RELAZIONE FINALE. La Commissione, nominata con decreto rettorale n. 536 del e composta dai Signori:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE FINALE. La Commissione, nominata con decreto rettorale n. 536 del 8.6.2010 e composta dai Signori:"

Transcript

1 Procedura di valutazione comparativa per la copertura di n. 1 posto di Ricercatore universitario presso l Università degli Studi di Genova, Facoltà di Ingegneria per il settore scientifico disciplinare Ing- Ind/02 Costruzioni e Impianti navali e marini - D.R. n del , pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 88, IV serie speciale, del RELAZIONE FINALE La Commissione, nominata con decreto rettorale n. 536 del e composta dai Signori: Prof. BENVENUTO Giovanni Battista (qualifica) P.O. (settore scientifico-disciplinare) Ing-Ind/02 Costruzioni e Impianti navali e marini; Prof. MANDARINO Masino (qualifica) P.O. (settore scientifico-disciplinare) Ing-Ind/02 Costruzioni e Impianti navali e marini; Prof. ZOTTI Igor (qualifica) P.O. (settore scientifico-disciplinare) Ing-Ind/01 Architettura Navale; ottenuta autorizzazione, si avvale degli strumenti telematici di lavoro collegiale, come previsto dall art. 4, comma 12, del D.P.R n. 117, nel giorno 2 settembre 2010 con inizio alle ore 9.30, per predeterminare i criteri di massima e le procedure della valutazione comparativa dei candidati e concorda che le funzioni di Presidente vengano svolte dal Prof. BENVENUTO Giovanni Battista e quelle di Segretario dal Prof. ZOTTI Igor. La Commissione ha preso atto di quanto contenuto nel bando e in particolare che la valutazione comparativa dei candidati è effettuata sulla base dei titoli, illustrati e discussi davanti alla Commissione, e delle pubblicazioni, ivi compresa la tesi di dottorato, utilizzando i parametri individuati con il D.M , n. 89. La Commissione, pertanto, ha predeterminato i criteri di massima e le procedure della valutazione comparativa dei candidati, tenuto conto delle indicazioni contenute nell art. 7 Valutazione dei titoli e delle pubblicazioni del bando stesso. Valutazione dei titoli Ai sensi dell art. 2 del citato D.M. 89/2009, la Commissione ha effettuato analiticamente la valutazione comparativa dei titoli dei candidati sulla base dei seguenti elementi debitamente documentati: a) possesso del titolo di dottore di ricerca o equivalente, conseguito in Italia o all estero; b) svolgimento di attività didattica a livello universitario in Italia o all estero; c) prestazione di servizi di formazione e ricerca, anche con rapporto di lavoro a tempo determinato, presso istituti pubblici italiani o all estero; d) svolgimento di attività di ricerca, formalizzata da rapporti istituzionali, presso soggetti pubblici e privati italiani e stranieri; e) svolgimento di attività in campo clinico relativamente a quei settori scientifico disciplinari in cui sono richieste tali specifiche competenze; f) realizzazione di attività progettuale relativamente a quei settori scientifico disciplinari nei quali è prevista; g) organizzazione, direzione e coordinamento di gruppi di ricerca nazionali e internazionali; h) titolarità di brevetti relativamente a quei settori scientifico-disciplinari nei quali è prevista; i) partecipazione in qualità di relatore a congressi e convegni nazionali e internazionali; l) conseguimento di premi e riconoscimenti nazionali e internazionali per attività di ricerca. Ai sensi dell art. 1, comma 7, della Legge , n. 230, hanno costituito titoli preferenziali il dottorato di ricerca, le attività svolte in qualità di assegnisti e contrattisti ai sensi dell art. 51, comma 6, della Legge , n. 449, di borsisti postdottorato ai sensi della Legge , n. 398, nonché di contrattisti ai sensi dell art. 1, comma 14, della stessa Legge n. 230/2005. La valutazione di ciascuno degli elementi sopra indicati è stata effettuata considerando specificamente la significatività che esso assume in ordine alla qualità e quantità dell attività di ricerca svolta dal singolo candidato. Valutazione delle pubblicazioni scientifiche: Ai sensi dell art. 3 del citato D.M. 89/2009, la Commissione ha preso in considerazione esclusivamente pubblicazioni o testi accettati per la pubblicazione secondo le norme vigenti nonché saggi inseriti in opere collettanee e articoli editi su riviste in formato cartaceo o digitale con l esclusione di note interne o rapporti dipartimentali.

2 La Commissione ha effettuato la valutazione comparativa delle pubblicazioni di cui sopra sulla base dei seguenti criteri: a) originalità, innovatività e importanza di ciascuna pubblicazione scientifica; b) congruenza di ciascuna pubblicazione con il settore scientifico-disciplinare per il quale è bandita la procedura, ovvero con tematiche interdisciplinari ad esso correlate; c) rilevanza scientifica della collocazione editoriale di ciascuna pubblicazione e sua diffusione all interno della comunità scientifica; d) determinazione analitica, anche sulla base di criteri riconosciuti nella comunità scientifica di riferimento, dell apporto individuale del candidato nel caso di partecipazione del medesimo a lavori di collaborazione. E stata altresì valutata la consistenza complessiva della produzione scientifica del candidato, l intensità e la continuità temporale della stessa, fatti salvi i periodi, adeguatamente documentati di allontanamento non volontario dall attività di ricerca, con particolare riferimento alle funzioni genitoriali. Nell ambito dei settori scientifico-disciplinari in cui ne è riconosciuto l uso a livello internazionale la Commissione, nel valutare le pubblicazioni, si è avvalsa anche dei seguenti indici: 1) numero totale delle citazioni; 2) numero medio di citazioni per pubblicazione; 3) impact factor totale; 4) impact factor medio per pubblicazione 5) combinazioni dei precedenti parametri atte a valorizzare l impatto della produzione scientifica del candidato (indice di Hirsch o simili). Tutto ciò premesso la Commissione ha ritenuto opportuno introdurre parametri di valutazione idonei a determinare una valutazione certa e attendibile dei candidati adottando un criterio numerico. Ha stabilito, pertanto, la seguente ripartizione del punteggio tra i titoli valutabili (50 punti) e le pubblicazioni scientifiche (50 punti) secondo il seguente criterio: - titoli: fino a un massimo di punti 20 - titoli preferenziali (art. 1, comma 7, Legge 230/2005) fino a un massimo di punti 30 - pubblicazioni scientifiche fino a un massimo di punti 50 TOTALE PUNTI 100 Punteggi attribuibili a ciascuna categoria di titoli (fino a un massimo di punti 20): - svolgimento di attività didattica a livello universitario in Italia o all estero, fino a un massimo di punti 6; - prestazione di servizi di formazione e ricerca, anche con rapporto di lavoro a tempo determinato, presso istituti pubblici italiani o all estero, fino a un massimo di punti 1; - svolgimento di attività di ricerca, formalizzata da rapporti istituzionali, presso soggetti pubblici e privati italiani e stranieri (escludendo da questa categoria le attività di ricerca pertinenti ai successivi titoli preferenziali), fino a un massimo di punti 2; - organizzazione, direzione e coordinamento di gruppi di ricerca nazionali e internazionali, fino a un massimo di punti 3; - titolarità di brevetti relativamente a quei settori scientifico-disciplinari nei quali è prevista, fino a un massimo di punti 1; - partecipazione in qualità di relatore a congressi e convegni nazionali e internazionali, fino a un massimo di punti 4; - conseguimento di premi e riconoscimenti nazionali e internazionali per attività di ricerca, fino a un massimo di punti 3. I titoli di cui sopra sono valutati sulla base dei seguenti criteri: pertinenza rispetto alle discipline comprese nel settore scientifico disciplinare per cui è bandita la procedura, continuità temporale e rilevanza dell attività. Punteggio attribuito ai titoli preferenziali (fino a un massimo di punti 30) - dottorato di ricerca o equivalente, conseguito in Italia o all estero, fino a un massimo di punti 10; - attività svolte in qualità di assegnisti e contrattisti ai sensi dell art. 51, comma 6, della Legge , n. 449, fino a un massimo di punti 7;

3 - attività svolte in qualità di borsisti postdottorato ai sensi della Legge , n. 398, fino a un massimo di punti 6; - attività svolte in qualità di contrattisti ai sensi dell art. 1, comma 14, della Legge , n. 230, fino a un massimo di punti 7. I titoli di cui sopra sono valutati sulla base dei seguenti criteri: pertinenza rispetto alle discipline comprese nel settore scientifico disciplinare per cui è bandita la procedura, continuità temporale e durata. Punteggio attribuito alle pubblicazioni scientifiche (fino a un massimo di 50 punti) (N.B. La Commissione prenderà in considerazione esclusivamente pubblicazioni o testi accettati per la pubblicazione secondo le norme vigenti nonché saggi inseriti in opere collettanee e articoli editi su riviste in formato cartaceo o digitale con l esclusione di note interne o rapporti dipartimentali). Descrizione - Articoli su riviste internazionali e nazionali, fino a un massimo di punti 4; - Lavori presentati a congressi internazionali e nazionali con pubblicazione degli atti, fino a un massimo di punti 2,5; - Monografie, fino a un massimo di punti 2. Si intende ovviamente che i punteggi sopra specificati si riferiscano alla singola pubblicazione. La Commissione, inoltre, considerato il disposto dell art. 4, comma 11 del D.P.R. n. 117/2000, stabilisce che il procedimento si concluderà entro il mese di ottobre 2010 (non oltre sei mesi dalla data di pubblicazione del D.R. di nomina della Commissione Giudicatrice) e definisce la data prevista per l illustrazione e la discussione dei titoli: 24 settembre 2010 alle ore presso il DINAEL (sezione navale). La Commissione ha preso altresì visione del bando e dell elenco dei candidati ammessi e ha constatato che non esisteva alcuna delle cause di incompatibilità prevista dagli artt. 51 e 52 del codice di procedura civile. La Commissione, infine, ha disposto l immediata consegna dei predetti criteri al Dipartimento Risorse Umane Servizio personale docente - Settore III, al fine di consentire la pubblicità dei criteri medesimi. La Commissione prende atto della documentazione presentata dai candidati e, in modo particolare, dei titoli che saranno illustrati e discussi dai medesimi. Nella seconda seduta, il giorno , la Commissione ha preso atto della documentazione presentata dai candidati e, ricordato gli adempimenti previsti dall art. 7 del bando, ha precisato che procederà alla valutazione dei titoli e delle pubblicazioni limitatamente ai candidati che risponderanno alla convocazione riferita all illustrazione e discussione dei titoli. Nella terza seduta, il giorno , dopo aver accertato l identità dei candidati presenti mediante esibizione di documento di identità valido, è stata effettuata l illustrazione e la discussione dei titoli da parte dei candidati. Al termine della seduta la Commissione, limitatamente per i candidati che si sono presentati, ha espresso i giudizi individuali sui titoli, illustrati e discussi davanti alla Commissione stessa, e sulle pubblicazioni, ivi compresa l eventuale tesi di dottorato, sulla base della predeterminazione effettuata durante la prima seduta, attribuendo i relativi punteggi e successivamente, dopo ampia discussione, ha formulato i giudizi collegiali, attribuendo i relativi punteggi, di cui rispettivamente, agli allegati A e B che fanno parte integrante del presente verbale. Nella quarta seduta, il giorno , la Commissione ha proceduto alla comparazione dei giudizi collegiali da cui emergono i seguenti punteggi: - Titoli : Punti 13 - Titoli preferenziali: Punti 24 - Pubblicazioni: Punti 43.4

4 La Commissione ritiene quindi che tali valutazioni siano ampiamente positive e, con delibera assunta all unanimità, indica vincitore il Dott. Marco Altosole Letto, approvato e sottoscritto seduta stante. La Commissione Prof. Giovanni BENVENUTO (Presidente) Prof. Masino MANDARINO (Componente) Prof. Igor ZOTTI (Segretario)

5 ALL. A Giudizi formulati e punteggi attribuiti dai singoli Commissari alle pubblicazioni scientifiche, nonché ai titoli presentati da ciascun candidato: Commissario. prof. Giovanni BENVENUTO Candidato: ALTOSOLE Marco PUBBLICAZIONI SCIENTIFICHE (MAX PUNTI 50) Pubblicazione n. 1 Altosole M., Figari M.: Dynamic behaviour and stability of marine propulsion systems, Proceedings of the Institution of Mechanical Engineers, Part M: Journal of Engineering for the Maritime Environment, Volume 221, Number 4/2007, pages ISSN Pubblicazione su Rivista Internazionale. Il lavoro propone un approccio innovativo, di tipo analitico, per lo studio del comportamento dinamico di sistemi propulsivi navali, basato sull esame delle equazioni differenziali non lineari che caratterizzano tali sistemi. Tenendo conto della congruenza della materia trattata con il settore scientifico disciplinare a concorso e del contributo significativo del candidato, determinato sulla base della pubblicazione stessa, della continuità logica e della coerenza con il suo curriculum scientifico, si propone l attribuzione di Punti: 3.5. Pubblicazione n. 2 Altosole M., Benvenuto G., Campora U., Figari M.: Real-time simulation of a COGAG naval ship propulsion system, Proceedings of the Institution of Mechanical Engineers, Part M: Journal of Engineering for the Maritime Environment, Volume 223, Number 1/2009, pages ISSN Pubblicazione presentata e riportata su Rivista Internazionale. La pubblicazione sintetizza una intensa attività di ricerca, svolta anche in collaborazione con ABB, su specifiche Fincantieri e secondo le richieste della Marina Militare Italiana, per il progetto del sistema di controllo della propulsione di nave Cavour. La procedura innovativa utilizzata, real-time hardware in the loop simulation, ha consentito di ottimizzare i parametri del sistema di controllo prima delle prove in mare, che hanno peraltro confermato la validità delle simulazioni teoriche. Tenendo conto della congruenza della materia trattata con il settore scientifico disciplinare a concorso e del contributo significativo del candidato, determinato sulla base della pubblicazione stessa, della continuità logica e della coerenza con il suo curriculum scientifico, si propone l attribuzione di Punti: 3. Pubblicazione n.3 Altosole M., Benvenuto G., Figari M.: Concept Design of a Fast Trimaran Ferry, Proceedings of the Third International Shipbuilding Conference, ISC 2002, St. Petersburg, Russia, October 8-10, ISBN Il lavoro riporta i risultati di una intensa attività di ricerca, svolta dall Università di Genova anche in collaborazione con le Università di Napoli, Trieste ed Ancona, sulla possibile applicazione della configurazione trimarano a navi passeggeri veloci adatte al servizio nel Mediterraneo. Tali risultati si sono concretizzati nello sviluppo di un progetto di massima di nave traghetto trimarano veloce, a cui il candidato ha dato un contributo rilevante, sia durante la elaborazione della sua tesi di laurea sia, una volta laureato, collaborando con il DINAV sui vari aspetti del progetto, tra cui evidentemente quelli congruenti con il settore scientifico disciplinare a concorso. Per quanto sopra si propone l attribuzione di Punti: 2. Pubblicazione n. 4 Altosole M., D Arco S., Figari M.: Design and Optimisation of Propulsion System by Dynamic Numerical Simulation, Proceedings - International Conference on Ship and Shipping Research, Volume I, NAV 2003, Palermo, Italy, June 24-27, ISBN: Pubblicazione presentata a Convegno Internazionale.

6 La pubblicazione descrive un modello numerico atto a caratterizzare il comportamento dinamico della nave e del suo impianto di propulsione in condizioni fuori progetto e nei transitori tipici di condizioni di manovra. Il modello di simulazione, già testato e verificato mediante precedenti riscontri sperimentali, è applicato ad una nave corvetta della Marina Militare, di cui sono disponibili, per confronto, alcuni (scarsi) rilievi sperimentali. Tenendo conto della congruenza della materia trattata con il settore scientifico disciplinare a concorso e del contributo significativo del candidato, determinato sulla base della pubblicazione stessa, della continuità logica e della coerenza con il suo curriculum scientifico, si propone l attribuzione di Punti: 1.5. Pubblicazione n. 5 Altosole M., Benvenuto G., Figari M.: Waterjet Performance Prediction, Proceedings - International Conference on Ship and Shipping Research, Volume II, NAV 2003, Palermo, Italy, June 24-27, ISBN: Il lavoro presenta un metodo di calcolo, basato su principi fisici, atto a prevedere, per la propulsione a idrogetto, le curve caratteristiche della spinta fornita e dei limiti di cavitazione in funzione della velocità dell imbarcazione essendo assegnata, evidentemente, la potenza fornita dal motore. La procedura può essere utilizzata in fase di progetto per trovare la combinazione ottimale del sistema carena, idrogetto, motore. Considerando l attinenza dell argomento con il settore scientifico disciplinare e il contributo significativo del candidato, determinato sulla base della pubblicazione stessa, della continuità logica e della coerenza con il suo curriculum scientifico, si propone l attribuzione di Punti: 2. Pubblicazione n. 6 Altosole M., Benvenuto G., Campora U., Figari M.: Performance Prediction of a Waterjet Propelled Craft by Dynamic Numerical Simulation, Papers - International Conference, WATERJET PROPULSION 4, London, UK, May 26-27, La pubblicazione rappresenta uno sviluppo ulteriore della metodologia presentata nella pubblicazione n. 5, migliorando in particolare il modello della pompa dell idrogetto e completando lo studio delle prestazioni con la simulazione dinamica della propulsione. I risultati presentati si riferiscono a manovre di accelerazione di un pattugliatore. Considerando la congruenza del tema trattato con il settore scientifico disciplinare a concorso e l apporto individuale del candidato, determinato come per le precedenti pubblicazioni, si propone l attribuzione di Punti: 2. Pubblicazione n. 7 Altosole M., Benvenuto G., Campora U., Figari M.: Dynamic Performance Simulation of a Naval Propulsion System, Proceedings of the Summer Computer Simulation Conference, SCSC 2004, San Jose, California, July 25-29, ISBN: Il lavoro rientra nel filone di ricerca maggiormente frequentato dal candidato, quello della simulazione numerica dei sistemi propulsivi navali. Tuttavia l approccio di tipo modulare utilizzato consente di trattare i vari elementi del sistema propulsivo (motore, propulsore, regolatore di governo, manovrabilità, ecc.) con modelli differenti, a diverso grado di complessità, in funzione del tipo di applicazione considerata. Nel caso specifico (nave militare bielica con motori diesel a sovralimentazione sequenziale) si è utilizzato un modello di combustione a doppia zona per la simulazione dei motori. Considerando la congruenza del tema trattato con il settore scientifico disciplinare a concorso e l apporto individuale del candidato, determinato come per le precedenti pubblicazioni, si propone l attribuzione di Punti: 2. Pubblicazione n. 8 Altosole M., Benvenuto G., Figari M.: Performance Prediction of a Planing Craft by Dynamic Numerical Simulation, Proceedings 7 th Symposium on High Speed Marine Vehicles, HSMV 2005, Naples, Italy, September 21-23, ISBN L applicazione del modello di simulazione della propulsione a una imbarcazione con carena planante e propulsione a idrogetto ha richiesto la messa a punto di un componente aggiuntivo del modello stesso, in

7 grado di tener conto della variazione di resistenza e di assetto durante le manovre di accelerazione o decelerazione. Per quanto riguarda l idrogetto, si è utilizzato un modello della pompa con rendimento variabile in funzione delle condizioni operative. Tenendo conto della congruenza della materia trattata con il settore scientifico disciplinare a concorso e del contributo significativo del candidato, determinato come per le precedenti pubblicazioni, si propone l attribuzione di Punti: 1.5. Pubblicazione n. 9 Altosole M., Benvenuto G., Campora U., Figari M.: Waterjet Propulsion System Design by Numerical Simulation Techniques. Proceedings of ICMT 06, 3 rd International Conference Maritime Transport. Barcelona, Spain, May 16-19, ISBN: Pubblicazione presentata a Congresso Internazionale Rispetto ai precedenti lavori sugli idrogetti, nella presente pubblicazione viene presentata una procedura più efficace per la determinazione delle prestazioni della pompa dell idrogetto, attraverso l introduzione di un diagramma caratteristico adimensionale generalizzato per pompe a flusso misto. Considerando l apporto significativo del candidato, determinato sulla base della coerenza con il suo curriculum scientifico, nonché la congruenza del tema trattato con il settore scientifico disciplinare a concorso, si propone l attribuzione di Punti 1.5. Pubblicazione n. 10 Altosole M., Benvenuto G., Campora U., Marine Gas Turbine Propulsion System Simulation: Comparison of Different Approaches, Proceedings of the International Conference on Ship and Shipping Research, Volume II, NAV 2006, Genoa, Italy, June, ISBN: Pubblicazione presentata a Congresso Internazionale Nel lavoro si confrontano due modelli differenti sviluppati per descrivere il comportamento dinamico della turbina a gas LM 2500, motore primo utilizzato ampiamente dalla Marina Militare Italiana. Il primo modello, basato su leggi fisiche tramite equazioni termodinamiche risolte nel dominio del tempo, dà risultati migliori ma con tempi di calcolo non trascurabili, il secondo modello, più semplice, di tipo tabulare, può essere tarato sul primo introducendo opportune costanti di tempo in modo da fornire risultati sufficientemente accurati con tempi di calcolo ridotti. Considerando l apporto individuale del candidato, determinato sulla base della coerenza con il suo curriculum scientifico, nonché la congruenza del tema trattato con il settore scientifico disciplinare a concorso, si propone l attribuzione di Punti 2. Pubblicazione n. 11 Altosole M., Benvenuto G., Figari M.: Non-dimensional waterjet performance curves for the propulsion matching of planing craft, Proceedings 7 th International Conference on Hydrodynamics, Volume II, ICHD 2006, Ischia, Italy, 4-6 October, ISBN: La pubblicazione presenta una metodologia generale per la scelta dell idrogetto di imbarcazioni plananti. La tecnica impiegata è basata sull introduzione di coefficienti adimensionali caratteristici dell idrogetto, in analogia alla prassi comunemente adottata per le eliche. La procedura può essere agevolmente impiegata per risolvere il problema del matching tra carena e propulsore e definire la scelta del motore. Considerando l apporto individuale del candidato, determinato sulla base della coerenza con il suo curriculum scientifico, nonché la congruenza del tema trattato con il settore scientifico disciplinare a concorso, si propone l attribuzione di Punti 2. Pubblicazione n. 12 Altosole M., Figari M.: 3-D Non Linear ODE System for COGAG Marine Propulsion Plants Simulation, Proceedings of Computational Methods in Marine Engineering II, Marine 2007, Barcelona, Spain, June 5-7, ISBN: Il lavoro si propone di simulare il sistema propulsivo di una nave bielica mediante la risoluzione delle 3 equazioni differenziali non lineari di governo, la prima relativa al moto longitudinale della nave, la seconda alla dinamica della linea d asse e la terza al sistema di controllo della propulsione. Considerando l apporto individuale del candidato, determinato sulla base della coerenza con il suo

8 curriculum scientifico, nonché la congruenza del tema trattato con il settore scientifico disciplinare a concorso, si propone l attribuzione di Punti 2. Pubblicazione n. 13 Altosole M., Bagnasco A., Figari M., Maffioletti L.: Design and Test of the Propulsion Control of the Aircraft Carrier Cavour using Real-Time Hardware in the Loop Simulation, EuroSiw 2007, Genoa, Italy, June 18-20, La pubblicazione descrive la procedura usata per progettare e testare il sistema di controllo della propulsione di nave portaerei Cavour. Inizialmente le prestazioni del sistema propulsivo e del sistema di controllo sono valutate con normali tecniche di simulazione. Successivamente il sistema di controllo reale è fatto interagire (RT HIL simulation) con il modello virtuale del sistema propulsivo simulato in real time. Considerando l apporto individuale del candidato, determinato come nelle pubblicazioni precedenti, nonché la congruenza del tema trattato con il settore scientifico disciplinare a concorso, si propone l attribuzione di Punti 2. Pubblicazione n. 14 Altosole M., Benvenuto G., Figari M.: Real-Time Simulation and Virtual Reality Techniques in the Design Process of Planing Craft Propulsion Systems, EuroSiw 2007, Genoa, Italy, June 18-20, 2007 L intento del lavoro è la realizzazione di un completo simulatore della propulsione di una imbarcazione planante, da utilizzare sia in fase di progettazione sia come ausilio all addestramento. Per questo si è reso necessario l utilizzo della tecnica di simulazione in real time. Considerando l apporto individuale del candidato, determinato come nelle pubblicazioni precedenti, nonché la congruenza del tema trattato con il settore scientifico disciplinare a concorso, si propone l attribuzione di Punti: 2. Pubblicazione n. 15 Altosole M., Borlenghi M., Capasso M., Figari M.: Computer-based design tool for a fuel efficient-low emissions marine propulsion plant, Proceedings of 2 nd International Conference on Marine Research and Transportation, ICMRT 07, Ischia, Italy, June 28-30, ISBN: La pubblicazione presenta un codice, sviluppato in ambiente MATLAB, per l individuazione della condizione di matching tra propulsore e motore in grado di minimizzare sia il consumo di combustibile sia le emissioni inquinanti. Considerando l apporto individuale del candidato, determinato come nelle pubblicazioni precedenti, nonché la congruenza del tema trattato con il settore scientifico disciplinare a concorso, si propone l attribuzione di Punti: 2. Pubblicazione n. 16 Altosole M., Benvenuto G., Campora U., Figari M.: Real-time simulation of a COGAG naval ship propulsion system, Proceedings of the 12 th International Congress of the International Maritime Association of the Mediterranean, Volume 1, IMAM 2007, Varna, Bulgaria, 2-6 September ISBN: Il lavoro descrive la metodologia utilizzata per sviluppare un modello termodinamico di turbina a gas, basato su leggi fisiche e tarato su risultati sperimentali, in grado di effettuare una simulazione della macchina in real time. Il modello sviluppato è stato utilizzato per la simulazione della propulsione di nave Cavour. Data la congruenza degli argomenti trattati con il settore scientifico disciplinare a concorso e tenendo conto dell apporto significativo del candidato come per le precedenti pubblicazioni, si propone l attribuzione di Punti: 2. Pubblicazione n. 17 Altosole M., Bagnasco A., Benvenuto G., Campora U., D Arco G., Figari M., Giuffra V., Giuliano M., Micchetti S., Ratto M., Spadoni A., Zanichelli A.: Real-time Simulation of the Propulsion Plant

9 Dynamic Behaviour of the Aircraft Carrier Cavour, Proceedings of the 9 th International Naval Engineering Conference and Exhibition, INEC 2008, Hamburg, Germany, 1-3 April Nella pubblicazione viene presentata la procedura di progetto e di prova adottata per ottimizzare il sistema di controllo della propulsione della nuova portaerei italiana. L uso della procedura RT HIL (real time hardware in the loop) ha consentito di ridurre notevolmente i tempi per il settaggio e la messa a punto del sistema di controllo durante le prove in mare per la consegna della nave. Data la congruenza degli argomenti trattati con il settore scientifico disciplinare a concorso e tenendo conto dell apporto individuale del candidato come per le precedenti pubblicazioni, si propone l attribuzione di Punti: 1. Pubblicazione n. 18 Altosole M., Cerruti Marco, Dubbioso Giulio, Menna Arcangelo, Viviani Michele: Marine propulsion system dynamics during ship manoeuvres, Proceedings of the 6 th International Conference on High- Performance Marine Vehicles, HIPER 2008, Naples, Italy, September ISBN: Nel caso di manovra di evoluzione di una nave bielica la dinamica delle due linee d assi si può differenziare sensibilmente in termini di potenza e coppia, soprattutto per sistemi propulsivi con le due linee d assi alimentate dallo stesso riduttore. Lo sbilanciamento che ne consegue, se non controllato, può provocare danni. Il lavoro affronta questo problema mediante un modello numerico di simulazione dinamica delle linee d assi, che tiene conto della manovrabilità della nave, del comportamento dei motori, dei propulsori e del sistema di controllo. Data la congruenza degli argomenti trattati con il settore scientifico disciplinare a concorso e tenendo conto dell apporto significativo del candidato come per le precedenti pubblicazioni, si propone l attribuzione di Punti: 1.5. Pubblicazione n. 19 Altosole M., Campora U., Figari M.: A proper use of sea trials data for marine propulsion simulations, Proceedings of the 4 th International Conference on Maritime Transport, ICMT 2009, Barcelona, Spain, April ISBN: La disponibilità di dati sperimentali di prove al vero è essenziale per la validazione dei modelli matematici utilizzati dai codici di simulazione. Nel lavoro si utilizzano i dati sperimentali delle prove in mare di nave Cavour per la taratura del modello termodinamico della turbina a gas in tutto il campo di lavoro ma soprattutto ai bassi carichi, dove si riscontrano i maggiori scostamenti. Considerando l apporto individuale del candidato, determinato sulla base della coerenza con il suo curriculum scientifico, nonché la congruenza del tema trattato con il settore scientifico disciplinare a concorso, si propone l attribuzione di Punti: 2. Pubblicazione n. 20 Altosole M., Coraddu A, Figari M.: Two-Parameter Bifurcation of Equilibria in Continuous-Time of Naval Dynamical Systems, Proceedings of Computational Methods in Marine Engineering III, Marine 2009, Trondheim, Norway, June 15-17, ISBN: Le equazioni differenziali non lineari introdotte in un precedente lavoro per la descrizione del comportamento dinamico di un sistema propulsivo navale sono esaminate nel presente lavoro nella loro struttura analitica, al fine di ricavare importanti informazioni sulla stabilità del sistema al variare dei parametri di controllo. Considerando l apporto individuale del candidato, determinato sulla base della coerenza con il suo curriculum scientifico, nonché la congruenza del tema trattato con il settore scientifico disciplinare a concorso, si propone l attribuzione di Punti: 2. Pubblicazione n. 21 Altosole M., Figari M., Viviani M.: 6 DOF simulation of maneuvering and propulsive performance of a waterjet propelled mega yacht, Proceedings of the 10 th International Conference on Fast Sea Transportation, Volume I, FAST 2009, Athens, Greece, 5-8 October ISBN: (set). ISBN: ( Vol. I ).

10 Nel lavoro viene presentato un modello matematico atto a descrivere i moti nave a 6 gradi di libertà, nonché le caratteristiche dell impianto propulsivo di un Mega Yacht con 3 idrogetti. Il modello è stato utilizzato per valutare l influenza di vari parametri sulla manovrabilità della nave. Data la congruenza degli argomenti trattati con il settore scientifico disciplinare a concorso e tenendo conto dell apporto significativo del candidato come per le precedenti pubblicazioni, si propone l attribuzione di Punti: 2. Pubblicazione n. 22 Altosole M., Benvenuto G., Coraddu A, Figari M.: Simulation for the safety assessment of an innovative fast ferry, Proceedings of the International Conference on Ship and Shipping Research, Volume I, NAV 2009, Messina, Italy, November, ISBN: Nella pubblicazione viene presentata la simulazione dinamica della propulsione e dell impianto di zavorra di una nave ibrida di nuova concezione (ALISWATH) a basso impatto ambientale. Sulla stessa nave viene anche effettuata l analisi di rischio (FMEA) per valutare la sicurezza in caso di avaria di determinati componenti dell apparato propulsivo. Data la congruenza degli argomenti trattati con il settore scientifico disciplinare a concorso e tenendo conto dell apporto significativo del candidato come per le precedenti pubblicazioni, si propone l attribuzione di Punti: 2. Pubblicazione n. 23 Tesi di dottorato di ricerca; Titolo : Dinamica degli impianti di propulsione navale ad elica ed idrogetto. Il dott. Marco Altosole ha svolto nella sua tesi di dottorato un ampia ricerca sulla modellazione matematica dei sistemi di propulsione navale, individuando le equazioni dinamiche di governo ed i procedimenti analitici e numerici di soluzione. I risultati della ricerca sono senz altro significativi. Punti. 2. Punteggio complessivo per contributi su riviste scientifiche internazionali : 6.5 Punteggio complessivo per contributi a congressi scientifici internazionali : 37.0 Punteggi per monografie : 2.0 Punteggio complessivo per contributi scientifici GIUDIZIO COMPLESSIVO SUI LAVORI La produzione scientifica del Dott. M. Altosole è da apprezzare per l importanza e, spesso, l innovatività dei contenuti, per la consistenza complessiva, per l intensità e la continuità temporale, per la rilevanza scientifica della collocazione editoriale, dimostrata dalla presenza di due lavori pubblicati su riviste internazionali e di 20 pubblicazioni presentate e discusse in occasione di importanti congressi internazionali. È da apprezzare anche la tesi di dottorato, nella quale sono affrontate tematiche di notevole interesse che poi sono state riprese e sviluppate nei successivi lavori. Gli argomenti trattati, esposti in modo chiaro ed esauriente, sono sicuramente congruenti con il settore scientifico disciplinare a concorso e presentano, non di rado, spunti di originalità. TITOLI (MAX PUNTI 20) 1) - svolgimento di attività didattica a livello universitario in Italia o all estero; L attività didattica svolta dal dott. Marco Altosole si è articolata con le seguenti modalità: negli anni è stato esercitatore, in qualità di dottorando per i corsi di Impianti di propulsione Navale nell ambito del corso di Ingegneria Navale dell Università di Genova e del corso di Ingegneria Nautica a La Spezia; Negli anni , in qualità di cultore della materia, ha svolto attività di supporto alla didattica, partecipando anche alle commissioni d esame, per i corsi di Impianti di propulsione Navale nei corsi di laurea triennale e specialistica di Ingegneria Navale (Genova) e Ingegneria Nautica di La Spezia. E stato docente di un corso integrativo di programmazione in linguaggio MatLab per la laurea specialistica in Ingegneria Navale.

11 E stato relatore e correlatore di numerose tesi di laurea. Giudizio del prof. Giovanni BENVENUTO : Da quanto sopra elencato si evince che il dott. Altosole ha svolto un attività didattica degna di nota sia sotto il profilo quantitativo che qualitativo,nell ambito del settore scientifico-disciplinare a concorso; punti sei (6). 2) - prestazione di servizi di formazione e ricerca, anche con rapporto di lavoro a tempo determinato, presso istituti pubblici italiani o all estero; Il candidato ha svolto attività di docenza nell ambito del progetto TAMAR2, organizzato dal WEGEMT (West European Graduate Education on Maritime Technology) (2001). E stato docente nel corso di Master di primo livello in Service Management and Design, sulle imbarcazioni da diporto (2006) (La Spezia). E stato docente nel corso di Master di primo livello in Progettazione e Tecnologia e Design per la nautica (2008)(Trapani). Docente di parte del corso di Architettura navale e Impianti nel Corso di Laurea dell Accademia della Guardia di Finanza di Roma (2008 e 2009)(Roma). Giudizio del prof. Giovanni BENVENUTO L attività di formazione sopra elencata, tenuta dal dott. Marco Altosole, è stata svolta con impegno e competenza; punti uno (1). 3) - svolgimento di attività di ricerca, formalizzata da rapporti istituzionali, presso soggetti pubblici e privati italiani e stranieri (escludendo da questa categoria le attività di ricerca pertinenti ai successivi titoli preferenziali); Il candidato ha svolto attività di collaborazione e consulenza con il cantiere AB Yachts inerente la progettazione generale di una motovedetta con propulsione ad idrogetto. Il candidato ha svolto un attività di collaborazione e consulenza con la società SAIM (Hamilton Jet) inerente la scelta del modello di idrogetto per i mezzi navali Sea Worker per la Marina Militare Italiana. Giudizio del prof. Giovanni BENVENUTO Il dott. Altosole nello svolgimento delle attività di cui sopra, congruenti con il settore scientificodisciplinare a concorso ha dimostrato competenze e professionalità. Punti due (2). 4) - partecipazione in qualità di relatore a congressi e convegni nazionali e internazionali; Il candidato ha presentato personalmente numerosi lavori ai congressi internazionali a cui ha partecipato. Questa circostanza viene confermata dagli stessi commissari, che hanno partecipato agli stessi congressi. Giudizio del prof. Giovanni BENVENUTO Il dott. Marco Altosole ha partecipato, in qualità di relatore, a numerosi congressi internazionali, presentando lavori tutti attinenti alle discipline comprese nel settore scientifico disciplinare per cui è bandita la procedura concorsuale. Punti quattro (4) TOTALE PUNTI : 13 TITOLI PREFERENZIALI (MAX PUNTI 30) 1) - dottorato di ricerca Il candidato ha frequentato il corso di dottorato di ricerca in Discipline Progettuali Navali e Nautiche nel periodo , presso il Dipartimento DINAV dell Università di Genova. Nell anno 2005 ha ottenuto il titolo di Dottore, discutendo la tesi dal titolo : Dinamica degli Impianti di Propulsione Navale ad Elica e Idrogetto. Giudizio del prof. Giovanni BENVENUTO Nella sua tesi di dottorato il dott. Marco Altosole ha affrontato problematiche di sicuro interesse nell ambito degli impianti di propulsione, con spunti di originalità e soluzioni di carattere innovativo. Punti dieci (10).

12 2) - attività svolte in qualità di assegnisti e contrattisti ai sensi dell art. 51, comma 6, della Legge , n. 449) Il candidato è risultato vincitore, nel 2005, di un assegno di ricerca, presso il Dipartimento DINAV, per il programma denominato Simulazione degli Impianti di Propulsione di navi. Il medesimo assegno è stato rinnovato anche per l anno successivo. Il candidato ha intrapreso, nel 2007, un rapporto di collaborazione coordinata e continuativa con il DINAV per attività di ricerca inerenti gli impianti di propulsione navale. Durante questo periodo ha partecipato attivamente alle prove in mate della portaerei Cavour. La collaborazione tra il candidato ed il DINAV è stata rinnovata anche nel 2008, allo scopo di sviluppare un modello numerico per la simulazione di un traghetto non convenzionale denominato ALISWATH, sia in condizioni di normale navigazione, sia in condizioni di avaria. Nel 2008 è risultato vincitore della procedura di valutazione comparativa indetta dal Dipartimento DIST dell Università di Genova, per un incarico di lavoro autonomo sul tema Sviluppo di modelli di un impianto pilota di Scrubbing e identificazione dei parametri. Nel 2009 il candidato è risultato vincitore della procedura comparativa, indetta dal DINAV, per il conferimento di un contratto di collaborazione coordinata continuativa, finalizzata allo svolgimento di attività di ricerca sui temi seguenti : Simulazione dell impianto propulsivo CODLAG di nave FREMM e Simulazione del modello in scala per prove di manovrabilità di nave FREMM e simulazione di un sistema di un impianto per la riduzione delle emissioni inquinanti delle navi (Progetto ECOMOS, finanziato dal MIUR). Giudizio del prof. Giovanni BENVENUTO Le attività sopra ricordate, svolte dal candidato, sono degne di apprezzamento sia per la quantità degli incarichi attribuiti, sia per la qualità che ne hanno caratterizzato lo svolgimento. Punti sette (7). 3) - attività svolte in qualità di contrattisti ai sensi dell art. 1, comma 14, della Legge , n. 230) Negli anni 2007, 2008 e 2009 il candidato è stato professore a contratto di Impianti Navali 3 per il Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Nautica e, nell anno 2009, anche per il corso di Impianti Navali 1 del corso di laurea Triennale in Ingegneria Nautica. Giudizio del prof. Giovanni BENVENUTO Il candidato ha svolto con competenza e perizia i corsi a Lui affidati. Punti sette (7). TOTALE PUNTI : 24

13 Commissario : prof. Masino MANDARINO PUBBLICAZIONI SCIENTIFICHE (MAX PUNTI 50) Pubblicazione n. 1 Figari M.,Altosole M.: Dynamic behaviour and stability of marine propulsion systems, Proceedings of the Institution of Mechanical Engineers, Part M: Journal of Engineering for the Maritime Environment, Volume 221, Number 4/2007, pages ISSN Pubblicazione su Rivista Internazionale. Giudizio: Nel lavoro si raccolgono, in maniera chiara e puntuale, molti dei risultati ottenuti nell ambito della ricerca sulla simulazione di modelli dinamici, ed esposti in altri dei lavori presentati; si opera, in particolare, la simulazione dell impianto COGAG di propulsione di nave bielica, determinandone le condizioni di regime e verificandone la stabilità - in assenza di sistemi di controllo, e nei riguardi delle piccole oscillazioni attorno alla condizione di regime - con l ausilio della rappresentazione del sistema differenziale lineare, nel dominio delle fasi. Si esaminano due casi, l uno basato su curva di resistenza consona a carena dislocante, l altro sulla base di curva meno realistica, assumendo nell uno e nell altro caso costante lo jacobiano del sistema differenziale lineare. Si opera, inoltre la simulazione dei transitori e l ottimizzazione dell impianto. Punti: 3.5 Pubblicazione n. 2 Altosole M., Benvenuto G., Campora U., Figari M.: Real-time simulation of a COGAG naval ship propulsion system, Proceedings of the Institution of Mechanical Engineers, Part M: Journal of Engineering for the Maritime Environment, Volume 223, Number 1/2009, pages ISSN Pubblicazione su Rivista Internazionale. Giudizio: Punti: 3.0 Si riprendono, in sostanza, i lavori n.17 e n. 19, ampliando il confronto con i risultati delle prove a mare. Pubblicazione n. 3 Altosole M., Benvenuto G., Figari M.: Concept Design of a Fast Trimaran Ferry, Proceedings of the Third International Shipbuilding Conference, ISC 2002, St. Petersburg, Russia, October 8-10, ISBN Giudizio: Punti: 1.5 Il lavoro sintetizza i risultati ottenuti in un ampio programma di ricerca sui trimarani, condotto presso il DINAV. Ci si sofferma, in particolare, sull aspetto impiantistico, prospettando quale migliore soluzione impiantistica, compatibile con i dati di resistenza, forniti dalle esperienze in vasca, quella di due idrogetti alimentati ciascuno da una TAG Pubblicazione n. 4 Altosole M., D Arco S., Figari M.: Design and Optimisation of Propulsion System by Dynamic Numerical Simulation, Proceedings - International Conference on Ship and Shipping Research, Volume I, NAV 2003, Palermo, Italy, June 24-27, ISBN: Pubblicazione presentata a Convegno Internazionale.

14 Giudizio: Punti: 1.5 Il lavoro si inserisce in un ampio filone di ricerca sulla simulazione dinamica del sistema nave; si accenna in maniera sintetica ai modelli utilizzati, ed alla campagna di rilievi sperimentali condotti su corvetta della Marina Militare Italiana; i dati raccolti non appaiono sufficienti allo sviluppo di una esauriente analisi di affidabilità della simulazione proposta. Pubblicazione n. 5 Altosole M., Benvenuto G., Figari M.: Waterjet Performance Prediction, Proceedings - International Conference on Ship and Shipping Research, Volume II, NAV 2003, Palermo, Italy, June 24-27, ISBN: Giudizio: Nel lavoro si illustra in maniera chiara il modello fisico a base della simulazione dinamica dell idrogetto. Si tiene conto, nella sua formulazione, del comportamento del circuito idraulico, si assimila ad una legge cubica il comportamento dinamico della pompa; si tiene, infine, conto di fenomeni di cavitazione all aspirazione, e dell influenza che su tali fenomeni, e più in generale, sulla risposta del circuito idraulico, ha la presenza dello strato limite. Punti: 2.0 Pubblicazione n. 6 Altosole M., Benvenuto G., Campora U., Figari M.: Performance Prediction of a Waterjet Propelled Craft by Dynamic Numerical Simulation, Papers - International Conference, WATERJET PROPULSION 4, London, UK, May 26-27, Giudizio: Il lavoro completa - attraverso la simulazione dell intero sistema di propusione ( ad idrogetto) di un pattugliatore il precedente lavoro n.5; vi si rifinisce la simulazione dell idrogetto, attraverso l introduzione di un più completo modello della pompa; si introducono modelli di macchina e di scafo; si effettua la simulazione del comportamento dinamico del sistema in condizioni transitorie. Punti: 1.8 Pubblicazione n. 7 Altosole M., Benvenuto G., Campora U., Figari M.: Dynamic Performance Simulation of a Naval Propulsion System, Proceedings of the Summer Computer Simulation Conference, SCSC 2004, San Jose, California, July 25-29, ISBN: Giudizio: Il lavoro aggiunge all analisi svolta nel precedente lavoro n.6, una più puntuale modellazione di macchina, con ricorso al modello a doppia zona, per la simulazione del processo di combustione, e con una validazione, attraverso confronto di dati sperimentali e calcolati, in condizioni di funzionamento ai massimi regimi continuativi di macchina. Punti: 1.8 Pubblicazione n. 8 Altosole M., Benvenuto G., Figari M.: Performance Prediction of a Planing Craft by Dynamic Numerical Simulation, Proceedings 7 th Symposium on High Speed Marine Vehicles, HSMV 2005, Naples, Italy, September 21-23, ISBN Giudizio: Il lavoro applica i risultati già ottenuti nei precedenti lavori 4-7,alla simulazione del comportamento dinamico di carena planante. Si aggiunge la modellazione della risposta idrodinamica di carena planante, condotta

15 sulla base di formulazioni Savitsky ed Hadler delle forze idrodinamiche. Punti: 1.8 Pubblicazione n. 9 Altosole M., Benvenuto G., Campora U., Figari M.: Waterjet Propulsion System Design by Numerical Simulation Techniques. Proceedings of ICMT 06, 3 rd International Conference Maritime Transport. Barcelona, Spain, May 16-19, ISBN: Giudizio: Il lavoro presenta, rispetto ai precedenti sullo stesso argomento, un più rifinito modello del funzionamento di pompa, basato su caratteristiche ( generalised pump map) che tengono conto della dipendenza di prevalenza e portata da numero di giri e rendimento,di cui, in particolare, si considera la variabilità con il regime; si confrontano i due modelli, a rendimento costante e variabile, nelle loro ricadute sulle risposte dinamiche del sistema in regime transitorio, e sulla ottimizzazione del diametro dell idrogetto. Punti: 1.8 Pubblicazione n. 10 Altosole M., Benvenuto G., Campora U., Marine Gas Turbine Propulsion System Simulation: Comparison of Different Approaches, Proceedings of the International Conference on Ship and Shipping Research, Volume II, NAV 2006, Genoa, Italy, June, ISBN: Pubblicazione presentata a Congresso Internazionale- Giudizio: Nel lavoro si confrontano i risultati di simulazioni dinamiche, ottenute adottando due diversi modelli dell impianto di propulsione l uno modulare, elaborato dai due coautori G.Benvenuto, U.Campora, l altro basato sui dati forniti dal costruttore della turbina a gas ed applicate alla modellazione di manovre di slam start e crash stop, operate su nave portaerei Cavour. La descrizione del modello modulare è concisa, in quanto oggetto di un lavoro dei coautori G.Benvenuto, U.Campora. Punti: 2.0 Pubblicazione n. 11 Altosole M., Benvenuto G., Figari M.: Non-dimensional waterjet performance curves for the propulsion matching of planing craft, Proceedings 7 th International Conference on Hydrodynamics, Volume II, ICHD 2006, Ischia, Italy, 4-6 October, ISBN: Giudizio: Nel lavoro si riprendono i risultati già ottenuti in altri lavori (soprattutto nel lavoro n.5) e si utilizzano, allo scopo di ricavare una rappresentazione del funzionamento dell idrogetto, in termini di grandezze adimensionali, che possano ricondursi alle classiche curve caratteristiche e curve limite di cavitazione di elica isolata, e possano, perciò, consentirne un agevole uso da parte del progettista navale. I coefficienti adimensionali che si introducono, riprendono, nella forma, i classici coefficienti di spinta, d avanzo, di cavitazione, e di carico, adottati per l elica isolata; si ritiene che coefficiente di spinta e di carico (al limite di cavitazione) siano l uno e l altro funzioni del coefficiente (impeller rating, formalmente riconducibile al coefficiente di momento dell elica isolata), ed il primo ancora funzione del coefficiente d avanzo, il secondo dell indice di cavitazione; si giunge, in tal modo, ad una procedura 2 di progetto che ricalca il metodo del K T J Punti: 2.0 Pubblicazione n. 12 Altosole M., Figari M.: 3-D Non Linear ODE System for COGAG Marine Propulsion Plants Simulation, Proceedings of Computational Methods in Marine Engineering II, Marine 2007, Barcelona, Spain, June 5-7, ISBN:

16 Giudizio: Punti: 1.5 Nel lavoro si accenna, in maniera concisa, ad un modello non lineare di rappresentazione della risposta dinamica di un sistema propulsivo COGAG ( Nave Cavour). Pubblicazione n. 13 Altosole M., Bagnasco A., Figari M., Maffioletti L.: Design and Test of the Propulsion Control of the Aircraft Carrier Cavour using Real-Time Hardware in the Loop Simulation, EuroSiw 2007, Genoa, Italy, June 18-20, Giudizio: Nel lavoro ci si propone di contribuire al progetto del sistema di controllo della propulsione di Nave Cavour, testandone, in tempo reale, l efficacia in condizioni di regime e transitorie, simulate mediante i modelli già illustrati e discussi in precedenti lavori. Punti: 1.5 Pubblicazione n. 14 Altosole M., Benvenuto G., Figari M.: Real-Time Simulation and Virtual Reality Techniques in the Design Process of Planing Craft Propulsion Systems, EuroSiw 2007, Genoa, Italy, June 18-20, 2007 Giudizio: Il lavoro propone un simulatore della risposta dinamica di carena planante, in termini di parametri di moto e di propulsione, con sistema propulsivo idrogetti-diesel. Il modello proposto è di tipo modulare, la simulazione è, come nel precedente lavoro, in tempo reale, e si consente all operatore una visione in 3-D dello scenario operativo, adottando un virtual reality editor. Punti: 2.0 Pubblicazione n. 15 Altosole M., Borlenghi M., Capasso M., Figari M.: Computer-based design tool for a fuel efficient-low emissions marine propulsion plant, Proceedings of 2 nd International Conference on Marine Research and Transportation, ICMRT 07, Ischia, Italy, June 28-30, ISBN: Giudizio: Nel lavoro si illustra, a grandi linee, un programma di calcolo, in ambiente MATLAB, utilizzabile, in fase di progetto, per l ottimizzazione dell impianto di propulsione - con elica a pale orientabili attraverso, nel caso generale, la minimizzazione del consumo orario di combustibile; il programma è pure utilizzabile per il monitoraggio dell impianto di propulsione, ed, in particolare per la determinazione delle emissioni specifiche di sostanze inquinanti. Punti: 1.8 Pubblicazione n. 16 Altosole M., Benvenuto G., Campora U., Figari M.: Real-time simulation of a COGAG naval ship propulsion system, Proceedings of the 12 th International Congress of the International Maritime Association of the Mediterranean, Volume 1, IMAM 2007, Varna, Bulgaria, 2-6 September ISBN: Giudizio: Punti: 1.8 Il lavoro riprende, nella sostanza, i due n.12 e n.13; vi si riporta una più ampia analisi del modello di turbina a gas, e delle modifiche necessarie ad ottenerne risultati in tempo reale. Pubblicazione n. 17

17 Altosole M., Bagnasco A., Benvenuto G., Campora U., D Arco G., Figari M., Giuffra V., Giuliano M., Micchetti S., Ratto M., Spadoni A., Zanichelli A.: Real-time Simulation of the Propulsion Plant Dynamic Behaviour of the Aircraft Carrier Cavour, Proceedings of the 9 th International Naval Engineering Conference and Exhibition, INEC 2008, Hamburg, Germany, 1-3 April Giudizio: Punti: 0.9 Il lavoro riprende, nella sostanza, i tre n.12, n.13 e n.16, aggiungendo ulteriori dati di confronto fra parametri misurati e calcolati. Pubblicazione n. 18 Altosole M., Cerruti Marco, Dubbioso Giulio, Menna Arcangelo, Viviani Michele: Marine propulsion system dynamics during ship manoeuvres, Proceedings of the 6 th International Conference on High- Performance Marine Vehicles, HIPER 2008, Naples, Italy, September ISBN: Giudizio: Punti: 1.5 Nel lavoro si esamina il problema del comportamento in manovra di navi bielica, in particolare, del diverso assorbimento di potenza da parte dei due assi, con conseguenze notevoli quando i due motori di propulsione si colleghino ad un solo riduttore; si adatta quindi il modello di simulazione, già elaborato e discusso in precedenti lavori, alle condizioni di manovra, attribuendo la variazione di potenza su ciascun asse ad una variazione del coefficiente di scia che, in evoluzione, si calcola sulla base dei dati relativi alla nave su cui si opera,e che nella manovra a zig-zag, si ricavano dai precedenti, ipotizzando una variazione lineare rispetto all angolo di deriva. Pubblicazione n. 19 Altosole M., Campora U., Figari M.: A proper use of sea trials data for marine propulsion simulations, Proceedings of the 4 th International Conference on Maritime Transport, ICMT 2009, Barcelona, Spain, April ISBN: Giudizio: Punti: 1.5 Nel lavoro si prospettano variazioni del modello di simulazione dell impianto di propulsione, sulla base di dati di prove a mare di nave Cavour. Pubblicazione n. 20 Altosole M., Coraddu A, Figari M.: Two-Parameter Bifurcation of Equilibria in Continuous-Time of Naval Dynamical Systems, Proceedings of Computational Methods in Marine Engineering III, Marine 2009, Trondheim, Norway, June 15-17, ISBN: Giudizio: Il lavoro riprende, in maniera molto concisa, argomenti più diffusamente trattati nel lavono n.1 Punti: 1.0 Pubblicazione n. 21 Altosole M., Figari M., Viviani M.: 6 DOF simulation of maneuvering and propulsive performance of a waterjet propelled mega yacht, Proceedings of the 10 th International Conference on Fast Sea Transportation, Volume I, FAST 2009, Athens, Greece, 5-8 October ISBN: (set). ISBN: ( Vol. I ). Giudizio: Nel lavoro si effettua la simulazione in manovra di yacht, propulso da tre idrogetti.

18 Punti : 1.8 Rispetto ad altri lavori, si introduce un opportuno modello dinamico di carena, basato sulla considerazione diretta dei soli moti orizzontali, e sulle espressioni in funzione d essi, degli altri tre; le forze longitudinale e trasversale ed il momento di imbardata, vengono poi determinati esprimendone i coefficienti in funzione dell angolo di deriva e del numero di Froude. Pubblicazione n. 22 Altosole M., Benvenuto G., Coraddu A, Figari M.: Simulation for the safety assessment of an innovative fast ferry, Proceedings of the International Conference on Ship and Shipping Research, Volume I, NAV 2009, Messina, Italy, November, ISBN: Giudizio: Nel lavoro si effettua la simulazione dell impianto di propulsione di una carena (ALISWATH) di tipo innovativo; si tiene, in particolare, conto nella simulazione del flusso all interno di casse di zavorra, necessarie ad assicurare sufficiente stabilità, soprattutto alle basse velocità; si provvede al calcolo delle caratteristiche idrostatiche, ed ancora alla simulazione delle conseguenze di guasti in macchina o nel riduttore. Punti : 2.0 Pubblicazione n. 23 Tesi di dottorato di ricerca; Titolo : Dinamica degli impianti di propulsione navale ad elica ed idrogetto Giudizio : Il dott. M. Altosole ha svolto la tesi di dottorato in cui tratta in maniera ampia e puntuale problemi relativi alla simulazione dinamica di sistemi propulsivi ad elica ed idrogetto. Apprezzabile è l analisi svolta nell individuazione di equazioni capaci di descrivere in maniera adeguata il reale comportamento dei singoli componenti dell apparato motore. Punti : 2.0 Punteggio complessivo per contributi su riviste scientifiche internazionali : 6.5 Punteggio complessivo per contributi a congressi scientifici internazionali : 33.5 Punteggio per monografie : 2.0 Punteggio complessivo per contributi scientifici : 42.0 GIUDIZIO COMPLESSIVO SUI LAVORI Il Dott. M.Altosole ha svolto un efficace, intenso, e continuo lavoro nell ambito della ricerca, condotta presso il DINAV dell Università di Genova, sulla simulazione di impianti propulsivi navali in un ambito, perciò, congruente con le tematiche proprie del raggruppamento ING/IND 02, per cui è stato bandito il concorso - ricerca che, caratterizzata da spunti di originalità, ha fruttato risultati di tutto rilievo, con applicazioni pratiche di carattere innovativo; dai lavori presentati si evince una buona capacità del Dott. M.Altosole di inserirsi in gruppi di ricerca, e di svolgervi lavoro autonomo di calcolo e di modellazione di processi dinamici. TITOLI (MAX PUNTI 20) 1) - svolgimento di attività didattica a livello universitario in Italia o all estero; L attività didattica svolta dal dott. Marco Altosole si è articolata con le seguenti modalità: negli anni è stato esercitatore, in qualità di dottorando per i corsi di Impianti di propulsione Navale nell ambito del corso di Ingegneria Navale dell Università di Genova e del corso di Ingegneria Nautica a La Spezia; Negli anni , in qualità di cultore della materia, ha svolto attività di supporto alla didattica, partecipando anche alle commissioni d esame, per i corsi di Impianti di propulsione Navale nei corsi di laurea triennale e specialistica di Ingegneria Navale (Genova) e Ingegneria Nautica di La Spezia. E stato docente di un corso integrativo di programmazione in linguaggio MatLab per la laurea specialistica in Ingegneria Navale.

19 E stato relatore e correlatore di numerose tesi di laurea. Giudizio del prof. Masino MANDARINO Il dott. Marco Altosole ha svolto una intensa e continua attività didattica, nel periodo , quale esercitatore, relatore di tesi e componenti di commissioni d esame presso l Università di Genova; tutte le attività svolte rientrano nell ambito del raggruppamento ING-IND/02 per cui è stato bandito il concorso.; punti sei (6). 2) - prestazione di servizi di formazione e ricerca, anche con rapporto di lavoro a tempo determinato, presso istituti pubblici italiani o all estero; Il candidato ha svolto attività di docenza nell ambito del progetto TAMAR2, organizzato dal WEGEMT (West European Graduate Education on Maritime Technology) (2001). E stato docente nel corso di Master di primo livello in Service Management and Design, sulle imbarcazioni da diporto (2006) (La Spezia). E stato docente nel corso di Master di primo livello in Progettazione e Tecnologia e Design per la nautica (2008)(Trapani). Docente di parte del corso di Architettura navale e Impianti nel Corso di Laurea dell Accademia della Guardia di Finanza di Roma (2008 e 2009)(Roma). Giudizio del prof. Masino MANDARINO Il dott. M. Altosole ha svolto attività di formazione di tutto rilievo nell ambito del raggruppamento ING- IND/02 per cui è stato bandito il concorso; punti uno (1). 3) - svolgimento di attività di ricerca, formalizzata da rapporti istituzionali, presso soggetti pubblici e privati italiani e stranieri (escludendo da questa categoria le attività di ricerca pertinenti ai successivi titoli preferenziali); Il candidato ha svolto attività di collaborazione e consulenza con il cantiere AB Yachts inerente la progettazione generale di una motovedetta con propulsione ad idrogetto. Il candidato ha svolto un attività di collaborazione e consulenza con la società SAIM (Hamilton Jet) inerente la scelta del modello di idrogetto per i mezzi navali Sea Worker per la Marina Militare Italiana. Giudizio del prof. Masino MANDARINO Il dott. M. Altosole ha svolto una interessante attività di ricerca, con finalità prettamente progettuali, presso aziende operanti in ambito navale; tali attività sono congruenti con le tematiche proprie del raggruppamento ING-IND/02 per cui è stato bandito il concorso. Punti due (2). 4) - partecipazione in qualità di relatore a congressi e convegni nazionali e internazionali; Il candidato ha presentato personalmente numerosi lavori ai congressi internazionali a cui ha partecipato. Questa circostanza viene confermata dagli stessi commissari, che hanno partecipato agli stessi congressi. Giudizio del prof. Masino MANDARINO Il dott. Marco Altosole ha partecipato, in qualità di relatore, a numerosi congressi internazionali, presentando lavori tutti attinenti alle discipline comprese nel settore scientifico disciplinare per cui è bandita la procedura concorsuale. Punti quattro (4) TOTALE PUNTI : 13 TITOLI PREFERENZIALI (MAX PUNTI 30) 1) - dottorato di ricerca Il candidato ha frequentato il corso di dottorato di ricerca in Discipline Progettuali Navali e Nautiche nel periodo , presso il Dipartimento DINAV dell Università di Genova. Nell anno 2005 ha ottenuto il titolo di Dottore, discutendo la tesi dal titolo : Dinamica degli Impianti di Propulsione Navale ad Elica e Idrogetto. Giudizio per prof. Masino MANDARINO Nella tesi si sviluppa, con serietà e perizia, un argomento congruente con le tematiche proprie del raggruppamento ING-IND/02. Punti dieci (10)

20 2) - attività svolte in qualità di assegnisti e contrattisti ai sensi dell art. 51, comma 6, della Legge , n. 449) Il candidato è risultato vincitore, nel 2005, di un assegno di ricerca, presso il Dipartimento DINAV, per il programma denominato Simulazione degli Impianti di Propulsione di navi. Il medesimo assegno è stato rinnovato anche per l anno successivo. Il candidato ha intrapreso, nel 2007, un rapporto di collaborazione coordinata e continuativa con il DINAV per attività di ricerca inerenti gli impianti di propulsione navale. Durante questo periodo ha partecipato attivamente alle prove in mate della portaerei Cavour. La collaborazione tra il candidato ed il DINAV è stata rinnovata anche nel 2008, allo scopo di sviluppare un modello numerico per la simulazione di un traghetto non convenzionale denominato ALISWATH, sia in condizioni di normale navigazione, sia in condizioni di avaria. Nel 2008 è risultato vincitore della procedura di valutazione comparativa indetta dal Dipartimento DIST dell Università di Genova, per un incarico di lavoro autonomo sul tema Sviluppo di modelli di un impianto pilota di Scrubbing e identificazione dei parametri. Nel 2009 il candidato è risultato vincitore della procedura comparativa, indetta dal DINAV, per il conferimento di un contratto di collaborazione coordinata continuativa, finalizzata allo svolgimento di attività di ricerca sui temi seguenti : Simulazione dell impianto propulsivo CODLAG di nave FREMM e Simulazione del modello in scala per prove di manovrabilità di nave FREMM e simulazione di un sistema di un impianto per la riduzione delle emissioni inquinanti delle navi (Progetto ECOMOS, finanziato dal MIUR). Giudizio del prof. Masino MANDARINO L attività di ricerca svolta dal dott. M. Altosole, quale assegnista e contrattista, ha riguardato vari aspetti della simulazione dinamica di sistemi propulsivi; argomento questo del tutto attinente alle discipline comprese nel settore ING-IND/02. Punti sette (7). 3) - attività svolte in qualità di contrattisti ai sensi dell art. 1, comma 14, della Legge , n. 230) Negli anni 2007, 2008 e 2009 il candidato è stato professore a contratto di Impianti Navali 3 per il Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Nautica e, nell anno 2009, anche per il corso di Impianti Navali 1 del corso di laurea Triennale in Ingegneria Nautica. Giudizio del prof. Masino MANDARINO L attività didattica svolta dal dott. M. Altosole, quale contrattista, é di notevole intensità e rientra nell ambito del raggruppamento ING-IND/02. Punti sette (7). TOTALE PUNTI : 24

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO E DI DIDATTICA INTEGRATIVA, IL RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI PER ATTIVITA ESTERNE DEI PROFESSORI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA Articolo 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di nomina dei Cultori della materia e le loro attività. Articolo 2 Funzioni 1.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Università di Camerino

Università di Camerino Università di Camerino FONDO DI ATENEO PER LA RICERCA Bando per il finanziamento di Progetti di Ricerca di Ateneo Anno 2014-2015 1. Oggetto del bando L Università di Camerino intende sostenere e sviluppare,

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

Criteri, parametri e indicatori per l abilitazione scientifica nazionale AREA 01 MATEMATICA E INFORMATICA. Premesso

Criteri, parametri e indicatori per l abilitazione scientifica nazionale AREA 01 MATEMATICA E INFORMATICA. Premesso Criteri, parametri e indicatori per l abilitazione scientifica nazionale AREA 01 MATEMATICA E INFORMATICA Premesso che l attività scientifica e di ricerca nei settori MAT/01-09 e INF/01 consiste principalmente

Dettagli

Art. 3 Procedura di selezione

Art. 3 Procedura di selezione Regolamento per l'attribuzione a professori e ricercatori dell'incentivo di cui all'articolo 29, comma 19 della legge 240/10 (Emanato con Decreto del Rettore n.110 del 4 aprile 2014) Art. 1 Oggetto 1.

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N.

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria Via Venezia, 16 15121 ALESSANDRIA Tel. 0131 206111 www.ospedale.al.it asoalessandria@pec.ospedale.al.it C. F. P. I. 0 1 6

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Indice 1. Le basi normative e aspetti generali 2. Parte I: obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento

Dettagli

Linee guida per la compilazione della SUA-RD da parte di docenti, ricercatori, dottorandi e assegnisti

Linee guida per la compilazione della SUA-RD da parte di docenti, ricercatori, dottorandi e assegnisti Linee guida per la compilazione della SUA-RD da parte di docenti, ricercatori, dottorandi e assegnisti Versione 1.1 2 dicembre 2014 Sommario 1 Introduzione... 3 2 Cosa devono fare docenti, ricercatori,

Dettagli

g"+/\'-t 'i.-1 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA ee-go~. - 8 APR. 2014

g+/\'-t 'i.-1 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA ee-go~. - 8 APR. 2014 UNIVERSITÀ DI ROMA Consigl io di Amministrazione - 8 APR. 2014 Nell'anno duemilaquattordici, addì 8 aprile alle ore 15.55, presso il Salone di rappresentanza, si è riunito il Consiglio di Amministrazione,

Dettagli

\ L v. VERBALE N. l (SedutaPreliminare)

\ L v. VERBALE N. l (SedutaPreliminare) ' PROCEDURA PER IL CONSEGUIMENTO DELL'ABILITAZIONE SCIENTIFICA NAZIONALE ALLE FUNZION DI PROFESSORE UNIVERSITARIO DI PRIMA E SECONDA FASCIA PER IL SETTORE CONCORSUALE10/G1GLOTTOLOGIA E LINGUISTICA INDETTA

Dettagli

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA AVVISO PUBBLICO Selezione di Statistici junior BIC Sardegna SpA, Soggetto Attuatore dell intervento IDMS, Sistema Informativo dell indice di Deprivazione Multipla

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Informazioni generali: Ha conseguito il Diploma di maturità scientifica presso il Liceo Scientifico Statale "G.

Informazioni generali: Ha conseguito il Diploma di maturità scientifica presso il Liceo Scientifico Statale G. CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM FRANCO FRATTOLILLO Informazioni generali: Ha conseguito il Diploma di maturità scientifica presso il Liceo Scientifico Statale "G. Rummo" di Benevento, con votazione 60/60.

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO 1 PUBBLICATO ALL ALBO DELL ASL 2 SAVONESE IL 08.01.2010 SCADE IL 28.01.2010 AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO In attuazione della deliberazione del Direttore Generale

Dettagli

SUA-RD. Presidio Qualità Ateneo Università di Ferrara. 8 Gennaio 2015 Presidio Qualità Ateneo 1

SUA-RD. Presidio Qualità Ateneo Università di Ferrara. 8 Gennaio 2015 Presidio Qualità Ateneo 1 SUA-RD Presidio Qualità Ateneo Università di Ferrara 8 Gennaio 2015 Presidio Qualità Ateneo 1 Finalità della presentazione Questa presentazione ha lo scopo di esaminare le modalità di compilazione della

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

ALLEGATO A) SCHEMA DELLA DOMANDA PER I CANDIDATI CITTADINI ITALIANI (in carta semplice)

ALLEGATO A) SCHEMA DELLA DOMANDA PER I CANDIDATI CITTADINI ITALIANI (in carta semplice) ALLEGATO A) SCHEMA DELLA DOMANDA PER I CANDIDATI CITTADINI ITALIANI (in carta semplice) All Università degli Studi di Udine Ripartizione del personale Ufficio Concorsi Via Palladio 8 33100 UDINE Il sottoscritto...

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE Prot. n. 21096/II/1 dell 11 giugno 2009 UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE VISTA la Legge 8 luglio 1998, n. 230, recante "Nuove norme in materia di obiezione

Dettagli

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo 1 2 Guida all accesso ai Corsi di Laurea (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo Anno Accademico 2014/2015 3 4 Concept and graphic design: Marketing e Fundraising

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI (Versione Abbreviata) Ultimo Aggiornamento: 24 Febbraio 2011 1 Posizioni Enrico Nardelli si è laureato nel 1983 in Ingegneria Elettronica (110/110 con lode) presso l

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 10 gennaio 1957, n. 3, con il quale è stato approvato il testo unico delle disposizioni concernenti lo Statuto degli impiegati civili

Dettagli

Art. 1. (Indizione concorso)

Art. 1. (Indizione concorso) Allegato 1 al Provvedimento del Direttore dell Istituto TeCIP n. 66 del 10/02/2015 Concorso per l attribuzione di due Borse di studio per attività di ricerca della durata di 12 mesi ciascuna presso l Istituto

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II*

CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II* CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II* Indice 1. Informazioni generali 2. Parte I: obiettivi, gestione e risorse del Dipartimento

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto 4 Gruppo di lavoro 5

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

Ministero, dell'istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero, dell'istruzione, dell Università e della Ricerca Prot. n. 612 Spedito il 30/3/2010 All On.le Ministro SEDE OGGETTO: Valutazione della ricerca. Adunanza del 25.03.2010 IL CONSIGLIO UNIVERSITARIO NAZIONALE APPROVA IL SEGUENTE DOCUMENTO: Introduzione Ogni

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

1. Scopo dell esperienza.

1. Scopo dell esperienza. 1. Scopo dell esperienza. Lo scopo di questa esperienza è ricavare la misura di tre resistenze il 4 cui ordine di grandezza varia tra i 10 e 10 Ohm utilizzando il metodo olt- Amperometrico. Tale misura

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Università Vita~Salute San Raffaele

Università Vita~Salute San Raffaele Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4185 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Art. 1 - Attivazione Master di II livello L Istituto di MANAGEMENT ha attivato presso la Scuola Superiore Sant Anna di Pisa, ai sensi dell art. 3 dello

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2.1 RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2 ELEMENTI DELLA RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2.1 Condotte... 12 2.2.2 Allacciamenti... 12 2.2.3 Impianti di ricezione

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO

AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO Documento approvato dal Consiglio Direttivo dell ANVUR il 09 gennaio 2013 FINALITA DEL DOCUMENTO Questo documento riassume

Dettagli

TTORATO. Il Dichiarante. Cognome nubile) Nome nato/a a il (2) provincia ( Codice fiscale residente a. Provincia (1) C.A.P. e-mail. L addetto.

TTORATO. Il Dichiarante. Cognome nubile) Nome nato/a a il (2) provincia ( Codice fiscale residente a. Provincia (1) C.A.P. e-mail. L addetto. BANDO DI SELEZIONE N.. 35/2014 PER IL CONFERIMENTO DI N. 1 ASSEGNO DI RICERCA POST-DOT TTORATO SCADENZA BANDO: ore 12.000 del 15 gennaio 2015 DOMANDA DI AMMISSIONE Al Direttore del CIMeCC IL/LA SOTTOSCRITTO/A

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

si riunisce telematicamente il giorno 13 maggio 2015 alle ore 17.30 per la stesura della relazione finale.

si riunisce telematicamente il giorno 13 maggio 2015 alle ore 17.30 per la stesura della relazione finale. PROCEDUM VALUTATIVA DI CHIAMATA RISERVATA PER I.A COPERTUM DI N. 1 POSTO DI PROFESSORE ORDINARIO AI SENSI DELL',ART. 24 CO. 6 DEL -A LEGGE N.240l2010 - PER IL SETTORE CONCORSUALE 10/G1, SETTORE SCIENTIFICO

Dettagli

Schema di decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri recante: Attuazione del principio della valutazione tra pari per la selezione dei

Schema di decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri recante: Attuazione del principio della valutazione tra pari per la selezione dei Schema di decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri recante: Attuazione del principio della valutazione tra pari per la selezione dei progetti di ricerca ai sensi dell articolo 20, comma 1, della

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO STUDENTI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Approvato dal Senato Accademico con delibera del 10 giugno 2008 e modificato con delibera del Senato Accademico del 14 giugno 2011 Decreto rettorale

Dettagli

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU Ai sensi delle seguenti disposizioni: Legge 02.12.1991, n. 390 Articolo 13 D.P.C.M. 09/04/2001 Articolo 4 comma 17 D.P.C.M. 05/12/2013

Dettagli

Schede SUA-RD 2011-2013: Istruzioni per l Uso

Schede SUA-RD 2011-2013: Istruzioni per l Uso Schede SUA-RD 2011-2013: Istruzioni per l Uso Breve Introduzione Questo è un documento di lavoro per la composizione delle schede SUA-RD 2011, 2012 e 2013. In questa prima sezione vengono rapidamente ricapitolate

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

IL RETTORE. Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19 novembre 1990, n. 341;

IL RETTORE. Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19 novembre 1990, n. 341; UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DICA IL RETTORE Ii[NyMITÀ DEGLI STUDI MI I ACATANIA Protocollo Generale 0 8 APR. 2014 Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica Il Rettore Decreto n. 122549 (1147) Anno _2012 VISTO l art. 3, comma 9, del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALLEGATO I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli