ADEMPIMENTI GENERALI PER LA CORRETTA COMPILAZIONE E GESTIONE DEI FORMULARI DI IDENTIFICAZIONE RIFIUTI a cura di: Giuseppe Lopez

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ADEMPIMENTI GENERALI PER LA CORRETTA COMPILAZIONE E GESTIONE DEI FORMULARI DI IDENTIFICAZIONE RIFIUTI a cura di: Giuseppe Lopez"

Transcript

1 ADEMPIMENTI GENERALI PER LA CORRETTA COMPILAZIONE E GESTIONE DEI FORMULARI DI IDENTIFICAZIONE RIFIUTI a cura di: Giuseppe Lopez L articolo 12 comma 1 del Decreto Legislativo 5 febbraio 1997 n 22 Attuazione delle direttive 91/156/CEE sui rifiuti, 91/689/CEE sui rifiuti pericolosi e 94/62/CE sugli imballaggi e rifiuti da imballaggio oggi sostituito dall articolo 193 del D.lgs 152/06 Norme in materia ambientale - recita testualmente : Durante il trasporto effettuato da enti ed imprese i rifiuti sono accompagnati da un formulario di identificazione. Il Formulario di Identificazione Rifiuto (F.I.R.) è dunque un documento che accompagna i rifiuti durante il loro trasporto dove per trasporto si intende lo spostamento fisico del rifiuto che dal luogo di produzione / detenzione viene inviato al luogo di recupero o smaltimento.e opportuno chiarire che il FIR deve essere compilato solamente nel caso in cui vi sia uno spostamento con uscita dall ambito di produzione del rifiuto e movimentazione dello stesso su strada ad uso pubblico, mentre non deve essere compilato alcun documento se si tratta solamente di una movimentazione aziendale interna (ad esempio dal luogo di produzione al luogo di deposito temporaneo).attenzione la movimentazione interna deve avvenire su aree e su viabilità ad uso esclusivo dell azienda. Nel momento in cui i mezzi che trasportano rifiuti transitano su viabilità pubblica occorre far accompagnare il trasporto dal F.I.R.[66] Il F.I.R. nasce con lo scopo di seguire il rifiuto in tutti i suoi movimenti, dalla produzione allo smaltimento o recupero finale in modo tale da seguirne le tracce e cercare di evitare dispersioni o attività illecite di smaltimento.e di fondamentale importanza, e obbligatorio, compilarlo in tutte le sue parti ed in modo corretto sia per non incorrere nelle pesanti sanzioni sia per scoraggiare eventuali illeciti compiuti da soggetti con pochi scrupoli a danno talvolta di ignari produttori. Il formulario di identificazione rifiuto deve contenere le seguenti informazioni; Nome ed indirizzo del produttore e del detentore; Origine, tipologia e quantità del rifiuto; Impianto di destinazione; Data e percorso dell istradamento; Nome ed indirizzo del destinatario;[67] Deve inoltre essere numerato (in genere si conferma la numerazione data dalla tipografia) e vidimato gratuitamente da parte dell Ufficio del Registro (oggi Ufficio locale dell Agenzia delle Entrate) o dalla CCIAA o dagli uffici regionali o provinciali competenti in materia di rifiuti e gli estremi del documento di acquisto, dal quale devono risultare gli estremi seriali e numerici, devono essere annotati sui registri I.V.A. acquisti, prima dell utilizzo del formulario stesso.[68] I soggetti che per esigenze operative utilizzano contestualmente più bollettari dovranno prestare particolare attenzione al rispetto di tale disposizione curando, inoltre, che la registrazione delle operazioni di trasporto sul registro di carico e scarico rispetti l ordine cronologico di emissione dei formulari.[69] La vidimazione dei predetti formulari di identificazione rifiuto è gratuita e non soggetta ad alcun diritto od imposizione tributaria e può essere apposta sulla prima delle quattro copie purché risulti visibile anche sulle altre tre.[70] Il F.I.R. deve essere emesso da apposito bollettario a ricalco e la stampa può avvenire solamente da parte di tipografie autorizzate dal ministero delle Finanze le quali devono provvedere a stampigliare la serie alfanumerica progressiva ed indicare la denominazione e gli estremi dell autorizzazione della tipografia stessa sul documento stampato.[71] Deve essere stampato su carta idonea affinché le indicazioni figuranti su di una delle facciate non pregiudichino la leggibilità delle indicazioni apposte sull altra facciata.[72] Nel caso in cui vengano utilizzati strumenti informatici per la compilazione del formulario questo deve essere stampato su carta a modulo continuo a ricalco predisposta dalle tipografie autorizzate dal Ministero delle Finanze, le quali devono provvedere a stampigliare la serie alfanumerica progressiva ed indicare la denominazione e gli estremi dell autorizzazione della tipografia stessa sul documento stampato che deve

2 essere conforme ai modelli approvati.[73] La vendita degli stampati deve avvenire nel rispetto delle disposizioni di Legge.[74] Così come previsto dall articolo 15 comma 5 del d.lgs 22/97 il modello uniforme di FIR è stato adottato con il Decreto Ministero dell Ambiente 1 Aprile 1998 n Regolamento recante la definizione del modello e dei contenuti del formulario di accompagnamento dei rifiuti ai sensi degli articoli 15, 18, comma 2 e comma 4, del decreto legislativo 5 febbraio 1997 n 22 Decreto Ministeriale 1 aprile 1998 n 148 decreto che ad oggi conserva la sua validità.[75] Il modello, uniformato con il D.M. 145/98, può essere personalizzato ed arricchito con l intestazione aziendale, con il logo ecc., senza però omettere alcuna delle voci indicate nel modello ministeriale in quanto ciò costituirebbe omissione di informazioni dovute per legge e potrebbe essere oggetto di contestazione da parte degli organi di controllo. Il modello di formulario adottato dal D.M. 145/98 è diviso in sezioni e caselle: Sul frontespizio del bollettario o sulla prima pagina del modulo continuo a ricalco devono essere riportati gli elementi identificativi quali: Ditta; Residenza o domicilio; Codice Fiscale; Ubicazione dell esercizio (questa voce può essere compilata anche dopo la vidimazione e numerazione del formulario ma comunque prima dell utilizzo del formulario stesso); Formulario dal n.. al n. [76] In alto a destra del formulario di identificazione sono indicati i prefissi alfabetici di serie nonché il numero progressivo e la data di emissione di ogni singolo formulario che dovranno essere riportati sul registro di carico e scarico in corrispondenza dell annotazione relativa ai rifiuti cui il formulario si riferisce, e il numero progressivo del registro che corrispondente all annotazione dei rifiuti medesimi.i campi da compilare sono la data del FIR, il numero progressivo ed il numero di registro.la data del FIR indica la data in cui il documento viene materialmente compilato e può non coincidere con la data di partenza indicata più sotto.e superfluo ma opportuno ricordarlo che la data di compilazione non deve essere posteriore alla data di partenza e che la data di compilazione deve essere uguale per tutte le quattro copie. Tipico esempio è la compilazione del FIR il venerdì con predisposizione del carico e con partenza il lunedì successivo prima che sia aperto l ufficio addetto alla compilazione. In questo caso sarà cura del trasportatore annotare data ed ora di partenza trattenendo dal blocco dei FIR le tre copie e lasciando in sede il blocco stesso oppure rispettare l ora e la data già annotate e segnalare eventuali variazioni nell apposito spazio riservato alle note specificando anche i motivi dell eventuale ritardo o anticipo rispetto a quanto indicato. L utilizzo dello spazio relativo al numero progressivo (che non coincide con la serie ed il numero assegnati dal tipografo) consente di applicare al FIR una numerazione interna ove questa si renda necessaria in funzione dell organizzazione data alla gestione ambientale interna.nello spazio relativo al numero di registro deve essere indicato il numero della registrazione sul registro di carico e scarico rifiuti, se ne è obbligata la tenuta, cui il FIR si riferisce.e ovvio che tale numero non può essere apposto al momento della compilazione del FIR ma deve essere apposto nel momento in cui lo scarico del rifiuto se FIR in uscita od il carico se FIR in entrata vengono annotati sul registro di carico e scarico rifiuti. E altrettanto ovvio che il produttore annoterà il proprio numero di registrazione sulla copia a lui rimasta e su quella che gli verrà restituita dal destinatario, il trasportatore annoterà il suo numero sulla copia a lui destinata ed il destinatario annoterà il suo numero sulla copia a lui lasciata dal trasportatore al momento della registrazione dell operazione sul registro di carico e scarico rifiuti. Pertanto in un confronto tra le tre copie del FIR i numeri del registro di carico e scarico non devono necessariamente coincidere ma anzi il caso più frequente è che siano tutti diversi.e pertanto errato annotare la numerazione del registro di C/S relativa al produttore su tutte le copie al momento della compilazione del FIR.[77] La prima sezione contiene i dati relativi al produttore / detentore che effettua la spedizione dei rifiuti al destinatario ed al trasportatore ed in particolare vi dovranno essere indicate : Nella casella (1) relativa al produttore La denominazione o la ragione sociale dell impresa in modo completo ed inequivocabile unitamente all indirizzo della sede legale; Il codice fiscale dell impresa;

3 L indirizzo dell impianto o l unità locale o di partenza del rifiuto cioè il posto da cui effettivamente parte il rifiuto e non, ad esempio la sede legale dell impresa ubicata ad esempio in posto del tutto estraneo al luogo di presenza effettiva del rifiuto. Si dovrà pertanto indicare la sede dell impianto di produzione, di stoccaggio, di recupero e di smaltimento di rifiuti o la sede operativa delle imprese che effettuano attività di raccolta e trasporto, intermediazione e commercio di rifiuti;il luogo di produzione dei rifiuti derivanti da attività di manutenzione alle infrastrutture, effettuata direttamente dal gestore dell infrastruttura a rete e degli impianti per l erogazione di forniture e servizi di interesse pubblico o tramite terzi, può coincidere con la sede del cantiere che gestisce l attività manutentiva o con la sede locale del gestore della infrastruttura nelle cui competenze rientra il tratto di infrastruttura interessata dai lavori di manutenzione ovvero con il luogo di concentramento dove il materiale tolto d opera viene trasportato per la successiva valutazione tecnica, finalizzata all individuazione del materiale effettivamente, direttamente ed oggettivamente riutilizzabile, senza essere sottoposto ad alcun trattamento. La valutazione tecnica del gestore della infrastruttura è eseguita non oltre i sessanta giorni dalla data di ultimazione dei lavori. La documentazione relativa alla valutazione tecnica è conservata, unitamente ai registri di carico e scarico, per cinque anni. Quanto sopra si applica anche ai rifiuti derivanti da attività manutentiva, effettuata direttamente da gestori erogatori di pubblico servizio o tramite terzi, dei mezzi e degli impianti fruitori delle infrastrutture di cui sopra. Il numero di iscrizione all albo delle imprese che effettuano attività di gestione di rifiuti oppure gli estremi dell autorizzazione o della denuncia di inizio attività per coloro che operano in procedura semplificata. E ovvio che la compilazione di tale campo non è necessaria per il semplice produttore di rifiuti;[78] Nella casella (2) vanno riportati i dati relativi al destinatario del rifiuto che dovrà necessariamente essere un recuperatore od uno smaltitore ed in particolare: La denominazione (persona fisica) o la ragione sociale dell impresa (persona giuridica) in modo completo ed inequivocabile unitamente all indirizzo della sede legale; Il codice fiscale dell impresa; L indirizzo dell impianto o l unità locale di destinazione del rifiuto cioè il posto in cui effettivamente viene portato il rifiuto e non, ad esempio la sede legale dell impresa ubicata ad esempio in posto del tutto estraneo al luogo di effettiva destinazione del rifiuto; Il numero di iscrizione all albo delle imprese che effettuano attività di gestione di rifiuti oppure gli estremi dell autorizzazione o della denuncia di inizio attività per coloro che operano in procedura semplificata;[79] A tal proposito è quanto mai necessario che il semplice produttore prima di procedere all invio del rifiuto si faccia trasmettere dal destinatario le notizie relative alle autorizzazioni di cui dispone ed alla possibilità di accettare e lavorare i rifiuti che il produttore intende smaltire.sarà cura del produttore chiedere e verificare che i codici CER dei rifiuti da esso prodotti siano inclusi nelle autorizzazioni e/o comunicazioni del destinatario e che le autorizzazioni siano valide e non prossime alla scadenza.si ricorda che la comunicazione per operare in procedura semplificata ha una validità di anni quattro (oggi 5 anni) decorrenti dall iscrizione in specifico registro presso l Amministrazione Provinciale (oggi presso la Sezione Regionale dell Albo Gestori Rifiuti) nel cui ambito territoriale ove la ditta recuperatrice ha la propria sede legale e l iscrizione all albo per la gestione ordinaria dei rifiuti ha validità pari ad anni cinque (oggi 10 anni).[80] In caso di incertezze o dubbi è opportuno prendere contatto gli entri che l Amministrazione Provinciale interessata oppure l albo Gestori di Rifiuti ubicato presso la Camera di Commercio della Regione di appartenenza dello smaltitore e consultabile al sito internet Nella casella (3) si devono indicare i dati riguardanti il trasportatore del rifiuto ed in particolare: La denominazione (persona fisica) o la ragione sociale dell impresa (persona giuridica) in modo completo ed inequivocabile; Il codice fiscale dell impresa; L indirizzo dell impresa;

4 Il numero di iscrizione all albo delle imprese che effettuano attività di gestione di rifiuti; è opportuno verificare che il trasportatore sia autorizzato al trasporto di quel di rifiuto. Quando il trasportatore dei rifiuti è lo stesso soggetto che li ha prodotti, e si tratta di rifiuti non pericolosi, il trasporto può essere compiuto senza iscrizione all Albo dei gestori dei Rifiuti. In questo caso il produttore trasportatore non è tenuto alla compilazione dei campi sopra indicati ma dovrà barrare l apposita casella ed indicare il luogo e lo stabilimento di produzione dei rifiuti.la medesima procedura è applicata agli imprenditori agricoli (secondo l articolo 2135 del Codice Civile è imprenditore agricolo che esercita attività diretta alla coltivazione del fondo, alla silvicoltura, all allevamento del bestiame ed attività connesse. Si reputano connesse le attività dirette alla trasformazione o all alienazione dei prodotti agricoli, quando rientrano nell esercizio normale dell agricoltura) che effettuano direttamente il trasporto dei sotto elencati rifiuti pericolosi agli appositi centri di raccolta organizzati dal gestore del servizio pubblico, da concessionari di pubblico servizio o da consorzi obbligatori : Due accumulatori esausti per singolo trasporto; Quindici litri di olio esausto per singolo trasporto; Cinque contenitori di prodotti fitosanitari per singolo trasporto;resta fermo l obbligo della comunicazione annuale al Catasto dei Rifiuti dal 1999 anno successivo all entrata in vigore del modello di registro di carico e scarico rifiuti.[81] Nella seconda sezione è disponibile uno spazio destinato alle annotazioni dove potranno essere indicate tutte quelle notizie accessorie che non hanno uno spazio specifico di destinazione od i fatti imprevisti intervenuti: Nel caso in cui il produttore sia esentato dalla tenuta del registro di carico e scarico rifiuti tale esenzione dovrà risultare da apposita dichiarazione apposta nello spazio relativo alle annotazioni (ad esempio soggetto non obbligato alla tenuta del registro di Carico e Scarico rifiuti perché appartenente alla categoria. di cui all articolo 184 comma. del D.Lgs 152/2006;[82] Il nuovo destinatario, il nuovo percorso ed i motivi della variazione nel caso in cui il rifiuto non sia accettato dal destinatario indicato alla partenza;[83] Eventuali soggetti che hanno effettuato intermediazione senza detenzione del rifiuto; Gli estremi identificativi dei trasportatori (nominativo, codice fiscale, numero di iscrizione all albo) dei mezzi utilizzati (targa), il nominativo del conducente e la firma di assunzione di responsabilità, sulle tre copie, nel caso in cui il trasporto sia effettuato dallo stesso trasportatore con veicoli diversi o da più trasportatori; [84] Nel caso di trasporto misto (terrestre ferroviario e marittimo) la tratta ferroviaria o marittima allegando al FIR i documenti previsti dalle norme che disciplinano il trasporto ferroviario o marittimo;[84] Il codice alfanumerico del nuovo FIR emesso e gli estremi identificativi del trasportatore che prende in carico i rifiuti nel caso in cui, per motivi eccezionali sia effettuato il trasbordo parziale del carico su mezzo diverso. In questo specifico caso il primo trasportatore dovrà emettere un nuovo FIR relativo alla quantità di rifiuti conferita al secondo mezzo di trasporto. Nel nuovo FIR il primo trasportatore sarà produttore / detentore del rifiuto ed indicherà nello spazio per le annotazioni le motivazioni del trasbordo, il codice alfanumerico del primo FIR ed il nome del produttore originario del rifiuto.al produttore dovrà in ogni caso essere restituita la quarta copia del primo e del secondo FIR emesso.[84] Nella terza sezione vanno indicate le caratteristiche del rifiuto trasportato ed in particolare: Alla casella (4) Caratteristiche del rifiuto - i seguenti dati concernenti i rifiuti trasportati: Descrizione e cioè codice CER e nome codificato del rifiuto; Stato fisico e cioè le caratteristiche fisiche codificate : 1) Solido polverulento 2) Solido non polverulento 3) Fangoso palabile 4) Liquido; Nel caso di trasporto di rifiuti pericolosi le caratteristiche di pericolo del rifiuto trasportato che per ogni CER sono già codificate e riportate nell allegato E al D.M. 145/98; Il numero dei colli / contenitori all interno dei quali sono raccolti i rifiuti; Si ricorda che deve essere emesso un FIR per ogni rifiuto individuato dal codice CER ed alla voce descrizione deve riportarsi l aspetto

5 esteriore dei rifiuti in modo da consentire l identificazione del rifiuto con il massimo grado di accuratezza tenuto conto che la descrizione del CER non è sempre esaustiva soprattutto se si utilizzano CER che recano negli ultimi due campi le cifre 99 con descrizione rifiuti non specificati altrimenti -. [85] Alla casella (5) si deve indicare se il rifiuto è destinato ad operazioni di smaltimento o recupero, e nel caso in cui il rifiuto sia destinato allo smaltimento in discarica, le caratteristiche chimico fisiche dei rifiuti necessarie per lo smaltimento in discarica (è necessario allegare un certificato di analisi del rifiuto) e servono per accertare la compatibilità del rifiuto con le prescrizioni dell autorizzazione ai sensi del decreto legislativo 13 gennaio 2003 n. 36 Attuazione della direttiva 1999/31/CE relativa alle discariche di rifiuti - e decreto 13 marzo 2003 Criteri di ammissibilità dei rifiuti in discarica.[86] In genere per indicare l operazione cui sarà sottoposto il rifiuto, si utilizza la codifica di cui agli allegati B e C ed in particolare i codici da R1 a R13 per le operazioni di recupero ed i codici da D1 a D15 per le operazioni di smaltimento.e opportuno prestare attenzione all utilizzo dei codici sopra indicati ed in particolare alla loro compatibilità con le autorizzazioni del destinatario del rifiuto stesso (un codice riguardante lo smaltimento non può essere destinato ad un soggetto che recupera rifiuti così come è un controsenso inviare un rifiuto con un codice di recupero ad esempio ad una discarica). Alla casella (6) va obbligatoriamente indicata la quantità dei rifiuti trasportati espressa in chilogrammi od in litri specificando se la stessa deve essere verificata a destino; va poi indicato il peso lordo e la tara del mezzo utilizzato per il trasporto.nel caso in cui non sia possibile procedere alla pesa del mezzo o quando, in funzione della natura del rifiuto, sia ipotizzabile una variazione di peso, il peso va stimato ed indicato e sarà oggetto di verifica all arrivo presso il destinatario.nel caso in cui i rifiuti siano individuabili in termini di unità numeriche (ad esempio dieci monitor di computer usati), l indicazione della quantità può essere espressa indicando anche il numero delle unità trasportate.[87] Alla casella (7) va indicato, per sommi capi, il percorso che effettuerà il mezzo di trasporto, solamente se diverso dal più breve. Alla casella (8) è necessario indicare se il trasporto è sottoposto o meno alla normativa ADR / RID. Nella quarta sezione il produttore / detentore e il trasportatore devono : nella casella (9) apporre entrambe la propria firma (leggibile) a conferma e per l assunzione della responsabilità dei dati sopra indicati; per il trasportatore il FIR viene sottoscritto dalla persona fisica che effettua il trasporto e ne assume la relativa responsabilità; nella casella (10) indicare il cognome ed il nome del conducente, la targa del mezzo di trasporto e del rimorchi se presente, la data e l ora della partenza che, lo ricordiamo, può non coincidere con la data di compilazione del FIR ma comunque non può mai essere antecedente; I dati fino a qui elencati devono coincidere sulle quattro copie del FIR.[88] Nella quinta sezione, alla casella (11) il destinatario del rifiuto dovrà indicare si il carico è stato accettato e la quantità di rifiuti accettata o se è stato respinto precisandone le motivazioni, nonché la data e l ora di arrivo ed apporre la propria firma a conferma dei dati indicati.e ovvio che questi dati devono essere uguali sulle tre copie consegnate dal trasportatore al destinatario.[89] Nei modelli a ricalco per una corretta compilazione è necessario calcare con decisione la compilazione per evitare che la scrittura sull ultima copia sia illeggibile o quasi. Per eventuali correzioni, si rimanda all articolo 2219 del Codice Civile Tenuta della Contabilità secondo il quale - tutte le scritture devono essere tenute secondo le norme di una ordinata contabilità, senza spazi in bianco, senza interlinee e senza trasporti in margine. Non vi si possono fare abrasioni e, se è necessaria qualche cancellazione, questa deve eseguirsi in modo che le parole cancellate siano leggibili. E pertanto da evitare l utilizzo del correttore (bianchetto) e della gomma per cancellare.[90] Il FIR viene redatto, dal produttore, o dal detentore dei rifiuti, o dal soggetto che effettua il trasporto, in quattro copie, compilate, datate e firmate dal produttore / detentore dei rifiuti e controfirmato dal trasportatore.una volta redatto, una copia rimane al detentore e le altre tre copie,due nel caso in cui il trasporto sia effettuato in conto proprio dal produttore, sono consegnate al trasportatore che provvederà, una volta giunto a destinazione, a farle controfirmare e datare dal destinatario, al quale lascerà una copia, trattenendo le altre due e provvedendo poi a trasmetterne una al produttore / detentore ed a conservarne una agli atti propri.[91] La riconsegna deve avvenire anche a cura del destinatario entro tre mesi dalla data di conferimento dei singoli rifiuti al trasportatore, magari unitamente alla fattura per gli oneri di smaltimento o di trasporto.e opportuno conservare allegate alla fattura le copie dei FIR e gli originali unitamente ai registri di C.S.I formulari di identificazione rifiuto devono essere conservati per cinque anni e vanno conservati unitamente ai registri di carico e scarico, se ne è previsto l obbligo, nel luogo in cui sono tenuti i predetti registri.[92] Ove non previsto l obbligo del registro di carico e scarico rifiuti i formulari dovranno essere conservati in

6 ordine progressivo relativamente alle date in cui sono stati effettuati i trasporti. Per attuare la necessaria integrazione tra i registri di carico e scarico rifiuti ed i formulari di identificazione rifiuto il produttore/detentore, il trasportatore, ed il destinatario dei rifiuti, dovranno apporre il proprio numero di registro sulla copia del formulario che rimane in loro possesso. Poiché le annotazioni sul registro devono rispettare precise cadenze temporali si ritiene che anche l annotazione del numero di registrazione sul registro di carico e scarico debba rispettare i predetti tempi.[93] La prima deroga all utilizzo del F.I.R. riguarda il trasporto dei rifiuti urbani purché effettuato dal soggetto che gestisce il servizio pubblico ed il trasporto di rifiuti non pericolosi effettuato dal produttore dei rifiuti stessi, in modo occasionale e saltuario, che non eccedano la quantità di trenta chilogrammi o trenta litri.per trasporto dei rifiuti urbani si intende quello effettuato dal gestore del servizio pubblico nel territorio del comune o dei comuni per conto dei quali il servizio è gestito.l esonero è applicabile anche quando il trasporto è effettuato al di fuori del comune o dei comuni per i quali è svolto il servizio quando ricorrono entrambe le seguenti condizioni: 1. i rifiuti siano conferiti ad impianti di recupero o di smaltimento indicati nell atto di affidamento del servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti urbani (ed a tal fine si ritiene che il concessionario del servizio di raccolta di rifiuti urbani e/o di frazioni differenziate di rifiuti urbani debba dotare ogni veicolo adibito al trasporto di una copia dell atto di affidamento della gestione dal quale risulti, appunto, l impianto cui sono destinati i rifiuti); 2. il conferimento di tali rifiuti ai predetti impianti sia effettuato direttamente dallo stesso mezzo che ha effettuato la raccolta. Resta fermo che il trasporto dei rifiuti urbani effettuato da un centro di stoccaggio a un centro di smaltimento o recupero deve essere sempre accompagnato dal formulario di identificazione.[94] Sono esonerati dall obbligo del formulario di identificazione rifiuto i soggetti che effettuano raccolta e trasporto in forma ambulante purché abilitati alla attività medesima e limitatamente ai rifiuti che formano oggetto del loro commercio.[95] Nel caso di spedizioni trasfrontaliere il FIR è sostituito, anche nel tratto di territorio nazionale, dai documenti previsti dalla normativa comunitaria.[96] La compilazione del FIR è esclusa nel caso in cui si movimentino fanghi destinati all agricoltura di cui al d.lgs 99/92, compatibilmente con la disciplina del Reg. CEE 259/1993 del 1 febbraio 1993 relativo alle spedizioni trasfrontaliere di rifiuti.[97] Per i rifiuti di cui al Reg. CEE 1774/2002, nel caso di operatori soggetti all obbligo del registro di carico e scarico rifiuti, il FIR è sostituito dal Documento di Trasporto.[98] La microraccolta dei rifiuti, intesa come la raccolta dei rifiuti da parte di un unico raccoglitore o trasportatore presso più produttori o detentori svolta con lo stesso automezzo, deve essere effettuata nel più breve tempo tecnicamente possibile. Nei formulari di identificazione dei rifiuti devono essere indicate, nello spazio relativo al percorso, tutte le tappe intermedie previste. Nel caso in cui il percorso dovesse subire delle variazioni, nello spazio relativo alle annotazioni deve essere indicato a cura del trasportatore il percorso realmente effettuato.[99] La sosta durante il trasporto dei rifiuti caricati per la spedizione all interno dei porti e degli scali ferroviari, delle stazioni di partenza, di smistamento e di arrivo, gli stazionamenti dei veicoli in configurazione di trasporto, nonché le soste tecniche per le operazioni di trasbordo non rientrano nelle attività di stoccaggio così come definite all articolo 183, comma 1, lettera l), purché le stesse siano dettate da esigenze di trasporto e non superino le quarantotto ore, escludendo dal computo i giorni interdetti alla circolazione.[100] Il formulario di identificazione dei rifiuti sostituisce a tutti gli effetti il modello F di cui al D.M. 392/1996 Regolamento recante norme tecniche relative alla eliminazione degli oli usati.[101] Resta obbligatorio il rispetto delle norme che disciplinano l etichettatura e l imballaggio dei rifiuti pericolosi e le norme tecniche che disciplinano le attività di trasporto dei rifiuti.[102] Aspetti sanzionatori Le sanzioni relative violazioni circa la corretta compilazione e tenuta dei F.I.R. sono indicate nell articolo 258 Violazione degli obblighi di comunicazione, di tenuta dei registri obbligatori e dei formulari commi 2, 3, 4 e 5 del d.lgs 152/2006 che recitano testualmente [103]: FORMULARI Chiunque effettua il trasporto dei rifiuti senza il formulario di cui all articolo 193 ovvero indica nel formulario stesso dati incompleti o inesatti è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da milleseicento euro a

7 novemilatrecento euro. Si applica la pena di cui all articolo 483 del codice penale nel caso di trasporto di rifiuti pericolosi. Tale ultima pena si applica anche a chi, nella predisposizione di un certificato di analisi di rifiuti, fornisce false indicazioni sulla natura, sulla composizione e sulle caratteristiche chimico-fisiche dei rifiuti e a chi fa uso di un certificato falso durante il trasporto.si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da duecentosessanta euro a millecinquecentocinquanta euro se le indicazioni di cui al comma 3 sono formalmente incomplete o inesatte ma contengono tutti gli elementi per ricostruire le informazioni dovute per legge, nonché nei casi di mancato invio alle autorità competenti e di mancata conservazione dei registri di cui all articolo 190, comma 1, o del formulario di cui all articolo 193. Ai fini sanzionatori intendiamo quindi: Chiunque il produttore od il trasportatore ai quali spetta la redazione del formulario e che con la sottoscrizione ne assumono la responsabilità della correttezza dei dati sopra indicati e concorrono nella predetta violazione quando siano due soggetti distinti; Dati incompleti od inesatti Si ritiene debbano intendersi le irregolarità le omissioni totali o parziali commesse nell indicazione dei dati previsti per legge, indicati nell articolo 193 del d.lgs 152/06 e precisamente: Nome ed indirizzo del produttore e del detentore; Origine, tipologia e quantità del rifiuto; Impianto di destinazione; Data e percorso dell istradamento; Nome ed indirizzo del destinatario La sanzione amministrativa pecuniaria che è identica per la totale o parziale omissione è oggi compresa tra ed (pagamento in misura ridotta pari al terzo del massimo cioè ad 3.100); La pena di cui all articolo 483 C.P. (Falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico) è la reclusione fino a due anni; Nel caso di indicazioni formalmente incomplete od inesatte (altre notizie diverse da quelle di cui sopra ) o nel caso di mancata conservazione dei formulari la sanzione da applicare è pari ad 516, 67 (terzo del massimo). Si applica una sanzione per ogni formulario riscontrato irregolare e poiché i formulari costituiscono parte integrante dei registri di carico e scarico si potrebbe anche applicare la violazione relativa alla regolare tenuta dei registri di carico e scarico. Responsabilità del produttore: Gli oneri relativi alle attività di smaltimento sono a carico del detentore che consegna i rifiuti ad un raccoglitore autorizzato o ad un soggetto che effettua le operazioni di smaltimento, nonché dei precedenti detentori o del produttore dei rifiuti. Il produttore dei rifiuti speciali assolve i propri obblighi con le seguenti priorità:1. All autosmaltimento dei rifiuti;2. Al conferimento dei rifiuti a terzi autorizzati ai sensi delle disposizioni vigenti;3. Al conferimento dei rifiuti ai soggetti che gestiscono il servizio pubblico di raccolta dei rifiuti urbani, con i quali sia stata stipulata apposita convenzione;4. All utilizzazione del trasporto ferroviario di rifiuti per distanze superiori a trecentocinquanta chilometri e quantità eccedenti le venticinque tonnellate;5. All esportazione dei rifiuti secondo le norme vigenti; La responsabilità del produttore / detentore per il corretto recupero o smaltimento dei rifiuti è esclusa quando i rifiuti vengono consegnati al servizio pubblico di raccolta oppure nel caso di conferimento a soggetti autorizzati alle attività di recupero o smaltimento quando il produttore / detentore abbia ricevuto dal trasportatore la quarta copia controfirmata e datata dal destinatario del rifiuto entro tre mesi dalla data di conferimento dei rifiuti al trasportatore.decorsi i tre mesi il produttore / detentore ha l obbligo di comunicare alla Provincia di appartenenza la mancata ricezione del formulario.il termine dei tre mesi è elevato a sei ed il

8 destinatario della comunicazione è la Regione di appartenenza nel caso di spedizioni trasfrontaliere. La responsabilità è esclusa anche nel caso di affidamento dell attività di deposito temporaneo effettuata nel luogo di produzione del rifiuto ad un terzo purché autorizzato alla gestione dei rifiuti.nel caso in cui i rifiuti vengano conferiti a soggetti autorizzati alle operazioni di raggruppamento, ricondizionamento e deposito preliminare di rifiuti così come definiti ai punti (D13, D14 e D15 dell allegato B), operazioni intermedie rispetto allo smaltimento finale vero e proprio, la responsabilità dei produttori per il corretto smaltimento è esclusa se oltre ad aver ricevuto la quarta copia del F.I.R. abbiano ricevuto il certificato di avvenuto smaltimento rilasciato dal titolare dell impianto che effettua le operazioni di smaltimento dai punti da D1 a D12 così come definite nell allegato B (operazioni di smaltimento). Le modalità di attuazione dovranno essere definite con decreto del Ministero dell Ambiente e della tutela del territorio.[104] RIFERIMENTI NORMATIVI 1. Decreto Legislativo 5 febbraio 1997 n 22 Attuazione delle direttive 91/156/CEE sui rifiuti, 91/689/CEE sui rifiuti pericolosi e 94/62/CE sugli imballaggi e rifiuti da imballaggio; 2. Decreto del Ministero dell ambiente 1 aprile 1998 n 145 Regolamento recante la definizione del modello e dei contenuti del formulario di accompagnamento dei rifiuti ai sensi degli articoli 15, 18, comma 2 e comma 4, del decreto legislativo 5 febbraio 1997 n 22 Decreto Ministeriale 1 aprile 1998 n 148; 3. Circolare 4 agosto 1998 n GAB/DEC/812/98 Circolare esplicativa sulla compilazione dei registri di carico e scarico dei rifiuti e dei formulari di accompagnamento dei rifiuti trasportati individuati, rispettivamente, dal decreto ministeriale 1 aprile 1998 n 145, e dal decreto ministeriale 1 aprile 1998 n 148; 4. Decreto Legislativo 30 aprile 1998 n 173 Disposizione in materia di contenimento dei costi di produzione e per il rafforzamento strutturale delle imprese agricole, a norma dell articolo 55, commi 14 e 15 della legge 27 dicembre 1997 n 449 Articolo 3 5. Decreto legislativo 3 aprile 2006 n Norme in materia ambientale e succ. mod. ed integr. Il D.lgs 22/97 è stato abrogato, gli atti di cui ai punti 2 e 4 restano in vigore fino alla emanazione della nuova disciplina. NOTA: La presente elaborazione è frutto di una prima lettura della nuova normativa e potrebbe subire variazioni a seguito di una più attenta revisione e degli orientamenti giurisprudenziali che saranno assunti. Le disposizioni hanno carattere generale e potrebbero subire variazioni per specifiche tipologie di rifiuti. E opportuno, e per ciò anticipatamente si ringrazia, che chiunque ravvisi discordanze, imprecisioni o lacune rispetto al dettato normativo lo segnali all autore per una sempre migliore e corretta informazione.si declina infine qualsiasi responsabilità derivante da un suo improprio fermo restando l efficacia giuridica dei provvedimenti pubblicati.

REGISTRO DI CARICO E SCARICO

REGISTRO DI CARICO E SCARICO REGISTRO DI CARICO E SCARICO Registro di carico e scarico Soggetti obbligati Gestione dei rifiuti chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti commercianti ed intermediari

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI GUIDA PRATICA PER IL FARMACISTA BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI La vendita o cessione, a qualsiasi titolo, anche gratuito, delle sostanze e dei medicinali compresi nelle tabelle I e II, sezioni A, B e C, è

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE settore antincendio Maggio 2011 Al fine di contribuire a un adeguata gestione dello smaltimento dei rifiuti prodotti durante l attività di manutenzione,

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI LA LEGGE nr. 53/1994 La legge 53/1994 ha inserito nel nostro ordinamento la facoltà, per gli avvocati, di notificare gli atti giudiziari. Consentendo

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 15 febbraio 2010. Modi che ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante: «Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di supporto

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM6BIS

ISTRUZIONI MOD.COM6BIS ISTRUZIONI MOD.COM6BIS COMMERCIO ELETTRONICO 2 AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM6BIS, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA DELLA CIRCOLARE, ALLA QUALE

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione 1)- PER UN VEICOLO ESPORTATO ALL'ESTERO E SUCCESSIVAMENTE REISCRITTO IN ITALIA DALLO STESSO INTESTATARIO QUALE IPT PAGA?: A - L'IPT si paga in misura proporzionale B - Non si paga IPT C - L'IPT si paga

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

ISTANZA DI PARTECIPAZIONE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA. All Università degli Studi di Bari ALDO MORO Piazza Umberto I n. 1 70121 Bari

ISTANZA DI PARTECIPAZIONE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA. All Università degli Studi di Bari ALDO MORO Piazza Umberto I n. 1 70121 Bari ISTANZA DI PARTECIPAZIONE E DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA All Università degli Studi di Bari ALDO MORO Piazza Umberto I n. 1 70121 Bari CIG: 55637729E4 Procedura aperta per l affidamento del servizio di raccolta,

Dettagli

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 "Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 -

SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 - Versione 10/04/15 SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 - Rifiuti dei Beni a base di Polietilene, Piazza di S. Chiara, 49 00186 ROMA) e (facoltativamente) anticipata mezzo fax Il richiedente... In persona del

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 9 DICEMBRE 2013 MISURE STRAORDINARIE PER LA PREVENZIONE E LA LOTTA AL FENOMENO DELL ABBANDONO E DEI ROGHI DI RIFIUTI

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 9 DICEMBRE 2013 MISURE STRAORDINARIE PER LA PREVENZIONE E LA LOTTA AL FENOMENO DELL ABBANDONO E DEI ROGHI DI RIFIUTI LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 9 DICEMBRE 2013 MISURE STRAORDINARIE PER LA PREVENZIONE E LA LOTTA AL FENOMENO DELL ABBANDONO E DEI ROGHI DI RIFIUTI IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA ART.1 - DEFINIZIONE DEL SERVIZIO Sono definiti

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Prot. n. 867/A39 Brescia, 03/02/2010 IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTA la legge 7 agosto 1990 n.241, e successive modificazioni; VISTO il T.U. delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI Sommario: 5064.0 QUADRO GENERALE 5064.1 ORARIO DI LAVORO 5064.1.1 Durata dell'orario di lavoro settimanale 5064.1.2 Riposi intermedi 5064.1.3

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

1. LE SEMPLIFICAZIONI NECESSARIE PERCHE IL SISTRI SIA UN SISTEMA A PORTATA DELLE IMPRESE 2

1. LE SEMPLIFICAZIONI NECESSARIE PERCHE IL SISTRI SIA UN SISTEMA A PORTATA DELLE IMPRESE 2 SISTRI 1. LE SEMPLIFICAZIONI NECESSARIE PERCHE IL SISTRI SIA UN SISTEMA A PORTATA DELLE IMPRESE 2. I NODI NORMATIVI E INTERPRETATIVI CHE ANCORA IMPEDISCONO IL CORRETTO FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI TRACCIAMENTO

Dettagli

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 15 dicembre 2010 Criteri per l iscrizione all Albo nella categoria 8: intermediazione e commercio dei rifiuti. IL COMITATO NAZIONALE Visto il decreto legislativo

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli