COMUNE DI GATTEO Sabato, 12 luglio 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI GATTEO Sabato, 12 luglio 2014"

Transcript

1 COMUNE DI GATTEO Sabato, 12 luglio 2014

2 Sabato, 12 luglio 2014 Prime Pagine 12/07/2014 Prima Pagina Il Resto del Carlino (ed. Forli) 1 12/07/2014 Prima Pagina La Voce di Romagna (ed. Forli) 2 cronaca 12/07/2014 Corriere di Romagna (ed. Forlì Cesena) Pagina 6 Oli usati, recupero per strada 3 cultura e turismo 12/07/2014 Il Resto del Carlino (ed. Cesena) Pagina 23 PASOLINI ERMANNO La voce di Gatteo Mare 4 12/07/2014 La Voce di Romagna (ed. Forlì) Pagina 38 Prenotazioni alberghiere: Cervia cresce 6 politica locale 12/07/2014 Corriere di Romagna (ed. Forlì Cesena) Pagina 17 «Servizio sospeso a minore disabile per mancanza di fondi» 7 12/07/2014 Corriere di Romagna (ed. Forlì Cesena) Pagina 20 Dati turistici in calo fino a maggio 8 12/07/2014 Il Resto del Carlino (ed. Forlì) Pagina 12 MASCELLANI GIACOMO La Regione ha tagliato i fondi Baby disabile senza assistenza 10 12/07/2014 La Voce di Romagna (ed. Forlì) Pagina 38 "Diritti alla stagione" La carovana sindacale passa per Cervia 12 pubblica amministrazione 12/07/2014 Corriere della Sera Pagina 4 Francesco Di Frischia Uffici, arriva il codice unico per i documenti pubblici 13 12/07/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 1 Madia: Pa con più servizi e meno costi 15 12/07/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 4 EUGENIO BRUNO Meno costi, più servizi: Pa al test crescita 16 12/07/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 4 Le novità del disegno di legge 18 12/07/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 4 Regole certe per favorire investimenti privati 19 12/07/2014 Italia Oggi Pagina 21 VALERIO STROPPA Bonus 80 euro, recupero in F /07/2014 Italia Oggi Pagina 22 Premi e menzioni speciali anche per pubblicazioni web 22 12/07/2014 Italia Oggi Pagina 23 SERGIO TROVATO Agevolazioni sull' Ici a retroattività limitata 23 12/07/2014 Italia Oggi Pagina 25 DARIO FERRARA L' impresa perde l' appalto se omette i costi di sicurezza aziendali 25 12/07/2014 Italia Oggi Pagina 25 FRANCESCO CERISANO Un pin unico per tutta la p.a. 26 economia nazionale 12/07/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 4 GIORGIO SANTILLI Per lo sblocca Italia pronti almeno 1,5 miliardi 28 12/07/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 7 GIORGIO POGLIOTTI Cig, Regioni sul piede di guerra 30 politica nazionale 12/07/2014 Corriere della Sera Pagina 9 Alessandro Trocino L' ultima sfida dei dissidenti dem: il voto segreto sull' articolo /07/2014 Il Sole 24 Ore Pagina 6 Renzi sicuro sul voto in Aula, ora la battaglia si sposta sull' Italicum 34

3 Il Resto del Carlino (ed. Forli) Prima Pagina 1

4 La Voce di Romagna (ed. Forli) Prima Pagina 2

5 Pagina 6 Corriere di Romagna (ed. Forlì Cesena) cronaca AMBIENTE. Oli usati, recupero per strada Con appositi contenitori Hera incrementa la raccolta. FORLÌ. Sono oltre le tonnellate di oli da cucina (come quelli da frittura o per conservare gli alimenti nei vasetti) raccolte in pochi mesi in provincia con nuovo servizio attivato da Hera nell' ottobre dello scorso anno. Il progetto è basato sul posizionamento strategico di appositi raccoglitori. L' olio raccolto da Hera, opportunamente trattato, è utilizzato per produrre energia elettrica o biodiesel: con tonnellate di olio alimentare è possibile produrre energia elettrica per sostenere i consumi di circa 4mila abitanti, mentre da un litro si ricavano circa 0,85 litri di biodiesel, da utilizzare come combustibile negli impianti di riscaldamento o come carburante, miscelato con il gasolio o da solo, in grado di contribuire alla riduzione dei gas serra con emissioni di oltre l' 80% inferiori ai combustibili derivanti dal petrolio. In provincia sono 7 i comuni coinvolti nella raccolta: Cesena, Cesenatico, Forlimpopoli, Gambettola, Gatteo, San Mauro, Savignano, per un totale di 15 contenitori stradali a disposizione dei cittadini e 5,2 tonnellate di olio raccolte. In media in ogni contenitore posizionato sono stati conferiti 346 chilogrammi di olio da cucina. Sulla sezione Clienti del sito è presente l' elenco aggiornato dell' ubicazione di tutti i contenitori presenti nell' area di Forlì Cesena. 3

6 Pagina 23 Il Resto del Carlino (ed. Cesena) cultura e turismo IL PERSONAGGIO PRIMO CD PER IL CANTAUTORE DJ BRUNO BOTTIROLI. La voce di Gatteo Mare Village Colonna del team di animatori, sogna di partecipare a «Amici» di ERMANNO PASOLINI Da due estati Gatteo Mare è diventata la sua seconda casa, anche se nella località balneare ha sempre trascorso le sue vacanze fin da piccolino. Bruno Bottiroli, 20 anni, di Porretta Terme, in provincia di Bologna, da due anni fa parte del gruppo di animazione Gatteo Mare Village, come animatore dj. E ora per Bruno è arrivato anche il primo cd Palabras che in spagnolo significa Parole, con dieci brani di cui è autore delle musiche e delle parole, inciso per la Advice Music con produzione artistica di Alberto Boi. Come è nato l' incontro artistico con il Gatteo Mare Village? «All' inizio di giugno 2013 afferma Bruno Bottiroli ero venuto a Gatteo Mare per cercare lavoro. Tre mesi prima mi aveva sentito cantare Moreno il Biondo, il cantante dell' orchestra Grande Evento, in un ristorante di Porretta Terme. Vedendomi qua, mi ha fermato, abbiamo parlato. In piazza a Gatteo Mare c' era la settimana del liscio e mi invitò a cantare come ospite. Quella sera c'era il gruppo di animazione del Gatteo Mare Village e Luciano Cappelli, il capo animatore, mi ascoltò, parlammo e dopo due giorni entrai a fare parte del gruppo». Il disco? «Ho iniziato a scrivere a 14 anni. Fino a ora ne ho composte 17 delle quali 10 incise». A cosa si ispira? «Sono tutti brani autobiografici. Spesso mi metto al pianoforte, suono seguendo l' istinto e comunque sono tutte tracce della mia vita, dalle delusioni, alle soddisfazioni. A Gatteo Mare ho avuto una buona dose di ispirazioni». Finita l' estate cosa farà? «Dall' età di 14 anni faccio serate in giro nei locali come cantante di piano bar. Appena finito a Gatteo Mare, da ottobre tornerò alle esibizioni pubbliche, questa volta però insieme ai successi da sempre, farò ascoltare anche il cd». Come sta andando il disco? «È in vendita in tutta Italia. Sta andando bene e sto cercando di farlo conoscere in ogni modo». Farà dei talent? «Ho già provato, ma non ho avuto fortuna. Oggi però mi ha richiamato la redazione di Amici. Incrocio le dita». Qual è il cantante a cui si ispira? Continua > 4

7 Pagina 23 < Segue Il Resto del Carlino (ed. Cesena) cultura e turismo «Ho subito l' influenza di mio padre che in auto ascoltava sempre Riccardo Cocciante. E io ho iniziato a cantare i brani d Notre Dame de Paris. Amo molto anche il blues. Il cantante che mi ha sempre incuriosito è Freddy Mercury». PASOLINI ERMANNO 5

8 Pagina 38 La Voce di Romagna (ed. Forlì) cultura e turismo Prenotazioni alberghiere: Cervia cresce OSSERVATORIO PRONTOHOTEL E anche Milano Marittima guadagna il 4% dell' appeal turistico. La fotografia delle destinazioni più apprezzate della costa romagnola? Prontohotel, il primo motore di ricerca hotel in Italia, pubblica la classifica e Cervia e Milano Marittima guadagnano 4% di appeal. Il motore di ricerca infatti fa il punto della situazione e stila una classifica delle mete più gettonate a ridosso della stagione estiva. Al top delle ricerche sulle destinazioni mare Italia si posiziona la riviera romagnola che vede crescere l' interesse da parte degli utenti verso Riccione (+8% rispetto al 2013) che si posiziona al vertice della classifica delle destinazioni top della costa adriatica, mentre scende di qualche punto percentuale Bellaria Igea Marina, che comunque si attesta come seconda località più ricercata tra le destinazioni del versante adriatico. L' interesse verso Rimini, dai dati raccolti dall' osservatorio di Prontohotel, cresce di 11 punti percentuali attestandosi in terza posizione, accanto a Milano Marittima e Cervia che crescono di 4 punti. In diminuzione il dato relativo alla città di Cesenatico, che vede diminuire l' interesse dei viaggiatori rispetto allo scorso anno (12%) e Cattolica (3%), località che dovranno aspettare luglio per recuperare. Sul litorale adriatico altre località interessanti per indice di popolarità sono Misano Adriatico (+2%) e Gatteo Mare (+1%) e, in ultimo, Marina di Ravenna (che cala del 5%). Insomma per quanto riguarda la richiesta di pernottamento negli hotel Cervia e Milano Marittima tengono, anzi aumentano di 4 punti percentuali. Il trend vede ottimista per la città del sale che nel mese di agosto potrebbe anche aumentare le sue percentuali. 6

9 Pagina 17 Corriere di Romagna (ed. Forlì Cesena) politica locale Interrogazione in Regione di Luca Bartolini. «Servizio sospeso a minore disabile per mancanza di fondi» RUBICONE. Il consigliere regionale Luca Bartolini (Forza Italia) chiede all' ente con una interrogazione presentata ieri di «intervenire sulla sospensione del servizio estivo di assistenza a minore disabile per mancanza di fondi». Si tratterebbe di una minore diversamente abile seguita «nei centri estivi all' interno del territorio ricompreso nell' Unione dei Comuni Rubicone e Mare». Secondo Bartolini la giovane «al termine della scuola, doveva essere inserito in un centro estivo, al fine di dare continuità al percorso riabilitativo, fino al 12 settembre prossimo», ma «ha ricevuto una lettera dell' Unione dei Comuni nella quale si comunicava il sostegno solamente fino al 12 luglio a causa della mancanza di fondi». Quindi il servizio si concluderenne oggi. «Il dirigente dell' Unione dei Comuni, interpellato dalla famiglia per ottenere almeno la permanenza della minore nel centro estivo fino alla fine di luglioricostruisce Bartolini avrebbe escluso categoricamente tale richiesta evidenziando l' assenza di copertura finanziaria come problema insormontabile». Bartolini chiede alla Giunta regionale quanti minori diversamente abili abbiano subito l' interruzione del servizio e «quali urgenti provvedimenti si intendano assumere al fine di evitare tale disservizio, che comporta pesanti implicazioni per la salute e la qualità della vita dei minori con diversa abilità e delle loro famiglie. Ho chiesto infine a quanto ammonti il contributo finanziario erogato dalla Regione nel 2014 all' Unione dei Comuni Rubicone e Mare e come venga ripartito fra i vari servizi e se non si ritenga inaccettabile che nella ripartizione delle risorse all' interno della struttura amministrativa dell' Unione dei Comuni non venga data priorità al mantenimento dei servizi per i diversamente abili». 7

10 Pagina 20 Corriere di Romagna (ed. Forlì Cesena) politica locale Dati turistici in calo fino a maggio Il Comune risponde che sono cambiati i sistemi di rilevazione per i camping. CESENATICO. «Turismo, dati negativi nel 2014 mentre nei comuni vicini non è così». I Democratici chiedono che la giunta municipale intervenga per spiegare il trend. Una preoccupazione che stando alla statistica su presenze e arrivi comunicati dalla Provincia non trova riscontro negli altri Comuni balneari limitrofi. «Dalla Provincia, sul turismo di Cesenatico, arrivano dati in vistosa flessione sull' andamento della stagione 2014, relativi alle presenze ammonisce il capogruppo del Pd Matteo Gozzoli ; calcolati nel periodo gennaio maggio, si sono aggiunti i dati negativi forniti da ProntoHotel che stima un 12% le preferenze collegate a Cesenatico». Il partito d' opposizione manifesta come il motore di ricerca alberghiera ProntoHotel nello stilare una classifica delle mete più ricercate dai turisti italiani e, sebbene la costa romagnola si collochi ai vertici, Cesenatico con il 12% di appeal sia risultata la maglia nera del turismo romagnolo. «Questo mentre le città vicine mostrano tutte il segno più». «Già i dati della Provincia riferiti al periodo gennaio maggio 2014 sostiene Gozzoli testimoniano la forte negatività sulle presenze turistiche, calate del 30% e passate dalle del 2013 alle del Già nell' autunno 2013 avevamo chiesto al sindaco Buda e all' amministrazione un tavolo di confronto sul tema del turismo. Nei prossimi giorni il gruppo del Pd di Cesenatico chiederà alla giunta comunale di attivarsi con un impegno straordinario e immediato per verificare dati e trend negativo che Cesenatico non merita». Ma per l' ufficio turistico del Comune la spiegazione sarebbe semplice, di fronte ai numeri che evidenziano un incremento del 18,65% degli arrivi ( contro nel 2013) e un calo del 28,18% delle presenze ( contro del 2013). Dicono dagli uffici: «Questo dato, apparentemente negativo, in realtà va analizzato in modo più approfondito, scomponendo le strutture ricettive in singole categorie (alberghi, campeggi, ostelli, alloggi privati)». Mette in luce un aumento del 14,8% delle presenze alberghiere ( contro nel 2013), a fronte di un netto calo, quantificabile nel 70,48 %, delle presenze negli esercizi extra alberghieri ( contro nel 2013)». Si prova a spiegare l' arcano: «Attraverso un' indagine condotta sui gestori dei campeggi, che rappresentano la componente numericamente più significativa del comparto extra alberghiero, è emerso che questa anomala diminuzione è imputabile all' applicazione, dal 1 gennaio 2014, delle Continua > 8

11 Pagina 20 < Segue Corriere di Romagna (ed. Forlì Cesena) politica locale nuove istruzioni Istat previste dalla circolare numero 5 del 27 febbraio 2012». Si conclude dicendo come «la direttiva introduca l' obbligo di registrazione nei campeggi solo degli ospiti realmente alloggiati, mentre in precedenza i titolari delle piazzole venivano segnalati indipendentemente dalla loro effettiva presenza. L' effetto di questa sostanziale modifica del sistema di rilevazione risulta particolarmente evidente dalla lettura dei dati sulle presenze nei campeggi di Cesenatico nei primi 5 mesi del 2014, calate rispetto al 2013 addirittura dell' 81% ( contro ) e destinate, ovviamente, a mantenere questo trend negativo per tutto l' anno in corso». Le spiegazioni lasciano però aperti alcuni temi, oltre al dubbio che negli anni scorsi le presenze turistiche siano quindi sempre state sovrastimate. Inoltre non c' è nessuna risposta per ora sulle previsioni fortemente negative di ProntoHotel. E poi resta il confronto coi Comuni vicini. Gatteo e San Mauro, località entrambe con un campeggio anche se forse incide molto meno sul totale rispetto a Cesenatico, possono contare nei primi 5 mesi dell' anno su importanti aumenti: le presenze sono salite a Gatteo da a , +9,30%; a San Mauro da a , + 16,68%. Va male invece Savignano, dove il turismo è quasi tutto dovuto al maxi camping. Le presenze si sono dimezzate da a Ma in questo caso gli italiani sono stabili, mentre gli stranieri si sono ridotti a un quarto, passando da a Ed è difficile immaginare che da oltre confine ci sia gente che tiene la piazzola tutto l' anno. 9

12 Pagina 12 Il Resto del Carlino (ed. Forlì) politica locale IL CASO PROBLEMI QUEST' ESTATE PER UNA RAGAZZINA. La Regione ha tagliato i fondi Baby disabile senza assistenza L' Unione dei Comuni nega due mesi di centro estivo. UNA RAGAZZINA disabile, residente nell' area Rubicone e costa, questa estate non sarà assistita per mancanza di fondi della Regione che ha deciso di sospendere (per un paio di mesi nel periodo estivo) la copertura dei servizi di assistenza per le persone portatrici di handicap. La denuncia viene dal consigliere regionale di Forza Italia Luca Bartolini che ha formulato un' interpellanza e racconta quanto stia succedendo: «I disabili e in particolare i minori diversamente abili, che vengono seguiti nei centri estivi all' interno del territorio dell' Unione dei Comuni Rubicone e Mare, devono avere garantita l' assistenza. Il caso che seguo riguarda la famiglia di una minore disabile (certificata con la legge numero 104 del 1992) che usufruisce di adeguata assistenza presso una struttura protetta e che, al termine dell' anno scolastico, doveva essere inserita in un centro estivo proprio per dare continuità al percorso riabilitativo fino al 12 settembre quando poi riprenderà l' anno scolastico. Tuttavia i genitori hanno ricevuto una lettera dall' Unione dei Comuni nella quale si comunica il sostegno solamente fino a oggi a causa della mancanza di fondi. L' Unione dei Comuni Rubicone e Mare, interpellata dalla famiglia per ottenere almeno la permanenza della minore nel centro estivo fino alla fine di luglio, in ottemperanza al diritto al trattamento di continuità previsto dalla legge, avrebbe respinto categoricamente tale richiesta evidenziando l' assenza di copertura finanziaria come un problema insormontabile. I genitori hanno chiesto almeno una proroga di 10 giorni per potersi organizzare ma gli è stato risposto negativamente. Siamo tutti consapevoli delle difficoltà nel far quadrare i bilanci degli enti pubblici, tuttavia i disabili sono una priorità. Si tagli altrove, non nei servizi ai più deboli». LUCA Bartolini punzecchia l' Amministrazione regionale proprio in merito alla gestione delle risorse: «Considerato che negli ultimi anni la Regione ha fortemente incentivato le aggregazioni di Comuni attraverso unioni e fusioni, approvando un quadro normativo organico e stanziando ingenti contributi nell' ordine di svariati milioni di euro, ho chiesto alla Giunta regionale quanti minori diversamente abili abbiano subito l' interruzione del servizio in questione e quali provvedimenti urgenti si intendano assumere al fine di evitare tale disservizio che comporta pesanti implicazioni per la salute e la qualità della vita dei minori con diversa abilità e delle loro famiglie. Ho chiesto anche a quanto ammonti il Continua > 10

13 Pagina 12 < Segue Il Resto del Carlino (ed. Forlì) politica locale contributo finanziario erogato dalla Regione nel 2014 all' Unione dei Comuni Rubicone e Mare». Giacomo Mascellani. MASCELLANI GIACOMO 11

14 Pagina 38 La Voce di Romagna (ed. Forlì) politica locale "Diritti alla stagione" La carovana sindacale passa per Cervia "Diritti alla stagione", la campagna contro il lavoro nero nel turismo, promossa dalla Filcams Cgil e dalla Cgil dell' Emilia Romagna, al via da lunedì 14 luglio. Mille i manifesti informativi, che verranno affissi nei 14 comuni dei 110 km di costa della riviera emiliano romagnola, oltre al camper che sempre da lunedì 14 luglio sarà presente come punto informativo itinerante per le lavoratrici e i lavoratori stagionali, e non solo, del turismo. Dal 14 al 20 luglio Rimini e Riccione; dal 21 al 27 luglio Cesenatico e Gatteo Mare; dal 28 luglio al 3 agosto a Cervia e Milano Marittima; dal 4 al 10 agosto nei lidi ferraresi. Poi dall' 11 al 17 agosto di nuovo a Rimini; dal 18 al 24 agosto a Cesenatico, a Cervia dal 25 al 31 agosto, per concludere infine nella prima settimana di settembre di nuovo ai lidi ferraresi. Una carovana organizzata dalle sigle sindacali che vuole difendere i lavoratori che operano nel settore del turismo e della ricettività nell' intera riviera romagnola da Rimini ai lidi ferraresi. 12

15 Pagina 4 Corriere della Sera pubblica amministrazione La riforma Madia: per la pubblica amministrazione è una rivoluzione copernicana. Uffici, arriva il codice unico per i documenti pubblici Addio alle carriere automatiche dei manager. Dirigenti e concorsi La riforma del ministro Madia (foto sotto ) prevede il «ruolo unico» dei dirigenti. Il contratto durerà 3 anni. Una banca dati conterrà curriculum e profilo Basta un click. Nel 2015 inizierà a funzionare un «Pin», un codice di accesso per i cittadini che lo chiederanno: permetterà di avere a casa, tramite un computer, tutti i servizi della Pa. Alla fine della legislatura il progetto ribalterà il rapporto cittadini Pa ROMA Basta lunghe ore in fila per ottenere un certificato o un permesso. Sarà la Pubblica amministrazione a andare a casa dei cittadini. Dal 2015 gli italiani si confronteranno via web con Comuni, Regioni e ministeri dotati semplicemente di un codice, un pin personale. A rappresentare il terminale unico dello Stato sul territorio ci sarà un «ufficio unico del governo», guidato da un prefetto. È questa la «rivoluzione copernicana» della Pubblica amministrazione, illustrata ieri da Maria Anna Madia, ministro per la Semplificazione e la Pubblica amministrazione, che ha presentato il disegno di legge delega per la riorganizzazione degli uffici pubblici. Le norme, approvate giovedì in consiglio dei ministri, dopo un mese di gestazione («per fortuna è durata meno di quella dei miei figli» commenta sorridendo il ministro), approderanno la prossima settimana in Parlamento. L' esame però inizierà solo a settembre, visto che alla Camera si sta convertendo il decreto. «Non ci possono essere tanti uffici pubblici in luoghi diversi che finiscono per dare risposte contraddittorie sottolinea il ministro e pensiamo sia importante ci sia un unico luogo dove il cittadino sa di potere andare». In quest' ottica, visto che «le sedi della Pubblica amministrazione sono troppe», ci saranno come punti di riferimento le prefetture, ma «saranno meno delle attuali avverte e non confermo il numero di 40, perché stiamo superando le dimensione provinciale, come prevede la legge Delrio». Il secondo capitolo della riforma riguarda i dirigenti con l' introduzione di un «ruolo unico interministeriale» cui la Pa. attingerà per scegliere le figure apicali, i cui contratti saranno triennali: «Bisogna uscire dalla logica che un dirigente sia dipendente di questo o quel ministero dice il ministro Madia : si è tutti dirigenti dello Stato, anzi della Repubblica». La riforma prevede una maggiore mobilità delle carriere che non saranno più automatiche, ma basate sul merito. Una banca dati conterrà i Continua > 13

16 Pagina 4 < Segue Corriere della Sera pubblica amministrazione curricula, il profilo professionale e le valutazioni ottenute nei diversi incarichi ricoperti. «E premesso che non ci saranno esuberi spiega Madia, bisogna rivedere il rapporto tra dirigenti e dipendenti che oggi in termini numerici è squilibrato. E attraverso i concorsi annuali ci saranno più qualifiche basse». Il disegno di legge delega scioglie in parte il delicato nodo delle centinaia di decreti attuativi ancora nel limbo: «Introduciamo il concetto del "silenzio assenso" spiega il ministro per cui l' amministrazione proponente invia alla concertante un provvedimento e se entro 30 giorni il ministero non risponde si considera assenso». E se tra due ministeri c' è una divergenza di vedute, è la presidenza del Consiglio a decidere come deve essere scritto il provvedimento. Comunque un' amministrazione non può bloccarne un' altra. Madia ha poi espresso la propria posizione in merito al blocco della contrattazione economica dei dipendenti pubblici: «Un' ingiustizia portata dalla crisi che si somma a tante altre ingiustizie», come quella che riguarda gli esodati e i precari. Dunque non sarà possibile sbloccare la parte economica dei contratti ma solo quella normativa. Intanto in Parlamento il decreto è stato sommerso da un migliaio di emendamenti. Madia precisa che è «aperta a proposte migliorative». Ma per quanto riguarda il trattenimento in servizio dei magistrati, «il punto di equilibrio trovato (deroga fino al 2015) non è da cambiare, perché garantisce la continuità del lavoro degli uffici giudiziari». Ieri il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha incontrato a palazzo Chigi il ministro dell' Economia, Pier Carlo Padoan, e il commissario alla spending review, Carlo Cottarelli. L' incontro è stato definito di routine, ma non è escluso che a breve il premier prepari qualche uscita importante in tema di economia per rassicurare circa la tenuta dei conti pubblici e il cammino delle riforme. Francesco Di Frischia. Francesco Di Frischia 14

17 Pagina 1 Il Sole 24 Ore pubblica amministrazione FOCUS LAVORO. Madia: Pa con più servizi e meno costi Certificati erogati in modalità digitale a cittadini e imprese. Prefetture utilizzate come "sportelli unici" dello Stato sul territorio. Il ministro Marianna Madia punta su una Pa con meno costi e più servizi. Eugenio Bruno u pagina 4. 15

18 Pagina 4 Il Sole 24 Ore pubblica amministrazione La lunga crisi/mercati e industria. Meno costi, più servizi: Pa al test crescita Madia: riforma per il rilancio del Paese Nella delega stretta sulle partecipate, prestazioni solo online e tre ruoli per i dirigenti. Eugenio Bruno ROMA Erogazione in modalità digitale di tutti (o quasi) i servizi a cittadini e imprese. Trasformazione delle prefetture nello sportello unico dello Stato sul territorio. Dirigenti inquadrati in tre ruoli. Più poteri alla presidenza del Consiglio nel concerto con gli altri ministeri grazie al silenzio assenso. Sono i pilastri della riforma della Pa contenuta nel disegno di legge delega, che il Consiglio dei ministri ha riapprovato giovedì e che, nelle intenzioni del ministro Marianna Madia, sarà cruciale per rilanciare la crescita e liberare risorse per superare «l' ingiusto» blocco della contrattazione. Insieme ad altre misure come la stretta sulle partecipate, la razionalizzazione degli acquisti di beni e servizi e la cancellazione del contributo annuale alle Camere di commercio contenute nelle ultime bozze del provvedimento. A ribadire ragioni e strumenti del riordino è stata ieri, in una conferenza stampa a Palazzo Chigi, la stessa responsabile della Pubblica amministrazione. Che ha motivato il secondo via libera in Cdm dopo quello del 13 giugno scorso, con la necessità di rendere «più chiaro e incisivo» il testo. E, con esso, l' opera di modernizzazione della Pa che il governo ha avviato con il decreto legge n. 90 attualmente all' esame della Camera. Due provvedimenti che erano e restano legati da un filo rosso. Anche nei tempi visto che, per esplicita ammissione della titolare di Palazzo Vidoni, il ddl sarà inviato in Parlamento la prossima settimana, ma verrà esaminato solo a partire da settembre perché prima bisogna concentrarsi sulla conversione del dl. Passando ai contenuti la novità principale della delega rimane quella annunciata due giorni fa dal premier Matteo Renzi. E cioè la possibilità per cittadini e imprese di ricevere presso il proprio domicilio digitale (o fisico se lo preferiranno) tutti i documenti pubblici. Ma ci si arriverà per gradi. Nel 2015 ogni utente otterrà il suo Pin; entro giorni la digitalizzazione sarà completa. Nel disegno dell' esecutivo, una volta ridotte le prestazioni da erogare de visu, sarà più facile snellire gli uffici pubblici. Un aiuto in tal senso lo daranno le prefetture 2.0. Che diventeranno lo sportello unico dello Stato sul territorio. Ospitando le sedi periferiche delle Pa centrali e degli enti pubblici oggi dislocati in ogni provincia come soprintendenze, Entrate, Ragioneria dello Stato eccetera. Resta da capire quante saranno. Secondo il ministro Madia meno del centinaio oggi esistente dal momento che seguiranno la sorte delle province svuotate dalla legge Delrio. Ma l' impressione è che difficilmente possano scendere a 40 come annunciato in un primo momento dal governo. Continua > 16

19 Pagina 4 < Segue Il Sole 24 Ore pubblica amministrazione Novità in vista anche per i futuri «dirigenti della Repubblica»: diminuiranno in rapporto agli altri dipendenti; accederanno alla carica per concorso; non saranno più divisi in fasce bensì inquadrati in tre ruoli unici (Stato, regioni ed enti locali), soggetti a «osmosi» per usare le parole del ministro; otterranno incarichi triennali dopo il sì di apposite commissioni il più possibile indipendenti da politica e sindacati; saranno promossi o bocciati (oltre che retribuiti) sulla base dei risultati della valutazione. Tra le misure introdotte dal ddl ci sono poi la delega a individuare una volta per tutto le pratiche per cui basta la Scia, l' ampio ricorso ai testi unici e il rafforzamento della presidenza del Consiglio. Per facilitare l' attuazione delle leggi ed evitare la "melina" dei ministeri concertanti viene stabilito un termine di 30 giorni per l' emissione di un concerto, un parere o un nulla osta su un provvedimento attuativo di competenza di un altro dicastero. Affidando a Palazzo Chigi la scelta di concedere o meno altri 15 giorni supplementari e prevedendo il ricorso al silenzio assenso in caso di mancata risposta. Fin qui le misure citate da Madia. A cui vanno aggiunte, da un lato, quelle previste nel testo sin dall' origine, come il ricorso al part time per il personale a cinque anni dalla pensione e l' aiuto alla conciliazione dei tempi di vita e lavoro grazie alle convenzioni con gli asili nido e ai voucher per baby sitter e badanti. E, dall' altro, alcune new entry. È il caso della spinta verso l' efficienza delle partecipate statali oppure della razionalizzazione delle norme sugli acquisti di beni e servizi o ancora dell' abolizione del contributo annuale che le aziende devono alle Camere di commercio insieme al trasferimento allo Sviluppo economico del Registro delle imprese. Nel frattempo potrebbe subire un restyling anche l' altra gamba della riforma: il dl 90 che è all' esame della Camera e sul quale è stato presentato ieri un migliaio di emendamenti. Madia ha aperto uno spiraglio sul ripristino dell' agognata quota 96 per gli insegnanti, intesa come il mix di età e anni contributivi per andare in pensione, che è stata cancellata dalla legge Fornero. «Sarei onorata se la questione si risolvesse nel decreto a mia firma», ha ammesso il ministro. Che con la stessa sincerità ha tuttavia fatto capire come il problema riguardi le coperture e, dunque, l' Economia. RIPRODUZIONE RISERVATA. EUGENIO BRUNO 17

20 Pagina 4 Il Sole 24 Ore pubblica amministrazione Le novità del disegno di legge PREFETTURE Uffici territoriali dello Stato Il riordino delle amministrazioni centrali passa dalla trasformazione delle prefetture in uffici territoriali dello Stato. Al loro interno confluiranno le sedi periferiche delle Pa centrali e degli altri enti pubblici: soprintendenze, Entrate, Ragioneria generale. Tre ruoli unici per i manager. I dirigenti pubblici saranno inquadrati in tre ruoli unici, senza articolazioni in fasce: uno per lo Stato, uno per le regioni e uno per gli enti locali. Consentendo in questo modo una maggiore mobilità e carriere senza automatismi in base all' anzianità. Gli incarichi saranno triennali Addio alla carta La delega prevede la possibilità per cittadini e imprese di ricevere presso il proprio domicilio digitale (o fisico se lo preferiranno) tutti i documenti pubblici. Ma ci si arriverà per gradi. Nel 2015 ogni utente otterrà il suo Pin; entro giorni la digitalizzazione sarà completa Più poteri a Palazzo Chigi I ministeri concertanti avranno 30 giorni per l' emissione di un concerto, un parere o un nulla osta su un provvedimento attuativo di competenza di un altro dicastero. Ma Palazzo Chigi potrà concedere 15 giorni in più. In caso di mancata risposta scatta il silenzio assenso. 18

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

inform@ata news n.02.15

inform@ata news n.02.15 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it inform@ata news n.02.15 la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

inform@ata news n.02.14

inform@ata news n.02.14 inform@ata news n.02.14 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 AMMORTIZZATORI SOCIALI : LUCE E OMBRE PENALIZZATI LAVORATORI E LAVORATRICI STAGIONALI CON UN REDDITO NETTO MENSILE DI

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola Il punto di pratica professionale Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola a cura di Eufranio Massi Direttore della Direzione provinciale del Lavoro di Modena Per una disamina, sia pur breve,

Dettagli

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 918 RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE Formiche.net 9 settembre 2013 CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE di Alessandra Servidori Il Ministro del lavoro e delle politiche sociali Enrico Giovannini e il Vice ministro Cecilia Guerra

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Indice (cliccabile) Premessa Terziarizzazione Regole per la definizione degli organici di ciascun profilo o DSGA o Assistenti Tecnici

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli