prima della cerimonia un corteo di Mercedes trasporta decine di corone, c è anche il lancio di fiori sulla folla

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "prima della cerimonia un corteo di Mercedes trasporta decine di corone, c è anche il lancio di fiori sulla folla"

Transcript

1 Nelle ultime settimane tiene banco il funerale di Vittorio Casamonica. Apparentemente non ha a che fare con la nostra sfera di competenza, non dovrebbe entrarci nulla con i diritti dell infanzia; ma poi l esperienza insegna che le storture - non solo romane - sono spesso collegate fra loro, quindi il nesso c è. Ci arriviamo per gradi. I fatti Muore la figura-guida della comunità Casamonica, ceppo Sinti proveniente dall Abruzzo ed ormai da anni stabilitosi nella capitale. Funerali in pompa magna, come tradizione vuole per il capostipite. Un cocchiere in livrea nera e cappello a cilindro conduce il carro funebre d epoca, nero con fregi dorati e cristalli, trainato da cavalli neri bardati a lutto. Poi l orchestra suona la colonna sonora de il Padrino, mentre i parenti si contendono l onore di trasportare il feretro in chiesa, sulla quale campeggiano i manifesti che inneggiano al defunto.

2 prima della cerimonia un corteo di Mercedes trasporta decine di corone, c è anche il lancio di fiori sulla folla infine un elicottero sorvola il funerale spargendo petali rossi Poi il funerale sfarzoso termina, e dove terminano i fatti iniziano le opinioni. È un coro: indignazione, indignazione, indignazione!!! I Casamonica hanno scelto la musica de il Padrino come se volessero dire che sono mafiosi e ne vanno fieri. Il corteo dei Casamonica con la carrozza ha bloccato il traffico 10 minuti, come se volessero dire che possono farsi beffe delle autorità. Lo sfarzo ostentato dai Casamonica è un insulto, come se volessero dire che sono potenti ed hanno le mani sulla città. L intera cerimonia dei Casamonica è un oltraggio, come se volessero sfidare lo Stato di Diritto. Proliferano i come se, cioè l interpretazione soggettiva partorita dai benpensanti dell ultima ora. Deve nascere lo scandalo: i tg aprono per giorni con la notizia del funerale, foto e filmati fanno il giro del mondo quindi anche la stampa estera si accoda. Roma sarebbe disgustata (o inferocita, a seconda della fonte) dal funerale hollywoodiano, ma i media europei ed extraeuropei non prendono posizione, non si indignano e si limitano a riferire l indignazione in casa nostra.

3 Quindi l allarme scandaloso è tutto italiano, all estero fa sorridere e nulla più. Ci sfottono e forse ci compatiscono, com è capitato in altre occasioni. Da noi invece la prendiamo sul serio, o fingiamo di farlo. Esprime sdegno il Comune e pure il Vaticano, la Procura apre un inchiesta per accertare eventuali responsabilità anche se Gabrielli tiene a precisare che non taglierà delle teste. Invece la politica le teste le vuole tagliare: Alfano dimettiti, Marino dimettiti. Anzi, prima vergognatevi e poi dimettetevi. Perché tutto sto polverone? Non c è nulla di strano in quello che è successo, le cerimonie gitane (tutte, non solo i funerali) sono sempre una dimostrazione di opulenza pacchiana. I ZZINGARI, come li chiamano nelle borgate, non vengono citati come esempio da seguire in quanto a savoir faire, morigeratezza, eleganza. La classe non è acqua, e non è nemmeno Casamonica. Insomma si tratta di tamarri da campionato mondiale, questo è sotto gli occhi di tutti, ma essere tamarri non è reato. Ecco ciò che manca, il reato. L unico ad averne commessi è il pilota dell elicottero, che non poteva sorvolare la città a bassa quota. Infatti, ben gli sta, gli hanno stracciato la licenza. Per il resto si tratta di cafonaggine a pioggia. Ok, i Casamonica hanno noleggiato la carrozza funebre barocca, ma dov è il reato? Il fatto che sia a nolo vuol dire che è stata utilizzata in altre occasioni, in altri luoghi e da altre famiglie, senza che la Procura aprisse ogni volta un inchiesta. Ok, hanno suonato the Godfather, ma dov è il reato? È un brano musicale famosissimo, tra l altro opera del maestro Nino Rota. La Paramount Records ha pubblicato il disco negli anni 70, ma non ricordo che sia mai stata inquisita per apologia di reati mafiosi; poi 40 anni dopo la suonano i Casamonica e si apre un inchiesta. Ok, hanno affisso le gigantografie del defunto, ma dov è il reato? Vogliono celebrare Don Vittorio alla loro maniera, lo chiamano Re, ma questo non certifica che abbia regnato su Roma ne tantomeno che ora si appresti a spodestare l Altissimo, regnando pure a casa sua. La frase conquisterai il Paradiso infatti non può essere interpretata, nemmeno dai più fantasiosi complottisti, come prenderai il potere nell aldilà. Sarebbe un lettura faziosa, infatti chi si è realmente spartito Roma emerge dalle inchieste in corso sulle collusioni criminali nell amministrazione cittadina. Colletti bianchi di diversi partiti, non sedicenti Re semianalfabeti. Quindi per il funerale dei cafoni l indignazione ci sta pure, ma le inchieste della Procura no. Qualche altra riflessione Non è un mistero come questa famiglia si sia arricchita, la cronaca giudiziaria è piena di inchieste, sequestri ed arresti per i traffici illeciti dei Casamonica. Quando vengono scoperti si ritrovano le manette ai polsi come chiunque altro. Quindi ben venga l azione della Procura prima che gli eventuali responsabili vadano al Creatore, è un po ridicolo farlo dopo. Don Vittorio è morto nel letto di casa da uomo libero, non a Regina Coeli da detenuto. La piazza era piena di pregiudicati, alcuni anche agli arresti domiciliari ma non evasi, erano al funerale col permesso del giudice di sorveglianza, nero su bianco. Tuttavia, a prescindere dall origine non sempre lecita delle ricchezze, è un dato incontestabile che l ostentazione dell opulenza sia una caratteristica tipica dei cafoni arricchiti. Il funerale è un eccezione, i Casamonica ostentano soprattutto tra le mura di casa.

4 Le foto di Polizia e CC in occasione delle perquisizioni raccontano di colonne con capitelli in sala da pranzo e camera da letto; bagni con sanitari dorati o - per i più discreti - in marmo di Carrara; ovviamente placcati in oro i rubinetti, la doccia e pure il contenitore dei fazzolettini. Marmo anche per i pavimenti, pareti a specchio e vasche idromassaggio rivestite in raso poi tigri e leopardi ringhianti in ceramica, mobili che sfoggiano una profusione di dorature imitazione Luigi XVI e camere da letto che sembrano uscite dal castello di Barbie Principessa.

5 Un capitolo a parte per le automobili sequestrate: sono prevalentemente Ferrari, ma qualche esponente più giovane ed ancora non sufficientemente gonfio di soldi deve accontentarsi, per ora, del SUV Bmw.

6 Da tale trionfo kitsch, emerso solo grazie alle irruzioni di PS e CC, è possibile cogliere un dato: vasche dorate, colonne e leopardi sono gelosamente custoditi tra le mura di casa, non vengono esibiti come se volessero sfidare lo Stato di Diritto. Come se volessero dire che sono fieri di essere delinquenti. Come se volessero dire che possono farsi beffe delle autorità. Come se volessero dire che hanno le mani sulla città. I Casamonica non aprono le ville ai giornalisti, non cercano copertine patinate, non fanno gli sbruffoni - almeno non pubblicamente - con i simboli che secondo loro significano classe. Lo fanno in privato, contenti loro Il funerale è un discorso a parte, un eccezione, ma era una sfida alla legalità solo nella mente di chi lo ha voluto, forzatamente, leggere così.

7 Altro spunto di riflessione è nelle differenze tra un funerale ed un matrimonio gitano. La stessa chiesa del funerale, San Giovanni Bosco alle spalle di Cinecittà, ospita matrimoni Sinti e Rom che si trasformano regolarmente nell ostentazione di abiti chiassosi, scarpe a punta (meglio se bicolore), limousine extralarge con tappezzeria zebrata e poi chili d oro che agghindano dita, braccia, colli e orecchie di tutti i partecipanti alla cerimonia. Il funerale invece ha evidenziato una differenza macroscopica: lusso sfrenato per onorare il defunto, profilo basso per il resto del clan. Un omaggio alla grandezza di don Vittorio, di fronte al quale tutti gli altri della famiglia scompaiono. Guardiamo le immagini: uomini senza il Rolex d ordinanza e donne senza orecchini-lampadario; anelli, bracciali e collane rigorosamente rimasti nei cassetti, nessuna pioggia d oro che invece rappresenta lo status symbol per eccellenza dei ZZINGARI. Anche l abbigliamento di uomini e donne trasudava frugalità: magliette, jeans e canottiere invece della profusione di sete, pizzi e completi griffati che abbondano nei matrimoni, cresime e battesimi.

8 Impossibile poi non notare la posizione assunta dal Vaticano L Osservatore Romano si schiera e lo fa in maniera dura parlando di un vero e proprio "scandalo". "Da una parte - si legge nell'articolo del 21 agosto - la preghiera per i defunti, dall altra lo spettacolo mediatico, l ostentazione di potere, la strumentalizzazione chiassosa e volgare di un gesto di elementare pietà umana e cristiana come il funerale che, già di per sé, richiederebbe almeno compostezza, riserbo, dignità e, soprattutto, silenzio. Tutto quello che, invece, a Roma è mancato alle esequie del 'patriarca' di una famiglia tristemente famosa per la voracità dei suoi tentacoli nella gestione di affari malavitosi e criminali". A parte il curioso biasimo per lo spettacolo mediatico (fuori luogo, in quanto telecamere e giornalisti non sono certo stati invitati dall ufficio stampa dei Casamonica, nda), sorprende l appiattimento della Santa Sede sullo sdegno collettivo. Un boss della banda della Magliana è misteriosamente sepolto al Pantheon, tomba di artisti e di Re nel centro di Roma. In quale altro Paese al mondo potrebbe accadere? Ha scritto nulla l Osservatore in merito? Si è indignato? Ma soprattutto sorprende la memoria corta che hanno certi giornalisti all ombra del Cupolone. Nessuno ricorda - o nessuno vuole ricordare? - le processioni religiose, quando le statue di Santi e Madonne sostano con deferenza sotto alle finestre dei boss locali, che appaiono benevolmente salutando parroco e folla dal balcone. La Curia tollera, da decenni, l omaggio e il rispetto nei confronti del malavitoso di turno; succede prevalentemente in Campania, Sicilia e Calabria, dove i criminali più sono incalliti e più sembrano tenere alla benedizione divina. Oppido Mamertina (RC) a_la_madonna_fa_l_inchino_al_boss /

9 quartiere Ballarò, Palermo a_si_inchina_al_covo_del_padrino_processione_shock_tra_i_vic oli_di_ballar / quartiere Barra, Napoli aggio_al_boss_che_sfila_in_rolls_e_impone_il_ricordo_dei_morti/ notizie/ shtml Una tradizione che va avanti indisturbata dal secolo scorso. Anche per questi episodi ci sono foto e filmati ha scritto nulla l Osservatore in merito? Direttore e caporedattori si sono indignati? Hanno gridato allo scandalo? In questi casi non sembra interessare alla redazione dell Osservatore Romano che i boss omaggiati dai parroci appartengano ad una famiglia tristemente famosa per la voracità dei suoi tentacoli nella gestione di affari malavitosi e criminali". Insomma, appare sospetto questo accanimento solo verso i Casamonica. Cosa sta succedendo di grave a Roma, per cui si rende necessario spostare altrove l attenzione della gente? Per intuire qualcosa sulle infiltrazioni malavitose a Roma, serviva il funerale cafone? Decine di assessori e dirigenti coinvolti nell affaire Buzzi-Carminati non suggeriscono niente? L impressione è che si voglia costruire un allarme artificiale per distogliere l opinione pubblica da un allarme reale e fin troppo concreto. Ora il problema di Roma sono I ZZINGARI, tutto il resto è passato in secondo piano. Invece, per chi non si lascia distrarre, continua ad allargarsi l inchiesta Mafia Capitale. Ecco, proprio con l inchiesta Mafia Capitale arriviamo alla tutela dei minori. Il sistema di malaffare - il Mondo di Mezzo, come si autodefiniscono Buzzi & Co. - era radicato nel tempo, ha coinvolto più di una consiliatura; quindi non è solo la giunta Alemanno a tremare per il terremoto giudiziario, dall ordinanza di custodia cautelare emergono nomi anche del centrosinistra romano: il presidente del consiglio comunale, il capo segreteria del sindaco, l assessore comunale, il consigliere regionale, il segretario del Pd cittadino. Et voilà, corruzione bipartisan. Sotto la lente di ingrandimento la filiera che gestisce i servizi sociali, poiché è quella che controlla le politiche del Comune in merito ad immigrati e richiedenti asilo, settori nei quali - dice Buzzi intercettato - c hai idea quanto se guadagna? La droga rende de meno. Nella lista di nomi c è anche Angelo Scozzafava, ex direttore del V dipartimento. Ma il V dipartimento Politiche Sociali è quello da cui dipendono tutte le politiche sociali, non solo i centri di accoglienza per immigrati. Quindi anche i minori. E il Mondo di Mezzo lo sa.

10 Infatti questo è il messaggio inviato ai fedelissimi da Salvatore Buzzi il 31 dicembre 2012 Riusciranno i magistrati inquirenti a farsi spiegare come ce se magna pure sui minori? Così, tanto per dire, c entrano qualcosa le comunità residenziali, gli allontanamenti facili, le rette versate dal Comune a chi gestisce bambine e bambini tolti alle famiglie, la mancata trasparenza sul numero dei minori in casa-famiglia, sui tempi di permanenza, sui costi reali? Sarebbe interessante saperlo. Sarebbe interessante sapere che ruolo ha avuto la direttrice dei servizi sociali del Comune dr.ssa Isabella Cozza, il cui nome compare più volte nelle carte del filone giudiziario, tanto per capirci quella del c avemo la Cozza COZZAAAA! Ah ah ah, ce l avemo messa noi, aho! Scrive il gip nell'ordinanza «la sua nomina risulta comunque riconducibile agli interessi del sodalizio, tanto che Figurelli (il capo segreteria del sindaco, nda) rassicurava che la dirigente nominata era una persona fidata». Quindi sembra che sia stata messa sulla poltrona da direttrice perché debitamente indottrinata, una che non crea problemi, disposta a colludere con gli interessi del clan anche a scapito della qualità del servizio erogato. Però l interesse del sodalizio non era la tutela dei profughi, ma fare soldi sui profughi. Non era la tutela di anziani e disabili, ma fare soldi su anziani e disabili. Allo stesso modo è difficile credere che il primo pensiero di Buzzi e Carminati fosse la tutela dei minori magari era, non so, fare soldi sui minori? La priorità di rendere denaro a chi gestisce il baraccone, in che misura ha influito sulla reale efficacia delle misure poste a tutela dell infanzia? La dr.ssa Cozza a marzo è stata rimossa dal Sindaco, ma sarebbe utile analizzare tutti i provvedimenti relativi ai minori emanati sotto la dirigenza sua e del suo diretto superiore Angelo Scozzafava, visto che entrambi compaiono dell inchiesta. E bisogna farlo in fretta, acquisendo la priorità nella cronica trafila che impongono i tempi lunghi, a volte lunghissimi, della giustizia; perché un profugo è profugo sempre, ma un minore è tale solo per un periodo di tempo limitato. Poi non sarà più minore, ma ciò non cancella i diritti stracciati quando era un bambino. In sostanza l inchiesta per la cafonata del funerale a me sembra un diversivo per le masse, nulla più che uno specchietto per le allodole. Ma non mi è mai piaciuto fare l allodola. FN

2. Lei dice che la mafia oggi sia più discreta che nel passato. Secondo Lei: La Mafia e più potente o meno potente che diciamo dieci anni fa?

2. Lei dice che la mafia oggi sia più discreta che nel passato. Secondo Lei: La Mafia e più potente o meno potente che diciamo dieci anni fa? 1. In Germania c'è l'impressione che in Italia il periodo degli grandi assassini della mafia sia passato: Non si vede più grandi attentati come quellineglianninovanta.comemai?egiustoquestaimpressione?

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra. Testo e foto: Giuseppe Famiglietti

Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra. Testo e foto: Giuseppe Famiglietti w w w. p r o g p h o t o a g e n c y. c o m Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra Testo e foto: Giuseppe Famiglietti Onore Agli Eroi Una speranza di pace

Dettagli

Disposizioni per le esequie

Disposizioni per le esequie Disposizioni per le esequie Steso da Nome: Cognome: Data di nascita: Luogo di residenza: Avvertenza: Vi preghiamo di consegnare le disposizioni per le esequie a una persona di fiducia o di depositarle

Dettagli

COMUNE DI CALASCIBETTA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

COMUNE DI CALASCIBETTA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA COMUNE DI CALASCIBETTA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA REGOLAMENTO COMUNALE DEL CERIMONIALE Approvato con delibera di C.C. n. 32 del 14/07/2005 ART.1 FINALITA E CONTENUTO Il cerimoniale contiene l insieme

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

IL CONTRASTO AL CRIMINE ORGANIZZATO ATTRAVERSO LA UTILIZZAZIONE DEI MASS MEDIA

IL CONTRASTO AL CRIMINE ORGANIZZATO ATTRAVERSO LA UTILIZZAZIONE DEI MASS MEDIA IL CONTRASTO AL CRIMINE ORGANIZZATO ATTRAVERSO LA UTILIZZAZIONE DEI MASS MEDIA *********** 1. Premessa sulla sociologia dei media. Si dice comunemente che viviamo in una società della informazione. Una

Dettagli

IL PRIMO PORTALE SUI FUNERALI IN ITALIA

IL PRIMO PORTALE SUI FUNERALI IN ITALIA IL PRIMO PORTALE SUI FUNERALI IN ITALIA Degna Sepoltura Il primo portale in Italia sui funerali www.degnasepoltura.com/blog 1 Indice 1) Introduzione...3 2) Lista dei servizi e utili consigli...3 2-a) Mezzo

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO C O M U N E D I S C A L E T T A Z A N C L E A (PROVINCIA DI MESSINA) REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO Approvato

Dettagli

ASSOCIAZIONE AMICI del MUSEO di CASASCO INTELVI. NOTIZIARIO n 12 del 15 Dicembre 2014

ASSOCIAZIONE AMICI del MUSEO di CASASCO INTELVI. NOTIZIARIO n 12 del 15 Dicembre 2014 Le ultime notizie sulla moralità di alcuni appartenenti alla cosiddetta classe dirigente, recentemente emerse, danno lo spunto per qualche riflessione. L ultimo avvenimento in ordine di tempo riguarda

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO.

REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. C O M U N E D I C A L A T A B I A N O PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO SULL USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DEL DISTINTIVO DEL SINDACO E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. I N D I C E CAPO

Dettagli

MILENA GABANELLI FUORI CAMPO

MILENA GABANELLI FUORI CAMPO Ammazza che mafia di Paolo Mondani MILENA GABANELLI FUORI CAMPO La storia che adesso vedremo avrebbe potuto, almeno in parte, essere raccontata 10 anni fa. Siamo a Roma dove una vera e propria federazione

Dettagli

Mafie in Veneto Dati statistici

Mafie in Veneto Dati statistici Mafie in Veneto Dati statistici Raccolta di dati a cura di Avviso Pubblico Le mafie Scheda informativa sintetica 1 Diverse sono le ipotesi etimologiche del termine mafia. La più accreditata ritiene che

Dettagli

Comune di incisa in Val d Arno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO

Comune di incisa in Val d Arno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO Comune di incisa in Val d Arno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER L USO DELLO STEMMA, DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DI PARTECIPAZIONE AL LUTTO. Approvato con delibera C.C.

Dettagli

di Sabato 22 agosto 2015

di Sabato 22 agosto 2015 di Sabato 22 agosto 2015 Rubrica Edilizia 13 Il Tempo 22/08/2015 COMMERCIO, EDILIZIA E SERVIZI GLI IMMIGRATI SFIDANO GLI ITALIANI (L.Della pasqua) 19 Plus24 (Il Sole 24 Ore) 22/08/2015 ASTALDI E SALINI

Dettagli

MANIFESTAZIONE «CONTRO LE MAFIE»

MANIFESTAZIONE «CONTRO LE MAFIE» RASSEGNA STAMPA MANIFESTAZIONE «CONTRO LE MAFIE» A cura di Agenzia Comunicatio COMUNICATO STAMPA MAFIA CAPITALE: DALLE ACLI DI ROMA APPREZZAMENTO PER LA MANIFESTAZIONE DEL 3/9 "CONTRO LE MAFIE" AL TUSCOLANO

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

Testi tratti da: Cent anni di Mafia Storia criminale. G. Lo Schiavo E. Ciconte. N. Dalla Chiesa La convergenza

Testi tratti da: Cent anni di Mafia Storia criminale. G. Lo Schiavo E. Ciconte. N. Dalla Chiesa La convergenza 3^asl 4^bs STORIA DELLA MAFIA Testi tratti da: G. Lo Schiavo E. Ciconte Cent anni di Mafia Storia criminale N. Dalla Chiesa La convergenza Antecedenti storici Agli inizi dell 800 vi era ancora in Sicilia

Dettagli

V INCONTRO. L atto di FEDE

V INCONTRO. L atto di FEDE V INCONTRO L atto di FEDE Siamo al quinto incontro. Come per tutte le altre volte vogliamo fare un riassunto delle puntate precedenti. Per questo lavoro chiediamo l aiuto di un personaggio conosciuto a

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 L insegnamento della Religione Cattolica, IRC, nella scuola dell

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA. Nucleo Polizia Tributaria Roma G.I.C.O. PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA

GUARDIA DI FINANZA. Nucleo Polizia Tributaria Roma G.I.C.O. PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA MODUS OPERANDI LE CONDOTTE ILLECITE Imprenditori diretta espressione del clan dei casalesi; Costituzione di società

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

La Giornata della Memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime delle mafie

La Giornata della Memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime delle mafie Non è un corteo come gli altri perché a partecipare sono i familiari delle vittime della mafia, una mafia che è come la peste che si espande come un cancro per tutto il Paese. Per combatterla non basta

Dettagli

- 1 reference coded [1,60% Coverage]

<Documents\bo_min_13_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [1,60% Coverage] - 1 reference coded [1,60% Coverage] Reference 1-1,60% Coverage Certamente. Che musica ascolti? eh, io, ascolto più musica di qualche anno fa, sul rock anni 70, o sono

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

Home INCONTRO ESTIVO CON UN AMICO DI CEFALU'

Home INCONTRO ESTIVO CON UN AMICO DI CEFALU' Home INCONTRO ESTIVO CON UN AMICO DI CEFALU' 4 Agosto 2008, 08:24 Giuseppe Tornatore, dopo vent anni torna a Cefalù come un semplice ospite a passare una serata con amici, una sera d estate. Una serata

Dettagli

CA' NOSTRA NEWS NOTIZIE DA CA' NOSTRA "DALLAS BUYERS CLUB"

CA' NOSTRA NEWS NOTIZIE DA CA' NOSTRA DALLAS BUYERS CLUB CA' NOSTRA NEWS Numero 11, maggio 2016 Giornalisti: Giorgio, Bruno, Bruno, Elia, Mimmo, Roberto, Luigi, Evaristo, Julie, Leonardo e Andrea Redattrice: Federica NOTIZIE DA CA' NOSTRA " " Una penna e un

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato Signor Presidente del Consiglio, Autorità civili, militari e

Dettagli

Addio, caro estinto. Sceneggiatura per Terra di Tommaso Vitiello

Addio, caro estinto. Sceneggiatura per Terra di Tommaso Vitiello Addio, caro estinto Sceneggiatura per Terra di Tommaso Vitiello 1 Tavola 1 1 / Esterno giorno. Panoramica. 3D è steso per terra, ed ha un occhio nero. Dida: Ora. Uomo (V.F.C.): La prossima volta impari

Dettagli

L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio.

L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio. L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio. Gen. B. Stefano Screpanti Nel porgere un sentito saluto agli illustri Deputati

Dettagli

Cresco.. con Gesù!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Percorso di educazione alla religione cattolica Anno 2010/2011

Cresco.. con Gesù!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Percorso di educazione alla religione cattolica Anno 2010/2011 Cresco.. con Gesù!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Percorso di educazione alla religione cattolica Anno 2010/2011 1 Unità di apprendimento: La creazione del mondo Motivazione Aiutare

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

Gli eroi sono chiamati a risolvere un mistero che scuote il regno di Andor. E forse è l'inizio di qualcosa di più pericoloso...

Gli eroi sono chiamati a risolvere un mistero che scuote il regno di Andor. E forse è l'inizio di qualcosa di più pericoloso... Storico delle modifiche 1.1 aggiunta questa pagina di copertina Leggende di Andor La vendetta del negromante I episodio Trasformazioni inquietanti Versione 1.1 Questa leggenda richiede la versione base

Dettagli

Il servizio fotografico e le videoriprese nella celebrazione dei Sacramenti

Il servizio fotografico e le videoriprese nella celebrazione dei Sacramenti ARCIDIOCESI di TRENTO Ufficio per le Comunicazioni Sociali ASSOCIAZIONE ARTIGIANI E PICCOLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI TRENTO Categoria Fotografi e Cineoperatori Il servizio fotografico e le videoriprese

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

Dario Fo Struttura per la veggente 15 luglio 2005

Dario Fo Struttura per la veggente 15 luglio 2005 Dario Fo Struttura per la veggente 15 luglio 2005 L indovina racconta come da psichiatra abbia scelto di diventare veggente: un modo straordinario per aver successo e quattrini. Organizza e apre uno studio

Dettagli

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 I. RADUNO Inno processionale Coloro che guidano la celebrazione entrano e possono portare una Bibbia, una candela e del sale Indirizzo

Dettagli

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO La gioia del dono ono emozioni di grande intensità e gioia quelle rimaste nel cuore dei Trentini all indomani della sciata memorabile di Papa Giovanni Paolo

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Davanti allo specchio di un anniversario

Davanti allo specchio di un anniversario Davanti allo specchio di un anniversario 1. La religiosità popolare è una porzione della cultura di un territorio e di una società, un elemento costitutivo della comune identità. Lo è perché riguarda tutti,

Dettagli

Un funerale all italiana curato dalla Seasons. Un servizio unico uguali.

Un funerale all italiana curato dalla Seasons. Un servizio unico uguali. Un funerale all italiana curato dalla Seasons. Un servizio unico uguali. I nostri organizzatori e direttori tecnici di funerali italiani sono fieri dell allestimento di funerali per famiglie cattoliche

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

1)PROGETTO PSICOMOTRICITÀ EDUCATIVA E PREVENTIVA NIDO E MATERNA

1)PROGETTO PSICOMOTRICITÀ EDUCATIVA E PREVENTIVA NIDO E MATERNA 1)PROGETTO PSICOMOTRICITÀ EDUCATIVA E PREVENTIVA NIDO E MATERNA Servizio Nido e Servizio Scuola dell Infanzia Target: tutti i bambini del Centro Infanzia (servizio Nido e Scuola dell Infanzia) di tutte

Dettagli

Pietro Ciavarella Ebrei 11:1-3 P 1/10

Pietro Ciavarella Ebrei 11:1-3 P 1/10 Pietro Ciavarella Ebrei 11:1-3 P 1/10 Sermone 24 Testo: Ebrei 11:1-3 Data predicato: 20 ottobre 2013 Titolo: La fede Per favore, aiutate Mirko e Simona. Grazie! Pietro Per capire in che modo, ecco il link

Dettagli

...SULLA BUONA STRADA...

...SULLA BUONA STRADA... SCUOLA DELL INFANZIA SANT' EFISIO Via Vittorio Veneto, 28 Oristano PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA EDUCATIVO-DIDATTICHE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA BAMBINI - 3-4-5 ANNI Numero sezioni:

Dettagli

Femminicidio, da Bongiorno e Carfagna proposta di legge per l ergastolo

Femminicidio, da Bongiorno e Carfagna proposta di legge per l ergastolo Femminicidio, da Bongiorno e Carfagna proposta di legge per l ergastolo Le parlamentari di Fli e Pdl propongono di modificare le aggravanti dell'omicidio quando la violenza nasce da un atteggiamento discriminatorio".

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

A cura di: Dott.ssa Rita Faso e Dott.ssa Valentina Fiorica Psicologhe-Psicoterapeute

A cura di: Dott.ssa Rita Faso e Dott.ssa Valentina Fiorica Psicologhe-Psicoterapeute A cura di: Dott.ssa Rita Faso e Dott.ssa Valentina Fiorica Psicologhe-Psicoterapeute Questo opuscolo è il frutto del dialogo che il Centro Regionale Trapianti della Sicilia ha avuto negli anni con molti

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia La Voce della Parrocchia Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10 Tariffa Associazioni Senza Fini di Lucro: Poste Italiane s.p.a. Sped. in Abb. Postale

Dettagli

Schema del cammino GG e giovani

Schema del cammino GG e giovani Schema del cammino GG e giovani Professione di fede GIOVANISSIMI La dignità della persona umana La vocazione cristiana Una chiesa di discepoli GIOVANI Una chiesa di inviati Prima, seconda e terza superiore

Dettagli

PROGRAMMA DELLE MANIFESTAZIONI

PROGRAMMA DELLE MANIFESTAZIONI Diocesi San Marco Argentano-Scalea Parrocchia Santa Maria del Piano VERBICARO Solenni Festeggiamenti in onore di MARIA SANTISSIMA DELLE GRAZIE - PATRONA DI VERBICARO 23 giugno-3 luglio 2013 Cari Verbicaresi,

Dettagli

La gatta Arcibalda e altre storie

La gatta Arcibalda e altre storie ADRIANA ZARRI La gatta Arcibalda e altre storie Riflessioni sugli animali e sulla natura prefazione di MONS. LUIGI BETTAZZI postilla di NATALE FIORETTO 2011 PREFAZIONE Adriana Zarri era una donna di fede.

Dettagli

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia PARROCCHIA S. BARTOLOMEO CARUGO SOGNI E REALTA Foglio di comunicazione e fraternità Ciclostilato in proprio del 4 maggio 2014 - www.parrocchiacarugo.it PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia Ci sono

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE IN BASE ALLE NUOVE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE IN BASE ALLE NUOVE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE IN BASE ALLE NUOVE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2015/2016 AREA SOVRADISCIPLINARE LINGUISTICO-ARTISTICO-ESPRESSIVA LINGUA ITALIANA Obiettivi

Dettagli

Gli eventi. La Settimana Santa

Gli eventi. La Settimana Santa Gli eventi La Settimana Santa I suggestivi riti spagnoli della Settimana Santa di Iglesias risalgono al seicento e sono curati da secoli dall Arciconfraternita della Vergine della Pietà del Sacro Monte.

Dettagli

Provincia di Lecce REGOLAMENTO Per l uso dello Stemma, del Gonfalone, della fascia tricolore, delle bandiere e per il cerimoniale del Comune.

Provincia di Lecce REGOLAMENTO Per l uso dello Stemma, del Gonfalone, della fascia tricolore, delle bandiere e per il cerimoniale del Comune. Città di Nardò Provincia di Lecce REGOLAMENTO Per l uso dello Stemma, del Gonfalone, della fascia tricolore, delle bandiere e per il cerimoniale del Comune. - 1 - Capo I CONTENUTO DEL REGOLAMENTO Art.1

Dettagli

di Venerdì 21 agosto 2015

di Venerdì 21 agosto 2015 di Venerdì 21 agosto 2015 Sommario Rassegna Stampa Testata Titolo Pag. Rubrica Edilizia 6 Il Messaggero 21/08/2015 "LA LOCALI TAX NON SIA SOLO UN'ILLUSIONE OTTICA" 4 Rubrica Lavori pubblici 10 Corriere

Dettagli

VIII ISTITUTO Comprensivo E: Vittorini SR Indicatori di Apprendimento SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2014 2015

VIII ISTITUTO Comprensivo E: Vittorini SR Indicatori di Apprendimento SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2014 2015 ITALIANO VIII ISTITUTO Comprensivo E: Vittorini SR Indicatori di Apprendimento SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2014 2015 - Ascoltare, comprendere e comunicare oralmente in modo significativo. - Leggere

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo CLASSE I - SCUOLA PRIMARIA Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore, Padre e che fin dalle origini ha stabilito un'alleanza con l'uomo. Affinare capacità di osservazione dell ambiente circostante

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

Funerali senza dio - capitolo 6. Richard Brown & Jane Wynne Willson

Funerali senza dio - capitolo 6. Richard Brown & Jane Wynne Willson Funerali senza dio - capitolo 6 Richard Brown & Jane Wynne Willson Edizioni Omnilog 2010 6. Stesura della cerimonia Questo capitolo presenta un modello per preparare il testo di un funerale laico, e spiega

Dettagli

Festa di compleanno della FILARMONICA AVVENIRE BRUSIO CHE COMPIE 125 ANNI

Festa di compleanno della FILARMONICA AVVENIRE BRUSIO CHE COMPIE 125 ANNI Intervento di Arturo Plozza sindaco di Brusio Brusio, sabato 19.05.2012 Festa di compleanno della FILARMONICA AVVENIRE BRUSIO CHE COMPIE 125 ANNI Buona sera a tutti! Una festa di paese che coinvolge tutta

Dettagli

L UMANITA E I SUOI ARCHETIPI

L UMANITA E I SUOI ARCHETIPI IL LINGUAGGIO URBANO Il concetto di arte scivola un pò sempre a secondo dei tempi e delle mode culturali. Oggi scivola malamente anche in nome di uno scaltro mercato creando confusione e spaesamento. Come

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

(ANNO SCOLASTICO 2015/18)

(ANNO SCOLASTICO 2015/18) (ANNO SCOLASTICO 2015/18) dal Rapporto La Buona Scuola. Facciamo crescere il Paese, frutto del lavoro portato avanti congiuntamente dal Presidente del Consiglio Matteo Renzi e dal Ministro Stefania Giannini

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Corso di produzione e comprensione orale WS 2008/09

Corso di produzione e comprensione orale WS 2008/09 Corso di produzione e comprensione orale WS 2008/09 Dozentin: Carla Ferrara Name Gesamtnote VIDEO A http://www.youtube.com/watch?v=i-4zoifr7fq Daria Bignardi conduce Le invasioni barbariche, una trasmissione

Dettagli

I TOTALITARISMI FASCISMO, NAZISMO, STALINISMO

I TOTALITARISMI FASCISMO, NAZISMO, STALINISMO I TOTALITARISMI FASCISMO, NAZISMO, STALINISMO IL FASCISMO IL FASCISMO IL FASCISMO IL FASCISMO IL NAZISMO IL NAZISMO IL NAZISMO LO STALINISMO LO STALINISMO IL TOTALITARISMO: è un regime che non si limita

Dettagli

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo Dal progetto educativo alla creazione di reti relazionali Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo La forza autentica della scoperta e dell incontro con l altro può essere solamente la fede in

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Orientamenti per la Musica e il Canto nella Celebrazione del Matrimonio

Orientamenti per la Musica e il Canto nella Celebrazione del Matrimonio Orientamenti per la Musica e il Canto nella Celebrazione del Matrimonio Nell intento di promuovere uno stile liturgico, che rispetti e valorizzi il ruolo del canto e della musica nelle celebrazioni del

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

Un ragazzo cresciuto in fretta tra passione per la ricerca storica e richiamo del giornalismo LE IMMAGINI

Un ragazzo cresciuto in fretta tra passione per la ricerca storica e richiamo del giornalismo LE IMMAGINI LE IMMAGINI 305 Un ragazzo cresciuto in fretta tra passione per la ricerca storica e richiamo del giornalismo B runello Vigezzi, uno dei suoi maestri, si rammarica che abbia scelto di lavorare nei giornali

Dettagli

LA PIETÀ DI SAN PIETRO ABSTRACTS. Storia di un restauro IN MEMORIA DEL 21 MAGGIO 1972

LA PIETÀ DI SAN PIETRO ABSTRACTS. Storia di un restauro IN MEMORIA DEL 21 MAGGIO 1972 LA PIETÀ DI SAN PIETRO IN MEMORIA DEL 21 MAGGIO 1972 Storia di un restauro ABSTRACTS "LA VIOLENZA E LA PIETÀ" PRESENTAZIONE E COMMENTO DEL FILM- DOCUMENTARIO La violenza e la Pietà è il film documentario

Dettagli

Favole di luce. C era una volta? Eh no, c è adesso. era una volta in un paese lontano Conosciamo bene queste

Favole di luce. C era una volta? Eh no, c è adesso. era una volta in un paese lontano Conosciamo bene queste Favole di luce C era una volta? Eh no, c è adesso C era una volta in un paese lontano Conosciamo bene queste parole. Quasi tutte le fiabe che ci hanno accompagnato nella crescita, così come hanno accompagnato

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Giugno 2013 Livello: A2

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Giugno 2013 Livello: A2 per Stranieri di Siena Centro CILS : Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi. Sono brevi dialoghi o annunci. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

I FILM ITALIANI. Il Neorealismo

I FILM ITALIANI. Il Neorealismo I FILM ITALIANI Molti sono stati gli attori, i registi e i film italiani che hanno avuto un risonoscimento a livello mondiale. In questa sezione del sito web vi mostriamo alcuni esempi: Il Neorealismo

Dettagli

COMUNE DI PALERMO REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO MUNICIPALIZZATO TRASPORTI FUNEBRI. CAPO I Municipalizzazione del servizio

COMUNE DI PALERMO REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO MUNICIPALIZZATO TRASPORTI FUNEBRI. CAPO I Municipalizzazione del servizio COMUNE DI PALERMO REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO MUNICIPALIZZATO TRASPORTI FUNEBRI CAPO I Municipalizzazione del servizio ART. 1 (Trasporti eseguiti dal Comune) Il Comune provvede direttamente al servizio

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

REGOLAMENTO TRASPORTI FUNEBRI

REGOLAMENTO TRASPORTI FUNEBRI REGOLAMENTO TRASPORTI FUNEBRI Art. 1 Oggetto del regolamento. Il presente Regolamento disciplina il servizio di trasporti funebri nel territorio comunale espletato nel rispetto delle norme di cui al Capo

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

DECRETO circa le Esequie Religiose

DECRETO circa le Esequie Religiose Diocesi Oppido-Palmi DECRETO circa le Esequie Religiose Prot.n 417/08/DE Vista l opportunità emersa nel Consiglio Presbiterale dell 11 aprile 2008 di dare una nuova Regolamentazione diocesana alle Esequie

Dettagli

REGOLAMENTO per l uso dello stemma e del gonfalone.

REGOLAMENTO per l uso dello stemma e del gonfalone. REGOLAMENTO per l uso dello stemma e del gonfalone. Approvato con delibera della Commissione Straordinaria con i poteri del Consiglio Comunale n. 47 del 10/04/2014 Esecutivo dal 10 aprile 2014 INDICE CAPO

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

Indice. Introduzione... Pag. 5 CAPITOLO PRIMO LA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA

Indice. Introduzione... Pag. 5 CAPITOLO PRIMO LA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA Indice Introduzione... Pag. 5 CAPITOLO PRIMO LA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA Premessa... «17 La criminalità organizzata nel mondo...» 20 Stati Uniti Cosa Nostra...» 22 Cina - Le Triadi...» 24 Cina - I Tong...»

Dettagli

Tra amici e parenti, in genere, gli italiani si baciano e si abbracciano quando si incontrano e pronunciano alcune frasi come un "ciao" o "come stai?

Tra amici e parenti, in genere, gli italiani si baciano e si abbracciano quando si incontrano e pronunciano alcune frasi come un ciao o come stai? MODULE 1 : CULTURA IN ITALIA INTRODUZIONE - Modulo 1 Nel Modulo 1, CULTURA IN ITALIA, ricordiamo alcune informazioni di base che riteniamo importanti per conoscere la cultura italiana in contesti lavorativi

Dettagli