SEZ.I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SEZ.I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE"

Transcript

1 FOGLIO INFORMATIVO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI AGGIORNAMENTO 10 OTTOBRE 2004 Emissione N 29 - Prestito Subordinato Ordinario PRESTITO SUBORDINATO ORDINARIO «CASSA DI RISPARMIO DI ORVIETO SPA GENNAIO 2005-GENNAIO 2012 A TASSO VARIABILE SUBORDINATO» di nominali Euro ISIN: IT Per conoscere il rendimento offerto da questo titolo si raccomanda di leggere attentamente il paragrafo Tasso annuo di interesse nominale e tasso annuo di rendimento effettivo al lordo della ritenuta fiscale della SEZ.II e il paragrafo Esemplificazione del rendimento dei titoli della SEZ.III di questo Foglio Informativo. Per il significato specifico dei termini scritti in Grassetto Corsivo si rimanda al "Glossario ABI per l'investitore in titoli strutturati e subordinati"ed alla legenda delle principali nozioni dell operazione SEZ III del presente Foglio Informativo. La documentazione informativa relativa al titolo in oggetto è conforme alle "Linee Guida in materia di informazioni da fornire al sottoscrittore", oltre che alle norme vigenti in materia. Inoltre, la banca emittente aderisce al protocollo PattiChiari informazioni chiare sulle obbligazioni bancarie strutturate e/o subordinate e Obbligazioni a basso richio-rendimento.. SEZ.I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE Denominazione e forma giuridica: Sede Legale e Sede amministrativa: Numero di iscrizione all Albo delle Banche tenuto dalla Banca d Italia: Gruppo Bancario di appartenenza e relativo numero di iscrizione all Albo dei Gruppi Bancari tenuto dalla Banca d Italia: Ammontare del Capitale Sociale e delle riserve al 31/12/2003: Rating: Conflitti d interessi: CASSA di RISPARMIO di ORVIETO S.P.A. (di seguito anche l Emittente ). Piazza della Repubblica, Orvieto (TR) L Emittente è una banca di diritto italiano. In quanto tale, l Emittente è iscritto all Albo delle Banche tenuto dalla Banca D Italia al n L Emittente è una Società facente parte del Gruppo Banca CR Firenze - Albo Gruppi Bancari n e soggetta a direzione e coordinamento da parte di Banca CR Firenze S.p.A. Registro Imprese n Il capitale sociale interamente versato e sottoscritto dell Emittente è di Euro ,40. Le riserve ammontano a Euro ,08 L Emittente non ha rating. Il rating della Capogruppo, Banca CR Firenze, è A2 di Moody s e A- di Fitch Ibca La Cassa di Risparmio di Orvieto SpA si trova in una situazione di conflitto di interessi essendo contemporaneamente banca emittente e collocatrice delle obbligazioni. SEZ. II - INFORMAZIONI SULLE CARATTERISTICHE DELL EMISSIONE Denominazione, ammontare nominale massimo dell emissione, numero delle obbligazioni, valore nominale unitario, regime di gestione accentrata delle obbligazioni: Data di apertura e chiusura del periodo di collocamento: L emissione del Prestito obbligazionario, denominato Prestito Subordinato Ordinario Cassa di Risparmio di Orvieto S.p.A. Gennaio 2005 Gennaio 2012 a Tasso Variabile Subordinato di nominali Euro è suddivisa in tagli da Euro per un totale di obbligazioni. L emissione sarà accentrata presso Monte Titoli S.p.A. in regime di dematerializzazione. dal 25 ottobre 2004 al 10 gennaio 2005, salvo chiusura anticipata senza preavviso. Data di Godimento: Il titoli hanno godimento 14 gennaio Prezzo di Emissione: I titoli sono emessi alla pari (100% del nominale). Durata: 7 anni, a partire dal 14 gennaio 2005 e fino al 14 gennaio Prezzo di rimborso e I titoli verranno rimborsati alla pari in un unica soluzione a scadenza. Modalità di rimborso: Commissioni ed eventuali altri oneri a Non sono previste commissioni di sottoscrizione né oneri ulteriori a carico degli obbligazionisti. carico della clientela per la sottoscrizione dei titoli nonché per operazioni sui certificati: Periodicità di corresponsione e date di pagamento delle cedole interessi: Tasso annuo di interesse nominale e tasso annuo di rendimento effettivo al lordo della ritenuta fiscale: Premi di rimborso e/o altri elementi Gli interessi verranno corrisposti in n 14 cedole semestrali posticipate pagabili il 14 luglio e il 14 gennaio di ogni anno, a partire dal 14 luglio 2005 fino al 14 gennaio Tasso lordo della prima cedola: sarà determinato in base alla media aritmetica dei tassi annui dell EURIBOR a 6 mesi relativa al mese di dicembre 2004, diminuita di 0,10 punti percentuali (10 basis point), divisa per 2. Il risultato ottenuto sarà arrotondato al terzo decimale più vicino. Tasso lordo delle cedole successive: sarà determinato in base alla media aritmetica dei tassi annui dell EURIBOR a 6 mesi, diminuita di 0,10 punti percentuali (10 basis point), divisa per 2. Il risultato ottenuto sarà arrotondato al terzo decimale più vicino. Parametro di Riferimento: Media aritmetica dei tassi annui dell EURIBOR (Euro Interbank Offered Rate) a 6 mesi rilevati a cura della Federazione Bancaria Europea (FBE), per valute relative ai giorni lavorativi del mese solare immediatamente antecedente il semestre di applicazione, di norma pubblicati dai maggiori quotidiani economici europei tra i quali il SOLE 24 ORE. Valore del Parametro di Riferimento (media aritmetica del mese di giugno), rilevato alla data del : 2,183%. IPOTESI DI RENDIMENTO EFFETTIVO LORDO DEL PRESTITO. Prendendo a base il valore assunto dal parametro di riferimento, rilevato alla data del (media aritmetica del mese di giugno) pari al 2,183%, ipotizzando una costanza nel tempo del valore del parametro, il rendimento effettivo risulta pari a 2,084% annuo lordo. Oltre al Rendimento Cedolare, l emissione non prevedere premi di rimborso e/o altri elementi che concorrono alla 1

2 che concorrono alla determinazione del rendimento dei titoli: Regime fiscale cui sono assoggettati i titoli: Termine di prescrizione per l esercizio del diritto di rimborso del capitale e degli interessi: Clausole di rimborso anticipato a favore dell emittente ovvero dei portatori dei titoli: Clausole di subordinazione: Altri oneri, condizioni, gravami di qualsiasi natura che possano incidere sui diritti dei portatori dei titoli: Garanzie che assistono l emissione: determinazione del rendimento dei titoli. Gli interessi, i premi e gli altri frutti delle obbligazioni sono soggetti al regime fiscale previsto dal D.Lgs. 1 Aprile 1996, n.239, con applicazione dell aliquota del 12,50%. Le plusvalenze derivanti dalla vendita dei titoli saranno soggette al regime fiscale previsto dal D. Lgs. 21 novembre, N.461, con applicazione dell aliquota del 12,50%. Il diritto alla riscossione degli interessi si prescrive decorsi cinque anni dalla data di pagamento degli stessi. Il diritto al rimborso del capitale si prescrive decorsi dieci anni dalla data in cui l obbligazione è rimborsabile. Non sono previste clausole di rimborso anticipato dei titoli a favore dell Emittente ovvero a favore dei portatori dei titoli. In caso di liquidazione della Cassa di Risparmio di Orvieto S.p.a., le obbligazioni saranno rimborsate solo dopo che siano stati soddisfatti tutti gli altri creditori non ugualmente subordinati. Non sono previsti altri oneri, condizioni, gravami di qualsiasi natura che possano incidere sui diritti dei portatori dei titoli. Non sono previste garanzie (reali o personali) a tutela dei portatori dei titoli. I titoli non sono coperti dalla garanzia del fondo interbancario di tutela dei depositi. Clausola di convertibilità in altri titoli: I titoli non possono essere convertiti in altri titoli. Ulteriori diritti connessi con i titoli: Criteri di riparto: Clausole limitative della trasferibilità e/o della circolazione dei titoli: Mercati presso i quali è prevista la negoziazione dei titoli: Impegno dell Emittente o del Collocatore a fornire su base continuativa prezzi di acquisto e di vendita dei titoli: Soggetti terzi incaricati dei servizi connessi con l emissione: Non esistono ulteriori diritti connessi ai titoli, salvo il diritto alla percezione degli interessi ed al rimborso del capitale. Nel caso in cui la quantità delle obbligazioni richieste ecceda l entità dell offerta, verrà assegnata a ciascun sottoscrittore, seguendo l ordine di presentazione delle domande, una quantità massima di n.1 obbligazione, pari al valore nominale di Eur Qualora l ammontare dell offerta non fosse sufficiente a coprire l assegnazione, verrà seguito, per l esclusione, l ordine cronologico di presentazione delle domande. In caso di presentazione contemporanea, si procederà al sorteggio. L eventuale rimanenza verrà utilizzata, sempre seguendo l ordine cronologico di presentazione delle domande, per l assegnazione di un ulteriore quantità massima di n.1 obbligazione, e così via, fino a completo esaurimento dell ammontare del prestito. Non esistono clausole limitative della trasferibilità e/o della circolazione dei titoli. Non è prevista la negoziazione dei titoli su alcun mercato regolamentato. Le obbligazioni non sono quotate su mercati regolamentati. Il disinvestimento dei titoli rappresentativi potrà, pertanto, essere eseguito presso gli sportelli della Cassa di Risparmio di Orvieto S.p.A. ai valori che la stessa stabilisce sulla base del proprio sistema di scambi organizzati di strumenti finanziari. La Banca d Italia vieta all Emittente di eseguire riacquisti dalla Clientela di quote di prestito subordinato che eccedano la soglia massima del 10% del totale del prestito emesso. Pertanto, al raggiungimento di tale soglia, la Banca cesserà di porsi come controparte acquirente. Per agevolare eventuali ulteriori necessità di disinvestimento dei sottoscrittori, la Banca si rende comunque disponibile a porsi quale intermediario nella ricerca presso la propria Clientela di acquirenti delle quote da disinvestire, impegnandosi a fornire, all occorrenza, i prezzi indicativi di acquisto e di vendita delle obbligazioni stesse che, in relazione all andamento del mercato, potrebbero risultare inferiori al valore nominale. Nel caso in cui risulti impossibile, anche con l ausilio della Banca, trovare una controparte acquirente e la Banca abbia raggiunto la soglia massima di riacquisti consentiti (10% del totale emesso), l operazione di disinvestimento non potrà essere eseguita. Il servizio dei titoli sarà effettuato dall Emittente per il tramite della Monte Titoli S.p.A. 2

3 SEZ. III - INFORMAZIONI SUI RISCHI DELL OPERAZIONE Tipologia di rischio che caratterizza l investimento nei titoli: Assenza di Quotazione su mercati regolamentati e disinvestimento dei titoli: Garanzie che assistono l emissione: Componente derivativa implicita nei titoli e rendimento effettivo lordo, calcolato sulla base del prezzo d emissione e del valore della suddetta componente derivativa: Esemplificazioni circa i possibili effetti sul rendimento dei titoli a seguito dell attivazione delle clausole di rimborso anticipato: Clausole di subordinazione: Esemplificazione del rendimento dei titoli: L operazione è soggetta al rischio di tasso, per cui ad un aumento dei tassi di mercato segue una riduzione del valore di mercato del titolo e al rischio emittente, per cui, acquistando il titolo si diventa finanziatori dell emittente assumendo il rischio che questi non sia in grado di onorare i propri obblighi relativamente al pagamento delle cedole ed al rimborso del capitale. Le obbligazioni non sono quotate su mercati regolamentati. Il disinvestimento dei titoli rappresentativi potrà, pertanto, essere eseguito presso gli sportelli della Cassa di Risparmio di Orvieto S.p.A. ai valori che la stessa stabilisce sulla base del proprio sistema di scambi organizzati di strumenti finanziari. La Banca d Italia vieta all Emittente di eseguire riacquisti dalla Clientela di quote di prestito subordinato che eccedano la soglia massima del 10% del totale del prestito emesso. Pertanto, al raggiungimento di tale soglia, la Banca cesserà di porsi come controparte acquirente. Per agevolare eventuali ulteriori necessità di disinvestimento dei sottoscrittori, la Banca si rende comunque disponibile a porsi quale intermediario nella ricerca presso la propria Clientela di acquirenti delle quote da disinvestire, impegnandosi a fornire, all occorrenza, i prezzi indicativi di acquisto e di vendita delle obbligazioni stesse che, in relazione all andamento del mercato, potrebbero risultare inferiori al valore nominale. Nel caso in cui risulti impossibile, anche con l ausilio della Banca, trovare una controparte acquirente e la Banca abbia raggiunto la soglia massima di riacquisti consentiti (10% del totale emesso), l operazione di disinvestimento non potrà essere eseguita. Non sono previste garanzie (reali o personali) a tutela dei portatori dei titoli. I titoli non sono coperti dalla garanzia del fondo interbancario di tutela dei depositi. L emissione non prevede alcuna componente derivativa. L emissione non prevede clausole di rimborso anticipato. In caso di liquidazione della Cassa di Risparmio di Orvieto S.p.A., le obbligazioni saranno rimborsate solo dopo che siano stati soddisfatti tutti gli altri creditori non ugualmente subordinati. Il parametro di riferimento per la determinazione del tasso è la media aritmetica dell EURIBOR a 6 mesi (Act/360), calcolata dalla FBE per il mese antecedente il semestre in applicazione. Il valore di tale parametro, rilevato al 20 luglio 2004, risulta pari al 2,183%. Di conseguenza, in base alle indicazioni fornite in Sez. II al punto Tasso annuo d interesse nominale e tasso annuo di rendimento effettivo al lordo della ritenuta fiscale, la cedola semestrale è pari all 1,042% lordo. Ipotizzando la costanza nel tempo del suddetto valore del parametro, il rendimento effettivo annuo lordo delle obbligazioni sarebbe il 2,084%. EURIBOR LEGENDA DELLE PRINCIPALI NOZIONI DELL OPERAZIONE Parametro di riferimento dei tassi a breve periodo, è costituito dalla media delle quotazioni effettuate dalle più importanti banche europee che si sono impegnate a segnalare quotidianamente i tassi offerti (tassi lettera) alle migliori controparti bancarie. PARAMETRO DI RIFERIMENTO Riferimento adottato per la determinazione delle cedole future di un determinato titolo. EMISSIONE OBBLIGAZIONARIA SUBORDINATA ORDINARIA RENDIMENTO EFFETTIVO A SCADENZA SISTEMA DI SCAMBI ORGANIZZATI DI STRUMENTI FINANZIARI (SSO) Complesso di titoli obbligazionari oggetto di una singola operazione di finanziamento. E un emissione di rango inferiore rispetto ai crediti di tutti gli altri creditori (compresi, per le banche, i depositanti). In caso di liquidazione dell ente emittente i titolari di detti prestiti vengono rimborsati solo dopo che risultino soddisfatti tutti gli altri creditori non ugualmente subordinati. Risultato espresso in percentuale annua, dei redditi prodotti da un titolo di Stato (BTP, CCT) o da un obbligazione. E dato dalla differenza tra il prezzo pagato al momento dell acquisto del titolo e il valore attuale del prezzo riscosso al momento del rimborso e di tutte le cedole percepite nonché degli interessi maturati sulle cedole che si suppongono reinvestite. E un insieme di regole e di strutture, anche automatizzate, che consente in via continuativa o periodica: a) di raccogliere e diffondere proposte di negoziazione di strumenti finanziari. b) di fare incontrare dette proposte in modo da determinare la conclusione dei contratti. Come stabilito da Consob, il risparmiatore può essere informato allo sportello sul criterio di fissazione dei prezzi in acquisto e vendita e sul prezzo applicato nell ultima transazione conclusa in quella Filiale (o in ogni altra Filiale della stessa banca), sulla stessa obbligazione. Copia del presente Foglio Informativo è a disposizione gratuita presso questa Filiale 3

4 4

5 Società per Azioni, Sede Sociale e Direzione Generale Orvieto, Piazza della Repubblica n 21 Registro delle Imprese di Terni, Codice Fiscale e Partita IVA Cap. Soc. Euro ,40 i.v. Albo delle Banche n Gruppo Banca CR Firenze Iscritto all'albo Gruppi Bancari n Filiale, (luogo e data) Spett.le/Egr. Sig. (NDG ) DOCUMENTO DI SINTESI ai sensi della delibera CICR del 4 marzo 2003 e successive disposizioni Prestito Subordinato Ordinario «Cassa di Risparmio di Orvieto S.p.A. Gennaio 2005 Gennaio 2012 a tasso variabile subordinato» - Codice ISIN IT CONDIZIONI ECONOMICHE DURATA: 7 anni, a partire dal 14 gennaio 2005 e fino al 14 gennaio PREZZO DI EMISSIONE, RIMBORSO E MODALITÀ DI RIMBORSO: I titoli sono emessi alla pari (100% del nominale) e verranno rimborsati alla pari in un unica soluzione a scadenza. COMMISSIONI ED EVENTUALI ALTRI ONERI A CARICO DELLA CLIENTELA: Non sono previste commissioni di sottoscrizione né oneri ulteriori a carico degli obbligazionisti. PERIODICITÀ DI CORRESPONSIONE E DATE DI PAGAMENTO DELLE CEDOLE INTERESSI: Gli interessi verranno corrisposti in n 14 cedole semestrali posticipate, pagabili il 14 luglio e il 14 gennaio di ogni anno, a partire dal 14 luglio 2005 fino al 14 gennaio TASSO ANNUO DI INTERESSE NOMINALE E TASSO ANNUO DI RENDIMENTO EFFETTIVO AL LORDO DELLA RITENUTA FISCALE: Tasso lordo della prima cedola: sarà determinato in base alla media aritmetica dei tassi annui dell EURIBOR a 6 mesi relativa al mese di dicembre 2004, diminuita di 0,10 punti percentuali, divisa per 2. Il risultato ottenuto sarà arrotondato al terzo decimale più vicino. Tasso lordo delle cedole successive: sarà determinato in base alla media aritmetica dei tassi annui dell EURIBOR a 6 mesi, diminuita di 0,10 punti percentuali, divisa per 2. Il risultato ottenuto sarà arrotondato al terzo decimale più vicino. IPOTESI DI RENDIMENTO EFFETTIVO LORDO DEL PRESTITO. Prendendo a base il valore assunto dal parametro di riferimento, rilevato alla data del (media aritmetica del mese di giugno) pari al 2,183%, ipotizzando una costanza nel tempo del valore del parametro, il rendimento effettivo risulta pari a 2,084% annuo lordo. CLAUSOLE CONTRATTUALI Articolo 3 - Modalità di sottoscrizione La sottoscrizione delle obbligazioni potrà avvenire esclusivamente nel periodo di collocamento, presso gli sportelli della Cassa di Risparmio di Orvieto S.p.A. (nel prosieguo Banca ) o presso gli altri eventuali intermediari con i quali la Banca stessa abbia stipulato apposita convenzione di collocamento. La domanda di sottoscrizione dovrà essere formulata utilizzando l apposita scheda, che dovrà essere unica per ciascun sottoscrittore: le schede che un sottoscrittore dovesse presentare successivamente alla prima non verranno prese in considerazione. Nel caso in cui la quantità delle obbligazioni richieste ecceda l entità del prestito, verranno osservati i seguenti criteri di riparto: in primo luogo verrà assegnata a ciascun sottoscrittore, seguendo l ordine cronologico di presentazione delle domande, una quantità massima di n. 1 obbligazione, pari ad un valore nominale di EURO 1.000; qualora l ammontare del prestito di emissione non fosse sufficiente a coprire tale assegnazione, verrà seguito, per l esclusione, l ordine cronologico di presentazione delle domande; in caso di presentazione contemporanea, si procederà al sorteggio; l eventuale rimanenza verrà utilizzata, sempre seguendo l ordine cronologico di presentazione delle domande, per l assegnazione di un ulteriore quantità massima di n. 1 obbligazione e così via, fino al completo esaurimento dell ammontare del prestito. Articolo 6 - Calcolo del rateo d interesse Per il calcolo del rateo d interesse viene adottato il criterio 365/365 (giorni effettivi su giorni effettivi). Il conteggio dei giorni di rateo è effettuato escludendo il primo giorno di inizio di maturazione della cedola (rateo zero) ed includendo il giorno di valuta dell operazione. 5

6 Articolo 7 - Ammortamento e rimborso Il rimborso avrà luogo in un unica soluzione alla pari e senza alcuna deduzione di spese, a partire dal giorno di scadenza. Non è prevista alcuna facoltà di rimborso anticipato del prestito. Le obbligazioni cessano di essere fruttifere dalla data fissata per il loro rimborso. Il rimborso del capitale ed il pagamento delle cedole scadute avranno luogo presso le Filiali della Banca. Articolo 9 - Prescrizione Il diritto alla riscossione degli interessi si prescrive decorsi cinque anni dalla data di scadenza di ciascuna cedola. Il diritto al rimborso del capitale si prescrive decorsi dieci anni dalla data in cui l obbligazione è rimborsabile. Articolo 10 Clausola di subordinazione In caso di liquidazione della Cassa di Risparmio di Orvieto S.p.A., le obbligazioni di cui al presente regolamento saranno rimborsate solo dopo che siano stati soddisfatti tutti gli altri creditori non ugualmente subordinati. Articolo 11- Negoziabilità Le obbligazioni non sono quotate su mercati regolamentati. Il disinvestimento dei titoli rappresentativi potrà, pertanto, essere eseguito presso gli sportelli della Cassa di Risparmio di Orvieto S.p.A. ai valori che la stessa stabilisce sulla base del proprio sistema di scambi organizzati di strumenti finanziari. La Banca d Italia vieta all Emittente di eseguire riacquisti dalla Clientela di quote di prestito subordinato che eccedano la soglia massima del 10% del totale del prestito emesso. Pertanto, al raggiungimento di tale soglia, la Banca cesserà di porsi come controparte acquirente. Per agevolare eventuali ulteriori necessità di disinvestimento dei sottoscrittori, la Banca si rende comunque disponibile a porsi quale intermediario nella ricerca presso la propria Clientela di acquirenti delle quote da disinvestire, impegnandosi a fornire, all occorrenza, i prezzi indicativi di acquisto e di vendita delle obbligazioni stesse che, in relazione all andamento del mercato, potrebbero risultare inferiori al valore nominale. Nel caso in cui risulti impossibile, anche con l ausilio della Banca, trovare una controparte acquirente e la Banca abbia raggiunto la soglia massima di riacquisti consentiti (10% del totale emesso), l operazione di disinvestimento non potrà essere eseguita. Articolo 12- Foro competente e varie Per ogni controversia che dovesse sorgere tra gli obbligazionisti e la Cassa di Risparmio di Orvieto S.p.A. sarà competente in via esclusiva il Foro di Orvieto. La clausola suddetta non è operante qualora l obbligazionista rivesta la qualità di consumatore, come definito dall articolo 1469 bis, secondo comma, del Codice Civile. Le comunicazioni della Banca agli obbligazionisti verranno effettuate, ove non diversamente disposto dalla legge o dal presente regolamento, mediante avviso pubblicato su almeno un quotidiano a diffusione nazionale, ovvero a mezzo di avvisi affissi all interno dei locali della Banca stessa. Il possesso delle obbligazioni comporta la piena accettazione di tutte le condizioni del prestito indicate nel presente regolamento. L informativa precontrattuale non impegna le parti alla stipula del contratto. Le condizioni indicate nell informativa precontrattuale potrebbero risultare variate al momento della stipula del contratto. In tal caso la Banca, a quel momento, ne darà comunicazione testuale al cliente e, su sua richiesta, consegnerà una nuova copia del Documento di Sintesi e dello schema contrattuale. CONSEGNATO, QUALE INFORMATIVA PRECONTRATTUALE, INSIEME CON LO SCHEMA CONTRATTUALE CONSEGNATO AL MOMENTO DEL PERFEZIONAMENTO DEL CONTRATTO, INSIEME CON LA COPIA SOTTOSCRITTA DEL CONTRATTO (Firma del Direttore/Responsabile 6

7 LA PRESENTE NOTA INTEGRATIVA E CONFORME ALLE LINEE GUIDA ELABORATE DALL ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA EMISSIONE DI EURO DI PRESTITO SUBORDINATO ORDINARIO CASSA DI RISPARMIO DI ORVIETO SPA - GENNAIO GENNAIO 2012 A TASSO VARIABILE SUBORDINATO CODICE ISIN IT AVVERTENZE GENERALI L investitore deve essere consapevole che, in caso di liquidazione dell emittente, il rimborso del presente titolo avverrà solo dopo che siano stati soddisfatti tutti gli altri creditori non ugualmente subordinati. Il rimborso anticipato delle passività potrà comunque avvenire solo su iniziativa dell emittente e dietro il nulla osta della Banca d Italia. Gli investitori sono, pertanto, invitati a sottoscrivere tali titoli solo qualora abbiano compreso la loro natura e il grado di rischio sotteso. 2. AVVERTENZE SPECIFICHE L investitore è invitato a consultare la Sezione III del Foglio Informativo, dedicata alle Informazioni sui Rischi dell Operazione. 3. PROSPETTAZIONE DEL RISCHIO E RENDIMENTO DEL TITOLO OFFERTO E DI ALTRO STRUMENTO FINANZIARIO A BASSO RISCHIO EMITTENTE (BTP DI SIMILARE SCADENZA)(*). BTP 01/02/2012 ISIN IT CASSA RISPARMIO ORVIETO S.p.A. Gennaio Gennaio 2012 ISIN IT SCADENZA 02/ /2012 RISCHIO 2 3 RENDIMENTO EFFETTIVO ANNUO NETTO(**) 3,510% 1,824% (*) Il calcolo dell'indicatore di rischio e del rendimento effettivo netto è stato effettuato il 22 luglio (**) Per la determinazione del rendimento effettivo netto del titolo Cassa di Risparmio di Orvieto, a Tasso Variabile, è stata considerata ed ipotizzata la costanza nel tempo dell'ultimo valore noto del parametro di indicizzazione (Media aritmetica dei tassi annui dell EURIBOR a 6 mesi, per valute relative ai giorni lavorativi del mese solare immediatamente antecedente il semestre di applicazione. Mese Giugno 2004: 2,183%). 4. INVITO A LEGGERE IL GLOSSARIO ABI L investitore è invitato a leggere il Foglio Informativo, consultando l apposito Glossario ABI che è a disposizione presso le Filiali della Banca. 7

8 Il Glossario per l investitore in titoli strutturati e subordinati Il presente Glossario è conforme a quello di cui alle Linee guida ABI in materia di informazioni da fornire al sottoscrittore di titoli strutturati e subordinati BASIS POINT (Punto base): il basis point è un unità che misura uno spread o una variazione dei tassi di interesse, pari ad un centesimo di punto percentuale. Se i tassi salgono da 9,65% a 9,80%, il tasso è salito di 15 basis points. BENCHMARK: parametro finanziario, o indice, o strumento finanziario che, per le sue caratteristiche di rappresentatività (ad es.: maggior diffusione tra i sottoscrittori), viene considerato dagli intermediari come riferimento per capire se un titolo dalle caratteristiche analoghe ha registrato, in un dato periodo, migliori o peggiori performance in termini di rendimento rispetto al benchmark stesso. BTP (Buoni del Tesoro poliennali): titoli emessi dal Tesoro con scadenza a medio/lungo termine, con tasso fisso e cedola semestrale. CAP: opzione (v.) su tasso d interesse, negoziata al di fuori di mercati regolamentati, con la quale viene fissato un limite massimo alla crescita del rendimento di un dato strumento finanziario. CAPITALIZZAZIONE DI BORSA (di un singolo titolo): è il prodotto tra il prezzo di Borsa di un azione ed il numero delle azioni che compongono il capitale sociale. CONTRATTO FUTURE: contratto (detto derivato ) negoziato generalmente su mercati regolamentati attraverso il quale le parti, alla scadenza concordata, si impegnano a comprare o a vendere un certo quantitativo di strumenti finanziari, ad un prezzo prestabilito alla conclusione del contratto stesso. DERIVATO: nome genericamente usato per indicare uno strumento finanziario, il cui prezzo/rendimento deriva dai parametri di prezzo/rendimento di altri strumenti finanziari principali detti sottostanti (v.), che possono essere strumenti finanziari, indici, tassi di interesse, valute, materie prime. FLOOR (v. opzione): derivato su tasso di interesse con il quale viene fissato un limite minimo al rendimento di una data attività. HEDGING (Copertura): operazione effettuata da parte del possessore di titoli o dell emittente, volta ad assicurare, in caso di andamento sfavorevole dei prezzi, il recupero delle perdite sofferte sui titoli medesimi. INDICE DI BORSA: grandezza rappresentativa dell andamento dei prezzi dei titoli quotati in Borsa. KNOCK IN, KNOCK OUT (Clausola di): clausola in base alla quale, al verificarsi di un determinato evento, indicato nel Foglio Informativo, si attua o si estingue un opzione predeterminata. MARKET MAKER: intermediario obbligato a proporre pubblicamente prezzi di acquisto e di vendita, ai quali altri intermediari possono, rispettivamente, vendergli o comprargli determinati quantitativi di titoli. MONTE CARLO (Simulazione di): strumento di calcolo numerico che permette la risoluzione di problemi matematici complessi mediante procedimenti probabilistici basati sulla legge dei grandi numeri.tale tecnica di calcolo viene utilizzata in campo finanziario, tra l altro, per definire il valore di strumenti derivati (es. opzioni). 8

9 OBBLIGAZIONE: titolo di debito attraverso il quale la banca emittente si impegna a scadenza a rimborsare il capitale raccolto. OBBLIGAZIONE SUBORDINATA: TITOLO OBBLIGAZIONARIO CHE, IN CASO DI INSOLVENZA DELL EMITTENTE, VIENE RIMBORSATO SOLO DOPO CHE SONO STATI RIMBORSATI GLI ALTRI DEBITI NON SUBORDINATI DELL EMITTENTE. E IMPORTANTE TENERE CONTO ANCHE DEL LIVELLO DI SUBORDINAZIONE. OPZIONE (Contratto di): contratto (detto derivato ) con il quale una delle parti, pagando una somma alla controparte (premio), acquista il diritto di comprare (call option) o di vendere (put option), ad una data futura, un certo quantitativo di strumenti finanziari a un prezzo stabilito (prezzo di esercizio). Nel caso di option su indici, anziché un certo quantitativo di strumenti finanziari, si compra il diritto di incassare o di versare una somma, pari al prodotto tra il valore assegnato convenzionalmente a ciascun punto dell indice di riferimento e la differenza, a sua volta ottenuta dal valore dell indice (stabilito alla stipula del contratto) e il valore assunto dall indice il giorno in cui la facoltà viene esercitata. Si distingue tra un option europea, che può essere esercitata soltanto alla data di scadenza concordata, e un option americana, che può essere esercitata entro la data di scadenza. OPZIONE (Valore della): il valore di un opzione è dato da due componenti: il valore intrinseco ed il valore temporale. In un opzione call, il valore intrinseco è pari alla differenza (se positiva) tra il prezzo a pronti (v.) dello strumento sottostante e il prezzo di esercizio (v.). Il valore temporale dipende dalla volatilità dello strumento sottostante. PONDERAZIONE: l attribuzione di un peso relativo, all interno di un indice, ai singoli titoli che concorrono a determinare il valore dell indice. PREZZO A PRONTI: prezzo del titolo registrato sul mercato nella giornata di riferimento. PRICING: procedura di determinazione del prezzo di collocamento dei titoli. PUNTO BASE: v. BASIS POINT RATING (Agenzia di): società indipendenti da gruppi industriali, commerciali e finanziari, specializzate nell attribuire ad emittenti o a strumenti finanziari, attraverso combinazioni di lettere o cifre (es.: AAA; AA; A+; BBB; BB; B-) un giudizio sulla capacità dell emittente di rimborsare gli strumenti finanziari emessi o sulla idoneità dello stesso strumento finanziario da questi emesso ad essere rimborsato. REVERSE CONVERTIBLE: titolo strutturato che attribuisce all emittente la possibilità, al verificarsi di un dato evento, di convertire in azioni il capitale da rimborsare. RISCHIO DI CAMBIO (Per titoli in valuta estera): in un titolo denominato in valuta estera, il controvalore in euro della cedola e del capitale possono variare in modo favorevole o sfavorevole al sottoscrittore a causa della variazione del tasso di cambio dell euro. RISCHIO DI CONTROPARTE: rischio che la controparte (ad esempio, in relazione ai contratti derivati) non adempia, alla scadenza, ai propri obblighi contrattuali. RISCHIO DI LIQUIDITÀ: rischio di dover accettare una riduzione del prezzo del titolo, qualora l investitore intenda procedere alla vendita prima della scadenza, dovuto alla difficoltà di trovare una controparte disposta a comprare. RISCHIO DI MERCATO: rischio in cui incorre chi ha investito in strumenti finanziari a seguito di variazioni dell andamento dei prezzi dei titoli dovute, ad esempio, al variare del tasso (rischio di, v.) e del cambio (rischio di, v.). 9

10 RISCHIO DI PREZZO: v. RISCHIO DI TASSO RISCHIO DI RIMBORSO ANTICIPATO: poiché l emittente si riserva la facoltà di rimborsare anticipatamente il titolo, il sottoscrittore si potrebbe trovare nelle condizioni di dover accettare il rimborso alla pari del titolo, nel momento in cui esso offre un rendimento superiore a quello corrente sul mercato e, di conseguenza, di non poter reinvestire il capitale rimborsato anticipatamente, per il tempo residuo alla scadenza, allo stesso tasso di rendimento del titolo rimborsato. RISCHIO DI TASSO: rischio legato alla variazione dei tassi di interesse: un aumento dei tassi di mercato comporta una riduzione del valore di mercato di un titolo e viceversa. RISCHIO DI VARIAZIONE DEL SOTTOSTANTE (PER TITOLI STRUTTURATI): ESPRIME LA POSSIBILITÀ DI VARIAZIONE DEL VALORE/PREZZO DELL ATTIVITÀ SOTTOSTANTE, ALLA QUALE È LEGATO IL RENDIMENTO DEL TITOLO STRUTTURATO. RISCHIO EMITTENTE: rappresenta la probabilità (credit risk) che l emittente di un obbligazione non sia in grado di adempiere ai propri obblighi (pagare le cedole e/o rimborsare il capitale). SOTTOSTANTE: strumento finanziario dal cui valore dipende quello di un titolo derivato o strutturato (v.) SPREAD DI PREZZO: differenza tra il prezzo in vendita e il prezzo in acquisto praticato da un intermediario. STRIKE PRICE (Prezzo di esercizio): prezzo prestabilito al quale il possessore dell opzione, esercitando l opzione stessa, può acquistare/vendere lo strumento sottostante. TICK: è lo scostamento minimo di prezzo, in più o in meno, allorquando si propone un prezzo per acquistare o vendere uno strumento finanziario. Per i titoli quotati, i relativi valori sono indicati nel regolamento della Borsa. Ad es: quotando la Fiat 6,52 euro, il tick ammesso è di un centesimo, per cui la proposta di prezzo potrà essere 6,53 o 6,51. TITOLI STRUTTURATI: titoli composti da una componente cosiddetta fissa, simile ad una normale obbligazione, ed una cosiddetta derivativa, simile ad un opzione. VOLATILITÀ DEL PREZZO DI UN TITOLO: indice (statistico) volto a misurare l ampiezza della variazione di prezzo di uno strumento finanziario rispetto al suo prezzo medio in un dato periodo. Più un titolo è volatile, più esso varia intorno al suo prezzo medio, più è rischioso. Si distinguono: (i) la volatilità storica, che è calcolata sulla base dei prezzi fatti registrare dallo strumento finanziario nel passato; (ii) la volatilità implicita, che è calcolata sulla base dei prezzi ai quali vengono scambiate le opzioni collegate al predetto strumento finanziario, generalmente su mercati regolamentati. WARRANT: strumento finanziario derivato, generalmente quotato su mercati regolamentati, che attribuisce il diritto all acquisto (call warrant) o alla vendita (put warrant) di un quantitativo di strumenti finanziari ad una prefissata scadenza in quantità e prezzo determinati. 10

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CONVENZIONE QUADRO Espletamento dei servizi finanziari connessi all emissione di prestiti obbligazionari ed altri servizi finanziari accessori e servizio di advisory per la

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

«Dexia Crediop Obbligazioni legate all Inflazione con floor 28.03.2012 di nominali massimi Euro 250.000.000»

«Dexia Crediop Obbligazioni legate all Inflazione con floor 28.03.2012 di nominali massimi Euro 250.000.000» Sede legale e amministrativa: Via Venti Settembre, 30 00187 Roma Tel. 06.4771.1 Fax 06. 4771.5952 Sito internet: www.dexia-crediop.it n iscrizione all Albo delle Banche: 5288 Capogruppo del Gruppo bancario

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione A) Informazioni generali 1. L Impresa di assicurazione Parte I del Prospetto d Offerta - Informazioni sull investimento e sulle coperture assicurative Parte I del Prospetto d Offerta Informazioni sull

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO Regolamento del fondo comune di investimento immobiliare chiuso riservato ad investitori qualificati PATRIMONIO UNO promosso da Patrimonio

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati 1.1.1. I titoli di capitale Acquistando titoli di capitale

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Fideiussione Corporate (la "Garanzia")

Fideiussione Corporate (la Garanzia) Fideiussione Corporate (la "Garanzia") OGGETTO: A ciascun detentore di obbligazioni convertibili in azioni della società Sacom S.p.A. denominati "Sacom 2013 2018 Obbligazioni Convertibili" (ciascun Obbligazionista,

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. "BANCO POPOLARE Società Cooperativa

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. BANCO POPOLARE Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle Obbligazioni BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216 da emettersi nell ambito del programma di offerta e/o

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATIVI

DOCUMENTI INFORMATIVI Sede sociale: Cortona, Via Guelfa, 4 Iscritta all albo delle Banche al n. matr. 506.6.0 Capitale sociale e riserve al 31/12/2013 32.044.372,37 i.v. Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di AREZZO

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM)

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Certezza Più Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

SERVIZIO DI OPERATIVITÀ TRAMITE FILIALI DI ALTRE BANCHE DEL GRUPPO UNIONE DI BANCHE ITALIANE

SERVIZIO DI OPERATIVITÀ TRAMITE FILIALI DI ALTRE BANCHE DEL GRUPPO UNIONE DI BANCHE ITALIANE DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI - (Titolo VI Testo Unico Bancario - D. Lgs. 385/1993) FOGLIO INFORMATIVO Il presente Foglio

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI PESCIA-CREDITO COOPERATIVO SOC.COOP. Via Alberghi n. 26-51012 - PESCIA (PT) Tel. : 0572-45941 - Fax: 0572-451621 Email:

Dettagli

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA LE CONDIZIONI DI SEGUITO PUBBLICIZZATE NON COSTITUISCONO OFFERTA AL PUBBLICO SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione: Iccrea BancaImpresa S.p.A. Sede Legale: Via Lucrezia Romana nn. 41/47-00178

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI MEDIOLANUM S.P.A. IN BANCA MEDIOLANUM S.P.A. *** *** *** REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ARTICOLO 2501-TER DEL CODICE CIVILE PREMESSA A norma dell articolo

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi -

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - di Mario Gabbrielli, Davide D Affronto, Rossana Bellina, Paolo Chiappa

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Il presente Fascicolo Informativo contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

E ALTRI FINANZIAMENTI

E ALTRI FINANZIAMENTI Normativa sulla Trasparenza Bancaria (T. U. Leggi Bancarie D. Lvo 385/93 e norme di attuazione) E ALTRI FINANZIAMENTI FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA Foglio Informativo

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria)

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo Agrobresciano Soc. Coop. Piazza Roma, 17-25016 - GHEDI (BS) Tel. : 03090441 - Fax: 0309058501 Email:

Dettagli

Allianz S.p.A. Divisione Allianz Subalpina Società appartenente al gruppo Allianz SE A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI GLOBAL FUTURO PIU

Allianz S.p.A. Divisione Allianz Subalpina Società appartenente al gruppo Allianz SE A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI GLOBAL FUTURO PIU Allianz S.p.A. Divisione Allianz Subalpina Società appartenente al gruppo Allianz SE CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI GLOBAL FUTURO PIU IL PRESENTE FASCICOLO

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Il presente Documento Informativo (di seguito anche Documento ) rivolto ai Clienti o potenziali Clienti della Investire Immobiliare SGR S.p.A è redatto in conformità a quanto prescritto

Dettagli

Foglio informativo MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM Sez. I - INFORMAZIONI SULLA BANCA

Foglio informativo MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM Sez. I - INFORMAZIONI SULLA BANCA Mod. B-109/MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM aggiornamento n. 29 del 01/01/2014 Foglio informativo MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM Sez. I - INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA MEDIOLANUM S.p.A. Sede legale e Direzione Generale:

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli