COORDINAMENTO: APPALTANTE: COMUNE DI LONGARE APPALTATORE: IMPRESA DI PULIZIE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COORDINAMENTO: APPALTANTE: COMUNE DI LONGARE APPALTATORE: IMPRESA DI PULIZIE"

Transcript

1 Pagina 1 di 22 COORDINAMENTO: APPALTANTE: COMUNE DI LONGARE APPALTATORE: IMPRESA DI PULIZIE Premessa Il presente Documento di valutazione dei rischi DUVRI costituisce l assolvimento dell'obbligo, posto in capo all Appaltante e all Appaltatore (di seguito definite Parti ), previste dall Art. 26 D. Lgs. 81/2008, Legge 123/2007 e D. Lgs. 106/2009. Esso contiene le informazioni sulla struttura dove l impresa Appaltatrice andrà ad intervenire. Inoltre al suo interno sono inserite le possibili interferenze che si possono prevedere e/o manifestare durante l opera. Esse potranno essere riscontrate ed esaminate dalle Parti nel corso di un sopralluogo preliminare (vedere Verbale di Coordinamento allegato, qualora compilato). Tutte le informazioni sotto descritte e gli allegati relativi permettono alle Parti di gestire l opera in sicurezza, fermo restando l obbligatorietà, da parte dell Appaltatore, della tutela dei lavoratori per i rischi specifici per l attività di impresa ed inerente all opera stessa. Dopo quanto sotto esaminato, svolto e controfirmato sarà obbligo delle parti concordare incontri periodici (nel caso l entità dell opera lo richiedesse) per la verifica della zona/reparto oggetto delle opere. In relazione alle conoscenze tecniche dell Appaltatore costui deve comunicare all Appaltante eventuali situazioni a rischio che si vengono a manifestare e non considerate in fase di sopralluogo generale. L Appaltatore è tenuto ad interrompere l attività quando ritenesse opportuno in relazione ad eventuali rischi per i propri lavoratori e per la sicurezza delle persone e cose dell Appaltante. Il documento in oggetto dovrà essere aggiornato in funzione dell eventuale variazione di tutte le condizioni per cui l Appaltatore è stato nominato e autorizzato. Esso dovrà essere allegato al Contratto di appalto ( vedere il Capitolato speciale di appalto) per l affidamento del servizio PULIZIA DEGLI IMMOBILI COMUNALI AD USO UFFICI E/O SERVIZI PUBBLICI del Comune di Longare (c. 3 art. 26 del D.Lgs. 81/2008, come modificato dall art. 16 del D.Lgs. 106/2009). Con il presente documento viene preso atto di tutti i fattori che determinano la sicurezza nelle operazioni quali: - Tipologia degli interventi, sede presso cui verranno eseguite le opere e Regole generali di curezza e Coordinamento dell Appaltante - Accesso alle zone ed eventuale interdizione di alcune aree - Permessi di lavoro - Operazioni specifiche dell Appaltatore - Uso di attrezzature dell Appaltante - Rischi rilevanti e rischi residui dell Appaltante - Attività dell Appaltante durante l esecuzione delle attività di pulizia e sanificazione - Eventuali interferenze operative e Attività di eliminazione delle interferenze - Attività di comunicazione tra Appaltante e Appaltatore

2 Pagina 2 di 22 COMMITTENTE / APPALTANTE Dati Aziendali Ragione sociale Sede operativa 1 - Municipio Sede operativa 2 - Biblioteca Sede operativa 3 sede Polizia Locale COMUNE DI LONGARE Via G. Marconi, Longare (VI) Via G. Marconi, Longare (VI) Via Municipio, Longare (VI) Riferimenti interni Datore di Lavoro / ndaco Fontana Gaetano RSPP (esterno) Boniotto Giordano Tel. 0442/ RLS n nominato Tel. / Responsabile del servizio e riferimento interno per l Appaltatore Aiani Lorella Tel. 0444/ Squadra antincendio Squadra Primo Soccorso

3 Pagina 3 di 22 APPALTATORE Dati Aziendali Ragione Sociale Sede legale C.C.I.A.A. Datore di Lavoro Organigramma della sicurezza dell Appaltatore RSPP Tel. RLS Medico competente Squadra antincendio Squadra Primo Soccorso In base ad accordi fra Appaltante e Appaltatore, si stabilisce che in caso di incendio e/o primo soccorso tutto il personale dell impresa dovrà effettuare la chiamata di emergenza e attendere i soccorsi Personale di riferimento SSL dell Appaltatore Referente SSL

4 Pagina 4 di 22 Documentazione da presentare all Appaltante da parte degli Appaltatori Assicurazione RC aziendale DURC Doc. reg. contributiva Data documento (da consegnare ogni anno solare) Dichiarazione di assenza di provvedimenti di sospensione o interdittivi, Art. 14 D. Lgs. 81/2008 Dichiarazione di avere adempiuto agli obblighi previsti dal D. Lgs. 81/2008 VEDERE ALLEGATI AL PRESENTE E AL CONTRATTO DI APPALTO Altre specifiche Il personale dell Appaltatore è preventivamente sottoposto a visite mediche come da protocollo sanitario interno e utilizza i propri DPI consegnati Elenco personale che eseguirà le opere in oggetto dall Appaltatore steso. Vedere l Allegato al presente documento Descrizione delle opere Tipologia servizio previsto (descrizione) Il documento in oggetto viene stipulato a seguito dell appalto affidato all Appaltatore, il quale ha per oggetto: a) le prestazioni di mano d'opera con fornitura di materiale igienico-sanitario ed impiego di Macchinari, mezzi ed attrezzi necessari per eseguire il servizio di pulizia e sanificazione di tutti i locali degli edifici comunali di Longare di seguito elencati: MUNICIPIO - Via G. Marconi, n. 26 BIBLIOTECA COMUNALE - Via G. Marconi, n. 30 SEDE POLIZIA LOCALE Via Municipio, n. 7 b) pulizie straordinarie: consistenti in interventi a carattere non continuativo La tipologia di intervento minima è la seguente: Presso la SEDE MUNICIPALE, il servizio di pulizia deve essere effettuato per 20 ore settimanali, per tutto il periodo dell anno dal lunedì al venerdì, con le modalità di seguito indicate: 1. Interventi giornalieri o a giorni alterni: - Svuotamento cestini con suddivisione dei rifiuti per tipologia; - Pulizia scrivanie e tavoli;

5 Pagina 5 di 22 - Scopatura e lavaggio dei pavimenti; - Eliminazione delle impronte dalle porte; - Approvvigionamento carta igienica e salviette asciugamani nei servizi; - Pulizia e disinfezione dei servizi igienici con pulizia del pavimento, dei sanitari e delle piastrelle di rivestimento dove necessario; - pulizia con passata ad umido, con idoneo prodotto disinfettante, delle maniglie e dei corrimano. 2. Interventi settimanali: - lavaggio a fondo, mediante disinfezione con idoneo prodotto, di tutti i pavimenti, eseguiti a macchina e/o a mano; - lavaggio a fondo, mediante disinfezione con idoneo prodotto, dei servizi igienico sanitari (bagni antibagni); - asportazione macchie/impronte su entrambe le facciate delle porte a vetro e superfici lucide; - lavaggio con idoneo prodotto di cestini e altri contenitori porta rifiuti; - pulitura a fondo degli elementi di arredo (armadi, schedari, mensole, mobili ecc.). 3. Interventi mensili: - pulizia porte, serramenti, stipiti, zoccolini, davanzali delle finestre, caloriferi; - spolveratura di corpi illuminanti sia a parete che a soffitto; - deragnatura di tutti gli ambienti. 4. Interventi bimestrali: - lavaggio delle facciate interne dei vetri di tutte le finestre dell edificio e delle vetrate al piano terreno, comprese le intelaiature; - pulizia dei davanzali e veneziane. 5. Pulizia semestrale (2 volte all anno in periodi da concordare): - lavaggio di entrambe le facciate delle vetrate e dei vetri di tutte le finestre. Presso la BIBLIOTECA COMUNALE (ubicata al piano primo della Scuola Elementare di Longare) e la SEDE POLIZIA LOCALE (al piano terra della ex sede Pro Loco) trattasi di pulizia dei locali e delle scale esterne (solo nel caso della Biblioteca) da effettuarsi per 5 ore settimanali suddivise rispettivamente in due giorni alla settimana per la Biblioteca e tutti i giorni per la sede di Polizia Locale che dovrà comprendere: - Svuotamento cestini e altri contenitori porta rifiuti e cambio sacchetti con separazione dei rifiuti in sacchi a perdere forniti dalla ditta aggiudicataria con le modalità di raccolta differenziata prevista nell Ente; - Spazzatura dei pavimenti di tutti gli ambienti; - Aspirazione meccanica degli zerbini e tappetini; - Lavaggio e disinfezione degli apparecchi telefonici e citofoni; - Pulitura di sedie, tavoli, scrivanie, suppellettili, ecc.; - Spolveratura di mensole, scaffali, ecc.; - Lavaggio e disinfezione dei servizi igienico sanitari (bagni antibagni), inclusi specchi, rubinetteria, piastrelle e superfici lavabili - con fornitura dei prodotti igienico-sanitari e ricambio della carta igienica, salviette asciugamano e sapone; - Pulizia con passata ad umido, con idoneo prodotto disinfettante, delle maniglie e dei corrimano; - Lavaggio a fondo, mediante disinfezione con idoneo prodotto, di tutti i pavimenti, eseguiti a macchina e/o a mano; - Asportazione macchie/impronte su entrambe le facciate delle porte e superfici lucide; - Lavaggio con idoneo prodotto di cestini e altri contenitori porta rifiuti; - Pulitura a fondo degli elementi di arredo (armadi, schedari, mensole, mobili, ecc.); - Pulizia porte, serramenti, stipiti, zoccolini, davanzali delle finestre, caloriferi;

6 Pagina 6 di 22 - Spolveratura di corpi illuminanti sia a parete che a soffitto; - Deragnatura di tutti gli ambienti. Pulizia semestrale (2 volte all anno in periodi da concordare): - Lavaggio di entrambe le facciate delle vetrate e dei vetri di tutte le finestre; - Spostamento dei volumi dagli scaffali e relativa spolveratura dei volumi e della scaffalatura. Il materiale necessario per l esecuzione delle pulizie deve essere fornito direttamente dalla Cooperativa (divise da lavoro, tessere di riconoscimento e distintivi, sacchi per la raccolta di rifiuti urbani, carta igienica, carta asciugamani, sapone liquido lavamani, igienizzanti per WC, materiali di pulizia, attrezzature e macchinari per la pulizia, ogni altro onere necessario per l espletamento del servizio. La Ditta aggiudicataria provvederà a sua cura e spese senza diritto a compenso alcuno al montaggio, impiego e smontaggio di ponteggi, elevatori, sia fissi che mobili, eventualmente necessari per qualsiasi tipo di lavoro, in particolare per il lavaggio delle vetrate fisse degli edifici comunali. Il lavoro in oggetto, nei suoi dettagli esecutivi, è stato preventivamente programmato e concordato in fase di appalto, fra le Parti. Il personale esterno delle imprese arriva presso la sede delle opere con automezzi propri e parcheggia nelle aree esterne dedicate alla sosta. Durante le fasi di scarico e carico di materiale e/o attrezzature dagli automezzi, il personale esterno può temporaneamente parcheggiare nei pressi dell accesso principale di ciascuna delle tre sedi di lavoro. L Appaltante consegnerà all impresa copia delle chiavi necessarie per accedere a tutti i locali oggetto del servizio. Ubicazione aree interessate dallo svolgimento del servizio Tutti i locali interni alle tre sedi municipali suddette: uffici, servizi igienico sanitari, ripostigli, archivio, locali in uso al personale, sale biblioteca.

7 Pagina 7 di 22 Durata prevista Tre anni Importo presunto ( ,00) Oneri sicurezza 500,00 annuali per un totale di 1.500,00

8 Pagina 8 di 22 REGOLE GENERALI DI SICUREZZA E COORDINAMENTO Appaltante: COMUNE DI LONGARE Organizzare in concerto con l Appaltatore un incontro per la determinazione dei luoghi, dei rischi residui, per analisi identificazione piano di emergenza, sede dei presidi di sicurezza, eventuali interferenze di lavorazione e quanto altro necessario per la gestione in sicurezza dei luoghi di servizio Definire gli accessi alle aree di lavoro oggetto del servizio Fornire permesso di interdizione delle aree, ove/se necessario Fare osservare le regole di comportamento, già presenti all interno, prima di tutta l attività e successivamente delle zone specifiche di lavoro Fare rispettare i divieti e le prescrizioni di sicurezza già presenti in tutta l attività e in particolare nelle aree oggetto del servizio Informare il proprio personale dipendente, dell arrivo / presenza di personale esterno in appalto Interrompere l attività se non svolta secondo dettami della sicurezza o che possano interferire sulle attività ordinarie aziendali. In tale caso (sospensioni per pericoli gravi o imminenti) l Appaltante si riserverà la facoltà di annullare il compenso economico completo o parziale Definire in modo chiaro e scritto, le attrezzature aziendali che il personale dell Appaltatore può utilizzare (in caso di non specifica, nessuna attrezzatura è a disposizione dell Appaltatore) Controllare che il personale abbia il tesserino di riconoscimento e il distintivo Raccogliere la documentazione che attesti la regolarità dell impresa esterna per il personale operante, eventuali macchine ed attrezzature di proprietà in utilizzo c/o la sede del servizio L inosservanza delle eventuali procedure interne di sicurezza e/o collegate al sistema sicurezza che possano dar luogo a pericoli immediati e/o gravi, da diritto all Appaltante o all Appaltatore di interruzione immediata del servizio

9 Pagina 9 di 22 Appaltatore: IMPRESA DI PULIZIE Partecipare all analisi dei rischi DUVRI in concerto con l Appaltante Indicare i nominativi del personale che verrà impegnato nel servizio Consegnare la documentazione richiesta Eseguire le prestazioni programmate, nei tempi stabiliti, comunicando all Appaltante eventuali necessità di variazioni Coordinarsi con personale interno all Azienda Appaltante per la soluzione di eventuali problemi Comunicare all Appaltante o suo responsabile situazioni critiche ed intervenire immediatamente comunicando eventuali costi relativi Redigere un rapporto di lavoro a fine giornata lavorativa (se necessario per eventi accorsi) Portare il cartellino di identificazione con dati previsti / tessera di riconoscimento e distintivo Parcheggiare i propri automezzi nelle aree definite e/o indicate dal ns. Responsabile interno Rispettare gli orari di lavoro concordati e definiti con il Responsabile interno, specificando sempre le eventuali variazioni e non rimanendo all interno dell attività oltre tali orari L eventuale utilizzo di attrezzature dell'appaltante deve essere preventivamente autorizzato e scritto, in base alle disposizioni dell Appaltante stesso. Il personale che ne farà uso dovrà essere preventivamente formato in base a quanto prescrivono le Leggi vigenti sullo specifico tipo di attrezzatura, qualora necessario Avvisare il Responsabile interno in caso di necessità di primo soccorso e/o incendio e attenersi alle istruzioni Concordare / rispettare gli accordi presi con il Responsabile interno sulle modalità di sgombero dei locali interessati dal servizio, al termine delle lavorazioni e/o secondo procedure interne Predisporre che il personale sia formato all utilizzo in sicurezza delle attrezzature presenti nelle sedi operative Informare preventivamente il Responsabile interno per operazioni con specifici pericoli Avere un corredo di attrezzature portatili ed apprestamenti idonei alla lavorazione e manutenuti nel tempo Smaltimento dei materiali in relazione al tipo di rifiuto in relazione alle leggi vigenti Garantire un comportamento corretto del personale sostituendo coloro che non osservano i propri doveri

10 Pagina 10 di 22 I materiali, i prodotti e le attrezzature utilizzati per l espletamento del servizio devono essere posti in locali/aree dedicati, permessi dal Responsabile interno, con accordo preventivo In caso di incendio effettuare la chiamata di emergenza n è consentito depositare o accantonare materiali ed utensili vari di pulizia negli atri e nei corridoi

11 Pagina 11 di 22 Rischi residui all interno delle aree di esecuzione del servizio Zona reparto Uffici Rischio - Elettrocuzione (cavi elettrici e dati collegati alle prese a pavimento o a parete, che possono rappresentare un pericolo d'inciampo o di causa potenziale di elettrocuzione qualora la guaina di protezione dei cavi elettrici abbia perso le iniziali caratteristiche d'integrità) - Urti, colpi, impatti, schiacciamenti - Scivolamento (pavimenti particolarmente lisci o lucidi che non assicurano il necessario attrito alla base dei montanti nell'eventualità che vengano utilizzate scale a pioli appoggiate alle pareti) - Caduta dall alto dove sono presenti scale fisse - Incendio - Rischio biologico (per la possibilità che nei cestini di raccolta della spazzatura o nei sacchi predisposti per contenerla siano finite siringhe potenzialmente infette, pezzi di vetri rotti, parti appuntite taglienti, toner da stampanti laser ecc., quindi i sacchi dei rifiuti dovranno essere manipolati con la necessaria cura e chiusi prima del trasporto, senza compattarli con le mani e portarli in contatto con il corpo) Servizi igienico sanitari Rischio biologico (durante la pulizia dei sanitari e delle superfici interne per potenziale contatto con elementi patogeni) Deposito (p. seminterrato c/o SEDE MUNICIPALE) Urti, colpi, impatti, schiacciamenti Scivolamento Caduta dall alto dove sono presenti scale fisse incendio Parcheggio - area di sosta Investimento da mezzi motorizzati

12 Pagina 12 di 22 Attività Appaltante durante le opere in oggetto UFFICI - SERVIZI IGIENICO SANITARI - DEPOSITI Attività che possono interferire con l opera in oggetto Attrezzature e sostanze/prodotti 1) presenza di personale presso i locali di lavoro - attrezzature elettriche di ufficio Rischi nelle operazioni Presenza personale di: Azioni di prevenzione e/o eliminazione interferenze APPALTANTE APPALTATORE INTERFERENZE POSSIBILI Possibile presenza di personale in tutti i locali c/o sedi operative. Caduta materiali e/o prodotti dall alto Caduta dall alto Informazione al personale dell impresa esterna. Preferenza per interventi in assenza di personale dell Appaltante e/o numero ridotto. Per l Appaltante trattasi di rischio durante lavori in altezza. Confinamento della zona lavoro in qualsiasi punto ove si sta operando e dove possa essere presente personale dell Appaltante. Utilizzo di sistemi di elevazione omologati. Formazione specifica all uso di scale e/o sistemi di elevazione rivolta al personale impresa esterna. Il personale dell Appaltante non deve percorrere né a piedi né con altri mezzi l area di lavoro dell Appaltatore (impresa esterna). Rischio possibile nei casi di utilizzo di scale portatili. Porre sempre attenzione alle condizioni della scala e farsi aiutare da un secondo operatore in caso di utilizzo di prodotti o attrezzature in altezza. n trasportare elementi durante le fasi di salita e/o discesa dalla scala. Allontanamento del personale dell Appaltante dall area di lavoro (confinamento della zona lavoro). Obbligo di utilizzo DPI specifici per personale

13 Pagina 13 di 22 Fasi di carico e scarico di materiali e attrezzature Utilizzo di scala portatile Manovre di messa fuori tensione Emissione di polveri Rumore dell impresa esterna. Formazione specifica all uso di scale e/o sistemi di elevazione rivolta al personale impresa esterna. E fatto divieto ai lavoratori dell Appaltatore di raggiungere posizioni pericolose che possono provocare la caduta nel vuoto degli stessi senza che questi siano dotati di appositi dispositivi di protezione individuale quali imbracature di sicurezza assicurate con opportuni sistemi di trattenuta a solidi punti di forza. II caso è riferito alle pulizie di vetri e finestre durante le quali i lavoratori possono essere indotti a salire sui davanzali delle finestre o avvicinarsi alle stesse con scale o altri sistemi. Considerare che tutti i vetri interessati dalle operazioni di pulizia non sono del tipo antisfondamento o di sicurezza e come tali non possono essere considerati una valida protezione contro le cadute nel vuoto, ma anzi possono rappresentare un serio pericolo in caso di rottura. Per l Appaltante trattasi della fase di carico e scarico di materiali e attrezzature sul mezzo (area di sosta temporanea prospiciente l ingresso alla sede operativa). Evitare il più possibile la contemporaneità delle azioni fra Appaltante e Appaltatore. Il personale dell Appaltatore deve effettuare tali operazioni in orari dove non vi è presenza di personale dell Appaltante. Qualora ciò non fosse possibile, deve allontanare il personale dell Appaltante durante le fasi di scarico e carico. Durante le operazioni in altezza, nessun operatore dell Appaltante, deve essere presente nelle immediate vicinanze. L Appaltante ha dato autorizzazione scritta all utilizzo, da parte del personale dell Appaltatore, delle scale portatili (conformi alle vigenti normative di sicurezza, norme UNI EN 131), là dove presenti. Eventuale preavviso ai responsabili Aziendali. Preavviso alla squadra di emergenza. Successivo rapporto di ripristino del sistema. Raccolta delle polveri, lavaggio delle superfici (pavimentazioni, pareti, ecc.) ed aerazione dei locali: attività eseguite in orari in cui non è presente il personale dell Appaltante. Per l Appaltatore trattasi di emissioni non costanti di rumore durante l utilizzo di attrezzature elettriche (aspirapolvere). Interventi dell Appaltatore in orari in cui non è

14 Pagina 14 di 22 Incendio Microclima Elettrocuzione Rischio chimico presente il personale dell Appaltante. Divieto di fumo in tutti i locali di lavoro. Divieto di deposito, anche temporaneo, di attrezzature e/o materiali nei pressi delle uscite di emergenza e/o delle vie di fuga. Presenza di presidi portatili antincendio (estintori). Attenzione alle correnti d aria durante l apertura delle finestre per l asciugatura delle superfici bagnate. n aprire le finestre con la presenza di personale dell Appaltante. Rischio legato alla presenza e utilizzo di impianti e attrezzature elettriche. Essi tuttavia vengono sottoposti dall Appaltante a manutenzione periodica da parte di imprese abilitate. Il personale dovrà segnalare al Responsabile interno dell Appaltante eventuali guasti e/o situazioni a rischio. Per l Appaltatore: evitare la stesura di cavi elettrici (es. prolunghe) nelle zone di presenza di personale; evitare di bagnare con acqua o detergenti liquidi eventuali prese o apparati elettrici o elettronici posti a pavimento negli spazi da pulire o prossimi allo stesso; utilizzare apparecchiature elettriche quali aspirapolvere, lucidatrici o analoghe attrezzature integre dal punto di vista elettrico e dotate di cordoni di alimentazione e prese a spina perfettamente efficienti. Manutenzione costante alle prolunghe elettriche. Divieto di intervento su qualsiasi parte di impianto elettrico fisso. Impianti elettrici fissi dell Appaltante dotati di protezioni contro i contatti diretti e indiretti (messa a terra e dispositivi differenziali). Alcune operazioni di pulizia previste prevedono l utilizzo da parte dell Appaltatore di prodotti di pulizia, detergenti e igienizzanti non tossici e comunque tra loro compatibili dal punto di vista chimico, in modo che non possano, nell'eventualità che vengano tra loro miscelati anche accidentalmente, provocare reazioni pericolose con emissione di gas nocivi. L Appaltatore dovrà rendere edotti i propri lavoratori sui rischi derivanti dall'utilizzo dei prodotti di pulizia impiegati, nel caso che questi vengano tra loro miscelati volontariamente o accidentalmente, sulle modalità di stoccaggio e conservazione, sulla lettura e significato delle etichette impresse sulla confezione

15 Pagina 15 di 22 Urti, colpi, impatti, compressioni Scivolamenti, cadute a livello Rischio biologico, infezione da microrganismi degli stessi o delle schede di sicurezza, qualora il metodo di confezionamento non preveda le etichette sui contenitori. L elenco dei prodotti chimici utilizzati deve essere allegato al presente DUVRI. Le schede di sicurezza dei prodotti chimici devono trovarsi nel luogo di utilizzo e accessibili agli addetti dell Appaltatore, quindi presso tutte le sedi operative. L utilizzo dei prodotti è consentito solo con idonei DPI, quando previsti dalle schede di sicurezza. n devono essere lasciate incustodite le confezioni dei prodotti, né durante né al termine delle attività di pulizia. I prodotti possono essere lasciati sul carrello delle pulizie, terminata l attività, solo quando esso viene portato nel ripostiglio dedicato che verrà sempre chiuso a chiave (dovrà sempre essere rimossa dalla porta e conservata dal personale incaricato). Prevedere il corretto smaltimento delle confezioni dei prodotti terminati. Rischio legato alla conformazione degli ambienti e alla presenza di scaffalature, arredi, attrezzature, ecc. con possibili contusioni con gli angoli dei suddetti. Il personale può accedere a tutte le aree di lavoro. Mantenere liberi i percorsi verso le uscite di sicurezza e le stesse, sempre libere da ostacoli o depositi di prodotti, anche provvisori. Rischio legato alla possibile presenza di residui liquidi a terra. In caso di pavimenti bagnati, il pericolo di scivolamento viene segnalato con idoneo cartello portatile quando le operazioni di pulizia vengono svolte in presenza di personale dell Appaltante. Contatto con potenziali fonti portatrici di tale rischio in particolare all interno dei servizi igienici. Rischio legato al contatto con attrezzature e/o elementi che possono essere portatori di batteri che causano infezioni, soprattutto nel caso di pulizie all interno dei servizi igienici. Il personale dell Appaltatore è informato sull'obbligo d'uso dei DPI.

16 Pagina 16 di 22 PARCHEGGIO AREA DI SOSTA Rischi nelle operazioni Presenza personale di: APPALTANTE APPALTATORE INTERFERENZE possibili Azioni di prevenzione e/o eliminazione interferenze Possibile presenza di personale nelle aree in oggetto. Possibile presenza di personale dell Appaltante all esterno, ma solo al termine del turno di lavoro del personale dell Appaltatore. Mezzi in movimento Rispetto della cartellonistica di sicurezza. Parcheggio dei mezzi in spazi che non ostruiscano i passaggi e dove indicato dal Responsabile interno dell Appaltante. Fare attenzione alle manovre di parcheggio. Caduta materiali e/o attrezzature dall alto Allontanamento del personale dell Appaltante durante le operazioni di carico e scarico di merci o attrezzature. Mezzi in movimento, movimentazione meccanica, investimento di persone, incidenti fra mezzi Per l Appaltatore trattasi di utilizzo di piattaforma (con una frequenza di circa 2 volte/anno per effettuare il lavaggio esterno delle vetrate fisse, ma solamente presso la SEDE MUNICIPALE). Confinamento da parte dell impresa esterna, delle aree lungo la facciata interessata dall intervento di pulizia con apposite barriere. Vietare il passaggio di personale dell Appaltante durante eventuali operazioni di trasporto di materiali e/o attrezzature dall area di carico - scarico all area di intervento.

17 Pagina 17 di 22 Elenco dei principali divieti generali n Fumare all interno di tutte le aree di lavoro Divieto di emissione di polveri di qualsiasi natura (in caso, provvedere alla contemporanea raccolta) Vietato operare in altezza in presenza di persone a terra nel raggio di 5 metri. In generale il servizio devono essere sottoposto obbligatoriamente alle seguenti regole: ingresso all area di parcheggio o sosta e, se è necessario, operazioni di scarico o carico nell area prospiciente l ingresso dedicato al personale dell Appaltatore attenersi alla segnaletica di sicurezza e parcheggiare negli spazi previsti stoccaggio di materiale, prodotti e attrezzature manuali ed elettriche solo ove indicato dall Appaltante (ripostiglio o area di deposito dedicata) rimozione di tutti i materiali di risulta dopo le opere giornaliere divieto di abbandono, scarico, versamento di qualsiasi liquido o materiali in genere, determinando inquinamento di acqua, suolo, sottosuolo, aria ambientale tutti i rifiuti devono essere depositati negli appositi contenitori o ritirati dallo stesso Appaltatore, nonché obbligo di rispetto delle regole interne di raccolta differenziata rifiuti nessun prodotto infiammabile deve esser lasciato negli spazi dell Appaltante nelle zone di intervento, interdire gli spazi operativi per un raggio minimo di 5 metri. Ogni lavorazione diversa da quelle previste, dovrà essere autorizzata dal Responsabile interno dell Appaltante, sia per orari diversi, sia per il confinamento delle aree interessate. Attività di prevenzione e protezione e riduzione dei rischi per interferenze di attività Informazione preventiva al personale dell Appaltante operante nelle aree interessate dai lavori per l ingresso del personale dell Appaltatore e rischi possibili Formazione, informazione preventiva a tutto il personale dell Appaltatore eventualmente presente Pianificazione lavori Interruzione attività aziendale, soltanto in caso di sovrapposizione di mansioni. Aspetto prioritariamente da evitare Sorveglianza periodica e/o supporti da parte del Responsabile interno dell Appaltante al personale dell Appaltatore Il personale dell Appaltatore, come da contratto, arriva al posto di lavoro, dotato di DPI e di indumenti da lavoro idonei Vedere elenco allegato al presente DUVRI

18 Pagina 18 di 22 Lavorazioni particolari dell Appaltatore uso macchine / attrezzature con rischi particolarmente elevati uso scale portatili / piattaforma elevabile motorizzata uso fiamme libere uso saldatrici uso sostanze chimiche uso sostanze infiammabili nessuna Elenco macchine / attrezzature con relative Dichiarazioni di Conformità alle norme vigenti (D. Lgs. 17/2010 ex DPR 459/96, D. Lgs. 81/2008, ecc.) gla Descrizione macchinario (o allegati) Vedere POS allegato Altro Emissioni pericolose dell Appaltatore fumi polveri residue di lavorazione stillicidi rumore (non continuo) vibrazioni (soltanto per operatori a diretto contatto con le attrezzature vibranti) Nessuna emissione pericolosa Particolari note su servizi nelle zone delle opere (aria, acqua, energia elettrica, ecc.) Energia elettrica da impianti generali dell Azienda. Rispettare le portate delle prese di corrente. L Appaltante indica i punti di prelievo di energia elettrica e l Appaltatore dovrà collegarsi soltanto a queste. n Necessario l utilizzo di acqua da impianto aziendale per le operazioni in oggetto. n Necessario aria compressa (impianto interno all azienda) per le operazioni in oggetto. Schede sostanze chimiche dell Appaltatore Tipo Utilizzo (o schede allegate) La prestazione in oggetto non prevede nessun utilizzo di sostanze chimiche.

19 Pagina 19 di 22 La prestazione in oggetto prevede l utilizzo delle sostanze chimiche al seguito specificate. La prestazione in oggetto prevede l utilizzo delle sostanze chimiche descritte nell Allegato al presente DUVRI Apprestamenti di prevenzione incendi, specifici per le operazioni in oggetto Le aree in cui si svolgono le opere sono dotate di presidi antincendio. Essi sono dotati di cartello di segnalazione della posizione. La posizione completa di tali presidi è riconoscibile nelle planimetrie di emergenza affisse nei luoghi di lavoro di tutte e tre le sedi. L utilizzo di ogni tipo di presidio antincendio aziendale è riservato al personale della squadra di emergenza interna. Il personale dell Appaltatore dovrà prendere visione delle uscite di sicurezza più vicine al punto di intervento. In caso di emergenza sarà la squadra interna antincendio, qualora presente, a coordinare l evacuazione del personale dell Appaltatore. In caso di assenza della squadra interna antincendio dell Appaltante, il personale dell Appaltatore dovrà effettuare la sola chiamata di emergenza. Apprestamenti di primo soccorso, specifici per le operazioni in oggetto Gli edifici sede del servizio sono dotati di cassetta di primo soccorso. In caso di emergenza sarà la squadra interna primo soccorso, qualora presente, a coordinare l evacuazione del personale dell Appaltatore. In caso di assenza della squadra interna antincendio dell Appaltante, il personale dell Appaltatore dovrà effettuare la sola chiamata di emergenza. La posizione delle cassette è riconoscibile nelle planimetrie di emergenza. Il personale dell Appaltatore deve avere presidi di primo soccorso propri, a bordo degli automezzi. Ubicazione servizi igienici per il personale operante Al personale dell Appaltatore vengono riservati i servizi igienici presenti in ciascuna sede operativa. La planimetria allegata di ciascuna sede operativa, indica anche la posizione di tali servizi. Aree di deposito Come locali/aree di deposito attrezzature, materiali e prodotti chimici per l Appaltatore vengono riservati: SEDE MUNICIPALE: area ricavata nel sottoscala al piano seminterrato, il cui accesso è esclusivo del personale dell Appaltatore in quanto provvista di serranda, con chiusura a chiave; rispostigli posti all interno dei servizi igienici su ciascun piano (terra e primo); BIBLIOTECA COMUNALE: area di deposito ricavata all interno del blocco dei servizi igienici

20 Pagina 20 di 22 SEDE POLIZIA LOCALE: area di deposito ricavata all interno del locale spogliatoio del personale, con porzione di armadio da destinarsi a stoccaggio dei prodotti chimici in quanto chiudibile a chiave e accessibile al solo personale dell Appaltatore. Pianificazione lavori / orari di permesso lavori dell Appaltatore Gli orari di lavoro del personale dell Appaltatore sono distinti per sede operativa. Il servizio di pulizia e sanificazione dovrà essere svolto dal lunedì al venerdì nei giorni feriali, al di fuori del normale orario di lavoro. In particolare: - SEDE MUNICIPALE: al mattino in orario precedente l apertura degli uffici e terminato alle ore 7:30. Possono però verificarsi delle sovrapposizioni con l entrata dei dipendenti (per qualche minuto) o per lavori particolari che potranno eccezionalmente essere svolti in presenza dei dipendenti comunali - BIBLIOTECA COMUNALE: nel pomeriggio del lunedì (in quanto è aperta al mattino dalle ore 10:00 alle 12:00) e in un altro un giorno della settimana in orario precedente l apertura (aperta il pomeriggio dalle ore 14:30 alle 19:30), ma in presenza di personale dipendente - SEDE POLIZIA LOCALE: al mattino in orario precedente l apertura degli uffici al pubblico alle ore 8:30. segnala la compresenza, anche se per un tempo ridotto, del personale dell impresa di pulizie con due-tre addetti che iniziano il turno prima dell apertura al pubblico. Elenco allegati al DUVRI e consegnati all Appaltatore planimetrie delle tre sedi operative, con definizione delle destinazioni d uso e localizzazione dei servizi igienici, dei ripostigli e delle aree di deposito di attrezzature, materiali e prodotti chimici planimetrie emergenza (presenti/esposte nei luoghi di lavoro) planimetria con aree di lavoro e rischi permesso di lavoro contratto di appalto

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti

Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti PROCEDURA DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA, IGIENE AMBIENTALE E FACCHINAGGIO DA EFFETTUARSI PRESSO GLI UFFICI DELL

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CITTÀ DI MARTINA FRANCA Provincia di Taranto SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI MARTINA FRANCA - Piazza Roma, 32-74015 Martina Franca (Ta) Tel. 0804836111

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Premessa. Gli scopi del presente documento sono:

Premessa. Gli scopi del presente documento sono: Premessa La società EUR Congressi Roma S.r.l. (di seguito Committente) in un ottica di Global Service ha affidato alla Marcopolo S.p.a., mediante contratto di servizio, la gestione dei servizi di Facility

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

COMUNE DI CERIANO LAGHETTO Provincia di Monza e della Brianza Via Roma 18 20816 Ceriano Laghetto www.ceriano-laghetto.org

COMUNE DI CERIANO LAGHETTO Provincia di Monza e della Brianza Via Roma 18 20816 Ceriano Laghetto www.ceriano-laghetto.org CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI DEL COMUNE DI CERIANO LAGHETTO E SERVIZI AUSILIARI - PERIODO 01/01/2011 31/12/2013 (CIG 058147692A) ART. 1 - OGGETTO

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO E DISCIPLINARE DI GARA

CAPITOLATO TECNICO E DISCIPLINARE DI GARA Procedura aperta per l affidamento del servizio di pulizia ordinaria e di attività ausiliarie accessorie per la sede nazionale di Fondimpresa sita in Roma in via della Ferratella in Laterano n. 33 CAPITOLATO

Dettagli

ASL n 7 Carbonia CAPITOLATO SPECIALE

ASL n 7 Carbonia CAPITOLATO SPECIALE ASL n 7 Carbonia CAPITOLATO SPECIALE PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO TRIENNALE DEL SERVIZIO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE - SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI DELLA ASL N 7 DI CARBONIA ( Lotto Unico - CIG

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

! " # $" $ () # $ $ % % # % $ + $ & "!" $ $ $ # #

!  # $ $ () # $ $ % % # % $ + $ & ! $ $ $ # # !!"!%!!!& '! " " ()! **" % % % + & "!"!" " ' % ''(, ( ) ) *+ (, + ( +! ( - "&.& + & & ''-- + / 0( 0 1 2 ))3-01"( + ( +! % ( + + & ( + 4 + & ( 5 + + 4 ( 6 + 0 (+ ( + + ( 6 / 6 0 (! ' 7 3!. ( 89 :;:

Dettagli

FONDAZIONE E.N.P.A.I.A. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER GLI ADDETTI E PER GLI IMPIEGATI IN AGRICOLTURA

FONDAZIONE E.N.P.A.I.A. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER GLI ADDETTI E PER GLI IMPIEGATI IN AGRICOLTURA CAPITOLATO SPECIALE Procedura aperta per l'affidamento del servizio di pulizia ordinaria della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven, 48 Roma. CIG 6220354E7E ARTICOLO 1 OGGETTO DELL APPALTO

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Pagina 1 di 27 Sezione 3.3 Attività lavorativa Collaboratore Scolastico Descrizione Responsabilità e competenze Attività svolte Luoghi di lavoro Rischi per la sicurezza Rischi per la salute Dispositivi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea..

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) Ai sensi del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. Sottosistema di Impianti presso la stazione di.. Committente:.

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO Pagina 1 di 14 PER LA SICUREZZA SUL LAVORO Via dell oreficeria, 16-36100 VICENZA SERVIZIO EMERGENZE tel. 0444 969 555 S.A.T.E. (Servizio Assistenza Tecnica Espositori) tel. 0444 969 333 Centralino Uffici

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

FASCICOLO DELL OPERA e PSC Relatore: Carmelo G. Catanoso

FASCICOLO DELL OPERA e PSC Relatore: Carmelo G. Catanoso ASSOCIAZIONE TAVOLO 494 IMOLA www.tavolo494imola.org info@ tavolo494imola.org Atti del convegno DAL D.LGS. 494/96 AL TESTO UNICO DI SICUREZZA: novità e criticità 19 novembre 2008 FASCICOLO DELL OPERA e

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI CAPITOLATO TECNICO Servizio di pulizia, di facchinaggio interno

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i. Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) Rev. N. 00 00 Data: Bando di gara di appalto o di prestazione

Dettagli

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP:

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' ATTIVITA' DI ASILO

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 922 DEL 12/11/2013 PROPOSTA N. 191 Centro di Responsabilità: Servizi Sociali, Istruzione, Associazionismo, Cultura, Promozione del Territorio

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GARA EUROPEA A PROCEDURA RISTRETTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFESTAZIONE, PRESTAZIONI DI FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO E LA MINUTA MANUTENZIONE DEI LOCALI, RELATIVI AGLI IMMOBILI

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO

COMUNE DI CAMPORGIANO COMUNE DI CAMPORGIANO PROVINCIA DI LUCCA Piazza Roma n. 1 Tel. 0583/618888 Fax. 0583/618433 C.F. 00398710467 E-mail : demografico@comune.camporgiano.lu.it CAPITOLATO D APPALTO AFFIDAMENTO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

Capitolato Tecnico Servizi di Pulizia degli uffici e servizi annessi CIG 57752742DF Gara per l'affidamento dei servizi di pulizia degli uffici e

Capitolato Tecnico Servizi di Pulizia degli uffici e servizi annessi CIG 57752742DF Gara per l'affidamento dei servizi di pulizia degli uffici e Servizi di Pulizia degli uffici e servizi annessi CIG 57752742DF Gara per l'affidamento dei servizi di pulizia degli uffici e servizi annessi da prestare presso la sede di Roma - Piazza Poli, 37/42 00187

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA PER IL TRIENNIO 2010-2013.

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA PER IL TRIENNIO 2010-2013. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE FINANZIARIA Settore Acquisto Beni e Servizi e Gestione Contratti CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI EDIFICI DELL

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

LE CADUTE DALL ALTO E

LE CADUTE DALL ALTO E LE CADUTE DALL ALTO E LA RESPONSABILITÀ DEGLI AMMINISTRATORI A.U. Salvatore Ruocco Lecce, 15 febbraio 2014 PROGRAMMA 1) Rischio caduta: normativa e soggetti coinvolti 2) UNI EN 795 e dispositivi di ancoraggio

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3 Regolamento per la certificazione del personale addetto alle attività di cui alla Norma UNI 11554, secondo la Prassi di Riferimento UNI/PdR 11:2014: Figure professionali operanti sugli impianti a gas di

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

Con la presente scrittura privata in tre originali, di cui uno per uso di. registrazione e due per uso delle parti, tra l Istituto Poligrafico e Zecca

Con la presente scrittura privata in tre originali, di cui uno per uso di. registrazione e due per uso delle parti, tra l Istituto Poligrafico e Zecca CONTRATTO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI STABILIMENTI DI ROMA DELL ISTITUTO POLIGRAFICO E ZECCA DELLO STATO S.p.A.: - STABILIMENTO DI P.ZZA VERDI - P.zza Verdi 10 - STABILIMENTO SALARIO Via

Dettagli

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente sulla sicurezza nei cantieri Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente GLI ENTI BILATERALI DELLA PROVINCIA DI L AQUILA CASSA EDILE località san Vittorino - s.s. 80 km 9 n 61 l aquila tel.

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali.

per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali. SERVIZIO SEGRETERIA AA.GG. CAPITOLATO SPECIALE D ONERI per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali. Pontecagnano Faiano,lì 28.07.2005 (Aggiornamento 4.08.2005) INDICE ART.1 NORME DI

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Fondazione MAXXI Ministero per i Beni e le attività Culturali

Fondazione MAXXI Ministero per i Beni e le attività Culturali Ministero per i Beni e le attività Culturali Museo Nazionale delle Arti del XXI Secolo Via Guido Reni, 4a - Roma DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs 81/08)

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Sommario Premessa Movimentazione Installazione Manutenzione Avvertenze 2 Premessa 3

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA, SORVEGLIANZA E PULIZIA, NELLE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE COMUNALI TRUZZI E G. RODARI DI GENZANO DI ROMA ANNI SCOLASTICI 2012/2013-2013/2014-2014/2015,

Dettagli

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni.

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni. Al Sig.Sindaco del Comune di di... e pc. All'ARPA, Servizio Territoriale Distretto di.. Il sottoscritto nato a.il./.. /19. e residente a.in (Via, Piazza).n in qualità di titolare/legale rappresentante

Dettagli