La FIGURA MATERNA e la SOCIALIZZAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La FIGURA MATERNA e la SOCIALIZZAZIONE"

Transcript

1 Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Politiche Sede di Biella La FIGURA MATERNA e la SOCIALIZZAZIONE I contributi più significativi di alcune scuole Prof. Vincenzo Alastra 1 1

2 LA RELAZIONE MADRE-BAMBINO Quanto è importante il legame con la madre? Quali le conseguenze a causa di una deprivazione di cure materne? E i rapporti con il padre, i fratelli e i coetanei? Possono o meno correggere o consentire di recuperare danni subiti in relazione alla figura materna? Prof. Vincenzo Alastra 3 SOCIALIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA SOCIALIZZAZIONE = processo di acquisizione delle abilità, abitudini, valori, norme e credenze, che porta l individuo a comportarsi in modo coerente rispetto ai modelli ritenuti adeguati dalla cultura di appartenenza (relativismo). Relazioni precoci = prototipo dei rapporti sociali successivi (importanza relazione bambino/agenti di socializzazione) Socializzazione primaria = rapporto bambino/madre o caregiver (asimmetrico e complementare: influenza unidirezionale). Socializzazione secondaria = rapporto bambino/coetanei (simmetrico e reciproco: influenza bidirezionale). Prof. Vincenzo Alastra 4 2

3 SIGMUND FREUD ( ) Libido e pulsioni possono spostarsi in parti privilegiate del corpo (ZONE EROGENE), cui corrispondono fantasie/desideri particolari. La sessualità infantile evolve passando attraverso fasi collegate a zone erogene diverse SVILUPPO PSICOSESSUALE: 1. Fase ORALE 2. Fase ANALE 3. Fase FALLICA 4. Fase DI LATENZA 5. Fase GENITALE Prof. Vincenzo Alastra 5 LA FIGURA MATERNA E LA PSICOANALISI FREUDIANA Freud, pur indicando il ruolo primordiale del rapporto madre-bambino, non lo ha studiato direttamente: valutazioni discutibili sulla psicologia del lattante. La fase ORALE Periodo: nascita-svezzamento Zona erogena: bocca Gratificazione: suzione e incorporazione Importanza della madre nel processo di progressiva differenziazione Io/oggetto e di costituzione del legame oggettuale (equilibrio/squilibrio tra gratificazione e frustrazione). Prof. Vincenzo Alastra 6 3

4 Richiamando gli elementi essenziali per uno sviluppo sano È fondamentale il superamento della fase orale (come di tutte le diverse fasi) grazie a un giusto equilibrio fra soddisfazione e frustrazione: Perché sia la sovra-gratificazione che la sottogratificazione possono provocare fissazioni a una fase che, in età successive, conducono a regressioni alle modalità di soddisfacimento, alla meta e agli oggetti libidici di quella fase (difesa contro l angoscia); Perché un grado adeguato di frustrazione consente al bambino di uscire dallo stato di narcisismo primario. Prof. Vincenzo Alastra 7 RAPPORTO MADRE-BAMBINO Passaggio da uno stato di SIMBIOSI ai RAPPORTI DI DIPENDENZA. Importanza di 2 ordini di fenomeni: 1. La costruzione dell oggetto (cognitiva) 2. La costruzione del rapporto oggettuale (affettiva), partendo da uno stato di INDIFFERENZIAZIONE (egocentrismo e narcisismo) = mancanza di discriminazione Sé/altro e assenza di rapporto Prof. Vincenzo Alastra 8 4

5 1a. LA COSTRUZIONE DELL OGGETTO - Piaget - EGOCENTRISMO/ADUALISMO (non distinzione Io/ambiente) 6 stadi COSTITUZIONE DELL OGGETTO (autonomo e permanente) & DEL SE Ricerca attiva degli oggetti scomparsi Prof. Vincenzo Alastra 9 STADI DI COSTRUZIONE DELL OGGETTO I, II, III STADIO ( fino ai 9 mesi circa). Assenza o scarsa reazione alla scomparsa degli oggetti, ma: 3/5 mesi. Coordinamento suzione-prensione, udito-vista, vista-prensione: il bimbo acquisisce una conoscenza sempre + estesa delle cose, di cui deve tener conto x adattare la sua azione Se un giocattolo sospeso sulla culla cade, lo cerca dove è caduto (ma, non se è nascosto in una piega della coperta); Se distratto mentre afferra un gioco, si ferma ma poi riprende l attività; Riconosce il biberon nascosto a metà (ma, non capovolto). 8 mesi. Allontana il lenzuolo che gli impedisce di vedere il volto di una persona (ma, non lo fa x le cose). Prof. Vincenzo Alastra 10 5

6 STADI DI COSTRUZIONE DELL OGGETTO (continua ) IV STADIO (9-10 mesi). Ricerca attiva degli oggetti scomparsi: nascosti dietro a uno schermo vengono trovati dal bambino che, però, non tiene conto dei successivi spostamenti (li cerca dove li ha rinvenuti la prima volta). V STADIO (12 mesi). L oggetto è costituito sul piano della percezione immediata: il bambino tiene conto dei successivi spostamenti solo se visibili (manca la capacità di rappresentarsi il tragitto invisibile). VI STADIO (18/20 mesi). Permanenza dell oggetto: la capacità di rappresentazione segna l affermarsi del pensiero e l avvenuta differenziazione Io/ambiente. Prof. Vincenzo Alastra 11 L EVOLUZIONE AFFETTIVA DEL RAPPORTO OGGETTUALE Spitz - NARCISISMO (libido investita su sé) 3 fasi: 1. Narcisistica (0-2) 2. Pre-oggettuale (3-7/8) 3. Oggettuale (8-12/15) RAPPORTO OGGETTUALE (libido investita su un oggetto personalizzato) Prof. Vincenzo Alastra 12 6

7 I. FASE NARCISISTICA (nascita-2 mesi) Mondo senza oggetti = mondo senza amore: energia libidica sul soggetto stesso; Esistenza fisiologica. 2 attività: nutrizione e sonno; 2 sentimenti: dispiacere e tranquillità. Gradualmente, associazione allattamento = piacere: Volge il capo verso chi lo prende tra le braccia; Reagisce alla voce umana con movimenti di suzione Riflessi condizionati e scarsa preferenza x la madre Successivamente, progressi nel riconoscimento dell altro: Sorriso alla voce umana e acquietamento all avvicinarsi dell adulto. Prof. Vincenzo Alastra 13 II. FASE PRE-OGGETTUALE (3-8 mesi) 3 mesi. SORRISO al sorriso dell'adulto = prima risposta sociale, disinteressata ed intenzionale, ma: Limitata, rivolta solo al volto visto di fronte e sorridente; Indifferenziata, rivolta anche a una maschera vista di fronte. Non esiste un oggetto individualizzato e il riconoscimento è legato a una sola posizione: non si può parlare di rapporto oggettuale. 5 mesi. Sorriso alla vista di un giocattolo o del biberon (evoluzione più precoce in rapporto all'"oggetto umano", rispetto alle cose). 6-8 mesi. Scomparsa del sorriso automatico: distingue fra persone conosciute e sconosciute, ma non preferisce ancora unicamente la madre. Prof. Vincenzo Alastra 14 7

8 III. FASE OGGETTUALE (8-12/15 mesi) 8 mesi. ANGOSCIA X L'ESTRANEO: piange alla vista di qualcuno in assenza della madre (oggetto affettivo costituito, personalizzato e privilegiato). Coincide con la "fase di ricerca attiva di un oggetto scomparso" (Piaget): interazione reciproca fra sviluppo cognitivo ed affettivo, fra riconoscimento dell'altro e costituzione dell'io. 9 mesi. Piange se l'adulto si interessa ad un altro bambino: vasta gamma di sentimenti, fra cui la gelosia. 10 mesi. Rapporti differenziati, prima con le persone (gerarchia affettiva), poi con le cose (oggetti privilegiati). Progressivamente, interazioni sociali sempre più attive x: Padronanza del corpo e dei movimenti; Comprensione ed utilizzo dei gesti, quali mezzi di comunicazione. Prof. Vincenzo Alastra 15 DONALD WINNICOTT ( ) Come avviene il passaggio alla relazione oggettuale (con un oggetto nettamente separato dal soggetto)? Cosa e come può essere facilitato il passaggio da una condizione di fusione indifferenziata a rapporto? Come è opportuno che ciò avvenga? Quali attenzioni al riguardo? Prof. Vincenzo Alastra 16 8

9 La funzione della figura materna Winnicott chiama sviluppo primario periodo fondamentale per i processi di integrazione. personalizzazione e acquisizione senso della realtà. HOLDING (contenere/comprendere) = Capacità di tenere insieme, supportare, i pezzi della nascente mente del bambino, di fare da contenitore fisico (accudimento) e psicologico (offrire un contesto relazionale su cui basare crescita), proteggendone il nascente senso di identità. Fondamentale a questo proposito risulta la capacità di coltivare il mondo di illusioni del bambino, ma anche di rendergli presente la realtà. Prof. Vincenzo Alastra 17 RUOLO STRUTTURANTE MATERNO Importanza del ruolo della madre sufficientemente buona, come persona capace di capire il suo bambino, capace di andare incontro ai gesti, alle richieste, ai bisogni del bambino in modo tale da rafforzare l io e trasmettergli una mente che a sua volta capisce. Al contrario vi sono madri che chiedono al loro bambino di rafforzare il loro gesto, chiedono di essere compiaciute. Preoccupazione materna primaria = sollecitudine e capacità di nutrire psicologicamente il bambino (rifornimenti materni), attraverso una profonda identificazione con lui (automatica ed inconscia). Mamma-ambiente. Prof. Vincenzo Alastra 18 9

10 OGGETTI TRANSIZIONALI E PROCESSO EVOLUTIVO PRIMARIO Il passaggio da un assoluta dipendenza ad una progressiva indipendenza poggia sul concetto di OGGETTO TRANSIZIONALE (6 mesi-2 anni). FASE PRE-OGGETTUALE (3-8 mesi) 5 mesi. Sorriso alla vista di un giocattolo o del biberon (evoluzione più precoce in rapporto all'"oggetto umano", rispetto alle cose). 6-8 mesi. Scomparsa del sorriso automatico: distingue fra persone conosciute e sconosciute, ma non preferisce ancora unicamente la madre. FASE OGGETTUALE (8-12/15 mesi) 8 mesi. ANGOSCIA X L'ESTRANEO: piange alla vista di qualcuno in assenza della madre. Prof. Vincenzo Alastra 19 OGGETTI TRANSIZIONALI E PROCESSO EVOLUTIVO PRIMARIO Il passaggio da un assoluta dipendenza ad una progressiva indipendenza poggia sul concetto di OGGETTO TRANSIZIONALE (6 mesi-2 anni). Es. copertina di Linus = come se fosse la mamma che il bambino tiene presso di sé per addormentarsi, ma anche luce offuscata, una nenia, la voce della mamma, il rumore della televisione, Analogamente rituali (bacio della buona notte, rimbocco delle coperte e vari stratagemmi ai quali i bambini fanno ricorso per evitare doloroso sentimento di solitudine e di separazione) Il gioco, l illusione, assume dignità, centralità nel processo di crescita. Da adulti (sigaretta, libro, ecc.) OGGETTI che rappresentano un ponte tra illusione e realtà, dentro e fuori Prof. Vincenzo Alastra 20 10

11 OGGETTI TRANSIZIONALI E PROCESSO EVOLUTIVO PRIMARIO Oggetto Transizionale È un fenomeno normale che consente di passare dalla relazione con la madre alla relazione oggettuale (con un oggetto nettamente separato dal soggetto); da fusione a rapporto. Affinchè l infante possa accedere alla realtà esterna questa deve essergli presentata In modo graduale In modo favorente (all inizio) l illusione che sia lui a crearla Prof. Vincenzo Alastra 21 PROCESSO EVOLUTIVO PRIMARIO Winnicott La madre comprende e fornisce al bambino, ciò di cui ha bisogno. Passaggi: 1. ONNIPOTENZA ALLUCINATORIA (illusione di creare le cose) 2. AREA TRANSIZIONALE ILLUSORIA (fra illusione e realtà: gioco ed oggetti transizionali) 3. REALTA (presenza confortante interna e rappresentazioni adeguate al reale) OGGETTI TRANSIZIONALI = oggetti di attaccamento vicari, appartenenti sia al mondo interno che alla realtà, la cui percezione richiama la presentificazione di quegli oggetti interni dei quali il bambino ha bisogno nei momenti di difficoltà e che nell oggetto esterno trovano un simbolo Prof. Vincenzo Alastra 22 11

12 FALLIMENTO DELLA FUNZIONE MATERNA Winnicott 1. La madre non nutre adeguatamente la creazione allucinatoria o l esperienza transizionale del figlio; 2. La madre interferisce nell esperienza transizionale del figlio, imponendo la sua presenza e le sue fantasie, oppure, una realtà troppo precoce. Terrificante interruzione della continuità dell esistenza ANNICHILIMENTO DEL SE Compiacenza alle richieste dell ambiente e perdita di contatto col VERO SE FALSO SE l individuo ne esce menomato, senza un identità coerente e spontanea, senza contatto con se stesso. Prof. Vincenzo Alastra 23 R. Spitz e gli effetti negativi dovuti all assenza della figura materna Le situazioni di carenza di figura materna parziale Bambini (ospiti in Istituto) che venivano affidati a persone che sostituivano la madre. Con il passare del tempo segni di disagio crescente (piagnucolosi, gemiti, arresto dello sviluppo motorio, insonnia, perdita di peso, ecc e dopo il 2-3 mese rifiuto del contatto con adulto (posizione patognomica ); fra il 3 e 5 mese depressione anaclitica (aggravamento dei sintomi, rigidità-inespressività stabile, ecc. Se rapporto con la madre veniva ripristinato, dopo il 5 mese il ritardo-danno in certa misura irreversibile, dopo il 3 mese margini di recupero ampi. Prof. Vincenzo Alastra 24 12

13 Effetti negativi dovuti all assenza della figura materna Le situazioni di carenza di figura materna totale Indagine sull evoluzione del QS (4 e 12 mese) di 4 gruppi di bambini (qualità decrescente delle cure nel senso che nella situazione D non c era figura materna stabile) 1. A - Bambini allevati in casa di professionisti (QS stabile) 2. B - Bambini allevati in casa di contadini (QS stabile ma minore di A) 3. C - Bambini allevati in Istituto-Nursery (QS stabile = B < A) 4. D - Bambini allevati in Istituto-Orfanotrofio (QS descresce e al 2 anno al livello di idiozia ) Altre differenze (giocattoli, area di visione, raggio di locomozione, QS in due momenti del 1 anno (4 e 12 mese) Prof. Vincenzo Alastra 25 Effetti negativi dovuti all assenza della figura materna La conferma da parte della psicologia animale Valutazioni confermate da Harlow con le scimmie Rhesus (per le scimmie deprivate di cure: simulacri + caldi > contatto che freddi e nutrienti) Problematiche in età adulta (isolamento sociale e scarsa aderenza al ruolo genitoriale) Prof. Vincenzo Alastra 26 13

14 LEWIN E LO SPAZIO PSICOLOGICO DI LIBERO MOVIMENTO (SPLM) Quali le condizioni utili per realizzazione, la crescita e l espressione armonica delle potenzialità (comportamentali, affettive, ecc)? Prof. Vincenzo Alastra 27 LEWIN E LO SPAZIO PSICOLOGICO DI LIBERO MOVIMENTO (SPLM) Definizione Lo SPLM normalmente si amplia con lo sviluppo e può corrispondere al concetto di condizioni utili per l espressione delle potenzialità/realizzazioni (comportamentali, affettive, ecc), comprensibile richiamando le diverse componenti: Attività che si sanno svolgere e conoscenze possedute Spazio fisico accessibile (motorio e percettivo) Situazioni non circondati da barriere psicologiche (divieti, paure, ecc.) Persone che possono aiutare, sostenere, ecc. Limiti chiari Prof. Vincenzo Alastra 28 14

15 SPAZIO PSICOLOGICO DI LIBERO MOVIMENTO Definizione Un individuo stabilisce rapporti affettivi positivi nei confronti di coloro che sono vissuti come persone che hanno ampliato o continuano ad ampliare il suo SPLM; persone che possono permettere la sua realizzazione, la crescita e l espressione armonica delle sue potenzialità. Prof. Vincenzo Alastra 29 SPAZIO PSICOLOGICO DI LIBERO MOVIMENTO Le funzioni della figura materna Nutrimento e relazionalità associata spazio fisico accessibile (motorio e percettivo) Sentimento di sicurezza (interventi tempestivi e opportuni) Stimolazioni percettivo-motorie dirette e indirette Facilita l acquisizione di abilità (incoraggia, stimola, evita di sgridare e punire nei casi inopportuni) Aiuta, sostiene, ecc. Comunica con chiarezza ciò che è lecito e ciò che non lo è. Prof. Vincenzo Alastra 30 15

16 SPAZIO PSICOLOGICO DI LIBERO MOVIMENTO Le funzioni della figura materna Nutrimento e relazionalità associata spazio fisico accessibile (motorio e percettivo) Sentimento di sicurezza (interventi tempestivi e opportuni) Stimolazioni percettivo-motorie dirette e indirette Facilita l acquisizione di abilità (incoraggia, stimola, evita di sgridare e punire nei casi inopportuni) Aiuta, sostiene, ecc. Comunica con chiarezza ciò che è lecito e ciò che non lo è. Prof. Vincenzo Alastra 31 BOWLBY E IL LEGAME DI ATTACCAMENTO BAMBINO-MADRE 1. Cosa determina il comportamento di attaccamento dell infante? Cosa spinge il neonato a cercare attivamente il contatto con la madre? E un legame indipendente dal bisogno di nutrizione? 2. Come si manifesta il legame di attaccamento? Quali somiglianzeanalogie e quali differenze fra specie diverse? 3. Esistono modalità o modelli di attaccamento e quali ripercussioni nella vita adulta? Come studiare detti modelli? 4. E i rapporti con il padre, i fratelli e i coetanei? Possono o meno correggere o consentire di recuperare danni subiti in relazione alla figura materna? Prof. Vincenzo Alastra 32 16

17 Il legame di attaccamento Gli esseri umani, assieme ai mammiferi e molte specie di uccelli, hanno una tendenza innata a cercare la vicinanza, il contatto e le cure di uno o più individui Da questa tendenza Amore madre e padre Amore per altri adulti e partner Prof. Vincenzo Alastra 33 Come si costituisce il legame di attaccamento Presupposti: 1. Distinzione delle persone 2. Formazione di una preferenza 3. Disposizione di segnalazioni (sorriso, pianto, ecc.) o di comportamenti avvicinamento (carponi) Il legame di attaccamento si instaura gradualmente, attraverso varie fasi Prof. Vincenzo Alastra 34 17

18 Come si costituisce ed evolve il legame di attaccamento (le 4 fasi) 1. FASE PRE-ATTACCAMENTO (nascita-3 mese). Comportamenti riflessi, non appresi quali: sorriso endogeno, pianto, seguire con occhi e capo la madre (mantenimento della vicinanza della madre). Infante dimostra interesse per il volto umano ma non distingue le persone 2. FASE ATTACCAMENTO IN FORMAZIONE (3 mese-6/8 mesi). Preferisce la madre, tuttavia reagisce alla sua assenza senza angoscia (a differenza fase successiva). Prof. Vincenzo Alastra 35 Come si costituisce ed evolve il legame di attaccamento (le 4 fasi) 3. FASE ATTACCAMENTO VERO E PROPRIO (6/8 mesi-18 mesi/2 anni). Con inizio della locomozione B. esplora ambiente e usa madre come base sicura. Se madre si allontana, la ricercano e mostrano segni di angoscia di separazione (pianti e proteste). Inoltre paura dell estraneo. 4. FASE FORMAZIONE DEL LEGAME RECIROCO (oltre i 18 mesi/2 anni e soprattutto dopo i 3 anni).acquisizione del linguaggio aiuta a superare l angoscia di separazione e arricchisce repertorio di modalità atte a mantenere vicinanza (minacce, negoziazione, persuasione, ecc.). Progressivamente accetta e comprende assenza della madre e tende a scomparire paura estranei. Prof. Vincenzo Alastra 36 18

19 Il legame di attaccamento e i diversi contributi esplicativi (Freud, Klein) Fermo restando che tutti ritengono fondamentale il rapporto madre-bambino per lo sviluppo futuro Freud: soddisfazione di bisogni primari (nutrizione e pulsioni primarie); la relazione è secondaria rispetto alla pulsione primaria. Amore interessato : il legame affettivo con la madre deriva da nutrimento e da soddisfazione sessuale associata. Klein: ritorno al grembo materno. Prof. Vincenzo Alastra 37 Il legame di attaccamento e i diversi contributi esplicativi (Bowlby ) Perché molti piccoli, già capaci di nutrirsi da sé subito dopo la nascita seguono la loro madre? Prof. Vincenzo Alastra 38 19

20 Il legame di attaccamento e i diversi contributi esplicativi (Bowlby ) Bowlby si collega al concetto di IMPRINTING Attaccamento = comportamento biologicamente determinato, consente la sopravvivenza della specie. Le reazioni alla separazione dalla madre sono universali, indipendenti da culture e specie diverse. Prof. Vincenzo Alastra 39 Il legame di attaccamento e la differenziazione di Bowlby dalla psicoanalisi freudiana Fermo restando che tutti ritengono fondamentale il rapporto madre-bambino per lo sviluppo futuro 1. Le relazioni affettive si basano su sistemi comportamentali indipendenti da alimentazione e sessualità 2. Abbandono nozione narcisismo (interesse esclusivamente rivolto al proprio corpo) in favore di una predisposizione alla socialità 3. Rigetto teoria delle fasi di sviluppo psicosessuale (percorso universale determinato da maturazione) lineare (fissazioneregressione) in favore di percorsi alternativi (le relazioni di attaccamento e le esperienze successive fino all adolescenza) Prof. Vincenzo Alastra 40 20

21 Il legame di attaccamento e i diversi contributi esplicativi COME DIMOSTRATRE IMPORTANZA DEL LEGAME CON FIGURA MATERNA INDIPENDENTEMENTE DAL SODDISFACIMENTO DI ALTRI BISOGNI PRIMARI (NUTRIZIONE)? Esperimenti di Harlow su scimmie Rhesus ( 50 60) Infanti socialmente isolati, preferivano surrogati caldi anche se non attrezzati per nutrirli e si rifugiavano in loro prossimità in caso di pericolo. Prof. Vincenzo Alastra 41 I diversi modelli di attaccamento: lo studio sperimentale e l utilizzo della Strange situation Mary Ainsworth ed altri colleghi hanno definito una situazione sperimentale conosciuta come Strange situation per studiare il rapporto fra comportamento di attaccamento e comportamento eplorativo. Questa situazione sperimentale è ancora utilizzata per rilevare correlazioni fra qualità dell attaccamento e rapporti futuri. Prof. Vincenzo Alastra 42 21

22 Strange situation Prof. Vincenzo Alastra 43 SI : SICURO In presenza e in assenza della madre il bambino esplora l ambiente attivamente. In assenza della madre può dare segni di sconforto e piangere. Per lo più riesce a giocare anche se solo Alla riunione il bambino va incontro alla madre e la saluta. Se ha sofferto e pianto durante la separazione, si avvicina alla madre, si lascia prendere in braccio, si calma subito e quindi riprende a giocare Madre sensibile ai segnali del bambino e responsiva alle sue richieste. Madre supportiva in episodi di stress Prof. Vincenzo Alastra 44 22

23 AR : ANSIOSO RESISTENTE In presenza della madre il bambino si mantiene stretto ad essa. In assenza della madre mostra segni intensi di sconforto, piange e non esplora l ambiente che lo circonda in alcuni casi riesce a giocare da solo, ma per poco tempo Alla riunione il bambino si avvicina alla madre per farsi consolare, ma la allontana e la rifiuta quando lei fa per prenderlo in braccio. Mostra segni di rabbia verso la madre e, anche se questa cerca di confortarlo, non riesce a calmarsi Madre imprevedibile nelle risposte alle richieste del bambino: comportamento molto affettuoso o rifiutante scollegato dalle esigenze del figlio Prof. Vincenzo Alastra 45 AE : ANSIOSO EVITANTE In presenza e in assenza della madre il bambino sembra indifferente e tutto preso dai suoi giochi. Mostra indifferenza alla separazione dalla madre ed al fatto di essere lasciato solo Alla riunione il bambino non si riavvicina alla madre, non la cerca, oppure si allontano attivamente da lei. Si mostra completamente occupato coi suoi giocattoli Madre che rifiuta il contatto fisico, anche in situazioni di stress del bambino Prof. Vincenzo Alastra 46 23

24 DD : DISORGANIZZATO-DISORIENTATO In presenza della madre il bambino ha un comportamento aspecifico Alla riunione comportamenti imprevedibili: va incontro alla madre ma la oltrepassa. Rimane fermo, senza espressione. Quando la vede, si allontana per fermarsi contro il muro opposto, ecc. Prof. Vincenzo Alastra 47 I diversi modelli di attaccamento: definizioni e osservazioni nella strange situation 1. SI - Attaccamento sicuro: accetta la separazione dalla madre e presenza estraneo; anche nel caso in cui piange al momento del ritorno della madre cerca il contatto con lei 2. AR - Attaccamento ansioso-resistente: prima della separazione B. a stretto contatto madre ma al suo ritorno la picchia, la spinge, piange e madre non riesce a consolarlo (aggressività e pianto inconsolabile ). 1. AE - Attaccamento ansioso-evitante: pur non mostrando disturbi nel periodo di separazione dalla madre, al suo ritorno il B. evita il contatto e o la saluta in ritardo e ai suoi tentativi reagisce resistendo anche fisicamente. 2. DD - Attaccamento disorganizzato-disorientato: al ritorno madre comportamenti confusi e contradditori. Prof. Vincenzo Alastra 48 24

25 I diversi modelli di attaccamento: cause e caratteri dell adulto 1. Attaccamento sicuro: comportamento della madre accettante, cooperante, accessibile e soprattutto sensibile (capace di rispondere tempestivamente e in modo appropriato) 2. Attaccamento ansioso-evitante: madri invadenti, poco attente alle richieste dei figli, distoniche. 3. Attaccamento ansioso-resistente: madri distaccate (che non danno contatto, non accarezzano, ecc. ). 4. Attaccamento disorganizzato-disorientato: adulti gravemente negligenti (abusanti) e incongrui. Studi longitudinali suggeriscono complessità delle cause (sociali, il carattere del bambino stesso, altri adulti, ecc.) Prof. Vincenzo Alastra 49 A.A.I. ADULT ATTACHMENT INTERVIEW Storia dei genitori e dei loro genitori Prof. Vincenzo Alastra 50 25

26 Madre M (matura) Dà l impressione di considerare importanti le relazioni di attaccamento e ritiene di esserne stata influenzata. Descrive i genitori come affettuosi oppure non idealizza né mostra un coinvolgimento rabbioso nei loro confronti se questi non hanno offerto un significativo sostegno e appoggio Prof. Vincenzo Alastra 51 Madre E (elaborante) Le esperienze del passato non sono state liquidate, né sono organizzate in modo coerente e sembrano ancora occupare l attenzione. Oscillano tra una valutazione positiva ed una negativa sia del passato che dei genitori? Prof. Vincenzo Alastra 52 26

27 Madre I (idealizzanti) Rifiutano in maniera attiva l idea che le prime esperienze di attaccamento possono avere influito sulla loro personalità. Idealizzazione dei genitori e mancanza di memoria! Prof. Vincenzo Alastra 53 Madre T (traumatizzate) Hanno avuto esperienze di traumi collegati alle figure di attaccamento e non ancora superati Possono aver perso F.A. e si sentono in colpa per la sua morte Depressione, lutti non elaborati Prof. Vincenzo Alastra 54 27

28 Ripercussioni in età adulta. In base esperienza clinica Bowlby sostiene che in età adulta: 1. Molti disturbi caratterizzati da manifestazioni quali ansia e ricerca attenzione o dipendenza derivano da attaccamento ansioso (ripetute esperienze di perdita o poca affidabilità della figura di attaccamento). Teoria molto significativa per delinquenzialità e alcune forme di tossicodipendenza 2. Il senso di sicurezza o meno per la presenza di una figura di attaccamento si costruisce fino all adolescenza e si costruisce in relazione alle effettive esperienze vissute (posizione realistica, centrata su rilievi anamnestici) 3. Il modello della figura di attaccamento e il Sé si sviluppano intrecciandosi e confermandosi (B. che non è stato desiderato si pensa poco desiderabile) Prof. Vincenzo Alastra 55 Abbinamenti SI M? AR E! AE I D DD d T Prof. Vincenzo Alastra 56 28

29 I.W.M. INTERNAL WORKING MODEL MODELLO MENTALE DELL ATTACCAMENTO Costituisce una sorta di rappresentazione mentale globale del significato e dell importanza che le esperienze affettive ricoprono quando ormai non si è più bambini Prof. Vincenzo Alastra 57 RAPPRESENTAZIONE MENTALE DI SE RAPPRESENTAZIONE MENTALE DEGLI ALTRI SI b M AR E! AE DI DD d T? 29

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

INTRODUZIONE ALL OPERA DI MELANIE klein

INTRODUZIONE ALL OPERA DI MELANIE klein INTRODUZIONE ALL OPERA DI MELANIE klein Hanna Segal Riassunto I contributi di Melanie Klein alla teoria e alla tecnica psicoanalitica possono essere suddivisi in tre fasi distinte. La prima ha inizio con

Dettagli

IL MONDO INTERNO DEL BAMBINO: l uso della fiaba per la ricerca di significato.

IL MONDO INTERNO DEL BAMBINO: l uso della fiaba per la ricerca di significato. IL MONDO INTERNO DEL BAMBINO: l uso della fiaba per la ricerca di significato. Andrea Beretta Sandra Vannucchi Introduzione Molti studiosi, da A. Freud e M. Klein in poi, hanno sottolineato l importanza

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

UNA BASE SICURA John Bowlby

UNA BASE SICURA John Bowlby UNA BASE SICURA John Bowlby 1. AVER CURA DEI BAMBINI L'approccio di Bowlby all'analisi del legame tra il bambino e i suoi caregiver primari è di tipo Etologico, nel senso che l'attaccamento viene visto

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

Dal dolore alla violenza. Le origini traumatiche dell aggressività Felicity de Zulueta

Dal dolore alla violenza. Le origini traumatiche dell aggressività Felicity de Zulueta Dal dolore alla violenza. Le origini traumatiche dell aggressività Felicity de Zulueta Parte prima: Attaccamento andato male I Capitolo: Un caso di violenza Ci sono genitori che non possono attingere come

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

modulo 15 Fasi di sviluppo dell età evolutiva e relativi problemi socio-educativi 1. LE PRINCIPALI TEORIE DI RIFERIMENTO 2.

modulo 15 Fasi di sviluppo dell età evolutiva e relativi problemi socio-educativi 1. LE PRINCIPALI TEORIE DI RIFERIMENTO 2. Fasi di sviluppo dell età evolutiva e relativi problemi socio-educativi 1. LE PRINCIPALI TEORIE DI RIFERIMENTO 1.1 Psicoanalisi: Sigmund Freud 1.2 Jean Piaget 1.3 Teorie dell attaccamento 1.4 Teorie comportamentiste

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

LEGAME E ATTACCAMENTO NEI BAMBINI MALTRATTATI Conseguenze della trascuratezza emotiva nell'infanzia

LEGAME E ATTACCAMENTO NEI BAMBINI MALTRATTATI Conseguenze della trascuratezza emotiva nell'infanzia LEGAME E ATTACCAMENTO NEI BAMBINI MALTRATTATI Conseguenze della trascuratezza emotiva nell'infanzia di BRUCE D. PERRY (dal sito www.childtraumaacademy.org) traduzione a cura di L. Botta e M. Ronconi INTRODUZIONE

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

TEORIE DELLO SVILUPPO PSICHICO. Nicola Lalli 2005 sul Web

TEORIE DELLO SVILUPPO PSICHICO. Nicola Lalli 2005 sul Web TEORIE DELLO SVILUPPO PSICHICO Nicola Lalli 2005 sul Web 1. Introduzione Costruire un modello unico e completo dello sviluppo psichico è sempre stato il sogno di numerosi ricercatori. Conoscere con sicurezza

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI Ottobre 2012. CONOSCERE lo SVILUPPO TIPICO Per effettuare una programmazione didattica che - stimoli l acquisizione delle competenze tipiche delle varie età - fornisca i prerequisiti

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

a livello cognitivo il pensiero valuta il significato delle emozioni e guida l individuo a far fronte all evento che le ha scatenate

a livello cognitivo il pensiero valuta il significato delle emozioni e guida l individuo a far fronte all evento che le ha scatenate Capitolo VII LO SVILUPPO EMOTIVO ED AFFETTIVO 7.1 Significato e funzioni delle emozioni L emozione è un allontanamento dal normale stato di quiete dell organismo a cui si accompagnano specifiche reazioni

Dettagli

Dott.ssa Ballanti Chiara 1

Dott.ssa Ballanti Chiara 1 UN PERCORSO: DALLE ORIGINI, AL VERO E FALSO SÉ NOVEMBRE 2003 Dott.ssa Ballanti Chiara 1 Di dove sono venuto? Di dove mi hai preso? domandava il bambino alla mamma. Mezzo piangendo, mezzo ridendo, rispose

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori a cura del Comitato nazionale multisettoriale per l allattamento materno 1. Tutte le mamme hanno il latte Allattare al seno è un gesto naturale. Fin dall inizio del mondo, attraverso il proprio latte le

Dettagli

Funzione paterna e attaccamento di coppia: l importanza di una base sicura

Funzione paterna e attaccamento di coppia: l importanza di una base sicura Funzione paterna e attaccamento di coppia: l importanza di una base sicura Franco Baldoni Facoltà di Psicologia- Università di Bologna In: Bertozzi N., Hamon C. (a cura di): Padri & paternità. Edizioni

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE UMANA Proprietà semplici della comunicazione Un essere umano è coinvolto fin dall inizio della sua esistenza in un complesso

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Lo sviluppo sociale nell adolescenza

Lo sviluppo sociale nell adolescenza Lo sviluppo sociale nell adolescenza che avvengono durante l adolescenza sul piano fisico e intellettuale si accompagnano a rilevanti modificazioni dell assetto sociale e personale

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

1) Il bambino in Ospedale

1) Il bambino in Ospedale Dal giorno in cui qualcuno ha avuto il coraggio di entrare in un reparto di terapia terminale con un naso rosso e uno stetoscopio trasformato in telefono, il mondo è diventato un posto migliore. Jacopo

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A.

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A. PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO UONPIA Varese, Busto A., Gallarate Mancanza di un sistema di monitoraggio nazionale Nel 201110.985

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

A PROPOSITO DI PSICOANALISI

A PROPOSITO DI PSICOANALISI A PROPOSITO DI PSICOANALISI 2 Che cos'è la psicoanalisi? 2 A che cosa serve il trattamento psicoanalitico? 2 Principali scoperte e innovazioni di Freud 3 L'Inconscio. Esperienze della prima infanzia. Sviluppo

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Prefazione all edizione italiana

Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione italiana Sono lieta di presentare al pubblico di lingua italiana l interessante contributo di Fordham a una patologia complessa come l autismo infantile. La pubblicazione di questo

Dettagli

DOMANDE SULL AUTISMO

DOMANDE SULL AUTISMO DOMANDE SULL AUTISMO Romeo Lucioni Tutte queste domande meriterebbero una ricerca ad hoc e, quindi, risulta impossibile rispondere ampiamente a tutte. Cercherò di essere conciso e preciso, lasciando ad

Dettagli

I BAMBINI SPAVENTATI COME AIUTARLI AD AFFRONTARE LE PAURE. Relatrice: Dott Maria Raffaela Aloisio

I BAMBINI SPAVENTATI COME AIUTARLI AD AFFRONTARE LE PAURE. Relatrice: Dott Maria Raffaela Aloisio I BAMBINI SPAVENTATI COME AIUTARLI AD AFFRONTARE LE PAURE Relatrice: Dott Maria Raffaela Aloisio La paura è uno stadio naturale di crescita, che compare soprattutto verso i 4 anni, quando il bambino impara

Dettagli

Lo sviluppo cognitivo e le teorie di riferimento di Jean Piaget Lev Semenovic Vygotskij Jerome Seymour Bruner

Lo sviluppo cognitivo e le teorie di riferimento di Jean Piaget Lev Semenovic Vygotskij Jerome Seymour Bruner Lo sviluppo cognitivo e le teorie di riferimento di Jean Piaget Lev Semenovic Vygotskij Jerome Seymour Bruner 1. Il concetto di sviluppo cognitivo. In Psicologia, per sviluppo cognitivo si intende lo sviluppo

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Lo sviluppo delle abilità numeriche La psicologia genetica (Piaget 1896-1980)

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni.

Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni. Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni. Ebook gratuito A cura della D.ssa Liliana Jaramillo, Psicologa ed esperta in stimolazione infantile http://www.bimbifelicionline.it Copyright

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale Università degli Studi di Parma Facoltà di Psicologia Dipartimento di Psicologia Analisi del Comportamento (Behavior Analysis) Skinner (1904-1990) Approccio Comportamentale alla Psicologia dell Educazione

Dettagli

famiglia, la complesse di quelle del Aiutare

famiglia, la complesse di quelle del Aiutare Sfogliando Gustavo Pietropolli Charmet Adolescenza come seconda nascita (1) L adolescenza è considerata dagli psicologi una seconda nascita. Alla prima nascita quella biologica, fa seguito una seconda

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

IL FUNZIONAMENTO CEREBRALE. I TRE CERVELLI DI MAC LEAN. IL CONFLITTO TRA CIÒ CHE VOGLIAMO E CIÒ CHE REALIZZIAMO. CAMBIARE GLI SCHEMI

IL FUNZIONAMENTO CEREBRALE. I TRE CERVELLI DI MAC LEAN. IL CONFLITTO TRA CIÒ CHE VOGLIAMO E CIÒ CHE REALIZZIAMO. CAMBIARE GLI SCHEMI CORSO PER CHI VUOLE CAMBIARE LA PROPRIA VITA Questo corso si proporne di insegnare e cambiare. Alterna conoscenza e applicazione. Ha come obiettivo la trasformazione. Perché sono malato? Perché proprio

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

Sindromi da scarso Sé 1

Sindromi da scarso Sé 1 Roberto Carlo Russo* Sindromi da scarso Sé 1 È frequente il riscontro, di norma all inizio delle elementari, di segnalazioni da parte degli insegnanti di bambini timidi, particolarmente riservati, richiedenti

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Indice. Presentazione 9 Introduzione 11. Capitolo primo Un sentimento nuovo 15 Capitolo secondo Maschile e femminile, generazioni a confronto 29

Indice. Presentazione 9 Introduzione 11. Capitolo primo Un sentimento nuovo 15 Capitolo secondo Maschile e femminile, generazioni a confronto 29 Indice Presentazione 9 Introduzione 11 PRIMA PARTE Identificazione della figura del padre Capitolo primo Un sentimento nuovo 15 Capitolo secondo Maschile e femminile, generazioni a confronto 29 SECONDA

Dettagli

L ECOLOGIA DELLO SVILUPPO UMANO

L ECOLOGIA DELLO SVILUPPO UMANO 1 L ECOLOGIA DELLO SVILUPPO UMANO Punto di convergenza tra le discipline biologiche, psicologiche e sociali, l ecologia dello sviluppo umano è un indirizzo di studio e ricerca che si propone di indagare

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli