LA SUCCESSIONE EREDITARIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA SUCCESSIONE EREDITARIA"

Transcript

1 j l k l d o ^ c f b Tributi ANTONINA GIORDANO, DAMIANO MARINELLI LA SUCCESSIONE EREDITARIA GUIDA PRATICA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI, CIVILI E AMMINISTRATIVI Testamento e patti successori Accettazione e rinuncia dell eredità Oggetto della successione Patti di famiglia Morte del socio nelle società di persone e di capitali Agevolazioni e adempimenti fiscali Soluzione ai quesiti più rilevanti La successione negli Stati membri UE

2

3 Indice Indice Premessa 1. Nozioni civilistiche rilevanti ai fini tributari 1.1 Premessa 1.2 La successione ereditaria 1.3 Divieto dei patti successori 1.4 Rilevanza dell esistenza del testamento 1.5 Riduzione e restituzione 1.6 Apertura della successione 1.7 Accettazione dell eredità La collazione 1.8 Rinuncia 1.9 Eredità giacente 1.10 Oggetto della successione Determinazione del valore dei beni mobili Determinazione del valore dei beni immobili L usufrutto Costituzione di vincoli di destinazione Costituzione di vincoli di destinazione traslativi Costituzione di vincoli di destinazione non traslativi Costituzione di beni in trust 1.11 La trascrizione 1.12 I patti di famiglia 1.13 La mediazione come efficace definizione stragiudiziale del contenzioso 1.14 Morte del socio e diritti degli eredi nelle società di persone e di capitali Morte del socio nelle società di persone Morte del socio nelle società di capitali 1.15 I diritti d autore maturati ante mortem 2. Il regime fiscale della successione ereditaria: tra agevolazioni e obblighi 2.1 Premessa 2.2 L imposta di successione 2.3 Presupposto soggettivo della tassazione Atti che possono essere considerati come accettazione tacita Atti che non possono essere considerati come accettazione tacita Casi particolari di applicazione dell imposta di successione La rappresentazione 2.4 Ambito oggettivo di applicazione Beni esclusi dall attivo ereditario Trasferimenti non soggetti all imposta Altre agevolazioni 2.5 Le aliquote Le ulteriori imposte in caso di immobili VII Cesi Multimedia III

4 Indice 2.6 Le franchigie 2.7 Determinazione della base imponibile Usucapione di immobile 2.8 La dichiarazione di successione Soggetti obbligati Soggetti esonerati Termine di presentazione Contenuto della dichiarazione e documenti da allegare 2.9 Dichiarazione sostitutiva o integrativa 2.10 Dichiarazione infedele o omessa 2.11 Dilazione del pagamento 2.12 La voltura catastale La domanda di voltura 3. Le soluzioni ai problemi più rilevanti 3.1 Reintegrazione dei diritti dei legittimari 3.2 Rinuncia al legato 3.3 Abitazione ristrutturata concessa dall erede in comodato gratuito a terzi 3.4 Possibilità per il legatario ex lege di detrarre il 36% delle spese di ristrutturazione 3.5 Trasferimento dell azienda ai figli 3.6 Trasferimento dell azienda per causa di morte 3.7 Agevolazioni prima casa per l immobile ereditato 3.8 Imposte versate in eccedenza 3.9 Rimborso dell imposta di successione versata in misura eccedente 3.10 Successione per rappresentazione Determinazione dell imposta in caso di successione per rappresentazione Franchigia da applicare in caso di successione per rappresentazione 3.11 Valore di titoli, azioni, obbligazioni e quote di partecipazione ai fini del calcolo dell imposta di successione 3.12 Liquidazione dell indennità di TFR o di TFS iure successionis e iure proprio 3.13 Buoni postali fruttiferi 3.14 Rinuncia all eredità 3.15 Soggetti passivi ai fini dell imposta di successione 3.16 Dichiarazione di successione Presentazione della dichiarazione e rettifica di errori o omissioni Dichiarazione di successione in caso di defunto non residente Dichiarazione di successione da parte degli eredi Dichiarazione di successione con più eredi 3.17 Valutazione automatica 3.18 Accettazione dell eredità o rinuncia nell interesse di minori o interdetti 3.19 Obblighi del curatore dell eredità giacente 3.20 Trascrizione dell immobile ereditato 3.21 Termini per la trascrizione degli atti 3.22 Errore nella compilazione dell F Vendita della quota dell appartamento ereditato 3.24 Rinuncia al diritto di usufrutto 3.25 Trascrizione della sentenza dell avvenuta usucapione 3.26 Detrazione delle spese funebri da parte di più familiari del defunto 3.27 Contributi per il riscatto della laurea del coniuge defunto IV Cesi Multimedia

5 Indice 3.28 Deducibilità da parte degli eredi dei canoni di locazione percepiti in eccesso dal defunto 3.29 Società: imputazione del reddito iure successionis 3.30 Registrazione volontaria degli atti di ultima volontà 3.31 Regime fiscale agevolato per i patti di famiglia 3.32 Determinazione del valore degli immobili ereditati 3.33 Cessione del diritto di rilocalizzazione 3.34 Debiti fiscali del defunto 3.35 Immobile ristrutturato dal de cuius e concesso dall erede a terzi in comodato gratuito 3.36 Lavori di recupero edilizio sull immobile donato 3.37 Consegna all erede dei beni appartenenti al defunto 3.38 Cessione dell azienda individuale al figlio 3.39 Decesso dell intestatario del canone Rai 3.40 Detrazione delle spese funebri 3.41 Successione ereditaria in Austria 3.42 Dichiarazione di successione ai fini IMU 3.43 Impugnazione del testamento da parte del legittimario 3.44 Imposta di registro sulla rinuncia all eredità 3.45 Associazione beneficiaria di un legato 4. Verso l armonizzazione dei regimi nell UE 4.1 La successione transfrontaliera 4.2 Austria 4.3 Belgio 4.4 Bulgaria 4.5 Cipro 4.6 Croazia 4.7 Estonia 4.8 Finlandia 4.9 Francia 4.10 Germania 4.11 Grecia 4.12 Irlanda 4.13 Lettonia 4.14 Lituania 4.15 Lussemburgo 4.16 Malta 4.17 Paesi Bassi 4.18 Polonia 4.19 Portogallo 4.20 Regno Unito 4.21 Repubblica Ceca 4.22 Slovacchia 4.23 Slovenia 4.24 Spagna 4.25 Svezia 4.26 Ungheria 4.27 Quale futuro Cesi Multimedia V

6

7 2. Il regime fiscale della successione ereditaria: tra agevolazioni e obblighi 2.1 Premessa Il regime fiscale della successione è particolarmente complesso a causa dei continui interventi normativi e delle conseguenti pronunce di prassi (necessarie anche per le ricadute dell istituto nei regimi di più imposte). Nel capitolo vengono evidenziati gli aspetti più problematici con i quali il beneficiario/contribuente è tenuto a misurarsi. Per rendere più agile la lettura si è scelto di richiamare le norme di dettaglio in inciso o in nota. 2.2 L imposta di successione L imposta sulle successioni ha un origine relativamente recente in quanto nasce dall unificazione dell imposta sulle quote di eredità (imposta sui trasferimenti) e dell imposta sull intero asse ereditario (imposta patrimoniale), operata dapprima con il d.p.r. 26 ottobre 1972, n. 637 e successivamente rimodulata organicamente con il TU delle disposizioni concernenti l imposta sulle successioni, approvato con il d.lgs. 31 ottobre 1990 n. 346 più volte citato. Dopo reiterati interventi normativi 1 il tributo venne abolito dall art. 13, comma 1, della legge 18 ottobre 2001, n. 383, con effetto sulle successioni aperte a decorrere dal 25 ottobre Pertanto, per tutte le successioni aperte dopo tale data, l imposta fu soppressa, indipendentemente dal valore dell asse ereditario e dal grado di parentela tra defunto e beneficiario. L obbligo 2 restava solamente se nel patrimonio ereditario erano presenti beni immobili o diritti reali di godimento sugli stessi (come, ad esempio, usufrutto, uso e abitazione) e, in tal caso, se risultavano ancora dovute le imposte ipotecarie e catastali (determinate rispettivamente nel 2% e nell 1% del valore dei beni stessi); qualora tuttavia vi fossero stati in capo agli eredi le condizioni per godere dei benefici per la prima casa, tali imposte sarebbero state corrisposte nella misura fissa di 168,00 euro. Dal 1 gennaio 2007 (art. 2 commi da 47 a 53 del d.l. 3 ottobre 2006 n. 262, conv. con modif. in legge 24 novembre 2006 n. 286 e successivamente modificato dai commi 77, 78 e 79 dell art. 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296) è stata reintrodot Con legge 23 dicembre 1999, n. 488 (legge finanziaria per l anno 2000) venne stabilito un aumento della soglia di esenzione. Con legge del 21 novembre 2000, n. 342 recante le Misure di carattere fiscale fu modificata la determinazione della base imponibile e furono fissate nuove aliquote e venne prevista la possibilità di richiedere l applicazione delle agevolazioni prima casa per i beni immobili entrati in successione. 2 Per le successioni apertesi nel periodo tra il 25 ottobre 2001 e il 2 ottobre 2006 (cfr. Agenzia delle Entrate: circ. 18 ottobre 2001 n. 91/E e ris. 18 luglio 2002, n. 237/E). Cesi Multimedia 43

8 ta l imposta sulle successioni e donazioni, sui trasferimenti di beni e diritti per causa di morte, per donazione o a titolo gratuito e sulla costituzione di vincoli di destinazione, secondo le disposizioni del TU delle disposizioni concernenti l imposta sulle successioni e donazioni, approvato con d.lgs. 31 ottobre 1990, n. 346, nel testo vigente al 24 ottobre 2001, fatte salve alcune modifiche (in seguito TU). L imposta, nella versione ulteriormente novellata dal comma 31 3 dell art. 1 della legge 24 dicembre 2007 (legge finanziaria per l anno 2008) n. 244, si applica alle successioni aperte a decorrere dal 3 ottobre , agli atti pubblici formati, agli atti a titolo gratuito, alle scritture private autenticate e alle scritture private non autenticate presentate per la registrazione a decorrere dal 1 gennaio 2007 e ai trasferimenti effettuati a partire dal 1 gennaio Le norme applicabili alle successioni sono, comunque, sempre quelle in vigore al momento dell apertura della successione. Nel dettaglio, l attuale regime fiscale delle successioni, donazioni e altri atti a titolo gratuito è desumibile dalle disposizioni recate dalle seguenti fonti normative: art. 2, commi da 47 a 53, del d.l. 3 ottobre 2006, n. 262, conv., con modif., dalla legge 24 novembre 2006, n. 286; art. 1, commi da 77 a 79, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria per il 2007); art. 1, comma 31, della legge 24 dicembre 2007, n. 244 (legge finanziaria per il 2008). Ai sensi dell art. 2, comma 47, del predetto d.l., «È istituita l imposta sulle successioni e donazioni sui trasferimenti di beni e diritti per causa di morte, per donazione o a titolo gratuito e sulla costituzione di vincoli di destinazione, secondo le disposizioni del testo unico delle disposizioni concernenti l imposta sulle successioni e donazioni, di cui al decreto legislativo 31 ottobre 1990, n. 346, nel testo vigente alla data del 24 ottobre 2001, fatto salvo quanto previsto dai commi da 48 a 54». Il medesimo articolo, ai successivi commi, prevede quanto segue: ai commi da 48 a 49 stabilisce, rispettivamente, le aliquote d imposta applicabili ai trasferimenti di beni e diritti per causa di morte e ai trasferimenti per donazione o altri atti a titolo gratuito, nonché alla costituzione di vincoli di destinazione; al comma 49-bis, introdotto dall art. 1, comma 77, della legge 2006, n. 296 (legge finanziaria per il 2007), prevede una franchigia in favore dei soggetti portatori di handicap riconosciuto grave ai sensi della legge 5 febbraio 1992, n. 104; al comma 50 rinvia, per quanto non disposto nei commi da 47 a 49 e da 51 a 53, alle disposizioni, ove compatibili, dettate dal TU delle disposizioni concernenti l imposta sulle successioni e donazioni, approvato con il d.lgs. 31 ottobre 1990, n. 346, nel testo vigente alla data del 24 ottobre 2001 (TU); al comma 51, contempla l emanazione di un decreto del Ministro dell economia e delle finanze Il comma 31 dispone che all articolo 3, comma 4-ter, del TU delle disposizioni concernenti l imposta sulle successioni e donazioni, di cui al d.lgs. 31 ottobre 1990, n. 346, dopo le parole: «a favore dei discendenti» sono inserite le seguenti: «e del coniuge». 4 Il legislatore fiscale ha, dunque, previsto un entrata in vigore differenziata per le imposte di successione e donazione distinguendo i trasferimenti effettuati per donazione da quelli effettuati per successione. 44 Cesi Multimedia

9 per l aggiornamento quadriennale degli importi esenti dall imposta, tenendo conto della variazione dell indice del costo della vita; al comma 52, lettere a), b), c), e d), abroga le disposizioni di cui ai seguenti articoli: a) art.7, cc. da 1 a 2-quater, del TU, concernente le modalità di determinazione dell imposta dovuta per i trasferimenti mortis causa (lett. a); b) art. 12, commi 1-bis e 1-ter, del TU, concernente le ipotesi in cui i beni non concorrono a formare l attivo ereditario e, in particolare, quella dei beni e diritti per i quali l imposta sia stata corrisposta in vita dal titolare (lett. b); c) art. 56, commi da 1 a 3, del TU, concernente le modalità di applicazione dell imposta dovuta per le donazioni e, in particolare, la determinazione della base imponibile, delle aliquote applicabili e delle franchigie in favore dei beneficiari (lett. c); d) art. 13 della legge 18 ottobre 2001, n. 383, che dispone la soppressione dell imposta sulle successioni e donazioni e disciplina le modalità di applicazione dell imposta di registro ai trasferimenti di beni immobili e diritti reali immobiliari per donazione, atti a titolo gratuito e costituzione di vincoli di destinazione (lett. d); e) al comma 53 disciplina la decorrenza delle nuove norme, stabilendo che «Le disposizioni dei commi da 47 a 52 hanno effetto per gli atti pubblici formati, per gli atti a titolo gratuito fatti, per le scritture private autenticate e per le scritture private non autenticate presentate per la registrazione dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, nonché per le successioni apertesi dal 3 ottobre Le stesse decorrenze valgono per le imposte ipotecaria e catastale concernenti gli atti e le dichiarazioni relativi alle successioni di cui al periodo precedente». La legge finanziaria 2007 ha apportato ulteriori modificazioni alla disciplina dell imposta sulle successioni e donazioni dettata dal TU. In particolare, l art. legge comma 78, lettera a), della predetta legge introduce, nell art. 3 del TU, il comma 4-ter, ai sensi del quale «I trasferimenti a favore dei discendenti, di aziende o rami di esse, di quote sociali e di azioni non sono soggetti all imposta». La successiva lettera b) inserisce, nell art. 8 del TU, il comma 1-bis, ai sensi del quale «Resta ferma l esclusione dell avviamento nella determinazione della base imponibile delle aziende, delle azioni, delle quote sociali». Infine, la lettera c) modifica il comma 1 dell art. 31 del TU, concernente il termine di presentazione della dichiarazione di successione, stabilendo che «Le parole: sei mesi sono sostituite dalle seguenti: dodici mesi». Da ultimo, l art. 1, comma 31, della legge 24 dicembre 2007, n. 244 (legge finanziaria 2008) ha stabilito che «All articolo 3, comma 4-ter, del testo unico delle disposizioni concernenti l imposta sulle successioni e donazioni, di cui al decreto legislativo 31 ottobre 1990, n. 346, dopo le parole: a favore dei discendenti sono inserite le seguenti: e del coniuge», con ciò estendendo l esenzione dall imposta di successione ai trasferimenti di aziende o rami di esse, nonché di azioni o quote sociali, effettuati a favore dei discendenti, anche ai medesimi trasferimenti compiuti in favore del coniuge del dante causa. Cesi Multimedia 45

10 La Suprema Corte (Cassazione, sentenza n. 8273/2001) ha, infatti, precisato che «in tema di imposta sulle successioni, detta imposta deve essere applicata in base alla legge vigente alla data di apertura della successione, che avviene al momento della morte del de cuius, e non in base a quella vigente al momento della presentazione della denuncia di successione». 2.3 Presupposto soggettivo della tassazione Nel capitolo 1 (par. 1.2) si è fatto cenno ai soggetti che possono succedere al defunto. Ai fini della tassazione assume rilevanza quanto si eredita. Alla morte del de cuius succedono: il coniuge 5, a cui spetterà: tutta l eredità in mancanza di figli legittimi o naturali, di ascendenti, di fratelli o sorelle (art. 583 c.c.); metà se concorre con un solo figlio; 1/3 dell eredità se concorre con più figli (art. 581 c.c.); 2/3 dell eredità se concorre con ascendenti legittimi o con fratelli e sorelle (art. 582 c.c.) Il coniuge può essere escluso dal patrimonio ereditario quando, in caso di separazione, il Tribunale gli addebiti l intera colpa. In questo caso, però, avrà diritto a un assegno vitalizio, qualora al momento del decesso riceveva dal de cuius gli alimenti. L ammontare dell assegno non può essere superiore alla prestazione alimentare goduta in precedenza. Il coniuge separato a cui non è stata addebitata la separazione ha gli stessi diritti successori del coniuge non separato. 46 Cesi Multimedia

11 GRADI DI PARENTELA 4 grado trisavo 3 grado bisavo 4 grado prozio Linea retta 1 grado genitore 2 grado nonno 2 grado fratello 3 grado zio 4 grado cugino Linea collaterale De cuius 3 grado nipote 1 grado figlio 4 grado pronipote 2 grado nipote abbiatico 3 grado pronipote 4 grado abnipote Cesi Multimedia 47

12 Tra gli altri successibili si distinguono tre categorie: i successibili di una categoria escludono quelli delle successive e sono a loro volta esclusi dai successibili di quelle antecedenti: i figli (prima categoria); in mancanza del coniuge, ai figli legittimi e naturali, legittimati e adottivi che escludono sia gli ascendenti che i collaterali (ossia tutti gli altri parenti, eccetto il coniuge), spetta l intera eredità che verrà divisa in quote eguali; gli ascendenti (seconda categoria - genitori e ascendenti, fratelli e sorelle); in mancanza del coniuge, di figli e dei fratelli o sorelle del defunto, l intera eredità va agli ascendenti (genitori). In concorso con fratelli e sorelle, gli ascendenti hanno diritto alla metà del patrimonio ereditario e l altra metà verrà divisa tra i fratelli e le sorelle; i fratelli e le sorelle, ai quali spetta l intera eredità solo quando il defunto muore senza lasciare né coniuge, né figli, né ascendenti; i parenti in linea collaterale dal terzo al sesto grado (ad esempio, zii, cugini, figli di cugini) quando mancano le categorie sopra elencate (terza categoria) hanno diritto di partecipare alla successione solo quando non vi siano altri successibili; vale il principio che il più vicino in grado esclude il più remoto, mentre quelli di pari grado concorrono per quote eguali. La successione non ha luogo tra parenti oltre il sesto grado (art. 572, comma 2, c.c.). Lo Stato interviene in mancanza di parenti entro il sesto grado (art. 572 c.c.) ed è erede necessario in quanto non può rinunciare all eredità. Sono esclusi dalla successione legittima gli affini. Se gli eredi legittimi sono premorti, ossia deceduti al momento di ereditare, interviene l istituto della rappresentazione (vedi par ). Gli eredi del de cuius sono suddivisi per gradi di parentela. I titolari del diritto di succedere che rientrano in un grado di parentela superiore escludono automaticamente coloro che appartengono a un grado inferiore. All interno dei singoli ordini di grado i soggetti con grado di parentela più vicino escludono quelli più lontani. Hanno il diritto di successione di 1 grado i figli di colui che muore (figli legittimi, naturali o adottati). I figli legittimi e naturali hanno gli stessi diritti; i figli legittimati e adottivi vengono equiparati ai figli legittimi. Hanno, invece, il diritto di successione di 2 grado gli ascendenti (genitori), fratelli e sorelle, compresi i loro discendenti. Soggetti con diritto di successione di 3 grado sono tutti gli altri parenti fino al sesto grado di parentela incluso. Il coniuge eredita con i soggetti indicati nei primi due gradi ed esclude coloro che rientrano nel terzo grado. Ciascuno dei fratelli unilaterali ha diritto alla metà di quanto spetta ai fratelli germani. 48 Cesi Multimedia

13 Eredi Coniuge Figli Ascendenti Fratelli Art. c.c. Coniuge 1/1 583 Coniuge + un figlio 1/2 1/2 581 Coniuge + due o più figli 1/3 2/3 581 Coniuge + genitori + ascendenti 2/3 1/3 582 Coniuge + fratelli 2/3 1/3 582 Coniuge + genitori + ascendenti + uno o più fratelli 8/12 3/12 1/ figlio 1/1 566 Due o più figli 1/1 566 Genitori 1/1 568 Un genitore + due o più fratelli (g. o u.) 1/2 1/2 571 Un genitore + fratello germano 1/2 1/2 571 Genitore + fratello unilaterale 2/3 1/3 570 Entrambi i genitori + fratello germano 2/3 1/3 571 Entrambi i genitori + fratello unilaterale 4/5 1/5 571 Entrambi i genitori + 2 fratelli germani 1/2 1/2 571 Entrambi i genitori + 2 fratelli unilaterali 2/3 1/3 571 Entrambi i genitori + 1 fratello germano + un fratello unilaterale 4/7 3/7 571 Entrambi i genitori + 3 fratelli unilaterali 4/7 3/7 571 Entrambi i genitori + 3 fratelli di cui almeno uno germano 1/2 1/2 571 Entrambi i genitori + 4 o più fratelli (germani o unilaterali) 1/2 1/2 571 Fratelli 1/1 570 Ascendenti 1/1 569 Ascendenti + fratelli 1/2 1/2 571 I chiamati all eredità diventano contribuenti, ossia soggetti passivi d imposta, solo se accettano l eredità e sono nel possesso dei beni. Il chiamato che non è possessore non deve, invece, versare il tributo anche se non ha espressamente rinunciato. L imposta è dovuta dagli eredi che rivestano tale qualifica in base alla legge oppure in base ad un testamento e dai legatari che abbiano, rispettivamente, accettato l eredità o acquistato il legato. Gli eredi sono tra loro obbligati in solido al pagamento dell importo complessivo dell imposta, anche per la parte dovuta dai legatari. Pertanto, l erede (o gli eredi) che corrisponde l intero ammontare dell imposta ha diritto di rivalsa nei confronti degli altri obbligati in solido e si surroga 6 in tutte le ragioni, azioni e privilegi spettanti all amministrazione finanziaria Per effetto del rinvio all art. 58 del TU. Cesi Multimedia 49

CIRCOLARE N. 91/E. OGGETTO: Soppressione dell imposta sulle successioni e donazioni. Primi chiarimenti. INDICE

CIRCOLARE N. 91/E. OGGETTO: Soppressione dell imposta sulle successioni e donazioni. Primi chiarimenti. INDICE CIRCOLARE N. 91/E Roma, 18 ottobre 2001 OGGETTO: Soppressione dell imposta sulle successioni e donazioni. Primi chiarimenti. INDICE 1 ASPETTI GENERALI DELLA NUOVA NORMATIVA...2 2 TRASFERIMENTI A TITOLO

Dettagli

1. PREMESSA... 2 2. SOGGETTI OBBLIGATI ALLA PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE TERMINI E MODALITÀ DI PRESENTAZIONE... 2 3. L ATTIVO EREDITARIO...

1. PREMESSA... 2 2. SOGGETTI OBBLIGATI ALLA PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE TERMINI E MODALITÀ DI PRESENTAZIONE... 2 3. L ATTIVO EREDITARIO... INDICE 1. PREMESSA... 2 2. SOGGETTI OBBLIGATI ALLA PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE TERMINI E MODALITÀ DI PRESENTAZIONE... 2 3. L ATTIVO EREDITARIO... 4 4. BENI NON COMPRESI NELL ATTIVO EREDITARIO...

Dettagli

STUDIO DUCOLI DOTTORI COMMERCIALISTI REVISORI CONTABILI INDICE

STUDIO DUCOLI DOTTORI COMMERCIALISTI REVISORI CONTABILI INDICE Circolare n.9 del 5 Dicembre 2006 Tassazione dei trasferimenti per successione e donazione Novità del DL 3.10.2006 n. 262 convertito nella L. 24.11.2006 n. 286 INDICE 1 Nuova tassazione delle successioni

Dettagli

Agenzia delle Entrate Circolare 22 gennaio 2008 n. 3/E Successioni, donazioni e atti a titolo gratuito

Agenzia delle Entrate Circolare 22 gennaio 2008 n. 3/E Successioni, donazioni e atti a titolo gratuito Agenzia delle Entrate Circolare 22 gennaio 2008 n. 3/E Successioni, donazioni e atti a titolo gratuito 1 - Quadro normativo Il nuovo regime fiscale delle successioni, donazioni e altri atti a titolo gratuito

Dettagli

OGGETTO: Successioni, donazioni, atti a titolo gratuito e costituzione di vincoli di destinazione

OGGETTO: Successioni, donazioni, atti a titolo gratuito e costituzione di vincoli di destinazione CIRCOLARE N. 3/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 gennaio 2008 OGGETTO: Successioni, donazioni, atti a titolo gratuito e costituzione di vincoli di destinazione 2 INDICE 1 QUADRO NORMATIVO

Dettagli

Successioni, donazioni, atti a titolo gratuito e costituzione di vincoli di destinazione

Successioni, donazioni, atti a titolo gratuito e costituzione di vincoli di destinazione Italia Successioni, donazioni, atti a titolo gratuito e costituzione di vincoli di destinazione Agenzia delle Entrate, Direzione Centrale Normativa e Contenzioso, Circolare del 22/01/2008, n. 3/E Oggetto:

Dettagli

8. Successioni e donazioni SUCCESSIONI Chi deve pagarla e quanto si paga ATTENZIONE

8. Successioni e donazioni SUCCESSIONI Chi deve pagarla e quanto si paga ATTENZIONE 8. Successioni e donazioni Con la legge n. 286 del 2006 (di conversione del decreto legge n. 262 del 2006) e la legge n. 296 del 2006 (Finanziaria 2007), è stata reintrodotta nel nostro sistema l'imposta

Dettagli

TIPOLOGIE DI SUCCESSIONE SCHEDA 2

TIPOLOGIE DI SUCCESSIONE SCHEDA 2 TIPOLOGIE DI SUCCESSIONE SCHEDA 2 TIPOLOGIE DI SUCCESSIONI La successione legittima. È la successione disposta dalla legge, qualora il soggetto deceduto, non abbia disposto, in tutto o in parte, dei suoi

Dettagli

FISCO E CASA: SUCCESSIONI E DONAZIONI

FISCO E CASA: SUCCESSIONI E DONAZIONI FISCO E CASA: SUCCESSIONI E DONAZIONI Gli aggiornamenti più recenti dichiarazione di successione imposte ipotecaria e catastale aggiornamento gennaio 2015 ALIQUOTE FRANCHIGIA MODELLO 4 PRIMA CASA IMPOSTA

Dettagli

SUCCESSIONI E DONAZIONI

SUCCESSIONI E DONAZIONI SUCCESONI E DONAZIONI Introduzione Il Collegato alla Manovra Finanziaria 2000, ha introdotto importanti novità per quello che riguarda la riforma dell'imposta di successione e di donazione. Le nuove norme

Dettagli

Quesiti frequenti sulle successioni

Quesiti frequenti sulle successioni Quesiti frequenti sulle successioni Le successioni ereditarie comportano questioni delicate e talvolta difficili da risolvere. Rivolgetevi ad un nostro sportello per ricevere informazioni dettagliate relative

Dettagli

I PROFILI FISCALI DELLE SUCCESSIONI INTERNAZIONALI di Andrea Piccolini, Avvocato in Milano.

I PROFILI FISCALI DELLE SUCCESSIONI INTERNAZIONALI di Andrea Piccolini, Avvocato in Milano. FORMAZIONE PERMANENTE PER AVVOCATI - 2014 Le successioni internazionali alla luce del nuovo regolamento (UE) n. 650/2012 I PROFILI FISCALI DELLE SUCCESSIONI INTERNAZIONALI di Andrea Piccolini, Avvocato

Dettagli

DLgs. 21.11.2014 n. 175 di semplificazioni fiscali - Novità in materia di altre imposte indirette

DLgs. 21.11.2014 n. 175 di semplificazioni fiscali - Novità in materia di altre imposte indirette DLgs. 21.11.2014 n. 175 di semplificazioni fiscali - Novità in materia di altre imposte indirette INDICE 1 Premessa 2 Novità in materia di dichiarazione di successione 2.1 Esonero dalla presentazione della

Dettagli

gli immessi nel possesso dei beni, in caso di assenza del defunto o di dichiarazione di morte presunta

gli immessi nel possesso dei beni, in caso di assenza del defunto o di dichiarazione di morte presunta Scheda informativa Tratto dal sito dell'agenzia delle Entrate Sono obbligati a presentare la dichiarazione di successione: i chiamati all'eredità (per legge o per testamento, anche se non hanno ancora

Dettagli

va presentata entro 12 mesi dalla data di apertura della successione

va presentata entro 12 mesi dalla data di apertura della successione va presentata entro 12 mesi dalla data di apertura della successione Indicare l Ufficio Territoriale della Direzione Provinciale nella cui circoscrizione era l ultima residenza del defunto. In caso di

Dettagli

La disciplina legale e fiscale delle Successioni

La disciplina legale e fiscale delle Successioni Seminario Geo Network Formazione La disciplina legale e fiscale delle Successioni Venerdì 26 Ottobre 2007 dalle 15.00 alle ore 18.00 Pad. 33 Sala Allemanda Bologna Fiera Oggetto: Quesiti e risposte fornite

Dettagli

DECESSO DEL LAVORATORE DIPENDENTE

DECESSO DEL LAVORATORE DIPENDENTE DECESSO DEL LAVORATORE DIPENDENTE In caso di decesso del lavoratore dipendente sono previste diverse modalità di tassazione a seconda che si tratti delle somme già corrisposte al lavoratore o di somme

Dettagli

Successioni e donazioni

Successioni e donazioni Successioni e donazioni Evoluzione normativa dal 1991 alla finanziaria 2007 L imposizione fiscale su successioni e donazioni ha sinora subìto numerose variazioni. Analizziamo brevemente le modifiche avvenute

Dettagli

Direzione Regionale della Toscana

Direzione Regionale della Toscana Direzione Regionale della Toscana LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE Modalità di compilazione e presentazione GENNAIO 2008 CHI DEVE PRESENTARLA La dichiarazione di successione deve essere presentata; dai

Dettagli

Se non esistono successori testamentari o legittimi entro il sesto grado, l eredità si dice vagante e il patrimonio va allo Stato.

Se non esistono successori testamentari o legittimi entro il sesto grado, l eredità si dice vagante e il patrimonio va allo Stato. SUCCESSIONI EREDITARIE 1) Che cos è la successione? La successione è il trasferimento dei beni dal defunto ( de cuius) agli aventi diritto, che possono essere eredi quando c è un legame di parentela o

Dettagli

Elaborato da Associazione Pensionati Cariplo e Banca Intesa PROMEMORIA SUCCESSIONI

Elaborato da Associazione Pensionati Cariplo e Banca Intesa PROMEMORIA SUCCESSIONI Elaborato da Associazione Pensionati Cariplo e Banca Intesa PROMEMORIA SUCCESSIONI Dicembre 2009 2) LE TIPOLOGIE Successione Legittima ( quando non c è testamento e quando il testamento dispone solo di

Dettagli

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE DPR 131/86 1 Prassi C.M. 11.7.91 n. 37; Circ. Agenzia delle Entrate 22.1.2008 n. 3 Giurisprudenza Cass. 5.2.90 n. 1963

Dettagli

GUIDA PRATICA Successioni e Testamenti

GUIDA PRATICA Successioni e Testamenti 1 2 GUIDA PRATICA Successioni e Testamenti Questa guida pratica ha il compito di chiarire i primi dubbi che normalmente sorgono nel caso della scomparsa di un congiunto e illustra quali sono le formalità

Dettagli

TRASFERIMENTI GRATUITI: DISCIPLINA CIVILISTICA E NUOVI PROFILI FISCALI

TRASFERIMENTI GRATUITI: DISCIPLINA CIVILISTICA E NUOVI PROFILI FISCALI TRASFERIMENTI GRATUITI: DISCIPLINA CIVILISTICA E NUOVI PROFILI FISCALI Il patrimonio personale accumulato nel corso della propria vita può essere trasferito ai propri figli e famigliari scegliendo fra

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 73 Le novità nell imposizione indiretta del patto di famiglia

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 73 Le novità nell imposizione indiretta del patto di famiglia DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 73 Le novità nell imposizione indiretta del patto di famiglia febbraio 2007 Le novità nell imposizione indiretta del patto di famiglia DOCUMENTO ARISTEIA N. 73 LE NOVITÀ

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Premessa... TASSAZIONE DEI REDDITI PARTE PRIMA

INDICE SOMMARIO. Premessa... TASSAZIONE DEI REDDITI PARTE PRIMA INDICE SOMMARIO Premessa... XVII PARTE PRIMA TASSAZIONE DEI REDDITI CAPITOLO 1 I REDDITI DELLE PERSONE FISICHE 1. Introduzione... 3 2. I soggetti passivi residenti in Italia: nozione di residenza delle

Dettagli

FISCALITÀ DEL TRUST. Torino, 07.12.2012 Gruppo di lavoro Trust Dott. Massimo BOIDI Dott. Alessandro TERZUOLO

FISCALITÀ DEL TRUST. Torino, 07.12.2012 Gruppo di lavoro Trust Dott. Massimo BOIDI Dott. Alessandro TERZUOLO FISCALITÀ DEL TRUST Torino, 07.12.2012 Gruppo di lavoro Trust Dott. Massimo BOIDI Dott. Alessandro TERZUOLO FISCALITÀ DIRETTA DEL TRUST Dott. Massimo BOIDI ASPETTI GENERALI La Finanziaria 2007 ha riconosciuto

Dettagli

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi Carismi Convegni CARISMICONVEGNI IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Centro Studi I Cappuccini 22 Febbraio 2013 Avv. Francesco Napolitano DONAZIONE DI AZIENDA IMPOSTE DIRETTE La donazione di azienda da parte di

Dettagli

Imposta di successione

Imposta di successione Imposta di successione Oggetto di tassazione Sui trasferimenti di beni e diritti per causa di morte avvenuti a decorrere dal 3 ottobre 2006 è dovuta l'imposta sulle successioni e donazioni. Base imponibile

Dettagli

I Passaggi Generazionali Aspetti Fiscali

I Passaggi Generazionali Aspetti Fiscali I Passaggi Generazionali Aspetti Fiscali Verona, 29 settembre 2011 dott. stefano dorio dott. emanuele dorio IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E SULLE DONAZIONI STRUTTURE SOCIETARIE TRUST Imposta Successioni e

Dettagli

Capitolo Dodicesimo Le altre imposte indirette

Capitolo Dodicesimo Le altre imposte indirette Capitolo Dodicesimo Le altre imposte indirette Sommario: 1. L imposta di registro. - 2. Le imposte ipotecaria e catastale. - 3. L imposta sulle assicurazioni. - 4. L imposta sulle successioni e donazioni.

Dettagli

STUDIO LEGALE TRIBUTARIO LEO

STUDIO LEGALE TRIBUTARIO LEO STUDIO LEGALE TRIBUTARIO LEO P.zza L. Ariosto, n. 30-73100 LECCE Tel./fax: 0832 455433 www.studiotributarioleo.it e-mail: info@studiotributarioleo.it LA NUOVA IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI La Finanziaria

Dettagli

Il Registro dei testamenti

Il Registro dei testamenti La successione: legittima, testamentaria, necessaria Il Registro dei testamenti Il Registro Generale dei Testamenti, che ha sede presso l'ufficio Centrale degli archivi notarili, consente agli interessati

Dettagli

LA NUOVA IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI IL REGIME FISCALE DEL TRUST

LA NUOVA IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI IL REGIME FISCALE DEL TRUST LA NUOVA IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI * * * IL REGIME FISCALE DEL TRUST Tavole sinottiche a cura di Professore di diritto tributario alla Scuola Superiore dell Economia e delle Finanze di Roma

Dettagli

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO?

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? La maggior parte di noi non si pone neppure la domanda. In Italia, quella di fare testamento è una pratica poco utilizzata. Spesso ci rifiutiamo per paura, per incertezza

Dettagli

MASTER I LIVELLO in AVVOCATURA FISCALE. La successione:obblighi dichiarativi e imposizione

MASTER I LIVELLO in AVVOCATURA FISCALE. La successione:obblighi dichiarativi e imposizione MASTER I LIVELLO in AVVOCATURA FISCALE 4 Marzo 2014 La successione:obblighi dichiarativi e imposizione www.studioporcaro.it Dott.ssa Nadia Oliva 1 EXECUTIVE SUMMARY LA SUCCESSIONE LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE

Dettagli

MANUALE SOFTWARE SUCCESSIONI ISTRUZIONI PER L UTENTE

MANUALE SOFTWARE SUCCESSIONI ISTRUZIONI PER L UTENTE MANUALE SOFTWARE ISTRUZIONI PER L UTENTE PAGINA 2 Indice Capitolo 1: Premessa 3 1.1 Normativa di riferimento: Testo Unico Successioni (Dlgs. 346/1990), L. 383/2001, Dl 262/2006, CM 3/2008 3 1.2 Software

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli

La Pianificazione Successoria. dei Patrimoni. tramite le Polizze Vita. www.pfacademy.it

La Pianificazione Successoria. dei Patrimoni. tramite le Polizze Vita. www.pfacademy.it La Pianificazione Successoria tramite le Polizze Vita La Pianificazione Successoria dei Patrimoni tramite le Polizze Vita AGENDA La famiglia: realtà economica complessa L'importanza di pianificare il passaggio

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 giugno 2006 Oggetto: Fondi comuni di investimento immobiliare. Modificazioni al regime tributario dei partecipanti. Articolo 1, comma

Dettagli

Le modalità di attuazione della nuova disciplina saranno stabilite da un apposito decreto del Ministero dell Economia e delle Finanze.

Le modalità di attuazione della nuova disciplina saranno stabilite da un apposito decreto del Ministero dell Economia e delle Finanze. Circolare n. 35 del 4 dicembre 2014 L. 30.10.2014 n. 161 (legge europea 2013- bis) - Principali novità INDICE 1 Premessa 2 2 Tassazione dei soggetti non residenti - Estensione delle disposizioni previste

Dettagli

La divisione ereditaria

La divisione ereditaria La divisione ereditaria La divisione ereditaria è diretta a far cessare lo stato di comunione sui beni della massa ereditaria tra tutti i soggetti che partecipano alla comunione; ha natura dichiarativa

Dettagli

L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA

L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA AGENZIA IMMOBILIARE LUNIGIANA 2000 Via Apua 24-26, AULLA (MS) Tel 0187.421400 Fax 0187.424684 Cell 335.5383266 335.1321250 E-mail: lunigiana2000@lunigiana.it Web: www.lunigiana2000.it www.lunigiana2000.com

Dettagli

Collegato alla Finanziaria 2007. D.L. 03.10.2006 n. 262 convertito in Legge il 23.11.2006 n. 286

Collegato alla Finanziaria 2007. D.L. 03.10.2006 n. 262 convertito in Legge il 23.11.2006 n. 286 Collegato alla Finanziaria 2007 D.L. 03.10.2006 n. 262 convertito in Legge il 23.11.2006 n. 286 Mancata emissione scontrino/ricevuta fiscale art. 1 commi da 8 a 8-ter In caso di mancata emissione dello

Dettagli

La difesa del patrimonio

La difesa del patrimonio Mercoledì 19 Marzo 2014 SAVIGLIANO DONAZIONE DI AZIENDE O QUOTE La donazione è il contratto con il quale (art. 769 C.C.), per spirito di liberalità, una parte arricchisce l altra, disponendo a favore di

Dettagli

Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del patrimonio e di pianificazione successoria

Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del patrimonio e di pianificazione successoria S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del

Dettagli

IL TRUST: PRINCIPI GENERALI, MODALITA APPLICATIVE E CASI DI STUDIO Roma, 12 APRILE 2011 Domenico Rinaldi

IL TRUST: PRINCIPI GENERALI, MODALITA APPLICATIVE E CASI DI STUDIO Roma, 12 APRILE 2011 Domenico Rinaldi IL TRUST: PRINCIPI GENERALI, MODALITA APPLICATIVE E CASI DI STUDIO Roma, 12 APRILE 2011 Domenico Rinaldi COSTI DEL TRUST Costi una tantum Imposta sulle donazioni (Circolare Agenzia delle Entrate n. 3 28/01/2008)

Dettagli

29 ottobre 1993, n. 427) in modo distinto a seconda della residenza fiscale del cedente e del cessionario.

29 ottobre 1993, n. 427) in modo distinto a seconda della residenza fiscale del cedente e del cessionario. Operazioni intracomunitarie e internazionali La disciplina IVA delle «vendite a distanza» in ambito intracomunitario La disciplina Iva delle «vendite a distanza», per tali intendendosi le vendite in base

Dettagli

In questo capitolo si analizzano e approfondiscono gli oneri e le spese per le quali il contribuente gode di particolari agevolazioni fiscali.

In questo capitolo si analizzano e approfondiscono gli oneri e le spese per le quali il contribuente gode di particolari agevolazioni fiscali. CAPITOLO SETTIMO INTRODUZIONE AGLI oneri e spese In questo capitolo si analizzano e approfondiscono gli oneri e le spese per le quali il contribuente gode di particolari agevolazioni fiscali. 1 premessa

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE QUINTA Sentenza 17 GENNAIO 2014, n. 841

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE QUINTA Sentenza 17 GENNAIO 2014, n. 841 SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE QUINTA Sentenza 17 GENNAIO 2014, n. 841 Svolgimento del processo In data 26 marzo 1992 decedeva, A.B.. L eredità era devoluta alla nipote E.L., all epoca minorenne ed

Dettagli

COORDINAMENTO R.S.A. Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A.

COORDINAMENTO R.S.A. Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. CGIL FISAC COORDINAMENTO R.S.A. Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Monte dei Paschi di Siena : Direzione Generale, Uff. Corriere, P.zza Salimbeni, 3 53100 SIENA Tel. (interno) 296913 Camera del Lavoro

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008 CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 novembre 2008 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dei fondi immobiliari. Articolo 82, commi da 17 a 22, del decreto-legge 25 giugno

Dettagli

Milano 10 maggio 2011. dott. Carmine Carlo Presidente MPO Trustee S.p.A. Forum Trust 11a Edizione - Via Senato 5 Milano Carlton Hotel Baglioni

Milano 10 maggio 2011. dott. Carmine Carlo Presidente MPO Trustee S.p.A. Forum Trust 11a Edizione - Via Senato 5 Milano Carlton Hotel Baglioni Stato dell arte sulla fiscalità diretta e indiretta dei Trust a seguito degli ultimi chiarimenti dell Agenzia delle Entrate e della giurisprudenza tributaria Milano dott. Carmine Carlo Presidente MPO Trustee

Dettagli

CIRCOLARE N. 27/E. Roma, 04 agosto 2006

CIRCOLARE N. 27/E. Roma, 04 agosto 2006 CIRCOLARE N. 27/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 04 agosto 2006 OGGETTO:Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006, - Revisione del regime fiscale delle cessioni e locazioni di fabbricati

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N. 36 09.09.2014 Trust: possibili utilizzi Gestione di partecipazioni, di immobili, passaggio generazionale, trust liquidatorio Categoria: Enti Commerciali/non

Dettagli

Borse di studio e premi:

Borse di studio e premi: S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La musica tra creatività, diritto e fisco Borse di studio e premi: Regime fiscale applicato Stefano Valente 12.10.2010 - Foyer del Conservatorio, Milano S.A.F. SCUOLA DI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 341/E

RISOLUZIONE N. 341/E RISOLUZIONE N. 341/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 23 novembre 2007 OGGETTO: Istanza di interpello - Donazione di azienda e continuazione dell attività d impresa in forma societaria

Dettagli

Art. 28. (Artt. 35, comma 1, 36 e 37 D.P.R. n. 637/1972 Art. 4, comma 4, legge n. 880/1986) Dichiarazione della successione 1. La dichiarazione della

Art. 28. (Artt. 35, comma 1, 36 e 37 D.P.R. n. 637/1972 Art. 4, comma 4, legge n. 880/1986) Dichiarazione della successione 1. La dichiarazione della Art. 28. (Artt. 35, comma 1, 36 e 37 D.P.R. n. 637/1972 Art. 4, comma 4, legge n. 880/1986) Dichiarazione della successione 1. La dichiarazione della successione deve essere presentata all'ufficio del

Dettagli

Tax planning e gestione dell ottimizzazione fiscale

Tax planning e gestione dell ottimizzazione fiscale Tax planning e gestione dell ottimizzazione fiscale Milano, 12 maggio 2015 Paolo Ludovici Ludovici & Partners Necessità di valutare esigenze extra fiscali Riservatezza Pianificazione successoria Tutela

Dettagli

Le guide utili. Come Pianificare la successione ereditaria

Le guide utili. Come Pianificare la successione ereditaria Le guide utili Come Pianificare la successione ereditaria 1 Viviamo in un Paese nel quale, la cultura del "passaggio generazionale" è poco diffusa. Alcuni dati statistici, reperibili sul web, indicano

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CARFAGNA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CARFAGNA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2301 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CARFAGNA Modifiche al codice civile nonché ai testi unici di cui ai decreti del Presidente

Dettagli

MUTUI BANCARI E ASPETTI FISCALI

MUTUI BANCARI E ASPETTI FISCALI MUTUI BANCARI E ASPETTI FISCALI A cura di Giovanni Rizzi Sarmeola 14 maggio 2011 1 La norma Artt. 15 e 17 del DPR. 29 settembre 1973 n. 601 Ambito applicativo Esenzione da imposte di registro, bollo, ipotecarie,

Dettagli

15. Posizione del successibile prima dell apertura della successione... 29

15. Posizione del successibile prima dell apertura della successione... 29 INDICE-SOMMARIO Capitolo I. NOZIONI INTRODUTTIVE 1. La successione a causa di morte............... 1 2. Fondamento della successione a causa di morte. Successione testamentaria e successione legittima.....................

Dettagli

Acquisti mortis causa e trascrizione > Acquisti mortis causa e trascrizione: la trascrizione

Acquisti mortis causa e trascrizione > Acquisti mortis causa e trascrizione: la trascrizione Acquisti mortis causa e trascrizione: la trascrizione dell?accettazione ta... Acquisti mortis causa e trascrizione > Acquisti mortis causa e trascrizione: la trascrizione dell accettazione tacita di eredità

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

Giancarlo Modolo Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

Giancarlo Modolo Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2015 Dichiarazione annuale degli investimenti detenuti all estero e delle attività estere di natura finanziaria, Ivie e Ivafe Commissione

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA FISCALE AL PASSAGGIO GENERAZIONALE DEI BENI SUCCESSIONI, DONAZIONI E CESSIONI Ufficio Relazioni Esterne

l agenzia in f orma GUIDA FISCALE AL PASSAGGIO GENERAZIONALE DEI BENI SUCCESSIONI, DONAZIONI E CESSIONI Ufficio Relazioni Esterne 4 l agenzia in f orma 2005 GUIDA FISCALE AL PASSAGGIO GENERAZIONALE DEI BENI SUCCESSIONI, DONAZIONI E CESSIONI Ufficio Relazioni Esterne l agenzia in f orma GUIDA FISCALE AL PASSAGGIO GENERAZIONALE DEI

Dettagli

Numero 109 febbraio 2015. C è un lutto in famiglia: cosa occorre sapere...

Numero 109 febbraio 2015. C è un lutto in famiglia: cosa occorre sapere... Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Numero 109 febbraio 2015 C è un lutto in famiglia: cosa occorre sapere... Abbiamo a lungo esitato prima di pubblicare questo numero di Previdenza Flash!

Dettagli

Collana MultiCompact Professional aided software

Collana MultiCompact Professional aided software SOFTWARE Collana MultiCompact Professional aided software Analist Group Gestione procedure di successioni legittime e testamentarie Sesta edizione SOFTWARE INCLUSO Gestione delle procedure legittime e

Dettagli

I.C.I. (Imposta Comunale sugli Immobili) INFORMAZIONI UTILI anno 2011

I.C.I. (Imposta Comunale sugli Immobili) INFORMAZIONI UTILI anno 2011 I.C.I. (Imposta Comunale sugli Immobili) INFORMAZIONI UTILI anno 2011 ESENZIONE ICI PRIMA CASA Si precisa che con decreto legge 93/2008 il governo ha stabilito l esenzione dell Ici per l unità adibita

Dettagli

LE DONAZIONI INDIRETTE. L ABUSO DEL DIRITTO Thomas Tassani Università degli Studi di Urbino - Commissione Studi Tributari CNN

LE DONAZIONI INDIRETTE. L ABUSO DEL DIRITTO Thomas Tassani Università degli Studi di Urbino - Commissione Studi Tributari CNN LE DONAZIONI INDIRETTE. L ABUSO DEL DIRITTO Thomas Tassani Università degli Studi di Urbino - Commissione Studi Tributari CNN 1. Il presupposto dell imposta sulle successioni e donazioni, come definito

Dettagli

Regolamento del prestito obbligazionario denominato BANCA POPOLARE DI BARI 6,50% 2014-2021 SUBORDINATO TIER II

Regolamento del prestito obbligazionario denominato BANCA POPOLARE DI BARI 6,50% 2014-2021 SUBORDINATO TIER II Regolamento del prestito obbligazionario denominato BANCA POPOLARE DI BARI 6,50% 2014-2021 SUBORDINATO TIER II I termini in maiuscolo non definiti nel presente Regolamento hanno il significato agli stessi

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E INDICE

CIRCOLARE N. 19/E INDICE CIRCOLARE N. 19/E Direzione Centrale Normativa Roma, 4 giugno 2013 OGGETTO: Attuazione della direttiva 2009/65/CE (UCITS IV). Modifiche al regime di tassazione degli organismi di investimento collettivo

Dettagli

Comune di Castelfiorentino

Comune di Castelfiorentino REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 91 del 21.12.2001) ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1 - Il presente

Dettagli

IL TRUST 1. DEFINIZIONE E FINALITA 2. I SOGGETTI COINVOLTI

IL TRUST 1. DEFINIZIONE E FINALITA 2. I SOGGETTI COINVOLTI IL TRUST 1. DEFINIZIONE E FINALITA Il trust è un contratto con cui un soggetto disponente (settlor) trasferisce la proprietà di uno o più beni a un soggetto fiduciario (trustee), il quale ne dispone e

Dettagli

IL CITTADINO COMUNITARIO IN ANAGRAFE

IL CITTADINO COMUNITARIO IN ANAGRAFE IL CITTADINO COMUNITARIO IN ANAGRAFE D.Lgs. 30/2007 1 PAESI MEMBRI DELL UNIONE EUROPEA 1. Austria 2. Belgio 3. Bulgaria 4. Cipro 5. Danimarca 6. Estonia 7. Finlandia 8. Francia 9. Germania 10. Grecia 11.

Dettagli

SOGGETTI PASSIVI. Giurisprudenza Cass. 13.9.63 n. 2502; Cass. 6.7.84 n. 3974; Cass. 27.9.87 n. 8815; Cass. 31.7.89 n. 3565; Cass. 24.7.2003 n.

SOGGETTI PASSIVI. Giurisprudenza Cass. 13.9.63 n. 2502; Cass. 6.7.84 n. 3974; Cass. 27.9.87 n. 8815; Cass. 31.7.89 n. 3565; Cass. 24.7.2003 n. 10 SOGGETTI PASSIVI Prassi C.M. 8.10.76 n. 31/250873; R.M. 7.6.80 n. 7/441; R.M. 13.12.89 n. 460196; C.M. 10.6.93 n. 7/1106; C.M. 7.8.2000 n. 156; Ris. Agenzia delle Entrate 7.8.2002 n. 272; Ris. DRE Emilia

Dettagli

CIRCOLARE N. 25/E. OGGETTO: Risposte a quesiti posti dalla stampa specializzata

CIRCOLARE N. 25/E. OGGETTO: Risposte a quesiti posti dalla stampa specializzata CIRCOLARE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 giugno 2012 OGGETTO: Risposte a quesiti posti dalla stampa specializzata 2 INDICE 1 Detrazione del 36 per cento...4 1.1 Dichiarazioni ICI e detrazione

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 14/06/2012

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 14/06/2012 Direzione Centrale Pensioni Roma, 14/06/2012 Circolare n. 84 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Notaio Paolo Tonalini

Notaio Paolo Tonalini Notaio Paolo Tonalini Stradella (PV) - Via Dallagiovanna 16 - Tel. 0385-48564 (sede) - notaio@tonalini.it - PAVIA - Viale C. Battisti 17 - Tel. 0382-530207 (uff.sec.) Le Tasse su Eredità e Donazioni Dal

Dettagli

COMUNE DI LAURIA (PZ)

COMUNE DI LAURIA (PZ) COMUNE DI LAURIA (PZ) Guida ICI per il contribuente CHI DEVE PAGARE L ICI Ai sensi del D.lgs n.504/92, devono pagare l ICI i proprietari (o titolari di altro diritto come, usufrutto, uso o abitazione,

Dettagli

Circolare N. 169 del 3 Dicembre 2015

Circolare N. 169 del 3 Dicembre 2015 Circolare N. 169 del 3 Dicembre 2015 E-commerce: stop a scontrini e ricevute per le operazioni svolte nei confronti di privati Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con il decreto

Dettagli

NEXT GENERATION Tavola Rotonda Napoli, 3 dicembre 2012

NEXT GENERATION Tavola Rotonda Napoli, 3 dicembre 2012 NEXT GENERATION Tavola Rotonda Napoli, 3 dicembre 2012 IL TRUST NEL PASSAGGIO GENERAZIONALE D IMPRESA a cura del Dottor Salvatore Tramontano Vice Presidente 1 NEXT GENERATION Tavola Rotonda Napoli, 3 dicembre

Dettagli

TRASFERIMENTI A TITOLO ONEROSO DI IMMOBILI. Imposte dal 1 gennaio 2014

TRASFERIMENTI A TITOLO ONEROSO DI IMMOBILI. Imposte dal 1 gennaio 2014 TRASFERIMENTI A TITOLO ONEROSO DI IMMOBILI dal 1 gennaio 2014 1. NORME 1.1. DECRETO LEGISLATIVO 14 marzo 2011, n. 23 Disposizioni in materia di federalismo Fiscale Municipale. (GU n.67 del 23-3-2011 )

Dettagli

Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del patrimonio e di pianificazione successoria

Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del patrimonio e di pianificazione successoria S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del

Dettagli

L. 30.10.2014 n. 161 (legge europea 2013-bis) Principali novità

L. 30.10.2014 n. 161 (legge europea 2013-bis) Principali novità STUDIO RENZO GORINI DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE LEGALE COMO 11.12.2014 22100 COMO - VIA ROVELLI, 40 TEL. 031.27.20.13 www.studiogorini.it FAX 031.27.33.84 E-mail: segreteria@studiogorini.it INFORMATIVA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 74/E ESPOSIZIONE DEL QUESITO

RISOLUZIONE N. 74/E ESPOSIZIONE DEL QUESITO RISOLUZIONE N. 74/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 agosto 2015 OGGETTO: Interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 - Condominio minimo - Detrazione spese per interventi edilizi - art. 16-bis

Dettagli

IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE

IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE 1. Introduzione Il contratto di leasing costituisce un negozio a titolo oneroso concluso con la presenza di tre soggetti ognuno con un diverso interesse economico, ossia

Dettagli

INFOPLUS Le successioni

INFOPLUS Le successioni INFOPLUS Le successioni La mia banca Colofone Editore Federazione Cooperative Raiffeisen Testi Dott.ssa. Dr. Chiara Bombardelli, Dott.ssa. Marion Di Gallo Oberhollenzer Attualizzazione testi: Federazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 41/E. Roma, 31 ottobre 2012

CIRCOLARE N. 41/E. Roma, 31 ottobre 2012 CIRCOLARE N. 41/E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 ottobre 2012 OGGETTO: Assicurazioni estere operanti in Italia in regime di libera prestazione di servizi. Articolo 68 del decreto legge 22 giugno

Dettagli

MODELLO O QUADRO RW E VOLUNTARY DISCLOSURE: PUNTI SALIENTI E SANZIONI

MODELLO O QUADRO RW E VOLUNTARY DISCLOSURE: PUNTI SALIENTI E SANZIONI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO RAVVEDIMENTO OPEROSO E QUADRO RW MODELLO O QUADRO RW E VOLUNTARY DISCLOSURE: PUNTI SALIENTI E SANZIONI Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC Milano

Dettagli

OGGETTO: Tassazione delle divisioni contenenti masse plurime - Art. 34 del D.P.R 131/86 Istruzioni operative

OGGETTO: Tassazione delle divisioni contenenti masse plurime - Art. 34 del D.P.R 131/86 Istruzioni operative Direzione Regionale delle Marche Ufficio Fiscalità All Agenzia delle Entrat Ancona, 10 novembre 2008 Agli Uffici locali Loro sedi e, p.c. Agli Uffici interni Settore Accertamento Audit Interno Contenzioso

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE CESSIONI D AZIENDA

IL REGIME FISCALE DELLE CESSIONI D AZIENDA IL REGIME FISCALE DELLE CESSIONI D AZIENDA Il trasferimento dell azienda ed il trattamento fiscale connesso alle molteplici forme che tale operazione può assumere 1 Modalità di passaggio dell azienda:

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Cenni generali sulla successione nella titolarità del patrimonio

Cenni generali sulla successione nella titolarità del patrimonio Cenni generali sulla successione nella titolarità del patrimonio SOMMARIO PREMESSA 3 LA DISCIPLINA DELLE SUCCESSIONI 4 SUCCESSIONE SENZA TESTAMENTO..................................... 4 GRADI DI PARENTELA

Dettagli

Residenza, ospitalità e permesso di soggiorno: questioni e casistiche sull'iscrizione anagrafica dei cittadini stranieri

Residenza, ospitalità e permesso di soggiorno: questioni e casistiche sull'iscrizione anagrafica dei cittadini stranieri LucaTavani Residenza, ospitalità e permesso di soggiorno: questioni e casistiche sull'iscrizione anagrafica dei cittadini stranieri Associazione Nazionale Ufficiali di Stato Civile e d Anagrafe SOGGETTI

Dettagli

testamento e la dichiarazione disuccessione

testamento e la dichiarazione disuccessione il testamento e la dichiarazione disuccessione 1. Premessa Questa guida, il cui obiettivo è illustrare nel modo più semplice e schematico possibile quali siano le diverse soluzioni normative previste

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DI PREVEDI

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DI PREVEDI DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DI PREVEDI Fondo Pensione Complementare per i Lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini Aggiornato alla legge n. 190 del 23 dicembre 2014 ( legge di

Dettagli

RISOLUZIONE N. 158/E

RISOLUZIONE N. 158/E RISOLUZIONE N. 158/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 17 aprile 2008 OGGETTO: Interpello articolo 11, legge 27 luglio 2000, n.212. Cessione di partecipazioni rideterminate da parte dell

Dettagli