Piano di Zona AREA DISABILI CODICE - H -

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano di Zona 2010-2012 AREA DISABILI CODICE - H -"

Transcript

1 AREA DISABILI CODICE - H - COD AZIONE PAG. H 1 AIUTO DOMESTICO AI DISABILI GRAVI 175 H 2 ASSISTENZA DOMICILIARE AI MALATI ONCOLOGICI 180 H 3 ASSISTENZA DOMICILIARE AI MALATI DI ALZHEIMER E ALLE LORO 184 FAMIGLIE H 4 SOSTEGNO ECONOMICO E ASSISTENZA ABITATIVA AI DISABILI GRAVI 189 H 5 CENTRO DIURNO DISABILI FISICI, PSICHICI E SENSORIALI 192 H 6 CENTRO DIURNO DISABILI INTELLETTVI E RELAZIONALI 198 H 7 CENTRO SOCIO RICREATIVO PER DISABILI PSICHICI 204 H 8 OCCHI NEL CUORE - CENTRO SOCIO RICREATIVO PER DISABILI 209 H 9 CENTRO H - SOCIO RICREATIVO - PER DISABILI 214 H 10 TRASPORTO DISABILI PRESSO CENTRI DI RIABILITAZIONE 219 H 11 ASSISTENZA MINORATI UDITO E PAROLA 224 H ASSISTENZA SPECIALISTICA, DI BASE E TRASPORTO PER DISABILI SCOLARIZZATI 174

2 NUMERO AZIONE H 1 TITOLO AZIONE AIUTO DOMESTICO AI DISABILI GRAVI 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Il servizio è rivolto a persone disabili e alle loro famiglie. Gli obiettivi del servizio sono: Fornire le prestazioni domiciliari previste da piano di intervento personalizzato, formulato sulla base del fabbisogno assistenziale dell assistito; Consentire al disabile grave la permanenza nel nucleo familiare e nel contesto sociale di appartenenza, al fine di evitare e/o contenere processi emarginanti e di istituzionalizzazione e di migliorarne la qualità della vita; Garantire attraverso l erogazione del servizio domiciliare interventi volti a sollevare il caregiver dal gravoso compito di assistere i familiari non autonomi. Le prestazioni che vengono erogate a domicilio sono diversificate, formalizzate sulla base del fabbisogno assistenziale con indicazioni specifiche sulla tipologia e durata: mobilizzazione del soggetto allettato; sollevamento dal letto e vestizione; pulizia personale ed aiuto per il bagno; sistemazione su sedia a rotelle; aiuto motorio per un minimo di deambulazione e per il compimento di esercizi fisici elementari idonei a migliorare l autosufficienza; preparazione di un pasto caldo a domicilio e relativo imboccamento per i disabili che siano totalmente privi di supporto familiare. La cooperativa sulla base delle indicazioni del servizio sociale comunale, eroga le prestazioni indicate nel piano individualizzato di intervento. Il servizio sociale verifica periodicamente le modalità di attuazione del servizio o la necessità di apportare eventuali modifiche al piano, tenuto conto delle nuove esigenze dell assistito. Tra le azioni di sistema il Distretto 44 ha adottato il Patto di Accreditamento per disciplinare il rapporto tra le Amministrazioni Comunali e i soggetti accreditati all Albo Distrettuale, per l erogazione del servizio. Il servizio viene erogato nei Comuni di Ragusa, Chiaramonte Gulfi e Santa Croce Camerina. DEFINIZIONE DELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA E DELLE RISORSE RETE TERRITORIALE (soggetti pubblici e privati coinvolti) Comuni di Ragusa, Chiaramonte Gulfi, Santa Croce Camerina Soggetti del terzo settore (cooperazione sociale). MODALITA DI COINVOLGIMENTO Il servizio è erogato dalle cooperative accreditate sulla base del piano d intervento individualizzato formulato dal S.S. del Comune. LIVELLO DI INTEGRAZIONE SOCIO- SANITARIA INSUFFICIENTE x SUFFICIENTE DISCRETO ECCELLENTE RISORSE NECESSARIE Il funzionamento del servizio richiede le seguenti risorse: 1) Una sede per il coordinamento delle 175

3 attività. 2) Automezzi FIGURE PROFESSIONALI Tipologia A carico delle amministrazioni pubbliche coinvolte (Enti Locali, ASP (EX ASP (EX AUSL)), T.M., Scuole ) In convenzione Totale Assistenti Sociali Assistenti Domiciliari SPECIFICA RAGIONATA SULLE MODALITÀ DI GESTIONE Esternalizzata mediante il sistema dell accreditamento: Il servizio viene erogato da cooperative regolarmente accreditate all Albo distrettuale delle cooperative sociali. AZIONE 1 ANNUALITA' Azione H 1 AIUTO DOMESTICO AI DISABILI GRAVI ore/mesi Costo unitario Costo Totale Assistenti Sociali / ,00 Assistenti Domiciliari / , ,00 cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla comunicazione, IVA, ecc.) ,00 TOTALE ,00 Azione H 1 1^ Annualità FNPS Cofinanziamento Totale 3 per abitante Comp. utenti 6.000, , , ,00 176

4 AZIONE 2 ANNUALITA' Azione H 1 AIUTO DOMESTICO AI DISABILI GRAVI ore/mesi Costo unitario Costo Totale Assistenti Sociali / ,00 Assistenti Domiciliari / , ,00 cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla comunicazione, IVA, ecc.) ,00 TOTALE ,00 Azione H1-2^ Annualità FNPS 3 per abitante Comp. utenti Cofinanziamento Totale , , , ,00 177

5 AZIONE 3 ANNUALITA' Azione H 1 AIUTO DOMESTICO AI DISABILI GRAVI Ore/mesi Costo unitario Costo Totale Assistenti Sociali / ,00 Assistenti Domiciliari / , ,00 cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla comunicazione, IVA, ecc.) ,00 TOTALE ,00 Azione H1-3^ Annualità FNPS 3 per abitante Comp. utenti Cofinanziamento Totale , , , ,00 178

6 Azione H 1 AZIONE Riepilogo della Triennalità AIUTO DOMESTICO AI DISABILI GRAVI Costo unitario ore/mesi Costo Totale Assistenti Sociali / ,00 Assistenti Domiciliari / , ,00 cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla comunicazione, IVA, ecc ,00 TOTALE ,00 Ripartizione del costo triennale totale dell azione per fonte di finanziamento Azione H 1 AIUTO DOMESTICO AI DISABILI GRAVI , , , ,00 179

7 NUMERO AZIONE H 2 TITOLO AZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA MALATI ONCOLOGICI 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Il servizio è rivolto a malati oncologici terminali. Gli obiettivi del servizio sono: Fornire le prestazioni domiciliari previste dal piano di intervento personalizzato formulato dall associazione Samot in collaborazione con il medico curante. Assicurare al malato la permanenza nel nucleo familiare di appartenenza attraverso l erogazione di prestazioni socio-sanitarie e di supporto psicologico; Colmare il vuoto clinico psicologico e sociale in riferimento alle influenze della malattia sull assistito nonché sui familiari; Garantire attraverso l erogazione del servizio domiciliare interventi volti a sollevare il care giver dal gravoso compito di assistere i familiari non più autonomi. Il piano di intervento personalizzato prevede l erogazione di prestazioni socio-sanitarie e psicologiche diversificate sulla base del fabbisogno assistenziale con l indicazioni della frequenza e della durata. Le prestazioni previste sono: Acquisto alimenti; Riordino ambiente: Igiene e cura della persona; Lavanderia Disbrigo pratiche; Sostegno psico-sociale; Assistenza specialistica di medici esperti nelle cure palliative e del dolore; Assistenza infermieristica; Riabilitazione psico-motoria; Assistenza psicologica. Il servizio è organizzato in modo destrutturato ed erogato direttamente al domicilio dell utente. L intervento è organizzato dall equipe responsabile presso la sede dell associazione. I componenti l equipe, durante incontri settimanali, verificheranno la rispondenza tra le prestazioni erogate e le reali esigenze degli assistiti, valuteranno inoltre l ammissione di nuovi utenti. Il servizio sociale professionale svolge periodicamente un azione di monitoraggio sul servizio. DEFINIZIONE DELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA E DELLE RISORSE RETE TERRITORIALE (soggetti pubblici E privati coinvolti) MODALITA DI COINVOLGIMENTO LIVELLO DI INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA RISORSE NECESSARIE 180

8 Medico di base; Azienda Ospedaliera; Comune di Ragusa; Associazione Samot; La Samot nella erogazione delle prestazioni collabora con il medico di base Informando il S.S del Comune per quanto concerne le prestazioni sociali erogate. X INSUFFICIENTE SUFFICIENTE DISCRETO ECCELLENTE Il funzionamento del servizio richiede le seguenti risorse: -Una sede per il coordinamento delle attività. -Automezzi FIGURE PROFESSIONALI Tipologia A carico delle amministrazioni pubbliche coinvolte (Enti Locali, ASP (EX AUSL)), T.M., Scuole) In convenzione Totale Assistenti Sociali Assistenti Domiciliari 2 2 Infermieri a carico ASP Medici a carico ASP Fisioterapista a carico ASP Psicologo volontario Responsabile amministrativo 1 1 SPECIFICA RAGIONATA SULLE MODALITÀ DI GESTIONE Convenzione ex art. 20 L.R. n. 22/86 AZIONE 1 ANNUALITA' Azione H 2 ASSISTENZA DOMICILIARE AI MALATI ONCOLOGICI ore/mesi Costo unitario Costo Totale Assistenti Sociali 1 720/ ,00 Assistenti Domiciliari / , ,00 cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla comunicazione TOTALE ,00 Azione H2-1^ Annualità , ,00 181

9 AZIONE 2^ ANNUALITA' Azione H 2 ASSISTENZA DOMICILIARE AI MALATI ONCOLOGICI ore/mesi Costo unitario Costo Totale Assistenti Sociali 1 720/ ,00 Assistenti Domiciliari / , ,00 cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla comunicazione TOTALE ,00 Azione H2-2^ Annualità , ,00 AZIONE 3^ ANNUALITA' Azione H 2 ASSISTENZA DOMICILIARE AI MALATI ONCOLOGICI Ore/mesi Costo unitario Costo Totale Assistenti Sociali 1 720/ ,00 Assistenti Domiciliari / , ,00 cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla comunicazione TOTALE ,00 Azione H2-3^ Annualità , ,00 182

10 Azione H 2 AZIONE Riepilogo della Triennalità ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA AI MALATI ONCOLOGICI Costo unitario ore/mesi Costo Totale Assistenti Sociali / ,00 Assistenti Domiciliari / , ,00 cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla ,00 comunicazione, ecc. TOTALE ,00 Azione H 2 Ripartizione del costo triennale totale dell azione per fonte di finanziamento ASSISTENZA DOMICILIARE AI MALATI ONCOLOGICI , ,00 183

11 NUMERO AZIONE H 3 TITOLO AZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE MALATI DI ALZHEIMER E ALLE LORO FAMIGLIE DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Il servizio è rivolto ai malati di Alzheimer e alle loro famiglie. Gli obiettivi del servizio sono: Fornire le prestazioni domiciliari previste dal piano di intervento personalizzato formulato dall associazione Alzheimer in collaborazione con il S.S.P. del Comune. Assicurare al malato la permanenza nel nucleo familiare di appartenenza attraverso l erogazione di prestazioni socio-sanitarie e di supporto psicologico alla famiglia; Garantire attraverso l erogazione del servizio domiciliare interventi volti a sollevare il care-giver dal gravoso compito di assistere il familiare non autosufficiente. Il piano di intervento personalizzato prevede l erogazione di prestazioni socio-sanitarie e psicologiche diversificate sulla base del fabbisogno assistenziale con l indicazioni della frequenza e della durata. Le prestazioni previste sono: Acquisto alimenti; Preparazione pasti; Riordino ambiente: Igiene e cura della persona; Lavanderia Disbrigo pratiche; Accompagnamento; Sostegno psico-sociale; Assistenza specialistica di medici volontari dell associazione, esperti nella cura dei malati di Alzheimer; Assistenza psicologica ai familiari Consulenza di un legale volontario dell associazione Il servizio è organizzato in modo destrutturato ed erogato direttamente al domicilio dell utente. L intervento è coordinato dall equipe responsabile presso la sede dell associazione. I componenti l equipe, durante incontri settimanali, verificheranno la rispondenza tra le prestazioni erogate e le reali esigenze degli assistiti, valuteranno inoltre l ammissione di nuovi utenti. Il servizio sociale professionale svolge periodicamente un azione di monitoraggio sul servizio. DEFINIZIONE DELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA E DELLE RISORSE RETE TERRITORIALE -Associazione Alzheimer Iblea -Comuni del Distretto -Medico di base MODALITA DI CONVOLGIMENTO L associazione Alzheimer nella erogazione delle prestazioni collabora con il medico di base Informando il Servizio Sociale dei Comuni per quanto concerne le prestazioni sociali. LIVELLO DI INTEGRAZIONE SOCIO- SANITARIA X INSUFFICIENTE SUFFICIENTE DISCRETO ECCELLENTE RISORSE NECESSARIE Il funzionamento del servizio richiede le seguenti risorse: -Una sede per il coordinamento delle attività. -Automezzi 184

12 FIGURE PROFESSIONALI Tipologia A carico delle amministrazioni pubbliche coinvolte (Enti Locali, ASP (EX AUSL), T.M., Scuole) In convenzione Totale Assistenti Sociali Assistenti Domiciliari 2 2 Medici volontari 2 (volontari) 2 Legale volontario 1 (volontario) 1 Responsabile amministrativo 1 1 SPECIFICA RAGIONATA SULLE MODALITÀ DI GESTIONE Convenzione ex art. 20 L.R. n. 22/86 AZIONE 1 ANNUALITA' Azione H 3 - ASSISTENZA DOMICILIARE MALATI DI ALZHEIMER E ALLE LORO FAMIGLIE ore/mesi Costo unitario Costo Totale Assistenti Sociali 1 900/12 17, ,00 Assistenti Domiciliari / ,00 Medici volontari 2 0,00 Legale volontario 1 0, ,00 cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla 4.500,00 comunicazione, ecc. TOTALE ,00 Azione H3-1^ Annualità 400, , ,00 185

13 AZIONE 2 ANNUALITA' Azione H 3 - ASSISTENZA DOMICILIARE MALATI DI ALZHEIMER E ALLE LORO FAMIGLIE ore/mesi Costo unitario Costo Totale Assistenti Sociali 1 900/12 17, ,00 Assistenti Domiciliari / ,00 Medici volontari 2 0,00 Legale volontario 1 0, ,00 cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla 4.500,00 comunicazione, ecc. TOTALE ,00 Azione H3-2^ Annualità 4.050, , , ,00 186

14 AZIONE 3 ANNUALITA' Azione H 3 ASSISTENZA DOMICILIARE MALATI DI ALZHEIMER E ALLE LORO FAMIGLIE ore/mesi Costo unitario Costo Totale Assistenti Sociali 1 900/12 17, ,00 Assistenti Domiciliari / ,00 Medici volontari 2 0,00 Legale volontario 1 0, ,00 cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla 4.500,00 comunicazione, ecc. TOTALE ,00 Azione H3-3^ Annualità 4.050, , , ,00 H 3 AZIONE Riepilogo della Triennalità ASSISTENZA DOMICILIARE AI MALATI DI ALZHEIMER E ALLE LORO FAMIGLIE 187

15 ore/mesi Costo unitario Costo Totale Assistenti Sociali /36 17, ,00 Assistenti Domiciliari / ,00 Medici volontari 2 0,00 Legale volontario 1 0, ,00 cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla comunicazione, ecc ,00 TOTALE ,00 H 3 Ripartizione del costo triennale totale dell azione per fonte di finanziamento ASSISTENZA DOMICILIARE AI MALATI DI ALZHEIMER E ALLE LORO FAMIGLIE FNPS 3 per abitante Comp. utenti Cofinanziamento Totale 8.500, , , ,00 188

16 NUMERO AZIONE H 4 TITOLO AZIONE SOSTEGNO ECONOMICO E ASSISTENZA ABITATIVA AI DISABILI GRAVI DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Il servizio è rivolto ai malati ai soggetti portatori di grave handicap. Gli obiettivi del servizio sono: Assicurare un sostegno economico al portatore di grave handicap, in alternativa al servizio di Aiuto Domestico e al ricovero presso strutture residenziali, per consentirgli l autogestione del bisogno assistenziale. Assicurare un contributo economico a sostegno del pagamento del canone di locazione qualora tale intervento sia di maggiore utilità rispetto alla erogazione di servizi domiciliari o residenziali o comunque qualora si ravvisano necessità assistenziali non previsti nei servizi esistenti; Il servizio viene erogato, mediante l erogazione delle seguenti prestazioni: Contributo in denaro entro il limite massimo di un terzo della indennità di accompagnamento a sostegno del nucleo familiare dove è presente un portatore di grave handicap. Sulla base delle istanze presentate il contributo, di misura variabile, è erogato annualmente agli aventi diritto. Contributo diretto a far fronte al pagamento di una quota parte del canone di locazione. Il servizio viene erogato solo nel Comune di Ragusa. DEFINIZIONE DELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA E DELLE RISORSE RETE TERRITORIALE Comune di Ragusa MODALITA DI CONVOLGIMENTO Il servizio viene erogato sulla base degli accertamenti effettuati dal Servizio Sociale Professionale qualora se ne riscontri una maggiore efficacia rispetto al servizio di Aiuto Domestico LIVELLO DI INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA RISORSE NECESSARIE FIGURE PROFESSIONALI Tipologia A carico delle amministrazioni pubbliche coinvolte (Enti Locali, ASP (EX AUSL)), T.M., In convenzione Totale Scuole) Responsabile Amministrativo 1 1 Assistenti Sociali 1 1 TOTALE 2 2 SPECIFICA RAGIONATA SULLE MODALITÀ DI GESTIONE Diretta 189

17 AZIONE 1 ANNUALITA' H 4 SOSTEGNO ECONOMICO E ASSISTENZA ABITATIVA AI DISABILI GRAVI ore/mesi Costo unitario Costo Totale Contributo economico alle famiglie ,00 TOTALE ,00 Azione H4-1^ Annualità , ,00 AZIONE 2 ANNUALITA' H 4 SOSTEGNO ECONOMICO E ASSISTENZA ABITATIVA AI DISABILI GRAVI ore/mesi Costo unitario Costo Totale Contributo economico alle famiglie ,00 TOTALE ,00 Azione H4-2^ Annualità , ,00 190

18 AZIONE 3 ANNUALITA' H 4 SOSTEGNO ECONOMICO E ASSISTENZA ABITATIVA AI DISABILI GRAVI ore/mesi Costo unitario Costo Totale Contributo economico alle famiglie ,00 TOTALE ,00 Azione H4-3^ Annualità , ,00 AZIONE Riepilogo della Triennalità H 4 SOSTEGNO ECONOMICO E ASSISTENZA ABITATIVA AI DISABILI GRAVI Costo unitario ore/mesi Costo Totale Contributo economico alle famiglie ,00 TOTALE H 4 Ripartizione del costo triennale totale dell azione per fonte di finanziamento SOSTEGNO ECONOMICO E ASSISTENZA ABITATIVA AI DISABILI GRAVI , ,00 191

19 NUMERO AZIONE H 5 TITOLO AZIONE CENTRO DIURNO DISABILI FISICI, PSCHICI, SENSORIALI (Comune di Ragusa) DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Il Centro Diurno è una struttura semiresidenziale socio-educativa che accoglie disabili fisici, psichici e sensoriali senza limiti di età con grave compromissione dell autonomia personale. Il servizio si pone i seguenti obbiettivi: Realizzare un processo promozionale individualizzato atto a stimolare le capacità fisiche ed intellettive residue al fine di migliorare il livello interpersonale e l inserimento sociale ; Garantire interventi educativi individuali e di gruppo volti a favorire le abilità personali; Sostenere la famiglia nel compito di accudire ed educare il disabile sollevandola per alcune ore al giorno dalla gravosa incombenza dell accudimento; Contrastare processi di emarginazione e di esclusione sociale. Le attività del Centro Diurno ruotano intorno a tre ambiti specifici d intervento : Sociale Creativo Musico- terapico Il laboratorio sociale propone varie attività socializzanti con lo scopo di fare stimolare gli utenti attraverso esperienze volte a potenziare e valorizzare le capacità individuali al fine di potenziare l autonomia personale. Il laboratorio creativo stimola, attraverso l utilizzo di tecniche e materiali diversi, l inventiva degli utenti. Il laboratorio di musico-terapia utilizza un metodo dinamico riabilitativo che coinvolge gli utenti in un percorso di musica e suoni. L equipe del Centro, in collaborazione con il Servizio Sociale Professionale del Comune e con il psicologo e il psichiatra incaricati dell AUSL, predispone per ciascun soggetto un piano d intervento educativo abilitativo che tiene conto delle capacità residue del soggetto. Periodicamente l equipe responsabile del Centro verifica i Il servizio viene erogato solo nel Comune di Ragusa. DEFINIZIONE DELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA E DELLE RISORSE RETE TERRITORIALE Comune di Ragusa Centro Diurno CSR ASP (Servizio di psicologia dell AUSL n. 7. D.S.M.) MODALITA DI CONVOLGIMENTO Per l attuazione del servizio ed in particolare dei piani individuali di intervento è previsto un lavoro di rete che coinvolge i servizi e le istituzioni del territorio, tramite i quali, ciascuno per le proprie competenze e professionalità concorre alla attuazione degli interventi. LIVELLO DI INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA Sufficiente RISORSE NECESSARIE Struttura dotata di locali arredati ed articolata in spazi personali ( locali di appoggio al personale, servizi igienici) e spazi comuni (laboratori, sala da pranzo, segreteria, infermieria) 192

20 FIGURE PROFESSIONALI Tipologia A carico delle amministrazioni pubbliche coinvolte In (Enti Locali, ASP (EX AUSL), T.M., scuole) convenzione Totale Coordinatore Assistenti Sociali coordinatori Responsabile amministrativo 1 1 Educatore 1 1 Animatori 5 5 Musicoterapeuta 2 2 Maestro d arte 1 1 Autista 2 2 Infermiere professionale 2 2 Ausiliari 4 4 Psicologo 1 1 Psichiatra 2 2 SPECIFICA RAGIONATA SULLE MODALITÀ DI GESTIONE X - Indiretta/esternalizzata : Procedura negoziata previa pubblicazione del bando di gara ai sensi dell art. 56 del D. Lgs. 163/06; D.P.C.M. 30 Marzo

21 AZIONE 1 ANNUALITA' Azione H 5 CENTRO DIURNO DISABILI FISICI, PSCHICI, SENSORIALI Costo unitario Costo Totale ore/mesi Coordinatore 1 204/12 20, ,80 Assistenti Sociali /12 16, ,20 Educatore /12 15, ,28 Animatori /12 12, ,00 Musicoterapeuta /12 14, ,00 Maestro d arte /12 14, ,40 Ausiliari /12 11, ,72 Autisti /12 12, ,60 Infermieri professionale /12 16, , ,36 Servizio mensa - cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla ,08 comunicazione, ecc. TOTALE ,44 Azione H5 1^ Annualità , ,44 194

22 AZIONE 2 ANNUALITA' Azione H 5 CENTRO DIURNO DISABILI FISICI, PSCHICI, SENSORIALI Costo unitario Costo Totale ore/mesi Coordinatore 1 204/12 20, ,80 Assistenti Sociali /12 16, ,20 Educatore /12 15, ,28 Animatori /12 12, ,00 Musicoterapeuta /12 14, ,00 Maestro d arte /12 14, ,40 Ausiliari /12 11, ,72 Autisti /12 12, ,60 Infermieri professionale /12 16, , ,36 Servizio mensa - cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla ,08 comunicazione, ecc. TOTALE ,44 Azione H5 2^ Annualità , ,44 195

23 AZIONE 3 ANNUALITA' Azione H 5 CENTRO DIURNO DISABILI FISICI, PSCHICI, SENSORIALI Costo unitario Costo Totale ore/mesi Coordinatore 1 204/12 20, ,80 Assistenti Sociali /12 16, ,20 Educatore /12 15, ,28 Animatori /12 12, ,00 Musicoterapeuta /12 14, ,00 Maestro d arte /12 14, ,40 Ausiliari /12 11, ,72 Autisti /12 12, ,60 Infermieri professionale /12 16, , ,36 Servizio mensa - cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla ,08 comunicazione, ecc. TOTALE ,44 Azione H5 3^ Annualità , ,44 196

24 Azione H 5 AZIONE Riepilogo della Triennalità CENTRO DIURNO DISABILI FISICI, PSCHICI, SENSORIALI Costo unitario ore/mesi Costo Totale Coordinatore 1 612/36 20, ,40 Assistenti Sociali /36 16, ,60 Educatore /36 15, ,84 Animatori /36 12, ,00 Musicoterapeuta /36 14, ,00 Maestro d arte /36 14, ,20 Ausiliari /36 11, ,16 Autisti /36 12, ,80 Infermieri professionale /36 16, , ,08 Servizio mensa - cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla ,24 comunicazione, ecc TOTALE ,32 Azione H 5 - Ripartizione del costo triennale totale dell azione per fonte di finanziamento CENTRO DIURNO DISABILI FISICI, PSCHICI, SENSORIALI , ,32 197

25 NUMERO AZIONE H 6 TITOLO AZIONE CENTRO DIURNO DISABILI INTELLETTIVI E RELAZIONALI (Comune di Ragusa) DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Il Centro Diurno è una struttura semiresidenziale socio-educativa che accoglie disabili intellettivi e relazionali di età compresa tra i 10 e i 50 anni. Il servizio si pone i seguenti obbiettivi: Realizzare un processo promozionale individualizzato atto a stimolare le capacità fisiche ed intellettive residue al fine di migliorare le capacità relazionali favorendo un maggiore inserimento sociale ; Garantire interventi educativi individuali e di gruppo volti a favorire le abilità personali; Sostenere la famiglia nel compito di accudire ed educare il disabile sollevandola per alcune ore al giorno dalla gravosa incombenza dell accudimento; Contrastare processi di emarginazione e di esclusione sociale. Nel Centro Diurno sono svolte le seguenti attività finalizzate alla socializzazione e all acquisizione dell autonomia da parte dei soggetti assistiti : Alfabetizzazione Alfabetizzazione informatica Psico motricità Animazione musicale Musicoterapica Danzaterapia Attività manuali ed artigianali Animazione socio culturale Laboratorio teatrale integrato Attività sportiva Visite guidate Per ciascun soggetto disabile viene predisposto un piano d intervento educativo-abilitativo che tenga conto delle diverse abilità possedute dal soggetto. Il Piano d intervento viene predisposto dagli operatori del Centro Diurno ciascuno secondo le proprie competenze e professionalità. Alla predisposizione dello stesso potranno concorrere lo psicologo e lo psichiatra dell AUSL di appartenenza. Il piano d intervento è soggetto a verifiche periodiche con la supervisione di un pedagogista esterno. Il servizio viene erogato solo nel Comune di Ragusa. DEFINIZIONE DELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA E DELLE RISORSE RETE TERRITORIALE -Comune di Ragusa -Centro Diurno -ASP (Serv. Psicologia) -Professionista esterno MODALITA DI CONVOLGIMENTO Per l attuazione del servizio ed in particolare dei piani individuali di intervento è previsto un lavoro di rete che coinvolge i servizi e le istituzioni del territorio, tramite i quali, ciascuno per le proprie competenze e professionalità concorre alla attuazione degli interventi. LIVELLO DI INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA Sufficiente RISORSE NECESSARIE Struttura dotata di locali arredati ed articolata in spazi personali (locali di appoggio al personale, servizi igienici) e spazi comuni (laboratori, sala pranzo, segreteria, sala riunioni, infermieria) 198

26 FIGURE PROFESSIONALI Tipologia A carico delle amministrazioni pubbliche coinvolte (Enti Locali, ASP (EX AUSL)), T.M., Scuole) In convenzione Totale Direttore di struttura e Responsabile amministrativo 1 1 Assistenti Sociali Educatore 1 1 Musicoterapeuta 1 1 Insegnante isef 2 2 Insegnante di sostegno 1 1 Ceramista 3 3 Autista 2 2 Infermiere professionale 1 1 Animatore socio-culturali 4 4 Operatori Osa 2 2 Assistenti igienico personali 2 2 Assistenti al trasporto 2 2 Ausiliari 2 2 Amministrativo 1 1 Professionista supervisore esterno 1 1 Responsabile amministrativo 1 1 Psicologo 1 1 Psichiatra 1 1 SPECIFICA RAGIONATA SULLE MODALITÀ DI GESTIONE X - Indiretta/esternalizzata : Procedura negoziata previa pubblicazione del bando di gara ai sensi dell art. 56 del D. Lgs. 163/06; D.P.C.M. 30 Marzo

27 AZIONE 1 ANNUALITA' H 6 CENTRO DIURNO DISABILI INTELLETTIVI E RELAZIONALI Costo unitario Costo Totale ore/mesi Direttore di struttura 1 840/12 20, ,00 Assistenti Sociali /12 17, ,60 Educatore 1 360/12 15, ,80 Musicoterapeuta 1 720/12 15, ,60 Insegnante isef /12 15, ,40 Insegnante di sostegno 1 720/12 14, ,40 Ceramista /12 16, ,00 Autista /12 14, ,00 Infermiere professionale 1 840/12 15, ,20 Animatore socio-culturali /12 14, ,00 Operatori Osa /12 14, ,80 Assistenti igienico personali /12 15, ,60 Assistenti al trasporto /12 13, ,00 Ausiliari /12 11, ,40 Amministrativo 1 660/12 14, ,80 Professionista supervisore esterno 1 192/12 20, , ,60 cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla comunicazione, ecc ,57 TOTALE ,17 Azione H 6 1^ Annualità , ,17 200

28 AZIONE 2 ANNUALITA' H 6 CENTRO DIURNO DISABILI INTELLETTIVI E RELAZIONALI Costo unitario Costo Totale ore/mesi Direttore di struttura 1 840/12 20, ,00 Assistenti Sociali /12 17, ,60 Educatore 1 360/12 15, ,80 Musicoterapeuta 1 720/12 15, ,60 Insegnante isef /12 15, ,40 Insegnante di sostegno 1 720/12 14, ,40 Ceramista /12 16, ,00 Autista /12 14, ,00 Infermiere professionale 1 840/12 15, ,20 Animatore socio-culturali /12 14, ,00 Operatori Osa /12 14, ,80 Assistenti igienico personali /12 15, ,60 Assistenti al trasporto /12 13, ,00 Ausiliari /12 11, ,40 Amministrativo 1 660/12 14, ,80 Professionista supervisore esterno 1 192/12 20, , ,60 cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla comunicazione, ecc ,57 TOTALE ,17 Azione H 6 2^ Annualità , ,17 201

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

ENTE SERVIZIO CIVILE DON ORIONE NZ00051

ENTE SERVIZIO CIVILE DON ORIONE NZ00051 ENTE SERVIZIO CIVILE DON ORIONE NZ00051 SCHEDA PROGETTO SEDE OPERATIVA ROMA (RM) CENTRO DON ORIONE MONTE MARIO CODICE SEDE 98090 SETTORE ASSISTENZA 06 DISABILI [ TITOLO PROGETTO Riabitare il mondo Ente

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Sono Rosalba, socio-volontaria

Sono Rosalba, socio-volontaria PRIMAVERA 86 E PROGETTO CSERDI Rosalba Mancinelli Socia fondatrice e consigliere di amministrazione dell Organizzazione di volontariato Primavera 86. Pedagogista e insegnante Sono Rosalba, socio-volontaria

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI CORATO 2) Codice di accreditamento: NZ01262 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 60 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 56 suppl. del 22 04 2015 REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 Regolamento regionale Presidi territoriali di recupero e riabilitazione funzionale dei

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera di Giunta - N.ro 1999/1378 - approvato il 26/7/1999 Oggetto: DIRETTIVA PER L' INTEGRAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI E SANITARIE ED A RILIEVO SANITARIO A FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITI

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. COMUNE DI CATTOLICA cod. NZ 02255

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. COMUNE DI CATTOLICA cod. NZ 02255 (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI MISANO ADRIATICO (Capofila) COMUNE DI CATTOLICA COMUNE DI BELLARIA-IGEA

Dettagli

Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali. (Allegato alla Carta dei Servizi)

Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali. (Allegato alla Carta dei Servizi) Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali (Allegato alla Carta dei Servizi) REGOLAMENTO INTERNO RSA ************* TITOLO 1 OGGETTO, FINALITA, CARATTERISTICHE Art. 1 OGGETTO Il presente regolamento

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE 1. GENERALITÁ Il Glossario delle Funzioni l settore sociale descrive i servizi associati alle Funzioni l settore sociale, definiti ed identificati sulla base

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013

BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 2013 BILANCIO SOCIALE COOPERATIVA SOCIALE ITAL ENFERM LOMBARDIA ONLUS 31/12/2013 1. Premessa 1.1 Lettera agli stakeholder 1.2 Metodologia 2. Identità dell organizzazione 2.1 Informazioni generali 2.2 Attività

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Approvato con. D.C.C. n.17/2008

Approvato con. D.C.C. n.17/2008 Approvato con. D.C.C. n.17/2008 REGOLAMENTO UNICO PER L ACCESSO AL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIO -ASSISTENZIALI E PER LA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI E DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO PREMESSA Nelle finalità del progetto riabilitativo complessivo dell

Dettagli

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale Da riportare su carta intestata Mod. 1 sez A Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI ENTI DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO 14 PER

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA EROGATI DAL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI DELL AMBITO DISTRETTUALE URBANO

Dettagli

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE 6032 6/7/2012 Identificativo Atto n. 248 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA SPERIMENTAZIONE DEL NUOVO MODELLO DI VALUTAZIONE DEL

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

2 La residenzialità per anziani non autosufficienti

2 La residenzialità per anziani non autosufficienti LE POLITICHE SOCIO-SANITARIE. PARTE PRIMA. I SERVIZI PER LE PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI 2 La residenzialità per anziani non autosufficienti L invecchiamento della popolazione e il progressivo diffondersi

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Erogazione di altri benefici

Erogazione di altri benefici N. Operazione Esecutore Note/moduli/ attrezzature connessi alla borsa di studio borsa servizi 1 Mobilità Internazionale: Il bando di concorso per la borsa di studio prevede che l Azienda conceda integrazioni

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI CASARANO PROVINCIA di LECCE Assessorato alle Politiche Sociali ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE SOCIO SANITARIE E SOCIALI (DGR n. 84 del 16/01/2007)

CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE SOCIO SANITARIE E SOCIALI (DGR n. 84 del 16/01/2007) I SUPPORTO ALLA FAMIGLIA - PRIMA INFANZIA (AS- NI 502/92 maternoinfantile con strutture a ciclo diurno ALO NIO Servizi sociali e strutture sociali, a ciclo residenziale e semiresidenziale, a gestione pubblica

Dettagli

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari LA PROGRAMMAZIONE REGIONALE IN TEMA DI CURE DOMICILIARI E ANALISI DEL DECRETO COMMISSARIALE N. 1/2013 Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari Annalisa

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

VILLA FRANCIA CASA DI RIPOSO CON REPARTO PROTETTO

VILLA FRANCIA CASA DI RIPOSO CON REPARTO PROTETTO Distretto Di Casalecchio Di Reno CASA DI RIPOSO CON REPARTO PROTETTO Carta dei Servizi Il testo della Carta dei servizi è stato condiviso dal Gruppo Tecnico costituito ai sensi della L.R. 377/2004, istituito

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO CIRCOLARE REGIONALE del 15/01/2014 - N 1 OGGETTO: PRIME INDICAZIONI ATTUATIVE DELLA DGR N. 1185/2013 CON SPECIFICO RIFERIMENTO ALLE DGR

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

p e r i l c u r r i c u l u m

p e r i l c u r r i c u l u m F o r m a t o e u r o p e o p e r i l c u r r i c u l u m v i t a e Informazioni personali Nome Indirizzo Ferraina Caterina Rosaria Località Feudotto compl. AZUR Vibo Valentia Telefono 0963.94428 328/2888930

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli