Salute e sicurezza sul lavoro D.Lgs. 9 aprile 2008 n.81 e s.m.i. Gruppo di studio Sicurezza sul lavoro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Salute e sicurezza sul lavoro D.Lgs. 9 aprile 2008 n.81 e s.m.i. Gruppo di studio Sicurezza sul lavoro"

Transcript

1 Salute e sicurezza sul lavoro D.Lgs. 9 aprile 2008 n.81 e s.m.i. 1

2 D.Lgs. 9 aprile 2008 n.81 e s.m.i Entrata in vigore Cosa cambia rispetto alla 626/94? Quali novità sono state introdotte? DURC D.Lgs. 231/01 Responsabilità amministrativa Sistema di gestione Costi della mancata sicurezza Costi globali della sicurezza Gestione della sicurezza Cultura della sicurezza Attività per la sicurezza Organi di vigilanza Modalità di controllo Pagamenti e contravvenzioni Approfondimentioni Delega di funzioni Sospensione dell attività Visite mediche Protocolli di sorveglianza sanitaria Gestione della sicurezza Aspetti manageriali Aspetti organizzativi Aspetti specialistici La pratica per le aziende Indice Distinzioni Datore di lavoro RSPP Valutazione dei rischi Formazione e informazione Antincendio Primo soccorso RLS Sorveglianza sanitaria Medico competente Relazioni tecniche Dispositivi di protezione Piano di emergenza ed evacuazione Lavorazioni affidate a terzi Impianti e attrezzature Certificato di prevenzione incendi 2

3 Entrata in vigore (1) : entrata vigore ufficiale salvo alcuni aspetti differiti : valutazione dei rischi : data certa o attestata sui documenti; valutazione dei rischi da stress lavoro-correlato; : sì alle visite pre-assuntive! : rischio stress lavoro correlato Dall entrata in funzione del SINP: comunicazioni a fini statistici all INAIL di tutti gli infortuni; : disposizioni relative a protezione dei lavoratori dai rischi di esposizione a radiazioni ottiche artificiali, Titolo VIII, Capo V : disposizioni relative a protezione dei lavoratori dai rischi di esposizione a campi elettromagnetici, Titolo VIII, Capo IV 3

4 Entrata in vigore (2) Solo 626/94 Sia 626/94 che 81/08 Integrato Solo 81/08 con 109/09 4

5 D.Lgs n. 106 Entrata in vigore (3) Prima del correttivo Tutti i rischi eccetto quelli con entrata in vigore differita Data certa Rischio da radiazioni sui documenti + ottiche artificiali Rischio Stress Rischio da campi elettromagnetici Solo DVR No autocertif. Dopo il correttivo Tutti i rischi eccetto quelli con entrata in vigore differita Data certa o attestata sui documenti Rischio da radiazioni ottiche artificiali Rischio stress lavoro correlato Rischio da campi elettromagnetici Solo DVR No autocertif. 5

6 Cosa cambia rispetto alla 626/94? TUTTO: vengono tagliati dall art. 304 (abrogati), fra gli altri, i mostri sacri della attuale Legislazione in tema SSL.: DPR 303/1956 DPR 547/1955, DPR 164/1956, DLgs 626/1994, DLgs 494/1996 NIENTE: la quasi totalità delle disposizioni contenute in quei provvedimenti vengono incollati nel disposto del D.Lgs. 81/2008 in 306 articoli e 51 allegati 6

7 Quali novità sono state introdotte? (1) Aumentano gli adempimenti, anche burocratici e gli importi delle sanzioni per le non conformità Vi è una definizione amplissima di Lavoratore Vi è una definizione puntuale di Preposto Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) avrà maggior spessore Sono valorizzati i Sistemi di Gestione per la Salute e Sicurezza nei Modelli di Organizzazione e Gestione (art.30) Medici del Lavoro e RSPP dovranno collaborare maggiormente 7

8 Definizione Art.2 comma 1 lett. a) «lavoratore»: persona che, indipendentemente dalla tipologia contrattuale, svolge un attività lavorativa nell ambito dell organizzazione di un datore di lavoro pubblico o privato, con o senza retribuzione, anche al solo fine di apprendere un mestiere, un arte o una professione, esclusi gli addetti ai servizi domestici e familiari. Al lavoratore così definito è equiparato: il socio lavoratore di cooperativa o di società, anche di fatto, che presta la sua attività per conto delle società e dell ente stesso; l associato in partecipazione di cui all articolo 2549, e seguenti del codice civile; il soggetto beneficiario delle iniziative di tirocini formativi e di orientamento di cui all articolo 18 della legge 24 giugno 1997, n. 196, e di cui a specifiche disposizioni delle leggi regionali promosse al fine di realizzare momenti di alternanza tra studio e lavoro o di agevolare le scelte professionali mediante la conoscenza diretta del mondo del lavoro; l allievo degli istituti di istruzione ed universitari e il partecipante ai corsi di formazione professionale nei quali si faccia uso di laboratori, attrezzature di lavoro in genere, agenti chimici, fisici e biologici, ivi comprese le apparecchiature fornite di videoterminali limitatamente ai periodi in cui l allievo sia effettivamente applicato alla strumentazioni o ai laboratori in questione; i volontari del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e della protezione civile; il lavoratore di cui al decreto legislativo 1 dicembre 1997, n. 468, e successive modificazioni; 8

9 Quali novità sono state introdotte? (2) Maggior responsabilizzazione del Committente negli appalti Alcune Istituzioni avranno anche ruolo di consulenza La Valutazione dei Rischi dovrà avere data certa o data attestata riguardare malattie da stress da lavoro, lavoratrici madri ed altre categorie deboli, come stranieri, minori e disabili riguardare anche i campi elettromagnetici, il microclima, le radiazioni ottiche 9

10 già dal 2007 (DURC) Il D.M dal estende a tutti i settori il documento unico di regolarità contributiva (DURC) che è richiesto ai datori di lavoro ai fini della fruizione dei benefici normativi e contributivi in materia di lavoro e legislazione sociale, ai fini della fruizione dei benefici e sovvenzioni previsti dalla disciplina comunitaria nell'ambito delle procedure di appalto di opere, servizi e forniture pubblici e nei lavori privati dell'edilizia Non conformità rispetto al D.Lgs. 81/08 possono comportare la sospensione del DURC 10

11 già dal 2007 (D.Lgs. 231/01) La L.123/2007 (legge delega) all art. 9 ha introdotto per l omicidio colposo e le lesioni colpose gravissime o gravi commessi con violazione delle norme sulla sicurezza sul lavoro l applicabilità del D.Lgs. 231/2001 che riguarda la Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica, a norma dell'articolo 11 della legge 29 settembre 2000, n Sono considerate GRAVI anche le lesioni con inabilità TEMPORANEA oltre i 40 giorni (art.583 CP) 11

12 Responsabilità amministrativa Gli amministratori hanno l obbligo di accertare che tutta l organizzazione aziendale operi in conformità alla normativa mediante procedure di Organizzazione, Gestione e Controllo Sistematiche. Le sanzioni (pecuniarie fino a 1,5 milioni di euro o interdittive) sono molto gravi e a carico della società. Si deve adottare un modello di gestione. Gli amministratori inadempienti ne rispondono nei confronti dei Soci. 12

13 Sistema di gestione Riunione annuale ex art. 11 Risoluzione Non Conformità Audit e controlli Sorveglianza Sanitaria Misurazione delle prestazioni Programma di Formazione / Informazione Impegno e organizzazione ( DL, SPP, MC, RLS, AAI, APS) Rispetto delle Leggi SERVIZIO DI PREVENZIONE PROTEZIONE (RSPP) Valutazione dei rischi Piano Annuale della Sicurezza (P.A.S. ) Processi Fondamentali Istruzioni Operative Gestione delle emergenze 13

14 Costi della mancata sicurezza COSTI VISIBILI Indennità salariali Costi assicurativi (INAIL+RC) 1 giorno infortunio: euro 1 malattia prof.le riconosciuta euro COSTI SOMMERSI Tempo perso per i soccorsi Fermo produttivo Tempo perso per l inchiesta Danni alle macchine Sostituzione dell infortunato Scioperi Controversie legali / Sanzioni Danni all immagine aziendale 14

15 Costi globali della sicurezza COSTO Costi globali SICUREZZA (somma A+B) SPESA annua per SICUREZZA Costi della ORGANIZZAZIONE SICUREZZA = B Costi della mancata SICUREZZA = A Liv A Liv B Livello di SICUREZZA 15

16 Cultura della sicurezza La sicurezza non è qualcosa da fare in più, oltre la normale operatività quotidiana In sicurezza è la modalità con cui si deve operare nella normale attività aziendale 16

17 Valutazione dei rischi Attività per la sicurezza (1) Processo di Valutazione dei Rischi Revisione della valutazione dei rischi a seguito di: Modifiche significative del processo produttivo o della organizzazione del lavoro; Infortunio o mancato infortunio; Sospetta malattia professionale; Evoluzione tecnica. Analisi delle cause di infortunio o mancato infortunio Redazione dei documenti e delle relazioni 17

18 Attività per la sicurezza (2) Gestione delle infrastrutture e dei mezzi di lavoro Acquisti sostanze e preparati chimici Gestione dei D.P.I. ed eventuale abbigliamento di lavoro Acquisti macchinari ed impianti, anche usati Vendita del macchinario usato Acquisti di fabbricati o realizzazione nuove strutture (anche ampliamenti) Modifiche del layout significative per inserire nuovi impianti, macchinari, tecnologie, preparati) Prova industriale (incluse le attività di Laboratorio) Messa in servizio di impianti o apparecchiature 18

19 Gestione delle risorse umane Attività per la sicurezza (3) Inserimento nuovi assunti o cambio mansioni Servizi professionali (ingegneria, architettura, impiantistica, consulenza specialistica in sicurezza, medico competente, RSPP esterno, ecc.) Inserimento di lavoratori interinali e lavoratori a progetto Inserimento lavoratori deboli : donne in gravidanza o madri, handicappati, invalidi civili, migranti,. Gestione di dipendenti che operano off site (montatori, commerciali, assistenza tecnica, ) anche per brevi periodi ad esempio per trasferte Formazione, informazione, addestramento, tutoraggio, affiancamento 19

20 Attività per la sicurezza (4) Gestione delle attività terziarizzate Appalti con Imprese esterne e loro coordinamento Gestione di visitatori e ospiti, Rappresentanti, Tecnici, Commerciali, ecc, Concessione in uso dei macchinari Servizi generici / appalti (pulizie, mensa, ) Servizi di manutenzione strategici per la sicurezza: carrelli elevatori, gru e sollevatori, apparecchi ad aria compressa e caldaie, presidi antincendio, impianti elettrici, automobili aziendali 20

21 Attività per la sicurezza (5) Monitoraggio e riesame Imputazione e controllo dei costi della sicurezza Gestione della Sorveglianza sanitaria (Tit. I capo VI D.Lgs. 81/08) Monitoraggio con indicatori di performance dei risultati del Sistema di Gestione e degli sforzi compiuti dallo stesso 21

22 Organi di vigilanza In caso di ispezioni e verifiche, i pubblici ufficiali competenti in materia di violazione delle norme sulla sicurezza sul lavoro, a seconda delle problematiche, possono essere i funzionari di ASL, Ispettorato del lavoro, Vigili del fuoco, Polizia Municipale, ARPA, ISPESL 22

23 Modalità di controllo 1. [V presso A] Ispezione (preventiva oppure su incarico di P per ipotesi di reato) 2. [V a DL] Verbale di accesso 3. [V a DL] Verbale di prescrizione + [V a P] Notizia di reato 4. [DL] Adozione/risoluzione prescrizioni entro 60/90 gg 5. [V a DL] Verbale di sanzione con ravvedimento operoso ( ) 6. [DL] Adozione/risoluzione prescrizioni scaduto il termine 7. [V a DL] Verbale di contravvenzione per adempimento tardivo ( ) 8. [DL a V] pagamento sanzioni + [V a P] estinzione reato 9. [DL e P] procedimento giudiziario 10.[DL] se condannato, sanzioni/ammende/arresto + spese legali ( ) 11.[DL] se assolto, spese legali ( ) DL Datore di lavoro V Organo di vigilanza P Procura Eventuale responsabilità amministrativa delle persone giuridiche se DL condannato per lesione/omicidio colposa/o ( 23

24 Pagamenti e contravvenzioni (art. 302) Per le contravvenzioni punite con la sola pena dell arresto: il giudice può, su richiesta dell imputato, sostituire la pena irrogata nel limite di dodici mesi con il pagamento di una somma determinata secondo i criteri di ragguaglio di cui all art.135 CP e minimo di (art. 301) Per le contravvenzioni punite con ammenda (o arresto): Se il procedimento si ferma al punto 5, è ammesso il pagamento di ¼ del massimo edittale Se il procedimento si ferma al punto 7, è ammesso il pagamento di ½ del massimo edittale Altrimenti il pagamento è stabilito in giudizio tra il min e il max previsti (art. 301-bis) Per le contravvenzioni di tipo amministrativo: Se il procedimento si ferma al punto 5, è ammesso il pagamento del minimo edittale 24

25 La pratica per le aziende Forniamo qui di seguito, una descrizione sintetica di quanto occorre predisporre e di quale documenti è necessario esibire E soggetta ai seguenti obblighi qualunque attività (ditta individuale, famigliare, società di persone, società di capitali, studi associati, associazioni, ecc.) presso la quale operino uno o più lavoratori, siano essi dipendenti, soci lavoratori, collaboratori o professionisti, coadiuvanti o volontari, sia parttime che full-time. 25

26 Alcune distinzioni (1) Nei confronti di alcune categorie, le disposizioni si applicano in modo diverso rispetto agli altri lavoratori: Nel caso di interinali e distaccati, gli obblighi sono a carico dell utilizzatore Lavoratori che effettuano prestazioni occasionali di tipo accessorio Lavoratori a domicilio Tele-lavoratori Lavoratori autonomi, familiari coadiuvanti, coltivatori diretti, artigiani, piccoli commercianti, volontari Lavoratori stagionali del settore agricolo 26

27 Alcune distinzioni (2) Rispetto ad alcuni settori ed attività lavorativa, si applicano disposizioni diverse (già emanate o ancora da predisporre): Forze armate, polizia, carabinieri, vigili del fuoco, protezione civile, ecc. Università, istituti di formazione, uffici all estero Navi, porti, treni Organizzazioni e associazioni di volontariato in ambito di protezione civile, soccorso alpino, speleologico, pronto soccorso, assistenza sociale a minori, invalidi, anziani, ecc. 27

28 Datore di lavoro Occorre identificare il Datore di Lavoro (DL) tra i titolari e incaricarlo con lettera scritta Il DL è il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o, comunque, il soggetto che, secondo il tipo e l assetto dell organizzazione nel cui ambito il lavoratore presta la propria attività, ha la responsabilità dell organizzazione stessa o dell unità produttiva in quanto esercita (non più: è titolare de ) i poteri decisionali e di spesa. Nelle imprese individuali è il TITOLARE DELL IMPRESA Nelle società di persone sono TUTTI I SOCI AMMINISTRATORI Nelle società è L INTERO CDA IN ASSENZA DI DELEGA VALIDA 28

29 RSPP Occorre identificare il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) e incaricarlo con lettera scritta Purché siano sostenuti adeguati corsi di formazione (diversi caso per caso), da rinnovarsi ogni 5 anni, la scelta può ricadere su: Datore di lavoro (16h, per ora!) Professionista esterno (titoli adeguati) Lavoratore (>72h con obbligo 90% frequenza) Corso on-line 29

30 Valutazione dei rischi (1) Occorre effettuare la valutazione dei rischi (in genere ogni 3 anni), oppure ogni qualvolta si verifichino dei cambiamenti rilevanti ai fini della sicurezza; Alla fine, devono risultare con data certa o attestata: O il documento stesso della valutazione (DVR) O l autocertificazione (comunque solo fino a una data da stabilire e e solo per le aziende con meno di 10 lavoratori) Compilazione on-line 30

31 Si deve tenere conto di: Contesto aziendale Prevenzione incendi e lotta antincendio Interventi di primo soccorso (o pronto soccorso) Procedure di gestione dell emergenza Movimentazione dei carichi Valutazione dei rischi (2) Uso dei videoterminali Rischi a cui sono soggette le donne in gravidanza Rischi legati alle attrezzature Rischio rumore Rischio vibrazioni Rischio chimico Rischio biologico Rischio stress Ecc. On-line da ott-09 31

32 Servizio on-line Da ottobre 2009 Formazione e informazione Occorre adottare un sistema di informazione, formazione, addestramento ed eventuale tutoraggio (per l utilizzo di macchinari) nei confronti dei lavoratori Ciò evita le contestazioni più ricorrenti da parte di ASL e Ispettorato del lavoro Si dimostra mediante un registro su cui periodicamente annotare gli interventi formativi e i soggetti destinatari (che devono firmare) 32

33 Se RSPP DL, vale DL=AAI solo se <= 5 lav. Antincendio Occorre istituire una squadra antincendio, composta da almeno un addetto in possesso di un attestato di formazione per rischio incendio, basso (4h), medio (8h) o elevato (16h), a seconda della tipologia di attività svolta; In genere gli uffici hanno rischio basso, mentre le attività all interno di capannoni rischio medio Corso 4h on-line 33

34 Se RSPP DL, vale DL=APS solo se <= 5 lav. Primo soccorso Occorre istituire una squadra di primo soccorso, composta da almeno un addetto in possesso di un attestato di formazione sul primo soccorso (12/16h) Gli addetti sono soggetti ad aggiornamento (4h) ogni 3 anni. Corso on-line 8h 34

35 Sorveglianza sanitaria Dalla valutazione si desume se è necessaria la sorveglianza sanitaria Di solito necessaria per uffici con lavoratori al videoterminale per >20h/settimana, per ditte di edilizia, di meccanica, di metallurgia, di trasformazioni chimiche, per aziende alimentari, per parrucchieri, ecc. 35

36 Medico competente Se è necessaria la sorveglianza sanitaria, occorre identificare un medico competente (MC) e incaricarlo con lettera scritta. Il MC deve verificare l idoneità dei lavoratori alle mansioni loro attribuite, per verificare l idoneità dei luoghi di lavoro in materia di igiene e salute e per gestire le eventuali procedure di sorveglianza sanitaria, la maternità anticipata e posticipata, ecc. Possiamo segnalarvi, una lista di professionisti 36

37 Relazioni tecniche Occorre effettuare o aggiornare le misurazioni per i rischi specifici (rumore, vibrazioni, piombo, amianto, radon, prodotti chimici, agenti biologici, agenti cancerogeni, ecc.), quando necessario e previsto dal documento di valutazione dei rischi; i risultati delle misurazioni devono essere riportati nelle relazioni tecniche, conservate con il DVR. Possiamo fornirvi il servizio con preventivo di spesa 37

38 RLS I lavoratori possono eleggere un Rappresentante per la Sicurezza (RLS) Il DL deve comunicare annualmente all INAIL il nominativo del RLS, in alternativa l INAIL incarica d ufficio un RLS territoriale che svolge le medesime funzioni (partecipare alle riunioni, richiedere il DVR, le relazioni, ecc.) Ogni RLS deve essere adeguatamente formato (32h) con richiami annuali (4/8h) In ogni caso si deve verificare il CCNL Corso on-line 28h + aula 4h 38

39 Dispositivi di protezione Occorre dotare i locali ove si svolge l attività di adeguati dispositivi estinguenti e di primo soccorso: cioè devono essere presenti estintori controllati, collaudati e funzionanti in numero congruo e devono essere presenti le cassette di pronto soccorso con il contenuto previsto (non scaduto!) dai decreti ministeriali. Occorre dotare i lavoratori degli adeguati dispositivi di protezione individuale (DPI), identificati nel DVR 39

40 Piano di emergenza ed evacuazione Occorre realizzare ed aggiornare il piano di emergenza ed evacuazione (PEE), predisponendo nei locali l apposita segnaletica indicante le vie di fuga e i dispositivi di protezione e antincendio 40

41 Lavorazioni affidate a terzi Qualora, siano affidati lavori in appalto a ditte o lavoratori autonomi, occorre predisporre e tenere aggiornato il Documento unico di valutazione dei rischi da interferenze (DUVRI), tranne per: Lavori di natura intellettuale Fornitura di materiale Lavori o servizi della durata <= 2gg. Attenzione! Ai tutti i contratti dovrà essere allegato il DUVRI. Purché siano esclusi i rischi biologico, cancerogeno, ecc. 41

42 Impianti e attrezzature Occorre verificare se le caratteristiche degli impianti e delle attrezzature utilizzate rispettano le normative di riferimento. Denuncia Messa a Terra a ISPESL e ASL (DPR 462/01) e collaudo periodico impianto elettrico Documentazione di conformità (e Progetto) dell Impianto Elettrico se previsto (DM 37/08) Marchiatura CE per tutti i macchinari utilizzati; cioè devono essere contrassegnati per attestare la rispondenza o conformità a tutte le direttive comunitarie applicabili. Certificati di verifica e collaudo per i macchinari previsti dalla normativa Ecc. 42

43 Certificato di prevenzione incendi Occorre verificare la necessità del CPI (DM 10 marzo 1998), da aggiornare ogni 3 o 6 anni, previsto per molte tipologie di attività tra cui: locali adibiti ad esposizione e/o vendita con superficie di almeno 400 mq (comprensiva di servizi e depositi) locali adibiti a deposito con superficie lorda superiore a mq caldaie o impianti per la produzione di calore con potenzialità superiore a kcal/ln (116 kw) autofficine e autorimesse con capienza di almeno 9 veicoli tipografie con oltre 5 addetti impianti di distribuzione carburante locali di spettacolo e di trattenimento con capienza superiore a 100 posti alberghi, pensioni, dormitori e simili con oltre 25 posti letto ecc. 43

44 44

45 Delega di funzioni (1) Condizioni espressamente indicate dalla legge (art. 16): la funzione deve essere delegabile la delega deve essere conferita con atto scritto recante data certa il delegato deve possedere i requisiti di professionalità ed esperienza richiesti per la natura delle funzioni delegate la delega deve trasferire tutti i poteri di organizzazione, gestione e controllo richiesti dalla natura della funzione delegata al delegato deve essere attribuita l autonomia di spesa necessaria per lo svolgimento delle funzioni delegate la delega deve essere accettata per iscritto dal delegato alla delega deve essere data adeguata e tempestiva pubblicità 45

46 Delega di funzioni (2) La delega di funzioni non esclude l obbligo di vigilanza in capo al datore di lavoro in ordine al corretto espletamento da parte del delegato delle funzioni trasferite. In ogni caso, il datore di lavoro non può delegare i seguenti obblighi: Valutazione dei Rischi e redazione del relativo documento Nomina del RSPP 46

47 Sospensione dell attività Art. 14 D. Lgs. n. 81/2008: Gli organi di vigilanza del Ministero del Lavoro e delle ASL possono sospendere un attività imprenditoriale in caso di «gravi e reiterate violazioni in materia di tutela della salute e sicurezza sul lavoro» individuate nell Allegato I e con decreto del Ministero. Tra queste: mancanza DVR, PEE o RSPP Stessa violazione o simile entro 5 anni 47

48 Visite mediche Preassuntive Preventive Periodica Su richiesta Cambio di mansione Rientro dopo 60 gg. Cessazione NO per accertare gravidanza SI Accertamenti diagnosti e clinici SI visite specialistiche Ammesso ricorso contro giudizi di (in)idoneità 48

49 Sorveglianza sanitaria Quando prevista dalle norme di legge: Uso VDT >20h/sett MMC rilevante per la salute RUMORE > 85db(A) R.CHIMICO rilevante per la salute VIBRAZIONI corpo intero > 0,5 m/s 2 VIBRAZIONI mano braccio > 2,5 m/s 2 POLVERI > TLV MICROCLIMA severo (freddo o caldo) Ecc. 49

50 Impiegati se classificati Videoterminalisti Visita medica periodica comprensiva di esame oftalmologico quinquennale, biennale o diverso Visita oculistica (I o II livello) 50

51 Rappresentanti di commercio, Impiegati agenzie immobiliari e varie con uso di mezzi aziendali, Fattorini Visita medica annuale mirata al rischio Emocromo + CDT 51

52 Manovali edili, Elettricisti, Idraulici Visita medica annuale mirata al rischio Spirometria annuale Audiometria: in preventiva e a richiesta del dipendente per LepD (8h) dba; annuale per LepD (8h) > 85 dba Esame vestibolare clinico annuale (lavoratori in altezza) Emocromo + CDT (lavoratori in altezza, conduzione mezzi aziendali) Profilassi ATT 52

53 Operai, Meccanici, Elettrauti, Visita medica annuale mirata al rischio Carrozzieri Spirometria annuale (polveri, broncosensibilizzanti) Audiometria: in preventiva a richiesta del dipendente per LepD (8h) dba; annuale per LepD (8h) > 85 dba Esame vestibolare clinico annuale (lavoratori in altezza) Emocromo + CDT (lavoratori in altezza) ECG + Glicemia (lavoratori notturni > 80 notti/anno) visita preventiva ECG biennale (lavoratori notturni > 50 anni) Indici di esposizione e/o effetto a seconda del Rischio chimico 53

54 Saldatori Visita medica annuale mirata al rischio Spirometria annuale Indici di esposizione e/o effetto a seconda del Rischio chimico Audiometria: in preventiva a richiesta del dipendente per LepD (8h) dba;annuale per LepD (8h) > 85 dba 54

55 Carrellisti/Mulettisti Visita medica annuale mirata al rischio Spirometria annuale (polveri, broncosensibilizzanti) Audiometria: in preventiva a richiesta del dipendente per LepD (8h) dba; annuale per LepD (8h) > 85 dba Esame vestibolare clinico annuale Emocromo + CDT Test tossicologico di screening per tossicodipendenze (centro di riferimento Antidoping Orbassano) Profilassi ATT 55

56 Autisti, Addetti macchine operatrici, Gruisti, Addetti pale meccaniche, Escavatoristi, ecc. Visita medica annuale mirata al rischio Audiometria: in preventiva a richiesta del dipendente per LepD (8h) dba; annuale per LepD (8h) > 85 dba Esame vestibolare clinico annuale (lavoratori in altezza) ECG biennale Emocromo + CDT Test tossicologico di screening per tossicodipendenze (centro di riferimento Antidoping Orbassano) 56

57 Visita medica annuale mirata al rischio Spirometria annuale Cuochi 57

58 Commesse, Addetto bancone bar, Camerieri Visita medica annuale mirata al rischio 58

59 Addetti magazzino Visita medica annuale mirata al rischio Audiometria: in preventiva a richiesta del dipendente per LepD (8h) dba;annuale per LepD (8h) > 85 dba 59

60 Addetti pulizie Visita medica annuale mirata al rischio Spirometria annuale 60

61 Parrucchieri Visita medica annuale mirata al rischio Spirometria annuale Prick persolfati (visita preventiva) 61

62 Operatori sanitari, Addetti alla poltrona odontoiatrica, Insegnanti, Assistenti sociali Visita medica annuale mirata al rischio Sierologia HBV, HCV, HIV Triennali ( + Protocollo infortuni a rischio biologico + Profilassi HBV) Emocromo + CDT (addetti assistenza continuativa) 62

63 Giardinieri, Manovali agricoli, Allevatori o assimilabili Visita medica annuale mirata al rischio Audiometria: in preventiva a richiesta del dipendente per LepD (8h) dba; annuale per LepD (8h) > 85 dba Spirometria annuale Emocromo + CDT (conduttori mezzi, addetto vendita e uso di fitosanitari) Test tossicologico di screening per tossicodipendenze (centro di riferimento Antidoping Orbassano) 63

64 Addetti vigilanza, Guardiani Visita medica annuale mirata al rischio notturni Emocromo + CDT (conduzione mezzi aziendale) Test tossicologico di screening per tossicodipendenze (centro di riferimento Antidoping Orbassano) se detenzione di armi per servizio ECG + glicemia (visita preventiva) ECG biennale (> 50 anni) 64

65 Gestione della sicurezza L azienda (non l RSPP o il consulente esterno) deve farsi carico di aspetti: Tipo Rilievo MANAGERIALI 65% ORGANIZZATIVI 25% SPECIALISTICI 10% 65

66 Aspetti manageriali Rivedere criticamente il sistema della deleghe e delle procure (DL, Dirigenti, Preposti) e delle nomine (Medico, Consulenti su rischi specifici, RSPP); Verificare i requisiti, il dimensionamento e la motivazione del SPP e della struttura Organizzativa interna Inoltre, per le aziende strutturate: Rivedere le polizze assicurative su infortuni, malattie professionali o meglio intraprendere un risk management Implementare un sistema di controllo dell operato degli Amministratori e dei Manager in collaborazione con l attuale Organismo di Vigilanza (Auditing); 66

67 Aspetti organizzativi Aggiornare i vari capitoli della Valutazione del Rischio con particolare riguardo a infortuni gravi, alle malattie professionali emergenti e ai nuovi rischi normati (psicosociali, radiazioni, ergonomia, ecc.) Organizzare la gestione dei processi fondamentali per la sicurezza sul lavoro (indipendenti dalle Leggi) Organizzare l appalto con contratti scritti e redazione obbligatoria del DUVRI (Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interfernze) Sorveglianza sanitaria Formazione coerente con la valutazione dei rischi 67

68 Aspetti specialistici Coinvolgere nelle valutazione delle malattie professionali il Medico Competente (e i consulenti tecnici che ci supportano). Il Medico deve condividere nel metodo e nel merito l accettazione del rischio con il Datore di Lavoro. Rivedere gli aspetti specialistici della valutazione dei rischi (data certa, relazioni tecniche, ecc.) coinvolgendo i responsabili e i consulenti esterni Provvedere alla formazione (aggiornamento, addestramento, tutoraggio, ecc.) dei responsabili, dei lavoratori e degli addetti ecc. 68

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Anno 2013 Intervento formativo secondo l accordo STATO-REGIONI del 21.12.2011 A cura dell R.S.P.P.

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro PARTE 1 SOMMARIO D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO 13 TITOLO I PRINCIPI COMUNI

Dettagli

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI)

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) 1. PREMESSA Il d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell articolo 1 della legge

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL)

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) INDICE 01 PREMESSA PAG. 3 02 POLITICA PAG. 5 03 PIANIFICAZIONE PAG. 7 04 VALUTAZIONE E GESTIONE

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI

Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 (corretto ed integrato dal Decreto Legislativo 106/2009) IL RUOLO DEI PREPOSTI e DEI LAVORATORI Ing. Fiorenzo Bartolucci Via Scosciacavalli, 5 60121 Ancona Tel.

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara Provincia di Ferrara Guida alla gestione della sicurezza sul lavoro nelle associazioni sportive dilettantistiche, associazioni culturali, associazioni ricreative e di promozione sociale A cura dello Studio

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi

I.T.I.S. S. CANNIZZARO, via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi 1_ Che cosa si intende per SICUREZZA in un qualsiasi luogo di lavoro? Lavorare in un ambiente in cui la probabilità che si verifichino danni (a persone o cose) sia molto bassa, se non nulla. L'obbligo

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO Appunti relativi a corso tenuto dall avvocato Fabio Petracci per la polizia locale relativi al tema degli infortuni sul lavoro legge 626/94 e responsabilità penale. RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Salute e sicurezza sul lavoro: responsabilità amministrativa delle persone giuridiche

Salute e sicurezza sul lavoro: responsabilità amministrativa delle persone giuridiche Salute e sicurezza sul lavoro: responsabilità amministrativa delle persone giuridiche di Dario Soria (*) e Giuseppe Santucci (**) Per affrontare il problema della salute e sicurezza sul lavoro è necessario,

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Firenze 15 febbraio 2010 Pisa 1 marzo 2010 Siena 29 marzo 2010 Dott. Ing. Daniele Novelli

Dettagli

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81)

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Mod. 4 bis - Prest. DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53 d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18 comma 1 lettera r d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Alla Sede INAIL INAIL TIMBRO DI ARRIVO Data di spedizione

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI 1??ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013 64 Bollettino Ufficiale D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale D.G. Salute Circolare regionale 25 ottobre 2013 - n. 20 Indicazioni in ordine all applicazione dell accordo tra governo, regioni e province

Dettagli

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente sulla sicurezza nei cantieri Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente GLI ENTI BILATERALI DELLA PROVINCIA DI L AQUILA CASSA EDILE località san Vittorino - s.s. 80 km 9 n 61 l aquila tel.

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990)

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990) Scia/82 ¹ Segnalazione certificata di inizio dell attività pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione (Legge n. 82 del 25/1/94) La/il sottoscritta/o nata/o a (Prov. ) il in

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti.

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Già il Codice Civile gli impone il dovere della sicurezza nei confronti dei lavoratori e la legislazione

Dettagli

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI 02/02/12 1 La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI Ing. Emanuele Gissi, PhD Direttore, vice dirigente Comando Vigili del Fuoco, Genova emanuele.gissi@vigilfuoco.it 02/02/12 2 Agenda La nuova

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo) Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO...5 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni...5

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA.

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA. ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA. ARGOMENTI TRATTATI DALL ING. GIULIANO DEGL INNOCENTI NEL SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO PER I COORDINATORI PER LA PROGETTAZIONE E PER L ESECUZIONE DEI LAVORI

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE Domanda per la riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 24 delle Modalità di applicazione delle Tariffe dei premi (d.m. 12/12/2000 e s.m.i.) dopo il primo biennio

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli