Il progetto è stato realizzato dall Associazione Temporanea di Impresa composta da PROFINGEST, ASTER, FONDAZIONE ALDINI VALERIANI (FAV).

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il progetto è stato realizzato dall Associazione Temporanea di Impresa composta da PROFINGEST, ASTER, FONDAZIONE ALDINI VALERIANI (FAV)."

Transcript

1

2 Il presente report è stato prodotto nel quadro delle attività di indagine previste dal Progetto RETI - Ricerca Europea Tirocini Internazionali (PA 2003/0012Ab), finanziato da ARSTUD di Bologna nell ambito del programma FSE Ob. 3 Mis. A2 Anno Il progetto è stato realizzato dall Associazione Temporanea di Impresa composta da PROFINGEST, ASTER, FONDAZIONE ALDINI VALERIANI (FAV). Il report fa parte di una collana che comprende i seguenti titoli: Work experiences in Austria, a cura di Antonella Tajani ASTER Work experiences in Belgio, a cura di Claudia Cantagalli - FAV Work experiences in Bulgaria, a cura di Boyan Zahariev - ASTER Work experiences in Danimarca, a cura di Sandra Massarenti - PROFINGEST Work experiences in Finlandia, a cura di Sandra Massarenti - PROFINGEST Work experiences in Francia, a cura di Raffaella Naldi ASTER Work experiences in Germania, a cura di Raffaella Naldi ASTER Work experiences in Grecia, a cura di Antonella Tajani ASTER Work experiences in Irlanda, a cura di Raffaella Naldi ASTER Work experiences in Lussemburgo, a cura di Claudia Cantagalli - FAV Work experiences in Polonia, a cura di Marta Chmielewska Anielak - ASTER Work experiences in Portogallo, a cura di Antonella Tajani ASTER Work experiences in Romania, a cura di Lumini a Dane - ASTER Work experiences in Slovenia,, a cura di Maja Mezgec - ASTER Work experiences in Spagna, a cura di Raffaella Naldi ASTER Work experiences in Svezia, a cura di Sandra Massarenti - PROFINGEST Work experiences in Ungheria, a cura di Dobó Katalin - ASTER Work experiences nei Paesi Bassi, a cura di C. Cantagalli FAV e S. Massarenti PROFINGEST Work experiences nel Regno Unito, a cura di Raffaella Naldi ASTER Work experiences nella Repubblica Ceca, a cura di Ondr j Gbelec ASTER Work experiences nella Repubblica Slovacca, a cura di Tomas Krutek - ASTER Le attività di indagine documentaria e di redazione dei report sono state coordinate da Maria Grazia D Angelo - ASTER Bologna, maggio 2004

3 INDICE PARTE PRIMA: ACCESS 1 1. Il mercato del lavoro in Francia Quadro socio-economico di base Relazioni economiche con l Italia L accesso al mercato del lavoro per giovani con elevata scolarità: opportunità nei diversi settori Lo stage in Francia Definizione Quadro normativo di riferimento e durata Indennità/compenso L organizzazione dello stage per un giovane dell ue Diritto di soggiorno, assistenza sanitaria, copertura assicurativa Procedure per organizzare una work experience al di fuori dei programmi comunitari Strumenti per il contatto con le imprese Enti che promuovono tirocini I soggetti che possono promuovere i tirocini e la loro configurazione giuridica Altre opportunita di work experiences in Francia Il lavoro stagionale: riferimenti e contatti Il volontariato: riferimenti e contatti 63 PARTE SECONDA: IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO L ordinamento degli studi universitari Le principali università La regolamentazione normativa degli studi universitari Il sistema del diritto allo studio universitario Il quadro normativo di riferimento e i soggetti istituzionali competenti I servizi per il diritto allo studio I servizi erogati I requisiti per l accesso ai servizi 75 PARTE TERZA: SERVICES & REFERENCES Servizi di supporto I servizi di orientamento I servizi di accoglienza e accomodation Riferimenti e contatti Agenzie e Associazioni Siti internet con offerta di stage Riviste Imprese che accolgono tirocinanti stranieri. Alcuni riferimenti 92 ALLEGATO 1: ELENCO UNIVERSITÀ IN FRANCIA 94 ALLEGATO 2: INFORMAZIONI GENERALI 107 ALLEGATO 3: LAVORO STAGIONALE IN FRANCIA 112

4 ALLEGATO 4: BORSE DI STUDIO 117 FONTI 127

5 PARTE PRIMA: ACCESS Access 1

6 1. Il mercato del lavoro in Francia 1.1. Quadro socio-economico di base La Francia ha una superficie complessiva di Kmq e fra i paesi europei si contraddistingue per la varietà dei suoi paesaggi, delle città e delle regioni. La Francia confina con Spagna, Andorra e Monaco a SUD; Italia, Svizzera e Germania ad EST, Lussemburgo e Belgio a NORD. Geografia Capitale: Parigi ( ab., aggl. urbano) Altre città: Marsiglia ab. ( aggl. urbano), Lione ab. ( aggl. urbano), Tolosa ab. ( aggl. urbano), Nizza ab. ( aggl. urbano), Nantes ab. ( aggl. urbano), Strasburgo ab. ( aggl. urbano), Montpellier ab. ( aggl. urbano), Bordeaux ab. ( aggl. urbano), Lilla ab. ( aggl. urbano) Gruppi etnici: Francesi 92%, altri (Slavi, Nordafricani, Asiatici) 8% Monti principali: Monte Bianco 4810 m Fiumi principali: Loira 1020 Km, Senna 776 Km, Garonna 650 Km, Rodano 548 Km (tratto francese, totale 812 Km) Laghi principali: Lago di Ginevra 234 Km² (parte francese, totale 581 Km²), Etang de Berre 155 Km² Isole principali: Corsica 8680 Km², Ile d'oléron 174 Km² Parigi non è solo la capitale politico-amministrativa della Francia, ma anche il maggior centro economico e culturale: la Francia metropolitana è suddivisa in 21 regioni e 96 dipartimenti. Il mercato del lavoro in Francia Access 2

7 Oltre al territorio francese in Europa, fanno riferimento alla Francia anche i seguenti territori: Dipartimenti d'oltremare: Guadalupa (1.706 Km², ab.), Martinica (1.100 Km², ab.), Guyana Francese ( Km², ab.), Riunione (2.512 Km², ab.) Territori d'oltremare: Polinesia Francese (4.167 Km², ab.), Wallis e Futuna (274 Km², ab.), Territori australi ed antartici (Isola Amsterdam, Isola Saint-Paul, Isole Crozet e Isole Kerguelen) (7.781 Km², 0 ab.), Terra Adelia (Antartide, Km²) Collettività Territoriali: St. Pierre e Miquelon (242 Km², ab.), Nuova Caledonia e dipendenze ( Km², ab.), Mayotte (376 Km², ab.) Francia + DOM (Guadalupa, Guyana, Martinica e Reunione) = ab. Clima: Continentale oceanico. Il clima risente dell influenza della zona temperata con stagioni ben definite. Inoltre, a seconda della regione in cui ci si trova, s incontra un regime climatico specifico grazie alle influenze continentali secche e fredde, alle masse oceaniche atlantiche o all aria subtropicale mediterranea. Religione: Cattolica 90%, Protestante 2%, Musulmana 1%, Ebraica 1% Moneta: Euro. Per ricevere denaro in Francia appoggiandosi ad un conto italiano, si può comodamente utilizzare la carta di credito (Visa, Mastercard) per un prelevamento o, meglio ancora (in quasi tutti gli esercizi), per un pagamento diretto. Per l apertura di un conto in una banca francese sono necessari i seguenti documenti: - carta d'identità o passaporto - dichiarazione dei redditi o dichiarazione di un garante - certificato di residenza (portando alcune recenti bollette) - la carte de séjour Le principali banche in Francia sono: BNP Paribas - La Caisse d Epargne - La Poste - La Société Générale - Le Crédit Agricole - Le Crédit Commercial de France - Il mercato del lavoro in Francia 3 Access

8 Le Crédit Industriel - Le Crédit Lyonnais - Le Crédit Mutuel - Inoltre si può ricevere un vaglia postale (mandat) in Posta o un bonifico bancario (virement bancaire), nel caso in cui si possieda già un conto corrente. Nel caso si perdano i documenti, si subisca un furto o si presentino problemi burocratici, ci si può rivolgere all'ambasciata Italiana a Parigi o ai Consolati Generali Italiani presenti nelle maggiori città francesi (Lione, Marsiglia, ) a questo proposito visitare il sito: Livello d istruzione e formazione La spesa pubblica per l educazione in Francia rappresenta il 7,1% del PIL ed è in aumento del 1,9% nel 2001, in media nel periodo 1974/2000 la sua crescita è più rapida della crescita del PIL (2,7 contro 2,2%). Il sistema educativo francese è principalmente finanziato dallo Stato (64,5%) e le collettività territoriali - regioni, dipartimenti e comuni (21%). L 82% della spesa è consacrato alle attività d insegnamento, tra le quali la scuola superiore (deuxième degré) detiene la maggioranza (41%). La spesa media d educazione per allievo nel 2000 è stata di euro. Gli addetti del settore sono di cui appartenenti al settore pubblico, 74% di queste persone sono insegnanti. Il livello di formazione e qualificazione si stabilizza e la percentuale di persone tra i 25 e i 64 anni che arriva ad un livello di formazione superiore in Francia è del 21,6% contro il 10% dell Italia. La durata media degli studi si stabilizza a 19 anni Nell'anno scolastico 2000/2001, risultavano iscritti alle lauree di primo livello delle 90 università francesi circa studenti pari al 67% degli studenti dell'insegnamento superiore. Globalmente, durante l'anno scolastico 2000/2001 gli studenti iscritti all'insegnamento superiore erano Tale fenomeno ha comportato una certa democratizzazione degli studi, ora più aperti anche alle classi meno abbienti. D'altra parte, la democratizzazione non è uniforme: gli insegnamenti più prestigiosi, che danno accesso alle migliori opportunità d impiego (le cosiddette Grandes Ecoles), restano riservati alle élites. Struttura Politica La Costituzione del 4 ottobre 1958 é il testo fondamentale della V Repubblica francese. Adottata dopo il Referendum del 28 settembre 1958, organizza i poteri pubblici, ne definisce i ruoli e le relazioni. Si tratta del quindicesimo testo fondamentale della Francia dalla Rivoluzione francese. La Francia è una Repubblica indivisibile, democratica, laica e sociale in cui tutti i cittadini, senza distinzione d origine, di razza o di religione, sono uguali davanti alla legge. La democrazia francese moderna fonda le sue basi sui principi della Rivoluzione del 1789 espressi nella "Dichiarazione dei Diritti dell Uomo e del Cittadino". Il suo motto è: "Libertà, Uguaglianza,Fraternità"; il suo emblema: "La bandiera tricolore: bianco, rosso, blu"; il suo inno nazionale: "La Marsigliese". Il 14 luglio, anniversario della presa della Bastiglia, si celebra la festa nazionale. Il capo dello Stato è il Presidente della Repubblica: viene eletto a suffragio universale con un mandato di cinque anni e detiene il potere esecutivo. Il potere legislativo spetta al Parlamento che è composto da due assemblee: l Assemblea Nazionale e il Senato. La legislatura nazionale é bicamerale; il Senato, formato da 321 membri é eletto indirettamente dai consigli locali per un periodo di nove anni e viene rinnovato per un terzo ogni tre anni. L Assemblea Nazionale, composta da 577 membri, é eletta direttamente dai cittadini per un periodo di 5 anni. Il mercato del lavoro in Francia 4 Access

9 Vi é una chiara separazione tra potere legislativo ed esecutivo. Costituzionalmente, il detentore del potere esecutivo é il Consiglio dei Ministri, che é presieduto dal Presidente della Repubblica. Il Primo Ministro é indicato dal Capo dello Stato, il quale nel nominarlo deve tener conto se il Governo possa ottenere la maggioranza necessaria in Parlamento. Secondo la Costituzione, il Primo Ministro rassegna le sue dimissioni nelle mani del Presidente della Repubblica, ma in realtà, i Primi Ministri sono stati dimessi dal proprio incarico dal Presidente. L ordinamento giuridico é quello di una repubblica semi-presidenziale, con alcune caratteristiche molto particolari, tanto da essere definito sistema semi-presidenziale alla francese. La peculiarità del sistema era determinata dal fatto che l elezione del Parlamento e quella del Presidente della Repubblica non coincidessero nel tempo, essendo la durata dei due mandati differente (5 anni per la legislatura parlamentare e 7 anni il mandato presidenziale). Cio ha portato al tipico caso della "coabitazione", tra Presidente della Repubblica facente parte di uno schieramento politico e Presidente del Consiglio, approvato da un Parlamento d opposto schieramento politico, poiché eletto posteriormente. Tale prassi non dovrebbe, tuttavia, verificarsi ulteriormente data l ultima modifica apportata alla costituzione in merito alla durata dei mandati. Nel settembre 2000 é, infatti, stata approvata una modifica costituzionale che accorcia il mandato Presidenziale, di due anni, facendolo coincidere sostanzialmente con la legislatura parlamentare. L identità francese è ricca di tutte (e sono tante) le culture che nel corso dei secoli si sono alternate ed integrate tra loro. Malgrado queste diversità geografiche e demografiche, i francesi hanno una profonda coscienza della loro storia e della loro identità: possiedono una grande unità e una forte identità culturale. La Francia conta ad oggi circa 58 milioni di abitanti e si pone al quarto posto in Europa per popolazione, ma, se paragonata ai paesi confinanti, risulta essere un paese poco popolato; la densità media infatti è di 105 abitanti per Kmq. rispetto ai 200 in Germania e 300 nei Paesi Bassi; la popolazione, inoltre, è distribuita in maniera diseguale: la densità media varia molto da regione a regione, in funzione del rilievo e delle evoluzioni economiche locali. L immigrazione ha contribuito all aumento della popolazione francese e alla sua prosperità negli ultimi quarant anni, ma la recente crisi economica ne ha causato una drastica diminuzione. Attualmente in Francia vivono 4 milioni di stranieri (8% della popolazione). La lingua ufficiale è il francese che coesiste con alcuni dialetti e lingue locali come il bretone, il basco, l alsaziano e il corso. Il prefisso di teleselezione internazionale per telefonare in Francia è +33. Per telefonare invece dalla Francia all'italia bisogna comporre Dal 1996 il numero telefonico degli abbonati francesi ha due cifre supplementari poste all'inizio del numero, lo 0 e un numero da 1 a 5 a seconda della zona geografica. Per telefonare dall'italia, dopo il prefisso internazionale non bisogna comporre lo 0 iniziale. Stanno prendendo piede anche altre compagnie telefoniche che applicano un tipo di numerazione diversa rispetto allo 0+ di France Telecom. L elenco telefonico on line è pubblicato su Struttura dell'economia Tra tutti i paesi europei, la Francia è quello con la più forte tradizione di stato centrale forte. Tutti i principali settori economici sono molto sviluppati anche se, come avviene nella gran parte dei paesi più industrializzati, il terziario è il settore predominante e rappresenta più dei 2/3 del PIL. Agricoltura Nel 2001 la produzione agricola é aumentata del 2,1%, nonostante il volume della produzione subisca una leggera diminuzione (-2,1%) compensata pero dall aumento dei prezzi (+4,5%). Il valore aggiunto registra un aumento del 1,5% Il settore agricolo copre circa il 3% del PIL francese. In base al criterio del valore aggiunto netto al costo dei fattori, la Francia occupa, seguita dall'italia e dalla Spagna, il primo posto dei paesi dell'unione Europea nel settore agricolo. Il mercato del lavoro in Francia 5 Access

10 Nel 2001 la produzione agricola a volume si é ridotta del 3%. Questa contrazione risulta dalla riduzione della produzione vegetale dovuta principalmente a delle condizioni climatiche sfavorevoli. In particolare, la produzione di cereali; oleaginose e barbabietole diminuisce notevolmente, cosi come la raccolta di patate, frutta e fiori. La produzione animale resta stabile, con il calo della produzione di carni bovine a causa della perdita di fiducia dei consumatori legata ai problemi della "mucca pazza" e la compensazione da parte delle altre produzioni animali. La Francia assicura il 20,2% del valore della produzione agricola dell UE a 15 (contro il 18,8% dell Italia e il 18,3% della Spagna) e occupa il primo posto europeo in base alle superfici coltivate delle aziende agricole. Dopo una crescita debole nel 2000, +0,5%, e nel 2001, +0,4%, il settore agroalimentare ha fatto segnare un forte incremento rispetto ai dati precedentemente riscontrati: +2,1% nel Tra i diversi settori che compongono questo comparto si sono distinti per una certa dinamicità la produzione agricola (+0,8%), cosi come la produzione dell industria agroalimentare (+0,9%). Nettamente in miglioramento la produzione cerealicola (+15,2% nel 2002) e anche il settore dell allevamento, che ha superato la difficile fase delle crisi sanitarie, quali "mucca pazza" o delle epidemie d "afta epizootica". Il saldo commerciale dei prodotti agro-alimentari (+8,4 miliardi d euro) é in aumento rispetto al 2001 (+7,4 miliardi d euro) con importazioni (+1,4%) ed esportazioni (+3,7%) in fase di crescita. Industria Negli ultimi cinquant'anni le industrie aerospaziali, chimiche, del vetro, farmaceutiche, plastiche, della costruzione ferroviaria e delle telecomunicazioni sono cresciute d importanza a scapito dell'industria metallurgica e del tessile-abbigliamento, settori che dominavano nel dopoguerra il comparto manifatturiero. In particolare, l'industria automobilistica, concentrata attualmente nelle mani di Renault e Peugeot-Citröen, è forse l'industria manifatturiera più importante in Francia; un industria dove la componete elettronica diventa sempre più di rilievo. Le autovetture rappresentano, infatti, un ottavo delle esportazioni di prodotti francesi ed il loro andamento ciclico esercita, quindi, un ruolo cruciale sull'andamento delle esportazioni totali e sulla crescita del PIL. Nel 2002, la produzione dell industria manifatturiera in Francia è cresciuta del 0,6% in volume dopo il 1,9% del 2001 e il 7,4% del A fine 2002 si è potuta constatare una flessione nella produzione dei beni strumentali e nel settore dell elettronica e della telefonia (nonostante una netta controtendenza nell home-entreteinement). Il settore automobilistico si è dimostrato uno dei più dinamici ma ha sofferto a causa della diminuzione degli investimenti, dell export e della fase d utilizzazione delle scorte (elemento comune a tutto l ambito industriale francese). Secondo le previsioni dell INSEE per il 2003, sembra difficile che si possa assistere ad una ripresa dell industria manifatturiera prima della fine della primavera. Servizi Dal 1990 la crescita media della produzione di servizi è superiore a quella dell economia nel suo insieme. Nel 2001 essa aumenta del 3,7% a volume anche se più moderatamente che nei tre anni precedenti. Le disparità settoriali in termini di crescita sono forti: le telecomunicazioni aumentano del 17,4%, mentre le attività delle agenzie di viaggio diminuiscono del 6,6%. L evoluzione del valore aggiunto dei servizi (+2,4% in quantità) rallenta meno che quella dell economia totale (+1,7%) e in particolare dell industria manifatturiera (+2%). Con 406 miliardi di euro il valore aggiunto dei servizi rappresenta orami quasi il 40% del valore aggiunto totale e il suo contributo alla crescita del valore aggiunto totale nel 2001 è due volte più importante di quello dell industria. I servizi continuano anche nel 2001 a contribuire allo sviluppo dell occupazione francese. In effetti, questo settore rappresenta i ¾ dell impiego nazionale. Il settore nel suo complesso, nel 2002, ha denotato una certa dinamicità (attività finanziarie +1%, servizi commerciali +2,9%, servizi non commerciali +3,5%). In rapporto ai trend dell economia francese, si è potuto Il mercato del lavoro in Francia 6 Access

11 constatare che i sottosettori legati alla domanda delle famiglie non hanno subito una flessione cosi sostenuta come i sottosettori che forniscono servizi alle imprese. A titolo d esempio, il trasporto di passeggeri (nonostante le evidenti difficoltà post 11 settembre 2001) è stato più dinamico del trasporto merci. L ambito dei servizi non commerciali, grazie ad una forte ripresa delle spese sanitarie delle famiglie francesi, dovrebbe confermare i ritmi di crescita del 2002, intorno al 3% annuo. Commercio Nel 2002 il fatturato del commercio al dettaglio aumenta del 2,9% a volume rispetto al 3,1% del Questo rallentamento tocca soprattutto la grande distribuzione alimentare, mentre il commercio specializzato resta dinamico con una crescita importante soprattutto per le calzature, l abbigliamento e le farmacie. Le stime per i servizi commerciali di dettaglio indicano una leggera flessione per le prime battute del 2003, sottolineando una certa prudenza del commercio al dettaglio verso la propensione al consumo delle famiglie. Gli Ipermercati e supermercati hanno realizzato il 64,6% delle vendite di prodotti alimentari. A fine 2001 il settore del commercio francese impiega persone ( in più del 2000). In Europa la maggior parte del fatturato del commercio al dettaglio viene realizzata dai supermercati, questa proporzione supera il 50% in Francia, Danimarca e Irlanda. Servizi non finanziari Nel 2002 le attività dei servizi commerciali non finanziari, vale a dire i servizi alle imprese (poste e telecomunicazioni, consulenza e assistenza, servizi operativi, ricerca e sviluppo pari a circa il 70% del totale), i servizi al consumatore (hotel, ristoranti, agenzie di viaggio, attività ricreative, sportive e culturali = 23%) e la promozione e gestione immobiliare (7%), sono progrediti ancora notevolmente ma ad un ritmo meno rapido del 2001 (+3,5% in volume vs. 2,5%). Il settore dei servizi alle imprese, sempre secondo le stime INSEE per il 2003, dovrebbe stabilizzarsi entro il primo trimestre. Dal 1990 la crescita media dei servizi commerciali è stata più rapida di quella dell insieme dell economia. Sono sempre i servizi alle imprese a generare il maggior impiego ( creazioni), malgrado un rallentamento del lavoro interinale (6.800 contro nel 2000). La produzione di servizi alle imprese é aumentata del 5,7% a volume. I servizi di telecomunicazione sono i più dinamici (17,4%). Banche e assicurazioni Nel 2000 (i dati del 2001 non sono ancora disponibili) l attività degli istituti di credito continua a progredire: le operazioni con la clientela aumentano del 9,7% degli impegni creditizi (+7,7% nel 99) e i depositi del 2,5% dei depositi (+4,7% nel 99). In Francia l assegno resta il mezzo di pagamento più utilizzato a parte il denaro liquido, nel 2000 rappresenta il 38,5% dei pagamenti davanti alla carta di credito (29,3%) e ai bonifici (15,5%). Con quasi 41 milioni di carte di credito in circolazione (+9%) i francesi hanno effettuato più di 4,3 miliardi di operazioni per un ammontare di 217 miliardi di euro. Nel 2000, la congiuntura economica favorevole ha permesso una crescita del 16,5% del fatturato mondiale delle compagnie d assicurazione che raggiunge i 205 miliardi di euro (di cui 140 in Francia). Il fatturato delle assicurazioni di persone aumenta del 19,2%, grazie al successo dell assicurazione sulla vita e rappresenta i tra quarti del mercato francese delle assicurazioni. Quello delle assicurazioni sui danni ha registrato una progressione del 4,8% dopo l 1,8% del Anche nel 2000, sulla base del totale raccolta premi, il gruppo Axa è la prima compagnia d'assicurazione europea, davanti alla tedesca Allianz. Il mercato del lavoro in Francia 7 Access

12 Stampa e comunicazione La diffusione della stampa a pagamento in Francia, è leggermente migliorata (+0,5%), dopo che era rimasta pressoché stabile negli ultimi 15 anni. A livello generale, si vendono ogni anno 4,5 miliardi di copie, di cui una parte consistente é determinata dalla vendita di quotidiani nazionali (2,7 milioni al giorno). Ad ottobre 2001 la metà della popolazione francese di più di 15 anni ha già utilizzato un computer e un terzo Internet, ma con delle variazioni notevoli: l utilizzazione dell informatica da parte di un laureato è infatti cinque volte superiore che per i non laureati cosi come per Internet (13% degli operai lo utilizzano contro 76% dei quadri). Inoltre si sviluppano notevolmente gli acquisti on line: un internauta su tre ha utilizzato questo modalità d acquisto durante il secondo trimestre 2001, contro uno su dieci nel A fine 2001 gli internauti mondiali sono 468 milioni di cui 36% negli USA, 7% in Giappone e in Germania, 6% in Cina, 5% in Gran Bretagna, 4% in Francia e 3% in Italia. Il parco telefonico francese è composto da 34 milioni di linee collegate da una rete telefonica ormai interamente elettronica. Al 31 Marzo 2002 si registrano 37,3 milioni di abbonati (pari al 59% della popolazione) alla telefonia mobile (6 milioni in più del 2001). A riguardo si fa presente che a livello mondiale, il tasso di penetrazione dei telefoni portatili sorpassa il 70% solo nei paesi Scandinavi, in Austria, in Italia, o in Israele, mentre resta al 50% negli U.S.A. ed é ancora molto debole in Africa. Il principale operatore è Orange del gruppo France Télécom, con una quota di mercato del 49%, seguito da SFR (34%) e Bouygues Télécom (17%). Trasporti di persone L'autovettura resta il mezzo di trasporto preferito dai francesi che l utilizzano per l 84% degli spostamenti interni, treno e aereo vengono invece scelti per dei percorsi o per dei periodi più lunghi. I trasporti ferroviari di persone hanno conosciuto un incremento del 2,4% sull'insieme della rete principale (5,5% nel 2000). Questa evoluzione é sopratutto imputabile alle linee TGV la cui progressione registra +7,6% rispetto 2000 grazie anche al successo della nuova linea mediterranea Parigi-Marsiglia. L'utilizzo dei TGV assicura in Francia più del 50% del traffico ferroviario passeggeri rispetto ai chilometri percorsi. Nel 2001 si conferma la ripresa dei trasporti pubblici in Ile de France e la frequentazione della rete RATP aumenta anche se meno del 2000 anno in cui erano state praticate delle riduzioni tariffarie (autobus +3,5%, metro + RER + 1,3%). Il trasporto aereo diminuisce nel 2001 del 2,2% dopo 10 anni di crescita ed è legato agli attentati dell 11 settembre, all apertura delle nuove linee TGV e alla crisi delle compagnie aeree. Trasporti di merci Nel 2002, il trasporto merci terrestre sul suolo francese stagna (+0,4% dopo un +1,7% nel 2001). Il trasporto stradale aumenta del 2,4%, quello ferroviario diminuisce del 9% e il trasporto combinato (ferroviario più stradale) continua a calare 9,4% pur rappresentando il 25% del totale dei trasporti ferroviari di merci. L attività dei porti marittimi francesi diminuisce dell 1,5%. Trai paesi europei, la Francia è quello che vanta la quota di trasporto merci su rotaia più elevata con il 21%. Risorse naturali ed energia La produzione nazionale di energia primaria nel 2001 ha raggiunto il livello record di 133,6 milioni di tep ed è aumentata del 1,2% ed è triplicata rispetto al 1973 grazie allo sviluppo dell energia nucleare che rappresenta ormai l 82% della produzione totale contro il 7% all inizio degli anni 70. Il mercato del lavoro in Francia 8 Access

13 La Francia si situa, in effetti, al secondo posto dei paesi produttori di questo tipo di energia, dietro gli USA e davanti al Giappone e alla Germania. I consumi totali di energia primaria corretta dalle variazioni termiche (e che tengono quindi conto della rigidità/mitezza del clima) restano praticamente stabili e il tasso di indipendenza energetica della Francia si stabilizza al 50%. La fattura energetica che rappresenta l 1,58% del PIL, diminuisce leggermente nel 2001 (- 2,5%). Nel 2001 l elettricità è diventata la fonte di energia più utilizzata in Francia (41,4%) davanti al petrolio (35,9%), la proporzione di abitazioni nuove scaldate ad elettricità è quintuplicata rispetto agli anni 70. Nel 2000 le famiglie consacrano la metà del loro budget riscaldamento/illuminazione all elettricità contro un quinto nel La produzione francese di elettricità si è praticamente moltiplicata per 10 rispetto al Nello stesso periodo, i consumi interni di elettricità sono stati moltiplicati per 19 per la bassa tensione e per 7 per l alta tensione. Dall'inizio degli anni 80, la Francia registra un saldo positivo negli scambi con l Europa, in crescita nel 2000 del 8,9% in confronto al Le centrali nucleari francesi assicurano ormai il 76% della produzione nazionale di energia elettrica e il 46% dell'elettricità d'origine nucleare prodotta nell'unione Europea. La Francia possiede il territorio più grande di ogni altro paese dell Europa Occidentale, con un ampia differenziazione regionale nel suolo e nel clima. Le diverse regioni a nord della Loira, il fiume più lungo della Francia, e sulla costa atlantica godono di un clima temperato dove sorgono le coltivazioni di cereali, la produzione casearia, e l allevamento di bovini. Frutta e verdure sono prodotte principalmente nelle zone del sud, che godono di un clima mediterraneo. Fiumi e mari sono molto importanti nella geografia e nell economia francese, e contribuiscono inoltre alla sua attrattiva come destinazione turistica. Infrastrutture Rete stradale La Francia possiede la rete stradale più estesa d'europa ( chilometri), di cui una buona parte è rappresentata da autostrade (9.200 chilometri) sulle quali circolano la maggior parte delle merci. Un programma d estensione della rete autostradale prevede la realizzazione nei prossimi anni d altri chilometri d autostrade al fine di assicurare il decongestionamento della rete. Attualmente la densità della rete è di 37 veicoli per chilometro, contro i 44 della media europea. Rete ferroviaria La rete ferroviaria francese è composta da chilometri di ferrovie (primo posto in Europa). Una caratteristica del sistema ferroviario francese è costituita dalla presenza dei TGV (Trains à Grande Vitesse) che consentono di viaggiare a 220 chilometri orari. La rete TGV si è estesa negli ultimi 15 anni per servire nuove destinazioni verso il nord, il sud e l'ovest della Francia; tra le ultime linee TGV inaugurate si segnala l apertura nel giugno 2001 della nuova linea Parigi- Marsiglia che collega le due città in 3 ore e 10 minuti. L'Eurotunnel sotto la Manica ha inoltre rivoluzionato le comunicazioni con la capitale inglese raggiungibile da Parigi in meno di 3 ore. Gli altri percorsi principali sono quelli che collegano Parigi a Bruxelles e all'europa del nord (Amsterdam e Colonia). Ad uno stadio avanzato è inoltre il progetto della linea in partenza da Strasburgo verso la Germania. L'ingresso del TGV negli aeroporti di Lyon-Saint Exupery e di Parigi-Charles de Gaulle ha trasformato dette infrastrutture, in piattaforme di trasporto modulato collegate direttamente alla rete ad alta velocità europea. Trasporto aereo e aeroporti Sono 370 le compagnie aeree che effettuano voli diretti da 134 paesi verso gli aeroporti internazionali della Francia: Parigi-Roissy-Charles-de-Gaulle, Parigi-Orly, Nizza-Costa Azzurra, Marsiglia-Marignane, Lyon-Saint Exupery, Toulouse-Blagnac e Strasburgo-International. Il mercato del lavoro in Francia 9 Access

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

Indica gli elementi naturali che caratterizzano i confini dell Europa a a. Sud:... b. Ovest:... c. Nord:... d. Est:...

Indica gli elementi naturali che caratterizzano i confini dell Europa a a. Sud:... b. Ovest:... c. Nord:... d. Est:... Unità 1 Nome... Classe... Data... Prima Osserva la carta dell Europa e prova a rispondere alle seguenti domande: perché appare strano definire l Europa come un continente a sé a differenza di quanto avviene,

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014 Le imprese attive nel comune di Bologna dal 28 al 214 33. Imprese attive nel comune di Bologna 32.5 32. 31.5 31. Fonte: UnionCamere Emilia-Romagna Il numero delle imprese attive a Bologna tra il 28 e il

Dettagli

Flussi di cittadini nella UE

Flussi di cittadini nella UE Flussi di cittadini nella UE Immigrazione UE-27, 2009-2011. Fonte Eurostat. Immigrati ogni 1000 abitanti, 2011. Fonte Eurostat. Quota di immigrati per gruppo cittadinanza, UE-27, 2011. Fonte Eurostat.

Dettagli

L ESPORTAZIONE DI VINO 1

L ESPORTAZIONE DI VINO 1 L ESPORTAZIONE DI VINO 1 Premessa L Italia, come è noto, è uno dei principali produttori di vino, contendendo di anno in anno alla Francia, a seconda dell andamento delle vendemmie, la leadership mondiale.

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8 L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 I DATI RELATIVI AL 2011 2 LE ESPORTAZIONI 4 LE CARATTERISTICHE STRUTTURALI 6 La macchina utensile 6 La robotica 7 L INDUSTRIA

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 Secondo i dati forniti dall Eurostat, il valore della produzione dell industria agricola nell Unione Europea a 27 Stati Membri nel 2008 ammontava a circa 377 miliardi

Dettagli

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4 L INDUSTRIA ALIMENTARE E IL COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI ALIMENTARI 1. L Industria alimentare (Indagine sui bilanci delle imprese) Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da un aumentato interesse

Dettagli

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE GOVERNO ITALIANO Dipartimento Politiche Comunitarie COMMISSIONE EUROPEA PARLAMENTO EUROPEO LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

Dettagli

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014 FEDERAZIONE NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DEI PRODUTTORI DI BENI STRUMENTALI E LORO ACCESSORI DESTINATI ALLO SVOLGIMENTO DI PROCESSI MANIFATTURIERI DELL INDUSTRIA E DELL ARTIGIANATO IL SETTORE DEI BENI

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY Istituto nazionale per il Commercio Estero Nota Congiunturale URUGUAY Maggio 2011 L'economia uruguaiana, nel 2010, ha registrato una significativa crescita del PIL dell 8,5% rispetto al 2009 e, nel primo

Dettagli

La Regione francese. Il territorio. La Regione francese si trova nell Europa occidentale. È formata da 4 Stati: Francia, Belgio, Lussemburgo e Monaco.

La Regione francese. Il territorio. La Regione francese si trova nell Europa occidentale. È formata da 4 Stati: Francia, Belgio, Lussemburgo e Monaco. La Regione francese BELGIO LUSSEMBURGO FRANCIA La Regione francese si trova nell Europa occidentale. È formata da 4 Stati: Francia, Belgio, Lussemburgo e Monaco. MONACO Il territorio Mare del Nord TERRITORIO

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

Le aree di Innovazione per la crescita

Le aree di Innovazione per la crescita Le aree di Innovazione per la crescita I Sistemi nazionali di Innovazione vengono caratterizzati dal grado di specializzazione tecnologica dei diversi settori produttivi: la capacità di sviluppare innovazione

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

08.15 RAPPORTO MENSILE

08.15 RAPPORTO MENSILE 08.15 RAPPORTO MENSILE Agosto Crescita economica, Imprese 1 Mercato del lavoro 3 Inflazione 5 Commercio estero 6 Turismo 8 Credito 9 Frutticoltura, Costruzioni 10 Congiuntura internazionale 11 Autori Luciano

Dettagli

Il territorio, l economia, le imprese

Il territorio, l economia, le imprese Il territorio, l economia, le imprese Il territorio e la popolazione La Puglia è suddivisa dal punto di vista amministrativo in cinque province e 258 comuni, distribuiti su un territorio di oltre 300.000

Dettagli

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue Rapporto annuale 2012 3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, la contrazione della domanda interna nonostante la tenuta di quella estera ha determinato un calo dell

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 2. L agricoltura italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, secondo i conti economici dell agricoltura pubblicati da Eurostat, il reddito agricolo italiano

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

SINTESI PER LA STAMPA

SINTESI PER LA STAMPA SINTESI PER LA STAMPA Troppo spesso quando policy makers e opinione pubblica si occupano dei Trasporti le attenzioni vengono rivolte principalmente agli effetti negativi che questi generano: consumi energetici,

Dettagli

Retribuzioni, produttività e distribuzione del reddito un confronto internazionale

Retribuzioni, produttività e distribuzione del reddito un confronto internazionale Retribuzioni, produttività e distribuzione del reddito un confronto internazionale di Giuseppe D Aloia 1 L inflazione Negli anni scorsi tutto il dibattito sul potere d acquisto delle retribuzioni si è

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato 1 Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato quindi un milione di copie, pari a poco meno del 20% del

Dettagli

Capitolo 2.3. La situazione internazionale. Relazione Annuale

Capitolo 2.3. La situazione internazionale. Relazione Annuale Capitolo 2.3 Il turismo in Piemonte Carlo Alberto Dondona Si ringraziano Cristina Bergonzo (Sviluppo Piemonte Turismo), Amedeo Mariano(Città Metropolitana di Torino Sistema Informativo Turistico) La situazione

Dettagli

LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA. L INTEGRAZIONE EUROPEA: 50 anni di storia

LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA. L INTEGRAZIONE EUROPEA: 50 anni di storia LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA L INTEGRAZIONE EUROPEA: 50 anni di storia Che cos è l'unione europea L Ue èun soggetto politico a carattere sovranazionale ed intergovernativo Èformato da 27paesi membri indipendenti

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico L analisi che il CRESME ha condotto, sulla base dell incarico ricevuto da ANCE COMO, con il contributo dalla CAMERA DI COMMERCIO DI COMO e sostenuto da Ordine degli Architetti, Ordine degli Ingegneri di

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

Il mercato del vino: evoluzioni e tendenze. Maggio 2014

Il mercato del vino: evoluzioni e tendenze. Maggio 2014 Il mercato del vino: evoluzioni e tendenze Maggio 2014 1 Sommario 1. IL CONSUMO DI VINO 3 2. TENDENZE DEL COMMERCIO MONDIALE DI VINO NEL 2013 6 3. PRINCIPALI ESPORTATORI NEL 2013 8 4. PRINCIPALI IMPORTATORI

Dettagli

MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO

MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO Bologna City Marketing 1 Aumento della popolazione Invecchiamento della popolazione attiva Abbassamento dell indice di vecchiaia e incremento dell i.s.p.a. Dal si

Dettagli

LA METROPOLITANA DI ORLY

LA METROPOLITANA DI ORLY LA METROPOLITANA DI ORLY Il secondo scalo della capitale francese si presenta come un esempio di aeroporto collegato al centro urbano mediante una linea metropolitana, anche se con i limiti di un percorso

Dettagli

APPRENDISTATO, UNO STRUMENTO PER AIUTARE I GIOVANI

APPRENDISTATO, UNO STRUMENTO PER AIUTARE I GIOVANI Appunti APPRENDISTATO, UNO STRUMENTO PER AIUTARE I GIOVANI Sono 54 mila i giovani in apprendistato, pari al 15% degli occupati tra i 15 e i 9 anni d età. Nel biennio 009-010 si è registrato un calo complessivo

Dettagli

Fare Affari in Russia

Fare Affari in Russia Federazione Russa Fare Affari in Russia Investimenti Esteri Agenzia ICE Mosca Settembre 2014 3 INVESTIMENTI ESTERI La Russia ha ricevuto negli ultimi anni ingenti investimenti esteri. Nel 2013 gli investimenti

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA del 19 settembre 2008

COMUNICATO STAMPA del 19 settembre 2008 La situazione dell'import/export della provincia di Ancona del 1 semestre 2008 fotografata dalla Camera di Commercio di Ancona IN FLESSIONE LE ESPORTAZIONI PROVINCIALI (-13,9%) IN DIFFICOLTA LA MECCANICA,

Dettagli

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015 L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 201 E PRIMO TRIMESTRE 201 1 FOCUS CONSUNTIVO 201 Il 201 si è chiuso con un bilancio complessivamente soddisfacente: il quadro di sintesi riferito agli indicatori

Dettagli

Fatti & Tendenze - Economia 3/2008 IL SETTORE DELLA ROBOTICA IN ITALIA NEL 2007

Fatti & Tendenze - Economia 3/2008 IL SETTORE DELLA ROBOTICA IN ITALIA NEL 2007 Fatti & Tendenze - Economia 3/2008 IL SETTORE DELLA ROBOTICA IN ITALIA NEL 2007 luglio 2008 1 IL SETTORE DELLA ROBOTICA NEL 2007 1.1 L andamento del settore nel 2007 Il 2007 è stato un anno positivo per

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

Il commercio internazionale dei servizi: il turismo

Il commercio internazionale dei servizi: il turismo Il commercio internazionale dei servizi: il turismo Grafico 1 Andamento del tasso di cambio fra Euro e Dollaro Usa La situazione di instabilità politica e sociale che ha come epicentro il Medio Oriente

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LA CONGIUNTURA ITALIANA 1 (aggiornata al 3 giugno 2015) IIL PRODOTTO IINTERNO LORDO IIL COMMERCIIO ESTERO DII BENII LA PRODUZIIONE IINDUSTRIIALE L IINFLAZIIONE IIL MERCATO DEL LAVORO 1 Il presente documento

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 8 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 8 1. L andamento del mercato

Dettagli

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco della vita svolgono un ruolo capitale nello sviluppo

Dettagli

Gli acquisti domestici di prodotti biologici confezionati in Italia nella GDO

Gli acquisti domestici di prodotti biologici confezionati in Italia nella GDO Maggio 2012 In sintesi Il quadro internazionale dell agricoltura biologica Nel 2010, secondo gli ultimi dati disponibili, l agricoltura biologica a livello mondiale ha sostanzialmente confermato l estensione

Dettagli

L inflazione nel 2004

L inflazione nel 2004 L inflazione nel 2004 Un quadro generale In Italia l inflazione media annua per l anno 2004 si è attestata intorno al 2,2%, un risultato di gran lunga migliore rispetto al 2003 quando il valore medio di

Dettagli

Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario. Roma 22 giugno 2012

Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario. Roma 22 giugno 2012 Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario Roma 22 giugno 2012 Arrivi e spesa per viaggi internazionali nel mondo (milioni di viaggiatori

Dettagli

EUROPA Il mercato delle autovetture. Aprile 2012. AREA Studi e statistiche

EUROPA Il mercato delle autovetture. Aprile 2012. AREA Studi e statistiche EUROPA Il mercato delle autovetture Aprile 2012 Nell Europa27+EFTA 1 sono state registrate complessivamente 1,06 milioni di vetture nel mese di aprile 2012, con una flessione del 6,5 % rispetto allo stesso

Dettagli

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA 22.9.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 286/23 V (Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA Invito a presentare proposte Programma Cultura (2007-2013) Implementazione del programma:

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati Contesto europeo Secondo i dati resi disponibili da Eurostat, integrati con i dati ISPRA per quanto riguarda l Italia, nel 2011 i 27 Stati membri dell

Dettagli

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Comitato per la qualificazione della spesa pubblica Comitato per lo sviluppo provinciale Sandro Trento Enrico Zaninotto Quadro internazionale: 2010 migliore, ma

Dettagli

4. TRASPORTI E INFRASTRUTTURE

4. TRASPORTI E INFRASTRUTTURE Densità di autovetture circolanti nelle città metropolitane (fonte: Istat, 1998; auto circolanti per chilometri quadrati di territorio comunale) 4. TRASPORTI E INFRASTRUTTURE 4.1. LE AUTO SEMPRE PADRONE

Dettagli

AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO

AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO ARRIVI STRANIERI 1999 PER PROVENIENZA U.S.A. 1% S DK 1% 2% CZ 2% CH 2% ALTRI 10% GB 8% E 1% B 3% NL 6% F 2% A 7% D 55% STATI 1999 arrivi e presenze in provincia

Dettagli

Conoscere l Umbria Annuario statistico (edizione 2010)

Conoscere l Umbria Annuario statistico (edizione 2010) 20 ottobre 2010 Conoscere l Umbria Annuario statistico (edizione 2010) L Annuario statistico dell Umbria, giunto alla quattordicesima edizione, è il frutto della proficua collaborazione tra l Ufficio regionale

Dettagli

PROSPETTIVE DEL MERCATO IMMOBILIARE BUSINESS DI MONZA E BRIANZA NELLA COMPETIZIONE TRA TERRITORI. Elena Molignoni

PROSPETTIVE DEL MERCATO IMMOBILIARE BUSINESS DI MONZA E BRIANZA NELLA COMPETIZIONE TRA TERRITORI. Elena Molignoni PROSPETTIVE DEL MERCATO IMMOBILIARE BUSINESS DI MONZA E BRIANZA NELLA COMPETIZIONE TRA TERRITORI Elena Molignoni Mercato dei capannoni industriali Il comparto dei capannoni industriali ha evidenziato nel

Dettagli

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Quadro di riferimento Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Tendenze primo semestre 2012 L economia svizzera è una delle più ricche e solide dell Occidente, fortemente orientata ai servizi ed

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI AGENZIA DEL LAVORO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L IMPIEGO 1. LA CONDIZIONE GIOVANILE SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI TRENTO

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 7 ottobre 2005 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 L Istat presenta i principali risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros 1 (R&S) in Italia, riferiti alle imprese,

Dettagli

Trovare lavoro nell Europa allargata

Trovare lavoro nell Europa allargata Trovare lavoro nell Europa allargata Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali CMI/Digital Vision Commissione europea 1 Dove posso cercare lavoro? La libera circolazione delle persone

Dettagli

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015 LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego Laura Robustini EURES Adviser 04 Marzo 2015 IL LAVORO IN EUROPA EURES promuove la mobilità geografica ed occupazionale sostenendo i

Dettagli

SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI. ("Gazzetta Ufficiale della Repubblica Serbia nr. 56/2006 e 50/2007 e 70/2008 )

SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI. (Gazzetta Ufficiale della Repubblica Serbia nr. 56/2006 e 50/2007 e 70/2008 ) DECRETO SULLE CONDIZIONI E SUI MODI PER ATTRARRE GLI INVESTIMENTI DIRETTI ("Gazzetta Ufficiale della Repubblica Serbia nr. 56/2006 e 50/2007 e 70/2008 ) Contenuto del decreto Art. 1 Con il presente decreto

Dettagli

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA L OSSERVATORIO 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA LAUREATI, DISOCCUPATI E SCORAGGIATI 14 Aprile 2014 Nella prima metà degli anni Cinquanta, per le strade circolavano poco più di 400mila

Dettagli

R A P P O R T O A N N U A L E 2 0 1 0

R A P P O R T O A N N U A L E 2 0 1 0 A N A L I S I D E L L A D O M A N D A T U R I S T I C A N E G L I E S E R C I Z I A L B E R G H I E R I D I R O M A E P R O V I N C I A A N N O 2 0 1 0 R A P P O R T O A N N U A L E 2 0 1 0 1. L andamento

Dettagli

Le rinnovabili in cifre

Le rinnovabili in cifre Le rinnovabili in cifre (Febbraio 2004) Le energie rinnovabili - il vento, l acqua, la biomassa, il sole e l energia geotermica costituiscono un enorme potenziale per la tutela del clima. Il nuovo Jahrbuch

Dettagli

Economia italiana e settori industriali

Economia italiana e settori industriali OPEN DAY ATTIVITÀ INTERNAZIONALI ANIE Economia italiana e settori industriali Stefania Trenti Direzione Studi e Ricerche Milano, 16 dicembre 2015 Italia: il gap con l Eurozona si sta riducendo Su base

Dettagli

CONGIUNTURA AREA PELLE 2015 I TRIMESTRE SINTESI. Servizio Economico. Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo

CONGIUNTURA AREA PELLE 2015 I TRIMESTRE SINTESI. Servizio Economico. Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo CONGIUNTURA AREA PELLE Servizio Economico 2015 I TRIMESTRE Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo SINTESI MATERIA PRIMA PREZZI L andamento dei listini nel primo trimestre

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. Italia:

Dettagli

Conoscere l Umbria Annuario Statistico ed. 2008

Conoscere l Umbria Annuario Statistico ed. 2008 30 luglio 2008 Conoscere l Umbria Annuario Statistico ed. 2008 L Annuario statistico dell Umbria, giunto alla sua dodicesima edizione, è il frutto della proficua collaborazione tra l Ufficio regionale

Dettagli

La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche

La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche Da un confronto con la situazione fotografata quattro anni fa si evidenzia

Dettagli

Francia. Realizzato da Gabriel Gaio

Francia. Realizzato da Gabriel Gaio Francia Realizzato da Gabriel Gaio Posizione e confini La Francia confina: A nord con il Canale della Manica e più a est con i Paesi Bassi A sud con il Mar Mediterraneo e più a ovest con la Spagna A ovest

Dettagli

A. Consistenze e caratteristiche generali della rete

A. Consistenze e caratteristiche generali della rete REPORT SULLA DISTRIBUZIONE DEI CARBURANTI IN ITALIA SETTEMBRE 2013 1 A. Consistenze e caratteristiche generali della rete Tav.1 Evoluzione della rete di distribuzione carburanti 2000 2005 2010 2011 Autostradali

Dettagli

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 L Osservatorio TCI sul Turismo Scolastico Perché? L idea di costituire un Osservatorio sul Turismo

Dettagli

Trasporto merci in Italia: i dati Confetra del 2014.

Trasporto merci in Italia: i dati Confetra del 2014. Trasporto merci in Italia: i dati Confetra del 2014. 28/04/2015 Sommario Premessa Dati e analisi dei settori Le performance migliori Spedizioni internazionali In breve L'andamento positivo del traffico

Dettagli

I DATI SIGNIFICATIVI IL CONTO TECNICO

I DATI SIGNIFICATIVI IL CONTO TECNICO L ASSICURAZIONE ITALIANA Continua a crescere ad un tasso elevato la raccolta premi complessiva, in particolare nelle assicurazioni vita. L esercizio si chiude in utile soprattutto grazie alla gestione

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

Dalla lettura dei dati pubblicati lo scorso primo

Dalla lettura dei dati pubblicati lo scorso primo LE ESPORTAZIONI ITALIANE A LIVELLO TERRITORIALE Nel corso dei primi nove mesi del 2015, l 80% delle regioni italiane ha conosciuto incrementi su base tendenziale delle proprie esportazioni. % 150 130 110

Dettagli

Traduzione 1 Convenzione istitutiva dell Organizzazione di cooperazione e di sviluppo economici

Traduzione 1 Convenzione istitutiva dell Organizzazione di cooperazione e di sviluppo economici Traduzione 1 Convenzione istitutiva dell Organizzazione di cooperazione e di sviluppo economici 0.970.4 Conchiusa a Parigi il 14 dicembre 1960 Approvata dall Assemblea federale il 14 giugno 1961 2 Ratificata

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 21 1 Pagina Pagina Pagina Demografia delle imprese reggiane Andamento congiunturale Fallimenti Pagina Pagina Protesti Credito

Dettagli

Contatti Ipsos per gli Affari Pubblici:

Contatti Ipsos per gli Affari Pubblici: Barometro Ipsos / Europ Assistance Intenzioni e preoccupazioni degli europei per le vacanze estive Sintesi Ipsos per il Gruppo Europ Assistance Giugno 2015 Contatti Ipsos per gli Affari Pubblici: Fabienne

Dettagli

Gli incentivi non mettono in moto l automobile

Gli incentivi non mettono in moto l automobile 115 idee per il libero mercato Gli incentivi non mettono in moto l automobile di Andrea Giuricin Il rallentamento economico e la crisi finanziaria hanno avuto un forte impatto su uno dei settori più importanti

Dettagli