COORDINAMENTO: APPALTANTE: COMUNE DI LONGARE APPALTATORE: IMPRESA DI PULIZIE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COORDINAMENTO: APPALTANTE: COMUNE DI LONGARE APPALTATORE: IMPRESA DI PULIZIE"

Transcript

1 Pagina 1 di 22 COORDINAMENTO: APPALTANTE: COMUNE DI LONGARE APPALTATORE: IMPRESA DI PULIZIE Premessa Il presente Documento di valutazione dei rischi DUVRI costituisce l assolvimento dell'obbligo, posto in capo all Appaltante e all Appaltatore (di seguito definite Parti ), previste dall Art. 26 D. Lgs. 81/2008, Legge 123/2007 e D. Lgs. 106/2009. Esso contiene le informazioni sulla struttura dove l impresa Appaltatrice andrà ad intervenire. Inoltre al suo interno sono inserite le possibili interferenze che si possono prevedere e/o manifestare durante l opera. Esse potranno essere riscontrate ed esaminate dalle Parti nel corso di un sopralluogo preliminare (vedere Verbale di Coordinamento allegato, qualora compilato). Tutte le informazioni sotto descritte e gli allegati relativi permettono alle Parti di gestire l opera in sicurezza, fermo restando l obbligatorietà, da parte dell Appaltatore, della tutela dei lavoratori per i rischi specifici per l attività di impresa ed inerente all opera stessa. Dopo quanto sotto esaminato, svolto e controfirmato sarà obbligo delle parti concordare incontri periodici (nel caso l entità dell opera lo richiedesse) per la verifica della zona/reparto oggetto delle opere. In relazione alle conoscenze tecniche dell Appaltatore costui deve comunicare all Appaltante eventuali situazioni a rischio che si vengono a manifestare e non considerate in fase di sopralluogo generale. L Appaltatore è tenuto ad interrompere l attività quando ritenesse opportuno in relazione ad eventuali rischi per i propri lavoratori e per la sicurezza delle persone e cose dell Appaltante. Il documento in oggetto dovrà essere aggiornato in funzione dell eventuale variazione di tutte le condizioni per cui l Appaltatore è stato nominato e autorizzato. Esso dovrà essere allegato al Contratto di appalto ( vedere il Capitolato speciale di appalto) per l affidamento del servizio PULIZIA DEGLI IMMOBILI COMUNALI AD USO UFFICI E/O SERVIZI PUBBLICI del Comune di Longare (c. 3 art. 26 del D.Lgs. 81/2008, come modificato dall art. 16 del D.Lgs. 106/2009). Con il presente documento viene preso atto di tutti i fattori che determinano la sicurezza nelle operazioni quali: - Tipologia degli interventi, sede presso cui verranno eseguite le opere e Regole generali di curezza e Coordinamento dell Appaltante - Accesso alle zone ed eventuale interdizione di alcune aree - Permessi di lavoro - Operazioni specifiche dell Appaltatore - Uso di attrezzature dell Appaltante - Rischi rilevanti e rischi residui dell Appaltante - Attività dell Appaltante durante l esecuzione delle attività di pulizia e sanificazione - Eventuali interferenze operative e Attività di eliminazione delle interferenze - Attività di comunicazione tra Appaltante e Appaltatore

2 Pagina 2 di 22 COMMITTENTE / APPALTANTE Dati Aziendali Ragione sociale Sede operativa 1 - Municipio Sede operativa 2 - Biblioteca Sede operativa 3 sede Polizia Locale COMUNE DI LONGARE Via G. Marconi, Longare (VI) Via G. Marconi, Longare (VI) Via Municipio, Longare (VI) Riferimenti interni Datore di Lavoro / ndaco Fontana Gaetano RSPP (esterno) Boniotto Giordano Tel. 0442/ RLS n nominato Tel. / Responsabile del servizio e riferimento interno per l Appaltatore Aiani Lorella Tel. 0444/ Squadra antincendio Squadra Primo Soccorso

3 Pagina 3 di 22 APPALTATORE Dati Aziendali Ragione Sociale Sede legale C.C.I.A.A. Datore di Lavoro Organigramma della sicurezza dell Appaltatore RSPP Tel. RLS Medico competente Squadra antincendio Squadra Primo Soccorso In base ad accordi fra Appaltante e Appaltatore, si stabilisce che in caso di incendio e/o primo soccorso tutto il personale dell impresa dovrà effettuare la chiamata di emergenza e attendere i soccorsi Personale di riferimento SSL dell Appaltatore Referente SSL

4 Pagina 4 di 22 Documentazione da presentare all Appaltante da parte degli Appaltatori Assicurazione RC aziendale DURC Doc. reg. contributiva Data documento (da consegnare ogni anno solare) Dichiarazione di assenza di provvedimenti di sospensione o interdittivi, Art. 14 D. Lgs. 81/2008 Dichiarazione di avere adempiuto agli obblighi previsti dal D. Lgs. 81/2008 VEDERE ALLEGATI AL PRESENTE E AL CONTRATTO DI APPALTO Altre specifiche Il personale dell Appaltatore è preventivamente sottoposto a visite mediche come da protocollo sanitario interno e utilizza i propri DPI consegnati Elenco personale che eseguirà le opere in oggetto dall Appaltatore steso. Vedere l Allegato al presente documento Descrizione delle opere Tipologia servizio previsto (descrizione) Il documento in oggetto viene stipulato a seguito dell appalto affidato all Appaltatore, il quale ha per oggetto: a) le prestazioni di mano d'opera con fornitura di materiale igienico-sanitario ed impiego di Macchinari, mezzi ed attrezzi necessari per eseguire il servizio di pulizia e sanificazione di tutti i locali degli edifici comunali di Longare di seguito elencati: MUNICIPIO - Via G. Marconi, n. 26 BIBLIOTECA COMUNALE - Via G. Marconi, n. 30 SEDE POLIZIA LOCALE Via Municipio, n. 7 b) pulizie straordinarie: consistenti in interventi a carattere non continuativo La tipologia di intervento minima è la seguente: Presso la SEDE MUNICIPALE, il servizio di pulizia deve essere effettuato per 20 ore settimanali, per tutto il periodo dell anno dal lunedì al venerdì, con le modalità di seguito indicate: 1. Interventi giornalieri o a giorni alterni: - Svuotamento cestini con suddivisione dei rifiuti per tipologia; - Pulizia scrivanie e tavoli;

5 Pagina 5 di 22 - Scopatura e lavaggio dei pavimenti; - Eliminazione delle impronte dalle porte; - Approvvigionamento carta igienica e salviette asciugamani nei servizi; - Pulizia e disinfezione dei servizi igienici con pulizia del pavimento, dei sanitari e delle piastrelle di rivestimento dove necessario; - pulizia con passata ad umido, con idoneo prodotto disinfettante, delle maniglie e dei corrimano. 2. Interventi settimanali: - lavaggio a fondo, mediante disinfezione con idoneo prodotto, di tutti i pavimenti, eseguiti a macchina e/o a mano; - lavaggio a fondo, mediante disinfezione con idoneo prodotto, dei servizi igienico sanitari (bagni antibagni); - asportazione macchie/impronte su entrambe le facciate delle porte a vetro e superfici lucide; - lavaggio con idoneo prodotto di cestini e altri contenitori porta rifiuti; - pulitura a fondo degli elementi di arredo (armadi, schedari, mensole, mobili ecc.). 3. Interventi mensili: - pulizia porte, serramenti, stipiti, zoccolini, davanzali delle finestre, caloriferi; - spolveratura di corpi illuminanti sia a parete che a soffitto; - deragnatura di tutti gli ambienti. 4. Interventi bimestrali: - lavaggio delle facciate interne dei vetri di tutte le finestre dell edificio e delle vetrate al piano terreno, comprese le intelaiature; - pulizia dei davanzali e veneziane. 5. Pulizia semestrale (2 volte all anno in periodi da concordare): - lavaggio di entrambe le facciate delle vetrate e dei vetri di tutte le finestre. Presso la BIBLIOTECA COMUNALE (ubicata al piano primo della Scuola Elementare di Longare) e la SEDE POLIZIA LOCALE (al piano terra della ex sede Pro Loco) trattasi di pulizia dei locali e delle scale esterne (solo nel caso della Biblioteca) da effettuarsi per 5 ore settimanali suddivise rispettivamente in due giorni alla settimana per la Biblioteca e tutti i giorni per la sede di Polizia Locale che dovrà comprendere: - Svuotamento cestini e altri contenitori porta rifiuti e cambio sacchetti con separazione dei rifiuti in sacchi a perdere forniti dalla ditta aggiudicataria con le modalità di raccolta differenziata prevista nell Ente; - Spazzatura dei pavimenti di tutti gli ambienti; - Aspirazione meccanica degli zerbini e tappetini; - Lavaggio e disinfezione degli apparecchi telefonici e citofoni; - Pulitura di sedie, tavoli, scrivanie, suppellettili, ecc.; - Spolveratura di mensole, scaffali, ecc.; - Lavaggio e disinfezione dei servizi igienico sanitari (bagni antibagni), inclusi specchi, rubinetteria, piastrelle e superfici lavabili - con fornitura dei prodotti igienico-sanitari e ricambio della carta igienica, salviette asciugamano e sapone; - Pulizia con passata ad umido, con idoneo prodotto disinfettante, delle maniglie e dei corrimano; - Lavaggio a fondo, mediante disinfezione con idoneo prodotto, di tutti i pavimenti, eseguiti a macchina e/o a mano; - Asportazione macchie/impronte su entrambe le facciate delle porte e superfici lucide; - Lavaggio con idoneo prodotto di cestini e altri contenitori porta rifiuti; - Pulitura a fondo degli elementi di arredo (armadi, schedari, mensole, mobili, ecc.); - Pulizia porte, serramenti, stipiti, zoccolini, davanzali delle finestre, caloriferi;

6 Pagina 6 di 22 - Spolveratura di corpi illuminanti sia a parete che a soffitto; - Deragnatura di tutti gli ambienti. Pulizia semestrale (2 volte all anno in periodi da concordare): - Lavaggio di entrambe le facciate delle vetrate e dei vetri di tutte le finestre; - Spostamento dei volumi dagli scaffali e relativa spolveratura dei volumi e della scaffalatura. Il materiale necessario per l esecuzione delle pulizie deve essere fornito direttamente dalla Cooperativa (divise da lavoro, tessere di riconoscimento e distintivi, sacchi per la raccolta di rifiuti urbani, carta igienica, carta asciugamani, sapone liquido lavamani, igienizzanti per WC, materiali di pulizia, attrezzature e macchinari per la pulizia, ogni altro onere necessario per l espletamento del servizio. La Ditta aggiudicataria provvederà a sua cura e spese senza diritto a compenso alcuno al montaggio, impiego e smontaggio di ponteggi, elevatori, sia fissi che mobili, eventualmente necessari per qualsiasi tipo di lavoro, in particolare per il lavaggio delle vetrate fisse degli edifici comunali. Il lavoro in oggetto, nei suoi dettagli esecutivi, è stato preventivamente programmato e concordato in fase di appalto, fra le Parti. Il personale esterno delle imprese arriva presso la sede delle opere con automezzi propri e parcheggia nelle aree esterne dedicate alla sosta. Durante le fasi di scarico e carico di materiale e/o attrezzature dagli automezzi, il personale esterno può temporaneamente parcheggiare nei pressi dell accesso principale di ciascuna delle tre sedi di lavoro. L Appaltante consegnerà all impresa copia delle chiavi necessarie per accedere a tutti i locali oggetto del servizio. Ubicazione aree interessate dallo svolgimento del servizio Tutti i locali interni alle tre sedi municipali suddette: uffici, servizi igienico sanitari, ripostigli, archivio, locali in uso al personale, sale biblioteca.

7 Pagina 7 di 22 Durata prevista Tre anni Importo presunto ( ,00) Oneri sicurezza 500,00 annuali per un totale di 1.500,00

8 Pagina 8 di 22 REGOLE GENERALI DI SICUREZZA E COORDINAMENTO Appaltante: COMUNE DI LONGARE Organizzare in concerto con l Appaltatore un incontro per la determinazione dei luoghi, dei rischi residui, per analisi identificazione piano di emergenza, sede dei presidi di sicurezza, eventuali interferenze di lavorazione e quanto altro necessario per la gestione in sicurezza dei luoghi di servizio Definire gli accessi alle aree di lavoro oggetto del servizio Fornire permesso di interdizione delle aree, ove/se necessario Fare osservare le regole di comportamento, già presenti all interno, prima di tutta l attività e successivamente delle zone specifiche di lavoro Fare rispettare i divieti e le prescrizioni di sicurezza già presenti in tutta l attività e in particolare nelle aree oggetto del servizio Informare il proprio personale dipendente, dell arrivo / presenza di personale esterno in appalto Interrompere l attività se non svolta secondo dettami della sicurezza o che possano interferire sulle attività ordinarie aziendali. In tale caso (sospensioni per pericoli gravi o imminenti) l Appaltante si riserverà la facoltà di annullare il compenso economico completo o parziale Definire in modo chiaro e scritto, le attrezzature aziendali che il personale dell Appaltatore può utilizzare (in caso di non specifica, nessuna attrezzatura è a disposizione dell Appaltatore) Controllare che il personale abbia il tesserino di riconoscimento e il distintivo Raccogliere la documentazione che attesti la regolarità dell impresa esterna per il personale operante, eventuali macchine ed attrezzature di proprietà in utilizzo c/o la sede del servizio L inosservanza delle eventuali procedure interne di sicurezza e/o collegate al sistema sicurezza che possano dar luogo a pericoli immediati e/o gravi, da diritto all Appaltante o all Appaltatore di interruzione immediata del servizio

9 Pagina 9 di 22 Appaltatore: IMPRESA DI PULIZIE Partecipare all analisi dei rischi DUVRI in concerto con l Appaltante Indicare i nominativi del personale che verrà impegnato nel servizio Consegnare la documentazione richiesta Eseguire le prestazioni programmate, nei tempi stabiliti, comunicando all Appaltante eventuali necessità di variazioni Coordinarsi con personale interno all Azienda Appaltante per la soluzione di eventuali problemi Comunicare all Appaltante o suo responsabile situazioni critiche ed intervenire immediatamente comunicando eventuali costi relativi Redigere un rapporto di lavoro a fine giornata lavorativa (se necessario per eventi accorsi) Portare il cartellino di identificazione con dati previsti / tessera di riconoscimento e distintivo Parcheggiare i propri automezzi nelle aree definite e/o indicate dal ns. Responsabile interno Rispettare gli orari di lavoro concordati e definiti con il Responsabile interno, specificando sempre le eventuali variazioni e non rimanendo all interno dell attività oltre tali orari L eventuale utilizzo di attrezzature dell'appaltante deve essere preventivamente autorizzato e scritto, in base alle disposizioni dell Appaltante stesso. Il personale che ne farà uso dovrà essere preventivamente formato in base a quanto prescrivono le Leggi vigenti sullo specifico tipo di attrezzatura, qualora necessario Avvisare il Responsabile interno in caso di necessità di primo soccorso e/o incendio e attenersi alle istruzioni Concordare / rispettare gli accordi presi con il Responsabile interno sulle modalità di sgombero dei locali interessati dal servizio, al termine delle lavorazioni e/o secondo procedure interne Predisporre che il personale sia formato all utilizzo in sicurezza delle attrezzature presenti nelle sedi operative Informare preventivamente il Responsabile interno per operazioni con specifici pericoli Avere un corredo di attrezzature portatili ed apprestamenti idonei alla lavorazione e manutenuti nel tempo Smaltimento dei materiali in relazione al tipo di rifiuto in relazione alle leggi vigenti Garantire un comportamento corretto del personale sostituendo coloro che non osservano i propri doveri

10 Pagina 10 di 22 I materiali, i prodotti e le attrezzature utilizzati per l espletamento del servizio devono essere posti in locali/aree dedicati, permessi dal Responsabile interno, con accordo preventivo In caso di incendio effettuare la chiamata di emergenza n è consentito depositare o accantonare materiali ed utensili vari di pulizia negli atri e nei corridoi

11 Pagina 11 di 22 Rischi residui all interno delle aree di esecuzione del servizio Zona reparto Uffici Rischio - Elettrocuzione (cavi elettrici e dati collegati alle prese a pavimento o a parete, che possono rappresentare un pericolo d'inciampo o di causa potenziale di elettrocuzione qualora la guaina di protezione dei cavi elettrici abbia perso le iniziali caratteristiche d'integrità) - Urti, colpi, impatti, schiacciamenti - Scivolamento (pavimenti particolarmente lisci o lucidi che non assicurano il necessario attrito alla base dei montanti nell'eventualità che vengano utilizzate scale a pioli appoggiate alle pareti) - Caduta dall alto dove sono presenti scale fisse - Incendio - Rischio biologico (per la possibilità che nei cestini di raccolta della spazzatura o nei sacchi predisposti per contenerla siano finite siringhe potenzialmente infette, pezzi di vetri rotti, parti appuntite taglienti, toner da stampanti laser ecc., quindi i sacchi dei rifiuti dovranno essere manipolati con la necessaria cura e chiusi prima del trasporto, senza compattarli con le mani e portarli in contatto con il corpo) Servizi igienico sanitari Rischio biologico (durante la pulizia dei sanitari e delle superfici interne per potenziale contatto con elementi patogeni) Deposito (p. seminterrato c/o SEDE MUNICIPALE) Urti, colpi, impatti, schiacciamenti Scivolamento Caduta dall alto dove sono presenti scale fisse incendio Parcheggio - area di sosta Investimento da mezzi motorizzati

12 Pagina 12 di 22 Attività Appaltante durante le opere in oggetto UFFICI - SERVIZI IGIENICO SANITARI - DEPOSITI Attività che possono interferire con l opera in oggetto Attrezzature e sostanze/prodotti 1) presenza di personale presso i locali di lavoro - attrezzature elettriche di ufficio Rischi nelle operazioni Presenza personale di: Azioni di prevenzione e/o eliminazione interferenze APPALTANTE APPALTATORE INTERFERENZE POSSIBILI Possibile presenza di personale in tutti i locali c/o sedi operative. Caduta materiali e/o prodotti dall alto Caduta dall alto Informazione al personale dell impresa esterna. Preferenza per interventi in assenza di personale dell Appaltante e/o numero ridotto. Per l Appaltante trattasi di rischio durante lavori in altezza. Confinamento della zona lavoro in qualsiasi punto ove si sta operando e dove possa essere presente personale dell Appaltante. Utilizzo di sistemi di elevazione omologati. Formazione specifica all uso di scale e/o sistemi di elevazione rivolta al personale impresa esterna. Il personale dell Appaltante non deve percorrere né a piedi né con altri mezzi l area di lavoro dell Appaltatore (impresa esterna). Rischio possibile nei casi di utilizzo di scale portatili. Porre sempre attenzione alle condizioni della scala e farsi aiutare da un secondo operatore in caso di utilizzo di prodotti o attrezzature in altezza. n trasportare elementi durante le fasi di salita e/o discesa dalla scala. Allontanamento del personale dell Appaltante dall area di lavoro (confinamento della zona lavoro). Obbligo di utilizzo DPI specifici per personale

13 Pagina 13 di 22 Fasi di carico e scarico di materiali e attrezzature Utilizzo di scala portatile Manovre di messa fuori tensione Emissione di polveri Rumore dell impresa esterna. Formazione specifica all uso di scale e/o sistemi di elevazione rivolta al personale impresa esterna. E fatto divieto ai lavoratori dell Appaltatore di raggiungere posizioni pericolose che possono provocare la caduta nel vuoto degli stessi senza che questi siano dotati di appositi dispositivi di protezione individuale quali imbracature di sicurezza assicurate con opportuni sistemi di trattenuta a solidi punti di forza. II caso è riferito alle pulizie di vetri e finestre durante le quali i lavoratori possono essere indotti a salire sui davanzali delle finestre o avvicinarsi alle stesse con scale o altri sistemi. Considerare che tutti i vetri interessati dalle operazioni di pulizia non sono del tipo antisfondamento o di sicurezza e come tali non possono essere considerati una valida protezione contro le cadute nel vuoto, ma anzi possono rappresentare un serio pericolo in caso di rottura. Per l Appaltante trattasi della fase di carico e scarico di materiali e attrezzature sul mezzo (area di sosta temporanea prospiciente l ingresso alla sede operativa). Evitare il più possibile la contemporaneità delle azioni fra Appaltante e Appaltatore. Il personale dell Appaltatore deve effettuare tali operazioni in orari dove non vi è presenza di personale dell Appaltante. Qualora ciò non fosse possibile, deve allontanare il personale dell Appaltante durante le fasi di scarico e carico. Durante le operazioni in altezza, nessun operatore dell Appaltante, deve essere presente nelle immediate vicinanze. L Appaltante ha dato autorizzazione scritta all utilizzo, da parte del personale dell Appaltatore, delle scale portatili (conformi alle vigenti normative di sicurezza, norme UNI EN 131), là dove presenti. Eventuale preavviso ai responsabili Aziendali. Preavviso alla squadra di emergenza. Successivo rapporto di ripristino del sistema. Raccolta delle polveri, lavaggio delle superfici (pavimentazioni, pareti, ecc.) ed aerazione dei locali: attività eseguite in orari in cui non è presente il personale dell Appaltante. Per l Appaltatore trattasi di emissioni non costanti di rumore durante l utilizzo di attrezzature elettriche (aspirapolvere). Interventi dell Appaltatore in orari in cui non è

14 Pagina 14 di 22 Incendio Microclima Elettrocuzione Rischio chimico presente il personale dell Appaltante. Divieto di fumo in tutti i locali di lavoro. Divieto di deposito, anche temporaneo, di attrezzature e/o materiali nei pressi delle uscite di emergenza e/o delle vie di fuga. Presenza di presidi portatili antincendio (estintori). Attenzione alle correnti d aria durante l apertura delle finestre per l asciugatura delle superfici bagnate. n aprire le finestre con la presenza di personale dell Appaltante. Rischio legato alla presenza e utilizzo di impianti e attrezzature elettriche. Essi tuttavia vengono sottoposti dall Appaltante a manutenzione periodica da parte di imprese abilitate. Il personale dovrà segnalare al Responsabile interno dell Appaltante eventuali guasti e/o situazioni a rischio. Per l Appaltatore: evitare la stesura di cavi elettrici (es. prolunghe) nelle zone di presenza di personale; evitare di bagnare con acqua o detergenti liquidi eventuali prese o apparati elettrici o elettronici posti a pavimento negli spazi da pulire o prossimi allo stesso; utilizzare apparecchiature elettriche quali aspirapolvere, lucidatrici o analoghe attrezzature integre dal punto di vista elettrico e dotate di cordoni di alimentazione e prese a spina perfettamente efficienti. Manutenzione costante alle prolunghe elettriche. Divieto di intervento su qualsiasi parte di impianto elettrico fisso. Impianti elettrici fissi dell Appaltante dotati di protezioni contro i contatti diretti e indiretti (messa a terra e dispositivi differenziali). Alcune operazioni di pulizia previste prevedono l utilizzo da parte dell Appaltatore di prodotti di pulizia, detergenti e igienizzanti non tossici e comunque tra loro compatibili dal punto di vista chimico, in modo che non possano, nell'eventualità che vengano tra loro miscelati anche accidentalmente, provocare reazioni pericolose con emissione di gas nocivi. L Appaltatore dovrà rendere edotti i propri lavoratori sui rischi derivanti dall'utilizzo dei prodotti di pulizia impiegati, nel caso che questi vengano tra loro miscelati volontariamente o accidentalmente, sulle modalità di stoccaggio e conservazione, sulla lettura e significato delle etichette impresse sulla confezione

15 Pagina 15 di 22 Urti, colpi, impatti, compressioni Scivolamenti, cadute a livello Rischio biologico, infezione da microrganismi degli stessi o delle schede di sicurezza, qualora il metodo di confezionamento non preveda le etichette sui contenitori. L elenco dei prodotti chimici utilizzati deve essere allegato al presente DUVRI. Le schede di sicurezza dei prodotti chimici devono trovarsi nel luogo di utilizzo e accessibili agli addetti dell Appaltatore, quindi presso tutte le sedi operative. L utilizzo dei prodotti è consentito solo con idonei DPI, quando previsti dalle schede di sicurezza. n devono essere lasciate incustodite le confezioni dei prodotti, né durante né al termine delle attività di pulizia. I prodotti possono essere lasciati sul carrello delle pulizie, terminata l attività, solo quando esso viene portato nel ripostiglio dedicato che verrà sempre chiuso a chiave (dovrà sempre essere rimossa dalla porta e conservata dal personale incaricato). Prevedere il corretto smaltimento delle confezioni dei prodotti terminati. Rischio legato alla conformazione degli ambienti e alla presenza di scaffalature, arredi, attrezzature, ecc. con possibili contusioni con gli angoli dei suddetti. Il personale può accedere a tutte le aree di lavoro. Mantenere liberi i percorsi verso le uscite di sicurezza e le stesse, sempre libere da ostacoli o depositi di prodotti, anche provvisori. Rischio legato alla possibile presenza di residui liquidi a terra. In caso di pavimenti bagnati, il pericolo di scivolamento viene segnalato con idoneo cartello portatile quando le operazioni di pulizia vengono svolte in presenza di personale dell Appaltante. Contatto con potenziali fonti portatrici di tale rischio in particolare all interno dei servizi igienici. Rischio legato al contatto con attrezzature e/o elementi che possono essere portatori di batteri che causano infezioni, soprattutto nel caso di pulizie all interno dei servizi igienici. Il personale dell Appaltatore è informato sull'obbligo d'uso dei DPI.

16 Pagina 16 di 22 PARCHEGGIO AREA DI SOSTA Rischi nelle operazioni Presenza personale di: APPALTANTE APPALTATORE INTERFERENZE possibili Azioni di prevenzione e/o eliminazione interferenze Possibile presenza di personale nelle aree in oggetto. Possibile presenza di personale dell Appaltante all esterno, ma solo al termine del turno di lavoro del personale dell Appaltatore. Mezzi in movimento Rispetto della cartellonistica di sicurezza. Parcheggio dei mezzi in spazi che non ostruiscano i passaggi e dove indicato dal Responsabile interno dell Appaltante. Fare attenzione alle manovre di parcheggio. Caduta materiali e/o attrezzature dall alto Allontanamento del personale dell Appaltante durante le operazioni di carico e scarico di merci o attrezzature. Mezzi in movimento, movimentazione meccanica, investimento di persone, incidenti fra mezzi Per l Appaltatore trattasi di utilizzo di piattaforma (con una frequenza di circa 2 volte/anno per effettuare il lavaggio esterno delle vetrate fisse, ma solamente presso la SEDE MUNICIPALE). Confinamento da parte dell impresa esterna, delle aree lungo la facciata interessata dall intervento di pulizia con apposite barriere. Vietare il passaggio di personale dell Appaltante durante eventuali operazioni di trasporto di materiali e/o attrezzature dall area di carico - scarico all area di intervento.

17 Pagina 17 di 22 Elenco dei principali divieti generali n Fumare all interno di tutte le aree di lavoro Divieto di emissione di polveri di qualsiasi natura (in caso, provvedere alla contemporanea raccolta) Vietato operare in altezza in presenza di persone a terra nel raggio di 5 metri. In generale il servizio devono essere sottoposto obbligatoriamente alle seguenti regole: ingresso all area di parcheggio o sosta e, se è necessario, operazioni di scarico o carico nell area prospiciente l ingresso dedicato al personale dell Appaltatore attenersi alla segnaletica di sicurezza e parcheggiare negli spazi previsti stoccaggio di materiale, prodotti e attrezzature manuali ed elettriche solo ove indicato dall Appaltante (ripostiglio o area di deposito dedicata) rimozione di tutti i materiali di risulta dopo le opere giornaliere divieto di abbandono, scarico, versamento di qualsiasi liquido o materiali in genere, determinando inquinamento di acqua, suolo, sottosuolo, aria ambientale tutti i rifiuti devono essere depositati negli appositi contenitori o ritirati dallo stesso Appaltatore, nonché obbligo di rispetto delle regole interne di raccolta differenziata rifiuti nessun prodotto infiammabile deve esser lasciato negli spazi dell Appaltante nelle zone di intervento, interdire gli spazi operativi per un raggio minimo di 5 metri. Ogni lavorazione diversa da quelle previste, dovrà essere autorizzata dal Responsabile interno dell Appaltante, sia per orari diversi, sia per il confinamento delle aree interessate. Attività di prevenzione e protezione e riduzione dei rischi per interferenze di attività Informazione preventiva al personale dell Appaltante operante nelle aree interessate dai lavori per l ingresso del personale dell Appaltatore e rischi possibili Formazione, informazione preventiva a tutto il personale dell Appaltatore eventualmente presente Pianificazione lavori Interruzione attività aziendale, soltanto in caso di sovrapposizione di mansioni. Aspetto prioritariamente da evitare Sorveglianza periodica e/o supporti da parte del Responsabile interno dell Appaltante al personale dell Appaltatore Il personale dell Appaltatore, come da contratto, arriva al posto di lavoro, dotato di DPI e di indumenti da lavoro idonei Vedere elenco allegato al presente DUVRI

18 Pagina 18 di 22 Lavorazioni particolari dell Appaltatore uso macchine / attrezzature con rischi particolarmente elevati uso scale portatili / piattaforma elevabile motorizzata uso fiamme libere uso saldatrici uso sostanze chimiche uso sostanze infiammabili nessuna Elenco macchine / attrezzature con relative Dichiarazioni di Conformità alle norme vigenti (D. Lgs. 17/2010 ex DPR 459/96, D. Lgs. 81/2008, ecc.) gla Descrizione macchinario (o allegati) Vedere POS allegato Altro Emissioni pericolose dell Appaltatore fumi polveri residue di lavorazione stillicidi rumore (non continuo) vibrazioni (soltanto per operatori a diretto contatto con le attrezzature vibranti) Nessuna emissione pericolosa Particolari note su servizi nelle zone delle opere (aria, acqua, energia elettrica, ecc.) Energia elettrica da impianti generali dell Azienda. Rispettare le portate delle prese di corrente. L Appaltante indica i punti di prelievo di energia elettrica e l Appaltatore dovrà collegarsi soltanto a queste. n Necessario l utilizzo di acqua da impianto aziendale per le operazioni in oggetto. n Necessario aria compressa (impianto interno all azienda) per le operazioni in oggetto. Schede sostanze chimiche dell Appaltatore Tipo Utilizzo (o schede allegate) La prestazione in oggetto non prevede nessun utilizzo di sostanze chimiche.

19 Pagina 19 di 22 La prestazione in oggetto prevede l utilizzo delle sostanze chimiche al seguito specificate. La prestazione in oggetto prevede l utilizzo delle sostanze chimiche descritte nell Allegato al presente DUVRI Apprestamenti di prevenzione incendi, specifici per le operazioni in oggetto Le aree in cui si svolgono le opere sono dotate di presidi antincendio. Essi sono dotati di cartello di segnalazione della posizione. La posizione completa di tali presidi è riconoscibile nelle planimetrie di emergenza affisse nei luoghi di lavoro di tutte e tre le sedi. L utilizzo di ogni tipo di presidio antincendio aziendale è riservato al personale della squadra di emergenza interna. Il personale dell Appaltatore dovrà prendere visione delle uscite di sicurezza più vicine al punto di intervento. In caso di emergenza sarà la squadra interna antincendio, qualora presente, a coordinare l evacuazione del personale dell Appaltatore. In caso di assenza della squadra interna antincendio dell Appaltante, il personale dell Appaltatore dovrà effettuare la sola chiamata di emergenza. Apprestamenti di primo soccorso, specifici per le operazioni in oggetto Gli edifici sede del servizio sono dotati di cassetta di primo soccorso. In caso di emergenza sarà la squadra interna primo soccorso, qualora presente, a coordinare l evacuazione del personale dell Appaltatore. In caso di assenza della squadra interna antincendio dell Appaltante, il personale dell Appaltatore dovrà effettuare la sola chiamata di emergenza. La posizione delle cassette è riconoscibile nelle planimetrie di emergenza. Il personale dell Appaltatore deve avere presidi di primo soccorso propri, a bordo degli automezzi. Ubicazione servizi igienici per il personale operante Al personale dell Appaltatore vengono riservati i servizi igienici presenti in ciascuna sede operativa. La planimetria allegata di ciascuna sede operativa, indica anche la posizione di tali servizi. Aree di deposito Come locali/aree di deposito attrezzature, materiali e prodotti chimici per l Appaltatore vengono riservati: SEDE MUNICIPALE: area ricavata nel sottoscala al piano seminterrato, il cui accesso è esclusivo del personale dell Appaltatore in quanto provvista di serranda, con chiusura a chiave; rispostigli posti all interno dei servizi igienici su ciascun piano (terra e primo); BIBLIOTECA COMUNALE: area di deposito ricavata all interno del blocco dei servizi igienici

20 Pagina 20 di 22 SEDE POLIZIA LOCALE: area di deposito ricavata all interno del locale spogliatoio del personale, con porzione di armadio da destinarsi a stoccaggio dei prodotti chimici in quanto chiudibile a chiave e accessibile al solo personale dell Appaltatore. Pianificazione lavori / orari di permesso lavori dell Appaltatore Gli orari di lavoro del personale dell Appaltatore sono distinti per sede operativa. Il servizio di pulizia e sanificazione dovrà essere svolto dal lunedì al venerdì nei giorni feriali, al di fuori del normale orario di lavoro. In particolare: - SEDE MUNICIPALE: al mattino in orario precedente l apertura degli uffici e terminato alle ore 7:30. Possono però verificarsi delle sovrapposizioni con l entrata dei dipendenti (per qualche minuto) o per lavori particolari che potranno eccezionalmente essere svolti in presenza dei dipendenti comunali - BIBLIOTECA COMUNALE: nel pomeriggio del lunedì (in quanto è aperta al mattino dalle ore 10:00 alle 12:00) e in un altro un giorno della settimana in orario precedente l apertura (aperta il pomeriggio dalle ore 14:30 alle 19:30), ma in presenza di personale dipendente - SEDE POLIZIA LOCALE: al mattino in orario precedente l apertura degli uffici al pubblico alle ore 8:30. segnala la compresenza, anche se per un tempo ridotto, del personale dell impresa di pulizie con due-tre addetti che iniziano il turno prima dell apertura al pubblico. Elenco allegati al DUVRI e consegnati all Appaltatore planimetrie delle tre sedi operative, con definizione delle destinazioni d uso e localizzazione dei servizi igienici, dei ripostigli e delle aree di deposito di attrezzature, materiali e prodotti chimici planimetrie emergenza (presenti/esposte nei luoghi di lavoro) planimetria con aree di lavoro e rischi permesso di lavoro contratto di appalto

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO PULIZIA DEGLI IMMOBILI COMUNALI AD USO UFFICI E/O SERVIZI PUBBLICI DEL COMUNE DI LONGARE

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO PULIZIA DEGLI IMMOBILI COMUNALI AD USO UFFICI E/O SERVIZI PUBBLICI DEL COMUNE DI LONGARE CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO PULIZIA DEGLI IMMOBILI COMUNALI AD USO UFFICI E/O SERVIZI PUBBLICI DEL COMUNE DI LONGARE INDICE Art. 1 - Oggetto e luogo dell appalto Art. 2

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI COMUNALI PERIODO MESI VENTIQUATTRO

SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI COMUNALI PERIODO MESI VENTIQUATTRO SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI COMUNALI PERIODO MESI VENTIQUATTRO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO (DUVRI) E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE (art. 26 del D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i.)

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

APPALTO DI SERVIZI DI PULIZIA DEI COMPLESSI IMMOBILIARI DI PROPRIETÀ DELLA FONDAZIONE ENPAM SITI IN MILANO E PROVINCIA COMMITTENTE DATI RELATIVI

APPALTO DI SERVIZI DI PULIZIA DEI COMPLESSI IMMOBILIARI DI PROPRIETÀ DELLA FONDAZIONE ENPAM SITI IN MILANO E PROVINCIA COMMITTENTE DATI RELATIVI INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DEL LUOGO DI LAVORO E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE ai sensi dell art. 26 del d.lgs. 9 aprile 2008 n. 81 APPALTO DI SERVIZI DI PULIZIA DEI COMPLESSI

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia Settore II Finanziario - Servizio Patrimonio CAPITOLATO TECNICO CAPITOLATO TECNICO

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia Settore II Finanziario - Servizio Patrimonio CAPITOLATO TECNICO CAPITOLATO TECNICO GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE Codice CIG: 34069808D4 Pagina 1 di 16 SOMMARIO PREMESSE Art. 1 OGGETTO DELLA PROCEDURA Art. 2

Dettagli

Comune di Amalfi Relazione tecnica servizio di pulizia immobili comunali U F F I C I O I G I E N E E S A N I T À

Comune di Amalfi Relazione tecnica servizio di pulizia immobili comunali U F F I C I O I G I E N E E S A N I T À Comune di Amalfi Relazione tecnica servizio di pulizia immobili comunali C O M U N E di AMALFI U F F I C I O I G I E N E E S A N I T À R E L A Z I O N E T E C N I C A P E R I L S E R V I Z I O D I P U

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOVUTI ALLE INTERFERENZE

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOVUTI ALLE INTERFERENZE REGIONE LAZIO AZIENDA SANITARIA LOCALE VITERBO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOVUTI ALLE INTERFERENZE (Preliminare) (Art. 26 Decreto Legislativo 81/08) GARA PER L AFFIDAMENTO DELLA MANUTENZIONE

Dettagli

OBBLIGHI CONNESSI AI CONTRATTI D APPALTO O D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Documento elaborato ai sensi dell art. 26 del D.Lgs.

OBBLIGHI CONNESSI AI CONTRATTI D APPALTO O D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Documento elaborato ai sensi dell art. 26 del D.Lgs. CLI:1608 Committente: COMUNITA MONTANA DELL ESINO-FRASASSI via DANTE, FABRIANO - (AN) 0732-6951 Ditta Appaltatrice: ragione sociale indirizzo recapito telefonico e fax OBBLIGHI CONNESSI AI CONTRATTI D

Dettagli

MODALITA DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI E DEGLI ARREDI SCOLASTICI

MODALITA DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI E DEGLI ARREDI SCOLASTICI Data 30-11-2009 Rev. N. 01 Pagina 1 di 5 MODALITA DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI E DEGLI ARREDI SCOLASTICI Ddl RSPP RLS INDICE ISTITUTO MAGISTRALE STATALE LEONARDO DA VINCI Data 30-11-2009 Rev.

Dettagli

Ai collaboratori scolastici

Ai collaboratori scolastici Ai collaboratori scolastici Comportamenti da seguire in caso di incendio Il piano di emergenza è uno strumento operativo attraverso il quale si adottano le operazioni da compiere in caso di evacuazione,

Dettagli

LOCALI POLIZIA MUNICIPALE Piazza Leopardi (mq. 333,50) (pulizie dal lunedì al sabato per n. 300 giorni annui)

LOCALI POLIZIA MUNICIPALE Piazza Leopardi (mq. 333,50) (pulizie dal lunedì al sabato per n. 300 giorni annui) Allegato A1 LOCALI POLIZIA MUNICIPALE Piazza Leopardi (mq. 333,50) (pulizie dal lunedì al sabato per n. 300 giorni annui) PERIODICITA PULIZIA: Pulizie giornaliere di tutti i locali: a) aspirazione/battitura

Dettagli

UBALDO CAMPAGNOLA di AVIO. Azienda Pubblica di Servizi alla Persona DUVRI. Servizio Infermieristico Aziendale

UBALDO CAMPAGNOLA di AVIO. Azienda Pubblica di Servizi alla Persona DUVRI. Servizio Infermieristico Aziendale UBALDO CAMPAGNOLA di AVIO Azienda Pubblica di Servizi alla Persona DUVRI Azienda committente Ubaldo Campagnola di Avio A.P.S.P. Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Appalto/Contratto d opera Servizio

Dettagli

(ESEMPIO DI DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO DELLE PULIZIE DI IMMOBILI A PREVALENTE USO UFFICI)

(ESEMPIO DI DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO DELLE PULIZIE DI IMMOBILI A PREVALENTE USO UFFICI) (ESEMPIO DI DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO DELLE PULIZIE DI IMMOBILI A PREVALENTE USO UFFICI) Tabella A - Quantificazione aree su cui effettuare il servizio Tipologia

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Comune di Castelfidardo

Comune di Castelfidardo Allegato A1 LOCALI POLIZIA MUNICIPALE Piazza Leopardi (mq. 333,50) (pulizie dal lunedì al sabato per n. 300 giorni annui) PERIODICITA PULIZIA: Pulizie giornaliere di tutti i locali: a) aspirazione/battitura

Dettagli

CAPITOLATO PER I LAVORI DI PULIZIA PRESSO GLI EDIFICI COMUNALI ARTICOLO 1 OGGETTO DELL APPALTO

CAPITOLATO PER I LAVORI DI PULIZIA PRESSO GLI EDIFICI COMUNALI ARTICOLO 1 OGGETTO DELL APPALTO ALLEGATO B Comune di Verdellino (Provincia di Bergamo) Piazza don Martinelli, 1-24040 Verdellino cod.fisc./p.iva 00321950164 - tel. 0354182811 fax. 0354182899 E-Mail: info@comune.verdellino.bg.it PEC:

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO

DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO ALLEATO 2 lotto 1 Modugno (BA) DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OETTO DELL APPALTO Tabella A - Quantificazione aree su cui effettuare il servizio PIANO TERRA Tipologia di aree Descrizione

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

ALLEGATO A "ELENCO LAVORI RICHIESTI" a) SEDE MUNICIPALE DI PALAZZO LOCATELLI (Piazza XXIV Maggio

ALLEGATO A ELENCO LAVORI RICHIESTI a) SEDE MUNICIPALE DI PALAZZO LOCATELLI (Piazza XXIV Maggio ALLEGATO A "ELENCO LAVORI RICHIESTI" a) SEDE MUNICIPALE DI PALAZZO LOCATELLI (Piazza XXIV Maggio 22) e BIBLIOTECA COMUNALE (Via Matteotti 75 77):----------- I lavori oggetto del servizio dovranno essere

Dettagli

Per il Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO

Per il Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DEL LUOGO DI LAVORO (art. 26 comma 1 lett. b D.Lgs 81/2008) e MISURE ADOTTATE

Dettagli

COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo

COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo Allegato A1 PALAZZO RESIDENZA MUNICIPALE Piazza V. Veneto n 1 Pulizie giornaliere di tutti i locali (tutti i giorni dal lunedì al venerdì compreso): a) pulizia,

Dettagli

CAV S.p.A. Concessioni Autostradali Venete

CAV S.p.A. Concessioni Autostradali Venete CAV S.p.A. Sede Legale: Dorsoduro 3901-30123 Venezia Uffici Amministrativi: Santa Croce 729-30135 Venezia - Tel. 0415242314- Fax. 0415242531 R.I./C.F./P.IVA 03829590276 Iscr. R.E.A. VE 0341881 Cap. Sociale

Dettagli

COMUNE DI POZZUOLO DEL FRIULI via xx Settembre 31 33050 Pozzuolo del Friuli UD

COMUNE DI POZZUOLO DEL FRIULI via xx Settembre 31 33050 Pozzuolo del Friuli UD REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI POZZUOLO DEL FRIULI via xx Settembre 31 33050 Pozzuolo del Friuli UD DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL

Dettagli

Capitolato Tecnico per il servizio di pulizie di immobili comunali

Capitolato Tecnico per il servizio di pulizie di immobili comunali COMUNE di BUCCINASCO Provincia di Milano Capitolato Tecnico per il servizio di pulizie di immobili comunali Periodo 01.01.2008/31.12.2011 SOMMARIO Art. 1 - RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI E SMALTIMENTO

Dettagli

COMUNE DI PASIAN DI PRATO

COMUNE DI PASIAN DI PRATO COMUNE DI PASIAN DI PRATO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SERVIZIO PULIZIA IMMOBILI COMUNALI ALLEGATO A D.U.V.R.I. (DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE) (art. 26, comma 3, D.Lgs. n.

Dettagli

COMUNE DI CISLIANO. Provincia di Milano D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZ E (ART. 26 DEL D.LGS N.

COMUNE DI CISLIANO. Provincia di Milano D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZ E (ART. 26 DEL D.LGS N. D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZ E (ART. 26 DEL D.LGS N. 81/08) SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI COMUNALI CIG Z7C0D7B416 1 Premessa Il presente documento unico di valutazione

Dettagli

LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI LAVORI IN APPALTO

LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI LAVORI IN APPALTO LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI LAVORI IN APPALTO art. 7, D. Lgs. 626/94 Legge delega n 123/2007 art. 26 Testo Unico 1 art.7 D.Lgs. 626/94 Il datore di lavoro, in caso di AFFIDAMENTO DEI LAVORI ALL INTERNO

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (DUVRI) Provincia di Firenze DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (DUVRI) Ai sensi del: D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 - art. 26 In riferimento a: Servizio di pulizia degli uffici comunali Da

Dettagli

COMUNE DI LECCO. Settore finanziario, società partecipate gare e contratti Servizio economato e provveditorato

COMUNE DI LECCO. Settore finanziario, società partecipate gare e contratti Servizio economato e provveditorato COUNE DI LECCO ettore finanziario, società partecipate gare e contratti ervizio economato e provveditorato ALLEATO C CHEDE DI PULIZIA ED IIENE ABIENTALE LEENDA. = Tutti i giorni (da lunedì a venerdì più

Dettagli

COMUNE DI BUDOIA Dettaglio delle possibili prestazioni

COMUNE DI BUDOIA Dettaglio delle possibili prestazioni Allegato A COMUNE DI BUDOIA Dettaglio delle possibili prestazioni SEDE MUNICIPALE Uffici n. int. Giornaliero generale; 5 Servizi igienici n. intervento settimanale di pulizia e Atri lavaggio davanzali,

Dettagli

Progetto dell appalto - art. 279 D.P.R. 207/2010

Progetto dell appalto - art. 279 D.P.R. 207/2010 Procedura aperta per l'affidamento del servizio di Pulizia del Museo Nazionale dell Automobile Avv. Giovanni Agnelli, Corso Unità d Italia 40, 10126 Torino Entità complessiva dell appalto 390.000,00 oltre

Dettagli

DIST Università degli Studi di Genova Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Telematica

DIST Università degli Studi di Genova Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Telematica DIST Università degli Studi di Genova Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Telematica CAPITOLATO TECNICO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA nei Locali siti in Viale Causa 13 e Via Opera Pia 13 16145 GENOVA

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI QUARTO

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI QUARTO SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI QUARTO DOCUMENTRO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (ART. 26, COMMA 3, D.LGS. N. 81/2008) STAZIONE APPALTANTE: Comune di

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DI INTERFERENZA

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DI INTERFERENZA DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DI INTERFERENZA redatto ai sensi dell art.26 del D. L.gs.81/2008 (da allegare al contratto d appalto o d opera) DESCRIZIONE DELL OPERA / OGGETTO DEL CONTRATTO

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER AFFIDAMENTO MULTISERVICE (PULIZIA, PORTIERATO FACCHINAGGIO) PER UFFICI COMUNALI

PROCEDURA APERTA PER AFFIDAMENTO MULTISERVICE (PULIZIA, PORTIERATO FACCHINAGGIO) PER UFFICI COMUNALI PROCEDURA APERTA PER AFFIDAMENTO MULTISERVICE (PULIZIA, PORTIERATO FACCHINAGGIO) PER UFFICI COMUNALI PROGETTO TECNICO e INSERIMENTO SOCIO - LAVORATIVO LOTTO 2 SOGGETTO PARTECIPANTE. Progetto Tecnico -

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) (Da allegare al Contratto di Appalto)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) (Da allegare al Contratto di Appalto) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) (Da allegare al Contratto di Appalto) Il presente documento unico di valutazione dei rischi da interferenze è redatto ai fini dell adempimento

Dettagli

Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona

Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI(DUVRI) E INFORMATIVA IN MERITO AI RISCHI SPECIFICI PER LE FASI DI ALLESTIMENTO E DISALLESTIMENTO

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI

VALUTAZIONE DEI RISCHI ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI L AMMINISTRAZIONE PUBBLICA SEDE OPERATIVA SEDE INPDAP DI LATINA L affidamento del servizio di pulizia, disinfezione, disinfestazione, e derattizzazione

Dettagli

DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENTI

DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENTI DUVRI DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENTI Azienda Committente: Centro Residenziale Anziani Umberto I Appalto / Contratto d Opera : Appalto Lavori di pulizia Lavori da eseguire: Lavori pulizia

Dettagli

Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali. Art. 26 comma 3 D.L.vo 81/2008

Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali. Art. 26 comma 3 D.L.vo 81/2008 Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali Art. 26 comma 3 D.L.vo 81/2008 Oggetto dell appalto: Contratto per la gestione dell impianto sportivo calcistico Aldo Nelli in località Oste Dirigente/

Dettagli

A.G.E.C. Onoranze Funebri S.p.A. VERONA

A.G.E.C. Onoranze Funebri S.p.A. VERONA A.G.E.C. Onoranze Funebri S.p.A. VERONA APPALTO PER FORNITURA DI COFANI DI TIPO ECONOMICO PER ONORANZE E TRASPORTI FUNEBRI DUVRI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (ALL. 1/A) DOCUMENTO

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA PER PERSONALE ESTERNO

PROCEDURA DI SICUREZZA PER PERSONALE ESTERNO PROCEDURA DI SICUREZZA PER INDICE 1 Scopo 2 Campo di applicazione e funzioni coinvolte 3 Contenuti 4 Attività e responsabilità ALLEGATI 1 Scheda informativa di sicurezza 2 Modulo di verifica di idoneità

Dettagli

Pulizia, Sanificazione ambientale, Derattizzazione e Disinfestazione

Pulizia, Sanificazione ambientale, Derattizzazione e Disinfestazione Allegato 4 Pulizia, Sanificazione ambientale, Derattizzazione e Disinfestazione La metodologia utilizzata dovrà garantire la pulizia e la disinfezione degli ambienti utilizzando attrezzi e materiali per

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) LOTTO.. A) ANAGRAFICA DELL APPALTO

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) LOTTO.. A) ANAGRAFICA DELL APPALTO ALLEGATO D DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) LOTTO.. A) ANAGRAFICA DELL APPALTO CONTRATTO. DATORE DI LAVORO COMMITTENTE : MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 Allegato al contratto di appalto relativo al.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 Allegato al contratto di appalto relativo al. (art. 26 comma 3 D.Lgs. 8/8) di 5 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 8/8 Allegato al contratto di appalto relativo al Servizio di accompagnamento su scuolabus

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Agenzia Lucana di Sviluppo e Innovazione in Agricoltura - Viale Carlo Levi n. 6/i - Matera DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26 comma 3 del D.Lgs. 81/08) Gara per la fornitura

Dettagli

Allegato B.23 - Schede pulizie periodiche Sedi coinvolte: Tutte quelle oggetto di questa gara

Allegato B.23 - Schede pulizie periodiche Sedi coinvolte: Tutte quelle oggetto di questa gara Allegato B.23 - Schede pulizie periodiche Sedi coinvolte: Tutte quelle oggetto di questa gara Queste attività di pulizia periodica devono essere eseguite con le cadenze riportate. Tutte le attività di

Dettagli

GESTIONE DI ALCUNI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE Durata: 2 anni dalla data di sottoscrizione del contratto

GESTIONE DI ALCUNI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE Durata: 2 anni dalla data di sottoscrizione del contratto Allegato 3 COMUNE DI BORGO SAN LORENZO DOCUMENTO UNICO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81, art. 26 GESTIONE DI ALCUNI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE

Dettagli

1. Oggetto dell affidamento

1. Oggetto dell affidamento CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA RISTRETTA PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DEI SERVIZI DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI UTILIZZATI DA TURIMO TORINO E PROVINCIA: LOTTO 2 1. Oggetto dell affidamento Il presente Capitolato

Dettagli

Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico

Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico CITTA DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII PROVINCIA DI BERGAMO Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico Biennio

Dettagli

ALLEGATO 1 - Dichiarazione del datore di lavoro dell'impresa appaltatrice

ALLEGATO 1 - Dichiarazione del datore di lavoro dell'impresa appaltatrice ALLEGATO 1 - Dichiarazione del datore di lavoro dell'impresa appaltatrice DICHIARAZIONE DEL DATORE DI LAVORO DELL IMPRESA APPALTATRICE IN MERITO AL POSSESSO DEI REQUISITI TECNICO PROFESSIONALI OBBLIGATORI

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI BRERA MANSIONARIO

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI BRERA MANSIONARIO annuali trimestrali giornalieri MANSIONARIO GARA D APPALTO RELATIVA AD UN CONTRATTO ANNUALE PER IL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO LE SEDI DELL CIG n. 707405BC. Le sedi indicate saranno oggetto delle attività

Dettagli

IL DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I)

IL DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I) IL DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I) INFORMAZIONE SUI RISCHI PRESENTI NELL AMBIENTE DI LAVORO MISURE DA ADOTTARE PER ELIMINARE/RIDURRE AL MINIMO I RISCHI DI INTERFERENZE

Dettagli

Coordinamento tra Datori di Lavoro Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenti. DUVRI Rev. N 00. (Art. 26 D.Lgs.

Coordinamento tra Datori di Lavoro Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenti. DUVRI Rev. N 00. (Art. 26 D.Lgs. DOCUMENTO UNIICO I VALUTAZIIONE DEII RIISCHII PER LE ATTIIVIITÀ IINTERFERENTII RELATIIVE ALL APPALTO DEL SERVIIZIIO I ASSIISTENZA DOMIICIILIIARE E GESTIIONE CENTRO IURNO PER ANZIIANII (Art. 26 D.Lgs. 81/2008)

Dettagli

ACCLUSO AL CONTRATTO N... DEL... ai sensi dell art. 26, comma 3 del D.Lgs. 81/08 FORNITURA DI MATERIALE SOSTITUTIVO DELL OSSO

ACCLUSO AL CONTRATTO N... DEL... ai sensi dell art. 26, comma 3 del D.Lgs. 81/08 FORNITURA DI MATERIALE SOSTITUTIVO DELL OSSO Pag. 1 / 12 ACCLUSO AL CONTRATTO N.... DEL... ai sensi dell art. 26, comma 3 del D.Lgs. 81/08 FORNITURA DI MATERIALE SOSTITUTIVO DELL OSSO Il presente documento denominato DUVR-I è redatto ai sensi dell

Dettagli

COMUNE DI BONO. C.A.P. 07011 Provincia di Sassari. E-mail combono@tiscalinet.it. Tel. 079/7916900 Fax 079-790116 P.IVA 00197030901

COMUNE DI BONO. C.A.P. 07011 Provincia di Sassari. E-mail combono@tiscalinet.it. Tel. 079/7916900 Fax 079-790116 P.IVA 00197030901 Allegato 1 COMUNE DI ONO C.A.P. 07011 Provincia di Sassari E-mail combono@tiscalinet.it Tel. 079/7916900 Fax 079-790116 P.IVA 00197030901 SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELLE SCUOLE DELL

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

COMMITTENTE Comune di Novate Milanese SERVIZI CENTRI RICREATIVI DIURNI D.U.V.R.I.

COMMITTENTE Comune di Novate Milanese SERVIZI CENTRI RICREATIVI DIURNI D.U.V.R.I. COMMITTENTE Comune di Novate Milanese SERVIZI CENTRI RICREATIVI DIURNI D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Art. 26 del D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. PERIODO: ANNI 2013 E 2014

Dettagli

VALUTAZIONE RICOGNITIVA DEI RISCHI STANDARD

VALUTAZIONE RICOGNITIVA DEI RISCHI STANDARD DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RICOGNITIVA DEI RISCHI STANDARD E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26, co.3-ter

Dettagli

Gara a procedura aperta per l affidamento del SERVIZIO DI PULIZIA dell Area della Ricerca di Padova del C.N.R.

Gara a procedura aperta per l affidamento del SERVIZIO DI PULIZIA dell Area della Ricerca di Padova del C.N.R. Area della Ricerca di Padova Codice CIG: 0361528656 Gara a procedura aperta per l affidamento del SERVIZIO DI PULIZIA dell Area della Ricerca di Padova del C.N.R. CAPITOLATO D'APPALTO ART. 1 - OGGETTO

Dettagli

COMUNE DI RUDA Provincia di Udine * * *

COMUNE DI RUDA Provincia di Udine * * * COMUNE DI RUDA Provincia di Udine * * * Allegato 9 Documento unico di valutazione dei rischi derivanti da attività affidate ad imprese appaltatrici o a lavoratori autonomi, ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Dettagli

DOCUMENTO DI COORDINAMENTO SICUREZZA ATTIVITA TEATRALE

DOCUMENTO DI COORDINAMENTO SICUREZZA ATTIVITA TEATRALE LOGO DOCUMENTO DI COORDINAMENTO SICUREZZA ATTIVITA TEATRALE STAGIONE TEATRALE 2009/2010 IL COMMITTENTE/RESPONSABILE ARTVEN ASSOCIAZIONE ALLEGATO AL CONTRATTO N Pag. 1 di 8 DATI DELL INSEDIAMENTO IN CUI

Dettagli

La pulizia dei suddetti locali effettuata in occasione di cerimonie o celebrazioni in giorni feriali è ricompresa nella pulizia giornaliera.

La pulizia dei suddetti locali effettuata in occasione di cerimonie o celebrazioni in giorni feriali è ricompresa nella pulizia giornaliera. - (allegato varie strutture comunali) SCHEDA TECNICA PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIE PER VARIE STRUTTURE COMUNALI (Palazzo Nuovo III Palazzi Locali Vigili Urbani Campo Scuola /Stadio) CONDIZIONI

Dettagli

SCHEDA A ALLEGATA AL CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DI LOCALI DI PROPRIETÀ COMUNALE

SCHEDA A ALLEGATA AL CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DI LOCALI DI PROPRIETÀ COMUNALE SCHEDA A ALLEGATA AL CAPITOLATO DI APPALTO PER IL PALAZZO COMUNALE sito in Piazza Cons. T. Manlio, 7 ORARIO DI ENTRATA PER LE PULIZIE: dal lunedì al venerdì dalle ore 6.00 alle ore 8.00 e dalle ore 19.30

Dettagli

Documento Unico di Valutazione dei Rischi redatto ai sensi del D.Lgs. 09/04/08 n 81 art.26, comma 3-ter

Documento Unico di Valutazione dei Rischi redatto ai sensi del D.Lgs. 09/04/08 n 81 art.26, comma 3-ter Documento Unico di Valutazione dei Rischi redatto ai sensi del D.Lgs. 09/04/08 n 81 art.26, comma 3-ter DATI RELATIVI AL COMMITTENTE RAGIONE SOCIALE : Comune di Cavezzo INDIRIZZO Via Cavour, 36 ATTIVITA

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA CAPITOLATO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA LOCALI ADIBITI A SEDE DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE. Art. 1 ( OGGETTO DELL APPALTO E ARTICOLAZIONI DEL SERVIZIO)

Dettagli

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA DATA 16/10/20006 1 / 7 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA E INFORMAZIONI GENERALI SU POSSIBILI RISCHI INDICE 1.

Dettagli

COMUNE DI FARA GERA D ADDA Provincia di Bergamo c.a.p. 24045 Piazza Roma n. 1 P.IVA 00294190160 Tel. 03633915109 0363391501 Fax 0363398774 D.U.V.R.I.

COMUNE DI FARA GERA D ADDA Provincia di Bergamo c.a.p. 24045 Piazza Roma n. 1 P.IVA 00294190160 Tel. 03633915109 0363391501 Fax 0363398774 D.U.V.R.I. D.U.V.R.I. DOCU M E N T O UNICO DI VALUTAZIO N E DEI RISC HI DA INTERFE R E N Z E (ART. 26 DEL D.LG S N. 81/08) SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI COMUNALI PER IL TRIENNIO 01/07/2010 30/06/2013 Premessa

Dettagli

GARA D APPALTO CON PROCEDURA APERTA CAPITOLATO TECNICO PER I SERVIZI DI PULIZIA FORESTERIA, CAMERE E PORTIERATO

GARA D APPALTO CON PROCEDURA APERTA CAPITOLATO TECNICO PER I SERVIZI DI PULIZIA FORESTERIA, CAMERE E PORTIERATO GARA D APPALTO CON PROCEDURA APERTA CAPITOLATO TECNICO PER I SERVIZI DI PULIZIA FORESTERIA, CAMERE E PORTIERATO CIG 4230168D0D Capitolato servizi foresteria Pagina 1 di 8 Timbro e firma del partecipante

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Preliminare

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Preliminare DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Preliminare (art. 26 del D.Lgs. 81/2008 s.m.i.) OGGETTO DEL CONTRATTO: AFFIDAMENTO, PER DUE MESI, DEL SERVIZIO DI TRASPORTO INFERMI E DIALIZZATI

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 Affidamento di servizi didattico/educativi e di integrazione scolastica: Accompagnamento sugli scuolabus Centri

Dettagli

La Casa Centro Assistenza Servizi per Anziani Via Baratto 39 36015 Schio (VI)

La Casa Centro Assistenza Servizi per Anziani Via Baratto 39 36015 Schio (VI) Ente committente: La Casa Centro Assistenza Servizi per Anziani Via Baratto 39 36015 Schio (VI) DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENTI Art. 26 D.Lgs. 81/2008 Fornitura di generi alimentari per

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

ESTRATTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (Applicazione disposizioni Art. 26 del D.Lgs. 81/08)

ESTRATTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (Applicazione disposizioni Art. 26 del D.Lgs. 81/08) ESTRATTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (Applicazione disposizioni Art. 26 del D.Lgs. 81/08) Appalto per RISTORAZIONE SCOLASTICA COMMITTENTE COMUNE DI CREAZZO DITTA APPALTATRICE

Dettagli

Città di Melegnano Provincia di Milano AREA SERVIZI TERRITORIALI PER LE PERSONE E LA COMUNITA

Città di Melegnano Provincia di Milano AREA SERVIZI TERRITORIALI PER LE PERSONE E LA COMUNITA Città di Melegnano Provincia di Milano AREA SERVIZI TERRITORIALI PER LE PERSONE E LA COMUNITA Documento unico di valutazione dei rischi da interferenze - D.U.V.R.I. Articolo 26 del D.Lgs. n. 81/2008 SERVIZIO

Dettagli

COMUNE DI CUSANO MILANINO. D.U.V.R.I Documento di valutazione dei rischi interferenti (Art. 26 comma 2 D-lgs 81/2008)

COMUNE DI CUSANO MILANINO. D.U.V.R.I Documento di valutazione dei rischi interferenti (Art. 26 comma 2 D-lgs 81/2008) ALLEGATO 3 COMUNE DI CUSANO MILANINO D.U.V.R.I Documento di valutazione dei rischi interferenti (Art. 26 comma 2 D-lgs 81/2008) Affidamento del servizio di pulizia di uffici e servizi comunali e del servizio

Dettagli

ALLEGATO 1/A AL CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO ANNO 2007 SERVIZI DI PULIZIA ORDINARIA PRESSO LE SEDI DELL ACCADEMIA DI BRERA

ALLEGATO 1/A AL CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO ANNO 2007 SERVIZI DI PULIZIA ORDINARIA PRESSO LE SEDI DELL ACCADEMIA DI BRERA ALLEGATO 1/A AL CAPTOLATO SPECALE D'APPALTO ANNO 2007 SERVZ D PULZA ORDNARA PRESSO LE SED SPAZ AMMNSTRATV 1 Asportazione delle ragnatele. NTERVENT QUOTDAN 2 3 4 5 aperte). Particolare attenzione deve essere

Dettagli

Automobile Club d Italia

Automobile Club d Italia ALLEGATO 2 Automobile Club d Italia GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI AD USO UFFICIO E MAGAZZINO DEGLI UFFICI PROVINCIALI ACI SEDE DI MILANO, TORINO, ROMA E NAPOLI E SEDE ACI CSAI

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INDIVIDUAZIONE DELLE MISURE DA ADOTTARE PER ELIMINARE/RIDURRE AL MINIMO I RISCHI DA INTERFERENZE

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INDIVIDUAZIONE DELLE MISURE DA ADOTTARE PER ELIMINARE/RIDURRE AL MINIMO I RISCHI DA INTERFERENZE Pagina 1 di 6 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INDIVIDUAZIONE DELLE MISURE DA ADOTTARE PER ELIMINARE/RIDURRE AL MINIMO I RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26 del D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.)

Dettagli

Documento di Valutazione dei Rischi Interferenti. ATAF S.p.A.

Documento di Valutazione dei Rischi Interferenti. ATAF S.p.A. Servizio di Prevenzione e Protezione Documento di Valutazione dei Rischi Interferenti in Applicazione a quanto previsto dall Art.28 del D.Lgs. 81/08 tra ATAF S.p.A e Azienda Affidataria per il servizio

Dettagli

UFFICIO TECNICO COMUNALE

UFFICIO TECNICO COMUNALE UFFICIO TECNICO COMUNALE COMUNE DI TRIGGIANO P.IVA: 00865250724 - Tel. 0804628.206 - Fax: 0804628.203 e-mail: llpp@comune.triggiano.bari.it SERVIZIO DI PULIZIA IMMOBILI COMUNALI, CUSTODIA E MANUTENZIONE

Dettagli

COMUNE DI BANZI Provincia di Potenza. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (DUVRI) ( art. 26 del D.Lgs. n.

COMUNE DI BANZI Provincia di Potenza. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (DUVRI) ( art. 26 del D.Lgs. n. COMUNE DI BANZI Provincia di Potenza SETTORE AMMINISTRATIVO - SERVIZIO PUBBLICA ISTRUZIONE Piazza A.Moro n. 1 Tel 0971 947812/22 - fax 0971947825 e-mail : comunedibanzi@hotmail.it comune.banzi@cert.ruparbasilicata.it

Dettagli

Università per Stranieri di Siena APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE AMBIENTALE, COMPRESO LA FORNITURA DI

Università per Stranieri di Siena APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE AMBIENTALE, COMPRESO LA FORNITURA DI Università per Stranieri di Siena APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE AMBIENTALE, COMPRESO LA FORNITURA DI SPECIFICI MATERIALI DI CONSUMO CODICE CIG: 017074680C ALLEGATI AL

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Istituto Nazionale Previdenza Sociale ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Allegato 2-bis al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI PULIZIA DA SVOLGERE PRESSO LA CASA ALBERGO

Dettagli

GARA PNEUMATICI ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO APPENDICE I Obblighi in materi di sicurezza ed igiene del lavoro S O M M A R I O

GARA PNEUMATICI ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO APPENDICE I Obblighi in materi di sicurezza ed igiene del lavoro S O M M A R I O 1 di 5 S O M M A R I O 1 OBBLIGHI DITTA AGGIUDICATARIA... 2 1.1 GENERALITÀ... 2 1.2 OBBLIGHI IN FASE DI GARA... 2 1.3 OBBLIGHI DOPO L AGGIUDICAZIONE... 3 2 RISCHI INTERFERENTI... 4 3 FORMAZIONE OBBLIGATORIA...

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Servizio di Prevenzione e Protezione Via Celso Ulpiani (ex palazzo CEDAM) 70125 BARI (Italia) Tel. +39.080.5712425-6 Fax +39.080.5712427 Università degli Studi di Bari Aldo MORO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DERIVANTI DA INTERFERENZE TRA IMPRESE (D.U.V.R.I.)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DERIVANTI DA INTERFERENZE TRA IMPRESE (D.U.V.R.I.) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DERIVANTI DA INTERFERENZE TRA IMPRESE (D.U.V.R.I.) Ai sensi dell Art. 26, Comma 3 del D. Lgs. 81/2008 SISSA Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati Via

Dettagli

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA AL COMPLESSO IMPIANTISTICO SANT'AGATA BOLOGNESE (BO) APPENDICE B.1 RISCHI PRESENTI NELLE AREE DELLA DISCARICA

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA AL COMPLESSO IMPIANTISTICO SANT'AGATA BOLOGNESE (BO) APPENDICE B.1 RISCHI PRESENTI NELLE AREE DELLA DISCARICA PAG. 1 DI 6 NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA AL COMPLESSO IMPIANTISTICO SANT'AGATA BOLOGNESE (BO) APPENDICE B.1 RISCHI PRESENTI NELLE AREE DELLA DISCARICA INDICE 1 RISCHI LEGATI ALL AMBIENTE DI LAVORO

Dettagli

Pulizie Locali Punto di Prelievo REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI

Pulizie Locali Punto di Prelievo REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE Redazione Verifica Approvazione Autorizzazione Emissione Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR

Dettagli

DUVRI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DERIVANTI DA INTERFERENZA

DUVRI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DERIVANTI DA INTERFERENZA DIPARTIMENTO CIRCOLAZIONE MONETARIA SERVIZIO BANCONOTE (855) DIVISIONE QUALITA', AMBIENTE E SICUREZZA SUL LAVORO (046) Rifer. a nota n. del Classificazione XIII 8 1 Oggetto DUVRI - Attività di dismissione

Dettagli

DUVRI (DOCUMENTO VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZE) AI SENSI DELL ART. 26 DEL D.LGS 81/08

DUVRI (DOCUMENTO VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZE) AI SENSI DELL ART. 26 DEL D.LGS 81/08 SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA AREA PATRIMONIO E SERVIZI ECONOMALI UFFICIO PATRIMONIO IMMOBILIARE SETTORE VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO CAPITOLATO SPECIALE GARA DIGITAL SIGNAGE CONCESSIONE DI SERVIZIO PER

Dettagli

Art. 1 - Servizi in concessione

Art. 1 - Servizi in concessione AZIENDA SPECIALE FARMACIE COMUNALI Via Gramsci N. 38-20068 Peschiera Borromeo Telefono: 025471353 Fax: 025471353 e-mail amministrazione@farmaciecomunalipeschiera.it Codice fiscale N. 11674080152- Partita

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI Istituto Nazionale Previdenza Sociale ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI Allegato 2-bis al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE BANDO DI GARA PER Affidamento del servizio di lavanderia e pulizia presso il Convitto ex Inpdap Principe di Piemonte di Anagni (FR). DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (ai sensi

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. SEDE OPERATIVA PISCINA COMUNALE COMUNE DI FIGLINE VALDARNO Gestione Piscina Comunale Data emissione I revisione

Dettagli

Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali

Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali Art. 26 comma 3 D.L.vo 81/2008 modificato dal D.Lgs.106/2009 Oggetto dell appalto: contratto per il servizio di refezione scolastica e di sporzionamento

Dettagli

D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DI INTERFERENZA DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DEGLI ELEVATORI

D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DI INTERFERENZA DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DEGLI ELEVATORI D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DI INTERFERENZA DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DEGLI ELEVATORI INDIVIDUZIONE DEI RISCHI E MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE LE INTERFERENZE (Artt. 26 comma

Dettagli

x PRESENZA o POTENZIALE PRESENZA di personale o altri soggetti (altri appaltatori, utenti, studenti )

x PRESENZA o POTENZIALE PRESENZA di personale o altri soggetti (altri appaltatori, utenti, studenti ) MODELLO A2 Allegato A2 Pag 1 di 8 VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE nella consegna e installazione, manutenzione ed assistenza tecnica di apparecchiature, macchine e impianti Nell ambiente in cui

Dettagli

PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA

PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA Documentazione aziendale DOCUMENTAZIONE OBBLIGATORIA - Pratiche comunali: certificazione di agibilità - Denuncia di nuovo lavoro all INAIL (almeno 5 gg prima inizio

Dettagli