Il CD virtuale per ottimizzare la gestione delle risorse didattiche su CD

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il CD virtuale per ottimizzare la gestione delle risorse didattiche su CD"

Transcript

1 Il CD virtuale per ottimizzare la gestione delle risorse didattiche su CD di premessa di Claudio Laurita La tecnica della virtualizzazione può risolvere molti degli annosi problemi che limitano fortemente l'uso dei CD a fini didattici nei laboratori, in particolare per l'auto-apprendimento assistito. In queste pagine viene proposto un percorso, già ampiamente sperimentato in molte scuole, che a fronte di un limitato lavoro iniziale, peraltro tecnicamente alla portata di tutti, offre finalmente a Docenti e Studenti l'accesso semplice ed immediato all'intera dotazione multimediale della Scuola. Verranno proposti esclusivamente strumenti informatici gratuiti e facilmente reperibili in Rete. Premessa Esistono alcuni limiti oggettivi insiti nella natura stessa del CD-ROM, inteso come supporto fisico di memorizzazione di dati. Un CD può danneggiarsi per graffi, cadute o semplicemente usura; può essere (facilmente, come tutti sanno) smarrito, dimenticato a casa, confuso con un altro, magari per scambio di custodia. Il lettore di CD-ROM, poi, dopo mouse e floppy, è la cosa più frequentemente rotta in un laboratorio. E comunque, parlando di auto-apprendimento assistito, i CD vanno consegnati e ritirati, con notevole perdita di tempo. Usare due diversi CD nella stessa ora è troppo anche per i Docenti più impavidi ed organizzati. Se fosse solo un problema limitato alla Scuola, la soluzione sarebbe sicuramente ancora da inventare, ma siccome i più danneggiati da questi fastidiosi inconvenienti sono storicamente gli appassionati di videogiochi, la soluzione esiste da anni e si chiama CD virtuale. Tecnicamente la cosa è sicuramente complessa, ma dal punto di vista dell'utilizzatore finale è di una semplicità sconcertante. Parafrasando un famoso aforisma, si può sintetizzare in "il CD non c'è, ma si vede". Per l'utente non c'è assolutamente alcuna differenza tra un CD virtuale ed uno reale, a parte il fatto che non fa rumore. Le operazioni da compiere sono esattamente le stesse: inserire il CD, lanciare il programma (se non parte da solo), togliere il CD alla fine. Solo che sono operazioni virtuali, comandi dati ad un programma. Come tali, quindi, sono ulteriormente automatizzabili fino a renderle completamente trasparenti. Quello che vogliamo ottenere è che l'utente possa lanciare il programma esattamente come farebbe con qualunque altro programma. A tutto il resto deve pensare la macchina: una sorta di inserviente automatico che va a trovare il CD giusto, lo carica, va nella cartella giusta, fa partire il programma richiesto e alla fine rimette a posto il CD. E già che ci siamo, c'è un altro problemino, volendo puramente estetico, ma comunque abbastanza fastidioso: molti programmi didattici sono piuttosto datati, anche se ancora validi, e quindi sono stati disegnati per uno schermo piccolo, spesso addirittura 640x480 pixel. L'effetto finale, sui monitor moderni, è vedere una sorta di francobollo al centro dello schermo con un'enorme cornice nera intorno. E allora chiediamo al nostro inserviente virtuale di cambiare anche la risoluzione dello

2 schermo prima di far partire il programma, così possiamo vederlo bello grande come lo ha pensato il suo autore tanti anni fa. Ah, ovviamente lo schermo deve tornare come prima, quando abbiamo finito, per evitare le insolenze di chi viene all'ora seguente. Se tutto questo vi sembra un sogno, abbiate la cortesia di leggere fino in fondo. Una piccola nota legale: esortazione alla comodità non significa istigazione alla pirateria. Questo non è un mini-corso per pirati informatici, ma, oggettivamente, con questo sistema si possono di fatto violare le protezioni eventualmente inserite sul CD dall'editore. Se un CD è stato protetto per garantire che una sola persona per volta possa usarlo, la logica vorrebbe che si acquistassero tante licenze quante sono le macchine del laboratorio. A quel punto la protezione diventa chiaramente vessatoria e nessuno può biasimarci se la violiamo. Se ne abbiamo acquistato una sola, o... ancora meno, la cosa diventa, se non altro, discutibile. E' un problema vecchio almeno quanto la fotocopiatrice, forse di più. Secondo molti, fotocopiare pagine di libri da distribuire agli studenti è reato, come pure duplicare i CD per lo stesso fine. Secondo l'avvocatura dello Stato, per tutto il materiale esclusivamente didattico che resta nell'ambito del laboratorio è sufficiente l'acquisto di una sola licenza, ma senza entrare nel merito di una diatriba che nessuno pare avere interesse a risolvere veramente, il nostro invito è di acquistare quello che usate ed il nostro unico intento è farvi usare al meglio ciò che acquistate. Una prima distinzione Al fine di rendere il lancio dei CD didattici operativamente sempre uguale, occorre fare una prima distinzione fra i vari tipi di programmi distribuiti su CD-rom. Pertanto potremmo dividerli in più gruppi, riassumibili con lo schema seguente: 1. Programmi che hanno bisogno del CD per funzionare 2. Programmi che funzionano senza CD a. Vanno installati b. Non vanno installati a. Vanno installati b. Non vanno installati Qui ci occuperemo della prima tipologia di programmi riportati nella tabella. Infatti, mentre per i programmi che funzionano senza CD è sufficiente installarli o copiare i loro file sul PC per poterli lanciare, per gli altri è tassativa la presenza del CD all'interno del lettore, cosa che abbiamo visto non essere di scontata realizzazione. In questo caso si ricorre alla creazione di un'immagine, ossia di una copia virtuale del CD, grazie alla quale si può emulare la presenza del CD reale nel lettore. Riassumendo: 2

3 1. Programmi che hanno bisogno del CD per funzionare 2. Programmi che funzionano senza CD a. Vanno installati Creare un'immagine (CD virtuale) b. Non vanno installati a. Vanno installati Installare il programma b. Non vanno installati Copiare i file del programma sul PC Creare l'immagine di un CD In concreto, l'immagine di un CD è un singolo file (ovviamente molto grande, anche 700 Mb) che al suo interno "nasconde" l'intero contenuto del CD. Come è prassi in Windows, questo file ha un nome (totalmente libero) ed un'estensione che ne identifica il formato. E' bene ricordare che un CD è suddiviso in zone concentriche dette tracce (tracks) che possono avere diversa natura: audio, video, dati. Le tracce audio sono quelle che vengono normalmente ascoltate direttamente sul lettore CD dell'impianto stereo. Sono molto diverse dalle tracce dati contenenti file audio (Wave, MP3 o altro). L'effetto finale può sembrare uguale, ma tecnicamente sono due cose molto diverse. Stesso discorso vale per le tracce video contrapposte ai file video contenuti in una traccia dati. In pratica si possono avere CD audio, CD video e CD dati. Si parla invece di CD misto quando sullo stesso supporto sono presenti tracce di diversa natura. Questa premessa è importante per scegliere quale formato utilizzare per il file di immagine. Il formato in assoluto più comune è il file ISO (estensione ".iso"), che ha l'unico limite di poter contenere esclusivamente tracce dati. Può comunque contenere file audio o video e quindi va bene per buona parte dei CD multimediali in commercio. Un altro formato molto comune è quello proprietario del programma Nero, identificato dall'estensione ".NRG", in cui si possono mescolare tracce dati ed audio senza problemi. Esistono molti altri formati, ma generalmente questi due sono sufficienti per l'uso scolastico. Come regola generale si può consigliare di usare NRG o altro formato proprietario per i CD che contengono tracce audio o video ed ISO per tutti quelli che contengono esclusivamente tracce dati. Ogni programma di masterizzazione può creare delle immagini. In genere è sufficiente inserire il CD in un lettore, avviare il programma di masterizzazione e scegliere copia CD oppure copia immagine su disco. Il programma chiederà da quale driver attingere e dove salvare l'immagine creata. Qualora queste voci non fossero esplicitate è possibile procedere come d'abitudine per la masterizzazione di un qualsiasi file, usando però il masterizzatore virtuale del programma. Ad esempio con Nero si sceglie di copiare un CD, si seleziona il CD da copiare, e al posto del masterizzatore reale si sceglie l'image Recorder. In altri casi la procedura è: File -> New CD -> elenco masterizzatori disponibili o anche File -> 3

4 Save image as iso file. Per chi non avesse un programma di masterizzazione ne esistono alcuni freeware scaricabili da internet, come ad esempio: CD Burner: (File -> Save image as iso file) Esiste anche una comoda utility per Windows XP scaricabile a questo indirizzo isorecorder.alexfeinman.com/isorecorder.h tm Una volta installata, questa utility consente di semplificare la procedura per la creazione di un'immagine: dopo aver inserito il CD nel masterizzatore è sufficiente accedere alle risorse del computer e cliccare col tasto destro sulla sua icona. Scegliere Copy CD to immage dal menù a comparsa. Si aprirà una finestra di dialogo. Nella casella Image file, inserire il percorso del immagine che verrà creata. Per farlo è possibile usare il comodo pulsante Sfoglia. Dopo averlo premuto si aprirà un'ulteriore finestra di dialogo nella quale assegnare un nome all'immagine e scegliere dove salvarla. Confermare col bottone Salva. Nella schermata successiva cliccare sul bottone Avanti per confermare l'operazione: inizierà il processo di copia del CD. Una volta terminato premere su Fine per chiudere l'applicazione. NB. Questa utility crea esclusivamente file ISO. 4

5 Aggiungere il lettore CD virtuale Passiamo alla creazione del lettore CD virtuale sul proprio computer. Grazie a Daemon Tools, è possibile simularne fino 4. Ci limiteremo ad aggiungerne uno, che verrà visualizzato come una qualsiasi periferica con archivio rimovibile nelle risorse del computer. 1. Scaricare e installare Daemon Tools Faremo qui riferimento alla versione V3.46 di Daemon Tools, in quanto le versioni successive richiedono tassativamente la conferma manuale dell'inizio delle operazioni e pertanto non permettono di rendere l'automazione delle operazioni completamente trasparente. In altre parole, nascondendo l'icona di Daemon Tools e usando questa versione è possibile, una volta automatizzato il lancio, celare la presenza di un emulatore virtuale a chi utilizza i programmi. E' possibile scaricare questa versione da Internet, nel sito: L'installazione non presenta alcuna difficoltà, tuttavia è bene prestare attenzione al percorso scelto per la cartella di installazione, che di default è C:\programmi\D-Tools. Nel caso in cui se ne scegliesse un altro è opportuno prenderne nota, poiché ci servirà in un secondo momento. Procedere con Next, e infine terminare cliccando sul bottone Close. Molto probabilmente il programma chiederà di riavviare il computer. Per farlo cliccare su Yes. Una volta riacceso il computer, sullo schermo in basso a destra, comparirà l'icona di Daemon Tools (cerchiata in blu nell'immagine). 5

6 2. Aggiungere il lettore virtuale Ai nostri fini è sufficiente aggiungere un solo lettore CD virtuale: cliccare con il tasto desto sull'icona di Daemon Tools, scegliere Virtual CD/DVD-ROM -> Set number of device -> 1 drive. E' possibile che l'icona di Daemon Tools compaia anziché rossa, di colore verde: ciò significa che sono stati attivati tutti i sistemi di emulazione delle protezioni, come riassumono le immagini sottostanti. Usare manualmente l'immagine creata 1. Montare l'immagine Per lanciare il CD virtuale occorre in primo luogo montare la sua immagine. Per farlo è sufficiente cliccare sull'icona di Daemon Tools col tasto destro e scegliere Virtual CD/DVD-ROM -> Device 0: [I:] No media -> Mount image (dove [I:] indica il nome attributo al lettore CD virtuale) Oppure, più semplicemente, cliccando col tasto sinistro e scegliendo Device 0: [I:] No media 6

7 Si aprirà una finestra di dialogo, dalla quale selezionare l'immagine del CD che si vuole lanciare. Confermare la selezione fatta cliccando su Apri. 2. Lanciare il CD virtuale L'operazione appena descritta equivale ad inserire un CD nel lettore (reale) del PC. Di conseguenza è probabile che di seguito appaia una finestra di dialogo che chiede come eseguirlo. In alternativa è possibile accedere alle risorse del PC e lanciare l'immagine montata nell'unità virtuale (es: I:), cliccando sulla sua icona (analogamente al lancio di un CD reale) Semplificare il lancio dei programmi didattici Le operazioni appena descritte richiedono una certa dimestichezza con il PC e probabilmente non sono alla portata di tutti, specie dagli alunni recatisi in laboratorio per svolgere degli esercizi di auto apprendimento assistito. Il nostro obiettivo è pertanto quello di automatizzarle, così da rendere il lancio operativamente uguale per tutti i programmi, ottenendo con un piccolo sforzo iniziale, da compiere una tantum grossi vantaggi in termini di fruibilità dell'archivio e risparmio di tempo da parte dei Docenti e dei tecnici di Laboratorio. 1. Scaricare VCDLoad VCDLoad è un programma che monta e lancia l'immagine automatizzando quelle operazioni che diversamente ogni utente dovrebbe compiere manualmente per lanciare un cd virtuale. Esso è distribuito gratuitamente da Integrazione Totale ed è scaricabile dal sito di Laboratorio Alice alla pagina degli aggiornamenti: 7

8 E' sufficiente copiare VCDLoad sul disco rigido o in una cartella, avendo cura di annotarsi il percorso poiché ci servirà in seguito. Per semplicità consigliamo di scegliere un percorso breve, come ad esempio C:\Programmi, o anche semplicemente C:\. 2. Creare i file.ini per VCDLoad Un file.ini è un file di testo che consente di fornire delle indicazioni sulle opzioni di lancio e funzionamento dei programmi. Creando un file di questo tipo per ogni programma è possibile stabilire una serie di valori fra cui istruzioni sul reperimento e il montaggio automatico dell'immagine nonché sulla risoluzione video. Per creare un file.ini è necessario aprire il Blocco note (in genere Start -> Tutti i programmi -> Accessori -> Blocco note), e scrivere le istruzioni seguendo lo schema generale seguente: VCDMgr= Percorso completo per raggiungere il programma Daemon Tools. Questo valore è per default C:\Programmi\D-Tools\daemon.exe. Qualora si sia installato Daemon Tools in un'altra cartella è necessario specificarla con questa voce. VCDEmul=1 Questo valore attiva delle opzioni avanzate di compatibilità. Non sono sempre necessarie per cui è consigliabile fare alcune prove impostando i valori secondo lo schema seguente: 0=disattive; 1=attive. IsoFile=Percorso completo per raggiungere l'immagine del CD: ad esempio c:\immaginiiso\prova.iso VideoRes= Risoluzione video richiesta per il programma da lanciare: [pixel orizzontali]x[pixel verticali]x[bits colore per pixel] ad esempio 640x480x16 significa 640 pixel orizzontali, 480 pixel verticali e 16 bits di colore ossia colori. Folder= Percorso della cartella da cui lanciare il programma: ad esempio f:\bin, ipotizzando che il CD virtuale abbia la lettera F d il CD da montare contenga la cartella bin su cui posizionarsi prima di lanciare il programma. Run= Comando di lancio del programma: ad esempio f:\bin\play.exe -run ipotizzando che il file play.exe debba essere lanciato con l'opzione -run Scendiamo ora più nel dettaglio dei file.ini che si differenziano in base alla tipologia di programma. A tal fine riprendiamo la divisione vista prima: 8

9 1. Programmi che hanno bisogno del CD per funzionare a. Vanno installati b. Non vanno installati In questo caso è necessario fornire le istruzioni per montare e accedere al CD virtuale. Ipotizziamo un CD virtuale chiamato Learn la cui immagine sia stata salvata in C:\Archivio\Inglese. Si noti che la prima riga è necessaria solo qualora Daemon Tools non sia stato installato nella cartella di default, (vedi Scaricare e installare Daemon Tools), altrimenti può essere omessa. VCDMgr = "C:\Emulazione\D-Tools\daemon.exe" VCDEmul=1 IsoFile="C:\Archivio\Inglese\Learn.iso" VideoRes=640x480X16 Folder=I:\Learn Run=I:\Learn\BOOK.EXE I:\Learn\MAIN.TBK a. Vanno installati Una volta copiati e installati, questi file non hanno bisogno di altre indicazioni per il lancio e quindi non è necessario scrivere alcun file.ini, a meno che non si desideri modificare la risoluzione del video al momento del lancio. Ipotizziamo un programma chiamato Francais1, copiato e installato in C:\Archivio\Francese\Francais1. Il contenuto del file.ini sarà il seguente: 2. Programmi che funzionano senza CD b. Non vanno installati VideoRes= 800x600X16 Folder= C:\Archivio\Francese\Francais1 Run= C:\Archivio\Francese\Francais1\Fr1.exe Questi programmi non necessitano della presenza del CD per funzionare quindi, come sopra, eliminiamo dal file.ini tutte le indicazioni relative all'immagine (CD virtuale) e a Daemon Tools. Ipotizziamo un programma chiamato New English, copiato e salvato in C:\Archivio\Inglese\New English. Il contenuto del file.ini sarà il seguente: VideoRes= 800x600X16 Folder= C:\Archivio\Inglese\New English Run= C:\Archivio\Inglese\New English\NEX.exe Una volta preparato il file è sufficiente salvarlo, indicando l'estensione:.ini. File -> Salva con nome. Si aprirà una finestra di dialogo nella quale scegliere dove salvare il file e assegnargli un nome (anche lo stesso assegnato all'immagine) seguito dall'estensione.ini. A tal fine controllare che nel menù a comparsa Salva come sia selezionato Tutti i file. 9

10 Confermare col il bottone Salva. Per comodità consigliamo di salvare tutti i file.ini nella cartella in cui sono presenti le rispettive immagini o i file necessari al programma per funzionare. 3. Creare i collegamenti ai file di esecuzione Non rimane che creare, in una posizione facilmente fruibile, ad esempio in una cartella sul desktop, i collegamenti ai file di esecuzione o ai file.ini appena scritti. Se vogliamo possiamo paragonare questa cartella all'indice del nostro archivio: cliccando su un titolo collegamento si lancia il programma. Al fine di migliorarne la consultabilità è consigliabile creare una cartella per ogni disciplina: ad esempio una per Inglese, una per Francese, una per Informatica ecc... Per brevità in questo paragrafo faremo riferimento a una cartella generica chiamata Collegamenti. Accedere alla cartella e cliccare su File -> Nuovo -> Collegamento, oppure, cliccare con il tasto destro su un'area vuota e scegliere Nuovo -> Collegamento. Nello spazio Immettere il percorso per il collegamento bisogna scrivere non 1, ma 2 percorsi, separati da uno spazio: il primo è quello per arrivare a VCDLoad Il secondo è quello che conduce al file di esecuzione oppure al file.ini. Ad esempio, ipotizzando di avere salvato VCDLoad nella cartella Programmi e il file.ini nella cartella Documents and Settings, si scriverà: C:\Programmi\VCDLoad.exe C:\Documents and Settings\Learn.ini 1 1 Il percorso citato è un esempio. Si consiglia di usare la funzione copia-incolla per immettere i percorsi di collegamento, onde evitare errori di battitura che impedirebbero al collegamento di funzionare. 10

11 Nella finestra successiva assegnare un nome al collegamento (ad esempio il nome del programma o del libro di testo con cui è distribuito) e confermare cliccando sul bottone Fine. E' possibile controllare o modificare i percorsi inseriti cliccando con il tasto destro sull'icona del collegamento e scegliendo Proprietà. Una volta aperta la finestra di dialogo selezionare la scheda Collegamento. Una volta creato il collegamento basterà cliccarvi sopra per lanciare il programma. Si noti che è anche possibile cambiare icona al al collegamento, per facilitare l'orientamento e rendere l'interfaccia dell'archivio più facilmente consultabile. Sempre dalla finestra di proprietà del collegamento cliccare su Cambia Icona (cerchiato in rosso nell'immagine) e sceglierne una nuova. E' necessario ripetere queste operazioni per ogni programma. Una volta terminato sarà sufficiente cliccare 2 volte sul collegamento per lanciare il programma desiderato a tutto schermo. Come distribuire i programmi? A questo punto ci si pone l'interrogativo di come far sì che ogni ragazzo possa usufruire dei programmi didattici dalla propria postazione. Ci sono a questo riguardo 3 strade percorribili, che dipendono anche dall'uso che s'intende fare dei programmi: 1. Mettere tutti i programmi sulla macchina docente e usarli durante la lezione, in maniera guidata e mediata dal Docente, grazie a Laboratorio Alice. Questa scelta permette un uso collettivo del programma, prezioso durante le spiegazioni e gli approfondimenti fatti in classe, ma ne preclude l'utilizzo per l'auto apprendimento assistito. 2. Mettere tutto sul server e permettere che gli allievi abbiano libero accesso ai collegamenti. In questo modo, oltre a poter usare i programmi durante la lezione, è possibile usufruirne in maniera individuale per l'auto apprendimento assistito. L'unico limite a questa soluzione è la portata del server: si consideri che durante lo la pratica individuale ogni ragazzo usa il medesimo programma contemporaneamente. 11

12 3. Mettere tutti i programmi su ogni macchina. Ciò significa ripetere tutte le operazioni sopra descritte su ogni macchina del laboratorio. Questa è sicuramente la strada che richiede, parlando in termini di tempo, l'investimento iniziale maggiore, ma la più indicata qualora nel laboratorio non ci fosse un server o non supportasse la trasmissione contemporanea con tutte le postazioni. Qualora si opti per questa soluzione, per creare una volta sola i file e poi copiarli sulle altre macchine, è necessario avere particolare cura nel controllare tutti i percorsi e che l'assegnazione della lettera indicante la posizione del lettore virtuale sia la medesima per ogni macchina. è la Responsabile di LaboratorioAlice per la didattica multimediale ed i rapporti con i Docenti. Laureata in Scienze dell'educazione all'università di Bologna, ha conseguito il Master in Educazione Ambientale per la promozione di uno sviluppo sostenibile. Può essere raggiunta a o su skype: beatrice.andalo 12

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

Manuale installazione DiKe Util

Manuale installazione DiKe Util Manuale installazione DiKe Util Andare sul sito Internet: www.firma.infocert.it Cliccare su software nella sezione rossa INSTALLAZIONE: comparirà la seguente pagina 1 Selezionare, nel menu di sinistra,

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE Access permette di specificare una maschera che deve essere visualizzata automaticamente all'apertura di un file. Vediamo come creare una maschera di

Dettagli

Guida pratica di base

Guida pratica di base Adolfo Catelli Guida pratica di base Windows XP Professional Dicembre 2008 Sommario Accedere a Windows XP 4 Avviare Windows XP 4 Uscire da Windows XP 5 L interfaccia utente di Windows XP 6 Il desktop di

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente 2015 Seagate Technology LLC. Tutti i diritti riservati. Seagate, Seagate Technology, il logo Wave e FreeAgent sono marchi depositati o marchi registrati

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

guida all'utilizzo del software

guida all'utilizzo del software guida all'utilizzo del software Il software Gestione Lido è un programma molto semplice e veloce che permette a gestori e proprietari di stabilimenti balneari di semplificare la gestione quotidiana dell?attività

Dettagli

[Operazioni Preliminari]

[Operazioni Preliminari] [Operazioni Preliminari] Si consiglia di leggere interamente questo manuale prima di procedere alle operazioni di aggiornamento del KeyB Organ. 1] Per aggiornare firmware, suoni e parametri del KeyB Organ

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer,

Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer, Guida Introduttiva Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer, Heike Schilling. Data di rilascio:

Dettagli

Mini manuale di Audacity.

Mini manuale di Audacity. Mini manuale di Audacity. Questo mini manuale è parte del corso on-line Usare il software libero di Altrascuola. Il corso è erogato all'interno del portale per l'e-learning Altrascuola con la piattaforma

Dettagli

AUTOMATIZZARE UN'AZIONE COMUNE DI WORD USANDO UNA MACRO

AUTOMATIZZARE UN'AZIONE COMUNE DI WORD USANDO UNA MACRO AUTOMATIZZARE UN'AZIONE COMUNE DI WORD USANDO UNA MACRO Con questa esercitazione guidata imparerai a realizzare una macro. Una macro è costituita da una serie di istruzioni pre-registrate che possono essere

Dettagli

Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER

Installazione ed attivazione della SUITE OFFIS versione SERVER Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER Premessa La versione server di OFFIS può essere installata e utilizzata indifferentemente da PC/Win o Mac/Osx e consente l'accesso contemporaneo

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) Ver. 1.0 (marzo 2009) ultimo aggiornamento aprile 2009 Easy Peasy è una distribuzione

Dettagli

Porta di Accesso versione 5.0.12

Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 1 di 22 Controlli da effettuare in seguito al verificarsi di ERRORE 10 nell utilizzo di XML SAIA Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 2 di 22 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. VERIFICHE DA ESEGUIRE...3

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers La procedura di installazione è divisa in tre parti : Installazione dell archivio MySql, sul quale vengono salvati

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI MINIMI DI SISTEMA...4 INSTALLAZIONE DEI PROGRAMMI...5 AVVIAMENTO DEI PROGRAMMI...7 GESTIONE ACCESSI...

INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI MINIMI DI SISTEMA...4 INSTALLAZIONE DEI PROGRAMMI...5 AVVIAMENTO DEI PROGRAMMI...7 GESTIONE ACCESSI... ambiente Windows INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI MINIMI DI SISTEMA...4 INSTALLAZIONE DEI PROGRAMMI...5 AVVIAMENTO DEI PROGRAMMI...7 GESTIONE ACCESSI...8 GESTIONE DELLE COPIE DI SICUREZZA...10 AGGIORNAMENTO

Dettagli

REGEL - Registro Docenti

REGEL - Registro Docenti REGEL - Registro Docenti INFORMAZIONI GENERALI Con il Registro Docenti online vengono compiute dai Docenti tutte le operazioni di registrazione delle attività quotidiane, le medesime che si eseguono sul

Dettagli

Guida alla gestione dei File in Aulaweb 2.0

Guida alla gestione dei File in Aulaweb 2.0 Guida alla gestione dei File in Aulaweb 2.0 Università degli Studi di Genova Versione 1 Come gestire i file in Moodle 2 Nella precedente versione di Aulaweb, basata sul software Moodle 1.9, tutti i file

Dettagli

MANUALE DOS INTRODUZIONE

MANUALE DOS INTRODUZIONE MANUALE DOS INTRODUZIONE Il DOS è il vecchio sistema operativo, che fino a qualche anno fa era il più diffuso sui PC, prima dell avvento di Windows 95 e successori. Le caratteristiche principali di questo

Dettagli

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 2: Sistema Operativo 2 Modulo 2 Il sistema operativo Windows

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12 Data ultima revisione del presente documento: domenica 8 maggio 2011 Indice Sommario Descrizione prodotto.... 3 Licenza e assunzione di responsabilità utente finale:... 4 Prerequisiti:... 5 Sistema Operativo:...

Dettagli

HORIZON SQL PREVENTIVO

HORIZON SQL PREVENTIVO 1/7 HORIZON SQL PREVENTIVO Preventivo... 1 Modalità di composizione del testo... 4 Dettaglia ogni singola prestazione... 4 Dettaglia ogni singola prestazione raggruppando gli allegati... 4 Raggruppa per

Dettagli

Se il corso non si avvia

Se il corso non si avvia Se il corso non si avvia Ci sono quattro possibili motivi per cui questo corso potrebbe non avviarsi correttamente. 1. I popup Il corso parte all'interno di una finestra di popup attivata da questa finestra

Dettagli

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM SPOSTARE un file o una sottodirectory da una directory ad un altra COPIARE un file o una directory da una directory all altra RINOMINARE un file o una directory CANCELLARE un file o una directory CREARE

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Guida introduttiva. Installazione di Rosetta Stone

Guida introduttiva. Installazione di Rosetta Stone A Installazione di Rosetta Stone Windows: Inserire il CD-ROM dell'applicazione Rosetta Stone. Selezionare la lingua dell'interfaccia utente. 4 5 Seguire i suggerimenti per continuare l'installazione. Selezionare

Dettagli

C O M E I N I Z I A R E A U S A R E U N T A B L E T A N D R O I D

C O M E I N I Z I A R E A U S A R E U N T A B L E T A N D R O I D C O M E I N I Z I A R E A U S A R E U N T A B L E T A N D R O I D Se avete un tablet android, ma non avete la minima idea di come accenderlo, usarlo e avviarlo, seguite queste nostre indicazioni 1. ATTIVAZIONE

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Il software descritto nel presente

Dettagli

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 Download Si può scaricare gratuitamente la versione per il proprio sistema operativo (Windows, MacOS, Linux) dal sito: http://www.codeblocks.org

Dettagli

Manuale - TeamViewer 6.0

Manuale - TeamViewer 6.0 Manuale - TeamViewer 6.0 Revision TeamViewer 6.0 9947c Indice Indice 1 Ambito di applicazione... 1 1.1 Informazioni su TeamViewer... 1 1.2 Le nuove funzionalità della Versione 6.0... 1 1.3 Funzioni delle

Dettagli

Gestione posta elettronica (versione 1.1)

Gestione posta elettronica (versione 1.1) Gestione posta elettronica (versione 1.1) Premessa La presente guida illustra le fasi da seguire per una corretta gestione della posta elettronica ai fini della protocollazione in entrata delle mail (o

Dettagli

1 Stampanti HP Deskjet 6500 series

1 Stampanti HP Deskjet 6500 series 1 Stampanti HP Deskjet 6500 series Per trovare la risposta a una domanda, fare clic su uno dei seguenti argomenti: HP Deskjet 6540-50 series Avvisi Funzioni speciali Introduzione Collegamento alla stampante

Dettagli

Gestione Nuova Casella email

Gestione Nuova Casella email Gestione Nuova Casella email Per accedere alla vecchia casella questo l indirizzo web: http://62.149.157.9/ Potrà essere utile accedere alla vecchia gestione per esportare la rubrica e reimportala come

Dettagli

Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z. Progettata da Vodafone

Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z. Progettata da Vodafone Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z Progettata da Vodafone Benvenuti nel mondo della comunicazione in mobilità 1 Benvenuti 2 Impostazione della Vodafone Internet Key 4 Windows 7, Windows Vista,

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT Web Meeting Quick Start Guide V4_IT Indice 1 INFORMAZIONI SUL PRODOTTO... 3 1.1 CONSIDERAZIONI GENERALI... 3 1.2 SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI E LINGUE... 3 1.3 CARATTERISTICHE... 3 2 PRENOTARE UNA CONFERENZA...

Dettagli

Guida alla configurazione della posta elettronica. bassanonet.com

Guida alla configurazione della posta elettronica. bassanonet.com Guida alla configurazione della posta elettronica bassanonet.com 02 Guida alla configurazione della posta elettronica I programmi di posta elettronica consentono di gestire una o più caselle e-mail in

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

LA POSTA ELETTRONICA

LA POSTA ELETTRONICA LA POSTA ELETTRONICA Nella vita ordinaria ci sono due modi principali di gestire la propria corrispondenza o tramite un fermo posta, creandosi una propria casella postale presso l ufficio P:T., oppure

Dettagli

PCC - Pixia Centro Comunicazioni GUIDA PER L UTILIZZO

PCC - Pixia Centro Comunicazioni GUIDA PER L UTILIZZO PCC - Pixia Centro Comunicazioni GUIDA PER L UTILIZZO Informazioni generali Il programma permette l'invio di SMS, usufruendo di un servizio, a pagamento, disponibile via internet. Gli SMS possono essere

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Server for Windows Acronis Backup & Recovery 10 Workstation

Acronis Backup & Recovery 10 Server for Windows Acronis Backup & Recovery 10 Workstation Acronis Backup & Recovery 10 Server for Windows Acronis Backup & Recovery 10 Workstation Guida introduttiva 1 Informazioni sul documento Questo documento descrive come installare e iniziare ad utilizzare

Dettagli

Manuale per ascoltare e creare file audio Utilizzando la tecnologia Virtual Singer (VS) di Choralia

Manuale per ascoltare e creare file audio Utilizzando la tecnologia Virtual Singer (VS) di Choralia Manuale per ascoltare e creare file audio Utilizzando la tecnologia Virtual Singer (VS) di Choralia Informazioni generali Questo manuale fornisce informazioni e istruzioni per l ascolto e la creazione

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

1. FileZilla: installazione

1. FileZilla: installazione 1. FileZilla: installazione Dopo aver scaricato e salvato (sezione Download >Software Open Source > Internet/Reti > FileZilla_3.0.4.1_win32- setup.exe) l installer del nostro client FTP sul proprio computer

Dettagli

SCUOLANET UTENTE DOCENTE

SCUOLANET UTENTE DOCENTE 1 ACCESSO A SCUOLANET Si accede al servizio Scuolanet della scuola mediante l'indirizzo www.xxx.scuolanet.info (dove a xxx corrisponde al codice meccanografico della scuola). ISTRUZIONI PER IL PRIMO ACCESSO

Dettagli

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i!

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! Manuale Utente S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! INDICE INDICE... 3 INTRODUZIONE... 3 Riguardo questo manuale...3 Informazioni su VOLT 3 Destinatari 3 Software Richiesto 3 Novità su Volt...3

Dettagli

SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE

SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE ESEGUIRE: MENU STRUMENTI ---- OPZIONI INTERNET --- ELIMINA FILE TEMPORANEI --- SPUNTARE

Dettagli

per Scanner Serie 4800/2400

per Scanner Serie 4800/2400 Agosto, 2003 Guida d installazione e guida utente per Scanner Serie 4800/2400 Copyright 2003 Visioneer. Tutti i diritti riservati. La protezione reclamata per il copyright include tutte le forme, gli aspetti

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

GUIDA CONFIGURAZIONE ED UTILIZZO GPS SAFE COME ANTIFURTO PER MOTO

GUIDA CONFIGURAZIONE ED UTILIZZO GPS SAFE COME ANTIFURTO PER MOTO GUIDA CFIGURAZIE ED UTILIZZO GPS SAFE COME ANTIFURTO PER MOTO Sommario: Download ed aggiornamento firmware GPS SAFE... 3 Track Manager, download ed installazione.... 4 Configurazione GPS SAFE ed utilizzo

Dettagli

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa di Ilaria Lorenzo e Alessandra Palma Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa Code::Blocks

Dettagli

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1 Manuale dell'utente Registrazione del prodotto Se si registra il prodotto SMART, si verrà informati delle nuove funzionalità e aggiornamenti software disponibili. Registrazione

Dettagli

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Utilizzare Dev-C++ Tutti i programmi che seranno realizzati richiedono progetti separati

Dettagli

Per Iniziare con Parallels Desktop 10

Per Iniziare con Parallels Desktop 10 Per Iniziare con Parallels Desktop 10 Copyright 1999-2014 Parallels IP Holdings GmbH e i suoi affiliati. Tutti i diritti riservati. Parallels IP Holdings GmbH Vordergasse 59 8200 Schaffhausen Svizzera

Dettagli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli v 4.0 1. Requisiti software Lo studente deve essere dotato di connessione internet

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Guida all Uso L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Cos è la Business Key La Business Key è una chiavetta USB portatile, facile da usare, inseribile

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition Guida introduttiva Questo documento descrive come installare e iniziare a utilizzare Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition.

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE

GUIDA ALL INSTALLAZIONE GUIDA ALL INSTALLAZIONE INTRODUZIONE BENVENUTO Benvenuto in SPARK XL l applicazione TC WORKS dedicata al processamento, all editing e alla masterizzazione di segnali audio digitali. Il design di nuova

Dettagli

Guida all uso del portale dello studente

Guida all uso del portale dello studente Guida all uso del portale dello studente www.studente.unicas.it Versione 1.0 del 10/04/2010 Pagina 1 Sommario PREMESSA... 3 PROFILO... 7 AMICI... 9 POSTA... 10 IMPOSTAZIONI... 11 APPUNTI DI STUDIO... 12

Dettagli

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Ufficio del Responsabile Unico della Regione Sicilia per il Cluster Bio-Mediterraneo

Dettagli

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione.

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Indice Trovare le informazioni necessarie... 3 Ripristino e backup... 4 Cos'è il ripristino

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 23 giugno 2014 Indice 3 Indice...5

Dettagli

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Guida all'installazione di SLPct Manuale utente Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore di atti giuridici esterno SLpct è stato implementato da Regione

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

PROCEDURA CAMBIO ANNO SCOLASTICO IN AREA ALUNNI

PROCEDURA CAMBIO ANNO SCOLASTICO IN AREA ALUNNI PROCEDURA CAMBIO ANNO SCOLASTICO IN AREA ALUNNI GENERAZIONE ARCHIVI Per generazione archivi si intende il riportare nel nuovo anno scolastico tutta una serie di informazioni necessarie a preparare il lavoro

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

Per iniziare con Parallels Desktop 9

Per iniziare con Parallels Desktop 9 Per iniziare con Parallels Desktop 9 Copyright 1999-2013 Parallels Holdings, Ltd. and its affiliates. All rights reserved. Parallels IP Holdings GmbH. Vordergasse 59 CH8200 Schaffhausen Switzerland Tel:

Dettagli