PROVA DI SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI ED ESAMI, PER L ASSUNZIONE, A TEMPO DETERMINATO, DI N. 8 ISTRUTTORI DIRETTIVI CAT. D

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVA DI SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI ED ESAMI, PER L ASSUNZIONE, A TEMPO DETERMINATO, DI N. 8 ISTRUTTORI DIRETTIVI CAT. D"

Transcript

1 PROVA DI SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI ED ESAMI, PER L ASSUNZIONE, A TEMPO DETERMINATO, DI N. 8 ISTRUTTORI DIRETTIVI CAT. D da impiegare nell area dei servizi innovativi per l impiego con funzione di Operatore Unico di Sportello. 1) Per i lavoratori stranieri subordinati che operano nel territorio italiano le assicurazioni sociali : sono obbligatorie come per gli italiani sono obbligatorie se gli stessi sono in regola con il permesso di soggiorno in Italia non sono dovute sono dovute in misura del 50% 2) Nel lavoro intermittente o a chiamata il lavoratore : è sempre obbligato a rispondere alla chiamata non è mai obbligato a rispondere alla chiamata deve rispondere alla chiamata nel caso di sottoscrizione della clausola di impegno alla risposta è obbligato a rispondere ad almeno una chiamata ogni due 3) Da che età una persona può essere assunta con contratto di apprendistato diretto al compimento del diritto-dovere di istruzione e formazione? A partire dai 15 anni compiuti A partire dai 14 anni compiuti A partire dai 16 anni compiuti A partire dai 18 anni compiuti 4) E' possibile assumere un apprendista part-time: sì no sì, purchè la riduzione dell'orario non pregiudichi la finalità formativa sì, solo da aziende con più di 30 dipendenti 5) Nel rapporto di lavoro a progetto, il lavoratore: è sottoposto alle direttive del datore di lavoro è totalmente autonomo è autonomo, ma deve coordinarsi con l'organizzazione del committente ha l obbligo di prestare l attività lavorativa presso le sedi aziendali 6) L'avviamento al lavoro degli invalidi (categorie protette) per il collocamento obbligatorio viene effettuato : dalla Direzione Provinciale del Lavoro dalla Prefettura dal Centro per l'impiego dall INAIL

2 7) I contratti di solidarietà sono: contratti mediante i quali si vuole evitare la diminuzione dei livelli occupazionali o promuoverne l incremento attraverso una generalizzata diminuzione dell orario di lavoro dei prestatori occupati nell impresa contratti individuali di lavoro in cui il lavoratore accetta una riduzione della retribuzione per devolvere il residuo in beneficenza contratti stipulati tra due imprese, con i quali una cede all altra temporaneamente dei lavoratori in esubero contratti di lavoro con i quali un impresa assume lavoratori poco abbienti 8) Le agenzie per il lavoro per svolgere i servizi per il lavoro: devono essere autorizzate dal Ministero del Lavoro devono essere autorizzate dai centri per l impiego devono essere autorizzate con decreto del Presidente della Repubblica devono richiedere la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale 9) Che cos è il SIL? il Sistema per l impiego e il lavoro il Sistema informativo lavoro il Sistema per l introduzione al lavoro il Sistema per l impiego dei laureati 10) La sospensione del rapporto di lavoro consiste: nell impossibilità temporanea e non definitiva ad eseguire la prestazione lavorativa nell impossibilità definitiva ad eseguire la prestazione lavorativa nell impossibilità ad eseguire la prestazione di lavoro per almeno 30 giorni nell impossibilità ad eseguire la prestazione lavorativa per un periodo che va dai due ai sei mesi 11) Gli interventi di integrazione salariale sono gestiti: dal Ministero del Lavoro dall INPS tramite l apposita Gestione prestazioni temporanee ai lavoratori dipendenti dall INAIL dal Ministero dell Economia e delle Finanze 12) La durata dell intervento straordinario di integrazione salariale: è di un anno per crisi aziendale e procedure concorsuali e di due anni per ristrutturazione, riorganizzazione e riconversione aziendale; è di tre anni per crisi aziendale e procedure concorsuali e di un anno per ristrutturazione, riorganizzazione e riconversione aziendale; è di due anni per crisi aziendale e procedure concorsuali e di un anno per ristrutturazione, riorganizzazione e riconversione aziendale; è di cinque anni per crisi aziendale e procedure concorsuali e di tre anni per ristrutturazione, riorganizzazione e riconversione aziendale;

3 13) Quali tra i seguenti soggetti non sono ammessi al trattamento ordinario di integrazione salariale? I lavoratori subordinati assunti con contratto di lavoro a tempo indeterminato I lavoratori assunti con contratto formazione e lavoro I lavoratori assunti con contratto di lavoro part-time Gli apprendisti 14) La richiesta per l ammissione al trattamento straordinario di integrazione salariale deve essere presentata: all INPS Alla Direzione Provinciale del Lavoro All ufficio competente presso il Ministero del Lavoro Al Ministero dell Economia e delle Finanze 15) Un lavoratore disoccupato che deve dichiarare lo stato di disoccupazione a chi si rivolge? INPS Centro per l Impiego Agenzia per il Lavoro Alla Direzione Provinciale del Lavoro 16) L accertamento delle condizioni di disabilità è svolto: da una commissione medica dell Azienda dei Servizi Sanitari dal medico di fiducia del soggetto inabile dal datore di lavoro dai servizi sociali 17) Ai sensi dell'art. 3 della legge n. 68 del 1999, quanti lavoratori appartenenti alle categorie dei disabili di cui all'art. 1 della medesima legge sono tenuti ad avere alle loro dipendenze i datori di lavoro pubblici e privati, nel caso in cui occupano da 36 a 50 dipendenti? Un lavoratore. Il sette per cento dei lavoratori occupati. Due lavoratori. Il cinque per cento dei lavoratori occupati. 18) Ai sensi dell art. 4 comma 4 della legge n. 68 del 1999, se i lavoratori divengono inabili allo svolgimento delle proprie mansioni in conseguenza di infortunio o malattia possono essere computati nella quota di riserva di cui all'articolo 3 se hanno subito una riduzione della capacità lavorativa non inferiore a quale percentuale? 46 % 60% 45% 61%

4 19) Con la legge n. 68 del 1999, si introduce il concetto di collocamento mirato. Cosa significa? l incontro tra le esigenze delle aziende e quelle dei lavoratori disabili deve prevedere strumenti di supporto alle procedure di inserimento destinati alla valutazione della congruenza tra le caratteristiche psicofisiche dei lavoratori disabili e quelle degli specifici luoghi di lavoro disponibili l inserimento lavorativo della persona disabile non prevede più un obbligo da parte dei datori di lavoro attraverso il collocamento mirato si procede con gli avviamenti numerici di competenza degli uffici provinciali per l impiego attingendo alla graduatoria unica provinciale sulla base delle competenze dichiarate da ciascun iscritto l inserimento lavorativo dei lavoratori disabili deve essere svolto da soggetti accreditati 20) Per ottenere l iscrizione negli elenchi previsti dalla legge n. 68 del 1999 le persone disabili, di cui all articolo 1 della medesima legge, quali requisiti anagrafici devono possedere? Devono aver compiuto i quindici anni di età e non devono aver raggiunto l età pensionabile prevista dall ordinamento, rispettivamente per il settore pubblico e per il settore privato Devono aver compiuto la maggiore età e non devono aver raggiunto l età pensionabile prevista dall ordinamento, rispettivamente, per il settore pubblico e per il settore privato Devono aver compiuto la maggiore età e non devono aver raggiunto l età pensionabile prevista dall ordinamento per il settore pubblico Devono aver compiuto i quindici anni di età 21) Un lavoratore giovane, come definito dal D.Lgs. 181/2000, iscritto come disoccupato, accetta un offerta di lavoro a tempo determinato. In quale caso il soggetto non perde lo stato di disoccupazione? se la durata del contratto di lavoro è superiore a 6 mesi se la durata del contratto di lavoro è inferiore a 4 mesi se la durata del contratto di lavoro è pari a 8 mesi se la durata del contratto di lavoro è superiore a 12 mesi 22) Dove viene sottoscritto il Patto di Servizio? INPS Centro per l Impiego Agenzia per il Lavoro Alla Direzione Provinciale del Lavoro 23) Qual è la durata del Patto di Servizio? 3 mesi 6 mesi 12 mesi 8 mesi

5 24) Il rapporto di lavoro a tempo determinato è prorogabile: 1 volta 2 volte sempre mai 25) Le comunicazioni telematiche in merito alle assunzioni, cessazioni, variazioni ecc. nei confronti di chi producono effetti? CPI INPS Camera di Commercio Direzione Provinciale del Lavoro CPI INPS INAIL Camera di Commercio CPI INPS INAIL Direzione Provinciale del Lavoro CPI INPS Prefettura Ufficio Territoriale del Governo 26) Un Ente pubblico che deve procedere all assunzione di personale con qualifiche a basso contenuto professionale dove occorre il possesso del titolo di studio non superiore a quello della scuola dell obbligo, a chi presenta la richiesta dei soggetti da assumere? Alla Direzione Provinciale del Lavoro All Agenzia per il Lavoro Al Centro per l impiego territorialmente competente. All Ufficio Scolastico Provinciale 27) Al fine di evitare danni alle persone, alla collettività o ai beni pubblici, la Pubblica Amministrazione può assumere direttamente, ai sensi del D.P.Reg. 25/7/2006, n, 227/ Pres, per quanto tempo? 10 giorni 15 giorni 20 giorni 30 giorni 28) La domanda di disoccupazione con i requisiti ridotti quando può essere presentata? entro 68 giorni dalla data di licenziamento entro il 31 marzo di ogni anno entro il 31 dicembre di ogni anno entro 30 giorni dalla data di licenziamento 29) Nella Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia la convalida del rapporto di lavoro da tempo pieno a part-time è effettuata da: Direzione Provinciale del Lavoro INPS Centro per l Impiego INAIL 30) Il mobbing è una violazione di quale diritto del lavoratore? diritto alla salute e tutela della personalità diritto ad una adeguata retribuzione diritto allo studio diritto morale di invenzione.

6 31) Chi è il lavoratore in mobilità in deroga? E il lavoratore beneficiario del trattamento di mobilità sulla base di specifici provvedimenti adottati dal Ministero del Lavoro in forza della normativa in deroga E il lavoratore licenziato per giustificato motivo oggettivo connesso a riduzione, trasformazione, cessazione di attività di lavoro da parte di imprese che occupano meno di 15 dipendenti e che non hanno diritto alle relative indennità; E i lavoratore sospeso sulla base di specifici provvedimenti adottati dal Ministero del Lavoro in forza della normativa in deroga E il lavoratore sospeso sulla base di uno specifico provvedimento disciplinare 32) Quali sono gli organi di governo della provincia? Il sindaco, la giunta e il consiglio Il consiglio, la giunta, il presidente La commissione, il consiglio e 1/3 dei sindaci dei comuni della provincia Il presidente, la giunta e la commissione 33) Che cosa si intende per esecutorietà dell atto amministrativo? il potere di dare diretta esecuzione all atto amministrativo anche contro il volere del destinatario del provvedimento l astratta attitudine dell atto di imporre oneri il potere di imporre unilateralmente modificazioni nella fase giuridica dei destinatari l astratta attitudine dei soli provvedimenti giudiziali ad esplicare i propri effetti 34) Quali sono gli elementi accidentali dell atto amministrativo? intestazione e preambolo intestazione, preambolo e dispositivo luogo, data e sottoscrizione termine, condizione, onere e riserva 35) Esiste l obbligo della P.A. di concludere il procedimento amministrativo mediante provvedimento espresso? Sì, ma solo se il procedimento è attivato da ricorso gerarchico No, in nessun caso Sì, in ogni caso Sì, ove il procedimento consegua obbligatoriamente ad una istanza o debba essere iniziato d ufficio 36) Che cosa si intende per firma digitale? un particolare tipo di firma elettronica qualificata un particolare iter di doppia sottoscrizione necessario per alcuni atti la comunicazione dell atto informatico L archiviazione di un procedimento informatizzato

7 37) L atto amministrativo redatto in forma elettronica è: inefficace invalido inesistente valido ed efficace 38) L incompetenza relativa costituisce vizio di legittimità dell atto amministrativo ipotesi di difetto di attribuzione e quindi causa di inesistenza dell atto ipotesi di inesistenza dell atto amministrativo vizio di merito dell atto amministrativo 39) In che modo opera la revoca, quale espressione della funzione di riesame della P.A.? sospende temporaneamente l efficacia dell atto amministrativo di riesame rimuove con efficacia ex nunc l atto affetto da vizi di legittimità rimuove con efficacia ex nunc l atto affetto da vizi di merito ha efficacia retroattiva 40) Nel nostro ordinamento amministrativo, l avvio del procedimento può avvenire: solo d ufficio solo su istanza di parte in alcuni casi d ufficio, in altri ad istanza di parte solo su istanza dell autorità gerarchicamente sovraordinata a quella procedente 41) L avvio del procedimento deve essere comunicato: solo ai soggetti che siano diretti destinatari degli effetti del provvedimento finale solo ai soggetti che per legge devono intervenirvi solo ai soggetti nei cui confronti il provvedimento possa cagionare il pregiudizio a tutti i soggetti sopraindicati 42) La fase istruttoria del procedimento amministrativo: è diretta ad acquisire e valutare i singoli dati pertinenti e rilevanti ai fini dell emanazione dell atto è diretta a predisporre ed accertare i presupposti dell atto da emanare è un momento solo eventuale, ricorrente nelle sole ipotesi in cui sia la stessa legge a non ritenere sufficiente la perfezione dell atto, richiedendo il compimento di ulteriori e successivi atti ed operazioni non rientra tra le fasi del procedimento amministrativo 43) Il preavviso di rigetto consiste nel: comunicare il rigetto dopo l adozione formale del provvedimento di rigetto motivare il rigetto della domanda alla chiusura del procedimento comunicare tempestivamente agli interessati i motivi ostativi all accoglimento della domanda comunicare tempestivamente agli interessati l accoglimento della domanda

8 44) Il diritto di accesso ai documenti amministrativi si esercita: mediante esame dei documenti amministrativi presso l Ente che detiene i documenti stessi mediante esame ed estrazione di copia dei documenti amministrativi esclusivamente mediante estrazione di copia dei documenti mediante esame degli atti e dei documenti necessari ai fini dell adozione di un determinato provvedimento. 45) Quali sono i soggetti interessati al diritto di accesso? Tutti i soggetti privati che abbiano un interesse diretto, concreto ed attuale Tutti i soggetti pubblici, che abbiano un interesse diretto, concreto ed attuale Tutti di soggetti, pubblici e privati, indipendentemente dall esistenza di un interesse diretto, concreto ed attuale Solo i soggetti che hanno contribuito alla formazione del documento amministrativo 46) Il sistema operativo: È un software applicativo È un software di base Non è indispensabile per l esecuzione di alcuni programmi È un software specifico per la gestione d azienda 47) Una cartella di Excel può contenere: Tutti i fogli necessari Dieci fogli elettronici Cinque fogli elettronici Un solo foglio 48) Per selezionare con il mouse contemporaneamente più files non posti in sequenza, si seleziona il primo e Tenendo premuto il tasto ALT si selezionano gli altri Tenendo premuto lo SCHIFT (o Maiusc) si selezionano gli altri Tenendo premuto il tasto CONTROL (o CTRL) si selezionano gli altri Tenendo premuto il tasto F1 e il tasto F12 insieme si selezionano con il mouse i files 49) Quale tipo di dati puoi inserire in una singola cella di Excel? Testo, numeri e formule Solo numeri Solo numeri e formule Solo testo 50) Cosa sono Internet Explorer e Mozilla Firefox? Programmi per la videoscrittura Programmi che generano pagine web Browser, cioè programmi per navigare in Internet Programmi per la gestione finanziaria

9

SELEZIONE PUBBLICA, PER ESAMI,

SELEZIONE PUBBLICA, PER ESAMI, SELEZIONE PUBBLICA, PER ESAMI, PER L'ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO DI N. 4 ISTRUTTORI DIRETTIVI AMMINISTRATIVI DA IMPIEGARE PRESSO IL SERVIZIO POLITICHE DEL LAVORO La risposta corretta è quella evidenziata

Dettagli

4) La violazione del principio di ragionevolezza determina: A) Violazione di legge. B) Eccesso di potere.

4) La violazione del principio di ragionevolezza determina: A) Violazione di legge. B) Eccesso di potere. Questionario n. 4 L attività della pubblica amministrazione 1) La pubblica amministrazione agisce: A) Secondo le norme di diritto privato, nella adozione di atti di natura non autoritativa e salvo che

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO

PROVINCIA DI BERGAMO PROVINCIA DI BERGAMO SERVIZIO SELEZIONI E ASSUNZIONI Via T. Tasso, n. 8 - BERGAMO (Tel. 035-387.103-4-5-6 - Fax 035-387.210) Http://www.provincia.bergamo.it e-mail: segreteria.personale@provincia.bergamo.it

Dettagli

Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro

Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro N. 157 del 13.04.2011 La Memory A cura di Roberto Camera Funzionario della DPL Modena (1) Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro Il Governo, al fine di sostenere il reddito delle famiglie

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. per la concessione di contributi a favore delle imprese che attivano rapporti di lavoro occasionale di tipo accessorio.

AVVISO PUBBLICO. per la concessione di contributi a favore delle imprese che attivano rapporti di lavoro occasionale di tipo accessorio. COMUNE DI CESENA SETTORE PROGETTI INTEGRATI - PARTECIPAZIONE LAVORO SVILUPPO GIOVANI - UNIVERSITÀ PGN: 100669/368 Piazza del Popolo 10-47521 Cesena Tel: 0547.356592-323 Fax 0547.356519 E-mail: ravaioli_v@comune.cesena.fc.it

Dettagli

NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO

NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO La nuova legge n. 68 del 12/03/1999 Norme per il diritto al lavoro dei disabili risponde alla necessità di creare maggiori ed innovative opportunità per un collocamento

Dettagli

JOBS ACT IL TESTO UNICO DEI CONTRATTI DI LAVORO E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI

JOBS ACT IL TESTO UNICO DEI CONTRATTI DI LAVORO E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI JOBS ACT IL TESTO UNICO DEI CONTRATTI DI LAVORO E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI Con la presente si segnalano le principali novità introdotte dal d. lgs. 15 giugno 2015, n. 81, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 5 del 12 gennaio 2010 Legge Finanziaria 2010

Dettagli

a) favoriscano il mutamento e il rinnovamento delle professionalità; b) realizzino politiche attive di sostegno del reddito e dell occupazione.

a) favoriscano il mutamento e il rinnovamento delle professionalità; b) realizzino politiche attive di sostegno del reddito e dell occupazione. DM 1 luglio 2005, n. 178 Regolamento per l istituzione del Fondo di solidarietà per il sostegno al reddito, dell occupazione, della riconversione e della riqualificazione professionale del personale di

Dettagli

ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE NUOVE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO (L. 190 23.12.2014 G.U. 300 29.12.2014 INPS,

ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE NUOVE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO (L. 190 23.12.2014 G.U. 300 29.12.2014 INPS, ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE NUOVE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO (L. 190 del 23.12.2014 G.U. 300 del 29.12.2014 INPS, Circolare n. 17 del 29.01.2015) L INPS è intervenuta fornendo i primi chiarimenti

Dettagli

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA Uno degli aspetti più problematici connessi alla crisi dell impresa riguarda la gestione dei rapporti di lavoro. L imprenditore in crisi dispone di diversi

Dettagli

Circolare N. 11 del 22 Gennaio 2015

Circolare N. 11 del 22 Gennaio 2015 Circolare N. 11 del 22 Gennaio 2015 Assunzioni obbligatorie e categorie protette - quando sono costretto ad assumere? Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il Ministero del Lavoro,

Dettagli

PROVINCIA DI PORDENONE

PROVINCIA DI PORDENONE Matrice A correzione PROVINCIA DI PORDENONE SETTORE POLITICHE DEL LAVORO SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI ED ESAMI, PER L ASSUNZIONE DI PERSONALE A TEMPO DETERMINATO CON IL PROFILO PROFESSIONALE DI ISTRUTTORE

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 INCENTIVI PER I LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA

Dettagli

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. INCENTIVO DESTINATARI Giovani (l.99/2013) L incentivo è pari: -ad 1/3 della retribuzione

Dettagli

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE la Cassa integrazione guadagni straordinaria; la Cassa integrazione guadagni in deroga; le procedure di licenziamento collettivo con indennità di mobilità - oppure ASPI. Breve premessa: A ) Aziende che

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza.

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza. Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI COLLABORATORI: ELISABETTA UBINI RITA MAGGI

Dettagli

AMMORTIZZATORI SOCIALI

AMMORTIZZATORI SOCIALI AMMORTIZZATORI SOCIALI Ammortizzatori Sociali Cosa Sono? Ammortizzatori Sociali Art. 38 I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di

Dettagli

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale 13 marzo 2009 n. 3

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale 13 marzo 2009 n. 3 ALLEGATOA alla Dgr n. 1324 del 23 luglio 2013 Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale 13 marzo 2009 n. 3 Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Ambito di applicazione...4

Dettagli

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO In ambienti di lavoro che occupano più di 15 dipendenti, i datori di lavoro sono obbligati ad assumere un numero di dipendenti appartenenti alle categorie protette in base al

Dettagli

REGIONE CALABRIA. Regolamento Regionale 5 febbraio 2003, n. 2

REGIONE CALABRIA. Regolamento Regionale 5 febbraio 2003, n. 2 REGIONE CALABRIA Regolamento Regionale 5 febbraio 2003, n. 2 Norme per la promozione e lo sviluppo del diritto al lavoro delle persone con disabilità. Testo coordinato con le modifiche ed integrazioni

Dettagli

Servizi. per le aziende. Riferimenti Normativi: Legge 68/1999; D.lgs. 297/2002; D.lgs. 181/2000; Circolare Min. Lavoro n. 37/2003

Servizi. per le aziende. Riferimenti Normativi: Legge 68/1999; D.lgs. 297/2002; D.lgs. 181/2000; Circolare Min. Lavoro n. 37/2003 Servizi per le aziende Riferimenti Normativi: Legge 68/1999; D.lgs. 297/2002; D.lgs. 181/2000; Circolare Min. Lavoro n. 37/2003 L applicativo studiato per la trasmissione delle comunicazioni obbligatorie

Dettagli

MANOVRA ANTICRISI 2010 INDICAZIONI OPERATIVE SPERIMENTALI

MANOVRA ANTICRISI 2010 INDICAZIONI OPERATIVE SPERIMENTALI MANOVRA ANTICRISI 2010 INDICAZIONI OPERATIVE SPERIMENTALI PREMESSA:...2 1 LAVORATORI IN MOBILITA, DISOCCUPATI BENEFICIARI DEL SOSTEGNO AL REDDITO, LAVORATORI SOSPESI DICHIARATI IN ESUBERO...3 2. LAVORATORI

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 5 Avvertenze...» 6

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 5 Avvertenze...» 6 INDICE SOMMARIO Presentazione..................................................... pag. 5 Avvertenze........................................................» 6 Parte I La costituzione del rapporto e la

Dettagli

Legge 12 marzo 1999, n. 68

Legge 12 marzo 1999, n. 68 Progetto Servizi innovativi per l incontro tra domanda e offerta di lavoro 2 PON Governance e Azioni di Sistema - Obiettivo Convergenza 2007-2013 (FSE) Legge 12 marzo 1999, n. 68 Norme per il diritto al

Dettagli

Politiche del lavoro

Politiche del lavoro Politiche del lavoro insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione Ampia gamma di politiche pubbliche, riconducibili a 3 tipi principali: 1) politiche per

Dettagli

LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI

LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI Nel corso del rapporto lavorativo può accadere che il datore di lavoro si trovi impossibilitato, soprattutto per oggettivi motivi economici e di mancanza di lavoro, a ricevere

Dettagli

Le comunicazioni obbligatorie on line dei rapporti di lavoro e dei tirocini ai sensi del DM. 30 ottobre 2007, esonerano gli enti promotori dall invio

Le comunicazioni obbligatorie on line dei rapporti di lavoro e dei tirocini ai sensi del DM. 30 ottobre 2007, esonerano gli enti promotori dall invio REGIONE PIEMONTE - BOLLETTINO UFFICIALE N. 3 DEL 21/01/10 Deliberazione della Giunta Regionale 21 dicembre 2009, n. 100-12934 LR 34/08 artt.38-41. Provvedimento di attuazione dei tirocini formativi e di

Dettagli

Ne consegue che gli elementi che integrano lo stato di disoccupazione sono:

Ne consegue che gli elementi che integrano lo stato di disoccupazione sono: L art.1, comma 2, lett. C del Decreto legislativo come modificato ed integrato dal Decreto legislativo 297/2002 definisce lo stato disoccupazione come la condizione del soggetto privo,che sia immediatamente

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Azienda Speciale Servizi Alla Persona VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Numero 02 Data 28/01/2015 Oggetto: Adempimenti di cui all Art. 3 Legge 68/99 Assunzioni Obbligatorie Quote

Dettagli

JOBS ACT: IL RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI NEL DECRETO 81/2015

JOBS ACT: IL RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI NEL DECRETO 81/2015 JOBS ACT: IL RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI NEL DECRETO 81/2015 Brescia, 22 luglio2015 Relatore: dott. Massimo Brisciani ARGOMENTI P A R T - T I M E 3 A P P

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali.

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Roma, 05/11/2014 Circolare n. 137 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli

Finanziaria-2007 : le principali novità per la salute e la sicurezza sul lavoro

Finanziaria-2007 : le principali novità per la salute e la sicurezza sul lavoro ASSOCIAZIONE AMBIENTE E LAVORO Associazione di Protezione Ambientale di interesse nazionale (D.M. 1/3/88 - G.U. 19/5/88) Finanziaria-2007 : le principali novità per la salute e la sicurezza sul lavoro

Dettagli

FAQ Domande più frequenti Procedimento regionale CIGS e Mobilità in deroga

FAQ Domande più frequenti Procedimento regionale CIGS e Mobilità in deroga Agenzia regionale Lazio Lavoro FAQ Domande più frequenti Procedimento regionale CIGS e Mobilità in deroga Allegato a Linee guida per le gestione delle domande di CIGS e mobilità in deroga alla Regione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (RENZI) E DAL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (RENZI) E DAL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2208 DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (RENZI) E DAL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI (POLETTI)

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE concernente i criteri per la fruizione dei permessi per il Diritto allo Studio Personale della scuola

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE concernente i criteri per la fruizione dei permessi per il Diritto allo Studio Personale della scuola CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE concernente i criteri per la fruizione dei permessi per il Diritto allo Studio Personale della scuola SOMMARIO Art. 1 Beneficiari del diritto Art. 2 Finalità

Dettagli

Direzione centrale lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili e ricerca

Direzione centrale lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili e ricerca Direzione centrale lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili e ricerca Regolamento per l attivazione di tirocini ai sensi dell articolo 63 della legge regionale 9 agosto 2005,

Dettagli

Somministrazione di lavoro

Somministrazione di lavoro Somministrazione di lavoro di Laura Marino Content manager di www.dottorlex.it Di recente il Ministero del Lavoro è intervenuto più volte sul tema della somministrazione, prima con le circolari n. 12 e

Dettagli

Guida all'utilizzo del CONTRATTO DI SOLIDARIETA' (CdS)

Guida all'utilizzo del CONTRATTO DI SOLIDARIETA' (CdS) Guida all'utilizzo del CONTRATTO DI SOLIDARIETA' (CdS) a cura di Giorgio Santoni Aggiornato al giugno 2009 Indice Parte prima (pag. 3-17) Il contratto di solidarietà, applicazioni, modalità e caratteristiche

Dettagli

APPRENDISTATO LE SCHEDE DI GI GROUP SUL JOBS ACT: RIORDINO DELLE FORME CONTRATTUALI

APPRENDISTATO LE SCHEDE DI GI GROUP SUL JOBS ACT: RIORDINO DELLE FORME CONTRATTUALI ARTT. 41 47 D.LGS 81/2015 L È UN CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALLA OCCUPAZIONE DEI GIOVANI. TRE TIPOLOGIE: A) PER LA QUALIFICA E IL DIPLOMA PROFESSIONALE, IL

Dettagli

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 COME ACQUISIRE LO STATO DI DISOCCUPAZIONE Lo stato di disoccupazione si compone di un elemento oggettivo (lo stato di privo di lavoro),

Dettagli

CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO. Premesso che

CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO. Premesso che Allegato n. 3 CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO ai sensi dell art. 4 bis della legge provinciale 16 giugno 1983, n. 19 Premesso che - la Provincia autonoma di Trento, per favorire le

Dettagli

Circolare N. 17 del 3 Febbraio 2015

Circolare N. 17 del 3 Febbraio 2015 Circolare N. 17 del 3 Febbraio 2015 Incentivi e assunzioni - quali agevolazioni posso applicare nel 2015? Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che per favorire l occupazione e, contemporaneamente,

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO Comune di Castelfranco Emilia REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO APPROVATO CON DELIB. C.C. 166 DEL 30.06.2010 Pagina 1 di 6 REGOLAMENTO COMUNALE PER IL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO Art. 1 Oggetto

Dettagli

Decreto n. 83473 del 01/08/2014 Pubblicato sul sito del Ministero del lavoro e P.S. in data 04/08/2014

Decreto n. 83473 del 01/08/2014 Pubblicato sul sito del Ministero del lavoro e P.S. in data 04/08/2014 Decreto n. 83473 del 01/08/2014 Pubblicato sul sito del Ministero del lavoro e P.S. in data 04/08/2014 Errata Corrige : All articolo 6, punto 3 è stato aggiunto il riferimento al trattamento di mobilità

Dettagli

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 LA RIFORMA DEL LAVORO GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 Fonti normative: RIFORMA DEL LAVORO: AMMORTIZZATORI SOCIALI Legge 28

Dettagli

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI)

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) L Assicurazione Sociale per l Impiego (ASPI) costituisce il nuovo trattamento contro la disoccupazione ed entrerà in vigore il 1 gennaio 2013, sostituendo quindi:

Dettagli

6. La presentazione dell istanza di prima concessione deve avvenire entro e non oltre 68 gg:

6. La presentazione dell istanza di prima concessione deve avvenire entro e non oltre 68 gg: Messaggio 07 febbraio 2011, n. 2981 Indennità di mobilità in deroga 2011 - Accordo quadro del 14.1.2011 Facendo seguito al messaggio n. 2926 del 7.02.2011 col quale è stato trasmesso l'accordo quadro del

Dettagli

CONTRATTI DI LAVORO TIPOLOGIE E DIFFERENZE

CONTRATTI DI LAVORO TIPOLOGIE E DIFFERENZE CONTRATTI DI LAVORO TIPOLOGIE E DIFFERENZE COS È? Il contratto individuale di lavoro è un accordo tra un datore di lavoro (impresa individuale, società, associazione, studio professionale, etc.) ed un

Dettagli

INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE

INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE Le agevolazioni contributive ed economiche previste dalla normativa vigente per i datori di lavoro che assumono lavoratori di specifiche categorie Mattia Passero INDICE Introduzione...4

Dettagli

Buras n. 2. Parte prima

Buras n. 2. Parte prima Buras n. 2 Data di pubblicazione: 08 gennaio 2015 Il seguente documento è una copia dell'atto. La validità legale è riferita esclusivamente al fascicolo in formato PDF firmato digitalmente. Decreti Consiglio

Dettagli

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA La Regione Siciliana in collaborazione con Italia Lavoro ha destinato 19.250.000 euro per l avviamento di percorsi di tirocinio per

Dettagli

Il contratto di solidarietà è stato introdotto con la legge n. 863/84 (Vedasi anche D.M. n. 31445/2002).

Il contratto di solidarietà è stato introdotto con la legge n. 863/84 (Vedasi anche D.M. n. 31445/2002). GUIDA AL CONTRATTO DI SOLIDARIETA DIFENSIVO, che si applica alle imprese che hanno diritto alla CIGS (di seguito CDS.) a cura della FILCAMS-CGIL Nazionale aggiornata al 27 aprile 2009. Il contratto di

Dettagli

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro LINEA DI PRODOTTO PREVIDENZA PA OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro Nei giorni scorsi è stato varato dal Governo il disegno di legge recante disposizioni in materia di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI Allegato alla delibera di C.C. n 49 del 27 settembre 2010 Il Segretario Direttore Generale Sacco Stevanella dott. Paolo CITTA di PIAZZOLA sul BRENTA Provincia di Padova Cap 35016 Cod.Fisc. 80009670284

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

Incentivi all occupazione

Incentivi all occupazione Incentivi all occupazione a cura di Michelino De Carlo [*] Organizzato dalla Consigliera Regionale di Parità del Friuli-Venezia Giulia, si è tenuto a Udine il 7 aprile 2014 un seminario formativo dal titolo

Dettagli

Breve guida alle assunzioni e agli incentivi.

Breve guida alle assunzioni e agli incentivi. Breve guida alle assunzioni e agli incentivi. Giovani Under 30 svantaggiati L. 99/13 Aziende Interessate Possono accedere al beneficio tutti i datori di lavoro che : -Risultano in regola con obblighi contributivi

Dettagli

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO. dott.ssa S. Lombardi

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO. dott.ssa S. Lombardi COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO dott.ssa S. Lombardi COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO NORMATIVA: L. n 68 del 12 marzo 1999 recante il titolo Norme per il diritto al lavoro dei disabili ; entrata in vigore il 18 gennaio

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Progetto. Invito a manifestare interesse

Progetto. Invito a manifestare interesse Progetto TiROCiNiinCAMPANiA Invito a manifestare interesse Obiettivi generali dell intervento La Regione Campania, con l assistenza tecnica di Italia Lavoro s.p.a., promuove il progetto Tirocini in Campania,

Dettagli

Regione Lombardia AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI COMO. Via Pessina, 6-22100 Como

Regione Lombardia AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI COMO. Via Pessina, 6-22100 Como Regione Lombardia AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI COMO Via Pessina, 6-22100 Como In attuazione della deliberazione del Direttore Generale n. del è indetto CONCORSO PUBBLICO, per titoli ed esami,

Dettagli

Il contratto di somministrazione e il lavoro intermittente

Il contratto di somministrazione e il lavoro intermittente Il contratto di somministrazione e il lavoro intermittente Il titolo XIII (artt. 55-56) del Ccnl degli studi professionali è dedicato alla disciplina del lavoro somministrato e del lavoro intermittente

Dettagli

Incentivi a sostegno dei contratti di solidarietà

Incentivi a sostegno dei contratti di solidarietà Nota informativa marzo 2014 Direzione Sindacale Welfare Sicurezza sul lavoro Incentivi a sostegno dei contratti di solidarietà Provincia di Milano, Unione Confcommercio Milano, Associazioni imprenditoriali

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

AZIONE DI SISTEMA WELFARE TO WORK PER LE POLITICHE DI REIMPIEGO

AZIONE DI SISTEMA WELFARE TO WORK PER LE POLITICHE DI REIMPIEGO PROVINCIA DI PORDENONE AZIONE DI SISTEMA WELFARE TO WORK PER LE POLITICHE DI REIMPIEGO Percorsi di politica attiva del lavoro per soggetti over 50 espulsi dal sistema produttivo locale, privi di qualsiasi

Dettagli

L art. 1 del Decreto Legislativo n. 181 del 2000 definisce lo stato di disoccupazione come la condizione del soggetto:

L art. 1 del Decreto Legislativo n. 181 del 2000 definisce lo stato di disoccupazione come la condizione del soggetto: INCENTIVI DONNE E OVER 50: REQUISITI E PROCEDURE OPERATIVE INPS Stante l abrogazione del contratto di inserimento lavorativo, a partire dal 1 gennaio 2013 non è più possibile stipulare questo contratto

Dettagli

Regole per la gestione dello stato di disoccupazione. In vigore dal 1 gennaio 2014

Regole per la gestione dello stato di disoccupazione. In vigore dal 1 gennaio 2014 Regole per la gestione dello stato di disoccupazione In vigore dal 1 gennaio 2014 Stato di disoccupazione Dal 1 gennaio 2014 sono entrate in vigore nuove regole per la gestione dello stato di disoccupazione,

Dettagli

Quadro di sintesi normativa

Quadro di sintesi normativa Allegato n.1 Quadro di sintesi normativa Articolo 19 del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2 Articolo 7 ter del decreto legge 10 febbraio 2009, n. 5, convertito

Dettagli

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Circolare N.124 del 21 settembre Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Banca dati per l occupazione dei giovani genitori: via agli incentivi

Dettagli

FAQ. FONDO PER LE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO (FPA) 2014 Piano Alitalia 2014

FAQ. FONDO PER LE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO (FPA) 2014 Piano Alitalia 2014 FAQ FONDO PER LE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO (FPA) 2014 Piano Alitalia 2014 D.1 Dopo aver aderito al Piano Alitalia cosa accade in caso di rifiuto a partecipare alle iniziative di politica attiva o a un

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI E AGLI STRUMENTI PER LA FORMAZIONE AZIENDALE

GUIDA AI SERVIZI E AGLI STRUMENTI PER LA FORMAZIONE AZIENDALE Assessorato all Agricoltura, Formazione professionale e Lavoro Assessorato all Agricoltura, Formazione professionale e Lavoro GUIDA AI SERVIZI E AGLI STRUMENTI PER LA FORMAZIONE RISERVATI ALLE AZIENDE

Dettagli

PROVINCIA DI VICENZA

PROVINCIA DI VICENZA PROVINCIA DI VICENZA Contrà Gazzolle n. 1 36100 VICENZA C. Fisc. P. IVA 00496080243 DETERMINAZIONE N 313 DEL 02/04/2012 U.C. LAVORO OGGETTO: APPROVAZIONE GRADUATORIE PROVINCIALI LEGGE N. 68/99 DEGLI AVENTI

Dettagli

Incentivi e assunzioni: quali agevolazioni posso applicare nel 2015?

Incentivi e assunzioni: quali agevolazioni posso applicare nel 2015? Milano, 3 febbraio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Incentivi e assunzioni: quali agevolazioni posso applicare nel 2015? Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che per favorire l occupazione

Dettagli

Assunzione donne e assunzione giovani: quali sono gli incentivi

Assunzione donne e assunzione giovani: quali sono gli incentivi Roma, 18 ottobre 2012 E stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale del 17 ottobre 2012, il Decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali con cui si stanziano circa 230milioni di euro per l

Dettagli

ASpI e Mini ASpI cooperative: contributi in allineamento fino al 2017

ASpI e Mini ASpI cooperative: contributi in allineamento fino al 2017 ASpI e Mini ASpI cooperative: contributi in allineamento fino al 2017 Per gli anni 2014 2017 confermato il percorso di allineamento graduale dell aliquota contributiva ordinaria ASpI e Mini ASpI dovuta

Dettagli

PROVINCIA DI PORDENONE Servizio Politiche del Lavoro

PROVINCIA DI PORDENONE Servizio Politiche del Lavoro PROVINCIA DI PORDENONE Servizio Politiche del Lavoro IL COLLOCAMENTO DISABILI ex lege 68/1999 Parlare di COLLOCAMENTO MIRATO non significa che non vi sia più obbligo da parte dei datori di lavoro di assumere

Dettagli

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 337 del 6.03.2012 pag. 1/9 Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009 - Art. 1 Definizioni...2 - Art.

Dettagli

Legge 29 maggio 1982, n. 297

Legge 29 maggio 1982, n. 297 Legge 29 maggio 1982, n. 297 Disciplina del trattamento di fine rapporto e norme in materia pensionistica («Gazzetta Ufficiale» 31 maggio 1982, n. 147) Art. 1 Modifiche di disposizioni del codice civile

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 20 del 17 settembre 2009 La manovra d estate (DL 1.7.2009 n. 78 convertito nella L. 3.8.2009 n. 102) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE

Dettagli

Direzione centrale lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili e ricerca

Direzione centrale lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili e ricerca Direzione centrale lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili e ricerca Regolamento per la concessione e l erogazione degli incentivi per gli interventi di politica attiva del

Dettagli

Articolo 4 (Progetto formativo e di orientamento) Articolo 5 (Obblighi e diritti del tirocinante) Articolo 6 (Soggetto promotore)

Articolo 4 (Progetto formativo e di orientamento) Articolo 5 (Obblighi e diritti del tirocinante) Articolo 6 (Soggetto promotore) Criteri e modalità per l attivazione dei tirocini formativi e di orientamento ai sensi dell articolo 4 bis della legge provinciale 16 giugno 1983, n. 19. Articolo 1 (Oggetto e ambito di applicazione) Nel

Dettagli

Scheda n. 1. Riferimenti normativi e organizzativi inerenti l attuazione del procedimento

Scheda n. 1. Riferimenti normativi e organizzativi inerenti l attuazione del procedimento Scheda n. 1 Iscrizione elenco anagrafico ex DPR 442/2000 e acquisizione stato di disoccupazione mediante sottoscrizione della DID Dichiarazione di Immediata disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa

Dettagli

Disciplina organica dei contratti di lavoro e la revisione della normativa in tema di mansioni (DLgs 81/2015)

Disciplina organica dei contratti di lavoro e la revisione della normativa in tema di mansioni (DLgs 81/2015) Disciplina organica dei contratti di lavoro e la revisione della normativa in tema di mansioni (DLgs 81/2015) Nonostante l'enfasi "riformatrice" adottata in sede di presentazione, in questo decreto vengono

Dettagli

In caso di discordanze prevale il testo pubblicato sulla gazzetta uf iciale che si consiglia di leggere.

In caso di discordanze prevale il testo pubblicato sulla gazzetta uf iciale che si consiglia di leggere. La legge 92/2012, composta da 4 articoli, ha modificato ed eliminato numerosi istituti giuridici in materia di lavoro. Nelle pagine che seguono potrete trovare una sintesi delle principali novità contenute

Dettagli

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore:

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore: Disoccupazione Una quota dei contributi versati serve per assicurarsi contro la disoccupazione, causata dall estinzione di un rapporto di lavoro per cause non attribuibili alla volontà del lavoratore stesso.

Dettagli

ASSUNZIONI AGEVOLATE 2015: sgravi contributivi per chi assume a tempo indeterminato (Legge n. 190 del 23.12.2014)

ASSUNZIONI AGEVOLATE 2015: sgravi contributivi per chi assume a tempo indeterminato (Legge n. 190 del 23.12.2014) CIRCOLARE INFORMATIVA N. 2 FEBBRAIO 2015 ASSUNZIONI AGEVOLATE 2015: sgravi contributivi per chi assume a tempo indeterminato (Legge n. 190 del 23.12.2014) Gentile Cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

Vademecum su lavoro e mobilità

Vademecum su lavoro e mobilità Fondazione Distretto HT Milano Brianza Vademecum su lavoro e mobilità Vimercate, 11 settembre 2009 Il Distretto HT per una gestione attiva della mobilità occupazionale Nelle schede allegate vengono riassunte

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

Lavoro intermittente

Lavoro intermittente Via Cristoforo Colombo, 456 00145 Roma Tel. 06 5964901 Fax 06 5405012 Email fondazionestudi@consulentidellavoro.it PEC fondazionestudi@consulentidellavoropec.it Iscritta al n. 77/2001 del Registro delle

Dettagli

Tutto quello che c è da sapere sulla gestione del personale in esubero presso le aziende

Tutto quello che c è da sapere sulla gestione del personale in esubero presso le aziende Cassa integrazione e Mobilità del personale dipendente Tutto quello che c è da sapere sulla gestione del personale in esubero presso le aziende Quando l impresa è in crisi può sospendere i propri dipendenti

Dettagli

art. 1 oggetto e finalità Art. 2 definizioni

art. 1 oggetto e finalità Art. 2 definizioni Direttive tecniche in tema di istruzione e formazione professionale (IeFP) di cui al capo III del Decreto Legislativo 17 ottobre 2005, n. 226. Standard regionali in materia di accreditamento degli enti

Dettagli

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa 1. Premessa Le criticità e le difficoltà che incontrano i giovani ad entrare

Dettagli

AMMORTIZZATORI SOCIALI _ LA MOBILITA

AMMORTIZZATORI SOCIALI _ LA MOBILITA AMMORTIZZATORI SOCIALI _ LA MOBILITA MOBILITÀ COLLETTIVA E' un ammortizzatore sociale per l'accompagnamento dei lavoratori licenziati per: riduzione di attività o lavoro trasformazione di attività cessazione

Dettagli

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI Esonero contributivo triennale Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI API Torino 5 marzo 2015 Beniamino Gallo Esonero triennale per le assunzioni a tempo indeterminato Il legislatore si è posto

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

Quale effetto produce l accantonamento del TFR nel Fondo di Tesoreria?

Quale effetto produce l accantonamento del TFR nel Fondo di Tesoreria? La disciplina del trattamento di fine rapporto 175 erogato il TFR. Egli riceverà invece una pensione integrativa di quella pubblica-obbligatoria alla maturazione dei requisiti pensionistici nel regime

Dettagli

LEGGE DI STABILITÀ 2015 IN SINTESI

LEGGE DI STABILITÀ 2015 IN SINTESI LEGGE DI STABILITÀ 2015 IN SINTESI È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 29 dicembre 2014, la Legge di Stabilità 2015, L. n. 190 del 23 dicembre 2014. Di seguito si riepilogano le principali

Dettagli

LE NOVITA' DELLA RIFORMA BIAGI

LE NOVITA' DELLA RIFORMA BIAGI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO, APPALTO DI SERVIZI E DISTACCO LE NOVITA' DELLA RIFORMA BIAGI di Nicola Sernia Risorse umane >> Gestione e organizzazione del personale PREMESSA La riforma del mercato del lavoro

Dettagli