INTRODUZIONE AL DIRITTO SVIZZERO DELL INFORMATICA E DI INTERNET PARTE 6: DIRITTO DEL LAVORO E NUOVE TECNOLOGIE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INTRODUZIONE AL DIRITTO SVIZZERO DELL INFORMATICA E DI INTERNET PARTE 6: DIRITTO DEL LAVORO E NUOVE TECNOLOGIE"

Transcript

1 INTRODUZIONE AL DIRITTO SVIZZERO DELL INFORMATICA E DI INTERNET PARTE 6: DIRITTO DEL LAVORO E NUOVE TECNOLOGIE Avv. Gianni Cattaneo, Lugano

2 Indice tematico A) Diritto del lavoro B) Imperativi aziendali C) Nuove opportunità e nuovi rischi D) Misure giuridiche di contenimento dei rischi E) La sorveglianza elettronica del dipendente F) L accesso all aziendale del dipendente G) L uso privato di Internet durante il tempo di lavoro H) Follow-up avv. Gianni Cattaneo, Lugano Riproduzione e diffusione vietate. 2

3 A) Diritto del lavoro Il quadro normativo: contratto stipulato dalle parti (per iscritto o verbalmente) CCL: contratto negoziato dalle associazioni di categoria; vincolante solo per gli associati, salvo dichiarazione di portata generale CNL: contratto ufficiale vincolante per settore (TI: personale agricolo, personale dome-stico, call centers, vendita al dettaglio, saloni di bellezza e giovani alla pari) diritto privato del lavoro: art. 319 e segg. CO: norme dispositive (diritto suppletivo) norme semi-imperative (362 CO) norme imperative (art. 361 CO) diritto pubblico del lavoro: Legge sul lavoro (LL) + OLL diritto imperativo massima ufficiale protezione della salute, durata del lavoro e del riposo, tutela dei giovani e delle donne incinte o che allattano e tutela dei lavoratori con responsabilità familiari avv. Gianni Cattaneo, Lugano Riproduzione e diffusione vietate. 3

4 B) Imperativi aziendali Sicurezza Dati aziendali, furto d identità, accesso indebito Segreti d affari e commerciali, informazioni confidenziali Tutela dei partner clienti, fornitori, consulenti e dipendenti Funzionalità Piattaforma interna, accesso remoto, , sito web Reputazione e fiducia avv. Gianni Cattaneo, Lugano Riproduzione e diffusione vietate. 4

5 C) Nuove opportunità Disponibilità 24/7 Produttività Accesso all informazione Flessibilità del lavoro Soddisfazione dell utente avv. Gianni Cattaneo, Lugano Riproduzione e diffusione vietate. 5

6 C) Nuovi rischi perdita di efficienza e di redditività del dipendente e della piattaforma informatica aziendale rischio di lesione dei diritti della personalità dei dipendenti sicurezza intercettazione e furto di dati, furto d identità, compromissione piattaforma aziendale (accesso indebito, diffusione malware ecc.) imputabilità all azienda dei comportamenti illeciti o inopportuni dei dipendenti (IP) furto / perdita dispositivi portatili dipendenza? avv. Gianni Cattaneo, Lugano Riproduzione e diffusione vietate. 6

7 D) Strumenti giuridici IT governance Direttiva tecnica sul settore IT Direttiva sull uso dell informatica, di Internet e degli altri mezzi di comunicazione Informativa in tema di sorveglianza del dipendente sul posto di lavoro avv. Gianni Cattaneo, Lugano Riproduzione e diffusione vietate. 7

8 D) Strumenti giuridici Premessa: misure tecniche di protezione dell azienda e di tutela dei dipendenti e degli altri partner giocano fondamentale e preminente in questo campo: un ruolo - autenticazione dell utente: password - protezione contro accessi non autorizzati: attribuzione diritti d accesso - protezione da attacchi esterni: firewall (HW/SW) - cifratura dati e comunicazioni confidenziali - antivirus client e server - backup Omissione: colpa concomitante del datore di lavoro (riduzione risarcimento), responsabilità per omessa tutela nel caso di una lesione della personalità arrecata al dipendente avv. Gianni Cattaneo, Lugano Riproduzione e diffusione vietate. 8

9 D) Direttiva sull uso dell informatica, di Internet e degli altri mezzi di comunicazione Base legale Art. 321 d CO Osservanza di direttive e di istruzioni 1 Il datore di lavoro può stabilire direttive generali sull esecuzione del lavoro e sul comportamento del lavoratore nell azienda o nella comunione domestica e dargli istruzioni particolari. 2 Il lavoratore deve osservare secondo le norme della buona fede le direttive generali stabilite dal datore di lavoro e le istruzioni particolari a lui date. Errore concettuale da evitare: non è un contratto, bensì una serie di regole di condotta stabilite dal datore di lavoro. «Ricevute, lette e comprese» e non «accettate». avv. Gianni Cattaneo, Lugano Riproduzione e diffusione vietate. 9

10 D) Direttiva sull uso dell informatica, di Internet e degli altri mezzi di comunicazione Dovere del datore di lavoro: comportamento proattivo Art. 328 CO Protezione della personalità del lavoratore 1 Nei rapporti di lavoro, il datore di lavoro deve rispettare e proteggere la personalità del lavoratore, avere il dovuto riguardo per la sua salute e vigilare alla salvaguardia della moralità. In particolare, deve vigilare affinché il lavoratore non subisca molestie sessuali e, se lo stesso fosse vittima di tali molestie, non subisca ulteriori svantaggi. 2 Egli deve prendere i provvedimenti realizzabili secondo lo stato della tecnica ed adeguati alle condizioni dell azienda o dell economia domestica, che l esperienza ha dimostrato necessari per la tutela della vita, della salute e dell integrità personale del lavoratore, in quanto il singolo rapporto di lavoro e la natura del lavoro consentano equamente di pretenderlo. avv. Gianni Cattaneo, Lugano Riproduzione e diffusione vietate. 10

11 D) Direttiva sull uso dell informatica, di Internet e degli altri mezzi di comunicazione Art. 4 LPar Divieto di discriminazione in caso di molestia sessuale Per comportamento discriminante si intende qualsiasi comportamento molesto di natura sessuale o qualsivoglia altro comportamento connesso con il sesso, che leda la dignità della persona sul posto di lavoro, in particolare il proferire minacce, promettere vantaggi, imporre obblighi o esercitare pressioni di varia natura su un lavoratore per ottenerne favori di tipo sessuale. TF: mostrare, esporre, mettere a disposizione e inviare materiale pornografico (anche per via elettronica), osservazioni allusive e «barzellette» sessiste, contatti fisici molesti e palpeggiamenti, ecc. tra / a dipendenti costituiscono molestie sessuali. avv. Gianni Cattaneo, Lugano Riproduzione e diffusione vietate. 11

12 D) Direttiva sull uso dell informatica, di Internet e degli altri mezzi di comunicazione Conseguenze per l azienda: art: 5 cpv. 3 LPar: nel caso di discriminazione mediante molestia sessuale, il tribunale o l autorità amministrativa può parimenti condannare il datore di lavoro ed assegnare al lavoratore un indennità, a meno che lo stesso provi di aver adottato tutte le precauzioni richieste dall esperienza e adeguate alle circostanze, che ragionevolmente si potevano pretendere da lui per evitare simili comportamenti o porvi fine. L indennità è stabilita considerando tutte le circostanze, in base al salario medio svizzero; art. 5 cpv. 4 LPar: qualora la discriminazione avvenga mediante molestie sessuali, l indennità prevista ai capoversi 2 o 3 non eccede l equivalente di sei mesi di salario. avv. Gianni Cattaneo, Lugano Riproduzione e diffusione vietate. 12

13 D) Direttiva sull uso dell informatica, di Internet e degli altri mezzi di comunicazione Contenuto della Direttiva: - destinatari - informativa sui rischi e principio di precauzione - regole di comportamento Tematiche classiche: a) uso privato vs. uso professionale b) segretezza dati d accesso c) politica password d) legalità e) sicurezza f) gestione dei dati aziendali confidenziali g) sensibilizzazione sui rischi h) comportamento in caso di catastrofe o compromissione sicurezza i) dati personali e fine del rapporto di lavoro avv. Gianni Cattaneo, Lugano Riproduzione e diffusione vietate. 13

14 D) Direttiva sull uso dell informatica, di Internet e degli altri mezzi di comunicazione Smartphone: direttiva generale o specifica? destinatari telefono personale o professionale? uso privato vs. uso professionale servizi attivi da remoto: vpn, , cloud ecc. certificazione e collaudo del device dati aziendali: partizione protetta, restrizioni e divieti (dati confidenziali) procedura in caso di furto e perdita: reporting immediato procedure speciali in caso di viaggi all estero (es. Cina e Russia) avvertenza: cancellazione da remoto: quid dei file personali? educazione alla sicurezza regole d uso: gps / wifi / blutooth disattivati divieto jailbreak sistema operativo antivirus e password d accesso divieto di accesso account personali privati (es. google / gmail) avv. Gianni Cattaneo, Lugano Riproduzione e diffusione vietate. 14

15 E) La sorveglianza elettronica del dipendente Nozione: Analisi delle comunicazioni e delle registrazioni a giornale al fine di ricostruire il comportamento del dipendente in relazione all utilizzo dei mezzi informatici e di telecomunicazione aziendali ( , web, telefono, stampante, ecc.). Scopi: a) garantire la sicurezza e la funzionalità del sistema informatico aziendale b) verificare un sospetto di abuso o un abuso delle normative interne (uso privato web / e- mail, ad esempio) c) verificare un sospetto di reato penale (furto o modifica di dati, diffamazione, molestia sessuale sul posto di lavoro, diffusione di materiale razzista o pornografico, sabotaggio, spionaggio industriale, ecc.) Quesito di fondo: A quali condizioni ed entro quali limiti il datore di lavoro può analizzare le tracce elettroniche lasciate da un dipendente per controllare il suo comportamento in azienda? avv. Gianni Cattaneo, Lugano Riproduzione e diffusione vietate. 15

16 E) La sorveglianza elettronica del dipendente Magic Tool: KidLogger.net, versione di base gratuita Smartphone: Mobile phone tracking a) SMS / MMS: record all incoming/outgoing SMS messages with phone number and recipient name. b) keystrokes: soft Keyboard PRO keylogger for Android phones allows to record keystrokes typed in the phone on-screen keyboard and text copied into clipboard; c) photos: allows to record and upload fact of taken photos created with phone camera; d) calls: record calls incoming/outgoing make reports of the most often used contacts; e) coordinates: records point to point navigation during the day, by GPS or WiFi coordinates. Register location in real time mode; f) Wi-Fi, USB, SD card and GSM connection: will help you to supervise most important connections on phone (with Android software). Connection to Wi-Fi network. SD card usage by USB cable. GSM states like ON\Off or airplane mode; g) used applications: record the list of applications that user use on the mobile phone based on Android; h) visited web sites history: record and save visited web sites history (only default phone browser). avv. Gianni Cattaneo, Lugano Riproduzione e diffusione vietate. 16

17 E) La sorveglianza elettronica del dipendente Magic Tool: KidLogger.net Un tale sistema può essere legalmente utilizzato in Svizzera per sorvegliare i dipendenti? No! Divieto generale dei programmi spia. Violazione grave della privacy, con valenza sia civile, sia penale Forse non nella Repubblica di Moldavia? Abuse If you noticed KidLogger application running on your device without your consent, you may inform us about this case. We do not support illegal usage of KidLogger service and prevent this. Please send us a message with Your name and Device ID (Device ID can be found in the application options or settings dialog box). We will block the account holder and delete all information about your device. avv. Gianni Cattaneo, Lugano Riproduzione e diffusione vietate. 17

18 E) La sorveglianza elettronica del dipendente Limiti di diritto privato: A) Art. 328 CO Protezione della personalità del lavoratore 1 Nei rapporti di lavoro, il datore di lavoro deve rispettare e proteggere la personalità del lavoratore, avere il dovuto riguardo per la sua salute e vigilare alla salvaguardia della moralità. In particolare, deve vigilare affinché il lavoratore non subisca molestie sessuali e, se lo stesso fosse vittima di tali molestie, non subisca ulteriori svantaggi. 2 Egli deve prendere i provvedimenti realizzabili secondo lo stato della tecnica ed adeguati alle condizioni dell azienda o dell economia domestica, che l esperienza ha dimostrato necessari per la tutela della vita, della salute e dell integrità personale del lavoratore, in quanto il singolo rapporto di lavoro e la natura del lavoro consentano equamente di pretenderlo. B) Segreto delle comunicazioni: emanazione della personalità protetta (art. 28 e segg. CC, art. 7 e 10 cpv. Costituzione federale) avv. Gianni Cattaneo, Lugano Riproduzione e diffusione vietate. 18

19 E) La sorveglianza elettronica del dipendente C) Art. 328b CO Nel trattamento di dati personali Il datore di lavoro può trattare dati concernenti il lavoratore soltanto in quanto si riferiscano all idoneità lavorativa o siano necessari all esecuzione del contratto di lavoro. Inoltre, sono applicabili le disposizioni della legge federale del 19 giugno 1992 sulla protezione dei dati. NB dati personali: tutte le informazioni relative a una persona identificata o identificabile (art. 3 a. LPD) DTF 136 II 508 c. 3.2: principio di determinabilità relativa D) Principio di proporzionalità: obbligo di minimizzazione del trattamento dei dati personali avv. Gianni Cattaneo, Lugano Riproduzione e diffusione vietate. 19

20 E) La sorveglianza elettronica del dipendente Limiti di diritto pubblico: A) Art. 6 Legge sul lavoro Obblighi del datore di lavoro e del lavoratore 1 A tutela della salute dei lavoratori, il datore di lavoro deve prendere tutti i provvedimenti, che l esperienza ha dimostrato necessari, realizzabili secondo lo stato della tecnica e adeguati alle condizioni d esercizio. Deve inoltre prendere i provvedimenti necessari per la tutela dell integrità personale dei lavoratori. 2 Egli deve segnatamente apprestare gli impianti e ordinare il lavoro in modo da preservare il più possibile i lavoratori dai pericoli per la salute e dagli spossamenti. 2bis Il datore di lavoro veglia affinché il lavoratore non debba consumare bevande alcoliche o altri prodotti psicotropi nell esercizio della sua attività professionale. Il Consiglio federale disciplina le eccezioni. 3 Egli fa cooperare i lavoratori ai provvedimenti sulla protezione della salute nel lavoro. Questi devono secondare il datore di lavoro quanto alla loro applicazione. 4 I provvedimenti sulla protezione della salute nel lavoro necessari nelle aziende sono definiti mediante ordinanza avv. Gianni Cattaneo, Lugano Riproduzione e diffusione vietate. 20

21 E) La sorveglianza elettronica del dipendente B) Art. 26 OLL3 1 Non è ammessa l applicazione di sistemi di sorveglianza e di controllo del comportamento dei lavoratori sul posto di lavoro. 2 I sistemi di sorveglianza o di controllo, se sono necessari per altre ragioni, devono essere concepiti e disposti in modo da non pregiudicare la salute e la libertà di movimento dei lavoratori. Attenzione: interpretazione restrittiva del TF (Sentenza TF 6B_536/2009) avv. Gianni Cattaneo, Lugano Riproduzione e diffusione vietate. 21

22 E) La sorveglianza elettronica del dipendente Strumenti di interpretazione: 1. «Guida al trattamento dei dati personali nell ambito del lavoro» (trattamento da parte di persone private) 2. «Sorveglianza dell utilizzazione di Internet e della posta elettronica sul posto di lavoro» (per le amministrazioni pubbliche e l economia privata); 3. Commentario SECO LL / OLL 4. Dottrina e giurisprudenza avv. Gianni Cattaneo, Lugano Riproduzione e diffusione vietate. 22

23 E) La sorveglianza elettronica del dipendente Regole di base (posizione dell IFPD): i. misure preventive d ordine tecnologico e organizzativo ii. iii. iv. direttiva sull uso dell informatica, di Internet e degli altri mezzi di comunicazione informativa in tema di sorveglianza del dipendente sul posto di lavoro: a. strumenti di controllo elettronico b. tipologie di dati personali oggetto di trattamento c. sanzioni in caso di violazione del regolamento (DTF 119 II 162 c. 2: determinabili in anticipo e proporzionate) d. persone incaricate del controllo no ai programmi spia v. sì alle misure di controllo costanti se anonime o sotto pseudonimo vi. sì alle misure di controllo personalizzate se: a. dai controlli anonimi / sotto pseudonimo è emersa una violazione della normativa interna b. denuncia circostanziata di terzi c. sospetto fondato di comportamento illecito, anti-contrattuale o penalmente rilevante Attenzione: controllo su base personalizzata non è giustificabile retroattivamente se viene accertato un abuso. avv. Gianni Cattaneo, Lugano Riproduzione e diffusione vietate. 23

24 F) L accesso all aziendale del dipendente Problema: conflitto tra l esigenza del datore di lavoro di avere un accesso quanto più ampio possibile alla casella postale elettronica del dipendente (e ai singoli messaggi ivi contenuti) e il diritto del dipendente a che messaggi privati, seppur inviati alla/dalla posta elettronica aziendale, non siano letti dal datore di lavoro Principi: 1. il datore di lavoro può legittimamente accedere ai messaggi elettronici aziendali 2. indirizzi nominativi l Incaricato federale della protezione dei dati ha affermato che «senza una menzione che li distingua e se la natura privata di un non è riconoscibile o desumi-bile da elementi dell indirizzo, il datore di lavoro può ritenerlo - come per un invio nell ambito della posta tradizionale - una professionale» 3. il datore di lavoro è autorizzato ad accedere ai messaggi privati se l accesso è giustificato da un interesse aziendale preponderante (ad esempio finalizzato a salvaguardare le prove di abusi o di reati commessi dal dipendente tramite la posta elettronica aziendale) avv. Gianni Cattaneo, Lugano Riproduzione e diffusione vietate. 24

25 F) L accesso all aziendale del dipendente Soluzione IFPD: l impostazione di un messaggio automatico che comunica l assenza e le coordinate di un sostituto in caso d urgenza l inoltro del messaggio in arrivo ad un sostituto (rischio: accesso a comunicazioni private) l inoltro del messaggio in arrivo ad un sostituto, al quale sia tecnicamente preclusa la visione dei messaggi contrassegnati come privati (soluzione ritenuta ideale dall IFPD) avv. Gianni Cattaneo, Lugano Riproduzione e diffusione vietate. 25

26 F) L accesso all aziendale del dipendente Altre soluzioni: dotare ogni settore/ufficio di un indirizzo comune (ad esempio ad esclusione di indirizzi personalizzati; divieto d uso dell ai fini privati e informativa sull accessibilità della casella postale da parte del datore di lavoro nel regolamento aziendale se l indirizzo è nominativo prevedere nel regolamento sull informatica che il dipendente abbia a nominare uno o più sosti-tuti di sua fiducia, ai quali siano automaticamente deviate le in arrivo in caso di sua assenza e sia riconosciuto un diritto di accesso illimitato alla casella postale per accertare che nella stessa non si trovino comunicazioni aziendali avv. Gianni Cattaneo, Lugano Riproduzione e diffusione vietate. 26

27 G) L uso privato di Internet durante il tempo di lavoro Problema: L eventuale prerogativa accordata al dipendente, in via esplicita o tacita, di navigare sul web, di scaricare programmi, di frequentare chat-room e forum di discussione, di fare telefonate, di inviare/ricevere , di accedere ai social networks ecc. attraverso l infrastruttura informatica aziendale implica notevoli rischi per l azienda, segnatamente sotto i seguenti profili: - dipendente naviga invece di lavorare - più si naviga, più aumenta il rischio di compromettere la sicurezza della rete aziendale - rischio di imputabilità all azienda dei comportamenti illeciti dei dipendenti - calo dell efficienza e aumento dei costi di gestione - rischio di lesione dei diritti della personalità dei colleghi avv. Gianni Cattaneo, Lugano Riproduzione e diffusione vietate. 27

28 G) L uso privato di Internet durante il tempo di lavoro Soluzioni: 1. Divieto assoluto dell uso privato nel regolamento Valido? Politica di tolleranza «0», in mancanza di ché decade il divieto 2. Uso privato ammesso entro certi limiti definiti nel regolamento 3. Questione non regolamentata Uso privato ammesso entro limiti di ragionevolezza Compatibilità con il dovere di diligenza e di fedeltà sancito dall art. 321a CO, ciò che sarà il caso se l utilizzo di Internet e della posta elettronica: (i) è occasionale e di breve durata (ad esempio durante le pause obbligatorie per legge, cfr. art. 329 cpv. 3 CO e art. 15 LL), (ii) non viola il diritto svizzero e (iii) avviene in maniera compatibile con gli interessi aziendali in materia di tutela della reputazione, della confidenzialità, della sicurezza e della garanzia di economicità avv. Gianni Cattaneo, Lugano Riproduzione e diffusione vietate. 28

29 G) L uso privato di Internet durante il tempo di lavoro Tribunale federale: negato motivo di licenziamento con effetto immediato nel caso di utilizzo a fini privati di Internet in maniera limitata (Sentenza TF 4C.349/2002) Tribunale federale: la consultazione assidua di siti internet, a carattere erotico o meno, a condizione che la datrice di lavoro non conosceva, né poteva conoscere, tale circostanza, costituisce un motivo di licenziamento immediato (Sentenza TF 4C.173/2003) avv. Gianni Cattaneo, Lugano Riproduzione e diffusione vietate. 29

30 H) Follow-up Follow up: 1. consegnare copia delle direttive al dipendente 2. illustrare le disposizioni nel corso di conferenze o colloqui personali 3. richiedere conferma scritta: ricezione, lettura e comprensione 4. mettere a disposizione una persona per ulteriori spiegazioni o altre necessità 5. organizzare periodicamente seminari e conferenze su tematiche inerenti la normativa sul contratto di lavoro, la sicurezza informatica, il cybercrime ecc.; 6. sanzionare in maniera documentabile la violazione delle disposizioni aziendali sul contratto di lavoro Attenzione: divieto dell uso privato di Internet e della posta elettronica: emettere formali diffide, rispettivamente comminare adeguate sanzioni disciplinari, onde evitare che dalla tolleranza possa essere dedotta una rinuncia ad opporre il divieto. avv. Gianni Cattaneo, Lugano Riproduzione e diffusione vietate. 30

GIURIDICHE DI PROTEZIONE DELL AZIENDA

GIURIDICHE DI PROTEZIONE DELL AZIENDA SMARTPHONE SUL POSTO DI LAVORO: VALUTAZIONE DEI RISCHI E MISURE GIURIDICHE DI PROTEZIONE DELL AZIENDA Avv. Gianni Cattaneo, Lugano www.infodiritto.net contatto@infodiritto.net Indice tematico A) Imperativi

Dettagli

Codice delle obbligazioni

Codice delle obbligazioni Decisioni del Consiglio degli Stati del 22.9.2014 Proposte della Commissione del Consiglio nazionale del 14.11.2014 (maggioranza: entrare in materia e rinvio al Consiglio federale; minoranza: non entrare

Dettagli

REGOLE DI COMPORTAMENTO PER L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA E DEI SERVIZI DI RETE INTERNET

REGOLE DI COMPORTAMENTO PER L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA E DEI SERVIZI DI RETE INTERNET REGOLE DI COMPORTAMENTO PER L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA E DEI SERVIZI DI RETE INTERNET (Determina del Direttore Generale n. 19 del 23.02.2011, Allegato 1) 1. Organizzazione dei Servizi informativi

Dettagli

DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DI PERSONAL COMPUTER, DISPOSITIVI ELETTRONICI AZIENDALI, POSTA ELETTRONICA E INTERNET

DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DI PERSONAL COMPUTER, DISPOSITIVI ELETTRONICI AZIENDALI, POSTA ELETTRONICA E INTERNET DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DI PERSONAL COMPUTER, DISPOSITIVI ELETTRONICI AZIENDALI, POSTA ELETTRONICA E INTERNET INDICE 1. Premesse. 2. Adozione del Disciplinare e sua efficacia. 3. Principi generali.

Dettagli

Sicurezza dei processi interni e dei servizi ai clienti in un azienda always on

Sicurezza dei processi interni e dei servizi ai clienti in un azienda always on giugno 05 1 Prevenzione Italia: Roma 17 giugno Sicurezza dei processi interni e dei servizi ai clienti in un azienda always on Sommario Cos è la sicurezza delle informazioni? Perché è necessaria una metodologia?

Dettagli

SOCIAL MEDIA, PRIVACY E LAVORATORI istruzioni per l uso. 10 novembre 2015 Social Media, Privacy e Lavoratori

SOCIAL MEDIA, PRIVACY E LAVORATORI istruzioni per l uso. 10 novembre 2015 Social Media, Privacy e Lavoratori SOCIAL MEDIA, PRIVACY E LAVORATORI istruzioni per l uso 10 novembre 2015 SOCIAL MEDIA, PRIVACY E LAVORATORI Social Media Policy «Monitoraggio» dei comportamenti dei dipendenti Illeciti commessi e/o scoperti

Dettagli

REGOLAMENTO INFORMATICO

REGOLAMENTO INFORMATICO Pag. 1 a 1 REGOLAMENTO INFORMATICO In vigore dal: 31/07/14 Precedenti versioni: Prima emissione Approvazione: Decisione dell Amministratore Unico n 3 del 31/07/14 Pag. 1 di 1 - Pag. 2 a 2 Sommario 1. PREMESSA...3

Dettagli

REG. IMPR. 13, 2.305.099.887,30 = 93026890017 R.E.A. 974956 PIVA

REG. IMPR. 13, 2.305.099.887,30 = 93026890017 R.E.A. 974956 PIVA Condizioni di utilizzo del Servizio Mail Teletu Art. 1 - Oggetto 1.1 Il Servizio Mail TeleTu, come descritto all art. 2 che segue, viene fornito da Vodafone Omnitel N.V., società soggetta a direzione e

Dettagli

A Declaration of the Independence of Cyberspace

A Declaration of the Independence of Cyberspace 9 Indice... 1. Internet: aspetti tecnici e giuridici di base 1.1. La società dell informazione in Svizzera 1.2. Internet e i suoi principali attori 1.2.1. Definizione e funzionamento di Internet 1.2.2.

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE rev.1 del 15.10.2014

REGOLAMENTO AZIENDALE rev.1 del 15.10.2014 SEUS SICILIA EMERGENZA-URGENZA SANITARIA SCpA Sede Legale: Via Villagrazia, 46 Edificio B - 90124 Palermo Registro delle Imprese di Palermo Codice Fiscale e Partita Iva. 05871320825 REGOLAMENTO AZIENDALE

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CRITERI E MODALITA OPERATIVE PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI, DEL SERVIZIO INTERNET E DI POSTA ELETTRONICA

REGOLAMENTO SUI CRITERI E MODALITA OPERATIVE PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI, DEL SERVIZIO INTERNET E DI POSTA ELETTRONICA REGOLAMENTO SUI CRITERI E MODALITA OPERATIVE PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI, DEL SERVIZIO INTERNET E DI POSTA ELETTRONICA Approvato con Delibera dell Amministratore Unico n. 23 del 23/12/2013

Dettagli

CAPO I PRINCIPI GENERALI

CAPO I PRINCIPI GENERALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DELLA RETE INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA Emanato con D.R. n. 1087 del 27 maggio 2010 Pubblicato all Albo Ufficiale d Ateneo al n. 379 il

Dettagli

Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 3 luglio 2008

Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 3 luglio 2008 Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 3 luglio 2008 1 INDICE Premessa 1. Principi generali 1.1 Correttezza ed onestà 1.2 Imparzialità 1.3 Professionalità e valorizzazione delle risorse

Dettagli

Attivazione di un telefono Android

Attivazione di un telefono Android ISTRUZIONI SOFTWARE ANTI FURTO CELLULARE SICUREZZA PERSONALE Il software nasce per avere una copia di tutti i dati, conversazioni, sms, mms, e dati gps su un server per poterli visualizzare sul web nel

Dettagli

Approvato con deliberazione della Giunta comunale n. / in data / /

Approvato con deliberazione della Giunta comunale n. / in data / / REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI E TELEMATICI Approvato con deliberazione della Giunta comunale n. / in data / / INDICE CAPO I FINALITA - AMBITO DI APPLICAZIONE - PRINCIPI GENERALI

Dettagli

PRIVACY IN AZIENDA. Introduzione Privacy in azienda

PRIVACY IN AZIENDA. Introduzione Privacy in azienda Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 21/07/2015. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

Commercio con l estero: cosa fare e cosa non fare

Commercio con l estero: cosa fare e cosa non fare Commercio con l estero: cosa fare e cosa non fare Avv. Gianni Cattaneo, Lugano www.infodiritto.net contatto@infodiritto.net Indice tematico A) Introduzione al tema B) La prospettiva svizzera competenza

Dettagli

Revisione Data Oggetto Responsabilità di emissione Disciplina comunale in materia di utilizzo dei sistemi informativi

Revisione Data Oggetto Responsabilità di emissione Disciplina comunale in materia di utilizzo dei sistemi informativi REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA E DELLA RETE INTERNET Revisione Data Oggetto Responsabilità di emissione 0 Disciplina comunale in materia di utilizzo dei sistemi informativi Comune di

Dettagli

Il trattamento dei dati e le misure minime di sicurezza nelle aziende

Il trattamento dei dati e le misure minime di sicurezza nelle aziende Il trattamento dei dati e le misure minime di sicurezza nelle aziende Le linee guida del Garante per l'utilizzo sul lavoro della posta elettronica e di internet. Provvedimento a carattere generale 1 marzo

Dettagli

CODICE ETICO DI BROTHER ITALIA S.P.A. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 20/03/2012)

CODICE ETICO DI BROTHER ITALIA S.P.A. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 20/03/2012) CODICE ETICO DI BROTHER ITALIA S.P.A. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 20/03/2012) INDICE - PREMESSA -... 2 CAPO I... 3 - DISPOSIZIONI GENERALI -... 3 1. I Destinatari... 3 CAPO II...

Dettagli

LE INCHIESTE DELL ISPETTORE GRANDE GIAN

LE INCHIESTE DELL ISPETTORE GRANDE GIAN LE INCHIESTE DELL ISPETTORE GRANDE GIAN I REATI NELLA GESTIONE DEL PERSONALE Avv. Sergio Barozzi Prof. Paolo Aldrovandi Avv. Serena Muci Avv. Marco Giangrande Lexellent via Borghetto 3 - Milano 25 marzo

Dettagli

LE REGOLE PER L UTILIZZO DEI SISTEMI

LE REGOLE PER L UTILIZZO DEI SISTEMI LE REGOLE PER L UTILIZZO DEI SISTEMI INFORMATICI Approvato con Deliberazione della Giunta Provinciale n. 107 del 21 maggio 2009 Indice Premessa... 2 1. Entrata in vigore del regolamento e pubblicità...

Dettagli

LA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA AZIENDALE: USO PERSONALE USO CONNESSO AD ATTIVITA SINDACALI

LA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA AZIENDALE: USO PERSONALE USO CONNESSO AD ATTIVITA SINDACALI LA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA AZIENDALE: USO PERSONALE USO CONNESSO AD ATTIVITA SINDACALI Premessa L uso improprio o l abuso da parte dei dipendenti degli strumenti informatici assegnati dall azienda

Dettagli

DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DELLA RETE INFORMATICA

DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DELLA RETE INFORMATICA Carpi Campogalliano - Novi di Modena - Soliera DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DELLA RETE INFORMATICA Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n.2/9 del 23.12.2011 ASP Azienda dei Servizi

Dettagli

Circolare n.9 / 2010 del 13 ottobre 2010 CONTROLLO SUL LAVORO E PRIVACY: LE ULTIME NOVITA

Circolare n.9 / 2010 del 13 ottobre 2010 CONTROLLO SUL LAVORO E PRIVACY: LE ULTIME NOVITA Circolare n.9 / 2010 del 13 ottobre 2010 CONTROLLO SUL LAVORO E PRIVACY: LE ULTIME NOVITA La tutela della riservatezza nella gestione del rapporto di lavoro è una tematica particolarmente complessa e delicata

Dettagli

CODICE ETICO AZIENDALE

CODICE ETICO AZIENDALE 1.0 Missione Policart di Aquino G. & V. snc produce rotoli in carta ed etichette autoadesive per misuratori fiscali, calcolatrici, bilance e stampanti. 1.1 Il Codice Etico Aziendale Le responsabilità etiche

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione POLITICHE DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA PER GLI UTENTI STANDARD DEL DOMINIO istruzione.it 1 INTRODUZIONE La presente politica disciplina l utilizzo del

Dettagli

I formatori sono tenuti a rispettare la salute della donna incinta, della madre e del bambino (permettendo brevi pause ed evitando lavori pesanti).

I formatori sono tenuti a rispettare la salute della donna incinta, della madre e del bambino (permettendo brevi pause ed evitando lavori pesanti). Promemoria 208 Gravidanza e maternità Una donna in formazione professionale di base che resta incinta o partorisce gode di una protezione legale particolare. Come formatori siete responsabili che tale

Dettagli

Il potere di controllo del datore di lavoro e le nuove tecnologie informatiche

Il potere di controllo del datore di lavoro e le nuove tecnologie informatiche Il potere di controllo del datore di lavoro e le nuove tecnologie informatiche Ordine dei Consulenti del Lavoro Ordine degli Avvocati Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili Belluno,

Dettagli

Condizioni generali di utilizzo del sito web della RSI

Condizioni generali di utilizzo del sito web della RSI Condizioni generali di utilizzo del sito web della RSI Radiotelevisione svizzera di lingua italiana, succursale della Società svizzera di radiotelevisione (in seguito denominata RSI) 1. Oggetto e definizioni

Dettagli

SIA Area Sistemi Informativi Aziendali

SIA Area Sistemi Informativi Aziendali SIA Area Sistemi Informativi Aziendali PROGETTAZIONE E SVILUPPO REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELL'ESERCIZIO DELLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E DI UTILIZZO DEI DATI Ottobre 2014 (Ver.2.0) 1 Sommario 1.

Dettagli

CONDIZIONI PARTICOLARI DI LOCAZIONE DI UN SERVER DEDICATO SO YOU START Versione del 09 Dicembre 2013

CONDIZIONI PARTICOLARI DI LOCAZIONE DI UN SERVER DEDICATO SO YOU START Versione del 09 Dicembre 2013 CONDIZIONI PARTICOLARI DI LOCAZIONE DI UN SERVER DEDICATO SO YOU START Versione del 09 Dicembre 2013 Server So you Start: server dedicato messo a disposizione del Cliente da OVH in conformità al presente

Dettagli

NOTE LEGALI. 1. Definizioni e uso. 2. Oggetto dell accordo. 3. Esecuzione dell accordo

NOTE LEGALI. 1. Definizioni e uso. 2. Oggetto dell accordo. 3. Esecuzione dell accordo NOTE LEGALI L uso dei materiali e dei servizi della Piattaforma Sicuramentelab è regolamentato dal seguente accordo. L uso del sito costituisce accettazione delle condizioni riportate di seguito. 1. Definizioni

Dettagli

INTERNET OF THINGS PROFILI LEGALI E RESPONSABILITÀ. Avv. Gianni Cattaneo, Lugano DAS SUPSI IOT CONFERENZA 7 MAGGIO 2014

INTERNET OF THINGS PROFILI LEGALI E RESPONSABILITÀ. Avv. Gianni Cattaneo, Lugano DAS SUPSI IOT CONFERENZA 7 MAGGIO 2014 INTERNET OF THINGS PROFILI LEGALI E RESPONSABILITÀ DAS SUPSI IOT CONFERENZA 7 MAGGIO 2014 Avv. Gianni Cattaneo, Lugano Cattaneo & Postizzi Studio legale SA www.infodiritto.net contatto@infodiritto.net

Dettagli

Codice Etico e di Comportamento

Codice Etico e di Comportamento Allegato 1 ai Principi di adozione Codice Etico e di Comportamento Modello di Organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs. 231/2001 di C.V.A. TRADING S.r.l. a s.u. Il Segretario Il Presidente

Dettagli

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo La problematica. L introduzione dell informatica in azienda, in particolare nei processi produttivi modifica i rapporti

Dettagli

Condizioni di utilizzo Cercare & trovare

Condizioni di utilizzo Cercare & trovare Condizioni di utilizzo Cercare & trovare Art. 1 1. Le seguenti condizioni si applicano a tutte le informazioni e i servizi offerti nella presente pagina web. 2. La presente pagina web può essere utilizzata

Dettagli

Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 39 del 09/07/2012 BIBLIOTECA CIVICA DI LATISANA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET

Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 39 del 09/07/2012 BIBLIOTECA CIVICA DI LATISANA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 39 del 09/07/2012 BIBLIOTECA CIVICA DI LATISANA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET Art. 1 OGGETTO 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

Servizio SecureDrive

Servizio SecureDrive CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO Servizio SecureDrive Art. 1 Definizioni Ai fini del presente contratto i termini riportati in maiuscolo saranno da intendersi con il significato di seguito attribuito:

Dettagli

Codice Etico INDICE INTRODUZIONE I PRINCIPI GENERALI RELAZIONI CON GLI STAKEHOLDER SALVAGUARDIA AMBIENTALE PRESCRIZIONI SPECIFICHE

Codice Etico INDICE INTRODUZIONE I PRINCIPI GENERALI RELAZIONI CON GLI STAKEHOLDER SALVAGUARDIA AMBIENTALE PRESCRIZIONI SPECIFICHE Codice Etico INDICE INTRODUZIONE I PRINCIPI GENERALI RELAZIONI CON GLI STAKEHOLDER SALVAGUARDIA AMBIENTALE PRESCRIZIONI SPECIFICHE COMITATO DI CONTROLLO DEL CODICE ETICO DENUNCIA DELLE VIOLAZIONI 2 3 3

Dettagli

E-mail monitoring e tutela della privacy: un difficile bilanciamento di interessi 24 Aprile 2015 Federico Torzo, Elisabetta Rebagliati Privacy

E-mail monitoring e tutela della privacy: un difficile bilanciamento di interessi 24 Aprile 2015 Federico Torzo, Elisabetta Rebagliati Privacy E-mail monitoring e tutela della privacy: un difficile bilanciamento di interessi 24 Aprile 2015 Federico Torzo, Elisabetta Rebagliati Privacy Sommario Introduzione La situazione italiana Il quadro europeo

Dettagli

Condizioni generali Versione 04.2010

Condizioni generali Versione 04.2010 Condizioni generali Versione 04.2010 1.1 Condizioni generali 1.1.1 Condizioni Prima di ricevere i dati d accesso alla rete, vogliate leggere attentamente le condizioni generali e i termini di contratto

Dettagli

Codice Nestlé di Condotta Aziendale

Codice Nestlé di Condotta Aziendale Codice Nestlé di Condotta Aziendale Introduzione Dalla sua fondazione, Nestlé ha adottato prassi aziendali rette da integrità, onestà, correttezza e dal rispetto di tutte le leggi applicabili. I dipendenti

Dettagli

Condizioni generali epostselect

Condizioni generali epostselect Condizioni generali epostselect 1. Campo di applicazione Le presenti condizioni generali (CG) disciplinano le relazioni tra le clienti e i clienti (di seguito denominati «cliente») e La Posta Svizzera

Dettagli

Termini e Condizioni Generali del servizio MyPrint

Termini e Condizioni Generali del servizio MyPrint Termini e Condizioni Generali del servizio MyPrint 1. Oggetto del servizio MyPrint Le presenti condizioni generali (di seguito le Condizioni Generali ) disciplinano il servizio MyPrint (di seguito il Servizio

Dettagli

COMUNE TERTENIA DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI E TELEMATICI MESSI A DISPOSIZIONE DALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE TERTENIA DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI E TELEMATICI MESSI A DISPOSIZIONE DALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE TERTENIA Allegato G.C. 32/2013 DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI E TELEMATICI MESSI A DISPOSIZIONE DALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Finalità Il presente disciplinare persegue

Dettagli

Domande aperte e storie di vita

Domande aperte e storie di vita CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN INFORMATION SECURITY MANAGEMENT 8ª EDIZIONE, ROMA FEBBRAIO 2011- SETTEMBRE 2011 Abuso di Internet e posta elettronica in azienda Domande aperte e storie di vita Michele Crudele

Dettagli

SISTEMA SANZIONATORIO

SISTEMA SANZIONATORIO Sommario Introduzione... 2 Le violazioni e le misure disciplinari... 2 SISTEMA SANZIONATORIO PER I LAVORATORI DIPENDENTI... 3 LAVORATORI DIPENDENTI NON DIRIGENTI (QUADRI, IMPIEGATI, OPERAI)... 3 DIRIGENTI...

Dettagli

UNILEVER PRIVACY PRINCIPLES UNILEVER PRIVACY POLICY

UNILEVER PRIVACY PRINCIPLES UNILEVER PRIVACY POLICY UNILEVER PRIVACY PRINCIPLES Unilever tratta la privacy (ovvero la riservatezza dei dati personali) molto sul serio. I cinque principi delineati di seguito costituiscono i pilastri del nostro approccio

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Codice Etico di comportamento

Codice Etico di comportamento INGEOS SRL Codice Etico di comportamento (ai sensi del D. Lgs 231 dell 8 giugno 2001e sue successive modifiche e/o integrazioni) 15/12/2014 Sommario Premessa... 3 1. Principi e norme... 3 1.1. Principi

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Delega per la visione dei dati e per la modifica di dati personali e indirizzi

Delega per la visione dei dati e per la modifica di dati personali e indirizzi Personale Basilese Assicurazioni e-insurance Aeschengraben 21 Casella postale CH-4002 Basilea E-insurance family & friends Delega per la visione dei dati e per la modifica di dati personali e indirizzi

Dettagli

Codice Etico. ai sensi del D.Lgs. 231/01e s.m.i. Porto Antico di Genova S.p.A. Edizione 11 novembre 2013

Codice Etico. ai sensi del D.Lgs. 231/01e s.m.i. Porto Antico di Genova S.p.A. Edizione 11 novembre 2013 ai sensi del D.Lgs. 231/01e s.m.i. Porto Antico di Genova S.p.A. Edizione 11 novembre 2013 INTRODUZIONE... 2 1.1. Il Codice Etico di Porto Antico di Genova S.p.A.... 2 1.2 Destinatari del Codice Etico...

Dettagli

Codice Etico. FIAMM. Italian Passion. Global Energy

Codice Etico. FIAMM. Italian Passion. Global Energy Codice Etico FIAMM. Italian Passion. Global Energy I riferimenti del Codice Etico a FIAMM o Società o Azienda o Gruppo si intendono alla società Capogruppo FIAMM S.p.A. e/o alle società controllate dalla

Dettagli

ELECTRIC MOTORS S.R.L.

ELECTRIC MOTORS S.R.L. ELECTRIC MOTORS S.R.L. Società soggetta ad attività di direzione e coordinamento da TEMFIN S.r.l. Via Beretta N 1 42024 Castelnovo Sotto (RE) ITALY Tel. 0522-682723 /688173 Fax.0522-688131 IL CODICE ETICO

Dettagli

1.0 MISSIONE 1.1 IL CODICE ETICO AZIENDALE 1.2 APPLICAZIONE 1.3 PRINCIPI GENERALI

1.0 MISSIONE 1.1 IL CODICE ETICO AZIENDALE 1.2 APPLICAZIONE 1.3 PRINCIPI GENERALI Approvato il 12-05-2010 1.0 MISSIONE WebGenesys S.r.L. sviluppa soluzioni ICT innovative, utilizzando Know-how specialistico e un team di risorse d eccellenza con un repertorio di caratteristiche fortemente

Dettagli

Regolamento sulla modalità di utilizzo della Posta Elettronica e Internet

Regolamento sulla modalità di utilizzo della Posta Elettronica e Internet Liceo Scientifico Statale Leonardo liceo artistico- liceo linguistico liceo scientifico delle scienze applicate Via F. Balestrieri, 6-25124 Brescia Regolamento sulla modalità di utilizzo della Posta Elettronica

Dettagli

Codice di Comportamento

Codice di Comportamento Codice di Comportamento Copertina 1. Introduzione Codice di Comportamento Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza I Contenuti del Codice si applicano al personale dipendente, ai collaboratori,

Dettagli

CODICE ETICO EX D.LGS. 231/01 1 100101 AGGIORNAMENTO 0 080101 EMISSIONE REV DATA DESCRIZIONE

CODICE ETICO EX D.LGS. 231/01 1 100101 AGGIORNAMENTO 0 080101 EMISSIONE REV DATA DESCRIZIONE CODICE ETICO EX D.LGS. 231/01 1 100101 AGGIORNAMENTO 0 080101 EMISSIONE REV DATA DESCRIZIONE 1 INDICE PREMESSA 3 1. PRINCIPI GENERALI E LORO APPLICAZIONE 3 2. RISORSE UMANE E AMBIENTE DI LAVORO 4 3. INFORMATIVA

Dettagli

CODICE ETICO INFORMATICO DI GEWISS S.P.A.

CODICE ETICO INFORMATICO DI GEWISS S.P.A. CODICE ETICO INFORMATICO DI GEWISS S.P.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 25 luglio 2012 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. DEFINIZIONI... 3 2. I SISTEMI INFORMATICI AZIENDALI NORME GENERALI...

Dettagli

Privacy - poteri di controllo del datore di lavoro e nuove tecnologie

Privacy - poteri di controllo del datore di lavoro e nuove tecnologie S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE Privacy - poteri di controllo del datore di lavoro e nuove tecnologie GIUSEPPE MANTESE 14 gennaio 2009 Milano Argomenti trattati nell intervento: Utilizzo degli strumenti

Dettagli

Condizioni generali 1. AMBITO DI APPLICAZIONE E CONCLUSIONE DEL CONTRATTO

Condizioni generali 1. AMBITO DI APPLICAZIONE E CONCLUSIONE DEL CONTRATTO Condizioni generali Le presenti condizioni generali (CG) si applicano a tutte le prestazioni offerte da Hostpoint AG (di seguito Hostpoint ). Con l utilizzo delle nostre prestazioni Lei accetta le seguenti

Dettagli

TIM Protect. Android

TIM Protect. Android TIM Protect Android Come scaricare l App Tim Protect... 4 Attivazione... 7 Configurazione del prodotto... 8 Disinstallazione del prodotto dal dispositivo Android... 8 Protezione delle informazioni riservate...

Dettagli

Tutela legale delle aziende in caso di cyber crime e attacchi informatici

Tutela legale delle aziende in caso di cyber crime e attacchi informatici Tutela legale delle aziende in caso di cyber crime e attacchi informatici WORKSHOP LE SFIDE DELLA SICUREZZA INFORMATICA Confindustria, Cuneo, 10 Luglio 2015 Avv. Marco Cuniberti 1 QUALI RISCHI LEGALI?

Dettagli

Codice etico e di comportamento aziendale

Codice etico e di comportamento aziendale 1 Codice etico e di comportamento aziendale 2 Premessa Gentili colleghi, La nostra Società si trova a svolgere la sua attività in un contesto istituzionale, economico, politico, sociale e culturale in

Dettagli

Contratto CyberTribu rev. 141015!

Contratto CyberTribu rev. 141015! Contratto CyberTribu rev. 141015 1. Il presente contratto costituisce un accordo fra l autore di CLICKTRIBU (il sig. Vincenzo Monno con partita IVA 04212820262, d ora innanzi per brevità chiamato CLICKTRIBU)

Dettagli

CODICE ETICO. DI ACI Informatica SPA

CODICE ETICO. DI ACI Informatica SPA CODICE ETICO DI ACI Informatica SPA Versione 2 approvata dal Consiglio di Amministrazione di ACI Informatica S.p.A. il 16/11/2009. I riferimenti del Codice Etico a ACI Informatica o Società o Azienda si

Dettagli

Regolamento attuativo delle linee guida del Garante in tema di utilizzo e controllo degli strumenti elettronici

Regolamento attuativo delle linee guida del Garante in tema di utilizzo e controllo degli strumenti elettronici Azienda Pubblica Servizi alla Persona Città di Siena Regolamento attuativo delle linee guida del Garante in tema di utilizzo e controllo degli strumenti elettronici Testo adottato con delibera del Consiglio

Dettagli

Questo grafico mostra com è aumentato il numero di record per i programmi malevoli per SO Android nel database dei virus Dr.Web

Questo grafico mostra com è aumentato il numero di record per i programmi malevoli per SO Android nel database dei virus Dr.Web 1 Ruberia mobile Android è il sistema operativo per smartphone e tablet più popolare ed è il secondo più preferito dopo Windows dal punto di vista degli autori dei virus. I primi programmi malevoli per

Dettagli

collettiva delle Banche Cantonali LPPonline - 2/02-15 St. Alban-Anlage 26 4002 Basilea LPPonline un servizio della Swisscanto

collettiva delle Banche Cantonali LPPonline - 2/02-15 St. Alban-Anlage 26 4002 Basilea LPPonline un servizio della Swisscanto Swisscanto Fondazione collettiva delle Banche Cantonali Sede St. Alban-Anlage 26 4002 Basilea Swisscanto Fondazione collettiva delle Banche Cantonali LPPonline - 2/02-15 St. Alban-Anlage 26 4002 Basilea

Dettagli

COMUNE DI PONSO Regolamento Comunale per l uso delle postazioni presso il Punto Pubblico di Accesso P3@

COMUNE DI PONSO Regolamento Comunale per l uso delle postazioni presso il Punto Pubblico di Accesso P3@ DEFINIZIONI PC: abbreviazione di personal computer, anche detto computer. Programma: è un applicazione che consente di fare una determinata attività tramite il computer. Ad esempio: un programma di videoscrittura

Dettagli

Manuale Informativo. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali

Manuale Informativo. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali Manuale Informativo Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali INDEX Il D.Lgs. 196/2003 Termini e Fondamenti Gli attori Organizzazione e Responsabilità

Dettagli

Versione aggiornata Giugno 2011

Versione aggiornata Giugno 2011 Versione aggiornata Giugno 2011 REGOLAMENTO DI UTILIZZO DELLA STRUMENTAZIONE INFORMATICA E TELEFONICA IN ADEMPIMENTO DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 196/2003 1 LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEI SISTEMI INFORMATICI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI SISTEMI INFORMATICI E DEGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE DEL C.I.S.A.

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI SISTEMI INFORMATICI E DEGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE DEL C.I.S.A. REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI SISTEMI INFORMATICI E DEGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE DEL C.I.S.A. Approvato con deliberazione dell Assemblea Consortile n. 8 del 20.04.2010 PREMESSE La progressiva diffusione

Dettagli

Codice Etico Aziendale

Codice Etico Aziendale Codice Etico Aziendale INDICE!" INTRODUZIONE 3 1.1 L Azienda 3 1.2 Il Codice Etico Aziendale 3 1.3 Riferimenti 3 1.4 Destinatari e Campo d Applicazione 3 1.5 Principi Generali 4 2. ETICA DEI RAPPORTI DI

Dettagli

DISCIPLINARE IN MATERIA DI UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI IN OSSERVANZA DEL PROVVEDIMENTO GENERALE DEL GARANTE DEL 01.03.

DISCIPLINARE IN MATERIA DI UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI IN OSSERVANZA DEL PROVVEDIMENTO GENERALE DEL GARANTE DEL 01.03. DISCIPLINARE IN MATERIA DI UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI IN OSSERVANZA DEL PROVVEDIMENTO GENERALE DEL GARANTE DEL 01.03.2007 Premessa Gentile Signora xxxxxx, l ORDINE AVVOCATI DI MODENA, nella qualità

Dettagli

RACCOMANDAZIONE SUL LAVORO DIGNITOSO PER LE LAVORATRICI E I LAVORATORI DOMESTICI, 2011 1

RACCOMANDAZIONE SUL LAVORO DIGNITOSO PER LE LAVORATRICI E I LAVORATORI DOMESTICI, 2011 1 Raccomandazione 201 RACCOMANDAZIONE SUL LAVORO DIGNITOSO PER LE LAVORATRICI E I LAVORATORI DOMESTICI, 2011 1 La Conferenza generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal

Dettagli

Lavoro agile. Spunti e riflessioni per una legislazione smart. Controlli sui lavoratori e tutela della privacy: diritti e doveri

Lavoro agile. Spunti e riflessioni per una legislazione smart. Controlli sui lavoratori e tutela della privacy: diritti e doveri Lavoro agile. Spunti e riflessioni per una legislazione smart Controlli sui lavoratori e tutela della privacy: diritti e doveri Milano, 16 marzo 2015 Avv. Renato Scorcelli 1 Controlli sui lavoratori e

Dettagli

CODICE ETICO. Italiana Valutazione Rischi S.p.A.

CODICE ETICO. Italiana Valutazione Rischi S.p.A. CODICE ETICO Italiana Valutazione Rischi S.p.A. Versione Luglio 2013, approvata dal CdA del 5 agosto 2013 INDICE 1 Introduzione... 3 1.1 Scopo dell attività di IVR... 3 1.2 Obiettivi e ambito di applicazione

Dettagli

Disciplinare per l uso dei sistemi informativi nell Unione Reno Galliera e nei comuni aderenti

Disciplinare per l uso dei sistemi informativi nell Unione Reno Galliera e nei comuni aderenti Disciplinare per l uso dei sistemi informativi nell Unione Reno Galliera e nei comuni aderenti Approvato con Delibera di Giunta N. 19 del 29/06/2010 Parte I Aspetti generali e comportamentali... 2 Art.

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

REGOLAMENTO. Gestione dei dispositivi informatici dell Istituto e degli strumenti multimediali (dispositivi, rete, Internet, mail, ecc.

REGOLAMENTO. Gestione dei dispositivi informatici dell Istituto e degli strumenti multimediali (dispositivi, rete, Internet, mail, ecc. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca LICEO SCIENTIFICO STATALE Donato Bramante Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) - MIUR: MIPS25000Q Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97220275 Sito:

Dettagli

Rischi giuridici e di reputazione nelle operazioni transfrontaliere aventi per oggetto prestazioni finanziarie

Rischi giuridici e di reputazione nelle operazioni transfrontaliere aventi per oggetto prestazioni finanziarie Le domande più frequenti (FAQ) Rischi giuridici e di reputazione nelle operazioni transfrontaliere aventi per oggetto prestazioni finanziarie (19 giugno 2012) A. Svolgimento di analisi approfondite 1.

Dettagli

COMUNE DI BRESCELLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

COMUNE DI BRESCELLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA COMUNE DI BRESCELLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PRE REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI E TELEMATICI MESSA ART. 1 Caratteri generali Il presente regolamento viene emanato in base al provvedimento

Dettagli

Test Noi Consumatori - Periodico settimanale di informazione e studi su consumi, servizi, ambiente. Anno XXIV - numero 15 del 13 marzo 2012.

Test Noi Consumatori - Periodico settimanale di informazione e studi su consumi, servizi, ambiente. Anno XXIV - numero 15 del 13 marzo 2012. Test Noi Consumatori - Periodico settimanale di informazione e studi su consumi, servizi, ambiente. Anno XXIV - numero 15 del 13 marzo 2012. Direttore: Pietro Giordano - Direttore responsabile: Francesco

Dettagli

Obblighi Amministrativi ed enti di erogazione: come gestirli

Obblighi Amministrativi ed enti di erogazione: come gestirli Assemblea Annuale di Assifero Venezia 7 Maggio 2010 Obblighi Amministrativi ed enti di erogazione: come gestirli Avv. Roberto Randazzo Sommario La Responsabilità Amministrativa degli Enti ex D.Lgs. 231/2001

Dettagli

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO 1 1. PREMESSA 3 2. MISSIONE E VISIONE ETICA 3 3. AMBITO DI APPLICAZIONE DEL CODICE 3 4. PRINCIPI E NORME DI RIFERIMENTO 5 4.1 Rispetto della Legge 5 4.2 Onestà e correttezza

Dettagli

Regolamento. per l utilizzo della rete informatica. delibera del Consiglio di Istituto 29 aprile 2010

Regolamento. per l utilizzo della rete informatica. delibera del Consiglio di Istituto 29 aprile 2010 Regolamento per l utilizzo della rete informatica delibera del Consiglio di Istituto 29 aprile 2010 Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Il presente regolamento disciplina le modalità di accesso, di

Dettagli

Circolare n. 2/09 del 27 aprile 2009*

Circolare n. 2/09 del 27 aprile 2009* Circolare n. 2/09 del 27 aprile 2009* PRIVACY E RAPPORTO DI LAVORO Il trattamento dei dati personali dei lavoratori per finalità di gestione del rapporto di lavoro costituisce una tematica molto complessa

Dettagli

III.A.1. CODICE ETICO

III.A.1. CODICE ETICO III.A.1. CODICE ETICO 1. FINALITA' La Casa di Cura Villa Aurora S.p.a., al fine di definire con chiarezza e trasparenza l insieme dei valori ai quali l'ente si ispira per raggiungere i propri obiettivi,

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Condizioni generali di utilizzo del nostro sito web

Condizioni generali di utilizzo del nostro sito web Condizioni generali di utilizzo del nostro sito web Tutti gli utilizzi del sito web www.sceglime.ch e dei servizi offerti sono vincolati all accettazione preliminare di queste condizioni generali da parte

Dettagli

DISCIPLINARE IN MATERIA DI UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI IN OSSERVANZA DEL PROVVEDIMENTO GENERALE DEL GARANTE DEL 01.03.

DISCIPLINARE IN MATERIA DI UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI IN OSSERVANZA DEL PROVVEDIMENTO GENERALE DEL GARANTE DEL 01.03. Pag. 1/ 5 DISCIPLINARE IN MATERIA DI UTILIZZO DEGLI STRUMENTI INFORMATICI IN OSSERVANZA DEL PROVVEDIMENTO GENERALE DEL GARANTE DEL 01.03.2007 Gentile Signora/Egregio Signor, Premessa Lo Studio Legale Avv.ti

Dettagli

"Contrasto delle frodi telematiche. Ruolo e competenze della polizia giudiziaria" T. Colonnello GdF Mario Leone Piccinni

Contrasto delle frodi telematiche. Ruolo e competenze della polizia giudiziaria T. Colonnello GdF Mario Leone Piccinni "Contrasto delle frodi telematiche. Ruolo e competenze della polizia giudiziaria" T. Colonnello GdF Mario Leone Piccinni la protezione del sistema informatico quale nodo nevralgico dell organizzazione

Dettagli

MEDIOLANUM S.p.A. Codice Etico

MEDIOLANUM S.p.A. Codice Etico MEDIOLANUM S.p.A. Codice Etico INDICE PREMESSA... 5 CAPO I... 6 DISPOSIZIONI GENERALI... 6 Art. 1...6 Ambito di applicazione e Destinatari...6 Art. 2...6 Principi generali...6 Art. 3...7 Comunicazione...7

Dettagli

Regolamento informatico

Regolamento informatico Regolamento informatico Premessa La progressiva diffusione delle nuove tecnologie informatiche ed, in particolare, il libero accesso alla rete Internet dai Personal Computer, espone Ismea ai rischi di

Dettagli

Descrizione delle prestazioni Webhosting / HomepageTool

Descrizione delle prestazioni Webhosting / HomepageTool Descrizione delle prestazioni Webhosting / HomepageTool 1 Ambito d'applicazione La «descrizione delle prestazioni Webhosting / HomepageTool» («Descrizione delle prestazioni») di Swisscom (Svizzera) SA

Dettagli

REGOLAMENTI AZIENDALI: I CASI PIÙ RICORRENTI

REGOLAMENTI AZIENDALI: I CASI PIÙ RICORRENTI Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 09/06/2015. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO Sede legale: Località Torrevecchia 87100 Cosenza - tel. 0984/308011 fax 0984/482332 aziendatrasporticosenza@tin.it web: www.amaco.it CODICE DI COMPORTAMENTO Sommario CODICE DI COMPORTAMENTO... 1 CAPITOLO

Dettagli