ALLEGATO 4: Descrizione del miglioramento ottenuto negli obiettivi aziendali (ambientali e finanziari)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATO 4: Descrizione del miglioramento ottenuto negli obiettivi aziendali (ambientali e finanziari)"

Transcript

1 ALLEGATO 4: Descrizione del miglioramento ottenuto negli obiettivi aziendali (ambientali e finanziari) Dal 2010 Carlsberg Italia ha intrapreso un percorso di analisi delle prestazioni ambientali dei propri prodotti tramite metodologia LCA (Life Cycle Assessment). L obiettivo dell analisi è stato quello di individuare elementi di miglioramento all interno del proprio ciclo produttivo e verificare gli effettivi vantaggi ambientali sull intero ciclo di vita del prodotto della nuova tecnologia DraughtMaster TM, relativa a fusti e impianti di spillatura, rispetto ai tradizionali fusti in acciaio, bottiglie in vetro e lattine in alluminio. L analisi LCA ha permesso a Carlsberg Italia di intervenire su alcuni aspetti ben precisi, quali: identificare le opportunità di miglioramento degli aspetti ambientali del prodotto nei diversi stadi del ciclo di vita; supportare le decisioni strategiche dell Azienda; definire indicatori rilevanti di prestazione ambientale con le relative tecniche di misurazione; utilizzare strumenti di green marketing, di cui l anali LCA è la base scientifica oggettiva. La Tecnologia innovativa DraughtMaster TM per la distribuzione e la spillatura della birra, oggi estesa a tutte le birre prodotte e commercializzate da Carlsberg Italia, presenta numerosi vantaggi in termini di performance ambientali del prodotto lungo tutto il ciclo di vita rispetto ai tradizionali sistemi di infustamento/imbottigliamento e distribuzione. Di seguito i principali vantaggi ambientali della tecnologia DraughtMaster TM (dati EPD Carlsberg, Tuborg, BAP 4 Luppoli Chiara Originale e BAP 5 Luppoli Bock Chiara e BAP 6 Luppoli Bock Rossa). I valori riportati nella tabella sono espressi come media degli impatti totali riferiti all ettolitro di birra dei quattro tipi di birra considerati nello studio LCA ad eccezione per le lattine in alluminio il cui studio LCA è stato condotto solo per i marchi Carlsberg e Tuborg. Fusti in Acciaio Fusti Draught Master M20 Bottiglie in Vetro Fusti Draught Master M20 Lattine in alluminio Fusti Draught Master M20 CONSUMI IDRICI (litri) 1.206,67 868, ,49 868, ,98 803,14-27,99 % - 21,83 % - 27,32 % CONSUMI (MJ) ENEGETICI 2.460, , , , , ,66-19,86 % - 41,02 % - 33,17 % POTENZIALE DI RISCALDAMENTO GLOBALE (kg CO 2 eq.) 146,46 104,61 205,54 104,61 134,37 99,66-28,58 % - 49,11 % - 25,84 % ACIDIFICAZIONE SO 2 eq.) TOTALE RIFIUTI (kg) (kg 1,67 1,48 2,16 1,48 1,59 1,47-11,53 % - 31,68 % - 7,57 % 6,28 5,09 35,49 5,09 35,84 4,67-18,92 % - 85,66 % - 86,97 % TOTALE RIFIUTI 0, ,33 0,19 0,28 0,18

2 PERICOLOSI (kg) - 45,99 % - 43,51 % - 36,36 % La Tecnologia consente un significativo risparmio in termini di consumi energetici ed emissioni di CO 2, principalmente connessi a: - trasporti per la distribuzione del prodotto: il fusto in PET è significativamente più leggero del fusto in acciaio; - possibilità di ottimizzazione delle consegne ai punti vendita, data la maggior durata di conservazione del prodotto in fusto PET ed il minor ingombro dello stesso; - assenza dei trasporti per il recupero dei fusti vuoti, essendo i fusti in PET riciclabili; - sistema di spillatura senza utilizzo di CO 2. Significativa anche la riduzione dei rifiuti prodotti, legata principalmente alle fasi di produzione e approvvigionamento dei fusti e alla distribuzione del prodotto finito. Alla luce dei risultati positivi emersi dall analisi LCA e in accordo con gli impegni sanciti nella propria Politica Ambientale tesi a perseguire la prevenzione dell inquinamento, la minimizzazione degli effetti sull ambiente legati ai processi produttivi, l ottimizzazione dell utilizzo delle risorse naturali e il miglioramento continuo delle proprie prestazioni ambientali, dal 2011 Carlsberg Italia ha esteso l utilizzo della soluzione innovativa DraughtMaster TM alla maggior parte delle birre prodotte e commercializzate, valorizzandone in questo modo le performance ambientali. Oggi il 47% della birra in fusti commercializzata da Carlsberg è in fusti PET; la strategia aziendale prevede che nel 2015 i fusti tradizionali in acciaio saranno completamente eliminati dall assortimento. In ottica di comunicazione e trasparenza verso tutti i soggetti interessati Carlsberg Italia, prima tra i produttori di birra a livello mondiale, ha inoltre conseguito la certificazione EPD (Environmental Product Declaration) per cinque dei principali brand prodotti e commercializzati in Italia, ovvero Carlsberg, Tuborg, BAP 4 Luppoli Chiara Originale, BAP 5 Luppoli Bock Chiara e BAP 6 Luppoli Bock Rossa, distribuiti tramite fusti in PET, fusti in acciaio, bottiglie in vetro e lattine in alluminio. Essendo il primo Produttore di birra al mondo ad aver ottenuto la certificazione EPD, Carlsberg Italia ha proposto e definito, per conto dell International EPD Scheme, le regole per la categoria birra a livello globale, le cosiddette Product Category Rules (PCR), finalizzate a stabilire criteri condivisi e comuni a tutti i Produttori per l analisi del ciclo di vita del prodotto e per redigere specifiche Dichiarazioni di Prodotto Ambientali in questo settore. Carlsberg Italia è diventata così l Azienda che a livello mondiale ha sviluppato la metodologia e le regole per il calcolo, la valutazione e la convalida delle prestazioni ambientali del prodotto birra. Carlsberg Italia considera l ambiente, la lotta ai cambiamenti climatici e lo sviluppo sostenibile fattori strategici nello sviluppo delle proprie attività. In linea con il Committment del Gruppo, Carlsberg Italia ha fatto della Sostenibilità il pilastro del proprio modello imprenditoriale, perseguendola in ogni passaggio della catena del valore. Ciò significa un attenzione e un impegno costante nell ottimizzare l uso delle risorse naturali, ridurre gli sprechi, aumentare l efficienza energetica, innovare costantemente processi, tecnologie e prodotti per promuovere uno sviluppo solido e di lungo periodo, soddisfacendo le attese dei diversi Stakeholder. La certificazione ISO14001 ottenuta nell anno 2005 riflette l impegno dell Azienda nel ridurre l impatto delle proprie attività, prevenendo l inquinamento, minimizzando gli effetti dei processi produttivi sull ambiente e ottimizzando l utilizzo delle risorse naturali. Gli obiettivi ambientali che riguardano le tematiche quali consumi energetici (gas ed elettricità) consumi idrici, emissioni in acqua aria e suolo, produzione di rifiuti vengono stabiliti annualmente e condivisi con la Casa Madre sulla base dei risultati raggiunti nell anno precedente e tenendo conto di eventuali modifiche e/o ampliamenti di processo. Qualora gli obiettivi ambientali e dell energia comportino investimenti importanti, questi vengono richiesti in fase di stesura Budget al Corporate. A livello locale il documento di sistema Riesame della Direzione (ISO 14001) consente di tenere sotto controllo gli obiettivi raggiunti e quelli previsti nell anno successivo. A seguito dell ottenimento dell Autorizzazione Integrata Ambientale per lo Stabilimento produttivo sono stati inoltre implementati una serie di miglioramenti come

3 l installazione di un campionatore/analizzatore automatico che consente il monitoraggio costante del TOC (Total Organic Carbon) per gli scarichi idrici dei vari reparti produttivi e la ricostruzione della configurazione della rete acque meteoriche confluenti nel Fiume Olona con relativa installazione di pozzetti per il prelievo dei campioni per il controllo delle acque. Un altro importante risultato è rappresentato dalla differenziazione dei rifiuti passata da 13 codici CER del 2010 a 21 nell anno 2012 superando il 95% di rifiuti riciclati rispetto al totale dei rifiuti prodotti. Nel 2012 è stata installata una nuova linea di infustamento PET composta da macchine ed attrezzature di ultima generazione e dotata di nuovo sistema per il recupero dell aria compressa sull impianto di soffiatura al fine di contenere ulteriormente i consumi energetici. Il compressore ad alta pressione è inoltre stato dotato di tecnologia ad inverter per consentire all impianto di parzializzare gli assorbimenti del motore in caso di fermi linea o interruzioni di produzione o riduzione del carico. Le piccole migliorie tecnico-impiantistiche quali l adozione di timer per lo spegnimento automatico delle luci e sostituzione di vecchie lampade con quelle a basso consumo in tutto il reparto imbottigliamento, l installazione di selettori per lo spegnimento dei nastri e di alcune macchine, la sostituzione di vecchi motori con nuovi motori ad alta efficienza classe A, l installazione di fotocellule per lo spegnimento automatico nelle zone di passaggio pedonale, nell area ristoro imbottigliamento e nel laboratorio in linea bottiglie, nuovi spogliatoi per gli Operatori dotati di spegnimento automatico delle luci e asciugatori ad alta efficienza energetica sono solo altri esempi concreti di come l Azienda persegua l ottimizzazione delle performance energetiche. Questi interventi unitamente all importante restyling degli impianti hanno consentito a Carlsberg Italia di raggiungere risultati di performance tra i primi posti nel gruppo Carlsberg come consumo energetico e gas per ettolitro di birra prodotto. Di seguito un esempio di benchmark di Gruppo relativo alle emissioni di CO 2 (lo Stabilimento di Induno Olona è nella tabella codificato come Varese ):

4 Questi risultati sono il frutto di corposi interventi fatti negli ultimi anni e che riguardano: l installazione di un sistema che consente il recupero delle frigorie rilasciate dall evaporazione di CO2 da utilizzare attraverso il glicole per l'impianto di raffreddamento; il processo di semplificazione dei mosti per il quale è stato possibile ridurre il consumo di acqua gelida e sono stati ridotti set point di acqua calda da 80 C a 70 C; sui pastorizzatori sono state installate le torri evaporative per il riutilizzo dell'acqua di raffreddamento (che in precedenza era completamente a perdere) con riduzione dei consumi e recupero di energia. Non ci vogliamo comunque fermare, convinti del fatto che c è ancora molto da ottenere lavorando su piccole migliorie. Per concretizzare e meglio strutturare il sistema di gestione già esistente, Carlsberg ha avviato il percorso per l ottenimento della certificazione del sistema di gestione dell energia ISO allo scopo di entrare sempre più nel dettaglio degli aspetti ritenuti significativi. Solo un attenta valutazione in tal senso ci consentirà di trovare sempre nuovi spazi di miglioramento delle attuali performance. Carlsberg ha quindi provveduto alla nomina di un Energy Manager pur non essendo soggetto obbligato e, volendo conformarsi agli attuali standard internazionali sulla gestione dell energia, ha scelto di implementare un sistema di gestione dell energia ISO le cui principali innovazioni consistono nella creazione dell Energy Team e nella necessità di effettuare un analisi energetica complessiva della realtà aziendale. L Energy Team si sta occupando in maniera strutturata di valutare operativamente quale possa essere l impatto delle ultime innovazioni tecnologiche e impiantistiche presenti sul Mercato al fine di poterle introdurre nei ciclo produttivo. Inoltre dagli incontri periodici dell Energy Team è scaturita l idea di creare ulteriori gruppi di lavoro specifici mirati al miglioramento dell efficienza del processo (continuous improvement). La grande sfida è oggi quella di entrare nello specifico delle singole operazioni e attività per attuare miglioramenti sempre più mirati. Lo sforzo maggiore è anche quello di agire sulle abitudini e comportamenti delle persone al fine di renderli sempre più virtuosi e attenti al minor sfruttamento possibile delle risorse. Portiamo ad esempio (uno su tutti) la procedura sui selettori manuali delle lance manuali di lavaggio che, grazie alla sensibilizzazione degli Operatori, vengono oggi attivati in modo da ridurre drasticamente il consumo di acqua e di energia. Queste sensibilizzazioni si inseriscono appieno nella Politica CSR di Carlsberg grazie alla quale ogni Dipendente acquisisce consapevolezza sulla responsabilità Azienda- Singolo e sulle tematiche ad esso relative. In questo modo i singoli vengono così sollecitati ad assumere atteggiamenti e attitudini responsabili, anche nella vita quotidiana. Nel corso delle attività di Carlsberg Lean continuano le azioni mirate alla riduzione dei consumi energetici grazie a programmi di sensibilizzazione degli Operatori e all'osservazione di buone norme di comportamento. In ambito di riduzione del consumo di vapore in centrale termica sono stati adottati una serie di accorgimenti che hanno consentito il miglioramento del rendimento delle caldaie: (1) installazione di misuratori di portata dell aria e del combustibile, (2) regolazione in automatico del bruciatore, (3) recupero del calore del condensato di ritorno per il preriscaldamento dell'acqua di reintegro, (4) procedure per il controllo e regolazione della temperatura dei fumi in uscita, (5) contenimento delle dispersioni grazie alla coibentazione di tubi, serbatoi e impianti sono solo alcuni esempi di come si sia intervenuto per aumentare l efficienza degli impianti di produzione del calore con conseguente diminuzione del consumo di combustibile e produzione di emissioni. La nuova sala di cottura inoltre è stata dotata di un moderno sistema di recupero del calore che consente di condensare il vapore proveniente dalla bollitura del mosto e di utilizzarlo per preriscaldare la cotta successiva; inoltre l acqua che si riscalda durante il

5 raffreddamento del mosto viene stoccata in un serbatoio e utilizzata in fabbricazione ad uso servizio e per i lavaggi. Attraverso l implementazione dei sistemi ISO 14001e ISO 9001 l Azienda riesamina periodicamente il proprio impegno e l efficacia degli approcci adottati utilizzando una serie di indicatori di performance che le permettono, qualora fosse necessario, di migliorare o adottare nuove azioni preventive/correttive sulla base del riesame effettuato. Per supportare l approccio al miglioramento continuo delle performance ambientali e dell energia il team CSR italiano, sulle basi delle politiche della funzione CSR del Gruppo, sensibilizza il resto dell Azienda alle tematiche della Sostenibilità. Tutti i dati relativi alla rendicontazione sociale, ambientale ed economica vengono raccolti attraverso il sistema di reportistica Enablon, adottato dal Gruppo Carlsberg per la raccolta di informazioni e dati nei diversi Paesi in cui il Gruppo opera. Per quanto riguarda il risparmio energetico in ambienti diversi dalla Fabbrica, si precisa che Uffici e Depositi non sono di proprietà pertanto Carlsberg Italia non ha nei propri piani interventi strutturali in questi luoghi. E però vero che la profusa diffusione e condivisione del nostro impegno sulla Sostenibilità (vedi Bilancio di Sostenibilità e Stakeholder Engagement) ci ha consentito di avviare con buoni risultati piccoli e semplici gesti come la raccolta differenziata e diffondere campagne sul consumo consapevole dell acqua e dell energia non solo in Fabbrica ma anche negli Uffici e presso i Depositi. Riportiamo qui di seguito alcuni grafici relativi ai principali indici. Come detto, questi risultati sono il frutto del revamping di quasi la totalità degli impianti, l applicazione di nuove tecnologie e nuove soluzioni tecniche insieme ad un percorso di forte sensibilizzazione del personale al rispetto dell ambiente. E a proposito di riesame e di azioni correttive implementate si fa notare che uno degli ambiti su cui si sta focalizzando l Energy Team è proprio il consumo di energia elettrica leggermente aumentato rispetto allo scorso anno a seguito dell installazione della linea DraughtMaster TM.. Ogni altro indice è rimasto stabile. CONSUM0 SPECIFICO DI ENERGIA ELETTRICA PER ETTOLITRO DI BIRRA (MWh/hl ) 10,9 10,5 9,0 8,9 8,9 8,1 7,7 7, CONSUM0 SPECIFICO DI GAS METANO PER ETTOLITRO DI BIRRA (MWh/hl) 33,5 33,7 33,6 23,6 21,3 20,6 18,9 18,

6 PRODUZIONE SPECIFICA di CO 2 IN REGIME DI ETS (kg/hl) (Emission Trading System previsto dal Protocollo di Kyoto) 6,1 6,5 6,1 4,8 4,3 4,1 3,8 3, La produzione complessiva di CO2 per ettolitro di birra merita un importante riflessione in quanto dall anno scorso la Casa Madre ha deciso di testimoniare il suo impegno a favore dell ambiente attraverso l acquisto di Certificati RECS (Renewable Energy Certificate System) che attestano la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili. Per questo motivo si riportano le sole emissioni prodotte a seguito della combustione del gas per la produzione di vapore e non quelle derivanti dall energia elettrica poiché di origine idroelettrica. CONSUMO SPECIFICO di ACQUA (hl acqua/hl birra) 7,1 7,5 7,3 5,2 5,1 4,9 4,5 4, Anche il consumo specifico di acqua si è stabilizzato intorno al valore dell anno scorso confermando una costante attenzione agli sprechi idrici. Il percorso di miglioramento è ancora lungo in quanto il Gruppo si è prefissato per il 2015 obiettivi realmente ambiziosi. PRODUZIONE SPECIFICA RIFIUTI (kg/hl 1,32 1,27 1,21 0,

7 La produzione dei rifiuti è variabile di anno in anno e dipende dall andamento del processo produttivo. Grazie ad un accordo con il Comune di Induno Olona è stato possibile separare i rifiuti non provenienti dalla Produzione e destinarli alla piattaforma ecologica comunale. Tutto ciò che è assimilabile agli urbani ossia i rifiuti provenienti da mensa, spogliatoi, aree macchinette del caffè e uffici viene ora ritirato direttamente dal servizio di raccolta comunale. Tale nuova gestione ha consentito di individuare il reale quantitativo dei rifiuti speciali provenienti dal ciclo produttivo e destinarli a Gestori regolarmente autorizzati. Inseriamo in questa sezione anche un altra importante attività che vogliamo far rientrare nella riduzione degli sprechi ma che ha impatti ben più vasti in ambito di Sostenibilità: la collaborazione con il Banco Alimentare che dal 2012 rappresenta una strada alternativa alla distruzione fisica della merce buona che non potrebbe essere venduta nei nostri canali causa scadenza ravvicinata o causa errato packaging. La birra buona non viene più distrutta e quindi considerata come un rifiuto ma viene donata al Banco Alimentare per essere consumata dalle persone più bisognose. E grazie all approccio di Carlsberg Italia, Carlsberg Horeca (la società di distribuzione controllata al 100% da Carlsberg Italia) ha concordato di donare al Banco Alimentare anche i prodotti terzi in scadenza presso i propri magazzini, innescando così un circolo virtuoso. Dal punto di vista degli impatti economico-patrimoniali-finanziari l attenzione all ambiente e alle scelte di Innovazione Sostenibile di Carlsberg Italia ha creato le premesse per ottenere negli ultimi anni straordinari progressi nei risultati economici come evidenziato qui di seguito dal trend dell EBIT. Ha perseguito negli anni una politica di semplificazione organizzativa e patrimoniale che le hanno permesso di migliorare la propria struttura finanziaria come evidenziato qui di seguito dal trend di Trade Working Capital. Il tutto è stato determinato e supportato dall Innovazione tecnologica DraughtMaster TM che ha anche aiutato a velocizzare questo cambiamento. Ci sono state quindi ampie premesse per un progressivo miglioramento dei principali indicatori di performance economico-patrimoniale aziendale come evidenziato qui di seguito in seconda tabella:

8 Inventory - Average Jan Feb Mar Apr Maj Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dic ACTUAL 2010 ACTUAL 2011 ACTUAL 2012 EST 2012

9 Trade Receivables - Average Jan Feb Mar Apr Maj Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dic ACTUAL 2010 ACTUAL 2011 ACTUAL 2012 EST 2012 Trade Working Capital - Average Jan Feb Mar Apr Maj Jun Jul Aug Sep Oct Nov Dic ACTUAL 2010 ACTUAL 2011 ACTUAL 2012 EST 2012 CASH POOLING - ACTUAL ACTUAL 2010 ACTUAL 2011 ACTUAL January February March April May June July August Settembre October November December May HQ renuce by 7,2 MIO Abbiamo obiettivi sfidanti ma i risultati che stiamo ottenendo parlano chiaro.

10 In anno 1 (2011) abbiamo superato gli ambiziosi obiettivi che ci eravamo posti raddoppiando il numero di Clienti a cui abbiamo installato il nuovo impianto Draught Master TM Modular20 (500 Clienti) In anno 2 (2012) volevamo raddoppiare la numerica dei Clienti ed abbiamo raggiunto la numerica di 1700 Clienti (triplicando il parco). Abbiamo ad oggi oltre 3000 Clienti con tecnologia Modular20 a cui si aggiungono oltre impianti in versione Flex20 e 1500 con versione Select10. Il nostro obiettivo è raggiungere la Leadership del comparto birra alla spina nel medio periodo, completando altresì la sostituzione di tutti gli impianti di vecchia generazione e cessando per sempre (primi al mondo) la complicata e poco green gestione dei fusti in acciaio. Stiamo investendo molto sul Servizio al Cliente perché vogliamo che chi ha scelto di seguirci adottando la nostra Tecnologia Sostenibile possa godere di un Servizio ineccepibile; il risultato di Customer Satisfaction che ne consegue è ottimo perché siamo consapevoli di offrire ai nostri Clienti un Servizio qualitativamente eccellente: servizio attivo di reperibilità tecnica sulla Tecnologia Draught Master TM 7 giorni su 7 ai Clienti garantendo (unici nel comparto) l arrivo del Tecnico sul Punto Vendita entro 4 ore dalla chiamata. Organizziamo strutturate attività di Customer Satisfaction Survey per verificare i livelli di soddisfazione del Cliente rispetto alla qualità del prodotto, alla funzionalità e Sostenibilità degli innovativi impianti di spillatura, alla professionalità del servizio di assistenza tecnica e ne monitoriamo le evoluzioni nel tempo. Di seguito un esempio di risultato delle survey telefoniche gestite giornalmente al nostro interno dal Customer Service Department per avere la massima accuratezza e tempestività nel tracking delle Innovazioni strategiche: Misuriamo la nostra Innovazione Sostenibile anche in termini di impatto ambientale utilizzando un metro facile ed intuitivo in numero di alberi piantati e quindi come restituzione di valore all ambiente dovuto alle minori emissioni di CO 2. Qui di seguito un illustrazione che utilizziamo sulle nostre pubblicazioni per evidenziare il vantaggio ambientale della tecnologia DraughtMaster TM

11 In sintesi, abbiamo avuto il CORAGGIO di innovare in un mercato statico da decenni, mercato in cui i bassi margini non consentono ritorni economici nel brevissimo termine. Ma con coraggio e determinazione abbiamo trovato un equilibrio finanziario sufficiente ad attirare i capitali internazionali, diventando centro di eccellenza mondiale per questa Tecnologia. E ancora, abbiamo avuto il coraggio di investire nel periodo peggiore della crisi dei mercati mondiali, in un momento in cui buon senso e situazione economico-finanziaria avrebbero suggerito di fare il contrario. E come detto lo abbiamo fatto in perfetta sintonia con i nostri Partner soprattutto Italiani con cui condividiamo e celebriamo i reciproci successi.

La sostenibilità come leva di marketing: la comunicazione oltre il greenwashing

La sostenibilità come leva di marketing: la comunicazione oltre il greenwashing Convegno La sostenibilità come leva di marketing: la comunicazione oltre il greenwashing Milano, 14 aprile 2011 Comunicare l innovazione ambientale attraverso il green marketing: la Environmental Product

Dettagli

Collabora con partners europei nelle attività di audit e consulenza ai clienti.

Collabora con partners europei nelle attività di audit e consulenza ai clienti. Energy Management Ge.Ser.Ind. possiede una solida competenza nel campo dell energy management, fornendo servizi di assistenza e di controllo dei costi e dei consumi energetici. Collabora con partners europei

Dettagli

GREEN TOOLS Armando Romaniello Direttore Marketing Industry Management e Certificazione di prodotto

GREEN TOOLS Armando Romaniello Direttore Marketing Industry Management e Certificazione di prodotto GREEN TOOLS Armando Romaniello Direttore Marketing Industry Management e Certificazione di prodotto Mantova, 25 novembre 2015 Consumatore e mercato globale: ogni giorno più esigenti - Sicurezza (conditio

Dettagli

Consulenza di Direzione Ambiente & Innovazione Sistemi di Gestione Aziendale. Clicca qui per l avvio

Consulenza di Direzione Ambiente & Innovazione Sistemi di Gestione Aziendale. Clicca qui per l avvio Titolo intervento Ambiente e sostenibilità per la tua Azienda sono un costo?.noi lo trasformiamo in ricchezza. Relatore: : Gian Piero Zattoni Consulenza di Direzione Ambiente & Innovazione Sistemi di Gestione

Dettagli

Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini

Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting I settori più energivori:

Dettagli

Quali modelli organizzativi efficaci

Quali modelli organizzativi efficaci Quali modelli organizzativi efficaci Il sistema CONAI Piero Perron Vicepresidente CONAI Intervento al VIII Forum G.I. Federalimentare 17 Settembre 2011 La gestione degli imballaggi Il sistema CONAI e i

Dettagli

EcoDesigne Sistemi di Gestione dell Energia Gian Piero Zattoni

EcoDesigne Sistemi di Gestione dell Energia Gian Piero Zattoni EcoDesigne Sistemi di Gestione dell Energia Gian Piero Zattoni Workshop Chi Siamo EQO S.r.l. da oltre 10 anni riunisce professionisti provenenti da diversi settori e con differenti esperienze professionali,

Dettagli

Mercoledì 22 aprile 2015. Lefay Resorts presenta il Bilancio della Sostenibilità 2014

Mercoledì 22 aprile 2015. Lefay Resorts presenta il Bilancio della Sostenibilità 2014 Mercoledì 22 aprile 2015 Lefay Resorts presenta il Bilancio della Sostenibilità 2014 Oggi 22 Aprile 2015, in occasione della Giornata Mondiale della Terra, Lefay Resorts presenta il Bilancio della Sostenibilità

Dettagli

Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini

Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini BC1 Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini Workshop Diapositiva 1 BC1 inserire i propri riferimenti Nome e Cognome relatore Titolo

Dettagli

Essere il fornitore di riferimento per soluzioni di comunicazione dati e VoIP nei mercati SOHO/SMB (Small Office Home Office Small Medium Business).

Essere il fornitore di riferimento per soluzioni di comunicazione dati e VoIP nei mercati SOHO/SMB (Small Office Home Office Small Medium Business). 1/8 1. PRESENTAZIONE A TLC S.r.l. sviluppa, produce e commercializza apparati per le telecomunicazioni, tra cui: terminazioni di rete ISDN; dispositivi di accesso alle reti xdsl; strumenti di misura per

Dettagli

ISO 50001 come strumento per l efficienza energetica

ISO 50001 come strumento per l efficienza energetica Per una migliore qualità della vita ISO 50001 come strumento per l efficienza energetica Alessandro Ficarazzo Certiquality QUALITY ENVIRONMENT SAFETY ENERGY PRODUCT INSPECTION TRAINING 27 maggio 2015 Assolombarda

Dettagli

L applicazione del Protocollo di Kyoto: bilancio e verifica dei gas serra nelle pubbliche amministrazioni

L applicazione del Protocollo di Kyoto: bilancio e verifica dei gas serra nelle pubbliche amministrazioni L applicazione del Protocollo di Kyoto: bilancio e verifica dei gas serra nelle pubbliche amministrazioni Michela Gallo Bologna, 26 novembre 2007 1 Primati del RINA Il RINA, da sempre promotore di schemi

Dettagli

IL CONI PER L AMBIENTE

IL CONI PER L AMBIENTE 6 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE L IMPATTO AMBIENTALE DEL CONI 116 CONI BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2013 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE Il CONI pone una particolare attenzione

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA 01.04 La Politica per la Qualità e per la salute e sicurezza sui luoghi di lavoro definita dalla Direzione contiene

Dettagli

Il nostro impegno verso la sostenibilità

Il nostro impegno verso la sostenibilità 1 Il nostro impegno verso la sostenibilità IT 2013 2 APPROCCIO DI DANI ALLA SOSTENIBILITÀ APPROCCIO DI DANI ALLA SOSTENIBILITÀ Nato come piccola conceria a conduzione familiare nel 1950, il gruppo Dani

Dettagli

si può fare di più La sostenibilità, il nuovo motore delle imprese. Più si ricercano soluzioni sostenibili e più si aprono nuove strade.

si può fare di più La sostenibilità, il nuovo motore delle imprese. Più si ricercano soluzioni sostenibili e più si aprono nuove strade. si può fare di più La sostenibilità, il nuovo motore delle imprese. Più si ricercano soluzioni sostenibili e più si aprono nuove strade. Cloros è una società certificata ISO 9001 e UNI CEI 11352, che ha

Dettagli

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY 1 Quasi dimezzate rispetto al 2009 le imprese che considerano la Corporate Responsibility come parte integrante della

Dettagli

Ambiente ed Energia: sinonimo di innovazione

Ambiente ed Energia: sinonimo di innovazione Ambiente ed Energia: sinonimo di innovazione Andrea Zanfini Bar-Camp: Jam Session di buone pratiche e progetti innovativi Le nostre Attività Business Process Reengineering Consulenza di Direzione Lean

Dettagli

D.B.S. PROGETTI I SISTEMI IBRIDI A POMPA DI CALORE

D.B.S. PROGETTI I SISTEMI IBRIDI A POMPA DI CALORE I SISTEMI IBRIDI A POMPA DI CALORE Integrare pompa di calore ad aria e caldaia in un unico sistema di riscaldamento può portare a drastiche riduzioni dei consumi di energia primaria. Un sistema di controllo

Dettagli

A PROPO SITO DELL AMBIE NTE

A PROPO SITO DELL AMBIE NTE 07/2015 07/2014 A PROPO SITO DELL AMBIE NTE La prestazione ambientale di un prodotto consiste nell impatto delle fasi del suo ciclo di vita. Se la fase di design è fondamentale, anche tutte le altre, dalla

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Logo azienda/università I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting

Dettagli

Attualità dei sistemi ibridi a pompa di calore

Attualità dei sistemi ibridi a pompa di calore TECNOLOGIA Attualità dei sistemi ibridi a pompa di calore Integrare pompa di calore ad aria e caldaia in un unico sistema di riscaldamento può portare a drastiche riduzioni dei consumi di energia primaria.

Dettagli

SIRAM al servizio del progresso energetico

SIRAM al servizio del progresso energetico SIRAM al servizio del progresso energetico Il Gruppo Siram in Italia SIRAM SPA Leader in Italia nei servizi energetici e multitecnologici per il mercato Pubblico e Privato sede legale Milano 4 Unità di

Dettagli

BILANCIO AMBIENTALE. Cav. Lav. Domenico Bosatelli, Presidente di GEWISS

BILANCIO AMBIENTALE. Cav. Lav. Domenico Bosatelli, Presidente di GEWISS BILANCIO AMBIENTALE 2012 GEWISS ha sempre superato di slancio tutte le sfide più importanti scommettendo sull innovazione e investendo nello sviluppo di nuovi prodotti. I traguardi che ci attendono saranno

Dettagli

Comunicare e Rendicontare la Corporate Social Responsibility

Comunicare e Rendicontare la Corporate Social Responsibility Comunicare e Rendicontare la Corporate Social Responsibility Il Caso Enel Università degli studi di Verona - Facoltà di Economia Verona, 15 dicembre 2006 Pierluigi Orati CSR Assistant, Enel Spa Le Basi

Dettagli

23/11/2011. Titolo sezione 1. Agenda. La certificazione ambientale di prodotto LCA & EPD: dall Analisi all Azione

23/11/2011. Titolo sezione 1. Agenda. La certificazione ambientale di prodotto LCA & EPD: dall Analisi all Azione La certificazione ambientale di prodotto LCA & EPD: dall Analisi all Azione Laura Marchelli Barilla HSE&E Manager Agenda 1 Lo strumento LCA e i KPI utilizzati 2 Il percorso verso la sostenibilità 3 Obiettivi

Dettagli

Economia dell ambiente

Economia dell ambiente Economia dell ambiente Impresa e ambiente Elisa Montresor 2008-2009 1 Ambito aziendale L integrazione dell ambiente con gli obiettivi dell impresa Strategie d acquisto e produzione Bilancio ambientale

Dettagli

ACQUSTI PUBBLICI SOSTENIBILI

ACQUSTI PUBBLICI SOSTENIBILI Alla scoperta degli ACQUSTI PUBBLICI SOSTENIBILI Lugano 9 marzo 2006 Ing. Andrea Rigato Sviluppo sostenibile Vari significati, attribuiti in ambiti diversi Definizione più comune (e accettata) Uno sviluppo

Dettagli

LA CARBON FOOT PRINT NEL MONDO DELL OLIO EXTRAVERGINE: LA CASE HISTORY MONINI

LA CARBON FOOT PRINT NEL MONDO DELL OLIO EXTRAVERGINE: LA CASE HISTORY MONINI LA CARBON FOOT PRINT NEL MONDO DELL OLIO EXTRAVERGINE: LA CASE HISTORY MONINI Temi della presentazione 1. Politica Ambientale e Certificazioni 2. Studio LCA sui prodotti Olio Extra Vergine di Oliva 3.

Dettagli

Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile

Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile Cisalpina Research è il centro studi creato da Cisalpina Tours per rilevare dati e tendenze, opportunità e sfide del mercato dei viaggi d affari.

Dettagli

ThermoCondensor TC-AF Il ThermoCondensor alufer TC-AF è un recuperatore di calore indipendente adatto per il recupero di calore e la condensazione

ThermoCondensor TC-AF Il ThermoCondensor alufer TC-AF è un recuperatore di calore indipendente adatto per il recupero di calore e la condensazione Hoval Cosmo Lo sviluppo della caldaia Hoval Cosmo, oltre che far tesoro dell esperienza e competenza Hoval nel settore specifico delle caldaie in acciaio, risponde alle ultime richieste in termini di prestazioni

Dettagli

L impatto sull ambiente e le misure intraprese dall AZIENDA OSPEDALIERA DI ALESSANDRIA

L impatto sull ambiente e le misure intraprese dall AZIENDA OSPEDALIERA DI ALESSANDRIA L impatto sull ambiente e le misure intraprese dall AZIENDA OSPEDALIERA DI ALESSANDRIA Dati anno 2012 ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

ETICHETTE PER PRODOTTI VERDI E SISTEMI DI CERTIFICAZIONE AMBIENTALE DELLE IMPRESE: COME VALORIZZARE IL PROPRIO IMPEGNO DI SOSTENIBILITA SUL MERCATO

ETICHETTE PER PRODOTTI VERDI E SISTEMI DI CERTIFICAZIONE AMBIENTALE DELLE IMPRESE: COME VALORIZZARE IL PROPRIO IMPEGNO DI SOSTENIBILITA SUL MERCATO ETICHETTE PER PRODOTTI VERDI E SISTEMI DI CERTIFICAZIONE AMBIENTALE DELLE IMPRESE: COME VALORIZZARE IL PROPRIO IMPEGNO DI SOSTENIBILITA SUL MERCATO Giuseppe Bitonti Product Manager Lo scenario socio economico

Dettagli

PANORAMICA SOLUZIONI PER LA GESTIONE ENERGETICA MONITORAGGIO, ANALISI E CONTROLLO DEI CONSUMI ENERGETICI LA NOSTRA MISSIONE SOLUZIONI

PANORAMICA SOLUZIONI PER LA GESTIONE ENERGETICA MONITORAGGIO, ANALISI E CONTROLLO DEI CONSUMI ENERGETICI LA NOSTRA MISSIONE SOLUZIONI PANORAMICA SOLUZIONI PER LA GESTIONE ENERGETICA MONITORAGGIO, ANALISI E CONTROLLO DEI CONSUMI ENERGETICI LA NOSTRA MISSIONE La nostra missione consiste nell aiutare i clienti a ottimizzare i propri consumi

Dettagli

Lavori intelligenti per il risparmio energetico

Lavori intelligenti per il risparmio energetico Città di San Donà di Piave Assessorato all Ambiente SPORTELLO ENERGIA Lavori intelligenti per il risparmio energetico SOLARE TERMICO Un impianto a collettori solari (anche detto a pannelli solari termici

Dettagli

SESEC Energia su misura UNA NUOVA STAGIONE PER L EFFICIENZA ENERGETICA NELL INDUSTRIA EUROPEA DELL ABBIGLIAMENTO

SESEC Energia su misura UNA NUOVA STAGIONE PER L EFFICIENZA ENERGETICA NELL INDUSTRIA EUROPEA DELL ABBIGLIAMENTO SESEC Energia su misura UNA NUOVA STAGIONE PER L EFFICIENZA ENERGETICA NELL INDUSTRIA EUROPEA DELL ABBIGLIAMENTO La consapevolezza dei consumi aiuta a ridurli ARTISAN e SESEC sono due progetti europei

Dettagli

Obiettivi raggiunti e sfide future

Obiettivi raggiunti e sfide future Obiettivi raggiunti e sfide future Area personale Sviluppo e realizzazione del progetto Best People Fit, volto al miglioramento dei processi e degli strumenti di coinvolgimento e sviluppo delle persone,

Dettagli

)LJ±&RQIURQWRWUDLIOXVVLHQHUJHWLFLFDUDWWHULVWLFLGHOOHFDOGDLHWUDGL]LRQDOL

)LJ±&RQIURQWRWUDLIOXVVLHQHUJHWLFLFDUDWWHULVWLFLGHOOHFDOGDLHWUDGL]LRQDOL &DOGDLHDFRQGHQVD]LRQH 'HVFUL]LRQHGHOODWHFQRORJLD Le caldaie sono il cuore degli impianti di riscaldamento dato che realizzano il processo di combustione da cui si ricava l energia termica necessaria per

Dettagli

Workshop Industria. Il processo di efficienza energetica nel settore industriale: i risultati ottenuti con l approccio Carbon Footprint neutra

Workshop Industria. Il processo di efficienza energetica nel settore industriale: i risultati ottenuti con l approccio Carbon Footprint neutra Workshop Industria Il processo di efficienza energetica nel settore industriale: i risultati ottenuti con l approccio Carbon Footprint neutra Gianluca Catalano Siram SpA Panel seminari efficienza energetica

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI TELERISCALDAMENTO TORINESE CON IL PROGETTO TORINO NORD EST

L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI TELERISCALDAMENTO TORINESE CON IL PROGETTO TORINO NORD EST 1 Convegno TELERISCALDAMENTO: verso la SMART GRID L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI TELERISCALDAMENTO TORINESE CON IL PROGETTO TORINO NORD EST Torino Lingotto Fiere, 25 maggio 2012 Ing. Carmelo TRIPODI Direttore

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore Novembre 2011 Sistema di Riscaldamento Quando si parla di impianto di riscaldamento si comprendono sia

Dettagli

P.O.R. F.E.S.R. 2014-2020 SOSTEGNO AGLI INVESTIMENTI PER L EFFICIENZA ENERGETICA E L UTILIZZO DELLE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE

P.O.R. F.E.S.R. 2014-2020 SOSTEGNO AGLI INVESTIMENTI PER L EFFICIENZA ENERGETICA E L UTILIZZO DELLE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE P.O.R. F.E.S.R. 2014-2020 SOSTEGNO AGLI INVESTIMENTI PER L EFFICIENZA ENERGETICA E L UTILIZZO DELLE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE SOGGETTI DESTINATARI Le grandi, piccole e medie imprese ubicate nella Regione

Dettagli

Servizio Progettazione sostenibile. La sostenibilità nell intervento del PEEP 2000 di Brescia Sanpolino (Giugno 2002)

Servizio Progettazione sostenibile. La sostenibilità nell intervento del PEEP 2000 di Brescia Sanpolino (Giugno 2002) Servizio Progettazione sostenibile La sostenibilità nell intervento del PEEP 2000 di Brescia Sanpolino (Giugno 2002) Una progettazione ispirata alla sostenibilità Il progetto si propone di sfruttare appieno

Dettagli

6 Il Valore della Sostenibilità. Il valore della sostenibilità

6 Il Valore della Sostenibilità. Il valore della sostenibilità 6 Il Valore della Sostenibilità Il valore della sostenibilità Il Valore della Sostenibilità 7 Strategia e approccio GRI - G4: 1 In Snam sostenibilità e creazione di valore sono concetti fortemente legati.

Dettagli

QUANTO È GREEN IL VOSTRO STABILIMENTO? Soluzioni per il risparmio energetico

QUANTO È GREEN IL VOSTRO STABILIMENTO? Soluzioni per il risparmio energetico QUANTO È GREEN VOSTRO STABIMENTO? Soluzioni per il risparmio energetico 90% SAPETE CHE... Fino al 70% dei costi del ciclo vita di un compressore ad aria è costituito dal consumo energetico. Conoscete qual

Dettagli

L IMPRESA SOSTENIBILE Il valore della sostenibilità per il Made In

L IMPRESA SOSTENIBILE Il valore della sostenibilità per il Made In L IMPRESA SOSTENIBILE Il valore della sostenibilità per il Made In Francesca Rulli 25 marzo 2015 - Dossobuono di Villafranca (Vr) DALLA DECISIONE STRATEGICA ALLA PIANIFICAZIONE OPERATIVA L impresa SOSTENIBILE

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI

Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI Roberto Magnaghi Responsabile Area Tecnica Treviso, 25 novembre 2010 1 Chi siamo L attività di prevenzione e CONAI Il Dossier

Dettagli

Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE)

Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE) Procedura Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE) TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA MSG DI RIFERIMENTO: MSG HSE 1 Questo pro hse documento 009 eniservizi

Dettagli

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI.

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. www.assoelettrica.it INTRODUZIONE Vieni a scoprire l energia dove nasce ogni giorno. Illumina, nel cui ambito si svolge la terza edizione

Dettagli

Date OTTOBRE 2008 GIUGNO 2010

Date OTTOBRE 2008 GIUGNO 2010 Romagna; caratterizzazione e analisi della filiera del settore delle energie rinnovabili ed efficienza energetica nell ambito del rapporto green economy. - attività di gestione e monitoraggio dell Osservatorio

Dettagli

Come funziona una centrale a ciclo combinato? Aggiungere l immagine sotto e fare un mix dei due testi di spiegazione del funzionamento

Come funziona una centrale a ciclo combinato? Aggiungere l immagine sotto e fare un mix dei due testi di spiegazione del funzionamento LA TECNOLOGIA DEL CICLO COMBINATO A GAS NATURALE La maggiore quantità di energia elettrica generata da Edison è prodotta da 28 centrali termoelettriche. Edison sviluppa, progetta e costruisce interamente,

Dettagli

RICERCA, CONSULENZA E PROGETTAZIONE PER LA SOSTENIBILITÀ SERVIZI DI ASSISTENZA E SUPPORTO PER LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE LAVANDERIE INDUSTRIALI

RICERCA, CONSULENZA E PROGETTAZIONE PER LA SOSTENIBILITÀ SERVIZI DI ASSISTENZA E SUPPORTO PER LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE LAVANDERIE INDUSTRIALI RICERCA, CONSULENZA E PROGETTAZIONE PER LA SOSTENIBILITÀ SERVIZI DI ASSISTENZA E SUPPORTO PER LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE LAVANDERIE INDUSTRIALI AMBIENTE ITALIA IN SINTESI Ambiente Italia è un azienda

Dettagli

L importanza della Manutenzione di un Impianto di Cogenerazione a Garanzia del Saving Energetico

L importanza della Manutenzione di un Impianto di Cogenerazione a Garanzia del Saving Energetico L importanza della Manutenzione di un Impianto di Cogenerazione a Garanzia del Saving Energetico 18 Giugno 2013 L Azienda Simav è azienda specializzata in sviluppo, progettazione, implementazione e successiva

Dettagli

SUSTAINABLE BUILDING DESIGN

SUSTAINABLE BUILDING DESIGN SUSTAINABLE BUILDING DESIGN UN NUOVO MODO DI PROGETTARE: - CONCETTO DI SOSTENIBILITA - ALTA EFFICIENZA ENERGETICA - INNOVAZIONE: (B.I.M.) Building Information Modeling IL CONCETTO DI EDIFICIO SOSTENIBILE

Dettagli

IL VALORE DELLA FIDUCIA. STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY

IL VALORE DELLA FIDUCIA. STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY IL VALORE DELLA FIDUCIA STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY SOSTENIBILITA La sostenibilità rappresenta una grande opportunità per le imprese,

Dettagli

Come la pubblica amministrazione governa il risparmio energetico

Come la pubblica amministrazione governa il risparmio energetico Come la pubblica amministrazione governa il risparmio energetico Pubblica Amministrazione e risparmio Le Pubbliche Amministrazioni possono essere un modello per i cittadini anche in termini di efficienza

Dettagli

caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza

caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza 6 La caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza 47 Consigli generali Lo sapete che In media una famiglia italiana spende ogni anno circa 500 per il riscaldamento, che rappresenta

Dettagli

LA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

LA DESCRIZIONE DEL PROGETTO Estrapolato dal bilancio di sostenibilità 2013 IL PROGETTO CARBON FOOTPRINT LA DESCRIZIONE DEL PROGETTO La partecipazione al bando per l accesso al finanziamento (ai sensi del D.M. 468 del 19.05.2011)

Dettagli

VALUTAZIONE LCA ED EPD DEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI

VALUTAZIONE LCA ED EPD DEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI Ciclo di convegni SOSTENIBILITA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO VALUTAZIONE LCA ED EPD DEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI 18 giugno 2014 Organizza In collaborazione con Con il patrocinio di In cooperazione

Dettagli

ANALISI DEL SOSTENIBILE DEI MATERIALI CICLO DI VITA LCA E PROGETTAZIONE. Sponsorizzato da:

ANALISI DEL SOSTENIBILE DEI MATERIALI CICLO DI VITA LCA E PROGETTAZIONE. Sponsorizzato da: ANALISI DEL CICLO DI VITA LCA E PROGETTAZIONE SOSTENIBILE DEI MATERIALI numero 14 gennaio 2011 2 Sommario{ 3 Introduzione 4 Certificazioni e controlli per le costruzioni 5 I servizi per la sostenibilità

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ GENERALITÀ 1 / 10 Sommario Generalità 1 Politica della Qualità 3 DECALOGO DELLA QUALITÀ 4 Politica Ambientale PREVENZIONE 7 FORMAZIONE CULTURA ED ATTEGGIAMENTO 8 COMUNICAZIONE 8 COLLABORAZIONE CON FORNITORI

Dettagli

Forum Green Economy 2014 Sostenibilità Ambientale, Risparmio energetico, Finanza Green. Roma, 4 e 5 giugno 2014

Forum Green Economy 2014 Sostenibilità Ambientale, Risparmio energetico, Finanza Green. Roma, 4 e 5 giugno 2014 Forum Green Economy 2014 Sostenibilità Ambientale, Risparmio energetico, Finanza Green Roma, 4 e 5 giugno 2014 La Governance dell Energia e dell Ambiente in Banca Esiti della terza rilevazione ABI-ABI

Dettagli

GNL Italia S.p.A. Sede legale: Sede operativa: Che cosa è il GNL. Un processo a più fasi. Impianto di liquefazione ricezione stoccaggio

GNL Italia S.p.A. Sede legale: Sede operativa: Che cosa è il GNL. Un processo a più fasi. Impianto di liquefazione ricezione stoccaggio Il valore del GNL Che cosa è il GNL. Il gas naturale è una miscela costituita prevalentemente da metano e da idrocarburi superiori, azoto e anidride carbonica in percentuali variabili a seconda della provenienza.

Dettagli

Come certificare l impegno aziendale per la sostenibilità

Come certificare l impegno aziendale per la sostenibilità Come certificare l impegno aziendale per la sostenibilità Mario Cugno Area Manager Sicilia Messina 14 dicembre 2012 Mario Cugno Consumatore e mercato globale ogni giorno più esigenti QUALI REQUISITI/ASPETTATIVE

Dettagli

LA GESTIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN AZIENDA. Ing Vittorio BARDAZZI (Libero professionista Energy Manager)

LA GESTIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN AZIENDA. Ing Vittorio BARDAZZI (Libero professionista Energy Manager) LA GESTIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN AZIENDA Ing Vittorio BARDAZZI (Libero professionista Energy Manager) nulla si crea e nulla si distrugge, ma tutto si trasforma ovvero l'energia cambia di forma

Dettagli

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente AREA TEMATICA: Gestione e certificazione ambientale di sistema

Dettagli

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy Rosanna Laraia 1. Introduzione Tutti gli atti strategici e regolamentari dell Unione Europea, a partire dal VI Programma

Dettagli

ENERGY MANAGEMENT Gruppo Monte dei Paschi di Siena

ENERGY MANAGEMENT Gruppo Monte dei Paschi di Siena ENERGY MANAGEMENT Gruppo Monte dei Paschi di Siena Ing. Francesco Pellegrino- Energy Manager PGI Milano, 12/11/2004 INDICE 1 LA BANCA MPS 2 LA POLITICA AMBIENTALE 3 IMMOBILIARI 4 ENERGY MANAGEMENT 2 1-

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Strumenti per ottimizzare i processi e valorizzare i prodotti. Life-Cycle Assessment e ISO 14064 per la gestione del Carbon Footprint

Strumenti per ottimizzare i processi e valorizzare i prodotti. Life-Cycle Assessment e ISO 14064 per la gestione del Carbon Footprint Centro Studi Qualità Ambiente c/o Dipartimento di Processi Chimici dell Ingegneria Università di Padova tel +39 049 8275539/5536 www.cesqa.it cesqa@unipd.it Responsabile: Prof. Antonio Scipioni Relatore:

Dettagli

Energia da Biomassa e tecnologie per l Efficienza Energetica

Energia da Biomassa e tecnologie per l Efficienza Energetica Ingeco S.r.l. via Alzaia sul Sile, 26/D I-31057 Silea TV T. +39 0422 363292 F. +39 0422 363294 E. ingeco@ingeco-enr.it W. www.ingeco-enr.it Energia da Biomassa e tecnologie per l Efficienza Energetica

Dettagli

Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica.

Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica. 1 Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica. A2A Calore & Servizi, società del gruppo A2A attiva nella gestione del teleriscaldamento nelle città di Milano, Brescia

Dettagli

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio VIA SOLFERINO N 55-25121 - BRESCIA www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it Tel. 030-3757406 Fax 030-2899490 1 2 3 INDICE 1 Generalità pag. 04 2 Il comparto

Dettagli

Innovazione ed ambiente quali fattori di competitività dell impresa. Andrea Ivaldi Sotral S.p.A.

Innovazione ed ambiente quali fattori di competitività dell impresa. Andrea Ivaldi Sotral S.p.A. Innovazione ed ambiente quali fattori di competitività dell impresa Andrea Ivaldi Sotral S.p.A. Due Linee di Business Consulenza sui temi ecologici della ristorazione: ricerca e sviluppo di sistemi di

Dettagli

IL SISTEMA MICRORAPID certificato EPD. falpi tutela l ambiente

IL SISTEMA MICRORAPID certificato EPD. falpi tutela l ambiente IL SISTEMA MICRORAPID certificato EPD CERTIFICAZIONI. LA PRODUZIONE FALPI Fondamentale per l industrializzazione di un servizio di pulizia è poter disporre di attrezzature idonee ad ottenere il miglior

Dettagli

Applicazione della metodologia LCA e delle Etichette di tipo III al settore delle costruzioni Adriana Del Borghi

Applicazione della metodologia LCA e delle Etichette di tipo III al settore delle costruzioni Adriana Del Borghi Applicazione della metodologia LCA e delle Etichette di tipo III al settore delle costruzioni Adriana Del Borghi CE.Si.S.P. Centro per lo Sviluppo della Sostenibilità dei Prodotti Università costituenti:

Dettagli

Ecologia ed economia per soluzioni doppiamente performanti

Ecologia ed economia per soluzioni doppiamente performanti Ecologia ed economia per soluzioni doppiamente performanti Il marchio amico dell ambiente Comenda vince la sfida del risparmio energetico La filosofia Comenda in un simbolo; un petalo verde che sintetizza

Dettagli

STATI GENERALI DELLA GREEN ECONOMY 2014

STATI GENERALI DELLA GREEN ECONOMY 2014 STATI GENERALI DELLA GREEN ECONOMY 2014 Sessione tematica di approfondimento e consultazione DALLA CARBON FOOTPRINT ALL ENVIRONMENTAL FOOTPRINT : stato dell arte, indirizzi europei e prospettive future

Dettagli

Consumi Energetici nelle aziende: Conoscenza Razionalizzazione Interventi di Efficientamento Monitoraggio Continuo

Consumi Energetici nelle aziende: Conoscenza Razionalizzazione Interventi di Efficientamento Monitoraggio Continuo Consumi Energetici nelle aziende: Conoscenza Razionalizzazione Interventi di Efficientamento Monitoraggio Continuo GREEN ENERGY PLUS S.R.L. Via della Ricerca Scientifica snc c/o Parco Scientifico Romano

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA

EFFICIENZA ENERGETICA EFFICIENZA ENERGETICA Profilo aziendale Nata nel 1986 come azienda artigiana per lo sviluppo di impianti tecnologici industriali, NUOVA ELETTRICA garantisce affidabilità e professionalità, unitamente all

Dettagli

Rapporto di Pre Audit Energetico. HOTEL Milano Febbraio 2013

Rapporto di Pre Audit Energetico. HOTEL Milano Febbraio 2013 Rapporto di Pre Audit Energetico HOTEL Milano Febbraio 2013 Agenda Main data We ReFeel The World Location 4 Struttura 5 Analisi preliminare 6 Findings & Milestones Analisi del consumo di energia elettrica

Dettagli

I nuovi servizi di efficienza energetica di Enel Energia - Il progetto pilota con Etis. Milano, 24 Aprile 2012

I nuovi servizi di efficienza energetica di Enel Energia - Il progetto pilota con Etis. Milano, 24 Aprile 2012 I nuovi servizi di efficienza energetica di Enel Energia - Il progetto pilota con Etis Milano, 24 Aprile 2012 1 I nuovi servizi di efficienza energetica di Enel Energia Forte della leadership tecnologica

Dettagli

Opportunità ed innovazione per le imprese

Opportunità ed innovazione per le imprese La carbon neutrality Opportunità ed innovazione per le imprese This project is co-- financed by the European Regional Development Fund and made possible by the INTERREG IVC programme Contenuti I. Che cos

Dettagli

L'attuazione di politiche ambientali ed il monitoraggio dei processi in un grande gruppo industriale

L'attuazione di politiche ambientali ed il monitoraggio dei processi in un grande gruppo industriale L'attuazione di politiche ambientali ed il monitoraggio dei processi in un grande gruppo industriale Simone Cencetti Environment, Health and Safety Fiat Group Automobiles 20 Novembre, 2010 Il Gruppo Fiat

Dettagli

COME SI MISURA LA GREENICITA?

COME SI MISURA LA GREENICITA? COME SI MISURA LA GREENICITA? nel mirino dei reporter ambientali Laura Marchini i Communication Manager Roma, 20 marzo 2014 Carlsberg Italia oggi GSM Strategy > 1 mio HL birra prodotti 27 Marchi prodotti

Dettagli

Stabilimento di Livorno

Stabilimento di Livorno Stabilimento di Livorno Lo Stabilimento EniPower opera all interno della Raffineria Eni di Livorno dal 2000 a seguito dell acquisizione da parte della Divisione Refining & Marketing della Centrale Termoelettrica

Dettagli

L EFFICIENZA ENERGETICA NELLE MACCHINE UTENSILI

L EFFICIENZA ENERGETICA NELLE MACCHINE UTENSILI L EFFICIENZA ENERGETICA NELLE MACCHINE UTENSILI STATO DELL ARTE E PROSSIMI SVILUPPI Enrico Annacondia Direzione Tecnica UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE Razionale della presentazione Gestione energetica: generalità

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA ALLA COMPETITIVITÀ AMBIENTALE PER LE IMPRESE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA ALLA COMPETITIVITÀ AMBIENTALE PER LE IMPRESE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA ALLA COMPETITIVITÀ AMBIENTALE PER LE IMPRESE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ECO-INNOVAZIONE E COMPETITIVITÀ AMBIENTALE... 3 L APPROCCIO PRO-ATTIVO DELL

Dettagli

menoenergia LE ENERGIE RINNOVABILI DEFINITE DAL DLgS 28/3/2011 MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE BUSINESS CASE

menoenergia LE ENERGIE RINNOVABILI DEFINITE DAL DLgS 28/3/2011 MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE BUSINESS CASE LE ENERGIE RINNOVABILI DEFINITE DAL DLgS 28/3/2011 menoenergia MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE BUSINESS CASE 1 LE COSA LE ENERGIE RICHIESTE E UNA COSA RINNOVABILI POMPA DI E RINNOVABILE

Dettagli

WashTec rispetta l ambiente

WashTec rispetta l ambiente j tecnologia INNOVATIVA PER L AUTOLAVAGGIO WashTec rispetta l ambiente j vantaggi AMBIENTALI ED ECONOMICI Impegno ecologico In qualità di fornitore leader a livello mondiale di prodotti e servizi per l

Dettagli

18 settembre, Latina. Alessandro Ficarazzo Settore Sostenibilità Area QHSE Certiquality srl. a.ficarazzo@certiquality.

18 settembre, Latina. Alessandro Ficarazzo Settore Sostenibilità Area QHSE Certiquality srl. a.ficarazzo@certiquality. I Sistemi di gestione dell energia: la norma ISO 50001:11 18 settembre, Latina Alessandro Ficarazzo Settore Sostenibilità Area QHSE Certiquality srl a.ficarazzo@certiquality.it 02 80 69 17 91 QUALITY ENVIRONMENT

Dettagli

Elementi di ENERGY MANAGEMENT nei COMUNI. Principali azioni e misure operative Ing.BELI Strategic Management Partners

Elementi di ENERGY MANAGEMENT nei COMUNI. Principali azioni e misure operative Ing.BELI Strategic Management Partners Elementi di ENERGY MANAGEMENT nei COMUNI Principali azioni e misure operative Ing.BELI Strategic Management Partners rtn. 0008 102009-12/10/2009 La legislazione Europea preme verso obiettivi molto ambiziosi

Dettagli

E un'iniziativa sottoscritta dai Comuni europei che si impegnano a contribuire agli obiettivi della politica energetica comunitaria.

E un'iniziativa sottoscritta dai Comuni europei che si impegnano a contribuire agli obiettivi della politica energetica comunitaria. COS E IL PATTO DEI SINDACI? E un'iniziativa sottoscritta dai Comuni pei che si impegnano a contribuire agli obiettivi della politica energetica comunitaria. La ratifica del Patto impegna i Comuni a: Ridurre

Dettagli