elearning tra tecnologie e metodologie

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "elearning tra tecnologie e metodologie"

Transcript

1 elearning tra tecnologie e metodologie di Paolo Frignani 1 Premessa In questi ultimi anni gran parte del dibattito sull uso delle tecnologie per apprendere si è spostato sull elearning ed in particolare sulle tecnologie di piattaforma (o LMS) e sullo sviluppo dei contenuti (learning object). Personalmente non sono mai stato un seguace di questa o quella piattaforma, siano esse del mercato o open source, perché credo che restino ancora nel loro insieme strumenti piuttosto ingessanti, che non sempre si conciliano con le esigenze della didattica. Naturalmente oggi è impensabile proporre corsi online senza l uso di una piattaforma, eppure focalizzarsi su questi problemi spesso a voluto dire perdere di vista altri aspetti non meno importanti. In questo articolo vorrei affrontare alcune questioni che sono ormai da una ventina d anni al cuore del problema dell innovazione didattica e in particolare dell uso delle tecnologie nei sistemi formativi: da una parte vorrei tracciare un analisi ragionata di come le tecnologie e le metodologie hanno interagito e si sono mutuamente influenzate nel contesto dello sviluppo dell e-learning e dall altra cercare di sviluppare una riflessione critica su come questo rapporto dovrebbe evolvere e quali strumenti sarebbe utile impiegare. A questo proposito, ritengo indispensabile condividere con voi un concetto di fondo che influenza tutte le azioni di merging, o meglio di convergenza, tra metodi operativi e innovazioni tecnologiche in ogni ambito applicativo: la strategia di gestione di questa convergenza, e dei numerosi problemi tecnicoeconomici e socio-culturali che implica, può afferire a due diverse tipologie: una tradizionale e una pura. 1 Professore Ordinario di Pedagogia Sperimentale, e Tecnologie dell'istruzione e dell'apprendimento; Presidente CdL in Tecnologo della Comunicazione AV e M; Facoltà di Lettere e Filosofia via Savonarola 38 (primo piano); Tel: Direttore CARID, Università di Ferrara POLO TECNOLOGICO E DIDATTICO UNIVERSITARIO PER LA FORMAZIONE A DISTANZA Via dei Capuccini 1, Argenta (Ferrara) Tel. Segreteria / FAX

2 e-learning tra tecnologie e metodologie Strategia Tradizionale Strategia Pura Innovazione tecnologica Metodi preesistenti Innovazione tecnologica Revisione metodi preesistenti La strategia tradizionale consiste nell applicare l innovazione tecnologica ai metodi preesistenti, adeguandola ad essi. Molto costosa in termini tecnici, questa strategia rivela la sua convenienza nella facilità con cui viene recepita dagli interlocutori del processo innovativo. La strategia pura, invece, implica la revisione delle metodologie operative preesistenti, in funzione dell apporto tecnologico e delle potenzialità aperte da questo. La tecnologia non genera cambiamenti passivi, adattandosi al metodo, ma è elemento attivo e paritario del cambiamento. Questa strategia genera soluzioni normalmente meno costose sotto il profilo tecnico-economico, ma più complesse (e quindi più costose) da inserire in un contesto socio-culturale, in particolare se affetto dal male comune del minimalismo. E nell e-learning le soluzioni strategicamente pure stanno caratterizzando l attuale fase evolutiva, come dimostra la progressiva differenziazione delle funzionalità interattive asincrone e la contrazione delle attività sincrone. Cerchiamo di focalizzare il rapporto tra piattaforme e didattica anche alla luce di esperienze maturate nel contesto di percorsi universitari (lauree e master) in cui si sono sperimentate modalità blended. In effetti, piattaforme e paradigmi didattici, repository e costruzione di percorsi di studio personalizzati sono tutti dualismi che non possono che spingere a riflessioni approfondite in grado di produrre nuova progettualità nella formazione in senso lato e in quella universitaria in modo particolare. Oggi siamo ormai in una fase in cui all entusiasmo del primo incontro tra tecnologia e il processo di apprendimento/insegnamento si deve affiancare una 2

3 consapevole strutturazione di questo rapporto, e scusatemi il raffronto, per non essere come un uomo con una grande forza nelle braccia (la tecnologia) ma una schiena così debole (la metodologia) da non poter, di fatto, sollevare nulla. Quando una realtà sia essa innovazione tecnologica, crescita tecnica o semplice metodologia diviene patrimonio comune senza che ci sia una apparente volontà forte che ciò accada, non possiamo esimerci dal riflettere sul perché di un successo, senza dover scomodare Jean Cocteau 2 che diceva: e-learning tra tecnologie e metodologie Certo che la fortuna esiste. Altrimenti come potremmo spiegare il successo degli altri? (Jean Cocteau) E questa, a mio avviso, la ragione per cui se prendiamo atto,oggi, della graduale diffusione di infrastrutture digitali, strumenti informatici e applicazioni multimediali che attirano l attenzione della gente, dei giovani ma anche dei meno giovani, in contesti di svago ma anche lavorativi e di insegnamento/apprendimento, non possiamo archiviare il fenomeno come semplice moda o limitandoci a dire con Artur C. Clark Autore di 2001 Odissea dello spazio che Ogni tecnologia sufficientemente avanzata è indistinguibile dalla magia.. Accettare una definizione di questo tipo equivale ad affermare che non esiste nessun nesso causa effetto, specialmente se la tecnologia e le metodologie che l accompagnano e la guidano sono utilizzate in contesti formativi. 3

4 Qualcuno potrebbe obiettare che la diffusione di strumenti e tecnologie non è di per sé un motivo sufficiente per stimolare una riflessione sul loro utilizzo e tanto meno sulla loro efficacia. Tuttavia quando si è in presenza di tecnologie, come le piattaforme o meglio ancora come ambienti di apprendimento che manifestano una forte interazione con quella che possiamo definire la comunicazione didattica, prospettano uno scenario che vede sommarsi al normale gap che la cultura genera, una nuova forma di divisione etichettata come digital divide. Non è possibile ignorare tutte le tematiche e le problematiche che la tecnologia ha introdotto ed indotto nel complesso sistema delle relazioni umane e nell ancor più articolato e variegato mondo delle relazioni pedagogiche. Con Goethe si può dire, in questo contesto: e-learning tra tecnologie e metodologie Se volessero agire secondo i principi della pedagogia gli anziani non dovrebbero proibire a un giovane ciò che lo rende felice quando non hanno da offrirgli in cambio qualche altra cosa. (Goethe) L e-learning, credo, che si muova proprio in questo mare magnum di problematiche e soprattutto che si sia trovato spesso a navigare a vista: ecco perché è necessario, a mio avviso, alimentare costantemente una riflessione sull efficacia dell utilizzo di tali tecnologie e dei relativi strumenti, soprattutto di quelli che permettono la condivisione in rete dei saperi, e sull utilizzo dei multimedia nei processi di apprendimento. L e-learning ha, di fatto, utilizzato gli strumenti e le metodologie tipiche della comunicazione in rete secondo due direttive principali: 4

5 e-learning tra tecnologie e metodologie E-learning Comunicazione in rete Implementazione Implementazione Progettazione Utilizzo Contenuti Funzionalità Interattività Percorsi LEARNING OBJECTS la prima evidenziata dai processi che hanno come finalità la progettazione, l implementazione e l'utilizzo di Learning Object e la seconda, ad esso complementare, che vede processi finalizzati all implementazione di funzionalità necessarie ad un alto livello di interattività nella fruizione di contenuti e nel percorso di processi di apprendimento. I differenti obiettivi che si pongono le funzionalità interattive con fini organizzativi, e le corrispondenti con fini didattici, sono evidenti (anche se nel contesto della tracciabilità di un percorso i due aspetti tendono a confluire sul piano della misurazione sia quantitativa che qualitativa) però non è possibile fare una equivalente e netta separazione tra le funzionalità di gestione dei Learning Object e le funzionalità finalizzate a supportare il dialogo sincrono e asincrono tra gli attori del processo, le attività collaborative, le modalità di verifica dell'apprendimento e della qualità del processo, e in generale tutte le funzioni che contribuiscono a valorizzare il processo didattico. Il CARID 3 e la cattedra di Pedagogia Sperimentale di cui sono titolare ha effettuato una ricerca in tal senso strutturando un impianto tassonomico da applicare ai Learning Object, ricerca che comprova l'esistenza e la diffusione di modelli strutturali, sottesi da molteplici strategie didattiche, che travalicano il confine tra erogazione univoca del sapere, 3 CARID Centro di Ateneo per la Ricerca l Innovazione Didattica e l Istruzione a Distanza dell Università di Ferrara (http://www.carid.unife.it) 5

6 e-learning tra tecnologie e metodologie LEARNING OBJECTS Flusso monodirezionale Flusso bidirezionale Protocollo HTML Utente Utente Utente Struttura (cioè erogazione in cui il flusso informativo è sostanzialmente monodirezionale e l'interazione si limita alle opzioni offerte dalle tecnologie di navigazione implementate nel protocollo HTML), e trasferimento informativo e documentale bidirezionale tra utente e struttura, o tra una comunità di utenti nel contesto di una fruizione collaborativa del Learning Object. E il caso dei Learning Object afferenti ai modelli di Problem Solving, Simulation, Virtual Role Playing, Web Quest, e Collaborative Concept Map). e-learning tra tecnologie e metodologie Funzionalità Oragnizzative Amministrative Didattiche gestione delle tempistiche di fruizione dei materiali iscrizione ad un esame di profitto forum verifiche formative 6

7 Le famiglie di funzionalità che si vedono implementate sono catalogabili facendole afferire a due gruppi principali, formati l uno degli strumenti e delle funzioni che potremmo definire, da un lato, organizzative e dal altro amministrative (la gestione delle tempistiche di fruizione dei materiali o l iscrizione ad un esame di profitto), e l altro dalle funzionalità più specificatamente didattiche, come possono essere i forum, che sono governate, o comunque ispirate ed afferenti ai diversi paradigmi pedagogici. Sempre in tema di funzionalità, non è difficile incontrare di quelle che si ispirano e mettono in atto strategie tipiche dei paradigmi pedagogici tradizionali : abbiamo così funzionalità ispirate al paradigma cognitivo/costruttivista (a cui sono sentimentalmente e scientificamente legato essendomi formato a Ginevra alla scuola di Piaget ) così come funzionalità in cui non è difficile individuare i lineamenti di un costruttivismo sociale (dove vengono inglobate le caratteristiche dell interazionismo di Mead e Vygotskij), fertile terreno in cui sono nate e cresciute le comunità di pratica che mostrano come le relazioni tra e-learning e gestione della conoscenza siano strutturali ancor prima che funzionali. La teoria di Piaget che possiamo considerare in quanto teoria dello sviluppo, nelle sue ricadute sul versante educativo e l approccio socioculturale di Vygotskij ci introducono a due problemi fondamentali: a scuola, e ancor più all università o nella formazione permanente, e-learning tra tecnologie e metodologie intendiamo insegnare comportamenti o abilità mentali? quale rapporto esiste tra sviluppo cognitivo e apprendimento? 7

8 Il primo problema è espresso nel dibattito avviato da tempo, e tuttora presente a scuola, tra l approccio comportamentista, che descrive l apprendimento in termini di comportamenti da acquisire, e l approccio cognitivista, che sottolinea la necessità che la scuola promuova lo sviluppo di abilità mentali che servono per imparare. La seconda questione rimanda invece al confronto tra la prospettiva piagetiana, che sostiene che l alunno apprende quando il suo sviluppo cognitivo, cioè l evoluzione naturale delle sue capacità, lo mette in condizioni di farlo. Il bambino, dice Piaget, attraversa una serie di fasi evolutive e ogni fase ha una sua strutturazione che la rende qualitativamente, e non solo quantitativamente, diversa da quella precedente. L intelligenza, infatti, si sviluppa su una base pratica, attraverso l azione. E con l azione che il soggetto entra in contatto con l oggetto, cioè con la realtà esterna. La grande svolta del cognitivismo si riassume tutta in una frase dello stesso Piaget: e-learning tra tecnologie e metodologie È chiaro che un educazione della scoperta attiva del vero è superiore ad un educazione che consista nell allenare i soggetti a volere per volontà precostituite e a sapere per verità semplicemente accettate (Jean Piaget) svolta a cui fa eco la teoria vygotskiana, che sottolinea come l apprendimento stimolato dall insegnante possa promuovere lo sviluppo cognitivo dell individuo. Non voglio qui addentrarmi nel merito di tutte le teorie scientifiche di riferimento, ma semplicemente voglio sottolineare come gli studi di questi grandi autori abbiano portato a funzionalità in cui non è difficile individuare i lineamenti di evoluzione del paradigma cognitivo/costruttivista in un paradigma Costruzionista visto come ponte tra le teoria piagetiana e la didattica attraverso le nuove tecnologie. Questo paradigma, dovuto a Seymour Papert, collaboratore dello stesso Piaget, afferma come la costruzione della conoscenza sia tanto più facilitata e dunque efficace quanto più essa sia basata 8

9 non solo sul fatto mentale, ma supportata da una parallela costruzione reale, effettiva del proprio modo di ragionare. Questa evoluzione paradigmatica del cognitivismo legata a quella sociocostruttivista dove vengono inglobate le caratteristiche dell interazionismo di Mead e Vygotskij permette di privilegiare un approccio alla multimedialità, quest ultima intesa come nuovo apparato di conoscenza e di sviluppo cognitivo, quindi come strumento epistemologico e di costituire insieme un fertile terreno in cui sono nate e cresciute le comunità di pratica che mostrano come le relazioni tra e-learning e gestione della conoscenza siano strutturali ancor prima che funzionali. A prova di tutto ciò, si pensi che c è stato un progetto europeo Leonardo, denominato Tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) e Cognitivismo che testualmente si poneva questo obiettivo.(usava il sito che oggi è stato abbandonato). Tutti questi paradigmi pedagogici sono, in diversa misura, fondamento delle piattaforme per l apprendimento. Piattaforma è un termine che vorrei gradatamente abbandonare per un motivo che va oltre ad una mera questione terminologica, per adottare il termine di ambiente di apprendimento che oggi è, a mio parere, ben coniugato nel concetto di ambiente di apprendimento personale PLE introdotto da James Farmer Fondatore di Edublogs (http://edublogs.org/) e che ha interessanti sviluppi e prospettive sia in relazione con il lifelong learning e, data la provenienza di Farmer, con l utilizzo della blogosfera nell ottica di un processo di insegnamento/apprendimento. Questo, però, non ci deve far dimenticare l applicazione in campo universitario dove l organizzazione e l ottimizzazione di tempi, modi e strumenti per l apprendimento è punto di snodo nel rapporto con gli studenti. La domanda che ci si potrebbe porre per sapere se l insegnamento virtuale (a cui spesso è associato il termine e-learning quando non è schiacciato sul termine on-line) corrisponda a un apprendimento reale, è una domanda importante soprattutto quando la tecnologia mette a disposizione così tanti e diversificati strumenti sempre più raffinati, ma anche sempre più rapportati ad istanze metodologiche. La crescita quantitativa e qualitativa di metodologie e tecnologie sia informatiche sia multimediali non pone, di certo, domande su come costruire strumenti efficienti ma come renderli efficaci nei contesti formativi. Si possono, infatti, simulare sia strumenti per la progettazione di software che ambienti di utilizzo di strumentazioni complesse, come quegli ambienti in cui si sviluppano processi di problem solving o simulation game, ma la domanda fondamentale a questo punto, resta sempre: come questo apprendimento di abilità e di saperi può essere o può diventare un apprendimento di competenze?. 9

10 Queste riflessioni portano anche noi ad interrogarci come già in Inghilterra Oleg 4 Liber e Scott Wilson 5 su un approccio Personal Learning Environment che permette agli ambienti di apprendimento di evolversi secondo una logica fortemente modulare. Tale logica prefigura una formazione a la carte che non solo incontri in maniera puntuale le esigenze formative di ogni persona, ma anche che faccia diminuire lo spreco di risorse che attualmente si hanno. E, infatti strano, assistere al fenomeno della moltiplicazione di risorse uguali, nel mondo dell informazione condivisa. Come mai, mi chiedo, non emerge un concreto impegno per utilizzare risorse che la rete mette a disposizione? L interoperabilità, che senso ha, se non quello di condividere il sapere, di poter utilizzare anche le cose che gli altri hanno prodotto? Mi pare che a volte, il concetto di interoperabilità assomigli più alla definizione di standard: La cosa bella degli standard è che ce ne sono così tanti tra cui scegliere. afferma Tanenbaum 6 Il cammello un cavallo progettato da una commissione di standard conclude Niklaus Wirth 7 Ma allora, mi sono chiesto, cosa succede, quando l'on line learning cessa di essere un medium e diviene una piattaforma?. Cosa succede quando un software di e-learning cessa di essere uno strumento per la distribuzione di contenuto e diviene uno strumento per la creazione di contenuto? La risposta che oggi si tenta dare risiede nel concetto di WEB 2.0 Che ciò avvenga attraverso dei «wiki» come basi di conoscenze, o dei blog, o ancora degli LMS collaborativi, assistiamo oggi, grazie al WEB 2.0 al nascere di una nuova forma di e-learnig che prende appunto il nome di e-learning 2.0 "Il modello di e-learning prodotto dai publisher, organizzato e strutturato in corsi consumati dagli studenti si può dire concluso ed i materiali di studio è più probabile che siano prodotti dagli studenti stessi e che siano strutturati più come una conversazione che come un libro o un manuale". "L'esperienza di e-learning, per molte persone, non è andata oltre a quella di una pagina on line con un quiz a scelta multipla, ma con lo sviluppo di questi nuovi servizi web, l'e-learning ha la potenzialità di divenire più personale, sociale e flessibile." Così scrive Stephen O'Hiar sulle pagine di The Guardian. "L'approccio tradizionale all'e-learning tende ad essere strutturato in corsi, orari e test e praticato da docenti e personale ancora troppo legato alle forme tradizionali dell insegnamento/apprendimento. Questo è un approccio che è 4 University of Bolton (Inghilterra), Direttore CETIS-Centre for Educational Technology and Interoperability Standards 5 CETIS-Centre for Educational Technology and Interoperability Standards 6 Professore di Informatica all Università Vrije di Amsterdam 7 Informatico svizzero, padre del linguaggio Pascal 10

11 stato imposto in modo da soddisfare più i bisogni delle istituzioni piuttosto che quelli di coloro che dovrebbero apprendere. In contrasto, l' e-learning 2.0 combina l'uso di strumenti complementari come blog, wiki, ed altri social software per supportare la creazione di learning community ad-hoc". Quindi, per concludere, alla luce del fatto che l e-learning che conosciamo non ha veramente mantenuto le sue promesse, è forse un bene, veder nascere nuove piattaforme web2.0, più centrate sui bisogni reali di una comunità di apprendimento piuttosto che unicamente sulla messa a disposizione di soli contenuti pedagogici. Ma è chiaro che ciò potrà aver luogo solamente attraverso una esperienza reale dell utilizzatore, che dovrebbe, a mio avviso essere molto più ludica di quella che finora è stata proposta (non voglio arrivare fino al concetto di video giochi ) Questo tipo di esperienza è stata studiata in psicologia positiva attraverso la teoria dei flussi che mette in evidenza il benessere personale che ciascuno può trarre da una situazione, mantenendosi in uno stato psicologico di tipo ottimale cioè facendo appello congiuntamente a 4 fra le nostre componenti cognitive che sono: il controllo, l attenzione, la curiosità e l interesse intrinseco. Pensiamo, per esempio, ad alcune esperienze in medicina, dove in un ospedale universitario svizzero si utilizzano video giochi per modificare la nostra esperienza del dolore, distogliendone l attenzione. Ma anche qui, non voglio dilungarmi troppo e rinvio a chi fosse interessato ai lavori dello studioso ungherese Mihaly Csikszentmihalyi 8 Gli ambienti di apprendimento personali (PLE) dovrebbero quindi dare a colui che apprende un maggior controllo sulla sua esperienza di apprendimento in un ambiente personale in grado di interagire con i vari sistemi che gli permettono di accedere ai contenuti". L informatizzazione del globo provoca dei profondi cambiamenti nell educazione della nostra società, ma l e-learning non deve solamente accompagnare questi fenomeni, deve poter dare gli strumenti ai docenti e agli studenti di condividere il sapere in modo creativo e ludico. Conclusioni Potremmo concludere dicendo che le tecnologie esistono, il potenziale economico è reale c è forse voluto il WEB 2.0 per liberare il web (ma aspettiamo ad infatuarci anche di questo ), ci vorrebbe un vero e-learning 2.0 per liberare l educazione! Ebbene, resta esterna a questo discorso, e irrisolta, l'esigenza di trasferire informazioni da un modulo funzionale all'altro, ancora più evidente se si 8 nato nel 1934 e professore di psicologia al Claremont Graduate University e all Università di Chicago; presidente dell American Psychological Association e padre di Christopher Csíkszentmihályi. Dell MIT Media Lab. 11

12 impone la necessità di dialogare con un datawarehouse preesistente nell'organizzazione. A questo proposito, Il Carid sta da tempo procedendo con una ricerca, volta a creare uno strumento, per gli intenditori di tecnologie (ma io non lo sono) un broker UDDI di web-services, il cui compito è appunto quello di gestire la trasmissione di dati tra moduli afferenti a un contesto strumentale per l'elearning utilizzando i protocolli di web-services. Ciò ovviamente implica la necessità di inserire, all'interno dei moduli funzionali sviluppati degli LMS, le funzionalità che li rendono compatibili con lo standard dei web-services, ovvero la capacità di farsi riconoscere attraverso il linguaggio di comunicazione delle proprie "capacità" (il protocollo WSDL) e la capacità di scambiare dati, ovvero di fare e ricevere interrogazioni, attraverso il protocollo SOAP. Ma qui mi fermo, doverosamente, il campo di indagine che si prospetta merita infatti le parole di altri oratori più esperti di me. Mi concederete comunque una considerazione finale: l'evoluzione strumentale, e prima ancora metodologica derivata dall'introduzione del concetto di "e-learning", è arrivata allo stadio di maturazione sufficiente per compiere un "parricidio", e-learning tra tecnologie e metodologie Strategie Teorie Tecnologie di rete DIDATTICA approdando a una didattica in grado di supportare opzioni profondamente differenti in termini di strategia, di afferenza teorica, di organizzazione e gestione dei tempi e degli spazi, e utilizzando appieno i supporti e le 12

13 potenzialità delle tecnologie di rete coerentemente alle scelte e alle condizioni ambientali. 13

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Dall istruzione programmata all e-learning

Dall istruzione programmata all e-learning Dall istruzione programmata all e-learning L ausilio delle tecnologie informatiche e dell intelligenza artificiale per l insegnamento degli allievi è un binomio che ha visto un progressivo sviluppo di

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Learning 4 All. Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici

Learning 4 All. Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici Learning 4 All Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici Autore/i Data Versione Reviewer Ferrari L., Lovece S. 12/10/2010 1.1 Luigi Guerra, Elena Pacetti, Manuela Fabbri, Enrico

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Computer Mediated Communication (CMC) e Second Life

Computer Mediated Communication (CMC) e Second Life Form@re, ISSN 1825-7321 Edizioni Erickson, www.erickson.it Questo articolo è ripubblicato per gentile concessione della casa editrice Edizioni Erickson. Computer Mediated Communication (CMC) e Second Life

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Il Progetto Orient@mente

Il Progetto Orient@mente Il Progetto Orient@mente Presentazione, 25 marzo 2015 Marina Marchisio Dipartimento di Matematica G. Peano Orient@mente Progetto di UNITO che ha come scopo la realizzazione di un orientamento in ingresso

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE

DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE LEZIONE: DAI SAPERI ALLE COMPETENZE PROF.SSA ANGELA ELIA Indice 1 DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE ----------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LE COMPETENZE

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Il Problem-Based Learning dalla pratica alla teoria

Il Problem-Based Learning dalla pratica alla teoria Il Problem-Based Learning dalla pratica alla teoria Il Problem-based learning (apprendimento basato su un problema) è un metodo di insegnamento in cui un problema costituisce il punto di inizio del processo

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

Servizi e soluzioni per Elearning e Knowledge Management. http://www.elearnit.net http://elearnit.wordpress.com

Servizi e soluzioni per Elearning e Knowledge Management. http://www.elearnit.net http://elearnit.wordpress.com Servizi e soluzioni per Elearning e Knowledge Management http://www.elearnit.net http://elearnit.wordpress.com E-learning Ridurre i costi Più efficienza Tracciare i risultati La formazione web-based può

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Mario Rotta. eportfolio e altre strategie di personalizzazione per l'apprendimento continuo

Mario Rotta. eportfolio e altre strategie di personalizzazione per l'apprendimento continuo eportfolio e altre strategie di personalizzazione per l'apprendimento continuo Quali strategie possono essere applicate con successo nel Life Long Learning, tenendo conto degli scenari attuali? Emerge

Dettagli

elearning Soluzioni elearning per la Formazione a Distanza delle realtà aziendali e sanitarie pubbliche/private

elearning Soluzioni elearning per la Formazione a Distanza delle realtà aziendali e sanitarie pubbliche/private elearning Soluzioni elearning per la Formazione a Distanza delle realtà aziendali e sanitarie pubbliche/private Febbraio 2010 e-learning Academy, ovvero... la Formazione a Distanza a portata di Internet

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo capitolo Fattori Introduzione suggestopedici alla Suggestopedia La dessuggestione Moderna delle barriere di apprendimento pag. 7 Se vuoi costruire una nave, non raccogliere i tuoi uomini per preparare

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

RUOLO DELLE TECNOLOGIE NELL INNOVAZIONE SCOLASTICA. Qualsiasi tecnologia, una volta introdotta, viene a modificare il luogo sociale che l accoglie.

RUOLO DELLE TECNOLOGIE NELL INNOVAZIONE SCOLASTICA. Qualsiasi tecnologia, una volta introdotta, viene a modificare il luogo sociale che l accoglie. RUOLO DELLE TECNOLOGIE NELL INNOVAZIONE SCOLASTICA Introduzione Qualsiasi tecnologia, una volta introdotta, viene a modificare il luogo sociale che l accoglie. Se pensiamo all ambiente propriamente scolastico,

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

ATTIVITA DI RIELABORAZIONE TESTUALE MEDIANTE LA PIATTAFORMA MOODLE Progetto Cl@ssi 2.0

ATTIVITA DI RIELABORAZIONE TESTUALE MEDIANTE LA PIATTAFORMA MOODLE Progetto Cl@ssi 2.0 Congresso Nazionale SIREM Milano, 5-6 giugno 2012 ATTIVITA DI RIELABORAZIONE TESTUALE MEDIANTE LA PIATTAFORMA MOODLE Progetto Cl@ssi 2.0 Valentina Pennazio, Andrea Traverso, Davide Parmigiani Università

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti OGGETTO: PROGETTO TECO A ATTIVITÀ CINECA AUTORE: MAURO MOTTA Indice della presentazione 1. Obiettivo del progetto 2. Identificazione degli attori coinvolti 3. Fasi del progetto Tecnologie e Strumenti Il

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

IGU UGI. Dichiarazione di Lucerna sull Educazione Geografica per lo Sviluppo Sostenibile

IGU UGI. Dichiarazione di Lucerna sull Educazione Geografica per lo Sviluppo Sostenibile Geographical Views On Education For Sustainable Development Simposio regionale dell Unione Geografica Internazionale- Commissione sull Educazione Geografica 29-31 luglio 2007. Lucerna, Svizzera 2007. IGU

Dettagli