Qualità della fornitura e del prelievo di energia elettrica. Giovanni Valtorta Enel Distribuzione Roma 27/9/05

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Qualità della fornitura e del prelievo di energia elettrica. Giovanni Valtorta Enel Distribuzione Roma 27/9/05"

Transcript

1 Qualità della fornitura e del prelievo di energia elettrica Giovanni Valtorta Enel Distribuzione Roma 27/9/05

2 Qualità tecnica della fornitura La qualità tecnica della fornitura di energia elettrica (power quality) è determinata da due fattori fondamentali: 1. continuità della fornitura: legata all adeguatezza del sistema elettrico ad alimentare il carico in qualunque momento, anche a fronte di guasti permanenti interruzioni >3 2. qualità della tensione: correlata a guasti temporanei in rete e/o alla presenza di carichi disturbanti. forma d onda 1

3 Qualità tecnica della fornitura di energia elettrica Anche se il sistema elettrico è pianificato, sviluppato, mantenuto ed esercito correttamente secondo la best practice tecnico-economica, la continuità assoluta della fornitura non può essere assicurata. Il miglioramento della continuità del servizio va generalmente a discapito della qualità della tensione. Lo sviluppo dell elettronica di potenza e dei sistemi di controllo ha fatto crescere sia il numero di carichi disturbanti sia quello dei carichi sensibili non solo alle interruzioni ma anche ai disturbi della tensione in termini di forma d onda 2

4 Evoluzione aspettative cliente Il grado di sviluppo economico influisce sull importanza che viene associata ai parametri che caratterizzano la qualità tecnica della fornitura di energia elettrica primi stadi dello sviluppo: la preoccupazione principale è la disponibilità di energia. La tensione, quando presente, deve avere ampiezza e frequenza variabili in un ragionevole intorno del valore nominale sviluppo medio -alto: la continuità della fornitura, l ampiezza e la frequenza della tensione di alimentazione sono ritenuti scontati e l attenzione si sposta su altri parametri che caratterizzano la qualità della tensione 3

5 Continuità del servizio: azioni intraprese Fig. 2 - Number and duration of interruption of Italian Regions in 1999 High conc. Med. conc. Low conc. Ref. 30' Ref. 45' Ref. 60' Duration of the single interruption (CML/SAIFI) Remotely controlled MV/LV substations Automation of MV/LV substations Network refurbish. Petersen coil Network structure Number of Interruption (SAIFI) 4

6 Continuità del servizio: risultati raggiunti Customer Minutes Lost [min] Average Enel Distribuzione Positioning 2003 vs. European Benchmarks (min.) FR , ,3-53% ,4 72, ,0 UK Scandinavia Spagna Irlanda ENEL 72 Premium received by Enel D (Mil )

7 6 Qualità della tensione: fenomeni principali

8 Parametri che caratterizzano la qualità della tensione interruzioni brevi e transitorie buchi di tensione Armoniche flicker sovratensioni transitorie e temporanee interarmoniche dissimmetria della tensione di alimentazione difetti del prodotto elettricità ma, purtroppo, intrinseci nella fornitura e nell utilizzo dell elettricità nelle reti pubbliche che provocano mal funzionamento delle apparecchiature elettriche sia della rete pubblica sia all interno delle installazioni degli utilizzatori 7

9 8 Coordinamento dell'emissione di disturbi sulle reti di distribuzione pubbliche

10 9 Normativa IEC disponibile IEC/TR ( ) IEC ( ) IEC ( ) IEC/TR ( ) IEC/TR ( ) IEC/TR ( ) IEC ( ) IEC ( ) Ed. 2.2 IEC ( ) Ed. 1.1 IEC/TS ( ) IEC/TS ( ) IEC/TR ( ) IEC/TR ( ) IEC ( ) IEC ( ) IEC ( ) IEC ( ) IEC ( ) IEC ( ) Ed. 1.1 IEC ( ) Ed. 1.1 IEC ( ) Ed. 1.1 IEC ( ) Ed. 1.1 IEC ( ) IEC ( ) Ed. 1.1 IEC ( ) IEC ( ) Historical rationale for the limitation of power-frequency conducted harmonic current emissions from equipment, in the frequency range up to 2 khz systems Compatibility levels in industrial plants for low-frequency conducted disturbances Assessment of the emission levels in the power supply of industrial plants as regards low-frequency conducted disturbances Low frequency magnetic fields in various Environmentts Voltage dips and short interruptions on public electric power supply systems with statistical measurement results Compatibility levels for low-frequency conducted disturbances and signalling in public medium-voltage power supply systems Limits for harmonic current emissions (equipment input current <= 16 A per phase) Limitation of voltage changes, voltage fluctuations and flicker in public low-voltage supply systems, for equipment with rated current <= 16 A per phase and not subject to conditional connection Limitation of emission of harmonic currents in low-voltage power supply systems for equipment with rated current greater than 16 A Limitation of voltage fluctuations and flicker in low-voltage power supply systems for equipment with rated current greater than 16 A Assessment of emission limits for distorting loads in MV and HV power systems - Basic EMC publication Assessment of emission limits for fluctuating loads in MV and HV power systems - Basic EMC publication Limitation of voltage changes, voltage fluctuations and flicker in public low-voltage supply systems - Equipment with rated current <= 75 A and subjet to conditional connection Limits for harmonic currents produced by equipment connected to public low-voltage systems with input current >16 A and <=75 A per phase General guide on harmonics and interharmonics measurements and instrumentation, for power supply systems and equipment connected thereto Voltage dips, short interruptions and voltage variations immunity tests Harmonics and interharmonics including mains signalling at a.c. power port, low frequency immunity tests Voltage fluctuation immunity test Flickermeter - Functional and design specifications Test for immunity to conducted, common mode disturbances in the frequency range 0 Hz to 150 khz Ripple on d.c. input power port immunity test Unbalance, immunity test Variation of power frequency, immunity test Voltage dips, short interruptions and voltage variations on d.c. input power port immunity tests Power quality measurement methods revisione GdL Cigré

11 Normativa CENELEC disponibile Direttiva 85/374/EEC: responsabilità sui prodotti difettosi EN (ed ): descrizione del prodotto elettricità (reti pubbliche di distribuzione MT e BT in ambito europeo) TR (2004): guida applicazione EN

12 Cosa fa Enel Distribuzione Enel Distribuzione recepisce le normative nazionali ed internazionali relative all EMC e partecipa attivamente alla loro stesura. In assenza di norme specifiche, in particolare per i clienti di maggiori dimensioni, Enel Distribuzione predispone propri criteri di allacciamento al fine di mantenere i parametri che caratterizzano la tensione entro i campi di variazione previsti DK 5550 Allacciamento di forni ad arco AT DK 5750 Criteri di allacciamento alla rete MT di impianti di risalita dotati di convertitori CA/CC 11

13 Criteri di allacciamento Gli esercenti delle reti elettriche curano l allacciamento dei carichi alla rete cercando di mantenere una certa stabilità di tensione e frequenza ed un basso livello di disturbi nella rete: Generalmente un prerequisito all allacciamento è che il cliente non disturbi l esercizio della rete o la fornitura ad altri clienti. Quando il carico fa parte di una grande installazione, generalmente, i relativi dettagli sono resi noti al distributore che ha quindi la possibilità di definire un corretto allacciamento e concordare un accettabile esercizio con il cliente di concerto con il fornitore di apparecchiature di quest ultimo. Tale modalità non può essere applicata nel caso di apparecchi utilizzatori di uso comune che vengono collegati alla rete senza consultare il distributore. In particolare i personal computer, i televisori e, generalmente, tutte le apparecchiature elettroniche costituiscono piccoli carichi per la rete e, in termini assoluti, provocano piccoli disturbi. Peraltro l elevato grado di diffusione ed il loro utilizzo simultaneo comporta un elevato livello di disturbo cumulato 12

14 Compatibilità elettromagnetica (EMC) capacità di un apparecchiatura di funzionare correttamente in un ambiente elettromagnetico (livelli di immunità) senza provocare disturbi eccessivi per le altre apparecchiature presenti (limiti di emissione) Se la compatibilità elettromagnetica è efficace: le emissioni delle apparecchiature collegate alla rete sono controllate in modo da non compromettere la qualità della tensione le apparecchiature stesse sono in grado di funzionare nel modo atteso nonostante la presenza di disturbi che provengono dalla rete 13

15 EMC: un obiettivo da raggiungere in tre DISTRIBUTORE CLIENTE FORNITORE APPARECCHIATUR E 14

16 Relazione distributore-cliente Deve cercare di mantenere i parametri che caratterizzano la tensione entro i campi di variazione previsti. DISTRIBUTORE Per soddisfare tale responsabilità il distributore deve poter mantenere un ragionevole controllo del modo in cui i clienti utilizzano l energia, indicando ai clienti stessi come non disturbare altri utenti della rete. 15 CLIENTE Deve utilizzare l energia in modo da non arrecare disturbi all esercizio della rete e alla fornitura di altri clienti eventualmente prendendo gli opportuni provvedimenti quando ciò si dovesse verificare. Deve informare tempestivamente il distributore circa le apparecchiature che sta per installare o installerà e le relative modalità d uso. Tale approccio è praticamente adottabile solo per le grandi installazioni mentre per le apparecchiature a larga diffusione bisogna fare affidamento alla normativa EMC

17 Relazione cliente-fornitore di apparecchiature CLIENTE Utilizza l elettricità mediante le apparecchiature elettriche FORNITORE APPARECCHIATUR E Il costruttore è responsabile di fornire al cliente apparecchiature in grado di assolvere le funzioni volute tra cui la limitazione dei disturbi e la capacità di funzionare correttamente nelle condizioni di fornitura previste. Il costruttore di apparecchiature deve anche fornire al cliente tutte le informazioni richieste dal distributore 16

18 Relazione distributore-fornitore di apparecchiature Fornitori di apparecchiature e distributori sono coinvolti nel processo di definizione della normativa EMC al fine di assicurare: limiti di emissione che prevengano livelli di disturbo sulla rete tali da compromettere il corretto funzionamento delle apparecchiature dei clienti e l esercizio delle reti; apparecchiature elettriche con adeguata immunità ai disturbi che si possono trovare normalmente sulle reti 17

19 Interruzioni e buchi di tensione definizioni: interruzioni buchi di tensione si verificano quando la tensione ai terminali di fornitura è inferiore al 1% della tensione dichiarata e sono dette: transitorie se < 1 s brevi se di durata 1s 3 lunghe se >3 diminuzioni improvvise della tensione di alimentazione ad un valore compreso tra il 90% e l 1% della tensione dichiarata, seguita da un ripristino dopo un breve periodo di tempo cause: guasti su linea di alimentazione dell'utente o su linee metallicamente ad essa connesse, seguiti da manovre di richiusura automatica rapida o lenta; correnti d'inserzione di trasformatori e condensatori; carichi che variano rapidamente e avvio di grossi di motori. 18

20 Interruzioni e buchi di tensione Valori attesi in un anno a livello europeo V DURATA tipo (%) (millisecondi) (secondi) Buchi di tensione Interruzioni Valori di riferimento, pubblicati da UNIPEDE (ex Associazione Internazionale Produttori e Distributori di Energia Elettrica, ora confluita in Eurelectric) per la verifica del livello di immunità degli apparecchi utilizzatori 19

21 Interruzioni e buchi di tensione Effetti sui carichi interventi intempestivi di relè di minima tensione e di contattori irregolarità nel funzionamento dei motori malfunzionamenti di apparati elettronici digitali spegnimento di lampade a scarica con ritardo di riaccensione 20

22 Interruzioni e buchi di tensione contromisure lato Rete protezione dalle sovratensioni cavizzazione reti di distribuzione messa a terra del neutro contromisure lato Cliente desensibilizzazione contattori e azionamenti statici UPS per sistemi di controllo custom power 21

23 Situazione Enel Distribuzione 2004 Interruzioni transitorie brevi lunghe (t 1 ) (1 < t 3 ) (t > 3 ) Numero medio per cliente MT i buchi di tensione attualmente non sono misurati: sono stimati in alcune decine per anno Miglioramenti attesi con messa a terra del neutro MT Riduzione del numero di interruzioni sulla rete MT transitorie brevi Interruzioni (t 1 ) (1 < t 3 ) Variazione rispetto a periodo confrontabile di esercizio della rete a neutro isolato lunghe (t > 3 ) -51% -38% -26% 22

24 Collaborazione Enel-Confindustria I fenomeni che provocano i disturbi alla qualità della tensione e le relative tecniche di desensibilizzazione spesso non sono ben noti agli stessi utilizzatori, a metà degli anni 90 Enel, assieme a Confindustria, ha predisposto la guida tecnica Qualità dell alimentazione elettrica negli impianti industriali. La collaborazione con Confindustria, di cui oggi anche Enel è membro, è sempre attiva e attualmente prevede: referenti Confindustria ed Enel (commerciali+tecnici) a livello provinciale; sperimentazione in alcune aree "critiche" di metodologie per lo studio di problemi specifici; gruppo di lavoro per l aggiornamento guida Enel-Confindustria. A partire dall autunno 2005, è previsto un road show nelle principali sedi delle Unioni Industriali d Italia per illustrare alle varie realtà locali le problematiche relative ai disturbi alla qualità della tensione e le relative tecniche di desensibilizzazione. 23

25 Regolamentazione AEEG regolamenta la durata cumulata delle interruzioni lunghe (> 3 minuti) Dal 2006 saranno regolamentati anche il numero di interruzioni lunghe per i clienti AT ed MT. A partire dal 2006 e per 2 anni AEEG, nell ambito della Ricerca di Sistema, effettuerà una campagna di misure per valutare statisticamente alcuni parametri caratterizzanti la qualità della tensione sulle reti AAT, AT e MT al fine di avere le basi per una regolamentazione della stessa dal 2008 affidandola: a GRTN, per le reti AAT e AT a CESI, per le reti di distribuzione MT 24

26 Architettura del sistema di monitoraggio Le apparecchiature di misura (AdM), da installare su sbarre AAT, AT o semisbarre MT delle Cabine AT/MT che sui punti di consegna dei clienti finali MT, sono dotate di : modem GSM per la comunicazione verso un server centrale dei dati rilevati (avvalendosi di operatori telefonici nazionali) GPS per la sincronizzazione temporale di tutte le AdM installate 25

27 Campagna monitoraggio QT su rete MT: punti di misura 400 semisbarre MT di CP (su base statistica) 200 punti di consegna MT (su richiesta) 26

28 Indicatori considerati nella campagna di monitoraggio Ampiezza e variazione della tensione di alimentazione Flicker Buchi di tensione Interruzioni della tensione di alimentazione Squilibrio della tensione Grandezze armoniche - Tensioni Grandezze armoniche Correnti (solo per misure c/o clienti) 27

29 Punti di misura su semisbarre Enel Distribuzione 360 semisbarre MT di CP individuate su base statistica rispetto a: - potenza trasformatore AT/MT - tipologia ed estensione rete MT (aereo, cavo, mista) - stato neutro (compensato o isolato) - concentrazione ambiti rete BT sottesa (alta, media, bassa) - numerosità clienti MT 28

30 Punti di misura su semisbarre Enel Distribuzione La ripartizione sul territorio nazionale è stata effettuata proporzionalmente al numero di cabine primarie presenti: Calabria Sicilia Sardegna Piemonte e Liguria Puglia e Basilicata Lombardia Campania Lazio, Abruzzo e Molise Toscana e Umbria Triveneto Emilia Romagna e Marche 29

31 Considerazioni finali lo sviluppo dell elettronica di potenza e dei sistemi di controllo ha fatto crescere sia il numero di carichi disturbanti sia quello dei carichi sensibili non solo alle interruzioni ma anche ai disturbi della tensione in termini di forma d onda è essenziale che i clienti conoscano i parametri che caratterizzano la qualità della tensione, i fenomeni che li determinano e la loro entità (collaborazione Enel Confindustria) spesso l effetto maggior parte dei disturbi può essere annullato desensibilizzando opportunamente l impianto utilizzatore (aggiornamento Guida Enel Confindustria) la campagna di monitoraggio della qualità della tensione rappresenta un passo fondamentale per migliorare la qualità della fornitura di energia elettrica la tensione viene generata perfettamente sinusoidale e viene distorta da fenomeni non eliminabili come guasti temporanei e da carichi disturbanti generalmente il miglioramento della continuità della fornitura implica un peggioramento della qualità della forma d onda 30

32 Riflessi normativi La norma EN descrive le caratteristiche della tensione nelle reti pubbliche di distribuzione MT e BT europee risultante dall applicazione delle attuali norme internazionali sulla compatibilità elettromagnetica (EMC) sugli attuali sistemi elettrici. La stesura della EN vede coinvolti rappresentati di aziende elettriche e di costruttori di apparecchiature (fondamentalmente BT). L evoluzione della norma EN richiede, in un contesto internazionale, l adeguamento dell intera normativa EMC incidendo su: o norme costruttive apparecchi utilizzatori o norme reti o norme impianti/sistemi utilizzatori La regolamentazione della qualità della tensione non può inoltre prescindere dalla presenza e dal rispetto di norme d allacciamento che permettano di gestire efficacemente anche i carichi disturbanti Per ragioni di equità ed efficacia la compensazione dei disturbi deve avvenire dove questi vengono generati 31

Alimentazione elettrica Tensione di rete

Alimentazione elettrica Tensione di rete Alimentazione elettrica Tensione di rete In conseguenza dei principi fisici con i quali funzionano le macchine per la produzione, il trasferimento e l impiego dell energia elettrica, nelle nostre case

Dettagli

DAGLI INVERTER INTELLIGENTI ALLA SMART GRID

DAGLI INVERTER INTELLIGENTI ALLA SMART GRID technology focus DAGLI INVERTER INTELLIGENTI ALLA SMART GRID Contributo allo sviluppo della caratterizzazione sperimentale delle Smart Grids Alessandro Zuccato, CREI-Centro Ricerca Elettronica Industriale

Dettagli

QUALITÀ DELL ALIMENTAZIONE ELETTRICA NEGLI IMPIANTI INDUSTRIALI

QUALITÀ DELL ALIMENTAZIONE ELETTRICA NEGLI IMPIANTI INDUSTRIALI QUALITÀ DELL ALIMENTAZIONE ELETTRICA NEGLI IMPIANTI INDUSTRIALI QUALITÀ DELL ALIMENTAZIONE ELETTRICA NEGLI IMPIANTI INDUSTRIALI La Guida sulla Qualità dell'alimentazione Elettrica negli Impianti Industriali

Dettagli

IL SISTEMA SPERIMENTALE DI MONITORAGGIO PER LE RETI DI DISTRIBUZIONE IN MEDIA TENSIONE

IL SISTEMA SPERIMENTALE DI MONITORAGGIO PER LE RETI DI DISTRIBUZIONE IN MEDIA TENSIONE IL SISTEMA SPERIMENTALE DI MONITORAGGIO PER LE RETI DI DISTRIBUZIONE IN MEDIA TENSIONE R. Chiumeo, L. Garbero, I. Mastandrea, O. Ornago, A. Porrino CESI RICERCA SpA, via Rubattino 54 Milano E. De Berardinis,

Dettagli

Ultimo aggiornamento in data 4/04/2016

Ultimo aggiornamento in data 4/04/2016 Ultimo aggiornamento in data 4/04/2016 FAQ 1. L articolo 2, comma 4, dei criteri attuativi dell articolo 54, comma 3, della legge provinciale n. 1/2014 definisce la prima casa di abitazione. Dalla sua

Dettagli

QUALITÀ DELLA TENSIONE SULLA RETE AT DI AGSM Verona S.p.A.

QUALITÀ DELLA TENSIONE SULLA RETE AT DI AGSM Verona S.p.A. QUALITÀ DELLA TENSIONE SULLA RETE AT DI AGSM Verona S.p.A. PIANO PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI MONITORAGGIO (ai sensi della Delibera 210/05 dell Autorità per l Energia Elettrica e il Gas) Verona,

Dettagli

La Power Quality e le normative di riferimento. dall interazione fra le sorgenti di alimentazione ed i carichi. L interesse verso la

La Power Quality e le normative di riferimento. dall interazione fra le sorgenti di alimentazione ed i carichi. L interesse verso la Capitolo 2 2.1 Introduzione Lo studio della Power Quality (PQ) può essere riferito all analisi a regime ed in transitorio dei disturbi che evolvono in un sistema elettrico e che scaturiscono dall interazione

Dettagli

I vuoti di tensione: definizioni, origini e grandezze caratteristiche. G. Carpinelli

I vuoti di tensione: definizioni, origini e grandezze caratteristiche. G. Carpinelli Bari, 2003 I vuoti di tensione: definizioni, origini e grandezze caratteristiche G. Carpinelli Dipartimento di Ingegneria Elettrica Università degli Studi di Napoli Definizione di Power Quality introdotta

Dettagli

QUALITÀ DELLA TENSIONE SULLA RETE AT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.P.A. PIANO PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI MONITORAGGIO

QUALITÀ DELLA TENSIONE SULLA RETE AT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.P.A. PIANO PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI MONITORAGGIO QUALITÀ DELLA TENSIONE SULLA RETE AT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.P.A. PIANO PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI MONITORAGGIO (ai sensi della Delibera 210/05 dell Autorità per l Energia Elettrica e il

Dettagli

Photo. Soluzioni tecnologiche per garantire carichi privilegiati dalle discontinuità del servizio. Ing. Antonio Ardito - CESI S.p.A.

Photo. Soluzioni tecnologiche per garantire carichi privilegiati dalle discontinuità del servizio. Ing. Antonio Ardito - CESI S.p.A. Workshop PRESENTAZIONE DELL'INDAGINE SULLA QUALITÀ DELLA DISTRIBUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA 17 Dicembre 2004 - Auditorium Assolombarda Milano Photo Soluzioni tecnologiche per garantire carichi privilegiati

Dettagli

Norma CEI EN 50160 Caratteristiche della tensione fornita dalle reti pubbliche di distribuzione dell energia elettrica

Norma CEI EN 50160 Caratteristiche della tensione fornita dalle reti pubbliche di distribuzione dell energia elettrica Norma CEI EN 50160 Caratteristiche della tensione fornita dalle reti pubbliche di distribuzione dell energia elettrica Armoniche Variazione di frequenza Sovratensioni lente Sovratensioni impulsive Buco

Dettagli

TRQ AP-PRO APPLIANCE PROTECTOR

TRQ AP-PRO APPLIANCE PROTECTOR Test report TRQ AP-PRO APPLIANCE PROTECTOR Verificatore Data 09/11/2012 1.1 Motivo delle prove Purpose of test nuovo prodotto d acquisto. Sono state testate 1 versioni (v 2). Validation of purchased product.

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

GUIDA TECNICA PER LE CONNESSIONI DI QUALUNQUE TIPOLOGIA DI CLIENTI ALLE RETI ENEL DISTRIBUZIONE IN ALTA E MEDIA TENSIONE 3

GUIDA TECNICA PER LE CONNESSIONI DI QUALUNQUE TIPOLOGIA DI CLIENTI ALLE RETI ENEL DISTRIBUZIONE IN ALTA E MEDIA TENSIONE 3 Ed. 5.0 - E1/29 SEZIONE E GUIDA TECNICA PER LE CONNESSIONI DI QUALUNQUE TIPOLOGIA DI CLIENTI ALLE RETI ENEL DISTRIBUZIONE IN ALTA E MEDIA TENSIONE 3 E.1 AMBITO DI APPLICAZIONE 3 E.2 GUIDA TECNICA ALLA

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda 1 di 11 ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Apparecchiature / Appliances Gradi di protezione degli involucri (codice IP) / Degrees of protection provided by enclosure (IP code) (fino a IP67

Dettagli

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda 1 di 11 ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Apparecchiature / Appliances Gradi di protezione degli involucri (codice IP) / Degrees of protection provided by enclosure (IP code) (fino a IP67

Dettagli

COLLEGAMENTI/RELAZIONI TRA DOCUMENTI INFORMAZIONI EDITORIALI. Nazionali Europei Internazionali Legislativi Legenda

COLLEGAMENTI/RELAZIONI TRA DOCUMENTI INFORMAZIONI EDITORIALI. Nazionali Europei Internazionali Legislativi Legenda N O R M A I T A L I A N A C E I Norma Italiana CEI 0-16 Data Pubblicazione Edizione 2008-02 Prima Classificazione Fascicolo 0-16 9251 Titolo Regola tecnica di riferimento per la connessione di utenti attivi

Dettagli

Dalle DK alla Norma CEI 0-16

Dalle DK alla Norma CEI 0-16 Dalle DK alla Norma CEI 0-16 A. Cerretti - ENEL Distribuzione Protezione generale (PG) Deve essere costituita da: Protezione di massima corrente di fase almeno bipolare a tre soglie, una a tempo dipendente,

Dettagli

Stima dei contatori del gas per uso domestico installati al 31 dicembre dell ultimo anno di ciascun periodo

Stima dei contatori del gas per uso domestico installati al 31 dicembre dell ultimo anno di ciascun periodo Stima dei contatori del gas per uso domestico installati al 31 dicembre dell ultimo anno di ciascun periodo installati fino al 1965 1966 al 1970 1971 al 1975 1976 al 1980 1981 al 1985 1986 al 1990 Piemonte

Dettagli

Wattmetri di Precisione

Wattmetri di Precisione I modelli proposti Wattmetri di Precisione 3390 PW3337 PW3336 3332 3334 Canali di misura V e I 4 e 4 4 e 3 2 e 2 1 e 1 1 e 1 Misura di tensione fino a 1500V fino a 1000V fino a 1000V fino a 600V fino a

Dettagli

Una sfida nel libero mercato dell energia elettrica

Una sfida nel libero mercato dell energia elettrica TECNCA metrologia Le misure di power quality na sfida nel libero mercato dell energia elettrica Loredana Cristaldi, Alessandro Ferrero, Simona Salicone La liberalizzazione del mercato dell energia elettrica

Dettagli

Misura dell energia e Qualità dell energia

Misura dell energia e Qualità dell energia Dipartimento di Elettrotecnica ed Elettronica Politecnico Di Bari Corso Di Formazione In Smart Grids per La Gestione Efficiente Delle Risorse Energetiche Misura dell energia e Qualità dell energia Misura

Dettagli

Rete esterna dell ente distributore

Rete esterna dell ente distributore Rete esterna dell ente distributore Power Quality La crescente diffusione dell elettronica ha determinato la necessità della continuità di funzionamento di molti processi e della qualità della tensione

Dettagli

PRODUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA

PRODUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA PRODUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA Tariffazione dell energia elettrica Classificazione dei costi dell energia elettrica Costi di generazione (oneri finanziari, costi di smantellamento, costi d esercizio,

Dettagli

- Alle Imprese in indirizzo - Agli Aderenti Art.4 Statuto e p.c. - Ai Consiglieri dell Albo - Ai Componenti del C.T.A.

- Alle Imprese in indirizzo - Agli Aderenti Art.4 Statuto e p.c. - Ai Consiglieri dell Albo - Ai Componenti del C.T.A. CIRCOLARE n. 02/12 UNAE Emilia - Romagna (già AIEER) Albo delle Imprese Installatrici Elettriche Qualificate dell Emilia Romagna c/o ENEL S.p.A. - Via C. Darwin,4 40131 Bologna Tel. 051 6347139 - Fax 051

Dettagli

DOMANDA DI CONNESSIONE PER SERVIZIO DI SCAMBIO

DOMANDA DI CONNESSIONE PER SERVIZIO DI SCAMBIO Enel Distribuzione S.p.A. CONNESSIONE IMPIANTI DI PRODUZIONE Zona di... Casella Postale...... DOMANDA DI CONNESSIONE PER SERVIZIO DI SCAMBIO domanda di connessione/adeguamento della connessione esistente

Dettagli

Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici di energia elettrica

Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici di energia elettrica N O R M A I T A L I A N A C E I Norma Italiana Data Pubblicazione CEI 0-21 2011-12 Titolo Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici

Dettagli

MODALITA PER LA CONNESSIONE DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI CON LA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA E MEDIA TENSIONE

MODALITA PER LA CONNESSIONE DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI CON LA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA E MEDIA TENSIONE Seminario Tecnico GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Aggiornamenti legislativi, Problematiche tecniche, Problematiche di installazione, Rapporti con gli enti MODALITA PER LA CONNESSIONE DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

Dettagli

Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti AT ed MT delle imprese distributrici di energia elettrica

Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti AT ed MT delle imprese distributrici di energia elettrica N O R M A I T A L I A N A C E I Norma Italiana CEI 0-16 Data Pubblicazione Edizione 2008-07 Seconda Classificazione Fascicolo 0-16 9404 Titolo Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti

Dettagli

L INTERRUTTORE DIFFERENZIALE: QUESTO SCONOSCIUTO

L INTERRUTTORE DIFFERENZIALE: QUESTO SCONOSCIUTO PREMESSA: Gli interruttori differenziali sono apparsi sul mercato negli anni 50; furono utilizzati per evitare i furti di energia, dovuti all utilizzo di correnti verso terra e solo in un secondo tempo

Dettagli

Energy Storage - state of the art and evolution scenarios: looking for a killer application

Energy Storage - state of the art and evolution scenarios: looking for a killer application Energy Storage - state of the art and evolution scenarios: looking for a killer application Maurizio Delfanti, Davide Falabretti, Marco Merlo Politecnico di Milano Dipartimento di Energia Introduzione:

Dettagli

Sistemi fotovoltaici

Sistemi fotovoltaici Sistemi fotovoltaici e connessione in rete Roberto Caldon Università degli Studi di Padova Contrastanti esigenze della GD e della rete Da parte dei Produttori: Poter collegare senza formalità aggiuntive

Dettagli

Il senso di una analisi storica sui trasferimenti dallo Stato ai Comuni

Il senso di una analisi storica sui trasferimenti dallo Stato ai Comuni I TRASFERIMENTI ERARIALI COME LEVA DI GOVERNO NEI RAPPORTI STATO COMUNI Copyright SDA Copyright Bocconi 2005 SDA Bocconi 2005 SDA Bocconi per Anci Veneto 1 Il senso di una analisi storica sui trasferimenti

Dettagli

DETERMINAZIONE DELL'IMMUNITÀ AI DISTURBI DI RETE, BUCHI DI TENSIONE ARMONICHE E CAMPI MAGNETICI A 50/60HZ.

DETERMINAZIONE DELL'IMMUNITÀ AI DISTURBI DI RETE, BUCHI DI TENSIONE ARMONICHE E CAMPI MAGNETICI A 50/60HZ. DETERMINAZIONE DELL'IMMUNITÀ AI DISTURBI DI RETE, BUCHI DI TENSIONE ARMONICHE E CAMPI MAGNETICI A 50/60HZ. 1. Generalità La qualità dell energia elettrica è un argomento che sta assumendo sempre più importanza.

Dettagli

Norma CEI 11 20 : impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria

Norma CEI 11 20 : impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria Norma CEI 11 20 : impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria 2 Ottobre 2008, Catania, Marco Ravaioli Norma CEI 11-20 La norma CEI ha per oggetto

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

www.microset.net ALIMENTATORI SWITCHING SWITCHING POWER SUPPLY mod. PTS 124 mod. PTS 150 mod. PTS 124 mod. PTS 150

www.microset.net ALIMENTATORI SWITCHING SWITCHING POWER SUPPLY mod. PTS 124 mod. PTS 150 mod. PTS 124 mod. PTS 150 1 www.microset.net NUOVA SERIE DI ALIMENTATORI SWITCHING, PICCOLI - POTENTI LEGGERI - AFFIDABILI NEW POWER SUPPLY FAMILY SWITCH MODE - HIGH EFFICIENCY SMALL SIZE - POWERFUL - RELIABLE mod. PTS 124 mod.

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

LA VISION 2000 (UNI EN ISO 9001:2000)

LA VISION 2000 (UNI EN ISO 9001:2000) NORMA ISO 9001:2000 LA VISION 2000 (UNI EN ISO 9001:2000) 1 SVILUPPO DEL PROGETTO VISION 2000 Lug. 1998 CD1 (comitato ISO/TC 176) Feb. 1999 CD2 Nov. 1999 ISO/DIS Set. 2000 Final ISO/DIS 15 Dic. 2000 ISO

Dettagli

COMUNE DI VITTORIO VENETO (TV)

COMUNE DI VITTORIO VENETO (TV) COMUNE DI VITTORIO VENETO (TV) AREA POLITICHE DELLE INFRASTRUTTURE IMPIANTO FOTOVOLTAICO IN ZONA INDUSTRIALE A SAN GIACOMO DI VEGLIA IN COMUNE DI VITTORIO VENETO (TV) 2. RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO

Dettagli

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - prima parte -

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - prima parte - Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - prima parte - Pubblicato il: 11/07/2004 Aggiornato al: 11/07/2004 di Gianluigi Saveri La qualità dell alimentazione elettrica può essere fonte

Dettagli

Qualità del servizio di distribuzione di energia elettrica: le iniziative in corso nell ambito della ricerca di sistema

Qualità del servizio di distribuzione di energia elettrica: le iniziative in corso nell ambito della ricerca di sistema Workshop PRESENTAZIONE DELL'INDAGINE SULLA QUALITÀ DELLA DISTRIBUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA 17 Dicembre 2004 - Auditorium Assolombarda Milano Photo Qualità del servizio di distribuzione di energia elettrica:

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico TABELLA "A" Dotazioni organiche regionali COMPLESSIVE - anno scolastico 2014-2015 a.s. 2011/12 a.s. 2012/13 a.s. 2014/15 rispetto a.s. 2011/12 a b c d e=d-a Abruzzo 5.195 5.124 5.119 5.118-77 Basilicata

Dettagli

9. Introduzione al PQ

9. Introduzione al PQ Corso di Elementi di ingegneria elettrica di potenza Angelo Baggini angelo.baggini@unibg.it 9. Introduzione al PQ Corso di Elettrotecnica NO Introduzione> Power quality? Introduzione> Prodotto - Energia

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici di energia elettrica

Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici di energia elettrica N O R M A I T A L I A N A C E I Norma Italiana Data Pubblicazione CEI 0-21 2012-06 Titolo Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici

Dettagli

CRITERI DI ALLACCIAMENTO PER GLI UTENTI UTILIZZATORI E AUTOPRODUTTORI ALLA RETE MT

CRITERI DI ALLACCIAMENTO PER GLI UTENTI UTILIZZATORI E AUTOPRODUTTORI ALLA RETE MT 3 CRITERI DI ALLACCIAMENTO PER GLI UTENTI UTILIZZATORI E AUTOPRODUTTORI ALLA RETE MT 3.1 INTRODUZIONE Il collegamento dei clienti utilizzatori e di quelli autoproduttori alla rete di distribuzione necessita

Dettagli

Indagine sulla qualità del servizio di distribuzione dell'energia elettrica, questionario Operatori economici

Indagine sulla qualità del servizio di distribuzione dell'energia elettrica, questionario Operatori economici Indagine sulla qualità del servizio di distribuzione dell'energia elettrica, questionario Operatori economici Buongiorno/buonasera, su incarico dell'autorità per l'energia Elettrica, il Gas e il Sistema

Dettagli

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI CLIENTI DK 5600 ALLA RETE MT DELLA DISTRIBUZIONE Giugno 2006 Ed. V - 1/40

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI CLIENTI DK 5600 ALLA RETE MT DELLA DISTRIBUZIONE Giugno 2006 Ed. V - 1/40 Ed. V - 1/40 INDICE Pagina 1 SCOPO DELLE PRESCRIZIONI... 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3 NORME E PRESCRIZIONI RICHIAMATE NEL TESTO... 3 4 DEFINIZIONI... 3 5 DISPOSIZIONI GENERALI... 4 5.1 Misura dell

Dettagli

TTD Tecnologie T&D Approvato Pag. 1/19

TTD Tecnologie T&D Approvato Pag. 1/19 Mod. ST v. 01 Specifica Tecnica TTD Tecnologie T&D Approvato Pag. 1/19 Cliente Autorità per l energia elettrica e il gas Oggetto Specifiche tecnico-funzionali delle apparecchiature di monitoraggio della

Dettagli

LABORATORIO PROVE. Descrizione del Servizio

LABORATORIO PROVE. Descrizione del Servizio LABORATORIO PROVE Descrizione del Servizio 1. PREMESSA... 3 2. LE DIRETTIVE COMUNITARIE... 4 3. IL LABORATORIO PROVE... 5 3.1. PROVE DI COMPATIBILITÀ E SUSCETTIBILITÀ ELETTROMAGNETICA... 5 3.2. PROVE DI

Dettagli

Progetto in inchiesta pubblica

Progetto in inchiesta pubblica N O R M A I T A L I A N A C E I 1 Data Scadenza Inchiesta C. 1058 15-09-2010 Data Pubblicazione 2010- Classificazione 0-. Titolo Regola tecnica di riferimento per l a connessione di utenti attivi e passivi

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

(Uninterruptible Power Supply, UPS hanno bisogno di una continuità di alimentazione con un certo ritardo

(Uninterruptible Power Supply, UPS hanno bisogno di una continuità di alimentazione con un certo ritardo I gruppi di continuità (Uninterruptible Power Supply, UPS) vengono utilizzati per alimentare utenze che hanno bisogno di una continuità di alimentazione, cioè quelle utenze che devono essere alimentate

Dettagli

Fluke 1750. Dati tecnici. Registratore della qualità dell alimentazione trifase

Fluke 1750. Dati tecnici. Registratore della qualità dell alimentazione trifase Fluke 1750 Registratore della qualità dell alimentazione trifase Dati tecnici Rilevamento di ogni singolo disturbo. Grazie all esclusivo sistema di misura senza l ausilio di soglie, le misure vengono eseguite

Dettagli

Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti AT ed MT delle imprese distributrici di energia elettrica

Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti AT ed MT delle imprese distributrici di energia elettrica N O R M A I T A L I A N A C E I Norma Italiana Data Pubblicazione CEI 0-16 2012-12 Titolo Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti AT ed MT delle imprese distributrici

Dettagli

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA N 4/2011 I trim. 2011 Direzione Affari Economici e Centro Studi IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA INDICE I MUTUI PER NUOVI INVESTIMENTI IN COSTRUZIONI --------------------------------------------------------

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CONNESSIONE DI

LINEE GUIDA PER LA CONNESSIONE DI DI TETTI FOTOVOLTAICI ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE BT Documento DBU/003 Agosto 2005 Pag.2 di 23!"#$%&%! ''&% ( ) * + ),-%,.%! -#// ' + ),-%,.% + ),-%,.%!"'' 0 ),'1! -%$%!2"'' 3 ),-%,.%! % )) %&-,,!&,# (

Dettagli

Claudio BRAZZOLA Arezzo 23 Novembre 2012 RTC BT: Nuova CEI 0-21 Regola tecnica per la connessione di utenti attivi e passivi alle reti BT.

Claudio BRAZZOLA Arezzo 23 Novembre 2012 RTC BT: Nuova CEI 0-21 Regola tecnica per la connessione di utenti attivi e passivi alle reti BT. Claudio BRAZZOLA Arezzo 23 Novembre 2012 RTC BT: Nuova CEI 0-21 Regola tecnica per la connessione di utenti attivi e passivi alle reti BT. La nuova regola tecnica di connessione BT: Norma CEI 0-21 La Norma

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

Il Laboratorio Fotovoltaico: Attività Svolte e Agenda dei Lavori. Alfonso Damiano

Il Laboratorio Fotovoltaico: Attività Svolte e Agenda dei Lavori. Alfonso Damiano Il Laboratorio Fotovoltaico: Attività Svolte e Agenda dei Lavori Alfonso Damiano 1 Sommario Analisi di Contesto Descrizione delle Attività Svolte Descrizione delle Attività in Itinere 2 Gli obiettivi comunitari

Dettagli

Tabella di scelta tabella di scelta

Tabella di scelta tabella di scelta 22 23 01 Inverter tl Tabella di scelta tabella di scelta Modello sirio 1500 sirio 2000 sirio 2800 codice prodotto 6PHV1K51Xa 6PHV2K01Xa 6PHV2K81Xa max 1900 Wp min 1000 Wp max 2500 Wp min 1400 Wp max 3500

Dettagli

Una Norma al mese. Rubrica di aggiornamento normativo. a cura di Antonello Greco

Una Norma al mese. Rubrica di aggiornamento normativo. a cura di Antonello Greco Una Norma al mese Rubrica di aggiornamento normativo a cura di Antonello Greco Questo mese vorrei parlarvi della Guida CEI 121-5:2015-07 dedicata alla normativa applicabile ai quadri elettrici di bassa

Dettagli

Bando Cl@ssi 2.0 Scuole statali secondarie di secondo grado

Bando Cl@ssi 2.0 Scuole statali secondarie di secondo grado Prot. n 3334 del 6 settembre 2010 Bando Cl@ssi 2.0 Scuole statali secondarie di secondo grado Il Piano Nazionale Scuola Digitale, della Direzione Generale per gli Studi, la Statistica e i Sistemi Informativi

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici di energia elettrica

Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici di energia elettrica N O R M A I T A L I A N A C E I Norma Italiana Data Pubblicazione CEI 0-21 2014-09 Titolo Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici

Dettagli

Sistemi di accumulo dell Energia

Sistemi di accumulo dell Energia Massimiliano Andreotti, ABB S.p.A., Pisa - 4 Luglio 2013, Green City Energy IV Edizione Power System Substations Sistemi di accumulo dell Energia July 4, 2013 Slide 1 Energie rinnovabili e rete elettrica

Dettagli

Bruno Orsini (orsinibruno) 7 January 2014

Bruno Orsini (orsinibruno) 7 January 2014 Bruno Orsini (orsinibruno) LA NORMA CEI 0-21 7 January 2014 Premessa Ancora oggi nei siti di vari gruppi e/o forum capita spesso di assistere a domande che riguardano il valore della tensione delle forniture

Dettagli

Integrazione degli impianti fotovoltaici nella rete elettrica

Integrazione degli impianti fotovoltaici nella rete elettrica Integrazione degli impianti fotovoltaici nella rete elettrica G. Simioli Torna al programma Indice degli argomenti Considerazioni introduttive Quadro normativo - Norma CEI 11-20 Isola indesiderata - Prove

Dettagli

Sistemi e Inverter FV: Normative. Requisiti Normativi per Systemi Fotovoltaici Connessi alla Rete

Sistemi e Inverter FV: Normative. Requisiti Normativi per Systemi Fotovoltaici Connessi alla Rete Sistemi e Inverter FV: Normative Requisiti Normativi per Systemi Fotovoltaici Connessi alla Rete Criteri per la connessione alla rete elettrica a Bassa Tensione Protezioni (dispositivi e funzioni) Criteri

Dettagli

L ALLACCIAMENTO ALLA RETE ELETTRICA

L ALLACCIAMENTO ALLA RETE ELETTRICA SISTEMI AGRO-ENERGETICI E ADATTAMENTI LOCALI Udine, 29-30 novembre 2007 L ALLACCIAMENTO ALLA RETE ELETTRICA Massimo Vignuda Energy Division Green Energy Solution 1 Premessa La rete di distribuzione nasce

Dettagli

1 SEM. X Anno di riferimento: 2013 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. ANNO Intero 1/41

1 SEM. X Anno di riferimento: 2013 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. ANNO Intero 1/41 S/A Tempo di attivazione dei servizi di accesso ad internet a banda larga Servizi di accesso ad internet a banda larga su linee telefoniche attive Servizi di accesso ad internet a banda larga su nuove

Dettagli

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI CLIENTI ALLA RETE MT DELLA DISTRIBUZIONE-DK5600. Relatore GUIZZO P.I. GASTONE. Università di Padova 26 giugno 2004

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI CLIENTI ALLA RETE MT DELLA DISTRIBUZIONE-DK5600. Relatore GUIZZO P.I. GASTONE. Università di Padova 26 giugno 2004 CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI CLIENTI ALLA RETE MT DELLA DISTRIBUZIONE-DK5600 Relatore GUIZZO P.I. GASTONE Università di Padova 26 giugno 2004 L Autorità per l Energia Elettrica e il Gas (AEEG) con delibera

Dettagli

I sistemi elettrici: lezione introduttiva. Prof.ssa Maria Dicorato

I sistemi elettrici: lezione introduttiva. Prof.ssa Maria Dicorato I sistemi elettrici: lezione introduttiva Prof.ssa Maria Dicorato La produzione di energia elettrica L insieme dei mezzi di produzione, denominato centrali elettriche, nei quali avviene la trasformazione

Dettagli

ALLEGATO AIB - APPARECCHIATURE DI INTERFACCIA CON LA RETE BT: PRESCRIZIONI E PROVE

ALLEGATO AIB - APPARECCHIATURE DI INTERFACCIA CON LA RETE BT: PRESCRIZIONI E PROVE ALLEGATO AIB - APPARECCHIATURE DI INTERFACCIA CON LA RETE BT: PRESCRIZIONI E PROVE 1. GENERALITA Ai fini della connessione con la rete ACSM vengono distinti tre elementi: Dispositivo di interfaccia Protezione

Dettagli

Apparecchi di illuminazione a LED Il quadro normativo

Apparecchi di illuminazione a LED Il quadro normativo Padova, 14 Ottobre 2011 Apparecchi di illuminazione a LED Il quadro normativo Ing. Giuseppe Migale Laboratorio sicurezza ottica e fotometria IMQ IMQ S.p.a. Via Quintiliano 43, 20138 - Milano 1 Principali

Dettagli

REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI ELETTRICI NEL IV PERIODO DI REGOLAZIONE (2012-2015)

REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI ELETTRICI NEL IV PERIODO DI REGOLAZIONE (2012-2015) DCO 42/10 REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI ELETTRICI NEL IV PERIODO DI REGOLAZIONE (2012-2015) Nuove iniziative in materia di qualità della tensione sulle reti di distribuzione dell energia elettrica

Dettagli

L A S C E L T A I T A L I A N A PER L ILLUMINAZIONE A LED DESIGN E PRESTAZIONI

L A S C E L T A I T A L I A N A PER L ILLUMINAZIONE A LED DESIGN E PRESTAZIONI 2014_AKIRA 10/12/2014 15.31 Pagina 1 L A S C E L T A I T A L I A N A PER L ILLUMINAZIONE A LED DESIGN E PRESTAZIONI 2014_AKIRA 10/12/2014 15.32 Pagina 2 Elevato Flusso Luminoso I Led offrono una luminosità

Dettagli

LE REGOLE DELLA LIBERALIZZAZIONE

LE REGOLE DELLA LIBERALIZZAZIONE LE REGOLE DELLA LIBERALIZZAZIONE Prof. Massimo Beccarello Autorità per l energia elettrica e il gas Direzione Strategie, Studi e Documentazione 22 dicembre 2004 Questa presentazione non è un documento

Dettagli

7. Assistenza primaria

7. Assistenza primaria 7. Assistenza primaria BSIP Marka Assistenza primaria 7.1. Medicina di base L assistenza distrettuale, allo scopo di coordinare ed integrare tutti i percorsi di accesso ai servizi sanitari da parte del

Dettagli

INSTALLAZIONE DI UPS DI MEDIO-GRANDE POTENZA

INSTALLAZIONE DI UPS DI MEDIO-GRANDE POTENZA Il presente capitolo contiene informazioni generali per il personale addetto all installazione del tipo a connessione permanente. In caso di difformità con le seguenti informazioni, avranno priorità le

Dettagli

La terza parte di questa pubblicazione riporta esempi reali di reti e impianti caratterizzati da problematiche EMC.

La terza parte di questa pubblicazione riporta esempi reali di reti e impianti caratterizzati da problematiche EMC. TERZA PARTE La terza parte di questa pubblicazione riporta esempi reali di reti e impianti caratterizzati da problematiche EMC. Ogni caso è descritto intrecciando la descrizione del problema esaminato

Dettagli

INDOOR. Fissaggio a Sospensione SPECIFICHE TECNICHE. TS DI46 SOSPENSIONE INDOOR Rev. 0 1/04/11

INDOOR. Fissaggio a Sospensione SPECIFICHE TECNICHE. TS DI46 SOSPENSIONE INDOOR Rev. 0 1/04/11 INDOOR Fissaggio a Sospensione SPECIFICHE TECNICHE Dogma è un sistema di illuminazione rivoluzionario, composto dall elemento illuminante e da hardware e software che ne permettono il controllo e la gestione

Dettagli

SOVRATENSIONI DI ORIGINE ATMOSFERICA SULLE RETI MT: correlazione tra guasti in rete e scariche atmosferiche

SOVRATENSIONI DI ORIGINE ATMOSFERICA SULLE RETI MT: correlazione tra guasti in rete e scariche atmosferiche SOVRATENSIONI DI ORIGINE ATMOSFERICA SULLE RETI MT: correlazione tra guasti in rete e scariche atmosferiche Marina Bernardi CESI S.p.A. B.U. Ambiente Stefano Malgarotti CESI S.p.A. B.U. Rete 1 - Milano,

Dettagli

PW3337 e PW3336. Wattmetri a 2 e 3 canali CA/CC, 1000V-65/5000A, banda di frequenza da DC a 100kHz. Caratteristiche avanzate

PW3337 e PW3336. Wattmetri a 2 e 3 canali CA/CC, 1000V-65/5000A, banda di frequenza da DC a 100kHz. Caratteristiche avanzate PW3337 e PW3336 Wattmetri a 2 e 3 canali CA/CC, 1000V-65/5000A, banda di frequenza da DC a 100kHz PW3336 e PW3337 sono wattmetri digitali di precisione a 2 e 3 canali di ingresso, totalmente isolati tra

Dettagli

I progetti POI di ENEL Distribuzione Interventi sulla rete elettrica della Campania

I progetti POI di ENEL Distribuzione Interventi sulla rete elettrica della Campania I progetti POI di ENEL Distribuzione Interventi sulla rete elettrica della Campania Ing. Diego Pirolo Enel Distribuzione Responsabile Sviluppo Rete Campania POI Energia 2007-2013 Il Programma Operativo

Dettagli

LE DOTAZIONI MULTIMEDIALI PER LA DIDATTICA NELLE SCUOLE A.S. 2013/14

LE DOTAZIONI MULTIMEDIALI PER LA DIDATTICA NELLE SCUOLE A.S. 2013/14 LE DOTAZIONI MULTIMEDIALI PER LA DIDATTICA NELLE SCUOLE A.S. 2013/14 (Gennaio 2014) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati al 20 dicembre 2013. I dati elaborati e qui pubblicati sono

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA TENSIONE DELLA GERMANO INDUSTRIE ELETTRICHE S.R.L.

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA TENSIONE DELLA GERMANO INDUSTRIE ELETTRICHE S.R.L. REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA TENSIONE DELLA GERMANO INDUSTRIE ELETTRICHE S.R.L., DISTRIBUTORE DI ENERGIA ELETTRICA NELLE ISOLE TREMITI

Dettagli

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI TETTI FOTOVOLTAICI ALLA RETE BT DI DISTRIBUZIONE INDICE 3. NORME E PRESCRIZIONI RICHIAMATE NEL TESTO 2

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI TETTI FOTOVOLTAICI ALLA RETE BT DI DISTRIBUZIONE INDICE 3. NORME E PRESCRIZIONI RICHIAMATE NEL TESTO 2 Ed. 1.1-1/15 INDICE 1. SCOPO DELLE PRESCRIZIONI 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 2 3. NORME E PRESCRIZIONI RICHIAMATE NEL TESTO 2 4. DEFINIZIONI 2 5. CRITERI GENERALI 3 5.1 CRITERI GENERALI DI FUNZIONAMENTO

Dettagli

RAPPORTO MENSILE. Periodo di riferimento Gennaio 14

RAPPORTO MENSILE. Periodo di riferimento Gennaio 14 RAPPORTO MENSILE Periodo di riferimento Gennaio 14 Indice Sezione 1 - Riepilogo mensile Linea Amica... 2 Tab. 1.1 - Numero di contatti gestiti da operatore per canale e destinazione... 2 Graf. 1.2 - Linea

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

SUNWAY M PLUS. Inverter solare monofase con trasformatore. Single-phase solar inverter with transformer

SUNWAY M PLUS. Inverter solare monofase con trasformatore. Single-phase solar inverter with transformer Inverter solare monofase con trasformatore ngle-phase solar inverter with transformer La soluzione migliore nel caso in cui esigenze normative o funzionali di modulo, d impianto o di rete, richiedano la

Dettagli

CONDIZIONI DI FORNITURA EXTRA

CONDIZIONI DI FORNITURA EXTRA CONDIZIONI DI FORNITURA 1) PREZZI: - I prezzi di vendita stabiliti sono suscettibili di variazione e saranno quelli in vigore al momento della spedizione del materiale. 2) RITARDO PAGAMENTO: - In caso

Dettagli

Relazione sugli indicatori di qualità dei servizi di telefonia vocale forniti da Telecom Italia su rete fissa

Relazione sugli indicatori di qualità dei servizi di telefonia vocale forniti da Telecom Italia su rete fissa Relazione sugli indicatori di qualità dei servizi di telefonia vocale forniti da Telecom Italia su rete fissa ANNO Il presente documento riporta gli indicatori di qualità dei servizi di telefonia vocale

Dettagli

ENEL Listing Certificazione Dispositivi di Interfaccia con la rete

ENEL Listing Certificazione Dispositivi di Interfaccia con la rete ENEL Listing Certificazione Dispositivi di Interfaccia con la rete I dispositivi di interfaccia con la rete ENEL di distribuzione in bassa tensione devono essere sottoposti ad una procedura di approvazione.

Dettagli

Chi siamo. L affidabilità ed elevata professionalità di Secsun è comprovata dalla presenza di un team nutrito di 40 TECNICI SPECIALIZZATI:

Chi siamo. L affidabilità ed elevata professionalità di Secsun è comprovata dalla presenza di un team nutrito di 40 TECNICI SPECIALIZZATI: COMPANY PROFILE INDICE 03. Chi siamo 04. Mission 06. Risorse 07. Struttura Aziendale 08. Le divisioni aziendali 09. Prodotti - divisione quadri 10. Linea quadri di campo 11. Linea quadri in alternata e

Dettagli

Soluzioni per l energia solare Solutions for solar energy

Soluzioni per l energia solare Solutions for solar energy Multi MPPT 270V RPS TL 0280 0340 0510 0680 0850 kwp 280 340 510 680 850 Corrente di ingresso max. / Max. input current A 600 700 1050 1400 1750 Intervallo MPPT / MPPT range V 425... 875 N. MPPT 2 2 3 4

Dettagli

L ambiente scolastico e sua influenza su alimentazione ed attività fisica

L ambiente scolastico e sua influenza su alimentazione ed attività fisica Roma 20 novembre 2008 Conferenza Nazionale su OKkio alla SALUTE: risultati del primo anno di indagini L ambiente scolastico e sua influenza su alimentazione ed attività fisica E. MASTANTUONO M.T. SILANI

Dettagli