Il testo, la quotatura e la misurazione nel disegno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il testo, la quotatura e la misurazione nel disegno"

Transcript

1 Alla fine del capitolo saremo in grado di: Inserire il testo nel disegno o nelle tavole di composizione Gestire gli attributi di testo e lo stile di testo Gestire le annotazioni Gestire gli stili di quotatura con gli stili di testo associati Utilizzare i diversi strumenti di quotatura Assegnare le giuste dimensioni agli elementi di quotatura per la stampa Misurare elementi grafici Visualizzare proprietà geometriche ed inerziali di elementi piani o solidi. Inserire testi o oggetti da programmi dell Office Automation con relativo collegamento e modifica. Considerazioni generali Oltre all informazione grafica, è necessario corredare il disegno dell informazione testuale, la quale si suddivide essenzialmente tra: Testo. Quotatura. Informazioni tecniche aggiuntive. Il testo serve a corredare il disegno di informazioni non desumibili dalla forma dell oggetto. La quotatura è l operazione che associa specifiche parti degli oggetti rappresentati o loro insiemi, alle rispettive dimensioni al fine di consentire: La costruzione di manufatti. L installazione di manufatti. La definizione degli ingombri di oggetti, macchine o impianti. Oltre a poter inserire nel disegno informazioni per chi utilizzerà il prodotto grafico finale, il programma prevede anche la possibilità di acquisire informazioni circa le caratteristiche dimensionali di quanto realizzato e, a partire da alcune versioni del programma, è possibile: Inserire, nell area di disegno, punti o forme grafiche particolari dette Celle (vedere Le celle ) acquisendo le coordinate di tali punti da uno specifico file di testo. Esportare coordinate, in uno specifico file di testo, partendo da un insieme di punti od elementi selezionati nell area di disegno. Queste ultime due caratteristiche non sono trattate nel presente percorso d apprendimento di MicroStation. Esaminiamo ora come gestire: Il testo, per quelle possibilità che sono in genere richieste dal disegno. Appropriati strumenti che migliorano l efficacia di inserimento del testo (le Annotazioni). La Quotatura.

2 Gli strumenti che consentono di ricavare informazioni geometriche dai singoli oggetti rappresentati siano essi bidimensionali che tridimensionali (distanze tra punti, lunghezze di parti di elementi grafici, estensioni delle aree e dei volumi, ecc). Inserimento dati numerici ed esportazione informazioni da grafici Scelte preliminari per la fase di quotatura e per l inserimento del testo Indipendentemente dallo scopo per il quale è necessario quotare un disegno, è necessario, prima di iniziare tale operazione, fare alcune scelte preliminari; in particolare: Definire del livello da assegnare alle quote e al testo. Definire gli attributi inerenti alla quotatura e al testo. Scegliere il tipo di quotatura: serie, parallela, progressiva, mista, per coordinate, ecc. Quando si deve gestire un modello tridimensionale, si determina un altro elemento di scelta rispetto alla quotatura o all inserimento del testo. Infatti, mentre nel disegno bidimensionale, definite le caratteristiche sopra richiamate, l oggetto rappresentato può essere direttamente quotato nel file di disegno. Nel caso di un modello tridimensionale, pur potendo quotare direttamente il modello stesso, è opportuno, gestire le informazioni relative alla quotatura e quelle relative al testo durante la fase di composizione del disegno per la sua messa in tavola (vedere in La Composizione del disegno e la stampa ). Per un organizzazione razionale del disegno, è opportuno associare il testo e le quote a specifici livelli in modo da poterle gestire separatamente dal resto del disegno. Proponiamo di aggiungere al modello dei livelli illustrato in Definizione logica del progetto con i livelli due livelli denominati rispettivamente Quote e Testo. Nel caso le esigenze di suddivisione delle quotature e del testo siano più spinte e non sia sufficiente la tecnica dei modelli per gestire la stampa, si possono assegnare livelli distinti ai diversi elementi della quotatura e del testo e, successivamente definire i filtri della quotatura e del testo ed eventualmente i gruppi di livelli relativi agli stessi elementi grafici. Il testo nel disegno Il testo è una parte essenziale nell ambito del disegno tecnico. Esso serve, in genere, ad inserire le informazioni essenziali per descrivere nel modo più completo possibile quanto rappresentato, (oltre alla forma e alle dimensioni) in modo che il disegno risulti, per quanto possibile, privo di ambiguità. Il testo allo stato attuale oltre ad essere gestito con gli strumenti di MicroStation, può essere gestito attraverso l inserimento di oggetti testuali utilizzando gli strumenti di interoperabilità presenti nei pacchetti software che supportano la tecnologia OLE2, come mostreremo al termine del presente capitolo. In questo caso il testo inserito nel documento di disegno sarà gestito direttamente dal programma utilizzato e, di conseguenza, tutto quanto qui di seguito sarà affermato non avrà, in tal caso, alcuna validità. Gli attributi del testo e gli stili di testo Con la versione V8 la gestione degli strumenti di teso è stata sensibilmente migliorata inserendo strumenti propri dei programmi dell office Automation e in particolare gli stili di testo. Per stili di testo si intende l insieme degli attributi del testo che il programma è in grado di gestire per ciascun elemento di testo. 376

3 Nel gestire gli stili di testo, possiamo prendere visione di tutti gli attributi relativi al testo medesimo. Se si attiva il comando Posiziona testo o alcuni altri comandi appartenenti allo stesso gruppo, compare una finestra di dialogo che risulta modificata rispetto alle versioni precedenti e consente di gestire gli stili di testo. Figura 1 Per coloro che desiderano operare senza gli stili di testo, devono premere il pulsante freccia posto nella parte inferiore destra della finestra di dialogo per ottenere un ambiente operativo riportato in Figura 2. Figura 2 In questo capitolo illustreremo però la gestione del testo e della quotatura attraverso gli stili in quanto lo strumento è sicuramente più razionale. Per gestire il testo utilizzando gli stili, si deve premere il pulsante a forma di lente di ingrandimento, si ottiene la finestra di dialogo di Figura

4 Figura 3 La finestra di dialogo dello stile di testo presenta due pagine: Generale e Avanzate. Inoltre è presente il menu File che consente di: Creare un nuovo stile Salvare un stile nuovo o modificato Copiare uno stile per crearne uno nuovo utilizzando le caratteristiche di uno esistente Importare un insieme di stili da un file di disegno o da un file seme Eliminare uno stile Annullare le ultime modifiche apportate ad uno stile e non ancora memorizzate. Le stesse operazioni sono possibili utilizzando i corrispondenti comandi iconici presenti nella finestra di dialogo che gestisce lo stile. La creazione di un nuovo stile Lo stile disponibile è denominato nessuno e può essere modificato nei suoi attributi ma non può essere eliminato né rinominato. Per creare un nuovo stile si deve: Selezionare lo stile di partenza (in effetti il nuovo stile è una copia dello stile correntemente selezionato) Premere il pulsante iconico Nuovo o il corrispondente comando del menu File. A seguito di tale operazione compare un nuovo stile nell elenco avente gli stessi attributi dello stile selezionato all atto della creazione di quello corrente. La prima cosa da fare è quella di assegnare un nuovo appropriato allo stile. Per assegnare il nome allo stile di testo, si deve modificare quello assegnato per default dal programma, operando nel seguente modo: 378

5 Portare il cursore di schermo in corrispondenza di una riga della tabella degli attributi (riquadro di destra della finestra di dialogo di Figura 4). Eseguire un click per la selezione del parametro da modificare (in questo caso il nome dello stile). Figura 4 Eseguire un secondo click in corrispondenza del campo contenente il valore, del parametro da modificare. (nel nostro caso senza titolo 1). Digitare il nuovo nome da assegnare allo stile. Operando nel modo innanzi indicato, si possono modificare in modo individuale tutti i parametri che caratterizzano uno stile. Quando un parametro è caratterizzato da un insieme di valori, in corrispondenza alla selezione del campo compare un elenco di valori. L utente si rende conto immediatamente di tale caratteristica, per la comparsa di un pulsante con freccia (pulsante elenco), come ad esempio nel caso del parametro font. Figura 5 379

6 A seguito della modifica di qualunque attributo, in corrispondenza del nome dello stile nel riquadro di sinistra della finestra di dialogo, appare il simbolo di * il quale sta ad indicare che lo stile correntemente selezionato ha subito variazioni rispetto all ultima memorizzazione. Per far si che lo stile che si sta modificando si possa riutilizzare con le stesse caratteristiche in successive sessioni di lavoro, è necessario memorizzarlo nuovamente, premendo sull icona della finestra di dialogo che riporta il simbolo del floppy disk. Gli attributi essenziali di uno stile di testo sono riportate nella finestra di dialogo dello stile nella pagina Generale, nel caso in cui si voglia gestire tutti gli attributi, è necessario attivare la pagina Avanzate. In tutti i casi i principali attributi che caratterizzano lo stile di testo sono: Tipo di carattere o Font, che può essere scelto dall elenco sotteso dal relativo pulsante o definito attraverso il numero associato al Font stesso sono gli stessi di Windows (True Type), quelli di Autocad (Shx) e quelli storici dell ambiente di MicroStation (rsc quelli che compaiono nell elenco con l icona di Bentley). Lo stile di carattere (Corsivo, Grassetto) Le dimensioni del carattere (Altezza, Larghezza). L interlinea (Spazio tra linee) quando il testo dovrà essere disposto su più linee. L inclinazione dei caratteri e non della linea di testo rispetto all orizzontale. La sottolineatura del testo e la sua disposizione verticale od orizzontale. L allineamento della singola linea o di una multilinea di testo. Nella parte inferiore della finestra di dialogo, è mostrato il risultato, man mano che si apportano modifiche agli attributi del testo. La memorizzazione dello stile e il suo utilizzo Una volta che gli attributi dello stile di testo sono stati definiti, è necessario memorizzare lo stato dello stile (attenzione ad assegnare un nome appropriato quando si utilizzano molti stili). A questo punto lo stile è disponibile nella finestra di dialogo che consente di inserire il testo, con gli attributi definiti in precedenza, nell area di disegno. Figura 6 Si può osservare che, nella finestra di dialogo di inserimento, si possono variare in modo dinamico alcuni parametri quali: L angolo attivo che definisce l orientamento del testo L altezza e la larghezza del testo se gli attributi risultano attivati. Una volta scelto lo stile, si deve digitare il testo all interno della finestra Editor che compare contestualmente alla finestra di dialogo che consente la scelta dello stile di testo. Se l ambiente in cui si inserisce il testo è differente da quello rappresentato in Figura 7, significa che è attiva una differente impostazione attraverso la voce preferenze del menu Area di lavoro, categoria Testo. L ambiente più completo è quello denominato Elaboratore testi. Nel caso si utilizzi l elaboratore testi, è possibile modificare lo stile Grassetto e Corsivo, 380

7 il colore, il controllo ortografico, trasformare le frazioni in uno dei 3 modi possibili, dopo aver selezionato l insieme dei caratteri che compongono la frazione. Figura 7 Figura 8 Figura 9 381

8 Intanto che si digita il testo da inserire, nell ambiente dell elaboratore testi, il testo compare anche nell area di disegno. Si può notare la presenza del cursore di schermo a forma di X, la cui posizione rispetto al testo, dipende dall allineamento assegnato al testo stesso tra quelli disponibili. La scelta del tipo di allineamento del testo, si ottiene operando con lo stile di testo in corrispondenza della voce Allineamento (come riportato in Figura 9). Figura 10 Per posizionare il testo è sufficiente portare il cursore di schermo nel punto desiderato ed eseguire un click del tasto sinistro del mouse. Si può osservare in Figura 10 che è possibile manipolare alcuni attributi del testo direttamente nella fase di inserimento (ad esempio l inclinazione del testo). Se si vuol inserire un nuovo testo, è sufficiente premere il tasto destro del mouse del mouse e quindi digitare il nuovo testo nella corrispondente finestra dell Editor. Se si inserisce un testo che occupa più linee, il programma suddivide il testo tra le linee in funzione del valore del parametro lunghezza linea; tale parametro stabilisce quanti caratteri saranno inserite in una generica linea di testo indipendentemente da come è mostrato il testo stesso nella finestra di dialogo dell editor di testo. Rapporto tra dimensioni del testo, unità di lavoro e modelli Dobbiamo rammentare che con la versione 8 si può operare con i modelli, e che tale strumento di lavoro è estremamente utile nella fase di composizione del disegno così come illustrato nel precedente capitolo. Ora le impostazioni delle unità di lavoro, possono variare al variare dei modelli. Con il metodo di lavoro proposto nel capitolo relativo alla composizione di lavoro, si impostano differenti unità di lavoro nei modelli relativi alla rappresentazione degli elementi grafici progettuali, rispetto ai modelli utilizzati per la composizione di disegno. In generale per i modelli delle tavole di disegno le unità principali e quelle secondarie sono in mm, mentre le unità degli elementi grafici progettuali, dipendono da ciò che si sta rappresentando: se si rappresenta una casa le unità principali potrebbero essere i metri mentre se si rappresentano gli orologi, le unità principali saranno millimetri. Il programma, per uno stesso stile di testo, varia in modo le dimensioni di larghezza e altezza dei caratteri, in base al modello correntemente attivo. 382

9 Per gestire al meglio le caratteriste dimensionali dello stile di testo, si può operare nel seguente modo: Selezionare il modello nel quale si vuol inserire il testo. Creare lo stile di testo con le caratteristiche desiderate ed assegnare allo stesso un nome appropriato e di facile riconoscimento. Memorizzare lo stile di testo con un nome appropriato; ad esempio i testi da usare nel composizione del disegno, potrebbero avere il suffisso cartiglio. Controllare, una volta memorizzato gli attributi di testo, che il valore di altezza e di larghezza del testo siano appropriati (nella composizione del disegno i testi devono essere nell ordine dei mm. Nel caso in cui il valore non sia appropriato, in quanto risente del rapporto tra le unità di lavoro del modello iniziale (comprensivo anche del valore delle unità posizionali) e quello del modello corrente, è necessario modificare in modo appropriato il valore delle dimensioni del testo in modo che, a seguito della memorizzazione, nel modello in cui si intende utilizzare lo stile, le dimensioni siano appropriate. Ripetere tale operazione per tutti i modelli che hanno differenti unità di lavoro e nei quali si vuol inserire il testo. Il metodo di posizionamento Vi sono diversi metodi di posizionamento del testo; il metodo più frequentemente utilizzato è quello rispetto all origine (Per Origine). Durante il posizionamento del testo è necessario tener conto: Della posizione corrente del cursore. Dell angolo attivo. Del tipo di allineamento assunto. La coincidenza dell inizio del testo con la posizione corrente del cursore si ha solo quando si sceglie per origine e l allineamento è a sinistra. Può, però esser necessario posizionare il testo in funzione di altre esigenze. Il programma consente di posizionare il testo secondo le possibilità sono mostrate azionando il pulsante Metodo della finestra di dialogo che è attivata all atto dell inserimento del testo. Figura 11 I metodi Adattato e Adattato VI risultano utili quando si deve inserire il testo con orientamento e dimensioni di carattere non noti o non vincolanti. In effetti una volta digitato il testo il programma richiede il primo punto di inserimento che è identico a quello di inserimento per origine. Successivamente, il programma richiede l inserimento del punto finale del testo. Se si muove il cursore di schermo di può notare che il testo risulta automaticamente ridimensionato rispetto allo spazio disponibile tra il punto 383

10 iniziale e quello finale (fino al valore massimo possibile di altezza del carattere) e, contestualmente, è modificata la direzione in quella individuata dalla retta individuata dai due punti di inserimento del testo L attributo di indipendenza della vista, implicito nel metodo Adattato VI e esplicitamente indicato quale terzo metodo nella finestra di dialogo di Figura 11, può essere utilizzato in ambiente tridimensionale in modo che il testo sia indipendente dal punto di vista dell osservatore rispetto all oggetto. Figura 12 Per rendersi conto dell effetto, è sufficiente inserire un testo nella vista dall alto con l attributo di indipendente dalla vista ed osservare l orientamento dello stesso testo nelle altre viste; successivamente riprovando l inserimento dello stesso testo per Origine si nota come il testo possa essere osservato solo nella vista di inserimento e nella vista assonometrica, mentre sulle altre viste si riduce ad un segmento. Gli altri metodi per il posizionamento del testo sono riferiti all elemento che deve essere selezionato dopo aver digitato il testo che si desidera inserire nel disegno. Con il programma è possibile disporre il testo: Sopra o sotto un elemento. Su un elemento. Lungo un elemento. Se si utilizza il secondo metodo, occorre tener presente che l elemento deve essere una linea piana, chiusa o aperta e che quest'ultima è automaticamente ritagliata dal testo. Per questo motivo l elemento grafico non può più essere utilizzato nella sua forma originaria. Figura

11 Quando si utilizza uno di questi metodi, l orientamento del testo è definito dal punto in cui si seleziona l elemento a cui si deve associare il testo. Tale caratteristica può essere verificata associando il testo alle primitive circolari o curve in genere. È simpatico l utilizzo del metodo lungo elemento in quanto il testo viene fatto fluire lungo un elemento grafico. Nella Figura 13 sono riportati alcuni esempi di testi posti lungo un elemento. Quando si posiziona il testo lungo un elemento è necessario stabilire se il testo debba essere disposto sopra o sotto la linea descritta dall elemento e occorre eseguire delle prove per stabilire se gli eventuali raggi di curvatura sono idonei per posizionare il testo. Il testo può essere troncato, quando lo spazio lineare occupato dallo stesso è superiore alla lunghezza della linea o della curva lungo la quale deve essere posizionato. Quando si posiziona il testo lungo una circonferenza, il verso di percorrenza della circonferenza stessa da parte del testo dipende dal punto in cui viene selezionato l elemento grafico. Attenzione: Il testo, una volta disposto lungo un elemento,il testo è associato all elemento stesso. Pertanto le modifiche apportate all elemento grafico, saranno riportate anche sul testo associato. La modifica del testo Il testo, oltre alle modifiche che di seguito saranno descritte, può essere modificato come un normale oggetto grafico. Esso può essere modificato rispetto a : Livello, colore, spessore Posizione, orientamento scala, simmetria. Inoltre può essere eseguita una copia del testo. Oltre a tutte queste modifiche è possibile apportarne altre che dipendono dalle caratteristiche proprie del testo. In particolare le modifiche possono essere suddivise in due categorie: Contenuto del testo. Attributi del testo. Modifica del contenuto Nel caso in cui sia voglia modificare il contenuto del testo, è sufficiente premere il pulsante Modifica del testo indicato nella Figura 14. Figura

12 Si può notare che l ambiente operativo è sostanzialmente uguale a quello di inserimento avendo anche la possibilità di modificare lo stile di testo e gli attributi di testo essenziali. Per modificare il testo si deve: Attivare il comando che consente la modifica del contenuto. Selezionare il testo da modificare. Apportare le modifiche al testo all interno della finestra di dialogo Editor di Testo. Eseguire un click nell area di lavoro. Modifica degli attributi diretta e attraverso lo stile di testo Per modificare in modo globale gli attributi di testo, si deve: Attivare il comando Cambia attributi di testo del gruppo Testo riportato Figura 15 Impostare i nuovi valori degli attributi che si intendono modificare o, in alternativa, scegliere uno stile appropriato. Selezionare con il cursore di schermo il testo del quale si vogliono modificare gli attributi, utilizzando eventualmente, gli strumenti di selezione multipla. Nel caso in cui il testo sia stato preventivamente selezionato, le modifiche saranno assegnate a tutti gli elementi di testo. Figura

13 In Figura 15 è mostrata la modifica di alcuni degli attributi del testo. Come si può notare non è possibile modificare la rotazione del testo. Per far ciò è necessario utilizzare lo strumento di rotazione degli elementi grafici. Attenzione: Nel caso in cui un testo sia stato inserito nel disegno associato ad uno stile, per modificare gli attributi del testo è sufficiente modificare gli attributi dello stile senza alcuna selezione del testo; è necessario, però, salvare le modifiche apportate allo stile, controllando che le dimensioni assumano il valore appropriato. Altri strumenti per gestire il testo Il programma consente di utilizzare, attraverso il gruppo di comandi Testo, riportato anche in Figura 14, altri strumenti relativi al testo, i quali permettono di: 1) Copiare un testo contenente un numero e incrementare il valore di tale numero di una variazione prefissata. 2) Gestire elenchi di testo in forma tabellare. 3) Riempire campi di dati. 4) Importare il testo preventivamente realizzato con altri programmi in grado di memorizzare le informazioni in formato ASCII. Inoltre sono disponibili altri strumenti, sempre presenti nel gruppo Testo, la cui funzione ed operatività sono desumibili dall Help in linea. Le prime tre possibilità operative, oggi sono sostanzialmente superate dalla possibilità di inserire nel file di disegno tabelle realizzate con programmi di tabelle elettroniche come ad esempio Excel (l uso delle tabelle elettroniche sarà illustrato in seguito in questo capitolo). Vi sono altre possibilità di inserire testo nell area di lavoro come sarà illustrata nell ultima parte di questo capitolo. Le annotazioni Figura

14 Oltre alla possibilità di inserire una o più righe di testo, il programma consente di corredare il disegno di ulteriori informazioni che consentono di completare il disegno stesso in fase di definizione delle tavole. Il pannello delle Annotazioni è disponibile attivando la voce corrispondente presente nel menu Strumenti. Da tale pannello sono desumibili tre sottogruppi di comandi: Annota. Strumenti di disegno. Testo XYZ. Inoltre è possibile inserire delle Note con linee indicatrici semplici, utilizzando il comando Posiziona Nota, presente nel gruppo di comandi Testo. Mentre i primi due sottogruppi di comandi consentono la gestione delle annotazioni aggiuntive al disegno, il terzo gruppo di comandi ha una funzionalità che non è proprio del tutto coerente con la funzione di messa in tavola. Di seguito mostreremo, di quest'ultimo gruppo di comandi, solo il comando utile a ricavare la posizione nello spazio di specifici punti di figure geometriche o la posizione corrente del cursore nella spazio di lavoro. Gli altri due comandi del gruppo, quello di: Importazione (Freccia orientata verso l alto). Esportazione (Freccia orientata verso il basso). saranno illustrati nel capitolo relativo alla modellazione superficiale. Inserimento di note con linee indicatrici Il comando Posiziona Nota consente di inserire del testo associato ad una linea indicatrice ed una terminatore (freccia). L elemento grafico che costituisce la nota di testo, è costituita da 2 Parti: Il testo comprensivo della frame e del tratto lineare orizzontale detta linea indicatrice. Un tratto lineare con terminatore o freccia che è un elemento di quotatura. Figura

15 La gestione delle proprietà dell elemento di quotatura (Linea indicatrice) sarà illustrata, di seguito nel corrente capitolo, nell ambito delle quote. La parte testuale della nota deve essere digitata nel riquadro dell editor di testo e, prima di essere posizionata sullo schermo, il programma richiede: la posizione del punto iniziale della nota e, successivamente, quella del punto finale. Nel caso sia attiva l opzione linea indicatrice, comparirà anche il tratto lineare orizzontale. Con lo strumento Posiziona Nota, è possibile: Stabilire un tipo di Cornice del testo (frame). L allineamento del testo che costituisce la nota stessa. Una caratteristica interessante è il Blocco di associazione, che sarà illustrato in modo approfondito durante l esposizione degli strumenti di quotatura. Se, quando si inserisce una nota, ed ilo blocco di associazione si verificano le seguenti condizioni di lavoro: Se si sposta l oggetto associato alla nota, la linea indicatrice diventerà elastica e sarà mantenuto il collegamento tra il punto di inizio e l oggetto grafico a cui è associata la nota stessa. Se si sposta il testo della nota, la linea indicatrice si deforma opportunamente per mostrare sempre il testo ad essa connesso. Le note di testo con gli strumenti di disegno Uno strumento sostanzialmente simile al comando Posiziona nota, è Posiziona linea indicatrice e testo del gruppo di comandi Strumenti di disegno. Con il comando Posiziona linea indicatrice e testo presente nel gruppo di comandi Strumenti di disegno, è possibile assumere come linea indicatrice anche una forma curvilinea denominata B-spline. Le caratteristiche degli elementi grafici fruibili nel gruppo di comandi strumenti di disegno sono modificabili in linea e in modo specifico, attraverso la finestra di dialogo Proprietà degli strumenti di disegno. Figura

16 Posizionamento dei Flag ovvero di annotazioni nascoste È invalso ormai l uso di utilizzare dei biglietti adesivi dove scrivere annotazioni più o meno necessarie. Quante scrivanie, monitor, documenti sono invasi da tali biglietti! In un certo senso a questo non si è sottratto neppure il nostro programma di grafica. Attivando il comando Posiziona Flag, appare la corrispondente finestra di dialogo e un rettangolo mobile, in corrispondenza del quale sarà inserita un immagine. Figura 19 Dalla finestra di dialogo Posiziona flag, si può notare la presenza dei seguenti parametri o strumenti: Scala, che consente di definire le dimensioni dell immagine da inserire. Livello, che consente di stabilire su quale livello dovrà essere associata l immagine da inserire. La scelta di un livello appropriato, magari ben definito nella struttura dei livelli, consente in modo immediato di visualizzare o nascondere le immagini associate alle Annotazioni. Classe, che consente di gestire immediatamente la visualizzazione dell oggetto indipendentemente dal suo livello di appartenenza se la classe scelta è del tipo Costruzione. Trasparente, che consente di inserire un immagine che non nasconda la parte di disegno a cui risulta sovrapposta. Immagine, che indica l immagine attiva da inserire nell area di lavoro nel momento in cui è stata scelta la posizione della Flag. Nel caso in cui si desidera cambiare l immagine associata all annotazione è necessario premere il pulsante Sfoglia e scegliere un nuovo file. Una volta scelto il tipo di immagine e posizionato il riquadro, compare l immagine nell area di lavoro e il riquadro Definisce le informazioni collegate al flag. In tale riquadro è possibile digitare del testo od incollarlo dopo averlo copiato da altri programmi di trattamento testo attivi contemporaneamente al programma di disegno. Operazioni sui flag I flag possono essere modificati: Nel contenuto delle informazioni collegate, con un semplice doppio Clic del mouse in corrispondenza dell immagine. Nella modifica degli attributi dell immagine segnaposto. Nella posizione. Inoltre i segnaposto per le annotazioni possono essere copiati o eliminati. 390

17 Figura 20 Per modificare le immagini, è necessario operare nel seguente modo: Selezionare l immagine da modificare con lo strumento di Selezione. Operare nella finestra di dialogo Posiziona Flag e modificare uno o più parametri compresa pure l immagine, se ciò è necessario. Attivare il comando Aggiorna Flag presente nel gruppo di comandi Annota. Selezionare l immagine segnaposto. Nel caso in cui si voglia spostare o copiare l immagine segnaposto per le annotazioni, è possibile utilizzare le risorse del programma, selezionando preventivamente con lo strumento di Selezione il Flag da manipolare. Figura 21 Gli altri strumenti integrativi del disegno Il gruppo di comandi Strumenti di disegno consente, oltre al posizionamento della nota già mostrato in Inserimento di note con linee indicatrici, di aggiungere altri elementi di corredo alla quotatura, come ad esempio: 5) Posizionare una linea indicatrice con didascalia. Con tale strumento è possibile definire una forma geometrica (Didascalia) nella quale inserire la didascalia stessa. 6) Posizionare la bolla per didascalia. 7) Posiziona l indicatore di sezione. 8) Posizionare il testo del titolo. 9) Posizionare l indicatore della freccia. 10) Posizionare l indicatore di dettagli. 391

18 Data l estrema semplicità nell utilizzo di tali strumenti si lascia al lettore la scoperta della loro funzionalità. Si deve tener presente, comunque, che arricchire il disegno di informazioni complementari di chiarimento è sicuramente utile, ma non si deve esagerare nel riempire il disegno di testo o elementi integrativi che ridurrebbero la chiarezza del disegno. Si vuol qui mostrare invece la funzione dello strumento Definisci proprietà che in un certo senso consente di parametrizzare e di personalizzare i diversi strumenti delle annotazioni. Figura 22 La finestra di dialogo riportata in Figura 22, è divisa in quattro parti: Poligoni della didascalia; in tale riquadro è possibile definire le dimensioni della bolla della didascalia che è sempre proporzionale alla dimensione del testo correntemente attiva. Inoltre è possibile definire i parametri di colore, stile e spessore della bolla Linee indicatrici; operando sui parametri di tale riquadro è possibile definire le caratteristiche delle linee indicatrici per quegli strumenti che ne prevedono l uso. Bolle di dettagli; consente la manipolazione dei parametri relativi alle bolle, indipendentemente dallo strumento utilizzato. Testo/ Titoli; consente di caratterizzare il testo presente in uno qualunque degli strumenti di disegno. Se si intende arricchire il disegno con gli strumenti innanzi indicati, è opportuno far un poco di esperienza con lo strumento che ne gestisce le Proprietà in modo da raggiungere il risultato grafico desiderato con il minimo sforzo operativo. Consiglio: Dal momento che ogni strumento di disegno inserito è un gruppo grafico, e, di conseguenza, può essere manipolato nella sua globalità in termini di posizione, orientamento e attributi vari, si invita l utente a definire le proprietà dei vari strumenti prima di inserirli. In caso contrario è necessario inserirli nuovamente nell area di disegno o attivare una procedura piuttosto complessa per la loro modifica. 392

19 Altre informazioni nell area di disegno: gli oggetti e la tecnologia Ole Nell ottica della condivisione delle informazioni tra i documenti prodotti da diversi software per la produzione di un progetto, è stata realizzata una tecnologia che consente di inserire informazioni prodotte con altri programmi, all interno di documenti realizzati con programmi differenti. A tale metodo di lavoro si allinea anche MicroStation. A seguito di tale caratteristica, è possibile inserire in MicroStation gli oggetti presenti nella finestra di dialogo Inserisci oggetto, attivando il corrispondente comando presente nel menu Modifica. Figura 23 L oggetto può essere inserito creando un nuovo file oppure utilizzando un file esistente. Una volta scelto il tipo di oggetto, lo stesso può essere inserito nel file grafico. I risultati dell inserimento e la manipolazione dell oggetto dipendono dall oggetto stesso. Nel caso di una presentazione elettronica, inserita in un file grafico, il programma mostra solo la prima slide e la stessa ha lo scopo di attivare la presentazione, nel caso di un foglio di Excel, il programma mostra solo una parte di tale foglio e le informazioni in esso presenti possono essere stampate insieme al disegno per meglio caratterizzare il documento progettuale. Supponiamo di dover inserire un file di Excel già esistente. In questo caso si deve: Attivare l opzione crea da file. Premere il pulsante Sfoglia che appare dopo la trasformazione dinamica della finestra di dialogo di Figura 23. Scegliere la cartella in cui si trova il documento da inserire e poi selezionare il documento stesso. Stabilire se l inserimento dell oggetto deve essere un collegamento (attivare l opzione presente nella finestra di dialogo) o debba essere incorporato nel file. Premere il pulsante OK. A questo punto appare una nuova finestra di dialogo che richiede di: Stabilire se l oggetto deve essere inserito. Con il mouse (per angoli). Per dimensioni (dimensioni predefinite). Il risultato grafico dell inserimento dipende dal tipo di documento; nel caso di Excel sono inserite 72 righe di tabella, nel caso di Word è necessario utilizzare un altra strategia operativa. 393

20 Una volta inserito il foglio di Excel nel disegno, lo stesso può essere spostato riscalato in modo appropriato affinché sia leggibile in fase di stampa. I limiti di tale procedimento consiste nel fatto che il programma inserisce una parte del foglio attivo all atto dell ultima memorizzazione in excel. Se si vuol utilizzare un metodo più generale valido per qualunque pacchetto, è necessario attivare il medito qui di seguito indicato: Attivare il programma contenente il file per il quale si vuol ottenere il collegamento nell area di lavoro del grafico. Selezionare la parte de file che si vuol collegare e attivare il comando copia. La selezione deve essere eseguita: Per pagine in Word All interno di un foglio di lavoro in Excel Per slide in Power point. Passare a MicroStation e attivare il comando Incolla speciale Scegliere l opzione di Collegamento o incorporamento per consentire successive modifiche all oggetto inserito. Inserire l oggetto nell area di lavoro attraverso la definizione dei punti del rettangolo contenente l oggetto. Si deve tener presente che il programma mostrerà in seguito solo l area dell oggetto selezionata nel programma che gestisce l oggetto stesso, nel caso in cui si voglia mostrare una differente parte dell oggetto, è necessario eseguire nuovamente il suo inserimento attraverso una differente area di selezione. La modifica degli oggetti Gli oggetti possono essere modificati da un punto di vista geometrico (sposta o scala) o rispetto al loro contenuto. Nel primo caso è sufficiente selezionarli e: Manipolarli direttamente operando sulle maniglie per modificare la scala dell oggetto o trascinare il mouse tenendo premuto il tasto sinistro del mouse per modificare la loro posizione. Scalarli con il tradizionale strumento di modifica della scala Per modificare il contenuto dell oggetto, lo stesso deve essere stato inserito con l attributo di incorporato o di collegato. In questi casi basta eseguire un doppio click sull oggetto per ottenere l attivazione del programma con il quale è stato creato l oggetto. Una volta apportate le modifiche all oggetto, le stesse saranno riportate nell ambiente del programma di grafica. Altre informazioni utili associabili al disegno Con MicroStation è possibile associare al file grafico altre informazioni: Informazioni per realizzare un semplice database interno al file di disegno come verrà completamente illustrato in: Il database interno a MicroStation ovvero i TAG. Il collegamento tra informazioni grafiche e alfanumeriche con database esterni (per l approfondimento di tale argomento si rinvia agli specifici manuali del programma, in quanto l argomento stesso esula dai nostri obiettivi data la sua specificità e complessità). Vedremo, nel capitolo relativo ai TAG, come l attività del disegnare o meglio del progettare stia mutando in modo radicale (e ciò sarà sicuramente più evidente nel prossimo futuro) in quanto oltre a conoscere le proiezioni ortogonali e le regole grafiche di rappresentazione, occorre essere in grado di associare le idonee informazioni agli elementi grafici in modo da 394

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole Guida rapida Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Riunisce geometria, algebra, tabelle,

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT 1 1 Introduzione al programma 3 2 La prima volta con Powerpoint 3 3 Visualizzazione

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC Barra di Formattazione Barra Standard Barra del Menu Intestazione di colonna Barra di Calcolo Contenuto della cella attiva Indirizzo della cella attiva Cella attiva Intestazione

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli ITCG C. CATTANEO via Matilde di Canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (Reggio Emilia) Costruzione del grafico di una funzione con Microsoft Excel Supponiamo di aver costruito la tabella riportata in figura

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD WORD SOMMARIO 1. Muoversi nel testo... 1 2. Taglia, copia e incolla... 2 3. Aprire, salvare e chiudere... 3 4. Trovare e sostituire... 4 5. Visualizzare in modi diversi... 6 6. Formattare e incolonnare...

Dettagli

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM SPOSTARE un file o una sottodirectory da una directory ad un altra COPIARE un file o una directory da una directory all altra RINOMINARE un file o una directory CANCELLARE un file o una directory CREARE

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

Non tutto, ma un po di tutto

Non tutto, ma un po di tutto ALFREDO MANGIA Non tutto, ma un po di tutto Nozioni fondamentali per conoscere e usare un foglio di calcolo. Corso di alfabetizzazione all informatica Settembre 2004 SCUOLA MEDIA GARIBALDI Genzano di Roma

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Esercitazioni di Excel

Esercitazioni di Excel Esercitazioni di Excel A cura dei proff. A. Khaleghi ed A. Piergiovanni. Queste esercitazioni hanno lo scopo di permettere agli studenti di familiarizzare con alcuni comandi specifici di Excel, che sono

Dettagli

IN BASSO NELLA FINESTRA C È LA BARRA DI DISEGNO. SE NON È VISIBILE, FARE CLIC SUL MENU IN ALTO: VISUALIZZA / BARRE DEGLI STRUMENTI / DISEGNO

IN BASSO NELLA FINESTRA C È LA BARRA DI DISEGNO. SE NON È VISIBILE, FARE CLIC SUL MENU IN ALTO: VISUALIZZA / BARRE DEGLI STRUMENTI / DISEGNO FARE UNA MAPPA CON OPENOFFICE IMPRESS START/PROGRAMMI APRIRE IMPRESS SCEGLIERE PRESENTAZIONE VUOTA. POI CLIC SU AVANTI E DI NUOVO SU AVANTI. QUANDO AVANTI NON COMPARE PIÙ, FARE CLIC SU CREA CHIUDERE LE

Dettagli

Procedura Import tracciato ministeriale

Procedura Import tracciato ministeriale Progetto SINTESI Dominio Provinciale Modulo Applicativo:COB Procedura Import tracciato ministeriale 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 LETTURA DEL FILE... 4 3 IMPORT DEI FILE... 10 4 VERIFICA DELLE BOZZE E

Dettagli

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308)

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308) CNC 8065 Linguaggio ProGTL3 (Ref. 1308) SICUREZZA DELLA MACCHINA È responsabilità del costruttore della macchina che le sicurezze della stessa siano abilitate, allo scopo di evitare infortuni alle persone

Dettagli

REGEL - Registro Docenti

REGEL - Registro Docenti REGEL - Registro Docenti INFORMAZIONI GENERALI Con il Registro Docenti online vengono compiute dai Docenti tutte le operazioni di registrazione delle attività quotidiane, le medesime che si eseguono sul

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

ADOBE READER XI. Guida ed esercitazioni

ADOBE READER XI. Guida ed esercitazioni ADOBE READER XI Guida ed esercitazioni Guida di Reader Il contenuto di alcuni dei collegamenti potrebbe essere disponibile solo in inglese. Compilare moduli Il modulo è compilabile? Compilare moduli interattivi

Dettagli

GUIDA ALL USO CORRETTO DI MICROSOFT OFFICE WORD 2007 PER LA REALIZZAZIONE E LA FORMATTAZIONE DI DOCUMENTI PROFESSIONALI

GUIDA ALL USO CORRETTO DI MICROSOFT OFFICE WORD 2007 PER LA REALIZZAZIONE E LA FORMATTAZIONE DI DOCUMENTI PROFESSIONALI GUIDA ALL USO CORRETTO DI MICROSOFT OFFICE WORD 2007 PER LA REALIZZAZIONE E LA FORMATTAZIONE DI DOCUMENTI PROFESSIONALI Francesca Plebani Settembre 2009 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. WORD E L ASPETTO

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

SIMATIC FM 351. Getting Started Edizione 02/2000

SIMATIC FM 351. Getting Started Edizione 02/2000 SIATIC F 351 Getting Started Edizione 02/2000 Le presenti informazioni guidano l utente, sulla base di un esempio concreto articolato in cinque fasi, nell esecuzione della messa in servizio fino ad ottenere

Dettagli

MEGA Process. Manuale introduttivo

MEGA Process. Manuale introduttivo MEGA Process Manuale introduttivo MEGA 2009 SP4 1ª edizione (giugno 2010) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono in alcun modo un

Dettagli

Gestione Nuova Casella email

Gestione Nuova Casella email Gestione Nuova Casella email Per accedere alla vecchia casella questo l indirizzo web: http://62.149.157.9/ Potrà essere utile accedere alla vecchia gestione per esportare la rubrica e reimportala come

Dettagli

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA HOTSPOT Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA Hotspot è l innovativo servizio che offre ai suoi clienti accesso ad Internet gratuito, in modo semplice e veloce, grazie al collegamento

Dettagli

Guida pratica di base

Guida pratica di base Adolfo Catelli Guida pratica di base Windows XP Professional Dicembre 2008 Sommario Accedere a Windows XP 4 Avviare Windows XP 4 Uscire da Windows XP 5 L interfaccia utente di Windows XP 6 Il desktop di

Dettagli

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 2: Sistema Operativo 2 Modulo 2 Il sistema operativo Windows

Dettagli

Che cos è la LIM? L utilizzo didattico della LIM La LIM consente di andare incontro a diversi stili

Che cos è la LIM? L utilizzo didattico della LIM La LIM consente di andare incontro a diversi stili Che cos è la LIM? La LIM, Lavagna Interattiva Multimediale, è una lavagna arricchita da potenzialità digitali e multimediali. Si tratta di una periferica collegata al computer, che rende possibile visualizzare

Dettagli

con software libero Modulo 4 Spreadsheets (Fogli elettronici) Pag. 1

con software libero Modulo 4 Spreadsheets (Fogli elettronici) Pag. 1 con software libero Modulo 4 Spreadsheets (Fogli elettronici) Pag. 1 Indice generale GUIDA A CALC 3.5... 3 1 Utilizzo dell'applicazione... 3 1.1 LAVORARE CON IL FOGLIO ELETTRONICO...3 1.2 MIGLIORARE LA

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

Nitro Reader 3 Guida per l' utente

Nitro Reader 3 Guida per l' utente Nitro Reader 3 Guida per l' utente In questa Guida per l'utente Benvenuti in Nitro Reader 3 1 Come usare questa guida 1 Trovare rapidamente le informazioni giuste 1 Per eseguire una ricerca basata su parole

Dettagli

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale.

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale. l Editor vi Negli ambienti Unix esistono molti editor di testo diversi; tuttavia vi è l unico che siamo sicuri di trovare in qualsiasi variante di Unix. vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile

Dettagli

Come scaricare sul Desktop i dati necessari allo svolgimento di un esercitazione link Save it to disk OK.

Come scaricare sul Desktop i dati necessari allo svolgimento di un esercitazione link Save it to disk OK. Come scaricare sul Desktop i dati necessari allo svolgimento di un esercitazione Per svolgere correttamente alcune esercitazioni operative, è previsto che l utente utilizzi dei dati forniti attraverso

Dettagli

PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA

PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA La Scheda Valutazione Anziano FRAgile al momento dell inserimento è abbinata al paziente. E possibile modificarla o inserirne una nuova per quest ultimo. Verrà considerata

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

MANUALE DI RIFERIMENTO

MANUALE DI RIFERIMENTO - Dominio Provinciale Tecnologia dei Processi UALE DI RIFERIMENTO Procedura COB Import tracciato Ministeriale Preparato da: Paolo.Meyer Firma Data Verificato da: Carlo di Fede Firma Data Approvato da:

Dettagli

CAPITOLO 6 Colore e trasparenza

CAPITOLO 6 Colore e trasparenza 6 CAPITOLO 6 Colore e trasparenza... Fireworks offre un'ampia gamma di opzioni per la scelta dei colori di un grafico. Si possono usare i campioni di colore predefiniti per conservare quanto più possibile

Dettagli

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali Manuale d uso Gestione Aziendale Software per l azienda Software per librerie Software per agenti editoriali 1997-2008 Bazzacco Maurizio Tutti i diritti riservati. Prima edizione: settembre 2003. Finito

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento -

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Nota preliminare La presente guida, da considerarsi quale mera indicazione di massima fornita a titolo esemplificativo,

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Laboratorio Database. Docente Prof. Giuseppe Landolfi

Laboratorio Database. Docente Prof. Giuseppe Landolfi Laboratorio Database Docente Prof. Giuseppe Landolfi Manuale Laboratorio Database Scritto dal Prof.Giuseppe Landolfi per S.M.S Pietramelara Access 2000 Introduzione Che cos'è un Database Il modo migliore

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Configurazione Area51 e Bilance Bizerba

Configurazione Area51 e Bilance Bizerba Configurazione Area51 e Bilance Bizerba Ultimo Aggiornamento: 20 settembre 2014 Installazione software Bizerba... 1 Struttura file bz00varp.dat... 5 Configurazione Area51... 6 Note tecniche... 8 Gestione

Dettagli

Uso della Guida Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate Uso della Guida Uso della finestra Come fare per Uso di altre funzioni di supporto

Uso della Guida Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate Uso della Guida Uso della finestra Come fare per Uso di altre funzioni di supporto Uso della Guida Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate Uso della Guida Uso della finestra Come fare per Uso di altre funzioni di supporto Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate

Dettagli

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1 Manuale dell'utente Registrazione del prodotto Se si registra il prodotto SMART, si verrà informati delle nuove funzionalità e aggiornamenti software disponibili. Registrazione

Dettagli

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE Access permette di specificare una maschera che deve essere visualizzata automaticamente all'apertura di un file. Vediamo come creare una maschera di

Dettagli

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C.

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. 1 MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. Marino prof. Mazzoni Evoluzione delle macchine utensili Quantità di pezzi 10 10 10 10 6 5 4 3 10 2 1 2 1-MACCHINE SPECIALIZZATE 2-MACCHINE TRANSFERT 3-SISTEMI FLESSIBILI

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Importazione dati da Excel

Importazione dati da Excel Nota Salvatempo Spesometro 4.3 19 MARZO 2015 Importazione dati da Excel In previsione della prossima scadenza dell'invio del Modello Polivalente (Spesometro scadenza aprile 2015), è stata implementata

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

Client PEC Quadra Guida Utente

Client PEC Quadra Guida Utente Client PEC Quadra Guida Utente Versione 3.2 Guida Utente all uso di Client PEC Quadra Sommario Premessa... 3 Cos è la Posta Elettronica Certificata... 4 1.1 Come funziona la PEC... 4 1.2 Ricevuta di Accettazione...

Dettagli

HORIZON SQL PREVENTIVO

HORIZON SQL PREVENTIVO 1/7 HORIZON SQL PREVENTIVO Preventivo... 1 Modalità di composizione del testo... 4 Dettaglia ogni singola prestazione... 4 Dettaglia ogni singola prestazione raggruppando gli allegati... 4 Raggruppa per

Dettagli

Software Emeris Communication Manager

Software Emeris Communication Manager ecm Software Emeris Communication Manager Manuale operativo Fantini Cosmi S.p.A. Via dell Osio 6 20090 Caleppio di Settala MI Tel 02.956821 - Fax 02.95307006 e-mail: info@fantinicosmi.it http://www.fantinicosmi.it

Dettagli

La finestra di Avvio di Excel

La finestra di Avvio di Excel Con Excel si possono fare molte cose, ma alla base di tutto c è il foglio di lavoro. Lavorare con Excel significa essenzialmente immettere numeri in un foglio di lavoro ed eseguire calcoli sui numeri immessi.

Dettagli

2 Editor di... stile. 2 Colonna... metrica. 6 Percentuale... di carotaggio. 10 Colonne... libere/utente 11 Colonne... grafico

2 Editor di... stile. 2 Colonna... metrica. 6 Percentuale... di carotaggio. 10 Colonne... libere/utente 11 Colonne... grafico I Parte I Introduzione 1 1 Introduzione... 1 2 Editor di... stile 1 Parte II Modello grafico 4 1 Intestazione... 4 2 Colonna... metrica 4 3 Litologia... 5 4 Descrizione... 5 5 Quota... 6 6 Percentuale...

Dettagli

MANUALE DOS INTRODUZIONE

MANUALE DOS INTRODUZIONE MANUALE DOS INTRODUZIONE Il DOS è il vecchio sistema operativo, che fino a qualche anno fa era il più diffuso sui PC, prima dell avvento di Windows 95 e successori. Le caratteristiche principali di questo

Dettagli

Invio di SMS con FOCUS 10

Invio di SMS con FOCUS 10 Sommario I Sommario 1 1 2 Attivazione del servizio 1 3 Server e-service 3 4 Scheda anagrafica 4 4.1 Occhiale... pronto 7 4.2 Fornitura... LAC pronta 9 4.3 Invio SMS... da Carico diretto 10 5 Videoscrittura

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione)

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione) CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA La consultazione della casella di posta elettronica predisposta all interno del dominio patronatosias.it può essere effettuata attraverso l utilizzo dei

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2012 Progetto Istanze On Line MOBILITÀ IN ORGANICO DI DIRITTO PRESENTAZIONE DOMANDE PER LA SCUOLA SEC. DI I GRADO ON-LINE 13 Febbraio 2012 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

Guida a QuarkXPress 8.5

Guida a QuarkXPress 8.5 Guida a QuarkXPress 8.5 INDICE Indice Informazioni sulla guida...15 Presupposti...15 Vi serve aiuto?...15 Convenzioni...16 Nota sulle tecnologie usate...16 Interfaccia utente...18 Strumenti...18 Strumenti

Dettagli

LA MISURAZIONE DEL CARATTERE

LA MISURAZIONE DEL CARATTERE TPO PROGETTAZIONE UD 03 GESTIONE DEL CARATTERE IL TIPOMETRO LA MISURAZIONE DEL CARATTERE A.F. 2011/2012 MASSIMO FRANCESCHINI - SILVIA CAVARZERE 1 IL TIPOMETRO: PARTI FONDAMENTALI Il tipometro è uno strumento

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Note sull utilizzo del PC-DMIS

Note sull utilizzo del PC-DMIS Note sull utilizzo del PC-DMIS Sommario 1. Definizione e qualifica di tastatori a stella (esempio su configurazione con attacco M2)...3 2. Dimensione Angolo...4 3. Nascondere componenti della configurazione

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

SimplyFatt2 (versione Standard, Professional, Network e ipad) Versione 2.7.1 GUIDA UTENTE

SimplyFatt2 (versione Standard, Professional, Network e ipad) Versione 2.7.1 GUIDA UTENTE SimplyFatt2 (versione Standard, Professional, Network e ipad) Versione 2.7.1 GUIDA UTENTE Copyright 2008-2014 Lucanasoft di Vincenzo Azzone Tutti i diritti riservati. 1 Indice Generale INTRODUZIONE!...

Dettagli