Salute e sicurezza sul lavoro D.Lgs. 9 aprile 2008 n.81 e s.m.i. Gruppo di studio Sicurezza sul lavoro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Salute e sicurezza sul lavoro D.Lgs. 9 aprile 2008 n.81 e s.m.i. Gruppo di studio Sicurezza sul lavoro"

Transcript

1 Salute e sicurezza sul lavoro D.Lgs. 9 aprile 2008 n.81 e s.m.i. 1

2 D.Lgs. 9 aprile 2008 n.81 e s.m.i Entrata in vigore Cosa cambia rispetto alla 626/94? Quali novità sono state introdotte? DURC D.Lgs. 231/01 Responsabilità amministrativa Sistema di gestione Costi della mancata sicurezza Costi globali della sicurezza Gestione della sicurezza Cultura della sicurezza Attività per la sicurezza Organi di vigilanza Modalità di controllo Pagamenti e contravvenzioni Approfondimentioni Delega di funzioni Sospensione dell attività Visite mediche Protocolli di sorveglianza sanitaria Gestione della sicurezza Aspetti manageriali Aspetti organizzativi Aspetti specialistici La pratica per le aziende Indice Distinzioni Datore di lavoro RSPP Valutazione dei rischi Formazione e informazione Antincendio Primo soccorso RLS Sorveglianza sanitaria Medico competente Relazioni tecniche Dispositivi di protezione Piano di emergenza ed evacuazione Lavorazioni affidate a terzi Impianti e attrezzature Certificato di prevenzione incendi 2

3 Entrata in vigore (1) : entrata vigore ufficiale salvo alcuni aspetti differiti : valutazione dei rischi : data certa o attestata sui documenti; valutazione dei rischi da stress lavoro-correlato; : sì alle visite pre-assuntive! : rischio stress lavoro correlato Dall entrata in funzione del SINP: comunicazioni a fini statistici all INAIL di tutti gli infortuni; : disposizioni relative a protezione dei lavoratori dai rischi di esposizione a radiazioni ottiche artificiali, Titolo VIII, Capo V : disposizioni relative a protezione dei lavoratori dai rischi di esposizione a campi elettromagnetici, Titolo VIII, Capo IV 3

4 Entrata in vigore (2) Solo 626/94 Sia 626/94 che 81/08 Integrato Solo 81/08 con 109/09 4

5 D.Lgs n. 106 Entrata in vigore (3) Prima del correttivo Tutti i rischi eccetto quelli con entrata in vigore differita Data certa Rischio da radiazioni sui documenti + ottiche artificiali Rischio Stress Rischio da campi elettromagnetici Solo DVR No autocertif. Dopo il correttivo Tutti i rischi eccetto quelli con entrata in vigore differita Data certa o attestata sui documenti Rischio da radiazioni ottiche artificiali Rischio stress lavoro correlato Rischio da campi elettromagnetici Solo DVR No autocertif. 5

6 Cosa cambia rispetto alla 626/94? TUTTO: vengono tagliati dall art. 304 (abrogati), fra gli altri, i mostri sacri della attuale Legislazione in tema SSL.: DPR 303/1956 DPR 547/1955, DPR 164/1956, DLgs 626/1994, DLgs 494/1996 NIENTE: la quasi totalità delle disposizioni contenute in quei provvedimenti vengono incollati nel disposto del D.Lgs. 81/2008 in 306 articoli e 51 allegati 6

7 Quali novità sono state introdotte? (1) Aumentano gli adempimenti, anche burocratici e gli importi delle sanzioni per le non conformità Vi è una definizione amplissima di Lavoratore Vi è una definizione puntuale di Preposto Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) avrà maggior spessore Sono valorizzati i Sistemi di Gestione per la Salute e Sicurezza nei Modelli di Organizzazione e Gestione (art.30) Medici del Lavoro e RSPP dovranno collaborare maggiormente 7

8 Definizione Art.2 comma 1 lett. a) «lavoratore»: persona che, indipendentemente dalla tipologia contrattuale, svolge un attività lavorativa nell ambito dell organizzazione di un datore di lavoro pubblico o privato, con o senza retribuzione, anche al solo fine di apprendere un mestiere, un arte o una professione, esclusi gli addetti ai servizi domestici e familiari. Al lavoratore così definito è equiparato: il socio lavoratore di cooperativa o di società, anche di fatto, che presta la sua attività per conto delle società e dell ente stesso; l associato in partecipazione di cui all articolo 2549, e seguenti del codice civile; il soggetto beneficiario delle iniziative di tirocini formativi e di orientamento di cui all articolo 18 della legge 24 giugno 1997, n. 196, e di cui a specifiche disposizioni delle leggi regionali promosse al fine di realizzare momenti di alternanza tra studio e lavoro o di agevolare le scelte professionali mediante la conoscenza diretta del mondo del lavoro; l allievo degli istituti di istruzione ed universitari e il partecipante ai corsi di formazione professionale nei quali si faccia uso di laboratori, attrezzature di lavoro in genere, agenti chimici, fisici e biologici, ivi comprese le apparecchiature fornite di videoterminali limitatamente ai periodi in cui l allievo sia effettivamente applicato alla strumentazioni o ai laboratori in questione; i volontari del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e della protezione civile; il lavoratore di cui al decreto legislativo 1 dicembre 1997, n. 468, e successive modificazioni; 8

9 Quali novità sono state introdotte? (2) Maggior responsabilizzazione del Committente negli appalti Alcune Istituzioni avranno anche ruolo di consulenza La Valutazione dei Rischi dovrà avere data certa o data attestata riguardare malattie da stress da lavoro, lavoratrici madri ed altre categorie deboli, come stranieri, minori e disabili riguardare anche i campi elettromagnetici, il microclima, le radiazioni ottiche 9

10 già dal 2007 (DURC) Il D.M dal estende a tutti i settori il documento unico di regolarità contributiva (DURC) che è richiesto ai datori di lavoro ai fini della fruizione dei benefici normativi e contributivi in materia di lavoro e legislazione sociale, ai fini della fruizione dei benefici e sovvenzioni previsti dalla disciplina comunitaria nell'ambito delle procedure di appalto di opere, servizi e forniture pubblici e nei lavori privati dell'edilizia Non conformità rispetto al D.Lgs. 81/08 possono comportare la sospensione del DURC 10

11 già dal 2007 (D.Lgs. 231/01) La L.123/2007 (legge delega) all art. 9 ha introdotto per l omicidio colposo e le lesioni colpose gravissime o gravi commessi con violazione delle norme sulla sicurezza sul lavoro l applicabilità del D.Lgs. 231/2001 che riguarda la Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica, a norma dell'articolo 11 della legge 29 settembre 2000, n Sono considerate GRAVI anche le lesioni con inabilità TEMPORANEA oltre i 40 giorni (art.583 CP) 11

12 Responsabilità amministrativa Gli amministratori hanno l obbligo di accertare che tutta l organizzazione aziendale operi in conformità alla normativa mediante procedure di Organizzazione, Gestione e Controllo Sistematiche. Le sanzioni (pecuniarie fino a 1,5 milioni di euro o interdittive) sono molto gravi e a carico della società. Si deve adottare un modello di gestione. Gli amministratori inadempienti ne rispondono nei confronti dei Soci. 12

13 Sistema di gestione Riunione annuale ex art. 11 Risoluzione Non Conformità Audit e controlli Sorveglianza Sanitaria Misurazione delle prestazioni Programma di Formazione / Informazione Impegno e organizzazione ( DL, SPP, MC, RLS, AAI, APS) Rispetto delle Leggi SERVIZIO DI PREVENZIONE PROTEZIONE (RSPP) Valutazione dei rischi Piano Annuale della Sicurezza (P.A.S. ) Processi Fondamentali Istruzioni Operative Gestione delle emergenze 13

14 Costi della mancata sicurezza COSTI VISIBILI Indennità salariali Costi assicurativi (INAIL+RC) 1 giorno infortunio: euro 1 malattia prof.le riconosciuta euro COSTI SOMMERSI Tempo perso per i soccorsi Fermo produttivo Tempo perso per l inchiesta Danni alle macchine Sostituzione dell infortunato Scioperi Controversie legali / Sanzioni Danni all immagine aziendale 14

15 Costi globali della sicurezza COSTO Costi globali SICUREZZA (somma A+B) SPESA annua per SICUREZZA Costi della ORGANIZZAZIONE SICUREZZA = B Costi della mancata SICUREZZA = A Liv A Liv B Livello di SICUREZZA 15

16 Cultura della sicurezza La sicurezza non è qualcosa da fare in più, oltre la normale operatività quotidiana In sicurezza è la modalità con cui si deve operare nella normale attività aziendale 16

17 Valutazione dei rischi Attività per la sicurezza (1) Processo di Valutazione dei Rischi Revisione della valutazione dei rischi a seguito di: Modifiche significative del processo produttivo o della organizzazione del lavoro; Infortunio o mancato infortunio; Sospetta malattia professionale; Evoluzione tecnica. Analisi delle cause di infortunio o mancato infortunio Redazione dei documenti e delle relazioni 17

18 Attività per la sicurezza (2) Gestione delle infrastrutture e dei mezzi di lavoro Acquisti sostanze e preparati chimici Gestione dei D.P.I. ed eventuale abbigliamento di lavoro Acquisti macchinari ed impianti, anche usati Vendita del macchinario usato Acquisti di fabbricati o realizzazione nuove strutture (anche ampliamenti) Modifiche del layout significative per inserire nuovi impianti, macchinari, tecnologie, preparati) Prova industriale (incluse le attività di Laboratorio) Messa in servizio di impianti o apparecchiature 18

19 Gestione delle risorse umane Attività per la sicurezza (3) Inserimento nuovi assunti o cambio mansioni Servizi professionali (ingegneria, architettura, impiantistica, consulenza specialistica in sicurezza, medico competente, RSPP esterno, ecc.) Inserimento di lavoratori interinali e lavoratori a progetto Inserimento lavoratori deboli : donne in gravidanza o madri, handicappati, invalidi civili, migranti,. Gestione di dipendenti che operano off site (montatori, commerciali, assistenza tecnica, ) anche per brevi periodi ad esempio per trasferte Formazione, informazione, addestramento, tutoraggio, affiancamento 19

20 Attività per la sicurezza (4) Gestione delle attività terziarizzate Appalti con Imprese esterne e loro coordinamento Gestione di visitatori e ospiti, Rappresentanti, Tecnici, Commerciali, ecc, Concessione in uso dei macchinari Servizi generici / appalti (pulizie, mensa, ) Servizi di manutenzione strategici per la sicurezza: carrelli elevatori, gru e sollevatori, apparecchi ad aria compressa e caldaie, presidi antincendio, impianti elettrici, automobili aziendali 20

21 Attività per la sicurezza (5) Monitoraggio e riesame Imputazione e controllo dei costi della sicurezza Gestione della Sorveglianza sanitaria (Tit. I capo VI D.Lgs. 81/08) Monitoraggio con indicatori di performance dei risultati del Sistema di Gestione e degli sforzi compiuti dallo stesso 21

22 Organi di vigilanza In caso di ispezioni e verifiche, i pubblici ufficiali competenti in materia di violazione delle norme sulla sicurezza sul lavoro, a seconda delle problematiche, possono essere i funzionari di ASL, Ispettorato del lavoro, Vigili del fuoco, Polizia Municipale, ARPA, ISPESL 22

23 Modalità di controllo 1. [V presso A] Ispezione (preventiva oppure su incarico di P per ipotesi di reato) 2. [V a DL] Verbale di accesso 3. [V a DL] Verbale di prescrizione + [V a P] Notizia di reato 4. [DL] Adozione/risoluzione prescrizioni entro 60/90 gg 5. [V a DL] Verbale di sanzione con ravvedimento operoso ( ) 6. [DL] Adozione/risoluzione prescrizioni scaduto il termine 7. [V a DL] Verbale di contravvenzione per adempimento tardivo ( ) 8. [DL a V] pagamento sanzioni + [V a P] estinzione reato 9. [DL e P] procedimento giudiziario 10.[DL] se condannato, sanzioni/ammende/arresto + spese legali ( ) 11.[DL] se assolto, spese legali ( ) DL Datore di lavoro V Organo di vigilanza P Procura Eventuale responsabilità amministrativa delle persone giuridiche se DL condannato per lesione/omicidio colposa/o ( 23

24 Pagamenti e contravvenzioni (art. 302) Per le contravvenzioni punite con la sola pena dell arresto: il giudice può, su richiesta dell imputato, sostituire la pena irrogata nel limite di dodici mesi con il pagamento di una somma determinata secondo i criteri di ragguaglio di cui all art.135 CP e minimo di (art. 301) Per le contravvenzioni punite con ammenda (o arresto): Se il procedimento si ferma al punto 5, è ammesso il pagamento di ¼ del massimo edittale Se il procedimento si ferma al punto 7, è ammesso il pagamento di ½ del massimo edittale Altrimenti il pagamento è stabilito in giudizio tra il min e il max previsti (art. 301-bis) Per le contravvenzioni di tipo amministrativo: Se il procedimento si ferma al punto 5, è ammesso il pagamento del minimo edittale 24

25 La pratica per le aziende Forniamo qui di seguito, una descrizione sintetica di quanto occorre predisporre e di quale documenti è necessario esibire E soggetta ai seguenti obblighi qualunque attività (ditta individuale, famigliare, società di persone, società di capitali, studi associati, associazioni, ecc.) presso la quale operino uno o più lavoratori, siano essi dipendenti, soci lavoratori, collaboratori o professionisti, coadiuvanti o volontari, sia parttime che full-time. 25

26 Alcune distinzioni (1) Nei confronti di alcune categorie, le disposizioni si applicano in modo diverso rispetto agli altri lavoratori: Nel caso di interinali e distaccati, gli obblighi sono a carico dell utilizzatore Lavoratori che effettuano prestazioni occasionali di tipo accessorio Lavoratori a domicilio Tele-lavoratori Lavoratori autonomi, familiari coadiuvanti, coltivatori diretti, artigiani, piccoli commercianti, volontari Lavoratori stagionali del settore agricolo 26

27 Alcune distinzioni (2) Rispetto ad alcuni settori ed attività lavorativa, si applicano disposizioni diverse (già emanate o ancora da predisporre): Forze armate, polizia, carabinieri, vigili del fuoco, protezione civile, ecc. Università, istituti di formazione, uffici all estero Navi, porti, treni Organizzazioni e associazioni di volontariato in ambito di protezione civile, soccorso alpino, speleologico, pronto soccorso, assistenza sociale a minori, invalidi, anziani, ecc. 27

28 Datore di lavoro Occorre identificare il Datore di Lavoro (DL) tra i titolari e incaricarlo con lettera scritta Il DL è il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o, comunque, il soggetto che, secondo il tipo e l assetto dell organizzazione nel cui ambito il lavoratore presta la propria attività, ha la responsabilità dell organizzazione stessa o dell unità produttiva in quanto esercita (non più: è titolare de ) i poteri decisionali e di spesa. Nelle imprese individuali è il TITOLARE DELL IMPRESA Nelle società di persone sono TUTTI I SOCI AMMINISTRATORI Nelle società è L INTERO CDA IN ASSENZA DI DELEGA VALIDA 28

29 RSPP Occorre identificare il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) e incaricarlo con lettera scritta Purché siano sostenuti adeguati corsi di formazione (diversi caso per caso), da rinnovarsi ogni 5 anni, la scelta può ricadere su: Datore di lavoro (16h, per ora!) Professionista esterno (titoli adeguati) Lavoratore (>72h con obbligo 90% frequenza) Corso on-line 29

30 Valutazione dei rischi (1) Occorre effettuare la valutazione dei rischi (in genere ogni 3 anni), oppure ogni qualvolta si verifichino dei cambiamenti rilevanti ai fini della sicurezza; Alla fine, devono risultare con data certa o attestata: O il documento stesso della valutazione (DVR) O l autocertificazione (comunque solo fino a una data da stabilire e e solo per le aziende con meno di 10 lavoratori) Compilazione on-line 30

31 Si deve tenere conto di: Contesto aziendale Prevenzione incendi e lotta antincendio Interventi di primo soccorso (o pronto soccorso) Procedure di gestione dell emergenza Movimentazione dei carichi Valutazione dei rischi (2) Uso dei videoterminali Rischi a cui sono soggette le donne in gravidanza Rischi legati alle attrezzature Rischio rumore Rischio vibrazioni Rischio chimico Rischio biologico Rischio stress Ecc. On-line da ott-09 31

32 Servizio on-line Da ottobre 2009 Formazione e informazione Occorre adottare un sistema di informazione, formazione, addestramento ed eventuale tutoraggio (per l utilizzo di macchinari) nei confronti dei lavoratori Ciò evita le contestazioni più ricorrenti da parte di ASL e Ispettorato del lavoro Si dimostra mediante un registro su cui periodicamente annotare gli interventi formativi e i soggetti destinatari (che devono firmare) 32

33 Se RSPP DL, vale DL=AAI solo se <= 5 lav. Antincendio Occorre istituire una squadra antincendio, composta da almeno un addetto in possesso di un attestato di formazione per rischio incendio, basso (4h), medio (8h) o elevato (16h), a seconda della tipologia di attività svolta; In genere gli uffici hanno rischio basso, mentre le attività all interno di capannoni rischio medio Corso 4h on-line 33

34 Se RSPP DL, vale DL=APS solo se <= 5 lav. Primo soccorso Occorre istituire una squadra di primo soccorso, composta da almeno un addetto in possesso di un attestato di formazione sul primo soccorso (12/16h) Gli addetti sono soggetti ad aggiornamento (4h) ogni 3 anni. Corso on-line 8h 34

35 Sorveglianza sanitaria Dalla valutazione si desume se è necessaria la sorveglianza sanitaria Di solito necessaria per uffici con lavoratori al videoterminale per >20h/settimana, per ditte di edilizia, di meccanica, di metallurgia, di trasformazioni chimiche, per aziende alimentari, per parrucchieri, ecc. 35

36 Medico competente Se è necessaria la sorveglianza sanitaria, occorre identificare un medico competente (MC) e incaricarlo con lettera scritta. Il MC deve verificare l idoneità dei lavoratori alle mansioni loro attribuite, per verificare l idoneità dei luoghi di lavoro in materia di igiene e salute e per gestire le eventuali procedure di sorveglianza sanitaria, la maternità anticipata e posticipata, ecc. Possiamo segnalarvi, una lista di professionisti 36

37 Relazioni tecniche Occorre effettuare o aggiornare le misurazioni per i rischi specifici (rumore, vibrazioni, piombo, amianto, radon, prodotti chimici, agenti biologici, agenti cancerogeni, ecc.), quando necessario e previsto dal documento di valutazione dei rischi; i risultati delle misurazioni devono essere riportati nelle relazioni tecniche, conservate con il DVR. Possiamo fornirvi il servizio con preventivo di spesa 37

38 RLS I lavoratori possono eleggere un Rappresentante per la Sicurezza (RLS) Il DL deve comunicare annualmente all INAIL il nominativo del RLS, in alternativa l INAIL incarica d ufficio un RLS territoriale che svolge le medesime funzioni (partecipare alle riunioni, richiedere il DVR, le relazioni, ecc.) Ogni RLS deve essere adeguatamente formato (32h) con richiami annuali (4/8h) In ogni caso si deve verificare il CCNL Corso on-line 28h + aula 4h 38

39 Dispositivi di protezione Occorre dotare i locali ove si svolge l attività di adeguati dispositivi estinguenti e di primo soccorso: cioè devono essere presenti estintori controllati, collaudati e funzionanti in numero congruo e devono essere presenti le cassette di pronto soccorso con il contenuto previsto (non scaduto!) dai decreti ministeriali. Occorre dotare i lavoratori degli adeguati dispositivi di protezione individuale (DPI), identificati nel DVR 39

40 Piano di emergenza ed evacuazione Occorre realizzare ed aggiornare il piano di emergenza ed evacuazione (PEE), predisponendo nei locali l apposita segnaletica indicante le vie di fuga e i dispositivi di protezione e antincendio 40

41 Lavorazioni affidate a terzi Qualora, siano affidati lavori in appalto a ditte o lavoratori autonomi, occorre predisporre e tenere aggiornato il Documento unico di valutazione dei rischi da interferenze (DUVRI), tranne per: Lavori di natura intellettuale Fornitura di materiale Lavori o servizi della durata <= 2gg. Attenzione! Ai tutti i contratti dovrà essere allegato il DUVRI. Purché siano esclusi i rischi biologico, cancerogeno, ecc. 41

42 Impianti e attrezzature Occorre verificare se le caratteristiche degli impianti e delle attrezzature utilizzate rispettano le normative di riferimento. Denuncia Messa a Terra a ISPESL e ASL (DPR 462/01) e collaudo periodico impianto elettrico Documentazione di conformità (e Progetto) dell Impianto Elettrico se previsto (DM 37/08) Marchiatura CE per tutti i macchinari utilizzati; cioè devono essere contrassegnati per attestare la rispondenza o conformità a tutte le direttive comunitarie applicabili. Certificati di verifica e collaudo per i macchinari previsti dalla normativa Ecc. 42

43 Certificato di prevenzione incendi Occorre verificare la necessità del CPI (DM 10 marzo 1998), da aggiornare ogni 3 o 6 anni, previsto per molte tipologie di attività tra cui: locali adibiti ad esposizione e/o vendita con superficie di almeno 400 mq (comprensiva di servizi e depositi) locali adibiti a deposito con superficie lorda superiore a mq caldaie o impianti per la produzione di calore con potenzialità superiore a kcal/ln (116 kw) autofficine e autorimesse con capienza di almeno 9 veicoli tipografie con oltre 5 addetti impianti di distribuzione carburante locali di spettacolo e di trattenimento con capienza superiore a 100 posti alberghi, pensioni, dormitori e simili con oltre 25 posti letto ecc. 43

44 44

45 Delega di funzioni (1) Condizioni espressamente indicate dalla legge (art. 16): la funzione deve essere delegabile la delega deve essere conferita con atto scritto recante data certa il delegato deve possedere i requisiti di professionalità ed esperienza richiesti per la natura delle funzioni delegate la delega deve trasferire tutti i poteri di organizzazione, gestione e controllo richiesti dalla natura della funzione delegata al delegato deve essere attribuita l autonomia di spesa necessaria per lo svolgimento delle funzioni delegate la delega deve essere accettata per iscritto dal delegato alla delega deve essere data adeguata e tempestiva pubblicità 45

46 Delega di funzioni (2) La delega di funzioni non esclude l obbligo di vigilanza in capo al datore di lavoro in ordine al corretto espletamento da parte del delegato delle funzioni trasferite. In ogni caso, il datore di lavoro non può delegare i seguenti obblighi: Valutazione dei Rischi e redazione del relativo documento Nomina del RSPP 46

47 Sospensione dell attività Art. 14 D. Lgs. n. 81/2008: Gli organi di vigilanza del Ministero del Lavoro e delle ASL possono sospendere un attività imprenditoriale in caso di «gravi e reiterate violazioni in materia di tutela della salute e sicurezza sul lavoro» individuate nell Allegato I e con decreto del Ministero. Tra queste: mancanza DVR, PEE o RSPP Stessa violazione o simile entro 5 anni 47

48 Visite mediche Preassuntive Preventive Periodica Su richiesta Cambio di mansione Rientro dopo 60 gg. Cessazione NO per accertare gravidanza SI Accertamenti diagnosti e clinici SI visite specialistiche Ammesso ricorso contro giudizi di (in)idoneità 48

49 Sorveglianza sanitaria Quando prevista dalle norme di legge: Uso VDT >20h/sett MMC rilevante per la salute RUMORE > 85db(A) R.CHIMICO rilevante per la salute VIBRAZIONI corpo intero > 0,5 m/s 2 VIBRAZIONI mano braccio > 2,5 m/s 2 POLVERI > TLV MICROCLIMA severo (freddo o caldo) Ecc. 49

50 Impiegati se classificati Videoterminalisti Visita medica periodica comprensiva di esame oftalmologico quinquennale, biennale o diverso Visita oculistica (I o II livello) 50

51 Rappresentanti di commercio, Impiegati agenzie immobiliari e varie con uso di mezzi aziendali, Fattorini Visita medica annuale mirata al rischio Emocromo + CDT 51

52 Manovali edili, Elettricisti, Idraulici Visita medica annuale mirata al rischio Spirometria annuale Audiometria: in preventiva e a richiesta del dipendente per LepD (8h) dba; annuale per LepD (8h) > 85 dba Esame vestibolare clinico annuale (lavoratori in altezza) Emocromo + CDT (lavoratori in altezza, conduzione mezzi aziendali) Profilassi ATT 52

53 Operai, Meccanici, Elettrauti, Visita medica annuale mirata al rischio Carrozzieri Spirometria annuale (polveri, broncosensibilizzanti) Audiometria: in preventiva a richiesta del dipendente per LepD (8h) dba; annuale per LepD (8h) > 85 dba Esame vestibolare clinico annuale (lavoratori in altezza) Emocromo + CDT (lavoratori in altezza) ECG + Glicemia (lavoratori notturni > 80 notti/anno) visita preventiva ECG biennale (lavoratori notturni > 50 anni) Indici di esposizione e/o effetto a seconda del Rischio chimico 53

54 Saldatori Visita medica annuale mirata al rischio Spirometria annuale Indici di esposizione e/o effetto a seconda del Rischio chimico Audiometria: in preventiva a richiesta del dipendente per LepD (8h) dba;annuale per LepD (8h) > 85 dba 54

55 Carrellisti/Mulettisti Visita medica annuale mirata al rischio Spirometria annuale (polveri, broncosensibilizzanti) Audiometria: in preventiva a richiesta del dipendente per LepD (8h) dba; annuale per LepD (8h) > 85 dba Esame vestibolare clinico annuale Emocromo + CDT Test tossicologico di screening per tossicodipendenze (centro di riferimento Antidoping Orbassano) Profilassi ATT 55

56 Autisti, Addetti macchine operatrici, Gruisti, Addetti pale meccaniche, Escavatoristi, ecc. Visita medica annuale mirata al rischio Audiometria: in preventiva a richiesta del dipendente per LepD (8h) dba; annuale per LepD (8h) > 85 dba Esame vestibolare clinico annuale (lavoratori in altezza) ECG biennale Emocromo + CDT Test tossicologico di screening per tossicodipendenze (centro di riferimento Antidoping Orbassano) 56

57 Visita medica annuale mirata al rischio Spirometria annuale Cuochi 57

58 Commesse, Addetto bancone bar, Camerieri Visita medica annuale mirata al rischio 58

59 Addetti magazzino Visita medica annuale mirata al rischio Audiometria: in preventiva a richiesta del dipendente per LepD (8h) dba;annuale per LepD (8h) > 85 dba 59

60 Addetti pulizie Visita medica annuale mirata al rischio Spirometria annuale 60

61 Parrucchieri Visita medica annuale mirata al rischio Spirometria annuale Prick persolfati (visita preventiva) 61

62 Operatori sanitari, Addetti alla poltrona odontoiatrica, Insegnanti, Assistenti sociali Visita medica annuale mirata al rischio Sierologia HBV, HCV, HIV Triennali ( + Protocollo infortuni a rischio biologico + Profilassi HBV) Emocromo + CDT (addetti assistenza continuativa) 62

63 Giardinieri, Manovali agricoli, Allevatori o assimilabili Visita medica annuale mirata al rischio Audiometria: in preventiva a richiesta del dipendente per LepD (8h) dba; annuale per LepD (8h) > 85 dba Spirometria annuale Emocromo + CDT (conduttori mezzi, addetto vendita e uso di fitosanitari) Test tossicologico di screening per tossicodipendenze (centro di riferimento Antidoping Orbassano) 63

64 Addetti vigilanza, Guardiani Visita medica annuale mirata al rischio notturni Emocromo + CDT (conduzione mezzi aziendale) Test tossicologico di screening per tossicodipendenze (centro di riferimento Antidoping Orbassano) se detenzione di armi per servizio ECG + glicemia (visita preventiva) ECG biennale (> 50 anni) 64

65 Gestione della sicurezza L azienda (non l RSPP o il consulente esterno) deve farsi carico di aspetti: Tipo Rilievo MANAGERIALI 65% ORGANIZZATIVI 25% SPECIALISTICI 10% 65

66 Aspetti manageriali Rivedere criticamente il sistema della deleghe e delle procure (DL, Dirigenti, Preposti) e delle nomine (Medico, Consulenti su rischi specifici, RSPP); Verificare i requisiti, il dimensionamento e la motivazione del SPP e della struttura Organizzativa interna Inoltre, per le aziende strutturate: Rivedere le polizze assicurative su infortuni, malattie professionali o meglio intraprendere un risk management Implementare un sistema di controllo dell operato degli Amministratori e dei Manager in collaborazione con l attuale Organismo di Vigilanza (Auditing); 66

67 Aspetti organizzativi Aggiornare i vari capitoli della Valutazione del Rischio con particolare riguardo a infortuni gravi, alle malattie professionali emergenti e ai nuovi rischi normati (psicosociali, radiazioni, ergonomia, ecc.) Organizzare la gestione dei processi fondamentali per la sicurezza sul lavoro (indipendenti dalle Leggi) Organizzare l appalto con contratti scritti e redazione obbligatoria del DUVRI (Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interfernze) Sorveglianza sanitaria Formazione coerente con la valutazione dei rischi 67

68 Aspetti specialistici Coinvolgere nelle valutazione delle malattie professionali il Medico Competente (e i consulenti tecnici che ci supportano). Il Medico deve condividere nel metodo e nel merito l accettazione del rischio con il Datore di Lavoro. Rivedere gli aspetti specialistici della valutazione dei rischi (data certa, relazioni tecniche, ecc.) coinvolgendo i responsabili e i consulenti esterni Provvedere alla formazione (aggiornamento, addestramento, tutoraggio, ecc.) dei responsabili, dei lavoratori e degli addetti ecc. 68

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI SEGRETERIA NAZIONALE 00198 ROMA VIA TEVERE, 46 TEL. 06.84.15.751/2/3/4 FAX 06.85.59.220 06.85.52.275 SITO INTERNET: www.fabi.it E-MAIL: federazione@fabi.it FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI Ai Sindacati

Dettagli

ATTORI DELLA SICUREZZA

ATTORI DELLA SICUREZZA Il titolo I del D. Lgs. 81/08 altri materiali 1 ATTORI DELLA SICUREZZA DATORE DI LAVORO DIRIGENTI PREPOSTI LAVORATORI RSPP e ASPP MEDICO COMPETENTE RLS ADDETTI ANTINCENDIO E PRIMO SOCCORSO 2 1 IL NOSTRO

Dettagli

Decreto Legislativo. 9 aprile 2008 n. 81

Decreto Legislativo. 9 aprile 2008 n. 81 Decreto Legislativo Attuazione dell art. 1 della L. 123/2007 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro 9 aprile 2008 n. 81 D. Lgs. 81/2008 ABROGA: D.P.R. 27 aprile 1955,

Dettagli

FORMAZIONE GENERALE. Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i

FORMAZIONE GENERALE. Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i FORMAZIONE GENERALE Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i Indice 1. PREMESSA... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. VALUTAZIONE DEI RISCHI (ART. 28)... 2 4. I SOGGETTI DELLA PREVENZIONE IN AZIENDA...

Dettagli

L obiettivo di questo corso è quello di fornirvi gli elementi per riflettere su aspetti importanti che riguardano sia il lavoro che la nostra vita

L obiettivo di questo corso è quello di fornirvi gli elementi per riflettere su aspetti importanti che riguardano sia il lavoro che la nostra vita L obiettivo di questo corso è quello di fornirvi gli elementi per riflettere su aspetti importanti che riguardano sia il lavoro che la nostra vita Alcuni dati: andamento storico (Fonte INAIL) Alcuni dati

Dettagli

Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro. Modena, 30 ottobre 2009

Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro. Modena, 30 ottobre 2009 Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro Modena, 30 ottobre 2009 Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. n. 106 "Disposizioni integrative e correttive

Dettagli

LAVORARE IN SICUREZZA

LAVORARE IN SICUREZZA STUDIO STUDIO TECNICO TECNICO SICUREZZA SICUREZZA ING ING LEO LEO DE DE SANTIS SANTIS via Matteotti 8/B Giulianova (TE) via Matteotti 8/B Giulianova (TE) tel/fax: 085 8007276 tel/fax: 085 8007276 LAVORARE

Dettagli

Confronto Tecnico. tra la L.626/94 e la L.81/08. in tema di Sicurezza

Confronto Tecnico. tra la L.626/94 e la L.81/08. in tema di Sicurezza Confronto Tecnico tra la L.626/94 e la L.81/08 Ing. Roberto Maria Grisi Anni 30 I passaggi storici fondamentali della normativa per la sicurezza Richiami nel codice civile e penale Anni 40 Richiami generici

Dettagli

SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO: AUTOCERTIFICAZIONE E DOCUMENTO DIVALUTAZIONE DEI RISCHI VITERBO, 22/02/2013

SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO: AUTOCERTIFICAZIONE E DOCUMENTO DIVALUTAZIONE DEI RISCHI VITERBO, 22/02/2013 SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO: AUTOCERTIFICAZIONE E DOCUMENTO DIVALUTAZIONE DEI RISCHI VITERBO, 22/02/2013 1 A CURA DELLA SOCIETA SISTHEMA & ANALISI S.r.l. Certificata ISO 9001:2008 settore EA37: progettazione

Dettagli

Consorzio Parcheggi e Mobilità

Consorzio Parcheggi e Mobilità Consorzio Parcheggi e Mobilità RISPOSTE ALLE DOMANDE PIU FREQUENTI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO D.Lgs. 81/2008 e 106/2009 Cos'è il Testo Unico sulla Sicurezza dei Lavoratori? Il Testo

Dettagli

Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale. della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro

Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale. della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Una premessa TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro È in vigore dal 15 maggio 2008, il nuovo Testo

Dettagli

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO INTERVENTI INFRASTRUTTURALI DISTRETTO TRAPANI SOAT DI CASTELVETRANO 91022

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO INTERVENTI INFRASTRUTTURALI DISTRETTO TRAPANI SOAT DI CASTELVETRANO 91022 REGIONE SICILIANA ASSESSORATO RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO INTERVENTI INFRASTRUTTURALI DISTRETTO TRAPANI SOAT DI CASTELVETRANO 91022 Castelvetrano Via Bonsignore, 14 Tel. 0924 89322 Fax 0924

Dettagli

Co.N.A.P.I. Provinciale Roma

Co.N.A.P.I. Provinciale Roma IL Co.N.A.P.I. Confederazione Nazionale Artigiani Piccoli Imprenditori Co.N.A.P.I. rappresenta una Associazione Datoriale dei lavoratori ed è ente bilaterale della UGL nel settore della sicurezza e formazione

Dettagli

D. LGS. 81/08 testo unico sulla sicurezza

D. LGS. 81/08 testo unico sulla sicurezza Campagna straordinaria di formazione per la diffusione della cultura della salute e della sicurezza rivolto al mondo dell impresa. Cantieri di sicurezza 52/1/3/277/2010 D. LGS. 81/08 testo unico sulla

Dettagli

VADEMECUM DEGLI ADEMPIMENTI PER GLI STUDI PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO

VADEMECUM DEGLI ADEMPIMENTI PER GLI STUDI PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO VADEMECUM DEGLI ADEMPIMENTI PER GLI STUDI PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO Lo svolgimento dell attività all interno degli studi professionali costringe ormai ad un numero crescente

Dettagli

T.U. sulla sicurezza nei luoghi di lavoro DOMANDE FREQUENTI

T.U. sulla sicurezza nei luoghi di lavoro DOMANDE FREQUENTI T.U. sulla sicurezza nei luoghi di lavoro SCHEMA RIASSUNTIVO DEGLI ADEMPIMENTI ADEMPIMENTO Ditta individuale senza dipendenti o collaboratori Azienda fino a 10 dipendenti o collaboratori Senza Rischi Specifici

Dettagli

TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08

TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08 TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08 Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Una premessa È in vigore dal 15

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA L ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE DIRITTI, DOVERI E SANZIONI PER I VARI SOGGETTI AZIENDALI protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL

Dettagli

art. 37.2 del D.Lgs. 81/2008 Accordo Stato-Regioni del 21.12.2011

art. 37.2 del D.Lgs. 81/2008 Accordo Stato-Regioni del 21.12.2011 Servizio Prevenzione e Protezione FORMAZIONE GENERALE AI LAVORATORI SUI RISCHI AZIENDALI art. 37.2 del D.Lgs. 81/2008 Accordo Stato-Regioni del 21.12.2011 ARTICOLAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO DEI LAVORATORI

Dettagli

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica Obblighi e responsabilità derivanti dal D.Lgs. 81/08 La sicurezza nell ambito dell attività Paolo Troncana infermieristica Attività di R.S.P.P. e

Dettagli

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Da tenere in cantiere ai sensi del D. Lgs. 81/08 1. Documentazione Generale 01 02 Cartello informativo di cantiere Notifica Preliminare

Dettagli

PROGRAMMA CORSI SICUREZZA

PROGRAMMA CORSI SICUREZZA PROGRAMMA CORSI SICUREZZA 1 Formazione Generale Lavoratori Destinatari: Tutti i lavoratori. Dipendenti a tempo indeterminato e determinato, apprendisti, soci lavoratori di cooperativa, associati in partecipazione,

Dettagli

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica Obblighi e responsabilità derivanti dal D.Lgs. 81/08 Perché investire in sicurezza cos è la sicurezza? a cosa serve? Tutti soldi e tempo buttati?

Dettagli

D.Lgs 81-2008 Testo unico in materia di igiene e sicurezza sul lavoro Applicabilità alle Società Sportive Dilettantistiche

D.Lgs 81-2008 Testo unico in materia di igiene e sicurezza sul lavoro Applicabilità alle Società Sportive Dilettantistiche D.Lgs 81-2008 Testo unico in materia di igiene e sicurezza sul lavoro Applicabilità alle Società Sportive Dilettantistiche Dott. Paolo Picco TdP S.PRE.S.A.L. ASL TO3 Torino, 5 dicembre 2012 1 Prima domanda

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SISTEMA DI GESTIONE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO -0-01/08/2014 1 di 10 SISTEMA DI GESTIONE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Ex art. 30 DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008 n. 81 e successive integrazioni e modificazioni redatto secondo le Linee Guida UNI INAIL

Dettagli

ADEMPIMENTI Il titolare dello studio professionale con all interno una struttura che impiega lavoratori (anche tirocinanti e/o stagisti) è tenuto a:

ADEMPIMENTI Il titolare dello studio professionale con all interno una struttura che impiega lavoratori (anche tirocinanti e/o stagisti) è tenuto a: Lo svolgimento dell attività all interno degli studi professionali costringe ormai ad un numero crescente di adempimenti. Fra questi, oltre agli obblighi in materia di privacy e antiriciclaggio, gli studi

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

DVR-S: LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLE PROCEDURE STANDARDIZZATE E MODALITÀ DI ADEGUAMENTO

DVR-S: LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLE PROCEDURE STANDARDIZZATE E MODALITÀ DI ADEGUAMENTO DVR-S: LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLE PROCEDURE STANDARDIZZATE E MODALITÀ DI ADEGUAMENTO Dal 1 giugno 2013 sono entrate in vigore le disposizioni contenute nell articolo 29, comma 5, del D.Lgs. 81/2008,

Dettagli

Domande più frequenti Sulla Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs 81/08 e s.m.i.)

Domande più frequenti Sulla Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs 81/08 e s.m.i.) Indice: 1. Quali sono le principali leggi di riferimento per gli adempimenti sicurezza sui luoghi di lavoro? 2. Quali sono le aziende che hanno l obbligo di adempiere a quanto previsto dal D.Lgs. 81/08?

Dettagli

DIARIO 81 Dott. Lattanzio Carlo Marzo 2013

DIARIO 81 Dott. Lattanzio Carlo Marzo 2013 DIARIO 81 Marzo 2013 DIARIO 81 Questa pubblicazione denominata DIARIO 81 è rivolta a clienti, colleghi e collaboratori, e nasce per dare risposte alle numerose sollecitazioni pervenute circa l applicazione

Dettagli

SafetyCorsiFormativi FORMAZIONE DI ECCELLENZA. Slide 1 di 69

SafetyCorsiFormativi FORMAZIONE DI ECCELLENZA. Slide 1 di 69 SafetyCorsiFormativi FORMAZIONE DI ECCELLENZA Slide 1 di 69 SafetyCorsiFormativi Formazione di Eccellenza SICUREZZA E SALUTE NEL LAVORO DI UFFICIO Slide 2 di 69 Programma Rischi per la salute e la sicurezza

Dettagli

Compiti del medico competente:

Compiti del medico competente: Fulvio d Orsi Compiti del medico competente: la sorveglianza sanitaria responsabilità del datore di lavoro e del dirigente in caso di idoneità parziale o di inidoneità alla mansione PREVENZIONE DEI RISCHI

Dettagli

PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA. Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden

PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA. Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden SOGGETTI COINVOLTI DATORE DI LAVORO DIRIGENTI PREPOSTI R.S.P.P. Medico Competente LAVORATORI R.L.S. Obblighi

Dettagli

Risposte alle domande più frequenti sulla Salute e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Risposte alle domande più frequenti sulla Salute e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Dipartimento Salute e Sicurezza Risposte alle domande più frequenti sulla Salute e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Cos è il Testo Unico sulla Sicurezza dei Lavoratori? Il Testo Unico per la Sicurezza dei

Dettagli

F. D Orsi M. Di Giorgio A B C. ad uso del datore di lavoro e del RSPP

F. D Orsi M. Di Giorgio A B C. ad uso del datore di lavoro e del RSPP F. D Orsi M. Di Giorgio A B C della SICUREZZA ad uso del datore di lavoro e del RSPP Compiti, deleghe, obblighi e responsabilità secondo il D.Lgs. 81/2008 e s.m. e l Accordo Stato Regioni per la formazione

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

Formazione generale dei lavoratori ai sensi dell articolo 37, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 81/08 e dell Accordo Conferenza Stato Regioni del 21

Formazione generale dei lavoratori ai sensi dell articolo 37, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 81/08 e dell Accordo Conferenza Stato Regioni del 21 Formazione generale dei lavoratori ai sensi dell articolo 37, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 81/08 e dell Accordo Conferenza Stato Regioni del 21 dicembre 2011 Principi giuridici e normativa di riferimento

Dettagli

Specialista in Medicina del Lavoro

Specialista in Medicina del Lavoro LA SORVEGLIANZA SANITARIA ALLA LUCE DEL D.LGS.81/08 TESTO UNICO IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Prof. Vincenzo Terracino consulente Specialista in Medicina del

Dettagli

Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi

Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi La sicurezza sui luoghi di lavoro Il testo unico sulla salute e sicurezza sul lavoro Ing. Luca Magnelli Firenze 19 ottobre 2010 D.Lgs. 9 Aprile 2008 n.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LUOGHI DI LAVORO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LUOGHI DI LAVORO 113 REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI LUOGHI DI LAVORO APPROVATO DALLA GIUNTA COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 33 Reg./15 Prop. Del. NELLA SEDUTA DEL 05/02/2015 TITOLO I PRINCIPI

Dettagli

Corso di formazione per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza

Corso di formazione per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza In collaborazione con: Con il coordinamento scientifico di: Tabella 1. Prospetto delle Classi di Laurea Corso di formazione per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Normativa Con l'introduzione

Dettagli

è un marchio di proprietà dell Ente di Formazione Format

è un marchio di proprietà dell Ente di Formazione Format è un marchio di proprietà dell Ente di Formazione Format IL DATORE DI LAVORO LA FIGURA DEL RSPP La figura del Datore di Lavoro quale Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione Materiale Didattico

Dettagli

1955 DPR 547/55. DPR 547/55 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro. Sommario

1955 DPR 547/55. DPR 547/55 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro. Sommario Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole La principale normativa 1.1 app CORSO DI FORMAZIONE RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA EX D.Lgs. 81/08 1955 DPR 547/55 DPR 547/55

Dettagli

Convegni. La sicurezza sul luogo di lavoro Il DVR Standardizzato

Convegni. La sicurezza sul luogo di lavoro Il DVR Standardizzato Convegni La sicurezza sul luogo di lavoro Il DVR Standardizzato Dott. Emanuele Garavello Avvocatura Curia Arcivescovile della Arcidiocesi di Milano Ottobre 2013 1 INDICE Protagonisti della sicurezza. Adempimenti.

Dettagli

d.lgs. 626/94 Sicurezza e salute dei lavoratori Vademecum per il titolare di farmacia Riepilogo adempimenti - modulistica

d.lgs. 626/94 Sicurezza e salute dei lavoratori Vademecum per il titolare di farmacia Riepilogo adempimenti - modulistica d.lgs. 626/94 Sicurezza e salute dei lavoratori Vademecum per il titolare di farmacia Riepilogo adempimenti - modulistica A cura dell ufficio legale della Federfarma INDICE 1. Ambito di applicazione p.3

Dettagli

CORSO BASE SULLA SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO

CORSO BASE SULLA SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO LICEO SCIENTIFICO BERTRAND RUSSELL CLES CORSO BASE SULLA SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO D. Lgs. n 81 / 2008 D.Lgs. n 106/2009 Modulo 1: le norme PROGRAMMA DEL CORSO: Evoluzione del quadro legislativo

Dettagli

Il D. Lgs. 81/08: GUIDA ILLUSTRATA per la comprensione dei principali obblighi in materia di Sicurezza sul Lavoro

Il D. Lgs. 81/08: GUIDA ILLUSTRATA per la comprensione dei principali obblighi in materia di Sicurezza sul Lavoro Il D. Lgs. 81/08: GUIDA ILLUSTRATA per la comprensione dei principali obblighi in materia di Sicurezza sul Lavoro 2013 [Documento illustrativo per le aziende e le imprese che vogliono essere informate

Dettagli

INDICE PRESENTAZIONE... PREMESSA...

INDICE PRESENTAZIONE... PREMESSA... INDICE PRESENTAZIONE... PREMESSA... XIII XV GLOSSARIO... 1 ADDETTO Servizio Prevenzione e Protezione... 3 ADEMPIMENTO... 6 ADDESTRAMENTO... 8 AGENTI:... 9 Biologici... 9 Chimici... 9 Fisici... 10 Cancerogeni

Dettagli

LEGISLAZIONE DI RIFERIMENTO SULLA SICUREZZA APPLICABILE AI VOLONTARI

LEGISLAZIONE DI RIFERIMENTO SULLA SICUREZZA APPLICABILE AI VOLONTARI LEGISLAZIONE DI RIFERIMENTO SULLA SICUREZZA APPLICABILE AI VOLONTARI D.Lgs 81/08 Ambito di applicazione Art. 2 - Definizioni a) «lavoratore»: persona che, indipendentemente dalla tipologia contrattuale,

Dettagli

CORSO RSPP RISCHIO ALTO

CORSO RSPP RISCHIO ALTO CORSO RSPP RISCHIO ALTO Obiettivi Destinatari Formazione per lo svolgimento da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dei rischi ai sensi dell art.34, comma 2 e 3, del decreto

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO RLS RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA. Art.37 del D. Lgs. 9 Aprile 2008, n.81

PROGRAMMA DEL CORSO RLS RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA. Art.37 del D. Lgs. 9 Aprile 2008, n.81 PROGRAMMA DEL CORSO RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA Art.37 del D. Lgs. 9 Aprile 2008, n.81 Durata del corso Sede del corso 32 ore Ambiente e Lavoro srl Strada Gragnana 17/A 29121 Piacenza

Dettagli

ISMEDA Group di LOMAGLIO Franco

ISMEDA Group di LOMAGLIO Franco AD OGGI ABBIAMO GIA EFFETTUATO CORSI per la Sicurezza per oltre 1.500 SCUOLE, AZIENDE, ENTI ITALIANI (Formazione Figure sensibili ai sensi del Testo Unico sulla Sicurezza DLgs 81/08) I costi seguenti si

Dettagli

PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA

PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA Documentazione aziendale DOCUMENTAZIONE OBBLIGATORIA - Pratiche comunali: certificazione di agibilità - Denuncia di nuovo lavoro all INAIL (almeno 5 gg prima inizio

Dettagli

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili COMITATO PARITETICO TERRITORIALE DI TORINO E PROVINCIA la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili MODELLI PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI, PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA E

Dettagli

I soggetti del Sistema di Prevenzione Aziendale. Compiti, obblighi, responsabilità civili e penali

I soggetti del Sistema di Prevenzione Aziendale. Compiti, obblighi, responsabilità civili e penali Corso di Progettazione e Organizzazione della Sicurezza nel Cantiere - prof. arch. Renato G. Laganà I soggetti del Sistema di Prevenzione Aziendale. Compiti, obblighi, responsabilità civili e penali TITOLO

Dettagli

D. Lgs. 81/2008 : Sintesi normativa e criticità applicative

D. Lgs. 81/2008 : Sintesi normativa e criticità applicative ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI circoscrizione del Tribunale di Catania D. Lgs. 81/2008 : Sintesi normativa e criticità applicative Catania 22 ottobre 2014 Commissione lavoro

Dettagli

Pagina 1di 12 DO40. MODULO 1: normativo giuridico (Moduli 1 e 21/12/2011. responsabilità civile e penale e LEARNIN

Pagina 1di 12 DO40. MODULO 1: normativo giuridico (Moduli 1 e 21/12/2011. responsabilità civile e penale e LEARNIN DOCUMENTO Pagina 1di 12 Redatto da Verificato Approvato Rev. Ines Magnani Malvolti Daniela firma firma Carlo Veronesi FIGURA ORE DOCUMENTI LEGGE CONTENUTI della FORMAZIONE Datore di Lavoro autonominato

Dettagli

Il D.Lgs. 81/08: aspetti interpretativi alla luce del nuovo D.Lgs. 106/09. Il punto di vista dei Servizi di prevenzione

Il D.Lgs. 81/08: aspetti interpretativi alla luce del nuovo D.Lgs. 106/09. Il punto di vista dei Servizi di prevenzione Il D.Lgs. 81/08: aspetti interpretativi alla luce del nuovo D.Lgs. 106/09 Il punto di vista dei Servizi di prevenzione Davide Ferrari SPSAL AUSL Modena Parma, 16 settembre 2009 1 Collaborazione alla vdr

Dettagli

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Cosa deve fare il Dirigente Scolastico (misure generali di tutela, art 15) Individuare

Dettagli

LA SORVEGLIANZA SANITARIA

LA SORVEGLIANZA SANITARIA LA SORVEGLIANZA SANITARIA 1 IL MEDICO COMPETENTE chi è? medico incaricato della sorveglianza sanitaria dei lavoratori nei casi previsti dalla normativa vigente 2 Disposizioni di legge Rischi / lavorazioni/

Dettagli

Dott. Ing. Rossella Benatti Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione Università degli Studi di Brescia

Dott. Ing. Rossella Benatti Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione Università degli Studi di Brescia Informazione e formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro per i lavoratori, per i preposti e per i dirigenti e per gli addetti delle squadre di emergenza dell Università degli Studi di Brescia

Dettagli

Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta

Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta A cura dello Studio Commercialista Di Michele di Roma e Milano Quale documentazione occorre per essere in regola con il D.lgs. 81/08? Occorre l organigramma della

Dettagli

FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O

FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O Documenti concernenti gli obblighi a carico del Datore di Lavoro Nomine e attestati di formazione

Dettagli

CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE

CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE Giovedì 13.12.2012 Mercoledì 19.12.2012 Giovedì 10.01.2013 Giovedì 17.01.2013 venerdì 15.02.2013 Corso: ore14.00 18.00 Verifica degli apprendimenti:

Dettagli

Fonti normative. 55 e obblighi LEZIONE

Fonti normative. 55 e obblighi LEZIONE LEZIONE 55 e obblighi Fonti normative Costituzione della Repubblica italiana FONTI NORMATIVE SULLA SICUREZZA Codice civile Statuto dei diritti dei lavoratori Decreto legislativo 81/2008 LA LEGISLAZIONE

Dettagli

L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti

L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti Q. & S. - Qualità & Sicurezza S.r.l. L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti All inizio di ogni anno il Dirigente di ciascun Istituto Scolastico

Dettagli

COME STA IL TUO CANTIERE?

COME STA IL TUO CANTIERE? Vademecum per l impresa e il cantiere 15x21 30-04-2010 10:56 Pagina 1 maggio 2010 COME STA IL TUO CANTIERE? UNA VISITA TECNICA DEL CTP PUÒ EVITARTI COMPLICAZIONI PRENOTALA ADESSO METTI IN REGOLA IL TUO

Dettagli

Figure, Ruoli e Responsabilità Titolo I - D.Lgs.81/08

Figure, Ruoli e Responsabilità Titolo I - D.Lgs.81/08 Scienza dell Architettura e dell Ingegneria Edile Figure, Ruoli e Responsabilità Titolo I - D.Lgs.81/08.81/08 Organizzazione del Cantiere a.a. 2008-2009 Struttura organizzativa aziendale di tipo piramidale

Dettagli

La nuova legislazione in materia di Salute e Sicurezza sul Lavoro

La nuova legislazione in materia di Salute e Sicurezza sul Lavoro La nuova legislazione in materia di Salute e Sicurezza sul Lavoro.. Dott.ssa Cinzia Frascheri Responsabile nazionale Salute e Sicurezza sul Lavoro e della RSI Capo I - Disposizioni generali ------------------

Dettagli

COME STA IL TUO CANTIERE?

COME STA IL TUO CANTIERE? Vademecum per l impresa e il cantiere 15x21 30-04-2010 10:56 maggio 2010 Pagina 1 COME STA IL TUO CANTIERE? UNA VISITA TECNICA DEL CTP PUÒ EVITARTI COMPLICAZIONI PRENOTALA ADESSO METTI IN REGOLA IL TUO

Dettagli

PROGRAMMA. UNITÀ DIDATTICA 1 Il sistema normativo: esame delle normative di riferimento. MODULO I: Normative di riferimento

PROGRAMMA. UNITÀ DIDATTICA 1 Il sistema normativo: esame delle normative di riferimento. MODULO I: Normative di riferimento Formazione obbligatoria per i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) negli ambienti di lavoro di ufficio Art. 37 D.Lgs n 81/08 e successive modifiche di cui al D.Lgs. 106/09 della durata

Dettagli

quanto soggetto titolare del che ha la responsabilità dell impresa o dell unità produttiva con poteri È necessario che il RLS abbia chiaro chi sono i

quanto soggetto titolare del che ha la responsabilità dell impresa o dell unità produttiva con poteri È necessario che il RLS abbia chiaro chi sono i CONOSCERE E PREVENIRE per lavorare SENZA pericoli Modulo Formativo per RLS I SOGGETTI della PREVENZIONE e le RELAZIONI ultimo aggiornamento - ottobre 2008 Chi sono i SOGGETTI della prevenzione in azienda?

Dettagli

La Sorveglianza Sanitaria

La Sorveglianza Sanitaria La Sorveglianza Sanitaria (medico competente e testo unico) D.P.R. 19 Marzo 1956 n. 303 Art. 33 Visite Mediche. Nelle lavorazioni industriali che espongano all azione di sostanze tossiche o infettanti

Dettagli

DOCUMENTO. Documento di omogeneità dei comportamenti in vigilanza FORMAZIONE

DOCUMENTO. Documento di omogeneità dei comportamenti in vigilanza FORMAZIONE Pagina 1di 9 Data Sopralluogo Operatori Persone presenti per l Azienda Ragione sociale, indirizzo, timbro della Ditta: Attività svolta Settore ATECO 2007 Totali addetti - N. operai - N. impiegati di cui

Dettagli

Elenco documentazione presente in azienda per la Sicurezza e Igiene dei luoghi di lavoro (D.lgs 81/08 e s.m.i.)

Elenco documentazione presente in azienda per la Sicurezza e Igiene dei luoghi di lavoro (D.lgs 81/08 e s.m.i.) Elenco documentazione presente in azienda per la Sicurezza e Igiene dei luoghi di lavoro (D.lgs 81/08 e s.m.i.) Sezione o Faldone Argomento Documentazione Rif. Legislativo Documento: Emittente / Oggetto

Dettagli

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2 CORSO di formazione per lavoratori ai sensi dell art. 37 del D.Lgs 81/08 e Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 Relatore: : Dott. Lazzaro Palumbo Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione Durata

Dettagli

SICUREZZA SUL LAVORO PROCEDURE STANDARDIZZATE

SICUREZZA SUL LAVORO PROCEDURE STANDARDIZZATE SERVIZIO AZIENDA SICURA SICUREZZA SUL LAVORO PROCEDURE STANDARDIZZATE Informa il titolare sugli adempimenti previsti dalle disposizioni normative vigenti Effettua la verifica della conformità legislativa

Dettagli

La Formazione sulla sicurezza e salute sul lavoro D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

La Formazione sulla sicurezza e salute sul lavoro D.Lgs. 81/08 e s.m.i. La Formazione sulla sicurezza e salute sul lavoro D.Lgs. 81/08 e s.m.i. 1 Aggiornamento RSPP Excursus normativo a 5 anni dall entrata in vigore del testo unico Formazione lavoratori, il cardine del fare

Dettagli

Annarita Castrucci Medico del Lavoro U.O.C. PISLL AUSL Viterbo

Annarita Castrucci Medico del Lavoro U.O.C. PISLL AUSL Viterbo CEFAS GIORNATE DI AGGIORNAMENTO PER I COORDINATORI DELLA SICUREZZA PER LA PROGETTAZIONE E PER L ESECUZIONE DEI LAVORI (ai sensi dell allegato XIV del D.lgs 81/2008 - edizione 2013) LA GESTIONE DEI PROTOCOLLI

Dettagli

CHECK LIST PER LA VERIFICA DEL RISPETTO DEI PRINCIPALI OBBLIGHI DOCUMENTALI E DI ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA

CHECK LIST PER LA VERIFICA DEL RISPETTO DEI PRINCIPALI OBBLIGHI DOCUMENTALI E DI ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA CHECK LIST PER LA VERIFICA DEL RISPETTO DEI PRINCIPALI OBBLIGHI DOCUMENTALI E DI ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA Pagina 2 di 8 Sommario 1. FINALITA E USO DEL DOCUMENTO... 3 2. VERIFICA DELLA DOCUMENTAZIONE

Dettagli

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE 1. autorizzazioni edilizie planimetrie aggiornate (sede dell impresa) certificato di Licenza d Uso o Agibilità (sede dell

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FORMAZIONE INFORMAZIONE PER STUDENTI E SIMILARI AFFERENTI ALLA FACOLTA DI VETERINARIA IN MATERIA DI Sicurezza e Salute dei Lavoratori sul Luogo di Lavoro UNIVERSITA DEGLI

Dettagli

D. Lgs. 81/08: le figure della sicurezza in azienda

D. Lgs. 81/08: le figure della sicurezza in azienda D. Lgs. 81/08: le figure della sicurezza in azienda Attualmente in Italia vige il cosiddetto Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (T.U. Sicurezza), rappresentato dal D.Lgs.81/2008,.e ss.mm.ii..

Dettagli

FAC SIMILE procedura GESTIONE INFORTUNI, INCIDENTI, COMPORTAMENTI PERICOLOSI, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

FAC SIMILE procedura GESTIONE INFORTUNI, INCIDENTI, COMPORTAMENTI PERICOLOSI, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE Pag. 1 di 7 01 Emissione in allegato a procedura verifica GS 4 Maggio 2014 00 Prima emissione Luglio 2013 Revisione Motivo Data FAC SIMILE procedura GESTIONE INFORTUNI, INCIDENTI, COMPORTAMENTI PERICOLOSI,

Dettagli

IL QUADRO GENERALE DI RIFERIMENTO

IL QUADRO GENERALE DI RIFERIMENTO INDICE SOMMARIO Premessa... V CAPITOLO 1 IL QUADRO GENERALE DI RIFERIMENTO 1 L evoluzione normativa in materia di salute e sicurezza sul lavoro antecedente al 2008... 1 2 Il quadro comunitario e la sua

Dettagli

L applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola

L applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola L applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Novità introdotte dal D.Lgs. 81/08 rispetto al precedente D.Lgs. 626/94 Novità introdotta dal D.Lgs. 106/09 Indicazioni e suggerimenti 6 81 D.Lgs. 81/2008 Attuazione

Dettagli

SICUREZZA NELL AMBIENTE DI LAVORO

SICUREZZA NELL AMBIENTE DI LAVORO SETTORE ORGANIZZAZIONE E PERSONALE Ufficio Prevenzione e Protezione Via Buonarroti n 115 tel/fax 039.833737 SICUREZZA NELL AMBIENTE DI LAVORO Ai sensi del Decreto Legislativo 81/2008 E ciò che pensiamo

Dettagli

IL DL D.Lgs. 9 aprile 2008 81/2008 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro (G.U. n. 101 del 30 aprile 2008)

Dettagli

Documento di Valutazione dei Rischi per SCI CLUB

Documento di Valutazione dei Rischi per SCI CLUB IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI OCCUPAZIONALI A SUPPORTO DELLE ATTIVITÀ SPORTIVE DI UNO SCI CLUB - Pag. 1 di 15 - RACCOLTA INFORMAZIONI INIZIALI Realtà operativa Dati dello Sci Club, tipologia di

Dettagli

RSPP - CARATTERISTICHE

RSPP - CARATTERISTICHE RSPP - CARATTERISTICHE Figura obbligatoria Consulente del Datore di Lavoro La designazione deve essere scritta ed accettata Deve aver frequentato corsi di formazione professionale specifici per il macro-settore

Dettagli

Corso di informazione in tema di salute e sicurezza sui luoghi di

Corso di informazione in tema di salute e sicurezza sui luoghi di 1 2 Corso di informazione in tema di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione - Ce.S.Vo.T Normativa in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro

Dettagli

SICUREZZA DEI LAVORATORI VOLONTARI QUADRO NORMATIVO

SICUREZZA DEI LAVORATORI VOLONTARI QUADRO NORMATIVO SICUREZZA DEI LAVORATORI VOLONTARI QUADRO NORMATIVO Anno 2015, SPSAL Ravenna a cura dei Tecnici della Prevenzione Marocchi A. e Rossetto M.... .Quadro normativo Nel campo della salute e sicurezza sul lavoro

Dettagli

BENVENUTI AL CORSO DI FORMAZIONE per RSPP e ASPP. Filippo Macaluso - Corso di formazione per RSPP e ASPP Modulo A 1

BENVENUTI AL CORSO DI FORMAZIONE per RSPP e ASPP. Filippo Macaluso - Corso di formazione per RSPP e ASPP Modulo A 1 BENVENUTI AL CORSO DI FORMAZIONE per RSPP e ASPP Filippo Macaluso - Corso di formazione per RSPP e ASPP Modulo A 1 MODULO 1 Ruolo di RSPP Presentazione del corso Filippo Macaluso - Corso di formazione

Dettagli

COME STA IL TUO CANTIERE?

COME STA IL TUO CANTIERE? Vademecum per l impresa e il cantiere 15x21 30-04-2010 10:56 MAGGIO 2010 Pagina 1 COME STA IL TUO CANTIERE? UNA VISITA TECNICA DEL CTP PUÒ EVITARTI COMPLICAZIONI PRENOTALA ADESSO METTI IN REGOLA IL TUO

Dettagli

LA SICUREZZA NEI CANTIERI NASCE A SCUOLA

LA SICUREZZA NEI CANTIERI NASCE A SCUOLA Dipartimento di Sanità Pubblica SEDE di MODENA LA SICUREZZA NEI CANTIERI NASCE A SCUOLA Da Studente a RSPP Progetto sperimentale per gli Istituti superiori per Geometri della Provincia di Modena A1- titolo

Dettagli

Corso di formazione Modulo aggiuntivo per Preposti

Corso di formazione Modulo aggiuntivo per Preposti Secondo il D.Lgs. 81/2008 s.m. e l Accordo della Conferenza Stato-Regioni per la formazione del 21 dicembre 2011 Corso di formazione Modulo aggiuntivo per Preposti Dr. Sebastiano Papa Principali soggetti

Dettagli

CONVEGNO. Semplificazioni negli adempimenti in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

CONVEGNO. Semplificazioni negli adempimenti in materia di salute e sicurezza sul lavoro. ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE ITALIANA AMBIENTE E SICUREZZA Sede provinciale di Taranto con la collaborazione tecnica di Porreca.it CONVEGNO Semplificazioni negli adempimenti in materia di salute e sicurezza

Dettagli

LA SALUTE E LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO DOPO IL DECRETO LEGISLATIVO 626

LA SALUTE E LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO DOPO IL DECRETO LEGISLATIVO 626 LA SALUTE E LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO DOPO IL DECRETO LEGISLATIVO 626 Introduzione pag. 02 Quali sono i lavoratori tutelati dal 626? pag. 04 Il datore di lavoro pag. 05 Il responsabile del servizio

Dettagli

Aggiornamento professionale

Aggiornamento professionale ROBERTO DE LORENZIS E GIUSEPPE VIBRACCI La Sorveglianza sanitaria dei rischi Tutti gli adempimenti, gli obblighi e le funzioni Argomento Riferimenti Premessa La sorveglianza sanitaria rappresenta una delle

Dettagli

Profession Power Group - PPG Medicina del lavoro - Sicurezza e igiene sui luoghi di lavoro. Servizi

Profession Power Group - PPG Medicina del lavoro - Sicurezza e igiene sui luoghi di lavoro. Servizi Profession Power Group - PPG Medicina del lavoro - Sicurezza e igiene sui luoghi di lavoro Servizi BrainCare S.r.l., opera anche nel settore Medicina del Lavoro offrendo alle Aziende Clienti, i suoi servizi

Dettagli