Piano di Zona AREA DISABILI CODICE - H -

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano di Zona 2010-2012 AREA DISABILI CODICE - H -"

Transcript

1 AREA DISABILI CODICE - H - COD AZIONE PAG. H 1 AIUTO DOMESTICO AI DISABILI GRAVI 175 H 2 ASSISTENZA DOMICILIARE AI MALATI ONCOLOGICI 180 H 3 ASSISTENZA DOMICILIARE AI MALATI DI ALZHEIMER E ALLE LORO 184 FAMIGLIE H 4 SOSTEGNO ECONOMICO E ASSISTENZA ABITATIVA AI DISABILI GRAVI 189 H 5 CENTRO DIURNO DISABILI FISICI, PSICHICI E SENSORIALI 192 H 6 CENTRO DIURNO DISABILI INTELLETTVI E RELAZIONALI 198 H 7 CENTRO SOCIO RICREATIVO PER DISABILI PSICHICI 204 H 8 OCCHI NEL CUORE - CENTRO SOCIO RICREATIVO PER DISABILI 209 H 9 CENTRO H - SOCIO RICREATIVO - PER DISABILI 214 H 10 TRASPORTO DISABILI PRESSO CENTRI DI RIABILITAZIONE 219 H 11 ASSISTENZA MINORATI UDITO E PAROLA 224 H ASSISTENZA SPECIALISTICA, DI BASE E TRASPORTO PER DISABILI SCOLARIZZATI 174

2 NUMERO AZIONE H 1 TITOLO AZIONE AIUTO DOMESTICO AI DISABILI GRAVI 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Il servizio è rivolto a persone disabili e alle loro famiglie. Gli obiettivi del servizio sono: Fornire le prestazioni domiciliari previste da piano di intervento personalizzato, formulato sulla base del fabbisogno assistenziale dell assistito; Consentire al disabile grave la permanenza nel nucleo familiare e nel contesto sociale di appartenenza, al fine di evitare e/o contenere processi emarginanti e di istituzionalizzazione e di migliorarne la qualità della vita; Garantire attraverso l erogazione del servizio domiciliare interventi volti a sollevare il caregiver dal gravoso compito di assistere i familiari non autonomi. Le prestazioni che vengono erogate a domicilio sono diversificate, formalizzate sulla base del fabbisogno assistenziale con indicazioni specifiche sulla tipologia e durata: mobilizzazione del soggetto allettato; sollevamento dal letto e vestizione; pulizia personale ed aiuto per il bagno; sistemazione su sedia a rotelle; aiuto motorio per un minimo di deambulazione e per il compimento di esercizi fisici elementari idonei a migliorare l autosufficienza; preparazione di un pasto caldo a domicilio e relativo imboccamento per i disabili che siano totalmente privi di supporto familiare. La cooperativa sulla base delle indicazioni del servizio sociale comunale, eroga le prestazioni indicate nel piano individualizzato di intervento. Il servizio sociale verifica periodicamente le modalità di attuazione del servizio o la necessità di apportare eventuali modifiche al piano, tenuto conto delle nuove esigenze dell assistito. Tra le azioni di sistema il Distretto 44 ha adottato il Patto di Accreditamento per disciplinare il rapporto tra le Amministrazioni Comunali e i soggetti accreditati all Albo Distrettuale, per l erogazione del servizio. Il servizio viene erogato nei Comuni di Ragusa, Chiaramonte Gulfi e Santa Croce Camerina. DEFINIZIONE DELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA E DELLE RISORSE RETE TERRITORIALE (soggetti pubblici e privati coinvolti) Comuni di Ragusa, Chiaramonte Gulfi, Santa Croce Camerina Soggetti del terzo settore (cooperazione sociale). MODALITA DI COINVOLGIMENTO Il servizio è erogato dalle cooperative accreditate sulla base del piano d intervento individualizzato formulato dal S.S. del Comune. LIVELLO DI INTEGRAZIONE SOCIO- SANITARIA INSUFFICIENTE x SUFFICIENTE DISCRETO ECCELLENTE RISORSE NECESSARIE Il funzionamento del servizio richiede le seguenti risorse: 1) Una sede per il coordinamento delle 175

3 attività. 2) Automezzi FIGURE PROFESSIONALI Tipologia A carico delle amministrazioni pubbliche coinvolte (Enti Locali, ASP (EX ASP (EX AUSL)), T.M., Scuole ) In convenzione Totale Assistenti Sociali Assistenti Domiciliari SPECIFICA RAGIONATA SULLE MODALITÀ DI GESTIONE Esternalizzata mediante il sistema dell accreditamento: Il servizio viene erogato da cooperative regolarmente accreditate all Albo distrettuale delle cooperative sociali. AZIONE 1 ANNUALITA' Azione H 1 AIUTO DOMESTICO AI DISABILI GRAVI ore/mesi Costo unitario Costo Totale Assistenti Sociali / ,00 Assistenti Domiciliari / , ,00 cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla comunicazione, IVA, ecc.) ,00 TOTALE ,00 Azione H 1 1^ Annualità FNPS Cofinanziamento Totale 3 per abitante Comp. utenti 6.000, , , ,00 176

4 AZIONE 2 ANNUALITA' Azione H 1 AIUTO DOMESTICO AI DISABILI GRAVI ore/mesi Costo unitario Costo Totale Assistenti Sociali / ,00 Assistenti Domiciliari / , ,00 cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla comunicazione, IVA, ecc.) ,00 TOTALE ,00 Azione H1-2^ Annualità FNPS 3 per abitante Comp. utenti Cofinanziamento Totale , , , ,00 177

5 AZIONE 3 ANNUALITA' Azione H 1 AIUTO DOMESTICO AI DISABILI GRAVI Ore/mesi Costo unitario Costo Totale Assistenti Sociali / ,00 Assistenti Domiciliari / , ,00 cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla comunicazione, IVA, ecc.) ,00 TOTALE ,00 Azione H1-3^ Annualità FNPS 3 per abitante Comp. utenti Cofinanziamento Totale , , , ,00 178

6 Azione H 1 AZIONE Riepilogo della Triennalità AIUTO DOMESTICO AI DISABILI GRAVI Costo unitario ore/mesi Costo Totale Assistenti Sociali / ,00 Assistenti Domiciliari / , ,00 cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla comunicazione, IVA, ecc ,00 TOTALE ,00 Ripartizione del costo triennale totale dell azione per fonte di finanziamento Azione H 1 AIUTO DOMESTICO AI DISABILI GRAVI , , , ,00 179

7 NUMERO AZIONE H 2 TITOLO AZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA MALATI ONCOLOGICI 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Il servizio è rivolto a malati oncologici terminali. Gli obiettivi del servizio sono: Fornire le prestazioni domiciliari previste dal piano di intervento personalizzato formulato dall associazione Samot in collaborazione con il medico curante. Assicurare al malato la permanenza nel nucleo familiare di appartenenza attraverso l erogazione di prestazioni socio-sanitarie e di supporto psicologico; Colmare il vuoto clinico psicologico e sociale in riferimento alle influenze della malattia sull assistito nonché sui familiari; Garantire attraverso l erogazione del servizio domiciliare interventi volti a sollevare il care giver dal gravoso compito di assistere i familiari non più autonomi. Il piano di intervento personalizzato prevede l erogazione di prestazioni socio-sanitarie e psicologiche diversificate sulla base del fabbisogno assistenziale con l indicazioni della frequenza e della durata. Le prestazioni previste sono: Acquisto alimenti; Riordino ambiente: Igiene e cura della persona; Lavanderia Disbrigo pratiche; Sostegno psico-sociale; Assistenza specialistica di medici esperti nelle cure palliative e del dolore; Assistenza infermieristica; Riabilitazione psico-motoria; Assistenza psicologica. Il servizio è organizzato in modo destrutturato ed erogato direttamente al domicilio dell utente. L intervento è organizzato dall equipe responsabile presso la sede dell associazione. I componenti l equipe, durante incontri settimanali, verificheranno la rispondenza tra le prestazioni erogate e le reali esigenze degli assistiti, valuteranno inoltre l ammissione di nuovi utenti. Il servizio sociale professionale svolge periodicamente un azione di monitoraggio sul servizio. DEFINIZIONE DELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA E DELLE RISORSE RETE TERRITORIALE (soggetti pubblici E privati coinvolti) MODALITA DI COINVOLGIMENTO LIVELLO DI INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA RISORSE NECESSARIE 180

8 Medico di base; Azienda Ospedaliera; Comune di Ragusa; Associazione Samot; La Samot nella erogazione delle prestazioni collabora con il medico di base Informando il S.S del Comune per quanto concerne le prestazioni sociali erogate. X INSUFFICIENTE SUFFICIENTE DISCRETO ECCELLENTE Il funzionamento del servizio richiede le seguenti risorse: -Una sede per il coordinamento delle attività. -Automezzi FIGURE PROFESSIONALI Tipologia A carico delle amministrazioni pubbliche coinvolte (Enti Locali, ASP (EX AUSL)), T.M., Scuole) In convenzione Totale Assistenti Sociali Assistenti Domiciliari 2 2 Infermieri a carico ASP Medici a carico ASP Fisioterapista a carico ASP Psicologo volontario Responsabile amministrativo 1 1 SPECIFICA RAGIONATA SULLE MODALITÀ DI GESTIONE Convenzione ex art. 20 L.R. n. 22/86 AZIONE 1 ANNUALITA' Azione H 2 ASSISTENZA DOMICILIARE AI MALATI ONCOLOGICI ore/mesi Costo unitario Costo Totale Assistenti Sociali 1 720/ ,00 Assistenti Domiciliari / , ,00 cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla comunicazione TOTALE ,00 Azione H2-1^ Annualità , ,00 181

9 AZIONE 2^ ANNUALITA' Azione H 2 ASSISTENZA DOMICILIARE AI MALATI ONCOLOGICI ore/mesi Costo unitario Costo Totale Assistenti Sociali 1 720/ ,00 Assistenti Domiciliari / , ,00 cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla comunicazione TOTALE ,00 Azione H2-2^ Annualità , ,00 AZIONE 3^ ANNUALITA' Azione H 2 ASSISTENZA DOMICILIARE AI MALATI ONCOLOGICI Ore/mesi Costo unitario Costo Totale Assistenti Sociali 1 720/ ,00 Assistenti Domiciliari / , ,00 cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla comunicazione TOTALE ,00 Azione H2-3^ Annualità , ,00 182

10 Azione H 2 AZIONE Riepilogo della Triennalità ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA AI MALATI ONCOLOGICI Costo unitario ore/mesi Costo Totale Assistenti Sociali / ,00 Assistenti Domiciliari / , ,00 cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla ,00 comunicazione, ecc. TOTALE ,00 Azione H 2 Ripartizione del costo triennale totale dell azione per fonte di finanziamento ASSISTENZA DOMICILIARE AI MALATI ONCOLOGICI , ,00 183

11 NUMERO AZIONE H 3 TITOLO AZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE MALATI DI ALZHEIMER E ALLE LORO FAMIGLIE DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Il servizio è rivolto ai malati di Alzheimer e alle loro famiglie. Gli obiettivi del servizio sono: Fornire le prestazioni domiciliari previste dal piano di intervento personalizzato formulato dall associazione Alzheimer in collaborazione con il S.S.P. del Comune. Assicurare al malato la permanenza nel nucleo familiare di appartenenza attraverso l erogazione di prestazioni socio-sanitarie e di supporto psicologico alla famiglia; Garantire attraverso l erogazione del servizio domiciliare interventi volti a sollevare il care-giver dal gravoso compito di assistere il familiare non autosufficiente. Il piano di intervento personalizzato prevede l erogazione di prestazioni socio-sanitarie e psicologiche diversificate sulla base del fabbisogno assistenziale con l indicazioni della frequenza e della durata. Le prestazioni previste sono: Acquisto alimenti; Preparazione pasti; Riordino ambiente: Igiene e cura della persona; Lavanderia Disbrigo pratiche; Accompagnamento; Sostegno psico-sociale; Assistenza specialistica di medici volontari dell associazione, esperti nella cura dei malati di Alzheimer; Assistenza psicologica ai familiari Consulenza di un legale volontario dell associazione Il servizio è organizzato in modo destrutturato ed erogato direttamente al domicilio dell utente. L intervento è coordinato dall equipe responsabile presso la sede dell associazione. I componenti l equipe, durante incontri settimanali, verificheranno la rispondenza tra le prestazioni erogate e le reali esigenze degli assistiti, valuteranno inoltre l ammissione di nuovi utenti. Il servizio sociale professionale svolge periodicamente un azione di monitoraggio sul servizio. DEFINIZIONE DELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA E DELLE RISORSE RETE TERRITORIALE -Associazione Alzheimer Iblea -Comuni del Distretto -Medico di base MODALITA DI CONVOLGIMENTO L associazione Alzheimer nella erogazione delle prestazioni collabora con il medico di base Informando il Servizio Sociale dei Comuni per quanto concerne le prestazioni sociali. LIVELLO DI INTEGRAZIONE SOCIO- SANITARIA X INSUFFICIENTE SUFFICIENTE DISCRETO ECCELLENTE RISORSE NECESSARIE Il funzionamento del servizio richiede le seguenti risorse: -Una sede per il coordinamento delle attività. -Automezzi 184

12 FIGURE PROFESSIONALI Tipologia A carico delle amministrazioni pubbliche coinvolte (Enti Locali, ASP (EX AUSL), T.M., Scuole) In convenzione Totale Assistenti Sociali Assistenti Domiciliari 2 2 Medici volontari 2 (volontari) 2 Legale volontario 1 (volontario) 1 Responsabile amministrativo 1 1 SPECIFICA RAGIONATA SULLE MODALITÀ DI GESTIONE Convenzione ex art. 20 L.R. n. 22/86 AZIONE 1 ANNUALITA' Azione H 3 - ASSISTENZA DOMICILIARE MALATI DI ALZHEIMER E ALLE LORO FAMIGLIE ore/mesi Costo unitario Costo Totale Assistenti Sociali 1 900/12 17, ,00 Assistenti Domiciliari / ,00 Medici volontari 2 0,00 Legale volontario 1 0, ,00 cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla 4.500,00 comunicazione, ecc. TOTALE ,00 Azione H3-1^ Annualità 400, , ,00 185

13 AZIONE 2 ANNUALITA' Azione H 3 - ASSISTENZA DOMICILIARE MALATI DI ALZHEIMER E ALLE LORO FAMIGLIE ore/mesi Costo unitario Costo Totale Assistenti Sociali 1 900/12 17, ,00 Assistenti Domiciliari / ,00 Medici volontari 2 0,00 Legale volontario 1 0, ,00 cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla 4.500,00 comunicazione, ecc. TOTALE ,00 Azione H3-2^ Annualità 4.050, , , ,00 186

14 AZIONE 3 ANNUALITA' Azione H 3 ASSISTENZA DOMICILIARE MALATI DI ALZHEIMER E ALLE LORO FAMIGLIE ore/mesi Costo unitario Costo Totale Assistenti Sociali 1 900/12 17, ,00 Assistenti Domiciliari / ,00 Medici volontari 2 0,00 Legale volontario 1 0, ,00 cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla 4.500,00 comunicazione, ecc. TOTALE ,00 Azione H3-3^ Annualità 4.050, , , ,00 H 3 AZIONE Riepilogo della Triennalità ASSISTENZA DOMICILIARE AI MALATI DI ALZHEIMER E ALLE LORO FAMIGLIE 187

15 ore/mesi Costo unitario Costo Totale Assistenti Sociali /36 17, ,00 Assistenti Domiciliari / ,00 Medici volontari 2 0,00 Legale volontario 1 0, ,00 cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla comunicazione, ecc ,00 TOTALE ,00 H 3 Ripartizione del costo triennale totale dell azione per fonte di finanziamento ASSISTENZA DOMICILIARE AI MALATI DI ALZHEIMER E ALLE LORO FAMIGLIE FNPS 3 per abitante Comp. utenti Cofinanziamento Totale 8.500, , , ,00 188

16 NUMERO AZIONE H 4 TITOLO AZIONE SOSTEGNO ECONOMICO E ASSISTENZA ABITATIVA AI DISABILI GRAVI DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Il servizio è rivolto ai malati ai soggetti portatori di grave handicap. Gli obiettivi del servizio sono: Assicurare un sostegno economico al portatore di grave handicap, in alternativa al servizio di Aiuto Domestico e al ricovero presso strutture residenziali, per consentirgli l autogestione del bisogno assistenziale. Assicurare un contributo economico a sostegno del pagamento del canone di locazione qualora tale intervento sia di maggiore utilità rispetto alla erogazione di servizi domiciliari o residenziali o comunque qualora si ravvisano necessità assistenziali non previsti nei servizi esistenti; Il servizio viene erogato, mediante l erogazione delle seguenti prestazioni: Contributo in denaro entro il limite massimo di un terzo della indennità di accompagnamento a sostegno del nucleo familiare dove è presente un portatore di grave handicap. Sulla base delle istanze presentate il contributo, di misura variabile, è erogato annualmente agli aventi diritto. Contributo diretto a far fronte al pagamento di una quota parte del canone di locazione. Il servizio viene erogato solo nel Comune di Ragusa. DEFINIZIONE DELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA E DELLE RISORSE RETE TERRITORIALE Comune di Ragusa MODALITA DI CONVOLGIMENTO Il servizio viene erogato sulla base degli accertamenti effettuati dal Servizio Sociale Professionale qualora se ne riscontri una maggiore efficacia rispetto al servizio di Aiuto Domestico LIVELLO DI INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA RISORSE NECESSARIE FIGURE PROFESSIONALI Tipologia A carico delle amministrazioni pubbliche coinvolte (Enti Locali, ASP (EX AUSL)), T.M., In convenzione Totale Scuole) Responsabile Amministrativo 1 1 Assistenti Sociali 1 1 TOTALE 2 2 SPECIFICA RAGIONATA SULLE MODALITÀ DI GESTIONE Diretta 189

17 AZIONE 1 ANNUALITA' H 4 SOSTEGNO ECONOMICO E ASSISTENZA ABITATIVA AI DISABILI GRAVI ore/mesi Costo unitario Costo Totale Contributo economico alle famiglie ,00 TOTALE ,00 Azione H4-1^ Annualità , ,00 AZIONE 2 ANNUALITA' H 4 SOSTEGNO ECONOMICO E ASSISTENZA ABITATIVA AI DISABILI GRAVI ore/mesi Costo unitario Costo Totale Contributo economico alle famiglie ,00 TOTALE ,00 Azione H4-2^ Annualità , ,00 190

18 AZIONE 3 ANNUALITA' H 4 SOSTEGNO ECONOMICO E ASSISTENZA ABITATIVA AI DISABILI GRAVI ore/mesi Costo unitario Costo Totale Contributo economico alle famiglie ,00 TOTALE ,00 Azione H4-3^ Annualità , ,00 AZIONE Riepilogo della Triennalità H 4 SOSTEGNO ECONOMICO E ASSISTENZA ABITATIVA AI DISABILI GRAVI Costo unitario ore/mesi Costo Totale Contributo economico alle famiglie ,00 TOTALE H 4 Ripartizione del costo triennale totale dell azione per fonte di finanziamento SOSTEGNO ECONOMICO E ASSISTENZA ABITATIVA AI DISABILI GRAVI , ,00 191

19 NUMERO AZIONE H 5 TITOLO AZIONE CENTRO DIURNO DISABILI FISICI, PSCHICI, SENSORIALI (Comune di Ragusa) DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Il Centro Diurno è una struttura semiresidenziale socio-educativa che accoglie disabili fisici, psichici e sensoriali senza limiti di età con grave compromissione dell autonomia personale. Il servizio si pone i seguenti obbiettivi: Realizzare un processo promozionale individualizzato atto a stimolare le capacità fisiche ed intellettive residue al fine di migliorare il livello interpersonale e l inserimento sociale ; Garantire interventi educativi individuali e di gruppo volti a favorire le abilità personali; Sostenere la famiglia nel compito di accudire ed educare il disabile sollevandola per alcune ore al giorno dalla gravosa incombenza dell accudimento; Contrastare processi di emarginazione e di esclusione sociale. Le attività del Centro Diurno ruotano intorno a tre ambiti specifici d intervento : Sociale Creativo Musico- terapico Il laboratorio sociale propone varie attività socializzanti con lo scopo di fare stimolare gli utenti attraverso esperienze volte a potenziare e valorizzare le capacità individuali al fine di potenziare l autonomia personale. Il laboratorio creativo stimola, attraverso l utilizzo di tecniche e materiali diversi, l inventiva degli utenti. Il laboratorio di musico-terapia utilizza un metodo dinamico riabilitativo che coinvolge gli utenti in un percorso di musica e suoni. L equipe del Centro, in collaborazione con il Servizio Sociale Professionale del Comune e con il psicologo e il psichiatra incaricati dell AUSL, predispone per ciascun soggetto un piano d intervento educativo abilitativo che tiene conto delle capacità residue del soggetto. Periodicamente l equipe responsabile del Centro verifica i Il servizio viene erogato solo nel Comune di Ragusa. DEFINIZIONE DELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA E DELLE RISORSE RETE TERRITORIALE Comune di Ragusa Centro Diurno CSR ASP (Servizio di psicologia dell AUSL n. 7. D.S.M.) MODALITA DI CONVOLGIMENTO Per l attuazione del servizio ed in particolare dei piani individuali di intervento è previsto un lavoro di rete che coinvolge i servizi e le istituzioni del territorio, tramite i quali, ciascuno per le proprie competenze e professionalità concorre alla attuazione degli interventi. LIVELLO DI INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA Sufficiente RISORSE NECESSARIE Struttura dotata di locali arredati ed articolata in spazi personali ( locali di appoggio al personale, servizi igienici) e spazi comuni (laboratori, sala da pranzo, segreteria, infermieria) 192

20 FIGURE PROFESSIONALI Tipologia A carico delle amministrazioni pubbliche coinvolte In (Enti Locali, ASP (EX AUSL), T.M., scuole) convenzione Totale Coordinatore Assistenti Sociali coordinatori Responsabile amministrativo 1 1 Educatore 1 1 Animatori 5 5 Musicoterapeuta 2 2 Maestro d arte 1 1 Autista 2 2 Infermiere professionale 2 2 Ausiliari 4 4 Psicologo 1 1 Psichiatra 2 2 SPECIFICA RAGIONATA SULLE MODALITÀ DI GESTIONE X - Indiretta/esternalizzata : Procedura negoziata previa pubblicazione del bando di gara ai sensi dell art. 56 del D. Lgs. 163/06; D.P.C.M. 30 Marzo

21 AZIONE 1 ANNUALITA' Azione H 5 CENTRO DIURNO DISABILI FISICI, PSCHICI, SENSORIALI Costo unitario Costo Totale ore/mesi Coordinatore 1 204/12 20, ,80 Assistenti Sociali /12 16, ,20 Educatore /12 15, ,28 Animatori /12 12, ,00 Musicoterapeuta /12 14, ,00 Maestro d arte /12 14, ,40 Ausiliari /12 11, ,72 Autisti /12 12, ,60 Infermieri professionale /12 16, , ,36 Servizio mensa - cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla ,08 comunicazione, ecc. TOTALE ,44 Azione H5 1^ Annualità , ,44 194

22 AZIONE 2 ANNUALITA' Azione H 5 CENTRO DIURNO DISABILI FISICI, PSCHICI, SENSORIALI Costo unitario Costo Totale ore/mesi Coordinatore 1 204/12 20, ,80 Assistenti Sociali /12 16, ,20 Educatore /12 15, ,28 Animatori /12 12, ,00 Musicoterapeuta /12 14, ,00 Maestro d arte /12 14, ,40 Ausiliari /12 11, ,72 Autisti /12 12, ,60 Infermieri professionale /12 16, , ,36 Servizio mensa - cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla ,08 comunicazione, ecc. TOTALE ,44 Azione H5 2^ Annualità , ,44 195

23 AZIONE 3 ANNUALITA' Azione H 5 CENTRO DIURNO DISABILI FISICI, PSCHICI, SENSORIALI Costo unitario Costo Totale ore/mesi Coordinatore 1 204/12 20, ,80 Assistenti Sociali /12 16, ,20 Educatore /12 15, ,28 Animatori /12 12, ,00 Musicoterapeuta /12 14, ,00 Maestro d arte /12 14, ,40 Ausiliari /12 11, ,72 Autisti /12 12, ,60 Infermieri professionale /12 16, , ,36 Servizio mensa - cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla ,08 comunicazione, ecc. TOTALE ,44 Azione H5 3^ Annualità , ,44 196

24 Azione H 5 AZIONE Riepilogo della Triennalità CENTRO DIURNO DISABILI FISICI, PSCHICI, SENSORIALI Costo unitario ore/mesi Costo Totale Coordinatore 1 612/36 20, ,40 Assistenti Sociali /36 16, ,60 Educatore /36 15, ,84 Animatori /36 12, ,00 Musicoterapeuta /36 14, ,00 Maestro d arte /36 14, ,20 Ausiliari /36 11, ,16 Autisti /36 12, ,80 Infermieri professionale /36 16, , ,08 Servizio mensa - cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla ,24 comunicazione, ecc TOTALE ,32 Azione H 5 - Ripartizione del costo triennale totale dell azione per fonte di finanziamento CENTRO DIURNO DISABILI FISICI, PSCHICI, SENSORIALI , ,32 197

25 NUMERO AZIONE H 6 TITOLO AZIONE CENTRO DIURNO DISABILI INTELLETTIVI E RELAZIONALI (Comune di Ragusa) DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Il Centro Diurno è una struttura semiresidenziale socio-educativa che accoglie disabili intellettivi e relazionali di età compresa tra i 10 e i 50 anni. Il servizio si pone i seguenti obbiettivi: Realizzare un processo promozionale individualizzato atto a stimolare le capacità fisiche ed intellettive residue al fine di migliorare le capacità relazionali favorendo un maggiore inserimento sociale ; Garantire interventi educativi individuali e di gruppo volti a favorire le abilità personali; Sostenere la famiglia nel compito di accudire ed educare il disabile sollevandola per alcune ore al giorno dalla gravosa incombenza dell accudimento; Contrastare processi di emarginazione e di esclusione sociale. Nel Centro Diurno sono svolte le seguenti attività finalizzate alla socializzazione e all acquisizione dell autonomia da parte dei soggetti assistiti : Alfabetizzazione Alfabetizzazione informatica Psico motricità Animazione musicale Musicoterapica Danzaterapia Attività manuali ed artigianali Animazione socio culturale Laboratorio teatrale integrato Attività sportiva Visite guidate Per ciascun soggetto disabile viene predisposto un piano d intervento educativo-abilitativo che tenga conto delle diverse abilità possedute dal soggetto. Il Piano d intervento viene predisposto dagli operatori del Centro Diurno ciascuno secondo le proprie competenze e professionalità. Alla predisposizione dello stesso potranno concorrere lo psicologo e lo psichiatra dell AUSL di appartenenza. Il piano d intervento è soggetto a verifiche periodiche con la supervisione di un pedagogista esterno. Il servizio viene erogato solo nel Comune di Ragusa. DEFINIZIONE DELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA E DELLE RISORSE RETE TERRITORIALE -Comune di Ragusa -Centro Diurno -ASP (Serv. Psicologia) -Professionista esterno MODALITA DI CONVOLGIMENTO Per l attuazione del servizio ed in particolare dei piani individuali di intervento è previsto un lavoro di rete che coinvolge i servizi e le istituzioni del territorio, tramite i quali, ciascuno per le proprie competenze e professionalità concorre alla attuazione degli interventi. LIVELLO DI INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA Sufficiente RISORSE NECESSARIE Struttura dotata di locali arredati ed articolata in spazi personali (locali di appoggio al personale, servizi igienici) e spazi comuni (laboratori, sala pranzo, segreteria, sala riunioni, infermieria) 198

26 FIGURE PROFESSIONALI Tipologia A carico delle amministrazioni pubbliche coinvolte (Enti Locali, ASP (EX AUSL)), T.M., Scuole) In convenzione Totale Direttore di struttura e Responsabile amministrativo 1 1 Assistenti Sociali Educatore 1 1 Musicoterapeuta 1 1 Insegnante isef 2 2 Insegnante di sostegno 1 1 Ceramista 3 3 Autista 2 2 Infermiere professionale 1 1 Animatore socio-culturali 4 4 Operatori Osa 2 2 Assistenti igienico personali 2 2 Assistenti al trasporto 2 2 Ausiliari 2 2 Amministrativo 1 1 Professionista supervisore esterno 1 1 Responsabile amministrativo 1 1 Psicologo 1 1 Psichiatra 1 1 SPECIFICA RAGIONATA SULLE MODALITÀ DI GESTIONE X - Indiretta/esternalizzata : Procedura negoziata previa pubblicazione del bando di gara ai sensi dell art. 56 del D. Lgs. 163/06; D.P.C.M. 30 Marzo

27 AZIONE 1 ANNUALITA' H 6 CENTRO DIURNO DISABILI INTELLETTIVI E RELAZIONALI Costo unitario Costo Totale ore/mesi Direttore di struttura 1 840/12 20, ,00 Assistenti Sociali /12 17, ,60 Educatore 1 360/12 15, ,80 Musicoterapeuta 1 720/12 15, ,60 Insegnante isef /12 15, ,40 Insegnante di sostegno 1 720/12 14, ,40 Ceramista /12 16, ,00 Autista /12 14, ,00 Infermiere professionale 1 840/12 15, ,20 Animatore socio-culturali /12 14, ,00 Operatori Osa /12 14, ,80 Assistenti igienico personali /12 15, ,60 Assistenti al trasporto /12 13, ,00 Ausiliari /12 11, ,40 Amministrativo 1 660/12 14, ,80 Professionista supervisore esterno 1 192/12 20, , ,60 cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla comunicazione, ecc ,57 TOTALE ,17 Azione H 6 1^ Annualità , ,17 200

28 AZIONE 2 ANNUALITA' H 6 CENTRO DIURNO DISABILI INTELLETTIVI E RELAZIONALI Costo unitario Costo Totale ore/mesi Direttore di struttura 1 840/12 20, ,00 Assistenti Sociali /12 17, ,60 Educatore 1 360/12 15, ,80 Musicoterapeuta 1 720/12 15, ,60 Insegnante isef /12 15, ,40 Insegnante di sostegno 1 720/12 14, ,40 Ceramista /12 16, ,00 Autista /12 14, ,00 Infermiere professionale 1 840/12 15, ,20 Animatore socio-culturali /12 14, ,00 Operatori Osa /12 14, ,80 Assistenti igienico personali /12 15, ,60 Assistenti al trasporto /12 13, ,00 Ausiliari /12 11, ,40 Amministrativo 1 660/12 14, ,80 Professionista supervisore esterno 1 192/12 20, , ,60 cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla comunicazione, ecc ,57 TOTALE ,17 Azione H 6 2^ Annualità , ,17 201

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 24 2. TITOLO AZIONE EDUCATIVA DOMICILIARE 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno

Dettagli

SEZIONE V Area disabili

SEZIONE V Area disabili SEZIONE V Area disabili 5.1 indicatori della domanda sociale Tab. 5.1 Servizi e interventi richiesti (anno 2008) DISTRETTO Santa croce C. Monterosso A. Chiaramonte G. Ragusa Aiuto Domestico disabili gravi

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 11 2. TITOLO AZIONE ASSISTENZA IGIENICO-SANITARIA AGLI ALUNNI GRAVEMENTE DISABILI FREQUENTANTI LA SCUOLA MATERNA, ELEMENTARE E MEDIA. 3. DESCRIZIONE DELLE

Dettagli

Piano di Zona 2010-2012

Piano di Zona 2010-2012 AREA INCLUSIONE SOCIALE PER SOGGETTI APPARTENENTI ALLE FASCE DEBOLI CODICE - IS - COD. AZIONE PAG IS 1 ITINERARIO LAVORO - Tirocini Formativi-Lavorativi per Adulti e Giovani svantaggiati 277 20 NUMERO

Dettagli

1. NUMERO AZIONE RIPROGRAMMAZIONE PIANO DI ZONA 2 E 3 ANNO DEL 1 TRIENNIO 2. TITOLO AZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

1. NUMERO AZIONE RIPROGRAMMAZIONE PIANO DI ZONA 2 E 3 ANNO DEL 1 TRIENNIO 2. TITOLO AZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI 1. NUMERO AZIONE RIPROGRAMMAZIONE PIANO DI ZONA 2 E 3 ANNO DEL 1 TRIENNIO 1 2. TITOLO AZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Il Servizio Assistenza Domiciliare Anziani (SADA)

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 13 2. TITOLO AZIONE ASSISTENZA IGIENICO-SANITARIA AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI (Pozzallo) 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 6 2. TITOLO AZIONE CENTRO DIURNO POLIFUNZIONALE 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno

Dettagli

Piano di Zona 2010-2012

Piano di Zona 2010-2012 AREA IMMIGRATI CODICE - I - COD. AZIONE PAG I - 01 Centri di accoglienza FAMIGLIA AMICA e VIVERE LA VITA per richiedenti Asilo Politico 235 I - 02 SENTIERI DI SPERANZA - Servizio di pronta accoglienza

Dettagli

Area Persone Anziane. Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS

Area Persone Anziane. Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS Area Persone Anziane Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS OBIETTIVI Scopo del servizio è permettere agli anziani, parzialmente o totalmente non

Dettagli

ALZHEIMER ED ANZIANI CON DETERIORAMENTO COGNITIVO ASSISTENZA DOMICILIARE E CENTRO

ALZHEIMER ED ANZIANI CON DETERIORAMENTO COGNITIVO ASSISTENZA DOMICILIARE E CENTRO ALZHEIMER ED ANZIANI CON DETERIORAMENTO COGNITIVO ASSISTENZA DOMICILIARE E CENTRO 1. Continuità dell intervento X Nuovo ( Centro diurno) X In continuità con servizio già attivato ( Assistenza Domiciliare)

Dettagli

FORMULARIO DELL AZIONE

FORMULARIO DELL AZIONE FORMULARIO DELL AZIONE 1. NUMERO AZIONE 2. TITOLO DELL AZIONE 1 PIANI ASSISTENZIALI INDIVIDUALIZZATI 1.a Classificazione dell Azione programmata (D.M. Lavoro e Politiche Sociali 26/06/2013 ) AREE DI INTERVENTO

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 8 2. TITOLO AZIONE Servizio di Telesoccorso 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno

Dettagli

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate D 1 - ANFFAS LABORATORIO IL FARO : interventi per contrastare l isolamento sociale e favorire la partecipazione attiva delle persone disabili e delle loro famiglie alla vita sociale. Pag. 333 ANFFAS Servizi

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 17 2. TITOLO AZIONE Servizio di Babysitting 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

CENTRO COMUNALE DI CITTADINANZA

CENTRO COMUNALE DI CITTADINANZA 1. NUMERO AZIONE 15 2. TITOLO AZIONE 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ CENTRO COMUNALE DI CITTADINANZA Considerato che dall analisi delle attività svolte dai Centri di Cittadinanza Comunale, realizzati nei

Dettagli

SOSTEGNO ALL ABITARE PER PERSONE CON DISAGIO PSICHICO

SOSTEGNO ALL ABITARE PER PERSONE CON DISAGIO PSICHICO SOSTEGNO ALL ABITARE PER PERSONE CON DISAGIO PSICHICO 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica Esclusione Sociale Disabilità Psichica

Dettagli

I servizi per anziani non autosufficienti

I servizi per anziani non autosufficienti I servizi per anziani non autosufficienti Giuliano Marangoni Il trend demografico dell invecchiamento della popolazione ha come diretta conseguenza un aumento delle prestazioni sanitarie e socio sanitarie

Dettagli

Comune di Monchio delle Corti

Comune di Monchio delle Corti Comune di Monchio delle Corti PROVINCIA DI PARMA C.A.P. 43010 Tel. 0521.896521 Fax 0521.896714 Cod. Fisc. e Part. IVA 00341170348 REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ARTICOLO 1 Il Servizio di Assistenza

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 7 2. TITOLO AZIONE La Bottega delle Arti e Tradizioni 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare

Dettagli

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE SERVIZI RIPARTITI PER TARGET DI RIFERIMENTO Centro diurno per

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA IGIENICO PERSONALE E ASSISTENZA PER L AUTONOMIA E LA COMUNICAZIONE DEGLI ALUNNI PP.HH

SERVIZIO DI ASSISTENZA IGIENICO PERSONALE E ASSISTENZA PER L AUTONOMIA E LA COMUNICAZIONE DEGLI ALUNNI PP.HH CARTA DEI SERVIZI Nido d Argento Soc. Coop. Soc. SERVIZIO DI ASSISTENZA IGIENICO PERSONALE E ASSISTENZA PER L AUTONOMIA E LA COMUNICAZIONE DEGLI ALUNNI PP.HH 1 Gentile utente, L a cooperativa Nido D Argento

Dettagli

FORMULARIO DELL AZIONE

FORMULARIO DELL AZIONE FORMULARIO DELL AZIONE 1. NUMERO AZIONE 3 2. TITOLO AZIONE Sportello di segretariato sociale. 1.a MACRO LIVELLO 1 SPECIFICARE LA TIPOLOGIA D INTERVENTO OBIETTIVI DI SERVIZIO A CUI VA RICONDOTTA LA TIPOLOGIA

Dettagli

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 PARTE SECONDA SOTTOMISURA 3.1 Interventi L.R. 20 / 2006 Regione Misura 3.1_Assistenza

Dettagli

REGOLAMENTO PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, TRASPORTO SOCIALE E TELESOCCORSO

REGOLAMENTO PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, TRASPORTO SOCIALE E TELESOCCORSO REGOLAMENTO PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, TRASPORTO SOCIALE E TELESOCCORSO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 443 del 11/12/1989. Art. 1 Oggetto del servizio Il presente Regolamento

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.)

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) Disposizioni per la prevenzione e la cura dell Alzheimer e di altre malattie neurodegenerative legate all invecchiamento e per il sostegno delle

Dettagli

COMUNE DI CALASCIBETTA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

COMUNE DI CALASCIBETTA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA COMUNE DI CALASCIBETTA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA REGOLAMENTO COMUNALE DI ISTITUZIONE E GESTIONE DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI IN FAVORE DEI SOGGETTI PORTATORI DI HANDICAPS Approvato con delibera del

Dettagli

COMUNE DI REVERE PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI REVERE PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI REVERE PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera della Giunta Comunale n. 51 del 25/05/2002 INDICE Art. 1 - oggetto pag. 2 Art. 2 - finalità

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE GENERALE IN REGIME DIURNO CONTINUO PER ETA EVOLUTIVA

UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE GENERALE IN REGIME DIURNO CONTINUO PER ETA EVOLUTIVA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE GENERALE IN REGIME DIURNO CONTINUO PER ETA EVOLUTIVA DEFINIZIONE E UTENZA: L Unità Operativa di Riabilitazione Generale in Regime Diurno Continuo, accreditata presso il

Dettagli

L OSS: analisi del profilo e delle aree di integrazione con le altre. mv - 2010-2011

L OSS: analisi del profilo e delle aree di integrazione con le altre. mv - 2010-2011 L OSS: analisi del profilo e delle aree di integrazione con le altre figure mv - 2010-2011 è l operatore che, al termine di specifica formazione professionale consegue un attestato di qualifica ed è abilitato

Dettagli

Il documento viene adeguato sulla base delle evoluzioni regolamentari e normative disposte dalle istituzioni competenti ai vari livelli.

Il documento viene adeguato sulla base delle evoluzioni regolamentari e normative disposte dalle istituzioni competenti ai vari livelli. Carta dei Servizi AREA ANZIANI E NON AUTOSUFFICIENTI L area comprende i seguenti servizi 1. Servizio di assistenza Domiciliare (SAD) 2. Centro aggregazione anziani 3. Comunità alloggio Il presente documento

Dettagli

IL RUOLO DELL ASSISTENTE SOCIALE NEL CONTESTO SOCIO-SANITARIO

IL RUOLO DELL ASSISTENTE SOCIALE NEL CONTESTO SOCIO-SANITARIO IL RUOLO DELL ASSISTENTE SOCIALE NEL CONTESTO SOCIO-SANITARIO - da operatore a promotore sociale - Dott. Marcello Candotto L IDENTITÀ DELL ASSISTENTE SOCIALE L assistente sociale è un operatore sociale

Dettagli

Piano di Zona 2010-2013. La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare

Piano di Zona 2010-2013. La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare Piano di Zona 2010-2013 La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare I servizi di assistenza domiciliare Servizio di assistenza domiciliare territoriale a totale carico

Dettagli

COMUNITÀ ALLOGGIO. per DISABILI PSICHICI

COMUNITÀ ALLOGGIO. per DISABILI PSICHICI COMUNITÀ ALLOGGIO per DISABILI PSICHICI MAGNOLIA CENTRO SERVIZI ALLA PERSONA SERVIZI SOCIALI LA FENICE CUSTONACI Via Scurati n 32 C/da Tribli 91015 Custonaci (Tp) PER INFORMAZIONI: Tel/Fax: 0923971462

Dettagli

COMUNE DI MORBEGNO REGOLAMENTO INERENTE IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) (Provincia di Sondrio)

COMUNE DI MORBEGNO REGOLAMENTO INERENTE IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) (Provincia di Sondrio) APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. N. DEL 21 )J2O1a REGOLAMENTO INERENTE DOMICILIARE (S.A.D.) IL SERVIZIO DI ASSISTENZA (Provincia di Sondrio) COMUNE DI MORBEGNO Art. 3 Finalità Art, 2

Dettagli

ANIMAZIONE DI STRADA

ANIMAZIONE DI STRADA DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 3 2. TITOLO AZIONE ANIMAZIONE DI STRADA 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno dell

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 26 2. TITOLO AZIONE CITTADINANZA ATTIVA 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno dell

Dettagli

LIVEAS - Strutture residenziali e semiresidenziali per persone con fragilità sociali

LIVEAS - Strutture residenziali e semiresidenziali per persone con fragilità sociali CASA FAMIGLIA PER PERSONE ADULTE CON DISAGIO PSICHICO 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica Esclusione Sociale Disabilità Psichica

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE. Notizie Operative ed Informazioni Pratiche

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE. Notizie Operative ed Informazioni Pratiche CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE Notizie Operative ed Informazioni Pratiche 15/04/2014 ESTRATTO notizie operative ed informazioni pratiche numeri utili Relativi al servizio di Assistenza

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo NORD 2 - Brescia Via Costalunga, 15-25123 BRESCIA Cod. Min. BSIC88400D - Cod.Fisc. 80049710173 Tel.030307858-0308379448-9

Dettagli

Direzione Politiche Sociali

Direzione Politiche Sociali Direzione Politiche Sociali Commissione Consiliare 13 luglio 2015 1 Assistenza Domiciliare Handicappati Gravi: Servizio di assistenza e sostegno per persone con disabilità dai 18 ai 64 anni per consentire

Dettagli

Erice è. con i diversamente abili: un percorso che continua PROGETTO DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA PER I SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI

Erice è. con i diversamente abili: un percorso che continua PROGETTO DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA PER I SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI Erice è. con i diversamente abili: un percorso che continua PROGETTO DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA PER I SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L art. 3, II comma della Costituzione Italiana recita: è compito

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI E SOGGETTI SVANTAGGIATI

OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI E SOGGETTI SVANTAGGIATI OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI E SOGGETTI SVANTAGGIATI I L C O N S I G L I O C O M U N A L E PREMESSO che l assistenza domiciliare

Dettagli

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 SETTORE 3: POLITICHE SOCIALI E CULTURALI REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO DISABILI

Dettagli

PROGETTO 5 CENTRO DIURNO PER DISABILI GRAVI LA GIRANDOLA

PROGETTO 5 CENTRO DIURNO PER DISABILI GRAVI LA GIRANDOLA ASL RMH Comune di Anzio Comune di Nettuno PIANO DI ZONA 2011 PROGETTO 5 CENTRO DIURNO PER DISABILI GRAVI LA GIRANDOLA PROSECUZIONE E MIGLIORAMENTI OTTOBRE 2011 1. Titolo del progetto Centro diurno per

Dettagli

FORMULARIO DELL AZIONE. Trasporto disabili 1. NUMERO AZIONE 2. TITOLO DELL AZIONE. 1.a SPECIFICARE LA TIPOLOGIA D INTERVENTO

FORMULARIO DELL AZIONE. Trasporto disabili 1. NUMERO AZIONE 2. TITOLO DELL AZIONE. 1.a SPECIFICARE LA TIPOLOGIA D INTERVENTO FORMULARIO DELL AZIONE 1. NUMERO AZIONE 2. TITOLO DELL AZIONE 2 Trasporto disabili 1.a MACRO LIVELLO 1 SPECIFICARE LA TIPOLOGIA D INTERVENTO Trasporto disabili OBIETTIVI DI SERVIZIO A CUI VA RICONDOTTA

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE PER PERSONE AFFETTE DA PATOLOGIE ONCOLOGICHE E

ASSISTENZA DOMICILIARE PER PERSONE AFFETTE DA PATOLOGIE ONCOLOGICHE E ASSISTENZA DOMICILIARE PER PERSONE AFFETTE DA PATOLOGIE ONCOLOGICHE E PATOLOGIE COMPLESSE, GRAVEMENTE INVALIDANTI E/O PROGRESSIVE 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi

Dettagli

Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia. Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS

Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia. Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS OBIETTIVI Scopo dell intervento è promuovere un processo di cambiamento

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

Azione Disabilità. Per raggiungere gli obiettivi enunciati si perseguiranno sue punti: Le attività previste verranno realizzate in tre fasi:

Azione Disabilità. Per raggiungere gli obiettivi enunciati si perseguiranno sue punti: Le attività previste verranno realizzate in tre fasi: Azione Disabilità Num. Scheda 2 TITOLO AZIONE o o Assistenza domiciliare per disabili LIVEAS OBIETTIVI Scopo dell intervento è consentire alle persone disabili la permanenza nell abituale contesto di vita

Dettagli

Progetto Comes, sostegno all handicap

Progetto Comes, sostegno all handicap TITOLO Progetto Comes, sostegno all handicap TEMPI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 Destinatari Minori disabili (fascia d età 3/14 anni) frequentanti la scuola dell obbligo, affetti da patologie varie: ipoacusia,

Dettagli

INTEGRAZIONE DELLA FIGURA OSS E INFERMIERE. Dott.ssa Flavia Fattore Unità Operativa Medicina Macerata

INTEGRAZIONE DELLA FIGURA OSS E INFERMIERE. Dott.ssa Flavia Fattore Unità Operativa Medicina Macerata INTEGRAZIONE DELLA FIGURA OSS E INFERMIERE Dott.ssa Flavia Fattore Unità Operativa Medicina Macerata L infermiere Dal D.M. 14 Settembre 1994 n, 739: Art. 1: l infermiere è responsabile dell assistenza

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 19 2. TITOLO AZIONE Spazio di consulenza e sostegno alle famiglie e agli adolescenti 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 BENVENUTO CITTADINO

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 BENVENUTO CITTADINO DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 18 2. TITOLO AZIONE BENVENUTO CITTADINO 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno dell

Dettagli

COMUNE DI ANCONA REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE

COMUNE DI ANCONA REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE COMUNE DI ANCONA REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE Delibera Consiglio Comunale n. 51 del 10.06.2015 1 REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE ART. 1 DEFINIZIONE Il Tempo per le famiglie rientra nella tipologia

Dettagli

DGR. n. 11496 del 17.3.2010

DGR. n. 11496 del 17.3.2010 DGR. n. 11496 del 17.3.2010 DEFINIZIONE DEI REQUISITI MINIMI DI ESERCIZIO DELL' UNITA' DI OFFERTA SOCIALE "CENTRO RICREATIVO DIURNO PER MINORI". ((PROSECUZIONE DEL PROCEDIMENTO PER DECORRENZA TERMINI PER

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI ENTE D AMBITO SOCIALE N. 34 VESTINA REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI 1 Articolo 1 DEFINIZIONI 1. Ai fini del presente regolamento per Piano Sociale di zona si intende quel provvedimento

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA Allegato alla delibera di C.C. n.32 dell 11/05/07 1 ART.1 (Definizione) Il Centro diurno per disabili

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 Il Centro Diurno Assistenziale è una Struttura semiresidenziale socio assistenziale e sanitaria che assiste,

Dettagli

Comune di Gradara Provincia di Pesaro e Urbino. Linee guida per il funzionamento del servizio di assistenza educativa domiciliare e scolastica

Comune di Gradara Provincia di Pesaro e Urbino. Linee guida per il funzionamento del servizio di assistenza educativa domiciliare e scolastica Comune di Gradara Provincia di Pesaro e Urbino Linee guida per il funzionamento del servizio di assistenza educativa domiciliare e scolastica A cura di Settore Servizi al Cittadino Assistente Sociale Dott.ssa

Dettagli

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H 1. NUMERO AZIONE RIEQUILIBRIO PIANO DI ZONA AL 31.12.2009 3 2. TITOLO AZIONE SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Gli interventi di assistenza domiciliare a favore dei disabili

Dettagli

Funzionigramma Comunità Panta Rei

Funzionigramma Comunità Panta Rei Funzionigramma Comunità Panta Rei Sanitario Psicoterapia/Psichiatra: In collaborazione con la Psicoterapeuta/Psicologa/NPI si occupa della valutazione clinica degli utenti nella fase del preingresso e

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 LUC

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 LUC DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 1 2. TITOLO AZIONE LUC 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno dell azione di riferimento,

Dettagli

Deliberazione legislativa n. 87/2014 2. Art. 1 Finalità

Deliberazione legislativa n. 87/2014 2. Art. 1 Finalità Deliberazione legislativa n. 87/2014 2 Art. 1 Finalità 1. La Regione Emilia-Romagna riconosce e promuove, nell ambito delle politiche del welfare, la cura familiare e la solidarietà come beni sociali,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI E ADULTI HANDICAPPATI

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI E ADULTI HANDICAPPATI COMUNE DI CASINA PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA P.zza IV Novembre, 3-42034 CASINA (Reggio Emilia) Tel. 0522/604711 - Telefax 0522/609464 - P.IVA 00447820358 REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI ASSISTENZA

Dettagli

Area Disabilita. Assistenza scolastica per l autonomia e la comunicazione dei disabili LIVEAS

Area Disabilita. Assistenza scolastica per l autonomia e la comunicazione dei disabili LIVEAS Area Disabilita Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Assistenza scolastica per l autonomia e la comunicazione dei disabili LIVEAS OBIETTIVI Come recita l articolo 12 della legge 104/92, scopo generale dell

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 SOS DETTO - FATTO

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 SOS DETTO - FATTO DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 5 2. TITOLO AZIONE SOS DETTO - FATTO 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno dell

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE Definizione obiettivi: descrizione degli obiettivi di piano riferiti agli obiettivi generali

Dettagli

A.P.S.P. "S. Spirito - Fondazione Montel"

A.P.S.P. S. Spirito - Fondazione Montel La tutela della non autosufficienza in provincia di Trento Quadro normativo di riferimento: L.P. 12/07/1991 n. 14 L.P. 28/05/1998 n. 6 L.P. 24/07/2012 n. 15 Direttive Provinciali in materia di R.S.A. Contenuti:

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: SEGNI MINIMI SETTORE e Area di Intervento: ASSISTENZA DISABILI E ANZIANI ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO 1. Sostenere le famiglie nel percorso di

Dettagli

) 21 38060 - NOMI (TN)

) 21 38060 - NOMI (TN) O P E R A R O M A N I (Azienda Pubblica di Servizi alla Persona ) Via Roma, 21 38060 - NOMI (TN) Costituita ai sensi della L.R. 21 settembre 2005, n.7 REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER ANZIANI Gennaio

Dettagli

FORMULARIO DELL AZIONE

FORMULARIO DELL AZIONE FORMULARIO DELL AZIONE 5 1. NUMERO AZIONE 2. TITOLO AZIONE Servizio Assistenza Domiciliare Anziani 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ La finalità generale dell azione è consistita nel potenziamento del servizio

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI titolo documento PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI SCOPO e CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo della presente procedura è di definire le modalità con cui la Cooperativa Promozione Lavoro gestisce

Dettagli

Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale. Docente: Paolo Barelli

Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale. Docente: Paolo Barelli Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale Docente: Paolo Barelli Day Hospital Centro Diurno CONTESTO Centro Salute Mentale: Ambulatori e Territorio SOCIALE Ospedale: Servizio Psichiatrico

Dettagli

CONCESSIONE DEL SERVIZIO GENERALE DI GESTIONE DELLA RESIDENZA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI CITTÀ DI RONCADE. PROGETTO ( art 279 del DPR 207/2010)

CONCESSIONE DEL SERVIZIO GENERALE DI GESTIONE DELLA RESIDENZA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI CITTÀ DI RONCADE. PROGETTO ( art 279 del DPR 207/2010) CONCESSIONE DEL SERVIZIO GENERALE DI GESTIONE DELLA RESIDENZA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI CITTÀ DI RONCADE PROGETTO ( art 279 del DPR 207/2010) Per quanto attiene gli adempimenti di cui all'articolo

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI Definizione del Servizio di Assistenza Domiciliare Anziani Il Servizio di Assistenza Domiciliare Anziani è costituito dal complesso di prestazioni

Dettagli

CENTRO DIURNO PER DISABILI

CENTRO DIURNO PER DISABILI R E G I O N E S I C I L I A N A Assessorato della Famiglia, delle Poliche Sociali e delle Autonomie Locali Diparmento della Famiglia e delle Poliche Sociali CENTRO DIURNO PER DISABILI 1. Numero Azione

Dettagli

PIANO ANZIANI MOLA REGOLAMENTO

PIANO ANZIANI MOLA REGOLAMENTO PIANO ANZIANI MOLA REGOLAMENTO (Approvato con deliberazione C.C. n.64 del 26.11.1999) Art. 1 Rete integrata di Servizi per Anziani Il presente regolamento disciplina l'organizzazione e l'attività di una

Dettagli

CENTRI DIURNI E RESIDENZE

CENTRI DIURNI E RESIDENZE 78 CENTRI DIURNI E RESIDENZE Centri diurni per disabili 8 Si tratta di un accoglienza diurna, con adeguata assistenza, per giovani adulti disabili che trascorrono la giornata in struttura, svolgendo attività

Dettagli

Premessa Riferimenti normativi Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria

Premessa Riferimenti normativi Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria PAGINA 1 DI 5 ALLEGATO A Attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria e prestazioni sanitarie a rilevanza sociale della Società della Salute Zona Pisana Premessa La Società della Salute Zona

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO DIURNO DISABILI IL MELOGRANO

CARTA DEI SERVIZI CENTRO DIURNO DISABILI IL MELOGRANO CARTA DEI SERVIZI CENTRO DIURNO DISABILI IL MELOGRANO 1. L'Istituto San Vincenzo L'Istituto San Vincenzo è un ente religioso legalmente riconosciuto che dipende dalla Arcidiocesi di Milano. E' presieduto

Dettagli

C e n t r o d i u r n o i n t e g r a t o

C e n t r o d i u r n o i n t e g r a t o C e n t r o d i u r n o i n t e g r a t o c a r t a d e i s e r v i z i centro diurno integrato Il CDI è dedicato a persone anziane con vario grado di non autosufficienza che, pur continuando a vivere

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Servizi Domiciliari

Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Servizi Domiciliari Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Servizi Domiciliari Consorzio Intercomunale per la gestione dei servizi socio-assistenziali dell Ovestticino (Comune di Cameri, Cerano, Galliate, Romentino,

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA

ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA AI MINORI E ALLE LORO FAMIGLIE 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica Minori e Famiglia 5. Macrotipologia

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA 2. Nuovo Progetto o Si X 3. Progetto già avviato o Si X 4. Se il Progetto dà continuità a servizi/strutture già attivati, indicare se amplia l ambito territoriale

Dettagli

SCHEDA SOCIALE. DESTINATARIO DELL INTERVENTO Cognome Nome Nato a il / / Sesso

SCHEDA SOCIALE. DESTINATARIO DELL INTERVENTO Cognome Nome Nato a il / / Sesso Allegato C alla Delib.G.R. n. 34/30 del 18.10.2010 SCHEDA SOCIALE (In base alla normativa vigente qualunque dichiarazione mendace comporta sanzioni penali, nonché l esclusione dal finanziamento del progetto

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PREMESSA L Istituto opera con particolare attenzione per l integrazione degli alunni disabili, favorendo la socializzazione, l acquisizione di autonomia

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO Allegato 1 Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO L Amministrazione Comunale regolamenta il servizio di assistenza domiciliare

Dettagli

CENTRI SEMIRESIDENZIALI PER DISABILI ADULTI

CENTRI SEMIRESIDENZIALI PER DISABILI ADULTI CENTRI SEMIRESIDENZIALI PER DISABILI ADULTI 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica Disabilità 5. Macrotipologia LIVEAS Centri Residenziali

Dettagli

COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI

COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI (Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 43 in data 09/03/1995)

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ART 1 Oggetto del regolamento. Il presente regolamento disciplina, nell ambito dei principi dell ordinamento e nel rispetto della normativa, l attività

Dettagli

COOP. SOC. A.S.A.R. carta dei servizi

COOP. SOC. A.S.A.R. carta dei servizi COOP. SOC. A.S.A.R. carta dei servizi edizione anno 2011/2012 Presentazione della Cooperativa Sociale A.S.A.R. A.S.A.R Coop. Sociale Via Principe Nicola, 123 Catania Tel / Fax 095-533980 Cell. 3389273899

Dettagli

ORGANIZZAZIONI di VOLONTARIATO

ORGANIZZAZIONI di VOLONTARIATO ALLEGATO B Direzione Generale Famiglia e Solidarietà Sociale Bandi 2006/2007 ORGANIZZAZIONI di VOLONTARIATO (Legge regionale n. 22/93) SCHEMA DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI N progetto (spazio riservato

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 10 2. TITOLO AZIONE VINCERE LE DIPENDENZE SI PUO 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno

Dettagli

Finanziamenti a sostegno delle persone con disabilita' e delle loro famiglie. Approvazione criteri di ripartizione e di assegnazione. Anno 2011.

Finanziamenti a sostegno delle persone con disabilita' e delle loro famiglie. Approvazione criteri di ripartizione e di assegnazione. Anno 2011. REGIONE PIEMONTE BU41 13/10/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 3 ottobre 2011, n. 1-2646 Finanziamenti a sostegno delle persone con disabilita' e delle loro famiglie. Approvazione criteri di ripartizione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. _45 DEL _19/4/2004 Pag. N. 1 INDICE Art.

Dettagli