Quindicinale Indipendente d Informazione del IV Municipio. I GIOVANI ESCONO ALLO SCOPERTO da pag. 15 il nuovo giornale degli under 25

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quindicinale Indipendente d Informazione del IV Municipio. I GIOVANI ESCONO ALLO SCOPERTO da pag. 15 il nuovo giornale degli under 25"

Transcript

1 Quindicinale Indipendente d Informazione del IV Municipio ANNO XXV - N. 2 - GENNAIO COPIA GRATUITA [ ] Via Val Maggia 32 - Tel w w w. l a q u a r t a o n l i n e. i t VALMELAINA E TUFELLO UNA MORTE ANNUNCIATA I GIOVANI ESCONO ALLO SCOPERTO da pag. 15 il nuovo giornale degli under 25 [Riccardo De Cataldo] Terra di mezzo, area di passaggio, zone ombra senza piu' decoro. Così appaiono oggi Valmelaina e Tufello, azzerate da una serie di eventi dei loro valori e atmosfere caratteristici. Uno dopo l'altro sono scomparsi irreversibilmente luoghi, strutture e servizi pluridecennali che caratterizzavano questi quartieri e che rappresentavano dei riferimenti per la comunita' locale. Scomparivano man mano le scuole Manuzio e Uruguay, tanto che ora solo la Caterina Cittadini, imprigionata dai cantieri metro, accoglie i ragazzi delle medie anche se a pagamento. Se ne sono andati prima il campo Coccia a via Monte Cervialto, sostituito dai palazzoni della polizia, poi il campo del Tirreno di via Gran Paradiso, ceduto in commodato d'uso per il cantiere metro, in modo fin troppo generoso dal parroco del Redentore. Da anni l'astra e L'Aureo non sono più delle sale cinematografiche del quartiere ed il mercato storico di Valmelaina dopo essere stato lasciato imputridire, da qualche anno staziona lungo lo stradone di via Conti. Perfino il palazzo della circoscrizione di via Monte Rocchetta è emigrato nel quartiere "in" di Talenti/ Mezzaroma. In mezzo a tutto questo il colpo finale é stato inferto dalla tragedia di via Ventotene, i cui effetti piu' psicologici che pratici si sono fatti sentire fra la gente di queste parti, otto vittime per l'esplosione, ma un intero quartiere caduto in una depressione senza fine. Il panorama poi in questi giorni è addirittura spettrale: strade chiuse, deviazioni improvvise, negozi con le serrande abbassate e il buio che incombera' per anni prima che la stazione metro Jonio apparira' dall'alto della collina sventrata di via Scarpanto, monumentale ed inquietante, in contrasto con i palazzi polari. Ed allora cosa troverà di quel che resta di Valmelaina? Ancora meno e forse più niente. [di Luca Coniglio] Qualche sabato fa mi trovavo a viale Libia. Ho provato una grande tristezza nel constatare come una tradizionale via del commercio romano, meta di tanti giovani montesacrini come il sottoscritto, oggi sia un cantiere spettrale, vuoto, animato solo dai veicoli imbottigliati nel traffico. Lo spettacolo di tante saracinesche abbassate mi ponevano un inquietante interrogativo: la fermata Metro, una volta ultimata, darà a Viale Libia e ai suoi abitanti, solo un decimo di quello che gli ha tolto in termini di vivibilità e viabilità? Sarà questo anche il futuro di viale Jonio? No, probabilmente sarà ancor peggio. I lavori per la nuova fermata, appena partiti, sventreranno un area ben più delicata e sensibile di viale Libia. Una zona commercialmente in profondo rosso, uno snodo di viabilità già adesso traballante che collasserà quando i cantieri saranno tutti a regime. Una fetta di Tufello tolta ai cittadini e consegnata alle scavatrici e alle trivelle della Salini. Erano molti a pensare e altrettanti, fra politici e addetti ai lavori, a sperare che gli effetti speciali di Romametropolitane avrebbero finito per convincere anche il piu preoccupato dei residenti, ma ecco alzarsi improvvisa una nota imprevista di dissenso dei ragazzi di Valmelaina. Una voce che passa attraverso Random, il giornale dei ragazzi, che parte proprio allegato a questo numero de La Quarta, e state sicuri che questa vicenda del mostruoso cantiere non è sfuggita ai nostri giovani giornalisti! F.lli Marinaro DOMENICA APERTI DAI UN SAPORE GENUINO ALLA TUA TAVOLA Tortellini, Cannelloni, Ravioli di ricotta, di zucca, funghi porcini, radicchio e speck, limone e zafferano e tanti altri prodotti con ingredienti genuini e senza strane polverine Via Val Padana, 55 Tel Via Val di Non, 50 Tel Via I. Giorgi, 47 - Tel

2

3 Gennaio 2010 METRO Pagina 3 STAZIONE METRO B1 DI PIAZZALE JONIO E IL VERO PREZZO DEL SERVIZIO PUBBLICO: LA PAROLA AI CITTADINI! A spasso in via Scarpanto tra la gente di Valmelaina.Pochi sanno della metropolitana e quale prezzo i cittadini pagheranno in futuro per i cantieri. Omertà istituzionale e mancanza di programmazione [di Tommaso De Bianchi] Quello dell amministrazione politica del Municipio di rappresentare l ultimo e fondamentale anello della catena, attivo nell analisi del rapporto fra i cantieri e la vivibilità del territorio, dovrebbe essere un vero e proprio obbligo, sancito da quel principio della sussidiarietà, che attribuisce la comunicazione diretta con la base sociale e la rappresentanza delle istanze di essa presso Istituzioni superiori, proprio all amministrazione municipale. E quella comunicazione, non dovremmo neppure dirlo, dovrebbe avere l obbligo morale della verità e della completezza. Parole e principi fanno la loro parte, non c è che dire, ma la loro concreta applicazione, viene davvero eseguita secondo le linee che dettano? Siamo andati proprio fra le strade, nei condomini, nelle scuole, nei negozi che verranno interessati dall invasiva presenza dei cantieri della Metro B1. Mah, a scuola non ci hanno parlato di questo, né abbiamo mai ricevuto a casa opuscoli e dossier che informassero, almeno noi residenti della zona, di cosa dovessimo aspettarci da questi cantieri. ci dice Gianluca, ex alunno dell Istituto Scolastico di Via Sarandì, e residente in uno dei palazzi di Via Gran Paradiso. Alla domanda se fosse mai stato informato, del fatto che il IV Muncipio avesse programmato delle assemblee pubbliche per discutere del problema, ci risponde che non sa neppure cosa esse siano. Confortante, non c è che dire. Graziella invece, abita da molto, molto tempo a Via delle Isole Curzolane, e via Scarpanto la conosce assai bene: era lì che per tanti anni si recava con il suo carrello della spesa, ai tempi del mercato di Val Melaina. Gli presentiamo il piano della mobilità Io di queste cose ci capisco poco, non guido la macchina e non mi sposto da qui. La Metropolitana non mi servirà, ma mi dispiace quando so che il posto in cui vivo potrebbe essere sacrificato senza una giustificazione; e mi duole molto Una giustificazione c è sempre, e anche ben argomentata, come tutti gli atti amministrativi. Ciò che andrebbe valutato è quanto tenga davvero. Emanuele sta tornando con uno zaino da scuola, per prendere l autobus proprio a Via Monte Rocchetta. Eh si, lo so che stanno costruendo una stazione della Metro: per carità potrebbe servirmi in futuro, per ora scuola mia sta nella direzione opposta (Vigne Nuove ndr.); ma vedo i miei genitori, che lavorano al centro e devono passare per quelle parti, che sono molto preoccupati. Hai idea di come siano stati informati? Credo attraverso i giornali, qui in giro si vedono solo cartelloni come quelli lì sopra e ci indica uno spazio pubblicitario dell UDC in cui si presentano i dubbi sugli effetti dei cantieri, affissi su Via Isole Curzolane. Che ci fossero dei lavori in corso, era chiaro come la luce del sole, sono gli effetti che non sono stati presentati nella maniera opportuna. dice Claudio, che ogni mattina segue in macchina la tratta Val Melaina-Jonio. Forse siamo noi che non sappiamo guardare, magari ci hanno avvisati in tutti i modi ma non ci facciamo caso. Siamo proprio dei cittadini negligenti e svogliati: non abbiamo neanche voglia di impegnarci per il nostro territorio. Ma se in pochi hanno percepito la grave ricaduta degli effetti che tali cantieri avranno sulla vivibilità del territorio, è solo colpa del nostro disimpegno? O forse, quell obbligo morale di cui parlavamo, non è stato totalmente rispettato? Forse se avessimo saputo completamente ciò che avrebbe comportato la costruzione della stazione di piazzale Jonio, non saremmo stati così in silenzio. Se qualcosa manca nell informazione, non può essere solo colpa del ricevente. Qualche responsabilità ce l avrà o no il mittente? In fondo le amministrazioni politiche locali, agiscono nel nostro interesse. Perché il IV Municipio avrebbe dovuto omettere qualcosa, quando si parla di un iniziativa, come la Metro B1 a Via Scarpanto? Veritas odium parit (la verità procura nemici), viene da pensare. DAL COMUNE IL PD STAMPETE, PER LA MANCANZA D INFORMAZIONE SULLA METRO B1, INTERROGA L ASSESSORE ALLA MOBILITA MARCHI Riceviamo e pubblichiamo la nota con cui il consigliere capitolino interviene sull inadeguatezza dei primi passi dei nuovi cantieri su via Scarpanto Premesso che nei giorni scorsi è stato aperto il cantiere della Metropolitana diramazione B1 tratta Conca d Oro - Jonio (Valmelaina); Che a seguito di tale apertura è stata rivoluzionata la regolazione dei flussi di traffico nel quartiere con ricadute pesanti anche nei quartieri limitrofi di Tufello e Nuovo Salario; Che la nuova regolamentazione del traffico è stata decisa senza coinvolgere minimamente la cittadinanza, i comitati di quartiere e le associazioni dei commercianti, i quali sono fortemente penalizzati dalla nuova situazione con strade chiuse al traffico, carreggiate ridotte, eliminazione di parcheggi, sensi unici e limitazioni di accesso; Che la stessa informativa al quartiere sulla nuova circolazione è avvenuta solo due giorni prima dell entrata in funzione mentre i quartieri adiacenti non sono stati neanche informati, con il risultato di un grande caos nella regolazione dei flussi di traffico e legittime lamentele da parte dei cittadini; Considerato che interventi assolutamente necessari e attesi da anni dal quartiere come la costruzione della linea metropolitana non possono essere realizzati senza il coinvolgimento e la puntuale e tempestiva informazione ai cittadini residenti e agli operatori economici di un area fortemente antropizzata; Che appare opportuno individuare strumenti per il continuo monitoraggio e la regolazione efficace dei flussi di traffico, introducendo durante il periodo dei lavori, che durerà parecchi anni, quelle modifiche e accorgimenti che scaturiranno dall esperienza concreta e che potranno ridurre i disagi alla cittadinanza; Il sottoscritto consigliere interroga l Assessore alla Mobilità per sapere 1) Come mai l informativa alla cittadinanza sull apertura del cantiere e sulla conseguente nuova regolazione dei flussi di traffico è stata fornita con grave ritardo e senza un congruo preavviso; 2) Come mai nella elaborazione della nuova regolamentazione dei flussi di traffico non è stata coinvolta la cittadinanza, i comitati e le associazioni del quartiere; 3) Chi ha studiato i flussi di traffico di Vlmelaina, con quali metodi, in quanto tempo e in quale periodo lo ha fatto; 4) Come è stato coinvolto nelle decisioni il IV Municipio, il suo Ufficio Tecnico, il Gruppo della PM Municipale e gli organi politici; 5) Se non si ritiene opportuno istituire un Tavolo di confronto permanente per il monitoraggio dei flussi e la elaborazione di proposte per la loro migliore regolamentazione nel periodo interessato dai lavori. Il Consigliere Antonio Stampete

4 Pagina 4 METRO Gennaio 2010 VAL MELAINA METRO: DA GIUGNO IL POZZETTO DI AREAZIONE TOGLIERA UN PEZZO DI STRADA E TUTTO IL MARCIAPIEDE Un grande scavo per l areazione della metropolitana da giugno sarà effettuato tra via Isole Curzolane e via Val Melaina, ma commercianti e residenti nulla sanno [di Francesca Romani] Agiugno dovrebbero iniziare gli scavi ma tutti i commercianti dell angolo tra via di Val Melaina e via delle Isole Curzolane non ne sanno davvero nulla. Circa due mesi fa sono sopraggiunti sul posto degli addetti ai lavori che hanno fatto due piccole buche senza però dare alcun utile come la metropolitana ma, certamente, questo non può essere la causa della chiusura di esercizi commerciali che mantengono intere famiglie. Questa domanda non se la pone nessuno? Oltretutto siamo quasi alla fine di gennaio e ancora devono comunicarci qualcosa afferma un commerciante. Qui davvero non è passata alcuna comunicazione di inizio CONVIVERE CON LA METRO MA NON IN QUESTO MODO Per anni, forse quattro, un intero quartiere sarà tenuto in ostaggio, senza garanzie e senza alcun sostegno alle attivita' imprigionate dai cantieri metro. Un'occasione perduta per restaurare Valmelaina. Intanto i sondaggi fanno tremare le case [di Riccardo De Cataldo] fatto solo un forellino sulla strada e tutta la mia casa tremava,che "Hanno succedera' quando farnno gli scavi veri? "Cosi' esordisce un'abitante di via Scarpanto,appena ci vede muniti della macchina fotografica. E' sabato, la gente, soprattutto quella piu' anziana, procede sbi- Via Scarpanto. Arriva il cantiere Metro ma le buche rimangono gottita su una via Scarpanto spettrale, invasa da operai, ingegneri della Romametropolitane,e vigili urbani impegnati a spiegare deviazioni e nuovi percorsi, ma soprattutto quasi a giustificarsi che via Scarpanto era spaccata in due da barriere provvisorie e presto da pannelli definitivi. Tommaso, 75 anni, mi faceva notare che fra centinaia di milioni spesi per la metro non si era trovato un euro per coprire le buche di preavviso sulla possibilità di inizio lavori il prossimo giugno. Un pozzetto di areazione, dunque, di cui nessuno non sa minimamente nulla. La notizia non lascia però indifferenti i commercianti che si dicono davvero stanchi di questi cambiamenti che comportano ingenti danni e problemi alle proprie attività commerciali. In un periodo di così grande crisi economica è possibile che a nessuno venga in mente di tutelare chi continua a stringere i denti per cercare di arrivare a fine mese, coprire le spese e sbarcare il lunario? Questa è la domanda più frequente tra gli intervistati. La situazione è più grave di quello che sembra. Nessuno vuole negare al nostro territorio un servizio così importante e lavori, né per il pozzetto di areazione né per altro. Onestamente ho questa attività da tanti anni e non rimarrò fermo di fronte ad un simile danno. Non ci si rende conto di quanto sia importante il lavoro per noi, di quanto questi scavi di fronte ai nostri esercizi commerciali comporterebbero una riduzione pressoché totale degli ingressi da parte dei consumatori portando ad un arresto completo del lavoro. E questo non è importante, non costituisce un problema per chi pianifica questi interventi? commenta indignato un altro esercente. Ad oggi, quindi, assoluto mal contento e preoccupazione di fronte a questa notizia. Il futuro non si presenta certamente roseo per tutti gli esercizi in questione. Via Monte Ruggero. Divieto di tranzito verso via Scarpanto Via Scarpanto. Tolta la rotatoria ora è solo un area parcheggio via Scarpanto. Incredibile, con un pugno nello stomaco si pretende di prendere possesso di Valmelaina e poi neanche un piccolo gesto insignificante nei confronti del territorio! Ed anche fra i negozianti di qui non c'è da stare allegri, perderanno molto economicamente senza essere risarciti di niente. Il pasticciere di viale Jonio e il macellaio di via V almelaina/isole Curzolane avranno la strada chiusa per lavori fra pochi mesi ma nessuno gli ha detto nulla. Perfino i vigili urbani non sanno che per una viabilita' al limite dell'assurdo e da piazzale Jonio il villaggio Angelini sopra via Valmelaina diventera' irraggiungibile. Un caos indescrivibile per il quale l'unica cosa saggia sussurrata da qualche addetto ai lavori è stata: ci affidiamo a Dio! E pensare che fra sei mesi apriranno i cantieri che paralizzeranno tutto.

5 Gennaio 2010 I SONDAGGI Pagina 5 FORUM E SONDAGGI PARTECIPA SU ANCHE TU PROTAGONISTA DELLE NOTIZIE! Parte la sfida per la Regione Lazio, Bonino VS Polverini Già puoi votare su Non avrei mai pensato di trovare a Conca d Oro un negozio così fornito di un assortimento completo per tutte le mie esigenze ANCHE PER FARE DA ME IL MIO COSTUME DA CARNEVALE BONINO (CENTRO SINISTRA) VS POLVERINI (CENTRO DESTRA) [di Silvio Zappi] Éattivo sul sito il FORUM dedicato ai lettori del quindicinale La Quarta. Potete dire la vostra sugli argomenti che vi stanno più a cuore. Potete rendere pubbliche le vostre rimostranze, i vostri suggerimenti e perché no i vostri elogi. Basta collegarsi al sito del giornale, andare sulla voce FORUM del menù in alto e scrivere nella apposita sezione il vostro pensiero. Abbiamo suddiviso il FORUM per temi, quali la viabilità, le emergenze socio-sanitarie, le particolari situazioni legate alla nuova fermata di Via val d Ala ed alla Metro B, ma potete scrivere ciò che volete, ovviamente evitando insulti e volgarità. Sempre sul sito abbiamo poi lanciato un nuovo sondaggio in previsione delle elezioni regionali di marzo 2010, potete esprimere il vostro intento di voto scegliendo tra le due note candidate, Emma Bonino per il centro-sinistra e Renata Polverini per il centro-destra. Pubblicheremo a ridosso delle elezioni il risultato del sondaggio e ci divertiremo a paragonare i risultati del vero voto in IV Municipio con gli esisti del sondaggio stesso. Non dimenticate inoltre che potete commentare ogni articolo pubblicato sul sito. Insomma vorremmo migliorare il livello di discussione, di aggregazione delle idee, delle proposte e dei pensieri degli abitanti del nostro Municipio. Consolidare il ruolo di giornale di riferimento in IV Municipio è il nostro intento e per questo stiamo creando nuovi spazi dove ognuno può liberamente esprimersi. Intanto abbiamo terminato il sondaggio riferito alle emergenze del IV Municipio. Hanno votato circa 350 persone e i risultati sono pubblicati di seguito: Sembrerebbe che l emergenza più sentita dagli abitanti sia la mancanza di un pronto soccorso (o ospedale) mentre la meno sentita risulta essere la mancanza di sicurezza. Voi intanto partecipate! Il vostro WebMaster [Il nostro Sondaggista Silvio Zappi] OSPEDALE, TRAFFICO E DEGRADO AMBIENTALE LE PRINCIPALI EMERGENZE SECONDO I CITTADINI DEL IV MUNICIPIO

6 Pagina 6 DAI NOSTRI QUARTIERI Gennaio 2010 LE GRANE DI VIA VAL GRANA Una conseguenza dello scarso numero di parcheggi gratuiti in zona [di Mirella Lipari] Parcheggiare al centro della carreggiata di Via Val Grana, indotti dal fatto che numerosissime autovetture sostino lì, porta grane. La Signora Francesca ci ha contattato per rendere pubblica la sua esperienza. Residente da 13 anni in zona, dopo l inizio dei lavori in Via Val di Non per la costruzione di un garage sotterraneo a pagamento, con il conseguente ritiro dei relativi numerosi parcheggi gratuiti, riuscendo difficilmente a trovare un posto libero, parcheggia al centro della carreggiata di Via Val Grana, dove sostano, posizionate a spina di pesce, moltissime auto. Pochi giorni fa, sorpresa, trova una multa da 38 euro e stupita dal fatto di aver spesso parcheggiato lì senza subire contravvenzioni, telefona ai Vigili Urbani del IV Municipio chiedendo una spiegazione. La risposta dell interlocutore è stata: Signora, vuol dire che per 13 anni le è andata bene!il codice della strada prevede il divieto di sosta al centro della carreggiata!. Non è tanto una questione di denaro, ma di principio. Partendo dal presupposto che non ci sia, nella via in questione, alcun segnale di divieto di sosta, e aggiungendo che al centro della carreggiata andrebbero ridipinte le strisce di mezzeria che ormai non si vedono più, la signora Francesca si chiede come mai il IV Municipio non abbia provveduto a ricavare altri posti auto gratuiti dopo il ritiro di quelli a Via Val di Non (che in futuro diverranno appunto a pagamento per chi se lo può permettere), e si domanda come mai, se il divieto esiste, non vengano fatte contravvenzioni e controlli molto più intensi. Ci permettiamo di proporre alla Dott.ssa Sordoni comandante dei Vigili Urbani del IV Municipio, citando l Art. 23 del Codice della Strada: le Parti contraenti o le loro parti costitutive possono autorizzare la fermata e la sosta al centro della carreggiata entro delle aree particolarmente segnalate, di segnalare le aree di sosta al centro della carreggiata, rendendole così ufficiali, o di trovare nuovi spazi per nuovi parcheggi. E invitiamo i lettori a segnalarci esperienze analoghe sulle grane del parcheggio al centro della carreggiata di Via Val Grana. VAL D ALA: SCARNA MA FUNZIONANTE, PECCATO CHE MANCHINO I TRENI Capolinea d autobus e convenzione col garage per solo 8 corse al giorno: Siamo i figliastri della FM1 e della Metro [di Alessandro Ceravolo] Aquasi due mesi dall apertura effettiva, l area della stazione Val d Ala continua ad apparire come uno spazio evidentemente sotto-utilizzato rispetto alle prospettive e alle potenzialità di quello che è, anzi, potrebbe essere, l unico scalo ferroviario in grado di servire il quartiere delle Valli aldiquà dell Aniene. La stazione, malgrado sia stata privata del suo cartello segnaletico all ingresso, risulta scarna, essenziale, ma comunque pulita e funzionante: la presenza di numerose telecamere di sicurezza garantiscono il pieno controllo delle banchine e del sottopasso, i percorsi in rilievo e gli scivoli per carrozzelle permettono la piena accessibilità ai portatori di handicap, gli orari di apertura e chiusura dei cancelli e quelli di arrivo e partenza dei convogli sono regolarmente rispettati ed esposti con chiara evidenza. Il posizionamento del capolinea del 345 appena fuori dall ingresso garantisce il collegamento, in orari corrispondenti all arrivo dei treni, con Prati Fiscali, Piazzale Jonio, Via Ojetti e Piazza Rossellini. La convenzione con il Comune di Roma del Garage Tredi Car Srl, sito proprio in Via Val d Ala 32, permette, inoltre, di usufruire di 140 posti auto dal lunedì al venerdì dalle 7:00 alle 19:00; i pendolari possessori di tessera ATAC o FS, al costo mensile di 50?, possono, infatti, usufruire di questa convenzione (dichiarando anche due targhe di autoveicolo o motociclo) in attesa del già annunciato potenziamento dei parcheggi disponibili. Insomma, siamo apparentemente di fronte ad un sistema integrato e funzionante, malgrado la mancanza di pensiline o tettoie per ripararsi e l elementare realizzazione dei cestini per i rifiuti; peccato che manchino i treni. Quattro corse in partenza la mattina (dalle 6:53 alle 9:53) e quattro il pomeriggio (dalle 16:53 alle 19:53); stessa frequenza e cadenza per gli arrivi da Tiburtina. Sette minuti per arrivare al secondo snodo cittadino, un ora per attendere il convoglio successivo. Nelle voci di passanti e dei pochi utilizzatori è impossibile non cogliere il malcontento per una promessa rispettata solo a metà: Questa stazione sarebbe stata anche positiva ma, con questa frequenza ridicola, la mattina risultano utili solo i primi due convogli, Non mi stupisco se la stazione è vuota, con un treno all ora ci arrivo quasi a piedi a Tiburtina, Siamo i figliastri della FM1 e della Metro: ai primi una corsa ogni quarto d ora, agli altri tutti i fondi e la pubblicità; a noi un treno vecchio, sporco che passa ogni «morte di Papa». Come dare torto alla voce del popolo. La sensazione è che, per dare un contentino ai cittadini e a chi ha saldamente sostenuto l importanza strategica della stazione, sia stata aperta una fermata che vuol essere lasciata volontariamente inutilizzata: la stima del bacino d utenza, stimato in persone tra residenti e pendolari, risulta assolutamente irreale se le corse a disposizione sono otto. I viaggiatori sicuramente aumenteranno col passare delle settimane ma il salto di qualità avverrà con l aumento delle corse e il rafforzamento dei servizi circostanti (tra cui, nell immediato, almeno una biglietteria automatica e una pensilina per la pioggia). Un passeggero parlava di figli e figliastri, ci auguriamo di non dover dare ragione al nostro indispettito concittadino, sperando di poter presto segnalare un adeguamento del servizio offerto a Val d Ala in linea, quantomeno, con quanto offerto sulle altre tratte ferroviarie cittadine.

7 Gennaio 2010 DAI NOSTRI QUARTIERI Pagina 7 NUOVO SALARIO. RISCHIO SALUTE PER I RESIDENTI DI VIA PECCIOLI. L ELETTRODOTTO TROPPO VICINO ALLE LORO ABITAZIONI. FERROVIA ASSORDANTE Il passaggio di alcuni elettrodotti e della ferrovia vicino alle abitazioni sono oggetto di preoccupazione tra gli abitanti della zona che, oltre ai fastidi causati dal passaggio dei treni, ultimamente, lamentano un aumento dell incidenza di malattie degenerative. Misurazioni effettuate dall ARPA sembrano comunque scongiurare il legame [di Silvio Zappi e Amicucci Vincenzo] Tutto nasce qualche tempo fa quando alcuni abitanti di Via Peccioli hanno iniziato a constatare un aumento sospetto di casi di malattie degenerative che di solito vengono considerate frutto di esposizioni a campi elettromagnetici; in particolare il sospetto nasce a causa della vicinanza tra abitazioni e un elettrodotto ad alta tensione. L elettrodotto passa molto vicino alle abitazioni e noi pensiamo che tale vicinanza possa aver causato l aumento di casi di malattie gravi riscontrate nei comprensori di Via Peccioli che sono più prossime ai cavi dell alta tensione, ci ha detto un abitante della zona, non bastava la vicinanza della ferrovia e tutti i problemi ad essa legata, ora è forte il sospetto che anche la vicinanza all elettrodotto possa essere nocivo alla salute. In realtà esiste una serie di specifiche normative regionali e nazionali che regolamentano l esposizione delle persone ai campi elettromagnetici. Vengono fissate con precisione sia le distanze minime da rispettare tra abitazioni e cavi dell alta tensione, sia i valori di campo medio ai quali il corpo umano può essere esposto senza subire potenziali danni. Il rispetto di tali normative garantirebbe la salvaguardia della salute umana e ogni cittadino, in caso di dubbio, ha il diritto di sapere se la propria abitazione è in tal senso a norma. Siamo andati a sentire il Presidente del IV Municipio per capire se quanto di dovere da parte delle istituzioni fosse stato fatto: Abbiamo più volte sollecitato l intervento dell ARPA del Lazio (l Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale che ha il compito di effettuare le misurazioni del campo elettromagnetico e di constatare le distanze di rispetto, n.d.r.) fino a quando siamo riusciti a far effettuare dei monitoraggi in via Peccioli, ha dichiarato Bonelli, i monitoraggi effettuati, anche attraverso misurazioni eseguite sui balconi delle abitazioni, hanno avuto esito negativo e quindi sembrerebbe che tutto rientri nella regola. Per quanto riguarda la vicinanza con la ferrovia ci stiamo impegnando nel sollecitare le Ferrovie dello Stato affinché intervengano per installare i pannelli fonoassorbenti ha continuato Bonelli ci è stato assicurato che per il 2011 sarà portato a termine un intervento risolutore su tutta la tratta per una riduzione dell impatto acustico. A questo punto, vista anche la sensibilità che la Presidenza del IV Municipio ha dimostrato sul caso, si dovrebbe indagare su altri fronti per capire cosa può far insorgere un incidenza tale di malattie di questo tipo, dubbi di questa portata non vanno sicuramente lasciati senza risposta. VIA DELLA BUFALOTTA. LA ROTATORIA SEMPRE PIU PARCHEGGIO VIA BERTELLI DOPO IL LAVORO FOGNARIO NESSUN RIFACIMENTO DELL ASFALTO Presa d assalto dalle auto in sosta l area prospiciente il supermercato Carrefour [di Francesca Romani] Ormai è diventato pressoché impossibile attraversare via Dario Niccodemi fino al Carrefour: quando i parcheggi interni sono apparentemente pieni si sosta selvaggiamente in un tratto vietato sia alla sosta che alla fermata e tutti si chiedono come mai nessuno tenti di porre freno ad una situazione di disagi così grandi. Il tratto in questione è la rotatoria che si trova nel tratto in cui via Niccodemi incrocia via Robert Musil, esattamente a pochissimi metri dall ingresso laterale del centro commerciale. I primi a lamentarsi sono i residenti delle nuovissime palazzine che si affacciano sulla rotatoria i quali, spesso, hanno difficoltà perfino a passare per tornare a casa. Ma da queste parti gli ausiliari non passano mai? Non sono sufficienti neppure due piani di parcheggi coperti e uno intero di posti scoperti? La gente deve sistematicamente sostare ad un metro dagli ingressi e provocare ingorghi e disagi per essere soddisfatta? spiega un residente esasperato. Si potrebbe sopportare una simile situazione qual ora avvenisse sporadicamente ma invece qui sta diventando un vero calvario, è insostenibile incalza un altro. Tante domande fin ora ma nessuna risposta, tutti auspicano in una imminente risoluzione. Buongiorno Leggendo l articolo sul numero di gennaio 2010 Via Bertelli, nuovo look, ho appreso con mia sorpresa che i lavori nella via erano motivati dal bisogno di una cura ricostituente dell asfalto e per la messa in sicurezza del marciapiedi. Abito li e non me ne sono accorto,vi informo che in realtà i lavori erano motivati dall urgente bisogno di drenare una perdita del sistema fognario, come d altronde evidenziato nel cartello appesso al cantiere dei lavori.la strada poi non è affatto una via completamente ristrutturata, è vero che ora l asfalto è nuovo, ma in alcuni punti è allo stesso livello dei vecchi marciapiedi.per quanto riguarda poi il disagio ben sopportato ognuno può pensarla come vuole, in ogni caso dal termine dei lavori i cassonetti dell AMA risultano ancora bellamente accatastati in via Sannazzaro senza che nessuno si sia preso la briga di ripristinarne la vecchia ubicazione. L unica frase corretta riportata nell articolo è che la via è un nodo fondamentale che collega via Romagnoli in direzione Montesacro, ma una tale affermazione non necessitava certo di un articolo. cordiali saluti. Alberto D.

8 LE ATTIVITA DI VIA SCARPANTO, VIA STAMPALIA, VIA GORGONA E VIA VENTOTENE ECCO LA PIANTINA CON LA QUALE POTRETE RAGGIUNGERCI

9 VOGLIAMO FARE DELLE NOSTRE STRADE UN CENTRO COMMERCIALE PIU UMANO. VOGLIAMO CONSERVARE LE CONSUETE ATMOSFERE E I COLORI DI VAL MELAINA

10

11 Gennaio 2010 DAI NOSTRI QUARTIERI Pagina 11 ARRIVA IL NUOVO PAM SUPER-STORE Dal 28 gennaio grande apertura in via della Bufalotta presso le nuove case de i Giardini di Faonte [di Vincenzo Amicucci] Una grande occasione di risparmio per i cittadini del IV Municipio e quella di fare le spese, nel nuovo, grande punto vendita Pam, all interno della nuova strada che collega via della Bufalotta con via di Vigne Nuove. Trovi prodotti freschi, scontati o sottocosto, piu prodotti a marchio Pam/Panorama organizzati nei reparti carne, forno, pesce, gastronomia, frutta e verdura, vini e liquori, acqua, latticini, scatolame, surgelati, e reparti casa, tempo libero, tessile e tecnologia. Comodo per gli ampi parcheggi formati da 108 posti coperti e 54 scoperti, per la luminosita degli interni e per gli impianti di aria condizionata per l estate, il nuovo super-store della Pam sara motivo di risparmio grazie ai 1000 prodotti scontati del 20%, in occasione dell inaugurazione. Riguardo i reparti del freschissimo, (la carne, il pesce e il frutta e verdura), c e una cura particolare nel servire la clientela, come dice il direttore Sergio Simeoni. Nei 2500 metri quadri di estensione le categorie merceologiche sono esposte razionalmente grazie al lavoro del responsabile di area dei supermercati Pam Andrea Marchiori e dei tecnici e del personale che hanno concluso i lavori in 2 mesi. Il Direttore Sergio Simeoni, nel suo discorso di inaugurazione che si e tenuta il pomeriggio di mercoledi 27 gennaio, ha ringraziato le autorita e tutti gli invitati e ha aggiunto di aspettarsi tante soddisfazioni da questo punto vendita. E non si puo fargli che tante congratulazioni e felicitazioni ed auguri di in bocca al lupo! Rimane però ancora insoluto il problema della nuova strada ancora non aperta, lungo la quale ci sono numerosi nuovi nuclei abitativi. Il collegamento con via di Vigne Nuove è ancora tutto da testare, mentre molte polemiche sono nate per la riduzione ad una corsia di via della Bufalotta all altezza della scuola Nomentano. GIARDINI DI FAONTE. LE STRISCE DELLA DISCORDIA Tracciata e immediatamente cancellata la nuova segnaletica orizzontale su via della Bufalotta [di Alessandro Ceravolo] La mattina dello scorso 17 gennaio gli abitanti di Talenti si sono svegliati con via della Bufalotta, nel senso di marcia verso Piazza Monte Gennaro, ridotta ad una unica corsia larga 3 metri; tutto questo per rendere meglio accessibile la nuova area, prevista dal Piano di Recupero Urbano Fidene-Valmelaina, compresa tra via delle Vigne Nuove e la Bufalotta stessa. Il nuovo centro commerciale, appena inaugurato, aveva infatti bisogno di un ingresso maggiormente accessibile e, senza curarsi delle nefaste conseguenze sul già caotico traffico di zona, la vecchia segnaletica orizzontale tra via Tozzi e via Svevo è stata sostituita da un ampia corsia di svolta (priva di segnalazioni verticali) verso il nuovo conglomerato residenziale trasformando in questo modo il percorso verso Monte Sacro in un budello appena attraversabile dalle autovetture. In seguito alle naturali proteste di residenti ed associazioni di quartiere, già snervate dal consueto caos e terrorizzate dall ormai prossimo completamento dei lavori del P.R.U., sono intervenute le autorità municipali per correggere quello che è sembrato essere un clamoroso errore: nel primo pomeriggio di lunedì 18, accompagnato dai responsabili della Polizia Municipale, il Presidente Bonelli ha effettuato un immediato sopralluogo che si è celermente concluso con la decisione del ripristino della precedente segnaletica orizzontale. La mattina del giorno successivo le strisce per terra sono state, infatti, cancellate e l area è apparentemente tornata alla situazione precedente. La soddisfazione dei cittadini per l intervento correttivo è presto destinata a scomparire: la stessa strada che ora porta solo al supermercato e ai cantieri sarà presto completata e condurrà fino a via delle Vigne Nuove, trasformando quello che attualmente è uno svincolo senza importanza in un incrocio dalla complessità centrale negli equilibri della viabilità di zona. Il Piano, per scongiurare la presenza di un semaforo, prevedeva infatti una corsia di svolta per facilitare il transito delle auto dirette verso la nuova area ma da ciò che abbiamo visto questa soluzione è ben lungi dall apparire migliore del male che tenta di curare. Una vittoria temporanea quindi: teniamoci stretta la nostra Bufalotta larga e trafficata perché la situazione potrà presto peggiorare.

12 Pagina 12 DAI NOSTRI QUARTIERI Gennaio 2010 ANTENNA SERPENTARA: IL COMITATO RISPONDE A BONELLI NO A STRUMENTALIZZAZIONI Il Comitato Viale Lina Cavalieri esprime tutto il proprio stupore di fronte alle dichiarazioni del Presidente del IV Municipio Cristiano Bonelli, che accusa impropriamente il Comitato di essere schierato in maniera strumentale e di aver dato inizio alla campagna elettorale. Questo Comitato ha come unico scopo quello di tutelare la salute dei cittadini e di chiedere in maniera forte la delocalizzazione di un antenna potenzialmente pericolosa, la cui installazione desta vivissimo allarme tra gli abitanti del quartiere. Abbiamo sempre messo in risalto l importanza delle iniziative adottate dal Presidente del IV Municipio e del sostegno avuto, in maniera assolutamente bipartisan, da tutto il Consiglio Municipale. Di fronte alla febbrile ripresa dei lavori ed al silenzio assordante di Ericsson, Wind ed Enasarco, i cittadini hanno dovuto prendere atto di quanto più volte ripetuto dallo stesso Presidente Bonelli, ossia che i poteri del Municipio sono limitati e che le Istituzioni che, in base al principio di sussidiarietà, sono quelle più vicine ai cittadini, non sono in grado di risolvere definitivamente il problema, tanto più che l antenna sarebbe stata montata a loro insaputa. Di conseguenza, nell approssimarsi della scadenza dell ordinanza di sospensione dei lavori di installazione dell antenna, prendendo atto altresì che non vi sarebbero state altre sospensioni da parte del Presidente Bonelli, e che il tavolo di trattative citato dallo stesso in realtà non si è mai concretizzato, i cittadini hanno manifestato l esigenza di rivolgersi ad un più alto livello istituzionale, specificatamente nella persona del Sindaco, della Provincia e della Regione, cui è stata inoltrata una petizione forte di oltre mille firme. E anche la mozione che si sarebbe dovuta discutere in Consiglio Comunale era assolutamente bipartisan, essendo stata presentata unitamente da Consiglieri di entrambi gli schieramenti (Aurigemma, Nanni e Coratti) ed avendo trovato il consenso tanto della maggioranza quanto dell opposizione. Il Comitato, nel ribadire la propria equidistanza da tutti i partiti, respinge qualsiasi ipotesi di strumentalizzazione e chiede il rispetto del principio di precauzione e dell art. 32 della Costituzione: di fronte al rifiuto di qualsiasi forma di dialogo da parte delle compagnie telefoniche, il Comune potrebbe agevolmente garantire il rispetto dei principi suddetti riconoscendo di trovarsi di fronte ad un autorizzazione viziata sul nascere ed esercitando il proprio potere di autotutela annullando il provvedimento viziato. La manifestazione spontanea svoltasi ieri in Campidoglio era finalizzata unicamente a dare forza presso il Consiglio Comunale alle sacrosante richieste dei cittadini, che sono ancora in attesa del giudizio di merito da parte del TAR, contrariamente a quanto sostenuto da Bonelli. Per questo appaiono ancora più sorprendenti le affermazioni di quest ultimo, che rischiano di danneggiare l immagine e la battaglia del Comitato. Per ulteriori informazioni: Daniela Caramel NUOVO SALARIO: I BOX CRESCONO COME FUNGHI GIRO GIRO TONDO... A VIA SUVERETO [di Federico Vinzi] Ed all ennesimo incidente, il Comune creò la rotonda! Via Suvereto, angolo via Stazzema: dopo l ultimo, vano tentativo di rallentare il traffico proveniente dai Prati Fiscali e quello proveniente dalla congestionata Via Monte Cervialto, mediante l inequivocabile delimitazione dei segnali di precedenza a favore del flusso di autoveicoli provenienti da Via Stazzema, il Comune ha deciso finalmente di incanalare gli automobilisti nel progetto di una nuova rotonda. Via Suvereto rappresenta un arteria ad altissima pericolosità e l avvallamento che si delinea proprio in coincidenza con il punto di collegamento con la porzione più a valle del quartiere, ha da sempre costituito un neo della circolazione stradale della nostra Circoscrizione. Le automobili sfrecciano veloci prendendo la discesa che li porta dai Prati Fiscali verso la Serpentara come fosse una pista rotonda. Di chiara impronta transalpina, la rotonda rappresenta tutt oggi uno dei mezzi più efficaci per gestire un incrocio senza l utilizzo degli impianti semaforici. Certo, occorre affiancare al sistema circolare di scorrimento del traffico, una sana educazione stradale. Cosa che, nel nostro Paese non sempre esiste. Partiti i lavori all inizio di Gennaio, ora le banchine poste sul manto stradale fanno già presagire quello che sarà il futuro del non più pericoloso crocevia. Confermato dunque il segnale di dare precedenza per coloro che impegnano l incrocio provenendo da Via Suvereto. Ma, come logico intuire, la rotonda ha portato con sé anche un maggiore senso di responsabilità in capo a ciascun automobilista che si impegnerà a entrare nel flusso di traffico in qualunque direzione possibile. Dal Comune tengono comunque a precisare che si tratta di una sistemazione provvisoria che sarà sperimentata per almeno 4 mesi, al fine [di Federico Vinzi] Capita a volte che la pioggia che è caduta incessante in questo ultimo periodo, porti con sé non soltanto i funghi, ma anche qualcosa di assolutamente più cittadino: i box, che dal terreno umido della nostra città, continuano a spuntare in maniera quasi incontrollata. Opera di ingegno, di utilità sociale o spietata macchina da soldi? Ai posteri l ardua sentenza... Siamo all incrocio tra via Camillo Iacobini e Via Cesare Fani. I palazzi posti sul cucuzzolo della collina, dominano incontrastati sulla natura che qui, cerca ancora di lottare per sopravvivere. E a volte soccombe. Via Iacobini è una piccola isola felice nel mare di cemento che circonda la parte bassa del Tufello e l inizio di Via Monte Cervialto, confine estremo con il Nuovo Salario. Per decenni, questa strada è rimasta senza un benché minimo impianto di illuminazione, per la gioia delle coppiette che facevano a gara per accaparrarsi una fetta di tenerezza. Certo, a distanza di tempo, non è che le cose siano poi così cambiate. Qualche lampione ha dato una veste notturna a questo lembo di asfalto proteso tra il nuovo mercato di Val Melaina e una fetta di prato abbandonato che si arrampica verso piazza Lambertenghi. L ingresso superiore al mercato coperto, ha intasato di automobili Via Iacobini, ma ha permesso contemporaneamente a Via Giovanni Conti di non collassare definitivamente sotto il peso del traffico. Qui, su uno scalino quasi rubato a questo cronico degrado naturalistico, il Comune ha pensato di costruire 61 box interrati. Disposti a tenaglia e proprio alla confluenza tra le due strade citate, i box saranno realizzati all interno di una porzione di terreno ancor oggi in evidente stato di pendenza. L area verde che abbraccerà il nucleo dei box, sarà attrezzata ed organizzata per ospitare dei giochi per bambini e alcuni punti di sosta permetteranno di completare questo progetto che il Comune stima di completare in circa 12 mesi. Un progetto ambizioso che speriamo crei minor disagio possibile a coloro che lottano ogni giorno per accaparrarsi un parcheggio, dove il parcheggio non c è. da corsa. All inizio fu lo stop per coloro che si immettevano da Via Stazzema. Troppi incidenti. Occorreva intervenire. Detto fatto: la segnaletica stradale detta la nuova regola: Via Suvereto eredita un inequivocabile dare precedenza. E l unico modo, pensano gli ingegneri stradali, per rallentare la corsa che la pericolosa discesa porta con sé. Ma i segnali stradali, purtroppo, a volte, sono fatti per essere ignorati, e allora ecco la soluzione: la di valutarne l efficacia. L intervento è stato realizzato senza sostenimento di costi per l Amministrazione ed ha consentito di dare una risposta concreta ai residenti delle vie interessate, ai quali era stato promesso già dalle Amministrazioni precedenti. Prima di dare inizio ai lavori, si è anche svolto un incontro preliminare con i cittadini di Via Bagnone direttamente interessati alla nuova viabilità. Ed adesso che tutto finalmente realtà.. tutti pronti per un nuovo giro giro tondo!

13 Gennaio 2010 POLITICA MUNICIPALE Pagina 13 ARGINI DEL TEVERE: IL PD DENUNCIA IL RISCHIO SICUREZZA Ma il consigliere Ripanucci replica: Nessuno aveva fatto quanto noi per l ambiente [di Giuseppe Valente] Il PD e alcune associazioni ambientaliste lanciano l allarme: la Giunta Alemanno, dopo l ampliamento della struttura del Salaria Sport Village, starebbe per replicare sulle rive del Tevere una serie di interventi a forte rischio idrogeologico. Lo scorso 21 gennaio, nel corso di una conferenza stampa tenuta presso la rappresentanza del Consiglio Regionale in Via Poli 29, il vicepresidente dell assemblea regionale Carlo Lucherini ha denunciato una serie di interventi previsti dal Comune di Roma proprio in corrispondenza delle aree golenali e di esondazione del fiume: con lui, hanno preso parola anche il consigliere PD del IV Municipio Riccardo Corbucci e l ex consigliera Silvia Di Stefano. Le opere interessate si collocano tanto a monte quanto a valle del tratto urbano del Tevere e, occupando gli spazi che la natura o l ingegneria idraulica hanno lasciato per permettere il regolare scorrimento delle acque in caso di eccesso di flusso, comporterebbero il rischio di favorire episodi di allagamento delle aree abitate. Il Salaria Sport Village ha costituito, dunque, la prima di queste opere, ma nei prossimi mesi si dovrebbero cantierare altri interventi, tra cui, immediatamente a nord del IV Municipio, lo Stadio delle Aquile della S.S. Lazio. Ciò andrebbe ad aggiungersi a una situazione già pesantemente condizionata da ormeggi abusivi. In sintesi, ciò significherebbe che il nostro territorio sarebbe uno dei più esposti ai danni da deflusso delle acque lungo la valle del Tevere. La cosa più grave sarebbe che queste realizzazioni avverrebbero in deroga ai piani delle autorità competenti - cioè l Autorità di Bacino del Fiume Tevere e la Regione Lazio per tramite dell ARDIS. O meglio, il Comune tenderebbe a inserire la propria programmazione senza tenere conto di quella degli enti preposti, approfittando, all occorrenza, dell attribuzione di poteri straordinari in occasione di eventi particolari come sono stati, appunto, i mondiali di nuoto. A questo quadro preoccupante, risponde Stefano Ripanucci, presidente PDL della Commissione Ambiente a Via Monte Rocchetta: «Trovo che si tratti di polemiche sterili. Sul Salaria Sport Village bisogna solo aspettare le decisioni della Magistratura, mentre non si può dimenticare che sia l amministrazione comunale che quella del IV Municipio hanno fatto moltissimo per l ambiente: dalla bonifica degli argini dell Aniene alle potature straordinarie, ai progetti di educazione ambientale. Quanto ai singoli interventi, è opportuno giudicarli caso per caso ed è, ad esempio, prematuro parlare dello stadio della Lazio prima di aver visionato il piano attuativo». NESSUNA VOCE PER L UDC Il Presidente del Consiglio del IV Municipio, dopo il passaggio dal PDL all UDC di Giorgio Limardi, gli nega la rappresentanza municipale. Il Consigliere protesta in aula tappandosi la bocca anche se l iniziativa sembra essere solo di Borgheresi Sono stato costretto ad inscenare una protesta in consiglio municipale per fare riconoscere UDC in IV ed essere legittimamente riconosciuto capogruppo dell Udc. Sono passato nel partito del UDC da oltre un mese, dopo aver abbandonato il Popolo della Libertà dove mi sono sentito discriminato. Questa discriminazione continua anche oggi visto che il Presidente del consiglio municipale Roberto Borgheresi interpreta il regolamento municipale al art. 13 comma 2 in modo non molto chiaro, invece di interpretare quello comunale organo superiore al art.31 comma 9. Il Presidente del consiglio tutto oggi continua sulla sua decisione di non far istituire il gruppo consiliare dell Udc e pertanto non consente al sottoscritto la partecipazione alle riunioni dei capigruppo. Tutti i capigruppo, compreso il capogruppo del Pdl Vaccaro, hanno dichiarato in aula di essere favorevoli al mio ingresso di rappresentante UDC nella capigruppo.

14 Pagina 14 DAI NOSTRI QUARTIERI Gennaio 2010 FIDENE PIÙ VICINA A ROMA. ECCO IL NUOVO COLLEGAMENTO Approvato il progetto che eviterà gli attuali contraccolpi del ponticello di via Radicofani regolato dal semaforo. Ne beneficernno oltre Fidene anche attiguo Colle Salario [di Fabio Peccoli] crescita abitativa degli ultimi dieci anni, nelle zone di Fidene, Colle Salario e Porta di Roma, ha creato un problema a livello viario non da poco per la circolazione stradale. I residenti di queste zone, infatti, sono costretti a percorrere strade L enorme sempre più intasate, un problema che porta enormi stress a chi, per lavoro, ha bisogno di muoversi sulle quattro ruote. La situazione deve assolutamente cambiare: chi abita in quella zona di Roma non ne può più di intasamenti continui e code interminabili. Fidene sembra essere finita nel dimenticatoio. Questo almeno fino al 21 ottobre, giorno in cui il sindaco Gianni Alemanno, Commissario delegato agli interventi per fronteggiare l emergenza del traffico e della mobilità della Capitale, ha firmato l ordinanza per approvare il progetto di recupero urbano della zona delimitata dal Gra a nord, da via Prati Fiscali e dall Aniene a sud, dalla Bufalotta a est e, infine, dalla Salaria e dalla FR1 a ovest. L ordinanza, qui la piacevole sorpresa, prevede la realizzazione del progetto relativo ad un doppio ponte che collega le zone di Fidene e Villa Spada. Questa opera, del costo di quasi 19 milioni di euro, dovrebbe riuscire a risolvere l ormai consolidata, ma comunque vergognosa, congestione quotidiana di quelle zone. Coloro che si sono occupati principalmente della questione sono stati il presidente Cristiano Bonelli e l assessore ai Lavori pubblici, Fabrizio Bevilacqua. Quest ultimo ai microfoni de La Quarta afferma: Se con il sovrappasso attuale a senso di marcia alternato ti fai 30 minuti di traffico, con il nuovo progetto te ne farai 5. Continua: Nelle ultime dieci campagne elettorali, il ponte di Fidene è sempre stato una priorità per tutti. Una priorità che magicamente svaniva nel nulla subito dopo l elezione del sindaco. Noi siamo stati concreti. Io e Cristiano (Bonelli) siamo stati un pungolo continuo: abbiamo pressato e accelerato la pratica fino alla firma effettiva del progetto e ora c è la gara. Il progetto adesso è realtà; è stato bravo Alemanno a mantenere la parola. A questo punto la questione fondamentale è un altra. Tutti noi sappiamo come Roma, negli ultimi tempi è un cantiere continuo. Molte aziende vincono le gare, ma poi non mantengono gli impegni: tutto si dilunga per anni, i cittadini spendono soldi per opere che magari neanche vengono finite o che hanno tempi di realizzazione inadeguati. Anche questo doppio ponte diverrà un cantiere continuo? Bevilacqua conosce il problema e anzi ci spiega le regole alle quali l azienda vincitrice dovrà sottostare: Al bando di gara viene assegnata la cantierizzazione ed iniziano i lavori; dal momento in cui inizieranno i lavori ci sono 24 mesi di realizzazione. Facciamo un ipotesi: la gara finisce a febbraio; a maggio viene consegnato il cantiere che dovrà essere assolutamente finito entro 2 anni. Chiederemo il count down all azienda vincitrice dei lavori con l orologio esterno che inizia il conto alla rovescia dei 24 mesi scandendo giorni, ore, minuti, secondi. Vogliamo che i cittadini possano controllare quanto manca alla fine del lavoro. Vogliamo tempi certi, massima trasparenza. A questo punto, il progetto sembra cominciare con il passo giusto e noi de La Quarta saremo con gli occhi puntati al contatore sicuramente. Se questo sarà il modo di lavorare e non si rivelerà un ennesimo spreco di soldi, allora ben vengano altri progetti. L assessore Bevilacqua subito assicura: Sia io che il presidente Bonelli non vogliamo prendere in giro nessuno, vogliamo dare lo stile IV Municipio: programmazioni certe e tempi verificabili sempre. Una volta aperto il doppio ponte di Fidene abbiamo in mente molti altri progetti viari tra cui la risoluzione del problema dell imbuto stradale di Prati Fiscali.

15 Via Val Maggia, 32 - Tel Gennaio N. 1 - Copia Gratuita - La nostra linea di partenza Benvenuto RANDOM! di Francesco Camplani, Tommaso De Bianchi Random: un nome che racchiude in sé un progetto sul quale si sono spesi mesi di lavoro, che rappresenta l anello finale di una catena le cui origini si possono ricondurre ad un giornalino scolastico, Agorà.it, che veniva stampato in maniera completamente autofinanziata in 400 copie nel Liceo Aristofane. Piccolo foglio scolastico fondato nell ottobre 2008, del quale sarebbero stati pubblicati 5 numeri nel corso dell anno scolastico E con l intenzione di proseguire questo piccolo, ma molto ben riuscito progetto, che chi vi scrive si era rivolto a Riccardo de Cataldo, una mattina di settembre 2009: ma proprio quella mattina i nostri orizzonti si sarebbero allargati grazie al fatto che l editore de La Quarta, comprendendo le potenzialità del progetto, ci avrebbe invitato a concepire una nuova testata che potesse diventare il giornale di tutti i giovani del IV Municipio. I finanziamenti finora ricevuti ci hanno consentito di pubblicare il nostro giornale con una tiratura di copie, ma con un numero ancora limitato di pagine; speriamo tuttavia che presto l arrivo di nuovi sponsor pronti ad investire su questo progetto ci permetta di garantirvi uno spazio maggiore. Ora, quel piccolo giornalino si è definitivamente sciolto, per diventare Agorà.it Informazione & Comunicazione, un associazione formata da decine di membri e attiva su tutto il territorio in diversi ambiti, che vi presenta finalmente con orgoglio, questo mensile. E con la speranza che il vostro entusiasmo e la vostra partecipazione ci aiutino a tenere in vita questo straordinario progetto editoriale, che vi invitiamo ad inviarci messaggi, articoli, curiosità, notizie, alla nostra CRONACHE DEL CENTRO COMMERCIALE Come i templi del consumismo e la loro subdola e scintillante visione, hanno lentamente ipnotizzato la nostra mente di Andrea Di Lorenzo Quando si tenta di ricordare qualche cosa accaduta tempo addietro, spesso la prima domanda che ci si pone è: dove mi trovavo?. Provate un momento a pensare ad un qualche ricordo dell infanzia: la cosa che inizialmente sovviene, non è una certa persona o una certa sensazione, ma, per esempio, il giardino della scuola materna; da questo poi si estrapola tutto ciò che si ha conosciuto e sperimentato in quell età, solamente, però, partendo dal ricordo di quel posto. Ancora: se ci capita di incontrare un amico che non vediamo da tempo, la prima cosa che gli chiediamo è: dove sei stato?. Non succede anche a voi di domandare a vecchi compagni delle medie in quale liceo sono andati a finire e non, per esempio, con chi stanno in classe? Quello che voglio mettere in luce è questo: i luoghi sono molto più che edifici,alberi e strade; sono emozioni, volti, scoperte. Sono, insomma, vita. L esistenza in fin dei conti sta tutta qui; spostarsi di luogo in luogo, con il fine di trovare il posto adatto a noi, quello che ci fa sentire più realizzati, più utili, più felici. Qualcuno desidera un buon lavoro che gli dia solidità economica, vuole immediatamente costruirsi una famiglia, qualcun altro invece sogna di spostarsi in continuazione, conoscere culture, persone, realtà diverse e non legarsi a niente e a nessuno. Non c è una via giusta ed una sbagliata, l importante è crescere, sempre; e per farlo, qualsiasi cosa vogliate, c è bisogno di una qualità fondamentale che, se manca, è causa di tutte le nostre infelicità: il coraggio di lasciare. Sapete cos è un n o n - luogo? In antropol o g i a sociale un n o n - luogo è uno spazio dello standard, in cui nulla è lasciato al c a s o. Prendete un centro commerciale: tutto al suo interno è calcolato con precisione, il numero dei decibel, dei lum, la lunghezza dei percorsi, la frequenza dei luoghi di sosta. Tutto è a portata di mano e non c è nessun pericolo di farsi male. L ideale per chi ha paura del distacco, e di rischiare. Così, quando non riusciamo a lasciare le nostre sicurezze, affettive o materiali che siano, per inseguire ciò che vogliamo veramente, non facciamo altro che rinchiuderci in una gabbia dorata o, se volete, in un non-luogo. Vi ricordate l imperativo categorico dei centri commerciali? Tutto deve essere sotto controllo; guai a cercare nuove strade, a guardare più in là del vostro naso, potreste farvi male! Abbiate desideri di basso livello, standard, così non dovrete fare alcuno sforzo per conquistare ciò che volete. Accontentatevi di ciò che siete, fuori c è un mondo pericoloso, e poi voi non siete forti abbastanza per affrontarlo. Perché faticare, quando potete stare qui, comodi, al caldo? La mediocrità non è poi così male niente di più falso. Perciò, se i luoghi sono vita, i non luoghi non sono affatto vita. Sta a noi scegliere: dove vogliamo trascorrere i nostri giorni, e come? In un pulito e tranquillo stock dell IKEA, o nello sporco e rischioso mondo? Per chi vuole seguire questa seconda strada, state sicuri che vi sbuccerete le ginocchia innumerevoli volte. Ma forse, poi, sarete felici. Gli altri, che preferiranno vivere in un magazzino di mobili, viene da chiedersi: cosa vi distinguerà poi dai comodini? Giusto una piccola citazione, proprio per finire: C è tanta gente infelice che tuttavia non prende l iniziativa di cambiare la propria situazione perché è condizionata dalla sicurezza, dal conformismo, dal tradizionalismo, tutte cose che sembrano assicurare la pace dello spirito, ma in realtà per l animo avventuroso di un uomo non esiste nulla di più devastante di un futuro certo. Il vero nucleo dello spirito vitale di una persona è la passione per l avventura. La gioia di vivere deriva dall incontro con nuove esperienze, e quindi non esiste gioia più grande dell avere un orizzonte in continuo cambiamento, del trovarsi ogni giorno sotto un sole nuovo e diverso. Se vuoi avere di più dalla vita devi liberarti della tua inclinazione alla sicurezza monotona e adottare uno stile più movimentato che al principio ti sembrerà folle, ma non appena ti ci sarai abituato, ne assaporerai il pieno significato e l incredibile bellezza.. Chris McCandless. Buona scelta del vostro futuro!

16 Gennaio 2010 Pagina 2 Astri e particelle Roma si rende capitale della scienza attraverso la meravigliosa mostra di Via Nazionale di Silvia Francia All incirca quattrocento anni fa Galileo Galilei scrutava il cielo con il suo rivoluzionario cannocchiale e cambiava per sempre il nostro modo di osservare l Universo. Nessuno avrebbe mai immaginato quella che sarebbe stata l incredibile evoluzione della nostra capacità di osservare il Cosmo e di comprenderne i misteri, con strumenti e metodi sempre più avanzati. In occasione della celebrazione internazionale delle rivoluzionarie scoperte galileiane - il 2009 è stato, infatti, l Anno I n t e r n a z i o n a l e dell Astronomia e Galileiano - l Azienda Speciale Palaexpo, l Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, l Istituto Nazionale di Astrofisica e l Agenzia Spaziale Italiana presentano al Palazzo delle Esposizioni di Roma, fino al 14 febbraio 2010, una grande mostra che racconta i piccoli passi compiuti dall uomo nella ricerca scientifica. Durante il percorso dell esposizione, scienziati vi coinvolgeranno nel loro lavoro consistente in continui studi per misurare le dimensioni e l età dell Universo e studiarne la composizione, per immaginare quale potrà essere la sua evoluzione un giorno o riuscire a r isalire ai primi istanti della sua vita, magari riuscendo a ricrearli in laboratorio. Inoltre, in mostra potrete trovare alcuni tra gli strumenti di osservazione più raffinati: dai telescopi ai rivelatori di radiazione cosmica, essenziali per decifrare e interpretare le parole dell Universo, la luce e le particelle che dall Universo giungono sino alla Terra, echi di avvenimenti lontanissimi nel tempo e nello spazio. Il pubblico verrà virtualmente accompagnato dai più grandi scienziati del presente e del passato per portarlo alla scoperta soprattutto di ciò che si ignora: quali siano le grandi sfide scientifiche odierne che impegnano i ricercatori di tutto il mondo, le domande che non hanno ancora avuto risposta, i misteri che da millenni affascinano l uomo anche quando, per scrutare il cielo, si serviva solo dei suoi occhi. Conoscere per conquistare il futuro Parte la Scuola di Formazione Politica organizzata da Officine Democratiche - IV Municipio Mensile fondato, diretto e amministrato da: Agorà.it Informazione & Comunicazione ( di Francesco Camplani / Tommaso De Bianchi) di Mauro Piccinini Per orientarci nella nostra società complessa ma con cui dovremo senz altro fare i conti, vivendoci, dobbiamo partire dalla Conoscenza. Se non conosci, chiunque può spacciarti stupidi luoghi comuni come verità, o due tizi che litigano in televisione come dei modelli di vita. La conoscenza è necessaria a distinguere il bene dal male, quindi a essere liberi di fare le nostre scelte e ad avere una consapevole vita sociale. E con questa idea che ogni domenica alle 18.00, i ragazzi di Officine Democratiche si incontrano per discutere su domande come Arriveremo mai agli Stati Uniti d Europa? o Perché questo non è un Paese per giovani?, o ancora Come si governa Roma? (anche con l aiuto di persone che hanno vissuto o vivono certe dinamiche da attori protagonisti..). Temi che poi insieme possano rispondere alla domanda fondamentale Qual è la Società per cui val la pena impegnarci?. Una SCUOLA DI FORMAZIO- NE POLITICA: completamente gratuita, ideata e organizzata dai ragazzi di Officine Democratiche. Venerdì 29 gennaio abbiamo in programma Obiettivo: Stati Uniti d Europa, per indagare sulla necessità di una potenza europea unita con David Sassoli, Presidente del gruppo del Partito Democratico al Parlamento Europeo. Nei prossimi mesi altre domande inizieranno a trovare risposta. L obiettivo è ambizioso, per fortuna. Altrimenti, dove sarebbe il gusto nel raggiungerlo? DAL PROSSIMO NUMERO: - Dalle nostre scuole: Gossip, denunce, iniziative - Random Annunci: Cerco, compro, vendo, scambio - Musica, Sport, Cultura, Spettacolo Locandina degli eventi Mandateci: Lettere, Annunci e Proposte. Le pubblicheremo!!! in collaborazione con La Quarta il quindicinale del IV Municipio (di Riccardo De Cataldo) RANDOM informazione, cultura, sport, eventi direttore editoriale: Giordano Giusti coordinatore editoriale: Flavio Graziosi capo-redattore: Silvia Francia hanno collaborato: Giulia Filippo Andrea Di Lorenzo Giordano Giusti Dario Gioco Silvia Francia Maria Laura Fargione Federico Amici Riccardo Cavaliere Mauro Piccinini In collaborazione con: Liceo Aristofane Liceo Nomentano ITCS Matteucci Liceo Orazio ITTS Colombo

17 Gennaio 2010 Pagina 3 ROSARNO CON GLI OCCHI LORO Un viaggio fra gli invisibili nel nostro territorio di Giordano Giusti Non è trascorso neanche un mese dall indegno spettacolo di Rosarno. Le immagini della guerriglia urbana sono ancora nella mente di molti ed è ancora acceso il dibattito sulle cause e sulle conseguenze di quel gesto, forte in tutti i sensi, che ha coinvolto i lavoratori immigrati della piccola cittadina calabra. La copertura mediatica dell evento è stata così robusta da raggiungere la quasi totalità dell opinione pubblica; andando però a cercare qui nella nostra città quei fantasmi che per status e provenienza si avvicinano agli stagionali di Rosarno, si capisce che sono proprio loro tra i pochi non raggiunti dalla notizia, nonostante la vasta eco. Lavavetri, ambulanti, fiorai, benzinai. Uomini che spesso iniziano la loro giornata quando finisce la nostra, dopo le 20. Uomini invisibili rintanati in container freddi o seduti al gelo di una seggiola ad aspettare le nostre auto rimaste a secco. Gli chiedi dei fatti di Rosarno, gli spieghi in parole spicciole il parapiglia, e ti sorridono scuotendo la testa, tutti quanti; cerchi di capire se dicono di no perché non conoscono l italiano ma la maggior parte vive qui da molti anni e non ha problemi. Anzi, quando sposti le domande sul loro quotidiano, te lo riassumono parlando a briglia sciolta. Abdul dal Bangladesh ti spiega dove vive, che turni fa, quante volte torna al suo paese. Kamil dall Egitto ti racconta la manifestazione a cui ha partecipato pochi giorni fa qui a Roma in risposta ai sei cristiani uccisi in patria durante la Liturgia di Natale: <<Siamo meno del 15 per cento in Egitto, non siamo rispettati, e ci uccidono pure..>>. E proprio lui che durante la conversazione ha un lampo e ti dice che di quella storia in Calabria ha sentito qualcosa alla tv, ma niente di preciso e niente di cui si ricordi bene. E stato l unico. Direte è normale, vivono ai margini della società, hanno poche possibilità di raggiungere le più basilari forme di comunicazione di massa, di partecipazione sociale, parlano un italiano stentato, vivono nascosti. Si ok, va bene, ma è proprio per tutte queste ragioni che giù a Rosarno, si è arrivati a scene degradanti, avvilenti, ignobili con protagonisti fantasmi sfruttati e taciuti. Con una tale stanchezza e rabbia, da uscire fuori dai binari della legalità. IL PIANOFORTE ARRIVA IN PERIFERIA Inizia un affascinante percorso di sensibilizzazione e scoperta del pianoforte e dei suoi grandi interpreti di Giulia Filippo Si chiama Pianoforte senza frontiere e Roma Se Nasce ed è una manifestazione che si concluderà il 19 marzo Partita martedì 19 gennaio, rappresentata dal Comune di Roma e promossa dalla Compagnia per la Musica in Roma e dal Kayboard Charitable Trust di Londra, quest iniziativa ha l obiettivo principale di popolarizzare la passione musicale nelle periferie romane.il primo concerto ha avuto luogo nel Municipio V presso il Carcere di Rebibbia con una lezione-concerto. E, come il Municipio V saranno interessati anche il nostro IV Municipio - presso il Tatro 33 (via Gran Paradiso 33, Montesacro), XV -Il Mitreo (via Marino Mazzacurati 61-63, Corviale) e VIII -Scuola Dario Pagano (Tor Lo sport da sempre è scuola di vita ed è importante promuoverne la pratica. Il pugilato è sicuramente lo sport meno pubblicizzato anche perchè spesso legato a stereotipi negativi il più delle volte completamente errati. Pochi sport a dire il vero riescono ad essere strumento di educazione anche morale come il pugilato. Chi ha frequentato una vera palestra di boxe sa bene i sacrifici ed il rigore che la pratica di questo disciplina comporta. E uno sport che ti responsabilizza sempre: nel momento agonistico, nella fase di preparazione ed addirittura nei tempi ordinari della vita quotidiana... non devi bere, non devi fumare, le tue serate non devono protrarsi fino a tarda ora, non devi quindi mai eccedere. Bella Monaca). L intera manifestazione è ad ingresso libero e solo per i concerti a Rebibbia è consigliata una prenotazione chiamando il numero Pablo Rossi a febbraio prenderà il posto di Lilit Grigoryan, sarà poi seguito a marzo da Mei Yi Foo, mentre Gesualdo Coggi concluderà la manifestazione proprio il 19 marzo con un esibizione eccezionale. Pugilistica Vinci. La boxe come sport e stile di vita Uno sport che stimola in ogni sua fase a dare il meglio insegnando che ogni risultato è basato sul lavoro svolto e che ogni conquista comporta fatica sacrificio e duro allenamento; questa è una grande lezione morale prima ancora che fisica. Il pugilato non è solo tecnica sportiva ma una pratica ricca di contenuti che suscitano passioni emozioni e il tutto all insegna della lealtà... il ring è solo una metafora di vita. Per vincere devi tirare fuori le tue risorse più nascoste. Il Club Vinci affidandosi alla pluriennale esperienza di due insegnanti federali, il maestro Gino Orlandi ed il maestro Alberto Moretto, propone corsi di prepugilistica agli allievi di ogni età anche giovanissimi ( a partire dai dodici anni) e di pugilato agonistico. Il Club Vinci è iscritto alla federazione pugilistica italiana.

18

19 Gennaio 2010 AMBIENTE Pagina 19 DACCI OGGI LA NOSTRA BUCA QUOTIDIANA La bassa qualità della pavimentazione e dei lavori di rifacimento dell asfalto con la natura molle del sottosuolo, alle radici del disastro buche. Una miscela esplosiva dalle conseguenze inevitabili [di Lorenzo Pasqualini] La viabilità è certamente fra i principali problemi di Roma e del nostro Municipio. Strade intasate da automobili, caos e regole non rispettate rendono la vita dei romani un avventura quotidiana. A complicare le cose ci si mettono le buche, una vera e propria emergenza che mette a rischio ogni giorno la sicurezza di motociclisti, automobilisti e pedoni. La formazione delle buche avviene dopo le piogge, quando l acqua infiltrandosi attraverso il manto stradale modifica la resistenza del materiale sottostante. Le strade hanno, sotto la copertura di asfalto e bitume, una massicciata fatta di pietrisco e altri materiali che serve come base d appoggio. Se questa massicciata è fatta male e non costituisce una base abbastanza stabile, la strada ne risente. Succede per esempio che l acqua di pioggia dopo essersi infiltrata renda molle il terreno sottostante e, al passaggio di automobili e mezzi pesanti, si creino tutta una serie di crepe, avvallamenti e spaccature che si allargano sempre più. Questo fenomeno avviene con particolare facilità in corrispondenza di terreni argillosi, limosi e sabbiosi, che abbondano nel nostro Municipio nelle zone prossime all Aniene. Sono infatti terreni particolarmente fragili nei confronti dell acqua, perché tendono a saturarsene diventando molli e facilmente plasmabili. Le massicciate dovrebbero isolare le strade da questi terreni, ma ciò non sempre avviene a causa della bassa qualità di fattura o per lo spessore troppo ridotto. Un altro motivo frequente di apertura delle buche è legato agli scavi che vengono fatti per la riparazione delle tubature. Gli scavi vengono riempiti con del terreno meno compatto che tende a consolidarsi e ad abbassarsi con il tempo, portando giù con se anche il manto soprastante. Ciò che c è sotto la strada è quindi determinante per la sua stabilità, ma le ditte chiamate a effettuare riparazioni si limitano spesso a mettere delle toppe. Quando invece viene effettuata la ripavimentazione si utilizzano materiali poco resistenti all infiltrazione dell acqua e già dopo pochi mesi ricompaiono le crepe. Un emergenza di questo tipo dovrebbe essere risolta affrontando il problema alla radice, lavorando sulla massicciata e sui terreni situati sotto il piano stradale, effettuando rinforzi laddove necessario. Solo così si potrà garantire una vita più lunga alle strade. Altrimenti si continuerà a spendere milioni di euro per interventi che hanno vita breve. I NOSTRI ANGELI VERDI L associazione GAEV in silenzio ma con estrema operosità si adopera ad offrire al quartiere la sua opera volontaria per una salvaguardia a tutto campo dei nostri quartieri [di Valerio Simei] In una realtà sociale disgregata da anni di capitalismo sfrenato, è sempre un piacere segnalare coloro che operano tra la gente e per la gente senza fini di lucro. La Gaev opera nel nostro quartiere dal 28 Gennaio 2008, costituitasi in un associazione nello stesso giorno di un alluvione che che purtroppo costò la vita ad una persona a Monterotondo: in quella mattina del 28 la Gaev dimostro la sua validità territoriale, andando in soccorso con mezzi e uomini presso i Vigili del Fuoco, e la Protezione Civile, collaborando con le altre associazioni amiche del territorio del Quarto. Da allora l associazione ha creato un gruppo di uomini qualificati per affrontare qualsiasi evento di rilevanza ambientale, essendo riconosciuta in tutti gli effetti di legge con Decreto Regionale e Comunale. L Associazione essendo no profit esercita il Volontariato già da anni senza percepire fondi ne dal Comune e ne dalla Regione ed e sempre presente nel territorio a favore dei cittadini nella manutenzione sia dei parchi pubblici che nelle strade e per combattere il decoro Urbano. Questo servizio non ha nulla a che vedere con le famose ronde,ma nasce come spontanea collaborazione di semplici cittadini che hanno addirittura fatto il giuramento con qualifiche di Pubblici Ufficiali preposti alla pulizia del quarto municipio. La Gaev ha già svolto servizi manutentivi lungo l Aniene fino a Ponte Tazio, si è distinta nelle segnalazioni di discariche abusive e in collaborazione con le forze dell Ordine per lo smaltimento rifiuti abbandonati e nel controllo degli assediamenti dei Rom. Tuttora la Gaev partecipa con i Vigili Urbani del IV Gruppo nella pulizia di Via Camillo Iacobini, nelle discariche abusive di via Rodolfo Valentino e del Ponte delle Valli. E ancora, questa associzione di volontari si è distinta nell assistenza ad anziani colti da malore, nel ritrovamento di animali smarriti, e in tutti i pronti interventi in occasione di calamità naturali quali terremoti, inondazioni e incendi. Per informazioni riguardo alle adesioni alle attività dell associazione di volontari Gaev potete contattare questo numero di cellulare: 346/ NELLA FOTO ERA IL SUO PRIMO MESE ADESSO HA COMPIUTO 45 GIORNI. SEMBRA CHE VIGILI URBANI E ISTITUZIONI GODANO NEL PROTEGGERLO E LASCIARLO PER CHISSA QUANTO TEMPO ANCORA PIAZZA FILATTIERA - RIMOSSO FINALMENTE IL CARTELLONE DELLA VERGOGNA CAPITA CHE TALVOLTA PURE UNA BELLA NOVITÀ FA NOTIZIA. MA ALLORA SI PUO E ALLORA LEVIAMO TUTTI GLI IMPIANTI ABUSIVI [di Claudio Catalano] Passavo in un percorso per me poco abituale pochi giorni orsono: fretta, compere nei negozi, faccende varie e traffico ci rendono nervosi e deconcentrati eppure ho avvertito una sensazione strana, quel non so che al quale pensiamo e presto ci arrendiamo. Solo ripassando ho capito, già, lì in Piazza Filattiera manca quel gran cartellone pubblicitario del quale c eravamo occupati noi de La Quarta. In Primavera avevamo ricevuto una lettera di protesta firmata dal dottor Filippi, titolare della farmacia nella piazza. Si lamentava del degrado e disagio per quell alto tabellone di 18 metri quadri brullo e angoscioso, da tempo senza manifesti perché abusivo, un monito assurdo e irremovibile quasi davanti le sue vetrine. La città fin dall 800 è paragonata alla giungla, può soffocare se non si è attenti, per questo col nostro modesto esempio ed impegno invitiamo il cittadino ad accostarsi seriamente all informazione. Leggere un quotidiano nazionale, qualche buon periodico e la stampa locale, sono inequivocabile segno d appartenere ad una civiltà e sono mezzi per confrontarci con la complessa realtà. Non basta la fugace e generica informazione radiotelevisiva, serve il dettaglio e l approfondimento perché la vita è un mare raggiunto da mille fiumi torrenti e rivoli e volendola gustare, navigare o bagnarsi in questo mare, non è sufficiente guardare l orizzonte esclamando al paesaggio, ma occorre aver buona coscienza di acque, onde, venti e maree che l interessano. Riflettiamo, l informazione è decisiva, anzi è quasi tutto. Sapere che c è un opportunità o una risorsa così come che c è un pericolo un anomalia od una bruttura, sono variabili spesso vitali e capire che possiamo interagire con ciò ci fa apprezzare la collettività. Nulla d eroico qua: piccoli passi riusciti e anche grazie alle nostre pagine una segnalazione diventa fatto conosciuto e un moto verso una miglioria. Siamo convinti del ruolo dell informazione di quartiere, proprio dove la gran cronaca e la politica maiuscola non arriva, di fatto, ci sono i problemi reali e prossimi alle persone e noi offriamo un lavoro, una lettura, uno spazio aperto per mettere in luce le tante situazioni. Per questo siamo contenti; scusate se ci arroghiamo un merito, ma, serve anche per dar forza a tutti noi come individui di quartiere che hanno ancora voce efficace e non sono solo vessati, inutili, consumatori. Ciò detto si ringraziano quanti si sono occupati sin dall inizio della faccenda ( in concreto l iter è più complicato di quanto sembra) come uffici ed addetti del IV Municipio, dei Vigili Urbani e del Dipartimento VIII, che certo hanno lavorato per risolvere la questione. Grazie ancora però a voi lettori: ci seguite, ci leggete, ci spronate, e segnalando o dialogando ci fate sentire un utile tassello; bene, continuate così.

20

21 Gennaio 2010 SANITA E SOCIALE Pagina 21 ATTENTATO AI CARABINIERI IN CONGEDO DI VIA DELLE VIGNE NUOVE. RIVENDICAZIONE BRIGATISTA La notte fra il 19 e il 20 Gennaio, il Nucleo che si ispira al brigatista Mario Galesi fa brillare un ordigno davanti all ingresso dell Associazione, all interno del complesso scolastico Matteucci. I resti dell esplosivo ora sotto analisi da parte dell Antiterrorismo [di Tommaso De Bianchi] Oltre dieci anni di presenza sul territorio, attraverso azioni di volontariato, vigilanza sull edificio scolastico del Matteucci, attività culturali e sociali per gli iscritti del circolo, riunioni e feste ospitate spesso nella piccola sala conferenze di cui dispone, e possibilità di usufruire di attività di assistenza fiscale per i suoi 500 iscritti. Questi i numeri che ci presenta il vicepresidente dell Associazione, Ettore Cesaroni, davanti alle mura d ingresso e alla porta annerite dall incendio. Fiamme che sono state sprigionate dall esplosione di un ordigno artigianale, costituito da 9 bombolette di gas da campeggio legate fra di loro, e posizionate davanti alla porta. Completamente distrutta la vetrata dell ingresso e ingenti i danni al portone e alla targa stessa dell Associazione. la permanenza degli ex carabinieri nei locali dell Istituto Matteucci non ha mai creato problemi agli studenti. Non comprendo le cause di questo gesto, ma sono assolutamente sicuro che non si tratti di una situazione di disagio nata all interno della scuola: non abbiamo la necessità di utilizzare i locali della provincia in cui hanno sede, e la loro presenza è stata sempre gradita dichiara Michele De Gaetano, dirigente scolastico dell Istituto Tecnico Commerciale Matteucci. Parole di condanna più forti, vengono invece dal consigliere comunale Antonello Aurigemma, immediatamente intervenuto sul posto Il fatto che i carabinieri in congedo qui presenti, svolgano con la loro presenza attività di volontariato sul territorio e un continuo servizio sociale, non fa che rendere ancora più vile e meschina la natura di questo attentato. Inaugureremo presto un nuovo metodo per garantire la sicurezza e per prevenire questi atti: Non è questo il modo per risolvere i problemi del nostro territorio Attentato che la stessa mattina del 20 Gennaio è stato rivendicato da una telefonata ricevuta da una testata romana. La firma appartiene alle Cellule di Resistenza Proletaria del Nucleo Mario Galesi. Sotto analisi da parte dell Antiterrorismo dell Arma dei Carabinieri, sia i resti dell esplosivo, sia l effettiva paternità dell attentato da parte del movimento che si ispira al nome del brigatista. LA NUOVA PARROCCHIA DI SANTA MARIA DELLE GRAZIE A CASAL BOCCONE Ultimi lavori: sarà un punto di riferimento per la zona Bufalotta in straordinaria crescita. Il 21 marzo sara consacrata al Signore e alla Madonna [di Vincenzo Amicucci e Silvio Zappi] Nasce nel 63 come semplice cappella e dal 21 marzo la struttura costruita ex-novo in via della Bufalotta all altezza di via Casal Boccone e conosciuta come Parrocchia di s. Maria delle Grazie a Casal Boccone sara completata dagli operai dopo oltre due anni e mezzo. Don Mimmo Monteforte, dal 97 Parroco in via Carrer, dove le attivita religiose si svolgevano fino ad oggi, descrive la nuova costruzione: la chiesa avra quattrocento posti a sedere, poi, di fronte al sagrato, i posti macchina e all interno gli uffici della Parrocchia, la sagrestia e nove aule da destinare a catechesi, hobby e tempo libero, piu una sala polivalente dove si potranno svolgere dibattiti ed incontri culturali. Vi si potra giocare a calcetto, pallavolo, basket, bocce e forse, ma non e sicuro tennis, con la priorita di promuovere lo sport pubblico, affiancandosi ai vari centri e clubs presenti nel quartiere. La Parrocchia vuole essere un punto di aggregazione come ce ne sono altre analoghe: attraverso la Caritas sara attivato un Centro di Ascolto per il disagio familiare e una raccolta di viveri per chi si trova in difficolta economiche. C e la possibilita che la chiesa di s. Maria delle Grazie nel IV Municipio si trasformi per supplire alla cronica mancanza di servizi sociali o per sfruttare le tante eccellenze come quella delle scuole, il liceo Giordano Bruno, per esempio, o dello sport privato. La volonta di fare cio non manca a don Mimmo come non mancava al Parroco don Ettore Parretti: i bimbi giocheranno nel campo attrezzato e per loro questo e l importante! IL IV MUNICIPIO PER L ABRUZZO - CONTINUA LA RACCOLTA FONDI PER SANT EUSANIO FORCONESE Ad un mese dal lancio dell iniziativa promossa da La Quarta e patrocinata dalla Presidenza del IV Municipio, continua con successo la raccolta dei fondi, intanto Giuseppe Tronca Antonucci viene premiato per il suo impegno a favore del paese colpito dal sisma dell aprile del 2009 [di Silvio Zappi e Vincenzo Amicucci] La raccolta dei fondi per il paese abruzzese di Sant Eusanio Forconese prosegue con successo. L iniziativa lanciata alla fine dello scorso anno dal IV Municipio e dal quindicinale La Quarta, attraverso il gemellaggio con il paese colpito dl sisma, ha lo scopo di raccogliere fondi per eseguire alcuni interventi di recupero. Il primo target è ricostruire il parco giochi per bambini, si pensa poi di proseguire nella raccolta dei fondi per ultimare i lavori di realizzazione del campo di calcetto e andare avanti nella raccolta di fondi per l arredo urbano nelle aree dove sono in corso di realizzazione i moduli abitativi provvisori in legno o, in alternativa, per la ristrutturazione dell ex chiesa della Madonna della Pietà in modo da renderla fruibile dalla collettività. Abbiamo già scritto come l iniziativa sia nata dall interessamento di un abitante di Montesacro, Giuseppe Tronca Antonucci, che ha proprio in questi giorni ha ricevuto dal nostro Editore, Riccardo de Cataldo, la targa del premio Montesacro cuore d oro per l impegno nei confronti dei suoi compaesani di Sant Eusanio. Intanto a metà gennaio sono state consegnate, dal responsabile del Dipartimento della Protezione Civile, Guido Bertolaso, le chiavi dei primi moduli abitativi provvisori. Proprio Giuseppe ci ha descritto la giornata con una splendida lettera che pubblichiamo di seguito: Caro Riccardo e redazione tutta, ieri è stata una giornata memorabile per la nostra piccola comunità. Finalmente tutti si sono ritrovati nel loro luogo naturale ad iniziare una nuova fase della loro vita, interrotta da un grave evento, per circa un anno. Tutti finalmente sono rientrati in vere e proprie case, anche se definite semplicemente moduli abitativi provvisori. La loro provvisorietà deve rimanere ben chiara nella mente della gente, perché lo spirito più importante sarà quello della ricostruzione dell antico borgo, da cui traiamo le nostre vere origini. Il responsabile del Dipartimento della Protezione Civile, Dr. Guido Bertolaso, ha coronato questa giornata, consegnando personalmente lui la chiave simbolica dell evento. Naturalmente il suo primo pensiero, insieme a quello di tutta la nostra piccola comunità, è andato immediatamente alla popolazione di Haiti. Noi, come tanti nel mondo, a memoria della nostra esperienza, ci siamo mossi a sostegno, solidali, con i nostri semplici mezzi che per il momento sono a disposizione dell intera comunità nazionale. (sms verso i numeri messi a disposizione dai gestori telefonici). La giornata è stata accompagnata anche da uno splendido Sole che ha riscaldato i cuori di tutti, e si è caratterizzata dall emozione di ognuno nel rincontrarsi dopo tanto tempo, nell evidente voglia di ricominciare una nuova seconda vita. La voglia esplicita di ricreare il vero significato di collettività nello spirito di piena reciprocità. Ringraziandoti ancora una volta di vero cuore, ti garantisco che mi sono fatto anche in questa circostanza, portavoce della vostra infinita vicinanza e dell accurata opera di solidarietà che state realizzando giorno per giorno e che prestissimo documenteremo con risultati concreti.

22 Pagina 22 SCUOLA Gennaio 2010 SE IL MUNICIPIO AVESSE PIU POTERI SULLE SCUOLE Intervista esclusiva con l Assessore Filini: asili nido e scuole materne, iniziative per i giovani, problemi risolti e non, questi i temi che abbiamo discusso nel nostro incontro. Coinvolgere le associazioni del nostro territorio. [di Deborah Marzilli] Sono già aperte le iscrizioni alle scuole materne, il prossimo mese sarà invece possibile mettersi in graduatoria per un posto negli asili nido. Incontriamo l Assessore del IV Municipio Francesco Filini per fare il punto su alcune questioni legate alle scuole dei nostri quartieri. Sono aperte le iscrizioni per le materne e poi toccherà ai nidi. Com è la situazione dei posti rispetto allo scorso anno? Quanti bambini rimarranno fuori dalle graduatorie? Per quanto riguarda le scuole materne, non abbiamo nessun problema ad assicurare un posto a tutti i bambini del nostro municipio, poiché la domanda è ampiamente coperta dall offerta comunale e statale. Per gli asili nido invece, possiamo contare quest anno su almeno 225 posti in più rispetto allo scorso anno. Abbiamo infatti inaugurato la struttura di via Pasquati, La Contea degli Hobbit, che accoglie 90 bambini ma il numero sarà raddoppiato grazie all allargamento e apriremo, con il nuovo anno scolastico, l asilo di via Giovanni Conti, con cui avremo altri 45 posti. Sono particolarmente fiero di questa nuova struttura, ricavata da una palestra in disuso e fatiscente, a cui abbiamo dato nuova vita e un utile destinazione in pochissimo tempo. Siamo poi in attesa di altri posti che dovrebbero essere disponibili con il cambio d uso della struttura di via Enzo Cerusico e non dimentichiamoci delle scuole private che sono state accreditate per consentire agevolazioni. Purtroppo ad oggi non possiamo assicurare un posto a tutte le famiglie che ne faranno richiesta, ma credo vadano sottolineati i risultati ottenuti dopo solo 18 mesi alla guida del Municipio, poter parlare di un offerta maggiore del 35% non mi pare poco. Sappiamo che il Municipio sta organizzando dei progetti per coinvolgere i ragazzi e prevenire gli episodi di vandalismo e bullismo sempre più frequenti fra i giovani. Sì, siamo infatti intervenuti con un bando, ora in scadenza ma consultabile online, con il quale abbiamo voluto unificare due iniziative già presenti sul nostro territorio. Si tratta di Bambini al Centro e Ragazzi al Centro, progetti rivolti ai giovani che si svolgevano però in luoghi esterni alle scuole da loro frequentate e che abbiamo ritenuto necessario spostare all interno. Saranno dunque attività extrascolastiche che coinvolgeranno i ragazzi all interno dei loro istituti, creando momenti di aggregazione, integrazione e divertimento nel realizzare un progetto di cui saranno protagonisti. Vogliamo dunque dare maggiore consapevolezza a questi ragazzi che troppo spesso compiono atti irrispettosi verso il prossimo e verso l ambiente che li circonda solo per ingannare il tempo, senza comprendere che le conseguenze di un atto vandalico ricadono su tutta la comunità dei cittadini. Considerando l aumentare dei problemi a cui i Dirigenti Scolastici devono far fronte ogni giorno per assicurare agli alunni un alta qualità dell insegnamento e un luogo sicuro e accogliente in cui poter studiare, non sarebbe possibile effettuare degli incontri mensili con alcuni rappresentati delle scuole per poter distribuire al meglio le poche risorse a disposizione? E magari consentire l autonoma gestione della piccola manutenzione degli edifici? Per la risoluzione dei problemi di manutenzione, c è una procedura da seguire per poter assicurare a tutti l assistenza senza dare in gestione direttamente alla scuola delle somme di denaro, bisogna dunque attenersi alle direttive ed inoltrare le richieste agli organi competenti. Certo sarebbe più facile e snello per tutti poter provvedere alle piccole riparazioni, ma questa è una delle questioni che richiederebbe maggiori poteri decisionali e operativi per il Municipio, poteri che al momento non abbiamo. Per queste questioni dobbiamo sottostare alle trafile burocratiche che complicano anche il mio lavoro. In merito agli incontri con i rappresentanti dei Dirigenti Scolastici, ritengo sia inutile dover organizzare degli appuntamenti fissi poiché Emiliano Bono, Presidente della Commissione per le Politiche Educative, Scolastiche e Giovanili, svolge un importantissima attività a stretto contatto con i Presidi delle scuole, supportando e integrando il mio lavoro con il monitoraggio di ogni situazione e rappresentando per loro un punto di riferimento sempre disponibile per qualsiasi segnalazione. La burocrazia continuerà dunque a soffocare la necessità di sveltire alcuni vecchi meccanismi e a complicare situazioni già difficili. Siamo ovviamente molto lieti che la lista d attesa per i bambini che chiedono un posto negli asili nido sia più breve dello scorso anno, questo ci fa pensare che sia stata intrapresa una giusta strada per la risoluzione del problema, ma auspichiamo che presto nessuna richiesta verrà disattesa, assicurando a tutti i bimbi la possibilità di crescere e imparare in un ambiente a loro dedicato, e a tutte le mamme e i papà di poter lavorare e scegliere di affidare i loro figli a strutture non private. SCUOLA MONTESSORI: UN METODO PER INSEGNARE AI BIMBI L AUTONOMIA L Istituto Comprensivo Viale Adriatico 140 segue i bambini dalla scuola materna alle medie, rispettando tempi di apprendimento e assicurando la graduale conquista dell indipendenza [di Deborah Marzilli] Viale Adriatico 140, è l unico istituto nel nostro municipio completamente dedicato all insegnamento secondo il metodo Montessori. L I.C. Aiutami a fare da solo identifica il pensiero guida delle attività della scuola diretta dalla professoressa Maria Antonietta Iasenzaniro. I bambini che entrano nella scuola materna iniziano un percorso che, con continuità di strumenti didattici e modalità di insegnamento, li accompagna fino al completamento delle scuole medie. La Casa dei Bambini accoglie i piccoli dai 3 anni, in un ambiente che assicura la loro crescita attraverso attività che stimolano lo sviluppo delle capacità anche attraverso l esperienza della vita pratica. L ambiente consente ai bimbi di muoversi a loro agio, in aule organizzate in diversi spazi in cui scoprono i diversi materiali, li sperimentano, imparando prima a riconoscerli, poi ad utilizzarli ed infine a riordinare ciò che hanno utilizzato. Lontano dunque dai luoghi comuni che definisco questo metodo di insegnamento come un sistema teso a lasciare un estrema e incontrollata libertà al bambino, il metodo Montessori si contraddistingue anche per l importanza delle regole, condivise e praticate per rispettare gli altri e l ambiente circostante. Gli insegnanti accompagnano i bambini nella scoperta delle loro immense possibilità, attraverso l esperienza diretta della vita nelle piccole e grandi cose, come imparare ad indossare il grembiule abbottonandolo correttamente, quei gesti quotidiani che gli permettono di apprendere una maggiore manualità e controllo dei movimenti. Grande attenzione è riservata dagli educatori al rispetto dei tempi di ogni bambino, consentendo ad ognuno di prendere il tempo necessario per portare a termine ogni azione, lontani dalle frenesie a cui ci sottopongono le cattive abitudini sociali e culturali. Numerosi sono gli strumenti didattici che permettono, anche ai bambini più piccoli, di avvicinarsi alla matematica e alla scrittura attraverso materiali strutturati per consentire ai bimbi di conoscere e sperimentare le forme e i numeri, preparandoli all utilizzo che ne faranno nella scuola primaria. Questo metodo va difeso e diffuso. Attraverso l impegno e la responsabilità dei docenti consente di assicurare al bambino la graduale conquista della sua autonomia, puntando sull importanza del saper fare dichiara la professoressa Iasenzaniro, Dirigente Scolastico. Bisogna inoltre ricordare il ruolo dei genitori che, pur rimanendo esterni alla didattica svolta nelle classi, scelgono di condividere la modalità di insegnamento, riconoscendosi in questo metodo.

23 Gennaio 2010 SCUOLA Pagina 23 LA TERZA MEDIA VA DI SERA Si scrivono CTP, ma si leggono scuole pubbliche serali. Sono dodici nel IV Municipio per ottenere la licenza media e cogliere l occasione di arricchire le proprie conoscenze SCUOLA PIVA : TUTTI IN GARA DI ROBOTICA Una singolare sfida di automi il 30 gennaio, presso la Media di via Val di Lanzo [di Lorenzo Pasqualini] Si chiamano CTP, Centri Territoriali Permanenti per l istruzione e la formazione in età adulta. Sono istituzioni statali introdotte dal Ministero della Pubblica Istruzione nel 1997 con il fine di promuovere l istruzione degli adulti, sia italiani che stranieri. A Roma ne sono attivi dodici ed uno di questi si trova nel IV Municipio, in Via Perazzi 30 a poca distanza da via Monte Cervialto. Si tratta del 3 CTP, che fa parte dell Istituto Comprensivo di via Perazzi 46, ex scuola media Pietro Verri, frequentata la mattina dagli studenti in età dell obbligo. Ogni pomeriggio dal lunedì al venerdì il 3 CTP offre ai cittadini che abbiano compiuto 16 anni corsi di diverso tipo. Vengono tenuti corsi gratuiti per il conseguimento del diploma di licenza media, che si concludono in giugno con gli esami di Stato condotti dagli stessi insegnanti che hanno seguito la classe per tutto l anno. Vengono offerti corsi per il superamento del biennio delle superiori, con progetti di intesa con alcune scuole statali serali della zona. Vengono inoltre tenuti corsi di lingua straniera (inglese, francese, spagnolo), corsi di cultura generale (italiano, storia, scienze, storia dell arte, ascolto musicale), corsi di informatica e di lingua italiana per stranieri. Come già detto i corsi per l ottenimento della licenza media sono gratuiti, mentre viene richiesta una piccola cifra di iscrizione per gli altri, che va dagli 8 ai 25 euro. La professoressa Alessandra Gaddini lavora da molti anni nel 3 CTP e ce ne parla in termini positivi: ha permesso a centinaia di ragazzi svantaggiati, provenienti da situazioni difficili, di avere una seconda opportunità per l ottenimento del diploma di licenza media e permette loro di continuare il percorso formativo nella scuola superiore. Inoltre dà l opportunità a centinaia di adulti ogni anno, di aumentare le loro conoscenze in tanti campi, dalle lingue straniere all italiano, alla matematica, alle scienze, all informatica. Anche se le domande di iscrizione che arrivano ogni anno alla scuola si aggirano sul migliaio, un problema del 3 CTP è la scarsa possibilità di pubblicizzare l offerta, con la conseguenza che molti abitanti del IV Municipio ignorano l esistenza di questo importante servizio pubblico. La professoressa Gabriella Calenda, anche lei da molti anni nel 3 CTP, segnala però la recente istituzione del Comitato Locale per l EDA (Educazione degli Adulti): si tratta di uno sportello informativo con sede nel IV Municipio da cui si possono ottenere informazioni sulle offerte di formazione e istruzione per gli adulti. In questo modo ognuno potrà essere indirizzato alle strutture pubbliche di formazione sparse nel territorio, a seconda delle sue necessità. [di Alessandra Aureli] Si svolgerà sabato 30 Gennaio 2010 dalle ore 10 alle 12, presso i locali della scuola media Cesare Piva in Via Valdarno n. 10 a Roma, la prima gara di Robotica dell Istituto. Guidati dal Prof. Rodolfo Falcioni, docente di elettronica al Pacinotti, gli allievi della Piva, hanno costruito i robot che si sfideranno in un campo di 2 metri per 2 con altezza 14 cm. Vincerà la competizione il robot che riuscirà nel minor tempo possibile a percorrere il tragitto evitando alcuni ostacoli posizionati nel campo di gara. I robot analogici sono dotati di una intelligenza rudimentale che gli permette di riconoscere gli ostacoli. I ragazzi della scuola media, hanno frequentato un corso di robotica presso l I.T.I.S Pacinotti di Roma, Istituto rinomato per la tradizione didattica nel campo della robotica educativa, dove hanno imparato a conoscere e programmare i robot. La gara è un iniziativa che rientra nel percorso di innovazione sociale e professionale dell Istituto Cesare Piva. La volontà, quindi, di rimettersi in gioco sia come persone che come educatori e docenti, che sanno ascoltare ed interpretare i bisogni formativi di una realtà in continuo e repentino cambiamento. Questo approccio all elettronica e all informatica, può aiutare i giovani a migliorare il rapporto con la realtà sempre più vicina all intelligenza artificiale. Un momento di condivisione e partecipazione per docenti, alunni e genitori. Al termine dell evento ci sarà la consegna dei diplomi di partecipazione ai ragazzi protagonisti di questa avventura tutta tecnologica. Riceviamo & Pubblichiamo I BAMBINI DELLE ELEMENTARI IN CONSIGLIO MUNICIPALE PREMIATI I MIGLIORI PRESEPI DELLE SCUOLE CHIOVINI E DE GASPERI Singolare iniziativa da parte del IV Municipio di mettere a disposizione l aula consiliare ai bambini delle elementari. Un occasione per premiare i migliori elaborati di Natale e programmare per il futuro iniziative analoghe sui temi a loro dedicati Il Consiglio municipale del IV Municipio oggi ha accolto i bambini delle scuole elementari E. Chiovini e A. De Gasperi per votare, alla presenza di insegnanti ed alunni, il riconoscimento alle scuole municipali per le attività culturali svolte durante il periodo pre-natalizio, in particolare per Premio Presepe 2009 e Albero di Natale riciclato. Durante la riunione i bambini, seduti fra i banchi di maggioranza e opposizione, hanno appreso le modalità di svolgimento del Consiglio ed hanno illustrato idee per migliorare le proprie scuole e i propri quartieri. Lo rende noto Federica Rampini consigliere del PD e membro della Commissione Scuola. Da questo incontro, promosso dal Presidente del Consiglio, è emerso come in maniera semplice e non strumentale i bambini delle scuole elementari possono consigliare gli amministratori locali su interventi necessari per migliorare la qualità della vita. L Amministrazione potrebbe valutare la possibilità di istituire Il Consiglio dei bambini e delle bambine come mezzo di sensibilizzazione ed educazione civica delle nuove generazioni. continua la nota per questo auspico che il Presidente Bonelli possa valutare con serietà la proposta avanza in aula di istituire Il Consiglio dei bambini e delle bambine per ripetere l esperienza e creare un forte rapporto fra le Istituzioni, volto a sensibilizzare ed educare i ragazzi, sin dalla tenera età, sui temi civici. Federica Rampini Consigliere PD Municipio IV Roma Montesacro

24 Pagina 24 CULTURA & SOCIETA Gennaio 2010 «DITECE QUANTO DOVEMO DA MAGNÀ!» Uno sguardo semiserio sul boom di ristoranti, pizzerie e trattorie nel IV Municipio. Il palato sembra essere l unico elemento da tenere in considerazione «QUEL VILLINO DEL PIACERE CLANDESTINO» Un anziano montesacrino rivela l esistenza di una casa di piacere nella Città Giardino degli anni 30 [di Giuseppe Valente] [di Giuseppe Valente] Si potrebbe dire che andare a cena fuori non è mai stato così facile per gli abitanti del IV Municipio. E, almeno a giudicare dall offerta, non è mai stato così proficuo investire in ristorazione tra Porta di Roma e il Ponte Vecchio. Insomma, pur in una fase di crisi economica, sono sempre di più i ristoranti, le pizzerie e le trattorie che sorgono dalle nostre parti, a volte anche nelle vie meno trafficate. Per cercare di capirne le ragioni, può essere utile rivolgersi agli operatori del settore. Emerge, così, che una prima ragione sta nella crescita dei quartieri e nell aumento dei residenti: maggiore domanda che si è tradotta in maggiore offerta. Ma non basta. Spiega, infatti, il proprietario di un ristorante tra Montesacro e Talenti: «Questi quartieri sono da decenni luoghi residenziali, con una propria vita, anche serale. Così, per chi vuole investire nella ristorazione, viene da sé pensare che qui troverà facilmente una clientela. Questo spiega anche perché non si sia avuta la stessa crescita nei quartieri di più recente formazione, dove, oltretutto, la presenza di esercizi ristorativi nei centri commerciali significa per i residenti la possibilità, almeno fino a una certa ora, di cenare all interno di essi.» Ma il ruolo dei centri commerciali non finisce qui. Secondo i membri della famiglia Pagnozzi, che gestiscono la storica Hosteria Menenio Agrippa su Via Nomentana, essi avrebbero influito anche in un altro modo: «In un momento in cui i centri commerciali riducono il giro d affari dei piccoli esercizi, chi investe nella ristorazione pensa di avere una possibilità in più, dato che questo è un settore in cui predomina ancora la clientela di fiducia. Anzi, in un momento di crisi economica, spendere dei soldi per una cena fuori è, da un lato, un sacrificio che molti sono disposti ancora a permettersi; dall altro, però, ciò non permette di provare il locale e rischiare di mangiare male.» Infine, non può essere sottovalutato un importante fattore che sta operando su tutta Roma: il processo di liberalizzazione delle licenze iniziato con il decreto Bersani del 2006, che sta permettendo a molti di tentare la fortuna. Già, ma per uno che ha successo, non manca chi magari perché inesperto e vittima di una certa faciloneria non riesce a far decollare il proprio ristorante. Senza fare qui nomi e cognomi, basta dire che la mortalità di questi esercizi rimane elevata. Il racconto è di quelli da mettere nella cassaforte dei ricordi prima che vada disperso per sempre. Ci parla di un piccolo spaccato della vita di Montesacro come era negli anni 30 e dei pensieri e delle abitudini di chi allora si trovava sospeso tra la capitale e l agro romano. Non tutti sanno che a Città Giardino c era una casa d appuntamenti. Già, ma sarebbe più esatto dire una casa d appuntamenti informale: e per questo motivo la maggior parte degli abitanti storici non lo ricorda. C è, però, un anziano signore, che ha preferito conservare l anonimato, disposto a raccontare di una signora sulla quarantina che aveva adibito una parte del proprio villino a luogo di incontri intimi a pagamento. Il nostro confidente, che all epoca dei fatti era adolescente, spiega la clandestinità di quell esercizio con il fatto che il quartiere era all epoca poco abitato e molto controllato e che, quindi, un casino in regola avrebbe avuto un mercato troppo limitato per coprire i costi di un attività a tempo pieno. Da qui, la scelta della maitresse di mettere su un impresa che oggi chiameremmo flessibile, che per lei costituiva una seconda entrata e che si avvaleva del contributo di altre operatrici solo quando si presentava la richiesta. Queste altre operatrici sembra provenissero dai paesi disposti sulla Nomentana e la Salaria e venissero a Montesacro in occasione di picchi di domanda. Date queste premesse, si capisce come la riservatezza fosse massima. Ci dice l ex cliente: «Si entrava da una porta di servizio, attraverso una sorta di magazzino per gli attrezzi. Gli appuntamenti erano cadenzati senza continuità. Ricordo che l ambiente non appariva trasandato, ma probabilmente la signora era caduta in difficoltà economiche: ci sapeva fare in quel lavoro, e si vedeva che era una donna colta e ben educata.» Anche le modalità di accesso alla casa di piacere erano ben lontane da una dimensione pubblica: «Quando compii 16 anni, ero irrequieto come tutti i ragazzi a quell età. Un commerciante del quartiere, che aveva preso a volermi bene, mi raccomandò alla signora, imponendomi, però, il silenzio anche con i miei coetanei che, invece, per certe esigenze prendevano il tram per Roma» C è stata una domanda, a cui il nostro testimone è stato restio a rispondere. È solo dopo lunga insistenza che gli sono sfuggite due frasi sulla collocazione del villino del piacere : pare che la casa in questione sorgesse a Piazza Brioni, all incrocio con Via Cimone, laddove adesso sorge il civico 5. Poi ci furono la guerra, la ricostruzione e con il nuovo quartiere anche senza la legge Merlin - della signora finirono per perdersi le tracce. BENVENUTI NEL FANTASTICO MONDO DELLA FILATELIA! Da Filarte in via Val Grana, nei pressi di Conca d Oro, il paradiso del francobollo. Rarità e novità e molta professionalità [di Vincenzo Amicucci e Manuela Zazzara] Nel punto vendita di via Val Grana 14, se si vuole cominciare una collezione, c e tutto quello che serve: dai francobolli commemorativi (i cento anni dalla nascita di Grazia Deledda, 1971, 25 euro) all editoria. Il primo francobollo venne stampato in Inghilterra; il Regno Lombardo-Veneto stampo il primo francobollo italiano nel I francobolli sono raccolti in cartelle dedicate e ordinate per tematiche e in questo negozio, il piu fornito insieme a pochi altri a Roma, c e materiale utile per ogni collezione (colori, argomenti, ricorrenze ecc.) La vendita avviene anche per corrispondenza e l autenticita e garantita. Altri oggetti da collezione in vendita da Filarte sono le lamette da barba d epoca, a 8 euro, le capsule delle bottiglie di spumanti e vini frizzanti italiani a 15 euro, i santini d epoca a 15 euro o le schede telefoniche Telecom del 97 raffiguranti gli antichi mestieri, a 15 euro. Per Il settore della numismatica a 25 centesimi l una si possono scegliere monete da tutto il mondo: dall America la moneta da mezzo dollaro del 64 di Kennedy (8 euro), o il biglietto da una lira della nascente Repubblica Italiana (8 euro). La filatelia e un modo intelligente per imparare! Si paga anche con carta di credito. Filarte: via Val Grana, 14; telef. ; ; sito Internet:

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

GIORGIO MOTTOLA Chiedo scusa, io avevo preso il biglietto ad Alta Velocità per il treno delle 14.20. Posso prendere questo?

GIORGIO MOTTOLA Chiedo scusa, io avevo preso il biglietto ad Alta Velocità per il treno delle 14.20. Posso prendere questo? IL BIGLIETTO INFLESSIBILE di Giorgio Mottola CLAUDIA DI PASQUALE Tutto si gioca sull Alta Velocità. Intanto i pendolari si devono arrangiare perché sembra che non interessino a nessuno. Ma i passeggeri

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

OPERAZIONE TAVINA. gli 8 motivi per cui pensiamo sia senza senso CEMENTO E SOLO CEMENTO

OPERAZIONE TAVINA. gli 8 motivi per cui pensiamo sia senza senso CEMENTO E SOLO CEMENTO CEMENTO E SOLO CEMENTO Il futuro di Salò non può essere ancora di mattoni, di seconde case, di case vuote e di case invendute. La volumetria approvata (oltre 250 appartamenti) corrisponde a circa il 10%

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9 La precedenza ed io Sommario Pagina Regole fondamentali 3 Prudenza con i pedoni 5 I mezzi di trasporto pubblici 7 La precedenza da destra 9 Segnali stradali 10 Segnali luminosi 12 Il traffico in senso

Dettagli

abbonamenti 2015.2016

abbonamenti 2015.2016 abbonamenti 2015.2016 FARE DEL NOSTRO STADIO UNA FORTEZZA Caro Interista, San Siro e piu bello quando ci sei tu, io lo so bene. L ho visto vibrare nelle sue notti piu belle. Ho sentito la spinta, la voglia

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA la guida DI CHI è alla guida SERVIZIO CLIENTI Per tutte le tue domande risponde un solo numero Servizio Clienti Contatta lo 06 65 67 12 35 da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 18.00 o manda un e-mail a

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Visione d insieme Una pista ciclabile su corsia riservata è uno spazio sulla strada riservato

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali,

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali, Messaggio municipale 7/2012 accompagnante la richiesta di un credito di fr. 700'000 per la progettazione definitiva della tappa prioritaria della rete tram Signor Presidente, signore Consigliere comunali,

Dettagli

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte;

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte; CAUTELE NELLE TRATTATIVE CON OPERATORI CINESI La Cina rappresenta in genere un partner commerciale ottimo ed affidabile come dimostrato dagli straordinari dati di interscambio di questo Paese con il resto

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE La privacy DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE Temi in classe Non lede la privacy l insegnante che assegna ai propri alunni lo svolgimento di temi in classe riguardanti il loro

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Informazioni utili sui servizi Atac

Informazioni utili sui servizi Atac Atac SpA Via Prenestina, 45 00176 Roma Informazioni utili sui servizi Atac Per maggiori informazioni su tutti i servizi Atac: www.atac.roma.it Il presente documento vuole essere un agile manuale in risposta

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Andare a scuola da soli

Andare a scuola da soli Bollettino a cura del Progetto di Ricerca "La città dei bambini", Reparto di Psicopedagogia, Istituto Psicologia del CNR di Roma via U. Aldrovandi, 18-00197 Roma, Tel. 06 3221198, Fax 06 3217090, cittbamb@kant.irmkant.rm.cnr.it

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Antonello Aurigemma Assessore alle Politiche della Mobilità di Roma Capitale

Antonello Aurigemma Assessore alle Politiche della Mobilità di Roma Capitale Antonello Aurigemma Assessore alle Politiche della Mobilità di Roma Capitale La principale sfida che ci siamo trovati di fronte nel 2008, anno di insediamento della nuova Amministrazione Capitolina, è

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale

Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale di Luca Martini e Valerio Vimercati (*) In un contesto dove l accesso al credito da parte delle imprese risulta

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

L ACQUA A ERICE una storia di mala vita, ma anche una battaglia di civiltà Per maggiori informazioni visita il sito del Comune di Erice: www.comune.erice.tp.it OGGETTO: Attivazione iniziative emergenziali

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle.

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle. Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su Nello sperduto villaggio di Tabula, alcuni abitanti sono affetti da licantropia. Ogni notte diventano lupi mannari e, per placare i loro istinti,

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli