Yun, Sr. M. Flora Hwang, Sr. M. Helena Jeon, Sr. M. Berta Bae, Sr. Maria Pak, Sr. M. Josephina Yun, Sr. M. Gabriella Lee e Sr. Maria Yoo, dopo la preparazione con gli esercizi spirituali e due giorni di cammino formativo con la loro maestra Sr. M. Sofia Kim, hanno rinnovato i Voti Religiosi. Accogliamo con gioia le nostre giovani professe, come un dono di Dio e ci sosteniamo nella perseveranza vocazionale nella sequela di Cristo Maestro, affidandoci ogni giorno all intercessione di Maria e dei nostri santi/e paolini. 11

12 Filippine/Taiwan/Hong-Kong Nuovo Centro Apostolico nelle Filippine Un nuovo Centro Apostolico delle Pie Discepole del Divin Maestro della Provincia Filippine/Taiwan/Hong Kong è stato benedetto e aperto nell'arcidiocesi di Lingayen-Dagupan, il 6 gennaio La benedizione del Centro, che si trova all'interno del complesso della Cattedrale Metropolitana di San Giovanni Evangelista, è stata officiata da don Fidelis Layug, vicario foraneo del Vicariato dei Ss. Pietro e Paolo, al quale la nostra comunità delle Pie Discepole del Divin Maestro appartiene. Insieme con le suore della comunità di Dagupan: Sr. M. Kristine Legaspi, Sr. M. Cecilia Payawal e Sr. M. Cecille Duque, erano presenti Sr. M. Gemma Victorino, superiora provinciale, alcune sorelle venute da Manila, alcuni sacerdoti, amici e familiari delle sorelle. Inserite nell azione pastorale organica della Chiesa, costituiamo centri eucaristici, liturgici, sacerdotali, luoghi di servizio ecclesiale e di annuncio del Mistero di Cristo, aperti al dialogo ecumenico e interreligioso. Con il nostro stile di vita favoriamo in questi centri un esperienza di preghiera, di accoglienza, di formazione e di accompagnamento (Regola di Vita, 141). Servizio dato dalle Pie Discepole durante il Viaggio Apostolico di Papa Francesco nelle Filippine Tante delle Pie Discepole del Divin Maestro nelle Filippine sono state direttamente coinvolte nelle diverse commissioni di lavoro per la visita di Papa Francesco nelle Filippine, svoltasi dal 15 al 19 gennaio Le suore hanno partecipato come traduttrici e affiliate del Comitato per i Media e la Documentazione, come membri del coro e come parte del Comitato per i paramenti. Le sorelle hanno accompagnato con l adorazione eucaristica la visita del Papa, dando anche un servizio nell animazione della Liturgia presso la Sala Amethyst del Diamond Hotel, dove è stato preparato un oratorio per il Vatican Accredited Media Personnel (VAMP). Di seguito presentiamo la cronaca delle attività nelle quali le Pie Discepole hanno dato la loro collaborazione: Accoglienza dell entourage papale nella comunità PAC Manila 11 Gennaio la comunità delle Pie Discepole del Centro Apostolico di Manila ha accolto e ospitato i membri del seguito papale che sono arrivati prima del Papa per un sopralluogo e la preparazione immediata alla visita. Sr. M. Gemma Victorino, superiora provinciale, insieme a Sr. M. Anthony Basa e a Sr. M. Peter Evardone, hanno accolto mons. Vincenzo Peroni, uno dei cerimonieri del Papa e quattro membri della polizia del Vaticano, durante la cena nella nostra comunità. Benedizione del Media Center Il 14 gennaio - Sr. M. Gemma Victorino, caposquadra del sottocomitato per le traduzioni e stampa della documentazione, con Sr. M. Christine Aroa e Sr. M. Janice Golez, hanno partecipato alla benedizione del International Media Center di Manila Hotel e del Vatican Media Center nel Diamond Hotel. La benedizione è stata officiata dal vescovo S.E. Mons. Mylo Hubert Vergara, presidente della commissione CBCP (Catholic Bishops Conference of the Philippines) per l'informazione e Media, insieme a mons. Pepe Quitorio. I rappresentanti dei diversi Media internazionali e locali erano anche presenti. Ministero di preghiera durante la visita del Papa S.E. Mons. Mylo Vergara, presidente della commissione CBCP per l'informazione e Media ha chiesto la collaborazione delle Pie Discepole per preparare un oratorio temporaneo presso il Diamond Hotel, dove i vescovi e i sacerdoti ospitati potessero celebrare la liturgia quotidiana. Le suore, in collaborazione con gli Amici del Divin Maestro (FDM) - Unità di Manila, si sono impegnate ad accompagnare con intensa preghiera tutti gli eventi della visita papale con l adorazione quotidiana davanti al Santissimo Sacramento esposto nell'oratorio. L'adorazione cominciava alle ore 7.00 fino alle 21.00, cioè dopo le Conferenze Stampa della sera, come era stato suggerito dal vescovo Mylo. Intervista con la EWTN e la Radio Vaticana Il 15 gennaio le nostre tre sorelle cinesi di voti temporanei, intervistate dalla EWTN rete televisiva e della Radio Vaticana, hanno condiviso la loro storia vocazionale. Prima Messa del Papa nella Cattedrale di Manila 12

13 Il 16 gennaio Papa Francesco ha celebrato la Messa con i vescovi, sacerdoti, religiosi e religiose rappresentanti delle diverse diocesi e congregazioni nelle Filippine. Sr. M. Anthony Basa ha rappresentato la nostra Congregazione Pie Discepole del Divin Maestro. Sr. M. Lourdes Eublera e Sr. M. Alma Sabanpan hanno collaborato nella sacrestia riservata ai vescovi e ai membri del seguito papale. Sei sorelle hanno fatto parte del coro pontificio: Sr. M. Noelle Ledesma, Sr. M. Agnes Peralta, Sr. M. Florence Raba, Sr. M. Jiao Zhang, Sr. M. Angie Rhona Alvarez e Sr. M. Janice Golez. Il Coro, composto dai religiosi e religiose insieme ai diversi gruppi di laici, aveva iniziato le prove di canto già dal mese di settembre dello scorso anno. Messa di Conclusione nella Tribuna Quirino Il 18 gennaio Papa Francesco ha concluso la sua visita con una celebrazione eucaristica che ha raccolto tra i sei e sette milioni di persone. Il gruppo delle Pie Discepole, composto dalle nostre sorelle professe temporanee, novizie e una postulante, insieme con le loro formatrici, si sono unite all assemblea in ringraziamento a Dio per il suo grande amore manifestato attraverso la persona del nostro Santo Padre Francesco. Notizie e Copertura mediatica della squadra dal 15 al 19 gennaio Cinque Pie Discepole sono state direttamente coinvolte come membri del Vatican Media Team, ospitato nel Diamond Hotel durante tutto il corso della visita papale. Sr. M. Gemma Victorino è stata la caposquadra del sottocomitato per le traduzioni e la stampa della documentazione, mentre Sr. M. Peter Evardone, Sr. M. Anthony Basa, Sr. M. Nimfa Ebora e Sr. M. Sonia Cerdenia erano membri della squadra. Oltre a lavorare come croniste e traduttrici delle diverse attività del Santo Padre, le sorelle hanno assistito i giornalisti locali e internazionali, al fine di rispondere a ogni loro necessità in ordine alla stampa di documenti e traduzioni. A tutte le persone che si sono date così generosamente e che molto hanno lavorato perché la visita papale nel nostro paese fosse un evento memorabile, significativo e di successo: Deo gratias! Polonia Incontro formativo nella Provincia Polonia Il primo incontro formativo annuale delle professe perpetue della Provincia Polonia di quest anno 2015 si è svolto dal 16 al 18 gennaio nella casa provinciale a Varsavia e ha trattato il tema dell ermeneutica degli scritti del Fondatore. Sr. M. Iwona Kopacz, dopo una breve presentazione della metodologia di lavoro, ha introdotto le sorelle nel lavoro dei gruppi con un testo scelto dalle meditazioni del beato Giacomo Alberione, mentre Sr. M. Judyta Pudełko ha guidato le partecipanti nella Lectio divina. Il lavoro dell ermeneutica si è svolto in tre tappe. Ad ogni passo le rappresentanti di gruppo hanno riferito le conclusioni della condivisione nell assemblea. Lo studio è consistito non solo nell arte dell interpretazione del testo, ma anche nel cercare di applicarlo nella vita contemporanea e nel nostro cammino vocazionale oggi. Si è cercato di rispondere alle domande: A che cosa mi invitano oggi questi testi? Sono ancora validi? Se sì, come possiamo utilizzarli nel cammino personale e comunitario? Come attualizzarli? Il tempo trascorso in compagnia delle parole del Fondatore è stata occasione per un rinnovamento nella fedeltà ai valori del carisma che, essendo immutabili, sono sempre nuovi e custodiscono l'autenticità della vocazione delle figlie e dei figli spirituali del beato Giacomo Alberione. Il secondo incontro per un altro gruppo di sorelle avrà luogo nel mese di aprile. Colombia/Ecuador Esercizi spirituali e sessione formativa a Bogotá Con grande gioia le Pie Discepole della Provincia Colombia/Ecuador, dal 9 al 29 gennaio 2015, con l animazione di Sr. M. Joseph Oberto, hanno celebrato due sessioni di Esercizi spirituali dal tema: Abbiamo visto il Signore! Discepole, testimoni e apostole. Gli Esercizi sono stati completati da una sessione formativa sulla vita di Madre Scolastica Rivata. Sr. M. Joseph, con semplicità ed entusiasmo, ha trasmesso la ricchezza e la gioia carismatica e il fondamento biblico del nostro carisma, ravvivando in ciascuna il dono ricevuto per l edificazione della Chiesa e l avvento del Regno di Dio nel mondo. 13

14 Professione Perpetua di Sr. M. Elena Arcila Galeano Il 1 febbraio 2015, durante la celebrazione eucaristica presieduta da P. Albino Heli Buitrago Rojas, ssp nella cappella Divin Maestro a Bogotá (Colombia), Sr. M. Elena Arcila Galeano ha fatto la professione perpetua come Pia Discepola del Divin Maestro. Erano presenti membri delle diverse comunità della Famiglia Paolina, amici e benefattori. La celebrazione eucaristica è stata animata da un coro composto dai membri della Famiglia Paolina. Ringraziamo Dio per questo passo definitivo di Sr. M. Elena che ha sentito la voce del Signore e ora dice "Sì" con amore, sapendo che il Divin Maestro l ha chiamata, consacrata e mandata a far parte del progetto liberatore di Dio Padre in favore dell'umanità. In questo Anno della Vita Consacrata, insieme a tutta la Famiglia Paolina, preghiamo perché crescano le vocazioni nelle nostre comunità. Professione Perpetua di Sr. Liza María González Calderón L'8 febbraio 2015, durante la celebrazione eucaristica presieduta dal Vicario Episcopale di San Pietro, l'arcivescovo José Alberto Prieto Ojala, nella parrocchia di San Girolamo Emiliani dei Padri Somaschi, ha fatto la professione perpetua la nostra sorella Sr. Liza María González Calderón. Alle Pie Discepole del Divin Maestro si sono uniti i membri della Famiglia Paolina, amici, benefattori e la comunità parrocchiale di San Girolamo. In questo anno dedicato alla vita consacrata, rendiamo grazie a Dio per il generoso e gioioso Sì di Sr. Maria Liza e per la sua famiglia. Questo grande dono di grazia è motivo per rivitalizzare la nostra vocazione e per chiedere al Divin Maestro, con rinnovata fiducia, di benedirci con nuove e sante vocazioni. Cile 60 anni di presenza delle Pie Discepole del Divin Maestro in Cile e 50 di vita consacrata Sabato 31 gennaio, nella Cappella Divin Maestro di Santiago, abbiamo celebrato 60 anni della presenza delle Pie Discepole del Divin Maestro in Cile e 50 anni di consacrazione religiosa di due sorelle: Sr. M. Lucia Matamala e Sr. M. Lourdes González. La Celebrazione eucaristica di ringraziamento è stata presieduta da S.E. Mons. Tomislav Koljatic Maroevic, vescovo della diocesi di Linares, e concelebrata da sacerdoti amici. Le sorelle erano accompagnate dalle loro famiglie, dai collaboratori della congregazione e dai membri della Famiglia Paolina. La festa si è conclusa con un ágape fraterna nel clima di gratitudine, felicità e gioia. Portogallo Davanti al Divin Maestro per i consacrati e le consacrate Nell'anno della Vita Consacrata, la prima domenica di ogni mese, come comunità, ci siamo impegnate a pregare in modo speciale per tutti i consacrati e le consacrate. Abbiamo iniziato il 1 febbraio, insieme agli Amici del Divin Maestro che, nella nostra comunità di Porto (Portogallo) si sono radunati in preghiera, lodando, ringraziando e chiedendo la benedizione del Signore per tutti quanti, nell'oggi della nostra storia, osano pellegrinare nelle periferie di questo mondo. Le porte della nostra cappella sono aperte a tutti coloro che desiderano unirsi a noi in questo momento di preghiera. 14

15 India Prima Professione nella Provincia India Il 10 febbraio scorso, memoria liturgica di Santa Scolastica e 91 anniversario della fondazione della nostra Congregazione, le Pie Discepole del Divin Maestro della Provincia Indiana hanno accolto quattro nuove sorelle: Philisita Bilung, Bandna Bilung, Lourdes Pereira e Rabeka Salomon che hanno emesso la loro Professione Religiosa. La celebrazione eucaristica, nella cappella Divin Maestro a Bangalore, è stata presieduta dal Rev. P. George Chattanatt, ssp e concelebrata da alcuni sacerdoti Paolini e Gesuiti. Le neo-professe hanno emesso i voti religiosi nelle mani della Superiora Generale, Sr. M. Regina Cesarato, presente a Bangalore insieme alle due consigliere generali Sr. Ana Maria Mazzurana e Sr. M. Leticia Bantolinao, in occasione della visita fraterna alla Provincia. Auguriamo a queste nostre giovani sorelle, che hanno risposto alla chiamata del Divino Maestro, di essere discepole e apostole attraverso la testimonianza gioiosa e generosa della loro vita a servizio del Regno. Perú Settimana per catechisti a Lima A Lima (Perù), dal 2 al 6 febbraio 2015, la Commissione Episcopale sulla Missione e Spiritualità della Società Biblica Cattolica Internazionale - Editorial San Pablo ha organizzato la Settimana per Catechisti, nel Collegio clarettiano di San Miguel. L'evento è stato rivolto a coordinatori diocesani e parrocchiali di catechesi, ai catechisti, agli insegnanti di religione, agli operatori pastorali e a coloro che desideravano approfondire la loro conoscenza al fine di fornire un servizio educativo qualificato della fede. Sr. M. de la Paz Carbonari, pddm, ha guidato il laboratorio "Liturgia della iniziazione cristiana". Altri argomenti approfonditi hanno riguardato i vari segni e simboli delle celebrazioni e ciò che essa comporta quando riceviamo il sacramento del Battesimo, della Confermazione e dell'eucaristia. I partecipanti hanno riflettuto sulle implicazioni della "iniziazione cristiana", sui criteri e il processo della nuova evangelizzazione chiamata la "nuova catechesi". Inoltre, si sono tenuti 22 seminari supplementari. Queste sessioni annuali offrono gli spazi di preparazione e formazione adeguata al fine di contribuire alla crescita e alla maturazione della fede nelle comunità diocesane, parrocchiali e scolastiche. Pur essendo molti, circa 600 partecipanti, in quei pochi giorni ci siamo sentiti una famiglia fraterna e accogliente, consapevole delle necessità dell aggiornamento per poter offrire un servizio qualificato all educazione nella fede. Africa Benedizione della casa della Delegazione a Kinshasa Domenica 8 febbraio, a Kinshasa (RDC) ha avuto luogo la benedizione della casa della Delegazione Africa, alla quale le comunità locali hanno partecipato con gioia e gratitudine. La casa, ora ristrutturata, è il risultato di tanta preghiera e del sacrificio di tutte le sorelle. Nello stesso giorno abbiamo vissuto un momento di grazia e di gioia per la rinnovazione dei voti religiosi delle sorelle: Sr. M. Anastasie Kapapa, Sr. M. Esther Ngoie, Sr. M. Jacqueline Kilondo, Sr. M. Noël Mpulu, Sr. M. Noëlla Ngalula e Sr. M. Paulette Kingidila. Possa il Signore essere onorato, lodato e celebrato in questa casa. Con cuore aperto Lo invitiamo a stare con noi Vieni, Gesù Maestro, accetta l'ospitalità della nostra casa! 15

16 Prima Professione nella Delegazione Africa Il 10 febbraio nella Delegazione Africa, la novizia Scholastique Kanguvu ha emesso la Professione Religiosa. La celebrazione eucaristica è stata presieduta da don Roger Wawa, ssp. Altri sacerdoti hanno concelebrato, tra cui due Padri della parrocchia natale della neo professa. I genitori di Sr. M. Scholastique e molte altre persone, soprattutto giovani, hanno partecipato all'eucaristia. Il celebrante, commentando la lettera di San Paolo ai Corinzi ha sottolineato il valore della vita consacrata, che ha una sola preoccupazione: "il desiderio di piacere al Signore" e rende gioiosa la persona che offre la sua vita al Signore. Venezuela Professione Perpetua di Sr. M. Chris Amador Farfan Il 10 febbraio scorso, Sr. M. Chris Amador Farfan, della Delegazione Venezuelana, ha emesso la Professione Perpetua durante la celebrazione eucaristica, nella cappella Divin Maestro a Caracas, Venezuela. Giappone Celebrazione del Dies Natalis nella Provincia Giappone Le sorelle della Provincia Giappone dal 1º al 10 febbraio hanno partecipato alla prima sessione formativa sulla Regola di Vita, guidata da don Giovanni Toyonari Sawada, ssp. Questo momento formativo si è concluso con la Santa Messa del giorno del Dies natalis della Congregazione e che concludeva l Anno vocazionale indetto dalla Superiora Generale, Sr. M. Regina Cesarato. Alla sessione erano presenti 17 sorelle. Don Giovanni Sawada ha commentato e approfondito gli articoli della Regola di Vita (fino all art. 62), integrandoli con la sua competenza in Sacra Scrittura, nello studio del Carisma del Fondatore e del Magistero della Chiesa e ha trasmesso alle sorelle l entusiasmo per la vocazione ricevuta, incoraggiandole a viverla con gratitudine nell Anno della Vita Consacrata. Durante la celebrazione eucaristica conclusiva, Sr. M. Paola Migita, l unica sorella giapponese di voti temporanei, ha rinnovato la professione religiosa per la seconda volta. All momento dell offertorio sono stati portati all altare dieci rotoli di carta che rappresentavano le 10 comunità della Provincia e sui quali erano stati espressi in vari modi (preghiere, poesie, ecc.) le modalità con cui le sorelle hanno camminato personalmente e comunitariamente in questo anno vocazionale. Argentina Prima Professione di Sr. M. Veronica Caramello «Chi mette al centro della propria vita Cristo, si decentra! Più ti unisci a Gesù e Lui diventa il centro della tua vita, più Lui ti fa uscire da te stesso, ti decentra e ti apre agli altri» (Rallegratevi, 5) Con queste parole, Sr. M. Veronica Caramello, della Delegazione Argentina, ha voluto illuminare la sua consegna a Dio come Pia Discepola del Divin Maestro e, sabato, 14 febbraio, alla presenza delle sorelle delle comunità di Cordoba e Buenos Aires, della sua maestra di noviziato Sr. M. Luciana Tonon (Brasile) e della sua famiglia, ha emesso la Professione Religiosa. La celebrazione eucaristica nella cappella della comunità di Cordoba è stata presieduta da Don Ricardo Seirutti e concelebrata da Don Luis Muñoz, ssp e i sacerdoti della Casa Alberione. La Santa Messa, secondo quanto hanno espresso gli amici, i collaboratori e i giovani che hanno partecipato alla celebrazione, è stata "una festa di nozze". 16

17 Società San Paolo: X Capitolo Generale Il 25 gennaio 2015, data in cui ricordiamo la Conversione dell apostolo Paolo, il Vicario Generale, don Celso Godilano, ha aperto il X Capitolo Generale della Società San Paolo. I fratelli convenuti dai cinque continenti nella Casa Divin Maestro di Ariccia, 60 Capitolari (la cui età media è di 56,78 anni), coadiuvati da 9 collaboratori per le traduzioni e la Segreteria, rappresentano le 17 Circoscrizioni che formano la Congregazione. Senza nascondere le difficili sfide da affrontare, Don Celso ha incoraggiato a guardare avanti e soprattutto in alto: È questo il tempo nel quale serve un supplemento di fede e di speranza. Il Tema del Capitolo: Tutto faccio per il Vangelo (1Cor 9,23). Paolini, evangelizzatori-comunicatori. In Cristo nuovi apostoli per l umanità, è così illustrato: in piena fedeltà al nostro beato Fondatore e in coraggiosa apertura al futuro del carisma paolino nello spirito dell evangelizzatore San Paolo il cui esempio: «Tutto faccio per il Vangelo», diventa illuminante e discriminante per ogni nostra azione apostolica Essere «paolini» significa per noi essere comunità di religiosi, sacerdoti e discepoli, che vivono Cristo alla luce dell Apostolo Paolo, secondo l indicazione carismatica ricevuta dal nostro Fondatore, il Beato Don Giacomo Alberione. E La nostra missione come «paolini» è essere «evangelizzatori-comunicatori». Come l Apostolo Paolo, operiamo sulla scia dell azione evangelizzatrice degli Apostoli, e lo facciamo con una particolare sensibilità alle modalità comunicative che la Provvidenza ci indica e ci offre. Quando ci definiscono «gli apostoli dei mass media», si intende che siamo innanzitutto apostoli che, se necessario e il nostro Fondatore ha ritenuto fosse necessario ricorrono anche ai mass media e ad altre forme mediatiche di comunicazione per evangelizzare. Il nostro apostolato è particolarmente attento alla comunicazione che Dio attua nei confronti del suo popolo per arrivare a tutti. Ogni aspetto comunicazionale, dalla pre-evangelizzazione alla mistagogia, è oggetto di cura particolare da parte nostra, ponendo al centro sempre la Parola di Dio. Tutto ciò si è sinteticamente espresso con le parole: «In Cristo nuovi apostoli per l umanità». La novità del nostro apostolato ci rende attenti ai tempi nei quali viviamo e agli uomini nostri contemporanei. L essere «in Cristo» è garanzia della nostra missione e costante stimolo alla verifica per ritrovare solo in Lui la motivazione profonda del nostro essere. Il logo del Capitolo coniuga i due colori rosso e nero del Marchio San Paolo nel numero romano X (= X Capitolo generale): Fa inoltre precedere il numero romano X dalla citazione paolina: «Tutto faccio per il Vangelo» (1Cor 9,23) che è il tema del X Capitolo, e pone al di sopra della X il simbolo del Wi Fi per indicare l apertura al mondo digitale che l apostolato paolino deve assumere. 17

18 Il Governo Generale della Società San Paolo ( ) Nella mattinata del 4 febbraio 2015, è stato eletto il nuovo Superiore Generale della Società San Paolo, Don Valdir José De Castro, 7 successore del Beato Giacomo Alberione. È poi seguita l elezione dei consiglieri: Vicario generale Don Vito Fracchiolla dalla Provincia Italia Consigliere generale Fr. Luigi Bofelli dalla Casa Generalizia Consigliere generale Don Jose Pottayil dalla Provincia India- Nigeria-Gran Bretagna- Irlanda Consigliere generale Don José Salud Paredes dalla Casa Generalizia Consigliere generale Don Celso Godilano dalla Casa Generalizia Consigliere generale Fr. Darlei Zanon dalla Regione Portogallo Apertura del centenario di Fondazione delle Figlie di San Paolo Il 5 febbraio 2015, nel 51 anniversario della morte della ven. suor Tecla Merlo, cofondatrice delle Figlie di San Paolo, una solenne Celebrazione Eucaristica ha aperto il Centenario di fondazione dell Istituto. L Eucaristia è stata presieduta da S.E. il Card. Agostino Vallini, Vicario generale per la Diocesi di Roma, presso la basilica S. Maria Regina degli Apostoli alla Montagnola, alle «Il centenario è un occasione per fare memoria dei prodigi che il Signore continua a operare nella nostra povertà e piccolezza... Seguendo l invito del Fondatore, che ci ha sempre aperto vasti orizzonti, da 100 anni siamo in cammino per portare, attraverso le forme e i linguaggi della comunicazione, il Vangelo della gioia e della pace. Sorelle di tutti i continenti, parliamo il linguaggio che lo Spirito ha posto sulle nostre labbra e nel nostro cuore, attraverso il carisma che ci ha donato» (sr. Anna Maria Parenzan, superiora generale). 18

19 Sito web del centenario delle Figlie di San Paolo Dal 4 febbraio è online il sito internet interamente dedicato al centenario delle Figlie di San Paolo, uno strumento di informazione prezioso per seguire le attività e le celebrazioni in tutto il mondo. I documenti, le notizie, gli eventi saranno pubblicati nelle cinque lingue ufficiali: italiano, inglese, spagnolo, francese, portoghese. Ricca la proposta multimediale. La homepage è accessibile attraverso l indirizzo oppure direttamente dal sito istituzionale Informiamo inoltre che è stata attivata una pagina facebook istituzionale delle Figlie di San Paolo. Paysandú: in continuità e in novità! Domenica 25 gennaio 2015, festa della conversione di San Paolo, a Paysandú, Uruguay, nella parrocchia di San Giuseppe lavoratore, è stata celebrata l Eucarestia presieduta da don José García, vicario pastorale ed economo della Diocesi di Salto, di cui Paysandú fa parte, e dal parroco don Martín Miranda. Don José ha presentato alla comunità parrocchiale la nuova comunità internazionale delle Suore Pastorelle. Insieme alla nuova comunità erano presenti le sorelle: Adriana Cortelini (superiora provinciale di Caxias do Sul), Adriana Galay (superiora delegata di Argentina-Bolivia), María de los Ángeles Seijo, e Sara Buccarella. Nelle parole dei sacerdoti e nelle persone della comunità, che ci hanno accolto con molta gioia e disponibilità, abbiamo percepito la gratitudine verso le sorelle che li hanno accompagnati per 21 anni, per il loro lavoro costante, silenzioso, gioioso e, insieme, l apertura e disponibilità verso la nuova comunità. Don José ha spiegato alla comunità la missione pastorale delle Pastorelle in questa realtà, sottolineando la presenza non solo a livello di Cappella del quartiere dove viviamo, ma anche a livello parrocchiale e diocesano. Anche don Martín, durante la Messa celebrata nella Cappella di San Francesco, ci ha presentate a questa comunità che ci ha accolto con gioia. OMELIA DEL SANTO PADRE FRANCESCO Basilica di Santa Sabina Mercoledì, 18 febbraio 2015 Come popolo di Dio incominciamo il cammino della Quaresima, tempo in cui cerchiamo di unirci più strettamente al Signore, per condividere il mistero della sua passione e della sua risurrezione. La liturgia di oggi ci propone anzitutto il passo del profeta Gioele, inviato da Dio a chiamare il popolo alla penitenza e alla conversione, a causa di una calamità (un invasione di cavallette) che devasta la Giudea. Solo il Signore può salvare dal flagello e bisogna quindi supplicarlo con preghiere e digiuni, confessando il proprio peccato. Il profeta insiste sulla conversione interiore: «Ritornate a me con tutto il cuore» (2,12). 19

20 Ritornare al Signore con tutto il cuore significa intraprendere il cammino di una conversione non superficiale e transitoria, bensì un itinerario spirituale che riguarda il luogo più intimo della nostra persona. Il cuore, infatti, è la sede dei nostri sentimenti, il centro in cui maturano le nostre scelte, i nostri atteggiamenti. Quel ritornate a me con tutto il cuore non coinvolge solamente i singoli, ma si estende all intera comunità, è una convocazione rivolta a tutti: «Radunate il popolo, indite un assemblea solenne, chiamate i vecchi, riunite i fanciulli, i bambini lattanti; esca lo sposo dalla sua camera e la sposa dal suo talamo» (v. 16). Il profeta si sofferma in particolare sulla preghiera dei sacerdoti, facendo osservare che va accompagnata dalle lacrime. Ci farà bene, a tutti, ma specialmente a noi sacerdoti, all inizio di questa Quaresima, chiedere il dono delle lacrime, così da rendere la nostra preghiera e il nostro cammino di conversione sempre più autentici e senza ipocrisia. Ci farà bene farci la domanda: Io piango? Il Papa piange? I cardinali piangono? I vescovi piangono? I consacrati piangono? I sacerdoti piangono? Il pianto è nelle nostre preghiere?. E proprio questo è il messaggio del Vangelo odierno. Nel brano di Matteo, Gesù rilegge le tre opere di pietà previste nella legge mosaica: l elemosina, la preghiera e il digiuno. E distingue, il fatto esterno dal fatto interno, da quel piangere dal cuore. Nel corso del tempo, queste prescrizioni erano state intaccate dalla ruggine del formalismo esteriore, o addirittura si erano mutate in un segno di superiorità sociale. Gesù mette in evidenza una tentazione comune in queste tre opere, che si può riassumere proprio nell ipocrisia (la nomina per ben tre volte): «State attenti a non praticare la vostra giustizia davanti agli uomini per essere ammirati da loro Quando fai l elemosina, non suonare la tromba davanti a te, come fanno gli ipocriti Quando pregate, non siate simili agli ipocriti, che amano pregare stando ritti, per essere visti dalla gente. E quando digiunate, non diventate malinconici come gli ipocriti» (Mt 6, ). Sapete, fratelli, che gli ipocriti non sanno piangere, hanno dimenticato come si piange, non chiedono il dono delle lacrime. Quando si compie qualcosa di buono, quasi istintivamente nasce in noi il desiderio di essere stimati e ammirati per questa buona azione, per ricavarne una soddisfazione. Gesù ci invita a compiere queste opere senza alcuna ostentazione, e a confidare unicamente nella ricompensa del Padre «che vede nel segreto» (Mt 6,4.6.18). Cari fratelli e sorelle, il Signore non si stanca mai di avere misericordia di noi, e vuole offrirci ancora una volta il suo perdono - tutti ne abbiamo bisogno -, invitandoci a tornare a Lui con un cuore nuovo, purificato dal male, purificato dalle lacrime, per prendere parte alla sua gioia. Come accogliere questo invito? Ce lo suggerisce san Paolo: «Vi supplichiamo in nome di Cristo: lasciatevi riconciliare con Dio» (2 Cor5,20). Questo sforzo di conversione non è soltanto un opera umana, è lasciarsi riconciliare. La riconciliazione tra noi e Dio è possibile grazie alla misericordia del Padre che, per amore verso di noi, non ha esitato a sacrificare il suo Figlio unigenito. Infatti il Cristo, che era giusto e senza peccato, per noi fu fatto peccato (v. 21) quando sulla croce fu caricato dei nostri peccati, e così ci ha riscattati e giustificati davanti a Dio. «In Lui» noi possiamo diventare giusti, in Lui possiamo cambiare, se accogliamo la grazia di Dio e non lasciamo passare invano questo «momento favorevole» (6,2). Per favore, fermiamoci, fermiamoci un po e lasciamoci riconciliare con Dio. Con questa consapevolezza, iniziamo fiduciosi e gioiosi l itinerario quaresimale. Maria Madre Immacolata, senza peccato, sostenga il nostro combattimento spirituale contro il peccato, ci accompagni in questo momento favorevole, perché possiamo giungere a cantare insieme l esultanza della vittoria nel giorno della Pasqua. E come segno della volontà di lasciarci riconciliare con Dio, oltre alle lacrime che saranno nel segreto, in pubblico compiremo il gesto dell imposizione delle ceneri sul capo. Il celebrante pronuncia queste parole: «Ricordati che sei polvere e in polvere ritornerai» (cfr Gen 3,19), oppure ripete l esortazione di Gesù: «Convertitevi e credete al Vangelo» (cfr Mc 1,15). Entrambe le formule costituiscono un richiamo alla verità dell esistenza umana: siamo creature limitate, peccatori sempre bisognosi di penitenza e di conversione. Quanto è importante ascoltare ed accogliere tale richiamo in questo nostro tempo! L invito alla conversione è allora una spinta a tornare, come fece il figlio della parabola, tra le braccia di Dio, Padre tenero e misericordioso, a piangere in quell abbraccio, a fidarsi di Lui e ad affidarsi a Lui. 20

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA Solennità SALUTO La grazia e la pace nella santa Chiesa di Dio siano con tutti voi. E con il tuo spirito. L. Oggi la nostra comunità è in festa, ricordando

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Leggete le Beatitudini, vi farà bene.

Leggete le Beatitudini, vi farà bene. Il tema della XXXI Giornata Mondiale della gioventù Cracovia 2016 - è racchiuso nelle parole Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia (Mt 5:7). Il Santo Padre Francesco ha scelto la quinta

Dettagli

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI 5 febbraio S. AGATA, VERGINE E MARTIRE Patrona principale della città di Capua PREGHIERE: dal comune delle Vergini Al Dio tre volte santo, rivolgiamo

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

Un nuovo anno pastorale è iniziato

Un nuovo anno pastorale è iniziato Un nuovo anno pastorale è iniziato Nella lettera pastorale consegnata alla Diocesi all inizio dell anno pastorale il nostro Vescovo Enrico ci ha indicato alcune priorità che concretizzano il tema proposto

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA ARCIDIOCESI DI MILANO Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA Milano, Basilica di Sant Eustorgio 25 settembre 2011 ARCIDIOCESI DI MILANO

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

Che cos'è la preghiera? Quando pregava Gesù? Qual è la via della nostra preghiera? Quali momenti sono più indicati per la preghiera?

Che cos'è la preghiera? Quando pregava Gesù? Qual è la via della nostra preghiera? Quali momenti sono più indicati per la preghiera? Catechismo della Chiesa Cattolica Pregare oggi e perché Che cos'è la preghiera? Quando pregava Gesù? Qual è la via della nostra preghiera? Quali momenti sono più indicati per la preghiera? Quali sono le

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Il Convegno Regionale dei Gruppi del

Il Convegno Regionale dei Gruppi del E D I T O D A L L A C O N F R A T E R N I T A D E L S A N T I S S I M O S A C R A M E N T O DI S A N T A M A R I A IN T R A S T E V E R E I miei Gruppi di Preghiera di Roma e del Lazio A N N O V I I I

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

I Redentoristi in Spagna Oggi sono 155 e presenti con un attività pastorale multiforme.

I Redentoristi in Spagna Oggi sono 155 e presenti con un attività pastorale multiforme. I Redentoristi in Spagna Oggi sono 155 e presenti con un attività pastorale multiforme. I numeri della Provincia di Madrid, cioè della Spagna. I Redentoristi in Spagna (che storicamente formano la Provincia

Dettagli

La domenica rivela il senso del tempo: giorno dei giorni

La domenica rivela il senso del tempo: giorno dei giorni La domenica rivela il senso del tempo: giorno dei giorni 74. «Il tempo nel cristianesimo ha un importanza fondamentale. Nel tempo viene creato il mondo, al suo interno si svolge la storia della salvezza,

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Anzitutto voglio dare il mio saluto cordiale ed affettuoso a questa cara comunità di Gorle che già mi accoglie da diversi anni, quindi esprimo la mia riconoscenza

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

RITO DI APERTURA DEL GIUBILEO. 13 dicembre 2015. Terza domenica di Avvento

RITO DI APERTURA DEL GIUBILEO. 13 dicembre 2015. Terza domenica di Avvento RITO DI APERTURA DEL GIUBILEO 13 dicembre 2015 Terza domenica di Avvento Premesse Di seguito si suggerisce uno schema di celebrazione per l inizio dell anno giubilare. Il presente testo può essere utilizzati

Dettagli

Il Giubileo della Misericordia

Il Giubileo della Misericordia Il Giubileo della Misericordia Il cammino che da qualche anno impegna la nostra diocesi nel formare adulti in una Chiesa adulta, e dunque uomini e donne che sempre più rispondono al dono della vita nuova

Dettagli

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda "Andate e fate discepoli tutti i popoli!" Toloto kituruwosi ngitungaangakwapin daadang kgikaswomak kang Venerdì 26 luglio ha preso avvio anche a Moroto

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015. Coraggio, sono io. Rimanere, andare, gioire

Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015. Coraggio, sono io. Rimanere, andare, gioire Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015 Coraggio, sono io Rimanere, andare, gioire La salvezza che Dio ci offre è opera della sua misericordia. Non esiste azione umana, per

Dettagli

60 ore di Adorazione per il 60simo di sacerdozio del Papa

60 ore di Adorazione per il 60simo di sacerdozio del Papa CHIESA DI REGGIO EMILIA - GUASTALLA 20 21 22 23 GIUGNO 2011 60 ore di Adorazione per il 60simo di sacerdozio del Papa Preghiamo per la santificazione del clero e per il dono di nuove e sante vocazioni

Dettagli

CONSEGNA DELLE LINEE PASTORALI 2010 2011 Chiesa Cattedrale 5 settembre 2010 ITALO CASTELLANI arcivescovo. Lectio Divina (1 Pt.

CONSEGNA DELLE LINEE PASTORALI 2010 2011 Chiesa Cattedrale 5 settembre 2010 ITALO CASTELLANI arcivescovo. Lectio Divina (1 Pt. CONSEGNA DELLE LINEE PASTORALI 2010 2011 Chiesa Cattedrale 5 settembre 2010 ITALO CASTELLANI arcivescovo Lectio Divina (1 Pt.2,1-5; 3,15) Vocazione e missione della comunità cristiana: il cammino degli

Dettagli

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa 28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa Nata a Firenze nel 1401, fu sposa in età giovanissima e madre di un figlio divenuto successivamente anch esso frate e santo: il beato Giovanni Battista.

Dettagli

principale del gruppo è

principale del gruppo è Ufficio Diocesano di Pastorale Familiare e Vita I GRUPPI FAMIGLIA PARROCCHIALI luogo di crescita nella fede e nella spiritualità propria dello stato coniugale; momento di apertura alla vita parrocchiale

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

SAN TOMMASO DEI BATIUTI

SAN TOMMASO DEI BATIUTI rr;;;:.-~ J/(::il. 10 ~m. "'~"'. TO O H "NT U. CAPPELLANIA OSPEDALE SAN TOMMASO DEI BATIUTI PORTOGRUARO 19 Settelnbre Benedizione Cappella 2014 San Giovanni Paolo II BENEDIZIONE DELL'ACQUA E ASPERSIONE

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

PIETRE VIVE DELLA CHIESA L appartenenza alla Chiesa come proposta di vita buona

PIETRE VIVE DELLA CHIESA L appartenenza alla Chiesa come proposta di vita buona PIETRE VIVE DELLA CHIESA L appartenenza alla Chiesa come proposta di vita buona Introduzione alla nuova edizione - Non ha Dio come padre chi non ha la Chiesa come madre. La celebre intuizione di san Cipriano

Dettagli

Andrea Carlo Ferrari.

Andrea Carlo Ferrari. Per questo ammirabile esercizio di carità tutti vedevano in Lui il santo e lo dichiaravano apertamente.. Il Servo di Dio praticava le opere di misericordia sia spirituali che corporali.. Andrea Carlo Ferrari.

Dettagli

L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM)

L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM) L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM) Un Ordine Secolare, fin dall inizio, è un gruppo di fedeli cristiani che, inseriti e lavorando nella società, vivono la spiritualità di un Ordine religioso e

Dettagli

IL FUOCO E LE FONDAMENTA, LA VIA PER VEDERE GESÙ

IL FUOCO E LE FONDAMENTA, LA VIA PER VEDERE GESÙ IL FUOCO E LE FONDAMENTA, LA VIA PER VEDERE GESÙ Il fuoco che scalda 57. Celebrare insieme l Eucaristia come festa di tutta la comunità e nutrimento per il cammino, imparare a vivere la comunione e la

Dettagli

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina .. mettendoci da parte vostra ogni impegno, aggiungete alla vostra fede (2 Pietro 1:5) Natale Mondello 14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina Dio ha un piano per

Dettagli

Introduzione. Guida: Fratelli e sorelle.

Introduzione. Guida: Fratelli e sorelle. DIOCESI DI VIGEVANO 2 Introduzione Guida: Fratelli e sorelle. Questa veglia ci mette in sintonia con tutta la Chiesa nel condividere l ascolto della Parola e la preghiera, ed ancor più ci aiuta a riscoprire

Dettagli

Diocesi di Teramo-Atri

Diocesi di Teramo-Atri Diocesi di Teramo-Atri CALENDARIO PASTORALE anno 2015-2016 Settembre 2015 1 Ma 10.ma Giornata per la custodia del creato 2 Me 3 G Teramo, Sala Convegni Palazzo Vescovile ore 19: Sessione Straordinaria

Dettagli

Il Vescovo di Crema. 2. Risorse

Il Vescovo di Crema. 2. Risorse Il Vescovo di Crema Alla Comunità parrocchiale di Ripalta Guerina, al parroco don Elio Costi, ai membri del consiglio pastorale, ai catechisti e ai diversi collaboratori Sono state veramente giornate intense

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

Parroco: Micotti don Adriano. Casa Parrocchiale di Trobaso e FAX 0323-57.16.68. 338-50.59.656 d.adri@infinito.it www.parrocchiainrete.

Parroco: Micotti don Adriano. Casa Parrocchiale di Trobaso e FAX 0323-57.16.68. 338-50.59.656 d.adri@infinito.it www.parrocchiainrete. PARROCCHIE DI S. BARTOLOMEO CAPREZZO S. BRIZIO COSSOGNO E S. PIETRO - TROBASO Parroco: Micotti don Adriano Casa Parrocchiale di Trobaso e FAX 0323-57.16.68 338-50.59.656 d.adri@infinito.it www.parrocchiainrete.it

Dettagli

ISTITUTI RELIGIOSI. maschili. femminili di vita contemplativa. femminili di vita attiva

ISTITUTI RELIGIOSI. maschili. femminili di vita contemplativa. femminili di vita attiva ISTITUTI RELIGIOSI maschili femminili di vita contemplativa femminili di vita attiva ISTITUTI RELIGIOSI MASCHILI ORDINE DEI FRATI MINORI CONVENTUALI (2 presbiteri) indirizzo: piazzale degli Eroi - 00053

Dettagli

Duomo di Milano, 13 aprile 2013 INCONTRO MINISTRI STRAORDINARI DELLA COMUNIONE. Lectio e meditatio

Duomo di Milano, 13 aprile 2013 INCONTRO MINISTRI STRAORDINARI DELLA COMUNIONE. Lectio e meditatio Duomo di Milano, 13 aprile 2013 INCONTRO MINISTRI STRAORDINARI DELLA COMUNIONE Lectio e meditatio Lc 22,19-27 Il Signore Gesù poi prese il pane, rese grazie, lo spezzò e lo diede loro dicendo: «Questo

Dettagli

NON DI SOLO PANE. Tema generale: TENTAZIONE E MISERICORDIA. Brano biblico: LUCA 4,1-13 PRESENTAZIONE

NON DI SOLO PANE. Tema generale: TENTAZIONE E MISERICORDIA. Brano biblico: LUCA 4,1-13 PRESENTAZIONE NON DI SOLO PANE Tema generale: TENTAZIONE E MISERICORDIA Brano biblico: LUCA 4,1-13 PRESENTAZIONE Questo secondo anno pastorale vuole continuare il cammino iniziato in quello precedente e portato avanti

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Pontificia Basilica Collegiata S. MARIA DELL ELEMOSINA Parrocchia Matrice Santuario Mariano Biancavilla SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Omelia del Prev. Agrippino Salerno 22-06-2014 Cari fratelli e sorelle!

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

Indice. Introduzione... 5

Indice. Introduzione... 5 ECCOCI signore_eccoci signore 26/10/10 12.56 Pagina 199 Indice Introduzione.......................................... 5 Alcuni interrogativi.................................... 7 La lettura della tradizione................................

Dettagli

STATUTO DELLA FRATERNITÀ DEL TERZ ORDINE CARMELITANO parrocchia Santa Maria delle Vittorie in Bari della Provincia Napoletana dei Padri Carmelitani

STATUTO DELLA FRATERNITÀ DEL TERZ ORDINE CARMELITANO parrocchia Santa Maria delle Vittorie in Bari della Provincia Napoletana dei Padri Carmelitani STATUTO DELLA FRATERNITÀ DEL TERZ ORDINE CARMELITANO parrocchia Santa Maria delle Vittorie in Bari della Provincia Napoletana dei Padri Carmelitani COSTITUZIONE ART. 1 La fraternità del Terz ordine Carmelitano

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AI RELIGIOSI RIUNITI NELLA «SYDNEY OPERA HOUSE»

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AI RELIGIOSI RIUNITI NELLA «SYDNEY OPERA HOUSE» La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AI RELIGIOSI RIUNITI NELLA «SYDNEY OPERA HOUSE» Sidney (Australia), 26 novembre 1986 Ringrazio continuamente il mio Dio

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

Settembre Dom 6 XXIII T.O. Dom 13 XXIV T.O. Dom 20 XXV T.O. Dom 27 XXVI T.O.

Settembre Dom 6 XXIII T.O. Dom 13 XXIV T.O. Dom 20 XXV T.O. Dom 27 XXVI T.O. 2015/2016 Settembre 2015 Mar 1 10ª Giornata per la custodia del creato (sola sensibilizzazione) Incontro di preghiera a Porto Cesareo Mer 2 Gio 3 Ven 4 Pellegrinaggio diocesano al Santuario Madonna de

Dettagli

IN ATTESA DEL DONO DELLO SPIRITO SANTO

IN ATTESA DEL DONO DELLO SPIRITO SANTO Parrocchia della B.V. del Carmine Udine IN ATTESA DEL DONO DELLO SPIRITO SANTO Incontro di riflessione e preghiera VENERDÌ 23 MAGGIO 2014 PRESENTAZIONE DELL INCONTRO Ci troviamo insieme stasera per prepararci

Dettagli

Inserto Redazionale al n. 1 Gennaio 2012 della Rivista Sacro Cuore - Aut. del Tribunale di BO 15-06-1995 n. 6451 - Poste Italiane SPA - Spedizione in

Inserto Redazionale al n. 1 Gennaio 2012 della Rivista Sacro Cuore - Aut. del Tribunale di BO 15-06-1995 n. 6451 - Poste Italiane SPA - Spedizione in Inserto Redazionale al n. 1 Gennaio 2012 della Rivista Sacro Cuore - Aut. del Tribunale di BO 15-06-1995 n. 6451 - Poste Italiane SPA - Spedizione in A. P. - D. L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46)

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Domenica 4 settembre la Comunità Parrocchiale Mater Domini ha salutato don Donato Panna l ha guidata per otto anni.

Domenica 4 settembre la Comunità Parrocchiale Mater Domini ha salutato don Donato Panna l ha guidata per otto anni. Domenica 4 settembre la Comunità Parrocchiale Mater Domini ha salutato don Donato Panna l ha guidata per otto anni. Prima della conclusione della S. Messa, concelebrata da don Donato, don Giuseppe Pendinelli

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27)

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Un messaggio sul sacramento del matrimonio Lettera pastorale per la Quaresima 2011 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Cari fratelli e sorelle nel Signore La

Dettagli

Celebrare la festa in famiglia: riti e gesti nell esperienza famigliare

Celebrare la festa in famiglia: riti e gesti nell esperienza famigliare Statement-Incontro Mondiale delle Famiglie 1/5 Elisabeth & Bernhard Neiser / Nr. 20 Celebrare la festa in famiglia: riti e gesti nell esperienza famigliare 1. Riflessioni introduttive: Domenica e giorno

Dettagli

ORAZIONALE PER LA PREGHIERA DEI FEDELI secondo il rito della santa Chiesa di Milano

ORAZIONALE PER LA PREGHIERA DEI FEDELI secondo il rito della santa Chiesa di Milano PONTIFICIO ISTITUTO AMBROSIANO DI MUSICA SACRA ORAZIONALE PER LA PREGHIERA DEI FEDELI secondo il rito della santa Chiesa di Milano T E M P O DI P A S Q U A Ciclo feriale - Questi formulari per la preghiera

Dettagli

Periodico della Comunità Cristiana di Castelletto d Orba

Periodico della Comunità Cristiana di Castelletto d Orba Periodico della Comunità Cristiana di Castelletto d Orba Carissimi parrocchiani, con questo nuovo numero del nostro periodico vi raggiungo nelle vostre case in prossimità delle feste pasquale per porgere

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia PARROCCHIA S. BARTOLOMEO CARUGO SOGNI E REALTA Foglio di comunicazione e fraternità Ciclostilato in proprio del 4 maggio 2014 - www.parrocchiacarugo.it PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia Ci sono

Dettagli

Porto dentro di me una grande sollecitudine, ed è una sollecitudine per voi

Porto dentro di me una grande sollecitudine, ed è una sollecitudine per voi Card. Stanisław Ryłko Presidente Pontificio Consiglio per i Laici Città del Vaticano GIOVANNI PAOLO II: AMICO DEI GIOVANI Porto dentro di me una grande sollecitudine, ed è una sollecitudine per voi 1.

Dettagli

scelte di vita offrire al mondo la Parola Dal primo incontro con la Società don Roberto Ponti ssp IDENTIKIT DON ROBERTO IDENTIKIT IDENTIKIT IDENTIKIT

scelte di vita offrire al mondo la Parola Dal primo incontro con la Società don Roberto Ponti ssp IDENTIKIT DON ROBERTO IDENTIKIT IDENTIKIT IDENTIKIT Dal Presepio, da Nazaret, dal Calvario è tutto un tracciare la via divina: d amore al Padre... Fa, o Signore, che io la conosca, fa che metta ogni momento il piede sulle tue orme di povertà, castità, obbedienza.

Dettagli

PREGHIERA PER IL SINODO

PREGHIERA PER IL SINODO PREGHIERA PER IL SINODO Sac. Il Signore sia con voi Tutti: E con il tuo spirito Voce Guida: siamo qui radunati, come papa Francesco ha chiesto a tutti i fedeli, per accompagnare con la nostra preghiera

Dettagli

www.parrocchiamadonnaloreto.it

www.parrocchiamadonnaloreto.it www.parrocchiamadonnaloreto.it Prima di Natale, ci sono quattro settimane che sono molto speciali settimane che prendono il nome di Avvento, perche caratterizzate dall Attesa. Qualcuno potrebbe dire: attesa

Dettagli

... uscendo per le strade!

... uscendo per le strade! And a r e...... uscendo per le strade! percorsi giovani _ 2015/2016 Azione Cattolica diocesi di Bergamo Carissimo/a giovane, n e l l An n o Sa n t o della Misericordia, t i p r o p o n ia m o a l c u n

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

HOSPITALITÉ CUORE IMMACOLATO DI MARIA Stage al Salus Infirmorum

HOSPITALITÉ CUORE IMMACOLATO DI MARIA Stage al Salus Infirmorum HOSPITALITÉ CUORE IMMACOLATO DI MARIA Stage al Salus Infirmorum Lourdes 2010 INDICE 1. PROLOGO... 1 2. ATTO COSTITUTIVO... 2 3. AMBITI DI SERVIZIO... 3 4. REGOLE DELLA CASA... 4 5. COME CI SI ISCRIVE...

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

CAPITOLO PROVINCIALE ORDINARIO 2011. Assisi, 21-26 febbraio

CAPITOLO PROVINCIALE ORDINARIO 2011. Assisi, 21-26 febbraio CAPITOLO PROVINCIALE ORDINARIO 2011 Assisi, 21-26 febbraio DISPOSIZIONI APPROVATE Premesse (Ordo Capituli 33-34): 1/ Il Capitolo formula un programma che la nuova Curia provinciale cercherà di attuare

Dettagli

Cari giovani, 1. Una chiamata pressante

Cari giovani, 1. Una chiamata pressante Cari giovani, vorrei far giungere a tutti voi il mio saluto pieno di gioia e di affetto. Sono certo che molti di voi sono tornati dalla Giornata Mondiale della Gioventù di Madrid maggiormente «radicati

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^ CLASSE 1^ Dio e l uomo Classe 1^ Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore. Gesù di Nazareth. La Bibbia e le, leggere e saper riferire circa alcune pagine bibliche fondamentali i segni cristiani

Dettagli

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G.Galilei www.istitutocomprensivosgt.it CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE : 5 anni SCUOLA INFANZIA Consapevolezza ed espressione culturale / imparare a imparare.

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

L'esempio del passato e le questioni dell'oggi: il pensiero sociale di don Felice Una lettura nel passato per una luce nell'oggi

L'esempio del passato e le questioni dell'oggi: il pensiero sociale di don Felice Una lettura nel passato per una luce nell'oggi Contributo per libro Da "Giovane" a "Buon Cristiano ed Onesto e Attivo Cittadino" L'esempio del passato e le questioni dell'oggi: il pensiero sociale di don Felice Una lettura nel passato per una luce

Dettagli

Maggio ogni giorno con Maria

Maggio ogni giorno con Maria Maggio ogni giorno con Maria Maria, Maestra di contemplazione: i misteri della luce Il Rosario con San Giovanni Paolo II [BRUNA FREGNI] Proposta ispirata alla lettera apostolica sul Rosario di papa Giovanni

Dettagli

Liturgie matrimoniali

Liturgie matrimoniali Liturgie matrimoniali Le Chiese battiste (e i suoi pastori!) hanno sempre rivendicato libertà nelle forme di liturgia da utilizzare non solo nel culto domenicale, ma anche nei culti speciali. La diversità

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli