Il caso Lepida: peculiarità locali e integrazione dei sistemi radio. e integrazione dei sistemi radio Gabriele Falciasecca Presidente Lepida SpA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il caso Lepida: peculiarità locali e integrazione dei sistemi radio. e integrazione dei sistemi radio Gabriele Falciasecca Presidente Lepida SpA"

Transcript

1 Il caso Lepida: peculiarità locali e integrazione dei sistemi radio e integrazione dei sistemi radio Gabriele Falciasecca Presidente Lepida SpA I SIATEMI RADIO A TUTELA DEL TERRITORIO Trento, Settembre 2012

2 La storia del Piano Telematico ER La nostra Agenda Digitale

3 Gli obiettivi della L.R. n. 11 del 2004 Promuovere l Information Communication Technology (ICT) Intervento integrato per pubbliche amministrazioni, cittadini e imprese Quadro strategico di riferimento europeo i2010: creare un spazio dell'informazione, rafforzare l'innovazione, investimenti su ricerca ICT, promuovere la coesione sociale economica e territoriale Investimenti: infrastrutture, servizi, sistemi informativi Realizzazione di un'area geograficamente omogenea avanzata in cui non si creino zone a minor sviluppo: la regione Emilia-Romagna Community Network (CN-ER) 3

4 Da quando è nato il PiTER ci ha consegnato: Il nostro sistema nervoso

5 2500 km di cavidotti 372 reti collegate in fibra 1 Gbpsdi Banda simmetrica RETE GEOGRAFICA 721 sedi MAN 448 km di cavidotti 48 enti collegati in tecnologia wireless 222 enti sul VOIP 343 enti su FedERa 205 enti su ICAR-ER 173 enti su PayER 27 enti su Conference PIATTAFORME ABILITANTI RETI METROPOLITANE RETI WIRELESS km di fibre ottiche pubbliche 739 km di cavidotti 150 centrali coperte 40 siti per dorsale sud radio RETI PER IL DIGITAL DIVIDE terminali radio 162 Polizie Locali RETE RADIOMOBILE PER EMERGENZE 3171 istanze dispiegate Audizione Regioni Gruppo di lavoro «smart cities e smart communities» - Roma 29 Marzo

6 Le linee guida del PiTER Le Linee Guida sono state identificate in chiave di diritti all innovazione riconosciuti al sistema regionale nel suocomplesso, che il Piano telematico vuole garantire. 1. Diritto di accesso alle reti tecnologiche; 2. Diritto di accesso all informazione e alla conoscenza; 3. Diritto di accesso ai servizi alla persona e alle imprese; 4. Diritto di accesso ai dati; 5. Intelligenza diffusa nel territorio (urbano).

7 Lepida SpA Obiettivi strategici generali Lepida S.p.A. opera direttamente obiettivi strategici: e indirettamente con i seguenti sviluppo e gestione della rete a banda larga NGN delle Pubbliche Amministrazioni sviluppo e gestione rete radiomobile regionale per le emergenze R3 Azione diretta sviluppo e gestione di servizi infrastrutturali infrastrutturazione del territorio per combattere il Digital Divide di cittadini e imprese offrire i servizi di base alla PA in modo il più possibile omogeneo sul territorio Azioni indirette creare sinergie con con le PA del territorio per servizi più efficienti stimolare il mercato (Club degli Stakeholder) affinchè la PA abbia i servizi più moderni ed efficaci 7

8 Informazioni Generali sulla Società Il capitale sociale al 31/12/2011 ammontava ad Al 31/12/2011 la compagine sociale di Lepida S.p.A. si compone di 412 soci tra cui tutti i 348 Comuni del territorio, le 9 Provincie, i 9 consorzi di Bonifica, le 17 tra Aziende Sanitarie e Ospedaliere e la maggioranza delle Università della Regione Emilia-Romagna. Il socio di maggioranza è Regione Emilia-Romagna con una partecipazione pari al 97,765% del Capitale Sociale; tutti gli altri 411 soci hanno una partecipazione paritetica del valore nominale di Euro per un totale complessivo pari al 2,235% del Capitale Sociale.

9 Asset materiali ed immateriali Alla fine del 2011 il portfolio di asset materiali e immateriali, che rappresentano la struttura portante della creazione di valore per i soci aveva come principali elementi caratterizzanti : 1.la rete radiomobile regionale (ERretre); 2.l uso esclusivo della rete Lepida di proprietà della RER; 3.l iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) come operatore di telecomunicazioni e produttore di audiovisivi; 4.la licenza SIAE per la fruizione di contenuti multimediali "su richiesta" protetti da diritti d autore; 5.la titolarità dell Autorizzazione Ministeriale per l esercizio di reti private; 6.l autorizzazione Ministeriale per l esercizio di reti pubbliche; 7.l autorizzazione Ministeriale per l interconnessione delle reti pubbliche; 8.l autorizzazione Ministeriale per l esercizio delle reti wireless; 9.il mandato di esercizio esclusivo da parte di molti Enti Soci delle reti di loro proprietà; 10.il mandato da Regione Emilia-Romagna per mettere a disposizione infrastrutture, fibre ottiche, trasporto e banda ad operatori in aree in digital divide.

10 La Rete NGN di Lepida SpA Predisposizione Next Generation Network (NGN) per potenziale integrazione nazionale per la PA Infrastrutturazione geografica: dorsali in fibra ottica e punto di presenza presso l'ente Reti Metropolitane: raffittimento locale in fibra ottica per includere varie sedi territoriali (Comuni, Provincie, Università, ASL, Aziende Ospedaliere, Scuole, ecc) [attività cofinanziata dagli enti per la sottorete di appartenenza e uso] Fibra spenta per creare valore per il territorio e per il mercato Utilizzo della fibra ottica per ridurre il digital divide ( con gli operatori) Da quando Lepida è operatore pubblico fornitura di banda ai piccoli ISP Interconnessione della rete radiomobile 10

11 La Rete (Lepida, Lepida Wireless, ERetre, MAN) 2500 km di cavidotti 372 reti collegate in fibra 1 Gbps di Banda simmetrica RETE GEOGRAFICA 721 sedi MAN 448 km di cavidotti 48 enti collegati in tecnologia wireless terminali radio 162 Polizie Locali RETI METROPOLITANE RETI WIRELESS RETE RADIOMOBILE PER EMERGENZE 11

12 Reti Gestione Relativamente alle reti, è stata svolta la gestione diretta delle reti, in ottica integrata e unitaria, con il conseguente contenimento dei costi di esercizio e con evidenti miglioramenti della qualità del servizio e della soddisfazione degli esigenze degli Enti utilizzatori. In particolare va evidenziata la messa in atto ed il perfezionamento di nuove procedure e policy per l implementazione delle attività di gestione. Inoltre si segnala l avanzamento nelle attività di sviluppo delle reti sia in termini di realizzazioni che in termini di attivazioni di ulteriori punti di accesso. Lepida S.p.A. attraverso i lavori del Comitato Tecnico Paritetico con Regione Emilia-Romagna e Telecom Italia ha consentito di attivare ulteriori 24 centrali di Telecom Italia che interessano abitanti. Inoltre, grazie agli accordi con operatori (Aria, Skylogic e Vodafone) sono stati attivati rispettivamente: servizi WiMax in 19 Comuni che interessano potenzialmente abitanti, 147 contratti satellitari nel territorio, e 1 Comune che interessa potenzialmente 2000 abitanti.

13 Indicatore Indicatori Reti Rete Lepida Km cavidotti rete Lepida geografica gestiti Km fibre ottiche rete Lepida geografica gestiti Valore Km Km N. Enti collegati con altre tecnologie offerte dal mercato 49 N. Enti collegati con tecnologia wireless 45 N. siti radio di dorsale per la Rete Lepida Wireless 63 N. sedi complessive collegate in fibra ottica Lepida 362 N. sedi della sanità collegate in fibra ottica 51 N. sedi della sanità collegate in fibra ottica Lepida 30 N. Teatri collegati alla rete Lepida 3 N. Scuole collegate alla rete Lepida 16 N. Enti in VoIP su rete Lepida 213

14 La rete geografica Lepida con le code wireless 14

15 Le reti per il digital divide Lepida SpA coordina azioni a favore di operatori di telecomunicazioni, in aree a fallimento di mercato, dove non sono presenti infrastrutture abilitanti per la banda larga. Disponendo di un modello di business differente dai privati, realizza investimenti profittevoli a medio periodo Complessivamente si contano: Km di fibre ottiche pubbliche 469 Km di cavidotti pubblici Km di fibre ottiche acquisite da operatori 270 Km di cavidotti acquisiti da operatori La fibra posata direttamente per l abbattimento del digital divide è terminata presso le centrali di Telecom Italia per abilitarle alla distribuzione dell ADSL, fornendo capacità agli utenti Telecom e a quelli degli operatori ospitati. Lepida SpA gestisce i rapporti con tutti gli operatori interessati, si occupa della manutenzione della fibra e dell esercizio all ingrosso di tratte di fibra a favore di operatori locali che necessitano di banda per effettuare il proprio sevizio ma che non hanno capacità tecnica e gestionale o titoli abilitativi sufficienti per l accensione di tali fibre.

16 Indicatori Reti Riduzione Digital Divide Indicatore Valore Km fibre ottiche consegnati per digital divide Km per il periodo Km infrastrutture consegnate per digital divide 469 km per il periodo Km di infrastruttura acquisiti da operatori per il digital divide 271 Km di fibre acquisiti da operatori per il digital divide 1.985

17 Copertura netta: l importanza del dato Copertura Lorda: disponibilità teorica del servizio che prende in considerazione tutti gli utenti serviti da centrali attrezzate per fornire servizio ADSL Eccezioni dovute a: Distanza dalla centrale (es. > 3-4 Km per ADSL 2Mb/s) Presenza di apparati concentratori Topologia della rete Saturazione delle centrali Copertura Netta: disponibilità effettiva del servizio che prende in considerazione solo gli utenti che godono realmente di un servizio ADSL

18 Banda larga su rete fissa + wireless: copertura netta Media regionale 96,35% Copertura netta da servizi ADSL su rete fissa + wireless, espressa in % della popolazione Situazione stimata a marzo 2012 Fonte: dati Telecom Italia + dati pubblicati sui siti degli operatori (WISP) elaborati da Lepida SpA

19 Il Progetto per l Appennino l DIVDIG2 19

20 Il Progetto per l Appennino l DIVDIG2 dorsale radio realizzata sul confine sud della regione 40 pali/tralicci di 21 metri con antenne a 15 metri disponibile spazio per altri servizi (DVB) o operatori anche nelle parti alte del traliccio massima distanza di km tra siti di dorsale e di 10km verso punti interconnessione le distanze sono state ottimizzate in virtù dei link budget siti interconnessi in doppia via con la rete Lepida geografica massimo 4 tratte radio tra sito di dorsale e punto di interconnessione numero tratte radio attraversate 3 nella via principale numero tratte radio attraversate 6 nella via di backup sistema operante su frequenze licenziate massimizzare le sinergie con le reti Lepida Wireless e con i siti della rete ERRETRE Banda larga e TV Digitale (White Spaces?) 20

21 Ricerca & Sviluppo Le attività di Ricerca e Sviluppo condotte da Lepida S.p.A. nel corso del 2011 sono state: 1.Laboratorio ICT per la PA: nell ambito del Laboratorio, che prevede il coinvolgimento di Università ed Imprese, con la finalità di sviluppare prototipi partendo dalle esperienze e competenze presenti nel territorio. Sono stati sviluppati prototipi per il videomanagement, il centro gestione per reti di sensori e per la mobile application ; 2.Sperimentazioni Stakeholder: sono proseguite e sono state ampliate le sperimentazioni di soluzioni avanzate ed innovative volte a valorizzare le infrastrutture di rete. 3.Lepida Store: è stato messo a punto un modello che consente da parte degli Enti soci di Lepida S.p.A. l acquisizione dal mercato di soluzioni emergenti ed innovative non già ricomprese in altre offerte a disposizione delle Pubbliche Amministrazioni, con la capacità di coinvolgere attivamente gli Stakeholder di Lepida. 4.Sistemi di navigazione autenticati: modelli di Walled Garden avanzati, modelli ed implementazione di sistemi di autenticazione capaci di differenziare l utenza sulla base del contesto e di sfruttare l identità federata offerta da FedERa, sperimentazione in ambito scolastico 5.Videosorveglianza: costruzione di un prototipo che consente la centralizzazione delle funzioni di registrazione e processamento delle immagini, con forte valorizzazione della rete di trasporto e basso costo di esercizio. 6.Progetti Europei: attività di partecipazione ad un Progetto Europeo (PITAGORA)

22 Il quadro dei servizi 22

23 Servizi a listino Servizi in Sviluppo CONNETTIVITA' RETE LEPIDA ERRETRE VOIP SU RETE LEPIDA FEDERA ICAR PAYER MULTIPLER e LEPIDATV DATACENTER SUAPER CONFERENCE SELF VIDEONET Piattaforma dei pagamenti Servizi di housing, hosting, backup, disaster recovery TappER SensorNet Catasto federato Infrastrutture Servizi di videoconferenza Sistema di autenticazione federato Telefonia digitale su Lepida Infrastruttura di multimedialità e multicanalità SUAP on line

24 Lepida Store Il Lepida Store è un modello di partnership Pubblico/Privato che ha come scopo quello di promuovere e favorire l innovazione delle Pubbliche Amministrazioni attraverso un meccanismo che faciliti l incontro tra le esigenze degli Enti, relative all ambito ICT, e le migliori opportunità offerte dal mercato Limitatamente a beni e servizi acquisibili in affidamento diretto, sotto la soglia prevista dalla normativa vigente (D.lgs. n. 163/2006, attualmente < 40K), LepidaSpA offre ai propri Enti soci un servizio di consulenza e di scouting su beni e servizi ICT di loro interesse, siano essi di natura organizzativa o normativa La procedura adottata garantisce trasparenza e chiarezza delle offerte, sia per quanto riguarda le specifiche tecniche che quelle economiche, sulla loro congruità tecnologica e sulla loro disponibilità La procedura introduce, inoltre, una netta semplificazione nelle modalità di acquisizione da parte dell Ente, prevedendo la verifica preliminare, da parte di LepidaSpA, di tutti i documenti richiesti dal Codice degli Appalti Il servizio è portato avanti in coerenza con IntercentER, l agenzia regionale per lo sviluppo dei mercati telematici, gestendo fabbisogni che non trovino già risposta in sue convenzioni, in essere o in programma, e informandola dei risultati dell iniziativa in modo che possa eventualmente effettuare gare su prodotti o servizi su cui siano stati recepiti interessi effettivi.

25 La copertura di ERretre Specifiche iniziali da Protezione Civile. Poi

26 Indicatori Reti Rete Erretre Indicatore Valore N. siti ERretre Attivi 74 N. terminali ERretre Attivi N. Polizie Locali utilizzano ERretre 162 % popolazione servita da Polizie Locali su ERretre 70% N. chiamate di gruppo al mese in ERretre N. messaggi SDS al mese in ERretre

27 RETE ERRETRE AGOSTO SITI (+1 di transito) PC020 Groppallo BS-1-91 PR106PA Molinatico BS BS BS-1-41 BS-1-44 PR154TL PR Nord PR111PA PR Ospedale BS-1-46 BS-1-45 BS-1-76 BO092TL M.te Venere RE021PA RE ASMN BS-1-47 RE002 RE Osea BS-1-48 BO500TL Grizzana RE189 Castelnovo ne Monti BS-1-39 BS-1-14 BS-1-74 MO505PR M.te Torraccia BS-1-04 RE190TL Casina BS-1-09 BS-1-08 MO086TL Carpi Sud MO500TL BS-1-07 M.te Ravaglia MO504TL MO03TLn BS-1-88 M.te Rovinalto Sassuolo BS-1-40 MO400TL Carpi Nord BS-1-12 BS-1-11 MO501PR M.te S. Giulia BS-1-85 BO027TL M.te S. Pietro BS-1-38 MO304TL MO Sud MO502 Boccassuolo BS-1-90 BS-1-87 MO503TL Riolunato BS-1-36 BS-1-42 PR310TL PR Est BS-1-17 RE203TL RE-Centro MO094TL MO Est BS1-37 BS-1-19 PR155TL M.te Canate BS-1-18 PR152TL PR Po BO26TLn BO Pontecchio BS-1-13 BS-1-75 RE188TL Busana MO011 Mirandola BS-1-72 BS-1-73 MO093TL BS-1-15 BS-1-16 MO Centro BO602TL S. Lazzaro BS-1-43 BS-1-10 MO100TL Pievepelago BO001LC Marzabotto BS BS-1-06 BS-1-05 PC121TL PC Farnesiana WDS-1-1 Lepida Bologna WDS-1-3 C.O. Prot. Civ. Bologna PC112TL M.te Penice BS-1-50 PC300TL PC S. Antonio LEGENDA Sito ERretre generico sito ERretre INTERCONNESSO a RETE LEPIDA SCN BS CRS WDS DXC IP-MUX collegamento locale CDN HDSL ponte radio FIBRA OTTICA LEPIDA PC401TL PC Centro BS-1-51 RE012 Castelnovo di Sotto PR021 Salsomaggiore BS-1-77 RE010 S. Polo d Enza BS-1-49 BS-1-89 BS-1-02 BS-1-03 MO12 Vignola BS-1-86 BO024 Pieve Di Cento BS-1-78 RE011 Rubiera BO023 S. Giovanni in Persiceto BS-1-92 BO021TL Imola BS-1-97 BS-1-65 BO311TL BO Pontevecchio BS-1-53 FC060 MontePetra BO003TL BO Osservanza BS-1-54 RN006 Santarcangelo BS Comune di Mercato Saraceno SCN1 BS-1-01 BS-1-99 Rete Lepida in fibra ottica BS-1-81 BS-1-82 FC010 Cesenatico BO001TL BO Corticella BS-1-28 BS-1-56 BS-1-55 RN005 Bellaria RA173TL Faenza SCN2 BS-1-64 FE001LC Argenta RA303TL RA Centro CRS-1-3 BS-1-52 CRS-1-2 BS BS-1-57 BS-1-23 RA179TL Marina di RA RA180TL RA Stadio CRS-1-1 C.O. Pol. Mun. Bologna FE050TL FE-Mulinetto BS-1-26 BS-1-33 BS-1-31 RN215TL Torriana BS-1-27 BS-1-32 BS-1-63 RA2 RA Baiona FE046TL Codigoro FE314TL FE Mizzana FC057PA Cesena Cappuccini RA003PR Cervia BS-1-61 BS-1-62 BS-1-70 BS-1-25 FC070TL Forlì Stadio BS-1-29 BS-1-30 RN213TL RN Fiera FC064 M.te Falco RN04TLn Riccione BS-1-21 BS-1-67 BS-1-34 BS-1-35 FC306TL Forlì Ospedaletto BS-1-22 RA041PA Castellaccio BS-1-83 BS-1-84 BS-1-58 FC312TL Cesena Stadio BS-1-68 RN309TL RN Torre Pedrera BS-1-69 RN1 RN Miramare BS-1-59 BS-1-60 FC065 M.te. Grosso BS-1-71 BO503TL Monterenzio BS-1-24 BO032 Monte Codronco

28 Schema topologico Rete ERretre: sinergia con Rete Lepida f.o. PR-Molinatico PR-Mt. Canate BO-M.te Ravaglia MO-Carpi RE-Casina MO-Mt. Ravaglia BO Pieve di Cento MO -Vignola PR - Salsomaggiore RE-San Polo d Enza PC-Farnesiana PR-Mt. Penice BO-Imola HDSL Ponte Radio PR-PO BO- Osservanza Sito secondario Sito principale Sito in f.o. Lepida RA-Faenza S. Arcangelo RE-Centro BO-Corticella centrale di rete Apparato consegna HDSL BO San Giovanni in Persiceto MO- Centro Rete f.o. Lepida Forlì-Stadio RA- Castellacio FC-Cesena Cappuccini FC_ M.te Falco Apparato consegna HDSL RA-Faenza centrale di rete RA-Stadio FE-Mulinetto RN-Torriana RE-Rubiera FE-Codigoro RN-Fiera

29 Validità delle scelte fatte a suo tempo La disponibilità di una rete unica segmentabile ha progressivamente indotto le varie amministrazioni locali ad usarla La progressiva integrazione con la rete Lepida ha consentito di razionalizzare e risparmiare La scelta dello standard TETRA (quasi obbligatoria allora) si è rivelata adeguata ancor oggi in emergenza (oggi volendo sulla infrastruttura si può implementare anche uno standard più recente). In occasione del terremoto la soluzione si è rivelata «smart»

30 In occasione del terremoto La rete ha ovviamente retto (solo un singhiozzo) La copertura regionale si è rivelata un asset importante: l area di servizio operativa è diventata l insieme unione dei comuni in emergenza ( anche quelli non a contratto) I gruppi delle polizie prima autonomi sono diventati un unico gruppo con anche Protezione Civile ecc. Il tutto ha richiesto meno di due ore

31 I giorni successivi Alcune municipalità che non avevano Tetra hanno potuto approvvigionarsi temporaneamente di terminali di scorta Lepida ha offerto contratti di ingresso gratuiti per il primo anno( poi ) In alcune zone abbiamo rapidamente sistemato estensori di cella e una nuova stazione radiobase mobile Lepida ringrazia EUROCON e SELEX per terminali e apparati donati

32 Cosa è SMART? Non la soluzione che ha l ultima tecnologia nata Una soluzione di base valida ma che abbia margini di sviluppo nel tempo Una soluzione che assicuri interoperabilità e roaming nelle aree dove deve fare servizio Una amministrazione che abbia tempi di coerenza sufficienti per realizzare le cose

33

una Rete Regionale di Eccellenza Gabriele Falciasecca febbraio 2011

una Rete Regionale di Eccellenza Gabriele Falciasecca febbraio 2011 una Rete Regionale di Eccellenza Gabriele Falciasecca febbraio 2011 1 Gli obiettivi della L.R. n. 11 del 2004 Promuovere l Information Communication Technology (ICT) Intervento integrato per pubbliche

Dettagli

Le Politiche di Sostegno al Cambiamento e all'innovazione per il Territorio Digitale. Gianluca Mazzini LepidaSpA

Le Politiche di Sostegno al Cambiamento e all'innovazione per il Territorio Digitale. Gianluca Mazzini LepidaSpA Le Politiche di Sostegno al Cambiamento e all'innovazione per il Territorio Digitale Gianluca Mazzini LepidaSpA Legge Regionale 11/2004 Information Communication Technology (ICT) Promuovere e diffondere

Dettagli

Rete R3 TETRA Architettura e Caratteristiche Alberto Mazza a.mazza@sirti.it Business Development Manager

Rete R3 TETRA Architettura e Caratteristiche Alberto Mazza a.mazza@sirti.it Business Development Manager Rete R3 TETRA Architettura e Caratteristiche Alberto Mazza a.mazza@sirti.it Business Development Manager A.Mazza Sirti s.p.a. 1 R3: Tecnologia Il motore del sistema è la migliore tecnologia disponibile

Dettagli

Larga banda e nuove tecnologie: il caso dell Emilia-Romagna. Sandra Lotti LepidaSpA Area strategie, territorio, Europa

Larga banda e nuove tecnologie: il caso dell Emilia-Romagna. Sandra Lotti LepidaSpA Area strategie, territorio, Europa Larga banda e nuove tecnologie: il caso dell Emilia-Romagna Sandra Lotti LepidaSpA Area strategie, territorio, Europa Firenze Settembre 2013 La rete Lepida Tutto inizia con il Piano Telematico 2002: focus

Dettagli

Diritto di accesso alla rete a banda larga: le azioni dell Emilia-Romagna Anna Lisa Minghetti Responsabile Area Reti Lepida & Wireless Lepida SpA

Diritto di accesso alla rete a banda larga: le azioni dell Emilia-Romagna Anna Lisa Minghetti Responsabile Area Reti Lepida & Wireless Lepida SpA Diritto di accesso alla rete a banda larga: le azioni dell Emilia-Romagna Anna Lisa Minghetti Responsabile Area Reti Lepida & Wireless Lepida SpA L Agenda Digitale Europea e l Emilia-Romagna Banda Larga

Dettagli

Dall agenda digitale locale alle Smart Communities: il percorso in atto in regione Emilia Romagna. Dimitri Tartari, Regione Emilia-Romagna

Dall agenda digitale locale alle Smart Communities: il percorso in atto in regione Emilia Romagna. Dimitri Tartari, Regione Emilia-Romagna L Agenda Digitale Locale: il piano strategico condiviso per le politiche di innovazione e di progettazione di comunità locali intelligenti e sostenibili: il caso dell Emilia-Romagna Dall agenda digitale

Dettagli

Smart & Green Technologies. Antonio Iossa R&D, Scouting

Smart & Green Technologies. Antonio Iossa R&D, Scouting Smart & Green Technologies Antonio Iossa R&D, Scouting SMART? GREEN? Le dimensioni della Smart City Fonte: http://www.smart-cities.eu Le dimensioni della Smart City Fonte: ForumPA C. Forghieri SCCI Smart

Dettagli

LEPIDA S.p.A. VERBALE DELL ASSEMBLEA ORDINARIA DEI SOCI

LEPIDA S.p.A. VERBALE DELL ASSEMBLEA ORDINARIA DEI SOCI LEPIDA S.p.A. VERBALE DELL ASSEMBLEA ORDINARIA DEI SOCI Il giorno 24 Aprile 2012 alle ore 10 in Bologna, Viale Aldo Moro 18 presso l Auditorium della Regione Emilia-Romagna, si è riunita l Assemblea Ordinaria

Dettagli

2010, il turning point. La rete Lepida diventa asset per la lotta la digital divide di prima e seconda generazione

2010, il turning point. La rete Lepida diventa asset per la lotta la digital divide di prima e seconda generazione 2010, il turning point Regione Emilia-Romagna, con la delibera Giunta regionale n. 1907/2010 ha: identificato le aree in divario digitale infrastrutturale, come zone ricomprese nel territorio regionale

Dettagli

ALLEGATO 1 Dichiarazione di intenti per la realizzazione ed utilizzo di datacenter in Emilia-Romagna

ALLEGATO 1 Dichiarazione di intenti per la realizzazione ed utilizzo di datacenter in Emilia-Romagna ALLEGATO 1 Dichiarazione di intenti per la realizzazione ed utilizzo di datacenter in Emilia-Romagna La Regione Emilia-Romagna, nella persona dell Assessore alla Programmazione territoriale, urbanistica,

Dettagli

Progetto Scuole. Sicurezza Digitale. Enrica Salbaroli. Modena, 21 ottobre 2011

Progetto Scuole. Sicurezza Digitale. Enrica Salbaroli. Modena, 21 ottobre 2011 Progetto Scuole Modena, 21 ottobre 2011 Sicurezza Digitale Enrica Salbaroli Outline Contesto Progetto Scuole Analisi connettività Modello Sicurezza Sperimentazioni - 2 - Contesto Scuole luoghi complessi:

Dettagli

VENERDI 19 APRILE 2013

VENERDI 19 APRILE 2013 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità VENERDI 19 APRILE 2013 INNOVAZIONE E INFRASTRUTTURE TERRITORIALI DIGITALI Francesco Capuano Dirigente del Servizio Sviluppo Economico, Agricoltura e Promozione

Dettagli

Ripensare l Infrastruttura Tecnologica. Gianluca Mazzini Direttore Generale LepidaSpA 28 Maggio 2014 - Forum PA

Ripensare l Infrastruttura Tecnologica. Gianluca Mazzini Direttore Generale LepidaSpA 28 Maggio 2014 - Forum PA Ripensare l Infrastruttura Tecnologica Gianluca Mazzini Direttore Generale LepidaSpA 28 Maggio 2014 - Forum PA Contesto dal 2008 Regione ER ha identificato nel Piano Telematico la necessità di un sistema

Dettagli

Il nome Lepida. Il console Marco Emilio Lepido... La strada telematica. Collegamento tra passato e presente.

Il nome Lepida. Il console Marco Emilio Lepido... La strada telematica. Collegamento tra passato e presente. Il nome Lepida Il console Marco Emilio Lepido... La strada telematica. Collegamento tra passato e presente. La banda larga in Emilia-Romagna PIACENZA prima di Lepida (2003) PARMA FERRARA REGGIO EMILIA

Dettagli

Infrastrutture tecnologiche e Banda Larga

Infrastrutture tecnologiche e Banda Larga Infrastrutture tecnologiche e Banda Larga La connettività a banda larga rappresenta un fattore strategico per lo sviluppo di un territorio in termini di crescita economica e di coesione sociale, come ormai

Dettagli

Piano Industriale pluriennale di LepidaSpA (2015-2017) Linee guida, Ottobre 2014 Piano industriale, Novembre 2014

Piano Industriale pluriennale di LepidaSpA (2015-2017) Linee guida, Ottobre 2014 Piano industriale, Novembre 2014 Piano Industriale pluriennale di LepidaSpA (2015-2017) Linee guida, Ottobre 2014 Piano industriale, Novembre 2014 Introduzione Il Piano Industriale della società LepidaSpA è uno strumento pluriennale che

Dettagli

NUOVE TECNOLOGIE SCHEDA DI VALUTAZIONE SULL AVANZAMENTO DELLE AZIONI PREVISTE DAL PIANO DI AZIONE REGIONALE

NUOVE TECNOLOGIE SCHEDA DI VALUTAZIONE SULL AVANZAMENTO DELLE AZIONI PREVISTE DAL PIANO DI AZIONE REGIONALE NUOVE TECNOLOGIE SCHEDA DI VALUTAZIONE SULL AVANZAMENTO DELLE AZIONI PREVISTE DAL PIANO DI AZIONE REGIONALE DIREZIONE ORGANIZZAZIONE, SISTEMI INFORMATIVI E TELEMATICA Premessa Le azioni intraprese dalla

Dettagli

Deliberazione della Giunta Comunale ORIGINALE. COMUNE DI VARANO DE MELEGARI Medaglia di Bronzo al V.M. PROVINCIA DI PARMA

Deliberazione della Giunta Comunale ORIGINALE. COMUNE DI VARANO DE MELEGARI Medaglia di Bronzo al V.M. PROVINCIA DI PARMA Deliberazione della Giunta Comunale ORIGINALE Delibera N. 49 in data 2.08.2013 OGGETTO: DICHIARAZIONE DI INTENTI PER LA REALIZZAZIONE ED UTILIZZO DI DATACENTER IN EMILIA-ROMAGNA. ADESIONE. L anno D U E

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA TRENTO. Trentino in Rete: il progetto nella Comunità della Valle dei Laghi 16 giugno 2011

PROVINCIA AUTONOMA TRENTO. Trentino in Rete: il progetto nella Comunità della Valle dei Laghi 16 giugno 2011 Trentino in Rete: il progetto nella Comunità della Valle dei Laghi 16 giugno 2011-1 - Il contesto 1/2 La digitalizzazione, l innovazione e la disponibilità di infrastrutture a larga banda sono le leve

Dettagli

SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE. Rete telematica e servizi di supporto ICT

SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE. Rete telematica e servizi di supporto ICT SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE Rete telematica e servizi di supporto ICT La rete telematica regionale LEPIDA ed il SISTEMA a rete degli SUAP come esempi di collaborazione fra Enti della PA per

Dettagli

Lepida@Unife: Rete e Servizi

Lepida@Unife: Rete e Servizi Direzione Generale Centrale Organizzazione, Personale,Sistemi Informativi e Telematica Lepida@Unife: Rete e Servizi Polo Scientifico e Tecnologico, Università di Ferrara 22 gennaio 2007 Regione Emilia-Romagna/

Dettagli

Un intervento di riequilibrio del territorio per la riduzione del digital divide

Un intervento di riequilibrio del territorio per la riduzione del digital divide Un intervento di riequilibrio del territorio per la riduzione del digital divide Una fascia particolarmente interessata dal digital divide è rappresentata dai cittadini e dalle imprese che risiedono nei

Dettagli

LEPIDA S.p.A. Sede in Bologna - Viale Aldo Moro, 64. Capitale Sociale versato Euro 35.594.000,00. Iscritto alla C.C.I.A.A.

LEPIDA S.p.A. Sede in Bologna - Viale Aldo Moro, 64. Capitale Sociale versato Euro 35.594.000,00. Iscritto alla C.C.I.A.A. LEPIDA S.p.A. Sede in Bologna - Viale Aldo Moro, 64 Capitale Sociale versato Euro 35.594.000,00 Iscritto alla C.C.I.A.A. di Bologna Codice Fiscale e N. Iscrizione Registro Imprese 02770891204 Partita IVA:

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA TRENTO. Trentino in Rete. Settembre 2014

PROVINCIA AUTONOMA TRENTO. Trentino in Rete. Settembre 2014 Trentino in Rete Settembre 2014-1- Gli obiettivi Sviluppo della società dell informazione Le infrastrutture telematiche come elemento fondamentale per lo sviluppo economico e sociale del territorio provinciale

Dettagli

NGN & WIFI PROMOSSI DALLA PA

NGN & WIFI PROMOSSI DALLA PA Il Trentino Territorio d innovazione Mario Groff mario.groff@trentinonetwork.it L infrastrutturazione in larga banda ed in fibra ottica sono elementi abilitanti allo sviluppo imprenditoriale, dei servizi

Dettagli

Tecnologie e potenzialità della banda larga

Tecnologie e potenzialità della banda larga Tecnologie e potenzialità della banda larga Unione degli Industriali di Pordenone 1 febbraio 2010 Dip. di Ingegneria Elettrica Gestionale e Meccanica Università degli Studi di Udine Pier Luca Montessoro

Dettagli

Trentino in Rete: il progetto nella Comunità Rotaliana - Koenigsberg

Trentino in Rete: il progetto nella Comunità Rotaliana - Koenigsberg Trentino in Rete: il progetto nella Comunità Rotaliana - Koenigsberg 7 giugno 2011-1 - Il contesto 1/2 La digitalizzazione, l innovazione e la disponibilità di infrastrutture a larga banda sono le leve

Dettagli

La rete radiomobile regionale R3

La rete radiomobile regionale R3 La rete radiomobile regionale R3 Seminario per la Protezione Civile Regionale Marcheselli Federico Bologna, 6-13-20 giugno 2009 Sommario Aspetti generali Architettura di rete Servizi offerti Utenze e traffico

Dettagli

Scheda descrittiva del progetto

Scheda descrittiva del progetto Scheda descrittiva del progetto 1. Anagrafica di progetto Titolo Monitoraggio Ambientale Acronimo (se esiste) SensorERNet Data Inizio Data Fine 01/11/2011 31/12/2014 Budget totale (migliaia di euro) 243,71K

Dettagli

Trentino in Rete. Trento, 13 marzo 2008

Trentino in Rete. Trento, 13 marzo 2008 Trentino in Rete Trento, 13 marzo 2008 Lo stato di attuazione (dorsale in fibra ottica) Tratte lineari Progettate: 219 km In fase di appalto: 240 km In fase di realizzazione: 81 km Realizzate: 183 km Totale

Dettagli

il contributo della multiutility locale al superamento del divario digitale nell Appennino Emiliano Castello di Sarzano, 29 ottobre 2011

il contributo della multiutility locale al superamento del divario digitale nell Appennino Emiliano Castello di Sarzano, 29 ottobre 2011 il contributo della multiutility locale al superamento del divario digitale nell Appennino Emiliano Castello di Sarzano, 29 ottobre 2011 1 La rete in fibra ottica regionale La Regione Emilia Romagna, in

Dettagli

FedERa Federazione degli Enti dell Emilia-Romagna per l autenticazione

FedERa Federazione degli Enti dell Emilia-Romagna per l autenticazione FedERa Federazione degli Enti dell Emilia-Romagna per l autenticazione Convegno Idem Roma, 31 Marzo 2009 Il Piano Telematico dell Emilia-Romagna (PiTER) Il Piano Telematico Regionale (PiTER) costituisce

Dettagli

Trentino in Rete: il progetto nel Comun General de Fascia

Trentino in Rete: il progetto nel Comun General de Fascia Trentino in Rete: il progetto nel Comun General de Fascia 24 maggio 2011-1 - Il contesto 1/2 La digitalizzazione, l innovazione e la disponibilità di infrastrutture a larga banda sono le leve attraverso

Dettagli

Rete a Banda Ultra Larga della città di Cremona (e comuni limitrofi) AEMCOM

Rete a Banda Ultra Larga della città di Cremona (e comuni limitrofi) AEMCOM Rete a Banda Ultra Larga della città di Cremona (e comuni limitrofi) AEMCOM - 1 1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO AEM Cremona e AEMCOM AEM di Cremona è una Società per Azioni posseduta interamente dal Comune

Dettagli

Sviluppi della copertura WIMAX e servizi abilitabili

Sviluppi della copertura WIMAX e servizi abilitabili Sviluppi della copertura WIMAX e servizi abilitabili Una estesa e moderna rete in Fibra Ottica Retelit è l operatore indipendente leader nel mercato wholesale grazie a Una rete costruita lungo le strade

Dettagli

Rete a Larga Banda GRANDE MANTOVA Il progetto GRANDE MANTOVA Obbiettivi : affrontare insieme problematiche comuni per il bene del territorio e dei cittadini Temi : viabilità e mobilità, sicurezza, piani

Dettagli

Il Piano Telematico dell Emilia-Romagna: linee di azione e progetti

Il Piano Telematico dell Emilia-Romagna: linee di azione e progetti Il Piano Telematico dell Emilia-Romagna: linee di azione e progetti Massimo Fustini Regione Emilia-Romagna Coordinamento Piano Telematico Bologna 18 Novembre 2013 Il contesto strategico:il Piano Telematico

Dettagli

Forum Green City Energy MED Bari, 12-13 novembre 2012

Forum Green City Energy MED Bari, 12-13 novembre 2012 Forum Green City Energy MED Bari, 12-13 novembre 2012 Il sistema digitale regionale al servizio delle comunità interconnesse: Edoc@work3.0 e Prisma due possibilità di azione. Sabrina Sansonetti Presidente

Dettagli

I SERVIZI A BANDA LARGA in EMILIA-ROMAGNA. giugno 2012 v.1

I SERVIZI A BANDA LARGA in EMILIA-ROMAGNA. giugno 2012 v.1 I SERVIZI A BANDA LARGA in EMILIA-ROMAGNA giugno 2012 v.1 su rete fissa > 2Mb/s Media regionale 89,58% su rete fissa > 2Mb/s, espressa in % della popolazione Situazione stimata a giugno 2012 Fonte: dati

Dettagli

Infrastrutture per la banda larga

Infrastrutture per la banda larga Infrastrutture per la banda larga Pier Luca Montessoro Dip. di Ingegneria Elettrica Gestionale e Meccanica Università degli Studi di Udine 2009 - DIEGM - Università di Udine 1 Servizi di rete Cos è la

Dettagli

www.100x100fibra.acantho.net

www.100x100fibra.acantho.net ........................................................................................................................ www.100x100fibra.acantho.net Acantho, con una rete di oltre 3.500 Km in fibra ottica,

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 88/2012 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 30 del mese di gennaio dell' anno 2012 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori: via

Dettagli

sviluppo della Società dell Informazione

sviluppo della Società dell Informazione Le attività della Regione Abruzzo per il supporto alle Smart Community Domenico Longhi Bologna 16 ottobre 2013 Sviluppo della Società dell Informazione La Regione Abruzzo si èdotata di strumenti normativi,

Dettagli

Sotto le Smart City. Il sottosuolo come infrastruttura per lo sviluppo delle comunità locali

Sotto le Smart City. Il sottosuolo come infrastruttura per lo sviluppo delle comunità locali Sotto le Smart City. Il sottosuolo come infrastruttura per lo sviluppo delle comunità locali Ing. Alvaro Canciani Dirigente Servizio ICT, Statistica Toponomastica SIT e Archivi, Comune di Novara per ANCI

Dettagli

Lo sviluppo della Banda Larga. Direzione Sistemi Informativi

Lo sviluppo della Banda Larga. Direzione Sistemi Informativi Lo sviluppo della Banda Larga Direzione Sistemi Informativi 1 Il modello di Sviluppo della Banda Larga in Veneto Regione del Veneto - coerentemente al Piano Nazionale per lo Sviluppo della Banda Larga

Dettagli

CONCESSIONE IN COMODATO DI OSPITALITA PER UN SITO ED APPARATI DELLA RETE ERRETRE PRESSO IL LOCALE TECNICO DEL SOTTOTETTO DELL'OSPEDALE DI CARPI

CONCESSIONE IN COMODATO DI OSPITALITA PER UN SITO ED APPARATI DELLA RETE ERRETRE PRESSO IL LOCALE TECNICO DEL SOTTOTETTO DELL'OSPEDALE DI CARPI CONCESSIONE IN COMODATO DI OSPITALITA PER UN SITO ED APPARATI DELLA RETE ERRETRE PRESSO IL LOCALE TECNICO DEL SOTTOTETTO DELL'OSPEDALE DI CARPI VIA GUIDO MOLINARI, 2 CARPI (MO) L anno 2015 nel mese di,

Dettagli

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE (Regime d aiuto n. 646/2009, approvato dalla Commissione Europea con Decisione C 2010/2956)

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE (Regime d aiuto n. 646/2009, approvato dalla Commissione Europea con Decisione C 2010/2956) Allegato B BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE (Regime d aiuto n. 646/2009, approvato dalla Commissione Europea con Decisione C 2010/2956) In risposta all obiettivo dell UE di garantire a tutti i cittadini

Dettagli

Occasioni di sviluppo per il Trasporto Pubblico, le Smart City e le imprese del settore

Occasioni di sviluppo per il Trasporto Pubblico, le Smart City e le imprese del settore Organizzato da: BIGLIETTAZIONE ELETTRONICA Occasioni di sviluppo per il Trasporto Pubblico, le Smart City e le imprese del settore BIGLIETTAZIONE ELETTRONICA Occasioni di sviluppo per il Trasporto Pubblico,

Dettagli

NOTA STAMPA TELECOM ITALIA: ACCELERA IN EMILIA ROMAGNA CON IL 4G DI TIM, GIA COPERTI 70 COMUNI

NOTA STAMPA TELECOM ITALIA: ACCELERA IN EMILIA ROMAGNA CON IL 4G DI TIM, GIA COPERTI 70 COMUNI NOTA STAMPA TELECOM ITALIA: ACCELERA IN EMILIA ROMAGNA CON IL 4G DI TIM, GIA COPERTI 70 COMUNI Forte impulso in Emilia Romagna ai programmi di copertura della nuova rete mobile LTE: salgono a 70 i comuni

Dettagli

Il progetto MADLER sulle Unioni di comuni e sui comuni capoluogo in Emilia-Romagna. Antonio Gioiellieri e Gian Paolo Artioli, ANCI Emilia Romagna;

Il progetto MADLER sulle Unioni di comuni e sui comuni capoluogo in Emilia-Romagna. Antonio Gioiellieri e Gian Paolo Artioli, ANCI Emilia Romagna; L Agenda Digitale Locale: il piano strategico condiviso per le politiche di innovazione e di progettazione di comunità locali intelligenti e sostenibili: il caso dell Emilia-Romagna Il progetto MADLER

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure ai sensi dell art. 24 comma 3bis DL 90/2014 (L. 114/2014)

Piano di informatizzazione delle procedure ai sensi dell art. 24 comma 3bis DL 90/2014 (L. 114/2014) Piano di informatizzazione delle procedure ai sensi dell art. 24 comma 3bis DL 90/2014 (L. 114/2014) Comune di Argelato Comune di Bentivoglio Comune di Castel Maggiore Comune di Castello d Argile Comune

Dettagli

Maggio 2009. Programma operativo 2009

Maggio 2009. Programma operativo 2009 Maggio 2009 Programma operativo 2009 Indice del documento I servizi ed i prodotti del Programma Operativo 2008... 3 Trend e obiettivi strategici per il Programma Operativo 2009... 11 Linea guida 2: Infrastruttura

Dettagli

Adottata con Delibera di Consiglio N. 12 del 28/04/2016

Adottata con Delibera di Consiglio N. 12 del 28/04/2016 Agenda Digitale dell Unione RENO GALLIERA 2016-2018 Adottata con Delibera di Consiglio N. 12 del 28/04/2016 Innovazione e sviluppo tecnologico del territorio. Allegato 1: Analisi, stato dell arte e indirizzi

Dettagli

Il WiMAX e le reti wireless integrate

Il WiMAX e le reti wireless integrate Il WiMAX e le reti wireless integrate Andrea Roglio Convegno Wireless, WiMAX, Radio Digitale e tecnologie senza fili per il superamento del divario digitale Sasso Marconi, 12 giugno 2008 20/06/2008 20/06/2008

Dettagli

BANDA LARGA E CRESCITA DIGITALE. Ing. Mario Lanza

BANDA LARGA E CRESCITA DIGITALE. Ing. Mario Lanza Palermo 30 gennaio 2015 BANDA LARGA E CRESCITA DIGITALE OCCASIONE DI SVILUPPO IN SICILIA Ing. Mario Lanza Assessorato regionale delle Autonomie Locali e della Funzione Pubblica Ufficio per l'attività di

Dettagli

Fare clic per inserire titolo

Fare clic per inserire titolo I finanziamenti della Regione inserire titolo per le imprese ICT L information and Comunication Tecnology nella Provincia di Forlì-Cesena: mappatura e scenari di sviluppo 08 ottobre 2015 Aula magna di

Dettagli

Memorandum of Understanding TRA. Regione Piemonte (di seguito denominata Regione ),rappresentata dal Dott. Roberto Moriondo

Memorandum of Understanding TRA. Regione Piemonte (di seguito denominata Regione ),rappresentata dal Dott. Roberto Moriondo REGIONE PIEMONTE BU47 21/11/2013 Codice DB2100 D.D. 8 ottobre 2013, n. 164 D.G.R. n. 2-5739 del 06.05.2013 e D.D. n. 80 del 17.06.2013: approvazione del verbale di ammissione delle istanze di cui all'avviso

Dettagli

Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS

Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS Il Costo dell Impreparazione Informatica nella Pubblica Amministrazione Locale e le sfide dell Agenda Digitale Milano, 17 Maggio 2011 Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS La governance interregionale Le

Dettagli

PR RE MO BO FC RN. l Area Centro Nord

PR RE MO BO FC RN. l Area Centro Nord PC PR RE MO MO La Commissione BO Tecnica incontra FE l Area Centro Nord FC RN PU AN MC AP LA STRUTTURA TERRITORIALE IL TERRITORIO PC PR RE MO BO FE RA EMILIA ROMAGNA MARCHE ALT CENTRO NORD FC RN DIMENSIONI

Dettagli

Contributi per evento dell 8 maggio 2015 c/o UNiVda

Contributi per evento dell 8 maggio 2015 c/o UNiVda Région Autonome Vallée d Aoste Regione Autonoma Valle d Aosta Présidence de la Région Secrétaire Général de la Région Presidenza della Regione Segretario Generale della Regione Piano Pluriennale 2014-201

Dettagli

CITTÀ DI MODENA La Rete di Nuova Generazione di Telecom Italia

CITTÀ DI MODENA La Rete di Nuova Generazione di Telecom Italia GRUPPO TELECOM ITALIA OPEN ACCESS CITTÀ DI MODENA La Rete di Nuova Generazione di Telecom Italia Dotti Massimiliano Modena, 12 Febbario 2014 Technology Open Access Access Op Area 37 2 Come la Rivoluzione

Dettagli

Metroweb Italia: un modello di business neutrale e non discriminatorio

Metroweb Italia: un modello di business neutrale e non discriminatorio Metroweb Italia: un modello di business neutrale e non discriminatorio Cablatura Metropolitana e Reti FTTH 11 evento TRATOS Pieve Santo Stefano (AR) - 3 Settembre 2015 Agenda Metroweb Italia: storia e

Dettagli

Sfide per lo sviluppo della Agenda Digitale Europea in Emilia- Romagna

Sfide per lo sviluppo della Agenda Digitale Europea in Emilia- Romagna Sfide per lo sviluppo della Agenda Digitale Europea in Emilia- Romagna Chiara Mancini/Barbara Santi Coordinamento Piano Telematico regionale 17/03/2014 I cittadini che usano Internet regolarmente sono

Dettagli

Sistemi informativi a supporto della gestione associata dei Comuni

Sistemi informativi a supporto della gestione associata dei Comuni CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLE FUNZIONI DI ORGANIZZAZIONE GENERALE DELL AMMINISTRAZIONE, GESTIONE FINANZIARIA E CONTABILE E CONTROLLO TRA I COMUNI DI ARQUA POL., FRASSINELLE POL., COSTA DI

Dettagli

Scheda descrittiva del progetto

Scheda descrittiva del progetto Scheda descrittiva del progetto 1. Anagrafica di progetto Titolo Banda ultralarga Acronimo (se esiste) UltraNet Data Inizio Data Fine 01/09/2011 31/12/2014 Budget totale (migliaia di euro) 60,50k Responsabile

Dettagli

Trentino in Rete: il progetto nella Comunità territoriale della Valle di Fiemme

Trentino in Rete: il progetto nella Comunità territoriale della Valle di Fiemme Trentino in Rete: il progetto nella Comunità territoriale della Valle di Fiemme 28 aprile 2011-1 - Il contesto 1/2 La digitalizzazione, l innovazione e la disponibilità di infrastrutture a larga banda

Dettagli

INTERNET WIRELESS VELOCE

INTERNET WIRELESS VELOCE INTERNET WIRELESS VELOCE EOLO porta internet a banda ultra-larga ovunque, senza fili né contratto telefonico, anche dove gli altri non arrivano. Con EOLO navighi veloce, senza complicazioni e senza sorprese.

Dettagli

La missione di Lepida SpA

La missione di Lepida SpA Reti di Accesso di Iniziativa Pubblica per DD Gianluca Mazzini Università di Ferrara e Ricerca & Sviluppo e Nuovi Servizi LepidaSpa La missione di Lepida SpA Lepida SpA è lo strumento operativo promosso

Dettagli

ELENCO DELLE SOCIETA DIRETTAMENTE PARTECIPATE DAL COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO ALLA DATA DEL 31/12/2014

ELENCO DELLE SOCIETA DIRETTAMENTE PARTECIPATE DAL COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO ALLA DATA DEL 31/12/2014 ELENCO DELLE SOCIETA DIRETTAMENTE PARTECIPATE DAL COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO ALLA DATA DEL 31/12/2014 1) CENTRO AGRICOLTURA AMBIENTE G. NICOLI Via Argini Nord 3351 40014 Crevalcore (BO) C.F. 01529451203

Dettagli

SERVIZIO INFORMATICA E TELEMATICA. Nel seguito si descrivono le azioni adottate nel 2011 e per il triennio 2012-2014 si propongono quelli a valere.

SERVIZIO INFORMATICA E TELEMATICA. Nel seguito si descrivono le azioni adottate nel 2011 e per il triennio 2012-2014 si propongono quelli a valere. Allegato A SERVIZIO INFORMATICA E TELEMATICA Nel seguito si descrivono le azioni adottate nel 2011 e per il triennio 2012-2014 si propongono quelli a valere. Gestione Infrastruttura Sistema Informativo

Dettagli

Profilo della Frosinone Wireless

Profilo della Frosinone Wireless Profilo della Frosinone Wireless (Aggiornamento del 12 Giugno 2012) PRESENTAZIONE DELL AZIENDA Frosinone Wireless s.p.a. nasce dalla sinergia tra professionisti del settore delle telecomunicazioni e un

Dettagli

DIREZIONE E COORDINAMENTO REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA

DIREZIONE E COORDINAMENTO REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA DIREZIONE E COORDINAMENTO REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA 1 IL QUADRATO DELLA RADIO Le nuove realtà del mondo ICMT: la rete, gli operatori e l l industria L' IMPIEGO DELLE TECNOLOGIE WIRELESS PER

Dettagli

Il gruppo TSC è presente sul mercato italiano da oltre 30 anni è formato dai seguenti brand

Il gruppo TSC è presente sul mercato italiano da oltre 30 anni è formato dai seguenti brand Il gruppo TSC è presente sul mercato italiano da oltre 30 anni è formato dai seguenti brand Telematic Service Communication s.r.l. (TSC), viene fondata a Torino nel 1984 ed è un System Integrator, già

Dettagli

RTP WiMax RETE TELEMATICA PROVINCIALE

RTP WiMax RETE TELEMATICA PROVINCIALE RTP WiMax RETE TELEMATICA PROVINCIALE Realizzazione di una Rete di telecomunicazione in tecnologia WiMax (Worldwide Interoperability for Microwave Access) per l interconnessione degli edifici della Pubblica

Dettagli

Sistema IASS INTEGRAZIONE APPLICATIVI SPORTELLO SOCIALE Rilevazione della domanda espressa dai cittadini agli Sportelli Sociali (Circolare N.

Sistema IASS INTEGRAZIONE APPLICATIVI SPORTELLO SOCIALE Rilevazione della domanda espressa dai cittadini agli Sportelli Sociali (Circolare N. Sistema IASS INTEGRAZIONE APPLICATIVI SPORTELLO SOCIALE Rilevazione della domanda espressa dai cittadini agli Sportelli Sociali (Circolare N. 4/2012) ATTIVITÀ DEGLI SPORTELLI SOCIALI (Anno 2012) Il Sistema

Dettagli

Gli enti intermedi come motore o strumento della diffusione dei servizi e innovazione per le realtà locali. Raffaele Gareri Padova 9 Maggio 2011

Gli enti intermedi come motore o strumento della diffusione dei servizi e innovazione per le realtà locali. Raffaele Gareri Padova 9 Maggio 2011 Gli enti intermedi come motore o strumento della diffusione dei servizi e innovazione per le realtà locali Raffaele Gareri Padova 9 Maggio 2011 Il contesto Il 49% del Pil dell UE è frutto dei servizi innovativi

Dettagli

COPERTURA BANDA LARGA IN ITALIA. (in rosso le aree in Digital Divide)

COPERTURA BANDA LARGA IN ITALIA. (in rosso le aree in Digital Divide) COPERTURA BANDA LARGA IN ITALIA (in rosso le aree in Digital Divide) AL VIA BANDI PER 900 MLN DI EURO PER AZZERARE DIGITAL DIVIDE E BANDA ULTRALARGA Internet veloce per 7 mln. di cittadini, 5000 nuovi

Dettagli

LINEE GUIDA RIGUARDO LA SCELTA E L IMPIEGO DELLA FUNZIONALITA DI LOCALIZZAZIONE NELL AMBITO DELLA RETE RADIOMOBILE REGIONALE ERretre

LINEE GUIDA RIGUARDO LA SCELTA E L IMPIEGO DELLA FUNZIONALITA DI LOCALIZZAZIONE NELL AMBITO DELLA RETE RADIOMOBILE REGIONALE ERretre LINEE GUIDA RIGUARDO LA SCELTA E L IMPIEGO DELLA FUNZIONALITA DI LOCALIZZAZIONE NELL AMBITO DELLA RETE RADIOMOBILE REGIONALE ERretre Pagina 1 di 9 1.Introduzione. La rete Tetra ERretre permette di realizzare

Dettagli

Prospettive. La visione strategica di INVA S.p.A. Relatore: Dr. Enrico Zanella. Aosta, 8 maggio 2015

Prospettive. La visione strategica di INVA S.p.A. Relatore: Dr. Enrico Zanella. Aosta, 8 maggio 2015 Prospettive dell Innovazione Digitale La visione strategica di INVA S.p.A. Relatore: Dr. Enrico Zanella Aosta, 8 maggio 2015 Modello in house Fonte: rapporto Assinter Chi siamo INVA S.p.A. è una società

Dettagli

Banda Ultra Larga Sardegna. Piero Berritta Assessorato degli affari generali, personale e riforma della regione

Banda Ultra Larga Sardegna. Piero Berritta Assessorato degli affari generali, personale e riforma della regione Banda Ultra Larga Sardegna Piero Berritta Assessorato degli affari generali, personale e riforma della regione D.G. Affari Generali e Società dell Informazione Servizio Infrastrutture Tecnologiche per

Dettagli

Lo sviluppo della banda larga in Piemonte - Il Programma Wi-Pie -

Lo sviluppo della banda larga in Piemonte - Il Programma Wi-Pie - Technical Meeting ASSINTER Reti di nuova generazione Bologna, 22/06/09 Lo sviluppo della banda larga in Piemonte - Il Programma Wi-Pie - Leonardo Rinaldi Architetture e Progettazione Reti La situazione

Dettagli

Allegato 2 Quadro strategico dedicato alla Crescita Digitale 1. Analisi di contesto per la crescita digitale dell Emilia Romagna

Allegato 2 Quadro strategico dedicato alla Crescita Digitale 1. Analisi di contesto per la crescita digitale dell Emilia Romagna Allegato 2 Quadro strategico dedicato alla Crescita Digitale La strategia Regionale per la Crescita Digitale ha preso avvio, in Emilia Romagna, con la Legge Regionale 11/2004 Sviluppo della Società dell

Dettagli

L Agenda digitale del Piemonte. 2 febbraio 2015

L Agenda digitale del Piemonte. 2 febbraio 2015 L Agenda digitale del Piemonte 2 febbraio 2015 I punti di partenza La Digital Agenda europea è una delle sette iniziative faro della strategia Europa 2020 Nella politica di coesione 2014-2020 il miglior

Dettagli

Più sicurezza ICT per migliorare i servizi ai cittadini: il caso del Comune di Milano

Più sicurezza ICT per migliorare i servizi ai cittadini: il caso del Comune di Milano DSSI, Direzione Specialistica Sistemi Informativi Più sicurezza ICT per migliorare i servizi ai cittadini: il caso del Comune di Milano 21 maggio 2007 Forum PA - ROMA Alessandro Musumeci Direttore Centrale

Dettagli

Alcune domande: La banda larga: serve proprio?

Alcune domande: La banda larga: serve proprio? Alcune domande: A chi serve la banda larga? Per fare cosa? Quanta banda serve? le infrastrutture a banda larga nella Bassa Padovana sono sufficienti? Esiste un digital divide nel territorio? Quanti comuni

Dettagli

Trentino Territorio dell Innovazione

Trentino Territorio dell Innovazione DIPARTIMENTO INNOVAZIONE, RICERCA E I.C.T. Trentino Territorio dell Innovazione Presentazione sintetica dei progetti della Provincia Autonoma Trento in relazione alla banda larga e ultralarga La vision

Dettagli

Rete elettrica e telecomunicazioni nell ottica smart grid

Rete elettrica e telecomunicazioni nell ottica smart grid Politecnico di Milano Advanced Network Technologies Laboratory Rete elettrica e telecomunicazioni nell ottica smart grid Antonio Capone 1 Reti di Comunicazione ed Elettriche Electric Network & Communication

Dettagli

CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI

CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI Centro di costo: 1. Servizi Informatici Telematici e SIT SETTORE: SISTEMI INFORMATIVI RESPONSABILE: Dott. Tonelli Emanuele Centro di Costo: Servizi Informatici

Dettagli

Strategie della Regione del Veneto per lo sviluppo della. Le iniziative nella provincia di Belluno. La banda larga tra presente e futuro

Strategie della Regione del Veneto per lo sviluppo della. Le iniziative nella provincia di Belluno. La banda larga tra presente e futuro La banda larga tra presente e futuro Strategie della Regione del Veneto per lo sviluppo della Banda Larga. Le iniziative nella provincia di Belluno Villa Patt di Sedico Belluno,18 marzo 2009 A cura di:

Dettagli

Diffusione e sviluppi della banda larga e ultra larga in Emilia- Romagna. Chiara Mancini/Barbara Santi Coordinamento Piano Telematico

Diffusione e sviluppi della banda larga e ultra larga in Emilia- Romagna. Chiara Mancini/Barbara Santi Coordinamento Piano Telematico Diffusione e sviluppi della banda larga e ultra larga in Emilia- Romagna Chiara Mancini/Barbara Santi Coordinamento Piano Telematico Obiettivi della Digital Agenda su Banda Larga Copertura con banda larga

Dettagli

Rimini - 23 giugno 2005. Patrizio Fausti Responsabile e-government della Provincia di Roma

Rimini - 23 giugno 2005. Patrizio Fausti Responsabile e-government della Provincia di Roma Rimini - 23 giugno 2005 Patrizio Fausti Responsabile e-government della Provincia di Roma Esiste il digital divide nei territori periferici? La discriminazione nasce dalla carenza di infrastrutture o da

Dettagli

ADSLSUBITO.IT. WEB: www.adslsubito.it Email: info@adslsubito.it. Documentazione tecnica

ADSLSUBITO.IT. WEB: www.adslsubito.it Email: info@adslsubito.it. Documentazione tecnica WEB: www.adslsubito.it Email: info@adslsubito.it Documentazione tecnica Broadband immediata nei Comuni medio/piccoli Decreto Ministero delle Telecomunicazioni 4 Ottobre 2005 DECRETO LANDOLFI : BANDA LARGA

Dettagli

Pianificazione e progetto di reti geografiche

Pianificazione e progetto di reti geografiche Pianificazione e progetto di reti geografiche 1 Architettura delle reti di telecomunicazioni e contesto infrastrutturale regionale 1 Indice Architettura delle reti di Telecomunicazioni Banda Larga nella

Dettagli

Maggio 2009. Programma operativo 2009

Maggio 2009. Programma operativo 2009 Maggio 2009 Programma operativo 2009 Indice del documento I servizi ed i prodotti del Programma Operativo 2008... 3 Trend e obiettivi strategici per il Programma Operativo 2009... 11 Linea guida 2: Infrastruttura

Dettagli

Grazia Cesari, Sandra Lotti, Chiara Mancini Direzione Generale Centrale Organizzazione, personale, sistemi informativi e telematica

Grazia Cesari, Sandra Lotti, Chiara Mancini Direzione Generale Centrale Organizzazione, personale, sistemi informativi e telematica A cura di: Monia Masetti, Andrea Orsi Servizio legislativo e qualità della legislazione Hanno inoltre collaborato: Claudia Cattoli Servizio coordinamento delle Commissioni assembleari Grazia Cesari, Sandra

Dettagli

L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA. Bologna, 01 luglio 2014

L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA. Bologna, 01 luglio 2014 L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA Il Percorso intrapreso dalla Regione Emilia-Romagna Grazia Cesari Evento organizzato in collaborazione con

Dettagli

Oggetto: INSTALLAZIONE E ATTIVAZIONE SERVIZIO IN BANDA LARGA PER LA SEDE OPERATIVA DI LIGONCHIO - CIG ZA5055438C.

Oggetto: INSTALLAZIONE E ATTIVAZIONE SERVIZIO IN BANDA LARGA PER LA SEDE OPERATIVA DI LIGONCHIO - CIG ZA5055438C. DETERMINAZIONE N 152 del 05.06.2012 Oggetto: INSTALLAZIONE E ATTIVAZIONE SERVIZIO IN BANDA LARGA PER LA SEDE OPERATIVA DI LIGONCHIO - CIG ZA5055438C. IL DIRETTORE DELL ENTE VISTO il decreto del Ministro

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 20/11 DEL 26.4.2011. POR FESR 2007-2013. Progetto di infrastrutturazione a banda ultra larga (BUL) in territorio regionale.

DELIBERAZIONE N. 20/11 DEL 26.4.2011. POR FESR 2007-2013. Progetto di infrastrutturazione a banda ultra larga (BUL) in territorio regionale. Oggetto: POR FESR 2007-2013. Progetto di infrastrutturazione a banda ultra larga (BUL) in territorio regionale. L Assessore degli Affari Generali, Personale e Riforma della Regione, di concerto con l'assessore

Dettagli

La Rete Multimediale dipartimentale: i dati a casa del cittadino

La Rete Multimediale dipartimentale: i dati a casa del cittadino La Rete Multimediale dipartimentale: i dati a casa del cittadino Cosa si intende per rete multimediale E una infrastruttura che consente il contemporaneo trasferimento di: Dati alfanumerici Fonia Immagini

Dettagli

Forum PA Roma - 10 aprile 2006. dott. Antonio Sannelli Comune di Bergamo - Sistemi Informativi

Forum PA Roma - 10 aprile 2006. dott. Antonio Sannelli Comune di Bergamo - Sistemi Informativi Forum PA Roma - 10 aprile 2006 Il comune di Bergamo Capofila del progetto di e-government POLIS ComuneAmico.net Candidato per la formazione di un CST sul territorio Candidato ad essere capofila del progettazione

Dettagli