Piano di Zona AREA DISABILI CODICE - H -

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano di Zona 2010-2012 AREA DISABILI CODICE - H -"

Transcript

1 AREA DISABILI CODICE - H - COD AZIONE PAG. H 1 AIUTO DOMESTICO AI DISABILI GRAVI 175 H 2 ASSISTENZA DOMICILIARE AI MALATI ONCOLOGICI 180 H 3 ASSISTENZA DOMICILIARE AI MALATI DI ALZHEIMER E ALLE LORO 184 FAMIGLIE H 4 SOSTEGNO ECONOMICO E ASSISTENZA ABITATIVA AI DISABILI GRAVI 189 H 5 CENTRO DIURNO DISABILI FISICI, PSICHICI E SENSORIALI 192 H 6 CENTRO DIURNO DISABILI INTELLETTVI E RELAZIONALI 198 H 7 CENTRO SOCIO RICREATIVO PER DISABILI PSICHICI 204 H 8 OCCHI NEL CUORE - CENTRO SOCIO RICREATIVO PER DISABILI 209 H 9 CENTRO H - SOCIO RICREATIVO - PER DISABILI 214 H 10 TRASPORTO DISABILI PRESSO CENTRI DI RIABILITAZIONE 219 H 11 ASSISTENZA MINORATI UDITO E PAROLA 224 H ASSISTENZA SPECIALISTICA, DI BASE E TRASPORTO PER DISABILI SCOLARIZZATI 174

2 NUMERO AZIONE H 1 TITOLO AZIONE AIUTO DOMESTICO AI DISABILI GRAVI 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Il servizio è rivolto a persone disabili e alle loro famiglie. Gli obiettivi del servizio sono: Fornire le prestazioni domiciliari previste da piano di intervento personalizzato, formulato sulla base del fabbisogno assistenziale dell assistito; Consentire al disabile grave la permanenza nel nucleo familiare e nel contesto sociale di appartenenza, al fine di evitare e/o contenere processi emarginanti e di istituzionalizzazione e di migliorarne la qualità della vita; Garantire attraverso l erogazione del servizio domiciliare interventi volti a sollevare il caregiver dal gravoso compito di assistere i familiari non autonomi. Le prestazioni che vengono erogate a domicilio sono diversificate, formalizzate sulla base del fabbisogno assistenziale con indicazioni specifiche sulla tipologia e durata: mobilizzazione del soggetto allettato; sollevamento dal letto e vestizione; pulizia personale ed aiuto per il bagno; sistemazione su sedia a rotelle; aiuto motorio per un minimo di deambulazione e per il compimento di esercizi fisici elementari idonei a migliorare l autosufficienza; preparazione di un pasto caldo a domicilio e relativo imboccamento per i disabili che siano totalmente privi di supporto familiare. La cooperativa sulla base delle indicazioni del servizio sociale comunale, eroga le prestazioni indicate nel piano individualizzato di intervento. Il servizio sociale verifica periodicamente le modalità di attuazione del servizio o la necessità di apportare eventuali modifiche al piano, tenuto conto delle nuove esigenze dell assistito. Tra le azioni di sistema il Distretto 44 ha adottato il Patto di Accreditamento per disciplinare il rapporto tra le Amministrazioni Comunali e i soggetti accreditati all Albo Distrettuale, per l erogazione del servizio. Il servizio viene erogato nei Comuni di Ragusa, Chiaramonte Gulfi e Santa Croce Camerina. DEFINIZIONE DELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA E DELLE RISORSE RETE TERRITORIALE (soggetti pubblici e privati coinvolti) Comuni di Ragusa, Chiaramonte Gulfi, Santa Croce Camerina Soggetti del terzo settore (cooperazione sociale). MODALITA DI COINVOLGIMENTO Il servizio è erogato dalle cooperative accreditate sulla base del piano d intervento individualizzato formulato dal S.S. del Comune. LIVELLO DI INTEGRAZIONE SOCIO- SANITARIA INSUFFICIENTE x SUFFICIENTE DISCRETO ECCELLENTE RISORSE NECESSARIE Il funzionamento del servizio richiede le seguenti risorse: 1) Una sede per il coordinamento delle 175

3 attività. 2) Automezzi FIGURE PROFESSIONALI Tipologia A carico delle amministrazioni pubbliche coinvolte (Enti Locali, ASP (EX ASP (EX AUSL)), T.M., Scuole ) In convenzione Totale Assistenti Sociali Assistenti Domiciliari SPECIFICA RAGIONATA SULLE MODALITÀ DI GESTIONE Esternalizzata mediante il sistema dell accreditamento: Il servizio viene erogato da cooperative regolarmente accreditate all Albo distrettuale delle cooperative sociali. AZIONE 1 ANNUALITA' Azione H 1 AIUTO DOMESTICO AI DISABILI GRAVI ore/mesi Costo unitario Costo Totale Assistenti Sociali / ,00 Assistenti Domiciliari / , ,00 cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla comunicazione, IVA, ecc.) ,00 TOTALE ,00 Azione H 1 1^ Annualità FNPS Cofinanziamento Totale 3 per abitante Comp. utenti 6.000, , , ,00 176

4 AZIONE 2 ANNUALITA' Azione H 1 AIUTO DOMESTICO AI DISABILI GRAVI ore/mesi Costo unitario Costo Totale Assistenti Sociali / ,00 Assistenti Domiciliari / , ,00 cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla comunicazione, IVA, ecc.) ,00 TOTALE ,00 Azione H1-2^ Annualità FNPS 3 per abitante Comp. utenti Cofinanziamento Totale , , , ,00 177

5 AZIONE 3 ANNUALITA' Azione H 1 AIUTO DOMESTICO AI DISABILI GRAVI Ore/mesi Costo unitario Costo Totale Assistenti Sociali / ,00 Assistenti Domiciliari / , ,00 cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla comunicazione, IVA, ecc.) ,00 TOTALE ,00 Azione H1-3^ Annualità FNPS 3 per abitante Comp. utenti Cofinanziamento Totale , , , ,00 178

6 Azione H 1 AZIONE Riepilogo della Triennalità AIUTO DOMESTICO AI DISABILI GRAVI Costo unitario ore/mesi Costo Totale Assistenti Sociali / ,00 Assistenti Domiciliari / , ,00 cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla comunicazione, IVA, ecc ,00 TOTALE ,00 Ripartizione del costo triennale totale dell azione per fonte di finanziamento Azione H 1 AIUTO DOMESTICO AI DISABILI GRAVI , , , ,00 179

7 NUMERO AZIONE H 2 TITOLO AZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA MALATI ONCOLOGICI 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Il servizio è rivolto a malati oncologici terminali. Gli obiettivi del servizio sono: Fornire le prestazioni domiciliari previste dal piano di intervento personalizzato formulato dall associazione Samot in collaborazione con il medico curante. Assicurare al malato la permanenza nel nucleo familiare di appartenenza attraverso l erogazione di prestazioni socio-sanitarie e di supporto psicologico; Colmare il vuoto clinico psicologico e sociale in riferimento alle influenze della malattia sull assistito nonché sui familiari; Garantire attraverso l erogazione del servizio domiciliare interventi volti a sollevare il care giver dal gravoso compito di assistere i familiari non più autonomi. Il piano di intervento personalizzato prevede l erogazione di prestazioni socio-sanitarie e psicologiche diversificate sulla base del fabbisogno assistenziale con l indicazioni della frequenza e della durata. Le prestazioni previste sono: Acquisto alimenti; Riordino ambiente: Igiene e cura della persona; Lavanderia Disbrigo pratiche; Sostegno psico-sociale; Assistenza specialistica di medici esperti nelle cure palliative e del dolore; Assistenza infermieristica; Riabilitazione psico-motoria; Assistenza psicologica. Il servizio è organizzato in modo destrutturato ed erogato direttamente al domicilio dell utente. L intervento è organizzato dall equipe responsabile presso la sede dell associazione. I componenti l equipe, durante incontri settimanali, verificheranno la rispondenza tra le prestazioni erogate e le reali esigenze degli assistiti, valuteranno inoltre l ammissione di nuovi utenti. Il servizio sociale professionale svolge periodicamente un azione di monitoraggio sul servizio. DEFINIZIONE DELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA E DELLE RISORSE RETE TERRITORIALE (soggetti pubblici E privati coinvolti) MODALITA DI COINVOLGIMENTO LIVELLO DI INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA RISORSE NECESSARIE 180

8 Medico di base; Azienda Ospedaliera; Comune di Ragusa; Associazione Samot; La Samot nella erogazione delle prestazioni collabora con il medico di base Informando il S.S del Comune per quanto concerne le prestazioni sociali erogate. X INSUFFICIENTE SUFFICIENTE DISCRETO ECCELLENTE Il funzionamento del servizio richiede le seguenti risorse: -Una sede per il coordinamento delle attività. -Automezzi FIGURE PROFESSIONALI Tipologia A carico delle amministrazioni pubbliche coinvolte (Enti Locali, ASP (EX AUSL)), T.M., Scuole) In convenzione Totale Assistenti Sociali Assistenti Domiciliari 2 2 Infermieri a carico ASP Medici a carico ASP Fisioterapista a carico ASP Psicologo volontario Responsabile amministrativo 1 1 SPECIFICA RAGIONATA SULLE MODALITÀ DI GESTIONE Convenzione ex art. 20 L.R. n. 22/86 AZIONE 1 ANNUALITA' Azione H 2 ASSISTENZA DOMICILIARE AI MALATI ONCOLOGICI ore/mesi Costo unitario Costo Totale Assistenti Sociali 1 720/ ,00 Assistenti Domiciliari / , ,00 cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla comunicazione TOTALE ,00 Azione H2-1^ Annualità , ,00 181

9 AZIONE 2^ ANNUALITA' Azione H 2 ASSISTENZA DOMICILIARE AI MALATI ONCOLOGICI ore/mesi Costo unitario Costo Totale Assistenti Sociali 1 720/ ,00 Assistenti Domiciliari / , ,00 cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla comunicazione TOTALE ,00 Azione H2-2^ Annualità , ,00 AZIONE 3^ ANNUALITA' Azione H 2 ASSISTENZA DOMICILIARE AI MALATI ONCOLOGICI Ore/mesi Costo unitario Costo Totale Assistenti Sociali 1 720/ ,00 Assistenti Domiciliari / , ,00 cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla comunicazione TOTALE ,00 Azione H2-3^ Annualità , ,00 182

10 Azione H 2 AZIONE Riepilogo della Triennalità ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA AI MALATI ONCOLOGICI Costo unitario ore/mesi Costo Totale Assistenti Sociali / ,00 Assistenti Domiciliari / , ,00 cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla ,00 comunicazione, ecc. TOTALE ,00 Azione H 2 Ripartizione del costo triennale totale dell azione per fonte di finanziamento ASSISTENZA DOMICILIARE AI MALATI ONCOLOGICI , ,00 183

11 NUMERO AZIONE H 3 TITOLO AZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE MALATI DI ALZHEIMER E ALLE LORO FAMIGLIE DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Il servizio è rivolto ai malati di Alzheimer e alle loro famiglie. Gli obiettivi del servizio sono: Fornire le prestazioni domiciliari previste dal piano di intervento personalizzato formulato dall associazione Alzheimer in collaborazione con il S.S.P. del Comune. Assicurare al malato la permanenza nel nucleo familiare di appartenenza attraverso l erogazione di prestazioni socio-sanitarie e di supporto psicologico alla famiglia; Garantire attraverso l erogazione del servizio domiciliare interventi volti a sollevare il care-giver dal gravoso compito di assistere il familiare non autosufficiente. Il piano di intervento personalizzato prevede l erogazione di prestazioni socio-sanitarie e psicologiche diversificate sulla base del fabbisogno assistenziale con l indicazioni della frequenza e della durata. Le prestazioni previste sono: Acquisto alimenti; Preparazione pasti; Riordino ambiente: Igiene e cura della persona; Lavanderia Disbrigo pratiche; Accompagnamento; Sostegno psico-sociale; Assistenza specialistica di medici volontari dell associazione, esperti nella cura dei malati di Alzheimer; Assistenza psicologica ai familiari Consulenza di un legale volontario dell associazione Il servizio è organizzato in modo destrutturato ed erogato direttamente al domicilio dell utente. L intervento è coordinato dall equipe responsabile presso la sede dell associazione. I componenti l equipe, durante incontri settimanali, verificheranno la rispondenza tra le prestazioni erogate e le reali esigenze degli assistiti, valuteranno inoltre l ammissione di nuovi utenti. Il servizio sociale professionale svolge periodicamente un azione di monitoraggio sul servizio. DEFINIZIONE DELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA E DELLE RISORSE RETE TERRITORIALE -Associazione Alzheimer Iblea -Comuni del Distretto -Medico di base MODALITA DI CONVOLGIMENTO L associazione Alzheimer nella erogazione delle prestazioni collabora con il medico di base Informando il Servizio Sociale dei Comuni per quanto concerne le prestazioni sociali. LIVELLO DI INTEGRAZIONE SOCIO- SANITARIA X INSUFFICIENTE SUFFICIENTE DISCRETO ECCELLENTE RISORSE NECESSARIE Il funzionamento del servizio richiede le seguenti risorse: -Una sede per il coordinamento delle attività. -Automezzi 184

12 FIGURE PROFESSIONALI Tipologia A carico delle amministrazioni pubbliche coinvolte (Enti Locali, ASP (EX AUSL), T.M., Scuole) In convenzione Totale Assistenti Sociali Assistenti Domiciliari 2 2 Medici volontari 2 (volontari) 2 Legale volontario 1 (volontario) 1 Responsabile amministrativo 1 1 SPECIFICA RAGIONATA SULLE MODALITÀ DI GESTIONE Convenzione ex art. 20 L.R. n. 22/86 AZIONE 1 ANNUALITA' Azione H 3 - ASSISTENZA DOMICILIARE MALATI DI ALZHEIMER E ALLE LORO FAMIGLIE ore/mesi Costo unitario Costo Totale Assistenti Sociali 1 900/12 17, ,00 Assistenti Domiciliari / ,00 Medici volontari 2 0,00 Legale volontario 1 0, ,00 cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla 4.500,00 comunicazione, ecc. TOTALE ,00 Azione H3-1^ Annualità 400, , ,00 185

13 AZIONE 2 ANNUALITA' Azione H 3 - ASSISTENZA DOMICILIARE MALATI DI ALZHEIMER E ALLE LORO FAMIGLIE ore/mesi Costo unitario Costo Totale Assistenti Sociali 1 900/12 17, ,00 Assistenti Domiciliari / ,00 Medici volontari 2 0,00 Legale volontario 1 0, ,00 cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla 4.500,00 comunicazione, ecc. TOTALE ,00 Azione H3-2^ Annualità 4.050, , , ,00 186

14 AZIONE 3 ANNUALITA' Azione H 3 ASSISTENZA DOMICILIARE MALATI DI ALZHEIMER E ALLE LORO FAMIGLIE ore/mesi Costo unitario Costo Totale Assistenti Sociali 1 900/12 17, ,00 Assistenti Domiciliari / ,00 Medici volontari 2 0,00 Legale volontario 1 0, ,00 cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla 4.500,00 comunicazione, ecc. TOTALE ,00 Azione H3-3^ Annualità 4.050, , , ,00 H 3 AZIONE Riepilogo della Triennalità ASSISTENZA DOMICILIARE AI MALATI DI ALZHEIMER E ALLE LORO FAMIGLIE 187

15 ore/mesi Costo unitario Costo Totale Assistenti Sociali /36 17, ,00 Assistenti Domiciliari / ,00 Medici volontari 2 0,00 Legale volontario 1 0, ,00 cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla comunicazione, ecc ,00 TOTALE ,00 H 3 Ripartizione del costo triennale totale dell azione per fonte di finanziamento ASSISTENZA DOMICILIARE AI MALATI DI ALZHEIMER E ALLE LORO FAMIGLIE FNPS 3 per abitante Comp. utenti Cofinanziamento Totale 8.500, , , ,00 188

16 NUMERO AZIONE H 4 TITOLO AZIONE SOSTEGNO ECONOMICO E ASSISTENZA ABITATIVA AI DISABILI GRAVI DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Il servizio è rivolto ai malati ai soggetti portatori di grave handicap. Gli obiettivi del servizio sono: Assicurare un sostegno economico al portatore di grave handicap, in alternativa al servizio di Aiuto Domestico e al ricovero presso strutture residenziali, per consentirgli l autogestione del bisogno assistenziale. Assicurare un contributo economico a sostegno del pagamento del canone di locazione qualora tale intervento sia di maggiore utilità rispetto alla erogazione di servizi domiciliari o residenziali o comunque qualora si ravvisano necessità assistenziali non previsti nei servizi esistenti; Il servizio viene erogato, mediante l erogazione delle seguenti prestazioni: Contributo in denaro entro il limite massimo di un terzo della indennità di accompagnamento a sostegno del nucleo familiare dove è presente un portatore di grave handicap. Sulla base delle istanze presentate il contributo, di misura variabile, è erogato annualmente agli aventi diritto. Contributo diretto a far fronte al pagamento di una quota parte del canone di locazione. Il servizio viene erogato solo nel Comune di Ragusa. DEFINIZIONE DELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA E DELLE RISORSE RETE TERRITORIALE Comune di Ragusa MODALITA DI CONVOLGIMENTO Il servizio viene erogato sulla base degli accertamenti effettuati dal Servizio Sociale Professionale qualora se ne riscontri una maggiore efficacia rispetto al servizio di Aiuto Domestico LIVELLO DI INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA RISORSE NECESSARIE FIGURE PROFESSIONALI Tipologia A carico delle amministrazioni pubbliche coinvolte (Enti Locali, ASP (EX AUSL)), T.M., In convenzione Totale Scuole) Responsabile Amministrativo 1 1 Assistenti Sociali 1 1 TOTALE 2 2 SPECIFICA RAGIONATA SULLE MODALITÀ DI GESTIONE Diretta 189

17 AZIONE 1 ANNUALITA' H 4 SOSTEGNO ECONOMICO E ASSISTENZA ABITATIVA AI DISABILI GRAVI ore/mesi Costo unitario Costo Totale Contributo economico alle famiglie ,00 TOTALE ,00 Azione H4-1^ Annualità , ,00 AZIONE 2 ANNUALITA' H 4 SOSTEGNO ECONOMICO E ASSISTENZA ABITATIVA AI DISABILI GRAVI ore/mesi Costo unitario Costo Totale Contributo economico alle famiglie ,00 TOTALE ,00 Azione H4-2^ Annualità , ,00 190

18 AZIONE 3 ANNUALITA' H 4 SOSTEGNO ECONOMICO E ASSISTENZA ABITATIVA AI DISABILI GRAVI ore/mesi Costo unitario Costo Totale Contributo economico alle famiglie ,00 TOTALE ,00 Azione H4-3^ Annualità , ,00 AZIONE Riepilogo della Triennalità H 4 SOSTEGNO ECONOMICO E ASSISTENZA ABITATIVA AI DISABILI GRAVI Costo unitario ore/mesi Costo Totale Contributo economico alle famiglie ,00 TOTALE H 4 Ripartizione del costo triennale totale dell azione per fonte di finanziamento SOSTEGNO ECONOMICO E ASSISTENZA ABITATIVA AI DISABILI GRAVI , ,00 191

19 NUMERO AZIONE H 5 TITOLO AZIONE CENTRO DIURNO DISABILI FISICI, PSCHICI, SENSORIALI (Comune di Ragusa) DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Il Centro Diurno è una struttura semiresidenziale socio-educativa che accoglie disabili fisici, psichici e sensoriali senza limiti di età con grave compromissione dell autonomia personale. Il servizio si pone i seguenti obbiettivi: Realizzare un processo promozionale individualizzato atto a stimolare le capacità fisiche ed intellettive residue al fine di migliorare il livello interpersonale e l inserimento sociale ; Garantire interventi educativi individuali e di gruppo volti a favorire le abilità personali; Sostenere la famiglia nel compito di accudire ed educare il disabile sollevandola per alcune ore al giorno dalla gravosa incombenza dell accudimento; Contrastare processi di emarginazione e di esclusione sociale. Le attività del Centro Diurno ruotano intorno a tre ambiti specifici d intervento : Sociale Creativo Musico- terapico Il laboratorio sociale propone varie attività socializzanti con lo scopo di fare stimolare gli utenti attraverso esperienze volte a potenziare e valorizzare le capacità individuali al fine di potenziare l autonomia personale. Il laboratorio creativo stimola, attraverso l utilizzo di tecniche e materiali diversi, l inventiva degli utenti. Il laboratorio di musico-terapia utilizza un metodo dinamico riabilitativo che coinvolge gli utenti in un percorso di musica e suoni. L equipe del Centro, in collaborazione con il Servizio Sociale Professionale del Comune e con il psicologo e il psichiatra incaricati dell AUSL, predispone per ciascun soggetto un piano d intervento educativo abilitativo che tiene conto delle capacità residue del soggetto. Periodicamente l equipe responsabile del Centro verifica i Il servizio viene erogato solo nel Comune di Ragusa. DEFINIZIONE DELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA E DELLE RISORSE RETE TERRITORIALE Comune di Ragusa Centro Diurno CSR ASP (Servizio di psicologia dell AUSL n. 7. D.S.M.) MODALITA DI CONVOLGIMENTO Per l attuazione del servizio ed in particolare dei piani individuali di intervento è previsto un lavoro di rete che coinvolge i servizi e le istituzioni del territorio, tramite i quali, ciascuno per le proprie competenze e professionalità concorre alla attuazione degli interventi. LIVELLO DI INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA Sufficiente RISORSE NECESSARIE Struttura dotata di locali arredati ed articolata in spazi personali ( locali di appoggio al personale, servizi igienici) e spazi comuni (laboratori, sala da pranzo, segreteria, infermieria) 192

20 FIGURE PROFESSIONALI Tipologia A carico delle amministrazioni pubbliche coinvolte In (Enti Locali, ASP (EX AUSL), T.M., scuole) convenzione Totale Coordinatore Assistenti Sociali coordinatori Responsabile amministrativo 1 1 Educatore 1 1 Animatori 5 5 Musicoterapeuta 2 2 Maestro d arte 1 1 Autista 2 2 Infermiere professionale 2 2 Ausiliari 4 4 Psicologo 1 1 Psichiatra 2 2 SPECIFICA RAGIONATA SULLE MODALITÀ DI GESTIONE X - Indiretta/esternalizzata : Procedura negoziata previa pubblicazione del bando di gara ai sensi dell art. 56 del D. Lgs. 163/06; D.P.C.M. 30 Marzo

21 AZIONE 1 ANNUALITA' Azione H 5 CENTRO DIURNO DISABILI FISICI, PSCHICI, SENSORIALI Costo unitario Costo Totale ore/mesi Coordinatore 1 204/12 20, ,80 Assistenti Sociali /12 16, ,20 Educatore /12 15, ,28 Animatori /12 12, ,00 Musicoterapeuta /12 14, ,00 Maestro d arte /12 14, ,40 Ausiliari /12 11, ,72 Autisti /12 12, ,60 Infermieri professionale /12 16, , ,36 Servizio mensa - cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla ,08 comunicazione, ecc. TOTALE ,44 Azione H5 1^ Annualità , ,44 194

22 AZIONE 2 ANNUALITA' Azione H 5 CENTRO DIURNO DISABILI FISICI, PSCHICI, SENSORIALI Costo unitario Costo Totale ore/mesi Coordinatore 1 204/12 20, ,80 Assistenti Sociali /12 16, ,20 Educatore /12 15, ,28 Animatori /12 12, ,00 Musicoterapeuta /12 14, ,00 Maestro d arte /12 14, ,40 Ausiliari /12 11, ,72 Autisti /12 12, ,60 Infermieri professionale /12 16, , ,36 Servizio mensa - cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla ,08 comunicazione, ecc. TOTALE ,44 Azione H5 2^ Annualità , ,44 195

23 AZIONE 3 ANNUALITA' Azione H 5 CENTRO DIURNO DISABILI FISICI, PSCHICI, SENSORIALI Costo unitario Costo Totale ore/mesi Coordinatore 1 204/12 20, ,80 Assistenti Sociali /12 16, ,20 Educatore /12 15, ,28 Animatori /12 12, ,00 Musicoterapeuta /12 14, ,00 Maestro d arte /12 14, ,40 Ausiliari /12 11, ,72 Autisti /12 12, ,60 Infermieri professionale /12 16, , ,36 Servizio mensa - cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla ,08 comunicazione, ecc. TOTALE ,44 Azione H5 3^ Annualità , ,44 196

24 Azione H 5 AZIONE Riepilogo della Triennalità CENTRO DIURNO DISABILI FISICI, PSCHICI, SENSORIALI Costo unitario ore/mesi Costo Totale Coordinatore 1 612/36 20, ,40 Assistenti Sociali /36 16, ,60 Educatore /36 15, ,84 Animatori /36 12, ,00 Musicoterapeuta /36 14, ,00 Maestro d arte /36 14, ,20 Ausiliari /36 11, ,16 Autisti /36 12, ,80 Infermieri professionale /36 16, , ,08 Servizio mensa - cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla ,24 comunicazione, ecc TOTALE ,32 Azione H 5 - Ripartizione del costo triennale totale dell azione per fonte di finanziamento CENTRO DIURNO DISABILI FISICI, PSCHICI, SENSORIALI , ,32 197

25 NUMERO AZIONE H 6 TITOLO AZIONE CENTRO DIURNO DISABILI INTELLETTIVI E RELAZIONALI (Comune di Ragusa) DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Il Centro Diurno è una struttura semiresidenziale socio-educativa che accoglie disabili intellettivi e relazionali di età compresa tra i 10 e i 50 anni. Il servizio si pone i seguenti obbiettivi: Realizzare un processo promozionale individualizzato atto a stimolare le capacità fisiche ed intellettive residue al fine di migliorare le capacità relazionali favorendo un maggiore inserimento sociale ; Garantire interventi educativi individuali e di gruppo volti a favorire le abilità personali; Sostenere la famiglia nel compito di accudire ed educare il disabile sollevandola per alcune ore al giorno dalla gravosa incombenza dell accudimento; Contrastare processi di emarginazione e di esclusione sociale. Nel Centro Diurno sono svolte le seguenti attività finalizzate alla socializzazione e all acquisizione dell autonomia da parte dei soggetti assistiti : Alfabetizzazione Alfabetizzazione informatica Psico motricità Animazione musicale Musicoterapica Danzaterapia Attività manuali ed artigianali Animazione socio culturale Laboratorio teatrale integrato Attività sportiva Visite guidate Per ciascun soggetto disabile viene predisposto un piano d intervento educativo-abilitativo che tenga conto delle diverse abilità possedute dal soggetto. Il Piano d intervento viene predisposto dagli operatori del Centro Diurno ciascuno secondo le proprie competenze e professionalità. Alla predisposizione dello stesso potranno concorrere lo psicologo e lo psichiatra dell AUSL di appartenenza. Il piano d intervento è soggetto a verifiche periodiche con la supervisione di un pedagogista esterno. Il servizio viene erogato solo nel Comune di Ragusa. DEFINIZIONE DELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA E DELLE RISORSE RETE TERRITORIALE -Comune di Ragusa -Centro Diurno -ASP (Serv. Psicologia) -Professionista esterno MODALITA DI CONVOLGIMENTO Per l attuazione del servizio ed in particolare dei piani individuali di intervento è previsto un lavoro di rete che coinvolge i servizi e le istituzioni del territorio, tramite i quali, ciascuno per le proprie competenze e professionalità concorre alla attuazione degli interventi. LIVELLO DI INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA Sufficiente RISORSE NECESSARIE Struttura dotata di locali arredati ed articolata in spazi personali (locali di appoggio al personale, servizi igienici) e spazi comuni (laboratori, sala pranzo, segreteria, sala riunioni, infermieria) 198

26 FIGURE PROFESSIONALI Tipologia A carico delle amministrazioni pubbliche coinvolte (Enti Locali, ASP (EX AUSL)), T.M., Scuole) In convenzione Totale Direttore di struttura e Responsabile amministrativo 1 1 Assistenti Sociali Educatore 1 1 Musicoterapeuta 1 1 Insegnante isef 2 2 Insegnante di sostegno 1 1 Ceramista 3 3 Autista 2 2 Infermiere professionale 1 1 Animatore socio-culturali 4 4 Operatori Osa 2 2 Assistenti igienico personali 2 2 Assistenti al trasporto 2 2 Ausiliari 2 2 Amministrativo 1 1 Professionista supervisore esterno 1 1 Responsabile amministrativo 1 1 Psicologo 1 1 Psichiatra 1 1 SPECIFICA RAGIONATA SULLE MODALITÀ DI GESTIONE X - Indiretta/esternalizzata : Procedura negoziata previa pubblicazione del bando di gara ai sensi dell art. 56 del D. Lgs. 163/06; D.P.C.M. 30 Marzo

27 AZIONE 1 ANNUALITA' H 6 CENTRO DIURNO DISABILI INTELLETTIVI E RELAZIONALI Costo unitario Costo Totale ore/mesi Direttore di struttura 1 840/12 20, ,00 Assistenti Sociali /12 17, ,60 Educatore 1 360/12 15, ,80 Musicoterapeuta 1 720/12 15, ,60 Insegnante isef /12 15, ,40 Insegnante di sostegno 1 720/12 14, ,40 Ceramista /12 16, ,00 Autista /12 14, ,00 Infermiere professionale 1 840/12 15, ,20 Animatore socio-culturali /12 14, ,00 Operatori Osa /12 14, ,80 Assistenti igienico personali /12 15, ,60 Assistenti al trasporto /12 13, ,00 Ausiliari /12 11, ,40 Amministrativo 1 660/12 14, ,80 Professionista supervisore esterno 1 192/12 20, , ,60 cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla comunicazione, ecc ,57 TOTALE ,17 Azione H 6 1^ Annualità , ,17 200

28 AZIONE 2 ANNUALITA' H 6 CENTRO DIURNO DISABILI INTELLETTIVI E RELAZIONALI Costo unitario Costo Totale ore/mesi Direttore di struttura 1 840/12 20, ,00 Assistenti Sociali /12 17, ,60 Educatore 1 360/12 15, ,80 Musicoterapeuta 1 720/12 15, ,60 Insegnante isef /12 15, ,40 Insegnante di sostegno 1 720/12 14, ,40 Ceramista /12 16, ,00 Autista /12 14, ,00 Infermiere professionale 1 840/12 15, ,20 Animatore socio-culturali /12 14, ,00 Operatori Osa /12 14, ,80 Assistenti igienico personali /12 15, ,60 Assistenti al trasporto /12 13, ,00 Ausiliari /12 11, ,40 Amministrativo 1 660/12 14, ,80 Professionista supervisore esterno 1 192/12 20, , ,60 cancelleria, spese utenze, materiali per le pulizie, acquisto materiale informativo, abbonamenti, costi connessi alla comunicazione, ecc ,57 TOTALE ,17 Azione H 6 2^ Annualità , ,17 201

SEZIONE V Area disabili

SEZIONE V Area disabili SEZIONE V Area disabili 5.1 indicatori della domanda sociale Tab. 5.1 Servizi e interventi richiesti (anno 2008) DISTRETTO Santa croce C. Monterosso A. Chiaramonte G. Ragusa Aiuto Domestico disabili gravi

Dettagli

COMUNE DI CHIARAVALLE Provincia di Ancona

COMUNE DI CHIARAVALLE Provincia di Ancona COMUNE DI CHIARAVALLE Provincia di Ancona Centro socio-educativo riabilitativo diurno per disabili Arcobaleno PREFAZIONE La Carta dei Servizi del Centro socio-educativo riabilitativo diurno per disabili

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 PARTE SECONDA SOTTOMISURA 3.1 Interventi L.R. 20 / 2006 Regione Misura 3.1_Assistenza

Dettagli

Area Persone con disabilità

Area Persone con disabilità Area Persone con disabilità Componente dell U. d. P. referente e responsabile d Area Nome e cognome Enrichetta La Ragione - Buono Rita - Samuele Guardascione Angela Ferrara Indirizzo e sede Via Vigna,

Dettagli

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 SETTORE 3: POLITICHE SOCIALI E CULTURALI REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO DISABILI

Dettagli

CENTRO SOCIO-EDUCATIVO DIURNO LA ROSA BLU

CENTRO SOCIO-EDUCATIVO DIURNO LA ROSA BLU (Estratto dalla CARTA DEI SERVIZI RESIDENZIALI approvata dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 69 del 29/09/2010, esecutiva ai sensi di legge) CENTRO SOCIO-EDUCATIVO DIURNO LA ROSA BLU FINALITA ED

Dettagli

1. NUMERO AZIONE RIPROGRAMMAZIONE PIANO DI ZONA 2 E 3 ANNO DEL 1 TRIENNIO 2. TITOLO AZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

1. NUMERO AZIONE RIPROGRAMMAZIONE PIANO DI ZONA 2 E 3 ANNO DEL 1 TRIENNIO 2. TITOLO AZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI 1. NUMERO AZIONE RIPROGRAMMAZIONE PIANO DI ZONA 2 E 3 ANNO DEL 1 TRIENNIO 1 2. TITOLO AZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Il Servizio Assistenza Domiciliare Anziani (SADA)

Dettagli

Piano di Zona 2010-2012

Piano di Zona 2010-2012 AREA INCLUSIONE SOCIALE PER SOGGETTI APPARTENENTI ALLE FASCE DEBOLI CODICE - IS - COD. AZIONE PAG IS 1 ITINERARIO LAVORO - Tirocini Formativi-Lavorativi per Adulti e Giovani svantaggiati 277 20 NUMERO

Dettagli

MODELLO DI CONVENZIONE

MODELLO DI CONVENZIONE MODELLO DI CONVENZIONE In applicazione del Piano Sanitario Regionale 2003/2006 Un alleanza per la salute (D.A. n. 97 del 30.06.2003) e dell atto di indirizzo concernente Sistema dei servizi per gli anziani

Dettagli

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H 1. NUMERO AZIONE RIEQUILIBRIO PIANO DI ZONA AL 31.12.2009 3 2. TITOLO AZIONE SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Gli interventi di assistenza domiciliare a favore dei disabili

Dettagli

PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività.

PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. L Ausiliario Socio Assistenziale è un operatore di interesse socio-assistenziale

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 17 2. TITOLO AZIONE Servizio di Babysitting 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno

Dettagli

Comuni di Baricella, Minerbio, Granarolo dell Emilia, Malalbergo, San Pietro in Casale, Pieve di Cento, Galliera, Azienda USL Pianura Est

Comuni di Baricella, Minerbio, Granarolo dell Emilia, Malalbergo, San Pietro in Casale, Pieve di Cento, Galliera, Azienda USL Pianura Est Allegato alla delibera di C. C. n. del REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI Art.1 FINALITA L assistenza domiciliare è un servizio teso a favorire la ripresa sul piano

Dettagli

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani Servizio Studi e Valutazione Politiche regionali Ufficio Analisi Leggi e Politiche regionali Dicembre 2011 Informativa Breve In Breve 8/2011 I servizi per gli anziani I servizi per la disabilità I servizi

Dettagli

Area Persone Anziane. Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS

Area Persone Anziane. Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS Area Persone Anziane Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS OBIETTIVI Scopo del servizio è permettere agli anziani, parzialmente o totalmente non

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA Allegato alla delibera di C.C. n.32 dell 11/05/07 1 ART.1 (Definizione) Il Centro diurno per disabili

Dettagli

COMUNE DI CALANGIANUS PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO SERVIZIO SOCIALE

COMUNE DI CALANGIANUS PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO SERVIZIO SOCIALE COMUNE DI CALANGIANUS PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO SERVIZIO SOCIALE C.I.G. 6445256980 CAPITOLATO DESCRITTIVO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER PERSONE ANZIANE, PORTATORI DI HANDICAP E NON AUTOSUFFICIENTI

Dettagli

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO PER PERSONE AUTOSUFFICIENTI E NON PREMESSA

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO PER PERSONE AUTOSUFFICIENTI E NON PREMESSA Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Giovanni Chiabà San Giorgio di Nogaro CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO PER PERSONE AUTOSUFFICIENTI E NON Gentile Utente, PREMESSA il presente documento Carta

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

Centri Diurni. G. Cristofori A. Forti Verona

Centri Diurni. G. Cristofori A. Forti Verona Centri Diurni G. Cristofori A. Forti Verona Presentazione Il Centro Diurno eroga servizi rivolti a persone con deficit psicofisico e con compromissioni da demenza di tipo Alzheimer. Il Centro Diurno è

Dettagli

COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO

COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO PROGETTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE RIVOLTO AD ANZIANI, PORTATORI DI HANDICAP E FAMIGLIE MULTI PROBLEMATICHE Il servizio di assistenza domiciliare consiste nel

Dettagli

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO. del. Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO. del. Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO CARTA DEI SERVIZI del Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi Edizione - aprile 2002 1 LA FONDAZIONE OPERA SANTA RITA (Onlus) L attuale Fondazione

Dettagli

FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA.

FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA. FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA di concerto con IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA SOCIALE VISTO il decreto

Dettagli

COMUNE DI PONTINIA CAPITOLATO D APPALTO PARTE SPECIALE ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA E DI BASE MINORI DISABILI

COMUNE DI PONTINIA CAPITOLATO D APPALTO PARTE SPECIALE ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA E DI BASE MINORI DISABILI COMUNE DI PONTINIA CAPITOLATO D APPALTO PARTE SPECIALE ASSISTENZA SCOLASTICA SPECIALISTICA E DI BASE MINORI DISABILI Nell ambito delle azioni previste dalla Legge 328/2000, volte ad assicurare l esistenza

Dettagli

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PRESENTAZIONE E OBIETTIVI Il Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) è un servizio di aiuto a carattere professionale realizzato presso il domicilio delle

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

SCHEDA SINTETICA DEL SERVIZIO SOLLIEVO LISTA D ATTESA DISABILI-

SCHEDA SINTETICA DEL SERVIZIO SOLLIEVO LISTA D ATTESA DISABILI- SCHEDA SINTETICA DEL SERVIZIO SOLLIEVO LISTA D ATTESA DISABILI- Nome Ente COOPERATIVA SOCIALE SOCIO SANITARIA FUTURA ONLUS Servizio SOLLIEVO LISTE DI ATTESA DISABILI- Municipio X- Sede legale: Via Marino

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI Allegato alla del. C.C. n. 101 del 27/11/2002 REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI Art.1 FINALITA L assistenza domiciliare è un servizio teso a favorire la ripresa

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 28/06/2012 Premessa La Carta dei Servizi

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 8 2. TITOLO AZIONE Servizio di Telesoccorso 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno

Dettagli

VIVERE INSIEME Soc. Coop. Sociale Cod. Fisc. 03307050876. Via Oliveto Scammacca, 16 Catania Tel. 095/444246 Fax 095/431057 CARTA DEI SERVIZI

VIVERE INSIEME Soc. Coop. Sociale Cod. Fisc. 03307050876. Via Oliveto Scammacca, 16 Catania Tel. 095/444246 Fax 095/431057 CARTA DEI SERVIZI VIVERE INSIEME Soc. Coop. Sociale Cod. Fisc. 03307050876 Via Oliveto Scammacca, 16 Catania Tel. 095/444246 Fax 095/431057 CARTA DEI SERVIZI Edizione 2012 1 Sommario PREMESSA... 3 PRESENTAZIONE... 3 PRINCIPI

Dettagli

Centro Socio Educativo Riabilitativo Diurno per Disabili. Un mondo a colori

Centro Socio Educativo Riabilitativo Diurno per Disabili. Un mondo a colori Carta dei servizi Nella carta dei servizi sociali sono definiti i criteri per l accesso ai servizi, le modalità del relativo funzionamento, le condizioni per facilitarne le valutazioni da parte degli utenti

Dettagli

COMUNE di FORMIA REGOLAMENTO CENTRO DIURNO SOCIO-EDUCATIVO-RIABILITATIVO PER PERSONE DIVERSAMENTE ABILI. Art. 1) Definizione

COMUNE di FORMIA REGOLAMENTO CENTRO DIURNO SOCIO-EDUCATIVO-RIABILITATIVO PER PERSONE DIVERSAMENTE ABILI. Art. 1) Definizione COMUNE di FORMIA Provincia di Latina REGOLAMENTO CENTRO DIURNO SOCIO-EDUCATIVO-RIABILITATIVO PER PERSONE DIVERSAMENTE ABILI Art. 1) Definizione Il Centro Diurno Socio-educativo-riabilitativo (di seguito

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

COMUNE DI PALERMO REGOLAMENTO ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI PALERMO REGOLAMENTO ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI PALERMO REGOLAMENTO ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera Consiglio n. 202 del 03/06/94 Art. 1 (Finalità) - Il servizio di assistenza domiciliare ha come obiettivo il mantenimento o reinserimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina, all interno di un sistema integrato di interventi e servizi sociali di competenza dei comuni

Dettagli

Il documento viene adeguato sulla base delle evoluzioni regolamentari e normative disposte dalle istituzioni competenti ai vari livelli.

Il documento viene adeguato sulla base delle evoluzioni regolamentari e normative disposte dalle istituzioni competenti ai vari livelli. Carta dei Servizi AREA ANZIANI E NON AUTOSUFFICIENTI L area comprende i seguenti servizi 1. Servizio di assistenza Domiciliare (SAD) 2. Centro aggregazione anziani 3. Comunità alloggio Il presente documento

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina gli interventi relativi al Servizio di Assistenza

Dettagli

INDICE. IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio

INDICE. IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio INDICE IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio 1. Dove siamo pag. 3 2. Chi siamo pag. 3 3. Orari e giorni di apertura del centro pag. 5 4. Pernottamento pag. 6 5.Trasporto con mezzo e accompagnatore pag.

Dettagli

Nomenclatore dei servizi

Nomenclatore dei servizi Nomenclatore dei servizi REGOLAMENTO REGIONALE 18 gennaio 2007, n. 4 e sue modifiche REGOLAMENTO REGIONALE 07 agosto 2008, n. 19 Legge Regionale 10 luglio 2006, n. 19 Disciplina del sistema integrato dei

Dettagli

Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila

Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila 1 DISTRETTO SOCIO SANITARIO D12 Adrano Biancavilla S.M. Licodia ASP 3 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Art. 1

Dettagli

16 2001, 20 (BUR 75/2001) LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO

16 2001, 20 (BUR 75/2001) LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO Art. 1 - Figura professionale e profilo. 1. È individuata la figura professionale dell operatore socio-sanitario. 2. L operatore socio-sanitario è

Dettagli

I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE. Inoltre nelle Residenze per anziani non autosufficienti :

I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE. Inoltre nelle Residenze per anziani non autosufficienti : Gli spazi e i servizi standard 18 I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE Assistenza alla sona 24 h su 24 Assistenza medica diurna (secondo necessità) Assistenza infermieristica diurna Assistenza

Dettagli

L OSS: analisi del profilo e delle aree di integrazione con le altre. mv - 2010-2011

L OSS: analisi del profilo e delle aree di integrazione con le altre. mv - 2010-2011 L OSS: analisi del profilo e delle aree di integrazione con le altre figure mv - 2010-2011 è l operatore che, al termine di specifica formazione professionale consegue un attestato di qualifica ed è abilitato

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Allegato B Strutture soggette a Dich. Inizio Attività (regol. di cui alla L.R. 11/2007 del C.S.S. Alta Irpinia)

Allegato B Strutture soggette a Dich. Inizio Attività (regol. di cui alla L.R. 11/2007 del C.S.S. Alta Irpinia) DENOMINAZIONE SERVIZIO 01 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CON SERVIZI SANITARI Il servizio di assistenza domiciliare integrata consiste in interventi da fornire ai cittadini al fine di favorire la permanenza

Dettagli

CENTRO DIURNO DISTURBI COGNITIVI ATHENA

CENTRO DIURNO DISTURBI COGNITIVI ATHENA CENTRO DIURNO DISTURBI COGNITIVI ATHENA DESTINATARI DEL SERVIZIO: Il Centro Diurno per Disturbi Cognitivi è una struttura che eroga servizi in sinergia con la Residenza Sanitaria Assistenziale posta in

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2013

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2013 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2013 Titolo progetto CO-ESISTERE Ambito/settore di intervento ASSISTENZA DISABILI Tipologia destinatari DISABILI Giorni /ore di servizio 6 Vitto/Alloggio

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma.

COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma. COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma.it REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI,

Dettagli

1-PREMESSA... 2 2-DEFINIZIONE E PRINCIPI... 2 3-DESTINATARI... 2 4-MODALITA DI GESTIONE DEL SERVIZIO... 2 5-FINALITÀ ED OBIETTIVI...

1-PREMESSA... 2 2-DEFINIZIONE E PRINCIPI... 2 3-DESTINATARI... 2 4-MODALITA DI GESTIONE DEL SERVIZIO... 2 5-FINALITÀ ED OBIETTIVI... R E G O L A M E N T O D E L S E R V I Z I O A S S O C I A T O D I S T R E T T U A L E D I A S S I S T E N Z A D O M I C I L I A R E P E R A N Z I A N I ( S A D ) E D I S A B I L I ( S A DH) SOMMARIO 1-PREMESSA...

Dettagli

COMUNE DI CRESPELLANO

COMUNE DI CRESPELLANO COMUNE DI CRESPELLANO Prov. di Bologna REGOLAMENTO DISTRETTUALE PER LA GESTIONE E L ACCESSO AI CENTRI DIURNI PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI AZIENDA USL DI BOLOGNA DISTRETTO DI CASALECCHIO DI RENO 1 LEGENDA

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ROVERELLA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ROVERELLA REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ROVERELLA Via Ancona, 290 Cesena Telefono 0547 334935 Approvato con Delibera n. 10 del 03/03/2010 Finalità del servizio ART. 1: L ASP, all interno della sede della

Dettagli

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE SERVIZI RIPARTITI PER TARGET DI RIFERIMENTO Centro diurno per

Dettagli

SERVIZI SOCIALI A cura di Ivan Alborghetti Assessore alle Politiche sociali

SERVIZI SOCIALI A cura di Ivan Alborghetti Assessore alle Politiche sociali SERVIZI SOCIALI A cura di Ivan Alborghetti Assessore alle Politiche sociali Il settore dei servizi sociali comprende varie aree: anziani, handicap, minori, disagio. AREA ANZIANI L'assistenza alle persone

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO 1)Finalità del servizio Il Servizio di Assistenza Domiciliare ha lo scopo di favorire il mantenimento al

Dettagli

ALZHEIMER ED ANZIANI CON DETERIORAMENTO COGNITIVO ASSISTENZA DOMICILIARE E CENTRO

ALZHEIMER ED ANZIANI CON DETERIORAMENTO COGNITIVO ASSISTENZA DOMICILIARE E CENTRO ALZHEIMER ED ANZIANI CON DETERIORAMENTO COGNITIVO ASSISTENZA DOMICILIARE E CENTRO 1. Continuità dell intervento X Nuovo ( Centro diurno) X In continuità con servizio già attivato ( Assistenza Domiciliare)

Dettagli

CORSO OSS OPERATORE SOCIO SANITARIO

CORSO OSS OPERATORE SOCIO SANITARIO ELENIA Via Ungaretti, 84 62100 Macerata (Mc) Tel. 0733.33844 (r.a.) Fax 0733.33811 segreteriaoss@grupposinergie.com CORSO OSS OPERATORE SOCIO SANITARIO INFORMATIVA GENERALE & SCHEDA D ISCRIZIONE CORSO

Dettagli

COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI CARTA DEI SERVIZI COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI VIA C. BATTISTI, 63 98100 MESSINA TEL 090-671464

COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI CARTA DEI SERVIZI COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI VIA C. BATTISTI, 63 98100 MESSINA TEL 090-671464 COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI Messina COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI VIA C. BATTISTI, 63 98100 MESSINA TEL 090-671464 Società Cooperativa Sociale AZIONE SOCIALE P.zza S.Giovanni, 15

Dettagli

REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità

REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità Per Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) si intende quel

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009 Servizi Socio-Sanitari AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Unità Complessa Disabilità Direttore Dott. Gabriele Bezzan Funzionario Dott.ssa Liliana Menegoi Segreteria

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto (Approvato con deliberazione del C.C. n. 101 del 16/11/2006) REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto Il Comune di Mogliano Veneto nell ottica di promozione

Dettagli

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera n. 16 adottata dal Commissario Straordinario nella seduta del 13.09.2007 Articolo 1 -

Dettagli

AREA PERSONE DIVERSAMENTE ABILI

AREA PERSONE DIVERSAMENTE ABILI IV.5. AREA PERSONE DIVERSAMENTE ABILI IV.5.1. Analisi dei problemi e definizione degli obiettivi Problemi e fabbisogni dell Ambito Costa sud 2 nell area Disabilità : Bisogno di supporto per le famiglie

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Ambito di Seriate L.328/00 Seriate, Albano S.Alessandro, Bagnatica, Brusaporto, Cavernago, Costa di Mezzate, Grassobbio, Montello, Pedrengo, Scanzorosciate, Torre de Roveri REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER DISABILI GRAVI E GRAVISSIMI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER DISABILI GRAVI E GRAVISSIMI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER DISABILI GRAVI E GRAVISSIMI ART. 1 DEFINIZIONE DEI SERVIZI OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina il Servizio di

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI ZOGNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 TITOLO I NORME GENERALI DEL SERVIZIO Art. 1 Campo di intervento Il Comune di Zogno, nell ambito del Servizio Assistenza, eroga le prestazioni

Dettagli

il Presidente della Cooperativa I Percorsi Maurizio Cavalli

il Presidente della Cooperativa I Percorsi Maurizio Cavalli Cooperativa SoCiale i percorsi è importante costruire ponti, reti, sinergie, lavorare per la creazione di comunità locali nelle quali mettere sempre più al centro la persona, svantaggiata o meno, nuova

Dettagli

20 anni al servizio delle persone

20 anni al servizio delle persone 20 anni al servizio delle persone CHI SIAMO Nata a Bologna nel 1994, Àncora è una Cooperativa sociale di servizi alla persona che si occupa della gestione di servizi socio assistenziali, sanitari ed educativi

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Comune di Nuoro Ente Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ART 1 Oggetto del regolamento. Il presente regolamento disciplina, nell ambito dei principi dell ordinamento e nel rispetto

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Ultima revisione: Aprile 2014 PARTE GENERALE 1. PRESENTAZIONE DELLA FONDAZIONE SCARPARI FORATTINI ONLUS L ente trae origine dalle disposizioni testamentarie

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 43 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 75/14031 P.G. NELLA SEDUTA DEL 26/05/1994 - MODIFICATO CON DELIBERAZIONE N. 75/I23765 P.G. NELLA

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DEL COMUNE DI BIBBIANO

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DEL COMUNE DI BIBBIANO CARTA DEI SERVIZI: SCHEDA INFORMATIVA DEL SERVIZIO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DEL COMUNE DI BIBBIANO Pagina 1 di 10 Rev.0- maggio 2014 Il servizio di assistenza domiciliare del Comune di BIBBIANO

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE PER PERSONE AFFETTE DA PATOLOGIE ONCOLOGICHE E

ASSISTENZA DOMICILIARE PER PERSONE AFFETTE DA PATOLOGIE ONCOLOGICHE E ASSISTENZA DOMICILIARE PER PERSONE AFFETTE DA PATOLOGIE ONCOLOGICHE E PATOLOGIE COMPLESSE, GRAVEMENTE INVALIDANTI E/O PROGRESSIVE 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi

Dettagli

Art. 10 Compiti del Comune

Art. 10 Compiti del Comune CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA MATERIALE DIVERSAMENTE ABILI: PERIODO DAL 15.06.2012-31.12.2012 (Assistenza domiciliare) PERIODO DAL 01.10.2012 31.12.2012 (Assistenza

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI COMUNE DI VILLABATE PROV. DI PALERMO ALLEGATO ALLA DELIBERA COMMISSARIALE N. DEL REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI (Legge 9.5.1986 n.22; Decreto Presidenziale

Dettagli

assistenza domiciliare per anziani ultrasessantacinquenni (ADA). L Assistenza domiciliare integrata con i servizi sanitari (ADI/CDI) consiste nell

assistenza domiciliare per anziani ultrasessantacinquenni (ADA). L Assistenza domiciliare integrata con i servizi sanitari (ADI/CDI) consiste nell Regolamento per il servizio di assistenza domiciliare socioassistenziale e per il servizio di assistenza domiciliare integrata con i servizi sanitari attraverso procedura di erogazione dei Voucher Sociali

Dettagli

CASA DI RIPOSO DI NOVENTA PADOVANA Delibera n. del VIA ROMA, 143 35027 NOVENTA PADOVANA (PD) Data: LE MAGNOLIE

CASA DI RIPOSO DI NOVENTA PADOVANA Delibera n. del VIA ROMA, 143 35027 NOVENTA PADOVANA (PD) Data: LE MAGNOLIE CENTRO DIURNO INTEGRATO PER PERSONE ANZIANE LE MAGNOLIE Centro di servizi per persone anziane Casa di Riposo di Noventa Padovana Il Centro Diurno Le Magnolie è rivolto a persone anziane allo scopo di migliorarne

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con deliberazione dell'assemblea n.14 del 29/04/2010 ART.1 FINALITA DEL SERVIZIO Il servizio di assistenza domiciliare, ai sensi delle vigenti

Dettagli

ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE

ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE Catalogo delle Agenzie formative

Dettagli

Deliberazione n. 253

Deliberazione n. 253 Protocollo RC n. 8367/13 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2013) L anno duemilatredici, il giorno di mercoledì ventidue del mese di maggio, alle ore

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N 109 DEL 11/12/14 1 INDICE ART. 1 DEFINIZIONE.. ART. 2 OBIETTIVI

Dettagli

VILLA SANTA MARIA Residenza medicalizzata

VILLA SANTA MARIA Residenza medicalizzata persone anziane, persone invalide, persone con il morbo di Parkinson VILLA SANTA MARIA Residenza medicalizzata assistenza sanitaria 24 ore su 24 soggiorni temporanei riabilitativi cure di lunga durata

Dettagli

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ;

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ; ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO ART. 1 - DEFINIZIONE E FINALITA 1. Il Servizio di Assistenza Domiciliare è un insieme di prestazioni di carattere socio assistenziale

Dettagli

IPPOCRATE SRL Versione 1.2 del 21.07.2011

IPPOCRATE SRL Versione 1.2 del 21.07.2011 IPPOCRATE SRL REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA PER L AUTONOMIA E LA COMUNICAZIONE DI ALUNNI PORTATORI DI HANDICAP GRAVE FREQUENTANTI LE SCUOLE DEL COMUNE DI CIVITAVECCHIA (LEGGE

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE DISTRETTO SOCIO SANITARIO APRILIA/CISTERNA REGOLAMENTO CASA FAMIGLIA PER DISABILI LA CASA DEI LILLA Allegato alla delibera di CC n.33 dell

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA COMUNITA ALLOGGIO DEFINIZIONE DEL SERVIZIO La Comunità Alloggio si propone come soluzione strutturale idonea a rispondere nei casi in cui i genitori

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E PORTATORI HANDICAPS. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E PORTATORI HANDICAPS. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E PORTATORI HANDICAPS Art. 1 Finalità Il servizio di assistenza domiciliare ha come obiettivo il mantenimento o reinserimento nel proprio ambiente

Dettagli

CARTA DI QUALITA DEI SERVIZI

CARTA DI QUALITA DEI SERVIZI CARTA DI QUALITA DEI SERVIZI CASA RESIDENZA / CASA PROTETTA PER ANZIANI CITTA DI SALSOMAGGIORE Città di Salsomaggiore INDICE Premessa (pag. 3) Descrizione del servizio (pag. 4) Prestazioni offerte (pag.

Dettagli

Residenza Sanitaria Assistenziale. Vivere Insieme Quarenghi

Residenza Sanitaria Assistenziale. Vivere Insieme Quarenghi Residenza Sanitaria Assistenziale Vivere Insieme Quarenghi Il gruppo di lavoro La struttura è organizzata in settori, a ciascuno dei quali è assegnata una organica dotazione, qualitativa e quantitativa,

Dettagli

CENTRO DIURNO PER PERSONE CON DISABILITA (C.D.D.)

CENTRO DIURNO PER PERSONE CON DISABILITA (C.D.D.) CENTRO DIURNO PER PERSONE CON DISABILITA (C.D.D.) CENNI STORICI Il CSE (Centro Socio Educativo) di Piario, ora CDD (Centro Diurno per persone con Disabilità) è stato aperto nel 1982 su iniziativa degli

Dettagli

ANIMAZIONE DI STRADA

ANIMAZIONE DI STRADA DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 3 2. TITOLO AZIONE ANIMAZIONE DI STRADA 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno dell

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO MENTALE Approvato con Deliberazione di C.C. n. 52 del

Dettagli

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D. COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 21 del 29.09.2005

Dettagli

SERVIZIO ASSISTENZA TESSERE ATC AGEVOLATE

SERVIZIO ASSISTENZA TESSERE ATC AGEVOLATE SERVIZIO ASSISTENZA TESSERE ATC AGEVOLATE Una volta all anno, nel periodo e con le modalità previste dall ATC, vengono rilasciate le tessere di abbonamento per persone anziane e disabili. L Ufficio Assistenza

Dettagli

COMUNE DI MORBEGNO REGOLAMENTO INERENTE IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) (Provincia di Sondrio)

COMUNE DI MORBEGNO REGOLAMENTO INERENTE IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) (Provincia di Sondrio) APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. N. DEL 21 )J2O1a REGOLAMENTO INERENTE DOMICILIARE (S.A.D.) IL SERVIZIO DI ASSISTENZA (Provincia di Sondrio) COMUNE DI MORBEGNO Art. 3 Finalità Art, 2

Dettagli

COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena

COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO SOCIORIABILITATIVO RESIDENZIALE (CON ANNESSO NUCLEO DIURNO) PER PORTATORI DI HANDICAP IL MELOGRANO - Definizione - Art.1 Finalità

Dettagli

Carta dei Servizi. I.R.I.S. Intervento per la Riabilitazione e l Integrazione Sociale Cooperativa sociale Onlus

Carta dei Servizi. I.R.I.S. Intervento per la Riabilitazione e l Integrazione Sociale Cooperativa sociale Onlus I.R.I.S. Intervento per la Riabilitazione e l Integrazione Sociale Cooperativa sociale Onlus Carta dei Servizi Il presente documento costituisce la Carta dei Servizi della cooperativa IRIS, descrive i

Dettagli

Scheda tecnica 1 Servizio assistenza domiciliare a favore di anziani, disabili e adulti a svantaggio sociale

Scheda tecnica 1 Servizio assistenza domiciliare a favore di anziani, disabili e adulti a svantaggio sociale ALLEGATO TECNICO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ED EDUCATIVA PER IL PERIODO 01.04.2011 31.12.2012. CIG N. 07771837B1. indetta con determinazione N 53 del 17.01.2011

Dettagli