ISTITUTO COMPRENSIVO MICHELE BELLO - GESUMINO PEDULLA - AGNANA SIDERNO (RC)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO COMPRENSIVO MICHELE BELLO - GESUMINO PEDULLA - AGNANA SIDERNO (RC)"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO MICHELE BELLO - GESUMINO PEDULLA - AGNANA SIDERNO (RC) P.O.F. Piano dell Offerta Formativa a.s. 2013/2014

2 ISTITUTO COMPRENSIVO SIDERNO - AGNANA P.O.F. PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 2013/2014 ORGANO DI GOVERNO Triennio 2012/2015 CONSIGLIO D ISTITUTO 1 PIRRUCCIO VITO DIRIGENTE SCOLASTICO DI DIRITTO 2 PEZZANO FEDELE ELIO PRESIDENTE GENITORI 3 TROPEANO MARIA GRACIELA VICE PRESIDENTE GENITORI 4 CAIRO ROSINA CONSIGLIERE GENITORI 5 CORDI MARIA LUISA CONSIGLIERE GENITORI 6 LASCALA CINZIA CONSIGLIERE GENITORI 7 LIPPI ALESSANDRA CONSIGLIERE GENITORI 8 MEGNA MICHELA CONSIGLIERE GENITORI 9 PASQUALINO ROMINA CONSIGLIERE GENITORI 10 ANTICO CLAUDIA SEGRETARIO VERBALIZZATORE DOCENTI 11 COMMISSO CINZIA CONSIGLIERE DOCENTI 12 CERAVOLO ANNA MARIA CONSIGLIERE DOCENTI 13 GIANNINI TECLA CONSIGLIERE DOCENTI 14 LOMBARDO MARIA ALESSANDRA CONSIGLIERE DOCENTI 15 RICCIO RENATO CONSIGLIERE DOCENTI 16 ROMEO PISANA CONSIGLIERE DOCENTI 17 ROMEO VITTORIA CONSIGLIERE DOCENTI 18 D AGOSTINO ALBA CONSIGLIERE ATA 19 LONGO ROBERTO CONSIGLIERE ATA GIUNTA ESECUTIVA 1 PIRRUCCIO VITO DIRIGENTE SCOLASTICO DI DIRITTO 2 CARMEN DE LUCA DIRETTORE S.G.A. DI DIRITTO 3 CORDI MARIA LUISA COMPONENTE GENITORI 4 LOMBARDO MARIA ALESSANDRA COMPONENTE DOCENTI 5 D AGOSTINO ALBA COMPONENTE ATA

3 ISTITUTO COMPRENSIVO M. BELLO - G. PEDULLA - AGNANA P.O.F. PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 2013/2014 N. alunni 1157 N. alunni H 22 N. classi (Totale) 52 N. Classi Infanzia 14 (8 TN + 6 TR) N. Classi Primaria 21 (TR) N. Classi Secondaria 18 (13 TN + 5 TP) N. corsi musicali 1 N. docenti 102 N. personale ATA 26 Esperienze innovative in atto Arricchimento dell offerta formativa Integrazione 1 Indirizzo musicale 2 PON C1 Itinerari formativi (alunni) 3 PON FSE 3 in rete 1 Laboratori Musica insieme - Certificazione Trinity Certificazione Delf - Itinerari PON 2 Attività sportiva: Giochi della Gioventù 1 Visite guidate 2 Viaggi d istruzione 3 Accoglienza 4 Orientamento 3

4 FUNZIONE E CARATTERE DEL P.O.F. Il P.O.F. è il documento che contiene i criteri di utilizzazione delle risorse e le scelte culturali, organizzative e operative della Scuola nonché i traguardi di apprendimento delle singole classi, secondo le Indicazioni nazionali per il Curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo di istruzione. Nel suddetto documento, in linea con i principi di partecipazione, efficienza e trasparenza a cui fa riferimento la carta dei servizi, vengono esplicitati gli elementi significativi delle proposte educative della Scuola. Il P.O.F. è la dichiarazione dell operato della Scuola, in quanto stabilisce un contratto formativo tra docente ed allievo coinvolgendo l intero consiglio di classe, gli organi d Istituto, i genitori e gli Enti preposti ed interessati al servizio scolastico. Rappresenta per l Istituto uno strumento unico ed irripetibile, perché strutturato in funzione delle situazioni contingenti e specifiche del contesto territoriale e delle peculiari condizioni dell utenza. L analisi dei bisogni formativi e la rilevazione delle condizioni individuali degli utenti del servizio pubblico scolastico costituiscono gli atti preliminari ed indispensabili per l acquisizione delle informazioni generali e specifiche su cui impostare il P.O.F. d Istituto 4

5 SITUAZIONE SOCIO-AMBIENTALE Tappe significative dell evoluzione didattico-organizzativa della Scuola negli ultimi 5 anni Il nostro territorio continua ad essere caratterizzato da fenomeni di malessere sociale e carenti sono i servizi educativi di base e le strutture formative extrascolastiche. Negli ultimi anni è vero che sono aumentate le opportunità formative, si sono fortemente ridotti i tassi di analfabetismo strumentale e vi è una maggiore circolazione delle informazioni, grazie alla presenza dei media tradizionali e delle nuove tecnologie informatiche. Ma ciò non basta. Partendo dai bisogni del territorio, la Scuola ha perfezionato il metodo del programmare e di utilizzare vari strumenti di lavoro dando scientificità agli itinerari didattici, individuando obiettivi che offrano agli alunni le sollecitazioni necessarie ad acquisire conoscenze chiare e a sviluppare atteggiamenti di apertura e di disponibilità e ad assumere comportamenti consapevoli e coerenti. Attraverso percorsi di autovalutazione, la Scuola si è aperta e si è resa trasparente, lavorando con la consapevolezza che da essa parte il processo della trasformazione umana e culturale della comunità tutta. Rilevazione della specificità del territorio La città di Siderno presenta una struttura urbana moderna caratterizzata da strade larghe, grandi piazze e ampi spazi di verde pubblico. Con una popolazione di circa abitanti e la presenza di scuole di ogni ordine e grado, di banche, di uffici pubblici, di attività commerciali assume un ruolo leader nel comprensorio dell Alto Jonio reggino. La spiaggia, il mare, gli stabilimenti balneari, gli alberghi, le pensioni, i campeggi, fanno di Siderno una cittadina capace di ospitare flussi turistici italiani e stranieri. Le favorevoli condizioni climatiche consentono un tranquillo soggiorno in qualsiasi periodo dell anno. 1. Indagine ambientale Siderno è caratterizzata da una forte terziarizzazione della sua popolazione attiva. In particolare, per quanto riguarda l attività commerciale (sia vendita al dettaglio che all ingrosso) esiste una rete che, pur conservando inadeguatezze e carenze nelle aree interne, è sufficientemente distribuita nel centro urbano. Per alcuni generi commerciali, Siderno è punto di riferimento dei comuni interni. Accanto alle attività commerciali, funzionano le banche (BNL, CARIME, BANCO DI NAPOLI, MONTE DEI PASCHI DI SIENA, BANCA NUOVA s.p.a., BANCA POPOLARE DEL MEZZOGIORNO, BCC di CITTANOVA). Gli alberghi, le agenzie di viaggio e di informazione turistica si avvalgono delle professionalità esistenti sul territorio come hostess, guide, accompagnatori, transfert. La mancanza di attività industriali, di trasporti adeguati, la modesta partecipazione alla vita sociale e la presenza della criminalità sono i punti deboli del territorio. Le industrie sono poche, di piccole dimensioni e forniscono, prevalentemente, prodotti all edilizia. La viabilità e i trasporti limitano lo sviluppo del nostro territorio che è ancora isolato, emarginato e tagliato fuori dai circuiti nazionali ed internazionali. Il contributo dei cittadini al benessere sociale è limitato, non contribuiscono attivamente a migliorare l ambiente in cui vivono, si limitano a delegare le Istituzioni, le Associazioni e quanti mostrano volontà di fare. Tutto ciò genera degrado nella convivenza civile ed uno scadimento della qualità della vita individuale e collettiva. Si nota un progredire della mentalità della disobbedienza civile, della cultura della trasgressione che non permette di contrastare quel fenomeno che, in negativo, caratterizza la zona jonica: la criminalità mafiosa. Questa, negli ultimi anni, ha esteso il suo campo di azione infiltrandosi in una serie di attività economiche che le hanno consentito l acquisizione di un identità nuova, più congruente con meccanismi economici di tipo capitalistico. 5

6 2. Indagine socio-culturale La società sidernese è caratterizzata da molti giovani senza lavoro e da anziani in pensione. Rispetto ad altri comuni della locride, grazie all operosità dei cittadini, Siderno è tra i paesi meno arretrati e abbandonati del territorio, manifesta una certa sensibilità verso i problemi delle strutture, delle infrastrutture, della giustizia, dell occupazione, della crescita economica, sociale, civile e politica. Il rapporto tra operatori della scuola e alunni permette di acquisire informazioni sulle attività lavorative e lo status economico-sociale di una parte della comunità: vi è la piccola borghesia costituita da impiegati del terziario, commercianti e, in misura minore, artigiani; il proletariato, da operai e contadini; la parte elitaria della società da liberi professionisti, impiegati nei vari settori della vita pubblica e sociale (medici, avvocati, notai, commercialisti, tecnici, ingegneri ed architetti). In bilico fra una occupazione periodica e precaria e la disoccupazione sono i lavoratori socialmente utili. Le categorie più deboli (extracomunitari, anziani, giovani ammalati, emarginati, portatori di handicap) sono tenute in considerazione e accettate. Esistono numerosi casi di tossicodipendenza, spesso non dichiarati poiché le famiglie, anche se con grande sofferenza, temono di far compartecipe la comunità dello status del congiunto. I disoccupati (30% circa), alcuni dei quali vivono in condizioni penose perché, non avendo come provvedere a se stessi e alla propria famiglia, si trovano a dover dipendere dall aiuto di un anziano congiunto pensionato e/o a fare affidamento sulla solidarietà collettiva. Molti svolgono lavoro in nero, perciò, non dichiarano alcun reddito, ma evidenziano un tenore di vita decoroso. Il senso della giustizia è, fatta salva la pace dei buoni, per la maggior parte inteso più come richiesta e difesa dei diritti reali o presunti che come espletamento dei doveri sociali e civili. Per questo, nella scuola viene data grande importanza all educazione alla legalità ed al senso del rispetto per le Istituzioni. 3. Indagine sui risultati scolastici degli anni precedenti La scuola riveste un importanza fondamentale nell acculturazione, accoglienza, socializzazione e formazione complessiva della personalità dei giovani. Nella nostra zona, essa assume un ruolo rilevante anche perché il Comune non offre eguali opportunità, in termini di dotazioni di servizi e di impianti pubblici, ai giovani che vivono nelle zone centrali ed a quelli che vivono nelle contrade. Per questo motivo e in ottemperanza alle leggi sull autonomia, ci si impegna affinché tra scuola e società, tra sistema formativo e sistema sociale, ci sia un rapporto di complementarietà, interdipendenza ed integrazione per elevare il livello dell offerta scolastica, per aumentare la qualità del prodotto favorendo la diffusione di iniziative sperimentali legate alle innovazioni pedagogiche e didattiche. La ricerca ed i progetti sono attività indispensabili: la ricerca trova il suo fondamento nella disponibilità a misurarsi con i problemi, nel programmare un itinerario didattico su basi scientifiche, nell individuare obiettivi idonei ad acquisire conoscenze chiare e sviluppare comportamenti di apertura e disponibilità verso gli altri; il progetto è una strategia di insegnamento vincente nel quadro di un sistema educativo aperto. Sono stati elaborati nella nostra scuola dei progetti, ossia campi vitali di apprendimento, che consentono agli alunni di osservare direttamente, di esplorare fatti al di là della loro diretta esperienza e di arrivare operando alla scoperta di nuove realtà. L attività di indagine nel mondo circostante aiuta ad acquisire in modo più stimolante le conoscenze di base e ad interiorizzare valori che preparano alla vita futura. Questo nuovo modo di lavorare ha dato dei risultati positivi, si rileva, infatti, l acquisizione da parte degli alunni di comportamenti rispettosi delle regole, dei materiali e dell ambiente in genere e di collaborazione con i compagni e con i docenti. La frequenza è assidua da parte della maggioranza degli allievi; manca in alcuni l impegno domestico necessario agli approfondimenti ed all acquisizione di un metodo di studio autonomo. Dal rapporto scuola-famiglia si evince che le famiglie, di tipo nucleare o aperto, tendono ad essere, prevalentemente, permissive, a privilegiare più i bisogni materiali che quelli relativi all educazione e alla formazione dei propri figli. Esse spesso delegano la scuola a questo difficile compito, non perché non siano in grado di svolgerlo, ma perché assorbite totalmente in altre attività. Sono sempre più numerosi i genitori separati ed i figli vivono il disagio familiare che ne deriva. 6

7 4. Indagine sulle motivazioni, sugli interessi e sulle aspettative I bambini e gli adolescenti si trovano a vivere una dimensione che li porta ad affrontare i problemi propri della dinamica evolutiva: devono mediare e confrontare fatti, esigenze ed impegni che si propongono spesso in modo drammatico e del tutto nuovo. Maturazione fisica, relazioni con i coetanei, partecipazione a gruppi, confronto con l altro sesso, rapporti con le istituzioni sociali, scelte dei valori, programmi per l avvenire, sono le variabili che connotano il processo evolutivo adolescenziale. Nella nostra zona la condizione psicologica di naturale insicurezza del ragazzo tende ad acuirsi, fino ad assumere intensità preoccupante, poiché i contesti sociali, familiari e relazionali in genere, non garantiscono i necessari apporti, sia in termini di validi modelli identificatori, sia in termini di occasioni comunitarie realmente socializzanti. Ciò è causa del disagio giovanile, substrato psicologico che alimenta e provoca, nei casi estremi, violenza e criminalità. L esistenza dei giovani non sembra ruotare attorno a valori fondanti, universali, che indirizzano e danno senso globale alla quotidianità, ma emerge l affermazione della soggettività, l orientamento verso scelte non positive e la difficoltà ad individuare vere opportunità di crescita. La scuola si trova a sollecitare motivazioni ed interessi, a colmare varie inadempienze di ambiente, società e famiglia, ma non sempre dispone dei mezzi necessari per un efficace orientamento giovanile. 7

8 LA SCUOLA La scuola ha il compito di offrire conoscenze e competenze culturali e di stimolare gli alunni all impegno sociale e civile. Essa pone in primo piano l allievo in quanto persona, ha un ruolo centrale nei processi culturali e formativi, e si pone come soggetto intermedio tra Stato e Comunità locale, tra famiglia e allievo, come realtà viva e animata da quanti in essa operano e con essa interagiscono. E necessario che famiglia, scuola e ambiente extrascolastico interagiscano armonicamente. I genitori nella nostra zona presentano un buon grado di scolarizzazione; il rapporto titolo di studio ed attività lavorativa rispecchia quanto si verifica in campo nazionale, non ha, cioè, sempre una corrispondenza. Il mercato del lavoro spesso non dà l opportunità di sfruttare la qualifica del corso di studio conseguito e per ovviare a ciò sono stati istituiti corsi di formazione professionale e di riqualificazione. Il mondo del lavoro, oggi, richiede buone conoscenze di base e competenze da riconvertire in qualunque momento e situazione. E importante sollecitare i genitori a partecipare alla vita della scuola affinché esercitino pienamente un loro diritto. Famiglia e Scuola devono inoltre confrontarsi, avere frequenti scambi di informazioni con incontri periodici. La famiglia deve mettere a disposizione della scuola ogni notizia utile per rendere efficace l intervento formativo. Umane e professionali Risorse interne PERSONALE DOCENTE SCUOLA PRIMARIA DOCENTI CURRICULARI N 25 DOCENTI LINGUA 2 N 2 + h. 12 DOCENTI SOSTEGNO N 4 DOCENTE RELIGIONE N 3 SITUAZIONE PLESSI SCUOLA PRIMARIA BELLO VENN. SID. SUP AGNANA DOCENTI SCUOLA PRIMARIA DOCENTI SOSTEGNO SCUOLA PRIMARA 2 DOCENTI RELIGIONE 3 DOCENTI LINGUA 2 IMPEGNATI SU PIU PLESSI 1 SCUOLA DELL INFANZIA DOCENTI CURRICOLARI N 22 DOCENTI SOSTEGNO N 1 DOCENTI RELIGIONE N 1 SITUAZIONE PLESSI SCUOLA DELL INFANZIA RAND TRIESTE VENN SID. SUP DOCENTI CURR. SCUOLA DELL INFANZIA DOCENTI SOSTEGNO DELL INFANZIA h6 0 h6 0 DOCENTE RELIGIONE TUTTI I PLESSI 1 SITUAZIONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO SIDERNO DOCENTI LETTERE N 11 DOCENTI MATEMATICA N 7 DOCENTI INGLESE N 3 DOCENTI FRANCESE N 2 DOCENTI ARTE E IMMAGINE N 2 DOCENTI MUSICA N 2 DOCENTI SCIENZE MOTORIE N 2 DOCENTI RELIGIONE N 2 DOCENTI TECNOLOGIA N 2 DOCENTI SOSTEGNO N 4 + h9 DOCENTI DI STRUMENTO MUSICALE N 5 8

9 SITUAZIONE SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO AGNANA DOCENTI LETTERE N 1 DOCENTI MATEMATICA N 1 DOCENTI INGLESE N 1 DOCENTI FRANCESE N 1 DOCENTI ARTE E IMMAGINE N 1 DOCENTI MUSICA N 1 DOCENTI SCIENZE MOTORIE N 1 DOCENTI RELIGIONE N 1 DOCENTI TECNOLOGIA N 1 DOCENTI SOSTEGNO N 0 PERSONALE NON DOCENTE PERSONALE ATA DIRETTORE SERVIZI AMMINISTRATIVI N 1 ASSISTENTI AMMINISTRATIVI N 6 COLLABORATORI SCOLASTICI N 19 Umane e professionali Risorse esterne Esperti sulla base di accordi di programma Collaborazione con: Pro Loco, Consultorio, Difensore Civico, Associazioni locali Collegamento Internet ADSL (garantito dal Comune) Giornali locali FUNZIONI STRUMENTALI Competenze generali richieste a) Organizzare il lavoro, al fine del raggiungimento degli obiettivi programmati b) Progettare attività c) Applicare le politiche scolastiche, per favorire la diffusione delle innovazioni e la ricerca nel campo metodologico e didattico d) Conoscere gli strumenti e le tecniche di valutazione dei risultati raggiunti e) Coordinare il processo di attuazione dei progetti, garantendo un adeguata diffusione delle informazioni Il Collegio dei docenti ( nelle sedute del 02/9/2013 e del 13 /9/2013) individua QUATTRO aree per le Funzioni Strumentali al POF così ripartite: F.S. n. 1 Gestione e valutazione del POF: Attività specifiche a) Coordinare i gruppi di lavoro per l elaborazione, l organizzazione e l attuazione del POF b) Coordinare le attività di programmazione e progettazione, favorendo un clima di collaborazione, suggerendo modalità operative c) Curare la pubblicizzazione ed il coordinamento di eventuali progetti europei d) Formulare proposte e) Distribuire questionari e raccogliere i dati relativi all autovalutazione d istituto (docenti ATA) f) Relazionare al collegio dei docenti sullo stato/svolgimento dell area g) Fungere da raccordo tra il C.D. il C. d I. ed il D.S., per consentire forme di interazione indispensabili per l attuazione dell autonomia 9

10 F.S. n. 2/a Sostegno al lavoro del personale docente-settore primaria e infanzia: Attività specifiche a) Individuare i bisogni formativi dei docenti per il Piano di formazione b) Individuare le priorità riguardo alle iniziative di formazione c) Gestire il piano di formazione ed aggiornamento (compreso il monitoraggio dei risultati) d) Accogliere i colleghi nuovi arrivati e coordinare le attività di tutoraggio per gli insegnanti in anno di prova e) Raccogliere materiali di supporto alla didattica prodotti nei corsi di formazione, nelle riunioni di dipartimento e nei consigli di classe per la diffusione interna e per l archiviazione. f) Valutare l efficacia dei progetti realizzati g) Distribuire le prove di verifica; raccogliere i dati del monitoraggio iniziale e finale delle competenze degli alunni h) Curare la pubblicizzazione ed il coordinamento di eventuali progetti europei i) Relazionare al collegio dei docenti sullo stato/svolgimento dell area j) Fungere da raccordo tra il C.D. il C. d I. ed il D.S., per consentire forme di interazione indispensabili per l attuazione dell autonomia F.S. n. 2/b Sostegno al lavoro del personale docente-settore secondario di I grado: Attività specifiche a) Individuare i bisogni formativi dei docenti per il Piano di formazione b) Individuare le priorità riguardo alle iniziative di formazione c) Gestire il piano di formazione ed aggiornamento (compreso il monitoraggio dei risultati) d) Accogliere i colleghi nuovi arrivati e coordinare le attività di tutoraggio per gli insegnanti in anno di prova e) Raccogliere materiali di supporto alla didattica prodotti nei corsi di formazione, nelle riunioni di dipartimento e nei consigli di classe per la diffusione interna e per l archiviazione. f) Valutare l efficacia dei progetti realizzati g) Distribuire le prove di verifica; raccogliere i dati del monitoraggio iniziale e finale delle competenze degli alunni h) Curare la pubblicizzazione ed il coordinamento di eventuali progetti europei i) Relazionare al collegio dei docenti sullo stato/svolgimento dell area j) Fungere da raccordo tra il C.D. il C. d I. ed il D.S., per consentire forme di interazione indispensabili per l attuazione dell autonomia F. S. n. 3/a Interventi e servizi per gli studenti - settore primaria e infanzia: Attività specifiche a) Stesura del patto di corresponsabilità b) Accertare i bisogni formativi degli studenti c) Individuare gli allievi con difficoltà di inserimento nel contesto scolastico (stranieri, disagio, alunni diversamente abili) e creare idonei percorsi al fine della loro integrazione d) Individuare le eccellenze e strutturare percorsi per il rafforzamento e lo sviluppo e) Coordinare uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione f) Predisporre attività alternative per le classi il cui docente potrebbe essere assente (allestire un progetto di massima) g) Individuare le iniziative rilevanti da segnalare al D.S. e alla F.S. n. 1 per la pubblicizzazione h) Relazionare al collegio dei docenti sullo stato/svolgimento dell area i) Fungere da raccordo tra il C.D. il C. d I. ed il D.S., per consentire forme di interazione indispensabili per l attuazione dell autonomia F. S. n. 3/b Interventi e servizi per gli studenti - settore secondario di I grado: Attività specifiche a) Stesura del patto di corresponsabilità b) Accertare i bisogni formativi degli studenti c) Individuare gli allievi con difficoltà di inserimento nel contesto scolastico (stranieri, disagio, alunni diversamente abili) e creare idonei percorsi al fine della loro integrazione d) Individuare le eccellenze e strutturare percorsi per il rafforzamento e lo sviluppo e) Coordinare uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione f) Predisporre attività alternative per le classi il cui docente potrebbe essere assente (allestire un progetto di massima) g) Individuare le iniziative rilevanti da segnalare al D.S. e alla F.S. n. 1 per la pubblicizzazione h) Relazionare al collegio dei docenti sullo stato/svolgimento dell area i) Fungere da raccordo tra il C.D. il C. d I. ed il D.S., per consentire forme di interazione indispensabili per l attuazione dell autonomia 10

11 F.S. n. 4 Area della comunicazione e rapporti Enti esterni: Attività specifiche a) Favorire la comunicazione con le famiglie e i rapporti con Enti ed Istituzioni esterni alla scuola b) Organizzare e coordinare materiale da pubblicare sul sito Web della Scuola c) Realizzare progetti formativi d intesa con Enti ed Istituzioni alla scuola d) Organizzare manifestazioni ed eventi d Istituto o con altri Enti, pubblicizzare le attività della scuola utilizzando i canali di informazione e curare l eventuale rassegna stampa e) Individuare progetti Europei, Nazionali, Regionali, Provinciali e locali f) Predisporre azioni di continuità e orientamento con le scuole del territorio g) Relazionare al collegio dei docenti sullo stato/svolgimento dell area h) Fungere da raccordo tra il C.D. il C. d I. ed il D.S., per consentire forme di interazione indispensabili per l attuazione dell autonomia COMMISSIONI PER IL SUCCESSO FORMATIVO Tipologia Continuità/Orientamento Valutazione, monitoraggio degli apprendimenti Gruppo H G.I.O. Funzione Coordinamento tra ordini interni di scuola e attività di raccordo con altri ordini di scuola Somministrazione dei test INVALSI Lettura e riflessione sui risultati Coordinamento delle attività di integrazione Viaggi d istruzione Predisposizione e coordinamento attività Referente di progetto Competenze richieste: Competenze ideative e manageriali: a) individuare risorse umane e materiali, finanziarie b) assegnare compiti, stabilire criteri, stabilire chi, come, entro quale tempo c) coordinare il processo di attuazione dei progetti, garantendo un adeguata diffusione delle informazioni d) valutare gli esiti e le ricadute Competenze psicosociali: a) sensibilizzazione di tutti gli operatori scolastici b) conduzione produttiva delle riunioni c) gestione delle relazioni interpersonali all insegna della promozione della collaborazione e della comunicazione corretta 11

12 Attività progettuali Tipologia Ambito di riferimento Referenti 1. Riciclando con fantasia Ed. ambientale SANSOTTA ANNA RITA 2. Tutti in scena - Laboratorio Teatrale Linguistico GIANNINI TECLA 3. Sulle tracce dei Carafa Storico- artistico GIANNINI TECLA 4. La regola ti salva la vita Ed. Stradale ESPOSITO ROSALBA 5. Insieme si può.per l albero del sorriso Solidarietà POLITO LIDIA 6. Mega Mat - Giocando con i numeri Area scientifica MARCELLINI SILVIA 7. Mega Mat - Giocando con i numeri Area scientifica LOMBARDO ITALA 8. Maestra, mi scappa un verso! Aea linguistica LOMBARDO SANDRA 9. Plasmando creando Area artistica PISCIONERI RITA 10. Educazione alla salute Area scientifico tecnologica ROMEO MARILENA 11. Educazione alimentare- progetto GOEL Area scientifico tecnologica ROBERTO ANTONELLA+ 12. Consiglio dei ragazzi - Adotta un diritto Cittadinanza attiva COMMISSO RITA 13. Educazione Interculturale Storico Linguistica GIANNINI TECLA 14. Progetto solidarietà Ed. alla solidarietà MARTELLI ROSA 15. Educazione alla Sicurezza Area tecnologica ASPREA VINCENZO 16. Coro del corso ad indirizzo musicale Linguaggi alternativi PEDULLÀ ANTONIO FABIO 17. Laboratorio Musica insieme Linguaggi alternativi 18. Orchestra corso musicale Linguaggi alternativi ARENA- GULLACE- PASSERELLI- 19. Palketto Stage Inglese/francese DOCENTE PRIMARIA-CARBONE 20. Monitoraggio Apprendimento alunni Monitoraggio PATRIZIA 21. Monitoraggio Rete F.A.R.O. Monitoraggio 22. INVALSI Monitoraggio ANTICO CLAUDIA 23. Viaggi d istruzione e Visite guidate Approfondimento ASPREA-CARPENTIERI +PRIMARIA 24. Orientamento e Continuità Accoglienza/Orient. FERRERI MARCELLA 25. Giochi della gioventù Scienze motorie CARPENTIERI-TUCCIO 26. Esprimere il corpo in armonia Scienze motorie MONTELEONE TERESA VOZZO I genitori e gli studenti Partecipano consapevolmente e responsabilmente al progetto della scuola ed esprimono esigenze ed aspettative; essi costituiscono il raccordo tra la realtà interna della scuola ed il territorio e si collocano all interno dei processi che portano alle decisioni. Leggono, condividono e sottoscrivono il Patto di Corresponsabilità. 12

13 Quadro riassuntivo delle azioni e delle responsabilità Azione Soggetto responsabile Collaborazioni Verifica dei bisogni Collegio dei Docenti Enti locali Associazioni Genitori Studenti Indirizzi generali finalizzati alla stesura del POF Consiglio d Istituto/ Commissario straordinario Associazioni Tutte le componenti scolastiche Proposte e pareri Genitori e studenti Associazioni Organizzazioni Elaborazione e formulazione del POF Collegio dei Docenti Personale ATA Approvazione Consiglio d Istituto/ Commissario straordinario 13

14 Tempo Scuola SCUOLA DELL INFANZIA SEDE DI VIA RANDAZZO n. 7 sezioni (n. 4 h. 8.00/ n. 3 h. 8.00/13) SEDE DI VIA TRIESTE n. 5 sezioni (n. 3 h. 8.00/ n. 2 h. 8.00/13.00) SEDE DI VENNARELLO n. 1 sezione (h. 8.00/13.00) SEDE DI SIDERNO SUPERIORE n. 1 sezione (h. 8.00/16.00) SCUOLA PRIMARIA SEDE DI VIA TURATI (M. BELLO) n. 14 classi (h. 8.00/13.00) SEDE DI SIDERNO SUPERIORE n. 2 pluriclassi (h. 8.00/13.00) SEDE DI VENNARELLO n. 2 pluriclassi (h. 8.00/13.00) SEDE DI AGNANA n. 2 pluriclassi (h. 8.00/13.00) SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO SEDE DI VIA REGGIO n. 12 classi (h. 8.00/13.00) n. 5 classi (h. 8.00/ mercoledì e venerdì h. 8.00/16.00) SEDE DI AGNANA n. 1 pluriclasse h. 8,00 / 13,00 ORARIO FUNZIONAMENTO DELLA SCUOLA L orario di funzionamento della scuola è così articolato: SCUOLA INFANZIA TEMPO NORMALE Da lunedì a venerdì 8,00-16,00 TEMPO RIDOTTO 8,00-13,00 Sede: (tempo modulare 30 ore settimanali) SCUOLA PRIMARIA Da lunedì a Sabato orario: 8,00-13,00 1 a Ora 8,00-9,00 2 a Ora 9,00-10,00 Intervallo 10,00-10,15 3 a Ora 10,00-11,00 4 a Ora 11,00-12,00 5 a Ora 12,00-13,00 14

15 SCUOLA SECONDARIA di PRIMO GRADO TEMPO PROLUNGATO - 36 ORE SETTIMANALI TEMPO NORMALE 30 ORE SETTIMANALI MERCOLEDI - VENERDI orario: LUNEDI-MARTEDI-GIOVEDI-SABATO Orario: dal LUNEDI al SABATO orario: a Ora a Ora a Ora 8,00-9,00 2 a Ora a Ora a Ora 9,00-10,00 Intervallo 09, Intervallo 09, Intervallo 10,00-10,15 3 a Ora a Ora a Ora 10,00-11,00 4 a Ora a Ora a Ora 11,00-12,00 5 a Ora a Ora a Ora 12,00-13,00 Mensa a Ora a Ora

16 Per una nuova cittadinanza Gli alunni al termine del primo ciclo d istruzione dovranno dimostrare di essere stati formati per la vita avendo acquisito quegli strumenti di autonomia, di capacità di scegliere il bene personale che abbia una ricaduta anche sociale. La scuola dovrà documentare che il rapporto Scuola-Famiglia è servito non a risolvere problemi specifici e contingenti, ma ha dato una forte spinta alla progettualità dell allievo, facendo emergere i veri valori delle relazioni che ogni giorno l allievo dovrà incontrare e vivere. La Scuola pertanto deve: Formare cittadini che siano nello stesso tempo cittadini italiani, europei e del Mondo. Promuovere, sul piano culturale ed etico, la conoscenza degli ambienti che rendono diversi gli uomini dal punto di vista etico, politico e religioso favorendo un vero umanesimo. Fornire gli strumenti per dialogare col vicino e con il lontano rispettando opinioni e accettando proposte in atteggiamento aperto e autonomo. Fornire agli alunni occasioni per conoscersi, assumersi responsabilità, valorizzare i propri talenti e saper esprimere le proprie emozioni e le proprie aspettative. Promuovere la solidarietà ed educare alla sicurezza e alla pace mondiale superando forme discriminanti Imparare a monitorare gli errori commessi dall uomo e apportare correzioni per un benessere globale nei vari ambiti: culturale, sociale, storico, geografico, architettonico, attraverso la conoscenza dell ambiente e delle sue trasformazioni. Profilo dello studente al termine del primo ciclo di istruzione Obiettivi generali del processo formativo Comunicazione nella madrelingua Comunicazione nelle lingue straniere Competenza matematica e competenze di base in scienza e tecnologia Competenza digitale Imparare a imparare Competenze sociali e civiche Spirito di iniziativa e imprenditorialità Consapevolezza ed espressione culturale La comunicazione nella madrelingua Avere la capacità di esprimere e interpretare, sia in forma scritta che orale e in modo più completo e più creativo concetti, pensieri, sentimenti, fatti e opinioni. La comunicazione nelle lingue straniere Avere la capacità di comunicare in modo essenziale almeno in due lingue straniere. La competenza matematica Avere la capacità di utilizzare modelli matematici di pensiero (logico e spaziale) e di presentazione formule, modelli, schemi, grafici, rappresentazioni per risolvere problemi in situazioni quotidiane. La competenza in campo scientifico Avere la capacità di usare conoscenze e metodologie per spiegare il mondo, saper identificare le problematiche e trarre le dovute conclusioni. La competenza in campo tecnologico Avere la capacità di applicare le conoscenze e le metodologie per risolvere problemi quotidiani. Comprendere i cambiamenti determinati dall attività umana e rendere consapevole delle responsabilità ciascun cittadino. La competenza digitale Saper utilizzare le tecniche digitali nel lavoro, nel tempo libero, nella comunicazione con spirito critico e con dimestichezza, per ricevere e dare informazioni. Imparare a imparare Avere l abilità di perseverare nell apprendimento e di saperlo organizzare, rispettando i tempi e le informazioni, sia a livello individuale che in gruppo. Essere motivati e avere 16

17 fiducia in se stessi per acquisire, elaborare e assimilare nuove conoscenze in vari contesti: a casa, nel lavoro, nell istruzione e nella formazione. Le competenze sociali e civiche Partecipare in modo efficace e costruttivo alla vita sociale e lavorativa e saper risolvere i conflitti ove ciò sia necessario. Partecipare alla vita civile grazie alla conoscenza dei concetti e delle strutture socio-politiche con impegno attivo e democratico. Il senso di iniziativa e l imprenditorialità Saper tradurre le idee in azione: la creatività, l innovazione, l assunzione di rischi, per pianificare e gestire progetti per raggiungere obiettivi, non solo nella vita quotidiana e nella società ma anche nel posto di lavoro dove dovrà esprimere i valori etici a cui è stato educato. Consapevolezza ed espressione culturale Saper esprimere in modo creativo idee, esperienze ed emozioni attraverso la musica, le arti visive e figurative, lo spettacolo e la letteratura. Competenze al termine del primo ciclo d istruzione A conclusione del primo ciclo l alunno deve essere in grado di: Esprimere autonomia e responsabilità nelle situazioni di vita tipiche della propria età, riflettendo ed esprimendo la propria personalità (nel comportamento e nelle scelte future) Avere padronanza della lingua italiana per comprendere enunciati e testi, per esprimere le proprie idee ed adottare alle diverse situazioni un linguaggio appropriato Avere capacità di esprimersi, anche se in modo elementare, almeno in due lingue europee Avere capacità di utilizzare una lingua europea nell uso della comunicazione informatica e tecnologica (posta elettronica, navigazione web, social network, blog, ecc.) Avere capacità di analizzare dati e fatti della realtà e verificare l attendibilità delle analisi attraverso conoscenze matematiche, scientifiche e tecnologiche Avere capacità di utilizzare in modo sicuro le tecnologie della comunicazione con le quali riuscire a ricercare e analizzare dati ed informazioni e d interagire con soggetti diversi Avere capacità di utilizzare conoscenze e nozioni di base ed avere abilità nel ricercare in modo autonomo nuove informazioni attraverso gli strumenti tradizionali e all avanguardia Avere assimilato l importanza del rispetto delle regole del vivere civile esprimendo la sua crescita umana anche partecipando alle attività di solidarietà, di volontariato e servizio civile Dimostrare originalità e spirito di iniziativa. Esprimere la sua personalità in crescita spendendo i propri talenti nei campi espressivi ed artistici che gli sono più congeniali 17

18 Interventi formativi Valutazione in ingresso: Monitoraggio delle competenze di base (lettura e comprensione, abilità linguistiche, tecniche di calcolo, lingua1, lingua2). Analisi competenze di base delle singole discipline. Autovalutazione d Istituto Valutazioni in itinere: Alla fine delle Unità di Apprendimento disciplinari e trasversali (a fine modulo e a fine percorso) Valutazione bimestrale (Incontri scuola-famiglia, Consiglio di interclasse), valutazione infraquadrimestrale (pagellino) Valutazione quadrimestrale (I e II quadrimestre - scheda ministeriale) Valutazione finale: Valutazione quadrimestrale Autovalutazione d Istituto Continuità Docenti L organico è caratterizzato da un alta percentuale di docenti stabili, da cui consegue la garanzia della continuità didattica Genitori Sono previsti: incontri con i genitori degli alunni della scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado (prima dell iscrizione gennaio; dopo l iscrizione fine settembre) assemblee di classe; incontri scuola-famiglia (collegiali individuali) Iniziative formative Realizzazione di progetti comuni (scuola dell infanzia, secondaria di primo grado) Partecipazione a concorsi Mostra dei lavori scuola primaria e scuola Disegno progettuale Poiché l identificazione dei bisogni da soddisfare costituisce il momento fondamentale di ogni azione educativa, la scuola, all inizio dell anno, utilizza, come strumenti di conoscenza degli alunni, i test d ingresso disciplinari e trasversali e le osservazioni dei comportamenti cognitivi, che permettono di acquisire con chiarezza informazioni riguardanti le abilità mentali, strumentali, cognitive e comportamentali. Dalle indagini condotte negli anni precedenti, risulta, generalmente, una certa privazione o, comunque, una carenza di esperienze linguistiche; c è bisogno di comunicare, ma non si possiedono gli strumenti adeguati per una comunicazione chiara e corretta; aumentano gli stimoli dei mass media, ma manca una fruizione consapevole dei messaggi; c è la necessità di fornire mezzi per un educazione permanente e si manifesta l esigenza di una guida costante nell organizzazione razionale del lavoro individuale, nell uso degli strumenti propri delle discipline, nella gestione dei tempi, nella costruzione di percorsi di studio. La motivazione e l interesse sono buoni. All interno delle attività didattiche si sono individuati i seguenti indicatori, cui corrispondono gli obiettivi specifici di apprendimento della Scuola Conoscenze Competenze Comportamento 18

19 Programmazione didattica Pianificazione del progetto formativo Orario settimanale delle lezioni Classi aperte Introduzione nelle classi di attività formative trasversali Introduzione in tutte le classi di : a) percorsi di recupero b) percorsi di approfondimento. Professionali Organizzazione delle risorse 1. Per la scuola di primo grado utilizzazione delle ore di completamento cattedra, sia per il tempo prolungato che normale, in attività di approfondimento, sostituzione dei docenti assenti 2. Valorizzazione delle competenze interne reperibili 3. Nomina dei referenti di progetto 4. Costituzione di commissioni e/o dipartimenti coordinate dal Dirigente Scolastico o da un docente (continuità, handicap) Organizzazione della didattica I contenuti saranno organizzati per U.A., che prevedono uno sviluppo flessibile delle tappe dell insegnamento-apprendimento. Si individueranno, al momento della programmazione di classe, contenuti unitari del curriculum da proporre in diverse sequenze temporali, in collegamento tra loro. Di conseguenza, alunni di classi diverse saranno impegnati nelle stesse U.A. e i docenti lavoreranno insieme sulla base di U.A. comuni. L organizzazione per U.A. consente ai docenti un elevato grado di libertà e, se necessario, le U.A. possono essere modificate, se questo risponde alle necessità dell allievo. Ogni U.A. sarà composta da: 1. Fase Pre-attiva, (ideativa-progettuale) che contiene: a) i dati identificativi, i prerequisiti necessari per portare a buon fine l impegno di studio; b) l individuazione ed articolazione dell apprendimento; c) i riferimenti ai documenti nazionali (OSA) e della scuola (POF); d) gli obiettivi formativi e gli standard di competenza 2. Fase attiva della mediazione didattica e dello sviluppo che contiene: le scelte metodologiche, gli strumenti, le attività, le soluzioni organizzative 3. Fase post attiva (conclusiva o di controllo) che contiene le prove di verifica ed i criteri di valutazione Tecniche Utilizzo dei percorsi dal semplice al complesso, dal concreto all astratto, dal vicino al lontano Promozione del dialogo e del dibattito Brainstorming (libera discussione alla ricerca della soluzione di un problema) Incontri a classi aperte, con esperti, assemblee Aiuto reciproco con l intento di favorire la responsabilizzazione della classe e la comunicazione Lavoro di gruppo Strumenti Materiale cartaceo Sussidi audiovisivi Sussidi multimediali Lavagna LIM Visite guidate e viaggi d istruzione Strumenti musicali Giornali e riviste Spazi Biblioteca Palestra Territorio 19

20 Scelte curricolari Per il raggiungimento degli obiettivi precedentemente indicati, la scuola dovrà avere: La capacità di adeguarsi ai continui cambiamenti dettati dalla scienza, dalla tecnologia e dai costumi che non possono e non devono schiacciare l uomo ma dargli nuova forza per ricevere, come unico soggetto pensante, tutti quei risultati che cambiano le risorse, la salute, l ambiente che lo circonda. La capacità di creare, di sperimentare, di adattare le informazioni fornite dalle varie discipline per il suo bene che poi è bene comune. 20

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I CAMPI DI ESPERIENZA Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono le curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento

Dettagli

SCUOLA INFANZIA FONTANELLE

SCUOLA INFANZIA FONTANELLE SCUOLA INFANZIA FONTANELLE PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE A.S. 2014/2015 CAMPO D ESPERIENZA : IL SE E L ALTRO IL CORPO E IL MOVIMENTO IMMAGINI,SUONI,COLORI I DISCORSI E LE PAROLE LA CONOSCENZA DEL MONDO INSEGNANTI

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini Nella scuola dell'infanzia non si può parlare di vere e proprie "discipline", bensì di CAMPI DI ESPERIENZA educativa. Con questo termine si indicano i diversi ambiti del fare e dell'agire e quindi i settori

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE I. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati. II. Sa esprimere e comunicare

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

Istituto Comprensivo Monte Rosello Alto CURRICOLO SCUOLA DELL'INFANZIA

Istituto Comprensivo Monte Rosello Alto CURRICOLO SCUOLA DELL'INFANZIA Istituto Comprensivo Monte Rosello Alto CURRICOLO SCUOLA DELL'INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA PREMESSA La formula dell'istituto comprensivo, in cui si articola oggi la nostra scuola, prevede

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA AMPI DI ESPERIENZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER I BAMBINI DI 5 ANNI ESPERIENZE

Dettagli

Curricolo Verticale Scuola Statale dell'infanzia Caldarazzo-Scarola

Curricolo Verticale Scuola Statale dell'infanzia Caldarazzo-Scarola Prot. n.3468b38 Noicattaro, 13.09.2013 Circolo Didattico Statale Alcide De Gasperi via A. De Gasperi, 13 Telefono e fax 080.4793318 E-mail: baee14508@istruzione.it www.degasperi2noicattaro.eu Noicàttaro

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

CURRICOLI DISCIPLINARI

CURRICOLI DISCIPLINARI ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLI DISCIPLINARI Anno scolastico 2013-14 INDICE 1. IL SE E L ALTRO. pag. 3 2. IL CORPO E IL MOVIMENTO.. pag. 4 3. IMMAGINI, SUONI, COLORI.....

Dettagli

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Raggruppare e ordinare Confrontare e valutare quantità Utilizzare semplici

Dettagli

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia (Approvato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 18 dicembre 2008) ---------------- L Istituto Comprensivo VIA CASAL BIANCO è una scuola che svolge

Dettagli

CURRICOLO d Istituto SCUOLE DELL INFANZIA Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO d Istituto SCUOLE DELL INFANZIA Indicazioni Nazionali 2012 ISTITUTO COMPRENSIVO "Dante Alighieri" di COLOGNA VENETA (Vr) Via Rinascimento, 45-37044 Cologna Veneta - tel. 0442 85170 - fax 0442 419294 www.iccolognaveneta.it - e-mail: vric89300a@istruzione.it - vric89300a@pec.istruzione.it

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO Premessa NOI SIAMO PARTE DELLA TERRA ED ESSA È PARTE DI NOI INSEGNATE AI VOSTRI BAMBINI CHE LA TERRA È NOSTRA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE. referente ins. MASCI LUANA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE. referente ins. MASCI LUANA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE referente ins. MASCI LUANA 1 Con l anno scolastico 2013-14 entrano pienamente in vigore le Indicazioni Nazionali per il Curricolo della Scuola

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015 Coordinatrice Luana Masci Con l anno scolastico 2013-14 entrano pienamente in vigore le Indicazioni

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO

SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO D ISTITUTO Secondo i campi d esperienza PREMESSA Come si ritroverà nei successivi ordini di Scuola del nostro Istituto Comprensivo, abbiamo tratto dal Sito dell Indire le

Dettagli

Curricolo di Istituto Scuola Infanzia Piano formativo: costruzione del sé Competenze di scuola Traguardi Campi di esperienza

Curricolo di Istituto Scuola Infanzia Piano formativo: costruzione del sé Competenze di scuola Traguardi Campi di esperienza Competenze chiave di cittadinanza europee Imparare ad imparare Spirito di iniziativa ed imprenditorialità Curricolo di Istituto Scuola Infanzia Piano formativo: costruzione del sé Competenze di scuola

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Mimare testi ascoltati grafica, corporea e audiovisiva

CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Mimare testi ascoltati grafica, corporea e audiovisiva ETA : 4 ANNI Immagini, suoni e colori CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Tecniche di rappresentazione Ascoltare brani musicali Mimare testi ascoltati grafica, corporea

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE

ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE La scuola del primo ciclo, avviando il pieno sviluppo della persona, concorre

Dettagli

TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE (SCUOLA PRIMARIA) CONNESSI CON LE COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE (IN ROSSO) ITALIANO

TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE (SCUOLA PRIMARIA) CONNESSI CON LE COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE (IN ROSSO) ITALIANO TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE (SCUOLA PRIMARIA) CONNESSI CON LE COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE (IN ROSSO) ITALIANO 1. L'allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe

Dettagli

CONOSCENZE/ESPERIENZE

CONOSCENZE/ESPERIENZE DISCIPLINA CAMPO DI ESPERIENZA DAL CURRICOLO ALLE COMPETENZE / LABORATORIO VERTICALE IN RETE CURRICOLO VERTICALE DI RETE: Ist. Omnicomprensivo Bianchi-Scigliano, IC Rogliano, IC Nocera Terinese, IC Grimaldi

Dettagli

I.C. S. G. BOSCO DI FABRICA DI ROMA

I.C. S. G. BOSCO DI FABRICA DI ROMA CURRICOLO VERTICALE I.C. S. G. BOSCO DI FABRICA DI ROMA 1 Sommario PREMESSA Le nuove Indicazioni nazionali... 5 Il nostro Curricolo... 9 Com è strutturato?...14 AREA LINGUISTICA (Italiano e Inglese) Scuola

Dettagli

Istituto Comprensivo Ugo Betti - Piano dell Offerta Formativa

Istituto Comprensivo Ugo Betti - Piano dell Offerta Formativa SCUOLA DELL INFANZIA Dimensione didattico - pedagogica La scuola dell infanzia, liberamente scelta dalle famiglie, si rivolge a tutti i bambini dai 2,5 ai 6 anni di età ed è la risposta al loro diritto

Dettagli

Finalità generali dalle Indicazioni Nazionali per il curricolo della Scuola dell Infanzia

Finalità generali dalle Indicazioni Nazionali per il curricolo della Scuola dell Infanzia Finalità generali dalle Indicazioni Nazionali per il curricolo della Scuola dell Infanzia Competenze-Chiave Europee (Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio del 18 dicembre 2006 (2006/962/CE))

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MANOPPELLO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA ELABORATO SULLA BASE DELLE NUOVE INDICAZIONI 2012 CURRICOLO DI SCUOLA SCUOLA DELL INFANZIA SOMMARIO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. CURIONI ROMAGNANO SESIA SCUOLE DELL INFANZIA STATALI DI GHEMME E ROMAGNANO SESIA ANNO SCOLASTICO 2013-14

ISTITUTO COMPRENSIVO G. CURIONI ROMAGNANO SESIA SCUOLE DELL INFANZIA STATALI DI GHEMME E ROMAGNANO SESIA ANNO SCOLASTICO 2013-14 ISTITUTO COMPRENSIVO G. CURIONI ROMAGNANO SESIA SCUOLE DELL INFANZIA STATALI DI GHEMME E ROMAGNANO SESIA ANNO SCOLASTICO 2013-14 INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA E DEL

Dettagli

Progettazione annuale di sezione

Progettazione annuale di sezione ISTITUTO COMPRENSIVO GANDHI Via Mannocci, 23 59100 PRATO Scuola dell Infanzia Gandhi Progettazione annuale di sezione Sez. 1 ANNO SCOLASTICO 2014-15 PROGETTAZIONE ANNUALE DI SEZIONE SEZ. 1) CAMPI DI ESPERIENZA

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA. Contenuti

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA. Contenuti PER LA SCUOLA DELL INFANZIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 IL SE E L ALTRO - Gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie

Dettagli

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5 SCUOLA DELL'INFANZIA "PANTANO" PROGETTI CURRICULARI Anno Scollastico 2013 -- 2014 INDICE 1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA Obiettivi generali del processo formativo Costituiscono la base progettuale degli aspetti pedagogico didattici ed organizzativi dell attività didattica.

Dettagli

Traguardi di competenza al termine scuola primaria classe quarta

Traguardi di competenza al termine scuola primaria classe quarta Traguardi di competenza al termine scuola primaria classe quarta Area dei linguaggi: ITALIANO o L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione, discussione), attraverso

Dettagli

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO (1) ITALIANO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri; con ciò

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO

Dettagli

Educazione fisica COMPETENZE CHIAVE EUROPEE

Educazione fisica COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Educazione fisica COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Consapevolezza ed espressione culturale riguarda l importanza dell espressione creativa di idee, esperienze ed emozioni in un ampia varietà di mezzi di comunicazione,

Dettagli

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI Via Madonna del Rosario, 148 35100 PADOVA Tel. 049/617932 fax 049/607023 - CF 92200190285 e-mail: pdic883002@istruzione.it sito web:6istitutocomprensivopadova.gov.it

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI. CURRICOLO di MUSICA

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI. CURRICOLO di MUSICA DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO di MUSICA Modello di matrice adottata per la costruzione del curricolo Campo d esperienza/area Periodo di riferimento Traguardi di competenza Obiettivi

Dettagli

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA SIAMO TUTTI AMICI Fermani Roberta Nocelli Rita - Grassi Katia Bambini di 2 anni e mezzo e 3 anni Sezioni D e E Il progetto Accoglienza

Dettagli

Curricolo SCUOLA dell INFANZIA

Curricolo SCUOLA dell INFANZIA Curricolo SCUOLA dell INFANZIA D.M. 31/07/07 Tavolo Asva SCUOLE dell INFANZIA 13 Ottobre 2009 I bambini sono attivi, amano costruire, giocare, comunicare e fin dalla nascita intraprendono una ricerca di

Dettagli

Obiettivi formativi. Età dei bambini

Obiettivi formativi. Età dei bambini È l area di apprendimento nella quale si determina l apertura del bambino all altro, non rinunciando con questo alla propria UNICITA ma affermandola proprio attraverso il processo d interazione con gli

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE ISTITUTO COMPRENSIVO LUCCA 3 Via don Minzoni, 244 SANT ANNA 55100 LUCCA C.F. 92051740469 0583/581457 Fax : 0583/581997 ex DD n. 3 di Lucca 0583/584388 Fax: 0583/419187 ex Scuola secondaria 1 Carlo del

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO Il bambino supera serenamente il distacco con la famiglia Conosce e rispetta le prime regole di convivenza E autonomo nelle situazioni di vita quotidiana (servizi igienici, pranzo, gioco)

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA A.S. 2013/2014

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA A.S. 2013/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO

Dettagli

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^ ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

Criteri di costruzione del curriculum verticale

Criteri di costruzione del curriculum verticale Criteri di costruzione del curriculum verticale 1. Integrazione degli obiettivi cognitivi con gli obiettivi motivazionali e relazionali 2. individuazione di aree disciplinari 3. sviluppo della trasversalità

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 ORGANIZZAZIONE La scuola accoglie i bambini da 3 a 6 anni. E aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 7,30

Dettagli

INDICE OBIETTIVI (clicca per aprire le pagine)

INDICE OBIETTIVI (clicca per aprire le pagine) 1 Istituto Comprensivo Ferentino 1 Curricolo Verticale 2014/2015 INDICE OBIETTIVI (clicca per aprire le pagine) SCUOLA INFANZIA... 3 I DISCORSI E LE PAROLE... 3 I DISCORSI E LE PAROLE LINGUA STRANIERA...

Dettagli

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA COMPETENZE EDUCATIVE AMBITO INDICATORI COMPETENZE IDENTITÀ Conoscenza di sé Relazione con gli altri Rispetta il proprio ruolo. Esprime

Dettagli

SVILUPPO E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA E IL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

SVILUPPO E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA E IL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE SVILUPPO E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA E IL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE (2012) Dino Cristanini LE INDICAZIONI 2012 L INDICE CULTURA

Dettagli

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Profilo dello studente Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO Scuola dell Infanzia di Brusnengo PREMESSA: La programmazione annuale si sviluppa attraverso sette unità di apprendimento. Il presente compito di

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE ISTITUTO COMPRENSIVO LUCCA 3 Via don Minzoni, 244 SANT ANNA 55100 LUCCA C.F. 92051740469 0583/581457 Fax : 0583/581997 ex DD n. 3 di Lucca 0583/584388 Fax: 0583/419187 ex Scuola secondaria 1 Carlo del

Dettagli

Curricolo per campi di esperienza a.s. 2013-2014 - Istituto Comprensivo Assisi 2

Curricolo per campi di esperienza a.s. 2013-2014 - Istituto Comprensivo Assisi 2 La comunicazione nella madrelingua Vive pienamente la propria corporeità, ne percepisce il potenziale comunicativo ed espressivo,matura condotte che gli consentono una buona autonomia nelle gestione della

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

Competenze chiave di cittadinanza trasversali alle discipline (allegato 2. DM 139/2007, con modifiche)

Competenze chiave di cittadinanza trasversali alle discipline (allegato 2. DM 139/2007, con modifiche) CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA PRIMARIA Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006).. Competenze

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario...

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... per avere lo spazio dove ascoltare le esigenze di ogni bambina

Dettagli

IL CORPO IN MOVIMENTO

IL CORPO IN MOVIMENTO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI DESULO Anno Scolastico / 3 ANNI COGNOME NOME OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ( R=Raggiunto PR= Parzialmente Raggiunto NR=Non Raggiunto) IL CORPO IN MOVIMENTO Il

Dettagli

Piano Offerta Formativa I.C. G.Montezemolo Via A. di Bonaiuto, 16 - Roma

Piano Offerta Formativa I.C. G.Montezemolo Via A. di Bonaiuto, 16 - Roma Linee programmatiche Pof 2013/2014 Scuola Primaria e Secondaria di Primo grado Nella consapevolezza della relazione che unisce cultura, scuola e persona, la finalità della scuola è lo sviluppo armonico

Dettagli

L ARTE DI EMOZIONARSI

L ARTE DI EMOZIONARSI ISTITUTO COMPRENSIVO "PIERO FORNARA" DI CARPIGNANO SESIA Via Ettore Piazza, 5-28064 Carpignano Sesia (Novara) C.F.80015590039 Tel. 0321 825185 / 824520 - Fax. 0321 824586 website: http://share.dschola.it/carpignanosesia

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA:

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA: PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Docente Plesso Picchi Maria Letizia Scuola dell'infanzia Giuseppe Giusti Classe.. Sezione: A.e B. anni 4 Disciplina/Macroarea/Campo d esperienza I DISCORSI E LE PAROLE Tavola

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

Italiano Inglese. Arte e immagine. Storia Geografia. Scienze motorie e sportive. Matematica. Religione cattolica. Attività didattiche alternative

Italiano Inglese. Arte e immagine. Storia Geografia. Scienze motorie e sportive. Matematica. Religione cattolica. Attività didattiche alternative Italiano Inglese Storia Geografia Arte e immagine Scienze motorie e sportive Matematica Tecnologia e Informatica Musica Scienze Religione cattolica Attività didattiche alternative Convivenza civile: -Ed.

Dettagli

Anno scolastico 2008/09

Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO AZZANO SAN PAOLO Il presente opuscolo, che racchiude le linee programmatiche essenziali utili ad identificare la nostra scuola, costituisce una sintesi del Piano dell Offerta Formativa;

Dettagli

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione)

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) COMPETENZE DI BASE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO DI Utilizzare

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta LE STAGIONI CI ACCOMPAGNANO NEL MONDO DEI COLORI Questo progetto è rivolto ai bambini di 3 anni, che pur non essendo ancora del

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN FRUTTUOSO ad indirizzo musicale Via Berghini, 1-16132 Genova TEL. 010352712 fax 0105220210 e-mail geic808008@istruzione.it - www.icsanfruttuoso.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

Discipline e competenze

Discipline e competenze Discipline e competenze Per assistenza è possibile contattare lo staff Pearson scrivendo al seguente indirizzo e-mail: helpdesk@pearson.it oppure chiamando il numero : 0332.802251 La didattica per competenze

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO A SCUOLA DI REGOLE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO A SCUOLA DI REGOLE ISTITUTO COMPRENSIVO PIETRO VANNUCCI SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA - SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO 06062 Città della Pieve (PG) Via Marconi, 18 Tel. 0578/298018 Fax 0578/2987 E-mail: pgic82100x@istruzione.it

Dettagli

PROGETTO DI RETE : INDICAZIONI PER IL DELTA

PROGETTO DI RETE : INDICAZIONI PER IL DELTA ISTITUTO COMPRENSIVO DI PORTO TOLLE Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria 1 del Comune di Porto Tolle Via Brunetti, 17-45018 Porto Tolle (Ro) Tel.0426/81259 Fax 0426/391160 E-mail segreteria@scuolabrunetti.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Un bambino, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo. Malala Yousafzai Premio Nobel per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

Scuola dell Infanzia Paritaria CAVAGNIS di Zogno (BG) Programmazione didattica- Anno Scolastico 2015/2016

Scuola dell Infanzia Paritaria CAVAGNIS di Zogno (BG) Programmazione didattica- Anno Scolastico 2015/2016 Scuola dell Infanzia Paritaria CAVAGNIS di Zogno (BG) Programmazione didattica- Anno Scolastico 2015/2016 1 Programmazione educativo didattica Premessa Il contesto scolastico rappresenta un ambito formativo

Dettagli

Sostegno a Distanza: una fiaba per Angela. Presentazione

Sostegno a Distanza: una fiaba per Angela. Presentazione Presentazione Nella classe 1^ secondaria di1 grado, durante il primo quadrimestre, si è lavorato sul tipo di testo fiaba ed i ragazzi venendo a conoscenza del progetto SAD portato avanti dagli allievi

Dettagli

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Titolo: Confronto tra fiabe: Pinocchio e le fiabe di paesi lontani Possibili discipline coinvolte - Italiano, Lingua2 (inglese,

Dettagli

SCUOLA DEL PRIMO CICLO Il primo ciclo di istruzione comprende la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado.

SCUOLA DEL PRIMO CICLO Il primo ciclo di istruzione comprende la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado. c) Compilazione del quadro sintetico riassuntivo d) Analisi dei dati a cura dei docenti e Funzione Strumentale e individuazione degli alunni a rischio e) Valutazione approfondita alunni a rischio entro

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO PIANO DI LAVORO DI LINGUA INGLESE

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO PIANO DI LAVORO DI LINGUA INGLESE SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO PIANO DI LAVORO DI LINGUA INGLESE Riferito al Piano dell'offerta Formativa al Curricolo Verticale d'istituto al Curricolo delle Competenze Trasversali anno scolastico 2015/2016

Dettagli

Ma che musica maestre 2!!!

Ma che musica maestre 2!!! Istituto Comprensivo Nicola D Apolito Cagnano Varano Scuola dell infanzia Progetto di educazione musicale Ma che musica maestre 2!!! Educare, insegnare o lasciarsi andare alle proprie sensazioni? Ognuno

Dettagli

CURRICOLO PER COMPETENZE SCUOLA PRIMARIA Direzione Didattica Statale San Giovanni TERNI. OBIETTIVI di apprendimento (al termine della classe quinta)

CURRICOLO PER COMPETENZE SCUOLA PRIMARIA Direzione Didattica Statale San Giovanni TERNI. OBIETTIVI di apprendimento (al termine della classe quinta) CURRICOLO PER SCUOLA PRIMARIA Direzione Didattica Statale San Giovanni TERNI 1. IMPARARE AD IMPARARE 1. Sperimenta una pluralità di esperienze, gestisce diverse possibilità espressive e sviluppa abilità

Dettagli

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o VIA SPINELLI 84088 SIANO (SA)-. 081/5181021- Ê081/5181355 - C.F. 95140330655 e mail SAIC89800D@ISTRUZIONE.IT, SAIC89800D@PEC.ISTRUZIONE.IT, www.istitutocomprensivosiano.gov.it

Dettagli

Istituto Comprensivo di Sedegliano. Tutti a scuola. Piccola guida alle nostre scuole dell infanzia

Istituto Comprensivo di Sedegliano. Tutti a scuola. Piccola guida alle nostre scuole dell infanzia Istituto Comprensivo di Sedegliano Tutti a scuola Piccola guida alle nostre scuole dell infanzia gennaio 2009 Presentazione Istituto Comprensivo di Sedegliano Questo opuscolo contiene alcune informazioni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA C. FERRINI

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA C. FERRINI PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA C. FERRINI Premessa. L autonomia scolastica prevede che sia di competenza delle Scuole elaborare la programmazione curricolare attraverso la quale vengono individuate

Dettagli

DPR275/1999 L107/2015. Durata Annuale Triennale-revisione annuale. Indirizzi Consiglio d Istituto Dirigente Scolastico

DPR275/1999 L107/2015. Durata Annuale Triennale-revisione annuale. Indirizzi Consiglio d Istituto Dirigente Scolastico Prot. 4828/A22 Surbo, 25/09/2015 LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2015/2018 PREMESSA La Legge 107/2015 di Riforma del sistema nazionale di istruzione e

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO «V.MUZIO» SCUOLA DELL INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO «V.MUZIO» SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO «V.MUZIO» SCUOLA DELL INFANZIA LA SCUOLA DELL INFANZIA La scuola dell infanzia si rivolge a tutte le bambine e i bambini dai tre ai sei anni di età E la risposta al loro diritto all

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1º GRADO 93010 - D E L I A

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1º GRADO 93010 - D E L I A BLA, BLA, BLA, ANNO SCOLASTICO 2008/2009 MOTIVAZIONE L età dei bambini della scuola dell infanzia è particolarmente feconda poiché, proprio in questo periodo, l interesse e la curiosità, se vengono alimentati,

Dettagli