PARTE II: NOTA INTEGRATIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PARTE II: NOTA INTEGRATIVA"

Transcript

1 Società per Azioni Sede legale: Cosenza, viale Crati snc Codice fiscale, Partita IVA e Reg. Imprese C.C.I.A.A. Cosenza Codice ABI Aderente al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi- Iscritta all Albo delle Banche Capitale sociale ,00 i.v. PROSPETTO DI QUOTAZIONE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO Banca CARIME 2007 Missione Rendita PARTE I: DOCUMENTO INFORMATIVO SULL EMITTENTE PARTE II: NOTA INTEGRATIVA Prospetto di quotazione pubblicato mediante deposito presso la CONSOB in data 15 ottobre 2003 a seguito di nulla osta comunicato con nota n del 30 settembre 2003 L adempimento di pubblicazione del Prospetto di quotazione non comporta alcun giudizio della CONSOB sull opportunità dell investimento proposto e sul merito dei dati e delle notizie allo stesso relativi.

2 PARTE I: DOCUMENTO INFORMATIVO SULL EMITTENTE Prospetto di quotazione pubblicato mediante deposito presso la CONSOB in data 15 ottobre 2003 a seguito di nulla osta comunicato con nota n del 30 settembre 2003 L adempimento di pubblicazione del Prospetto di quotazione non comporta alcun giudizio della CONSOB sull opportunità dell investimento proposto e sul merito dei dati e delle notizie allo stesso relativi.

3 INDICE AVVERTENZE PER L INVESTITORE...3 Fattori di rischio connessi all attività dell Emittente e del Gruppo DI CUI FA PARTE L EMITTENTE... 3 Rischi connessi al progetto di integrazione fra IL Gruppo BPCI E IL Gruppo BPB...3 Rischi connessi alla gestione della liquidità dell Emittente...4 Fattori di rischio connessi al mercato di riferimento...5 Procedimenti giudiziari ed arbitrali...5 INFORMAZIONI DI SINTESI SUL PROFILO DELL EMITTENTE...6 Dati finanziari selezionati relativi all Emittente INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE SULL EMITTENTE Denominazione e forma giuridica dell Emittente Sede sociale, sede amministrativa principale Estremi dell atto costitutivo Durata dell Emittente Legislazione in base alla quale l Emittente opera e foro competente in caso di controversia Estremi di iscrizione nel Registro delle Imprese e negli altri registri aventi rilevanza per legge Oggetto sociale Rating INFORMAZIONI RELATIVE AGLI ASSETTI PROPRIETARI Soggetti che detengono una partecipazione del capitale con diritto di voto superiore al 2% Persone fisiche e giuridiche che esercitano il controllo sull Emittente Il Gruppo Bancario di cui fa parte l emittente INFORMAZIONI SUL CAPITALE SOCIALE DELL EMITTENTE E SUL PATRIMONIO DI VIGILANZA Capitale sociale Capitale deliberato e non sottoscritto Patrimonio di Vigilanza INFORMAZIONI RELATIVE ALL ANDAMENTO RECENTE ED ALLE PROSPETTIVE DELL EMITTENTE Fatti di rilievo successivi alla chiusura al 31 dicembre Andamento recente e prospettive di Banca CARIME APPENDICI E DOCUMENTAZIONE A DISPOSIZIONE DEL PUBBLICO APPENDICI Schemi dello stato patrimoniale e del conto economico dei bilanci di banca carime spa relativi agli esercizi al 31 dicembre 2002, al 31 dicembre 2001 e al 31 dicembre 2000, presentati in forma di tabella comparativa INFORMAZIONI RELATIVE AI RESPONSABILI DEL PROSPETTO DI QUOTAZIONE (DOCUMENTO INFORMATIVO), ALLA REVISIONE DEI CONTI ED AI CONSULENTI Nome e qualifica delle persone fisiche e/o denominazione e sede della persona giuridica che si assume la responsabilità del Prospetto di quotazione (Documento Informativo) Dichiarazione di responsabilità

4 AVVERTENZE PER L INVESTITORE Si invitano gli investitori a tenere in considerazione le seguenti informazioni al fine di un migliore apprezzamento dell investimento. FATTORI DI RISCHIO CONNESSI ALL ATTIVITÀ DELL EMITTENTE E DEL GRUPPO DI CUI FA PARTE L EMITTENTE RISCHI CONNESSI AL PROGETTO DI INTEGRAZIONE FRA IL GRUPPO BPCI E IL GRUPPO BPB L operazione di fusione tra la Banca Popolare di Bergamo - Credito Varesino Società cooperativa a responsabilità limitata ( Banca Popolare di Bergamo - Credito Varesino o Banca Popolare di Bergamo o BPB o, insieme alle sue controllate, Gruppo BPB ), la Banca Popolare Commercio e Industria Società Cooperativa a responsabilità limitata ( Banca Popolare Commercio e Industria o BPCI o, insieme alle sue controllate, Gruppo BPCI ) e la Banca Popolare di Luino e di Varese Società per Azioni ( Banca Popolare di Luino e di Varese o BPLV ), controllata da BPCI, con la nascita di Banche Popolari Unite Società cooperativa a responsabilità limitata o, in forma abbreviata, BPU Banca (nel seguito anche Banche Popolari Unite o, insieme alle sue controllate, Gruppo Banche Popolari Unite o Gruppo BPU Banca ), espone l Emittente ai rischi ed alle complessità tipici dei processi di integrazione tra gruppi creditizi che, in precedenza, avevano operato in modo autonomo e indipendente. L integrazione ha richiesto e richiederà, pertanto, il coordinamento del management, delle strategie e dell operatività delle diverse entità con l obiettivo di ottimizzare ed uniformare la struttura operativa, le procedure ed i sistemi. Il Progetto di fusione nella nuova banca popolare denominata Banche Popolari Unite Scrl (BPU Banca), annunciato il 14 dicembre 2002, è stato approvato all unanimità dai Consigli di Amministrazione delle tre banche il 25 marzo del 2003 e dalle assemblee straordinarie in data 10 maggio Con la stipula del relativo atto notarile in data 24 giugno 2003, ha preso avvio il nuovo Gruppo Banche Popolari Unite, cui Banca Carime è entrata a far parte dal 1 luglio 2003, data di decorrenza degli effetti giuridici della fusione. L'operazione di aggregazione prevede la realizzazione di un progetto industriale ad elevata valenza strategica in quanto caratterizzato da una forte complementarità dei gruppi bancari in termini di zone di operatività, canali distributivi, prodotti e clientela. L integrazione, finalizzata alla creazione di valore per i Soci/Azionisti, a regime genererà sinergie per oltre 180 milioni di euro l anno e la valorizzazione delle attuali potenzialità dei due gruppi di origine attraverso una crescita dimensionale e operativa che avrà ripercussioni reddituali e patrimoniali. Il nuovo Gruppo, sulla base dei dati pro-forma aggregati al 31 dicembre 2002, viene ad essere il settimo operatore bancario italiano, con circa sportelli (il 68% dei quali concentrati nel Centro-Nord e il 32%nel Sud del Paese), 2,5 milioni di clienti (prevalentemente famiglie e piccole-medie imprese), 48 miliardi di euro di raccolta diretta, 42 miliardi di euro di raccolta indiretta (di cui 21 miliardi di risparmio gestito), 41 miliardi di euro di impieghi a clientela, 3,6 miliardi di euro di patrimonio netto. In seguito alla presentazione dell istanza di autorizzazione (6 febbraio 2003), il 13 marzo, ai sensi dell art. 57 del T.U.B., la Banca d Italia ha approvato la realizzazione del Progetto di aggregazione autorizzando: A) la fusione fra Banca Popolare Commercio e Industria Scrl, Banca Popolare di Bergamo-CV Scrl e Banca Popolare di Luino e di Varese Spa, ai sensi dell art. 57 del T.U.B. attraverso lo scorporo da parte di BPCI e di BPLV delle rispettive aziende bancarie, costituite dalle reti di sportelli a favore di una nuova banca denominata Banca Popolare Commercio e Industria Spa, interamente posseduta, proporzionalmente ai valori di conferimento; lo scorporo da parte di BPB della propria azienda bancaria, costituita dalla rete di sportelli, a favore di una nuova banca, interamente posseduta e denominata Banca Popolare di Bergamo Spa; la fusione per unione fra BPCI, BPLV e BPB mediante costituzione di BPU Banca Scrl, per la quale è stata ottenuta l ammissione al listino ufficiale. B) l incorporazione di Banca Carime nella controllante BPCI FIN Spa ai sensi dell art. 57 del T.U.B. e, contestualmente, l esercizio dell attività bancaria in capo alla Finanziaria incorporante, ex art. 14 del T.U.B., che ha assunto la denominazione di Banca Carime Spa. Le Assemblee Straordinarie di Banca Carime Spa e di BPCI FIN Spa in data 30 aprile 2003 hanno approvato la fusione per incorporazione, che si è attuata mediante stipula del relativo atto notarile in data 16 giugno 2003 con decorrenza 1 luglio. 3

5 Il Gruppo BPU Banca risulta pertanto costituito da: una Capogruppo cooperativa quotata, che svolge piena attività bancaria tramite i due sportelli di Milano e Bergamo e nella quale sono accentrate oltre alle attività di indirizzo e coordinamento del Gruppo, le funzioni finanza, governo e controllo, risorse, servizi di supporto, credito, coordinamento e indirizzo commerciale, e alla quale fanno capo le società prodotto; quattro banche rete (BPCI Spa, BPB Spa, Banca Popolare di Ancona Spa e Banca Carime Spa), fortemente radicate nei propri mercati di riferimento, dedicate allo sviluppo delle attività commerciali e creditizie con la clientela, il cui assetto rimarrà integro e con il marchio attualmente utilizzato; una rete di promotori finanziari (BPB Sim Spa); società prodotto operanti principalmente nei settori dell asset management, bancassurance, leasing e investment banking. Alla data del Prospetto Informativo, non esistono certezze circa il raggiungimento dell efficienza e dei risparmi previsti nel piano industriale per del Gruppo BPU Banca ( Piano Industriale ) in relazione al più generale processo di integrazione né vi è alcuna certezza 1) che sia possibile integrare e centralizzare la struttura operativa delle società del Gruppo BPU Banca dal punto di vista amministrativo e dei sistemi informativi, 2) che i prodotti ed i servizi possano essere razionalizzati, 3) che le risorse si armonizzino con la nuova politica di gestione del Gruppo BPU Banca. Anche al fine di presidiare più efficacemente i rischi derivanti dalle accresciute dimensioni e dalla maggiore copertura territoriale del Gruppo, BPU Banca si propone di uniformare le politiche e le procedure per la gestione dei rischi connessi all esercizio della propria attività e a porre la massima attenzione a che eventuali cambiamenti connessi con l'aggiornamento del sistema informativo e con la necessità di applicare procedure comuni e uniformi a tutte le banche del Gruppo possano essere implementati con successo. RISCHI CONNESSI ALLA GESTIONE DELLA LIQUIDITÀ DELL EMITTENTE Dai dati di fine marzo emerge che Banca Carime ha un rapporto impieghi/raccolta diretta pari al 38,6%, un indicatore sintetico che configura l Emittente come una Banca particolarmente liquida. Infatti, in attesa di ottimizzare il processo legato all erogazione del credito e, conseguentemente, di sviluppare gli impieghi all economia, una consistente quota dell attivo di Banca Carime (al 31 marzo 2003 pari a quasi 4 miliardi di euro) è rappresentata dagli investimenti di liquidità sul mercato interbancario. Allo scopo di favorire la gestione di questi assets in sinergia con le politiche di rischio-rendimento di Gruppo, è stato definito un modello organizzativo (con le relative regole operative) che scompone la liquidità di Banca Carime in due diversi segmenti, a) liquidità a breve termine, b) liquidità strutturale. La gestione della liquidità di breve termine, riferita agli sbilanci di tesoreria di brevissimo periodo, è regolata tramite la stipula di contratti di deposito remunerati al tasso di mercato del giorno. La gestione della liquidità strutturale, riferita agli sbilanci di tesoreria che, non essendo determinati da particolari contingenze societarie e/o di mercato, si possono ritenere consolidati nel breve/medio termine, è regolata da un contratto di finanziamento stand by con BPCI di nominali milioni di euro la cui durata, determinata d accordo con il Servizio Risk e Value Based Management della Capogruppo, è tale da annullare, tendenzialmente, l esposizione al rischio tasso di interesse sulle poste attive e passive dell Emittente (pareggiamento della duration). Il finanziamento, remunerato al tasso euribor di pari durata, permette a Carime, a fronte dell impegno a bloccare nel tempo l utilizzo dei fondi, di capitalizzare uno spread sui tassi sotto forma di commissione di impegno. 4

6 Questo modello è finalizzato ad ottimizzare la funzione di controllo sull esposizione al rischio (di tasso, di mercato, di controparte) anche se, malgrado la gestione sia caratterizzata dalla prudenza, non garantisce il raggiungimento dei risultati economici che, evidentemente, dipendono dal più generale andamento dei mercati. A questo proposito, per evitare la ricaduta negativa del progressivo ridimensionamento della struttura dei tassi di interesse sul livello di remunerazione della liquidità dell Emittente, Banca Carime ha stipulato un contratto di interest rate swap sul nozionale del finanziamento stand by che, a fronte della cessione del tasso variabile incassato secondo le previsioni del contratto, comporta l acquisizione, per l intero esercizio 2003, di un tasso fisso che garantisce il raggiungimento degli obiettivi di budget. FATTORI DI RISCHIO CONNESSI AL MERCATO DI RIFERIMENTO L Emittente ha un forte radicamento geografico nel territorio sul quale opera. Di seguito si evidenziano alcuni dei fattori che caratterizzano il mercato di riferimento della Banca: q gli abitanti rappresentano complessivamente un quarto della popolazione italiana e producono un PIL pari a poco meno di un settimo di quello nazionale; q il PIL medio per abitante (11,9 milioni di euro) è pari a 2/3 di quello medio nazionale; q il mercato bancario è contrassegnato da un rapporto raccolta indiretta/raccolta globale che si attesta su un livello più basso rispetto alle medie del sistema; q i modelli distributivi sono in forte evoluzione ma risultano ancora radicati sullo sportello tradizionale; q il rischio di credito risulta molto accentuato tanto che il Sud, a fronte di una quota di impieghi pari all 8% dei volumi complessivi del sistema, fa registrare sofferenze pari al 25% rispetto a quelle nazionali; q esiste una difficoltà oggettiva a trovare opportunità di finanziamento di solide iniziative imprenditoriali locali di dimensioni adeguate ai livelli della provvista diretta raccolta sul mercato; q il margine sui tassi di interesse, anche se più elevato rispetto alle medie nazionali, non permette di compensare le perdite derivanti dall elevato peso dei crediti anomali ; q i costi operativi sono sovradimensionati e, conseguentemente, hanno una ricaduta negativa sulla stessa struttura del conto economico. Si deve inoltre sottolineare come, anche al sud, i processi di concentrazione e di ristrutturazione di numerosi gruppi bancari nazionali ed internazionali e la stessa evoluzione normativa si riflettono in una maggiore competitività dei prodotti e dei servizi offerti in tutti i segmenti di mercato. Questi fattori implicano la necessità per le banche meridionali di ripensare il proprio posizionamento competitivo con l obiettivo prioritario di tutelare il risparmiatore ponendolo al centro delle proprie strategie commerciali. PROCEDIMENTI GIUDIZIARI ED ARBITRALI I procedimenti giudiziari o arbitrali pendenti, a parere della Società, anche in considerazione dei Fondi Rischi esistenti, non sono tali da incidere in maniera significativa sulla attività e sulla situazione economico / finanziaria della Società. 5

7 INFORMAZIONI DI SINTESI SUL PROFILO DELL EMITTENTE DATI FINANZIARI SELEZIONATI RELATIVI ALL EMITTENTE I dati finanziari qui di seguito riportati sono tratti dai bilanci di Banca CARIME SpA relativi al triennio assoggettati a revisione contabile. I dati sono espressi in migliaia di Euro, salvo diversa esplicita indicazione. DATI ECONOMICI (in migliaia di euro) Margine di interesse Margine di intermediazione Risultato lordo di gestione (1) Risultato ordinario Risultato netto (1) Calcolato prima di rettifiche ed ammortamenti. DATI PATRIMONIALI E FINANZIARI (in migliaia di euro) Impieghi a clientela ordinaria Totale attivo Sofferenze lorde Sofferenze nette Incagli lordi Rettifiche di valore su crediti (dubbi e in bonis) Raccolta diretta da clientela (1) Raccolta indiretta da clientela Patrimonio netto (incluso utile netto) Patrimonio di vigilanza di base (tier 1) Patrimonio di vigilanza (total capital) Free capital (2) Coefficiente di solvibilità (3) 24,60% 19,60% 15,58% (1) Somma delle voci Debiti verso clientela e Debiti rappresentati da titoli. (2) Patrimonio netto (incluso utile netto) + patrimonio netto di pertinenza di terzi + passività subordinate partecipazioni partecipazioni in imprese del gruppo differenze positive di consolidamento immobilizzazioni immateriali immobilizzazioni materiali azioni proprie. (3) Limite minimo di vigilanza 7% Dati economico-finanziari per azione: confronto 2001/2002 esercizio 2001 esercizio ) N. azioni rettificato ) Risultato lordo di gestione per azione 0,0532 0,0475 4) Risultato netto per azione 0,0164 0,0135 5) Patrimonio netto per azione 0,5466 0,5469 Dipendenti di Banca Carime Spa (numero medio)

8 1. INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE SULL EMITTENTE 1.1 DENOMINAZIONE E FORMA GIURIDICA DELL EMITTENTE La società emittente è denominata Banca Carime S.p.A. ed è costituita in forma di società per azioni. 1.2 SEDE SOCIALE, SEDE AMMINISTRATIVA PRINCIPALE La società ha la sua Sede in Cosenza, Viale Crati snc, e la sua Direzione Generale in Cosenza, Viale Crati snc, e in Bari, Via A.M. Calefati n ESTREMI DELL ATTO COSTITUTIVO L Emittente è stata costituita con atto del a rogito Notaio Piergaetano Marchetti Rep. n /4550 con la denominazione di BPCI FIN S.p.A. e con lo scopo di svolgere attività finanziaria. A seguito di operazione di fusione, con contestuale modifica di denominazione e autorizzazione allo svolgimento dell attività bancaria, BPCI FIN ha incorporato la Banca Carime S.p.A., costituita con atto del 27 luglio 1992 a rogito Notaio Amato rep /503, modificando la ragione sociale in Banca Carime S.p.A, adottando la sede sociale, la struttura organizzativa, lo Statuto e la governance della incorporata, ed ha avviato l operatività di banca a far tempo dal 1 luglio L Emittente è inoltre autorizzata allo svolgimento dei servizi di investimento di cui all art. 1 del decreto legislativo 58/98, nonché alla costituzione e gestione di forme pensionistiche complementari, aperte o chiuse. 1.4 DURATA DELL EMITTENTE La durata di Banca Carime è stabilita fino al 31 dicembre 2100 e potrà essere prorogata. 1.5 LEGISLAZIONE IN BASE ALLA QUALE L EMITTENTE OPERA E FORO COMPETENTE IN CASO DI CONTROVERSIA Banca Carime è una società di diritto italiano, quindi opera in base alla legislazione italiana vigente ed alle norme di vigilanza bancaria. Il foro competente in caso di controversie è il Tribunale di Cosenza. 1.6 ESTREMI DI ISCRIZIONE NEL REGISTRO DELLE IMPRESE E NEGLI ALTRI REGISTRI AVENTI RILEVANZA PER LEGGE La Società ha il seguente codice fiscale/numero di iscrizione nel Registro delle Imprese di Cosenza E iscritta all Albo delle Banche al n ed appartiene al Gruppo Banche Popolari Unite, iscritto all Albo dei Gruppi Bancari al n OGGETTO SOCIALE Ai sensi dell art. 4 dello Statuto Sociale: << La Società ha per oggetto la raccolta del risparmio tra il pubblico e l'esercizio del credito. La Società esercita, oltre all'attività bancaria, ogni altra attività finanziaria secondo la disciplina propria di ciascuna, incluse l'assunzione e gestione di partecipazioni nonché la costituzione e gestione di forme pensionistiche complementari, aperte o chiuse. La Società esercita inoltre ogni altra attività strumentale o comunque connessa al raggiungimento dell'oggetto sociale.>> 1.8 RATING L Emittente è privo di rating. 7

9 2. INFORMAZIONI RELATIVE AGLI ASSETTI PROPRIETARI 2.1 SOGGETTI CHE DETENGONO UNA PARTECIPAZIONE DEL CAPITALE CON DIRITTO DI VOTO SUPERIORE AL 2% Alla data del presente Prospetto di quotazione, risultano pari o superiori al 2% del capitale sociale di Banca Carime le partecipazioni detenute da Banche Popolari Unite Scrl, da Deutsche Bank AG e Commercial Union Vita SpA, così come indicate nella seguente tabella: N. soci TITOLARI AZIONI N. Valore nom. AZIONI compl. in % 1 Banche Popolari Unite Scarl ,00 68, Commercial Union Vita S.p.A ,00 6, Deutsche Bank AG (nuda proprietà) VINCOLO: Usufrutto a fav. Banca Intesa S.p.A ,00 25, TOTALE ,00 100,00 Si fa presente che, in base agli accordi contrattuali stipulati al momento dell acquisizione del controllo di Carime da parte del Gruppo BPCI, Banca Intesa Spa avrebbe potuto esercitare, nel periodo dal 30 giugno 2006 al 30 settembre 2006, l opzione put di vendita a BPCI della partecipazione del 24,92% ancora detenuta in Banca Carime, ad un prezzo (0,988 euro per azione) pari a quello pagato da BPCI nel 2001 per l acquisizione del 75% del capitale di Banca Carime stessa. Il 7 ottobre 2002, su richiesta di Banca Intesa e di Deutsche Bank, è stato raggiunto fra Banca Intesa, Deutsche Bank e BPCI un accordo di natura puramente finanziaria avente per oggetto la cessione, da parte di Banca Intesa a Deutsche Bank, della nuda proprietà del 24,92% di Banca Carime ancora detenuto da Banca Intesa (restando l usufrutto in capo a quest ultima). Nel contempo Deutsche Bank e BPCI hanno stipulato un opzione call ed un opzione put su tale partecipazione, a condizioni equivalenti a quelle già in essere fra BPCI e Banca Intesa. Benché il perfezionamento finanziario sia avvenuto il 14 novembre scorso, gli accordi stipulati hanno validità giuridica a decorrere dal 30 settembre L accordo, per quanto riguarda BPCI, non ha alcuna valenza strategica in quanto non modifica gli impegni patrimoniali previsti per il 2006 a fronte dell esercizio delle opzioni, ha portato al riconoscimento, fino al 2006, di un beneficio economico il cui importo attualizzato è quantificabile in 15 milioni di euro. Si informa inoltre che, nell ambito del citato progetto di fusione, in data 30 dicembre 2002 tra BPCI e Commercial Union Vita è stato stipulato un patto parasociale avente ad oggetto, tra l altro, la distribuzione di dividendi in Banca Carime in misura non inferiore al 90% dell utile realizzato in ciascun esercizio di riferimento, a far data dall esercizio 2003 e pertanto con l approvazione del relativo bilancio nell anno PERSONE FISICHE E GIURIDICHE CHE ESERCITANO IL CONTROLLO SULL EMITTENTE Il controllo sull Emittente è esercitato da Banche Popolari Unite Scarl a decorrere dal 1 luglio La natura del controllo, ai sensi dell art. 93 del Testo Unico Finanza, è quella indicata all art. 2359, primo comma, n. 1) codice civile. Negli ultimi tre anni gli assetti societari della cessata Banca Carime hanno registrato il seguente cambiamento: in data 29 giugno 2001 il controllo è stato trasferito da Banca Intesa SpA che lo deteneva dal a BPCI FIN SpA, finanziaria del Gruppo Banca Popolare Commercio e Industria, mediante stipula di atto di compravendita di quota azionaria corrispondente al 75,0208% del capitale. 8

10 Con decorrenza 1 luglio 2003, in dipendenza della aggregazione tra i Gruppi BPCI e BPB, il controllo sull Emittente è esercitato da Banche Popolari Unite Scarl, Capogruppo del Gruppo Banche Popolari Unite. 2.3 IL GRUPPO BANCARIO DI CUI FA PARTE L EMITTENTE L Emittente fa parte del gruppo Banche Popolari Unite, iscritto con decorrenza 1 luglio 2003 al numero all Albo dei Gruppi Bancari costituito presso la Banca d Italia. La composizione del Gruppo è la seguente: Banche Popolari Unite Scrl (Capogruppo); Banca Popolare di Bergamo SpA Banca Popolare Commercio e Industria SpA Banca Carime SpA Banca Popolare di Ancona SpA Banca Popolare di Todi SpA Cassa di Risparmio di Fano SpA BPB Leasing SpA Bergamo Esattorie SpA Investimenti Piccole Imprese SpA Ancona Tributi SpA BPB SIM SpA B.D.G. Finanziaria S.A. The Sailor s Advisory Company S.A. Plurifid SpA Centrobanca Studio Finanziario SpA Esaleasing SpA BPB International Finance PLC Centrobanca Sviluppo Impresa SGR SpA Banque de Depots et de Gestion S.A. Finanzattiva Servizi Srl Finanzattiva Sim SpA BPB Prumerica Global Investments SGR SpA Centrobanca SpA BPB Funding LLC BPB Capital Trust 24-7 SpA BPB Immobiliare Srl BPB Partecipazioni Assicurative SpA Albenza Tre Società per la cartolarizzazione Srl Imiweb Bank SpA Immobiliare Panda Srl BPCI Funding LLC BPCI International S.A. BPCI Capital Trust BPCI Trust Company Ltd. 9

11 DOCUMENTO ALLEGATO STRUTTURA DEL GRUPPO E AREA DI CONSOLIDAMENTO 10

12 3. INFORMAZIONI SUL CAPITALE SOCIALE DELL EMITTENTE E SUL PATRIMONIO DI VIGILANZA 3.1 CAPITALE SOCIALE Ai sensi delle vigenti disposizioni di legge e dell art. 5 dello Statuto Sociale, il capitale sociale è di Euro ,00, ripartito in n azioni ordinarie del valore nominale di Euro 1,00 ciascuna. Le azioni sono nominative ed indivisibili. Ogni azione dà diritto ad un voto. Oltre alle azioni ordinarie potranno essere emesse anche azioni fornite di diritti diversi. La partecipazione al capitale sociale è regolata dalle norme vigenti. Lo Statuto dispone inoltre all art. 27 che << Gli utili netti risultanti dal bilancio sono così distribuiti: a) alla riserva legale, in misura pari al 5%, sino a che il fondo non abbia raggiunto un quinto del capitale sociale; b) la restante parte a disposizione dell'assemblea, la quale potrà, in via alternativa o cumulativa, destinarla agli azionisti, alla formazione ed all'incremento di altre riserve e, in misura non superiore al 3%, ad un fondo destinato ad erogazioni per finalità culturali, sociali o di beneficenza, la cui utilizzazione è rimessa alle determinazioni del Consiglio di Amministrazione, secondo gli indirizzi fissati dall'assemblea. I dividendi non riscossi entro cinque anni dal giorno della loro esigibilità andranno prescritti a favore della Società.>> Non esiste capitale sottoscritto ancora da liberare. 3.2 CAPITALE DELIBERATO E NON SOTTOSCRITTO Il Capitale dell Emittente alla data del presente prospetto risulta deliberato e interamente sottoscritto. Non esistono impegni per l aumento di capitale o deleghe agli Amministratori attributive del potere di deliberare aumenti di capitale. 3.3 PATRIMONIO DI VIGILANZA Al 30 giugno 2003 il patrimonio di vigilanza di Banca Carime ammonta a Euro ; alla medesima data il patrimonio di vigilanza del Gruppo BPCI, cui l Emittente è appartenuta fino alla medesima data, ammonta invece a Euro milioni. 11

13 4. INFORMAZIONI RELATIVE ALL ANDAMENTO RECENTE ED ALLE PROSPETTIVE DELL EMITTENTE 4.1 FATTI DI RILIEVO SUCCESSIVI ALLA CHIUSURA AL 31 DICEMBRE 2002 Per quanto riguarda i fatti di rilievo avvenuti dopo la chiusura dell esercizio contabile 2002, in seguito alla presentazione dell istanza di autorizzazione (6 febbraio 2003), il 13 marzo 2003 la Banca d Italia ha approvato, ai sensi dell art. 57 del T.U.B., la realizzazione dell operazione di fusione fra la Banca Popolare di Bergamo - Credito Varesino Scrl, la Banca Popolare Commercio e Industria Scrl e la Banca Popolare di Luino e di Varese SpA controllata da BPCI, fusione che ha dato vita alla nascita di Banche Popolari Unite Scrl. Nell ambito di questo più generale progetto di integrazione, come specificato nel Capitolo del presente Documento relativo ai Rischi connessi al Progetto di integrazione fra il Gruppo BPCI e il Gruppo BPB, la Banca d Italia ha autorizzato l incorporazione di Banca Carime nella controllante BPCI FIN SPA ai sensi dell art. 57 del T.U.B. e, contestualmente, l esercizio dell attività bancaria in capo alla Finanziaria incorporante, ex art. 14 del T.U.B., che ha assunto pertanto il nome di Banca Carime Spa. In base al Progetto di fusione, che è stato depositato e iscritto presso il Registro delle Imprese di Cosenza in data 25 marzo 2003, BPCI FIN ha proceduto ad un aumento del capitale sociale al servizio dell operazione di fusione per un importo pari a Euro ,00, elevando, così, il relativo ammontare ad Euro ,00 ed ha assunto la denominazione sociale di Banca Carime SpA trasferendo la propria sede legale in Cosenza, Viale Crati s.n.c. Con effetto dal 1 luglio 2003, l incorporante BPCI FIN ha assunto lo Statuto già approvato dall Assemblea straordinaria il 6 giugno 2002, con ulteriori modifiche agli articoli 1, 2 e 5 conseguenti alla fusione. E stato inoltre modificato l art. 15 con riferimento al numero minimo di Amministratori, elevato da quattro a nove. Il rapporto di cambio azionario è di n. 1 azione ordinaria BPCI FIN SpA, da nominali Euro 1,00 cadauna, ogni n. 1 azione ordinaria Banca Carime SpA da nominali Euro 0,51 cadauna. Relativamente alla modalità di assegnazione delle azioni, l attribuzione del numero di azioni necessarie per rispettare il rapporto di cambio è stata soddisfatta in parte attraverso le azioni emesse a seguito dell aumento di capitale sociale e in parte attraverso una parziale redistribuzione delle azioni già in circolazione. A seguito del perfezionamento dell operazione di fusione per incorporazione, BPCI FIN ha proceduto 1. all annullamento senza sostituzione delle azioni ordinarie Banca Carime di titolarità della società incorporante ; 2. alla emissione di n azioni ordinarie BPCI Fin S.p.A. da nominali euro 1,00 cadauna assegnate agli azionisti terzi di Banca Carime S.p.A., e con ulteriore assegnazione a questi ultimi azionisti di n azioni derivanti dalla parziale redistribuzione delle azioni BPCI Fin S.p.A. in circolazione, azioni che sono state pertanto annullate e riemesse; dette assegnazioni sono state effettuate secondo il rapporto di equivalenza tra n. 1 azione Banca Carime del valore nominale di euro 0,51 cadauna e n. 1 azione BPCI Fin S.p.A., ed in modo da non alterare il rapporto tra i soci originari della incorporante e gli azionisti terzi dell'incorporata, né la proporzione di cui gli stessi partecipano al capitale della società incorporante. In particolare, l attribuzione agli azionisti terzi di Banca Carime di un numero di azioni complessivo pari a ha determinato un criterio di assegnazione di 0,88605 azioni BPCI FIN per ogni azione posseduta dagli stessi azionisti terzi di Banca Carime. A tale riguardo, Banca Popolare Commercio e Industria socio di maggioranza dell incorporante fino al 30 giugno 2003 ha dichiarato la propria disponibilità ad attribuire gratuitamente i diritti frazionari necessari per ottenere un numero intero di azioni della società risultante dalla fusione. Le operazioni di cambio sono state effettuate presso gli sportelli della banca incorporata a partire dal primo giorno successivo alla data di efficacia della fusione. Le azioni emesse per soddisfare il rapporto di cambio sono state messe a disposizione in regime di dematerializzazione e gestione accentrata. Così come previsto dall articolo 2501-bis, comma 1, n. 6) del Codice civile, le operazioni effettuate dalla società incorporanda sono state imputate al bilancio dell incorporante BPCI FIN a decorrere al 1 gennaio Dalla stessa data del 1^ gennaio hanno avuto decorrenza gli effetti fiscali della fusione nonché gli effetti nei confronti dei terzi. 12

14 Le Assemblee Straordinarie di Banca Carime Spa e di BPCI FIN Spa in data 30 aprile 2003 hanno approvato la fusione per incorporazione. La stessa è stata realizzata con atto per Notaio Piergaetano Marchetti del 16 giugno 2003, n /5306 di repertorio. In data 27 giugno 2003 la società Banca Carime SpA risultante dalla fusione è stata iscritta al Registro delle Imprese di Cosenza. 4.2 ANDAMENTO RECENTE E PROSPETTIVE DI BANCA CARIME Indicazioni generali sull andamento recente di Banca Carime Il CdA di Banca Carime del 4 settembre 2003 ha approvato la relazione semestrale al 30 giugno 2003 che ha fatto registrare un utile netto pari a 10,7 milioni di euro (6,7 a giugno 2002), in crescita del 60,1%. Tale risultato è stato conseguito nonostante la riduzione dei tassi di interesse registrata nel periodo ed una congiuntura economica sfavorevole. Fra gli eventi importanti che hanno interessato il Gruppo si segnalano: la costituzione della nuova Capogruppo BPU Banca a far data dal 1 luglio 2003 nata dalla fusione fra Banca Popolare di Bergamo S.c.r.l., Banca Popolare Commercio e Industria S.c.r.l. e Banca Popolare di Luino e Varese S.p.a., la fusione per incorporazione di Banca Carime nella Popolare Commercio e Industria Finanziaria S.p.a., che ha assunto la denominazione di Banca Carime, con efficacia dal 1 luglio Il modello organizzativo che adotterà la nuova Capogruppo è il modello federale puro, che consentirà alle banche reti (BPB, BPCI, Carime, Popolare di Ancona e altre banche controllate) di sviluppare in modo ancora più stretto il rapporto con i rispettivi territori di riferimento, rafforzando le proprie identità di impresa. La Capogruppo BPU Banca rappresenterà il soggetto strategico unificante in grado di fornire servizi di supporto, assicurare la conservazione dei valori e delle culture delle singole realtà, impartire gli indirizzi strategici ed effettuare il controllo tecnico-operativo e gestionale su tutte le società del Gruppo. Il nuovo Gruppo si caratterizza per una capitalizzazione di Borsa pari a circa 3,5 miliardi di Euro al 29 gennaio 2003, posizionandosi al 6 posto al livello nazionale e al 2 tra le Banche popolari Italiane. Ha circa 1200 sportelli, oltre 2,5 milioni di clienti e circa dipendenti sulla base dei dati consolidati del 2002 (7 gruppo a livello nazionale e 1 tra le Banche Popolari Italiane). L INTERMEDIAZIONE BANCARIA I crediti I crediti a clientela Il primo semestre 2003 è stato caratterizzato da una espansione degli impieghi economici per cassa riconducibile alla politica di recupero delle quote di mercato perdute anche per effetto della cessione di crediti a Banca Intesa. Complessivamente l incremento è stato di 236 milioni su base annua (+ 8,9%) e di 275 milioni rispetto a dicembre 2002 (+10,6%). Sotto l aspetto qualitativo si registra rispetto a giugno 2002 l incremento: dei crediti in bonis per 216 milioni (+8,3%); dei crediti problematici per 2 milioni (+6,3%); delle partite a sofferenza per 18 milioni. Crediti per cassa (Valore nominale) (dati in milioni di euro) comp. % comp. % comp. % Variaz. Giu.03/Giu.02 assoluta % Crediti in bonis , , , ,3 Crediti problematici 32 1,2 13 0,5 34 1,2 2 6,3 di cui: - Incagli 32 1,2 13 0,5 34 1,2 2 6,3 - Cred. corso di ristrutturaz. 0 0,0 0 0,0 0 0, Crediti ristrutturati 0 0,0 0 0,0 0 0, Crediti in sofferenza 0 0,0 16 0,6 18 0, Tot. crediti verso clientela , , , ,9 13

15 La composizione qualitativa è rimasta sostanzialmente invariata rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Infatti, i crediti in bonis rappresentano il 98,2% dell intero comparto (98,8% a giugno 2002), mentre i crediti problematici e le sofferenze si attestano complessivamente all 1,8% (1,2% a giugno 2002). Relativamente agli effetti economici derivanti dal processo di valutazione del rischio di credito si evidenzia che: i crediti problematici hanno generato riprese di valore per 7,4 milioni e rettifiche per 12,8 milioni determinate in massima parte dalle maggiori svalutazioni necessarie a coprire il rischio di credito degli ingressi da bonis determinati da un severo e definitivo processo di analisi dei crediti anomali; i crediti in sofferenza hanno determinato riprese di valore per 0,6 milioni e rettifiche per 4,6 milioni conseguenti, in buona parte, all esito negativo delle attività di recupero dei crediti di importo in sorte capitale non superiore a euro, per posizioni non cedute a Banca Intesa e affidate a società esterne. Infatti, su tali posizioni (complessivamente ammontanti a 12 milioni) la copertura del rischio di credito è stata aumentata dal 70% circa del 31 dicembre 2002 al 95%; i crediti in bonis hanno comportato rettifiche di valore per 3,1 milioni derivanti dall aumento dello stock. Tali variazioni hanno portato i fondi rettificativi dei crediti a complessivi 52 milioni (che rappresentano l 1,8% degli impieghi) contro 40 milioni di giugno 2002 (1,5% degli impieghi) (dati in milioni di euro) Valore Rettifiche Valore di Valore Rettifiche Valore Nominale Valore Bilancio Nominale Valore di Bilancio Crediti in bonis Crediti problematici di cui: - Incagli Cred. corso di ristrutturaz Crediti ristrutturati Crediti in sofferenza Tot. crediti verso clientela

16 Le forme tecniche più utilizzate sono i mutui ed altre operazioni a medio e lungo termine (53,2%), le aperture di credito in conto corrente (24,3%) ed i finanziamenti ad enti (9%). Forme tecniche (dati in milioni di euro) Importo Composiz. % Importo Composiz. % Conti correnti , ,3 Finanziamenti per anticipi s.b.f , Finanziamenti import-export 27 1,0 58 2,1 Portafoglio commerciale scontato 32 1,2 35 1,2 Portafoglio agrario e artigiano 48 1,8 43 1,5 Finanziamenti ad Enti , ,0 Mutui ed altre operazioni a medio/lungo termine , ,2 Altre sovvenzioni 59 2, ,6 Sofferenze ,1 Pronti contro termine TOTALE , ,0 L incremento degli impieghi per cassa ha interessato soprattutto i settori delle società non finanziarie e delle famiglie. In forte riduzione risultano gli utilizzi del settore della Pubblica Amministrazione. Settore di attività Variazione (dati in milioni di euro) Comp. % Comp. % Assoluta % Amministrazione pubblica , , ,3% Società non finanziarie , , ,2% Società finanziarie 49 1,9 34 1, ,6% Famiglie produttrici , ,6 1 0,2% Famiglie consumatr. e unità non classif , ,9 49 4,1% TOTALE , , ,6% Nel corso del primo semestre 2003 è proseguita l attività di sviluppo commerciale soprattutto nel settore corporate ove si continua a registrare positivi risultati del progetto Corporate Sud avviato nel 2002 nell ambito del Piano industriale di Gruppo: infatti, il segmento delle società non finanziarie ha registrato un incremento di 239 milioni rispetto a giugno Sono proseguite le attività tendenti a rendere più efficiente il processo di gestione del credito e di monitoraggio delle relazioni fiduciarie finalizzate ad una più rigorosa valutazione del comparto. Contestualmente sono state completate importanti iniziative per incrementare il numero dei clienti, principalmente imprese medio-piccole, con i quali stabilire rapporti fiduciari. In particolare sono state portate a termine le seguenti attività: avvio in produzione della procedura PEF Pratica di fido Elettronica limitatamente al segmento corporate; avvio del processo di Revisione automatica e semplificata dei rapporti fiduciari caratterizzati da regolarità andamentale, con fidi diretti a revoca di importo complessivo non superiore rispettivamente a e ; ampliamento delle deleghe di credito accordate agli Organi deliberanti di Rete per dare maggiore celerità all attività di concessione; definizione di schemi standard di convenzione con gli Organismi di Garanzia Collettiva al fine di accelerarne il perfezionamento; regolamentazione delle modalità di accesso al Fondo di Garanzia ex L.662/96 per le piccole e medie imprese. 15

17 I rischi di credito La valutazione ed il controllo del rischio di credito sono gestiti dalle filiali, coadiuvate dalle strutture centrali cui sono stati attribuiti in prevalenza compiti di monitoraggio e vigilanza. La vigilanza sul rischio di credito, assegnata al Servizio Auditing, consiste: nella verifica del corretto funzionamento dei processi di erogazione e gestione; nel controllo delle posizioni anomale finalizzato ad accertare l efficienza del sistema, nonché a promuovere gli eventuali interventi correttivi al fine di mantenere un elevata qualità del portafoglio. In merito alla gestione dei crediti problematici, al Servizio Crediti è attribuito il compito di: verificare il corretto svolgimento delle attività assegnate alla rete; decidere in merito alle posizioni di propria competenza; esprimere il parere sulle posizioni di competenza della Direzione Generale; assicurare la consulenza alla rete commerciale. Gli strumenti di analisi dell andamento delle relazioni consentono di individuare con tempestività le posizioni anomale. Queste sono sottoposte all attenzione dei gestori che valutano con obiettività la capacità di rimborso della clientela attraverso l analisi della situazione economica, finanziaria e patrimoniale e decidono gli interventi più opportuni. Tale processo è gestito tramite la procedura denominata Sicar Web che consente di determinare il grado di rischiosità del credito attraverso informazioni interne e esterne, quali quelle provenienti da banche dati esterne, da Tribunali e Conservatorie. Consente inoltre di seguire l iter gestionale delle posizioni problematiche anche attraverso la classificazione del credito nei diversi livelli di rischio. Per quanto riguarda le posizioni classificate ad incaglio, le valutazioni analitiche hanno riguardato gli utilizzi di importo unitario superiore a , mentre per la fascia più bassa è stato utilizzato il metodo delle valutazioni forfetarie. Per tale ultimo comparto le rettifiche sono state effettuate per classi omogenee, secondo il seguente schema: 5% per i crediti con piano di rientro in regolare ammortamento; 60% per le posizioni da trasferire a sofferenza; 20% per tutte le altre. Per i rapporti con rischio maggiore di , le rettifiche dei crediti incagliati sono state determinate considerando le prospettive di recupero e attribuendo una percentuale analitica di perdita presunta. La metodologia adottata per la valutazione dei criteri attiene la disamina degli elementi caratterizzanti ogni singola posizione di rischi quali: la situazione patrimoniale del cliente e dei garanti, le garanzie assunte a presidio dei rischi, il livello dell indebitamento nei confronti del sistema bancario e più in generale la situazione economico-finanziaria. Verso la fine del semestre è entrata in produzione una nuova procedura (Credit Miner di CRIF), che consente, relativamente al segmento retail, di tenere costantemente sotto controllo il portafoglio clienti ed offre, inoltre, utili informazioni per valutare le domande di concessione del credito. 16

18 La raccolta La raccolta globale da clientela ammonta al 30 giugno 2003 a milioni e registra un aumento su base annua di 210 milioni (+1,6%). In particolare: la raccolta diretta evidenzia una contrazione complessiva di 660 milioni (-8,7%) dovuta soprattutto alla riduzione di 655 milioni (-23,2%) registrata nel comparto della raccolta in titoli per effetto della manovra di rimborso anticipato di 609 milioni di obbligazioni della tipologia callable; la raccolta indiretta (valorizzata ai prezzi di mercato) è incrementata di 870 milioni (+15%), sia per il positivo andamento del risparmio gestito, che è aumentato di 726 milioni (+18,3%), sia per l espansione registrata dal risparmio amministrato (+144 milioni pari a +7,9%). Il peso della raccolta indiretta sull aggregato globale è aumentato rispetto all anno precedente attestandosi al 48,8% (43,2% a giugno 2002). L incremento della raccolta amministrata deriva da apposite politiche commerciali che hanno determinato l allocazione in questo comparto della provvista a medio-lungo termine. Evoluzione della Raccolta da clientela Variazione su giu. 02 (dati in milioni di euro) assoluta % Raccolta diretta ,7 debiti verso clientela ,1 debiti rappresentati da titoli ,2 passività subordinate clientela ,0 Raccolta indiretta ,0 risparmio amministrato ,9 risparmio gestito ,3 Raccolta globale ,6 Composizione della raccolta da Variazioni rispetto a clientela (Valori percentuali) Dic-02 Giu-02 Raccolta diretta 56,8% 55,2% 51,2% -4,0% -5,6% Debiti verso clientela 33,7% 35,6% 33,2% -2,4% -0,5% Debiti rappresentati da titoli 21,1% 17,7% 16,0% -1,7% -5,1% Passività subordinate clientela 2,0% 1,9% 2,0% 0,1% 0,0% Raccolta indiretta 43,2% 44,8% 48,8% 4,0% 5,6% Risparmio amministrato 13,6% 14,4% 14,4% 0,0% 0,8% Risparmio gestito 29,6% 30,4% 34,4% 4,0% 4,8% Raccolta globale 100,0% 100,0% 100,0% 17

19 Evoluzione della Raccolta per forma tecnica (dati in milioni) Assoluta % Variazione su giu. 02 Depositi a risparmio e altra raccolta ,9 Conti correnti ,3 Certificati di deposito ,1 Obbligazioni ,1 Passività subordinate collocate a clientela ,0 Pronti contro termine ,7 Raccolta diretta ,7 Titoli in amministrazione ,9 Raccolta gestita ,3 - Fondi comuni d'investimento ,7 - Gestioni patrimoniali ,5 - Raccolta assicurativa ,8 Raccolta indiretta ,0 Raccolta globale ,6 Rispetto a giugno 2002 l analisi di dettaglio per forma tecnica evidenzia: nell ambito della raccolta diretta, la crescita di conti correnti (+6,3%), la contrazione dei pronti contro termine (-37,7%), delle obbligazioni (-24,1%), dei certificati di deposito (-23,1%) e dei depositi a risparmio (-6,9%); nell ambito della raccolta indiretta, l andamento positivo dei fondi comuni di investimento (+25,7% pari ad una crescita di 794 milioni), dei titoli in amministrazione (+7,9% pari ad una crescita di 144 milioni) e della raccolta assicurativa (+13,8% pari ad una crescita di 59 milioni), nonché la diminuzione delle gestioni patrimoniali per 127 milioni (-28,5%). L ATTIVITÀ FINANZIARIA L OPERATIVITÀ IN TITOLI E SUL MERCATO INTERBANCARIO Nel corso del primo semestre del 2003 la gestione finanziaria è stata caratterizzata da scelte finalizzate a ottimizzare il processo di accentramento dei rischi sulla Capogruppo. In particolare, in previsione di ulteriori ridimensionamenti dei tassi a breve termine, attesa la decisione di gestire la liquidità strutturale con un contratto di finanziamento stand by di 3,5 miliardi di euro, è stato strutturato un contratto di interest rate swap che, a fronte di tassi interbancari in ribasso, garantirà per l intero esercizio una contribuzione fissa a conto economico. Il portafoglio titoli, già sensibilmente ridimensionato dalle scelte del recente passato, è stato ulteriormente ridotto per effetto delle scadenze e dell annullamento di uno stock di obbligazioni di nostra emissione. Complessivamente gli asset finanziari ammontano a milioni di euro (5.976 a fine 2002) con un decremento rispetto al sia del portafoglio titoli (-131 milioni) che della liquidità (-814 milioni). Valori di bilancio Variaz. su giu. 02 Variaz. su dic. 02 (importi in milioni) Assoluta % Assoluta % Titoli di proprietà , ,0 di cui: Titoli immobilizzati , ,6 Titoli non immobilizzati ,5 22 9,3 Interbancario netto , ,0 Crediti verso enti creditizi , ,5 Debiti verso enti creditizi , ,9 Totale Area Finanza

20 Non sono stati assunti rischi di cambio in quanto le posizioni in valuta sono state costantemente pareggiate. L OPERATIVITÀ IN CONTRATTI DERIVATI Con l obiettivo di ridurre i rischi finanziari, sono stati stipulati diversi contratti derivati a copertura di alcuni titoli del portafoglio immobilizzato e delle nuove emissioni di obbligazioni strutturate che hanno garantito una notevole contribuzione al conto economico. A fine giugno risultano in essere i seguenti contratti derivati classificati come operazioni di copertura specifica: interest rate swap di copertura del rischio di tasso di titoli obbligazionari presenti nel portafoglio immobilizzato, per l importo nozionale di euro 500 milioni; put option di copertura di azioni del portafoglio di proprietà, per l importo nozionale di 3,8milioni; interest rate swap di copertura di finanziamenti interbancari, per l importo nozionale di euro milioni; interest rate swap di copertura di obbligazioni emesse, per l importo nozionale di 700 milioni; equity option di copertura di obbligazioni emesse, per l importo nozionale di 495 milioni. option floor implicite nei contratti interest rate swap stipulati a copertura di obbligazioni strutturate per l importo nozionale di 80 milioni; put option su obbligazioni emesse e sottoscritte da BPCI per l importo nozionale di 80 milioni. RAPPORTI INFRAGRUPPO Nel seguente prospetto sono evidenziati i principali rapporti in essere alla data di bilancio con le società appartenenti al Gruppo Variazione (importi in milioni ) A) Attività Crediti verso banche di cui: subordinati Obbligazioni ed altri titoli di debito B) Passività Debiti verso banche Debiti rappresentati da titoli I crediti ed i debiti verso banche si riferiscono esclusivamente a rapporti con Banca Popolare Commercio e Industria (precedente Capogruppo) e sono regolati a condizioni di mercato. Il prestito subordinato Upper tier two di 164 milioni di euro, collocato a clientela, è stato pareggiato nell attivo di bilancio da un deposito con la Capogruppo avente analogo livello di subordinazione con il riconoscimento di uno spread di 15 b.p.. IL PATRIMONIO NETTO E L ADEGUATEZZA PATRIMONIALE Il patrimonio di vigilanza ammonta a 985 milioni e registra un incremento di 28 milioni rispetto al determinato dall aumento dei prestiti subordinati e dalla riduzione dell entità dell avviamento per effetto dell ammortamento. Il fabbisogno patrimoniale necessario al rispetto dei requisiti patrimoniali è di 301 milioni; di conseguenza si determina un eccedenza patrimoniale di 684 milioni. Il coefficiente di solvibilità individuale è del 22,9%, rispetto al requisito minimo del 7,0% richiesto per le banche appartenenti a gruppi bancari. Il patrimonio netto contabile ammonta a 879,6 milioni (878,7 milioni al ). Rettificato del residuo avviamento da conferimento ammonta a 721,7 milioni (+18,5 milioni rispetto al ). 19

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008.

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008. Offerta pubblica di sottoscrizione di CAPITALE SICURO prodotto finanziario di capitalizzazione (Codice Prodotto CF900) Il presente Prospetto Informativo completo si compone delle seguenti parti: Parte

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A.

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A. BANCA SVILUPPO ECONOMICO Società per Azioni Sede sociale: 95128 Catania (CT), Viale Venti Settembre n. 56 Iscritta all albo delle Banche al n.3393 Capitale sociale Euro 6.146.855,00 Aderente al Fondo Interbancario

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CONVENZIONE QUADRO Espletamento dei servizi finanziari connessi all emissione di prestiti obbligazionari ed altri servizi finanziari accessori e servizio di advisory per la

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

SERVIZIO DI OPERATIVITÀ TRAMITE FILIALI DI ALTRE BANCHE DEL GRUPPO UNIONE DI BANCHE ITALIANE

SERVIZIO DI OPERATIVITÀ TRAMITE FILIALI DI ALTRE BANCHE DEL GRUPPO UNIONE DI BANCHE ITALIANE DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI - (Titolo VI Testo Unico Bancario - D. Lgs. 385/1993) FOGLIO INFORMATIVO Il presente Foglio

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Perché esistono gli intermediari finanziari

Perché esistono gli intermediari finanziari Perché esistono gli intermediari finanziari Nella teoria economica, l esistenza degli intermediari finanziari è ricondotta alle seguenti principali ragioni: esigenza di conciliare le preferenze di portafoglio

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori Documentazione Informativa e Contrattuale Sommario INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA, SUI SERVIZI D INVESTIMENTO E SULLA SALVAGUARDIA

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Relazioni e Bilancio di Esercizio 2013

Relazioni e Bilancio di Esercizio 2013 Relazionii e Bilancio di Esercizio 2013 Sede Legale: Via Calamandrei, 2555 52100 AREZZO Sede Amministrativa: Via Francesco De Sanctis, 11 00195 ROMA C.F. e P.IVA 01652770510 Capitale Sociale: euro 51.080.900

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI MEDIOLANUM S.P.A. IN BANCA MEDIOLANUM S.P.A. *** *** *** REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ARTICOLO 2501-TER DEL CODICE CIVILE PREMESSA A norma dell articolo

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli