Appunti Procedimento avanti il Giudice di Pace penale (definizioni alternative, impugnazioni, esecuzione)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Appunti Procedimento avanti il Giudice di Pace penale (definizioni alternative, impugnazioni, esecuzione)"

Transcript

1 Appunti Procedimento avanti il Giudice di Pace penale (definizioni alternative, impugnazioni, esecuzione) Una celere lettura, inevitabilmente un po didattica, della seconda parte delle norme (decreto legislativo 274/2000) che disciplinano il rito penale del giudice di pace impone qualche chiarimento preliminare che riguarda in modo specifico le previsioni da trattare: - il sistema processuale ( sottosistema, in realtà) è privo dei riti alternativi del codice di procedura penale, ma conosce definizioni alternative (artt. 34, tenuità del fatto, e art. 35, estinzione del reato per effetto di condotta riparatoria) di sicuro interesse applicativo; da notarsi che non c è udienza preliminare; - le sanzioni comminabili dal giudice di pace (artt. 52 ss. decr. 274) sono altrettanto peculiari; - anche il sistema delle impugnazioni ha caratteristiche di autonomia e forti limitazioni all appellabilità oggettiva; - non è prevista la concessione della sospensione condizionale della pena (art. 60 decr. 274); - sono inapplicabili le sanzioni sostitutive previste dalla legge 689/1981; inoltre l esecuzione differisce da quella del rito ordinario (e non c è il giudizio di sorveglianza). Taluni dei temi in trattazione meritano specifiche riflessioni o citazioni dello stato della giurisprudenza, che risulta di grande aiuto per la comprensione del microsistema. Altri istituti, quand anche peculiari, non presentano problemi interpretativi sicché ne sarà semplicemente riportata la norma di riferimento. Definizioni alternative del procedimento: particolare tenuità del fatto. 1 La tenuità del fatto è causa di improcedibilità. Sul piano teorico può essere ricollegata a una selezione di temi tradizionali della materia penalistica (tra questi, da un lato, l obbligatorietà dell esercizio dell azione penale e,dall altro, il principio di offensività del fatto di rilevanza penale) molto interessanti dal punto di vista processuale e anche sostanziale. Il testo della norma: Art. 34. Esclusione della procedibilità nei casi di particolare tenuità del fatto. 1. Il fatto è di particolare tenuità quando, rispetto all'interesse tutelato, l'esiguità del danno o del pericolo che ne è derivato, nonché la sua occasionalità e il grado della colpevolezza non giustificano l'esercizio dell'azione penale, tenuto conto altresì del pregiudizio che l'ulteriore corso del procedimento può recare alle esigenze di lavoro, di studio, di famiglia o di salute della persona sottoposta ad indagini o dell'imputato. 2. Nel corso delle indagini preliminari, il giudice dichiara con decreto d'archiviazione non

2 doversi procedere per la particolare tenuità del fatto, solo se non risulta un interesse della persona offesa alla prosecuzione del procedimento. 3. Se è stata esercitata l'azione penale, la particolare tenuità del fatto può essere dichiarata con sentenza solo se l'imputato e la persona offesa non si oppongono. Secondo l intento del legislatore del decreto 274, l'istituto della "particolare tenuità del fatto" mirerebbe a fornire una risposta in primo luogo- a istanze di deflazione senza incidere sull obbligo di esercizio dell azione penale e la sua applicazione è stata volutamente circoscritta al GdP allo scopo di saggiare la praticabilità di eventuali, successive estensioni applicative. Com è noto, l art. 34 contiene il riferimento alla disposizione dell'art. 27 del procedimento penale minorile, dove si consente l'adozione di una sentenza di proscioglimento per irrilevanza penale del fatto, legata alla tenuità dell'illecito e all'occasionalità della condotta, "quando l'ulteriore corso del procedimento pregiudica le esigenze educative del minorenne". In tali contesti applicativi il fatto, seppure offensivo, risulterebbe graduabile verso il basso in termini di complessivo disvalore, così da non giustificare l'esercizio dell'azione penale. L istituto presuppone l'esistenza di un fatto tipico, antigiuridico e colpevole, tuttavia segnato da una generale esiguità lesiva e affiancato dall'inesistenza di un interesse della persona offesa alla prosecuzione del procedimento (in astratto, dunque, non c è mai rinuncia aprioristica all esercizio dell azione): da notarsi che non è la fattispecie astratta di reato a risultare "bagatellare", ma la sottofattispecie concreta. Secondo un esempio utilizzato anche nella relazione delle legge 274, la fattispecie incriminatrice prevista dall art. 582 c.p. non è "bagatellare", perché sanziona comportamenti meritevoli di sanzione penale; e, tuttavia, possono darsi, in concreto, fatti di lesione contrassegnati da una particolare tenuità di disvalore (derivante dalla esiguità dell'offesa e della colpevolezza) che non giustificano, in questo caso, l'esercizio dell'azione penale. La (peraltro evidente) discrezionalità ha comunque un peso specifico ed è svincolata da particolari necessità di motivazione, persino nelle massime giurisprudenziali: La previsione contenuta nell'art. 34 d.lgs. 28 agosto 2000 n. 274 (Procedimento penale davanti al giudice di pace), in forza della quale viene attribuito al giudice il potere-dovere di chiudere il procedimento, sia prima che dopo l'esercizio dell'azione penale, quando il fatto incriminato risulti di "particolare tenuità", rispetto all'interesse tutelato, e tale per l'effetto da non giustificare l'esercizio o la prosecuzione dell'azione penale, configura un potere discrezionale del giudice, il cui mancato esercizio non impone al giudicante una esplicita motivazione, laddove l'applicabilità dell'istituto non sia stata invocata dall'interessato (Cass., sez. IV, 25 settembre 2007, n ). Quali, dunque, gli elementi costitutivi della clausola (si parla, al proposito, di presupposti della) improcedibilità? - il danno o il pericolo derivati sono esigui; - il fatto è occasionale; - il grado di colpevolezza è basso; - il procedimento pregiudicherebbe le esigenze di lavoro, studio, famiglia o salute dell autore 2

3 Secondo l interpretazione dominante, la possibilità della declaratoria di improcedibilità è subordinata alla ricorrenza congiunta di tutte le componenti del modello sinora descritte. E' ovvio peraltro che il criterio dell'esiguità del danno o del pericolo assumerà la funzione di primo indice rivelatore. Sul punto la giurisprudenza pare essersi conformata, ma si sono registrate opinioni contrarie a siffatta lettura: Nel procedimento penale davanti al giudice di pace, l'applicabilità della causa di improcedibilità di cui all'art. 34 d.lgs. 28 agosto 2000 n. 274 (particolare tenuità del fatto), va apprezzata avuto riguardo non solo alla esiguità del danno o del pericolo che ne è derivato, ma anche alla sussistenza degli ulteriori indici normativi della occasionalità della condotta, del basso grado di colpevolezza e dell'eventuale pregiudizio sociale dell'imputato, i quali ultimi non sono alternativi ma concorrenti con il primo. Ne consegue che nell'ipotesi in cui il danno o il pericolo non sia esiguo, al fine di escludere la dichiarazione di improcedibilità, devono essere valutati anche gli altri parametri di riferimento sopra enunciati. (in tale fattispecie la Corte ha annullato la sentenza del GdP che aveva escluso la improcedibilità; cfr. Cass. pen., sez. IV, 7 luglio 2005, n Prevale, tuttavia, il criterio della valutazione congiunta dei presupposti: In tema di procedimento davanti al giudice di pace, l'esistenza della causa di improcedibilità costituita dalla particolare tenuità del fatto deve essere valutata attraverso l'accertamento positivo della presenza concorrente - e non soltanto alternativa - nella fattispecie di tutti gli indici normativamente indicati (esiguità del danno o del pericolo che ne è derivato, occasionalità della condotta, basso grado di colpevolezza e pregiudizio sociale per l'imputato cfr. Cass. pen., sez. IV, 9 luglio 2004, n , in Cass. pen. 2006, 2 610, conforme Cass. pen., sez. IV, 15 febbraio 2005, n , in Cass. pen. 2006, ). Sul piano della sequenza procedimentale, occorre distinguere tra la fase antecedente all'esercizio dell'azione penale e quella successiva. Durante la fase delle indagini preliminari, la richiesta di improcedibilità per particolare tenuità del fatto può essere avanzata dal pubblico ministero a condizione che non risulti l'interesse della persona offesa alla prosecuzione del procedimento (si pensi, ad esempio, all'offeso dal reato che ha richiesto di essere avvertito in caso di domanda di archiviazione e che manifesta la sua contrarietà al mancato esercizio dell'azione penale per la particolare tenuità del fatto; sul piano pratico, se dovessero mancare elementi dai quali ricavare quale sia la volontà del denunciante, il pubblico ministero o la polizia giudiziaria potranno sempre escuterla). Il GdP potrà disporre l archiviazione con decreto oppure ordinare l imputazione coatta oppure nuove indagini (e, in tal caso, chiedere che sia verificata la volontà della p.o.). Dopo l'esercizio dell'azione penale, la declaratoria di improcedibilità è subordinata all'esistenza della "non opposizione" della persona offesa e dell'imputato (si riconosce all'imputato la possibilità di ottenere una sentenza di proscioglimento nel merito, atteso che il non luogo a procedere per la particolare tenuità del fatto può comunque incidere, in futuro, sulla valutazione della "occasionalità" del fatto che, come è noto, costituisce uno degli elementi costitutivi della condizione di procedibilità. Da notarsi, sul piano sistematico, che l opposizione della p.o. è superabile utilizzando la previsione dell art. 35 del decreto. La giurisprudenza più interessante in tema di applicazioni dell art. 34 della legge 274/2000 è intervenuta soprattutto sui reati senza persona offesa ovvero di pericolo. Prevale un orientamento aperto : 3

4 Nel procedimento davanti al giudice di pace la particolare tenuità del fatto quale causa di improcedibilità è applicabile ad ogni tipologia di reato purché sussistano le condizioni previste dalla norma. (Nella fattispecie la Corte ha ritenuto applicabile la disposizione ex art. 34 D.Lgs. n. 274 del 2000 anche al reato di violazione dell'obbligo di fermarsi in caso di incidente stradale, nonostante si tratti di reato di pericolo per il quale non è prevista una persona offesa che possa essere sentita ai sensi dell'art. 35 del citato d.lgs.). Si veda Cass. pen., sez. IV, 28 settembre 2007, n Fino al 2006 era diffuso l orientamento che riteneva che anche la guida in stato di ebbrezza (allorché era di competenza del GdP) potesse essere considerata un fatto di lieve entità (si veda infatti Cass. pen., sez. IV, 31 gennaio 2008, n , che si pronunciava su fatto commesso anteriormente al trasferimento della competenza al tribunale, nonché Sez. IV, 28 aprile 2006, n ; contra: Sez. III, 19 aprile 2007, n Anche la non opposizione della persona offesa è stato considerato un parametro di valutazione della non esiguità (sulla base della tesi che se vi è interesse al procedimento il fatto non sarebbe di lieve entità e, soprattutto, rinviando alla composizione prevista dall art. 35 (si veda ad esempio Cass. pen., 26 giugno 2003, in Sul piano pratico occorre prestare attenzione al comportamento concludente della persona offesa. Ci si chiede, infatti, in che termini rileva la mancata comparizione del querelante al dibattimento nel procedimento per reati di competenza del giudice di pace? Sul piano formale la mancata comparizione non presenta conseguenze ma, in concreto, può essere interpretata come segnale di disinteresse al proseguimento del giudizio contro il querelato (orientamento tutt altro che univoco). Al proposito vi è qualche sentenza pubblicata: Tra i presupposti indefettibili della pronuncia di improcedibilità per"particolare tenuità del fatto", ex art. 34 d.lg. n. 274 del 2000, è la "esiguità del danno o del pericolo" derivato dal fatto di reato. Nel relativo giudizio valutativo può assumere sicura rilevanza la circostanza rappresentata dalla mancata, ingiustificata comparizione della persona offesa al dibattimento, comportamento da assumere come sintomatico del disinteresse della stessa all'esito del giudizio e, in sostanza, del fatto che la condotta non ha lasciato conseguenze sensibili sulla vittima (Trib. Fermo, 23 aprile 2004, in Riv. pen. 2004, 730). Definizioni alternative del procedimento: estinzione del reato per condotta riparatoria. Questa la norma di riferimento: Art. 35. Estinzione del reato conseguente a condotte riparatorie. 1. Il giudice di pace, sentite le parti e l'eventuale persona offesa, dichiara con sentenza estinto il reato, enunciandone la causa nel dispositivo, quando l'imputato dimostra di aver proceduto, prima dell'udienza di comparizione, alla riparazione del danno cagionato dal reato, mediante le restituzioni o il risarcimento, e di aver eliminato le conseguenze dannose o pericolose del reato. 2. Il giudice di pace pronuncia la sentenza di estinzione del reato di cui al comma 1, solo se ritiene le attività risarcitorie e riparatorie idonee a soddisfare le esigenze di riprovazione del reato e quelle di prevenzione. 3. Il giudice di pace può disporre la sospensione del processo, per un periodo non superiore a tre mesi, se l'imputato chiede nell'udienza di comparizione di poter provvedere agli adempimenti 4

5 di cui al comma 1 e dimostri di non averlo potuto fare in precedenza; in tal caso, il giudice può imporre specifiche prescrizioni. 4. Con l'ordinanza di sospensione, il giudice incarica un ufficiale di polizia giudiziaria o un operatore di servizio sociale dell'ente locale di verificare l'effettivo svolgimento delle attività risarcitorie e riparatorie, fissando nuova udienza ad una data successiva al termine del periodo di sospensione. 5. Qualora accerti che le attività risarcitorie o riparatorie abbiano avuto esecuzione, il giudice, sentite le parti e l'eventuale persona offesa, dichiara con sentenza estinto il reato enunciandone la causa nel dispositivo. 6. Quando non provvede ai sensi dei commi 1 e 5, il giudice dispone la prosecuzione del procedimento. La causa di estinzione prevista dall art. 35 del decreto 274 abbraccia tutti i reati di competenza del giudice di pace (il microsistema è sempre fondato su scopi conciliativi). Si ritiene che il giudice di pace abbia il potere di sindacare la congruità delle attività risarcitorie: si è infatti previsto che, qualora l'imputato chieda di poter riparare e risarcire nel corso dell'udienza di comparizione, il giudice, oltre che assegnare un termine per l'adempimento, possa altresì impartire prescrizioni che, nella maggior parte dei casi e ove possibile, saranno finalizzate all'eliminazione delle cause del reato. Il meccanismo estintivo ex art. 35 d.lvo 274 aveva, nell intento del legislatore, anche scopi di prevenzione speciale e generale ( Il giudice di pace pronuncia la sentenza se ritiene le attività risarcitorie e riparatorie idonee a soddisfare le esigenze di riprovazione del reato e quelle di prevenzione ). Una realistica osservazione. La prassi della monetizzazione del danno finirà per superare il carattere retributivo dell istituto, che ancora resiste nelle massime della Cassazione: E illegittima la decisione con cui il giudice di pace subordini l'operatività della speciale causa di estinzione del reato prevista dall'art. 35 d.lgs. n. 274 del 2000 al risarcimento del danno da parte dell'imputato, considerato che detta causa estintiva non può essere ravvisata al di fuori degli stretti parametri normativi indicati dal suddetto art. 35, in virtù dei quali l'attività risarcitoria non è da sola sufficiente a consentirne l'operatività, richiedendosi unitamente alla dimostrazione, da parte dell'imputato, dell'avvenuta riparazione del danno cagionato alla vittima, mediante le restituzioni ed il risarcimento, anche l'eliminazione effettiva delle conseguenze dannose o pericolose del reato. Ne deriva che il giudice deve riscontrare e valutare le attività riparatorie, apprezzandone in concreto l'idoneità a soddisfare le esigenze di riprovazione del reato e quelle di prevenzione, in modo da assicurare comunque una valenza retributiva e di prevenzione speciale all'intervento giurisdizionale dinanzi a condotte improntate ad un dato grado di gravità e pericolosità. (Nella specie, afferma in motivazione la S.C., l'apprezzamento in concreto - trattandosi del reato di ingiuria concernente un avvocato - doveva riguardare la pubblicità dell'ingiuria, le ripercussioni ambientali nel foro locale di un piccolo centro geografico, con conseguente enfasi dell'offesa al decoro del legale ingiuriato ecc.). Così Cass. pen., sez. V, 18 gennaio 2007, n Oppure: La speciale causa di estinzione del reato prevista dall'art. 35 d.lgs. 28 agosto 2000 n. 274, non opera in presenza della sola dimostrazione, da parte dell'imputato, dell'avvenuta riparazione del danno cagionato alla vittima, mediante le restituzioni o il risarcimento nonché l'eliminazione delle conseguenze dannose o pericolose del reato, ma è necessario che il giudice ritenga che tali attività riparatorie risultino in concreto idonee a soddisfare le esigenze di riprovazione del reato e quelle di prevenzione, in modo da assicurare comunque una valenza retributiva e di prevenzione speciale all'intervento giurisdizionale dinanzi a condotte di un certo grado di gravità e di pericolosità (Cass. pen., sez. IV, 9 dicembre 2003, n ). Due dati meritano un cenno particolare. 5

6 - Il dato normativo più rilevante (almeno dal punto di vista pratico): per pronunciare la sentenza ex art. 35 non occorre il consenso della p.o. che deve solo essere sentita (giurisprudenza, sul punto, pacifica, cfr. Cass. pen., sez. V, 21 aprile 2006, n ). - Il dato giurisprudenziale più importante: a differenza che per l improcedibilità per tenuità (di cui all art. 34) il meccanismo estintivo ex art. 35 non opera per i reati di pericolo. Infatti: Non è applicabile la causa di estinzione del reato prevista dall'art. 35 d.l.vo 28 agosto 2000 n. 274 ai reati di pericolo astratto, quali ad es. la guida sotto l'influenza dell'alcool e la guida in stato di alterazione per l'uso di sostanze stupefacenti, poiché rispetto ad essi non è ipotizzabile alcuna forma di riparazione del danno. Così Cass. pen., sez. IV, 4 maggio 2004, in penale.it. Conforme, malgrado l'avvenuto versamento di una somma di denaro al fondo vittime della strada, Cass. pen., sez. IV, 7 febbraio 2007, n Si noti che i reati previsti dall art. 186 C.d.S. sono ora, entrambi, di competenza del tribunale e che quindi le esemplificazioni riportate riguardano soltanto il problema astratto dell applicabilità dell istituto ai reati di pericolo. L istituto, la cui importanza non va sottovalutata (consente l estinzione del reato a prescindere dalla volontà dell offeso), è stato oggetto di varie questioni. Ci si chiede se l imputato abbia diritto all avviso circa la possibilità di estinzione mediante risarcimento e se la sua omissione sia causa di nullità così come avviene per le vicende processuali elencate nell art. 552 c.p.p.: al proposito la Consulta ha replicato che il sistema non necessita di avviso specifico, il quale andrebbe oltre le funzioni del processo avanti il GdP, dal momento che, in ogni caso, il procedimento inizia con il tentativo di conciliazione (si veda al proposito Corte costituzionale, 28 marzo 2008, n. 82 e, prima, Corte costituzionale, 13 giugno 2006, n. 225). Da non trascurare, tuttavia, altri aspetti procedimentali. In primo luogo, si noti che la causa estintiva del reato di cui all'art. 35 d.lg. n. 274 del 2000 non può operare oltre l'udienza di comparizione; tale limite è superabile solo dal provvedimento con cui il giudice dispone la sospensione del processo per consentire all'imputato, che ne abbia fatto richiesta, di porre in essere le condotte riparatore (ove occorra, si veda Cass. pen., sez. V, 22 settembre 2005, n ). In altri termini, la efficacia estintiva della riparazione acquisisce un suo significato sistematico solo se evita la celebrazione del processo. Ovviamente il risarcimento o le restituzioni vanno provate (salvo il caso della diretta audizione della p.o.). Valga, quindi, questa sorta di promemoria operativo: aa) (Preferibilmente) occorrerà produrre, prima o, al più tardi, per l'udienza di comparizione, la quietanza contenente clausole totalmente liberatorie a pieno saldo del danno riportato, con dichiarazione di non avere più nulla a pretendere e con rinuncia ad ogni azione legale; bb) In difetto, occorrerà provare l offerta risarcitoria (meglio con offerta reale, ma nella 6

7 prassi si ammette la via breve, purché documentata). L imputato-querelato può, in verità, ottenere il proscioglimento con formula di non doversi procedere anche dopo l udienza di comparizione ma, in tal caso, solo tramite remissione della querela; dunque: cc) Qualora si proceda tramite querela, vi è solo la remissione della stessa, che richiede questa sì- consenso dell offeso e quindi implica una sua maggiore forza di negoziazione. La corretta applicazione dell art. 35 d. lvo 274 è alla base di quelle decisioni con cui i GdP escludono che le spese di parte siano conteggiabili nell attività riparatoria e, entrando nel merito della congruità dell offerta risarcitoria, pronunciano la sentenza con effetto estintivo malgrado l opposizione della persona offesa. Qualche massima illustra il problema: Nel caso in cui l'imputato abbia proceduto alla riparazione del danno cagionato dal reato, mediante il risarcimento, la determinazione del danno risarcibile (e risarcito) deve essere opportunamente rimessa ad una valutazione oggettiva dell'organo giudicante e non invece alla richiesta discrezionale della p.o., ivi incluse quelle relative alle spese legali e alle spese di costituzione di parte civile, le quali ultime possono anzi del tutto essere escluse dalla determinazione del danno in quanto non ne sono conseguenza diretta, né sono necessitate sempre e comunque dal reato, risultando invece eventuali e di importo variabile (nel caso di specie le stesse avrebbero potuto essere facilmente evitate qualora la p.o. avesse prestato acquiescenza al risarcimento offerto che doveva essere considerato ampiamente equo ed esaustivo in relazione al danno biologico, morale e spese mediche documentate). Così il Tribunale di Urbino, 8 luglio Le spese di costituzione di parte civile non rientrano nelle "conseguenze dannose o pericolose del reato" o nella voce "danno cagionato dal reato", poiché non ne sono conseguenza diretta nè sono necessitate sempre o ovunque dal reato, per cui, nel procedimento davanti al giudice di pace, accertato l'integrale risarcimento dei danni, può essere dichiarata l'estinzione del reato per avvenuta riparazione, anche se tali spese non sono state rimborsate. Così il Giudice di Pace di Lanciano, sentenza 15 marzo Da rammentare che la sentenza con la quale il giudice di pace, nella udienza di comparizione, dichiara estinto il reato per avere l'imputato, previamente, proceduto alla riparazione del danno cagionato, è impugnabile soltanto mediante ricorso per cassazione. Le impugnazioni. Il sistema delle impugnazioni del procedimento avanti il GdP è speciale rispetto a quello ordinario. Una prima distinzione vale per le impugnazione del pubblico ministero e del ricorrente (ossia il privato che ha chiesto la citazione a giudizio dell imputato). Queste le due norme fondamentali: Art. 36. Impugnazione del pubblico ministero. 7

8 1. Il pubblico ministero può proporre appello contro le sentenze di condanna del giudice di pace che applicano una pena diversa da quella pecuniaria (1). 2. Il pubblico ministero può proporre ricorso per cassazione contro le sentenze del giudice di pace. (1) Comma così modificato dall'articolo 9 della legge 20 febbraio 2006, n. 46. Art. 38. Impugnazione del ricorrente che ha chiesto la citazione a giudizio dell'imputato. 1. Il ricorrente che ha chiesto la citazione a giudizio dell'imputato a norma dell'art. 21 può proporre impugnazione, anche agli effetti penali, contro la sentenza di proscioglimento del giudice di pace negli stessi casi in cui è ammessa l'impugnazione da parte del pubblico ministero. 2. Con il provvedimento che rigetta o dichiara inammissibile l'impugnazione, il ricorrente è condannato alla rifusione delle spese processuali sostenute dall'imputato e dal responsabile civile. Se vi è colpa grave, il ricorrente può essere condannato al risarcimento dei danni causati all'imputato e al responsabile civile. Pertanto l'ambito dell'appello da parte del pubblico ministero (art. 36 del decreto) concerne solo le sentenze di condanna emesse dal giudice di pace che hanno applicato una pena diversa da quella pecuniaria (si noti che da taluno si ipotizza la recuperabilità dell appello -contro altra tipologia di sentenza emanabile dal GdP- ex artt. 2 d. 274/2000 e 593 c.p.p., come riformato dalla Consulta il sentenza n. 26 del 2007 che ha ripristinato l appellabilità dei proscioglimenti da parte del p.m.- ma tale via non sembra formalmente praticabile senza un intervento, sul punto, del legislatore o della Corte costituzionale). Qualche rilievo merita il problema della legittimazione dell ufficio impugnante sul quale si sono addirittura pronunciate le Sezioni Unite: La legittimazione a proporre ricorso per Cassazione contro le sentenze dei giudice di Pace non spetta solo al procuratore della Repubblica presso il tribunale, nella qualità di rappresentante dell ufficio del p.m. presso il giudice a quo, ma anche al p.g. presso la Corte d'appello, dal momento che il termine p.m. adoperato dall art. 36 d.lg. 28 agosto 2000 n. 274, deve essere inteso come riferito ad entrambi gli uffici cui, in generale, è riconosciuto potere di impugnare (Cass. pen., sez. un., 15 giugno 2005, n ). Nel silenzio della legge, si ritiene che la parte civile possa appellare ai soli fini dell affermazione della responsabilità civile, ex art. 576 c.p.p. (questione del pari risolta dalle Sezioni Unite nel 2007): In applicazione della regola generale dettata dall'art. 576 cod. proc. pen., valida anche nel processo davanti al giudice di pace in forza del richiamo di cui all'art. 2 D.Lgs. n. 274 del 2000, la persona offesa costituitasi parte civile può proporre impugnazione, ai soli effetti civili, avverso la sentenza pronunciata dal giudice di pace, pur quando il procedimento non sia stato instaurato con il ricorso immediato previsto dall'art. 21 del citato D.Lgs. n. 274 del 2000, atteso il carattere estensivo e non limitativo che deve riconoscersi al successivo art. 38 del medesimo testo normativo, in base al quale, ove vi sia stato invece il suddetto ricorso immediato, il ricorrente può proporre impugnazione, anche agli effetti penali, avverso la sentenza di proscioglimento. Così Cass. pen., sez. IV, 14 febbraio 2007, n Sempre inappellabili (ma ricorribili), ex art. 593 comma 3 c.p.p., le condanne alla pena dell ammenda. Di grande importanza pratica la problematica dell impugnazione proponibile 8

9 dall imputato. La norma di riferimento è l art. 37 del decreto 274: Art. 37. Impugnazione dell'imputato. 1. L'imputato può proporre appello contro le sentenze di condanna del giudice di pace che applicano una pena diversa da quella pecuniaria; può proporre appello anche contro le sentenze che applicano la pena pecuniaria se impugna il capo relativo alla condanna, anche generica, al risarcimento del danno. 2. L'imputato può proporre ricorso per cassazione contro le sentenze di condanna del giudice di pace che applicano la sola pena pecuniaria e contro le sentenze di proscioglimento. L'imputato può proporre appello contro le sentenze di condanna che applicano una pena diversa da quella pecuniaria (quindi solo le pene paradetentive, su cui vedi infra). E tuttavia prevista l'appellabilità da parte dell'imputato delle sentenze che applicano la sola pena pecuniaria qualora questi impugni il capo relativo alla condanna, anche generica, al risarcimento del danno. Si ritiene che la non appellabilità delle sentenze che applicano la sola pena pecuniaria sia giustificata dalla modesta afflittività della sanzione, mentre, se esercitata l'azione civile nella sede penale e la sentenza comporti condanna, anche generica, al risarcimento del danno (si noti: condanna civilistica possibile per somme anche notevolmente superiori all'ordinario limite di competenza per valore del giudice di pace civile), sia preferibile consentire un secondo giudizio. Del resto, la Corte costituzionale ha recentemente ritenuto legittima la possibilità di esperire l azione civile risarcitoria anche oltre i limiti di valore previsti per l omologo giudizio civile (si veda C. cost., ordinanza 5 maggio 2008, n. 138). È comunque chiaro che ove s intenda proporre appello in caso di condanna penalistica alla sola pena pecuniaria sarà opportuno impugnare anche il capo relativo alla condanna di contenuto civilistico, malgrado una certa benevola interpretazione giurisprudenziale, che utilizza l effetto estensivo previsto dall art. 574 c.p.p. Così, sul punto, la Cassazione: In tema di procedimento davanti al giudice di pace, l'impugnazione proposta dall'imputato avverso la sentenza di condanna alla sola pena pecuniaria, ancorché l'art. 37 d.lg. 28 agosto 2000 n. 274 ne preveda l'appellabilità solo nel caso in cui sia impugnato il capo relativo alla condanna al risarcimento del danno, deve qualificarsi come appello e non come ricorso per cassazione, in virtù dell'effetto estensivo dell'impugnazione contro la condanna penale previsto dall'art. 574 c.p.p., il quale prevede che l'impugnazione dell'imputato contro la pronuncia di condanna penale o di assoluzione estende i suoi effetti alla pronuncia di condanna alle restituzioni, al risarcimento dei danni e alla rifusione delle spese processuali, se questa pronuncia dipende dal capo o dal punto impugnato (nella specie, la Corte ha disposto la trasmissione degli atti al tribunale per il giudizio di appello, rilevando come detto giudice, qualificando l'appello come ricorso per cassazione, avesse erroneamente inviato gli atti in cassazione sull'erroneo presupposto che l'appello sarebbe stato consentito soltanto se l'imputato avesse impugnato anche il capo della sentenza relativo alle statuizioni civili). Si veda Cass. pen., sez. V, 9 luglio 2007, n In linea di principio, dunque, l impugnazione proposta dall imputato contro la sentenza del giudice di pace, che lo abbia condannato ad una pena pecuniaria e al risarcimento del danno in favore della parte civile, purché con essa venga dedotto anche il difetto di motivazione in riferimento all apprezzamento della prova, è qualificabile come appello sebbene non risulti espressamente impugnato il capo relativo alla condanna al 9

10 risarcimento del danno. Da non sottovalutare, in questa prospettiva, l opinione più formalista per cui occorrerebbe impugnare in modo specifico anche il capo relativo alla condanna al risarcimento: In tema di procedimento davanti al giudice di pace, l'impugnazione proposta dall'imputato avverso la sentenza del giudice di pace di condanna alla sola pena pecuniaria, deve essere - qualora non sia stato specificamente impugnato il capo relativo alla condanna, anche generica, al risarcimento del danno - qualificata come ricorso per cassazione, in virtù dell'art. 568 comma 5 c.p.p., indipendentemente dalla qualificazione di appello ad essa conferita dalla parte (Cass. pen., sez. V, 16 dicembre 2005, n. 4886). Vi sono (poche) regole specifiche anche per la disciplina dell appello, che si badiappartiene alla cognizione del tribunale monocratico. Così recita la legge: Art. 39. Giudizio di appello. 1. Competente per il giudizio di appello è il tribunale del circondario in cui ha sede il giudice di pace che ha pronunciato la sentenza impugnata. Il tribunale giudica in composizione monocratica. 2. Oltre che nei casi previsti dall'art. 604 del codice di procedura penale, il giudice d'appello dispone l'annullamento della sentenza impugnata, disponendo la trasmissione degli atti al giudice di pace, anche quando l'imputato, contumace in primo grado, prova di non essere potuto comparire per caso fortuito o per forza maggiore o per non avere avuto conoscenza del provvedimento di citazione a giudizio, sempre che in tal caso il fatto non sia dovuto a sua colpa, ovvero, quando l'atto di citazione per il giudizio di primo grado è stato notificato mediante consegna al difensore nei casi previsti dagli articoli 159, 161, comma 4, e 169 del codice di procedura penale, non si sia sottratto volontariamente alla conoscenza degli atti del procedimento. L'articolo 39, dunque, disciplina il giudizio di appello per il cui rito valgono le regole ordinarie (artt c.p.p.). Tuttavia, il secondo comma dell'articolo 39 delinea una disciplina diversa da quella ordinaria per le ipotesi in cui l'imputato sia rimasto contumace in primo grado. Se questi infatti prova di non essere potuto comparire per caso fortuito o per forza maggiore o per non aver avuto conoscenza del provvedimento di citazione a giudizio, sempre che in tal caso il fatto non sia dovuto a sua colpa, ovvero, quando l'atto è stato consegnato al difensore, non si sia sottratto volontariamente alla conoscenza degli atti del procedimento, il giudice di appello dispone l'annullamento della sentenza impugnata, con restituzione degli atti al giudice di pace per un nuovo giudizio. La diversa disciplina rispetto al regime ordinario, delineato nell'articolo 603 c.p.p., che in tale ipotesi prevede invece la rinnovazione dell'istruzione dibattimentale in sede di appello (comma 4), si giustifica tenendo conto delle peculiarità del procedimento innanzi al giudice di pace e dei meccanismi conciliativi e di definizione alternativa del procedimento. Nell'ipotesi in cui l'imputato non sia, senza colpa, potuto comparire nel giudizio di primo grado, la regressione del processo dinanzi al giudice di pace è dunque necessaria. Disciplina dell'esecuzione. Solo un cenno all esecuzione, per la quale sono state previste solo le norme che derogano 10

11 l'ordinaria disciplina, altrimenti applicabile in virtù del generale rinvio contenuto nell'art. 2, co. 1 d. lvo 274. Art. 40.Giudice dell'esecuzione. 1. Salvo diversa disposizione di legge, competente a conoscere dell'esecuzione di un provvedimento è il giudice di pace che l'ha emesso. 2. Se l'esecuzione concerne più provvedimenti emessi da diversi giudici di pace, è competente il giudice che ha emesso il provvedimento divenuto irrevocabile per ultimo. 3. Se i provvedimenti sono stati emessi dal giudice di pace e da altro giudice ordinario, è competente in ogni caso quest'ultimo. 4. Se i provvedimenti sono stati emessi dal giudice di pace e da un giudice speciale, è competente per l'esecuzione il tribunale in composizione collegiale nel cui circondario ha sede il giudice di pace. 5. Il giudice indicato nei commi da 1 a 4 è competente anche se il provvedimento da eseguire è stato comunque riformato. Art. 41. Procedimento di esecuzione. 1. Salvo quanto previsto nel comma 2, nel procedimento di esecuzione davanti al giudice di pace si osservano le disposizioni di cui all'art. 666 del codice di procedura penale. 2. Contro il decreto del giudice di pace che dichiara inammissibile la richiesta formulata nel procedimento di esecuzione e contro l'ordinanza che decide sulla richiesta, l'interessato può proporre, entro quindici giorni dalla notifica del provvedimento, ricorso per motivi di legittimità al tribunale in composizione monocratica nel cui circondario ha sede il giudice di pace. 3. Il tribunale decide con ordinanza non impugnabile. Si osservano disposizioni di cui all'art. 127 del codice di procedura penale. Le sanzioni applicabili dal giudice di pace. Le norme di riferimento sono gli artt. 52 ss. d. lvo 274, senza perdere di vista la previsione che disciplina la sentenza di condanna alla permanenza domiciliare (art. 33 d. lvo. 274). Le pene specifiche del microsistema sono l obbligo di permanenza domiciliare e il lavoro di pubblica utilità, mentre le altre sanzioni irrogabili dal GdP sono le pene pecuniarie già note al sistema penale. Come già accennato, le sanzioni comminate dal giudice di pace non sono convertibili in misure alternative, né esiste la sospensione condizionale della pena (artt. 60 e 62 d. lvo 274). Il principio generale è contenuto nell art. 52 D.lvo 274/2000 ove si descrive la corrispondenza tra pene originariamente previste dal codice penale e quelle comminabili dal giudice di pace: Art. 52. Sanzioni. 1. Ai reati attribuiti alla competenza del giudice di pace per i quali è prevista la sola pena della multa o dell'ammenda continuano ad applicarsi le pene pecuniarie vigenti. 2. Per gli altri reati di competenza del giudice di pace le pene sono così modificate: a ) quando il reato è punito con la pena della reclusione o dell'arresto alternativa a quella della multa o dell'ammenda, si applica la pena pecuniaria della specie corrispondente da lire cinquecentomila a cinque milioni; se la pena detentiva è superiore nel massimo a sei mesi, si applica la predetta pena pecuniaria o la pena della permanenza domiciliare da sei giorni a trenta giorni ovvero la pena del lavoro di pubblica utilità per un periodo da dieci giorni a tre mesi; b ) quando il reato è punito con la sola pena della reclusione o dell'arresto, si applica la pena pecuniaria della specie corrispondente da lire un milione a cinque milioni o la pena della 11

12 permanenza domiciliare da quindici giorni a quarantacinque giorni ovvero la pena del lavoro di pubblica utilità da venti giorni a sei mesi; c ) quando il reato è punito con la pena della reclusione o dell'arresto congiunta con quella della multa o dell'ammenda, si applica la pena pecuniaria della specie corrispondente da lire un milione e cinquecentomila a cinque milioni o la pena della permanenza domiciliare da venti giorni a quarantacinque giorni ovvero la pena del lavoro di pubblica utilità da un mese a sei mesi. 3. Nei casi di recidiva reiterata infraquinquennale, il giudice applica la pena della permanenza domiciliare o quella del lavoro di pubblica utilità, salvo che sussistano circostanze attenuanti ritenute prevalenti o equivalenti. 4. La disposizione del comma 3 non si applica quando il reato è punito con la sola pena pecuniaria nonchè nell'ipotesi indicata nel primo periodo della lettera a ) del comma 2. Una certa anomalia sistematica è stata ravvisata nella differente natura di sanzione applicabile per le lesioni colpose quando, anziché nella cognizione del tribunale (ad esempio in caso di infortunio sul lavoro o nei casi di colpa professionale) rientrano nella competenza del giudice di pace (colpa stradale). Ne è derivata una complessa questione di legittimità costituzionale, rigettata dalla Consulta che, nella specie, rilevò l impossibilità di una pronuncia sostanzialmente additiva, non consentita alla Corte costituzionale in forza del principio della riserva di legge in materia penale (cfr. C. cost. 4 maggio 2005, n. 187, Giur. cost. 2005, 3). Queste le previsioni concernenti la nuova tipologia di sanzioni: Art. 53. Obbligo di permanenza domiciliare. 1. La pena della permanenza domiciliare comporta l'obbligo di rimanere presso la propria abitazione o in altro luogo di privata dimora ovvero in un luogo di cura, assistenza o accoglienza nei giorni di sabato e domenica; il giudice, avuto riguardo alle esigenze familiari, di lavoro, di studio o di salute del condannato, può disporre che la pena venga eseguita in giorni diversi della settimana ovvero, a richiesta del condannato, continuativamente. 2. La durata della permanenza domiciliare non può essere inferiore a sei giorni nè superiore a quarantacinque; il condannato non è considerato in stato di detenzione. 3. Il giudice può altresì imporre al condannato, valutati i criteri di cui all'art. 133, comma secondo, del codice penale, il divieto di accedere a specifici luoghi nei giorni in cui non è obbligato alla permanenza domiciliare, tenuto conto delle esigenze familiari, di lavoro, di studio o di salute del condannato. 4. Il divieto non può avere durata superiore al doppio della durata massima della pena della permanenza domiciliare e cessa in ogni caso quando è stata interamente scontata la pena della permanenza domiciliare. Art. 54. Lavoro di pubblica utilità. 1. Il giudice di pace può applicare la pena del lavoro di pubblica utilità solo su richiesta dell'imputato. 2. Il lavoro di pubblica utilità non può essere inferiore a dieci giorni nè superiore a sei mesi e consiste nella prestazione di attività non retribuita in favore della collettività da svolgere presso lo Stato, le regioni, le province, i comuni o presso enti o organizzazioni di assistenza sociale e di volontariato. 3. L'attività viene svolta nell'ambito della provincia in cui risiede il condannato e comporta la prestazione di non più di sei ore di lavoro settimanale da svolgere con modalità e tempi che non pregiudichino le esigenze di lavoro, di studio, di famiglia e di salute del condannato. Tuttavia, se il condannato lo richiede, il giudice può ammetterlo a svolgere il lavoro di pubblica utilità per un tempo superiore alle sei ore settimanali. 4. La durata giornaliera della prestazione non può comunque oltrepassare le otto ore. 5. Ai fini del computo della pena, un giorno di lavoro di pubblica utilità consiste nella prestazione, anche non continuativa, di due ore di lavoro. 12

13 6. Fermo quanto previsto dal presente articolo, le modalità di svolgimento del lavoro di pubblica utilità sono determinate dal Ministro della giustizia con decreto d'intesa con la Conferenza unificata di cui all'art. 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281 (1) (2). Quali, dunque, i contenuti afflittivi delle sanzioni e quale loro specifica disciplina applicativa? La permanenza domiciliare comporta l'obbligo di rimanere presso la propria abitazione o in altro luogo di privata dimora ovvero in un luogo di cura, assistenza o accoglienza nei giorni di sabato e domenica. L eventuale violazione dell obbligo di permanenza domiciliare è reato punito con la reclusione fino a un anno (art. 56, co. 1, decreto 274/2000) ed è di competenza del tribunale monocratico (art. 57). L'obbligo di permanenza domiciliare non vuole replicare la detenzione domiciliare, che invece impone una continuativa permanenza presso il proprio domicilio; la legge tuttavia prevede che sia lo stesso condannato a fare richiesta di uno svolgimento continuativo della sanzione ed il giudice ritenga di potervi aderire: il giudice, quindi, avuto riguardo alle esigenze familiari, di lavoro, di studio o di salute del condannato, può disporre che la pena venga eseguita in giorni diversi della settimana ovvero, a richiesta del condannato, continuativamente. La durata della permanenza domiciliare non può essere inferiore a sei giorni né superiore a quarantacinque ed il condannato non è considerato in stato di detenzione con riguardo agli oneri e delle spese ricollegabili alla permanenza stessa. Il giudice può altresì imporre al condannato, valutati i criteri di cui all'articolo 133 comma secondo del codice penale, il divieto di accedere a specifici luoghi nei giorni in cui non è obbligato alla permanenza domiciliare, tenuto conto delle esigenze familiari, di lavoro, di studio o di salute del condannato; il divieto non può avere durata superiore al doppio della durata massima della pena della permanenza domiciliare e cessa in ogni caso quando è stata interamente scontata la pena stessa. Il lavoro di pubblica utilità consiste nella prestazione di attività non retribuita in favore della collettività da svolgere presso lo Stato, le Regioni, le Province, i Comuni o presso enti o organizzazioni di assistenza sociale e di volontariato, per un periodo non inferiore a dieci giorni né superiore a sei mesi. Essendo sanzione fondata su un facere, implica il consenso del condannato per conseguire apprezzabili risultati sul terreno dell'effettività. Per colui che non si reca sul luogo di lavoro di pubblica utilità ovvero lo abbandona è prevista la pena della reclusione fino ad un anno (si veda ancora l art. 56, co. 1, decreto 274/2000) L art. 33 del decreto 274, per l appunto, richiede l espressa formulazione di istanza da parte del prevenuto (qualora condannato a pena paradetentiva) sia per l esecuzione continuativa, sia per la prestazione del lavoro di pubblica utilità. Anche il difensore dell imputato, se munito di procura speciale (necessaria anche in caso di contumacia, cfr. Cass. pen., sez. IV, 29 novembre 2004, n. 1293), può formulare le due richieste. L'unico soggetto titolare della facoltà di richiedere l'applicazione della pena del lavoro di pubblica utilità è l'imputato, che per tale atto personalissimo non può essere rappresentato dal difensore, a meno che questi non sia munito di procura speciale, in quanto deve comunque risultare la consapevole accettazione della particolare modalità di emenda e delle conseguenze derivanti dalla violazione degli obblighi collegati alla 13

14 esecuzione di tale sanzione. Questo il testo della norma: Art. 33. Sentenza di condanna alla pena della permanenza domiciliare. 1. Subito dopo la pronuncia della sentenza di condanna alla pena della permanenza domiciliare, l'imputato o il difensore munito di procura speciale possono chiedere l'esecuzione continuativa della pena. 2. Il giudice, se ritiene di poter applicare in luogo della permanenza domiciliare la pena del lavoro di pubblica utilità, indica nella sentenza il tipo e la durata del lavoro di pubblica utilità che può essere richiesto dall'imputato o dal difensore munito di procura speciale. 3. Nel caso in cui l'imputato o il difensore formulino le richieste di cui ai commi 1 e 2, il giudice può fissare una nuova udienza a distanza di non più di dieci giorni, sempre che sussistano giustificati motivi. 4. Acquisite le richieste, il giudice integra il dispositivo della sentenza e ne dà lettura. Segue. Questioni sorte nella prassi applicativa Alcune questioni, dovute al difetto di coordinamento tra il decreto 274/2000 e i codici penale e di procedura penale, hanno imposto all interprete la ricerca di soluzioni adeguate. aa) E da rammentare, in primo luogo, che i reati di competenza del giudice di pace possono essere giudicati da altro organo, come avveniva per i reati di competenza del tribunale qualora commessi anteriormente all entrata in vigore del decreto 274 oppure come avviene, oggi, per effetto di connessione (limitata, peraltro, ai soli casi di concorso formale, ex art. 6 d. lvo 274/2000). In siffatte ipotesi, qualora l imputato sia condannato, il tribunale applicherà le sanzioni del microsistema e, in quanto applicabili, le disposizioni di cui agli articoli 33, 34, 35, 43 e 44 del decreto istitutivo del GdP (si veda l art. 63 d. lvo 274/2000). Ne deriva la legittimità del diniego della sospensione condizionale della pena da parte del tribunale investito di una causa per lesioni personali di durata non superiore a 20 giorni (si veda, con riferimento alla disciplina transitoria e, quindi, all ipotesi di successione di leggi, Cass. pen., sez. V, 8 febbraio 2006, n. 7225). bb) In talune vicende processuali si è posto il problema della pluralità di reati in concorso formale e attribuiti alla competenza (determinata dalla connessione) del tribunale, ma che, in base all art. 4 d. lvo 274/2000, sarebbero di competenza del giudice di pace. Ci si chiede se la pena debba essere unitariamente determinata, come pena di un unico genere (a causa dell aumento di cui all art. 81 c.p.) e debba, quindi, qualora il beneficio sia concedibile, essere sospesa ex art. 163 c.p. (soluzione accolta, almeno implicitamente, da Sez. IV, 28 marzo 2003, n ) oppure se, in virtù di una più radicale, ma certo più lineare, applicazione del principio di legalità, non sia preferibile mantenere distinte anche le possibili soluzioni sanzionatorie derivanti da sentenze per fatti che vengono giudicati unitariamente solo perché si trovano nella medesima fase processuale (unica situazione in cui, in presenza di connessione, i procedimenti possono essere riuniti). 14

15 Questa la soluzione giurisprudenziale: Quando a norma dell'art. 64 d.lg. 28 agosto 2000 n. 274, il reato di competenza del giudice di pace sia giudicato - in virtù della prorogatio iurisditionis - dal giudice superiore, il beneficio della sospensione condizionale della pena non può essere concesso, applicandosi in tal caso, per effetto del richiamo contenuto nell'art. 63 al Titolo II del suddetto decreto, la previsione ostativa di cui all'art. 60 d.lg. cit. (Nell'affermare tale principio la Corte ha osservato che a differenti conclusioni deve invece giungersi laddove il reato di competenza del giudice di pace sia giudicato dal giudice superiore per motivi di connessione, sul rilievo che il beneficio deve riguardare l'intera pronuncia, cfr. Cass. pen., sez. IV, 28 marzo 2003, n , Cass. pen. 2004, 2021). cc) Analoghi problemi possono sorgere nel caso di erronea applicazione della reclusione in luogo delle differenti sanzioni applicabili per i reati di competenza del giudice di pace quando, come nella situazione valutata dalla Sez. V nella sentenza n del 3 dicembre 2003 (ma nella specie l inammissibilità dell impugnazione impedisce alla Corte di rilevare l illegittimità della pena, altrimenti rilevabile d ufficio). La soluzione è ineccepibile dal punto di vista processuale, ma non è chiaro se e con quali modalità il possibile problema di una pena illegittima potrà essere risolto nella fase dell esecuzione: L'illegittimità della pena è rilevabile d'ufficio ed è, quindi, sindacabile indipendentemente dalla deduzione di specifiche doglianze in sede di impugnazione; tuttavia, essa non determina il superamento della preclusione processuale derivante dall'inammissibilità del gravame, che impedisce il passaggio del procedimento all'ulteriore grado di giudizio ed inibisce la cognizione della questione e la rivisitazione del decisum per la formazione del giudicato interno. (In applicazione di questo principio la S.C., pur rilevando l'illegittimità della pena applicata dal giudice di appello per il reato di lesioni lievissime - che rientra nella competenza del giudice di pace ed è punito, ex artt. 4, 63, 64, d.lg. n. 274 del 2000, con la multa e non con la reclusione, sanzione che deve essere irrogata anche nel caso in cui, per qualsiasi ragione, il processo sia celebrato dal giudice ordinario - e pur ritenendo, in assenza di specifiche doglianze al riguardo da parte del ricorrente, che si tratti di questione rilevabile d'ufficio, ha affermato - sussistendo una causa di inammissibilità del ricorso - la prevalenza di quest'ultima, in quanto preclusiva della formazione di un valido rapporto di impugnazione e, quindi, in grado di impedire l'esercizio del potere di cognizione del giudice ad quem anche per le questioni rilevabili ex officio, cfr. Cass. pen., sez. V, 3 dicembre 2003, n , Cass. pen. 2006, 2 615). dd) V è da chiedersi se anche il Tribunale per i Minorenni, quando giudica le lesioni dolose lievi commesse da un minorenne, possa applicare le sanzioni previste dalla legge istitutiva del giudice di pace. Soccorre, al proposito, il testo dell art. 63 d. l.vo n. 274/2000 laddove stabilisce che "nei casi in cui i reati indicati nell'articolo 4 commi 1 e 2, sono giudicati da un giudice diverso dal giudice di pace, si osservano le disposizioni del titolo II dello stesso decreto legislativo (vale a dire "le sanzioni applicabili dal giudice di pace") nonché, in quanto applicabili, le disposizioni di cui agli articoli 33, 34, 35, 43 e 44". Se è così, quando il tribunale per i minorenni si trovi a dover giudicare un reato di competenza del giudice di pace, commesso da un minore, dovrà irrogare le più miti sanzioni previste dal Decreto Legislativo n. 274/2000 e parimenti procedere, se del caso, alla definizione alternativa del procedimento ai sensi degli articoli 34 e 35 del decreto stesso (così, espressamente, Cass. pen., sez. V, 26 aprile 2005, n ). A fronte di un fatto di particolare tenuità, invero, parrebbe prevalere la sentenza di irrilevanza del fatto ex art. 27 d.p.r. n. 448/1988 (che, peraltro, non prevede alcun tipo di conseguenza sanzionatoria), perché più favorevole per il minorenne, sulla improcedibilità ai sensi dell art. 34 d. l.vo n. 274/2000. ee) Uno dei problemi più importanti, per via della possibile portata applicativa, deriva 15

16 dall ipotizzata prescrizione triennale dei reati (o di parte dei reati) di competenza del GdP, ossia dal testo nuovo (introdotto dalla legge 5 dicembre 2005 n. 251) art. 157, co. 5, c.p., che dispone che quando per il reato la legge prevede pene diverse da quella detentiva e da quella pecuniaria si applica il termine di tre anni, con ciò derogando vistosamente dal termine minimo, ex art. 157, co., 1 c.p., di 6 anni per i delitti e di 4 anni per le contravvenzioni. Uniche pene che potrebbero essere considerate di natura diversa da quelle detentive e pecuniarie sono le sanzioni paradetentive della legge istitutiva del giudice di pace, ma si tratta di soluzione sistematicamente inaccoglibile, dati i notevoli spazi di discrezionalità concessi al giudicante nella determinazione della pena: basti pensare che lo stesso fatto, se punito con pena pecuniaria si prescriverebbe in 6 anni e, se punito con una delle sanzioni paradetentive, si prescriverebbe in un periodo di tempo dimezzato. La Cassazione, d altronde, ha sempre salvato il termine di prescrizione ordinario: Il termine di prescrizione per i reati di competenza del g.d.p. (nella specie ingiuria aggravata) è quello ordinario e non quello triennale previsto dall'art. 157, comma 5, c.p. - nel testo novellato dalla l. n. 251 del considerato che esso ne prevede l'applicabilità per il reato per il quale la legge stabilisce pene diverse da quelle detentive e che le pene della permanenza domiciliare e del lavoro di pubblica utilità applicabili, nella specie, in alternativa alla multa, si considerano, ex art. 58 d.lg. n. 274 del 2000, per ogni effetto giuridico, e quindi anche per il computo dei termini di prescrizione, come pena detentiva della specie corrispondente a quella della pena originaria (nella specie reclusione). Così Cass. pen., sez. V, 21 giugno 2007, n , a cui si conformano sez. V, 13 giugno 2007, n , sez. IV, 3 ottobre 2007, n e sez. IV, 24 ottobre 2007, n L irragionevolezza della previsione è stata oggetto di una serie di questioni di legittimità costituzionale che la Consulta ha dichiarato manifestamente infondate (con sentenza 18 gennaio 2008, n. 2), rilevando che il sistema non ospita, allo stato, alcun tipo di previsione di reato rientrante nel comma 5 dell art. 157 c.p., essendo l ipotizzata incostituzionalità il frutto di erronea interpretazione e fondando il proprio assunto sul rilievo che nel diritto vigente le pene cosiddette «para-detentive» non sono previste dalla legge come sanzioni applicabili in via esclusiva per determinati reati, ma costituiscono l oggetto di un opzione che il giudice può compiere in alternativa ad altre. La Corte costituzionale ha quindi concluso rilevando quindi che - il quinto comma dell art. 157 cod. pen., con la relativa previsione di un termine triennale per la prescrizione, si riferisce a reati che non siano puniti con una pena detentiva o pecuniaria, e quindi, in definitiva, a reati per i quali le pene «paradetentive» siano previste dalla legge in via diretta ed esclusiva ; - il novellato quinto comma dell art. 157 cod. pen. avrebbe inteso porre le premesse per un futuro sistema sanzionatorio caratterizzato da pene diverse da quelle detentiva e pecuniaria, non più ragguagliato, con riferimento agli effetti giuridici, a quello generale, ma munito, quanto meno ai fini della prescrizione, di una norma generale del tutto peculiare. Senza forzature interpretative, non si può ritenere che tale nuovo sistema sia stato ancora costruito, con la duplice conseguenza che la sanzione pecuniaria rimane elemento comune a tutti i reati di competenza del giudice di pace (con facoltà per lo stesso di avvalersi, in via alternativa, delle sanzioni «paradetentive»), e che i criteri di ragguaglio dettati dall art. 58, comma 1, del d.lgs. n. 274 del 2000 sono ancora operativi, poiché tale disposizione non è stata abrogata né esplicitamente né implicitamente. 16

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130

Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130 Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130 Dossier n 135 - Schede di lettura 12 gennaio 2015 Informazioni sugli

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE PARTE SECONDA LIBRO DECIMO: ESECUZIONE. TITOLO I Giudicato. Art. 648. Irrevocabilità delle sentenze e dei decreti penali.

CODICE DI PROCEDURA PENALE PARTE SECONDA LIBRO DECIMO: ESECUZIONE. TITOLO I Giudicato. Art. 648. Irrevocabilità delle sentenze e dei decreti penali. CODICE DI PROCEDURA PENALE PARTE SECONDA LIBRO DECIMO: ESECUZIONE TITOLO I Giudicato Art. 648. Irrevocabilità delle sentenze e dei decreti penali. 1. Sono irrevocabili le sentenze pronunciate in giudizio

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE Art. 1. (Giurisdizione penale) - 1. La giurisdizione penale è esercitata dai giudici previsti dalle leggi di ordinamento

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

ART. 1 (Modifiche al codice penale)

ART. 1 (Modifiche al codice penale) ART. 1 (Modifiche al codice penale) 1. Dopo l articolo 131 del codice penale, le denominazioni del Titolo V e del Capo I sono sostituite dalle seguenti: «Titolo V Della non punibilità per particolare tenuità

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art.

Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art. Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art. 1, comma 1, lett. m, della legge 28 aprile 2014, n. 67 RELAZIONE Lo

Dettagli

Non punibilità per particolare tenuità del fatto: le linee-guida della Procura di Lanciano, di Gian Luigi Gatta 3 Aprile 2015

Non punibilità per particolare tenuità del fatto: le linee-guida della Procura di Lanciano, di Gian Luigi Gatta 3 Aprile 2015 Non punibilità per particolare tenuità del fatto: le linee-guida della Procura di Lanciano, di Gian Luigi Gatta 3 Aprile 2015 A proposito del nuovo art. 131 bis c.p. (disposizione in vigore dal 2.4.2015)

Dettagli

Messa alla prova per gli adulti: una prima lettura della L. 67/14

Messa alla prova per gli adulti: una prima lettura della L. 67/14 LA DIALETTICA DIBATTIMENTALE: CONFRONTO A PIU VOCI Villa di Castel Pulci, Scandicci 9-11 giugno 2014 Messa alla prova per gli adulti: una prima lettura della L. 67/14 a cura di Valeria Bove Giudice del

Dettagli

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Nel lento e accidentato percorso verso un diritto penale minimo, l opportunità di introdurre anche nel procedimento ordinario,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

I. Introduzione. Nella giurisprudenza costituzionale è ripetuta l'affermazione secondo cui il procedimento penale davanti al giudice di

I. Introduzione. Nella giurisprudenza costituzionale è ripetuta l'affermazione secondo cui il procedimento penale davanti al giudice di Peculiarità e differenze del procedimento penale di cui al D.Lgs. 274/2000 rispetto al modello ordinario. Aggiornamenti alla luce delle modifiche introdotte dal legislatore e delle interpretazioni proposte

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE Prof. Mariacarla Giorgetti Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici fondamentali, strettamente collegate: il principio della

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

L istituto della messa alla prova per gli adulti : indicazioni operative per il giudice e provvedimenti adottabili 1

L istituto della messa alla prova per gli adulti : indicazioni operative per il giudice e provvedimenti adottabili 1 indicazioni operative per il giudice e provvedimenti adottabili 1 di Valeria Bove giudice del Tribunale di Napoli SOMMARIO 1 Introduzione: un vademecum rivolto ai giudici del Tribunale di Napoli 1 2 L

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5 L. 25 gennaio 1994, n. 82 (G.U. n. 27 del 3 febbraio 1994): Disciplina delle attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione e di sanificazione. Art. 1 (Iscrizione delle imprese

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

GIURISPRUDENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE SULLE DISPOSIZIONI MODIFICATE DAL D.L. 21 FEBBRAIO 2005, N. 17, CONV. DALLA L. 22 APRILE 2005, N.

GIURISPRUDENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE SULLE DISPOSIZIONI MODIFICATE DAL D.L. 21 FEBBRAIO 2005, N. 17, CONV. DALLA L. 22 APRILE 2005, N. GIURISPRUDENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE SULLE DISPOSIZIONI MODIFICATE DAL D.L. 21 FEBBRAIO 2005, N. 17, CONV. DALLA L. 22 APRILE 2005, N. 60 Sez. 1, Sentenza n. 16717 del 13/3/2007 Ud. (dep. 2/5/2007),

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan-

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan- Civile Sent. Sez. 1 Num. 26065 Anno 2014 Presidente: SALVATORESALVAGO Relatore: Data pubblicazione: SENTENZA sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA GRAZIA Elettivamente

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 6 dicembre 2006, ha adottato la seguente delibera:

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 6 dicembre 2006, ha adottato la seguente delibera: Problematiche relative alla nuova formulazione dell art. 2 Legge Guarentigie. Interpretazione del nuovo testo dell'art. 2 L.G., così come modificato dal D.L.vo n. 109/2006 (Risoluzione del 6 dicembre 2006)

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie INDICE GENERALE Allegato 1 Codice del processo amministrativo Allegato 2 Norme di attuazione Allegato 3 Norme transitorie Allegato 4 Norme di coordinamento e abrogazioni 1 INDICE SOMMARIO ALLEGATO 1 Codice

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO Gli Stati contraenti della presente convenzione, desiderosi di promuovere gli scambi e gli investimenti internazionali attraverso una migliore cooperazione

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

L. 21 novembre 1967, n. 1185 (1). Norme sui passaporti (1/a) (1/circ). Disposizioni generali

L. 21 novembre 1967, n. 1185 (1). Norme sui passaporti (1/a) (1/circ). Disposizioni generali L. 21 novembre 1967, n. 1185 (1). Norme sui passaporti (1/a) (1/circ). Disposizioni generali 1. Ogni cittadino è libero, salvi gli obblighi di legge, di uscire dal territorio della Repubblica, valendosi

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico?

Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico? Accertamento sintetico Art. 38, dpr 29/9/73, n. 600; artt. 2727 e 2729 cc; artt. 4 e 5, D.Lgs. 10/3/00, n. 74 Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico? di Alessandro Traversi* L'accertamento

Dettagli

I mezzi di impugnazione

I mezzi di impugnazione 4 I mezzi di impugnazione SOMMARIO 1. L appello previsto dall art. 310 c.p.p. 2. Il ricorso per Cassazione previsto dall art. 311 c.p.p. 2.1. La impossibilità di scelta per la difesa del c.d. ricorso per

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO PER LA MEDIAZIONE

CARTA DEI SERVIZI CENTRO PER LA MEDIAZIONE CARTA DEI SERVIZI CENTRO PER LA MEDIAZIONE ANNO 2013 Il nuovo logo del Centro per la mediazione è stato elaborato da Bottega Grafica, progetto educativo dell Istituto Penale per i Minorenni di Treviso,

Dettagli

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE Al Comune di Lamporecchio Ufficio Tecnico Lavori Pubblici - Piazza Berni, 1-51035 Lamporecchio (PT) OGGETTO: CONCESSIONE DEI LAVORI DI COSTRUZIONE E GESTIONE DI UN IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO ALIMENTATO

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli