LA PREISTORIA PALEOLITICO E MESOLITICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA PREISTORIA PALEOLITICO E MESOLITICO"

Transcript

1 LA PREISTORIA PALEOLITICO E MESOLITICO Il termine Paleolitico (o età della pietra antica) corrisponde a un lunghissimo periodo della Preistoria, durato molti millenni, che in Lombardia è documentato quasi esclusivamente ai piedi delle Alpi o nelle aree intorno all alveo del Po. Recenti scoperte nelle zone appenniniche fuori dalla Lombardia potrebbero fare ritenere di ritrovarlo in futuro anche in Oltrepò. Fu soprattutto nel periodo successivo, detto Mesolitico ( circa a.c.), che le comunità umane cacciatrici, in seguito a diverse condizioni climatiche createsi con la fine della glaciazione di Würm, si espansero sia nella zona alpina, sia nella pianura padana. L Oltrepò non ha però ancora restituito resti di quest epoca. IL NEOLITICO Il periodo che vide il passaggio da un tipo di vita basato sulla caccia e sulla raccolta a un'economia fondata sull agricoltura e sull allevamento è chiamato Neolitico ( a.c. circa). Agricoltura, domesticazione, allevamento, tessitura, produzione di vasellame in ceramica e di asce in pietra levigata sono le grandi scoperte di questo periodo che rivoluzionarono la vita dell uomo. È proprio una di queste scoperte, la ceramica, diversamente modellata e ornata a seconda dei vari momenti del Neolitico in cui venne prodotta, che fornisce un grande aiuto per la datazione delle culture. Convenzionalmente il Neolitico si divide in tre grossi periodi, con caratteristiche diverse: Inferiore/Antico: vasi decorati a impressioni ottenute sulla parete ancora cruda - vasi a peduccio, vasi troncoconici con cordoni e piedi a tacco, anse sormontate da bugnette, vasi a tulipano. Le varie culture sono definite: cultura della ceramica impressa, cultura del Vho di Piadena, cultura di Fiorano. Medio: vasi con orlo e collo a quattro angoli detti vasi a bocca quadrata. Superiore: piatti con orlo a tesa, scodelle carenate, vasi troncoconici in ceramica nero-lucida decorata talvolta da motivi graffiti; Cultura della Lagozza. Nell Oltrepò Pavese è finora documentata solo la fase del Neolitico antico con vasi simili a quella della cultura del Vho di Piadena (Cremona).

2 LA PROTOSTORIA LE ETÀ DEI METALLI La prima età dei metalli o Eneolitico è caratterizzata da una grande scoperta diffusasi in Europa centro-occidentale a partire dal III millennio a.c.: il rame. Altro fenomeno comune ad ampia parte dell Europa è la diffusione di un vaso a forma di campana rovesciata (vaso campaniforme) che probabilmente accompagnava i cercatori di metallo. Su questo periodo le conoscenze sono maggiori circa gli aspetti funerari, mentre sono molto più scarsi i rinvenimenti relativi agli abitati. Successivamente l uomo si rese conto che con l aggiunta di stagno al rame si poteva ottenere una lega più resistente: il bronzo, la cui diffusione in Lombardia coincide in gran parte con la cultura detta di Polada. Le culture dell età del Bronzo si svilupparono nel periodo che va dal XVIII al XII secolo a.c. e si distinguono per le diverse forme delle ceramiche e dei bronzi. A una grande esplosione demografica avvenuta nei secoli XVI e XII (età del Bronzo Medio e Recente), seguì, dal XII secolo a.c., un momento di apparente spopolamento che è probabilmente il riflesso dei mutamenti politici che avvennero in quest epoca in tutto il bacino del Mediterraneo (si pensi ad esempio al crollo della civiltà micenea). Dal XIII secolo a.c. si affermò definitivamente un cambiamento nel rito funebre: i corpi dei defunti non venivano più sepolti ma erano cremati e si seppellivano in terra solo le ceneri raccolte in un vaso e accompagnate da altri oggetti di corredo. Questo rito permane nell epoca successiva che Ricostruzione di un telaio verticale viene chiamata età del Ferro, per l introduzione di questo metallo che permetteva la fabbricazione di strumenti più resistenti. Le culture del Nord Italia, in questo periodo, si differenziarono tra loro e le aree geografiche della Lombardia Occidentale e del Piemonte furono principalmente interessate dalla cultura detta di Golasecca. Questa cultura perdurò, con diverse modalità nei vari secoli, da un primo periodo (Protogolasecca XI-IX secolo a.c.) fino a tutto il V secolo a.c. Fu un periodo di intensi scambi commerciali tra i paesi nord-alpini e il mondo etrusco. L Oltrepò Pavese, nell età del Ferro, era abitato da popolazioni liguri che vivevano in piccoli insediamenti arroccati sulle sommità delle alture (castellieri) e partecipavano in varia misura a tali commerci. Nel IV secolo a.c. l Italia Settentrionale fu caratterizzata dalla cultura celtica. Nella Lombardia occidentale predomina una popolazione di ceppo celtico che aveva la propria capitale nel sito dell odierna Milano: gli Insubri, che furono sconfitti nel 222 a.c. dai Romani a Casteggio. Stampo per realizzazione di oggetti in bronzo

3 EPOCA ROMANA Lo scontro del 222 a.c. fu importantissimo per la conquista dell Italia Settentrionale, rafforzata dalla fondazione della colonia di Piacenza 218 a.c., da parte dei Romani. Vanificò per un certo periodo gli effetti della vittoria l arrivo del cartaginese Annibale, che, dopo la battaglia sul Ticino si impossessò di Casteggio, corrompendo il prefetto locale, tal Dasio da Brindisi con 400 nummi d oro, e facendo della cittadina il granaio delle sue truppe stanziate al Trebbia. Nel 197 a.c. i Romani riconquistarono Casteggio e la incendiarono per vendetta. Di questo periodo che va dal III al sec. a.c. i ritrovamenti archeologici non dicono molto. È comunque un momento fondamentale nel quale le popolazioni celtiche, ormai pacificate, incontrano i coloni romani e ne assumono velocemente usi e costumi. I ritrovamenti di epoca romana più antichi riguardano la seconda metà del I sec.a.c., momento nel quale tutto l Oltrepò è ormai romanizzato. Dal punto di vista amministrativo la zona era ripartita tra quella di appartenenza alla colonia di Piacenza e quelle afferenti a Voghera e Tortona (prova di questo sono anche le tracce lasciate dalla suddivisione in parcelle del territorio agrario, la cosiddetta centuriazione, visibile in foto aerea anche ai nostri giorni). I Romani organizzarono il territorio costruendo strade (come la via Postumia), edificando centri urbani di una certa consistenza (quali Casteggio e Voghera) e ponendo, all interno del territorio centuriato le cosiddette ville rustiche, ossia piccole imprese agricole, utilissime sia a livello economico per lo sfruttamento del territorio, sia a livello culturale per la diffusione delle usanze romane anche nelle campagne. I centri meglio noti grazie agli scavi archeologici sono Voghera e Casteggio. Voghera (Forum Iulium Iriensium) doveva avere un ruolo importante. La colonizzazione romana, avvenuta dal II sec.a.c., diede l impronta urbanistica alla città, la pianta quadrata che caratterizza tuttora il centro abitato. Con la decadenza dell Impero romano la città si ridusse a villaggio, affacciato sulle rive del torrente Staffora. Casteggio (l antica Clastidium), sorgeva invece sulle rive del torrente Coppa e lungo la via Postumia. Le testimonianze archeologiche si concentrano nella parte bassa del paese dove sono state trovate case, cimiteri e aree artigianali, ben separati per motivi igienici e di sicurezza. Gli abitanti di Casteggio e, in generale, quelli di tutto l Oltrepò pavese dovevano godere di floride condizioni economiche come documentano gli oggetti di pregio, spesso anche di importazione, trovati negli scavi e i materiali di lusso utilizzati nell edilizia privata. Sembra lecito pensare che tale ricchezza derivasse soprattutto dallo sfruttamento delle risorse locali. L intenso popolamento del retroterra pedecollinare testimonia l utilizzo del territorio a fini agricoli. Non mancavano le produzioni artigianali (lavorazione dell argilla per la produzione di laterizi, per esempio a Massinigo in Valle Staffora, e di vasellame) e i commerci, documentati oltre che da oggetti importati anche da frequenti rinvenimenti di pesi da bilancia. Fotografia aerea esemplificativa della centuriazione romana Ritratto di Annibale

4 CASTEGGIO NELLA VIABILITÀ Clastidium era inserita in un sistema di comunicazioni che la collegavano non solo alla grande via fluviale del Po, ma anche ai principali centri romani circostanti: Forum Iulium Iriensium (Voghera), Placentia (Piacenza) e Ticinum (Pavia). Il piccolo centro sorgeva sicuramente lungo la via Postumia, la grande arteria stradale realizzata nel 148 a.c. dal console Spurio Postumio Albino per collegare Genova ad Aquileia. Il ricordo dell antica via romana sembra sopravvivere, nel territorio casteggiano, attraverso il percorso della Romera, la via dei Pellegrini, che documenta l ininterrotta frequentazione della strada dall altomedioevo fino al secolo scorso. Lungo le strade i Romani installavano i miliari, piccole colonne in pietra che portavano incisa la distanza in miglia da Roma, o da alcune importanti città dell Impero. Un frammento di colonna miliaria, rinvenuto a Casteggio reca l iscrizione NOBILIS CAESARIS III, ed è con buona probabilità riferibile a una delle strade che percorrevano il territorio. COME SI COSTRUIVA UNA STRADA IN EPOCA ROMANA: si delineava la larghezza e si impiantavano i bordi (crepedines), che dovevano contenere la sede stradale; tra essi si scavava un fossato, riempito da strati alterni di materiale consistente, come pietrame, schegge di breccia o cocciame (statumen e rudus), e leggero, come sabbia, pozzolana o calcina (il nucleus); su questo fondo si ponevano i blocchi del lastricato stradale, il summum dorsum, incastrandoli tra loro perché non si muovessero; ai lati venivano scavate due fosse per raccogliere l acqua che scivolava dal dorso stradale displuviato, cioè curvato a schiena d asino. Spesso i tratti stradali extraurbani non erano lastricati, ma in battuto o in ciottoli (via glarea strata o glareata).

5 L OLTREPÒ E IL MONDO DEI DEFUNTI Disegno ricostruttivo di cerimonia funebre romana tratto da A imitazione del lusso. La decorazione dei letti funebri di età romana in Lomellina a cura di Rosanina Invernizzi, Milano, 2005, p.11 In Oltrepò sono state rinvenute numerose aree sepolcrali di epoca romana, di differente estensione: talvolta si tratta di tombe isolate, altre volte di vere e proprie aree cimiteriali. Sono attestati sia il rito dell incinerazione che quello dell inumazione. Nel territorio oltrepadano, e in particolare a Casteggio, l uso di cremare i defunti, si prolunga fino al III- IV secolo d.c., momento nel quale generalmente in Italia Settentrionale, e nella zona pavese, l inumazione è ormai prevalente. Per il momento non è possibile sapere se questo avvenisse per il forte conservatorismo delle famiglie locali, legate ad abitudini del passato, o per una volontà di differenziare individui appartenenti a determinati clan familiari, o per entrambe le cause congiunte. La caratteristica veramente peculiare della zona è l ampio impiego di laterizi. Sono rare le sepolture in fossa in nuda terra nelle necropoli oltrepadane, mentre sono frequenti vere e proprie piccole opere architettoniche in muratura. Le epigrafi funerarie, costituivano un modo per assicurare al defunto un perenne ricordo, garantivano il riconoscimento del luogo di sepoltura (proprio come le nostre lapidi), e spesso abbellivano la parte centrale di veri e propri recinti funerari, cioè aree sepolcrali private, talvolta monumentalizzate e destinate alla sepoltura di un individuo e della sua famiglia. Esempi di sepolture a inumazione e a cremazione dell Area Pleba di Casteggio

6 LA VITA OLTRE LA MORTE I CORREDI FUNERARI DELLE NECROPOLI ROMANE L insieme degli oggetti deposti in una tomba costituisce il corredo, la cui analisi è di fondamentale importanza ai fini di una datazione. Nelle tombe si ponevano gli oggetti cari al defunto, le cose di uso più comune, o, al contrario quelle più preziose (i beni di famiglia) e tutto ciò che, secondo la concezione diffusa, poteva servire nel mondo ultraterreno. Pur nella nuova collocazione funeraria, i manufatti continuano comunque a rinviare alla loro sfera di origine: le suppellettili per la mensa o la cucina, talvolta riempite di cibo, gli attrezzi da lavoro, gli oggetti d ornamento e quelli da toilette. Balsamari in vetro Essi permettono talvolta di riconoscere il sesso del defunto e, in casi sia pur rari, l attività svolta durante la vita. Così nelle tombe maschili si possono trovare falcetti, roncole, coltelli in ferro, in quelle femminili specchi in bronzo o altri strumenti per l igiene personale o il trucco e le fusaiole in argilla. Ma un corredo era formato anche da elementi di maggiore pregnanza simbolica. Tra questi le monete e le lucerne che, rispetto all uso primario, hanno un significato simbolico. La moneta si collocava, al momento della cremazione o della sepoltura, a stretto contatto con il defunto, spesso in bocca. Questo gesto serviva per garantire ai propri cari il passaggio nel mondo dei morti, pagando il pedaggio a Caronte, il traghettatore delle anime. Le lucerne avevano un significato importante nel rituale funerario, in quanto si trovavano a fianco del morto quando veniva esposto. Ma non solo, la luce, cui il lume allude, crea un immediato contrasto rispetto alle tenebre della morte. Proprio per questo in alcuni casi, questi manufatti erano posti rovesciati nelle sepolture, a significare l irreversibilità della morte. Nei corredi erano anche collocati oggetti che rimandano direttamente al rituale funerario, come le grappe e i chiodi in ferro, utilizzati come elementi di connessione di barelle per il trasporto dei defunti o di casse in legno, o i balsamari contenitori per gli unguenti, con i quali si cospargeva il corpo. Essi sono numerosi, in genere, nei corredi femminili, quale corollario indispensabile per la toilette quotidiana, ma sono presenti anche in sepolture maschili. DAL RITO FUNEBRE ALLA VITA QUOTIDIANA Gli oggetti rinvenuti nei corredi, che garantivano ai defunti la sopravvivenza nel mondo dei morti, consentono a noi, oggi, di ricavare informazioni sul mondo dei vivi. I manufatti delle necropoli, infatti, sono generalmente ben conservati e ci permettono di integrare, o ampliare, le conoscenze sui costumi della vita quotidiana dei Romani dedotte dagli abitati. Il buono stato di conservazione dei reperti archeologici si lega a diversi fattori. Si trattava di oggetti selezionati appositamente per accompagnare il morto nel viaggio oltremondano, scelti tra i più preziosi a lui appartenuti; inoltre essi erano collocati, contestualmente alla deposizione del cadavere, all interno di una sepoltura, che veniva immediatamente richiusa. Quindi, a meno che non siano intervenuti fenomeni di disturbo, come saccheggi o profanazioni di epoca successiva, ci sono giunti pressoché integri. Olle, spesso protette da coperchi, tegami, anforette per la conservazione dei cibi, di tipo analogo a quelle rinvenute negli abitati, garantiscono la realtà del legame stretto tra mondo dei vivi e quello dei morti. Inoltre le coppe, le patere, i bicchieri, le bottiglie (olpai) in ceramica, trovati associati nelle tombe permettono di ricostruire il servizio da mensa tipo del mondo romano, costituito appunto da al- Olpe in vetro meno un recipiente per versare liquidi, da uno per bere e uno per servire il cibo. Nel servizio da mensa romano, non mancavano neppure oggetti in vetro. Le tombe dell Oltrepò consentono così di ricavare molte informazioni sull uso del vetro, altrimenti destinate a sfuggirci per la scarsità dei rinvenimenti di questo tipo di materiale negli abitati. Questo materiale era assai utilizzato nel mondo romano per le sue caratteristiche che lo rendevano adatto alla conservazione dei cibi, nonché per la bellezza degli esiti estetici ottenibili con la sua lavorazione. Anche gli unguenti e i balsami forse si conservavano meglio all interno di contenitori in vetro, data la frequenza di balsamari nelle tombe femminili.

7 LA TOILETTE DELLA DAMA ROMANA Moltissime informazioni si ricavano dalle tombe sulla toilette di una donna romana. Assai comuni sono gli specchi in bronzo, con la superficie riflettente lucidata o rivestita da un sottile strato di argento. Se ne trovano sia di forma circolare che rettangolare, forse in origine montati su supporti in legno o comunque in materiale deperibile, mentre quelli più sofisticati avevano manico in bronzo. Pinzette e spatole erano usate per la cura della persona e per la pulizia personale. Per mescolare polveri e unguenti tratti dai balsamari, si utilizzavano bastoncini in bronzo o in vetro, di forma assai semplice. Come supporto si adoperavano tavolette in pietra, usate anche dai medici per mescolare le polveri curative. Scatolette in vetro, in ceramica o in avorio rimandano al trucco, operazione che la dama Matrona e ancilla. Affresco da Pompei romana compiva ogni giorno con grande cura. Vediamo nel dettaglio come questa operazione veniva svolta: la matrona romana andava a letto praticamente vestita indossando il perizoma, la fascia sorreggente il seno, la tunica e, in caso di freddo, una specie di mantello. Al mattino doveva calzare solo i sandali e avvolgersi nella sopravveste. Non si lavava se non sommariamente. L'occupazione che richiedeva più tempo era l'acconciatura per la cui realizzazione la dama aveva bisogno della ornatrix (la pettinatrice). Un altro compito dell'ornatrix era la depilazione e il trucco. La faccia e le braccia venivano imbiancate con biacca e gesso, le labbra e gli zigomi diventavano rossi grazie alla feccia di vino rosso o all'ocra; un po' di fuliggine serviva infine per annerire il contorno occhi. La matrona conservava l occorrente per il trucco in un cofanetto. Terminata l'acconciatura la signora si ingioiellava grazie al valido aiuto delle ornatrices. Cofanetto da trucco di Pompei. Museo Archeologico Nazionale di Napoli Sui profumi Si utilizzano due elementi per fare i profumi: il succo e l essenza: il succo in genere consiste nei vari tipi di olio, l essenza negli odori. Un terzo elemento è il colore, da molti spesso trascurato: per ottenerlo si aggiunge cinabro e ancusa. fu semplicissima la ricetta del rhodinum fatto con l aggiunta di succo d uva (o di oliva) acerba, petali di rosa, olio di zafferano, cinabro, calamo aromatico, miele, giunco profumato, fiore di sale o ancusa, vino Il più delicato tra tutti i profumi è il susinum, fatto di gigli, olio di ghiande, calamo aromatico, miele, cannella, zafferano, mirra (da Plinio, Naturalis Historia, XIII, 1-4) Particolare dall affresco con amorini profumieri. Pompei, Casa dei Vettii, I secolo d.c. da Vita non brevis. Dal rito funebre alla vita quotidiana, a cura di Rosanina Invernizzi, Milano, 2004, p.18

8 LE ABITAZIONI DI ETÀ ROMANA: DOMUS E VILLE RUSTICHE Non sono molti i ritrovamenti di abitazioni romane nei centri dell Oltrepò. Gli esempi più significativi vengono da Casteggio, si tratta per lo più di zone residenziali con domus di piccole dimensioni Per quanto riguarda invece l altra tipologia abitativa diffusa nel territorio, la villa rustica, diversi ritrovamenti sono stati fatti, nel corso degli anni Novanta, nel territorio (per esempio a Castelletto di Branduzzo, Rovescala, Broni). Negli scavi di abitati di epoca romana in Oltrepò, sono stati trovati diversi oggetti riferibili ad attività svolte quotidianamente degli antichi abitanti della zona. Tali manufatti offrono informazioni su tutto ciò che riguardava la vita di tutti i giorni. In genere, per varie ragioni, i materiali provenienti dagli abitati antichi, sono frammentari e lacunosi, sia per la lunga permanenza nel terreno, sia perché ciò che noi rinveniamo si riferisce all ultimo momento di vita di una struttura, prima del suo definitivo abbandono, dovuto spesso a eventi funesti, quali incendi, vicende belliche, o (come nel caso di Casteggio), esondazioni di corsi d acqua. STRUMENTI DA LAVORO I dischi di macine in pietra erano macchine semplici, non molto diverse da quelle ancora in uso nelle nostre campagne fino a poco tempo fa, costituite da un basamento in muratura, un perno centrale sul quale poggiava il disco e un contenitore per i semi, al quale era fissata una leva, mossa da un animale. Falcetti per la potatura, falci per la fienagione, piccoli coltelli a punta per incidere, coltelli a grossa lama per la macellazione, erano gli arnesi in ferro più comunemente usati nel mondo romano. L Oltrepò non ha restituito moltissimi strumenti di questo tipo, ma comunque le coti in pietra rinvenute in alcuni scavi, e usate per affilare le lame, ne testimoniano l utilizzo. Grossi pesi da telaio, di diverse forme, e fusaiole (piccoli dischi forati per fare girare il fuso) attestano attività di filatura e tessitura svolte dalle donne. LA TAVOLA Il servizio da tavola era in genere costituito dall olpe (la bottiglia per il vino o l acqua), dai bicchieri, in vetro o in ceramica, e dalle coppe, utilizzate sia per bere che per contenere salse e spezie con le quali insaporire le portate. Olla con coperchio e olpe in ceramica comune Le patere, simili alle nostre fondine, erano utilizzate per lo più come piatti da portata. In genere gli antichi non si servivano, se non in casi eccezionali, di forchette o di posate: il cibo, quindi, doveva giungere sulla mensa già tagliato e non troppo caldo. L ILLUMINAZIONE Le lucerne sono gli oggetti comunemente utilizzati nel mondo antico per l illuminazione. Nel serbatoio veniva versato l olio da bruciare, nel foro centrale era posto lo stoppino cui dare fuoco. In età romana imperiale le lucerne, realizzate a matrice, portano spesso sul fondo un bollo a rilievo, un vero e proprio marchio di fabbrica, e sul disco una decorazione, spesso rappresentante scene di vita quotidiana, oggetti d uso, animali... GLI OGGETTI IN BRONZO Fra i bronzetti figurati, particolarmente diffusi nel mondo romano, predominano le immagini delle divinità, talora collocate in piccoli altari domestici. Nell arredamento delle ricche case romane comparivano mobili in legno che recavano ornamentazioni in bronzo, come letti, tavoli, casse o scrigni. Le decorazioni potevano essere di vario genere: soggetti figurati, elementi vegetali, borchie, semplici guarnizioni, serrature Bene di lusso era anche il vasellame bronzeo, che rimaneva in uso a lungo e veniva anche riparato in caso di danni provocati dall usura. Ancora in bronzo potevano essere realizzati oggetti d uso comune e quotidiano nelle case (come, ad esempio, gli aghi e gli specchi) o d ornamento (fibule, anelli, bracciali, pendenti di collane, spilloni ), strumenti impiegati nell igiene personale o nelle cure mediche. L abbondanza dei ritrovamenti in bronzo fatti a Casteggio e nelle ville rustiche del territorio documenta la ricchezza della zona in età romana. Esempio di domus romana Ricostruzione dell utilizzo di una macina romana

9 LA CUCINA IN ETÀ ROMANA Il mosaico della cucina di Marbella (fine I - II sec. d.c.) - da Vita non brevis. Dal rito funebre alla vita quotidiana, a cura di Rosanina Invernizzi, Milano, 2004, p.11 La cucina-tipo di epoca romana era piuttosto semplice: con un pavimento in terra battuta, o, nei casi più felici, in mattonelle di argilla cotta, era arredata semplicemente con un tavolaccio in legno usato come piano di lavoro, scaffali per contenere i diversi recipienti e barattoli e un piano di cottura costituito da una struttura in muratura con un arco per conservare la legna e una parte incavata su cui si faceva il fuoco e si conservavano le braci. Potevano esserci, all esterno delle abitazioni, dei forni per la cottura del pane o di grossi arrosti. Per quanto riguarda il vasellame, realizzato al tornio o a mano, si tratta in genere di oggetti piuttosto poveri, in genere in ceramica, più raramente in bronzo. Tra i manufatti più comuni l olla, un vaso di forma variabile, piuttosto alto che poteva essere utilizzato per bollire l acqua o per cuocere carni, legumi, cereali bolliti, come le nostre pentole. Le olle servivano anche come barattoli da dispensa, in genere erano riempite di frutta. Le ciotole erano utilizzate sia come coperchi che come contenitori o coppe. Talora, private del pomello, potevano servire come imbuti. Vi erano poi piatti-tegame facenti le funzioni delle nostre padelle per la cottura più veloce di carni, di uova, eccetera. Un altro oggetto comune in cucina era il mortaio, un grosso piatto con tante pietruzze all interno, usato per sminuzzare i cereali e per preparare salse. Non mancavano le botti per la conservazione di grossi quantitativi di vino e le anfore per la conservazione di acqua, vino, frutta, salse di pesce (garum, liquamen) di cui gli antichi erano ghiotti. I Romani conoscevano l uso delle posate: grossi coltelli erano frequenti nelle cucine per tagliare carni e ingredienti vari, si conoscevano anche cucchiai e forchette, raramente usati però sulla tavola, dove i cibi arrivavano già tagliati. Tre ricette di epoca romana Come conservare a lungo l uva. Raccogli dalla vite i grappoli di uva sana: fai ridurre di 1/3 l acqua piovana e versala nel recipiente in cui disporrai l uva. Impecia bene il vaso, chiudilo e sigillalo il coperchio con il gesso, riponilo in un locale fresco, dove non penetra il sole e, quando lo vorrai, troverai l uva fresca. L acqua si darà agli ammalati invece dell idromele. Se accomoderai l uva con farina d orzo la troverai perfettamente sana. Torta fredda di asparagi. Prendi gli asparagi ben puliti e schiacciali nel mortaio, innaffiali con l acqua, fanne una poltiglia e passala nel setaccio. Metti in un piatto i beccafichi svuotati delle interiora. Pesta nel mortaio sei scrupoli di pepe, aggiungi in garum e trita bene, poi aggiungi un ciato di vino e uno di passito. Metti nella pentola dove fai cuocere tutto in tre once di olio. Ungi bene una casseruola e mescolaci sei uova con garum di vino, vuotaci la purea di asparagi e metti a cuocere sulla cenere calda. Versaci poi il composto e distendici i beccafichi. Fai cuocere: insaporisci col pepe e servi. Prosciutto. Dopo avere lessato il prosciutto con molti fichi secchi e tre foglie di alloro, scotennalo, incidilo a tasselli, che riempi di miele. Rivesti poi come di una nuova pelle il prosciutto con una nuova pasta, fatta con farina e olio. Quando la sfoglia e cotta, levalo dal forno e servilo. (da Apicio, L arte culinaria, Manuale di gastronomia classica a cura di G. Cazzamali, Milano, Bompiani, 1990)

10 LA FINE DELL IMPERO ROMANO L OLTREPÒ PAVESE IN EPOCA TARDOANTICA Le nostre conoscenze sull età tardoantica in Oltrepò sono ancora estremamente lacunose, sia per la frammentarietà della documentazione archeologica sia per la scarsa notorietà dei materiali conservati nel museo. Ci troviamo, infatti, di fronte a testimonianze per lo più sporadiche che non permettono ancora la ricostruzione di un quadro storico completo. I dati ricavabili da scavi o rinvenimenti recenti, sia pur frammentari, consentono di riconoscere le tracce di una continuità di vita in alcuni insediamenti o ville rustiche in età tardoromana, almeno fino al IV-V secolo d.c. Alcuni di essi sono posti lungo le direttrici della viabilità romana, altri nella zona collinare. Per quanto riguarda i due principali centri urbani formatisi in età romana, Casteggio e Voghera, solo nel primo caso siamo in grado di riconoscerne la vitalità in epoca tardoimperiale, grazie alle ultime indagini archeologiche. Ben pochi sono invece gli indizi per documentare una continuità tardoantica di Voghera, al di là della sopravvivenza del toponimo (Iria) negli itinerari stradali. CASTEGGIO NEL PERIODO TARDOANTICO La vitalità di Clastidium in epoca tardoantica, già indiziata da alcuni materiali provenienti dai ritrovamenti ottocenteschi, è stata chiaramente messa in evidenza dai più recenti scavi effettuati nel centro. L indagine archeologica in via Emilia-Coralli ha rivelato una fase di riutilizzo, databile al III-IV secolo d.c., di una domus romana costruita nel I secolo d.c. Lo scavo dell area Quaglini ha dimostrato l esistenza nel IV-V secolo d.c. di edifici residenziali di una certa consistenza, dotati anche di pavimentazioni durevoli e di impianti di riscaldamento. Queste strutture vengono ancora ricostruite dopo una distruzione per incendio, databile con precisione alla seconda metà del V secolo grazie alla presenza di un ripostiglio monetale. I materiali rinvenuti negli strati tardi attestano ancora l esistenza di importazioni e quindi di commerci: è questo il caso della terra sigillata chiara, delle lucerne e delle anfore, importate dall Africa e dall Oriente. Si può quindi supporre che Clastidium abbia goduto di prospere condizioni economiche almeno fin verso la fine del V secolo, prima che le esondazioni dei locali torrenti seppellissero la zona bassa. Tra i vecchi ritrovamenti assai interessante è quello di una fibbia in bronzo, originariamente rivestita di una laminetta aurea, datata al V-VI secolo, in una tomba messa in luce nel 1930 in località Masona: si tratta finora dell unico elemento dell orizzonte culturale barbarico proveniente con certezza dalla zona. Fotografia di scavo di una tomba tardoantica di Casteggio, area Quaglini

11 IL MEDIOEVO IN OLTREPÒ Il territorio oltrepadano subì certamente le conseguenze del passaggio di eserciti nel periodo delle invasioni barbariche. Una leggenda molto romanzesca vorrebbe Casteggio distrutta dal re dei Goti, Totila nel 538 d.c. Nel 572 d.c. Pavia fu conquistata dai Longobardi, che ne fecero la loro capitale. Non è nota la geografia amministrativa della provincia di Pavia in questo periodo. Ritrovamenti di epoca longobarda, sia pure di modesta entità, sono stati fatti in Oltrepò pavese nel territorio di Rivanazzano; sono del tutto assenti testimonianze documentarie scritte, alcuni toponimi (come i nomi dei torrenti Staffora e Bardonezza) costituiscono prove indiziarie della presenza di questo popolo. Nella successiva età carolingia il territorio pavese fu diviso in Comitati. Ne esistevano diversi: il territorio a sud del fiume Po apparteneva, nella parte occidentale, alla contea di Tortona, la parte centrale e orientale (inserita nella Diocesi di Piacenza) non è noto se fosse ancora sotto l influsso amministrativo piacentino come in epoca romana. Intorno all anno Mille il Comune di Pavia cominciò a estendere la propria influenza sull Oltrepò Pavese, dove già il Vescovo e vari monasteri della città avevano esteso la propria signoria. Voghera, tra il X e il XII secolo era invece indipendente da autorità esterne, fatta salva quella imperiale; era una Il Castello Malaspina di Oramala (Varzi, PV) città florida e dedita a diverse attività artigianali, come è documentato anche da ritrovamenti archeologici (come quello di Piazza Duomo). Una battuta di arresto fu data sicuramente dall arrivo del Barbarossa che occupò la città nel 1155 e la distrusse poi tre anni dopo. Nel 1164 Federico I emise un decreto imperiale che attribuì a Pavia gran parte dell Oltrepò. Rimaneva indipendente il Marchesato dei Malaspina, che comprendeva gran parte del territorio meridionale. Per il possesso di queste terre Pavia dovette lottare a lungo con i Comuni vicini, specie con Piacenza, raggiungendo infine una certa stabilità di confini. I Pavesi esercitarono sul territorio un potere signorile, mantenendo per secoli una posizione di privilegio rispetto agli abitanti delle campagne. I nobili pavesi vi possedevano beni fondiari, questa situazione sussisteva ancora nel XVIII secolo. In questo periodo vengono costruiti, dalle famiglie dominanti, diversi castelli nel territorio. Croce longobarda

12 IL COLLEZIONISMO Esempi di Camere delle meraviglie Per collezionismo si intende la raccolta, la conservazione e l esposizione a un pubblico più o meno ristretto di oggetti di qualsiasi origine e provenienza, seguendo uno scopo determinato: prestigio personale, investimento economico, testimonianza di interesse per un epoca storica, o una particolare forma d arte o artigianato. Nelle antiche civiltà dell Egitto, della Mesopotamia e della Grecia erano i santuari i principali centri di raccolta delle opere d arte, destinate come offerte votive alla divinità locale. Molte di queste furono poi portate a Roma come bottino di guerra e sollecitarono la formazione, nella capitale, di un diffuso collezionismo d arte e di un ampio mercato di opere per lo più greche. Dal Medioevo fino al Rinascimento fu il gusto per il prezioso (oreficerie, lavori in osso ed ebano, tessuti) e per il raro (reliquie, curiosità naturali) a caratterizzare i tesori ecclesiastici e le collezioni laiche. Nel XVI e XVII secolo i prodotti della natura, dell arte e della tecnica vennero raccolti senza distinzioni per soddisfare le esigenze di aggiornamento in ogni campo del sapere da parte degli uomini del tempo (le cosiddette Wunderkammern, o Camere delle meraviglie ). Il collezionismo moderno nasce però solo tra il Settecento e l Ottocento, dopo l Illuminismo e i conseguenti rivolgimenti politici: la soppressione degli ordini religiosi, la decadenza dell aristocrazia, l emergere della nuova classe borghese furono tutti fattori che contribuirono alla creazione di un mercato d arte di più vasta circolazione. Sulla base delle teorie illuministiche si andò, inoltre, affermando l idea di pubblico godimento delle opere d arte, che diede luogo alla nascita dei primi musei nelle grandi capitali europee, alla quale molti privati contribuirono, donando le proprie collezioni. In Italia, solo dopo l unità si cominciò ad avvertire il problema di conservazione dei beni culturali nazionali. Nacquero i musei civici in seguito a donazioni di privati e alla confisca dei beni ecclesiastici. Un esempio a noi vicino, in questo senso, é il Museo di Pavia, nato da un lascito privato, e costantemente arricchito da donazioni di cittadini. Ma il fenomeno del collezionismo privato continuò, come del resto sopravvive oggi. Anche nell ambito del territorio pavese diverse furono le raccolte formatesi tra l Ottocento e gli inizi del Novecento, di varia entità ma in genere non cospicue. Gli oggetti che le componevano erano principalmente le testimonianze archeologiche locali, ma non mancavano pezzi provenienti da altre zone dell Italia (prevalentemente dall Etruria e dalla Magna Grecia) o dall estero, frutto forse di viaggi. La scelta degli oggetti corrispondeva solitamente a un gusto estetico-antiquario. Veniva privilegiato il pezzo prestigioso, possibilmente intero o comunque in buone condizioni, fabbricato in materiale nobile (il bronzo, il vetro, la ceramica dipinta o decorata) o il reperto per qualche motivo curioso ; erano molto amate le monete. Anche il Museo di Casteggio, dopo la sua nascita, fu arricchito di reperti, di provenienza sia locale che extraterritoriale, donati da privati che vollero legare il loro nome alla nuova istituzione.

13 AL DI LÀ DELLA VITA LE SEPOLTURE DI ETÀ ROMANA La sepoltura, oggi come in antico, è il momento più alto dell espressione del rapporto tra i vivi e i morti, l occasione per rendere omaggio al defunto e assicurargli, tramite appositi riti, un riposo tranquillo nell Aldilà. Le fonti letterarie, epigrafiche e artistiche testimoniano il profondo senso religioso che, nel mondo antico, caratterizzava le manifestazioni sociali legate al rituale funerario e i ritrovamenti archeologici ne costituiscono una conferma. La scoperta di una necropoli antica permette, infatti, di ricostruire oggi modi e riti di sepoltura e di indagare le credenze e le superstizioni legate agli usi funerari. La necessità di mantenere il ricordo del defunto, si accompagnava alla convinzione che questi conservasse una propria individualità anche nel mondo ultraterreno. Quindi si rendevano riconoscibili i luoghi di sepoltura con epigrafi, monumenti, segnacoli di vario tipo e si ponevano, all interno delle tombe, gli oggetti usati quotidianamente, quale garanzia di sopravvivenza. Nel mondo antico, esistevano principalmente due riti: quello dell inumazione (la deposizione del cadavere integro nel luogo di sepoltura) e l incinerazione (la cremazione della salma e la successiva deposizione dei resti nella tomba). La scelta dell uno o dell altro rito dipendeva da diversi fattori: da tradizioni familiari, locali, culturali, o genericamente dall uso dei tempi. Allo stesso modo il tipo di sepoltura, dalla semplice fossa in nuda terra alla struttura più complessa, costruita con coperture in mattoni, era legato a fattori di moda, ma anche, e soprattutto, alla reperibilità dei materiali. Inumazione Cremazione I tipi di sepoltura attestati nel cimitero dell Area Pleba di Casteggio

14 IL MATERIALE LAPIDEO NELLE SEPOLTURE La sepoltura all interno di sarcofagi, già praticata nel mondo greco e in altre civiltà del Mediterraneo, si diffuse nella cultura romana particolarmente dal II secolo d.c., quando il rito dell inumazione cominciò gradatamente a soppiantare quello della cremazione. Gli esemplari più preziosi erano in marmo e decorati a rilievo, con motivi ornamentali, figure o scene che avevano un contenuto simbolico legato all ideologia funeraria pagana e alla mitologia dell Oltretomba. Vi erano, però, anche casse più semplici, prive di decorazione, magari solo contrassegnate da un iscrizione con il nome del defunto, e realizzate in pietre meno pregiate. L uso dei sarcofagi e molti elementi del repertorio figurativo passarono al mondo cristiano: ovviamente la simbologia funeraria fu adattata ai diversi contenuti della nuova religione. Per la loro forma particolare, dopo la fine della civiltà antica, vennero spesso riutilizzati come vasche per fontane o come abbeveratoi per animali (è il caso avvenuto alla maggior parte dei sarcofagi conosciuti nell Oltrepò). Nelle necropoli le tombe potevano essere contrassegnate da segnacoli in superficie, come stele, cippi, are, monumenti funerari più o meno complessi, che recavano iscrizioni con il nome del defunto, o dei defunti, e disposizioni legate alle volontà testamentarie: tale usanza è ampiamente attestata a Casteggio e nell Oltrepò. Un cippo funerario è il celebre monumento di Atilia Secundina, rinvenuto nel 1789 in via Roma e oggi conservato a Pavia nel palazzo centrale dell Università. Di forma quadrangolare, dotato di una cuspide sormontata da una pigna, reca la dedica di Marcus Labikanus alla moglie Atilia Secundina, morta all età di diciassette anni, e ai suoceri. Il monumento è importante perché conferma l appartenenza amministrativa del territorio di Casteggio alla colonia di Piacenza. Un altro cippo, forse anch esso originariamente con terminazione cuspidata, venne ritrovato nel 1957, nel territorio extraurbano di Casteggio, nella necropoli della Fornace Locatelli. L iscrizione, che riporta le dimensioni dell area sepolcrale, reca la dedica di Laria Amabilis al marito Marcus Petronius, decurione di Placentia: si tratta di un altra importante attestazione del legame amministrativo fra Clastidium e il centro emiliano. Nell Oltrepò sono attestate anche stele funerarie con i ritratti dei defunti (per esempio, a Pietra de Giorgi, reimpiegate nella chiesa di S. Maria Assunta; a Torre degli Alberi, nel castello dei conti Dal Verme). Un frammento di ara funeraria è probabilmente il blocco in pietra calcarea proveniente da Tronconero, riutilizzato come vera di pozzo. Su di esso sono scolpiti, a bassorilievo, un coltello sacrificale e un mestolo per le libagioni. Il monumento a cui il frammento era pertinente era probabilmente costituito da un basamento sormontato da un corpo quadrangolare con fascia decorata nella parte superiore ed eventuale coronamento. Iscrizione di C. Calusius Philo Il frammento forse pertinente a una stele funeraria, in arenaria locale, fino al 1974 era murato nel cortile dell Arcipretura. Si tratta di un pezzo di reimpiego, tagliato lungo il bordo destro, la cui provenienza da Clastidium è altamente probabile. La lettura più recente propone il testo: C(aio) Calusi[o C(ai) lib(erto)] Philo [---] C(aius) Calusius [C(ai) f(ilius) ---] testam[ento] fieri iu[ssit---] Caio Calusio figlio di Caio ordinò che venisse fatto testamento a favore del liberto di Caio, Caio Calusio Filo Iscrizione di Publilius Exsoratus Fu ritrovata nel 1857 nell antico alveo del torrente Coppa, allora già deviato, in scavi per il prelievo di ghiaia; gli stessi scavi misero in luce anche i piloni di un ponte romano. Era precedentemente murata nel Voltone del palazzo comunale. La lettura più recente propone il seguente testo: [_P]ublilius / Exsoratus / locum sibi / et suis / in fron / tem p(edes) XX / in agrum p(edes) XXV / et Secun / dae Uriae / Boiae l(ibertabus). Publilio Exorato (predispose) una sepoltura di 20 piedi verso la strada e di 25 piedi verso la campagna per sé e per le sue (liberte) Seconda Uria Boia (le dimensioni del recinto funerario corrispondevano a circa 6 x 7,50m). Calco di iscrizione L iscrizione, rinvenuta nel 1909 fra i resti di un edificio romano in via Emilia, era probabilmente pertinente a un monumento funerario. Nonostante la lacunosità e la frammentarietà del testo, ha una notevole interessa documentario perché riporta il toponimo Clastidium, confermando la coincidenza del centro antico con la località attuale. Il calco conservato in museo è diventato ora assai importante, perché l originale, che stava nel cortile dell Università di Pavia, è stato rubato nell estate 1998.

LA PREISTORIA PALEOLITICO E MESOLITICO

LA PREISTORIA PALEOLITICO E MESOLITICO LA PREISTORIA PALEOLITICO E MESOLITICO Il termine Paleolitico (o età della pietra antica) corrisponde a un lunghissimo periodo della Preistoria, durato molti millenni, che in Lombardia è documentato quasi

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 Gli Etruschi dell Etruria Padana, nel VI secolo a.c., vivevano vicino al fiume Eridano ( il Po ), in villaggi di capanne

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e Pannello 1 I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e nelle vicinanze della strada basolata di età imperiale messa in luce negli anni 60 del secolo

Dettagli

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA PREISTORIA SCIMMIE ANTROPOMORFE: SONO SIMILI ALL UOMO VIVONO SUGLI ALBERI NELLE FORESTE DELL AFRICA DIVENTANO ONNIVORE: MANGIANO TUTTO, ANCHE LA CARNE DA QUADRUPEDI DIVENTANO

Dettagli

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA Il Museo Archeologico Aquaria è molto giovane ed è nato per l intraprendenza di un gruppo di appassionati di archeologia di Gallignano, piccola frazione di Soncino. Anche i

Dettagli

LA FORNACE DI SANT'ARPINO*

LA FORNACE DI SANT'ARPINO* LA FORNACE DI SANT'ARPINO* * L'articolo è tratto da uno dei cartelli esplicativi preparati dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Caserta e Benevento in collaborazione con l'architetto

Dettagli

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi Viadana Civico A.Parazzi Il Civico A. Parazzi è collocato nel Mu.Vi., edificio che ospita altre istituzioni culturali ( della Città A. Ghinzelli, Biblioteca, Galleria d Arte Moderna e Contemporanea, Ludoteca,

Dettagli

Introduzione all archeologia percorso per le classi terze della scuola primaria

Introduzione all archeologia percorso per le classi terze della scuola primaria Introduzione all archeologia percorso per le classi terze della scuola primaria SINTESI DEL PRIMO INCONTRO Nel presentare ai bambini la parola archeologia, si scopre che essi l associano, quasi invariabilmente,

Dettagli

Rispondi alle seguenti domande

Rispondi alle seguenti domande Gli affreschi e i rilievi delle pareti di templi e piramidi raccontano la storia dell antico Egitto. Si potrebbero paragonare a dei grandi libri illustrati di storia. Gli studiosi hanno così potuto conoscere

Dettagli

LE ANFORE ARCAICHE DI KAMARINA

LE ANFORE ARCAICHE DI KAMARINA PARCO ARCHEOLOGICO TERRACQUEO DI KAMARINA LE ANFORE ARCAICHE DI KAMARINA SCHEDE DIDATTICHE REGIONE SICILIANA Assessorato dei beni culturali e dell identità siciliana 1 A Il PADIGLIONE DELLE ANFORE Il Padiglione

Dettagli

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Dai dati di scavo è stato possibile ipotizzare quanto segue: Fase I: IX-X sec.

Dettagli

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe Comune di Anzola dell Emilia Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo Nome e cognome Classe Forse avete già sentito la parola archeologia, oppure

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15)

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) Taranto fu fondata nel 706 a.c. dai coloni spartani, rendendo schiave le popolazioni indigene locali. Si estendeva dalla penisola del borgo antico fino alle

Dettagli

LA CULTURA VILLANOVIANA

LA CULTURA VILLANOVIANA LA CULTURA VILLANOVIANA Percorso per le classi quinte della scuola primaria Col termine villanoviano si definisce convenzionalmente un aspetto culturale dell Italia protostorica (IX-VIII secolo a.c.),

Dettagli

I popoli italici. Mondadori Education

I popoli italici. Mondadori Education I popoli italici Fin dalla Preistoria l Italia è stata abitata da popolazioni provenienti dall Europa centrale. Questi popoli avevano origini, lingue e culture differenti e si stabilirono in diverse zone

Dettagli

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13 Capitale del territorio falisco, Falerii Veteres sorgeva nel luogo dell odierna Civita Castellana, su un altopiano tufaceo delimitato dal Rio Maggiore a nord, dal Rio Filetto a sud e dal fiume Treja ad

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale.

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale. Cinque occasioni da non perdere 1 Il Museo 2 I Templi 3 L anfiteatro. Nazionale. Paestum Una città antica. 4 Il Comune di 5 Il Parco Nazionale del Cilento e Valle di Capaccio, una meraviglia ed una scoperta

Dettagli

Laboratori didattici per bambini e ragazzi

Laboratori didattici per bambini e ragazzi Laboratori didattici per bambini e ragazzi SCUOLA DELL INFANZIA/SCUOLA PRIMARIA (I CICLO) TEMATICA: ARCHEOLOGIA PER I Più PICCOLI Favole in museo Obiettivi: l'approccio alla storia avviene attraverso la

Dettagli

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità.

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. Prof.sse Cinque Caterina, Martani Rita, Rossi Francesca V., Sabatini Francesca, Tarsi Stefania Ficana e il re

Dettagli

Attività didattica a.s. 2015/2016

Attività didattica a.s. 2015/2016 MUSEO CIVICO di MANERBIO e DEL TERRITORIO Attività didattica a.s. 2015/2016 Percorsi didattici Scuola dell infanzia Scuola primaria Scuola secondaria di I grado Scuola secondaria di II grado Museo Civico

Dettagli

Repertorio dei beni storico ambientali 1

Repertorio dei beni storico ambientali 1 Repertorio dei beni storico ambientali 1 Indice Casate... 3 Oberga... 4 Pagliarolo... 5 Fontanelle... 6 Travaglino... 7 Oratorio di San Rocco... 8 Calvignano... 9 Castello... 10 Valle Cevino... 11 Repertorio

Dettagli

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c.

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. L isola di Creta è una immensa cittadella con il tempio incorporato nel palazzo circondata dal mare che la cingeva come un invalicabile fossato. Nel palazzo di Minosse

Dettagli

Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone

Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone Il Museo Civico di Pizzighettone è uno fra i più antichi della provincia di Cremona: inaugurato nel 1907 in seguito a donazioni private, dopo il 25

Dettagli

SCOPRENDO LA CIVILTÀ ABBIAMO RICOSTRUITO GLI ELEMENTI DELLA NOSTRA CIVILTÀ CERCANDO DI SPIEGARLI AD UN ALIENO.

SCOPRENDO LA CIVILTÀ ABBIAMO RICOSTRUITO GLI ELEMENTI DELLA NOSTRA CIVILTÀ CERCANDO DI SPIEGARLI AD UN ALIENO. SCOPRENDO LA CIVILTÀ ABBIAMO RICOSTRUITO GLI ELEMENTI DELLA NOSTRA CIVILTÀ CERCANDO DI SPIEGARLI AD UN ALIENO. CIVILTÀ: INSIEME DI ELEMENTI CHE CARATTERIZZANO UN POPOLO CHE VIVE IN UN DETERMINATO PERIODO

Dettagli

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE IL PATRIMONIO CULTURALE di solito indica quell insieme di cose, mobili ed immobili, dette più precisamente beni, che per il loro interesse pubblico e il valore storico,

Dettagli

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA Per accompagnare e approfondire l insegnamento scolastico delle antiche civiltà, si propone una serie incontri che si potranno adottare o per

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele

Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele Marinaccio Il Colombario Costantiniano è situato nel

Dettagli

Le Botteghe dell Insegnare

Le Botteghe dell Insegnare Le Botteghe dell Insegnare percorso 2013-2014 Elaborato a cura di Daniela Bellomo classe III B del Liceo Linguistico annesso all ITC Giulio Cesare Bari; anno scolastico 2013/14 Per molti secoli la casa

Dettagli

Prof.ssa F. Carta. Liceo Classico G.M. Dettori Cagliari

Prof.ssa F. Carta. Liceo Classico G.M. Dettori Cagliari 1 Ere geologiche Archeozoica Paleozoica Mesozoica Cenozoica Neozoica o quaternaria (era in cui compare l uomo) 2 Processo di ominazione 3 I primati, comparsi circa 60 milioni di anni fa, vivevano sugli

Dettagli

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566 Gli Etruschi Ori, bronzi e terracotte etrusche nel Museo etrusco di Villa Giulia Alla scoperta dei corredi funerari etruschi nel Museo Gregoriano etrusco dei Musei Vaticani Dove riposano gli antenati dei

Dettagli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli I progetti che oggi vi illustrerò (il V ampliamento del cimitero di Voghera e il concorso per l ampliamento del cimitero sull isola di San

Dettagli

LA COSTRUZIONE DELLA CATTEDRALE

LA COSTRUZIONE DELLA CATTEDRALE LA COSTRUZIONE DELLA CATTEDRALE I blocchi di pietra calcarea destinati alla costruzione degli archi,venivano tagliati con precisione e uniti con la malta (calce,sabbia,acqua). Una volta che gli archi si

Dettagli

L'archeologia. Ed in effetti è la scienza che studia le civiltà e le cultre umane del

L'archeologia. Ed in effetti è la scienza che studia le civiltà e le cultre umane del L'archeologia Archeologia significa discorso (logos) sull'antico (archeos) ed è una parola di derivazione greca. Infatti si suole ritenere che il primo scavo archeologico sia stato quello condotto dagli

Dettagli

PERCORSI DIDATTICI PRESENTAZIONE ANNO SCOLASTICO 2013/2014

PERCORSI DIDATTICI PRESENTAZIONE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PERCORSI DIDATTICI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PRESENTAZIONE Anche per l anno scolastico 2013/2014 la Cooperativa Colline Metallifere torna a proporre alle scuole primarie e secondarie i Percorsi Didattici

Dettagli

L alimentazione: Alla scoperta del gusto

L alimentazione: Alla scoperta del gusto L alimentazione: Alla scoperta del gusto Breve storia del cibo Anche se preferiamo un bel piatto di pasta siamo tutti accomunati dal bisogno di cibo.oggi non è fame ma è questione di gusto. L uomo primitivo

Dettagli

Nel regno dei Saevates

Nel regno dei Saevates Nel regno dei Saevates Esplora il museo MANSIO SEBATVM! illustrationi: gruppegut La cartella di lavoro appartiene a Chi erano i Saevates? Nella seconda Età del Ferro il popolo dei Saevates insediava la

Dettagli

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA Vol I, pp. 176-217 ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA II sec. 476 d.c. Decadenza dell impero romano Dal II sec. al 476 è il periodo della decadenza dell impero romano L esercito era incapace di

Dettagli

Il racconto per immagini

Il racconto per immagini Arte cretese Pittura vascolare: Aiace e Achille Altare di Pergamo L opera artistica pittorica o scultorea talvolta riproduce immagini che descrivono episodi tratti da storie fantastiche o da fatti realmente

Dettagli

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE 4a. ARTE MINOICA ALLE ORIGINI DELL ARTE GRECA La civiltà cretese (o minoica) e quella micenea prendono il nome dai principali centri di sviluppo: l isola di Creta (situata nel mar Egeo, fra la Grecia e

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

Scuola dell infanzia. Percorsi proposti:

Scuola dell infanzia. Percorsi proposti: Museo Nazionale Preistorico Etnografico L. Pigorini w w w.pigorini/beniculturali.it Scuola dell infanzia Una serie di percorsi ludico-didattici rivolti in particolare alla scuola dell infanzia, per dare

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO

LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO A partire dall XI secolo si introducono rilevanti novità nella SOCIETA MEDIEVALE Tali trasformazionie novità provocheranno, in un lungo periodo

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Cavriana Museo Archeologico dell Alto Mantovano

Cavriana Museo Archeologico dell Alto Mantovano Cavriana Museo Archeologico dell Alto Mantovano Cavriana Museo Archeologico dell Alto Mantovano Il Museo Archeologico dell Alto Mantovano, fondato nel 1967 e allestito a cura del Gruppo Archeologico Cavriana,

Dettagli

www.archeologiametodologie.com

www.archeologiametodologie.com Università degli Studi di Genova Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di laurea in Conservazione dei Beni Culturali A.A. 2005-2006 Tesi di Laurea in Metodologie della Ricerca Archeologica LA PRODUZIONE

Dettagli

PDF created with pdffactory Pro trial version www.pdffactory.com

PDF created with pdffactory Pro trial version www.pdffactory.com Unesco: il castello di Erbil costruito ottomila anni fa dichiarato patrimonio dell Umanità Dopo la guerra del Golfo la città è diventata la capitale politica e culturale del Kurdistan iracheno Erbil (Kurdistan

Dettagli

Palazzo Stanga Trecco

Palazzo Stanga Trecco Palazzo Stanga Trecco Venerdì 21 novembre 2014, in occasione della Festa del Torrone, il piano nobile di palazzo Stanga, in via Palestro, è stato eccezionalmente aperto al pubblico. Le nostre classi, la

Dettagli

L uso di imbalsamare i corpi fu probabilmente suggerito agli antichi Egizi dall osservazione di un fenomeno naturale: i morti, sepolti

L uso di imbalsamare i corpi fu probabilmente suggerito agli antichi Egizi dall osservazione di un fenomeno naturale: i morti, sepolti La mummificazione o imbalsamazione è il metodo con cui gli antichi Egizi conservavano i corpi dei defunti, preservandoli dalla decomposizione. Questo risultato era particolarmente importante perché, secondo

Dettagli

OFFERTA DIDATTICA 2013/2014

OFFERTA DIDATTICA 2013/2014 L archeologia, il cui nome deriva dal greco e significa discorso sulle cose antiche, e la scienza che studia la storia dell uomo e le civiltà del passato tramite l analisi dei reperti archeologici rinvenuti

Dettagli

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA,

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, SILVANO PIROTTA RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, ROMANA E LONGOBARDA LUNGO I CANTIERI AUTOSTRADALI E DELL ALTA VELOCITÀ 2012 I RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI NEL TERRITORIO DELLA MARTESANA I

Dettagli

REGOLAMENTO SUL CIMITERO

REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Cauco Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Regolamento sul cimitero Pagina 1 di 12 Indice CAPITOLO 1... 4 GENERALITÀ SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE... 4 Art. 1 Base legale...4 Art. 2

Dettagli

L INCENDIO. In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può

L INCENDIO. In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può L INCENDIO Che cos è un incendio? In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può essere dannoso per le piante e per gli animali e pericoloso per tutti gli esseri viventi

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Villa dei Misteri a. dagli scavi dell antica Pompei. Era sede dei giochi circensi e gladiatorii.

Cinque occasioni da non perdere. Villa dei Misteri a. dagli scavi dell antica Pompei. Era sede dei giochi circensi e gladiatorii. Cinque occasioni da non perdere 1 Godere delle meraviglie riemerse di affreschi della sud-est della città. 2 L incredibile ciclo 3 L anfiteatro nell area dagli scavi dell antica Pompei. Villa dei Misteri

Dettagli

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya.

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. LA CIVILTÀ CINESE Dove La civiltà cinese è nata lungo il iume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. Perché si chiama iume Giallo? Giallastro: un colore giallo sporco, non brillante. Perché in

Dettagli

Il Museo Civita propone per l anno scolastico 2015-2016 dei laboratori didattici finalizzati alla conoscenza dei vari aspetti del mondo etrusco,

Il Museo Civita propone per l anno scolastico 2015-2016 dei laboratori didattici finalizzati alla conoscenza dei vari aspetti del mondo etrusco, Il Museo Civita propone per l anno scolastico 2015-2016 dei laboratori didattici finalizzati alla conoscenza dei vari aspetti del mondo etrusco, dalla vita quotidiana alle usanze funerarie. Orario di apertura:

Dettagli

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia Isola di Ortigia Isola di Ortigia costituisce la parte più antica della città di Siracusa. Il suo nome deriva dal greco antico ortyx che significa quaglia. È il cuore della città, la prima ad essere abitata

Dettagli

La specie umana fra passato e futuro

La specie umana fra passato e futuro La specie umana fra passato e futuro 2 a parte (Società civile) Leonardo Beccarisi Corso di Ecologia Università degli Studi di Roma Tre 10 marzo 2011 18 a lezione Sommario 1 Società civile Origini della

Dettagli

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica LE VILLE SUBURBANE IN ETA ROMANA

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica LE VILLE SUBURBANE IN ETA ROMANA Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica LE VILLE SUBURBANE IN ETA ROMANA Dalla tarda età repubblicana le ampie aree verdi che si affacciavano lungo le vie consolari, al di fuori dell antica

Dettagli

DENTRO E FUORI IL MUSEO INGRESSO LIBERO!

DENTRO E FUORI IL MUSEO INGRESSO LIBERO! DENTRO E FUORI IL MUSEO INGRESSO LIBERO! Attività didattica 2012-2013 del Civico Museo Luoghi e Genti dell Auser Presentazione Il Civico Museo Luoghi e Genti dell Auser si avvia a compiere il suo secondo

Dettagli

Comune di Castaneda REGOLAMENTO SUL CIMITERO

Comune di Castaneda REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Castaneda Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Regolamento sul cimitero Pagina 1 di 11 Indice I GENERALITÀ... 4 SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE... 4 Art. 1 Base legale... 4 Art. 2 Autorità

Dettagli

Manuale. sua mappa concettuale. Prodotto dagli insegnanti Sparàno Valeria e Merci Christian. per gli alunni del Belgruppolo della Classe Quinta A

Manuale. sua mappa concettuale. Prodotto dagli insegnanti Sparàno Valeria e Merci Christian. per gli alunni del Belgruppolo della Classe Quinta A Manuale per costruire e la il riassucco di un testo sua mappa concettuale Prodotto dagli insegnanti Sparàno Valeria e Merci Christian per gli alunni del Belgruppolo della Classe Quinta A della Scuola Primaria

Dettagli

TURISMO ARCHEOLOGICO E LA CITTA CONTEMPORANEA Fuori dalla città: strade e campagna

TURISMO ARCHEOLOGICO E LA CITTA CONTEMPORANEA Fuori dalla città: strade e campagna TURISMO ARCHEOLOGICO E LA CITTA CONTEMPORANEA Fuori dalla città: strade e campagna Le strade La realizzazione di strade che collegano diverse città e luoghi sparsi ovunque per l impero sono un altro elemento

Dettagli

Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME

Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME 1 Un materiale che dura nel tempo Una volta che hai scelto il rame non ci pensi più! Le coperture in rame durano secoli. Infatti il rame quando

Dettagli

La posizione dei nostri monumenti

La posizione dei nostri monumenti Foro romano Autori: Luca Gray Beltrano, Irene Bielli, Luca Borgia, Alessandra Caldani e Martina Capitani Anno: 2013, classe: 1 N Professoressa: Francesca Giani La posizione dei nostri monumenti Tempio

Dettagli

ACQUEDOTTO VERGINE. (min 10 / max 20 persone a visita) Visite guidate a cura dell associazione culturale M ARTE Info e prenotazioni 392.

ACQUEDOTTO VERGINE. (min 10 / max 20 persone a visita) Visite guidate a cura dell associazione culturale M ARTE Info e prenotazioni 392. ACQUEDOTTO VERGINE Via del Nazareno, 9/a Unico acquedotto antico tuttora in funzione, fu realizzato nel 19 a.c. per rifornire le terme di Agrippa nel Campo Marzio. Il percorso consiste nell illustrazione

Dettagli

I FUNARI del Vesuvio. Parte seconda. Di Aniello Langella. www.vesuvioweb.com

I FUNARI del Vesuvio. Parte seconda. Di Aniello Langella. www.vesuvioweb.com I FUNARI del Vesuvio 1 Parte seconda Di Aniello Langella La storia dei funari è sicuramente una storia comune a tanti luoghi di mare. Ma certamente le vicende che legano questo antico mestiere all uomo

Dettagli

BOX 21. Cucinare con il sole.

BOX 21. Cucinare con il sole. Cucinare con il sole. Senza presa elettrica e senza pericolo d incendio Anche nell Europa centrale il fornello solare offre la possibilità di cucinare o cuocere al forno in modo ecologico, da 100 fino

Dettagli

I LATERIZI prima parte

I LATERIZI prima parte Materiali per l architettura (6CFU) prof. Alberto De Capua Dipartimento di Architettura e Territorio darte Corso di Studio in Architettura quinquennale Classe LM-4 I LATERIZI prima parte Informazioni storiche

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

Agli inizi dell arte

Agli inizi dell arte Calendario incontri mercoledì 27.10 e giovedì 11, 18 e 25.11.2010 Mercoledì, 27 ottobre Auditorium, terzo piano Giovedì, 11 novembre Auditorium, terzo piano Giovedì 18 novembre, Aula 11, Palazzo Rosso

Dettagli

INDICE. CAPO V - DISPOSIZIONI VARIE E FINALI Art. 19 - Riferimenti normativi e legislativi Art. 20 - Disposizioni finali

INDICE. CAPO V - DISPOSIZIONI VARIE E FINALI Art. 19 - Riferimenti normativi e legislativi Art. 20 - Disposizioni finali INDICE CAPO I - TITOLI ABILITATIVI Art. 1 - Segnalazione Certificata di Inizio Attività Art. 2 - Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata Art. 3 - Comunicazione di Inizio Lavori Art. 4 - Imprese autorizzate

Dettagli

Che cos è l agricoltura?

Che cos è l agricoltura? L agricoltura Che cos è l agricoltura? L agricoltura è la coltivazione del terreno. L agricoltura produce gli alimenti necessari agli uomini. L agricoltore semina e lavora la terra. Le piante crescono

Dettagli

cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani!

cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani! cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani! Cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione Le Gusto ti permette di fare una scelta facile e veloce,

Dettagli

IL TERRAZZO ALLA VENEZIANA

IL TERRAZZO ALLA VENEZIANA P A V I M E N T I IL TERRAZZO ALLA VENEZIANA 2 3 Il terrazzo alla veneziana è frutto della genialità degli artigiani dell epoca, è conseguenza di dei popoli latini, capaci di sfruttare i poveri due fattori

Dettagli

MAPPA LABORATORIO ANTROPOLOGICO : Bari TERRITORIO. Ecosistema lame Ecosistema Murge Ecosistema mare

MAPPA LABORATORIO ANTROPOLOGICO : Bari TERRITORIO. Ecosistema lame Ecosistema Murge Ecosistema mare CLASSI TERZE, QUARTE E QUINTE MAPPA LABORATORIO ANTROPOLOGICO : Bari IL LUOGO BARI CITTÀ SUL MARE LA CONCA BARESE LA STORIA L uomo vive nel territorio GEOGRAFIA Posizione geografica:il promontorio sul

Dettagli

LA CASA PIÙ GRANDE DEL MONDO SEI UN TESORO! TERRA, ACQUA E SEMI

LA CASA PIÙ GRANDE DEL MONDO SEI UN TESORO! TERRA, ACQUA E SEMI LA CASA PIÙ GRANDE DEL MONDO Dai disegni dei bambini e dal loro concetto di casa, spazio vissuto o luogo magico, inizia l esplorazione del palazzo che, così importante per dimensioni e storia, è stato

Dettagli

Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di

Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di La popolazione Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di trasformare il cibo in lavoro. Data l

Dettagli

Carne svizzera di vitello.

Carne svizzera di vitello. Carne svizzera di vitello. Piacere delicato nella qualità migliore. www.carnesvizzera.ch Per una cucina delicata e leggera La carne svizzera di vitello è tenera e ha un sapore molto delicato, ma è anche

Dettagli

Classe IV materiali di lavoro Storia Medioevo I CONTADINI DEL VILLAGGIO E I LORO RAPPORTI COL SIGNORE

Classe IV materiali di lavoro Storia Medioevo I CONTADINI DEL VILLAGGIO E I LORO RAPPORTI COL SIGNORE Scheda 5 I CONTADINI DEL VILLAGGIO E I LORO RAPPORTI COL SIGNORE La maggior parte degli abitanti del villaggio lavorava la terra. I contadini non avevano tutti gli stessi obblighi verso il signore, e si

Dettagli

Scheda N. 347. museo DEFINIZIONE : Deposito Museale. Comune Oppeano Frazione Localita Via Roma 13

Scheda N. 347. museo DEFINIZIONE : Deposito Museale. Comune Oppeano Frazione Localita Via Roma 13 Scheda N. 347 Deposito Museale archeologico Destinazione Attuale : Deposito Museale di Oppeano Comune Oppeano Localita Via Roma 13 Datazione Unico ambiente ubicato all'interno della Biblioteca comunale

Dettagli

Asola Museo Civico Goffredo Bellini

Asola Museo Civico Goffredo Bellini Asola Museo Civico Goffredo Bellini Asola Museo Civico Goffredo Bellini La collezione comprende: reperti archeologici dalla preistoria all età romana; un fondo di libri antichi; testimonianze dell appartenenza

Dettagli

INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI)

INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI) INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI) Nei primi mesi del 2004 la sezione pecciolese del Gruppo Archeologico Tectiana, fino a qual momento presente come realtà locale ma ancora

Dettagli

BELLEI ANDREA BERTELLI LEONARDO FERRACINI ALESSANDRO MANICARDI PIETRO 1 Abstract Pagina Motivazione Pagina 4 Problema Pagina 5 Differenze fra le 2 maschere Pagina 6 Analisi dei reperti Pagina 7-8 Egizi

Dettagli

I Macachi. Speciale Liguria IL PRESEPE SAVONESE E ALBISOLESE. Dalla creazione all allestimento nel Presepe delle figure tipiche savonesi e albisolesi

I Macachi. Speciale Liguria IL PRESEPE SAVONESE E ALBISOLESE. Dalla creazione all allestimento nel Presepe delle figure tipiche savonesi e albisolesi IL PRESEPE SAVONESE E ALBISOLESE Speciale Liguria I Macachi Dalla creazione all allestimento nel Presepe delle figure tipiche savonesi e albisolesi Figurinaie al lavoro. Anni 30 Nella tradizione popolare

Dettagli

Sepolcro di Cartilio Poplicola

Sepolcro di Cartilio Poplicola Sepolcro di Cartilio Poplicola Il sepolcro di Cartilio Poplicola fu eretto tra il 25-20 a.c. Esso poggia su un basamento quadrato rivestito di travertino, una roccia calcarea particolarmente usata a Roma,

Dettagli

Unità dal volto antico. Le radici archeologiche dell immagine dell Italia. Dialogo con il mondo della scuola

Unità dal volto antico. Le radici archeologiche dell immagine dell Italia. Dialogo con il mondo della scuola Unità dal volto antico Le radici archeologiche dell immagine dell Italia Dialogo con il mondo della scuola Un nome, una terra Italia: casa comune fin dall antichità di Luca Mercuri Archeologo della Soprintendenza

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

Pompei: Progetto Regio VI Filippo Coarelli-Fabrizio Pesando

Pompei: Progetto Regio VI Filippo Coarelli-Fabrizio Pesando The Journal of Fasti Online Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 / 06.69.78.91.19 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

REGOLAMENTO SUL CIMITERO

REGOLAMENTO SUL CIMITERO Comune di Braggio Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO SUL CIMITERO Regolamento sul cimitero Pagina 1 di 12 Indice CAPITOLO 1... 4 GENERALITÀ... 4 SORVEGLIANZA E AMMINISTRAZIONE... 4 Art. 1 Base legale...

Dettagli

GRUPPOARCHEOLOGICO ROMAilO. Acura di Marco Mengoli

GRUPPOARCHEOLOGICO ROMAilO. Acura di Marco Mengoli GRUPPOARCHEOLOGICO ROMAilO TIPOLOGIE DEIMONUMENTI FUNERARI DI ROMA ANTICA Acura di Marco Mengoli presente si tenterà didescrivere in breve alcune tipologie classiche dei monumentifunerari romani per quanto

Dettagli

VASELLAME DA CUCINA. introduzione. designers. aziende. tradizione. nuove ispirazioni

VASELLAME DA CUCINA. introduzione. designers. aziende. tradizione. nuove ispirazioni s Nella storia dell uomo il vasellame è sempre stato al centro della produzione artigianale, in quanto indispensabile per la raccolta e la conservazione dei cibi. Per vasellame da tavola si intendono tutti

Dettagli

Parco Novi Sad. Analisi preventive del rischio archeologico

Parco Novi Sad. Analisi preventive del rischio archeologico MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO ETNOLOGICO Parco Novi Sad Analisi preventive del rischio archeologico Analisi dei campioni indisturbati dei sondaggi meccanici a carotaggio continuo luglio 2007 Parco Novi Sad

Dettagli

* L attività è stata pensata specificamente per quelle classi che vogliono avvicinarsi all istituzione Museo.

* L attività è stata pensata specificamente per quelle classi che vogliono avvicinarsi all istituzione Museo. Associazione culturale per la tutela e la valorizzazione Tel. : 345-4418830 E-mail: info@heredia.it Web: www.heredia.it storico-ambientale della Centuriazione a nord-est di Padova. PROPOSTE DIDATTICHE

Dettagli

SALSA ALL AMATRICIANA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE

SALSA ALL AMATRICIANA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Comune di Amatrice SALSA ALL AMATRICIANA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE La Salsa all amatriciana è un prodotto tipico della tradizione gastronomica di Amatrice, per potersi fregiare della Denominazione Comunale

Dettagli

COME SI VIVEVA IN UN INSULA? COMPLETA. Si dormiva su Ci si riscaldava con Si prendeva luce da.. Si prendeva acqua da. Al piano terra si trovavano le..

COME SI VIVEVA IN UN INSULA? COMPLETA. Si dormiva su Ci si riscaldava con Si prendeva luce da.. Si prendeva acqua da. Al piano terra si trovavano le.. ROMA REPUBBLICANA: LE CASE DEI PLEBEI Mentre la popolazione di Roma cresceva, si costruivano case sempre più alte: le INSULAE. Erano grandi case, di diversi piani e ci abitavano quelli che potevano pagare

Dettagli

MOTTO: UN ASSE DI TRADIZIONE E STORIA RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

MOTTO: UN ASSE DI TRADIZIONE E STORIA RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA MOTTO: UN ASSE DI TRADIZIONE E STORIA RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA INQUADRAMENTO GENERALE Il progetto nasce dalla volontà di riqualificare Piazza Carmelitani attraverso un insieme sistematico di interventi

Dettagli