Istituto Statale di Istruzione Secondaria Superiore. Giovanni Maironi da Ponte. Via C. Berizzi, Presezzo (BG)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituto Statale di Istruzione Secondaria Superiore. Giovanni Maironi da Ponte. Via C. Berizzi, 1 24030 Presezzo (BG)"

Transcript

1 Istituto Statale di Istruzione Secondaria Superiore Giovanni Maironi da Ponte Via C. Berizzi, Presezzo (BG) Tel Fax maironi.it G. MAIRONI DA PONTE ( ) (Ritratto di G. Carnovali detto il Piccio, Accademia Carrara) P.O.F. 2012/13 ALLEGATI ATTIVITA E PROGETTI Aggiornamento novembre 2012 POF I.S.I.S.S. Maironi da Ponte pag. 1 di 22 a. s

2 INDICE LE ATTIVITA DI COMPETENZA DELLE AREE FUNZIONALI..pag. 4 Allegato n 1..pag. 5 ATTIVITA /PROGETTI (articolazioni)... pag. 5 Area 1: POF E SUPPORTO ALLA DIDATTICA... pag SUPPORTO DIDATTICO... pag. 5 Test ingresso... pag. 5 Metodo di studio... pag. 5 Fascia integrativa... pag. 5 Corso di avviamento allo studio del Latino... pag PERCORSI DI RECUPERO/ APPROFONDIMENTO... pag. 5 Tutoring...pag. 5 Corsi di sostegno e corsi di allineamento..... pag. 5 Corsi di recupero 1 e 2 quadrimestre... pag. 5 Pausa didattica... pag. 5 Preparazione all Esame di Stato... pag VALUTAZIONE E MISURAZIONE... pag. 5 Prove parallele... pag. 5 Criteri di valutazione. Voto di condotta. Crediti scolastici e formativi... pag ADEGUAMENTO/ AGGIORNAMENTO POF... pag ADATTAMENTO SECONDO LA NORMATIVA VIGENTE... pag. 5 Aggiornamento RIFORMA... pag. 5 Nuovi Indirizzi... pag. 5 Esami di Stato... pag FORMAZIONE AGGIORNAMENTO DOCENTI... pag. 5 Area 2: ORIENTAMENTO IN ENTRATA... pag Raccordo scuole medie - Open day- Orientamento... pag. 6 Area 3: ORIENTAMENTO USCITA: UNIVERSITA E LAVORO... pag. 7 Attività di Orientamento in uscita... pag. 7 Scuole estive e rapporti con le Università... pag. 7 Alternanza Scuola Lavoro e impresa formativa simulata... pag. 7 Stage estivi lavorativi... pag. 8 Area 4: AREA BENESSERE STUDENTE... pag. 9 Sportello di Ascolto Psicologico... pag. 9 Accoglienza alunni classe prima... pag. 9 Riorientamento... pag. 9 Educazione alla salute... pag. 9 Rappresentanza, Cittadinanza attiva e volontariato... pag. 9 Integrazione Studenti Stranieri... pag. 10 Integrazione studenti in situazione di disabiltà... pag. 11 Area 5: ATTIVITA INTEGRATIVE... pag VISITE DIDATTICHE E VIAGGI DI ISTRUZIONE... pag ATTIVITÀ CULTURALI... pag. 22 Accademia Carrara... pag. 12 Giornata della Memoria... pag. 12 Rappresentazioni teatrali... pag. 12 Corsi di Musica, Laboratorio di danza... pag. 12 Attività organizzate e gestite dai docenti interni... pag PROGETTI EUROPEI E LINGUISTICI... pag. 12 Stage lavorativi e progetto alternanza scuola -lavoro... pag. 12 Stage lavorativoall estero Leonardo MARIO... pag. 12 L accademia di Otzenhausen... pag LEARNING WEEK... pag POTENZIAMENTO DELLE LINGUE STRANIERE... pag. 13 Certificazioni Linguistiche... pag. 13 Progetto Madrelingua... pag. 14 PROGETTI: TECNOLOGIA nella Scuola.. pag TIC pag. 15 Sito web, Scuola NET, ECDL... pag. 15 Corsi di aggiornamento per didattica TIC... pag. 15 Elaborazione dati informatici e controllo... pag. 15 POF I.S.I.S.S. Maironi da Ponte pag. 2 di 22 a. s

3 Produzione e aggiornamento software e interfaccia argo... pag. 15 Registro elettronico... pag. 15 Allegato n 2... pag Istruzione domiciliare... pag. 16 Allegato n 3..pag Gestione Organizzativa.pag. 18 POF I.S.I.S.S. Maironi da Ponte pag. 3 di 22 a. s

4 1. SUPPORTO DIDATTICO Test ingresso Metodo di studio Ampliamento Offerta Formativa Fascia integrativa Corso di avviamento allo studio del Latino 2. PERCORSI DI RECUPERO/APPROFONDIMENTO Tutoring Corsi di sostegno Corsi di allineamento Corsi di recupero 1 e 2 quadrimestre Pausa didattica Preparazione all esame di stato 3. VALUTAZIONE E MISURAZIONE Prove parallele Criteri valutazione Voto condotta Crediti scolastici e formativi 4. POF Adeguamento/ Aggiornamento POF LE ATTIVITA DI COMPETENZA DELLE AREE FUNZIONALI A.S AREA 1: POF E SUPPORTO ALLA DIDATTICA 5. ADATTAMENTO SECONDO LA NORMATIVA VIGENTE Aggiornamento riforma Nuovi indirizzi Esami di Stato 6. FORMAZIONE- AGGIORNAMENTO DOCENTI Proposte formative docenti AREA 2: ORIENTAMENTO IN ENTRATA Raccordo scuole medie Open day Reti di scuole (orientamento) AREA 3: ORIENTAMENTO IN USCITA (UNIVERSITÀ E LAVORO) Rapporti enti territoriali (comuni, provincia, regione e aziende) Stage alternanza scuola- lavoro Corsi post - diploma Rapporti con l università AREA 4: BENESSERE STUDENTE CIC (Sportello d ascolto) Accoglienza Riorientamento Rappresentanza Integrazione studenti stranieri Integrazione studente H Volontariato Educazione all effettività e sessualità Formazione genitori Prevenzione all uso di sostanze e alle dipendenze. Cibo e salute. Ambiente. Sport. Partecipazione e convivenza civile, legalità, ed. stradale AREA 5: ATTIVITÀ INTEGRATIVE 1. VISITE DIDATTICHE Visite di istruzione 2. ATTIVITA CULTURALI Attività culturali (Teatro, Giornata della memoria, Accademia Carrara, Corso di Musica, Laboratorio di danza,.) Iniziative didattiche interne/ progetti annuali 3. PROGETTI EUROPEI E LINGUISTICI Progetti Europei con particolare riferimento a quelli linguistici( Comenius, Leonardo Mario, mobilità studenti/docenti, rapporti istituti linguistici (BC,Goethe Inst.., Accademia Otzenhausen) Gemellaggi con scuole italiane ed estere, scambi con l estero Learning Week 4. POTENZIAMENTO DELLE LINGUE STRANIERE Certificazioni linguistiche Conversazione madrelingua PROGETTI TECNOLOGIA NELLA SCUOLA AREA TIC Sito web. Scuola NET, ECDL Corsi aggiornamento per didattica TIC, elaborazione dati informatici e controllo: produzione e aggiornamento software e interfaccia ARGO. Registro elettronico POF I.S.I.S.S. Maironi da Ponte pag. 4 di 22 a. s

5 Allegato n 1 ATTIVITA /PROGETTI a. s AREA 1: POF E SUPPORTO ALLA DIDATTICA 1.1 SUPPORTO DIDATTICO (vedi POF): Test ingresso Metodo di studio Ampliamento Offerta Formativa - Fascia integrativa Corso di avviamento allo studio del Latino Preparazione all esame di stato 1.2. PERCORSI DI RECUPERO/APPROFONDIMENTO (vedi POF): Tutoring Corsi di sostegno Corsi di allineamento Corsi di recupero 1 e 2 quadrimestre Pausa didattica 1.3. VALUTAZIONE E MISURAZIONE (vedi POF): Prove parallele Criteri di valutazione Voto di condotta Crediti scolastici e formativi 1.4. ADEGUAMENTO/AGGIORNAMENTO POF Il POF è un documento dinamico in costante aggiornamento in quanto richiede la revisione continua di alcune parti o, in alcuni casi, di tutte le sue parti per adeguare il documento alla normativa vigente o alle esigenze didattiche dell Istituto ADATTAMENTO SECONDO LA NORMATIVA VIGENTE: Aggiornamento Riforma Nuovi Indirizzi Esami di Stato L Istituto è particolarmente attento ai cambiamenti normativi che interessano la scuola pertanto si attiva tempestivamente per aggiornare i documenti specifici. Negli ultimi anni i gruppi per materia e i consigli di classe hanno lavorato in particolare sulla programmazione per competenze, facendo riferimento a quanto stabilito dal decreto ministeriale n.139 del 22 agosto FORMAZIONE - AGGIORNAMENTO DOCENTI L Istituto, su richiesta specifica del collegio docenti, della commissione didattica o dello stesso dirigente scolastico, attiva percorsi di aggiornamento o di formazione dei docenti per rispondere a particolari esigenze legate agli aspetti innovativi della didattica. POF I.S.I.S.S. Maironi da Ponte pag. 5 di 22 a. s

6 AREA 2: ORIENTAMENTO IN ENTRATA 2.1 ORIENTAMENTO IN ENTRATA L orientamento in entrata si propone di stabilire contatti efficaci con il territorio e con le scuole secondarie di primo grado del bacino d utenza dell Istituto e di esplicitare le proposte formative del Liceo Scientifico e dell Istituto Tecnico. Scopo principale del progetto orientamento in entrata è quello di operare in modo che il passaggio dalla scuola secondaria di primo grado a quella di secondo grado sia sentito dagli studenti e dalle famiglie come un momento importante all interno di un percorso formativo di continuità con la scuola di ordine inferiore, tenendo conto delle attitudini, potenzialità, aspirazioni e motivazioni dei ragazzi per maturare una scelta consapevole e responsabile. Obiettivi principali dell orientamento in entrata sono i seguenti: offrire una informazione chiara e completa che illustri le caratteristiche dei corsi di studio e gli aspetti più rilevanti del Piano dell Offerta Formativa dell Istituto, attraverso momenti di incontro con gli studenti, le loro famiglie e le scuole secondarie di primo grado del nostro bacino di utenza; favorire una scelta più consapevole da parte degli alunni e delle loro famiglie nel passaggio dalla scuola secondaria di primo grado a quella di secondo grado. Per raggiungere gli obiettivi di cui sopra si mettono in atto le seguenti iniziative: 1. invio di materiale illustrativo alle scuole secondarie di primo grado del bacino di utenza e contatti telefonici con le scuole interessate allo scopo di concordare i successivi incontri di orientamento presso le sedi delle scuole che ne fanno richiesta; 2. presentazione dell Istituto agli studenti e alle loro famiglie direttamente nelle sedi delle scuole che ne hanno fatto richiesta proponendo anche attività laboratoriali presso le scuole secondarie di primo grado del territorio; 3. organizzazione su richiesta di visite guidate degli studenti delle scuole secondarie di primo grado e delle loro famiglie presso il nostro Istituto; 4. pubblicità (sito scuola, manifesti pubblicitari, opuscoli illustrativi ); 5. organizzazione di quattro giornate di open day (due per il liceo scientifico e due per l istituto tecnico economico) specificamente rivolte agli studenti e alle loro famiglie in cui l Istituto viene aperto a tutti i potenziali interessati. Durante queste giornate i futuri alunni e i loro genitori potranno ricevere informazioni dettagliate, visitare l Istituto (in particolare le aule speciali e i laboratori) e partecipare attivamente ad alcune attività organizzate; 6. organizzazione di attività di orientamento serali rivolte specificamente alla componente genitori ( serate orientamento ); 7. creazione di uno sportello di ascolto rivolto a genitori e alunni per fornire chiarimenti prima dell iscrizione al nostro Istituto; 8. effettuazione di lezioni simulate (al pomeriggio) di alcune discipline rivolte agli studenti delle classi terze delle scuole secondarie di primo grado del bacino di utenza e tenute dai nostri docenti e/o studenti; 9. organizzazione di brevi stage aventi lo scopo di fare assistere i futuri iscritti a una mattinata di lezione nelle nostre classi; 10. partecipazione a Saloni di Orientamento ove previsti POF I.S.I.S.S. Maironi da Ponte pag. 6 di 22 a. s

7 AREA 3 ORIENTAMENTO IN USCITA VERSO l UNIVERSITÀ, CORSI POST DIPLOMA E MONDO DEL LAVORO 3.1 ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO IN USCITA Agli studenti delle classi quarte e quinte dell Istituto Tecnico e del Liceo sono rivolte una serie di proposte volte ad accompagnarli nella valutazione del percorso post diploma. In questa difficile scelta, così importante per il loro futuro, i ragazzi si sentono spesso inadeguati e un po soli, e anche le famiglie sono più serene in questa circostanza se la scuola le sostiene con i consigli e le indicazioni di esperti e con informazioni adeguate e azioni formative specifiche per l orientamento. In sinergia con l Ufficio Scolastico Regionale, quello Territoriale, e con vari altri enti e Istituzioni del territorio, ogni anno si offrono molteplici iniziative, alcune sono rivolte direttamente agli studenti, altre sono concordate con i Consigli di Classe, i quali nella loro programmazione deliberano a quali iniziative aderire tra quelle disponibili. Durante tutto l anno scolastico sono attivi vari canali di comunicazione utilizzati per diffondere notizie e informazioni riguardanti opportunità utili per l orientamento, quali ad esempio corsi di specializzazione post diploma, iniziative di Università, associazioni di categoria, enti no profit e così via. Tali informazioni sono di norma fornite ai ragazzi tramite apposite comunicazioni sia stampate e fornite alla classe, sia reperibili sul sito della scuola, sia inviate tramite , sia affisse in un apposita bacheca insieme ad altro materiale informativo. Sono in contatto diretto con il Maironi da Ponte molteplici Università: tutte quelle del comprensorio di Bergamo, Milano, Lecco e Brescia, nonché alcune di rilevante prestigio e caratterizzate da percorsi formativi peculiari quali ad esempio la Scuola Normale Superiore di Pisa, l Alma Mater Studiorum di Bologna e l Università della Svizzera Italiana. Tra le iniziative che ogni anno riproponiamo a tutti gli studenti c è il Salone dell Orientamento in collaborazione con il Punto Giovani: una settimana intera nella quale sono resi disponibili nel nostro Auditorium e distribuiti gratuitamente materiali informativi sui percorsi universitari di ogni genere e, a ciascuna classe quinta dell Istituto, è offerta una opportunità di consulenza di due ore riguardante la strutturazione del sistema universitario italiano, dell Alta Formazione Artistica e Musicale, del sistema dei CFU Crediti Formativi Universitari, della didattica universitaria e piani di studio, delle agevolazioni economiche di accesso e frequenza alla formazione universitaria e superiore, delle possibilità di proseguire gli studi all estero, ecc Un altra interessante occasione di orientamento è offerta negli incontri pomeridiani con ex-studenti del Maironi i quali, illustrando la propria esperienza personale, sono chiamati a descrivere possibili percorsi ed a rispondere alle sollecitazioni e alle domande dei ragazzi di classe quinta. Altre iniziative di formazione sono a volte organizzate in collaborazione con enti certificati da Regione Lombardia i quali, avendo accesso ai fondi regionali destinati alla formazione dei giovani, rendono possibile l organizzazione di proposte formative di alto livello senza che i ragazzi debbano partecipare alle spese dei corsi. Ancora in collaborazione con enti certificati si sono organizzate altre iniziative quali le Learning Week ed altre potranno essere organizzate in futuro, ad esempio si pensi a corsi di Istruzione Tecnica Superiore. Citiamo infine un ultima possibilità di formazione realizzata aderendo ad una iniziativa dell Ateneo di Bologna che è il progetto di orientamento in e-learning mediante il quale i ragazzi possono cimentarsi in molteplici corsi disciplinari del primo anno di 16 Facoltà Universitarie allo scopo di far toccare con mano ai ragazzi alcuni esempi concreti di didattica dei corsi di laurea di loro interesse. 3.2 SCUOLE ESTIVE E RAPPORTI CON LE UNIVERSITÀ A partire dall anno scolastico si è inteso procedere anche nella promozione sia dei corsi residenziali per diplomandi, sia delle cosiddette Summer School che sono organizzate, con evidenti finalità orientative, presso le sedi degli Atenei e destinate in genere agli studenti di classe quarta. Citiamo in proposito collaborazioni con l Università Statale di Milano, il Politecnico di Milano, la Scuola Superiore Sant Anna (Pisa) e l Almo Collegio Borromeo (Pavia). 3.3 ALTERNANZA SCUOLA LAVORO E IMPRESA FORMATIVA SIMULATA La necessità di realizzare un rapporto sempre più continuativo con il contesto territoriale e di rispondere in modo più adeguato alle richieste del mondo del lavoro e degli stessi studenti ha da molto tempo trovato un valido strumento nell alternanza-scuola lavoro. Nell ambito della riforma scolastica, già dal 2003, questa modalità di formazione assume un ruolo centrale, ciò POF I.S.I.S.S. Maironi da Ponte pag. 7 di 22 a. s

8 ha portato il sistema di istruzione e formazione regionale ad occuparsi in modo organico dell alternanza scuola lavoro e dell Impresa Formativa Simulata ed a creare reti di scuole che integrando competenze e risorse realizzino progetti sempre più adeguati e rispondenti alle necessità di formazione delle nuove generazioni, in un contesto socio-economico sempre più difficile. Il progetto di alternanza è una modalità didattica finalizzata a conseguire ed arricchire gli obiettivi del percorso di istruzione attraverso esperienze in contesti lavorativi. Non si tratta perciò di contribuire produttivamente al processo produttivo dell azienda ospitante ma bensì di cimentarsi in una relazione più matura e vicina al mondo reale per mettere alla prova le proprie competenze ed esprimerle in un contesto meno edulcorato e protetto quale è quello prettamente scolastico. Le esperienze degli anni scorsi al Maironi hanno trovato riscontri davvero positivi tra gli allievi che hanno partecipato mettendosi seriamente in gioco e accettando il rapporto educativo con adulti che normalmente non svolgono la professione di insegnanti ma hanno comunque a cuore la crescita umana, culturale e professionale dei ragazzi loro affidati per un breve periodo. In genere si tratta di 20 ore di formazione in aula per le classi seconde con un modulo trasversale fra le materie curricolari e visite alle aziende e sul territorio; formazione in classe e 70 ore di tirocinio in azienda per le classi terze; formazione in classe e 90 ore di tirocinio in azienda per le classi quarte. I moduli di formazione in aula e l azione formativa in azienda sono condivisi e co-gestiti dai docenti della scuola, dal tutor della scuola e dal tutor aziendale, i quali si accordano sulle attività da svolgere, sull accertamento e il riconoscimento delle competenze conseguite in azienda e a scuola. Gli studenti inseriti in aziende del territorio effettuano infatti un percorso personalizzato, concordato con le aziende, nel quale le ore in azienda posso essere svolte sia in orario scolastico sia in orario extrascolastico. Al termine del periodo di alternanza i docenti e il tutor aziendale valutano insieme il livello di apprendimento raggiunto dallo studente, questo apprendimento è riconosciuto anche ai fini della valutazione scolastica. In base alla normativa vigente i destinatari di questa modalità di formazione sono gli alunni di un età compresa tra i 15 e i 18 anni. Il progetto di alternanza scuola lavoro al Maironi è proposto ai Consigli di Classe dalla seconda alla quarta sia I.T.E. che Liceo, in un ottica di percorso pluriennale dell esperienza; i Consigli di Classe deliberano se aderire o meno al progetto di alternanza. Al Maironi è allo studio la possibilità di realizzare percorsi I.F.S.: l Impresa Formativa Simulata è una modalità di attuazione virtuale dell alternanza scuola lavoro e nasce con l obiettivo di operare secondo i criteri del cosiddetto learning by doing, favorire cioè l apprendimento in contesti operativi. Attraverso un ambiente di simulazione, che riduce la distanza tra l'esperienza teorica e quella pratica, gli studenti possono operare da scuola come farebbero in un'azienda. La classe ha così la possibilità di misurarsi con le problematiche legate alla costituzione e poi alla gestione di un impresa, in tutto simile a quelle reali. La metodologia I.F.S. si propone in particolare di promuovere nei giovani il problem solving, superando la tradizionale logica dell attività legata alla semplice applicazione di regole. Gli studenti in questo modo non hanno solo il ruolo passivo dei fruitori, ma si trovano ad essere protagonisti della gestione stessa del progetto, senza rinunciare alla forma laboratoriale e all apprendimento di gruppo. 3.4 STAGE ESTIVI LAVORATIVI Da molti anni l Istituto organizza e realizza attività di stage aziendali estivi per gli studenti che terminano la classe quarta I.T.E. o Liceo. Sono di regola coinvolti sia Enti pubblici (ad esempio Comuni, Tribunale di Bergamo) sia Aziende private, Studi professionali, Imprese artigiane, P.M.I. ecc L esperienza di Stage estivo è proposta ai singoli studenti che possono liberamente e facoltativamente aderire al progetto; la partecipazione è riconosciuta anche ai fini del credito scolastico per il punteggio dell esame di stato. L esperienza di Stage è di solito molto apprezzata dai ragazzi che hanno modo di sperimentarsi in un contesto differente da quello scolastico e di conoscere molteplici aspetti del mondo del lavoro. POF I.S.I.S.S. Maironi da Ponte pag. 8 di 22 a. s

9 AREA 4: AREA BENESSERE STUDENTE 4.1 SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO Nella Scuola è attivo uno sportello di consulenza psicologica, gestito in collaborazione con l A.S.L. di Bergamo, a cui gli studenti possono aderire su prenotazione. Lo sportello è attivo un giorno alla settimana, in orario mattutino. Il servizio è aperto anche a genitori e insegnanti, sui temi dell ascolto e della relazione con gli adolescenti. 4.2 ACCOGLIENZA ALUNNI CLASSE PRIMA Nelle prime settimane di lezione i docenti del consiglio di classe sono coinvolti in una serie di attività finalizzate ad un positivo inserimento degli alunni di classe prima nella nuova realtà scolastica. Gli obiettivi sono: - Conoscenza della comunità scolastica - Condivisione del patto formativo - Conoscenza del POF d istituto - Conoscenza delle regole e dei regolamenti d istituto - Presentazione norme e piano di sicurezza - Preparazione alla rappresentanza - Conoscenza dei livelli di partenza del gruppo classe - Impostazione del metodo di studio 4.3 RIORIENTAMENTO FINALITA Combattere la dispersione scolastica e garantire agli alunni scelte confacenti al proprio progetto di vita. OBIETTIVI - Garantire il diritto al successo formativo di ciascun allievo; - Far acquisire le conoscenze e le competenze necessarie agli studenti che chiedono il passaggio per poter frequentare proficuamente l anno successivo in un altro indirizzo; DESTINATARI Studenti del primo o del secondo anno che evidenziano incoerenza tra l indirizzo frequentato e le potenzialità e attitudini individuali e/o che chiedono il passaggio ad altro indirizzo. ATTIVITA PREVISTE - PROCEDURE - Colloqui con studenti e genitori che richiedono il passaggio; - Analisi comparata dei curricoli di provenienza e destinazione; - Contatti con le scuole di destinazione ed eventuale definizione di un protocollo d intesa in accordo con i regolamenti di ciascun Istituto; 4.4 EDUCAZIONE ALLA SALUTE FINALITÀ Proporre momenti educativi che mirano ad uno sviluppo equilibrato della personalità degli adolescenti, con attenzione agli aspetti psicologici, relazionali e di riflessione critica su comportamenti a rischio. OBIETTIVI - Realizzazione di percorsi formativi sui temi dell affettività e sessualità; - Realizzazione di percorsi formativi sui temi dell uso-abuso di sostanze, legali e illegali, e delle dipendenze. MODALITÀ DI SVOLGIMENTO E ATTUAZIONE - I percorsi tendono ad integrare l attività curricolare, svolta dai docenti, con l intervento di esperti esterni, come psicologi ed educatori, che caratterizzano, ormai da anni, la collaborazione della scuola con Enti locali quali l Azienda Sanitaria e le Cooperative Sociali impegnate sul territorio. - Il Collegio Docenti delibera ogni anno, in base alle priorità e anche alla disponibilità di risorse, il numero e la durata delle collaborazioni esterne. Sono previsti momenti formativi con esperti anche per i genitori degli alunni. 4.5 RAPPRESENTANZA, CITTADINANZA ATTIVA E VOLONTARIATO FINALITÀ Sensibilizzare i giovani alla partecipazione democratica, alla legalità e all impegno sociale. OBIETTIVI - Sostenere iniziative e proposte della rappresentanza studentesca - Realizzare momenti formativi sui temi della legalità POF I.S.I.S.S. Maironi da Ponte pag. 9 di 22 a. s

10 - Formare cittadini e cittadine solidali e responsabili attraverso l incontro ed il confronto con le realtà del volontariato MODALITÀ DI SVOLGIMENTO E ATTUAZIONE Le attività proposte e i soggetti coinvolti possono variare in funzione delle richieste degli studenti o dei docenti e si svolgono in collaborazione con enti e associazioni attivi nel territorio sui temi in oggetto e con gli operatori del Centro Servizi Bottega del Volontariato (CSV) della Provincia di Bergamo. 4.6 INTEGRAZIONE STUDENTI STRANIERI Nell ambito dell esercizio dell autonomia scolastica, che permette l organizzazione di moduli intensivi o di laboratori linguistici e/o percorsi personalizzati di lingua italiana per studenti stranieri (circ. min. 2/2010), è possibile attivare il progetto seguente, articolato in fasi. Finalità: Accoglienza Inserimento Integrazione socio-culturale promozione del successo formativo degli alunni stranieri. Obiettivi: - Valutazione del livello di competenze linguistiche e disciplinari; - Attivazione, dove fosse necessario, di interventi specifici di supporto didattico; - Attenzione ai livelli raggiunti e ai progressi evidenziati dallo studente; - Raccordo con lo sportello per l integrazione degli alunni stranieri e l educazione interculturale di Ponte S. Pietro (sulla base della condivisione di un protocollo di accoglienza con gli Istituti superiori dei distretti 27 e 28, a cui il presente progetto si conforma - Collaborazione con alcune agenzie educative del territorio (centro E.D.A.) Ipotesi organizzativa e descrizione del progetto: Il Collegio Docenti Individua un docente referente (o Funzione Strumentale) per l attuazionedel progetto. Il docente referente - Incontra, a fine Maggio i Referenti degli Istituti Comprensivi del territorio per il passaggio di informazioni sugli studenti stranieri provenienti dalle scuole medie e iscritti presso il nostro Istituto. - Accerta le competenze linguistiche dell alunno straniero che si iscrive in corso d anno o che ha una frequenza di pochi mesi 1anno nella scuola italiana. Il docente referente, in collaborazione con i Consigli di Classe interessati, - Rileva le esigenze formative dello studente straniero - Individua le risorse funzionali all organizzazione di specifici interventi di supporto didattico (prevalentemente in forma di laboratorio linguistico) Il Consiglio di Classe - Sulla base delle informazioni ricevute e raccolte, può predisporre per l alunno straniero uno specifico percorso individualizzato relativo ad una o più discipline e che sia integrato dagli interventi di supporto extra curricolari. - Procede ad una verifica dei progressi effettuati e dei risultati raggiunti - Tiene conto, nella valutazione finale,dei progressi registrati, delle competenze acquisite e delle difficoltà che ancora permangono. Competenze della segreteria: Per quanto riguarda l iscrizione e la documentazione, la segreteria è responsabile ad inizio anno scolastico o contestualmente all arrivo dell alunno, della compilazione del modulo di iscrizione, tradotto in lingua, della presentazione della documentazione necessaria e della segnalazione immediata dell arrivo dei nuovi alunni al Referente di quell anno scolastico. L alunno straniero neo arrivato dal paese d origine che chieda l iscrizione successivamente alle formazione delle classi, può provvisoriamente essere assegnato alla classe corrispondente all età anagrafica, con riserva di spostamento ad altra classe più adeguata alle sue competenze linguistiche e disciplinari (tale decisione verrà presa in accordo con il consiglio di classe interessato e la commissione alunni stranieri) Durata del progetto e soggetti coinvolti: Il progetto copre l intero anno scolastico o, conformemente alle esigenze dei Consigli di Classe interessati, un solo quadrimestre. Il monte - ore non è determinabile a priori, in quanto subordinato al numero degli studenti coinvolti e alle loro effettive necessità. POF I.S.I.S.S. Maironi da Ponte pag. 10 di 22 a. s

11 4.7 INTEGRAZIONE STUDENTI IN SITUAZIONE DI DISABILITÀ Il nostro Istituto, in coerenza con quanto previsto dalla Legge-quadro 104 del 5/02/92 che garantisce il diritto all educazione e all istruzione della persona disabile all interno della scuola, ha come obiettivo lo sviluppo delle potenzialità della persona disabile nell apprendimento, nella comunicazione, nelle relazioni e nella socializzazione. L Istituto progetta percorsi educativi-didattici che, partendo dal bagaglio di conoscenze ed esperienze degli allievi, permettano di sviluppare l autonomia personale ed acquisire competenze. Vengono offerti tre possibili percorsi: - A (curriculare) in cui viene svolta attività comune al percorso della classe (eventuali tempi più lunghi e/o prove equipollenti) finalizzato al conseguimento del diploma. - B (differenziato) in cui vengono perseguiti obiettivi individualizzati e contenuti riferiti alle potenzialità ed agli interessi dell alunno, con conseguente attestato di frequenza (Certificato di Crediti Formativi), utile per un ulteriore percorso Formativo Territoriale o presso la Formazione Professionale. - C (differenziato) integrazione scolastica, progetto cooperative tipo A - altro. Finalità: Favorire l inserimento, l integrazione scolastica e l orientamento degli studenti disabili, collaborando con enti esterni. Obiettivi: Sviluppo di rapporti e relazioni all interno e fuori della classe con gli altri allievi, con i docenti e con la comunità scolastica nel suo insieme; Attività: Mantenimento e/o miglioramento dei livelli di scolarità raggiunti; Acquisizioni di conoscenze e/o abilità pratiche, attraverso l uso di strumenti di laboratorio, che permettano l inserimento in realtà professionali. Realizzazione dei Percorsi Educativi Individualizzati sia all interno che all esterno dell Istituto. Inoltre per alcuni alunni si prevede l organizzazione di attività didattiche in laboratori specifici quali: informatica, espressivo-decorativo, cucina e motorio (piscina). Metodi e strategie: Elaborazione progetto accoglienza per alunni portatori di handicap e verifica degli esiti Contatti con docenti scuola media inferiore: progetto di continuità educativa Contatti con le famiglie, gli enti locali, gli operatori socio-sanitari, le Cooperative, gli Uffici Scolastici provinciale e regionale Pianificazione percorsi e identificazione dell iter formativo più rispondente alla situazione reale dell alunno portatore di handicap Programmazione dei tempi e modi per la realizzazione del progetto Integrazione ed orientamento degli alunni disabili Risorse Interne: Docente referente (con n 4 ore settimanali dedicate al coordinamento delle attività), Docenti di sostegno, Assistenti educatori, Consiglio di Classe, Area Handicap,Gruppo Handicap, Personale ATA, Struttura scolastica: aule dedicate ad attività individualizzate e/o di gruppo, ascensori, montascale, bar ecc..,laboratori di informatica, palestre ecc., Ausili specifici Esterne:UONPIA, genitori, cooperative, CFP ecc. Competenze e requisiti per il referente: Titolo di specializzazione Esperienze nella progettazione e gestione di percorsi didattici relativi all handicap Tempi: intero anno scolastico. Verifica: Redazione, da parte del consiglio di classe, del Progetto Educativo approvato e firmato dalle famiglie; Un Consiglio di classe aperto aggiuntivo, nel quale vengono invitati a partecipare i genitori degli alunni disabili e gli altri operatori coinvolti nel progetto, con mezz ora di discussione; Coinvolgimento degli operatori e dei genitori nei progetti degli alunni disabili; Osservazione sistematica dell attività svolta in Cooperativa dagli alunni attraverso apposite schede; Relazione intermedia e finale dei docenti referenti sull attività svolta durante l anno; Riunioni Area Handicap; Riunioni Gruppo H di Istituto. Per maggiori informazioni è possibile consultare, in istituto, l intero progetto. POF I.S.I.S.S. Maironi da Ponte pag. 11 di 22 a. s

12 AREA 5: ATTIVITA INTEGRATIVE 5.1 VISITE DIDATTICHE E VIAGGI DI ISTRUZIONE I viaggi di istruzione e le visite didattiche sono finalizzati ai seguenti obiettivi: a) socializzazione dei gruppi classe, in particolare per le classi iniziali dei corsi; b) conoscenza di realtà di particolari pregio ambientale e formazione al rispetto ambientale; c) conoscenza del patrimonio artistico, ambientale ed economico di realtà urbane nazionali ed estere; d) scambi e gemellaggi con istituti scolastici; e) approfondimento di particolari e significative tematiche relative alle materie d indirizzo. Le iniziative (eccetto le visite didattiche) vengono svolte nel corso dell anno scolastico escludendo i mesi di maggio e giugno. Le visite di istruzione a carattere naturalistico (o nei quali sia didatticamente rilevante il tempo atmosferico) potranno essere svolte entro la prima settimana del mese di maggio. Per le classi quinte i viaggi di istruzione devono essere effettuati entro il mese di novembre. I viaggi all estero sono consentiti per le sole classi del Triennio. Per i dettagli si rimanda al regolamento specifico 5.2 ATTIVITA CULTURALI ACCADEMIA CARRARA: interventi da parte di esperti e guide dell Accademia miranti ad offrire agli studenti del triennio un quadro storico-artistico inerente gli argomenti storicoletterario affrontati nel corso dell anno. GIORNATA DELLA MEMORIA - PARTECIPAZIONE A RAPPRESENTAZIONI TEATRALI CORSI DI MUSICA - LABORATORIO DI DANZA - ATTIVITA ORGANIZZATE E GESTITE DAI DOCENTI INTERNI 5.3. PROGETTI EUROPEI E LINGUISTICI L accademia di Otzenhausen L Accademia di Otzenhausen è l ente accreditato presso L Unione Europea per la formazione della cittadinanza europea nei giovani. Si trova a Sankt Wendeler nel comune di Nonneweiler nella regione del Saarland, molto vicina alla cittadina francese di Strasburgo, al Lussemburgo e a Bruxelles. L accademia organizza seminari interculturali, conferenze e visite al Parlamento Europeo per studenti della Comunità Europea, con l intento di promuovere la formazione della cittadinanza europea attraverso la conoscenza delle individualità regionali e l integrazione culturale, linguistica e sociale dei giovani. Gli studenti lavorano in un contesto internazionale su argomenti di politica comunitaria e su temi riguardanti il mondo del lavoro, il ruolo dell EU in ambito internazionale, i problemi ambientali, il trattato di Lisbona ed alcuni trattati transatlantici. Le attività sono tenute principalmente in inglese, francese e tedesco. L esperienza è rivolta a studenti dai 16 ai 18 anni, con buone competenze nelle lingue comunitarie. Al termine del seminario viene rilasciato un attestato di partecipazione, riconosciuto in ambito europeo che dà diritto a crediti scolastici. Stage lavorativi e progetto alternanza scuola-lavoro Il progetto stage è rivolto agli studenti delle classi quarte del liceo e dell ITE che decidono di aderire. Le attività si svolgono prevalentemente durante il periodo estivo presso aziende ed enti pubblici e rappresentano un momento concreto di apertura verso il mondo del lavoro e/o una verifica rispetto alla futura scelta della facoltà universitaria. Gli studenti hanno infatti l opportunità di valutare se lo sbocco professionale corrispondente all indirizzo di studi scelto soddisfa le loro aspettative. L alternanza scuola-lavoro (vedi Area 3) STAGE LAVORATIVI ALL ESTERO: LEONARDO MARIO ( ) Quest anno il progetto Leonardo Mario ( progetto di mobilità degli studenti finanziato dalla comunità europea) non verrà svolto, ma la nostra scuola ha già aderito al progetto per l anno , presentato all ISFOL di Roma dalla scuola capofila Vittorio Emanuele II di Bergamo,. Questo progetto permette agli studenti di solo 8 istituti italiani di partecipare a stage lavorativi all estero nel periodo estivo. Le mete sono Inghilterra( Porthmouth)., Germania ( Francoforte), Austria (Vienna) e Francia (Cannes). I partner del progetto assicurano posti lavorativi adeguati all indirizzo di studio dello studente ( economico-aziendale- POF I.S.I.S.S. Maironi da Ponte pag. 12 di 22 a. s

13 turistico). Lo stage ha la durata di 5 settimane,il mezzo di trasporto è l aereo o il bus, l alloggio può essere in famiglia o in ostello della gioventù, il trattamento è la mezza pensione e in loco vi saranno docenti accompagnatori per la risoluzione di eventuali problemi organizzativi e per la sorveglianza. Il progetto richiede una buona conoscenza della lingua del paese in cui si sceglie di fare lo stage ( certificazione B1) e una buona formazione economica-aziendale. Per garantire la migliore omogeneità di preparazione, si svolgono durante l anno scolastico dei corsi di formazione sulla lingua specialistica, di economia e di E-Commerce e E-marketing: 1) Formazione informatica in e learning ( cioè on line) per la quale è previsto l uso di una piattaforma e-commerce ad interattività completa costruita attorno ad una soluzione open source Magento con funzionalità di creazione e gestione catalogo e prodotti, gestione ordini,fatturazione,spedizione,reporting, tool di search Engine marketing, gestione della recezione dei prodotti da parte degli utenti, gestione degli utenti registrati, creazione di news letter. 2) Formazione economica aziendale presso la scuola con attività di simulazione di pratica d ufficio (10 ore) 3) Formazione e-learning per argomenti linguistici ed economici. Gli studenti devono seguire le lezioni in modalità on line e svolgere gli esercizi assegnati 4) Formazione linguistica e economica presso la nostra scuola con insegnanti madrelingua. 5) Formazione residenziale e Castione della Presolana 6) Formazione linguistica (40 ore) nella scuola partner all estero durante lo stage in azienda. Al termine dello stage verranno rilasciati 3 attestati da inserire nel proprio curriculum vitae: EUROPAPASS della Comunità Europea, attestato linguistico dalla scuola straniera e attestato per lo stage dalla ditta straniera formatrice. 5.4 LEARNING WEEK Il progetto è promosso dalla Regione Lombardia e realizzato in collaborazione con un Ente Formativo accreditato. Interamente sovvenzionato dalla Regione e condizionato dai finanziamenti eventualmente stanziati, prevede settimane intensive di studio(40 ore), che possono avere anche carattere residenziale, nelle quali gli studenti affrontano e approfondiscono qualsiasi disciplina curricolare o extracurricolare, coniugando lezioni teoriche ed esperienza diretta. L iniziativa prevede il coinvolgimento di aziende, associazioni, enti ed imprese esterne alla scuola e consente di stimolare la creatività e l espressività dello studente, per valorizzare le inclinazioni esistenti o consentire la scoperta di nuovi interessi. Al termine dell esperienza di Learning Week viene rilasciato un attestato che dà diritto a crediti scolastici. 5.5 POTENZIAMENTO DELLE LINGUE STRANIERE CERTIFICAZIONE ESTERNA DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE Durante il loro corso di studi gli studenti dell istituto possono accedere ad esami di certificazione esterna della lingua o delle lingue straniere studiate, che accertano ed attestano il loro livello di competenza linguistica e comunicativa. Le certificazioni ottenute dagli studenti, rilasciate da un Ente Certificatore accreditato, sono direttamente spendibili sia sul mercato del lavoro sia in ambito scolastico e universitario secondo la normativa vigente, in quanto danno diritto a crediti scolastici e formativi. Gli esami di certificazione si agganciano al Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue redatto dal Consiglio d Europa, che contempla sei livelli: Base (A1 e A2), Intermedio (B1 e B2), Avanzato (C1 e C2). L istituto organizza percorsi per certificazioni di livello intermedio: B1 e B2. Obiettivi: affinare e potenziare le abilità linguistiche e comunicative dello studente nei diversi ambiti di competenza; permettere una validazione esterna dei livelli di preparazione dello studente direttamente correlata ai bisogni formativi espressi dal mondo economico, sociale e culturale; conseguire una certificazione riconosciuta a livello internazionale direttamente spendibile sia nel mercato del lavoro, sia in ambito scolastico ed universitario. POF I.S.I.S.S. Maironi da Ponte pag. 13 di 22 a. s

14 Destinatari Tutti gli studenti delle classi terze, quarte e quinte dell istituto. Organizzazione/tempi/modalità Durante il loro corso di studi gli studenti hanno l opportunità di sostenere seguenti esami nella lingua straniera o nelle lingue straniere studiate. uno o più dei Livello del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Lingua straniera Denominazione esame Classi destinatarie B2 inglese FIRST Classi quinte francese DELF SCOLAIRE B2 Classi quinte B1 inglese PET Classi terze/ quarte/quinte tedesco ZD Classi quinte francese DELF SCOLAIRE B1 Classi quarte La preparazione alle prove d esame compete primariamente ai singoli docenti all interno delle ore curriculari. Tuttavia, per un maggior potenziamento delle abilità audio-orali, sono previsti corsi di approfondimento in orario extrascolastico con un docente madrelingua. Gli studenti candidati vengono selezionati tramite una simulazione di diverse parti dell esame, volta a stabilire il possesso dei requisiti necessari per poter affrontare l esame con successo. Le famiglie degli alunni candidati vengono informate circa l esito della simulazione e, in caso di risultati non adeguati, viene valutata di norma con la famiglia l opportunità o meno di procedere all iscrizione. Per la lingua Inglese la sede d esame è il nostro Istituto, mentre per le altre lingue è esterna all Istituto e viene comunicata dall ente certificatore. Costi Il costo a carico degli studenti è dato dalla quota di iscrizione all esame, stabilita dall ente certificatore e comunque ridotta ed agevolata per gli studenti che vi accedono tramite la scuola. Gli studenti candidati sono automaticamente inseriti nei corsi di approfondimento pomeridiano con insegnante di madrelingua, interamente finanziati dall istituto. Il progetto Madrelingua Finalità ed obiettivi Il progetto è finalizzato al potenziamento delle abilità espressive degli studenti in lingua straniera, con particolare attenzione alla lingua orale. Obiettivi portanti sono lo sviluppo della competenza comunicativa dello studente in contesti diversificati ed il potenziamento della capacità di sostenere le proprie opinioni durante una discussione in classe. Destinatari, organizzazione, modalità L insegnamento è condotto da un qualificato docente di madrelingua ed è rivolto a tutte le classi seconde del liceo e ad alcune classi seconde e quarte dell Ite, su libera adesione del docente titolare. Le attività, approntate con una modalità interattiva docente-studente, sono predisposte e concordate con il docente titolare sulla base delle esigenze dei gruppi-classe e si svolgono di norma in compresenza. Per le classi dell ITE le attività possono svolgersi in orario extracurricolare, senza compresenza. Tempi L intervento si colloca nel secondo quadrimestre e gli esiti sono monitorati durante ed al termine delle attività. E previsto il rilevamento del grado di soddisfazione degli studenti destinatari tramite un questionario anonimo. Il progetto è sostenuto dall Associazione dei Genitori dell Istituto, che lo finanzia totalmente. POF I.S.I.S.S. Maironi da Ponte pag. 14 di 22 a. s

15 PROGETTI TECNOLOGIA nella scuola 1 PROGETTO TIC SITO WEB Il sito scolastico ha subito un radicale rifacimento a inizio anno scolastico La piattaforma utilizzata è open source di tipo CMS che, pur richiedendo opera continua di manutenzione e restyling, permette l aggiornamento dei contenuti in tempi rapidi, con uso di limitate risorse e da remoto. La piattaforma permette l accesso con log in individuale, la massima estensibilità, la strutturazione di classi di contenuti riservati a specifiche classi di utenti, l implementazione di forum e di bacheche per e-learning. SCUOLA NET Gestione e implementazione dei servizi offerti da Argo con Scuola-net. E presente un collegamento con un database della scuola che permette alle famigli, agli insegnati, ai dirigenti e al personale di segreteria di interagire in modo che la scuola offra un certo grado di trasparenza, rimanendo sempre aperta per le famiglie, gli alunni, i docenti, i dirigenti scolastici. Le famiglie, gli insegnanti e i dirigenti scolastici, possono consultare, collegandosi a internet, i voti, le assenze, i ritardi e molti altri dati che vengono prodotti dalla gestione scolastica.. E in fase di introduzione il registro elettronico attraverso l accreditamento della scuola al portale Scuola-mia implementato dal Miur e interfacciabilecon questo nuovo strumento i docenti possono inoltre inserire le proposte di voto e le assenze delle proprie materie ai fini della predisposizione degli scrutini intermedi e finali. ECDL - European Computer Driving Licence Patente Europea del Computer ECDL è l attestazione di base di chi vuole, in quanto utilizzatore, misurare e dimostrare la capacità di usare il computer a fini lavorativi (in aziende, enti pubblici, studi professionali, e così via) e formativi. Ritenendo che questa attestazione fornisca una valida presentazione nel mondo del lavoro e alla luce del fatto che in molte facoltà universitarie essa fornisca crediti formativi, il nostro istituto si preoccupa di far accedere gli studenti a corsi di preparazione e di organizzare l iscrizione agli esami per il conseguimento dell ECDL Core level. I corsi organizzati dall istituto sono costituiti da 7 moduli e vengono proposti agli alunni delle classi II, III e IV sia del Liceo Scientifico che dell I.T.C. e prevedono 9 ore di laboratorio per ciascun modulo, i tutor sono docenti dell istituto in possesso dei requisiti richiesti. Il test center proposto, ma non è vincolante, è l Istituto Betty Ambiveri. L Associazione Genitori talvolta adotta l iniziativa e ne garantisce un parziale finanziamento. CORSI DI AGGIORNAMENTO PER DIDATTICA TIC ELABORAZIONE DATI INFORMATICI E CONTROLLO PRODUZIONE E AGGIORNAMENTO SOFTWARE E INTERFACCIA ARGO REGISTRO ELETTRONICO POF I.S.I.S.S. Maironi da Ponte pag. 15 di 22 a. s

16 ALLEGATO N PROGETTO DI ISTRUZIONE DOMICILIARE Destinatari Gli interventi didattici di istruzione domiciliare sono rivolti a quegli studenti, colpiti da gravi patologie che, nel periodo della malattia o in quello successivo all ospedalizzazione o anche in regime di day-hospital, sono impossibilitati a frequentare le lezioni scolastiche regolarmente oppure non possono far rientro a scuola per un periodo uguale o superiore a 30 gg. Riferimenti legislativi Legge n 440/97 CC. M. n.149 del 10/10/2001 C.M. n.84 del 22/07/2002 C.M. n.56 del 4/07/2003 C.M. 4308/AO del 15/10/2004 C.M. prot del 26/09/2006 C.M. prot. 108 del 5/12/2007 C.M. 87 prot. 272 del 27/10/2008 Responsabilità Durata Autore responsabile del Progetto è il Consiglio della Classe che, ad inizio anno, rileva l esigenza formativa di alunni che vengono a trovarsi nelle situazioni sopra descritte e che, in accordo con la famiglia interessata o su sua esplicita richiesta, delibera di integrare la Programmazione didattica annuale con un apposito progetto. Referente è il coordinatore o, in alternativa un docente del Consiglio. La durata dell intervento può coprire, se ritenuto necessario, l intero anno scolastico oppure periodi più limitati di tempo, ma non inferiori ad un mese, in cui si preveda l assenza o la frequenza irregolare da parte dello studente. Finanziamento Costo Documentazione L attuazione del Progetto attinge a specifici finanziamenti pubblici, ma anche al concorso finanziario dell Istituto attraverso proprie risorse e nella misura del 30% della somma richiesta. Sono a tal fine necessarie l approvazione del Collegio docenti e quella del Consiglio d Istituto. Il costo complessivo si stabilisce a consuntivo e sarà pari al numero totale delle ore di lezione effettuate presso il domicilio dello studente. Documenti da allegare Modello Progetto (dati relativi all Istituzione scolastiche, all alunno, alle ore previste, al numero dei docenti coinvolti). Certificazione sanitario ospedaliera Richiesta / consenso della famiglia Dichiarazione del D.S. in merito all approvazione del Collegio Docenti e del C.d.I. Caratteristiche del Progetto Il Progetto didattico è caratterizzato essenzialmente da una programmazione personalizzata che, nelle sue linee essenziali, non si discosta dal piano di lavoro elaborato per la classe. Essa deve comprendere tutte le discipline, ma prevede modalità di attuazione diverse, nella scelta dei contenuti, nei metodi adottati, nell uso di strumenti informatici, nei tempi, nelle verifiche. Tra tutte le discipline il Consiglio individua quelle che saranno oggetto d insegnamento domiciliare; in caso di impossibilità di un docente di classe, il Collegio docenti indicherà un altro insegnante disponibile della stessa materia. A conclusione degli interventi, gli insegnanti che hanno svolto le lezioni domiciliari, presenteranno resoconto del lavoro svolto, che verrà allegato alla Relazione Finale del coordinatore referente. Il Progetto può infine prevedere la collaborazione e l integrazione con gli interventi didattici di supporto, tenuti dai docenti dell equipe Scuola in Ospedale, là dove sia presente; in questo caso i contatti saranno curati dal referente del progetto. POF I.S.I.S.S. Maironi da Ponte pag. 16 di 22 a. s

17 PROGETTO DI ISTRUZIONE DOMICILIARE A) Descrizione del Progetto Obiettivi generali: Garantire il diritto allo studio Prevenire l abbandono scolastico Favorire la continuità del rapporto insegnamento-apprendimento Mantenere relazioni positive con l ambiente scolastico di appartenenza Favorire lo studio individuale di approfondimento e di ricerca Obiettivi specifici: Conoscenza dei nuclei fondanti delle discipline Padronanza delle competenze relative Sviluppo delle capacità critiche e interpretative Si rimanda inoltre agli obiettivi specificati per ogni disciplina all interno delle singole Programmazioni d Area. In particolare si precisa che non tutte le discipline vengono individuate per l istruzione domiciliare, ma solo quelle decise all interno del Consiglio di Classe, anche se tutti i docenti sono tenuti ad elaborare il proprio programma personalizzato per gli studenti destinatari del Progetto. Attività didattiche: metodologia e strumenti Lezioni presso il domicilio dello studente (controllo dei prerequisiti lezione frontale analisi dei testi esercitazioni correzione degli elaborati) Invio in modalità telematica ( ) di lezioni e materiale didattico Verifica dell apprendimento in presenza e/o in modalità telematica (a discrezione del docente) Collaborazione periodica con la scuola ospedaliera (eventuale e rispetto solo ai contenuti) Contenuti disciplinari: Allegare i programmi delle discipline coinvolte Criteri di valutazione: Contenuti nella Programmazione di Classe Valutazione del progetto: Contenuta nella Relazione Finale del Coordinatore/Referente POF I.S.I.S.S. Maironi da Ponte pag. 17 di 22 a. s

18 Allegato n 3 GESTIONE ORGANIZZATIVA - FUNZIONI STRUMENTALI Il Collegio Docenti individua annualmente le funzioni strumentali per l attuazione del P.O.F. sulla base delle esigenze dell istituto. ORGANISMI DI PROGETTAZIONE E DI GESTIONE Organo Chi ne fa parte Chi lo presiede Competenze Staff di Presidenza Dirigente scolastico + Collaboratori Il Dirigente scolastico Collabora con il Dirigente scolastico per la gestione organizzativa e didattica dell Istituto. Comitato Tecnico Collegio dei docenti Dirigente scolastico, Collaboratori, FS, Docenti dell istituto, Esperti esterni del mondo del lavoro e/o delle professioni e/o della ricerca scientifica e tecnologica Tutti i docenti Il Dirigente scolastico Il Dirigente scolastico Funzione consultiva e di proposta in merito a temi di politica scolastica Delibera in tutti i campi relativi alla didattica. In particolare: Cura la programmazione didattica Formula proposte per la formazione della classi, l'orario delle lezioni e lo svolgimento delle attività scolastiche Valuta l'efficacia dell'azione didattica Adotta i libri di testo Adotta iniziative di sperimentazione Promuove attività di aggiornamento Elegge le funzioni strumentali Elegge i membri del Comitato di Valutazione Docenti Consigli di Classe Tutti i docenti della classe Due rappresentanti eletti dai genitori Due rappresentanti eletti dagli studenti Il Dirigente scolastico o il docente Coordinatore della classe Definisce la programmazione didattica ed educativa delineata dal Collegio Docenti Formula proposte sull'attività didattica e su iniziative di sperimentazione. Definisce e pianifica le attività integrative, le visite d istruzione, gli stage, ecc. Verifica l'attuazione della programmazione annuale di classe Valuta la situazione della classe e degli alunni dal punto di vista disciplinare e didattico Si riunisce per la valutazione periodica e per gli scrutini finali (solo componente docenti) Consigli di area disciplinare/ dipartimenti Consiglio di Istituto Tutti i docenti dell area o dipartimento Il Dirigente scolastico 8 docenti eletti 2 non docenti eletti 4 genitori eletti 4 studenti eletti Un docente Coordinatore Il Presidente (un genitore) Forniscono sostegno alla didattica e alla progettazione formativa Articolano la programmazione didattica dell'istituto nell'ambito specifico delle singole materie. Elegge i suoi rappresentanti nella Giunta Esecutiva Delibera il POF, il Programma annuale, il Conto Consuntivo Delibera i Regolamenti Interni Approva i criteri e i limiti per lo svolgimento, da parte del D.S., di specifiche attività negoziali Adatta il calendario scolastico alle esigenze ambientali Esprime parere sull'attività negoziale svolta dal D.S. Le sue delibere sono pubbliche e devono essere esposte all'albo d'istituto Giunta esecutiva Dirigente scolastico Direttore amministrativo Un docente Un non docente Un genitore Uno studente Il Dirigente scolastico Propone, per l approvazione, il Programma Annuale al Consiglio d Istituto con apposita relazione Prepara i lavori del Consiglio di istituto Propone i criteri di funzionamento e di spesa POF I.S.I.S.S. Maironi da Ponte pag. 18 di 22 a. s

19 Comitato dei delegati degli studenti Gli studenti eletti rappresentanti di classe Gli studenti eletti nel Consiglio di Istituto Formula proposte al Dirigente scolastico e al consiglio di istituto sull'attività didattica della scuola. Elegge un comitato studentesco Comitato dei delegati dei genitori I genitori eletti rappresentanti di classe Genitore eletto. Formula proposte al Dirigente scolastico e al Consiglio di Istituto. Elegge un proprio comitato direttivo. Organizza attività integrative previa autorizzazione del Consiglio di Istituto FIGURE GESTIONALI E ORGANIZZATIVE FIGURA COMPITI REQUISITI MINIMI: Requisiti previsti dalle leggi dello Stato Dirigente scolastico Collaboratore Vicario Collaboratore del D.S. PRINCIPALI MANSIONI: Curare l andamento dell Istituto dal punto di vista finanziario, strumentale, dell offerta formativa, delle risorse umane e della loro organizzazione, dello svolgimento delle varie attività compresa la realizzazione dell autonomia scolastica Assolvere a tutte le funzioni previste dalle leggi in ordine al controllo, alla direzione, al coordinamento, alla promozione ed alla valorizzazione delle risorse umane e professionali dell Istituto con annesse responsabilità in relazione ai risultati Assolvere a tutte le funzioni previste dalle leggi in ordine alla gestione delle risorse finanziarie e strumentali dell Istituto (con annesse responsabilità in relazione ai risultati) Assicurare la gestione unitaria dell Istituzione scolastica finalizzata alla qualità dei processi formativi Assicurare l attuazione del POF Scegliere, secondo la normativa vigente, il personale cui affidare particolari compiti organizzativi e gestionali Presiedere la Giunta Esecutiva Essere membro del CdI, controllare e provvedere con il DSGA all attuazione delle sue delibere Essere titolare delle relazioni sindacali REQUISITI MINIMI Conoscere le norme inerenti l attività scolastica Conoscere i processi interni Conoscere i regolamenti d Istituto Saper organizzare e pianificare le risorse dell Istituto PRINCIPALI MANSIONI Coadiuvare il Dirigente Scolastico nell esercizio delle sue funzioni Registrare le assenze brevi dei docenti e organizzare le sostituzioni Intervenire tempestivamente per la soluzione di problemi e disfunzioni legati al funzionamento delle attività scolastiche Affiancare il Dirigente Scolastico nella cura di rapporti con l utenza e con il territorio AUTORITÀ E DELEGHE: Sostituire il Dirigente Scolastico in caso di assenza o di impedimento REQUISITI MINIMI Conoscere le norme inerenti l attività scolastica Conoscere i processi interni Conoscere i regolamenti d Istituto Saper organizzare e pianificare le risorse dell Istituto PRINCIPALI MANSIONI Coadiuvare il Dirigente Scolastico nell esercizio delle sue funzioni Registrare le assenze brevi dei docenti e organizzare le sostituzioni Intervenire tempestivamente per la soluzione di problemi e disfunzioni legati al funzionamento delle attività scolastiche Affiancare il Dirigente Scolastico nella cura di rapporti con l utenza e con il territorio AUTORITÀ E DELEGHE Sostituire il Dirigente Scolastico in caso di assenza o di impedimento POF I.S.I.S.S. Maironi da Ponte pag. 19 di 22 a. s

20 Direttore dei servizi generali e amministrativi (D.S.G.A.) Giunta Esecutiva Consiglio d Istituto Funzione Strumentale REQUISITI MINIMI Percorsi formativi per il personale in possesso di esperienza professionale almeno decennale Diploma di laurea in giurisprudenza, in scienze politiche sociali e amministrative, in economia e commercio o titoli equipollenti PRINCIPALI MANSIONI, AUTORITÀ Essere responsabile della tenuta della contabilità, delle registrazioni. Redigere e aggiornare le schede finanziarie dei progetti/attività Aggiornare, con riferimento alle spese sostenute, le schede finanziarie dei progetti/attività. Firmare le reversali d incasso congiuntamente con il D. S. Firmare i mandati di pagamento congiuntamente con il D. S. Come responsabile della tenuta della contabilità imputare le spese ai corretti Aggregati/Voci ed ai livelli del Piano dei Conti e delle Spese Predisporre una apposita relazione sulle Entrate accertate e sulla consistenza degli impegni assunti e dei pagamenti eseguiti per rendere possibili le verifiche al Programma Annuale Predisporre il Conto Consuntivo, composto dal Conto Finanziario e dal Conto Patrimonio. Predisporre gli allegati di competenza al Conto Consuntivo Svolgere attività istruttoria in riferimento all attività negoziale svolta dal D.S. Svolgere attività negoziale connessa alle minute spese di cui all art. 17 Registrare in un apposito documento contabile obbligatorio (registro dei contratti) i contratti stipulati nelle forme previste dalle vigenti disposizioni di Legge che devono essere obbligatoriamente registrati Sovrintendere, con autonomia operativa, ai servizi generali amministrativi-contabile curandone l organizzazione Sovrintendere nell ambito delle direttive di massima impartite e degli obiettivi assegnati ai servizi amministrativi e ai servizi generali dell istituzione scolastica educativa e coordinare il relativo personale Essere membro di diritto e segretario della Giunta Esecutiva Esercitare la funzione di funzionario rogante ove questa sia richiesta da attività o atti inerenti il Patrimonio dell Istituzione Scolastica L espletamento delle funzioni sarà volto ad assicurare unitarietà della gestione dei servizi amministrativi e generali della scuola. REQUISITI MINIMI Possedere requisiti e qualità stabilite dalla normativa ministeriale PRINCIPALI MANSIONI, AUTORITÀ Proporre il Programma annuale al Consiglio d Istituto. Proporre modifiche parziali al Programma annuale in relazione all andamento attuativo dei singoli Progetti/Attività Proporre il Conto Consuntivo all approvazione del Consiglio d Istituto. Formula proposta di adeguamento degli organici degli assistenti tecnici REQUISITI MINIMI (dei componenti) Essere Docenti dell Istituto ed alunni dell Istituto con età di almeno 16 anni, o genitori di alunni dell Istituto, o far parte del personale ATA dell Istituto Essere stati eletti secondo le normative e le leggi vigenti PRINCIPALI MANSIONI Curare la distribuzione dei fondi in relazione alle varie attività dell Istituto Curare l organizzazione generale delle attività dell Istituto occupandosi dei regolamenti interni Indicare i criteri generali relativi alla formazione delle classi, all adattamento dell orario delle lezioni e delle altre attività alle condizioni ambientali, al coordinamento organizzativo dei Consigli di Classe Verificare l andamento generale, amministrativo e didattico dell Istituto Curare e promuovere i contatti con le altre scuole ed il territorio Curare la programmazione e l attuazione delle attività parascolastiche, interscolastiche, extrascolastiche Deliberare il bilancio preventivo Deliberare il Conto Consuntivo Disporre l impiego dei mezzi finanziari per il funzionamento amministrativo e didattico Deliberare i Regolamenti interni Deliberare in ordine a: acquisto, rinnovo, conservazione delle attrezzature tecnico scientifiche; acquisto sussidi didattici; acquisto materiali di consumo REQUISITI MINIMI Essere Docente dell Istituto Possedere i requisiti deliberati dal Collegio Docenti Possedere requisiti e qualità stabilite dalle normative ministeriali PRINCIPALI MANSIONI Intervenire nell ambito e nella progettualità proposta Elaborare obiettivi da raggiungere, strategie operative ed organizzative deliberate dal C.D. secondo modalità operative ed organizzative stabilite in accordo con il DS Ricevere dal DS specifiche deleghe operative al fine di realizzare quanto concordato Monitorare e verificare insieme al DS gli obiettivi raggiunti con il supporto dell eventuale Commissione Relazionare il proprio operato al CD POF I.S.I.S.S. Maironi da Ponte pag. 20 di 22 a. s

FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16. Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015

FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16. Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015 FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16 Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015 Staff del Dirigente e Funzioni strumentali al POF 2 FS1 - Qualità e valutazione di sistema Gestisce la documentazione relativa

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI DISABILI All.9 POF 2015-2016 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI DISABILI Il Protocollo di Accoglienza è il documento che predispone e organizza le modalità che l Istituto intende seguire relativamente all

Dettagli

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO Prof. Paola Perrone PREMESSA Nell attuale contesto storico, che ha acquisito la tematica europea dell orientamento lungo

Dettagli

Il RUOLO DELLA SECONDARIA II

Il RUOLO DELLA SECONDARIA II Orientamento per il successo scolastico e formativo Il RUOLO DELLA SECONDARIA II seconda parte 2011/2012 ruolo orientativo della secondaria II una scuola che ha un RUOLO DI REGIA Sostiene i propri studenti

Dettagli

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità Istituto Comprensivo Statale Lorenzo Bartolini di Vaiano Piano dell Offerta Formativa Scheda di progetto Progetto 5 Formazione, discipline e continuità I momenti dedicati all aggiornamento e all autoaggiornamento

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

(Collegio Docenti del / /2012)

(Collegio Docenti del / /2012) Codice Fiscale: 80014050357 CM: CMRETD02000L Vìa Prati, 2 42015 Correggio (RE) Tel. 0522 693271 Fax 0522 632119 Sito Web: www.einaudicorreggio.gov.it e mail: info@einaudicorreggio.gov.it e mail certificata:

Dettagli

SCHEDA DEL PROGETTO N 07

SCHEDA DEL PROGETTO N 07 Allegato 2 PROGETTI MIGLIORATIVI DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2013/2014 CIRCOSCRIZIONE CONSOLARE: MADRID Scuola/iniziative scolastiche: SCUOLA STATALE ITALIANA DI MADRID SCHEDA DEL PROGETTO N

Dettagli

PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO

PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO ITIS "LEONARDO DA VINCI" PISA a.s. 2012-2013 PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO Sezioni del documento Finalità Piano Didattico Personalizzato Indicazioni per

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA Allegato 4 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA IL protocollo d accoglienza è un documento deliberato dal Collegio Docenti che contiene principi, indicazioni riguardanti l iscrizione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA ISTITUTO COMPRENSIVO E. FERMI DI CARVICO SCUOLA SECONDARIA di CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA Estratto Piano dell Offerta Formativa Anno Scolastico 2015-2016 L OFFERTA FORMATIVA comune a tutti

Dettagli

VALUTAZIONE FORMATIVA

VALUTAZIONE FORMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA SETTEMBRE PROVE DI INGRESSO Le prove d ingresso, mirate e funzionali, saranno comuni a tutte le classi prime della scuola secondaria di primo grado dell Istituto Comprensivo e correlate

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR) Prot. n. 4723/A01 Cassino 19 settembre2015 Ai docenti dell istituto comprensivo Loro sedi Atti Oggetto: indicazioni e chiarimenti in merito al POF 2015/16 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Vista la L. n.107/2015

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

PROGETTO CONTINUITA' ORIENTAMENTO

PROGETTO CONTINUITA' ORIENTAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO G.GALILEI Scuola dell infanzia, primaria, secondaria di primo grado VIA CAPPELLA ARIENZO TEL. 0823/755441 FAX 0823-805491 e-mail ceee08200n@istruzione.it C.M. CEIC848004 Sito web www.scuolarienzo.it

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi Area di Riferimento 1 Gestione POF Riscrittura del POF alla luce delle innovazioni normative e dei bisogni formativi attuali, sia interni che del territorio Monitoraggio in itinere dell attuazione del

Dettagli

I.I.S. Astolfo Lunardi

I.I.S. Astolfo Lunardi Piano dell offerta formativa IL Dirigente Scolastico Funzione Strumentale Pagina 1 di 1 POF - vers 02 - Copertina, 11/10/2010 Delibera CD n. 09 del 29/09/2010 Data stampa: 06/12/12 Delibera Cdi n. 17 del

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PREMESSA L Istituto opera con particolare attenzione per l integrazione degli alunni disabili, favorendo la socializzazione, l acquisizione di autonomia

Dettagli

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività)

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) I dati si riferiscono all anno scolastico 2014/2015 Approvato nel Collegio dei Docenti del 12 giugno 2015 Gli alunni certificati in base alla Legge 104/1992 Tabella

Dettagli

Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili

Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili INCLUSIVITÀ a Integrazione del disagio Breve excursus sulle leggi relative all integrazione scolastica degli alunni disabili Il POF d istituto riconosce pienamente il modello d istruzione italiano in termini

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

AREA 5. RAPPORTI CON ENTI ESTERNI

AREA 5. RAPPORTI CON ENTI ESTERNI A.S. 2014/2015 AREA 1. REVISIONE E GESTIONE DEL POF REVISIONE E GESTIONE DEL POF ATTIVITA INTERNE PER IL POTENZIAMENTO E AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA AREA 2. SERVIZI AL PERSONALE DOCENTE GESTIONE

Dettagli

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Piano Annuale per l Inclusione 2015/16 1. FINALITA GENERALE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Legge 104/92 Legge

Dettagli

PIANO GENERALE PER L ORIENTAMENTO IN USCITA A.S. 2014-2015

PIANO GENERALE PER L ORIENTAMENTO IN USCITA A.S. 2014-2015 PIANO GENERALE PER L ORIENTAMENTO IN USCITA A.S. 2014-2015 REDATTO DA FANTOLI MARIA GIOVANNA PIANO GENERALE DELLA PROGETTAZIONE_ ORIENTAMENTO IN USCITA Premessa L intero progetto trae la sua ispirazione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA AZIENDALE XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione

Dettagli

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ALL ISC 05 Ed 1 -Rev 1 del 08/2011 SISTEMA DI GESTIONE QUALITÀ CERTIFICATO N 5705/0 SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA- INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E SEDI ASSOCIATE Il

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E MANAGEMENT DELLE IMPRESE DI SERVIZI XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

Funzionigramma d Istituto

Funzionigramma d Istituto Dirigente Scolastico Assicura la gestione unitaria dell istituzione È il rappresentante legale È responsabile della gestione delle risorse finanziare e strumentali e dei risultati del servizio Organizza

Dettagli

Progetto Educativo d Istituto

Progetto Educativo d Istituto LICEO SCIENTIFICO Paritario LICEO delle SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Paritario ISAAC NEWTON Progetto Educativo d Istituto P.E.I. A.S. 2014/2015 0 INDICE 1. Introduzione. pag. 2 2. Finalità e

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E COMMERCIO XXVIII Scienze economiche Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione dei contenuti e le modalità

Dettagli

OPEN DAY LICEO 28 NOVEMBRE 2015

OPEN DAY LICEO 28 NOVEMBRE 2015 OPEN DAY LICEO 28 NOVEMBRE 2015 Presentazione degli indirizzi Dalle ore 9:30 alle ore 10:00 Presentazione Liceo Scienze Umane Dalle ore 10:00 alle ore 10.30 Presentazione Liceo Scienze Applicate Dalle

Dettagli

MANUALE GESTIONE QUALITA

MANUALE GESTIONE QUALITA MODALITÀ DI RECUPERO Pag. 1 di 8 Modalità di recupero Copia N. controllata non controllata Questo Documento è emesso con distribuzione riservata e non può essere riprodotto senza il benestare scritto del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 3

ISTITUTO COMPRENSIVO N 3 ISTITUTO COMPRENSIVO N 3 Giovanni XXIII 73043 COPERTINO - Via Mogadiscio, 45 - Tel. 0832.947164 Fax 0832.934582 e-mail: leic865009@istruzione.it Allegato al Regolamento d Istituto PROTOCOLLO per l ACCOGLIENZA

Dettagli

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 1. CONTESTO 1.1 Popolazione scolastica Status socio economico e culturale delle famiglie Livello medio dell'indice ESCS 1.1.a degli studenti Prove

Dettagli

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo 2003, n.53 Criteri e procedure per la certificazione

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTO. Anno Scolastico 2014-2015. Progetto VIAGGIO STUDIO IN SPAGNA. Area di riferimento. Linguistico - espressiva

SCHEDA DI PROGETTO. Anno Scolastico 2014-2015. Progetto VIAGGIO STUDIO IN SPAGNA. Area di riferimento. Linguistico - espressiva ISTITUTO COMPRENSIVO VIA DEI TORRIANI Via dei Torriani, 44-00164 ROMA SCHEDA DI PROGETTO Anno Scolastico 2014-2015 Progetto VIAGGIO STUDIO IN SPAGNA Area di riferimento Linguistico - espressiva F.S. di

Dettagli

QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati)

QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati) QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati) 1) Pensi alla sua istituzione scolastica, comprensiva delle diverse sedi e dei diversi gradi di scuola. Quanto è d accordo con le seguenti affermazioni?

Dettagli

1. LINEE D INDIRIZZO

1. LINEE D INDIRIZZO Liceo Scientifico Statale Giovanni Marinelli Viale Leonardo da Vinci, 4-33100 UDINE tel. 0432/46938 - fax 0432/471803 - C.F. 80006880308 anno scolastico 2015/16 1. LINEE D INDIRIZZO 1.1 Indirizzi generali

Dettagli

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E INTERNAZIONALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI INTERNATIONAL STUDIES (Classe LM 52 Relazioni

Dettagli

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Corso Serale I.G.E.A. LA FORMAZIONE TRA SCUOLA ED AZIENDA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 DIRIGENTE SCOLASTICO : Dott.ssa ADDOLORATA BRAMATO RESPONSABILE DEL PROGETTO :Prof.ssa LOREDANA CAROPPO REFERENTE SCUOLA

Dettagli

Marketing / Orientamento (Processo Principale) INDICE

Marketing / Orientamento (Processo Principale) INDICE INDICE 1 di 1 Istituto di Istruzione Superiore J.C. Maxwell Marketing / Orientamento (Processo Principale) Codice PQ 010 MARKETING / ORIENTAMENTO INDICE 1.1 OBIETTIVO 1.2 CAMPO D APPLICAZIONE 1.3 RESPONSABILITÀ

Dettagli

1. TITOLO DEL PROGETTO TIROCINIO DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO (STAGE/ALTERNANZA SCUOLA LAVORO)

1. TITOLO DEL PROGETTO TIROCINIO DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO (STAGE/ALTERNANZA SCUOLA LAVORO) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. SACCO ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE AD INDIRIZZO IGEA E PROGRAMMATORI I S T I T U T O P R O F E S S I O N A L E PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE S A N T

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA MOD. A04 Allegato n. 4 al P.O.F. PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA Punti del documento: - Dichiarazione d intenti - Premessa - Obiettivi - Procedure e Strategie - Soggetti coinvolti - Prassi condivise.

Dettagli

Il Collegio dei Docenti delibera

Il Collegio dei Docenti delibera Il Collegio dei Docenti delibera MODALITÀ E CRITERI DI VALUTAZIONE ai sensi dell art. 1, comma 5, del DPR 122 /2009: Il collegio dei docenti definisce modalità e criteri per assicurare omogeneità, equità

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA ISIS SARPI

OFFERTA FORMATIVA ISIS SARPI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA DI 2 GRADO TECNICA E PROFESSIONALE Paolo Sarpi Scuola ESABAC Sede legale: via Brigata Osoppo -33078 San Vito al Tagliamento (PN) tel. 0434/80496 tel.0434/80372 fax 0434/833346

Dettagli

MIURAOODGOS prot. n. 240/R.U./U Roma, 16 gennaio 2013

MIURAOODGOS prot. n. 240/R.U./U Roma, 16 gennaio 2013 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e MIURAOODGOS prot. n. 240/R.U./U Roma, 16 gennaio 2013 Ai Direttori

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI E TURISTICI "L. EINAUDI"

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI E TURISTICI L. EINAUDI PROPOSTA ATTIVITA A.S. 2008-09 M1/PA08 CURRICOLARE EXTRACURRICOLARE ALTRO Titolo del Progetto Accoglienza- Alfabetizzazione,- Educazione interculturale Responsabile del Progetto Prof. ssa Colombo Lidia

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Istituzione scolastica dotata di personalità giuridica Decreto del Direttore Generale dell Ufficio Scolastico Regionale del F.V.G. del 25 gennaio 2012 - prot. n.

Dettagli

IIS GIULIO COMUNICATI INTERNI AI DOCENTI COMUNICATO N. 240

IIS GIULIO COMUNICATI INTERNI AI DOCENTI COMUNICATO N. 240 Documentazione SGQ IIS GIULIO Rev. 1 del 19/11/2010 COMUNICATI INTERNI SALA DOCENTI SEDE SALA DOCENTI JUVARRA SERALE CTP AI DOCENTI COMUNICATO N. 240 In riferimento alla circolare regionale n. 68 del 26/02/2013

Dettagli

Allegato 4 al PTOF PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO A.S. 2015/16 INDIRIZZO ALBERGHIERO

Allegato 4 al PTOF PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO A.S. 2015/16 INDIRIZZO ALBERGHIERO Allegato 4 al PTOF PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO A.S. 2015/16 INDIRIZZO ALBERGHIERO Codice Meccanografico istituto principale: CLTD00701D Codice meccanografico secondario (risultante da organico) CLPS00701N

Dettagli

Funzione Strumentale n. 1: P.O.F. / Diffusione della cultura della qualità

Funzione Strumentale n. 1: P.O.F. / Diffusione della cultura della qualità Circolare n. 31 del 24/09/2014 Inoltro telematico a fiis00300c@istruzione.it in data 24/09/2014 Pubblicazione sul sito web (sezione Circolari / Comunicazioni DS) in data 24/09/2014 OGGETTO: Presentazione

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

EDUCAZIONE DEGLI ADULTI

EDUCAZIONE DEGLI ADULTI EDUCAZIONE DEGLI ADULTI La proposta EDA, al fine di consentire una personalizzazione ed una differenziazione dei percorsi, è stata costruita secondo una logica modulare e flessibile, strutturata su un

Dettagli

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e promozione culturale

Dettagli

Piano Offerta formativa 2009-2010 AREA 1: RIDUZIONE DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA

Piano Offerta formativa 2009-2010 AREA 1: RIDUZIONE DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA Piano Offerta formativa 2009-2010 AREA 1: RIDUZIONE DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA 1.1 Attività di recupero e sostegno In ottemperanza con le i disposizioni ministeriali e proseguendo sulla linea da anni

Dettagli

PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE

PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE Gallarate (VA) - Via Bonomi, 4 Tel. 0331.795141 - Fax 0331.784134 sacrocuoregallarate@fastwebnet.it www.sacrocuoregallarate.it Scuola Secondaria di I grado PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

Istituto Tecnico Statale. L. Einaudi Correggio LINEE GUIDA PER LA MOBILITA STUDENTESCA

Istituto Tecnico Statale. L. Einaudi Correggio LINEE GUIDA PER LA MOBILITA STUDENTESCA Istituto Tecnico Statale L. Einaudi Correggio LINEE GUIDA PER LA MOBILITA STUDENTESCA LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ STUDENTESCA Linee guida per l implementazione delle seguenti forme di mobilità studentesca

Dettagli

L ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE E. FERMI

L ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE E. FERMI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE E. FERMI FRANCAVILLA FONTANA (BR) MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA COMMISSIONE EUROPEA Autorità di Gestione del Programma Operativo Nazionale La Scuola

Dettagli

SEZIONE PRIMA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER L INSEGNAMENTO SECONDARIO DELL UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE ART. 1

SEZIONE PRIMA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER L INSEGNAMENTO SECONDARIO DELL UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE ART. 1 SEZIONE PRIMA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER L INSEGNAMENTO SECONDARIO DELL UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE ART. 1 Per conseguire le finalità di cui all art. 4, secondo comma, della legge 19 novembre

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

PROGETTAZIONE PIANO DI PROGETTO. Orientamento in uscita e stage formativo WALTER ORNAGHI

PROGETTAZIONE PIANO DI PROGETTO. Orientamento in uscita e stage formativo WALTER ORNAGHI PIANO DI PROGETTO PROGETTO RESPONSABILE PROGETTO OUT Orientamento in uscita e stage formativo WALTER ORNAGHI Studentesse e studenti del IV e V anno dell Istituto DESTINATARI Docenti di scienze sociali

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI FINALITÀ Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è una guida dettagliata d informazione riguardante l integrazione degli alunni

Dettagli

Istruzione professionale:

Istruzione professionale: Istruzione professionale: DUE BIENNI + QUINTO ANNO - ESAME DI STATO - ACCESSO AI CORSI UNIVERSITARI Indirizzi attivi: Servizi Commerciali dal terzo anno è possibile anche scegliere Servizi Socio-Sanitari

Dettagli

Procedura GESTIONE DEL POF

Procedura GESTIONE DEL POF SOMMARIO Pag 1 di 7 1. Scopo... 2 2. Applicabilità... 2 3. Termini e Definizioni... 2 4. Riferimenti... 2 5. Responsabilità ed Aggiornamento... 2 6. Modalità operative... 3 6.1 Individuazione esigenze

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. LUNARDI BRESCIA

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. LUNARDI BRESCIA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. LUNARDI BRESCIA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI DI RECUPERO/SOSTEGNO E SALDO DEBITI FORMATIVI (O.M. 92/ 7, D.M. 80/ 07, DPR 122/2009, art. 4.6)) Pagina 1

Dettagli

Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova. REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione. Premessa

Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova. REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione. Premessa Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione Approvato dal Consiglio di Istituto con delibera n. 4 del 20/12/2012 Premessa Le uscite didattiche,

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA DEGLI STUDENTI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA DEGLI STUDENTI STRANIERI PROTOCOLLO ACCOGLIENZA DEGLI STUDENTI STRANIERI SOMMARIO 1. Premessa 2. Finalità 3. Valutazione 4. Strumenti e risorse 5. Fasi e modalità di lavoro 6. Commissione Accoglienza- Intercultura 7. Piano organico

Dettagli

PROGETTO DI ISTITUTO A SCUOLA DI LABORATORIO

PROGETTO DI ISTITUTO A SCUOLA DI LABORATORIO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO Daniele Spada Scuola dell infanzia, primaria e secondaria di primo grado 24060 SOVERE (BG) via Silvestri, 1 035-981233 -

Dettagli

Liceo Scientifico Filippo Buonarroti Pisa

Liceo Scientifico Filippo Buonarroti Pisa Liceo Scientifico Filippo Buonarroti Pisa 1974/2014 Quaranta anni di impegno per l'innovazione nell'apprendimento Liceo Scientifico F.Buonarroti Largo C.Marchesi Pisa 050570339- Fax 050570180 email: pips04000g@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà ECONOMIA E LEGISLAZIONE D IMPRESA 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente

Dettagli

INCONTRO STUDENTI CLASSI QUINTE 13 febbraio 2015

INCONTRO STUDENTI CLASSI QUINTE 13 febbraio 2015 INCONTRO STUDENTI CLASSI QUINTE 13 febbraio 2015 ESAME DI STATO: Documento del consiglio di classe Ammissione e giudizio di ammissione Credito scolastico e formativo La commissione Le prove d esame La

Dettagli

LA CERAMICA TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE Anni scolastici 2011-2012/2012-2013/2013-2014 Progetto triennale

LA CERAMICA TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE Anni scolastici 2011-2012/2012-2013/2013-2014 Progetto triennale LA CERAMICA TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE Anni scolastici 2011-2012/2012-2013/2013-2014 Progetto triennale Gruppo di progetto: Dirigente scolastico Referente di Istituto Tutor di classe ANALISI DEI BISOGNI

Dettagli

PROPOSTE DI ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO UNIVERSITARIO PER LE SCUOLE MEDIE SUPERIORI a.s. 2014 2015

PROPOSTE DI ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO UNIVERSITARIO PER LE SCUOLE MEDIE SUPERIORI a.s. 2014 2015 AREA SERVIZI ALLO STUDENTE Divisione Orientamento e Diritto allo Studio Ufficio Orientamento e Tutorato PROPOSTE DI ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO UNIVERSITARIO PER LE SCUOLE MEDIE SUPERIORI a.s. 2014 2015 Tutte

Dettagli

Scheda - progetto. per l elaborazione del POF A) RISORSE UMANE

Scheda - progetto. per l elaborazione del POF A) RISORSE UMANE 1 Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio LICEO SCIENTIFICO STATALE A. LABRIOLA Codice meccanografico - RMPS 010004 Codice Fiscale 80222130587 Scheda -

Dettagli

PROGETTAZIONE DIPARTIMENTALE 2013-2014

PROGETTAZIONE DIPARTIMENTALE 2013-2014 PROGETTAZIONE DIPARTIMENTALE 2013-2014 La nostra scuola è dotata di Dipartimenti Disciplinari intesi come articolazioni funzionali del Collegio dei Docenti per il sostegno alla didattica e alla progettazione

Dettagli

Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari.

Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari. H A N D I C A P E S C U O L A Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari. L INTEGRAZIONE DELLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP L art. 3 della

Dettagli

Compiti e funzioni delle Funzioni Strumentali

Compiti e funzioni delle Funzioni Strumentali AREA 1: Gestione del piano dell Offerta Formativa e delle azioni di Autovalutazione* Coordinamento, monitoraggio e valutazione delle attività del POF Coordina la stesura, la gestione, l aggiornamento,

Dettagli

Progetto. A.S. 2015/2016 Scuola secondaria di primo grado. Sedi di Simaxis, Solarussa, Ollastra, Villaurbana e Zerfaliu

Progetto. A.S. 2015/2016 Scuola secondaria di primo grado. Sedi di Simaxis, Solarussa, Ollastra, Villaurbana e Zerfaliu ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SIMAXIS -VILLAURBANA DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO VIA ROMA, 2-09088 SIMAXIS (OR) - Tel. 0783 405013/Fax 0783 406452 C.F. 80005050952 - E-Mail

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

Come Raggiungerci. Tel. 0331/841260. Tel. 0331/519000. Tel. 0331/841260. Tel. 0331/841379 Tel. 0332/236127

Come Raggiungerci. Tel. 0331/841260. Tel. 0331/519000. Tel. 0331/841260. Tel. 0331/841379 Tel. 0332/236127 Come Raggiungerci Tel. 0331/841260 Tel. 0331/519000 Tel. 0331/841260 Tel. 0331/841379 Tel. 0332/236127 ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE Eugenio Montale Via Gramsci, 1 21049 TRADATE C.F.80101550129 Tel.

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016. Bisogni. Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione

PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016. Bisogni. Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016 Bisogni 1 Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione 4 Riflettere sugli esiti degli apprendimenti, sulla valutazione e certificazione

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Scuola _I.C. NOLE CAN.SE (TO) a.s._2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

LICEO STATALE ANTONIO PIGAFETTA Classico - Linguistico Musicale VICENZA PROTOCOLLO

LICEO STATALE ANTONIO PIGAFETTA Classico - Linguistico Musicale VICENZA PROTOCOLLO LICEO STATALE ANTONIO PIGAFETTA Classico - Linguistico Musicale VICENZA PROTOCOLLO per la gestione delle richieste degli studenti che intendono usufruire di periodi di studio all estero e per gli studenti

Dettagli

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le finalità, l organizzazione e il funzionamento del Corso di studio in Giurisprudenza

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà MARKETING E COMUNICAZIONE 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione Scuola I.C. UBALDO FERRARI CASTELVERDE a. s. 2014-2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

OPEN DAY. Istituto Comprensivo Luigi Settembrini via Sebenico. Sito web: luigisettembrini.gov.it E-Mail: rmic8ea00r@istruzione.it

OPEN DAY. Istituto Comprensivo Luigi Settembrini via Sebenico. Sito web: luigisettembrini.gov.it E-Mail: rmic8ea00r@istruzione.it Istituto Comprensivo Luigi Settembrini via Sebenico OPEN DAY Sito web: luigisettembrini.gov.it E-Mail: rmic8ea00r@istruzione.it 1 Sede Operativa per la Formazione Continua e Superiore Attività conformi

Dettagli

Scuola: I.P.S.S.S. E. DE AMICIS ROMA a.s. 2013/2014. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola: I.P.S.S.S. E. DE AMICIS ROMA a.s. 2013/2014. Piano Annuale per l Inclusione Scuola: I.P.S.S.S. E. DE AMICIS ROMA a.s. 2013/2014 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA. ALMA- Scuola Internazionale di Cucina Italiana

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA. ALMA- Scuola Internazionale di Cucina Italiana PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA E ALMA- Scuola Internazionale di Cucina Italiana 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni V edizione A.A. 2013/2014 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

BIENNIO SPERIMENTALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI

BIENNIO SPERIMENTALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MINISTERO DELL UNIVERSITÀ, DELL ISTRUZIONE E DELLA RICERCA ALTA FORMAZIONE ARTISTICA MUSICALE Fondazione Istituto Musicale della Valle d Aosta Fondation Institut Musical de la Valle Vallée d Aoste ISTITUTO

Dettagli

La Scuola Secondaria di Primo Grado

La Scuola Secondaria di Primo Grado La Scuola Secondaria di Primo Grado È un ambiente educativo sereno, nel quale i ragazzi imparano solide nozioni di base e un efficace metodo di studio, utilizzando le nuove tecnologie, la rete internet

Dettagli