Il testo, la quotatura e la misurazione nel disegno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il testo, la quotatura e la misurazione nel disegno"

Transcript

1 Alla fine del capitolo saremo in grado di: Inserire il testo nel disegno o nelle tavole di composizione Gestire gli attributi di testo e lo stile di testo Gestire le annotazioni Gestire gli stili di quotatura con gli stili di testo associati Utilizzare i diversi strumenti di quotatura Assegnare le giuste dimensioni agli elementi di quotatura per la stampa Misurare elementi grafici Visualizzare proprietà geometriche ed inerziali di elementi piani o solidi. Inserire testi o oggetti da programmi dell Office Automation con relativo collegamento e modifica. Considerazioni generali Oltre all informazione grafica, è necessario corredare il disegno dell informazione testuale, la quale si suddivide essenzialmente tra: Testo. Quotatura. Informazioni tecniche aggiuntive. Il testo serve a corredare il disegno di informazioni non desumibili dalla forma dell oggetto. La quotatura è l operazione che associa specifiche parti degli oggetti rappresentati o loro insiemi, alle rispettive dimensioni al fine di consentire: La costruzione di manufatti. L installazione di manufatti. La definizione degli ingombri di oggetti, macchine o impianti. Oltre a poter inserire nel disegno informazioni per chi utilizzerà il prodotto grafico finale, il programma prevede anche la possibilità di acquisire informazioni circa le caratteristiche dimensionali di quanto realizzato e, a partire da alcune versioni del programma, è possibile: Inserire, nell area di disegno, punti o forme grafiche particolari dette Celle (vedere Le celle ) acquisendo le coordinate di tali punti da uno specifico file di testo. Esportare coordinate, in uno specifico file di testo, partendo da un insieme di punti od elementi selezionati nell area di disegno. Queste ultime due caratteristiche non sono trattate nel presente percorso d apprendimento di MicroStation. Esaminiamo ora come gestire: Il testo, per quelle possibilità che sono in genere richieste dal disegno. Appropriati strumenti che migliorano l efficacia di inserimento del testo (le Annotazioni). La Quotatura.

2 Gli strumenti che consentono di ricavare informazioni geometriche dai singoli oggetti rappresentati siano essi bidimensionali che tridimensionali (distanze tra punti, lunghezze di parti di elementi grafici, estensioni delle aree e dei volumi, ecc). Inserimento dati numerici ed esportazione informazioni da grafici Scelte preliminari per la fase di quotatura e per l inserimento del testo Indipendentemente dallo scopo per il quale è necessario quotare un disegno, è necessario, prima di iniziare tale operazione, fare alcune scelte preliminari; in particolare: Definire del livello da assegnare alle quote e al testo. Definire gli attributi inerenti alla quotatura e al testo. Scegliere il tipo di quotatura: serie, parallela, progressiva, mista, per coordinate, ecc. Quando si deve gestire un modello tridimensionale, si determina un altro elemento di scelta rispetto alla quotatura o all inserimento del testo. Infatti, mentre nel disegno bidimensionale, definite le caratteristiche sopra richiamate, l oggetto rappresentato può essere direttamente quotato nel file di disegno. Nel caso di un modello tridimensionale, pur potendo quotare direttamente il modello stesso, è opportuno, gestire le informazioni relative alla quotatura e quelle relative al testo durante la fase di composizione del disegno per la sua messa in tavola (vedere in La Composizione del disegno e la stampa ). Per un organizzazione razionale del disegno, è opportuno associare il testo e le quote a specifici livelli in modo da poterle gestire separatamente dal resto del disegno. Proponiamo di aggiungere al modello dei livelli illustrato in Definizione logica del progetto con i livelli due livelli denominati rispettivamente Quote e Testo. Nel caso le esigenze di suddivisione delle quotature e del testo siano più spinte e non sia sufficiente la tecnica dei modelli per gestire la stampa, si possono assegnare livelli distinti ai diversi elementi della quotatura e del testo e, successivamente definire i filtri della quotatura e del testo ed eventualmente i gruppi di livelli relativi agli stessi elementi grafici. Il testo nel disegno Il testo è una parte essenziale nell ambito del disegno tecnico. Esso serve, in genere, ad inserire le informazioni essenziali per descrivere nel modo più completo possibile quanto rappresentato, (oltre alla forma e alle dimensioni) in modo che il disegno risulti, per quanto possibile, privo di ambiguità. Il testo allo stato attuale oltre ad essere gestito con gli strumenti di MicroStation, può essere gestito attraverso l inserimento di oggetti testuali utilizzando gli strumenti di interoperabilità presenti nei pacchetti software che supportano la tecnologia OLE2, come mostreremo al termine del presente capitolo. In questo caso il testo inserito nel documento di disegno sarà gestito direttamente dal programma utilizzato e, di conseguenza, tutto quanto qui di seguito sarà affermato non avrà, in tal caso, alcuna validità. Gli attributi del testo e gli stili di testo Con la versione V8 la gestione degli strumenti di teso è stata sensibilmente migliorata inserendo strumenti propri dei programmi dell office Automation e in particolare gli stili di testo. Per stili di testo si intende l insieme degli attributi del testo che il programma è in grado di gestire per ciascun elemento di testo. 376

3 Nel gestire gli stili di testo, possiamo prendere visione di tutti gli attributi relativi al testo medesimo. Se si attiva il comando Posiziona testo o alcuni altri comandi appartenenti allo stesso gruppo, compare una finestra di dialogo che risulta modificata rispetto alle versioni precedenti e consente di gestire gli stili di testo. Figura 1 Per coloro che desiderano operare senza gli stili di testo, devono premere il pulsante freccia posto nella parte inferiore destra della finestra di dialogo per ottenere un ambiente operativo riportato in Figura 2. Figura 2 In questo capitolo illustreremo però la gestione del testo e della quotatura attraverso gli stili in quanto lo strumento è sicuramente più razionale. Per gestire il testo utilizzando gli stili, si deve premere il pulsante a forma di lente di ingrandimento, si ottiene la finestra di dialogo di Figura

4 Figura 3 La finestra di dialogo dello stile di testo presenta due pagine: Generale e Avanzate. Inoltre è presente il menu File che consente di: Creare un nuovo stile Salvare un stile nuovo o modificato Copiare uno stile per crearne uno nuovo utilizzando le caratteristiche di uno esistente Importare un insieme di stili da un file di disegno o da un file seme Eliminare uno stile Annullare le ultime modifiche apportate ad uno stile e non ancora memorizzate. Le stesse operazioni sono possibili utilizzando i corrispondenti comandi iconici presenti nella finestra di dialogo che gestisce lo stile. La creazione di un nuovo stile Lo stile disponibile è denominato nessuno e può essere modificato nei suoi attributi ma non può essere eliminato né rinominato. Per creare un nuovo stile si deve: Selezionare lo stile di partenza (in effetti il nuovo stile è una copia dello stile correntemente selezionato) Premere il pulsante iconico Nuovo o il corrispondente comando del menu File. A seguito di tale operazione compare un nuovo stile nell elenco avente gli stessi attributi dello stile selezionato all atto della creazione di quello corrente. La prima cosa da fare è quella di assegnare un nuovo appropriato allo stile. Per assegnare il nome allo stile di testo, si deve modificare quello assegnato per default dal programma, operando nel seguente modo: 378

5 Portare il cursore di schermo in corrispondenza di una riga della tabella degli attributi (riquadro di destra della finestra di dialogo di Figura 4). Eseguire un click per la selezione del parametro da modificare (in questo caso il nome dello stile). Figura 4 Eseguire un secondo click in corrispondenza del campo contenente il valore, del parametro da modificare. (nel nostro caso senza titolo 1). Digitare il nuovo nome da assegnare allo stile. Operando nel modo innanzi indicato, si possono modificare in modo individuale tutti i parametri che caratterizzano uno stile. Quando un parametro è caratterizzato da un insieme di valori, in corrispondenza alla selezione del campo compare un elenco di valori. L utente si rende conto immediatamente di tale caratteristica, per la comparsa di un pulsante con freccia (pulsante elenco), come ad esempio nel caso del parametro font. Figura 5 379

6 A seguito della modifica di qualunque attributo, in corrispondenza del nome dello stile nel riquadro di sinistra della finestra di dialogo, appare il simbolo di * il quale sta ad indicare che lo stile correntemente selezionato ha subito variazioni rispetto all ultima memorizzazione. Per far si che lo stile che si sta modificando si possa riutilizzare con le stesse caratteristiche in successive sessioni di lavoro, è necessario memorizzarlo nuovamente, premendo sull icona della finestra di dialogo che riporta il simbolo del floppy disk. Gli attributi essenziali di uno stile di testo sono riportate nella finestra di dialogo dello stile nella pagina Generale, nel caso in cui si voglia gestire tutti gli attributi, è necessario attivare la pagina Avanzate. In tutti i casi i principali attributi che caratterizzano lo stile di testo sono: Tipo di carattere o Font, che può essere scelto dall elenco sotteso dal relativo pulsante o definito attraverso il numero associato al Font stesso sono gli stessi di Windows (True Type), quelli di Autocad (Shx) e quelli storici dell ambiente di MicroStation (rsc quelli che compaiono nell elenco con l icona di Bentley). Lo stile di carattere (Corsivo, Grassetto) Le dimensioni del carattere (Altezza, Larghezza). L interlinea (Spazio tra linee) quando il testo dovrà essere disposto su più linee. L inclinazione dei caratteri e non della linea di testo rispetto all orizzontale. La sottolineatura del testo e la sua disposizione verticale od orizzontale. L allineamento della singola linea o di una multilinea di testo. Nella parte inferiore della finestra di dialogo, è mostrato il risultato, man mano che si apportano modifiche agli attributi del testo. La memorizzazione dello stile e il suo utilizzo Una volta che gli attributi dello stile di testo sono stati definiti, è necessario memorizzare lo stato dello stile (attenzione ad assegnare un nome appropriato quando si utilizzano molti stili). A questo punto lo stile è disponibile nella finestra di dialogo che consente di inserire il testo, con gli attributi definiti in precedenza, nell area di disegno. Figura 6 Si può osservare che, nella finestra di dialogo di inserimento, si possono variare in modo dinamico alcuni parametri quali: L angolo attivo che definisce l orientamento del testo L altezza e la larghezza del testo se gli attributi risultano attivati. Una volta scelto lo stile, si deve digitare il testo all interno della finestra Editor che compare contestualmente alla finestra di dialogo che consente la scelta dello stile di testo. Se l ambiente in cui si inserisce il testo è differente da quello rappresentato in Figura 7, significa che è attiva una differente impostazione attraverso la voce preferenze del menu Area di lavoro, categoria Testo. L ambiente più completo è quello denominato Elaboratore testi. Nel caso si utilizzi l elaboratore testi, è possibile modificare lo stile Grassetto e Corsivo, 380

7 il colore, il controllo ortografico, trasformare le frazioni in uno dei 3 modi possibili, dopo aver selezionato l insieme dei caratteri che compongono la frazione. Figura 7 Figura 8 Figura 9 381

8 Intanto che si digita il testo da inserire, nell ambiente dell elaboratore testi, il testo compare anche nell area di disegno. Si può notare la presenza del cursore di schermo a forma di X, la cui posizione rispetto al testo, dipende dall allineamento assegnato al testo stesso tra quelli disponibili. La scelta del tipo di allineamento del testo, si ottiene operando con lo stile di testo in corrispondenza della voce Allineamento (come riportato in Figura 9). Figura 10 Per posizionare il testo è sufficiente portare il cursore di schermo nel punto desiderato ed eseguire un click del tasto sinistro del mouse. Si può osservare in Figura 10 che è possibile manipolare alcuni attributi del testo direttamente nella fase di inserimento (ad esempio l inclinazione del testo). Se si vuol inserire un nuovo testo, è sufficiente premere il tasto destro del mouse del mouse e quindi digitare il nuovo testo nella corrispondente finestra dell Editor. Se si inserisce un testo che occupa più linee, il programma suddivide il testo tra le linee in funzione del valore del parametro lunghezza linea; tale parametro stabilisce quanti caratteri saranno inserite in una generica linea di testo indipendentemente da come è mostrato il testo stesso nella finestra di dialogo dell editor di testo. Rapporto tra dimensioni del testo, unità di lavoro e modelli Dobbiamo rammentare che con la versione 8 si può operare con i modelli, e che tale strumento di lavoro è estremamente utile nella fase di composizione del disegno così come illustrato nel precedente capitolo. Ora le impostazioni delle unità di lavoro, possono variare al variare dei modelli. Con il metodo di lavoro proposto nel capitolo relativo alla composizione di lavoro, si impostano differenti unità di lavoro nei modelli relativi alla rappresentazione degli elementi grafici progettuali, rispetto ai modelli utilizzati per la composizione di disegno. In generale per i modelli delle tavole di disegno le unità principali e quelle secondarie sono in mm, mentre le unità degli elementi grafici progettuali, dipendono da ciò che si sta rappresentando: se si rappresenta una casa le unità principali potrebbero essere i metri mentre se si rappresentano gli orologi, le unità principali saranno millimetri. Il programma, per uno stesso stile di testo, varia in modo le dimensioni di larghezza e altezza dei caratteri, in base al modello correntemente attivo. 382

9 Per gestire al meglio le caratteriste dimensionali dello stile di testo, si può operare nel seguente modo: Selezionare il modello nel quale si vuol inserire il testo. Creare lo stile di testo con le caratteristiche desiderate ed assegnare allo stesso un nome appropriato e di facile riconoscimento. Memorizzare lo stile di testo con un nome appropriato; ad esempio i testi da usare nel composizione del disegno, potrebbero avere il suffisso cartiglio. Controllare, una volta memorizzato gli attributi di testo, che il valore di altezza e di larghezza del testo siano appropriati (nella composizione del disegno i testi devono essere nell ordine dei mm. Nel caso in cui il valore non sia appropriato, in quanto risente del rapporto tra le unità di lavoro del modello iniziale (comprensivo anche del valore delle unità posizionali) e quello del modello corrente, è necessario modificare in modo appropriato il valore delle dimensioni del testo in modo che, a seguito della memorizzazione, nel modello in cui si intende utilizzare lo stile, le dimensioni siano appropriate. Ripetere tale operazione per tutti i modelli che hanno differenti unità di lavoro e nei quali si vuol inserire il testo. Il metodo di posizionamento Vi sono diversi metodi di posizionamento del testo; il metodo più frequentemente utilizzato è quello rispetto all origine (Per Origine). Durante il posizionamento del testo è necessario tener conto: Della posizione corrente del cursore. Dell angolo attivo. Del tipo di allineamento assunto. La coincidenza dell inizio del testo con la posizione corrente del cursore si ha solo quando si sceglie per origine e l allineamento è a sinistra. Può, però esser necessario posizionare il testo in funzione di altre esigenze. Il programma consente di posizionare il testo secondo le possibilità sono mostrate azionando il pulsante Metodo della finestra di dialogo che è attivata all atto dell inserimento del testo. Figura 11 I metodi Adattato e Adattato VI risultano utili quando si deve inserire il testo con orientamento e dimensioni di carattere non noti o non vincolanti. In effetti una volta digitato il testo il programma richiede il primo punto di inserimento che è identico a quello di inserimento per origine. Successivamente, il programma richiede l inserimento del punto finale del testo. Se si muove il cursore di schermo di può notare che il testo risulta automaticamente ridimensionato rispetto allo spazio disponibile tra il punto 383

10 iniziale e quello finale (fino al valore massimo possibile di altezza del carattere) e, contestualmente, è modificata la direzione in quella individuata dalla retta individuata dai due punti di inserimento del testo L attributo di indipendenza della vista, implicito nel metodo Adattato VI e esplicitamente indicato quale terzo metodo nella finestra di dialogo di Figura 11, può essere utilizzato in ambiente tridimensionale in modo che il testo sia indipendente dal punto di vista dell osservatore rispetto all oggetto. Figura 12 Per rendersi conto dell effetto, è sufficiente inserire un testo nella vista dall alto con l attributo di indipendente dalla vista ed osservare l orientamento dello stesso testo nelle altre viste; successivamente riprovando l inserimento dello stesso testo per Origine si nota come il testo possa essere osservato solo nella vista di inserimento e nella vista assonometrica, mentre sulle altre viste si riduce ad un segmento. Gli altri metodi per il posizionamento del testo sono riferiti all elemento che deve essere selezionato dopo aver digitato il testo che si desidera inserire nel disegno. Con il programma è possibile disporre il testo: Sopra o sotto un elemento. Su un elemento. Lungo un elemento. Se si utilizza il secondo metodo, occorre tener presente che l elemento deve essere una linea piana, chiusa o aperta e che quest'ultima è automaticamente ritagliata dal testo. Per questo motivo l elemento grafico non può più essere utilizzato nella sua forma originaria. Figura

11 Quando si utilizza uno di questi metodi, l orientamento del testo è definito dal punto in cui si seleziona l elemento a cui si deve associare il testo. Tale caratteristica può essere verificata associando il testo alle primitive circolari o curve in genere. È simpatico l utilizzo del metodo lungo elemento in quanto il testo viene fatto fluire lungo un elemento grafico. Nella Figura 13 sono riportati alcuni esempi di testi posti lungo un elemento. Quando si posiziona il testo lungo un elemento è necessario stabilire se il testo debba essere disposto sopra o sotto la linea descritta dall elemento e occorre eseguire delle prove per stabilire se gli eventuali raggi di curvatura sono idonei per posizionare il testo. Il testo può essere troncato, quando lo spazio lineare occupato dallo stesso è superiore alla lunghezza della linea o della curva lungo la quale deve essere posizionato. Quando si posiziona il testo lungo una circonferenza, il verso di percorrenza della circonferenza stessa da parte del testo dipende dal punto in cui viene selezionato l elemento grafico. Attenzione: Il testo, una volta disposto lungo un elemento,il testo è associato all elemento stesso. Pertanto le modifiche apportate all elemento grafico, saranno riportate anche sul testo associato. La modifica del testo Il testo, oltre alle modifiche che di seguito saranno descritte, può essere modificato come un normale oggetto grafico. Esso può essere modificato rispetto a : Livello, colore, spessore Posizione, orientamento scala, simmetria. Inoltre può essere eseguita una copia del testo. Oltre a tutte queste modifiche è possibile apportarne altre che dipendono dalle caratteristiche proprie del testo. In particolare le modifiche possono essere suddivise in due categorie: Contenuto del testo. Attributi del testo. Modifica del contenuto Nel caso in cui sia voglia modificare il contenuto del testo, è sufficiente premere il pulsante Modifica del testo indicato nella Figura 14. Figura

12 Si può notare che l ambiente operativo è sostanzialmente uguale a quello di inserimento avendo anche la possibilità di modificare lo stile di testo e gli attributi di testo essenziali. Per modificare il testo si deve: Attivare il comando che consente la modifica del contenuto. Selezionare il testo da modificare. Apportare le modifiche al testo all interno della finestra di dialogo Editor di Testo. Eseguire un click nell area di lavoro. Modifica degli attributi diretta e attraverso lo stile di testo Per modificare in modo globale gli attributi di testo, si deve: Attivare il comando Cambia attributi di testo del gruppo Testo riportato Figura 15 Impostare i nuovi valori degli attributi che si intendono modificare o, in alternativa, scegliere uno stile appropriato. Selezionare con il cursore di schermo il testo del quale si vogliono modificare gli attributi, utilizzando eventualmente, gli strumenti di selezione multipla. Nel caso in cui il testo sia stato preventivamente selezionato, le modifiche saranno assegnate a tutti gli elementi di testo. Figura

13 In Figura 15 è mostrata la modifica di alcuni degli attributi del testo. Come si può notare non è possibile modificare la rotazione del testo. Per far ciò è necessario utilizzare lo strumento di rotazione degli elementi grafici. Attenzione: Nel caso in cui un testo sia stato inserito nel disegno associato ad uno stile, per modificare gli attributi del testo è sufficiente modificare gli attributi dello stile senza alcuna selezione del testo; è necessario, però, salvare le modifiche apportate allo stile, controllando che le dimensioni assumano il valore appropriato. Altri strumenti per gestire il testo Il programma consente di utilizzare, attraverso il gruppo di comandi Testo, riportato anche in Figura 14, altri strumenti relativi al testo, i quali permettono di: 1) Copiare un testo contenente un numero e incrementare il valore di tale numero di una variazione prefissata. 2) Gestire elenchi di testo in forma tabellare. 3) Riempire campi di dati. 4) Importare il testo preventivamente realizzato con altri programmi in grado di memorizzare le informazioni in formato ASCII. Inoltre sono disponibili altri strumenti, sempre presenti nel gruppo Testo, la cui funzione ed operatività sono desumibili dall Help in linea. Le prime tre possibilità operative, oggi sono sostanzialmente superate dalla possibilità di inserire nel file di disegno tabelle realizzate con programmi di tabelle elettroniche come ad esempio Excel (l uso delle tabelle elettroniche sarà illustrato in seguito in questo capitolo). Vi sono altre possibilità di inserire testo nell area di lavoro come sarà illustrata nell ultima parte di questo capitolo. Le annotazioni Figura

14 Oltre alla possibilità di inserire una o più righe di testo, il programma consente di corredare il disegno di ulteriori informazioni che consentono di completare il disegno stesso in fase di definizione delle tavole. Il pannello delle Annotazioni è disponibile attivando la voce corrispondente presente nel menu Strumenti. Da tale pannello sono desumibili tre sottogruppi di comandi: Annota. Strumenti di disegno. Testo XYZ. Inoltre è possibile inserire delle Note con linee indicatrici semplici, utilizzando il comando Posiziona Nota, presente nel gruppo di comandi Testo. Mentre i primi due sottogruppi di comandi consentono la gestione delle annotazioni aggiuntive al disegno, il terzo gruppo di comandi ha una funzionalità che non è proprio del tutto coerente con la funzione di messa in tavola. Di seguito mostreremo, di quest'ultimo gruppo di comandi, solo il comando utile a ricavare la posizione nello spazio di specifici punti di figure geometriche o la posizione corrente del cursore nella spazio di lavoro. Gli altri due comandi del gruppo, quello di: Importazione (Freccia orientata verso l alto). Esportazione (Freccia orientata verso il basso). saranno illustrati nel capitolo relativo alla modellazione superficiale. Inserimento di note con linee indicatrici Il comando Posiziona Nota consente di inserire del testo associato ad una linea indicatrice ed una terminatore (freccia). L elemento grafico che costituisce la nota di testo, è costituita da 2 Parti: Il testo comprensivo della frame e del tratto lineare orizzontale detta linea indicatrice. Un tratto lineare con terminatore o freccia che è un elemento di quotatura. Figura

15 La gestione delle proprietà dell elemento di quotatura (Linea indicatrice) sarà illustrata, di seguito nel corrente capitolo, nell ambito delle quote. La parte testuale della nota deve essere digitata nel riquadro dell editor di testo e, prima di essere posizionata sullo schermo, il programma richiede: la posizione del punto iniziale della nota e, successivamente, quella del punto finale. Nel caso sia attiva l opzione linea indicatrice, comparirà anche il tratto lineare orizzontale. Con lo strumento Posiziona Nota, è possibile: Stabilire un tipo di Cornice del testo (frame). L allineamento del testo che costituisce la nota stessa. Una caratteristica interessante è il Blocco di associazione, che sarà illustrato in modo approfondito durante l esposizione degli strumenti di quotatura. Se, quando si inserisce una nota, ed ilo blocco di associazione si verificano le seguenti condizioni di lavoro: Se si sposta l oggetto associato alla nota, la linea indicatrice diventerà elastica e sarà mantenuto il collegamento tra il punto di inizio e l oggetto grafico a cui è associata la nota stessa. Se si sposta il testo della nota, la linea indicatrice si deforma opportunamente per mostrare sempre il testo ad essa connesso. Le note di testo con gli strumenti di disegno Uno strumento sostanzialmente simile al comando Posiziona nota, è Posiziona linea indicatrice e testo del gruppo di comandi Strumenti di disegno. Con il comando Posiziona linea indicatrice e testo presente nel gruppo di comandi Strumenti di disegno, è possibile assumere come linea indicatrice anche una forma curvilinea denominata B-spline. Le caratteristiche degli elementi grafici fruibili nel gruppo di comandi strumenti di disegno sono modificabili in linea e in modo specifico, attraverso la finestra di dialogo Proprietà degli strumenti di disegno. Figura

16 Posizionamento dei Flag ovvero di annotazioni nascoste È invalso ormai l uso di utilizzare dei biglietti adesivi dove scrivere annotazioni più o meno necessarie. Quante scrivanie, monitor, documenti sono invasi da tali biglietti! In un certo senso a questo non si è sottratto neppure il nostro programma di grafica. Attivando il comando Posiziona Flag, appare la corrispondente finestra di dialogo e un rettangolo mobile, in corrispondenza del quale sarà inserita un immagine. Figura 19 Dalla finestra di dialogo Posiziona flag, si può notare la presenza dei seguenti parametri o strumenti: Scala, che consente di definire le dimensioni dell immagine da inserire. Livello, che consente di stabilire su quale livello dovrà essere associata l immagine da inserire. La scelta di un livello appropriato, magari ben definito nella struttura dei livelli, consente in modo immediato di visualizzare o nascondere le immagini associate alle Annotazioni. Classe, che consente di gestire immediatamente la visualizzazione dell oggetto indipendentemente dal suo livello di appartenenza se la classe scelta è del tipo Costruzione. Trasparente, che consente di inserire un immagine che non nasconda la parte di disegno a cui risulta sovrapposta. Immagine, che indica l immagine attiva da inserire nell area di lavoro nel momento in cui è stata scelta la posizione della Flag. Nel caso in cui si desidera cambiare l immagine associata all annotazione è necessario premere il pulsante Sfoglia e scegliere un nuovo file. Una volta scelto il tipo di immagine e posizionato il riquadro, compare l immagine nell area di lavoro e il riquadro Definisce le informazioni collegate al flag. In tale riquadro è possibile digitare del testo od incollarlo dopo averlo copiato da altri programmi di trattamento testo attivi contemporaneamente al programma di disegno. Operazioni sui flag I flag possono essere modificati: Nel contenuto delle informazioni collegate, con un semplice doppio Clic del mouse in corrispondenza dell immagine. Nella modifica degli attributi dell immagine segnaposto. Nella posizione. Inoltre i segnaposto per le annotazioni possono essere copiati o eliminati. 390

17 Figura 20 Per modificare le immagini, è necessario operare nel seguente modo: Selezionare l immagine da modificare con lo strumento di Selezione. Operare nella finestra di dialogo Posiziona Flag e modificare uno o più parametri compresa pure l immagine, se ciò è necessario. Attivare il comando Aggiorna Flag presente nel gruppo di comandi Annota. Selezionare l immagine segnaposto. Nel caso in cui si voglia spostare o copiare l immagine segnaposto per le annotazioni, è possibile utilizzare le risorse del programma, selezionando preventivamente con lo strumento di Selezione il Flag da manipolare. Figura 21 Gli altri strumenti integrativi del disegno Il gruppo di comandi Strumenti di disegno consente, oltre al posizionamento della nota già mostrato in Inserimento di note con linee indicatrici, di aggiungere altri elementi di corredo alla quotatura, come ad esempio: 5) Posizionare una linea indicatrice con didascalia. Con tale strumento è possibile definire una forma geometrica (Didascalia) nella quale inserire la didascalia stessa. 6) Posizionare la bolla per didascalia. 7) Posiziona l indicatore di sezione. 8) Posizionare il testo del titolo. 9) Posizionare l indicatore della freccia. 10) Posizionare l indicatore di dettagli. 391

18 Data l estrema semplicità nell utilizzo di tali strumenti si lascia al lettore la scoperta della loro funzionalità. Si deve tener presente, comunque, che arricchire il disegno di informazioni complementari di chiarimento è sicuramente utile, ma non si deve esagerare nel riempire il disegno di testo o elementi integrativi che ridurrebbero la chiarezza del disegno. Si vuol qui mostrare invece la funzione dello strumento Definisci proprietà che in un certo senso consente di parametrizzare e di personalizzare i diversi strumenti delle annotazioni. Figura 22 La finestra di dialogo riportata in Figura 22, è divisa in quattro parti: Poligoni della didascalia; in tale riquadro è possibile definire le dimensioni della bolla della didascalia che è sempre proporzionale alla dimensione del testo correntemente attiva. Inoltre è possibile definire i parametri di colore, stile e spessore della bolla Linee indicatrici; operando sui parametri di tale riquadro è possibile definire le caratteristiche delle linee indicatrici per quegli strumenti che ne prevedono l uso. Bolle di dettagli; consente la manipolazione dei parametri relativi alle bolle, indipendentemente dallo strumento utilizzato. Testo/ Titoli; consente di caratterizzare il testo presente in uno qualunque degli strumenti di disegno. Se si intende arricchire il disegno con gli strumenti innanzi indicati, è opportuno far un poco di esperienza con lo strumento che ne gestisce le Proprietà in modo da raggiungere il risultato grafico desiderato con il minimo sforzo operativo. Consiglio: Dal momento che ogni strumento di disegno inserito è un gruppo grafico, e, di conseguenza, può essere manipolato nella sua globalità in termini di posizione, orientamento e attributi vari, si invita l utente a definire le proprietà dei vari strumenti prima di inserirli. In caso contrario è necessario inserirli nuovamente nell area di disegno o attivare una procedura piuttosto complessa per la loro modifica. 392

19 Altre informazioni nell area di disegno: gli oggetti e la tecnologia Ole Nell ottica della condivisione delle informazioni tra i documenti prodotti da diversi software per la produzione di un progetto, è stata realizzata una tecnologia che consente di inserire informazioni prodotte con altri programmi, all interno di documenti realizzati con programmi differenti. A tale metodo di lavoro si allinea anche MicroStation. A seguito di tale caratteristica, è possibile inserire in MicroStation gli oggetti presenti nella finestra di dialogo Inserisci oggetto, attivando il corrispondente comando presente nel menu Modifica. Figura 23 L oggetto può essere inserito creando un nuovo file oppure utilizzando un file esistente. Una volta scelto il tipo di oggetto, lo stesso può essere inserito nel file grafico. I risultati dell inserimento e la manipolazione dell oggetto dipendono dall oggetto stesso. Nel caso di una presentazione elettronica, inserita in un file grafico, il programma mostra solo la prima slide e la stessa ha lo scopo di attivare la presentazione, nel caso di un foglio di Excel, il programma mostra solo una parte di tale foglio e le informazioni in esso presenti possono essere stampate insieme al disegno per meglio caratterizzare il documento progettuale. Supponiamo di dover inserire un file di Excel già esistente. In questo caso si deve: Attivare l opzione crea da file. Premere il pulsante Sfoglia che appare dopo la trasformazione dinamica della finestra di dialogo di Figura 23. Scegliere la cartella in cui si trova il documento da inserire e poi selezionare il documento stesso. Stabilire se l inserimento dell oggetto deve essere un collegamento (attivare l opzione presente nella finestra di dialogo) o debba essere incorporato nel file. Premere il pulsante OK. A questo punto appare una nuova finestra di dialogo che richiede di: Stabilire se l oggetto deve essere inserito. Con il mouse (per angoli). Per dimensioni (dimensioni predefinite). Il risultato grafico dell inserimento dipende dal tipo di documento; nel caso di Excel sono inserite 72 righe di tabella, nel caso di Word è necessario utilizzare un altra strategia operativa. 393

20 Una volta inserito il foglio di Excel nel disegno, lo stesso può essere spostato riscalato in modo appropriato affinché sia leggibile in fase di stampa. I limiti di tale procedimento consiste nel fatto che il programma inserisce una parte del foglio attivo all atto dell ultima memorizzazione in excel. Se si vuol utilizzare un metodo più generale valido per qualunque pacchetto, è necessario attivare il medito qui di seguito indicato: Attivare il programma contenente il file per il quale si vuol ottenere il collegamento nell area di lavoro del grafico. Selezionare la parte de file che si vuol collegare e attivare il comando copia. La selezione deve essere eseguita: Per pagine in Word All interno di un foglio di lavoro in Excel Per slide in Power point. Passare a MicroStation e attivare il comando Incolla speciale Scegliere l opzione di Collegamento o incorporamento per consentire successive modifiche all oggetto inserito. Inserire l oggetto nell area di lavoro attraverso la definizione dei punti del rettangolo contenente l oggetto. Si deve tener presente che il programma mostrerà in seguito solo l area dell oggetto selezionata nel programma che gestisce l oggetto stesso, nel caso in cui si voglia mostrare una differente parte dell oggetto, è necessario eseguire nuovamente il suo inserimento attraverso una differente area di selezione. La modifica degli oggetti Gli oggetti possono essere modificati da un punto di vista geometrico (sposta o scala) o rispetto al loro contenuto. Nel primo caso è sufficiente selezionarli e: Manipolarli direttamente operando sulle maniglie per modificare la scala dell oggetto o trascinare il mouse tenendo premuto il tasto sinistro del mouse per modificare la loro posizione. Scalarli con il tradizionale strumento di modifica della scala Per modificare il contenuto dell oggetto, lo stesso deve essere stato inserito con l attributo di incorporato o di collegato. In questi casi basta eseguire un doppio click sull oggetto per ottenere l attivazione del programma con il quale è stato creato l oggetto. Una volta apportate le modifiche all oggetto, le stesse saranno riportate nell ambiente del programma di grafica. Altre informazioni utili associabili al disegno Con MicroStation è possibile associare al file grafico altre informazioni: Informazioni per realizzare un semplice database interno al file di disegno come verrà completamente illustrato in: Il database interno a MicroStation ovvero i TAG. Il collegamento tra informazioni grafiche e alfanumeriche con database esterni (per l approfondimento di tale argomento si rinvia agli specifici manuali del programma, in quanto l argomento stesso esula dai nostri obiettivi data la sua specificità e complessità). Vedremo, nel capitolo relativo ai TAG, come l attività del disegnare o meglio del progettare stia mutando in modo radicale (e ciò sarà sicuramente più evidente nel prossimo futuro) in quanto oltre a conoscere le proiezioni ortogonali e le regole grafiche di rappresentazione, occorre essere in grado di associare le idonee informazioni agli elementi grafici in modo da 394

Solidi comunque inclinati nello spazio e i sistemi di riferimento ausiliari

Solidi comunque inclinati nello spazio e i sistemi di riferimento ausiliari Solidi comunque inclinati nello spazio e i sistemi di riferimento ausiliari Alla fine del capitolo saremo in grado di: Operare su forme tridimensionali comunque inclinate nello spazio rispetto ai piani

Dettagli

I file raster gestione e stampa

I file raster gestione e stampa Alla fine del capitolo saremo in grado di: Conoscere il significato dei file di raster Saper distinguere il file raster da quello vettoriale. Saper gestire i file Raster Saper vettorializzare manualmente

Dettagli

FINSON EXTRACAD 6 Manuale d uso minimo

FINSON EXTRACAD 6 Manuale d uso minimo FINSON EXTRACAD 6 minimo AVVIO Attraverso l icona ExtraCAD 2D presente sul desktop o tra i programmi del menù Start. In alcuni casi il software potrebbe non essere stato installato nella cartella Programmi,

Dettagli

La carta intelligente: l ambiente layout

La carta intelligente: l ambiente layout La carta intelligente: l ambiente layout Un layout di AutoCAD è paragonabile a un foglio di carta e vi consente di impostare alcune opzioni tra cui quelle di stampa. In un disegno avete la possibilità

Dettagli

Operazioni di base per l inserimento del testo

Operazioni di base per l inserimento del testo Office automation dispensa n.2 su Word Pagina 1 di 13 Operazioni di base per l inserimento del testo Usando un elaboratore di testi è consigliabile seguire alcune regole di scrittura che permettono di

Dettagli

3.3 Formattazione. Formattare un testo. Copyright 2008 Apogeo. Formattazione del carattere

3.3 Formattazione. Formattare un testo. Copyright 2008 Apogeo. Formattazione del carattere 3.3 Formattazione Formattare un testo Modificare la formattazione del carattere Cambiare il font di un testo selezionato Modificare la dimensione e il tipo di carattere Formattazione del carattere In Word,

Dettagli

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia Panoramica di Access 2010 A B C D E Elementi dell interfaccia A Scheda File (visualizzazione Backstage) Consente l accesso alla nuova visualizzazione backstage di Access 2010, che contiene un menu di comandi

Dettagli

MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE PRIMI PASSI

MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE PRIMI PASSI MICROSOFT EXCEL INTRODUZIONE Si tratta di un software appartenente alla categoria dei fogli di calcolo: con essi si intendono veri e propri fogli elettronici, ciascuno dei quali è diviso in righe e colonne,

Dettagli

La composizione del disegno e la stampa

La composizione del disegno e la stampa Alla fine del capitolo saremo in grado di: Differenziare le procedure tra quella della stampa della singola vista e quella della messa in tavola. Gestire i parametri della stampa. Conoscere e gestire il

Dettagli

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail. Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.com Indice: La finestra di Word Barra del titolo Barra dei menu Barra degli

Dettagli

Modulo 4 Strumenti di presentazione

Modulo 4 Strumenti di presentazione Modulo 4 Strumenti di presentazione Scopo del modulo è mettere l allievo in grado di: o descrivere le funzionalità di un software per generare presentazioni. o utilizzare gli strumenti standard per creare

Dettagli

Indice III. Indice. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9

Indice III. Indice. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9 Indice III Indice Unità 1 Il personal computer, 1 1.1 Struttura del personal computer, 2 1.2 Il software, 5 1.3 I dispositivi informatici di stampa, 6 1.4 Il disegno al computer, 7 1.5 La fotografia digitale,

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Facoltà di Economia Università di Foggia. Prof. Crescenzio Gallo

Laboratorio di Informatica. Facoltà di Economia Università di Foggia. Prof. Crescenzio Gallo . Laboratorio di Informatica Facoltà di Economia Università di Foggia Prof. Crescenzio Gallo Word è un programma di elaborazione testi che consente di creare, modificare e formattare documenti in modo

Dettagli

Procedura d installazione configurazione del sistema e caratteristiche della V8

Procedura d installazione configurazione del sistema e caratteristiche della V8 Procedura d installazione configurazione del sistema e caratteristiche della V8 Alla fine del capitolo saremo in grado di: Installare il programma. Conoscere le caratteristiche necessarie del sistema hardware.

Dettagli

Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4. Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa. Anno 2011/2012 Syllabus 5.

Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4. Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa. Anno 2011/2012 Syllabus 5. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4 Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa Anno 2011/2012 Syllabus 5.0 Una delle funzioni più importanti di un foglio elettronico

Dettagli

MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL)

MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL) MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL) 1. Introduzione ai fogli elettronici I fogli elettronici sono delle applicazioni che permettono di sfruttare le potenzialità di calcolo dei Personal computer. Essi

Dettagli

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D AutoCAD 3D Lavorare nello spazio 3D Differenze tra 2D e 3 D La modalità 3D include una direzione in più: la profondità (oltre l altezza e la larghezza) Diversi modi di osservazione Maggiore concentrazione

Dettagli

MODULO 5 Basi di dati (database)

MODULO 5 Basi di dati (database) MODULO 5 Basi di dati (database) I contenuti del modulo: questo modulo riguarda la conoscenza da parte del candidato dei concetti fondamentali sulle basi di dati e la sua capacità di utilizzarli. Il modulo

Dettagli

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE 1 MICROSOFT WORD INTRODUZIONE Word è il programma più diffuso per elaborazione di testi, il cui scopo fondamentale è assistere l utente nelle operazioni di digitazione, revisione e formattazione di testi.

Dettagli

STRUMENTI DI PRESENTAZIONE POWERPOINT 2003

STRUMENTI DI PRESENTAZIONE POWERPOINT 2003 STRUMENTI DI PRESENTAZIONE POWERPOINT 2003 INDICE 1 Strumenti di Presentazione... 4 2 Concetti generali di PowerPoint... 5 2.1 APRIRE POWERPOINT... 5 2.2 SELEZIONE DEL LAYOUT... 6 2.3 SALVARE LA PRESENTAZIONE...

Dettagli

Tabelle 3.4. Unità didattica. Copyright 2009 Apogeo. Obiettivi. Prerequisiti

Tabelle 3.4. Unità didattica. Copyright 2009 Apogeo. Obiettivi. Prerequisiti Unità didattica 3.4 In questa unità realizzerai un annuncio da appendere in una bacheca per la vendita del tuo lettore MP3. Il tuo annuncio deve essere gradevole e armonioso in modo che, tra tanti altri

Dettagli

Concetti Fondamentali

Concetti Fondamentali EXCEL Modulo 1 Concetti Fondamentali Excel è un applicazione che si può utilizzare per: Creare un foglio elettronico; costruire database; Disegnare grafici; Cos è un Foglio Elettronico? Un enorme foglio

Dettagli

FONDAMENTI DI INFORMATICA. 3 Elaborazione testi

FONDAMENTI DI INFORMATICA. 3 Elaborazione testi FONDAMENTI DI INFORMATICA 3 Elaborazione testi Microsoft office word Concetti generali Operazioni principali Formattazione Oggetti Stampa unione Preparazione della stampa Schermata iniziale di Word Come

Dettagli

CORSO PRATICO WinWord

CORSO PRATICO WinWord CORSO PRATICO WinWord AUTORE: Renato Avato 1. Strumenti Principali di Word Il piano di lavoro di Word comprende: La Barra del Titolo, dove sono posizionate le icone di ridimensionamento: riduci finestra

Dettagli

Creare e formattare i documenti

Creare e formattare i documenti Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Elaborazione di testi Creare e formattare i documenti 1 IL WORD PROCESSOR I programmi per l elaborazione di testi ( detti anche di videoscrittura

Dettagli

Istituto Alberghiero De Filippi Attività di Terza Area Corso ECDL a.s. 2009-2010 MODULO 3 ECDL. Elaboratore di testi Microsoft Word ECDL

Istituto Alberghiero De Filippi Attività di Terza Area Corso ECDL a.s. 2009-2010 MODULO 3 ECDL. Elaboratore di testi Microsoft Word ECDL Istituto Alberghiero De Filippi Attività di Terza Area Corso ECDL a.s. 2009-2010 MODULO 3 ECDL Elaboratore di testi Microsoft Word ECDL Microsoft Word consente di creare in modo rapido lettere, promemoria,

Dettagli

EXCEL PER WINDOWS95. sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area di lavoro, detta foglio di lavoro,

EXCEL PER WINDOWS95. sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area di lavoro, detta foglio di lavoro, EXCEL PER WINDOWS95 1.Introduzione ai fogli elettronici I fogli elettronici sono delle applicazioni che permettono di sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area

Dettagli

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Pagina 1 di 32 USARE WORD - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu pag.

Dettagli

USARE WORD - non solo per scrivere -

USARE WORD - non solo per scrivere - GUIDA WORD USARE WORD - non solo per scrivere - corso Word Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu

Dettagli

per immagini guida avanzata Tecniche di grafica professionale Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1

per immagini guida avanzata Tecniche di grafica professionale Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Tecniche di grafica professionale Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Elementi chiave della formattazione professionale per immagini guida avanzata GRAFICO PIRAMIDI 35 30 25 20

Dettagli

MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003

MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003 1. Novità di Excel 2003 MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003 CAPITOLO 1 Microsoft Office Excel 2003 ha introdotto alcune novità ed ha apportato miglioramenti ad alcune funzioni già esistenti nelle precedenti versioni

Dettagli

Lezione 5 Introduzione a Microsoft Excel Parte Seconda

Lezione 5 Introduzione a Microsoft Excel Parte Seconda Lezione 5 Introduzione a Microsoft Excel Parte Seconda Utilizzo delle funzioni... 1 Utilizzo di intervalli nelle formule... 2 Riferimenti di cella e di intervallo... 5 Indirizzi assoluti, relativi e misti...

Dettagli

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza I grafici in Excel... 1 Creazione di grafici con i dati di un foglio di lavoro... 1 Ricerca del tipo di grafico più adatto... 3 Modifica del grafico...

Dettagli

2.2.2.1 Identificare le diverse parti di una finestra: barra del titolo, barra dei menu, barra degli strumenti, barra di stato, barra di scorrimento.

2.2.2.1 Identificare le diverse parti di una finestra: barra del titolo, barra dei menu, barra degli strumenti, barra di stato, barra di scorrimento. Uso del computer e gestione dei file 57 2.2.2.1 Identificare le diverse parti di una finestra: barra del titolo, barra dei menu, barra degli strumenti, barra di stato, barra di scorrimento. All interno

Dettagli

MICROSOFT WORD. Funzioni ed ambiente di lavoro

MICROSOFT WORD. Funzioni ed ambiente di lavoro INFORMATICA MICROSOFT WORD Prof. D Agostino Funzioni ed ambiente di lavoro...1 Interfaccia di Word...1 Stesso discorso per i menu a disposizione sulla barra dei menu: posizionando il puntatore del mouse

Dettagli

Prof. Antonio Sestini

Prof. Antonio Sestini Prof. Antonio Sestini 1 - Formattazione Disposizione del testo intorno ad una tabella Selezionare la tabella Dal menù contestuale scegliere il comando «proprietà» Selezionare lo stile di disposizione del

Dettagli

11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica

11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica 11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica a cura di Gian Piero Benente Le competenze necessarie al docente di tecnologia e informatica della scuola elementare e della

Dettagli

Creazione di disegni dettagliati

Creazione di disegni dettagliati Creazione di disegni dettagliati Numero di pubblicazione spse01545 Creazione di disegni dettagliati Numero di pubblicazione spse01545 Informativa sui diritti di proprietà esclusiva e sulle limitazioni

Dettagli

Corso di Informatica di Base

Corso di Informatica di Base Corso di Informatica di Base LEZIONE N 3 Cortina d Ampezzo, 4 dicembre 2008 ELABORAZIONE TESTI Grazie all impiego di programmi per l elaborazione dei testi, oggi è possibile creare documenti dall aspetto

Dettagli

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto Applicare bordi e sfondi ai paragrafi Word permette di creare un bordo attorno ad un intera pagina o solo attorno a paragrafi selezionati. Il testo risulta incorniciato in un rettangolo completo dei quattro

Dettagli

CONTROLLO ORTOGRAFICO E GRAMMATICALE

CONTROLLO ORTOGRAFICO E GRAMMATICALE CONTROLLO ORTOGRAFICO E GRAMMATICALE Quando una parola non è presente nel dizionario di Word, oppure nello scrivere una frase si commettono errori grammaticali, allora si può eseguire una delle seguenti

Dettagli

Sommario SELEZIONARE UN OGGETTO UTILIZZANDO LA BARRA DEGLI OGGETTI 10 NAVIGARE ATTRAVERSO I RECORD IN UNA TABELLA, IN UNA QUERY, IN UNA MASCHERA 12

Sommario SELEZIONARE UN OGGETTO UTILIZZANDO LA BARRA DEGLI OGGETTI 10 NAVIGARE ATTRAVERSO I RECORD IN UNA TABELLA, IN UNA QUERY, IN UNA MASCHERA 12 $FFHVV;3 A Sommario cura di Ninni Terranova Marco Alessi DETERMINARE L INPUT APPROPRIATO PER IL DATABASE 3 DETERMINARE L OUTPUT APPROPRIATO PER IL DATABASE 3 CREARE LA STRUTTURA DI UNA TABELLA 3 STABILIRE

Dettagli

sommario 01 I fondamentali e l interfaccia di base 1 03 Apertura, creazione e salvataggio di disegni 27 04 Strumenti di ausilio al disegno 43

sommario 01 I fondamentali e l interfaccia di base 1 03 Apertura, creazione e salvataggio di disegni 27 04 Strumenti di ausilio al disegno 43 sommario 01 I fondamentali e l interfaccia di base 1 AutoCAD, AutoCAD per Mac, e 1 L avvio di AutoCAD 2 I primi cenni sull interfaccia 2 L area di disegno 5 Il cursore grafico 5 L icona del sistema di

Dettagli

L interfaccia di Microsoft Word 2007

L interfaccia di Microsoft Word 2007 L interfaccia di Microsoft Word 2007 Microsoft Word 2007 è un Word Processor, ovvero un programma di trattamento testi. La novità di questa versione riguarda la barra multifunzione, nella quale i comandi

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Leonardo da VINCI FASANO (BR) P.O.N. ANNUALITÀ 2013 - Obiettivo C1 MODULO ECDL4 MODULO 4

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Leonardo da VINCI FASANO (BR) P.O.N. ANNUALITÀ 2013 - Obiettivo C1 MODULO ECDL4 MODULO 4 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Leonardo da VINCI FASANO (BR) P.O.N. ANNUALITÀ 2013 - Obiettivo C1 MODULO ECDL4 MODULO 4 Il Foglio elettronico: Excel 2010 Lisa Donnaloia - lisa.donnaloia@libero.it

Dettagli

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 3 Elaborazione testi Word Argomenti del Syllabus 5.0

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 3 Elaborazione testi Word Argomenti del Syllabus 5.0 Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 3 Elaborazione testi Word Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 2 Modulo 3 Elaborazione testi Word G. Pettarin ECDL

Dettagli

Suite di produttività office automation

Suite di produttività office automation Suite di produttività office automation Cosa è una SUITE Una suite è una collezione di applicativi software ciascuno dei quali svolge un ruolo specifico all interno di un medesimo ambito (es: sicurezza,

Dettagli

MODULO N. 2 Elaborazione dei testi

MODULO N. 2 Elaborazione dei testi MODULO N. 2 Elaborazione dei testi I contenuti del modulo: Questo modulo verifica la competenza del corsista nell uso del personal computer come elaboratore di testi. Egli deve essere in grado di effettuare

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

MANUALE PERSONALIZZAZIONE STAMPE PROGRAMMI ARGO DEL 12/05/2008

MANUALE PERSONALIZZAZIONE STAMPE PROGRAMMI ARGO DEL 12/05/2008 MANUALE PERSONALIZZAZIONE STAMPE PROGRAMMI ARGO DEL 12/05/2008 Tutti i nominativi riportati in questo documento sono inventati e non riconducibili a nessuna persona realmente esistente (in ottemperanza

Dettagli

Word Elaborazione testi

Word Elaborazione testi I seguenti appunti sono tratti da : Consiglio Nazionale delle ricerche ECDL Test Center modulo 3 Syllabus 5.0 Roberto Albiero Dispense di MS Word 2003 a cura di Paolo PAVAN - pavan@netlink.it Word Elaborazione

Dettagli

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR UTILIZZO DI WORD PROCESSOR (ELABORAZIONE TESTI) Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

Manuale Utente -Versione 3.10

Manuale Utente -Versione 3.10 Software per la pianificazione della produzione Manuale Utente -Versione 3.10 Sommario SOMMARIO... 1 INTRODUZIONE... 3 Generalità...3 La tastiera...3 Struttura di una finestra...4 Unitá di misura e limiti

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Corso di Sistemi di Elaborazione delle Informazioni A.A. 2011/2012 Prof. Ing. Ivan Giammona

Dettagli

Guida rapida - versione Web e Tablet

Guida rapida - versione Web e Tablet Guida rapida - versione Web e Tablet Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Gestisce interattivamente

Dettagli

APPUNTI WORD PER WINDOWS

APPUNTI WORD PER WINDOWS COBASLID Accedemia Ligustica di Belle Arti Laboratorio d informatica a.a 2005/06 prof Spaccini Gianfranco APPUNTI WORD PER WINDOWS 1. COSA È 2. NOZIONI DI BASE 2.1 COME AVVIARE WORD 2.2 LA FINESTRA DI

Dettagli

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione Anno 2009/2010 Syllabus 5.0 Microsoft PowerPoint è un software progettato

Dettagli

MODULO 4 PROGRAMMA DI FOGLIO ELETTRONICO

MODULO 4 PROGRAMMA DI FOGLIO ELETTRONICO MODULO 4 PROGRAMMA DI FOGLIO ELETTRONICO MICROSOFT EXCEL Indice 1 Introduzione a Microsoft Excel... 4 Dati e Relazioni... 5 Gli elementi che caratterizzano un foglio elettronico non sono tanto i dati che

Dettagli

Lavorare con i paragrafi

Lavorare con i paragrafi Capitolo 4 Lavorare con i paragrafi Utilizzare il pannello Paragrafo La maggior parte della formattazione relativa ai paragrafi è gestita dal pannello Paragrafo (Figura 4.1). In questo capitolo Utilizzare

Dettagli

n L ambiente di lavoro

n L ambiente di lavoro n L ambiente di lavoro n Usare Cabri n Comprendere Cabri n L ambiente di lavoro 1 Che cosa è Cabri Il programma Cabri* è stato sviluppato da Jean-Marie Laborde e Franck Bellemain presso l Institut d Informatique

Dettagli

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1 MICROSOFT ACCESS Premessa ACCESS è un programma di gestione di banche dati, consente la creazione e modifica dei contenitori di informazioni di un database (tabelle), l inserimento di dati anche mediante

Dettagli

MENU PRINCIPALE (FILE)

MENU PRINCIPALE (FILE) MENU PRINCIPALE (FILE) CREARE UN NUOVO DISEGNO Per iniziare un nuovo disegno, occorre avviare il comando NUOVO, che consente all utente di creare un nuovo disegno e di impostare le dimensioni della pagina

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Prova di informatica & Laboratorio di Informatica di Base

Prova di informatica & Laboratorio di Informatica di Base Prova di informatica & Laboratorio di Informatica di Base Prof. Orlando De Pietro Programma L' hardware Computer multiutente e personal computer Architettura convenzionale di un calcolatore L unità centrale

Dettagli

DISPENSA PER MICROSOFT WORD 2010

DISPENSA PER MICROSOFT WORD 2010 DISPENSA PER MICROSOFT WORD 2010 Esistono molte versioni di Microsoft Word, dalle più vecchie ( Word 97, Word 2000, Word 2003 e infine Word 2010 ). Creazione di documenti Avvio di Word 1. Fare clic sul

Dettagli

L'INTERFACCIA DI AUTOCAD

L'INTERFACCIA DI AUTOCAD L'INTERFACCIA DI AUTOCAD L'interfaccia di autocad: la schermata di ingresso questa è la prima schermata che si presenta all'utente all'apertura di Autocad. Come si può vedere le barre strumenti non sono

Dettagli

Massimo Curci, Fabrizio Recchia... Errore. Il segnalibro non è definito. Elisa Donzella... Errore. Il segnalibro non è definito.

Massimo Curci, Fabrizio Recchia... Errore. Il segnalibro non è definito. Elisa Donzella... Errore. Il segnalibro non è definito. Word 2000 Core SOMMARIO Premessa... 4 Utilizzare il comando Annulla, Ripristina e Ripeti... 5 Applicare formato carattere: grassetto, corsivo e sottolineato... 5 Utilizzare il controllo ortografico...

Dettagli

ECDL Modulo 6 Strumenti di presentazione

ECDL Modulo 6 Strumenti di presentazione ECDL Modulo 6 Strumenti di presentazione Syllabus 5.0 Roberto Albiero Modulo 6 Strumenti di presentazione Questo modulo permetterà al discente di acquisire competenza nell utilizzo del software di presentazione,

Dettagli

Per avviarlo, dal menu Star, selezionare Programmi e cliccare sulla voce Microsoft Word.

Per avviarlo, dal menu Star, selezionare Programmi e cliccare sulla voce Microsoft Word. L interfaccia Grafico di M. Word 1.1. Introduzione Microsoft Word è un programma per l elaborazione dei testi che semplifica e arricchisce le funzioni dell obsoleta macchina per scrivere. Permette di:

Dettagli

PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER

PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO 6 Powerpoint A cura di Mimmo Corrado MODULO 6 - STRUMENTI DI PRESENTAZIONE 2 FINALITÁ Il Modulo 6 - Strumenti di presentazione, richiede che il candidato dimostri

Dettagli

Microsoft PowerPoint

Microsoft PowerPoint Microsoft introduzione a E' un programma che si utilizza per creare presentazioni grafiche con estrema semplicità e rapidità. Si possono realizzare presentazioni aziendali diapositive per riunioni di marketing

Dettagli

Preparazione ECDL modulo 4 Foglio elettronico

Preparazione ECDL modulo 4 Foglio elettronico IFTS anno formativo 2012-2013 Tecnico superiore per il monitoraggio e la gestione del territorio e dell ambiente Preparazione ECDL modulo 4 Foglio elettronico Esperto Salvatore Maggio FOGLIO ELETTRONICO

Dettagli

Istruzioni per una corretta installazione

Istruzioni per una corretta installazione INDICE > Premessa 2 Istruzioni per una corretta installazione 3 > Nuova Installazione 4 Installazione prerequisiti 5 Installazione di excellent Computi 6 > Aggiornamento di excellent Computi 10 Disinstallazione

Dettagli

Capitolo3. Si apre la seguente finestra. Figura 29. Proprietà immagine di sfondo. - Università degli Studi della Repubblica di San Marino -

Capitolo3. Si apre la seguente finestra. Figura 29. Proprietà immagine di sfondo. - Università degli Studi della Repubblica di San Marino - Capitolo3 LAVORARE CON LE IMMAGINI E certo che l impatto visivo in un sito internet è molto importante ma è bene tenere presente che immagini e fotografie, pur arricchendo la struttura grafica di un web,

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file Uso del computer e gestione dei file Sommario Uso del computer e gestione dei file... 3 Sistema Operativo Windows... 3 Avvio di Windows... 3 Desktop... 3 Il mouse... 4 Spostare le icone... 4 Barra delle

Dettagli

Operazioni fondamentali

Operazioni fondamentali Elaborazione testi Le seguenti indicazioni valgono per Word 2007, ma le procedure per Word 2010 sono molto simile. In alcuni casi (per esempio, Pulsante Office /File) ci sono indicazioni entrambe le versioni.

Dettagli

www.informarsi.net MODULO 6 ECDL - EIPASS STRUMENTI DI PRESENTAZIONE - PRESENTATIONS Microsoft PowerPoint http://www.informarsi.net/ecdl/powerpoint/

www.informarsi.net MODULO 6 ECDL - EIPASS STRUMENTI DI PRESENTAZIONE - PRESENTATIONS Microsoft PowerPoint http://www.informarsi.net/ecdl/powerpoint/ MODULO 6 ECDL - EIPASS STRUMENTI DI PRESENTAZIONE - PRESENTATIONS Microsoft PowerPoint http:///ecdl/powerpoint/ INTERFACCIA UTENTE TIPICA DI UN SOFTWARE DI PRESENTAZIONE APERTURA E SALVATAGGIO DI UNA PRESENTAZIONE

Dettagli

INDICE L ambiente di lavoro... 2 Interfaccia di Word... 2 Le visualizzazioni... 5 Digitazione e revisione del testo...6 Modalità di selezione del

INDICE L ambiente di lavoro... 2 Interfaccia di Word... 2 Le visualizzazioni... 5 Digitazione e revisione del testo...6 Modalità di selezione del INDICE L ambiente di lavoro... 2 Interfaccia di Word... 2 Le visualizzazioni... 5 Digitazione e revisione del testo...6 Modalità di selezione del testo... 6 Selezione attraverso il mouse... 6 Selezione

Dettagli

Obiettivi del corso. Creare, modificare e formattare un semplice database costituito da tabelle, query, maschere e report utilizzando Access 2000.

Obiettivi del corso. Creare, modificare e formattare un semplice database costituito da tabelle, query, maschere e report utilizzando Access 2000. ECDL Excel 2000 Obiettivi del corso Creare, modificare e formattare un semplice database costituito da tabelle, query, maschere e report utilizzando Access 2000. Progettare un semplice database Avviare

Dettagli

Dispensedi Word. CampusLab - Agenzia Formativa Sede Provinciadi Cuneo Sede Provinciadi Torino Sede Provinciadi Vercelli Sede Liguria C.

Dispensedi Word. CampusLab - Agenzia Formativa Sede Provinciadi Cuneo Sede Provinciadi Torino Sede Provinciadi Vercelli Sede Liguria C. Accreditamento Regione Piemonte Sede operativa di formazione professionale Organismo: certificato nr. 098/001 ER 0988/2003 ES-0988/2003 ISO 9001:2000 Dispensedi Word CampusLab - Agenzia Formativa Sede

Dettagli

I PROGRAMMI PER L ELABORAZIONE DEL TESTO

I PROGRAMMI PER L ELABORAZIONE DEL TESTO I PROGRAMMI PER L ELABORAZIONE DEL TESTO Modulo 3 dell ECDL Quarta Parte pag. 1 di 15 CopyLeft Multazzu Salvatore I programmi per elaborazione del testo : Quarta Parte SOMMARIO Tabelle... 3 Modificare

Dettagli

S.C.S. - survey CAD system Tel. 045 / 7971883. Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per:

S.C.S. - survey CAD system Tel. 045 / 7971883. Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per: 1 - File Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per: - l apertura e salvataggio di disegni nuovi e esistenti; - al collegamento con altri programmi, in particolare AutoCAD; - le opzioni di importazione

Dettagli

Esercizi mirati Esercizio 1. Utilizzare una maschera per scrivere una lettera, una domanda, un curriculum,

Esercizi mirati Esercizio 1. Utilizzare una maschera per scrivere una lettera, una domanda, un curriculum, Esercizi mirati Esercizio 1. Utilizzare una maschera per scrivere una lettera, una domanda, un curriculum, Scegliere una maschera adatta ad una specifica applicazione.: scrivere un fax Lavorare con una

Dettagli

Breve guida a WORD per Windows

Breve guida a WORD per Windows 1. COSA È Il Word della Microsoft è pacchetto applicativo commerciale che rientra nella categoria dei word processor (elaboratori di testi). Il Word consente il trattamento avanzato di testi e grafica,

Dettagli

Word Processor: WORD (livello base) Classificazione

Word Processor: WORD (livello base) Classificazione Parte 5 Word Processor: WORD (livello base) Elementi di Informatica - AA 2008/2009 - MS Word 1 di 60 Classificazione Esistono diversi strumenti per la realizzazione di documenti testuali: Editor di testo

Dettagli

Versione aggiornata al 11.11.2014

Versione aggiornata al 11.11.2014 Word Processing Versione aggiornata al 11.11.2014 A cura di Massimiliano Del Gaizo Massimiliano Del Gaizo Pagina 1 SCHEDA (RIBBON) HOME 1. I L G R U P P O C A R AT T E R E Word ci offre la possibilità,

Dettagli

Breve guida di InDesign

Breve guida di InDesign Breve guida di InDesign Sommario Breve guida di InDesign... 1 Creare nuovi documenti... 1 Inserire (importare) il testo... 8 Le pagine mastro...14 I font e i paragrafi...19 Stili...27 Tabulazioni...35

Dettagli

UN USO DIVERSO DEL COMANDO RACCORDA

UN USO DIVERSO DEL COMANDO RACCORDA UN USO DIVERSO DEL COMANDO RACCORDA Il comando raccorda ha anche un uso diverso da quello di smussare gli angoli di polinee o di poligoni.. Può servire per ottenere un tipo molto particolare di ESTENDI.

Dettagli

MS Word per la TESI. Barra degli strumenti. Rientri. Formattare un paragrafo. Cos è? Barra degli strumenti

MS Word per la TESI. Barra degli strumenti. Rientri. Formattare un paragrafo. Cos è? Barra degli strumenti MS Word per la TESI Barra degli strumenti Cos è? Barra degli strumenti Formattazione di un paragrafo Formattazione dei caratteri Gli stili Tabelle, figure, formule Intestazione e piè di pagina Indice e

Dettagli

SCRIVERE TESTI CON WORD

SCRIVERE TESTI CON WORD SCRIVERE TESTI CON WORD Per scrivere una lettera, un libro, una tesi, o un semplice cartello occorre un programma di elaborazione testo. Queste lezioni fanno riferimento al programma più conosciuto: Microsoft

Dettagli

WWW.ICTIME.ORG. NVU Manuale d uso. Cimini Simonelli Testa

WWW.ICTIME.ORG. NVU Manuale d uso. Cimini Simonelli Testa WWW.ICTIME.ORG NVU Manuale d uso Cimini Simonelli Testa Cecilia Cimini Angelo Simonelli Francesco Testa NVU Manuale d uso EDIZIONE Gennaio 2008 Questo manuale utilizza la Creative Commons License www.ictime.org

Dettagli

L interfaccia. La barra delle applicazioni. MS Windows Barra delle Applicazioni

L interfaccia. La barra delle applicazioni. MS Windows Barra delle Applicazioni Windows XP In questa sezione, si desidero evidenziare le caratteristiche principali di Windows cercando possibilmente di suggerire, per quanto possibile, le strategie migliori per lavorare velocemente

Dettagli

Programma Corso Office ECDL

Programma Corso Office ECDL Programma Corso Office ECDL FASE DI AULA PRIMA LEZIONE MICROSOFT WORD Concetti generali: Primi passi Aprire (e chiudere) Microsoft Word. Aprire uno o più documenti. Creare un nuovo documento (predefinito

Dettagli

Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione. Studio Elfra sas Via F.lli Ruffini 9 17031 Albenga SV 0182596058

Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione. Studio Elfra sas Via F.lli Ruffini 9 17031 Albenga SV 0182596058 by Studio Elfra sas Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione Aggiornato a Aprile 2009 Informatica di base 1 Elaborazione testi I word processor, o programmi per l'elaborazione

Dettagli

Manuale LIM Hitachi FX77- PARTE 1

Manuale LIM Hitachi FX77- PARTE 1 Manuale LIM Hitachi FX77- PARTE 1 Sommario Che cos'è StarBoard Software?... 2 Elementi dello schermo... 2 Guida rapida all'avvio... 3 Selezione di una modalità... 5 Disegno... 6 Disegno con gli strumenti

Dettagli

Corso di introduzione all informatica. Microsoft Excel. Tutorial. Prof. Elena Spera

Corso di introduzione all informatica. Microsoft Excel. Tutorial. Prof. Elena Spera Corso di introduzione all informatica Microsoft Excel Tutorial Prof. Elena Spera Sommario Introduzione Formattazione del foglio di lavoro Formule e funzioni Grafici e cartine Manipolazione dei dati Integrazione

Dettagli

SOMMARIO IL SISTEMA OPERATIVO WINDOWS... 1 LE FINESTRE... 3

SOMMARIO IL SISTEMA OPERATIVO WINDOWS... 1 LE FINESTRE... 3 Corso per iill conseguiimento delllla ECDL ((Paatteenttee Eurropeeaa dii Guiidaa deell Computteerr)) Modullo 2 Geessttiionee ffiillee ee ccaarrtteellllee Diisspenssa diidattttiica A curra dell ssiig..

Dettagli

L interfaccia di P.P.07

L interfaccia di P.P.07 1 L interfaccia di P.P.07 Barra Multifunzione Anteprima delle slide Corpo della Slide Qui sotto vediamo la barra multifunzione della scheda Home. Ogni barra è divisa in sezioni: la barra Home ha le sezioni

Dettagli

Microsoft Word 2007 Avanzato Lezione 16. Dimensione delle immagini

Microsoft Word 2007 Avanzato Lezione 16. Dimensione delle immagini Dimensione delle immagini e Scorrimento del testo Dimensione delle immagini Anche oggi parliamo di immagini. Cominciamo proponendo qualche considerazione circa le dimensioni e il ritaglio dell immagine

Dettagli

Microsoft Word Nozioni di base

Microsoft Word Nozioni di base Corso di Introduzione all Informatica Microsoft Word Nozioni di base Esercitatore: Fabio Palopoli SOMMARIO Esercitazione n. 1 Introduzione L interfaccia di Word Gli strumenti di Microsoft Draw La guida

Dettagli