Bilancio al 31 dicembre 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bilancio al 31 dicembre 2014"

Transcript

1 Bilancio al 31 dicembre 2014 Sassari, 11 aprile 2015 Banca di Sassari S.p.A. Bilancio

2 Bilancio al 31 dicembre 2014 SASSARI 11 aprile 2015 Pagina 1

3 Relazione del Consiglio di Amministrazione Pagina 2

4 1. IL CONTESTO ECONOMICO DI RIFERIMENTO L economia mondiale evidenzia nel 2014 dapprima una ripresa graduale e poi, a partire dai mesi estivi, un peggioramento degli indicatori congiunturali e delle attese di crescita per l Europa e il Giappone; anche le grandi economie emergenti rallentano il ritmo di espansione tendenziale. Le proiezioni mostrano solo un modesto rafforzamento della crescita economica internazionale, sebbene alcune tra le maggiori economie avanzate traggano beneficio dall attenuarsi di andamenti sfavorevoli e da politiche accomodanti. 1.1 LO SCENARIO GLOBALE Negli Stati Uniti la congiuntura segue un trend al rialzo a partire dall estate, con il contributo fortemente positivo dei consumi privati e investimenti che isolano la ripresa americana dalla debolezza del ciclo mondiale. Si creano 200 mila posti di lavoro al mese, con il tasso di disoccupazione inferiore al 6% e timidi segnali di crescita anche sul lato dell offerta con la riduzione degli inattivi. In Cina prosegue la fase di assestamento della crescita del PIL: i consumi e gli scambi commerciali forniscono un apporto positivo, ma il contributo degli investimenti si indebolisce (per il calo nel settore delle abitazioni residenziali e la flessione del credito bancario). In Giappone, l aumento dell imposta sui consumi determina una caduta del PIL nel secondo trimestre e, nei mesi successivi, incontra rilevanti difficoltà a ritrovare un appropriato ritmo di crescita; l economia nipponica risente della debole domanda estera (nonostante il deprezzamento dello yen), e della ancora moderata crescita della domanda interna. L inflazione globale risente del ribasso dei prezzi delle materie prime energetiche e non: le quotazioni del greggio perdono il 50% del proprio valore nell ultimo trimestre dell anno (causa la scarsa domanda mondiale, la sovrapproduzione dei paesi OPEC e Pagina 3

5 l autosufficienza energetica statunitense, quest ultima legata alle nuove tecniche estrattive non convenzionali). 1.2 LO SCENARIO CONTINENTALE Nel Regno Unito si evidenzia un andamento robusto dell economia nella prima parte dell anno, sulla scia della vigorosa domanda interna, poi normalizzatosi su valori attorno al 2%. In Europa, le tensioni geopolitiche fra Russia e Ucraina gravano sulle prospettive di crescita a breve termine e suscitano timori per ricadute più ampie sull intera economia dell Area e dei Paesi dell Est europeo, almeno per quelli più esposti agli effetti della crisi. Nell Area Euro, si conferma la debolezza economica in quei Paesi ove si registra una modesta espansione degli investimenti e delle esportazioni. Soprattutto nella seconda parte dell anno l economia subisce l impatto sfavorevole di fattori avversi, legati principalmente alle esigenze di aggiustamento dei bilanci pubblici nei paesi periferici, ai consumi privati e di riflesso alle nuove iniziative di investimento. L interscambio netto con l estero fornisce un contributo nullo alla crescita, specie nella componente attivata dai paesi emergenti e nell interscambio con l est Europa penalizzato, come già accennato, da fattori geopolitici. Il mercato del lavoro si stabilizza a partire dalla primavera, soprattutto nei settori dell industria in senso stretto e dei servizi. L occupazione evidenzia una crescita più decisa nell ultima parte dell anno interessando, oltre che le ore lavorate e le posizioni part time, anche il numero degli addetti e i lavori a tempo indeterminato. Questa dinamica, attribuita dalla BCE all impatto positivo della moderazione salariale e agli effetti delle recenti riforme del mercato del lavoro (le quali, pur fornendo minore tutela dell occupazione e forme di lavoro più flessibili, fanno sì che l occupazione risponda agli andamenti del prodotto con più rapidità e vigore rispetto all esperienza storica), consente la crescita dell occupazione di 600 mila unità su base annua (+0.4% sul 2013) e la leggera diminuzione del tasso di disoccupazione (11,4% al dicembre 2014, dall 11,8% del 2013). Pagina 4

6 L inflazione nell Area euro cala al +0,5% in media d anno, dall 1,4% del 2013, ma arrivando in dicembre a registrare un valore negativo (0,2%). Il forte rallentamento dei prezzi riflette il recente calo delle quotazioni del petrolio, ma anche i modesti rincari degli alimentari, dei beni industriali e dei servizi. 1.3 LO SCENARIO NAZIONALE In Italia si conferma il ritorno a una nuova fase negativa della congiuntura, dovuta al calo degli investimenti e al rallentamento della domanda estera. A fronte di un leggero miglioramento della spesa delle famiglie, il processo di accumulazione di capitale riporta un profilo negativo per l intero anno, mostrandosi molto sensibile all accresciuta incertezza che contraddistingue la domanda complessiva e il permanere di ampi margini di capacità produttiva inutilizzata. Per il 2014 il calo tendenziale del PIL è atteso al 0,4% che interessa tutti i maggiori comparti produttivi. Dal lato della domanda, alla diminuzione degli investimenti (2,5%), soprattutto in costruzioni (3,3%) e alla variazione negativa delle scorte, si contrappone un modesto aumento dei consumi (+0,3%) e il contributo positivo delle esportazioni nette (conseguenza, peraltro, di una crescita delle vendite all estero modesta, ma di entità superiore alle importazioni). Il mercato del lavoro riporta valori positivi in dicembre (dopo i primi segnali di ripresa del periodo estivo e il nuovo calo osservato in ottobre e novembre): gli ultimi dati ISTAT segnalano, per fine 2014, un numero di occupati in crescita su base annua circa 100 mila unità; d altra parte, i disoccupati raggiungono i 3 milioni 322 mila unità: il tasso di disoccupazione si posiziona al 12,9%, in aumento di 0,3 punti percentuali nei dodici mesi. 1.4 LO SCENARIO REGIONALE In Sardegna si registra un ulteriore contrazione dell attività economica, che rinvia al 2015 le aspettative di un miglioramento del ciclo economico. Pagina 5

7 In particolare, la produzione è in calo in tutti i settori, sia nel comparto delle costruzioni (che riduce la propria attività del 4,3%), sia nelle attività industriali (2,6%) e dei servizi (1,1%), specie quelli legati al commercio. L ulteriore caduta del ciclo economico si associa a un nuovo aumento del numero di persone senza lavoro e di cassaintegrati, anche se i ritmi risultano meno intensi dello scorso anno. Dal lato della domanda, un contributo nullo alla crescita viene dalla spesa per consumi, dopo tre anni di continuo calo, mentre continuano a diminuire gli investimenti produttivi (4,6% la media dell anno), sia la componente in macchinari e attrezzature che quella in costruzioni. Si riduce il flusso di vendite all estero (12,0%, la flessione congiunturale dei primi nove mesi del 2014), soprattutto di prodotti della raffinazione del petrolio; diminuisce, ma meno intensamente, anche la domanda estera di prodotti dei distretti lapideo, sugheriero e dell industria alimentare. La ridotta disponibilità di pecorino romano da avviare ai mercati esteri determina un sensibile aumento dei prezzi di vendita del prodotto finito e crescenti guadagni per le l intera industria lattierocasearia. La crescente domanda di materia prima e le pressioni sui costi dell intera filiera potranno avere nei prossimi mesi un impatto positivo anche sui prezzi alla produzione di latte di pecora e ridare margini di guadagno anche alle imprese pastorali. Il mercato del lavoro subisce un ulteriore deterioramento: nei primi nove mesi dell anno segnalano un rilevante aumento del tasso di disoccupazione (al 19,1% dal 14,8% di settembre 2013), arrivato a superare il 40% tra le donne e i più giovani. 2. L EVOLUZIONE DEI MERCATI FINANZIARI E CREDITIZI 2.1 LA SITUAZIONE GLOBALE Nel corso del 2014, i mercati finanziari sono caratterizzati da una marcata volatilità. Pagina 6

8 Dopo il buon andamento dei corsi azionari e obbligazionari del primo trimestre, a partire dall estate lo scenario si deteriora nuovamente in risposta al rallentamento del quadro macroeconomico internazionale, ai pericoli deflazionistici in Europa, alle attese di una politica monetaria meno accomodante negli Stati Uniti e in Gran Bretagna e alle diverse tensioni geopolitiche. 2.2 LA SITUAZIONE CONTINENTALE Nell Area Euro, il continuo calo dei prezzi e le scarse prospettive di crescita del PIL richiedono alla BCE diverse azioni di allargamento della base monetaria e di riduzione dei tassi di riferimento: il tasso di rifinanziamento si porta allo 0,05% e quello sui depositi diventa negativo al 0,2% con due interventi a giugno e settembre, mentre prendono avvio i piani di acquisto di ABS e Covered bond e i finanziamenti Tltro con scadenza quadriennale (condizionati alla concessione di crediti all economia). Dopo la pubblicazione di fine dicembre dei dati negativi sull andamento dei prezzi al consumo, l orientamento della politica monetaria risulta ancora più espansivo e l ipotesi di allargare ulteriormente la base monetaria trova conferma nella riunione del 22 gennaio 2015, quando si delibera la manovra di Quantitative Easing da oltre mille miliardi di Euro con l acquisto mensile (circa 60 miliardi) di titoli di stato dei Paesi dell Eurozona. Il 26 ottobre si pubblicano i risultati della valutazione approfondita (Comprehensive Assessment) condotta dalla BCE e dalle Autorità di vigilanza nazionali sulle maggiori banche dell Area Euro. Con l esercizio si misurano la qualità degli attivi (Asset Quality Review) e l adeguatezza degli accantonamenti delle banche a fronte dei crediti problematici; con uno stress test si stabilisce la capacità degli intermediari di resistere a eventuali shock macroeconomici avversi. L esercizio è propedeutico alla partenza (il 4 novembre) del Meccanismo di Vigilanza Unico, mentre la diffusione dei risultati accresce la trasparenza sulle condizioni degli intermediari e la fiducia nella solidità del sistema bancario dell Area dell Euro, rafforzandone la capacità di finanziare l economia. Ai numerosi interventi della BCE segue un ulteriore compressione dei rendimenti dei titoli di Stato e dei tassi del mercato monetario, che registrano continue flessioni: l'euribor Pagina 7

9 a tre mesi perde circa 20 basis points (portandosi allo 0,08% a fine anno), mentre la scadenza a sei mesi scende allo 0,20%. Contro le altre valute, l Euro si mantiene forte (attorno a 1,36 nei confronti del dollaro americano) fino all autunno, per poi mostrare decisi segnali di riduzione e portarsi a 1,21 a fine anno e a 1,12 in gennaio dopo l annuncio del Quantitative Easing. Il credito bancario al settore non finanziario nell Area Euro mostra una dinamica in continua diminuzione, sebbene si sia avuto un leggero rallentamento nella seconda parte dell anno. Tale inversione si spiega, secondo la BCE, con il calo dell incertezza seguito all adozione del Meccanismo di Vigilanza Unico e con l attuazione delle numerose misure non convenzionali finalizzate a migliorare le condizioni della raccolta bancaria e la capacità del Sistema creditizio di concedere prestiti. La variazione tendenziale del credito a residenti dopo aver raggiunto il 2,4% in giugno si riporta su 0,9% in novembre (ultimo dato disponibile). Tra i diversi settori, la dinamica dei finanziamenti alle famiglie (corretti per cessioni e cartolarizzazioni) si mantiene su valori pressoché stabili, aumentando leggermente nei mesi finali dell anno e collocandosi allo 0,7 per cento in novembre, rispetto allo 0,5% del terzo trimestre e allo 0,4% del secondo. La dinamica del credito al consumo e degli altri prestiti alle famiglie rimane pressoché invariata, mentre i prestiti per l acquisto di abitazioni forniscono un contributo positivo, in linea con l andamento dei prezzi degli immobili e il graduale rafforzamento dei mutui. Un profilo negativo, ma in lenta stabilizzazione caratterizza i prestiti alle società non finanziarie (anch essi corretti per cessioni e cartolarizzazioni) che a fine novembre 2014 registrano un tasso tendenziale attorno a 1,3% (2,5% a giugno), penalizzati soprattutto dalle componenti con scadenza a medio termine da 1 a 5 anni (1,7%) e dai finanziamenti a più lunga scadenza oltre i 5 anni (1,6%). 2.3 LA SITUAZIONE NAZIONALE Nel 2014 le quantità intermediate dalle Aziende di credito italiane registrano ritmi negativi, ma con un sostanziale consolidamento nei mesi finali dell anno: sulla base di Pagina 8

10 stime ABI, il totale dei prestiti al settore privato segna una variazione tendenziale negativa del 2,3%, in miglioramento rispetto al 3,8% di giugno e al 3,7% di dicembre Dopo 30 mesi di valori negativi, per l insieme delle controparti famiglie e imprese si rilevano, nei due mesi finali dell anno, una variazione tendenziale leggermente positiva (+0,1%) e un costante recupero rispetto al picco negativo registrato a fine I tassi di interesse sui nuovi prestiti si posizionano su livelli minimi e risultano in costante calo. Dalle segnalazioni del SIABI si rileva che il tasso medio sulle nuove operazioni per acquisto di abitazioni si riduce in dicembre al 2,8% (2,9% il mese precedente e 3,5% a fine 2013), segnando il valore più basso da luglio 2011, mentre lo stesso tasso di finanziamento alle imprese si porta al 2,5% (dal 3,5% di fine 2013). Continua a peggiorare la qualità del credito bancario a causa del basso profilo dell economia italiana, sia per la riduzione dell attività economica industriale che per i ridotti ricavi delle imprese. Gli ultimi dati ABI sulle sofferenze lorde mostrano nei mesi più recenti un ulteriore peggioramento, anche se con una dinamica in decelerazione: a novembre 2014 le sofferenze su crediti hanno superato 181 miliardi e segnano un aumento di 31,5 miliardi in più su base annua (+21,1%, in diminuzione rispetto al +27,2% di inizio anno), mentre le sofferenze nette raggiungono 84,8 miliardi (+12,2% la variazione annua, in decelerazione rispetto al +22,9% di inizio anno). In riduzione la raccolta diretta da clientela residente in Euro, per i valori particolarmente negativi della componente obbligazionaria (18,4% a dicembre) pur compensati dall ampliamento dei depositi da clientela (+2,4% tendenziale, il valore a dicembre); rimane positiva la dinamica dei conti correnti, la cui intensità cresce nel corso dell anno (+7,9% la variazione tendenziale a fine novembre). Dopo diversi anni di crescita ininterrotta, la domanda di depositi con durata prestabilita consegue valori molto negativi (10,5%), confermando come le pressioni sul costo del funding risultino contrastate riducendo le componenti della raccolta a scadenza più lunga e a maggior costo. Fortemente negativo il ritmo dei pronti contro termine. Pagina 9

11 2.4 LA SITUAZIONE REGIONALE L attività di intermediazione bancaria nell Isola si svolge in un contesto di congiuntura economica sfavorevole: il credito concesso all economia regionale si riduce ulteriormente (3,6% a novembre, condizionato dall andamento di consumi e investimenti di famiglie e imprese, anche se l offerta degli intermediari manifesta segnali di allentamento delle condizioni di accesso ai finanziamenti); la raccolta complessiva continua a incrementarsi nelle forme più liquide dei depositi, mentre si rilevano valori negativi per la componente obbligazionaria e per le altre forme a scadenza. Il sistema subisce un ulteriore peggioramento della qualità del credito. In particolare, le sofferenze lorde si posizionano a fine novembre attorno a milioni di euro (614 milioni in più su base annua), un valore pari al 14,1% dei prestiti complessivi; il solo dato riferito alle imprese si è attestato al 24,7%. Dal lato della raccolta, i dati evidenziano sostanziale stabilità nella prima parte dell anno e un profilo negativo nei mesi successivi: per la raccolta diretta la variazione tendenziale a fine periodo è del 2,6%, penalizzata dalla bassa crescita dei depositi (+1,4%) e dal ripiegamento delle obbligazioni (10,0%). 3. L ATTIVITA DELLA BANCA DI SASSARI NEL LE POLITICHE COMMERCIALI L azione commerciale del 2014 persegue le seguenti principali finalità: o la crescita dei volumi intermediati, con particolare attenzione agli impieghi e al risparmio gestito; o l aumento del cross selling sulla clientela esistente; o l incremento della redditività, derivante dall attività di intermediazione e dall erogazione dei servizi. La Banca consegue i suoi obiettivi pur in un contesto economico particolarmente difficile, a causa della perdurante crisi economica e occupazionale, della debole domanda di credito e del basso livello dei tassi di interesse. Pagina 10

12 3.1.1 La raccolta Nel perdurante contesto di grave difficoltà dell economia, il presidio della rete territoriale della Banca consente una significativa crescita al comparto della raccolta diretta da clientela ordinaria: al 31 dicembre 2014 si attesta a 1.407,7 milioni di Euro rispetto ai 1.375,3 milioni di fine 2013, pari a un incremento di 32,4 milioni corrispondente al +2,36%. Le forme tecniche maggiormente preferite dalla clientela nel corso dell esercizio 2014, sono fondamentalmente due: le disponibilità detenute in conto corrente, che si migliorano da 972,5 a 1.055,4 milioni di Euro, +8,52% pari a +82,9 milioni; i depositi a risparmio, che attestandosi a 38,1 milioni di euro, si incrementano del 2,56% pari a 1,0 milioni. L indice di produttività della raccolta diretta per dipendente si attesta a 2,6 milioni di Euro (in lieve miglioramento rispetto ai 2,5 di fine 2013), mentre l indice di struttura della raccolta diretta sul totale attivo perviene all 80,24%. Raccolta diretta da clientela (migliaia di Euro) 31dic14 31dic13 Variazione % dic13/ dic14 1. Conti correnti ,52 2. Depositi a risparmio ,56 3. Certificati di deposito (34,48) 4. Obbligazioni (10,66) 5. Pronti contro termine passivi (81,17) 6. Altra provvista ,64 raccolta da clientela ,36 Per il secondo anno consecutivo, ancora migliore risulta il quadro riferibile alla raccolta indiretta: 443,8 milioni di Euro al 31 dicembre 2014 rispetto ai 392,0 dell anno precedente. Pagina 11

13 L incremento che corrisponde a una variazione percentuale del +13,21 è dovuto al progresso di tutti i segmenti: +22,5 milioni sulla raccolta amministrata, pari a +7,27% +8,2 milioni sulla raccolta gestita, pari a +45,34% +21,1 milioni sui prodotti assicurativi, pari a +32,60%. L indice di produttività del risparmio amministrato per dipendente migliora a sua volta e raggiunge 0,81 milioni di Euro. La raccolta globale (diretta più indiretta), raggiunge i 1.851,5 milioni di Euro rispetto ai 1.767,3 del dicembre 2013, con un incremento di 84,2 milioni (+4,76%). Raccolta indiretta (migliaia di Euro) 31dic14 31dic13 Variazione % dic13/ dic14 1. Gestioni patrimoniali ,34 2. Risparmio amministrato ,27 3. Portafoglio premi assicurativi ramo vita ,60 raccolta da clientela , Gli impieghi Alla fine del 2014 gli impieghi in Euro e valuta a favore della clientela ordinaria (al netto dei dubbi esiti) raggiungono 1.270,2 milioni, sostanzialmente stabili nel confronto con il precedente dato di 1.271,9 al 31 dicembre 2013, registrando una diminuzione di 1,7 milioni di euro pari a 0,14%. La tenuta dello stock degli impieghi, nonostante la profonda e prolungata crisi del nostro territorio, è la conferma della consolidata politica di sostegno della Banca alle attività delle imprese locali e alle famiglie. L indice di struttura del comparto (crediti verso clientela sul totale attivo) si porta al 72,40% e l indice di produttività per addetto raggiunge i 2,3 milioni di Euro. La tabella espone la composizione degli impieghi sulla base delle forme tecniche. Dall analisi emerge un incremento (+1,10% su fine 2013) nel comparto dei mutui, che si attesta a 692,5 milioni di Euro e costituisce il 54,52% dell intero portafoglio. Pagina 12

14 L attività nel settore degli strumenti di pagamento e prestiti assistiti, gestita dalla Divisione Consumer, che presenta un incidenza del 20,39% sul totale, si attesta a 259 milioni di Euro a fine anno, con un calo dell 1,55%. Crediti verso clientela: composizione merceologica (migliaia di Euro) Tipologia operazioni 31dic14 31dic13 Var. % Importo Incid. % Importo Incid. % dic.13 /dic Conti correnti , ,69 (0,85) 2. Pronti contro termine attivi 3. Mutui , ,85 1,10 4. Carte di credito, prest. pers. e cessioni del V , ,68 (1,55) 5. Altre operazioni , ,02 (14,97) 6. Titoli di debito , ,50 (24,30) 7. Attività deteriorate , ,26 3, , ,0 (0,14) I conti correnti, con un incidenza percentuale del 9,62% dei crediti netti, si posizionano a 122,2 milioni, sostanzialmente in linea con il dato di fine Le altre operazioni, incidono per il 3,42% nel totale degli impieghi con un importo netto di 43,4 milioni di Euro, in diminuzione, rispetto all anno precedente, del 14,97%. Nell ambito della suddivisione della clientela per principali categorie di debitori spicca Altri 51,6% Crediti versoclientelaperdebitore Governiealtri entipubblici 0,4% Imprese finanziarie 1,9% Impresenon finanziarie 46,0% il comparto non finanziario che, con 584,4 milioni e una incidenza del 46%, risulta in diminuzione rispetto a fine 2013 (5,1%). In ripresa del 3,4% con 655,6 milioni i finanziamenti a favore degli altri operatori, che rappresentano le famiglie consumatrici e le altre entità senza scopo di lucro. Pagina 13

15 I finanziamenti concessi alle società finanziarie, si portano a 24,6 milioni, con un incremento del 32,1% rispetto all esercizio L analisi dell andamento del credito per branca di attività economica mette in Distribuzione dei finanziamenti verso impresenon finanziarie residenti 21,8% 21,4% Costruzioni Commercio all'ingrosso e al dettaglio Attività manifatturiere 5,7% 6,8% 19,9% Attività dei servizi dialloggio e di ristorazione Attività immobiliari Agricoltura sivicoltura e pesca 11,8% 12,6% Altre branche evidenza come primo prenditore il settore delle costruzioni (124,9 milioni) in diminuzione rispetto al dato dello scorso anno, seguito dal comparto del commercio all ingrosso e al dettaglio, che si posiziona a 116,3 milioni di euro. Crediti verso la clientela: valori lordi e rettifiche di valore (migliaia di Euro) Esposizione Rettifiche Rettifiche di Esposizione Grado di Lorda di valore valore di Netta copertura specifiche portafoglio Sofferenze ,18% Incagli ,80% Esposizioni ristrutturate ,86% Esposizioni scadute ,37% crediti deteriorati ,41% Altri crediti ,71% ,75% Sotto il profilo della qualità degli impieghi, si registra un aumento dei crediti deteriorati che assommano, in termini netti, a 148,2 milioni di Euro (+3,52% nei dodici Pagina 14

16 mesi) a fronte dei quali risultano contabilizzate rettifiche di valore per 113,7 milioni che portano il rapporto di copertura complessivo al 43,41%. L incidenza dei crediti netti della specie sul monte impieghi si porta all 11,67% (11,26% a dicembre 2013). I crediti in sofferenza, al netto delle rettifiche di valore per 97,7 milioni di Euro, si attestano a 70,2 milioni (+5,9 milioni di Euro da dicembre 2013). Il grado di copertura è pari al 58,18%, in aumento rispetto alla percentuale registrata alla fine dell esercizio precedente. Il rapporto sofferenze/impieghi netti passa dal 5,05% di fine 2013 all attuale 5,53%. Crediti verso la clientela: valori netti (migliaia di Euro) 31dic14 Esposizione Grado di netta Copertura 31dic13 Esposizione Grado di netta copertura Sofferenze ,18% ,22% Incagli ,80% ,65% Esposizioni ristrutturate ,86% ,28% Esposizioni scadute ,37% ,99% crediti deteriorati ,41% ,96% Altri crediti ,71% ,59% ,75% ,69% Gli incagli pervengono a 67,2 milioni di Euro al netto delle relative rettifiche di valore pari a 13,6 milioni, contro i 66,7 di dicembre Il rapporto di copertura migliora, attestandosi al 16,80%. L incidenza di questa classe sul totale del portafoglio si attesta al 5,29% (5,24% nel periodo a raffronto). I crediti ristrutturati, al netto di rettifiche di valore per 1,8 milioni di Euro, si portano a 2,5 milioni di Euro. Il grado di copertura registra un significativo miglioramento attestandosi al 41,86% (12,28% nel periodo a raffronto). Pagina 15

17 I crediti scaduti raggiungono, a valori netti, gli 8,3 milioni di Euro, in decremento di 2,5 milioni nei dodici mesi, con un grado di copertura che risulta del 7,37%. I crediti in bonis rappresentano l 88,33% del totale degli impieghi netti. Per i crediti della specie sono state stanziate rettifiche di valore di portafoglio che portano il rapporto di copertura allo 0,71% La posizione interbancaria netta A fine esercizio la posizione interbancaria netta registra un saldo positivo di 353,0 milioni di Euro, che si incrementa del 16,75% rispetto a fine dicembre La variazione risente sia dell incremento delle posizioni di credito (356,8 milioni di Euro al , rispetto ai 314,1 milioni del , +13,61%), per effetto del ricordato aumento nella raccolta da clientela; sia della diminuzione della posizione debitoria (3,8 milioni di Euro attuali contro gli 11,7 del periodo a raffronto), conseguenza delle minori necessità sulla movimentazione dei conti reciproci. Come di consueto, la liquidità è preferibilmente e pressoché totalmente collocata presso la Capogruppo BpER; solo residualmente viene impiegata presso altre Banche, sotto forma di depositi a vista L operatività finanziaria A fine 2014 la consistenza quantitativa dei titoli di proprietà della Banca registra una diminuzione del 34,11% (26,3 milioni di Euro, rispetto ai 77,1 del 31 dicembre 2013) attestandosi a 50,8 milioni. Dal punto di vista qualitativo si segnala la vendita di 10 milioni nominali di titoli obbligazionari Meliorbanca (ceduti sul mercato nel mese di dicembre per capitalizzare circa euro di utile) il cui ricavato si conferisce alla Capogruppo BpER in un conto di deposito a vista ottenendo, a rischio pressochè nullo, una più elevata remunerazione rispetto ai bassissimi rendimenti espressi dai mercati obbligazionari. I portafogli AFS (Available for Sale) e HFT (Held for Trading) si riducono, pertanto, a 0,1 milioni di Euro. L attività svolta sul portafoglio di proprietà, nel rispetto delle Direttive e dei Regolamenti di Gruppo, si ispira, come di consueto, a criteri di prudente gestione ed è costituita principalmente da operazioni di sostituzione dei titoli obbligazionari BpER Pagina 16

18 giunti a naturale scadenza con altrettante obbligazioni emesse dalla Capogruppo, ottimizzando il rendimento e riducendo nel contempo la rischiosità dell ormai ridotto portafoglio. Le obbligazioni BpER, sottoscritte utilizzando il ricavato delle scadenze, sono state appostate in bilancio per 50,7 milioni di Euro tra i crediti verso banche. Nel comparto estero la Banca, pur non detenendo significative posizioni in valuta, consegue buoni margini di guadagno, a seguito delle compravendite e dei finanziamenti in divisa perfezionati per pareggiare le operazioni di volta in volta disposte dalla clientela. Prosegue, inoltre, l attività di adeguamento ai continui aggiornamenti normativi imposti dalla Direttiva Europea MiFid. Si segnala che la struttura della Banca ha sostanzialmente adempiuto a quanto di sua competenza per rispettare le scadenze imposte dalla nuova normativa I nuovi prodotti e servizi e le relative azioni commerciali Nel 2014 si realizzano le seguenti azioni commerciali e di innovazione del portafoglio di servizi offerti alla clientela: lancio di nuovi prodotti di finanziamento destinati al settore economico agroalimentare con relativa campagna di comunicazione pubblicitaria; rilascio di un nuovo servizio, denominato Credito POS, consistente in una linea di affidamento a revoca per i possessori del terminale POS; rilascio del nuovo prodotto di finanziamento FIN SABATINI, destinato alle piccole e medie imprese acquirenti nuovi macchinari, impianti e attrezzature; attivazione del nuovo finanziamento FINJOB dedicato alle imprese che hanno attivato un programma di nuove assunzioni; introduzione di due pacchetti completi di prodotti bancari ed extrabancari evoluti, denominati rispettivamente Sinfonia e Fidelio, riservati alla clientela Private; Pagina 17

19 avvio alla commercializzazione del nuovo prodotto assicurativo P Maiuscola, destinato alla clientela Private; lancio del prodotto Arca Assicurazioni denominato Imprimis commercio, una nuova polizza del ramo danni rivolta alle piccole imprese commerciali e, in particolare, ai settori di vendita al dettaglio; lancio della nuova polizza assicurativa protezione Arca My Family Smart, la polizza temporanea caso morte; offerta di un prestito aziendale/professionale, ordinario e cambiario, riservato alle società calcistiche dilettantistiche iscritte alle delegazioni provinciali della FIGC (Federazione Italiana Giuoco Calcio); offerta del nuovo Prestito personale Valore Casa, destinato a finanziare interventi di ristrutturazione e riqualificazione energetica; lancio del nuovo conto online del Gruppo BpER Smarty_contonline, per l acquisizione di nuova clientela anche in zone non presidiate e a favore di potenziali clienti che prediligono il canale online per l apertura e la gestione del proprio conto corrente; campagna promozionale di Gruppo Diventa Smart, volta a incentivare e accelerare la migrazione alla nuova piattaforma di Internet & Mobile banking Smart Web/Mobile attraverso la partecipazione a un concorso a premi; potenziamento dell offerta multicanale ai Liberi Professionisti e alle Ditte individuali attraverso Smartweb Business ; attivazione del nuovo servizio di Phone Banking Smart contact che consente alla clientela Smart Web di effettuare operazioni o richiedere informazioni tramite gli addetti contact center o il servizio self service attivo 24 ore su 24; sostituzione della piattaforma di Corporate Banking Web CBI con la nuova denominata BpER CBI caratterizzata dal rinnovamento degli aspetti grafici e funzionali, nonché da una maggiore sicurezza nell operatività dispositiva; Pagina 18

20 sottoscrizione della convenzione con Cassa Forense relativa al collocamento di prodotti e servizi bancari, dedicati sia a un utilizzo professionale che personale agli iscritti e ai dipendenti della Cassa Forense e ai dipendenti degli Ordini Forensi. nuova offerta di prodotti bancari per gli agenti della Banca di Sassari che operano per la Divisione Consumer o sono convenzionati con il Gruppo BpER; lancio della carta di credito Covercard, che consente al cliente la personalizzazione dello sfondo della sua carta attraverso l inserimento di una propria immagine/foto; lancio della nuova carta prepagata ricaricabile Mastercard Pay Up 4U, rilasciabile esclusivamente attraverso il canale esterno alla Rete Filiali, costituito da Partner commerciali e Associazioni no profit; iniziativa di sviluppo commerciale Retail Cup Imprese Gruppo BpER 2014, realizzata in collaborazione con la Divisione Consumer e VISA sviluppare i comparti Monetica, POS e Multicanalità; per iniziativa di sviluppo commerciale Retail Cup 2014, realizzata sul segmento privati per tutte le Banche del Gruppo in collaborazione con Arca Assicurazioni, Master Card e Divisione Consumer, con il duplice obiettivo di valorizzare le specifiche competenze professionali della rete nei Danni diversi, Protezione, Multicanalità e Monetica; comparti campagna commerciale di Gruppo per il lancio del nuovo conto corrente Ti Premio, che incentiva l apertura di un nuovo conto corrente con un bene extrabancario (macchina da caffè); operazione a premi Amplifica la tua libertà per la promozione, mediante direct mailing, della carta con IBAN Carta corrente ai giovani tra i 18 e 27 anni, con omaggio dedicato ai sottoscrittori del servizio (cuffia audio); Pagina 19

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 - Risultato economico netto consolidato dei primi sei mesi 2013 pari a -232 milioni di euro (perdita per l esercizio

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015 Società per Azioni con Sede Legale in Cagliari Viale Bonaria, 33 Codice fiscale e n di iscrizione al Registro delle Imprese di Cagliari 01564560900 Partita IVA 01577330903 Iscrizione all Albo delle Banche

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

BANCA POPOLARE VOLKSBANK IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA POPOLARE VOLKSBANK APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013

BANCA POPOLARE VOLKSBANK IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA POPOLARE VOLKSBANK APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 BANCA POPOLARE VOLKSBANK IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA POPOLARE VOLKSBANK APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 Utile lordo di Euro 35,6 mln e utile netto di 18,8 mln

Dettagli

1 a 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari

1 a 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari Nel 21 il calo dei prestiti bancari alle imprese e alle famiglie consumatrici residenti in regione ha mostrato un attenuazione, cui hanno contribuito la

Dettagli

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10%

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% Utile netto consolidato a 100,3 milioni di euro, +11,2% a/a; investimenti per lo sviluppo dei canali di

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. L utile netto si posiziona a 42,7 milioni, mentre l utile netto normalizzato 2 si attesta a

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 Costante supporto all economia reale dei territori di insediamento: circa 3 miliardi di euro di crediti erogati alle famiglie e alle PMI, in condizioni di liquidità

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 COMUNICATO STAMPA BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 Performance commerciale: +20% turnover factoring nei primi nove mesi 2015 a/a Outstanding CQS/CQP al 30 settembre 2015 pari

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO GIUGNO 2005 NUMERO DICIOTTO CON DATI AGGIORNATI AL 31 DICEMBRE 2004 INDICE pag.5 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO

Dettagli

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Comunicato Stampa Risultati consolidati al 30 settembre 2006 Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Ricavi in crescita -

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il Roe consolidato a fine 2007 si attesta al 18,3% (17,5% nel 2006).

COMUNICATO STAMPA. Il Roe consolidato a fine 2007 si attesta al 18,3% (17,5% nel 2006). Capogruppo del Gruppo Bancario CREDITO EMILIANO CREDEM COMUNICATO STAMPA CREDEM, IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO CONSOLIDATO 2007(1): UTILE A 249,4 MILIONI DI EURO (+18,7%), ROE 18,3%, DIVIDENDO

Dettagli

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio.

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio. anno centodiciannovesimo esercizio Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013 esercizio CXIX 16. Il sistema finanziario Gli andamenti nell anno Nel il sistema finanziario

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009 SOCIETÀ PER AZIONI Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale Euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz. al Registro

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Le banche e le assicurazioni

Le banche e le assicurazioni IV 1 La redditività delle banche quotate Nei primi nove mesi del 213 la redditività delle principali banche quotate, misurata rispetto agli attivi ponderati per il rischio (RWA), è stata connotata da andamenti

Dettagli

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA Ricavi totali: 23,9 miliardi, +6,0% ( 22,6 miliardi al 30.09.2014) Risultato

Dettagli

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione.

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione. Veneto Banca rafforza il patrimonio promuovendo un operazione di aumento di capitale in opzione ai soci fino ad un massimo di 500 milioni di euro e la conversione del prestito obbligazionario convertibile

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve COMUNICATO STAMPA Margini in forte crescita e indici di solidità patrimoniale a livelli di assoluta eccellenza: il Gruppo Banca IFIS conferma la validità del modello di business anche in mercati instabili

Dettagli

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 SCHEDA DI SINTESI E INDICATORI DI GESTIONE Situazione al Variazione % 31/12/07 30/09/07 31/12/06

Dettagli

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013:

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: Nei primi sei mesi dell anno, la gestione economica del Gruppo ha generato un risultato della gestione operativa in

Dettagli

BANCA POPOLARE DI SPOLETO: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2011

BANCA POPOLARE DI SPOLETO: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2011 www.bpspoleto.it BANCA POPOLARE DI SPOLETO: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2011 Spoleto, 24 Agosto 2011 CRESCITA DELLA BANCA REALE Base Clientela a 137.943 unità (+2,8% rispetto al 31/12/10) Conti Correnti

Dettagli

Consiglio di amministrazione del 28 agosto 2014: approvazione del bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 giugno 2014.

Consiglio di amministrazione del 28 agosto 2014: approvazione del bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 giugno 2014. Società cooperativa per azioni - Fondata nel 1871 Sede sociale e direzione generale: I - 23100 Sondrio SO - Piazza Garibaldi 16 Iscritta al Registro delle Imprese di Sondrio al n. 00053810149 Iscritta

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione Relazione economica Posso dire che ritengo oggi ci siano tutte le condizioni per riportare la Banca al ruolo che le compete anche grazie all impegno dei colleghi, che ho potuto apprezzare in questo periodo,

Dettagli

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Filiali di Trento e di Bolzano L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Bolzano, 18 giugno 2013 L ECONOMIA REALE Nel 2012 l economia delle province autonome di Trento e di Bolzano si è

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 27 ottobre 2015 Approvata la relazione trimestrale al 30/09/2015 Utile netto a 244m, miglior risultato trimestrale degli ultimi 5 anni Margine di interesse

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

ESERCIZIO 2012 Relazione e Bilancio Consolidato

ESERCIZIO 2012 Relazione e Bilancio Consolidato ESERCIZIO 2012 Relazione e Bilanc io Consolidato 2 La struttura della sub-holding Banco di Sardegna S.p.A. Sede legale: Cagliari Sede amministrativa: Sassari 79,72% Banca di Sassari S.p.A. Sassari 91,16%

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio Consolidato al 31 dicembre 2005 redatto secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio Consolidato al 31 dicembre 2005 redatto secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Sede Legale Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede Amministrativa e Direzione Generale Sassari - Viale Umberto 36 Capitale Sociale Euro 147.420.075,00 i.v. Codice fiscale e numero di

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Utile netto consolidato a 75,3 milioni di euro: risente dell andamento negativo

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Data/Ora Ricezione 27 Marzo 2015 18:58:41 MOT - DomesticMOT Societa' : BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Identificativo Informazione Regolamentata : 55362 Nome utilizzatore

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29%

CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29% CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29% Utile netto consolidato +28,1% a/a a 128,5 milioni di euro;

Dettagli

CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A.

CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A. CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A. IMPORTANTE SOSTEGNO ALL ECONOMIA Prestiti a clientela (1) : +5,3% a/a (vs sistema -0,6%

Dettagli

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. Italia:

Dettagli

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A

COMUNICATO STAMPA CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A Raccolta da clientela (1) +11,8% a/a a 56.235 milioni di euro, con un incremento in valore assoluto di circa sei miliardi di euro a/a; raccolta

Dettagli

RAPPORTO BANCHE 1/2 0 1 5

RAPPORTO BANCHE 1/2 0 1 5 RAPPORTO BANCHE 1/2015 N. 1-2015 Il Rapporto Cer-Banche è frutto della ricerca in campo bancario svolta in questi anni dall'istituto. Il programma di attività ha condotto alla costruzione di un modello

Dettagli

GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA

GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 31 MARZO 2006 1 INDICE Prospetti contabili pag. 03 Note di commento ed osservazioni degli Amministratori pag. 04 Nota informativa pag. 04 La struttura

Dettagli

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005.

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005. COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005. In data 3 aprile u.s. la Banca d Italia ha emanato una circolare a tutti gli intermediari creditizi con cui disciplina

Dettagli

Business Plan 2010-2012 Conference Call

Business Plan 2010-2012 Conference Call Business Plan 2010-2012 Conference Call Adolfo Bizzocchi 11/01/2010 Agenda Il contesto attuale di mercato La posizione competitiva di Credem Il piano 2010-2012 CRESCERE PER CONTINUARE AD ECCELLERE 2 Il

Dettagli

CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008

CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008 CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008 Approvata la proposta di autorizzazione all acquisto e disposizione di azioni proprie Margine di intermediazione consolidato

Dettagli

INFORMAZIONI FINANZIARIE INFRANNUALI AL 30 GIUGNO 2010

INFORMAZIONI FINANZIARIE INFRANNUALI AL 30 GIUGNO 2010 INFORMAZIONI FINANZIARIE INFRANNUALI AL 30 GIUGNO 2010 Società Cooperativa Sede Sociale 47900 Rimini Via XX Settembre, 63 Iscritta al Registro Imprese C.C.I.A.A. di Rimini R.E.A. 287035 Codice Fiscale

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - prometeia OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO DICEMBRE 2008 NUMERO VENTICINQUE INDICE DEL VOLUME COMPLETO pag.9 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 11 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 15

Dettagli

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS Comunicato stampa Mestre, 29 aprile 2010 Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS UTILI IN FORTE CRESCITA: +107,8% SUL 4 TRIMESTRE 2009, +13,9% SUL 1 TRIMESTRE

Dettagli

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia Roma, 21 maggio 2013 Giovanni Sabatini Lo scenario di riferimento macro La dinamica del mercato del credito Risultati 2012 Primo trimestre 2013 Prospettive

Dettagli

Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati:

Dettagli

Consiglio di Gestione di Mediobanca

Consiglio di Gestione di Mediobanca Consiglio di Gestione di Mediobanca Milano, 7 marzo 2008 Approvata la relazione semestrale al 31 dicembre 2007 * * * Redditività in aumento malgrado il deterioramento dei mercati Aperte le filiali di Francoforte

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a)

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a) GRUPPO CARIPARMA CRÉDIT AGRICOLE: UTILE NETTO 2014 A 182 MILIONI (+21% A/A) TRAINATO DALLA GESTIONE OPERATIVA (+14% A/A); POSIZIONE PATRIMONIALE SOLIDA E LIVELLI PIÙ CHE ADEGUATI DI LIQUIDITÀ Il ha conseguito

Dettagli

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO 80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO INTERVENTO DEL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA DOTT. ANTONIO FAZIO Sommario 1. La congiuntura internazionale 1 2. La condizione dei mercati finanziari 3 3. La congiuntura

Dettagli

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Dopo un 2013 difficile chiuso con una forte perdita che aveva significativamente inciso la solidità patrimoniale della Banca, pur in un contesto

Dettagli

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 340 SCHEDA DI SINTESI E INDICATORI DI GESTIONE Situazione al Variazione % 31/12/11 30/09/11 31/12/10

Dettagli

GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA

GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA 31 Elisioni intersettoriali Le elisioni intersettoriali sono relative allo storno di ricavi e costi tra società del Gruppo appartenenti a settori diversi. In particolare il saldo negativo di 15 milioni

Dettagli

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE EQUILIBRI FONDAMENTALI DELLA GESTIONE ECONOMICA E FINANZIARIA 2 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTE DOMANDE? Perché le banche concedono prestiti? Come acquisiscono fondi?

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013 CAMERA DI COMMERCIO DI FIRENZE L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 213 U.O. Statistica e studi III 213 Da questo trimestre inizia la pubblicazione di un

Dettagli

Il presente documento è stato redatto da Banca Etruria Soc. Coop. a Responsabilità Limitata ( Banca Etruria e, unitamente alle sue controllate e

Il presente documento è stato redatto da Banca Etruria Soc. Coop. a Responsabilità Limitata ( Banca Etruria e, unitamente alle sue controllate e 4 Settembre 2012 Il presente documento è stato redatto da Banca Etruria Soc. Coop. a Responsabilità Limitata ( Banca Etruria e, unitamente alle sue controllate e consociate, il Gruppo Banca Etruria ).

Dettagli

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII Relazione Annuale - Roma, 31 maggio 2007 anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO esercizio CXIII Relazione Annuale - Presentata all Assemblea Ordinaria dei Partecipanti anno 2006 - centotredicesimo esercizio

Dettagli

1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO

1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO 1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO 13 1.1 Cenni sull economia Nel 2013 l economia mondiale è cresciuta ad un ritmo modesto. Il Prodotto Interno Lordo (PIL) mondiale è salito del 3% circa, in linea con il +3,1%

Dettagli

I NOSTRI PRODOTTI E SERVIZI IN CONVENZIONE CON LA CASSA FORENSE.

I NOSTRI PRODOTTI E SERVIZI IN CONVENZIONE CON LA CASSA FORENSE. Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Per tutte le condizioni contrattuali si rinvia ai fogli informativi a disposizione della clientela presso ogni filiale della Banca o sul sito bper.it.

Dettagli

Poste Italiane: fatturato e risultato operativo in crescita

Poste Italiane: fatturato e risultato operativo in crescita Poste Italiane: fatturato e risultato operativo in crescita Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati semestrali 2015 Deliberata la domanda di ammissione in quotazione e l adozione del nuovo

Dettagli

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2013 Pisa, 31 luglio 2014. La presenza bancaria in provincia di Pisa risente del processo di riorganizzazione che sta attraversando il sistema

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

R E D I T O. rispetto al trend del 12,2% rilevato. i dati elaborati. Bankitalia per local. q u a t t r o

R E D I T O. rispetto al trend del 12,2% rilevato. i dati elaborati. Bankitalia per local. q u a t t r o C R E D I T O 1 S e c o n d o i dati elaborati da Bankitalia per local i z z a z i o - ne della clientela, a fine giugno 2004 è stata registrata in provincia una crescita tendenziale degli impieghi 1 pari

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2011

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2011 CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2011 Margine di intermediazione consolidato pari a 5,68 milioni di euro (4,14 milioni di euro al IH2010) Risultato della gestione operativa

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA BANCARIA IN EUROPA 7 L attivo bancario 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 14 I titoli in portafoglio 17 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività

Dettagli

Risultati di Gruppo - 2011

Risultati di Gruppo - 2011 Risultati di Gruppo - 2011 Conference Call Adolfo Bizzocchi 16 Marzo 2012 Highlights del 2011 Il Margine Finanziario è salito (+3.3% a/a) a seguito di un significativo incremento dei volumi di impiego

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2014 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6 TAVOLA

Dettagli

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Società per Azioni avente unico socio Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8 Iscritta all'albo delle Banche al n. 5561-ABI n. 5428.8 Appartenente al Gruppo bancario Unione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei COMUNICATO STAMPA PRESS OFFICE Tel. +39.040.671180 - Tel. +39.040.671085 press@generali.com INVESTOR RELATIONS Tel. +39.040.671202 - Tel. +39.040.671347 - generali_ir@generali.com www.generali.com RISULTATI

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2017 DEL GRUPPO BPER

COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2017 DEL GRUPPO BPER COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2017 DEL GRUPPO BPER BECOMING BPER 5 S : Solidità - Semplicità Specializzazione Selettività Stakeholders Linee Guida del Piano 1. Rafforzamento

Dettagli

Comunicato stampa. BILANCIO CONSOLIDATO del Gruppo bancario Banca Popolare di Sondrio, esercizio 2015

Comunicato stampa. BILANCIO CONSOLIDATO del Gruppo bancario Banca Popolare di Sondrio, esercizio 2015 Società cooperativa per azioni - fondata nel 1871 Sede sociale e direzione generale: I - 23100 Sondrio So - Piazza Garibaldi 16 Iscritta al Registro delle Imprese di Sondrio al n. 00053810149 Iscritta

Dettagli

In cerca di un nuovo equilibrio

In cerca di un nuovo equilibrio Advisory In cerca di un nuovo equilibrio Le banche italiane tra qualità del credito, requisiti patrimoniali, recupero di redditività ed efficienza kpmg.com/it Indice Executive summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Allegato "14" Piero Luigi Montani Consigliere Delegato Contesto economico 2011 Scenario macroeconomico Economia mondiale 2011: crescita debole del PIL ed elevata instabilità finanziaria a causa delle tensioni

Dettagli

Performance positive nel 1 trimestre +84% la redditività nel settore finanziamento alle imprese

Performance positive nel 1 trimestre +84% la redditività nel settore finanziamento alle imprese COMUNICATO STAMPA PRIMO TRIMESTRE 2014 Performance positive nel 1 trimestre +84% la redditività nel settore finanziamento alle imprese Rispetto a marzo 2013 crescita del +23% del numero di professionisti

Dettagli

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole continua a generare redditività malgrado

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

Il credito in Toscana. III trimestre 2014

Il credito in Toscana. III trimestre 2014 Il credito in Toscana III trimestre 2014 Firenze, Febbraio 2015 Il contesto di riferimento Prosegue il rallentamento dei prestiti concessi dalle banche al settore privato italiano (-1,7% il dato di agosto

Dettagli

Italia: esposizioni deteriorate. (in % sul totale dei finanziamenti) 10,8 8,9 7,8 3,2 3,0 2,9 6,0 4,5 3,6

Italia: esposizioni deteriorate. (in % sul totale dei finanziamenti) 10,8 8,9 7,8 3,2 3,0 2,9 6,0 4,5 3,6 Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

TEA68TFI. materiali didattici per la seconda prova scritta delle discipline economico-aziendali COMPETENZE

TEA68TFI. materiali didattici per la seconda prova scritta delle discipline economico-aziendali COMPETENZE TEA68TFI materiali didattici per la seconda prova scritta delle discipline economico-aziendali COMPETENZE Istituti Tecnici - Settore Economico Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing TEMA DI ECONOMIA

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 VALORIZZATO IL RUOLO DI BANCA COMMERCIALE RADICATA SUL TERRITORIO, PUNTO DI

Dettagli

L attività degli intermediari finanziari

L attività degli intermediari finanziari L economia del Friuli Venezia Giulia L attività degli intermediari finanziari Aula Magna del Dipartimento di Scienze Giuridiche, Del Linguaggio, dell Interpretazione e della Traduzione Università di Trieste

Dettagli

CONFERMATA LA CAPACITÀ DEL GRUPPO DI EROGARE CREDITO IN MODO SANO ED EQUILIBRATO

CONFERMATA LA CAPACITÀ DEL GRUPPO DI EROGARE CREDITO IN MODO SANO ED EQUILIBRATO CREDEM: RISULTATI PRELIMINARI (1) CONSOLIDATI 2015: UTILE +9,5% A/A, PRESTITI +5,3% A/A, ELEVATA SOLIDITA CON CET1 (2) A 13,52% AMPIAMENTE SOPRA AL REQUISITO MINIMO SREP (7%) COSTANTE REDDITIVITA E GENERAZIONE

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza Report trimestrale sull andamento dell economia Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre SEI provvederà a mettere a disposizione delle imprese, con cadenza trimestrale, un report finalizzato

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2006

APPROVATA LA RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2006 APPROVATA LA RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2006 Il Consiglio di Amministrazione di Banca CR Firenze Spa, presieduto da Aureliano Benedetti, ha oggi deliberato la nomina del Vice Presidente e dei componenti

Dettagli

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni S.p.A. approva il Bilancio consolidato ed il Bilancio d esercizio al 31 dicembre 2012: Raccolta complessiva

Dettagli

VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE

VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE DOPO L ESITO POSITIVO DELL ASSEMBLEA DEL 19 DICEMBRE 2015 E LA CONSEGUENTE TRASFORMAZIONE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA * * *

COMUNICATO STAMPA * * * COMUNICATO STAMPA Si confermano solidi e in crescita gli indici patrimoniali Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 marzo 2015 pari al 12,45% (non include l autofinanziamento di periodo) rispetto al

Dettagli